Notizie da Sofferetti-24  n. 34

 

Venerdì 25/01/1991 a casa, orale, ore 15.00:

    “Shalom, piccola Giulia! Sono Io la Tua Mamma, il Tuo Gesù, la schiera dei Martiri, San Michele e il figlio Domenico Lentini. Figlia mia, bevi ancora dei Calici e dona te stessa per i peccatori, figlia, il Mio Cuore Immacolato trionferà, come, lo sa solo Dio. Chiedo a voi tutti, soldati Miei, voi che state lavorando alla Vigna Santa, saldezza perché satana in questi tempi si scatenerà ancora di più su di voi, ma voi non spaventatevi perché Io Cuore Immacolato di Maria schiaccerò il Suo capo, spezzerò per sempre le sue catene di odio. Figli Miei, mi rivolgo con Cuore Materno e con amore ai Vescovi e ai Ministri di allargare i loro cuori e far entrare la Mia Voce di Mamma. Figli, venite alla Mia scuola, ove vi insegnerò il Mio Amore. Con esso potete combattere ogni vostro dubbio, ogni vostro tormento. Figli, è l’amore che appiana le Vie, è l’Amore che vi rende Vivi e vi Dona la Vita. Voi non potete vedere perché i vostri cuori sono adombrati dal maligno, portandovi lui per mano, non fa altro che farvi cadere e non trovare il Mio Gesù. Figli, Io sono la vostra Luce, la vostra Mamma e vengo mandata dal Padre per donarvi la Vita. Vi amo, figli Miei, e vi aspetto. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Domenica 27/01/1991 alla quercia, in crocifissione, ore 15.45:

   (beve) “Figlia Mia, bevi! (beve) Shalom, figli Miei! Shalom! Sono Io la Vostra Mamma e il vostro Gesù, la schiera del Martiri e dei Santi, Figli Cari, Oggi col Mio Cuore Materno voglio invitarvi alla preghiera costante, alla Pace e alla Conversione dei vostri cuori. Figli Miei, se non vi è pace tra di voi, figli del Mio Cuore Immacolato, non vi può essere Pace in nessun Luogo. Mi rivolgo a voi figli Ministri, a voi Vescovi: radunatevi e amate col cuore figli Miei perchè la Pace deve venire dai vostri cuori. Tu piccola Giulia offriti vittima, vittima per i figli che non vogliono sentire le Mie Parole, le Parole che il Mio Gesù, viene a portare in mezzo a voi. È  a voi che oggi voglio scrutare il cuore. Figli Ministri è a voi che tendo le mani di Mamma e di Fanciulla, è a voi che chiedo di radunare le pecorelle smarrite e di portarle dinanzi alla Croce di Mio Figlio Gesù, è a voi stessi, figli Miei è a voi che chiedo questo aiuto. Figli cari, non fatemi piangere più lacrime di sangue! Figli Miei, non squarciate ancora il Cuore del Mio Gesù, ma spogliatevi, spogliatevi dai poteri e dalle ricchezze, figli cari, e venite a me! Venite alla Mia mano, venite al Mio Gesù. Figli cari, figli Miei, sono Mamma e Fanciulla e desidero la vostra salvezza, il vostro cuore. Figli Miei, vi amo e vi stringo al Mio Cuore Materno. Figli cari, non aspettate ancora! Vi benedico col Fuoco dello Spirito Santo, che discenda su di voi e vi renda fecondi nell’Amore e nella Pace. Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete, figli Miei, nella Pace e nell’Amore.

 

Martedì 29/01/1991 a casa, orale, ore 10.00:

   “Pace e benedizione, figli Miei, sono Io, la vostra Mamma Immacolata. Figli, il Mio costante richiamo alla conversione, alla vera preghiera, ad accettare il Mio aiuto, scatena l’ira di satana che non lascia nulla di intentato per conquistarvi al male. Egli adopera infinite astuzie, lusinghe e inganni, mettendo nei vostri cuori la superbia che inorridisce, l’odio che acceca, seminando nel mondo lutti e tragedie. Ancora una volta vi ripeto che: quanti lottano e ostacolano le mie apparizioni si rendono schiavi e servi di satana permettendo al demonio di strappare al Padre le sue creature! Figli Miei, l’umanità vive gli ultimi tempi che vedono in Cielo e in terra l’immane battaglia fra il Bene e il male. Vi chiedo di unirvi a me nella preghiera, affinché si compiano i disegni di Dio. Oggi il Cuore di Gesù soffre, perché vede tanti suoi fratelli ai quali ha donato la Vita, abbracciare l’arrogante superbia dei Farisei e non l’Umile Fede del ladrone crocifisso al suo fianco. Diletti figli, Io non permetterò a satana di vincere su di voi con le sue menzogne, se mi donerete completamente il vostro cuore, lo custodirò con Amore di Mamma e lo presenterò Puro a Gesù, ma figli, ho bisogno della vostra collaborazione, del vostro Sì. Vi amo, figli, e vi benedico col Cuore. A te, piccola Giulia, chiedo di offrirti vittima insieme al figlio Mario, sacerdote Santo per la salvezza del mondo”.

 

Giovedì 31/01/1991 a casa. Orale, ore 13.30:

    “Shalom, figlia Mia! Shalom al mondo! Sono Io il tuo Gesù. Figlia, il Mio Cuore soffre a causa dell’essere rinnegato. Quanto poco calore trovo nei cuori delle Mie creature! Non vogliono riconoscermi, nonostante hanno paura di ciò che può accadere. Figlia Mia, piccola Giulia, fammi riposare nel tuo cuore. Porta tu la Croce per me. Sono stanco! Ma non faccio altro che aspettare. Figli, Io non posso obbligarvi a seguirmi, posso solo consigliarvi di scegliere la Via della Bontà e della Carità: è una Via non facile, lo so, ma che la sceglierà, non sarà solo ma avrà Me al suo fianco ad incoraggiarlo. L’altra via è per i duri di cuore, per quelli che ostinatamente hanno chiuso il cuore alle Mie Parole rigettandole a favore del nemico: l’odio infierisce in loro e lo spargono attorno ferendo e contagiando le anime. Anime Mie, conforto e lacrime del Mio Addolorato Cuore, non disperdetevi, ma rimanetemi vicino. I tempi sono tristi, figli miei! Figlio Mario, Sacerdote Santo, figlia Giulia, chiedo il vostro aiuto, la vostra disponibilità al Mio Amore: moltiplicatevi, figli, nell’Amore che Io Dono attraverso di voi per radunarvi ad un Unico Ovile. Figli cari, vi amo e vi benedico col Mio Cuore di Pastore Eterno. Amen, figli! Amen, figli! Amen.

 

Venerdì 01/02/1991 a casa, orale, ore 10.30:

   “Sono Io Il servo della Croce (Lentini). Sorella mia, la benedizione di Dio scenda su di te e ti dia forza, lo so, sei stanca, la Croce è pesante e tu sei debole. Ancora un piccolo sforzo sorella cara, al cuore di Gesù. Voglio parlare al mio fratello Mario: fratello mio, è tempo di mettersi in marcia con la Croce! A te è stata consegnata e alla piccola sorellina Giulia. Dio vuole così. Il mio popolo di Lauria, che io ho tanto amato e che porto sempre nel mio cuore, si deve ancora ravvedere: è ancora tiepido nell’amarsi gli uni con gli altri. Quante penitenze lungo quelle vie per portare la quiete, l’Amore di Gesù! Quanti cuori spezzati dal dolore di quei tempi ha unito quel Legno di Croce che Gesù mi aveva donato, che ora tu porti per le vie e le famiglie! Ma ancora i cuori sono tiepidi, non riescono a trovare il calore perché non vogliono riconoscere quel Legno che ho tanto amato e tanto amo ancora per tutti voi. Vi amo tanto, popolo mio! A te, Giulia, grazie! Figlio Mario, come padre ti chiamo figlio e benedico ogni tua azione che compi. So che tu soffri per i tuoi fratelli, anch’io soffro perché non portano la Croce del mio Amato Gesù, ma prega, fratello mio, prega e inizia la marcia della Croce! Vi benedico nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il servo della Croce Domenico Lentini.

 

Venerdì 01/02/1991 a casa, in crocifissione, ore 15.00:

   “Shalom! Figlia mia! Shalom al mondo intero. Sono Io la Tua Mamma, il Tuo Gesù, la schiera dei Martiri. Figlia Mia, bevi, bevi questi calici! Devili tu al posto del Mio Gesù che soffre a causa della cattiveria umana nei suoi confronti. Figlia mia, il Mio Cuore di Mamma continua a sanguinare per tutti i figli che ostacolano le Mie Apparizioni, i figli che pur sapendo non vogliono accettare, non vogliono riconoscermi come Maria di Nazareth e Madre di Dio. Figli cari, Io chiamo tutti voi figli prescelti a portare avanti la Mia Parola che viene portata a voi dal Cielo tramite il Mio pellegrinare nel mondo: sono pellegrina per volere del Padre per portarvi alla Vita Eterna. Figli Miei, voi che lavorate al Mio fianco, non disperdetevi nella confusione di satana, che sta creando per attirare anime al suo servizio di falsità e di morte. Figli del Mio Cuore, restate saldi nella preghiera e uniti al Mio Cuore e alla preghiera costante. Figli, il Mio Cuore Immacolato trionferà e satana sarà gettato nel luogo preparato da Dio ove non potrà più uscire, ma chiedo a tutti voi di essere forti figli, forti! Vi amo e vi custodisco tutti nel Mio Cuore di Mamma, dicendovi: grazie, figli, grazie per il vostro amore! Vi benedico col fuoco del Mio Amore nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Domenica 03/02/1991 alla quercia, in crocifissione, ore 15.45:

    (Beve) “Figlia Mia, bevi! (Beve).Bevi i Calici che ti vengono donati in riparazione alle offese ai Cuori Santissimi (beve), pace e benedizione scenda su di voi, figli cari. Sono io, la vostra Mamma, e il vostro Gesù, San Michele alla vostra difesa. Figli cari, Oggi voglio invitarvi alla preghiera e alla conversione. Figli Miei, se non svuotate i vostri cuori, non posso aiutarvi. Figli Miei, non posso darvi la Mia mano e condurvi sulla Via del Mio Gesù, sulla Via della Croce che è la Verità e la salvezza. Figli cari, voi che siete qui liberatevi! Figli miei, Mi rivolgo a voi, liberatevi dalle catene di satana e siate coscienti della Mia Presenza qui in mezzo a voi. Figli cari, io vengo per la vostra salvezza, per rendervi figli della Lice e di pace, ma se voi non mi date i vostri cuori, non posso aiutarvi. Figli miei, il Mio Cuore Immacolato trionferà e satana sarà distrutto. Figli cari, ho bisogno del vostro aiuto, ho bisogno che preghiate con cuori puri. Figli Miei, figli Ministri, non fate fatica ad accettare la Mia Parola, la Verità del Mio Gesù che è la Croce Santa. Siate fiduciosi nel Mio intervento di Mamma Pellegrina e aggrappatevi alla Mia Mano di Mamma Fanciulla. Figli cari, aspetto il vostro sì per condurvi al Mio Gesù. Ora vi benedico con la Croce Santa del Mio Gesù e vi tengo sotto il Mio Manto di Mamma Materna. Siate fiduciosi nella Croce, figli! Crescete nell’Amore e nella Pace della Santissima Trinità che è Verità e Luce per il mondo.

(Preghiera di Giulia in estasi): “Madre Santa, aiutami ad annullarmi dinanzi alla Croce del Tuo Figlio Gesù e fa che io possa condurre le pecorelle sviate al Tuo Amore e al Cuore straziato del Mio Gesù. Amen!”

 

Martedì 5 febbraio orale, ore 10.30:

    “Shalom, figlia mia! Shalom al mondo! Sono Io, la tua Mamma Immacolata, figlia mia, coraggio! Stringiti al Mio Cuore. So le tue sofferenze, ma offriti ancora vittima per i tuoi fratelli. Figlia mia, il male verrà cancellato dalla faccia della terra e il Sole sorgerà sull’umanità e i suoi figli operatori di pace. Il Mio Cuore Immacolato trionferà. Coraggio figli operatori di pace, pregate con me e combattete con la vostra fede le forze del male. Satana usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce, ma voi siate soldati del Mio Amore e del Mio Rosario. Figli, c’è tanto bisogno di preghiera, ma preghiera vera, preghiera fatta con amore, non preghiera frettolosa. Figli imparate da Me, imparate i primi passi  della preghiera di cuore. Molti figli dicono di amarmi e di pregare, ma le loro preghiere sono fredde, sono distratte, perché presi dal dolce vivere, si stancano di seguirmi, di offrirmi un po’ di compagnia a pregare a tu per tu col cuore, eppure Io vi sono sempre vicina, sempre pronta a prendere la vostra mano, non mi stanco sapete, perché siete figli Miei. Il Mio Gesù, ai piedi della Sua Croce disse: “Ecco i Tuoi figli” e da allora mi siete cari. Non vi è figlio che Io non guardi con amore! Anche se in questi tempi mi fanno piangere lacrime amare, lacrime che formano fiumi infiniti. Figli, quanto dolore! E come è straziato il Cuore del Mio Gesù vedendo questa cattiveria, i Suoi figli, i Suoi amici, i Suoi discepoli non accettati. Figli, la storia si ripete. I grandi del mondo danno le loro sentenze senza alzare il capo al Cielo senza ricordarsi di avere un Dio, oppure se si ricordano, lo fanno con mali modi, tanto dicono, siamo noi i più forti. Il potere è nostro, siamo avanzati con la cultura, con la scienza; ma figli Miei, nulla siete perché tutto ciò che avete viene da Dio e  tutto vi può togliere con l’alzare il suo dito, come tutto creò per Amore. Ma l’uomo non pensa al suo Dio, perchè, credendosi forte, non guarda in Cielo e dice: “è giusto ciò che faccio? Farà piacere al Dio che è al di sopra di me? Figli cari, voi non sapete il Piano di Dio, ma tutto ciò che è scritto si adempirà e il Sole sorgerà sui giusti. Figlio Mario, in te ho posto il Seme dell’Amore e della Verità; sulle tue labbra ho segnato la Parola della giustizia; è in voi figli Miei, che passa il Mio Gesù, piccola Giulia e piccolo Mario, Sacerdote dell’Amore di Dio. Siete i Miei pargoletti di Pace. Vi amo e vi dico grazie a voi che camminate sulla scia del Mio Rosario. Figlio Mario, spezzate il Pane della Vita sotto la grande quercia. Vi benedico col Mio Cuore Immacolato nel Nome della Santissima Trinità. Amen! Amen! Amen!

 

Mercoledì 6 febbraio, intorno alle ore 13.00 – 13.30:

   (Giulia): vedo sopra di me un Bambinello tutto nudo, seduto su una nuvoletta, con un ramoscello di ulivo a tre. I ramoscelli sono tutti e tre uguali. Alla giunta dei ramoscelli c’è una piccola Ostia, cioè un piccolo Sole con una “H” al centro. Il Bambino è sorridente. (Giulia mi dice che questa visione è stata continua per due giorni. Giovedì sera la Visione si è conclusa alla Quercia. Su mia richiesta, Giulia aveva contato 24 foglie sulle mani del Bambino.

 

Venerdì 8 febbraio 1991, a casa, orale ore 7.30:

(Visione) Io, Giulia, mi trovo sotto la quercia. C’era tanta gente. La quercia era coperta di tappeto di foglie verdi. Ho ricevuto un messaggio, era un po’ triste e io dicevo alle persone cosa si doveva fare. Mentre parlavo, in lontananza, si vedeva Mario (=Mario Zenna) arrivare. Si avvicina e mi da la mano. Io gli dico: “Pace! Sei tornato” finisco di parlare e vado sotto la quercia a pulire e a preparare l’Altare per la Messa. L’Altare si trovava proprio ai piedi della quercia, cioè attaccato al tronco, era diverso da quello che c’è, era fatto come di calce bianca. Io mi davo da fare a preparare per la Messa. C’era tanta gente, tanti sacerdoti.  Mi guardavano a distanza, mentre io preparavo il Pane. C’era il Vescovo di Rossano, don Mario, padre Rastrelli e altri sacerdoti. Poi sono entrati il Venerabile Lentini e San Gaspare, i loro nomi erano scritti su un coure rosso. Io ero vestita di nero come i sacerdoti. I due sacerdoti hanno fatto il giro intorno all’Altare, poi si sono inginocchiati e si sono uniti agli altri, sempre guardando ciò che facevo io. Io preparavo sempre per la Messa e il Pane cresceva di più e sotto il Calice c’era un panno rosso con merletto bianco. Il tutto si svolgeva in una grotta che si trovava all’interno della quercia.

 

Venerdì 8 febbraio 1991 ore 15, a casa, in crocifissione:

    (ma scritto da Giulia)

“Shalom, figlia mia! Shalom al mondo. Figlia, Io parlo perché è giusto che la mia voce si faccia sentire tra i clamori che satana con i suoi accoliti innalza per portare confusione nel mondo, ha bisogno di farsi udire, di confondere, di turbare. Ha bisogno di imbrogliare e portare confusione. È per questo che il mondo è tutto sottosopra, senza più pace, in una continua sommossa di rivendicazioni, di incomprensioni e di rivolte, atte a determinare una continua rottura tra la creatura e Dio. È il momento profetato da secoli di testimonianza che hanno predetto il suo apparente trionfo prima della Mia Seconda Venuta sulla terra egli è il vago con il quale dividerò la riluttante* zizzania, dai buoni, dagli umili e da tutte le anime che hanno saputo conservarsi fedeli fino all’eroismo, fedeli a Dio, al Mio Vangelo amato e predicato pur sopportando l’umiliazione e il sarcasmo del mondo. SARA’ UNA COSA SPAVENTOSA, TREMENDA, INCONCEPIBILE, ALLE MENTI CHE SI SONO SOTTOMESSE AGLI INSEGNAMENTI DI CHI PER NATURA E’ PRONTO A INGANNARE E AD ILLUDERE. Non fraintendete, le Mie parole non sono fondate sull’inganno, esse vengono dalla bocca della Verità, vengono dalla Sapienza di Dio uno e trino, che non può ingannare. Figli miei, sono il vostro Gesù, vi amo, il Mio desiderio è di avervi tutti salvi. Vi benedico col mio Cuore di Padre Universale. Amen figlia! Amen figli! Amen.

_____________________

* Tutte parole confermate con messaggio il 16/02/1991: “Vedo la Madonna piangere e mi dice di pregare per il mondo. Riesco solo a chiedere le parole dei messaggi che non si capiscono: 5 febbraio “Da chi?” (ndr. La Madonna ha suggerito anche il punto interrogativo); 8 febbraio: “accoliti-innalza-vago-riluttanti”. Avevo chiesto spiegazioni sulla frase: “egli è il vago del mondo”, ma non c’è stata risposta perché fa parte del Mistero, che dovrebbe essere il Mistero della confusione che, come annunciato dal Vangelo, precede il ritorno di Gesù.

 

Venerdì 8 febbraio 1991, ore 20.15, alla quercia, in crocifissione:

Sono qui con Pietro, Giulia e Franco per la Messa per il figlio Saddam, come era stata chiesta a Rosa Leone, anche se ne avevo già celebrata una ieri alla Casetta del Lentini. Giulia va in estasi lamentandosi molto e portando le mani al ventre, poi dopo la solita bevuta, riceve e dà il messaggio:

“Pace e benedizione. Sono Io la tua Mamma, il tuo Gesù, la schiera dei Nuovi Martiri. Figlia Mia, bevi, bevi, bevi questi calici (beve) e accetta questi dolori. Figlia mia, so che sono pesanti ma accettali. Figli cari, vi amo e vi benedico. Vi dico: grazie figli miei! Grazie per essere venuti a consolare il mio cuore, figlio Mario, per lo spezzare il Pane, grazie figlio mio! La pace nel mondo ci sarà, figli cari, ma prima di essa si deve adempiere la Scrittura. Ciò che è scritto nel grande libro non può essere cancellato, figli miei, non può essere cancellato. Il mio Gesù è qui, in questo luogo ha posto la Sua Dimora. È qui figlio Mario che tu vedrai la Grande Luce, è qui che sorgerà il Sole della Vita Eterna e le pecorelle smarrite saranno radunate sotto un Unico Pastore. Figli cari, vi amo e vi ringrazio per ciò che fate. Siate soldati saldi del Mio Cuore Immacolato e della Mia Pace. Figli miei, non disperdetevi, non disperdetevi figli miei! Io vi tengo sotto il mio Manto di Mamma e di Fanciulla, ma il mio Cuore è trafitto per i figli, per i figli che non mi ascoltano, i figli che vanno per vie sbagliate, i figli confusi dall’oscurità del menzognero. Figlio Mario, figlia Giulia, per mezzo di voi passa il mio Gesù, siate forti per ciò che dovete sopportare ancora, forti figli miei! Ma pronti alla chiamata del mio Gesù, del mio Figlio Crocifisso per tutti voi. Siate pronti figli miei a combattere! Vi amo e vi benedico col Mio Cuore Materno nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Il Sangue del mio Figlio Gesù, vi fortifichi e vi renda pacifici.

(Alla consacrazione della Messa, durante la quale si è avvertita una forte crocifissione): “Dio Mio, Figlio Mio! Dio Mio, Figlio Mio! Dio Mio, Figlio Mio!”

 

Domenica 10 febbraio 1991, alla quercia, in crocifissione, ore 15.45:

“(Beve) – Bevi figlia mia! Bevi i Calici dei dolori del mio Gesù, bevi(beve), figlia mia, sopporta i dolori che ti vengono donati in riparazione alle offese ai Cuori Santissimi. (Beve).

Shalom figli miei, shalom! Sono Io la vostra Mamma, il vostro Gesù, la schiera dei Nuovi Martiri. Figli cari, oggi voglio invitarvi alla preghiera, ma alla preghiera detta col cuore. Figli cari, spezzate i lacci che vi legano a satana e venite, venite a poggiarvi sul mio Capo. Figli cari voglio farvi sentire i batti del mio Cuore: sono Battiti che si innalzano al Padre chiedendo Misericordia per i figli della perdizione. Figli cari, questa guerra che si è innalzata è guerra di satana, è guerra di potere.  Figli miei, sta a voi liberare i vostri cuori e offrirli al mio Gesù. Pregate figli miei, ma voglio che si preghi col Cuore, voglio il cuore totalmente al mio Gesù. Figli miei, non fatemi più versare lacrime di sangue, ma fatemi gioire offrendomi i vostri cuori puliti. Slacciati dai lacci di satana. FIGLI MIEI, SONO MAMMA UNIVERSALE E TUTTI VOI SIETE MIEI FIGLI, DAL GIUSTO ALL’INGIUSTO, FIGLI CARI, E VOGLIO CHE SIATE MIEI, MIEI! VI VOGLIO FIGLI PULITI DELL’AMORE DEL MIO GESU’, figli cari aiutatemi. Io chiedo a voi aiuto! Ma voi potete rivolgervi e dirmi: Tu sei Mamma e Regina del Cielo e puoi tutto. Sì figli cari, posso rispondervi sì, ma aspetto il vostro s’, aspetto la vostra mano, chè io possa guidarvi al mio Gesù. Vi amo e vi aspetto, ma fate presto a pregare con il cuore pulito e legato alla Corona del Mio Santo Rosario. Vi amo e vi benedico col fuoco dello Spirito Santo, discenda su di voi e vi renda fecondi del mio Santo Rosario, del mio Santo Cuore e del mio Santo Amore, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete nel mio amore del mio Cuore materno”.

  

   Martedì 12 febbraio 1991, a casa, orale, ore 13.00:

“Shalom, figlia! Shalom figli dell’Amore! Sono Io, la Vergine Immacolata. Figli, chiedo al mondo Santi Rosari, chiedo la vostra totale collaborazione. Figli miei, siate in sintonia col Battito del mio Cuore, unitevi alla preghiera del Vicario di mio Figlio. Figli cari, lui soffre per tutti voi, come soffro Io e come soffre il mio Gesù, aspettando da tutti voi un cenno, una mano tesa verso il Cielo, ma, figli cari, c’è bisogno di vera fede, non quella fatta di arroganza e di falsità, perché fu proprio la falsa fede e l’arroganza, con la falsa sapienza che portarono mio Figlio sulla Croce. Siate umili nel cuore, siate vigili, perché oggi più che mai sarete tentati. Cercheranno di allontanarvi dal mio Cuore di Mamma. Figli, non lasciatevi trascinare dagli angeli ribelli che satana manda per confondere e distruggere. Figli miei, siate rocce irremovibili del vostro amore verso il vostro Gesù. Figli miei, sapete benissimo che io la vostra Mamma non vi lascio soli, il mio Cuore Materno batte sempre vicino al vostro perché siete miei figli e un cuore di Mamma non può che restare accanto ai propri figli. Vi amo figli miei e vi benedico in nome della SS. Trinità”.

 

Mercoledì 13 febbraio 1991, a casa, orale, oe 8.00:

“Figli cari, ricordatevi che siete stati presi dalla terra e tali dovete ritornare. Siete bricioli di polvere, perché tali vi ho creati. NULLA HO LASCIATO DI INCOMPIUTO, MA TUTTO HO RICAVATO DALLA TERRA, DALLA QUALE HO MANDATO IL MIO UNICO FIGLIO (ndr. Su questa frase non c’è stata risposta di chiarificazione; va inteso nella scia del mistero dell’incarnazione) A RISCATTARVI COL SUO SANGUE PREZIOSO. Vi ho amato tanto e continuo ad amarvi perché siete deboli ed Io amo i deboli, li soccorro col mio Amore di Padre Eterno, SONO ETERNO ED ETERNA E’ LA MIA MISERICORDIA. Nulla può far mutare il mio Amore! Figli, il tino dell’ Amore è enorme, perché grande è la mia Misericordia, infinito è il mio Cuore per tutti voi. Figli, guardate il mio Amore! Non è mai diminuito, anche (se) pochi sono i cuori che mi cercano e mi sono veramente fedeli fino alla morte di Croce come mio Figlio Gesù. Io chiamo, busso alla porta di ogni cuore, ma le porte sono serrate e i chiavistelli arrugginiti, perché, asciugati dal vento di satana, si sono seccati e morti. Fanno fatica a venire a dissetarsi al mio Cuore che arde di un Amore Infinito e colmo di Rugiada Viva. Chi viene a Me non avrà più sete e non arrugginisce perché la mia Acqua è Vera come è Vero il mio Amore di Padre Eterno. Vi amo figli deboli perché in voi c’è la mia Forza! Vi benedico col mio Cuore di Padre Eterno”.

 

Venerdì 15 febbraio 1991, a casa orale, ore 9.00:

“Shalom, piccola Giulia della Croce! Shalom al mondo. Sono Io, la Vergine Maria, Madre dell’Universo. Figli tutti, vi chiamo alla preghiera e alla penitenza, vi chiamo a preparare i vostri cuori, a renderli puliti. Figli miei, siete figli di Dio, amate la Croce, amate il dolore, amate Gesù e siate orgogliosi di morire per rinascere alla Vita con un cuore nuovo, con uno spirito nuovo, con un amore nuovo. L’umanità innalza l’amore, fa fremere il cuore, esalta (ndr. conf. esalta non e salta  il 18 c.m.) lo spirito, perciò, figli del Signore, siate umili, siate bambini ma gridate forte la vostra fede, gridate il vostro amore al Padre Dio, il vostro amore al Figlio, il vostro amore allo Spirito Santo e non dimenticate che l’amore senza umiltà non è amore ma falsità e la falsità non fa parte del mio Amore Materno. Figlio mio Mario, sacerdote di Dio, ti amo per la tua sincerità, ti amo perché sei il mio bambino. Figlio mio, continua a portare la Croce alta, perché portando la Luce che irradia il mondo, unirai i tuoi fratelli. Figlio mio, accostati al mio Seno Materno, lì troverai forza e pace e ti sazierai. Coraggio, figlio mio! Coraggio! Insieme faremo grandi cose. Vi amo, figli miei, angeli del mio Cuore, fiammelle del mio Amore. Vi benedico col cuore nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

 

Venerdì 15 febbraio 1991, in casa, in crocifissione, ore 15.00:

“(Beve) Pace e benedizione. Sono Io il tuo Gesù. Figlia mia, mi duole il Cuore a donarti tante sofferenze, ma è necessario sposa mia. Oggi ti chiedo ancora una volta se sei disposta ad andare avanti. (Giulia): Sì mio Signore! (Gesù): Sposa mia, guarda con i tuoi occhi, guarda il mio Corpo flagellato per le ingiustizie che il mondo sta compiendo. Figli cari, fino a quando ancora continuerete a non udire la mia voce? FINO A QUANDO FARETE I SORDI? A non ascoltare la parola della mia Mamma che viene in mezzo a voi per adempiere il disegno che è partito da Fatima? Figli miei, guardatevi intorno, guardate! Non vi è più rispetto, non vi è più rispetto per la mia Chiesa, le mie Parole lasciate a voi vengono dimenticate, usate a modo proprio. Oh! Figli, figli miei, quanto dolore il mio Cuore di Padre e di Pastore! Figli cari, vi amo, e soffro per tutti voi, ma ho bisogno di te piccola mia, ho bisogno che ti offri ancora per i fratelli e per il mondo. Figlio Pasquale, conosco il tuo cuore e ti stringo a Me, ma aspetto ancora da te, aspetto il tuo sì totale. Figlio mio, non chiederti perché dico sempre la stessa cosa, non chiederti questo, ma rispondimi, rispondimi figlio mio, rispondimi! Ho bisogno di aiuto. Figli cari, in questo momento stanno trafiggendo il mio Cuore, lo stanno straziando, figli miei, si servono del mio Nome per compiere le ingiustizie dinanzi ai miei occhi e io zitto zitto, accetto ogni cosa perché vi amo, vi amo, figli miei, e non voglio distruggervi! (Beve). Bevi, figlia mia! Bevi e soffri, soffri con me, col tuo Gesù (beve). Figlia mia, bevendo tu i calici mi sollevi il Cuore, ma ho bisogno ancora che tu sostieni la mia Croce per Me. Fallo, sposa mia, fallo! (Giulia): Gesù, voglio chiederti una cosa, posso farlo? (Gesù): Sì, figlia mia, chiedi tutto ciò che vuoi. (Giulia): Gesù cosa devo fare per il Vescovo di Lungo? (ndr. la signora Francesca Garofano di Serra San Bruno aveva telefonato giorni fa al Vescovo di Lungo in merito alla erigenda Chiesa  di Sofferetti e questi le avrebbe detto che tanto sarebbe avvenuto non appena Giulia e “quel prete” (che sarei io) non saremmo più andati sotto la quercia.(Gesù): Ah! Figlia mia, questa è una spina che trapassa il mio Cuore, ma tu, figlia mia, prega per lui, e per tutti gli altri che con la loro sapienza mi hanno inchiodato sul legno della Croce dimenticando che Io sono l’Unico Giudice, figlia MIA, MA NON SANNO, NON POSSONO SAPERE CIO CHE E’ SCRITTO NEL GRANDE LIBRO, CHE SOLO IO POSSO APRIRE. FIGLIA MIA, PREGA PER LORO, PREGA E INVITA LE ANIME CHE MI AMANO A PREGARE PER I VESCOVI E PER I FIGLI MINISTRI CHE COL LORO AGIRE DISPERDONO LE MIE PECORELLE, LE MIE CREATURE. Ah! Il mio povero Cuore! Il mio povero Cuore trafitto da spine enormi! Ah! Sposa mia quanta ingiustizia ricevo dai figli che dovrebbero lodarmi! Ah! Figli miei quando? Quando ritornate a me!? Quando aprite i vostri occhi e vi rendete conto che Io sono il vostro Dio!? Io solo vi amo, figli miei e non potete fare a meno di Me, non potete voi comandare. Figli cari, ritornate al mio Amore, ritornate al mio Cuore e non datemi spine ma gioie. E tu piccola mia, grida forte, grida forte la verità che è la Croce, la Croce Santa che vi ha redenti, bagnata di sangue, c’è tutto l’essere mio. Vi amo, figli cari, e non posso abbandonarvi. Mando sul mondo intero il fuoco dello Spirito Santo che vi unisca e vi faccia Pastori Eterni nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. (Franco annota: “Attacchi prima dell’apparizione facendo rimettere Giulia. Visione solo di Gesù pieno di sangue).

 

 

CONSACRAZIONE AI DUE CUORI A CAMPOTENESE E LAGO SIRINO:

 

A Campotenese(CS), sabato 16 febbraio 1991:

Con Franco di Mormanno si era programmata nella chiesetta di Campotenese una serata di preghiera per la pace e per l’occasione era stata invitata Giulia per la Consacrazione ai Due Cuori. Nonostante l’abbondante nevicata ognuno riesce a raggiungere la località e dopo il Santo Rosario segue la Messa con la Consacrazione ai Due Cuori e quindi il messaggio della Madonna:

“(Beve) – Bevi figlia mia, bevi questi calici (beve). Shalom, figli miei, Shalom al mondo intero! Sono Io la vostra Mamma. Figli cari, iniziate questa quaresima, iniziatela donandomi i vostri cuori. Figli miei, liberate, liberate i vostri cuori dai lacci del menzognero di sempre. Figli miei, sono pellegrina nel mondo per volere del Padre mio che è nei Cieli. Figli, guardate, guardate il mio Gesù trafitto, figli! Il suo Cuore squarciato da una lancia! Oh! Figli miei, venite al mio Gesù, venite a far compagnia al vostro Gesù; lasciate il mondo e accostatevi al mio Cuore di Mamma e di Pellegrina. Figli cari, nel mondo si è alzata la tempesta di satana! Figli, annientate questo male dandomi i vostri cuori, il vostro amore. Figli miei, figli Ministri, allargo le mie braccia di Mamma per radunarvi e farvi lodare il mio Gesù che viene scartato, viene calpestato, la Croce del mio Gesù viene abbassata per innalzare i poteri  (ndr. chiara l’allusione alla guerra in corso, che come guerra voluta dall’occidente cristiano, è segno di sfiducia della Croce: si è abbassata l’amore della Croce per innalzare i poteri dell’occidente capitalistico). Figli miei, non fate più soffrire il mio Gesù, riparate, riparate offrendomi cuori e donandomi il vostro amore, il vostro Sì, ma sì totale. Figli miei, non voglio “Sì” vacillanti! Figli miei non indietreggiate dinanzi alla Croce ma avanzate, figli miei, avanzate e gridate con il cuore, gridate con il vostro cuore al mio Gesù dicendo: PADRE PIETA’ DI NOI! PADRE PIETA’ DI NOI! (ndr. si sente più forte la crocifissione e beve). Figli miei, figli del mio Cuore Immacolato, innalzate gli occhi al Padre chiedendo ancora Misericordia. In questo momento mi stanno trafiggendo il mio Gesù. Figli cari, vi amo e vi aspetto tra le mie braccia Materne, non fate fatica figli miei, non fate fatica! E tu figlio Franco (di Mormanno), aspetto la tua risposta, rispondimi figlio mio! Ti sto chiamando rispondimi e offri i tuoi dolori, offrili per i tuoi fratelli che ti fanno soffrire, trafiggendo la Mamma tua che sono Io, la Vergine Immacolata. Figli miei, vi amo e vi ringrazio di essere venuti nella mia capanna. Vi benedico col fuoco dello Spirito Santo. Andate in pace figli miei e crescete nel nome della SS. Trinità”.

 

A Lago Sirino(PZ) Domenica FEBBRAIO 1991:

Come promesso vengo a inaugurare il gruppo dell’Addolorata del Lentini. Ci ritroviamo nella casa di Mimì Di Lascio, dove fu girato “Telefono giallo” andato in onda il 12/01/1991. vi verrà anche Giulia con il marito e il solito Pietro Cianci. L’esserino darà fastidio mentre giriamo a benedire la casa, a Giulia poi comparirà nel bagno dicendole: “Mi da fastidio il sangue che porti, devi andare via da questa casa!” Le apparirà ancora ma seduto su un trono prima dell’apparizione, avvenuta mentre si recitano gli ultimi misteri Dolorosi. Giulia lo esorcizza con il Crocifisso del Lentini che ha in mano e che poi consegna a me.

 

L’esorcismo e i messaggi:

L’esorcismo: “In nome della Croce vai via! Vai via! In nome della Croce via! Lascia questa casa, lasciala! In nome e potere del Sangue di Cristo fuggi, fuggi! San Michele, San Michele, schiaccia il suo capo, schiaccialo!”

 

Messaggio della Madonna:

“Figlio Mario, prendi la Croce (il crocifisso del Lentini / inizia la crocifissione con una lunga bevuta). Figlia cara, bevi (beve), bevi questi calici in riparazione delle offese recate ai Cuori Santissimi. Figlia mia, piccola Giulia, oggi sentirai più sofferenze ma accettale. Shalom, figli miei! Shalom al mondo intero. Figlia mia, fa scendere il Sangue del Parto su questa casa, figlia mia, fallo scendere. Figli cari, sono Io la Vergine Immacolata e il mio Gesù, la Schiera dei Martiri vi circondano. Figli cari, il mio Gesù è salito sul legno della Croce per tutti voi e mi ha donato a voi come Mamma. Figli cari, il mio desiderio è avervi tutti nel mio Cuore che è immenso. Figli cari, voglio che mi apparteniate, e vi voglio salvi, figli cari, ma infiammati del mio Amore. Figli, non forse il mio Gesù ha detto: “Venite a me voi che siete stanchi e oppressi?” Venite, figli miei,  venite al mio Cuore, lasciate le cose che vi allontanano dal mio Amore e dal Segno della Santa Croce. Figli, non guardo le cose esteriori, Io voglio il vostro Cuore: è quello che Io voglio, figli miei, il vostro cuore, figli miei.”

 

Messaggio di Gesù:

“Sono Io il vostro Gesù, il Gesù trafitto dalle ingiustizie, il Gesù che viene calpestato. Figli miei, il mio Cuore è straziato per le ingiustizie. Figli, figli del mio Cuore, venite a Me, non trafiggetemi ancora, non trafiggetemi. Oh! Figli miei, quanto soffro! Quanto soffro. Datemi un po’ di sollievo, un po’ di sostegno, portate la Croce, portate la Croce per Me, figli cari. Oh! Figli miei, figli del mio Cuore, sono il vostro Gesù che vi ama, vi ama, figli miei, vi amo e desidero avervi tutti con Me, tutti nel Mio Paradiso. Figli cari, figli del mio Cuore, satana vi porta sempre sulle strade ingiuste per farvi allontanare dal mio Cuore e dalla mia luce. Figli miei, lui è il principe delle tenebre e vuole rendervi tali, ma Io vi do la mia mano, la mia mano santa per raggiungere la via della Verità, la via della Salvezza. Figli miei, liberatevi, liberatevi dalle catene che vi legano e vi portano alla perdizione. Figli miei, Io conosco il cuore di ognuno di voi e vi chiedo, per il mio Amore: accostatevi al mio Cuore con sincerità, togliete ciò che è nascosto. Figli miei, non fate più piangere la mia Mamma, non la fate piangere e non trafiggete ancora il mio Cuore. Figli miei, figli miei, vi amo e vi voglio salvi, ma fate presto, figli miei! Satana ha innalzato la battaglia finale, fate presto, fate presto a purificarvi , figli cari, e a seguire il mio Amore, la mia Luce e la mia Pace. Figli, oggi in questa casa ho fatto scendere il Sangue della mia Alleanza, figli miei, per raggrupparvi agli eletti. Figli cari, non distaccatevi da questa unione, non distaccatevi, figli miei, ma unitevi in un unico cuore, venite al mio Santo Altare. Figlio Mario, mi rivolgo a te mi rivolgo a te: cura queste anime con la tua Santa preghiera, cura come Padre, come Pastore e come fratello, guarisci le piaghe figlio mio, guariscile”

 

Messaggio del Venerabile Lentini:

“Sono io Domenico Lentini. Porto la mia Croce in questa casa perche voglio che mi appartenga. Figli miei, fratelli miei, vi amo, vi ho sempre amati e vi porto sempre nel mio Cuore di Padre. sono il Servo della Croce e tale vi voglio rendere. Fratello Mario, fratello mio, la Roccia resterà perché la mia fede è fondata su di essa, non è fondata su briciole di sabbia che volano al vento. Fratello mio, nel tuo cuore c’è scritto tutto ciò che dovrai dire e al momento opportuno parlerai perché così è scritto nel Grande Libro, nulla, nulla può restare senza che viene rivelato. Fratello mio, unisci i pastori dispersi, unisci il popolo di Lauria nelle tue braccia, uniscili perché a te è stato assegnato questo compito. Tu sei il pastore, raccogli le pecorelle disperse. Vi amo e vi porto sempre nel mio cuore. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete nel nome della SS. Trinità”

 

Martedì 19 febbraio 1991, a casa, orale, ore 14.30:

“Shalom piccola Giulia! Sono Io la tua Mamma. Figlia mia, prega e offriti vittima per i tuoi fratelli. Figlia mia, stanno calpestando il mio Cuore con false parole, stanno profanando il mio luogo! Pulitelo, figlia mia, pulitelo col vostro amore e con lo spezzare il Pane del Cielo. Figlia mia, satana sta compiendo l’ultimo atto della sua follia e porterà il terrore nei cuori che vorrà distruggere con l’esplosione di un odio mai visto: il sangue scorrerà come l’acqua dei fiumi, unendosi alle lacrime dei giusti che si rivolgeranno al Cielo invocando pietà per quelle ore di inimmaginabile terrore. Ma voi buoni, non abbiate timore, stringetevi attorno al mio Cuore di Mamma e sotto il mio Manto sperate con tutta al vostra fede nella Misericordia del Padre mio e Padre vostro. Figli, Io sono con voi, non vi lascio, pregate, pregate molto, angeli miei. Vi amo e vi benedico col mio Cuore immenso di Mamma nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.”

 

Venerdì 22 febbraio 1991, a casa, ore 15, in crocifissione:

       (ma scritto da Giulia)

“Shalom, piccola Giulia! Shalom al mondo e ai figli che cercano il mio Amore. Sono Io la tua Mamma, il tuo Gesù, la schiera dei Martiri. Figlia mia, offriti ancora vittima per i tuoi fratelli e bevi, bevi i calici che ti vengono offerti, bevili per amore del tuo Gesù che soffre a causa dei tanti peccati commessi dall’umanità corrotta e distolta dal mio Amore. Preghiamo insieme il Padre, figli mei! Ora dilatate il vostro cuore voi che credete possedete la vita eterna, nella stessa speranza, godete del dono dividendo la gioia con i fratelli, sopportatevi a vicenda con amore e cercate di conservare l’amore, relativizzate le vostre differenza, vi basti Dio e la sua Grazia. Io sono con voi per alleviare ogni vostra sofferenza. Ascoltatemi, figli miei! Non fatevi confondere dalla bestia che si è scatenata. La battaglia è catastrofica da non poter essere descritta, ma il Mio Cuore Immacolato Trionferà. Perciò, figli miei che mi amate, restate saldi nella preghiera, fate digiuni e penitenze, siate sempre col cuore rivolto al vostro Gesù che vi ama e non fa che benedirvi da Cielo. Figli cari, conto sul vostro aiuto. Ciò che abbiamo iniziato insieme si adempirà e per voi ci sarà la grande ricompensa. Vi amo, figli del mio cuore e vi benedico con il mio Cuore di Mamma nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.”

 

Sabato 23 febbraio 1991, ore 20:30, a casa, durante una sofferenza:

Il messaggio non è dato in crocifissione né oralmente, ma durante una sofferenza, che si avverte durante tutta la registrazione. Giulia vede sangue e Franco chiede ripetutamente la località dove scorre, se sia Sofferetti. Il messaggio parla di Gesù che carico della Sua Croce, sale lungo la via di sofferetti, mentre la valle è piena di sangue innocente. Giulia, al termine del messaggio sviene e dopo essersi ripresa dice a Franco che vedeva una valle piena di sangue, a forma di mezzo uovo ma non ricorda se era Sofferetti o altrove. A me invece dirà che era Sofferetti e il sangue di questa valle a forma di mezzo uovo iniziava dalla statua di San Michele.

 

Primo messaggio di Gesù:

“Sangue, sangue, sangue! No, no, no, no, no! Sangue, sangue, sangue! No, no! Sangue, sangue, sangue! No, no! Sangue, sangue, sangue! Gesù sale con la Croce sulle spalle, sale nella via, (mentre franco chiede: per quale via?) nella via di Sofferetti. La valle è piena di sangue innocente e Gesù è stanco e sfinito. Cade sotto il peso della Croce, è sfinito, ha bisogno di aiuto! Una grande catastrofe avvolge il mondo intero e Maria è velata di un manto nero, il suo Cuore sanguina per i suoi figli che sono in perdizione, ah! Ah! Ah! (un grido lungo e doloroso). Il mio Cuore è straziato, ah! Ah! Ah! Non posso stare a guardare, devo agire, figli miei, devo agire, Io sono il vostro Gesù, non posso più stare a guardare. L’ora è giunta, è giunta per il mondo! La grande catastrofe! Ah! La grande catastrofe è giunta! Ah! Il cuore della piccola Giulia è trafitto perché la battaglia è piena. Figli miei, se almeno aveste ascoltato le Parole della mia Mamma ah! Quante anime sarebbero state salvate. Ah! Ciò che Io ho chiesto era per la salvezza del mondo, ma non è stata creduta, non è stata accettata dagli uomini! E pronti a dare un giudizio, tralasciando IL MIO hanno preferito la catastrofe. Ah! (ndr. nonostante i ripetuti inviti alla pace tramite messaggi e il Papa,  gli uomini del potere per difendere l’ordine e i diritti del potere hanno preferito la catastrofe facendo pendere così sul mondo i castighi Divini, come appare da quanto segue). Figli, ORA TUTTO E’ NELLE MANI DEL PADRE, TUTTO E’ NELLE SUE MANI E CIO CHE AVVERRA’ E’ OPERA SUA E NESSUNO DI VOI POTRA’ FERMARE. La piccola Giulia, appartiene al Padre e nessuno può fermare la volontà del Padre. lei soffre per il mondo che è corrotto, perché in lei è l’amore della SS. Trinità.  Lei non è di questo mondo ma viene dal Padre. In Lei vi è il Giglio candido, il Giglio Puro ma che il mondo non comprende e non ascolta la voce, e la pace del mondo è racchiusa nel mistero del suo cuore e per mezzo del suo cuore Io passo e per mezzo del cuore del figlio Mario: la salvezza degli uomini e del mondo è custodita nelle loro vite. Figli tutti, CREDETE IN QUESTE PAROLE: NON VI SARA’ SALVEZZA NEL MONDO FINCHE’ NON VI SARA’ AMORE TOTALE NEI CUORI DEI MIEI FIGLI!”

 

Domenica 24 febbraio 1991, alla quercia, in crocifissione, ore 15:45:

Invio a Sofferetti Pietro Cambio di Pratella che è venuto da ieri per la veglia di questa sera al Lentini. La mattinata l’avevo portato sulla tomba del Venerabile e vi aveva visto il Lentini in ginocchio in una chiesa diroccata e senza tetto. Non poteva non essere sant’Elia di Lauria, e infatti portatici in quel luogo, riconoscerà  la Chiesa e avrà altre visioni: l’Immacolata al centro della nicchia con sopra un triangolo circondato da raggi e dentro un sole, a sinistra, San Pietro a remare su una barca e alla destra Santa Lucia con gli occhi in un piattino. Dopo la visita di Sant’Elia, Pietro Cambio, accompagnato da Pietro di Lauria, si porta a sofferetti dove pure ha la sua visione: una corona, una scala, un cuore (mi sembra di ricordare capovolto), e dopo l’apparizione a Giulia, sarà colpito dalla visione del Cielo squarciato. Ritornando mi dirà che c’era abbastanza gente, segno che il 24 cresce e il 19, o meglio i pellegrini “ciechi” del 19 si vanno sempre più assottigliando.

 

Primo messaggio della Mamma:

Dopo l’ormai consueto richiamo: “Voglio la preghiera corretta! Correggete la preghiera” segue la bevuta dei calici amari e quindi il messaggio: “Bevi, figlia mia! (Beve), bevi i calici dell’amarezza. (Giulia beve e dice): Madre Santa, aiutami a sopportare! (La Mamma): Shalom, figli miei, Shalom al mondo intero! SONO IO LA VOSTRA MAMMA, IL VOSTRO GESU’, LA SCHERA DEI NUOVI MARTIRI. Figli cari, vi amo e vi benedico, a tutti quanti. Figli cari, grazie per essere venuti ad onorare il mio Cuore di Mamma. Figli, il mio Cuore è trafitto e sanguinante per il mondo e per i figli della perdizione, ma Io vi ho chiamato qui, figli miei, perché tutto ciò che è iniziato insieme a voi si deve adempiere. Figli cari, tutto è partito da Fatima e il mistero si adempirà in questo luogo, il Mio Cuore Immacolato trionferà, anche se la battaglia di satana è forte. Oggi, figli miei, figli prescelti, vengo a dirvi di essere forti e di camminare sulla scia che Io sto segnando col mio pellegrinare. Figli cari, satana è forte e vuol fare suo ciò che è di Dio, ma Io, figli miei, ho bisogno di voi, ho bisogno del vostro amore, ho bisogno del vostro sì totale. Figli cari, non affannatevi per i dolori del vostro corpo, non affannatevi, ma gioiosi unitevi a Me, unitevi al mio Cuore di Mamma. Figli, il mio Cuore sanguina per tutti e porto dinanzi al mio Gesù, ogni vostra richiesta, ma mi occorre il vostro Cuore. Svuotatelo! Figli miei mi occorre il vostro amore: se non ho quello, non posso aiutarvi, non posso far nulla per voi, figli cari, la pace ci sarà, figli miei, ma prima ci saranno molte sofferenze. Vi chiedo di essere uniti e di amarvi gli uni con gli altri. Figli cari, formate un’unica famiglia, un’unica fiamma accesa. Figli cari, qui il mio Gesù ha posto la Sua Dimora, e la Sua parola è Parola di Verità e di Vita. Nessuno di voi si perderà se ascolterà le Parole che il mio Gesù porta a voi qui dinanzi all’altare della Misericordia. Siate puri figli miei, siate semplici, ma nei vostri cuori ci sia tanto amore. Figli miei, Io vi do il Pane della Vita che è la Parola del mio Gesù. Mangiate tutti. Figli miei, mangiate tutti perché è Pane di Vita Eterna. E a te, piccola Giulia della Croce: offriti vittima per i tuoi fratelli, per i figli Ministri che non vogliono aprire il cuore al mio Gesù. Offriti vittima, figlia mia, offriti! Vi amo, figli cari, e il mio desiderio è stringervi al mio Cuore di Mamma. Restate uniti sotto il mio Manto, restate uniti! Vi benedico con la Croce Santa, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nel nome della SS. Trinità. Vi amo e vi aspetto, figli miei! Vi amo e vi aspetto.