Notizie da Sofferetti-24  n. 70

Lauria, 30 aprile 1992  

 

MESSAGGI A GIULIA DELLA PASQUA 1992

1) Domenica delle Palme, 12 aprile

a) Ore 15.45, alla Quercia (in crocifissione e sofferenza):

"(Giulia): Se sei tu glorifica Dio. (Addolorata): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. *Soffri, figlia mia, soffri!* prendi tu il carico, sali con Gesù. (Giulia): Sì, Mamma!* (Addolorata): Sia lodato Gesù Cristo. Sono Io la Vergine Addolorata, il mio Gesù Trafitto dal Dolore. Figli cari, oggi vengo col Cuore Sanguinante a chiedere di farmi entrare nel vostro cuore. Figli miei, fatemi entrare nel vostro cuore affinché Io possa guidarvi al mio Gesù. Figli miei, Io sono venuta a voi come Regina della Pace e dei Miracoli, ancora non avete capito niente, figli cari! figlioletti miei, la vostra fede è fondata sulla sabbia, satana trascina via ogni vostra opera. Figli, figli miei, siate saldi nell'Amore del mio Gesù, siate saldi con la Croce e per la Croce. Figli, se voi non mi offrite i vostri cuori, Io non posso far nulla; non posso guidarvi se non offrite le vostre mani, il vostro Sì. Figli miei, il mio Cuore è trafitto dal dolore; unitevi al mio Cuore, pecorelle mie, unitevi affinché Io possa guidarvi al Trono del mio Gesù. IO ARDO DI DOLORE E D'AMORE PER OGNUNO DI VOI, MA SE VOI NON APRITE I VOSTRI CUORI NULLA IO POSSO FARE. Figli miei, figli del mio Cuore, amate il mio Gesù che sanguina per ognuno di voi, amatelo perché è imminente la sua Venuta di Misericordia in mezzo a voi. Figlioletti del mio Cuore Immacolato e Addolorato, non tardate, figli, ad elargirvi alla Croce: all'Albero Verde della Vita Eterna. Figli miei, il disegno che è iniziato a Fatima si sta adempiendo, pregate pregate, figli miei, pregate e camminate sulla scia del mio Cuore che viene nel mondo intero per raccogliervi, radunarvi e portarvi al Trono del Padre. Figli miei, aspetto il vostro Sì, il vostro amore alla Croce del mio Gesù. IO VENGO MANDATA DA DIO PADRE PER ADEMPIERE LA SUA SCRITTURA. Vi amo e vi benedico col Fuoco dello Spirito Santo che è Padre, Figlio e  Spirito Santo. Crescete nella Pace del mio Gesù che è Dio. Lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode (=13).

(Preghiera di Giulia in estasi): Mamma dell'Eterna Croce, aiutami a distendere le mie braccia per l'umanità che trafigge il Cuore del mio Gesù, aiutami ad annullarmi dinanzi alla Croce del mio Amato Bene. Amen".

b) Ore 22. 20, a casa (in sofferenza):

"Parla Gesù: - Figli, il mio dolore è tale da far perdere i sensi. Porta tu, figlia mia, la Croce della Salvezza che racchiude il mio Cuore di Padre. Quanti di voi siete disposti a seguire le vie della Croce? Ah! figli miei, figli del mio Cuore, tutti mi appartenete. Vi amo, figli, le vie del mio Cuore sono infinite; vi amo, ritornate alla mia Pace. Figli, unitevi al mio Cuore finché fate in tempo. Figli, lasciate le cose del mondo; figli miei, unitevi alla mia Luce, al mio Amore; al mio Dolore unite il vostro, figli, e vedrete che le catastrofi si alleviano. Lasciate le cose del mondo! Le catastrofi si abbattono sul mondo con orrore perché nei vostri cuori c'è poco amore. Io sono il Padre, Io sono il Figlio, Io sono seduto sulla Roccia, guardo con Cuore Pietoso voi. Figli, ritornate alla Casa del Padre vostro dove c'è l'unica Luce, venite a saziarvi del mio Amore e della mia Pace. Figlia mia, Piccola Giulia della Croce, soffri soffri per il tuo Amato Bene, porta tu la Croce, portala, figlia mia: è la Salvezza Eterna. (Giulia): Sì, mio Gesù! (Gesù): Grazie per aver alleggerito il mio Cuore, grazie del tuo amore, ti adoro. Miei veggenti che ancora ascoltate la mia voce, amate amate e percorrete la via del Dolore, la via della Sofferenza: i Grandi del mondo che trafiggono il mio Cuore! Bevi tu, figlia mia, i calici di amarezze. Vi amo e non voglio lasciarvi nelle tenebre. Figlia mia, bevi i calici che il mondo mi offre*. Vi amo, venite, figli miei, venite al mio Banchetto d'Amore affinché possiamo formare un'unica famiglia di Pace e di Luce. Amen Amen Amen Amen".

2) Martedì Santo, 14 aprile:

a) A casa, orale, ore 11:

"Parla Gesù: - Figlia mia, consola il mio Cuore. Figlia mia, posso poggiare la corona di spine sulla tua fronte? (Giulia): Sì, mio Signore (ndr. e rimangono sulla fronte di Giulia 14 piccole ferite). (Gesù): Figlia mia, portala per i figli Ministri. (Giulia): Sì, mio Signore! (Gesù): Figlia mia, ti amo tanto, fammi amare e conoscere perché molti figli ancora non mi amano e non mi conoscono. Non preoccuparti, Io sono sempre vicino a te. Amen Amen Amen Amen".

b) A casa, durante una mia Messa, ore 21.10 (in crocifissione e sofferenza):

"Io sono l'Agnello Divino che toglie i peccati del mondo. Io ho bisogno del vostro amore per la salvezza del mondo. Figlio Mario, sii forte, figlio mio, forte! Vi benedico col mio Cuore di Padre Eterno. Amen Amen Amen".

3) Mercoledì Santo, 15 aprile: L'ATTACCO DI SATANA

"Mercoledì 15 aprile. Sono circa le 02 (=due) di notte. Mi sveglio da un rumore che viene dall'armadio, come se qualcosa o qualcuno fosse sbattuto. Chiedo a Franco di accendere la luce. Mi sento un po' agitata. Gli dico di buttare un po' di acqua benedetta che si trova vicino a lui. Non c'era niente nella stanza di caduto. Franco spegne la luce. Io sento paura e agitamento. Mi segno sulla fronte. Sento la presenza cattiva e dopo un po' vedo un uomo alto e nudo tutto bruciato che diceva di andare con lui e mi mostrava dei tesori (=cose di oro, mi dirà Giulia). Io stringevo la croce e pregavo e lui diventava nervoso. Vedendo che io non cedevo ai suoi inviti mi prese per i capelli, e i tesori che prima mi mostrava sono diventati un grande burrone tutto nero e lui voleva tirarmi giù in questo burrone. (Ho) alzato la croce, le grida le ha sentite anche Franco. Dice che erano brutte. Io ho chiamato Gesù e Maria e San Michele e lui è scomparso. Io ho pregato e poi è tornata la calma".

4) Giovedì Santo, 16 aprile, a casa, orale ma in sofferenza (per le sofferenze Giulia sarà a letto o sul divano fino a sabato)

"Parla Gesù: - Figlia mia, sei ancora disposta ad aiutarmi? (Giulia): Sì, mio Signore! (Gesù): Allora soffri per il mondo intero perché non ascolta la mia voce. Io vi amo, ma pochi rispondono al mio Amore. Prega, piccola mia! Amen Amen Amen Amen":

5) Venerdì Santo 17 aprile: ORE E TAPPE DELLA VIA DOLOROSA

La narrazione è scritta da Franco ma dettata da Giulia.

"Ore 9.15 circa, Giulia è a letto con le sofferenze. Compare ( un uomo nero) satana, nudo, bruciacchiato e gli dice che se (Giulia) non andava con lui uccideva Franco (=il marito) e don Mario, gli tagliava la testa, facendogli vedere anche la visione come faceva (ndr. Giulia mi dirà che vedeva una lunga spada tesa contro di me e Franco). Dopo circa 10 minuti si presenta di nuovo e Giulia dice: - Vai via, vai via, vai via, vai via! finiscila con queste fesserie, vai via! - Gli dice che il principe di questo mondo è lui e che la vittoria sarà sua. Ancora dopo circa 10 minuti si presenta di nuovo e gli dice che porta via i Sacerdoti, che tutti i Sacerdoti sono suoi e lo deve seguire anche Giulia. (Giulia): - No, no, i Sacerdoti sono di Gesù! no!, ... i Sacerdoti sono di Gesù!  -. Si presenta ancora. Gli dice che la Chiesa è sua. (Giulia): - Non è tua la Chiesa, non è tua, è Gesù lo Sposo! vai via! - Dopo un po' si presenta ancora. (Giulia): - Non ci voglio venire con te. Vai via, vai via, vai via! vai via! Non ha importanza che mi fai morire, tanto vado da Gesù, non ci vengo con te! vai via! -"

Ore 10 circa (subito dopo gli attacchi di satana Giulia vede Franco di Mormanno e dietro San Domenico Savio. Quando lo saprò in pomeriggio, le chiedo di scrivere questa visione che è di suo pugno):

"Venerdì Santo, 17 aprile. Dopo che l'esserino ha finito di tormentarmi vedo per tre volte il volto di Franco di Mormanno. Prima vedevo il suo volto con gli occhi che guardavano verso il cielo in stato di preghiera e poi dietro di lui vedevo San Domenico Savio. Dopo ho visto anche don Mario e Franco, sempre in preghiera (ndr. io a quest'ora sono alla Messa nella cattedrale di Anglona)".

Ore 10.15 (riprende il racconto nella versione di Franco):

"Visione di Gesù nell'Orto degli Ulivi che pregava (ndr. Giulia dava i titoli delle scene)

(Giulia): - Non ti lascio, Gesù! non ti lascio, Gesù! non piangere! Gesù, non ti lascio! non piangere! ti aiuto io, stringiti stringiti! non piangere, Gesù! (piange anche Giulia) non sei solo, no! soffro per te, soffro per te, non piangere! -"

Ore 10.35 :" Gesù (ancora) nell'Orto degli Ulivi.

(Giulia): - Non sei solo, non sei solo, Gesù! non ti lascio, non ti lascio, non ti lascio! ti amo, Gesù, non ti lascio! (pausa) Gesù, soffro per te, non ti lascio, non ti lascio, non piangere! -"

Ore 10.55: "Portano Gesù al tribunale (ndr. Giulia mi dirà che vedeva soldati e altre persone che accompagnavano Gesù. Nel nastro si sente che le viene dato da bere)

(Giulia): - *Gesù, dove ti portano? Non ti lascio, non ti lascio, non ti lascio! -"

Ore 11.15 :"Gesù viene picchiato (ndr. Giulia mi dirà che vedeva una corda non di grande spessore ma dura. Nel nastro si sentono lamenti)

(Giulia in crescente pianto): - Ah! ah! ah! che ti stanno facendo? Gesù! (pianto dirotto) ... Gesù, non ti lascio! non ti lascio solo, non ti lascio! -"

Ore 11.30: "Gesù (legato, mi dirà Giulia) viene frustrato alla colonna.

(Giulia sente le frustrate, grida e si muove sul letto)

(Giulia): - O Gesù mio, o Gesù mio! ah! (prolungato) o Gesù! sarò sempre con te, non ti lascio! perdonagli i peccati, Gesù, non ti faccio soffrire più! Gesù, non ti faccio soffrire! -"

Ore 11.40:"La coronazione di spine

(Giulia): - Ah!... Gesù, soffro io per te! Gesù, non ti lascio solo! ah! (si sente un forte grido e lamento, e poi sviene, annota Franco) -"

Ore 11.55: "Avviano Gesù con la croce sulle spalle

(Giulia): - Gesù del mio Cuore, ti aiuto io! ah! (ripetuto)  o Gesù, ti amo, ti amo! -"

Ore 12.10: "Gesù inchiodato alla croce (Giulia, però, come annota Franco e come dirà pure a me, non vede uscire sangue nè dalle mani nè dai piedi di Gesù.)

(Giulia): - Mi stringo vicino a Gesù. Ti stringo anch'io sul legno della croce! ah! Gesù Gesù Gesù! ah!... Gesù, ti amo! Gesù, ti amo! Gesù, ti amo! (Giulia si alza dal letto standovi, però seduta, apre le braccia, grida e sviene) -"

Ore 13.30: "Gesù in croce dà il messaggio

(Giulia): - Gesù, come sei grande! Cos'è questa nebbia, Gesù? Perché il tuo sangue non esce? Gesù, stai soffrendo? (Gesù): Figlia mia, perché mi chiedi se soffro? Sì! ma tutto ascolto perché ti amo ti amo ti amo. Ascolta in silenzio il Mistero, non stancarti. Non temere, figlia cara, la Roccia della Misericordia scenderà sul mondo e presto molto presto comprenderete . (Giulia): Gesù, che ne sarà degli uomini? (Gesù): Perché mi chiedi questo? (squilla il telefono, Franco va a rispondere perché ha sentito: 'rispondi'. Era Assunta. Pausa del messaggio, che poi riprende). Ti amo, questo deve bastarti! Ancora non è l'ora che tu oggi devi sapere. Se ascoltate,(,°) il mio silenzio  racchiude tutto il Mistero del mio Infinito Amore. Soffri soffri soffri! Ti amo, piccina mia, ti amo ti amo, e tu? (Giulia): Grazie, Gesù, ti amo anch'io. -"

Ore 14.50: "Visione di Gesù in croce, l'Addolorata ai piedi della croce con alcune donne e San Giovanni abbracciato ai piedi di Gesù (ndr. Giovanni sta in piedi, a destra di Gesù, perchè Giulia mi dirà che lo vedeva verso il lato della finestra della stanza)

(Giulia): - GESU', IN QUEST'ORA TI AFFIDO TUTTI I SACERDOTI. METTILI NEL TUO CUORE, O GESU'.

Parla Gesù: Figli, fatemi entrare nei vostri cuori, voglio vivere nei vostri cuori, aprite la porta al mio Amore, figli cari. Padre, Padre mio, nelle tue mani metto ogni cosa. Tutto è adempiuto secondo la tua Volontà. Non vi lascio soli, mi siedo sulla Roccia della Misericordia, in silenzio alzo le mani al Padre.

(Addolorata, dopo lunga pausa): Figli, il mio Amato Gesù è morto per i vostri peccati. Il dolore è atroce per il mio Cuore di Mamma. Figli, sappiate anche voi morire alle cose del mondo e unitevi al mio Gesù che è l'unica Luce della vita eterna e del mondo in terra per la vita eterna. Il mistero si sta adempiendo: IL MIO CUORE E' IL MISTERO DI DIO. Non temete, creature mie, non temete niente! Unitevi sempre col silenzio. Figli miei, vi stringo al Dolore. Amen Amen Amen -".

6) Domenica di Pasqua, 19 aprile (ore 10.40, chiesa di Thurio, durante la Messa)

Giulia scrive: "Durante l'Osanna è apparso Gesù con bianche vesti, tutto luminoso, nelle mani c'erano delle fiammelle di luce, le mani (e braccia, mi dirà) erano aperte. Nella destra c'era una fiammella, una scritta con Pace (ndr. mi dirà che la parola 'Pace' spezzava a croce la fiammella) e nella sinistra c'era il mondo a forma di palla, anche il mondo nella fiammella (ndr. cioè al centro come la scritta 'Pace'). Gesù era sollevato da una grande nuvola. Ha detto per tre volte che ci ama e poi è scomparso dicendo tre volte: - Pregate pregate pregate! -"

Annota Franco: "Il messaggio è iniziato all'Osanna e finisce alla fine della Consacrazione della Messa".

7) Lunedì 20/4/1992, ad una veglia alla Quercia, ore 20

"Se sei tu glorifica Dio. (Immacolata): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amem. Shalom! Sia lodato Gesù Cristo. Sono Io la Vergine Immacolata e il mio Gesù. Figli cari, grazie per l'amore che mi recate, grazie per l'amore che recate ai Cuori Santissimi. Figli miei, elargitevi al mondo e portate la Vittoria del mio Gesù, amatevi gli uni gli altri, figli miei! Io la vostra Mamma e il vostro Gesù, siamo sempre uniti al vostro cuore di figli eletti. Figlio Mario, figlio del mio Cuore di Mamma Fanciulla, sii forte, sii forte ancora. Figlio mio, a te affido la mia Chiesa. Angelo del mio Gesù, ti amo. Figlio mio, ti benedico col mio Cuore di Mamma Fanciulla. Portami nel mondo, figlio mio, fammi amare, angelo mio. Colonne del mio Amore e della Pace del mio Gesù, vi amo vi amo, figli miei, non disperdetevi! Figli miei, le battaglie saranno dure, ma voi siate uniti nell'amore. Vi benedico con la Croce Verde  del mio Gesù nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Vi amo vi amo con lo Spirito di Gesù (ndr. mentre noi ci scambiamo il segno di pace). Vi amo vi amo vi amo vi amo vi amo con la Misericordia del Padre. Lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode (=10)".

Giulia ci dirà che Gesù e la Madonna erano in un arcobaleno.

 

IL MESSAGGIO DEL 24/4/1992 ALLE QUERCIA

a Giulia, ore 15.40, in crocifissione e sofferenza

"(Giulia): Se sei tu glorifica Dio. (Immacolata): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. (Giulia): Gesù, se è possibile allontanalo, fammi soffrire ma allontanalo! (ndr. si tratta evidentemente della visione di un castigo). (Immacolata): Shalom! Sia lodato Gesù Cristo. Sono Io la Vergine Immacolata e il mio Gesù. Figli cari, ancora una volta vi esorto alla conversione e alla preghiera costante. Figli miei, Io sono venuta a voi come Regina della Pace e dei Miracoli, ma i vostri cuori sono gelidi, i vostri cuori non si aprono alla Parola del mio Gesù. Figli, Io vengo per guidarvi al Trono di Dio, non chiedo la mia salvezza ma la vostra. Figli cari, Io vengo con umiltà a chiedervi un Sì di pace, un Sì di amore, un Sì di Dio. Figli, finché fate in tempo offritemi il vostro Sì, fermate le catastrofi col vostro amore e con la vostra preghiera costante. Figli miei, Io giro il mondo per raccogliervi e portarvi al mio Gesù. Figli miei, figli del mio Cuore Immacolato e Addolorato, venite venite, entrate per la porta del mio Cuore di Mamma e di Fanciulla. Figli miei, figli Ministri, ascoltate il grido di una Mamma che vi ama vi ama. Figli miei, anime del mio Gesù, divulgate la Parola di Vita e di Salvezza che è la Parola del mio Gesù: amatevi gli uni gli altri, unitevi al mio Cuore di Mamma, camminate per la Croce e con la Croce. Figli miei, vi benedico con la Luce dello Spirito Santo che è Pace, Amore e Verità. Fate presto, fate presto, figli miei, fate presto! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Piccola Giulia del mio Cuore di Mamma, resta con me ancora un po', guarda, non spaventarti, cuoricino mio (ndr. c'è un'altra visione). (Giulia con sofferenze in progressivo aumento): Mamma! Mamma!* non puoi fermarlo? Mamma! Mamma! Mamma! Mamma*, Mamma, fermalo! Mamma, cosa devo fare? (Immacolata): Preghiere, figlia mia, preghiere! Non dividetevi! Lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode lode (=12)".

PRESTO UN SI' DI DIO PER EVITARE LE CATASTROFI

Le due visioni, di cui saprò solo che sono identiche, ci invitano a riflettere che l'ira di Dio farà scendere presto la sua coppa su questo mondo senza Dio, che rappresenta il figlio della perdizione annunciato per i tempi della venuta di Gesù. Già il Vangelo ci ha ammoniti che quelli saranno giorni terribili, come mai visti sulla terra, ma ha pure detto che saranno ridotti per l'intercessione degli eletti. Tante catastrofi sono già in atto, ma tanti piccoli eletti, i veggenti, sono stati scelti e inviati in tutto il mondo per aiutare l'opera di salvezza di Maria: "Io giro tutto il mondo per raccogliervi al mio Gesù. Figli, figli miei, figli del mio Cuore Immacolato e Addolorato, venite venite, entrate per la porta del mio Cuore di Mamma e di Fanciulla". Come Fanciulla Maria piacque e disse il suo Sì a Dio, come Fanciulla si presenta ancora a noi per invitarci a ripetere con lei il nostro Sì a Dio. Il suo Sì servì a far scendere Gesù nell'uomo per mezzo del suo Seno Materno, il nostro Sì unito al suo servirà ad evitare la catastrofi e ricevere in lei l'abbondanza della vita: "...IO VENGO CON UMILTA' A CHIEDERVI UN SI' DI PACE, UN SI' DI AMORE, UN SI' DI DIO. FIGLI, FINCHE' FATE IN TEMPO OFFRITEMI IL VOSTRO SI', FERMATE LE CATASTROFI COL VOSTRO AMORE E CON LA VOSTRA PREGHIERA COSTANTE". Le stesse cose va dicendo da mesi a Medjugorje e lo ripeterà: preghiere, penitenza e amore contro il mondo ateo ed economico, contro il mondo del peccato, contro il mondo dell'odio. Sono i Grandi che guidano questo mondo e lo sono anche i Ministri della Chiesa che hanno dimenticato che Gesù è il Vivente e la sua Parola è Vivente: sono loro l'amarezza e la passione di Gesù oggi. A loro è rivolto l'invito a credere: "... ascoltate il grido di una Mamma che vi ama vi ama"; a tutti quello di sentirsi 'anime di Gesù e non cercatori di oro del mondo per abbracciare e seguire la politica di Gesù che non è denaro ma amore:" Figli miei, anime del mio Gesù, divulgate la Parola di Vita e di Salvezza che è la Parola del mio Gesù: AMATEVI GLI UNI GLI ALTRI, UNITEVI AL MIO CUORE DI MAMMA, CAMMINATE PER LA CROCE E CON LA CROCE". La Madonna ci dice di far presto perché presto è scritto nel Libro. Facciamolo presto per noi e ancora più presto per quelli che sono sull'orlo della perdizione. Con il nostro amore e la nostra preghiera gridiamo anche noi con Giulia: "MAMMA MAMMA, NON PUOI FERMARLO?" Sì, lo può, lo vuole, ma non senza di noi. Cosa vuole? CREDERE CHE E' IM MEZZO A NOI COME MAMMA E PREGARE CON LEI IL PADRE PERCHE' SCELGA LA SCELTA DI GESU' PER QUESTO UOMO: "Padre, Padre mio, nelle tue mani metto ogni cosa. Tutto è adempiuto secondo la tua Volontà. Non vi lascio soli, mi siedo sulla Roccia della Misericordia, in silenzio alzo le mani al Padre" (cfr. il messaggio a Giulia del Venerdì Santo 1992).

DIVENTA IL POSTINO DI MARIA DIVULGANDO IL SUO MESSAGGIO