Notizie da Sofferetti-24  n. 136

Lauria, 15 novembre 1994  

 

SIETE UN NULLA SENZA L'AMORE DELLA CROCE

 

MESSAGGI TRAMITE GIULIA

1) Giov 27/10/94, ore 21.04, a casa, more solito: "(Giu): Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge): Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, sono venuto a riposare nei vostri cuori, sono venuto a spezzare il Pane Vivo con ognuno di voi. Figli miei, fate festa, venite al mio Banchetto di Luce, di Pace, di Verità e d'Amore. Siediti, sposa mia, siediti e fai festa col tuo Signore e Dio. Figli miei, spose del mio Cuore, gioite e accostatevi al mio Banchetto di Verità e di Perdono.* Tu, croce mia, bevi i calici che mi hanno offerto in questa giornata,* soffri* per amore del tuo Gesù.* (Giu): Gesù, perché ti offrono questi calici amari.* (Ge): Figlia mia, non ti rispondo alla tua domanda, ma accettali.* (Giu): Sì, perché ti amo.* (Ge): Figlio Pasquale, offrimi un bicchiere di vino ed un pezzo di pane come segno di povertà ed amore. Ecco, la nostra amicizia è in un bicchiere di vino e in un pezzo di pane perché io vengo in povertà e in amore.* Ora dai da bare al Figlio santo, tu bevi in povertà.* Dona il pane come segno di pace.* Ecco, io mi sono donato in amore,* in mitezza e in povertà: è così che dovete andare e portare la mia Povertà, la mia Parola Viva nel mondo, è così che vi ho mandati e vi mando da questa Piccola Casa a portare la mia Verità: il mio Amore. Figli cari, pensate alle cose povere, alle cose piccole, e staccatevi dalle cose del mondo, io vengo in povertà e tali vi voglio. Ora fate festa al mio Banchetto, venite, accostatevi, spose mie! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE.* PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* E tu, sposa mia, bevi e soffri per i Grandi del mondo, soffri per i Grandi della Casa del Padre mio: offriti vittima (si accascia, ndr) perché non sai cosa fanno! Sposa mia, io soffro* nel vedere il loro operato! Tu, figlio santo, guarisci le ferite della Casa che crolla, guida il gregge smarrito, conducilo all'Altare Santo.* Vi amo tutti, aspettatemi, io verrò, io verrò, io verrò ancora a spezzare il Pane Vivo con ognuno di voi. Vi amo e vi bacio col Bacio del Piccolo Giovanni:* accoglietelo nei vostri cuori. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. (Giu): Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (Ge): Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, non lasciatemi, non lasciatemi! (Giu): Non ti lascio, Gesù, ti amo! (Preghiera): Pane Vivo del mio Amore, guarisci l'anima mia, guarisci il mio misero cuore, fallo camminare nella Luce della tua Misericordia. Amen".

2) Ven 28/10/94, ore 10.40, a casa, in crocif., orale: "Parla Gesù al mondo: - Figli cari, io mi rivolgo al mio popolo, ai figli che io amo con tutto il Cuore, chiedendovi di amarmi come io vi amo, nonostante voi mi offrite dolori. Figli cari, io sono il vostro Signore, ma voi neanche mi conoscete e non fate nulla per conoscere la mia Amicizia. Figli, come sono solo, quanta tristezza nel vedere tante anime che si perdono per un nulla! Figli cari, voi amate il dio potere che non vi può salvare. Figli, io sono il Dio dell'Amore e della Povertà, io ho accettato i chiodi della Croce per salvarvi, nulla potrà donarvi la Vita Eterna, solo l'Amore della Croce vi può salvare se voi siete disposti ad accettarla. Figli cari, non temete gli uomini e le loro falsità, siate saldi nel Nome del Signore, nulla vi accadrà se restate legati al mio Amore e alla mia Verità. Voi, figli Ministri, siate croce nella mia Croce perché senza di essa non vi conosco: siete un nulla senza l'Amore della Croce. Non scandalizzatevi, perché io vi ho chiamati per servire l'Amore della Croce, non per fare i vostri comodi. Vi amo e vi benedico col mio Amore. Amen (4)".

3) Dom 30/10/94, ore 15.45, alla Quercia, more solito: "(Giu): Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Add): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Figlia mia,* bevi e soffri anche in questa giornata per il tuo Gesù, offriti vittima* per i peccatori, consola il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù.* (Giu): Mamma, c'è sangue anche oggi! (Add): Figlia mia, non temere, prega prega prega! anche quando trafiggono il tuo cuore prega e sii gioiosa nell'Amore del tuo Gesù. (Giu): Sì, Mamma!* (Add): Figlia mia, accetta questi chiodi, accettali. (Giu): Sì, Mamma, amo te ed amo il mio Gesù, stammi vicino, non lasciarmi, Mamma!* (Add): Non temere, io non ti lascio e niente e nessuno ti farà del male, vai avanti con l'unica Croce del tuo Gesù. (Giu): Sì, Mamma!* Mamma, perché piangi? (Add): Figlia, piango per l'umanità, aiutami, piangi con me i dolori, piangi le trafitture e le spade, raccogli le mie lacrime e uniscile alle tue: piccina mia, siamo un'unica cosa col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo, non temere. (Giu): Mamma, tienimi nel tuo Cuore, metto l'umanità nel tuo Cuore, aiutaci!* (Add): Shalom (17). Sia lodato Gesù Cristo. Sono io, la Vergine Addolorata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, io sono qui in mezzo a voi. Figli cari, vi invito ancora una volta a pregare per le mie intenzioni di Mamma. Figli cari, vi invito ad amare l'unica Fonte Vera: amate il mio Gesù, amatevi gli uni gli altri, amate l'Amore della Croce e vivete nella Fiammella dello Spirito Santo. Figli cari, invocate l'Amore dello Spirito Santo, siate lucerne vive con l'unico Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, camminate con la luce del Vangelo del mio Gesù, siate Piccoli Giovanni e gridate con voce di giubilo la Pace e l'Amore del mio Gesù. Figli cari, non amate secondo il mondo, ma amate con l'Amore della Croce: quella Croce dove il mio Gesù ha allargato le sue braccia sante. Figli cari, non cercate altri dii (=dei), amate e aggrappatevi all'unico Dio dell'Amore e della Verità. Figli cari, voi non conoscete i progetti di Dio, neanche potete immaginare ciò che vi è scritto nel Libro di Dio Padre. Figli cari, ancora una volta vi invito a pregare per le mie intenzioni. Figli miei, guardatevi intorno, guardate i flagelli che vi circondano e voi cosa fate? Figli miei, non sapete amare, non riuscite a perdonare e camminate vie che non sono vie dell'Amore della Croce del mio Gesù. IO GRIDO IL MIO DOLORE! Figli cari, convertitevi all'Amore della Croce, convertitevi al mio Gesù: al Gesù della Croce. Figli cari, i tempi che verranno saranno duri, ma voi, Piccoli Giovanni, camminate camminate camminate con la Verità della Croce. Non temete gli uomini, la Potenza dello Spirito Santo è su di voi. Amate, perdonate e usate carità. Perdonate perdonate perdonate coloro che trafiggono i vostri cuori! Figli cari, io verrò ancora per molto tempo a guidarvi sulla via della Croce, non temete: il mio Progetto è Progetto di Pace e viene da Fatima: il mio Cuore Immacolato trionferà e il male sarà annientato. Vi amo tutti e vi benedico col segno tremendo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nell'Amore della Santissima Trinità. Benedico i vostri cuori, benedico le vostre famiglie, benedico ciò che è Luce di Dio Padre. Lode (6). Sia lodato il Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen."

4) CONSACRAZIONE a PARRUTTA PZ (Lun 1/11/1994, ore 15.50, more solito)

Davanti alla fabbrica di Giovanni e Nicolina si consacrano 50 persone. Vorrebbe accomodarsi anche l'esserino, ma non c'è posto. Ecco il tutto: "(Giu): Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Non glorifica): In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via: vai via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via: vai via! vai via! Inginocchiati ai piedi della Croce: vai via! vai via! vai via! Inginocchiati ai piedi della Croce e vai via, vai via, vai via! (al nuovo globo): Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Add): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. *Soffri soffri, creatura mia, bevi anche oggi i calici dei miei dolori, bevi i calici che stanno offrendo al mio Gesù, soffri per l'umanità che trafigge il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù.* (Giu): Mamma, Mamma, Mamma, perché c'è sempre sangue? (Add): Figlia mia, non temere, è il sangue della Pace, quindi non temere questo sangue. (Giu): Sì, Mamma! (Add): Danzate: danzate con l'Amore! Danza, piccina mia!* Shalom (16). Sia lodato Gesù Cristo. Sono io, la Vergine Addolorata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, io sono qui in mezzo a voi. Figli cari, ancora una volta vi chiedo di pregare per le mie intenzioni di Mamma Addolorata. Figli, offritemi i vostri cuori, sono la vostra Mamma, la Mamma della Croce, vengo in mezzo a voi viva e reale a chiedervi di amare il mio Gesù, amatevi gli uni gli altri, siate piccoli, siate poveri. Figli cari, lasciate le cose del mondo che vi portano alla perdizione. Figli miei, io vengo in mezzo a voi in povertà e in mitezza di cuore, vengo a portarvi il mio Gesù: il mio Amato Bene. Figli cari, BEATI VOI CHE CAMMINATE LE VIE DEL MIO GESU', BEATI VOI CHE GRIDATE LA VITTORIA DELLA CROCE, BEATI VOI CHE OFFRITE UN POSTO AL MIO GESU' E AL MIO CUORE DI MAMMA. Figli, conosco il cuore di ognuno di voi e piango lacrime di sangue, accostatevi con amore, offrite i vostri dolori al mio Gesù. Io vi amo, sono la vostra Mamma, la Mamma Immacolata e Addolorata, vengo per la vostra salvezza, siate santi come Santo è il mio Figliolo. Vi amo tutti e vi aspetto nel mio Cuore. Sappiate che io sono viva e reale in mezzo a voi, vi amo, vi amo! Tu, croce mia, soffri per questa giornata. (Giu): Sì, Mamma!* (Ge): Sono io, sono il vostro Gesù. Figli, voglio far festa con ognuno di voi. Piccina mia, non ascoltare ciò che dice il mio nemico,^ vai avanti, vai avanti! Figli cari, oggi vi voglio al mio Banchetto, voglio spezzare il Pane Vivo con ognuno di voi. Siediti, sposa mia. Voglio spezzare il Pane dei Cieli. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA.* PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. E tu, sposa mia, bevi e donalo al mondo,* soffri per i tuoi figli che non vogliono accostarsi al mio Banchetto. (Giu): Sì, mio Gesù! (Ge): Ecco, figli cari, io mi sono donato a tutti voi, ma non tutti i cuori si sono aperti al mio Banchetto, non tutti mi accettate. Figli miei, io vi amo e voglio la vostra amicizia. FORMATE UN'UNICA FAMIGLIA COL PADRE, COL FIGLIO E CON LO SPIRITO SANTO. NON VI E' ALTRO DIO CHE VI PUO' DONARE LA VITA ETERNA: IO SONO IL DIO DELLA CROCE, IL DIO DELL'AMORE, IL DIO DELLA VERITA'. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Aspettatemi, io verrò, io verrò, io verrò nella Luce del Padre mio. (Preghiera): Padre di Eterna Misericordia, LUCE VIVA DEL PECCATORE, consola l'anima mia, donami LA PACE DEL TUO ETERNO AMORE. Amen. (Giu): Ti amo Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (Ge): Vi amo anch'io, piccini del mio Cuore! Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Amen. Pace a voi!"

^ Le buffonate di satana: "I° novembre. Prima dell'apparizione della Madonna si è presentato l'esserino. Era in un velo bianco col falso globo (Giulia mi spiega: dal falso globo è uscito satana che aveva un velo bianco). Al chiedere di glorificare, fingeva di piangere, ma non ha glorificato. Poi si è presentato con le sue brutture. Giocherellava col velo bianco e poi mi ha detto che quel velo lo aveva strappato a Quella Donna perché il re è lui e Quella Donna è sua ed altre parole brutte, ma poi è andato via sbruffando".

5) Giov 3/11/94, ore 21.04, a casa, more solito: "(Giu): Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge): Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen.* Pace a voi! Sono io, sono il vostro Gesù, sono venuto a riposare nei vostri cuori. Figli cari, offritemi un posto, voglio far festa con ognuno di voi. Siediti, sposa mia: siediti e fai festa col mio Amore e con la mia Pace! Spose del mio Cuore,* soffrite per il vostro Gesù.* (Giu): Gesù, perché sei sporco di sangue? cosa t'hanno fatto? (Ge): Soffri,* sposa mia, bevi i calici dei miei dolori, soffri per l'umanità.* (Giu): Sì, mio Signore, ti amo e soffro per te, ma non piangere! (Ge): Figlio Pasquale, offrimi un bicchiere di vino ed un pezzo di pane* come segno della nostra grande amicizia*. Io vengo in bicchiere di vino e in un pezzo di pane: SONO GESU' DEI POVERELLI e MI DONO IN UN BICCHIERE DI VINO E IN PEZZO DI PANE. Figlia mia, offri il mio vino al figlio santo,* ora bevi tu, sposa mia.* Dona il mio pane,* mangia dei miei dolori e donali al mondo.* Ecco, io mi sono donato nella Pienezza del mio Amore nella povertà. FIGLI CARI, ASPIRATE ALLE COSE DEL CIELO, CHE SONO SIMILI AL PANE E AL VINO. Figli miei, io sono solo nell'Orto degli Ulivi a piangere per l'umanità, in pochi mi seguite, in pochi offrite una capanna al vostro Gesù: AL GESU' DELL'AMORE CHE VIENE COL SUO BANCHETTO IN MEZZO A VOI VIVO E REALE, ma quanti di voi credete? quanti di voi vi accostate al mio Banchetto col cuore integro? quanti figli Ministri si accostano al mio Amore col cuore? Tu, figlio santo, figlio della Sofferenza, figlio del Perdono, le tue labbra sono segnate dall'Amore e dalla mia Verità, vai avanti, aiutami tu, porta la Croce per me! e conosco il tuo carico, ma io sono al tuo fianco, non temere. Io grondo lacrime di sangue* per l'umanità che non vuole ascoltare il mio grido di pace, aiutami, figlio Mario! Ora voglio spezzare il Pane con ognuno di voi, voglio far festa col mio Amore e la mia Letizia. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA. PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE.* BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. E tu, sposa mia, bevi e soffri per l'umanità. Ecco, io mi sono donato perché vi amo, vi amo e vi voglio salvi, siate santi come io lo sono, e camminate in povertà e in mitezza.* Vi amo tutti, creature del mio Cuore! spose amate del mio Divino Amore, VI AMO, VI AMO, VI AMO! Aspettatemi, io verrò, io verrò, io verrò nella Pienezza del Padre mio. Piccine, vi bacio col Bacio del Piccolo Giovanni e vi invito a pregare per il mio Piccolo Giovanni: pregate pregate pregate col cuore! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Andate in pace e portate la mia Pace e la mia Luce. Tu, creatura mia, soffri soffri soffri per l'umanità. (Giu): Gesù, perché c'è ancora sangue? (Ge): Figlia mia, prega prega! non puoi comprendere il Mistero di Dio, prega e soffri!* (Giu): Gesù, che t'hanno fatto?* cancella quel segno!* trafiggi il mio cuore, ma cancella IL SEGNO!* (Ge): Figlia mia, non lo posso cancellare, si deve adempiere, tu soffri con amore e umiltà: (Giu): Sì, mio Signore!*"

4) Ven 4/11/94, ore 10.40, a casa, in crocif., orale: "Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli cari, convertitevi ed accettate il mio Vangelo. Io mi sono donato con amore per ognuno di voi e verrò, siatene certi, io non lascio a metà l'opera del Padre mio: le mie parole non vengono meno ed i miei tempi non sono i vostri tempi. FIGLI CARI, I FLAGELLI CHE VI CIRCONDANO SONO SOLO AGLI INIZI E VOI SENZA IL MIO AMORE NON SIETE IN GRADO DI FAR NULLA. IL MONDO VA ROTOLI PERCHE' VOI NON VOLETE IL MIO AIUTO: I VOSTRI POTERI NON POSSONO FERMARE I FLAGELLI. FIGLI, NON RIUSCITE A FAR NULLA SENZA LA MIA AMICIZIA. E voi, GRANDI DELLA CASA DEL PADRE MIO, vi siete guardati nell'intimo? Cosa state facendo? Seguite il mio vangelo? Io dico di No, voi fate solo ciò che vi fa comodo e non pensate al vostro Dio, vi siete costruiti un Dio a vostro piacimento, ma io verrò, siatene certi. Non scandalizzatevi della mia franchezza di parlare! Io vi amo e vi voglio salvi, aspettatemi. Vi benedico col mio Amore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

5) Dom 6/11/94, ore 15.40, alla Quercia, more solito: "(Giu): Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Add): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Soffri, creatura mia, e bevi anche oggi i calici dei miei dolori, soffri per l'umanità che non accetta il mio Gesù.* (Giu): Mamma, c'è ancora sangue! (Add): Figlia mia, prega prega prega,* e non temere gli uomini, soffri per amore della Croce del tuo Gesù. (Giu): Sì, Mamma,* ma non piangere! Mamma, non piangere! trafiggi il mio cuore,* ma non piangere! Mamma, so che non meritiamo niente, ma aiutaci! siamo tuoi figli, aiutaci! metto nel tuo Cuore l'umanità, guidaci alla Verità del tuo Gesù. (Add): Figlia mia, vengo per questo, vengo a segnare le vostre vie col mio Amore e con la mia Povertà.* Ora offriti vittima.* Shalom (12). Sia lodato Gesù Cristo. Sono io, la Vergine Addolorata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, io sono qui in mezzo a voi. Figli cari, vi invito a pregare per la pace, pregate per le mie intenzioni di Mamma Addolorata, io grondo lacrime di sangue per l'umanità. Figli cari, siete in pericolo e i vostri occhi non vedono, vedete solo le cose del mondo che vi portano alla perdizione. Figli cari, siate piccoli, siate semplici e caritatevoli, offrite i vostri cuori al mio Gesù: all'unica Croce della vostra salvezza eterna. Figli cari, non andate di qua e di là, amate l'unico Dio della Povertà e della Croce. Figli cari, siate Piccoli Giovanni della Verità, portate la Luce del Padre nel mondo. Figli miei, la Casa del mio Gesù sta crollando perché siete in pochi ad ascoltare il grido del Vangelo, in pochi amate col cuore! Figli cari, io desidero solo i vostri cuori, non chiedo molto, voglio il vostro Sì alla Croce del mio Gesù, amatevi gli uni gli altri e non primeggiate ma lasciate che sia il mio Gesù la Primizia dell'Amore. Figli cari, non vi è altra verità della Povertà della Croce. Pregate per il mio Piccolo Giovanni, per il Papa che soffre i dolori del mio Gesù. Figli cari, non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi, pregate e fategli compagnia col vostro amore. Io soffro per l'umanità, per i figli Ministri che trafiggono il mio Cuore di Mamma. Figli miei, parte eletta del mio Gesù, amate e perdonate, siate poveri, amate la Povertà della Croce e non primeggiate, indossate gli abiti della Povertà. E tu, piccola croce del mio Gesù, ama, perdona e usa carità, soffri per amore del tuo Gesù. Vi amo tutti e vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nella Povertà della Croce e offrite i vostri cuori. Lode (6). Sia lodato il Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Io sono viva e reale in mezzo a voi. (Preghiera): Madre dell'Infinita Misericordia, consola l'anima mia, fa' che io cammini nella Luce del Padre, squarcia il mio cuore e salva l'umanità. Amen".

6) Mar 8/11/94, ore 10.40, a casa, orale: "Shalom shalom shalom. Sia lodato Gesù Cristo. Figlia, sono la Vergine Addolorata. Figlia mia, non spaventarti. (Giu): Mamma, che ti hanno fatto? (Add): Figlia, l'umanità trafigge il mio Cuore, il mio dolore è enorme. Figlia mia, prega e soffri anche tu. Figlia, voi non sapete quanto pericolo vi circonda, il mio nemico si è scaraventato e ancora va avanti con le sue brutture. Non voglio dire che va avanti perché io non ce la faccio, ma è l'umanità che gli dà spazio per camminare nel suo odio e brutture. Il mio Cuore Immacolato trionferà e il male sarà annientato, ma vi chiedo di pregare e di fare penitenza. Figli, allontanate da voi il male amando e sopportando i piccoli dolori quotidiani: OFFRITE TUTTO AL CUORE DI GESU' E NON LAMENTATEVI SE QUALCUNO VI FA SOFFRIRE. Figli, pregate per le anime elette: per i figli che credono di essere nel giusto e si lasciano confondere dalla luce di satana. Tu figlio Mario, tu figlio Pasquale, tu figlio Franco e tu Piccola Croce, amate, perdonate ed usate carità: mi poggio si di voi con i miei dolori. Vi amo e vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

7) Giov 10/11/94, ore 21.04, a casa, more solito: "(Giu): Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge): Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, sono il vostro Gesù, sono venuto a riposare nei vostri cuori. Figli cari, offritemi un posto, elargite i vostri cuori alla mia Venuta. E tu, sposa mia, siediti. Figli cari, pregate e riparate le offese che trafiggono il mio Cuore. Tu, croce mia, bevi i calici che mi stanno offrendo in questa giornata,* bevili, figlia mia, e soffri.* (Ge): Gesù, perché sei sporco di sangue? che t'hanno fatto? (Ge): Figlia mia, prega* e offriti vittima per i peccatori.* (Giu): Sì, mio Signore!* (Ge): Figlio Pasquale, offrimi un bicchiere di vino e un pezzo di pane come segno di amicizia e di povertà.* Io VENGO in un bicchiere di vino e in un pezzo di pane e vi INSEGNO la mia Povertà, il mio Amore, la mia VENUTA IN MEZZO A VOI. Figli cari, siate saldi perché i flagelli che vi circondano non sono ancora finiti, ne verranno altri, ma non temete, io sono vicino a voi. La mia Venuta è eminente, non temete, creature mie!* Ora, croce mia, bevi del Nettare del mio Amore.* (Giu): Gesù, perché soffri?* (Ge): Bevi bevi! Ora donalo al mondo*, ora mangia del mio Pane come segno di Amicizia, d'Amore e di Perdono.* Ora donalo al mondo: la mia Povertà e il mio Amore!* Ecco, figli cari, io mi dono in un bicchiere di vino e in pezzo di pane* perché vi amo e vi voglio poveri. Figli cari, gioite nel mio Amore e nella mia Povertà, fate festa al mio Banchetto che è qui dinanzi a voi. Figli, allontanate dai vostri cuori il mio nemico, allontanatelo con la preghiera, con l'amarvi gli uni gli altri e non temete perché io verrò, io verrò nella Pienezza del Padre. Ora voglio far festa con ognuno di voi, voglio spezzare il Pane Vivo dell'Amore con ognuno di voi, accostatevi con amore e con umiltà al mio Banchetto. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA.* PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE.* BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* Tu, sposa mia, bevi e soffri per l'umanità.* (Giu): Sì, mio Signore! (Ge): Ecco, io mi sono donato nella Pienezza* del Padre. Tu, sposa del mio Cuore, soffri e immolati per i Grandi del mondo*, immolati per i Grandi della Casa del Padre mio.* Figlia mia, tu non puoi comprendere ciò che fanno!* io grondo lacrime di sangue* perché sono solo nell'Orto degli Ulivi, il mio Cuore è straziato da mille dolori,* fatemi compagnia,* non lasciatemi solo! Spose del mio Cuore Immacolato, soffrite col vostro Gesù,* non temete, io non vi lascio, verrò ancora a spezzare il Pane con ognuno di voi. Spose mie, conosco il cuore di ognuno di voi e con la mia Misericordia lo offro al Padre affinché usi misericordia, amate amate amate e aspettatemi, io verrò, io verrò, io verrò ancora a spezzare il Pane con ognuno di voi. Benedico i figli che sono uniti al mio Banchetto (da lontano, ndr), benedico voi, benedico i vostri cari col Fuoco dello Spirito Santo, amate, perdonate e usate carità. Vi benedico col Padre e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. (Giu): Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (Ge): Vi amo anch'io, spose del mio Cuore e vi bacio col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e fatelo crescere. Andate in pace, portate il mio Amore e la mia Verità di Padre".

8) Ven 11/11/94, ore 10.40, a casa, in crocif., orale: "Parla Gesù al mondo. _ Figli cari, la mia Parola non viene meno, io ho promesso ai miei cari che verrò. Figli, il cielo e la terra passeranno, ma la mia Parola rimane sempre. Figli, I FLAGELLI CHE VI CIRCONDANO, ANCHE ANCHE ESSI PASSERANNO E NULLA RIMARRA', MA LA MIA PAROLA NON AVRA' FINE. Non fate i duri, ma ascoltatemi perché senza di me non potete far nulla. Figli miei, convertitevi al mio Amore, amate e perdonate coloro che trafiggono il mio Cuore, siate caritatevoli col fratello bisognoso. Figli cari, ciò che fate con amore e carità, non fatelo per vanto ma per amore: fate tutto nel Silenzio della Croce. Voi, figli Ministri, CAMMINATE NELLA LUCE DELLA MIA PAROLA SECONDO I MIEI COMANDAMENTI, NON USATE IL VOSTRO SACERDOZIO PER I VOSTRI INTERESSI E NON MOSTRATEVI GRANDI PERCHE' IO VI VOGLIO PICCOLI: IO SONO VENUTO IN POVERTA' PER PORTARVI LA GRANDEZZA DELL'AMORE. Tu, piccola croce mia, vai avanti col tuo carico, io sono al tuo fianco e non ti lascio, prega sempre per i tuoi figli Ministri: prega, figlia mia! Vi amo e vi benedico col Padre e con lo Spirito Santo. Amen (4)".

9) CONSACRAZIONE A COSENZA (sab 12/11/1994, ore 17.10, more solito)

"(Giu): Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio! glorifica Dio! (non glorifica e quindi): In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! vai via! Inginocchiati ai piedi della Croce! vai via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! vai via! vai via! vai via! In nome e potere della Croce ti ordino di andare via! Vergine Immacolata, San Michele, intervenite! San Michele, intervieni! (al globo di luce celeste): Se sei tu glorifica Dio. (Add): Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Soffri, creatura mia, soffri ed offriti vittima per i peccatori, bevi bevi i calici che stanno offrendo al mio Gesù, bevili con amore. (Giu): Sì, Mamma!* Mamma, perché piangi? perché il tuo abito è sporco di sangue? Mamma, c'è ancora sangue! fermalo! fermalo, se puoi! (Add): Figlia mia, prega prega prega e consola il mio Cuore di Mamma. (Giu): Sì, Mamma!* (Add): Shalom (16). Sia lodato Gesù Cristo. Sono io, la Vergine Addolorata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi a portarvi l'Amore del mio Gesù. Figli cari, vengo perché i tempi che verranno saranno duri. Figli miei, non temete, l'Amore di Dio Padre è con voi perché siete miei figli: io vi ho stretti ai piedi della Croce al mio Cuore Immacolato e Addolorato. Figli cari, grondo lacrime di sangue per l'umanità, piango per ognuno di voi, piango per i figli che trafiggono il mio Cuore. Figli miei, io sono qui in mezzo a voi viva e reale (una donna chiede se Giulia vede la Madonna): sono qui in mezzo a voi viva e reale e soffro per i figli che trafiggono il mio Cuore, i figli che non accettano la mia Verità, il mio Amore, la mia Croce: la Croce del mio Gesù. Figli cari, camminate col Vangelo del mio Gesù, perdonate, amate e usate carità. Pregate per i figli Ministri, per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa, non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi. Figli miei, gridate con amore la Parola del mio Gesù, abbracciate la Croce e camminate con essa e per essa. Io vi amo tutti, figli cari, anche se trafiggete il mio Cuore di Mamma Addolorata! Io verrò ancora a portare il Pane Vivo del mio Gesù. Vi amo e vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nell'Amore di Dio Padre. Lode (4). Sia lodato il Nome di Gesù, di Giuseppe di Maria. Tu, croce mia, soffri per i figli che non vogliono accettare la mia presenza viva e reale, soffri. (Giu): Sì, Mamma!"

CORRISPONDENZA

Debora Cabriolu

Debora Cabriolu (Selargius): "7/11/94. Car.mo don Mario, le scrivo per raccontarle una cosa che mi è successa tempo fa. Un giorno ho litigato con mia madre, poi sono andata a scuola e ho scritto una preghiera. Era da giorni che la prima frase della preghiera mi rimbombava nella mente, quasi come un invito a scriverla. Non ero riuscita a trovare un po' di tempo per scrivere ciò che sentivo. Quel giorno però ho aperto un quaderno e, presa una matita, ho incominciato a trascrivere la prima frase, senza rendermene conto ho scritto questa preghiera e, leggendola, alla fine non mi sembrava possibile che l'avessi scritta proprio io. Riporto la preghiera.

Donna,/dov'è tuo Figlio?/Dov'è quell'Uomo/che ha salvato il mondo? /Dov'è Colui che/ha dato la vita/per noi uomini/malvagi?/Donna, nostra Madre/Madre nostra e/di colui/che è Figlio/e Padre/di ognuno di noi./ Donna,/ tu sei Madre/ di tutti noi./ Eccoci qui/umili/come quell'umile/capanna in cui/tuo Figlio nacque./AMACI CON IL CUORE/DI MADRE./Amaci quando sbagliamo./Amaci anche quando/ci odiamo tra noi./ Amaci come ci amò/il Figlio tuo Gesù./Anche quel tuo figlio che/è l'ultimo/tra gli uomini/t'ama./ Maria, Gesù è lì/nell'alto dei cieli/seduto sulla Roccia/della Sapienza, della Misericordia,/ dell'Amore e della Carità/e ci ama./Amateci dunque/perché siamo peccatori/e come tali sbagliamo./ Aiutateci/ad accostarci a voi/a pregare con fede e costanza,/ad essere docili/come agnelli./ Aiutateci/ ad imitarvi/ed essere santi".

Cara Debora, la poesia è carina. Non c'è bisogno di responsi perché la legga la mamma. La Madonna non è dea di oracoli, chiede amore e aiuto per i figli smarriti e quanto vuole è pregare come la tua preghiera.