Notizie da Sofferetti-24  n. 174

Lauria, 30 maggio 1996  

 

SOLDATINI DELL'AMORE nel mondo

PORTANDO LO SHALOM DEL PADRE

nel Segno del Bacio del Piccolo Giovanni

 

1) Giov 9/5/96, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu)Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato èqui in mezzo a voi: gioite e fate festa,* figli cari! Tu, croce mia,* stasera soffri in modo particolare per i Grandi del mondo. Figlia, siediti e accetta con amore, come tu sai fare, le sofferenze.* (Ge) Sì, Gesù, ma aiutami perché sono debole!* (Ge) Non temere, figlia mia, ce la fai, io sono qui vicino a te, non temere,* bevi sempre i calici misti, figlia mia.* (Giu) Gesù, mi stringono alla gola,* aiutami tu a berli!* (Ge) Figlia mia, in questa serata sono ancora più amari* perché i Grandi del mondo stanno trafiggendo* il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma e trovo poche anime disposte a soffrire* ed io mi poggio su di te, anima mia! Siete in pochi ad accettare la Croce e la Sofferenza, molte creature preferiscono la strada del mondo che porta alla gioia e alla perdizione,* tu soffri soffri, anima mia: aiuta i tuoi figli, aiuta queste anime che non vogliono accettare* la Luce del mio Vangelo, della mia Verità e la mia Presenza qui in mezzo a voi.* (Giu) Gesù, tu piangi! il tuo abito è sporco di sangue! Gesù, sono io a farti soffrire? (Ge) No, figlia mia, tu consoli il mio Cuore con la tua sofferenza,* bevi ancora,* bevi ancora!* (Giu) Gesù, aiutami, è amaro!* (Ge) Coraggio, anima mia,* coraggio che ce la fai, bevi ancora,* in pochi accettano i calici come li bevi tu. Figlia mia, guarda le anime, guarda i figli Grandi della Casa del Padre mio!* (Giu) Gesù, fagli capire di non sbagliare! (Ge) Figlia mia, neanche mi vedono! tu bevi i calici e con la tua sofferenza aiutali.* (Giu) Gesù, dammene ancora, li bevo tutti!* (Ge) Ecco, figlia mia, riposati un po',* riposati un po'. (Giu) Gesù, c'è ancora sangue sulla Roccia, tu soffri! (Ge) Figlia mia, il mio dolore è vedere le anime che non vogliono accettare la mia Luce, la mia Verità, il mio Amore, io do tutto il mio Amore ma le anime non lo vogliono accettare ed io soffro per questo e invito voi alla preghiera costante, invito voi a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa:* non lasciatelo solo, figli miei, perché lui soffre come me e la sua Roccia è bagnata di sangue, pregate e consolate il suo cuore.* Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché io vengo così in mezzo a voi, piccolo e povero: Sì, figli miei, VENGO piccolo e povero e così VI VOGLIO, anche se molti di voi non credete in questa Mia Povertà, in questa Mia Piccolezza del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. Figli miei, io vedo i vostri cuori, conosco ogni vostro piccolo segreto e soffro soffro, figli miei, e chiedo solo di legarvi alla Croce: di ABBANDONARVI nel CUORE del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo perché I FLAGELLI SONO ANCORA SU DI VOI e SONO TANTI! Figli miei, perché VOI non li volete fermare? Figli cari, allungate la Catena del Rosario e pregate: pregate perché siete voi a non volerlo, siete voi che non accettate la mia Luce, la mia Verità, il mio Amore. Mi rivolgo al mondo intero e anche a voi che siete riuniti in questo piccolo angolo di paradiso perché io sono qui sempre, figli miei, e vi amo, vi amo! Ora PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO COME SEGNO DI AMICIZIA E DI POVERTA' E DONALO CON AMORE AL MONDO COME SOLO TU SAI FARE. Tu, croce mia, soffri ancora nel silenzio, soffri per i tuoi figli: per le anime che non vogliono vedere la mia Luce, la mia Verità e il mio Amore.* Ora dai da bere al Figlio Santo, offri il Calice dell'Amore, il Calice del Piccolo Giovanni: tu figlio mio, Piccolo Giovanni della Verità e dell'Amore, sii sempre forte, consola i cuori afflitti, dona la Pace, la Luce e l'Amore dello Spirito Santo com'è racchiuso nel tuo cuore; figlio mio, vai avanti, io sono sempre con te: vai avanti! ora bevi del Calice del Piccolo Giovanni. Tu, figlia mia bevi del Calice della Sofferenza, bevine ancora, figlia mia.* Figlio mio, dividi il Pane dell'Amore e dell'Amicizia: mangialo e donalo al mondo. Tu, croce mia, mangia LA DELIZIA del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e donala al mondo. Ecco, figli miei, io mi sono donato NELL'AMORE del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo perché vi amo, vi amo e IL MIO AMORE E' PIENO: E' PIENO DI DIO PADRE, DIO FIGLIO E DIO SPIRITO SANTO. Figli miei, elargite i vostri cuori, elargiteli alla Croce: fermatevi e contemplate il mio Cuore che gronda sangue sul legno della Croce per ognuno di voi! Figli miei, IO PIANGO* PIANGO perché NON VEDO ANIME CHE CONTEMPLANO IL MIO CUORE: figli miei, CONTEMPLATE IL MIO CUORE CHE GRONDA SANGUE PER OGNUNO DI VOI! (Giu) Gesù, sei grande e il tuo Cuore è immenso! (Ge) Sì, figlia mia! Sì, figlia mia! Ora venite al mio Banchetto così come siete: accostatevi, figli miei, e fate festa! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli miei!* PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO* DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, figli miei, io mi sono donato NELLA PIENEZZA del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo perché vi amo, vi amo, vi amo e vi chiedo scusa se mi fermo a lungo a parlare con voi ma GIOISCO NEL(LO) STARE IN MEZZO A VOI, figli cari, MA CHIEDO A VOI LA STESSA COSA: Gioite con me oppure no? GIOITE, FIGLI MIEI,* SOFFRO NEL VEDERE I CUORI!* Figli miei, andate avanti con la Croce perché non è pesante, non lamentatevi, figli miei, perché la mia è molto più pesante della vostra e la porto sempre: non la lascio perché vi amo, vi amo! Amate anche voi: amate amate e perdonate, figli cari! Ora vi lascio, figli miei, ma verrò ancora in mezzo a voi. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Piccolo Mario, piccolo Pasquale, insieme alla Mamma mia legate la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. (Giu) Grazie, Gesù, grazie, sei grande e il tuo Cuore è immenso! Ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò: E' LA GLORIA DEL PADRE!"

2) Ven 10/5/96, ore 10.40, a casa, in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, IL MIO AMORE per voi E' COME UNA SORGENTE CHE NON DISSECCA: LA MIA ACQUA E' ACQUA DI VITA ETERNA e CHI NE BEVE RISORGE A VITA ETERNA. Figli, io prego il Padre affinché vi faccia scoprire la mia Sorgente, voi siete come pecore smarrite: non riuscite a vedere la Sorgente della Vita. Io sono qui in mezzo a voi seduto sulla Roccia del Padre e vi aspetto col Cuore Grondante di Sangue. Figli, io vi dono ciò che il Padre ha donato a me perché noi siamo un'unica cosa sola: io vi dono il mio Amore e vi chiedo anche a voi di donarlo al mondo. Figli, L'UMANITA' SI STA SPEGNENDO perché NON SAPETE RICONOSCERE L'AMORE DELLO SPIRITO SANTO. IO VI DO IL BACIO DEL PICCOLO GIOVANNI per fare con voi UN'INFUSIONE D'AMORE ma voi ancora non comprendete: siete come i miei primi discepoli che non comprendevano ciò che io dicevo loro! Voi figli miei, piccolo Mario, piccolo Pasquale, piccolo Franco, AVETE IL COMPITO DI DONARE IL BACIO DEL PICCOLO GIOVANNI e tu, croce mia, prega affinché questa missione si adempia. Vi benedico con la Croce. Amen (4)".

3) Dom 12/5/96, ore 15.40, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu piangi anche oggi lacrime di sangue!* (Imm) Figlia mia, accetta anche oggi i calici del mio Gesù e soffri per l'umanità che trafigge il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù.* (Giu) Mamma, ti faccio gli auguri (per la Festa della Mamma, ndr) da parte mia e da parte di tutti quanti: accoglili! (Imm) Sì, figlia mia, li accolgo e li faccio anche a voi: figli miei, siate mamme, non stancatevi di portare avanti l'Amore del mio Gesù, siate mamme della Croce! Non guardate le cose del mondo, figli miei, accostatevi con misericordia al Vangelo del mio Gesù e non staccatevi da esso. Figli miei, il mio Cuore di Mamma è trafitto perché io vengo in mezzo a voi a portare il Fuoco di Pentecoste, ma voi non l'accettate: vi elargite alle cose del mondo e rinnegate il Vangelo del mio Gesù! ACCETTATE I DOLORI, figli miei, ACCETTATE LA CROCE perché solo in essa c'è la Vita Eterna e la Salvezza. Figli miei, non lamentatevi delle piccole croci quotidiane, ma come me, Mamma della Croce, inginocchiatevi ai piedi di essa ed implorate misericordia misericordia misericordia perché i flagelli sono su di voi, figli miei, perché non volete ascoltare il grido di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo. Figli miei, io sono pellegrina nel mondo intero a implorare misericordia per ognuno di voi: per la vostra salvezza, per la vostra santità. Figli miei, preoccupatevi di essere santi, non preoccupatevi delle cose del mondo perché essi/e passano ma la Vita Eterna dura per sempre e potete gioire col mio Gesù con l'Amore dello Spirito Santo che io porto in mezzo a voi per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo.(.)° Io sono qui in mezzo a voi viva e reale col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli miei, imitatelo e seguite la sua strada di dolore e di carità (=Lentini)°, amatevi gli uni gli altri perché solo amando sarete riconosciuti come figli di Dio e figli della Luce. Tu, croce mia, accetta ancora le sofferenze e i chiodi per i figli della perdizione: i figli che non vogliono ascoltare il Vangelo del mio Gesù. E voi, figli Ministri, togliete le maschere, toglietele, figli miei, e amate col cuore aperto il mio Gesù e i vostri figli: siate mamme, mamme col cuore grondante di sangue! Figli miei, vi invito a pregare per la Chiesa tutta: pregate perché è in grave pericolo e i flagelli si abbattono sul mondo perché siete in pochi ad amare, in pochi a donare l'Amore e la Parola del mio Gesù. Io vi amo tutti e come Mamma grondo lacrime di sangue per ognuno di voi. Figli miei, camminate sulla Via della Croce, camminate sulla Via-Mamma e non stancatevi! Figli miei, io vi amo, vi amo, vi amo, figli cari, e verrò ancora in mezzo a voi a portare il Fuoco di Pentecoste. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nell'Amore della Santissima Trinità. Figlia mia, soffri ancora e accetta le persecuzioni che verranno ancora. Lode (6). Lodato sempre sia il Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen.

(Preghiera): O Tabernacolo Immenso, o Luce Radiosa del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, consola l'anima mia, consolala con la Rugiada del tuo Amore Immenso: AMORE MATERNO. Amen. Grazie!

4) Lun 13/5/96, ore 16.55, a Lauria, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlia mia, soffri anche oggi: accetta anche oggi i calici del mio Gesù e soffri per l'umanità che trafigge il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù.* (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu grondi lacrime di sangue! Mamma, sono io a farti soffrire? (Imm) No, creatura mia,* è l'umanità, non sei tu. Tu accetta i chiodi e soffri, creatura mia: soffri per l'umanità! (Giu) Sì, Mamma! (Giu) Figli miei, io vengo in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli  i Santi e il Servo della Croce. Figli miei, io vengo a portare LO SHALOM DEL PADRE ma nessuno di voi l'accetta! Figli miei, coronate il Cuore del mio Gesù col vostro Sì alla Croce, ascoltate il grido del Santo Vangelo, figli miei, e camminate sulla Via-Mamma che io vi sto segnando col mio SANGUE MATERNO.* Figli cari, figli Ministri, elargite i vostri cuori, elargiteli alla Croce: siate mamme della Croce del mio Gesù. Io grondo lacrime di sangue perché siete in pochi, in pochi ad accettare l'Amore: Vangelo del mio Gesù. Io sono Mamma e piango per ognuno di voi! Figli miei, fermatevi e contemplate il Cuore del mio Gesù: contemplatelo, figli miei, amate e perdonate i vostri nemici: pregate! (Giulia, al Sanctus): Ti amo, Gesù! (17) - (Durante la Consacrazione): Sei grande, Gesù, sei grande! sei grande, Gesù! sei grande, Gesù! sei grande, Gesù! sei grande, Gesù! sei grande, Gesù! (Dopo la Consacrazione del Vino): Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (Immacolata, al Mistero della Fede) Figli miei, creature del mio Cuore, camminate sempre sulla Via-Mamma che io vi sto segnando con l'Amore del mio Gesù. Crescete nel Segno Tremendo della Croce, figli miei! Figli, pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: non lasciatelo solo! pregate e camminate col Sigillo della Croce, io sono sempre qui in mezzo a voi viva e reale. Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito santo. Crescete nel Segno Santo della Croce. Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen".

5) Giov 16/5/96, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, sono venuto per riposare nei vostri cuori: figli miei, gioite e fate festa perché io sono qui vivo in mezzo a voi!* Tu, croce mia, bevi ancora i miei calici e soffri per i tuoi figli, creatura mia!* (Giu) Gesù, i calici sono ancora misti ed io sono debole, aiutami tu perché i figli non ascoltano:* aiutami a bere i calici che tu mi offri! (Ge) Figlia mia, accetta anche i chiodi e soffri. (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Ora siediti, creatura mia.* (Giu) Gesù, c'è ancora sangue sulla Roccia e tu sei triste! (Ge) Figlia mia, come posso gioire? Guarda cosa fanno i Grandi del mondo: come posso gioire? COME PUO' GIOIRE IL CUORE DEL PADRE?!* Soffri anche tu con me, creatura mia, e chiedo anche a voi, figli miei, di sopportare almeno per un attimo le piccole sofferenze, le piccole offese: amatevi gli uni gli altri perché io ho scelto voi, figli miei, per essere consolato e amato. Figli cari, non fermatevi sulle piccole cose, non date spazio al mio nemico ma legate la Catena Santa dell'Amore: tenetela stretta, figli miei! Dico a voi che siete qui riuniti e al mondo intero* che si accosta a questa Santa Preghiera che voi innalzate al Padre: NON FATE SPEZZARE LA CATENA DELL'AMORE, FIGLI MIEI!* Tu, croce mia, soffri nel silenzio, bevi i calici amari* che il mondo mi offre, sii sempre piccola e povera come io ti ho scelta, figlia mia, e dona sempre il tuo cuore come tu sai fare; invita i tuoi Piccoli Giovanni ad amare e a perdonare. Figli miei, siate un'unica famiglia ma sappiate che io leggo i vostri cuori: non fatemi piangere, figli miei!* (Giu) Gesù, trafiggi ancora il mio cuore, prendilo ma non soffrire per noi: non siamo degni! (Ge) Figlia mia, io mi sono poggiato su di voi e voglio il vostro amore: il vostro Sì totale alla Croce. Vi lascio liberi ma vi voglio santi, figli miei! Distaccatevi dalle cose del mondo e legatevi al mio Cuore perché gronda sangue* per ognuno di voi perché io sono Padre e non posso abbandonare i miei figli. Figli miei, sappiate che i flagelli si abbatteranno ancora sull'umanità, non sono ripetitivo ma vi avviso di tutto questo perché vi amo, vi amo, vi amo e il mio Amore non ha limite. Figli miei, amate anche voi: amate col cuore! amate e sconfiggete satana con l'amore, col perdono e con la carità. Tu, creatura mia,* croce mia, immolati per i Grandi del mondo* che trafiggono il mio Cuore attimo per attimo: immolati! (Giu) Gesù,* dammi la forza perché sono debole.* (Ge) Figlia mia, stringiti alla mia Croce e da essa avrai la forza.* Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà. Ecco, così io vengo in mezzo a voi nella Povertà, nell'Amore e nella Carità. IN QUESTO CALICE C'E' LA PIENEZZA DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO E DELLA MAMMA MIA IMMACOLATA E ADDOLORATA: IL SUO DOLORE E' ENORME perché SIETE IN POCHI A CONSOLARE IL SUO CUORE DI MAMMA! SIATE MAMME MAMME MAMME DELL'AMORE DELLA SANTISSIMA TRINITA'! Figli miei, RICONOSCETE L'AMORE DELLA MAMMA, RICONOSCETE IL SUO SI' ALLA CROCE, IL SUO SI' AL DOLORE, IL SUO SI' ALLA PENITENZA e IMITATELA COL SUO CUORE TRAFITTO DA MILLE DOLORI. Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO: RENDILO FECONDO E DONALO AL MONDO E AI PICCOLI GIOVANNI. Ora, figlia mia, bevi ancora del mio Calice, bevilo e soffri ancora, figlia mia! NON POSSO TOGLIERTI LE SOFFERENZE, DEVO POGGIARMI ANCORA SU DI TE. (Giu) Sì, Gesù, fallo: poggiati sempre perché io ti amo, ti amo! (Ge) Bevi, figlia mia:* bevi e soffri!* Ecco, figlia mia, hai consolato il mio Cuore: continua a soffrire. (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Ora offri da bere alla mia sposa (=Agata di Ciccio): tu, figlia mia, corona del Santo Rosario, vai avanti con la tua croce (non ha un'attività psicomotoria perfetta, ndr) perché io mi poggio su di te come un Piccolo Giovanni, cullami nel tuo cuore; figlia mia, da ora in poi alzati e cammina e porta il mio Vangelo ovunque vai, non temere, io sono sempre vicino a te, non ti lascio, figlia mia, vai avanti con la Croce della Misericordia, ora bevi ed offri al mondo il mio Amore e la Verità del mio Vangelo. Figlia mia (=Giulia), dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo come io mi dono ad ognuno di voi. Ora, figlia mia (=Agata), dividi anche tu e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e donalo al mondo. Ecco, LA FESTA E' QUI IN MEZZO A VOI: IL BANCHETTO E' PRONTO, spose amate del mio Cuore, ACCOSTATEVI COSI' COME SIETE, PICCOLI E POVERI, MA VI CHIEDO DI AMARVI GLI UNI GLI ALTRI. Spezzate le catene di satana: figli miei, spose mie, fate gioire il mio Cuore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Ora accostatevi al Banchetto Nuziale e gioite perché io sono qui, in quest'angolo di paradiso, vivo e reale, figli! consolate il mio Cuore: contemplatelo perché gronda sempre per ognuno di voi. Ora venite. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli miei! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* Ecco,* io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo, ma voi sapete rispondermi: MI AMATE COL CUORE? Figli miei, MI AMATE COL CUORE?* Vi amo, figli miei, ma sono solo nell'Orto degli Ulivi e il mio Cuore gronda sempre di più sangue perché siete in pochi a ricambiare il mio Amore! Figli miei, voglio essere cullato: portatemi in braccio perché voglio essere accarezzato dai vostri cuori! Non chiudetemi la porta ma lasciatemi gioire con voi!* Figli miei, vi chiedo scusa se resto a parlare ma vi amo, vi amo, vi amo, figli miei! Ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a spezzare IL PANE DELL'AMORE. Vi invito a pregare per la Chiesa tutta, pregate pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa. Figli miei, consolate il Cuore della mia Amata Mamma e amatevi gli uni gli altri. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figli miei, legate la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. (Giu) Gesù, sei grande seduto sulla Roccia del Padre e la tua Misericordia è infinita perché guardi noi, miseri peccatori, che non siamo degni di stare dinanzi a te. Sei grande, Gesù: perdonaci se non sappiamo amare ma non lasciarci! (Ge) VI AMO TROPPO, figli miei: NON POSSO LASCIARVI! (Giu) Grazie, Gesù! Ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò. Grazie per avermi ascoltato!"

6) Ven 17/5/96, ore 10.40, a casa, in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, io sono con voi sempre perché vi amo, ma voi vi nascondete dietro alle cose del mondo: vi chiudete nel tunnel della morte e non volete vedere la mia Luce, la mia Rugiada d'Amore. Figli, il mio Cuore gronda sangue perché voi non mi amate, non cercate la mia Via, eppure io sono qui con voi: non vi ho lasciati mai un istante senza il mio Amore. E voi, figli Ministri, cercate la mia Porta e prostratevi ad essa perché l'ora del Padre è imminente e voi non avete vigilato: siete caduti in un sonno profondo ed i vostri occhi sono confusi e annebbiati del mondo. Cosa posso dirvi: Ora andate perché tutto è compiuto?! Ma vi amo e vi chiedo di rinnovare i vostri cuori. Tu piccolo Mario, figlio santo, tu piccolo Pasquale, tu piccolo Franco e tu Croce del mio Cuore: andate avanti col dare il Bacio del Piccolo Giovanni. Non temete se rideranno di voi perché lo hanno fatto anche con me (per il bacio che dava anche lui? Così sostiene pure Maria Valtorta, ndr). Vi amo e con voi benedico il mondo. Auguri, piccolo Pasquale (è S. Pasquale), sii forte! Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Amen (4)".

7) Dom 19/5/96, ore 11.20, in macchina verso Cosenza, more solito:

 "(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlia mia, bevi ancora i calici del mio Gesù e soffri anche oggi per l'umanità. Bevi i calici, figlia mia,* e consola il mio Cuore e il Cuore del tuo Gesù: soffri per l'umanità.* (Giu) Mamma, che t'hanno fatto? Il tuo abito è sporco di sangue e tu grondi lacrime di sangue!* (Imm) Figlia mia, non temere, bevi i calici* e soffri per l'umanità.* Pregate per i figli della perdizione che stanno sporcando l'Altare della Misericordia, pregate ed offrite le sofferenze in riparazione di tutte le offese che vengono recate al mio Cuore e al Cuore del mio Gesù. Figli miei, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, vi invito ad amare e a perdonare, pregate pregate pregate perché i flagelli sono ancora su di voi e non si allontanano perché siete in pochi a pregare. Figli miei, in questa giornata (=l'Ascensione) io vi invito ad imitare il Santo Vangelo del mio Gesù: ANDATE, BATTEZZATE E PORTATE LA PAROLA DEL MIO GESU' NEL MONDO INTERO. Figli miei, io vi invio come Piccoli Giovanni a portare la Verità e la Luce del mio Gesù. Pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi! Figli miei, non temete, consolerò anche il vostro cuore con l'Amore dello Spirito Santo perché vi amo, vi amo e il mio Gesù è sempre con voi. Non temete niente e nessuno, siate sempre piccoli e poveri, figli miei, perché la vostra ricchezza è nei Regni dei Cieli. Non legatevi alle cose del mondo che passano, figli miei: sappiate che la Ricchezza Celeste dura in eterno e a quella dovete guardare. Figli cari, POPOLO ELETTO DEL MIO GESU', andate avanti con la mia Santa Benedizione. Vi invito a portare l'Amore, la Pace, la Carità nel mondo. Tu, croce mia, soffri ancora e bevi i calici misti* per amore del tuo Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nel Segno Tremendo della Croce. Lode (5). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Tu, croce mia, soffri ancora per l'umanità. (Giu) Sì, Mamma!"

8) Giov 23/5/96, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, figli cari, ma insieme a me soffrite sul legno della Croce! E tu, creatura mia, bevi ancora i miei calici misti e soffri per l'umanità, ma in modo particolare soffri e accetta ancora* i calici per i figli Ministri: per i Grandi della Casa del Padre mio.* Figlia mia, accetta ancora i chiodi* e soffri per le anime che non vogliono accettare il mio Amore, la mia Verità, il mio Vangelo. Siediti, sposa mia, e soffri con me sul legno della Croce.* (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la forza!* (Ge) Guarda, sposa mia!* (Giu) Gesù, perché non li fermi? è atroce: fermali, Gesù!* (Giu) Bevi ancora del calice, figlia mia, non sono io che non li voglio fermare, sono loro che non mi ascoltano: non vogliono donarmi la mano, mentre io sono pronto a perdonare e amare.* (Giu) Gesù, trafiggi il mio Cuore: sollevali, sollevali da quella fossa enorme!* (Ge) Bevi del calice* e invita a soffrire e pregare col cuore: solo così potete salvarvi, ma ACCETTATE LA SOFFERENZA, figli miei, PERCHE' E' LA MEDICINA CHE CURA LE ANIME. Non rifiutatela, spose mie, soffrite per amor mio e consolate il Cuore* del Padre perché siete in pochi ad amare e a consolare il Padre mio. (Giu) Gesù, dimmi cosa devo fare ancora! (Ge) Figlia mia, tu mi stai dando tutto, cosa posso chiederti ancora? Non ti risparmi niente! soffri ancora con me sul legno della Croce e bevi ancora i calici, dato che tu li vuoi. (Giu) Sì, Gesù, ma salva il mondo e le anime che non ti conoscono: salva tutti, Gesù!* (Ge) Io sono qui per salvarvi e portarvi con me a gioire col Padre. Figlia mia, vengo in mezzo a voi a portare il Pane del Cielo perché vi amo e chiedo a voi la stessa cosa: AMATE COL MIO AMORE, PERDONATE COL MIO CUORE E DONATE LA MIA CARITA' COME IO LA DONO A VOI. Figli miei, voi siete i miei Piccoli Giovanni, le Lucerne del mio Cuore e della mia verità, ed io mi poggio su di voi perché vi amo, vi amo! Vi chiedo sempre di pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: pregate e non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi! Figli miei, io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e anche se non mi sentite, in questo attimo io sto accarezzando i vostri cuori.* Figli miei, COME Padre, Figlio e Spirito Santo, COME Fratello e Amico e COME Sposo vostro IO VI ACCAREZZO perché vi amo, vi amo E ACCAREZZANDOVI POGGIO SU DI VOI LA MIA CROCE, LA MIA SOFFERENZA E IL MIO AMORE. Non lamentatevi, spose mie, ma GIOITE GIOITE ALLA MIA CAREZZA! COME UNO SPOSO ACCAREZZA LA SUA SPOSA E GIOISCE, COSI' ANCHE VOI GIOITE NEL SENTIRE IL MIO DOLORE, IL MIO LAMENTO DI PADRE, DI FIGLIO E DI SPIRITO SANTO. ECCO IL MIO AMORE, ECCO LA MIA CARITA', ECCO IL MIO VANGELO: LA SOFFERENZA, perché IO SONO VENUTO IN MEZZO A VOI PER SOFFRIRE E PER LIBERARVI NELLA SOFFERENZA. Figli miei, ricordate che LA MIA VIA E' SEGNATA DAL SANGUE E DALLA CROCE e NON VI E' ALTRO GESU', NON VI E' ALTRO DIO FUORI LA SOFFERENZA. IO SONO IL GESU' CHE E' MORTO ED E' RISORTO PER DONARVI IL PANE DEI CIELI. NON ASCOLTATE IL GRIDO DEL MONDO, figli miei, MA STRINGETEVI ALLA CROCE PERCHE' SOLO IN ESSA C'E' IL PANE DEI CIELI. Ora, croce mia, bevi ancora* del mio Calice.* (Giu) Gesù, è amaro!* (Ge) Lo so, figlia mia, sono io che te li do, ma tu bevili.* Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino* come segno di amicizia e di povertà* perché IO SONO QUI, IN QUESTO CALICE, PICCOLO E POVERO, e voglio gioire in ognuno di voi. PADRE, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO COME SEGNO DI POVERTA' E D'AMORE E DONALO AL MONDO.* Ecco, spose mie, io sono qui, io sono qui, io sono qui in mezzo a voi: lasciatemi entrare nei vostri cuori e cullatemi. (Giu) Gesù, sei grande! (Ge) Ora, bevi, figlia mia, bevi del mio Calice e soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Bevine ancora e soffri. Ora dai da bere al mio sposo (=Luigi, un nipote tredicenne di Anna Maria): tu figlio mio, pastore del mio gregge, guida le pecorelle che incontri sul cammino e portale alla Croce; figlio mio, il tuo cuore comprende queste mie parole perché sei il mio pastore: io ti ho scelto non da adesso ma dal grembo materno, tu guiderai le mie pecorelle, non spaventarti, figlio mio, bevi del mio Calice e porta la mia Parola: vai, bevi, figlio mio! Tu, croce mia, Corona del Padre, dividi e unisci i Due Regni dell'Amore: mangialo e dona al mondo la mia Letizia, la mia pace e il mio Amore. Figlio mio (=Luigi), mangia dell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e donalo al mondo e vai avanti con l'Amore della Croce. Ecco, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo: il mio Cuore gronda sangue per coloro che non mi accettano! Figli miei, io mi dono a tutti voi che siete qui riuniti e a coloro che si uniscono a questa Santa Preghiera. Venite così come siete al Banchetto Nuziale e fate festa perché io sono qui: lo Sposo è qui, è in mezzo a voi, venite e fate festa! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, spose mie! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* Ecco, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo, vi amo e LA NOSTRA AMICIZIA E' PIENA PERCHE' E' AMICIZIA DELLA PAROLA DEL PADRE. Ora, figli cari, contemplate un attimo il mio Cuore e gioite! gioite! (Giu) Gesù, è bello stare con te! (Ge) Spose mie, anche per me è bello stare con voi! Grazie per essere rimasti ad ascoltare, spose amate del mio Cuore! Ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Vi dono il Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Spose mie, legate la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. Grazie, figli miei, per avere pregato ancora una volta in questo angolo di paradiso. Grazie per la preghiera che innalzate al Padre. (Giu) Gesù, siamo noi che dobbiamo ringraziare, siamo noi che dobbiamo dirti grazie perché vieni a visitarci e a donarci la tua Misericordia e tu dici grazie a noi! Signore Gesù, è immenso il tuo amore per ognuno di noi! (Ge) Ah, figlia mia, neanche potete immaginare quanto è grande IL MIO AMORE per ognuno di voi, ma io mi accontento dei vostri piccoli Sì che offrite al mio Cuore. In questa serata vi dico grazie ancora una volta! (Giu) Grazie, Gesù, perché ci accetti come siamo! Io ti amo, Gesù: dammi la forza di farti amare! (Ge) Non lamentarti perché ce l'hai. (Giu) Grazie, Gesù! Ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò NELLA GLORIA DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. E così sia.

9) Ven 24/5/96, ore 10.40, a casa, in crocif, orale:

"Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli miei, siete proprio duri di cervice! Chi credete di essere? Cosa volete fare? Siete privi di intelletto come i muli: siete testardi e vi siete isolati dalla Luce e dalla Ragione di Dio. Ah, figli scellerati, quando iniziate ragionare?! Cosa volete fare? Non capite che io posso DIVIDERE ed UNIRE, io posso far NASCERE e MORIRE? Voi non siete padroni di niente, neanche del vostro respiro. Io vi ho creati dal nulla e nulla siete, se non mi appartenete siete dei cadaveri sulla terra. Perché non cercate la mia Patria?° Come soffro per voi, figli miei! Voi Piccoli Giovanni, figlio Mario, figlio Pasquale, figlio Franco e tu Croce mia: amate amate amate col mio Cuore ed andate avanti col Bacio del Piccolo Giovanni. Io sono con voi, non temete le persecuzioni, figli miei, sappiate che satana si sta scagliando su ciò che trova perché è in tutte le case per distruggere il Progetto dell'Amore: ma voi amate perché con l'amore lo annienterete. Vi amo e vi benedico con la Croce della Vita Eterna. Amen (4)". ***

10) MESSAGGIO ALLA QUERCIA DEL 24 MAGGIO 1996

ore 15.35, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (I/A) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Creatura mia, bevi anche oggi i calici del mio Gesù e soffri anche oggi* per l'umanità che trafigge ancora il Cuore del mio Gesù e il mio Cuore Addolorato.* (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu piangi lacrime di sangue! (I/A) Figlia mia, non temere, bevi i calici* e soffri per l'umanità. (Giu) Sì, Mamma!* Mamma, metto nel tuo cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere: consolali tu!* Mamma, consola tutti i tuoi figli che si rivolgono a te: aiutali! (allunga e stende le mani a sinistra verso un giovane andicappato): Mamma, libera: liberali da ogni male e conducili al Cuore della Croce! (I/A) Figlia mia, prega, bevi i calici e soffri. (Giu) Sì, Mamma, ma tu non lasciarmi! (I/A) No, figlia mia, sono qui, non temere, tu vai avanti. (Giu) Sì, Mamma! (I/A, al posto degli Shalom) LA PACE E L'AMORE DI GESU' E' QUI CON VOI. Figli cari, sono io, la Vergine Immacolata e Addolorata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi a portarvi LO SHALOM DEL PADRE: VI INVITO (1) ancora una volta COL CUORE GRONDANTE DI SANGUE ad ACCETTARE LO SHALOM DEL PADRE. Figli miei, oggi VI INVITO (2) a pregare e a comprendere IL VALORE DELLA FAMIGLIA. Figli miei, voi formate la Piccola Chiesa: OGNI FAMIGLIA FORMA LA PICCOLA CHIESA e IL MIO NEMICO VUOLE DISTRUGGERE QUESTE PICCOLE CHIESE: I VERI TABERNACOLI CHE IL MIO GESU' HA CREATO CON AMORE, CON MISERICORDIA, CON CARITA'. Voi, figli miei, accostatevi a questi valori della Santa Famiglia e non distruggeteli, ma spezzate le catene del mio nemico, amatevi gli uni gli altri: amatevi con l'Amore che il mio Gesù ha donato ai vostri cuori nel farvi venire alla luce. Figli miei, oggi VI INVITO (3) ad accostatevi ai VALORI della SANTA MESSA, della SANTA COMUNIONE, della SANTA CONFESSIONE, sappiate, figli miei, che SONO I VALORI PIU' GRANDI: I TESORI CHE NON HANNO PREZZO. NON POTETE PAGARE NEANCHE CON LE PREGHIERE PERCHE' NON BASTANO: SONO POCHE QUELLE CHE INNALZATE AL PADRE ed IO COME MAMMA, COME MAMMA DELLA SANTISSIMA TRINITA', VI INVITO AD ACCOSTARVI A QUESTI VALORI. CERCATE LA PACE DI DIO, non cercate la pace del mondo, CHE (=la Pace di Dio) NON VE LA PUO' DARE NESSUNO. Figli cari, SOLO IL MIO GESU', SOLO NELLA SANTA EUCARESTIA C'E' AMORE, C'E' PACE, C'E' LETIZIA: CIBATEVI DI ESSA, FIGLI CARI! Il mio nemico vuole distruggere il Progetto di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo ed usa ogni mezzo per distruggerlo, figli miei, ma voi siate forti: siate Piccoli Giovanni della Luce del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figli miei, figli Ministri, pregate e consolate il Cuore del mio Gesù perché attraverso di voi (=Sacerdoti) il mio Gesù si dona al mondo. Voi, Piccoli Giovanni, PREGATE PER I SACERDOTI affinché possono comprendere IL VALORE DELLA CROCE del mio Gesù. Tu, figlio Mario, figlio santo, accogli i tuoi figli, portali al Trono Santo del mio Gesù perché a te è stato dato il compito di donare e di spiegare il Bacio del Piccolo Giovanni; non temere niente e nessuno perché lo Spirito Santo Paraclito è su di te e niente e nessuno ti può fermare: vai avanti e conduci le pecorelle all'Altare della Misericordia. Predicate sempre la Parola Santa del mio Gesù, portate il Vangelo ovunque andate e non dimenticatevi che LA CROCE BRILLERA' NEI CIELI. Io vi amo, figli miei, e vi invito a pregare: pregate pregate perché i flagelli sono ancora su di voi! FERMATELI CON LA PREGHIERA, CON L'AMORE E CON LA CARITA'. Ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Tu, croce mia, soffri ancora: soffri nel Silenzio della Croce! (Giu) Sì, Mamma! (I/A) Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno della Santa Eucarestia. Lode (6). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen."