Notizie da Sofferetti-24  n. 175

Lauria, 27 giugno 1996  

 

VENGO A PORTARVI LO SHALOM

DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO,

E COME SPOSA DELLO SPIRITO SANTO LO MANDO SU DI VOI.

 

1)Pentecoste, 26/5/96, ore 15.40, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu piangi lacrime di sangue! Mamma, sono io che ti faccio soffrire? (Imm) No, figlia mia, è l'umanità che trafigge il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù, tu prega, soffri, figlia mia, accetta ancora i calici del mio Gesù: accettali per l'umanità,* per i figli Ministri che trafiggono il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù; immolati per i peccatori: accetta i chiodi, figlia mia! (Giu) Sì, Mamma!* Mamma, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere perché io non lo so fare: solo tu sei Mamma e puoi aiutarci! (Imm) Figlia mia, sono qui per questo: per portarvi sulla via della Croce. Pregate pregate pregate! Sia lodato Gesù Cristo. Oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli miei, vi invito a seguire il Vangelo di questa giornata. Figli cari, lasciate le cose del mondo e seguite i valori del Santo Vangelo del mio Gesù. Figli cari, VENGO A PORTARVI LO SHALOM del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo E COME SPOSA DELLO SPIRITO SANTO LO MANDO SU DI VOI. Figli cari, crescete e moltiplicatevi NELLA SOLA VERITA' DELLA SANTISSIMA TRINITA'. Figli miei, sappiate che i flagelli sono ancora su di voi e POTETE EVITARLI con la santa preghiera, con l'amarvi gli uni gli altri e con la Santa Eucarestia. Figli miei, liberatevi dalle cose del mondo, allontanate da voi il mio nemico, spezzate le catene di satana e unitevi alla Santa Croce del mio Gesù. Voi, figli Ministri, raccogliete le mie pecorelle: raccoglietele e portatele all'Altare del mio Gesù. Distaccatevi dalle cose del mondo, figli cari, siate piccoli e poveri e donate il mio Gesù al mondo intero. Figli miei, io sono Madre, LA SPOSA DELLO SPIRITO SANTO, e come Mamma grondo lacrime di sangue per l'umanità che trafigge il mio Cuore. Figli cari, il mio Progetto viene da Fatima e nel mondo intero si adempirà perché il mio Cuore Immacolato e Addolorato trionferà. Tu, croce mia, soffri ancora, bevi i miei calici e immolati per i peccatori. Figlia mia, non temere le persecuzioni che verranno ancora, il Fuoco di Pentecoste è su di te, vai avanti, croce mia, vai avanti: prega, ama, perdona e usa carità col mondo intero, ma grida quando sei nel giusto: figlia mia, nel giusto del Vangelo del mio Gesù! Non temere, figlia mia, il mio Gesù è qui con te, vai avanti, ma sappi che dovrai soffrire ancora per il tuo Gesù. (Ge) Mamma, trafiggi sempre il mio Cuore, ma salva l'umanità: salvala! (Imm) Sì, figlia mia, sono qui per portarvi al mio Gesù. Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli, non temete, figli cari! Crescete e moltiplicatevi nella Santissima Eucarestia. Lode (6). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Soffri ancora, croce mia! (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la forza perché sono debole! (Imm) Non temere, figlia mia!"

2) Giov 30/5/96, ore 21.03, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, sono il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi:* gioite e fate festa, spose mie! E tu, croce mia, bevi i calici, bevi e soffri per l'umanità. Figlia mia, in questa serata ti chiedo di soffrire ancora di più. (Giu) Sì, Gesù!* (Giu) Siediti* e soffri per i Grandi* della Casa del Padre mio: immolati,* bevi i miei calici misti.* (Giu) Gesù, sono amari, non lasciarmi!* Gesù, c'è ancora sangue intorno a te!* e LA ROCCIA GRONDA SANGUE, sono io che ti faccio soffrire? (Ge) No, creatura mia, soffri* e bevi ancora* i miei calici perché non puoi comprendere quello che stanno facendo nella mia Casa? Siate pronti* e preparati, spose mie!* (Giu) Gesù, ma cosa fanno?* (Ge) Non puoi comprendere e non posso farti vedere perché non reggeresti, figlia mia!* (Giu) Gesù,* non scendono giù i calici!* (Ge) Resisti fino al sangue, figlia mia,* bevi fino all'ultima goccia.* (Giu) Gesù, aiutami, è amaro, ma se serve per salvare anime dammene ancora!* (Ge) Ecco, figli miei, cosa offro alle mie spose:* io vi do la Sofferenza! accettatela anche voi,* aiutate la Piccola Croce, bevete anche voi* del mio calice misto perché è Calice di Vita Eterna,* soffrite anche voi: accettate anche voi i chiodi* in riparazione di tutte le offese che recano al mio Cuore e al Cuore della mia Amata Mamma. Non temete, sono io, il Gesù che è morto ed è risorto sul legno della Croce: SONO IL GESU' DELLA PAROLA VIVA, IL GESU' DEL VANGELO ETERNO. Figli miei, soffrite perché L'AMORE PASSA attraverso LA CROCE nella SOFFERENZA, siate rocce vive del mio Amore e della mia Carità perché io vengo in mezzo a voi a costruire la mia Casa. Figli miei, il mondo non mi cerca ed io vengo qui in mezzo a voi per essere cullato nei vostri cuori: ma PORTO CON ME ad ognuno di voi LA MIA CROCE, LA MIA SOFFERENZA PERCHE' IO SONO VENUTO AD UBBIDIRE AL PADRE MIO NELLA SOFFERENZA, NELL'AMORE E NELLA CARITA' e QUESTO BANCHETTO E' BANCHETTO DI CROCE, DI SOFFERENZA, DI AMORE E DI PERDONO, figli cari!* Tu, croce mia, bevi sempre i calici per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) E voi, spose mie, non rifiutate il mio Amore, non rifiutatelo ma accettatelo e portatelo: cullatelo come un bimbo* perché nella mia Casa non mi cullano. Figli miei, quanti flagelli!* quanti flagelli ancora si abbatteranno perché siete in pochi* a bere i miei calici, in pochi ad accettare il mio Amore! Elargitevi,* figli miei, e credete al Vangelo. Pregate per il mio Piccolo Giovanni,* cioè per il Papa, perché anche lui beve i calici misti per sostenere le mura che stanno crollando e le sue forze vengono meno perché è solo nell'Orto degli Ulivi: soffrite con lui, figli miei, e non lasciatelo solo!* (Giu) Gesù, dammi un altro calice: voglio berlo per lui.* (Ge) Sei contenta adesso o vuoi soffrire ancora? (Giu) Sì, Gesù, voglio soffrire ancora! (Ge) SEI COCCIUTA! (Giu) Grazie, Gesù!* Ti supplico, Gesù, fai soffrire me ma salva l'umanità!* (Ge) Tu bevi i calici che al resto ci penso io, non temere!* Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà. Figli miei, vi chiedo scusa se resto a lungo a parlare ma la vostra compagnia è dolce. Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO COME SEGNO DI AMICIZIA E DI POVERTA' E DONALO AL MONDO. Ecco, spose mie, così io vengo a voi, piccolo e povero, e mi dono a voi perché vi amo, vi amo, vi amo: amate anche voi ma AMATE COL MIO AMORE E CON LA MIA MISERICORDIA. Ora, sposa mia, offri da bere al Piccolo Giovanni, al figlio santo: tu, sposo mio, vai avanti col compito, VAI AVANTI e DONA SEMPRE IL MIO BACIO, figlio mio, PERCHE' IN QUEL BACIO C'E' LA PIENEZZA DELLO SPIRITO SANTO: C'E' LA PIENEZZA DELLA TRINITA'; non preoccuparti, figlio mio, io sono al tuo fianco; bevi e soffri anche tu col mio Amore. E tu, sposa mia, bevi del Calice dell'Amore e soffri.* Ora dividi e unisci il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo. Tu, figlia mia, mangia del SEME DELL'AMORE e donalo al mondo. Ecco, figli miei, io mi sono donato ad ognuno di voi nella Pienezza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e il Banchetto è qui in mezzo a voi: figli miei, accostatevi come siete, non temete, creature del mio Cuore, perché LA GRANDE PENTECOSTE E' PIENA. Ora venite e fate festa col Maestro: con LO SPOSO che è qui in mezzo a voi. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA. PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* Ecco, figli miei, IL BANCHETTO NUZIALE E' PIENO PERCHE' IO MI SONO DONATO A TUTTI VOI CON LETIZIA, CON AMORE E CON SOFFERENZA PERCHE' VI AMO, VI AMO! Figli cari, vi ripeto ancora una volta di pregare perché i flagelli sono ancora su di voi e sono enormi! figli, non scoraggiatevi perché io non vi lascio, pregate, amate e perdonate perché ATTRAVERSO L'AMORE, IL PERDONO E LA CARITA' POTETE ANNIENTARE IL MALE. Figli miei, ora fermatevi un attimo e contemplate il mio Cuore che gronda sangue per ognuno di voi.* Tu bevi il mio Sangue, sposa mia!* (Giu) GESU', E' GRANDE IL TUO CUORE! (Ge) SEI DOLCE, SPOSA MIA! Ecco,* gioisco con voi, ma ora devo lasciarvi. Verrò ancora in mezzo a voi a portarvi il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo a chi ne ha bisogno, figli miei! Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Ora, piccolo Mario, piccolo Pasquale, unite la Catena Santa e pregate con la mia Preghiera (pausa). Grazie, figli miei, per aver ascoltato la mia Parola, grazie per avermi accolto in questo angolo con voi. Vi amo, figli cari, aspettatemi, io verrò, io verrò nella Pienezza del Padre. (Giu) Ti amo, Gesù! (4) (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore!"

3) Ven 31/5/96, ore 10.40, a casa. in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli, ricordatevi del mio Amore perché io non lo nego a nessuno: siete figli miei, siete a mia immagine e somiglianza e non voglio perdervi. Figli, cercate la mia Roccia e non lasciatela, PREGATE per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il PAPA, perché SU DI LUI C'E' IL MISTERO DEL MIO AMORE che I GRANDI DELLA CASA DEL PADRE MIO VORREBBERO CANCELLARE. Io vi dico questo perché pregate e comprendete che questi sono i tempi del Padre: non spaventatevi! Tu figlio Mario, tu figlio Pasquale, tu figlio Franco e tu Croce mia, soffrite e pregate ancora, non fermatevi e non preoccupatevi di ciò che dovete dire o fare, io sono sempre con voi: LA MIA LUCE E IL MIO AMORE E' IL VOSTRO SCUDO. Restate uniti, figli miei, perché io mi sono poggiato su di voi e voi siete la mia Croce, non cercate spiegazioni perché non potete capire: IO VI CHIEDO SOLO DI AMARE E DI PORTARE IL MIO VANGELO. Vi amo tutti e con voi benedico il mondo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen (4)".

4) Sab 1/6/96, ore 7.30, a casa, orale

(Giulia: - Vedevo un Globo e una Colomba): "Vieni, figlia mia, sono io, LO SPIRITO SANTO PARACLITO. Scrivi per Gesù:

O ROCCIA VIVA,

TU NON RIFIUTI NULLA A CHI A TE SI RIVOLGE CON CUORE SINCERO:

DONACI SEMPRE LA TUA ACQUA

AFFINCHE' LA NOSTRA SETE SIA SOLO DI TE E DEL TUO SANTO VANGELO,

TIENICI NEL TUO CUORE PERCHE' VOGLIAMO ABITARE CON TE.

O CUORE IMMENSO,

PERDONACI PERCHE' SIAMO PECCATORI

MA TI CERCHIAMO: NON LASCIARCI! E COSI' SIA.

Un Pater secondo l'intenzione del Padre".

5) Dom 2/6/96, ore 15.40, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu piangi! (Imm) Figlia mia, non temere, bevi ancora i calici. (Giu) Sì, Mamma, devo mettere nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere, ma in modo particolare metto nel tuo Cuore quest'angelo che è qui a chiedere la tua misericordia (= AZZURRA, una bimba di Cosenza): Mamma, sia fatta la volontà del Padre, non la mia, ma se puoi guariscila, tu puoi farlo, sei Mamma. (Imm) Figlia mia, bevi i calici del mio Gesù e soffri per l'umanità. Non temete per i corpi, figli miei, io sono la Mamma della Vita, elargite i vostri cuori alla Croce del mio Gesù perché Lui vi dona ogni grazia e ogni benedizione. Pregate pregate pregate! Figli cari, anche oggi, per volere di Dio Padre, di Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, vi invito a pregare per la pace, pregate, figli miei, perché voi ancora non comprendete questa parola, io vengo a portare lo Shalom del Padre ma voi non lo accogliete, non comprendete IL VALORE DELLA PACE e oggi con la festa della Santissima Trinità io vi invito a scoprire ancora una volta IL VALORE DELLA SANTA FAMIGLIA attraverso il vangelo del mio Gesù. Non prostratevi a dii sconosciuti, figli cari, e VOI VEGGENTI, NON INSUPERBITEVI, sappiate che Dio dona ogni cosa e voi non siete niente e nessuno, usate carità, amore e misericordia e perdonate col cuore del mio Gesù perché il mio Gesù è perfetto nel Segno della Santissima Trinità e si dona sempre, figli cari, non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma amate, pregate e perdonate e accostatevi ai Sacramenti della Confessione, della Comunione e della Santa Messa. Figli miei, accostatevi al Piccolo Giovanni, cioè al Papa, e non giudicate, figli miei, perché voi non sapete il suo compito: lui soffre nel dolore della Croce e soffre in silenzio per ognuno di voi. Figli cari, amate amate e seguite il mio Gesù: caricatevi del peso della Croce e andate avanti perché solo in essa c'è ogni salvezza, ogni grazia e ogni perdono. Figli cari, io vengo qui in mezzo a voi per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo e vengo a portare il Vangelo Vivo del mio Gesù. Il mio Progetto viene da Fatima e in questo luogo e nel mondo intero TRIONFERA' IL MIO CUORE IMMACOLATO E SATANA SARA' ANNIENTATO, figli cari, ma voi restate uniti al mio Gesù col Santo Vangelo e col mio Piccolo Giovanni, cioè col Papa. Allontanate da voi i malèfici, figli miei, sappiate che Gesù è Luce, Verità e Via e nessuno di voi può imitarlo: potete farlo attraverso la Croce e la Sofferenza, ma non mettetevi in ridicolo, figli miei, perché il mio Gesù vede ogni cosa. Io vi invito ad amare, a perdonare e usare carità: QUESTI SONO I VALORI DELLA CROCE, NON VI SONO ALTRI VALORI. Figli miei, io come Mamma grondo lacrime di sangue per l'umanità che non vuole ascoltare il grido del Vangelo del mio Gesù. Figli miei, vi avviso ancora una volta che i flagelli sono tanti e sono poggiati su di voi, convertite i vostri cuori e pregate pregate pregate implorando misericordia misericordia misericordia misericordia al Padre. Ora vi lascio, figli miei, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane Vivo del mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno Tremendo della Croce. Lode lode lode lode lode lode (6). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. E tu, croce mia, soffri ancora e immolati per i peccatori. (Giu) Sì, Mamma, ma stammi vicino, non lasciarmi! (Imm) Sono qui con te, non temere!"

6) Giov 6/6/96, ore 21.03, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa! E tu, croce mia,* immolati ancora e bevi i miei calici per l'umanità,* bevi, figlia mia, e soffri anche oggi! (Giu) Sì, Gesù,* ma dammi la forza! (Ge) Siediti, sposa mia, e bevi* i miei calici misti per l'umanità* che trafigge il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma,* soffri anche oggi: accetta i miei chiodi! (Giu) Sì, Gesù! c'è ancora sangue intorno e la Roccia gronda sangue! Gesù, perdonami se chiedo un altro perché: Ma perché la Roccia gronda sangue?* (Ge) Figlia mia, bevi i calici* e soffri.* (Giu) Gesù, è enorme!* (Ge) Questo è ancora più amaro, figlia mia: accettalo per l'intenzione del Padre.* Figlia mia, tu vedi la Roccia che gronda sangue perché siete in pochi a pregare, e l'umanità offende il Padre.* QUESTE GOCCE CHE TU VEDI CADERE SONO I FLAGELLI CHE SI ABBATTERANNO SULL'UMANITA'. (Giu) Ma, Gesù, non sono solo gocce!* Gesù, trafiggi il mio cuore ancora ma ferma: fermali, se puoi! (Ge) Figlia mia, è per questo che io mi poggio* su di te e su anime che mi permettono di poggiarmi,* ma siete in pochi, figli mie!* Come soffre il mio Cuore nel vedere tante anime che si perdono! tante anime che non vogliono ascoltare il grido del mio Vangelo! Ah, figli miei, se almeno vi ricordaste un attimo solo del mio Infinito Amore! Io grondo lacrime di sangue per ognuno di voi! Figli miei, io sono qui in mezzo a voi vivo e reale, ma il mio Cuore viene trafitto,* soffri anche tu con me, sposa mia, che siete in pochi a credere nella mia presenza viva e reale in mezzo a voi. In questa serata vi chiedo di pregare in modo particolare per l'intenzione del Padre mio e della Mamma mia Immacolata e Addolorata. Figli cari, voi neanche riuscite a immaginare: il dolore viene recato ai Cuori Santissimi dall'Umanità! Ed io mi fermo qui, in questo angolo che io chiamo Paradiso perché ci siete voi, spose mie! io vi amo e desidero essere amato da voi, non è molto che vi chiedo, figli cari: CHIEDO IL VOSTRO AMORE, UNITELO AI MIEI CHIODI, COSI' STAREMO SEMPRE INSIEME: SOFFRITE CON ME E AMATE CON ME, FIGLI CARI! Io vengo in mezzo a voi nella Verità del mio Vangelo, non v'è altro Dio all'infuori di me: io sono il Gesù che è morto ed è risorto per ognuno di voi. VENGO IN MEZZO A VOI COL SEGNO TREMENDO DELLA CROCE, figli cari, E INVITO OGNUNO DI VOI A SOFFRIRE!* Tu, croce mia, immolati sempre per i figli Ministri e i Grandi del mondo. Ah quanto soffro! quanto soffro per questi figli! aiutatemi a radunarli e a portarli sulla Via Santa della Croce. Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà. Non meravigliatevi di ciò che faccio, figli miei, io vengo a voi così, piccolo* e povero: IN QUESTO PEZZO DI PANE, IN QUESTO BICCHIERE DI VINO C'E' L'AMORE DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. Ecco, figli cari, come io mi dono: così donatevi anche voi. PADRE, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO COME SEGNO DI AMICIZIA E DI POVERTA' E DONALO AL MONDO. ECCO LA MIA RICCHEZZA, ECCO IL MIO AMORE, ECCO LA MIA LETIZIA CHE IO DONO A VOI. Ora, figlia mia, dai da bere al figlio santo: tu, figlio mio, PASTORE ETERNO, PICCOLO GIOVANNI DELL'AMORE DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO, vai avanti col BACIO DELLA MISERICORDIA, vai avanti col Bacio della SANTISSIMA TRINITA'° DEL PICCOLO GIOVANNI; ora, figlio mio, bevi questo calice e APRI LA PORTA della CHIESA DEL PICCOLO GIOVANNI perché a te è dato questo compito: bevi, figlio mio, del mio Amore e poi spiega alle tue pecorelle perché non comprendono qual è la Porta. Tu, figlia mia, bevi del Calice del mio Amore e soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora dona da bere all'umanità: ai figli che sono uniti in questo gruppo e nel mondo intero. Dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo, figlio mio! Tu, sposa mia, mangia della mia Letizia e donala al mondo. Ecco, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo e IN QUESTO PANE, IN QUESTO VINO C'E' LA MIA AMICIZIA. Non temete, figli cari: io sono il Gesù Vivo, il Gesù Vero, il Gesù della Croce. Ora accostatevi così come siete e venite al mio Banchetto, figli cari, perché L'ORA DEL PADRE E' QUI. Non spaventatevi di ciò che dico: figli miei, venite e fate festa col Maestro. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* Ecco, figli miei, spose mie, la nostra Amicizia è Piena perché io mi sono donato ad ognuno di voi perché vi amo, vi amo e vi chiedo scusa, figlia, se resto a lungo a parlare con voi, ma gioisco e vi chiedo di fermarvi un attimo e contemplare il mio Cuore che gronda sangue per ognuno di voi:* amatemi anche voi perché voglio essere amato! (Giu) Gesù, è immenso il tuo Cuore! (Ge) Figli miei, QUANTO CHIEDETE VI SARA' CONCESSO A SUO TEMPO, non preoccupatevi: CHIEDETE AL MIO CUORE ed IO ELARGISCO IL MIO AMORE PER OGNUNO DI VOI, MA CHIEDETE NEL GIUSTO DEL VANGELO, FIGLI CARI! (Giu) Gesù, come sei grande! (Ge) Figlia mia soffri ancora nel Silenzio della Croce. (Giu) Sì, Gesù!* Gesù, cos'è quel segno? perché? perché il Papa va via? perché quel segno nero? Gesù, non capisco! la scala si è spezzata! Gesù, c'è buio! che significato ha quel numero (= 23)? (Ge) Non temere, figlia mia, prega e soffri: comprenderete. (Giu) Sì, Gesù, ma stammi vicino. Ora vi lascio, figli miei, spose mie, ma verrò ancora a spezzare il Pane Vivo con ognuno di voi. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Ora, piccolo Mario, piccolo Pasquale e voi spose mie, legate la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. (Giu) Sei grande, Gesù: sei grande seduto sulla Roccia del Padre! (Ge) Sì, figlia mia, sono grande perché amo: AMATE anche voi COL MIO CUORE. (Giu) Ti amo, Gesù! (5) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò, io verrò ancora a portarvi il Pane dei Cieli".

7) Ven 7/6/96, ore 10.40, a casa in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, io elargisco sempre di più la mia Delizia ad ognuno di voi, vi dono sempre il Pane Vivo ma voi non mi cercate, rinnegate il mio Amore e i pochi che lo fate siete in bilancia: non riuscite ad amarmi in pienezza perché siete legati al mondo e non riuscite a capire che io sono la Pienezza di tutto. Figli, cercate il mio Cuore e gratuitamente avete tutto quello che vi necessita. Questa è la Pienezza dell'Amore, questo è il Bacio del Piccolo Giovanni: LA PIENEZZA DEL MIO CUORE: è racchiuso nel bacio che voi vi scambiate. Figli, in quell'attimo ci sono io a donarlo: IL BACIO E' PIENO DI SPIRITO SANTO, non temete perciò a donarlo al mondo. E Voi Quattro della Croce, andate avanti e non fermatevi, camminate con la mia Croce e col mio Bacio, non temete le persecuzioni perché il mio nemico ne darà altre: ma voi avete il mio Cuore come scudo. Vi amo e vi ringrazio del vostro amore. Con voi benedico il mondo col Segno Tremendo della Croce. Amen (4)".

8) Dom 9/6/96, ore 15.40, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Figlia mia, bevi anche oggi i calici del mio Gesù e soffri anche oggi per la Chiesa tutta: accetta i chiodi* del mio Gesù in riparazione* di tutte le offese. (Giu) Sì, Mamma, ma c'è ancora sangue intorno a te! Mamma, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere: guidali tu, sostienili tu perché io non lo so fare. (Imm) Figlia mia, TU BEVI I CALICI E SOFFRI: AL RESTO CI PENSO IO, non temere!* Sono io, la Vergine Immacolata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi a potarvi lo Shalom del Padre, anche se siete in pochi ad accettarlo e a credere in pienezza nella mia presenza in questo luogo viva e reale. Figli miei, oggi in modo particolare io vi chiedo di accettare il Pane Vivo del mio Gesù che io vengo a portare in questo luogo e nel mondo intero perché il mio Gesù vi ama e vi dona tutto di sé: vi dona il suo Corpo e il suo Sangue (oggi è il Corpus Domini). Figli miei, crescete nella Pienezza dell'Eucarestia e non staccatevi da essa perché è l'unica salvezza. Il mio Gesù gronda sangue per l'umanità e si poggia sulle creature che aprono i cuori. Figli miei, PASSATE ANCHE VOI ATTRAVERSO LA SOFFERENZA come passa il mio Gesù E GIOITE GIOITE CON LE VOSTRE CROCI, non lasciatele, figli miei! SIATE PANE VIVO com'è Pane Vivo il mio Gesù che viene in mezzo a voi vivo e reale e vi ama, vi ama! Il suo Amore è immenso ed io COME MAMMA DELL'EUCARESTIA vi chiedo di amare, perdonare e usare carità, amate i piccoli, i poveri e i figli emarginati; accogliete nei vostri cuori i figli drogati, non lasciateli, figli cari: amateli come amate il mio Gesù e cullateli nei vostri cuori e non temete per i vostri corpi, figli miei, perché tutto vi viene dato: VOI DOVETE APRIRE I VOSTRI CUORI ALLA MISERICORDIA DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. Io vi amo, figli miei, e oggi come Mamma dell'Eucarestia VI INVITO ALLA SOFFERENZA: soffrite e cancellate con la preghiera le offese che recano al mio Cuore e al Cuore del mio Gesù: PREGATE COL SANTO ROSARIO perché E' L'ARMA CHE SCONFIGGE IL MIO NEMICO. Figli cari, pregate pregate perché i flagelli ancora sono su di voi. Ora vi lascio, ma verrò ancora a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete crescete nel Segno Tremendo della Croce. E tu, Piccola Croce del mio Gesù, soffri ancora e immolati per i figli che non accettano la Croce del mio Gesù. (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Lode (8). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. (Preghiera): O CORPO MISTICO del PADRE, del FIGLIO e dello SPIRITO SANTO, illumina l'anima mia col NETTARE DELLA VITA, donami la QUIETE, la LETIZIA, la PACE, l'AMORE DEL TUO MISTICO CORPO. E così sia".

9) Giov 13/6/96, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli.* Amen. (Giu) Gesù, perdonami, ma ti chiedo ancora una volta di glorificare. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù: l'Agnello Immolato. Figlia mia, fai bene a chiedere di glorificare, non temere, io non mi offendo. (Giu) Perdonami, Gesù, ma ho paura del nemico. (Ge) Non temere, sono io: io vengo a portarti la Croce e la Sofferenza. Bevi i miei calici, figlia mia: bevili in riparazione di tutte le offese che recano al mio Cuore e al Cuore della mia Amata Mamma.* Ora siediti e bevi i calici perché in questa serata sono ancora più forti: bevili, figlia mia!* (Giu) Gesù, aiutami!* (Ge) Figlia mia, te l'ho detto che in questa sera sono ancora più forti: resisti!* (Giu) Sì, Gesù, ma stammi vicino!* (Ge) Figlia mia, i calici che bevi sono per la Chiesa tutta e sono i più amari:* resisti, anima mia!* (Giu) Gesù, c'è ancora sangue intorno a te!* (Ge) Figlia, non temere per il sangue che vedi, sii forte per le persecuzioni che verranno ancora, sii forte perché il mio nemico vuole distruggere il Progetto dell'Amore e la Chiesa tutta è in grave pericolo ed io dono a te i miei calici amari: bevili!* Mi sto poggiando su altre anime, figlia mia, ma sono in pochi ad accettare la sofferenza e i miei calici misti. Io chiedo a voi, spose mie: AIUTATEMI A SALVARE LA CHIESA CHE CROLLA! I miei Ministri non mi accolgono ed io soffro: grondo sangue per ognuno di loro perché li voglio santi. Figli miei, guardate la Croce, non calpestatela e non usatela in mali modi! sappiate che io vedo ogni cosa che voi fate e soffro perché siete figli miei: AVETE SMARRITO LA STRADA DEL VANGELO e STATE SMARRENDO LE MIE PECORELLE. QUANTE PECORELLE A CAUSA VOSTRA SI PERDONO! Ah, figli miei, vi amo e per questo vi rimprovero! Ricordate che siete miei Ministri e dovete portare il mio Vangelo, la mia Verità e la mia Povertà così come io sono venuto in mezzo a voi, piccolo e povero: io sono venuto per la vostra salvezza e per la vostra santità e voi dovete salvare le mie pecorelle. Non lasciatele cadere nel burrone, figli miei! In questa serata mi rivolgo a voi, figli Ministri: non trafiggete ancora il mio Cuore, ascoltate il grido della mia Mamma che gira Pellegrina nel mondo per raccogliervi in povertà e nella Verità del Vangelo. Io grido la mia Verità, il mio Vangelo: lasciate le cose del mondo, figli Ministri, e legatevi al mio Vangelo: al Pane Vivo che scende dal cielo per ognuno di voi.* E tu, sposa mia, consola il mio Cuore* bevendo i miei calici* amari per i figli Ministri.* Vuoi berli ancora? (Giu) Sì, Gesù, dammene ancora, ma salvali!* (Ge) Attenta: questo calice che berrai adesso è più amaro,* ma non temere.* Grazie, creatura mia: sii forte ancora nella sofferenza! Non dimenticate di pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa. Figlia mia, vuoi bere un altro calice per lui? (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ecco, croce mia, guarda, ma non spaventarti! (Giu) Gesù!* (Ge) Ora tieni nel tuo cuore ciò che hai visto e non spaventarti perché io sono qui vicino a te. Voi, spose mie, pregate secondo le mie intenzioni e fate penitenza: accettate la Croce! Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà. Ecco, è così che io vengo a voi, piccolo e povero, ma porto con me la Grandezza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO COME SEGNO DI AMICIZIA E DI POVERTA' E DONALO AL MONDO. Non temete, spose mie, io sono il vostro MAESTRO, il vostro SIGNORE, il vostro DIO, il vostro AMICO, il vostro FIGLIO. Quindi, sono qui in mezzo a voi perché vi amo, vi amo e vi dono il mio Amore: non temete! Ora, figlia mia, bevi del mio Calice e dona il mio Amore, la mia Povertà, la mia Letizia al mondo. Sposa mia (=Lucrezia), non temere, prendi del Calice dell'Amicizia e dell'Amore e donalo al mondo, vai avanti col tuo amore, ama col Cuore del tuo Gesù che è qui dinanzi a te, perdona coloro che trafiggono il tuo cuore, figlia mia, e non temere, io sono sempre con te perché ti amo, ti amo e consolo in ogni attimo il tuo cuore, trafitto come la Mamma mia, vai avanti e porta il mio Vangelo, la mia Verità e il mio Amore; grazie per le tue lacrime, figlia mia! ora bevi, sposa amata, e dai da bere all'umanità il calice misto della mia Letizia. Figlia mia (=Giulia), dividi e unisci il Regno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo. Tu, sposa mia (=Lucrezia), mangia il Pane dell'Amicizia,° della Povertà e donalo al mondo. Ecco, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo! Figli miei, è dolce stare con voi perché consolate il mio Cuore, è dolce abitare nei vostri cuori che mi amate, figli cari, ed io mi poggio su ognuno di voi perché vi amo, vi amo e chiedo a voi di amare perché ATTRAVERSO L'AMORE C'E' IL MISTERO del PADRE, del FIGLIO e dello SPIRITO SANTO e vi invito a soffrire per salvare altre anime: figli miei salvate i figli che non conoscono la mia Croce, la mia Verità, la mia Luce ed io mi fermo in questo angolo di paradiso a chiedere a voi aiuto: aiutatemi, figli cari, fermatevi e contemplate il mio Cuore che gronda sangue per ognuno di voi perché vi amo, vi amo, figli miei! (Giu) Gesù, è grande il tuo Cuore: noi non siamo degni di guardarlo! (Ge) Sono io che decido, figlia mia, perché io conosco i cuori e mi fermo in mezzo a voi perché siete le mie colonne: le mie fiammelle vive. (Giu) Gesù, non sono degna neanche di guardarti, ma ti chiedo di salvare l'umanità, aiuta queste mie bimbe (=il suo gruppo) a camminare sempre sul tuo Santo Vangelo: sulla Verità della Croce. (Ge) Sono qui per questo, sono il vostro Maestro e passo attraverso il figlio santo, cioè, il figlio Mario, voi ancora non riuscite a comprendere il suo compito, ma io passo attraverso di lui: ascoltate il suo grido e stategli vicino con la preghiera. Ora accostatevi al mio Banchetto Nuziale così come siete: venite e gioite con me! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA. PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo e il mio Amore è pieno. Tu, croce mia, soffri ancora: consola ancora il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma.* (Giu) GESU', E' BELLO SOFFRIRE CON TE: POGGIATI ANCORA! (Ge) Grazie, figlia mia: mi poggio ancora su di te!* grazie, creatura mia, per i tuoi Sì! fai pregare sempre le tue creature perché i flagelli ancora sono su di voi perché siete in pochi a pregare. PREGATE COL SANTO ROSARIO: PREGATE CON L'ARMA CHE MIA MADRE VI OFFRE IN OGNI ISTANTE e ANDATE AVANTI COL MIO VANGELO: CON LA MIA VERITA'. Ora vi lascio, figli cari, spose mie, ma verrò ancora a portare in mezzo a voi il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: accoglietelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. SCAMBIATEVI sempre IL BACIO DEL PICCOLO GIOVANNI. Ora, figli miei, legate la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. (Giu) Gesù, grazie per essere venuto in mezzo a noi a guardare la nostra nullità. (Ge) Io, il vostro Gesù, dico grazie a voi, perle del mio Cuore. NON SIETE NULLITA': SIETE LE MIE SPOSE! (Giu) Grazie, Gesù: sei grande seduto sulla Roccia del Padre! (Ge) Sono grande perché amo: AMATE anche voi e sarete ROCCE DELL'AMORE. (Giu): Ti amo, Gesù! (5) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò nel Segno Tremendo della Croce".

10) Ven 14/6/96, ore 10.40, a casa, in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli mie, IL MIO CUORE E' UNA SORGENTE che NON SMETTE MAI DI DONARE IL SUO AMORE ALL'UMANITA'. Figli, elargitevi anche voi: DONATE TUTTO DI VOI come tutto vi è stato donato. Io sono il Gesù di sempre e il mio Amore non cambia: vi ho amati e vi amo sempre anche se voi non ricambiate. Io non posso lasciarvi: siete cari al mio Cuore, mi siete costati sangue e un padre non può dimenticare i suoi figli. Io gioisco quando ritornate a me: quando bussate alla mia porta io faccio festa perché vi amo. Figli miei, restatemi tutti vicino perché l'ora del Padre è imminente e i flagelli sono su di voi. Non lasciate la lucerna spenta: non fatevi confondere dal mio nemico. Figli, COMBATTETE CON MIA MADRE LA BATTAGLIA DEL SUO CUORE IMMACOLATO. Voi Quattro della Croce, andate avanti e portate sempre il Bacio del Piccolo Giovanni. Io sono con voi sempre e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen (4)".

11) CONSACRAZIONE A SECONDIGLIANO NA (sab 15/6/96)

A) Durante la preghiera (ore 18.20):

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Ge) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Figli miei, elargite le vostre braccia alla Croce e al mio Santo Vangelo. Io sono qui in mezzo a voi per donarvi la mia Carità, la mia Letizia, la mia Croce, il mio Cuore: elargitevi e soffrite attraverso la mia Croce. Io vi amo, colonne mie, ma desidero di voi di elargirvi: usate carità, amate, perdonate coloro che trafiggono i vostri cuori e il Cuore della mia Amata Mamma. Figli miei, io porto a voi il Fuoco di Pentecoste: elargitevi e donatelo al mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Io sono qui in mezzo a voi vivo e reale, ascoltate il grido del mio Vangelo: la mia Verità. Vi amo e vi benedico col Segno Tremendo della Croce nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Lode (4). Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Tu, croce mia, soffri per questa comunità. (Giu) Sì, Gesù!"

B) Alla Consacrazione ai Due Cuori (ore 19.25):

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Figli miei, sono io, la Vergine Immacolata e il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli cari, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io vengo in mezzo a voi a portare lo Shalom del Padre. Tu, croce mia, soffri e accetta i calici del mio Gesù. Anche se non hanno ascoltato il mio Gesù quando è venuto in mezzo a voi (= il messaggio precedente), io sono scesa a portarvi lo Shalom del Padre. Figli miei, siate più piccoli, caritatevoli, e amate con la Verità del Vangelo: camminate con semplicità e mitezza. Io vengo in mezzo a voi a portare la Verità del mio Gesù, la Verità del Vangelo, e vi chiedo di pregare: pregate pregate col cuore ma col cuore aperto, figli miei! Io vi amo, figli cari, e aspetto ognuno di voi a venire dinanzi alla Croce. Figli, siate rocce vive della Verità, dell'Amore e della Carità. Io sono qui in mezzo a voi viva e reale e vi chiedo ancora una volta di pregare perché i flagelli sono su di voi e solo con la Santa Preghiera, col Santo Rosario e con la Santa Sofferenza si possono evitare. Figli miei, io sono Pellegrina nel mondo e il mio Progetto viene da Fatima e il mio Cuore Immacolato trionferà e il mio nemico sarà annientato. Figli miei, vi ripeto ancora una volta: pregate pregate col cuore e soffrite perché solo attraverso la sofferenza c'è l'Amore del mio Gesù e il Segno Tremendo della Croce è la vostra unica salvezza. Figli miei, accostatevi ai Sacramenti della Confessione e della Comunione, amate il Vangelo del mio Gesù, amatelo, figli miei, col cuore aperto e accettate le piccole croci quotidiane: non scaricatevi, figli miei, perché LA SANTA SOFFERENZA SERVE PER PURIFICARE LE VOSTRE ANIME. Figli cari, Dio Padre mi manda in mezzo a voi per la vostra santità, per la vostra salvezza: voi pregate, perdonate e usate carità. Io vi amo e grondo lacrime di sangue per ognuno di voi. Figli miei, siate convinti di questa mia Visitazione. Ora vi lascio, figli cari. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno Tremendo del Vangelo del mio Gesù. Tu, croce mia, soffri ancora e bevi i calici del mio Gesù. Lode (3). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen".

C) Alla Consacrazione della Messa:

(Giu): Ti amo, Gesù! (12) -Sei Grande, Gesù! (Ge) Sono io, il Pastore Eterno, venite a me perché siete stanchi e oppressi: io vi ristorerò col mio Amore, con la mia Letizia. Voi, figli Ministri, offrite il vostro cuore in riparazione della Chiesa tutta, consolate il mio Cuore e ricordatevi delle vostre promesse sacerdotali, amate e perdonate, battezzate nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, esorcizzate col mio Vangelo e con la mia Croce Tremenda. Vi amo, figli miei, e vi lascio il mio Cuore col Segno Tremendo della Croce. Lodato sempre sia il Padre Altissimo".

12) Dom 16/6/96, ore 15.40, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica Dio, se sei tu glorifica Dio. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlia mia, soffri ancora e bevi anche oggi i calici del mio Gesù: immolati per i peccatori, accetta i chiodi del mio Gesù. (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu piangi lacrime di sangue!* (Imm) Figlia mia, immolati per la Chiesa tutta, soffri* e bevi i calici del mio Gesù: soffri soffri! (Giu) Sì, Mamma, ma stammi vicino!* (Imm) Figlia mia, bevi i calici amari, sopportali ancora in riparazione di tutte le offese: CON LA TUA SOFFERENZA ALLONTANA I FLAGELLI CHE SONO SU DI VOI. (Giu) Mamma, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere: consolali tu col tuo Amore Materno. (Imm) Figlia, vengo qui e nel mondo intero per salvare anime e portarle al Trono del Padre: tu immolati, immolati per i peccatori!* Figli miei, oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Figli miei, vengo a portarvi lo Shalom del Padre e vi invito ad accoglierlo, accogliete il Santo Vangelo del mio Gesù, custoditelo nei vostri cuori e portatelo al mondo: portatelo ai figli che non vogliono accettare la Luce del Vangelo. Figli cari, donate tutto di voi come il mio Gesù vi dona tutto, amate e perdonate; usate carità, figli cari, ché i tempi del Padre sono eminenti, figli miei, e il mio grido è sempre più forte! Come Mamma io grido perché siete in pericolo, figli miei, ma non volete ascoltare il grido del Vangelo: vi perdete dietro le cose del mondo e lasciate solo il mio Gesù. Ah, figli miei, il mio Cuore viene trafitto attimo per attimo e come Mamma grondo lacrime di sangue e il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù viene straziato! Figli miei, fermatevi e contemplate il Cuore del mio Gesù e il mio Cuore! Il mio Gesù vi dona tutte le grazie e il suo Cuore come scudo, come rifugio: cercatelo, figli miei, siate coscienti perché siete in pericolo. Figli cari, io non vengo a spaventarvi, ma vengo a segnarvi la Via-Mamma: la Via della Santità, la Via della Croce. Figli miei, io sono qui in mezzo a voi viva e reale e mi servo di questa piccola creatura per parlare a voi col Cuore Trafitto: convertitevi alla Verità della Croce, convertitevi al Vangelo del mio Gesù, spezzate le catene di satana, allontanate da voi i malèfici. Figli miei, non prostratevi a dii che non possono salvarvi, sappiate che il mio Gesù è Uno e Trino e solo la Santa Eucarestia è la vostra salvezza. Figli miei, il mio Progetto viene da Fatima e nel mondo intero si adempirà e il mio Cuore Immacolato trionferà. ASCOLTATE QUESTE PAROLE che IO PORTO DAL CIELO COME PANE VIVO. Figli miei, non pensate ai vostri corpi, pulite i vostri cuori, le vostre anime con la Santa Confessione, con la Santa Eucarestia. Figli miei, amate, perdonate e usate carità e ascoltate il Vangelo del mio Gesù. Ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane Vivo. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno Tremendo della Croce e voi, figli Ministri, crescete anche voi: non dimenticate le vostre promesse sacerdotali. Tu, croce mia, soffri ancora e immolati per i peccatori. (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Lode (7). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe di Maria. Amen". (Preghiera): O Spirito Santo, o Fuoco Ammirabile, o Rugiada Eterna, illumina l'anima mia, donami il tuo Santo Calore affinché io possa gioire col tuo Santo Amore. Amen".

13) Giov 20/6/96, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, figli miei! E tu, croce mia, bevi ancora i miei calici* e soffri ancora per i Grandi del mondo, immolati per loro, figlia mia, e bevi i miei calici misti: soffri, creatura mia! Siediti, sposa mia, e soffri perché i flagelli sono sempre più pesanti, immolati tu per coloro che non vogliono ascoltare il grido del Vangelo: del mio Vangelo; bevi i calici anche in questa serata. (Giu) Gesù, sono sempre misti e la Roccia gronda sempre sangue e tu piangi lacrime di sangue! (Ge) Figlia mia,* bevi i miei calici, sappi che sono sempre più amari in questi ultimi tempi* perché l'umanità mi offre calici amari ed io li dono a te: figlia mia, mi poggio su di te, consola il mio Cuore!* (Giu) Gesù, aiutami, sono amari!* (Ge) Lo so, figlia mia, sono io che te li dono: immaginati quanto sono amari i calici che offrono a mia Madre in ogni attimo i Grandi del mondo e i Grandi della Casa del Padre mio!* Voi vedete solo le cose esterne: io vedo ogni cosa!* (Giu) Gesù, aiutami,* è amaro questo calice! (Ge) Figlia mia, bevilo* e sii forte ancora: ferma qualche flagello con la tua sofferenza,* col tuo amore e col tuo silenzio.* (Giu) Gesù!* Gesù, non piangere! (Ge) Figlia mia, sono Padre, come posso non piangere?! (Giu) Gesù, dimmi cosa devo fare ancora!* (Ge) Per adesso bevi questo calice che è pesante* e ora ti aggiungo anche i chiodi: sii forte a sopportarli!* (Giu) Sì, Gesù, ma salva l'umanità: salvali, Gesù!* (Ge) Vuoi andare avanti ancora con le sofferenze?* (Giu) Sì, Gesù, ma stammi vicino! (Ge) Ora bevi quest'altro calice per il Piccolo Giovanni, cioè per il Papa.* (Giu) Gesù, perché il suo abito è sporco di sangue? (Ge) Non temere, figlia mia, si deve adempiere la Scrittura del mio Vangelo, tu bevi il calice per lui.* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora, figlia mia, guarda, ma non spaventarti: ciò che vedrai è orribile ai tuoi occhi!* (Giu) Gesù, perché tutto questo? (Ge) Figlia mia, per adesso tieni nel tuo cuore ciò che vedi ma presto lo dovrai consegnare al figlio santo: ci saranno persecuzioni quando darai questa visione, ma non temere, io sono il vostro Gesù, il vostro scudo, non preoccupatevi. (Giu) Sia fatta la volontà del Padre. Perdonami se chiedo un altro perché: Perché il Papa è sporco di sangue? (Ge) Non essere angosciata, anima mia: vai avanti, soffri e immolati per i Grandi del mondo.* (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà. Ecco, così io vengo a voi, piccolo e povero. In questo pezzo di pane e in questo bicchiere di vino c'è il mio Amore: l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. E io chiedo anche a voi di donare il vostro Sì totale al mio Santo Vangelo: alla mia Croce. Sappiate, figli miei, che io vedo i vostri cuori: figli cari, crescete ancora nel mio Santo Vangelo, nella mia Verità, nella mia Croce. Amate amate amate e perdonate, figli miei: usate carità, ma la mia Carità, figli miei, e quando la usate usatela col cuore, non con le labbra perché va via, si cancella, ma col cuore rimane come rimane il mio Vangelo. Figli miei, io sono qui in mezzo a voi vivo e reale, ma posso contarlo sulle dita di una mano in quanti credono alla mia presenza viva e reale in mezzo a voi. Io come Padre vi rimprovero perché vi amo e OGNI PAPA' ACCAREZZA I SUOI FIGLI CON LA PAROLA FORTE. Figli miei, è al mondo e a voi che siete qui riunti, che io mi rivolgo con le lacrime di sangue perché vi voglio santi, figli cari. Ora, creatura mia, bevi del mio Calice, soffri ancora e immolati per l'umanità: bevi, figlia mia,* bevi e soffri,* bevi ancora!* (Giu) Gesù, è amaro! (Ge) Sì, figlia mia,* soffri ancora!* (Giu) Grazie, Gesù, perché ti poggi su una misera peccatrice: poggiati ancora! (Ge) Ora dai da bere alla mia sposa (=Letizia di Spezzano): tu, sposa mia, vai avanti con la mia Parola, porta il mio Seme ovunque vai e sappi che il tuo cuore è sigillato dal mio Amore; non spaventarti di ciò che ti dico, creatura mia, vai avanti, cammina sempre con la Corona Santa della Mamma mia, ama, perdona e usa carità verso tutti: anche coloro che trafiggono il tuo cuore e i cuori dei tuoi cari; figlia mia, vai avanti perché sei la mia sposa: la mia perla preziosa; ora bevi del mio Calice e donalo al mondo, creatura mia. Tu, sposa mia (=Giulia), unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo. Anche tu, figlia mia (=Letizia), mangia il Pane del mio Amore e donalo al mondo. Ecco, io mi sono donato nella Povertà del Pane e del Vino. Figli cari, perdonatemi se mi fermo a lungo con voi, ma è dolce stare in vostra compagnia, è dolce essere cullato come un bambino. Figli cari, spose mie, ora preparatevi, venite così come siete al Banchetto dell'Amore: al Banchetto Nuziale. Accostatevi, figli miei! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, spose mie, io mi sono donato a tutti voi che siete riuniti in questa piccola capanna e a coloro che sono legati a questa Catena di Preghiera. Figli miei, vi invito ancora ad amare, a perdonare, a usare carità. Pregate per i figli emarginati, per i figli drogati e per coloro che non conoscono la mia Luce: la Verità del mio Vangelo. Figli, spose mie, vi amo, vi amo e dono ogni goccia del mio Sangue per ognuno di voi perché siete cari al mio Cuore: siete le mie spose! ma vi invito ancora una volta a pregare affinché i flagelli che sono su di voi si calmino. Ora, figli cari, vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane Vivo dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Scambiate sempre tra di voi il Bacio, figli cari! Ora, figli miei, unite la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. Figli miei, grazie per avere ascoltato. Ora fermatevi un attimo e contemplate il mio Cuore che gronda sangue per ognuno di voi. (Giu) Sei grande, Gesù, e il tuo Cuore è immenso: fammi gioire sulla tua Croce, Gesù! (Ge) Figlia mia, sei cocciuta ancora, vuoi sempre soffrire ma ti amo: gioisci sulla Croce con me!* (Giu) Grazie, Gesù! Ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò nel Segno Tremendo della Croce".

14) Ven 21/6/96, ore 8.50, more solito (piazzuòla Km 5 nei pressi di Rogliano mentre andiamo a prendere l'aereo a Lamezia per Cagliari):

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, la mia Pace, il mio Amore e la mia Letizia è piena. Voi, figli cari, liberatevi dalle cose del mondo, liberatevi dalle catene del mio nemico e camminate sulla Via-Mamma che io vi sto segnando attraverso le Visitazioni di mia Madre. Sappiate che i flagelli* sono sempre più bassi ed io come Padre imploro voi, figli, ad ascoltare il mio Santo Vangelo: la mia Verità, il mio Pane Vivo. Figli miei, sappiate che senza di me non siete nulla ed io grondo lacrime di sangue per l'umanità tutta perché mi appartenete: siete i miei figli, siete fatti a mia immagine e somiglianza e non potete camminare senza la mia Croce perché senza di essa siete morti. Figli miei, pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: pregate e non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi! E Voi Quattro della mia Croce, restate sempre uniti, portate avanti il Bacio del Piccolo Giovanni perché in quell'attimo ci sono io a donarlo. Non temete le persecuzioni che verranno ma andate avanti, figli miei! Con voi benedico il mondo nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Amen (4)".

15) TRE GIORNI IN SARDEGNA (22-23 giugno 1996)

LA VISIONE E I MESSAGGI DI QUESTO TERZO VIAGGIO IN SARDEGNA

A) La visione in Cattedrale a Cagliari (ore 10.30). Giulia scrive: "All'inizio della Messa don Mario è uscito dalla sacrestia: arrivato all'altare, era Gesù e dal suo Cuore uscivano Ostie che salivano verso il Cielo. Questo è durato per tutta la Messa. Quando la Messa è finita, dal Cuore di Gesù usciva Sangue che cadeva sull'altare e circondava tutta la chiesa. Quando don Mario ha tolto i paramenti (in sacrestia), anche quelli sono rimasti bagnati dal Sangue e Gesù ha detto: ORA LA MESSA E' PIENA, NON TEMERE!"

B) I messaggi a Sestu (ore 18.40, more solito):

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlia mia,* bevi anche oggi i calici del mio Gesù e soffri per l'umanità: accetta i calici del mio Gesù e soffri per i Grandi del mondo e i Grandi della Casa del Padre mio. (Giu) Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu grondi lacrime di sangue! (Imm) Figlia mia, non temere, bevi i calici* del mio Gesù: bevili e soffri. (Giu) Sì, mamma, ma tu, aiutami, stammi vicino!* (Imm) Bevi ancora i miei calici, figlia mia: bevi* e soffri. (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Sono io, la Vergine Immacolata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io vengo in mezzo a voi a portarvi lo Shalom del Padre. Figli cari, in modo particolare vi invito a pregare per la pace: pregate, figli miei, perché i tempi che verranno saranno duri e carichi di flagelli perché i Grandi del mondo non vogliono accettare l'Amore della Croce. Figli miei, sappiate che io sono in mezzo a voi viva e reale e in questa giornata vi chiedo poco, figli miei: vi chiedo di riconoscere la Croce del mio Gesù e di camminare in povertà, in carità e in amore. Figli miei, vi invito ad amare e a perdonare, vi invito a seguire la Via-Mamma: la Via della Croce. Figli cari, seguite il Vangelo: ma il Vangelo del mio Gesù. Figli cari, io vi amo e vi voglio piccoli e poveri come il mio Gesù è venuto in mezzo a voi e viene tuttora in povertà e in carità. La sua Misericordia è infinita per ognuno di voi perché vi ama ed è sempre pronto ad allargare le braccia sul legno della Croce per ognuno di voi. Tu, croce mia, immolati per l'umanità, soffri per i tuoi figli e consola sempre il Cuore del mio Gesù. Prega in modo particolare per questa comunità, figlia mia! (Giu) Sì, Mamma, ma tu, aiutami, stammi vicino! Mamma, sono debole, aiutami tu! (Imm) Non temere, figlia mia, sono qui davanti a te. Figlia, soffri ancora perché siete in pochi a credere a questa mia Visitazione. ACCOGLIETE QUESTO MESSAGGIO DI MAMMA CHE GRONDA LACRIME DI SANGUE perché voi non conoscete i pericoli: siete in grave pericolo, figli miei! Non vi dico questo per spaventarvi, ma vi chiedo di tenere accesa la Lucerna del Santo Vangelo, accostatevi ai Sacramenti della Confessione e della Comunione. Figli miei, lavate i vostri cuori, accostatevi al mio Gesù: alla Croce, al Segno Tremendo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Siate mamme del mio Gesù e camminate con la Verità del Vangelo. Figli miei, io vi amo, vi amo e vi lascio al mio Gesù. (Ge) Pace a voi! Figli miei, spose mie, sono io, il vostro Gesù: il Gesù Uno e Trino, il Gesù che è morto sul legno della Croce per ognuno di voi ed èrisorto per donarvi la Vita Eterna. OGGI, figli miei, VOGLIO DONARVI IL MIO CUORE: ACCOGLIETELO, spose mie, E AMATE AMATE COL MIO CUORE. Figli miei, io vi amo e vi voglio santi come Santo io sono. Figli, preparate i vostri cuori al Banchetto dell'Amore perché io voglio gioire in ognuno di voi. Ora venite e fate festa col vostro Gesù. Non Scandalizzatevi di ciò che succede perché io sono il Gesù della Vita Eterna: il Gesù che è nel Tabernacolo. Non spaventatevi! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli miei!* PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA, figli cari, PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA.* Ecco, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo, spose mie! Non scandalizzatevi, figli cari, perché io sono il Gesù della Croce: dell'Unica Croce. Figli cari, non prostratevi a dii che non possono donarvi la Vita Eterna! Figli cari, io vi amo, vi amo e vi invito ad amare: CERCATE RIFUGIO NEL MIO CUORE DI PADRE, DI FIGLIO E DI SPIRITO SANTO. Ora vi lascio con la mia Santa Benedizione col Segno tremendo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. (Giu) Lode, Gesù! (Ge) Ora, figli miei, piccolo Mario, piccolo Pasquale, unite la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. Figli miei, fermatevi un attimo e contemplate il mio Cuore che gronda sangue per ognuno di voi. (Giu) Sei grande, Gesù: il tuo Cuore è immenso, aiutaci a camminare nella tua Santa Letizia, nel tuo Santo Amore, e perdonaci se siamo peccatori! GESU', IO METTO NEL TUO CUORE QUESTE TUE CREATURE: AIUTALI, SOSTIENILI CON LA SANTA MISERICORDIA. Grazie, Gesù! Ti amo, Gesù! (7) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò, io verrò, io verrò nel Segno Tremendo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo".

16) Dom 23/6/96, ore 15.35, more solito (autostrada, dopo Falerna):

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Figlia mia, bevi anche oggi i miei calici e i calici del mio Gesù* e soffri per l'umanità tutta. (Giu) Sì, Mamma, c'è ancora sangue intorno a te e tu piangi lacrime di sangue! Mamma, sono io a farti soffrire?* (Imm) No, creatura mia, tu bevi i calici e soffri per l'umanità. (Giu) Sì, Mamma!* Mamma, la Roccia gronda sangue!* (Imm) Non temere, croce mia, soffri* e bevi ancora i calici misti* e oggi in modo particolare accetta I DOLORI DEL PARTO.* (Giu) Sì, Mamma, ma stammi vicino! (Imm) Sono io,* la Vergine Immacolata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Oggi ancora una volta, per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, io vengo a portare* lo Shalom del Padre: figli miei, accettatelo con amore e accostatevi all'Altare della Misericordia.* PREGATE PER IL SANTO PADRE, figli cari, E IMMOLATEVI CON LUI PER LA PACE. Figli di questa valle, non siate duri di cuore, ma accettate la Verità del Vangelo del mio Gesù, vivete il Vangelo di questa giornata (12/A), figli miei. E tu, croce mia, immolati ancora: soffri! (Giu) Sì, Mamma! Anche se sono tremendi i dolori del parto, dammene ancora! (Imm) Grazie, figlia mia, per i tuoi Sì: salva queste anime che vedi in perdizione e immolati per i figli Ministri che hanno lasciato la Via del Vangelo perché il mio nemico li confonde. (Giu) Mamma,* sono forti i dolori! (Imm) Non temere, creatura mia, ci sono io: resisti ancora!* (Giu) Sì, Mamma!* (Imm) Figli miei, figli Ministri, raccogliete le pecorelle, amate, perdonate e usate carità. Tu, figlio santo, figlio Mario, vai avanti, non temere per i tuoi dolori: figlio mio, sappi che il tuo compito è salvare le pecorelle smarrite, guida i tuoi fratelli Ministri all'Altare della Misericordia, portali alla Sorgente Viva del mio Amore attraverso il Bacio del Piccolo Giovanni. E vi invito a pregare sempre perché i flagelli sono ancora su di voi, figli cari: IO DA QUESTA VALLE E NEL MONDO INTERO STO PORTANDO IL PROGETTO DEL MIO CUORE IMMACOLATO. Tu, croce mia, accetta la Croce del mio Gesù e vai avanti con la Sofferenza: con la Persecuzione. (Giu) Sì, Mamma! Mamma, metto nel tuo Cuore il mio cuore e il cuore di tutti i figli che si sono affidati alle mie preghiere: prendili tu perché io non so pregare, sostienili tu col tuo Amore Materno. (Imm) Ma sì, figlia mia, non temere, sei mamma anche tu e puoi aiutarli, non lamentarti ma cammina con la Croce del mio Gesù. Ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Vi invito alla Sofferenza, alla Croce, alla Carità. Vi benedico col Segno Tremendo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete con la Santa Eucarestia. Lode (5). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. E tu, croce mia, soffri ancora. (Giu) Sì, Mamma!"

17) MESSAGGIO ALLA QUERCIA DEL 24 GIUGNO 1996 - ore 15.40, more solito

Esorcismo iniziale a satana. Io non ci sono. Giulia, davanti ad una donna di Taranto che gesticola nel recinto (come altre volte), vede satana nudo, capelli rossi e lunghi, ma nelle sembianze di uomo-donna: uomo per il pene e donna per i seni, a significare il dominio sull'uomo e infatti il peccato originale si trasmette per via generazionale. Giulia lo vede in modo normale tanto che si volta per chiedere aiuto a Franco Sola. Lo vede però solo lei e quindi è una forma di quasi estasi. Gli punta il Crocifisso e lo esorcizza con toni forti:

"In nome e potere della Croce io ti ordino: vai via! vai via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! Inginocchiati ai piedi della Croce: vai via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! Lascia in pace queste creature! San Michele, Vergine Santa, intervenite! San Michele, Vergine Santa, intervenite! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! Lascia in pace questa creatura, non ingannarla, vai via! fuggi! vai via! Aiutami (a Franco Sola), aiutami perché non va via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via: vai via! vai via! vai via! vai via! vai via! vai via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via!"

Apparizione dei globi di luce vera: "Mamma, perdomami se ti chiedo di glorificare, ma se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlia mia, oggi più che mai bevi i calici del mio Gesù: immolati e soffri per l'umanità che trafigge il mio Cuore e il Cuore del mio Gesù. Figli miei, combattete perché il mio nemico è forte e vuole distruggere questo luogo e il Progetto dell'Amore: voi fermatelo con la Santa Preghiera, con la Santa Sofferenza e con la Santa Croce. Figli cari, io sono qui in mezzo a voi per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo e col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo della Croce. Vengo a portarvi lo Shalom del Padre: figli cari, accettatelo nel Segno Tremendo del Vangelo del mio Gesù e non prostratevi ad altri dii che non portano il Segno Tremendo della Santa Croce e del Santo Vangelo. IO VENGO COME GIOVANNI e CON GIOVANNI a GRIDARE LA CONVERSIONE DEI CUORI! Non temete, sono Mamma e grido come voi mamme del mio Gesù! GRIDATE E RICORDATE che SIETE BATTEZZATI COL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO, ESORCIZZATE CON I VOSTRI CUORI, CON LA VOSTRA VERITA': CON LA VERITA' DEL VANGELO DEL MIO GESU'. Non scandalizzatevi del mio gridare di Mamma, figli miei, perché il mio Cuore gronda sangue per l'umanità che non vuole ascoltare la Verità del Santo Vangelo: la Verità della Santa Eucarestia. Figli miei, io vengo in mezzo a voi perché il mio Cuore di Mamma gronda sangue per ognuno di voi e non voglio perdervi, figli miei! ALLONTANATE DA VOI SATANA, I SUOI INGANNI, LE SUE FALSITA': figli miei, NON APRITE GLI OCCHI ALLA SUA LUCE FALSA! ACCOSTATEVI CON MISERICORDIA AL VANGELO DELL'AMORE E DELLA MISERICORDIA. Figlia mia, tu, Piccola Croce, grida come Giovanni, non temere le persecuzioni che verranno, ma grida, grida come Giovanni perché io mi poggio su di Voi Quattro della Croce: andate avanti, non fermatevi, figli miei, benedite ed esorcizzate col Segno Tremendo della Croce e col Vangelo del mio Gesù. E tu, figlio santo, figlio Mario, guida il tuo gregge, guidalo all'Altare della Misericordia del Padre, figlio mio, e grida anche tu la Verità del Vangelo, grida come Giovanni e dona sempre il Bacio del Piccolo Giovanni: figlio mio, tienilo vivo come Sacerdote santo, come Sacerdote dell'Amore, come Sacerdote della Carità. Figli cari, vi imploro a pregare per il Santo Padre, per il mio Piccolo Giovanni, non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi: figli miei, non lasciatelo solo! Io sono qui in mezzo a voi viva e reale, figli cari, sappiate che io vedo i vostri cuori e vi dono le grazie necessarie per andare avanti, non disperdetevi dietro alle cose del mondo, siate piccoli, siate poveri, siate caritatevoli, sappiate che i flagelli sono sempre su di voi perché siete in pochi a pregare, in pochi ad aprire i vostri cuori alla Verità del Vangelo. Figli miei, io vi amo e come Mamma grido ancora: ASCOLTATE IL VANGELO DEL MIO GESU' e NON CORRETE DIETRO A DII CHE NON POSSONO SALVARVI. Figli miei, vi invito ad essere prudenti: siate prudenti e amate col Cuore della Croce! Ora vi lascio al mio Gesù: ascoltatelo! (Ge) Pace a voi! Sono io, il vostro Maestro: L'UNICO MAESTRO. Figli miei, la mia voce è rombante perché vi amo, vi amo, figli cari, e il mio Cuore gronda lacrime per ognuno di voi. Figli miei, AMATEMI perché IO VI AMO ANCHE QUANDO SBAGLIATE ma GRIDO CON VOCE DI GIUBILO LA VERITA' DEL MIO VANGELO. Figli miei, accettate la Santa Sofferenza: accettate la Croce! Amatevi gli uni gli altri e non lasciate spazio al mio nemico. IO DESIDERO I VOSTRI CUORI PURI E PICCOLI COME SONO. Figli miei, ora voglio far festa con ognuno di voi, venite alla mia Mensa: figli cari, venite alla mia Mensa e fate festa col mio Cuore! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli cari! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, figli miei, io mi sono donato ad ognuno di voi: mi sono donato a coloro che ha(nno) aperto il cuore alla mia Infinita Misericordia. Ora, figli cari, gioite nel mio Amore e tu, croce mia, non temere per ciò che dice il mio nemico, vai avanti perché il mio Cuore è il tuo scudo: è il tuo rifugio. Ora vi lascio, figli cari, vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Vi bacio tutti col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Scambiatevi sempre il mio Bacio che è Bacio di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Tu figlio Pasquale, tu figlio Franco, lega la Catena Santa e pregate con la mia preghiera. Figli cari, fermatevi un attimo e contemplate il mio Cuore che gronda sangue per ognuno di voi. (Giu) Gesù, sei grande ed il tuo Cuore è immenso! (Ge) Sì, figlia mia, sono grande perchè amo: amate anche voi e sarete raggianti di Spirito Santo. (Giu): Ti amo, Gesù! (7) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, aspettatemi, io verrò ancora a portare il Pane dei Cieli ad ognuno di voi: aspettatemi! E tu, croce mia, soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la forza e stammi vicino!"