Notizie da Sofferetti-24  n. 191

Lauria, 19 febbraio 1997 

 

IO VENGO in mezzo a voi COME UOMO NUOVO

e PORTO A VOI LA PIENEZZA e L'AMORE DEL PADRE

(cfr. mess. di giovedì 13/2/1997)

 

1) Giov 6/2/97, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose mie! Tu, croce mia, bevi ancora i miei calici misti* e immolati con i dolori del mio e del tuo parto: soffri per l'umanità! Ora siediti, sposa mia, e bevi* i miei calici misti.* (Giu) Sì, Gesù, ma stringi la mia mano:* stringila, Gesù, perché sono debole!* (Ge) Sei sempre la mia cocciuta: sai cosa fare!* i dolori del mio parto non puoi sostenerli: se vuoi, puoi gridare!* (Giu) Gesù, poggiati su di me con la tua Croce: ti chiedo perdono, ma non farmi gridare!* (Ge) Figlia mia, LA PASQUA SI AVVICINA,* SALITE CON ME IL MONTE e PORTATE LA VOSTRA CROCE: figli,* NON LASCIATELA!* (Giu) Gesù, tu grondi sangue e la Roccia gronda sangue! (Ge) Figlia mia, il sangue che vedi è sangue di parto: non temere!* (Giu) Gesù, stringi la mia mano!* (Ge) Figlia mia, LA PASQUA CHE IO VI STO PREPARANDO E' UNA PASQUA DI PACE ma E' SEGNATA DALLA CROCE, DAL MIO SANTO VANGELO, ed E' PESANTE, figli miei, SOPRATTUTTO PER VOI, PICCOLI GIOVANNI: VOI CHE APRITE IL CUORE ALLA MIA PAROLA, VOI CHE SOSTENETE LE MURA CHE STANNO CROLLANDO! Io vengo a portarvi le gocce del mio Amore, della mia Carità, ma vi porto anche la Santa Sofferenza: accettatela, figli miei! Come Padre vi invito ad inchinare il capo* e ad implorare: misericordia! misericordia! misericordia! per la Chiesa tutta che è in grave pericolo. Io vi invito sempre a pregare* per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: non lasciatelo solo, figli miei! lui porta la Croce come la porto io per ognuno di voi e grida nel suo cuore: ma non l'ascoltano! Figli miei, pregate pregate affinché il mio Vangelo viene ascoltato, pregate affinché la Verità della mia Voce viene gridata da tutti i popoli. Figli, figli miei, spose mie, gioielli del mio Cuore, non fermatevi dinanzi alla Sofferenza, non chiudete la porta quando io busso: ma apritela e camminate verso la Porta del Parto!* Tu, croce mia, immolati ancora: porta i tuoi figli verso la Porta del Parto. (Giu) Sì, Gesù, ma non mi ascoltano: dimmi tu cosa devo fare! (Ge) Figlia, nel Silenzio della Croce tu sai cosa devi fare: immolati ancora* e bevi i miei calici misti.* (Giu) Gesù, stringi ancora la mia mano!* (Ge) Piccola cocciuta mia, io la stringo! (Giu) Grazie, Gesù!* (Ge) Invito voi, figli miei, voi che siete qui riuniti in questo angolo di paradiso e i figli che si uniscono a questa santa preghiera, di essere coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi: siate coscienti della mia Parola Viva e accettate la Santa Croce, la Santa Sofferenza, amate e perdonate coloro che trafiggono i vostri cuori, figli miei! USATE CARITA' perché SOLO COSI' VI RICONOSCERANNO COME PICCOLI GIOVANNI: I MIEI PICCOLI GIOVANNI CHE IO SCELGO e LI CONDUCO SULLA VIA DELLA CROCE: SULLA VIA DEL PADRE! Tu, anima mia, croce del mio Cuore,* immolati ancora* e bevi questo calice secondo le intenzioni del Padre.* (Giu) Padre!* Padre! Padre mio!* (Ge) Figlia mia, so che è pesante: ma bevilo!* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Figli, vi chiedo scusa se resto a lungo a parlare con voi, ma io gioisco nel restare nei vostri cuori: ad essere cullato, a sentire il vostro calore, il vostro amore, ed io sono Padre e sento il calore dei vostri cuori! Figli miei, restate sempre piccoli e poveri: crescete nell'Amore e nella Grandezza del mio Vangelo e della mia Croce! Tu, figlio santo, figlio Mario, Sacerdote dell'Amore e della Verità, prendi per mano le tue pecorelle e conducili/e dove ci sono acque tranquille: falli cibare del mio Corpo e del mio Sangue e dona anche tu il tuo corpo ed il tuo sangue. Figlio mio, non posso tacere ciò che tu sei: sei il mio Piccolo Giovanni, il pastore eterno, colui che deve preparare la mia Venuta: il mio Ritorno in mezzo a voi! Figlio mio, non scandalizzarti di ciò che dico: nel tuo cuore èsegnata ogni cosa di ciò che devi dire e fare. Ora cullatemi ancora nei vostri cuori!* Tu, anima mia, immolati ancora! (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Figlia mia, dovrai soffrire ancora a causa del mio Nome, ma non temere: la mia Luce e la mia Grazia è su di te, vai avanti e stringiti sempre alla mia Croce! (Giu) Padre! Padre! Padre mio! (Ge) GIOISCI, figlia mia, NELL'AMORE DELLA CROCE! (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo in mezzo a voi: piccolo e povero, ma vengo nella Grandezza e nell'Amore del Padre mio. Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO COME SEGNO DI AMICIZIA E DI POVERTA' E DONALO AL MONDO NEL SEGNO SANTO DEL TUO PARTO. Tu, croce mia,* immolati ancora e bevi ancora i miei calici misti per i figli che non vogliono accettare il mio Vangelo, il mio RITORNO, la mia Luce, la mia Verità!* ora offri da bere al figlio santo: figlio mio, bevi del Calice del mio e del tuo Parto, sii fecondo del mio Amore e della mia Verità: sposa mia, dona il tuo amore ai tuoi figli e non temere niente e nessuno; ora bevi anche tu il Calice dell'Amore del Padre e donalo ai tuoi figli. Tu, croce mia, bevi il Calice Misto del Mio Divino Amore e donalo ai tuoi figli. Ora, figlio mio, dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo. Tu, croce mia, mangia il Seme del Parto e donalo ai tuoi figli. Ecco, figli miei, io mi sono donato nella Povertà del Pane e del Vino ma in essi dono a tutti voi l'Amore e la Grandezza della Croce: portatela, figli del mio Cuore di Padre! Accettate il mio Parto che è qui in mezzo a voi, entrate per la Porta Santa del Mio Parto e gioite con me, gioite col Maestro, figli, preparate i vostri cuori: fateli bruciare al mio incontro! Venite al mio Banchetto di Luce, di Pace e di Verità: ma siate coscienti del mio Vangelo, della mia Parola Viva che è in mezzo a voi!* Figlia mia, soffri ancora per i figli che non vogliono accettare la mia Verità.* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora accostati al mio Cuore e gioisci con la mia Croce, sposa mia! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, spose mie! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, spose mie, io mi sono donato a tutti voi perché vi amo, vi amo e il mio Amore non ha limite per ognuno di voi: vi amo anche quando sbagliate, figli miei! io gioisco nei vostri cuori quando voi gioite e soffro con voi quando voi soffrite. Figli miei, SIETE CARNE DELLA MIA CARNE, vi amo così come siete ma vi chiedo di amare anche voi: amate amate amate, figli miei! Ora io vi benedico col Bacio del Piccolo Giovanni, vi benedico attraverso il figlio santo: non scandalizzatevi del mio Bacio, figli miei, non pensate alle cose del mondo, sappiate che sono io a donarvi il Bacio, non guardate questa piccola creatura ma guardate con gli occhi del cuore! Preparatevi a riceverlo, figli miei, e donatelo al mondo nella mia Verità e nel mio Amore. IO VI SEGNO COL BACIO DEL PADRE: scambiatevi la mia Santa Benedizione, figli miei, e non scandalizzatevi del mio Amore, della mia Carità! Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodate sempre sia il Padre Altissimo. Piccolo Mario, piccolo Pasquale, unite la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Grazie, figli miei: grazie per aver ascoltato la mia Parola Viva in mezzo a voi! Tu, croce mia, soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù, ma perdonami perché sono una misera peccatrice! (Ge) Non lamentarti, piccola mia cocciuta! (Giu) Grazie, Gesù: grazie per il nome che mi hai donato!^ (Giu): Ti amo, Gesù! (5) (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore e aspetto (noi: Ti amo, Gesù). (Gesù) Grazie! (Giu) Grazie, Gesù! grazie, Gesù!"

2) Ven 7/2/97, ore 10.40, in crocifissione, orale:

"Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli miei, LA MIA PACE VIENE DALL'AMORE ed io nei vostri cuori non vedo amore! se non vi amate tra di voi non amate neanche me: figli, come potete donare la pace al mondo senza la conversione dei vostri cuori? Figli, aprite i vostri occhi alla Verità del mio Vangelo, pregate ed usate la Verità della Luce del Padre. Figli, voi senza (del)la Parola del Padre mio non potete far nulla, è LUI che vi ha creati e fatti a immagine e somiglianza di me che sono carne della sua carne e voi siete figli di Dio: ma non volete riconoscerlo e camminate con i vostri pensieri che fanno parte del mondo che sta andando alla perdizione. Figli miei, come siete lontani dalla Luce del Padre! Figli, ricordatevi che io vi ho donato la vita e sono pronto a salire ancora sul Legno della Croce perché vi amo: amate anche voi, figli miei! Voi Quattro della Croce, soffrite ancora, so che il carico è pesante ma io sono sempre al vostro fianco: con voi benedico il mondo col Segno Tremendo della Croce. Amen (4). Tu, croce mia, non scoraggiarti: vai avanti! (Giu) Sì, Gesù!"

3) Dom 9/2/97, ore 15.30, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Figlia mia, bevi anche oggi i calici misti del mio Gesù e soffri anche in questa giornata. Figlia mia, io come Mamma vengo a portarvi le mie lacrime,* anche se voi non le accettate: non li/e raccogliete!* Figli miei, io piango per voi perché sono Mamma: vi invito a rinnovare i vostri cuori al Santo Vangelo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figlia mia, immolati in questa giornata, ripara le offese che recano al mio Cuore* e al Cuore del mio Gesù:* bevi i calici misti,* figlia mia!* (Giu) Sì, Mamma, ma stringi la mia mano: stringila perché sono debole! (Imm) Immolati, creatura mia, per l'umanità che trafigge il mio Cuore.* (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figlia mia,* accetta i chiodi* del mio Gesù.* (Giu) Mamma!* (Imm) Uniscili ai Dolori del Parto, figlia!* Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi e il Servo Santo della Croce. Figli miei, vi invito a preparare i vostri cuori alla Pasqua del mio Gesù: vivete nella Verità del Santo Vangelo. Figli miei, io come Mamma della Croce non posso portarvi che la Verità del Vangelo del mio Gesù: accogliete il grido del mio Cuore di Mamma, convertite i vostri cuori all'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e vivete nell'Unico Vangelo Vivo del Mio Gesù, usate amore, carità e perdono come il mio Gesù lo usa per ognuno di voi. Rifugiatevi nella Santa Preghiera: ma sia preghiera di cuore, preghiera costante, figli, e vivete in pienezza il Vangelo del mio Gesù. Allontanate da voi* le cose del mondo, figli miei: allontanatele soprattutto in questi giorni, non trafiggete il Cuore del mio Gesù! Tu, anima mia, immolati ancora per i tuoi figli, per i figli Ministri: per coloro che si nascondono dietro gli abiti e sporcano la Verità del Vangelo! (Giu) Mamma, ma cosa fanno?* (Imm) Figlia mia, tu immolati* e prega e bevi i calici. (Giu) Sì, Mamma!* (Imm) Figli, allontanate da voi i flagelli: allontanateli con l'amore e con la preghiera costante. Non temete, io sono la Mamma della Croce e consolerò i vostri cuori afflitti. Figli, figli del mio Cuore, io vi sto segnando la Via della Croce e vi porto la Pienezza dello Shalom, ma ancora voi siete deboli e non riuscite a camminare sulla Mia Via: sulla Via della Croce. Figli, se amate il mio Gesù, caricatevi della Croce e camminate con essa e per essa! Figli miei, non ci siano altre vie: cercate la Via dell'Amore ed elargitela ai vostri fratelli, ai vostri figli! Figli miei, IL MIO PROGETTO E' PROGETTO D'AMORE, E' PROGETTO DI PADRE, DI FIGLIO E DI SPIRITO SANTO e L'UOMO NON PUO' CANCELLARLO! IL MIO CUORE IMMACOLATO TRIONFERA' E LA GIUSTIZIA DI DIO SCENDERA' SU OGNUNO DI VOI: VOI PREPARATE I VOSTRI CUORI ALLA VENUTA DELL'UOMO NUOVO IN MEZZO A VOI. Figli miei, pregate pregate pregate secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata. Figli miei, non temete: io non vi abbandono perché sono Mamma e una mamma comprende i cuori. Figli miei, restate uniti alla Catena Santa e pregate e perdonate coloro che trafiggono i vostri cuori. Tu, croce mia, soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la forza! (Imm) Piccola cocciuta, non temere: stringiti alla Croce del mio Gesù e vai avanti! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno Santo della Santissima Eucarestia. Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Soffri ancora, anima mia! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figli miei, riprendete la preghiera ché la Piccola Giulia è con me in Paradiso. (Giu, dopo pausa) Mamma, Mamma, non lasciarmi: fammi restare con te! (Imm) Figlia, devi ritornare: ora porta il mio Amore ai tuoi figli. (Giu) Sì, Mamma!"

4) Mar 11/2/97, ore 7.30, a casa, orale:

"Vieni, figlia mia! Sono io, la Mamma della Croce. Figlia, glorifichiamo insieme il Padre. Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlia mia, prega e consola il Cuore del mio Gesù che è tanto angosciato per le cose del mondo, viene offeso e oltraggiato in ogni attimo: prega e soffri come tu sai fare, ripara le offese che recano alla Santissima Trinità e al mio Cuore di Mamma. (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la forza e perdonami quando sbaglio io! (Imm) Figlia, non fai che dire sempre di sì a qualsiasi cosa ti chiedo, sei preziosa al Cuore del mio Gesù, non temere: ora porta la Croce del mio Gesù per i tuoi figli che in questa giornata si danno° alle cose del mondo offendendo Gesù. (Giu) Sì, Mamma! Voi Quattro della Croce, pregate e fate penitenza: preparate i vostri cuori alla Pasqua che viene nella Pace del Signore, ma è pesante perché è carica di Croce! ma voi andate avanti, figli, non spaventatevi, io sono sempre con voi, non vi lascio: il mio Cuore Immacolato trionferà! Con voi voi benedico il mondo col Segno Tremendo della Croce. Amen (4)".

5) Mercoledì delle Ceneri, 12/2/97, ore 7.30, a casa, orale:

"Figlia, vieni! Sono io, la Mamma dei Dolori, non temere, glorifichiamo il Padre insieme. Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlia mia, vedi quanti flagelli circondano il mondo e la Chiesa tutta! (Giu) Mamma, ma tu e Gesù non li potete fermare? (Imm) Sì, figlia mia, non è che noi non vogliamo, è che la mente dei Grandi del mondo vuole superare l'Onnipotenza del Padre dimenticando che voi non siete che un soffio di polvere e non potete che ritornare alla terra: SENZA L'AMORE E LA MISERICORDIA DEL PADRE NON POTETE ENTRARE NEL REGNO CHE IL MIO GESU' HA PREPARATO PER VOI! Ma tu, figlia mia, prega ed invita i tuoi figli all'Amore e alla Pace di Gesù e devi ringraziarlo e benedirlo per ciò che ti offre (=sofferenze). Figlia, fallo sempre come tu lo sai fare: immolati per i tuoi figli e consola sempre il Cuore di Gesù. Voi Quattro della Croce, non stancatevi, ma riparate le offese che recano al mio Cuore e al Cuore di Gesù in questa Pasqua. Vi amo e con voi benedico il mondo con la Croce della Vita. Amen (4)".

6) Giov 13/2/97, ore 21.04, a casa, more solito:

"Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi:* gioite e fate festa, spose mie! Tu, croce mia, immolati per i tuoi figli: accetta i miei calici misti* e i dolori del mio e del tuo parto. Ora siediti, sposa mia, e soffri per l'umanità* che trafigge* il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma. Figlia mia,* in questa serata i dolori sono enormi!* (Giu) Gesù, stringi la mia mano!* (Ge) Figlia, la Pasqua si avvicina e tu non puoi sopportare!* Guarda, croce mia: guarda* i flagelli!* (Giu) Gesù, fermali! fermali! fermali!* fermali: sono Sacerdoti!* (Ge) Figlia mia, figlia mia, immolati!* (Giu) Gesù,* aiutami!* (Ge) Sai come fare,* piccola cocciuta!* (Giu) Gesù,* perché fanno questo?!* perché al Papa?!* (Ge) Figlia, in questa serata* i dolori sono enormi: grida se vuoi!* (Giu) Gesù, poggia su di me la tua Croce, ma se vuoi cancella questi flagelli!* (Ge) Figlia, il carico è pesante!* (Giu) Gesù,* stringi la tua Croce sul mio cuore!* (Ge) Piccola cocciuta, lo vedi che non ce la fai: la mia Croce è pesante e i flagelli non li puoi fermare solo tu!* Siete in pochi* ad immolarvi e a credere* nella Verità del mio Vangelo* e della mia Croce! Figli miei,* salite con me* e portate la vostra croce: non lasciatela, figli miei! Quanto vi ho amato e quanto vi amo, figli miei! Quando portavo la Croce sul Monte cercavo i vostri occhi: ma non li trovavo! Figli miei,* anche in questo attimo io cerco i vostri occhi: ma non li trovo! Figli miei, guardate le cose del mondo: e non guardate la mia Croce!* non guardate il mio Vangelo! ma io sono qui in mezzo a voi vivo e reale: neanche vi accorgete di queste grazie che il Padre vi dona!* Figli miei, io mi servo di questa piccola e fragile creatura e la chiamo cocciuta perché vuole tenere i dolori del mio parto nel suo cuore: vi ama al punto di sopportare come me i chiodi, ma non voglio metterla al primo posto, figli miei:* la metto all'ultimo posto perché la amo! Figli, ascoltate la mia Parola Viva: IO sono a parlare, IO il Maestro, il vostro Maestro, il Gesù che ha allargato le braccia sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna, vi ho donato il mio Sangue: vi ho riscattati a caro prezzo! Figli miei, poggiatevi anche voi sulla mia Croce e implorate: misericordia! misericordia! misericordia! al Padre. Pregate e allontanate i flagelli con la Santa Sofferenza: figli miei, siate attenti, accettate la Sofferenza che viene dalla mia Croce, dal mio Santo Vangelo! Figli miei, siate coscienti della mia presenza in mezzo a voi: non allontanate i vostri pensieri dalla mia Parola, dalla mia presenza viva e reale in mezzo a voi. Ora, figlia mia, porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto e immolati per i tuoi figli che non credono alla mia presenza. (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre mio!* Padre! Padre! (Ge) Stringi la mia mano, figlia mia: porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto! Ora sei poggiata sul mio Cuore (si poggia a me,ndr): vai avanti e non temere! (Giu) Sì, Gesù, ma non lasciarmi: sono debole!* (Ge) Bevi questo calice* per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa.* (Giu) Padre! Padre! Padre!* (Ge) Figlia mia, perdona se mi poggio su di te! (Giu) Gesù, non chiedermi perdono: sono io che devo chiederti perdono se sono debole, ma tu stammi vicino e stringimi! (Ge) Figlia mia, sono qui dinanzi a te! (Giu) Grazie, Gesù! (Ge) Ora vieni, figlia mia: sali con me il Monte!* Ti ho avvisato che i dolori sono enormi: se non ce la fai, dimmelo! (Giu) Gesù, voglio camminare con te!* (Ge) Grazie, sposa del mio Cuore, ma non spaventarti* di ciò che vedi! Figli miei, vi chiedo scusa se parlo a lungo: non distaccatevi dalla mia Parola Viva, dal mio Vangelo,* dal mio Amore, usate carità e perdono verso tutti: non scartate i miei piccoli, figli miei! Io voglio gioire con voi ma vedo i vostri cuori distratti, le vostre menti lontane dalla mia presenza che è qui in mezzo a voi: ma vi amo ugualmente e resto ancora a parlare con voi!* Tu, croce mia, immolati ancora. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Figlia, ora il carico è pieno: fermati un attimo e contempla il mio Cuore e porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora, figlio Pasquale, offrimi, offrimi da bere, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà, ma sii attento, figlio mio, alla mia Parola: quando io ti chiedo da bere, chiedo anche la tua apertura al mio Cuore, alla mia Verità; figlio mio, conosco il tuo carico ma vai avanti perché è il mio: portalo con amore e usa carità verso i tuoi figli.* Ora, figli miei, io offro al Padre il pane e il vino come segno di amicizia e di povertà. PADRE, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO: RENDILO FECONDO NELL'AMORE DEL VANGELO E DELLA SANTA CROCE E DONALO AI TUOI FIGLI COME SEGNO DI PACE E DI VERITA'.* Tu,* croce mia, immolati ancora con i dolori* del mio e del tuo parto. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora offri da bere IL CALICE DELLA PRIMIZIA DEL PADRE al figlio santo: figlio mio, pastore eterno, sposa del mio Cuore, bevi del Calice Misto del mio Amore e del mio Parto, sii mamma per i tuoi figli, rendili fecondi col tuo amore di pastore eterno; figlio mio, non scandalizzarti di ciò che dico!* ora bevi, figlio.* Tu, croce mia, bevi il Calice del Parto e soffri per i tuoi figli.* Dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo al mondo, figlio mio. Tu, croce mia, mangia il Seme del Parto: donalo ai tuoi figli* e soffri ancora per l'umanità che trafigge il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma. Ora io mi sono donato nella Povertà del Pane e del Vino: donatevi anche voi e preparatevi al Banchetto dell'Amore.* Figli miei, preparate i vostri cuori al Parto! Tu, croce mia, sali con me!* (Giu) Sì, Gesù! (Ge) PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA NUOVA. IO VENGO in mezzo a voi COME UOMO NUOVO e PORTO A VOI LA PIENEZZA E L'AMORE DEL PADRE. Ecco, io mi sono donato: la mia Pasqua è piena perché vi amo, vi amo, vi amo: siate coscienti, della Verità del mio Vangelo. Figli miei, ora vi segno con la Santa Benedizione del Bacio del Piccolo Giovanni: è la Pienezza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Siate coscienti e accettatelo nella Verità della Croce! Io vi segno attraverso il Sacerdote eterno, il Sacerdote santo e sono io a chiamarlo santo: non temete, la mia Parola è Parola duratura! Accogliete la mia Santa Benedizione e portatela ai vostri cari e al mondo: scambiatevi la mia Santa Benedizione, figli miei! Ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate con la mia preghiera lentamente. Grazie, figli miei, per avere ascoltato la mia Parola! Mi poggio ancora sul tuo cuore!* (Giu) Sì, Gesù! Ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore e aspetto (noi: Ti amo Gesù). Figli, mi poggio anche su di voi!* Non temete: la Piccola Giulia è con me in Paradiso (pausa). (Giu) Gesù, è dolce restare con te: fammi restare! (Ge) Figlia, devi ritornare tra i tuoi! (Giu) Grazie, Gesù!"