Notizie da Sofferetti-24  n. 203

Lauria, 10 agosto 1997 

 

Per il piccolo umile nascosto Don Domenico Lentini

Il Cielo ne prepara in grande la Beatificazione per il 12/10/1997

 

MESSAGGI TRAMITE GIULIA

1) Giov 24/7/97, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre (3). (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore! Tu, croce mia, bevi ancora* i miei calici verdi: immolati* e soffri ancora con i dolori del mio e del tuo parto!* Anima mia, siediti* e accetta con amore e misericordia le sofferenze per i tuoi figli, per l'umanità* che trafigge il mio Cuore di Padre. Figlia mia, siamo ancora una volta insieme riuniti nell'Amore e nella Sofferenza, tu sii sempre forte, stringi la mia Croce al tuo cuore e vai avanti:* tieni sempre alto il mio Vangelo Vivo, la mia Verità, la mia Croce. Figli tutti, siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi: non ridete, anime mie, non trafiggete ancora il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma! Tu, piccola cocciuta, se non ce la fai con i dolori, grida!* (Giu) Gesù, stringi le mie mani: dammi la tua forza!* (Ge) Figlia mia, bevi questo calice per il mio piccolo Giovanni,* cioè per il Papa: non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi, pregate e fategli compagnia nella preghiera e nel portare la Croce con lui; il suo compito è pesante, figli miei: ciò che lui deve fare lo deve fare da solo, ma ha bisogno delle vostre preghiere, del vostro aiuto, del vostro sostegno. Figli miei, elargite i vostri cuori al Santo Vangelo e non prostratevi ad altri dei, accettate solo la Santa Croce, la Santa Sofferenza,* la via che mia Madre vi sta segnando, camminate sulle spine e gioite, anime mie, ma allontanate dai vostri cuori il mio nemico: portate sempre lo Scudo della Santa Croce, portate con voi il Santo Vangelo e non lasciate l'arma che Maria vi sta donando, cioè il Santo Rosario. Figli miei, io vengo a preparare i vostri cuori, vengo ad accenderli con l'Amore dello Spirito Santo: non vengo a cambiare nulla, vengo a svegliarvi dal sonno, figli miei! Tu, anima mia, non spaventarti dinanzi alle persecuzioni che verranno ancora, sii sempre forte: siano i tuoi passi saldi come è salda la mia Croce, il mio Amore per ognuno di voi! Voi, figli Ministri, parte eletta del mio Cuore Immacolato e Addolorato di Padre, accogliete la mia Santa Parola, vivetela in pienezza di cuore, offrite carità e amore ai figli che bussano alla vostra porta: non mandateli via a mani vuote, riempite i loro cuori con la Pienezza della mia Croce e del mio Vangelo. Figli, guardate il mio Cuore, guardatelo: arde d'Amore per ognuno di voi, voi fatelo ardere per il vostro gregge, per le vostre pecorelle! Tu, croce mia,* porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto e non fermarti! (Giu) Padre! Padre mio, sostienimi con la tua Misericordia! (Ge) Figlia, vieni avanti e porta le tue creature. (Giu) Padre! Padre! (Ge) Anima mia, cammina e non spaventarti: stringiti alla mia Croce e non fermarti! (Giu) Padre! Padre! Padre mio!* (Ge) Anima mia, tieni alto il mio Vangelo e cammina: porta sempre i tuoi figli! (Giu) Sì: c'è troppo sangue!* (Ge) Figlia, bevi ancora del calice.* (Giu) E' amaro: aiutami, Gesù, è amaro!* (Ge) Ora riposati un attimo, contempla il mio Cuore, figlia, fai pregare i tuoi figli e non dimenticate di tenere alto il mio Vangelo, la mia Verità, il mio Amore.* Ora preparati, figlia mia, prepara i cuori delle tue creature: figli, siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi!* Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo in mezzo a voi: piccolo e povero, ma porto a voi la Pienezza del Cuore del Padre. Figli, non spaventatevi, io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno Santo della Croce: sono io, il vostro Maestro, il vostro Pastore Eterno! Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO: RENDILO FECONDO NELL'AMORE DELLO SPIRITO SANTO E DONALO ALL'UMANITA'. (Giu) Padre! Padre mio, misericordia per me misera peccatrice, misericordia per i figli che si affidano alle mie preghiere, misericordia per l'umanità: Padre, tienici nel tuo Cuore, non farci sbagliare! (Ge) Anima mia, vengo in mezzo a voi per la vostra santità: camminate sempre sulla via del mio Santo Vangelo e non lasciatelo!* Ora, figlia mia, bevi del calice verde: soffri per l'umanità! (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la forza perché io sono debole: dammi la tua forza! (Ge) Bevi, anima mia!* ora offri da bere al figlio mio (Roberto Amato): tu, pastore delle mie pecorelle, guida il gregge dell'Amore, cammina sulla Legge del mio Vangelo e non prostrarti ad altri dei; io sono il tuo Signore e Dio, sei stato sigillato col Sigillo dell'Amore: vai avanti con la mia Parola Viva; figlio, io guido i tuoi passi col Segno Santo della Croce e invito te ad aprire il tuo cuore alla mia Luce, alla mia Verità, al mio Perdono, alla mia Carità; figlio, ascolta la Voce del Padre, sii Sacerdote eterno della mia Parola Viva: figlio, non ascoltare la voce del mondo ma con amore inchina il tuo capo al mio Vangelo; ora bevi del mio calice ed offri da bere alle tue spose: figlio mio, bevi! Anima mia, dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangia il Seme del Parto e soffri per l'umanità. Figlio mio, mangia anche tu del Seme del Parto e offrilo ai tuoi figli. Ecco, io mi sono donato nella Povertà del Pane e del Vino: offritevi anche voi in povertà al Cuore del Padre. Figli miei, crescete nell'Amore e nella Carità: ma siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi! Non scandalizzatevi delle mie parole sante, figli miei, io vi amo e vi offro il mio Cuore, voi abbracciate la Santa Croce e camminate: non fermatevi! Ora preparate i vostri cuori al Banchetto Nuziale, al Banchetto dell'Amore e della Pace. Figlia mia, soffri ancora per i figli che stanno trafiggendo il mio Cuore di Padre in questo attimo!* (Giu) Padre! Padre mio, poggiati, poggiati sul mio cuore ma non piangere!* (Ge) Piccola cocciuta, grazie per il tuo amore!* Figli miei, preparate i vostri cuori al mio Incontro. PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, figli del mio Cuore! (Giu) Padre! Padre mio! (Ge) PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena perché vi amo, figli del mio Cuore: amate anche voi, amate col mio Amore e perdonate i vostri nemici, fate gioire il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma, formate la Famiglia della Santissima Trinità, vivete in pace gli uni gli altri, vivete nella mia Pace e nel mio Amore e siate coscienti del mio Vangelo Vivo, figli miei! Io ora vi benedico col Bacio del Piccolo Giovanni. Figli miei, non scandalizzatevi della mia Misericordia Infinita e non pensate alle cose del mondo. Io vi do il mio Bacio di Padre attraverso questo mio piccolo strumento: non guardate lei, ma con gli occhi del cuore guardate il Padre che vi ama. Croce mia, preparati all'Incontro! (Giu) Sì, Gesù! Mio Diletto, mio Dio e mio Signore, lava il mio cuore, rendilo degno di accostarsi alla tua Infinita Misericordia: perdona i miei tanti peccati! Gesù, tienici sempre nel tuo cuore: non lasciarci! (Ge) Sposa amata del mio Cuore, accostati al mio Bacio e offrilo ai tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Ora ricevete la mia Santa Benedizione, offritela ai vostri figli, ai poveri, agli emarginati e non dimenticate i figli che non conoscono la mia Luce e il mio Amore: portate la mia Misericordia e la mia Pace! Figli miei, io come Padre vi offro il mio Cuore e il mio Amore: voi offrite i vostri Sì al Padre. Ora vi lascio, anime del mio Cuore, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno Santo della Santa Eucarestia. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figli miei, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia Santa Preghiera di Padre. Pregando ricordatevi che il Padre ascolta e guarda il cuore di ognuno di voi: siate coscienti, figli miei, pregate col cuore! Grazie, figli del mio Cuore: è dolce restare con voi! (Giu) Ti amo, Gesù! (3) - (Ge) Vi amo anch'io, spose del mio Cuore, e aspetto i vostri capricci (dai presenti:^ Ti amo, Gesù). Bene, i passi stanno migliorando: andate avanti e non fermatevi! Tu, croce mia, soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la tua forza perché le mie vengono meno! (Ge) Vai avanti, cocciuta del mio Cuore!"

2) Ven 25/7/97, ore 10.40, a casa, in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, è ora che vi fermiate: la mia Misericordia è infinita ma il mio Giudizio è alle porte! Io sono il vostro Dio e vi amo, figli miei: non potete servire due padroni! Dovete rendervi conto che le vostre forze vengono meno: i castelli che costruite sono fondati sulla sabbia e col vento cadono! Figli, poggiatevi sulla Roccia solida e non scappate: ciò che costruite con me rimane in eterno, ciò che costruite senza di me vola via col vento e rimane annientato col mio nemico. Figli, io vi chiedo ancora una volta di convertire i vostri cuori al mio Amore, alla mia Verità, al mio Vangelo: non fatevi trovare con le lucerne spente, figli miei! Voi Grandi della Casa del Padre mio, accettate anche voi il mio invito alla Comunione col Padre: ricordatevi di me che sono sempre in mezzo a voi! Voi Quattro della Croce, tirate ancora la mia Barca, anche se è pesante: non fermatevi! Vi amo e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen (4)".

3) Dom 27/7/97, ore 15.25, alla Quercia, more solito:

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre (3). (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlia mia, bevi ancora i calici verdi del mio Gesù:* soffri ancora con i dolori del parto per i tuoi figli. Creature mie, siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi: non sia il vostro camminare e il vostro pregare solo con le labbra ma, ciò che fate, fatelo col cuore! Figli miei, ricordate il Vangelo Vivo di questa giornata (17/B), siate piccoli e poveri ma con la certezza nel cuore che il vostro Gesù è vivo e reale in mezzo a voi, chiedete nel giusto del Vangelo e non poggiatevi sulle cose terrene: chiedete, figli miei, del giusto del Vangelo e Dio Padre ve lo concederà. Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce: figli miei, imitatelo (= il Lentini) nell'amore, nella carità e nella povertà ma soprattutto imitatelo nel portare la Santa Croce e la Santa Sofferenza. Figli, non cercate di scaricarla di qua e di là ma con amore stringetela ai vostri cuori perché èla via che vi porta alla SANTITA', la via che vi porta al mio GESU', la via che vi porta alla VITA ETERNA. Figli miei, camminate su questa terra con amore e umiltà come io ho camminato: la vostra Mamma, la vostra Maria che voi chiamate. Voi non potete comprendere quanta sofferenza racchiudevo nel mio Cuore, quanti Sì ho donato a Dio Padre per ognuno di voi e tutto avveniva nel Silenzio, nella Croce e nella Santa Sofferenza. Figli miei, ricordate sempre il Santo Vangelo perché io vengo a rinnovarlo nei vostri cuori, non vengo a cambiarlo, figli miei, vi invito solo ad essere piccoli e poveri come fanciulli. Figli miei, innalzate a Dio Padre la lode d'amore e accettate ciò, che lui vi chiede, con amore e semplicità di cuore. Figli, io vengo ancora una volta a rinnovarvi i tre giorni di buio: siate pronti e preparati, siate sempre con le lucerne accese e non spegnetele, figli miei! Vi invito a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: non lasciatelo solo, figli del mio Cuore! Io sono la vostra Mamma, la Mamma della Croce, la Mamma del Gesù che è morto e risorto per ognuno di voi: figli, camminate sulla via delle spine, salvate i vostri fratelli che non vogliono accettare l'Amore e la Luce del Vangelo Vivo del mio Gesù. Tu, Piccola Croce del mio Cuore, bevi ancora i calici verdi e soffri ancora per amore del tuo Gesù. (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la forza perché la mia viene meno! Mammina mia, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere: sostienili tu col tuo Amore Materno, donagli la forza di sapere accettare le piccole croci quotidiane. Figlia mia, vengo in mezzo a voi, vengo a portarvi la Croce del mio Gesù, ma non temete, come Mamma sollevo anche i vostri cuori ma chiedetelo nel giusto del Vangelo: chiedete al Padre il Pane Quotidiano e lui ve lo concede. Figli, io vi amo e non voglio perdervi: restate sempre uniti alla Catena Santa del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figli, vi invito ad amare e a perdonare, soprattutto i vostri nemici: amate amate amate col Cuore del Padre, figli miei! Io ora vi benedico: figli, vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Cuore dello Shalom del Padre. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nel Segno Santo della Santa Eucarestia. Tu, anima mia, soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Mamma! (Insieme) Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen".

4) Giov 31/7/97, ore 21.04, a casa, more solito:

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre (2). (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore! Tu, croce mia, bevi ancora* i miei calici verdi e immolati con i dolori del mio e del tuo parto.* Piccola cocciuta, se non ce la fai in questa serata, grida i dolori del parto!* Ora siediti, anima mia!* (Giu) Gesù, è amaro il calice!* (Ge) Bevilo, figlia mia: bevilo e consola un po'* il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma. (Giu) Gesù, tu sei sporco di sangue: cosa t'hanno fatto? Gesù mio, cosa t'hanno fatto?* (Ge) Bevi i calici, figlia mia: i Grandi del mondo hanno sporcato il mio abito, tu puliscilo con la Santa Sofferenza e col silenzio, come tu sai fare,* ma bevi questi calici* e, se non ce la fai, grida!* (Giu) Gesù,* stringi le mie mani!* (Ge) Figlia, i dolori sono enormi:* figlia mia, tu non puoi sopportare i calici che offrono al mio Cuore, poggiali sui tuoi figli, fa' portare anche a loro la mia Croce.* (Giu) Gesù, poggiati ancora,* poggiati ancora su di me, ma tu non piangere!* (Ge) Anima mia, sei così cara al mio Cuore e sei così cocciuta da non voler gridare! (Giu) Gesù, dammi la forza: dammi la tua forza di saper camminare sulle spine!*(Ge) Figlia mia, ora guarda ma non spaventarti di ciò che vedi: è un altro flagello che si sta abbassando sull'umanità! (Giu) Gesù! Gesù, fermalo!* fermalo:* tu puoi farlo!* (Ge) Figlia mia, siete in pochi a pregare, in pochi a volere la pace! I Grandi del mondo annunciano grande pace: non ascoltate ciò che dicono, figli miei, stringete forte il Santo Rosario che Maria vi sta portando e pregate col cuore, amate e perdonate anche i più piccoli errori commessi dai vostri fratelli. Siate saldi nel perdonare, figli miei, imitate il mio Cuore di Padre, camminate sulla via dell'Amore e della Pace del mio Vangelo, io vengo in mezzo a voi a portarvi il Vangelo Vivo, la Verità della ROCCIA SANTA: figli, non prostratevi ad altri dei! Io vi rinnovo sempre le stesse cose, come sono scritti/e nel mio Vangelo: non vengo a cambiare nulla, vengo a donarvi il mio Amore, la mia Verità, la mia Pace, la mia Gioia. Figli miei, siate spose gioiosi/e del mio Amore, lasciatevi rapire dalla grande Luce dello Spirito Santo e agite secondo i suoi voleri, ma state attenti al mio nemico, non lasciatevi trascinare dalla sua falsa luce, i suoi falsi miracoli: cercate la Via della Croce e prostratevi ad essa, figli miei! Tu, croce mia, bevi ancora i miei calici verdi, ma in modo particolare accetta questo calice per il mio Piccolo Giovanni,* cioè per il Papa.* (Giu) Gesù, sostienimi!* (Ge) Non temere, piccola cocciuta, sono qui dinanzi a te:* bevi questo calice per il tuo Piccolo Bambino, come tu lo chiami. (Giu) Dammi la forza!* (Ge)Figlia mia, non lasciarlo solo: sostienilo con la tua preghiera e fai pregare i tuoi figli. Ora porta i tuoi figli alla Porta del Parto.* (Giu) Gesù, c'è un mare di sangue! (Ge) Non temere, figlia mia: prendi la mia mano ed entra.* (Giu) Gesù, c'è ancora il Papa e c'è anche la Mamma. (Ge) La Mensa è imbandita! (Giu) E' dolce: Gesù, facci stare sempre con te! fai entrare tutti! (Ge) Figlia mia, alcuni figli non vogliono entrare ed io piango per questi figli: immolati tu, prega per loro!* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Non preoccuparti per il sangue che vedi: figlia, cammina, cammina e non fermarti, anima mia! porta la mia Croce e raccogli le pecorelle smarrite, prega per i figli che in questo attimo* stanno trafiggendo il mio Cuore: ridono della mia Parola Santa!* (Giu) Gesù, perdonali: non sanno ciò che fanno!* (Ge) Anima mia, sei così dolce: caricati ancora della mia Croce!* (Giu) Sì, Gesù mio!* Gesù, devo chiederti una cosa, ma, ti supplico, non ridere: perdonami se ti chiedo di non ridere! Don Mario vuole sapere^ perché mi hai scelta!* (Ge) Figlia mia, perdonami tu se sorrido! ti ho scelta perché sei la più piccola e la più cocciuta ma soprattutto non capisci mai quello che ti dico, per questo io ti ho scelta dal grembo materno e ti amo così come sei, piccola, cocciuta e capricciosa perché io ti ho lasciato i tuoi capricci aggiungendone ancora! vai avanti e non fermarti perché il piccolo Mario ti vuole così: piccola, povera e cocciuta! (Giu) Grazie, Gesù! perdonami se ti ho chiesto di non sorridere, ma non si può non sorridere alle mie domande stupide e capricciose: grazie di avermi lasciata così! tienimi sempre nel tuo Cuore e perdonami quando non capisco! Gesù, io ti amo e voglio farti amare: aiutami tu a portare il tuo Amore e la tua Pace, correggimi quando sbaglio perché io voglio amare solo te! Chiedi perdono alla Mamma se amo te di più! (Ge) Ora sei più cocciuta ancora! Figlia mia, cammina e porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto,* e non fermarti, anima mia: prepara il tuo cuore, preparalo e prepara il cuore dei tuoi figli con la tua sofferenza!* (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo a far festa in mezzo a voi: piccolo e povero, ma porto a voi il Cuore del Padre.* (Giu) Padre Padre! Padre mio! (Ge) Figlia, accostati al mio Cuore e soffri con me!* Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO: RENDILO FECONDO NEL TUO AMORE E DONALO ALL'UMANITA'.* Ora, anima mia, offri da bere al Sacerdote santo, al Sacerdote dell'Amore e della Pace: tu, figlio mio, tira sempre la mia Barca carica del mio Vangelo e del mio Amore; non fermarti, anima mia, sii forte ancora, figlio, perché ancora verranno delle persecuzioni, ma tu non fermarti: tieni sempre alto il mio Vangelo, la mia Verità, la mia Parola Viva e offri il tuo amore alle tue spose! figlio mio, vai avanti e bevi anche tu i calici verdi del mio Amore: ora bevi, figlio!* Sposa mia, bevi i calici del parto e soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Padre! Padre mio, dammi la forza! (Ge) Bevi, anima mia!* Ora dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo ai tuoi figli. Tu, anima mia, mangia il Seme del Parto: soffri per l'umanità! Ecco, io mi sono donato nella Povertà del Pane e del Vino: voi donate i vostri cuori al Padre! figli miei, offrite la pienezza del vostro Sì, non spaventatevi di niente e di nessuno: portate sempre in alto il mio Santo Vangelo! Figli miei, siate sempre coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi, io sono il vostro Maestro, il vostro Gesù: non spaventatevi, anime del mio Cuore! Tu, croce mia, vai avanti perché dovrai soffrire ancora: non spaventarti, io sono sempre al tuo fianco! Ora preparati, figlia mia! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO E' IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA.* PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO E' IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHE' E' SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena. Figli miei, io leggo i vostri cuori e mi dono alle anime che avete raccomandato:* gioisco con loro e soffro con chi soffre, porto il Fuoco del mio Amore e lo faccio ardere! Non scandalizzatevi di ciò che dico, figli miei! Anima mia, hai sopportato anche in questa serata e non hai gridato perché sei la mia piccola cocciuta!* (Giu) Gesù, stringimi alla tua Croce e non farmi staccare da essa!* (Ge) Anima mia, poggiati e riposati un po'. Ora facciamo festa, spose mie! Io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi: non preoccupatevi! Vi benedico col mio Bacio Santo, col Bacio del Piccolo Giovanni, ve lo offro attraverso il Sacerdote santo, il Sacerdote della Pace e dell'Amore: voi siate coscienti della mia santa Benedizione! Sposa mia, preparati all'Incontro. (Giu) Padre, Padre mio, misericordia per l'umanità! (Ge) Anima mia, gioisci nel mio Abbraccio! (Giu) Mio Diletto e Dio mio, rapisci il mio cuore e tienilo sempre con te! (Ge) Anima mia, fammi gioire nel tuo cuore! (Giu) Prendilo: è tutto tuo, fallo ardere nel tuo Amore! (Ge) Ora accostati: offri il mio Amore e la mia Santa Benedizione! Figlio mio (mentre lo ricevo, ndr), offri alle tue spose il mio Santo Vangelo, la mia Santa Benedizione e la mia Santa Pace. Gioite e fate festa, spose del mio Cuore, perché il Maestro è qui in mezzo a voi e gioisce col vostro amore. Ora io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete sempre nell'Amore della Santissima Trinità. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Ora, piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre: ricordatevi che io sono sempre in mezzo a voi, chiedete nel giusto del Vangelo ed io ve lo concedo. Grazie, figli miei! grazie di avere accettato la mia presenza in mezzo a voi, grazie per essere venuti nella mia piccola capanna! (Giu) Ti amo, Gesù! (3) - (Ge) Vi amo anch'io, spose capricciose del mio Cuore, e aspetto i vostri capricci (noi: Ti amo, Gesù). Bene, i capricci stanno migliorando: andate avanti, portate il mio Amore e la mia Pace! Tu, soffri ancora, anima mia! (Giu) Sì, Gesù!"

5) Ven 1/8/97, ore 10.40, a casa, in crocif, orale:

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, io sono il Pane della Vita: chi mangia di me non morrà. Figli, io sono il Cibo della Vita Eterna, venite a me e mangiate del mio Amore: non vergognatevi di amarmi perché io vi ho amati da sempre! Figli miei, vi ho partoriti dal mio Cuore e vi amo troppo, perciò io vi voglio miei: figli, rinunciate al male e cercate la Porta del Parto! Voi, figli Ministri, AMATE COL MIO AMORE, ACCOGLIETE MIA MADRE ED ASCOLTATE LA MIA PAROLA VIVA. NON FATE I MAESTRI: SAPPIATE CHE IL MAESTRO SONO IO! NON PRENDETE IL MIO POSTO PERCHE' IO VERRO' E ANCHE VOI DOVETE RENDERE CONTO DEL VOSTRO OPERATO. VOI SIETE I MIEI FIGLI ED IO VI AMO: MA AMATE ANCHE VOI E NON SIATE SUPERBI MA DOCILI, FIGLI MIEI! Voi Quattro della Croce, tirate sempre la Barca carica del mio Vangelo e andate avanti, non fermatevi anche se il carico è gravoso: io sono sempre al vostro fianco! Figli, fermate i flagelli col vostro amore e col vostro Sì. Con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen (4)."