LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

Notizie da Sofferetti-24: n. 210

Lauria, 8/12/1997

Natale è Cuore

MESSAGGI TRAMITE GIULIA

 

1) Giov 27/11/97, ore 21.04, a casa, more solito

(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose del mio Cuore!* Tu, croce mia, bevi anche in questa giornata* i miei calici verdi* e immolati ancora una volta con i miei* e i tuoi dolori del parto: piccola cocciuta,* grida se non ce la fai* perché i calici sono pesanti!* (Giu) Gesù, tienimi stretta perché le mie forze* vengono meno! (Ge)* Sei cocciuta e i capricci aumentano sempre di più!* (Giu) Perdonami, Gesù!* (Ge) Ora bevi, figlia mia!* (Giu) Gesù, è amaro!* (Ge) Te l'ho detto che i calici sono pesanti:* grida se non ce la fai!* (Giu) Gesù!* (Ge) Vuoi tenere tutto per te il peso della Croce e non vuoi gridare: sei la mia cocciuta ma voglio vedere dove arrivi con le tue forze! * (Giu) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere, ti affido anche il mio papà (in questi giorni all'ospedale di Castrovillari per operarsi):^ ma sia fatta la tua santa volontà! Gesù, poggiati ancora su di me con la tua Croce! (emette un forte grido) (Ge) Piccola Croce del mio Cuore, vedi com’è pesante caricarti per tutti i tuoi figli: sei debole, creatura mia, ma io mi poggio ancora* su di te con la mia Croce! Vengo a portarvi la mia Verità e il mio Santo Vangelo: vi invito ad essere coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi! Io vi faccio sentire il mio Amore attraverso i dolori della Croce, Non spaventatevi, figli miei: il mio Amore io ve lo faccio sentire attraverso i Segni Santi della mia Croce! Ora vi chiedo di fermarvi un attimo e di guardare ancora nei vostri cuori, figlioli miei!* guarda ancora nei vostri cuori: cercate cercate, figlioli miei, e non pensate che sia una ripetizione ciò che io vi dico! Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare.* (Giu) Sì, Gesù!* Gesù, stringimi al tuo Cuore!* (Ge) Appoggia le tue braccia* sul Legno Santo!* Ecco, figli miei, in questa serata io vi faccio assaporare ancora una volta il Legno Santo della Croce: poggio la Piccola Giulia sulla Croce Santa e metto nelle sue mani i chiodi* che mi hanno accarezzato:* erano dolci perché abbracciando i chiodi nelle mie mani io accarezzavo ognuno di voi e mi fermo a parlare di essi per donare ad ognuno di voi il dolce sapore del mio amore! Questa piccola creatura, cocciuta e capricciosa, dona tutto di sé per i suoi figli: anche sei lei non riesce a comprendere in pienezza ciò che gli sta capitando, apre il suo cuore! Figlioli miei, accettate anche voi l’abbraccio della mia Santa Croce e fermatevi a contemplare il suo Amore, la sua Luce, la sua Dolcezza: quanto è dolce quel Legno Santo! quanto Amore dona all’umanità, ai figli che la conoscono! Figlioli miei, vi chiedo ancora una volta di guardare nei vostri cuori: guardate, accendete la lucerna e guardate dentro di voi, ma state attenti, non fatela spegnere la lucerna dell’Amore: amate amate allo stesso modo! Guardate nei vostri cuori: riuscite a portare per un attimo i chiodi santi delle vostre mani? Figlioli miei, per un attimo solo io vi chiedo di accettarli, non lamentatevi delle piccole croci, se mi amate come voi dite portate* i chiodi santi solo per un attimo: ma io guardo nei vostri cuori e non riuscite neanche un attimo a farmi compagnia ed io mi fermo ancora a parlare del Legno Santo. Figli miei, ah com’era dolce quando io mi poggiavo: le mani scorrevano incerte abbracciandolo! Mi guardavo intorno e non vedevo nessuno! Era dolce quella solitudine perché pensavo a quanti figli avrebbero abbracciato con amore la mia stessa Croce: quei figli che hanno accettato di portarla come io l’ho portata per ognuno di voi. Era dolce perché sapevo che i figli che l’avrebbero portata, avrebbero portato altri figli sulla mia via, avrebbero portato altri figli ad incontrare l’Amore di Maria, della Madre mia, e anche Lei ha portato con amore il peso della Croce e i chiodi hanno trafitto il suo Cuore di Mamma: ma in silenzio camminava con me e quando io ho abbracciato la Croce, Lei col Cuore di Mamma l’ha abbracciata prima di me! Ah com’era dolce l’incontro dei suoi occhi: Lei portava vivi i segni della Croce sul suo volto di Mamma! Figlioli miei, portate anche voi i segni della Croce sui vostri volti e aprite i vostri cuori all’incontro del mio Amore, della mia Gioia! Tu, croce del mio Cuore, fermati ancora un attimo e assapora il calice che mi hanno offerto:* tirati su, anima mia,* assaporalo* ancora un po’ per i tuoi figli che non sanno accettare le piccole spine quotidiane. (Giu) Gesù, dammi la forza perché la mia* ... (non ce la fa a dire: viene meno) (Ge) Bevi, anima mia: coraggio, vai avanti e porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto!* (Giu) Gesù, c’è troppo sangue! (Ge) Non temere, cammina, anima mia! vedi, c’è ancora il Legno Santo: c’è il Legno Santo della Croce alla Porta del Parto e io ancora lo stringo forte per ognuno di voi e vi invito ancora a contemplarlo, ad amarlo, ad accarezzarlo! Piccolo Mario, lo sto facendo assaporare anche a te poggiando su di te la Piccola Croce del mio Cuore (Giulia è caduta in ginocchio poggiandosi sulle mie gambe), portalo anche tu, assapora il suo Amore e offrilo ai tuoi figli Ministri: fallo gustare il calore del Legno Santo, fagli gustare il sapore dei chiodi e amate, amate la Santa Croce! Ora fermatevi un altro attimo e guardate ancora nei vostri cuori: cercate ciò che non mi appartiene e toglietelo!* Figlioli del mio Cuore, in questa serata il mio Cuore gronda sangue perché i flagelli si abbassano ancora di più sull’umanità perché siete in pochi ad accettare il mio Santo Vangelo e la mia Santa Croce! Vi stancate della mia presenza viva e reale in mezzo a voi, vi distraete, le vostre menti vagano con pensieri strani e non accettate il mio Amore e la mia Santa Croce, ma il mio Amore è infinito: vi amo, figli miei, e sono pronto ad abbracciare in ogni attimo il Legno Santo della Croce! Ora, anima mia, preparati! Piccolo Pasquale, solleva la Piccola Giulia. Preparate anche voi i vostri cuori, preparateli, figlioli miei, camminate almeno col Vangelo alto: sforzatevi, figlioli del mio Cuore, a venire dietro la Croce perché i tempi del Padre sono alle vostre porte! Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo in mezzo a voi, piccolo, povero, ma porto a voi il Cuore del Padre: cosa posso donarvi di più, figlioli del mio Cuore? Ora, Padre mio, benedici questo pane e questo vino: rendilo fecondo nel tuo amore e donalo al mondo nella pienezza dello spirito santo. Ecco, figlioli miei: Ecco il mio Amore! Ecco la mia Pace! Ecco la Grande Famiglia del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Qui riuniti beviamo e mangiamo del Pane e del Vino Nuovo: io sono in mezzo a voi vivo e reale e mangio e bevo con voi del Vino Nuovo! Ora, creatura mia, offri da bere al mio figlio santo, alla sposa eterna del mio Cuore: tu, sposa mia, tira ancora la mia Barca e fai ancora i nodi della mia Pace, cullami nel tuo cuore e fammi nascere giorno per giorno e offrimi ai tuoi figli; ora bevi, sposa mia!* Tu, croce del mio Cuore,* bevi il Calice del mio Amore e soffri ancora per l’umanità.* (Giu) Padre! Padre! Padre! (Ge) Figlia e sposa del mio Cuore! (Giu) Padre! Padre! (Ge) Figlio mio, sposo del mio Cuore, dividi e unisci l’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo ai tuoi figli. Figli miei, guardate il Pane che io vi ho segnato a segno di barca (Giulia tiene il pane in modo orizzontale e non verticale come le altre volte e forma infatti una barca): mangiatelo e donatelo ai vostri figli perché è la Barca del mio Cuore, la Barca che vi conduce alla Vita Eterna: vi conduce alla Grande Luce del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Ora, dopo aver bevuto e mangiato del mio Amore, della mia Pace, preparate i vostri cuori: preparateli al mio Dolce Incontro! (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre mio! (Ge) Figlia e sposa del mio Cuore, cammina sempre, porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto: sali i tre gradini e non spaventarti del sangue, ma bevilo, bevilo!* Vedi, figlia mia, c’è anche il Piccolo Giovanni, cioè il Papa che lo beve per l’umanità: ma restategli vicino, non lasciatelo solo e pregate pregate pregate per lui!* (Giu) Padre! Padre, sostienimi! (Ge) Non temere, cammina, anima mia, cammina e gioisci con l’Amore della Croce: ora accostati!* Prendete e mangiatene tutti: questo è il mio Corpo donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Mangiatene in abbondanza, figli del mio Cuore! Ecco, Prendete e bevetene tutti: questo è il mio sangue donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Bevetene in abbondanza perché è sangue di vita eterna. Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena ed è risorta perché vi amo: figlioli miei, risorgete nel mio Amore, risorgete nella mia Verità, risorgete nel mio Santo Vangelo! Tu, croce del mio Cuore, poggiati un altro attimo sul Legno Santo! (emette un grido) Grazie, anima mia! Ora hai assaporato i chiodi nei tuoi piedi: cammina e segna le vie, anima mia, preparale per la mia Venuta! (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la forza perché la mia viene meno! (Ge) Non temere, io sono sempre al tuo fianco e non ti lascio, figlia del mio Cuore, ora vai avanti, i calici saranno sempre più pesanti ma tu quando non ce la fai, grida: fai assaporare i dolori ai tuoi figli! Ora io vi lascio, figlioli miei, vi chiedo scusa e vi sigillo col Sigillo del mio Amore: vi sigillo col Bacio Santo attraverso il Sacerdote del mio Cuore, attraverso il Piccolo Giovanni della mia Santa Croce. Anima mia, accostati al mio Bacio.* Ora, figlio Mario, accostati alla Piccola Croce e segnala col Bacio del mio Amore, sigilla il piccolo Pasquale e tutti i tuoi figli. Voi, spose del mio Cuore, scambiatevi il mio Santo Bacio col mio Amore, con la mia Pace e offritelo al mondo. Non scandalizzatevi del mio Amore: ma imitatelo e fatelo crescere sempre di più nei vostri cuori! Ora io vi lascio, figlioli miei: vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figli del mio Cuore, ora legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Ricordatevi sempre di mettere tutti i vostri figli, i vostri nemici, coloro che vi fanno del male: metteteli nella Santa Catena della mia Preghiera! Figli miei, quando pregate fermatevi e guardate se avete dimenticato qualcuno! Mette i figli che uccidono: metteteli nella Catena Santa e fate bene i nodi affinché possono gustare la Luce del mio Amore. Ora lentamente preghiamo insieme, figlioli miei! (Giulia con noi: Non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen) Ecco, figlioli miei, abbiamo pregato insieme, ma cercate di migliorare questa Santa Preghiera, fatela lentamente e col cuore: non vi rimprovero, ma come Padre vi insegno a donare i primi passi! Tu, croce del mio Cuore, fermati ancora un attimo e prega come tu sai fare nel silenzio.* Figlia mia, alla fine della preghiera mangia il mio Cuore. (Giu) Sì, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! (3) - (Ge) Vi amo anch’io, spose capricciose del mio Cuore, e aspetto il vostro amore e i vostri tanti capricci (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli del mio Cuore!"

  1. Ven 28/11/97, ore 10.40, a casa, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, pregate perché l’ora del Padre è imminente, siate sempre con la lucerna accesa perché io vengo come un ladro nella notte e voi non sapete né l’ora e neanche il giorno, ma sappiate che io verrò e vengo come Giudice: figli non dimenticatelo! Riconoscetemi come Signore e Dio vostro perché non c’è altra salvezza all’infuori di me. Voi, figli Ministri, parte eletta del mio Cuore, camminate con la mia Santa Croce e non fermatevi, io vi ho donato l’Albero della Vita per camminare e portare la mia Parola Viva: non dimenticatelo! siate sempre uniti al mio Albero e fate nascere i frutti del mio Amore! Voi quattro della mia Santa Croce, non fermatevi anche se il peso è enorme, camminate con me, tirate sempre la mia Barca carica del mio Santo Vangelo. Figli, io ho bisogno del vostro aiuto e mi poggio ancora su di voi. Vi amo, figli del mio Cuore, e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito santo. Amen Amen Amen Amen".

  1. Dom 30/11/97, ore 15.30, alla Quercia, more solito

(Giu") Se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche in questa giornata i calici verdi del mio Gesù* e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l’umanità. Figlia mia, i dolori si aumentano:* grida se non ce la fai, piccola cocciuta del Cuore di Gesù!* (Giu) Mamma, datemi la costanza e la forza di sopportare i dolori di Gesù! (Imm) Figlia mia, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù,* gli Angeli, i Santi e il Servo Santo della Croce. Vedi, figlia mia, il mio abito è sporco di sangue *perché i flagelli si abbassano ancora di più* sull’umanità. Figlioli miei, iniziate a preparare le capanne* per far nascere il mio Gesù nei vostri cuori e in mezzo a voi:* ma fermatevi* e guardate ancora una volta nei vostri cuori!* Tu, croce mia, bevi!* (Giu) Mamma, è amaro e mi taglia la gola!* (Imm) Grida se non ce la fai, ma bevi!* (Giu) Mamma! Mamma! Mamma!* (Imm) Figlia mia, te l’ho detto che i dolori si aumentano!* Voi, figlioli del mio Cuore, guardate ancora nei vostri cuori: cercate prima di preparare la capanna e togliete tutto quello che non appartiene a Gesù perché io vengo in mezzo a voi a portarvi la Verità del Vangelo e l’Amore di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo e dovete formare una grande Famiglia dell’Amore e della Pace: amate tutti, figlioli miei, non scartate nessuno perché nella Capanna di Gesù c’è l’umanità intera e voi dovete costruirla così come Gesù l’ha preparata per ognuno di voi. Figli miei, tenete sempre alto il Vangelo Vivo del mio Gesù e vivetelo in pienezza. Tu, croce del mio Cuore, caricati ancora della Croce del mio Gesù e portala sulle spalle: cammina!* (Giu) Mamma! (Imm) cammina, figlia mia, e aiuta i tuoi figli, i tuoi fratelli a salire il Monte: Venite, venite dal mio Gesù con i cuori aperti, figlioli cari! Io sono Mamma e una Mamma gronda sangue per i suoi figli: vi invito a camminare con la lucerna accesa, figlioli miei! Vegliate e pregate, figli del mio Cuore, perché i tempi del Padre sono alle vostre porte, voi non chiudetele e non chiudete la porta dei vostri cuori: ma apritela! Figli miei, il mio Cuore di Mamma è triste perché siete in pochi a camminare sulla via della Croce, in pochi ad amare il mio Gesù e in pochi a preparare le capanne per farlo nascere! Figli miei, figlioli del mio Cuore, affrettatevi, decidete cosa volete fare: volete servire, amare il vostro Gesù? Aspetto una risposta nei vostri cuori!* (Giu) Mamma, perdonaci!* (Imm) Grazie, cocciuta del mio Cuore, sei sempre tu che ti carichi della Croce per amore dei tuoi figli: vai avanti e non temere, croce del mio Gesù! Ora guardate ancora un attimo nei vostri cuori: legate la Catena dell’Amore e pregate dentro di voi! Tu,* croce mia, bevi ancora e prega per il Piccolo Giovanni, cioè per il Papa. (Giu) Mamma, è sporco di sangue! (Imm) Non temere, anima mia, lui sta preparando già la capanna per far nascere Gesù: non temere!* Ecco, figlia mia, ora impasta la farina con me e dalla ai tuoi figli Ministri: digli di impastare e di preparare con amore questo Santo Natale che viene. Non temere: digli queste parole, figlia mia, ché loro sanno cosa contiene l’impastare. Tu vaia avanti e impasta con i tuoi angeli. (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la costanza e la forza! (Imm) Non temete! Figlioli del mio Cuore, ora io vi lascio queste parole, figlioli miei: amate amate amate e usate carità verso tutti! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nell’Amore dell’Eucarestia. Lode lode lode lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Croce del mio Cuore, immolati ancora per l’umanità: fermati un attimo a pregare! (Giu) Sì, Mamma!"

4. Giov 4/12/97, ore 21.04, a casa, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io,* il vostro Gesù, l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi:* gioite e fate festa, spose del mio Cuore! Tu, croce mia, bevi ancora i miei calici verdi* e immolati con i dolori del parto* per l'umanità. Piccola cocciuta del mio Cuore,* i dolori del parto sono sempre più forti* ma tu grida* se non ce la fai!* (Giu) Gesù, tu grondi sangue* e la Roccia gronda sangue!* (Ge) Anima mia, il sangue che vedi è sangue dei flagelli che si abbatte* sull'umanità! (Giu) Gesù, fermalo! fermalo!* (Ge) Siete voi che non volete fermarlo!* (Giu) Gesù, dimmi cosa devo fare!* (Ge) Ora bevi i calici, creatura mia, e porta* tu la Croce, ma se non ce la fai grida, non essere cocciuta:* poggia la Croce sulle tue spalle!* (Giu) Gesù, stringi le mie mani!* (Ge) Non essere cocciuta* (emette un grido). Figli miei, io mi fermo ancora a parlare del Legno Santo della Croce e lascio ancora assaporare alla Piccola Croce e ad ognuno di voi il dolce sapore del Legno Santo. Figli miei, quando io poggiavo sulle mie spalle il Legno Santo della Croce gioivo con esso, mi stringevo a lui perché non c'era nessuno ad abbracciarmi, a consolarmi e a darmi forza: non mi rimaneva che lui solo e quel Legno Santo mi donava tanta gioia e tanto amore! Figli miei, quando siete soli abbracciate il Legno Santo della Croce e pensate a quegli attimi che io lo stringevo per ognuno di voi: figlioli miei, pensate a un Bambino che deve abbracciare la Croce per l'umanità! un Bambino che deve accarezzare nelle sue mani i chiodi! Ah, figli miei, quanto vi amo! Essendo Bambino io vi ho accolti nelle mie braccia piccoli e deboli: vi ho donato il mio Amore, vi ho donato tutto quello che un Bambino può donare alle sue mamme perché voi siete mamme di quel Bambino e io vi ho stretti forte forte al mio Cuoricino abbracciando la Santa Croce per ognuno di voi! Ma voi forse pensate: Perché questo Gesù ci parla sempre del Legno Santo? Figli miei, quale dono più grande può donare un Bambino all'Umanità, alle sue Mamme, alla sua Casa? Io vi offro la Santa Croce come trono! Figli miei, non cercate altro perche' io vengo in mezzo a voi a portarvi la verita' del santo vangelo e vi invito ad amarlo e a donarlo ai popoli, ai figli che non lo conoscono! Tu, croce del mio Cuore, dovrai soffrire ancora per i tuoi figli: dovrai portare ancora la Santa Croce sulle tue spalle e camminare la Via di Maria! Croce del mio Cuore, bevi i calici verdi, bevi e soffri per i tuoi figli: prepara tu le capanne! (Giu) Gesù, cosa devo fare? (Ge) Piccola cocciuta del mio Cuore, prepara tu le capanne e fammi nascere nel cuore dei tuoi figli con la sofferenza, col santo amore e la santa pazienza. Non temere, non ti sto rimproverando, vai avanti così, porta la mia Croce ai tuoi figli:* sì, figlia mia, portala così come la stai portando in questo attimo! (Giu) Gesù, non lasciarmi sola: le mie forze vengono meno!* (Ge) Aggrappati al mio Cuore e cammina: sali sali con me!* coraggio, anima mia!* (Giu) Gesù, ci sono tante capanne! (Ge) Non fermarti, cammina, anima mia: porta la Croce per i tuoi figli! Voi, figli del mio Cuore, fermatevi un attimo a pregare, guardate ancora nei vostri cuori: cercate, figlioli miei, cercate e togliete tutto quello che non mi appartiene! Tu, anima del mio Cuore, prega prega!* Ecco, figlioli miei, io mi fermo ancora a parlare del Legno Santo e invito voi a poggiare le vostre braccia sulla Santa Croce. Non scandalizzatevi di ciò che io dico! Ora allargate le vostre braccia con me, poggiatele per un attimo solo sul Legno Santo e poggiandovi pensate ai vostri fratelli che non hanno il pane! fermatevi per un attimo e pensate questa parola: i fratelli che non hanno il pane! Riuscite solo per un attimo a poggiare le vostre braccia su quel Legno Santo? No, figli miei: neanche per un attimo riuscite a tenerle! Tu, figlio Mario, Sacerdote santo del mio Amore e della mia Parola Viva, tu comprendi ciò che io ho detto: i figli che non hanno il pane! con la tua parola santa invita i tuoi fratelli, i tuoi figli a poggiare le braccia sul Legno della mia Croce. Ma io mi fermo ancora a parlare di essa. Riuscite a guardare il Legno Santo della Croce con gli occhi limpidi e amare col cuore i vostri fratelli? Figli miei, il mi Cuore di Bambino piange perché nessuno di voi riesce ad amare il proprio fratello: vi attaccate alle cose del mondo e dimenticate di amare e perdonare i vostri fratelli! Vi ricordate cosa io vi ho detto? Non sette volte: perdonate sempre! Figlioli del mio Cuore, io sono qui in mezzo a voi, non distraetevi con le cose del mondo: figlioli miei, accoglietemi con amore! Ora fermatevi un altro attimo e guardate nei vostri cuori: cercate cercate ancora,* figlioli miei! E tu, croce del mio Cuore, bevi bevi ancora i miei calici!* (Giu) Gesù!* (Ge) Bevi, figlia mia: bevi questo calice per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa:* vedi, anima mia, anche lui porta la Croce sulle sue spalle!* (Giu) Gesù! (Ge) Aiutalo, anima mia:* poggiati sul mio Cuore!* Ora sollevati e cammina ancora: porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto e non spaventarti del sangue che vedi!* (Giu) Gesù!* Gesù, dammi la forza perché la mia viene meno! (Ge) Bevi del sangue!* (Giu) Gesù, ce n'è troppo!* (Ge) Bevi, anima mia, e porta i tuoi figli!* (Giu) Gesù, sostienimi!* (Ge) Cammina, anima mia, e non fermarti: sali i tre gradini!* Vedi, anima mia, c'è anche mia Madre che impasta con i tuoi angeli:* impasta anche tu la farina e offrila ai figli Ministri!* (Giu) Padre! Padre! Padre mio! Figlia mia, impasta la farina: impastala e stringiti al Legno Santo della Croce!* (Giu) Padre! (Ge) Coraggio, anima mia! la Porta è aperta: fate presto ad entrare! Figlioli del mio Cuore, fermate un attimo col vostro amore i flagelli! Guardate ancora nei vostri cuori, guardate, figlioli miei, cercate ancora e togliete quello che avete lasciato, puliteli e con amore stringetevi al Legno Santo della Croce: ma stringetevi col cuore! Accogliete questo Bambino in mezzo a voi, offritemi una capanna, figlioli miei: offritemi la capanna del vostro Sì! Ora, creatura mia, piccola croce del mio Cuore, preparati, - sollevate la piccola Giulia - preparati all'Incontro! Preparate anche voi, figlioli miei, i vostri cuori, togliete gli abiti sporchi e indossate gli abiti della Croce: preparatevi a fare festa col Bambino, ma non dimenticate di stringere la Santa Croce e non scandalizzatevi se io mi fermo a parlare sempre di essa! Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo in mezzo a voi, piccolo e povero: piccolo come un bambino appena nato, povero e spoglio come una capanna fatta solo di paglia! Ora, PADRE MIO, BENEDICI QUESTO PANE E QUESTO VINO: RENDILO FECONDO NELL'AMORE DELLO SPIRITO SANTO E DONALO ALL'UMANITÀ CHE ASPETTA LA MIA LUCE! Ora, figlia mia, offri da bere al Sacerdote santo, al piccolo Mario, al pastore eterno della mia Parola Viva: tu, figlio mio, tira sempre la mia Barca carica del mio Vangelo; fai ancora nodi, figlio mio; stai attento perché nella Barca c'è il Bambino; non farlo bagnare, figlio mio! non temere ciò che sto dicendo: ora bevi il mio Amore, figlio mio!* Tu, croce del mio Cuore, bevi ancora i calici della mia Croce e soffri per i tuoi figli. (Giu) Padre! Padre, mio! (Ge) Figlia e sposa mia, bevi e soffri:* offri da bere alle tue spose.* Ora, figlio mio, dividi e unisci l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo alle tue spose. Ecco, figlioli miei, io vengo a voi nel Segno del Pane e del Vino: vi offro il mio Amore, la mia Pace, ma vi offro la Santa Croce, la via per arrivare al Trono del Padre! Figlioli miei, accettate con amore le sante spine che io vi offro attraverso il Pane e il Vino: il mio Amore viene a voi attraverso il Segno della Santa Croce! Ora, figlioli del mio Cuore, preparatevi ancora, guardate ancora nei vostri cuori: guardate e togliete quello che avete ancora lasciato! Tu, anima del mio Cuore,* bevi un altro calice per i tuoi figli che non riescono a staccarsi dalle cose del mondo.* (Giu) Padre! Padre! Padre mio, dammi la forza!* Padre! Padre! (Ge) Figlia e sposa del mio Cuore, guarda: guarda, figlia mia, cosa stanno facendo nella mia Casa!* (Giu) Gesù! Gesù! Gesù, perdona noi miseri peccatori!* Gesù, infila ancora i chiodi nelle mie mani e perdona questi tuoi figli!* Gesù, mi si strazia il cuore: non farmi vedere quello che stanno facendo! Gesù, misericordia!* misericordi* misericordia!* (Ge) Ora, figlia mia, riposati un attimo: prega per questi tuoi figli e preparatevi per l'Incontro. Io vengo ad abitare nei vostri cuori: accoglietemi come un bimbo, mamme del mio Cuore! Ora accostatevi! PRENDETE E MANGIATENE TUTTI: QUESTO È IL MIO CORPO DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. MANGIATENE IN ABBONDANZA, FIGLIOLI DEL MIO CUORE! PRENDETE E BEVETENE TUTTI: QUESTO È IL CALICE DEL MIO SANGUE DONATO A TUTTI VOI NEL GRANDE MISTERO DEL PADRE. BEVETENE IN ABBONDANZA PERCHÉ È SANGUE DI VITA ETERNA. Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena ed è risorta: figlioli miei, crescete crescete crescete nel Segno Santo della mia Croce e camminate con me perché io sono vivo e reale in mezzo a voi, figlioli del mio Cuore! Ora, figlioli miei, io vi lascio e vi sigillo col Sigillo del mio Bacio, il Sigillo del Piccolo Giovanni, e vi invito a tenere stretta la mia Santa Croce e a camminare sempre con la Parola Viva del mio Santo Vangelo. Figlioli miei, io porto qui in mezzo a voi il mio Piccolo Giovanni, il Sacerdote santo, il Sacerdote dell'Amore: vi ricordo sempre di prostrarvi ai suoi piedi, di amarlo e di ascoltare la sua santa parola perché io lo offro a voi come segno della mia Croce e del mio Amore. Ora, piccolo Mario, offri il Sigillo del Bacio alla mia Piccola Croce e al piccolo Pasquale e a tutti i tuoi figli. Voi, creature del mio Cuore, siate coscienti di questo Santo Bacio: siate coscienti! siate coscienti, figli miei, perché è il mio Sigillo, il mio Amore, l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, che io offro a voi: voi portatelo al mondo! Ora io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figlioli del mio Cuore, preparate ancora i vostri cuori! Piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia Santa Preghiera, vi ripeto, figlioli, pregate lentamente: accostatevi al Padre! Quando pregate non allontanate i vostri cuori e i vostri pensieri di qua e di là, ma unitevi solo al Padre, unitevi a quel Bambinello che gioisce d'amore per ognuno di voi, cullatelo, amatelo come una mamma culla il proprio bambino con amore e gioia, figlioli miei, ma ricordate: liberate i vostri cuori e uniteli al Padre! Ora preghiamo! Figlioli miei, cercate di migliorare ancora con questa preghiera e ricordatevi sempre: Non ci indurre in tentazione! Non ci indurre in tentazione! Non ci indurre in tentazione! Ricordatelo, figlioli del mio Cuore! Tu, anima mia, fermati ancora un attimo a pregare!* Ora, figliola mia, mangia il mio Cuore.* Ora che hai mangiato il mio Cuore, offri il tuo cuore al Bambinello che viene! (Giu) Mio Signore e Mio Dio, io ti offro il mio niente: prendilo e offrilo al mondo! Mio Signore e Mio Dio, io ti offro il mio niente! Mio Signore e Mio Dio, io ti offro il mio niente! (Ge) Piccola cocciuta del mio Cuore, io abito dentro di te: portami ai tuoi figli! (Giu) Sì, Gesù! Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (5) (Ge) Vi amo anch'io, mamme del mio Cuore, e aspetto (noi: Ti amo, Gesù), aspetto (Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli miei!" Å

5. Ven 5/12/97, ore 1040, a casa, in crocifissione, orale

"Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli miei, finitela con le vostre grandezze, imparate ad amare e a riconoscere la Croce. Voi vi vantate di qua e di là mostrando i vostri poteri: fino a quando durerà il vostro potere? Figli, siete meno di un soffio di polvere! Io sono il vostro Dio e Signore: il Potere della Croce è nelle mie mani e voi non conoscete ciò che il Padre ha scritto per voi. Figli miei, pregate mia Madre che tiene fermo il braccio del Padre ed inginocchiatevi ai piedi della Croce. Figli, vedete quanti flagelli si stanno abbattendo su di voi e voi ancora non volete vedere! Ah quanto soffro per voi, figlioli miei, ma io vi amo ed aspetto che bussiate alla mia porta! Voi, figli Ministri, stringete la mia Croce ai vostri cuori e camminate per la via battezzando ed esorcizzando in mio Nome. Voi figli del mio Cuore, Voi Quattro della mia Croce, andate avanti, tirate sempre la mia Barca carica del mio Vangelo e non fermatevi. Vi amo, figli miei, e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

6. Dom 7/12/97, ore 15.30, alla Quercia, more solito

(Giu") Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Croce mia, bevi anche in questa giornata i calici verdi del mio Gesù* e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l'umanità, per i tuoi figli: soffri, creatura mia, per i figli della perdizione!* (Giu) Mamma, il tuo abito è ancora sporco di sangue! (Imm) Figlia mia, il sangue che vedi è sangue degli Innocenti.* Vedi, figlia mia, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, Santi e il Servo della Croce. Figli miei, io vengo in mezzo a voi a portarvi il Cuore dello Shalom, vi chiedo con amore materno di vivere il Vangelo Vivo del mio Gesù, il Vangelo di questa giornata (2/C -Avv): figlioli cari, vivetelo in pienezza e amate e perdonate col cuore!* Figli miei, preparate le Capanne dell'Amore e fate nascere il mio Gesù dentro di voi e dentro le Sante Capanne.* Tu, croce del mio Cuore, bevi ancora i calici verdi* e immolati ancora per i tuoi figli! Voi, figli Ministri, parte eletta del mio Cuore Immacolato e Addolorato, fate sbocciare dentro di voi il Bambinello e portatelo ai vostri figli, ai vostri fratelli e amate l'Amore di Gesù. Figlioli miei, perdonate i vostri nemici e amate amate: sconfiggete il mio nemico con l'Amore, con la Parola Viva del mio Gesù! SIA TRA DI VOI PACE, figlioli cari, MA LA PACE VERA: LA PACE CHE VIENE DAL CUORE DI GESÙ! Ora, figlioli cari, unite la Catena Santa, unitela col corpo e con l'anima, figlioli miei, e pregate pregate col cuore, chiedete a Gesù: misericordia! misericordia! misericordia! Figlioli miei, cercate ancora nei vostri cuori e togliete tutto quello che non appartiene al mio Gesù: preparate la Capanna dell'Amore e fatelo sbocciare! Ora, croce del mio Cuore, prega come tu sai fare!* (Giu) Mamma, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere e quelli che non hanno il coraggio di farlo: aiutaci a camminare! aiutaci ad amare Gesù! aiutaci ad amare i nemici!, aiutaci ad amare coloro che ci trafiggono il cuore! Mamma, rendici forti come sei forte tu e perdonaci se cadiamo in ogni attimo! (Imm) Piccola cocciuta del mio Cuore, stringui le mie mani: stringi le mie mani e porta tutti i tuoi figli attraverso la Porta del Parto,!ma state attenti, non lamentatevi delle sante spine, stringetele forte ai vostri cuori e camminate: tenete sempre alto il Vangelo Vivo del mio Gesù e imparate l'Arte dell'Amore e del Perdono! Figlioli cari, io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portarvi il Cuore dello Shalom e la Parola Viva del mio Gesù. Tu, croce mia, immolati ancora* con i dolori del parto! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Lode Lode Lode Lode Lode (5). Croce mia, fermati un altro attimo a pregare!" Å

7. Immacolata, 8/12/97, alla Messa a Thurio, ore 11.45 circa: VISIONE

Giulia scrive: "Visione, chiesa di Thurio. Vedevo la Mamma con l'abito di luce. Insieme a Lei c'erano tanti Angeli. La Madonna teneva in mano un giglio bianco. Era triste e mi ha invitato a pregare per la Chiesa tutta. Poi ha aggiunto: - Figlia mia, vedi, sto tenendo questo velo, sta per cadere ma io lo tengo: aiutatemi pure voi con la penitenza! - Poi ha chinato il capo come se piangeva e dal suo Cuore è uscito del sangue che si è formato ad ostia ed è salita al Cielo e mandava tanta luce".

8. Immacolata, 8/12/97, alla Quercia, ore 15.30, more solito

(Giu") Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. (Giu) Mamma, perdonami se ti ho chiesto di glorificare anche oggi. (Imm) Croce del mio Cuore, fallo sempre, non temere! figlia mia,* bevi anche in questa giornata* i calici verdi del mio Gesù e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l'umanità. (Giu) Mamma, dammi la costanza e la forza!* (Imm) Piccola cocciuta del Cuore del mio Gesù, quando non ce la fai, grida: offri ai tuoi figli i dolori del parto della Santa Croce!* (Giu) Mamma, sono amari i calici! (Imm) Figlia mia, te li ho fatti già vedere questa mattina: come piange il mio Cuore di Mamma per l'umanità! Ora tu, figlia mia, bevi ancora dei calici:* consola il Cuore del tuo Gesù che è trafitto!* (Giu) Mamma! Mamma!* Mamma, ti faccio gli auguri da parte mia e da parte di tutti! (Imm) Grazie, figlioli del mio Cuore, ma io vi chiedo solo una cosa: pregate pregate pregate, figlioli miei! vedete, il mio nemico vuole la guerra, vuole distruggere il Progetto di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo! Figli miei, non siate distratti: coronate il Cuore del Padre con le vostre preghiere, amatevi gli uni gli altri e sconfiggete il male con l'Amore! FIGLI MIEI, IL MIO CUORE IMMACOLATO TRIONFERÀ, MA PRIMA CHE TUTTO QUESTO AVVENGA CI SARANNO ANCORA SOFFERENZE: DOVETE COMBATTERE COME SOLDATI DELL'AMORE E DELLA PACE! FIGLI CARI, IO NON VI LASCIO, IL MIO CUORE DI MAMMA È SEMPRE APERTO: QUANDO VOI BUSSATE IO SONO SEMPRE PRONTA AD ACCOGLIERVI E A DONARVI TUTTO IL MIO AMORE, MA VOI, FIGLI MIEI, CAMMINATE SULLA VIA DELLE SPINE, NON LASCIATELA, VENITE ALLA SANTA CROCE DEL MIO GESÙ E TENETE SEMPRE ALTO IL SANTO VANGELO, LA PAROLA VIVA DEL MIO GESÙ! Figlioli cari, pregate per i Grandi del Mondo e i Grandi della Casa del Padre mio, pregate, figlioli miei, pregate per loro perché non si rendono conto che rifiutano l'Amore di Dio: con i loro progetti pensano di andare avanti e calpestano la Parola del mio Gesù sotto i piedi Voi pregate e non lasciateli nel buio: figli cari, caricate voi la Croce sulle spalle e portatela per questi miei figli perché io vi amo tutti anche quando trafiggete il mio Cuore di Mamma! Perdonami, piccola cocciuta, se ti carico con la Croce di Gesù!* (Giu) Mamma, carica sempre la Croce sulle mie spalle!* (Imm) Sei cocciuta e capricciosa: vuoi soffrire per tutti tu, ma le tue forze vengono meno! (Giu) Mamma, sostienimi col tuo Amore, ma ti supplico: aiuta i Grandi del mondo a riconoscere Gesù! (Imm) Figlia, pregate per questo: siate saldi col Santo Rosario e offrite fioretti al Cuore di Gesù! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Ora, figlioli miei, legate con me la Catena Santa e pregate nei vostri cuori: chiedete al Padre il giusto del Vangelo e Lui ve lo concede attraverso il mio Cuore di Mamma perché io busso per ognuno di voi! Pregate e guardate nei vostri cuori, togliete tutto quello che non piace a Gesù, toglietelo, figlioli miei: riempite i vostri cuori d'Amore, di Pace e donatelo al mondo, ai figli emarginati, ai figli drogati, ai figli carcerati, a tutti quelli che non riescono a venire alla Croce del mio Gesù. Tu, croce mia, fermati un attimo a pregare come tu sai fare.* (Giu) Mamma, aiutami a bere quest'altro calice perché è amaro!* (Imm) Piccola cocciuta del mio Cuore, bevi questo calice per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: sostienilo col tuo amore e con la tua preghiera perché io porto a te il Saluto di Piena di Dio (Giu) Mamma, io non sono degna di questo! (Imm) Io posso farlo! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figlioli miei, figlioli del mio Cuore, vi invito ancora a pregare: PREGATE PER LA PACE! PREGATE AFFINCHÉ CI SIA PACE NELLA CHIESA TUTTA! PREGATE AFFINCHÉ LO SPIRITO SANTO ILLUMINI LA CHIESA TUTTA! Vi chiedo questo, figli miei! Ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare sempre il Vangelo Vivo del mio Gesù: voi aspettate con i cuori aperti e preparate le capanne per far nascere il mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete, figlioli miei, nel Segno Santo della Santissima Eucarestia. Tu, croce del mio Cuore, soffri ancora per i tuoi figli: prega nel Silenzio della Croce!* Lode Lode Lode Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Grazie, figlioli del mio Cuore, per essere venuti a portare il vostro amore in questo luogo! (Giu) Mamma, grazie per essere venuta in mezzo a noi ancora una volta!"