ANNO 1998

 

LA CROCE E’ IN MEZZO A NOI

 

Notizie da Sofferetti-24: n. 212 Lauria, 24 gennaio 1998

 

IL SEGRETO DI UNA MAMMA E’ AMORE:

è donare il proprio cuore per i figli!

(cfr mess. alla Quercia, 6/1/98)

 

MESSAGGI TRAMITE GIULIA

 

 

1) Dom 28/12/97, ore 15.30, alla Quercia, more solito: Festa della Sacra Famiglia

 

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli.* Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche in questa giornata i calici misti del mio Gesù, bevili* e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l’umanità: figlia mia, bevi i calici rossi e verdi!* (Giu) Mamma, sono amari!* (Imm) Bevili per i figli che non vogliono far nascere il mio Gesù nei loro cuori:* si attaccano alle cose del mondo e prendono in giro il mio Cuore Immacolato e Addolorato! Figli del mio Cuore, fatemi compagnia, preghiamo insieme per i figli della perdizione: i figli che amano il mondo al posto della Croce!* Tu, anima mia,* accetta ancora i Santi Dolori del Parto* e se non ce la fai grida,* anima mia! Tenete sempre alto il Vangelo Vivo del mio Gesù: stringete ai vostri cuori il Vangelo di questa giornata!* (Giu) Mamma!* (Imm) Figlia mia, stringiti alla Croce e bevi ancora!* (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la forza!* (Imm) Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, col mio Giuseppe, con gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce. Figli cari, vi invito a fare crescere nei vostri cuori, nelle vostre case la Famiglia Santa dell’Amore, la Famiglia della Pace, la Famiglia dello Spirito Santo: invocatelo, figlioli cari, invocate la LUCE dello Spirito Santo, invocate la sua SAPIENZA, i suoi DONI, il suo AMORE INFINITO e abbandonate le cose del mondo: non correte dietro al mio nemico che vi porta fuori dalla VOLONTÀ del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Figlioli miei, vivete la santa giornata piena di Dio, vivetela nell’Amore e nella Pace del Padre: non distraetevi di qua e di là ma sia piena, piena di Dio, la vostra giornata! Tu, croce del mio Cuore, immolati ancora per i figli che cadono nella rete del mio nemico. (Giu) Mamma, dimmi cosa devo fare! (Imm) Prega, figlia mia, e bevi ancora calici per i figli Ministri, per i tuoi figli tutti e porta ancora sulle tue spalle la Croce del mio Gesù. (Giu) Mamma, dammi ancora forza!* (Imm) Stringi le mie mani!* ora cammina e porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto, attraverso LA PORTA SANTA DELL’AMORE DEL PADRE, e non fermarti quando vedi il sangue!* Voi, figli del mio Cuore, aiutatemi a tenere il velo, pregate col cuore, amate e perdonate i vostri nemici, legate la Catena Santa e formate la Grande Famiglia della Pace e dell’Amore: restate sempre uniti all’Amore dello Spirito Santo che io mando su di voi, figlioli del mio Cuore! Ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù: ricordate sempre di tenere alto il Vangelo Vivo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Vi benedico con la Croce Tremenda del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete nella Luce di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo. Tu, anima mia, fermati ancora un attimo a pregare come tu sai fare.* Lode Lode Lode Lode Lode Lode (6). Sia lodato sempre il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen."

 

2) Giov 1/1/98, ore 21.04, a casa, more solito: Seconda Cena col Bambinello

 

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore!* Tu, croce mia,* bevi ancora i miei calici misti:*: bevi ancora i calici verdi e i calici rossi per i tuoi figli, per l’umanità tutta!* (Giu) Gesù, dammi la forza!* Tu sei ancora bambino, Gesù: ma il tuo abito è sporco di sangue!* Sei così piccolo, Gesù!* (Ge) Sono il Dio Bambino in mezzo a voi: ora bevi, figlia mia!* (Giu) Gesù, è troppo amaro:* dammi la forza!* (Ge) Sei sempre la solita cocciuta: quando non ce la fai, grida!* non assaporare solo tu il Legno Santo della Croce: offrilo ai tuoi figli!* (Giu) Perdonami, Gesù!* (Ge) Vedi, piccola cocciuta, i dolori del parto sono sempre più forti e io vengo in mezzo a voi a portare l’Amore del Santo Vangelo, ma porto in mezzo a voi il Legno Santo della Croce e vi ricordo ancora una volta: come un bimbo abbraccia la Santa Croce per i suoi figli, non dimenticate mai di stringerla, di amarla e di accarezzarla! Io guardavo gli occhi di mia Madre e attraverso il suo Cuore vedevo la Santa Croce che brillava: quanto amore! quanta gioia attraverso il Cuore di mia Madre! Io stringevo ognuno di voi perché ho stretto la Santa Croce e in questa serata Io, DIO BAMBINO, stringo i cuori di ognuno di voi e vi invito a tenere sempre alto il mio Santo Vangelo: ma voglio essere cullato perché sono un Bimbo! cullatemi, figlioli del mio Cuore! In questa serata io vi apro LA PORTA e vi invito a camminare sulle sante spine, non scartatele, figlioli del mio Cuore, stringetele forti e camminate sulla Via di mia Madre, sulla Via di Maria che è povera ma è ricca di Pace, di Gioia: è ricca di Dio, è ricca di Spirito Santo! E a voi io chiedo di portare nel mondo l’Amore e il Fuoco dello Spirito Santo: camminate come bambini e lasciate le cose del mondo: buttatele, figlioli del mio Cuore! (Ge)Tu, piccola cocciuta del mio Cuore, ... (Giu) Gesù, cosa ho fatto? (Ge) non spaventarti, bevi questo calice,* bevilo per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: ma sii forte perché è molto amaro!* (Giu) Gesù, stringi le mie mani! (Ge) Figlia mia, bevi ancora!* (Giu) Gesù, cosa gli hanno fatto al Papa: il suo abito è sporco di sangue come il tuo?!* (Ge) Non temere, anima mia, lui dovrà soffrire ancora per l’umanità ma io e mia Madre gli siamo sempre vicini, voi non lasciatelo solo,° con la preghiera restate sempre vicini perché l’ora del Padre è alle porte, figlioli del mio Cuore, ma nessuno di voi sa il giorno e il momento: pregate pregate, figlioli del mio Cuore!* (Giu) Gesù, c’è una GRANDE PORTA:* è piena di sangue, Gesù?!* (Ge) Presto si aprirà questa Porta, ma voi pregate, figlioli del mio Cuore perché le barche sono pronte e sono tutte piene di sangue: ma non spaventarti, figlia mia!* (Giu) Gesù, quanto sangue!* (Ge) Non spaventarti, figliola: cammina, vieni avanti e poggia le tue mani su una delle barche.* (Giu) Sono sporche di sangue, Gesù! (Ge) Poggiale sul tuo cuore.* (Giu) Gesù, cosa accadrà con tutto questo sangue?! (Ge) Figlia mia, tutto questo deve accadere: ma voi pregate e non spaventatevi, andate sempre avanti e ricordate di tenere sempre alto il Vangelo! Figlioli miei, rimanete sempre uniti nell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: non spezzate la Catena dell’Amore! Ora mi poggio sul cuore perché voglio essere cullato dai miei figli Ministri: cullatemi, figlioli del mio Cuore, cullatemi perché io sono il Dio Bambino, il Dio che nasce nei cuori dei propri figli! Ora sollevate la piccola croce. Figlioli del mio Cuore, in questa serata io vi invito ad essere mamme mamme mamme del mio Amore e della mia Pace! camminate sempre col Legno Santo della Croce e non scandalizzatevi se io mi fermo a parlare di esso: amatelo e fatelo amare al mondo, ai figli: poggiatelo sui figli emarginati, sui figli drogati, sui poverelli! Poggiate il Legno Santo: guardate la gioia dei cuori quando lo ricevono! Guardate il Cuore di Maria e attraverso di ESSO (= Cuore di Maria)° guardate il mio Cuore di Bimbo: un Cuore che vi chiede amore e vi dona amore! E voi, voi che mi seguite, donate il vostro amore, donate la vostra pace ai fratelli: vivete in pace, figlioli del mio Cuore! Guardate gli occhi di Maria: quanta Pace dona all’umanità col suo Sorriso, col suo Amore, con la sua Dolcezza di Mamma! Ah, quale gioia i miei occhi che incontrano gli occhi di Maria, una Mamma così giovane, una Mamma che ha la Bellezza di un fiore e le sue labbra profumano di rose e donano all’umanità un immenso Amore: un Amore Infinito! Come non potete donare il vostro Sì a Maria? Guardando i suoi occhi si abbraccia il Padre! Guardando i suoi occhi si cade in ginocchio e si implora misericordia misericordia misericordia al Padre! Figlioli, guardate gli occhi di Maria e cullate cullate il Dio Bambino che è qui in mezzo a voi vivo e reale! Non scandalizzatevi se vi chiedo di essere cullato: ma fatelo, figli del mio Cuore! Ora fermatevi un attimo e cercate nei vostri cuori, cercate ancora, figlioli miei, e togliete tutto quello che non mi appartiene, guardate bene perché io vedo dentro i vostri cuori: guardate, figli miei! Tu, piccola croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare come tu sai fare. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Voi cercate ancora nei vostri cuori e non distraetevi dalla mia presenza viva e reale in mezzo a voi! (Giu) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere e quelli che non hanno il coraggio di farlo: aiutali, Gesù! aiutaci a camminare sulle sante spine e perdonami se sono cocciuta! (Ge) Sei la più cocciuta delle mie bimbe, ma rimani sempre così: non ascoltare la voce del mio nemico e non diventare superba! ama come tu sai fare, ma grida, figlia mia, quando sei nel giusto: non temere niente e nessuno! (Giu) Gesù, fammi capire tu quando è giusto o sbagliato! (Ge) Non temere: vai avanti! Ora porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto!* (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre! Padre mio, c’è troppo sangue!* (Ge) Vai avanti: non fermarti, anima mia!* Vedi, figlia mia: cammina, sali i tre gradini e porta i tuoi figli! (Giu) Padre,* stringi le mie mani: dammi la costanza e la forza!* (Ge) Cammina, figliola, e non fermarti, vedi, c’è anche Maria e i tuoi angeli che impastano col Piccolo Giovanni: impasta anche tu il Pane del Padre *e dona la farina ai figli Ministri! (Giu) Gesù! (Ge) Ora preparati,* preparati, croce del mio Cuore: distendi le tue braccia sul Legno Santo della Croce! (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre! Padre mio!* (Ge) Figlia e sposa del mio Cuore,* preparati! (Giu) Dammi la forza perché la mia viene meno! (Ge) Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo in mezzo a voi, piccolo e povero, ma porto a voi il Cuore del Padre! Figlioli miei, fermatevi un attimo e siate coscienti di ciò che ricevete! pensate ai figli che non hanno il mio Pane, pensate ai figli che non hanno la mia Croce, pensate ai figli che non hanno il mio Vangelo: fermatevi, figlioli, e pregate per loro! Ora, Padre mio, benedici questo pane e questo vino: rendilo fecondo nell’amore dello spirito santo e donalo alla tua chiesa tutta, ai tuoi figli! Ecco, figlioli miei, io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e vi dono il mio CUORE: vi dono il mio SANGUE come Cibo di Vita Eterna! Non scandalizzatevi di queste mie parole, figlioli! io sono in mezzo a voi come Dio Bambino che si dona all’umanità per amore, voi mangiate del Pane e del Vino Nuovo per amore e donatelo ai figli, ai fratelli: donate la mia Pace, donate il mio Cuore, donate la mia Croce! Ora, piccola croce del mio Cuore, offri da bere al figlio santo, al pastore eterno della mia Parola Viva: tu, figlio mio, tira sempre la mia Barca carica del mio Vangelo e non fermarti, vai avanti, figlio: ora bevi!* Croce del mio Cuore, bevi ancora i calici del mio parto e soffri per i tuoi figli, per l’umanità tutta:* offri da bere alle tue spose! Ora dividi e unisci l’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo all’umanità tutta. Ecco, figlioli miei, io mi sono donato ad ognuno di voi che siete qui riuniti* e ai figli che si uniscono a questa santa preghiera, mi sono donato anche ai vostri cari che portate nei vostri cuori: non temete, figlioli del mio Cuore!* Ora preparati, croce mia, e fai preparare anche i tuoi figli. (Giu) Padre! Padre! Padre, dammi la forza!* (Ge) Non temere: stringiti alla Croce!* Venite, spose amate del mio Cuore: accostatevi al mio Santo Banchetto! (Giu) Padre! Padre!* (Ge) Prendete e mangiatene tutti: questo è il mio Corpo donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Mangiatene in abbondanza, spose del mio Cuore! Prendete e bevetene tutti: questo è il calice del mio sangue donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Bevetene in abbondanza perché è sangue di vita eterna. Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena ed è risorta, voi siate coscienti del mio Amore, figlioli, e donatevi al mondo: portate la mia Pace ma portatela piena, figli! Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo e prega per i figli che in questo attimo stanno trafiggendo il Cuore di mia Madre: fermate fermate i flagelli con la Santa Preghiera!* unite la Catena Santa dell’Amore* e fermate i flagelli che stanno scendendo!* (Giu) Gesù!* Gesù,* perché piangi?* (Ge) Prega con me, piccola croce!* Restate sempre uniti con la preghiera e non dimenticate di tenere alto il mio Santo Vangelo! Ora io vi lascio, figlioli del mio Cuore, e vi sigillo col Sigillo Santo del mio Amore: vi sigillo col Bacio del Piccolo Giovanni attraverso il mio piccolo Mario, il Sacerdote del mio Amore, la mia mamma. Voi accogliete questa mia Santa Benedizione e portatela nel mondo: siate coscienti di ciò che ricevete! Piccolo Mario, sigilla la Piccola Giulia e il piccolo Pasquale e tutti i tuoi figli. Voi scambiatevi il mio Santo Sigillo e siate coscienti di ciò che ricevete: consolate il Cuore della mia Amata Mamma che viene trafitta anche in questo attimo!* (Giu) Gesù, poggiati con la Croce su di me:* ma non piangere!* (Ge) Vai avanti, piccola cocciuta: porta la mia Croce e il mio Santo Vangelo ai tuoi figli. Ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Sollevate la Piccola Croce. Ora, figlioli del mio Cuore, unite la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre, ma ricordatevi che io sono qui in mezzo a voi, Dio Bambino in mezzo a voi che prega con voi: prega il Padre affinché usi misericordia per l’umanità tutta! Voi non togliete nessuno di questa Santa Preghiera: mettete tutti i vostri figli, i vostri cari, ma soprattutto mettete i vostri nemici! Rivolgetevi al Padre col cuore pieno d’amore, rivolgetevi allo Spirito Santo con la pienezza di amare e di perdonare! Figlioli miei, ricordate che questa Santa Preghiera è piena d’Amore e di Pace e voi, quando pregate, svuotate i vostri cuori dalle cose terrene e riempiteli d’Amore e offriteli al Padre, offrite tutto l’amore, offrite tutto dei vostri cuori: cercate cercate i vostri fratelli che si sono smarriti e uniteli alla Catena Santa, unite i Piccoli e offritegli il mio Pane! Ora preghiamo, figli! (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen Amen Amen-3). Figlioli miei, ricordate sempre queste sante parole: non dimenticatele! Ora, piccola croce, fermati un altro attimo a pregare come tu sai fare. Alla fine della preghiera mangia il mio Cuore , piccola cocciuta! (Giu) Sì, Gesù!* Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (4). (Ge) Vi amo anch’io, spose capricciose del mio Cuore, e aspetto (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli miei!"

 

3) Ven 2/1/98, ore 10.40, a casa, in crocifissione, orale

 

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, iniziate a vivere con amore e pace tra di voi: non ascoltate il mondo con i suoi rumori ma date ascolto alla mia Parola Viva! Io sono il vostro Signore e Dio, io vi ho donato la vita ma ad ogni momento la posso riprendere, voi senza di me non potete far nulla perché non avete nessuno potere: il Potere viene dal Padre e voi non siete che un soffio di polvere! Figli, vedete i tempi e riconciliatevi col Padre, ritornate a casa come il Figliol Prodigo: io farò festa per ognuno di voi! Voi Figli Ministri, parte eletta del mio Cuore, accendete la lucerna dell’Amore e aspettate perché io verrò con la Potenza dello Spirito Santo: mettete ordine nella Casa! Voi Quattro della mia Croce, andate ancora avanti, tirate sempre la mia Barca carica del mio Santo Vangelo: non fermatevi anche se il carico è pesante! Tu, croce del mio Cuore, non scoraggiarti ma soffri ancora per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Vi amo e con voi benedico il mondo col Segno Tremendo della Croce. Amen Amen Amen Amen".

4) Dom 4/1/98, ore 15.30, alla Quercia, more solito

(Giu") Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Croce del Cuore di Gesù, bevi anche in questa giornata i calici misti, i calici verdi e i calici rossi, e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l’umanità,* bevi, figlia mia, ma stai attenta perché i dolori del parto sono sempre più forti:* se non ce la fai stringiti alla Croce di Gesù, cocciuta del mio Cuore!* (Giu) Mamma, dammi tu la forza! Mammina, il tuo abito è sporco di sangue: cosa t’hanno fatto? (Imm) Non temere, figlia del mio Cuore: prega e invita i tuoi figli a pregare secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata. Figlioli cari, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi e il Servo Santo della Croce. Figlioli del mio Cuore, io ho promesso a Fatima che il mio Cuore di Mamma trionferà nel mondo intero il trionfo è alle porte ma io invito ognuno di voi a prendere coscienza e a camminare con la Parola Viva del mio Gesù; vi invito giorno per giorno a tenere alto il Vangelo Vivo del mio Gesù: figli, aiutatemi a sostenere il velo che scende sull’umanità, sui figli che non vogliono ascoltare la Parola Viva del mio Gesù! Voi, Piccoli Giovanni del mio Cuore, gridate gridate con amore la Parola di Gesù, gridate e portate la Croce ovunque andate, non poggiatela per terra, figlioli miei, e non scartate la sante spine, ma con amore venite: camminate sulla Via-Mamma che io vi sto segnando. Vivete, figlioli cari, in pienezza il Vangelo di questa giornata (II dopo Natale) ed elargite i vostri cuori alla Parola Viva del mio Gesù. Tu, croce mia, non temere, vai avanti, non fermarti quando i figli non ti ascoltano ma cammina: getta il seme di Gesù e porta la Croce sulle tue spalle! Ricorda sempre il tuo primo messaggio e non fermarti, stai attenta, figlia mia, non rivelare ciò che è segreto nel tuo cuore: stai attenta al mio nemico che vuol far suo il Progetto di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo. Voi Figli Ministri, ascoltate la Parola di Giovanni e mettetela in pratica: non gettatela dalla finestra! Sì, figlioli miei, voi fate così: buttate dalla finestra ciò che non vi fa comodo, ma io, la Vostra Mamma, la raccolgo e la porto di nuovo all’Altare del mio Gesù. Figlioli, io vi amo, vi amo e vi stringo forte forte al mio Cuore! Vi invito a crescere nell’Amore e nella Carità: amate tutti e non scartate i poverelli, accoglieteli, accoglieteli come accogliete il mio Gesù perché in essi c’è il mio Gesù che viene in mezzo a voi a portarvi il Pane dell’Amore, il Pane della Vita, il Pane del Vangelo Vivo! Ora, figlioli miei, legate la Catena Santa e pregate dentro i vostri cuori: chiedete a Gesù nel giusto del Vangelo e lui ve lo concede, ma guardate nei vostri cuori e togliete tutto quello che non appartiene al mio Gesù. Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare come tu sai fare.(Giu) Sì, Mamma!* (Imm) Ecco, figlioli del mio Cuore, io vi stringo ad uno ad uno al Cuore di Gesù e vi invito ad essere lucerne accese dell’Amore e della Pace; pregate sempre con me: fermatevi ad ascoltare il mio Cuore, fermatevi ad ascoltare il Cuore del mio Gesù che parla ad ognuno di voi! Ora io vi lascio ma verrò in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Restate uniti nell’Abbraccio della Croce! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Croce del mio Cuore, tu bevi ancora i calici* e soffri per i tuoi figli: fermati un attimo ancora e prega con me!"*

5) Epifania, 6/1/98, alla Messa a Thurio, ore 11.45 circa: VISIONE

Scrive Giulia: "6 gennaio, chiesa di Thurio, durante la Predica: - Vedevo Gesù piccolo che portava sulle spalle una Grande Croce, i suoi occhi erano pieni di sangue: camminava ma mentre camminava il peso era tanto che è caduto sotto la Croce! Ma poi si è alzato. mi ha rivolto la parola dicendomi: Vedi, figlia mia, ancora devo camminare sotto il peso della Croce! vedi: non c’è nessuno che mi aiuta! Dicendo queste parole mi ha donato la Croce da portare, poi ha aggiunto: Figlia, in questa mia Casa (= Chiesa di Thurio) dovete fare molte preghiere, ascoltate la mia Voce col cuore e aiutate questo mio figlio (= il nuovo parroco don Pino) perché ha bisogno del vostro calore. Poi ci ha benedetti con la manina da Bimbo ed è salito in Cielo"

6) Epifania, 6/1/98, ore 15.20, alla Quercia, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche in questa giornata i calici misti del mio e del tuo Gesù e immolati* ancora una volta con i dolori del parto per l’umanità.* Vedi, figlia mia: vedi quanti flagelli si abbattono su di voi perché siete in pochi a pregare e in pochi aprite il cuore al mio Gesù! Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi e il Servo Santo della Croce. Figlioli del mio Cuore, oggi vi invito a vivere e a crescere nell’Amore e nella Sapienza dello Spirito Santo: camminate con la Croce, vivete in povertà e amate amate amate, figlioli del mio Cuore! Il segreto di una mamma è amore: è donare il proprio cuore per i figli! Usate il vostro cuore come capanna: elargitelo e cullate il mio Gesù e cullandolo il mio Gesù cullate tutti i figli che sono smarriti, i figli che non riescono a trovare la Porta del Parto! Voi Figli Ministri, parte eletta del mio Cuore Immacolato e Addolorato, siate mamme, accettate con amore i dolori del parto e fate crescere il Bambinello dentro di voi: fatelo crescere e offritelo al mondo amando e usando carità verso tutti! Figlioli del mio Cuore, io parlo a voi come Mamma perché una mamma comprende i propri figli nelle debolezze, nei primi passi: figlioli miei, ascoltate il grido del Santo Vangelo e prostratevi ai piedi della Croce implorando misericordia misericordia misericordia al Padre * Aiutatemi, figlioli del Cuore: aiutatemi a tenere il velo che sta scendendo sempre di più!* Tu, croce del mio Cuore, dovrai soffrire ancora per i tuoi figli, per la Chiesa tutta, prega e immolati ancora, bevi, figlia mia,* bevi i calici misti del tuo Gesù, porta la Croce che Gesù ti ha donato in questa giornata: portala, figlia mia!* (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la forza e perdonaci se siamo deboli! (Imm) Figlioli, io stringo le vostre mani ad una ad una e vi invito a camminare e a portare il Vangelo Vivo del mio Gesù: vivete in pienezza il Vangelo di questa giornata: crescete nell’Amore e donate l’Amore ai vostri figli, ai vostri fratelli! Ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi, figlioli miei: grazie per essere venuti a consolare il mio Cuore di Mamma e il Cuore del mio Gesù! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete NELL’AMORE, crescete NELLA CARITÀ, crescete NELL’AMORE DELLO SPIRITO SANTO. Lode Lode Lode (3). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. (Giu) Grazie, Mamma!"

7) Giov 8/1/98 , ore 21.04, a casa, more solito: Si annuncia un segreto!

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il Vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore! Tu, croce mia,* bevi anche in questa serata i miei calici misti, i calici verdi* e i calici rossi,* e immolati ancora una volta con i miei e i tuoi dolori del parto: immolati per i tuoi figli, immolati per l’umanità, immolati per la Chiesa tutta! Anima mia, preparati perché io mi poggio su di te ma se non ce la fai,* grida, cocciuta del mio Cuore!* (Giu) Gesù,* sei sporco di sangue!* (Ge) Grida perché i dolori sono enormi!* (Giu) Gesù! Gesù!* (Ge) Stringiti alla Croce e prega per la Chiesa tutta! (Giu) Gesù!* (Ge) Ecco, figlioli del mio Cuore, io vengo a stringermi° in mezzo a voi, vengo a portarvi la mia Croce e la mia Parola Viva, ma vi invito ad accettarla, vi invito a vivere con amore e a preparare i vostri cuori alla mia Pasqua: figlioli, VIVETE IN PACE CON VOI STESSI E CON I VOSTRI FRATELLI perché IO HO STRETTO FORTE IL LEGNO SANTO DELLA CROCE per DONARVI LA PACE e per LIBERARVI DA OGNI MALE! Figlioli miei, non attaccatevi alle cose del mondo, non attaccatevi ai rumori che il mondo vi offre: ma siate liberi! SIANO I VOSTRI CUORI LIBERI PER ABBRACCIARE LA PACE DI DIO PADRE, L’AMORE DELLA MIA AMATA MAMMA MARIA CHE VIENE IN MEZZO A VOI A PORTARE IL SUO SORRISO: A PORTARVI IL PANE E LA FARINA DEL MIO AMORE! Tu, piccola cocciuta del mio Cuore, grida i miei Dolori: grida* il mio Amore e la mia Pace ai tuoi fratelli, ai tuoi figli! Il peso che dovrai sopportare in questi giorni è enorme ma tu non ascoltare la voce del mio nemico: vai avanti, cammina con la lucerna accesa e tieni sempre alto il mio Vangelo! (Giu) Gesù, dammi la forza!* (Ge) Sei sempre più cocciuta, vuoi tenere i dolori dentro di te ma le tue forze non ce la fanno: figliola mia, poggia sui figli e sui tuoi fratelli il peso della mia Croce! (Giu) Gesù, sono deboli: caricati su di me e dammi la forza di camminare per ognuno di loro!* (Ge) Vedi, figlia mia: guarda ma non spaventarti! Presto dovrai scrivere ciò che vedi in questa serata (cfr. 11/1) e lo dovrai consegnare al figlio Mario:* stai attenta a non parlare!* (Giu) Gesù!* Stringi le mie mani, Gesù!* Gesù:* come faccio a scrivere, Gesù?!* Gesù!* (Ge) Non spaventarti, anima mia, presto scriverai tutto quello che hai visto ma stai attenta: consegna subito al figlio Mario! (Giu) Gesù, non farmi sbagliare: è enorme!* guidami tu quando scrivo! (Ge) Non temere: ora bevi!* Voi, figlioli del mio Cuore, non scandalizzatevi di questi segreti ma pregate pregate: pregate col cuore aperto e implorate misericordia al Padre perché i flagelli sono sempre più bassi sull’umanità! Figlioli miei, io mi fermo ancora a parlare del Legno Santo della Croce e mi poggio su ognuno di voi. Figli miei, riflettete su quel Legno Santo! Cosa riuscite a immaginare quando io camminavo portando quel Legno Santo e la folla che veniva a distanza nel guardare come io stringevo il Legno Santo? Voi cosa riuscite a pensare? Vi immaginate voi che portate un legno sulle spalle, forse vi fermate a pensare: E’ troppo pesante? Pensate se le vostre mani riescono a tenerlo? Ah, figli miei, io pensavo ad ognuno di voi, pensavo ai figli che si sarebbero persi perché vedevano un fallimento del mio parlare, delle mie folle,° dei miracoli: e mi stringevo sempre di più accarezzando quel Legno Santo! Voi, figli miei, quando vi fermate davanti al Legno Santo della Croce, riuscite almeno per un attimo ad amare i vostri nemici, a perdonare il fratello che vi ha mancato di poco? Ah, figli miei, non riuscite neanche a fermarvi un attimo davanti al Legno Santo della Croce! Ah, quanto ascoltate poco le mie parole! quanto correte di qua e di là! quanto tempo trovate per giudicare i vostri fratelli, i vostri figli! Vi fate del male gli uni gli altri e non pensate neanche un attimo a quanto io ho stretto il Legno Santo della Croce: ma quanto l’ho portato sulle mie spalle per amore! Voi ancora non riuscite a fare i passi dell’Amore, non riuscite ad amare in pienezza perché siete legati alle cose del mondo e non comprendete cos’è amore: amare in pienezza! Figlioli miei, figlioli del mio Cuore, fermatevi ancora un attimo e cercate, cercate cercate nei vostri cuori ma non distraetevi, figlioli miei, non addormentatevi come i miei discepoli, non lasciatemi solo perché io vengo in mezzo a voi perché ho bisogno del vostro amore, ho bisogno dei Piccoli Giovanni che gridano la mia Parola, la mia Verità: tenete alto il mio Vangelo, figlioli del mio Cuore! Ora, piccola croce, poggiati: riposati sul mio Cuore!* Figlioli miei, cercate ancora nei vostri cuori e togliete tutto quello che non mi appartiene! Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare per i tuoi figli.* Ora, croce mia, preparati. (Giu) Padre! Padre! Padre mio! (Ge) Figlia e sposa mia, sono poco ascoltato! (Giu) Gesù, perdonaci! (Ge) Figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà perché è così che io vengo in mezzo a voi, piccolo e povero, ma porto a voi l’Amore del Padre: figlioli miei, siate coscienti di queste grazie che il Padre vi dona! Ora, padre mio, benedici questo pane e questo vino: rendilo fecondo nell’amore dello spirito santo e donalo all’umanità tutta. Ora, figlia mia, offri da bere al figlio santo: tu, figlio mio, tira sempre la mia Barca carica del mio Vangelo e fai sempre i nodi; non fermarti, vai avanti, sostieni i tuoi Piccoli Giovanni, falli camminare nell’Amore e nella Carità del Padre; ora, figlio mio, bevi anche tu i calici del parto.* Tu, figlia mia, bevi ancora i calici amari e soffri ancora per i tuoi figli, per i figli che non vogliono accettare la mia Luce e la mia Verità: soffri, anima mia, e bevi!* ora offri da bere alle tue spose. Dividi e unisci il mio Amore e la mia Pace con i tuoi figli, con i tuoi fratelli: mangiate e bevete del mio CUORE e del mio SANGUE e crescete, figlioli miei, crescete nell’Amore e nella Carità! Siate coscienti che io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e mi dono ad ognuno di voi: figlioli miei, siate coscienti! siate coscienti! siate coscienti! E vi chiedo scusa se parlo a lungo ma vi amo e voglio essere amato anche da voi. Vi do un compito, figlioli: amate amate! amate il Padre! amate il Figlio! amate lo Spirito Santo! amate Maria, Madre mia e Madre vostra! Ora preparatevi!* (Giu) Padre! Padre! Padre!* (Ge) Stringiti al mio Cuore, sposa mia!* (Giu) Padre! Padre! Padre!* (Ge) Prendete e mangiatene tutti: questo è il mio Corpo donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Mangiatene in abbondanza.* Prendete e bevetene tutti: questo è il calice del mio sangue donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Bevetene in abbondanza perché è sangue di vita eterna.* Ecco, figlioli cari, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena perché vi amo: vi amo, figlioli del mio Cuore! Tu, croce mia, immolati ancora per l’umanità.* (Giu) Padre! Padre! Padre mio!* (Ge) Figlia e sposa mia, dovrai soffrire ancora:* accetta con amore la spada che trafigge il tuo cuore!* (Giu) Sì, Gesù ma dammi la forza! (Ge) Vedi, figlia mia, quante anime si perdono! (Giu) Gesù, il tuo calice è enorme: facci bere tutti al tuo calice! non lasciarci, Gesù, anche se siamo deboli: aiutaci a salire! (Ge) Ora, figlioli miei, io vi lascio ma vi sigillo col Bacio Santo del mio Amore, del mio Amore Materno e Paterno. Vi sigillo attraverso il figlio santo, il figlio Mario. Figlioli miei, vi chiedo sempre di prostrarvi ai suoi piedi, amatelo e ascoltate la sua parola santa: non scandalizzatevi di ciò che dice ma con amore ascoltate la sua voce perché è la mia, figlioli! Ora, figlio Mario, sigilla la Piccola Croce e il piccolo Pasquale col mio Bacio Santo. Voi, figlioli del mio Cuore, scambiatevi la mia Santa Benedizione e restate sempre uniti col Segno Santo della mia Croce: NON DISTRAETEVI DINANZI ALLA MIA PRESENZA DI PADRE! Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Figlioli, pregando con questa mia Santa Preghiera tenete sempre presente la Santa Croce, non distaccate mai lo sguardo del Legno Santo e pensate a quanto io l’ho stretta al mio Cuore abbracciando ognuno di voi: abbracciate anche voi i piccoli, i poveri, gli emarginati, non togliete nessuno e non togliete dai vostri cuori il Legno Santo della Croce! Ora preghiamo! (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male). LIBERACI DAL MALE! LIBERACI DAL MALE! LIBERACI DAL MALE E COSÌ SIA! Tu, croce del mio Cuore, fermati un altro attimo a pregare come tu sai fare e alla fine della preghiera mangia il mio Cuore. (Giu) Sì, Gesù!* Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (3)- (Ge) Vi amo anch’io, figli capricciosi e distratti del mio Cuore: aspetto! ( noi: Ti amo, Gesù) Grazie!"

  8) Ven 9/1/98, ore 10.40 a casa, in crocifissione, orale: e le prime stimmate del 1998

"Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli miei, guardatevi intorno: riuscite a vedere? No, figli miei, non vedete neanche le vostre opere non buone: i vostri occhi e i vostri cuori sono chiusi tanto da non vedere più nulla! Figli miei, cosa state facendo? Non ricordate più a chi appartenete: avete dimenticato che io vi ho donato la vita! E voi, Grandi della Casa del Padre mio, destatevi dal sonno, pulite i vostri abiti, figli: non rimanete nel buio del mio nemico, ma accendete la lucerna dell’Amore e venitemi incontro! Tu, piccola croce del mio Cuore, non scoraggiarti dinanzi a questo, sii sempre forte! Figlia, io ora mi poggio^ su di te: lo vuoi ancora? (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la forza! (Ge) figlia mia, questo carico è pesante: portalo per la Chiesa tutta e non temere, vai avanti e dona il mio Amore all’umanità! (Giu) Sì, Gesù, ma tieni sempre la mia mano! (Ge) Non essere sempre cocciuta: vedi te la sto stringendo tanto da lasciarti il mio Cuore! (Giu) Grazie, Gesù! (Ge) Voi Quattro della Santa Croce, andate avanti e portate il mio Amore al mondo. Vi amo e vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen."

^Le prime piaghe del 1998: sul braccio destro un’Ostia con JHS e sul sinistro le lettere C I (Christus Iesus). Si sono formate come al solito: dove Gesù poggia il dito lì sorge il segno delle sue piaghe.

9) Battesimo del Signore 11/1/98: Giulia scrive e mi consegna IL SEGRETO!

Viene dettato in estasi da Gesù verso le 7.30 circa e Giulia, alla fine e ancora in ginocchio sul pavimento davanti all’altare, vede per terra una busta irlandese di Peter, formato 21,5x27: è chiusa e segnata col sangue nelle due facciate con la solita Ostia in cui è scritto: JHS e IO VERRO’. Io la riceverò questa sera verso le 18 a Campotenese. Avevo fatto chiedere e si conferma che è il segreto annunciato giovedì scorso.

 

 

10) Dom11/1 /98 ore 15.30, alla Quercia, more solito: Satana e il Segreto!

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre (5). (Non c’è la glorificazione, quindi è il menzognero satana e lo esorcizza): In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via: vai via! Non ascolto quello che dici! In nome e potere della Croce vai via! San Michele, Vergine Santa intervenite! In nome e potere della Croce vai via: vai via! Vergine Santa intervieni! Vergine Santa intervieni! (appare il globo di luce vera e ripete l’invito a glorificare): Se sei tu glorifica il Padre (1). (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Cuore, bevi ancora i calici misti e immolati ancora con i dolori del parto per l’umanità: soffri, figlia mia, e non ascoltare ciò che il mio nemico dice, lui vuol far suo il Progetto di Dio Padre e trascina molti Piccoli Giovanni nella sua falsa luce. Figlia del mio Cuore, rimani sempre piccola e povera come Gesù ti ha chiamato: non diventare superba e aiuta i Piccoli Giovanni che cadono nella rete del mio nemico. Figlioli cari, io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce. Figlioli del mio Cuore, vengo in mezzo a voi a portare la Luce del Vangelo: la Verità della Parola Viva del mio Gesù. Io vengo in mezzo a voi mandata da Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, vengo a scaldare i vostri cuori, figlioli miei, vengo a portarvi il grido di Giovanni: ascoltatelo e camminate la sua via! Figlioli del mio Cuore, guardate il mondo: sta andando alla perdizione perché siete in pochi ad ascoltare la Parola Viva del mio Gesù, siete in pochi a camminare nella Luce dello Spirito Santo! Figlioli del mio Cuore, abbandonate le cose del mondo, abbandonatele e camminate col cuore aperto verso la Croce perché esso/a è il mezzo che vi porta a Gesù, è Via Santa che vi porta al Trono di Dio Padre e non vi sono altre vie: non è il mondo che vi porta al mio Gesù, non è il suo grido che vi porta al Trono di Dio! Figlioli del mio Cuore, fermatevi un attimo, ma fermatevi veramente, figlioli, e ascoltate il grido di Gesù: ascoltate la sua voce nei vostri cuori! Vi chiama FIGLI ma voi non rispondete! Quanto dolore nel mio Cuore di Mamma! Cosa devo fare: cosa devo fare ancora? Figli miei, fermatevi un attimo, abbandonate il mondo con i suoi rumori: cercate il Silenzio della Croce, stringetelo forte ai vostri cuori! Figli miei, io come Mamma vedo i flagelli che scendono sempre più su di voi: ma non posso fare altro che tenere la mano sul velo che scende! chiedo a voi aiuto: aiutatemi con la Santa Preghiera, aiutatemi a fermare i flagelli! Figlioli del mio Cuore, io vengo in mezzo a voi perché vi amo e non voglio perdervi, ma voi aprite i vostri cuori, aprite i vostri cuori al Vangelo, ascoltate il mio Gesù che grida come Giovanni e con Giovanni: affrettatevi, figlioli del mio Cuore! Tu, croce mia, accetta ancora i calici misti* e soffri ancora per i tuoi figli: anche se il carico è pesante, vai avanti, figlia, Cuore del mio Gesù! (Giu) Mamma, Mamma, dammi ancora forza e non lasciarmi! Perdonaci ancora se non sappiamo camminare: guidaci tu come Mamma! (Imm) Figlia mia, asciuga il mio Pianto!* Grazie, figlia mia! Ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Figlioli del mio Cuore, vivete in pienezza il Vangelo Vivo di questa giornata e portatelo ai vostri figli, ai vostri fratelli, ai figli che non conoscono l’Amore del mio Gesù. Tu, croce mia, fermati un attimo a pregare come tu sai fare. (Giu) Sì, Mamma!"*

Quanto vale il segreto per la Chiesa e l’umanità intera?

Prima dell’apparizione satana promette a Giulia l’oro del mondo e da menzognero di sempre si offre addirittura a portarlo in porto pur di averlo. Ecco come Giulia scrive:

"Prima dell’apparizione della Mamma si è presentato l’esserino, sempre nudo. Mi diceva con dolcezza di dargli la busta che avevo in borsa ché avrebbe risolto tutto lui. Mi voleva donare delle collane d’oro, ma io gli ho detto di no!. Poi la Mamma l’ha mandato via!"

Dolcezza, oro e impegno a risolvere tutto sono le false promesse di satana per distogliere gli uomini dalle vie di Dio: proprio come aveva fatto con Eva riuscendoci! Ci riuscirà ancora? Giulia ha detto il suo No e rimane legata alla Parola di Dio. Non lasciamoci prendere dalla curiosità del segreto ma rimaniamo anche noi fermi alla volontà di Dio: è questa la disposizione per accogliere quanto c’è scritto coscienti che il contenuto o richiesta da adempiere è per la rovina di satana e il bene dell’umanità. Sarà il segreto dell’Amore di Maria-Mamma: "Il segreto di una Mamma è AMORE: è donare il proprio CUORE ai figli!"

  11) Dom 11/1/98, ore 21.00, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù: figli, vi chiedo di pregare: pregate secondo le mie intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Vedi, figlia mia, io piango lacrime di sangue per i figli che in questo attimo* stanno trafiggendo il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma: guarda, piccola croce, cosa stanno facendo!*(Giu) Gesù,* fermali!* Gesù, trafiggi il mio cuore ma fermali!* (Ge) Chiedo a voi, angeli del mio Cuore, di pregare, immolatevi per questi miei figli, pregate pregate perché io sono venuto in mezzo a voi: voglio restare con voi perché vi amo! Piccola Maria del mio Cuore (la Braile), ho sete! chiedo a te da bere del frutto della vite° dell’uomo: offrimi da bere, figlia mia! (stavamo per finire la cena e Maria va a prendere una bottiglia di vino nuovo fatto da lei). Tu, figlio Mario: chiedo a te un pezzo di pane (lo chiedo a Maria). Figlio Mario, prendi il pane e il vino e offrilo al Padre: dividilo con i tuoi figli. Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare come tu sai fare:* immolati per i tuoi figli, immolati per i figli, immolati per i figli che non vogliono aprire la porta dei loro cuori ed io mi fermo ad aspettarli e piango!* Il mio Cuore di Padre gronda sangue, ma mi poggio su di voi con la mia Santa Croce e vi do il Sigillo di Figli dell’Altissimo:* voi pregate e consolate sempre il Cuore della mia Amata Mamma, ma sappiate che a causa del mio Nome dovrete soffrire ancora! Il peso della Croce diventa sempre più enorme per ognuno di voi, ma io lo poggio su di voi e mi poggio su di te, figlio mio: voglio riposare sulla tua spalla perché nessuno mi fa riposare nei propri cuori (si poggia su di me). Figli miei, cullatemi nei vostri cuori, accarezzatemi come Mamme perché io sono un Bambino e ho bisogno delle vostre carezze e del vostro amore: voglio sentire le vostre carezze di mamme! Figli miei, io sono venuto in mezzo a voi a far festa con ognuno di voi perché vi amo: vi amo! Figlio Mario, sii paziente col segreto, ti è stato consegnato, presto ti sarà detto quando lo dovrai aprire: dovete essere tutti uniti, preparare una mensa con del pane e del vino, dovete preparare l’agnello: mangiarlo, pregare, restare uniti col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Ora, figlioli miei, pregate secondo le intenzioni del Padre. Io vi lascio ma vi chiedo di cullarmi ancora nei vostri cuori! Vi sigillo col mio Bacio Santo: col Bacio del Piccolo Giovanni. Tu, figlio Mario, inizia con la Piccola Croce e poi sigilla i tuoi figli. Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figlio Mario, figlio Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Ricordate sempre che io sono in mezzo a voi vivo e reale e prego con voi: prego il Padre che usi misericordia misericordia misericordia per l’umanità! Ora preghiamo! (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen). (Giu) Grazie, Gesù, per averci visitato! (Ge) Grazie a voi per avermi accolto nei vostri cuori! grazie a te, Maria, per avermi accolto nella tua capanna d’amore! (Giu) Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (3) - (Ge) Vi amo anch’io, spose del mio Cuore, e aspetto i vostri cuori (noi: Ti amo, Gesù!)."

12) Mar 13/1/98, ore 7.30, a casa, in crocifissione, orale

"Vieni, figlia mia, glorifichiamo il Signore: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Figlia mia, vuoi pregare con me e consolare il Cuore di Gesù? (Giu) Sì, Mamma: lo voglio! (Imm) Figlia, fai penitenza e stringiti al Cuore di Gesù. Grazie, figlia mia: ti benedico!"

13) Giov 15/1/98, ore 21.04, a casa, more solito: l’Eucarestia del Padre!

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa,* spose amate del mio Cuore! Tu,* croce mia, bevi ancora* i miei calici misti, i calici verdi e i calici rossi,* e immolati con i miei e i tuoi dolori del parto* per l’umanità: ma grida perché i dolori* sono sempre più forti!* (Giu) Gesù!* (Ge) Stringiti alla Croce, anima mia!* (Giu) Gesù!* dammi la forza,* Gesù! (Ge) Grida, cocciuta del mio Cuore!* Anima del mio Cuore,* sei così cocciuta da non gridare i miei dolori!* (Giu) Stringimi nel tuo Cuore, Gesù! (emette un grido) (Ge) Ecco, figlia mia, ti sei accostata: dal mio Cuore Vivo° fai sentire i battiti del mio Amore all’umanità! Ancora non riuscite a capire quanto è grande* il mio Amore per ognuno di voi, io vengo in mezzo a voi a portarvi sempre il mio Vangelo Vivo e vi invito sempre a tenerlo alto, figlioli del mio Cuore: mi presento a voi sempre con la mia Santa Croce e vi invito a guardarla con amore. Figli cari, fermatevi e guardate il Legno Santo perché io mi fermo* sempre a parlare di esso e vi invito ad accettare le sante spine: accettatele, figlioli del mio Cuore, ma guardate guardate quel Legno Santo che io porto per ognuno di voi poggiato sulla mia spalla! io cammino e segno sulla terra col Legno Santo della Croce: vi segno un solco, è il solco della preghiera! Figlioli cari, io portando il Legno Santo della Croce porto ognuno di voi al Padre, non fermatevi per la via, non cadete nei fossi, figlioli del mio Cuore, camminate diritti per il solco che io vi ho segnato e portate i vostri figli, i vostri fratelli e non fermatevi dinanzi ai dolori: non cadete, figlioli cari, ma alzatevi come io mi sono alzato sotto il peso della Santa Croce! Ah, come camminavo per ognuno di voi: gioivo nel camminare, anche se il mio corpo grondava sangue! Figli miei, quando soffrite non fermatevi ma venite: venite al mio Cuore e rifugiatevi in esso! Voi Figli Ministri, parte eletta del mio Cuore di Padre, non fermatevi, camminate con me, portate il Legno Santo della Croce, ma ricordatevi: tenete sempre alto il mio Santo Vangelo, la mia Santa Parola, la mia Santa Verità, e guardate Maria, guardate mia Madre: asciugate il suo Pianto col vostro Sì, col vostro amore! Figlioli, aprite le porte della mia Casa e lasciate entrare il mio Amore e la mia Pace: non cacciatemi fuori perché io vengo in mezzo a voi perché vi amo e voglio essere cullato nei vostri cuori! Io sono un Dio Bambino e voglio essere cullato: voglio essere accarezzato! e mi poggio, mi poggio su di te, figlio mio, cullami, accarezzami, Mamma del mio Cuore: accarezzami e offri ai tuoi figli la mia Carezza, il mio Amore, la mia Pace! Voi, figli del mio Cuore, mamme del mio Cuore, non scandalizzatevi di ciò che io dico. Sì, figlioli miei, IO SONO UN BAMBINO e voglio giocare con ognuno di voi: SONO UN BAMBINO CAPRICCIOSO e voglio giocare con i vostri cuori perché vi amo: vi amo, figlioli del mio Cuore!* Tu, croce mia, bevi ancora:* bevi ancora i miei calici misti e soffri per i figli che ancora non vogliono accettare il mio Amore e la mia Croce! (Giu) Gesù, dammi ancora da bere, ma accendi questi cuori: accendi questi cuori spenti!* (Ge) Ora, figlioli del mio Cuore, fermatevi un attimo e cercate ancora nei vostri cuori, guardate, figlioli miei, e togliete tutto quello che non mi appartiene: guardate, figlioli! Tu, croce del mio Cuore,* bevi e prega come tu sai fare. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Figli, miei, cercate ancora: cercate e togliete tutto quello che non mi appartiene! (Giu) Gesù! (Ge) Sì, figlia mia, ancora non riuscite a togliere tutto: siete ancora distratti! (Giu) Gesù, poggiati ancora su di me!* (Ge) Ecco, figlioli miei, io mi fermo ancora a parlare della Croce, ma voi non distraetevi, guardate il Legno Santo della Croce: è dolce nel vederlo innalzato ma quanti, quanti figli lo guardano! Io mi fermo e guardo i vostri cuori, correte di qua e di là: non riuscite a trovare la Porta! ed io zitto zitto vi vengo dietro, vengo dietro ad ognuno di voi a portarvi la Luce della mia Croce ,ma non riuscite a guardarla: non riuscite a trovare la Porta perché i vostri occhi non vedono la mia Luce! Ah, figli miei! Figli del mio Cuore, mi fermo ancora a parlarvi del Legno Santo e vi invito ad abbracciarlo e a portarlo sulle vostre spalle; vi caricate di pesi del mondo ma non volete portare il peso dell’Amore: il peso della Santa Croce! Figli miei, come siete deboli: come siete attaccati alle cose del mondo che vi portano alla morte! non volete portare la Santa Croce: non volete gioire col Padre! Figli miei, voi che siete riuniti in questa piccola capanna, accettate il Legno Santo della Croce: portatelo portatelo portatelo, figlioli del mio Cuore, e non stancatevi di guardarlo, non stancatevi di amarlo e farlo conoscere al mondo e ai vostri figli! Ora, croce del mio Cuore, bevi ancora!* (Giu) Padre! Padre! Padre mio! (Ge) Figlia e sposa mia! mi poggio ancora su di te (= me)°, mamma del mio Cuore: fammi amare, fammi conoscere dai tuoi figli! Figlio mio, figlio del mio Cuore, il tuo carico è pesante ma non fermarti, vai avanti e dona tutto di te ai tuoi fratelli: falli crescere, falli crescere nella Luce del mio Amore! fagli aprire la porta e digli di essere mamme della Croce: mamme della mia Verità! Ora sollevate la Piccola Croce. Tu, croce del mio Cuore, immolati ancora con i dolori del parto: guarda, figlia mia, ma non spaventarti di ciò che vedi!* (Giu) Gesù!* Gesù!* (Ge) Figlia mia, stai attenta a non parlare!* (Giu) Dammi la forza,* Gesù!* (Ge) Ora, figlia mia, preparati:* porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto!* (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre! Padre mio! (Ge) Sollevati, anima mia, porta i tuoi figli attraverso la Porta del Parto: sali i tre gradini!* (Giu) Gesù, c’è troppo sangue e le barche sono ancora piene di sangue!* (Ge) non fermarti anima mia: vedi, c’è anche il Piccolo Giovanni, cioè il Papa!* (Giu) Gesù!* (Ge) Bevi del sangue!* Figlioli del mio Cuore, siate coscienti che io sono qui in mezzo a voi vivo e reale, preparate i vostri cuori: preparateli* all’Incontro! Ora, figlio Pasquale, offrimi un calice di pane ed un bicchiere di vino come segno di amicizia e di povertà. Ecco, io vengo in mezzo a voi piccolo e povero, mi presento in mezzo a voi col Segno del Pane e del Vino: voi vedete questi segni piccoli, un pezzo di pane ed un bicchiere di vino. Non riuscite neanche a immaginare Quanto È Grande L’amore Del Padre: Viene A Voi, Viene Ad Abitare Nei Vostri Cuori Con Un Pezzo Di Pane E Un Bicchiere Di Vino! Riuscite a fermarvi? riuscite a capire quanto è grande il cuore del padre? SI DIVIDE per ognuno di voi, SI DONA a voi ATTRAVERSO IL FIGLIO e io vengo perché vi amo, vengo nei vostri cuori per volere del padre: è lui che scende in mezzo a voi e vi dona il suo amore! Ma voi non vi fermate a pensare: non riuscite a comprendere quanto è grande il suo Amore! Figli miei, fermatevi e ascoltate il suo Amore: assaporate questo Pane e questo Vino: assaporatelo, figlioli del mio Cuore! Ora, padre, padre mio, benedici questo pane e questo vino: rendilo fecondo nell’amore dello Spirito santo e Donati ai tuoi figli ATTRAVERSO IL FIGLIO TUO. Ora prega, anima mia!* ora offri da bere al Sacerdote santo, al Sacerdote del mio Amore e della mia Pace; ascoltatelo, figlioli del mio Cuore, e non dimenticate mai: prostratevi sempre dinanzi a lui perché ancora voi non riuscite a comprendere il suo compito, non riuscite a capire chi sta dinanzi a voi, ma presto comprenderete e presto i vostri occhi si apriranno; figlio mio, non temere, io sono Padre e posso parlare, tira sempre la mia Barca carica del mio Santo Vangelo e fai ancora i santi nodi; ora bevi, figlio mio!* Tu, sposa del mio Cuore, bevi ancora i calici del parto e soffri* per i tuoi figli: ora offri da bere alle mie mamme! Figlio mio, dividi e unisci l’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: mangialo e donalo ai tuoi figli.* Tu, croce mia, soffri ancora con i dolori del parto perché io li dono ad ognuno di voi. Figli miei, mi sono donato ad ognuno di voi col Pane e col Vino: voi siate coscienti, siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi! Ora preparatevi: cercate ancora nei vostri cuori! (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre mio! (Ge) Figlia e sposa del mio Cuore, preparati all’Incontro!* (Giu) Padre!* (Ge) Preparati, sposa mia: stringiti alla Croce!* Prendete e mangiatene tutti: questo è il mio Corpo donato a tutti voi nel grande mistero del padre. Mangiatene in abbondanza. (Giu) Padre! (Ge) Prendete e bevetene tutti: questo è il calice del mio sangue donato a tutti voi nel grande mistero del padre.* Bevetene in abbondanza perché è sangue di vita eterna. Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è piena ed è risorta perché vi amo, vi amo, figlioli del mio Cuore: amate amate anche voi e i vostri cuori saranno raggianti dell’Amore dello Spirito santo! amate e perdonate, figlioli del mio Cuore! Ora io vi lascio ma vi sigillo col Bacio del Piccolo Giovanni, vi sigillo col Bacio della Croce, non calpestatelo ma siate coscienti di ciò che ricevete e non pensate a cose terrene: siate coscienti di ricevere il mio Santo Sigillo! Io vi sigillo attraverso il Sacerdote santo, il Sacerdote del mio Amore e della mia Pace: figlio mio, inizia tu. Scambiatevi anche voi il Santo Sigillo e siate coscienti, figli cari! Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figlioli miei, restate sempre uniti col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo: non dividetevi ma pregate pregate e fermate col vostro amore i flagelli che vi circondano! Ora, piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Come bimbi io vi ripeto sempre di pregare lentamente perché quando si prega lentamente si è uniti col Padre, si è una sola cosa col Figlio e con lo Spirito Santo: così formate LA FAMIGLIA DELL’AMORE e amandovi voi stessi potete amare i fratelli e donare tutto di voi col Calore dello Spirito Santo. Figlioli miei, ricordate che pregando con la santa Preghiera del Padre non dovete togliere nessuno e dovete svuotare i vostri cuori di odio e riempirli d’Amore, di Pace e di Carità. Figlioli miei, pregate rivolgendo gli occhi al Cielo e chiamando Dio Padre col cuore. Ricordate queste parole: figlioli, chiamate:Padre! ma chiamatelo col cuore pieno: fatelo ardere d’amore! Ora preghiamo! (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen Amen Amen -3). Figlia mia, fermati un attimo a pregare e alla fine della preghiera mangia il mio Cuore e donalo all’umanità. (Giu) Sì, Gesù!* Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch’io, mamme del mio Cuore, e aspetto i vostri capricci (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli miei: grazie!"

14) Ven 16/1/98, ore 10.40, a casa, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, sono venuto in mezzo a voi a portare la Luce ma voi non l’avete accettata, vi ho donato la Croce ma voi l’avete rifiutata! Figli, non siate ancora chiusi, non stringete ancora i vostri cuori: figli, siano aperti ed ardenti d’amore! Riconoscetemi come vostro Signore e Dio vostro, non cercate la voce del mondo, non rifugiatevi nel chiuso: ascoltate la mia Voce! Figli, il mio Cuore gronda sangue per ognuno di voi, io sono vostro Fratello, Amico e Padre vostro ed io dono tutto di me: donatemi anche voi i vostri cuori! Voi Figli Ministri, cercate la Luce del mio Santo Vangelo e tenetela sempre alta! Io vi amo: come vi ho promesso, aspettatemi! Voi, figli miei, Quattro della mia Santa Croce, andate avanti, tirate sempre la mia Barca carica del mio Santo Vangelo e non fermatevi: anche se il carico è pesante, voi andate avanti! Tu, croce del mio Cuore, sii ancora forte! (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Vi amo, figli del mio Cuore, e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

15) Dom 18/01/98, ore 15.30, alla Quercia, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche in questa giornata i calici misti del tuo Gesù e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l’umanità.* (Giu) Mamma, il tuo abito è sporco di sangue e tu grondi sangue! (Imm) Figlia mia, il sangue che vedi è sangue dei flagelli che si abbassano sempre di più sull’umanità: siete in pochi a pregare e in pochi vi offrite vittime per consolare il Cuore di Gesù che è trafitto da mille dolori! Bevi, figlia mia:* bevi ancora i calici misti e porta ancora tu la Croce del mio Gesù per l’umanità, per i figli che ridono della mia presenza viva e reale in mezzo a voi! Figlioli miei, io vengo in mezzo a voi per volere di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo, vengo a portarvi il Vangelo Vivo del mio Gesù e vi chiedo di non prostrarvi dinanzi ad altri dei: amate il Gesù della Croce, il Gesù che ha donato la Vita per ognuno di voi e non cercate altre vie, Figlioli del mio Cuore! io sono qui in mezzo a voi: è da fatima che io porto avanti IL PROGETTO DEL CUORE DEL PADRE e niente e nessuno lo può cancellare! Figlioli miei, io vi invito a riempire i vostri cuori di Croce e di camminare sulla Via-Mamma che io vi sto segnando. Figlioli miei, vivete in pienezza il Vangelo Vivo di questa santa giornata (2/C): siate mamme, mamme della Croce, mamme della Verità del Vangelo Vivo, e non cercate altro! siate uniti nell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e non staccatevi, figlioli miei! Ora cercate nei vostri cuori, cercate e togliete tutto quello che non appartiene al mio Gesù: allontanate satana dai vostri cuori, dalle vostre case, dalle vostre vie e camminate con la Croce e il Vangelo Vivo del Mio Gesù! Figlioli miei, io sono Mamma e una Mamma comprende i propri figli: li prende per mano e li guida al Trono del Padre, ma voi, figli cari, accettate le Sante Spine: non toglietele! sappiate che le Sante Spine vi portano da Gesù con amore e vi fanno amare, figlioli miei, perché Gesù ha stretto forte forte il Legno Santo della Croce e vi ha amati e vi ama come figli, figli della Croce, ma voi, figli miei, non calpestate il Legno Santo: amatelo e stringetelo ai vostri cuori! Io come Mamma vi stringo al mio Cuore e vi porto al Cuore del Padre, voi, figlioli, tenete sempre alto il Vangelo Vivo del mio Gesù, e pregate pregate pregate e amate: sconfiggete il male con l’Amore! Figli cari, voi siete figli della Luce e non potete camminare nelle tenebre: figlioli, tenete sempre accesa la Lucerna della Preghiera e dell’Amore, abbracciate i poveri, gli emarginati, i figli drogati, stringetevi a loro perché in essi c’è il mio Gesù che vi guarda e vi chiede le vostre mani! Io come Mamma vi invito a tenere fermi i flagelli che cadono sempre di più sull’umanità: teneteli fermi con la Santa Preghiera, con la Santa Sofferenza e con la Santa Carità. Figli miei, io ora vi lascio ma lascio a voi il Sigillo dello Spirito Santo e vi invito a tenere alto il Vangelo Vivo del mio Gesù. Tu, croce del mio Cuore, soffri ancora: bevi* bevi i calici misti per i tuoi figli! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete, figlioli cari, nel Segno Santo della Croce. Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare come tu sai fare.* Lode Lode Lode (3).Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen."