LA CROCE È IN MEZZO A NOI

Notizie da Sofferetti-24 n. 215 Lauria, 8 marzo 1998

QUESTO MONDO STA RIMANENDO SENZA MAMME

perché i cuori sono chiusi all’Amore di Dio

e non riuscite ad aprirli:

calpestate sotto i piedi i propri figli!

(cfr messaggio del 24/2/98)

MESSAGGI TRAMITE GIULIA

1) Merc 11/2/98, ore 7.30, a casa, in crocifissione, orale

"Figlia mia, vieni, scrivi ciò che ti dico. Non temere, sono io, la tua Mamma, glorifichiamo il Signore: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlia mia, vuoi ancora aiutare i tuoi figli? (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Bene, figlia mia, prega e porta tu la Croce di Gesù in questa giornata. (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figlia, ora devi dire al figlio Mario che Gesù ha scelto la sua casa per la Cena che lui ha scelto: Dovete farla il primo giovedì di marzo, dovete essere in quattro, tu Piccola Croce, tu figlio Mario, tu figlio Pasquale e tu figlio Franco e gli altri uniti nella preghiera nelle proprie case. Figli, andate avanti! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen"

2) Giov 12/2/98, ore 21.04, a casa, more solito: Si annuncia il terzo segreto!

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù,* l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore! Tu, croce mia bevi ancora i calici misti, bevi i calici rossi e i calici verdi* e immolati, figlia mia, con i Dolori del mio Parto:* immolati con i Dolori della Santa Croce* per l’umanità!* (Giu) Gesù, tu grondi sangue!* (Ge) Sì, figlia mia: il sangue che vedi è il sangue dei flagelli!* (Giu) Gesù, cosa devo fare?* (Ge) Figlia mia, prega come tu sai fare e immolati con i dolori del parto e poggiati sui tuoi figli:* figlia mia, i dolori del parto aumentano sempre di più!* (Giu) Gesù, poggiati, poggiati ancora! (Ge) Sei la mia piccola cocciuta!* Io vengo in mezzo a voi a portarvi la Verità del mio Santo Vangelo: vengo in mezzo a voi e vi parlo della Santa Croce. Figlioli miei, voglio i vostri cuori come Padre: chiedo a voi figli i vostri cuori aperti all’Amore del Padre. Tu, croce del mio Cuore, preparati, guarda ma non spaventarti!* Questo è il terzo segreto, che dovrai consegnare al figlio santo:* stai attenta a non parlare!* (Giu) Gesù, dammi la forza!* (Ge)° Stringi le mie mani! (Giu) Gesù!* Gesù!* O Gesù!* (si copre gli occhi con le mani per non guardare) (Ge) Piccola croce del mio Cuore, per adesso tieni dentro di te quello che hai visto, quando ti sarà detto lo scriverai (17/2) e lo consegnerai al figlio santo (lo prenderò lì il 19) ma stai attenta: non parlare! (Giu) Gesù, perdonami se non ce l’ho fatto a guardare ancora! (Ge) Non temere: è bastato ciò che hai visto! Voi, figlioli del mio Cuore, pregate e guardate ancora nei vostri cuori: non vi scandalizzate se vi dico questo ma cercate, cercate, figlioli miei, e togliete quello che non mi appartiene! Ora inginocchiatevi, figlioli del mio Cuore: pregate, figlioli miei! Tu, croce del mio Cuore, immolati! poggiati sul figlio santo e sul figlio Pasquale: poggia su di loro la mia Santa Croce perché loro ti devono accompagnare nel cammino. Siate forti, figlioli miei, perché io vengo in mezzo a voi come Padre e vengo a portarvi il mio Amore e la mia Pace: ma vi porto in pienezza la Santa Croce! sappiate che essa è unita e il peso è enorme perché è peso di Croce e io mi fermo a parlare di essa; il suo carico dolce non pensate che sia pesante: il peso è dolce perché essa vi ama! vi ha donato la vita e vi abbraccia in ogni attimo! Figlioli miei, voi vi fermate a pensare quanto vi ama il Legno Santo della Croce? Non vi fermate mai! Io parlo a voi ma parlo al mondo intero, come Padre chiedo ai propri figli se vi fermate ad amarla e vi ripeto sempre le stesse cose: Vi fermate a guardare il Legno Santo della Croce? Avete un attimo di tempo per contemplare il suo Amore? Ah, come fuggite, figlioli miei! Quanta fretta avete: eppure non riuscite neanche un istante a guardare quel Legno Santo che vi ha resi liberi! Ah, come correte: quanta fretta avete di andare dietro il mondo e quanto poco tempo rivolgete a quel Legno Santo! Figli miei, figlioli del mio Cuore, io vi amo, vi amo, vi amo: ma voi non vi fermate neanche dinanzi al mio Amore: avete fretta! non ascoltate neanche le mie parole: le lasciate volare via col vento! Perché avete fretta? Perché non vi fermate? Perché non volete raccogliere i miei battiti? Io sono qui in mezzo a voi vivo e reale, ma fate fatica ad ascoltare: avete fretta! Figlioli miei, parlo a voi che siete riuniti in questa piccola capanna e parlo al mondo intero. Fermatevi un attimo e guardate il Legno Santo: fermatevi un attimo e ascoltate il suo AMORE, ascoltate i suoi BATTITI e guardate GLI OCCHI DELLA CROCE che grondano sangue per ognuno di voi! Tu, piccola croce del mio Cuore, sii forte ancora: non spaventarti! (Giu) Gesù, dammi la forza perché la mia viene meno! (Ge) Poggiati sulla mia Croce: riposati per un attimo, anima mia! Tu, figlio Mario, figlio santo, albero della mia Vita, albero vivo della mia Santa Croce, tira sempre la mia Barca e non fermarti: fai ancora nodi, figlio mio, e invita i tuoi fratelli a tirare le sante barche piene di sangue.* Ora, figlia mia, preparati! (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre! (Ge) Figlia mia, vai avanti: preparati e non fermarti dinanzi a niente e a nessuno!* (Giu) Padre mio, benedici: dammi la costanza e la forza, Padre!* (Ge) Prepara i cuori dei tuoi figli perché io sono qui in mezzo a voi* vivo e reale: poggiati sui tuoi figli con la Santa Croce e falli camminare nel mio Amore e nella mia Pace. Ora preparati, anima mia! (Giu) Padre! Padre! Padre!* (Ge) Figlia e sposa mia, accoglietemi!* (Giu) Sostienimi, Gesù! sostienimi, Gesù! (Ge) Sollevate la Piccola Croce! (Giu) Sostienimi col tuo Amore! (Ge) Non temere, piccola croce del mio Cuore! (Giu) Gesù, perdonami se ti faccio una domanda: ma tu sei il mio Gesù? Sì, figliola mia: non spaventarti! (Giu) Gesù, io posso fare quello che tu mi comandi? (Ge) Sì, figlia mia, non sei tu a farlo, io sono tuo padre, tu sei il mio strumento e io mi servo di te per donare al mondo il mio Amore, vai avanti e non temere niente e nessuno, ascolta la voce del Padre: è qui in mezzo a voi! (Giu) Padre mio, perdonami! ora sento la tua Forza e il tuo Amore: Padre, benedicimi ancora!* (Ge) Ora, figlia mia, vai avanti! (Giu)° Sì, offrimi l’Amicizia, offrimi il tuo Amore, offrimi la tua Pace: Padre, io ti offro il mio piccolo cuore e il cuore dei miei figli, parlo a nome loro, Gesù: prendili e falli santi! (Ge) ecco, figli miei, io vi dono il mio corpo e il mio sangue, mangiate con me, mangiate l’agnello immolato e fate festa: mangiate la mia pasqua e gioite con l’amore dello spirito santo! Figlio mio, bevi tu per prima: bevi, figlio mio! Ora bevi tu, croce del mio Cuore: ora offrilo ai tuoi figli! Mangia con me, figlio mio, e voi, figlioli, mangiate con me, mangiate con me, mangiate, fate festa col Padre: è qui in mezzo a voi! e non scandalizzatevi del mio Amore ma gioite e portate un sorriso ai vostri figli. (Giulia lo offre prima a me e via via agli altri, ma per Angela Marseglia si ferma prima di offrirlo e dice): tu, anima mia, mangia il mio Amore, sii serena nella mia Pace e abbraccia con amore la mia Santa Croce, sei la mia sposa, il bocciolo prezioso del mio Cuore, non temere, presto sarai consolata dal Padre: ora mangia e fai festa, sposa mia! Mangiate con me, figlioli! Mangia con me, figlio mio (= Demetrio, il fidanzato di Angela) e non temere! Ecco, figlioli del mio Cuore, io vi ho donato la mia Pasqua e ne offro ancora ai figli ammalati, portatela ai vostri cari: tu, figlio Mario, portala agli ammalati che tu tieni nel cuore (sono rimasti una diecina di pezzi di pane, io ne mangio uno come da messaggio, così fanno altri ma qualcuno lo porta via). Ora, figlioli miei, vi invito ancora a contemplare il Legno Santo della Croce: Come la vedete adesso? Con quali occhi guardate ad esso: il Legno Santo della Croce? Figlioli miei, siate coscienti di questi attimi d’Amore che il Padre vi dona: gioite gioite perché io sono qui in mezzo a voi vivo e reale! Ora vi lascio, figlioli miei, ma vi sigillo col Bacio dell’Amore, col Bacio della Santa Croce, e vi invito a pregare: mandate tutti quanti un bacio al Piccolo Giovanni, cioè al Papa! Figlioli miei, vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Tu, piccolo Mario, piccolo Giovanni del mio Cuore, sigilla la Piccola Croce col Bacio del mio Amore e il piccolo Pasquale e tutti i tuoi figli: inizia, figlio mio! Voi, figlioli del mio Cuore, scambiatevi il Sigillo della Croce e donatelo ai vostri figli e non lasciate nessuno! Ora preparate i vostri cuori: fermatevi un attimo a pregare e preparate i vostri cuori alla Preghiera del Padre. Tu, croce mia, fermati un attimo a pregare.* Ora legate la Catena Santa, pregate lentamente - sostenete la Piccola Croce (visto che barcolla la sostengo con Franco P.) -, non spaventatevi: il peso della Croce è enorme! Pregate lentamente con la Santa Preghiera che unisce i vostri cuori al Padre, ricordatevi che ogni piccolo battito si unisce alla Santa Preghiera rivolgendosi al Padre e dicendo: Padre Padre Padre Padre , io sono tuo figlio! Padre Padre Padre , io sono tuo figlio! Padre Padre Padre , io sono tuo figlio: ma non sono degno neanche di chiamarti PADRE perché ho peccato! E il Padre con amore risponde: figlio, figlio mio, vieni ad abitare nel mio cuore e non lasciarmi che io ti aspetto da sempre! Figlioli miei, riuscite ad entrare nel Tunnel della Luce e venire al Padre col cuore di bimbo? Riuscite a dire Padre col cuore? Ora, figlioli miei, preghiamo, ma ricordate: non togliete nessuno da questa Santa Preghiera e rivolgetevi al Padre perché voi siete i miei figli! Preghiamo, figlioli miei! (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male e così sia), liberaci dal male e così sia, liberaci dal male e così sia!. Ecco, figlioli miei, abbiamo pregato ma cercate di migliorare con la preghiera rivolta al Padre: liberate ancora i vostri cuori! Tu, croce mia, fermati ancora un attimo a pregare e alla fine della preghiera mangia il mio Cuore. (Giu) Sì, Gesù!* Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch’io, spose amate dal mio Cuore, e aspetto (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli: grazie!"

3) Ven 13/2/98, ore 10.40, a casa, in crocifissione, orale: Segni dei Chiodi ai piedi

"Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli miei, non rimanete fuori dalle mura e non dividete la mia Croce con i vostri poteri terreni, voi non contate nulla perché i vostri poteri non contano, vi costruite una croce che non è la mia Croce: non è segnata col mio Sangue e volete portarla per farvi notare, figli: ma cosa pensate di fare? Figli miei, fermatevi e non fate chiasso, fermatevi e vestitevi della mia santa Croce: pregate e fate penitenza perché l’ora del Padre è alle vostre porte. Voi Grandi della Casa del Padre mio, non nascondetevi dietro ai vostri abiti: liberatevi dalle cose del mondo! Figli, io conosco ogni vostro piccolo segreto, non pensate che io non veda ciò che nascondete, io sono Padre e conosco i miei figli ma vi voglio col cuore pulito, non usate il nome della Chiesa e poi sporcate tutto con i vostri cattivi modi: figli, la mia Casa è Casa di Preghiera, non casa di denari e di vendite! Voi Quattro della mia Santa Croce, andate avanti: portate il mio Vangelo al mondo. Vi amo e con voi benedico il mondo col Segno Tremendo della Santa Croce. Amen Amen Amen Amen. Mi poggio ancora su di te, figlia mia! (Giu) Sì, Gesù " (e si trova due segni ai piedi: le stimmate dei Santi Chiodi).

4) Dom 15/2/98, ore 15.30, alla Quercia, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche oggi i calici misti del mio Gesù e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l’umanità:* bevi, figlia mia, bevi i calici misti e immolati per i tuoi figli! (Giu) Mamma, sei sporca di sangue!* (Imm) Figlia mia, il sangue che vedi è sangue dei flagelli! Vedi, figliola mia, vedi come offendono il Cuore di Gesù: in questi giorni lo calpestano sotto i piedi, figlia mia, e io piango come Mamma e invito tutti voi alla preghiera costante. Amatevi gli uni gli altri: amatevi, figli miei,* perché se voi vi amate amate il mio Gesù e la Catena dell’Amore diventa così grande da abbracciare il mondo! Figlioli miei, quando pregate ricordate tutti: non togliete nessuno dalla Catena! Io vengo in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce. Figlioli miei, non vengo a cambiare il Vangelo: vengo a portarvi la Parola Viva del mio Gesù, vengo ad accendere i vostri cuori per essere uniti al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Voi, figlioli del mio Cuore, voi che siete riuniti in questo piccolo angolo di paradiso pregate, pregate secondo le intenzioni del Padre e non tenete nulla per voi: elargite i vostri cuori ai vostri fratelli pregando e consolando il Cuore di Gesù che è offeso e calpestato! Ora, figlioli miei, fermatevi ancora e cercate ancora nei vostri cuori: non è una ripetizione ciò che vi chiedo, vi chiedo di guardare nei vostri cuori e togliere tutto quello che non appartiene a Gesù! Tu, croce mia, bevi ancora i calici misti.* (Giu) Sì, Mamma, ma dammi ancora la forza! (Imm) Figlioli miei, unite ancora la Catena e pregate pregate!* Beati voi che accogliete la Croce e la stringete ai vostri cuori!* Beati voi che accettate la sofferenza e la stringete ai vostri cuori!* Beati voi che accettate le persecuzioni e le stringete ai vostri cuori!* Beati voi che cercate Gesù e lo amate e lo stringete ai vostri cuori!* Tu, croce del mio Cuore, stringi sul tuo petto le persecuzioni che verranno ancora: stringi sul tuo cuore la Croce che Gesù ti dona e portala per i tuoi figli! (Giu) Mamma, non sono degna di portarla ma dammi la costanza e la forza di andare avanti! (Imm) Figlia mia, piccola cocciuta del Cuore di Gesù, cammina: vai avanti e porta i tuoi figli sulla Via-Mamma perché io vengo in mezzo a voi a portarvi l’Amore del Padre. Vivete in pienezza il Vangelo Vivo di questa giornata (6/C), figlioli miei, amate e perdonate e non diventate superbi: sia il vostro amore PIENO, sia il vostro amore CROCE, sia il vostro amore PACE: ma vera pace tra di voi! Figlioli del mio Cuore, ora stringetevi al Cuore della Croce e pregate ancora secondo le intenzioni del Padre. Figlioli miei, io vengo in mezzo a voi mandata da Dio Padre a portare i Raggi dell’Amore! Figlioli miei, siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi: siate coscienti! siate coscienti! Io sono Mamma! Mamma! Mamma e amo tutti voi allo stesso modo e vi chiedo solo di essere coscienti e di pregare col cuore! Figlioli, ora io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portarvi la Parola Viva del mio Gesù, voi aspettatelo nei vostri cuori: aspettate il mio Gesù che viene! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Amore dello Spirito Santo e donatelo ai vostri figli! Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Tu, croce del mio Cuore, fermati ancora un attimo a pregare. (Giu) Sì, Mamma!"

Nota. Avevo fatto chiedere in quale delle mie tre stanze preparare la mensa per il Primo Giovedì di Marzo. .La Mamma oggi indica quella dove dormo e scrivo al computer. Qui infatti dormivo con gli altri fratelli quando si manifestò la mia vocazione al Sacerdozio. Ricordo che una sera il mio padrino di Cresima, don Franco Lo Sardo, aveva parlato con i miei della mia intenzione. Accettarono contenti, ma la mattina presto mia madre (Rosa) e la prima sorella (Teresa), si inginocchiarono vicino al letto dove dormivamo in quattro (io con Raffaele a sinistra e Domenico e Carmine ai piedi: Nicola, il più grande, aveva il lettino suo) e mi richiesero se avevo veramente l’intenzione di farmi prete. Mia madre mi invitò a pensarci bene e a sapere che sarebbe stata una vita di sacrifici, anche perché suo padre era entrato in convento ma ci stette solo tre giorni, perciò lo chiamavano: il monaco dei tre giorni! Monello come ero a quei tempi diedi qualche risposta rassicurante!

5) Mar 17/2/98, ore 7.30, a casa, in crocifissione, orale

"Vieni, figlia mia, non temere, sono io la tua Mamma, glorifichiamo il Signore: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlia mia, guarda cosa fanno al mio Gesù in questi giorni: vuoi consolare il suo Cuore? (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figlia, offriti vittima: soffri con i dolori del parto per questi tuoi figli. (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figlia mia, il tuo carico diventa sempre più pesante! i tuoi Sì consolano il Cuore di Gesù: sei così cara a Gesù, figlia mia! (Giu) Mamma, non merito niente: sono un verme di terra! (Imm) Ah, figlia mia, come sei cara! Ora ti lascio ma verrò ancora a trovarti. Ti benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".-

6) Giov 19/2/98, ore 21.04, a casa, more solito: Si annuncia il quarto segreto!

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.* Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore! Tu, croce mia, bevi ancora i calici misti, i calici rossi e i calici verdi*, e immolati con i miei e i tuoi dolori del parto* per l’umanità: immolati* con i Dolori della Croce* per la Chiesa che sta crollando!* (Giu) Gesù!* (Ge) Non essere cocciuta, figlia mia:* i dolori sono enormi, grida!* anima del mio Cuore: non vuoi far assaporare i dolori ai tuoi figli?* (Giu) Gesù, poggiati ancora: poggiati ancora su di me (grida e cade distesa per terra)! (Ge) Croce del mio Cuore, ecco, ora i tuoi figli assaporano i miei dolori, tu, croce mia, stringiti al Legno Santo della Croce e portalo per i tuoi figli: per le Mura che stanno crollando!* Vedi, figlia mia, il Piccolo Giovanni è sotto il peso della Croce, aiutatelo, non lasciatelo solo nell’Orto degli Ulivi: ciò che deve fare è alle porte, voi restate tutti uniti, pregate e non spezzate la Catena Santa! Io vengo in mezzo a voi a portarvi la Verità del Santo Vangelo. - Ora sollevate la Piccola Croce. - Figlioli del mio Cuore, io vengo in mezzo a voi a portarvi il mio Santo Vangelo e vi invito a viverlo in pienezza: vi invito ad essere coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi! Figlioli miei, mi fermo ancora a parlare del Legno Santo della Croce e mi poggio su di esso, mi poggio e guardo ad uno ad uno i miei figli: li guardo col Cuore grondante di sangue! Figli miei, quando vi fermate davanti al Legno Santo della Croce, quando guardate la sua Grandezza, quando guardate il mio Corpo, cosa sentite dentro di voi? Mi guardate ma non riuscite a capire quanto è grande il mio Amore, quanto è grande quel Legno Santo che mi ha stretto per amore: si è offerto ad abbracciarmi! Voi riuscite ad abbracciarmi? Riuscite solo per un attimo a guardarmi come Padre? Ah, figli miei, quanto poco ci riuscite! Io vi amo, figlioli del mio Cuore e vi invito ancora a guardare dentro di voi, guardate ancora nei vostri cuori, cercate, figlioli miei, e togliete i rami secchi: buttateli via e fate sbocciare la Pianticella dell'Amore! Figlioli, figlioli del mio Cuore, io mi fermo ancora a parlare del Legno Santo e vi parlo di Maria, la Madre mia e Madre vostra: Com’era dolce il suo sguardo, com’era pieno d’amore! come gioiva il suo Cuore nel guardare il Legno Santo della Croce: il suo Cuore di Mamma si elargiva per l’umanità ma grondava sangue nel vedere i figli che non capivano che quel Legno Santo vi donava la Vita! E voi dove eravate e dove siete tuttora? Perché correte di qua e di là? Perché non guardate con amore il Segno Santo della Croce?!* Tu, anima del mio Cuore, bevi,* bevi ancora i calici misti e porta tu la Croce!* (Giu) Sì, Gesù, ma dammi la forza e la costanza perché le mie forze vengono meno! (Ge) Lo so, piccola cocciuta, che il tuo carico è pesante: ma cosa vuoi fare? vuoi lasciarli così i tuoi figli? (Giu) No, Gesù, ma stammi vicino ché io non sono capace di far nulla! (Ge) Piccola cocciuta del mio Cuore, vai avanti: cammina! (Giu) Sì, Gesù, ma sollevami tu perché le mie forze non ce la fanno! (Ge) Bevi, anima mia!* Ecco, figlia mia, ora guarda:* Questo è il quarto segreto,* stai attenta, guarda, figlia mia, e tieni tutto dentro di te!* (Giu) Gesù!* Gesù!* Gesù!* (Ge) Non spaventarti, anima mia: vedi, c’è anche mia Madre, siamo qui, non spaventarti! Ora tieni tutto dentro di te, poi ti sarà detto quando scrivere e consegnerai tutto al mio Sacerdote santo, al mio piccolo Mario. (Giu) Gesù, posso farti una domanda? (Ge) Sì, figlia mia? (Giu) Perché così in fretta tutti i messaggi segreti? (Ge) Figlia, tu fai tutto quello che ti viene detto: non temere! (Giu) Perdonami, Gesù! (Ge) Non ti sto rimproverando, anima mia, ma i tempi li conosco solo io e ora è tempo di consegnarli: ora vai avanti e porta i tuoi figli attraverso la Porta della Croce. Preparate i vostri cuori al mio Incontro e siate coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi: figlioli miei, liberate i vostri cuori e uniteli al Mio! Figlia, preparati! (Giu) Padre! Padre! Padre! Padre mio! (Ge) Figlia e sposa mia! Inginocchiatevi, figlioli! - Sostenete la Piccola Croce - Liberate i vostri cuori, rivolgetevi al Padre e chiedete: chiedete nel giusto del Vangelo perché il Padre ve lo concede; liberate i vostri cuori dai rami secchi, pregate, figlioli miei, restate uniti all’Amore del Padre e chiedete: chiedete a vostro Padre la LUCE, chiedete la SAPIENZA, chiedete l’AMORE: chiedete la CROCE! Figlioli, non scandalizzatevi di queste mie parole ma siate coscienti che io sono qui in mezzo a voi: vengo a portarvi il mio Amore e la mia Pace! Figlioli, voglio restare con voi: mangiare con voi! Ora preparati, anima mia! (Giu) Padre, benedici: benedicimi!* (Ge) Figlioli del mio Cuore, preparate i vostri cuori, liberateli ancora perché io sono qui in mezzo a voi e faccio festa con ognuno di voi, col silenzio parlo nei vostri cuori: ascoltatemi, figlioli! Ora, anima mia, preparati!* ecco, io sono l’agnello immolato, vi dono il mio corpo e il mio sangue, mangiate e gioite con me, figlioli del mio cuore: io mangio e bevo con voi: gioite, spose mie! Ora mangiate con me! Figlio mio, inizia tu. Bevi, sposa mia (a Giulia)°. Figli, venite e mangiate con me: venite e mangiate (dà a tutti, compreso me, pane intinto nel vino)! Non scandalizzatevi del mio Amore e non guardate questa mia creatura: ma mangiate la mia Carne, figlioli del mio Cuore! Tu, figlio Mario, unisciti alla preghiera: sii di sostegno alla Piccola Croce perché il suo carico è pesante! Figlioli miei, unitevi al Padre e pregate affinché usi misericordia per l’umanità tutta! Ecco, figlioli miei, io sono qui in mezzo a voi e ho mangiato con voi: il mio cuore di padre gioisce! Ah, figli miei, quanto vi amo: come arde d’Amore il mio Cuore per ognuno di voi! Figlioli miei, la mia Pasqua è piena perché è risorta! Figlioli, non spezzate la Pianticella dell’Amore, non spezzatela e non scandalizzatevi di ciò che vedete: io sono il vostro Dio e Signore e mi servo di questa piccola creatura per donarvi il mio Amore e la mia Pace! Non spaventatevi, figlioli miei, i tempi del Padre sono alle porte: accoglietelo con amore e portate il suo Amore ai piccoli, ai poveri, agli emarginati! - Sostenete la Piccola Croce -. Figlioli miei, vi invito ancora a donare il vostro Amore, cioè l’Amore che avete ricevuto, ai ammalati: non lasciate nessuno, figlioli del mio Cuore! Cercate i vostri nemici e amateli, donategli il mio Amore, la mia Pace, ma ricordate: donategli la mia Croce! Ora, figlioli miei, io vi lascio ma sono sempre qui con voi. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Figlioli miei, vi sigillo col Bacio della Croce e vi invito ad essere coscienti di riceverlo. Tu, figlio Mario, piccolo Giovanni del mio Cuore: tu che porti la mia Croce e la porti nel silenzio del tuo cuore, dona il mio santo Bacio, il mio Santo Sigillo, alla Piccola Croce, al piccolo Pasquale e ai tuoi figli. Figlioli miei, guardate nei vostri cuori e accettate con amore il Sigillo della Croce: offritela con amore ai vostri fratelli e se incontrate un piccolo per la strada stringetelo al vostro cuore e donategli il mio Santo Sigillo. Ora, figlioli miei, vi invito a pregare lentamente con la santa Preghiera del Padre. Figlioli, pregate per i figli della perdizione, pregate per i figli che non riescono ad alzare gli occhi al Cielo. Figli del mio Cuore, pregate e rivolgetevi al Padre dicendo: Padre Padre Padre mio! Padre Padre Padre mio! Ripetete spesso queste parole, chiamate vostro Padre, cercatelo, bussate al suo Cuore perché Lui vi aspetta: un Padre vuole giocare con i suoi figli! e bussando chiedete al Padre: Padre, voglio giocare con te, voglio stare unito nel tuo Cuore e ascoltare i battiti! Figli miei, dio è bambino e vuole giocare: vuole giocare con i propri figli! Io in questa serata vi invito a giocare e a pregare con il cuore di bimbi! Preghiamo, figlioli miei, lentamente e col cuore preghiamo come bimbi rivolti al proprio Papà! Figlio Mario, inizia tu con i capricci di bimbo! (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen), liberaci dal male e così sia! liberaci dal male e così sia! (Ge) Ecco, figlioli miei, la Pasqua è piena: andate in pace e portate la mia Pace! Tu, anima mia, porta ancora la mia Croce all’umanità. (Giu) Sì, Gesù, ma dammi ancora la forza! (Ge) Fermati un attimo a pregare!* Alla fine della preghiera mangia il mio Cuore. (Giu) Sì, Gesù!* Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch’io, spose del mio Cuore, e aspetto (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli miei!"

7) Ven 20/2/98, ore 10.40, a casa, in crocifissione, orale: Segno della Croce in fronte (per i Ministri)

"Parla Gesù ai Grandi del mondo: - Figli miei, cercate la Croce e stringetevi ad essa: non girovagate di qua e di là! Figli, il dio che vi siete creati non parla e non ode, non rimanete ancora nel suo silenzio ma con amore rivolgetevi al Padre che è nei Cieli: è Lui che vi ascolta e con Amore Paterno vi chiama figli! Voi Grandi della Casa del Padre mio, togliete anche voi i vostri dii (dei) che non parlano ed ascoltate la Parola Viva del mio Vangelo, ciò che io ho detto è scritto ma voi neanche lo vedete: vi siete costruiti un vangelo a vostro piacimento! Ah, figli miei, quando io verrò cosa mi risponderete? Cosa mi direte di quello che state operando? Non ascoltate mia Madre: cercate di distruggere tutto! Ma chi siete o cosa volete fare senza la mia Legge? Voi Quattro della mia Croce, andate avanti, tirate la mia Barca carica del mio Vangelo e non fermatevi, anche se nessuno vi crede voi andate avanti: voi siete sigillati con la mia Croce ed io vi riconosco come miei figli. Tu, croce mia, sii forte perché io mi poggio ancora su di te. (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Accettalo per i tuoi figli Ministri (= segno in fronte di una croce). Vi benedico con la Croce! Amen Amen Amen Amen".

8) Dom 22/2/98 ore 15.25, alla Quercia, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Al globo di luce falsa che è satana e non glorifica): In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via: vai via! San Michele, Vergine Santa, intervenite! In nome e potere della Croce io ti ordino di andare via! Vergine Santa, intervieni! Vai via: prostrati ai piedi della Croce e vai via: vai via! Non ascolto:^ vai via! In nome e potere della Croce vai via! (Al Globo di Luce che è Maria): Se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli.* Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche in questa giornata i calici misti:* bevi, figlia mia, e immolati con i dolori del parto per l’umanità. Figlia mia, non temere ciò che dice^ il mio nemico: tu* bevi i calici e poggiati sulla Croce del mio Gesù. Figlioli cari, io sono qui in mezzo a voi e chiedo a voi di ascoltare la Parola Viva del mio Gesù: almeno voi che siete qui riuniti, ascoltate il Maestro, ascoltate la sua Parola Viva e vivetela in pienezza, amatevi gli uni gli altri e perdonate i vostri nemici; figlioli miei, vivete in pienezza il Vangelo Vivo di questa giornata (7/C). Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce. Figlioli cari, oggi in modo particolare vi chiedo di pregare per la pace: pregate, figlioli miei, pregate col mio Cuore di Mamma* che gronda sangue per l’umanità* (si pensi alle tensioni per le ispezioni in Iraq). (Giu) Mamma, quanto sangue!* (Imm) Figlia mia, il mio Cuore di Mamma viene trafitto in questi giorni attimo per attimo, restatemi vicino e pregate con me: rivolgete la vostra preghiera al Padre, figlioli cari! (Giu) Mamma, cosa posso fare ancora? (Imm) Figlia mia, poggiati sulla Croce e fai poggiare i tuoi figli sulla Croce del mio Gesù: pregando, figlioli cari, col Santo Rosario combattete la Battaglia dell’Amore! Figlioli miei, il mio Cuore Immacolato trionferà, la mia Promessa viene da Fatima: ma prima che questo avvenga molti flagelli si abbatteranno su di voi! Voi pregate col cuore, perdonate e amate, figlioli miei, usate carità verso tutti, abbracciate i piccoli, i poveri e gli emarginati e non dimenticate nessuno, stringete ai vostri cuori tutti i figli che incontrate e cercate cercate ancora nei vostri cuori e togliete tutto quello che non appartiene al mio Gesù. Figli miei, i tempi che si stanno avvicinando sono tempi duri e io come Mamma vi invito a pregare e a pregare col cuore! Figlioli miei, ora legate la Catena e pregate nei vostri cuori: pregate secondo le intenzioni dello Spirito Santo. Figli miei, io sono qui in mezzo a voi viva e reale: siate coscienti! siate coscienti! siate coscienti! Tu, croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare come tu sai fare. (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la costanza e la forza di andare avanti! (Imm) Piccola cocciuta della Croce del mio Gesù, cammina: vai avanti e porta la Croce ai tuoi figli! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Figlioli miei, io ora vi lascio ma vi invito ancora a pregare: pregate pregate pregate! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Figlioli miei, restate uniti col cuore alla preghiera che state facendo: non distaccatevi ma pregate pregate!"

^ Giulia non accetta di dare un messaggio a nome di satana (tanti purtroppo cadono in questo tranello).

Così scrive Giulia: "22.2.98 - Prima dell’apparizione della Mamma si è presentato l’esserino, sempre nudo, voleva a tutti i costi ciò che lui diceva: Voleva farmi dare delle notizie sue, cioè che lui è il re, non ce ne sono altri, non pensate di vincere perché il potere è tutto suo! Ma io gli ho detto che non lo ascoltavo. Arrabbiato mi minacciava dicendo: Vedrai cosa ti preparo! Ma poi la Mamma lo ha mandato via con la Spada di Luce".

Nella traslazione delle ossa del Beato Domenico Lentini

si scioglie ancora il sangue!

Oggi 23/2 c.a., verso le ore 19, presente il Vescovo, si procede alla traslazione dei resti mortali del Beato Domenico Lentini dal vecchio sito al vicino altare a lui dedicato. La famosa teca, o meglio bottiglia, che contiene liquido rosso e si sciolse nella ricognizione del 6 agosto 1997, non viene rimessa nell’urna nuova d’argento. E’ sangue ed è il sangue del Lentini? La critica storica sui documenti e le analisi scientifiche lo diranno. Ma intanto anche questa sera il liquido rosso si è sciolto!

9) Merc 24/2/ 98, ore 7.30, a casa, in crocifissione, orale

"Vieni, figlia mia, sono io, non temere, glorifichiamo il Signore: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlia mia, consoliamo il Cuore di Gesù: vedi come lo offendono in questi giorni! Figlia, preparati alla penitenza e prepara tutti i tuoi figli: vedi, figlia mia, quanti flagelli scendono sull’umanità! (Giu) Mamma, poggia la Croce su di me! (Imm) Figlia mia, il tuo carico è pesante: ma se lo vuoi aiuta ancora i tuoi figli! (Giu) Sì, Mamma! (Imm) Ti benedico, figlia mia, col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

10) messaggio alla quercia del 24 febbraio 1998 (ore 15.22, more solito)

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Cuore, bevi anche in questa giornata i calici misti del mio Gesù, i calici verdi e i calici rossi, e immolati con i dolori del parto per l’umanità:* bevi, figlia mia, bevi e consola il Cuore del tuo Gesù che in questa giornata viene tanto trafitto, offeso e calpestato! figlia mia, consola il suo Cuore: bevi i calici!* (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la costanza e la forza! Mammina mia, sei tutta sporca di sangue! (Imm) Vedi, figlia mia, come sporcano il mio abito!^ (Giu) Mamma, perdonaci! metto tutti nel tuo Cuore, tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere e tutti quelli che non hanno il coraggio di farlo: perdonaci, Mamma!* ^ (Imm) Figlia mia, bevi ancora i calici:* in questa giornata sono talmente forti i dolori del parto, figlia mia!* (Giu) Mamma, stammi vicino!* (Imm) Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce. Figlioli miei, voglio dirvi che sono viva e reale in mezzo a voi e vengo a chiedervi di pregare secondo le mie intenzioni di Mamma, dico Mamma per far capire a tutti voi quanto è grande il mio Cuore: Mamma! Cosa sentite quando io dico queste parole: Mamma di Dio e Mamma della Croce? Figlioli miei, questo mondo sta rimanendo senza mamme perché i vostri cuori sono chiusi all’amore di dio e non riuscite ad aprirli: calpestate sotto i piedi i propri figli! Ah, quanto dolore: il mio Cuore di Mamma gronda sangue nel sentire che le mamme sono chiuse all’Amore di Dio! Figlioli miei, io vengo a chiedere a voi di diventare Mamme della Croce: Mamme del mio Gesù! Forse voi pensate: E’ una ripetizione ciò che ci dice! Ma una Mamma col Cuore Grande cosa può dire ai propri figli? Figlioli cari, abbracciate l’Amore del Padre, cullatelo nei vostri cuori e siate mamme gioiose, mamme piene d’amore, mamme piene di vita, mamme piene di Croce! E ricordatevi, figlioli miei, ricordate il Santo Vangelo perché io vengo a portarvi la Parola Viva del mio Gesù e vi chiedo sempre di guardare nei vostri cuori, guardate, figlioli miei, cercate e togliete tutto quello che non appartiene a Gesù: riempite i vostri cuori di Vangelo e donatelo al mondo, ai fratelli, ai piccoli, ai poveri, agli emarginati. Figlioli miei, fate assaporare la Parola del mio Gesù all’umanità perché io vengo solo per questo: vengo a portarvi il mio Gesù in pienezza e in pienezza della Croce perché non ci sono altri dei e voi dovete camminare secondo la Croce e portare nel mondo i suoi frutti. Figlioli miei, vi invito ancora in questa giornata a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: pregate per lui, pregate secondo l’intenzione dello Spirito Santo e non lasciatelo solo, figli miei! Ora, creature del mio Cuore, io come Mamma vi invito ancora a pregare: vi invito a formare tante corone di rosario affinché il mondo sia un’unica corona d’amore e di pace! Figli miei, pregate e sconfiggete il mio nemico con l’amore: costruite scudi di preghiera, scudi di pace, scudi di amore e alzate le mura che stanno crollando! Figli miei, vi invito a fare tesoro di queste parole: ascoltatele col cuore e siate coscienti che qui in mezzo a voi ci sono io viva e reale col mio Gesù che vi guarda e il suo Cuore è trafitto per i figli della perdizione, i figli che non vogliono incontrare il suo Cuore: voi, figlioli del mio Cuore, pregate pregate pregate per la pace: io mi fermo un attimo a pregare!*: Pregate per la pace, figlioli miei, e liberate i vostri cuori: abbandonate le cose del mondo e legatevi all’Amore della Croce. Tu, piccola croce del mio Gesù, bevi ancora i calici e immolati per la Chiesa tutta. (Giu) Mamma, dammi la forza: dammi la forza perché la mia viene meno! (Imm) Sollevati, piccola croce del mio Gesù: stringi le mie mani! (Giu) Mamma, dammi il tuo respiro! (Imm) Figlioli del mio Cuore, io invito tutti voi a guardare ancora nei vostri cuori, guardate, figlioli miei: unite la catena santa, unitevi col padre, col figlio e con lo spirito santo! Io come Mamma mando su di voi l’Acqua dell’Amore: accoglietela, figlioli miei! Io ora vi lascio al mio Gesù: accoglietelo! (Ge) Pace a voi, figlioli miei! Sono io, il vostro Gesù, il vostro Gesù trafitto e flagellato, mi presento a voi vivo e reale e chiedo ad ognuno di voi: figlioli miei, volete seguirmi? volete venire con me? volete prepararvi per la Pasqua? Ascolto i vostri cuori, figli miei, ascolto anche i vostri silenzi e come Padre allargo le mie braccia e vi aspetto: vi aspetto tutti per fare festa: vi aspetto tutti per portarvi al Padre! Figli miei, vi invito ad essere uniti, non distaccatevi in questi tempi, preparate i vostri cuori e aspettatemi: sappiate, figlioli miei, che io vengo ad abitare in ognuno di voi e voglio essere cullato! Vi invito a pensare alla vita: alla vita fatta di croce, alla vita fondata sul santo vangelo e sull’amore ai fratelli! Figli miei, vi siete fermati a pensare quale dono più grande vi ha donato il Padre? Vi ha donato la vita, vi ha resi figli della Croce: ma il mio Cuore viene trafitto anche in questo attimo dai figli della perdizione, i figli che non vogliono vedere la mia Luce! Figlioli miei, perdonatemi se resto a lungo a parlare con voi: ma oggi voglio parlarvi della mia Croce! Ecco, figlioli miei: Vi siete fermati a pensare per un attimo l’Incontro della Croce? Come la guardate? Con quali occhi vi fermate a guardare il Legno Santo? Guardate i fratelli che non hanno pane? o vi fermate a guardare i fratelli che non hanno un tetto? Vi lamentate dei vostri acciacchi e non guardate quanti dolori ci sono dietro di voi! Figli miei, guardate la Croce con gli occhi della Famiglia dell’Amore, soccorrete i bisognosi, accostatevi a donare un sorriso al fratello che piange: preparatevi alla Pasqua col cuore pieno d’amore e di pace verso tutti! Non lamentatevi dei vostri piccoli acciacchi, figlioli miei: io come Padre vedo ogni cosa e vi dono tutto quello che vi necessita, voi dovete chiederlo secondo il Vangelo nel giusto della Parola Viva! Ora, figlioli miei, vi dico: Beati voi che siete invitati alla mia mensa. Beati voi che venite col cuore puro alla mia mensa. Beati voi che soccorrete gli ammalati. Beati voi che siete riuniti in Nome mio. Ora, figlioli miei, io vi offro il mio sangue e la mia carne: mangiate tutti, mangiate e bevete con me perché io vi ho detto: Beati voi che siete invitati alla mia mensa! Tu, croce del mio Cuore, dovrai soffrire ancora, porta tu la Croce in questa giornata: consola il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma. (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Lo so, figlia mia, la Croce è pesante ma tu cammina: cammina e porta i tuoi figli sulla Via della Luce! (Giu) Sì, Gesù, ma datemi la costanza e la forza! (Ge) Ora io vi lascio, figlioli del mio Cuore, vi sigillo col Bacio dell’Amore: col Bacio del Piccolo Giovanni io sigillo ognuno di voi ma chiedo a voi di essere coscienti di ciò che ricevete! Scambia il mio bacio (al marito di Giulia: io sono assente perché fra poco concelebro col Card. Michele Giordano per la prima festa al Beato Lentini anticipata ad oggi perché domani sono Le Ceneri). Scambiatevi il mio Santo Sigillo, figlioli del mio Cuore, e siate coscienti del mio Amore e della mia Pace. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Altissimo. Figlioli del mio Cuore, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Figlioli del mio Cuore, ricordatevi che pregando col cuore siete uniti al Padre: figlioli miei, vi ripeto sempre di non tralasciare nessuno fuori di questa Santa Preghiera! Io sono Padre e chiedo a voi figli di abbracciare la Croce: in questi ultimi tempi restate uniti al mio Amore, alla mia Pace e camminate con la Croce stretta ai vostri cuori! Figlioli miei, il mio Cuore di Padre gronda sangue per i flagelli che si abbattono, voi pregate pregate e rivolgetevi al Padre: padre padre padre padre mio! padre padre padre mio! padre padre padre padre mio, benedici l’umanità! Ora preghiamo, figlioli! (Giulia con gli altri: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen), liberaci dal male e così sia! liberaci dal male e così sia! liberaci dal male e così sia! Croce del mio Cuore, fermati un attimo a pregare come tu sai fare.* (Giu) Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (4) - (Ge) Vi amo anch’io, spose amate del mio Cuore, e vi chiedo scusa se resto a lungo a parlare con voi: ma gioisco nel restare in mezzo a voi! Figlioli miei, aspetto (presenti: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli del mio Cuore!"

il vangelo di Gesù e’ vita solo vita sempre vita

Il Vangelo dice con lapidaria sintesi il fine della Prima venuta di Gesù: Io sono venuto perché abbiate la vita e l’abbiate in abbondanza. Questo ripetono i messaggi, specie quello di oggi. La Mamma si lamenta perché un po’ da tutti e in particolare dalla donna si calpesta in tanti modi la vita: "questo mondo sta rimanendo senza mamme perché i vostri cuori sono chiusi all’Amore di Dio e non riuscite ad aprirli: calpestate sotto i piedi i propri figli! Ah, quanto dolore: il mio Cuore di Mamma gronda sangue nel sentire che le mamme sono chiuse all’Amore di Dio! Figlioli miei, io vengo a chiedere a voi di diventare Mamme della Croce: Mamme del mio Gesù" . Perciò ci esorta: "Figlioli cari, abbracciate l’Amore del Padre, cullatelo nei vostri cuori e siate mamme gioiose, mamme piene d’amore, mamme piene di vita ,mamme piene di Croce!" Gesù ci invita a meditare sul suo Vangelo come Vangelo di Vita: "Vi invito a pensare alla vita: alla vita fatta di Croce, alla vita fondata sul Santo Vangelo e sull’amore ai fratelli! Figli miei, vi siete fermati a pensare quale dono più grande vi ha donato il Padre? Vi ha donato la vita, vi ha resi figli della Croce: ma il mio Cuore viene trafitto anche in questo attimo dai figli della perdizione, i figli che non vogliono vedere la mia Luce!"

La Vita è il Grande frutto dell’Amore perché viene dal Dio dell’Amore. Chi vuole amare la vita si immerga nell’Amore di Dio: Amore di Verità, Amore di Umanità. Il Pellegrinare di Maria tra noi e la Mensa cui ci invita Gesù è l’Incontro con l’Amore Fonte della Vita e della Pace. Gesù viene a spezzare e mangiare con noi il Pane della Vita e dice Beato chi accoglie il suo Vangelo di Vita: "Beati voi che siete invitati alla mia mensa. Beati voi che venite col cuore puro alla mia mensa. Beati voi che soccorrete gli ammalati. Beati voi che siete riuniti in nome mio. Ora, figlioli miei, vi offro il mio sangue e la mia carne: mangiate tutti, mangiate e bevete con me perché io vi ho detto: Beati voi che siete invitati alla mia mensa!"

^L’abominio alla Quercia di Sofferetti, il Tempio Santo dell’Altare della Misericordia, che si andava operando sotto l’impulso del parroco don Giovanni Cassiano fu il motivo del trasferimento dell’appuntamento mensile dal 19 al 24 come disse la Madonna per la prima volta al S. Elia di Lauria il Venerdì Santo, 19 marzo 1990: "Figli miei, oggi vengo a costruire la Casa del mio Gesù sulle rovine ... io oggi, la Vergine Santa, vengo a chiedervi di cambiare questa giornata del 19 nella data del 24 di ogni mese. Figli miei, stanno sporcando i miei abiti, si stanno pulendo le mani sporche sui miei vestiti. figli miei, figli del mio cuore, non permettete che si profani ancora il luogo dell’Altare della Misericordia.

11) Mar 24/2/98, S. Nicola in Lauria, alla Veglia mensile, ore 22.15, more solito

Dopo il Cardinale celebro anch’io per la prima volta la Messa del Beato Lentini. Commento la Colletta che dice: "O Padre che hai ispirato al Beato Domenico Lentini un grande amore per la Passione del tuo Figlio, fa’ che, sorretti dal suo esempio e dalla sua intercessione, non esitiamo ad abbracciare la nostra croce" Oltre ai laurioti sono presenti tanti già andati a Sofferetti e provenienti da: Massafra, Cosenza, Mendicino, Pratella. Parla il Lentini durante il mio pensiero e Gesù alla Consacrazione. Ecco i messaggi:

  1. All’omelia: "( Lentini) Sono io, il Servo della Croce, non temere, anima mia, glorifichiamo il Padre: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Figlioli miei, sono qui in mezzo a voi vivo e reale, vengo a parlare ai vostri cuori chiedendovi con umiltà e carità di amare il mio Gesù e di camminare sulla Via di Maria. Figlioli miei, distaccatevi dalle cose del mondo e legatevi alla Croce del mio e del vostro Gesù. Io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e grido a voi, popolo mio: amatevi gli uni gli altri, amatevi e portate il mio pane ai poveri, agli emarginati: portatelo sulle vie e donatelo a tutti! Io vengo in mezzo a voi per volere del Padre, vengo a riscaldare i vostri cuori, figlioli miei, e vi invito a raccogliere le mie lacrime: raccoglietele, figlioli del mio cuore, raccoglietele e portatele ai figli ammalati! elargite i vostri cuori: elargiteli, figlioli miei! Io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e vi offro la Croce del mio e del vostro Gesù: popolo mio, amatela e offritela ai vostri fratelli! Voi Fratelli Ministri, camminate per le vie, camminate e portate la croce del mio e del vostro gesù! Sappiate che io sono sempre vivo in mezzo a voi e vi amo e il mio desiderio è di vedervi tutti santi, fratelli e figli del mio cuore, ma gridate il nome della croce! Figlioli, vi amo tutti, vi amo sempre e vi offro a tutti il mio cuore e il Cuore della Croce! Vi benedico, figlioli del mio Cuore, col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Amore della santa Croce. Tu, sorellina del mio Cuore, porta ancora la Croce del tuo Gesù e vai avanti!"
  2. Alla Consacrazione della Messa:"(Giulia) Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! ti amo, Gesù! (10) - (Gesù) io sono la vite feconda: io sono il vostro signore e dio. Figlioli miei, camminate, venite, salite sulla Navicella dell’Amore e della Pace: venite, figlioli miei, ad abitare nella Navicella di Maria! Crescete nella Pace e nella Misericordia del Padre! Io sono qui in mezzo a voi vivo e reale: figlioli, cibatevi del mio Amore e crescete! Tu, croce del mio Cuore, porta ancora la mia Croce per i tuoi figli. (Giu) Sì, Gesù, ma datemi la costanza e la forza! (Ge) Vai avanti anima mia: benedico te e l’umanità col Segno Tremendo della Croce. Amen Amen Amen Amen".

12) Merc. 25/2/98, ore 7.30, a casa, in crocifissione, orale

"Vieni, figlia mia, glorifichiamo il Signore: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlia mia, ora la Croce è sempre più pesante: cammina con Gesù, figlia mia, e consola il suo Cuore! Figlia, ricordate che siete un soffio di polvere, ricordate sempre che senza Gesù siete niente e nessuno: dillo ai tuoi figli, anima mia! E Voi Grandi, ritornate alla povertà: non costruite sulla sabbia ma fondate sulla Roccia del Vangelo. Vi amo, figlioli del mio Cuore e vi benedico con la Croce di Gesù. Amen Amen Amen Amen".