LA CROCE È IN MEZZO A NOI

Notizie da Sofferetti-24, n. 221, Lauria, 16/6/98, ann. Cresima del Lentini in S. Giacomo

Venite nelle Barche dell'Amore e della Pace!

(cfr. messaggio del 28/5/98)

 

Messaggi Tramite Giulia

1) Giov 28/5/98, ore 21.04, a casa. more solito

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù,* l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi:* gioite e fate festa, spose amate del mio Cuore!* Tu, croce mia,* bevi ancora i miei calici misti,* i calici verdi e i calici rossi,* e immolati ancora, figlia mia, con i Dolori del Parto della Croce,* ma non essere cocciuta: grida quando non ce la fai!* (Giu) Gesù, stringi le mie mani!* (Ge) Il peso della Croce è enorme, figlia mia!* (Giu) Gesù, tu grondi sangue! La Croce gronda sangue, Gesù!* (Ge) Figlia mia, in questa serata il carico è pesante!* (Giu) Gesù! (Ge) Vedi, figlia mia, cosa fanno i Grandi del mondo!* (Giu) Gesù Gesù Gesù!* stringi le mie mani, Gesù!* (Ge) Non essere cocciuta, anima mia: il peso è enorme!* (Giu) Gesù, che fanno? che stanno facendo? <emette un grido> (Ge) Anima mia, poggiati sulla mia Croce e guarda ancora! Figlia,* bevi ancora i calici per questi tuoi figli e consola il mio Cuore: vedi, figlia mia, gronda sangue* per l'umanità! Io vengo in mezzo a voi a portare il mio Santo Vangelo: la Verità della Croce. Parlo all'umanità intera come Padre, come Figlio, come Spirito Santo: ma non vengo ascoltato! i cuori dei Grandi sono occupati per i loro comodi e non vogliono accogliere il grido del Vangelo, prendono i primi posti e parlano in nome mio: ma neanche mi conoscono! Ah, figli, figli del mio Cuore, il mio Sangue è sceso sul Legno della Croce per ognuno di voi: ma voi non mi amate! non volete aprire i vostri cuori! Voi figli che siete uniti in questa piccola capanna, voi figli che vi legate al mio Amore e alla mia Pace, pregate pregate e caricatevi di Croce: portatela per i vostri nemici, per coloro che non riescono a trovarmi, per i figli che si mettono al primo posto. Figlioli miei, in questa serata, io vi chiedo ancora una volta di essere coscienti della mia presenza viva e reale in mezzo a voi; vi chiedo ancora di guardare nei vostri cuori: cercate cercate, figlioli miei, e togliete tutto quello che non mi appartiene. Io vengo in mezzo a voi a portare il Vangelo Vivo, l'Amore della Croce: e la Croce è unita e non si divide! Figlioli miei, restate anche voi uniti al Legno Santo della Croce e non dividetevi! Io vi amo, vi amo, figlioli, col Cuore di Padre e invito ognuno di voi ad amare in pienezza. Figlioli miei, conosco i vostri cuori, conosco i cuori di ognuno di voi e vi invito ancora ad essere coscienti, amate i vostri nemici, togliete gli odi, figlioli del mio Cuore: salite i Gradini Santi del mio Amore e amate amate amate! Figlioli miei, vi invito ancora a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: vi raccomando, non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi! Ora mi fermo e vi chiedo di guardare ancora il Legno Santo della Croce. Figlioli miei, guardatelo, ma quando lo guardate, guardate anche i poveri, gli emarginati, i figli drogati; non lasciate nessuno fuori dello sguardo, abbracciate con i vostri occhi il Legno Santo della Croce: abbracciando esso, abbracciate i piccoli, abbracciate i miei poverelli, abbracciate i vostri nemici. Figlioli miei, il Legno Santo è il Legno della Vita, il Legno dell'Amore e della Pace e resta sempre unito, non si divide ma si dona in pienezza all'umanità intera: è il Padre che abbraccia l'umanità intera e il Cuore del Padre si apre per i propri figli! Voi, figli Ministri, parte eletta del mio Cuore di Padre, aprite la porta: aprite la porta dei vostri cuori e accoglietemi perché io sono in mezzo a voi vivo e reale. Tu figlio Mario, Sacerdote santo della mia Croce, porta avanti ancora la mia Barca: tirala e fai ancora nodi! figlio mio, ti chiedo scusa se parlo a lungo ma anche tu non ti fermi quando parli: siamo lunghi tutti e due, figlio mio, andiamo avanti e insieme portiamo i figli sulle Barche dell'Amore e della Pace! Ora sollevate la Piccola Croce. Sostenetela, figlioli miei, perché il peso della Croce è enorme: aiutatela a portarla perché lei non si lamenta e sorride sempre quando il carico diventa più pesante! Ora, figlioli del mio Cuore, cercate ancora, cercate ancora nei vostri cuori e togliete tutto quello che non mi appartiene:* è il peso della Croce, non spaventatevi!* Cercate, figlioli miei, cercate cercate e ricordatevi sempre di tenere alto il mio Santo Vangelo! Io sono vostro Padre e il mio Amore non ha limite per ognuno di voi. Figlioli miei, chiamatemi col cuore: chiamatemi Padre e io vi concedo tutto quello che è nel giusto del Vangelo. Figlioli, figlioli del mio Cuore, preparatevi e venite al mio Banchetto d'Amore e di Pace: non restate indietro, accostatevi, figli del mio Cuore! Tu, croce mia,* bevi ancora i miei calici misti, i calici verdi e i calici rossi, e soffri ancora, come tu sai fare, per i tuoi figli:* ora portali nella Barca. (Giu) Gesù, c'è troppo sangue e le mie forze vengono meno:* dammi il tuo Respiro, Gesù!* Grazie, Gesù! (Ge) Ora vai avanti: porta i tuoi figli, anima del mio Cuore!* (Giu) Gesù, ci sono ancora barche: sono sempre di più! (Ge) Fai salire tutti i tuoi figli! (Giu) Perché sono piene di sangue? (Ge) Cocciuta del mio Cuore, non chiedere troppi perché: ma porta i tuoi figli. (Giu) Perdonami, Gesù! (Ge) Ora vai avanti, anima mia! (Giu) Padre Padre Padre! (Ge) Sposa del mio Cuore, preparati e prepara i tuoi figli al mio Incontro! (Giu) Padre: benedici, Padre mio! benedici, Padre mio! (Ge) Vai avanti e preparati, sposa del mio Cuore!* (Giu) Ecco, Padre, il Calice del Vino e del Pane: io come tua figlia te lo offro e metto tutti i Sacerdoti, la Chiesa tutta, i poveri, gli emarginati, i figli drogati: racchiudili nel tuo Cuore. (Ge) Io vi offro il mio Sangue e la mia Carne, bevete e mangiate con me: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi e mangia e beve della Pasqua Risorta con ognuno di voi! Beati voi che vi unite in Nome mio. Beati voi che amate il Legno Santo della Croce. Beati voi che camminate col mio Amore. Beati voi che donate tutto per amore della Croce. Beati voi che tenete alto il mio Santo Vangelo. Beati voi, figli, che vi amate gli uni gli altri. Rimanete nel mio Amore, figlioli, e io rimango in voi col mio Cuore! Benedici, figlio santo: bevi tu per primo. Bevi tu, figlia mia, il mio Amore e la mia Pace. Ora, figliola mia, offri il mio Sangue e la mia Carne ai tuoi figli. Figli, io sono qui in mezzo a voi e mangio e bevo con ognuno di voi:* vi dono il mio Cuore, vi dono la mia Pace, vi dono il mio Amore. Figlioli miei, offrite al mondo ciò che io offro ad ognuno di voi in questa piccola capanna: ancora voi non riuscite a capire quanto amore, quanto amore scende dal Cuore del Padre e vi riempie di Luce e di Pace! Figlioli miei, io ho scelto questa capanna per portare all'umanità la Pace, l'Amore. Figlioli miei, vi invito a pregare ancora: pregate, figli del mio Cuore, allontanate i flagelli col vostro amore, donate all'umanità la mia Pace, come io la dono ad ognuno di voi. Ecco, abbiamo mangiato e bevuto insieme, io ho mangiato con voi e la mia Pasqua è piena ed è risorta: figlioli, gioite perché i vostri cuori sono pieni del mio Amore, figlioli! Ora alzate gli occhi al Padre e col cuore rivolgetevi: Padre, benedetto sia il tuo Nome, benedetto sia il tuo Cuore, benedetto sia il tuo Cuore! benedetto sia il tuo Amore! Padre, benedici i nostri cuori: rendili puri e santi del tuo Amore e della tua Pace e così sia! Figlioli del mio Cuore, io ora vi lascio, ma non temete: verrò ancora in mezzo a voi a portare il mio Sangue e la mia Carne. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figlioli del mio Cuore, io ora vi sigillo col Santo Bacio del Piccolo Giovanni e vi sigillo attraverso il Legno Santo della mia Croce: ascoltate il suo grido e abbracciate con i vostri cuori le sue sante parole. Figlio Mario, inizia col mio Sigillo. Accogliete anche voi col cuore il Sigillo del Piccolo Giovanni e siate coscienti, figlioli miei: offrite all'umanità il mio Amore e la mia Pace. Tu, piccola croce del mio Cuore, vai avanti e non fermarti dinanzi a niente e a nessuno: grida con la mia parola di Padre e non fermarti! (Giu) Sì, Gesù! (Ge) Ora, figlioli miei, piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Io vi ripeto sempre di ricordarvi che siete figli e avete un Padre che vi aspetta. Figlioli, ricordate che al Padre si può dire tutto: parlate col cuore aperto, io vi ascolto e vi rispondo! Figlioli miei, non abbiate paura perché io vi amo, vi amo e aspetto tutti i piccoli segreti che avete nel cuore, apritevi e parlate: parlate col vostro Padre, io aspetto i vostri cuori! Figlioli, non abbiate paura! Ora preghiamo! <Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen>. Non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen. Figlioli, ricordate sempre queste sante parole. Ricordate che la porta che vi porta al mio Cuore è stretta: per entrare dovete amare: amate amate! Io vi offro l'Amen del mio Amore: Amen Amen Amen! Anima mia, fermati un attimo a pregare.* (Giu) Ti, amo, Gesù! Ti, amo, Gesù! Ti, amo, Gesù! Ti, amo, Gesù! Ti, amo, Gesù! Ti, amo, Gesù! Ti, amo, Gesù! <7> (Ge) Vi amo anch'io, spose capricciose del mio Cuore e aspetto (noi: Ti, amo, Gesù!). Grazie, figlioli! Ti chiedo scusa se sono rimasto a lungo, ma vi amo e gioisco nel(lo) stare con voi. (Giu) Rimani sempre con noi Gesù: rimani sempre! (Ge) Accontentati di questo, anima mia: verrò ancora!"

 

2) Ven 29/5/98, ore 10.40, a casa, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli miei, io sono il Signore e Dio vostro, io vi amo da sempre, io vi ho chiamati figli e vi ho donato mia Madre: figlioli del mio Cuore, non rimanete nel buio, non accostatevi a false luci, ma cercate la mia Luce, la mia Verità e rifugiatevi nel mio Cuore. Figli, guardate i tempi e consultatevi tra di voi, io ho detto: Dai tempi capirete la mia venuta. Figlioli, siate vigilanti perché voi non conoscete né il giorno e neanche l'ora: ma il Padre vostro che è nei cieli conosce tutte queste cose. Io non vengo a spaventarvi, vengo a svegliare i vostri cuori perché voi stiate pronti e preparati: figli, pregate, restate tutti uniti! Voi, figli miei, Quattro della Croce, andate avanti, tirate sempre la mia Santa Barca carica del mio Santo Vangelo e non fermatevi! anche se il carico è pesante, voi andate avanti, figlioli del mio Cuore, io ho bisogno di voi: aiutatemi! Vi amo e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

 

3) Pentecoste, 31/5/98, con estasi in quattro luoghi (casa, chiesa, Sofferetti, S. Elia)

 

A) A casa, ore 7,30, orale: Preghiera per lo Spirito Santo

"Vieni, figlia mia, sono io, la tua Mamma, scrivi per lo Spirito Santo: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito santo. Amen Amen Amen Amen.

O Spirito Santo, Fonte dell'Amore Divino, tu che scendesti copioso,°

O Spirito di Pace, tu che tutto puoi, aiuta la Chiesa,

rinnovala di Luce col tuo Calore, riscalda i cuori spenti.

O Santo Spirito, dona a noi tutti il tuo Fuoco d'Amore:

facci stare uniti con l'Amore e l'Intensità° del Padre. Amen."

 

B) Alla Messa a Thurio, ore 11. 30 circa: Visione

Scrive Giulia: "Vedevo una Grande Colomba. Dal becco della Colomba usciva del fuoco che scendeva su tutta la chiesa: in modo particolare sull'altare. Il fuoco sembrava che bruciava tutti: ma sia le persone che le mura non si erano bruciati ma sembravano nuovi come appena dipinti. Dopo di questo una° voce diceva: Amen Amen Amen Amen!"

 

C) Alla Quercia, ore 15.30, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore del mio Gesù,* bevi anche in questa giornata i calici misti del tuo Gesù e immolati ancora una volta con i Dolori del Parto della Croce per l'umanità tutta. Figlia mia, consola il Cuore del tuo Gesù: soffri come tu sai fare e bevi i calici!* (Giu) Mamma, come sei bella! come sei bella! Mamma, come sei bella! (Imm) Figli, sono bella perché amo: amate anche voi, amate col cuore, perdonate i vostri nemici e usate carità verso tutti. Vivete in pienezza il Vangelo Vivo di questa santa giornata, figlioli del mio Cuore, perché io vengo solo a portarvi la Parola Viva del mio Gesù. Figlioli miei, conosco i vostri cuori, non temete (si volta verso Cosimo e Irene, annota FrancoP), stringetevi con amore alla Croce del mio Gesù e come soldati combattete la Battaglia dell'Amore: gridate nel giusto del Vangelo e portate i vostri figli, i vostri fratelli sulla Via-Mamma che io vi sto segnando con l'Amore dello Spirito Santo. Figlioli miei, unite la Catena Santa e rivolgetevi col cuore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Figlioli miei, scenda su di voi e sul mondo intero la Pace della Croce, scenda su di voi la Pienezza dello Spirito Santo e vi formi come fratelli, figli, mamme della Santa Croce. Figlioli, offrite il vostro Sì pieno all'Amore che scende dal Padre: raccogliete le gocce che il mio Gesù vi dona attimo per attimo e non lasciate nessuno fuori della santa preghiera. Io sono Mamma e come Mamma vi stringo tutti al mio Cuore: figlioli miei, voi stringete i vostri nemici, i piccoli, i poveri, gli emarginati. Ricordate sempre di tenere alto il Santo Vangelo e non pensate che sia una ripetizione ciò che io vi dono. Figli del mio Cuore, le grazie che il mio Gesù vi dona a voi che siete riuniti e al mondo intero, sono Grazie di Pace: raccoglietele, figlioli miei, perché sono le ultime che scendono sull'umanità. Non dico questo per spaventarvi, figlioli miei, vi dico di essere pronti e preparati perché non conoscete né il giorno e né l'ora che il Padre viene. Figlioli, il mio Progetto di Mamma viene da Fatima e presto il Cuore del Padre trionferà nel mondo intero, Io vi dico come Mamma: amate amate amate, figlioli miei, e anche voi sarete raggianti di Luce: i vostri volti saranno uguali al mio Volto di Mamma. Ora cercate nei vostri cuori e togliete tutto quello che non appartiene al mio Gesù: lasciatevi bruciare dallo Spirito Santo e amate e danzate con Lui! (pausa di danza) Ecco, figlioli del mio Cuore, io aspetto come Mamma il vostro Sì totale all'Amore del Padre! Ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi, figlioli miei. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete crescete crescete nell'Amore della Santissima Eucarestia. Tu, croce del Cuore del mio Gesù, soffri ancora per l'umanità tutta: bevi, figlia mia! (Giu) Sì, Mamma, ma dammi la costanza e la forza! (Imm) Vai avanti, piccola cocciuta! Lode Lode Lode (3). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen Amen Amen".

 

D) Alla Messa a S. Elia a Lauria  

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Piccola Croce del mio Gesù, non temere! figlia mia, sono io, la Vergine Immacolata, il mio Gesù, gli Angeli e i Santi e il Servo Santo della Croce e il Figlio ELIA. Figlioli del mio Cuore,° sono in mezzo a voi per volere di Dio Padre a portare ad ognuno di voi la mia Benedizione di Spirito Santo in unione col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Invito voi e l'umanità tutta ad abbracciare la Santa Croce. Figlioli miei, non prostratevi ad altri dei, non prostratevi a dei sconosciuti, ma amate, onorate e benedite la Santa Croce: figlioli miei, come soldati combattete la Battaglia dell'Amore e della Pace! E voi, figli Ministri, parte eletta del mio Cuore Immacolato e Addolorato, gridate come Elia la Verità del Santo Vangelo, portate la Croce del mio Gesù per le vie e° benedite ed° esorcizzate con l'Amore! Figlioli miei, non scandalizzatevi, sono Mamma e io vi invito a pregare col cuore: pregate col cuore e siate mamme della Croce del mio Gesù. Tu, figlio Mario, Sacerdote santo della Croce del mio Gesù, grida° con la Parola del mio Divino Figliolo, vai avanti e tira la Barca del mio Gesù carica del Santo Vangelo; figlio mio, non fermarti dinanzi alle persecuzioni che verranno ancora: non temere, vai avanti col mio Amore e con la mia Pace! Figlioli miei, ricordate sempre di tenere alto il mio Santo Vangelo, camminate con la Croce e per la Croce: seguite la mia° Via-Mamma e non fermatevi! Figlioli, vi lascio la Spada di Fuoco (nel quadro benedetto S. Elia ha in mano una spada rossa e i miei, fratelli, Carmine e Mimmo, l'hanno riprodotta in modo artigianale in due porta lumini): combattete e° sconfiggete i figli° della perdizione e andate avanti! Tu, croce del mio Gesù, bevi i calici *e soffri ancora per i tuoi figli, per l'umanità: figlia mia, prega per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa, e° io vi lascio, figlioli° del mio Cuore: io verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell'Amore dello Spirito Santo. Lode Lode Lode Lode (4).Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen".

"(Giu) Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! (12) (Ge) Ecco, figlioli, il Mio Mistero di Pace, restate sempre uniti al mio Amore, io sono il Pastore, il Pastore Eterno: non dividetevi dalla mia Croce, figlioli miei, tenete sempre alto il mio Santo Vangelo e amate amate amate col mio Cuore. Vi benedico, spose mie, col Legno Santo della Croce col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

 

piccoli giovanni con lo spirito e la potenza di Elia

Elia è il Jolly dello Spirito Santo. Così presentai Elia a Pentecoste il 31/5/98. I 72 libri della Bibbia sono opera dello Spirito Santo con a centro Gesù, il Piccolo Giovanni del Padre su cui al Giordano si posa la Potenza dello Spirito Santo e si ascolta la voce del Padre: "Questi è il mio Figlio Diletto: ascoltatelo!"

Intorno, poi, a Gesù c'è tutta una schiera di compagni di servizio celesti (cfr Apoc 22, 9) o Elia- Giovanni della terra che preparano l'Avvento del Padre attraverso le due Venute di Gesù.

Maria è la Prima. Ha accolto nel suo Cuore il Messia nella prima venuta grazie all'opera dello Spirito Santo e ancora col/nel suo Cuore Immacolato sta preparando il Ritorno Glorioso del Figlio. Ella infatti ci dice spesso:"Io vengo come Giovanni e con Giovanni", come dire: Io vengo come Elia-Giovanni e con Giovanni-Messia, cioè Cristo suo Figlio che è Via e Preghiera costante all'Avvento del Regno del Padre.

Insieme poi a Maria lo Spirito Santo opera in quello che io chiamo gli Elia-Giovanni. Bisogna operare nello Spirito Santo e pregare nello Spirito Santo per non errare oggi come i dotti scribi del VT. I Due Testamenti hanno due chiusure non casuali: gli ultimi versi di Malachia per il VT e dell'Apocalisse per il NT. A) Mal, 3.24:"Ecco, io vi manderò ELIA il Profeta, prima che venga il Giorno di Jahve, quello grande e terribile, affinché volga il cuore dei padri verso i figli e il cuore dei figli verso i padri: così che io venendo non abbia a colpire di anatema il paese". B) Apoc, 22,6-20,: "E mi disse :_ Queste sono le parole degne di fede e veraci, e il Signore Iddio degli Spiriti dei Profeti (=i Piccoli Giovanni),mandò il suo angelo per mostrare ai suoi servi ciò che deve avvenire presto. Beato colui che osserva le parole della profezia di questo libro -… Io, Gesù, ho mandato l'Angelo mio per testimoniare a voi queste cose relative alle chiese. Io sono la radice e la stirpe di Davide, la stella splendente del mattino -. E lo Spirito e la sposa dicono: - Vieni! - E chi ascolta dica: - Vieni! -Dice Colui che testimonia queste cose: -Sì, vengo presto -. (Giovanni) Amen; vieni, Signore Gesù.

Senza Spirito Santo non si conosce Gesù. La II lett. della Messa di Pentecoste lo richiama bene: "Nessuno può dire :Gesù è il Signore se non sotto l'azione dello Spirito Santo" (I Cor, 12.3). Chi da scriba o teologo non opera così cade nell'errore e nel pericolo di anatema. L'errata interpretazione degli scribi di Mal. 3.24 non fa capire il Cristo senza essere stato preceduto da Elia. Errano questi intellettuali, trascinano l'intero popolo mettendolo contro Cristo e ci provano a farlo con questo argomento forte, prima Elia e poi il Messia, per distogliere il piccolo gregge di Gesù: "Allora i discepoli gli domandarono: Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elia? - Ed egli rispose: - Sì, verrà Elia e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elia è già venuto e non l'hanno riconosciuto, anzi l'hanno trattato come hanno voluto. Così anche il Figlio dell'Uomo dovrà soffrire per opera loro -. Allora i discepoli compresero che egli parlava di Giovanni il Battista (Mt, 17, 10-13). Grazie a Gesù i discepoli evitano il tranello perché il richiamo del Battista era convincente, anche se il mistero di Elia presente nel Battista lo sapevano solo Maria, Elisabetta e Zaccaria perché illuminati dallo Spirito attraverso i suoi messaggeri angelici o compagni di servizio (cfr. Apoc 22, 9) : "Lo precederà con lo Spirito e la Potenza di Elia".

L'ora della profezia di Malachia si vive sempre, come dice Giovanni nell'Apocalisse: Lo annunciano e servono tutti, dagli Angeli a Giovanni Apostolo che lo supplica: "Vieni presto Signore Gesù". Ecco il modello: lasciarsi guidare nello Spirito Santo e gridare e pregare nello Spirito Santo: Vieni, presto Signore Gesù". Oggi purtroppo le Sette Chiese dell'Apocalisse sono umanizzate e laicizzate o al massimo dei buoni scribi teologi che non credendo all'Elia che grida nelle versioni dei Piccoli Giovanni, sono ciechi che guidano altri ciechi che insieme vengo chiamati: figli della perdizione. Per loro possiamo solo pregare, come faceva il Lentini per Lauria: "Questo popolo ha bisogno di riparazione".

 

4) Preghiera al Cuore di Gesù (lunedì 1/6/98, ore 6.30, orale, cioè dettato)

"Vieni, figlia mia, scrivi per Gesù. Glorifichiamo il Padre: Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Ora scrivi.

O Cuore Divino, Fonte del mio gioire,

Vita° che dona° al mondo la rugiada.

O Soave Cuore, dove tu sei?° dove tu abiti?°

Ti cerco, guardo lontano, ma tu sei qui, sei dentro di me,

non ti sei mai allontanato perché mi ami: ed io ancora non l'ho capito!

O Signore, o mio Dio, raccoglimi perché io sono caduto e non so più alzarmi,

ma col tuo Cuore io so cosa fare: rimango in Esso perché è il mio Tutto e non so dove andare!

Sì, Gesù, io grido al mondo il mio amore: Ti amo, Gesù, e con te voglio restare!

Un Padre secondo l'intenzione dello Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

 

5) Giov 4/6/98, ore21.04, a casa, more solito

"(Giu) Se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre, se sei il mio Gesù glorifica il Padre. (Ge) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore! Tu, croce del mio Gesù, bevi ancora i miei calici misti, bevi i calici verdi e i calici rossi, e immolati con i Dolori del Parto della Croce per l'umanità, per i tuoi figli: immolati, figlia mia, soffri per l'umanità, porta ancora la mia Croce. Piccola cocciuta del mio Cuore, quando non ce la fai, grida!* (Giu) Gesù, i calici sono sempre più amari: aiutami tu!* (Ge) Bevili, figlia mia: stringiti alla mia Croce* e bevili! Vedi, figlia mia, quanti flagelli* si abbattono sull'umanità: siete in pochi a pregare e in pochi accettate le Sante Sofferenze!* (Giu) Gesù, la Roccia gronda sangue!* (Ge) Figlia mia, il sangue che vedi* è il sangue degli Innocenti. (Giu) Gesù,* aiutami a bere i calici: sono amari,* mi tagliano la gola, Gesù!* (Ge) Coraggio, cocciuta del mio Cuore: coraggio! se non ce la fai, grida, anima mia! (Giu) Stringi le mie mani, Gesù: stringile!* Gesù, c'è un fiume di sangue!* (Ge) Vedi, figlia mia, guarda, guarda dove arriva questo fiume!* (Giu) Gesù!* (Ge)° Non dire dove arriva! (Giu) Perdonami se parlo sempre!* (Ge) Ora vai nel fiume. (Giu) Gesù! (Ge) Togliti, i sandali (li toglie, ndr). (Giu) Gesù, c'è troppo sangue!* (Ge) Non spaventarti, anima mia: raggiungi il portone* (… di bronzo? dove forse arrivava il fiume di sangue!). (Giu) Gesù, come faccio ad entrare?* C'è troppo sangue!* (Ge) Coraggio: stringi la mia mano ed entra!(il 9 c.m. al Mater Dei di Lagonegro ho avuto un colloquio di un'ora con il Vescovo in merito ai 5 segreti da portare al Papa: mi ha promesso il suo interessamento). Figlia mia, di tutto questo che hai visto, lo scriverai in seguito e lo consegni al figlio santo, ma stai attenta: non dire nulla di ciò che hai visto! Ora bevi ancora,* figlia mia! (Giu) Gesù,* dammi la costanza e la forza perché la mia viene meno! (Ge) Non temere, anima mia, io sono qui in mezzo a voi e vengo a portarvi la Verità del Santo Vangelo: figlioli miei, ricordate sempre di tenerlo alto! Non è una ripetizione, figlioli cari: io sono Padre e un Padre ricorda sempre ai propri figli di camminare sulla via della Croce, sulla via della Santa Sofferenza. Figlioli, amatevi gli uni gli altri e cercate sempre il mio Cuore di Padre: non prostratevi ad altri dei, cercate la Croce e abbracciatela con amore! Figlioli miei, in questa serata il mio Cuore di Padre gronda sangue per l'umanità, per i figli della perdizione: i figli che non vogliono guardare il mio Cuore e il Cuore della mia Amata Mamma. Figlioli miei, voi quando andate a fare visita ai vostri papà terreni e li vedete angosciati, i vostri cuori diventano tristi, vi chiedete: Cosa ho fatto di sbagliato? Io guardo i cuori di ognuno di voi, guardo i cuori dei figli che non mi conoscono, che guardano lontano per divertirsi, per cercare il mondo e il mio Cuore di Padre gronda sangue nel vedere tanta distanza! Io vi amo, figlioli miei, vi amo e la Porta del mio Cuore è sempre aperta e vi aspetto, il mio Banchetto è sempre pronto: figlioli, non lasciate la Via-Mamma, non lasciate la via che Maria vi sta segnando con le sante spine! Ah, figlioli del mio Cuore, venite e aggrappatevi al Legno Santo della Croce perché io ve lo porto ad ogni Visitazione: vi chiedo di allargare le braccia e poggiarle sul Legno Santo. Tu, croce del mio Cuore, accetta ancora i santi chiodi* per i tuoi figli, per i figli che lasciano la via delle sante spine e cadono nella rete del mio nemico, aiutali col tuo amore, col tuo soffrire in silenzio e impasta ancora la farina e offrila ai figli Ministri, alla Chiesa tutta: figlia mia, porta la Croce tu! (Giu) Sì, Gesù, ma sostienimi col tuo amore! (Ge) Vai avanti e non temere, anima mia, prega per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi, figlioli del mio Cuore! Ora, piccini miei, voi che siete riuniti in questa piccola capanna del mio Amore e voi, figli, che siete uniti a questa santa preghiera, cercate ancora, cercate ancora, cercate nei vostri cuori e togliete tutto quello che non mi appartiene: cercate, figlioli miei! Tu, croce del mio Cuore, preparati e prepara i tuoi figli al Santo Banchetto del mio Amore. (Giu) Padre Padre Padre mio: benedici, Padre mio!* (Ge) Figlia e sposa mia, prepara il tuo cuore. (Giu) Padre Padre Padre: benedici, Padre mio! (richiesta segreta di Gesù)° Sì, Gesù! (Ge) Ora vai avanti, anima mia! (Giu) Padre! (Ge) Vai avanti e non temere niente e nessuno! Figlioli del mio Cuore, io sono qui in mezzo a voi vivo e reale, mangio e bevo con voi: siate coscienti del mio Amore, siate coscienti di questa mia presenza in mezzo a voi! Siamo uniti col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo: l'Unione della Roccia! Figlioli miei, ricordate sempre che la Roccia del Padre è Roccia Viva, è Roccia di Vita, e niente e nessuno può cancellare ciò che è scritto nel Grande Libro del Padre! Voi che siete riuniti in questa piccola Capanna di Pace e di Luce, rimanete sempre nel mio Amore: tenete sempre alto il mio Santo Vangelo, figlioli miei, perché io vi offro il mio Sangue e la mia Carne! L'Agnello Immolato è in mezzo a voi, siate coscienti e non scandalizzatevi del mio Amore e della mia Pace: figlioli, io sono qui in mezzo a voi e mangio con voi! Tu, croce del mio Cuore, soffri:* soffri con me per i tuoi figli!* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Stringiti al Legno Santo.* Sostenete la Piccola Croce.* (Giu) Padre, metto nel tuo Cuore* tutti quelli che si affidano alle mie preghiere! perdona me, misera peccatrice: Padre, fai scendere il tuo Amore sull'umanità. Ti chiedo perdono per i miei errori e perdona i figli che ancora non riescono a comprendere! (Ge) Figlioli miei, io vi offro il Pane della Vita e il Sangue dell'Amore! Benedici, figlio santo e grida sempre con la mia Parola, non fermarti, vai avanti, tira sempre la mia Barca, figlio mio: ora bevi tu per primo. Croce del mio Cuore, bevi il mio Amore e donalo all'umanità. Figlio, dona tu il mio Sangue e la mia Carne all'umanità, ai tuoi figli. Voi, figlioli del mio Cuore, accostatevi al Banchetto della Pace e dell'Amore: mangiate e bevete con me perché io sono qui in mezzo a voi vivo e reale. Figlioli miei, siate coscienti di questo mio Amore, siate coscienti e quando uscite da questa capanna, abbracciate tutti i piccoli, i poveri, gli emarginati. Non lasciate nessuno fuori della preghiera: figlioli miei, io ve lo ripeto sempre, abbracciate i miei piccoli, i miei poveri con la Santa Croce. Io mi sono donato in pienezza ad ognuno di voi, la mia Pasqua è piena, figlioli miei: abbiamo mangiato e bevuto e il mio Cuore di Padre si è donato ad ognuno di voi. Ora inginocchiatevi e col cuore rivolgetevi al Padre: Padre di Infinita Misericordia, tu che ci doni il tuo Amore, la tua Pace, aiutaci a camminare: Padre, aiutaci quando cadiamo, aiutaci quando non sappiamo donare la nostra mano ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, aiutaci quando non sappiamo donare il nostro Sì al fratello. Padre, aiutaci quando i nostri cuori non riescono ad aprirsi. Padre, aiutaci ad amare col tuo Cuore! Ecco, figlioli miei, nel silenzio dei vostri cuori chiamatelo Padre: rivolgetevi a Lui e non cercate altri dei, poggiate i vostri cuori sulla Santa Croce e amatela, amatela, figlioli del mio Cuore! Io ora vi lascio, ma chiedo ancora a te, piccola croce, di poggiarti: poggiati sul Legno Santo, poggiati, figlia mia, e soffri* per i tuoi figli, per l'umanità. Vedi, figlia mia, in questo attimo i figli della perdizione stanno trafiggendo il Cuore di mia Madre: prega per loro, soffri, figlia mia!* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Coraggio, anima mia: coraggio! (Giu) Gesù, dimmi cosa devo fare ancora?* (Ge) Anima mia, accetta ancora i santi chiodi.* (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Ora vai avanti! Io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Figlioli miei, vi sigillo col Bacio del Piccolo Giovanni e vi chiedo di stringere ai vostri questa Santa Benedizione: siate coscienti, siate coscienti, figlioli miei! Piccolo Mario, Sacerdote santo del mio Amore e della mia Pace, inizia col mio Santo Bacio. Voi, figlioli del mio Cuore, abbracciate questa mia Benedizione e donatela al mondo. Rifugiatevi sempre nel mio Cuore di Padre, figlioli miei! Ora, piccolo Mario, piccolo Pasquale, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia santa Preghiera di Padre. Figlioli, figlioli del mio Cuore, quando vi invito a pregare, vi chiedo di pregare col cuore, vi chiedo di portare al mio Cuore i piccoli, i poveri, gli emarginati, i figli drogati, i figli carcerati, i miei anziani. Non lasciate nessuno fuori della preghiera e se avete una persona nel cuore che non riuscite ad accettare, mettetela per prima nella santa preghiera e amatela col mio Amore! Figlioli miei, quando iniziate questa santa preghiera, iniziate col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Ricordate il Legno Santo della Croce che abbracciate l'umanità: voi abbracciate i vostri figli, i vostri fratelli con questa santa preghiera. Figlioli miei, ora preghiamo! <Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen>. Non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen. Figlioli miei, sia un ritornello di pace questa santa preghiera per i vostri cuori! Tu, anima mia, anima del mio Cuore, fermati ancora un attimo a pregare. (Giu) Sì, Gesù!* (Ge) Io vi lascio il mio Amen: Amen Amen Amen Amen Amen Amen Amen Amen Amen (9): accoglietelo, spose del mio Cuore! (Giu) Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù <4>: Ti amo! (Ge) Vi amo anch'io, spose capricciose del mio Cuore, e mi poggio su di voi con la mia Santa Croce. Gioite, Piccoli Giovanni: gioite! Aspetto, figlioli miei (noi: Ti amo, Gesù!). Grazie! Vi chiedo perdono se resto a lungo a parlare. Figlioli miei, i vostri cuori sono caldi e io come Padre gioisco nel vostro amore!"

 

6) Ven 5/6/98, ore 10.40 (ora in cui è nata Giulia,) in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo:- Figli miei, io grido con Voce di Giubilo: ascoltate la Parola Viva, non fatevi trascinare dal mio nemico, non cercate le cose del mondo. Figlioli miei, non ascoltate il chiasso del mondo, ma rifugiatevi nel Silenzio della mia Santa Croce, vivete per essa e non cercate altro: io vi amo e vi dico tutto questo, figli miei! Voi, figli Ministri, parte eletta del mio Cuore, cercate i miei poverelli, i miei malati e curateli col mio Amore, tenete sempre alto il mio Santo Vangelo e non fermatevi. Io vi amo! Come vi ho promesso vi porterò Gioia e Letizia e vi darò il Vino Nuovo: figli, voi non lasciate la mia via, non fatevi prendere dal mondo, ma rimanete nel mio Amore e nella mia Pace! Voi Quattro della santa Croce, non fermatevi, io ho bisogno di voi e mi poggio ancora di più con la Croce: siate forti e combattete con la Spada. I tempi del Padre sono alle porte: non scoraggiatevi, ma tirate la Barca carica del santo Vangelo. Vi amo, figlioli del mio Cuore, e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen".

 

7) Festa della Trinità 7/6/98, ore 15.25, alla Quercia, more solito

"(Giu) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Imm) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del mio Gesù, bevi anche in questa giornata i calici misti del tuo Gesù* e immolati ancora una volta con i dolori del parto per l'umanità tutta. Figlia mia, in questa giornata accetta i santi chiodi* per i figli Ministri e i Grandi* della Casa del Padre.* (Giu) Mamma, sono amari i calici!* (Imm) Figlia del mio Cuore, accettali: stringiti alla Croce di Gesù!* (Giu) Mamma, tu grondi sangue! (Imm) Figlia mia, guarda ancora quanti flagelli si abbattono sull'umanità!* Dove sono i figli che amano la Croce? Figlioli miei, siete in pochi a camminare sulla via che io vi sto segnando! Mi rivolgo al mondo intero e anche a voi* che siete riuniti in questo piccolo angolo che Dio Padre ha scelto. Figlioli miei, io vengo a in mezzo a voi a portare la Verità del Santo Vangelo e in questa giornata vi invito a viverlo in pienezza. Figlioli del mio Cuore, non prostratevi ad altri dei, non correte di qua e di là: il mio Gesù abita nei vostri cuori, vuole gioire con ognuno di voi! Figlioli miei, io sono Mamma: invito ognuno di voi a essere mamme della Croce, mamme del Santo Vangelo! Figlioli miei, non scandalizzatevi se io parlo con parole povere: ma una Mamma parla ai propri figli col cuore e io mi rivolgo a voi col cuore. Figlioli miei, il mio Cuore di Mamma gronda sangue, ma voi, figlioli, consolatelo col vostro amore, col vostro Sì totale alla Croce e non affannatevi per i vostri acciacchi: stringeteli forte ai vostri cuori perché il mio Gesù non vi lascia camminare da soli! Io conosco il cuore di ognuno di voi, figlioli miei, e in questa giornata io abbraccio tutti voi e (c'è un li: da eliminare)° stringo al Cuore del Padre ogni vostra richiesta, ma ricordatevi, figlioli: chiedete nel giusto del Vangelo e il Padre ve lo concede. Figlioli del mio Cuore, non lasciatevi trascinare dal mio nemico, non aprite la porta al mondo, ma stringetevi, stringetevi alla santa Croce e camminate sulle sante spine, figlioli del mio Cuore! Ricordate sempre di pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa, non lasciatelo solo, figlioli del mio Cuore: in questi tempi Lui deve decidere, aiutatelo, figlioli miei, con la Santa Sofferenza e tenete sempre alto il Santo Vangelo. Ora, figlioli del mio Cuore, cercate ancora: cercate nei vostri cuori e togliete tutto quello che non appartiene al mio Gesù. Ricordatevi sempre di amare e perdonare i vostri nemici, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera: figlioli, amate amate amate! Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Figlioli, ricordate sempre che io sono viva e reale in mezzo a voi: siate coscienti, siate coscienti, siate coscienti, figlioli del mio Cuore! Tu, croce mia, bevi ancora* i calici misti* del tuo Gesù e soffri con i dolori del parto per l'umanità tutta. (Giu) Sì, Mamma, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere; Mamma, dammi la costanza e la forza, aiutami a camminare sulle sante spine per i miei figli, per coloro che si aggrappano alle mie preghiere: Mamma, consolali tu col tuo Amore! (Imm) Cocciuta del mio Cuore, quando si avvicinano a te, stringili al Cuore della Croce e vai avanti con loro. Pregate pregate, figlioli miei: rivolgetevi al Padre!

O Santissima Trinità, o Padre, o Figlio, o Spirito Santo, o Immenso Cuore Divino,

irradia l'anima mia, purifica il cuore mio, allontana ogni male:

fa' che io sia degno di essere chiamato figlio di Dio, fa' che io raggiunga i gradini del tuo Amore.

O Immenso Padre, o Infinito Figlio, o Radioso Spirito Santo,

illumina il mio camminare: fammi vivere nel tuo fiume d'Amore e così sia.

Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell'Amore della Santissima Eucarestia. Lode Lode Lode Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen. Vi saluto con l'Amen del Padre: Amen Amen Amen Amen Amen (5). Figlioli miei, aspettatemi: io verrò ancora in mezzo a voi col mio Amore Materno".