LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

N. 243

Il mio nemico vuole la vostra morte,

ma Io vi ho consegnato la Spada

e vi ho chiamati come miei soldati per combattere:

perchè tornate indietro?

 

Messaggi Tramite Giulia

 

1.   Dom 26/9/99, ore 15.25, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù, bevi anche oggi i calici misti del tuo Gesù e immolati ancora, figlia mia, con i Dolori del Parto della Croce per le Mura che cadono sul mio Piccolo Giovanni, cioè sul Papa:* assapora i Dolori del Parto e falli assaporare <grido>. (Giulia) Mamma, dammi la tua forza perché la mia viene meno! (la Madonna) Figlia mia, il mio Gesù gronda sangue e vi invita sempre a tenere alto il Vangelo della Croce e a viverlo in pienezza. Vedi, figlia mia, quanto sangue innocente bagna le Mura di Roma! vedi, figlia, i Grandi della Casa del Padre cosa stanno preparando!* (Giulia) Mamma, dimmi cosa devo fare! (la Madonna) Abbraccia i Santi Dolori, figlia mia, e col tuo Gesù porta la Croce e prega secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata. Il mio Cuore è addolorato perché non vedo più i miei figli: dove siete, figlioli? su quale via state camminando? Figli, Giovanni del mio Cuore, io parlo al mondo intero: il mio Grido di Dolore è sceso dalla Croce, ma ancora l'umanità non l'ha udito! Figlioli, convertite i vostri cuori e ritornate alla Porta di Gesù. Vedete, figlioli, i tempi ormai sono pieni, ma voi ancora non avete capito ciò che Dio vuole da voi: girovagate di qua e di là, lasciando la Croce del mio Gesù da sola. Figli, non dimenticate che per mezzo del Legno siete stati salvati: non prostratevi ad altri dei e non trafiggete ancora il Cuore di Gesù. Vedete, figlioli, io sono Mamma e invito ognuno di voi ad essere Mamme del Cuore di Gesù: Mamme dei Dolori  perché non c'è Pasqua senza Dolori. Figlioli cari, vi invito ancora una volta ad essere coscienti della Parola del mio Gesù e a viverla in pienezza tenendo sempre unita la Catena del Cuore della Croce. Vedete, io vengo in ubbidienza al Padre, inchinandomi sempre dinanzi a voi, con umiltà di cuore vi chiedo di amare tutti, non lasciate nessuno fuori della Catena della Croce, figlioli cari: amate e tenete alto lo Scudo del Santo Rosario, figlioli del mio Cuore. Tu, cocciuta del Cuore della Croce, non fermarti: conosco bene il peso che porti, ma vai avanti! (Giulia) Con la tua Grazia, Mamma! (la Madonna) Figlia mia, vai avanti perché il tuo compito è grande, è grande perché viene da Dio: non viene da te, figlia mia! Ora vi chiedo ancora una volta di pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa e per il Giovanni di oggi: pregate, figlioli, perché il suo Bastone vi porterà nel Giardino del Padre. Ora io vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Piccola cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina preferita e i tuoi cari. (Giulia) Mamma, stringili per me!* (la Madonna) Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Ecco l'Amen che scende su di voi dal Cuore del Padre: abbracciatelo e portatelo ai vostri figli, che sono i figli di Gesù. (Giulia) Grazie, Mamma!"

 

2.   Giov 30/9/99, ore 21.04, Stanza, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore! Gioite e fate festa piena perché lo Sposo è in mezzo a voi, figlioli! Tu, croce del mio Cuore, gioisci nell'assaporare sempre di più* i Santi Calici e i Dolori del mio Parto. Vedi, i tuoi figli cadono di qua e di là, nonostante odono la mia Voce! Figlia mia, sai bene dall'inizio che dovrai soffrire molto a causa del mio Nome:* assapora i Santi Dolori almeno tu! E voi, figlioli, cercate di assaporare i miei Dolori <1° grido>. Il Parto diventa sempre più pesante: figlia mia, vedi, il Fiume del mio Amore non viene attraversato dai miei figli! Nonostante vi offro la Croce e ho preparato per voi la Stanza dell'Amore, non riuscite a camminare dietro di me, vi fermate dietro le cose del mondo: fate pesare la piccola croce che io vi ho consegnato* sulle vostre spalle. Così mi amate? Così mi cercate? Così preparate i vostri cuori? Figli, io vengo in mezzo a voi portando il Santo Vangelo della Croce: non ve ne sono altri, figlioli del mio Cuore, perché io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno Santo della Croce donandovi la Vita Eterna. Figlioli, venite dietro di me: distaccatevi dalle cose del mondo e non affannatevi per i pesi che accumulate nei vostri cuori. Vedete, figlioli, il mio Cuore è stato squarciato da una lancia, è aperto e gronda sangue: i vostri cuori ancora non sono aperti in pienezza al mio Amore! Parlo a voi che siete qui riuniti e al mondo intero. Parlo ai Grandi della Casa del Padre. Vedete quanta confusione c'è nella mia Casa: io non ci sono perché non mi hanno invitato. Come gronda sangue il mio Cuore di Padre, figlioli! Ecco, Giovanni di oggi, ho chiesto a te una Stanza dove venire ad abitare e a voi, figlioli, vi chiedo solo di amare e di combattere con Maria, Madre mia e Madre vostra. Vedete, figlioli, il mio nemico vuole la morte di ognuno di voi e vi confonde con le sue false luci facendo divisione tra di voi. Io vi ho consegnato la Spada: dove l'avete messa? perché non la tenete alta? Vi ho chiamati come miei soldati per combattere: perché tornate indietro? Figlioli, cercate il mio Cuore e non lasciatelo: io vi amo e non voglio perdervi! Figlioli, io vengo sempre ad invitarvi a tenere alto il Santo Vangelo: figlioli, fatelo e non fermatevi dietro ai rumori del mondo che vengono dal mio nemico. Figli del mio Cuore, io vi amo perché sono Padre: amate anche voi e siate Mamme Piene della Croce. Tu, piccola cocciuta, grida forte quando sei nel giusto del Vangelo e non temere niente e nessuno, figlia mia, perché tu sei stata mandata per combattere il male. Figlia, sii forte perché i dolori per te aumenteranno sempre di più: porta sempre sulle tue spalle le pecorelle smarrite. Giovanni di oggi, stringi la mia mano, figlio mio, ché ciò che dobbiamo fare insieme è pesante e i Grandi della Casa del Padre si scandalizzeranno per ciò che devi compiere. Figlio mio, tu hai tutto nel tuo cuore e man mano ti sarà rivelato. Voi Giovanni, ancora non riuscite a vedere con i vostri occhi la grandezza che è in mezzo a voi, dico grandezza perché viene da Dio, ciò che è in terra non ha valore e non ha nessuna grandezza: il Giovanni di oggi viene dal Cuore del Padre. Liberate i vostri cuori dalle cose del mondo e guardate con gli occhi puliti ciò che è in mezzo a voi. Figlio mio, Giovanni di oggi, non scandalizzarti di tutto questo, tu sai bene: solo il Padre può parlare in Pienezza^ e io parlo nella Pienezza della Croce, figlio mio. Ora sollevate la Piccola Croce. Ecco, figlioli del mio Cuore, io sono in mezzo a voi vivo e reale: credete in questo! Guardo i vostri cuori, figli, e piango!* ma sono Padre e vi amo tutti: vi chiedo solo di essere pronti e preparati perché voi non conoscete né l'ora né il giorno in cui io verrò. Ora vi chiedo ancora di guardare nei vostri cuori: cercate, figli, e togliete tutto quello che non mi appartiene. Amatemi perché io voglio solo essere amato. Pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa!* Sangue innocente scende ancora sulle Mura della Casa di Roma:* figlioli, pregate perché voi non vedete ciò che io vedo! Ora preparate i vostri cuori ad accogliere il mio Sigillo. Volete accettare ancora il mio Bacio? Volete ancora essere miei figli? Mi inchino dinanzi a voi e vi chiedo ancora una volta: Volete ancora il mio Bacio? Volete ancora essere le mie spose? Figlioli, il Giovanni di oggi, vi sigilla se voi l'accettate. Lascio ognuno di voi libero di accettare il Sigillo della Croce. Chi mi ama, prenda la propria croce e mi segua, così come io vi ho chiamato: non fermatevi dinanzi alle persecuzioni, figlioli del mio Cuore. Ora, piccola cocciuta del mio Cuore, preparati perché i Dolori sono forti e il mio Parto grida la Voce della Croce <2° grido>. (Giulia) Gesù, dammi la forza di andare avanti! (Gesù) Non fermarti, anima mia: ricordati sempre il tuo primo messaggio.* (Giulia) Sì, Gesù! (Gesù) Ora, figlia mia, prepara i tuoi figli perché il Banchetto è pronto. Venite tutti perché io vi aspetto, figlioli del mio Cuore, ma ricordate di tenere alto il Vangelo della Croce e di non spezzare la Catena sigillata dal mio Amore.* (Giulia) Padre Padre Padre Padre Padre! <5> (Gesù) Figlia, mamma, sposa della Croce, vieni: soffri con me i Dolori del Parto. Vedi, figlia mia, ciò che l'umanità calpesta con i piedi, tu stringilo al tuo cuore: gioisci con i Santi Dolori<3° grido>. (Giulia) Grazie, Gesù: grazie per le gioie che mi doni! (Gesù) Piccola cocciuta del mio Cuore, grazie a te perché consoli il Cuore di Maria! Ora preparati e vieni con lo Sposo. Ecco l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ecco come vi guardavo dal Legno Santo e vi ho amati con l'Amore Pieno. Figlioli, quando mi guardate sul Legno, guardate i miei Dolori e stringetevi alla mia Croce e non fermatevi perché io non mi sono fermato, ma ho allargato le mie braccia e ho aperto il mio Cuore perché vi amavo, ardevo di Amore per ognuno di voi e in questo calice vi offro il mio Sangue e in questo pezzo di Pane vi offro la mia Carne. Mangiatene tutti, figlioli, perché io vi amo e vi dono tutto di me attraverso le mani sante del Giovanni di oggi. Figlio mio, bevi e mangia con me e donami a tutti. Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo: bevete al mio Banchetto, figlioli <4° grido>. Ecco l'Amore che io ho assaporato sul Legno Santo della Croce: assaporatelo voi, figlioli!* Ecco, figlioli miei, io vi lascio assaporare il mio Amore, ma vi lascio liberi di mangiare con me. Il mio Banchetto è Banchetto Nuziale e le mie spose devono partorire col Parto della Croce. E' pesante, figlioli, ma io vi amo: aprite i vostri cuori e ritornate a Casa perché io vi aspetto, figlioli cari! Vedete, in questa serata ho parlato a voi come un Papà parla ai propri figli invitandovi ad aprire i vostri cuori e a camminare sulla via che mia Madre vi sta segnando. I tempi ormai sono vicini, figlioli, è tempo di mietitura e sarete divisi, il grano e la zizzania, e il mio nemico mette ancora di più sulle vostre vie il suo seme di odio, di divisione, di morte. Figli, io vi sto invitando a stare attenti: non sciogliete la Catena che io vi ho donato, figlioli del mio Cuore. (Amen Amen Amen Amen alle solite giaculatorie). Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta ed è Pasqua di Croce, figlioli: donatevi anche voi, figli, e non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Chiedetemi sempre nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, figlioli, perché io vengo in mezzo a voi con la mia Croce: non vengo a cambiare nulla di ciò che è antico, figli cari. Ora sollevate la Piccola Croce. Ecco, figlioli del mio Cuore, avete compreso ciò che vi ho detto? Avete ascoltato le mie parole? Figli, io vi amo e come Padre vengo a portarvi il Seme dell'Amore: il Seme Nuovo che è la Croce. Vedete, figli, io vi guardo, ascolto i vostri cuori: ma voi siete lontani e io sono qui in mezzo a voi vivo e reale! Figli, siate coscienti della mia presenza, siate coscienti del mio Amore: siate coscienti di ricevermi nei vostri cuori perché io vengo ad abitare dentro di voi. Figli, il mio nemico sta combattendo la sua ultima battaglia, non lasciate il mio Cuore, non andate a combattere con lui, rimanete nei vostri dolori, nella vostra sofferenza: non gettate via le mie Sante Spine che vi offro attraverso i Santi Dolori del mio Parto. Figli, voi ancora non conoscete il Parto Pieno, ma io ho scelto voi per farlo assaporare: rimanete uniti alla mia Croce. Io ora vi sigillo ancora, ma chiedo ad ognuno di voi se volete accettare il mio Sigillo: siete liberi di accettarlo, figlioli. Tu, Giovanni di oggi, fammi riposare sul tuo cuore: figlio mio, riposati anche tu sul mio Cuore perché insieme dobbiamo camminare ancora a lungo e condurre alla Porta le pecorelle che ti sono state affidate. Cullami, figlio mio: cullami perché voglio riposare sul tuo cuore. Figlio mio, tieni alto il Bastone e cammina nel Fiume Santo. Vedi, figlio, il sangue è sempre di più, ma tu non fermarti: tira il mio Vangelo. Le Barche sono pronte, figlio mio,* non fermarti, prega per i tuoi figli Ministri che affondano nelle barche del mondo: prega per loro, figlio santo. Ora io vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi se voi mi aspettate: vengo a portarvi la Parola Viva del mio Amore, figli cari. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Piccola cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina preferita* e i tuoi cari.* (Giulia) Grazie, Gesù! (Gesù) Ora, figlioli del mio Cuore, vi invito uno ad uno a legare la Catena Santa: legatela col Cuore della Croce e non permettete al mio nemico di entrare: togliete gli odi, amate e perdonate i vostri nemici. Figli, allontanate il mio nemico con la Croce: Esso è il Segno, non cambiatelo! Ora, Giovanni di oggi, Telesforo di oggi e voi tutti figli, legate la Catena Santa e non scioglietela, stringetevi forte al mio Cuore perché io sono il vostro Papà e quando vi chiedo di pregare, distaccatevi dalle cose del mondo. Anche voi, pargoli, ascoltate la mia Voce perché siete anche voi, figli della Croce. Ora, Giovanni di oggi, inizia tu per primo. (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen). (Gesù) Ecco, figlioli, quando ripetete insieme: Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen, siate coscienti di ciò che ripetete perché io vedo e sento ogni cosa che è dentro i vostri cuori. (Giulia) Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (Gesù) Ecco, figlioli, io ho messo il mondo nelle vostre mani: fermate i flagelli col vostro amore perché il mio è pieno sull'umanità. Riuscite a comprendere queste parole, figlioli? Piccola croce, soffri ancora e porta sulle tue spalle i tuoi figli. (Giulia) Con la tua Grazia, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! <4>. (Gesù) Vi amo anch'io, pietruzze del mio Cuore, e aspetto i vostri cuori pieni (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli: andate in pace e portate al mondo la Pace del mio Cuore. Figli, non gettate il Seme che vi ho donato in questa serata. Cullami ancora, figlio mio: Ecco il Dio Bambino che riposa sulle spalle di Giovanni! Figli, quando siete stanchi, venite a riposare sulla mia spalla!"

^ Parlare in pienezza è proprio del Padre. Così del ritorno di Gesù: solo il Padre conosce il tempo e l'ora.

3.   Ven 1/10/99, ore 10.40, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli di questa valle (è a casa, quindi: l'intera Sibarite, cui fa parte anche Sofferetti), dove siete? Io non vi vedo più: camminate nelle tenebre e i vostri corpi sono già morti. Dove avete messo la vostra amicizia, i vostri canti? Cosa siete diventati? Siete ancora i miei figli(?)° Vi ho creati a mia immagine e somiglianza, voi avete sporcato il mio Capolavoro: vi siete lasciati coprire dai doni del mio nemico. Cosa volete fare? Volete vivere sulla terra con i tesori del mio nemico o volete portare la Croce e venire ad abitare con me? Figli, siete liberi di scegliere il frutto proibito dell'albero (frase confermata). Io vi ho amati da sempre perché sono un Dio Antico e ciò che è scritto nel Libro non viene cancellato. La mia Promessa è duratura: io verrò! Siatene convinti: l'ora e il giorno la conosco solo io. Voi Quattro della mia Santa Croce, dovete combattere perché il tempo° della Grande Battaglia del Cuore di Maria è pieno, non fermatevi: tirate la mia Barca carica del mio Santo Vangelo. Vi amo, pietruzze del mio Cuore, e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen (4)"

 

4.   Sab 2/10/99, ore 17.30, Stanza, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù, bevi anche in questa giornata i calici misti che ti hanno preparato, figlia mia; vedi, figlia, sono verdi e sono pesanti: aiuta il tuo Gesù, bevili, figlia mia,* immolati per l'umanità tutta con i Dolori del Parto della Croce, in modo particolare* immolati per i miei figli Ministri.* Vedi, figlia, io vengo in mezzo a voi in ubbidienza al Padre: vengo a portarvi il Santo Vangelo e vi invito sempre a viverlo in pienezza e a tenerlo alto. Quando dico: Viverlo in pienezza, figlioli, dico ad ognuno di voi di vivere nell'Amore e nella Grazia del Padre amandovi gli uni gli altri e donando voi stessi per i propri fratelli. Questo è il Vangelo della Croce: donate voi stessi per il fratello che è accanto e soffre. Vedete, figlioli, il mio Gesù lo cercate lontano, ma se vi fermate a guardare sulle vie, troverete il mio Gesù nei figli emarginati, nei figli drogati, nei miei vecchietti, nei figli ammalati e abbandonati da tutti: ecco dove abita il mio Gesù! Figlioli cari, io come Mamma giro Pellegrina nel mondo a scaldare i cuori spenti: in ubbidienza al Padre porto la sua Parola nel mondo invitando l'umanità a ritornare a Gesù: a distaccarsi dalle cose del mondo perché vi siete tutti persi, figlioli cari. Vedete, figli, il Vangelo è uno solo ed è segnato dal Sigillo della Croce, è fondato sulla Roccia e io non vengo a cambiare nulla, vengo a bussare ai vostri cuori e a chiedervi di decidere cosa volete fare: figlioli, volete vivere e camminare con Gesù? volete portare la Croce e accettare ogni piccola sofferenza? Vedete, figli, io sono Mamma, Mamma della Croce e Mamma dei Dolori, e amo tutti voi: il mio grande desiderio è di abbracciarvi tutti e di gioire nella Casa del Padre. Vedete, nelle mie Visitazioni vi ripeto sempre su cosa volete fare, figlioli, e vi lascio liberi di camminare dietro il mio Gesù portando la propria croce e di tenere sempre alto il Santo Vangelo. Figli, il mio Cuore Immacolato trionferà perché è la Grande Promessa e non viene cancellata! Figlioli miei, voi che avete la Spada in mano e combattete come miei soldati, non fermatevi! Figli, vedete, il mio nemico sta gettando il suo seme, ma gli angeli buoni, i Giovanni, combattono portando il Vangelo dell'Amore alto: non fermatevi, figlioli, i vostri cuori saranno consolati dall'Amore Infinito del Padre. Figli miei, pietruzze del mio Cuore Immacolato e Addolorato, io mando su di voi il Fuoco di Pentecoste: accoglietelo, figlioli, e chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso. Ma state attenti, i tempi di Gesù non sono i vostri tempi: sappiate aspettare con amore! Tu, piccola cocciuta del Cuore di Gesù, dovrai soffrire ancora e bere ancora molti calici per i tuoi figli, per il Sì che tu hai donato al Cuore di Gesù: figlia mia, non fermarti, ma dona a tutti l'Amore che Gesù dona a te. (Giulia) Con la tua Grazia, Mamma! Ora, figlioli del mio Cuore, vi chiedo con umiltà, inchinandomi dinanzi a voi, di essere Mamme, Mamme del Cuore della Croce, perché il mio Gesù vi vuole tutti Mamme e vi stringe al suo Cuore. Figlioli, non temete niente e nessuno: il mio Amore Materno vi copre col Manto del mio Amore. Gioite, figlioli, nell'abbracciare la Croce di Gesù! Io ora vi lascio, ma vi invito a pregare secondo le mie intenzioni, figlioli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen Amen Amen Amen (4). Cocciuta del mio Cuore, gioisci nel vedere la tua Spina preferita e i tuoi cari.* Lascio scendere su di voi l'Amore degli Angeli (oggi è la loro festa) che vi custodiscono sempre.* (Giulia) Grazie, Mamma: |come è grande il tuo Cuore! Mammina, grazie! Dammi un bacio a tutti gli Angeli!* (la Madonna) Stanno cantando le lodi per voi, figlioli! (Giulia) Grazie, Mammina!"

 

5.   Dom 3/10/99, ore 15.24, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù,* bevi anche in questa giornata i calici misti che ti sono stati preparati e immolati, figlia mia, con i Dolori del Parto della Croce per l'umanità tutta, per i figli della perdizione: i figli che trafiggono il Cuore del mio Gesù. Figli cari, io vengo in mezzo a voi a portare il Vangelo Vivo della Croce e vi invito a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza del cuore. Figlioli cari, siate coscienti di vivere e camminare secondo il Vangelo del mio Gesù; ciò che fate, fatelo col cuore e nella Pienezza della Croce: figlioli miei, vedete i tempi che si presentano dinanzi a voi! Figlioli cari, io sono Mamma e una Mamma guarda i propri figli e gronda sangue: siete in grave pericolo, figlioli del mio Cuore! Vedete, non riuscite neanche a stare insieme e a stringervi la mano senza che nei vostri cuori passino pensieri cattivi! Siate mamme, figli e fratelli del mio Gesù: amatelo come Lui vi ha amati da sempre e vi ha chiamati figli dall'alto della Croce. Figlioli cari, pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa, pregate e non lasciatelo solo: vedete le Mura cadono ancora su di lui e sangue innocente bagna ancora quelle Mura! Figlioli, pregate secondo le mie intenzioni per ciò che stanno preparando i Grandi della Casa del Padre. Non scandalizzatevi se vi ripeto sempre le stesse cose, ma sono Mamma e vi dico che siete in grave pericolo! Almeno voi non lasciatevi trascinare dal buio del mio nemico e rimanete uniti nella Catena del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Voi, figli che abitate questa Valle: cammino e piango su di voi! Figlioli, convertite i vostri cuori al Vangelo della Croce! Tu, piccola cocciuta del Cuore di Gesù, dovrai ancora soffrire per il Sì donato in questo luogo: il tuo compito è pesante, figlia mia, ma stringi le mie mani e cammina con Gesù portando con Lui la Grande Croce. (Giulia) Con la tua Grazia, Mamma: dammi la forza! (la Madonna) Figlia mia, conosco bene il tuo peso, ma non fermarti; vedi, figlia, vedi il Progetto di Fatima: gioisci nel guardare l'Amore Infinito del Padre e vai avanti. Voi, Giovanni del mio Cuore, piccole pietruzze che coronate la Croce di Gesù, non fermatevi: tenete alta la Spada e combattete con me la Battaglia dell'Amore. Vi chiedo ancora una volta di non lasciare nessuno fuori della Santa Preghiera: pregate col mio Cuore di Mamma e donate tutto ai vostri figli. Io ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell'Amore e nella Pace del Cuore di Gesù che arde per ognuno di voi. Piccola cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina preferita e i tuoi cari che coronano il Cuore di Gesù con le Lodi dell'Amore.* (Giulia) Grazie, Mamma! (la Madonna) Lode Lode Lode Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Ecco l'Amen che scende dal Cuore del Padre per abbracciare ognuno di voi: accoglietelo e offritelo al mondo".

 

6.   Giov 7/10/99, ore 21.04, Stanza, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore! Tu, croce mia, gioisci nel bere i calici misti e nell'assaporare i Dolori del Parto e falli assaporare <1° grido> all'umanità* tutta. Figlia, i tempi sono pieni: assapora con me i Dolori del mio Parto <2° grido>. Figlia mia, ecco l'Amore che io offro alle spose che offrono il Sì pieno!* (Giulia) Gesù, dammi la tua Forza!* (Gesù) Figlia mia, il Parto è ormai sceso, i Dolori sono sempre più forti: Vuoi ancora tenere alto il Vangelo e camminare con me? (Giulia) Sì, Gesù! (Gesù) Assapora ancora il mio Amore e fallo assaporare ai tuoi figli <3° grido>. (Giulia) Ti amo, Gesù! (Gesù) Ti amo anch'io, cocciuta del mio Cuore! Ecco, figlia mia, i Grandi del mondo ti offrono altri calici: bevili, figlia, e offri a loro i miei Dolori. Ecco io vengo in mezzo a voi a portare il Santo Vangelo, il Vangelo della Croce, e vi invito a tenerlo sempre alto. Figlioli del mio Cuore, io vengo a preparare la Roccia che il mondo ha gettato via: vengo in mezzo a voi a costruire il mio Amore, la mia Pienezza. Vedete, figlioli, queste parole per voi sono difficili da comprendere: Cos'è la Roccia? Chi l'ha buttata via? Figli, io sono Padre e vengo in mezzo a voi portando parole durature: parole antiche e parole nuove. Voi, figlioli del mio Cuore, voi che siete qui riuniti e voi tutti figli che vi unite a questa Santa Preghiera, rimanete sempre saldi nel mio Amore: non staccatevi dalla Croce e non gettate via la Roccia che io vi dono. Vedete, figlioli cari, io sono seduto sulla Roccia e parlo a voi dalla Roccia: faccio scendere le Gocce del mio Amore dalla Roccia Santa, ma guardate, figlioli, la Casa di Roma sta crollando e le Mura cadono sul Giovanni, cioè sul Papa.Voi in questa serata non riuscite a comprendere ciò che io sto dicendo, ma il Giovanni di oggi comprende queste parole. Figlio mio, stringi la mia mano, cammina con me: sii sempre poggiato sulla Pietra, figlio mio! Vedete, figlioli cari, abbiamo camminato insieme, abbiamo pregate insieme, abbiamo mangiato e bevuto insieme nella Stanza che io vi ho chiesto, ora i giorni sono piccoli (pochi) per il nostro Incontro: per la Festa che io vi ho chiesto. Tu, Giovanni di oggi, sai bene ciò che devi fare in quella giornata; figlio mio, prepara le tue spose: liberate i vostri cuori dalle cose del mondo. Figlioli, amate e perdonate i vostri nemici, cercate cercate: cercate nei vostri cuori e togliete tutto quello che non mi appartiene, figlioli del mio Cuore. Vedete, figli, vi sto chiedendo di pregare e di fermare i flagelli: ancora scendono sull'umanità! Figlioli miei, ho messo nelle vostre mani il mondo: ma ancora non sento i vostri cuori aperti! Parlo a voi e parlo al mondo intero. Dove sono i miei figli? Perché vi siete fermati lungo la via? Il Seme gettato da me non l'avete raccolto: l'avete lasciato seccare! Figli, figli del mio Cuore, io vi amo e grondo sangue per ognuno di voi! Vedete, figlioli cari, mia Madre gira Pellegrina nel mondo invitando l'umanità a consolare il mio Cuore col Santo Rosario: con lo Scudo per combattere il mio nemico. Vedete, figlioli, col suo strascico di coda sta portando via molti miei Giovanni: pregate, figli, e non lasciategli spazio! Io vi ho sigillato la Catena dell'Amore: non lasciatelo entrare! Figli, quando siete qui riuniti nella mia Stanza, distaccatevi dalle cose del mondo: siate coscienti che io sono qui in mezzo a voi vivo e reale; mi servo della mia Piccola Cocciuta per parlare ad ognuno di voi: figlioli, io sono vivo e reale in mezzo a voi, la mia Piccola Cocciuta vi è stata donata per portare il Grido del Parto, i miei Dolori, all'umanità che è sorda e non vuole ritornare al mio Cuore. Ora sollevate la Piccola Cocciuta. Figlio mio, Giovanni di oggi, stringi la mia mano e cammina con me. Figlio, il tuo compito è pesante, come lo è il mio, ma insieme tiriamo la Barca del Vangelo: la Barca della Verità, la Barca che vi porta alla Vita Eterna. Figlio, tu hai il Bastone in mano e con quello dovrai camminare e gridare come Giovanni: non fermarti, figlio mio, dinanzi alle persecuzioni che verranno ancora. Vedi, figlio, man mano io vi sto donando le Gocce e la Goccia più grande è racchiusa nel segreto che la Piccola Cocciuta dovrà consegnare. Figlio mio, sii forte: sii forte perché tu conosci solo a parte ciò che succede nella Casa di Roma. Figlio, tieni alto il Bastone e cammina perché io ti ho mandato come un agnello in mezzo a lupi: prega per i tuoi fratelli Ministri, immolati per loro, figlio mio. Tempi duri scenderanno ancora e voi, Giovanni, dovete combattere, non gettate le Spade e non fermatevi, figlioli: io e mia Madre siamo sempre con voi. Ripeto ancora una volta che piango sulla Valle della Quercia: figlioli, pregate pregate pregate! Ora io vi sigillo attraverso il Giovanni di oggi, voi, figlioli, siate coscienti di ricevere il Santo Sigillo, io vi lascio liberi, figli, ma ricordate sempre che io sono Padre e vi amo: la mia Porta è sempre aperta e il Giovanni di oggi conosce le mie Porte. Figli, siate coscienti di tutto quello che io dico. Vi invito ancora una volta a tenere alto il Vangelo della Croce perché io non vengo a cambiare nulla, figlioli. Io sono un Dio Antico: figlioli, ricordate sempre queste parole. Siano i vostri cuori attenti alla mia Parola, siano i vostri cuori aperti alla Parola del Giovanni di oggi perché io mi inchino dinanzi a lui. Figlio mio, non scandalizzarti del mio gesto di Amore e di Umiltà dinanzi al Sacerdozio Eterno della Croce. Ecco, figlioli del mio Cuore, io vi invito sempre a stare attenti al mio nemico, usa ogni mezzo per confondervi e trascinarvi nella rete della morte: figlioli, state attenti! Ecco perché a te, Giovanni di oggi, è stato consegnato il Bastone del mio Amore. Figlio, ciò che pensi è giusto (non ricordo): vai avanti e dona la mia Pace e il mio Amore all'umanità. Tu, cocciuta del mio Cuore, preparati. (Giulia) Padre Padre Padre Padre! (Gesù) Sposa del mio Cuore, assapora i Dolori del mio Amore e preparati per il Banchetto che è qui in mezzo a voi: prepara i tuoi figli, portali sulle tue spalle al Banchetto Santo. (Giulia) Padre! (Gesù) Eccomi: gioisci! <4° grido>. (Giulia) Gesù, grondi sangue per amore mio e io non merito questo! (Gesù) Siete le mie pietruzze preziose e vi bagno col mio Sangue: preparatevi, figlioli, venite! Ecco, lo Sposo è in mezzo a voi: venite tutti perché io vi aspetto tutti! Venite a mangiare al mio Banchetto d'Amore così come siete. Ricordate che io vedo ogni cosa, guardo i vostri cuori e conosco i vostri pensieri, anche in questo attimo, figlioli, e mi dono a tutti. Non lascio nessuno digiuno, vi sazio col mio Sangue e con la mia Carne: figli, vi basta questo? Voi vedete un pezzo di pane e un bicchiere di vino: io sono vivo e reale in mezzo a voi. Siate coscienti, figlioli: siate coscienti! Guardatemi perché io guardo ognuno di voi, amatemi perché io amo ognuno di voi e non lascio nessuno fuori del mio Amore, abbracciate i vostri nemici perché io li ho abbracciati e li ho stretti al Legno Santo, li ho bagnati col mio Sangue e li ho amati in pienezza: fate lo stesso anche voi! Ora che venite a mangiare con me, mangiate insieme ai miei poverelli, ai miei figli emarginati, ai miei figli drogati: non lasciate nessuno fuori dal mio Calice. Figli, togliete gli odi e amate, amate in pienezza come io amo voi e mi dono tutto attraverso il Giovanni di oggi e la mia Piccola Croce: io passo attraverso di loro. Figlio mio, Giovanni di oggi, mangia e bevi con me e donami ai tuoi figli. Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. Ecco la mia Amicizia con ognuno di voi: sia piena, figlioli, la Pace che io vi dono per i vostri fratelli <5° grido>. Ecco il Sigillo del mio Amore. Ecco l'Amore Pieno che io dono ad ognuno di voi. Mangiate tutti con me e bevete tutti, figli, perché la mia Pasqua è Pasqua di Vita Eterna. Ecco il Frutto del mio Amore che io dono all'umanità. Venite e mangiate con me: fate festa, figlioli, perché il mio Banchetto è pronto per tutti. Pregate per i fratelli che non vogliono accettare il mio Banchetto. Pregate per coloro che calpestano la mia Croce. Figli, i tempi che verranno saranno pesanti: pregate, figlioli, pregate e fermate i flagelli accettando i Santi Dolori le Sante Spine che io lascio cadere su di voi. Voi che mi amate, portate la piccola croce sulle vostre spalle e non gettatela via. Venite dietro di me sul Monte perché ancora è lungo da salire, figlioli del mio Cuore. (Amen Amen Amen Amen <4> alle solite giaculatorie). Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi: figlioli, fatemi abitare nei vostri cuori, non gettatemi via quando uscite dalla mia Stanza. Io sono un Dio Bambino e voglio abitare dentro di voi: Mamme del mio Cuore, lasciate che io mi culli dentro di voi. Voglio stare con ognuno di voi e farvi sentire i miei battiti: fermatevi un attimo e ascoltatemi perché io sono dentro di voi, Mamme della Croce. Siate coscienti di queste parole! Riuscite a comprendere quanto è grande il mio Amore? Riuscite a comprendere il Mistero? Io vengo ad abitare nei vostri cuori: quale gioia devo donarvi ancora?! Figli, rimanete con me perché io voglio restare con ognuno di voi. Siete le mie culle: stringetevi forte a me! Allontanate il mio nemico: non lasciate sporcare i vostri corpi perché siete fatti a mia immagine e somiglianza e siete i miei gioielli, figli. Sollevate la Piccola Croce. Ecco, figlioli del mio Cuore, ora voglio essere cullato dal tuo cuore, Giovanni di oggi. Tu che porti sulle tue spalle il mio Legno, cullami, figlio mio. Tu che porti nel tuo cuore le mie Ferite, cullami, figlio mio. Tu che porti nel tuo seme il mio Seme, cullami, figlio mio. Non scandalizzarti di tutto questo perché io passo attraverso di te e attraverso la mia Croce (nota come oggi non dice la mia Piccola Croce, ma la mia Croce: e se è così, immaginate che Grande Mistero!). Ora, figlioli del mio Cuore, vi invito ancora una volta ad essere coscienti di tutto ciò che io vengo a portarvi e siate pronti per la mia festa perché io sono un Bimbo e voglio essere coccolato da voi, mamme. Ora io vi lascio, ma ricordate che abito nei vostri cuori e sono sempre con voi: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera, figlioli del mio Cuore. Tenete sempre alto il Vangelo della mia Croce, ricordate che il Vangelo è Uno e Trino, che viene dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo: non lasciatevi trascinare nel buio, figlioli! Figli, mi aspettate ancora per il prossimo incontro? Io sono qui nella mia Stanza ad aspettarvi: ricordatelo! Ora, figlioli miei, vi chiedo ancora una piccola cosa: vi chiedo di guardare ancora nei vostri cuori. Figli, fate spazio nei vostri cuori e mettete tutti i vostri nemici, preparate culle per far abitare i miei figli emarginati: facendo abitare nei vostri cuori queste creature, attraverso la Preghiera preparate (modo indicativouna culla anche per me. Vedete, figlioli, sull'umanità scendono ancora flagelli: ancora non riuscite ad amare in pienezza!^ Amate: amate con la mia Pienezza di Padre, figlioli! Ora io vi sigillo ancora una volta e chiedo ad ognuno di voi di accettare e di essere coscienti del Sigillo del Giovanni (di Gesù), ma siete liberi di accettarlo: figlioli, io non vi costringo a fare nulla. Ora vi sigillo col Segno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Lodate il Padre. Lodate il Figlio. Lodate lo Spirito Santo. Lodate il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia e Madre dell'Umanità: Culla del Mondo. Ecco, figlioli cari, la mia Pasqua ve l'ho donata Piena: ora sta a voi decidere cosa volete fare. Avete il Sigillo: siatene coscienti! Siate soldati e combattete con Maria! Andate in pace e portate al mondo la Pace Piena che io vi ho donato perché mi sono donato tutto, figli. Tu, piccola cocciuta, gioisci nel vedere i tuoi angeli e i tuoi cari che cantano le Lodi d'Amore al Cuore di mia Madre. Giovanni di oggi, Telesforo di oggi e voi tutti, Giovanni, legate la Catena Santa e pregate lentamente con la mia Santa Preghiera di Padre. Ricordate sempre che il mio Cuore è il vostro rifugio. Ricordatevi che io sono Padre: chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso. Lascio scendere l'Amen del mio Cuore su di voi e sui vostri cari. Non temete, figlioli: io stringo tutti al mio Cuore. Giovanni di oggi, inizia tu. (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.). Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (Gesù) Ecco, figlioli, avete compreso queste parole? Quando uscite fuori da questa Stanza, le ricordate ancora? Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Io mi fermo su queste parole perché sono seduto sulla Roccia: fermatevi anche voi e sedetevi sulla Roccia della Croce, figlioli. Piccola cocciuta del mio Cuore, porta ancora i tuoi figli sulle tue spalle nel Fiume del mio Amore. (Giulia) Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù <2>! Il tuo Cuore è immenso: Ti amo! (Gesù) Vi amo anch'io, pietruzze del mio Cuore, e aspetto (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, figlioli, per la vostra pazienza di ascoltarmi: grazie!"

^ Nota la correlazione di causa ed effetto: i flagelli vengono da mancanza di amore, cioè da ciò che è satana, odi, rancori, divisioni, egoismo, potere.

 

7.   Ven 8/10/99, ore 10.40, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli, io ho abbracciato la Croce per ognuno di voi, non sono sceso, ma sono stato staccato ed ho lasciato il mio Abbraccio sul Legno: quel Legno che mi ha amato e donato calore perché il vostro non c'era. Per mezzo di Esso voi avete la Vita ed ora cosa volete fare, figli Ministri? Cambiare tutto? Io non sono un vestito che va cambiato, io non sono un'usanza vecchia che va rinnovata: Io sono vecchio perché io sono sempre. Cosa volete fare delle mie Case? Chi siete voi per cambiare? Chi vi ha mandati a portare la mia Parola e voi cosa ne avete fatto? La conoscete? La osservate? Vi siete tutti persi dietro le cose del mondo: ma io verrò, vi toglierò il vostro compito e lo darò ad altri perché voi non siete stati capaci di fare ciò che io vi ho ordinato. Voi Quattro della mia santa Croce, andate avanti: tirate sempre la mia Barca carica del mio Santo Vangelo e non fermatevi. Io vi amo, figli, ed ho bisogno di voi. Tu, piccola cocciuta, non scoraggiarti: figlia, sai bene che devi soffrire. (Giulia) Sì, Gesù, ma stammi vicino! (Gesù) Ti amo, figlia mia, e con voi benedico il mondo perché siete le mie pietruzze° del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen (4)"

 

8.   Dom 10/10/99, ore 15.24, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù, bevi anche in questa giornata i calici misti e immolati, figlia mia, con i Dolori del Parto della Croce per l'umanità tutta. Figlia mia, immolati per i Grandi della Casa del Padre.* Vedi, figlia, il mio nemico vuole distruggere l'Altare della Misericordia e la Valle che lo circonda: i figli della perdizione stanno seminando il seme della morte. Figlia mia, io vengo in ubbidienza al Padre a portare il Santo Vangelo della Croce invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo in pienezza. Figlioli del mio Cuore, il mio Gesù nel suo parlare ha detto e ciò che è Parola sua non viene cancellata: state attenti a coloro che vengono in nome mio portandovi falsi miracoli. Figlioli cari, avete contemplato il Vangelo di questa giornata (28/A: il Banchetto Nuziale)? Il Banchetto è pronto: figlioli, non tardate! Il mio Gesù ha preparato il Banchetto per le spose: indossate gli Abiti della Croce^ e venite dietro Gesù che gronda sangue per l'umanità. Dove sono i figli che dicono di amare e di donare tutto per amore di Gesù? Figlioli cari, non è una ripetizione, ma io vi dico ancora che Gesù piange su questa Valle: Il Progetto del Padre non viene cancellato, ma la sua mano si sta abbassando! Almeno voi pregate e consolate il Cuore di Gesù. Figli, io sono Mamma, vi ho partorito attraverso la Croce di Gesù; io vi voglio salvi: cammino Pellegrina nel mondo portando la Povertà e l'Amore della Croce. Ma dove sono i figli che la portano? Dove sono i figli che accettano le Sante Spine? Piccoli Giovanni, il tempo del Padre è ormai sceso su di voi: combattete e non fermatevi perché io sto combattendo con i miei Angeli e voi, che siete stati sigillati, dovete combattere sulla terra. Non fermatevi, figlioli del mio Cuore! Tu, cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire nel vedere questo luogo sporcato dai figli della perdizione, ma la Roccia non viene cancellata: figlia mia: il tempo della divisione è vicino! (Giulia) Mamma, Mammina mia, converti i loro cuori! (la Madonna) Il Padre conosce ciò che deve fare: non sei tu a comandare il Padre. (Giulia) Mamma, perdonami! (la Madonna) Piccola cocciuta, il tuo cuore arde d'amore per tutti, ma il grano e la zizzania crescono insieme e il tempo della divisione è pronto: figlia mia, prega e tieni sempre stretto nel tuo cuore il Grande Messaggio che dovrai annunciare. (Giulia) Mamma, aiutami a tenerlo stretto! (la Madonna) Non temere, figlia mia: sei stata mandata per questo. Ora invita i tuoi figli a pregare secondo la Volontà del Padre e non scandalizzatevi, figlioli, di ciò che dico. Il Progetto di Fatima si sta adempiendo: siate pronti e preparati con le lucerne accese perché lo Sposo verrà, come ha promesso. figlioli del mio Cuore! Siano le vostre Catene sempre unite: non permettete al mio nemico di romperle e di fare il suo uso. Sia il Vangelo della Croce il vostro vivere amandovi gli uni gli altri, donandovi la Pace di Gesù: non cercate la pace del mondo perché viene dal mio nemico. Croce del mio Cuore, preparati perché dovrai soffrire ancora per i tuoi figli. (Giulia) Con la tua Grazia, Mamma! (la Madonna) Ora io vi lascio, figlioli del mio Cuore, vi chiedo di aprire i vostri cuori all'Amore del Padre e di tenere alto il Vangelo della Roccia. Cocciuta del Cuore di Gesù, gioisci nel vedere la tua Spina preferita e i tuoi cari. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete, figlioli, nell'Amore dello Spirito Santo e moltiplicatevi nella sua Luce. Lode Lode Lode Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Ecco l'Amen del Cuore del Padre: abbracciatelo e portatelo ai vostri cari. Figli, io vi amo tutti e vi aspetto ai piedi della Croce perché lì vi ho abbracciati".

^ L'Abito Nuziale è appunto l'Abito della Croce, l'Abito della Vita, come dirò domani per la festa della Stanza all'omelia. E' un dono del Cielo, come dirà domani Gesù.

 

Prima Festa della Stanza

Lunedì, 11 ottobre 1999

Tutto si svolge come programmato. Siamo in 220. Oltre ai messaggi di Gesù durante la Messa, c'è quello della Madonna nel giardino, dopo il Rosario e appena si intona l'Ave di Lourdes. Franco Vincenzo fa il testimone delle estasi di Giulia. Durante la Comunione, Giulia va di nuovo in estasi: ha un visione segreta e rivive il decimo segreto, già avuto settimane fa e anzi lo rivede giovedì prossimo. Chiedo a Giulia perché queste quattro visioni del decimo segreto: la prima volta l'ho visto, la seconda (11/10) l'ho vissuto, la terza (14/10) l'ho rivisto in parte, la quarta (15/10) me l'hanno rifatto vedere per scriverlo. Ecco i messaggi:

 

9.   Alla Statuina dell'Immacolata, ore 17.30, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù, vedi, figlia, sono venuta in questa giornata a portarti i calici dell'Amore, a invitarti a berli per l'umanità tutta, per i tuoi figli, per i figli che non conoscono l'Amore e la Misericordia Infinita del mio Figliolo Gesù che con Amore Materno mi manda in mezzo a voi a portare il suo Vangelo Vivo, chiedendovi solo di tenerlo alto e di viverlo in pienezza. Ecco, figlioli, cosa vuole il mio Gesù da ognuno di voi, dall'umanità intera. Eccomi, figli, voi mi vedete in questa piccola immagine, fragile e dolce ai vostri occhi, ma io come Mamma, per volere di Dio Padre, sono in mezzo a voi viva e reale portandovi l'Abbraccio del mio Cuore Immacolato e Addolorato, invitando l'umanità a pregare secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata: addolorata per i flagelli che scendono ancora sull'umanità, per i Grandi della Casa del Padre, per i figli della perdizione. Figlioli, il mio Gesù manda le Gocce del suo Amore sull'umanità: ma pochi raccolgono le sue Gocce! Vedete, figlioli, Gesù vi ha donato il Giovanni di oggi e il suo Bastone è pronto per guidarvi. Figlioli, io come Mamma devo dirvi ancora che tempi duri scenderanno su di voi: su voi che siete che stati sigillati dall'Amore del Padre. Vedete, lo strascico di coda del mio nemico sta seminando ancora morte, odio e confusione tra di voi. Io vi ho donato lo Scudo del Santo Rosario: pregate, figlioli miei, pregate e consolate il Cuore di Gesù con i piccoli fioretti, amandovi gli uni gli altri e perdonando i vostri nemici. Ecco la Via di Gesù: è stretta, è fatta di Sante Spine. Camminate, figlioli, e non togliete le Sante Spine che il mio Gesù vi dona: camminate e portate la piccola croce che il mio Gesù vi offre come suo dono d'Amore per voi spose. Io ora vi lascio facendo scendere su di voi il Fuoco dell'Amore. Figlioli, camminate dietro il Giovanni di oggi. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Mi inchino dinanzi a voi (inchino profondo) dicendovi: grazie, figlioli miei! Col Cuore aperto vi aspetto perché sono Mamma: siate Mamme anche voi! Tu, piccola cocciuta del Cuore della Croce, soffri ancora e porta i tuoi figli sulle tue spalle. (Giulia) Sì, Mamma, con la tua Grazia! (la Madonna) Lode Lode Lode Lode (4). Lodato sempre sia il Cuore di Gesù, il Cuore di Maria e il Cuore di Giuseppe: Sposo dell'Umanità. Amen Amen Amen Amen (4)"

 

10.  Durante la Messa, nella Stanza, ore 18.20, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore: sono io, il vostro Gesù. Eccomi, figlioli, sono venuto in mezzo a voi a chiedere i vostri cuori. Sapete, figlioli, io voglio sposarmi con ognuno di voi, con l'umanità intera: vedete, lascio scendere dal Legno Santo e dal mio Cuore il vostro Abito^ chiedendovi di aprire i vostri cuori in pienezza. Figlioli miei, i tempi dell'Amore del Padre sono su di voi e io, come ho promesso di fare festa con ognuno di voi, sono venuto: ma i miei figli non accettano la mia Venuta! I figli Ministri chiudono la Porta del Matrimonio e io nella mia Stanza vengo a celebrare il Matrimonio che niente e nessuno può cancellare: siete sigillati, da ora in avanti, voi che siete qui riuniti e ovunque mi portate. Figlioli miei, io vi voglio salvi: è per questo che sono seduto sulla Roccia per rendere ognuno di voi Rocce Vive del mio Matrimonio con l'Umanità. Figlioli cari, il vostro compito è grande e importante e dovete camminare dietro di me. Salite il Monte con la propria croce: camminate, figlioli cari! Tu, Giovanni di oggi, tu che hai il Bastone consegnato a te dal Cuore del Padre, tu che sei lo Sposo Vivo in mezzo ai Giovanni che camminano col Sigillo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, dovrai combattere ancora, figlio mio, ma sei stato mandato per questo: non fermarti ché le Barche dinanzi a te sono già pronte. Figlio mio, tu sei lo Sposo Eterno, il Sacerdozio Vivo dell'Amore del mio Cuore, figlio mio, dovrai camminare e vivere nella mia Stanza: non fermarti dinanzi alle persecuzioni. Vedi, figlio mio, sei il Sigillo Vivo: tu comprendi queste parole che io sto dicendo. Il carico è pesante, ma tu vai avanti, figlio mio. Mi inchino dinanzi a te, Sacerdozio Eterno. Non scandalizzarti per ciò che dico, figlio mio: prega sempre per i tuoi figli Ministri. Tu, croce del mio Cuore, porta ancora i tuoi figli sulle tue spalle e soffri per l'umanità che non accetta il mio Amore. Ora preparatevi per sposarvi con me (che è poi la Consacrazione della Messa che io sto facendo: e ogni Messa è Sposarsi con Gesù). Figlioli, vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Ecco l'Amen della Pace. (Giulia alla Consacrazione della Messa <Epiclesi>) Sposo dell'anima mia! <elevazione Ostia> Ti amo, Sposo mio! Ti Amo, Sposo mio! <al fate questo in memoria di me> Ti amo, Sposo mio! (Gesù, <subito dopo il Misterium Fidei>) Ecco l'Abito dell'Amore:^ sigillalo ai tuoi figli.* Gioite! Gioiscano i vostri cuori perché io sono qui in mezzo a voi! Unite i vostri cuori col mio Cuore. Siete i miei figli: nessun capello vi sarà tolto dal capo perché siete stati unti dal Sigillo del mio Matrimonio. Amatemi perché io voglio amarvi! Figlioli, scambiatevi il Bacio del mio Amore dopo la Santa Preghiera (Pater). Vi stringo al mio Cuore, figlioli, e vi benedico ancora col Fuoco di Pentecoste: ardete nell'Amore del mio Matrimonio. (Dopo la Comunione, Alle solite giaculatorie dice):^^ Dolce Cuore Immacolato e Addolorato di Maria. Amen Amen Amen (3)."

^ Dunque, l'Abito Nuziale è dono di grazia che scende dalla Croce e dal Cuore di Gesù. A noi è chiesto solo un Sì pieno: chiedendovi di aprire i vostri cuori in pienezza.

 

11. Giov 14/10/99, ore 21.04, Stanza, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, spose del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi: gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore!* Tu, croce mia, bevi ancora i calici che ti hanno preparato: vedi, sono verdi e sono ancora più amari. Figlia mia, immolati con i Dolori del Parto: assaporali e falli assaporare all'umanità, ai tuoi figli, ai Grandi della Casa del Padre.* (Giulia) Gesù, perché grondi sangue? <1° grido>. (Gesù) Ecco, figlia mia, perché grondo sangue: vedi, ancora flagelli scendono sull'umanità, ancora sangue innocente bagna le Mura della Casa di Roma! Figlia mia, dovrai soffrire molto per il Sì che hai donato al mio Cuore. Vedi, io vengo in mezzo a voi portandovi sempre il Santo Vangelo, invitandovi a tenerlo alto e a viverlo in pienezza: nella pienezza dei vostri cuori. Figlioli cari, vedete, nella mia Stanza vi ho chiesto il Matrimonio, io ve l'ho donato in pienezza: voi, spose, avete compreso ciò che io vi ho chiesto? avete aperto i vostri cuori? Figli, quando vi dico di chiedere nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, riuscite a comprendere ciò che io vi dico? Vedete, i vostri occhi vedono le cose esteriori: siete affannati per le cose del mondo, non riuscite ad andare oltre, non riuscite a guardare in pienezza il Legno dello Sposo! Riuscite a toccarlo? Riuscite a gioire come ho gioito io? Sposandovi, vi ho sposati tutti sul Legno della Croce: ma dove sono le mie spose? I Grandi della Casa del Padre vogliono cancellare il Segno dell'Amore: io vi ho sposati, ora avete il compito di camminare e portare nel mondo il Seme del mio Amore, il Seme delle Mamme della Croce. Figlioli cari, vedete, il Parto è pieno e ognuno di voi deve accendere la lucerna: non rimanete con la lucerna spenta, figlioli! Quando vi invito a tenere alto il Santo Vangelo della Croce e a viverlo in pienezza, vi invito a stringere la Catena: figlioli, tenetela stretta e non lasciate passare il mio nemico! Vedete, figlioli, il suo strascico di coda sta gettando ancora morte sull'umanità, divisione tra i figli: e voi, Piccoli Giovanni, non lasciatevi confondere dal suo fumo! Sia il vostro tesoro la Povertà e amate: amate in pienezza perché solo amando potete sconfiggere il mio nemico. Io vi ho sposati: siatene convinti, figlioli del mio Cuore! Tu, cocciuta del mio Cuore, tu che hai ricevuto la Goccia e la custodisci nel tuo Cuore, dovrai consegnare al Giovanni di oggi ciò che ti sarà riacceso (domani) davanti ai tuoi occhi. Tu, Giovanni di oggi, terrai in segreto ciò che ti verrà consegnato. Figlio mio, il tuo cuore e le tue porte^ sono aperte: ma la Porta della Casa di Roma non si apre! Ti sarà detto quando dovrai andare, figlio mio, e col Bastone andrai a portare il mio Grido. Non temere niente e nessuno, figlio mio, stringi la mia mano: cammina con me nel Fiume Santo portando i tuoi figli. Figlio mio, io passo attraverso di te e attraverso la Piccola Cocciuta: il mio Parto è pieno! Ora, figlioli cari, vi chiedo ancora una volta di guardare nei vostri cuori: cercate cercate, figli, e togliete tutto quello che non mi appartiene. Amate e perdonate i vostri nemici: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Io vi invito a donare il mio Amore all'umanità, ai vostri fratelli: ecco, figlioli cari, ecco perché vi dico di tenere alto il Vangelo della Croce. Io sono il vostro Gesù e vi chiedo di essere coscienti che io sono qui in mezzo a voi vivo e reale. Sollevate la Piccola Croce. Ecco, figlia mia, stringi ancora la mia mano. Tenendoti per mano, Io porto il Cuore di Maria: piccola e fragile creatura che si dona all'umanità per amore. Ecco, mamme, come dovete camminare: piccoli, fragili, amando in pienezza come Maria. Maria vi ha amati dal primo istante: vi ha donato il mio Cuore. E voi, figli, cosa cercate ancora? Perché non vi fermate dinanzi al Legno? Ecco, io ve l'ho donato: l'ho bagnato col mio Sangue e vi ho donato la Vita. Perché vi affannate per le cose del mondo? Bussate al mio Cuore, chiedendo nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso. Figli, figli del mio Cuore, ciò che è scritto nel mio Libro, non viene cancellato perché è un Libro Antico e io ho parlato dalla Roccia e la Roccia non viene meno. Non affannatevi, voi figlioli del mio Cuore: ciò che voi cercate è scritto nel mio Libro e presto si adempirà. Siate pacifici, amando e perdonando: usate la Preghiera del mio Cuore. Figlioli, io benedico i vostri passi e ciò che offrite al mio Cuore. Usate carità e perdono. Figlioli miei, ora vi invito a togliere ciò che non mi appartiene: che abita ancora nei vostri cuori, figlioli cari. Tu, croce del mio Cuore, prega e immolati come hai fatto per la figlia Anna:^^ immolati! (Giulia) Gesù, tu grondi ancora sangue! (Gesù) Figlia mia, grondo sangue perché io vedo ciò che i tuoi occhi non vedono: piango per i miei figli Ministri che camminano le vie del mio nemico! Prega e assapora ancora il mio Parto: fallo assaporare <2° grido>. Cullami, figlio mio, perché voglio riposare sulle tue spalle: io sono un Dio Bambino e voglio le vostre coccole, spose del mio Cuore! Ora io vi sigillo col Bacio del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo attraverso il Giovanni di oggi. Voi, spose del mio Cuore, siete pronte per ricevere il mio Bacio? Aprite i vostri cuori e accoglietemi perché io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e vi stringo: vi stringo una ad una, baciandovi perché io sono lo Sposo. Non guardate la Piccola Cocciuta: io mi servo di lei per parlare all'umanità e donarvi tutto il mio Amore. Giovanni di oggi, grazie per ciò che mi offri, grazie per aver accettato il Bastone: a causa sua soffrirai molto, ma non temere, Giovanni! Vedi, ciò che io porto nel mondo intero è il Progetto di Fatima; Maria, Madre mia e Madre vostra, l'ha consegnato (alla Chiesa tramite Lucia): ma i Grandi della Casa del Padre non vogliono ancora ascoltare. Figlioli, siate pronti e preparati perché non conoscete né l'ora e né il giorno che io verrò. Tu hai il Bastone, figlio mio: tienilo stretto e porta il tuo gregge alla Porta del Parto. Tu, piccola cocciuta del mio Cuore, preparati e prepara i tuoi figli perché il Banchetto è pronto e io voglio mangiare e bere con ognuno di voi: la festa è grande ed è piena! (Giulia) Padre Padre Padre! (Gesù) Eccomi, sposa e mamma del mio Cuore: gioisci nell'abbracciare il Legno, gioisci con i Dolori del mio Amore <3° grido>. (Giulia) Gesù, dammi la forza e la costanza perché la mia viene meno! (Gesù) Sai cosa fare, piccola cocciuta: allarga le braccia e poggiati al Legno Santo. (Giulia) Sì, Gesù! (Gesù) Ora io mi inchino dinanzi a te, Giovanni di oggi, invitandoti ad amare come sposo. Figlio mio, non scandalizzarti per queste parole; il tuo cuore arde d'amore per i tuoi figli, per i tuoi fratelli: fallo ardere come sposo. Tu comprendi ciò che io dico in questo attimo. Mi inchino a te perché nelle tue mani io ho messo il mio Parto. Ora preparatevi per venire al mio Banchetto. Eccomi, figlioli cari, io sono qui in mezzo a voi in un bicchiere di Vino e in un  pezzo di Pane: contemplate il mio Tesoro, contemplate l'Amore del Padre che si dona all'umanità. Eccomi: ecco lo Sposo che viene portando l'Abito Candido dell'Agnello Immolato. Figli, in questo attimo liberate i vostri cuori dalle cose del mondo. Non temete per i vostri cari: io vado a visitare anche loro perché mi dono a tutti. Quando chiedo a voi di non lasciare nessuno fuori della Preghiera, cosa pensate: che io lascio i miei figli? Venite a me come siete perché io vi amo e mi dono tutto, anche le più piccole Gocce li/e dono ad ognuno di voi: e io ora mi dono a voi attraverso le mani sante del Giovanni di oggi. Figlio mio, bevi e mangia con me e donami ai tuoi figli. Ecco! Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. Mangiate perché il Banchetto è pronto e voi tutti siete stati invitati.* Ecco lo Sposo che viene ad abitare nella Tenda che avete costruito. Benedetti voi che mi amate. Benedetti voi che mi donate col vostro amore ai piccoli, ai poveri, agli emarginati. Benedetti voi che accogliete i miei vecchietti e li fate mangiare il mio Amore (Li: un accusativo > dativo). Figlioli, non fermatevi, ma camminate nel Fiume Santo; vedete, la Piccola Croce vi porta sulle sue spalle: rimanete uniti alla mia Croce tenendo sempre alto il mio Vangelo. Siate coscienti che nel bicchiere del Vino e nel pezzo di Pane ci sono io vivo e reale e vi amo! (Amen Amen Amen Amen <4> alle solite giaculatorie). Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi: la mia Pasqua è piena ed è risorta, il Banchetto dell'Amore è pieno e io abito nei vostri cuori. Figli, riuscite a contemplare questo Mistero d'Amore? Mi vedete entrare nei vostri cuori? Io mi dono, figlioli: siatene coscienti! Il Mistero che racchiude un bicchiere di Vino e un pezzo di Pane è il Mistero dell'Amore che Dio Padre ha donato al Cuore di Maria e Maria l'ha donato all'umanità. Siete convinti di tutto questo, figlioli? Ecco le mie Gocce: raccoglietele, figlioli! Ora sollevate la Piccola Croce. Ecco, figlioli del mio Cuore, i primi passi del Matrimonio li avete fatti: ora rimanete saldi! Quando uscite fuori dalla mia Stanza, non permettete al mio nemico di distruggere la Gioia del Matrimonio, figli. Tu, piccola cocciuta del mio Cuore, stai attenta a non parlare: il segreto che porti nel cuore è grande e il mio nemico vuole rubarlo. Sii forte: sii sempre cocciuta come io ti ho scelta, figlia mia. Tu, Giovanni di oggi, custodisci la Piccola Cocciuta. Sostenetela, voi tutti, Giovanni, con le vostre preghiere. Sia sempre unita la Catena del mio Amore: amatevi gli uni gli altri e non dividetevi, figlioli! I tempi sono pieni: rimanete sempre uniti tenendo alto il Santo Vangelo e lo Scudo del Cuore di Maria che è il Santo Rosario. Figlio Mario, Sacerdote Eterno e Giovanni del Cuore della Croce, ciò che è passato un attimo fa nel tuo cuore è giusto, figlio mio. Cammina con me: sali il Monte, figlio. Io vi chiedo scusa se sono rimasto a lungo a parlare: sapete, figlioli, lo Sposo ama le sue Spose ed è dolce rimanere sempre con voi! Ma ora io vi lascio: vi chiedo di aspettarmi perché ardo d'Amore per ognuno di voi! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Cocciuta del mio Cuore, gioisci nel vedere la tua Spina preferita* e i tuoi cari. E voi, figlioli, gioite quando mi donate ai vostri fratelli! Ora, Giovanni di oggi, Telesforo di oggi e voi tutti, figli, legate la Catena Santa tenendola stretta. Io vi sigillo ancora col Bacio del mio Amore che è segnato dal Legno Santo. Siate coscienti, figli, di ciò che vi offro. Vi invito a pregare e ad aprire i vostri cuori alla Volontà del Padre. Sapete, figli, io sono Padre e vi amo: vi amo! Giovanni di oggi, inizia tu con la Preghiera e cullami. (Giulia con noi: Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.) (Gesù) Ecco, figlioli, avete compreso? Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen Amen Amen Amen <4>. Tu, Giovanni di oggi, comprendi perché io dico: Amen. Ora vi guardo uno ad uno poggiando la mia mano sui vostri cuori. Figli, andate in pace e portate al mondo la Pace del mio Cuore che è segnata dalla Croce. Tu, piccola cocciuta, porta ancora sulle tue spalle i tuoi figli. (Giulia) Con la tua Grazia, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! <4>. (Gesù) Siete le mie spose e vi amo tutte: aspetto il vostro amore (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, piccoli cocciuti e capricciosi del mio Cuore! Cullami ancora, figlio mio!* Il Bimbo dorme: vegliate e non spegnete le lucerne, figli!"

^Sono 5 le porte della mia casa: 3 esterne, 2 dal giardino delle grotte dei monaci basiliani.

^^ Giulia dice che è Anna Voria, miracolata per intercessione del Ven. Lentini: quindi l'immolazione di Giulia contribuì ad ottenerne la guarigione il 21/9/1988.

 

12. Ven 15/10/99, ore 10.40, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli, la mia, Pasqua è piena ed è risorta. Cosa aspettate ancora? Cosa guardate lontano dalla mia Croce? Chi cercate? Vi siete persi dietro le cose del mondo e non riuscite più a trovare la mia via perché l'avete cambiata. Figli, non avete saputo aspettarmi e vi siete incamminati per conto vostro: ora cosa fate senza di me? dove andate? Figli, la mia Porta è stretta e lungo il cammino ci sono le sante Spine: non toglietele! Voi, figli Ministri, indossate gli Abiti della Croce e ricordatevi che io sono Giudice. Voi: chi vi ha donato il potere di gestire a modo vostro? Cosa pensate: di uccidere di nuovo l'Erede? Ah, figli, scellerati, come non avete capito nulla del mio Vangelo! Ma io verrò: siatene certi! Voi, figli della Santa Croce, andate ancora avanti: tirate con me la Barca carica del mio Santo Vangelo e non fermatevi. Ho bisogno di voi, figli miei: vi amo perché siete le mie pietruzze preferite. Tu, piccola cocciuta, dovrai ancora soffrire: ma non scoraggiarti! Ti amo, sposa del mio Cuore, e con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen (4)"

Il decimo segreto e la visione del Matrimonio del 11/10/99

 

Scrive oggi sia la visione che il decimo segreto che, come ha detto Gesù ieri sera, le: sarà riacceso. Questo decimo segreto è passato per gli occhi di Giulia più volte: a) Nei mesi scorsi Giulia ha avuto diverse visioni segrete, riguardanti certamente questo decimo messaggio di cui il 26/8 mi annunciamo: "Figlio mio, presto ti sarà consegnato l'altro segreto", b) vissuto l'11/10, c) rivisto ieri 14/10, d) riacceso oggi 15/10. Dopo l'estasi di oggi, oltre al messaggio normale del venerdì, trova ai suoi piedi, ma non nella Stanza, la busta che li contiene. Pur non avendo piaghe, Giulia troverà la busta sigillata a sangue con scritto in una facciata la lettera A e il numero 3 e sull'altra una Croce greca, come quella della Stanza.

 

13. Dom 17/10/99, ore 15.25, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù, bevi anche in questa giornata i calici misti del tuo Gesù: vedi, figlia mia, sono verdi i calici e sono dolorosi perché sono stati offerti a Gesù dai figli della perdizione. Figlia mia, immolati ancora con i Dolori del Parto della Croce. Vedi, figlia, il Parto è sceso sull'umanità perché Gesù vi ha donato la Croce: vi ha resi liberi stringendosi al Legno Santo. Io come Mamma vengo in mezzo a voi e nel mondo intero, in ubbidienza al Padre vengo a portarvi il Santo Vangelo: invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo in pienezza, figlioli del mio Cuore. Vedete, figli cari, in questa giornata il mio Abito è macchiato di sangue! Pregate, figlioli: sia il vostro cuore costante alla preghiera. Come Mamma devo dirvi ancora che i flagelli scendono sull'umanità: figli miei, stringete la Santa Croce e non lasciatela. Tempi duri ancora scenderanno sull'umanità: il Progetto di Fatima si deve adempiere, figli, e la Promessa donata dal mio Cuore presto scenderà sull'umanità. Ecco, figlioli cari, il mio Gesù vi sta preparando: vi ha sposati e ora voi dovete camminare sulla Via dell'Amore per combattere il mio nemico. Io come Mamma vi dico sempre di stringere la Catena Santa e di non lasciare spazio al mio nemico: amandovi gli uni gli altri, usando carità verso tutti. E vi ripeto ancora una volta: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera, figlioli del mio Cuore! Ecco, io mi inchino ancora dinanzi a voi chiedendovi di tenere alto il Vangelo di Gesù e di consolare il suo Cuore. Figlioli miei, vedete, una Mamma si rivolge ai propri figli chiedendo di aiutarla: forse voi non lo fate con le vostre mamme? Figlioli miei, io ho bisogno del vostro aiuto! Venite: la Porta del mio Gesù è stretta, ma è aperta. Non tardate: lo Sposo è pronto e vi aspetta! Ma vi invito come Mamma a guardare nei vostri cuori e a togliere tutto quello che non appartiene al mio Gesù. Figlioli, guardo i cuori di ognuno di voi e ascolto i vostri battiti, chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso: sono Mamma e comprendo ogni cosa. Il mio Cuore è il vostro rifugio: venite a me! Non affannatevi per le cose del mondo, figlioli cari, il mio Gesù vi dona sempre l'Amen del suo Cuore che è la Pienezza: siate convinti del suo Amore Infinito! Io come Mamma vi invito ancora una volta a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: pregate, figlioli, perché le Mura cadono ancora su di lui. Tu, piccola cocciuta del Cuore della Croce, soffri ancora per il tuo Gesù: immolati e porta i tuoi figli sulle tue spalle. (Giulia) Mamma, con la tua Grazia fammi camminare sempre sulle Spine di Gesù. (la Madonna) Sei sempre la più cocciuta: vieni, figlia mia, e stringiti alla Croce. Vedi, l'umanità sta andando alla perdizione perché non ama il Cuore della Croce: fai amare i tuoi figli perché solo amando potete arrivare al Trono di Gesù che vi ama e vi aspetta, figlioli, perché siete le pietruzze preferite del suo Cuore. Io ora vi lascio. Mando su di voi il Fuoco di Pentecoste: ma aspettatemi perché io verrò ancora a portare la Parola Viva del mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci con la tua Spina preferita nel vedere i tuoi angeli e i tuoi cari.* (Giulia) Grazie, Mamma! (la Madonna) Lode Lode Lode Lode Lode <5>. Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Ecco l'Amen del Cuore del Padre: accoglietelo nei vostri cuori e portatelo ai vostri cari, figlioli. Grazie per avere ascoltato la mia Parola, figli!"

 

14. Giov 21/10/99, ore 21.04, Stanza, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Pace a voi, figlioli del mio Cuore! Sono io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi, spose amate dal mio Cuore: gioite e fate festa, figlioli! Tu, croce del mio Cuore gioisci e fai festa, stringendoti alla Croce, bevendo i calici che ti hanno preparato, assaporando i miei Dolori del parto, facendoli assaporare ai tuoi figli, all'umanità che è sorda e non vuole comprendere la mia Parola, perché io vengo a portare ad ognuno di voi il mio Santo Vangelo: il Pane dei Cieli. Figlia, in questi ultimi tempi ti chiedo ancora di consolare il Cuore di mia Madre assaporando ancora di più i Dolori del Parto <1° grido>. Ecco, figlia mia, ecco la Corona che io offro alle mie spose: è la Corona dei Dolori, è una Corona fatta di Spine del mio Amore. Ecco cosa vi offro come Regalo di Nozze, figlioli cari! Io vengo in mezzo a voi a portarvi il Vangelo Vivo invitandovi uno ad uno a viverlo in pienezza e a camminare sulla mia via. Vedete, figlioli cari, vi affannate per le cose del mondo e non vi fermate a guardare: io sono qui in mezzo a voi vivo e reale. Chi di voi è cosciente in questi attimi? Chi di voi ascolta in pienezza la mia Parola? Non riuscite neanche a comprendere che sono in mezzo a voi vivo e reale: come siete distratti, figlioli miei! Il mio Cuore gronda sangue nel vedere tutto questo, eppure ci siamo sposati: siete le mie spose! Vi invito sempre a vivere in povertà, in semplicità di cuore: ma ancora non avete capito nulla! Tra di voi ci sono sempre divisioni perché non amate in pienezza la Povertà della Croce, non amate in pienezza i miei Dolori del Parto che io faccio assaporare ad ognuno di voi! Figli, state attenti al mio nemico: non lasciatevi trascinare dal suo strascico di coda! Io sono il Maestro, io sono il vostro Dio e Signore e sono vivo e reale in mezzo a voi. Siete coscienti, figli? Tu, Telesforo di oggi, sei cosciente di tutto questo? Inchino il mio capo e grondo sangue! Figlioli cari, vi invito sempre a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa. Tu, Giovanni di oggi, tu che hai in consegna il Bastone del mio Amore, guida il tuo gregge sulla Via della Povertà: non lasciatevi confondere dal mio nemico che usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua rete! Figlio mio, Giovanni di oggi, tieni alto il Santo Vangelo perché io passo attraverso di te e attraverso la mia Piccola Croce. Sii saldo, figlio mio, perché i tempi che scenderanno saranno ancora più duri e sempre di più annebbiati dal fumo dell'odio del mio nemico! Figlio mio, quando la Piccola Cocciuta grida è perché sente il fumo dell'odio: ascoltala anche tu, Giovanni di oggi! Ecco, figlioli, io vi porto le piccole Gocce: unitele e non gettatele via, figlioli miei! Ecco il mio Parto che viene in mezzo a voi: sappiatelo accettare con amore! Tu, cocciuta del mio Cuore, aiutami! (Giulia) Gesù, cosa devo fare? (Gesù) Stringiti alla mia Croce e accetta ancora i Santi Dolori <2° grido>. (Giulia) Gesù, dammi il tuo Respiro! (Gesù)  Giovanni di oggi, dagli respiro!* Figlia mia, dovrai ancora sopportare il peso dei Dolori per l'umanità, per i Grandi della Casa del Padre: ma non scoraggiarti, anima mia! (Giulia) Gesù, tu col tocco del tuo dito puoi cancellare tutto il male che è nel mondo! (Gesù) Sei sempre più cocciuta: figlia mia, il tuo cuore è tenero, ma si deve adempiere ciò che è scritto. Figlia mia, tu che vedi con i tuoi occhi ciò che fanno i Grandi, vorresti affrettare i tempi prima di me? Sono io a decidere, figlia! (Giulia) Gesù, salva i bimbi! (Gesù) Non temere, figlia mia, vedi ciò che ho preparato: il Banchetto del Matrimonio, figlia mia! (Giulia) Gesù, perdonami! (Gesù) Non hai nulla da rimproverarti, cocciuta del mio Cuore: è il tuo cuore di mamma che arde per i tuoi figli, per l'umanità intera! (Giulia) Sposo dell'anima mia, vieni presto e rimani con noi! (Gesù) Ecco, figlioli, io vi sto chiedendo una culla: preparatela perché i tempi sono pieni. Figli, siate sempre con le lucerne accese perché non conoscete né l'ora e né il giorno e non affannatevi a comprendere con le vostre menti perché non riuscite a comprendere la mia Scrittura di Padre: ancora non è giunta l'ora, figli! Ora sollevate la Piccola Croce. Eccomi, sono qui in mezzo a voi vivo e reale e vi chiedo solo di essere coscienti della mia presenza in mezzo a voi e di tenere alto il Vangelo Antico che io vengo a portarvi, figli: sono Padre e se alzo il tono della voce non dovete scandalizzarvi, figlioli del mio Cuore! La mia Via è stretta e sulla mia via ci sono le Spine: non toglietele, ma accettatele con amore, figli! E quando vi dico di non lasciare nessuno fuori della Santa Preghiera, figlioli, sappiate che io vedo e sento ogni cosa. Il mio Amore è stretto, è una Catena fondata sulla Roccia di Padre: stringetela anche voi e fondatela sulla mia Roccia di Padre che accoglie tutti i figli. Voi chi siete da condannare o lasciare fuori i vostri fratelli? Quando entrate nella mia Stanza, dovete entrare nella Pace del mio Cuore. Figli, siate coscienti di tutto questo! Ora io vi sigillo e il mio Sigillo è Sigillo di Croce. E tu, Giovanni di oggi, donalo ai tuoi figli perché io passo attraverso di te: tu sai bene in che modo, figlio mio! Figli, voi che vi accostate a ricevere il mio Sigillo, siate coscienti: ma vi lascio liberi di farlo. Figli, io vi guardo dall'alto della Roccia e vi chiedo di amare: amate amate imitando il Cuore di Maria! Vedete, figlioli cari, un'umile creatura che si è donata: col suo Amore Materno ha abbracciato il Legno e camminando sulla Via dei Dolori ha seminato l'Amore. Fatelo anche voi: non affannatevi, ma seminate come Maria l'Amore della Croce. Ora, figli, preparatevi perché il mio Banchetto è pronto: liberate i vostri cuori dalle cose del mondo e venite perché io vi aspetto, spose del mio Cuore! Preparati, sposa mia, e prepara i tuoi figli. (Giulia) Padre Padre Padre! (Gesù) Eccomi, non temere, sto stringendo la tua mano e non ti lascio, conosco il peso dei tuoi dolori, ma cammina con me: sali il Monte, figlia mia! Venite! Eccomi, spose del mio Cuore, sono qui in mezzo a voi vivo e reale e mi dono ad ognuno di voi nell'Amore Pieno della Croce. Figlio mio, Giovanni di oggi, dona il tuo sangue e la tua carne ai tuoi figli, alle tue spose perché io mi dono nell'Amore Pieno. Mangiate e bevete con me il Frutto della Croce. Donami, figlio mio. Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. Ecco l'Amore del Padre che si dona all'umanità <3° grido>. Mangiate e bevete con me il Frutto del Parto. Figli, il nostro Matrimonio è pieno e io mi dono alle mie spose. Mangiate e date Frutti d'Amore all'umanità perché io vi ho chiamati; non è da voi venire nella mia Stanza: è il mio Amore che bussa e arde nei vostri cuori perché siete stati sigillati. Siate coscienti e ascoltate il Grido d'Amore che io vi porto come Pane del Cielo! Figli, siate coscienti, siate coscienti, siate coscienti!* (Amen Amen Amen Amen <4> alle solite giaculatorie). Ecco, io mi sono donato ad ognuno di voi; ho fatto festa con le mie spose: voi fate festa con me! Mi Amate? Siete convinti di avermi ricevuto nei vostri cuori come Sposo? Io sì e voi?!* Figli, ancora non comprendete la Goccia che io vi dono: ma vi amo e vi aspetto sempre perché il Banchetto del mio Matrimonio è pieno perché io vi ho sposati e vi ho invitati. Figli, elargite i vostri cuori all'umanità! Vedete, l'Abito che vi ho regalato è l'Abito della Croce: non gettatelo via quando uscite fuori della mia Stanza. State attenti al mio nemico, figlioli! Giovanni di oggi, tu che sei la Roccia del mio Cuore, non fermarti, vai avanti col Bastone dell'Amore: figlio, tienilo alto perché tempi duri scenderanno ancora sull'umanità e il tuo compito è di portare le pecorelle alla Porta del Parto e tu conosci dov'è la Porta, figlio mio. Ora sollevate la Piccola Croce. Figlio mio, ecco, ti è stato consegnato il mio Bastone: io ho camminato col Bastone che tu porti, ora tu dovrai camminare assaporando i Dolori del mio Parto perché io mi inchino dinanzi al Sacerdozio. Figlio, sii forte, sii forte, sii forte! Non temere: io e mia Madre siamo al tuo fianco. Ora, figlioli del mio Cuore, vi invito ancora una volta a pregare col cuore aperto e secondo le mie intenzioni: chiedendovi di non lasciare nessuno fuori della Santa Preghiera. Il Giardino che io vi ho preparato è Giardino di Pace e d'Amore, raccogliete i vostri nemici e portateli, figli: tenete sempre alto il Vangelo del mio Amore. Io ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi: se voi mi accettate, verrò a portarvi il Pane dei Cieli, figli! Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lodato sempre sia il Padre Altissimo. Cocciuta del mio Cuore, gioisci nel vedere la tua Spina preferita* e i tuoi cari.* (Giulia) Gesù! (Gesù) Gioisci, cocciuta del mio Cuore!* (Giulia) Grazie, Gesù! (Gesù) Ora, Giovanni di oggi, Telesforo di oggi e voi tutti, figli del mio Cuore, legate la Catena Santa; stringetela forte: non lasciate spazio al mio nemico! Quando vi chiedo di legarla, ognuno leghi la propria catena con la mia Croce, col Sigillo del Parto, perché io sono Padre e sono seduto sulla Roccia e la mia Catena non viene spezzata. Figli, siate coscienti di tutto ciò che io dico! Giovanni di oggi, inizia con la mia Preghiera di Padre. (Giulia con noi: E non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.) (Gesù) Figli, siate coscienti: Non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. Comprendete, figlioli? Riuscite a comprendere il significato? Non sono un Padre che ripete sempre le stesse cose: con amore cerco di farvi comprendere di non cadere nella rete del mio nemico. Ora andate in pace e portate al mondo la Pace del Pane e del Vino che avete ricevuto nei vostri cuori e cullatemi perché io sono un Bimbo e voglio essere cullato dalle mie spose. E' dolce essere cullato: è dolce rimanere con voi, figli! E' dolce per te, cocciuta del mio Cuore, portare i tuoi figli sulle tue spalle, fallo sempre perché ancora non hanno imparato a camminare: portali tu! (Giulia) Con la tua Grazia, Gesù! (Gesù) Sì, figlia mia, con la Grazia della Croce portali. (Giulia) Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! Ti amo, Gesù! <3>.(Gesù) Vi amo anch'io e lascio scendere su di voi l'Amore della Croce, l'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e aspetto dai vostri cuori il vostro amore (noi: Ti amo, Gesù). Grazie, capricciosi del mio Cuore: grazie per avere ascoltato la mia Parola! Io mi riposo ancora: cullami, Giovanni di oggi!"

 

15. Ven 22/10/99, ore 10.40, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

"Parla Gesù al mondo: - Figli, vi ho parlato e la mia Parola è antica. Perché non ascoltate? Chi siete per camminare senza di me? Siete morti e neanche ve ne accorgete! Perché calpestate il Tesoro che io vi ho donato? Figli, non camminate le vie del mio nemico, rimanete saldi con la preghiera, io vi sto donando lo Scudo per combattere: figli, il mio nemico è sempre dietro l'angolo per farvi cadere nella sua rete. Io vi amo e non voglio perdervi, ma vi lascio liberi di camminare, figlioli miei. Voi, Grandi della Casa del Padre, dove volete nascondervi? Pensate che ci sia un posto dove io non possa trovarvi? Dove volete nascondere i vostri errori? Ah, figli, come non conoscete la mia Legge: siate pronti perché io verrò!Voi Quattro della mia santa Croce, andate avanti, non fermatevi: io ho bisogno ancora di voi perché la battaglia è piena e voi siete i miei angeli: non scoraggiatevi, io vi amo, figli del mio Cuore! Vi chiedo di donare tutto di voi perché siete di mia proprietà. Con voi benedico il mondo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen Amen Amen Amen (4)"

 

16. Dom 24/10/99 ore 15.24, more solito

"(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre. (la Madonna) Sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen. Croce del Cuore di Gesù, stringi nel tuo cuore i calici che ti hanno preparato: bevili, figlia mia,* e consola il Cuore di Gesù. Vedi, figlia, il suo Abito è sporco di sangue per i figli della perdizione: consolalo e fallo consolare dai tuoi figli portando sulle proprie spalle la piccola croce che Gesù vi ha donato in Regalo di Nozze. Figlia mia, assapora ancora i Dolci Sapori del Parto: fai cullare il tuo Gesù nella Culla del Parto che passa attraverso di te e attraverso il Giovanni di oggi. Vedi, figlia mia, io vengo in mezzo a voi: in ubbidienza al Padre vengo a portarvi il Cuore del Santo Vangelo e invitandovi a viverlo nella pienezza dei vostri cuori e a tenerlo alto. Vedete, figlioli, il mio Gesù apre le sue braccia, è seduto sulla Roccia: vi invita ad abbracciare i Dolori, a tenere strette le Sante Spine invitandovi sempre ad amare e a perdonare i vostri nemici. Figli miei, il vostro perdono sia perdono di cuore e i vostri cuori siano liberi dalle cose del mondo. Vedete, il Giovanni di oggi ha gridato la Verità del Vangelo: ha parlato con la Parola del mio Gesù perché Gesù abita nel suo cuore. E io come Mamma, in ubbidienza al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, vengo a chiedervi di essere vigilanti alla Parola Viva del mio Gesù. Figli, vedete, ancora scendono flagelli sull'umanità! I Grandi del mondo si stringono la mano promettendo pace: figli, la Pace viene dalla Croce, dai Santi Dolori e dalla Santa Sofferenza, la Pace scende dalla Povertà dei cuori, dall'abbraccio pulito tra fratello e fratello. Vedete, figli, il mondo non è in° pace perché non c'è Amore. Grandi del mondo imparate ad amare, imparate a stringere la Croce con le mani pulite: liberatevi dalle cose del mondo che vengono dal mio nemico. Vedete, figli, io ve lo ripeto sempre: il mio Gesù è venuto ad abitare in mezzo a voi in Povertà, in una piccola stalla e ora a voi chiede un angoletto del vostro cuore: non è tanto che vi chiede il mio Gesù! Vedete, vi ha sposati e ora col vostro Sì ancora in bilancia abita dentro di voi perché uno Sposo non lascia la propria sposa. Il suo Amore è Amore Duraturo, è Amore Pieno, è pieno di Spirito Santo, figlioli del mio Cuore! Vedete, come Mamma vi parlo col Cuore Grondante di Sangue. L'umanità sta andando alla perdizione perché non cercate il mio Gesù in pienezza, il mondo vi trascina di qua e di là dietro i suoi rumori, figlioli, ma io vi invito a guardare il Cuore della Croce: a guardare l'Unico Tesoro che Dio Padre vi ha donato. Pietro di oggi, vieni e consola il Cuore di Gesù che arde d'Amore per ognuno di voi. Come Mamma vi chiedo ancora di avvicinarvi alla Porta del Parto. Gesù vi sta donando i doni più preziosi facendovi assaporare il suo Amore: riuscite a immaginarlo com'era grande quell'Amore nell'assaporare il Parto della Croce? Tu, Giovanni di oggi, tu che porti il Bastone dell'Amore e cammini sulla Via delle Spine, tu che hai il compito di guidare il gregge e farlo camminare nel Fiume dell'Amore, grida ancora la Verità del Vangelo; falla vivere in pienezza ai tuoi figli come faceva Domenico: gridava, camminava sulle vie seminando il Seme del Vangelo, facendo udire a tutti, anche ai cuori duri, la Parola Viva del mio Gesù. Questo è il Miracolo che io vengo a portarvi! Figli, voi siete malati e avete bisogno di cure: il mio Gesù vi porta la sua medicina che è il Santo Vangelo e vi chiedo di viverlo in pienezza. Ciò che ho portato a Fatima è stata la Parola di Gesù: il Grido del Parto si adempirà perché è Parola sigillata dalla Croce. Figli, in questa giornata io vi chiedo come Mamma di essere pronti e preparati ai tempi che verranno: pronti con i cuori aperti alla Santa Sofferenza, alla Santa Parola di Gesù. Non dovete prepararvi con spade o bastoni, come fanno i figli della perdizione, dovete prepararvi in povertà, in semplicità di cuore e amando in pienezza, figlioli: amandovi gli uni gli altri perché il Trionfo della Croce è fondato sull'Amore, l'Amore Pieno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figlio mio, hai parlato bene e ciò che pensi in questo attimo è giusto, figlio mio, tu sei il Giovanni di oggi, il Giovanni che il Padre ha mandato a pascere il suo gregge; i tuoi figli vanno di qua e di là, non riesci ancora a metterli insieme, non ascoltano ancora in pienezza la tua parola, figlio mio, ma non temere. I discepoli che Gesù portava dietro di Lui, lo ascoltavano a parte, erano distratti e gelosi tra di loro, e il mio Gesù, di nascosto di loro, rideva nel suo cuore perché sapeva che non comprendevano in pienezza. Figlio mio, i tempi dell'Amore dello Spirito Santo scenderanno e anche le tue pecorelle ascolteranno il tuo grido camminando dietro di te perché ormai i tempi sono pieni. Figlio mio, non conoscete né l'ora e né il giorno, ma i tempi sono maturi: è il tempo del grano e della zizzania e presto saranno divisi gli uni dagli altri trionfando l'Amore del Vangelo, la Verità Piena. Figlio mio, non temere: io e il mio Gesù siamo vicini e camminiamo con te. Tu, cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire a causa del tuo Sì donato al Cuore di Gesù; dovrai soffrire per questo luogo e per i figli che abitano questa Valle, in modo particolare dovrai soffrire per i figli Ministri* che trafiggono ancora il Cuore di Gesù, ma tu hai donato il tuo Sì: vai avanti e non fermarti! (Giulia) Mamma, con la tua Grazia! (la Madonna) Figlia, hai ancora nel tuo cuore un altro messaggio più grande da consegnare. Figlio mio, figlio Mario, quando ti sarà consegnato quest'altro messaggio (XI, anzi XII, se ci considera segreto anche la visione del Matrimonio del 11/10) dovrai andare nella Casa di Roma e con te porterai quattro bastoni. La Piccola Croce ti dirà come saranno fatti i bastoni da portare. Tu mi hai chiesto queste cose e io Come Mamma te le dico. ^ Ora, figli, vi invito a pregare per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa: state attenti, pregate per il Giovanni che voi vedete (il Papa),° per il Giovanni che ha le Chiavi in mano (il Papa),° per il Papa che oggi porta la Croce di Gesù. Figli, ripeto ancora una volta: pregate per il mio Piccolo Giovanni, cioè per il Papa. Tu, Giovanni di oggi, comprendi cosa voglio dire. Nella Casa di Roma stanno preparando la festa del mio nemico. Pregate secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata, addolorata perché vedo ciò che voi non vedete e il mio Cuore di Mamma diventa triste nel vedere i propri figli perdersi dietro i tesori del mondo che non giovano alla Salvezza Eterna: non si uniscono al Matrimonio del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figlioli miei, il mio Gesù è qui in mezzo a voi vivo e reale e si stringe al mio Cuore di Mamma invitandovi ad amare: Amate amate amate! Questo è il messaggio che esce dal suo Cuore grondante di sangue per l'umanità intera. Figlio mio, dona tu ai tuoi fratelli, all'umanità il Sigillo che Gesù vi dona. Scambiatelo anche voi e consolate il Cuore di Gesù. E' una Mamma che ve lo chiede. Come io l'ho stretto tra le braccia, voi stringetelo nei vostri cuori, figli! Voi che avete il dono di essere Mamme, stringete il mio Gesù: non trafiggete ancora il suo Cuore! Riuscite ad abbracciarlo? Vedete, io l'ho abbracciato quando me l'hanno donato dalla Croce e abbracciando Gesù ho abbracciato ognuno di voi: voi abbracciate i vostri nemici guardando Gesù dall'alto della Croce. Figli, il mio Gesù vi concede ogni grazia: chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso perché vi guarda dal Legno Santo della Croce, figlioli del mio Cuore. Ora io vi lascio, ma verrò ancora a portare la Parola Viva del mio Gesù: vi invito sempre a viverla nella pienezza del cuore portando la propria croce sulle spalle e camminando dietro a Gesù. Figli, la Promessa del mio Cuore Immacolato trionferà nel mondo intero: siatene convinti che il mio Gesù è vivo e reale e vi ama e vi aspetta perché siete le Spose del suo Cuore, le Pietruzze del suo Amore Infinito. Ora io vi lascio col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell'Unico Vangelo della Croce e portatelo al mondo e ai vostri cari: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Tu, cocciuta del Cuore di Gesù, bevi ancora i calici e immolati per i tuoi figli.* Gioisci nel vedere la tua Spina preferita* e i tuoi cari che cantano le Lodi d'Amore al Cuore di Gesù: fatelo anche voi! Lode Lode Lode Lode (4). Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Ecco l'Amen del Cuore del Padre che abbraccia l'umanità. Amen Amen Amen Amen (4)".