LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 15

 

non lasciatevi confondere dai Grandi della Casa del Padre!

Non lasciatevi trascinare dal nemico!

(dal messaggio del 25/11/2001)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

         1. Dom 25/11/2001, ore 15.20, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore di Gesù, figlia, bevi, anche in questa santa giornata, i Calici del tuo Gesù, e immolati, ancora una volta per l’umanità tutta. Immolati, figlia, per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Accogli nel tuo Cuore i Santi Dolori che Gesù vuole donarti. Figlia, consola il suo Cuore: abbraccia i Santi Dolori del Parto Vivo della Croce di Gesù. (Giulia) Con la tua Grazia, Mamma! <1° grido> (Immacolata) figlia mia, Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi: Vivi e Reali in mezzo a voi. Con l’Ordine del Padre siamo venuti a portare la Parola Viva: il Padre, il Re e l’Uomo: il mio Figliuolo Gesù che ha allargato le braccia, si è donato per tutti voi, per l’umanità intera. Vedete, figliuoli, i Frutti della Croce sono Frutti d’Amore come l’Amore che Gesù ha donato all’umanità, ad ognuno di voi; ed essere Figli della Croce è essere chiamati Figli del Padre. Ognuno di voi porta il Sigillo Santo della Croce perché siete stati redenti dal Sangue Innocente dell’Agnello che si è immolato per l’umanità e per ognuno di voi: DIO NON FA DISTINZIONE. Ed Io che sono Mamma, chino il capo e guardo l’umanità, e chiedo ad ognuno di voi di pregare. Figliuoli, non lasciatevi confondere dai Grandi della Casa del Padre! Non lasciatevi trascinare dal nemico! Non scandalizzatevi di queste parole: il mio Gesù si è immolato per Amore, e il Vangelo Vivo è Uno solo, e solo Dio lo può donare col Cuore aperto ad ognuno di voi: verrà tolto ai Figli che non hanno saputo amministrare, e il compito verrà donato ad altri figli: è la Parola Viva del Santo Vangelo e i Tempi del Parto sono pieni e sono scesi sull’umanità. Io vengo ad invitarvi a tenere alto il Santo Vangelo e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori, nella Pienezza del Cuore di Dio che abita in ognuno di voi, perché siete figli, e il Padre tiene la Porta sempre aperta per tutti, e aspetta ognuno di voi per gioire della sua Gioia Piena, figliuoli miei, ma il mio Cuore di Mamma gronda Sangue; il mio Cuore Immacolato è addolorato per i flagelli che scendono ancora sull’umanità. C’e poco amore: AMATE, FIGLIUOLI; amate col cuore; amate e donate tutto di voi, come Gesù si è donato sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna. Figliuoli miei, il mondo è nelle vostre mani: amate e perdonate i vostri nemici, usate carità verso tutti; Dio è con voi, niente e nessuno vi farà del male. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, non fermarti, vai avanti e porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli nel Fiume di Dio. (Giulia) con la tua Grazia, Mamma! (Immacolata) Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio. (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portarvi la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. La Pace e l’Amore di Cristo Re vi faccia re ad ognuno di voi (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Ecco l’augurio e il Dono che il Padre mi lascia donare ad ognuno di voi: essere Figli di Dio, essere Figli del Re; e Dio fa re il più piccolo, il più povero che è in mezzo a voi. Gesù ha lasciato il Seno del Padre per venire nella Povertà e diventare Re dell’Amore. E’ bello questo pensiero: E’ GRANDE; avere il Cuore di un Re che dona solo Amore, Pace e Letizia. Distaccandoci dai tesori del mondo, da quei re che fanno parte del nemico, unendoci al Re della Croce che porta la Corona di Spine, che porta i Dolori dell’Amore e della Vita Eterna. Ecco cosa vuole il Padre di ognuno di noi: essere Re della sua Parola, del suo Cuore, un Cuore così grande che abbraccia l’umanità e accoglie tutti i suoi Figli: dall’ultimo al primo, aspettando che ritorni a casa e dire "Padre, ho peccato e voglio ritornare tra le tue braccia". Ebbene, figliuoli, l’umanità ha dimenticato tutto questo, e in pochi sono i figli che si rivolgono al Padre. Voi che ascoltate la Parola Viva e siete qui riuniti nella Stanza dell’Amore, e i figli che si uniscono a questo Mistero Grande e Pieno di Dio, Pieno del Solco del Santo Vangelo: quel Solco che Io ho amato e amo e ho donato ad ognuno di voi: ai miei figli, ai miei discepoli e vi ho scelto uno ad uno con l’Amore che il Padre mi donava ed Io lasciavo scendere su tutti voi.. mi commuovo un po’ a parlare, ma sono sicuro che anche i vostri cuori si commuovono. La mia Gioia è così grande nel potere parlare ancora in mezzo a voi con l’Ordine del Padre, con la sua Misericordia Infinita che ci dona attimo per attimo. Vedo crescere i vostri cuori e ardere nell’Amore: FIGLIUOLI, CRESCETE ANCORA, state attenti al nemico: in questo tempo non disperdetevi, non donategli spazio, ma sia il vostro sì "Sì" a Dio, alla Croce, alla Parola. Io sono sempre con voi nei vostri cuori, e guido i vostri passi facendovi camminare nel Fiume di Dio: nel Fiume dell’Amore. Vi chiedo ancora di pregare per le Mura di Roma: PREGATE, FIGLIUOLI; pregate per i figli della perdizione: IMMOLATEVI PER LORO, ancora non hanno compreso la Luce di Dio: PREGATE VOI! Mi poggio ancora su tutti voi e in modo particolare sulle Colonne! Paolo, perdonami se mi poggio di più su di te: LA CROCE TI STA BENE SULLE SPALLE!.. e Io mi poggio con Amore: POSSO FARLO? (Paolo) Sì! (Piccolo Giovanni) il tuo "Sì" è Pieno, figlio! ..e il mio Cuore gioisce! Ma non siate gelosi: la Croce è poggiata su tutti voi, figliuoli. Tu, Piccola Cocciuta, hai il peso ancora più grande da portare, e tu lo conosci bene! (Giulia) sì, Giovanni! ..lo amo e lo tengo stretto: ma tu donami sempre il tuo respiro! (Piccolo Giovanni) Figlia mia: sii forte! (Giulia) sì, Giovanni! Posso chiederti una cosa nel Cuore? (Piccolo Giovanni) sì (*) (Giulia) grazie, Giovanni! (*) (Piccolo Giovanni) Ecco, figliuoli, invito ancora una volta a consolare il Cuore della Mamma: volete farlo con me? (Tutti)<rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni> (Piccolo Giovanni) E’ bello donare la nostra preghiera a Maria: la Mamma che raccoglie il nostro sussurro donandolo al Cuore del Padre. Quando pregate, abbandonate i vostri cuori: DONATELI A MARIA, e la vostra preghiera è preziosa, non potete neanche immaginare un’Ave Maria donata al Cuore della Mamma che valore ha! Per voi sembra una perdita di tempo "ho poco tempo, devo correre, devo andare di qua e di là", e non comprendete che valore ha consegnare una sola Ave Maria al Cuore della Mamma: il tempo di un’Ave Maria dedicata al suo Cuore vi viene donato a larghe misure, e il Padre, che guarda e ascolta i vostri cuori, vi benedice e lascia scendere su di voi e sull’umanità il Pane Quotidiano. Ecco, figliuoli, quanto è importante pregare col cuore. Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: accoglietelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Vi amo, discepoli del mio Cuore: voi mi amate ancora? (Tutti)(Piccolo Giovanni) grazie, figli. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco, Io sono in mezzo a voi come Mamma di Dio, Mamma dell’umanità, e in Ubbidienza a Dio vi lascio il mio Cuore invitandovi sempre a tenere alto il Santo Vangelo e a vivere solo per Dio. Vi saluto con lo Shalom del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. aspettatemi, Io verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù! Tu, Piccola Cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore alla Santissima Trinità e salutano ognuno di voi: FATELO ANCHE VOI. Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figli, grazie per il tempo che avete speso in questa giornata: il Padre ve lo dona a larghe misure, figliuoli del mio Cuore Immacolato e Addolorato.

 

 

         2. Giov 29/11/2001, ore 21.04, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa. Tu, Croce del mio Cuore, gioisci e fai festa nel bere i Calici Misti <bevute>. Gioisci e fai festa nell’accettare i Santi Dolori del Parto Vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia, immolati per l’umanità tutta. Unisciti ai miei Chiodi; unisciti alla mia Croce e consola il Cuore di Maria: il Cuore della Mamma. (Giulia) Gesù! Gesù, tu grondi Sangue! Il tuo abito è macchiato di Sangue: cosa ti hanno fatto? COSA TI ABBIAMO FATTO, GESU’? (Gesù) Il Sangue che tu vedi è il Sangue degli Innocenti. Immolati con me, figlia <1° grido>. Unisciti ai Dolori del Parto Vivo della mia Croce, figlia del mio Cuore (*). Unisciti alla Croce, vedi, l’umanità sta andando alla perdizione: immolati per i miei Figli Ministri: BEVI QUESTO CALICE, figlia mia! E’ amaro, ma il tuo Amore non ha misure per i tuoi Figli Ministri <2° grido> (*). (Giulia) Gesù, non so far nulla, ma li metto nel tuo Cuore.. tutti i Sacerdoti! Raccoglili, Gesù, e appoggiati sulle mie spalle col peso della Croce! (Gesù) Eccola! Portala per i miei Figli Ministri, per le Mura di Roma e per i Grandi della Casa del Padre! Il Dolore di Maria è enorme: CONSOLALA, figlia mia <3° grido> (*). (Giulia) Gesù! Gesù! La Mamma è curva a pregare! Gesù, perché ha quella Palma in mano? (*) (Gesù) La Palma non è per Lei: la deve consegnare! ..e tu sai a chi! (Giulia) sì, Gesù! (*) (Gesù) unisciti ancora ai Dolori di Maria e ai miei Chiodi. (Giulia) sì, Gesù! <4° grido straziante> (*). (Gesù) Ecco, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi: Vivi e Reali in mezzo a voi. Siamo venuti per Volere del Padre a portare la Parola Viva in mezzo a voi e nel mondo intero; ma come potete vedere e udire, l’umanità è sorda, l’umanità non vuole ascoltare, non vuole amare, non vuole perdonare, non vuole riconoscermi come Signore e Padre. Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno Vivo della Croce per donarvi la Vita Eterna, e quando dico "Io" non è la Piccola Cocciuta a parlare, ma Io: il vostro Gesù, il Gesù che è risorto, il Gesù che è apparso ai suoi discepoli, e in questo giorno di Luce è in mezzo a voi nell’Amore, nella Quiete del Padre. Io vengo perché il Padre così ha scritto, e non vengo a cambiare nulla di ciò che è antico; vengo a scaldare i cuori gelidi; vengo a raccogliere le mie pecorelle smarrite e portarle sulla Via Stretta. La mia Via è segnata dai Dolori del Parto, è segnata dal Santo Vangelo, è segnata col Segno Tremendo della Croce, quel Legno che vi ha donato la Vita e vi ha fatti figli di Maria: figli del mio Cuore Immacolato. Figliuoli, amate e perdonate i vostri nemici, usate carità verso tutti; l’Amore è il bocciolo preferito di Maria, perché amando potete sconfiggere il nemico, e in questi tempi dovete amare ancora di più, ma col cuore aperto verso il Cuore di Dio e il Cuore di Maria. Vedete, figliuoli, i flagelli scendono ancora sull’umanità perché nel mondo intero e in mezzo a voi, ancora non c’è Amore Pieno! Ma non è un rimprovero per voi, figliuoli, siete troppo legati alle cose del mondo e non riuscite a perdonare, non riuscite ad amare col cuore puro, col cuore che Dio vi ha donato; ritornate ad essere creature di Dio, creature distaccate dalle cose del mondo. Vedete, Io vengo a portarvi la Parola, e la Parola viene dal Cuore, e il Padre dona ad ognuno di voi tutto quello che è nel suo Cuore, e ve lo dona senza chiedere un prezzo ad ognuno di voi, ma vi chiede solo l’Amore: l’Amore Pieno, il Sì Pieno donato al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo e al Cuore Immacolato ed Addolorato di Maria, Madre mia e Madre dell’umanità e di ognuno di voi. Figliuoli, il mio Cuore gronda Sangue nel vedere i figli che cadono nella rete del mio nemico: vi chiedo di essere vigilanti, di tenere sempre la lucerna accesa perché Io verrò, ma nessuno di voi conosce né l’ora e neanche il giorno. Figliuoli, siate vigilanti nell’Amore, guardate il Legno della Croce, inginocchiatevi ai Piedi della Croce e implorate al Padre: MISERICORDIA, MISERICORDIA, MISERICORDIA, e non affannatevi per le cose del mondo. Figliuoli, non cercate di comprendere con la mente la Parola, ma aprite il cuore e lasciate che Io entri e abiti dentro di voi. Guardate il vostro fratello come guardate il Legno della Croce: amatelo come amate il Legno della Croce nel fratello emarginato e i vostri nemici, guardateli come guardate me, perché se amate me e non amate il vostro nemico, non fate nulla. Figliuoli, Io vengo a liberarvi e a portarvi nel Fiume del mio Amore, e la Piccola Cocciuta del Cuore della Croce vi porta sulle sue spalle e non lascia cadere nessuno dei suoi figli: il Padre l’ha mandata per questo, il suo compito è la Santa Sofferenza: l’Amore Pieno e il Sì Pieno a Dio. Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Gesù! Ho sbagliato qualcosa? (Gesù) no, figlia mia, non hai sbagliato nulla! Devi solo gridare ancora di più come Giovanni e con Giovanni: devi dire ai tuoi figli di tenere alto il Santo Vangelo e di non calpestarlo sotto i piedi. (Giulia) Gesù, non mi ascoltano! (Gesù) e tu grida ancora di più! Grida come Giovanni, perché il Tempo del Parto è Pieno ed è in mezzo a voi e nel mondo intero. Figlia mia, non temere niente e nessuno: la Grazia di Dio è su di te, figlia del mio Cuore! (Giulia) Gesù, non sono degna di tutto questo! (Gesù) sono Io a decidere di cosa sei o non sei degna! (Giulia) perdonami, Gesù! Sia fatta la tua non la mia volontà! (Gesù) prendi le mie mani! (*)<Giulia prende le mani di Gesù, le avvicina alla bocca e le bacia> (Giulia) Gesù!(*) Grazie! Grazie, Gesù, desideravo baciare le tue mani! (Gesù) l’hai baciate per te e per tutti i tuoi figli! (Giulia) grazie, Gesù, accettaci così come siamo e perdona i nostri errori. Insegnaci il tuo Volere, te lo chiedo per tutti! Facci camminare sulla Via del tuo Santo Vangelo! Donami sempre e dona ai miei figli i Dolori della Croce, perché solo così possiamo arrivare alla tua Luce, Gesù, senza perderci nel buio del mondo! (Gesù) AMEN, figlia, AMEN, AMEN, AMEN! (Giulia) grazie, Gesù Buono! (Gesù) bene, figlia mia, ora guarda e non spaventarti di ciò che vedi.. tienilo nel tuo Cuore: fa parte del tuo primo messaggio (*) ..non chinare il capo: guarda! <5° grido> (*). (Giulia) Gesù, non lo posso dire? Vorrei gridarlo a tutti! (Gesù) ancora non è giunta l’ora, figlia mia, stai attenta! (Giulia) donami la Grazia di non dirlo, Gesù! (Gesù) hai appena stretto le mie mani e le hai baciate: non temere, figlia! (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) ora vi chiedo di pregare per il Papa: pregate, pregate, figli del mio Cuore! Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) sento un po’ deboli i vostri sì, ma ve lo lascio! (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pienezza del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo sia il vostro vivere (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli del mio Cuore. Amen. Amen. Amen. Eccomi, per Volere del Padre sono ancora in mezzo a voi a parlare attraverso lo Strumento, e benedico Dio per tutto questo, per le gioie, per l’amore. Benedico il Padre di avermi mandato in mezzo a voi come Sacerdozio Vivo, e voi sapete bene che il Sacerdozio è uno solo, e chi vive nell’Amore del Vangelo, può capirlo. Il Padre mi ha mandato e mi manda ancora ad insegnarvi la Linea Dritta del Santo Vangelo, la Linea che porta alla Gioia Eterna, al Banchetto Nuziale, al Banchetto dello Sposo che aspetta tutti per fare festa e prendere parte alla Gioia Eterna. Figli, non lasciatevi confondere dal nemico: non cadete nella sua rete. Voi sapete bene che è astuto e usa ogni mezzo e ogni cosa per farvi cadere e allontanarvi dal Santo Vangelo; ve l’ho sempre detto e ve lo ripeto ancora: l’Amore è l’Unica Arma che lo sconfigge, lo annulla; usate l’Amore, usate il perdono, usate la carità, ma col cuore, col Cuore del Padre: quel Cuore che si è aperto e ha lasciato scendere il suo Unico Figliuolo; e il Mistero è grande, non potrete comprenderlo; quando saremo tutti uniti, gli occhi si apriranno e comprenderete la Verità e la Luce di Dio. Il Mistero che stiamo vivendo nella Stanza dell’Amore è il Mistero Nascosto del Sacrificio dell’Agnello Immolato. Figliuoli, Dio vi ama e vi ha scelti come discepoli, ma lascia liberi ognuno di voi, ma la mia gioia più grande è di avervi tutti: vi ho amati, vi ho battezzati come il Padre ha chiesto, vi ho sposati, vi ho sigillati col Sigillo del Piccolo Giovanni; ho fasciato i vostri cuori e vi ho chiesto di rimanere uniti nell’Amore della Croce: IO L’HO SEMPRE PORTATA PER TUTTI, PER L’UMANITA’, E ORA CHE VOI SIETE I MIEI DISCEPOLI, NON INDIETREGGIATE, ma camminate e portate la propria croce. Chi mi ama, prenda la proprio croce e venga dietro di me, e il Monte è dinanzi a noi da salire, non fermatevi e non permettete al nemico di farvi cadere: le cadute fatele per Gesù, perché solo Lui può rialzarvi, il mondo, i suoi rumori, non possono alzarvi; prostratevi solo dinanzi alla Croce, figli del mio Cuore. (Giulia) Giovanni, devo chiederti qualcosa nel Cuore: posso farlo? (Piccolo Giovanni) si, Cocciuta del Cuore della Croce(*) (Giulia) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) perché dici grazie a me? E’ al Padre che devi ringraziare, perché Io sono in Ubbidienza al Padre, e posso rispondere ciò che Lui mi dona! (Giulia) grazie, Papà!(*) (Piccolo Giovanni) Telesfore! oggi il Padre ti concede di fare qualche domanda! Cosa vuoi dirmi? (Telesfore) non so cosa dirti! In questi.. in questi giorni eri sempre presente? (Piccolo Giovanni) sì, lo sai bene, non lascio un istante nessuno dei miei discepoli! Dimmi, dimmi! (Telesfore) quindi tu lo sai già cosa ti voglio dire! (Piccolo Giovanni) lo voglio sentire! (Telesfore) è con te? (Piccolo Giovanni) sì! La Piccola Cocciuta ha tanto insistito e sono andato ad abbracciarlo: sei contento? (Telesfore) sì! Ma ci sarà anche qualche piccolo mistero, perché molte cose ho visto che si coincidono! (Piccolo Giovanni) quale? (Telesfore) bhè, non so.. 27.. (Piccolo Giovanni) e cosa rappresenta per te? (Telesfore) eh, non lo so.. non.. 27/11! (Piccolo Giovanni) non entrare troppo nel Mistero! Ma hai capito bene! (Telesfore) anche un 8 c’è? (Piccolo Giovanni) e cos’è per te l’8? (Telesfore) per me l’8, come dicevi tu, è la Pienezza di Dio! (Piccolo Giovanni) e dove l’hai trovato? (Telesfore) eh, dove l’ho trovato? (Piccolo Giovanni) si, dimmelo! (Telesfore) eh.. l’ho trovato sul.. sul.. sul posto dove hanno messo mio padre! (Piccolo Giovanni) nella casa terrena!? (Telesfore) nella casa terrena! (Piccolo Giovanni) la sua Casa è nelle braccia del Padre! Cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) gli altri due numeri, rappresentano pure qualche cosa? (Piccolo Giovanni) si (Telesfore) eh.. la bara dove era stato deposto era uguale alla tua? (Piccolo Giovanni) si, te l’ho fatta scegliere Io! (Telesfore) ho dovuto combattere, pero! (Piccolo Giovanni) ma con la forza dell’Amore si vince: vero? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e in quell’attimo era tutta con te! (Telesfore) però Io non sapevo che era uguale alla tua! La Cocciuta, poi, l’ha riconosciuta! (Piccolo Giovanni) Cocciuta com’è, non dimentica nulla! (Telesfore) forse una cosa, c’è che mi è rimasta nel cuore!.. cioè.. cioè.. quando lui è stato operato, è stato tagliato, no.. cioè, io mi porto quel rimorso nel cuore perché non gli abbiamo detto niente.. del.. dell’intervento che si doveva fare.. perché lui ha detto "se sapevo che mi dovevano fare l’intervento, mi ero rifiutato" (Piccolo Giovanni) era cosciente che doveva essere.. uso la parola "martire"! (Telesfore) doveva essere martire! (Piccolo Giovanni) era cosciente, e con grande amore l’ha accettato per tutti, per la pace, e in modo particolare per una creatura che abita dove lui ha vissuto: e tu hai capito! (Telesfore) quello che sto pensando adesso? (Piccolo Giovanni) si!(*) Quando vi diceva "se avrei saputo non mi sarei fatto operare", voleva dire un’altra cosa: non voleva far soffrire tutti voi. Quando ha ricevuto il Corpo di Gesù, la Quiete è entrata nel suo Cuore e donava forza ad ognuno di voi. E quando parlava, raccontandovi tutto quello che vedeva.. (Telesfore) eri tu a parlare? (Piccolo Giovanni) sì!(*) ero Io con l’Ordine del Padre! Ma molti figli che ora stanno ascoltando.. e quando leggeranno queste parole, rideranno! Ma non dobbiamo mai dimenticare che Dio può tutto, e non deve chiedere l’ordine a nessuno! Cosa c’è ancora nel tuo cuore? (Telesfore) forse non ho capito la sofferenza che lui ha accettato.. cioè.. per la persona dove lui ha vissuto.. dove ha vissuto prima? O dove viveva adesso? (Piccolo Giovanni) dove viveva adesso! (Telesfore) dove viveva adesso! Comunque la Cocciuta poi mi spiegherà! (Piccolo Giovanni) ..con l’Ordine di Dio: sì, perché Lei è all’Ubbidienza di Dio! Quello che il Padre gli lascia dire lo può fare! Ti rimane ancora tempo, perché il Padre te lo concede! Cosa vuoi chiedere ancora? (Telesfore) abbraccialo da parte mia! <tramite Giulia e Giovanni, il suo papà lo abbraccia direttamente> (Piccolo Giovanni) ecco l’abbraccio ricambiato! (Telesfore) grazie! (Piccolo Giovanni) non commuoverti, perché Io mi commuovo più di te e benedico il Padre per tutto questo, figliuoli. Ora mi poggio su di voi, Colonne, e sui figli che portano i Nomi Nuovi: chi mi vuole accogliere, Io mi poggio con la Croce! e ricordate che la Croce l’ha abbracciata solo Gesù, e ha portato il peso per ognuno di noi! Ora siete voi i Discepoli, e dovete portarla con Amore e col Sì Pieno, e il Sì che doniamo al Padre, deve essere donato col cuore: quando prendete in mano l’aratro non voltatevi indietro, il Solco è Dritto, è lungo ed è profondo, e solo Dio può farlo, e Dio è in mezzo a noi, è Vivo e parla! Ora, Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. E’ bello stare con voi, ma è più bello ubbidire! Vi sigillo uno ad uno per chi mi accoglie col Sigillo del Piccolo Giovanni del Cuore del Padre: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, e ricordate di tenere sempre alto il Santo Vangelo. Figliuoli, non siate gelosi che il Padre ha concesso a Telesfore di fare le domande: Io devo ubbidire al Padre! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Gesù) Bene, Figli della Croce, preparate i vostri cuori: il Banchetto è qui, è in mezzo a voi, e lo Sposo è pronto. Guardate nei vostri cuori, cercate, e togliete tutto quello che non mi appartiene e presentatevi dinanzi all’Amore di Dio col cuore pulito: riempitelo solo di Amore; amate e perdonate, usate carità verso tutti, e al primo posto portatemi i vostri nemici, figliuoli. Tu, Piccola Cocciuta, preparati ad abbracciare la Croce: preparati a gioire con lo Sposo. (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Sposo, porta la Sposa(*). Padre, benedici questo Calice(*). Eccomi, Io sono in mezzo a voi in un bicchiere di Vino e in un pezzo di Pane. Ecco il Calice del mio Sangue; ecco la mia Carne; venite e bevete con me; venite e mangiate con me, perché Io bevo e mangio con voi del Nuovo. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo: fate questo ricordando la mia Parola: ciò che vi ho insegnato nella Notte della cena, figliuoli del mio Amore. Io sono il Gesù che è morto ed è risorto e dal Cuore squarciato ho lasciato scendere Acqua e Sangue. (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio in mezzo a noi!(*) (Gesù) Bevi, figlia mia, bevi!(*), bevi!(*), bevi!(*), bevi!(*), bevi!(*), bevi! <6° grido> . Mangia il mio Cuore!(*) Mangia! ...... Paolo!(*) bevi!... mangia .... Chiamate i .... figli e donatemi; e ricordatevi sempre che Io vengo per servire, non per essere servito, nell’Amore del Padre. Eccomi, nell’Amore Infinito Io mi dono e sono gioioso di vedere i miei Discepoli che preparano la Via Stretta per le spose. E’ bello amare la Santa Ubbidienza, insegnarla e viverla. Quando ho chiamato i miei discepoli, hanno lasciato ogni cosa per seguire l’Agnello che si è immolato per l’umanità. Figliuoli, siate santi amando e abbracciando la Santa Ubbidienza, il Santo Perdono, la Santa Carità e la Santa Sofferenza. La Vita Eterna passa attraverso la Croce, e non vi sono altre vie: la mia Via è Stretta e la misura di tutti i lati è sempre una misura, perché Dio è oggi e sempre. Ecco il mio Amore; ecco la mia Quiete; ecco la mia Pace che Io porto in mezzo a voi; ecco il Cuore di Maria che come Mamma abbraccia e porta il Seme dell’Amore: da Fatima ha lasciato scendere sull’umanità il Santo Rosario, invitandovi a pregare per la Pace: SIATE FIGLI PACIFICI, consolate il Cuore di Maria. Il suo Cuore Immacolato Trionferà, e quando ci sarà il trionfo, tutti lo vedrete, e ognuno di voi prenderà parte della gioia. Ma ricordate sempre: nessuno di voi conosce né il giorno e neanche l’ora: non lasciatevi confondere di chi dice "è qua, è la"; tutti lo vedrete quando il Padre allarga le sue braccia e fa scendere e salire gli Angeli, e portare in mezzo a voi il suono delle Trombe e chiamare ognuno di voi col proprio Nome. Figliuoli, gioite, perché il Padre vi dona la Gioia e l’Amore di essere figli: FIGLI DELLA CROCE, FIGLI DELL’UNICO VANGELO BAGNATO DAL SANGUE DELL’AGNELLO CHE SI E’ IMMOLATO(*).(Giulia) Benedetto sei tu, Padre, per la Mensa che hai offerto ai tuoi figli. Non fare mancare nulla ai giusti che vivono nella speranza del tuo ritorno, e guarda benigno i figli che non conoscono il tuo Amore: SII MISERICORDIOSO, PADRE MIO! (Gesù) Ecco la mia Misericordia. Ecco l’Amore del Padre, ecco l’Amore del Figlio, ecco l’Amore dello Spirito Santo, ecco l’Amore del Cuore Immacolato di Maria, ecco l’Amore del Bimbo che abita in mezzo a voi nella Stanza del Cuore del Padre(*). Abbiamo gioito insieme nell’Amore Infinito del Sangue e della Carne. Abbiamo gioito insieme nel Mistero Nascosto e la mia Pasqua è Piena ed è Risorta, perché mi sono donato a chi mi ha accolto nella Capanna dei vostri cuori. Non abortitemi quando uscite fuori, ma fatemi nascere e crescere, e donatemi a tutti come Io mi dono ad ognuno di voi, figli. Ora Io devo lasciarvi, ma sono sempre con voi e vi amo, figliuoli. Mi amate, voi? (Tutti) Sì! (Gesù) Mi amate, voi? (Tutti) Sì! (Gesù) Mi amate, voi? (Tutti) Sì! (Gesù) come Pietro? (Tutti) Sì! (Gesù) e siete pronti.. (Tutti) Sì!.. (Gesù) a portare la Croce? (Tutti) Sì! (Gesù) Amen per i figli che hanno aperto il cuore a donare il Sì. Ricordatevi che Io sono Padre e vedo e sento ogni cosa e conosco bene i vostri cuori, non potete nascondermi nulla! Ora volete cantarmi la Ninna Nanna? (Tutti) Sì! <Canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli del mio Cuore! Grazie per quello che mi offrite; grazie per il tempo che spendete: vi sarà donato a larghe misure. Non vi scandalizzate di ciò che dico e di ciò che vedete. La Pace e l’Amore sia con voi, figli. La Luce e il Fuoco di Pentecoste sia con voi, figli. Il Cuore Immacolato di Maria sia la vostra guida, figli. Il Cuore del Bimbo che cresce sia il vostro crescere nell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ciò che avete osservato in questa serata è la preparazione per i tempi che scenderanno sull’umanità. So bene che i vostri cuori ardono per conoscere il Mistero del Padre: della preghiera, dei piccoli passi non detti: dovete avere ancora pazienza e tutto vi sarà donato in Luce, perché Io sono Luce e non lascio i miei figli nelle tenebre. Figliuoli, ora unite la Catena Santa(*); unitela nella Pace del Padre; unitela nell’Amore del Padre; unitela nel Cuore del Padre, e con la Forza del Padre preghiamo: <recita del Padre Nostro: lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Ricordatelo sempre: "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen". Quando guardiamo un nostro fratello e non riusciamo a donare l’amore: "Padre, liberaci dal male"; quando un figlio emarginato allunga la mano per chiedere un pezzo di pane e giriamo lo sguardo: "Padre, liberaci dal male"; quando i nostri cuori si chiudono all’Amore di Dio: "Padre, liberaci dal male"; quando il nemico vuole confonderci: "Padre, liberaci dal male"; quando non riusciamo a donare il nostro amore ai fratelli bisognosi: "Padre, liberaci dal male. Infiamma i nostri cuori, falli ardere del tuo Amore Infinito, perché noi siamo tuoi figli e abbiamo sete e fame della tua Parola". Ecco, quando pregate con la Preghiera del Padre, ricordate sempre di masticarla; la preghiera masticata è unirsi al Padre e guardare con amore il suo insegnamento; quando correte, andate dinanzi al Padre: per questo chiedo ad ognuno di voi di pregare lentamente e masticare con la dolcezza di Maria la Preghiera. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire a causa del mio Nome. (Giulia) Gesù: eccomi. (Gesù) fai gioire il mio Cuore, figlia, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli nel Fiume Santo dell’Amore. (Giulia) con la tua Grazia, Gesù! (Gesù) Ora gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore alla Santissima Trinità: FATELO ANCHE VOI, figli! (Giulia) grazie, Gesù! Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo, Papà (Gesù) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, Pargoli del mio Cuore. Andate in pace e portate a tutti la Pace e l’Amen del mio Cuore. Amen, Amen, Amen, figli.

Il papà di Telesfore è morto matedi scorso il 27/11/2001. Il giorno prima, è stato portato d’urgenza all’ospedale ché sanguinava da tutte le parti. I medici hanno consigliato Telesfore e Giulia di operarlo d’urgenza per vedere se era possibile intervenire in qualche maniera. Telesfore ha dato subito il consenso, ma, una volta aperto, i medici si sono resi conto che non c’era più nulla da fare e hanno detto loro che avrebbe avuto solo poche ore di vita.

 

 

          3. Dom 02/12/2001, ore 15.20, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre(*). Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen, ora e sempre, figli del Cuore della Croce. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, bevi, anche in questa santa giornata, i Calici del tuo Gesù, e immolati, figlia; immolati per l’umanità tutta; immolati per i Grandi della Casa del Padre; immolati per i Grandi del mondo. Unisciti ai Dolori di Gesù e consola il suo Cuore. (Giulia) Con la tua Grazia, Mamma! Dammi la forza <1° grido>(*) (Immacolata) è amaro il Calice. Figlia mia, guarda il Cuore del tuo Gesù: il Cuore del Bambinello che viene a nascere in mezzo a voi(*). (Giulia) Mamma, cosa posso fare? (Immacolata) ti sei già immolata, figlia; fai pregare i tuoi figli; l’umanità sia vigilante. Eccomi, Io sono qui in mezzo a voi, per Volere del Padre, col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo venuti a portare la Parola: LA PRIMIZIA DEL PADRE, invitandovi sempre a viverla col cuore e a tenerla alta nella misura della Croce. Figliuoli, la Verità di Dio è il suo Figliuolo venuto ad abitare in mezzo a noi, e come Umile Ancella, ha abitato dentro di me, ed Io ve l’ho donato come Mamma e Creatura scelta dal Padre. Preparatevi all’Avvento, preparatevi ad essere Mamme del Figlio di Dio che nasce nei cuori di ognuno di voi e dell’umanità. Senza Dio non potete camminare, non potete vivere. Figliuoli, guardate con amore la Parola Viva di questa giornata <1° Dom. di Avvento/A Mt. 24,37-44>: portatela nei vostri cuori, e portandola nei cuori di ognuno di voi. Fate crescere la Pianticella dell’Amore: Dio è Amore, e quello che chiede ad ognuno di voi e all’umanità intera, è Amore. Dio è Pace, e Pace è venuto a portare in mezzo a voi il mio Gesù: "Pace a voi" ha detto! Ma nel mondo non regna la pace, perché c’è poco amore, figliuoli. La Promessa di Fatima si adempirà, ed Io ho lasciato scendere la Corona del Santo Rosario. Figliuoli: USATELA!, perché solo con la preghiera e l’apertura dei vostri cuori potete allontanare il male, i flagelli che ancora scendono sull’umanità. Il mio Cuore di Mamma come può essere gioioso nel vedere tutti i miei figli cadere nella rete del nemico? Il mio Cuore Immacolato è Addolorato, e i Dolori non potete neanche immaginarli. Figliuoli, vi invito a vivere nell’Amore di Dio, a crescere nel Segno della Croce e a donare ai fratelli la Parola Viva del mio Gesù, perché Io non vengo a cambiare nulla di ciò che è antico. Figliuoli, consolate il Cuore del mio Gesù, immolatevi, offrite dei fioretti al mio Figliuolo amandovi gli uni gli altri e perdonando i vostri nemici. Usate la Carità di Dio: come Lui vi dona il suo Amore, voi donatelo, figli. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) il tuo Cuore sarà ancora trafitto da mille Dolori: ma non temere! (Giulia) eccomi, Mamma! Eccomi, sia fatta la Volontà del Padre! (Immacolata) figlia mia, sarai perseguitata e tu conosci il primo Segreto! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) stai attenta in questi tempi! (Giulia) donatemi la Grazia!(*) Sì!(*) Sì!(*) Sì!(*). Grazie, Mamma! (Immacolata) Ecco, figliuoli, invito ognuno di voi a pregare per il Papa: NON LASCIATELO SOLO NELL’ORTO DEGLI ULIVI! Prendetelo per mano e camminate nella Linea Dritta del Santo Vangelo! Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con Amore.. (Tutti) Sì! (Immacolata) il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio. (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. Il Cuore Immacolato di Maria e la Primizia di Dio cresca nei vostri cuori (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figli. Amen. Eccomi. Benedico e lodo il Padre per essere ancora qui in mezzo a voi nel suo Amore, nella sua Parola. Avete assaporato il Vangelo Vivo di questa giornata? <Mt. 24,37-44> e Io mi fermo a sussurrare ai vostri cuori "Siate pronti". Il Mistero di Dio è sempre stato nascosto, e lo è ancora. Lo stare pronti è vigilare nell’Amore ed essere Figli dell’Amore; chi di noi può sapere quando un ladro viene a visitare la nostra casa? NESSUNO! e per questo dobbiamo essere vigilanti, perché non conosciamo i tempi che il Padre ha scritto nel Grande Libro, e ognuno di noi deve essere pronto nell’avere il cuore aperto a Dio, il cuore pieno di Dio per incontrare l’Amore Infinito, quell’Amore che solo Dio può donare ad ognuno di noi, ai figli: e noi siamo tutti figli. il mondo, i rumori, ci trascinano di qua e di là facendoci allontanare dal Vangelo: dal Solco. Cari figliuoli, stiamo attenti a non spegnere la lucerna, a non calpestare il Vangelo, ma a viverlo e tenerlo sempre acceso nei nostri cuori. Quando Gesù scenderà, ci saremo tutti ad accoglierlo? Saremo tutti pronti con la lucerna accesa? Io mi auguro di si, che i vostri cuori siano pieni: il mio insegnamento era sempre basato, e lo è ancora, sul Santo Vangelo, sull’Amore, sulla Santa Sofferenza: NON C’E’ VITA ETERNA SE NON SI ABBRACCIA IN PIENO LA SANTA SOFFERENZA, l’Amore di Gesù, il Bimbo che viene a nascere nel grembo di ognuno di noi, e i Dolori ci sono lungo il corso del Parto; ed è bello portare i Dolori di Dio: i Dolori della Vita Eterna. Cari figliuoli, ecco l’Amore di Dio, ecco il Paradiso di Dio che è pronto per ognuno di noi! Ma stiamo attenti al nemico: lui vuole toglierci la Sofferenza per farci entrare nella via larga dove non c’è il Vangelo ma i rumori del mondo. Figli, il Legno della Croce l’ha abbracciato solo Gesù, e se Gesù ha abbracciato la Croce, noi che siamo i figli non possiamo non portarla: ecco il pensiero di questa giornata, l’inizio dell’Avvento. E’ bello accogliere un Bimbo nei nostri cuori: ma facciamolo col cuore pulito, amandoci gli uni gli altri col Cuore di Maria, la Mamma dell’Amore, la Mamma dei Dolori, e quei Dolori, Maria, li ha abbracciati per noi. Ora consoliamo il suo Cuore: <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni>. Ecco, figliuoli: pregate sempre; sia il vostro vivere solo per Dio; sia il vostro camminare solo per Dio; sia il vostro cuore aperto a Dio e ai Fratelli. Io vi amo tutti e guardo il cuore di ognuno di voi, e metto nel Cuore del Padre il sussurro di vostri cuori che in questo attimo mi state offrendo. Figliuoli, siate sempre benedetti con l’Amore dello Spirito Santo; ardete e fate ardere i cuori dei vostri fratelli. Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi sigillo col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figliuoli e discepoli del mio Cuore. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco l’Amore di Dio che scende sull’umanità attraverso la Primizia della Croce. Figliuoli, ricordate che il Padre aspetta ognuno di voi: bussate alla Porta di Dio, chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso. Io allargo le braccia sull’umanità e stendo il mio Manto di Mamma, e in questo attimo lo lascio scendere su di voi che siete qui riuniti nella Stanza del mio Gesù(*). (Giulia) Mamma, come sei bella! COME SEI BELLA! (Immacolata) sono bella perché amo: AMATE ANCHE VOI. Figli, vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità. Grazie per il tempo che spendete per Dio: vi sarà donato a larghe misure, figliuoli del mio Cuore. Tu, Piccola Cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figli. Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, figliuoli del mio Cuore.

 

 

        4. Giov 06/12/2001, ore 21.04, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore. Tu, Croce Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa bevendo i Calici Misti. Gioisci e fai festa nell’abbracciare con me i Santi Chiodi per l’umanità, per le Mura di Roma <1° grido>(*). Unisciti al mio soffrire, figlia. (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) soffri: abbraccia con me i Santi Chiodi <2° grido>(*). (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) figlia, in questa serata il mio Cuore gronda Sangue per il figli della perdizione, i Grandi della Casa del Padre. Unisciti ancora con me: abbraccia i Chiodi Divini, figlia del mio Cuore. (Giulia) Gesù, dammi la costanza e la forza perché la mia viene meno! <3° grido>(*). (Gesù) sollevati, figlia mia, guarda il mio Cuore! (Giulia) Gesù! ..e come sei Grande! (Gesù) guarda, figlia mia, vedi, la Porta è aperta: entra. (Giulia) Dove mi porti, Gesù! (Gesù) vieni (*).(Giulia) Gesù, quel Calice: com’è bello! Gesù, non c’è del Sangue: è un Calice Verde, Gesù! Lo devo bere io? (Gesù) no, figlia mia, quel Calice è pronto per il Papa: lo dovrà bere Lui. (Giulia) Gesù, che significato ha?: è così grande! (Gesù) ecco, figlia, guarda il significato, ma non dirlo, tienilo nel tuo Cuore(*)<4° grido>. (Giulia) Perdonami,Gesù! (Gesù) non hai detto nulla, hai abbracciato i Dolori: non temere, anima mia. ora guarda ancora. (Giulia) Tienimi per mano, Gesù!(*) Sì, Gesù! Sì! Sì, Gesù! (Gesù) ora, questo Calice è tuo: bevilo! E’ amaro, figlia mia! (*) <5° grido>. (Giulia) Gesù, quanto Sangue! Quanto Sangue! Come è grande questo Fiume che scende! Gesù, copre tutto(*). Cosa posso fare? (Gesù) immolati come stai facendo, figlia mia, e bevi ancora!(*) (Giulia) mi taglia la gola, Gesù! Ho paura di rigettarlo! (Gesù) anche se viene la tosse non lo rigetti, figlia <6° grido>(*). (Giulia) Gesù, dammi un po’ di forza, perché la mia non la sento più! (Gesù) sei nelle mie braccia, Cocciuta. Ecco, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali in mezzo a voi, e siamo venuti a portare la Verità del Santo Vangelo Vivo, e il Vangelo è Uno solo ed è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato per l’umanità e per ognuno di voi. Figliuoli del mio Cuore, Io sono in mezzo a voi in Ubbidienza al Padre a portare la Pace: la Pace che viene dal Cuore di Dio, la Pace duratura, la Pace dove i fratelli si stringono la mano; dove i poveri e gli emarginati hanno un pezzo di pane: il Pane della Giustizia. I ricchi andranno a lavorare per un pezzo di pane e i poveri saranno saziati della Giustizia di Dio. Figliuoli, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per l’umanità e per ognuno di voi, per i figli giusti e i figli che mi hanno tradito e mi tradiscono ancora. Ma come "Padre Buono", come mi chiamate, Io uso sempre misericordia per tutti, invitandovi sempre a vivere e a camminare sulla Linea del Santo Vangelo, la Linea dell’Amore: il Solco della Pace, e la Pace viene da Dio: gli uomini, i Grandi del mondo non possono donarvi la pace, siate coscienti di questo, figliuoli del mio Cuore. Pregate e bussate alla porta del Padre, chinate i vostri capi e implorate: MISERICORDIA. Siate pronti e preparati, perché i Tempi del Padre, nessuno di voi li conosce, neanche i Grandi della Casa del padre. Figliuoli, siano i vostri cuori aperti alla Pace di Dio, siano i vostri cuori accesi alla Parola Viva e Reale che vengo a portare in mezzo a voi. state attenti al mio nemico: non lasciatevi trascinare nella sua falsa luce. Distaccatevi dalle cose del mondo e abbracciate il Legno della Povertà: il Legno della Croce, l’unica ricchezza che Io vi ho lasciato, figliuoli. Piccola Cocciuta del Cuore della Croce (Giulia) sì, Gesù: ho sbagliato qualcosa? (Gesù) no, figlia mia, non devo rimproverarti di nulla! Ciò che devo dire fa male al tuo Cuore ma te lo chiedo! (Giulia) Sì, Gesù, cosa vuoi che faccia per te? (Gesù) vuoi farmi compagnia l’ultimo giorno di questo mese? (Giulia) sì, Gesù! (*) Cosa devo fare? (Gesù) chiedi ai tuoi figli se vogliono prendere parte alla mia gioia! (Molti) sì, Gesù! (Gesù) vi unirete nella preghiera e nel mangiare solo agnello e nel bere solo vino, e aspetterete la mia Parola! (Giulia) Gesù, dammi la forza! (Gesù) non temere: la Corte Celeste scenderà! Voi rimanete uniti nella preghiera: Io vi dirò cosa fare! Grazie, figlia, per avere risposto il tuo Sì. (Giulia) Gesù, stringimi forte alla Croce: fammi assaporare il tuo Amore! <7° grido>. Grazie, Gesù! (Gesù) Ecco, figliuoli del mio Cuore. Siete in pochi ad accogliere i Santi Dolori, la Santa Sofferenza; e le anime che mi lasciano poggiare sono poche: ma Io amo le spose che aprono i cuori. Vedete, figliuoli, i flagelli non si fermano perché c’è poco amore, e i fratelli non si riconoscono più: dov’è il mio Amore? Dov’è la mia Pace? Ho detto "Pace a voi, figli", ma nei vostri cuori ancora non è accesa. Io parlo a voi e parlo al mondo intero. Il mio Vangelo non è ancora capito da nessuno; la mia Parola è Amore, è semplice, è povera, ed è donata a tutti. Io sono il Gesù che ho abbracciato la Croce per tutti i miei figli, non ho lasciato nessuno fuori! E quando ho abbracciato la Croce, vi ho portati tutti con me: COSA VOLETE FARE SENZA DI ME? Nessuno di voi faccia il maestro, perché non ho dato il compito, ma ai miei discepoli ho detto "andate e portate la mia Parola"; ma ricordate: IL MAESTRO E’ UNO SOLO, e vi ho promesso "aspettatemi: Io verrò", ma nessuno mi aspetta, e sono solo nell’Orto degli Ulivi, e il mio sudore scende sempre di più sull’umanità che è sorda e non vuole vedere e ascoltare la mia Parola. Figliuoli, siate coscienti: Io sono Vivo e Reale in mezzo a voi nella Stanza dell’Amore, e il Mistero è Grande, e le vostre menti non possono comprenderlo: solo quando Io verrò in mezzo a voi, comprenderete! Vi chiedo di amare e perdonare, usare carità verso tutti; al primo posto portatemi i vostri nemici, e quando amate, amate col mio Amore e usate il Perdono che Io uso con ognuno di voi, figli del mio Cuore. Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) con l’Amore della Croce? (Tutti) Sì! (Gesù) come sono tiepidi i vostri sì. Figli: ve lo lascio! (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace di Dio sia sempre nei vostri cuori (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli, Amen. Avete ascoltato i Dolori del Padre: il Parto Vivo che passa attraverso di me, come il Padre vuole, e attraverso la Piccola Cocciuta. Il Parto è Vivo quando si ama, e l’Amore di Dio non si è mai fermato e non si fermerà. L’uomo ha il suo tempo, decide di amare o di chiudere la porta all’Amore; ma Dio non ragiona come gli uomini: Dio è Amore Infinito e va a cercare la pecorella che ha più peccato, la cura, la porta sulle spalle, e quando è guarita la porta dinanzi ai fratelli dicendo "gioite con me e fate festa". Oggi Io vi invito, ancora una volta, a camminare nella Linea Dritta del Santo Vangelo, a viverlo nella pienezza dei cuori; figliuoli, vedete, abbiamo camminato insieme, abbiamo gioito e portato assieme la Croce, il nostro unico camminare era camminare per il Vangelo: camminare sulla Scia di Maria: LA MAMMA, la Mamma di ognuno di noi, la Mamma che col suo "" ha lasciato scendere sull’umanità il Segno della Croce, la Vita Eterna, e noi dobbiamo guardare Maria come Mamma, Maria come Luce, Maria come Croce, perché per prima l’ha portata Lei: l’ha abbracciata! Col suo "Sì Pieno al Padre" ha abbracciato la Croce e il Dolore era ed è grande: chi di noi sa donare il Sì di Maria? (*) NESSUNO! Una Creatura così piccola e fragile, scelta da Dio, mandata sulla terra per accogliere il Figlio di Dio: quel Mistero Nascosto che nessuno di noi conosce in pienezza. Il Mistero si è fatto Carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi: ma il Mistero, noi, lo crediamo? siamo convinti del Mistero di Dio? I Confratelli vivono il Mistero del Padre? Non scandalizzatevi: il Padre mi concede di parlare, Io sono all’Ubbidienza, e quello che il Padre mi dona Io lo dono a tutti voi e al mondo intero! Il Vangelo deve essere vissuto in Povertà e col Cuore aperto: chi vuole fare il maestro del Vangelo non ama il Vangelo, non ama Dio. Figliuoli, nel mio insegnamento in mezzo a voi, quando tutti mi vedevate.. lo ricordate ancora? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) ..e quando ripetevo che il Vangelo è un Mistero che ancora nessuno di noi ha capito: lo ricordate? Avete dimenticato qualcosa! Ebbene, figliuoli cari, lasciatevi illuminare dallo Spirito Santo: INVOCATELO E PREGATE! I Tempi del Parto sono Pieni e sono scesi sull’umanità; Dio parla, è Vivo, è in mezzo a noi, ma in questa serata sono commosso nel parlare e nel guardare ognuno di voi. Figliuoli, il mio Cuore gioisce per ciò che state facendo per me, Colonne, e voi figli e discepoli del mio Cuore, voi che portate i Nomi Nuovi; e sono gioioso per le mie Suorine: è grande il compito che avete abbracciato, e ciò che offrite al Cuore del Padre è grande: anche il portare la croce è un gesto d’Amore verso Dio. Sapete, il Padre si accontenta di poco: guarda quel puntino aperto dei vostri cuori e vi ama, figli (*), e Io vi benedico attimo per attimo e sono sempre nei vostri cuori come Sacerdozio Vivo e come Santo Giovanni come il Padre mi chiama, e in Ubbidienza abbraccio ciò che vuole dal mio Cuore, perché Lui è Padre e può tutto. Ricordate che l’Ubbidienza e la Santa Sofferenza abbracciata con amore ci porta a Casa a gioire nella Gioia Piena di Dio, figli, ma non lasciate la Linea del Santo Vangelo: IL SOLCO DI DIO! (*) (Giulia) Giovanni, devo farti delle domande nel Cuore! Posso farle? (Piccolo Giovanni) si, figlia mia (*) (Giulia) grazie, Giovanni! Tu l’hai visto già: c’è un altro dono per la Mamma, (*) cosa devo fare? (Piccolo Giovanni) ora sei proprio cocciuta! Non devo ripeterti ogni volta cosa dovete fare: ormai lo conoscete! (Giulia) sì, Giovanni! Ma non voglio sbagliare: dobbiamo fare come le altre volte? (Piccolo Giovanni) si, figlia mia, ma non dimenticate di cantare "Evviva Maria" (Giulia) si, Giovanni! (Piccolo Giovanni) tu chiamerai i figli: il Nome è nel tuo Cuore (Giulia) sì, Giovanni, grazie!(*) (Piccolo Giovanni) bene, figliuoli, vi chiedo di pregare per il mio popolo: chino il capo e piango sul mio popolo che non ha saputo abbracciare il Fratello Domenico (Lentini)! Pregate, figliuoli, pregate e implorate misericordia al Padre. In questa serata mi poggio su ognuno di voi, su di voi Colonne (*). Rivolgete il cuore al Padre, perché in questo attimo sta scendendo un altro flagello sull’umanità! Preghiamo e consoliamo il Cuore di Maria: <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni>. Pregate per le anime del flagello! Pregate col cuore! Amate e perdonate, usate carità.. usate la Carità di Dio, figliuoli, e ricordate sempre che Io sono Sacerdozio Vivo ed Eterno, e il Sacerdozio è Uno solo. Siate coscienti: il Padre mi ha mandato e mi manda in mezzo a voi a portare la Parola, e il mio Cuore arde d’Amore per tutti voi e per l’umanità. Vivete questo Avvento guardando il vostro fratello: solo così potete accogliere Gesù che viene in mezzo a voi, figliuoli. Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) dovrai ancora soffrire e portare la Croce sulle tue spalle: non lasciare i tuoi figli, portali tutti! (Giulia) Giovanni: non li ho mai lasciati e tu lo sai! Donatemi la forza e la costanza!(*) il mio Sì è Pieno: fate di me ciò che il Padre ha scritto! (Piccolo Giovanni) Amen, Cocciuta, Amen! Siano i vostri cuori gioiosi e ardete con l’Amore dello Spirito Santo. figliuoli, Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Sigillo ognuno di voi col Sigillo del Piccolo Giovanni del Cuore del Padre: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Lo Shalom di Dio sia con tutti voi (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (Gesù) Ecco, figli, la Parola Viva sia il vostro vivere, il vostro amare, il vostro donare ai fratelli e all’umanità. Ricordate che l’Agnello Immolato è uno solo, ma il Mistero è Nascosto. Ora preparate i vostri cuori: per un solo istante liberatevi dalle cose del mondo e unitevi al Banchetto dell’Amore: lo Sposo è pronto, è qui in mezzo a voi; venite tutti a fare festa: Io ho sete e fame e voglio bere e mangiare con voi. Sposo, porta la sposa(*). Padre, benedici questo Calice Frutto del tuo Amore. Ecco il Calice del mio Sangue; ecco la mia Carne; venite e bevete con me; venite e mangiate con me. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo: fate questo ricordando il mio Amore. Figli, ecco il Mistero Nascosto che si dona all’umanità(*). (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio(*) che vivi dentro di noi!(*) (Gesù) Nella Pasqua della Vita Nuova Io mi dono(*). Bevi, figlia mia(*), bevi!(*), bevi!(*) <7° grido>. Mangia il mio Cuore!(*) Mangia!(*). ....... Paolo!(*) bevete!(*), mangiate(*). Chiamate i vostri fratelli. Donatemi e preparate la Via Stretta per le Spose; e ricordate sempre che Io sono venuto per servire, non per essere servito. I vostri cuori siano sempre aperti gli uni gli altri: i figli e i fratelli di Dio si donano nell’Amore e nella Pienezza della Croce, nella Sofferenza e nella Gioia, perché Io mi sono donato in Pienezza ad ognuno di voi nell’abbracciare la gioia di avervi come figli, e nell’abbracciare la Croce: ABBRACCIATELA ANCHE VOI! In questa serata, consolate il Cuore di Maria.

 

<la Mamma Celeste intona una Melodia in lingua sconosciuta e recita la seguente Lode al Bimbo>

 

Oh, tu Bimbo che non mi appartieni.

Oh, Bimbo che abiti dentro di me.

Tu, mandato da Dio, per accendere il

Fuoco dell’Amore tra tutte le genti.

Oh, mio Dio e mio Signore.

Oh, mio Creatore.

Oh, Luce che illumini il mondo.

Oh, Quiete, inonda l’Anima mia.

 

<la Mamma Celeste continua la Melodia e recita una seconda Lode al Bimbo>

 

Oh, tu Bimbo che cresci dentro di me.

Oh, Creatura che illumini l’Anima mia,

cresci, cresci e donami la Quiete.

Cresci, cresci e donami il tuo Amore.

 

<la Mamma Celeste continua la Melodia e recita una terza Lode al Bimbo>

 

Oh, Bimbo che non mi appartieni.

Tu, Luce di tutte le genti.

Tu che sei venuto mandato dal Padre

a salvare l’umanità: non tardare,

guarda i tuoi figli,

ascolta il grido dei cuori;

non tardare:

VIENI E RIMANI PER SEMPRE!

 

<la Mamma Celeste continua la Melodia>

 

Ecco, la mia Pasqua è Piena ed è Risorta. Io mi sono donato nell’Amore del Padre, nell’Amore del Figlio, nell’Amore dello Spirito Santo, nell’Amore del Cuore di Maria e nell’Amore del Cuore del Bimbo che abita nella Stanza e cresce, cresce nell’Amore Pieno del Padre, figliuoli. Abbiamo gioito della Gioia Piena: Io sono venuto ad abitare nei vostri cuori, ma chiedo ad ognuno di voi di non abortirmi quando uscite fuori dalla mia Stanza. Non giudicate, perché allo stesso modo sarete giudicati. Non cercate di capire con la mente il Mistero che viene dal Cuore del Padre e non prendete il mio posto: non lasciatevi trascinare dal mio nemico. Figli, voi tutti siete i miei figli e il Padre è Uno solo, e nessuno può prendere il suo posto: il gioco del nemico è farvi diventare grandi: DONARVI IL POTERE! La vostra grandezza sia solo la Croce e il dire "sono un servo inutile: PADRE, CONSEGNO NELLE TUE MANI LE MIE FATICHE"; meditate su queste Parole e siate coscienti; rimanete sempre sulla Linea del Santo Vangelo e tenetelo alto, figli, perché i vostri Nomi brillano nei Cieli. Ora, Io vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli, e gioisci nel vedere al tua Spina Preferita e i tuoi Cari, che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figliuoli del mio Cuore. Ora, volete cantarmi ancora la Ninna Nanna? (Tutti)<Canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli del mio Cuore, grazie. Se voi volete, Io faccio la nanna nei vostri cuori! (Tutti)(Gesù) ma non abortitemi criticando il fratello! Non abortitemi quando il figlio emarginato vi tende la mano! Non abortitemi quando il vecchietto si carica sulle vostre spalle: se fate questo Io non posso addormentarmi nei vostri cuori! Siate figli dell’Amore, siate figli della Pace, siate figli del Perdono, perché tutto questo viene dal Padre e Io posso riposare dentro di voi. Vivete l’Avvento con questo cuore, figli. Ora, legate la Catena Santa(*); legatela con la Parola Viva, e la Parola non viene dalla Piccola Cocciuta ma dal Cuore della Croce: la Piccola Cocciuta è un mio Strumento e suona la mia Musica che è Croce! figliuoli, ricordate che solo attraverso la Santa Sofferenza e la Croce si arriva al Trono del Padre! Ora unitevi al mio Cuore e portate nella Preghiera tutti i vostri nemici, i figli che si uniscono a questa Santa preghiera, i vostri cari, gli ammalati, tutti quelli che avete portato nei vostri cuori, metteteli nella Preghiera del Padre <recita del Padre Nostro: lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Figliuoli, ricordate sempre queste parole: "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen". Stanno ardendo i vostri cuori? ! (Tutti)(Gesù) fateli ardere con l’Amore del Padre!(*) Figli, non vi accendete con l’Amore del mondo, ma bruciate con l’Unico Amore che Dio vi dona come figli. (Giulia) Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo, Papà (Gesù) vi amo anch'Io, figli e discepoli del mio Cuore, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie. Camminate sulla Linea del Santo Vangelo, perché i vostri passi sono giusti e Io sono gioioso per ognuno di voi. (Giulia) Grazie, Papà(*). Grazie!

 

 

         5. Sab 08/12/2001, ore 15.20, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, bevi, anche in questa giornata, il Calice che hanno offerto al tuo Gesù, e immolati, figlia, ancora una volta, con i Dolori Vivi del Parto della Croce di Gesù. Immolati per l’umanità intera; immolati per i figli della perdizione. Unisci i tuoi dolori ai Dolori di Gesù, figlia <1° grido>(*) (Giulia) Mamma(*), come sei bella! Mamma, ti faccio gli auguri da parte mia e da parte di tutti i tuoi figli: posso abbracciarti?(*) grazie, Mamma! Come sei bella! (Immacolata) sono bella perché amo, e il mio Sì donato al Padre, mi ha resa Madre! Vengo in questa giornata a portarvi il Saluto ad ognuno di voi! come l’Angelo si è presentato dinanzi a me per Volere del Padre, Io mi presento dinanzi a voi, figliuoli, a portare ad ognuno di voi l’annuncio di essere Mamme del mio Gesù: di farlo nascere dentro di voi e partorirlo nella Pienezza della Croce. Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali in mezzo a voi, e siamo venuti a portare la Parola, la Verità, la Pienezza e la Primizia di Dio. Figliuoli, siate coscienti dell’Amore che Dio dona ad ognuno di voi e al mondo intero. Siano i vostri cuori pieni di Dio; sia dentro di voi un’Esplosione d’Amore come è entrata nel mio Cuore all’Annuncio "Tu sarai Madre": chi di voi vuole essere Mamma nella Pienezza di Dio? Accettate l’Annuncio e vivete solo per Dio. Amate e perdonate i vostri nemici nell’Amore di Dio; nel giusto del Vangelo bussate al Cuore del Padre e ve lo concede, figliuoli, ma, quando siete nel giusto, gridate la Verità e non abbiate timore di niente e di nessuno. Figli del mio Cuore, Io faccio l’Augurio ad ognuno di voi di presentare i vostri cuori al Padre e dire in questa giornata "eccomi, sono la tua ancella: fa di me quello che tu vuoi": ecco l’Augurio del mio Cuore Immacolato, figliuoli. Ma ancora una volta vi chiedo di stare attenti al mio nemico, non guardate il suo sole che è falso: raccogliete i Raggi della Luce della Croce e portatela sulle vostre spalle. Il Mistero del Bimbo è la Croce, e tutto passa per essa: non gettatela via, figliuoli del mio Cuore. Vi stringo uno ad uno al mio Cuore di Mamma e vi invito sempre a tenere alto il Santo Vangelo e a viverlo nella Pienezza dell’Amore. AMATE, AMATE, AMATE: solo amando potete sconfiggere il male, figli. Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio. (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. Il Cuore di Maria sia per ognuno di voi la Luce Viva e la vostra guida (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli del mio Cuore, Amen. Oggi il mio Cuore è gioioso nel vedere la bellezza di Maria. Il Cuore di una Fanciulla che si è poggiata sul Cuore del Padre, e nel Mistero Nascosto, ha donato il suo Sì, e questo mi rende gioioso. E il mio Cuore è gioioso per l’Amore di voi, Colonne, e dei figli che portano il Nome Nuovo, delle mie Suorine. vedete, figliuoli, Maria è stata scelta come Mamma, e non pensate che sia stato facile! Come i vostri compiti: AVETE PARTORITO ANCHE VOI, Colonne, avete donato il vostro Sì Pieno senza guardare, e come è gioioso il mio Cuore! Più si entra nel Mistero, nella Sofferenza, nella persecuzione, e più si è dentro il Vangelo, nella Verità di Dio. Maria ha abbracciato i suoi Dolori pronunciando quel Sì, e la Piccola Cocciuta, nella sua chiamata, ha pronunciato il Sì Pieno, e da quell’istante la Croce si è poggiata in pieno su di Lei. E voi che siete i miei discepoli, i discepoli che il Padre ha sigillato col suo Amore, voi portate parte dei Dolori, del Mistero, del vivere di Dio nel camminare. "Eccomi, sono la Serva del Signore: avvenga di me ciò che hai detto" e questo dovete ripeterlo attimo per attimo, nei momenti pesanti del vostro camminare, del vostro vivere per Dio. SE DIO E’ CON VOI, CHI E’ CONTRO DI VOI? nessun capello del vostro capo sarà toccato; e quando gli Angeli scenderanno e saliranno, la vostra gioia sarà piena perché brillerete nell’Amore di Dio e nella Pienezza di Dio, figli del mio Cuore. Oggi sono gioioso: lo ripeto ancora, e dico grazie ai Pargoli, ai Discepoli che con amore difendono il Nome di don Mario, del Giovanni di oggi come il Padre mi chiama, del Santo Giovanni come Dio ha scritto con le lettere d’oro! E Io mi inchino dinanzi al Padre lodandolo per le sue Meraviglie: lodatelo e benedirtelo anche voi per le Meraviglie che fa scendere in questa Stanza dove ci fa vivere il suo Mistero Nascosto. Come sono i vostri cuori in questa giornata? (Tutti) gioiosi! (Piccolo Giovanni) così vi voglio: Nella sofferenza si deve gioire, perché per prima l’ha fatto Maria: un esempio di Mamma fanciulla, con la gioia e il sorriso dell’Amore di Dio, figliuoli miei. Piccola Cocciuta: sei gioiosa della tua Sofferenza? (Giulia) sì, Giovanni, benedico e lodo il Padre per essersi poggiato ancora su di me. Giovanni, cosa devo fare con i doni? Non rimproverarmi! (Piccolo Giovanni) no, Anima mia: fate sempre la stessa cosa. Metto nel tuo Cuore i Nomi(*), ma non dimenticate di cantare Evviva Maria. Ora, figlia mia, sai bene cosa devi fare, e quando offriranno ancora dei doni a Maria, nel tuo Cuore saranno messi solo i Nomi: sapete già cosa fare! (Giulia) grazie, Giovanni! ..posso baciarti da parte mia e da parte di tutti?(*) (Piccolo Giovanni) ecco il Bacio del Piccolo Giovanni (Giulia) Ah, grazie!(*) (Piccolo Giovanni) avendolo ricevuto la Piccola Cocciuta, passo e bacio tutti voi: ACCOGLIETELO, che ad uno ad uno sto baciando tutti perché Dio me lo permette in questa giornata, figliuoli!(*). Pasquale, Giuseppe, Vincenzo, sollevate i vostri cuori oggi e sempre; e tutti voi, figli e figlie, in modo particolare lo chiedo alle mie Suorine: DESTATEVI DAL SONNO, IO SONO VIVO IN MEZZO A VOI E VI AMO Più DI PRIMA; lavorate, e quando andate a visitare i vecchietti, i figli che incontrate, donategli sempre il mio Bacio, le carezze che Io donavo ad ognuno di voi. Figliuoli, vi chiedo di pregare per il Papa. Col Cuore grondante di Sangue piango sul mio popolo, ma vi invito a pregare: NON LASCIATE NESSUNO FUORI DELLA SANTA PREGHIERA. Io sono Sacerdozio Eterno, e il mio Sacerdozio viene dal Padre. GIOIREMO DOPO LE FATICHE: figliuoli, siatene coscienti! Ora consoliamo il Cuore di Maria: <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni>. Figliuoli, ricordate che la Mamma allarga sempre le braccia e stende il suo Manto su tutti voi e sull’umanità. Vi sigillo ancora col Sigillo del Piccolo Giovanni invitandovi a camminare sempre nel Solco del Santo Vangelo, figliuoli e discepoli del mio Cuore. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Eccomi(*). Ecco la Serva del Signore che viene in mezzo a voi a portare il Figliuolo Gesù. Vivete l’Avvento nell’Amore e nella Quiete di Dio. Figliuoli, grazie per il tempo che spendete per il mio Gesù. Grazie per aver consolato il mio Cuore: vi sarà donato a larghe misure da Dio. La Grazia e la Benedizione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo scenda su di voi e rimanga per sempre (Tutti) Amen! (Immacolata) Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore alla Santissima Trinità. (Giulia) grazie, Mamma! (Immacolata) FATELO ANCHE VOI: i vostri cari vi baciano uno ad uno!(*) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, figli dello Shalom di Dio(*).(Giulia) grazie, Mammina mia, grazie!

 

 

         6. Dom 09/12/2001, ore 15.20, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, bevi, figlia mia, anche in questa giornata, i Calici Misti del tuo Gesù e immolati, ancora una volta, con i Dolori Vivi del Parto della Croce di Gesù per l’umanità intera e per i tuoi figli (*). Immolati, figlia mia, unisciti ai Dolori di Gesù (*) (Giulia) con la tua Grazia, Mamma! <1° grido>(*) Mammina, Mammina del mio Cuore! (Immacolata) eccomi, figlia mia, consola il tuo Gesù: abbraccia ancora con Lui i Dolori della Croce <2° grido>(*). Sollevati, anima mia (Giulia) Grazie, Mamma! (Immacolata) eccomi, Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali in mezzo a voi, e siamo venuti in Ubbidienza al Padre a portare il Santo Vangelo, invitando ognuno di voi e l’umanità intera a viverlo nella pienezza dei cuori e a tenerlo alto: Vivo come è, in mezzo a voi, nell’Amore Pieno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figliuoli, eccomi, in Ubbidienza al Padre vengo a chiedere i vostri cuori: IL SI’ PIENO A DIO; liberateli dalle cose del mondo, puliteli per il mio Gesù che viene a vivere e abitare in mezzo a voi. Siate Tabernacoli Vivi dell’Amore e della Parola: NON POTETE SERVIRE DUE PADRONI. Amare Dio in pienezza è non dubitare della sua Parola; donarsi a Dio in totalità è guardare il Cuore del Padre che lascia scendere sull’umanità grazie su grazie. Figliuoli, state guardando i tempi che scendono su di voi e li toccate con le vostre mani: RICONOSCETE IL MIO GESU’ COME SIGNORE E DIO, e non prostratevi a dei sconosciuti, il vostro "Sì" sia "Sì" senza ombre. Guardate la Croce: EMANA SOLO LUCE SENZA OMBRE, e voi che siete figli della Croce, non lasciatevi confondere dal nemico. Figliuoli del mio Cuore, Io sono Mamma per Amore, e ho chiesto ad ognuno di voi di essere Mamme del mio Gesù: preparatevi per i tempi che verranno, preparatevi per l’Avvento; siate pronti perché non conoscete né l’ora e neanche il giorno che il mio Gesù scenderà nella sua Luce in mezzo a voi. Figli, lavorate nella Vigna e offrite al Padre la vostra povertà: il vostro cuore. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) dovrai ancora soffrire a causa del Nome di Gesù! (Giulia) con la tua Grazia, Mamma! (Immacolata) ecco un altro Calice pronto che dovrai bere!(*) (Giulia) sono pronta!(*) (Immacolata) bevilo, figlia mia, per le Mura di Roma e per il Papa (Giulia) Mamma, donami la costanza e la grazia! (Immacolata) figlia mia, Gesù vuole poggiarsi ancora su di te: vuoi accettarlo? (Giulia) sì, Mamma: ECCOMI!(*) (Immacolata) bene, figlia mia, la Croce è pesante da portare, ma il tuo Sì consola il Cuore del mio Gesù e il mio Cuore di Mamma: Dio ha trovato grazia e si è fermato su di te(*). (Giulia) eccomi: sia fatta la Volontà del Padre!(*) (Immacolata) figlia mia, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli; prega come tu sai fare e dona il tuo Amore: l’Amore che Dio dona a te, tu donalo all’umanità; i Tempi del Parto sono ormai scesi e pieni, e tu conosci il Mistero Nascosto: stai attenta, figlia del mio Cuore. (Giulia) con la tua Grazia, Mamma! (Immacolata) figliuoli, amate e perdonate, usate carità verso tutti, e al primo posto portate sempre i vostri nemici: siete nel Solco di Dio perché Io vi porto per mano uno ad uno, figli. Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio. (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come Dio ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. L’Amore e la Gioia del Dio Fanciullo che viene a crescere dentro di voi sia la vostra Pasqua Viva (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli, Amen. Eccomi ancora in mezzo a voi nella Gioia Piena del Padre. Il mio Cuore è gioioso come lo era nel preparare l’Avvento. La figura di una Piccola Creatura che viene a nascere per donare la Vita Eterna e la Gioia. E oggi, la figura di Giovanni, ecco l’Acqua, ecco il Mistero di Dio che ha parlato e parla attraverso Giovanni "convertite i vostri cuori a Dio", cambiateli, lavateli, rendeteli puri per Dio; e il Mistero che abbiamo vissuto dell’Acqua Viva dell’Amore del Padre è un Mistero che ancora non avete compreso: Io ho ricevuto il Battesimo del Padre per donarlo a tutti voi; e il Battesimo dell’Acqua dell’Amore è il Battesimo del Fuoco che arde e brucia. Figliuoli, siano aperti i vostri cuori: Dio parla, è in mezzo a noi, ci dona il suo Amore, ci offre la Capanna del suo Cuore e ancora siamo sordi! Non ascoltiamo la Parola di Dio! I Figli e i Fratelli Ministri non vogliono fare entrare Gesù! Ma il mio Cuore non è triste, il Padre mi dona la gioia di parlare, la gioia di gridare ancora e di dire "convertitevi alla Verità di Dio: all’Unica Verità che Io ho sempre portato e porto, per Volere del Padre, in mezzo a voi e nel mondo intero", perché tutto questo rimane nella storia, e la storia è Dio, la storia è il Padre che usa i suoi Strumenti come vuole Lui, quando vuole Lui, senza chiedere ordine a nessuno, e tutto questo, i miei Confratelli lo conoscono, perché Dio non si è mai fermato di parlare: Dio è Vivo. Pregate, figliuoli, non sto rimproverando nessuno di voi: mi conoscevate bene, gridavo ancora di più, griderò ancora attraverso lo Strumento di Dio, ma in questo attimo vi chiedo di pregare per la Piccola Cocciuta: SOSTENETELA, il Padre l’ha messa nelle mie mani e Io la tengo stretta: FATELO ANCHE VOI, Colonne, figli che portate i Nomi Nuovi e Suorine del mio Cuore!(*) Vi amo tutti e camminando nel Paradiso parlo sempre di voi: presto gioiremo insieme. Figli e discepoli del mio Cuore, vi ripeto ancora una volta: STATE ATTENTI AL MIO NEMICO, il suo ultimo strascico di coda sta gettando sull’umanità i flagelli; ma voi pregate, pregate col cuore aperto, perché nelle vostre mani ho messo il mondo, e voi che siete le Rocce non disperdetevi ma amate. (Giulia) Giovanni, devo farti delle domande nel Cuore: posso farle? (Piccolo Giovanni) sì, figlia mia(*).(Giulia) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) figlia, oraa ti offro Io un Calice: lo vuoi bere? (Giulia) sì! (Piccolo Giovanni) il Calice che ti offro lo dovrai bere(*).. (Giulia) ..per chi, Giovanni?(*) (Piccolo Giovanni) è nel tuo Cuore(*). Ora lasciane un po’ per me(*). (Giulia) grazie, Giovanni! Posso usare un po’ la cordicella? (Piccolo Giovanni) sei tutta un flagello, ma se vuoi puoi farlo! (Giulia) ah, grazie!(*) (Piccolo Giovanni) ecco, figliuoli, avete visto cosa offre Dio alle proprie spose?: LA SANTA SOFFERENZA, LA CROCE, I DOLORI, perché solo attraverso la Sofferenza si arriva alla Gioia e all’Amore Pieno; non lamentatevi per i vostri piccoli acciacchi, figliuoli, ma con Amore offriteli al Cuore del Padre.(*) Ti arde il cuore, Paolo? ti arde? (Paolo) Sì! (Piccolo Giovanni) e senti il Bimbo? (Paolo) Sì: mi pervade tutto!(*) (Piccolo Giovanni) vogliamo pregare insieme.. (Tutti) Sì!.. (Piccolo Giovanni) ..e consolare il Cuore di Maria (Tutti) Sì! <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni>. (Piccolo Giovanni) Adesso e nell’ora della nostra morte, Amen. Voi non conoscete la gioia di salire in Cielo ad abbracciare il Cuore di Maria: E’ UN’ESPLOSIONE DI AMORE CHE RAPISCE! Siate pronti: nell’ora che il Padre vi chiama, allargate le braccia(*), e quando è l’ora, guardate gli occhi di Maria, figliuoli; ma ricordate: NON LASCIATE MAI LA LINEA DRITTA DEL SANTO VANGELO, figliuoli del mio Cuore di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli e discepoli del Cuore della Croce. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco la Luce di Dio che è scesa in mezzo a voi a portare la Parola!(*) Io mi inchino dinanzi a voi, Discepoli della Luce, e vi invito a donare ai vostri fratelli la Pace di Dio. Come Umile Ancella, vi lascio il mio Cuore(*) e accolgo i battiti di ognuno di voi, dei vostri cari, dei figli che si sono uniti a questa Santa Preghiera(*), al Raggio di Dio che è sceso in mezzo a voi e nel mondo intero. Figli, grazie per il tempo che avete speso per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure perché Dio è Padre. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, immolati ancora come tu sai fare nel Silenzio del Santo Vangelo (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) porta sulle tue spalle tutti i tuoi figli! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) Ora, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI COL CUORE APERTO. (Tutti quanti insieme a Maria) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. (Immacolata) Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Lascio cadere il mio Manto su di voi, figli.

 

 

         7. Giov 13/12/2001, ore 21.04, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i Calici Misti. Gioisci e fai festa nell’abbracciare i Santi Dolori del Parto Vivo della mia Croce. Accettali, figlia mia, per l’umanità tutta; accettali per le Mura di Roma; unisciti ai miei Dolori: abbraccia con me i Santi Chiodi (Giulia) con la tua Grazia, Gesù! <1° grido>(*). Gesù!(*). (Gesù) Vieni, figlia mia, vieni e unisciti ancora ai miei Dolori: abbracciamo assieme i Chiodi dell’Amore, i Chiodi Santi che vi hanno donato la Vita Eterna. Vuoi abbracciarli per tutti i tuoi figli? (Giulia) sì, Gesù, con la tua Grazia! <2° grido>(*). Gesù(*).. dove stai andando, Gesù? (Gesù) vieni, prendi la mia mano. Guarda, figlia mia, guarda cosa l’umanità mi offre! Guarda cosa mi offrono i Grandi della Casa del Padre! <3° grido>(*). E un’altra Spada è entrata nel tuo Cuore. Figlia mia, vedi quale Avvento preparano i miei Figli Ministri?(*) (Giulia) Gesù, cosa posso fare? (Gesù) unisciti ancora ai miei Dolori: immolati per loro, figlia! <4° grido>(*). Il Parto è Pieno: è sceso sull’umanità, è Vivo e Reale in mezzo a voi, ma non volete vedere. Io parlo a voi e parlo al mondo intero. Figliuoli, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali in mezzo a voi e nel mondo intero, e veniamo solo a portare la Parola, l’Unica Verità: il Santo Vangelo, e il Vangelo è Uno solo ed è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato per ognuno di voi e per l’umanità intera. Figliuoli, voi siete i miei figli(*), tutti, senza fare distinzione; nessuno di voi faccia il maestro, perché sapete bene che il Maestro è uno solo. Vedo e sento i vostri cuori e nulla mi è nascosto. Figliuoli, non potete mettere alla prova il vostro Dio: NON FATELO! Io conosco ogni cosa di ognuno di voi, e prima che voi dite una parola, la conosco! Sappiate, figliuoli, che Io sono la Luce del mondo, e senza la mia Luce, voi non potete camminare. Io sono qui in mezzo a voi perché il Padre l’ha deciso: è così, è Volontà di Dio, e gli uomini non possono fermare la Volontà di Dio. Vedete i rumori che sono nel mondo? Vedete i flagelli che scendono sempre di più? non sono Io a farli scendere, ma siete voi che non ascoltate la Parola: Voi che volete prendere il posto del Padre. Parlo a voi e parlo al mondo intero. Io vengo solo a chiedere un "Sì Pieno" al Santo Vangelo e alla Croce, non vengo a chiedere tesori! Io posso donarvi tutto e prendermi tutto: vi ho donato la Vita per vivere come figli della Croce, figli della povertà, mangiando il mio Pane: il Pane dell’Amore(*), il Pane dei figli di Dio. Siate coscienti di queste Parole e vivete nell’Unico Amore della Croce. Amate e perdonate, usate carità verso tutti; non giudicate, perché allo stesso modo sarete giudicati, e solo Dio è Giudice: nessuno di voi può farlo. State attenti al nemico, figliuoli, usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua rete, nella sua falsa luce. Siano i vostri cuori aperti all’Amore, e quando venite nella mia Stanza, liberatevi dalle cose del mondo; liberate i vostri cuori dagli odii, dai rancori, dai giudizi; la mia Stanza è la Stanza dell’Amore ed è preparata per ognuno di voi, per vivere l’Amore Vivo del Santo Vangelo; ma non pensate alle cose del mondo, figliuoli, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna, e il mio Banchetto è pronto per tutti senza fare distinzione. Guardo i vostri cuori(*), di voi che siete qui riuniti(*) e chino il capo! Guardo i cuori dei figli del mondo intero e grondo Sangue! Figliuoli, pregate perché scenda su di voi la mia Pace, non la pace degli uomini! Siano i vostri cuori aperti al dono di Maria(*) che vi offre l’Avvento dell’Amore: il suo Sì sia il vostro Sì;. il camminare di Maria sia il vostro camminare(*). Imparate da Maria a sapere donare i primi passi per arrivare dinanzi al Legno della Croce; e come è arrivata, Maria vi ha abbracciati come figli: voi abbracciate i vostri fratelli, gli emarginati, i figli carcerati, i figli drogati; non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Ecco cosa chiedo ai vostri cuori in questo tempo, figliuoli. Tenete sempre alto il Santo Vangelo e non calpestatelo: guardatelo con gli occhi del cuore, perché con la mente non potete ancora capire la mia Parola. Quando Io verrò e il Padre mio mi manderà ancora in mezzo a voi, comprenderete e gioiremo nella Gioia Piena, figli del mio Cuore; ma ricordate: Io vedo e sento ogni cosa, e la Piccola Cocciuta conosce i Cuori di ognuno di voi perché il Padre gli ha donato la Luce e la Grazia di vedere: E’ UNO STRUMENTO, RICORDATELO!(*) Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Gesù! Cosa ho sbagliato? (Gesù) non hai sbagliato nulla, figlia mia; volevo chiederti ancora una volta: vuoi abbracciare tutti i Dolori che il Padre vuole offrirti? (Giulia) lo sai, Gesù: SI’ LO VOGLIO ARDENTEMENTE!(*) Sì, Gesù!(*) Sì, Gesù!(*) Sì, Gesù!(*) (Gesù) anima mia, il peso è enorme: sarai perseguitata a causa del mio Nome, e anche i tuoi figli saranno perseguitati! (Giulia) rispondo io per loro: SI’ GESU’ SONO PRONTA!(*) (Gesù) grazie, figlia mia, mi poggio sui Nomi Nuovi, sulle Suore e sulle Colonne: NON INDIETREGGIATE MA CAMMINATE NEL SOLCO DEL SANTO VANGELO! Tu, Croce Viva del mio Cuore, hai il compito più pesante. Ecco, guarda il Fiume! (Giulia) Gesù, quante Barche ci sono!(*) (Gesù) vedi, figlia mia, guarda ma non dire chi c’è nelle Barche! (Giulia) sì, Gesù!(*). Grazie, Gesù!(*). Grazie, Gesù! (Gesù) ora porta tutti i tuoi figli nel Fiume Santo! (Giulia) Gesù, come faccio con quelli che non vogliono capire?(*). Grazie. Non lo posso dire quello che hai suggerito al mio Cuore? (Gesù) no, ancora non è tempo! Quando il tempo sarà pronto dirai ogni cosa ai tuoi figli! (Giulia) Gesù, mi ascolteranno?(*) (Gesù) quando sarà l’ora, si, ma nessuno di voi conosce né l’ora e neanche il giorno: nell’attesa pregate, vegliate e tenete sempre la lucerna dei vostri cuori accesa, figli. Ora preparatevi perché un Bimbo sta per nascere: ACCOGLIETELO NEI VOSTRI CUORI! Vi chiedo ancora di stare attenti al mio nemico: non abortitemi in questo attimo, e non abortitemi quando uscite fuori dalla mia Stanza. Figli, nulla mi è nascosto: RICORDATELO! Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con Amore Pieno: Amore di Dio, il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio! (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (*) (Piccolo Giovanni) L’Amore Vivo e la Pace del Bimbo che viene a nascere dentro di noi sia la nostra Luce (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli del mio Cuore, Amen. Con l’Amore del Padre sono ancora in mezzo a voi nell’Ubbidienza a portare la Parola Viva, a camminare nel Solco, e a far camminare ognuno di voi nella Luce Piena del Santo Vangelo. Avete ascoltato la Parola (*).. è forte e ci lascia pensare a ciò che il Padre voleva dire ad ognuno di noi, ciò che il Padre ha detto e dice ad ognuno di noi: ma quanti figli ascoltiamo la Parola che attimo per attimo bussa nei nostri cuori? Ma non vogliamo ascoltare il cuore! ci fermiamo a pensare con la mente, e in questo modo lasciamo lavorare il nostro nemico: ciò che è cuore è Dio, ciò che è mente è l’uomo, è il mondo. Dio ci ha donato il suo Cuore: l’ha aperto, e ci aspetta tutti per fare festa con Lui nella sua Casa. Quante volte vi ho ripetuto, e quante volte il Padre mi lascia parlare e dire ad ognuno di voi "se non siete convinti dell’Amore di Dio, se non ascoltate la Parola col cuore e aspettate i tempi che il Padre ha scritto per ognuno di noi, andiamo fuori binario", e il Binario di Dio è rimanere nel suo Cuore, nel Cuore del Santo Vangelo! E avete ascoltato la Parola viva "chi vuole intendere, intenda"? quante volte ho parlato ai cuori dei miei Confratelli: pur capendo la verità non l’hanno mai accettata! Dio viene in mezzo a noi perché siamo figli: ci dona il suo Amore, ci dona il suo Perdono perché siamo figli; ci ama e ci vuole salvi. E quando Dio parla è Sigillo, è Parola, e la Parola non può essere calpestata sotto i piedi! Per Dio non ci sono mezze misure: LA BILANCIA HA UN PESO SOLO: la Bilancia di Dio, quella degli uomini fa mezze misure! Come Sacerdozio Vivo ho sempre amato la Misura Piena: QUELLA DEL PADRE! Ho gridato come Giovanni e con Giovanni per Volere del Padre, e griderò ancora attraverso lo Strumento. Il mio Cuore è Vivo in mezzo a voi per Volere del Padre, e il Padre non deve chiedere l’ordine a nessuno di ciò che vuole fare! Dio è, e niente e nessuno può cancellare ciò che è scritto! Guardo i cuori di ognuno di voi e li stringo al mio Cuore chiedendovi di vivere questo Avvento; viverlo come è Vivo il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo, il Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi. Siete stanchi? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) sono nel giusto del Vangelo? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) alcuni cuori non lo pensano, ma prego e chiedo ad ognuno di voi di pregare: la Luce Vera è in mezzo a voi! DIO E’ VIVO, E’ IN MEZZO A VOI E PARLA, e il Mistero che stiamo vivendo è il Mistero di Dio: E’ GRANDE, e quando i vostri occhi vedranno, non resisterete alla Gioia. Ma ci sarete tutti?(*) IO CI SARO’ PER VOLERE DEL PADRE, perché è Dio che mi manda, è Dio che suona la sua Musica e parla all’umanità. Vi chiedo di pregare per il Papa: rimanete vicino a Lui, vegliate e pregate, offrite Fioretti e unitevi al suo Cuore in questi giorni! Preparate la Culla e fate nascere l’Amore Vivo dentro di voi, figliuoli. Chino il capo e piango sul mio popolo, e con me piange anche il Fratello Domenico (Lentini). Pregate, figliuoli(*), PREGATE! Lascio nelle mani del Padre ciò che vuole fare! Dico grazie ai figli che trovano la forza di difendere il Nome del Giovanni di oggi: vi ricordate ancora di me? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) <sospiro profondo> non vi ho lasciato un istante: SONO SEMPRE CON VOI E MI CARICO DEI VOSTRI PESI; abbiate fede in Dio e nulla vi farà mancare, figli! (Giulia) Giovanni, devo farti delle domande nel Cuore, tu le conosci già, posso farlo? Possono passare? (Piccolo Giovanni) si, figlia mia, ma metto nel tuo Cuore i Nomi!(*) (Giulia) grazie, Giovanni!(*) Giovanni, la Mamma è contenta dei doni? Tu conosci i nomi! (Piccolo Giovanni) si: LI BENEDICO, e Maria accoglie i Petali che le vengono offerti e li porta al Cuore del Padre, e dai Petali fa scendere le Grazie su di voi e sull’umanità intera! (*) Ora il Padre ti fa un regalo: abbraccia gli ultimi attimi del mio salire al Padre!(*) <Giulia emette un forte sospiro, si accascia sulla poltrona e poggia la testa sulla gamba di Telesfore. Rimarrà accasciata per circa un minuto, poi, apre gli occhi e fissa lo sguardo di Giovanni in agonia su Telesfore> (Giulia) grazie!(*) (Piccolo Giovanni) Il Mistero di Dio è grande: ma non abbiate paura, ancora rimarrà in mezzo a voi la Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! Telesfore, Telesfore!(*) cosa vorrebbe gridare il tuo cuore?(*) ti lascia parlare, il Padre! (Telesfore) ..ho rivisto.. io ho rivisto.. ho vissuto gli stessi momenti che.. quando sei salito al Padre.. gli occhi.. i tuoi occhi erano uguali.. non mi so spiegare.. (Piccolo Giovanni) ..a quelli che hai visto un attimo fa? (Telesfore) eh! Io l’ho visti un anno fa quando sei salito al Padre.. (Piccolo Giovanni) ..ci vuole un altro poco per un anno!.. (Telesfore) e vabbè, però siamo quasi vicino! (Piccolo Giovanni) E cosa hai sentito? (Telesfore) ..cosa ho sentito.. cioè.. ho visto.. una Luce nei tuoi occhi.. (Piccolo Giovanni) perché sei triste in questa serata?(*) cosa ha ferito il tuo cuore?(*) non dirmi di no, perché lo vedo ferito!(*) puoi dirlo! (Telesfore) in questo attimo? (Piccolo Giovanni) si (Telesfore) pensavo al 31.. <di questo mese> (Piccolo Giovanni) ..e Io sarò con voi! (Telesfore) si, lo so! Però sarà dura! (Piccolo Giovanni) se Dio è con noi, come può essere dura? (Telesfore) cioè.. (Piccolo Giovanni) ..Dio è Gioia, Dio è Amore, Dio è Pace, e se avete fede.. cosa vuoi dire? (Telesfore) voglio dire che sarà triste come l’anno scorso! (Piccolo Giovanni) IO ERO GIOIOSO PERCHE’ STAVO TORNANDO A CASA! (Telesfore) eh, lo so, però noi siamo legati ancora alla terra! (Piccolo Giovanni) dovete distaccarvi.. (Telesfore) ..piano piano.. (Piccolo Giovanni) ..e legarvi al Cuore del Padre! (*) Bene! Rimanete sempre nel Solco del Santo Vangelo, perché il Padre mi manda a portarlo in mezzo a voi: vivetelo nella pienezza dei vostri cuori e donatelo ai vostri fratelli. Ora consoliamo il Cuore di Maria: <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni>. Ricordate che morire in Dio è vivere nel Cuore di Dio; se si muore per il mondo non si è nel Cuore del Padre! Io vi amo e vorrei parlare sempre, ma devo stare all’Ubbidienza del Padre! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. Figliuoli, non siate gelosi in questa serata se sigillo in modo particolare le due Lucie: LE MIE SUORINE, e le figlie che portano questo Nome; non siate gelosi: SIATE UN’UNICA FAMIGLIA, LA FAMIGLIA DI DIO CHE E’ UNITA NELL’AMORE E NELLA QUIETE! ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (Gesù) Eccomi, Io sono in mezzo a voi, Vivo e Reale, e il mio Banchetto è pronto: venite tutti a mangiare; venite tutti così come siete, perché Io vi amo, siete i miei figli e faccio festa quando ritornate a Casa. Lo Sposo è pronto: sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Gesù) Sposo, porta la sposa(*). Eccomi, sono qui dinanzi a voi in un bicchiere di Vino e in un pezzo di Pane. Ecco il mio Sangue; ecco la mia Carne; venite e bevete con me; venite e mangiate con me, perché Io ho sete e fame e voglio fare festa con ognuno di voi. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio(*) nel Mistero Nascosto dell’Amore che viene ad abitare dentro di noi!(*) (Gesù) Ho detto ai miei discepoli "prendete e bevete; prendete e mangiate; fate questo ricordandovi del mio Amore, ma aspettate: IO VERRO’ A MANGIARE DEL NUOVO CON VOI", e il Parto è sceso sull’umanità: E’ PIENO, siate vigilanti e tenete le lucerne accese, perché il Bimbo cresce in mezzo a voi, figli! Anima mia, bevi(*), bevi!(*), bevi!(*) <5° grido>. (Giulia) oh, mio Signore!(*) (Gesù) Mangia!(*). Mangia!(*). ..... Paolo!(*) bevi! ...., mangia(*). Chiamate i vostri fratelli e donatemi nell’Amore e nella Quiete. E’ bello guardare i vostri cuori, e voi, state guardando il mio Cuore? Quanto vi amo!(*) La misura sulla terra non ha limiti! Vi amo tanto da donarmi e mi dono ad ognuno di voi nella Pace, nella Gioia, nella Letizia. Figliuoli, Io sto venendo ad abitare dentro di voi. La gioia di una mamma che sente il proprio bimbo crescere dentro di se, e in questo attimo Io vivo perché voi mi fate vivere! E’ bello crescere in ognuno di voi! Nel Mistero dell’Amore guardo ognuno di voi, e con Amore fascio le ferite e curo le pecorelle; li porto nel mio Cuore e li faccio crescere nel Giardino del mio Amore! Figliuoli, amate col mio Amore; perdonate col mio Amore; donatevi ai fratelli col mio Amore, e aprite i vostri cuori lasciando entrare l’Amore della Croce, l’Amore che Io ho abbracciato per ognuno di voi: IL LEGNO SANTO DELLA CROCE! Non pensate e non affannatevi per le cose del mondo: Io sono il vostro Papà e conosco ogni cosa di ognuno di voi. quando siete stanchi, poggiatevi sul mio Cuore come Io mi poggio sui vostri cuori; Io non vi lascio mai soli, e il piccolo peso che portate sulle vostre spalle ha la misura piccola, perché la grande la porto Io perché vi amo, figli. In questa serata, Piccola Cocciuta, la lascio sulle tue spalle la Croce Grande da portare! (Giulia) grazie, Gesù!(*) (Gesù) anche se sei un flagello te la lascio portare! (Giulia) grazie! (Gesù) ma tu sai per chi devi portarla! (Giulia) sì, Gesù!(*) Gesù Buono, sii misericordioso, guarda benigno tutti. Grazie per esserti degnato di guardare me, misera peccatrice. Donami la Grazia e la Costanza di pronunciare fino all’ultimo istante il Sì del tuo Amore, e perdonami se non so far nulla per far gioire il tuo Cuore! metto nelle tue mani tutti i miei figli, l’umanità intera! Gesù Buono, bussa al Cuore del Padre, bussa e lascia scendere la Rugiada dell’Amore Infinito: E COSI’ SIA! (Gesù) Amen, figlia mia, Amen! Amen! Amen!(*) (Giulia) grazie!(*) (Gesù) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è Piena ed è risorta: risorgete anche voi nell’Amore del Padre, nell’Amore del Figlio, nell’Amore dello Spirito Santo, nell’Amore del Cuore Immacolato di Maria e nell’Amore del Cuore del Bimbo che cresce in mezzo a voi nel Mistero di Dio. Figliuoli, siate coscienti di tutto questo. Amate e perdonate, usate carità verso tutti, al primo posto portate i vostri nemici: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera Viva e Reale in mezzo a voi, ma vi chiedo ancora una volta: "non abortitemi quando uscite fuori da questa Stanza, dalla Stanza dell’Amore che Dio ha preparato per tutti voi e per l’umanità intera". Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità. Tu, Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere al tua Spina Preferita e i tuoi Cari, che cantano le Lodi dell’Amore alla Santissima Trinità: FATELO ANCHE VOI; vi baciano uno ad uno i vostri cari! (Giulia) Gesù, baciali per noi!(*) Grazie, Gesù!(*) (Gesù) Volete cantarmi ancora una volta la Ninna Nanna? (Tutti)<Canto della Ninna Nanna> (Gesù) E’ bello dormire nei vostri cuori, figliuoli; è bello riposare nella Pace di Dio; rimanete sempre fiammelle accese e ardete nell’Amore Pieno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, del Cuore Immacolato di Maria, Madre mia e Madre di ognuno di voi, figli. Ora leghiamo la Catena Santa(*); leghiamola col cuore facendo nascere, in ognuno di voi, l’Amore Vivo: l’Amore che solo Dio può donare. Io ho detto ai miei discepoli "Pace a voi"(*). La Pace sia Piena, figliuoli. Quando seminate la Parola guardate il Legno della Croce e non lasciatevi trascinare dal mio nemico: la Parola è Mistero e voi non potete essere i maestri del Mistero, ma siate servi inutili: dopo aver seminato, chinate i vostri capi dicendo "Padre, sono un servo inutile". Ora preghiamo col cuore, preghiamo con la Preghiera del Padre secondo la sua Volontà: DIO E’ PADRE E CONOSCE CIO’ CHE CI NECESSITA, ed Io sono il Figlio e busso al suo Cuore per ognuno di voi, e il Padre Buono concede quando si bussa nel giusto del Vangelo. Ora, in ginocchio preghiamo il Padre <recita del Padre Nostro: lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Ecco, figli, quando ripetiamo "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen", voi non conoscete il valore dell’Amen. Amen, Amen, Amen, Amen: DEVE ESSERE PIENO NEI VOSTRI CUORI L’AMEN CHE OFFRITE AL PADRE. L’Amen è la Pienezza, figliuoli: RICORDATELO, perché Io vedo e sento ogni cosa. I vostri cuori si stanno avvicinando al Cuore del Padre, non lasciatevi confondere dal nemico. Lavorate nella Vigna, figliuoli, perché siete i miei discepoli e presto gioiremo, perché il Mistero viene da Fatima, e il Cuore Immacolato di Maria trionferà: E’ PAROLA DI DIO!(*) (Giulia) Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo, Papà. Ti amo, Papà (Gesù) vi amo anch'Io, figlioli del mio Cuore, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, Pargoli del mio Cuore. Andate in pace e portate a tutti la Pace che avete ricevuto. Grazie per il tempo che avete speso ascoltando la Parola, figliuoli. (Giulia) Come è grande il tuo Cuore. Papà, rimani con noi! (Gesù) sei insaziabile, Cocciuta: SONO SEMPRE CON VOI! (Giulia) Grazie!

 

 

         8. Dom 16/12/2001, ore xx.xx, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. <ripete ancora> Come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, bevi, figlia, anche in questa santa giornata, i Calici che stanno offrendo al tuo Gesù e immolati con i Santi Dolori Divini del Parto della Croce. Immolati, figlia, per l’umanità intera; immolati per le Mura di Roma. Unisciti ai Dolori di Gesù; unisciti al Parto che passa attraverso Giovanni e attraverso di te, Cocciuta del Cuore della Croce. Abbraccia i Santi Dolori <1° grido>(*). (Giulia) Grazie, Mamma!(*) Grazie! (Immacolata) Ecco, figlia mia, guarda il Cuore di Gesù(*) (Giulia) Mamma! Mamma! Come sei bella con la pancia, Mammina! (Immacolata) guarda, figlia mia, l’umanità ha dimenticato questi tempi: i tempi dell’Avvento, i tempi dell’Amore che Dio lascia scendere sull’umanità. Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali, e siamo venuti a portare la Parola: il Sigillo di Dio, ad ognuno di voi e al mondo intero. Figliuoli, distaccatevi dalle cose del mondo e legatevi all’Avvento Vivo di Gesù che abita nei cuori di ognuno di voi e dell’umanità intera, perché tutti siete figli; il Gesù che abita nei vostri cuori è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita, e la Vita che dona il Padre è la Pienezza, è la sua Gioia, è il "Dio con voi". figliuoli, vivete il Santo Vangelo di questa giornata: <3° Dom. di Avvento/A Mt. 11,2-11> amatelo, accoglietelo nei vostri cuori e fatelo vivere nei cuori dei vostri fratelli amando e perdonando, usando carità verso tutti. Se voi vivete in Dio potete donare l’Amore di Dio all’umanità, ai vostri figli, ai vostri fratelli. Io come Mamma e Umile Ancella, vengo in mezzo a voi a portare l’Amore che Dio ha messo nel mio Cuore: e come vorrei che i cuori dell’umanità intera ardessero come arde il mio! Figliuoli, non è difficile amare e aprire la porta del cuore e donare il Sì Pieno al Padre! Ma in questa giornata, vi chiedo, ancora una volta, di pregare per la Pace; pregate per i Grandi del mondo; pregate per i Grandi della Casa del Padre. Figliuoli, la Pace scende dal Cuore di Dio, e se non si conosce Dio come Padre, non può esserci pace nel mondo intero! Pregate, figliuoli, e state attenti al mio nemico: SCONFIGGETELO CON L’AMORE, amando col mio Cuore, perché Io lo lascio ad ognuno di voi, figli. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, unisciti ancora ai Dolori di Gesù e porta sempre sulle tue spalle la Croce che ti è stata donata; hai consegnato il tuo Sì al Cuore del Padre: vuoi ancora andare avanti? (Giulia) Sì, Mamma: ARDENTEMENTE! (Immacolata) bene, figlia mia: in questi tempi i Dolori, per te, saranno più pesanti! (Giulia) Grazie! Con la Grazia di Dio fatemi camminare! (Immacolata) è bello ascoltare il tuo Sì, anima mia; prendi le mie mani e unisci le mani dei tuoi figli alle mie mani (Giulia) Mamma, loro stanno sentendo quello che sento io? (Immacolata) si, figlia mia! (Giulia) anche quelli che non sono presenti? (Immacolata) Dio è ovunque! (Giulia) Grazie, Mammina del mio Cuore, grazie! (Immacolata) Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio. (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. L’Amore e la Croce di Gesù sia il vostro vivere (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli, Amen. Oggi sono un po’ capriccioso: come mai non rispondete subito? (Paolo) pensavamo che tu continuassi ancora! <si ride un pò> (Piccolo Giovanni) trovate sempre il tappo! Sono gioioso: un Bimbo sta per nascere, e quale gioia più grande può esserci nei nostri cuori? Aspettare questo Bimbo con i nostri cuori piccoli piccoli, come i cuori dei fanciulli che aspettano i doni, i regali dalle proprie mamme, e Maria che è Mamma, ci sta portando il Regalo più Grande: IL BIMBO, IL DIO BAMBINO CHE VIENE IN MEZZO A NOI! Ancora viene in mezzo a noi, guardando tutte le cattiverie, il mondo che va alla perdizione, Dio viene Bambino in mezzo a noi. E come possiamo preparare il nostro cuore? prepararci come i bimbi che aspettano con amore e gioia il dono! E ascoltiamo ancora Giovanni (il Battista: cfr. Vangelo di oggi) che chiede "sei tu che devi venire o dobbiamo aspettare ancora?". È bello questo gesto di Giovanni: pur sapendo, essendo in piena conoscenza, chiede in umiltà "se dobbiamo aspettare ancora!"; e noi dobbiamo aspettare attimo per attimo il Dio Bambino che viene in mezzo a noi e dire "Grazie, Padre, perché ancora ci ami ". E il suo Amore è così Grande da cancellare ogni peccato, ogni errore, e venire attraverso Maria a donarci ancora la sua Luce: è bello questo pensiero? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) e cosa arde nei vostri cuori in questi giorni?(*) potete rispondere oggi! (Molti) l’Amore! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) dimmi! (Piccolo Giovanni) cosa arde nel tuo cuore? nel cuore di Elia? nel cuore di Telesfore? nel cuore di tutti i figli? dimmelo tu! (Paolo) in questi giorni, e in questo periodo soprattutto, nonché in questi ultimi giorni, stiamo vedendo concretizzarsi il tuo Progetto.. (Piccolo Giovanni) ..le Meraviglie del Padre? (Paolo) si. Se mi consenti io.. (Piccolo Giovanni) ..è il Padre che consente! (Paolo) ..certo. Poco fa pensavo a quanto hai detto la volta scorsa: che duemila anni fa.. mi sembra che l’hai detto tu, non la Mamma.. duemila anni fa è venuto Gesù in una Capanna, e dopo tanto tempo Giovanni, con l’Acqua dell’Amore: E’ UNA COSA GRANDISSIMA QUESTA! Non so quanti abbiano riflettuto su quello che tu hai detto, sull’importanza di quello che tu hai detto! (Piccolo Giovanni) qualcuno si ci è fermato, ma in pochi! (Paolo) perché tu li hai messi sullo stesso piano, e questo, mi ha riempito di gioia! (Piccolo Giovanni) il Piano di Dio è Uno! o non è così? (Paolo) è così. Ma come mai oggi ci stai consentendo di parlare? (Piccolo Giovanni) è il Padre.. (Paolo) ..ha fatto un’eccezione? <si ride un pò> (Piccolo Giovanni) ha guardato i cuori e Lui li conosce: i figli, direi che tutti i giorni vorrebbero le caramelle, ma ogni tanto Dio le lascia scendere! (Paolo) sono contento di questo! (Piccolo Giovanni) penso che lo siate tutti! (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) eh.. e cosa devo aggiungere di questa Meraviglia di Dio? la Meraviglia del Cuore di Maria lascia riflettere: chi può rimanere fermo senza riflettere al Mistero Vivo che è qui in mezzo a noi nella Stanza dell’Amore? Ma Telesfore vuole dire qualcosa e mi devo fermare di parlare! (Telesfore) io, veramente, mi sento un pochettino in colpa.. (Piccolo Giovanni) ..cosa hai combinato? <si ride un pò> (Telesfore) ..non ho combina.. riguarda gli avventi di questi giorni, perché non so se riusciamo a fare in Pieno la tua Volontà.. (Piccolo Giovanni) ..non siete voi.. (Telesfore) ..almeno per il momento.. (Piccolo Giovanni) ..non siete voi a camminare e a lavorare: è Dio che cammina per voi e lavora! Il tuo cuore è tenero, sente un po’ le Spine, ma le Spine danno gioia o l’hai dimenticato? (Telesfore) e lo so! (Piccolo Giovanni) è questa la colpa o c’è qualcos’altro? Il tuo dolore qual è? (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) è quello che porta la Piccola Cocciuta nel Cuore?(*) (Telesfore) ma io non lo so cosa porta la Piccola Cocciuta nel Cuore! (Piccolo Giovanni) hai già dimenticato?(*) (Telesfore) il mio.. il mio dolore.. cioè la mia spina, più che altro, è il tuo popolo.. quello che mi sta al cuore, tu lo sai già! (Piccolo Giovanni) posso solo chinare il capo e piangere come ho pianto su Gerusalemme!(*). Cosa vuoi aggiungere? è triste quello che ho detto! (Telesfore) si (Piccolo Giovanni) ma il Padre ha nelle mani il Libro! (Telesfore) ma il Padre ha anche misericordia! (Piccolo Giovanni) lo vuoi dire a me, questo? <si ride un pò> (Telesfore) a volte anche quando sembra che tutto sia perduto poi si possono capovolgere.. (Piccolo Giovanni) lascia a Dio queste cose! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) non farti rimproverare, il Padre ha nelle mani il Libro, e tu non puoi entrare nel Mistero di Dio: RICORDALO! (Telesfore) chiedo perdono se.. (*) (Piccolo Giovanni) state attenti tutti a non entrare nel Mistero di Dio. Io ho detto "il Padre ha nelle mani il Libro" e ciò che è scritto nel Libro non possiamo cambiarlo: nessuno di noi, solo Lui conosce l’ora e il giorno, non lasciatevi trascinare dal nemico; Dio è misericordia, ma ciò che è scritto è scritto, e non viene cancellato: per questo vi invito a stare attenti al nemico, a non prendere il posto di Dio. Io sono capriccioso ma sono sempre Sacerdote: RICORDATELO, figliuoli! ..è un insegnamento.. (Telesfore) grazie.. (Piccolo Giovanni) ..non è un rimprovero! La Scuola di Maria è segnata dal Santo Vangelo ed Io non sono mai uscito fuori dal Santo Vangelo. Siete diventati tristi? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) No, no. Ho riflettuto su ciò che tu hai detto.. (Piccolo Giovanni) ..è sbagliato? (Paolo) no, no, è giusto! È giusto essere decisi e determinati quando si è sicuri di essere sulla Linea Dritta del Santo Vangelo! (Piccolo Giovanni) l’ho sempre gridato ad ognuno di voi e lo griderò sempre perché la mia Linea è il Vangelo. NON CI SONO ALTRE LINEE CHE IO HO CAMMINATO: il Santo Vangelo, la Croce e l’Amore del Padre! Bene, figliuoli, mi amate ancora? (Tutti) Sì! (Paolo) perché ce lo chiedi sempre, questo? (Piccolo Giovanni) eh! <si ride un pò> Eh! È un altro capriccio! (Paolo) chi è che risponderebbe di no? ..col cuore, forse.. qualcuno?.. no, ma qui dentro non credo!(*) (Piccolo Giovanni) stringo un po’ le spalle! Devo dire che quelli che sono presenti in questa giornata, hanno risposto Sì, alcune volte fanno i capricci e non mi rispondono! I figli che si uniscono a questa Santa Preghiera, alcuni rispondono e altri aspettano meditando se devono donare il Sì, o, stando a bilancia.. (Paolo) ..sono incerti! (Piccolo Giovanni) infatti, quando chiedevo qualcosa alla Piccola Cocciuta, mi meravigliava il suo Sì senza avere capito cosa Io chiedevo; ma rispondeva e risponde sempre di Sì! (Paolo) ed è quello il vero Sì, senza chiedersi le motivazioni! (Piccolo Giovanni) BRAVO: senza chiedere le motivazioni! (Paolo) perché quando si.. ci si pongono tante domande, allora c’è sempre lo zampino.. (Piccolo Giovanni) del ne.. (Paolo) ..di quello lì che.. (Piccolo Giovanni) ..del nemico.. (Paolo) ..del nemico! (Piccolo Giovanni) è come mettere un muro dinanzi alla chiamata del Padre!: il Sì và donato! Quando sono stati chiamati i discepoli, lasciavano tutto e venivano dietro! (Paolo) ma il Sì, non si dona con una parola, pero!(*) (Piccolo Giovanni) si.. (Paolo) ..cioè, voglio dire il Sì si dona con le azioni.. (Piccolo Giovanni) ..anche! (Paolo) con un comportamento diverso.. (Piccolo Giovanni) ..anche, anche! (Paolo) ..e.. voglio dire.. e matura nell’arco di un tempo; praticamente non c’è.. non ci si accorge nemmeno di averlo dato! (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) sto dicendo giusto? (Piccolo Giovanni) sia.. (Paolo) ..non è che io mi alzo domani e dico Sì.. adesso dico Sì, e poi alla fine, quando devo parlare.. a.. ad eseguire determinati compiti, mi tiro indietro! (Piccolo Giovanni) per quello il Sì và donato direttamente dal cuore, perché quando viene solo dalle labbra è poi tirarsi indietro; ma quando parte direttamente dal cuore, viene rapito. Hai capito? (Paolo) sì, ho capito! tanto è vero che io a volte non capisco.. (Piccolo Giovanni) ..ma risponde il tuo cuore! (Paolo) è così! (Piccolo Giovanni) Bene, ho fatto un po’ il capriccioso, ma vi amo. Vi chiedo di aspettare col cuore e con Amore il Dio Bambino che viene nei nostri cuori e in mezzo a noi. Ma ricordate: amate, perdonate, usate carità verso tutti e non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. In questi tempi andate a visitare i poverelli: lì troverete Gesù che vi aspetta! Ora devo lasciarvi, ma vi lascio il mio Cuore, il mio Amore e il Sigillo del Piccolo Giovanni: accoglietelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli e discepoli del mio Cuore! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco, la Parola di Dio è scesa in mezzo a voi. Ricordate sempre di tenere alto il Santo Vangelo e di viverlo nella pienezza dei cuori. Figliuoli, grazie per il tempo che spendete per Dio: vi sarà donato a larghe misure. Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane Vivo dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo e vi baciano uno ad uno: FATELO ANCHE VOI! Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, figli della Pace.

 

 

         9. Giov 20/12/2001, ore 21.04, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i Calici Misti. Gioisci e fai festa nell’accettare i Santi Dolori del Parto Vivo della mia Croce, per l’umanità intera e per i Grandi della Casa del Padre. Preparati, anima mia, unisciti con me: abbraccia i Santi Chiodi e consola il Cuore di Maria, Madre mia e Madre dell’umanità(*). Vieni, anima mia <1° grido>(*). (Giulia) Gesù! Gesù!(*). (Gesù) Abbraccia ancora i Santi Chiodi: abbraccia secondo le mie intenzioni, figlia mia. (Giulia) Con la tua Grazia, Gesù!(*). <2° grido straziante>(*). Gesù! Gesù!(*) Gesù!(*) (Gesù) Vieni, figlia mia, prendi la mia mano(*).(Giulia) Gesù! (Gesù) non temere: sali con me!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) Ora guarda! (Giulia) Gesù, posso dire quello che vedo? (Gesù) si, anima mia(*). (Giulia) siamo saliti su un Monte.. è verde, e ci sono dei fiori stupendi! Gesù, posso raccogliere i fiori? (Gesù) vedi, figlia mia, i fiori stupendi che tu vedi sono le anime che hanno raggiunto l’Amore del Padre. Ora guarda giù (*) ma non spaventarti! <3° grido>(*). (Giulia) Gesù, giù non ci sono dei fiori(*): ..DELLE PERSONE CHE BRUCIANO!(*) Gesù! (Gesù) Ecco, figlia mia, un altro flagello scenderà sull’umanità: è ciò che hai visto! (Giulia) cosa posso fare per farli diventare fiori, Gesù? (Gesù) Immolati, figlia mia, abbraccia ancora i Chiodi <4° grido>(*). (Giulia) Gesù, stanno sbocciando ma non tutti, Gesù! (Gesù) Figlia, dì ai Figli Ministri di immolarsi e di pregare. In questo tempo dì loro di farmi nascere nella Capanna dei loro cuori, in povertà e nella semplicità del Santo Vangelo: nella Capanna dove Io sono venuto. Dì ai Figli Ministri di allontanare il nemico dai loro cuori. Le grandezze, i poteri non vengono dal Bambino che sta per nascere: L’AVVENTO VIENE NELLA POVERTA’ E PORTA I SEGNI DEI DOLORI E DELLA CROCE! Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali in mezzo a voi e veniamo a portare la Parola nella Semplicità e nell’Amore del Padre. Il Padre ha parlato e parla ancora ai Semplici, ai Piccoli, ai Poveri, per confondere i sapienti e donare l’Acqua Viva e Zampillante all’umanità: ma i figli sono sordi e non vogliono ascoltare la Parola! Figliuoli, vi invito ad accogliere il Bimbo che viene a portare l’Amore, la Pace e la Fratellanza all’umanità intera. Ricordate sempre di tenere alto il Santo Vangelo e di viverlo col cuore, donandolo ai fratelli. Io mi sono donato per Amore; Maria mi ha donato per Amore, e mi ha abbracciato nel suo Grembo di Mamma. Figliuoli, Mamme del Cuore della Croce, stringete nei vostri cuori l’Amore di Dio: IL MISTERO CHE STATE VIVENDO NELLA CAPANNA. Lodate e benedite il Padre per tutto quello che lascia scendere in mezzo a voi e nel mondo intero, ma state attenti al nemico, non lasciatevi trascinare, non accendete la sua luce andando dietro ai suoi falsi miracoli: ricordate che il Gesù che viene in mezzo a voi è morto ed è risorto sul Legno della Croce, e la Croce l’ha allontanato (il nemico); Maria gli ha schiacciato il capo, e voi siete i figli che Maria ha abbracciato ai Piedi della Croce; e usa ogni mezzo per farvi cadere. Siate vigilanti, pregate, figliuoli, e sconfiggete il nemico con l’Amore facendo nascere dentro di voi la Capanna dove Io possa rimanere. Non cacciatemi fuori ma fatemi vivere: NON ABORTITEMI; e voi, Figli Ministri, accogliete con amore le anime che bussano alla vostra porta: MA FATELO COL CUORE, NON METTETEVI IN MOSTRA USANDO LA MIA CARITA’; sappiate che Io vedo e sento ogni cosa e nulla mi è nascosto e in questo tempo vivete il mio Avvento non quello della grandezza e del potere. Vi chiedo ancora, figliuoli, di amare e perdonare, di usare carità verso tutti, e non scandalizzatevi se mi fermo a parlare dei miei Figli Ministri: VOI NON VEDETE CIO’ CHE IO VEDO. Figliuoli del mio Cuore, vi chiedo solo di pregare perché Io vi voglio tutti santi a gioire della mia Gioia Piena. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, vuoi ancora immolarti per i tuoi figli? Vuoi portarli ancora sulle tue spalle? (Giulia) Gesù, tu lo sai: SI’ LO VOGLIO! (Gesù) guarda, anima mia, cosa il Padre ha preparato per te!(*) (Giulia) grazie, Gesù: SONO PRONTA! <5° grido>(*). (Gesù) Ecco cosa offre lo Sposo alle proprie spose: IL DONO DELLA SOFFERENZA! Tienilo stretto, anima mia! (Giulia) con la tua Grazia, Gesù! (Gesù) vi chiedo ancora una volta di pregare per le Mura di Roma, per il Papa: NON LASCIATELO SOLO NELL’ORTO DEGLI ULIVI! Siano i vostri cuori pronti per questo Avvento; figliuoli, il Parto è Pieno ed è in mezzo a voi e nel mondo intero. Tenete sempre alto il Santo Vangelo, perché Io non vengo a cambiare nulla: Io sono il Dio Antico e il Grande Libro lo posso aprire soltanto Io, e voi non conoscete né l’ora e neanche il giorno, ma siate vigilanti nell’Amore e nella Carità e non lasciate nessuno fuori della Santa preghiera, figliuoli del mio Cuore. Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio! (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza al Padre, vengo a portarvi la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace del Legno Vivo della Croce sia la vostra Pace (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli del mio Cuore, Amen. Eccomi, nell’Amore e nella Grazia di Dio sono ancora in mezzo a voi a parlare del Mistero Vivo del Santo Vangelo, perché Io ho vissuto e vivo della Parola, e oggi grido ancora di più la Parola Viva, il Mistero di Dio che è venuto ad abitare in ognuno di noi: è l’Avvento che stiamo vivendo, l’attesa di questo Figlio che sta per nascere dentro di noi, nei nostri cuori: Dio viene a chiedere ad ognuno di noi "volete essere le mie Mamme?". Guardate quale Mistero scende in mezzo a noi: Dio che è il Padre, Dio che è il Tutto, Dio che è la Primizia di tutto scende a chiedere ai nostri cuori, ad ognuno di noi di farlo vivere! Quale Padre? non ve ne sono altri! L’Unico Padre che ci ha donato la vita e ha preparato per noi la Gioia Eterna viene a donarci l’Annuncio del suo Figliuolo: è Grande questo Mistero, è Grande questa Gioia che viene a portare ai nostri cuori, all’umanità intera. Dio vuole la sua Famiglia che vive della sua Gioia, della sua Pace, e ancora, guardando i nostri errori, viene a bussare e a chiedere "volete essere le Mamme del Bimbo?". E quanti, quanti figli si ricordano ancora di quel Bambinello che Maria ci ha donato? IN POCHI IN QUESTO TEMPO! Come Sacerdozio Vivo, e voi sapete bene che il Sacerdozio è uno solo, vi ripeto che il Mistero che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo è Grande: l’Avvento di Dio con l’umanità, la Parola Viva che scende dal Cuore del Padre, diventa Carne, cresce dentro Maria e allarga le braccia per accogliere tutti i figli. Ancora non potete comprendere questo Mistero Vivo, come non potete comprendere le Parole del Padre, la preghiera offerta al Papa che presto vi sarà spiegata; ma conoscete bene che il "presto di Dio" non è così <con il pollice e l’indice della mano destra indica una distanza di qualche centimetro> (*), ma è un Mistero Grande. Non scandalizzatevi, figliuoli del mio Cuore, Io ho camminato e cammino sulla Linea del Santo Vangelo, e in questo tempo di Avvento devo dire grazie a tutti i miei figli, ai figli che portano il Nome Nuovo, alle Colonne, ai figli che con amore e col peso della Croce hanno difeso e difendono il mio Nome: GRAZIE FIGLIUOLI MIEI, grazie per avere stretto la vostra mano alla mia mano, perché Io sono sempre con voi, e quando il peso per voi è più grande, lo sono ancora di più vicino; nella Sofferenza si deve gioire perché è lì che si porta in pieno il peso della Croce; è lì che si dona in pieno il Sì al Padre: "ho lavorato nella Vigna e ho guardato in alto nel Solco del Santo Vangelo". Figliuoli, ciò che è mio è vostro: il Padre mi ha donato ciò che Io ho donato ad ognuno di voi. Non siano tristi i vostri cuori per ciò che avete incontrato e incontrerete ancora sulle vostre vie a causa del mio Nome: sappiate che Dio è Padre, e ciò che ha scritto non può essere cancellato dagli uomini. Colonne, mi poggerò ancora su di voi: ma poggiandomi vi dico grazie per ciò che fate! Grazie ad uno ad uno a tutti voi, figliuoli, a voi Suorine del mio Cuore: lavorate e offrite ciò che è nelle vostre forze, Dio guarda il cuore e lo conosce bene. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce (Giulia) sì, Giovanni! ..cosa ho sbagliato? (Piccolo Giovanni) nulla, figlia mia. Preparati a soffrire ancora, ad abbracciare con amore i Santi Dolori del Parto: in questo tempo sai bene che sono ancora più pesanti! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ricordati, figlia, di portare sulle tue spalle tutti i tuoi figli: NON LASCIARLI! (Giulia) con la Grazia del Padre e la tua Grazia, non li lascio, ma sostenetemi! (Piccolo Giovanni) figlia mia, vai avanti e ricordati sempre il tuo primo messaggio! (Giulia) sì, Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) Cocciuta del mio Cuore, devo dirti grazie per il tuo coraggio: l’Amore che offri al Padre! (Giulia) non ho fatto nulla, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sei nel Solco e stai camminando dietro di me tenendo sempre alto il Santo vangelo! (Giulia) Giovanni, quando sbaglio prendimi per mano! (Piccolo Giovanni) non hai ancora sbagliato, ma la mia mano è legata alla tua mano, perché il Parto passa attraverso di me e attraverso di te, Piccola Cocciuta: è il Padre che ha deciso così!(*) (Giulia) Giovanni, devo farti delle domande nel Cuore: posso farle? (Piccolo Giovanni) si, figlia mia!(*)(*) (Giulia) Grazie, Giovanni! Giovanni, la data che ho scelto per il regalo della Mamma va bene o la devo cambiare? (Piccolo Giovanni) hai scelto bene, figlia mia (Giulia) Giovanni, tu hai visto già: è bella? (Piccolo Giovanni) si, tanto da far gioire il Cuore di Paolo e di tutti i figli.. e il mio Cuore. OGNI PIETRUZZA BRILLERA’ NEI CIELI: siate anche voi Pietruzze che coronano il capo di Maria; brillate e donate il vostro amore ai vostri fratelli, all’umanità, ai figli emarginati, figliuoli, e discepoli del mio Cuore, ma ricordate sempre di vivere, di camminare nel Solco del Santo Vangelo: tenetelo sempre alto, figliuoli, e pregate per i miei Confratelli!(*) PREGATE PER LORO IN QUESTO TEMPO E PREGATE PER LA PACE, [PERCHE’ ANCORA I FLAGELLI] NON SI FERMANO, figli del mio Cuore. Vi amo così tanto da chiedere ad ognuno di voi di consolare il Cuore di Maria: E’ LA MAMMA: <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni>: è il Regalo che ognuno di noi offre al Cuore di Maria in questo tempo, ma fatelo col cuore aperto, figliuoli del mio Cuore(*). La mia Gioia è Piena per ciò che avete fatto e farete ancora per me. Figliuoli, grazie, siete nel Solco giusto: non siano tristi i vostri cuori, Dio è con voi e la sua Grazia è su di voi. Figliuoli del mio Cuore, è bello restare con voi, ma ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi sigillo uno ad uno e vi invito a prendere parte del Banchetto Nuziale(*). Vado a visitare i vostri cari(*), ai figli che stanno bussando al mio Cuore(*), e accarezzo i cuori di ognuno di voi(*). Unitevi al Cuore del Bimbo e fatelo vivere. Vi sigillo ancora una volta: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figliuoli. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (Gesù) Eccomi, nella Quiete sono in mezzo a voi, guardo i cuori di ognuno di voi. Figli, preparatevi, perché Io ho sete e fame e voglio fare festa con ognuno di voi. Distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi tutti al mio Banchetto, lo Sposo è qui: è pronto. Figliuoli, venite e fate festa; venite e bevete e mangiate con me del Nuovo. Sposo, porta la sposa(*). Padre, benedici questo Calice Frutto del tuo Amore(*). Ecco il Calice del mio Sangue, ecco la mia Carne. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. "Venite tutti e bevete con me; venite e mangiate con me", questo ho detto ai miei discepoli e questo dico ad ognuno di voi. Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce; Io ho aperto il mio Cuore e ho lasciato uscire il Sangue e l’Acqua e vi ho donato me stesso per Cibo. Fate questo ricordando la mia amicizia con ognuno di voi, figli. Anima mia, unisciti all’Amore del Padre: bevi, figlia!(*), bevi!(*), bevi!(*), <6° grido>. (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio!(*) (Gesù) Mangia!(*). Mangia!(*)....... Paolo!(*) bevi!(*), ....., mangia(*), ..... E’ amaro il mio Calice.. (..... Paolo) no!.. (Gesù) ..in questa serata! ....... è amaro!(*). Donatemi ai vostri fratelli, preparate la Via Stretta per le Spose! L’amaro che ha assaporato la Piccola Cocciuta è il Calice che mi hanno preparato i Grandi della Casa del Padre, e voi l’avete assaporato solo un po’: il tutto l’ha preso la Piccola Cocciuta per ognuno di voi e per l’umanità intera, figli, per questo vi ho detto "è amaro il Calice"! ma gioite, perché nella sofferenza c’è l’Amore Pieno, e Io mi poggio sempre di più su di ognuno di voi: su tutti voi figli e figlie del mio Cuore. Stai guardando i miei occhi, Paolo? (Paolo) si! (Gesù) e come li vedi in questa serata? (Paolo) pieni di Amore!.. (Gesù) ..ma non commuoverti!.. (Paolo) ..è difficile non commuoversi!.. (Gesù) ..perché Io guardandovi mi commuovo, perché siete tutti i miei figli e vi amo, vi amo, e il mio Amore non ha Misure!(*) <si gira sulla sua destra per guardare Telesfore>. Vuoi guardare i miei occhi? Stai gioendo? (Telesfore) immensamente sto gioendo! (Gesù) ti ho fatto aspettare un po’! ora guardo gli occhi di ognuno di voi e chiedo "siate pacifici", amatevi gli uni gli altri con la Pace che Io offro ai vostri cuori, figliuoli: ma parlo a voi e parlo al mondo intero. La Pace sia con tutti voi e con tutti i miei figli. Il mio Cuore di Padre è aperto a tutti, all’umanità intera: bussate, chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, figliuoli del mio Cuore. Io sono il Vostro Papà, il Papà che vi ha donato la Vita Eterna. Figliuoli, guardate con gli occhi del Cuore e gioite con la mia Gioia, perché Io sono in mezzo a voi e sto bevendo e mangiando con voi al Banchetto dell’Amore, al Banchetto dello Sposo che viene ad abitare dentro di voi. Figli, ecco, come Maria ha accolto l’Amore del Padre, così anche voi avete accolto il mio Amore; avete fatto festa al mio Banchetto d’Amore. Figliuoli, Io mi sono donato ai figli che si sono uniti a questa Santa preghiera e ai figli che mi hanno donato ai loro cari! Ecco la mia Pasqua; ecco la mia Croce; ecco il Santo Vangelo Vivo che è Pieno ed è in mezzo a voi nell’Amore del padre, del Figlio e dello Spirito Santo, del Cuore Immacolato di Maria e del Cuore del Bimbo che cresce sempre di più in mezzo a voi. Figliuoli del mio Cuore, guardate sempre con gli occhi del mio Amore: gli occhi che avete visto in questa serata, figli, e sia Pace Piena tra di voi; ma ricordate che siete i miei discepoli e sarete perseguitati a causa del mio Nome, ma nessun capello del vostro capo sarà toccato perché Io sarò sempre con voi e presto gioiremo della Gioia Piena, perché Io ho promesso che verrò. ASPETTATEMI, LA MIA PROMESSA NON VIENE MENO, figliuoli!(*) Ecco l’Amore del Padre, ecco l’Amore del Figlio, ecco l’Amore dello Spirito Santo, ecco l’Amore del Cuore di Maria, ecco l’Amore del Cuore del Bimbo, che sono un’Unica Cosa: IL MISTERO NASCOSTO, il Mistero che Dio ha donato e dona ad ognuno di voi, ai figli che aprono la porta del cuore. Vi chiedo ancora una volta: amate, perdonate, usate carità verso tutti e non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera in questo tempo e nel tempo che Dio ha donato e dona ad ognuno di voi. Vivete per Dio, vivete del Santo Vangelo, e camminate nel Solco, figliuoli. Io ora vi lascio ma sono sempre con voi. Vi chiedo ancora una volta di pregare per il Papa e di stare attenti al mio nemico. Figliuoli, Io sono Vivo e Reale in mezzo a voi, dentro di voi, ma non abortitemi: FATEMI VIVERE PERCHE’ IO SONO IL VOSTRO DIO E SIGNORE, IL GESU’ CHE HA ABBRACCIATO IL LEGNO DELLA CROCE. Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità e vivete l’Amore della Croce, figliuoli del mio Cuore. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere al tua Spina Preferita e i tuoi Cari, che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI; ricambiate il saluto perché vi baciano uno ad uno nell’Ubbidienza del Padre, figli. Ora volete cantarmi ancora la Ninna Nanna? (Tutti)<Canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli del mio Cuore(*). Grazie per il tempo che spendete: vi sarà donato a larghe misure e i vostri Nomi brillano nei Cieli, perché la mia Pasqua è Piena ed è risorta nell’Amore e nella Quiete, figliuoli. Ora, volete unirvi(*) alla Preghiera del Padre? volete fare accarezzare i vostri cuori al mio Cuore? Io li accarezzo sempre i vostri! Voi, se vi unite con amore, accarezzate anche il mio, e mi fate gioire se lo fate nella pienezza, nell’apertura della porticina del cuore di ognuno di voi. È bello chiedervi sempre: mi amate voi? (Tutti) Sì! (Gesù) mi amate voi? (Tutti) Sì! (Gesù) mi amate voi? (Tutti) Sì! (Gesù) non temete per la creatura <una signora ha avvertito un lieve malore e si è dovuta sedere per qualche attimo>: sto accarezzando il suo cuore, ma non abbiate paura, Dio è con voi, figliuoli. Ora, nell’Amore e nella Totalità dei vostri cuori, preghiamo insieme con la Preghiera del Padre <recita del Padre Nostro (così come insegnato da Giovanni cfr. msg. del 08/11/2001 pubblicato in Stanza N.14): lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.">. Non scandalizzatevi: non ho sbagliato; dovete comprendere: il Pater deve essere fatto col cuore! E’ quando non c’è apertura, non tra di voi, ma nel mondo intero. È un Mistero che comprenderete: DIO NON PUO’ SBAGLIARE, NON DIMENTICA LA PREGHIERA! Ricordate: non è la Piccola Cocciuta a parlare, ma sono Io: lo Strumento viene usato dal Padre. Preghiamo ancora: <recita del Padre Nostro (il Pater classico questa volta): lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Dovete essere coscienti di questa preghiera: fatta col cuore, fatta lentamente, masticata. È così che si può comprendere, ma col cuore: figliuoli, parlo a voi e parlo al mondo intero!(*) (Giulia) Ti amo Papà. Ti amo Papà. Ti amo Papà(*). Papà, quando ci spieghi il Mistero del Pater? (Gesù) non sei tu(*) a chiedermi questo: IL TEMPO LO CONOSCO SOLO IO. (Giulia) Perdonami, Papà! (Gesù) non hai sbagliato! Hai solo fretta di far conoscere ai tuoi figli.. (Giulia) sì, Papa! Ti amo Papà. Ti amo Papà, ti amo.. (Gesù) vi amo anch'Io e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, Discepoli del mio Cuore. Andate in pace e portate a tutti la Pace che Io ho donato ad ognuno di voi, figli. Amen, Amen, Amen, Amen. L’Amen del mio Cuore scenda su di voi e sul mondo intero, figli.

 

 

         10. Dom 23/12/2001, ore 15.20, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, bevi, figlia mia, anche in questa giornata, i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi e i Calici Rossi, e immolati per l’umanità tutta, con i Santi Dolori Vivi del mio Parto: IL PARTO VIVO DELLA CROCE! Immolati secondo le mie Intenzioni di Mamma, figlia mia <1° grido>(*). (Giulia) Mamma! (Immacolata) Prendi parte all’Avvento Vivo, figlia: ecco l’Albero Vivo della Croce. (Giulia) Mamma, come sei bella! COME SEI BELLA! Come sei bella con la pancia!, e come è candido il tuo abito, Mammina! (Immacolata) Io sono bella perché amo, e quello che chiedo ad ognuno di voi è di amare con lo stesso Amore che il Padre mi ha donato per donarlo all’umanità. Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali e siamo venuti a portare la Parola: il Santo Vangelo. Figliuoli, siate coscienti di tutto questo, vivete l’Avvento dell’Amore e della Pace che Dio lascia scendere su di voi e sull’umanità intera. Come Mamma vengo a portarvi i Santi Dolori del Parto per ricordare ai vostri cuori l’Amore di Dio: l’Amore Vivo che arde. Dio arde sempre per l’umanità intera: per i suoi figli. Accendete nei vostri cuori la Pace e la Quiete di Dio che è Viva, perché Dio è Vivo in mezzo a voi, nei vostri cuori. Voi siete creature fatte ad Immagine e Somiglianza di Dio e il Bimbo che Io vi offro è Vivo. Figliuoli, guardate con Amore i Segni e i Tempi di Dio che stanno scendendo sull’umanità e non siate tristi, ma gioiosi, perché il Bambino scende in mezzo a voi: dovete solo distaccarvi dalle cose del mondo e pregare dicendo "Padre, sia fatta la tua non la mia volontà: Eccomi, Io sono qui e allargo le braccia come le hai allargate sul Legno della Croce per donarci la Vita Eterna". E l’Avvento è la Gioia di Dio, la gioia di venire ad abitare nei cuori dei propri figli: ma state attenti al nemico, non lasciatevi trascinare dalla sua falsa luce; in questa giornata vi chiedo ancora di pregare per la Pace: LO SHALOM DI DIO, perché Dio lo lascia scendere sull’umanità e su di ognuno di voi, figliuoli del mio Cuore. Ecco, preparate i vostri cuori teneri e piccoli, e offriteli al Cuore del Padre; offrite piccoli fioretti perché Dio è Bambino e ha bisogno del vostro amore: ma ricordate di vivere in pieno il Santo Vangelo e di tenerlo alto, figliuoli del mio Cuore. Tu, Croce Divina del Cuore di Gesù, dovrai soffrire in questi giorni: sei pronta, anima mia? (Giulia) con la tua Grazia, Mamma: SONO PRONTA, SI’! (Immacolata) figlia, prega ancora per le Mura di Roma e per il Papa, e immolati come tu sai fare! (Giulia) sì, Mamma! Come sei bella <sospiro profondo di Giulia>, ah! Posso baciarti?(*) Da parte mia e da parte di tutti! (Immacolata) Io bacio ognuno di voi e vi stringo al mio Cuore, figli! Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio. (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. La Capanna di Maria sia la vostra Capanna e il vostro vivere (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Rimanete un po’ meravigliati nel sentirmi dire queste parole? (Qualcuno) si (Piccolo Giovanni) ma Io rispondo "Amen, Amen, Amen, Amen"(*), e l’Amen di Dio è la Pienezza, è il donare tutto. E in questa giornata il mio Cuore è gioioso nel ricordare il Natale che abbiamo celebrato, nell’avermi dinanzi a voi: ORA LO SONO PIU’ DI PRIMA, ma nei vostri cuori passa un piccolo pensiero: "non ti vediamo". E il Mistero diventa ancora più grande, Maria ci ha donato un Figlio, quel Figlio che noi abbiamo accolto, amato, e amiamo ancora pur non avendo visto. È grande questa parola, Paolo? (Paolo) sì!(*) (Piccolo Giovanni) dovrei essere triste in questo giorno, come vedo alcuni cuori, ma Io sono gioioso, sono pieno d’Amore, perché Dio lascia scendere sempre di più su di voi e sul mondo intero la Pienezza: il Parto Vivo del suo Amore. Come Giuseppe, uomo giusto che ha accolto Maria, ha creduto nella sua Parola, Io ho abbracciato e abbraccio ognuno di voi, e in modo particolare ho abbracciato la Piccola Croce, la Piccola Cocciuta di Dio, nella Pienezza: DIO L’HA SCELTA, DIO L’HA MANDATA E IL SUO COMPITO E’ GRANDE. Il Mistero di Dio dentro di Lei è Pieno, è Vivo ed è sigillato dalla Croce. Ecco com’è l’Uomo Giusto: GIUSEPPE. Avete meditato il Vangelo di questa giornata? <4° Dom. di Avvento/A Mt. 1,18-24> masticatelo, figliuoli, vivetelo in pieno e donatelo ai fratelli, all’umanità intera. Io sono in mezzo a voi in Ubbidienza al Padre, e non mi fermo di lodarlo e benedirlo perché mi lascia parlare attraverso lo Strumento; e ognuno di voi, Discepoli, Colonne, Figli che portate i Nomi Nuovi e Suorine, non fermatevi: lodate il Padre, lodate il Figlio, lodate lo Spirito Santo per i Frutti che dona ad ognuno di voi; e non meravigliatevi se attraverso di voi il Padre opera Meraviglie. Dio vi ha chiamati; Dio vi ha sigillati, ed Io vi ho sigillati, ed Io vi ho amati donandovi l’Acqua dell’Amore. Ecco il Mistero più Grande, il Mistero Vivo: GIOVANNI-GESU’, la grandezza del Mistero che è qui Vivo nella Stanza dell’Amore. Figliuoli, rimanete sempre nel Solco, camminate amando, perdonando e usando carità verso tutti come Io vi ho insegnato e come lo faccio tutt’ora. Dio sia l’Unica Via del vostro vivere; Dio sia il Tutto per ognuno di voi; distaccatevi dalle cose del mondo e guardate il Bimbo che cresce in mezzo a voi, figli del mio Cuore. Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) perché sei triste? (Giulia) tu lo sai! Giovanni, posso chiederti una cosa nel Cuore? (Piccolo Giovanni) sì, anima mia!(*) (Giulia) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Piccola Cocciuta, c’è Telesfore che arde di sapere cosa dovrai fare domani!(*) (Giulia) si, me l’ha chiesto! (Piccolo Giovanni) ora è nel tuo Cuore! (Giulia) aiutami! (Piccolo Giovanni) Io sono sempre in mezzo a voi e ci sarò anche domani! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non fare commuovere il mio Cuore! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Ecco, Io sono gioioso: siate gioiosi anche voi e camminate nell’Amore! Presto gioiremo insieme nel Giardino del Padre che ha preparato per ognuno di voi, per il mondo intero! Ma sento bussare il cuore di Paolo e il Padre mi concede di farlo parlare! Dimmi, Paolo! (Paolo) sono triste! (Piccolo Giovanni) perché? (Paolo) sono triste perché non riesco ad identificarmi(*) in tutto ciò che, in questo periodo, avviene nell’ambiente sociale; nel senso che.. vorrei che tutti la pensassero diversamente, affrontassero diversamente questo.. questo periodo: ed io sono come un pesce fuori dall’acqua! (Piccolo Giovanni) sai che questa parola la dicevo sempre? (Paolo) non me lo ricordo, però! (Piccolo Giovanni) la ripetevo spesso nel vedere i miei Confratelli ingigantire i preparativi dell’Avvento.. (Paolo) io mi chiedo.. (Piccolo Giovanni) mettendo da parte l’Avvento! (Paolo) eh, infatti! Io mi chiedo quanti siano coscienti dell’Avvento: SECONDO ME, LA MAGGIOR PARTE PENSANO SOLO AL PRANZO DI NATALE E A SVUOTARE I NEGOZI E I PORTAFOGLI! <Simone (Vincenzo) scoppia a ridere> (Piccolo Giovanni) Vincenzo, perché ridi? (Simone) eh! (Piccolo Giovanni) non è giusto ridere! (Simone) eh lo so: TROPPO DIVERTIMENTO! (Paolo) mi sento un’asociale, proprio! (Piccolo Giovanni) per quello il Padre ti lascia parlare! Vedi, figliuolo, quante volte l’ho gridato al mio popolo; a volte l’ho gridato alla Piccola Cocciuta: si affannava per i preparativi, ma quelli buoni, e Io gli facevo capire che l’unico posto che si deve preparare è il nostro cuore dove accogliere il Bimbo Gesù, anche se il suo era ed è sempre pronto! Figlio, l’umanità sta andando alla perdizione, nessuno guarda quel Bimbo nel Presepe, e il Padre ha sigillato ognuno di voi per pregare e unirvi nella Santa Giornata dell’Avvento al Cuore di Maria, alla Preghiera, ma devi essere gioioso, non triste: Dio conosce tutto, vede ogni cosa, e quando è il momento Lui sa cosa fare; tu prendi parte alla Gioia del Bimbo che sta per nascere: la Gioia di Maria, e lascia tutto nelle mani del Padre; metti il tuo cuoricino nel Cuoricino del Bimbo Gesù e fallo ardere come il suo, perché voi siete i Discepoli e le Colonne, e la Croce rimane dritta e svetta la Vittoria. Hai capito? (Paolo) sì! sei convincente.. (Piccolo Giovanni) ........... Non so se sono convincente, il Padre mi lascia parlare: col suo Amore ti dico grazie per ciò che il tuo cuore ha detto! (Paolo) e che cosa ho detto? poche cose, quello che vedo! (Piccolo Giovanni) centrate nel punto giusto! Cosa vorresti dire ancora? (Paolo) vorrei dirti che nei momenti difficili ci sei sempre tu a sollevarmi! (Piccolo Giovanni) meno male! (Paolo) perché tu sai che, spesso, sono tentato.. (Piccolo Giovanni) scarico di corda.. (Paolo) si! ..e tentato da tanti problemi che tu mi hai già detto di mettere da parte, però io sono proprio un misero.. un miserabile terreno, e cosa vuoi? faccio del mio meglio.. (Piccolo Giovanni) metti da parte qui pensieri, lasciali nelle mani del Padre! (Paolo) io, questo l’ho fatto, tu lo sai! (Piccolo Giovanni) quando ritornano accesi, ti do l’ubbidienza di fare la Preghiera del Servo della Croce: la conosci? (Paolo) quella del Lentini? (Piccolo Giovanni) si, per allontanare il pensiero del mondo. Ora sei all’ubbidienza! (Paolo) OK! (Piccolo Giovanni) è bello sentirti dire OK! Dimmi! (Paolo) vorrei.. vorrei che come l’anno scorso ci fossi tu tra noi, fisicamente!(*) (Piccolo Giovanni) lo so, lo vorreste tutti quanti, in modo particolare la Piccola Cocciuta!: ma Io sono sempre in mezzo a voi, più di prima. (Paolo) Poi volevo dirti: io in due circostanze ben precise, ho toccato il tuo intervento, come se lo avessi visto proprio.. come se ti avessi visto proprio intervenire: ci fai penare per un’intera giornata e alla fine quando vedi che le nostre forze non ce la fanno più, allora sei subito lì ad intervenire! (Piccolo Giovanni) eh si! (Paolo) tu sai questi due interventi quali sono? (Piccolo Giovanni) si (Paolo) io avevo già desistito..(Piccolo Giovanni) non hai imparato ancora a conoscere Dio! (Paolo) eh! (Piccolo Giovanni) NULLA E’ IMPOSSIBILE A DIO: ve lo avevo accennato o no? (Paolo) eh, non ho capito! (Piccolo Giovanni) vi avevo accennato che quando sarebbe stato il momento, Dio avrebbe messo tutto a posto: hai capito? (Paolo) io sono tranquillo su questo, adesso. È chiaro che.. (Piccolo Giovanni) la Croce si deve.. (Paolo) sì.. (Piccolo Giovanni) ..ancora portare! (Paolo) ..sì! quello che stavo dicendo è appunto questo: che Dio sa quello che vuole, sa come usarci, però vuole prima il nostro impegno, la nostra sofferenza: vuole che portiamo la Croce! (Piccolo Giovanni) nella Vigna si deve completare la giornata per avere la paga! (Paolo) quello che dicevo alla Piccola Cocciuta: se Lui volesse, con la bacchetta magica farebbe in un attimo! Eppure questo non lo vuole.. (Piccolo Giovanni) ..no! (Paolo) ..non lo vuole fare subito! (Piccolo Giovanni) no: SI DEVE LAVORARE! (Paolo) si deve lavorare! (Piccolo Giovanni) <sospiro profondo di Giovanni> ..e Io ho lavorato con voi! ma è bello ciò che stiamo costruendo assieme nella Casa dell’Amore! (Paolo) tu lo guardi dall’Alto, però!: TU SAI TUTTO! (Piccolo Giovanni) e.. (Paolo) ..per te è ancora più bello forse! (Piccolo Giovanni) anche per voi è bello! Il Padre mi lascia guardare, gioire, soffrire con voi, ma alla fine il Giglio si apre! Bene, ritorniamo sul Solco del Santo Vangelo.. <rivolgendosi a Telesfore> o vuoi dire qualcosa tu? (Telesfore) meglio di no che sennò poi sbaglio! (Piccolo Giovanni) c’è una piccola cosa che vorresti dire! (Telesfore) eh, adesso non mi viene! (Piccolo Giovanni) viene, viene!(*) non ti emozionare: tanto mi conosci!(*) non ti rimprovero! (Telesfore) eh, veramente in questo momento mi viene.. vorrei un bacio! <Giovanni si gira e glielo dà> grazie! (Piccolo Giovanni) donalo a tutti!.. fallo adesso! (Telesfore) adesso?.. (Piccolo Giovanni) ..a tutti!(*) <Telesfore ubbidisce e dà fisicamente un bacio a tutti> Hai visto? ho usato anche il microfono.. Sei emozionato? (Telesfore) eh, un po’ si! (Piccolo Giovanni) e voi? (Tutti) si (Piccolo Giovanni) avete ricevuto il mio Bacio: Telesfore lo desiderava e il Padre vi accontenta sempre! (Paolo) ne ha pazienza con noi, eh! (Piccolo Giovanni) non ci sono misure per misurarla, ma vi ama, ed Io vi amo sempre di più perchè siete la nuova chiesa: sbocciate, figlioli! Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre, ma presto ci vedremo. Ora vi sigillo ancora col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli, e ricordate: IL BIMBO STA PER NASCERE PER OGNUNO DI VOI, FATELO VIVERE! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco la misura della Farina di Dio: PICCOLA COCCIUTA, IMPASTA CON ME(*), DONALA AI FIGLI MINISTRI(*), PREGA PER LORO, FIGLIA MIA! (Giulia) con la tua Grazia, Mammina!(*) (Immacolata) Ecco, quella che ho impastato Io la metto nelle tue mani! (Giulia) grazie, Mammina! (Immacolata) Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva. Vi invito sempre ad amare, a perdonare, a usare carità verso tutti: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Figliuoli del mio Cuore, accogliete i figli emarginati e fate festa con loro nel giorno dell’Avvento: COSI’ ACCOGLIETE IL MIO GESU’! Tu gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, e vi baciano uno ad uno: FATELO ANCHE VOI! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, figli dello Shalom di Dio.

 

 

         11. Lun 24/12/2001, ore 15.55, Stanza more solito

Messaggi dell'Immacolata e del Giovanni di oggi (ore 15.55)

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, bevi, anche in questa giornata, i Calici Misti del tuo Gesù: sono amari, figlia mia, uniti al Dolore Vivo del Parto. (Giulia) Mamma donami la Costanza e la Grazia di abbracciarli!(*) (Immacolata) ecco, figlia mia, grida il mio Dolore all’umanità, ai miei figli. Il Dolore della Pace, gridalo al mondo intero <1° grido>. Ecco, Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi: siamo Vivi e Reali in mezzo a voi, e siamo venuti a portare la Parola. Figliuoli, vivete questi attimi che Dio lascia scendere in mezzo a voi e nel mondo intero: ATTIMI DI AMARE, DI PACE E DI VITA. Un Bimbo nasce in mezzo a voi, e Io come Mamma ve lo offro(*): PRENDILO, figlia mia!(*) (Giulia) <Giulia prende il Bambinello e lo bacia> Mamma! Mamma!(*) (Immacolata) Ora offrilo a Pietro(*) <Pietro prende il Bambinello,  lo baciae lo mostra a tutti> . Tienilo stretto, Pietro, e donalo all’umanità, al mondo intero; e voi, figli accogliete il mio Figliuolo Gesù e vivete nella sua Pace, nella sua Luce: NON CI SIANO PIU’ GUERRE TRA DI VOI! Posate le armi dinanzi ai piedi del mio Figliuolo Gesù; e voi, Grandi della Casa del Padre, inginocchiatevi dinanzi al Figlio di Dio; e voi, Grandi del mondo, chinate i vostri capi e sia il vostro parlare lodare benedire Dio per le Meraviglie che dona ad ognuno di voi: ECCO IL FIGLIO CHE NASCE IN QUESTO TEMPO DELLO SHALOM PIENO DEL CUORE DI DIO. Tu, Croce Viva del Cuore di Gesù, immolati ancora per i Figli Ministri: portali sulle tue spalle camminando nel Solco Vivo del Santo Vangelo, perché Dio non viene a cambiare nulla, ma ciò che lascia scendere è antico. Figliuoli, Discepoli del mio Cuore, Colonne e Suore del Corpo e del Sangue del mio Figliuolo Gesù, siate Mamme Vive e abbracciate i piccoli, i poveri, gli emarginati: ABBRACCIANDO LORO TOCCATE I PIEDINI DEL MIO GESU’; e come Mamme gridate "Dio è Vivo, è in mezzo a noi e parla". Siate gioiosi e portate la Gioia del Bimbo che è nato in mezzo a voi. Figliuoli, fate festa come gli Angeli fanno festa in Cielo. Figlia mia, guarda i tuoi Angeli(*): fanno da Corona, vedi, figlia?(*) (Giulia) baciali tutti! (Immacolata) puoi farlo tu!(*) (Giulia) Mamma, fallo tu per me in questa giornata! (Immacolata) Bene, figlia mia. Vi invito ancora una volta a vivere la venuta di Gesù in mezzo a voi, amandovi gli uni gli altri, usando carità verso tutti: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Mettete un posto per Gesù quando vi sedete ad ascoltare la Parola; quando vi unite per fare festa, ricordate che il Bimbo ha sete e fame delle vostre anime: FATELO MANGIARE CON VOI, figli, fatelo vivere nei vostri cuori di Mamme. Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio! (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno in mezzo a voi, figli! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’. Il Cuore del Figlio che è nato in mezzo a noi sia il vostro Tutto (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli miei, Amen! È bello essere qui, uniti dinanzi al Figlio che Maria ci ha donato! Il ricordo fa diventare i vostri cuori tristi nel non vedermi, ma Io sono Vivo e Reale in mezzo a voi, perché Dio così ha scritto. Figliuoli, siate gioiosi, perché Io vivo nella Gioia Piena, nell’Amore Pieno del Padre, e tutti quanti, quando il Padre ci chiama, saremo uniti nella sua Casa. Oggi siamo qui, nella Stanza dell’Amore: LA STANZA DEL MISTERO; è difficile comprendere il Mistero di Dio, ma quando i nostri occhi si apriranno e il nostro cuore sarà solo di Dio, capirete, e sarà così grande la gioia per ognuno di voi come lo è ora per me: VIVERE NEL CUORE DEL PADRE. Amare è guardare ognuno di voi che camminate nel Solco del Santo Vangelo, e questo mi fa gioire, come Padre, come Sacerdote, come il vostro Giovanni. Figliuoli, Io vi amo e desidero il vostro amore come il Padre lo desidera. Fate festa, oggi, guardate Maria, guardate il suo Cuore, guardate l’Amore Pieno che ha donato e dona all’umanità, e pregate secondo le sue Intenzioni di Mamma. Lo Shalom che Dio dona all’umanità è nelle vostre mani, perché siete i Discepoli della Nuova Chiesa: NON SCANDALIZZATEVI DI TUTTO QUESTO, Dio può tutto e non deve chiedere l’ordine a nessuno. Ricordatelo: Dio è Padre, e quando vi unirete ad ascoltare e a prendere parte del Sacrificio, in modo particolare, pregate per le Mura di Roma e per il Papa, figliuoli del mio Cuore. Lo so: ardete per farmi gli auguri, e Io ve li faccio ad uno ad uno col Cuore del Bimbo che è nato; sia il vostro cuore piccolo come è il Cuore del Bambino Gesù: questo è il mio augurio. Ora vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni(*): fatelo camminare e donatelo al mondo, figliuoli del mio Cuore. Io ora devo ritornare all'Ubbidienza del Padre, ma sono sempre con voi, Vivo più di prima, perché il Padre mi manda. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, accetta ancora i Santi Dolori: portali secondo l’Intenzione di Dio (Giulia) sì, Giovanni, ma tu stammi vicino! (Piccolo Giovanni) sei Cocciuta sempre di più:  lo sono sempre vicino, abito dentro di te, figlia del mio Cuore. Ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre(*).<imponendo le mani verso i presenti> Dio sia benedetto(*) e lodato in eterno(*). Il Cuore Divino del Bambino Gesù sia con tutti voi (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) <volendo dire ai presenti che si deve rispondere Amen> Amen!(*) La Grazia e l’Amore di Maria sia con tutti voi! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) La Croce, Legno Vivo della Pace e della Chiesa Nuova, sia con tutti voi (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) La Benedizione di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo scenda su di voi e nel mondo intero! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco la Voce di Giovanni che ha annunciato la nascita. Ecco l’Amore di Dio nel Solco Santo del Santo Vangelo. Fate cantare i vostri cuori: lodate e benedite Dio per ciò che avete ricevuto in questo Santo Giorno, figli del mio Cuore. Tu, Cocciuta del Cuore della Croce, guarda!(*) (Giulia) Mamma!(*) Mamma, posso dire quello che vedo? (Immacolata) ora no, ma presto lo dirai, figlia! (Giulia) Grazie, Mammina! (Immacolata) Figliuoli, vi ricordo ancora una volta di stare attenti al mio nemico: sconfiggetelo con l’Amore: amate, amate, amate e perdonate, usate carità verso tutti, figliuoli del mio Cuore. Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nel Segno della Santissima Trinità, figliuoli del mio Cuore. Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, Discepoli del Cuore della Croce.