LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 19

 

Non potete camminare E vivere senza Dio: la Resurrezione e la Vita SONO nel Cuore del Padre, sulle vie del mondo C'E' solo il nemico

(dal messaggio del 31/03/2002)

Messaggi Tramite Giulia

 

La Settimana della Passione di nostro Signore

 

        1. Lun  25/03/2002, ore 07.00, in crocifissione, orale   

(Gesù) Vieni, figlia mia, sono Io il tuo Gesù. Glorifichiamo il Padre. (Gesù e Giulia) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. (Gesù) Figlia, vuoi ancora consolare il Cuore di mia Madre? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) bene, figlia (Giulia) prendi la mia mano, Gesù (Gesù) figlia, porta la Croce che il Padre ti ha donato in questa Pasqua (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) vedi, figlia mia, guarda cosa fanno i miei figli(*) (Giulia) Gesù mio, abbi misericordia! (Gesù) figlia, Io dono tutto ma vengo cacciato fuori dalla mia Casa. (Giulia) Gesù mio, quanto soffri per noi! (Gesù) figlia, consola tu il mio Cuore (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Ti benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen, Amen, Amen, Amen.

 

 

         2. Mar 26/03/2002, ore 07.00, in crocifissione, orale  

(Gesù) Vieni, figlia mia, sono Io il tuo Gesù. Glorifichiamo il Padre. (Gesù e Giulia) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. (Gesù) Figlia, vuoi ancora pregare e farmi compagnia? (Giulia) sì, Gesù, sai che ti amo! (Gesù) si, figlia mia, ma non essere triste (Giulia) Gesù, io amo tutto quello che tu mi doni! (Gesù) bene, anima mia, prega ancora per i Figli Ministri in questo tempo e consola il Cuore di mia Madre (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Ti benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen, Amen, Amen, Amen.        

 

 

         3. Mer 27/03/2002, ore 07.00, in crocifissione, orale  

(Gesù) Vieni, figlia mia, sono Io il tuo Gesù. Glorifichiamo il Padre. (Gesù e Giulia) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. (Gesù) Figlia mia, vieni, immolati sul Legno Santo della Croce. Guarda, figlia, guarda l'umanità come trafigge il Cuore di mia Madre! In questo tempo vuoi ancora amarmi, figlia? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) bene, figlia mia, passa questa Pasqua come il Padre ha deciso! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Ti benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen, Amen, Amen, Amen. 

        

 

         4. Giov 28/03/2002, ore 07.00, in crocifissione, orale  

(Gesù) Vieni, figlia mia, sono Io il tuo Gesù. Glorifichiamo il Padre. (Gesù e Giulia) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. (Gesù) Figlia mia, vuoi ancora camminare con me e portare la Croce? (Giulia) sì, Gesù, voglio tutto quello che vuoi tu! (Gesù) figlia, prega per l'umanità. Vedi, figlia mia, quanto flagelli stanno scendendo? Prega per la Chiesa tutta e per i miei Ministri, figlia, portali sulle tue spalle! Non essere triste, anima mia. (Giulia) Gesù, stringimi! (Gesù) Vieni nelle mie braccia! Ti benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Amen, Amen, Amen, Amen. 

 

      

         5. Giov 28/03/2002, ore 21.10, Stanza more solito       

 

            Anche oggi Giulia è costretta a stare a letto. Come le altre volte, l’apparizione è avvenuta regolarmente e ad assistervi direttamente, fino al messaggio di Giovanni, erano Telesfore, Rosetta ...... Paolo si è unito .... al momento della Cena quando Gesù lo ha chiamato.

 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa nell’accettare i Santi Dolori del Parto Vivo della Croce. Figlia mia, unisciti con me ai Santi Chiodi: abbracciali per l’umanità tutta, per le Mura di Roma. Immolati ancora, figlia mia, come tu sai fare! (Giulia) Gesù, come sono lunghi questi Chiodi(*)! Gesù, mi viene la tosse ancora.. è amaro il Calice! (Gesù) vuoi berlo con me in questa serata, figlia? (Giulia) sì, Gesù! <1° grido>(*) E’ amaro, è amaro, Gesù! (Gesù) lo so, figlia mia, anche Io ho detto al Padre "se è possibile passi da me questo Calice, ma sia fatta la tua non la mia Volontà". Ora cosa vuoi fare? la tua volontà o la Volontà del Padre? (Giulia) Gesù, tu la conosci: VOGLIO FARE LA VOLONTA’ DEL PADRE! (Gesù) e allora bevi ancora e abbraccia la Croce per i tuoi figli! (Giulia) sì, Gesù! <2° grido>(*) Gesù, donami il tuo respiro!(*) (Gesù) sollevati, anima mia, e guarda(*)!(Giulia) Gesù, non farmi vedere ancora le anime cariche di peccato! (Gesù) perché non le vuoi vedere, figlia? non vuoi salvarle? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) e allora guarda!(*) (Giulia) Gesù, ma in quanti sono? (Gesù) riesci tu a contarle? (Giulia) no, Gesù, non ci riesco! (Gesù) guarda, guarda l’umanità come si perde dietro il mio nemico! (Giulia) Gesù, cosa posso fare? (Gesù) cosa vuoi fare ancora? Bevi e immolati!(*) <3° grido>(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) ecco, figlia mia, è giunto il momento di salire sul Monte: vuoi venire dietro di me? (Giulia) sì, Gesù, ma posso portare tutti i miei figli? (Gesù) chiedilo a loro se vogliono venire portando sulle spalle la propria Croce! <Giulia si rivolge a tutti noi presenti>(*) (Giulia) volete venire dietro a Gesù? (Tutti) si! (Giulia) Gesù, hanno risposto, ma non so come! (Gesù) non temere, Io vedo i loro cuori! Io parlo a voi che siete qui riuniti nella Dimora del Padre, e parlo all’umanità intera: il grido del mio Parto va, cammina nel Fiume e arriva nel mondo intero, avvolgendo la Chiesa tutta e i Figli della Croce. Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali e siamo venuti in mezzo a voi a portare la Verità del Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza del cuore, perché il Padre guarda il cuore di ognuno di voi. Figli miei, non guardate le cose esteriori, ma guardate la bellezza di Dio, guardate l’Amore di Dio che scende Vivo in mezzo a voi. Figliuoli, ecco, Io sono il vostro Gesù, il Gesù che si è donato sul Legno della Croce per donarvi la Vita, e in questa giornata Io vengo a portarvi la Parola Viva: la Verità del Santo Vangelo. Avete vissuto la Parola di questa giornata? <Giovedì Santo Gv. 13, 1-15> Figliuoli, Io vengo a portarvi l’Acqua e a lavare i vostri peccati; ma ricordatevi: non date ascolto al mio nemico, non abbracciate le cose del mondo gettando via il Legno della croce. Figliuoli miei, preparatevi alla Resurrezione, preparatevi alla Vita Nuova che germoglia dal Legno Vivo e vi dona la Vita Eterna, perché Io sono morto e risorto sul Legno della Croce, e mia Madre vi ha abbracciati tutti ai Piedi della Croce, e voi siete figli: VI HO PAGATI A CARO PREZZO: A PREZZO DI SANGUE. Figliuoli miei, non calpestate i vostri corpi: non sporcateli con le cose del mondo, ma siate puri come Io vi ho creati: A MIA IMMAGINE E SOMIGLIANZA. Figliuoli, in questo tempo di attesa, di resurrezione, di esplosione di amore, amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portatemi i vostri nemici, figli del mio Cuore. Ecco, Io guardo l’umanità e chino il capo, perché altri flagelli stanno scendendo in questo attimo! (Giulia) Gesù! (Gesù) tu, Cocciuta, tieni fermo il velo! (Giulia) sì, Gesù, ma donami un po’ di forza! (Gesù) prendila dal Legno: sai come fare, Cocciuta del mio Cuore! (Giulia) Gesù.. (Gesù) ..sì, figlia: SCENDERANNO I FLAGELLI CHE VEDI!(*) Tu prega e fai pregare i tuoi figli (Giulia) non posso fare nulla per fermare ciò che vedo?(*) (Gesù) immolati come tu sai fare! (Giulia) sì, Gesù!(*) Gesù! (Gesù) si, figlia mia (Giulia) ciò che sto vedendo posso dirlo? (Gesù) no, tienilo nel tuo Cuore!(*) (Giulia) Gesù!(*) (Gesù) apri quella Porta!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) ora chiudila di nuovo(*) ma presto l’aprirai! (Giulia) non posso dire.. (Gesù) ..no, per adesso tienilo nel tuo Cuore. (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) grida all’umanità "DIO E’ VIVO, E’ IN MEZZO A NOI, PARLA E SI DONA A TUTTI". Prega, figlia mia, per i miei Figli Ministri, Parte Eletta del mio Cuore Immacolato. Guarda(*) (Giulia) c’è il Papa(*) (Gesù) bevi questo Calice per Lui(*)(Giulia) ..è amaro! (Gesù) vuoi aiutarlo? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) e bevilo tutto!(*) Ecco, Io sono solo nell’Orto degli Ulivi a piangere per l’umanità. FATEMI COMPAGNIA, PREGATE CON ME SECONDO LE MIE INTENZIONI, figliuoli. Ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al mio nemico. In questo tempo non gettate la Croce, ma combattete il nemico con l’Amore: USATE IL MIO, PERCHE’ IO VE LO DONO ATTIMO PER ATTIMO e in abbondanza. Figliuoli, immolatevi per i vostri fratelli, per i piccoli, i poveri, gli emarginati, non lasciate nessuno perché Io sul Legno della Croce ho abbracciato tutti: VOI FATELO COME FIGLI DELLA CROCE. Tu, Piccola Cocciuta, abbandonati alla Volontà del Padre e non essere triste, in questo tempo guarda l’Amore di Dio che cresce(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) porta sempre sulle tue spalle tutti i tuoi figli nel Fiume Santo (Giulia) quante Barche ci sono!(*) ..e come è diventato grande.. (Gesù) ..non temere, non ti copre! (Giulia) Gesù, com’è che non mi copre? (Gesù) perché cammini sopra, Cocciuta del mio Cuore! (Giulia) e non affondo? (Gesù) no perché porti la Croce sulle spalle, figlia mia; portatela e salite con me la Linea Dritta del Santo Vangelo. Figliuoli del mio Cuore, ecco il mio Amore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portarvi la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace del Dio Vivo, Uno e Trino, sia con tutti voi (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) figliuoli miei, Amen, Amen, Amen, Amen(*). Eccomi! Per Volere di Dio Padre sono ancora qui in mezzo a voi. Siamo uniti nella stessa Linea del Santo Vangelo, e in questo giorno radioso Io vengo a portarvi il mio Amore. L’Amore di Sacerdozio Vivo ed Eterno è l’Amore del Padre, e portandovi l’Amore vi porto il Cuore Addolorato di Maria, la Mamma di ognuno di noi; la Mamma di quel Crocifisso che ha stretto tra le braccia, donandolo all’umanità. Quale mamma, oggi, farebbe la stessa cosa? Una sola: MARIA, L’ADDOLORATA MADRE MIA! Quale esempio ci può dare Maria in questo giorno? Gesù che con umiltà lava i piedi ai suoi discepoli; l’insegnamento di Gesù è di essere tutti piccoli, solo il Padre ha il potere su di ognuno di noi; e Gesù, in Ubbidienza al Padre accarezza i suoi discepoli lavando e baciando i piedi. E oggi chi fa il gesto di Gesù con amore? Il Dio Antico non si può cancellare: RICORDATELO, CONFRATELLI, ricordate la Legge Antica e non calpestatela sotto i piedi. Io sono qui in mezzo a voi a ricordare ai vostri cuori ciò che è Antico, ciò che è Vangelo e Linea Dritta. Non uscite fuori dal limite, voi Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore, ma rimanete nell’Amore del Padre(*). Telesfore! (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) cosa c’è nel tuo cuore? ricordi questo gesto?(*) <Giovanni gli batte la mano con la sua mano> (Telesfore) ricordo il gesto, però ancora non so il significato! (Piccolo Giovanni) ma lo fai! (Telesfore) qualche volta! (Piccolo Giovanni) almeno sei sincero. Cosa volevi dire? (Telesfore) che cosa volevo dire? "ciò sonno"? (Piccolo Giovanni) non è una novità! Non addormentarti! (Telesfore) è quello che sto cercando di fare! (Piccolo Giovanni) fai compagnia al Padre! ma dimmi, cosa brucia nel tuo cuore? c’è una fiammella alta così! (Telesfore) l’Amore di Giovanni brucia nel mio cuore! (Piccolo Giovanni) questo è vero, ma arde qualche altra cosa (Telesfore) eh, stamattina ho dato uno sguardo a quello che avevo scritto, no.. (Piccolo Giovanni) ..si.. (Telesfore) eh.. sulla.. avevo fatto la.. così, una bozza.. la Via Crucis di Giovanni! (Piccolo Giovanni) si (Telesfore) potrebbe andare bene.. penso ancora ci vorrà aggiunta qualche cosa! (Piccolo Giovanni) penso di si.. (Telesfore) eh.. dovrei arrivare a 12.. (Piccolo Giovanni) la Via Crucis è 15.. (Telesfore) ..è 15.. (Piccolo Giovanni) ..non 12 (Telesfore) devo arrivare a 15! E poi ho guardato pure il Rosario, no.. le giaculatorie del Rosario.. non so se.. (Piccolo Giovanni) quanto ne vuoi fare, 6 misteri o 5? (Telesfore) io, veramente, ne volevo fare 8! (Piccolo Giovanni) ma arrivavi sempre.. (Telesfore) ..a 6 arrivavo io.. (Piccolo Giovanni) ..a 6! (Telesfore) ma mi sembra che adesso sono arrivato a 6! (Piccolo Giovanni) e cosa vuoi fare ancora? (Telesfore) eh! quindi non.. deve rimanere così? (Piccolo Giovanni) è nel tuo cuore, devi solo scrivere! eh, lo fai lavorare poco il tuo cuore!(*) non mi rispondi? (Telesfore) deve lavorare di più?(*) (Piccolo Giovanni) figlio mio, ti dico grazie per tutto quello che fai. (Telesfore) faccio poco io! (Piccolo Giovanni) il poco che offri a Dio è grande dinanzi ai suoi occhi! Tutto quello che offrite al Padre, ognuno di voi, uno per uno, è grande dinanzi agli occhi del Padre mio perché vi ama. Cosa mi nascondi, Telesfore? (Telesfore) e io credo che.. non ti posso nascondere niente! (Piccolo Giovanni) e dimmi.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..dimmi, dimmi.. (Telesfore) ..vuoi sapere quelle altre cose che avevo scritto?(*) <Giovanni dà un cenno di assenso> eh.. una mattina avevo.. mi ero messo a scrivere pure un canto.. però le parole, che il motivo.. eh.. io non è che so cantare! (Piccolo Giovanni) sai cantare! (Telesfore) so cantare? posso provare? (Piccolo Giovanni) si! (Telesfore) e in più cosa avevo fatto in più?(*) avevo scritto una.. qualcosa avevo scritto anche su di te! ..l’ho trovata stamattina(*) (Piccolo Giovanni) dove l’hai trovata? (Telesfore) è sul libro scritta, no! (Piccolo Giovanni) l’hai copiata? (Telesfore) non l’ho copiata, l’avevo scritta io.. (Piccolo Giovanni) ..e tu mi dici che l’hai trovata stamattina! L’avevi dimenticato? (Telesfore) l’avevo dimenticato che l’avevo scritto! (Piccolo Giovanni) bravo(*). Cosa stai facendo in questo tempo? (Telesfore) eh, in questo tempo sto assistendo la Cocciuta.. no assistendo.. un po’ più vicino! (Piccolo Giovanni) Io intendevo per il Padre! (Telesfore) eh, per il Padre.. quello che facevo prima sto facendo adesso!(*) Forse sto pregando un po’ di meno (Piccolo Giovanni) no, non stai pregando di meno!(*) Bene, figlio mio, vai avanti e porta la Croce che il Padre ti ha donato: NON SCARICARLA, e in questo tempo consola il Cuore di Maria. Vedi, è trafitto: l’umanità lo trafigge, voi consolatela e preparate il lenzuolo per i poverelli: avvolgete Gesù e donatelo all’umanità. Siano i vostri cuori aperti all’Amore di Dio. Sia il vostro vivere per Dio e per i fratelli. Voi siete i Discepoli, le Colonne e le Suorine dell’Amore del Padre, le Lucerne del Cuore di Maria; andate avanti e non fermatevi, figliuoli miei, Io sono con voi attimo per attimo e non vi lascio!(*) (Giulia) Giovanni, posso chiederti cosa devo fare con Lucia?(*) <è una suora laica che liberamente ha chiesto di riassociarsi dopo un periodo di sospensione per motivi personali> (Piccolo Giovanni) FARE FESTA: perché una figlia si era smarrita e ora è ritornata! (Giulia) posso donare di nuovo la Croce e il Velo? (Piccolo Giovanni) si, figlia mia, perché si fa festa: NON ASPETTATE, ma fate festa col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo(*) (Giulia) Giovanni, ha accarezzato il suo cuore? (Piccolo Giovanni) ho accarezzato il suo cuore e il cuore di ognuno di voi, perché Io vi amo senza fare distinzione come ho sempre fatto! Ricordatevi che Io sono sempre Sacerdozio Vivo ed Eterno, e la mia Linea è la Linea Dritta del Santo Vangelo! (Giulia) grazie, Giovanni! <alla fine della preghiera sono stati riconsegnati a Lucia il Crocifisso e il Velo di Suora. > (Piccolo Giovanni) tu, Cocciuta, sollevati! (Giulia) donami la forza! (Piccolo Giovanni) preparati per la Pasqua che il Padre ha scelto per te, figlia mia!(*) (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Discepoli, Colonne, e Suorine del Cuore della Croce, rimanete dritti e svettate come svetta la Croce: ricordatevi che Dio è Vivo ed è in mezzo a voi! Ricordate la promessa di Gesù "Aspettatemi, Io verrò", ma ricordate sempre che non conoscete né l’ora e neanche il giorno, ma siate vigilanti nell’Amore. Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi chiedo ancora, figliuoli, di vivere questo tempo amando, perdonando, usando carità verso tutti, al primo posto portate i vostri nemici. Io ora vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni, e col Segno Tremendo della Croce, portatelo nei vostri cuori e donatelo al mondo. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Gesù) Ecco, figliuoli, preparatevi perché lo Sposo è pronto e il Banchetto è in mezzo a voi, e Io ho sete e fame e voglio mangiare con ognuno di voi. Figli del mio Cuore, volete bere e mangiare con me? (Tutti) ! <e con tutto il cuore, Papà> (Gesù) avete sete e fame del mio Amore? (Tutti) ! (Gesù) e Io ho sete e fame dei vostri cuori! Figli, uniamoci nell’Amore della Croce!(*) <si rivolge a Telesfore> Donami il Calice e il Pane!(*) Padre mio, guarda benigno questi tuoi figli uniti nel tuo Amore nella Stanza Viva del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Benedici questo Calice Frutto del tuo Amore e donalo ai tuoi figli(*). Ecco il Mistero svelato ai miei discepoli. Ecco il Mistero che Io offro ad ognuno di voi, Discepoli della Chiesa Nuova che sgorga dalla Roccia, e la Roccia è Dio. Non temete, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna, e il Mistero è in mezzo a voi. Ecco cosa ho detto ai miei discepoli "Prendete e bevete, questo è il mio Sangue; prendete e mangiate, questa è la mia Carne; ftae questo ricordandovi del mio Amore. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo"(*). (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio Vivo in mezzo a noi! (Gesù) Anima mia, bevi in questa serata e fai festa con lo Sposo(*), bevi(*), bevi(*), bevi(*), bevi(*), bevi(*), bevi(*) <4° grido>(*). Mangia!(*) Mangia!(*) ...... Paolo!(**) <Paolo si trovava nella Stanza ed è sceso per raggiungere i presenti all’apparizione> ....... Mangia(*). Donatemi alla Sposa! <Gesù ha fatto segno di iniziare da Rosetta che era lì presente. Poi abbiamo raggiunto la Stanza per la distribuzione al resto delle persone> Preparate la Via Stretta per le Spose!(*) Guardo i vostri occhi e accarezzo i vostri cuori col mio Amore Infinito. Telesfore, stai guardando il mio Cuore o i miei occhi? (Telesfore) tutt’e due! (Gesù) e cosa vedi? (Telesfore) i tuoi occhi sono teneri, dolci.. (Gesù) è l’Amore che fa diventare dolci e teneri, e Io vengo a portarvi il mio Amore! Eccomi, sono qui in mezzo a voi e chiedo ad ognuno di voi di essere cullato perché Io vengo ad abitare nei vostri cuori, e in questo tempo non lasciatemi solo come hanno fatto i discepoli del tempo. Voi non addormentatevi, fatemi compagnia, figliuoli miei, e cullatemi nei vostri cuori. Vivete con me la Via Dolorosa del Calvario; non scappate dinanzi al peso della Croce; non scappate dinanzi alla Sofferenza: abbracciate con Amore i Santi Dolori, figli. ..... Paolo, quando avete finito scendete nella Dimore del Padre a far festa ancora, figliuoli miei. Ecco, Io sto venendo ad abitare nei vostri cuori, e in questa serata porto l’Amore della Croce: <la Mamma Celeste intona una dolce Melodia in lingua sconosciuta> Eccomi. Nell’Amore del Padre Io mi sono donato: sono venuto ad abitare nei vostri cuori, e quale gioia più grande potete chiedere al Padre? Ecco l’Amore che Dio ha donato ai suoi figli: il suo Sangue e la sua Carne, CIBO VIVO PER L’UMANITA’, PER OGNUNO DI VOI, figliuoli del mio Cuore.

<Preghiera di Giulia al Padre>

O mio Signore, mio Dio,

Sposo Vivo dell’anima mia,

guarda benigno l’umanità che

innalza il grido verso il tuo Cuore,

donaci la gioia di essere tuoi figli

e di vivere nella tua Casa di Padre,

di Figlio e di Spirito Santo e così sia.

Padre mio, mi inchino dinanzi a te

come misera peccatrice, implorando il

tuo Amore per l’umanità.

Guarda ancora benigno i cuori di ognuno di noi.

Eccomi, io sono tua e offro tutti i miei figli:

PORTACI NEL TUO CUORE,

perché vogliamo abitare dentro di te,

Padre Santo, Padre Buono, Padre mio.

 

(il Padre) Ecco, figlia. L’Amen Pieno scenda sul tuo grido d’Amore e sull’umanità. (Giulia) grazie, grazie, Padre mio! (Gesù) Grazie, figlia mia, dovrai ancora soffrire a causa del mio Nome! (Giulia) Eccomi, Gesù! Eccomi! (Gesù) il tuo Cuore sa solo sussurrare "": sono in pochi i figli che lo fanno: SUSSURRATELO TUTTI E ABBRAQCCIATE LA CROCE, figliuoli del mio Cuore!(*) Io ora vi lascio, ma vi invito a vivere questo tempo nell’Amore, nella Penitenza e consolando il Cuore di Maria, figliuoli miei. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore del Santo Vangelo Vivo e non prostratevi a dei sconosciuti, figliuoli del mio Cuore!(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) ora stai ascoltando i battiti, ma donali all’umanità, a tutti i tuoi figli! Gioisci, anima mia, nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari, che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI. Volete cantarmi la Ninna Nanna? (Tutti) <Canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli del mio Cuore. Grazie per tutte le gioie che offrite al mio Cuore.Grazie per il tempo che spendete per venire a visitarmi e rimanere nell’Amore del Santo Vangelo. Rimanete sempre saldi, non distaccatevi, figliuoli, perché il Parto è in mezzo a voi. Ora uniamo la Catena Santa(*), e col cuore aperto preghiamo con la Preghiera del Padre. Ricordatevi che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna: non vi sono altri dei che portano la Croce: il mio Sigillo, il Sigillo d’Amore su di ognuno di voi, perché vi ho chiamati Io: non è a caso che venite a visitarmi, figli. Ora preghiamo: <recita del Padre Nostro tradizionale: lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Ecco, figliuoli del mio Cuore, avete incominciato a capire come si deve fare la Preghiera col linguaggio mio silenzioso?(*) Volete rispondermi? (Tutti) (Gesù) Bene, figliuoli, ricordate sempre che l’Amore si dona abbracciando forte e silenzioso come mi avete ascoltato in questa serata. Il mio Amore ha abbracciato ognuno di voi, e la mia Voce è stata silenziosa per entrare nei vostri cuori e rimanere per sempre. Non lasciatemi solo, non abortitemi quando uscite fuori. In questo tempo non permettete al nemico di portare via la Farina che il Padre ha lasciato scendere su di voi, figli miei. Io vi amo e vi voglio tutti con me nel Paradiso: vi voglio tutti santi nell’Amore e nella Quiete del mio Cuore. ora andate in pace e portate a tutti la Pace che avete ricevuto in questa serata, figli del mio Cuore. (Giulia) Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! (Gesù) vi amo anch'Io, figli, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, figliuoli del mio Cuore, grazie. Andate in pace e portate l’Amen del Cuore di Dio all’umanità. (Gesù e qualcuno) Amen, Amen, Amen, Amen, Amen. (Gesù) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore, vivete con me la Via Dolorosa.

 

 

         6. Ven 29/03/2002, Casa di Giulia       

          Questo Venerdì Santo è un po' particolare: Giulia, per motivi di salute, è costretta a stare a letto . Già dalla settimana precedente le Piaghe hanno smesso di sanguinare e in questa settimana si sono chiuse, evento questo che non si era mai verificato fino ad ora. Dalle ore 8,00 circa di oggi e fino alle 15,00 ha avuto la Crocifissione nel Cuore e, su richiesta di Gesù, è andata con Lui per le vie del mondo. 

 

Ore 8,00 ** Attacco del nemico: 

(Giulia) Vai via!(*) In Nome e Potere della Croce: VAI VIA!(*) Non ascolto ciò che dici: VAI VIA! In Nome e Potere della Croce(*) ..Mamma Santa, S. Michele, intervenite voi!(*) VAI VIA!(*) VAI VIA!(*) ..non ascolto ciò che dici: VATTENE!(*) Inginocchiati ai Piedi della Croce; inginocchiati ai Piedi della Croce(*); amo Gesù, non ascolto ciò che dici! VATTENE! VATTENE! VATTENE!(*).    

 

Il nemico ha detto a Giulia che quello che Lei aspetta (cioè Gesù) ha fallito e non viene più. Poi col segno della Croce è andato via.

 

 

Ore 8,05 ** Messaggio di Maria: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Vergine Addolorata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Figlia mia, sono Io: la Vergine Addolorata. Sono venuta a portarti il mio Gesù tra le tue braccia: consola il suo Cuore, unisciti ai miei Dolori(*) e abbraccia l'umanità! (Giulia) sì, Mamma! (Vergine Addolorata) passa questa Pasqua come il Padre ha deciso! (Giulia) sì, Mammina del mio Cuore! (Vergine Addolorata) Io verrò ancora a visitarti e a portare l'Amore che Gesù ha donato! CONSOLATE IL MIO GESU' E PREGATE! Figliuoli, fermate i flagelli(*).. (Giulia) Mamma!.. (Vergine Addolorata) ..sentirai i Dolori nel tuo Cuore! (Giulia) sostienimi, Mamma! (Vergine Addolorata) aspettami, verrò ancora. Ora riposa: abbraccia il tuo Gesù!(*).

 

   

Ore 8,30 ** Messaggio di Maria: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Vergine Addolorata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Figlia, vi porto il Saluto della Croce invitandovi a camminare dietro al mio Gesù. Vedi cosa stanno preparando per Lui i Grandi della Casa del Padre? (Giulia) Mamma, dov'è Gesù?(*) (Vergine Addolorata) non temere, verrà a visitarti! Ora abbraccialo(*) (Giulia) Mammina, perché piangi? cosa ho sbagliato Mamma?(*) (Vergine Addolorata) tu non hai sbagliato: piango per i figli della perdizione, i figli che trafiggono il Cuore del mio Gesù: anche in questo giorno! Prega, figlia mia, come tu sai fare, immolati nel Silenzio e nell'Amore che Dio ti dona in questo giorno. (Giulia) Mamma! (Vergine Addolorata) figlia mia, guarda l'umanità(*). Prega per tutti i figli che sono caduti nella rete del nemico. (Giulia) Mamma, posso prenderli e portarli a Gesù? (Vergine Addolorata) fallo, figlia mia, immolati! (Giulia) grazie, Mammina! (Vergine Addolorata) ma fai immolare anche i tuoi figli con la preghiera, portando sulle spalle la Croce Divina del mio Figliuolo Gesù! Ora riposati. Verrò ancora nell'Amore e nella Quiete a visitarti!  

 

 

Ore 9,00 ** Messaggio di Gesù: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Vi benedico, figliuoli del mio Cuore: sono Io il vostro Gesù. Sono venuto, Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) Gesù, come sei bello! Com'è candido il tuo abito! (Gesù) Vedi, figlia mia, ecco un abito candido pure per te(*)! (Giulia) Gesù, grazie! (Gesù) figlia mia, vuoi ancora salire il Monte? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Vedi, guarda le anime cariche di peccato: PREGA PER LORO! (Giulia) Gesù! (Gesù) figlia mia, immolati nel silenzio come tu sai fare. Oggi ti porto con me nel mondo a raccogliere i figli dispersi (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) ora guarda, figlia mia(*) (Giulia) Gesù, non abbassare la mano! (Gesù) dimmi cosa devo fare: L'UMANITA' NON MI CERCA, NON MI AMA! GUARDALI! (Giulia) sii misericordioso come sempre: NON ABBASSARE LA TUA MANO, GESU'! (Gesù) un po' la devo abbassare, figlia mia, perché il Padre ha deciso così! (Giulia) ah.. Gesù! (Gesù) non temere, Io vi amo. Prega, figlia mia, e consola il Cuore di mia Madre: abbraccia nel tuo Cuore i Dolori della Croce!(*) (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) ora riposati. Io verrò ancora a portare il mio Amore, Spose della Croce!    

 

 

Ore 9,50 ** Messaggio di Gesù: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Vi saluto con la Croce, Spose Divine del mio Cuore: sono Io il vostro Gesù. Vedi, figlia mia, sto portando ancora una volta il peso della Croce sulle spalle per l'umanità tutta e per ognuno di voi! Figlia mia, tu stai portando i miei Dolori e i Dolori di mia Madre nel tuo Cuore(*). (Giulia) Gesù, non mi lasciare, Gesù! Non mi lasciare! (Gesù) Vedi, figlia mia, sono qui in mezzo a voi, come posso lasciarti? Sono venuto a chiedervi di pregare. Guarda, figlia mia, che flagello(*)  (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù, c'è una marea di gente per terra(*), e i sassi li coprono! Gesù! Gesù, perchè non si svegliano?(*) (Gesù) figlia mia, t'ho detto poco innanzi che abbassavo un po' la mano!(*) (Giulia) Gesù, non puoi far nulla? (Gesù) non sono Io a non far nulla, è l'umanità che non mi ascolta, e dinanzi al Padre Io devo inchinarmi alla sua Volontà! Pregate voi, il mondo è nelle vostre mani perché siete la Nuova Chiesa! Tu, anima mia, porta i tuoi Dolori nel Cuore e nel Silenzio come tu sai fare: consola ancora il Cuore di mia Madre! Io verrò ancora a portarvi il mio Amore, figli!

 

 

Ore 11,00 ** Messaggio di Gesù: 

Per cause tecniche il messaggio non viene registrato. Giulia beve ripetutamente i Calici e soffre con la crocifissione  nel Cuore e spesso è svenuta dal Dolore  

  Ore 11,50 ** Messaggio di Gesù: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Vi saluto col Segno Tremendo della Croce, figliuoli del mio Cuore: sono Io il vostro Gesù, l'Agnello che si è immolato per ognuno di voi. Abito nei vostri cuori, FATEMI VIVERE: IN QUESTO GIORNO NON OFFRITEMI LA BEVANDA AMARA ANCHE VOI, figli, amate, perdonate, usate carità verso tutti. Cocciuta del Cuore della Croce, vuoi ancora camminare con me a raccogliere le anime?  (Giulia) sì, Gesù! Donami la tua forza, Gesù!(*) (Gesù) Ama i tuoi figli come Io amo te! (Giulia) stringili al tuo Cuore, Gesù, ho paura di non farcela!(*) (Gesù) mi ami? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) stringiti al Legno. Ecco, Io sono qui, ti tengo stretta, cammina con me, figlia! (Giulia) sì, Gesù!(*) 

 

  Ore 14,30 ** Messaggio di Maria: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Vergine Addolorata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Vengo a portarvi il Saluto della Croce: sono Io, la Vergine Addolorata. Figliuoli del mio Cuore, ecco, la Croce di Gesù è pronta per svettare; figli, pregate e consolate il mio Gesù. Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti e il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo venuti a portare la Parola: il Segno Vivo del mio Gesù. Rimanete sempre nell'Amore del Padre, e vivete questo Giorno di Luce e di Vita Eterna nell'Amore e nella Quiete che Dio dona ad ognuno di voi. Figliuoli, il mio Cuore è trafitto da Sette Spade, e come Mamma le consegno ad ognuno di voi invitandovi a portare nel mondo il mio Cuore. Figliuoli, in questa giornata Io lascio scendere sull'umanità il mio Velo(*), perchè sono Mamma e Mamma dell'Amore. Non lasciate solo il mio Gesù! Tu, Cocciuta del Cuore della Croce, togli il tuo velo e uniscilo al mio: copri l'umanità!(*) (Giulia) Mamma! (Vergine Addolorata) si, figlia, hai fermato il flagello che stava scendendo! (Giulia) grazie, Mammina mia!(*) (Vergine Addolorata) il tuo Cuore è un flagello in questa giornata. Guarda, figlia mia, quante anime hai raccolto con Gesù!(*) (Giulia) Mamma, grazie!(*) (Vergine Addolorata) grazie al tuo Cuore, figlia mia, consola ancora Gesù! Io verrò ancora a portarvi l'Amore del Padre. Gioite perché Gesù vi ama, figli! 

 

Ore 14,45 ** Messaggi di Maria, Gesù e Giovanni: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Vergine Addolorata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Porto il Saluto della Croce ad ognuno di voi e all'umanità intera. Figliuoli. Sono la Mamma dei Dolori! (Giulia) Mamma, c'è Giovanni!(**) <1° grido>(*) Gesù! Gesù, dove mi porti? (Gesù) vieni ancora, dobbiamo visitare ancora anime: vuoi aiutarmi? (Giulia) sì, Gesù!(*) Dammi il tuo respiro! (Gesù) eccolo, dall'Alto della Croce! Vieni, figlia, unisciti con me! (Vergine Addolorata) fai quello che ti dice Gesù, figlia mia! (Giulia) si, Mamma!(*) (Giulia) Padre!(*) Padre mio!(*) Padre! Padre mio!(*) metto nel tuo Cuore tutti i miei figli(*), tutti i sacerdoti(*). Ho salito l'ultimo gradino per arrivare al tuo Cuore(*), consegno a te le anime che ho raccolto. Padre, sii misericordioso, guarda questa Barca di umanità che sta andando a fondo: raccoglila, Padre mio! (il Padre) Figlia, ascolto il tuo grido e prendo nelle mie mani la Barca. Tu cammina e semina il mio Amore, perché il Parto passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia, Io ti ho mandato sulla terra per soffrire e sconfiggere il male. (Giulia) Padre, voglio tornare a Casa(*). (il Padre) ora non si è compiuto il tuo tempo, devi rimanere con i tuoi discepoli, figlia mia! (Gesù) Padre mio, tutto si è adempiuto, sia fatta la tua non la mia volontà!(*) <prende la Croce in mano e la punta ai presenti benedicendoli> Ecco la Croce, guardatela tutti. Benedico voi e benedico il mondo!(**) <Giulia rimane in silenzio facendo solo gesti con le braccia, ma senza parlare> (Giulia) Padre mio, è bello rimanere nel tuo Cuore! Padre!(*) (Gesù) guarda i tuoi Angeli, i tuoi Cari!(**)  <in questo momento Giulia parla così piano che l'audio non è intelligibile, sembra che dica "BACIALI PER ME". Poi è Gesù che dice qualcosa e si capisce solo "..GIORNO.."> (Giulia) sì, Gesù!(*) (Gesù) Padre mio! Padre mio, devo rimanere nella tua Dimora. Guarda questi tuoi figli: dona loro la Luce, dona loro il tuo Amore! Oggi si sono sentiti i Dolori, Padre! Grazie per quello che farai scendere su di ognuno di loro. Grazie, Padre mio!(**) (Giulia) Giovanni!(*) Giovanni! Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) si, Cocciuta! (Giulia) Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) ho ascoltato il tuo Cuore, Cocciuta della Croce, non temere!  (Giulia) non ci lasci tu? (Piccolo Giovanni) il Padre mi lascia vivere in mezzo a voi, figli e discepoli, ma vi lascio perché vi amo! Crescete nel Giardino, abbracciate con Amore il Legno Vivo. Il Padre vi ama e vi dice grazie per tutto quello che offrite!(*) Io vi amo e vi sigillo ancora col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli!

 

 

         7. Dom 31/03/2002, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questa giornata(*), i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*) e immolati, con i Santi Dolori del Parto Vivo della Croce di Gesù. Immolati, figlia mia, per l’umanità tutta; immolati(*) per le Mura di Roma; immolati per i figli della perdizione <1° grido>(*). (Giulia) Mamma! Mammina mia! (Immacolata) Ecco, figlia mia, la Pasqua sta per iniziare, non è ancora finita. Il mio Gesù ha bisogno di anime dove poggiarsi, ed Io sono venuta in Ubbidienza al Padre e sono qui in mezzo a voi a portarvi la Parola Viva del mio Gesù. Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali in mezzo a voi, perché Gesù è risorto: RISORGETE ANCHE VOI NELL’AMORE PIENO E NELLA PACE DI DIO. Figliuoli, non potete camminare dietro a Gesù se non vi amate e non cercate la Pace di Dio. Figliuoli, il nemico vi trascina nelle cose del mondo: vi porta ad odiare, vi porta nei luoghi dove Gesù non c’è. Abbandonate il mondo con i suoi rumori e germogliate come germoglia il grano. Siate Vivi e Verdi come è Verde l’Albero della Croce che svetta per donarvi la Vita Eterna. Figliuoli, il mio Cuore Immacolato e Addolorato è il vostro rifugio in questo tempo di Resurrezione, di Pace e di Grazia di Dio che scende sull’umanità a larghe misure, ma l’umanità è sorda, l’umanità è cieca e non vuole vedere la Luce del Cristo Risorto. Figliuoli, voi che siete qui riuniti e voi che vi unite a questa Santa Preghiera: GUARDATE GESU’ CON AMORE, ABBRACCIATELO, PERCHE’ LUI VI HA ABBRACCIATI E VI TIENE STRETTI SUL LEGNO DELLA CROCE. Non lasciatelo per le cose del mondo, ma vivete camminando sulla Via del Santo Vangelo: l’Unica Verità che Gesù vi ha donato e vi dona attimo per attimo. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire perché la Pasqua è appena iniziata per il tuo Cuore: sii forte, figlia mia, vuoi amare ancora il tuo Gesù? (Giulia) sì, Mamma, lo voglio ardentemente! (Immacolata) bene, figlia mia, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli. Sarai perseguitata a causa del Nome del tuo Gesù, ma Dio ti ha mandata: CAMMINA SULLA VIA STRETTA, CAMMINA SULLE SPINE E NON LASCIARE I TUOI FIGLI! (Giulia) eccoli, Mamma, te li offro nel tuo Cuore: TUTTI!, tienili tu! (Immacolata) tu portali per mano, Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mammina! (Immacolata) Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portarvi la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore di Cristo Risorto brilli nei vostri cuori (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli miei, Amen, Amen(*). Eccomi. Nella Luce del Padre sono ancora qui in mezzo a voi a parlare attraverso lo Strumento che Dio vi ha lasciato sulla terra. Sono gioioso nel vedere i vostri cuori che consolano il Cuore di Maria; gioioso di vedervi vivere il Cristo Risorto nell’Amore del padre, nella Semplicità e nella Pienezza di Dio. Figliuoli miei, era questo il mio punto "Vivere la Pasqua, non nel mondo, ma viverla nel mondo della Croce, in semplicità, in povertà come Gesù l’ha vissuta nella Pienezza: si è donato tutto". E voi, nelle vostre forze vi siete donati tutto, non avete lasciato per voi alcuna riserva. E’ bello vivere questa Pasqua, la Pasqua di Dio, la Pasqua Viva, la Pasqua Vera: ciò che è Antico si rinnova nella Dimora del Padre! guardo il mondo e grondo lacrime di Sangue nel vedere il distacco di (da) Dio: l’uomo non cerca Dio, l’uomo non cerca la Pasqua di Dio ma le cose del mondo. dove avete messo Dio, figliuoli miei? dietro chi andate in questo Giorno di Gloria? Non potete camminare, non potete vivere senza di Dio: la Resurrezione e la Vita è nel Cuore del Padre, sulle vie del mondo trovate solo il nemico! Chino il capo nel vedere questo, e invito voi, Colonne, Discepoli e Suorine, a pregare e a consolare il Cuore di Maria. Figli, faccio l’augurio ad ognuno di voi che siete qui riuniti e ai figli che si uniscono, di vivere oggi e per l’eternità la Pasqua Viva nei vostri cuori, abbracciando i Santi Dolori del Parto che abbracciate attraverso la Piccola Cocciuta. Io sono gioioso, in questo giorno, nel vedere gli Angeli che fanno festa e ardono d’Amore guardando i Figli della Pace.. <Telesfore bacia la mano del Santo Giovanni e viene da Lui ricambiato> ..e così sia questo gesto d’Amore in questa giornata, Telesfore: ha riempito il Cuore del Padre!(*) Grazie, figlio mio, di tutto quello che il tuo cuore ci dona! Ti benedico e benedico i tuoi figli, le creature che vivono l’Amore di Dio nella Dimora del Padre, ma non ti addormentare durante la preghiera! Figlio mio, cosa vuoi dirmi? è bello questo gesto? (Telesfore) eh, perché si doveva baciare la mano, oggi che è Pasqua! (Piccolo Giovanni) lo so, ma chi lo fa.. (Telesfore) eh, chi lo fa.. (Piccolo Giovanni) ..in questo giorno ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai vecchietti, ai figli drogati: chi lo fa questo gesto? Dimmelo! (Telesfore) una volta si faceva! (Piccolo Giovanni) e oggi? (Telesfore) oggi, no! (Piccolo Giovanni) si è dimenticato.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..di avere un Papà e una Mamma: per questo non si fa più! Cosa c’è nel tuo cuore oggi? (Telesfore) eh, oggi.. (Piccolo Giovanni) "oggi"? (Telesfore) ..ho iniziato da stamattina, io (Piccolo Giovanni) a sentire cosa? (Telesfore) eh.. il cuore bussava (Piccolo Giovanni) e tu l’hai aperto? (Telesfore) ho aperto, però.. ho cercato di scrivere quello che.. (Piccolo Giovanni) ..usciva dal cuore?.. (Telesfore) ..quello che usciva.. per la giornata di domani.. non so.. non ho fatto nemmeno in tempo a farlo vedere alla Piccola Cocciuta (Piccolo Giovanni) non preoccuparti: va bene! (Telesfore) va bene.. o ci devo fare qualche.. perché non ho.. (Piccolo Giovanni) ..se senti il cuore che bussa ancora, fa uscire.. (Telesfore) ..ancora altro?.. (Piccolo Giovanni) ..se non lo senti più.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..è giusto quello che hai scritto! (Telesfore) è perchè alla fine mi sono bloccato: non riuscivo ad andare più avanti (Piccolo Giovanni) e si vede che dovevi fermarti, perché Dio è un Fiume aperto! Dimmi! (Telesfore) ma anche quello che avevo scritto prima.. che stamattina ho letto? (Piccolo Giovanni) bussava dentro di te e ti meravigli di questo? (Telesfore) ma io dico "mha, sono stato io a scrivere queste cose"? (Piccolo Giovanni) è il Padre che vi usa: voi mettetevi a disposizione del Padre. E cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) quindi.. che domani lo devo leggere quello.. (Piccolo Giovanni) si! (Telesfore) ma quando? (Piccolo Giovanni) quando il Padre vuole, decidi tu col Padre! (Telesfore) eh.. (Piccolo Giovanni) non è bello questo? (Telesfore) eh.. (Piccolo Giovanni) ..decidere insieme al Padre? (Telesfore) mha, io, veramente, in questo momento, mi era.. tentato di leggerlo al’inizio! (Piccolo Giovanni) decidi assieme al Padre! (Telesfore) io decido insieme con la Cocciuta.. tanto è la stessa cosa! (Piccolo Giovanni) va bene! e cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) eh.. l’altro giorno.. cioè, l’altro giorno.. ieri, forse.. cioè, quando io scrivo i messaggi, no, che adesso mi trovo indietro, no, però, quando li scrivo, no, li vivo più di quando li.. (Piccolo Giovanni) ..li ascolti.. (Telesfore) ..eh, di quando li ascolto adesso (Piccolo Giovanni) e non è bello questo? (Telesfore) eh, questo è bello, sì! (Piccolo Giovanni) hai visto le Meraviglie del Padre? (Telesfore) eh! quello che dico io.. dico.. QUANTO E’ GRANDE L’AMORE DEL PADRE! (Piccolo Giovanni) e voi vedete una piccola parte, ma Io vivo in pieno l’Amore di Dio: CHI AMA VIVE IN PIENO L’AMORE DI DIO, ed è un Fuoco che arde e non potete più staccarvi: Dio vi ha rapiti e vi fa ardere! Ardete, perché siete risorti nell’Amore del Padre, figliuoli del mio Cuore: TUTTI VOI CHE ABITATE NELLA DIMORA DEL PADRE, DIO VI HA RAPITI, non permettete al nemico di portarvi via nella sua rete, ma allontanatelo amando, perdonando e usando carità verso tutti. Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre ma lascio il Sigillo del Piccolo Giovanni e lascio il mio Cuore ad ognuno di voi che abita nel petto della Piccola Cocciuta. Figliuoli, gioite e fate festa: IL CRISTO E’ RISORTO ED E’ IN MEZZO A VOI, figliuoli. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Cristo è risorto, è Vivo ed è in mezzo a voi!(*) (Immacolata) Ecco la Pace di Dio che vive nei vostri cuori; ecco il Germoglio; ecco la Pianticella verde che cresce. Figliuoli, Io sono la Mamma della Croce e invito ognuno di voi a vivere e a camminare sulla Linea Dritta del Santo Vangelo: ricordatelo sempre. Ricordate che il mio Progetto viene da Fatima e il Sole brilla nella Dimora del Padre. Ora Io vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo: crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore alla Santissima Trinità: FATELO ANCHE VOI, figli del mio Cuore. (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, Figli della Pace. Grazie, figliuoli, per il tempo che avete speso per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure. Scenda su di voi l’Amore Copioso di Dio e rimanga per sempre, figliuoli del mio Cuore.

 

 

         8. Lun 01/04/2002, Stanza more solito

       Giulia è a letto anche oggi. Entro le ore 10,45 circa sono giunti alla Stanza tutti i fedeli per la preghiera, e compresi Giulia e Telesfore, in totale 33 persone. Alle ore 10,55 circa, visibilmente emozionato, Telesfore legge il suo ricordo del Santo Giovanni intitolato "MISTERO D'AMORE", tratto dal libro che Giovanni gli ha chiesto di scrivere e che qui di seguito viene riportato.

MISTERO D'AMORE

(di Telesfore di oggi)

 

Telesfore si scusa pubblicamente per l'emozione e per gli errori grammaticali.

(Telesfore di oggi) Caro Giovanni, sono trascorsi un anno e tre mesi da quando ti ho visto fisicamente per l’ultima volta, durante la Via Crucis, mentre salivi al Padre. Spesso mi ricorda il passato delle tue sofferenze e delle gioie che abbiamo passato insieme. Io ti chiedo perdono per tutte le volte che ti ho fatto soffrire se non riuscivo a capire in pieno il Mistero di Giovanni, come non lo capisco ancora, però lo sto vivendo. Il mio ricordo va quando si andava a benedire per le chiese e per le vie con la Croce del Lentini: NON ERI MAI STANCO DI ALZARE LA CROCE E BENEDIRE RIPETUTAMENTE, mentre io guidavo la macchina durante il viaggio. Ma il compito più difficile era quando si entrava nelle chiese a benedire: mentre la Cocciuta segnava col Sangue e tu lo facevi di nascosto con l’Acqua per non farti notare dai sacerdoti, io ammiravo il tuo coraggio, e tremavo che qualcuno ti potesse vedere spargere l’Acqua. Un altro pensiero va quando c’era qualche apparizione e non eravamo accettati: mentre tu cercavi di spiegare a qualche sacerdote o laico del Mistero di Dio che stavi vivendo bussando al suo cuore, io osservavo a distanza che la porta non si apriva: CI RIDEVANO ANCHE SOPRA, pensavo al tuo Cuore come si trafiggeva in quell’attimo. L’Amore che vivevi volevi donarlo anche agli altri, ma trovavi la porta sempre chiusa. Oggi che vivi nel Seno del Padre, questo Amore l’hai lasciato nel nostro cuore a noi tutti tuoi Discepoli e Suorine e Figli di viverlo, farlo conoscere e donarlo all’umanità. Anch’io vorrei gridarlo come volevi fare tu, il cuore a volte esplode e vorrebbe gridare quanto è Grande l’Amore di Dio, ma non è facile: BISOGNA SOLO VIVERLO E FARLO CRESCERE E GUSTARE IL SUO SAPORE. Oggi, in questa giornata dell’Angelo, io chiedo al Padre, inchinandomi,(*) <si inginocchia emozionatissimo>, di far sbocciare sempre di più, come tanti Fiori sbocciano a primavera, il Seme che Giovanni ha piantato nel nostro cuore, e così sia. Amen, Amen, Amen, Amen

 

Ore 11,10 ** Messaggio di Gesù:

            Ad assistere direttamente alle apparizioni eravamo Telesfore, Rosetta ....... mentre gli altri fedeli hanno preso posto nella Stanza per la recita del Santo Rosario.

  (Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del Cuore della Croce! Pace a voi! Pace a voi! Sono Io, il vostro Gesù: l’Agnello che si è immolato per donarvi la Vita Eterna. Oggi sono qui a far festa con tutti voi, a far festa con l’umanità perché il Sole splende. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora a bere con me i Calici dell’Amore(*). Bevi, figlia mia, e immolati ancora, perché la Pasqua sta per iniziare. Immolati per i Figli Ministri, Per le Mura di Roma; immolati per il Papa che è solo a portare la Croce <1° grido>(*). (Giulia) Gesù, Gesù mio, come sei bello! come è candido il tuo abito! (Gesù) guarda, figlia mia, guarda i Chiodi che hanno forato le mie mani e i miei piedi, e guarda le tue mani e i tuoi piedi: HANNO GLI STESSI CHIODI, figlia!(*) (Giulia) grazie, Gesù, grazie per averli fatti passare: non li togliere; falli passare sempre: quando tu vuoi io sono qui! Eccomi, Gesù! (Gesù) e Io mi poggio. Col mio Amore mi poggio su di te, mi poggio sui figli che aprono il cuore al Padre. E oggi sono qui in mezzo a voi con gli Angeli e i Santi tutti, col Servo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo venuti a far festa, volgiamo bere e mangiare con voi, figliuoli, ma ricordate sempre che Io vengo in mezzo a voi a chiedervi sempre di tenere alto il Santo Vangelo e di viverlo nella pienezza dei cuori. Il mio Solco è lungo ed è profondo: non lasciatelo per le cose del mondo, figliuoli del mio Cuore. La mia Pace sia sempre con voi, e l’Amore che ricevete donatelo ai fratelli. Non lasciate nessuno fuori della Santa preghiera, figliuoli del mio Cuore. Io sono venuto in Pace in mezzo a voi, amatevi gli uni gli altri e stringetevi la mano ma con la Pace di Dio, non col la pace del mondo. E vi ripeto ancora una volta: state attenti al mio nemico, non dategli spazio nel vostro vivere il Santo Vangelo. Figliuoli, mettetevi a disposizione del Padre: Io verrò ancora in mezzo a voi con gli Angeli e i Santi tutti a far festa: in questa giornata aspettatemi, figliuoli. Vi benedico col Padre col Figlio e con lo Spirito Santo. La Pace regna sempre nei vostri cuori e nel mondo, figli della Luce!

 

Ore 14,20 ** Messaggio di Gesù:

        Dopo l’Apparizione delle 11,10 e dopo aver completato il Santo Rosario, i fedeli sono scesi nel giardino della Stanza, opportunamente attrezzato di banco e sedie, per consumare il pranzo e per attendere Gesù nella preghiera. Direttamente all’Apparizione, anche Paolo vi parteciperà . Per problemi tecnici non sarà possibile montare l’impianto di amplificazione all’esterno, nel giardino, per cui i fedeli ascolteranno il messaggio registrato subito dopo l’Apparizione.

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! <Gesù ha benedetto per tre volte col Segno della Croce> Sono Io, il vostro Gesù: il Gesù Vivo e Risorto per Amore. Eccomi, sono qui in mezzo a voi con la Schiera degli Angeli, dei Santi tutti; siamo venuti a visitarvi, a bere e a mangiare con voi nel Giorno dell’Angelo. Tu, Cocciuta del Cuore della Croce, immolati ancora per l’umanità: unisciti al mio Cuore (Giulia) sì, Gesù! <1° grido>(*). (Gesù) Ho sete, offritemi da bere(*) e bevete con me!(*) <io riempio un bicchiere di vino e lo consegno a Gesù. Paolo andrà alla finestra che adduce al giardino per informare i fedeli di bere come Gesù ha chiesto>. Ecco l’Amore che passa attraverso il Calice del mio Amore: bevete del mio.. <ha chiesto poi di bere dal suo bicchiere>. Ecco, figliuoli del mio Cuore, Io sono qui in mezzo a voi. Ho bevuto e ho mangiato con voi nell’Amore Pieno, nella Pasqua Viva, Verde e Risorta. Ma chiedo ad ognuno di voi di vivere questi attimi che il Padre lascia scendere sull’umanità e su di ognuno di voi: attimi di amore, attimi di Croce, attimi di Risurrezione. Voi ancora non comprendete ciò che state vivendo: per voi è uno stare a tavola a bere e a mangiare, ma Io vi uso: VOI SIETE STRUMENTI E NEANCHE VI ACCORGETE DI COME SIETE USATI, figliuoli. Ma la Musica è dolce nell’ascoltarvi: FIGLI, LASCIATEVI ANCORA USARE, ARDETE E PORTATE IL FUOCO NEL MONDO: IL FUOCO DI PENTECOSTE, PERCHE’ IO LO LASCIO PASSARE ATTRAVERSO DI VOI. Rimanete ancora nell’Amore e nella Quiete, Io verrò ancora a visitarvi con la Corte Celeste. Figli del mio Cuore, vi lascio la mia Pace e il mio Amore, ma vi uso ancora in questo giorno per salvare le anime in perdizione: RIMANETE A DISPOSIZIONE DEL PADRE!

 

Ore 15,45 ** Messaggi di Gesù e Giovanni:

        I fedeli hanno completato il pranzo e sono ancora in giardino aspettando Gesù e il Santo Giovanni nel raccoglimento e nella preghiera. Per i problemi tecnici sopra accennati sarà possibile per i fedeli ascoltare i messaggi registrati solo dopo avvenuta l’Apparizione.

(Giulia) [Se sei tu glorifica il Padre;] se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! <Gesù ha benedetto per tre volte col Segno della Croce> Sono Io, il vostro Gesù: il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna. Figli del mio Cuore, tenete sempre alto il Santo Vangelo e vivetelo con Amore Vivo come Io sto vivendo "Vivo" in mezzo a voi e nel mondo intero. Vi sto usando ancora, figliuoli miei, nell’Amore e nell’Armonia del Padre; e uso anche te, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce: immolati ancora, unisciti ai Dolori di Maria! <1° grido>(*). (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) Vedi, figlia mia, guarda ciò che avete compiuto! <Giulia sorride soddisfatta>(*) (Giulia) grazie, Gesù!(*) Siamo miseri peccatori! (Gesù) ma nelle mie mani siete Strumenti di Amore: ricordalo sempre, Cocciuta del Cuore della Croce. (Giulia) sì, Gesù! E’ BELLO, USACI ANCORA! (Gesù) lo farò finché i vostri cuori sono aperti! (Giulia) Gesù, aprili tu con le tue mani, non li fare chiudere mai: lo dico per me e per tutti i miei figli! (Gesù) grazie, figlia mia, per ciò che mi offri! (Giulia) è così poco, Gesù: TU CI DONI IL TUO TUTTO E NOI NON SAPPIAMO FARE NULLA! Grazie, Gesù! (Gesù) Bevi con me ora!(*) (Giulia) Gesù, questo Calice non è amaro: E’ DOLCE!(*) (Gesù) è dolce nel berlo, ma è amaro nel portarlo, figlia mia! (Giulia) Gesù, non comprendo! (Gesù) Vedi perché ti ho donato questo Calice? guarda!(*) (Giulia) posso dire ciò che vedo? (Gesù) tienilo nel tuo Cuore, ma bevi ancora il Calice!(*) Non essere triste ora che hai visto! (Giulia) no, Gesù! Grazie per tutto quello che mi doni, Gesù! (Gesù) Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali e siamo venuti a portare la Parola: il Solco Dritto! Rimanete sempre nel mio Solco, figliuoli, e abbracciate il Cuore di Maria: CONSOLATELO!, perché vi ama e vi ha stretti al suo Cuore dinanzi ai Piedi della Croce, figliuoli del mio Cuore! Ora volete ardere un po’? (i Presenti) sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (i Presenti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portarvi la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (i Presenti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Luce del Santo Vangelo sia Pane Vivo nei vostri cuori (i Presenti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli. Amen, Amen, Amen(*). Eccomi, sono ancora qui in mezzo a voi a portarvi l’ALLELUIA DELL’ANGELO. Sono gioioso nel vedervi uniti nell’Amore, nella Preghiera, nel bere e nel mangiare con la Corte Celeste. Grazie, figliuoli miei. In questi tempi chi ascolta le Parole di Gesù? vi ha chiesto di passare questo giorno con Lui e avete donato il vostro Sì. Non riuscite neanche a immaginare l’Esplosione d’Amore che è nei Cieli quando arriva un "Sì" donato. La Festa è grande, figliuoli miei; per voi è solo un mettervi a tavola, passare una giornata, ma per Dio che vede i cuori a disposizione è Festa Grande, e gli Angeli e i Santi fanno Festa: LASCIATEVI SEMPRE USARE E SIATE VIGILANTI NELL’OFFRIRE AL PADRE IL VOSTRO "SI’": ANCHE SE VEDETE CHE E’ POCO QUELLO CHE FATE, PER DIO E’ UNA MONTAGNA, PERCHE’ SONO IN POCHI I FIGLI CHE DICONO SI’ IN QUESTO TEMPO! Figliuoli miei, grazie per tutto quello che state offrendo. Il mio Cuore esplode di gioia per ognuno di voi, ma gronda Sangue per i figli che si donano al mondo in questa giornata, per questo il Padre vi sta usando. Ma voglio essere anche un po’ capriccioso!(*) <si rivolge a Telesfore> Fai di nuovo lo stesso gesto di ieri? (Telesfore) perché?.. non.. (Piccolo Giovanni) ..ti sei abituato? perché non vuoi che Io ti baci la mano? (Telesfore) e perché mi sento a disagio, io! (Piccolo Giovanni) e anche Io mi sento a disagio! ..perché sono il tuo don Mario? sono sempre quello di prima! (Telesfore) il Papà sei tu: io sono il figlio! (Piccolo Giovanni) e un Papà non può accarezzare il proprio figlio e far sventolare la bandiera "MIO FIGLIO MI HA BACIATO"?(*) Quanti figli.. ripeto la stessa frase: quanti figli lo fanno? e quanti papà alzano la bandiera dicendo "PACE"?: in pochi!(*) Passiamo ai capricci! Mi avete fatto bere? (Telesfore) eh, il vino stà là: pieno! (Piccolo Giovanni) mi avete fatto mangiare attraverso di voi? (Telesfore) sì, certamente! (Piccolo Giovanni) mi avete pensato? (i Presenti) sì! (Piccolo Giovanni) e non mi avete visto?(*) <Giovanni dà qualche colpetto sulla mano di Telesfore> non mi avete visto? (Telesfore) abbiamo visto le gridate! (Piccolo Giovanni) perché, si  vedono le gridate? (Telesfore) si sentono.. e si vedono pure! (Piccolo Giovanni) io non le ho mai viste!(*) <pausa di risate> Mi fate ridere anche dal Paradiso! I capricci sono così e Io sono in mezzo a voi: ho mangiato lì, e ho mangiato anche giù..(*) <si riferisce al fatto che sia nella camera dove Giulia era a letto e sia fuori in giardino era stato riservato un posto per la Corte Celeste> ..di tutto! (Paolo) hai mangiato molto? (Piccolo Giovanni) attraverso di voi ho mangiato, e sono gioioso, perché avete mangiato con la Corte Celeste, non col mondo: per questo sono gioioso, e per questo siamo venuti a far festa nella Povertà e nell’Amore del Padre! Ma dimmi.. (Telesfore) Maria che fa? (Piccolo Giovanni) soffre, figlio mio,.. (Telesfore) ..soffre!.. (Piccolo Giovanni) ..soffre! Soffre perché è Mamma.. nel vedere l’umanità che si perde, e ha bisogno del vostro aiuto! (Telesfore) io stamattina pensavo al suo Cuore, no, e il mio cuore ardeva.. non so.. (Piccolo Giovanni) ardeva d’Amore per Lei? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e la consoli quando senti questo, perché almeno in pochi la pensano! In questi giorni si pensa ad andare di qua e di là a bere e a mangiare e non si ricorda la giornata dell’Angelo! E IL FIGLIO VIENE ABBANDONATO, e il suo Cuore come può essere.. (Telesfore) Io volevo chiedere, no, noi diciamo "la Pasquetta", e la giornata dell’Angelo è la stessa cosa? che significato ha la giornata dell’Angelo? (Piccolo Giovanni) Gesù che si presenta ai suoi Discepoli: Gesù dopo la morte, che si fa vedere ai suoi cari, è la giornata dell’Angelo!(*) (Telesfore) è un’altra cosa che.. voi "lo sapete" questo? ....... (Piccolo Giovanni) si dice "lo sapevate".. (Telesfore) eh, io purtroppo non è che.. (Piccolo Giovanni) ..la Piccola Cocciuta te lo ripete sempre! (Telesfore) ah, quello, si! Chiedo perdono se.. (Piccolo Giovanni) ..Io correggo anche gli errori a volte.. (Telesfore) ..eh, si.. (Piccolo Giovanni) ..ma ne faccio tanti! (Telesfore) sei Professore! (Piccolo Giovanni) ma come Domenico, anche a me piace fare gli errori e lasciarli! Professori si era in terra: in Cielo non ci sono titoli, ricordalo! Bene, figliuoli, cosa farete ancora? (Elia) ti aspetteremo ancora di nuovo! (Piccolo Giovanni) e Io verrò ancora quando il Padre me lo concede. Ora invito i vostri cuori a rimanere nello spirito di preghiera e a disposizione del Padre: voi donate il Sì, il Padre vi usa, tanto neanche ve ne accorgete! ..ma quando sentite i battiti è il Padre che vi fa lavorare! Lasciatelo lavorare, non spaventatevi, figliuoli del mio Cuore! tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) dovrai ancora portare sulle tue spalle il Legno che ti è stato consegnato (Giulia) con Amore, Giovanni! (Piccolo Giovanni) dovrai ancora soffrire! (Giulia) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ma non temere, vai avanti, Io stringo sempre la tua mano e ti mando il mio respiro! (Giulia) grazie, Giovanni, ma non lasciatemi! (Piccolo Giovanni) siamo sempre qui nella Dimora del Padre! Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre, ma capriccioso come sono: quando andate giù, fate fondo per me!(*) ..è un capriccio, no? (Paolo) eh, dopo il caffè, si! (Telesfore) col vino? (Piccolo Giovanni) vuoi fare fondo con l’acqua? <si ride un pò>(*) (Piccolo Giovanni) Vi sigillo ad uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e portatelo al mondo, figli del mio Cuore. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Gesù) Ecco, figliuoli, la Luce del Padre è scesa su di voi e i vostri cuori sono nelle mie mani: LI STO USANDO. Grazie per il tempo che avete speso e che spenderete ancora. Figliuoli miei, vi lascio la mia Benedizione: andate in pace e portate al mondo la Pace che avete ricevuto in questa Santa Giornata: portatela ai vostri cari, ai vostri ammalati, e in modo particolare ai vostri nemici, non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Aspettatemi, Io verrò ancora a portarvi il Pane dei Cieli, figliuoli del mio Cuore. Tu, Piccola Cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore alla Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figli del mio Cuore(*). Sia lodato e ringraziato ogni momento (i Presenti) il Santissimo e Divinissimo Sacramento! (Gesù) Sia lodato e ringraziato ogni momento (i Presenti) il Santissimo e Divinissimo Sacramento! (Gesù) Sia lodato e ringraziato ogni momento (i Presenti) il Santissimo e Divinissimo Sacramento! (Gesù e i Presenti) Amen, Amen, Amen. (Gesù) Amen Pieno scenda come Fiammelle sui vostri capi, figli del mio Cuore.

 

        9. Giov 04/04/2002, ore 21.10, Stanza more solito

       Oggi è l’ultimo giorno che Giulia rimane a letto malata.

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato della Croce Tremenda, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi e i Calici Rossi, e immolati, figlia mia, con i Santi Dolori del Parto Vivo della Croce per l’umanità tutta. Immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre; unisciti ai Dolori di Maria, AI MIEI DOLORI: figlia, devi abbracciare ancora i Santi Chiodi. Guarda come soffre mia Madre: consolala! (Giulia) sì, Gesù, con la tua Grazia! Donami la forza! (Gesù) prendila dalla Croce, figlia mia! <1° grido>(*) Sollevati, anima mia. (Giulia) Gesù, perché il tuo abito è sporco di Sangue? Gesù, cosa ti hanno fatto? (Gesù) figlia mia, il Sangue che tu vedi è il Sangue dei flagelli che scendono ancora sull’umanità! (Giulia) Gesù, cosa posso fare? (Gesù) cosa vuoi fare ancora, figlia mia? (Giulia) non sto facendo nulla, Gesù! (Gesù) SE TUTTI MI OFFRISSERO IL TUO NULLA, I FLAGELLI SI FERMEREBBERO! Anima mia, vieni, abbraccia ancora il Legno Vivo: abbraccia ancora i Chiodi! (Giulia) sì, Gesù! <2° grido>(*) (Gesù) bevi con me: bevi questo Calice(*). (Giulia) è amaro, Gesù, ho paura di rimetterlo, Gesù! (Gesù) non temere: anche se viene la tosse non lo rigetti, è il mio Calice, bevilo fino all’ultima goccia!(*) (Giulia) Gesù, perché ti sei seduto sulla Roccia che gronda Sangue?(*) (Gesù) vedi, figlia mia, non solo il mio Cuore gronda Sangue, anche la Roccia gronda Sangue: l’umanità sta andando in perdizione; pregate, figliuoli, pregate, pregate secondo le mie Intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo, perché Io vengo in mezzo a voi a portare l’Unica Verità: IL SANTO VANGELO, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori. Figliuoli, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali e siamo venuti in mezzo a voi, in Ubbidienza al Padre, portando a voi i Frutti dell’Amore e il Solco Dritto della Parola. Ricordate, figliuoli: IL VANGELO E’ UNO SOLO, NON VE NE SONO ALTRI, ed è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato per donarvi la Vita Eterna. io ho abbracciato la Croce per ognuno di voi, per il mondo intero; l’ho abbracciata con Amore, e con Amore sono ritornato in mezzo a voi per donarvi la mia Pace, la mia Quiete. Il Legno ha abbracciato i battiti del mio Amore per donarli all’umanità: IO SONO MORTO E RISORTO PER AMORE SUL LEGNO DELLA CROCE! Risorgete anche voi per Amore, vivendo in pienezza il Santo Vangelo, amando e perdonando i vostri nemici, usando carità verso tutti, non lasciate nessuno perché Io non ho lasciato nessuno di voi. Abbraccio i vostri cari e vado a visitarli; ascolto i cuori di ognuno di voi che siete qui riuniti nella Dimora del Padre e ai figli che si uniscono stringo le mani: è il vostro Gesù che vi tiene per mano, non chiudetemi la porta dei vostri cuori, perché Io aspetto dinanzi alla porta per far festa con tutti voi, figliuoli del mio Cuore. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) guarda!(*) (Giulia) grazie, Gesù!(*) Grazie! (Gesù) Vedi? (Giulia) sì, Gesù! Posso dire ciò che vedo? (Gesù) tienilo nel tuo Cuore! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Ora porta sulle tue spalle tutti i tuoi figli nel Fiume Santo del mio Amore! (Giulia) Gesù, tienimi per mano, perché le mie forze vengono meno! (Gesù) Vieni!(*) (Giulia) Gesù, alcuni figli cadono! (Gesù) sollevali tu, anima mia! (Giulia) ma il Fiume è diventato più lungo e ci sono altre Barche, Gesù!(*) ..ma ce n’è una vuota: perché è vuota, Gesù?(*) (Gesù) non essere triste per la Barca vuota! (Giulia) no, Gesù!(*) Ma adesso ci sono delle anime.. grazie, Gesù! (Gesù) vieni, cammina ancora (Giulia) sì, Gesù!(*) Ci sono tutti! (Gesù) hai visto che riesci ancora a portare sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l’umanità intera? (Giulia) con la tua Grazia, Gesù! (Gesù) Bene, figlia mia. Vi invito ancora a stare attenti al mio nemico: non dategli spazio, ma camminate sulla Via Stretta fatta di Spine e di Croce. Figliuoli miei, Io vengo in mezzo a voi a portarvi il Segno Tremendo della Croce, e chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua sulla Via dei Dolori: sulla Via che Maria ha seminato le Spine. NON TOGLIETE LE SANTE SPINE: IL PARTO E’ IN MEZZO A VOI! Figli, rimanete nel mio Amore; rimanete nella Linea del Santo Vangelo. Abbiate fede, e dite alla montagna "spostati" e la montagna si sposta. Io sono il Gesù che è morto ed è risorto per Amore, siate coscienti di questo, figliuoli del mio Cuore. Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portarvi la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace di Cristo Risorto sia con tutti voi (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figliuoli miei, Amen, Amen(*). Eccomi, sono ancora qui in mezzo a voi per Volere del Padre; sono venuto a portarvi il mio Amore, l’Amore del Santo Vangelo, la Linea che porta al Padre e alla Santità, perché Io vi voglio tutti santi a gioire nel Paradiso, figliuoli del mio Cuore, ma vi invito a pregare, a pregare col cuore aperto, a bussare al Cuore del Padre. Figliuoli, il mondo è nelle vostre mani: fermate i flagelli: FERMATELI! Unite le vostre mani, stringete forte la catena amandovi gli uni gli altri; distaccatevi dalle brutture del mondo e legatevi all’Unica Verità, legatevi alla Croce e seguite solo Essa. Vedete con i vostri occhi i tempi che stanno scendendo, figli, e il mio Cuore gronda Sangue nel vedere tutto questo! Fate presto: CONVERTITE I VOSTRI CUORI! Io parlo a voi e parlo al mondo intero. Voi, Discepoli, Colonne, Suorine, voi che avete il compito di portare la Croce, salvate i vostri fratelli, immolatevi, fate penitenza, non fateli cadere nella geenna: fate un atto di carità verso i più deboli. Io mi sono immolato per ognuno di voi, consolate il Cuore di Maria, abbracciate i fratelli piccoli, poveri, emarginati, e portateli sulle vostre spalle, figliuoli miei(*). Telesfore, vuoi portare sulle tue spalle il fratello? (Telesfore) certo! (Piccolo Giovanni) fallo, figlio mio! Tu non puoi neanche immaginare quanto soffre il mio Cuore nel vedere l’umanità che si perde! (Telesfore) cosa devo fare? (Piccolo Giovanni) immolati, figlio mio, come si immola la Piccola Cocciuta! Ma dimmi, cosa c’è nel tuo cuore? (Telesfore) ti vedo un po’ triste! (Piccolo Giovanni) come posso essere gioioso nel vedere tanti flagelli che scendono su di voi e sul mondo intero, figlio mio?(*) Dimmi! (Telesfore) lo posso dire?(*) <Giovanni fa sì con la testa> Poco fa pensavo, no, che Paolo ha fatto il canto.. l’ultimo canto che parlava di 33 Angeli : mo’ li deve correggere perché adesso sono di più!(*) 34 o 35?(*) <in questi giorni Giulia ha avuto l’ennesimo aborto spontaneo> (Piccolo Giovanni) vuoi sapere il numero? (Telesfore) se è possibile! (Piccolo Giovanni) cinque! (Telesfore) cinque? (Piccolo Giovanni) trentacinque! (Telesfore) ah, trentacinque! Allora io non mi ero sbagliato! (Piccolo Giovanni) no!(*) (Telesfore) ma a me sembra tutto un mistero, però: prima c’è, poi non c’è! (Piccolo Giovanni) la Piccola Cocciuta è Mistero di Dio: ancora non l’avete capito? E’ IL PADRE CHE LA MANDA A SOFFRIRE PER L’UMANITA’! (Telesfore) ma nemmeno Lei si rende conto che è mistero? (Piccolo Giovanni) lo vive, figlio mio! (Telesfore) ..lo vive! (Piccolo Giovanni) Lei è cosciente di tutto, ma con amore sa solo dire sì al Padre dal primo istante.. e gli dona la Croce!(*) E il tuo cuore come stà?(*) <Telesfore è emozionato> è trafitto da una lancia! Offri questo al Padre, ma parlami! (Telesfore) devo ancora parlare? (Piccolo Giovanni) si (Telesfore) e non so se adesso prendo qualche rimprovero, perché.. non so.. non so nemmeno io come.. come introdurre la frase! (Piccolo Giovanni) non temere! (Telesfore) sulla terra noi qui siamo maschio e femmina, no, mentre quando si va in Cielo, no, si è lo stesso oppure è uni.. (Piccolo Giovanni) ..l’avevi già fatta questa domanda! (Telesfore) l’avevo già fatta questa qua? (Piccolo Giovanni) si(*) SI E’ ANGELI IN CIELO!.. (Telesfore) ..angeli in cielo! Quindi non è(c’è) differenza di.. si è tutti uguali! (Piccolo Giovanni) devi scriverti le domande che fai per ricordarti. Non temere, non ti ho rimproverato, vedi! (Telesfore) Ma in Paradiso, no.. cioè, quando uno c’ha più.. diciamo.. sofferenze sulla terra, no, in Paradiso c’ha più qualche.. diciamo gradino in più oppure è tutto uguale? (Piccolo Giovanni) NON CI SONO I POTERI DELLA TERRA: si è tutti Figli di Dio! I gradini li usano i Grandi del mondo! (Telesfore) quindi sono tutti allo stesso livello.. tutti uguali al Padre.. (Piccolo Giovanni) ..si! (Telesfore) ..cioè vicini al Padre, uguali.. uguali no! (Piccolo Giovanni) SIETE FATTI A IMMAGINE E SOMIGLIANZA DI DIO!(*) Che fai? accarezzi ogni tanto la mano della Piccola Cocciuta? (Telesfore)(Piccolo Giovanni) bene, figlio mio. Ora cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) ultimamente volevo baciarla.. pure spesso! (Piccolo Giovanni) l’hai consolata nel dolore?(*) Bene, figlio mio, andate avanti e consolate il Cuore di Maria, ma ricordatevi: DIO VI USA PERCHE’ VOI SIETE STRUMENTI! Fatevi usare: ABBANDONATEVI AL SUO AMORE E ARDETE COME FIAMMELLE! Voi Discepoli, voi Colonne, voi Suorine del Cuore della Croce, non fermatevi ma andate avanti perché il Padre vi ama e il mio Cuore di Sacerdozio Vivo ed Eterno vi ama perché mi poggio su di voi con la Croce, figli! Ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi chiedo ancora una volta di stare attenti al nemico, figliuoli miei, non dategli spazio; combattetelo con l’Amore: potete farlo se fate ardere i vostri cuori! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figliuoli! ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Gesù) Ecco la Pace del mio Cuore che scende su di voi e sull’umanità. Figliuoli, preparatevi perché il mio Banchetto è pronto e lo Sposo è qui in mezzo a voi. preparate i vostri cuori e venite a bere e a mangiare con me, perché Io ho fame e sete e voglio mangiare e bere con voi del Nuovo, figliuoli miei! Sposa preparati perché lo Sposo è pronto e il Banchetto è Vivo e Reale in mezzo a voi. <si rivolge a Telesfore> Donami il Calice del Pane e del Vino!(*) Padre mio, benedici questo Calice Frutto del tuo Amore e donalo all’umanità(*). Padre mio, guarda benigno questi tuoi figli uniti dinanzi al Banchetto e dona loro i Frutti della tua Misericordia Infinita(*). Io ho detto ai miei discepoli "Prendete e bevete, questo è il Calice del mio Sangue; prendete e mangiate, questa è la mia Carne: fate questo ricordandovi il mio Amore". Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo(*). (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio, Vivo in mezzo a noi! (Gesù) Bevi, anima mia!(*) Bevi!(*) Bevi!(*) <3° grido>(*). (Giulia) ti amo, Gesù!(*) (Gesù) Mangia!(*) ..... Paolo!(**) <Paolo si trovava nella Stanza ed è sceso per raggiungere i diretti presenti all’apparizione> Donatemi alla Sposa; <Gesù ha fatto segno di iniziare da Rosetta che era lì presente> e ai vostri fratelli: formate la Via Stretta per le Spose(*). Consolate il mio Cuore: guardate i miei occhi e ascoltate il Bimbo che arde dentro di voi. Portatemi nella Culla, ora che salite al piano di sopra nella Stanza dell’Amore, perché Io vi cullo quando vengo ad abitare dentro di voi. Andate, figliuoli del mio Cuore(*) <Qui raggiungiamo la Stanza per la distribuzione al resto delle persone> Eccomi! Nella Quiete e nell’Amore Io vengo a vivere dentro di voi: Io, il vostro Gesù, l’Agnello che si è immolato per donarvi la Vita Eterna, l’abbraccio della croce che passa attraverso i Santi Dolori: il Parto Vivo che passa attraverso Giovanni e attraverso la Piccola Cocciuta del Cuore della Croce. Ecco il mio abbraccio all’umanità; ecco la Catena che unisce l’Amore della croce. Figliuoli miei, siate coscienti, il Mistero che stiamo vivendo è Mistero d’Amore, Mistero di Croce, e il Padre lascia scendere su di voi le gocce, le Gocce Divine che irradiano i vostri cuori. Figli miei, non permettete al mio nemico di trascinarvi nella rete, e non abortitemi quando uscite fuori dalla Stanza dell’Amore, ma gioite, fatemi vivere e gridate all’umanità "Dio è Vivo e parla in mezzo a noi": parla con la Parola Viva, parla col suo Amore e dona ai suoi figli le Gocce Divine: la Rugiada che splende sui vostri volti, figliuoli del mio Cuore. ....... Paolo, quando avete terminato di donarmi, scendete nella Dimora del Padre a far festa. Ecco, Io sto visitando i vostri ammalati, i figli che avete portato nei vostri cuori sto curando le loro ferite. Padre, Padre mio, accogli nel tuo Seno le anime che hanno abbandonato la terra e usa misericordia con i figli che bussano al tuo Cuore. Ecco, in questo istante Io ardo dentro di voi(*). Quale Amore il Padre poteva donarvi ancora?(*) Siate coscienti, siate coscienti, siate coscienti di tutto quello che vi dona il Padre mio che è nei Cieli! Eccomi, Io mi sono donato ad ognuno di voi e la mia Pasqua è Piena ed è Risorta nell’Amore e nella Luce! Ecco il Cuore del Padre, ecco il Cuore del Figlio, ecco il Cuore dello Spirito Santo, ecco il Cuore di Maria, ecco il Cuore del Bimbo che arde dentro di voi! Siamo Vivi e Reali nella Stanza dell’Amore e siamo venuti a portare la Quiete, la Pace e la Luce Viva. Figliuoli miei, siate coscienti, e ricordate ancora una volta: quando uscite fuori non abortitemi ma fatemi vivere. Io ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità, figliuoli del mio Cuore. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari, che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figliuoli miei. Ora legate la Catena Santa(*), legatela con Amore, guardate i vostri nemici e unite con loro la Catena. Figliuoli, se riuscite ad amare e a perdonare sconfiggete il nemico. Guardate con occhi del Cristo Risorto il vostro fratello e offrite loro il Pane Vivo che avete ricevuto. Ecco cosa vuole il Padre dai vostri cuori: liberatevi dalle cose del mondo, togliete gli odii e fate abitare nei vostri cuori l’Amore Pieno, perché siete figli di Dio e i vostri Nomi brillano nei Cieli. Ora preghiamo: <recita del Padre Nostro tradizionale: lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Figliuoli: "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen". La Preghiera del Padre fatta silenziosa da me, è per insegnarvi il Silenzio, l’Amore e la Quiete che Dio dona ai suoi figli. Imparate a camminare, imparate a vivere portando sulle vostre spalle il fratello. Io sono sempre con voi, abito dentro di voi: figliuoli miei, amate col mio Amore e fatemi riposare, cantatemi la Ninna Nanna <Canto della Ninna Nanna> Grazie, figliuoli del mio Cuore! grazie per tutto quello che fate per me. Grazie per il tempo che spendete. Grazie per l’Amore che offrite al Cuore di Maria: vi sarà donato a larghe misure, figliuoli del mio Cuore! (Giulia) Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! (Gesù) vi amo anch'Io(*). Andate in pace e portate a tutti la Pace che avete ricevuto, ma ardentemente aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) il vostro "ti amo" è caro al mio Cuore! Aspetto ancora: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, figliuoli miei, vi amo e il mio Amore non ha limiti. Allargate le braccia anche voi perché Io vi sto stringendo, figliuoli. Andate in pace perché Io sono il vostro Papà.

 

        10. Dom 07/04/2002, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Rimani seduta. Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo giorno, i Calici Misti del tuo Gesù, e immolati ancora una voltaa per l’umanità tutta. Immolati per i figli della perdizione che trafiggono ancora il Cuore del mio Gesù. Soffri, figlia mia, perché la Pasqua è appena iniziata e Gesù ha bisogno di essere amato! (Giulia) Mamma, donatemi la forza! <1° grido>(*). (Immacolata) Ecco, figlia mia, è dal Legno Vivo che si prende la forza e tu lo porti per l’umanità intera. Io, come Mamma, vi invito sempre a tenere alto il Santo Vangelo e a viverlo nella pienezza dei cuori. L’umanità sta andando alla perdizione perché non c’è pienezza di cuore, non c’è amore verso Dio e verso i fratelli. Figliuoli, amate e perdonate con la stessa misura che Dio ama e perdona ognuno di voi. Siate coscienti di ciò che Dio vi dona: vi dona il Pane, vi dona il suo Sangue, vi dona l’aria, vi dona l’Acqua per vivere e camminare nel Giardino Verde del suo Amore. Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali in mezzo a voi, e in Ubbidienza al Padre, siamo venuti a portare la Verità del Santo Vangelo. Non siate come Tommaso, increduli, ma credenti nella Potenza di Dio e nel suo Amore. Figliuoli, Io parlo a voi e parlo al mondo intero. Come Umile Ancella di Dio vengo a portare il Saluto e l’Amore del Padre, figliuoli del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine della Luce di Dio che irradia l’umanità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) dovrai ancora soffrire e immolarti a causa del Nome del tuo Gesù: vuoi ancora farlo, figlia mia? (Giulia) con la tua Grazia, Mamma, lo voglio ardentemente! Ma sollevatemi! (Immacolata) abbraccia le Spine che ti circondano, figlia mia: solleva i figli che cadono di qua e di la con la tua sofferenza! (Giulia) sì, Mammina del mio Cuore. (Immacolata) Bene, figliuoli, vi invito ancora una volta a stare attenti al mio nemico: non dategli spazio, ma vivete nel Calore e nell’Amore dello Spirito Santo: combattetelo e fermate i flagelli che scendono sempre di più sull’umanità. Pregate per la pace; pregate, perché la Pace di Dio scenda nei cuori dei Grandi del mondo e riconoscono il mio Gesù Vivo e Reale in mezzo a voi e nel mondo! pregate secondo le mie Intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata, figli miei! Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore Radioso dello Spirito Santo sia nei vostri cuori (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli. Amen, Amen, Amen(*). Benedico e lodo il Padre per le sue Meraviglie, per l’Amore e la Gioia che mi dona di essere in mezzo a voi, e di parlare attraverso lo Strumento del Padre, nella Linea Dritta del Santo Vangelo, perché Io ho vissuto e vivo solo per il Santo Vangelo trascinando con amore ognuno di voi, figliuoli miei, nel Solco del Padre. E questa è la gioia più grande: di avere un Gregge che cammina e semina la Parola di Dio: la gioia più grande, il Seme di Dio che viene portato e gridato, amato dai propri figli. Sono gioioso nel vedere le vostre fatiche, le vostre sofferenze abbracciate e portate a Gesù nella Stanza dell’Amore. Il Padre guarda i vostri cuori, guarda i gesti d’Amore che a voi sembrano nulla, ma guardati dall’alto e con gli occhi di Dio, sono fiori profumati, e voi non potete neanche immaginare le anime che salvate offrendo i vostri sacrifici, i vostri dolori! E’ questo che Io voglio da voi: SOFFRIRE PER AMORE, DONARVI PER AMORE E SOLLEVARE IL FRATELLO CHE E’ CADUTO. Oggi avete ascoltato il Vangelo Vivo? <2° dom. di Pasqua/A Gv. 20, 19-31> quanti "Tommasi" ci sono nel mondo: anche toccando e vedendo non abbracciano la Croce Viva e Risorta! Figliuoli miei, abbracciatela voi, caricatevi del peso del fratello e portatelo al Trono del Padre; e ringraziate e benedite Dio se vi carica, siate gioiosi e pieni d’amore verso gli altri, perché Io vi amo e il mio Cuore arde per avervi tutti nel Paradiso a far festa. Siate pronti e preparati con le Lucerne accese, perché non conoscete né l’ora e neanche il giorno, ma siate sempre vigilanti, figli miei, tenendo sempre alto il Santo Vangelo e camminando nel Solco dell’Amore del Padre. Cosa arde nel tuo cuore oggi, Telesfore? (Telesfore) la tua mano è fredda, oggi! (Piccolo Giovanni) e il tuo cuore com’è? (Telesfore) il mio cuore è un po’.. (Piccolo Giovanni) "un po.."? (Telesfore) triste, forse, non lo so! (Piccolo Giovanni) perché? (Telesfore) perché vedo che nel mondo, come ha detto la Mamma.. (Piccolo Giovanni) ..e tu immolati e porta i tuoi figli, i tuoi fratelli, sulle tue spalle come tu sai fare, nella tua semplicità, non temere! Solo Dio è perfetto: sulla terra, chi è come Dio? NESSUNO! Ma siete figli(*). Dimmi! (Telesfore) io, veramente, sento che non so fare nulla! (Piccolo Giovanni) è giusto riconoscere questo: "SERVI INUTILI DOPO IL LAVORO OFFERTO AL PADRE". sei nel Solco dicendo col cuore "non so far nulla"! E’ così che tutti ci dobbiamo presentare dinanzi al Padre: "Eccomi, ho fatto quello che mi hai comandato, ora sono un servo inutile, fa di me quello che vuoi". E’ giusto? (Tutti)(Piccolo Giovanni) meno male! (Telesfore) in questi giorni sto guardando qualche vecchio filmato di quando tu eri fisicamente in mezzo a noi, no, cioè.. ti vedevo semplice come.. ognuno di noi.. adesso siamo ognuno di noi.. nella tua semplicità raggiante, e a volte io pensavo, dico: ma Giovanni.. dicevo.. cioè, era così grande dinanzi al Padre e stava in mezzo a noi come semplice, umile, mentre poteva stare con i Grandi, Confratelli, senza abbassarsi.. ehm, con i piccoli, diciamo.. (Piccolo Giovanni) ..la tua semplicità è così tenera: dovevi vedere le cassette per ricordarti? (Telesfore) vabbè, questo mi ricordo, però la cassetta poi, è sempre un rinnovamento che.. cioè.. (Piccolo Giovanni) ..e se il Padre mi avrebbe mandato dai Grandi, cosa avrei fatto? (Telesfore) io? (Piccolo Giovanni) Io! (Telesfore) eh, quello che fanno gli altri! (Piccolo Giovanni) il Padre mi ha mandato per i piccoli, i poveri, per gli ammalati, ma non ho lasciato di donare l’Amore all’umanità intera, perché Io sono venuto per tutti, non per uno solo! (Telesfore) comunque non sei cambiato per niente, la tua.. sempre la stessa semplicità! (Piccolo Giovanni) forse sono don Mario, che dici? (Telesfore) sei Giovanni, sei! (Piccolo Giovanni) sono anche capriccioso dicendo queste cose! E Giovanni, il tuo don Mario, chi sono? (Telesfore) eh.. sono coloro che ci portano nel Solco del Padre.. (Piccolo Giovanni) COLUI! (Telesfore) ah, Colui.. un altro errore.. (Piccolo Giovanni) ..di come parli! Ma ti capiscono, vero Paolo? (Paolo e tutti gli altri) sì! (Piccolo Giovanni) anche a me piace fare gli errori, come il Fratello Domenico (Lentini). È bello, è un capriccio!(*) Ma dimmi.. (Telesfore) ..quando Gesù era con gli Apostoli, no, faceva anche così? qualche battuta.. li prendeva pure forse in giro qualche.. qualche volta, oppure era sempre.. (Piccolo Giovanni) ..quando erano da soli, scherzava con loro! (Telesfore) e gli Apostoli che facevano? (Piccolo Giovanni) erano più imbambolati di voi.. (Telesfore) ..non capivano niente?(*) (Piccolo Giovanni) perché ridi? (Telesfore) non lo so! (Piccolo Giovanni) Gesù parlava, parlava, parlava a parabole e spiegava loro; ma neanche quando spiegava capivano in pienezza, perché doveva scendere lo Spirito Santo.. (Telesfore) ..come noi adesso? (Piccolo Giovanni) come voi capite a parte, cercate di immaginare o di entrare nel Mistero, ma il Mistero che stiamo vivendo è così Grande che non potete ancora comprenderlo. Ma quando il Fuoco dello Spirito Santo esploderà, i vostri cuori non reggeranno all’Avvento Grandioso di Dio che state vivendo, e siete voi in prima persona a vivere il Mistero: TUTTI! (Paolo) ..sul Mistero?.. (Piccolo Giovanni) ..ecco, sì.. (Paolo) ..quindi lo vivremo qui il Mistero, da terreni? (Piccolo Giovanni) lo state gia vivendo.. (Paolo) ..ehm.. (Piccolo Giovanni) ..ma ancora non potete comprenderlo. Quando scenderà in pieno lo Spirito Santo.. (Paolo) ..quando scenderà in pieno, noi saremo ancora qui viventi? (Piccolo Giovanni) non entrare nel Mistero.. (Paolo) ..no, non volevo.. scusami, non volevo sapere se morivo o meno <si ride un po’>, non è questo che volevo sapere! (Piccolo Giovanni) non entrate nel Mistero: le Gocce ve le posso donare.. (Paolo) ..eh, ma.. (Piccolo Giovanni) ..ma il Mistero lo deve.. (Paolo) ..un misero secchio, no.. (Piccolo Giovanni) ..lo deve svelare il Padre: un secchio vi farebbe affogare.. (Paolo) ..si, si.. (Piccolo Giovanni) ..e cadere! (Paolo) già affoghiamo così! (Piccolo Giovanni) eh, con le piccole Gocce, ed Io non voglio perdervi, ma tenere tutti nella Linea Dritta del Santo Vangelo, figliuoli miei! Hai qualcos’altro nel tuo cuore? (Telesfore) si, una piccola cosa.. (Piccolo Giovanni) ..piccola.. (Telesfore) ..piccola.. (Piccolo Giovanni) ..o grande? (Telesfore) mha.. (Piccolo Giovanni) ..vediamo! (Telesfore) mò vediamo! Giovedì, Gesù, verso la fine, mi ha preso per mano.. <e Giovanni gli batte sulla mano> (Piccolo Giovanni) ..e cosa ti ha detto? (Telesfore) eh, cosa ha detto? cioè se.. cioè, ha parlato dopo.. cioè, mentre era.. era attaccato alla sua mano.. ha detto alcune parole.. quella, c’è una parte che è.. è diretta a me di quello.. di quello che ha detto? (Piccolo Giovanni) se Io ora ho preso la tua mano e parlo, con chi sto parlando? (Telesfore) vabbè, ma anche qua ascoltavano, però! <si riferisce al fatto che nella Stanza, giovedì scorso, il messaggio era ascoltato dai fedeli presenti anche se non vedevano fisicamente Giulia che era a letto> ..però non vedevano! <e Giovanni gli batte ancora sulla mano> ..c’è un Mistero anche.. (Piccolo Giovanni) ..non è un mistero.. (Telesfore) ..è realtà? (Piccolo Giovanni) è la tua mano che è stretta! (Telesfore) sì, ma le parole sono quelle che ha detto Gesù! (Piccolo Giovanni) e le hai sentite? eh? cosa vuoi adesso? (Telesfore) eh, cosa voglio.. io sono.. mi sento ancora più piccolo.. (Piccolo Giovanni) ..e diventa ancora più piccolo, perché dinanzi al Padre, piccoli dobbiamo presentarci, non capi di stato, ma umili servi, come sgabello per i suoi piedi! (Telesfore) mi fai commuovere! (Piccolo Giovanni) è la mia Linea di Sacerdozio: ricordalo sempre, perché Io sono sempre un Povero Uomo dinanzi al mondo e dinanzi a Dio! (Telesfore) e noi siamo poveri discepoli!(*) (Piccolo Giovanni) nell’Amore del Padre e nella Povertà del Cuore di Maria! Bene, Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre, ma prima vi scaldo i vostri cuori dicendo ad ognuno di voi di avere fede nell’Amore di Dio, di non affannarvi per le cose del mondo: il Padre guarda i vostri cuori e i cuori dei vostri cari, delle anime che mi consegnate. Figliuoli miei, non dubitate dell’Amore di Dio e camminate, andate avanti, perché il Padre vi usa ancora e vi ama! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco l’Amore di Dio che sboccia nei vostri cuori donando la Luce ai fratelli, all’umanità. Figliuoli miei, ricordatevi sempre che Io sono Mamma dell’Amore e Mamma dei Dolori, e il mio Progetto viene da Fatima e brillerà nel mondo intero! vi invito a pregare per il Papa: figliuoli miei, fatelo col cuore; e vi ripeto ancora una volta: state attenti al mio nemico, non lasciatevi confondere dalla sua falsa luce, ma sia il vostro "sì" solo al Santo Vangelo, e inchinatevi solo dinanzi ad Esso ed alla Croce. Io ora vi lascio, figliuoli del mio Cuore, ma verrò ancora a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Grazie, figliuoli, per il tempo che spendete per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figli miei. (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, Figli della Luce.

 

 

         11. Giov 11/04/2002, ore 21.10, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Rimani seduta!(*) Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, Spose amate dal mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti. Gioisci e fai festa nell’accettare i Santi Dolori del Parto Vivo della Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia, bevi con me i Calici: i Calici Verdi e i Calici Rossi e abbraccia ancora i Chiodi Divini perché la Pasqua sta per iniziare. Figlia, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno Divino della Croce. Guarda, figlia mia, guarda l’umanità che si perde; guarda i flagelli che stanno scendendo in questo attimo. Unisciti ai miei Dolori: abbraccia i Santi Chiodi <1° grido>(*) Telesfore! Telesfore, conficchi ancora di più le Spine nel mio capo! <Telesfore stava mantenendo la fronte di Giulia con la sua mano, proprio dove aveva le stimmate causate dalle Spine>. Ah, che gioia(*) sentirle ancora conficcate per l’umanità, per tutti i figli! (Giulia) Gesù, Gesù mio, ti ho fatto male? (Gesù) abbraccia con Amore i Chiodi e le Spine, e tu li abbracci con me, anima mia. Unisciti ancora ai Dolori Vivi: abbraccia ancora i Chiodi! (Giulia) sì, Gesù! <2° grido>(*) Gesù, donami il tuo respiro! (Gesù) sollevati, anima mia. Guarda i flagelli che scendono sempre di più sull’umanità, e il mio Cuore gronda Sangue perché non vengo ascoltato, il Pianto di mia Madre non viene raccolto dall’umanità, e i Grandi della Casa del Padre hanno chiuso le porte! Figliuoli miei, pregate secondo le mie Intenzioni. Io sono qui in mezzo Vivo e Reale. Vengo a portarvi il mio Amore, la mia Pace e la mia Quiete, ma l’umanità non mi accetta: l’umanità non mi ama, non mi cerca e non vuole far festa con me!(*) Chino il capo e tendo le mani a voi, Discepoli, Colonne e Suorine: NON LASCIATEMI SOLO, MA AIUTATEMI, HO BISOGNO DI VOI, FIGLIUOLI MIEI! Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi: siamo Vivi e Reali. Siamo venuti a portare l’Unica Verità: IL SANTO VANGELO, invitandovi sempre a tenerla alta e a viverla nella pienezza dei cuori. Figli miei, Io sono il Gesù che ha abbracciato il Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna. Figliuoli, avete ascoltato il Vangelo Vivo di questo giorno di Luce che il Padre vi ha donato? <giovedì della 2° settimana di Pasqua Gv. 3, 31-36>(*) benedite e lodate il Padre per tutto quello che lascia scendere su di voi. Benedite e lodate la Croce che portate sulle vostre spalle: non gettatela via, figliuoli miei, e non sia gravoso il peso sulle vostre spalle, ma leggero, e amate, amate a larghe misure, perdonate nella pienezza del cuore: AMATE CON LA FARINA CHE MARIA VI DONA, figliuoli miei, e consolate il suo Cuore che gronda Sangue: E’ MAMMA, E’ ADDOLORATA, PER OGNUNO DI VOI E PER IL MONDO INTERO. Figliuoli miei, Io sono sempre pronto ad allargare le braccia e a farmi inchiodare per Amore, ma l’umanità è sorda ed è cieca: ditemi voi cosa devo fare ancora?(*), vi dono il mio Sangue e la mia Carne attimo per attimo ma non vi basta(*). Ditemi cosa devo fare, figli miei! Chino il capo e guardo l’umanità e non vedo amore. Pregate, pregate, figliuoli, perché non conoscete né l’ora e neanche il giorno che il Padre aprirà i Cieli: SIATE VIGILANTI, non lasciatevi confondere dal mio nemico! Sia il vostro "Sì", Sì, e il vostro "No", No. la Croce e il Santo Vangelo sia il vostro vivere tutti i giorni, figliuoli miei, che il Padre vi lascia vivere. Siate sempre preparati e il vostro cuore sia sempre aperto verso i fratelli: non lasciate fuori i vostri nemici: RACCOGLIETE TUTTI, perché tutti siete fratelli e figli! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Gesù! Ho mancato in qualche cosa, Gesù? (Gesù) no, figlia mia, devo caricarti ancora! (Giulia) fallo, Gesù, poggiati ancora su di me!(*) (Gesù) il tuo sì fa gioire il mio Cuore, ma sei un flagello! (Giulia) Gesù, non faccio nulla, come posso essere un flagello? (Gesù) ah, figlia mia, come è Grande il tuo Cuore! mi poggio ancora perché trovo spazio: dovrai soffrire ancora per l’umanità, per i tuoi figli. Ecco il carico che ti dono! (Giulia) grazie, Gesù non merito neanche di portarlo: come misera peccatrice lo abbraccio! Gesù, pulisci le mie mani prima di donarmi il carico! (Gesù) SONO CANDIDE, figlia mia. Vedi come scende il Sangue? (Giulia) grazie, Gesù! Grazie, Gesù mio! Donami sempre la Grazia e la Costanza di amare i miei figli: l’umanità intera, Gesù! (Gesù) ecco, per questo ho poggiato sulle tue spalle il Legno. Cammina, figlia mia, prega e ferma i flagelli! Tieni con le tue mani il Velo che hai unito al Velo di Maria! (Giulia) sì, Gesù!(*) (Gesù) mi ami tu, Piccola Cocciuta? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) mi ami tu? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) mi ami tu? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) porta la Croce! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto nel Grande Libro. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace del Cristo Risorto sia con tutti voi (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figliuoli. Amen, Amen, Amen(*). Eccomi! Nell’Amore Infinito del Padre sono ancora qui in mezzo a voi, tra i miei Discepoli, le mie Colonne, le mie Suorine. Quale gioia? Il mio Cuore arde d’Amore nel vedervi, nell’ascoltare i vostri battiti, nel raccogliere i vostri affanni, le vostre fatiche, le fatiche del mondo. Vi caricate e li portate nella Stanza Viva dell’Amore ed Io li raccolgo donandoli al Padre. E’ bello vedervi fare questi gesti! È bello vedervi portare la Croce sulle spalle, perché è così che si è Figli di Dio! È bello vedervi camminare nel Solco, perché Io vengo solo a portarvi la Verità del Santo Vangelo che è Uno solo ed è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato e si immola per ognuno di voi e per l’umanità intera. Io sono gioioso dei miei figli, del Giardino che Io ho lasciato: tenetelo sempre verde e fatelo crescere nell’Amore dello Spirito Santo, amandovi gli uni gli alti, rimanendo nella Famiglia di Dio, perché voi siete stati sigillati e portate il Sigillo dell’Agnello: lo Scudo che allontana il nemico, lo annienta; combattetelo con la Spada del Vangelo che portate in mano, figliuoli miei. È questo che Io voglio da ognuno di voi. Figli, ho vissuto in mezzo a voi, vi ho donato il mio Sangue e la mia Carne, abbiamo bevuto e mangiato assieme, ed ora, il Dono più grande che il Padre mi ha fatto è di parlare attraverso lo Strumento: di vivere con voi le Gioie e i Dolori, e all’ultimo istante di donarvi tutto quello che è nel giusto del Vangelo!(*) <e i Discepoli di Giovanni, di questo, sono Testimoni Vivi, perché fino all’ultimo istante, quando sembrava che quello che è nel giusto del Vangelo non si realizzava, abbiamo visto compiersi le Meraviglie del Padre>(*) Caro Telesfore, caro Piccino mio, Figlio del mio Cuore, cos’hai preparato questa sera? (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) ti sei commosso? (Telesfore) eh, un po’ mi sono commosso (Piccolo Giovanni) anch’Io nel vedervi (Telesfore) comunque sono contento che.. almeno, sappiamo fare quello che tu ci hai lasciato (Piccolo Giovanni) anch’Io sono contento: quando i vostri cuori sanno abbracciare la Croce, il mio Cuore gioisce. Sono triste quando vedo che volete scaricarla: è lì che la Piccola Cocciuta incomincia a gridare e farvi ritornare nel Solco: l’avete capito? quando la sentite gridare non arrabbiatevi! È che grida per portarvi nel Solco e non farvi uscire. Ma dimmi! (Telesfore) quando tu eri Sacerdote, no.. (Piccolo Giovanni) lo sono ancora.. (Telesfore) ..cioè.. giovane.. forse voglio dire giovane, no, come ti trovavi con i Confratelli.. (Piccolo Giovanni) te l’ho detto tante volte: VENIVO MESSO ALLA PORTA COME LO VENGO MESSO ADESSO! (Telesfore) ma erano coscienti che.. di quello che tu eri? (Piccolo Giovanni) tu lo eri? (Telesfore) io no!(*) ma.. cioè, nella storia, no, normalmente si dice, no, che quando un sacerdote o un vescovo o.. seguono una veggente, e sta tra i piccoli e vuole approvare.. viene subito come minimo allontanato oppure eliminato. (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dire con questo? (Telesfore) hai avuto anche tu qualche.. forse è troppo questa.. (Piccolo Giovanni) ..non ti rendi conto.. (Telesfore) ..del mistero?.. (Piccolo Giovanni) ..di quello che stai dicendo: hai vissuto in pieno, ho seguito tua moglie la Piccola Cocciuta, l’hai già dimenticato? (Telesfore) si.. si, questo si (Piccolo Giovanni) e allora cosa mi chiedi? (Telesfore) cioè io dico da parte dei confratelli.. se.. hanno cercato di.. sempre di.. di allontanarti, di farti.. (Piccolo Giovanni) ..l’hai vissuto in pieno, figlio mio. Dì quello che c’è nel tuo cuore, chiudiamo questo angolo.. (Telesfore) ..triste, lo so: ti chiedo perdono!(*) ..e in questo giorno sto lavorando un poco (Piccolo Giovanni) quello lo vedo.. (Telesfore) eh.. sto’ cercando di.. (Piccolo Giovanni) quello lo vedo: Voglio sentire cosa batte nel tuo cuore! (Telesfore) eh.. l’Amore di Giovanni batte nel mio cuore! (Piccolo Giovanni) perché giri intorno come sempre?(*) Dì! (Telesfore) è quello che sto cercando di fare in questi giorni, non è questo? (Piccolo Giovanni) dì quello che è nel tuo cuore! (Telesfore) nel mio cuore.. le ultime che sono entrate.. che avevo.. cioè, questi pensieri o ricordi che stanno scrivendo.. che stiamo scrivendo, diciamo.. che abbiamo già iniziato.. qualcuno a scrivere, devono essere lette oppure devono andare soltanto nell’archivio? (Piccolo Giovanni) devono essere conservate.. (Telesfore) ..conservate e basta.. (Piccolo Giovanni) ..quando sarà il tempo si leggeranno! (Telesfore) ho capito! (Piccolo Giovanni) ora iniziate a raccoglierle, ma fate presto! <Giovanni gli batte delicatamente sulla mano> Cosa c’è nel tuo cuore?(*) (Telesfore) il sogno di stanotte? no, nemmeno questo!(*) <Giovanni da un cenno di assenso con la testa> ..quello? eh, quello che io ricordo: che son venuto a farmi i capelli, e vicino.. cioè, sembravo che ero vicino la chiesa, però il barbiere non è vicino la chiesa; però c’era un funerale che si doveva.. e c’era una marea di gente. (Piccolo Giovanni) chi era? (Telesfore) e non lo so chi era!(*) o almeno non ricordo chi era! (Piccolo Giovanni) sei entrato in chiesa? (Telesfore) no, non sono entrato! (Piccolo Giovanni) cosa hai fatto? (Telesfore) e mi sembra che ero seduto davanti alla chiesa.. o seduto.. non mi ricordo.. però, io quello che pensavo, dico, i capelli me li ho fatti l’altro giorno, adesso un’altra volta mi devo fare i capelli? (Piccolo Giovanni) e poi? (Telesfore) e poi non.. (Piccolo Giovanni) cosa hai fatto nella marea di gente? (Telesfore) non lo so se ho pregato, forse.. pregare ho pregato, si! (Piccolo Giovanni) e hai esorcizzato? (Telesfore) non mi ricordo, ma sicuramente si! (Piccolo Giovanni) e dopo, cosa è successo? (Telesfore) eh.. dopo, adesso.. (Piccolo Giovanni) ..la marea di gente dove è andata? (Telesfore) eh.. è andata in chiesa? (Piccolo Giovanni) e l’hai più vista? (Telesfore) no. però è un posto che io lo vedo sempre, questo posto! (Piccolo Giovanni) pregate. Prega tu, Telesfore, e fai pregare i tuoi figli per ciò che hai visto! Pregate per la Chiesa tutta e per i Ministri!(*) NON POSSO SVELARVI IL MISTERO CHE HAI VISTO, posso dire solo: NON VI SARA’ TOLTO NESSUN CAPELLO DAL VOSTRO CAPO, perché siete stati sigillati. Ma vi invito a pregare col cuore e abbracciando la Croce! Figliuoli miei, ricordate sempre che il Padre vi usa: METTETEVI A DISPOSIZIONE, ma state attenti al nemico, non dategli spazio. la vostra Luce è il Vangelo; la vostra Luce è la Croce; non prostratevi ad altri dei che non portano il Segno Tremendo della Croce, figliuoli miei!(*) Mi amate? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) mi amate? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) mi amate? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) portate la Croce sulle spalle e seguitemi sul Monte, figliuoli miei! (Piccolo Giovanni) mi ami, Telesfore? (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) mi ami? (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) mi ami? (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) il tuo carico è pesante: porta la Croce, figlio mio! Cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) chiedere perdono a Gesù se ho poggiato la mano sulle Spine! (Piccolo Giovanni) Gesù ti ama, e ogni Spina conficcata è un sussurro di Amore, per te e per l’umanità: PER TUTTI I FIGLI! Ora vado a visitare i cari che mi avete portato, i figli che si sono uniti a questa Santa Preghiera(*).. porto con me la Piccola Cocciuta(*). Figliuoli miei, ricordatevi sempre. IO VI VOGLIO TUTTI SANTI NEL GIARDINO DEL PADRE; immolatevi per i vostri fratelli, tenete sempre alto il Santo Vangelo, e ricordate il Solco che Io ho amato e amo; Io sono Sacerdote del Vangelo e voi siete i miei Discepoli: Discepoli dell’Unica Verità del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo e del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, che vivono della Parola portandola ad ognuno di voi e all’umanità intera. Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre, ma lascio nei vostri cuori il mio Battito: ASCOLTATELO E TROVERETE LE RISPOSTE, FIGLIUOLI MIEI, DI CIO’ CHE STATE CHIEDENDO!(*) Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) guarda!(*) (Giulia) grazie, Giovanni! Grazie! (Piccolo Giovanni) gioisci, anima mia. Ora vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli! Colonne, mi poggio su di voi! Discepoli, poggio la Croce sulle vostre spalle! Suorine, lascio scendere su di voi il Legno Vivo: portatelo con Amore amandovi gli uni gli altri, perdonando e usando carità verso tutti, figli. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Gesù) Ecco l’Amore del Padre che arde per l’umanità. Figliuoli miei, siate vigilanti, siate coscienti di tutto quello che il Padre vi dona, chinando i vostri capi, lodando le Meraviglie di Dio. Ora preparate i vostri cuori: distaccateli dalle cose del mondo e unitevi al Cuore della Croce che vi dona il Sangue e la Carne Viva. Il Banchetto è pronto per ognuno di voi e per l’umanità intera. Figliuoli, venite a bere e a mangiare con me perché Io ho sete e fame. Sposa, preparati per lo Sposo, perché arde d’Amore. (Giulia) Eccomi! Eccomi! Eccomi! (Gesù) Sposo, porta la Sposa!(*) Padre mio, benedici questo Calice Frutto del tuo Amore e donalo in abbondanza ai tuoi figli(*). Sii Misericordioso, Padre mio!(**) "Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti. Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti" questo ho detto ai miei Discepoli, e questo dico a voi, Discepoli della Nuova Chiesa. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo(*), fate questo ricordandovi del mio Amore Vivo in mezzo a voi e nell’umanità intera(*). Io sono Vivo, in un bicchiere di Vino e in un pezzo di Pane vengo ad abitare dentro di voi, figliuoli: E’ PAROLA DI DIO! Bevi, anima mia!(*) Bevi!(*) Bevi! <3° grido>(*). Mangia!(*) Mangia! (Giulia) Tu sei veramente il Figlio di Dio, Vivo in mezzo a noi! (Gesù) ...... Paolo!(*) Riuscite a bere.. ..del mio Sangue? (.... Paolo) sì! (Gesù) E tu? (Telesfore) sì, sì! (Gesù) Riuscite a mangiarmi?...... . E nella gioia dei cuori, riuscite a donarmi ai vostri fratelli? (..... Paolo) sì! (Gesù) e alle Spose? (..... Paolo) sì! (Gesù) ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia! (Gesù) Preparate la Via Stretta.. <Paolo stava per prendere il vassoio del Pane poggiato sull’Altare, ma Gesù lo precede, lo prende e glielo consegna nelle mani in grande umiltà> ..ed Io sono venuto a servire nell’Amore: fatelo anche voi, nell’Amore Vivo donatemi sempre come Io mi dono tutto! E gioite della gioia piena. Ora ricevo baci.. <Telesfore lo bacia> .. mentre prima ricevevo i pugni sulla testa e le frustate; e quanto le ho amate e quanto le amo per ogni figlio: PREPARATEVI ANCHE VOI A RICEVERLI, perché sarete perseguitati a causa del mio Nome, ma gioite, perché Io sono con voi attimo per attimo, figli!(*) Padre mio!(*) Padre mio!(*) Padre mio!(*) Padre mio!(*) Padre mio!(*) Padre mio, nelle tue mani metto l’umanità; nel tuo Cuore metto questi tuoi figli: dona loro l’Amore e il Fuoco che arde; dona loro in mano la Lucerna. Eccomi, Padre mio! Eccomi svettare la Vittoria della Croce nella Stanza del tuo Amore Infinito! Eccomi, Padre mio!(*) TUTTO E’ ADEMPIUTO IL MISTERO VIVO! grazie per avermi ascoltato, Padre!(*) grazie, Padre mio!(*) La mia Pasqua è Piena ed è Risorta: gioite, figliuoli, perché Io sono venuto ad abitare nei vostri cuori; fate festa, ma fatemi crescere, non abortitemi quando uscite fuori dalla Stanza dell’Amore, donatemi ai vostri fratelli come Io mi dono ad ognuno di voi nell’Amore del Padre, nell’Amore del Figlio, nell’Amore dello Spirito Santo, nell’Amore del Cuore Immacolato di Maria e nell’Amore del Cuore del Bimbo che cresce in mezzo a voi e nell’umanità intera. Figliuoli, siate gioiosi del Banchetto Vivo che il Padre ha preparato per ognuno di voi. io ho bevuto e mangiato con voi nell’Amore Pieno: siate coscienti, figli, non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Vivete gli attimi di Amore che il Padre vi ha donato! Grazie per il tempo che spendete, grazie per tutto quello che offrite: vi sarà donato a larghe misure, perché Io conosco i cuori di ognuno di voi e nulla mi è nascosto, figliuoli. Io ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portarvi il Pane dei Cieli. Ci sarete tutti? (Tutti) Sì! (Gesù) Ci sarete tutti? (Tutti) Sì! (Gesù) Ci sarete tutti.. (Tutti) ..Sì.. (Gesù) ..quando Io verrò? Ci sarete tutti? (Tutti) Sì! (Gesù) Io ci sono e aspetto i miei figli! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nell’Amore della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari, che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, e i vostri Cari vi baciano uno ad uno perché il Padre glielo concede, figliuoli del mio Cuore. Cocciuta, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli nel Fiume Santo dell’Amore. (Giulia) sì, Gesù, con la tua Grazia!(*) Quante Barche, Gesù! Gesù, rimani sempre con noi! (Gesù) accontentati di ciò che il Padre ti dona, Cocciuta! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Volete cantarmi ancora la Ninna Nanna? (Tutti) Sì! <Canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli. È bello dormire e riposare nei vostri cuori: cullatemi, perché Io sono il Dio Bambino che vuole essere cullato nei vostri cuori! Voi che siete le Mamme, fatemi vivere, ardete, perché Io vengo a portare il Fuoco dello Spirito Santo dentro di voi. siate Fiammelle Vive nel mondo, figliuoli del mio Cuore. Ora uniamo la Catena Santa(*), la Catena del mio Amore, e sapete bene che il mio Amore porta la Croce ed è Luce Piena: l’Albero della Vita è Luce per il mondo e per ognuno di voi: TENETELA ALTA, e sconfiggete il mio nemico amando, perdonando, usando carità verso tutti, e al primo posto portatemi i vostri nemici e fate festa quando un fratello ritorna a Casa, figliuoli. Ora preghiamo: <recita del Padre Nostro tradizionale: lentamente. Giulia con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Ecco, figliuoli miei: "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen". Ricordate sempre queste Parole e negli attimi di smarrimento, ricordate sempre: "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen". Avete ascoltato la mia Preghiera.. (Tutti) ..Sì (Gesù) ..silenziosa? (Tutti) Sì! (Gesù) state imparando.. (Tutti) Sì! (Gesù) ..a cantare come gli Angeli? (Tutti) Sì! (Gesù) ed Io sono gioioso, perché gli Angeli cantano con voi le Lodi dell’Amore, e voi siete i miei Angeli preferiti! Gioite, perché il Padre gioisce, figliuoli del mio Cuore. ora andate in pace e portate a tutti la pace che avete ricevuto, perché Io ve la dono attimo per attimo a voi che siete qui riuniti, ai figli che si uniscono e all’umanità intera! (Giulia) come è grande il tuo Cuore, ci sta abbracciando tutti! Grazie, Gesù! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! (Gesù) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, figliuoli del mio Cuore. (Giulia) grazie, Papà!(*) Papà!(*) Papà!(*) Grazie!(*)

 

 

            12. Dom 14/04/2002, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Rimani seduta. Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo santo giorno, i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi e immolati, figlia mia, con i Dolori Vivi del Parto della Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te, Cocciuta della Croce. Figlia mia, immolati per l’umanità intera; immolati per le Mura di Roma; immolati per i Grandi del mondo. Figlia mia, guarda il tuo Gesù! (Giulia) Mamma! Mammina!(*) (Immacolata) consola il suo Cuore, figlia mia: abbraccia i Santi Dolori! <1° grido>(*). (Giulia) Mamma! (Immacolata) ecco, figlia, Gesù è solo a portare il peso della Croce: SOSTENETELO COL VOSTRO AMORE, SOSTENETELO COL VOSTRO VIVERE SOLO PER IL SANTO VANGELO! Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali e siamo venuti a portare la Parola: la Verità del Santo Vangelo, invitandovi sempre a temerla alta e a viverla nella pienezza dei vostri cuori. Figliuoli miei, Io sono qui in mezzo a voi in Ubbidienza al Padre. Come Mamma, vengo ad offrirvi il mio Cuore come Rifugio: figliuoli rifugiatevi nel mio Cuore, distaccatevi dalle cose del mondo e guardate con i vostri occhi i tempi che passano e fermatevi a pregare. Figliuoli miei, il mio Cuore gronda Sangue perché è Cuore di Mamma, e guarda i propri figli che cadono sempre di più nella rete del nemico. Figliuoli miei, non dategli spazio: NON ASCOLTATE IL SUO GRIDO, ma guardate con gli occhi del cuore il mio Gesù che ha abbracciato la Croce per ognuno di voi e per il mondo intero. Il mio Cuore è trafitto da mille Dolori, e come Mamma mi rivolgo a voi, Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore: PREGATE, PREGATE COL CUORE. Pregate e implorate misericordia, perché i flagelli non si fermano: siete in pochi a bussare al Cuore del Padre nel mondo intero. Figliuoli miei, almeno voi prostratevi dinanzi alla Croce e implorate misericordia; voi non conoscete i tempi del Padre, ma come Mamma invito i vostri cuori ad immolarsi per l’umanità, per i fratelli, per coloro che trafiggono il mio Gesù, figliuoli miei. (Giulia) Mamma, Mammina mia, perché sei così triste, Mamma? (Immacolata) guarda, figlia mia, guarda!(*) (Giulia) Mamma, cosa posso fare? (Immacolata) hai già donato tutto al tuo Gesù, figlia mia! Immolati ancora come tu sai fare: nel Silenzio della croce! (Giulia) Mamma, non puoi fermare questo flagello? Bussa al Cuore di Gesù, bussa, perché tu sei la Mamma!(*) (Immacolata) chino il capo, figlia mia, è l’umanità che non ascolta: pregate almeno voi, secondo le mie intenzioni, amando, perdonando e usando carità verso tutti. Solo con l’Amore potete sconfiggere il male: fatelo sbocciare nei vostri cuori, fatelo ardere, figliuoli miei, e donate il vostro Sì al Cuore del Padre(*). Guarda ancora, Piccola Cocciuta!(*) non essere triste ma prega! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace del Cristo Risorto sia nei vostri cuori (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli. Amen, Amen, Amen(*). Pace a voi, Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore! Eccomi! Nella Luce Piena del Padre sono ancora qui in mezzo a voi. Nella Stanza dell’Amore parlo attraverso lo Strumento della Croce! Oggi mi fermo ad ascoltare i vostri Cuori, invitando ognuno di voi: RISORGETE, PERCHE’ GESU’ E’ RISORTO! Siate gioiosi quando il peso è più grande sulle vostre spalle! Decorate i vostri visi di gioia e donate ai fratelli la Gioia che il Padre dona a voi! Dio vi dona grazie su grazie: vivendo nella Stanza dell’Amore, non siano tristi i vostri volti, ma raggianti, e siate coscienti del Mistero Vivo che stiamo vivendo. Non lasciatevi trascinare dal nemico, non allontanatevi dalla Santa Sofferenza; non togliete lo sguardo dal Legno Vivo, figliuoli, conosco bene il vostro carico, perché sono Io a donarvelo, ma il Legno gravoso lo porto Io per voi, andate avanti e non fermatevi! Figli del mio Cuore, Io vi ho scelti uno ad uno, vi ho sigillati, e non è da voi venire in questo Luogo preparato dal Padre! Siate coscienti, lavorate nella Vigna, perché il Parto è in mezzo a voi: E’ PIENO, Dio che parla ai suoi figli, all’umanità, e voi siete i Nuovi Discepoli della Sposa che è la Chiesa Nuova scesa sull’umanità! Vivete il Mistero tenendo sempre alto il Santo Vangelo, perché Io vengo a portare la Parola nel Solco Vivo. Ricordatelo sempre: Io sono Sacerdote e Sacerdote Eterno, e vengo in mezzo a voi per Volere del Padre a portarvi le Gocce Vive dell’Amore, e Dio ai suoi figli dona l’Amore, Dio ai suoi figli offre la Croce: QUESTE SONO LE GRAZIE CHE IL PADRE VI DONA! Ma ricordate: il Progetto di Maria viene da Fatima, si adempirà nel mondo intero e voi vivete il Mistero Pieno del Cuore di Maria; ma non affaticatevi con le menti, perché ancora non potete comprendere, ma gioite perché Dio è con voi, figliuoli(*). Telesfore! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi, oggi? (Telesfore) oggi veramente non ho preparato niente: vorrei che me la dicessi tu qualche cosa del Vangelo di questa giornata <3° dom. di Pasqua/A Lc. 24, 13-35> (Piccolo Giovanni) l’hai ascoltato? (Telesfore) eh, io l’ho ascoltato, però tu l’hai vissuto (Piccolo Giovanni) e vivilo anche tu. Dimmi cosa c’è nel cuore, non c’è bisogno di prepararlo, c’è già! (Telesfore) ah, quello che c’è già! Eh, che c’è già nel cuore? nel cuore c’è questo.. questo canto che sto cercando di fare, però non so se è canto o poesia, io l’ho scritta per il momento.. (Piccolo Giovanni) ..quella non è più nel cuore, perché è stata scritta! Guarda! (Telesfore) eh, quella punge! (Piccolo Giovanni) e cosa dice? (Telesfore) arde! <Giovanni gli batte dolcemente sulla mano> (Piccolo Giovanni) parla!(*) (Telesfore) di che devo parlare? del sogno di stamattina? <Giovanni dissente> no, non ricordo niente! (Piccolo Giovanni) tu lo sai! (Telesfore) eh, mi pare(*)..<Giovanni gli batte ancora sulla mano> (Piccolo Giovanni) posso aspettare anche fino a domani! Non so come la prendete voi! <si ride un po’ > (Telesfore) per me piacevole, non so per gli altri! (Piccolo Giovanni) fai i capricci anche tu? (Telesfore) perché, non è bello tenere stretta la.. essere stretto dalla tua mano? (Piccolo Giovanni) è quello che tu vuoi, per questo non vuoi parlare? <si ride un po’ > (Telesfore) eh, hai visto che l’hai capito? (Piccolo Giovanni) vedi tu un pò se riesco a capire! <si ride un po’ > che dici, Paolo! (Paolo) in merito a cosa? (Piccolo Giovanni) che ho capito che vuole essere tenuto stretto! (Paolo) bè, ogni tanto dimentica chi sei! (Piccolo Giovanni) ti sei deciso a parlare? (Telesfore) eh, aiutami tu perché io non.. non ci riesco! (Piccolo Giovanni) fai sempre così? vuoi essere stuzzicato.. (Telesfore) ..si, dimmi, dimmi.. (Piccolo Giovanni) ..nel cuore? tu devi parlare: aspetto!(*) Sta arrivando? (Telesfore) gira la chiave, gira la chiave che sennò.. <si ride un po’ > ..i comandi ce l’hai tu! (Piccolo Giovanni) hai tante cose da chiedermi e poi ti fermi!(*) (Telesfore) aiutami tu a dire qualche cosa! (Piccolo Giovanni) Io aspetto!(*) ..il Padre ti sta aspettando: fai uscire fuori quello che è nel tuo cuore!(*) (Telesfore) ancora il mio cuore non lo capisco(*), chiedo perdono se non ci riesco!(*) (Piccolo Giovanni) vedi quanto è misericordioso il Padre ad aspettare? Bussa, bussa alla porta di ognuno di voi e aspetta quando uno dei figli dice "ti amo Papà".. (Telesfore) TI AMO, PAPA’ (Piccolo Giovanni) è questo che era nel tuo cuore, ci voleva tanto a dirlo? È questo che non facevi uscire, figlio mio! E il Padre si ferma dinanzi alla porta di ognuno di voi e del mondo intero, per sentire "ti amo, Papà" (Paolo e tutti gli altri) TI AMO, PAPA’! (Piccolo Giovanni) l’umanità ha dimenticato di avere un Papà: ANCHE SE ARDE NEL CUORE SI HA VERGOGNA A DIRLO! Ma il Padre non ha vergogna di ognuno di voi, del mondo intero: si china con le braccia aperte a guardare i suoi figli mandando la Parola Viva in mezzo a voi e nel mondo intero! Paolo! (Paolo) dimmi! (Piccolo Giovanni) come è straziato il tuo cuore: vuoi parlare tu? (Paolo) che ti devo dire? sei stato tu a portarmi qua oggi! (Piccolo Giovanni) t’ho portato sulle spalle! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) non sei pesante, sei leggero, <si ride un po’ > perché sei carico d’amore! Dimmi, il tuo cuore è pieno di lacrime, ma ti amo! Lascia scendere l’Amore, figlio mio, e non temere! Vedi, vi ho scelti così per donare l’Amore al Padre! ma dimmi qualcosa! (Paolo) tu dici sempre che ti poggi su di noi, ma io in quei momenti non guardo proprio a niente! (Piccolo Giovanni) è in quegli attimi che lavori di più! È in quei momenti che abbracci la Croce in pieno! (Paolo) si, ma forse non l’accetto! (Piccolo Giovanni) l’accetti, figlio mio, l’accetti, perché Io vedo ciò che è dentro di te e ti uso in quegli attimi come uso tutti quanti: nell’attimo della caduta Io vi uso per salvare i vostri fratelli, quelli più deboli: è il peso che vi fa inginocchiare pensando di non reggere, ma l’Amore del Padre vi alza e vi riempie di Luce, e voi lavorate senza neanche accorgervi di ciò che offrite, figliuoli miei! In questo attimo nemmeno puoi immaginare quello che stai offrendo: sii gioioso, figlio mio! Voi, Suorine, che avete il peso, voi, Discepoli, e voi Colonne, in questi attimi gioite e lodate il Padre perché si poggia su di voi. Hai capito, Paolo? (Paolo) ho capito! (Piccolo Giovanni) cosa senti nel cuore? (Paolo) sento di doverti ringraziare! (Piccolo Giovanni) Io devo dire grazie per quello che fate!(*) Quanti figli lavorano come lavorate voi nella Vigna! Io vi ho scelti perché ho guardato i vostri cuori e ho raccolto il Seme lasciandovi la Linea Dritta e la Nuova Chiesa, perché voi: TUTTI, dovete portarla avanti: E’ PER QUESTO CHE SOFFRITE, MA SIATE GIOIOSI, PERCHE’ IO SONO CON VOI E NON VI LASCIO UN ISTANTE: voi gioite e Io gioisco con voi, voi piangete e Io piango con voi: SIAMO UN TUTT’UNO: LA FAMIGLIA DI DIO, IL GIARDINO RADIOSO! Ecco cosa siete! Coraggio, dimmi qualcosa (Paolo) tu sai tutto quello che ho pensato stamattina (Piccolo Giovanni) lo voglio sentire! (Paolo) ho bestemmiato! (Piccolo Giovanni) e ora cosa senti nel tuo cuore? (Paolo) poi dopo.. dopo.. dopo fatto, piano piano ho sentito.. mi sono reso conto che c’è una sola strada, come dici sempre tu, e che quelli sono momenti che devono passare e che la strada da seguire è quella! (Piccolo Giovanni) attimi di prova! Sono gioioso che conosci la strada: il nemico non può far nulla, perché il tuo cuore è sigillato (Paolo) però l’ho detto (Piccolo Giovanni) e tu sai bene cosa fare (Paolo) sono momenti difficili (Piccolo Giovanni) ma Io sono lì, non ti lascio, come non lascio nessuno! Anche la Piccola Cocciuta nei momenti duri grida, ma non scarica la Croce: la tiene stretta, e attimi duri sulle sue spalle ne stanno scendendo! (Paolo) Lei non reagisce come reagisco io, però! (Piccolo Giovanni) tu non la vedi: nel silenzio, nel nascondimento, è sola a portare la Croce e a gridare i Dolori del Parto, nessuno può aiutarla in quegli attimi: solo il Padre, e così anche voi mettete tutto nel Cuore del padre e quando cadete stringete forte la Croce dicendo "Padre, guardami, sono a terra: dammi le tue mani affinché io mi possa alzare"! Dimmi, chi ti ha fatto alzare? (Paolo) Papà! (Piccolo Giovanni) hai visto? Cosa gli hai detto? (Paolo) io ho pensato che quello che stavo facendo stamattina, in ogni caso dovevo farlo.. chè non potevo scaricarlo a nessuno! (Piccolo Giovanni) cosa hai fatto? (Paolo) tutte quelle faccende di casa che ho fatto stamattina.. sto con la tensione nervosa, e proprio quella tensione che a volte mi fa uscire dal razionale, proprio.. si accumula e poi succede quello che succede! (Piccolo Giovanni) te l’ho detto, il peso più grande lo porta Francesco!(*) tu vai avanti, perché il Padre vuole questo: ha scelto il tuo cuore, la tua casa: NON CACCIARLO, ma in quegli attimi chiamalo! Il tuo cuore è perdonato, la macchia si è lavata perché ti sei poggiato sulla Croce, non temere! hai capito, Paolo? (Paolo) ho capito e ti ringrazio! (Piccolo Giovanni) è al Padre che devi ringraziare! Ma ora offrimi un tuo sorriso!(*) ..le lacrime sono servite a lavare le macchie dei figli che non hanno forza: tutto serve, hai visto? Figlio mio, Dio raccoglie le lacrime per salvare i vostri fratelli: NULLA VA PERSO DELLE VOSTRE FATICHE! È bello sentire questo?(*) si o no? (Tutti) sì! (Paolo) altroché! (Piccolo Giovanni) e Io vi amo per tutto questo. Ma dimmi, arde nel tuo cuore un canto per il Figlio Domenico e Fratello, <Beato Lentini e Santo Pietro, il fratello di Paolo> lo fai sbocciare? (Paolo) tu lo conosci già! (Piccolo Giovanni) ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Paolo) però non me lo hai fatto uscire la volta scorsa! (Piccolo Giovanni) sono capriccioso! (Paolo) non era il momento? (Piccolo Giovanni) sono capriccioso! (Paolo) l’ho aspettato, io.. l’ho aspettato.. (Piccolo Giovanni) ..sono capriccioso come sempre! Ora che sono scese le lacrime è tornato il sole: prova.. (Paolo) ..per giovedì.. (Piccolo Giovanni) ..Amen!(*) Come Papà, non so se riesco a consolare i vostri cuori! (Paolo) non sai fare di meglio.. (Piccolo Giovanni) ..grazie.. (Paolo) ..non potresti fare di meglio! (Piccolo Giovanni) grazie! Grazie, Colonne! Grazie, Discepoli! Grazie, Suorine! Quando i vostri occhi si bagnano, voi non potete neanche immaginare quante anime salvate! Grazie per tutto quello che offrite al Cuore del Padre. Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre, ma vi chiedo ancora una volta, figliuoli, state attenti al mio nemico, non lasciatevi trascinare nella sua falsa luce, ma camminate nel Solco che Io vi ho segnato: IL SOLCO DEL SANTO VANGELO, perché Io vengo solo a portare la Parola. Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli (Giulia) sì, Giovanni, con la tua Grazia! Giovanni, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere! Guarda il tuo popolo e lascia scendere la rugiada su di loro, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Amen, figlia mia, Amen! Ora vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Immacolata) Ecco l’Ancella del Padre che viene a visitare l’umanità, a guarire i vostri cuori, a lasciar scendere i Petali dell’Amore: RACCOGLIETELI, figliuoli, e donateli al mondo: ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai figli carcerati, non lasciate nessuno fuori della Santa preghiera. Io sono Mamma e Mamma dei Dolori e mi poggio sul mio Giardino che siete voi riuniti nella Stanza dell’Amore del mio Gesù e i figli che si uniscono. Vi chiedo ancora una volta di pregare secondo le mie Intenzioni di Mamma. Ora vi lascio ma verrò ancora a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nella Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figlioli miei. (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figlioli del mio Cuore, grazie per il tempo che avete speso per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure, figli miei.

 

 

         13. Giov 18/04/2002, ore 21.10, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Rimani seduta(*). Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i Calici Misti, i Calici Verdi e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia, con i Santi Dolori Vivi del Parto della Croce. Immolati abbracciando i Santi Chiodi come il tuo Cuore sa fare, figlia. Ecco, guarda figlia mia, guarda l’umanità cosa mi offre!(*) (Giulia) Gesù! Gesù mio! (Gesù) guarda cosa stanno preparando i Grandi del mondo e i Grandi della Casa del Padre!(*) Vuoi abbracciarli i Chiodi? (Giulia) sì, Gesù (Gesù) unisciti ai Dolori di Maria, figlia mia! <1° grido>(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) sollevati, anima mia! (Giulia) Gesù, un velo nero è caduto. Gesù!(*) (Gesù) sostienilo tu, anima mia, non lo fare arrivare per terra: immolati ancora! <2° grido>(*) (Giulia) Gesù! Gesù, donami il tuo respiro(*) (Gesù) ecco, figlia mia, il velo lo stai tenendo con i tuoi Dolori! Ma vi chiedo di pregare. Vedi, figlia, altri flagelli stanno scendendo sull’umanità: pregate per la Pace(*), non quella che stanno preparando gli uomini: pregate e bussate al Cuore del Padre affinché l’umanità riconosca Dio come Padre e abbracci la Pace che scende dal suo Cuore! Figliuoli miei, in questo giorno vi invito ad essere figli e fratelli della Pace di Dio e di donarla come il Padre la dona ad ognuno di voi nella Stanza dell’Amore. Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo Vivi e Reali e siamo venuti a portare la Verità del Santo Vangelo, ed è Uno solo: è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato per ognuno di voi e per l’umanità intera. Figliuoli del mio Cuore, vi chiedo ancora una volta di ricordare sempre che il Maestro è uno solo: non ci siano maestri tra di voi, e ciò che fate fatelo come servi inutili; e quando bussate al Cuore del Padre, bussate nel giusto del Santo Vangelo: voi non potete comandare Dio, ma con umiltà inchinatevi ai Piedi del Padre dicendo "Eccomi, sono tuo figlio, donami la Croce che hai preparato per me, perché io voglio portarla per amor tuo", e questo ditelo solo al Padre, non rivolgetevi a dei sconosciuti. Figliuoli, camminate sempre nella Linea Dritta del Santo Vangelo, e non scaricate la Santa Sofferenza, Io vi voglio tutti salvi e santi nell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo: ma la Santità è annullarsi dalle cose del mondo e fare la Volontà del Padre: essere servi, non maestri, e portare sulle spalle il Legno della Croce, abbracciare con amore i fratelli e saper solo donare il "Sì" al Padre come l’ha donato Maria: "Eccomi, fa di me quello che hai detto". Figliuoli miei, avete ascoltato la Parola Viva di questo santo giorno <giovedì della 3° settimana dopo Pasqua Gv. 6, 44-51>: vivetela nella pienezza dei vostri cuori e accogliete con amore il Pane Vivo che scende dai Cieli! Io sono Vivo e Reale in mezzo a voi, cammino e parlo in mezzo a voi e accarezzo i vostri cuori senza fare alcuna distinzione perché tutti siete i miei figli! Io parlo a voi, parlo al mondo intero e ai figli che si uniscono a questa Santa Preghiera nella Stanza Viva del mio Amore: nella Dimora Santa; e il Padre lascia scendere su di voi Gocce su Gocce, e il Mistero diventa sempre più grande. Figliuoli, siate coscienti di ciò che stiamo vivendo, perché Io sono vivo in mezzo a voi, e vivo con voi gli attimi dell’Amore del Padre. ma col Cuore grondante di Sangue, vi chiedo ancora una volta: state attenti al mio nemico, figliuoli, non dategli spazio; amate, perdonate, usate carità verso tutti; abbracciate i vostri nemici e portateli al primo posto. Coloro che trafiggono i vostri cuori, donategli l’Amore che Io dono ad ognuno di voi, e il Padre lascerà scendere su di voi l’Amore e la Grazia per poter camminare nella Luce Piena. Figliuoli, Io vi ho scelti come Discepoli, Colonne e Suorine dell’esplosione dell’Amore: fate ardere i vostri cuori: vivete solo amando il Santo Vangelo e abbracciando il Legno Vivo della Croce. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, mio Signore (Gesù) guarda, figlia mia(*) (Giulia) Gesù!(*) Gesù, che significato ha quello che vedo?(*) posso dirlo, Gesù?(*) (Gesù) dì solo ciò che stai vedendo (Giulia) vedo il Papa che è legato: le sue mani sono legate e viene trascinato! (Gesù) non dire chi è a trascinarlo! (Giulia) Gesù, è fuori dalle mura di Roma: dove lo portano? Gesù! (Gesù) ecco, figlia mia, ora tieni nel tuo Cuore tutto quello che vedi!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) prega, figlia mia, prega. Sai bene che dovrai soffrire ancora a causa del mio Nome: porta sulle tue spalle l’umanità e i tuoi figli (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) grida con la Voce di Giovanni quando sei nel giusto del Santo Vangelo e invita i tuoi figli ad abbracciare la Croce, perché il Parto è in mezzo a voi e non conoscete né l’ora e neanche il giorno in cui verrò a chiedervi conto del vostro operato. Rimanete sempre con le lucerne accese e vigilate, perché Io verrò come ho promesso: ASPETTATEMI, e nell’attesa pregate per i vostri fratelli che non hanno la forza: RACCOGLIETELI, figliuoli miei. Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) La Luce del Santo Vangelo sia il vostro vivere e camminare nel Solco del Padre (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figliuoli. Amen, Amen, Amen(*). Cari Pargoli del mio Cuore, eccomi! Per Grazia del Padre sono ancora in mezzo a voi: in mezzo ai miei Pargoli nella Stanza Viva dell’Amore. Il mio Cuore è gioioso nel vedervi: BATTE FORTE! Voi siete qui riuniti nell’Amore e nell’ascolto alla Parola Viva che il Padre ci dona. Io parlo attraverso lo Strumento perché il Padre così ha scritto, ed Io dico "Amen", ma chino il capo e sono triste nel vedere l’umanità che si perde: l’umanità che non ama Dio e corre dietro al nemico. Non vedo pace ma guerra. Figliuoli, pregate col cuore aperto, l’umanità è in grave pericolo! Abbracciatevi gli uni gli altri; legate la Catena di Dio: voi siete la Famiglia, e la Famiglia Santa rimane nell’Amore del Padre donando ai fratelli la Luce; e in questo attimo il mio Cuore gronda Sangue, altri flagelli stanno scendendo: SANGUE INNOCENTE GRIDA AL PADRE! Figliuoli miei, ricordatevi che siete un soffio di polvere: nulla rimane e nulla potete portare dietro di voi; l’Amore e le Opere Buone, questo vi chiede il Padre. costruite Tesori nei Cieli amando e perdonando. Vedete, figliuoli, Io vi ho insegnato sempre a camminare nel Solco, a vivere nella povertà, nell’Amore del Padre, e quando viene trafitto il vostro cuore, non alzate la voce, non arrabbiatevi verso il fratello, ma con Amore Misericordioso chiedete al Padre la Grazia e la Pazienza di comprendere il fratello; non è difficile se si ama Dio, e non dovete arrabbiarvi col Padre se non concede a voi ciò che è nella vostra mente. Dio dona Frutti Buoni, Frutti di Amore, Frutti di Perdono, perché è Padre e Giudice, e voi non potete giudicare perché siete servi e non maestri. È questo il mio insegnamento; è questa la Voce del padre che bussa nel mio Cuore e nel cuore di ognuno di voi, perché voi siete stati sigillati e il vostro cammino è segnato perché il Padre vi tiene per mano uno ad uno, senza fare distinzione, perché tutti siete figli(*). Caro Telesfore, piccino del mio Cuore, cosa vuoi dirmi? (Telesfore) ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) grazie, piccino mio, ma il tuo amore arde? (Telesfore) arde, arde! (Piccolo Giovanni) e per i fratelli? (Telesfore) eh, per i fratelli.. (Piccolo Giovanni) ..lo fai ardere? (Telesfore) anche, un poco! (Piccolo Giovanni) un po’? e come fai a dire "ti amo Papà" se non ami il fratello? Conosco il tuo cuore! (Telesfore) mi hai preso in contropiede (Piccolo Giovanni) come sempre. <si ride un po’ > Vedi, fai ridere i tuoi fratelli, e Io che devo fare? devo ridere anch’Io? dimmi! (Telesfore) ti devo dire qualche cosa? (Piccolo Giovanni) si (Telesfore) e se poi è una cosa che te l’ho già detta? (Piccolo Giovanni) tu parla, ma ricordati che rimane nella storia.. (Telesfore) ..eh, questo è.. (Piccolo Giovanni) ..tutto quello che dici. (Telesfore) mò m’è scappata, però!(*) ..mi è sfuggita! (Piccolo Giovanni) anche questo rimane nella storia!(*) (Telesfore) l’Amore che stiamo vivendo è l’Amore del Padre. L’Amore del Padre, no, è l’Amore che il Padre aveva.. cioè.. mò non lo so spiegare.. (Piccolo Giovanni) ..non ti preoccupare! (Telesfore) eh.. comandato a Eva.. (Piccolo Giovanni) ti stai basando su quello che hai visto in televisione? <il film che qualche giorno fa ha trasmesso la Fininvest>(*) Rispondi! (Telesfore) mha, quello l’ho visto per caso, comunque, eh, ma questa mi è venuta adesso da..(*) (Piccolo Giovanni) <Giovanni gli batte la sulla mano> Cosa vuoi dire? (Telesfore) eh.. il Progetto che era.. era iniziato, no, che poi si è.. che poi Eva ha disubbidito e si è fermato.. non è che.. non so se si è fermato: non lo so spiegare io (Piccolo Giovanni) parla! (Telesfore) adesso che il Padre.. l’Amore che il Padre ha dato ad Eva.. che aveva comandato ad Eva, no, doveva venire nel mondo, allora.. che poi Eva ha disubbidito..(*) non è così?(*) ..adesso noi lo stiamo vivendo! (Piccolo Giovanni) Maria ha avuto il compito di donarci l’Amore di Dio: E’ LEI LA NUOVA EVA, e Dio non si è mai fermato di donarci il suo Amore! Ma il Mistero è troppo grande per capirlo tu! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) ed è scritto nel Libro! Voi lo conoscete? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) VERRA’ IL GIORNO: QUANDO I VOSTRI OCCHI SI APRIRANNO, COMPRENDERETE LE SCRITTURE, LA PAROLA VIVA! (Telesfore) per questo che si dice "il trionfo del Cuore Immacolato di Maria"? (Piccolo Giovanni) il trionfo del Cuore Immacolato di Maria avverrà nel mondo intero e in questo Luogo, ma voi lo state già vivendo, ma non comprendete perché si deve adempiere! (Telesfore) mentre il trionfo dell’Amore? (Piccolo Giovanni) è la stessa cosa.. (Telesfore) ..la stessa cosa! (Piccolo Giovanni) ma non cercare di fantasticare con la mente: non puoi capire.. (Telesfore) ..è Mistero.. (Piccolo Giovanni) ..e Io non posso dire queste cose, perché il nemico è sempre dietro l’angolo. Ma la Piccola Cocciuta conosce queste cose, perché il Padre gliele ha svelate, e il suo dolore più grande è che non può parlare: l’ubbidienza la tiene ferma! (Telesfore) allora dobbiamo aspettare che gli occhi si aprono per vedere? (Piccolo Giovanni) si, vuoi anticipare il Padre? (Telesfore) no, no! (Piccolo Giovanni) e aspettate i tempi del Padre, non date spazio al nemico. Potevo dirvi tutto, ma ancora non siete pronti! (Telesfore) però qualche accenno, ogni tanto lo.. (Piccolo Giovanni) ..ma non riuscite a comprendere perché ragionate con la mente. ancora non avete imparato ad ascoltare la voce del cuore, perché col cuore si arriva all’Amore di Dio e a comprendere il suo Volere: questo riuscite a capirlo?(*) si o no? (Tutti) si (Piccolo Giovanni) vi vedo un po’ fiacchi: siete stanchi? (Tutti) no (Piccolo Giovanni) non volete la mia presenza? (Tutti) si ........(Piccolo Giovanni) ebbene, a chi arde il cuore? (Antonietta) ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) a chi arde il cuore? (Qualcuno) a me (Tutti gli altri) a tutti! (Piccolo Giovanni) e vi vedo fiacchi <si ride un po’ >, non rispondete!(*) Diventate gelosi.. (Tutti) ..no.. (Piccolo Giovanni) ..se chiedo alla piccola Lucia se gli arde il cuore per me? <Lucia emozionatissima, con un filo di voce ha risposto sempre "si" anche se nell’audio non è intelligibile> (Lucia) sì! (Piccolo Giovanni) mi ami ancora? (Lucia) sì! (Piccolo Giovanni) anche quando faccio i capricci con te? (Lucia) sì! (Piccolo Giovanni) e riesci a capire quando Io faccio il capriccioso con te? (Lucia) sì! (Piccolo Giovanni) Bene! E voi tutti.. (Alcuni) ..sì.. (Piccolo Giovanni) se non mi fate parlare come fate a dire si? <si ride un po’ > Riuscite a capire quando Io gioco con i vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e quando lo faccio?(*) quando lo faccio? (Antonietta) quando bussi! (Piccolo Giovanni) Vedete che sono sempre il vostro don Mario? (Alcuni) sì! (Piccolo Giovanni) capriccioso gioco con voi, ma nel giocare vi carico di Croce! (Alcuni) grazie! (Piccolo Giovanni) perché è questo che Io porto ad ognuno di voi: LA SANTA SOFFERENZA PER FARVI DIVENTARE SANTI E SALIRE AL PADRE PER GIOIRE TUTTI ASSIEME! Hai capito, Telesfore? (Telesfore) ho capito, si! (Piccolo Giovanni) corri un po’ troppo nel fare le domande! (Telesfore) sono troppo veloce? (Piccolo Giovanni) vorresti svelare subito.. (Telesfore) ..eh, e tu non avevi fretta di svelare? (Piccolo Giovanni) ma non l’ho mai fatto: qualche Gocciolina.. (Telesfore) ..scappava sempre.. (Piccolo Giovanni) ..ve la donavo, ma a fermarmi c’era la Piccola Cocciuta: mi tirava sempre <fa il gesto di tirare la manica del vestito> "non parlare perché si sbandano: ancora non hanno capito nulla", e i nostri occhi si incontravano e mi dovevo fermare dinanzi alla sua richiesta perché veniva dal Padre, non da Giulia! Hai capito ora? (Telesfore) ho capito! (Piccolo Giovanni) avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) come siete bravi e come è dolce il vostro "sì", ma non siate gelosi perché Io parlo ad ognuno di voi e busso ai vostri cuori facendo i capricci. Ma vi chiedo ancora una volta: figliuoli, state attenti al mio nemico, non lasciatevi trascinare nella sua rete: combattetelo con l’amore, perché lui non ama ma semina odio, semina le sue brutture. Pregate per i figli della perdizione che ascoltano il suo grido, figliuoli miei. Vi chiedo ancora di pregare per il mio popolo: [il mio Cuore] gronda Sangue come gronda Sangue il Cuore del Fratello Domenico (Lentini). Vi chiedo: NON FATECI USARE, pregate per questa mia richiesta, non fate usare il Fratello Domenico: LUI CAMMINAVA NELLA POVERTA’ E NELL’AMORE DEL VANGELO, e voi sapete bene come camminavo Io: ABBRACCIANDO LA CROCE E AMANDO MARIA, MADRE MIA E MADRE DELL’UMANITA’. Camminate anche voi in questa semplicità tenendo sempre alto il Santo Vangelo. Guardo con Amore e sono gioioso per Paolo ...... per le Lodi che state innalzando: sapete quali sono le Lodi? ..... <....... i canti nuovi ..... > (Piccolo Giovanni) bravo! Il mio Cuore è gioioso(*). Sta nascendo la Pianticella Viva della Nuova Chiesa: FATELA CRESCERE SEMPRE DI PIU’. Vi dico grazie di tutto quello che state offrendo: i vostri cuori sono gioiosi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo, il tuo è gioioso? (Paolo) molto! ........ (Piccolo Giovanni) e il mio arde: sapete perché? perché è il Padre che vi fa cantare le Lodi e Io sono gioioso che i vostri cuori lo fanno in pienezza!(*) Siete rimasti u n po’ delusi? (Tutti) no! ......... e voi non conoscete quella degli Angeli quando sentono le Lodi! Crescete ancora e lasciatevi usare dal Padre: CANTATE COME GLI ANGELI LE LODI AL CUORE DI MARIA, perché siete stati sigillati, e i vostri cuori appartengono al Padre perché siete Discepoli, Colonne e Suorine della Croce, e il Sigillo che portate è Sigillo di Croce, figliuoli! Hai capito? (Telesfore) ho capito, sì! (Piccolo Giovanni) vuoi dirmi qualche altra cosa? (Telesfore) ti volevo dare un bacio! <gli da un bacio sulla guancia e Giovanni gliene da un altro sulla mano> eh.. (Piccolo Giovanni) ..tu me lo volevi dare ed Io non posso? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) donandolo a te lo dono all’umanità e ai tuoi figli! (Telesfore) a volte mi arde il cuore di dare un bacio a Maria (Piccolo Giovanni) e donandolo al Figlio.. (Telesfore) ..pure a Maria.. (Piccolo Giovanni) ..non lo dai anche a Maria? cosa dici? vuoi che la Mamma ti dona un bacio? <la Mamma abbraccia Telesfore emozionatissimo e gli da il bacio così atteso> (Piccolo Giovanni) ci stiamo facendo uno scambio di baci. È bello, è bello baciare Maria e consolare il suo Cuore: FATELO CON I VOSTRI FRATELLI, IN MODO PARTICOLARE CON I VOSTRI NEMICI, è così che baciate il Cuore di Maria e la fate gioire!, avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Bene, Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. è bello stare con voi e gioire nei vostri cuori. Ma vi chiedo ancora una volta, figliuoli: PREGATE PER LA PACE, pregate, pregate, perché l’umanità è in pericolo! Ora vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo; ma ricordate: NON USCITE FUORI LA LINEA: la mia Linea è Dritta ed è il Santo Vangelo, figliuoli, ricordatelo! ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Gesù) Ecco l’Amore del Padre, ecco il Banchetto Vivo che è pronto ed è in mezzo a voi. Figliuoli, preparate i vostri cuori: distaccateli dalle cose del mondo e venite a bere e a mangiare con me, perché Io ho fame e sete, e voglio mangiare con voi il Pane dei Cieli: voglio far festa con ognuno di voi, figliuoli del mio Cuore(*). Sposa, preparati! (Giulia) Eccomi! (Gesù) Sposa, preparati! (Giulia) Eccomi! (Gesù) Sposa, preparati! (Giulia) Eccomi! (Gesù) ecco lo Sposo che viene(*). Sposo, porta la Sposa(**). Padre, benedici questo Calice Frutto del tuo Amore e donalo all’umanità(*). "Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti; ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti; fate questo ricordandovi il mio Amore. Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo. Ecco il Figlio dell’Uomo che si dona all’umanità" ai miei Discepoli ho detto queste Parole, oggi le dico a voi, Discepoli del mio Cuore. (Giulia) tu sei veramente il Figlio di Dio Vivo in mezzo a noi nel Mistero Nascosto!(*) (Gesù) Bevi, figlia mia(*), bevi(*), bevi(*) <3° grido>(*). Mangia!(*) Mangia!(*) ..... Paolo!(*) E’ dolce bere il mio Calice? (... Paolo) sì! (Gesù) E’ dolce mangiare la mia Carne? ...... (Paolo) molto! (Gesù) mangiatela e donatemi ai vostri fratelli! Preparate la Via Stretta per le Spose, perché Io sono in mezzo a voi: mangio e bevo con ognuno di voi e il mio Cuore arde nel vedere i miei Discepoli far festa col Maestro; e quale gioia più grande posso ricevere dai miei figli?: l’Amore, essere pieni di Dio e vivere l’Amore del Vangelo: l’Unica Verità che Io vengo a portare nei vostri cuori. Amate in questo istante, donate il vostro amore ai vostri nemici, agli emarginati, ai figli drogati, ai figli carcerati, e in questo attimo di grazia non lasciate nessuno. Ciò che voi state ricevendo donatelo a larghe misure come il Padre lo dona ad ognuno di voi. E’ bello guardare i vostri cuori, è bello essere cullato: non abortitemi quando uscite fuori ma fatemi vivere. Nell’Amore del Padre Io guardo i vostri occhi, e guardando i vostri occhi accendo la Luce dello Spirito Santo nei vostri cuori. Figliuoli, Io sono Vivo e Reale: voi state mangiando di me ed Io mangio di voi perché abito nei vostri cuori; voi che siete Mamme: Mamme della Vita, Mamme del Calore del Cuore del Padre, guardate il mio Cuore che arde d’Amore per ognuno di voi, figli che vi ho abbracciati sul Legno della Croce: quel Legno che è Vivo ed arde per ognuno di voi, figli miei, Discepoli del mio Cuore(*). Padre mio, accogli l’offerta dei tuoi figli. Accogli il Sacrificio dell’Amore. Guarda benigno l’umanità e sii misericordioso. Padre mio, busso al tuo Cuore: ASCOLTA IL MIO GRIDO PERCHE’ SONO TUO FIGLIO!(*) <Il Padre dice qualcosa al Figlio come di un battere di labbra> Grazie, Padre mio, per ciò che lasci scendere su questi Discepoli: Luce che irradia il mondo. Sia benedetto il tuo Nome per l’eternità, Padre. Eccomi, la mia Pasqua è Piena ed è Risorta perché mi sono donato ad ognuno di voi. Il mio Amore è Vivo ed arde nei vostri cuori come un bimbo che cresce nel grembo materno. Fatemi vivere e crescete nell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Mi inchino dinanzi a voi(*) <si inchina>, voi inchinatevi dinanzi al Padre <ci inchiniamo tutti>(*). Ecco l’Amore; ecco il perdono di Dio che scende nel Segno Tremendo della Croce e nell’Unica Verità del Santo Vangelo. Io mi sono immolato sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna. Io sono il Gesù che è morto ed è risorto: risorgete nell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figliuoli del mio Cuore, siate coscienti di tutto quello che sto dicendo e non scandalizzatevi delle mie Parole: Io sono il vostro Gesù, il Gesù della Croce, il Gesù che ha abbracciato i Chiodi nelle sue mani e nei piedi, il Gesù che dal costato ha lasciato scendere Acqua e Sangue come Mistero della Chiesa Viva in mezzo a voi: IL MISTERO DEL SACRIFICIO: vivetelo in pienezza, figliuoli! Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unica Verità Viva del mio Cuore, figliuoli miei. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) pota nel Fiume Santo tutti i tuoi figli. Portali sulle tue spalle perché ancora non sanno camminare da soli: non lasciarli, figlia mia! (Giulia) con la tua Grazie, Gesù: DAMMELI TUTTI SULLE SPALLE! (Gesù) vieni, cammina nel Fiume! (Giulia) sì, Gesù!(*) Grazie, Gesù! Grazie. (Gesù) Vedi, figlia mia, quante Barche ci sono? (Giulia) sì, Gesù!(*) Posso portare(*) anche i figli che non ti amano, Gesù? (Gesù) raccoglili tutti, anima mia! (Giulia) Grazie!(*) (Gesù) il tuo Cuore è gioioso, Cocciuta? (Giulia) sì, Gesù, perché posso portare tutti! (Gesù) ma sei uno strazio (Giulia) con la tua Grazia, Gesù!(*) con la tua Grazia le mie forze diventano più grandi, ed è bello raccogliere le pecorelle! (Gesù) ecco, figlia mia, hai riempito un’altra Barca. (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) Ora volete cantarmi la Ninna Nanna? (Tutti) <Canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli del mio Cuore. Grazie per il tempo che spendete: vi sarà donato a larghe misure perché il Padre gioisce per tutto quello che offrite. Grazie per l’Amore, grazie per i vostri cuori aperti, grazie per quello che farete ancora per i vostri fratelli e per il Padre. Consolate sempre il Cuore di Maria e camminate sempre nel Solco perché è pronto per ognuno di voi! Ora leghiamo la Catena Santa(*) nell’Amore e nell’Armonia del Padre, perché tutti siete figli, e unendo la Catena unitela ai vostri cari, ai vostri nemici: non lasciate nessuno fuori della Santa Preghiera. Io vi stringo per mano uno ad uno, e voi stringete tutti: i poveri, gli emarginati, i carcerati, i figli drogati, e date loro il Pane Vivo che Io ho donato a voi. ECCO LA NUOVA CHIESA: LA CHIESA DEL PANE CHE SI DONA SENZA MISURE! E voi siete i Figli del Pane. Ora preghiamo con l’Unica Preghiera: <recita del Padre Nostro tradizionale: lentamente. Gesù con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Ecco, figliuoli cari, ricordate sempre "non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen": negli attimi di scoraggiamento ricordate queste Parole e ascoltate il Bimbo che batte dentro di voi! ...... lo sentite il Bimbo che cresce? (Tutti) sì! (Gesù) e lo amate? (Tutti) sì! (Gesù) amatelo sempre.. (Tutti) ..sì.. (Gesù) ..perché il Padre non vi lascia un istante di amare i vostri cuori, e vivete la Luce che è Dio dentro di voi, perché siete fatti a sua Immagine e Somiglianza: non ascoltate il nemico ma guardate la Luce di Dio che vive dentro di voi, figliuoli del mio Cuore. <Si rivolge a Tommaso> Stai guardando i miei occhi? (Tommaso) si, ti sento! (Gesù) e Io sento i vostri cuori e vi amo, figli miei.. e mi fate commuovere, perché Io ricevo soltanto sputi ed insulti.. e voi mi donate l’amore.. i baci.. e le carezze. Grazie, Pargoli del mio Cuore. Andate in pace e portate a tutti la Pace che avete ricevuto!(*) Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Papà! (Gesù) Guarda i tuoi Cuori!(*) <le fa vedere i suoi 35 Angeli> (Giulia) grazie, Papà!(*) Grazie, Papà! (Gesù) Ecco, fanno da Corona: gioite e cantate anche voi le Lodi dell’Amore. (Giulia) Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! TI AMO PAPA’! Ti amo! (Gesù) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPA' (Gesù) grazie, Pargoli del mio Cuore. Aspettatemi, Io verrò ancora a donarvi tutto il mio Amore, Figli della Luce. (Giulia) Com’è grande il tuo Cuore, Papà! (Gesù) Ecco, ve lo lascio (Giulia) per sempre(*) Papà?(*) Grazie, Papà!

 

 

         14. Dom 21/04/2002, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) Rimani seduta. Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia, bevi anche in questo santo giorno, i Calici Misti del tuo Gesù(*), i Calici Verdi e i Calici Rossi e immolati, figlia mia, ancora una volta, con i Santi Dolori del Parto Vivo della Croce. Immolati per l’umanità tutta; immolati per le Mura di Roma; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre. abbraccia il Legno Santo della Croce: unisciti ai Dolori del tuo Gesù, figlia mia (Giulia) Mamma, con la tua Grazia! <1° grido>(*). Mamma! Mammina mia, perché piangi? il tuo abito è macchiato di Sangue: sono stata io a macchiarlo, Mamma? (Immacolata) no, figlia mia, il Sangue che vedi è Sangue dei flagelli che scendono ancora sull’umanità. Figlia mia, vi invito a pregare per la pace. Pregate affinché lo Shalom di Dio scenda nel cuore dei Grandi del mondo. pregate e immolatevi voi, figli della Luce. Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali e siamo venuti a portare la Parola: l’Unica Verità, il Vangelo Vivo del mio Gesù, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nei vostri cuori. Figliuoli miei, Io sono Mamma e Mamma dei Dolori; vengo in mezzo a voi in Ubbidienza al Padre chinando il capo sull’umanità: sui miei figli, e come Mamma piango Lacrime di Sangue perché vedo l’umanità che va alla perdizione: l’umanità che si perde dietro i rumori del mondo. Figliuoli miei, non date ascolto al mio nemico, non disperdetevi dietro alla sua falsa luce, ma chinate il capo dinanzi al Legno della Croce e immolatevi solo per il mio Gesù. Io sono Viva e Reale in mezzo a voi e il Padre mi manda a raccogliere le mie pecorelle. Figliuoli, Dio tiene sempre aperta la Porta del suo Cuore: accostatevi alla sua Misericordia e riconciliatevi con Dio: IL VOSTRO PAPA’, IL PAPA’ DI OGNUNO DI VOI E DEL MONDO INTERO. Non ascoltate la voce del mondo e non cercate i miracoli: DIO E’ IL VOSTRO MIRACOLO, la sua Luce, il suo Amore e la sua Misericordia Infinita e le sue braccia sempre aperte per ognuno di voi. Figliuoli miei, avete ascoltato la Parola Viva di questo giorno? <4° dom. dopo Pasqua/A Gv. 10, 1-10> vivetela nei vostri cuori, sia sempre accesa come Lucerna che illumina il vostro vivere e il vostro camminare. Amate e perdonate senza misura, perché Dio non vi dà misure ma elargisce sempre di più il suo Cuore: FATELO ANCHE VOI, figliuoli miei, e ricordate sempre che il mio Progetto viene da Fatima: si adempirà nel mondo intero e in questo Luogo: nella Stanza dell’Amore che il Padre vi ha donato. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire a causa del Nome del tuo Gesù, ma non temere, figlia mia, vai avanti, la Grazia di Dio è su di te! (Giulia) sì, Mammina mia, donatemi la forza perché la mia viene meno! (Immacolata) figlia, sai bene dove prendere la forza: abbracciati al legno della Croce! (Giulia) grazie, Mamma! (Immacolata) ora tieni nel tuo Cuore ciò che sto per dire!(*) (Giulia) sì, Mamma!(*) sì, Mamma!(*) sì, Mamma!(*) (Immacolata) Bene, figlia mia, cammina nel Solco e porta tutti i tuoi figli (Giulia) con la tua Grazia, Mamma! (Immacolata) Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) La Pace e l’Amore Infinito del Cuore del Padre sia vivo nei vostri cuori (Tutti) e con il tuo Spirito. (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli. Amen, Amen, Amen(*). Eccomi! Per Volere del Padre sono ancora qui in mezzo a voi a portare nei vostri cuori la Luce del Santo Vangelo: l’Unica Verità: la Via che conduce al Padre! e Io l’ho camminata per Grazia del Padre assieme a voi; e la cammino ancora portando i Frutti dell’Amore del Padre in mezzo a voi e nel mondo intero. Figliuoli, sapete bene che la Porta è Gesù: entrate e rimanete sempre nella sua Grazia. La Mensa è pronta per ognuno di voi; rimanete nella Quiete, nel Silenzio del Padre, operando con amore, stringendo la mano ai vostri fratelli. Io, come Sacerdote Vivo, ho sempre donato la mano al fratello: non ci può essere pace se non si dona la mano; non si po’ essere in grazia di Dio se non si stringe la mano e si apre il cuore ai fratelli, amando e perdonando, e al primo posto portate tutti i vostri nemici. Figliuoli, Io sono qui in mezzo a voi Vivo e Reale a gioire nell’Amore del Padre; è così che il Padre mi fa vivere nella Luce, nella Santità, nel camminare nel Solco e donare ai fratelli la Via, e la Via è Una sola: IL SANTO VANGELO. Il vivere abbracciati col Padre e con i fratelli è il Mistero Vivo di questa santa giornata: il Santo Vangelo, la Pienezza che racchiude questa Porta, la Porta Viva, il grido delle pecore che chiamano il Pastore "siamo qua: abbiamo sete, abbiamo fame della tua Parola e non vogliamo ascoltare altre cose". Ed Io oggi benedico e lodo il Padre per essere di nuovo in mezzo a voi: in mezzo alle mie pecorelle, ai miei Discepoli, alle mie Colonne, alle mie Suorine. Il mio Cuore è gioioso nel vedere il vostro amore, nel vedere i frutti che crescono nel silenzio, nel nascondimento del Santo Vangelo. Figliuoli, ricordate sempre l’insegnamento che ho lasciato nei vostri cuori "Vivere per Gesù, crescere nell’Amore di Gesù e non cercare altri dei". Telesfore! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa racchiude il tuo cuore in questo giorno? (Telesfore) stavo pensando al sogno di stamattina: eri tu con me? (Piccolo Giovanni) mi hai visto? (Telesfore) si, chiaro chiaro, e ti ho preso pure sotto braccio! (Piccolo Giovanni) ero stanco! (Telesfore) eri stanco ma eri anche.. però come arrabbiato, non so (Piccolo Giovanni) per l’umanità, per i figli sordi: non vogliono ascoltare il Santo Vangelo, per questo mi vedevi dispettoso, arrabbiato! (Telesfore) mha.. quello che Io non riesco a capire.. cioè il luogo è la tua casa.. sembrava la tua casa però sembrava un’altra (Piccolo Giovanni) devi comprendere che nelle visioni si vede diverso, ma il significato è quello: ARRABBIATO! Vi chiedo di stare attenti, di vigilare! FIGLIUOLI MIEI, VIGILATE, perché il mio Cuore gronda Sangue per il mio popolo come gronda Sangue il Cuore del Fratello Domenico, e vi chiediamo ancora una volta: NON FATECI USARE CON LE COSE DEL MONDO, ma usateci sul Legno della Croce, nella Sofferenza come abbiamo vissuto, e in povertà! Hai capito Paolo? (Paolo) ho capito, però, noi, praticamente, oltre che pregare che cosa possiamo fare per esaudire questo tuo desiderio? ..che è anche una nostra volontà, poi? (Piccolo Giovanni) immolatevi e gridate al mondo "Dio è Vivo, è in mezzo a noi e chiede solo il Sì alla Croce, non alle cose del mondo". Questo dovete fare senza avere vergogna; non spaventatevi di niente e di nessuno: AI FIGLI DI DIO NON SARA’ TOLTO NEANCHE UN CAPELLO DEL LORO CAPO, e voi siete figli della Luce. È questo che chiedo ai vostri cuori: la Povertà, la Semplicità e l’Amore verso il Padre! E’ chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) per quanto ho capito sul sogno di stamattina.. quindi ci sono cose che dobbiamo essere prudenti? (Piccolo Giovanni) di essere vigilanti.. (Telesfore) ..vigilanti! Eh, io se non sbaglio.. che ricordo, no, c’erano delle cassette che si dovevano, non so, scambiare o.. o mettere da parte, non so, questo non l’ho capito! (Piccolo Giovanni) lo capirai.. (Telesfore) ..lo capisco da solo?.. (Piccolo Giovanni) ..non temere! Dio è Luce e non lascia i suoi figli nell’ombra e nel dubbio, ma nella Verità! Metti sempre il tuo cuore a disposizione del Padre e ascolta il grido della Piccola Cocciuta, perché è Dio che parla attraverso di Lei: E’ LO STRUMENTO CHE IL PADRE HA MANDATO PER DONARE AL MONDO LA LUCE VIVA!(*) Cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) domani vai a visitare a mio cognato se è possibile.. una preghiera! (Piccolo Giovanni) come il Padre comanda vado a visitare i tuoi cari e i cari di ognuno di voi, quelli che mi avete portato in questa Stanza e i figli che si sono raccomandati al Cuore della Piccola Cocciuta. Non temere, Paolo, sono già nel cuore della tua cara mamma, e come il Padre ha scritto, Io mi dono! Non sia triste il tuo cuore ma gioioso, figlio! (Paolo) grazie! (Piccolo Giovanni) non commuoverti, perché il mio Cuore si commuove ancora di più come Papà!(*) Inchinatevi dinanzi alla Volontà del Padre perché Lui può tutto! Figliuoli, voi che siete qui riuniti nella Stanza dell’Amore, in questo attimo Io sto accarezzando e guarendo i cuori di ognuno di voi. Siate coscienti di tutto questo e donate tutto di voi al Padre come il Padre dona tutto a d ognuno di voi. Figliuoli miei, abbracciate il Legno della Croce e portatelo con amore: è L’Albero della Vita e non vi sono altri alberi che possano donarvi la Vita Eterna! siate coscienti di questo e non lasciatevi trascinare dal nemico: DIO E’, OGGI E SEMPRE! Vi chiedo ancora di pregare per i miei Confratelli: pregate affinché la Luce del Vangelo li faccia vivere e gridare la Verità della Croce! Pregate col cuore aperto, figliuoli, pregate, pregate. Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Vi chiedo ancora una volta: AMATE E PERDONATE, E AL PRIMO POSTO PORTATEMI I VOSTRI NEMICI! Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) figlia mia! (Giulia) sì, Giovanni (Piccolo Giovanni) tieni nel Cuore ciò che ti dico!(*) (Giulia) sì, Giovanni!(*) Metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati!(*) Giovanni, donami il tuo respiro!(*) Grazie! (Piccolo Giovanni) Ora vi sigillo ad uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figlioli miei. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Immacolata) Ecco l’Amore di Dio che irradia l’umanità; ecco la Rugiada che il Padre lascia scendere sul mondo e sui figli della Luce. Figliuoli miei, tenete sempre alto il Santo Vangelo e vivete nella pienezza ei vostri cuori l’Amore del Padre: siate la Famiglia Unita di Dio, perché Io sono Mamma e Mamma dei Dolori, e vengo in mezzo a voi a portarvi la Croce del mio Gesù. Io ora vi lascio, ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva. Crescete, figliuoli, e moltiplicatevi nel Segno Santo della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI UNITI AGLI ANGELI. (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen. (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, Figli del mio Cuore Immacolato e Addolorato. Grazie per il tempo che spendete per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure, Boccioli del Cuore del Padre.

 

 

         15. Mer 24/04/2002, Stanza more solito

Messaggi dell'Immacolata e del Giovanni di oggi (ore 15.50)

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre (Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questa Santa Giornata, i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi e i Calici Rossi, e immolati, figlia, ancora una volta, per l’umanità tutta; immolati per le Mura di Roma. Immolati come tu sai fare, figlia del mio Cuore Immacolato e Addolorato, consola il tuo Gesù: abbraccia con Amore il Legno della Croce! (Giulia) con la tua Grazia, Mamma! <1° grido>(*). Mammina, Mammina mia, tu piangi Lacrime di Sangue e il tuo abito è macchiato!(*) Mamma, sono stata io a macchiarlo? (Immacolata) no, figlia mia: l’umanità sta macchiando il mio abito. Figlia, puliscilo! (Giulia) posso toccarlo? <lo tocca e lo pulisce>(*). Mamma! (Immacolata) Vedi, figlia mia, l’umanità e i Grandi della Casa del Padre macchiano il mio abito e l’abito del mio Gesù: grave pericolo scende sull’umanità, vedi, figlia mia?(*) (Giulia) Mamma!(*) ..c’è un enorme lenzuolo pieno di Sangue che sta scendendo! MAMMA! (Immacolata) ecco il pericolo, figlia mia! (Giulia) Mammina, cosa posso fare? (Immacolata) prega come tu sai fare: immolati e fai pregare i tuoi figli! (Giulia) Mamma, non puoi fermare quel lenzuolo? Sia fatta la Volontà di Dio, Mamma mia: tu puoi dirlo a Gesù! (Immacolata) Figlia mia, pregate, Io sono con voi china a pregare per l’umanità e per ognuno di voi! Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo Vivi e Reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità del Santo Vangelo, e il Vangelo è Uno solo ed è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato e si immola per l’umanità e per ognuno di voi. Figliuoli miei, vi invito ancora a pregare col cuore aperto; figliuoli miei, voi non conoscete i Tempi del Padre: pregate e fermate i flagelli col vostro amore puro, amandovi gli uni gli altri, perdonando e usando carità verso tutti. Dio vi ama e il suo Cuore è aperto ad ognuno di voi: all’umanità intera, ma non vergognatevi del suo Amore, gridate la sua Parola Viva ai fratelli "Dio è Vivo, è in mezzo a voi e parla", e il suo Grido entra nei vostri cuori: fatelo ardere e donatelo al mondo, ai figli che incontrate sul vostro cammino. Dio vi ha scelti e vi ha sigillati uno per uno per donare ai fratelli la Goccia dell’Amore che lascia scendere in mezzo a voi nella sua Stanza Viva. Figliuoli, Dio parla ai vostri cuori per far udire al mondo: non rimanete chiusi, ma come i Discepoli non temete niente e nessuno, predicate il Vangelo che il Padre dona ad ognuno di voi. Figli, Colonne e Suorine, Dio ha bisogno di voi, per sconfiggere il male ha bisogno del vostro amore, e stringe ad ognuno di voi la mano donando lo Shalom. Non fermatevi, portate lo Shalom di Dio ai Figli Ministri e all’umanità; ma vi invito ancora una volta, figli, "State attenti al mio nemico, il suo ultimo strascico di coda sta portando via molti Piccoli Giovanni", non lasciatevi trascinare, non cadete nella sua falsa luce, ma rimanete legati alla Croce abbracciando il mio Gesù che vi ama e abbraccia attimo per attimo il Legno Vivo della Croce. Figliuoli, siate vigilanti e ricordate sempre che il mio Progetto viene da Fatima: si adempirà nel mondo intero e in questo Luogo dove Dio ha lasciato scendere la sua Dimora Viva e Reale in mezzo a voi. Il Mistero che viviamo è Mistero di Dio e ancora non potete comprenderlo, ma in pienezza Dio vi sta usando; ma non abbiate vergogna di parlare e gridare il suo Amore che è Vivo ed è in mezzo a voi, nei vostri cuori! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) vedi, dovrai ancora soffrire a causa del Nome del tuo Gesù: vuoi ancora andare avanti? (Giulia) con la tua Grazia, Mamma, sì, ardo d’Amore per Gesù! (Immacolata) Bene, figlia mia: porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli; e ricordate sempre di camminare nel Solco e di vivere solo per il Santo Vangelo guardando la Croce Santa che è l’Unica Salvezza e non ve ne sono altre! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) Ora, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Mi siedo un po’(*). La Luce Viva che solo il Padre può donarci sia il vostro vivere (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figlioli. Amen, Amen, Amen!(*) Eccomi! Per Grazia di Dio sono ancora qui in mezzo a voi a parlare attraverso lo Strumento di Dio, e lo Strumento suona una sola Musica: LA MUSICA DEL VANGELO, ed Io vivo per il Santo Vangelo. Ho vissuto assieme a voi nella Stanza dell’Amore e vivo tutt’ora nella Stanza. Dio ha voluto questo; Dio ci chiama a lavorare nella sua Vigna per donarci il Premio Eterno; e ognuno di voi lavora nella Vigna, ma state attenti, figliuoli, non scegliete la vigna del mondo ma la Vigna di Dio, dove si raccoglie il Frutto per donarlo al Padre. E il Frutto che il Padre vuole è il nostro cuore, e se non riusciamo ad amare e perdonare, usare carità, quale frutto possiamo offrire al Padre? Avete vissuto il Vangelo Vivo di questa giornata <Gv. 12,44-50>: cosa è rimasto nei vostri cuori? La gioia di ascoltare la Parola Viva: la Parola del Padre, la dobbiamo masticarla e viverla nel Cuore, donando ai fratelli la gioia che abbiamo ricevuto noi, la gioia di ascoltare la Parola del Padre, e di non avere vergogna di assaporarla, di gridarla. Dio conosce ogni cosa di ognuno di noi: conosce i nostri cuori, conosce le nostre fatiche, ciò che offriamo a Lui se lo offriamo col cuore o a mezze misure. Dio è Padre, e col Cuore di un Papà guarda l’umanità, guarda i suoi figli che hanno poco tempo per dire "Papà, ti amo" e allargano le braccia al mondo! E in questo tempo molti flagelli stanno scendendo sull’umanità, perché ci sono molti Giuda a tradire la Parola Viva, usandola per i propri comodi. Figliuoli, difendete il Vangelo, non fatelo calpestare sotto i piedi, ma gridate con amore "Il Vangelo è Uno solo ed è bagnato dal Sangue dell’Agnello che si è immolato e si immola". Figliuoli miei, non date spazio al nemico ma rimanete saldi nell’Amore, nella Carità; rimanete saldi e vivete l’Amore che Dio vi dona, perché siete figli, ricordandovi sempre di avere un Papà: un Papà pronto ad abbracciare i Dolori e le Fatiche di ognuno di voi. Figliuoli miei, il mondo grida: NON ASCOLTATE IL GRIDO DEL MONDO, MA ASCOLTATE I DOLORI DELLA CROCE, ASCOLTATE I DOLORI DI MARIA E RACCOGLIETE LE SUE LACRIME, le Lacrime di una Mamma, la Mamma che vi ha abbracciati ai Piedi della croce. Ha donato il suo Sì fino in fondo. Chi come Maria può donare il Sì? Chi come Maria può essere Mamma?(*) l’esempio di una Creatura Piccola e fragile, ma scelta da Dio per essere Mamma: IMITATE MARIA, guardate il suo Cuore e non cercate altro. Figliuoli miei, come Sacerdozio Vivo ed Eterno vi invito sempre a vivere nel Cuore del Padre. Dio aspetta ognuno di voi e l’umanità intera: Guardate i suoi occhi e dite "Papà, eccomi, sono tuo figlio e voglio vivere nel tuo Amore", e il Padre cancella ogni macchia; e in questo attimo Io raccolgo i vostri pensieri portandoli dinanzi al Trono del Padre, figliuoli miei, ma vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico: SIATE VIGILANTI, FIGLIUOLI; vigilate, perché non conoscete né l’ora e neanche il giorno che il Padre aprirà i Cieli e il Figlio dell’Uomo scenderà e le sue Vesti saranno candide, e gli Angeli e i Santi faranno festa e il Cuore Immacolato di Maria trionferà, ma siate vigilanti, non spegnete le lucerne perché Lui verrà come un ladro nella notte, figliuoli miei. Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni!(*) devo dirti alcune cose nel Cuore: posso farlo? (Piccolo Giovanni) si, figlia mia!(**) ..Hai capito? (Giulia) sì, Giovanni, grazie! (Piccolo Giovanni) Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non usare molto la cordicella! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sai dire solo "Sì"! (Giulia) sì, Giovanni, cosa devo fare? i figli cadono di qua e di là, come posso alzarli se non uso quella? (Piccolo Giovanni) come è grande il tuo Cuore, Cocciuta della Croce! (Giulia) non so far nulla, Giovanni. Aiuta tutti i figli che sono qui riuniti: ascolta il loro grido. Giovanni, fai pascolare le tue Pecorelle nel Giardino del Padre e non lasciarci! (Piccolo Giovanni) sei sempre più cocciuta. Vedi, per Grazia di Dio sono ancora qui capriccioso come sempre a portarvi il mio Amore e l’Amore del Padre. Ora vi invito ancora una volta a pregare per i miei Confratelli. Pregate, figliuoli, pregate perché il nemico li sta confondendo. Unite i vostri cuori e sia ardente la vostra preghiera, e pregate ancora per il mio popolo. Io e il Fratello Domenico lasciamo scendere la Rugiada: voi abbracciate la Croce e non lasciatela, camminate nel Solco che Io vi ho segnato: IL SANTO VANGELO: tenetelo sempre alto, figliuoli del mio Cuore, e consolate il Cuore di Maria che gronda Sangue per i suoi figli! Figliuoli miei, vi amo così tanto! È dolce ascoltare i vostri sussurri: rimanete nell’Amore di Dio e gridate la Verità del Santo Vangelo che è Viva ed è in mezzo a voi perché il Padre vi ha scelti per gridarla al mondo e vi ha donato la Stanza dove vivere l’Amore di Dio. Fatela mangiare ai fratelli la Parola che Dio dona a voi. Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre. Visito il cuore di ognuno di voi e dei vostri cari, e i bagagli che mi avete portato e dico Amen alle vostre richieste, figliuoli del mio Cuore. Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figliuoli. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Immacolata) Come Umile Ancella mi inchino dinanzi alla Parola di Dio invitandovi a viverla. La Grazia di Dio è su di voi, figliuoli, ed Io come Mamma vi dono la Farina: IMPASTATELA E DONATELA AI FIGLI MINISTRI. Vivete questo santo giorno nella Grazia di Dio che lascia scendere su di voi e sul mondo intero. Figliuoli miei, Io sono Mamma per Amore e Mamma dei Dolori: siate Mamme anche voi e aspettate con Amore il trionfo del Cuore del Padre; gridatelo al mondo "Dio è Vivo, è in mezzo a noi e parla" e la sua Parola è Viva. La sua Promessa è duratura e avverrà, perché DIO È, oggi e sempre. Vivete il Santo Vangelo e aspettatemi, perché Io verrò ancora a portare il Pane Vivo dei Cieli. Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete e moltiplicatevi nel Segno Santo della Santissima Trinità. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI, figliuoli! (Immacolata e tutti noi) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Nome Santissimo di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen! (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero, Figli della Pace. Grazie, figliuoli miei, per il tempo che avete speso per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure. Lo Shalom di Dio rimanga nei vostri cuori e nel mondo intero, Pargoli del mio Cuore.

Prima Estasi Vigile ore 16,36  

[le prime parole del discorso sono andate perse. ] (Giulia)  ..Sangue ce lo dona attraverso i Sacramenti. Il 24 scorso eravate soli(*): Giulia era a letto(*), e con grande amore e sofferenza vi ha seguiti sul Legno della Croce. Non tutti, ma quasi tutti sapevate perché Giulia era a letto, no? e dico grazie al Signore dei Frutti che ha voluto portare in Cielo: i due Angioletti. Grazie Gesù per questo dono: due Creature che pregano nel Cielo per tutti noi; pregano anche per Giulia per donargli la forza.. a sapere accettare la Croce che Gesù gli poggia sulle spalle. E questa pioggia la vedo come la Rugiada degli Angeli che scende dal Cielo su di ognuno di noi <la pioggia per tutta la preghiera della Via Crucis in giardino>.. e non mi resta che dire col Cuore aperto "Gazie Padre" (Tutti) GRAZIE PADRE! (Giulia) Amen! (Tutti) Amen!

 

Seconda Estasi Vigile ore 16,51 

[L'audio è stato recuperato dalla telecamera] (Giulia) Come misera peccatrice mi inchino dinanzi a Gesù Vivo <dopo aver aperto il Tabernacolo>(*), e mi fermo sull’Ultimo Dolore: Maria alla tomba di Gesù <si era appena conclusa la recita dei Sette Dolori di Maria >(*). Quanti di noi ci fermiamo dinanzi alla tomba di Gesù?(*) ..pochi, pochissimi!(*) L’umanità, forse.. non forse.. si è dimenticata di avere Gesù che ci aspetta. Noi siamo morti, e abbiamo bisogno di presentarci davanti alla tomba di Gesù per avere il suo Soffio di Vita: ma chi lo cerca?(*) se ci guardiamo in faccia facciamo così.. stringiamo le spalle perché cerchiamo più il mondo che Gesù! E questo Gesù così Grande e Misericordioso, è sempre pronto a sorriderci e abbracciarci come abbraccia la Croce. Questo Gesù che è una Sorgente continua di Vita per l’umanità, per ognuno di noi, e ancora, noi, non riusciamo a comprendere il Messaggio di Gesù "Vi voglio vivi, vi voglio santi, vi voglio con me in Paradiso". Maria l’ha saputo accogliere dal primo istante "Eccomi, sono la tua Serva, fa di me quello che il Padre vuole". Quell’Eccomi non lo sappiamo ancora dire, ma Gesù ci ama e aspetta col Cuore ardente "Eccomi: sono la tua serva", "Eccomi: voglio gridare il tuo Amore", "Eccomi: voglio abbracciare la Croce come l’hai abbracciata tu": ed io dico "Grazie, Gesù. Grazie per avermi scelta come Piccola Cocciuta della Croce. Grazie per farmi gioire per i miei figli.. anche nella sofferenza, perché tu hai sofferto per abbracciarci".. e non si può arrivare al Legno della Croce senza abbracciare la Sofferenza. GRAZIE GESU’ (Tutti) GRAZIE GESU’! (Giulia) Perdonatemi per queste Parole, ma il Cuore batte e l’ho lasciato aperto!