LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 32

 

UNITEVI AL CUORE DI MARIA E PREGATE CON LEI COME

MAESTRA DELL'AMORE E MAESTRA DEL SI'

(dal messaggio del 01/05/2003)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

 

         1. Dom 27/04/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Immacolata) rimani seduta! Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù(*), i Calici Verdi e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta per l’umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo, figlia, immolati per i Grandi della Casa del Padre; immolati secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata, addolorata nel vedere il Cuore di Gesù trafitto e rinnegato; addolorata nel vedere i figli lasciati nella povertà. E come può essere il Cuore di una Mamma? Figliuoli miei, voi vedete piccole cose, Io vedo i flagelli del mondo; Io vedo i miei figli flagellati come il mio Gesù, e il mio Cuore è addolorato: trafitto da mille dolori! Invito ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, a pregare: IMMOLATEVI PER LA PACE! IMMOLATEVI PER LA PACE!(*) Implorate al Padre misericordia in questo giorno, figliuoli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (Immacolata) figlia mia, immolati ancora: abbraccia ancora come tu sai fare il Legno della Croce, bevi i Calici che il mio Gesù ti dona, perché a Lui vengono offerti, e come Sposa li offre al tuo Cuore! Fallo gioire ancora, figlia mia! (Giulia) sì, Mamma, con la tua grazia, ma datemi un po’ di respiro perché le mie forze le ho donate a Gesù! Mamma, Mammina mia, oggi anche se il tuo Cuore gronda Sangue, sei bella! (Immacolata) figlia, sono bella perché amo, e vengo a insegnare l’amore ad ognuno di voi, e l’amore che Io insegno è l’Amore di Dio: raccoglietelo, portatelo nei vostri cuori, fatelo ardere e donatelo all’umanità intera in questo giorno divino, figliuoli del mio Cuore! Ecco, Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori, dove abita il mio Gesù! voi che siete Tabernacoli dell’Amore vivo del Padre, gridate al mondo intero la misericordia di Dio: fatela conoscere, fatela amare, fatela scorrere come un fiume in piena e non fermatevi, figli del mio Cuore Immacolato e Addolorato. Io parlo a voi e parlo al mondo intero, e come Mamma vi raccolgo uno ad uno dinanzi ai piedi della Croce per vivere in pieno l’Amore che Gesù vi ha donato e vi dona attimo per attimo, perché il mio Gesù è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna, figli! Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) Pace a voi! Pace a voi!  Pace a voi, figli del mio Cuore! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell’Amore e nella Quiete del santo Vangelo vengo a portarvi la tosse di Gesù <5 colpi di tosse con alitazione>(*) siete gioiosi.. (Tutti) ..sì!.. (Piccolo Giovanni) ..che vengo anche oggi a portarvela con l’Alito dello Spirito Santo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) raccoglietelo! <5 colpi di tosse con alitazione>(*) Figli miei, è così grande il mio Amore per ognuno di voi che vi dono anche la mia tosse, il mio respiro; e vedervi riuniti nell’Amore pieno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, perché Io vengo a portare solo la Verità del santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto, a farlo bruciare nei vostri cuori e a donarlo all’umanità! E oggi sono entrato dicendo “Pace a voi, figli”, ma la Pace che Io porto è la Pace del Padre, quella Pace che riempie i cuori, quella Pace che fa vivere come figli, quella Pace che unisce come la Famiglia di Dio, non la pace che vedete sulle strade! Figliuoli miei, pregate, pregate perché ci sia pace! Pace a voi, Discepoli, Colonne, Suorine del Cuore della Croce! <5 colpi di tosse con alitazione>(*) Paolo! (Paolo) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sei gioioso? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) e cosa hai raccolto del santo Vangelo di questo giorno? <2° dom. di Pasqua/B, Gv. 20,19-31>  (Paolo) lo abbiamo appena vissuto(*).  (Piccolo Giovanni) e non  mi racconti nulla? (Paolo) anche Gesù a quei tempi è entrato dai discepoli dicendo “Pace a voi!” (Piccolo Giovanni) non vi dico di mettere le mani attraverso i Chiodi e il Costato! (Paolo) noi ci crediamo, quindi non abbiamo bisogno (Piccolo Giovanni) non ho trovato ancora un san Tommaso! (Paolo) se lo vuoi trovare te lo devi cercare, tra noi.. (Piccolo Giovanni) ..non c’è bisogno di cercarli! (Paolo) tu lo sai già (Piccolo Giovanni) dinanzi agli occhi di Dio è tutto aperto, è tutto luce! Ehm.. ma mi diverte un po’ questa tossicina! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Paolo) ci vuol far sentire la sua presenza, Gesù! (Piccolo Giovanni) ama così tanto ognuno di voi e l’umanità intera che si dona in tutti i modi! Ma l’umanità, purtroppo, è sorda ed è cieca! (Paolo) eh, si! (Piccolo Giovanni) ed Io come Sacerdozio Vivo ed Eterno mi dono anche attraverso i sussurri della tosse, non lasciando nulla per me ma tutto per l’umanità e per ognuno di voi! Ma.. (Paolo) ..Gesù ha detto ai discepoli “Io sono stato mandato dal Padre, e, come Io sono stato mandato dal Padre, mando voi”  (Piccolo Giovanni) perché? forse non vi sto mandando? (Paolo) si, e ha dato il suo Alito e li ha pieni di Spirito Santo! (Piccolo Giovanni) non ve l’ho forse donato? (Paolo) si, e ha detto loro di rimettere i peccati.. e saranno rimessi, e non saranno rimessi a tutti coloro che non li rimetterete (Piccolo Giovanni) voi cosa volete fare? amare, perdonare, usare carità verso tutti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e al primo posto portare sempre i vostri nemici! È bello fare questo per Gesù? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e fatelo col cuore aperto, perché siete stati scelti, sigillati uno ad uno, e l’Alito dell’Amore è su di voi! Di chi avete paura.. (Paolo) ..non c’è da avere paura.. (Piccolo Giovanni) ..se Dio è con voi?(*) (Paolo) Lui c’ha la certezza assoluta.. (Piccolo Giovanni) ..di chi spaventarsi? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) ma vi invito ancora a stare attenti al nemico: combattetelo con l’amore, figli miei! Combattetelo amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici dinanzi all’Altare del Padre! vedete com’è bello?: Dio Padre che viene in mezzo ai figli a costruire la Stanza dell’Amore! Dio che scende sull’umanità a costruire cosa? un castello d’oro? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) a costruire l’Amore che vale molto più del castello d’oro! A cosa vi servirebbe un castello d’oro senza l’Amore di Dio? (Paolo) a niente! (Piccolo Giovanni) e voi cosa volete? (Tutti) l’Amore (Piccolo Giovanni) <4 colpi di tosse con alitazione>(*) ed Io ve lo dono! (Paolo) come hai sempre fatto! (Piccolo Giovanni) il mio Amore! E tu cosa vuoi, Telesfore? (Telesfore) io voglio la stessa cosa (Piccolo Giovanni) cosa? (Telesfore) l’Amore! (Piccolo Giovanni) <3 colpi di tosse con alitazione>(*) l’hai raccolta? (Telesfore) si (Piccolo Giovanni) e non tenerla tutta per te, donala ai figli, ai fratelli deboli, quei figli che non riescono ad amare e non riescono a cercare, dona l’amore che hai chiesto, figlio mio! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ma, dimmi! (Telesfore) il mio cuore arde! (Piccolo Giovanni) bene, è un buon segno! (Telesfore) ma arde nel sentire la tosse di Gesù! (Piccolo Giovanni) solo per questo? (Telesfore) no, ma arde ché vorrei sapere cosa c’è.. il mistero che ci sta dietro! (Piccolo Giovanni) ogni cosa al suo tempo! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) dovete essere contenti di averla sentita, non è tutti i giorni sentire la tosse di Gesù! (Telesfore) veramente non si è mai sentita! (Piccolo Giovanni) eh, non è di tutti i giorni, o mi sbaglio, Paolo! (Paolo) ma che io ricordi, non.. (Piccolo Giovanni) ..non l’avete mai letta in nessun libro e neanche sentita! (Paolo) di Alito se n’è sempre parlato, ma di tosse.. (Piccolo Giovanni) ..e non tutto è stato scritto: c’era poco tempo! (Paolo) eh, si (Piccolo Giovanni) le cose shoè shoè.. (Paolo) ..allora era.. (Piccolo Giovanni) ..non venivano scritte (Paolo) questo mi fa pensare che ai discepoli ha dato anche la tosse perché.. (Piccolo Giovanni) se la dona oggi.. (Paolo) ..vuol dire che l’ha data anche a loro. d’altronde, il Vangelo di oggi lo dice che ci sono tante cose che non sono state scritte    (Piccolo Giovanni) perché non ritenute.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..valide! (Paolo) è stato ritenuto sufficiente.. (Piccolo Giovanni) ..l’Alito! (Paolo) esatto, come testimonianza della sua presenza e della sua risurrezione (Piccolo Giovanni) poteva sembrare “è venuto a portarci una malattia” <si ride un po’> (Paolo) eh, anche questo.. (Piccolo Giovanni) ..la tosse.. e quindi hanno preso il respiro eliminando la tosse. Questo Gesù che era morto, un fantasma, poteva portare anche un malanno, no? (Paolo) eh, a quei tempi c’era questo (Piccolo Giovanni) ehm.. fino ad adesso non ve ne ho portate, vi ho portato solo il santo Vangelo e l’Alito dell’Amore! ..e da giovedì anche la tosse! (Paolo) si. A quanto sembra, la tosse terrà banco anche in futuro! (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani e stringo le spalle, e sto all’ubbidienza del Padre! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) ma raccontami qualcosa: Paolo ...... (Paolo) ..... della tosse ..... , certo è un.. elemento per noi strano ed è giunto molto gradito, ehm.. perché ci riporta un po’.. me lo diceva Carolina in macchina l’altro giorno questo, mi ci ha fatto riflettere (Piccolo Giovanni) cosa diceva? (Paolo) che a Gesù è stato offerto del cibo: pesce, per verificare che non fosse un fantasma; dice “un fantasma..”, dice, “non mangia”, quindi diventa come una prova.. (Piccolo Giovanni) ..si.. (Paolo) ..per verificare che fosse veramente Lui , e la tosse sta appunto a testimoniare ed indicare ancora in un modo più.. (Piccolo Giovanni) ..”che non sono un fantasma”.. (Paolo) ..ehm.. “sei effettivamente tra di noi” (Piccolo Giovanni) i fantasmi possono tossire? (Tutti) no! (Paolo) come non possono mangiare il pesce! (Piccolo Giovanni) e come non possono mangiare.. ...... (Paolo) ed io ieri ho anche compilato l’elenco dei sostenitori della tua Fondazione, c’ho lavorato un po’ ieri sera, adesso è completato ma mi deve aiutare Telesfore.. in questo.. (Piccolo Giovanni) un po’ per uno! (Paolo) un po’ per uno, si.. (Piccolo Giovanni) ..ed anch’Io!(*) mi raccomando, ubbidite alla Piccola Cocciuta.. (Paolo) ..si, si (Piccolo Giovanni) ché se incomincia a gridare sono guai! (Paolo) Lei ci ha fornito delle indicazioni e.. a noi.. io sto imparando che non.. anche quando ciò che Lei dice non.. non sembra proprio giusto ai nostri occhi.. (Piccolo Giovanni) ..ma giusto.. (Paolo) ..ma lo è agli occhi di Dio, quindi.. (Piccolo Giovanni) ..agli occhi di Dio! (Paolo) quindi bisogna.. (Piccolo Giovanni) ..bisogna camminare.. (Paolo) ..bisogna camminare eseguire.. (Piccolo Giovanni) ..nel Solco.. (Paolo) ..e basta, perché.. (Piccolo Giovanni) ..non uscire fuori il Solco, perché non ascoltando si esce fuori il Solco.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ed Io non lo desidero, come non lo desidera la Piccola Cocciuta! (Paolo) si! Devo.. devo ammettere che.. ehm.. tante volte, fare ciò, ehm.. riesce difficile, ma bisogna ugualmente farlo (Piccolo Giovanni) perché come lo fate incominciate a vedere la Luce.. (Paolo) ..si (Piccolo Giovanni) lo so, sembra tutto sbagliato, perché quello che sbagliato per voi è corretto.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..dinanzi agli occhi del Padre! (Paolo) dovremmo sempre essere gioiosi di essere.. (Piccolo Giovanni) ..guidati.. (Paolo) ..guidati e colti in errore, perché è proprio lì che abbiamo bisogno di essere corretti! (Piccolo Giovanni) e invece un po’ dell’”Io” si alza.. (Paolo) ..esatto, si.. (Piccolo Giovanni) ..e la Piccola Cocciuta cerca di abbassarlo, ma ci deve lavorare un bel po’! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) ma pazienza ancora ce n’ha e il Padre gliene dona tanta! (Paolo) anche Telesfore, però, non è che sia tanto.. quando.. (Piccolo Giovanni) ..non è che sto parlando solo di te! <si ride un po’>(*) quando deve lavorare con Telesfore.. (Paolo) ..e l’ho visto anch’io, eh, dice “ma come?”.. eh.. come? (Piccolo Giovanni) ma quando poi grida vede tutti i colori del cielo! Vero, Telesfore? (Telesfore) proprio.. (Piccolo Giovanni) ..quando si mette a gridare, la Piccola Cocciuta fa scendere tutti i colori del cielo! (Telesfore) povero me! (Piccolo Giovanni) non povero te, povera Cocciuta, perché se si ascoltasse si direbbe solo una parola. Vero, Paolo? (Paolo) se si ascoltasse non ci sarebbe bisogno nemmeno di pensarci, Giovanni, perché è Vangelo quello che Lei dice, quindi non si deve nemmeno riflettere su quello che dice: si deve eseguire e basta! (Piccolo Giovanni) è così! (Paolo) non sono suggerimenti, consigli, come noi tutti facciamo con altre persone, altre persone fanno con noi e poi a nostra discrezione noi li seguiamo o meno! (Piccolo Giovanni) o come fanno, che chiedono alla Piccola Cocciuta un consiglio e fanno chissà cosa per parlare con Lei, e poi viene messa da parte! (Paolo) cioè, ehm.. molti vorrebbero che le risposte fossero proprio adeguate.. (Piccolo Giovanni) ..programmate! (Paolo) programmate, si (Piccolo Giovanni) sui loro programmi.. (Paolo) ..sui loro programmi.. (Piccolo Giovanni) ..non sul programma di Dio! (Paolo) esatto, si (Piccolo Giovanni) ma la Piccola Cocciuta non dona programmi del mondo, ma quelli segnati col Segno della Croce! (Paolo) io dico sempre una cosa: che quando uno di noi si rivolge a Lei, già a priori deve essere convinto di fare ciò che Lei gli dice, al di là se piace o non piace, altrimenti non ci si deve rivolgere a Lei. Se uno si rivolge a Lei con l’intenzione di dire “ah, vediamo quello che dice”, vediamo quello che dice nel senso che “se mi piace lo faccio, se non mi piace non lo faccio”: a quel punto non ci si deve più rivolgere a Lei! (Piccolo Giovanni) ma tu che ti pensi.. (Paolo) ..che.. (Piccolo Giovanni) ..che la Piccola Cocciuta non sappia già prima? (Paolo) sì, è vero, questo ce l’hai sempre detto che Lei sa già! (Piccolo Giovanni) lo sa già prima, e il suo dolore è quello, perché deve donare la risposta pur sapendo che viene.. (Paolo) ..scartata e buttata via! (Piccolo Giovanni) bravo!(*) Ma Lei con amore e pazienza lo fa perché deve ubbidire al Padre! (Paolo) e con sofferenza pure, perché vede quel figlio che continua a camminare sulla strada sbagliata pur avendogli detto Lei la cosa giusta: questo è il suo dolore a mio avviso! E dice “come, io ho detto quello che deve fare e adesso deve andare al precipizio e non seguire ciò che.. che è giusto e che io gli ho suggerito! (Piccolo Giovanni) ora riuscite ad immaginare qual è il dolore di Maria? qual è il dolore della Mamma? (Paolo)(Piccolo Giovanni) Lei c’ha donato l’Ascensore, ma chi lo prende?: IN POCHI! Almeno voi, non lasciatelo e seguite le orme di Maria, Io vi seguo donandovi la tosse. <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Paolo) sembra la tosse di un bambino, Giovanni! (Piccolo Giovanni) perché? Dio non è bambino? (Paolo) certo, Dio è bambino (Piccolo Giovanni) Dio è capriccioso, Dio è Bambino e si dona come Bambino all’umanità e ad ognuno di voi perché ci ama, e il suo Amore non ha limiti! Ma ditemi, avete salutato Eliseo? (Paolo) come? (Piccolo Giovanni) avete salutato Eliseo? (Telesfore) Eliseo? no! (Piccolo Giovanni) non gli avete fatto gli auguri di Pasqua del Cristo Risorto? (Telesfore) veramente ce l’ha fatti lui a noi attraverso Natanaele (Piccolo Giovanni) e voi? (Telesfore) e noi niente! (Piccolo Giovanni) che bella figura! (Paolo) o.. a.. veramente.. io ho parlato con Natanaele.. io non l’ho chiamato, Natanaele mi ha detto di avere parlato con lui e di avere fatto gli auguri e.. (Piccolo Giovanni) ..e voi? (Telesfore) e noi.. mo’ stasera lo facciamo e.. e se gli vuoi mandare a dire qualche cosa (Piccolo Giovanni) la tosse! (Telesfore) la tosse? eh! (Piccolo Giovanni) <3 colpi di tosse con alitazione>(*) e un abbraccio! (Telesfore) lo farò! (Piccolo Giovanni) e ditegli che Gesù è risorto: ALLELUIA! (Tutti) ALLELUIA! (Paolo) lo sai che ieri l’ho messo per errore nell’Elenco dei Sostenitori della Fondazione? adesso non so come devo fare a toglierlo! <Eliseo non può essere inserito nell’Elenco dei Sostenitori della Fondazione perché fa già parte del Consiglio di Amministrazione, per cui è Sostenitore a tutti gli effetti>(*) (Piccolo Giovanni) e come lo hai messo lo togli! (Paolo) eh (Piccolo Giovanni) non è difficile! (Paolo) è tutto numerato, lì, si sfasano tutti i numeri! (Piccolo Giovanni) provaci! (Paolo) ci provo? (Piccolo Giovanni) si (Paolo) me ne sono accorto quando sono arrivato a Pietro, perché lui fa parte del Consiglio e quindi non deve essere incluso in quell’Elenco così come pure Eliseo (Piccolo Giovanni) prova a spostare il numero! (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) bene! <batte dolcemente la mano di Telesfore per invitarlo a parlare>(*) (Telesfore) quando Gesù è entrato a porte chiuse, (c’)erano tutti i dodici apostoli?  (Piccolo Giovanni) la prima volta mancava Tommaso, la seconda volta c’era per fargli infilare le dita nei Chiodi e nel Costato! (Telesfore) ma noi oggi siamo dodici con lo Strumento (Piccolo Giovanni) e mo’ cosa vuoi da me? (Telesfore) quindi è la stessa cosa?(*) ma Giuda non c’era, però! (Piccolo Giovanni) e no! (Telesfore) eh! (Paolo) quindi oggi manca Tommaso? ..è la prima volta, oggi, non è la seconda!(*) ..quindi, fra otto giorni.. (Piccolo Giovanni) <3 colpi di tosse con alitazione>(*) Bene, figliuoli! (Paolo) “è meglio non approfondire”, dici tu! (Piccolo Giovanni) non posso parlare! È già tanto che vi dono la tosse e voi cercate di scavare! Ogni cosa.. (Paolo) ..a suo tempo.. (Piccolo Giovanni) ..a suo tempo! Bene! Cosa vogliamo fare, Telesfore? (Telesfore) eh, adesso è un bel po’ che non lo facciamo! (Piccolo Giovanni) siete voi a ricordarvi! (Telesfore) consoliamo il Cuore di Maria. Io suggerirei di farlo in ginocchio! (Piccolo Giovanni) Amen!: <tutti in ginocchio, rispettosamente, per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE E’ VIVERE E NASCERE NEL CUORE DEL PADRE!(*) Io ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo! <6 colpi di tosse con alitazione>(*) ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Immacolata) Ecco, figliuoli del mio Cuore, Dio è vivo, è in mezzo a voi e parla: sia piena la vostra gioia! Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici! State attenti al nemico: combattetelo con l’Amore e l’Alito che il Padre vi ha donato! Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: FATELO ANCHE VOI! (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen. (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figli del Cuore della Croce, grazie per il tempo che avete speso per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure, Rose Vive del mio Cuore!

 

 

         2. Giov 01/05/2003, ore 07.30, messaggio orale

inizio mese di Maggio

Giulia scrive il messaggio orale e dice: "Vedevo un Globo e una Colomba in centro". Ecco il messaggio:

(lo Spirito Paraclito) vieni, figlia mia, sono Io, lo Spirito Paraclito! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre! (lo Spirito Paraclito) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Ora scrivi per Maria, figlia mia!

 

O vergine piena di Gloria,

tu che ci doni Gesù Vivo nei nostri cuori,

fa o Maria che sappiamo donare Gloria a Dio

Amen.

 

Un'Ave Maria secondo le Intenzioni del Padre

 

 

         3. Giov 01/05/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia, ancora una volta per l’umanità tutta con i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia, immolati secondo le mie intenzioni! (Giulia) con la tua grazia, Gesù! (Gesù) figlia, abbraccia con me i Chiodi Divini ancora! <1° grido>(*) Sollevati, figlia! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) figlia mia, guarda i Chiodi Divini(*), vuoi abbracciarli ancora? (Giulia) con la tua grazia, Gesù, sì! <2° grido>(*) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) sollevati, anima mia! (Giulia) perché piangi così? Gesù, perché il tuo volto è bagnato? (Gesù) figlia mia, Io piango per l’umanità intera, e il mio Volto è bagnato di sudore nel vedere i flagelli che stanno scendendo sull’umanità! Guarda, figlia, guarda! (Giulia) Gesù, non reggo! ..non reggo! <3° grido>(*) (Gesù) sollevati, anima mia e bevi: bevi questi Calici: sono amari, figlia! <bevute amare e sospiri>(*) (Giulia) Gesù, tu piangi ancora e il tuo Volto è ancora bagnato! (Gesù) guarda, figlia mia,: guarda con i tuoi occhi!(*) (Giulia) Gesù! Gesù mio: MISERICORDIA! MISERICORDIA! In questo giorno io ti chiedo, per coloro che non ti amano e non ti onorano, Gesù, misericordia! (Gesù) figlia, non toccare ciò che stai vedendo, ma bevi! (Giulia) donatemi la costanza e la forza perché la mia non c’è più! ..non che non ti amo, Gesù: ti amo fino all’ultimo respiro, ma donatemi un po’ di respiro!(*) (Gesù) figlia mia, il tuo carico è pesante: mi poggio su di te perché non trovo anime a disposizione che si aprono in pieno, e i tuoi Dolori sono i miei Dolori, figlia; i miei sudori sono i tuoi sudori, perché nel vedere i figli perdersi Io grondo lacrime di Sangue! Poggiato sulla Roccia grondo sudori di Sangue e prego il Padre, e mi poggio su di te, figlia del mio Cuore! E il mio Dolore è enorme nel vedere il tuo corpo flagellato per amore, come il mio. Per amore mi lascio flagellare; per amore sono qui in mezzo a voi, figliuoli miei, a portare il mio saluto”Pace a voi”; ma la mia Pace è piena, la mia Pace è duratura mentre guardo la pace del mondo. il mio Cuore viene trafitto come viene trafitto il Cuore di Maria! Figlia, vuoi abbracciare ancora i Chiodi Divini? (Giulia) sì, Gesù, lo voglio! <4° grido>(*) (Gesù) figlia, abbracciare i Chiodi è come tenere il Bimbo tra le braccia, e Dio è il Dio Bambino che si lascia cullare attraverso i Dolori vivi del suo Amore! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi e dell’umanità intera, figli! E in questa serata Io vi porto i miei sudori! Nell’Orto degli Ulivi ad aspettare l’abbraccio della Croce, i miei sudori hanno bagnato l’umanità: il mio Sangue è sceso prima di abbracciare la Croce perché il mio Amore è così grande per ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, che non ho aspettato per donarvi tutto il mio Amore! E l’Amore di Dio non è l’amore che abita sulla terra, l’Amore di Dio non ha misure! gli uomini fanno fatica a donare l’amore al proprio fratello: MISURATE ANCHE QUELLO: misurate anche l’amore: “a quello di più”, “all’altro meno”, “all’altro no perché non mi piace”, e Dio vede tutto questo: nulla è nascosto agli occhi del Padre, ma dovete ricordare che Dio è Giudice e viene anche come Giudice! Dovete solo ricordare che non conoscete né l’ora e neanche il giorno, ma verrà perché è stato promesso “aspettatemi, Io verrò”. E nell’attesa dovete far crescere l’amore verso Dio e verso i fratelli, perché siete tutti figli e fratelli, e ciò che Io vengo a portare è Amore, Pace, Fratellanza! Ma l’umanità è sorda ed è cieca: l’umanità non vuole guardare le meraviglie di Dio; l’umanità ha dimenticato di avere una Casa in Cielo; l’umanità ha fretta di costruire tesori sulla terra; ma sapete bene, figli: i tesori terreni non li potete portare quando sarete chiamati a Casa e non hanno alcun valore nel salire in Cielo! Figli miei, siate coscienti, distaccatevi dalle cose del mondo e legatevi all’Unico Bene che è Dio, all’Unico Amore che è il Padre, all’Unico Legno che è il Figlio, e non dimenticate l’Amore dello Spirito Santo: fatelo ardere nei vostri cuori e donatelo perché Io ve l’ho donato alitando su di voi, figli miei! Ora volete ardere un po’? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto(*). ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli, Amen, Amen, Amen. Eccomi! Per volere del Padre sono ancora qui in mezzo a voi dicendo “Pace a voi”! Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, è bello stare in mezzo a voi; è bello portare il santo Vangelo e invitarvi sempre a tenerlo alto e a viverlo nei vostri cuori! Ma Io vi ricordo sempre di stare attenti al nemico: è sempre pronto col suo piccolo strascico di coda a confondere e a seminare il suo odio per farvi cadere! Combattetelo con l’amore, amatevi gli uni gli altri, amatevi con il Soffio dello Spirito Santo: l’Alito di Dio che il Padre mi lascia portare in mezzo a voi! lo volete ancora? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) <5 colpi di tosse con alitazione>(*) accoglietelo e fatene tesoro! Figli miei, vedete quanto è grande l’Amore di Dio?come è grande il suo Alito che scende? <4 colpi di tosse con alitazione> abbraccia l’umanità intera! Ma l’umanità rimane scandalizzata a questo, come rimane sorda e cieca dinanzi alla Parola viva che Dio viene a portare nella Dimora, nella Stanza dell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! E oggi avete consolato il Cuore di Maria? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e avete consolato con la preghiera che lo Spirito Santo ha portato all’alba? (Tutti) sì! <=la preghiera dettata a Giulia stamattina dallo Spirito Santo e letta da Telesfore prima della preghiera> (Piccolo Giovanni) che parole! Paolo! (Paolo) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) l’hai sentita? (Paolo) sì, l’ho sentita, ma mi piacerebbe riascoltarla!  (Piccolo Giovanni) Telesfore! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) falla riascoltare.. (Telesfore) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ancora! (Telesfore) subito? <Giovanni assente>(*) “O Vergine piena di Gloria, tu che ci doni Gesù vivo nei nostri cuori, fa o Maria che sappiamo donare gloria a Dio. Amen!” (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Amen!(*) (Piccolo Giovanni) che parole! (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) e alla Piccola Cocciuta gli dicevo “ma a quale scuola sei andata?”. Poverina, Lei mi rispondeva “sai bene che scuola ho: forse sono andata alla Scuola di Maria!” (Telesfore) uh! (Paolo) l’unica vera Scuola! (Piccolo Giovanni) l’unica vera scuola! La scuola di Maria è il suo Cuore, il Cuore di Mamma aperto all’umanità, aperto al “Sì” donato a Dio; e dopo avere insegnato, il Sì donato a Dio è tutto, vero? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ma dimmi, Paolo, cosa è rimasto nel tuo cuore del santo Vangelo di questo giorno? <giovedì della 2° settimana dopo Pasqua /B Gv. 13, 54-58> (Paolo) pensando a quello che si è verificato allora, c’è amarezza nel mio cuore, anche perché si sta verificando oggi (Piccolo Giovanni) il Vangelo non sarebbe vero (Paolo) Gesù si è.. si è fatto uomo proprio non mantenendo niente apparentemente di divino: lo vedevano come un poveraccio, dice “ma questo figlio di carpentiere che cosa.. che cosa deve venire a insegnare a noi?”, “ma chi è questo qua?”. E queste sono le cose che.. (Piccolo Giovanni) ..è il Figlio di Dio.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..venuto per Amore, e la gelosia del mondo l’ha messo in Croce! “Eliminiamolo così i poteri rimangono!” (Paolo) se fosse stato un personaggio importante l’avrebbero preso in considerazione! (Piccolo Giovanni) Dio avrebbe potuto fare anche questo (Paolo) ma non ha voluto (Piccolo Giovanni) ma Dio.. (Paolo) ..è con il popolo, è semplice, è umile(*) ........ (Piccolo Giovanni) non c’è un Dio.. non esiste, la misura di Dio è una sola, e non fa alcuna distinzione! Ama l’umanità intera con la stessa misura: con la misura della Croce! hai capito, Paolo? (Paolo) ho capito, sì! (Piccolo Giovanni) e voi che siete Figli della Croce dovete amare con la stessa misura: con la misura di Dio, anche se tutto quello che vedete nel mondo vi fa rabbia! Cosa dovrebbe fare il Padre che vede quello che voi non vedete? (Paolo) noi vediamo poca cosa, eppure.. (Piccolo Giovanni) ..e soffrite (Paolo) si (Piccolo Giovanni)  il Padre che vede tutto dovrebbe abbassare la mano? (Mosè) no! (Piccolo Giovanni) ma non lo fa perché ci ama! I flagelli scendono perché non c’è amore: NON E’ IL PADRE A MANDARLI! C’è poca preghiera, poco ascolto alla parola di Dio; e il modernismo sta allontanando sempre di più dalla Porta e dal Solco! Chiedo a voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, di pregare; in questo tempo unitevi al Cuore di Maria: l’unica Fonte Viva che vi porta al Cuore di Dio e pregate con Lei come Maestra dell’Amore, Maestra del Sì! (Paolo) noi solo questo possiamo fare, Giovanni! (Piccolo Giovanni)  è questo che vi chiedo: voi non sapete il valore della preghiera fatta col cuore che sale! E chiedo a voi di pregare e di pregare per la Pace: non dimenticatevelo perché non c’è pace! Pregate per la Pace e pregate per il Papa: RIMANETEGLI VICINO, figliuoli miei!(*) Vi piace la tosse? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) la volete ancora? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) <4 colpi di tosse con alitazione>(*) ci sto prendendo gusto! ........(Telesfore) però non mi è.. non mi è nuova questa tosse, è come se io l’avessi già sentita! (Piccolo Giovanni) <4 colpi di tosse con alitazione> (Telesfore) ma non adesso, però! (Piccolo Giovanni) quando l’hai sentita? (Telesfore) bò, non lo so! Può darsi che l’abbiamo sentita, diciamo.. 2000 anni fa! (Anna) quando eri in mezzo.. tra noi, perché tossivi quando fumavi, e noi pensavamo che fosse il fumo.. e.. e invece è la scusa.. <5 colpi di tosse con alitazione> alitavi su di noi! Infatti io l’ho raccontato al mio viceparroco che Gesù ci ha alitato su di noi con la sua tosse, e c’è rimasto! ..gli ho dato anche i messaggi, però lui non mi dice niente.. però li ha accettati, don Mario, e penso che abbia aperto il cuore! (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani! (Anna) ma sono due o tre messaggi che se li prende ogni volta che glieli do! ..solo lui! <=ha accettato due o tre pubblicazioni mensili dei messaggi della Stanza> (Piccolo Giovanni) lasciamo tutto nelle mani del Padre! Ehm.. quando mi chiedevate “possiamo portare i messaggi”, Io rispondevo “senza imporre niente a nessuno”.. (Anna) ..si, si.. (Piccolo Giovanni) ..e senza aspettare una spiegazione! Lasciate scorrere: tutto arriva al Fiume di Dio e non si perde nulla! Vi piace questo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e fate scorrere! Tele’! (Telesfore) quest’altro segno.. (Piccolo Giovanni) ..questo mi prende tutti i segni e poi chiede alla Piccola Cocciuta “mi ha fatto così”, “mi ha detto così”.. cosa.. <si ride un po’>(*) (Telesfore) e quella ride e zitta! (Piccolo Giovanni) e il guaio è che non può parlare.. (Telesfore) ..ah(*).. (Piccolo Giovanni) ..e stringe le spalle come le stringo Io! (Telesfore) però.. cioè, io da quanto ho capito.. (Piccolo Giovanni) ..vediamo cosa ha capito! (Telesfore) i segreti della Piccola Cocciuta.. cioè, ogni tanto qualche goccia scappa, però si prende e non si prende (Piccolo Giovanni) qualcosa che può dire, ma il resto non scappa (Telesfore) no, no, ma la dici tu, non è che la dice Lei (Piccolo Giovanni) quello che.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..il Padre mi fa dire! (Telesfore) eh, però non.. (Piccolo Giovanni) ..ma non pensare che mi scappi! (Telesfore) ma non ci fai capire niente, però! (Piccolo Giovanni) Dio parla! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) ehm.. (Telesfore)  ..però parla! (Piccolo Giovanni) e alita! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) <4 colpi di tosse con alitazione>(*) sta a voi raccogliere e far crescere: avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e non bisbigliate sempre! <in fondo alla Stanza qualcuno bisbigliava>(*) Paolo! (Paolo) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa c’è nel tuo cuore? (Paolo) oggi non sono riuscito a combinare niente (Piccolo Giovanni) perché? (Paolo) ero teso, ero.. forse il caldo, non lo so; poi ho pensato che forse sono stato messo a riposo perché è festivo<si ride un po’>(*) (Piccolo Giovanni) anche Telesfore oggi è stato a riposo.. (Paolo) eh, eh.. (Piccolo Giovanni) ..non ha fatto nulla, ha gironzolato un po’, vero? (Telesfore) si (Mosè) infatti oggi è la festa dei lavoratori (Piccolo Giovanni) e si sta a riposo! (Paolo) ho provato a suonare e non usciva niente; ho provato a scrivere e ho combinato più guai che.. che cose buone, e allora poi ho capito, dice “ah, oggi non è giornata per fare proprio niente”! (Piccolo Giovanni) “mi fermo”. E ti innervosisci per questo? (Paolo) ma il nervosismo è sempre difficile a spiegare, le cause non sono facilmente inquadrabili (Piccolo Giovanni) devi semplicemente, quando vedi queste cose, dire “Padre, eccomi: usami come vuoi tu”! lo farai? (Paolo) lo farò, si! (Piccolo Giovanni) vediamo la prossima volta!(*) in quell’attimo il Padre ti vuole usare per le sue cose, e se tu non ti fermi come fa a farlo? devi solo dire “Padre, eccomi!” (Paolo) e Lui fa tutto? (Piccolo Giovanni) e Lui fa tutto come sempre! ........ siete Strumenti.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..e vi usa come vuole Lui! ........ anche la Piccola Cocciuta lo dice! “tu mi hai mandata, ora vedi cosa devi fare”. È bello sentirla gridare nel giusto del Vangelo! Tele’! (Telesfore) hai visto? (Piccolo Giovanni) cosa? (Telesfore) il canto all’inizio? sembrava un’orchestra: due chitarre!........ (Piccolo Giovanni) eri gioioso nel vedere le due chitarre? (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) è bello! (Telesfore) io pensavo “potevo suonare io qualche cosa, però non so suonare niente” (Piccolo Giovanni) puoi suonare il fischietto! <si ride un po’>(*) (Telesfore) eh.. il fischietto? (Piccolo Giovanni) che ancora la Piccola Cocciuta non l’ha portato al suo posto (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) ma non la rimprovero perché c’è tempo!(*) ehm.. e quindi due chitarre e un fischietto, fate l’orchestra al Cuore di Dio, al Cuore di Maria; la musica mi è sempre piaciuta (Telesfore) si (Piccolo Giovanni) e cantare è pregare due volte, la preghiera è ancora più forte! (Paolo) e io che pensavo di non pregare (Piccolo Giovanni) canti dalla mattina alla sera! (Paolo) è quello che stavo pensando! (Piccolo Giovanni) che stordisci tutti i tuoi vicini! <si ride un po’>(*) (Paolo) e non lo so, io! (Piccolo Giovanni) nel senso buono!(*) ..ti sentono, ti sentono! (Paolo) eh, lo so che mi sentono, perché negli appartamenti si sentono i rumori (Piccolo Giovanni) e vengono rapiti! (Paolo) questo non lo sapevo! (Piccolo Giovanni) lo so Io! E non è che mi è scappata, come dice Telesfore, mi è concessa di dirlo! (Paolo) sono contento di questo (Piccolo Giovanni) ma vacci piano, eh! <si ride un po’>(*) (Paolo) soprattutto alle 11 di sera (Piccolo Giovanni) ah, quanto vi amo, figli miei; Famiglia della Croce; figli che ho raccolti per fare arrivare il profumo al Cuore del Padre! e sono gioioso dei vostri profumi: rimanete sempre piccoli, poveri, amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici, figli del mio Cuore! ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, combattetelo con l’amore, pregando, amando e asciugando i sudori di Gesù con i vostri cuori aperti, figli! Telesfore! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) dimmi qualcosa! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) come sta la Piccola Cocciuta? (Telesfore) ih, si lamenta sempre (Piccolo Giovanni) non la conosco.. (Telesfore) ..non la conosci?.. (Piccolo Giovanni) ..lamentosa!(*) di che cosa si lamenta? (Telesfore) e si lamenta degli acciacchi del mondo! (Piccolo Giovanni) quelli piccoli! (Telesfore) quelli piccoli! (Piccolo Giovanni) e quelli grandi? (Telesfore) quelli grandi li sopporta, li tiene stretti! ..quelli non si vedono! (Piccolo Giovanni) eh, non li vedi tu! (Telesfore) eh, tu li vedi, si! Ti manda gli abbracci la tua Marì.. abbracci alla Corte Celeste, e ha.. si è raccomandata che vuole preghiere perché si trova un pochettino non.. in difficoltà: tu sai i problemi che.. tutta la famiglia! (Piccolo Giovanni) e donagli il saluto della buona notte (Telesfore) si (Piccolo Giovanni) e digli che Io veglio sempre sulla sua capanna; e digli anche che l’aspetto! Glielo ripeto ancora una volta:  IO SONO VIVO! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) digli questo! (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) bene, Io devo ritornare all’ubbidienza del Padre! (Telesfore) auguri per domani (Piccolo Giovanni) grazie! È il dono più bello nascere nel Cuore del Padre, e la mia gioia è vedere i vostri Nomi che brillano nei Cieli! Rimanete sempre piccoli, figli del mio Cuore! Ora vi saluto uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo! Come Sacerdozio Vivo ed Eterno, Io vi porto sempre la Verità del santo Vangelo invitandovi sempre a tenerlo alto, figliuoli miei! ALLELUIA!  (Tutti) Alleluia!(*) (Gesù) Ecco, figli, il Banchetto di Dio è in mezzo a voi: preparate i vostri cuori e venite tutti a fare festa perché Io ho sete e fame delle vostre anime! Ho sete e fame e voglio mangiare con voi del Nuovo, siate pronti perché lo Sposo è in mezzo a voi ed è pronto! Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Gesù) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Gesù) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Gesù) Sposo, accompagna la Sposa!(*) (Giulia) come sei bello!(*) come sei bello!(***) (Gesù)........ Paolo! (Paolo) dimmi, Gesù! (Gesù) venite!(*) <.....fa innalzare il Calice del Sangue e la Pisside con la Carne. Poi imponendo le sue mani sul Calice e sulla Pisside, invita ...... a ripetere con Lui le formule di benedizione>(*) metti le mani(*)..(Gesù e Paolo che ripete le sue Parole)  “Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!”(*) ......... “Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti: fate questo ricordandovi del mio Amore!”(*) fa innalzare l’Agnello Immolato a Telesfore e gli fa ripetere la formula di benedizione>(*) (Gesù e Telesfore che ripete le sue Parole) “Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!”(*) <5° grido> (Giulia) tu sei veramente il Figlio di Dio Vivo in mezzo a noi!(*) (Gesù) bevi!(*) sei riuscito.. (Telesfore) ..si.. (Gesù) ..a bere? (Telesfore) si!(**) (Gesù) vi siete meravigliati di ciò che è avvenuto? ..... e Dio prepara i cuori, non.. (Telesfore) ..eh.. (Paolo) sì! (Gesù) e i vostri cuori erano già pronti! È rimasta una goccia e dei piccoli pezzi: cosa volete fare? (Paolo) ce la dividiamo? ..... (Gesù) Amen! <Paolo ..... intingono le loro dita sul piattino e si sono divisi la goccia>(*) Tu vuoi prendere i piccoli pezzi? <Telesfore assente e raccoglie le briciole del piattino>(*) come questa sera non l’avete mai vista! (Paolo) l’hai detto! (Gesù) è bello vedere la Luce di Dio.. (Paolo) ..è più luminosa questa sera!.. (Gesù) ..sull’umanità? perché Dio fa scendere sempre la sua Luce sui figli, su di voi, sull’umanità intera, e questo perché i vostri cuori hanno donato il Sì nel prendere parte al Calice e un po’ di peso è sceso anche su di voi! ..... (Gesù) Amen, figli, Amen! Ora volete donarmi.. ..ai vostri fratelli? (Paolo .....) sì! (Gesù) e donatemi con la gioia che avete ricevuto nei vostri cuori amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! Preparate la Via Stretta per le Spose e donatemi!(*) Padre, ascolta ancora una volta la preghiera del mio Cuore!(***) <alla fine della comunione la Madonna intona due litanie nel Linguaggio dell’Amore .... sconosciuto ..... ,> (la Madonna) Feimò i tai mò, sai tai mò, hoh hoh! Moi ti a sah, moitì nti mo hoh, sah a a hah, hahi tu masì hoh! Mati hahi si, mah hah ti hah, ai si mo hoh! Matì ah si hahi hah mati sah! (Gesù) Padre! Padre mio, grazie! (la Madonna) Matì mai sah, mati a sah, mah hah mati aha, aha si tah! Mah hah sai tai moh, hoh hati o si moh! Matì sai mah!(*)  (Gesù) <3 colpi di tosse con alitazione>(*) Padre! Padre! Padre! Padre! (il Padre) eccomi, Figlio! (Gesù) Padre mio, grazie per avere ascoltato ancora una volta la mia preghiera. Benedetto sia sempre il tuo Nome, Padre! Ecco, Io mi sono donato! La mia Pasqua è piena ed è risorta: risorgete anche voi perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna, figliuoli del mio Cuore! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) Vivete nella gioia piena, nella Pasqua del mio Cuore, figli, e fate festa perché Gesù è vivo e in mezzo a voi, Gesù è risorto e beve e mangia con i suoi Discepoli! Hai mangiato con me, Tommaso? (Tommaso) sì, Gesù, ed è stato bello ritornare qui! (Gesù) e il tuo cuore è pieno di gioia? (Tommaso) adesso, sì, ti ringrazio! (Gesù) Io dico grazie ad ognuno di voi che ha preso parte alla mia Gioia: al mio Banchetto, perché tutti siete figli: IO NON FACCIO ALCUNA DISTINZIONE, Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore, e fare festa con voi è la gioia più grande che riempie il mio Cuore! Figli, mangiate sempre e bevete sempre con me, perché dove andrete(*)..(Tommaso) ..da nessuna parte: senza di te ci perderemmo subito! (Gesù) ed Io vi amo così tanto e aspetto sempre i vostri cuori e i cuori che mi portate: i vostri Cari, i vostri ammalati, i vostri fratelli, ed Io faccio festa anche con loro perché mi dono a tutti i figli che mi portate! (Tommaso) ma tieni stretto il Manto di Maria intorno a loro affinché non si disperdano! (Gesù) Maria lo lascia scendere sull’umanità: E’ L’UMANITA’ CHE NON SI AGGRAPPA! Come Mamma l’ha steso dal primo istante, figlio, dovete pregare affinché l’umanità si aggrappi al Manto di Maria, perché Lei ha avvolto l’umanità ai Piedi della Croce! Perché mi guardi così? (Paolo) è molto bello quello che stai dicendo! (Gesù) è il Cuore di Maria che è bello perché ama: imparate alla sua Scuola la semplicità e il suo Amore! Ed Io ora con la semplicità di Maria vi saluto col Padre, col Figlio con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi, figliuoli del mio Cuore! ma vi chiedo ancora una volta: quando uscite fuori non abortitemi, state attenti al nemico: figliuoli, combattetelo con l’amore! Tu Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli: portali nel Fiume del mio Amore! (Giulia) con la tua grazia, Gesù! (Gesù) figlia mia, a causa del mio Nome dovrai soffrire ancora, ma la grazia di Dio è su di te: vai avanti! (Giulia) sì, Gesù!(*) sì, Gesù! sì, Gesù! (Gesù) figlia, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia di Dio fatelo anche voi, figli miei! ma ora vorrei riposare: mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) <canto della Ninna Nanna> (Gesù) Grazie, figliuoli del mio Cuore. Grazie per il vostro amore! Rimanete sempre Pargoli come i pargoli che sono in mezzo a voi. I Piccoli Giovanni devono stare sempre all’ultimo posto: piccoli nell’attesa che il Padre li chiami! NON TARDATE A RISPONDERE, figliuoli miei! E con questa gioia nell’attesa che il Padre vi chiami, uniamo la Catena santa(*), e unendo la Catena santa uniamoci ai figli che in questo attimo stanno lasciando questo mondo(*), pregando con la preghiera del Padre: <recita del Padre Nostro: lentamente. Gesù con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre "non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen". Sia il vostro “Amen dell’Alito di Dio” <3 colpi di tosse con alitazione>(*) l’Amen Pieno che scende su di voi e sui figli che incontrerete! Un’altra goccia è scesa, figliuoli miei: RACCOGLIETELA E LODATE DIO PER TUTTTO QUELLO CHE VI DONA! Ora andate in pace e portate la mia Pace, il mio Amore e la mia Quiete all’umanità! Figliuoli, state attenti al nemico, non dategli spazio! Grazie per il tempo che spendete: vi sarà donato a larghe misure, figliuoli del mio Cuore! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo! com’è Grande il tuo Cuore!(*) (Gesù) vi amo anch’Io e aspetto: (Tutti) TI AMO, PAPA' (Gesù) Grazie, Pargoli del mio Cuore, siate Luce e Sale del mondo! Figli miei, gridate il mio Amore perché Io sono sempre con voi!

 

 

         4. Dom 04/05/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l’Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce di Gesù che passano attraverso Giovanni e attraverso di te! Figlia mia, immolati per i Grandi del mondo; figlia, immolati per tutti i miei Figli Ministri; figlia mia, portali nel Cuore di Gesù con i tuoi Dolori vivi del Parto della Croce! In questo giorno, figlia mia, immolati! Vedi, il mio Gesù soffre, il mio Gesù gronda Sangue! (Giulia) Mamma! Mamma, quel Sangue cade per terra? (l’Immacolata) no, figlia mia, gli Angeli lo stanno raccogliendo in un Calice: vuoi berlo? (Giulia) sì, con la tua grazia, Mamma! <bevute>(*) (l’Immacolata) questo è il Calice del tuo Dolore, figlia! <1° grido>(*) (Giulia) Mamma! Mamma! (l’Immacolata) vedi com’è straziato il Cuore di Gesù? anche il tuo è straziato, figlia mia, nel vedere l’umanità perdersi; nel vedere l’umanità offendere ancora il mio Gesù. Vi invito a pregare; vi invito ad unire i vostri cuori al Cuore del Papa e gridare con Lui la Verità della Luce del santo Vangelo! Figliuoli miei, il mio Cuore Immacolato trionferà: la mia Promessa viene da Fatima: si adempirà nel mondo intero e in questo Luogo dove il Padre ha piantato l’Albero della Croce. Dio è Luce, Dio è Verità, Dio è Amore, e la sua Porta è sempre aperta ad accogliere, ad aspettare i figli: l’umanità intera! E come Mamma Io vi sto segnando la Via fatta di preghiera segnata col santo Rosario, segnata con la santa Sofferenza! Figliuoli, ricordate “SENZA LA SOFFERENZA NON SI ARRIVA A GIOIRE NEL CUORE DI DIO”. Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori! E vivere il Vangelo significa amare e donare tutto come Gesù, come il mio Figliuolo ha donato tutto per ognuno di voi e per il mondo intero, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce; e vedete, figli miei, donando tutto, la Croce rimane sempre viva per chi ama, per chi si dona per amore! Amatevi gli uni gli altri, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici! Non giudicate e non fate i maestri perché il Maestro è uno solo, e se giudicate, allo stesso modo sarete giudicati! Sia una Luce accesa nei vostri cuori ricordando queste Parole! Figliuoli miei, state attenti al nemico: non dategli spazio, e quando uscite fuori non abortite Gesù: Io ve l’ho donato nel Segno della Croce, e la Croce rimane unita, figli, così anche voi rimanete uniti in questo tempo, nel tempo dell’Amore di Dio che sta scendendo su di voi e sull’umanità intera! Dio vi sta donando le gocce del suo Amore: RACCOGLIETELE, FIGLI, E STRINGETELE AI VOSTRI CUORI! Tu, Cocciuta divina del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (l’Immacolata) figlia mia, un’altra spada ha trapassato la tu anima. Figlia, dovrai ancora soffrire a causa del Nome del tuo Gesù: sarai perseguitata, vuoi ancora abbracciare la Croce? (Giulia) sì, Mamma, con la tua grazia! Eccomi!(*) (l’Immacolata) figlia mia, Dio ti ama ed Io come Mamma ti dico grazie per l’amore, per tutti i figli che porti al Cuore di Dio! (Giulia) come misera peccatrice mi inchino, Mamma, chiedendovi sempre la santa Sofferenza! Toglietemi tutto ma lasciatemi la Sofferenza! (l’Immacolata) figlia mia, porta sempre sulle tue spalle l’umanità intera e tutti i tuoi figli! (Giulia) grazie, Mamma, grazie! (l’Immacolata) figliuoli, volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (l’Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (l’Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) mi siedo un po’!(*) La Luce e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella gioia viva del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi, invitandovi sempre a vivere e a crescere nella Parola di Dio! A vivere amando quel Cuore di Mamma che si è aperto per l’umanità! La bella e la dolce Maria, col suo Cuore coronato di rose fa scendere sull’umanità il Profumo di Dio, quel Profumo che ognuno di noi dovrebbe racchiudere nei propri cuori e farlo scorrere come un fiume! Maria: quale creatura al mondo può donarci il Profumo? la ricchezza di essere Mamma, quella Mamma che ha rinnegata se stessa per abbracciare in pieno la Volontà di Dio! “Eccomi”, non solo un mese si dovrebbe dedicare al Cuore di Maria, ma camminare sulle sue Orme ogni istante del nostro vivere! Io ero e sono innamorato di Maria, di quell’esempio di Mamma, di quell’esempio di Fanciulla e di Donna che ha saputo schiacciare il capo al nemico! E con quale ha?: con la semplicità, con l’amore! E oggi avete vissuto il santo Vangelo? <3° dom. di Pasqua/B, Lc. 24,35-48> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) i vostri cuori si sono riempiti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e dimmi, Paolo, quanto è pieno il tuo? (Paolo) io non lo so misurare! (Piccolo Giovanni) e cosa gioisce dentro?la misura è una sola: è quella di Dio! (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) non mi dici nulla.. (Paolo) ..del Vangelo.. (Piccolo Giovanni) ..del Vangelo? (Paolo) si! Ehm.. è molto bello: le Scritture che si adempiono; Gesù che ritorna tra i discepoli! (Piccolo Giovanni) “Pace a voi!” (Paolo) “Pace a voi!”, si, increduli, sbigottiti per la sua presenza, perché non avevano ancora ben capito pienamente che tutto ciò che era scritto si doveva adempiere! Ma c’ha pensato Lui a fargli capire, ad illuminarli.. (Piccolo Giovanni) ..con l’Amore e la Luce dello Spirito Santo (Paolo) si, e quindi hanno preso coscienza.. ritornando al passato, ciò che Lui diceva in passato, che tutto ciò che.. diceva che è stato scritto si doveva.. (Piccolo Giovanni) ..adempiere.. (Paolo) ..adempiere, e questa è una cosa.. era una cosa molto bella! È molto bello il fatto che Lui li abbia illuminati affinché capissero le Scritture che non avevano ancora capito in pieno! (Piccolo Giovanni) e dimmi, Luca! (Luca) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) tu hai capito la tosse di Gesù? (Luca) questo Vangelo di oggi è lo stesso del 24 scorso..<4 colpi di tosse con alitazione, ma Luca dice qualcosa durante la tosse e non si capisce>  grazie, Giovanni! ..è lo stesso Vangelo del 24 scorso, dove, ecco, Gesù.. (Piccolo Giovanni) ..è iniziata la tosse! (Luca) ecco.. mette in rilievo la resurrezione della carne, ma oggi che è ripetuto, ci ha messo in rilievo la resurrezione anche dello spirito! Non c’è risurrezione della carne senza quella dello spirito! E il completamento del Vangelo di oggi lo troviamo in Giovanni; nell’articolo di Giovanni troveremo, infatti, che Gesù(*) da il dono dello Spirito Santo agli apostoli..  (Piccolo Giovanni) ..ti eri un po’ smarrito?.. (Luca) ..dice “Io vi dono lo Spirito Santo, a chi rimetterete i peccati saranno rimessi, a chi non li rimetterete resteranno non rimessi”. Quindi questo è il Vangelo della misericordia di Gesù.. abbiamo conosciuto la misericordia del Padre attraverso il figliuol prodigo, ma abbiamo conosciuto anche la misericordia di Gesù che viene a noi attraverso il suo Pane, quindi attraverso la condizione sacramentale. Certamente Luca, avendo scritto il Vangelo prima di Giovanni, non ha potuto dire con precisione quello che già Giovanni ci avrebbe detto puntualizzando, appunto, l’arrivo di Gesù! Comunque, Luca ne parla e anticipa la sua.. quella frase “voi..”.. aspetta un attimo, Giovanni che non me la ricordo molto bene(*).. “ed Io manderò su di voi quello che il Padre mio ha promesso”, dice infatti, ed ecco.. quello che.. prende lo Spirito Santo. Ora, questa confessione sacramentale è un connotato della misericordia del Signore, poiché arriva esclusivamente attraverso questo suo Sangue versato per noi in remissione dei nostri peccati, ma.. mi sembra che tu sia un fautore, anche, di questa confessione sacramentale: una volta hai avuto modo di dire, in questi frangenti, che appunto, eri.. e in quel momento eri rimasto saldo quando si parlava della confessione sacramentale, e dicesti che era soltanto dinanzi al sacerdote; ..qualcuno, forse non ricordo il nome, ehm.. disse che provvedeva a confessarsi anche con te, e tu hai detto “si, lo potete fare ma non vi dico di non andare dai sacerdoti..” (Piccolo Giovanni) ..dinanzi.. (Luca) ..che è un’affermazione.. (Piccolo Giovanni) ..dinanzi al Sacerdote.. (Luca) ..la doppia negazione che fa l’affermazione.. (Piccolo Giovanni) ..perché Io.. (Luca) ..della confessione dal sacerdote.. (Piccolo Giovanni) ..perché Io sono Sacerdozio vivo.. (Luca) ..si, perfetto.. (Piccolo Giovanni) ..ed eterno, e facendolo dinanzi a me non vi ho mandato fuori strada! È vero? (Qualcuno) è lo stesso! (Piccolo Giovanni) Paolo, è vero? (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) si può andare dinanzi al sacerdote per confessarsi? (Qualcuno) si che si può! (Piccolo Giovanni) Polo, ci sei? (Paolo) si, si, ci sono, però.. (Piccolo Giovanni) ..ed Io sono Sacerdote? (Tutti) sì! (Mosè) Sacerdote Santo! (Piccolo Giovanni) perché vi scandalizzate? non vi ho mandato da Giulia a confessarvi, anche se parlate, mettete nel suo Cuore e Lei con amore porta nel Cuore di Dio! Vedete, figliuoli, il Sacerdozio rimane, non viene tolto: cresce ancora di più quando si nasce nel Cuore di Dio! Lo sapevate questo? (Marina) no! (Paolo) sì!  (Mosè) sì, certo! (Altri) sì! (Piccolo Giovanni) ehm..  (Mosè) ..nascere nel Cuore di Dio è il massimo, è quello che.. quello che ci chiediamo (Piccolo Giovanni) ma i vostri Nomi brillano nei Cieli, ed Io sono gioioso di vederli! Ma vi invito a consolare sempre di più il Cuore di Maria, di amarla come Io sono innamorato della mia Fidanzata! Siate anche voi Fidanzati di Maria: crescete camminando sulla scia del suo Cuore Immacolato che trionferà; siatene coscienti! Paolo, cosa vuoi dire? (Paolo) ma il fischietto lo hai messo a posto? <lo ha fatto mettere a Giulia sullo sgabello destro del Trono del Padre> (Piccolo Giovanni) quello è il suo posto: ogni tanto fatemelo sentire!(*) (Telesfore) non ho fischiato io stamattina? (Piccolo Giovanni) ma lo devi fare.. (Telesfore) .ah ah.. (Piccolo Giovanni) ..davanti a tutti! ..eh, da solo.. (Telesfore) ma tu l’hai sentito, però! (Piccolo Giovanni) tu che dici? (Telesfore) io dico di si (Piccolo Giovanni) e anch’Io dico di si! Senti, Paolo, alla fine della preghiera, lì dov’è me lo fai sentire?e la musica la fai salire nel Cuore di Maria così gioisce? (Paolo) certo! (Piccolo Giovanni) grazie!(*) Tommaso! (Tommaso) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) me lo dici quello che c’è nel tuo cuoricino? (Tommaso) il mio cuore è gioioso soprattutto quando si parla di Maria che è il nostro primo amore, ed Ella.. (Piccolo Giovanni) ..bello!(*) (Tommaso) ed Ella ci è sempre vicino pronta a correggerci, pronta a consolarci, ad amarci.. a.. ad accarezzarci nei momenti più tristi, proprio nei momenti di smarrimento, e questo è bello pensare.. al.. al Padre come il Dono più bello che ci ha fatto! (Piccolo Giovanni) Maria: Perla Preziosa del suo Cuore: del Cuore di Dio! (Tommaso) e poi stavo pensando ad un’altra cosa, inerente, appunto, la tosse.. di questa goccia che Gesù ci ha donato.. <4 colpi di tosse con alitazione>(*) grazie! Io penso che attraverso questa tosse.. (Piccolo Giovanni) ..come mi diverto! (Telesfore) ah!.. <si ride un po’> (Tommaso) ..i nostri cuori si stanno aprendo di più, cioè Iddio che comincia a preparare veramente i suoi al dono della sua Sapienza, al dono dell’aprirsi delle.. dodici chiese, dei dodici apostoli.. (Piccolo Giovanni) ..Paolo ha sognato una porta aperta! (Telesfore) ah (Paolo) e a te chi l’ha detto? (Piccolo Giovanni) eh! (Paolo) ma appena che.. appena l’ho sognata non era aperta! (Piccolo Giovanni) ma si è aperta! (Paolo) diciamo che era stata chiusa male, ed io l’ho attribuita a mio padre (Piccolo Giovanni) Tommaso, era stata chiusa male? (Tommaso) no, è lui che forse non riesce ad accettarla quella porta aperta e certa di socchiuderla, ma era ormai aperta (Piccolo Giovanni) ed è gioioso nel vederla aperta, ma raccontandolo alla Piccola Cocciuta si aspettava qualche spiegazione (Paolo) ma non era necessaria la spiegazione perché una volta che.. (Piccolo Giovanni) ..non ridere sotto i baffi! (Paolo) bè, aspettavo che Lei mi desse ulteriori, diciamo, delucidazioni, però la spiegazione me l’ero già data (Piccolo Giovanni) tu dici? (Paolo) ehm.. ho finanche pensato.. perché nel sogno io ho attribuito la chiusura della porta a mio padre, dico “ma guarda come l’ha chiusa male questa porta, adesso si apre subito”, e infatti si è aperta, e mi sono arrabbiato nel sogno perché aveva chiuso male la porta e poi si è spalancata (Piccolo Giovanni) Dio la porta la tiene sempre aperta, vero Tommaso? (Tommaso) si, si (Piccolo Giovanni) parla! (Tommaso) cioè, volevo dire un’altra cosa prima io.. come il Vangelo.. l’incredibilità di vedere a fianco Gesù risorto e non accorgersi di quella presenza; cioè, a livello soprattutto anche fisico, voglio dire, cioè, fino a che gli occhi della sapienza erano chiusi perché non gli era ancora concesso, se non nel segno del mangiare, nel segno  del Pane e del Vino, ecco, mi chiedevo com’era possibile non accorgersi almeno della presenza fisica (Piccolo Giovanni) perché? oggi vi accorgete.. (Tommaso) ..ma noi.. perché.. ehm.. (Piccolo Giovanni) ..di Gesù? (Telesfore) no (Tommaso) è presente in mezzo a noi ma lo sentiamo vivo nel nostro cuore (Piccolo Giovanni) ma gli occhi lo vedono? (Mosè) ci da pure un imperativo Gesù “di questo siete testimoni.. miei testimoni”.. e di annunciarlo al mondo! (Piccolo Giovanni) e quante volte vi viene detto di gridare “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla”? (Mosè) è quello che disse ai discepoli di Emmaus ed è quello che ci dice oggi a noi(*), infatti il nostro cuore è gioioso come i discepoli di Emmaus mentre andavano verso il villaggio.. e noi quando veniamo qui al villaggio di Thurio, via Timparelle alla Stanza di Gesù (Piccolo Giovanni) Giulia ci tiene molto a dire Timparelle.. (Mosè) Timparelle, si.. (Piccolo Giovanni) ..mi ha sgridato quando sulle magliette volevo scrivere solo Thurio “io abito a Timparelle” (Mosè) ..a Timparelle.. (Paolo) ..è stata Lei che ti ha fatto mettere Timparelle! (Piccolo Giovanni) ti ricordi? (Paolo) eh, no, perché io ho visto in realtà.. perché Thurio? ma qui non è Thurio, qui è Timparelle di Corigliano (Piccolo Giovanni) si era arrabbiata “io abito a Timparelle, non a Thurio: Thurio è un’altra cosa” (Mosè) però nelle magliette che ci fai indossare il 24 ci sta scritto pure Thurio (Piccolo Giovanni) l’avevo scritto Io, ma ho dovuto accontentare la Cocciuta mettendo anche Timparelle (Paolo) Thurio è più conosciuto, quindi è più facile raggiungere.. (Piccolo Giovanni) ..è per quello.. (Paolo) ..il Luogo (Piccolo Giovanni) ..per quello Io ho messo.. ma Cocciuta com’è ho dovuto accontentarla perché poi c’ha ragione: non è a Thurio la sua casa, ma a Timparelle. Cosa può uscire da questa Timparelle? LA SORGENTE DI DIO! E vi ho donato un’altra goccia! Tommaso! (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dire ancora? (Tommaso) voglio dire che ti amo e ti porto sempre nel cuore, e molte volte dicevo, appunto, di farmi coraggio e gridare come gridavi tu, perché tu sei stato sempre di esempio, di coraggio e di verità! (Piccolo Giovanni) ne ho combinate di tutti i colori per portarvi e per portare l’umanità nel Cuore di Dio! Dicevo alla Piccola Cocciuta “quante figure stiamo facendo!”, ma dinanzi a Dio è tutta Luce! (Tommaso) ed è quello che conta! (Piccolo Giovanni) perché le figure le fanno coloro che hanno chiuso la porta; almeno noi l’abbiamo aperta, e questo è bello dinanzi agli occhi del Padre: vero, Tommaso? (Tommaso) è verissimo! (Piccolo Giovanni) ehm.. (Tommaso) non smetteremo mai di ringraziare questa tua volontà (Piccolo Giovanni) e Io non smetterò mai di amare i miei Discepoli, le mie Colonne e le mie Suorine: tutti con la stessa misura: LA MISURA DELLA CROCE!(*) Telesfore! (Telesfore) Alleluia! (Piccolo Giovanni) Alleluia! <si ride un po’>(*) cosa mi racconti? (Telesfore) ma io poco fa pensavo al Vangelo di oggi, ma visto che quasi già la goccia è scesa.. (Piccolo Giovanni) ..“quasi” o “scesa”? (Telesfore) quasi, chi l’ha presa l’ha presa, chi non l’ha presa.. (Piccolo Giovanni) ..chi l’ha pigliata l’ha pigliata.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..come facevo alla Piccola Cocciuta “se piglia piglia questa benedizione, Io l’ho donata” (Telesfore) sembra che si stiano ripetendo i.. i tempi di.. (Piccolo Giovanni) ..sembra che tu mi ripeti sempre le stesse cose! <si ride un po’>(*) è vero, Paolo? (Paolo) eh, ci vuole.. vuole assaporarle (Telesfore) ma il Vangelo non è sempre lo stesso? (Piccolo Giovanni) è sempre lo stesso? (Mosè e Simone1)(Telesfore) e quindi sempre le stesse cose.. (Piccolo Giovanni) ..e tu sei sempre lo stesso! (Telesfore) eh (Paolo) si arricchisce di particolari che non sono stati resi noti (Piccolo Giovanni) ma Io sono capriccioso con tutti: in modo particolare con Telesfore! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) Allora?(*) (Telesfore) fai ardere il mio cuore (Piccolo Giovanni) perché? è spento? (Telesfore) no, non è che è spento, è che.. quando.. accendi, no, allora quello.. mi.. metti la fiamma quella arde ancora di più (Piccolo Giovanni) eh, la fiamma c’è sempre (Telesfore) ma anche quella fiamma, vedi, a volte si alza, a volte si.. però rimane sempre accesa (Piccolo Giovanni) e la tua si spegne? (Telesfore) no, spegnere mai.. almeno credo! (Piccolo Giovanni) sei talmente gioioso oggi che non sai cosa dici! Perché sei gioioso così? (Telesfore) ma io sono gioioso perché.. soprattutto quando ti sento parlare di Maria (Piccolo Giovanni) la mia Fidanzata? (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) e come non si può parlare della bellezza di Maria? (Telesfore) ma Gesù non è geloso che parliamo sempre di Maria(*).. (Piccolo Giovanni) in Cielo non esiste la gelosia che avete sulla terra: uno geloso dell’altro, ma i discepoli erano peggio di voi! (Mosè) questo ci consola parecchio, Giovanni!  (Piccolo Giovanni) ve lo ripeto sempre: peggio di voi, gelosi “quello lo dico io”, “quello l’ho fatto io”, “quello è mio”. Nulla è nostro: tutto appartiene a Dio, perché Dio è il nostro Tutto! (Telesfore) sai.. (Piccolo Giovanni) ..hai capito? (Telesfore) sì! Sai qual è una cosa che mi fa ardere ancora di più? (Piccolo Giovanni) quale? (Telesfore) ricordandomi del Vangelo del 2 aprile del 2000, quando diceva “non vi arde forse il cuore quando ero in mezzo a voi e conversavo con voi..” (Piccolo Giovanni) le frasi che sono scritte nel mio testamento? (Telesfore) eh, si (Piccolo Giovanni) e avete capito perché ho scritto quella frase? (Telesfore) eh.. più o meno(*) (Piccolo Giovanni) non vi ardeva forse il cuore quando ero in mezzo a voi? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) quando mi vedevate arrivare? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e lascio a voi il resto! Penso che non sia così difficile da comprendere! (Mosè) eri Gesù in mezzo a noi! (Piccolo Giovanni) allargo le braccia e stringo le spalle: tu lo dici! Telesfore! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) <4 colpi di tosse con alitazione>(*) aspetto! Il Padre con questa tosse mi fa tanto gioire (Telesfore) eh, perché.. <5 colpi di tosse con alitazione> perché il nostro cuore arde, vorremmo arrivare a.. a conoscere.. (Piccolo Giovanni) ..mangia, mangia che cresci! (Telesfore) eh, ma ho visto che Tommaso però qualche cosa.. (Piccolo Giovanni) ..Io alzo le mani.. (Telesfore) ..sta, sta! (Piccolo Giovanni) allora, cosa vuoi chiedermi? (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) dilla!(*) (Telesfore) e non so se è opportuno dirlo(*).. della macchina? ..no! (Piccolo Giovanni) Io stringo le spalle! (Telesfore) eh!(*) Ti è piaciuta la macchina della tua Fondazione? (Piccolo Giovanni) perché, non la conoscevo? (Telesfore) eh, ma come era prima, no! ..prima si, ma ora.. è rinnovata! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) quando io l’ho vista mi ha suscitato le stesse sensazioni di quando l’ho appena comprata (Piccolo Giovanni) e te lo diceva ieri la Piccola Cocciuta! (Paolo) non pensavo di rivedere.. di rivivere quei.. quei momenti! (Piccolo Giovanni) sono stato gioioso nel fare il piccolo giro (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) ma è stato bello il gesto di portarmi dinanzi a Maria! (Telesfore) eh (Paolo) e me l’ha fatto vivere per telefono la Cocciuta (Piccolo Giovanni) è stato bello! Sono gioioso: sapete lavorare e portare i frutti buoni! Ma ricordate sempre “camminare e vivere col santo Vangelo”, e i vostri cuori stanno crescendo nel camminare e vivere col Vangelo in mano, ma nel cuore di più!(*) La mia Famiglia! ..perché hai avuto un brivido? (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) cosa hai sentito? (Telesfore) eh, sono emozionato (Piccolo Giovanni) la mia Famiglia che cresce con l’Alito dello Spirito Santo! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) <5 colpi di tosse con alitazione>(*) quanto Amore che scende dal Cuore di Dio, figli! (Telesfore) quanto(e) grazie che il Padre ci dona! (Piccolo Giovanni) all’umanità intera e ad ognuno di voi!, ma l’umanità è sorda ed è cieca! Vi invito a pregare e a portare sulle vostre spalle tutti i figli che non ce la fanno; tutti i figli che si disperdono nelle cose del mondo rinnegando Dio e il Cuore di Maria! Pregate tutti e non dimenticate l’Ascensore di Maria, figli! vuoi dirmi qualche altra cosa? (Telesfore) sì, Giovanni, io chiedo soltanto una preghiera al Padre, sia per me e sia per tutti quanti noi qui presenti, discepoli e Suorine, di aiutarci sempre a fare la sua volontà come Lui vuole, come il suo Cuore desidera (Piccolo Giovanni) “Padre, eccomi, sia fatta la tua non la mia volontà. Come servo inutile mi inchino solo dinanzi a te, perché tu sei il mio Tutto”. Vi chiedo una piccola preghiera per la Piccola Cocciuta: sollevatela rimanendo uniti al suo Cuore che è il Cuore di Dio! Figli, vi ricordo ancora una volta di stare attenti al nemico: combattetelo con l’amore; amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate tutti i vostri nemici, ed Io vi dono l’Alito del Padre! <5 colpi di tosse con alitazione>(*)  Ora devo ritornare all’Ubbidienza del Padre! (Telesfore) che facciamo? (Piccolo Giovanni) cosa volete fare? (Telesfore) eh.. (Anna e qualcun altro) ..consolare il Cuore di Maria! (Piccolo Giovanni) Amen!: <tutti in piedi, rispettosamente, per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE E’ VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO! E come Sacerdozio Vivo ed Eterno Io sono nato nel Cuore di Dio! Benedico e lodo il Padre perché mi fa parlare attraverso lo Strumento che suona solo la Musica di Dio! <6 colpi di tosse con alitazione>(*) Vi saluto con l’Amore dello Spirito Santo! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni invitandovi ad ardere col santo Vangelo, accogliere il Bacio e donarlo all’umanità intera, figli del mio Cuore! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (l’Immacolata) Ecco, figliuoli il Cuore di Dio che arde sull’umanità intera! Il Sole di Fatima brilla nei vostri cuori! Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, camminate sulla scia amando, amando, amando e pregando per la Pace! Io ora vi lascio ma verrò ancora in mezzo a voi a portare la Parola Viva del mio Gesù! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella Lode del Cuore di Dio, fatelo anche voi, figli! (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen. (l’Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figli del Cuore della Croce, grazie per il tempo che avete speso per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure, Petali Vivi del mio Cuore Immacolato!(*) raccogli questo Petalo e stringilo al tuo Cuore! (Giulia) Mamma, com’è bello! (l’Immacolata) stringilo al tuo Cuore!(*) (Giulia) non si sciupa? (l’Immacolata) no, figlia mia! (Giulia) grazie, Mamma!(*) ..ne stanno scendendo altri sull’umanità!(*) grazie, Mamma!

 

 

         5. Giov 08/05/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell’accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora una volta secondo le mie Intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Figlia mia, vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini con me e secondo le mie Intenzioni? (Giulia) con la tua grazia, Gesù, sì! (Gesù) vieni, figlia mia, unisci le tue mani alle mie e accarezza con me il Legno della vita! È bello accarezzarlo, figlia? (Giulia) sì, Gesù, ma donatemi la costanza e la forza! (Gesù) sai bene dove prendere la forza, figlia: abbraccia con me l’Amore vivo del Padre! <1° grido>(*) Sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù!(*) Gesù! (Gesù) si, figlia! (Giulia) perché intorno a te c’è un piccolo mare e il resto è tutto secco? Gesù, perché? (Gesù) vedi, figlia mia, tu vedi intorno a me l’Acqua viva della vita; voi venite a dissetarvi alla mia Acqua! (Giulia) ehm.. Gesù perché il resto è secco? (Gesù) figlia mia, devo chinare il capo nel dire che l’umanità non cerca la mia Acqua, ma l’acqua del mondo, e vedi: tutto è secco, figlia! Il mio Cuore gronda Sangue nel vedere questo perché sono Padre! Invito ognuno di voi a prendere della mia Acqua e a donarla, voi che siete qui riuniti, voi Discepoli, voi Colonne, voi Suorine del Cuore della Croce, e i figli che si uniscono a questa santa preghiera nella Dimora viva del Padre, perché il Padre è vivo come è vivo il Figlio, come è vivo lo Spirito Santo! Ma l’umanità non vuole ancora accoglierci: l’umanità vive senza Dio! Ma dove si può andare senza Dio? chi vi darà la mia Acqua? Oggi voglio parlare dell’Acqua, dire all’umanità intera e ad ognuno di voi “chi beve la mia Acqua non avrà più sete”. Non so fino a quale punto l’umanità e ognuno di voi ha capito queste parole! Figlioli miei, Io vengo in mezzo a voi; Io abito dentro di voi, e voi vivete perché Io sono vivo! voi vivete perché Io sono risorto sul Legno della Croce per donarvi la mia Acqua, il mio Sangue, la mia Carne! Ma in pochi sono i figli ad accogliere questo sussurro! In pochi sono i figli a mettere tutto nelle mani del Padre; vi fate venire i dubbi, l’umanità è ancora dubbiosa della Parola viva di Dio! L’umanità si lascia trascinare dai rumori del nemico: molto facile ad ascoltare il nemico, poca importanza al valore della Croce, alla resurrezione, alla Vita Eterna! Figliuoli, l’umanità sta andando alla perdizione; l’umanità non accoglie il grido del Parto che è vivo e in mezzo a noi, ed Io sono in mezzo a voi, perché la Famiglia di Dio è sempre unita e viva nell’Amore, e l’Amore di Dio è un Fiume in piena che cammina senza fermarsi! Bene, figliuoli miei, vi invito ancora ad essere coscienti, a donare agli altri quello che il Padre dona a voi che siete qui nella Dimora viva: senza vergognarvi camminare e parlare a testa alta della Verità di Dio! Cocciuta, vuoi donarmi ancora le tue mani? (Giulia) con la tua grazia, Gesù! (Gesù) vieni, accarezza ancora l’Amore del Legno per i figli che cadono di qua e di là! <2° grido>(*) sollevati, figlia del mio Cuore, guarda i Chiodi divini! (Giulia) Gesù, come sono grandi! (Gesù) l’amore li rende ancora più grandi, figlia, perché Io vengo a portarvi l’Amore vivo! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori; e  vivere il Vangelo è camminare nel Solco del mio Amore, ma vi invito ancora, figli, a stare attenti al mio nemico! Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici; Io raccolgo tutti quelli che mi avete portato nei vostri cuori offrendoli al Cuore del Padre, ma ve lo ripeto ancora una volta: bussate, bussate, chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, figli del mio Cuore! (Giulia) Gesù! (Gesù) si, figlia mia (Giulia) posso mettere nel tuo Cuore i Discepoli e le Suorine e tutti quelli che si affidano alle mie preghiere? i figli che in questo giorno sono qui riuniti a portare al tuo Cuore i loro affanni? come misera peccatrice, in questo giorno sento di metterli: avvolgili col tuo calore, Gesù, perché tutti hanno bisogno di una Mamma, e tu sei Mamma e Padre di ognuno di noi e del mondo intero! (Gesù) figlia mia, e come posso non accogliere quello che mi chiedi? (Giulia) grazie, Gesù, grazie! (Gesù) figlia, vedi, sulle tue spalle Io poggio sempre l’umanità intera, e tu, con amore la porti! (Giulia) Gesù, come misera peccatrice vi chiedo di insegnarmi ancora ad amare e a donare ai miei figli la gioia che mi donate, perché io gioisco nell’abbracciare i Dolori, Gesù! (Gesù) Perla Viva del mio Cuore, abbraccia con me l’umanità intera e portala nel Fiume del mio Amore! (Giulia) sì, Gesù, con la tua grazia! (Gesù) ora un’altra spada trapasserà la tua anima, figlia, perché dovrai soffrire ancora! (Giulia) grazie, Gesù, grazie! <3° grido>(*) grazie, Gesù! (Gesù) tu sai rispondere solo “Sì” e “grazie” mentre l’umanità mi bestemmia. Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, quando trafiggono i vostri cuori rispondete anche voi “Grazie, Gesù”, ed il peso diventa più leggero, figli miei! Ora volete ardere un po’? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto(*). ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L’Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen. Eccomi!(*) Per volere del Padre sono ancora qui in mezzo a voi a portarvi il saluto del santo Vangelo, e il saluto del Vangelo esce dal Cuore di Dio: “Pace a voi, figli miei”! E cosa può donare di più Dio della sua Pace? È bello questo saluto.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..perché è pieno, ed i vostri “sì” scorrono nell’amore e nella letizia di Dio!(*) Ma Dio viene a portare la sua Pace, Dio non la dona con la mano sporca, ma candida, mentre l’umanità sta sporcando il capolavoro di Dio e distruggendolo! Figli, preghiamo con un solo grido “Padre, abbi pietà di noi”: oggi questo grida il mio Cuore nel vedere i flagelli che scendono sempre di più sull’umanità intera perché c’è poco amore! Almeno voi amatevi gli uni gli altri, fate crescere sempre di più l’Amore di Dio nei vostri cuori per donarlo al mondo, ai fratelli, ai figli emarginati, ai figli drogati, ai figli che non hanno un pezzo di pane! Ed Io vi offro la tosse, <3 colpi di tosse con alitazione>(*) l’Alito dell’Amore! e avete vissuto il Vangelo vivo.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..di questo giorno? <giovedì della 3° settimana dopo Pasqua /B Gv. 6, 44-51> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è bello? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e cosa è rimasto nei vostri cuori? (Telesfore) l’Acqua.. (Piccolo Giovanni) ..Paolo? (Paolo) io ho pensato che ciò che si è verificato allora si è verificato lungo il cammino dei secoli, con continuità fino ai nostri giorni e continua a verificarsi. Cioè, Dio che si manifesta a noi nei modi che Lui ritiene più opportuni: mandando il proprio Figlio, ehm.. e noi ci ostiniamo, come si sono ostinati tutti, a non recepire il suo messaggio; tanto è vero che i giudei, a quei tempi, pur vedendolo lo guardavano nelle sue vesti terrene: come il figlio di quel povero Giuseppe, di quella povera Maria; dice “ma quello non è quel.. il figlio di Giuseppe? il figlio di Maria? come fa a venire da noi a dirci che “Io porto il Pane dei Cieli?”, ma questo come fa a venire da noi e a portare il Pane dei Cieli?”. ecco, questo proprio.. questo aspetto del Vangelo mi ha fatto capire ancora di più quello che allora si è.. in quei tempi si è verificato: cioè, vedevano una persona comune, una persona.. uno come tutti e non riuscivano.. non riuscivano a capire, non riuscivano a sentire dentro i loro cuori il messaggio che portava. Ed è d’altronde quello che si sta verificando anche oggi: tu sei stato tra di noi, tutti guardavamo.. anch’io ti ho criticato.. “don Mario, si, don Mario”.. vedevamo una persona, un sacerdote.. bah.. tante volte io dico “ma che sta facendo?”, “ma che cosa ha detto?”, “ma che è: io non mi trovo d’accordo..”  (Piccolo Giovanni) ”..ma chi è questo?..”  (Paolo) “..con quello che ha detto Lui”. Per dire: sono.. sono quelle cose che, torno a ripetere.. (Piccolo Giovanni)  “ma chi è questo don Mario?” (Paolo) e si sono verificate e si verificano ancora oggi (Piccolo Giovanni) “ma chi è questa Cocciuta? cosa ci sta raccontando?” (Paolo) eh..  e questo è! (Piccolo Giovanni) e quando parla e dice qualcosa dice “ma io la penso in un altro modo: il primo è Lui” (Paolo) perché la vediamo nelle vesti terrene, e quello.. (Piccolo Giovanni) ..e quando Lei dice “ma io guardo con gli occhi del Padre”, si ascolta.. (Paolo) ..me l’ha detto.. (Piccolo Giovanni) ..a bilancia! (Paolo) me l’ha detto stamattina questo, a proposito.. parlando di mio padre mi ha detto, appunto, “tu lo vedi così, ma io lo vedo con gli occhi del Padre, e quindi non è come dici tu”! (Piccolo Giovanni) perché il Padre gli fa vedere la pienezza, ma in pochi riuscite a comprendere, e la storia si ripete ed Io vi do ancora la tosse! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) come stai, Paolo? (Paolo) come sto io? (Piccolo Giovanni) Io sto bene, tu.. (Paolo) ..ed io sto come vuoi tu! (Piccolo Giovanni) è bello: forse ti sei messo nelle mani del Padre! (Paolo) ma vedi.. (Piccolo Giovanni) ..lo sei sempre!(*) (Paolo) non riesco a camminare.. (Piccolo Giovanni) ..cosa dovrei vedere? (Paolo) non riesco ad andare avanti da solo, Giovanni! (Piccolo Giovanni) perché? Io ti ho lasciato? (Paolo) no, voglio dire, se io penso di operare di testa mia mi si generano tanti dubbi e tante incertezze e dico “chissà che combino adesso” (Piccolo Giovanni) nessuno di voi può camminare senza i passi di Dio! (Paolo) vabbè, quelli che non credono ci camminano, anche se Dio non li lascia mai, però.. ci sta sempre dietro, però sono loro che decidono non......... (Piccolo Giovanni) ..perché Dio non ragiona.. ..non sarebbe.. la Luce e l’Amore del Padre non si spegne mai! (Paolo) però io voglio ampliare il concetto in modo.. affinché possa capire bene. È vero quello che dice Elia, che Dio non abbandona mai, però è anche vero che sulla terra succede quello che succede. Facciamo un esempio banale che è successo in questi giorni: una persona che prende una pistola e ammazza degli innocenti, Dio non l’ha abbandonato, questo lo credo, non l’ha abbandonato, però, a mio avviso, almeno questo è quello che mi è sembrato di capire prima, in questi anni, lascia anche spazio a coloro che non sono proprio sulla sua strada! (Piccolo Giovanni) non è che Dio lascia spazio, Dio ci lascia liberi! (Paolo) esatto, questo intendevo dire “ci lascia liberi”; quindi, nel momento in cui uno prende la pistola e spara vuol dire che Dio dice.. ehm.. dice “bè, Io ti sono vicino, però se la tua volontà è questa agisci come dici tu”, o mi sbaglio? (Piccolo Giovanni) Dio lascia liberi, ma non abbandona.. (Paolo) ..no, questo no, questo non.. (Piccolo Giovanni) ..i figli! (Paolo) questo non.. io non mi ricordo se.. se l’hai detto tu o lo diceva la Cocciuta “che Dio, praticamente, è sempre vicino a tutti i figli che non.. non lo seguono: è Lui che segue questi figli e aspetta, cioè, li segue lungo la loro strada che è sbagliata, e aspetta che si ravvedano”, questo è quello che ho capito io; però la loro libertà di azione.. cioè, quella libertà ce l’hanno sempre! (Piccolo Giovanni) perché il Padre non impone niente a nessuno. Hai capito? (Paolo) sì! ......... (Giuda) don Mario, posso fare una domanda? (Piccolo Giovanni) si (Giuda) e coloro che agiscono per un’infermità mentale? (Piccolo Giovanni) vengono raccolti e portati nel Cuore del Padre! (Giuda) e chi riceve il danno viene accolto dal Padre come vittima? (Mosè) l’importante è che non si è perso.. (Piccolo Giovanni) ..non viene gettata via! (Mosè) infatti quando noi con la preghiera, con qualsiasi forma di preghiera, diamo gloria al Padre, lo facciamo per mezzo.. e il Vangelo di oggi ce lo dice, per mezzo di Gesù Cristo guidati sotto la protezione dello Spirito Santo. quando un’anima prega sta vicino a Dio e.. e invocandolo, diciamo, c’è sempre il suo aiuto! Un’anima che non prega sta più lontano da Dio ed è debole spiritualmente. Porto un esempio: se un papà terreno ha tre, quattro, cinque figli, e un figlio è lontano e il padre non sa neanche dove si trovi il figlio, è ovvio che non lo può neanche aiutare.. è più o meno un esempio questo che sto dicendo, con.. con.. con il paragone, magari, forse per rispondere prima a quello che ha detto Paolo. Cioè, l’anima che non prega sta più lontana da Dio ed è più mercede di satana (Piccolo Giovanni) ma Dio l’abbandona! (Mosè) sì, certo che lo perdona! (Piccolo Giovanni) “L’ABBANDONA Dio?” (Mosè) ah, no, no, non l’abbandona! Però, certamente, il Padre.. e il suo Amore è Immenso e Infinito, è Lui stesso l’Amore: l’abbiamo detto altre volte, aspetta sempre che ritorni a Casa e che si converte.. (Piccolo Giovanni) con le braccia aperte per fare festa! Siete rimasti scandalizzati? (Tutti) no! (Mosè) e infatti pure nel Vangelo Gesù lo dice apertamente.. lo diceva e lo dice ancora “non Mosè vi ha dato il Pane quello vero, ma il Padre mio.. il Pane che viene dal Cielo”, che sarebbe la sua Carne e il suo Sangue, “chi ne mangia e.. chi lo beve questo Sangue non vedrà mai la morte, ma nascerà e vivrà nel Seno del Padre” (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) allora, io volevo dire questo: che siamo contenti perché non so se il troppo ragionare col cervello poi mi induce.. mi fa uscire fuori(*).. ora vorrei capire questo: Dio lascia liberi.. (Piccolo Giovanni) ..si (Paolo) e fino a qua ho capito bene; ho anche capito, o almeno mi sembra di aver capito che ........Dio interviene anche su coloro che non gli sono vicino, in determinate circostanze semplicemente: è così? cioè, quindi Dio in merito a tutti quei figli che lo rinnegano, pur lasciandoli entro certi limiti liberi, interviene in determinate situazioni difficili per non perderli definitivamente: ho capito bene? (Piccolo Giovanni) si, hai capito bene! ........ non ti offendere di quello che dico! (Paolo) “che dicono..”? (Piccolo Giovanni) che dico! (Paolo) ..che dici tu? e perché mi dovrei offendere? (Piccolo Giovanni) sono capriccioso e faccio le mie battute come sempre! Paolo, ma quando mi capisci? <si ride un po’>(*) (Paolo) eh, io sono così! (Piccolo Giovanni) e ti ho chiesto di non offenderti.. (Paolo) ..no.. (Piccolo Giovanni) ..di quello che dicevo, no? (Paolo) e non sono.. (Piccolo Giovanni) ..un capriccio! (Paolo) non sono offeso (Piccolo Giovanni) ehm.. vedi, figlio mio, i misteri di Dio non si capiscono in un attimo, e si devono ragionare col cuore.. (Paolo) ..ed io te l’ho premesso prima, però eh!.. (Piccolo Giovanni) ..non con la mente, perché l’umanità intera cerca di darsi spiegazioni, di quello che vede e sente, di ciò che legge della Parola, con la mente, e si va fuori strada.. (Paolo) ..e questo è che a volte.. (Piccolo Giovanni) ..perché Dio parla col cuore e va ascoltato col cuore; unendo i due cuori si può capire, ma unendo la mente al Cuore di Dio, no! È chiaro questo? ........... (Mosè) bisogna dare.. bisogna dare almeno il minimo della propria disponibilità! (Marina) eh, sì! (Mosè) almeno io la vedo così! Perché se una persona bestemmia, se una persona rinnega Dio fino.. fino alla fine, cioè manca proprio la disponibilità, manca poi.. manca la fase di tutto! (Piccolo Giovanni) ma Dio scende.. (Mosè) ..eh, si, e Dio scende e aspetta sempre che noi.. (Piccolo Giovanni) ugualmente, perché Dio mira il cuore, non la bocca! (Mosè) certo! (Piccolo Giovanni) l’umanità: l’uomo, guarda la bocca e giudica, Dio guarda il cuore! voi siete facili, l’umanità è facile a giudicare, a condannare, Dio rapisce i cuori, non le parole(*), come rapisce le vostre preghiere fatte col cuore, non con la bocca nel mettervi in mostra sulle piazze! Ciò che fa la destra non lo deve sapere la sinistra! Avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) bene! <si ride un po’ perché, come suo solito, Giovanni quando deve parlare con Telesfore gli batte delicatamente la mano. Questa sera invece, in modo molto simpatico, ha fatto roteare il palmo della sua mano per un po’ e poi ha dato la battuta a Telesfore>(*) Telesfore, ti piace questo gioco? (Telesfore) eh, mi piace però vorrei.. vorrei conoscere il significato del gioco! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) questo mira sempre a scoprire i misteri: e quanti ragionamenti ci fa con la mente! <si ride un po’>(*) li fai ridere stasera.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..di gioia! Cosa hai capito? (Telesfore) io ho capito una cosa…<si perde qualche parola al cambio cassetta> che ci dai sempre carezze!(*) (Piccolo Giovanni) ma vi do anche i rimproveri! (Telesfore) eh, anche quelle sono carezze! (Piccolo Giovanni) eh.. (Telesfore) ..dolci dolci.. (Piccolo Giovanni) ..perché se vi darei soltanto carezze così non vi vorrei troppo bene! (Telesfore) però i rimproveri ce li dai dolci dolci e senza nemmeno che.. (Piccolo Giovanni) ..con lo zucchero.. (Telesfore) ..con lo zucchero..  (Piccolo Giovanni) ..e il miele <si ride un po’>(*) (Telesfore) anche col capriccio delle volte? (Piccolo Giovanni) anche col capriccio! (Telesfore) però fai centro (Piccolo Giovanni) la mia Linea è il santo Vangelo e centra sempre perché Dio centra i cuori! Dimmi, dimmi qualcosa! (Telesfore) io, al discorso di prima pensavo.. perché ci sono anche delle persone che.. che si.. che si ritengono atee, che non credono in Dio, però ugualmente fanno del bene; magari, se devono aiutare una persona.. un fratello, lo aiutano, si danno tutto.. magari danno lavoro a.. a delle famiglie, a delle persone.. Quindi anche questi qui.. se loro.. se loro dicono che non credono in Dio, però Dio li usa, li fa lavorare per Lui.. (Mosè) ..però, magari non credono in Dio.. (Telesfore) ..eh, eh.. (Mosè) ..è una domanda che stavo per farla io. Io conosco gente, come ha detto Telesfore, che se gli vai a chiedere qualcosa sono capaci di vendersi la camicia di dosso, se non sono nelle capacità se le vanno a trovare, quindi sono disponibili verso i fratelli nel bisogno, però se gli vai a parlare di Dio dice “io non ci credo a queste cose”. Ecco l’accoglienza.. il Padre è misericordioso, è l’Amore, abbiamo detto.. è Infinito, è Egli stesso l’Amore.. li accoglierà senz’altro.. (Piccolo Giovanni) ..perché Dio guarda sempre.. (Mosè) ..il cuore.. (Piccolo Giovanni) ..il cuore, non le parole! Sei convinto, Paolo? (Paolo) no, io stavo pensando che in passato ero un po’ così!<si ride un po’> (Piccolo Giovanni)  ma il tuo cuore lo sai com’è? (Paolo) com’è? (Piccolo Giovanni) com’era e com’è? (Paolo) com’era, com’era? (Piccolo Giovanni) uh.. <si ride un po’>(*) ..ti piacerebbe? (Paolo) eh, com’era? (Piccolo Giovanni) ti dico solo che ti ho pescato nella rete! (Paolo) eh, ma non hai detto una novità, non hai detto niente! (Piccolo Giovanni) ho detto tutto! (Paolo) questo me l’hai sempre detto  (Piccolo Giovanni) eh, e questo ti dico! Non doniamo gocce al nemico: stiamo attenti! (Paolo) com’era quando dicevo che “nelle chiese ci dovevano fare il mercato” come facevano i romani, “o farci almeno dormire quelli che non hanno casa”: questo dicevo io prima “anziché stare qui a fare comizi..” (Piccolo Giovanni) ..ma con la bocca! (Paolo) con la bocca li dicevo? (Piccolo Giovanni) con la bocca!(*) Poi quando hai incontrato questo “don Mario”(*) la pietra si è capovolta! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) ehm(*).. che mi racconti? (Telesfore) eh(*) hai visto che finalmente sono riuscito a.. (Piccolo Giovanni) ..a fare un fischietto? (Telesfore) però adesso non funziona più <si ride un po’>(*) (Paolo) già non funziona? (Telesfore) mah!| (Piccolo Giovanni) funziona, funziona! (Telesfore) io, quello che non riesco a capire è perché una volta funziona e una volta no? (Mosè) forse hai collegato male i fili! (Piccolo Giovanni) non ti preoccupare, funziona! (Telesfore) ma che mistero ci sarà su questi fischietti? (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani e stringo le spalle. Ricordatevi sempre che Io sono Sacerdozio Vivo ed Eterno ma all’ubbidienza del Padre! ho amato e amo l’ubbidienza e amo i figli dell’ubbidienza! Hai capito? (Telesfore)(Piccolo Giovanni) quindi non chiedetemi ciò che non posso dirvi: i tempi li conosce solo il Padre! E dolce dolce.. (Telesfore) ..ce li da.. (Piccolo Giovanni) ..ti sto dando la cantata pure a te! (Telesfore) eh, <si ride un po’> era da tanto tempo che non ne sentivo! (Piccolo Giovanni) eh, Io parlo finchè il Padre mi fa parlare; Io vi do le gocce che il Padre mi dona, ciò che il Padre non mi dona non posso donarlo prima, questo dovete impararlo! Ha detto “aspettatemi, Io verrò”, ma i tempi li conosce solo il Padre. dovete solo essere vigilanti, pregare, e tenere la lucerna accesa: guai se la lucerna è spenta, fatela ardere sempre e crescere! Hai capito? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) bene! Ti sei offeso? (Telesfore) no, stavo.. (Piccolo Giovanni) ..pensando? (Telesfore) stavo pensando al sogno di questa notte: il tuo Volto grondava Sangue; cioè, apparentemente sembra che tu sei gioioso(*), però grondi Sangue! (Piccolo Giovanni) ti do la tosse! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) Io vengo a portare la Pace, vengo a portare il Vangelo, vengo a portare la Luce, ma come non posso piangere nel vedere i miei figli perdersi? rispondimi! (Telesfore) è triste (Piccolo Giovanni) e com’è diventato il tuo cuore nel vedermi grondante di Sangue? (Telesfore) triste, però io ho cercato di.. se non faccio errori, di accoglierti nel mio cuore! (Piccolo Giovanni) voi mi accogliete nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è bello! Vi amo Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, e mi poggio ancora di più su di voi in questo tempo! Figli miei, non permettete al nemico di allontanarvi dalla scia del Cuore di Maria, ma crescete sempre di più nell’amore e nel donarvi ai fratelli amando, perdonando usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! Figli miei, vi chiedo ancora di pregare per il Papa e di pregare per il mio popolo, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera, figli! Telesfore! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa mi racconti di questa Cocciuta? (Telesfore) bè, la Cocciuta sembra che si stia riprendendo un poco; è gioiosa comunque! (Piccolo Giovanni) quando soffre, sì! (Telesfore) uh! (Piccolo Giovanni) è gioiosa quando soffre, ma il suo Cuore è trafitto nel vedere i figli quando cadono! (Telesfore) quando inciampano a un filo di paglia? (Piccolo Giovanni) quando si inciampa (in) un filo di paglia e camminano dritti sul palo! (Telesfore) non ho capito questa.. (Piccolo Giovanni) si inciampa su un filo di paglia e si cammina dritti su un palo! (Telesfore) ah! (Mosè) la via larga.. (Telesfore) ..eh, si!(*) eh.. (Mosè) ..è così, Giovanni? (Piccolo Giovanni) cosa? (Mosè) si inciampa su un filo di paglia e si cammina dritti su un palo: sarebbe il palo la via larga? (Piccolo Giovanni) inciampate sulle piccole cose e passate con la forza su quelle più grandi! Hai capito? (Mosè) si, si! (Telesfore) ai piccoli si inciampa, alle cose grandi no! (Piccolo Giovanni) ho scandalizzato qualcuno? (Tutti) no! (Paolo) è come per dire “ti perdi in un bicchiere d’acqua” <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) ecco, bravo: “ti perdi in un bicchiere d’acqua”, perché superate gli ostacoli grossi e poi vi fermate ad uno spillo! <batte lentamente la mano sul bracciolo della poltrona ed emette un sospiro profondo>(*) Telè! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) non mi racconti nulla? (Telesfore) eh, io ti racconto che più andiamo avanti e più il mistero diventa grande e la gioia, la fiamma.. (Piccolo Giovanni) ..scoppia nei vostri cuori! (Telesfore) scoppia nei nostri cuori: arde, arde, arde! (Piccolo Giovanni) bruciate il mondo col Fuoco dello Spirito Santo: ardete perché Io vi ho scelti per ardere e seminare la Parola viva di Dio! Hai capito, Paolo? (Paolo) sì! ........... (Piccolo Giovanni) e tutti voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) bene! (Mosè) aiutaci sempre ad essere buoni seminatori! (Piccolo Giovanni) ho sempre seminato e lo farò ancora! (Telesfore) sta a noi raccogliere! (Piccolo Giovanni) sta a voi raccogliere.. (Telesfore) ..seminare.. (Piccolo Giovanni) ..e farlo crescere! Ed Io sono gioioso di ognuno di voi senza fare alcuna distinzione, figli del mio Cuore, ma mi diverto a donarvi la mia tosse! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) Cosa ne pensate? (Telesfore) anche la tosse fa ardere il nostro cuore! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Anna) grazie, Giovanni! (Luisa) io cerco di ispirarla: di raccoglierla dentro di me! (Piccolo Giovanni) con la siringa? <le fa la battutina perché Luisa è infermiera> (Luisa) non so se riesco.. vabbè, ci provo! (Piccolo Giovanni) capriccioso che non sono altro! (Luisa) è particolare questa tosse: è la tosse dell’Amore! (Anna) si infiammano di più i nostri cuori così: con la tosse! (Piccolo Giovanni) alzo le mani e stringo le spalle! ......... (Piccolo Giovanni) e come sarei contento se tutto il mondo sarebbe contagiato! ..e tossire <6 colpi di tosse con alitazione>(*) ..e come sarebbe.. (Mosè) ..purtroppo.. purtroppo l’umanità oggi fa uso della mascherina, Giovanni, per non prendere il SARS.. (Piccolo Giovanni) ..come sarei gioioso: Dio non vede le mascherine, il contagio del Vangelo.. (Paolo) ..ma questo è un virus particolare: è una malattia che Gesù ha già diffuso 2000 anni fa e che adesso, alla chetichella, cerca di diffondere.. anzi diffonde sicuramente nuovamente oggi affinché chi è preposto ad operare lo possa fare in modo da coinvolgere tutti i fratelli, sicuri di operare nel giusto, avendo il sostegno di Dio alle spalle! (Piccolo Giovanni) perché? Dio ha mai smesso di donare il sostegno? (Paolo) no, però adesso Dio ci ha insignito di quelle capacità e di quelle qualità che solo Lui poteva donarci! (Piccolo Giovanni) è Padre, e solo un Papà dona tutto!(*) (Paolo) ed io.. (Piccolo Giovanni) ..è così? (Paolo) sì. Io voglio dire.. di quelle qualità che le nostre facoltà terrene non ci consentirebbero di avere!(*) (Piccolo Giovanni) cosa ti aspetti che risponda? (Paolo) hai già risposto, non aspetto niente! (Piccolo Giovanni) non devo risponderti? (Paolo) a me hai già risposto, se vuoi rispondere agli altri....... <6 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) questo volevo risponderti! <si ride un po’>(*) Vi faccio ridere? (Anna) no! (Piccolo Giovanni) ridere d’amore e faccio gioire i vostri cuori.. (Alcuni) ..sì, certo! (Piccolo Giovanni) il Padre porta le gocce e voi le raccogliete, ed Io, con amore le lascio scendere donandovi la tosse <8 colpi di tosse con alitazione>, donandovi l’Alito.. (Anna) ..che è lo Spirito Santo.. (Piccolo Giovanni) ..dello Spirito Santo, ma quella più forte vi è stata donata.. (Telesfore) ..uh.. (Piccolo Giovanni) ..quando, Telesfore? (Telesfore) con l’Acqua! (Piccolo Giovanni) quella più forte di tosse quando vi è stata donata? (Telesfore e Anna) il 24! (Piccolo Giovanni) eh! (Luisa) giusto! <9 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) non finirò mai di ringraziare il Padre per questo dono, e quando capirete non finirete neanche voi! I dubbiosi possono pensare “è la tosse della Piccola Cocciuta”, i Grandi, gli studiosi(*), ma Io mi devo fermare dinanzi alla grandezza del Padre che vi dona questa gioia <7 colpi di tosse con alitazione>(*) (Paolo) i Grandi apriranno un fascicolo su questo.. (Piccolo Giovanni) non basta! (Paolo) non basta? ne faranno ancora di più! (Piccolo Giovanni) non basta! (Paolo) cercheranno le prove concrete, altro che “Fuoco”! ........ (Piccolo Giovanni) perché? quando ha parlato non lo sentivano come un tuono? ......... e che differenza fa il tuono dalla tosse? chi me lo sa spiegare? <11 colpi di tosse con alitazione>(*) (Telesfore) questa è una goccia? (Piccolo Giovanni) un gocciolone! (Luisa) il tuono è distruzione: io lo vedo come distruzione il tuono! ..forse sbaglio sicuramente! ..quando ci sono i temporali, no! ..non è proprio.. (Piccolo Giovanni) ..il TUONO DI DIO non il temporale! <risata esplosiva>(*) (Luisa) ed è quello che volevo dire, grazie.. mi è uscito così! (Mosè) per me il Tuono di Dio e la tosse è la stessissima cosa: è imprimere il suo Spirito nei nostri cuori! (Piccolo Giovanni) siete contenti se continuo, tutta la serata, la tosse? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) se il Padre vuole, Amen! Tu sei contento? (Telesfore) io sono contento, però qua sembra che come alunni non siamo tanto.. <si ride un po’>(*) ..non è.. non riusciamo ad azzeccarne una! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) una ogni tanto! Una ogni tanto l’azzeccate, scappa, scappa! (Mosè) fra tante che ne diciamo qualcuna buona deve uscire per forza di quelle che abbiamo detto! (Piccolo Giovanni) ma se voi siete alberi buoni potete donare frutti cattivi? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) e se Dio vi ha scelti uno ad uno(*), cosa raccoglie? (Anna e qualcun altro) frutti buoni! (Piccolo Giovanni) frutti buoni! Se voi siete qui riuniti ad ascoltare la Parola del Padre, cosa offrite? (Anna) i nostri cuori! (Piccolo Giovanni) i vostri cuori! (Anna) che ormai Gesù, no, ce li ha rapiti i nostri cuori e veniamo con gioia, con amore! Infatti giorno 24 quando Gesù ci ha dato la tosse, ero molto gioiosa; il giorno dopo sono andata dal mio sacerdote e l’ho raccontato, e.. e ho detto “Gesù ci ha fatto un Grande Dono oggi, ci ha dato un Gocciolone. Ci ha.. ehm.. ci ha tossito, ci ha dato.. ehm.. ci ha riempito di Spirito Santo e di Amore”, e lui è rimasto e non sapeva cosa rispondere, e penso che abbia creduto a quello che io ho detto.. poi non so.. però io l’ho detto! (Piccolo Giovanni) è la seconda volta che me lo dici, ma Io alzo le mani e stringo le spalle! Lasciamo a Dio questo! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) Io vi posso donare solo la tosse! (Luisa) ma l’indicazione la voleva dare anche se…<qualche parola non si capisce> di ringraziare il Padre, don Mario, per questa cosa.. perché ne sono certa che comunque sia è una cosa molto buona: di questo ne sono convinta! (Mosè) ci ha detto Giovanni che noi diamo frutti buoni al Padre, anche a volte a noi.. almeno a me, sembra di non dare proprio tanto; a volte non ne sono contento neanch’io, dico “ma io posso fare di più, potrei dare di più”, ehm.. e stasera.. stasera sono contento quando mi dici che stiamo portando frutti buoni (Piccolo Giovanni) anch’Io sono contento! <7 colpi di tosse con alitazione>(*) (Carolina) e ci mandi in Fuoco dello Spirito Santo! (Piccolo Giovanni) che bella novità! <si ride un po’>(*) Vi piace la mia compagnia? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e non vi do fastidio? (Tutti) no! (Qualcuno) no, non ci dai fastidio! (Mosè) sei la nostra guida, la nostra Luce, Giovanni! ......... <4 colpi di tosse con forte alitazione, e si ride un po’>........... (Simone1) vogliamo fare la nottata? (Piccolo Giovanni) Io posso farlo.. (Simone1) ..ed io.. (Piccolo Giovanni) .. non so.. (Simone1) ..sono tanto felice! (Piccolo Giovanni) saresti il primo ad addormentarti! (Simone1) no, <si ride un po’>(*) addormentarmi no! (Piccolo Giovanni) non dire no dinanzi a Dio.. (Simone1) e sono felice.. (Piccolo Giovanni) ..perché conosce il cuore di ognuno di voi.. (Simone1) ..e lo so.. (Piccolo Giovanni) ..figlio! (Paolo) è il sonno che ha ognuno di noi! (Piccolo Giovanni) eh, rimarrebbe soltanto la tosse e Franco <=Telesfore, e si ride un po’. 8 colpi di tosse con alitazione>(*) (Silvana) Giovanni, mi permetti di farti una domanda? (Piccolo Giovanni) dimmi! (Silvana) posso? tu sai quello che voglio fare.. (Piccolo Giovanni) ..devi dirlo in modo che lo sentano tutti gli altri! (Silvana) niente, volevo solo chiederti: ma ogni colpo di tosse è un’anima guarita? è un’anima salvata? (Piccolo Giovanni) alzo le mani e stringo le spalle! (Silvana) ok! (Piccolo Giovanni) non posso donare quello che il Padre non mi dona, e non dovete offendervi! (Silvana) no, no, no (Piccolo Giovanni) ci sta provando già Telesfore.. (Mosè) ..non si può sapere niente.. (Piccolo Giovanni) ..ma la mia Linea è il Vangelo e l’ubbidienza al Padre: OGNI COSA AL SUO TEMPO! (Paolo) io non sono curioso! (Piccolo Giovanni) chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) no.. è perché diceva “allora tossisce ancora di più” <8 colpi di tosse con alitazione>(*) ..e ve l’ho detto che se il Padre voleva ve la donava tutta la serata! (Mosè) così potevi svuotare del…<audio non intelligibile> Giovanni! (Piccolo Giovanni) alzo sempre le mani! .......... <3 colpi di tosse con alitazione>........ e ci sono Io qua: ancora non l’avete capito? <si ride un po’>(*) ehm.. se il Padre mi fa parlare attraverso lo Strumento, sono o non sono Io? (Tutti) sì, lo sei! (Piccolo Giovanni) e la tosse.. (Alcuni) ..è tua.. (Piccolo Giovanni) ..è mia! (Tutti) sì! <6 colpi di tosse con alitazione>(*) (Carolina) così era! (Piccolo Giovanni) è la mia!  (Telesfore) ma io, veramente, ci sono.. (Piccolo Giovanni) ..non è più mia? (Telesfore) si, è tua, ..c’è la tua, ma ci sono anche altri tipi di tosse <10 colpi di tosse in rapida successione e di bassa intensità con alitazione>(*) (Telesfore) eh, questa veramente non l’avevo mai sentita! <risata esplosiva>(*) (Piccolo Giovanni) questo si che rimane nella storia! Questo sarà lungo nella storia! <altri 10 colpetti di tosse come prima>(*) (Mosè) il cuore di Telesfore è scomparso<4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni)  questa di chi è? (Telesfore) ma a me questa mi sembra della Cocciuta!  (Qualcuno) no! (Telesfore) no? non c’ho azzeccato? (Piccolo Giovanni) ancora non avete compreso una cosa: quando Dio usa uno Strumento ciò che è dello Strumento.. ...... Ciò che esce fuori è tutto di Dio! Usare..  Dio usa lo Strumento! (Telesfore) quindi la tosse è tutta di Dio? <3 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) di chi è? (Anna) di Giovanni! (Piccolo Giovanni) Io sono sempre stato capriccioso nel fare gli scherzetti, gli indovinelli, e come mi diverto ora! <6 colpi di tosse con alitazione.....>...... ) <5 colpi di tosse con alitazione>(*) (Telesfore) e questo? (Piccolo Giovanni) poco fa te l’ho detto!<7 colpi di tosse con alitazione>(*) che c’è? (Telesfore) io mi sento ubriaco! <si ride un po’>(*) (Piccolo Giovanni) di cosa? (Telesfore) eh.. (Piccolo Giovanni) ..di Dio? (Telesfore) dell’Acqua di Dio! (Piccolo Giovanni) bello, è bello questo! (Mosè) i miei occhi ti riconoscono, Giovanni, non soltanto dalla tosse, ma anche quando batti le mani sulla sedia.. (Anna) ..quando sorride.. (Mosè) ..quando sorridi, quando giri il capo.. io ti riconosco lo stesso.. (Piccolo Giovanni) ..e quando vi guardo? (Mosè) quando giri il capo, quando ci guardi, quando sorridi (Anna) sei identico (Piccolo Giovanni) Tommaso, tu sei ubriaco pure come Telesfore? (Tommaso) no, ubriaco no, ma Telesfore quando parla, nella sua piccolezza, ci fa capire le cose grandi. Anche se a volte ci mettiamo a ridere, nella sua piccolezza vediamo cose meravigliose che tutti comprendono! (Piccolo Giovanni) e la tosse ti piace? (Tommaso) la tosse mi piace perché è tutta misteriosa..<4 colpi di tosse con alitazione> ..e tu, mi sa che c’hai veramente tanto da lavorare ancora: attraverso lo Strumento ti manifesti sempre di più! ..e noi ci smarriamo nel senso che non.. ehm.. ridiamo però non ti seguiamo efficacemente per quello che vuoi comunicarci! (Piccolo Giovanni) no, mi seguite, mi seguite, perché venite rapiti, e il sorridere è ascoltare, è raccogliere l’Amore che il Padre lascia scendere.. e quanto ne sta scendendo! E se vi guardate un po’ intorno non siete fermi, ma sollevati! (Tommaso) noi ancora non ci rendiamo conto.. <5 colpi di tosse con alitazione>(*) ..però certamente sarà così perché al minimo.. al minimo.. al mio pensiero, tu ci usi visto che siamo tuoi discepoli!  (Piccolo Giovanni) attimo per attimo! (Tommaso) di questo ne siamo certi! (Piccolo Giovanni) e in questo attimo vi sto usando: con la tosse e nel farvi sorridere con Telesfore! (Telesfore) e cadono le gocce! (Piccolo Giovanni) anche dai miei occhi.. (Telesfore) ..è vero.. (Piccolo Giovanni) ..cadono le gocce! <7 colpi di tosse con alitazione> ....... ed Io sono ubriaco più di voi! <si ride un po’> ......... (Paolo) quello che è meraviglioso, Giovanni, è il contatto diretto con Dio attraverso la tosse senza.. <7 colpi di tosse con alitazione>..senza che questa venga filtrata dalla Piccola Cocciuta.. dalla gola della Piccola Cocciuta! (Piccolo Giovanni) eh, a quest’ora sarebbe rotta! <si ride un po’>(*) (Paolo) eh, infatti, l’hai detto bene.. (Piccolo Giovanni) ..un tuono a ciel sereno! ....... (Paolo) è come dire a uno che ci sta a fianco “senti che c’è Dio che sta tossendo” (Piccolo Giovanni) perché? tu ti scandalizzi? (Paolo) io? no, io mi immedesimo in un altro.. (Piccolo Giovanni) ..e dillo al vicino! (Paolo) non a questi qua! (Piccolo Giovanni) dillo al vicino! (Paolo) ma io.. (Piccolo Giovanni) ..dillo al vicino! <si ride un po’>(*) (Paolo) vedi che c’è Gesù che tossisce! (Piccolo Giovanni) rispondi! (Natanaele) eh, Dio parla! (Piccolo Giovanni) eh, anche con la tosse! <5 colpi di tosse con alitazione>(*) ..e capire il linguaggio (Paolo) peccato che 2000 anni fa non c’erano le cassette, così potevamo sentire la voce (Piccolo Giovanni) perché, ora non la state sentendo? (Paolo) no, io sto sentendo la voce della Piccola Cocciuta, sto sentendo la tosse di Gesù non la.. il timbro di voce non ciò che dice.. il timbro di voce è quello della Piccola Cocciuta! (Piccolo Giovanni) poco innanzi.. (Paolo) ..eh?.. (Piccolo Giovanni) ..ho detto che quando Dio usa uno Strumento.. (Paolo) ..si, ma io.. (Piccolo Giovanni) ..lo Strumento non esiste più! (Paolo) si, però tu, tempo fa, hai detto a una mia domanda, che ciò che la Piccola Cocciuta dice è quello che Dio le fa dire, ma il timbro di voce rimane sempre quello della Piccola Cocciuta.. tranne la tosse che adesso sappiamo che è quella di Dio! (Piccolo Giovanni) e se la tosse è di Dio, il resto di chi è? (Alcuni) è di Dio! (Altri) è tutto di Dio! (Paolo) del resto ciò che.. <3 colpi di tosse> ..ecco, questo(a) è la tosse di Dio non di.. è la tosse di Dio, giusto?  (Piccolo Giovanni) e Dio usa la voce della Piccola Cocciuta.. (Paolo) ..esatto, la usa, però sta mettendo.. (Piccolo Giovanni) ..ma è Dio! (Paolo) è Dio, si, si, si, ci siamo fino a qua. Però quello che voglio dire io è che quando tossisce la Piccola Cocciuta non è questa la tosse(*)..  (Piccolo Giovanni) ..e la conoscete la tosse della Piccola Cocciuta?(*) la conoscete? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è la stessa? (Tutti) no! (Paolo) mentre le parole sono le stesse: è questo quello che voglio dire io, quando parla!(*) ..e allora non capisco niente io, Giovanni, spiegamelo perché io non ho capito niente.. (Piccolo Giovanni) ..hai capito, hai capito.. (Paolo) ..no, io non c’ho capito niente.. perché io me.. (Piccolo Giovanni) ..l’hai detto poco fa! (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) l’hai detto poco fa, l’hai spiegato adesso, come fai a dire che non hai capito? (Paolo) cioè io ho capito che Lei quando parla, il timbro di voce è quello suo non quello di Dio! (Piccolo Giovanni) se l’ascolti bene, non è uguale uguale! È uguale? (Alcuni) no, è diversa! (Paolo) allora sono solo io l’unico ignorante (Mosè) è diversa pure quando parla Gesù ed è diversa pure quando parla la Mamma Celeste! (Paolo) non ci.. non ci siamo, Giovanni, perché io ti ho fatto una domanda tempo fa alla quale tu mi hai risposto in questo modo.. io.. così mi genero confusione e poi non capisco più. Cioè, Dio..  (Piccolo Giovanni) ..perché.. (Paolo) ..io ho capito questo..  (Piccolo Giovanni) ..ragioni.. (Paolo) ..che è quello che ho capito io, che poi sono fuori non ha importanza.. (Piccolo Giovanni) ..con la mente.. (Paolo) ..quello che ho capito io ed ero convinto che fosse così.. che Lei parla, ed è Dio che parla, su questo non ci sono stati mai dubbi, però la voce è quella sua.. il timbro di voce, voglio dire, è quello suo! Adesso, l’elemento nuovo.. <3 colpi di tosse> ..ecco, l’elemento nuovo è questo, è quello della tosse, cioè che Lei tossisce ma non è la sua ma è quella di Dio! ..io questo è quello che ho capito, se poi dobbiamo dire si in modo da non capirci niente, io.. non mi devo generare confusione! (Piccolo Giovanni) non ci siamo ancora capiti! (Paolo) eh, infatti! (Piccolo Giovanni) Io sto dicendo si, ora ci siamo capiti? (Paolo) ora ci siamo capiti! (Piccolo Giovanni) chiaro finalmente, vero? (Mosè) sì, è chiaro! (Piccolo Giovanni) ehm......... <6 colpi di tosse con alitazione>........ perché il tuo volto è triste? (Tommaso) non è triste, sto sempre.. (Giacomo1) è come me, Giovanni! ..si, ti sto ascoltando, voglio parlare ma io non voglio interrompere.. voglio solo interrogato.. ma io se non mi interrogano non rispondo.. se il maestro non mi interroga non rispondo! (Piccolo Giovanni) vieni avanti: cosa vuoi chiedermi? (Giacomo1) voglio chiederti.. per tanti fratelli che stanno morendo in Cina.. Gesù, non voglio perdere questi fratelli (Piccolo Giovanni) alzo le mani e stringo le spalle! (Giacomo1) sta arrivando anche.. (Piccolo Giovanni) ..Padre.. (Giacomo1) ..sta arrivando anche da noi.. (Piccolo Giovanni) ..sia fatta.. (Giacomo1) ..la sua volontà.. (Piccolo Giovanni) ..la tua, non la mia volontà! (Giacomo1) ti volevo dire che non sta bene questo.. (Piccolo Giovanni) ..dovete solo pregare, non è Dio a far scendere.. (Giacomo1) ..lo so che non è Dio.. (Piccolo Giovanni) ..i flagelli.. (Giacomo1) ..ti volevo dire di aiutarli.. di aiutarli.. (Piccolo Giovanni) il Padre non abbandona mai i suoi figli, e stiamo parlando sempre di questo! è vero Paolo? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) “Padre, sia fatta la tua non la mia volontà” (Giacomo1) li vedo sempre tutti i giorni in televisione questi fratelli che muoiono. Se proprio penso che.. sarà la vera.. che sta arrivando.. che muoiono altre persone (Piccolo Giovanni) Io vi invito alla preghiera e a mettere tutto nelle mani di Dio! Chiaro? (Giacomo1) sì, grazie! (Piccolo Giovanni) cosa guardi? (Telesfore) i tuoi occhi (Piccolo Giovanni) li riconosci? (Telesfore) ma ci dobbiamo fare una fotografia, però! <8 colpi di tosse con alitazione>(*) bella sa.. (Piccolo Giovanni) ..ne avete tante di foto! (Telesfore) ma come sono adesso i tuoi occhi, no! (Piccolo Giovanni) come sono? grondanti di Sangue? (Telesfore) si, però sono anche gioiosi.. (Piccolo Giovanni) ..la sofferenza.. (Telesfore) ..sono pieni di Luce.. (Piccolo Giovanni) ..è gioia! Paolo, tu li riconosci i miei occhi? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) e sono come dice lui? (Paolo) sono dolcissimi (Piccolo Giovanni) come un dolce da mangiare? (Luisa) ancora più dolci! (Paolo) come ha detto lei: ancora più dolci! (Piccolo Giovanni) allora devo andare via sennò mi mangiate! (Paolo) eh, infatti! <si ride un po’>(*) (Piccolo Giovanni) ma questa sera il mio Cuore gioisce nel(lo) stare in mezzo a voi! e perché vi sto facendo lavorare? (Paolo) c’è qualcosa.. (Piccolo Giovanni) ..guardate nei vostri cuori.. (Luisa) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..cercate nei vostri cuori così lo capite, perché Io posso donarvi solo le gocce, ma in pieno non posso dirvi di più. (Paolo) <si perde qualche parola al cambio cassetta> ..un po’ di tempo fa, non sono più curioso di scavare, di conoscere il mistero: per me non esiste più il mistero, Giovanni, non c’è più un mistero! Per quanto mi riguarda ci sono degli eventi, delle cose grandi, immense, inimmaginabili, che ci attendono, ma per me non è più un mistero. Un mistero lo era tempo fa, quando io mi recavo qui e non sapevo nemmeno perché.. non sapevo chi fossi tu, chi fosse la Piccola Cocciuta, cosa fosse tutto questo; allora c’era il mistero e anche la curiosità di scavare, di sapere, di comprendere; adesso io non sento più l’esigenza di darmi delle risposte immediate a delle domande! (Piccolo Giovanni) è così anche per te? ..... <6 colpi di tosse con alitazione finale fatta in modo simpatico e si ride un po’>(*) che dite? ........ . <3 colpi di tosse con alitazione> ....... Silvia, sei stanca? (Silvana) no (Piccolo Giovanni) ho detto “Silvia”, non Silvana! (Silvana) vabbè (Silvia) no (Piccolo Giovanni) no, tu sei stanca pure? (Silvia) solo un po’ di mal di testa! (Piccolo Giovanni) ti do un po’ di tosse? <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Silvia) grazie (Piccolo Giovanni) e tu la vuoi pure? (Silvana) a me? (Piccolo Giovanni) tu la vuoi pure? (Luisa) a me? <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Luisa) grazie! (Piccolo Giovanni)  penso che l’ho dato a tutti quanti! Che bella serata! (Luisa) posso dire una cosa? (Piccolo Giovanni) si (Luisa) se il Padre consente di parlare… <audio poco intelligibile> (Piccolo Giovanni) è il Padre che decide: Io sono alla sua ubbidienza! Ciò che il Padre vuole, ciò che il Padre fa è giusto e lasciamo che sia Lui ad operare! Avete sonno? (Tutti) no!(*) (Piccolo Giovanni) come vorrei crederci!(*) dì quello che volevi dire! (Paolo) io? Volevo dire che questa sera sta maturando qualcosa di nuovo, qualcosa di importante, un altro passo avanti! Le gocce che cadono e che sortiscono gli effetti benefici voluti da Dio, e quindi si procede e si va sempre avanti (Piccolo Giovanni) avete mai visto Dio andare indietro? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) Dio va sempre avanti e porta i suoi Discepoli, le sue Colonne, le sue Suorine, sulla scia del santo Vangelo! (Paolo) quello che volevo sottolineare io è che ci sono.. <3 colpi di tosse con alitazione> dei giorni particolari che segnano una svolta decisiva in questo cammino! (Piccolo Giovanni) e oggi? (Paolo) e oggi è uno di quei giorni! (Telesfore) 8 oggi! (Piccolo Giovanni)  cos’è 8? (Telesfore) l’8! (Piccolo Giovanni) cos’è il numero 8? (Telesfore) la Pienezza di Dio! (Piccolo Giovanni) Amen! E la Pienezza di Dio cosa dona ai vostri cuori? (Anna) l’Amore! (Telesfore) tutto! <5 colpi di tosse con alitazione>(*) ..tutto ci dona! (Piccolo Giovanni) anche la tosse! (Telesfore) anche la tosse! La tosse è il Tutto di Dio! (Piccolo Giovanni) perché giri lo sguardo dai miei occhi? non sei cambiato: lo facevi anche quando ero presente! Io ti guardavo e tu mi giravi lo sguardo! (Telesfore) perché mi guardavi? (Piccolo Giovanni) eh, perché ti guardo adesso? perché ti guardo adesso?(*) ..così ti guardavo anche prima! (Telesfore) io, veramente, non mi sento degno di(*).. (Piccolo Giovanni) non è che adesso ti metti a piangere? (Telesfore) eh <5 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) questo mi sta facendo scendere le lacrime dai suoi occhi!(*) (Telesfore) io mi chiedo quant’è.. quant’è grande il tuo Amore verso di noi?  (Piccolo Giovanni) quanto è grande l’Amore del Padre! (Telesfore) all’infinito? (Piccolo Giovanni) all’infinito! (Telesfore) e chi siamo noi per meritarci tutto questo? tutta questa grazia? (Piccolo Giovanni) i Discepoli del mio Cuore, le Colonne del mio Cuore e le Suorine del mio Cuore che stanno portando avanti il mio Progetto: il Progetto dell’Amore del Padre! Dio vi ha sigillati con l’Acqua dell’Amore, vi ha sigillati col Bacio del Piccolo Giovanni, vi ha raccolti nella sua rete dove non ci sono buchi, per lavorare! Ora vedo un sorriso acceso: cosa vuoi? (Telesfore) il mio cuore gioisce a sentire le tue Parole.. <7 colpi di tosse con alitazione> ..però nonostante tutto questo.. (Piccolo Giovanni) ..mi vedi grondante.. (Telesfore) ..io mi sento sempre.. (Piccolo Giovanni) ..di Sangue, e tu ti senti sempre.. (Telesfore) ..servo inutile.. (Piccolo Giovanni) ..inutile! Guai a te, guai al giorno che diventi superbo: sempre servo inutile dinanzi al Crocifisso e al Cuore Immacolato di Maria! Servi inutili tutti! (Telesfore) bella questa parola! (Piccolo Giovanni) i Piccoli Giovanni devono stare sempre all’ultimo posto per ricevere la tosse <6 colpi di tosse con alitazione finale>(*) ..hai capito? (Telesfore) ho capito, però mi sento sempre ubriaco! (Piccolo Giovanni) ehm.. vorresti vedere il lavoro che state facendo? (Telesfore) meglio.. meglio non vederlo! (Piccolo Giovanni) hai detto giusto: è meglio non vederlo perché non vedete quello che sta facendo la Piccola Cocciuta rapita dal Padre per lavorare, ed ognuno di voi rapiti! (Telesfore) ma siamo ognuno di noi in posti diversi o siamo tutti allo stesso posto? <5 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) accontentati della tosse! <si ride un po’> (Paolo) vorrebbe sapere anche il posto di lavoro, Lui!<si ride un po’>(*) (Luisa) ..per un attimo.. (Piccolo Giovanni) ehm.. (Paolo) è preoccupato della distanza!(*) (Piccolo Giovanni) cosa stai pensando? (Telesfore) no, stavo pensando che mi sembra che questa notte ho sognato che andavi in bicicletta (Piccolo Giovanni) in Paradiso non ci sono le biciclette! (Telesfore) non ci sono distanze (Telesfore) quindi come si cammina? a piedi? <11 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) che mi vuoi dire questa sera? (Piccolo Giovanni) tu cosa mi vuoi dire? perché questa sera vuoi parlare! (Telesfore) io che ti voglio dire? <2 colpi di tosse con alitazione> che ti voglio bene! (Piccolo Giovanni) a me o alla Piccola Cocciuta? (Telesfore) tutt’e due!(*) ..eh.. tienici sempre stretti! (Piccolo Giovanni) ti ho lasciato? (Telesfore) no, e non mi devi mai lasciare! (Piccolo Giovanni) Io sono qui! (Telesfore) anche quando cerco di andare fuori, tu acchiappami sempre! (Piccolo Giovanni) Io ti acchiappo ma tu non ascolti la Piccola Cocciuta! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) “Eh”: e quante volte deve gridare! (Telesfore) ma comunque, qualche pochettino.. poco poco sono migliorato? (Piccolo Giovanni) se sono qua è perché siete tutti migliorati! (Telesfore) magari un gradino o nemmeno un gradino? (Piccolo Giovanni) Io non ho mai dato numeri! <4 colpi di tosse con alitazione> mi hai mai visto dare numeri? (Telesfore) no (Piccolo Giovanni) e non posso dire se è 1 o 2 o 3 o 4 o 5 o 6 o 7.. o 8! (Telesfore) 8: 8 sta bene, per me va bene l’8! (Piccolo Giovanni) ma non posso dirlo!(*) Che mistero questa sera! Dove sei, Paolo? (Paolo) quando dicevi queste parole ho percepito una sensazione.. nuova, ma non riesco a.. ad inquadrarla! (Piccolo Giovanni) guarda Maria! (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) guarda Maria!(*) l’hai inquadrata? <5 colpi di tosse con alitazione>(*) (Paolo) è un qualcosa.. che mi rende gioioso, felice; è un qualcosa.. che non ho mai avvertito prima, oserei dire(*). Ho percepito quel mutamento di cui ti parlavo prima, quell’elemento di novità, quel nuovo impulso che Dio ci sta donando <6 colpi di tosse con alitazione>(*) ..la tua presenza che.. ... e dire che io quando sono venuto qua ero un po’ angustiato nel vedere mia madre lì.. molto giù perché risente di quella sua situazione, di quella sua permanenza in quel luogo.. mio padre pure, in quelle condizioni.. ero un pochino giù, ecco! Poi sono venuto qua e.. <5 colpi di tosse> (Piccolo Giovanni) ..con la mia tosse.. <alita> (Paolo) è come quando davanti ad un evento negativo si spalanca una porta e si vede tutta una luce diversa e si lascia alle spalle tutto ciò che si era vissuto fino a pochi attimi prima! (Piccolo Giovanni) “Padre, sia fatta la tua non la mia volontà”! (Paolo) purtroppo ci sono alcuni momenti, Giovanni, in cui riesce difficile dire queste cose! Io lo confesso, ci sono dei momenti..  (Piccolo Giovanni) ..e in quei momenti si deve gridare più forte “Padre, sia fatta la tua non la mia volontà”. nel mistero che stai vivendo c’è Dio, e ciò che Dio fa è giusto! Tu lo vedi come una tragedia, ma è un mistero dal primo istante; a camminare, ad andare ancora avanti, è tutto un mistero, perché Io sono sempre a vegliare su mamma Elvira e tutta la tua famiglia! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Paolo) è difficile trattenere l’emozione davanti a una mamma che piange perché chiede un qualcosa che io vorrei darle con tutto il cuore, però ci sono degli ostacoli da superare! (Piccolo Giovanni) quando il Padre vuole si superano quei fili di paglia! Sono solo dei fili di paglia, hai capito? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) è chiaro? (Paolo) sì! ..... (Piccolo Giovanni) tutti svegli? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) anche tu? (Telesfore) eh, e mi sembra strano che io sto sveglio!<si ride un po’. 7 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Oggi.. (Piccolo Giovanni) ..cosa hai fatto? (Telesfore) è una giornata(*).. cioè, piena di misteri: 8-5-2003, l’8 è la Pienezza di Dio, il 5.. Padre, Figlio, Spirito Santo, Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo.. il 3 è 3 (Anna) la Santissima Trinità! (Telesfore) eh, e quindi(*).. (Paolo) e poi dice che non sa fare i conti! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) lui si che da i numeri! <8 colpi di tosse con alitazione>(*) (Telesfore) hai contato quant’erano? ......... (Tutti) no!(*) (Piccolo Giovanni) Paolo, dormi? (Paolo) no, no, è tardi(*) (Piccolo Giovanni) cosa stai inquadrando? (Paolo) cosa stavo pensando? stavo facendo.. stavo associando due cose <7 colpi di tosse con alitazione> la tosse con le gridate della Piccola Cocciuta! Ricordo le prime volte gridava poco, poi piano piano alzava il tono, poi gridava di più fino ad arrivare a questi giorni. Adesso c’è questo nuovo elemento della tosse.. facevo questa associazione ma così, mi è balenato in testa questa cosa senza che io sappia dare una spiegazione di ciò che ho pensato!(*) (Piccolo Giovanni) vuoi.. (Paolo) ..no, tu mi guardavi e pensavo che volessi darmela tu, ma.. (Piccolo Giovanni) ..Io alzo le mani.. (Paolo) ..no, io non.. (Piccolo Giovanni) ..tu alzi tutt’e due e Io alzo una sola, l’altra è impegnata.. (Paolo) ..ah.. (Piccolo Giovanni) ..a tenere Telesfore! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) non sei andato lontano! (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) non sei andato lontano! (Paolo) no?(*) che mi vuoi dire?(*) tanto è che… <audio non intelligibile> ti sei fatto stasera <si ride un po’>(*) (Piccolo Giovanni) anch’Io ho chiesto questo e mi è.. (Paolo) ..anche tu? (Piccolo Giovanni) e mi è stato risposto, quando l’ho vista la Piccola Cocciuta “Giova’, la Madonna non avrebbe portato colore sulle unghie”, e mi è stato risposto “ai tempi di Maria si portava” e son dovuto stare zitto! (Paolo) sei stato zitto! Il colore è bello, vedi, azzurrino! (Piccolo Giovanni) è verde! (Paolo) lo vedo male io, forse (Piccolo Giovanni) è il mio colore preferito: il verde! Sono cambiati i miei occhi? (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni)  dimmi! (Telesfore) ma sono sempre tristi, però! (Piccolo Giovanni) ehm.. sono gioiosi e pieni di Luce nel vedere voi: la mia Famiglia, tristi nel vedere l’umanità perdersi, tristi nel vedere il nemico che sparge il suo odio, e molti miei Confratelli cadere nella sua scia di odio! Pregate, tenete sempre alto il santo Vangelo camminando sempre nel Solco di Dio, quel Solco che Io vi ho sempre segnato, quel Solco che Io ho sempre gridato e ora lo grido con la tosse dell’Amore! <7 colpi di tosse con alitazione>(*) Sei contento? (Telesfore) si (Piccolo Giovanni) ma ricordatevi sempre che Io sono Sacerdozio Vivo ed Eterno e vengo in mezzo a voi in ubbidienza al Padre, e la mia venuta in mezzo a voi è portare la Parola, la Pace di Dio in mezzo a voi e nel mondo intero; e Dio vi ha donato la Stanza dell’Amore dove il Bimbo cresce (Telesfore) un’altra goccia è questa? (Piccolo Giovanni) tu raccogli le gocce, ma spargile, donale ai fratelli, ai figli, perché Dio ha scelto la tua capanna dove far scendere le gocce. Il Padre ha voluto la Stanza per parlare e portare il suo Amore ad ognuno di voi e all’umanità intera! e il Cuore del Padre arde e aspetta a braccia aperte l’umanità! Ed Io come Sacerdozio Vivo ed Eterno allargo le braccia ad ognuno di voi che portate la Croce e camminate sotto il peso. Ma il peso vi rende gioiosi perché scende su di voi l’Amore dello Spirito Santo, ed in questa serata siete pieni <6 colpi di tosse con alitazione>da donarlo al mondo intero, in modo particolare donatelo ai Sacerdoti, figli del mio Cuore!(*) Avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) mezzi addormentati.. (Tutti) ..no.. (Piccolo Giovanni) ..ma.. (Anna) ..siamo freschi a sentire le tue parole.. (Piccolo Giovanni) ..avete capito! Vedete, figli miei, il Padre vede e sente ogni cosa, il Figlio vede e sente ogni cosa, lo Spirito Santo vede e sente ogni cosa, come fate a dirmi “no, non abbiamo sonno?” (Natanaele) appena appena! (Paolo) non abbiamo sonno! (Piccolo Giovanni) tu? e guardati un po’ intorno! (Natanaele) è simpatico vegliare alla presenza di Dio: non esiste cosa più grande! <7 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) ehm, figlio mio, come si può.. Paolo ride: chiedigli perché! (Paolo) perché rido? è perché vedo gente che dorme proprio! (Piccolo Giovanni)  Io vorrei accontentarvi a farvi rimanere fino all’alba, ma in quanti? (Paolo) tu vedi anche.. (Mosè) ..lo faremo un’altra volta, Giovanni.. (Paolo) ..tu vedi anche questo.. <si ride un po’ e viene coperta la voce di Paolo> ..io vedevo proprio gente che dormiva con gli occhi chiusi! (Piccolo Giovanni) ehm.. cosa vuoi dirmi tu? <7 colpi di tosse con 4 alitazioni> (Telesfore) io volevo dirti che.. visto che oggi è una giornata tutta piena, ci vorrebbe anche il Bacio del Piccolo Giovanni! (Piccolo Giovanni) con la tosse? (Telesfore) ah, come vuoi tu, anche con la tosse! <5 colpi forti di tosse con alitazione> fatto!(*) (Piccolo Giovanni) che stai aspettando? (Luisa) aspettiamo il Bacio (Anna) il Bacio! (Telesfore) aspettano il Bacio! (Piccolo Giovanni) e ve l’ho dato! (Telesfore) eh.. ah.. credo che ce l’ha già dato, quindi.. (Piccolo Giovanni) avvicinati! <si ride un po’ e gli dona il Bacio del Piccolo Giovanni>(*) vieni, te lo dona Telesfore! Ora donalo ai fratelli <4 colpi di tosse con alitazione>(*) siete contenti? (Tutti) sì!(*) (Piccolo Giovanni) cosa state aspettando? (Antonietta) che il Bacio arrivi anche a noi! (Piccolo Giovanni) cosa state aspettando? (Telesfore) cosa stiamo aspettando? (Anna) il Bacio che arriva (Telesfore) aspettiamo.. qualche altra cosa! (Piccolo Giovanni) che cosa? (Telesfore) bò! <nella sala si crea un po’ di vocio in attesa del Bacio>(*) (Piccolo Giovanni) gioiosi! ....... gioiosi di accogliere il Bacio, gioiosi di donarlo ai fratelli! Siate sempre così nella gioia di Dio, perché Dio è con voi, Dio è in mezzo a voi e vi sta usando! Ora vi chiedo di preparare i vostri cuori perché il Padre lascia tutto nelle mie mani in questa serata; ora ardono, sono accesi dell’Amore vivo di Dio: preparateli per l’incontro, togliete tutto quello che non appartiene al Padre e venite a fare festa al Banchetto Nuziale che è pronto per ognuno di voi e per l’umanità intera! e ricordate sempre: Gesù è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donare ad ognuno di voi e al mondo intero la Vita Eterna; e Gesù è vivo, è in mezzo a voi e si dona, si dona attraverso la tosse <4 colpi di tosse con alitazione> si dona col Bacio, si dona col suo Sangue e la sua Carne: fate festa perché lo Sposo è qui, è in mezzo a voi ed ha sete e fame del vostro amore, ha sete e fame delle vostre anime candide come bimbi! E in questa serata è grande la goccia, ma state attenti al nemico non dategli spazio ma combattetelo con l’amore: solo con l’Amore potete combattere il nemico! <9 colpi di tosse con alitazione> Ora siete  pronti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete fare festa? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) preparate i vostri cuori; il Cuore della Piccola Cocciuta è pronto e lo Sposo la prende per mano! Ecco lo Sposo che avanza! Vieni a fare festa!(**) <5 colpi di tosse con alitazione>(**) <4 colpi di tosse con alitazione> ...... Paolo! <3 colpi di tosse con alitazione>(*) sono pronti i vostri cuori? (Paolo ...... sì! (Piccolo Giovanni) volete far festa? (Paolo .....) sì!(*) (Piccolo Giovanni e Paolo) ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(*) (Piccolo Giovanni .....) ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti, fate questo ricordandovi del mio Amore!(*) (Piccolo Giovanni e Telesfore) ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(**) <4° grido>(*) (Giulia) tu sei veramente Dio in mezzo a noi!(**) (Piccolo Giovanni) Sangue e Corpo di Cristo! (Telesfore) Amen!(*) (Piccolo Giovanni) Sangue e Corpo di Cristo! .......  Sangue e Corpo di Cristo! (Paolo) Amen! <4 colpi di tosse con alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) sono ancora Io.. ..in mezzo a voi!(*) Volete portare il carico di queste gocce? (Paolo) sì! ....... (Piccolo Giovanni) questa sera, si (Paolo ........ ) sì! (Piccolo Giovanni) è la mia volontà, perché state vivendo una serata piena di tosse che non conoscete il significato, ma posso dirvi che è Dio e penso che vi basti! (Paolo ......) sì! (Piccolo Giovanni) Dio è il mio tutto! Ora vi consegno le gocce! .......... anche tu! (Paolo) sì! <Telesfore, Paolo ..... hanno raccolto con le dita le gocce e le briciole cadute sul piattino>(*) (Piccolo Giovanni) volete donarmi.. .ai vostri fratelli? (Paolo ....) sì! (Piccolo Giovanni)  preparate la Via Stretta per le Spose e non preoccupatevi per la creatura, ci sono qua Io <Silvia ha una forte emicrania e non riesce ad alzarsi dalla sedia>(*). Fate festa donatemi! ....... vi ho lasciati liberi come il Padre ha lasciato libero me di vivere con voi l’Amore Pieno!(*) Siete gioiosi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e fate festa nell’accogliere nei vostri cuori l’Amore Pieno del Padre che si dona col suo Sangue e la sua Carne viva dentro di voi! Voi donatevi all’umanità, donatevi ai fratelli: tutto quello che il Padre dona a voi, voi donatelo! Cercate i piccoli, i poveri, gli emarginati, e fate festa con loro, perché gli invitati a nozze sono stati chiamati ma non sono venuti! Voi siete venuti e date ai fratelli ciò che il Padre sta donando a voi cercando gli ultimi e allargando le braccia dinanzi a loro! Ma, Natanaele, devi parlare a voce alta! (Natanaele) cosa dovrei dire? (Piccolo Giovanni) quello che hai detto prima: quello che hai detto prima sussurrandolo! (Natanaele) noi non siamo niente.. cioè, se stiamo qui è sempre per Volere del Padre, quindi noi possiamo dire solamente “Sì” e basta! (Piccolo Giovanni) “Sì, Padre, eccomi come servo inutile dinanzi a te!”, ma Dio si ferma e siete preziosi dinanzi a Dio; siete (i) Discepoli, le Colonne e le Suorine del suo Amore e ancora vi sta usando in questa serata, e voi nemmeno potete immaginare come vi usa, figli! Ed Io alito con la tosse <25 colpi di tosse con alitazione> su di voi e sul mondo intero, figli del mio Cuore! Tu vuoi il mio Alito? <4 colpi di tosse con alitazione>(*) eccoti accontentata: mi stava facendo la testa così! <si ride un po’, intanto Silvia viene portata a braccia al Banchetto> cammina anche da sola perché c’è la forza del Padre che la sostiene!(*) Avvicinatela alle mie mani! <Natanaele e Giuda gliel’avvicinano>(*) Ecco il mio Amore su di te! Figlia mia, porta nel mondo la mia Parola perché Io lascio scendere su di te il mio Alito <alita>(*). Porta il mio Alito ovunque vai, figlia!(*) <4 colpi di tosse con alitazione>(*) Grazie, Padre mio, grazie!(*) Dal tuo Cuore hai lasciato scendere l’Acqua e il Sangue per abbracciare l’umanità intera!(*) Io mi sono donato ad ognuno di voi; la mia Pasqua è piena ed è risorta perché Io sono risorto sul Legno della Croce per ognuno di voi e per il mondo intero; e la mia gioia è piena perché i vostri cuori sono gioiosi: gridate al mondo intero “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla”, “ci dona il suo Alito”, “ci dona la sua tosse”: il tuono di Dio che scende sull’umanità ad accendere i cuori spenti, a donare vita ai corpi morti! Voi siete vivi perché avete bevuto e mangiato con me! Voi siete vivi perché venite a cercarmi e a far festa: portatemi dai vostri fratelli che non mi cercano e fateli risorgere nel mio Amore! Io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Figli del mio Cuore, andate in pace e portate ovunque la mia Pace, la mia Gioia e il mio Alito <alita>! Figli, state attenti al nemico, non dategli spazio, ma combattetelo con l’Amore! Amatevi gli uni gli altri, ricordatevi l’Amore che Io vi ho sempre donato, l’Amore che vi dono quando mi cercate! Figli miei, fate festa perché Io abito dentro di voi! Grazie per il tempo che spendete, grazie per le vostre fatiche, grazie perché mi ascoltate e rimanete con me a farmi compagnia: almeno non mi lasciate da solo! È piena la mia gioia, Paolo, perché i vostri cuori sono pieni in questo giorno! Con gioia vorrei cantata la Ninna Nanna! (Tutti) sì! <inizia il canto della Ninna Nanna e dopo le prime parole Giovanni emette 5 colpi di tosse con alitazione> (Piccolo Giovanni) Grazie! È bello sentire i tuoi brividi e sentirvi cantare la Ninna Nanna! Cosa hai sentito? (Paolo) mi è venuto un brivido, non so!(*) (Piccolo Giovanni) sai cosa devi fare adesso? (Paolo) cosa? (Piccolo Giovanni) Io mi sposto e tu ti metti al mio posto(*) allarga le braccia e invita i tuoi fratelli a legare la Catena Santa! (Paolo) leghiamo la Catena Santa (Piccolo Giovanni) ed Io vi rimango dietro a tenere il capo di Telesfore!(*) E’ particolare questa serata! (Alcuni) si (Piccolo Giovanni) ma state attenti, rimanga impressa nei vostri cuori come un sigillo! Ed ora innalziamo al Padre la preghiera: <recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Ricordatevi sempre "non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen". Figli, nei momenti di smarrimento ricordatevi sempre che Gesù è vivo nei vostri cuori, e come potete smarrirvi se Gesù è dentro di voi? potete? ........ sia sempre accesa questa Luce perché non potete smarrirvi, perché siete fatti a Immagine e Somiglianza di Dio, e Dio abita nei cuori di ognuno di voi! cosa stai sentendo, Telesfore? (Telesfore) mi sento come se fosse(i) fuori dal mondo! (Piccolo Giovanni) sei fuori dal mondo ma rapito nel mondo di Dio! Ognuno di voi in questa serata è stato rapito!(*) Ecco un’altra goccia che è scesa su di voi! ora ritornate con i piedi per terra, andate in pace e portate a tutti la mia Pace e la mia tosse <5 colpi di tosse con alitazione>(*). Tu, Piccola Cocciuta, porta sulle tue spalle l’umanità e tutti i tuoi figli! (Giulia) con la tua grazia, Giovanni! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch’Io e aspetto: (Tutti) TI AMO, PAPA' (Giovanni) Grazie, figliuoli del mio Cuore, siate Rocce Vive e ardete nella mia Vigna!

 

 

 

         6. Dom 11/05/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l’Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Figlia, immolati ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce del mio Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del Cuore della Croce, in questo giorno immolati secondo il Cuore Immacolato di Gesù; immolati con i Dolori del Parto della Mamma che è Dio! (Giulia) Mamma! Mamma! Mamma! <1° grido>(*) (l’Immacolata) e Dio parla all’umanità partorendo la Croce della vita; e in questo giorno di Luce piena per l’umanità intera, figlia mia, partorisci con Dio l’umanità! <2° grido>(*) questo è l’augurio che il Padre offre al tuo Cuore, figlia mia: partorire l’umanità nel Segno della Croce per farla risorgere con Gesù vivo e risorto in mezzo a voi, nel mondo intero e nei vostri cuori! Figliuoli miei, Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi e dell’umanità intera. Per grazia di Dio Io sono Mamma, Mamma dell’Amore e Mamma della Croce! Benedico quel cuore che mi ha offerto la preghiera: benedico il tuo cuore, Paolo! Croce viva del mio Gesù, come Mamma sigillo il tuo cuore invitando ad andare avanti dietro il mio Gesù, portando sempre la tua piccola Croce, la Croce che Gesù ha poggiato e poggia attimo per attimo sulle tue spalle di figlio, di Colonna e di Discepolo! E’ l’augurio che voglio donare ad ognuno di voi, ma partorite il mio Gesù: non abortitelo! Siate Mamme piene nel far vivere Gesù donandolo all’umanità intera senza avere vergogna! E questo è il mio augurio di Mamma Immacolata e Addolorata, addolorata nel vedere l’umanità che cade nella rete del nemico; vigilate e combattete con l’amore, figliuoli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (l’Immacolata) guarda i tuoi Angeli in questo giorno!(*) ..perché chini il capo, figlia? (Giulia) perché tu sei Mamma e conosci il dolore! Stringili tu al posto mio! Mamma, posso farti gli auguri da parte mia e di tutti i tuoi figli? Mammina, tienici stretta(i) sotto il tuo Manto perché siamo meno di pargoli e abbiamo bisogno della tua mano (l’Immacolata) ed Io ve la offro: figliuoli miei, rifugiatevi nel mio Cuore! (Giulia) grazie, Mamma! Grazie! (l’Immacolata) figli miei, ricordate sempre di tenere alto il santo Vangelo e di viverlo nei vostri cuori! Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (l’Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (l’Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) mi siedo un po’!(*) Il Cuore Immacolato di Maria sia per ognuno di voi il Faro della vita! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen, figli del mio Cuore! Eccomi! Nell’Amore e nella Quiete del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo come una mamma vive il parto. E vivere il Vangelo in pieno è come aspettare la nascita: ognuno di noi deve vivere il santo Vangelo come una mamma sente i battiti del cuore della creatura che porta; e Dio è un continuo battere d’Amore nei nostri cuori perché ci dona, attimo per attimo, l’Amore Materno di Maria! Quel Faro che non si spegne ma dà Luce sempre più forte per i figli: anche peccatori li cerca, li rapisce e li riscalda col suo Grande Amore! Figliuoli miei, siate come Maria: donate il Sì pieno come Maria l’ha innalzato al Padre per ognuno di noi! Io alzo le mani per indicarvi il santo Vangelo: la Linea Dritta che porta al Cuore di Dio! E oggi avete vissuto il santo Vangelo? <4° dom. di Pasqua/B, Gv. 10,11-18> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è rimasto impresso nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) tenetelo sempre acceso, figli miei! Volete ancora la tosse? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) come ardi tu! <9 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) Paolo! (Paolo) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) l’avevi dimenticata giovedì? (Paolo) la tosse? no! (Piccolo Giovanni) e dimmi, cosa ti ha lasciato il Vangelo di oggi? (Paolo) io ho raccolto questo, Giovanni: ascoltando il Vangelo e leggendolo, mi sono ricordato alcuni momenti della mia vita passata in cui.. (Piccolo Giovanni) ..ma poi non sei tanto vecchio! <si ride un po’>(*) (Paolo) si, vedi.. (Piccolo Giovanni) ..tu mi dici passata chissà da quanti secoli! (Paolo) vabbè, non sarò vecchio, però ho avuto.. ho vissuto dei momenti.. è questo! (Piccolo Giovanni) e vuoi che Io non li conosca? (Paolo) è certo! (Piccolo Giovanni) ma dimmeli! (Paolo) ehm.. ho vissuto dei momenti in cui chiedevo a me stesso quale fosse la strada giusta da seguire, e avrei dato chissà che cosa per saperlo, ma.. (Piccolo Giovanni) ..soldi non ce ne servono! (Paolo) ehm.. il Vangelo di oggi, appunto, da una risposta decisa a questo interrogativo, cioè è Dio che dice “vedi che la strada è questa ed è una sola. Il Buon Pastore sono Io..” (Piccolo Giovanni) “..e conosco le pecore” (Paolo) “e conosco le pecore, e per loro..” (Piccolo Giovanni) “..conosco..” (Paolo) “..dono anche la mia vita, e non sono un mercenario che scava..” (Piccolo Giovanni) ..un po’ come la tua preghiera! (Paolo) ti è piaciuta? (Piccolo Giovanni) tu che dici? (Paolo) eh! <5 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte> (Piccolo Giovanni) Io dico si, continua! (Paolo) stavo dicendo.. paragonava.. parlava del mercenario.. dei mercenari, Gesù, quelli che alla prima difficoltà abbandonano tutto e scappano via: “quando vedono il lupo, lasciano le pecore, lasciano tutti e se ne vanno via perché non nutrono per loro quell’affetto che Io nutro per loro e sono disposto a dare tutto”. E questa è una cosa.. (Piccolo Giovanni) ..e ha donato e dona tutto! (Paolo) ha donato e dona tutto, si! (Piccolo Giovanni) attimo per attimo! (Paolo) quindi non ci sono incertezze, la strada da seguire è quella; in alcuni momenti è difficile farlo, però avere la certezza che sia quella la strada è già una grandissima cosa perché prima o poi, sbattendo sbattendo, uno riesce.. (Piccolo Giovanni) ..si arriva.. (Paolo) ..a capire.. (Piccolo Giovanni) ..alla Roccia! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) battendo battendo Io vi offro ancora la tosse! <5 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) quanto mi diverte! Non fermarti anche se c’è la tosse, Paolo!(*) Paolo! (Paolo) è un sottofondo la tosse <si ride un po’>(*) (Piccolo Giovanni) come il giovedì, ve la darò fino alla fine, con l’Alito dello Spirito Santo! (Paolo) lo sai che questa preghiera quando l’ho scritta non mi sono reso conto nemmeno di quello che scrivevo? (Piccolo Giovanni) sei sicuro che l’hai scritta tu? (Paolo) eh, infatti: è quello che stavo pensando, perché l’ho assaporata oggi per la prima volta quando l’ho letta qui stasera (Piccolo Giovanni) che ti sei anche emozionato! (Paolo)(Piccolo Giovanni) il tuo cuore faceva bum bum bum! (Paolo) eh, sì, perché ho visto che c’è un significato molto.. molto profondo, del quale non mi sono reso conto quando io.. (Piccolo Giovanni) ..in ciò che viene da Dio ci sono sempre i significati profondi, come c’è il significato nella tosse! <5 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte> ma ancora non lo posso svelare, e come la Piccola Cocciuta, mi arde il Cuore da gridarlo, sai Paolo? (Paolo) non ho capito quello che hai detto, Giovanni! (Piccolo Giovanni) come la Piccola Cocciuta,  mi arde il Cuore di gridarlo.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ora hai capito? ma devo stare all’ubbidienza del Padre: posso solo donarvela attimo per attimo <10 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) Ti ha bloccato la tosse? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) lo respiri? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) e dimmi ancora! (Paolo) stavo dicendo prima che succede un po’ la stessa cosa con i canti! Mi rendo conto di quello che ho scritto dopo che è finito e quando imparo piano piano, ma mentre lo scrivo mi sembra di saltare di palo in frasca (Piccolo Giovanni) mentre scrivi sei rapito! (Paolo) eh, si! (Piccolo Giovanni) e Dio fa camminare la tua mano: la usa! (Paolo) sì! In quest’ultimo che ho fatto che loro non hanno ancora ascoltato, mi era sembrato di aver messo un ritornello in più, e poi avevo disegnato uno schemino e chiedevo a me stesso se fosse il caso di toglierlo, ma poi mi sono ricordato di quello che mi ha detto la Cocciuta a proposito di un altro canto che avevo modificato e ho detto.. ho detto a me stesso..   (Piccolo Giovanni) ..ciò che dona Dio non va.. (Paolo) ..ciò che dona Dio non va.. non va cambiato.. (Piccolo Giovanni) ..cambiato! (Paolo) quindi deve rimanere così com’è e basta. Ho semplicemente variato di mezzo tono perché non riuscivo a cantarlo con la tonalità bassa (Piccolo Giovanni) questo non è cambiare! (Paolo) questo non è cambiare, si adatta anche alla voce.. alla mia voce, e quindi.. <6 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) (Piccolo Giovanni) quella non è come la mia! <si ride un po’ perché si riferisce ad un colpo di tosse di qualcuno dei fedeli> (Paolo) è diversa! <qualcuno dice qualcosa ma non si capisce l’audio>(*) (Tommaso) esatto (Piccolo Giovanni) sono capriccioso e pieno di gioia per Maria! (Paolo) siamo tutti pieni di gioia per la Mamma oggi (Piccolo Giovanni) ma non solo oggi: sempre! (Paolo) sempre, si! (Piccolo Giovanni) ma quel “sempre” sia pieno di Croce, perché solo con la Croce si può andare dietro Maria e amare, amare con l’Alito dello Spirito Santo <12 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) (Paolo) la Cocciuta cambia tosse quando tu la.. se la sente il medico.. (Piccolo Giovanni) ..povero medico! (Paolo) non sa come curarla (Piccolo Giovanni) la sua fischia, quella di Dio.. <7 colpi di tosse con forte alitazione> ..dona l’Alito, dona l’Amore, dona la Quiete nei vostri cuori e nei cuori dell’umanità intera! (Paolo) la targa ti è piaciuta? (Piccolo Giovanni) eh, forse l’ho vista prima di te! <si ride un po’. È la targa con la scritta Fondazione “una Voce dal deserto – don Mario RICCIO” ordinata alla tipografia e che a giorni verrà installata a Lauria presso la Capanna di Giovanni>(*) (Paolo) bella, eh? (Piccolo Giovanni) si, è bella! Il mio prato verde: il risorgere della Croce! <5 colpi di tosse forti, 3 brevi,  una alitazione lieve e una forte>(*) questa l’ho inviata alla targa, non siate gelosi! (Paolo) “il risorgere della Croce”! (Piccolo Giovanni) cosa t’ha lasciato questa frase? (Paolo) eh, parecchio: mi ha lasciato veramente tanto! (Piccolo Giovanni) non farlo scappare! (Paolo) no (Piccolo Giovanni) <10 colpi di tosse di varia intensità con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) oggi mi diverto più di giovedì, e sapete perché? (Paolo) sei gioioso? (Piccolo Giovanni) perché sono gioioso nel vedere Maria col Cuore che scende sull’umanità! <10 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) come vorrei contagiarvi questa tosse! (Paolo) non puoi farlo? (Piccolo Giovanni) il Padre sta usando solo la Piccola Cocciuta, e la rapisce donandogli la tosse, come dona le gocce, come lascia scendere la Parola Viva e il Latte del Seno di Maria che disseta l’umanità intera. E voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, siete graziati nell’averlo vivo e reale in mezzo a voi! <9 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) (Paolo) uh! (Piccolo Giovanni) vorrei sentire te con questa tosse! (Paolo) eh (Piccolo Giovanni) ma non te la puoi inventare! (Paolo) eh, infatti, quando me la farai venire(*).. l’hai visto il fischietto di Telesfore? (Piccolo Giovanni) l’ho visto da un bel po’, e sono rimasto un po’ tenero nel vedere la “M” di Maria con l’Ancora che raccoglie l’umanità! ..zitto zitto! <si ride un po’> (Telesfore) e che ne so se l’ho fatto io? chi l’ha fatto?(*) eh.. (Paolo) Maria che getta l’Ancora, eh? (Piccolo Giovanni) Maria che getta l’Ancora nei vostri cuori, nell’umanità intera! Ma la navicella di Maria non affonda, rimane alta come il santo Vangelo per portare tutti i figli, l’umanità intera al Padre! Maria fa scendere l’Ancora come il suo Ascensore: il Santo Rosario! È bello tutto questo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) sono gioiosi i vostri cuori? (Molti) sì! (gli Altri) sì, tanto! (Piccolo Giovanni) e il mio arde d’Amore! <8 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte>(*) ci siete? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) la tosse vi ha avvolti? (Luisa) ci ha rapiti la tosse! (Piccolo Giovanni) e quando vi rapisce vi porta al Piano Verde! (Paolo) e.. (Piccolo Giovanni) ..sai cos’è il Piano Verde, Paolo? (Paolo) il “Piano Verde”? (Luisa) il Paradiso! (Piccolo Giovanni) il Paradiso, dove gli Angeli, i Santi e tutta la Corte Celeste è chinata a guardare l’umanità! (Paolo) ma il riferimento al verde non è casuale, no? (Piccolo Giovanni) no! <di questo colore è la targa della Fondazione che a giorni verrà affissa a Lauria>(*) È bello quando ti fermi a pensare e a catturare quello che dico.. è bello! (Paolo) è bello quello che dici, Giovanni! (Piccolo Giovanni) è il Padre che parla! Io parlo attraverso lo Strumento per volere di Dio! Dio usa i suoi Strumenti che si lasciano suonare con la sua Musica che è Vangelo, Verità e Via! E come tu hai detto, una sola è la Via da seguire: prendere la propria Croce e camminare dietro al Buon Pastore! (Paolo) del Buon Pastore io ho parlato nel canto però prima di leggere il Vangelo, il Vangelo non lo conoscevo ancora quello di oggi! (Piccolo Giovanni) tu hai parlato o Dio.. (Paolo) ..sì, vabbè.. (Piccolo Giovanni) ..ti ha usato?.. (Paolo) ..mi ha usato Dio perché solo materialmente ho scritto io. Quando questa mattina in chiesa ho.. ho letto per la prima volta il Vangelo, dico “ma guarda un po’..” (Piccolo Giovanni) ..hai un po’.. (Paolo) ..dico, “"non era.. non era casuale la cosa” (Piccolo Giovanni) hai un po’ sbarrato gli occhi? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) ebbene, vi chiedo di pregare per il Papa, per tutti i miei Confratelli e in modo particolare vi chiedo di pregare per il Confratello don Pino: quella creatura me la sto stringendo al Cuore, non lasciatelo! Pregate per Lui: è un fiore che sboccia nel Piano Verde! (Paolo) ah(*) <7 colpi di tosse con due alitazioni> (Piccolo Giovanni) e vi ho donato un’altra goccia! (Paolo) e questa è una goccia proprio.. (Piccolo Giovanni) ..enorme! (Paolo) avevo intuito qualcosa prima, però la goccia non era ancora.. scesa.. (Piccolo Giovanni) ..arrivata (Paolo) ecco, non era ancora arrivata (Piccolo Giovanni) e adesso è arrivata, ma vi chiedo di pregare ancora per il mio popolo. Dì grazie alla mia Marì, digli che mi poggerò un po’ su di lei e sui suoi cari della sua capanna! (Telesfore) glielo dirò, si! (Piccolo Giovanni) bene! <batte sulla mano di Telesfore>(*) Telesfore! (Telesfore) auguri, Mamma! (Piccolo Giovanni) grazie, figlio! Dimmi! (Telesfore) la Cocciuta ha fatto gli auguri alla Mamma Celeste per tutti noi, io gli auguri li faccio a te da parte mia e da parte dei tuoi discepoli! (Piccolo Giovanni) perché un Sacerdote è anche Mamma!(*) Il Sacerdozio di Dio che è Mamma! E bravo Telesfore!(*) ora ti sei commosso! (Telesfore) eh.. (Piccolo Giovanni) non mi dici più nulla? (Telesfore) stavo.. stavo riflettendo sul Vangelo di oggi e sulla situazione che noi viviamo oggi. Tu sei.. <9 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte> (Piccolo Giovanni) “Io sono”? (Telesfore) tu sei il Buon Pastore che hai.. (Piccolo Giovanni) ..e vi conoscevo bene! (Telesfore) eh! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) e vi conosco! (Paolo) ma il bastone, ce l’hai il bastone? (Piccolo Giovanni) eccome, lo uso, lo uso! (Paolo) lo usi? (Simone1) u palu <=il palo, il bastone, in dialetto calabrese> (Piccolo Giovanni) quando ti arrabbi un po’ che vorresti chiudere tutto, lo abbasso! (Paolo) con i caproni non lo usi? (Piccolo Giovanni) anche con voi! hai capito? (Paolo) anche con noi? (Piccolo Giovanni) anche quando ti arrabbi tu.. (Paolo) ..eh, certo, quando me lo merito ci vuole!.. (Piccolo Giovanni) ..lo abbasso come l’ho abbassato sulla testa di Annamaria: lo ricordi? (Annamaria) sì! (Piccolo Giovanni) vorresti sentirlo ancora? (Annamaria) eh, sì! (Simone1) ..si.. (Piccolo Giovanni) ehm.. e aspetta! (Telesfore) aspetta! (Piccolo Giovanni) cosa stavi dicendo? (Telesfore) che tu.. noi siamo i tuoi.. le tue pecore, però il lupo ci vorrebbe divorare, ci vorrebbe portare via, ci vorrebbe.. però.. (Piccolo Giovanni) ..ed Io non guardo nulla? (Telesfore) eh, ma.. quello sta.. (Piccolo Giovanni) là sta il mistero! (Telesfore) là sta il mistero! Comunque, un po’ tu, un po’ la Piccola Cocciuta riuscite a tenerci(*).. (Piccolo Giovanni) o così? (Telesfore) eh, in bilancia.. però non ci fate scappare! (Paolo) a galla con la testa fuori! (Piccolo Giovanni) siete tutti fuori dall’acqua, ma nel Fiume dell’Amore di Dio fino alla testa, e di questo dovete essere gioiosi! È vero Tommaso? (Tommaso) sì, Giovanni, guai se non fossimo gioiosi per questo Amore grande di Dio! (Piccolo Giovanni) ed Io lo sono più di voi nel vedere come state combattendo per tenere alto il santo Vangelo! Il mio Cuore è pieno di gioia per questo, nel vedere tutto il vostro amore, tutto il vostro lavoro.. e state lavorando, non per me, ma per Dio! Lo so, il tuo cuore si stringe, non riesci a trovare le parole, ma dì (Tommaso) è troppo bello, è troppo grande. Io quando ascoltavo, appunto, il Vangelo di oggi pensavo a te, a quello che hai detto una volta, no, riferito al Buon Pastore! Ecco, come Gesù ci ha detto che è Buon Pastore anche per gli ovili lontani, per quel gregge che vive lontano fuori dalla verità.. fuori, appunto, dal Fiume, così tu una volta hai detto dicendoci forse un segreto.. nelle tue piccole parole ogni tanto buttavi altrimenti qualche.. qualche forma di verità “chissà se un giorno la Chiesa Nuova camminerà insieme all’altra Chiesa”. Non so se questa è una grossa goccia dell’Amore grande di Dio, appunto, riferendomi al grande.. al Grande Pastore?e se effettivamente noi seguiamo le Orme di Maria, ci rifugiamo nel suo vivere, questo sicuramente c’è.. è perché non può il Signore abbandonare l’ultima pecorella, anche quando noi vediamo che è impossibile. E allora, appunto, consideravo anche il fatto della tosse.. se questa tosse fosse un siero, cioè.. non un.. non un vaccino, perché il vaccino c’è bisogno ancora di creare gli anticorpi, ma il siero.. già c’è la pienezza di Dio, quell’Amore pronto a combattere il male che ci circonda.. per raggiungere, appunto, questa meta di portare tutti i fratelli nell’Ovile di Maria. Ecco, penso che questo è grande se.. ho capito bene il gocciolone che c’hai detto ieri l’altro (Piccolo Giovanni) non posso donarvi risposte, posso solo dire che il mio Cuore scoppia di gioia! (Tommaso) e il mio di più perché penso di cercare.. di fare veramente qualsiasi cosa, perché l’amore che arde dentro di noi ci spinge a fare molto di più anche se tu sai che cadiamo, però la forza che ci da Maria.. subito ci rialziamo, e guai se tu, come Buon Pastore, ci abbandonassi, dove andremo.. (Piccolo Giovanni) ..non.. (Tommaso) ..entreremo in una crisi profonda (Piccolo Giovanni) non l’ho mai fatto anche quando mi avete fatto perdere la pazienza. Dicevo alla Piccola Cocciuta “questi tuoi figli sono tutti cioti <cioti=scemi in dialetto calabrese. Si ride un po’>(*) e tu sei più ciota di loro”, e poverina diceva “Gesù mi ha cercato in questo mucchio di spazzatura”, e il mio Cuore gioiva quando sentivo queste parole. Non si è mai sollevata nel sentirsi grande, perché Dio la sta usando, e come cocciuta non lo farà mai e di questo c’è il mio Sigillo di Sacerdozio vivo ed Eterno. Hai capito? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) cosa stai raccogliendo? (Paolo) io stavo pensando una cosa (Piccolo Giovanni) dilla! (Paolo) Tommaso ha detto che tu una volta hai detto “chissà se un giorno la Chiesa camminerà con la Nuova Chiesa”: ma è.. hai posto l’interrogativo? oppure.. è un interrogativo quello tuo?(*) non mi dire.. (Piccolo Giovanni) ti dico! (Paolo) quindi tu non lo sai se camminerà con la Nuova Chiesa? (Piccolo Giovanni) l’ho posto per voi! (Paolo) ah, per noi l’interrogativo! È una domanda che fai a noi, quindi? ci chiedi se un giorno la.. la Chiesa attuale camminerà con la Chiesa che sta nascendo, che è gia nata? e noi ti dobbiamo rispondere? (Piccolo Giovanni) vorrei sentirle! (Paolo) io ti rispondo di sì! (Tommaso) ed io l’ho detto prima, penso che questo è un gocciolone che c’hai detto, quindi è in positivo! (Piccolo Giovanni) Dio parla su livelli negativi? (Tommaso) sempre positivi anche perché poi mi ricordo un’altra cosa, parlavi di acquistare anche i terreni enormi qui intorno, hai visto pullman a tutta forza a venire qua in via Timparelle, una via sperduta (Piccolo Giovanni) anche la Grande Cattedrale! (Tommaso) appunto! (Piccolo Giovanni) ma lasciamo i tempi.. (Tommaso) ..a Dio.. (Piccolo Giovanni) ..a Dio, perché Lui deve fare il primo passo! (Paolo) ma dimmi un’altra cosa se puoi, Giovanni, le.. (Piccolo Giovanni) ..è bello quando parli così.. (Paolo) ..le pecorelle.. le pecorelle smarrite a cui faceva riferimento anche lui, no, sono da individuare nella Chiesa? nel cuore?  (Piccolo Giovanni) chino solo il capo e penso che hai capito! (Paolo) si, ho capito (Piccolo Giovanni) non mi lasciano donare la risposta! Aspettavi i miei occhi? (Paolo) sì! (Telesfore) eh, perché Io avevo preparato la telecamera, dico “oggi Giovanni..” (Piccolo Giovanni) “..devo pizzicare gli occhi di Giovanni?” (Telesfore) eh, ma poi, dico “il furbacchione oggi li ha tenuti chiusi.. li tiene chiusi”  (Piccolo Giovanni) mi sa che il furbacchione sei tu, Io li apro quando il Padre mi dona il via; ma non ti sto rimproverando, il tuo cuore arde.. (Telesfore) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..gliel’avevi già detto alla Piccola Cocciuta “era così bello da prendere gli occhi, ma io non ho preparato da riprendere” ..... per volere del Padre! ma dimmi, cosa gli hai offerto a Maria oggi? <8 colpi di tosse con un’alitazione succeduta da una più forte> (Telesfore) eh, io.. io a Maria gli offro quello che gli offro tutti i giorni: il Rosario! (Piccolo Giovanni) e niente altro? (Telesfore) eh, ho fatto una fischiatina stamattina (Piccolo Giovanni) e niente altro? (Telesfore) i fiori?anche i fiori.. ah, ho preso.. (Piccolo Giovanni) ..e Maria ti benedice! (Telesfore) sai.. sai una cosa? (Piccolo Giovanni) ha preso forza con la Croce.. (Telesfore) ..io.. (Piccolo Giovanni) ..perché togli lo sguardo dal mio?.. (Telesfore) ..quando penso a Maria, no, che ci accarezza, no, io mi sento.. mi sento piccolo (Piccolo Giovanni) e piccolo devi essere (Telesfore) e dico: ma quanto è grande l’Amore di Maria, quanto ci.. (Piccolo Giovanni) ..quanto è grande l’Amore di Dio, non ha misure! Ed Io vi sto crescendo sul palmo della mia mano per farvi arrivare all’Amore di Maria! È bello? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) nel palmo della mia mano di Sacerdozio Vivo ed Eterno, perché la mia mano è consacrata! Portare ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine, nella mia mano, e i figli che si uniscono a questa santa preghiera (Mosè) sei il Buon Pastore e non manchi di nulla, Giovanni!  (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, figli! Come potrei mancare? non sarei più Buon Pastore! (Paolo) è bello quando si trovano le pecorelle smarrite, no? (Piccolo Giovanni) ed Io li vado a cercare una per una come ho raccolto ognuno di voi nella rete dell’Amore Padre! <7 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) quello mi conta la tosse! (Paolo) chi? (Piccolo Giovanni) Simone! (Paolo) conta? sta contando?(*) (Telesfore) a proposito della tosse, ma non.. non glielo hai messo in testa a Paolo di fare qualche canto?(*) ..ancora non è il momento? (Piccolo Giovanni) Io sono all’ubbidienza di Dio! (Telesfore) non è il momento ancora (Paolo) ogni cosa a suo tempo! (Piccolo Giovanni) solo il Padre conosce i tempi: ricordatelo, non date spazio al nemico nel chiedere i tempi di Dio, ma combattetelo amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare tutti i vostri nemici. Hai capito? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e voi avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) bene! Cosa vuoi dirmi ancora? aspetto! (Telesfore) auguri l’ho detto.. e ci sarebbe un’altra cosa, però mo’ m’è scappata (Piccolo Giovanni) guarda i miei occhi!(*) (Telesfore) ehm.. stavo.. poco fa pensavo, no, che tu dicevi alla Cocciuta che.. i suoi figli erano tutti.. tutti cioti (Piccolo Giovanni) anche tu! (Telesfore) anche io, si: giusto.. io il primo! <si ride un po’> però.. (Piccolo Giovanni) ..”cioti di Dio” li chiamavo! (Telesfore) però, io realmente capisco che non è poi tanto così, poiché oggi è la festa della mamma, quasi tutti.. (Piccolo Giovanni) ..ti ho detto “cioti di Dio”, li chiamavo, non “cioti” (Telesfore) eh! <si ride un po’>(*) (Qualcuno) non ha capito questo! (Piccolo Giovanni) non ha capito, questo! (Telesfore) però è un buon se.. è un buon.. ehm.. è un buon segno così essere cioti di Dio! (Piccolo Giovanni) eh! (Telesfore) è na’ grazia? (Piccolo Giovanni) è una grazia! Mentre l’umanità ride di voi.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..voi fate gioire il Cuore di Dio; mentre l’umanità rideva del Crocifisso, il Padre lo innalzava!(*) “cioti di Dio”! (Telesfore) sono gioioso di questo! (Paolo) è proprio un grande complimento, questo! Stavo pensando che dalle mie parti si dice.. quando uno si invaghisce di una ragazza, in dialetto “tu si ‘nciutatu”, nel senso “tu sei partito di testa”.. (Piccolo Giovanni) ..partito di testa.. (Paolo) ..”sei diventato cioto per questa” (Piccolo Giovanni) e voi siete partiti di testa per Dio, e questo è gioioso. Rimanete sempre così crescendo nel solco del santo Vangelo! Discepoli miei, Colonne mie e suorine del Cuore della Croce, è bello stare con voi, è bello donarvi la tosse <9 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) ma ora devo ritornare all’ubbidienza del Padre! Cosa vuoi fare? (Telesfore) io, nel mio cuore, in questo giorno, è consolare Maria con tutto il mio amore. Vorrei farlo in ginocchio! (Piccolo Giovanni) bene, ed Io invece lo faccio come l’ho fatto quando sono stato ordinato!: <tutti in ginocchio, rispettosamente, per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE E’ VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO!(*) ..ed Io sono nato nel Cuore di Dio!(*) La gioia di mettermi nella posizione della mia ordinazione sacerdotale,....... e la Piccola Cocciuta l’ha fatto diverse volte entrando in alcune chiese che siamo andati a benedire: mettersi per terra nella povertà di San Francesco! E mentre un sacerdote assisteva a questa scena, si è messa le mani al petto perché la Cocciuta non sapeva che abitavano i frati. Gesù che la lascia abbracciare la terra: la povertà, ed Io vi invito ad essere sempre piccoli e poveri! I Piccoli Giovanni stare sempre all’ultimo posto! <8 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) le pietre scartate.. (Piccolo Giovanni) ..è divenuta pietra angolare! (Paolo) te la posso chiedere una cosa? (Piccolo Giovanni) sì! (Paolo) la Cocciuta mi ha raccontato di una Consacrazione che non avete potuto effettuare perché avete trovato la chiesa chiusa.. la chiesa chiusa! (Piccolo Giovanni) dovevamo benedire, non fare la Consacrazione! (Paolo) esattissimo, benedire! Ehm.. ehm.. quindi non avete potuto benedire perché era chiuso.. era chiusa la porta ehm.. (Piccolo Giovanni) ..ma Io potevo farlo anche all’esterno (Paolo) si, però come si è verificato in tutte le altre circostanze, questa volta non è scattata l’apparizione! (Piccolo Giovanni) no (Paolo) non è così? (Piccolo Giovanni) e neanche si è segnata! (Paolo) e volevo dirti, perché questo? perché c’è qualcosa di particolare in quella chiesa?(*) ehm.. in questo qualcosa di particolare è collegabile con quello che tu hai detto una volta quando ti ho parlato di un’altra chiesa di Rende? (Piccolo Giovanni) più o meno! (Paolo) ma più grave o meno grave? (Piccolo Giovanni) che significa questo? <gli fa un gesto>(*) (Paolo) più grave! (Piccolo Giovanni) pregate: è questo che posso dirvi! (Paolo) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) grazie al Padre! Ora Io devo ritornare all’Ubbidienza del Padre! Il mio Cuore lo lascio con voi: abbiatene cura! (Tommaso) grazie, don Mario! <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (l’Immacolata) Oggi sull’umanità ho lasciato scendere i petali delle grazie: raccoglieteli, figliuoli, e siate Mamme vive dell’Amore del Vangelo! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, vai avanti, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l’umanità intera! Gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: con un unico cuore fatelo anche voi! Ed Io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen, Amen. (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figli del Cuore della Croce, grazie per il tempo che spendete per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure, Pargoli del Cuore della Croce!(*) (Giulia) grazie, Mamma!

 

 

         7. Giov 15/05/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa nell’accogliere i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora, abbraccia ancora i santi Dolori per l’umanità tutta; abbracciali per i Grandi del mondo; abbracciali per i Grandi della Casa del Padre  secondo le mie Intenzioni. Figlia mia, unisciti ancora una volta alle mie mani e abbraccia con me i Chiodi dell’Amore, figlia! (Giulia) con la tua grazia, Gesù! (Gesù) vieni! (Giulia) eccomi, Gesù! <1° grido>(*) (Gesù) sollevati, anima mia! (Giulia) Gesù! Gesù, perché sei vestito così? (Gesù) come mi vedi vestito, figlia?(*) (Giulia) il tuo abito è di una luce che acceca la vista, e i raggi avvolgono l’umanità, Gesù, ma al centro del tuo abito c’è del Sangue! (Gesù) vedi, figlia, guarda ancora! (Giulia) Gesù, è la prima volta che ti vedo con i sandali!(*) (Gesù) vuoi togliermeli? (Giulia) sì, sì Gesù, ma non sono degna; le mie mani sono sporche, come posso farlo? (Gesù) le tue mani hanno abbracciato i Chiodi con me, come possono essere sporchi(e)? (Giulia) Gesù, non sono degna di fare questo! (Gesù) neanche se Io te lo chiedo? (Giulia) Gesù, sia fatta la tua non la mia volontà! Se volete questo! (Gesù) prima abbraccia ancora i Chiodi Divini con me, unita alle mie mani! <2° grido>(*) Sollevati, anima mia! E ora slega il laccio dei miei sandali!(*) fallo!(*) (Giulia) Gesù, posso baciare i piedi? (Gesù) fallo!(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) hai visto, figlia, le tue mani non mi hanno sporcato: hanno sciolto i miei sandali, e sciogliendo il nodo dei miei sandali è un’altra goccia che scende su di ognuno di voi e sull’umanità intera. Figlia, sarai perseguitata per tutto questo; sarai perseguitata a causa del mio Nome, ma Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, e sono venuto di mia volontà a portarvi la goccia, perché tutto quello che il Padre mi dona, Io lo dono ad ognuno di voi, al mondo intero, ma l’umanità mi rinnega, l’umanità non mi apre la porta mentre Io sono la Porta aperta. Figliuoli miei, pregate: le vostre preghiere possono fermare i flagelli e le guerre! Ed Io vi chiedo ancora di pregare per la pace! Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori perché il Vangelo è pienezza di Dio e va vissuto col cuore, va accolto col cuore e amato col cuore come Io amo ognuno di voi e l’umanità intera, come Io amo voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce. Figli, il mistero che state vivendo non ha peso e neanche misure, perché la sua misura e il suo peso non ha limiti! E non potete pesarlo né con la bilancia e neanche con le vostre forze; solo il cuore può misurarlo ma quando l’amore arde col Fuoco dello Spirito Santo! Figli, il Padre vi ama così tanto da regalarvi il mistero pieno, vivo e reale in mezzo a voi: vi ha scelti, vi ha raccolti, vi ha uniti come famiglia di Dio per donarvi il Fiume del suo Amore per riempire i vostri cuori e farvi camminare sulle vie portando l’Amore del Padre ovunque andate! Io vi chiedo ancora una volta: state attenti al nemico, combattetelo con l’amore amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici e fate festa, perché portando dinanzi al mio Cuore un figlio smarrito, Io faccio festa perché ritorna a Casa, e anche voi fate festa perché avete trovato un figlio, un fratello e un amico! Ed Io per voi sono un Figlio, un Fratello e un Amico, ma il mio Segno che porto in mezzo a voi è il Segno della Croce: è l’unico Segno che ci unisce e ci fa Famiglia di Dio! Siate coscienti di tutto questo e vivete con amore la Parola viva, figli del mio Cuore! Ora volete ardere un po’? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto(*). ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) il Fuoco e l’Amore dello Spirito Santo sia sempre vivo e acceso nei cuori di ognuno di voi e dell’umanità intera! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli! Amen, Amen, Amen. Eccomi!(*) “l’ECCOMI DI DIO”! Sono ancora in mezzo a voi nella gioia e nella verità del santo Vangelo invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nei cuori di ognuno di voi! Il Padre ci ha donato un Tesoro enorme: il Cuore, dove abita Dio se non gli chiudiamo la porta! Vedete, figliuoli miei, i nostri cuori battono cantando le Lodi al Padre; è un sussurro d’Amore che si innalza a Dio dicendo “Padre, grazie per avermi donato un cuore di carne non di pietra”, perché i nostri cuori sono aperti all’Amore di Dio se siamo qui riuniti per incontrarlo, per ascoltare la Parola viva, vera, l’Unica Verità: il santo Vangelo! Ed oggi l’avete vissuto? <giovedì della 4° settimana dopo Pasqua /B Gv. 13, 16-20> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è dolce nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) batte? (Alcuni) sì! (Piccolo Giovanni) quanti pochi “Sì”! e se batte cosa è rimasto, Paolo, nel tuo? (Paolo) l’hai riassunto tu, Giovanni e ce lo dici sempre! (Piccolo Giovanni) ma Io aspetto i vostri piccoli pizzichi! (Paolo) Dio da noi vuole solo le opere, le opere buone, non vuole i bei discorsi di facciata! Gesù lava i piedi ai discepoli; io ho letto nel commento sul messale “prima il servizio e poi la promulgazione”, e questo ci richiama ad un altro passo del Vangelo di Matteo “nel regno dei cieli non va chi grida – Signore, Signore – ma chi fa la volontà del Padre”, e mi ricorda un altro passo del Vangelo molto bello, quando Gesù invita alcuni suoi figli ad andare a lavorare nella vigna: uno di questi gli risponde “si, io vado” e non c’è andato; un altro, invece “no, io non ci vado” e poi è andato a lavorare nella vigna. È chiaro che si è comportato bene chi ha agito col cuore, chi è andato a lavorare, pur avendo manifestato verbalmente un pensiero diverso. Quindi sono le azioni che Gesù ci chiede, le opere.. (Piccolo Giovanni) ..ve lo dico sempre.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..il Padre non guarda l’esteriore! (Paolo) ma io ho collegato tutto questo a ciò che tu continuamente ci dici (Piccolo Giovanni) anche alla tosse? (Paolo) la tosse è ancora un mistero, comunque.. (Piccolo Giovanni) ..e adesso vi stuzzico Io! <si ride un po’> la volete? (Tutti) sì! <8 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) l’avete raccolta? (Tutti) sì! (Paolo) non sappiamo pesarla.. (Piccolo Giovanni) non ci sono bilance! (Anna) il cuore! (Piccolo Giovanni) il cuore! Ma mi diverto.. quanto mi diverte questa tosse! <6 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Paolo) mah! (Piccolo Giovanni) è bello.. (Anna) ..ci fai gioire con questa tosse, Giovanni!.. (Piccolo Giovanni) ..vedervi smarriti senza capirci nulla! <si ride un po’>(*) Lo so che gioite, ma fremete di scoprire il mistero <6 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Paolo) è la novità che ci fa gioire perché sappiamo che è una cosa grande, ha un grande significato; non sappiamo quale, naturalmente.. (Piccolo Giovanni) ..le cose nuove vengono da Cristo Risorto che rinnova l’umanità intera! (Mosè) ci vorremmo a.. (Piccolo Giovanni) ..e i cuori di ognuno di voi! (Mosè) vorremmo anche imparare non con la mente perché è una strada tutta in salita, ma almeno col cuore.. infatti non ci riusciamo neanche col cuore.. (Piccolo Giovanni) ..non.. (Mosè) ..pur essendo in discesa (Piccolo Giovanni) .. è ancora.. (Paolo) ..il momento.. (Piccolo Giovanni) ..il momento!(*) Ma dimmi qualcosa ancora del Vangelo! (Paolo) vuoi sapere qualcos’altro che penso un po’? penso che questi insegnamenti non vengono messi in pratica da nessuno.. o quasi nessuno.. diciamo pochi, va.. da pochi! Quello che si vede e si sente è.. è fumo! (Piccolo Giovanni) basta che non sia nero! (Paolo) “basta che?” (Piccolo Giovanni) ..non sia nero il fumo, ma bianco! (Paolo) come il fumo del canto?(*) (Piccolo Giovanni) hai capito bene! (Paolo) il fatto è che questo fumo.. <4 colpi di tosse con doppia alitazione> ..questo fumo è proprio nero! (Piccolo Giovanni) ma non lo sai che Dio lo lava? (Paolo) bè, Dio può fare tutto!(*) (Piccolo Giovanni) sei rimasto scandalizzato? (Paolo) no, non sono rimasto scandalizzato! (Piccolo Giovanni) stai cercando.. (Paolo) ..sto cercando di.. (Piccolo Giovanni) ..di pensare? (Paolo) ..di mettere a posto il mosaico! ....... <13 colpi di tosse con doppia alitazione>............... <4 colpi di tosse con doppia alitazione> ........ Piccolo Giovanni) l’ho già messo, ma siate semplici come colombe e prudenti.. e vi invito a stare attenti al nemico: si può vestire anche di lacrime! ......... (Mosè) le studia tutte il nemico! (Piccolo Giovanni) non sto dicendo.. ..ma vi invito a stare attenti! .......non può arrivare al cuore sigillato.. ..ma si avvicina! ...... Per questo vi invito sempre a far volare i vostri cuori, nel senso di donarli, di aprirli all’umanità intera! ...... <4 colpi di tosse con doppia alitazione> ...... voglio vedere chi parla per primo!(*) avete perso tutti la lingua? (Alcuni) no!(*) (Piccolo Giovanni) tu mandi sempre baci! (Simone1) ho mandato un bacetto! (Piccolo Giovanni) siano benedetti.. (Simone1) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..i baci che mandi.. (Simone1) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..al Cuore del Padre e all’umanità intera! Ma ricordati, ho detto che verrò.. (Simone1) ..eh, si.. (Piccolo Giovanni) ..a tirarti le orecchie! (Simone1) sì, me l’avevi detto! (Piccolo Giovanni) non l’ho dimenticato! (Simone1) adesso? (Piccolo Giovanni) lo decido Io quando, non adesso! <si ride un po’> (Simone1) non adesso! (Piccolo Giovanni) non adesso! (Simone1) va bene! (Piccolo Giovanni) quando vuole il Padre! (Simone1) sì! (Telesfore) c’hai fatto un rimprovero dolce dolce? (Piccolo Giovanni) non è un rimprovero! (Telesfore) le tirate di orecchie cos’è? (Piccolo Giovanni) è un segno d’amore! (Telesfore) ah, si! (Piccolo Giovanni) ehm.. non ho detto che vengo a picchiarti, vengo a tirarti le orecchie! E chi di voi non sarebbe contento? (Tutti) tutti! (Piccolo Giovanni) e quante orecchie dovrei tirarvi? <si ride un po’>(*) (Telesfore) faremo a turno un po’ la volta, no! (Piccolo Giovanni) Natanae’! (Natanaele) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) che c’è nel tuo cuore? (Natanaele) come dicevi prima, una grande gioia che siamo qui ascoltando, diciamo.. <5 colpi di tosse con doppia alitazione> ..e non tanto quando ritorniamo alle nostre abitudini giornaliere.. e durante il giorno scopro e vedo e sento tante negatività, e ti duole il cuore a vedere e a pensare come mai noi esseri umani, che abbiamo avuto l’intelligenza per vedere e vivere queste cose, non sappiamo apprezzare questo mondo che va perdonato e ci maltrattiamo e ci ammazziamo da tutte le parti! (Piccolo Giovanni) perché siete annebbiati! (Natanaele) eh? (Piccolo Giovanni) perché siete annebbiati dalle cose del mondo! (Natanaele) e allora vedi le altre persone che apparentemente sembrano atei, però nel momento in cui incominciano ad aprire la bocca si sentono delle parole che non si vorrebbero mai sentire, e allora si.. (Piccolo Giovanni) ..ma lasciamo al Padre.. (Natanaele) ..si, e come tu c’insegni, l’unica cosa è quella di pregare! (Piccolo Giovanni) e usare silenzio perché le parole non vengono ascoltate in quell’istante, ma dopo, quando torna la quiete! Avete capito? (Molti) sì! (Marina) io non l’ho capito! (Piccolo Giovanni) Io ho parlato! (Mosè) non vengono ascoltate le parole, e né vengono messe in pratica come diceva il Vangelo oggi, Giovanni! ..che se ascoltassimo la Parola di Gesù e la mettessimo in pratica.. (Piccolo Giovanni) ..non voglio che si ripete ciò che dice il Padre! Non l’ho fatto a te il rimprovero?(*) (Mosè) si, ok! (Piccolo Giovanni) Telesfore! (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa mi racconti in questa serata? (Telesfore) eh.. che ci sono tante cose. Quella che ti racconto è quella che abbiamo vissuto (Piccolo Giovanni) e quello lo conosco già! (Telesfore) io stavo riflettendo poco fa, quando tu ci dici “attenti al nemico”. Cioè, quello che è nel nostro cuore deve rimanere chiuso.. non chiuso nel senso che.. quando il nemico ci accorgiamo che si avvicina, il nostro cuore si deve chiudere?(*) no!  (Piccolo Giovanni) il Cuore di Dio non si è mai chiuso! Combattere con l’amore e il cuore aperto; chiudere il cuore è chiudere la porta all’Amore di Dio! È vero? (Tutti) sì! (Telesfore) però se tu lasci uscire fuori un segreto, no, il nemico si appropria! (Piccolo Giovanni) il segreto è una cosa, il cuore aperto è un’altra! Se Io ti consegno un segreto da portare nel cuore è da svelare all’umanità quando Dio vuole, come la Piccola Cocciuta li tiene nel suo Cuore ma sta bene attenta a non aprire la bocca, ma il cuore è sempre aperto al Padre, ad ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine, e all’umanità intera! È così? ....... (Telesfore) sai cosa mi dice a volte la Cocciuta?quando parlo con qualcuno, dice “ti raccomando”, dice, “non.. non dire parole in più”, però a me, diciamo, il cuore arde quando si parla di Gesù, della Stanza, il cuore arde e vorresti allargarti sempre di più, forse nemmeno me ne rendo conto e Lei poi mi rimprovera (Piccolo Giovanni) eh, perché vede quello che tu non vedi! Non gettate le perle.. (Tutti) ..ai porci! (Piccolo Giovanni) adesso hai capito? (Marina) grazie! (Piccolo Giovanni) vuoi la tosse? <7 colpi di tosse con doppia alitazione, poi Telesfore deve cambiare la cassetta del registratore vicino a lui> devo aspettare la cassetta!(*) vedo un po’ i vostri volti mosci! (Paolo) .......... Ma noi abbiamo qualche strumento per poter discernere e capire chi ci troviamo di fronte?(*) ..eh, ma lo so, Giovanni, però.. (Piccolo Giovanni) ..il cuore.. (Paolo) ..però.. (Piccolo Giovanni) ..la preghiera.. (Paolo) ..e questo mi fa pensare.. (Piccolo Giovanni) ..chiamare il Papà che dimenticate sempre! (Paolo) resta il fatto, però, che noi dobbiamo essere sempre molto prudenti: chiunque ci può venire di fronte, non avendo la certezza delle qualità dell’interlocutore!  (Piccolo Giovanni) il Padre vi lascia parlare, e quando c’è la certezza, l’amore diventa così grande, e dall’amore capite che non è il nemico! (Paolo) quindi siamo in grado di riconoscere le finte lacrime? (Piccolo Giovanni) si! ........ cosa sono quei cuori spenti? Immacolata! (Immacolata) come Telesfore, il mio cuore arde! (Piccolo Giovanni) spento, nel vedere il tuo viso triste! (Immacolata) un po’! (Piccolo Giovanni) e cosa mi vuoi nascondere.. (Immacolata) ..nulla.. (Piccolo Giovanni) ..nel dire che il cuore non è spento? se il tuo volto è triste il cuore come sta? (Immacolata) il cuore gioisce perché ringrazio a Dio per tutto quello che mi dona, e a volte forse è triste perché il distacco fa.. fa soffrire un po’! (Piccolo Giovanni) il distacco da cosa? (Immacolata) un po’ dagli affetti! (Piccolo Giovanni) quali? non si parla a mezze parole!  (Immacolata) no, ehm.. lo so, lo so bene che non devo parlare a mezze parole, si, ehm.. gli affetti, gli unici affetti che ho: i bambini, no <si riferisce ai nipotini che sono dovuti ripartire per la Germania>(*) (Piccolo Giovanni) devono vivere nella capanna.. (Immacolata) ..certo, certo.. (Piccolo Giovanni) ..e tu nella tua.. (Immacolata) ..certo.. (Piccolo Giovanni) ..con lo sposo! <=Natanaele>(Immacolata) devo accettarlo (Telesfore) anche lui è un bimbo! (Piccolo Giovanni) e l’amore è sempre unito.. (Immacolata) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..non si distacca quando è acceso! Anche lui è un bimbo.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..più piccolo dei pargoli! (Immacolata) si, forse la mia gioia è questa: Dio mi ha dato la.. una grande gioia di arrivare.. di arrivare a capirlo, di vivere il distacco anche con amore! Umanamente, gli arrivi.. gli arrivi sono belli, le partenze sono brutte, ma è..  (Piccolo Giovanni) ..ma si è sempre uniti.. (Immacolata) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nel Solco del santo Vangelo! (Immacolata) oggi più che mai! (Piccolo Giovanni) i volti li voglio accesi, gioiosi, di ognuno di voi! Se Dio è in mezzo a voi, chi cercate ancora? (Alcuni) niente! (Altri) nulla! ..... (Piccolo Giovanni) e fate festa.. ..siate gioiosi! (Natanaele) Giovanni, è talmente.. la gioia è grande che ci manca pure la parola <si ride un po’>(Piccolo Giovanni) avete perso la lingua? (Natanaele)  si, un po’ si! <6 colpi di tosse con doppia alitazione>(Piccolo Giovanni) Io ancora ce l’ho, parlo e parlo sempre attraverso lo Strumento perché vi amo, e il Padre vi dona sempre di più i goccioloni, non le piccole gocce: di questo dovete gioire, e i vostri volti devono essere accesi della Luce dello Spirito Santo! Avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) non era ancora arrivato! (Telesfore) lo schiaffo?(*) ..pensando alle gocce, adesso, tutte queste gocce.. (Piccolo Giovanni) ..ce l’hai una botte? (Telesfore) adesso abbiamo fatto un fiume (Piccolo Giovanni) e le dovete raccogliere nei cuori di ognuno di vuoi (Telesfore) ma il fatto sta che.. troppo(e) gocce poi alla fine ci sentiamo ubriachi (Piccolo Giovanni) Dio non dona gocce di vino.. (Paolo) ..ci ubriachiamo.. (Piccolo Giovanni) ..ma gocce d’Amore! (Telesfore) è troppo amore.. (Piccolo Giovanni) ..troppo amore da donare all’umanità intera! (Telesfore) e pensavo anche poco fa parlando dei nostri volti, no.. (Piccolo Giovanni) ..perché.. (Telesfore) ..che sono.. (Piccolo Giovanni) ..mi togli sempre lo sguardo? (Telesfore) perché noi dobbiamo essere esempio come te, che anche se vedendo tutte le brutture del mondo.. le cattiverie che ci sono, nonostante tu sei sempre gioioso, il tuo Volto è sempre raggiante come lo era quando parlavi di Gesù e di Maria.. anche allora era triste! (Piccolo Giovanni) dentro! (Telesfore) “dentro”? (Piccolo Giovanni) triste dentro ma raggiante.. (Telesfore) ..fuori?.. (Piccolo Giovanni) ..nel mio Volto da donare ai figli e all’umanità l’amore! Quando rimanevo solo col Padre offrivo a Lui i Dolori! (Telesfore) e anche le lacrime? (Piccolo Giovanni) e anche le lacrime che avevo raccolto durante la giornata! Ma ai figli sempre l’amore! ...... Cosa vuoi dirmi? (Giacomo) volevo.. se posso, volevo raccontare ciò che mi è capitato lunedì mentre stavo alle poste.. siccome c’erano delle persone.. e c’era un signore che gli avevo parlato di Gesù, della Stanza di Gesù.. che era in mezzo a noi vivo e parla a noi e al mondo. Allora mi chiama in mezzo a queste persone e dice “vieni qua”, che c’è?, “c’è..” ..”vedi che a questo qua gli parla Cristo.. Cristo..”, “è vero, a noi ci parla Gesù” ho risposto. Dice, “sei un bugiardo, sei un falso”, delle parolacce dice a me, no.. hanno risposto gli amici “adesso abbiamo parlato con Cristo”, siccome c’è una famiglia al mio paese che il soprannome dicono “Cristo”, dice “adesso gli abbiamo parlato”.. si sono presi le risate di fronte a me. Io con umiltà ho salutato e me ne sono andato, dopo l’ho trovato l’altro giorno, l’ho salutato sempre col sorriso a questa persona, si pensava che io lo odiavo, no, e invece io lo incontro, lo saluto.. si sono fatti una risata  (Piccolo Giovanni) dovete.. (Giacomo) ..ma io non è.. (Piccolo Giovanni) ..farvi capire bene quando parlate.. (Giacomo) si, io ho parlato della Stanza.. (Piccolo Giovanni) ..e non gettare le perle ai porci ma seminare quando c’è l’ascolto! Gesù quando non veniva accolto lasciava e andava via! (Giacomo) così ho fatto io con loro, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non insistere con nessuno! Avete capito? (Giacomo) si, io ho detto solo che è la verità.. ho risposto, è la verità, e sono andato via!  (Piccolo Giovanni) ma non insistere nel parlare: ci sono luoghi e luoghi da seminare! (Paolo) sul terreno bisogna che passi prima l’aratro.. (Piccolo Giovanni) ..e dopo il seme! (Giacomo) ma io l’avevo già seminato, ma è stato lui che mi ha chiamato dopo, Giovanni, non sono andato io, perché non ci sono andato più io da lui, ma mo’ sono andato.. e basta, è stato lui che mi ha invitato a parlare in mezzo agli altri! (Piccolo Giovanni) dovevi comprendere che era per offendere Dio e usare il silenzio.. (Giacomo) ..e mi è venuto il pensiero del Padre “perdonalo”, ho detto.. (Piccolo Giovanni) ..e dire “ho già parlato, non ho più nulla da dire”, sia così la prossima occasione! (Mosè) scuotere la povere dai sandali e andare via (Giacomo) chiedo scusa! (Piccolo Giovanni) è al Padre che devi chiedere scusa, Io sono Sacerdozio vivo ed eterno all’ubbidienza di Dio e vi ho sempre detto di non parlare se non vi chiedono! Quando venivi a chiedermi consigli “se aprono la porta, voi parlate, se no non gettate le perle ai porci”. Chiaro? (Giacomo) sì! (Mosè) certo, è proprio così, se non ascoltano è inutile parlare di Dio, bisogna subito chiudere il discorso! (Piccolo Giovanni) non facciamo soffrire ancora di più il Cuore di Dio, chiaro? <7 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) perché ridi sotto i baffi? (Telesfore) perché mi è.. hai detto una parola che la ripetevi.. la dicevi spesso “chiaro?” (Piccolo Giovanni) forse sono Io a parlare! (Telesfore) ma era un bel po’ che non la sentivo (Piccolo Giovanni) non manca da molto, da giovedì! (Telesfore) da giovedì hai detto “chiaro”? (Piccolo Giovanni) da domenica; stringo le spalle!(*) e ora non parli più? (Telesfore) eh.. stringo anch’io le spalle se ho sbagliato (Piccolo Giovanni) e cosa mi racconti? che fa la Piccola Cocciuta? (Telesfore) eh.. la Piccola Cocciuta oggi, per tre volte, mi sta chiedendo.. lo posso dire? (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani! (Telesfore) se gli ho comprato il regalo dell’onomastico (Piccolo Giovanni) grave! (Telesfore) e non lo so, io.. ma mi domando perché lo vuole sapere? (Piccolo Giovanni) tu che dici? (Telesfore) eh.. che Lei non lo sa? Lei lo sa! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) tu che dici? e tu perché sei furbacchione a dirgli le bugie? <si ride un po’> (Telesfore) no, io non gli ho detto le bugie! Ma poi non è quello che.. saperlo o no.. cioè, quello che mi preoccupa non è che non.. (Piccolo Giovanni) ..è “perché lo vuole sapere?” (Telesfore) no, sto’.. perché lo vuole sapere? perché.. (Piccolo Giovanni) ..e tu che vai sempre indagando a scoprire.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..non ci sei riuscito nonostante te l’ha chiesto più volte! ..e te lo chiede, fa il sorrisetto, ma si ferma! È così? (Telesfore) si, è così! Ma io  la preoccupazione, quella che sto.. che non è che non gli piace e ne vuole un altro? <si ride un po’> forse lo vuole vedere prima, non lo so! (Piccolo Giovanni) cosa ti ha chiesto? che lo vuole vedere prima? (Telesfore) no, non me l’ha chiesto, voleva soltanto sapere  (Piccolo Giovanni) e basta (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) hai mai visto che Lei non ha accolto ciò che gli viene offerto? (Telesfore) si, Lei accoglie quello che gli viene offerto, ma quando lo.. lo vede Lei sa che è quello che il Padre vuole. Però quando faccio io non so se.. (Piccolo Giovanni) tu che dici, che Io c’ero con te? (Telesfore) eh, tu c’eri; infatti ho.. mi sono accorto che hai scelto tu! (Piccolo Giovanni) anche queste cose devo sistemare! (Paolo) eh! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) ma me lo facevano fare anche quando ero in mezzo a voi anche se ora lo sono! Mi fate scegliere anche i regali! (Paolo) eh, se ci stai sempre dietro! (Piccolo Giovanni) e come faccio a lasciarvi? (Paolo) e quindi scegli anche i regali! (Piccolo Giovanni) Amen! (Anna) allora, Telesfore, l’accetterà sicuro, non ti preoccupare! (Telesfore) quando i Grandi leggeranno questo, dice “ma.. anche..” dice “le.. Giovanni dice anche i.. le cose.. dei regali per..”, però..   (Piccolo Giovanni) anche al Bambinello hanno portato l’oro! (Telesfore) eh!(*) ma io comunque dico che anche sul regalo c’è la goccia! (Piccolo Giovanni) alzo le mani! Ero vicino, e ora alzo le mani e ti do’ la tosse! <6 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) è arrivata? (Telesfore) è arrivata! (Piccolo Giovanni) bene! Chi sta cercando di imitarmi? <si ride un po’ perché si è sentito qualcuno tossire>(*) (Paolo) è contagiosa! (Piccolo Giovanni) mi arde il Cuore da contagiarvi! ...... (Paolo) Telesfore ha chiesto un canto con la tosse, che è? lo vuoi fare o no? (Piccolo Giovanni) se il Padre vuole.. (Paolo) ..eh, certo.. (Piccolo Giovanni) ..lo fa scendere! Ma non vi basta il mio canto di tosse? (Paolo) eccome no? certo che.. è più che sufficiente (Telesfore) forse ci vuole la musica! (Piccolo Giovanni) perché non c’è dietro con le parole? (Telesfore) c’è, c’è! (Piccolo Giovanni) e chi la dovrebbe fare? la Cocciuta? (Telesfore) eh, la Cocciuta! (Piccolo Giovanni) eh, ma quando non c’è l’apparizione la tosse è diversa! (Telesfore) ah (Piccolo Giovanni) non se lo può inventare! (Telesfore) e la può fare quando c’è l’apparizione, no? ..a musica! (Piccolo Giovanni) cosa volete, la Parola di Dio o la musica? (Tutti) la Parola di Dio! <5 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) questa è la musica! (Piccolo Giovanni) ci sei arrivato! Ma Telesfore, Telesfore, cosa c’è nel tuo cuore? (Telesfore) il mio cuore arde (Piccolo Giovanni) quello lo so! (Telesfore) ehm.. nel mio cuore c’è che.. (Piccolo Giovanni) ..è talmente furbacchione di Dio che vorrebbe nascondermi sotto “l’ardere” (Telesfore) che.. non sappiamo fare niente! Cioè, a me personalmente mi sembra che.. non riesco a fare nessuna cosa di.. di concreto, di(*).. (Piccolo Giovanni) la preghiera la fai? (Telesfore) la preghiera, si! (Piccolo Giovanni) e il tuo cuore com’è? (Telesfore) il mio cuore quando.. quando prego è pieno! (Piccolo Giovanni) e poco fa cosa hai detto del tuo cuore? (Telesfore) che ardeva! (Piccolo Giovanni) e se il cuore arde, dinanzi al Padre devi dire solo “eccomi sono un servo inutile”, è quello che devi fare! È quello che deve fare ognuno di voi! (Telesfore) veramente.. (Piccolo Giovanni) ..non aspettare ma andare avanti! “Veramente”? (Telesfore) noi, a quanto mi sembra, siamo tutti servi inutili: non sappiamo fare niente! (Piccolo Giovanni) e servi inutili dovete essere fino alla fine! (Telesfore) però il mio cuore gioisce per questo! (Piccolo Giovanni) meno male che non ti aspetti un trono; ma aspetta che sia il Padre a donartelo: chiaro? ........ Telesfore) chiaro! (Paolo) certo che.. (Piccolo Giovanni) ..che stai pensando? (Paolo) stavo pensando che Gesù ci facilita tutto: davanti a noi cammina Lui, e io ho visto che realmente quando non penso io le cose poi vengono da sole, man mano vengono da sole! (Piccolo Giovanni) te lo dice sempre la Piccola Cocciuta! (Paolo) in merito.. sì, infatti è così! In merito alle nostre capacità anche.. <8 colpi di tosse con doppia alitazione> ..anche se siamo inutili, come in realtà siamo, non ce ne dobbiamo fare un cruccio perché il Padre ci vuole in questo modo, quindi ci mette tutto.. (Telesfore) ..allo stesso livello.. (Paolo) ..ci rende tutto facile! ..la Croce tra l’altro.. (Piccolo Giovanni) ..ecco, bravo! <si ride un po’>(*) non dimenticate mai di prendere la propria Croce e di seguire Gesù! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) perché mi poggio sempre e in questo tempo mi poggerò ancora di più su ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Cosa volevi dirmi? (Paolo) stavo.. un po’ su quello che tu hai appena detto, che in realtà il Padre ci rende.. ci da tutte le risposte che noi vogliamo, e sotto questo aspetto noi siamo tranquilli nella gioia, però coscienti del fatto di dover portare dentro il nostro cuore tutte le sofferenze che il Signore ci dona e di essere di esempio a tutti gli altri! Io, in riferimento a quello di cui si parlava poc’anzi, quando parlo con persone che so frequentano regolarmente la chiesa, vanno a messa, cerco di misurare sempre le parole perché vedo che loro.. tante di queste persone.. almeno è quello che è capitato.. <4 colpi di tosse con doppia alitazione> ..non.. non vedono le cose con il cuore, ma sono abbagliati dall’apparenza, dalla forma (Piccolo Giovanni) non si deve violentare nessuno (Paolo) eh, infatti! Ecco perché io.. una parolina quando trovo spazio giusto per poterla inserire, quando mi si dà lo spunto e mi si apre uno spiraglio, allora io in quello spiraglio inserisco una parolina e poi aspetto (Piccolo Giovanni) e poi scorre il Fiume (Paolo) si, e poi aspetto l’esito per inserirne ancora un’altra se ti da la possibilità e lo spazio, e piano piano, poi, allungare il discorso; se vedo che la cosa si ferma, io mi fermo e con le azioni, i fatti, gli esempi vado avanti (Piccolo Giovanni) è quello che usa la Piccola Cocciuta: se gli chiedono e vede i cuori aperti fa scendere il Fiume (Paolo) si (Piccolo Giovanni) se vede la creatura che vuole offendere il Signore risponde “non è il momento di parlare” (Paolo) si (Piccolo Giovanni) avete capito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è chiaro, questo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) bene! È chiaro anche per te? (Telesfore) sì! ...... (Piccolo Giovanni) .. chi vuole la tosse? (Tutti) tutti! <9 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Immacolata) grazie! (Piccolo Giovanni) al Padre, e dovete benedirlo e ringraziarlo perché anche in questa serata mi lascia libero fino alla fine, ed Io sono gioioso di parlare e di servire Dio attraverso lo Strumento!(*) l’avete capita che è un’altra goccia? .......il Padre scende a segnare il Solco, ed Io in ubbidienza al Padre lo chiudo con la santa benedizione dopo avervi fatto bere e mangiare del Nuovo! Cosa hai capito tu? (Paolo) di preciso, niente (Piccolo Giovanni) e cosa stai pensando? (Paolo) sto pensando che alcune volte piove ma noi non.. non ce ne accorgiamo! (Piccolo Giovanni) perché eri preso a graffiarti? (Paolo) ero? (Piccolo Giovanni) “preso a graffiarti” (Paolo) ah <si ride un po’>(*) ma poi tante volte, l’effetto della pioggia si fa sentire dopo. Io sono un po’ lento! (Piccolo Giovanni) l’Acqua scende, scivola, non bagna ma rimane (Paolo) e poi ci si accorge di essere bagnati(*) (Piccolo Giovanni) ehm(*).. Tommaso! (Tommaso) eccomi qua! ecco il tuo servo inutile! (Piccolo Giovanni) grazie, figlio! Dimmi cosa c’è nel tuo cuore! (Tommaso) ti volevo dire un paio di cose: primo, come all’inizio accennava Paolo, noi più che gridare dobbiamo dimostrare con le opere il Vangelo che proclamiamo, e quindi.. (Piccolo Giovanni) ..senza avere vergogna! (Tommaso) quello si, senz’altro. E poi, riallacciandomi al discorso che hai fatto.. cioè il nemico ai sigillati non può far nulla, però ci tenta così tanto che noi molto spesso cadiamo, e sapere questo è molto bello perché ci da forza di rialzarci più velocemente e di affrontare il discorso della Parola di Dio, altrimenti ci scoraggeremmo così tanto da non avere più il coraggio di ringraziare il Signore della sua bontà, della sua misericordia e del suo grande Amore. L’altra cosa invece che notavo.. <5 colpi di tosse con doppia alitazione> grazie.. grazie della tosse! ..è che spesso nella concattedrale di Taranto dove sono solito andare a messa, capita il solito figlio emarginato che gira durante il Vangelo e durante la santa messa tra i banchi a disturbare le persone; molto spesso nel mio cuore diceva.. ardeva d’amore, e dicevo “devo ricorrere alla saggezza, devo ricorrere all’amore o devo ricorrere alla razionalità?”, anche perché (mi) piace molto l’ordine, e molto spesso ho ricorso all’amore e anch’io, distraendomi dal Vangelo, ho donato la monetina; qualche altra volta, come ultimamente, mi ha lasciato un’amarezza nel cuore perché non ho potuto farne a meno, e mentre altri nel silenzio non gli davano retta, io questo fratello ho sentito di riprenderlo nell’amore, però nonostante l’ho rimproverato nell’amore, mi ha lasciato qualcosa di.. di triste nel cuore perché non volevo farlo, e allora mi ha guardato con quegli occhi sconvolti perché non se l’aspettava, perché io gli ho detto “non ti darò più una lira se tu continui a disturbare durante la messa. Se proprio vuoi le monetine, aspettami e ti saranno date”, però, nonostante questa razionalità di questo momento, il mio cuore è diventato triste perché non ho ricorso più all’amore delle altre volte, quindi non so se ho fatto bene o male.. perché agli occhi della gente può darsi che avrò dato un cattivo esempio verso questo emarginato, non lo so questo! E poi volevo dire un’altra cosa, aiutare il fratello nell’atto pratico è veramente molto diverso perché si soffre dentro e si vive veramente momenti angosciosi, come ultimamente sul lavoro, come quel figlio che hai sentito solo per telefono tu, che io e Luca abbiamo portato alla Stanza una volta.. ecco, veramente ha preso il cammino di Gesù, è solito dire il rosario, quindi si affida a Maria,  frequenta i sacramenti con la famiglia, anche se della Stanza e dei messaggi non ne vuole ancora sapere, lo lasciamo sempre libero.. e ultimamente, l’altro giorno appunto, si è accasciato tra le braccia di Luca e mie, e ho provato veramente un senso di angoscia, no.. almeno nel silenzio.. certamente anche Luca, senz’altro l’avrà fatto, insieme al mio cuore, una preghiera rivolta al Padre e a Maria, perché questo figlio supplicava veramente col cuore il Padre, chiamava Gesù, e noi sappiamo che il suo unico desiderio è quello di potere educare i due piccoli bambini, non ha importanza di morire, ma vuole questo tempo per tirare su la famiglia. E allora abbiamo vissuto un momento proprio di come ci si soffoca, come ci si va all’altro mondo, e questo mi ha lasciato esterrefatto.. vedere anche lui come supplicava Gesù nel soffocamento, e proprio quando a noi, a me per primo, sembrava che se ne fosse andato, ecco, io penso che proprio Gesù gli ha risposto e non so come è successo, si è sbloccato tutto a una volta e ha ripreso vita.. adesso sta bene più di prima. Ecco, volevo sapere: è intervenuto veramente Gesù alla sua invocazione o era arrivato il momento che.. se n’era.. se n’era andato? (Piccolo Giovanni) ti rispondo solo: quando Gesù chiamava i discepoli diceva “seguitemi”, e i discepoli lasciavano tutto per seguirlo! Penso che questo basti: è chiaro? (Tommaso) dice tutto! (Piccolo Giovanni) è chiaro.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni)  ..per ognuno di voi?(*) Non possiamo dire al Padre “lasciami vivere domani per sistemare le cose terrene”! è così, Marina? (Marina) si (Piccolo Giovanni) “Padre, sia fatta la tua non la mia volontà”! penso che non ci sia altro da aggiungere: sei rimasto scandalizzato? (Tommaso) no, assolutamente! (Piccolo Giovanni) non è forse Vangelo ciò che sto dicendo? è Vangelo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e chiedere a Dio “voglio prima sistemare e poi venire a Casa” è fuori il Vangelo, fuori il Solco! Chiaro? (Tutti) sì! (Mosè) abbiamo gli esempi degli apostoli: di Pietro, di Matteo che era un banchiere, immediatamente lascia tutto si alza e segue il Signore, viene attirato proprio(*) (Piccolo Giovanni) bene! Come stai? <10 colpi di tosse con doppia alitazione> sei ubriaco? (Telesfore) eh, sono ubriaco, no? <si ride un po’> ..ubriaco di.. d’amore!(*) (Piccolo Giovanni) di Dio o della Piccola Cocciuta? <si ride un po’> (Telesfore) eh.. la Piccola Cocciuta acchiappa a te.. (Piccolo Giovanni) ..al Padre! (Telesfore) eh, noi siamo.. io sono ubriaco del Padre.. d’Amore del Padre! (Piccolo Giovanni) meno male! Bene, figli, il Padre mi lascia libero anche in questa santa.. santa.. (Telesfore) ..giornata? (Anna) serata! (Piccolo Giovanni) serata! (Telesfore) serata? ..ho sbagliato! (Piccolo Giovanni) preparate i vostri cuori, togliete tutto quello che non appartiene al Padre, distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi all’Amore di Dio che è vivo nella Stanza del suo Amore; e il Banchetto è pronto per ognuno di voi, per il mondo intero! Venite a fare festa, venite a bere e a mangiare del Nuovo perché il Padre porta le Cose Nuove alle Spose, e voi tutti siete le Spose! Ma ricordate, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici. ora il Banchetto è qui, è in mezzo a voi: venite tutti a bere e a mangiare con me, figli del mio Cuore! <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi!(*) Come sei bello!(*) (Piccolo Giovanni) vieni!(*) (Giulia) come sei bello!(***) (Piccolo Giovanni) Elia! Paolo!(*) Telesfore! (Telesfore) si (Piccolo Giovanni) unite le vostre mani!(*) .... (Telesfore, Paolo ...... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui)  Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti: fate questo ricordandovi del mio Amore!(**) Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(**) <3° grido> (Giulia)tu sei veramente Dio nei nostri cuori!(**) (Piccolo Giovanni) hai bevuto? ........ com’è il mio Sangue? (Telesfore) amaro e dolce!(*) (Piccolo Giovanni) donate l’amaro di Dio e la sua dolcezza!(*) siete coscienti di ciò che abbiamo fatto? (.... e Paolo) sì! (Telesfore) sì, siamo coscienti, però siamo sempre ubriachi! (Piccolo Giovanni) è meglio essere ubriachi dell’Amore ma coscienti di essere servi inutili perché il Padre ci usa a suo piacimento!(*) Quale.. ) ..pezzo volete? (Paolo) sono tutti uguali! (Piccolo Giovanni) questo lo so, ma vedete come sono stati messi? ...... (Telesfore) un triangolo? (Piccolo Giovanni) se guardate bene è una Croce! ora lascio a voi.. ..decidere quale pezzo prendere! ......prendilo, è una carezza! ..... ora.. ..... Sangue e Corpo di Cristo! ..... Sangue e Corpo di Cristo! (Paolo) Amen!(*) (Telesfore ed il Piccolo Giovanni, insieme) Sangue e Corpo di Cristo! (Telesfore) Amen! (Piccolo Giovanni) vedete? avete preso quali pezzi? tu che sei dinanzi.. (Paolo) ..io ho preso.. (Piccolo Giovanni) ..alla Croce? (Paolo) ho preso la testa ed è rimasta la base della Croce! (Piccolo Giovanni) e chi la deve prendere? (Paolo) la base della Croce sta ad indicare la radice: la parte più pesante (Piccolo Giovanni) ..che la porta la Piccola Cocciuta.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..per ognuno di voi e per l’umanità intera!(*) Sangue e Corpo di Cristo! (Giulia) Amen!(*) (Paolo) abbiamo pulito tutto questa sera? (Piccolo Giovanni) qualcosa c’è! (Telesfore) uh! (Piccolo Giovanni) vedi? i pezzi sono piccoli ma hanno la stessa misura! Raccoglieteli! (Paolo) adesso? (Piccolo Giovanni) ma hanno un peso, portare sulle vostre spalle i fratelli che non conoscono Gesù: volete farlo? (Paolo, Telesfore .....) sì! (Piccolo Giovanni) lo lascio nelle vostre mani! È grande la vostra fame per i fratelli, e di questo sono gioioso! Ora volete donarmi.. (Paolo, Telesfore ....) ..sì!.. (Piccolo Giovanni) ..ai vostri fratelli e alle Spose? (Paolo, Telesfore ....) sì! (Piccolo Giovanni) preparate la Via Stretta per le Spose e donatemi nell’Amore e nella Quiete! Io rimango all’ubbidienza del Padre a gioire con voi nell’Amore e a lodare e benedire il Padre per il Banchetto che ci dona! Padre, ascolta ancora la mia preghiera!(***) Padre! Padre! Padre! Padre mio, grazie per aver ascoltato ancora la mia preghiera. Sia benedetto ora e sempre il Nome tuo, Padre mio! Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: risorgete anche voi! Figli del mio Cuore, Io abito dentro di voi e come un Bambino ho bisogno di essere cullato! Voi siete.. (Giacomo) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..le mie Mamme, le Mamme del mio Cuore! Figli miei, crescete nel mio Amore, donate all’umanità intera ciò che il Padre ha donato ad ognuno di voi, ai figli che si sono uniti a questa santa preghiera, ai figli che mi avete portato nei vostri cuori!(*) Ecco l’Amore di Dio che visita l’umanità nel Segno del Sangue e della Carne: i Simboli Pasquali dell’Agnello che si è immolato e si immola attimo per attimo, il Sacrificio vivo e reale in mezzo a voi, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Ma vi chiedo ancora una volta: quando uscite fuori non abortitemi, fatemi vivere e portatemi ai figli, ai fratelli che soffrono nel corpo e nello spirito, perché solo Dio può guarire il corpo e l’anima! Hai capito, Tommaso? (Tommaso) sì, Gesù! (Piccolo Giovanni) e tu mi porti nel tuo cuore.. (Tommaso) ..sempre, Gesù! (Piccolo Giovanni) donami all’umanità intera senza avere vergogna. Gridate: “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla”. Gettate il Seme, Dio lo farà crescere: solo questo dovete fare! Cosa stai pensando? (Paolo) quello che stai dicendo tu (Piccolo Giovanni) è nel giusto del Vangelo? (Paolo) tu non puoi dire cose diverse! (Piccolo Giovanni) ho sempre camminato e camminerò sempre per grazia del Padre sulla scia del santo Vangelo! Quando mi vedrete o mi sentirete fuori del Vangelo allontanatevi! Ma sappiate che Io vengo a portare l’Unica Verità: il santo Vangelo!(*) Per te è Vangelo, questo? (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e nella Verità del Vangelo che è la Porta, Io vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Vi chiedo ancora di pregare per la pace: pregate per la pace, figliuoli del mio Cuore e non lasciate nessuno fuori della santa preghiera. Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate coloro che trafiggono il Cuore di Maria, per fare festa, tutti uniti, al Banchetto di Dio! Tu, Piccola Cocciuta, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nell’Amore Pieno fatelo anche voi! Figli miei, ricordatevi sempre che Io sono Sacerdozio vivo ed eterno, ed in ubbidienza al Padre mando ad ognuno di voi la mia tosse e il mio Alito! <8 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Sia benedetto il Nome di Dio per questo dono! Ora ho bisogno di voi, dei vostri cuori: mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, mi sono addormentato nei vostri cuori per farvi compagnia! Dormo ma veglio su di ognuno di voi e sull’umanità intera! Sia piena la vostra gioia! Figli miei, quando voi dormite Io veglio perché voi mi fate riposare e mi date gioia nei vostri cuori! Portate sempre la Croce perché è l’Unica Via che vi porta a gioire nel Cuore del Padre, non sia pesante ma gioiosa! E con questa gioia leghiamo la Catena .... .. unite la Catena ed Io la tengo unita per voi, non mi divido da voi, sono ancora di più legato! <recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre "non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen". Dio ci ha donato il suo Amore, non permettete al nemico di confondervi, ma sia sempre vivo nei vostri cuori perché Dio E’, e niente e nessuno può cancellare l’Amore di Dio! Figli miei, andate nella Pace di Dio: portate all’umanità il Sorriso e l’Amore che Dio ha acceso nei vostri cuori! Figli, Io verrò ancora a portare il Pane dei Cieli! Vi invito ad elargire sempre di più i vostri cuori e vi dico grazie per il tempo che spendete: vi sarà donato a larghe misure! Figliuoli del mio Cuore, sia la Pace del Padre con tutti voi! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figliuoli, Amen, Amen! Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni!(*) Grazie, Giovanni, grazie! (Piccolo Giovanni) vai avanti, figlia! (Giulia) con la tua grazia, Giovanni!(*) Rimani con noi!  (Piccolo Giovanni) sei Cocciuta: abito nel tuo Cuore!(*) (Giulia) Giovanni(*)..  (Piccolo Giovanni) di ciò che hai chiesto devi aspettare i tempi del Padre! (Giulia) sì, Giovanni, come serva inutile, aspetto! (Piccolo Giovanni) ora vai avanti, figlia mia! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch’Io e aspetto i battiti dei vostri cuori: (Tutti) TI AMO, PAPA' (Piccolo Giovanni) Grazie, figliuoli del mio Cuore! Gioite nella mia Quiete e nella mia Pace. Amate, amate, amate, Pargoli del mio Cuore!

 

 

 

         8. Dom 18/05/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l’Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Figlia, immolati ancora una volta per l’umanità tutta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce del mio Gesù. Immolati secondo il mio Cuore Immacolato e Addolorato di Mamma: addolorato nel vedere l’umanità chiudere la porta al mio Gesù e aprirla al mio nemico! Figlia, immolati ancora: dona gioia al Cuore del mio Gesù! (Giulia) Mamma! Mamma, con la tua grazia! (l’Immacolata) figlia mia, abbraccia i Dolori della Croce in questo giorno come dono e regalo al Papa: vuoi farlo? <domani è il compleanno del Papa> (Giulia) sì, Mamma! <1° grido>(*) (l’Immacolata) vedi, figlia mia, guarda cosa hai offerto! (Giulia) Mamma, posso dirlo?(*) (l’Immacolata) si, figlia mia! Con l’abbracciare i Chiodi divini hai donato nelle mani del mio Figliuolo Carlo <il Papa: Karol Voitila> un libro aperto! (Giulia) non capisco, Mamma! (l’Immacolata) guarda ancora, ma questo tienilo nel tuo Cuore! (Giulia) sì, Mamma!(*) Mamma! Mamma! (l’Immacolata) si, figlia mia! (Giulia) grazie, Mamma! (l’Immacolata) è Dio che dice grazie a ciò che hai offerto, figlia! Vedi, figlia mia, il mio Cuore Immacolato trionferà e ciò che hai visto, l’umanità intera lo vedrà! Ora è racchiuso nel tuo Cuore, ma presto si accenderà nei cuori di ognuno di voi e dell’umanità intera, nei cuori di pietra che diventeranno agnelli, nei cuori che non conoscono il mio Gesù! Prega, figlia mia, e fai pregare tutti i tuoi figli. Voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, pregate, distaccatevi dalle cose del mondo e rifugiatevi nel mio Cuore di Mamma! Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori, figli miei, e come Mamma vi invito a camminare sulle orme del mio Gesù, vivendo l’Amore pieno di Dio, perché Dio vive: Dio è vivo nei vostri cuori, è in mezzo a voi, e la Luce di Dio fa brillare i vostri cuori, per chi ama, per chi dona: il Tutto di Dio che viene ad abitare dentro di voi! E come Mamma Immacolata e Addolorata, Io vi offro sempre il Tutto di Dio, il Fiume che scorre nel mondo intero, ma in pochi vanno ad intingere nel Fiume di Dio! Voi siete i pargoli prediletti dell’Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, perché abitate nel Fiume di Dio, nella sua Dimora viva! E il mistero diventa sempre più grande, figliuoli, le gocce scendono sempre di più; in questo tempo di grazie siate coscienti, figli, ma ricordate: non pensate con la mente ma aspettate l’ora di Dio, perché solo Lui la conosce! Voi aprite i vostri cuori, siate vigilanti con le lucerne accese, e nell’attesa: amate, perdonate, usate carità verso tutti e fate festa con gli ultimi, con i vostri nemici, figli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (l’Immacolata) il Padre poggerà ancora di più sulle tue spalle l’umanità intera! (Giulia) grazie, Mamma! (l’Immacolata) ma non temere, Io ti tengo per mano; dovrai soffrire ancora per far gioire il Cuore di Dio! (Giulia) datemi quello che volete, Mamma! (l’Immacolata) figlia, il mio Cuore ti dona un petalo: raccoglilo e mangialo!(*) (Giulia) grazie, Mamma! (l’Immacolata) è amaro, figlia, ma vai avanti e non temere niente e nessuno! (Giulia) grazie! (l’Immacolata) ora guarda!(*) (Giulia) Mamma, posso dire ciò che vedo? (l’Immacolata) tienilo nel tuo Cuore! (Giulia) sì, Mamma!(*) sì, Mamma! (l’Immacolata) figli miei, vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico: combattetelo con l’amore; pregate, pregate, pregate in questo tempo! Ora volete ardere un po’? (Tutti) Sì! (l’Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (l’Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con Ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto. ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) mi siedo un po’!(*) L’Amore, la Pace, la Gioia del Cristo Risorto e della Parola viva sia sempre Fuoco di Pentecoste nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella gioia del santo Vangelo sono qui in mezzo a voi, in mezzo ai miei Pargoli, ad invitarvi sempre a tenere alto e vivo nei vostri cuori il Vangelo: vivo come è vivo Dio, perché voi vivete, lasciate scorrere il Fiume di Dio nei vostri cuori! E l’Acqua la portate lungo il vostro cammino all’umanità intera, e di questo il mio Cuore è gioioso: di come cresce la mia Famiglia, la Famiglia che ho lasciato sulla terra per portare avanti il mio operato! È bello aver cresciuto dei figli! È bello aver sigillato i miei Discepoli, le mie Colonne e le mie Suorine, ma vi invito a stare attenti al lupo, a stare attenti al nemico, usa ogni mezzo per disperdervi e farvi cadere nella sua rete. A chi si poggia facendo pesare le sofferenze, a chi mette davanti le gioie del mondo, e via dicendo! Allontanatelo amando, allontanatelo con la preghiera e il Sigillo della Croce, figliuoli miei! Ma è bello far suonare al cuore e all’orecchio il Vangelo di questo giorno: “Io Sono”! <5° dom. di Pasqua/B, Gv. 15,1-8> (*) Figli miei, sappiate di avere un Papà che veglia chinato con le braccia aperte su di ognuno di voi e sul mondo intero! Paolo! (Paolo) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) è stato gioioso per te il Vangelo? l’hai vissuto? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) e dimmi! (Paolo) mi hanno acceso le tue parole (Piccolo Giovanni) e sono una lampadina per te? <si ride un po’> (Paolo) eh, forse un po’ di più! (Piccolo Giovanni) la lampadina del Padre! (Paolo) il Vangelo è molto bello come sempre: noi siamo i tralci e apparteniamo alla vite.. (Piccolo Giovanni) ..che Io innaffio con l’Amore del Padre! (Paolo) si! Dobbiamo essere sempre verdi, rigogliosi e portatori di frutti che poi il Padre raccoglie, ma tra le righe.. (Piccolo Giovanni) ..bravo.. (Paolo) ..taglia anche quelli secchi! (Piccolo Giovanni) questo, si! (Paolo) bisogna rinnovarli: potarli.. (Piccolo Giovanni) ..e farli germogliare.. (Paolo) ..e farli germogliare.. (Piccolo Giovanni) ..nell’amore, nella carità! (Paolo) è molto bella questa parabola dei tralci e della vite (Piccolo Giovanni) si, perché rappresenta un po’ voi che siete belli dinanzi al mio Cuore, ed Io vi amo sempre di più; vi ho amati dal primo istante e non vi ho mai abbandonati! Nei piccoli spazi che vi lascio da soli, vi tengo più stretti! È bello questo? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) ma dimmi, cosa ha colpito ancora il tuo cuore? (Paolo) bisogna sempre tenere accesa la fiamma; bisogna essere sempre vivi (Piccolo Giovanni) come è viva la mia tosse? (Paolo) sì! <6 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) pensavate che non ve la davo? (Paolo) no, mai! ..ci dobbiamo arricchire sempre di più per portare al Padre sempre frutti succulenti! (Piccolo Giovanni) cesti pieni! (Paolo) si, non bisogna mai adagiarsi, fermarsi, ma bisogna essere sempre legati alla Vite: questo è molto importante! (Piccolo Giovanni) l’umanità ha dimenticato.. (Paolo) ..l’umanità.. (Piccolo Giovanni) ..e si lega al mondo (Paolo) si (Piccolo Giovanni) e poi si secca! (Paolo) e poi si secca (Piccolo Giovanni) e i Padre deve potare! (Paolo) deve tagliare i tralci secchi! (Piccolo Giovanni) voi pregate affinché rimangano sempre verdi! Siate vigilanti verso i fratelli che si allontanano e si disperdono nel mondo: per questo Io vi ho raccolti, vi ho sigillati, per far rimanere sempre verdi i figli che abbandonano la Vite! (Paolo) c’è bisogno di una guida vera, Giovanni, per questi figli; c’è bisogno.. (Piccolo Giovanni) ..l’avete viva in mezzo a voi! (Paolo) sì! Tanti di loro non hanno dei riferimenti veritieri: pensano di averli, purtroppo la fonte a cui attingono non sempre è una fonte che parla del Vangelo nei giusti termini così come fai tu.. (Piccolo Giovanni) ..ma Io ho scelto voi.. (Paolo) ..noi.. (Piccolo Giovanni) ..per far rimanere verdi i figli che vanno a bere all’acqua che non è di Dio! (Paolo) noi, col tuo aiuto e con la tua guida facciamo quello che.. (Piccolo Giovanni) ..sono sempre con voi.. (Paolo) ..facciamo quello che tu vuoi..  (Piccolo Giovanni) ..attimo per attimo.. (Paolo) ..certo.. (Piccolo Giovanni) ..donando sempre la mia tosse! <5 colpi di tosse con doppia alitazione, poi batte delicatamente le mani sui braccioli della sedia>(*) Questo mi guarda ma non parla! <si ride un po’> (Telesfore) adesso hai cambiato(*).. (Piccolo Giovanni) le uso tutt’e due! (Telesfore) uh, ho capito! (Piccolo Giovanni) come stai? (Telesfore) come sto io? (Piccolo Giovanni) Io sto bene! (Telesfore) e il mio cuore arde (Piccolo Giovanni) questo mi rende gioioso, ma mi fai ridere quando vuoi dire alla Piccola Cocciuta “cosa c’è nel Cuore del Papa?”. Oggi ho sorriso! (Telesfore) ah, pure? (Piccolo Giovanni) vuole spiegare alla Piccola Cocciuta che il Papa basta che dice una parola, ha detto tutto! E la Piccola Cocciuta si è fatta.. di risate! <si ride un po’> (Telesfore) a proposito, io vorrei fare una domanda del Papa, però non.. non mi sgridare, tanto.. (Piccolo Giovanni) ..anche se ti sgrido.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..è una benedizione di Dio! (Telesfore) eh! Ehm.. il Papa conosce tutto come conosci tu e conoscevi? (Piccolo Giovanni) ti rispondo: sei cocciuto, quante volte te lo devo dire? Sì! (Telesfore) grazie! (Piccolo Giovanni) ma l’ho detto altre volte! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) è vero, Paolo? (Paolo) sì, sì! (Telesfore) il Papa.. ma se hai detto che era presente in mezzo a noi.. (Piccolo Giovanni) ..non ti ho sgridato.. (Telesfore) ..eh, quasi (Piccolo Giovanni) ti ho detto che sei.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..cocciuto! (Telesfore) e se è la verità che ci vuoi fare? (Piccolo Giovanni) Dio è verità: dolce dolce.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..ti prendi le carezze! (Telesfore) carezze d’amore! (Piccolo Giovanni) ma dimmi, ha riempito il tuo cuore il Vangelo? (Telesfore) <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Il Vangelo ha riempito il mio cuore, però io pensavo.. dicevo “noi siamo legati.. siamo i tralci legati alla.. alla vite.. ehm, non so se..”  (Paolo) ..alla Vite! (Telesfore) alla Vite.. che siamo legati alla Vite, però la Mamma ha detto che siamo dentro! (Piccolo Giovanni) dentro dove? (Telesfore) dentro il Fiume (Piccolo Giovanni) e il Fiume chi è? (Telesfore) è la Vite! (Piccolo Giovanni) meno male! Vai cercando sempre i misteri, tu.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..accontentati di quello.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..che ti viene donato! Vi svelo un segreto: il Padre parla, usa lo Strumento ed Io parlo attraverso lo Strumento, ma Dio dona tutto e quello che potete conoscere lo lascia scendere con le gocce; dovete solo avere la pazienza di aspettare i tempi: chiaro? (Telesfore) chiaro! Però.. (Piccolo Giovanni) ..ma mi dite sempre “chiaro” ma poi uscite fuori.. (Telesfore) ..e intanto con le gocce il cuore.. arde, arde! (Piccolo Giovanni) e lascialo ardere! Dio conosce i tempi quando darle piccole e quando darle più grandi! Io avrei potuto dirvi tutto, ma mi fermava l’amore della Piccola Cocciuta dicendomi “ancora non sono pronti e si perderebbero tutti”, e non si era sbagliata! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) ma anch’Io mi fermavo: il cuore ardeva nel donarvi tutto in pochi minuti, ma poi mi fermavo, ed ora la mia gioia è piena a donarvi la tosse <4 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) però.. cioè, noi.. (Piccolo Giovanni) ha sempre un “perché?” (Telesfore) un.. un passo l’abbiamo.. l’abbiamo fatto.. un poco più avanti.. (Piccolo Giovanni) ..lasciamoli contare a Dio.. (Telesfore) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..i passi! (Telesfore) perché.. (Piccolo Giovanni) ..perché se vi direi il numero diventate grandi! (Telesfore) no, no, no, meglio bassi! (Piccolo Giovanni) piccoli.. (Telesfore) ..piccoli.. (Piccolo Giovanni) ..i Piccoli Giovanni devono stare sempre all’ultimo posto! (Telesfore) e noi all’ultimo siamo! (Piccolo Giovanni) è per questo (che) non vi dico tutto! (Telesfore) però almeno riusciamo a capire che è una goccia, quando la goccia arriva (Piccolo Giovanni) e tenetela nel cuore.. (Telesfore) ..e aspettiamo?.. (Piccolo Giovanni) ..e aspettate! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) e voglio dire che.. tu dici che sei contento di avere una Famiglia! (Piccolo Giovanni) si.. (Telesfore) ..ma come.. (Piccolo Giovanni) ..sono gioioso di avere la mia Famiglia: i miei Discepoli, le mie Colonne, le mie Suorine! (Telesfore) però noi non ci rendiamo nemmeno conto.. la.. la gioia che possiamo avere.. che abbiamo.. di avere un Papà come te, che ci guidi (Piccolo Giovanni) dovete dire grazie al Padre! (Telesfore) e non è poco, questo! (Piccolo Giovanni) no, non è poco! (Telesfore) se.. (Piccolo Giovanni) ..almeno di questo siete coscienti! “Se..”? ti sei emozionato? (Telesfore) sì, perché non lo meritiamo questo! <gli comincia a battere le mani>(*) (Piccolo Giovanni) ora cosa fai? piangi? (Telesfore) ma penso che dovremmo piangere tutti (Piccolo Giovanni) lo farete quando capirete.. <8 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) ..il significato della tosse, e le lacrime saranno raccolte dagli Angeli! È bello questo, Paolo? (Paolo) sì, è molto bello! (Piccolo Giovanni) vedrete gli Angeli accogliere le vostre lacrime! <12 colpi di tosse con tripla alitazione>(*) Che significato ha questa? (Telesfore) la tosse? ..eh, c’ha un significato però io.. (Piccolo Giovanni) sono capriccioso! (Telesfore) oh, se puoi darmi un aiutino! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) ci prova, basta che gli do’ uno spiraglio vorrebbe entrare! Telesfore, Telesfore, ricordati che sono Sacerdozio Vivo ed Eterno e ubbidisco al Padre, come la Piccola Cocciuta ubbidisce al Padre! solo quando sarà il tempo scoprirete il mistero che si aprirà dinanzi ai vostri occhi e agli occhi del mondo intero! Io vi invito solo e sempre a tenere alto il santo Vangelo e a camminare nel solco. Chiaro? (Telesfore) sì! <4 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) l’avete raccolta? (Qualcuno)(Piccolo Giovanni) Paolo! ....... E raccontami qualcosa! (Paolo) io volevo dirti.. sono ripetitivo perché un’altra volta ricordo di avertelo chiesto, comunque voglio.. voglio richiedertelo: noi vedremo tutto quello che verrà nei nostri.. (Piccolo Giovanni) ..cuori e occhi! (Paolo) oppure.. eh?  (Piccolo Giovanni) cuore e occhi! (Paolo) ma sulla terra? (Piccolo Giovanni) ma il tempo lo conosce.. (Paolo) ..si.. no, no, questo non lo voglio sapere.. (Piccolo Giovanni) ..solo il Padre.. (Paolo) ..non lo voglio sapere, questo.. (Piccolo Giovanni) sono anch’Io ripetitivo! (Paolo) a me basta sapere che lo vedremo qui sulla terra: da terreni, non come Angeli in Cielo! ..e questo mi riempie di gioia perché non è lontana la cosa! (Piccolo Giovanni) tu dici? (Paolo) può darsi un anno, può darsi dieci, può darsi venti, non lo so nemmeno quanto campo io, quindi.. (Piccolo Giovanni) ..Io non lo so! (Paolo) però mi chiedo un’altra cosa, Giovanni (Piccolo Giovanni) voglio vedere dove arrivi! (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) voglio vedere dove arrivi! (Paolo) no, io ti dico questo e poi mi fermo, poi non ragiono più sennò vado fuori. Quelli che.. (Piccolo Giovanni) ..troppe cose.. (Paolo) ..quelli che.. (Piccolo Giovanni) ..ti fanno andare fuori! (Paolo) eh! Quelli che di noi.. io non lo so, questo lo sai tu e il Padre,  non ci saranno più a breve.. come dire, può darsi tra qualche anno, può darsi domani, può darsi tra un anno, questi lo vedranno dal Cielo? (Piccolo Giovanni) hai dimenticato la resurrezione dei morti? (Paolo) e no! ..me l’hai ricordata adesso! ..e quindi la cosa.. (Piccolo Giovanni) è troppo grande! (Paolo) è troppo grande, ed io mo’ lascio (Piccolo Giovanni) è meglio! Vuoi dire qualche altra cosa all’infuori di questa? (Paolo) volevo.. quando.. quando.. <7 colpi di tosse con doppia alitazione> ..quando si parlava del Papa, ho scoperto in me un sentimento.. (Piccolo Giovanni) ..il mio bambino?.. (Paolo) ..di affetto, si, di affetto.. che non avevo riconosciuto prima in me; ehm.. e pensavo che mi piacerebbe.. (Piccolo Giovanni) ..stringerlo.. (Paolo) ..dirgli qualcosa! (Piccolo Giovanni) ti piacerebbe stringerlo? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) cosa vorresti dirgli? (Paolo) vorrei chiedergli se mi conosce. Lo so che Lui.. però vorrei sentirmelo dire! (Piccolo Giovanni) Io dico Amen e non vado oltre! (Paolo) e hai detto già tanto! ..hai detto già tanto: hai detto tutto! (Piccolo Giovanni) e invio pure la tosse! <12 colpi di tosse con doppia alitazione> ti stordisce questa tosse? (Paolo) si, e ne ho parlato anche nel canto.. non io, ne hai parlato tu, eh, ancora non l’ho finito (Piccolo Giovanni) tutt’e due! (Paolo) infatti io l’ho scritto, diciamo che io l’ho scritto. Adesso lo devi completare bene alla fine (Piccolo Giovanni) dimmi un po’, come vi è sembrata la mia Marì nella danza con la piccola Rosetta? (Telesfore) eh! (Paolo) è gioiosa! (Telesfore) sembravano due gemelle! (Paolo) si, ho.. l’ho vista.. ho avuto l’impressione che si stia un po’ liberando da tanti condizionamenti.. (Piccolo Giovanni) ..perché la sto caricando di Croce.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ancora di più! (Paolo) ancora forse non è arrivata, ancora.. (Piccolo Giovanni) a tutta la sua capanna! (Paolo) presto penso che arriverà a trovare un equilibrio interiore.. (Piccolo Giovanni) ..lasciamo.. (Paolo) ..e a lasciare alle spalle gli altri.. (Piccolo Giovanni) ..il tempo al Padre! (Paolo)(Piccolo Giovanni) lasciamo il tempo al Padre! <5 colpi di tosse con doppia alitazione> (Paolo) i tuoi libri si sono un po’ ammuffiti (Piccolo Giovanni) ma si riprenderanno! (Paolo) si riprenderanno!(*) (Piccolo Giovanni) ciò che è di Dio si può perdere? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) oggi il mio Cuore è gioioso ma è anche triste nel guardare tutti i flagelli che scendono sull’umanità perché non si vuole distaccare dalle cose del mondo! Se solo i cuori dell’umanità intera si legherebbero alla croce, i flagelli si fermerebbero, ma l’umanità è ancora sorda e cieca! Pregate, pregate voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Caro Telesfore, cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) io poco fa quando parlavi avevo un desiderio di abbracciarti! Poi, dopo, quando ho detto di inviarlo anche al Papa un.. un abbraccio..  (Piccolo Giovanni) e cosa vuoi fare? (Telesfore) abbracciarti! <si abbracciano e Giovanni dà 10 colpi di tosse con doppia alitazione> grazie! (Piccolo Giovanni) è arrivato l’abbraccio del Papa? (Telesfore) è arrivato! (Piccolo Giovanni) e dimmi, come l’hai sentito? (Telesfore) eh, ho sentito.. con la tosse! (Piccolo Giovanni) la tosse è mia! (Telesfore) la tosse è tua, però il cuore..  (Piccolo Giovanni) ..è anche mio! (Telesfore) pure il Cuore è tuo.. alla mano? (Piccolo Giovanni) come hai sentito l’abbraccio del Papa? (Telesfore) con la mano(*) (Piccolo Giovanni) ora cosa vuoi ancora? (Telesfore) un altro abbraccio? (Piccolo Giovanni) cosa vuoi ancora? (Telesfore) un bacio! (Piccolo Giovanni) il Bacio del Piccolo Giovanni? (Telesfore) noi solo quello conosciamo<si danno il Bacio del Piccolo Giovanni>(*) (Piccolo Giovanni) donalo a Paolo(*). Io l’ho benedetto, tu donalo ai fratelli! <Paolo lo fa girare>(*) Cosa desidera ancora il tuo cuore? (Telesfore) abbracciare papà (Piccolo Giovanni) lo hai già abbracciato! (Telesfore) eh, si, abbracciando uno abbraccio tutti(*) (Piccolo Giovanni) cosa desidera il tuo cuore in questo giorno? non chiedermi miracoli! (Telesfore) no(*) (Piccolo Giovanni) dillo! (Telesfore) il mio cuore desidera l’Amore del Padre e.. tenermi sempre per mano! (Piccolo Giovanni) il Padre vi ama ed è vivo in mezzo a voi e nel mondo intero, facendovi camminare nel Fiume! Cosa pensi, Paolo? (Paolo) pensavo più cose, l’hai detto tu che.. (Piccolo Giovanni) ..lo so.. (Paolo) tra queste le parole che ha detto Telesfore.. sul desiderio.. è molto bello: cosa chiedere di più se non la presenza costante del Padre che ci guida passo passo? (Piccolo Giovanni) e può il Padre abbandonarvi? non sarebbe più Dio! (Paolo) certo! non si può esprimere un desiderio più bello! (Piccolo Giovanni) può il Padre farvi mancare la tosse? (Paolo) no! <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) vi vedo un po’ fiacchi! (Paolo) ci vedi fiacchi? addormentati! (Piccolo Giovanni) un po’ fiacchi e addormentati, ma anche se dormite vegliate nel cuore tenendo sempre alto il santo Vangelo! l’Alito della tosse vi rapisce.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..vi addormenta, e questo è un segno buono!(*) (Paolo) “ci rapisce e ci addormenta” (Piccolo Giovanni) facendovi riposare nel Cuore di Dio, ma portate tutti i vostri fratelli, i vostri nemici, e amate, perdonate e usate carità, ma non sappia la destra ciò che fa la sinistra! Solo Dio.. (Paolo) ..deve saperlo.. (Piccolo Giovanni) ..deve saperlo! Hai capito.. (Telesfore) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..Telesfore?(*) Bene, figliuoli, vi invito ancora a vivere l’Amore del Padre, a crescere e a donarlo! Rimanete verdi e donate a Dio i frutti dell’amore che il Padre vi dona attimo per attimo! Io vi invito a tenere alto il Vangelo e a viverlo; come Sacerdozio Vivo ed Eterno vi porto tutti nel mio Cuore perché siete i miei Discepoli, le mie Colonne e le mie Suorine sigillati (dal)l’Amore del Battesimo che Io vi ho donato! Hai capito?(*) Cosa vuoi dire? (Telesfore) no, perché non ho capito “sigillati l’Amore del Battesimo” (Piccolo Giovanni) dall’Amore del Battesimo che Io vi ho donato! (Telesfore) ah! (Piccolo Giovanni) ora hai capito? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e avete ricevuto il Sigillo del Bacio in questo giorno! (Telesfore) l’abbraccio del Papa.. (Piccolo Giovanni) Pienezza di Dio! Vivete e camminate sulla Via Stretta che Maria con i suoi Dolori vi segna attimo per attimo, e la Via di Maria è fatta di Spine per farvi arrivare al Cuore di Dio, perché solo attraverso la sofferenza si arriva a gioire! E con questa gioia Io devo ritornare all’ubbidienza del Padre, ma vi invio ancora una volta l’Alito della tosse! <7 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Ora, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) invio anche a te la tosse! <6 colpi di tosse con doppia alitazione> (Giulia) grazie! (Piccolo Giovanni) tu sai a chi devi donarla, figlia! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi fare? (Telesfore) il mio cuore arde per consolare Maria! (Piccolo Giovanni) e ardiamo tutti! <tutti in piedi, rispettosamente, per la recita di un’Ave Maria insieme a Giovanni> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE E’ VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO! E con questa gioia Io vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo così come Dio vi dona il suo abbraccio di Padre!(*) Amen! (Tutti insieme a Giovanni)  Amen, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni)  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (l’Immacolata) Il mio Cuore Immacolato trionferà. Le gocce di Dio oggi sono scese copiose su ognuno di voi e sull’umanità intera! Figliuoli miei, pregate e camminate sulla Linea del santo Vangelo! Giovanni ha aperto il Libro: non fatelo chiudere dal nemico, ma tenetelo aperto amando, e questa è un’altra goccia che il Padre lascia scendere su di voi! Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, siate vigilanti: non abbiate timore di niente e di nessuno perché Io sono la Mamma del Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna! E ora vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Amore e nella Gioia della Santissima Eucaristia! Tu, Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: con amore, fatelo anche voi! (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen. (Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figli del Cuore della Croce, andate in pace in questo giorno e portate a tutti la Pace di Dio! Pargoli del mio Cuore, grazie per il tempo che avete speso e che spenderete ancora per il mio Gesù: vi sarà donato a larghe misure, figli del mio Cuore Immacolato! (Giulia) Mamma! Mamma! Mamma!(*) ..come sei bella! (l’Immacolata) sono bella perché amo: amate anche voi e i vostri volti saranno raggianti dell’Amore di Dio!

 

 

         9. Giov 22/05/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l’Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell’accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia mia, immolati ancora per i Grandi del mondo. Figlia, immolati ancora per i Grandi della Casa del Padre! Abbraccia con amore le gioie dei Chiodi divini. Figlia mia, Io chino il capo e invito il tuo Cuore a far festa abbracciando ancora una volta per l’umanità intera i Chiodi della vita eterna. Vedi, figlia mia, guarda i flagelli che scendono sull’umanità e unisci le tue mani alle mie! Vuoi farlo ancora? (Giulia) sì, Gesù, con la tua grazia! (Gesù) vieni, figlia! <1° grido>(*) Sollevati anima mia!(*) (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) figlia, non temere, le tue mani dividono: ora sono unite alle mie! (Giulia) Gesù, io non vedo più le mani ma un enorme buco! (Gesù) questo è il regalo che oggi offrirai a Telesfore! Donami le tue mani, mettile giù, stringile tutt’e due! <Telesfore gli da le sue mani e stringe quelle di Gesù,  2° grido>(*) Sollevati, anima mia! Vedi, si sono divise! (Giulia) sì, Gesù, ma vedo sempre l’enorme buco non più le mie mani! (Gesù) figlia, nell’avere abbracciato con me i Chiodi Divini hai fermato questo flagello!(*) Non spaventarti, figlia! (Giulia) Gesù, io non posso fermare nulla: sei tu che l’hai fermato! (Gesù) figlia, è l’amore che ferma i flagelli; è il donarsi in pieno, e tu l’hai fatto donando la carezza dei miei Dolori: dei Dolori del parto, a Telesfore; tienili stretti, figlio! (Telesfore) sì, Gesù! (Gesù) e non lasciarli! Io vengo a portare la Croce, e in questo giorno la poggerò ancora di più su di voi. Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore, ho bisogno di voi e mi poggio perché ho trovato spazio nei vostri cuori, e l’umanità sta andando alla perdizione ed Io ho bisogno di angeli che combattono sulla terra, e voi siete gli Angeli della Pace che combattete col mio Amore! Figliuoli miei, il Cuore Immacolato di Maria trionferà e ora è tempo di combattere come soldati la Battaglia di Maria! Siate pronti, siate vigilanti, non fatevi trovare con la lucerna spenta. Figliuoli miei, il nemico sta usando tutti i suoi mezzi per distruggere il Progetto dell’Amore: voi usate l’amore. Amate, amate con l’Amore pieno del Segno della Croce innalzando i vostri cuori nella Culla del Cuore di Maria e camminando sulla scia che Maria ha segnato e sta segnando per ognuno di voi e l’umanità intera! Figli del mio Cuore, vedete, il Padre vi lascia scendere, in questi ultimi tempi, sempre di più gocce: state attenti, non fatevi rapire le gocce dal nemico, chiudetele nei vostri cuori e nel silenzio, nell’amore e nella quiete, offriteli ai fratelli, ai figli che non mi conoscono e non mi amano; voi, Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore, allargate le braccia e raccogliete i vostri figli e fratelli e portateli al Banchetto del mio Amore per fare festa; portateli nei vostri cuori e gioite con la gioia della Croce e non affannatevi per le cose del mondo. Figliuoli miei, sappiate che nulla mi è nascosto: VEDO E SENTO OGNI COSA, e nel giusto del Vangelo lascio scendere ciò che vi necessita, ad ognuno di voi, ai figli che mi portate, ai vostri cari, ai vostri ammalati!  Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori. Come il Padre è pienezza, viene a portare ad ognuno di voi e al mondo intero il Triangolo della Pienezza: e questa è un’altra goccia viva in mezzo a voi! Figli del mio Cuore, i tempi sono pieni e il Parto è vivo, è pieno ed è in mezzo a voi nel mondo intero, ed il mio grido è Grido di giubilo che arde nei cuori di ognuno di voi! Figli, fratelli, amici del mio Cuore, vi chiedo solo: amate come Io vi amo, amate con l’amore pieno; perdonate con la Misura di Dio, usate carità con la Misura di Dio e non fate fatica ad accogliere e abbracciare i vostri nemici e a portarli a gioire nella Gioia che il Padre vi dona! Figliuoli miei, Io vi dono tutto; ciò che il Padre dona a me è vostro, così donatelo anche voi, perché il Padre dona tutto ai suoi figli: basta aprire il cuore e donare il Sì Pieno a Dio, non al mondo, figliuoli del mio Cuore! ma in questo giorno vi invito a pregare per i miei Figli Ministri, per il Papa; pregate secondo le mie Intenzioni; pregate abbracciando il peso della Croce e seguitemi sul Monte, figliuoli, ma non addormentatevi nell’attesa, siate vigilanti con la lucerna sempre accesa! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Gesù! Ho mancato in qualche cosa, Gesù? (Gesù) perché chini il capo? (Giulia) Gesù, i tuoi occhi sono così belli da donarmi tanta gioia, ma vorrei donarla a tutti i figli che sono qui riuniti, ed io chino il capo per donare a loro la gioia che tu doni a me, Gesù! (Gesù) ah, Cocciuta del mio Cuore, anche loro vedranno i miei occhi! (Giulia) Gesù, ora? (Gesù) non correre, Cocciuta, solo il Padre conosce l’ora e il giorno! Ora guardali tu i miei occhi e dona loro le gocce! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) e sai bene di quali gocce sto parlando! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) ora nel tuo Cuore è sigillata la data! (Giulia) grazie, Gesù! tu verrai.. (Gesù) ..si, figlia mia! (Giulia) grazie! (Gesù) ma ora guarda ancora, figlia!(*) (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù, cos’è quel segno?(*) cos’è quel segno, Gesù? non riesco a capirlo! (Gesù) guarda ma non parlare! (Giulia) sì, Gesù!(*) sì, Gesù! (Gesù) prega, figlia mia, prega! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) figliuoli del mio Cuore, vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico; vi invito a combatterlo con l’amore; vi invito ad essere saldi nel tenere alto il santo Vangelo e a camminare sulla Via Stretta abbracciando sempre la santa sofferenza, perché è l’unica via che vi porta al Cuore del Padre, figliuoli del mio Cuore! Ora volete ardere un po’? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto(*). ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l’Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre accesa nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen,  figli! Eccomi! Nella gioia e nell’amore del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo! Chi vive il santo Vangelo è una creatura nata nel Cuore di Dio, e questa è un’altra goccia, perché voi siete tutti nati nel Cuore di Dio avendo ricevuto il Sigillo! Ed Io sono gioioso di avere i miei Discepoli nati nel Cuore di Dio! Figli, avete vissuto il santo Vangelo di questo giorno? <giovedì della 5° settimana dopo Pasqua /B Gv. 15, 9-11> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è acceso nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Mosè) è grande il Vangelo di questa sera, Giovanni: parla dell’amore! (Piccolo Giovanni) Dio è amore! E dimmi, Paolo, quanto brucia nel tuo cuore in questo giorno? (Paolo) brucia tanto (Piccolo Giovanni) e cosa vorresti bruciare con l’amore? (Paolo) tutto ciò che c’è di negativo!(*) (Piccolo Giovanni) togliere i rami secchi.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e far germogliare i rami dell’amore, i rami della pace, ma la Pace di Dio! (Paolo) solo quella è la Pace vera! (Piccolo Giovanni) e non ve ne sono altre. Ma la volete ancora.. (Qualcuno) ..sì.. (Piccolo Giovanni) la tosse del.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..del canto? <17 colpi di tosse con doppia alitazione. Si riferiva al canto di introduzione di Paolo che parlava della tosse>(*) (Paolo) questa è diventata cronica però, eh! <si ride un po’>(*) ..eh, questa sera è diversa! (Piccolo Giovanni) eh! (Paolo) si è aggravata la cosa! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) l’hai fatta aggravare tu! (Paolo) io l’ho fatta aggravare? io non so nemmeno cosa sia! Tu mi hai usato.. <11 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) e quando abbiamo fatto il canto.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..cosa c’hai messo dentro? (Paolo) ma io non c’ho capito niente, Giovanni, c’ho impiegato troppo.. tantissimo tempo so, e mi sono venute due pagine: hai fatto tu quello che hai voluto! <il canto è durato 18 minuti circa>(*) ..non è così?e me ne sono accorto proprio.. dico questa volta.. (Piccolo Giovanni) ..stringo le spalle.. (Paolo) ..questa volta l’ho visto proprio chiaro da un particolare che è emerso.. (Piccolo Giovanni) ..e alzo le mani! Racconta.. (Paolo) ..il particolare?.. (Piccolo Giovanni) ..il particolare ai tuoi fratelli! (Paolo) dovevo cambiare due parole sin dall’inizio, però mi son detto.. siccome non ci riuscivo a trovare una forma diversa, e ho impiegato tanto tempo, allora ho detto “adesso vado avanti e poi ritorno indietro”, e sono andato così fino alla fine; insomma, queste parole io non riuscivo a trovarle, però non ho rinunciato a lasciarlo in quel modo il canto; sennonché quando lo vado a.. a riscrivere tutto quanto al computer e ho finito tutto quanto e l’ho stampato, quelle parole sono rimaste lì; ho detto “ma guarda un po’, queste le dovevo cambiare dall’inizio e adesso ci sono rimaste”, però avevo già fatto tutto il lavoro, e allora mi sono detto “vuol dire che ci dovevano rimanere” <7 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) ..e mi sembravano ripetitive, però poi in effetti ho visto che non lo sono!   (Piccolo Giovanni) possono essere ripetitive le cose di Dio? (Paolo e qualcun altro) no!  (Piccolo Giovanni) ma dimmi, come arde il Vangelo? (Paolo) eh, arde! Io lo sai come lo vedo a Gesù in questo passo del Vangelo? lo vedo come un ponte: io vedo a Gesù come un ponte.. (Piccolo Giovanni) ..che bella.. (Paolo) ..che collega il Padre con noi!.. (Piccolo Giovanni) ..espressione: Dio un ponte d’amore! (Paolo) si, un ponte dove passa tutto ciò che il Padre vuole (Piccolo Giovanni) Padre, Figlio.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e Spirito Santo! (Paolo) e questo racchiude tutto il.. il senso del Vangelo di oggi (Piccolo Giovanni) e ti fermi al ponte? (Paolo) no, su questo ponte passa l’Amore di Dio, passano gli insegnamenti di Dio, tutto ciò che ci vuole far pervenire.. ci lega a Lui, è una via diretta, è una comunicazione diretta con il Padre: Gesù con il Padre che poi sono la stessa cosa! Nel pensiero.. (Piccolo Giovanni) ..uniti.. (Paolo) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..nel Cuore! E dimmi ancora! (Paolo) lo sai che ieri mi hanno fermato due ragazze testimoni di geova? (Piccolo Giovanni) cosa hai combinato? ....... (Paolo) ..... Sono rimaste scandalizzate “addirittura?..” hanno detto, “..e per noi non è così!”, dico “è sbagliato questo”.. (Piccolo Giovanni) Io vi invito solo a pregare! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) ad usare il silenzio, ma quando sentite il Fiume che scorre: gridate! (Paolo) bisogna pure che capiscono che sono sulla strada sbagliata.. (Piccolo Giovanni) ..con la preghiera! (Paolo) certo, senza insistenza e senza interferire e agire in modo brutale! (Piccolo Giovanni) con la preghiera e accoglierli come figli e fratelli, lasciando a Dio il giudizio! Non ti sto rimproverando.. (Paolo) ..no, ho capito benissimo.. (Piccolo Giovanni) .. ma mando la mia tosse su questi miei figli, perché ci sono pecore che Io devo ancora portare all’ovile! <5 colpi di tosse con doppia alitazione> Avete capito? ....... (Paolo) però, Giovanni, sai cosa penso io.. di queste persone, di tante di queste persone? ..quelle giovani, soprattutto? forse nel loro cuore hanno Dio con tutti i suoi insegnamenti: quelli veri, però sono stati portati sulla strada sbagliata.. a insegnamenti sbagliati! (Piccolo Giovanni) solo Dio conosce i cuori dell’umanità intera, di tutti i figli.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e dico loro che sono stati sviati! (Paolo) questo è quello che penso io (Piccolo Giovanni) per quello Io vi chiedo di pregare! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) perché il lupo porta via le pecorelle, ma Dio le raccoglie.. (Paolo) ..quindi, voglio dire.. (Piccolo Giovanni) ..le porta a Casa per fare festa.. (Paolo) ..tante di queste persone, anche se apparentemente manifestano quelle idee, a mio avviso, dentro, sono completamente diverse, non sono quelle che appaiono a noi! (Piccolo Giovanni) allargo le braccia e stringo le spalle, e hai capito cosa voglio dire! (Paolo) sì! ....... (Piccolo Giovanni) Paolo, leggi l’ultima parte del Vangelo! (Paolo)se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come Io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. Questo vi ho detto affinché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena” ...... . (Piccolo Giovanni) ..s <5 colpi di tosse con doppia alitazione> ed Io vi offro l’Alito dell’Amore dello Spirito Santo per tenervi stretti al Cuore della Croce! ........ Tommaso! (Tommaso) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) cosa hai capito ...... ? (Tommaso) io ho capito questo: che la gioia che Gesù ci ha donato, ci ha lasciato, è quella appunto di prepararci alla vita eterna e non a prepararci alle gioie del mondo. Infatti Lui ci ha detto questo prima di salire al Padre, e allo stesso modo come ci spiega San Paolo agli Atti degli Apostoli di oggi, parla appunto che Gesù.. Dio, non guarda i nostri peccati ma guarda all’apertura del nostro cuore; cioè, riferendosi ai pagani, Lui non ha fatto discriminazione, cioè ha dato ai pagani la stessa ricompensa che ha dato agli apostoli, e questo ci fa capire il grande amore di Dio che anche noi stiamo vivendo allo stesso modo nella Stanza: nella Stanza della Quercia! Cioè, Lui non guarda i nostri errori, non guarda i nostri peccati, ma legge nei nostri cuori, e quando noi apriamo col Sì Pieno i nostri cuori, rende la nostra vita, rende il nostro cuore, il nostro corpo candido dal(del) suo amore; ecco perché ci dice che siamo angeli e dobbiamo proseguire, appunto nel bene e a portare ai nostri fratelli questo grande amore che ci ha dato. Quindi nulla è per nostro merito ma solo per quel piccolo sforzo dell’apertura del cuore, e Lui apre la strada a tutti, come d’altronde appunto dicevo, la Stanza è aperta a tutti: tutti indistintamente, senza distinzione di ceti, senza distinzione di etnie, senza distinzione di peccatori o di giusti.. ecco..    (Piccolo Giovanni) ..chi è.. (Tommaso) ..e questo è grande nell’Amore di Dio.. (Piccolo Giovanni) ..chi è giusto dinanzi a Dio? (Tutti) nessuno! (Piccolo Giovanni) ma il Padre fa festa con tutti! (Tommaso) e noi non possiamo smettere di ringraziarlo ogni momento (per) questo suo Amore incommensurabile! ........ (Piccolo Giovanni) lasciamoci trascinare dall’Amore di Dio! Vero, Tommaso? (Tommaso) sì! È veramente una scia.. (Piccolo Giovanni) ..ed Io vi ho trascinati nel Cuore di Maria come Sacerdozio Vivo ed Eterno! (Tommaso) e noi ti dobbiamo tanto di questo perché ti sei donato a noi (Piccolo Giovanni) è a Dio che dovete.. Io sono un servo inutile in ubbidienza al Padre, come ognuno di voi è un servo inutile: è questo che dovete riconoscere e tenere sempre acceso, “io sono un servo inutile” e combattere il nemico con l’amore e con l’umiltà: lo scudo del Vangelo, l’arma che lo annienta! Chiaro? (Tutti) sì! <8 colpi di tosse con doppia alitazione> (Tommaso) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Mosè! (Mosè) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ti stavi addormentando? (Mosè) no, no, non mi stavo addormentando! (Piccolo Giovanni) cosa mi racconti? (Mosè) stavo pensando.. cioè, a quello che è stato detto prima “è bello farsi trascinare dall’Amore di Dio”. Chissà quante volte.. (Piccolo Giovanni)  ..come il mio carrettino! <si ride un po’> (Mosè) ecco.. come il tuo carrettino, esatto! Chissà quante volte mi sono chiesto la ben definizione dell’Amore di Dio, quale cuore più sapiente è capace di definire l’amore di Dio? secondo me si perderebbe, si perderebbe come si perde una goccia di rugiada nell’oceano, perché il Padre, l’abbiamo detto altre volte, è Amore e l’Amore è il Padre!  (Piccolo Giovanni) non ha misure! (Mosè) non ha misure! (Piccolo Giovanni) Natanaele? (Natanaele) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) l’hai misurato tu? (Natanaele) non si può misurare: è impossibile!(*) ..è immenso! (Piccolo Giovanni) l’umanità misura l’amore, ma Dio allarga sempre di più.. (Natanaele) ..se capissimo almeno un pochettino la grandezza del suo Amore sarebbe molto più felice il Padre.. (Piccolo Giovanni) ..ma siete qui riuniti.. (Natanaele) ..ma dell’intera umanità.. (Piccolo Giovanni) ..nella Stanza dell’Amore, e il Padre vi chiama per poggiare sulle vostre spalle l’umanità! E venendo a trovare il Padre accogliete e portate l’umanità! È bello, Paolo? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) volete portarla ancora l’umanità.. (.... e Alcuni) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..e i vostri fratelli? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) almeno questa sera i “Sì” sono vivi! ..... (Paolo) sì ,.....!<si ride un po’> (Mosè) aiutaci sempre a perdonare, Giovanni! (Piccolo Giovanni) l’ha donato per tutti! ..... . <6 colpi di tosse con doppia alitazione> ...... ..alzare le mani e dire sempre “i Piccoli Giovanni..” .....“..devono stare all’ultimo posto” ....... “ultimo posto Cuore di Dio”! ..... Dio è Amore! ....... noi dobbiamo amare e donare a tutti l’Amore che Dio ci dona! ........ Telesfore! <fa roteare la mano come se dovesse dare una pacca sulla mano di Telesfore, invece gli da una lieve pacca sulla fronte. Si ride un po’>(*) (Telesfore) m’hai preso in contropiede! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) cosa hai combinato questa mattina? (Telesfore) ah, lo devo proprio dire? <Giovanni assente con la testa> Questa mattina.. <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) ho preso il regalo della Cocciuta che lo tenevo nascosto..  (Piccolo Giovanni) ..furbacchione di Dio.. (Telesfore) ..e in più ho preso un fischietto che avevo riparato ieri(*) (Paolo) un altro fischietto? (Telesfore) un altro fischietto! E (ho) salito le scale col regalo e il fischietto! <si ride un po’>(*) ..fischiando.. e ho consegnato il regalo alla Cocciuta! (Piccolo Giovanni) questa poverina non può neanche dormire: chiedetegli l’ora.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..che ha fatto questo! (Paolo) non mi dire.. (Piccolo Giovanni) ..chiedetegli l’ora! (Tutti) a che ora? (Telesfore) e verso le sei! <si ride un po’>(*) Non è un’ora buona? (Piccolo Giovanni) stava pregando! (Telesfore) ed io gli ho fatto la musica <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) il sottofondo al santo Rosario! Non ti sto rimproverando! (Telesfore) no, ma Lei è rimasta contenta, comunque, eh! (Piccolo Giovanni) perché quando prega non si fa vedere da nessuno, ma ha accolto il dono, la musica e ha ripreso la preghiera ringraziando il Padre di avergli donato questo giorno per lodarlo ancora e benedirlo! È questa la sua festa: poter lodare Dio attimo per attimo perché gli ha donato ancora un giorno di luce! (Paolo) bello! (Piccolo Giovanni) lo fate anche voi?lodate Dio quando aprite gli occhi.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..e vedete la sua luce? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) fatelo sempre, figli! (Mosè) è il primo pensiero che faccio, Gesù, sia quando andiamo a letto e sia quando ci alziamo.. e alla Mamma pure! (Piccolo Giovanni) i Tesori più grandi da pensare quando si aprono gli occhi, non le cose del mondo, ma lodare e benedire Dio! E raccontami!(*) (Telesfore) qua quando è arrivato Paolo questa sera, gli ho detto “questa sera canti?”; lui forse l’avrà presa.. dice “come? io canto sempre!”, ma io non so perché gli ho detto questa.. questa parola! Ma poi quando cantava sopra qua.. che c’era il canto, ho notato che c’era qualche cosa di diverso dalle altre volte! (Piccolo Giovanni) cosa c’era di diverso? (Telesfore) o.. mi sono ricordato delle tue prediche quando gridavi, che la tua Voce era più forte del microfono.. e così vedevo il canto di Paolo (Piccolo Giovanni) ma lui non ha bisogno di microfoni: grida sempre, <si ride un po’> ma è nel senso buono! (Telesfore) anche quando non canta? (Paolo) anche! (Piccolo Giovanni) è così? (Paolo) è così! (Telesfore) vabbè, io lo sento.. l’ho soltanto sentito quando canta che grida, ma questa sera più forte, addirittura si è spezzata la corda ........ ......... (Piccolo Giovanni) per il grido.. (Telesfore) ..e non so se per il grido o.. (Piccolo Giovanni) ..di Paolo? <si ride un po’>fai ridere un po’, ma quella si è spezzata del troppo ardere! (Telesfore) ah! ...... (Telesfore) quanto è grande l’Amore di Dio! (Piccolo Giovanni) quanto è grande la Croce!(*) Non riesci a comprendere queste parole! (Telesfore) Amore e Croce non è la stessa cosa? (Piccolo Giovanni) è la stessa cosa? dico a te? (Giuda) la Croce è la gloria, praticamente: quanto più grande è la Croce più grande è la gloria! (Piccolo Giovanni) siete d’accordo? (Alcuni) sì! (Piccolo Giovanni) e perché sono così tiepidi i vostri “Sì”? dove avete lasciato la voce? Io non grido perché poi vi spaventate e scappate, ma almeno un “Sì”! ..... (Tutti) SI’! <si ride un po’> (Piccolo Giovanni) ah <7 colpi di tosse con doppia alitazione>finalmente! Cosa pensi mentre parlo, Paolo? (Paolo) che penso, Giovanni? io.. io non capisco più niente, devo pensare! (Luisa) si è ubriacato! (Paolo) eh! (Piccolo Giovanni) la tosse ti ha ubriacato? (Paolo) eh, si! (Piccolo Giovanni) è meglio essere ubriaco, perché quando ti svegli.. (Paolo) ..io.. (Piccolo Giovanni)  ..o quando vi svegliate tutti quanti, capirete il mistero della tosse! Dormite, figli, ma dormite nel santo Vangelo, e quando vi sveglierete i vostri cuori.. di amore, e le gocce cammineranno dinanzi a voi perché sono gocce di Dio, e in questa serata vi ho rapiti ancora una volta, per questo non capisci nulla! (Paolo) sai cosa pensavo? non riesco più a.. a capire che senso abbia fare nella vita terrena tante cose! A volte guardando il televisore mi chiedo “ma questi che dicono?” dicono delle cose ma che non sono realtà, dicono delle cose che non hanno senso, delle cose che non.. non sono indirizzate al bene collettivo, al bene dell’umanità; sono delle cose vuote e anche quando hanno un significato è prettamente egoistico. (Piccolo Giovanni) non diamo.. (Paolo) ..questo è quello che ho pensato.. (Piccolo Giovanni) ..giudizi! (Paolo) no, no (Piccolo Giovanni) quando i vostri cuori rimangono turbati nell’ascoltare, pregate offrendo tutto al Cuore del Padre! hai capito, Paolo! (Paolo) ho capito, Giovanni! Ehm.. in questa vita terrena, però, quello che io volevo appunto..  (Piccolo Giovanni) ..anch’Io ho camminato e in un certo modo sono rimasto al gioco, ma portando tutto al Padre! Continua! (Paolo) stavo dicendo, in questa vita terrena noi siamo legati a tante cose, però io in nessuna di queste cose vedo la sincerità, la spontaneità, vedo l’altruismo.. non lo vedo, Giovanni, non.. sembra che ognuno agisca per se stesso infischiandosene di tutto il resto, anche quando apparentemente vuol fare sembrare il contrario! (Piccolo Giovanni) è per questo che Io vi ho sigillati: per farvi stare in mezzo ai fratelli che hanno bisogno della vostra mano! (Paolo) questo l’ho capito! (Piccolo Giovanni) dovete solo pregare e aspettare i tempi del Padre! (Paolo) eh, l’aver capito questo, Giovanni, mi porta ancora di più a rilevare in me stesso questo contrasto che c’è tra il mio modo di vedere, di pensare.. il mio nuovo modo di vedere e di pensare e il modo di vedere, di agire e di pensare di tutti coloro che mi stanno attorno! (Piccolo Giovanni) anche se tu sei stato rapito e vivi per Dio, non devi chiudere la porta.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..al fratello che ancora non conosce Dio! (Paolo) sì, anche questo ho capito per fortuna! (Piccolo Giovanni) è bello, vero Natanaele? (Natanaele) è bellissimo, m’ha letto presso a poco nel pensiero, Paolo, ché tante volte noto che quando Paolo dice quello che il cuore gli suggerisce, abbiamo quasi qualcosa in sintonia! (Piccolo Giovanni) forse è lo stesso Dio che vi parla! (Natanaele) certo! ehm.. (Piccolo Giovanni) ..sono capriccioso! (Natanaele) ed è una cosa meravigliosa, cioè, quello che.. <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) ..quello che il cuore.. (Piccolo Giovanni) ..è meravigliosa.. (Natanaele) ..certo.. (Piccolo Giovanni) ..la tosse? (Natanaele) molto, anche se non sappiamo ancora il grande valore che ha, noi.. (Piccolo Giovanni) ..dovete.. (Natanaele) ..terreni.. (Piccolo Giovanni) ..ancora aspettare.. (Natanaele) ..se non tocchiamo come San Tommaso.. allora, come stavo dicendo, ancora non siamo stati spinti nel mondo. Per quello che ho capito.. che il Padre adesso ci sta usando quel pochettino, cioè.. (Piccolo Giovanni) ..non un pochettino! (Natanaele) un pochettino.. non abbiamo preso l’attività a pieno ritmo, perché.. (Piccolo Giovanni) ..perché non la conoscete.. (Natanaele) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..ma Io la conosco! (Natanaele) ma noi, per quel poco che facciamo che è niente, già da servi inutili, diciamo, se dovessimo servire un padrone sulla terra, chissà quante cose faremmo in una giornata, invece quel poco tempo che dedichiamo al Padre e.. e a tutta la Corte Celeste, diciamo, è quasi nulla! Però c’è da dire un’altra cosa, almeno per quello che.. ehm.. succede a me, che io non faccio nessuna distinzione di nessun genere umano, né di ceto come diceva Tommaso, e via discorrendo, però quando cominciamo a parlare.. quando comincio a parlare di Maria e di Gesù si apre il cuore, Giovanni, è una cosa meravigliosa! Cioè, ti senti battere così forte.. e ho notato che si accendono anche gli occhi di chi sto.. di chi mi sta ascoltando, e alla fine ci stringiamo la mano “arrivederci, arrivederci”.. e non chiedo mai se ha recepito o meno, cioè poi.. penso che spetta al Padre  (Piccolo Giovanni) si (Natanaele) ehm.. quello che.. (Piccolo Giovanni) ..voi dovete solo seminare! (Natanaele) esatto, quindi stiamo.. (Piccolo Giovanni) ..i frutti li raccoglie il Padre! (Natanaele) ehm.. la gente vuole sentire queste cose..  (Piccolo Giovanni) ..perché voi tutti ed Io siamo solo servi inutili, ma state attenti, non gettate le perle ai porci! (Natanaele) Giovanni, questa è una parola molto importante, cioè un essere umano è sempre un figlio di Dio, quindi noi non è che gettiamo la Parola di Dio, no, noi la vogliamo trasmettere, io la voglio trasmettere; se uno ti ascolta è positivo, ed io non devo dare nessun giudizio (Piccolo Giovanni) il nemico si veste anche di ascolto! (Natanaele) ma il nemico, Giovanni, se teme.. se teme Dio questo.. questo nemico.. (Piccolo Giovanni) ..il nemico si veste anche di ascolto: siate vigilanti! (Natanaele) e come.. e cosa possiamo fare in quel caso se noi non ce ne accorgiamo? se questo qui tace? (Piccolo Giovanni) se Dio vi fa parlare, voi parlate e vedete l’ascolto, ma quando negli occhi non c’è la luce di Dio è il nemico! Chiaro? (Tutti) sì! (Natanaele) Giovanni, posso chiederti un’altra cosa? (Piccolo Giovanni) si (Natanaele) rispondimi come meglio credi: stamattina c’era il.. (Piccolo Giovanni) ..come il Padre.. (Natanaele) ..come il Padre.. (Piccolo Giovanni) ..mi fa rispondere! (Natanaele) stamattina c’era il nemico in quella.. in quella persona? (Piccolo Giovanni) stringo le spalle e penso che è un gesto che si capisce! Vero, Paolo? (Paolo) si, si! (Natanaele) sì, Gesù! (Piccolo Giovanni) è questo che mi fa rispondere il Padre! Telesfore, come sta la Piccola Cocciuta? (Telesfore) sta bene! (Piccolo Giovanni) oggi? (Telesfore) Lei sta sempre bene (Piccolo Giovanni) con la Croce? (Telesfore) con la Croce! (Piccolo Giovanni) sta male quando non c’è! (Telesfore) eh (Piccolo Giovanni) ma quand’è che non ce l’ha? (Telesfore) ce l’ha sempre! (Piccolo Giovanni) e oggi come ha vissuto.. (Telesfore) ..la giornata?.. (Piccolo Giovanni) ..la giornata? (Telesfore) stando sempre al telefono! ..però ha fatto anche le faccende! (Piccolo Giovanni) è riuscita a fare tutto? (Telesfore) il necessario penso che l’avrà fatto (Piccolo Giovanni) è riuscita a pregare? (Telesfore) pregare? quella.. Lei prega anche senza.. (Piccolo Giovanni) ”senza?” (Telesfore) anche quando parla Lei prega! (Piccolo Giovanni) il furbacchione l’ha capito! <si ride un po’>(*) (Telesfore) a volte.. <6 colpi di tosse con doppia alitazione> non solo parla e prega, fa anche qualche viaggetto! (Piccolo Giovanni) hai scoperto anche questo? e raccontami, come l’hai scoperto? (Telesfore) eh, perché l’ha detto Lei no! (Piccolo Giovanni) e tu non te ne accorgi se Lei è presente? (Telesfore) no, io non me ne accorgo! Ma Lei non è che è presente.. è presente ma in posti diversi! (Piccolo Giovanni) è questo che ti chiedevo! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) non ti sei reso conto? (Telesfore) e non mi posso essere.. (Piccolo Giovanni) ..se guardi bene ti accorgi anche di questo! (Telesfore) e mi devi insegnare il trucco (Piccolo Giovanni) è vero, Rosetta? (Rosetta) si (Piccolo Giovanni) a volte l’hai notato? (Rosetta) si (Piccolo Giovanni) come qualche altra creatura che ora non dico il nome, tu te ne sei resa conto.. (Rosetta) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..anche altre creature che sono qui.. (Rosetta) ..si! (Piccolo Giovanni) e cosa hai visto? (Rosetta) ehm.. lo sguardo è completamente diverso dal normale, e poi le mani sono molto fredde.. quella è una cosa che ho proprio toccato con la mia mano! Ehm.. e sembra che il suo Cuore gli scoppia dal petto, diciamo.. ha un’emozione in quel momento.. (Piccolo Giovanni) ..hai osservato bene! (Rosetta) si, ce l’ho sempre davanti, anzi, non so se posso ricordare un.. un episodio che ti ho raccontato.. (Piccolo Giovanni) ..si (Rosetta) di quella volta che proprio a me è successo di vedere Giulia a casa mia mentre Lei era a casa sua, ti ricordi che te l’ho detto? (Piccolo Giovanni) sì che mi ricordo! (Rosetta) e questo non me lo.. (Piccolo Giovanni) ..eri accesa di gioia! (Rosetta) eh, e lo sono sempre ogni volta che.. che lo ricordo, perché era tutta bella raggiante vestita con un manto di luce, con le scintille.. proprio come si dice, ehm.. e aveva alla.. alla.. ad una mano uno scettro e sembrava.. non voglio dirlo, però era.. sembrava una Madonna! Sembrava.. (Piccolo Giovanni) ..lasciamo Maria.. (Rosetta) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..al suo posto (Rosetta) ..mi sembrava la Madonna.. (Piccolo Giovanni) ..e la Cocciuta al suo! (Rosetta) si (Piccolo Giovanni) ma dovete essere coscienti che non è la Piccola Cocciuta a fare questo, ma il Padre! (Rosetta) è rimasta con me per più di 20 minuti! .......... (Piccolo Giovanni) bene, figliuoli, vi invito ancora una volta a pregare per la pace, ad unire i vostri cuori al Cuore di Maria che è curva a pregare per l’umanità! Preghiamo per la pace e preghiamo per i figli che si armano di spade, ma non la Spada del Vangelo! È questo che chiedo ai cuori di ognuno di voi: pregare per la pace e mettere nel cuore dei fratelli e dei figli che hanno il potere del mondo, la Via del santo Vangelo, il Solco! Vi invito ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici: è questo che arde nel mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno! Io ho vissuto e vivo della Parola viva, e con le gocce la lascio scendere nei cuori di ognuno di voi. Siate vigilanti, combattete il nemico con l’amore; e ricordate: il Solco di Dio è lungo ed è profondo ma è stretto, e solo con l’amore si può entrare nel Solco stretto di Dio, distaccandovi dalle cose del mondo e unendovi alla Croce! Anche in questa serata il Padre lascia tutto nelle mie mani! Non finirò mai di lodarlo e benedirlo. Col suo Amore Io sono nato nel Cuore del Padre e parlo attraverso lo Strumento che suona la musica del santo Vangelo! E vorrei spezzarvi tutti come quel laccettino<si riferisce alla corda della chitarra che si è spezzata>, ma farvi suonare la musica di Dio: rompervi dal mondo e legarvi al Cuore di Dio; ma parlo la mondo intero e parlo ad ognuno di voi: legate i vostri fratelli a quel laccio che è di Dio! È un’altra goccia che ho lasciato scendere su di voi e sull’umanità intera! Non la gettare. .......... Bene! Telesfore, vuoi dirmi qualche altra cosa? (Telesfore) veramente volevo chiederti un’altra cosa: se puoi rispondermi, sennò.. (Piccolo Giovanni) aspetto! (Telesfore) quando la Cocciuta vede un flagello e che lo ferma, cioè che Gesù gli dice che può fermarlo.. cioè, Lei si trova in quell’attimo dove sta avvenendo il flagello? (Piccolo Giovanni) il furbacchione di Dio.. questa sera ti accontento: sì! (Telesfore) grazie! (Piccolo Giovanni) perché sarebbe troppo pesante vederlo qui; il Padre la porta e voi nemmeno ve ne accorgete! Vedete il suo corpo, ma Dio lo può portare come ha fatto con la piccola Rosetta, .......... e come tanti altri figli che dicono di vederla nel sogno, ma non è Lei ma il Padre: è uno Strumento e viene usata come il Padre vuole perché ha donato il “Sì Pieno”. Chiaro? (Tutti) sì! <10 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) (Piccolo Giovanni) fino a quando volete la tosse? (Telesfore e Marina) sempre! ......... (Piccolo Giovanni) sia fatta la volontà del Padre, perché Io sono all’ubbidienza di Dio, e ciò che vuole il Padre Io dico Amen. E voi? (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) bravi! Bene. Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ora Io ti faccio gli auguri donandoti la Croce, perché questo è il mio regalo! <ieri è stato l’onomastico di Giulia>(*) (Giulia) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ma ti offro anche i Chiodi: abbracciali per il mio popolo! (Giulia) sì!<3° grido>(*) (Piccolo Giovanni) sollevati! Ecco il mio regalo! (Giulia) grazie, Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) prega ancora e fai pregare i tuoi figli per il mio popolo; pregate e consolate il Cuore del Fratello Domenico e vi chiedo ancora una volta: non fateci usare, ma pregate affinché siamo tutti un’unica Famiglia di Dio! Non fateci usare con le cose del mondo, il Fratello Domenico gronda Sangue, chiedo ai vostri cuori: consolatelo e pregate secondo le Intenzioni del suo Cuore che sono le Intenzioni di Dio, figli miei! <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Faccio un po’ il capriccioso? (Qualcuno) sì! (Simone1) no! (Rosetta) si, si! (Natanaele) un po’, si! (Piccolo Giovanni) cosa avete combinato per la Piccola Cocciuta? <si ride un po’. Le suore laiche hanno organizzato in segreto un piccolo rinfresco per l’onomastico di Giulia>(*) (Paolo) tu vedi tutto dall’alto! (Piccolo Giovanni) ed Io voglio farlo rimanere nella storia! (Telesfore) io.. io non so niente!<si ride un po’> so soltanto.. (Piccolo Giovanni) ..dinanzi a Dio.. (Natanaele) ..non si sbilancia.. (Piccolo Giovanni) ..tu non sai niente! (Telesfore) io non so niente di quello che gli hanno preparato! (Piccolo Giovanni) sicuro? (Telesfore) ma so qualcosa, però di preciso non so! ..so soltanto.. una cosa la so,  che, la Cocciuta diceva “ma mi sa che forse..” (Piccolo Giovanni) ..”farò qualche cantata!” (Telesfore) “farò qualche cantata!” (Piccolo Giovanni) ma tu che dici? che la farà con la chitarra? <si ride un po’> (Telesfore) e non lo so come la farà ma la farà! (Piccolo Giovanni)  con la tosse! (Telesfore) o con la tosse, si! <13 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) così? (Telesfore) eh, ma.. così, così! (Piccolo Giovanni) voi che dite? (Paolo) questa sera si, la farà così! (Piccolo Giovanni) alzo le mani! Bene, chiedo ad ognuno di voi di preparare i vostri cuori: Dio viene a fare festa, Dio viene a portare in mezzo a voi il Banchetto dell’Amore! Volete accoglierlo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) siete pronti.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..per far festa? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ma vi chiedo di non lasciare nessuno fuori della santa preghiera; portate tutti i vostri fratelli a fare festa, a bere e a mangiare al Banchetto di Dio! ..... e anche voi in modo particolare i vostri nemici, perché il Banchetto è qui, è pronto per ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, è pronto per l’umanità intera! Ed Io lascio il mio Alito all’umanità e ad ognuno di voi! <14 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) vi a.. (Mosè) ci spieghi questo ultimo sospiro, Giovanni? la tosse più o meno.. (Piccolo Giovanni) ..vi accompagnerà in tutta la serata. Non posso spiegare né la prima e né l’ultima, perché ancora non è adempiuto il tempo! Quando è tempo capirete tutto: chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ora preparate i vostri cuori perché lo sposo è qui, è in mezzo a voi e ha sete e fame del vostro amore e vuole fare festa con voi, Dio!(*) Ora dove siete?(*) Ora dove siete? (Anna e qualcun altro) in Paradiso! (Natanaele) al cospetto di Dio! (Piccolo Giovanni) Dio è con voi! <5 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) e rimanete nel Cuore di Dio perché lo Sposo è qui! Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! <5 colpi di tosse con 5 alitazioni>(***) (Piccolo Giovanni) ..... Paolo! Telesfore!(*) Volete unirvi all’Amore di Dio? (..... Paolo e Telesfore) sì!(*) (Piccolo Giovanni) volete portare sulle vostre spalle la Croce? (.... Paolo e Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (.... Paolo e Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) sei cosciente Paolo? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) unite le vostre mani! (Telesfore, Paolo .... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui)  Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti: fate questo ricordandovi del mio Amore!(**) Ecco l’Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(**) <4° grido> (Giulia) tu sei Dio vivo in mezzo a noi!(**) (Piccolo Giovanni) hai bevuto? (Telesfore) si(**) (Piccolo Giovanni) quale pezzo volete? <ha messo nel piattino 4 pezzi di Pane>(*) uno! (Paolo) sono due? <ne aveva preso involontariamente due che erano sovrapposti> (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) ah, si, erano uniti (Piccolo Giovanni) quali pezzi avete preso? (Paolo) io pensavo di averne preso uno invece erano due! (Piccolo Giovanni) tu quale hai preso? ............ e tu quale pezzo(*).. (Telesfore) io ho preso quello della.. del.. dell’Alto della Croce.. della testa! (Piccolo Giovanni) e tu? (Paolo) io non c’ho capito niente! <si ride un po’>(*) (Telesfore) lo stesso! (Piccolo Giovanni) perché una parte l’hai lasciata a Telesfore! I Chiodi rimangono sempre alla Piccola Cocciuta! (Paolo) e noi cosa abbiamo preso? (Piccolo Giovanni) i Chiodi!(*) è un mistero! (Paolo) eh, si, perché io credevo.. è un mistero, si! (Piccolo Giovanni) la Croce è piantata.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e la parte che ha le radici rimane alla Piccola Cocciuta! (Paolo) come la volta scorsa? (Piccolo Giovanni) anche se ne avevi presi due! ..... Cosa vedete? (Paolo) la prima cosa che mi è venuta in mente? (Piccolo Giovanni) dilla! (Paolo) un cielo stellato! (Telesfore) io vedo un triangolo e un otto! ......(Piccolo Giovanni) ed Io vi chiedo: volete mangiare? (.... Paolo e Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) fatelo!(**) Ora vi dico cosa avete fermato! Tu vedevi un cielo stellato? (Paolo) si (Piccolo Giovanni) e quelle stelle che tu vedevi erano flagelli! ..... E tu cosa vedevi? (Telesfore) io ho visto un triangolo e un otto! (Piccolo Giovanni) Dio che vi ha usati per salvare i figli: la Pienezza di Dio che si è poggiata su di voi! Sono diventati tristi i vostri cuori? (Paolo ....) no! (Piccolo Giovanni) ma anche voi avete preso parte, perché Dio non fa alcuna distinzione: vi usa tutti e avete fermato anche voi questi flagelli. Siate gioiosi! Ora volete donarmi.. (Paolo ....) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..ai vostri fratelli? (Paolo ....) sì! (Piccolo Giovanni) preparate la Via Stretta per le Spose e donatemi! Io rimango a scaldare i vostri cuori nell’attesa di far venire ad abitare il Dio Bambino e di cullarlo! Chiedo ancora una volta al Padre di ascoltare la mia preghiera!(***) Padre! Padre! Padre! Padre! Padre, grazie per aver ascoltato ancora la mia preghiera. Sia benedetto il tuo Nome ora e sempre, Padre mio! Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: risorgete anche voi nel mio Amore, perché Io abito nei vostri cuori! Cullatemi e portatemi all’umanità: come Mamme, donatemi al mondo intero, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna. Figli del mio Cuore, vi chiedo ancora una volta: quando uscite fuori dalla mia Stanza non abortitemi, non permettete al nemico di confondervi, ma ardete con l’Amore pieno che Dio ha lasciato scendere nei vostri cuori, figli miei!(*) Vi siete dissetati? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) i vostri cuori sono pieni? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e volete donarlo.. (Alcuni) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..ai vostri fratelli.. (Tutti) ..sì!.. (Piccolo Giovanni) ..ciò che avete ricevuto? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) siete disposti a togliere tutto di voi.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..e donarlo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Io ho donato tutto sul Legno della Croce! Voi cosa volete fare? (Mosè) perdonare come hai perdonato tu, Gesù! (Piccolo Giovanni) e donare tutto? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Tommaso! (Tommaso) sì! (Piccolo Giovanni) tu cosa vuoi fare? (Tommaso) vorrei cercare di donare tutto come tu dici, ma la forza manca.. siamo umani e ai momenti.. al momento cruciale, voglio dire, noi vediamo la nostra debolezza, quindi.. (Piccolo Giovanni) ..e nella vostra debolezza c’è la mia forza! Andate avanti e non fermatevi! (Tommaso) ti aspetto nella mia capanna affinché il nostro amore sia pieno! (Piccolo Giovanni) Io sono già nella tua capanna! (Tommaso) di questo ne ero certo, però.. (Piccolo Giovanni) ..quando il Padre lascia scendere l’Amen, Io verrò! ...... è bello abbracciare la quiete di Dio? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) abbracciatela, sigillatela nei vostri cuori ma fatela scorrere come un fiume in piena verso i vostri fratelli! Figli miei, è bello stare con voi, è bello bere e mangiare la Pienezza di Dio: vero Paolo della Croce? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) ti chiamo così perché il tuo sguardo è poggiato sul Legno, te ne sei reso conto? (Paolo) piano piano, si! (Piccolo Giovanni) e i vostri sguardi sono poggiati? (Tutti) sulla Croce! (Qualcuno) sulla Croce di Dio! (Piccolo Giovanni) perché siete i miei Discepoli, le mie Colonne e le mie Suorine. Vero, Giuseppe? (Giuseppe) sì! (Piccolo Giovanni) vuoi rimanere poggiato sulla Croce? (Giuseppe) sì! (Piccolo Giovanni) tienila stretta perché è viva nella tua casa! (Giuseppe) grazie! (Piccolo Giovanni) sìì gioioso e non cadere mai; sappi che Io sono sempre al tuo fianco.. (Paolo) ..va bene.. (Piccolo Giovanni) ..come sono al fianco di ognuno di voi, senza fare alcuna distinzione, non vi ho mai lasciati e non vi lascerò mai! Può Dio lasciare l’umanità? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) e camminate nel Solco, perché la Piccola Cocciuta vi porta sulle sue spalle nel Fiume santo del mio Amore, figliuoli del mio Cuore!(*) Nell’Amore e nell’Armonia del Padre, Io ora vi saluto!(*) Vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Figliuoli miei, andate in pace e portate al mondo la Pace che Dio ha lasciato scendere nei vostri cuori! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. In un unico respiro fatelo anche voi nel Respiro di Dio che aleggia su di voi, figli miei! Ora vi chiedo ancora una volta: vorrei riposare, mi cantate la Ninna Nanna? (Tutti)<canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore! È dolce riposare nei cuori di ognuno di voi; è dolce sentire la Ninna Nanna che cantate col cuore, ed Io mi addormento ma veglio nei cuori di ognuno di voi, nei cuori dell’umanità intera, e vi dico grazie per tutto quello che offrite al Padre! Grazie, Discepoli; grazie, Colonne; grazie, Suorine dell’unico Segno Tremendo della Croce! Voi ancora non potete comprendere il lavoro che state offrendo alla Vigna di Dio, come dice Paolo “sono ubriaco”, lo siete tutti ubriachi di Dio, ma è bello vivere nell’ubriachezza di Dio e lavorare: fatelo sempre! Anche tu, Marina, e anche tu figlia che porti il Nome della Mamma: il tuo cuore sarà consolato, sii gioiosa, figlia, la Croce che stai portando è la mia Croce, non lasciarla ma tienila stretta! (Maria) con la tua grazia (Piccolo Giovanni) la mia grazia è su di ognuno di voi! (Maria) Amen! (Piccolo Giovanni) Amen al Padre, Amen al Figlio, Amen allo Spirito Santo, Amen al Cuore Immacolato di Maria, Amen al Bimbo che cresce sempre di più in mezzo a voi, figliuoli del mio Cuore! Cosa sussurri, Natanaele! (Natanaele) sto ascoltando quello che dici: è molto bello! (Piccolo Giovanni) Dio è Amore e dal suo Cuore esce la Pienezza dell’Amore! E nella Pienezza dell’Amore Io vi chiedo di unire la Catena!(*) Ecco la mia Croce, ecco il Legno della vita che Io ho abbracciato e abbraccio e abbracciandola vi porto tutti nel Segno della Croce! Innalziamo le mani pregando il Padre! <recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  "non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)">. Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre "non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen". Gridate al mondo: DIO  E’ VIVO, E’ IN MEZZO A NOI E PARLA! Figli, non abbiate timore di niente e di nessuno, ma nella gioia del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo e del Cuore Immacolato di Maria, pascete il gregge che Dio ha messo nelle vostre mani, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Fate ardere il Sole di Fatima nei vostri Cuori E ASPETTATEMI PERCHE’ IO VERRO’! Io verrò! Io verrò come ho promesso! Figli miei, ora andate in pace e portate il mio Amore e la mia Pace ai figli, ai fratelli, all’umanità intera, e non lasciate nessuno fuori della santa preghiera, figli del mio Cuore! Piccola Cocciuta, abbraccia ancora la Croce che il Padre ha poggiato su di te! (Giulia) con la tua grazia, Giovanni!(*) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch’Io e aspetto: (Tutti) TI AMO, PAPA' (Piccolo Giovanni) Grazie, Fiammelle vive del mio Cuore! Andate in pace perché oggi nei vostri cuori è scesa una goccia! (Giulia) grazie, Papà, grazie! (Piccolo Giovanni) tu vedi la goccia, figlia mia? (Giulia) sì, Papà! Grazie per il Dono che ci hai offerto!

 

 

       10. Sab 24/05/2003, Stanza more solito

Messaggi dell'Immacolata e del Giovanni di oggi (ore 15.57)

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre (l’Immacolata) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i santi Dolori del parto Vivo della Croce del mio Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te, figlia mia, con i santi Dolori vivi del Parto del Cuore di Dio! Figlia, in questo giorno immolati ancora una volta per l’umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i  Grandi della Casa del Padre; abbraccia con amore ciò che Dio vuole offrire in questo santo giorno al tuo Cuore, figlia! (Giulia) con la tua grazia, Mamma! (l’Immacolata) figlia mia, guarda Gesù, guarda il suo Cuore: gronda Sangue per l’umanità intera, ed Io, come Umile Ancella, vengo a bussare ai cuori dell’umanità intera, ai cuori di ognuno di voi! CONSOLATE IL MIO GESU’: consolatelo aprendo la porta dei vostri cuori amandovi gli uni gli altri, usando carità, abbracciando i vostri nemici e amando come Dio ama tutti i suoi figli, perché tutti siete figli dell’Unico Padre che porta il Segno Tremendo della Croce viva in mezzo a voi! Ed Io sono la Mamma dell’Amore e dei Dolori, la Mamma del Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, figli del mio Cuore! Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’Unica Verità: il Santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo e a farlo crescere come la Pianticella del Cuore di Dio che è vivo, è in mezzo a voi, e come Padre parla chiamando “figli, venite a dissetarvi al mio Cuore”! Venite alla Sorgente viva della Roccia che è Dio, figli! Ancora una volta vi ripeto: state attenti al nemico, usa ogni mezzo per confondervi e trascinarvi nella sua falsa luce; combattetelo con l’amore, combattetelo con la preghiera e l’Ascensore del  santo Rosario che Io vi ho donato e vi dono ad ogni mia visitazione nel mondo intero e in questo Luogo baciato da Dio! Figliuoli miei, il mio Progetto viene da Fatima: siate pronti e preparati, siate vigilanti perché il mio Cuore Immacolato trionferà e tutti vedrete il trionfo, ma chiedo il vostro Sì pieno a Dio! Distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi in pienezza al Cuore di Dio! Figliuoli del mio Cuore, in questo giorno vi invito ancora a pregare per la pace: allargate le braccia e pregate per la pace, figli miei! Io sono curva tenendo il braccio del Padre, e invito te, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, a pregare e ad alzare con me il velo affinché i flagelli si fermano! (Giulia) Mamma! Mamma! Mamma! (l’Immacolata) figlia mia, prega e fai pregare i tuoi figli, l’umanità intera! Vedi? anche in questo attimo sta scendendo un flagello! (Giulia) Mamma!(*) Mamma, cosa posso fare? (l’Immacolata) unisciti al mio Cuore, ed anche voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, unitevi al mio Cuore Immacolato e Addolorato; addolorato nel vedere l’umanità perdersi perché non ama il mio Gesù! Io vi invito ad amarlo e a farlo conoscere, figliuoli del mio Cuore! Come Mamma allargo le braccia e raccolgo i vostri sussurri portandoli al Cuore del Padre, ma chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, figliuoli del mio Cuore! (Giulia) Mamma! Mammina, Mammina mia, io ti metto nel Cuore e nel Cuore del tuo Figliuolo tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere! Come misera peccatrice li offro ai vostri cuori! Grazie, Mamma, di averli accolti! (l’Immacolata) figlia, ora ti invito a guardare, ma non spaventarti di ciò che vedi! (Giulia) Mamma, statemi vicino!(*) Mamma, posso dire ciò che vedo? (l’Immacolata) ti invito solo a tenerlo nel Cuore e a pregare, figlia! (Giulia) sì, Mamma!(*) sì, Mamma!(*) sì, Mamma!(*) (l’Immacolata) ora invito i vostri cuori a pregare per il Papa e per tutti i miei Figli Ministri. Pregate, pregate, pregate, perché non conoscete né l’ora e neanche il giorno in cui Gesù verrà a chiedere ad ognuno di voi il vostro operato, figliuoli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta, dovrai soffrire ancora a causa del Nome di Gesù: vuoi farlo? (Giulia) eccomi, Mamma: con la tua grazia, lo voglio! (l’Immacolata) figliuoli miei, Dio vi ama e aspetta l’umanità intera per fare festa: donate i vostri cuori al Padre, figli! Ora volete ardere un po’? (Tutti) sì! (l’Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l’Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con Ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) mi siedo un po’!(*) L’Amore, la Pace, la Luce del santo Vangelo sia sempre nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli, Amen, Amen, Amen!(*) Eccomi! Nella verità e nella gioia del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi, figliuoli, invitandovi sempre a tenere alta la Parola, a farla crescere nei vostri cuori, a seminarla nel mondo intero, perché come Sacerdozio vivo ed eterno, Io vengo in mezzo a voi in ubbidienza al Padre, e vengo a portare il suo Amore, la sua Luce; vengo a riscaldare i cuori, a fasciarli, a donare tutto quello che il Padre mi dona! Ed oggi Dio dona all’umanità le grazie della sua Misericordia Infinita, la Farina e il Lievito nuovo per crescere e camminare nel Solco santo che è lungo e profondo ed è stretto, perché la Via di Dio è stretta, e solo con l’amore, con la preghiera, solo essendo un’unica famiglia si può arrivare a gioire e ad abbracciare il Padre, figliuoli del mio Cuore! E l’augurio che Io faccio ad ognuno di voi come Sacerdozio vivo ed eterno, di vivere della Parola di Dio, di amare, di perdonare, di usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici per gioire nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Ed oggi vi chiedo di pregare e di consolare il Cuore di Maria, di formare corone di fiori per offrirli al suo Cuore Immacolato, e i fiori siete voi, le corone siete voi! Figli, offrite i vostri sì, rifugiatevi nel Cuore Immacolato di Maria usando l’amore che Dio fa crescere nei nostri cuori, amando l’umanità e i fratelli! Ci sia pace tra di voi, la Pace che Dio vi dona, lo Shalom del suo Cuore che è vivo e reale in mezzo a voi e nel mondo intero, figli miei! Paolo! (Paolo) dimmi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) mi dici qualcosa del santo Vangelo? <sabato  della 5° settimana dopo Pasqua /B Gv. 15, 18-21> l’avete vissuto? (Alcuni) sì! (Paolo) saremo perseguitati! (Piccolo Giovanni) “l’hanno fatto con me, lo faranno anche con voi”, è questo che dice il Padre! (Paolo) perché non apparteniamo al mondo e non sposiamo le idee del mondo! (Piccolo Giovanni) Dio vi ha scelti, vi ha sigillati , e il mondo non vi ama! (Paolo) ed è questa la cosa che mi ha colpito.. (Piccolo Giovanni) ..ma voi siate gioiosi! (Paolo) si! ..perché mi ha dato una risposta a degli interrogativi che io mi ponevo (Piccolo Giovanni) da quanto tempo? (Paolo) bè, gli interrogativi, da tantissimo tempo.. ne abbiamo anche parlato pure, quando dicevo più volte che mi sento un pesce fuori dall’acqua (Piccolo Giovanni) ma Dio vi dona la sua acqua (Paolo) si (Piccolo Giovanni) togliendovi dall’acqua del mondo, e tutto questo è bello! (Paolo) è molto bello sapere che apparteniamo a Lui e che dobbiamo operare nel suo Nome.. (Piccolo Giovanni) ..e portare la Croce! (Paolo) e portare la Croce e combattere tenendo ben presenti gli insegnamenti (Piccolo Giovanni) tenendo bello alto.. (Paolo) ..il Vangelo.. (Piccolo Giovanni) ..il Vangelo! Bene! Cosa vuoi dire ancora? (Paolo) non saremo quelli lì (Piccolo Giovanni) ma non abbiate timore: Dio è con voi, la sua grazia è su di voi, dovete solo aspettare perché il tempo lo conosce solo il Padre! Quando ridono di voi, voi gioite e alzate gli occhi al Cielo! Quando seminate e non vedete crescere.. ma Dio guarda nel profondo del cuore.. (Paolo) ..eh, si.. (Piccolo Giovanni) ..e raccoglie! Voi andate avanti e non fermatevi! (Paolo) e questa è un’altra cosa importante: dobbiamo solo seminare e non dobbiamo raccogliere niente perché questo spetta al Padre, quindi noi dobbiamo solo aprire il cuore, seguire il Vangelo e tutto il resto lo fa Lui.. (Piccolo Giovanni) ..e andare avanti.. (Paolo) ..non dobbiamo aspettarci nessun risultato! (Piccolo Giovanni) neanche i ringraziamenti.. (Paolo) ..sì, soprattutto.. (Piccolo Giovanni) ..ma fermarvi e parlare, seminare la Parola di Dio: non fuggite come i ladri, ma sedetevi come Gesù si sedeva in mezzo ai discepoli; mangiava e parlava del Regno del Padre suo! (Paolo) questo modo di concepire il lavoro.. questo modo di concepire l’operato, cozza con le idee del mondo in modo molto netto, perché nel mondo non si fa altro che progettare tenendo ben presente il risultato finale, e se non si raggiunge vuol dire che si è sbagliato tutto (Piccolo Giovanni) noi dobbiamo camminare sulla Linea del Vangelo.. (Paolo) ..che è ben diverso.. (Piccolo Giovanni) ..quello che vi invito: non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma quando siete nel giusto del Vangelo, gridate con la Voce di Dio che arde nei vostri cuori! Chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) bene, figliuoli, la gioia e la pace del santo Vangelo rimanga nei vostri cuori.. (Alcuni) ..e con il tuo Spirito.. (Piccolo Giovanni) ..e cresca sempre di più per donarla ai fratelli, al mondo intero, figli miei, perché Io parlo attraverso lo Strumento per volere del Padre! Io sono all’ubbidienza di Dio e vengo a chiedere ai vostri cuori di stare attenti al nemico. Chiedo ad ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, di tenere stretta la Catena di Dio e di allontanare la catena del mondo: siate Famiglia viva del Cuore di Dio donando ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai figli carcerati, senza lasciare nessuno fuori della santa preghiera, tutto l’amore che Dio dona ad ognuno di voi, ed Io, come Sacerdozio vivo ed eterno, l’ho sempre donato e lo lascio scorrere come un fiume in piena, così siate anche voi! Vivete dell’Amore di Dio e donatelo, figliuoli del mio Cuore! Questo chiedo bussando con la Croce(*), l’unica arma per combattere: la Croce, il santo Rosario e l’Amore! Amate, amate, amate, figliuoli del mio Cuore! Vi invito ancora ad abbracciare la mia Marì, ad accoglierla nei vostri cuori e a pregare per lei, per la sua capanna! Ditegli che sussurro al suo cuore “Marì, guarda il Cuore di Gesù e vai avanti”! glielo dirai? (Telesfore) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) bene! Il mio Cuore è gioioso nel vedervi, ma gronda Sangue nel vedere i figli che cadono nella rete del nemico: pregate e portateli sulle vostre spalle perché siete Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, figli miei! Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) prega secondo le mie intenzioni e porta sulle tue spalle l’umanità e tutti i tuoi figli! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Ora Io devo ritornare all’ubbidienza del Padre. Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, ma non vi lascio senza l’Alito della mia tosse! <7 colpi di tosse con doppia alitazione>(*) Accoglietela nei vostri cuori e donatela all’umanità intera Figli miei, Dio vi ama e vi dona l’Alito dello Spirito Santo: sappiatelo accogliere e gridare al mondo intero “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla”. Ricordate di tenere alto il santo Vangelo, figliuoli! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (l’Immacolata) Come Umile Ancella mi inchino dinanzi alla Croce stringendo al mio Cuore l’umanità e lasciando scendere le grazie su di voi, sul mondo intero e sui vostri ammalati! Dio manda su di voi il Fuoco di Pentecoste! Ardete come fiammelle nel mondo intero e portate sempre lo Shalom del Cuore di Dio ovunque andate, figli! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire, ma gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia viva del santo Vangelo, fatelo anche voi! Io ora vi saluto ma verrò ancora a portarvi il Pane vivo dei Cieli! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescete nell’Unico Amore della Santissima Trinità! (Tutti insieme alla Madonna) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria. Amen, Amen, Amen! (l’Immacolata) Amen Pieno scenda su di voi e sul mondo intero. Figli del Cuore della Croce, grazie per il tempo che avete speso e che spenderete ancora per il mio Gesù! Petali del mio Cuore, portate il Profumo di Dio ovunque andate!

 

Messaggio di Gesù (ore 17.41)

[Durante la Processione in giardino, dopo la recita della preghiera della Via Crucis, Giulia invita Luca ad aprire a caso il Messale e a leggere il relativo brano. Il Messale viene aperto a pagina 1408 dove è riportata come prima lettura della 17° settimana T.O. anno pari, un brano tratto dal profeta Geremia (26,11-16.24), poi l’apparizione di Gesù.] (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) sì, figlia mia, sono Io: glorifichiamo il Padre! (Tutti insieme a Giulia e Gesù) sia gloria al Padre Altissimo, com’era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen! (Gesù) Pace a voi, figliuoli del mio Cuore! Io, il vostro Gesù, l’Agnello Immolato vivo in mezzo a voi per donarvi la vita eterna! Luca, abbraccia la mia Croce, e in questo tempo è gravosa sulle tue spalle, ma sia piena la tua gioia, figlio, perché Io mi sono poggiato, e quando la Croce si poggia dona gioia ai cuori anche nell’affanno, nell’andare avanti. E dimmi tu: quale colpa mi doni per avervi amato e donato la Parola? (Luca) nessuna! Questa Parola si riallaccia a quello che abbiamo ascoltato prima “se ascolteranno le mie parole le vostre parole ascolteranno le mie”; e si può dire che è il seguito del Vangelo che abbiamo ascoltato oggi, è una Parola veramente di luce quella del Vangelo, ed è una Parola così tanto importante per tutti gli uomini, perché se l’ascoltiamo comprendiamo i tempi, e questa Luce che tu ci hai donato col Vangelo.. che ci dice, appunto, che l’arma più forte in mano al nemico è proprio la persecuzione, che è l’antitesi dell’Amore; ed è attraverso quest’arma che egli cerca di dividere gli uomini: ci divide l’un l’altro.. se non ci riesce è perché tu sei in noi, e con la tua.. sei la nostra forza, e così come lui divide tu ci unisci con l’Amore puro.. (Gesù) ..la mia Famiglia è unita nell’Amore, unita nella Croce! E voi tutti, figli, quale accusa innalzate al mio Cuore? (Tutti) nessuna! (Gesù) ed Io vi benedico!(*) e in questo giorno raccogliete questa goccia, non a caso Luca ha aperto il libro, ma la mia mano ha guidato affinché i vostri cuori siano pronti, vigilanti nell’attesa, perché Io ho promesso “aspettatemi, verrò”, ma ancora una volta vi dico: state attenti al nemico! Figliuoli miei, vivete nell’amore, vivete nella luce e abbracciate le sante sofferenze come Io le ho abbracciate e le abbraccio ancora per ognuno di voi e per l’umanità intera! Luca! (Luca) sì, Gesù! (Gesù) benediciamo il mondo intero e i figli che sono qui riuniti col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Amen! (Tutti) Amen, Amen, Amen! (Gesù) figlia mia, guarda cosa sta scendendo su di voi!(*) (Giulia) grazie, Gesù! Grazie, Gesù! Grazie.. <nel frattempo tutti i presenti si sono messi in ginocchio come ha fatto Giulia e qualcuno diceva “grazie, Gesù”, altri dicevano “grazie, Papà”>(*) grazie, Gesù! (Gesù) la Rugiada viva del mio Amore scende su di voi pulendo i vostri cuori da ogni peccato! Vivete e pascete come agnelli perché il Pastore è dinanzi a voi, figli! (Giulia) grazie! Come serva inutile, bacio il tuo Cuore, Gesù, per tutti i miei figli e per l’umanità intera!(*)

 

Estasi Vigile nella Stanza (ore 18.16)

[Dopo la recita della preghiera dei Sette Dolori di Maria, oggi condotta da Telesfore, è il momento dell’Estasi Vigile di Giulia che si sofferma sull’ultimo Dolore.] (Giulia) L’ultimo Dolore: Maria che abbraccia Gesù, Maria alla tomba! Una Sposa che abbraccia lo Sposo è fare festa, e oggi abbiamo fatto festa, Gesù è venuto a vivere nei nostri cuori come uno Sposo per abbracciarci! Rimanga sempre in noi l’abbraccio di Maria, l’abbraccio di Gesù, e Gesù è vivo e vuole unirci: abbracciare il mondo col Cuore di Dio! <si gira verso il Tabernacolo ed espone Gesù sull’Altare>(*) e Dio vuole rendere vivo il suo abbraccio, io mi lego a Lui vivo e Lui si lega ad ognuno di voi attraverso la Croce! Formate la Catena(*) unendovi alla Croce di Gesù vivo, Gesù che ci dona la sua Croce come unica salvezza e noi che gioiamo come Spose dell’Unico Sposo Eterno: Dio vivo in mezzo a noi! E cosa vogliamo chiedere a Gesù di più? “Rimani con noi..” (Alcuni) ..si.. (Giulia) “..perché la sera scende e noi siamo deboli e vogliamo la tua presenza, oggi e sempre, come figli servi inutili. Quando la tempesta avvolge i nostri cuori, non staccarti da noi, Gesù, perché io mi lego stretto”. E con questa gioia io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Giulia) portate la gioia e la pace ovunque andate, figliuoli miei!