LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 38

 

DIO CI DONA IL CUORE E IL SUO AMORE NON HA MISURE, MENTRE GLI UOMINI MISURANO L'AMORE DA DONARE A DIO

(dal messaggio del 30/10/2003)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

         1. Dom 26/10/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia, ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce di Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l’umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore di Gesù pregando nel silenzio della Croce, come tu sai fare, per tutti i Figli Ministri e per l'uomo vestito di bianco. In questi ultimi tempi, figlia mia, porta l'umanità intera e i tuoi figli sulle tue spalle., figlia mia, vedi, il mio Cuore di Mamma gronda Sangue nel vedere tutti i figli ciechi che non alzano il grido al Padre; vi invito a pregare e a stringere ai vostri cuori questi miei figli che non vogliono vedere, pur avendo gli occhi aperti, l'Amore e la Misericordia di Dio. Io come Mamma vengo in ubbidienza al Padre in mezzo a voi e nel mondo intero a segnare la mia via con i santi Dolori, e vi ripeto sempre di non gettare via la santa sofferenza, di tenerla stretta e di portarla, e di camminare sulla Via fatta di spine. Dove c'è la sofferenza c'è Gesù! Dove trovate la via larga e il divertimento del mondo lì c'è il nemico! Pregate, pregate, pregate e non lamentatevi quando i vostri cuori vengono trafitti, ma gioite, perché dove c'è sofferenza c'è Dio, e solo attraverso la sofferenza si arriva a gioire e a vedere con gli occhi di Dio il Paradiso, la gioia eterna! “Io salgo al Padre per preparare un posto per ognuno di voi: aspettatemi!”, e nell'attesa pregate, amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate coloro che trafiggono i vostri cuori, portate i vostri nemici e fate festa. Gioite con Gesù, figliuoli del mio Cuore. Ed Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi! Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un’unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi! E il Vangelo non si vive nell'istante in cui viene letto, ma attimo per attimo nel camminare il vostro vivere sulla terra e poi salire in Cielo a gioire nel Cuore del Padre; è vivere con Dio salendo la scala della preghiera del santo Rosario; è aprire il Libro della Parola; è entrare nel Cuore di Dio e vivere con Dio tutto il suo Amore senza lasciare nessuno fuori della santa preghiera. È questo il mio invito di Mamma che faccio ad ognuno di voi qui riuniti, Discepoli, Colonne, Suorine del Cuore della Croce, ai figli che si uniscono, a coloro che portate nei vostri cuori e al mondo intero. E come Mamma, in umiltà e in ubbidienza al Padre aspetto i vostri cuori, il vostro sì pieno all'Amore di Dio che scende vivo e reale in mezzo a voi, figli miei! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire a causa del nome di Gesù e portare sulle tue spalle i figli che cadono di qua e di là; sostienili col tuo amore materno! (Giulia) eccomi, mamma! (l'Immacolata) figlia mia, quanto ti costa il sì donato ad Dio! (Giulia) Mamma, lo grido dall'alto della roccia: eccomi, e mi inchino dinanzi alla volontà del Padre! (l'Immacolata) cammina sempre, figlia mia, nel fiume e porta l'umanità intera e i tuoi figli! Ora vi chiedo col Cuore gioioso di Mamma: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) mi siedo un po'!(*) L’Amore e la Pace del Cristo Risorto, sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella gioia e nella luce dell'unica Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a gioire! A gioire con la mia famiglia, a gioire con i miei Discepoli, con le mie Colonne, con le mie Suorine! E gioire significa fare famiglia e guardare con amore gli occhi di Dio che si china sull'umanità a cercare i cuori che ardono, i cuori che si donano, i cuori che bussano nel giusto del Vangelo chiedendo “Papà, eccomi, sono tuo figlio e solo tu puoi guarirmi, solo tu puoi donarmi la gioia e la quiete che il mondo non mi dona”. “Papà”, abbiamo un Papà, ma l'umanità non vuole vedere gli occhi del nostro Papà; l'umanità guarda la pagliuzza che è nell'occhio del fratello e non guardando la trave che è nel proprio occhio. Ricordate sempre “non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati”, e non alzate il dito verso il fratello, figli miei, state attenti al nemico, è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce; combattetelo con l'amore! Solo con l'amore potete far tornare la quiete, la Pace nei cuori dei vostri figli, dei vostri fratelli, dell'umanità intera. Sappiate che il nemico aspetta che i vostri cuori diventano chiusi dinanzi al fratello! Non dategli spazio, ma quando dinanzi a voi il mare diventa mosso, voi pregate, amate, perdonate e la quiete scende nei vostri cuori e nei cuori dell'umanità intera, figli miei! Ed Io come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito sempre a tenere alto il santo Vangelo e a camminare nel Solco abbracciando la Croce e la santa sofferenza, l'unica via che vi porta alla gioia eterna, figli del mio Cuore! Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Dom. della 30° sett./B Mc. 10,46-52.> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e dimmi, Paolo! (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, nella gioia della sofferenza del mondo sono qui in mezzo a voi a portare la gioia di Dio, gioia della famiglia che siete tutti voi. Ma dimmi, cosa è rimasto nel tuo cuore? (Paolo) il Vangelo di oggi è molto dolce! (Piccolo Giovanni) quando Dio parla anche col dito forte, il Vangelo è sempre dolce! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) un Papà non può dare cose amare ai figli: alza il dito per donare la quiete! (Paolo) mi è rimasto impresso questo cieco, povero, umile, che noncurante di tutti i vicini che lo imploravano di tacere, davanti a Gesù lascia il mantello che a quella.. a quei tempi stava ad indicare anche tutto ciò che uno possedeva, era un simbolo di tutti possedimenti che ognuno aveva .. (Piccolo Giovanni) ..di tutte le ricchezze.. (Paolo) ..di tutte le ricchezze terrene, lascia tutto e va dietro a Gesù.. (Piccolo Giovanni) ..con fede.. (Paolo) ..con una grande fede, si.. (Piccolo Giovanni) ..di roccia! (Paolo) con la vista nel cuore! (Piccolo Giovanni) è l'unica lista.. (Paolo) ..lui che.. (Piccolo Giovanni) ..che ognuno di noi.. (Paolo) ..dovrebbe avere.. (Piccolo Giovanni) ..deve portare dinanzi ad Dio! (Paolo) si! Lui cieco fisicamente ma con una vista acuta per Dio: questa è la cosa molto bella del Vangelo! (Piccolo Giovanni) è questo che deve battere nel tuo cuore nei momenti di pianto! (Paolo) si! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) quando il mio Cuore gronda Sangue Io sono gioioso perché abbraccio di più ognuno di voi e il Padre, e abbracciando il Padre porto i vostri cuori, e quando i vostri cuori sono feriti sapete cosa fate? <= cosa dovete fare?>  abbracciate Gesù in Croce! (Paolo) e questo.. (Piccolo Giovanni) ..è bello? (Paolo) eh, si, è molto bello questo! ..molto bello, si! (Piccolo Giovanni) non gettate quelle gocce di sofferenza! (Paolo) le dobbiamo cercare, anzi! (Piccolo Giovanni) la Piccola Cocciuta se le va a scavare! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) verrà gridare quando saprà che gli svelo tutto, ma Io sono gioioso quando si presenta, e in questi ultimi tempi lo sta facendo spesso! Viene a gridare! (Paolo) che cosa ti chiede? (Piccolo Giovanni) ”muoviti, fai qualcosa: non stare lì a goderti il Padre“! <si ride un po'> (Paolo) a guardare! (Piccolo Giovanni) eh, ne dice ancora di più. Mi fermo, alzo le mani.. (Paolo) ..e ti fai una risata! (Piccolo Giovanni) e mi faccio una risata come facevo quando mi chiamava per telefono, questo che la faceva arrabbiare, e lei diceva ”non posso proprio più“! (Paolo) e tu che le rispondevi? (Piccolo Giovanni) ridevo! ”L'hai sposato..“ (Paolo) ”..e te lo devi tenere!“.. (Piccolo Giovanni) “..e te lo tieni così com'è, perché il matrimonio è un sacramento.. (Paolo) ..si!.. (Piccolo Giovanni) ..e col tempo capirà!” (Telesfore) ce ne vuole ancora di tempo per capire! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) l'ha detto lui! (Paolo) è un po' duro, eh, non ha un cuore grande Telesfore! (Piccolo Giovanni) quello l'ho rubato dal primo istante, ma dov'è duro è qua! (Paolo) si, “di testa”!  (Piccolo Giovanni) e dimmi ancora! (Paolo) stamattina ho terminato.. <3 colpi di tosse con doppia alitazione> ho terminato di scrivere quel canto. Ti volevo chiedere se.. (Piccolo Giovanni) ..ora fermati, non di parlare di.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..col canto! (Paolo) ah, si, si, si, è questo che volevo sapere. Cioè, mi sono fermato in realtà: volevo sapere se c'è scappato qualcosa di mio oppure se è stato tutto suggerito, Giovanni! (Piccolo Giovanni) portalo alla Piccola Cocciuta.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..faglielo leggere e poi ti dirà se è tuo o di Dio! (Paolo) e devo aspettare giovedì per portarglielo? (Piccolo Giovanni) ancora c'è tempo per il giglio! (Paolo) “per il giglio?”.. e qual’è? (Piccolo Giovanni) sai chi è? (Paolo) si.. si (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani quando.. non posso Io svelare il tempo del Padre! (Paolo) ah, quindi ancora c'è tempo per il canto? Ok! (Piccolo Giovanni) e dimmi ancora! Ti vedo tra due colonne verdi (Paolo) ah (Piccolo Giovanni) cosa fai? (Paolo) eh, non lo so.. eh (Piccolo Giovanni) chi ti ci ha messo? (Paolo) eh, nella Stanza, Giovanni.. una riflessione che facevo, sembra che le cose capitino per caso, ma poi caso non è. Sembrano a noi.. cioè io mi sono trovato qui non so come. Una volta Elia ha detto.. lui era seduto lì, ha detto ”guarda che il tuo posto è quello“, ed io.. ”e chi me l'ha assegnato questo posto?“ ho pensato io.. sei stato tu?  (Piccolo Giovanni) la Piccola Cocciuta.. (Paolo) ..con suggerimento.. (Piccolo Giovanni) ..con l'ordine di Dio! Tra i due altari ci possono stare solo i sacerdoti. Io avevo vietato di sedersi dietro gli altari. (Paolo) e questo che significa? (Piccolo Giovanni) “e questo”.. c'erano le colonne, ma Dio ha scelto Paolo ..... e Giovanni! (Paolo) e ha sistemato tutto! (Piccolo Giovanni) può il Padre non sistemare tutto? (Paolo) non è possibile! (Piccolo Giovanni) e il verde è il colore della Croce! (Paolo) e le colonne? (Piccolo Giovanni) ramo verde.. (Paolo) ..e le colonne? (Piccolo Giovanni) e chi sono le colonne? devo dire che anche questo? (Paolo) no, no, no! No, io pensavo che stessero a simboleggiare qualcos'altro! (Piccolo Giovanni) sono quattro colonne (Paolo) si.. eh si (Piccolo Giovanni) ”eh, si“! (Paolo) ed io questo non lo avevo captato! (Piccolo Giovanni) quante gocce che scendono! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Paolo) qui, mi sa che ogni pietra ha un significato! (Piccolo Giovanni) Io direi “la pietra ha già un significato: è Dio”; ogni briciola.. (Paolo) ..eh, ancora di più! (Piccolo Giovanni) “eh, ancora di più”! Quando Dio chiede una cosa, non è solo quello che chiede, ma è il tutto che ha un valore, un significato! (Paolo) stamattina ho anche pensato di raccogliere e conservare tutte le bozze dei canti (Piccolo Giovanni) si (Paolo) ho pensato.. (Piccolo Giovanni) ..perché Io raccoglievo tutto (Paolo) perché le prime sono andate perdute, Giovanni. Adesso.. (Piccolo Giovanni) ..anche i primi messaggini che scriveva la Piccola Cocciuta sono andati perduti, perché, poverina, all'inizio gli chiedevano l'originale.. (Paolo) ..e lei glielo dava .. (Piccolo Giovanni) ..e con la sua bontà.. (Paolo) ..glielo dava.. (Piccolo Giovanni) ..lì donava!  (Paolo) e conservo anche le cassette dove ci sono le prove.. tutte le prove che faccio per arrivare poi al canto finale, e le metto.. metto anche quelle.. (Piccolo Giovanni) ..tutto deve rimanere nella storia! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) quello che viene da Dio non va gettato.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma custodito! (Paolo) è molto importante mettere da parte anche queste cose.. (Piccolo Giovanni) ..si.. (Paolo) ..e custodirle! (Piccolo Giovanni) si può gettare la Parola? (Paolo) ..che poi sono quelle.. (Piccolo Giovanni) ..si può gettare la Parola? (Paolo) no, assolutamente no: come si fa gettare la Parola? Dicevo.. sono quelle cose spontanee: le prime che escono.. (Piccolo Giovanni) ..non sono spontanee! (Paolo) cioè, “spontanee” nel senso che.. (Piccolo Giovanni) ..scendono.. (Paolo) ..ecco, è la prima.. (Piccolo Giovanni) ..Cuore di Dio! (Paolo) ..sì, dal Cuore di Dio! Intendevo dire proprio questo! (Piccolo Giovanni) ma dobbiamo far capire ai Grandi.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..se non capiscono.. (Paolo) ..che l'ho fatti io.. (Piccolo Giovanni) ..quello che hai detto tu! (Paolo) se no capiscono che l'ho fatti io! .. si! E questo canto, Giovanni, c’hai lavorato parecchio! (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani! (Paolo) e ancora quello che c'è da fare, mica è finita! (Piccolo Giovanni) quando il falegname si mette a lavorare a un pezzo di legno, non si finisce subito! (Paolo) eh, questo è pure vero! (Piccolo Giovanni) il canto rappresenta un pezzo di legno! .. come il falegname! (Paolo) è così (Piccolo Giovanni) da un piccolo pezzo quanti pezzi sono usciti? (Paolo) eh (Piccolo Giovanni) lo ricordi? (Paolo) i pezzi di legno.. (Piccolo Giovanni) ..sono pure avanzati! <si riferisce ai pezzi di legno avanzate durante la costruzione dell'altare donato da Paolo alla chiesa di Thurio> (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ma sempre pezzi di Dio! (Paolo) tutto è di Dio, Giovanni! (Piccolo Giovanni) vi chiedo ancora di pregare per quel giglio e di stargli vicino; e di pregare per tutti i sacerdoti e per l'uomo vestito di bianco, come viene chiamato in questi ultimi tempi! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) chiaro? (Paolo) chiaro! Ho capito anche un'altra cosa, Giovanni, perché la volta scorsa mi avevi detto di aspettare per il canto: perché tu volevi che ci fosse anche un'altra cosina.. (Piccolo Giovanni) ..Io sono ubbidienza.. (Paolo) ..da aggiungere.. (Piccolo Giovanni) ..del Padre: ciò che il Padre vuole.. (Paolo) ..ed io l'ho capito questo ed ho provveduto.. cioè, ha sempre provveduto Lui, io materialmente l'ho scritto! (Piccolo Giovanni) si serve nelle tue mani per suonare,.. (Paolo) ..e per scrivere.. (Piccolo Giovanni) ..per scrivere.. (Paolo) ..per cantare.. (Piccolo Giovanni) ..e per cantare! Tutti strumenti che suonano un'unica musica: il santo Vangelo! (Paolo) ed ho notato anche un'altra cosa: che i primi canti erano organizzati in un certo modo, quelli dei più recenti, e soprattutto l'ultimo, hanno un significato più profondo nel contenuto anziché nella parte musicale com'erano i primi (Piccolo Giovanni) lasciamo al Padre queste cose! (Paolo) si, questo è quello che ho.. che ho capito io, poi è chiaro che il Padre sa come li vuole fare i canti! (Piccolo Giovanni) alzo le mani dinanzi al suo volere perché sono sempre un servo inutile dopo aver lavorato! E così anche voi! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) servi inutili nella vigna! Chiaro? (Paolo) si! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> stamattina mi ha chiamato mio figlio preoccupato per la situazione che ho detto alla Cocciuta (Piccolo Giovanni) perché vi affannate? ..alzare gli occhi al Cielo ed abbracciare la Croce e portarla, e donare amore al fratello che in quell'attimo gronda sangue. È questo dovete fare!(*) tu non lo vedi ma Dio si, e dei Io che dico che gronda sangue e ha bisogno del tuo amore e di tutti! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) quanto bisogno d'amore ha quel figlio! Ne trova a parte, non tutto, ne trova poco.. la parte! (Paolo) si, ho capito! (Piccolo Giovanni) hai capito? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) donateglielo perché ha bisogno dell'Alito! Portalo quando vai e portargli il mio Bacio!(*) perché mi guardi così?  (Paolo) parlando di fratello ti riferisci sempre..  (Piccolo Giovanni) ..al tuo papà(*), al papà Francesco! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) che si chiama come il mio: lo sapevi? (Paolo) si, lo sapevo!(*) e quell'altra creatura che è lì? (Piccolo Giovanni) Dio non abbandona nessuno e provvede a far scendere la rugiada: non temere! Chiaro? (Paolo) si! Grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) grazie al Padre, perché Lui e lo Strumento mi lasciano gioire in mezzo a voi. Chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) bene! Telesfore! (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! <3 colpi di tosse con doppia alitazione, poi con la mano da’ 8 colpetti sulla mano di Telesfore>(*) l'hai contati? (Telesfore) non li ho contati, stavo pensando che ancora non ho capito… <si perde qualche parola al cambio cassetta> (Piccolo Giovanni) …che i tempi li conosce solo il Padre! Hai la mente corta.. (Telesfore) ..e la testa dura.. (Piccolo Giovanni) ..e la testa dura! Ma dimmi un po'; parla, parla! (Telesfore) come l'hai passata la giornata di ieri? (Piccolo Giovanni) Io bene, e voi? (Telesfore) eh, se il tuo Cuore stava bene, anche il nostro cuore stava bene! (Piccolo Giovanni) abbiamo gioito, la Cocciuta mi ha portato quello che gli ho chiesto! (Telesfore) eh, si! (Piccolo Giovanni) e la linea era dritta: la linea del Vangelo! (Telesfore) ma ho visto che ti tremavano un po' le mani (Piccolo Giovanni) ero un po' emozionato.. (Telesfore) ..emozionato.. (Piccolo Giovanni) ..e mi sono voluto poggiare sul letto. Quando venivo ero stanco, chiedevo alla Piccola Cocciuta “vado un po' a poggiarmi sul letto, non fare rumore”, e la poverina in punta di piedi.. (Telesfore) ..camminava? (Piccolo Giovanni) cercava di non fare alcun rumore. A volte toglieva anche le scarpe per farmi e riposare. (Telesfore) ma ieri ti sei poggiato proprio sul tuo letto! (Piccolo Giovanni) eh, si, mi sono un po' appisolato sul mio letto! (Telesfore) ma pochi attimi però! (Piccolo Giovanni) per te, pochi, ma per il Cielo.. e la piccola Rosetta, zitta zitta, mi chiude la porta per non farmi sentire i rumori!(*) e dimmi ancora! (Telesfore) anch'io sono venuto a spiarti! (Piccolo Giovanni) lui pensa che Io non abbia visto! (Telesfore) eh, tu mi hai visto.. (Piccolo Giovanni) ..facevano un po' i guardiani tutti e tre! (Paolo) si? (Piccolo Giovanni) aspettavano che nel sonno mi mettevo a parlare (Paolo) ma ti sei proprio addormentato? (Piccolo Giovanni) si! E aspettavano l'attimo di sentirmi, ma Io ridevo! <si ride un po'> e gli ho donato il silenzio, l'amore e la quiete! (Paolo) devo tornarci presto pure io, voglio andare a vedere lì! (Piccolo Giovanni) lo so: presto tornerete tutti quanti! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ora la Cocciuta si è impuntata nel mettere tutto in ordine e poi farvi arrivare.. Cocciuta com’è.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..che la muove! (Paolo) ma anch'io lo voglio questo! (Telesfore) eh, anch'io sono gioioso di mettere tutto in ordine! (Piccolo Giovanni) ma ascoltatela se no grida: prima vuole vedere tutto in ordine, come me! (Telesfore) e poi ci dai il via? (Piccolo Giovanni) quando lo decide il Padre con lo Strumento! Io alzo le mani! (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) mi ha anticipato del “chiaro”! <si ride un po', poi 3 colpi di tosse con doppia alitazione> e l'avete ascoltata nel non tagliare gli alberi? (Telesfore) poco poco! (Piccolo Giovanni) vi avrebbe picchiato!(*) <si ride un po'> ieri, proprio si!(*) vi siete tenuti nel giusto! (Telesfore) quasi nel giusto; un po' di più io l'ho fatto, eh! (Piccolo Giovanni) c'è passata sopra! (Telesfore) “c'è passata sopra”! Però ho portato qualche fiore.. che ho piantato qua! La prima volta mi sono seccati, mo’ speriamo che.. se no io ho sempre provo! (Piccolo Giovanni) ce ne sono altri! Ma dimmi un po', cosa c'è ancora nel tuo cuore?(*) (Telesfore) mi è.. mi è rimasto.. nel mio cuore la giornata del 24! (Piccolo Giovanni) che è successo? (Telesfore) di venerdì! Ehm.. nonostante il tuo Cuore era trafitto, ai gioito e mentre gioivi io vedevo.. ogni tanto alzavo gli occhi e vedevo soltanto fiumi le lacrime!(*) io pensavo “noi siamo strumenti”: forse anche le nostre lacrime sono grazie e preghiere che noi facciamo! (Piccolo Giovanni) anche le vostre lacrime sono preghiere che arrivano al Fiume di Dio per bagnare i fratelli che non conoscono l'Amore di Dio e farli accendere del suo Amore! È vero, Espedito? (Espedito) eh, si, è così! (Piccolo Giovanni) quante volte bagni il tuo volto, tu e la tua sposa? (Espedito) si, in effetti vorremmo vedere tutti camminare nel Solco del Vangelo, perché si vive sempre in pace, concordi.. (Piccolo Giovanni) ..pregando e usando il silenzio, e facendo scendere le lacrime si possono aiutare i fratelli a camminare sulla linea di Dio. È questo che dovete fare come capanne scelte e bagnate dalla sofferenza.. che sono grazie che scendono su di ognuno di voi! Chiaro? (Espedito) si! (Piccolo Giovanni) andate avanti: il mio Amore e la mia benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno è su di voi, figli miei! (Espedito) anche se non me ne sento degno: grazie! (Piccolo Giovanni) è il Padre che vi ha scelti, non siete stati voi a scegliere il Padre! Siate benedetti, figliuoli! Chiaro? (Espedito) si, si! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) cosa mi dici ancora? ..... cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) io la vorrei dire un'altra piccolissima cosa (Piccolo Giovanni) ed Io ascolto! (Telesfore) quando tu ci dici “attenti al nemico” e ce lo ripeti spesso, ripetutamente, a volte noi siamo.. cioè il nemico, a mio parere, riesce ad ingannarci anche facendo gioire il nostro cuore, a portare la Parola del Padre a modo.. pensando che.. gli farà bene a quella creatura, invece la creatura che..  (Piccolo Giovanni) ..non è pronta.. (Telesfore) ..non è pronta.. (Piccolo Giovanni) ..viene violentata e fatta cadere nella rete! Non gettate le perle ai porci, ma parlate quando il fiume è aperto! Voi direte “ma prima ci dice di gridare - Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla - e poi ci vieta”. No! Io, come sacerdote, aprivo il libro dinanzi al fratello e lo guardavano gli occhi; se trovavo la luce continuavo a girare la pagina, se non vedevo la luce.. (Paolo) .. chiudevi?.. (Piccolo Giovanni) ..la chiudevo. Così pure la Piccola Cocciuta, tu l'hai sentita, quando vede il cuore aperto di una creatura che chiede, lei è come un fiume in piena! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) quando vede che può far del male alla creatura, si ferma! (Paolo) si. E se ho ben capito.. (Piccolo Giovanni) ..è il gioco al nemico per rubare l'anima.. (Paolo) ..che si confonde, si.. (Piccolo Giovanni) ..che si confonde! (Paolo) se ho ben capito, Giovanni, noi dobbiamo però prendere l'iniziativa! (Piccolo Giovanni) parlare.. (Paolo) ..in modo cauto.. (Piccolo Giovanni) ..sempre di Dio.. (Paolo) “..di Dio..” (Piccolo Giovanni) ..senza aver paura! (Paolo) senza aver paura, si! (Piccolo Giovanni) ma non.. (Paolo) ..“forzare”, se si vedono i cuori chiusi.. (Piccolo Giovanni) ..violentare, perché lì il nemico usa il suo lavoro di: rubare l'anima! Chiaro? (Paolo) si, si! (Piccolo Giovanni) Dio non impone niente a nessuno, Dio ci lascia liberi di camminare nella Via Stretta o prendere quella larga, ma ci aspetta! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) “aspettatemi, Io verrò”: chiaro? (Paolo) si! Noi dobbiamo lanciare un segnale e continuare se vediamo che c'è la predisposizione all'ascolto di ciò che diciamo (Piccolo Giovanni) quando Gesù chiamava i discepoli, lasciavano tutto e lo seguivano; quando voi chiamate i vostri fratelli e vi dicono “aspettami, poi verrò”, Dio aspetta un solo sì: “eccomi”! Chiaro? (Paolo) si, si, è chiaro, Giovanni! (Piccolo Giovanni) bene! <3 colpi di tosse, una alitazione forte e 3 più deboli> vuoi dire qualche altra cosa? (Telesfore) forse è meglio se ci fermiamo che se no Elia poi si.. si arrabbia! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) allora consoliamo il Cuore di Maria.. (Telesfore) ..sempre.. sempre.. (Piccolo Giovanni) ..ma mi sarei fermato anche se tu non lo dicevi! <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un'Ave Maria insieme a Giovanni> ricordate sempre: MORIRE È VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO! E come Sacerdozio vivo ed eterno, vi invito sempre a tenere alto il santo Vangelo, a camminare nel Solco, ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici. E ve lo ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, combattetelo con l'amore! Figli, Io ora ritorno all'ubbidienza del Padre sigillandovi uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figliuoli del mio Cuore!(*) E con amore di Sacerdozio vivo ed eterno, abbraccio la mia famiglia, i miei discepoli, le mie colonne, le mie Suorine e tutti quelli che si sono uniti a questa santa preghiera, ai figli che la Cocciuta mi ha consegnato nel Cuore, invitandovi sempre a stare all'ultimo posto come piccoli Giovanni, ma lavorate per Dio. E ora lascio scendere su di voi l'Amore Misericordioso del Padre: la santa benedizione di Dio scenda su di voi e sul mondo intero col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Telesfore) Amen! (Piccolo Giovanni) Amen! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi; e porta sempre, figlia mia, sulle tue spalle, l'umanità intera e tutti i tuoi figli. Accarezza ovunque vai la spada e lascia il Segno di Dio! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero! Figli del Cuore della Croce, andate in pace e portate a tutti la pace che Dio ha donato ad ognuno di voi. Grazie, figliuoli del mio Cuore, del tempo che avete speso e che spenderete ancora! Mentre l'umanità calpesta il Cuore di Maria, voi siete riuniti nel nome di Dio a consolarlo, e questo mi fa gioire, figli! Pargoli del mio Cuore, siate benedetti! Vi lascio lo Shalom di Dio nei vostri cuori! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Giulia) grazie!

 

 

         2. Giov 30/10/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi. Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta;  immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Prega secondo le mie intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Figlia del mio Cuore, consola sempre il Cuore di Maria che gronda Sangue per l'umanità intera. Figlia mia, guarda, in questo giorno prendi le chiavi e apri quest'altra porta, figlia mia! (Giulia) si, Gesù!(*) (Gesù) non spaventarti di ciò che vedi! (Giulia) posso dirlo, Gesù?(*) (Gesù) si, figlia! (Giulia) donami il tuo respiro, Gesù! Vedo un deserto attraverso la porta aperta; non ci sono alberi; non c'è acqua; non c'è vita(*), e neanche animali. Vedo solo una terra bagnata di Sangue; ma ci sono anime, Gesù! (Gesù) guarda ancora, figlia! (Giulia) posso dire ancora? (Gesù) si, figlia! (Giulia) vedo il cielo che si apre, e un giovane vestito di bianco su un cavallo bianco scende.. (Gesù) ..ora fermati, figlia, e tieni nel tuo Cuore ciò che stai vedendo! (Giulia) si, Gesù!(*) (Gesù) non spaventarti. Ora prega come tu sai fare e invita i tuoi figli e l'umanità alla preghiera!(*) (Giulia) si, Gesù! (Gesù) figlia, vuoi ancora abbracciare con me i Chiodi divini per i tuoi figli, per l'umanità intera? (Giulia) eccomi, Gesù!  (Gesù) unisci le tue mani alle mie mani, figlia! <1º grido>(*)sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù! Gesù, tu grondi Sangue, il tuo abito è bagnato di Sangue(*), sta cadendo a terra! (Gesù) no, figlia, non cade: vedi?, ci sono gli Angeli che lo raccolgono!(*) (Giulia) Gesù, in questo giorno tu indossi la tunica tessuta tutta intera, non c'è alcuna cucitura, mentre negli altri giorni la indossavi con le cuciture! (Gesù) vedi, il Parto è pieno, è in mezzo a voi, è vivo e reale, è nel mondo intero; e vedete con i vostri occhi i flagelli che scendono; vedete con i vostri occhi il poco amore che si innalza verso il Cuore di Maria, verso il mio Cuore, nel mondo intero! E vedete che non c'è pace: non vi riconoscete più gli uni gli altri! È l'umanità che vuole calpestare ancora di più la Croce: l'unico mezzo che vi dona la vita, la salvezza eterna. Il nemico sta spargendo il suo seme e sta a voi combattere con la spada dell'amore, amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici. Figliuoli miei, Io parlo a voi e parlo al mondo intero, parlo ai miei Discepoli, alle mie Colonne, alle mie Suorine, invitandovi a costruire l'albero della pace, invitandovi a far crescere i fiori del vostro amore nel deserto e portare l'acqua viva della vostra preghiera. Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un’unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori. Se non aprite il cuore, non potete donarlo, non potete amare, non potete vivere la Parola; è come rimanere nel deserto senza acqua! Venite tutti alla Fonte viva del mio Amore e donatela ai vostri fratelli e all'umanità intera. Figli miei, è tempo di camminare, di pregare e di gridare “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla, e ci dona il suo Sangue e la sua Carne, e così noi doniamo il nostro sangue e la nostra carne per far scendere nel mondo intero lo Shalom del Cuore del Padre”. Figliuoli, state attenti al nemico, combattetelo con l'amore. È tempo di tenere la lucerna accesa e di stare attenti all'olio, perché lo Sposo verrà, ma non conoscete né l'ora e neanche il giorno, ma verrà come un ladro nella notte. Siate vigilanti, figli, siate vigilanti! Tu, Cocciuta, vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini per questo flagello che sta scendendo? (Giulia) eccomi! (Gesù) unisci le tue mani alle mie! <2º grido>(*)sollevati, anima mia, e prega ancora per tutti i miei Figli Ministri e per l'uomo vestito di bianco!(*) (Giulia) si, Gesù! (Gesù) Vedi, i Chiodi nelle tue mani e sui tuoi piedi rimarranno come è rimasta la spada, perché dovrai segnare ovunque vai: lasciare il mio Sangue!(*) (Giulia) Gesù, è sempre rimasto ma non in tutti i luoghi dove poggiavo con i miei piedi! (Gesù) d'ora in poi rimarrà, dalla spada e dalle tue mani!(*) non temere, figlia, il Parto è pieno e tu sei stata mandata dal Padre per fare la sua volontà! (Giulia) sì, Gesù!(*) Chiedo solo il tuo respiro perché le mie forze non ci sono più! (Gesù) è il Padre che ti usa, non temere! Figliuoli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito a camminare nel santo Solco e a tenere sempre alto il santo Vangelo. Ricordate: Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, e la mia strada è stretta, ed Io vi invito a camminare nel Solco del mio Amore consegnando ancora una volta il Cuore del Padre nelle mani della Piccola Cocciuta! Prendilo!(*) (Giulia) con i Chiodi non ti faccio male?(*) (Gesù) no, figlia, è umanità sorda e cieca che mi fa male!(*) Ora bevi ancora il Sangue!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) offri il mio Cuore all'umanità, ai tuoi figli. (Giulia) Gesù, quando lo fai vedere a tutti? (Gesù) presto, figlia mia, presto, ma nell'attesa pregate, amate, perdonate, usate carità verso tutti senza lasciare nessuno fuori della santa preghiera; e vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, vorrebbe far suo il Progetto dell'Amore che Maria ha promesso a Fatima! Pregate, pregate, pregate, figli, chiedendo al Padre lo Shalom! Tu, Piccola Cocciuta, dovrai soffrire ancora: a causa del mio Nome sarai perseguitata! (Giulia) eccomi, Gesù! Come serva inutile io sono lo straccio dei tuoi piedi! Eccomi!(*) (Gesù) figlia mia, vai avanti e porta il mio Cuore nel mondo intero! (Giulia) eccomi! (Gesù) ora vi chiedo, figli, volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella Luce e nella Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a portare il Cuore di Dio, a donarvi la Quiete e l'Amore per poterla donare ai fratelli e all'umanità intera! Io vi ho scelti uno ad uno per lavorare nella vigna del Padre e per portare nel mondo il sigillo della Croce che avete nei vostri cuori e che portate sulle vostre spalle! Figliuoli miei, come Sacerdozio vivo ed eterno, vi invito ancora una volta a portare la Croce, ad abbracciare i Dolori di Gesù, a tenere stretti i Dolori del Parto e a vivere con Maria la sua maternità. Il Bimbo che cresce arde per donarsi, e il Bimbo è in mezzo a voi, cresce e vi dona la Quiete, vi dona l'Amore per poter camminare nel Fiume di Dio! Quante gocce scendono su di voi, figliuoli miei, ma vi invito a pregare, vi invito a combattere il nemico con l'amore. Non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati! Usate sempre “Dio, sia fatta la tua volontà, non la mia”. Quando sulle vostre labbra si avvicina il giudizio, invocate il Padre “Padre, cancella dal mio Cuore e dalle mie labbra di puntare il dito verso il fratello nel giudicare, ma fa uscire dal mio cuore il tuo perdono, il tuo amore, la tua quiete”. E come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito a poggiarvi sulla Roccia distaccandovi dalle cose del mondo, figli miei. Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <giov. 30° sett. T.O./B Lc. 13,31-35> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Cosa è rimasto nel tuo cuore del santo Vangelo di questo santo giorno? (Paolo) l'atteggiamento di Gesù, determinato a portare avanti quello che è il suo compito, la sua missione (Piccolo Giovanni) e voi volete portare avanti.. (Paolo) ..noi.. (Piccolo Giovanni) ..il vostro compito? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) la vostra missione.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..di Discepoli, Colonne e Suorine? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) anche a prezzo di sangue? (Tutti) sì! (Paolo) vedi, Giovanni.. allora, Gesù, di ciò che lui doveva compiere era solo, gli altri ignoravano quale fosse il suo compito (Piccolo Giovanni) era troppo grande.. (Paolo) ..si, non potevano capirlo!.. (Piccolo Giovanni) ..da poter capire la volontà del Padre! (Paolo) si, infatti i farisei lo hanno invitato ad andarsene perché Erode stava per assumere la decisione di ucciderlo. (Piccolo Giovanni) “perché era sceso?”, “e perché scende?” <Mosè pensa che Giovanni abbia fatto la domanda ai presenti> (Mosè) per salvare l'umanità! (Piccolo Giovanni) scende attimo per attimo!(*) (Paolo) Giovanni, sai cosa stavo pensando?, che allora Gesù era solo in questo.. in questo compito che doveva portare a termine, ma oggi, se io mi guardo attorno, non so quanti siano coscienti che Gesù anche oggi è in mezzo a noi e parla e ci invita ad aprire il cuore e a camminare nel suo Solco! (Piccolo Giovanni) si possono contare sulle dita di una sola mano.. (Paolo) ..sono.. (Piccolo Giovanni) ..e non è la prima volta che viene detta.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..questa parola! Voi potete dire “ma qui la Stanza è piena!”, ma Io mi rivolgo al mondo intero, perché parlo a voi ma parlo al mondo intero.. dove(??) è sordo e cieco! La vostra fede vi solleva, vi porta a vivere la Parola, ed Io sono gioioso: non siete scappati dopo la mia salita, vi siete abbracciati all'unica Verità, alla Croce, al Vangelo, e la tenete stretta! (Paolo) tu, però, anche dopo la tua salita ci sei stato ancora più vicino! (Piccolo Giovanni) non ho mai lasciato nessuno dei miei figli! (Paolo) c'è stato un attimo di smarrimento, Giovanni, e infatti.. (Piccolo Giovanni) ..anche i discepoli vecchi - ora siete nuovi - hanno avuto un attimo di smarrimento, ma con la dolcezza di Maria.. li ha raccolti! (Paolo) io ricordo la prima volta che ci siamo riuniti qua dopo la tua salita in cielo, c'era parecchia gente! (Piccolo Giovanni) vedevate il dolore della Piccola Cocciuta!  (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ed Io vedevo i cuori di ognuno di voi. E ditemi, come ha avuto la forza la Piccola Cocciuta pur sapendo tutto da sempre? (Paolo) eh, lei era cosciente di tutto. In noi, però, c'era uno spirito di attesa, e molta.. io leggevo negli occhi di tutti.. di buona parte dei presenti, tanta curiosità! (Piccolo Giovanni) “parlerà ancora?” (Paolo) eh! (Piccolo Giovanni) “o non c'è più don Mario che suggerisce?” <Giulia è stata accusata in passato di simulare le apparizioni su suggerimento di don Mario che gli scriveva i messaggi> (Paolo) si! Tutti ci siamo chiesti.. anch'Io.. (Piccolo Giovanni) ..“che succederà..” (Paolo) “che succederà?”, si! (Piccolo Giovanni) ..“adesso?”, “cosa farà questa?”. È stato pure detto “ormai è tutto finito”, e a sentirlo dalla bocca di un piccolo Giovanni mi si è stretto il Cuore! (Paolo) eh, è così, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ma voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, avete lasciato il filo attaccato all'unica Parola: al Vangelo, perché Io vi ho sempre donato la Verità di Dio, come Sacerdozio vivo ed eterno, e non vi ho lasciati da soli: il Padre vi ha lasciato lo Strumento ed Io parlo attraverso lo Strumento; e accarezzandola l'ultimo giovedì che sono stato in mezzo a voi <era il 28/12/2000>, gli dicevo “non lasciarmi”, ma lei non capiva o faceva finta di non capire dicendo “ma sono qui, perché mi dici non lasciarmi?”; sapete bene che doveva partire lei in cielo, ma ho voluto prendere il suo posto bussando al Cuore del Padre, e tu lo sai bene! (Telesfore) ce l'hai già detto questo! (Piccolo Giovanni) e ve lo ripeto ancora una volta! Lasciando dinanzi al mio computer il messaggio dove la Piccola Cocciuta doveva salire al Padre!(*) cosa stai pensando? <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Paolo) stavo pensando.. (Piccolo Giovanni) ..non vi avevo ancora donato l'Alito! (Paolo) stavo pensando a quello che hai chiesto al Padre: il Padre ti ha detto di sì!(*) ..non è una cosa di tutti i giorni! (Piccolo Giovanni) perché ha visto il mio Cuore, lo conosce, e adesso il mio Cuore è in mezzo a voi, è vivo, è reale, ma è troppo grande il mistero da poter capire sia voi che i Grandi della Casa del Padre! Sembra facile da capire ma non lo è!  (Paolo) noi possiamo capirlo in modo semplicistico, così, ma poi.. (Piccolo Giovanni) ..allargo le braccia e stringo le spalle! I misteri di Dio si vedono quando i vostri occhi si apriranno in pienezza, e l'ora e il giorno li conosce solo il Padre! Dovete solo essere vigilanti, saldi nella preghiera, donarvi tutto per Dio! Chiaro? (Tutti) si! (Paolo) è chiaro, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ma dimmi, cosa vuoi dirmi? (Paolo) volevo dire che per fare questo è indispensabile che noi.. (Piccolo Giovanni) ..mettiate a disposizione il cuore.. (Paolo) ..il cuore, si.. (Piccolo Giovanni) ..e amate e perdonate! (Paolo) ma io volevo dire che è importante rinunciare alle cose del mondo! (Piccolo Giovanni) anche rinunciando alle cose del mondo, se non si apre il cuore e non si ha.. non si è sulla linea del Vangelo! Io posso rinunciare a questo sgabello, ma se non apro il cuore lo sgabello rimane sempre! (Paolo) ma io.. ma io penso che.. (Piccolo Giovanni) ..è piccolo ma è grande ciò che ho detto! (Paolo) se non si apre il cuore non si riesce a rinunciare a niente! (Piccolo Giovanni) ecco il punto! Il segreto è il cuore: aprirlo, aprirlo come Gesù, far entrare la lancia e far uscire il Sangue e l'Acqua e portare sulle spalle la piccola croce! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) è questo il segreto: il cuore, perché Dio ci dona il cuore e il suo Amore non ha misure, mentre gli uomini misurano l'amore da donare a Dio! (Paolo) a volte sai cosa penso, Giovanni? penso che chi non ha niente ha anche meno preoccupazioni dal punto di vista terreno, no, perché non ha.. non deve gestire determinate cose! (Piccolo Giovanni) Dio guarda il cuore! (Paolo) ed io volevo dire questo: chi non ha niente, è.. diciamo che potrebbe essere più facilitato ad aprire il cuore verso Dio, o è una mia.. (Piccolo Giovanni) vedi, figlio, voi vedete ciò che succede nel mondo; chi non ha niente è portato ad andare a rubare pur avendo il cuore aperto a Dio. Chi ha tanto non dona ai poveri: accumula; non so se siete arrivati a ciò che voglio dire! (Paolo) si, si, ho capito che ci sono due estremi (Piccolo Giovanni) quindi non è che non hanno(ha) problemi chi non ha niente! (Paolo) si, tu vuoi dire che indipendentemente se uno “ha o non ha”, il Cuore è sempre quello! (Piccolo Giovanni) basta solo aprirlo, e dinanzi alla Croce dire sempre “sono un servo inutile, fa di me quello che vuoi”! (Paolo) qua Gesù dice pure.. (Piccolo Giovanni) ..come il buon ladrone “ricordati di me quando sarai in Paradiso” (Paolo) stavo dicendo, Gesù dice “siate poveri, umili” (Piccolo Giovanni) “ciò che avete dividetelo con i vostri fratelli”. La famiglia di Dio vive nel donare ai fratelli ciò che possiede. Hai un libro?, dividilo col fratello; hai un pane?, spezzalo e donalo! È chiaro.. (Paolo e qualche altro) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..ciò che sto dicendo? (Paolo) si, si!(*) (Piccolo Giovanni) e dimmi ancora! <3 colpi di tosse con 4 alitazioni> (Paolo) avere dei beni, per il vero credente, il vero cristiano, dovrebbe essere una gioia.. (Piccolo Giovanni) ..non devono chiuderli.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma donarli, aprire il cuore.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..come lo apre il Padre, perché il Padre non ci fa mancare nulla: ci dona tutto! (Paolo) stavo dicendo, dovrebbe essere per lui una grande gioia prendere ciò che ha e darlo ai fratelli! (Piccolo Giovanni) come Gesù che si è donato tutto per amore e si dona attimo per attimo! (Paolo) sono delle cose grandi, Giovanni.. la giustizia: tutti quanti uguali! (Piccolo Giovanni) Dio non fa alcuna distinzione: siete tutti figli! Chiaro? (Paolo) è chiaro, si! Le distinzioni le facciamo noi quaggiù! (Piccolo Giovanni) ...... “Giuda non mi piace”(*), come si può essere la famiglia di Dio? come si può avvicinare all'altare quando si chiude la porta al fratello? non si è più famiglia, ma Dio allarga le braccia e aspetta con pazienza che tutti i figli ritornino a casa per fare festa al Banchetto che è sempre pronto per tutti(Paolo) hai detto una cosa adesso che mi fa ricordare il motivo.. se poi non lo devo dire non lo dico, per cui io tempo fa.. anni fa, parecchi anni fa, non mi avvicinavo.. (Piccolo Giovanni) ..all'altare.. (Paolo) ..all'altare, non mi avvicinavo a Dio: questo mi hai fatto ricordare parlando di quei fratelli che si avvicinano all'altare pur avendo il cuore chiuso! (Piccolo Giovanni) lasciamo.. (Paolo) ..“a Dio”, si.. (Piccolo Giovanni) ..a Dio queste cose, Lui è Padre.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e non ragiona con la mente, ma col cuore! Ora sei gioioso quando ti avvicini all'altare? (Paolo) sì, tanto! (Piccolo Giovanni) è perché ti ho catturato nella rete dove non ci sono buchi! (Paolo) si, mi hai catturato e mi hai fatto capire che il Vangelo deve essere vissuto col cuore e così com'è! (Piccolo Giovanni) amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare i nemici. Se tu porti l'amico, non hai fatto nulla! Chiaro? (Paolo) è chiaro, si! (Piccolo Giovanni) sia chiaro per tutti quanti:(*) fate festa con i figli che trafiggono i vostri cuori e il Cuore di Dio! Chiaro? (Tutti) sì! <2 colpi di tosse> ............(Piccolo Giovanni) ..ma è molto facile far scendere dalle labbra.. ..il giudicare gli altri! ............ voi cosa dite?(*) (Paolo) abbiamo capito anche noi! (Piccolo Giovanni) ma ditemi un po': avete capito perché la Piccola Cocciuta ha letto la Parola? <questa sera è stata Giulia a leggere il Vangelo> e qua vi voglio!(*) <si ride un po'> tu l'hai capito? (Tommaso) io penso che già sapeva della spada e allora, come il Vangelo di oggi, Gesù gridava sapendo che il tempo era prossimo.. gridava anche se nessuno lo capiva ancora.. è arrivato il tempo che la Piccola Cocciuta deve alzare la spada e deve anche scuotere la polvere nelle scarpe!(*) (Piccolo Giovanni) devo dire di sì!(*) Siete rimasti muti? (Tommaso) io ho pensato questo! (Piccolo Giovanni) ed Io ho detto di si e lascio scendere ancora l'Alito! <3 colpi di tosse forte, 2 più deboli e doppia alitazione> (Tommaso) grazie! ............ . (Piccolo Giovanni) quando lo Sposo è in mezzo a voi si può stare digiuni? (Tutti) no! (Tommaso) bisogna festeggiare! (Piccolo Giovanni) e lo Sposo è in mezzo a voi nella Stanza dell'Amore che Dio ha lasciato scendere! Bisogna far festa, bere e mangiare con lo Sposo e invitare tutti i figli che trovate sulla strada, perché chi sono stati chiamati.. ..hanno rifiutato.. è un'altra goccia.. è grande!(*) Ma rimanete solo con gli occhi sbarrati perché ancora non potete comprendere in pienezza, ma passo per passo avete salito un bel po' di gradini! ............ e chi ama e combatte è il cuore, e dovete usarlo sempre. ............a tenerlo aperto come lo tiene aperto il Padre e lo consegna, così anche voi dovete consegnare i vostri cuori amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici! Chiaro? (Tutti) si! ............(Piccolo Giovanni) bene! Caro Telesfore! (Telesfore) da servo inutile: eccomi! (Piccolo Giovanni) ne aggiungi sempre una in più! <si ride un po'> e da Povero Uomo: eccomi! (Telesfore) Amen! (Piccolo Giovanni) Amen! Dimmi, Telesfore!(*) (Telesfore) stavo pensando, poco fa, che il Padre ci ha dato tutto, il massimo che poteva donarci! (Piccolo Giovanni) Dio vi dona attimo per attimo tutto quello che vi necessita, ma nel giusto del Vangelo! (Telesfore) ma ci ha dato il suo Cuore! (Piccolo Giovanni) e attimo per attimo! Il mistero è grande e non si può pensare con la mente, ma usare il cuore; come Dio lo dona, voi dovete usarlo! Chiaro? <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) aiutaci a saperlo usare! (Piccolo Giovanni) Io sono qui in mezzo a voi e il mio Cuore è vivo! Quante volte ascoltate il mio Cuore?(*) ..eh.. (Telesfore) ..qualche volta! (Piccolo Giovanni) quante volte? tu mi chiedi di aiutarti.. di aiutarvi, Io vi dico sempre che il mio Cuore è in mezzo a voi.. (Telesfore) ..questo lo so.. (Piccolo Giovanni) ..a volte.. (Telesfore) ..ci dimentichiamo.. (Piccolo Giovanni) ..fate i sordi e i ciechi per un piccolo istante.. ma poi ritornate sulla Linea perché la Piccola Cocciuta vi porta sulle sue spalle perché ama il Padre e ama ognuno di voi che siete figli! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) ma dimmi: cosa c'è nel tuo cuore?(*) (Telesfore) nel mio cuore in questi giorni mi girano tutte le tue sofferenze che hai vissuto! (Piccolo Giovanni) per amore! (Telesfore) l'ultima: che ti sei offerto al Padre, hai dato la tua vita in cambio di un'altra!(*) (Piccolo Giovanni) com'erano luminosi gli occhi della Piccola Cocciuta mentre Io gli dicevo “non lasciarmi”, ma lei mi rispondeva “sono qui, perché mi dici non lasciarmi?”(*). La gioia era piena per lei! (Telesfore) perché partiva? (Piccolo Giovanni) perché tornava a Casa!(*) Ma il Padre ha fatto gioire il mio Cuore, e trafiggendo il Cuore della Piccola Cocciuta.. com'è pesante la Croce che porta sulle spalle, ma è gioiosa nel sapere che nel suo petto c'è il mio Cuore per volere del Padre!(*) (Telesfore) che mistero! (Piccolo Giovanni) è un mistero che non potete comprendere, ma presto vedrete, perché Dio non nasconde nulla ai propri figli! Ha promesso “aspettatemi, Io verrò”, e la promessa di Dio non viene meno, non è come quella degli uomini che si perde strada facendo o cade dai gradini. I gradini di Dio non cadono, si donano, ed Io vi invito ancora ad essere coscienti e ad aspettare l'ora del Padre che nessuno di voi conosce; ma dovete essere vigilanti con la fiammella sempre accesa. Paolo deve parlare, non può più tenere nel suo cuore ciò che deve dire! (Paolo) volevo dire.. tu sei salito e hai lasciato il Cuore, ma siccome noi tutti sappiamo che tutto è basato sul cuore.. (Piccolo Giovanni) ..il Padre vi ha donato il mio Cuore.. (Paolo) ..si, cioè ha lasciato te: lasciando il Cuore ha lasciato te! Ora io volevo dire ancora un'altra cosa: la Cocciuta c'ha il tuo Cuore, e quello della Cocciuta dove?  (Piccolo Giovanni) l'ha donato al Padre!(*) Il mistero qua diventa ancora più grande, non potete capirlo! (Paolo) con la mente non ci devo pensare più?(*) (Piccolo Giovanni) non affaticarti a pensare: aspetta il tempo! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) vorresti fare tutto subito subito (Paolo) eh, eh, eh, insomma! (Piccolo Giovanni) ma non si può! Posso dire solo questo: Io vado al Padre a preparare un posto per ognuno di voi, ma non vi lascio soli! CHI VUOLE INTENDERE INTENDA! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) non farmi la ripetizione! <si ride un po'>(*) (Telesfore) no, io volevo dire che ci sono stati.. tempo fa, che la Cocciuta è rimasta senza cuore; cioè alcune.. per un po' di tempo.. e che non sentiva più il cuore, non.. e alcune volte quello di.. il suo lo dava a Gesù e quello di Gesù rimaneva al posto del suo! C'era uno scambio! (Piccolo Giovanni) non ci provare! (Telesfore) tutto (è)mistero!(*) (Piccolo Giovanni) si, c'è stato questo tempo quando Io ero in mezzo a voi.. (Telesfore) ..si! (Piccolo Giovanni) e ti ricordi lo scambio in macchina? (Telesfore) sì, in macchina c'è stato lo scambio! (Piccolo Giovanni) che la Piccola Cocciuta si è spaventata? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) perché il nemico voleva far suo il progetto del Padre, ma alzando la Croce è andato via! Ricordi bene? (Telesfore) ricordo, però(*).. (Piccolo Giovanni) ma ora Io sono qui per volere di Dio e parlo attraverso lo Strumento donandovi sempre la linea del Vangelo come Sacerdozio vivo ed eterno. E quello che fa male di più alla Piccola Cocciuta e al mio Cuore è il giudicare!(*) la famiglia di Dio ha un unico grido: amare, perdonare, usare carità verso tutti senza lasciare nessuno fuori della santa preghiera, il Banchetto dove Dio aspetta tutti i figli! L'avevi dimenticato? (Telesfore) eh, avevo perso le speranze! (Piccolo Giovanni) con Dio non si perdono mai, vero? ............(Telesfore) ci sono cascato! (Piccolo Giovanni) non pensare con la mente! <Paolo si era distratto> è bello.. uhé.. anch'Io.. (Paolo) ..mi ero distratto.. (Piccolo Giovanni) ..dicevo.. (Paolo) ..stavo pensando e ascoltando contemporaneamente.. (Piccolo Giovanni) ..a Telesfore “uhè, come stai”, ti vedo un po' pallido.. (Paolo) ..sai cosa ho pensato?.. (Piccolo Giovanni) ..e molte volte lo trovavo pallido! (Telesfore) a chi? (Piccolo Giovanni) a Telesfore, chiedendo alla Piccola Cocciuta “cosa c'ha tuo marito?” (Telesfore) sonno! (Piccolo Giovanni) cosa stavi pensando? (Paolo) stavo pensando.. se il cuore della Cocciuta è salito, quindi la Cocciuta non è più fra di noi.. (Piccolo Giovanni) ..alzo le mani. Accontentati.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..di quello che è stato detto! (Paolo) posso completare il pensiero oppure mi devo fermare? <Giovanni assente>  ..ora, se noi la vediamo che parla perché.. come tu sempre dici, è uno Strumento utilizzato dal Padre, che non ha più il suo cuore ma il Cuore di Giovanni che non è più fra noi ma ha lasciato il Cuore, quindi io ne desumo che la Cocciuta non è un comune mortale come tutti noi!(*) (Piccolo Giovanni) alzo le mani, non posso risponderti!(*) ho detto “chi vuole intendere intenda”.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e alzo le mani! E non affaticarti a pensare! (Paolo) no, adesso non ci penso più! (Piccolo Giovanni) non lo dire a me! <si ride un po'> (Paolo) vabbè, diciamo che faccio il possibile per non pensarci! (Piccolo Giovanni) ti vuoi nascondere dietro il dito di Dio? (Paolo) e adesso non dire quello che ho scritto nel canto! (Piccolo Giovanni) mi fermo e chiedo a Telesfore: cosa c'è ancora nel tuo cuore? (Telesfore) nel mio cuore c'è che mi sento ubriaco! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) hai bevuto? (Telesfore) un po' d'acqua! (Piccolo Giovanni) sei sicuro che l'acqua? (Telesfore) eh, a meno che non è stata trasformata in vino! (Piccolo Giovanni) nulla è impossibile a Dio! (Telesfore) Dio può fare tutto!(*) (Piccolo Giovanni) lo può fare? (Tommaso) può fare tutto se vuole! (Piccolo Giovanni) dì quello che vuoi dire! (Tommaso) guardando Telesfore e il suo cuore semplice non si può fare a meno di aprire anche noi il cuore, così, con parole semplici.. sembrano parole già fatte ma hanno un significato profondo! (Piccolo Giovanni) si! A volte è un po' cocciuto ma il cuore.. (Tommaso) ..è buono e semplice.. (Piccolo Giovanni) ..è buono ed è semplice anche se mi fa arrabbiare un po'!(*) Ma dal primo istante ho guardato i suoi occhi come gli occhi di ognuno di voi, e guardando gli occhi vi ho rubato i cuori per portarli al Padre! È per questo i vostri Nomi sono scritti in Cielo! Ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, combattetelo solo con l'amore e camminando nel Solco! Chiaro? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora, Telesfore? (Telesfore) non esce niente! (Piccolo Giovanni) non hai più il cuore? (Telesfore) il cuore.. eh, il cuore non c'è più perché l'hai rapito tu! (Piccolo Giovanni) i vostri ci sono: sono solo rapiti! (Telesfore) e vabbè! (Piccolo Giovanni) il Bimbo batte dentro di voi! <si perde qualche parola al cambio cassetta> ...il medico non ha trovato niente! (Telesfore) al mio cuore?, o al cuore(*).. (Piccolo Giovanni) ..è tutto a posto! (Telesfore) è tutto a posto!(*) (Piccolo Giovanni) se potrei farvi vedere com'è, non so se reggereste!(*) e ho detto tutto! Ora vi sto ubriacando veramente, ma vi invito a pregare per tutti i sacerdoti: che abbiano il mio Cuore, e vi invito a pregare per l'uomo vestito di bianco! Non pensare con la mente, Paolo! Ma ora vi invito a preparare i vostri cuori: per un solo istante distaccatevi dalle cose del mondo, unitevi al Cuore di Dio indossando l'abito bianco e venite a fare festa perché il Banchetto è pronto e in mezzo a voi, è vivo e reale, ed Io ho sete e fame e voglio bere e mangiare con voi del Nuovo! E ricordate sempre di non spegnere la lucerna ma di tenerla accesa, figli! Ora venite tutti perché lo Sposo è qui!(*) Ecco lo Sposo che avanza: Sposa, preparati per lo Sposo!(*) (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) Sposo, accompagna la Sposa!(*) (Giulia) come sei bello!(*) consegno tutti i tuoi figli nelle tue mani: portali nel Cuore del Padre, tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, tutti quelli che si sono uniti e tutti quelli che ho raccolto nei cuori di questa famiglia riunita nel tuo Nome! Donaci sempre la Quiete che solo tu puoi donarci! (Piccolo Giovanni) vieni!............ Paolo! ....... Telesfore!(Paolo e Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi!(*) chi siete venuti a cercare?  (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) state camminando nel Solco? (Paolo) tu lo sai, questo! (Piccolo Giovanni) io lo sto chiedendo a voi! (.... Telesfore) sì! (Paolo) sì, pensiamo di si! (Piccolo Giovanni) avete appena risposto che siete coscienti!(*) vi ho chiesto chi siete venuti a cercare.. (Paolo) ..sì, quindi siamo nel Solco!.. (Piccolo Giovanni) ..e ora non sapete se siete nel Solco? (Paolo, ...., Telesfore) siamo nel Solco! (Piccolo Giovanni) siete coscienti del Sacrificio? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e volete prendere parte? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) anche voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) aprite i vostri cuori, figli miei, perché Io sto venendo ad abitare nei vostri, ad accarezzarli e a guarirli! Vogliamo far festa? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Paolo, Telesfore ... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui) Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti, fate questo ricordandovi della mia Amicizia!(**) Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(**) <3º grido> (Giulia) tu sei veramente Dio vivo in mezzo a noi!(***) (Piccolo Giovanni) cosa vedete?(*) ...... (Paolo) la Croce! (Telesfore) (la) Croce! (Piccolo Giovanni) e cosa c'è dinanzi alla Croce? (Paolo) la Mamma! ............Maria ai piedi della Croce che abbraccia ognuno di voi e l'umanità intera, perché il Parto è vivo, è in mezzo a voi ed è pieno! ..ed è l'ultima battaglia che Maria abbraccia! Volete abbracciarla anche voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) quale pezzo volete?(**) cosa è rimasto?............ (Paolo) io vedo la Mamma alla quale è stato portato via il suo Gesù!(*) (Telesfore) un albero!(*) (Piccolo Giovanni) Maria che abbraccia l'umanità nella pienezza del Cuore di Dio!(*) ..l'albero che è la pienezza di Dio! Il Gesù nascosto che è stato portato via, ma presente! È grande quest'altra goccia! ............ora Maria.. che è il Cuore di Dio(*).. cosa volete fare di ciò che rimane?, donarlo ai fratelli o prenderlo voi? (Paolo) ce lo dividiamo! ............ (Piccolo Giovanni) e ai fratelli? .......... (Piccolo Giovanni) allora lascio la vostra parte(**) cosa stai pensando? (Paolo) ma è una cosa.. pensavo a te che ti manifesti in questo modo, apparentemente così semplice! (Piccolo Giovanni) avete visto qualcosa di nascosto nel Gesù che si è donato?, è solo il mistero nascosto, ma Dio è luce, semplicità e amore per tutti senza fare distinzioni! (Paolo) poi il Pane e il Vino che sono anche gli alimenti dei poveri! (Piccolo Giovanni) è Dio! Chi è, Natanaele, il Pane e il Vino? (Natanaele) penso che lì c'è tutto il mistero della Santissima Trinità compreso anche il Cuore Immacolato di Maria!(*) (Piccolo Giovanni) il mistero diventa sempre più grande ma sempre nella Luce e nella Verità del santo Vangelo! Ecco il Pane vivo che scende dai Cieli! Ora mi volete donare ai vostri fratelli? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) nella quiete e nell'amore del Cuore di Dio? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) preparate la Via Stretta per le Spose e donatemi!(*) Padre, Io busso ancora una volta alla Porta del tuo Cuore: ascolta la mia preghiera per questa famiglia riunita nel tuo Nome, Padre mio!(***) Padre! Padre! Padre! Padre, grazie per avere ascoltato ancora una volta la mia preghiera! Sia benedetto il tuo Nome, Padre mio, ora e sempre!(*) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi, a coloro che mi hanno accolto nei propri cuori, e la mia Pasqua è piena ed è risorta: risorgete anche voi nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. E quando uscite fuori dalla Stanza dell'Amore non abortitemi ma fatemi vivere, figli, perché Io abito nei vostri cuori!(*). Vuoi sollevare la Croce? (Telesfore) si!(*) (Piccolo Giovanni) vuoi sollevare la Croce? (Telesfore) sì, col tuo aiuto!(*) (Piccolo Giovanni) chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua! Se Dio non è con voi potete alzare e portare la Croce? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) siate sempre uniti al Cuore di Dio camminando sempre nel Solco! Io sono venuto ad abitare nei vostri cuori e chiedo ad ognuno di voi, ai figli che si sono uniti, di farmi vivere e di non abortirmi con le guerre, con i flagelli; ma se le vostre voci si alzano invocando al Padre lo Shalom, potete fermare le guerre e i flagelli; dovete avere fede, perché avendo fede si possono fermare e dire alla montagna ”spostati“ e la montagna si sposta, ma l'umanità deve riconoscere e amare Dio; e ricordate sempre che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna: non vi sono altri dei all'infuori del Gesù che ha abbracciato la Croce per ognuno di voi e per il mondo intero! Prostratevi solo dinanzi alla Croce perché è lo scudo della vostra salvezza e della vita eterna, Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Paolo! (Paolo) dimmi! (Piccolo Giovanni) vedo i tuoi occhi smarriti! (Paolo) smarriti? (Piccolo Giovanni) nel cercare il mistero! (Paolo) eh, a te non si può nascondere niente! (Piccolo Giovanni) può Dio non vedere o non ascoltare? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) abbiate pazienza.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e fede salda come la roccia, ché la Roccia è Dio!(*) e tu, Telesfore, non provare a chiedere, né questa notte e né domani, il mistero alla Piccola Cocciuta! Col cuore tenero gira la frase! (Paolo) ci prova sempre! (Piccolo Giovanni) col cuore tenero, si, dimenticando che Dio conosce il suo cuore, e gli rispondo “non ci provare”! Chiaro? (Telesfore) chiaro! Posso dire una cosa? (Piccolo Giovanni) si (Telesfore) il mistero è nel nostro cuore solo che non può uscire! Ognuno nel proprio cuore cerca di far uscire il mistero, però non può uscire! (Piccolo Giovanni) il mistero è vivo e non è come dici tu! E non ci provare! <si ride un po'> È un figlio tenero: Dio non ha le chiavi per uscire? (Telesfore) nel nostro cuore non esce!(*) forse non ho(*).. (Piccolo Giovanni) anche questo rimarrà nella storia, caro pargolo! (Telesfore) se siamo all'ultimo posto.. (Piccolo Giovanni) ..i piccoli Giovanni all'ultimo posto nell'ubbidienza, nel nascondimento, nel donarsi, ma Dio ha le chiavi di tutti cuori.. e mi fermo nel salutarvi nell'unico abbraccio della Croce, invitandovi sempre ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici; e questo è l'abbraccio della Croce, vi ho abbracciati tutti. Ed Io vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Andate nella pace di Dio e portatela al mondo intero, figliuoli del mio Cuore, ma quando uscite fuori non abortitemi ma fatemi vivere! Figli, non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma combattete il nemico amando! Amate, amate, amate! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi, figli miei! Porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera, figlia mia! (Giulia) eccomi, Gesù! (Piccolo Giovanni) ora voglio essere cullato nei vostri cuori, voglio riposare, volete farmi da mamme? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e una mamma cosa fa al proprio bimbo? (Alcuni) gli canta la Ninna Nanna! (Piccolo Giovanni) mi cantate la Ninna Nanna? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ed Io presto farò sbocciare un fiore nel cuore di questa mia creatura che è dinanzi a me!(*) Ora mi cantate la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore. Grazie per tutte le gioie che avete offerto al Cuore di Maria, Mamma Immacolata e Addolorata, addolorata per l'umanità che si perde: innalzate il vostro grido d'amore a Maria unendo la Catena santa e pregando con la preghiera che il Padre ci ha insegnato:  <Recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  ”non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)“> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre ”non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen!”. Ripetete queste parole nei vostri cuori nell'attimo della debolezza, figli, e abbracciate sempre la Croce venendo dietro di me, perché Io sto salendo il Monte! Chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua! Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, ora andate in pace portando la quiete che avete ricevuto nei vostri cuori. Figli, grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure, figli! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore, lavorate sempre nella vigna, figli miei!

 

 

         3. Dom 02/11/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce di Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia mia, immolati ancora per l’umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Prega e consola ancora come tu sai fare il Cuore di Gesù! Prega per tutti i Figli Ministri; prega per l'uomo vestito di bianco che, curvo, ha deposto la Croce nelle mani del Padre ma portandovi sulle sue spalle. Non lasciatelo solo nell’Orto degli Ulivi, figliuoli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, dovrai ancora soffrire a causa del Nome di Gesù! In questo giorno santo il Padre ti offre un'altra spada che rimarrà anche questa fuori per segnare col Sangue vivo del mio Gesù! Sei pronta, figlia? (Giulia) eccomi! <1º grido>(*) Grazie, Mamma! Grazie! (l'Immacolata) vedi, figlia, l'umanità è in pericolo e Dio si poggia sui cuori aperti, si poggia su di te e su tutti i figli che aprono il cuore in pienezza, e come Mamma, in questo giorno, dico “beati voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”. Portate sempre l'amore e la pace di Dio ovunque andate. Voi Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, fate amare e conoscere Dio, e, come servi inutili, inchinatevi sempre dinanzi alla Croce dopo aver lavorato nell'amore, nella pace e nella quiete di Dio, figli del mio Cuore! Ed Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi! Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un’unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, figli miei! E in questo giorno, come Mamma, vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per confondervi e farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo con l'amore, amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, figli del mio Cuore! E non siano tristi i vostri cuori in questo giorno, ma sappiate che Dio vi dona il suo Cuore e la sua porta è sempre aperta, e dinanzi a voi c'è la porta di Dio. Figliuoli, aprite i vostri cuori e donate a Dio tutti i vostri affanni perché è il vostro Papà, vi ama e aspetta con amore che voi abbiate fede; e la vostra fede sia piena verso il Padre, perché sulla terra non c'è uomo che possa salvarvi, ma solo Dio che è il vostro Papà, la Porta. Ricordatelo, figliuoli miei! E ricordate ancora: la mia Promessa viene da Fatima “il mio Cuore Immacolato trionferà”, ma vi invito a tenere sempre accesa la lucerna e a non dimenticare i tre giorni di buio. Figli, siate vigilanti, non dimenticate di tenere la lampada dei vostri cuori accesa verso Dio, verso il Fiume che è l'unica salvezza. E come Mamma vi invito a camminare sempre sulla Via Stretta e fatta di spine, perché Io ve la sto segnando con amore materno. Venite e camminate dietro il mio Gesù che porta la Croce, e anche voi non gettate la santa sofferenza, ma camminate con la vostra piccola croce sulle spalle salendo il Monte con Gesù, figli miei! Ora, con amore materno vi chiedo ancora una volta: volete ardere? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, mi siedo un po'!(*) La Pace e l'Amore del Cristo Risorto, sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'unica Verità, nell'unica via del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a gioire e a camminare sulla Linea dritta che porta al Cuore di Dio, che porta a gioire con gli Angeli e i Santi tutti! E se i vostri Nomi sono scritti in Cielo anche voi state camminando sulla Via della santità essendo piccoli, poveri; e i piccoli Giovanni hanno le vesti di povertà ma candide, perché passate attraverso le persecuzioni, e passare attraverso le persecuzioni è camminare la via di Dio, la via che non cade nel burrone ma arriva al Cuore del Padre; è faticosa, è stretta, ma dona gioia, e voi che siete i miei Discepoli, le mie Colonne, le mie Suorine, chiamati e sigillati uno per uno, invitati da Dio a lavorare nella vigna per portare l'umanità intera e tutti i fratelli a gioire nel Cuore del Padre; e di questo dovete essere gioiosi: gridarlo al mondo intero ma rimanere sempre all'ultimo posto! “Eccomi, servo inutile dinanzi alla Croce”. Il mio Cuore gioisce perché morire è vivere e nascere nel Cuore di Dio, e come mi brucia il Cuore affinché non siate tutti nella vigna di Dio a fare festa con me! Figliuoli del mio Cuore, per voi è difficile abbandonare le cose del mondo, ma il tesoro più grande da portare dietro di voi è l'amore verso il Padre, i fratelli, i piccoli, i poveri, gli emarginati, senza lasciare nessuno fuori della santa preghiera. Beati voi che siete poveri e venite a mangiare alla mensa di Dio, figli miei. Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Dom. della 31° sett./B commemorazione di tutti i fedeli defunti Gv. 6,37-40.> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e cosa è rimasto nel tuo cuore, Paolo? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, anch'io come i giorni del 2 sono in mezzo a voi! (Paolo) tu lo sei sempre, Giovanni, in ogni momento! (Piccolo Giovanni) perché Dio è sempre nella sua famiglia! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) il Padre non abbandona i propri figli, ed è sempre pronto a fare festa. E in questo giorno il Padre vi fa un regalo: vi lascia accarezzare uno ad uno dai propri cari, donandovi la preghiera che scende dal Paradiso per far diventare quieti i vostri cuori e farvi ricordare di avere un Papà, ché i loro occhi vedono attimo per attimo e vi invitano ad avere fede per arrivare a gioire. È bello questo regalo! <nella Stanza qualcuno dice qualcosa ma viene coperto dalla voce di Paolo> (Paolo) questo è molto bello e profondo, Giovanni, è veramente.. (Piccolo Giovanni) ..e abbiate fede! (Paolo) è da vivere questo! “Morire è vivere nel Cuore del Padre” (Piccolo Giovanni) “è nascere nel Cuore del Padre” (Paolo) si, lo hai detto tu anche prima! (Piccolo Giovanni) e dimmi! (Paolo) come nel Vangelo di Giovanni “chi crede in me sarà resuscitato all'ultimo giorno”, noi dovremmo tutti imparare e ad assaporare gli ultimi istanti della nostra vita vivendo la gioia.. “la gioia”, e la sottolineo, del passaggio all'aldilà nel Cuore del Padre! Non abbiamo ancora capito in pienezza che qui siamo.. (Piccolo Giovanni) ..dov'è la nostra casa.. (Paolo) ..dov'è la nostra casa, ..che qui siamo di passaggio! (Piccolo Giovanni) e ci affanniamo a pensare cosa dobbiamo fare per avere una casa più bella (Paolo) 2,3 case anche (Piccolo Giovanni) o un lavoro: il Padre ci dona tutto, basta bussare.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nel giusto del Vangelo. Se ci affatichiamo, se ci affanniamo a pensare “cosa devo fare domani quando esco fuori da questa Stanza”, dubitiamo dell'amore e della misericordia di Dio che conosce quello che ci necessita e non ci fa mancare nulla! (Paolo) è proprio così! (Piccolo Giovanni) ma dimmi, cosa ti è rimasto del Vangelo di questo santo giorno? (Paolo) è bello sentirti dire che i nostri cari che noi non vediamo più fisicamente, ci accarezzano oggi! (Piccolo Giovanni) il Padre vi ha fatto questo dono! (Paolo) si, lo hai detto.. (Piccolo Giovanni) ..è grande.. (Paolo) ..lo hai detto con la gioia nel Cuore trasmettendo a noi tutti la felicità di coloro che tanti piangono e che invece stanno molto meglio di noi, e che sono felici di essere andati.. di essere arrivati alla loro casa.. (Piccolo Giovanni) ..attraverso la sofferenza.. (Paolo) ..attraverso la sofferenza! (Piccolo Giovanni) solo attraverso la sofferenza si arriva al Cuore di Dio, e vi invito a pregare per le anime che ancora vedono solo una piccola luce! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) Pregate..  (Paolo) ..questa mattina.. (Piccolo Giovanni) ..ma col cuore! (Paolo) questa mattina in chiesa il sacerdote, parlando del Vangelo di Giovanni.. <2 colpi di tosse> (Piccolo Giovanni) ..non tutti hanno scelto quello di Giovanni! (Paolo) si, poi parliamo anche dell'altro! (Piccolo Giovanni) ora ti sei impuntato.. (Paolo) ..eh?.. (Piccolo Giovanni) ..su Giovanni! (Paolo) ehm.. perché mi ha fatto molto riflettere il concetto di morte, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ascoltiamo l'uno e l'altro! (Paolo) si! Questa mattina parlava, il sacerdote.. <4 colpi di tosse con doppia alitazione> di una signora che al cimitero sbatteva la testa sulla tomba del marito morto, si disperava (Piccolo Giovanni) è scritto sul Vangelo o l'ha preparata come una barzelletta? (Paolo) questo l'ha detto lui per far capire che.. poi l'ha fatto capire anche a lei che il marito è vivo e che non è morto, questo è quello che ha raccontato il sacerdote dall'altare, Giovanni(*)..  <Giovanni fa segno a Paolo di fermarsi> c'è qualcosa che.. (Piccolo Giovanni) ..passiamo all'altro Vangelo.. (Paolo) ..all'altro, ho capito.. (Piccolo Giovanni) ..perché Io non posso giudicare né il confratello e neanche la donna! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e neanche il sacerdote può dare giudizi su “sbattere la testa sulla tomba”! (Paolo) noi, Giovanni, non possiamo giudicare, non giudichi nemmeno tu, però io mi chiedo “chi ascolta deve pur non.. diciamo, formularsi un concetto di ciò che il sacerdote dice”, perché chi va.. (Piccolo Giovanni) ..Io mi sono fermato, Paolo! (Paolo) si, scusami! (Piccolo Giovanni) passiamo all'altro! (Paolo) “Le beatitudini”: anche questa è una pagina di Vangelo che dovremmo leggere e ripetere ogni giorno, perché racchiudono il Progetto di Dio. È tutto ciò che Dio vuole che noi quotidianamente facciamo per raggiungerlo in cielo: gli atteggiamenti che dobbiamo assumere, il comportamento, l'umiltà, la povertà, e via dicendo. È come un riassunto di tutto ciò che noi dobbiamo fare: io l'ho visto così! (Piccolo Giovanni) e tu, Luca? (Luca) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) come lo vedi? (Luca) sono.. sembra che le qualità di Gesù siano proprio le beatitudini che vengono applicate a Lui, e che senza dubbio poi, appartengono anche a coloro che sono in Cristo. Cioè, non si possono godere le beatitudini se non si è in Cristo e Cristo vive in noi. È questa la ragione della vita quando Gesù ci dice “chi crede in me non morrà in eterno”, perché è Lui che vivendo in noi non muore, e noi viviamo con lui, quindi non siamo noi che siamo beati ma Gesù che è in noi ci fa vivere questa beatitudine. È necessario quindi farlo vivere in pienezza affinché, ecco, realizzi questa salvezza nei nostri confronti. Volevo tornare un po' al Vangelo perché, come hai detto prima, non tutti i sacerdoti hanno scelto lo stesso Vangelo, e ce n'è ancora un altro.. c'è quello del discorso escatologico di Gesù che riguarda la fine dei tempi, quando egli stesso dividerà i capri dalle pecore, no, ecco, quindi.. ehm.. è proprio quello che riguarda il Vangelo di oggi e la giornata.. (Piccolo Giovanni) ..quelli.. (Luca) ..della ricorrenza dei defunti.. (Piccolo Giovanni) ..che hanno vissuto.. (Luca) ..quelli che hanno vissuto.. (Piccolo Giovanni) ..per Dio abbracciano Dio, quelli che hanno vissuto non amando e non cercando Dio.. (Luca) ..non amando.. e questa è la valigia che noi dobbiamo portare al Signore quando dinanzi a lui.. non porteremo i nostri beni, né macchine, né ville, né oro, né pellicce, diciamo, ma questa piccola valigia che, se è piena dell'amore di Cristo, quando sarà aperta, ecco, promanerà l'amore di Cristo stesso.. (Piccolo Giovanni) .. il piccolo e grande bagaglio! (Luca) si, “piccolo e grande bagaglio” (Piccolo Giovanni) “piccolo e grande” (Luca) è un po’ come l'aereo, no, per quando si va sull'aereo il bagaglio è piccolo non si può portare in cielo un bagaglio grande. E così è col Signore, non potremmo portare un bagaglio grande di quel tipo ma ne porteremo uno piccolo che raccoglierà tutta la nostra vita! (Piccolo Giovanni) è così! Ma io vi chiedo di rimanere sempre sulla Linea del santo Vangelo e tenerlo sempre alto, di non vergognarvi di quel Gesù che sulla Croce vi ha abbracciati e vi abbraccia ancora dicendo a Maria “ecco i tuoi figli” (Luca) volevo chiederti un'altra piccola cosa, Giovanni! (Piccolo Giovanni) si! (Luca) in riferimento alla Mamma Celeste che ha parlato di pregare per l'uomo bianco che è senz'altro.. mi sembra che.. che sia la visione di Lucia, quando, appunto, la Mamma Celeste a Fatima ci fa vedere in visione l'uomo bianco.. e deve molto soffrire.. ecco, deve molto soffrire l'uomo bianco.. (Piccolo Giovanni) ..ripeto ancora una volta: non è tutto quello il messaggio di Fatima! (Luca) no, no, vogliamo unirci a questa.. a questa preghiera affinché il Papa, ecco, porti avanti la sua Croce nel modo migliore possibile. (Piccolo Giovanni) anche strisciando sulle ginocchia.. (Luca) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..la sta portando avanti! Ma servono le vostre preghiere fatte col cuore. Chiaro? (Tutti) sì! <4 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) Tommaso! (Tommaso) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, anch’Io sono qui, ma col Cuore gioioso anche se gronda Sangue! (Tommaso) questo lo so! (Piccolo Giovanni) e il tuo com'è? (Tommaso) il mio in questo giorno dovrebbe essere triste, invece ricordando, appunto, le parole del Padre che “morire è vivere e nasce nel Cuore del Padre” il mio Cuore è gioioso perché anche in questo giorno ho portato tutti i miei cari, tutti i miei fratelli che hanno bisogno della Parola di Dio.. di quelli che ci hanno lasciato! Ecco, io a proposito di questa gioia, se mi permetti, io ti volevo chiedere una cosa per rafforzare, appunto, anche la mia idea.. io ho sempre pensato, proprio in virtù che si nasce nel Cuore del Padre, che i nostri cari, i nostri fratelli, la cosa più importante e portarli, appunto, tramite anche il suffragio: le messe in suffragio, nel nostro cuore per farli vivere e quindi offrire le preghiere a Dio, ma soprattutto partecipare al Banchetto dell'Eucaristia del Dio Vivente; e questo, io penso che era già sufficiente senza andare anche al cimitero, anche se potrebbe essere una cosa buona, però.. voglio dire, molte volte si passano giornate intere al cimitero aspettando solo gente, senza pensare neanche minimamente forse alla preghiera. E poi un'altra cosa: molti anche nelle impossibilità, tengono acceso sempre un lumino.. ora, non so quanto sia giusto.. a cosa serve sempre acceso il lumino o.. (Piccolo Giovanni) ..Io tenevo accesa la candela quando pregavo e poi la spegnevo; e accendere quella piccola candela è come avere ancora di più Maria che riflette con la sua luce. Il Padre ha così tanta luce che non serve tenere accesi tanti lumini! È il nostro cuore che deve essere acceso e bere e mangiare con Lui al Banchetto, riempirsi di Dio che è il fondamento! ............(Tommaso) io non so se ho fatto bene, perché molte volte, in diverse messe, quando determinati parenti o amici.. si offre, appunto, una messa per i loro defunti, io ho esortato a confessarsi e a fare l'eucaristia.. se vogliamo veramente aiutare il nostro caro che gioisce perché viene alleviato dalle sue sofferenze.. (Piccolo Giovanni) ..è l'unica messa, è unica messa: prendere parte al Banchetto! (Tommaso) e allora in un certo senso io li ho rimproverati, perché ho detto “ma se voi venite a messa solo in questo giorno e poi non vi avvicinate al Banchetto, non avete per niente aiutato il vostro caro” (Piccolo Giovanni) soffre ancora di più.. (Tommaso) ..di più.. (Piccolo Giovanni) ..perché non si è accolto Dio nei cuori; è come presentarsi dinanzi all'altare e non stringere la mano al fratello! Si può andare dinanzi a Dio quando non si ama e non si perdona il fratello? E come può gioire l'anima che è nel Cuore del Padre vedendo questo? Le messe servono ma per coloro che ancora non hanno raggiunto il Cuore di Dio, per i cari che vi hanno accarezzato con l'ordine del Padre la messa non gli serve, ma viene donata a coloro che aspettano nell'attesa di raggiungere la Luce piena. È chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) hai capito? (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e non gridare, ma con amore far capire che per avere la gioia dei propri cari.. è far entrare Gesù nella culla dei vostri cuori, nel tabernacolo, perché voi siete Tabernacoli vivi! Chiaro? (Tommaso) si! (Piccolo Giovanni) quando io parlo “gridate che Dio è vivo, Dio è in mezzo a voi e parla” intendo dire “con dolcezza, non obbligate nessuno”. Voi seminate ma senza vergognarvi: il seme lasciatelo ovunque e non abbiate timore di chi ride di voi, ma sappiate che siete figli di Dio; vi ha scelti uno ad uno, vi ha sigillati per donare il suo Amore! Chiaro? (Tommaso) si, si! (Piccolo Giovanni) voi chiedermi qualche altra cosa? (Tommaso) no, stavo per dire che molte volte non è un grido di rimprovero quello che intendevo, era un grido di amore, senz'altro, ma un grido di una forza interiore che viene dentro di me per cercare di far emergere la verità, cioè la cosa più giusta per vivere meglio il mistero! (Piccolo Giovanni) e quando c'è la forza di Dio che vi spinge lasciatela: è Lui che opera! (Tommaso) e poi, se mi permetti, Giovanni.. cioè, io non volevo chiederlo, però.. se il Padre lo permette, visto che io da bambino ho perso il Papa, tu che mi dici di lui?  (Piccolo Giovanni) poco innanzi ho detto che tutti i vostri cari vi hanno accarezzato, e dicendo “tutti” hai ricevuto anche tu la tua carezza! (Tommaso) grazie! (Piccolo Giovanni) è chiaro questo? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) sei gioioso? (Tommaso) certamente, si! (Piccolo Giovanni) bene! Ed io lascio scendere l'Alito! <4 colpi di tosse con doppia alitazione> cosa c'è ancora nel tuo cuore? (Tommaso) stavo pensando, ma non so se era il momento, e la risposta già la so perché tu l'hai già data.. però so che qualche sacerdote, in qualche confessione, ha minacciato… <si perde qualche parola al cambio cassetta. Tommaso ha detto che qualche sacerdote in confessione ha minacciato qualcuno di non dargli l’assoluzione se ritornava alla Stanza per assistere alle apparizioni, ritenendo questo comportamento fuori Vangelo e peccato grave contro Dio.> (Piccolo Giovanni) …che vi dico! Dio ha mai minacciato qualcuno? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) e detto questo non c'è più nulla da dire! Pregate! (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) pregate che il Signore usi misericordia per questa creatura! Chiaro? (Tommaso) sì! (Piccolo Giovanni) Telesfore! <3 colpi di tosse con una alitazione> cosa mi dici tu in questo giorno? (Telesfore) a ricordo di questo giorno, come allora, mentre tu salivi al Padre ed io ero legato alla tua mano come lo sono adesso: eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! E ricordi mentre io dicevo alla Piccola Cocciuta “sto male”? (Telesfore) si, che la Piccola Cocciuta non aveva capito e ti ha fatto ancora ripeterlo un'altra volta (Piccolo Giovanni) eh, aveva capito: eccome se aveva capito!(*) ma non stavo male, perché salivo! (Telesfore) e perché? (Piccolo Giovanni) stavo male perché i cuori duri non si erano aperti e lo sono ancora adesso!(*) Caro Telesfore, cosa mi dici? non hai nulla da chiedere? (Telesfore) chiedo misericordia al Padre affinché i nostri cuori diventino teneri come il Padre desidera!  (Piccolo Giovanni) e non hai niente altro? <4 colpi di tosse con doppia alitazione>(*)  (Telesfore) oggi.. il Vangelo di oggi mi ha fatto.. non soltanto il Vangelo, ma anche l'omelia che ha fatto il sacerdote.. non so se lo posso dire.. (Piccolo Giovanni) ..c'è qualcosa di nascosto dinanzi a Dio? (Telesfore) e il sacerdote ha preso spunto dalla Croce, di quella Croce che.. lui prendendo il crocefisso in mano.. di quella Croce che non vogliono nelle scuole.. ehm.. facendolo.. <è di questi giorni una grossa polemica nazionale scaturita dal fatto che in una scuola pubblica italiana, un giudice ha ordinato di togliere da un'aula frequentata da un bambino di fede islamica il Crocefisso appeso al muro da più di 40 anni. Tutto questo è avvenuto a seguito della richiesta dei genitori del bambino che, a causa del loro credo, ritengono il crocefisso un'offesa a Dio e uno scandalo per tutti i bambini.> (Piccolo Giovanni) ..che forza.. (Telesfore) ..che forza.. (Piccolo Giovanni) ..quel gesto! Voleva uscire fuori e gridare come Domenico “andiamo, partiamo a difendere la Croce che viene tolta da questa scuola”, e come lui ha detto “è facile giudicare e puntare il dito verso gli altri e non guardare i propri errori! Andiamo per divertirci, ma non guardiamo che nel nostro cuore e nelle nostre case non portiamo la Croce”! (Telesfore) e questo è quello che.. (Piccolo Giovanni) “..andiamo lì a giudicare!”. Ed è stato forte quando ha detto “ah, poveri noi che non vediamo al di là del nostro naso”! Come dico “povero sacerdote che in confessione vietava di venire in questo Luogo”: NON FOSSE MAI NATO! È grave: chi può vietare di amare Dio e di vivere per Dio?(*) l'ha fatto l'uomo vestito di bianco?  (Molti insieme al Piccolo Giovanni) No!(*) (Piccolo Giovanni) aggiungo: NON FOSSE MAI NATO QUESTO FIGLIO!(*) sono parole pesanti ma pesate sulla bilancia di Dio, perché Dio non impone niente a nessuno, ma come figli ci lascia liberi! Non esiste un Dio che dona dittature come i Grandi del mondo! Sono un po' pesante oggi: è vero, Paolo? (Paolo) io devo dire personalmente che trovo perfettamente giusto.. non potrebbe essere diversamente quello che tu stai dicendo! (Piccolo Giovanni) è scritto sul Vangelo, e chi esce fuori il Vangelo.. non fatemelo dire, capite da voi! (Paolo) Giovanni, io ho sempre pensato.. abbiamo avuto altre occasioni per discuterne e parlarne, che noi tutti, sacerdoti compresi, abbiamo le nostre debolezze, i nostri comportamenti.. (Piccolo Giovanni) ..la debolezza è una cosa.. (Paolo) ..sì, stavo.. (Piccolo Giovanni) ..il vietare.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..è prendere il posto di Dio.. (Paolo) ..ma .. (Piccolo Giovanni) ..perché Dio non vieta nulla! (Paolo) si, stavo appunto dicendo che abbiamo le nostre debolezze così come anche i sacerdoti hanno le loro, e per quanto riguarda invece questo aspetto, come tu dici, in effetti è una cosa molto pesante perché profferita da uno che dovrebbe asserire perfettamente il contrario! (Piccolo Giovanni) “dove due o tre sono riuniti nel mio nome, lì ci sono Io” (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e nessun uomo può vietare a Dio e di essere in questo Luogo! (Paolo) si. Quello che volevo dire io, Giovanni, è che noi come lui abbiamo.. ascoltiamo alcune volte dei giudizi dei ministri di Dio che non ci sembrano in linea con quello che è il Vangelo, come in questo caso e allora.. (Piccolo Giovanni no) ..e in quel caso.. (Paolo) ..ecco, dimmi.. (Piccolo Giovanni) ..pregare e mettere tutto nel Cuore di Dio dicendo “Papà, io voglio camminare sulla tua via che è fatta di dolori, di sofferenza, ma nel venire da te è piena di gioia” (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e l'ho ripetuto sempre e lo ripeto ancora “quando non trovate il Vangelo in questo Luogo, andate via”. Ma in questo giorno il Vangelo è vivo, è pieno, ed è in mezzo a voi perché il Parto di Dio è in mezzo a voi e che è la Croce e la vita eterna; e chi può donare la vita eterna? la Piccola Cocciuta? No: Dio: il Gesù della Croce! (Paolo) Giovanni, io volevo.. non so se sia il caso.. se eventualmente non sia il caso di dirlo mi blocchi: pensavo non a quelle persone che possono usare discernimento e capire se è giusto o meno ciò che un ministro di Dio dice, pensavo, appunto, a quelle persone che nella loro umiltà prendono tutto per buono, giudicando anche dalla fonte da dove provengono le notizie e che quindi, in un certo senso vengono anche messe fuori strada! (Piccolo Giovanni) Luca, rispondi con le parole che ha risposto, chi entrerà? (Luca) sì, entreranno solo i piccoli, i semplici, gli umili, quelli che avranno avuto cuore di bimbi, ché il Signore si rivela ai piccoli e ai semplici, quelli cioè che non mettono in dubbio la Parola di Dio! Hai detto prima delle parole evangeliche, molto forti, hai fatto riferimento a chi scandalizza i piccoli, perché scandalizzare i piccoli è non permettere ai piccoli di raggiungere il Signore, “ed è” - dice Gesù - “è meglio per lui che si leghi una macina al collo e si getti nel fiume anziché..“ (Piccolo Giovanni) ..e non fosse mai nato.. (Luca) ..e non fosse mai nato, ecco, sono parole evangeliche, non sono parole forti le tue, no, come qualcuno può pensare.. o sa.. non è una critica e neppure un giudizio tuo, anzi, hai riportato il Vangelo nei cuori.. (Piccolo Giovanni) ..forte dal senso “roccia”.. (Luca) ..molto forte perché indica proprio cosa pensa Gesù di quelli che non permettono ai suoi piccoli di andare incontro a Lui, ché  l'indice della salvezza è proprio quella: andare incontro a Gesù.. così noi lo vediamo.. è veramente bello quello che hai detto mo’.. (Piccolo Giovanni) hai capito? (Paolo) non lo so! (Piccolo Giovanni) perché pensavi ad altro! (Paolo) no, pensavo a quello che diceva lui, ma dal punto di vista.. (Piccolo Giovanni) ..tu devi guardare dal punto di vista del Vangelo.. (Paolo) si, forse io.. (Piccolo Giovanni) ..perché io parlo.. (Paolo) ..forse.. (Piccolo Giovanni) ..con le parole del Padre.. (Paolo) ..ecco, è questo.. (Piccolo Giovanni) ..non con quelle del mondo! (Paolo) è questo il mio errore, di voler razionalizzare con la mente degli uomini alcuni concetti. Ecco perché non ho capito.. (Piccolo Giovanni) ..le vie di Dio non sono vostre vie, ma se camminate sulla Via del Vangelo.. è l'unica via! (Paolo) si, io.. (Piccolo Giovanni) ..non offenderti.. (Paolo) ..no, no, no, anzi.. (Piccolo Giovanni) ..io come Papa Buono vengo ad accarezzare i vostri capi.. (Paolo) ..si, si, io semplicemente.. (Piccolo Giovanni) ..e portarvi sempre sulla Linea del santo Vangelo.. (Paolo) ..io con semplicità, Giovanni.. (Piccolo Giovanni) ..se vedete che io vi porto fuori il Vangelo, allontanatevi da me! (Paolo) Certo, è così! (Piccolo Giovanni) sono Io a dirvelo, ma se il Padre mi manda, mi manda a portare l'unica Verità (Paolo) si. Io con semplicità, Giovanni, senza.. con la mente di umano, insomma, volevo solo dire che alcune persone semplici, umili che sono lì, di fatto, quando ascoltano un sacerdote che dice una cosa che non collima con.. rimangono scandalizzati.. (Piccolo Giovanni) ..ma Dio conosce i loro cuori.. (Paolo) ..si, si, ma adesso si, però io ho pensato.. (Piccolo Giovanni) ..li indirizza sulla Via giusta.. (Paolo) ..si, è Dio che pensa a loro.. (Piccolo Giovanni) ..da camminare! (Paolo) questo, si.. si, si, ci siamo  (Piccolo Giovanni) come un papà, tu dove porti tuo figlio? (Paolo) eh, mio figlio lo porti tu! (Piccolo Giovanni) questo volevo sentire! (Paolo) eh, l'hai detto tu che.. (Piccolo Giovanni) ..perché porto anche te, e dove porto te porto tuo figlio! (Paolo) si, grazie! (Piccolo Giovanni) grazie al Padre e grazie a voi discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, per tutto l'amore che offrite a Maria: i vostri sacrifici, il vostro pellegrinare per venire nella Stanza Santa di Dio! Beati voi che siete qui in questo giorno!(*) Caro Telesfore, ti ho abbandonato un po'! (Telesfore) no, non mi hai abbandonato! (Piccolo Giovanni) e la mano è legata? (Telesfore) eh, come no! (Piccolo Giovanni) ma mi sono rivolto a parlare.. (Telesfore) ..con Paolo?.. (Piccolo Giovanni) ..con Paolo e con tutti gli altri perché non c'è alcuna distinzione: siete tutti figli.. (Telesfore) ..tutti uguali.. (Piccolo Giovanni) ..alla stessa misura! E allora, cosa mi vuoi dire ancora? (Telesfore) io voglio ringraziare, sia da parte mia che da parte dei miei fratelli, delle carezze che abbiamo ricevuto dai nostri cari e nel mio cuore ci sarebbe.. (Piccolo Giovanni) ..te lo sto chiedendo! (Telesfore) che vorrei darti un abbraccio a te e tu me lo.. abbracciando te.. (Piccolo Giovanni) ..accontentati della carezza che hai avuto(*), perché non è poco! Ma devi dirmi quello che è nel tuo cuore.. non rimanere male, hai la mia mano! (Telesfore) nel mio cuore c'era di abbracciare tutti i miei cari! (Piccolo Giovanni) ed i tuoi Cari ti hanno accarezzato, o sei duro di orecchie quando parlo? (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni) c'è una cosa nel tuo cuore da chiedermi, ma non posso dirtela Io se non la togli tu! (Telesfore) eh!(*) non esce, Giovanni! (Piccolo Giovanni) gliel'hai promesso che l'avresti fatto!(*) <3 colpi di tosse con una alitazione> (Telesfore) la telefonata di ieri?(*) ..che si raccomandava che voleva abbracciati tutti i suoi cari?(*) non mi ricordo! (Piccolo Giovanni) come si può dimenticare una cosa che viene promessa?, è dimenticare i fratelli, è dimenticare Dio! Un fratello che ti ha abbracciato chiedendoti “come sta il mio papà?” (Telesfore) Giuseppe e Maria, volevano sapere.. (Piccolo Giovanni) ..è grave dimenticare.. (Telesfore) ..è grave, si.. (Piccolo Giovanni) ..ciò che viene promesso! E così lo dimentichi anche nella preghiera! Lo dimentichi anche nel portarlo nel Calice nel momento del Sacrificio! Devo rimproverarti per farti camminare nel Solco! Parla!(*) (Telesfore) ho visto che era troppo depresso, non riesce a superare questi momenti! (Piccolo Giovanni) tu devi dirgli che Emanuele è nelle braccia di Dio e piange nel vedere il suo cuore che non riesce a mettersi nel Solco, ad ascoltare ciò che il papà gli dice. È vivo e gioisce nel Cuore di Dio: digli questo! (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) e aspetta il suo sorriso! (Telesfore) ho capito! (Piccolo Giovanni) come il papà lo donava nel vedere voi e nel chiedere alla Piccola Cocciuta “com'è il mio angelo? Prega per me perché io lo farò sempre per te”  (Telesfore) il suo desiderio era di venire alla Stanza! (Piccolo Giovanni) adesso è in mezzo a voi con gli Angeli e con i Santi e vive la gioia del Paradiso!(*) chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) ma dimmi ancora: stai aspettando l'abbraccio?, ma non posso perché il Padre vi ha lasciato accarezzare dai vostri cari, ed io stringendo la tua mano stringo la mano di ognuno di voi, della mia piccola Marì e la sua capanna, e alla fine della preghiera gli mandi il mio Bacio! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) grazie al Padre, perché io vengo in mezzo a voi in ubbidienza al Padre portando la Croce (Telesfore) il mio cuore è pieno di gioia quando ci.. quando tu ci richiami.. (Piccolo Giovanni) ..un papà non può far cadere i propri figli! E aggiungo un altro figlio: il giglio bianco! Pregate anche per lui! (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) e fa quello che ti ha dettola Piccola Cocciuta! (Telesfore) ma se è quello che ha detto, siamo rimasti già d'accordo!(*) (Piccolo Giovanni) chinò il capo!(*) dimmi, parla, cosa c'è ancora nel tuo cuore?(*) (Telesfore) forse le cose che volevo dire.. che quando uno ti rimprovera ti vuol bene! (Piccolo Giovanni) è così, Paolo! (Paolo) è proprio così! (Piccolo Giovanni) il nemico invece usa la via larga! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) “fai quello che non stai sbagliando” (Paolo) si, si (Piccolo Giovanni) un papà buono prende (dal)l'orecchio portando il proprio figlio sulla Linea del Vangelo, come ognuno dei Papà fa con i propri figli, usando ognuno il proprio modo, ma sempre la linea del Vangelo, vero? (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e chi di voi, mamme e papà, non vogliono vedere i propri figli come gigli che emanano i loro profumi a Dio? (Tutti insieme Giovanni) tutti! (Piccolo Giovanni) e fateli arrivare a Dio usando la preghiera, il silenzio e l'amore, perché obbligandoli cadrebbero! Dio non impone niente a nessuno, col Cuore aperto aspetta che tutti figli ritornano a casa per fare festa! Ma come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito sempre a pregare per quei figli che camminano sulla via larga, affinché possano ritornare su quella stretta! Il sacerdote ha usato un'altra parola e la Piccola Cocciuta è rimasta molto triste “le pecore siamo noi che seguiamo Gesù, i capri sono coloro che hanno sbagliato, e per quelli che sono ormai caduti nell'inferno non c'è più nulla da fare. Ma almeno pregate per coloro che ancora possono salvarsi”! Il suo Cuore è diventato triste “ormai per quelli che sono nell'inferno, non c'è più nulla da fare”, mentre lei vorrebbe tutti nel Cuore del Padre; e una spada più grande in quell'attimo ha trafitto il suo Cuore, ma sono parole non sbagliate da parte del sacerdote, perché è così! Pregate per le anime che vengono confuse, figli miei, pregate! Paolo! (Paolo) dimmi! (Piccolo Giovanni) cosa stavi pensando! (Paolo) quello che stai dicendo, Giovanni, e al Cuore della Cocciuta che ci ama veramente tanto! (Piccolo Giovanni) è l'Amore di Dio che arde nel suo petto e lo dona ad ognuno di voi e all'umanità intera! Fatelo anche voi camminando nel Solco, nel fiume di Dio! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) chiaro? (Paolo) si! <3 colpi di tosse> (Piccolo Giovanni) Telesfore, cosa vuoi dirmi ancora? ............ e non dimenticate Eliseo!(*) chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) auguri! (Piccolo Giovanni) ed Io dico grazie perché sono gioioso di essere nato nel Cuore di Dio passando attraverso la sofferenza; e vi invito ancora una volta ad abbracciarla e a non gettarla via perché è l'unica via che vi porta gioire. Senza la santa sofferenza non si può gioire nel Cuore di Dio! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) ora cosa vuoi fare? (Telesfore) io voglio consolare, come lo vogliono tutti gli altri, il Cuore di Maria! <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un'Ave Maria insieme a Giovanni> (Piccolo Giovanni) figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE È VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO! E in questo giorno di gioia, di pace, di luce piena, Io vi invito tutti ad essere santi sulla terra e a seminare l'Amore di Dio portando la sua Parola: il santo Vangelo, e come Sacerdozio vivo ed eterno lo tengo alto e vi invito a non farlo calpestare, ma farlo conoscere e ad amare. Lascio scendere su di voi ancora l'Alito del mio Amore! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> ed Io nella gioia piena ritorno all'ubbidienza del Padre sigillandovi uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli miei!(*) E col Cuore Immacolato di Maria, col Bimbo che cresce in mezzo a voi, Io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo: crescete nell'Amore della Santissima Trinità! Figliuoli miei, andate in pace e portate la Pace di Dio che avete ricevuto nei vostri cuori ai vostri fratelli, ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai figli drogati, ai figli carcerati, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera, figli benedetti! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi, figli! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero! Figli del Cuore della Croce, andate in pace! Grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure perché Dio vi ama! Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, siate lucerne vivere nel mondo intero portando sempre la Parola viva di Dio, figli, amici del mio Cuore!(*)

 

 

         4. Giov 06/11/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta;  immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Prega come tu sai fare nel silenzio della Croce. Figlia mia, immolati per tutti i miei Figli Ministri! Prega e rimani vicina all'uomo vestito di bianco, figlia del mio Cuore! In questo giorno, figlia mia, abbraccia l'umanità così come Io la sto stringendo al mio Cuore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo. Vedi, figlia mia, Io metto ancora nelle tue mani il Cuore di Dio invitando l'umanità a convertirsi, invitando l'umanità ad abbracciare la Croce perché il Parto è vivo, è in mezzo a voi ed è pieno, e Dio dona il suo Cuore ad ognuno di voi e all'umanità intera. È tempo di abbracciare e di accogliere la misericordia di Dio che scende nel mondo intero, figliuoli miei! (Giulia) Gesù, tu grondi Sangue dappertutto: sono stata io, Gesù, a flagellarti in questo modo? (Gesù) no, figlia, non sei tu ma i figli della perdizione, i figli che non vogliono accogliere il Cuore di Dio che Io metto nelle tue mani; e tu mi vedi flagellato, grondante di Sangue! (Giulia) Gesù! (Gesù) figlia mia, bevi ancora del Sangue(*) e tieni stretto il Cuore del Padre donandolo ai figli che sono qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e all'umanità intera, ma chino il capo per coloro che non accolgono il Cuore del Padre aperto e grondante di Sangue. Destatevi dal sonno, figli, e guardate i flagelli che scendono sempre di più perché non c'è Amicizia con Dio. Pregate, voi Discepoli, voi Colonne, voi Suorine del mio Cuore, perché mi poggio sempre di più su di ognuno di voi! Non abbiate paura quando il peso diventa più grande, ma siate gioiosi perché Dio si poggia col suo amore per farvi lavorare e far scendere la Quiete e lo Shalom del suo Cuore, figli! Tu, Piccola Cocciuta, anche se sei un flagello, vuoi unire le tue mani alle mie mani?, vuoi abbracciare ancora una volta i Chiodi divini per i figli che trafiggono il Cuore di Maria? (Giulia) eccomi! (Gesù) unisci le tue mani alle mie nell'unico abbraccio della Croce! <1º grido>(*)sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù! Gesù, tu grondi ancora di più Sangue! (Gesù) figlia, in questo istante sta scendendo un flagello(*) ed Io grondo Sangue nel vedere ancora i figli lontani dalla Croce, vedere i figli che calpestano la Croce! (Giulia) Gesù, dimmi cosa devo fare! (Gesù) allargare le braccia e pregare, e invitare sempre i tuoi figli a pregare col cuore, ad essere coscienti che Io sono vivo e reale in mezzo a voi; e non affannatevi per le cose del mondo, il Padre conosce i cuori di ognuno di voi e lascia scendere sempre la rugiada del suo amore, e l'Amore di Dio non ha limiti, figliuoli: ricordatelo! Ma vi invito ancora a pregare per l'uomo vestito di bianco: curvo vi porta nel Cuore di Dio. Pregate, pregate, figli, pregate innalzando il vostro sì pieno al Cuore di Dio non avendo alcun timore e non rimanendo in bilancia. La misura di Dio è una sola e pesa i cuori di ognuno di voi, e nulla gli è nascosto. Figliuoli, ricordatelo che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, e vi ho detto “aspettatemi, Io verrò”: non dimenticate queste parole! Io sono il Dio antico e non cambio nulla, ma vengo ad accendere i vostri cuori, vengo a ricordarvi di aver un Papà che aspetta con amore l'umanità intera per fare festa; ma la festa di Dio è portarvi al Banchetto con la veste candida, la veste che passa attraverso la sofferenza, attraverso i Dolori del Parto vivo della Croce! Figliuoli del mio Cuore, vi invito ancora a pregare e a chiedere al Padre che faccia scendere lo Shalom del suo Cuore, non aspettate la pace degli uomini, ma chiedete la pace di Dio pregando e inginocchiandovi dinanzi al Legno della Croce, figliuoli del mio Cuore! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, figli miei, ma vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni in mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo sempre amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici. Figliuoli, in questo giorno vengo a portarvi una goccia: il tempo che rimane al nemico è così <fa segno col pollice e l'indice per dire “breve”, “piccolo”, “poco”> , ma dovete stare attenti: molti sacerdoti saranno confusi! Vi invito a pregare e a rimanere stretti al Legno della Croce, ad abbracciare il Vangelo come scudo e a camminare sulla Via Stretta segnata dal Cuore di Maria ed accogliere la sua Parola di Mamma e di Maestra del Vangelo! Figliuoli, Maria, unica Maestra che sta seminando l'Amore di Dio nel mondo intero, ma in pochi raccolgono la Parola, l'umanità è confusa, e al posto di raccogliere la Parola e di abbracciare la Croce, allarga le braccia per accogliere le cose del mondo dove il nemico lavora per rubare anime! Figliuoli miei, state attenti, pregate e spogliatevi delle cose del mondo unendovi in pienezza al Legno della Croce. Tu, Piccola Cocciuta, dovrai soffrire ancora a causa del mio nome, sarai perseguitata a causa del mio nome ma non temere, la grazia di Dio è su di te e sui figli che accolgono in pienezza la Parola viva in mezzo a voi nella Stanza dell'Amore del Padre. Figliuoli, raccogliete queste gocce e siate pronti preparati con la lucerne accese per i tre giorni di buio; non è la Piccola Cocciuta a parlare, ma Dio si serve dello Strumento; siate vigilanti, siate vigilanti, siate vigilanti! Figli del mio Cuore, Dio vi sta facendo il dono di donarvi il Cuore, ma fate presto ad accoglierlo, fate presto ad entrare perché i tempi sono pieni! Figli, dovete decidere se vivere per Dio o per il mondo! Il Padre aspetta con Misericordia Infinita l'umanità intera e ognuno di voi! Figli, ora vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio, ma siano i vostri cuori coscienti di questo!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'Amore, nella Luce e nella Verità del santo Vangelo sono ancora in mezzo a voi a portarvi la Parola e il Cuore di Dio che arde per l'umanità intera e per ognuno di voi, Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! E venire in mezzo a voi attraverso lo Strumento è gioioso per me! Come Sacerdozio vivo ed eterno, Io vengo solo portare la verità del Vangelo, vengo ad invitarvi a non lasciare l'Albero della vita che è la Croce. Ciò che abbiamo costruito non calpestatelo, non lasciatevi confondere dal nemico con gli affanni del mondo. Ricordate sempre che la vostra casa non è sulla terra, ma in cielo, e quando costruite la vostra capanna guardate la capanna di Betlemme: piccola, povera, ma ricca, ricca d'amore, ricca della pienezza di Dio, perché nel Cuore di Dio dovete costruire e portare i vostri tesori. Tutto passa, ciò che rimane è solo l'Amore di Dio, figliuoli; e come Sacerdote vivo ed eterno ve l'ho sempre detto e ve lo ripeto ancora: siete pellegrini scelti da Dio per lavorare, e il vostro lavoro è aiutare i fratelli a tornare sulla Via Stretta. L'umanità si carica del peso del mondo. L'umanità si affanna per accumulare tesori sulla terra, quei tesori che non porterete in cielo. Vi invito, figliuoli, a stare attenti: il nemico usa ogni in mezzo per confondervi e allontanarvi dal Cuore di Dio. State attenti, lavorate solo per Dio ascoltando solo la voce di Dio che vi chiama “figli, chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”, Io sto salendo il Monte, venite dietro di me! Figliuoli del mio Cuore,come Sacerdozio vivo ed eterno grondo Sangue nel vedere i figli che dicono di amare Dio, di accogliere il Cuore di Dio mentre abbracciano i falsi profeti: sappiateli riconoscere! Figli, quando non si porta il segno della Croce, quando non si abbraccia la santa sofferenza, lì non c'è Dio ma il nemico per farvi cadere nella sua falsa luce. Alzo la destra come Sacerdozio vivo ed eterno invitandovi a raccogliere queste gocce, invitandovi ad essere figli dell'unico Dio, il Dio che ha aperto il suo cuore aspettandovi per fare festa al Banchetto Nuziale, e il nemico non può donarvi il Banchetto Nuziale: ricordatelo, figliuoli del mio Cuore. Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <giov. 31° sett. T.O./B Lc. 15,1-10> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e cos'è rimasto nel tuo cuore, Paolo? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Eccomi, nella gioia di stare in mezzo alla mia famiglia, e nel dolore nel vedere i figli che si perdono il mio Cuore gronda Sangue! Com'è il tuo?  (Paolo) io ho passato dei momenti difficili, Giovanni! (Piccolo Giovanni) perché? (Paolo) ci sono giorni in cui non vorrei esistere! (Piccolo Giovanni) sei figlio di Dio! (Paolo) eh, lo so: sbaglio! (Piccolo Giovanni) e quando arrivano questi attimi sai cosa deve fare? Dio ti ha donato la vita e l'Albero della Croce non deve cadere nelle mani del nemico, ma salda rimanere nel Cuore del Crocifisso! (Paolo) è così! (Piccolo Giovanni) hai visto com'è astuto il nemico? Vorrebbe far suo il progetto dell'amore, ma abbiamo un angelo di Dio che vi porta sulle spalle: la Piccola Cocciuta! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) vuoi dirmi ancora cosa ha creato il nemico nella tua testolina? (Paolo) ho passato dei momenti in cui non avevo voglia di affrontare nessun problema, cioè di non pensare né in positivo né in negativo, come un limbo proprio, come un.. come dicevo prima, non avrei voluto proprio esistere: per me non era importante né vivere e né morire, era la stessa cosa, praticamente! (Piccolo Giovanni) il nemico aveva cercato di puntare la sua freccia? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ma eri ben corazzato e la sua freccia si è spezzata ed è caduta nel suo burrone (Paolo) quello di cui sono felice è che alla fine mi ritrovo sempre qua, Giovanni! (Piccolo Giovanni) dove vuoi andare? Dio ti ha catturato: la rete non ha buchi! (Paolo) poco fa mentre ascoltavo te, pensavo anche un'altra cosa: dicevo a me stesso.. <4 colpi di tosse con un alitazione e in sottofondo si sente il colpo di tosse di una persona nella Stanza> (Piccolo Giovanni) quella non è mia! <si ride un po'> cosa dicevi? (Paolo) pensavo: io mi ritrovo qua immerso in questo mistero che a volte mi sembra un sogno! (Piccolo Giovanni) “cosa sta dicendo questa?” (Paolo) e poi mi dicevo ancora: io proprio che di queste cose non ne volevo sentir parlare, magari altri, prima di venire qua, sono andati da questo veggente, sono andati in quel luogo.. (Piccolo Giovanni) ..ti sei letta la storia di Paolo? (Paolo) di? (Piccolo Giovanni) “di Paolo?” (Paolo) no, qualcosa ho letto, ma tempo fa! E quindi riflettevo su questo e dicevo me stesso “mah..”  (Piccolo Giovanni) “io mi trovo rapito da questo Dio” (Paolo) eh, è proprio il caso di dire ”rapito“, perché io non andavo in cerca proprio niente, ed io non sono stato mai in nessun posto (Piccolo Giovanni) non sei stato tu a cercare Dio, è Dio che ha rapito il tuo cuore! (Paolo) eh, e il Vangelo di oggi dice questo: è Lui che cerca noi, non siamo noi che cerchiamo Lui, e quello che induce a una riflessione profonda è che Lui sta dietro, proprio, ai peccatori! (Piccolo Giovanni) uno che è sano non va dal medico! (Paolo) si! Quindi sono proprio i peccatori, quelli che non credono in Lui ad averlo sempre vicino, e Lui che aspetta che ci ripensino e che si accorgano..  (Piccolo Giovanni) ..chi è sano.. (Paolo) ..della sua presenza.. (Piccolo Giovanni) ..accoglie in pieno la Parola e cammina sulla Via Stretta portando sulle spalle la pecorella smarrita.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..come ognuno di voi cerca di fare! A volte ne raccogliete tante, a volte non riuscite a prendere neanche quella ferita (Paolo) rende molto bene l'idea la parabola delle dramme; se uno di noi perde dei soldi, la testa gli gira sempre su quei soldi che ha perduto e cerca di rimediarli e di trovarli, non su quelli che gli sono rimasti ma su quelli che ha perduto e quando li trova poi, certo è gioioso, fa festa, lo dice agli amici, li invita, e così fa Dio con i peccatori! (Piccolo Giovanni) “fare festa con i peccatori”! (Paolo) e a quei tempi rimanevano stupiti di questo! (Piccolo Giovanni) ”chi è questo che va a cercare e rimanere in mezzo ai peccatori?“, tutti si guardavano di non sporcarsi ma non vedendo le loro anime nere. E come soffre la Piccola Cocciuta nel vedere le anime cariche di peccati! (Paolo) e non può dire niente? (Piccolo Giovanni) e non può dire nulla, solo alzare gli occhi al cielo… <si perde qualche parola al cambio cassetta> ...e si può toccarli con i Chiodi, perché in questo tempo la Piccola Cocciuta porta i Chiodi e le spade! Voi non le vedete, ma sono vive! (Paolo) oggi ho detto alla Cocciuta.. glielo avevo detto anche tempo fa, che ho un fastidio alla gola, devo sempre schiarire la voce e che a volte anche quando canto mi arriva una.. come un.. un prurito alla gola e devo tossire. Lei.. (Piccolo Giovanni) ..cosa ti ha detto? (Paolo) mi ha detto che i canti li devo provare una volta sola ed io questo non lo capisco, Giovanni! (Piccolo Giovanni) perché non l'hai capito? (Paolo) non l'ho capito perché quei canti che conosco posso provarli una volta sola e, anzi, posso anche non provarli, però quando io devo fare un canto nuovo, e li si tratta di provare tante volte! (Piccolo Giovanni) hai fede in Dio? (Paolo) sì, certo! (Piccolo Giovanni) e se la pioggia scende dal cielo, rimane!(*) (Paolo) non ho capito, Giovanni! .. e quindi che devo fare?, devo.. (Piccolo Giovanni) ..come ti ha detto la Piccola Cocciuta!(*) quando nel suo Cuore scende un segreto non deve stare a ripeterlo, rimane! Ancora non ha scritto la terza missione ed è tutto qui(*) <indica il Cuore di Giulia> perché Dio parla, Dio lascia scendere ma non cancella. È chiaro? (Paolo) si, si! (Piccolo Giovanni) e tu sei fiducioso in questo? (Paolo) si, io.. (Piccolo Giovanni) ..con la mente hai paura di non essere perfetto, ma è il cuore che canta, e nei vostri cuori abita Dio!(*) È chiaro? (Paolo) si, penso di aver capito! (Piccolo Giovanni) la mente può dimenticare, ma il cuore no! (Paolo) ho capito! (Piccolo Giovanni) eri dubbioso “ma cosa mi dice?, come faccio a cantare se devo ripeterlo solo due volte?”. <4 colpi di tosse con doppia alitazione> ma dimmi, cosa è rimasto ancora del santo Vangelo? <si sente qualcuno tossire> non è la mia questa! <si ride un po'> (Paolo) eh, si sente che non è tua!(*) ehm.. riflettevo sulla misericordia di Dio: è grande veramente! (Piccolo Giovanni) non è grande, non ha limiti! (Paolo) ”non ha limiti“, si! E pensare che noi non meritiamo niente. Io mi dicevo, sempre questa sera.. (Piccolo Giovanni) ..siamo figli.. (Paolo) ..si. Mi dicevo ”se dico di essere un servo inutile, forse mi sono già qualificato bene”. Non sono nemmeno un servo inutile, sono ancora meno di un servo inutile! (Piccolo Giovanni) ma il Padre vi invita a dire “eccomi, sono un servo inutile, fa di me quello che vuoi!” (Paolo) dicendo così, Giovanni ..è quello che pensavo io, noi manifestiamo già a Dio il nostro amore. Ecco che.. (Piccolo Giovanni) ..“eccomi..” (Paolo) ..esatto.. (Piccolo Giovanni) “..un servo inutile”! (Paolo) si! Quindi è un gesto questo molto bello verso Dio! (Piccolo Giovanni) dinanzi.. (Paolo) ..dinanzi a Dio.. (Piccolo Giovanni) ..alla Croce! Ma non dire più “non voglio esistere”! (Paolo) sono momenti brutti! (Piccolo Giovanni) sai bene cosa devi fare! (Paolo) si, la Via Crucis! (Piccolo Giovanni) e chiamare la Piccola Cocciuta! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) quanto lavoro sta facendo in questi giorni, e con quale coraggio è andata a salutare il mio confratello.. (Paolo) ..eh, me l'ha raccontato stamattina! (Piccolo Giovanni) e chi la ferma?(*) A questo gli tremavano le gambe <si riferisce a Telesfore e si ride un po'> non vedendola.. l'ha vista uscire, non l'ha vista più!(*) E lei che chiama “monsignore Cantisani, non mi riconoscete?”. Ci vuole un bel chiodo. (Paolo) ma lei l'aveva.. ma lui l'aveva riconosciuta, però, eh, faceva finta? (Piccolo Giovanni) lo conosco molto bene! (Paolo) eh, si!(*) ma posso chiedere una cosa, Giovanni? (Piccolo Giovanni) stavo aspettando! (Paolo) lui è cosciente di tutto quello che.. (Piccolo Giovanni) ..si.. (Paolo) ..facevi e fai tu? (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) ma in cuor suo.. (Piccolo Giovanni) ..perché nulla mi era nascosto! (Paolo) ma in cuor suo approva, no? (Piccolo Giovanni) ti faccio un sorriso! (Paolo) si, vabbè è meglio.. certe cose.. (Piccolo Giovanni) ..non fatemi.. (Paolo) ..dire cose.. (Piccolo Giovanni) ..mettere il piede davanti al Padre! Anch'Io sono all'ubbidienza del Padre! Ma avendo il mio sorriso.. (Paolo) ..abbiamo.. (Piccolo Giovanni) ..avete capito tutto! Quando la Piccola Cocciuta mi chiedeva qualcosa “don Mario, che significato ha questa cosa?”, anche se lei c'era arrivata, Io la guardavo, gli facevo un sorriso e lei capiva che era giusto! (Paolo) ah, quindi trasmettevate senza parlare: con lo sguardo! (Piccolo Giovanni) anche senza parlare!(*) Lo Strumento di Dio non ha bisogno.. può ascoltare i vostri pensieri, ma basta guardare negli occhi(*).. (Paolo) e lei capisce subito dagli occhi quello che abbiamo dentro? (Piccolo Giovanni) a volte a Telesfore gli chiede cosa sta pensando, e lui abbassa gli occhi! <si ride un po'> è così? (Telesfore) si, è così! (Piccolo Giovanni) e che ti pensi che anche abbassando gli occhi non conosce il tuo cuore? (Telesfore) anche quello che sto pensando? (Piccolo Giovanni) vuole mettere alla prova a Dio! <si ride un po'> dì ai tuoi figli cosa stai pensando! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) e qua ti voglio adesso!(*) <3 colpi di tosse con un’alitazione> (Telesfore) stavo pensando alle missioni! Cioè io non.. (Piccolo Giovanni) ..lui ne voleva 5 e le missioni sono 4 finite! (Paolo) sono solo 4? (Piccolo Giovanni) è già terminata! Lui si era fermato sul numero 5, e quando la Piccola Cocciuta gli ha detto “con questa sono finite” lui ha detto “ma non dovevano essere 5?”, e la Cocciuta “perché 5?”. Perché 5 ti chiedo anch'io? (Telesfore) perché 5.. Padre, Figlio, Spirito Santo, Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo (Piccolo Giovanni) e quella.. e la spiegazione ve l'ho data, ma le missioni sono un'altra cosa!(*) la Piccola Cocciuta ha scritto, ne rimangono due da scrivere! (Telesfore) si, due ne rimangono (Piccolo Giovanni) e non è la stessa cosa nel numero 5 spiegato <qualcuno tossisce e si copre la voce di Telesfore che stava per dire qualcosa> “e quando cosa?”, stavi dicendo “e quando”, quando cosa? “Quando scriverà gli altri?” stavi dicendo! (Telesfore) eh, quando li scriverà gli altri? (Piccolo Giovanni) e sei il furbacchione di Dio! <si ride un po'> lascia che sia il Padre a donare il via alla Piccola Cocciuta, sai bene che è all'ubbidienza del Padre e non può fare quello che dici tu! (Telesfore) ed io aspetto! (Piccolo Giovanni) e tu aspetti, ma nell'aspettare prega per il giglio: sai chi è il giglio? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) è da scoprire ancora i petali, e presto ne scoprirete un altro!(*) ma non vietare la Piccola Cocciuta di far entrare i Chiodi! Chiaro? <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) chiaro! (Paolo) Giovanni, io, a proposito delle quattro missioni ho pensato una cosa. È quello che ho pensato io? (Piccolo Giovanni) io ascolto ma devi far sentire.. (Paolo) ..no, io.. (Piccolo Giovanni) ..ai tuoi fratelli.. (Paolo) ti chiedevo, appunto, se potevo dirlo quello che ho pensato! (Piccolo Giovanni) tanto Io alzo le mani e stringo le spalle! (Paolo) eh, non dici niente! Ho pensato a un compito che in questi quattro luoghi dove si era recata la Piccola Cocciuta con Telesfore, di cui uno mi sfugge adesso, ne ho presenti tre.. (Piccolo Giovanni) ..dilli! (Telesfore) Catanzaro! (Paolo) si, questo è: Catanzaro, Cosenza, Cassano.. e l'altro? (Telesfore) Rossano! (Paolo) ah, Rossano, si! Ho pensato a un compito che il Padre ha preparato per le Colonne!(*) .............. (Piccolo Giovanni) non provateci! (Paolo) no! Poi Rossano da qui è vicino, Cassano è vicino, a Rossano c'è pure.. (Piccolo Giovanni) ..non ci provare! (Paolo) no. A Rossano c'è.. lo posso dire? <Giovanni assente con la testa> il giglio bianco! (Piccolo Giovanni) questo lo posso dire! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Paolo) e vabbè, poi, se è come penso io ce lo dovrà dire il Padre, no? (Piccolo Giovanni) io sono all'ubbidienza di Dio come Sacerdozio vivo ed eterno. Parlo attraverso lo Strumento con l'ordine del Padre, e il Padre benedice ognuno di voi e lo Strumento, perché siete riuniti in questo Luogo nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, tenendo alto il santo Vangelo e camminando nel Solco, perché Io vengo solo a portarvi nel Solco del Padre! Chiaro? (Tutti) si! ............ (Piccolo Giovanni) ..dinanzi alla Croce dopo aver lavorato.. ..non andare nelle piazze a gridare “io ho dato da mangiare a quel povero”, “io ho vestito quello che era nudo”, ciò che fa la destra non deve sapere la sinistra! ............ma dopo aver lavorato, dinanzi alla Croce “eccomi sono il tuo servo inutile, Padre”! ............È vero, Tommaso? (Tommaso) si, è proprio così, Giovanni! (Piccolo Giovanni) che cosa c'ha il tuo cuoricino? (Tommaso) sono sempre qui a portarti i miei affanni, sempre.. gioioso ad aspettarti!  (Piccolo Giovanni) non vuoi dire nulla dei tuoi goccioloni del cuoricino?, se vuoi! Io lo conosco, sono i tuoi fratelli che non lo conoscono! Fatti aiutare dalla famiglia di Dio! (Tommaso) non lo so che.. cosa vuoi che.. (Piccolo Giovanni) ..almeno una piccola! (Tommaso) quella.. quella che.. che vorrei dirti sempre, è che ti sento vicino e che ti amo e farei qualsiasi cosa! Degli altri affanni sai benissimo.. (Piccolo Giovanni) ..non vuoi metterli nei cuori dei tuoi fratelli? (Tommaso) non ci penso più di tanto! (Piccolo Giovanni) una piccola piccola? (Tommaso) vabbè.. se è.. per quello che.. <3 colpi di tosse con doppia alitazione> ..ho detto l'altro giorno, è quello che.. dobbiamo pregare ancora, sempre.. per quel confratello che sicuramente era pentito di quel gesto, e cercava, cercava perché evidentemente si sentiva a disagio! E.. (Piccolo Giovanni) ..avete sentito cosa sta dicendo?, se gridi un poco sentono perché Io conosco.. (Tommaso) ..ho detto.. (Piccolo Giovanni) ..devi far sentire ai tuoi fratelli! (Tommaso) che per quanto riguarda quel confratello dell'altra sera.. che si è parlato l'altra sera, sicuramente si era già pentito; tant'è vero che dopo cercava la piccola creatura.. ecco, ed io in questi giorni per lui ho pregato tanto!  (Piccolo Giovanni) Volete farlo anche voi? (Tutti) si! (Tommaso) per la piccola creatura non c'era bisogno tanto, anche se era rimasta effettivamente un po' sbandata, ma sono servite le tue parole! (Piccolo Giovanni) era rimasta ed è rimasta col cuore grondante.. (Tommaso) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nel vedere la figura di Gesù  <= il sacerdote> parlare male di Gesù! (Tommaso) ma lei lo ha messo in difficoltà, tu l'hai aiutata perché lei non.. non si ricordava manco <manco = neanche> più le parole che avesse detto in quell'istante impacciata com'era.. e gli ha detto anche “ma io don Mario l'ho conosciuto, un pio uomo, un santo uomo, un sacerdote che veramente mi ha portato a Gesù, non può essere altrimenti”: lui è rimasto e poi gli ha detto un'altra cosa importante, “anche Gesù è stato abbandonato da tutti”, “si, si, ma quella è un'altra cosa”, si è messo in imbarazzo unpo'! Alla fine l'ha cercato per i banchi, etc., perché evidentemente voleva sapere di più.. cercava qualcosa.. non so!.. però non.. non l'ha più trovata! (Piccolo Giovanni) gli è sfuggita? (Tommaso) gli è sfuggita, si, perché la creatura ha saputo rispondere con delle parole suggerite da te, sicuramente, perché non era alla sua portata! (Piccolo Giovanni) alzo le mani! (Tommaso) e poi è stato molto incoraggiato da quello che tu gli hai detto, da quello che ha sentito come risposta.. anche se le mie spiegazioni.. poi sono stato a.. sono stato più.. un aiuto completo, diciamo, in piccolo (Piccolo Giovanni) preghiamo che quest'anima non si perda a causa del sacerdote! (Tommaso) non penso, perché anche se è rimasta un po' scottata, ha un carattere forte e sicuramente strana.. (Piccolo Giovanni) ..ma Io devo alzare di nuovo la destra nel ripetere “non fosse mai nato”!(*) non scandalizzatevi per il gesto! Chi scandalizza uno dei miei piccoli, sai bene la risposta!(*) Sono Sacerdozio di Dio e sapete bene che il Sacerdozio è solo Dio; è Padre di Misericordia Infinita ma è giudice: non dimenticatelo! (Maria Achiropita) è l'unico giudice! (Piccolo Giovanni) che può giudicare. Non dovete avere timore del giudizio dell'uomo, ma del giudizio di Dio!(*) e tu vai avanti, figlia benedetta, vai avanti con l'Amore di Dio perché solo Lui ti può donare il premio della gioia eterna! Chiaro, figlia? (Maria Achiropita) ne sono convinta di questo, Gesù! (Piccolo Giovanni) e quando il tuo cuore gronda sangue sai dove abbracciarti: al Legno della Croce e non fermarti sul giudizio dell'uomo! Guarda il Cuore di Dio che ti ama e lascia scendere il suo Sangue su di te! (Maria Achiropita) con la tua grazia! (Piccolo Giovanni) Amen!(*) Non sia triste il tuo cuore se ho alzato di nuovo la destra, ma ti invito ancora a pregare e invito ognuno di voi a pregare per tutti i sacerdoti: in questo tempo il nemico ne sta portando via molti. Pregate, pregate, pregate, figliuoli! Chiaro? (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non spaventarti, vai avanti con la Parola di Dio! (Tommaso) senz'altro, questa è una forza che tengo dentro! (Piccolo Giovanni) e camminate sempre nella verità del Sacerdozio vivo che avete conosciuto e che avete vivo in mezzo a voi per volere di Dio. Chiaro? (Tommaso) si! (Piccolo Giovanni) caro Telesfore! (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! Cosa mi dici? (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) qualche creatura vada a confortare il cuore della figlia!(*) <Maria Achiropita non è riuscita a trattenere le lacrime per l'emozione> gioiosa di ciò che ha ricevuto, ora lascia scendere il suo fiume! Dimmi!(*) (Telesfore) io volevo chiederti una piccola cosa riguardo alle missioni! (Piccolo Giovanni) se posso risponderti! (Telesfore) dopo l'ultima missione delle(nelle) chiese, le altre quattro sono missioni per le case o sono semplici visite che(*).. (Piccolo Giovanni) lasciamo i tempi al Padre: non possiamo anticipare!(*) il nemico è dietro l'angolo!(*) chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora fuori dalle missioni?(*) (Telesfore) mi sento ubriaco! (Piccolo Giovanni) gli avete dato da bere? (Qualcuno) no! (Telesfore) mi sono messo a dormire! (Piccolo Giovanni) buonanotte!(*) ma ora sei sveglio? (Telesfore) ora sono sveglio! (Piccolo Giovanni) o stai dormendo ancora? (Telesfore) mezzo e mezzo! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi?(*) sto aspettando!(*) se andiamo avanti così si fa all'alba! (Telesfore) facciamo la veglia? (Piccolo Giovanni) quando lo decide il Padre! Me l'abbracci Marì alla fine della preghiera? (Telesfore) eh, perché no! (Piccolo Giovanni) gli dai il bacio della buonanotte? (Telesfore) eh, però l'altro giorno ho visto che.. ho sentito che era un pochettino triste! (Piccolo Giovanni) gli mancava la mia figura! (Telesfore) eh, così ha detto! (Piccolo Giovanni) ma Io sono sempre vicino, non la lascio un istante! Ma quando arrivano quegli attimi la stringo ancora di più! Diglielo! (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) e allora, vuoi parlare? (Telesfore) io vorrei parlare, però non.. (Piccolo Giovanni) ..non trova la forza! (Telesfore) non.. non esce niente! (Piccolo Giovanni) vuoi parlarmi un po' del giglio? (Telesfore) eh, il giglio.. non riesco.. almeno io.. perlomeno.. e nemmeno la Cocciuta, credo.. dei suoi, diciamo, comportamenti.. (Piccolo Giovanni) ..è un giglio che dovete scoprire petalo per petalo, ve lo sto dicendo! (Telesfore) sembra che lo prendi per le mani e poi scappa! (Piccolo Giovanni) non è mai scappato: è un petalo che si è staccato e man mano dovete togliere tutti i petali! (Telesfore) ma mica sono 24 petali? (Piccolo Giovanni) alzo la destra: non devi entrare nel mistero!(*) mi fa sempre gli stessi errori: dolce dolce cerca di infilarsi nel mistero!(*) Tele’, Dio ha gli occhi aperti e l'udito lungo!(*) chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) è un bel po' che non ci stai più raccontando qualche tuo capriccio da bimbo! (Piccolo Giovanni) e i capricci.. non sono tutti capricci questi? (Telesfore) ma questi sono nuovi! (Piccolo Giovanni) come fai a sapere che sono nuovi?(*) Dio è un bimbo capriccioso che vuole giocare con i propri discepoli, con le colonne, con le suorine, ma giocare con i capricci del Vangelo e i capricci della Croce invitandovi ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto.. (Telesfore) ..i nemici.. (Piccolo Giovanni) ..portare i vostri nemici: coloro che trafiggono il Cuore di Maria e i vostri cuori, ché camminate sulla scia della Mamma, della Maestra, perché qui riuniti siete alla scuola di Maria! Chiaro? (Telesfore) Maria è Mamma, Maestra! (Piccolo Giovanni) Mamma, Maestra della Croce e del santo Vangelo, e voi siete figli e servi inutili! Chiaro? (Telesfore) chiaro! <3 colpi di tosse con una alitazione> (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi adesso? (Telesfore) ma a Maria qualche volta gliel'hai fatto qualche capriccio.. <Maria = Marì> (Piccolo Giovanni) ..ve l'ho già raccontato: la gettavo col carretto! (Telesfore) ah, col carretto!(*) e non si faceva male? (Piccolo Giovanni) non potevo fargli del male! Come ci ridevo quando li lanciavo: sembrava mandarli nel Cuore del Padre!(*) Farli scivolare! Ma dimmi ancora!(*) aspetto!(*) dilla! (Telesfore) tienici sempre stretti al Cuore del Padre! (Piccolo Giovanni) sei legato alla mia mano ed Io abito nel Cuore del Padre! Ma non era questo che dovevi dirmi!(*) com’è il Cuore della Piccola Cocciuta per la tua mamma? (Telesfore) è triste! (Piccolo Giovanni) e gronda sangue!(*) avevi paura a dirlo? il tuo cuore sta pulsando nel parlare di questo, ma hai paura! (Telesfore) quello che la Cocciuta ha deciso bisogna farlo! Sembra che.. (Piccolo Giovanni) ..l'ha sempre amata dal primo istante e non accetta quello che gli stanno offrendo! Lei ha abbracciato sempre la sofferenza, la porta, ma ha bisogno del vostro amore!(*) chiaro? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) e come mamma, dona il tuo amore ascoltando la Piccola Cocciuta!(*) (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) fatela vivere(*) gli ultimi istanti nell'amore e nella quiete del Cuore del Padre e prega per coloro che trafiggono il suo Cuore! Chiaro? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) grazie di tutto quello che.. (Piccolo Giovanni) ..è al Padre.. (Telesfore) ..il Padre ci dona!.. (Piccolo Giovanni) ..che devi innalzare il tuo “grazie”, Io sono all'ubbidienza del Padre! Come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito ancora a stare attenti al nemico: combattetelo con l'amore. Amate, amate, amate, solo amando potete annientarlo! Chiaro? (Qualcuno) chiaro! (Piccolo Giovanni) Dio è Amore e lascia scendere su di voi e nel mondo intero il suo Amore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo, ma vi lascia liberi di camminare sulla Via Stretta o di prendere quella larga, ma con amore misericordioso aspetta tutti per fare festa al Banchetto Nuziale. Ora siete pronti per fare festa? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete venire tutti a bere e a mangiare.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..al Banchetto di Dio.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..che è vivo ed è in mezzo a voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e per un solo istante distaccatevi dalle cose del mondo e venite a fare festa. Ma non sia turbato il tuo cuore, Tommaso, ma gioioso perché Dio è Papà! Chiaro? (Tommaso) sì, grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e quando venite a fare festa al Banchetto Nuziale, per prima mettete i vostri nemici e dopo lasciate i vostri cuori con gli affanni e tutti quelli che si sono affidati alle vostre preghiere. Ora preparatevi e venite gioiosi perché Dio è vivo, è in mezzo a voi e ha sete e fame e vuole bere e mangiare con voi. Venite tutti portando l'umanità intera! Ecco lo Sposo che avanza: Sposa, preparati per lo Sposo!(*) (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) lo Sposo è qui, è in mezzo a voi! Sposo, accompagna la Sposa!(*) (Giulia) come sei bello!(*) il tuo abito è candido e i tuoi occhi emanano raggi d'amore. Gesù dona a tutti ciò che io sto vedendo! (Piccolo Giovanni) Sposa del mio Cuore, ora vedi tu, ma presto vedranno anche i tuoi figli e l'umanità intera i miei occhi! (Giulia) Gesù! Gesù! (Piccolo Giovanni) vieni, Sposa del mio Cuore!............ Paolo! ............(Paolo) eccomi! (Piccolo Giovanni) Telesfore!(Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi!(*) chi siete venuti a cercare?  (Paolo, .... Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ....., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e volete prendere parte al Sacrificio? (Paolo, ...., Telesfore) sì!  (Piccolo Giovanni) anche voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e da questo istante poggerò ancora di più la mia Croce su di voi perché l'umanità è in pericolo e voi siete i miei Discepoli, le mie Colonne, le mie Suorine! Rocce vive del mio Amore, non fermatevi, andate avanti, il mondo è nelle vostre mani, e col vostro amore potete fermare i flagelli e le guerre! Fate gioire il Cuore di Maria in questo istante, figliuoli del mio Cuore, donandovi in pienezza per l'umanità intera come il Crocifisso che ha allargato le braccia sul Legno della Croce lasciando scendere il suo Sangue e donandovi la sua Carne. Il mistero è vivo, è in mezzo a voi; figli miei, aprite i vostri cuori perché Dio viene ad abitare in ognuno di voi! Tabernacoli del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, volete unirvi? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Paolo, Telesfore ... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui) Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti, fate questo ricordandovi del mio Amore!(**) Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(***) <2º grido> (Giulia) tu sei veramente Dio vivo in mezzo a noi!(***) (Piccolo Giovanni) cosa vedete?(*) (Paolo) io vedo una corona! ............(Telesfore) una Croce!(*) <Giovanni gira il piattino> (Paolo) un Solco! ............ (Telesfore) io vedo.. sembra una pecorella e un'oca! (Piccolo Giovanni) è Gesù che porta sulle spalle l'umanità!(*) il simbolo di una pecorella, non poteva portare una sola, ma l'umanità intera che si è persa. Riuscite a vederlo? ........... (Paolo) ..i due pezzi uno sopra l'altro! (Piccolo Giovanni) e tu?(*) e voi volete portarla l'umanità sulle spalle come il Crocifisso.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..che hai nelle mani? (Paolo .....) sì! (Piccolo Giovanni) e perché abbassi lo sguardo? (Paolo) guardavo lì! (Piccolo Giovanni) voi volete portare l'umanità? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) Immacolata! (Immacolata 1) sì, Gesù! (Piccolo Giovanni) anche dove tu vai là porterai sempre? <questa sera erano presenti all'apparizione Immacolata di Massafra e Immacolata di Neaples /California, sedute entrambe una vicino all'altra. Giovanni si stava riferendo, però, alla seconda Immacolata> (Immacolata 1) con la tua grazia si, Gesù! (Piccolo Giovanni) dicevo all'altra.. (Immacolata 2) ..con la tua grazia.. (Piccolo Giovanni) ..Immacolata, ma anche a te! Vuoi portare dove tu vai? (Immacolata 2) sì! (Piccolo Giovanni) ricordi sempre le mie parole? (Immacolata 2) sì! (Piccolo Giovanni) e non dimenticarle! (Immacolata 2) no! (Piccolo Giovanni) io ti rispondo sempre.. (Immacolata 2) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..quando mi chiami! (Immacolata 2) si! (Piccolo Giovanni) ho sempre il mio Cuore aperto per la mia “Imma”: Immacolata! (Immacolata 2) grazie! (Piccolo Giovanni) e a volte ti dico “ma cosa vuoi?”, come ti rispondevo quando bussavi.. (Immacolata 2) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..e bussi ancora! (Immacolata 2) sempre! (Piccolo Giovanni) è bello.. (Immacolata 2) ..è bello, si!.. (Piccolo Giovanni) ..figlia? (Immacolata 2) sei la mia guida! (Piccolo Giovanni) sono all'ordine del Padre.. (Immacolata 2) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..per guidare e portare ognuno di voi nel suo Cuore! Ma è bello fare festa, è bello essere riuniti dinanzi al Banchetto e gioire col Padre! Come vorrei che tutta l'umanità accogliesse questa gioia!, ma la metto nelle vostre mani! Donate la gioia a chi incontrate, la gioia che Dio sta per donare ai vostri cuori, Paolo della Croce, .... Telesfore dei Chiodi, e non fermatevi, non inciampate sul fiammifero, salite il Monte dietro di me!(*) Quale pezzo volete?(*) è uguale al vostro? <si riferisce al pezzo di Pane rimasto sul piattino> (Paolo ....) sì! (Piccolo Giovanni) è la misura di Dio questa? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) Dio ha una sola misura: ricordatelo, e si dona a tutti nella stessa misura perché è Padre!(*) Ora chi è rimasto? (Paolo) Gesù con la pecorella! (Piccolo Giovanni) Gesù con l'umanità intera!(*) cosa volete fare?, sono rimaste delle pecorelle.. (Paolo) ..ce le prendiamo.. (Piccolo Giovanni) ..volete prendere voi il peso o lo doniamo ai vostri fratelli? (Paolo) ce lo prendiamo! ............lo dovrà prendere la Piccola Cocciuta perché per voi è troppo pesante, e anche per ognuno di voi!(*) è Gesù che per primo è andato a raccogliere la pecorella e poi ha inviato i Discepoli! (Paolo) ha fatto strada! (Piccolo Giovanni) e ora vi invio le più piccole: queste potete sostenerle voi e i vostri figli! Ora vi chiedete “come mai ci ha donato il Pane e non il Vino?” (Paolo) per non ubriacarci, forse! (Piccolo Giovanni) mi sai dare tu.. una risposta! ............ Gesù ha versato il suo Sangue per primo! ............ il Sangue non si finisce mai: non sarebbe più la misericordia di Dio! ............vedete, in questa serata Io ho messo l'acqua <nel Calice> , in altre serate ve la do da bere nelle mani! Donandovi per prima il Pane e dopo il Sangue significa “far fermare il flagello che sta scendendo”! Riesci a seguirmi? (Paolo) ti ho seguito ma non capisco! (Piccolo Giovanni) è troppo grande da capire! Avete visto cosa c'era prima? Ricordate? (Paolo .... si! (Paolo) Gesù che portava l'umanità! (Piccolo Giovanni) e l'umanità è in grave pericolo! (Paolo) si (Piccolo Giovanni) e voi avete mangiato la Carne.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ed ora bevete il Sangue.. (Paolo) ..si, se tu ce lo doni.. (Piccolo Giovanni) ..se Io ve lo do! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) siete pronti? (Paolo ....) si! (Piccolo Giovanni) io ve lo offro!(*) bevendo lo stesso Calice che Io ho bevuto, ho abbracciato l'umanità e anche voi l'avete abbracciata! E con questo gesto vi faccio ricordare i tre giorni di buio!(*) È troppo grande, Paolo, da capire con la mente; è il cuore che deve capire questo gesto! L'UMANITÀ È IN GRAVE PERICOLO!(*) solo questo attimo del Sacrificio può guarire l'umanità, ma presto capirete! Ora volete donarmi ai vostri fratelli? (Paolo, ....., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) preparate la Via Stretta per le Spose e donatemi! Consegno nelle vostre mani Sangue e Corpo di Cristo, Sacerdozi vivi del mio Amore, e vengo ad abitare nei cuori di ognuno di voi, Sacerdozi, Colonne e Suorine del mio Cuore! Ora, Padre, busso ancora una volta alla Porta del tuo Cuore: ascolta la mia preghiera! Metto tutti nelle tue mani, Padre mio!(***) Padre! Padre! Padre! Padre mio, grazie per avere ascoltato ancora una volta la mia preghiera! Sia benedetto il tuo Nome, Padre mio!(*) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi, a coloro che mi hanno accolto nei propri cuori, ai figli che sono qui riuniti, ai figli che si sono uniti a questa santa preghiera, a coloro che mi avete portato nei vostri cuori; la mia Pasqua è piena ed è risorta: risorgete anche voi nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Vuoi sollevare la Croce? (Telesfore) sì, Gesù, col tuo aiuto!(*) (Piccolo Giovanni) è leggera? (Telesfore) è leggera, si: col tuo aiuto è leggera! (Piccolo Giovanni) è leggera quando la abbracciate con amore; è leggera quando accogliete i vostri nemici; è leggera quando non viene calpestata sotto i piedi ma amata! Paolo della Croce, cosa stai pensando? (Paolo) al peso della Croce e al fatto che diventi leggera quando si abbraccia!(*) (Piccolo Giovanni) hai visto quant’è grande l'Amore di Dio? (Paolo) sì, diventa una gioia portarla! (Piccolo Giovanni) può abbandonarti negli attimi di scoraggiamento? (Paolo) no, questa è una certezza assoluta! (Piccolo Giovanni) e quando cadete per terra, vi lascia da soli? (Paolo ....) no! (Piccolo Giovanni) viene sempre a sollevarvi perché Dio è Padre e non può lasciare i propri figli! È vero, Tommaso? (Tommaso) è verissimo! (Piccolo Giovanni) stai portando un po' di peso in più ma non ti ha lasciato! (Tommaso) questo si! (Piccolo Giovanni) e il peso non lo porti tu, ma Lui! (Tommaso) il mio è piccolo! (Piccolo Giovanni) il tuo è solo l'affanno del mondo e la piccola crocina quotidiana, ma quello che tu pensi di portare lo porta il Padre perché ti ama e conosce la tua capanna come conosce la capanna di ognuno di voi, perché dinanzi a Dio non c'è alcuna distinzione! E il mistero diventa sempre più grande e le gocce scendono sempre di più come la goccia di questa serata!(*) Telesfore, tu cosa hai capito? (Telesfore) io ho capito solo “mistero”! (Piccolo Giovanni) ed è giusto fermarvi dinanzi al mistero per adesso. E nel mistero di Dio, Io vi stringo tutti al mio Cuore aspettando i cuori dell'umanità intera, aspettando i vostri cuori che sbocciano sempre di più per far scendere sui vostri fratelli ciò che Dio vi ha donato e vi dona attimo per attimo: il mistero della Stanza, Dio vivo in mezzo a voi, non abbiate timore se rideranno di voi l'hanno fatto anche con me; se diranno “siete fuori il Vangelo”, l'hanno fatto anche con me; “allontanati, vai via, sei un Gesù che ci stai scandalizzando”, gioite perché grande sarà la vostra ricompensa! Dillo forte, Natanaele! (Natanaele) è già grande averti qui con noi, è giorno di contentezza infinita… <audio non intelligibile> (Piccolo Giovanni) ma i vostri Nomi brillano nei cieli e ancora di più sarà grande! Dimmi, Paolo! (Paolo) quello che stavo pensando? (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) un sacerdote, tramite mia sorella, ha già detto che qui non essendo una chiesa riconosciuta è una cosa che non va! (Piccolo Giovanni) è riconosciuta dal Sacerdozio, da don Mario, che rappresenta Dio! (Paolo) lui dice “dalla Chiesa” (Piccolo Giovanni) un vescovo solo.. (Paolo) ..non fa Chiesa.. (Piccolo Giovanni) ..non fa Chiesa, ma il Sacerdozio che è Dio, fa Chiesa perché è Roccia, e Dio non ha timore delle parole! Rodeva nel tuo cuore.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma l'abbiamo fatto uscire! (Paolo) quello che mi chiedo io.. se questo sacerdote, come tu dici, ha il discernimento! (Piccolo Giovanni) io non giudico i sacerdoti, ma mi fermo a guardare la bocca di chi ha riferito! Chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) il Padre giudica! Ne uccide più la bocca che la spada! Non diventare triste! (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) è vero quello che ho detto? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e vi chiedo di pregare per le creature che usano la bocca per ferire i figli che sono nel Solco; per te è stata una ferita ascoltare queste parole! (Paolo) sì, anche se ha poi aggiunto “se si prega, però, è una cosa bella”! (Piccolo Giovanni)dove due o tre sono riuniti nel mio nome, li ci sono io”, è una cosa bella(*).. è prendere in giro Dio!(*) “lì ci sono io”! Non ce l'ho con te! (Paolo) eh, l'ho capito! (Piccolo Giovanni) è da correggere.. questi figli, perché Dio non deve chiedere l'ordine a nessuno di parlare, di scegliere il luogo. Ha solo detto ai discepoli “andate e ammaestrate, portate la mia Parola ma non aggiungete e non togliete del mio”! Chiaro?, e la mia Parola è viva, è reale, e niente e nessuno può cancellarla: è Vangelo vivo che scende dai cieli! E col Vangelo vivo Io vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, andate in pace e portate a tutti la pace che avete ricevuto, ma quando uscite fuori da questa Stanza baciata da Dio non abortitemi, figli miei, ma fatemi vivere! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi, figli miei! Cocciuta, porta sempre sulle tue spalle i tuoi figli e l'umanità intera, nel fiume di Dio! (Giulia) eccomi, Gesù! (Piccolo Giovanni) ora ho bisogno di riposare nei vostri cuori: volete essere le mie mamme? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete cullarmi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e cantarmi la Ninna Nanna? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ed Io vengo a riposare e a gioire nei vostri cuori! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore. Grazie per tutte le gioie che avete consegnato nel mio Cuore! Quando aprite i vostri cuori e offrite le vostre ferite, per me sono gioie!(*) hai capito, Paolo? (Paolo) sì, ho capito! (Piccolo Giovanni) perché un Papà accoglie tutto quello che la pecorella smarrita dona, e se mi sono fermato a cercarla e a guarirla, mi fermo nell'ascoltare quello che mi dice! Dillo! (Natanaele) è giustissimo! (Piccolo Giovanni) quanti sputi mi sono stati offerti!(*) Quante percosse sul mio capo mi sono state donate ed Io le ho accolte perché vi amo. Quante bestemmie vengono donate al Cuore di Maria, ma come Mamma allarga le braccia e, curva, prega per l'umanità intera e per i peccatori che offendono ancora il Cuore di Dio! Pregate affinché tutti i cuori diventino come la pecorella raccolta sulle mie spalle! Amen! E con questo Amen vogliamo unire la Catena santa(*) e pregare come il Padre ci ha insegnati e tenere alto il Vangelo vivo di questo giorno? tenerlo alto nei vostri cuori per arrivare a gioire nel Cuore di Dio! <Recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  ”non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)“> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre ”non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen!”. Ora andate nella Pace di Dio, portatela al mondo intero, figliuoli del mio Cuore, e non abortitemi: quando uscite fuori non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, figli miei, amici del mio Cuore!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure perché la misura di Dio è una sola! Figliuoli, camminate sempre nel Solco amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici nell'amore, nella pace e nella quiete di Dio, figliuoli!

 

 

         5. Dom 09/11/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce di Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia mia, immolati ancora per l’umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Figlia del mio Cuore, consola ancora il Cuore di Gesù che viene calpestato; immolati come tu sai fare, figlia, nell'abbraccio e nel silenzio dei Dolori vivi della Croce, nei Dolori vivi dei Chiodi e della spada! Figlia mia, il mio Cuore di Mamma Immacolata e Addolorata gronda Sangue implorandovi ad ognuno di voi e all'umanità intera: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici! Imploro ancora i vostri cuori, Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce: combattete il nemico allontanandolo dai vostri cuori! Amate, amate, amate, amate bussando al Cuore di Dio chiedendo lo Shalom del Cuore del Padre, che scenda su di voi e sull'umanità intera! Invocate ed accogliete il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo perché è tempo di amare e riconoscere lo Spirito Santo. Figliuoli miei, Io sono Mamma, Mamma dell'Amore, Mamma dei Dolori, e il mio dolore non è più grande del Dolore del Cuore di Dio. Ciò che portate nei vostri cuori sono piccole frecce che Dio vi dona chiedendovi, ad ognuno di voi: siete disposti ad aiutarmi? Il mio Dolore è il Dolore del Padre nel vedere l'umanità che si perde, l'umanità che cade nella rete del nemico. Siate saldi, figliuoli, poggiandovi sulla Roccia di Dio! La roccia non si rompe, e i vostri cuori rimangono nella pienezza del Padre! Il mondo e ciò che vi racchiude, vola via come polvere! Dio è l'unica salvezza, Dio è l'unica Verità, Dio è l'unica Fonte viva e zampillante e la sua acqua vi disseta e vi dona vita, figli miei! E come Mamma, Io vi invito a camminare sempre nell'abbraccio del Dolore della Croce, nell'abbraccio della sofferenza, dove c'è Dio, dove c'è la pace, dove c'è la Quiete e l'amore; solo nella santa sofferenza potete amare e donare tutto quello che Dio mette nei vostri cuori. Figli miei, vedete, il nemico vi porta fuori dove non c'è la sofferenza; non ascoltatelo ma rimanete nella pienezza della sofferenza della Croce perché Io ho camminato dietro al mio Gesù abbracciando ogni... <qualche parola non è intelligibile> per amore, e così fate anche voi perché Dio vi ha scelti uno ad uno per abbracciare in pieno la sofferenza, le persecuzioni, i dolori, gli sputi che Gesù ha abbracciato per ognuno di voi e per il mondo intero. Ed Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi! Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un’unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi! E vivere il Vangelo è vivere come figli di Dio allontanando dai vostri cuori il nemico col sospiro dell'amore, ma amate e accogliete lo Spirito di Verità che è Dio, figli miei! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) dovrai ancora soffrire e portare sulle spalle i tuoi figli, l'umanità intera! Vedi, figlia, come gronda Sangue il Cuore di Gesù?(*) consolalo come tu sai fare! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) sarai perseguitata ancora a causa del nome di Gesù, ma ricordati sempre il tuo primo messaggio, figlia del mio Cuore! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) ora prendi il Cuore di Gesù!(*) bevi il suo Sangue!(*) bevi e donalo al mondo intero, figlia mia! Vi invito ancora a pregare per l'uomo vestito di bianco e per tutti i miei Figli Ministri! Pregate, pregate, pregate e raccogliete le gocce che il Padre viene a portarvi nella Stanza del suo amore. Il mistero che stiamo vivendo è mistero di Dio: è grande, non ha misure, e ancora con la mente non potete capire, ma accogliete con amore e in pienezza la Parola di Dio che è viva ed è reale in mezzo a voi, Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Ora chiedo ai vostri cuori con amore materno: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell'Amore e nell'ubbidienza del Padre, mi siedo un po'!(*) La Pace e l'Amore del Cristo Risorto, sia sempre viva nei cuori di ognuno di voi! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'amore, nella verità e nella luce del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi per volere del Padre e per amore dello Strumento. Sono qui a gioire nel portare il Dolore della Croce, ad indicarvi sempre la Via Stretta, il Solco del santo Vangelo del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Il mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno è gioioso nel vedere la mia famiglia, ma è triste e gronda Sangue nel vedere l'umanità che si perde; nel vedere il nemico che trascina nella sua falsa luce molti figli. Il suo tempo è breve, ma Io grido col Cuore aperto e grondante di Sangue “non dategli spazio”, aprite la porta a Dio e entrate per la Via Stretta, ma chiudete la sua porta al… <qualche parola non è intelligibile> e mettendovi poggiati sul letto della Croce, la sofferenza lo annienta e l'amore, rimanendo saldi nel Cuore di Dio. Come Sacerdozio vivo ed eterno ve l'ho sempre gridato e ve lo grido ancora, invitandovi ad ascoltare la Piccola Cocciuta: lei lo chiama “esserino”, il significato è “zero”, e non donargli spazio, ma donarsi tutto per Dio nella gioia, nel dolore e nel dire “eccomi, Padre, sono un servo inutile: fa di me quello che vuoi, ma io voglio suonare solo la tua musica e parlare del tuo Amore e accogliere in pieno la Parola viva che solo tu, come Padre, poi donarmi”. Figliuoli, il Parto è pieno, è in mezzo a voi, e Dio ha bisogno dei suoi discepoli per allontanare il nemico e far scendere in pienezza sul Paradiso che vi ha regalato lo Shalom del suo Cuore, figli, ma vi ripeto ancora una volta: ricordatevi che Io sono Sacerdozio vivo ed eterno all'ubbidienza di Dio Padre, e per amore dello Strumento sono qui in mezzo a voi a parlare e la mia gioia è grande, non permettete al nemico di togliervi la gioia, ma siano i vostri cuori aperti verso il Vangelo e portando il peso che viene poggiato sulle vostre spalle! Figliuoli del mio Cuore, pregate ancora, pregate ed immolatevi perché i tempi che scenderanno saranno pesanti. Solo la fede vi fa camminare e andare avanti e la luce di Dio e del santo Vangelo! Figli miei, chiedo ai vostri cuori di accogliere il peso che Dio poggerà ancora su di voi Discepoli, su di voi Colonne, su di voi Suorine del Cuore della Croce! Vi invito a vivere il Vangelo, a farlo crescere nei vostri cuori e a farlo conoscere nella semplicità e nel dire sempre “eccomi, sono un servo inutile ai piedi della Croce dopo aver lavorato nella vigna, Padre”. Ma anche se il mio Cuore gronda Sangue, avete vissuto il santo Vangelo di questo giorno? <Dom. della 32° sett./B dedicazione della Basilica Lateranense Gv. 4,19-24.> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e cosa è rimasto nel tuo cuore, Paolo? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, anch'Io sono qui nella gioia e nel dolore.. vedi che il tuo microfono non funziona! (Paolo) è troppo alto il volume, questo volevo dire! (Telesfore) si è addormentato il.. (Piccolo Giovanni) ..alza la voce di più in cielo.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..anche se non ce n'è di bisogno! (Paolo) e non ce n'è di bisogno, si (Piccolo Giovanni) ma non temete, anch'Io a volte mi addormentavo, e la mia stanchezza non era solo il guidare, era anche il peso di ognuno di voi e dell'umanità intera, ma zitto chiudevo gli occhi ma sentivo ugualmente (Paolo) con gli occhi chiusi! (Piccolo Giovanni) dimmi, non parlarmi del tuo cuore.. (Paolo) ..no.. (Piccolo Giovanni) ..perché lo conosco già! (Paolo) no, è meglio di no! (Piccolo Giovanni) lo conosco meglio di te, e adesso passo la mia mano sul tuo cuore come quando tu passi la spugna sui piatti.. (Paolo) ..uh.. (Piccolo Giovanni) ..dopo aver mangiato. Quel poco che è rimasto sul piatto si toglie e rimane la luce di Dio, l'unica Fonte che ci dona la forza, la quiete e l'amore per prendere la Croce e salire quella piccola stradina stretta che ci porta a gioire nel Cuore di Dio, ed è l'unica Verità, l'unica sicurezza, l'unica via che ognuno di noi deve tenere stretta nel momento del temporale! È bella questa frase? (Paolo) si, è molto bella, si! (Piccolo Giovanni) e quando viene il temporale apri l'ombrello di Dio: sai qual'è? “la Croce” e poggiarsi in pieno! È il mio lettuccio che il Padre ha preparato per te e per tutti i figli quando il nemico vi vorrebbe far cadere. La Cocciuta lo usa sempre il letto della Croce per prendere forza! Cosa stai pensando? (Paolo) a quello che stai dicendo! (Piccolo Giovanni) e cosa vuoi dirmi? <5 colpi di tosse con una alitazione> Io lascio scendere prima l'Alito dello Spirito Santo (Paolo) che ti dico Giovanni?, che in alcuni momenti penso di non riuscire a far fronte a tutti problemi che mi si presentano (Piccolo Giovanni) ti ho già detto cosa devi fare: ho anticipato.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..un po' di quello che in questi giorni è nel tuo cuore! Non nella giornata di oggi.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma da un bel po'.. (Paolo) ..si, in questo periodo.. (Piccolo Giovanni) ..di tempo! Il nemico è astuto e si deve solo combattere con l'amore! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) il sì dev'essere sì! (Paolo) eh (Piccolo Giovanni) quando si presenta il nemico lo devi far scomparire col sì di Dio che è l'amore! Il tempo è di Dio, non tuo! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ho trafitto ancora di più il tuo cuore? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) e allora allarga il sorriso di Dio e dimmi del santo Vangelo! (Paolo) ieri a messa ho imparato una cosa che non sapevo: che San Giovanni in Laterano a Roma è proprio quella centrale, quella.. la sede del Papa! ............ (Piccolo Giovanni) alla Piccola Cocciuta gli dicevo sempre “aspetto la cattedrale di Giovanni”. Lei diceva “ma c'è già quella del Papa, si chiama Giovanni”, “Io aspetto la prima”, perché la prima era di Giovanni.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e ancora non capiva, ma poi ha capito, e quando gli dicevo se riuscireste a capire la mia casa cos'è, non si finirebbe di fare il pellegrinaggio”(*) <si riferisce alla sua piccola capanna di Lauria> Giovanni di oggi”.. e alzo le mani!   (Paolo) io.. (Piccolo Giovanni) ..e la via la Piccola Cocciuta la vedeva arrivare dal Giovanni di oggi alla Stanza! Siamo in un mistero troppo grande! (Paolo) ma io sto pensando una cosa ma non la dico! Dico solo che.. (Piccolo Giovanni) ..ti fermo che non devi.. (Paolo) ..si, dico solo che.. (Piccolo Giovanni) ..andare avanti.. (Paolo) ..“nel Vecchio Testamento”, diceva pure il sacerdote ieri a Camigliatello, “la centralità era costituita dalla cattedrale di Gerusalemme, nel Nuovo Testamento, San Giovanni in Laterano a Roma”. Non ho capito però perché il Papa è a San Pietro; questo non l'ho capito!  (Piccolo Giovanni) è lì che alzo le mani.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..perché anche la Piccola Cocciuta mi ha fatto questa domanda, “ma se la prima chiesa era quella, perché ora il Papa l'hanno messo in un'altra chiesa?”, e per farla ridere dicevo “hanno sbagliato la strada(Paolo) ma.. (Piccolo Giovanni) ..come è successo qui: la chiesa doveva sorgere nei paraggi, ma si trova all'altra sponda della ferrovia!(*) stai riflettendo? (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) stai riflettendo? (Paolo) si. A quei tempi.. (Piccolo Giovanni) ..ma è nata ugualmente, piccola come il Padre l'ha voluta! Ma lasciamo a Dio far crescere quella grande dove Io l'ho puntata e la Piccola Cocciuta ti ha raccontato questo: lo ricordi? (Paolo) si, ricordo qualcosa della cattedrale che dovrà.. <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) quante me ne diranno con tutte queste cose nuove.. (Paolo) .. eh, sono.. (Piccolo Giovanni) ..che sto donandovi: le gocce! (Paolo) eh, altro che gocce.. (Piccolo Giovanni) ..goccioloni.. (Paolo) ..adesso è venuto proprio un temporale, altro che gocce! (Piccolo Giovanni) ma voi siete riparati dall'ombrello ed è quello di Dio! (Paolo)allora San Giovanni in Laterano”, diceva il sacerdote “era l'unica chiesa con il battistero”, ecco perché era considerata il punto centrale proprio.. (Piccolo Giovanni) ..ma fatta da uomini! (Paolo)fatta da uomini”, si! Ed io.. (Piccolo Giovanni) ..e la storia si ripete! (Paolo) si! Mi spiego perché ehm.. per Dio non è importante una o l'altra chiesa, cioè sono.. (Piccolo Giovanni) ..“la Chiesa(Paolo) ecco, è importante “la chiesa”.. (Piccolo Giovanni) ..quella dove… <in questo punto, per un'errata manovra sulla piastra di registrazione, durante il cambio cassetta siperdono molti secondi di messaggio> (Paolo) ...e stavo dicendo, queste sono delle costruzioni che Dio ci dona come simbolo, come punto di riferimento di.. (Piccolo Giovanni) ..quello che diceva in questo giorno in piccolo don Massimiliano! (Paolo) io non l'ho ascoltato! (Piccolo Giovanni)non si devono guardare le mura!(Paolo) si (Piccolo Giovanni)ma la Chiesa, ..e siete tutti voi!(Paolo) si, e adesso mi viene da pensare anche: il Vangelo di Giovanni in cui Gesù entra nella sua casa e trova il mercato, i cambiavalute, i venditori di colombe.. (Piccolo Giovanni) ..e cancella con una bella frusticella.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e caccia via tutti.. (Paolo) ..e caccia via tutti.. (Piccolo Giovanni) ..“non fate della mia casa..”, lo ricordi? (Paolo) eh, le parole non.. non.. (Piccolo Giovanni) ..chi lo ricorda? (Qualcuna) ..un mercato.. un luogo di mercato.. (Paolo) ..un luogo di mercato; e quelli stupiti dice “ma tu chi sei per dire queste cose?, come ti arroghi il diritto di dire certe cose?, dimostraci che tu.. chi sei tu?, dimostraci chi sei tu per poter dire queste cose!”, e a lui risponde in un modo che, non lo so se loro hanno capito o meno. L'hanno capito dopo, successivamente, ma al momento non l'hanno capito.. perché ha parlato di far risorgere il tempio in tre giorni.. (Piccolo Giovanni) ..peggio che peggio! (Paolo) eh, infatti! (Piccolo Giovanni) non hanno capito il gesto di “cacciare fuori”.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..“e adesso ci dice che distrugge il tempio e lo ricostruisce in tre giorni(Paolo) in tre giorni, si! (Piccolo Giovanni) ma il tempio era Lui! (Paolo) si, poi l'hanno capito quando è morto ed è risorto, ricordandosi delle parole che aveva detto prima (Piccolo Giovanni) hanno riunito le gocce.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..come fate voi quando i vostri occhi si apriranno in pieno! (Paolo) ehm.. ieri.. (Piccolo Giovanni) ..vi dico una parola, non la capite, poi, unendola all'altra goccia.. (Paolo) ..si capisce.. (Piccolo Giovanni) ..si capisce! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> come questa bella tosse! (Paolo) lo sai che ieri ho pensato molto al fiume, perché ne parlava la lettura..  (Piccolo Giovanni) ..questo che abbiamo? (Paolo) il fiume che da dove passa purifica tutto (Piccolo Giovanni) quando questo doveva farlo, non riusciva a capire “ma che mi sta facendo fare questa a me?(Telesfore) e come facevo a capirlo? (Paolo) e non è facile! (Piccolo Giovanni) gli dicevo una cosa alla volta e continua! (Paolo) ho pensato, come mio solito, a tante cose (Piccolo Giovanni) tutte insieme? (Paolo) devo cercare adesso di metterci un po' d'ordine (Piccolo Giovanni) dividerle.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..perché tutte insieme.. (Paolo) ..si, sono.. <Giovanni dice qualcosa ma viene coperto dalla voce di Paolo> (Piccolo Giovanni) ..solo un cestino di tanti frutti.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma da dividere (Paolo) da dividere, si! Certo è una cosa molto bella questo.. questo Fiume di Dio! (Piccolo Giovanni) come una spugna che prima è passata sul tuo cuore! (Paolo) si, un fiume che da dove passa rinverdisce tutto.. ricco di pesci, che purifica il mare dove.. dove sfocia.. e questo fiume che nella lettura sgorgava dalla basilica di San Giovanni, guarda caso dove tutti ricevevano il battesimo (Piccolo Giovanni) e l'avete dinanzi a voi l'Acqua dell'Amore! Quando dicevo alla Piccola Cocciuta “qui io non solo non ce la faccio a battezzare tutti”, e lei sorridendo mi diceva “ce la fai, ce la fai” (Paolo) eh, si!(*) (Piccolo Giovanni) siete rimasti senza il battesimo? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) e Dio fa rimanere i suoi figli senza battesimo? (Paolo) no!(*) per ogni testamento di Dio c'è un riferimento preciso! (Piccolo Giovanni) Dio è Roccia! (Paolo) Gerusalemme, Roma.. e.. (Piccolo Giovanni) ..e stop! (Paolo)e stop”.. (Piccolo Giovanni) ..alzo la paletta dello stop!(*) <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Paolo) Giovanni, quando.. quando tu dici che il mistero è troppo grande per poterlo capire, io non so più cosa pensare! (Piccolo Giovanni) e in quell'attimo fermati.. (Paolo) ..perché.. (Piccolo Giovanni) ..perché è troppo grande! (Paolo) perché se penso già alla grandezza di quelle cose che io credo di aver capito e poi mi sento dire che è troppo grande per poterlo capire, io, allora, a quel punto lì mi smarrisco che non riesco più a.. (Piccolo Giovanni) ..in quell'attimo fermatevi e rifugiatevi nel Cuore di Maria perché non si può ancora arrivare a comprendere tutto. Si potrebbe uscire fuori il Solco! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) come quando la Piccola Cocciuta mi fermava: “questa sera io ho deciso di dire tutto”, e lei mi diceva “no, fermati, ancora non sono pronti e si potrebbero perdere”, ma io conoscendo il suo Cuore, lo facevo per vedere se lei mi diceva “parla”! Salda nell'ubbidienza al Padre! È così che dovete rimanere! “Aspettatemi, io verrò”, e quel “aspettare” significa avere fede nella parola “aspettatemi, io verrò”, e quando io verrò i vostri occhi si apriranno. Ora sono in mezzo a voi per volere del Padre, parlo attraverso lo Strumento, ma io sono in mezzo a voi e ancora il Padre non fa aprire i vostri occhi per vedermi, ma io sono qui vivo e reale in mezzo a voi e nel mondo intero! È grande il mistero! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) volete amare il Padre? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e fare la volontà del Padre? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) siate Roccia viva dell'Amore dello Spirito Santo ma state attenti al nemico, combattetelo solo con l'amore e dinanzi alla Croce “eccomi, sono un servo inutile dopo aver lavorato!”, chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dire ancora?(*) (Paolo) voglio dire che io non sarei in grado di camminare su questa strada da solo se non ci fosse la Cocciuta a tirarmi e a trascinarmi, e tu che mi parli in questo modo! (Piccolo Giovanni) ti ho mai lasciato da solo? (Paolo) no, questo mai! (Piccolo Giovanni) e la Piccola Cocciuta? (Paolo) nemmeno lei! (Piccolo Giovanni) nonostante sei grande e grosso ti porta sulle spalle! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) a tutti voi, per amore del Padre e perché siete figli e vi ama! Siete nel progetto del Cuore Immacolato di Maria: il Padre così ha scritto!(*) è un'altra goccia grande! (Paolo) si, questo mi riempie di gioia! (Piccolo Giovanni) ma non temere, Io come Sacerdozio vivo ed eterno ti ho catturato nella rete e non ci sono buchi: non ti lascio. La rete che ha gettato la Piccola Cocciuta e più stretta ancora, perché vi deve portare sulle spalle! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) dì quello che devi dire! (Paolo) ti dico “grazie, Giovanni”, che ti devo dire! (Piccolo Giovanni) devi dire “grazie, Papà, perché ci hai abbracciati abbracciando la Croce”, “grazie perché sei venuto a cercarmi, Papà, e mi porti a far festa al Banchetto Nuziale”: è questo che devi dire, tu, i tuoi figli, i tuoi fratelli! “Grazie, Papà, grazie perché ci doni la gioia di essere tuoi figli”! Chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) ora il cuore è bello lucido: sei contento? (Paolo) sì, molto! (Piccolo Giovanni) e cammina sempre portando la Croce; non dimenticarlo: la sofferenza ci porta a Dio! E quando diventa più forte sei in pienezza nel Cuore del Padre, e non ti devi spaventare ma gioire! Chiaro? (Paolo) sì! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> ................. (Paolo)della Croce, delle spade e dei Chiodi”, si!(*) (Piccolo Giovanni) Telesfore, a te te li do direttamente! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> cosa mi dici tu? (Telesfore) io ti dico che non sappiamo fare niente (Piccolo Giovanni) servi inutili dinanzi alla Croce: non dovete vantarvi di quello che sapete fare perché Io lo conosco, ma dire sempre “non siamo buoni a nulla(Telesfore) non siamo buoni a nulla! (Piccolo Giovanni) ma Dio conosce i frutti buoni e li raccoglie, e quando la Piccola Cocciuta vi sgrida, fa crescere ancora di più i frutti buoni! Ma qualcuno allunga il muso nel sentire le sue grida! Si è un po' fermata ma dovrebbe farne di più: vuole gioire nell'abbracciare tutti i dolori vostri! (Telesfore) veramente con me grida sempre! (Piccolo Giovanni) ma di qua ti entra e di qua ti esce(*), come anche (per)tutti gli altri!(*) Anche se lei dice la parola del Vangelo gli viene risposta al contrario! Ehm.. e voi non conoscete il dolore che in quell'attimo viene offerto al Cuore di Dio e al suo Cuore!(*) ti sei fermato? (Telesfore) io, come un bimbo, vorrei diventare sempre un poco per volta più buono, però.. (Piccolo Giovanni) ..e ascoltare. L'ascolto, la parola! Si diventa buoni quando si è nel Solco del Vangelo e nel solco dell'ubbidienza; e non ripetere sempre “non siamo buoni e non sappiamo fare nulla” ma dire sempre “sono un servo inutile”; ..e ripetere “non sappiamo far nulla” è come voler sapere far tutto, ma nell'umiltà camminare con la Croce dietro a Gesù Unico Maestro! Hai mai sentito dire alla Piccola Cocciuta “io sono perfetta”?  (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni) o “mi metto sul piedistallo e dovete inchinarvi dinanzi a me”? (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni) serva inutile ai piedi della Croce! ..e aggiunge nelle sue preghiere: “Padre, mettimi dove tu vuoi! Io ti offro i miei dolori di questo giorno, tu mettimi dove voi!”, chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) è chiaro anche per voi? (Tutti) sì!(*) (Telesfore) mi è.. mi hai ricordato una frase della prima apparizione che la Cocciuta ha avuto! (Piccolo Giovanni) cosa ha detto? (Telesfore) ehm.. quando si è recata sotto la quercia ha detto “eccomi, sono qua come tu volevi: fai di me quello che tu vuoi”. Questa è la sua presentazione! (Piccolo Giovanni) portando i fiori..  (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..come simbolo di amore e di purezza! (Telesfore) fiori rossi! (Piccolo Giovanni) quando si passa attraverso il Sangue si è unificati! È chiaro?, perché lei ha abbracciato i Chiodi dal primo istante e gli ho messo il mio Sigillo di Sacerdozio vivo ed eterno!(*) Ma dimmi ancora! (Telesfore) quando ci troviamo in difficoltà ché si verificano tanti avvenimenti tutti in una volta, che tu non riesci a farcela.. che dici “non ce la faccio”, quello è il nemico che ci mette il bastone per non farci andare avanti?, perché noi, la prima cosa che diciamo “non ce la faccio, butto la..” ..come?.. (Piccolo Giovanni) Ricordi, quando la Piccola Cocciuta ha dei dolori troppo forti dice “non ce la faccio questa volta!”: ricordi queste parole? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) ma lei si poggia sempre sull'unica Verità: sul letto della Croce, e quando è poggiata sul letto della Croce il nemico gli darà fastidio, ma non gli(la) toglierà dalla Croce! “Scendi se sei il Figlio di Dio, così tutti ti credono”, “ora sei carico, lascia questa strada, prendi quella larga”. Tu cosa vuoi fare?, rimanere col peso è rimanere abbracciato a Gesù o “non ce la faccio e mi sposto dall'altro lato”?, cosa vuoi fare? (Telesfore) io voglio rimanere abbracciato a Gesù e allargare le braccia.. (Piccolo Giovanni) ..e dire sempre “eccomi sono un servo inutile(Telesfore) ..è così.. (Piccolo Giovanni) ..e ricordare la frase della Piccola Cocciuta quando si è presentata! (Telesfore) la devo dire?, quella che ho detto poco fa? <Giovanni assente con la testa> eccomi, sono qua come tu volevi: fai di me quello che tu vuoi!(Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Ripetetela sempre quando siete stanchi e prendete forza dall'unica Verità del santo Vangelo della Croce! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) e cosa vuoi dirmi ancora?(*) ..non ti sgrido! (Telesfore) facci ardere parlando di Maria! (Piccolo Giovanni) dire solo “Mamma” è ardere! È vero, Paolo? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) si può dire di più di “Mamma”? (Paolo) ci si riempie.. (Piccolo Giovanni) ..c'è qualche altra parola che fa ardere il cuore? “Mamma”! (Paolo) solo a pensarlo il Nome senza nemmeno dirlo con le parole ci si riempie il cuore! (Piccolo Giovanni) non solo arde, la fiamma.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..si innalza verso il cielo e la luce avvolge l'umanità intera! Capriccioso di Dio! E voi che siete le mamme di Gesù, Gesù arde nell'abitare nei vostri cuori, arde quando lo donate, arde quando abbracciate i piccoli, i poveri, gli emarginati, i figli drogati, i figli che non hanno un pezzo di pane e voi gli donate il Pane vivo che il Padre mette nei vostri cuori!(*) Siete i gioielli di Dio sulla terra!(*) quando fate tutte queste cose, fate a Maria: ai piccoli, ai poveri, agli emarginati! A coloro che non hanno un tetto, un pezzo di pane, questi piccoli gesti sono grandi perché li fate al Padre. E di questo dovete esplodere di gioia, ma dire sempre “eccomi, sono un servo inutile”, ma dentro di voi gioire con Gesù! (Paolo) si accontenta di così poco, Gesù! (Piccolo Giovanni) non chiede molto: solo amore!(*) mentre voi vi affaticate, vi affannate per le cose del mondo che poi passano! Dio vuole solo amore, come amore dona ad ognuno di voi e all'umanità intera e vi invita ad essere sempre umani! Chiaro? (Paolo) si!(*) (Piccolo Giovanni) è chiaro anche per te? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora?(*) (Telesfore) voglio dire che nonostante il tuo Cuore.. (Piccolo Giovanni) ..gronda Sangue.. (Telesfore) ..gronda Sangue.. (Piccolo Giovanni) ..lascio scendere il Fiume dell'Amore, e quanta santa pazienza devo avere con tutti voi, capricciosi di Dio! Cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) se tu ci hai scelti vuol dire che ci devi sopportare! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) grazie! Eh, si, conoscendo i vostri cuori, Dio non.. <audio non intelligibile> ..ma li raccoglie come sono e non lascia nessuno fuori dalla sua porta, Dio la tiene aperta, ma sta a voi decidere se volete entrare: ad ognuno di voi e all'umanità intera! Chiaro?  (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) ora cosa vuoi fare? (Telesfore) ora consoliamo il Cuore grondante di Sangue di Maria! (Piccolo Giovanni) oggi ve lo chiedo in modo particolare: Maria viene trasportata come un oggetto di qua e di là! Ricordiamoci che Maria è Madre, non trafiggiamo ancora il suo Cuore ma facciamola vivere portandola nei nostri cuori e non portare Maria di qua e di là come un piccolo oggetto di raccolta! Come la frase che io ho scritto su un mio libro, non voglio ripeterla, ma sia Maria l'unica Fonte viva e zampillante, non uno Strumento da usare! Preghiamo con queste intenzioni, innalziamo questa Ave Maria col cuore ricordandoci che Maria è Mamma, e dire “Mamma” si accende il nostro cuore! <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un'Ave Maria insieme a Giovanni> (Piccolo Giovanni) figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE È VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO!(*) Rimanete rocce camminando sempre sulla Via del santo Vangelo, abbracciando sempre la santa sofferenza per poi nascere nel Cuore di Dio. E come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito ancora una volta a pregare per l'uomo vestito di bianco, per tutti i Figli Ministri, per il mio popolo e per la mia Piccola Marì! Figliuoli, siete tutti  nel mio Cuore senza fare alcuna distinzione, voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e i figli che si sono uniti, i figli che avete portato in questa santa Stanza nella preghiera fatta col cuore. E vi ricordo ancora di amare, di perdonare, di usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici usando l'amore per annientare il nemico. Vi invito all'ubbidienza perché Io sono all'ubbidienza del Padre ed ora devo salutarvi sigillandovi uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figli miei!(*) Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) abbraccia ancora ciò che il Padre vuole donarti! (Giulia) eccomi, Giovanni, chiedo solo il tuo respiro!(*) (Piccolo Giovanni) ora, come Sacerdozio vivo ed eterno, lascio scendere su di voi la benedizione di Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo. Andate nella Pace e nella quiete di Dio donandola al mondo intero, figli miei! Tu, Piccola Cocciuta del [Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari] <... per un problema tecnico accorso durante il cambio cassetta si perdono alcuni secondi di messaggio il cui testo probabile è quello riportato in parentesi quadre> che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi, figli miei! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero, figli del Cuore della Croce! Andate in pace, Pargoli del mio Cuore, donando al mondo intero ciò che Dio ha donato ai vostri cuori! Grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure perché la misura di Dio è una sola! Figliuoli del mio Cuore, vi amo, non dimenticate il mio Amore per ognuno di voi e per l'umanità intera; donatelo a tutti, figli!

 

 

         6. Giov 13/11/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce. Gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i Calici Misti, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*). Figlia, immolati ancora per l'umanità tutta;  immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Abbraccia in pienezza i Dolori del Parto vivo che passano attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, prega e fai pregare i tuoi figli e l'umanità intera affinché lo Shalom del mio Cuore abbracci l'umanità intera perché Io vengo in mezzo a voi e nel mondo intero a portare la mia Pace, il mio Amore, la mia Quiete. Vi chiedo ancora, figliuoli, di pregare per l'uomo vestito di bianco che, curvo, porta la Croce sulle spalle per ognuno di voi e per l'umanità intera. Ma in questo tempo pregate e consolate il Cuore di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera! Guarda, figlia, guarda ma non spaventarti di ciò che vedi!(*)  (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù!(*) (Gesù) non chinare il capo, ma guarda ancora! (Giulia) cosa posso fare?, posso dire ciò che vedo? (Gesù) puoi dire solo che è un flagello e sta per scendere sull'umanità! Chiedo solo al tuo Cuore, figlia, e al cuore dell'umanità intera di pregare e di accogliere come unico Dio il Dio della Croce: il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! (Giulia) Gesù, mi inchino solo dinanzi a te chiedendo Misericordia per me, misera peccatrice, e per l'umanità intera. Gesù, donaci sempre la tua acqua, donaci la tua mano per non poter cadere e camminare sempre nel Solco del tuo Amore Divino; tu che sei Papà buono, aiutaci ad aiutare i fratelli che non ti conoscono, e come serva inutile, poggiati quanto vuoi sulle mie spalle. Gesù, in questo giorno metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, ma in modo particolare metto i miei nemici, coloro che non hanno conosciuto il tuo Amore e trafiggendo me trafiggono il tuo Cuore, il Cuore di Maria! Gesù, insegnaci ad amare col tuo Amore Divino! (Gesù) figlia, eccomi, Io vengo nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e vengo a portarvi il mio Cuore chiedendo ad ognuno di voi di amare come Io vi amo. Figlia, sei ancora disposta ad abbracciare i Chiodi divini per ciò che hai visto? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) unisci le tue mani alle mie nell'unico abbraccio della Croce, figlia! <1º grido>(*)sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù, perché sei in questo mare di Sangue?(*) cosa fai in tutto questo Sangue, Gesù?(*) ..scorre e non si ferma, ma tu rimani fermo e non cammini come cammina il Sangue! (Gesù) vedi, figlia, vedi com'è lungo questo mare di Sangue che tu vedi? (Giulia) copre tutta l'umanità intera, Gesù, ma tu rimani fermo ad un bivio: che significato ha? (Gesù) il significato è: il Parto è pieno ed è in mezzo a voi, figlia del mio Cuore! Ed Io sono vivo e reale in mezzo a voi, ma il Sangue scorrere, cammina, perché il mio Amore non ha limiti, si dona per coloro che aprono la porta e mi accolgono! Pregate, pregate in questo tempo e allontanate il nemico amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, figli del mio Cuore! Ma ho bisogno ancora di te: vuoi unirti ancora alle mie mani?, vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini per i flagelli che scenderanno ancora sull'umanità?, perché siete in pochi a pregare! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) ecco le mie mani: sono tue! (Gesù) vieni! <2º grido>(*)sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) si, figlia!  (Giulia) il Sangue è aumentato e cammina più veloce! (Gesù) si, figlia, ma Io vi invito a camminare nel Solco e a tenere alto il santo Vangelo, ad abbracciare la Croce perché i tempi sono pieni e vi chiedo ancora una volta di essere vigilanti e preparati perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno, ma sappiate che la mia Promessa è duratura ed Io verrò: non dimenticate le mie parole di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! In questo tempo vi chiedo di combattere con Maria la battaglia dell'amore, di tenere alto lo scudo che vi è stato consegnato! Figliuoli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito a preparare i vostri cuori per i tre giorni di buio! Ricordate sempre: la Croce è il punto che dovete guardare unendovi alla preghiera che è il vostro cibo, perché in quei giorni ci sarà la luce della preghiera! Dove i cuori sono uniti al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, si accenderà la candela benedetta! Pregate per tutti i figli che non vogliono accogliere la Parola viva che scende in mezzo a voi nella Stanza del mio Amore! Figli, non vengo a turbare i vostri cuori ma vengo ad indicarvi la via che porta nel Cuore del Padre che è il Solco! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, in questo giorno riceverai un'altra spada: vuoi accoglierla secondo le mie intenzioni?, ma rimarrà anche questa fuori! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) anche questa poggerai ovunque andrai! <3º grido, ed il piccolo Davide Mario inizia a piangere>(*) sollevati, anima mia ..e non temete per il pargolo: passano i Dolori del mio Amore, accoglieteli! La Piccola Cocciuta li riceve nella sua carne, voi li accogliete abbracciando i Dolori vivi del grido del mio Amore che scende su di voi e sull'umanità intera, sui figli che si uniscono a questa santa preghiera! Figliuoli miei, il grido del mio Cuore è: “Pregate per la pace! Pregate per la pace!” Pregate affinché nel mondo intero venga accolta e abbracciata la Pace del mio Cuore; non abbiate fiducia della pace degli uomini ma prostratevi dinanzi alla Croce e implorate Misericordia, Misericordia, Misericordia, figliuoli del mio Cuore! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi; e ora è tempo di vivere il Vangelo, di masticarlo e di donarlo ai fratelli e non abbiate timore di niente e di nessuno: Dio è con voi e nulla può distogliervi dallo sguardo divino del Legno della Croce del Gesù che è morto ed è risorto per donarvi la vita eterna! Vi chiedo di rimanere saldi nell'amore della roccia che è Dio! Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, camminate sempre seminando il seme della Parola viva amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! E non abbiate paura di chi uccide il vostro corpo, ma abbiate timore di chi può uccidere l'anima. Non permettete al nemico di rubarla, ma gridate “Dio è in mezzo a noi, Dio è vivo, Dio è reale, Dio parla del suo Amore Infinito di Padre Misericordioso”. Prendi ancora nelle tue mani il mio Cuore, figlia!(*) Prendilo!(*) Vedi come arde d'amore e come gronda Sangue per l'umanità? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) bevi ancora il Sangue!(*) donalo ai tuoi figli nell'abbraccio della Croce!(*) (Giulia) Gesù, io non sono degna né di prendere nelle mie mani il tuo Cuore e neanche di donare l'abbraccio! (Gesù) figlia, il Padre ti ha mandata e tu sei lo Strumento, lo Strumento che suona la musica di Dio, lo Strumento della pace, e il Padre ti sta usando in questo tempo donandoti tutte le spade per poggiare e segnare col Sangue vivo ovunque vai! (Giulia) Gesù, non sono degna di questo, ma come serva inutile mi inchino dinanzi alla volontà del Padre chiedendo un po' nel tuo respiro! (Gesù) il carico è pesante ma Dio è con te, la grazia di Dio è su di te e sui tuoi figli che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Camminate sempre nel Solco e non fermatevi, figliuoli, le gocce che il Padre fa scendere dai cieli, raccoglietele e amate, amate, amate, perché Dio vi dona tutto l'amore, e abbiate fede: solo avendo fede potete fermare le guerre e i flagelli, ma deve essere salda e viva come la Roccia di Dio, figli del mio Cuore! Ora vi chiedo ancora una volta: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella verità, nella luce e nella quiete del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a portarvi la verità e la luce del Padre, ma vengo a portarvi i Dolori del mio Cuore nel vedere l'umanità sorda e cieca. Come Sacerdozio vivo ed eterno vi indico sempre la Via Stretta, il Solco del Cuore del Padre, il Solco della vita eterna dove c'è gioia, dove non c'è divisione, dove non c'è guerra ma solo amore, gioia; dove scorre il latte del Cuore Immacolato di Maria, la Mamma che ha abbracciato l'umanità intera ai piedi della Croce: “ecco i tuoi figli”; e Maria, Mamma Immacolata e Addolorata, in questo tempo invita ognuno di voi, figli del Cuore della Croce, ad essere saldi, a portare sulle proprie spalle la Croce, l'umanità che va alla perdizione abbracciando e accogliendo i sussurri del nemico: combatteteli! Combattetelo con l'amore, perché solo amando potete allontanarlo, solo amando potete spezzare quel filo di tempo che gli è rimasto e sta trascinando molti Figli Ministri, molti piccoli Giovanni. Pregate, figli, pregate, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, fermatevi e camminate sulla Via del Vangelo! Come Sacerdozio vivo ed eterno vi ho sempre portati e vi porterò sempre nel Solco, ma ho bisogno di voi, ho bisogno dei vostri cuori, ho bisogno dei nostri sì innalzati al Padre, figliuoli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sarai perseguitata ancora a causa del mio nome, ma vuoi compiere ciò che il Padre ha lasciato nelle tue mani? (Giulia) Giovanni, tu sai bene che il mio Cuore l'ho donato al Padre e il Padre mi ha donato in dono il tuo!(*) Nel dolore avreste(??) gridato “voglio tornare a casa”, ma il mio Cuore è nelle mani del Padre(*). Vorrei gridare “voglio tornare a casa”, ma sussurro “Padre, sia fatta la tua non la mia volontà. Eccomi” (Piccolo Giovanni) figlia mia, quanto ti costa il sì donato! (Giulia) è bello, Giovanni, abbracciare in pieno i Dolori e far gioire il Cuore di Dio! (Piccolo Giovanni) figlia mia, non temere, il Cuore Immacolato di Maria trionferà nel mondo intero e in questo Luogo baciato da Dio! Ma chiedo ad ognuno di voi: avete vissuto il santo Vangelo.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..di questo giorno? <giov. 32° sett. T.O./B Lc. 17,20-25> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, per volere del Padre sono ancora qui in mezzo a voi, e per me è gioioso abbracciare e accarezzare la mia famiglia, i miei figli, i miei Discepoli, le mie Colonne, le mie Suorine! (Paolo) anche per noi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) per voi ancora è più grande accogliere il Sangue e la Carne che il Padre lascia scendere vivi e reali in mezzo a voi nel mistero pieno del Parto! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> ed Io lascio scendere l'Alito dell'Amore dello Spirito Santo! E dimmi, parlami un po' di ciò che è rimasto nel tuo cuore del santo Vangelo! (Paolo) mi fa pensare più di prima al mistero del Regno di Dio il Vangelo di oggi! Io anche da ragazzo sentivo sempre dire che Dio verrà: lo dicono tutti, e mi ero sempre costruiti dentro la mia immaginazione delle scene, delle visioni, e adesso che sono immerso anch'io, come tutti noi, in questo mistero, leggendo il Vangelo di oggi mi accorgo che è sempre più mistero! E quando penso di averci capito un po', mi rendo conto poi di non averci capito proprio niente, perché noi siamo abituati a pensare.. (Piccolo Giovanni) ..alle grandi manifestazioni.. (Paolo) ..si, cosa che non.. (Piccolo Giovanni) ..alle feste in piazza, ai preparativi! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) Dio invita a preparare i cuori! (Paolo) ne ho visto una, a proposito di preparativi, oggi in televisione per caso!(*) ..alziamo le mani! (Piccolo Giovanni) alziamo le mani! (Paolo) ho pensato.. nel vedere la Mamma sventolata in quel modo “ai quattro venti”, alle parole che dici sempre tu!(*) ..e non sapevo cosa pensare! (Piccolo Giovanni) la preghiera è il filo nell'ago per cucire le ferite che vengono offerte al Cuore di Maria! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) la preghiera! Ed Io l'ago lo usavo, ma lo offro ad ognuno di voi per cucire! Quando vedete scendere i flagelli, quando vedete Maria che viene trafitta, quando sentite bestemmiare, usate l'ago della preghiera col filo “Ave Maria”! (Paolo) ehm.. Giovanni, io una cosa, però, se me lo consenti, te la voglio chiedere anche senza fare il nome, perché quello che ho visto oggi mi ha lasciato un po' perplesso. Mi sono fatto un'idea, io, siccome al centro dell'attenzione c'è un'anima bella, e allora io mi sono dato questa risposta che.. senza voler giudicare “probabilmente è vittima delle attenzioni di qualche personaggio in vista”, mi sono detto io, perché questa persona io non la ritengo capace di mettersi al centro di tutte quelle attenzioni. Cioè, io volevo solo chiarirmi le idee, ecco.. su questo.. perché ho visto una contraddizione! (Piccolo Giovanni) quale? (Paolo) questa persona che è tutta dedita a Dio, usata come mezzo per arrivare a scopi di lucro di qualche personaggio!(*) (Piccolo Giovanni) sapete bene il significato quando chino il capo! Tu mi conosci bene, Marì, e quando chinavo il capo quando qualcuno mi faceva qualche domanda cosa volevo dire? (Marì) o che sapevamo già la risposta, o che non dovevamo giudicare.. riparare, ecco, non parlarne più: riparare e basta! Anzi, quando chinavi il capo io mi facevo ancora più piccola di quanto sono, perché era terribile vederti! (Piccolo Giovanni) perché il mio Cuore soffriva come soffre ora, non per te, ma per quello che tu hai visto!(*) chi viene usato per altri scopi! Hai capito? <pensando che Marì avesse finito di parlare stavo per prendere il microfono per riconsegnarlo a Paolo> ..lascia ancora parlare Marì! Nel dolore faccio un capriccio: dov'è Nicole’? (Marì) è alla riunione sportiva. Speriamo che arriva presto! (Piccolo Giovanni) è a una riunione sportiva: anch'Io l'avrei fatto.. (Marì) ..ah, mi conforta questo! (Piccolo Giovanni) ma al primo posto avrei messo.. (Marì) ..eh, ne abbiamo parlato in macchina, ma tu sai pure il periodo duro che sta attraversando! (Piccolo Giovanni) conosco il cuore di Nicole’ e di Marì! Ehm.. so cosa arde dentro di te! <Maria si emoziona> (Marì) mi manchi tanto! (Piccolo Giovanni) ma sono sempre vicino al tuo lettuccio! (Marì) ma non ti vedo! (Piccolo Giovanni) basta guardare! (Marì) veramente domenica mattina ti ho visto! (Piccolo Giovanni) con gli occhi del cuore! (Marì) com'eri bello e spiritoso, pure! (Piccolo Giovanni) tuo zio come sempre! (Marì) scusami se ti ho fatto quella domanda! (Piccolo Giovanni) e se ti ho risposto è perché il Padre mia ha lasciato rispondere e tu l'hai fatto.. (Marì) ..metto nel tuo cuore quelli che erano presenti: aiutali tu! (Piccolo Giovanni) Io cerco di entrare.. (Marì) ..lo so.. (Piccolo Giovanni) ..ma la porta la trovo sempre chiusa, non è più aperta come prima.. (Marì) ..infatti oggi.. (Piccolo Giovanni) ..e il mio Cuore gronda Sangue.. (Marì) ..sono venuta oggi ma con questo dolore grande per la porta chiusa! (Piccolo Giovanni) e offri il tuo dolore al Padre! (Marì) sì! (Piccolo Giovanni) così entra un po' d'olio e la chiave ritorna.. (Marì) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..perché è stata gettata! (Marì) i piccoli che ci sono, così soli! I giovani così.. (Piccolo Giovanni) ..Dio non abbandona nessuno, figlia, ma aspetta, aspetta quell'amore che Lui lascia scendere.. che ritorni! (Marì) mi comporto bene quando rispondo in quel modo? (Piccolo Giovanni) nel giusto del Vangelo grida sempre e non temere niente e nessuno: devi rendere conto a Dio non agli uomini! (Marì) si! Hai visto come mi distrae il diario? (Piccolo Giovanni) aspetti l'abbraccio? (Marì) si! (Piccolo Giovanni) e vieni a prenderlo! (Marì) col microfono? (Piccolo Giovanni) anche quello serve per parlare!(*) <Marì si avvicina a Giovanni e si scambiano i baci in un tenero abbraccio> (Marì) un altro a papà! (Piccolo Giovanni) papà te lo dona! (Marì) grazie, grazie!(*) amore mio! (Piccolo Giovanni) benedico le tue mani e ovunque vai benedici, figlia,.. (Marì) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e non fermarti, Io vivo perché il Padre mi ha lasciato in mezzo a voi per portare la pace e la quiete! La mia missione non è finita, ma vi chiedo di pregare per lo Strumento, perché il Padre mi usa attraverso lo Strumento! E quando parlano male di lei, alza gli occhi al cielo e sorridi.. (Marì) ..perdonali.. (Piccolo Giovanni) ..perché la Croce si deve portare! Dio ama tutti i figli e aspetta!(*) Porta la carezza ai tuoi Pargoli! (Marì) tutti? (Piccolo Giovanni) e prega per il mio Francesco! (Marì) quello di oggi? (Piccolo Giovanni) quello di oggi! (Marì) sì! (Piccolo Giovanni) è un fiore e uno Strumento! (Marì) sì, l'ho capito: grazie per avermelo fatto incontrare! (Piccolo Giovanni) devi dire grazie al Padre, figlia! (Marì) si! (Piccolo Giovanni) porta a tutti la mia carezza! (Marì) sì, grazie! Ti voglio bene! Un bacio alla Mamma e alla Corte Celeste, questa sera che sono qua! (Piccolo Giovanni) e la Corte Celeste e la Mamma ricambiano! (Marì) grazie! (Piccolo Giovanni) Ora.. <3 colpi di tosse con una alitazione> porta l'Alito ovunque vai, figlia! (Marì) sì! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi? (Marì) lo sai tu.. su tutte le cose e anche le preoccupazioni che ho per le figlie e per quelli che le frequentano, e per i miei alunni, tu conosci la classe che tengo! (Piccolo Giovanni) sono lì con te! (Marì) come? (Piccolo Giovanni) sono lì con te! (Marì) si! (Piccolo Giovanni) e ricordo i miei che li accarezzavo con l’Ave Maria! (Marì) eh! (Piccolo Giovanni) fallo anche tu! (Marì) si, lo farò! (Piccolo Giovanni) e non temere: tutto cammina nel Solco, basta rimanere legati alla Croce! E come Maria, Maestra dell'Amore, portali nel Cuore di Dio! Ora vai! (Marì) quante volte ti volevo abbracciare e non ti facevi abbracciare! (Piccolo Giovanni) ora ti accontento! (Marì) ti affido la futura nonna che si è affidata a me: consolali tu.. il Padre!(*) Mi abbracci un'altra volta? (Piccolo Giovanni) posso dirgli di no a questo piccolo fiore?(*) Paolo ha detto alla Piccola Cocciuta che nel nuovo canto c'erano due papere <papere = errori, e Maria, Paolo e qualcun altro sorridono> ed Io ho detto “una è la Cocciuta e l'altra è Marì<si ride un po'> (Marì) i complimenti non me li ha mai risparmiati! (Piccolo Giovanni) potevo farlo in questo giorno?(*) una è la Cocciuta e l'altra è la mia Marì! (Marì) quanto bene mi vuoi!!! (Piccolo Giovanni) sono tuo zio? (Marì) sì, ma non ho avuto dubbi: un po' di paura degli uomini.. (Piccolo Giovanni) ..ma.. (Marì) ..che tu conosci! (Piccolo Giovanni) è a Dio.. (Marì) ..eh, lo so.. (Piccolo Giovanni) ..che noi dobbiamo rendere conto! (Marì) eh, ma quella vecchietta com'è dura di testa! (Piccolo Giovanni) aspetto le sue braccia che si aprono! Chiaro? (Marì) si! Me ne devo andare, ho capito! (Piccolo Giovanni) non ti sto mandando via, vai solo al tuo posto! ........ (Piccolo Giovanni) Paolo, ne faccio delle belle! (Paolo) eh, sono veramente belle! (Piccolo Giovanni) che belle figure che facciamo! (Paolo) ma io lo dico con un significato diverso a quello.. (Piccolo Giovanni) ..si?, vuoi che non conosca il tuo cuore? Ma fermiamoci un altro poco sul Vangelo! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e digli a Nicoletto di non essere geloso se non l’ho abbracciato! (Marì) eh! (Piccolo Giovanni) glielo dai tu? (Marì) si!(*) (Paolo) i farisei si chiedevano “il Regno di Dio quando verrà?”. Il Regno di Dio.. (Piccolo Giovanni) ..è in mezzo a noi! (Paolo) eh, infatti, è in mezzo a noi! Dio è vivo e presente in mezzo noi! (Piccolo Giovanni) sempre! (Paolo) sempre presente in mezzo a noi, e allora il Regno di Dio che cos'è? (Piccolo Giovanni) ditemelo voi? (Paolo) io penso una cosa, Giovanni: ognuno di noi quando ha raggiunto nel suo cuore.. quando ha raggiunto una certa maturità nel segno del Vangelo, allora dentro di se vive il Regno di Dio! (Piccolo Giovanni) è così, Marì? (Marì) si, il Regno di Dio? (Piccolo Giovanni) vediamo come lo vede.. (Marì) ..il Regno di Dio.. (Piccolo Giovanni) ..l'altra paperella! <si ride un po'> (Marì) l'altro giorno ascoltando il Vangelo con la radiolina.. forse mi hai pure visto.. sicuramente.. (è)come se fosse arrivata un'altra goccia. Non lo so, quella parabola del padrone che arriva e il servo è stanco.. ha lavorato e lo deve servire perché il padrone vuole essere servito. E poi il Vangelo che dice che il servo deve servire il padrone finché mangia e beve, ecco! E allora.. perché poi dopo.. e ritenersi dopo un servo inutile; allora ho pensato “il padrone che mangia e beve”, e siccome avevo fatto il sogno di domenica, dove mi hai detto che tu cammini, ho detto “e allora il padrone è qui e mangia e beve dentro di noi: siamo noi Lui: tutti gli uomini siamo Lui”, e quindi siamo tutti servi l'uno dell'altro, è già tutto qui solo che non ce ne rendiamo conto, ehm.. non lo so, ho pensato che era una goccia grande questa qua! E poi ho pensato “e allora perché alla Stanza beve e dopo mangia?”, e mi sono fermata e ho detto “ma vado troppo con la mente”, però sono rimasta, ecco, con questa domanda “perché fuori della Stanza mangia e beve e nella Stanza beve e mangia?”, come se si guardasse allo specchio, come una simmetria ho pensato! (Piccolo Giovanni) ma è la stessa cosa! (Marì) è la stessa cosa?, e quindi.. ............ Piccolo Giovanni) Tommaso! (Tommaso) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi! Tu cosa dici? (Tommaso) io dico che è proprio vero, cioè quando uno vive nel Cuore del Padre e porta il Padre nel proprio cuore, reciprocamente, si vive di una gioia immensa.. che si vive il Regno di Dio anche con i fratelli, senza rendersi conto, e anche se gli occhi sono chiusi, come se il tempo del Padre.. anche se non riusciamo a vederlo, è già presente a tutti gli effetti in mezzo a noi! (Piccolo Giovanni) ma come non si può.. (Tommaso) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..non vedere? (Tommaso) eh, ma appunto, solo con gli occhi del cuore si può provare questo e si può sentire!(*) anche.. cioè, pensando, appunto, al Regno di Dio, mi sono ricordato di una volta che parlando, appunto, del Padre che è già in mezzo a noi, parlando appunto della Stanza con qualcuno, mi ha fatto notare una cosa: disse “ma senti, io non ho mai creduto in Dio, non ho mai creduto al Padre, e io derido tutti, però, nel modo in cui tu mi parli convinto, esce.. proprio dal cuore queste parole, questo mi convince che c'è qualcosa. Io credo in te proprio perché.. il modo con cui mi parli, perché si sente che parli col cuore, dici una cosa convinto perché lo sentì tu dentro”, ecco, pensavo, appunto, a questo riferimento! (Piccolo Giovanni) come Paolo: “sono di nuovo qui”! (Paolo) ma è il canto! <sono alcune parole di un canto di Paolo> (Piccolo Giovanni) perché ti trovi in questo Luogo? (Paolo) eh, io ci sono stato portato inizialmente.. forse senza che io ne sapessi niente! (Piccolo Giovanni) e non è che non sapevi niente, è che il Padre ti ha chiamato e tu hai risposto!(*) Il tuo cuore ha risposto! (Paolo) ma non lo conoscevo nemmeno io il mio cuore! (Piccolo Giovanni) ma il Padre, si! (Paolo) eh, si! (Piccolo Giovanni)e sono ancora qui!”, o quando ripeti “oggi non volevo venire, ma mi trovo sempre qui(Paolo)mi trovo sempre qui”! (Piccolo Giovanni) alla Fonte, all'unica Fonte zampillante che è Dio! (Paolo) si! Questo del cuore.. (Piccolo Giovanni) ..e dimmi un po', se Dio non è in mezzo a voi in questo Luogo non sareste qui! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) né tu e nessun altro! (Paolo) è proprio così! (Piccolo Giovanni) perché ho sempre gridato e grido ancora “se non trovate il Vangelo, andate via”, e la prima sarebbe stata la Cocciuta! (Paolo) ad andare via? (Piccolo Giovanni) ad andare via! A volte lo grida “chiudo la porta”, quando si arrabbia, ma non riesce a lasciarvi perché il suo amore è così grande e non vuole vedere nessuno dei figli cadere! Il Regno di Dio è in mezzo a voi? (Paolo) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e dico “Amen, Amen, Amen, Amen”! (Paolo) Dio è in mezzo a noi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Dio.. (Paolo) ..ed è vivo.. (Piccolo Giovanni) ..è vivo ed è reale e beve e mangia del Nuovo.. (Paolo) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..con i figli! (Paolo) è una cosa grande, questa! Quando io penso al cuore, quando penso che noi siamo giudicati da Dio per quello che realmente sentiamo dentro e non per le nostre azioni esteriori.. (Piccolo Giovanni) ..Dio non guarda l'esteriore.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..Dio guarda i cuori.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e solo Lui li conosce! (Paolo) allora.. (Piccolo Giovanni) ..tutti quelli che giudicano non conoscono il cuore! (Paolo) io quando sento questo mi sento esplodere di gioia, Giovanni, perché vedo in me stesso, molte volte, degli atteggiamenti che cozzano completamente con quello che veramente poi mi scopro dentro! Ecco perché poi quando tu dici “non giudicate, non giudicate, non giudicate”, non dobbiamo realmente farlo perché tante cose che noi vediamo con gli occhi.. (Piccolo Giovanni) ..perché allo stesso modo.. (Paolo) ..saremo giudicati.. (Piccolo Giovanni) ..sarete giudicati! (Paolo) noi vediamo una persona, vediamo degli atteggiamenti, usiamo le parole che dicono.. (Piccolo Giovanni) ..ma non conoscete.. (Paolo) ..esatto non conosciamo.. (Piccolo Giovanni) ..il cuore! (Paolo) il cuore di quella persona, quindi.. (Piccolo Giovanni) ..quanti giudizi su don Mario da tutti i confratelli! Quanti giudizi sulla Piccola Cocciuta, ma non hanno guardato quello di Dio, perché nessuno conosce il giudizio di Dio, e chi giudica prende il posto di Dio cadendo nella rete del nemico! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) chi può prendere il posto di Dio?, un vescovo?, un sacerdote?, un capo di Stato?, chi può prendere il posto di Dio? (Tutti) nessuno! (Paolo) nessuno! (Piccolo Giovanni) solo Dio! È Padre e Giudice, e noi dobbiamo rendere conto solo a Dio, non agli uomini, e non aver timore degli uomini ma di Dio. Come un servo inutile Io ho portato sulle mie spalle il peso dei fratelli e ora sono a gioire nel Cuore del Padre! Hai capito, Marì? (Marì) sì! (Piccolo Giovanni) porta sulle tue spalle tutti i tuoi figli, tutti coloro che giudicano, così cammini nella linea stretta che porta nel Cuore del Padre per gioire, e non temere, figlia! Non siate gelosi se mi fermo a parlare con Marì: parlo con ognuno di voi, parlo al mondo intero <3 colpi di tosse> donandovi sempre l'Alito dello Spirito Santo! Chiaro, Paolo? (Paolo) eh, si, è chiaro! (Piccolo Giovanni) ma cosa stai facendo? (Paolo) che sto facendo? (Piccolo Giovanni) in questi giorni! (Paolo) eh, non lo sai?, eh, oggi non sono andato a scuola per fare il canto! (Piccolo Giovanni) ha fatto una marachella! <si ride un po'> (Paolo) se lo leggono su Internet... Ti volevo dire che per la prima volta la brutta copia del canto sembra la bella copia  (Piccolo Giovanni) e la bella, la brutta? (Paolo) non ho cambiato nemmeno una parola questa volta! (Piccolo Giovanni) e le due papere? (Paolo) le due papere sono nella registrazione che ha Franco.. ci sono, sono rimaste la, non le ho cambiate! <Franco = Telesfore> (Piccolo Giovanni) che è la Cocciuta e Marì.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..sono loro due! (Paolo) sono loro due! Quindi abbiamo chiarito anche questo! Ero.. stamattina ero.. (Piccolo Giovanni) ..cosa ti ha detto la Cocciuta? (Paolo) ha detto che se ci sono vuol dire che ci devono stare! (Piccolo Giovanni) e le possiamo eliminare?  <si ride un po'> vi faccio ridere ma.. (Paolo) ..e dire che io.. (Piccolo Giovanni) ..sapete perché vi faccio ridere? (Marina) no! (Paolo) perché? (Piccolo Giovanni) perché il sorriso è preghiera e serve molta preghiera perché scenda la pace!(*) un'altra goccia: il sorriso di Dio è preghiera che scende come un fiume e lava! Cosa hai detto?, “il fiume che lava(Paolo) è preghiera, Giovanni, quando uno si concentra sulla bellezza e la grandezza di Dio.. (Piccolo Giovanni) ..e noi siamo qui a parlare.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..della bellezza e della grandezza di Dio.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e del suo sorriso! (Paolo) io volevo dire: quando uno parla con Dio, se lo sente vicino al punto di toccarlo col cuore e di imprigionarselo dentro! (Piccolo Giovanni) non siete forse prigionieri dell'Amore di Dio? (Paolo) sì! Solo che Lui ci tiene sempre stretti, noi viviamo dei momenti.. (Piccolo Giovanni) ..allargate un po' la cinta.. (Paolo) ..si, ecco.. (Piccolo Giovanni) ..per non uscire fuori dal Solco a camminare nelle cose del mondo.. un pochino! (Paolo) eh, ste’ cose del mondo sono una piaga (Piccolo Giovanni) è difficile.. (Paolo) ..quando.. (Piccolo Giovanni) ..distaccarsi in pienezza! (Paolo) quando tu poco fa parlavi della giustizia di Dio, io contemporaneamente pensavo alla giustizia terrena, e allora mi dicevo.. (Piccolo Giovanni) ..e ci sono giustizie terrene? (Paolo) no, non ci sono giustizie terrene! Io non ci ho mai creduto, Giovanni, ecco perché, come spesso ti ho detto, mi sento proprio come un pesce fuori dall'acqua!  (Piccolo Giovanni) ma pescato nella rete di Dio dove l'acqua c'è sempre! (Paolo) si, perché io qui giustizia non ne vedo! (Piccolo Giovanni) e solo a Dio che dobbiamo alzare gli occhi e dire “Padre, tu sei giudice(Paolo) si. È difficile per noi quaggiù, Giovanni, assumere il giusto atteggiamento davanti a fatti terreni che si pongono davanti a noi ed esigono una risposta! (Piccolo Giovanni) ed il giusto atteggiamento è amare, perdonare, usare carità e usare silenzio! (Paolo) e col silenzio, si; si può usare solo il silenzio perché non si possono esternare dei sentimenti.. (Piccolo Giovanni) ..e pregare.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..pregare quel Cuore di Mamma che porta tutto al Cuore di Dio! (Paolo) si! Ebbene, Giovanni, io tocco con mano che sovente, quando noi ci troviamo in difficoltà, Dio non disdegna certo di venirci in soccorso anche dandoci qualcosa di terreno ma che non sortisce effetti negativi, che serve semplicemente per darci.. per sollevarci.. (Piccolo Giovanni) ..può donare il cibo agli uccelli e a tutti gli animali e non può far scendere ai figli ciò che necessita? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) nel giusto del santo Vangelo! (Paolo) si, sempre con lo scopo di tenerci legati al suo credo! (Piccolo Giovanni) al credo di Dio! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) chiaro? (Paolo) si! <4 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) quando riuscite a comprendere il mistero della tosse? (Paolo) eh.. se non dobbiamo pensare, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non con la mente, col cuore, perché è una goccia grande: è il mistero della tosse! Non c'ha la bronchite la Piccola Cocciuta! (Paolo) no! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) è la mia tosse! (Paolo) ma un po' di influenza ce l'ha questa sera, no? (Piccolo Giovanni) ehm.. se era solo quella non era niente: si prende tutto quello che trova sulle anime! (Paolo) ma me la spieghi una cosa, Giovanni?, quando lei.. (Piccolo Giovanni) ..se è nel giusto del Vangelo! (Paolo) si.. quando lei mi dice “sono giù”, ma lei.. non capisco.. in che senso è giù? (Piccolo Giovanni) in quell'attimo sta soffrendo! (Paolo) ah! (Piccolo Giovanni) ma non gli dite niente! (Paolo) no, no! (Piccolo Giovanni) se no me la trovo dinanzi al Trono.. (Paolo) ..a gridare?.. <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) ..a gridare! (Paolo) perché stamattina mi ha detto “sono giù”; ho detto “tirati su”, ho detto io, e lei mi ha detto che.. (Piccolo Giovanni) ..cosa ti ha risposto? (Paolo) mi ha detto che non è facile perché.. ecco, adesso mi spiego la sofferenza e la Croce che deve portare per tutto ciò che noi combiniamo, pure!(*) (Piccolo Giovanni) è giù per l'umanità intera.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..per ognuno di voi, per i figli che si perdono dando un giudizio! E come può essere gioiosa nel vedere tutto questo?, è gioiosa nel portare la Croce, nell'abbracciare la sofferenza, ma è giù nel vedere i figli che cadono nell'oscurità del nemico! (Paolo) quindi lei.. adesso ripetiamo una cosa che abbiamo già detto: lei ci tiene tutti sotto controllo? (Piccolo Giovanni) per volere del Padre! (Paolo) si, certo, questo sempre! (Piccolo Giovanni) perché è all'ubbidienza di Dio come lo sono Io come Sacerdozio vivo ed eterno! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) tu pensi a come può essere giù Dio? (Paolo) no, non stavo pensando a questo adesso! (Piccolo Giovanni) tu.. (Paolo) ..sì, lo penso.. ehm.. si, si, questo si, ehm.. prima l'ho pensato, stamattina l'ho pensato, quando mi diceva in qual modo lo pensavo, io, dico “ma giù che vuol dire giù?”, dico, “come fa ad essere giù”, dico.. questo l'ho pensato! No, adesso stavo pensando la differenza tra te, lo Strumento e Dio! (Piccolo Giovanni) e cosa vuoi sapere? (Paolo) no, non voglio sapere niente: ce l'ho la mia idea! (Piccolo Giovanni) e tienila! (Paolo) me la tengo? (Piccolo Giovanni) se ce l'hai già, Io stringo.. (Paolo) ..tu dimmi solo se ho pensato giusto! (Piccolo Giovanni) Io stringo le spalle.. (Paolo) ..stringi le spalle?.. (Piccolo Giovanni) ..e alzo le mani come sempre! (Paolo) uh! (Piccolo Giovanni) e sai già la risposta. Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) caro Telesfore! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> sei sveglio? (Telesfore) si! .................. (Piccolo Giovanni) ..mi dici sempre che “ti ho fatto una lavata di capo” o che “ti rimprovero”: Io non ti rimprovero, ti correggo come sempre! (Telesfore) e questa cos'era?, non era una lavata di testa? (Piccolo Giovanni) no, è correggerti come facevo sempre quando mi dicevi qualcosa; quando mi chiedevi “don Mario, voglio sapere cosa significa questo”, Io alzavo un po' la voce ma non ti rimproveravo, cercavo di farti capire meglio: lo ricordi?, ma quando mi facevi arrabbiare chi rimproveravo era la Piccola Cocciuta al posto tuo!(*) (Telesfore) qualcuno lo doveva prendere il rimprovero! (Piccolo Giovanni) eh, si, e lei li sapeva incassare dicendo sempre si, non sapeva mai dire di no ma solo si: l'ubbidienza!(*) A volte la prendevano in giro dicendo “ma la parola no non la sai dire?” e lei rispondeva “non la conosco”! E un'altra lezione per ognuno di voi, per l'umanità intera: dinanzi a Dio: “ECCOMI”! (Telesfore) l'ubbidienza è un grande dono! (Piccolo Giovanni) è un tesoro.. (Telesfore) ..è un tesoro.. (Piccolo Giovanni) ..che trovate in cielo! Ma dimmi qualcosa! <si perde qualche parola al cambio cassetta> ...chiaro?, hai detto che parla sempre! (Telesfore) però io non sono geloso, eh! (Piccolo Giovanni) non lo so!(*) dimmi! (Telesfore) quando noi siamo qui alla Stanza, veniamo alla Stanza a trovare Gesù, a trovare te, troviamo tutti i nostri cari che stanno.. che sono con te in cielo, però quello che io dico.. che non sono.. cioè, noi veniamo alla Stanza e dalla Stanza ci trasferiamo in Paradiso e lì incontriamo tutti i nostri cari e quelli che abbiamo.. (Piccolo Giovanni)e quelli che abbiamo..”? (Telesfore) che abbiamo conosciuto, anche quelli che non conosciamo, tutta la Corte Celeste, tutta(*).. quindi siamo noi che viaggiamo?(*) (Piccolo Giovanni) hai capito qualcosa, Paolo? (Paolo) un po' si, però quello che dice lui.. io ho capito, ma credo che il Paradiso sia questo dove siamo noi adesso! Io stavo pensando un'altra cosa, però, mentre lui parlava: noi viviamo nel Regno di Dio, quando non ci saremo più quale sarà la differenza?, questo stavo pensando! Cioè, noi viviamo nel Regno di Dio, adesso, qui nella Stanza perché abbiamo Dio nel cuore.. mio fratello come vive? (Piccolo Giovanni) nel Cuore del Padre come.. (Paolo) ..eh, si, ma la differenza qual'è tra noi che siamo.. (Piccolo Giovanni) .. vivi tu adesso! (Paolo) eh, è qui il punto, ehm.. (Piccolo Giovanni) ..e qui è mistero.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..da non poter svelare! (Paolo) eh, infatti! (Piccolo Giovanni) il nemico è dietro l'angolo! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) fermiamoci! (Paolo) si, si! Anche perché.. (Piccolo Giovanni) ..cammina bene nel Solco come camminate tutti quanti! Ma ogni cosa.. (Paolo) ..a suo tempo?.. (Piccolo Giovanni) ..a suo tempo! Solo Dio conosce l'ora e il giorno: svelare adesso uscirei fuori dal Solco facendo uscire tutti voi perché il tempo è di Dio! (Paolo) ma i nostri cari che sono in cielo sono coscienti di tutto, no? (Piccolo Giovanni) come Io vedo voi, loro vi vedono, e ciò che dico Io loro sentono! (Paolo) quindi si fanno delle risate su queste domande che facciamo noi?, dice “questi non sanno niente e noi sappiamo tutto(Piccolo Giovanni) non ridono: aspettano.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..con gioia il tempo! Chiaro? (Paolo) sì, è meglio non pensare più! (Piccolo Giovanni) con la mente (no).. (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ..ma col cuore, si!(*) Cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) io ti vorrei fare una domandina un po' capricciosa: gli apostoli di allora tra di loro bisticciavano qualche volta?  (Piccolo Giovanni) come fate voi adesso: “Io devo chiudere il cancello”, “Io lo devo aprire”, “Io devo fare questo”, “Io devo fare quell'altro”!(*) perché ti sei fermato? (Telesfore) è perché io, appunto, questo volevo dirti, no, che Giacomo e Lorenzo ogni tanto si bisticciano.. (Piccolo Giovanni) ..e perché, tu no con la Piccola Cocciuta?, e gli altri non si bisticciano pure? (Telesfore) ma gli altri.. (Piccolo Giovanni) ..“Io non sono riuscito a fare quel miracolo andando da Gesù<si riferisce ai discepoli di Gesù> (Telesfore) ah! (Piccolo Giovanni) e Gesù: “non avete ancora fede, se avete fede riuscite a fare anche i miracoli”. O gioiosi: “Maestro, ho fatto questo miracolo”, ma i miracoli scendono da Dio! Sembra una barzelletta che sto raccontando, ma quando correvano da Gesù dicendo “Maestro ho mandato via un demonio, ho guarito”, e Gesù “perché vi meravigliate?, non vi ho forse detto andate e nel nome del Padre guarite?, nel nome del Padre cacciate via i demoni!”, ed oggi vi litigate “quel posto è mio”, “quello lo devo fare Io”, è la stessa cosa, e la storia si ripete! Anche voi operate miracoli e non vi accorgete di nulla, portando Dio nei cuori dei fratelli! È questo il miracolo più grande: portare a Dio! È vero? (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non è guarire il corpo ma donare Dio, e voi siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e Dio vi dona il suo amore per donarlo! È Dio che donate ai fratelli, chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) sei stato capriccioso! (Telesfore) eh, ti ho fatto parlare! (Piccolo Giovanni) con l'ordine di Dio, chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Telesfore) stai vicino alla Cocciuta in questi giorni! (Piccolo Giovanni) l'ho lasciata?, abito dentro di lei!(*) conosci il suo dolore? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) e prega!(*) dimmi! (Telesfore) io vorrei anche invitare le Suorine a pregare per la Cocciuta! (Piccolo Giovanni) lo fanno.. (Telesfore) ..sempre?.. (Piccolo Giovanni) ..sempre! Ma cosa c'è ancora nel tuo cuore?(*) parla!(*) (Telesfore) questa notte sognavo quella strada che porta al mare, però il mare era questo di qua che io conosco.. che io andavo da quando ero, diciamo, giovane. Però vicino al mare non c'era pianura ma c'era una collina. La via era stretta però da sopra si vedeva il mare limpido! .. però c'era un po' di confusione, cioè come una festa, però quello che io sapevo perché dovevo stare attento, che c'era come una persecuzione, come un inganno, non riuscivo a distinguere.. come (se) qualcuno ci voleva fare del male! (Piccolo Giovanni) nessun cappello del vostro capo sarà tolto: Dio è con voi! Vi chiedo solo di pregare per la pace, ma quella di Dio! (Telesfore) ora capisco! (Piccolo Giovanni) la collina, il monte!(*) se Dio è con voi chi vi farà del male? (Telesfore) ma c'erano anche delle sbarre come se la strada fosse chiusa! (Piccolo Giovanni) gli uomini, ma Dio non chiude, Dio alza e abbassa il dito; ma voi pregate che il dito di Dio sia sempre alzato!(*) Maria tiene fermo il braccio, voi, come Discepoli, Colonne e Suorine, aiutate Maria nella preghiera! Chiaro? (Telesfore) sì, chiaro! (Piccolo Giovanni) come è andato l’incontro, Nicolè? (Nicoletto) è andato normale senza grandi.. senza niente di eccezionale! (Piccolo Giovanni) così e così! Vi siete fatti il segno della Croce? (Nicoletto) si, si, io si! (Piccolo Giovanni) tu l'hai fatto.. (Nicoletto) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma gli altri? (Nicoletto) non lo so, penso di si! (Piccolo Giovanni) è rimasto contento il tuo cuore? (Nicoletto) eh, forse da.. è perché mi ero preso l'impegno ed è capitato che era di giovedì, quindi siamo venuti qua! Ma poi sicuramente il prossimo.. quando dobbiamo venire di giovedì veniamo direttamente qua! (Piccolo Giovanni)quando”? (Nicoletto) non ho capito bene! (Piccolo Giovanni) ripeti per gli altri: “quando”? (Nicoletto) quando.. quando dobbiamo venire di giovedì verremo direttamente qua, non andiamo ad altre parti! (Piccolo Giovanni) non ti ho rimproverato che sei andato all'incontro, perché andando tu hai portato il saluto della Stanza perché sei venuto a visitarmi, hai portato la quiete, e quando vieni a visitare la Dimora di Dio e vai in questi luoghi lasci il seme: è il seme che cresce! Hai capito? (Nicoletto) si, si! (Piccolo Giovanni) quindi, non essere turbato: puoi fare l'uno e l'altro! Vedi?, il Padre ti ha aspettato! (Nicoletto) sono contento pure io che sono venuto! (Piccolo Giovanni) bene! Vuoi dirmi qualcosa? (Nicoletto) che ti penso sempre ogni giorno, ogni momento, in ogni occasione, e ogni volta che ho bisogno di qualche cosa mi rivolgo sempre a te! (Piccolo Giovanni) ed Io sono sempre pronto a donarti la mia mano: come sempre, perché non vi ho mai abbandonati! Marì ti darà l'abbraccio che ha ricevuto <Marì gli dà l'abbraccio> perché siete i miei Pargoli! Dimmi! (Nicoletto) me ne accorgo sempre continuamente, ogni volta, ehm.. oltre ad essere il punto di riferimento.. continua ad esserlo il punto di riferimento! E ogni volta, anche per una cosa di.. da niente, mi rivolgo sempre a te, e sono.. (Piccolo Giovanni) ..ed Io come sempre alzo le braccia! Dimmi! (Nicoletto) qualche volta, magari, ti disturbo anche per cose non.. non importanti, però, qualsiasi cosa, qualsiasi.. ehm.. desiderio.. devono stare bene le figlie.. che devono.. devono sempre proseguire nel Solco che tu ci hai insegnato per tanti anni e che noi abbiamo cercato di seguire, non sempre forse ci siamo riusciti, e quindi ti teniamo sempre a te come punto.. come nostra luce, come nostro faro! (Piccolo Giovanni) ma ci siete, e questo fa gioire il mio Cuore! Rimanete sempre nel Solco, che Io vi ho insegnato, di Sacerdozio vivo ed eterno, perché il Sacerdozio è Dio ed Io vivo nel suo Cuore e nel cuore di ognuno di voi, perché siete voi a farmi vivere! Pargoli miei, la Pioggia Divina scenderà sempre sulla vostra capanna e sulle vostre creature! Andate avanti nell'amore e nella quiete del Padre, figliuoli miei, e non temete niente e nessuno, non abbiate paura se siete perseguitati o messi da parte: Dio è con voi, e i fiori sbocciano sempre di più perché Dio li lascia scendere! Chiaro? (Nicoletto e Marì) si! (Piccolo Giovanni) bene! Telesfore, vuoi dire qualche altra cosa?(*) (Telesfore) ti voglio dire solo che io ti voglio tanto bene come ti vogliamo bene ognuno di noi! Tienici sempre stretti al tuo Cuore! (Piccolo Giovanni) e come posso lasciarvi, figli? Come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito sempre a tenere alto il santo Vangelo e a camminare nel Solco di Dio! Sarete perseguitati a causa del mio nome ma non fermatevi, prendete la propria Croce e camminate sul monte; e ricordate sempre di amare, di perdonare, di usare carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici, ma state attenti al nemico: allontanatelo con l'amore, figli del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce!(*) <4 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) Amen! (Piccolo Giovanni) Amen! Ora chiedo ad ognuno di voi di preparare i vostri cuori per il Banchetto: è qui e in mezzo a voi, è vivo ed è reale ed è pronto per ognuno di voi, per i figli che si sono uniti, i figli che avete portato nei vostri cuori! Distaccatevi per un solo istante dalle cose del mondo e unitevi tutti al Banchetto di Dio, perché Dio non fa alcuna distinzione. Figliuoli miei, preparate i vostri cuori è venite a fare festa perché lo Sposo è qui, è in mezzo a voi e ha sete e fame e vuole bere e mangiare con voi, figli!(*) Sposa, preparati per lo Sposo!(*) (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) ecco lo Sposo che avanza! Sposo, accompagna la Sposa!(*) (Giulia) come sei bello!(*)  (Piccolo Giovanni) Vieni!............ Paolo! (Paolo) eccomi! (Piccolo Giovanni) Telesfore! (Telesfore) eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare?  (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ..., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (Paolo, ..., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) volete prendere parte al Sacrificio? (Paolo, ..., Telesfore) sì!(*) (Piccolo Giovanni) volete accogliere la mia mano come amico? (Paolo, ..., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e donarla a tutti i figli che vi chiedono la vostra mano.. (Paolo, ..., Telesfore) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..come amici? (Paolo, ..., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) nel momento del Sacrificio?(*) (Paolo, ..., Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) avete capito cosa ho chiesto?(*) avete capito cosa ho chiesto? (Paolo, ..., Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) siete disposti a donarvi per gli altri? (Paolo, ..., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) avete stretto la mia Destra, amici miei! ..... donatela come Io l'ho donata a voi, perché tutti siete i miei amici senza fare alcuna distinzione! Sei il mio amico.. (Paolo) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..Paolo della Croce?, .....Telesfore dei chiodi? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) volete unirvi al Sacrificio? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) mettendo nel Calice del Padre la pace? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) volete farlo? (Paolo, ..., Telesfore) sì! (Paolo, Telesfore .... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui) Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti, fate questo ricordandovi della mia Amicizia!(**) Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(***) <4º grido> (Giulia) tu sei veramente Dio vivo in mezzo a noi!(***) (Piccolo Giovanni) cosa vedete?(*) (Paolo) io vedo un cuore aperto! ..... (Telesfore) io vedo la scala!(**) <Giovanni gira il piattino> (Piccolo Giovanni) ora cosa vedete?(*) la Croce che abbraccia l'umanità(*) ..e il Cuore: Dio ha aperto il suo Cuore per abbracciare l'umanità intera!(**) Quale pezzo volete?(**) qual'è rimasto? (Telesfore) il Cuore! (Paolo) è rimasto uno come gli altri tre! (Piccolo Giovanni) e voi cos'avete preso? (Telesfore) il Cuore! (Piccolo Giovanni) e ai vostri fratelli cosa volete donare? (Paolo, ...., Telesfore) il cuore! (Piccolo Giovanni) Amen!(*) Ricordate sempre che Dio ai propri figli dona il Cuore, e voi, a chi vi tende la mano, donate il vostro cuore come poco innanzi vi ho chiamato amici donandovi la mia mano! Non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati! Non abortitemi ma fatemi vivere nei vostri cuori perché Io vengo ad abitare nei cuori di ognuno di voi donandovi la mia pace per donarla al mondo: ma la mia, non quella degli uomini! Ora volete donarmi.. (Paolo, ...., Telesfore) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ai vostri fratelli? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) preparate la Via Stretta per le Spose!(**) A voi ho stretto la mano, a loro ho dato la mia mano! .... <Giovanni ha versato le briciole del piattino nel Calice del Sangue> ............ nel Calice(*), come amici del mio Cuore! (*) Padre, Io busso ancora una volta alla Porta del tuo Cuore: ascolta la mia preghiera, Padre mio!(***) Padre! Padre! Padre! Padre, grazie per avere ascoltato ancora una volta la mia preghiera! Sia benedetto il tuo Nome, Padre!(*) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi, a coloro che mi hanno accolto nei propri cuori e la mia Pasqua è viva ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figliuoli del mio Cuore!(*) La mia gioia è piena, amici, perché sono venuto ad abitare nei vostri cuori e vi chiamo ancora “amici miei” dicendovi: fatemi vivere, non abortitemi nel giudicare, nel condannare, nel puntare il dito verso il fratello; ma Io parlo a voi e parlo al mondo intero perché il Parto è vivo, è in mezzo a voi, è pieno, è nel mondo intero! E la mia gioia è piena nel vedervi uniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, perché la famiglia di Dio è unita solo nel segno della Croce, nel segno della sofferenza, dell'Albero che ha svettato la vittoria della morte per risorgere ed essere vivo in mezzo a voi! E così anche voi non temete chi uccide il corpo, ma siete saldi nell'accogliere la vita eterna, e potete averla solo passando attraverso i dolori, attraverso la santa sofferenza, ed Io come Sacerdozio vivo ed eterno, ho abbracciato in pienezza i Dolori per abbracciare il Padre e vivere, e per poter abbracciare ognuno di voi nella gioia e nella quiete del Padre!(*) E come Sacerdozio vivo ed eterno, vi invito ancora, figliuoli miei, ad amare coloro che trafiggono i vostri cuori, a portare con amore la piccola croce quotidiana perché solo camminando sulla Via di Maria segnata dalle spine possiamo gioire dell'Infinito Cuore del Padre; e ognuno di noi ha la chiave per entrare nel Cuore del Padre: la fede salda come la roccia! Volete entrare nel Cuore di Dio? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e abbiate fede, figliuoli del mio Cuore! Come Sacerdozio vivo ed eterno, Io vi ho sempre guidati sulla Via Stretta e non vi lascio: vi guiderò sempre sulla Via che porta al Cuore di Maria e al Cuore di Dio!(*) Maria ha bisogno di ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce; il suo Cuore Immacolato trionferà, ma ha bisogno delle vostre preghiere: dell'Ave Maria fatta col cuore per annientare il nemico; gli rimane un ultimo tempo e voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, siete stati battezzati con l'Acqua dell'Amore e sigillati con la Croce del Sacerdozio vivo ed eterno, e ora è tempo di combattere con Maria!(*) Paolo della Croce, vuoi combattere la battaglia del Cuore Immacolato? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) e cosa stavi pensando? (Paolo) stavo pensando a delle parole del canto che mi hai fatto scrivere! (Piccolo Giovanni) quali? (Paolo) di essere sempre qui.. (Piccolo Giovanni) ..nel Cuore di Dio! (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) senza guardare lo Strumento.. (Paolo) ..ma io lo Strumento non lo vedo.. (Piccolo Giovanni) ..ma guardare Dio che lo usa! (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) e lo Strumento si vede quando si guarda Dio! (Paolo) si vede Dio!(*) (Piccolo Giovanni) è una piccola creatura all'obbedienza del Padre che suona la musica di Dio che è la Parola! Ma sarà molto perseguitata a causa del mio nome, e il Padre in dono ha preparato per lei la Croce: è il letto che Dio regala alle proprie Spose come ad ognuno voi! Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre “Io sono un servo inutile, dopo le mie fatiche, dinanzi alla Croce”, non appoggiatevi sul piedistallo, ma appoggiatevi sul Legno della Croce! Figliuoli del mio Cuore(*), mi chiedete sempre l'alba e a piccole gocce ve la offro! Hai capito? <si riferisce al fatto che fino ad ora non si era mai avuta un'apparizione più lunga di questa: circa3 ore e 45 minuti.> (Paolo) e non lo so se ho capito! (Piccolo Giovanni) mi chiedete sempre l'alba ed Io a piccole gocce ve la offro! (Paolo) ah! (Piccolo Giovanni) siamo quasi all'alba.. (Paolo) ..dici “e piano piano”.. (Piccolo Giovanni) ..piano piano.. (Paolo) ..si, in quel senso li!(*) <l'orologio era prossimo all’una del mattino> (Piccolo Giovanni) facciamo l'alba di Dio! E con l'alba di Dio Io vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Andate in pace e nella quiete di Dio, figliuoli del mio Cuore, portandola all'umanità intera: ma quando uscite fuori dalla Stanza dell’Amore non abortitemi ma fatemi vivere nei vostri cuori, figlioli! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora una volta nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi! Figliuoli del mio Cuore, gioite perché Dio abita dentro di voi! E ricordate sempre: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, figliuoli del mio Cuore!(*) Ora che sono nel vostro cuore volete cullarmi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete cantarmi ancora la Ninna Nanna.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..senza addormentarvi voi.. (Tutti) ..si.. <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) ..ma farmi dormire un istante? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) sono sempre il don Mario capriccioso! Mi cantate la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore. È bello riposare; è bello riposare e gioire nei cuori di ognuno di voi, perché Io li conosco, conosco le vostre gioie, conosco i vostri dolori, e porto nel Cuore del Padre tutto quello che voi avete messo nel mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno! E nell’Amore e nella Misericordia di Dio vi invito ad unire la Catena santa e a pregare come il Padre ci ha insegnati, ma in questo giorno gridare al Cuore di un Papà che ci ama e ci dona tutto quello che è nel giusto del Vangelo “Padre, vogliamo la tua pace”! <Recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  “non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)”> Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre “non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen!”, ed essendo sicuri che rivolgendoci al Padre ci libera dal male, apriamo i nostri cuori in pienezza offrendo a Dio il nostro sì e aprendo i cuori ai fratelli che non hanno un pezzo di pane! Figliuoli, ricordate sempre di camminare sulle orme di Dio e di tenere alto il santo Vangelo!(*) Grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure. Figliuoli del mio Cuore, come Sacerdozio vivo ed eterno Io vi lascio il mio Cuore! Amate come Io amo ognuno di voi! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Andate in pace e portate al mondo intero la Pace che Dio ha lasciato scendere nei vostri cuori! Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, aspettatemi, Io verrò ancora in mezzo a voi a portare il Pane vivo dei Cieli! Alla fine della preghiera fate un’Ave Maria per il mio piccolo e capriccioso Vincenzo, figli, e un'altra Ave Maria secondo le mie intenzioni!

 

 

         7. Dom 16/11/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i Dolori del Parto vivo della Croce del mio Gesù che passano attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l’umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola il tuo Gesù come tu sai fare nell'abbraccio divino della Croce, figlia del mio Cuore! Ecco, figlia mia, il Padre ti consegna ancora una volta nelle tue mani il suo Cuore! (Giulia) Mamma! (l'Immacolata) prendilo, figlia, prendi nelle tue mani il Cuore Divino di Dio!(*) Vedi, gronda Sangue per l'umanità intera. Bevi ancora del Sangue! (Giulia) Mamma, ma anche il tuo Cuore gronda Sangue!(*) (l'Immacolata) figlia mia, l'umanità è in pericolo e il Cuore di Dio e il mio Cuore grondano Sangue! Dio mette nelle tue mani il suo Cuore e bere il suo Sangue per poterlo donare all'umanità intera, ai tuoi figli che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, ai figli che si uniscono a questa santa preghiera, ma vi invito sempre a chiedere a Dio lo Shalom! Mentre avete il Cuore dinanzi a voi fatelo, figliuoli, perché dove due o tre si riuniscono nel nome di Dio a pregare, lì c'è Dio vivo e reale com'è in mezzo a voi, ma dovete essere coscienti: vivere questi attimi di gioia che Dio viene a portarvi! Nel camminare nel mondo pellegrina, come Mamma dell'Amore, Mamma dei Dolori, Mamma della Croce, Io vengo solo in ubbidienza al Padre a portarvi sempre il mio Gesù, ad indicarvi il Solco, il fiume che porta a Dio; e il fiume di Dio e profondo e la sua acqua è acqua d'amore che dona vita, dona gioia, pace, e nel mondo non c'è pace perché non si accoglie Dio, non si ama, e gli uni e gli altri non vi amate in pienezza come Dio ama ognuno di voi. Figliuoli miei, Io parlo voi e parlo al mondo intero invitandovi a donarvi la mano e ad essere figli e fratelli dell'unico Dio, del Dio Papà che ama l'umanità intera e dona il suo Cuore, ricordandovi sempre che il mio Gesù è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito ancora a pregare per l'uomo vestito di bianco e per tutti i miei Figli Ministri in questo tempo, ricordandovi ancora i tre giorni di buio, chiedendo ai vostri cuori ancora una volta di essere pronti e preparati con le lucerne accese; non spegnetele ma cercate Dio e rifugiatevi nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Vi invito ancora, figliuoli miei, ad allontanare il nemico amando; amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, figli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) Dio ti ha donato tutti i doni: vuoi ancora camminare sulla Via che il Padre ti ha segnato? (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) sei adornata di spade, di Chiodi e di Corona di spine!(*) (Giulia) Mamma, ho paura di sporcare tutto questo! (l'Immacolata) il Padre ti manda a segnare perché il Parto è pieno, è vivo, è in mezzo a voi e nel mondo intero! Cammina sulla strada che il Padre ha segnato per te! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) figlia, ti chiedo ancora una volta di guardare!(*) (Giulia) Mamma! Mamma posso dire ciò che vedo? (l'Immacolata) no, figlia, è un altro flagello che sta per scendere sull'umanità. Ti invito solo a pregare e a far pregare tutti tuoi figli, ma col cuore!(*) Ricordate sempre di essere vigilanti perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui i cieli si apriranno: siate pronti e preparati, figli del mio Cuore! (Giulia) Mamma! Mamma! (l'Immacolata) hai il mio manto e puoi portare sulle tue spalle tutti tuoi figli, non temere! (Giulia) Mamma, lascia che prima vengano loro, non farmi fare il primo passo, ma fa che prima entrino loro! (l'Immacolata) il Padre ha segnato la via per portare sulle tue spalle l'umanità intera e i tuoi figli, non temere! (Giulia) mi inchino dinanzi alla volontà del Padre! Ma come devo fare con i figli che non ascoltano la voce di Dio, Mamma? (l'Immacolata) non temere, Dio è Misericordia; tu allarga le braccia e portali sulle tue spalle, figlia del mio Cuore!(*) Vedi, il fiume è pronto e ci sono le barche; figlia mia, siate vigilanti, siate vigilanti ma state attenti al nemico: solo amando potete allontanarlo. Ora, con amore, vi chiedo ancora una volta: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con i vostri cuori aperti il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno! Vengo col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo in mezzo a voi, unendo gli Angeli, i Santi tutti, e unendo col Cuore trafitto e grondante di Sangue il confratello Domenico in questi giorni! <il 20 di novembre è il 233° anniversario della nascita del Lentini> Per voi è nuova questa presentazione, ma sappiate, in questi giorni il mio confratello sta soffrendo e bussa ai cuori di ognuno di voi chiedendo aiuto, per questo il Padre si è presentato in questo modo, oggi! Vi invito a pregare secondo le mie intenzioni di Sacerdozio vivo ed eterno e del fratello Domenico, dicendo: ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell'Amore del Padre, mi siedo un po'!(*) La Pace e l'Amore del Cristo Risorto, sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella Gioia, nella Luce e nella Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi indicandovi sempre la Via Stretta che porta al Cuore del Padre! Figliuoli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito a pregare, e il mio grido di Sacerdozio vivo ed eterno è “pregate per la pace”. Quel pregare per la pace che esce dal Cuore tenero di Maria ma grondante di Sangue è vedere il suo dolore di Mamma nel vedere i figli che cadono nella rete del nemico guardando i frutti del mondo, i frutti che si perdono, i frutti che non rimangono e rinnegando il frutto di Dio che è l'amore, la povertà e la Croce! Figliuoli miei, guardate il frutto che Dio vi dona, guardate il suo Cuore e state attenti al nemico in questo tempo, ma preparate i vostri cuori al Dio Bambino che viene a chiedere la culla del vostro cuore per vivere e per portare la pace; pregate almeno voi, figliuoli del mio Cuore, voi, la mia famiglia, i miei Discepoli, le mie Colonne, le mie Suorine, vi ho scelti ad uno ad uno, non disperdetevi ma camminate nel Solco tenendo sempre alto il santo Vangelo, l'unica Verità, l'unica Parola che non viene cancellata da niente e da nessuno! Figliuoli del mio Cuore, ricordate: “Io verrò”: non dimenticatelo, non dimenticate la promessa di Dio, figli! E in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Dom. della 33° sett./B Mc. 13,24-32.> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) l'avete sigillato nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e dimmi, Paolo! (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, nella gioia e nel dolore sono ancora qui, ma non siete voi a donarmi i dolori, è umanità intera; voi mi offrite gioie perché siete riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, portando i vostri dolori, i vostri sacrifici, e tutto questo è gradito al Padre, e sono gioioso di avere dei figli che si donano a Dio! <4 colpi di tosse con una alitazione> e cosa è rimasto nel tuo cuore del santo Vangelo? (Paolo) Gesù che ci invita a saper riconoscere i tempi.. (Piccolo Giovanni) ..“vedete le piccole foglioline nel fico”.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..“e riconoscete che sta per arrivare il tempo dei frutti”! (Paolo) è una parabola molto bella quella.. quella nel fico! (Piccolo Giovanni) le foglioline verdi.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..il colore che a me è sempre piaciuto! (Paolo) si! Eh, si.. dice “il fico.. quando vedete che il fico fiorisce, diventa verde, allora voi capite subito che sta per arrivare la primavera, e allora con la stessa facilità voi dovete cercare di riconoscere i tempi dagli eventi”.. si.. (Piccolo Giovanni) ..del giudizio del Padre.. (Paolo) ..del giudizio, dagli eventi che si verificano su tutta la terra. E in questo.. in questo ultimo periodo, in questi ultimi anni, non mancano eventi significativi che ci devono indurre a pensare che quei tempi non sono poi troppo lontani!  (Piccolo Giovanni) perché stanno sparendo un po' le foglioline verdi e si vede più il secco che il verde! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) è il secco dei flagelli.. (Paolo) ..eh, si.. (Piccolo Giovanni) ..è il secco nelle guerre, il secco delle divisioni! (Paolo) costruiscono i muri! Il Papa questa mattina ha detto che bisogna costruire i ponti e non i muri.. (Piccolo Giovanni) ..per poter camminare.. (Paolo) ..bisogna unire i fratelli, non bisogna separarli con i muri! (Piccolo Giovanni) la mano si deve dare non chiude! (Paolo) si! Tutti chiedono la pace ma nessuno far niente per ottenerla; tutti chiedono la pace ma tutti fanno la guerra! (Piccolo Giovanni) la pace si deve chiedere a Dio.. (Paolo) ..con la preghiera.. (Piccolo Giovanni) ..con la preghiera, con l'abbracciare il fratello, col donare il pane non il serpente! (Paolo) si!(*) (Piccolo Giovanni) e accogliere con amore i fratelli che chiedono il nostro aiuto, non venderli come schiavi, non usarli come carne da macello! È una parola grossa che ho detto.. (Paolo) eh, si! ..si, si, purtroppo.. (Piccolo Giovanni) ..ma l'ho dovuta usare in questo giorno! (Paolo) purtroppo oggi come oggi si fa tutto per denaro: si mette da parte di Dio, si mettono da parte i fratelli.. (Piccolo Giovanni) ..e può rimanere il denaro e scomparire Dio? (Paolo) è tutto il contrario che sarà! (Piccolo Giovanni) nulla porterete dietro di voi: solo il bagaglio di ciò che avete costruito. Se hai dato la mano al fratello, la troverai dinanzi al Padre! Parlo con te ma parlo ai fratelli, ai figli e al mondo intero! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ciò che avete costruito in cielo “ciò che avete fatto ad uno dei miei piccoli lo avete fatto a me”, e lo troverete, ma se si accumulano tesori sulla terra non li porterete con voi! (Paolo) è così, Giovanni! A me fa riflettere molto l'ultimo fatto di sangue che è successo ai nostri connazionali in Iraq, e quello che mi amareggia molto è che tutti parlano che questi ragazzi sono stati inviati li per una missione di pace, quando in realtà non sono stati mandati li per una missione di pace, perché.. (Piccolo Giovanni) ..la pace non può venire con le armi in mano! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) vedi, la Piccola Cocciuta ha visto il Papa e il fratello Domenico che veniva fermato da spade e bastoni, ed Io li ho fatti mettere ai piedi.. sia la spada che il bastone! Quando tutto questo verrà cancellato: spade e bastoni, la pace scenderà, ma mandare una creatura per far scendere la pace col fucile in mano non è pace ma è guerra! (Paolo) si, questa è una cosa che ci deve veramente far riflettere tanto, eh, dovrebbe lasciare riflettere coloro i quali che decidono.. (Piccolo Giovanni) ..cosa ti dice la Piccola Cocciuta quando si arrabbia nel modo giusto? (Paolo) che sono proprio loro quelli che sbagliano: quelli che stanno in alto! (Piccolo Giovanni) dovrebbero? (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) cosa dovrebbero fare? (Paolo) dovrebbero inginocchiarsi e pregare! (Piccolo Giovanni) sembra che stia dando un giudizio.. (Paolo) ..invece.. (Piccolo Giovanni) ..ma non lo è! (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) è solo dinanzi alla Croce che si deve combattere con il santo Vangelo e chiedere la pace, non prendere in mano le armi! È chiaro? (Paolo) è chiaro, si! <7 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) e quando riuscite a scoprire il mistero della tosse? (Paolo) eh, quando vuoi tu! (Piccolo Giovanni) quando vorrà il Padre! Io sono capriccioso a farvi arrabbiare, ma nel dolore si deve sorridere, ve l'ho già spiegato! (Paolo) si, eh, si! I momenti difficili sono quelli in cui, come è successo un po' stamattina a me.. (Piccolo Giovanni) ..hai bruciato la carne? (Paolo) no, mi sono messo al computer.. stavo scrivendo il nuovo canto e non riuscivo più a governare quel documento ché quei righi mi andavano sotto e sopra, a destra e a sinistra, allora.. non ho perso la calma però questa volta, eh!  (Piccolo Giovanni) non hai strappato i fogli? (Paolo) no, questa volta non ho perso la calma, ho spento il computer e dico “vuol dire che non è un momento”! (Piccolo Giovanni) incominciamo.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..a ragionare! (Paolo) ho spento il computer e dico “mi ci siederò un'altra volta qua!” E mi sono messo a fare altre cose. La tensione rimaneva sempre in me però cercavo di governarla e di non farla.. di non farla esplodere! (Piccolo Giovanni) lo sai che l'agnello a me piace? (Paolo) ah! (Piccolo Giovanni) l'ho mangiato tutto Io al posto tuo! (Paolo) si?, infatti era parecchio! <si ride un po'> sembrava poco quando.. ma poi in effetti era un bel po', era! (Piccolo Giovanni) dovevo mangiare anch'io! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e mangiavo un bel po’ quando mi cucinava la Piccola Cocciuta! (Paolo) ma come era, buono?, ma questo che ho fatto io alla Cocciuta non piace, però.. col sugo! (Piccolo Giovanni) a lei no, a me si! (Paolo) ah, ho capito!(*) È bello quando si riesce a governare i propri sentimenti, le proprie reazioni.. (Piccolo Giovanni) ..è bello quando si riesce a mettere da parte.. (Paolo) ..il nemico.. (Piccolo Giovanni) ..il nemico.. (Paolo) ..si, si.. (Piccolo Giovanni) ..che vuole distruggere.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma non costruire! (Paolo) si, è così! Piano piano ci sto riuscendo pure io! (Piccolo Giovanni) basta sapere ascoltare e far lavorare il cuore, non la mente! (Paolo) non la mente, perché quando si porta avanti la mente, io non riesco a distinguere i momenti giusti da quelli sbagliati! Cioè, non riesco a sapere se sono in quel momento sulla giusta strada oppure se stò commettendo una cosa sbagliata, ecco! (Piccolo Giovanni) quando senti il Bimbo che batte nel cuore, è quello giusto! Quando ti impunti che devi riuscire a tutti i costi a fare quella cosa.. (Paolo) ..è quello sbagliato.. (Piccolo Giovanni) ..è quello sbagliato! (Paolo) ah, quindi quando sento quell'ansia dentro che mi incita a continuare pur vivendo un momento di tensione, quello è un momento sbagliato e bisogna.. (Piccolo Giovanni) ..è la quiete che deve camminare dinanzi! (Paolo) ecco, adesso mi hai dato proprio un'indicazione.. (Piccolo Giovanni) ..chiara.. (Paolo) ..chiarissima, si! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> ............ (Piccolo Giovanni) basta poco: basta fare un numero e chiamare la Piccola Cocciuta! (Paolo) eh, è questo! (Piccolo Giovanni) ancora non vi vuole entrare.. (Paolo) ..in testa.. (Piccolo Giovanni) ..nella testolina! (Paolo) ma io la chiamo la Cocciuta, tante volte però, magari, in orari un pochettino.. penso, magari, chissà sta riposando oppure.. (Piccolo Giovanni) ..lei risponde sempre anche se riposa, se sta mangiando. Qualsiasi cosa faccia, lei risponde sempre! Solo quando è troppo affaticata dice “ditemi solo due parole”, ma risponde sempre! Quando è proprio stanca lascia rispondere Telesfore! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni)chiedi cosa hanno bisogno”: è così? (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) non vi lascia un istante da soli! (Paolo) ehm.. Giovanni, sai quello che.. stamattina pensavo “io adesso ho lasciato al computer, però…<si perde qualche parola cambio cassetta> (Piccolo Giovanni) ...ogni cosa al tempo di Dio! (Paolo) quindi vuol dire che non è.. quando è così, il tempo non.. (Piccolo Giovanni) ..non va perso! (Paolo) non va perduto! (Piccolo Giovanni) e dimmi cosa è rimasto ancora del Vangelo! (Paolo) del Vangelo, Giovanni, io ho pensato.. anche prima ci pensavo qua, ai tempi, i tempi quando.. eh, quando.. (Piccolo Giovanni) ..li conosce solo il Padre e anche gli Angeli! (Paolo)quando Dio scenderà per il giudizio finale”, ma poi io pensavo anche un'altra cosa.. può darsi che io adesso stia dicendo una cosa ridicola, non lo so (Piccolo Giovanni) rimarrà nella storia! (Paolo) rimarrà nella storia questa cosa.. pensavo -ma questi tempi- era una riflessione mia -questi tempi sono diversificati per ognuno di noi- nel senso che per me i tempi sono quando Dio mi chiamerà e mi chiederà di esibire il mio operato, e a quel punto ci sarà.. io sono giudicato, “per un altro quei tempi possono essere in un'altra data”, pensavo questo io! (Piccolo Giovanni) i tempi li conosce solo il Padre, non posso risponderti.. (Paolo) ..si, lo so non li conosce nemmeno il Figlio.. (Piccolo Giovanni) ..ti lascio parlare.. (Paolo) ..eh.. anche perché io leggevo li sopra che i tempi li ha attesi ogni generazione e le attenderanno tutte le generazioni perché il Vangelo, da 2000 anni a questa parte è sempre questo, quindi chi ha letto il Vangelo 1500 anni fa, anche quelli aspettavano i tempi che erano riferiti a quella generazione! Noi lo leggiamo adesso, siamo un'altra generazione e aspettiamo sempre quei tempi!.. cioè sono delle cose che penso io, mo’ io non sono.. non ho studiato queste cose, non lo so, può darsi che stia dicendo delle cose.. (Piccolo Giovanni) ..ho detto che ti lascio parlare.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma i tempi li conosce solo il Padre, non posso dare queste spiegazioni! (Paolo) si, comunque io l'approfondirò questo.. (Piccolo Giovanni) ..a modo tuo! (Paolo) ieri ero passato per le Paoline: volevo comprare qualcosa ma le ho trovate chiuse. Ho pensato “vuol dire che non devo comprare niente<si ride un po'> (Piccolo Giovanni) non devi studiare ma aspettare i tempi che il Padre farà scendere! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) anch'Io sono stato rimproverato quando ho chiesto “ho comprato un libro” e ho avuto la risposta “non sono stato Io a dirti di comprare(Paolo)..fartelo comprare..<si ride un po'> mi sembra di ricordarla questa! (Piccolo Giovanni) era ultimamente (Paolo) si (Piccolo Giovanni) che anche la Cocciuta “ma perché hai portato questo libro?”, ed Io gli ho risposto “non sono cose che riguardano te”, perché Io segnavo le domande da fare e lei non era a conoscenza, ma rideva mentre mi vedeva col libro in mano! (Paolo) ah! (Piccolo Giovanni) a lei non facevo vedere nulla di ciò che Io preparavo per chiedere: era tutto chiuso, e quando risponde(va) Dio la risposta la dava nel nome del Padre, del Figlio dello Spirito Santo! Ed Io che pensavo “questa non sa neanche scrivere e non sa dove mettere punti e virgole, e mi dà queste risposte!”. E gli ho chiesto “ma a quale scuola sei andata tu?”, e con semplicità lei mi ha risposto “forse alla scuola di Maria<si ride un po'> (Paolo) forse! Ma.. (Piccolo Giovanni) ..per farmi la battuta! (Paolo) ma tu le facevi chiedere a Gesù anche delle cose che sapevi già.. e mi ha detto che.. (Piccolo Giovanni) ..ma per voi.. (Paolo) ..si.. che Gesù si metteva a ridere! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) quando gli dicevo di chiedere dov'era da mettere il punto e la virgola.. (Paolo) ..Gesù rideva? (Piccolo Giovanni) si, e lei si mortificava ché mi diceva “don Mario, non farmi chiedere più dove devi mettere il punto o la virgola”, perché Io poi gli dicevo “ma Io già l'ho messo”, e con amore di Padre sorridevano sia il Padre che Maria, ma lei rimaneva un po' mortificata! Ma Io facevo tutto questo per mettere alla luce la Verità di Dio! (Paolo) si, sì, sono delle cose che inducono a riflettere e fanno maturare! (Piccolo Giovanni) chiedi alla Piccola Cocciuta dove deve mettere una virgola se tu scrivi una frase e vedi se te la sa mettere.. ma ci rimarrà male: non lo sa! E dove ridevo di più era quando mi doveva leggere dei numeri! (Paolo) numeri con più cifre? (Piccolo Giovanni) si, non ci riesce! (Paolo) si, questo l'ha detto pure a me! (Piccolo Giovanni) ed è bello perché il confratello Domenico aveva paura dei soldi. Paura dei soldi: come gli venivano dati in mano andava subito a gettarli dove ne avevano bisogno, ché aveva paura di tenerli in mano!  (Paolo) me l'ha detto la Cocciuta, andava nelle.. li buttava nelle finestre dei..  (Piccolo Giovanni) ..poverelli.. (Paolo) ..poverelli, si, si, per aiutarli e glieli buttava dentro! (Piccolo Giovanni) perché aveva paura! Ma vi chiedo di pregare in questo giorno: il suo Cuore è trafitto, gronda Sangue! Vi chiedo ancora una volta “non fateci usare”. Pregate, pregate!(*) Faccio diventare tristi i cuori di ognuno di voi, ma ve lo chiedo dal profondo del Cuore! Pregate secondo le mie intenzioni di Sacerdozio vivo ed eterno! Il fratello Domenico ha sempre vissuto in povertà ed Io ho donato il mio Cuore per i poverelli! Non fateci usare! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ma dimmi cosa c'è ancora nel tuo cuore! (Paolo) vorrei fare tante cose, Giovanni! (Piccolo Giovanni) una alla volta! (Paolo) eh! ........... quello che ho scritto già? ..quello di Natale? .. (Piccolo Giovanni) verrà un canto di Natale di quel Natale col Bambino della capanna povera! Non chiedermi cosa voglio dire, lo capirai nell'attimo del canto! (Paolo) io mi ero messo a fare un canto di Natale, Giovanni, l'ho detto anche alla Cocciuta, ma alla fine mi è uscito un canto che si parla di Gesù, che è nato Gesù, però non era quello che forse io avevo pensato inizialmente, hai scritto un'altra cosa! (Piccolo Giovanni) cosa hai detto adesso? (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) cosa hai detto? (Paolo)hai scritto un'altra cosa(Piccolo Giovanni) e deve venire quello che ho detto prima! (Paolo) quello è un altro però, no? quello è un altro ancora?(*) Quindi mo' finisco questo che poi verrà quello della capanna povera? (Piccolo Giovanni) dove Gesù è nato! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) non dove i Grandi.. (Paolo)non..(Piccolo Giovanni) ..non dove i Grandi l'hanno messo.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma dove è nato! Chiaro? ............ ora alzo le mani e vi chiedo di stare attenti al nemico. Quando non batte il Bimbo fermatevi! Chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) lo dico anche a voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce: camminate nella Via Stretta col Bimbo nel cuore che batte! Chiaro? (Paolo) si! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> (Piccolo Giovanni) Telesfore! (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! Cosa mi dici (Telesfore) io dico che il Vangelo di oggi mi ha fatto ricordare il primo messaggio segreto della Cocciuta!(*) adesso non ricordo se è stato pubblicato o no, ricordo solo che è stato portato al vescovo di Lungro! <Lungro è un paese della Calabria in provincia di Cosenza dove ha sede la diocesi (o Eparchia) di rito greco-bizantino per tutti i paesi di origine albanese dell'Italia meridionale. Il messaggio segreto era stato portato al vescovo di Lungro perché il luogo dove sono avvenute le apparizioni fino a settembre del 2000, la quercia di Sofferetti appunto, ricadeva sotto la giurisdizione dell’Eparchia di Lungro> ..le stesse parole del Vangelo!(*) (Piccolo Giovanni) e ricordi che non l'ha voluto leggere ma gliel'ha dovuto leggere la Piccola Cocciuta?(*) (Telesfore) non ricordo esattamente, comunque è stato così! (Piccolo Giovanni) perché lei gli ha detto “ma Io non so leggere!”, e lui gli ha detto “leggi, capirò, cercherò di capire”! (Telesfore) uh!(*)  (Piccolo Giovanni) e quando la Cocciuta gli ha detto “dove lo devo mettere?, lo prendete voi o lo devo portare indietro?”, lui ha risposto “poggialo sul tavolo”, non l'ha rifiutato ma non l'ha toccato dinanzi a voi! (Telesfore) ah, l’ha preso dopo? (Piccolo Giovanni) si!(*) E cosa vuoi dire adesso? (Telesfore) eh, voglio dire che.. cioè come sono gli ultimi messaggi.. cioè siamo alle porte.. (Piccolo Giovanni) ..lasciamo questo al Padre! (Telesfore) eh! Noi dobbiamo essere pronti.. (Piccolo Giovanni) ..e preparati con la lucerna accesa attimo per attimo dinanzi alla Croce!(*) Hai finito le parole?(*) <4 colpi di tosse con doppia alitazione> (Telesfore) in questi ultimi giorni.. (Piccolo Giovanni) ..sei preoccupato per la Cocciuta? (Telesfore) ma veramente sono più preoccupato per l'umanità! (Piccolo Giovanni) bravo! (Telesfore) perché la Cocciuta è in buone mani, l'umanità è in pericolo! E.. (Piccolo Giovanni) ..parole sante! (Paolo) eh, si! (Piccolo Giovanni)E”? (Telesfore) e forse è per questo che quando vengo alla Stanza vengo attirato dalla preghiera che è sul Trono del Padre, che dice “Padre, ti amo e ti amerò sempre. Perdona e chiama anche quelli che sono lontani dal tuo amore”. La dovremmo fare.. (Piccolo Giovanni) ..ricordo la prima volta che è salito il giglio bianco, e il primo sguardo.. (gli occhi) sono andati direttamente su quelle parole! E i suoi occhi, come sempre, li alza al cielo ma nel suo cuore è rimasto quel fogliettino bianco!(*) È da scoprire quel giglio, petalo per petalo!(*) Cosa vuoi dire? (Telesfore) anche la preghiera, anche se sembra che siano poche parole, però.. (Piccolo Giovanni) ..non basta(*).. poche parole: non ci vuole un testamento! (Telesfore) però sono grandi! (Piccolo Giovanni) a volte pensiamo “ma se mi metto dinanzi all'altare e faccio solo un’Ave Maria è troppo poco, devo trovare da dire qualcosa di più”, non sapete che valore ha un’Ave Maria fatta col cuore! (Paolo) ma, Giovanni, io penso “anche senza parlare”! (Piccolo Giovanni)fatta col cuore”! (Paolo) col cuore, perché pregare è anche, come la vedo io, racchiudersi nel proprio cuore con Gesù e con la Mamma e stare assieme solo con loro, vivere assieme a loro! (Piccolo Giovanni) è bello anche il gesto che fa la Piccola Cocciuta quando viene qui quando non deve gridare e dice “ciao (Paolo) eh, questo lo faccio anch'io! (Piccolo Giovanni) o se entra in un'altra chiesa, nel silenzio dice “ciao”! (Paolo) è bello, questo! (Piccolo Giovanni) ma quel “ciao” significa per lei “eccomi”.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) .. “Ave Maria”! (Paolo) è un segno.. (Piccolo Giovanni) ..è una tale amicizia-confidenza, sicura che Dio ascolta quel ciao col cuore! (Paolo) sì, proprio è un segno del legame stretto che c'è! (Piccolo Giovanni) tra Padre e figlia! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) l'abbraccio: “Papà, ciao”! (Paolo) ecco, queste sono cose.. (Piccolo Giovanni) ..“Mamma”.. (Paolo) ..sono cose che.. (Piccolo Giovanni) ..possono sembrare non educate dinanzi a Dio, ma sono fatte col cuore.. (Paolo) ..eh, si.. (Piccolo Giovanni) ..e Dio guarda il cuore.. (Paolo) ..eh, Lui è il nostro Papà, quindi.. (Piccolo Giovanni) ..non l'esteriore! Una(o) che vede.. perché lei a volte lo segna <= lo saluta> anche con la mano in chiesa, può pensare.. (Paolo) ..“ma questa che fa?(Piccolo Giovanni)che sta facendo?”, ma il suo saluto è col cuore! Chiaro? (Paolo) è chiarissimo, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e allora?(*) (Telesfore) e io delle volte dico ciao, col cuore, però!(*) (Piccolo Giovanni) e ora cosa mi dici? (Telesfore) ciao! (Piccolo Giovanni) ed Io rispondo: Ave Maria! (Telesfore) Amen! (Piccolo Giovanni) Amen! Dimmi ancora! (Telesfore) ma io vedo.. soprattutto quello che mi rattrista è che vedo gli occhi della Mamma pieni di lacrime! (Piccolo Giovanni) possono essere gioiosi nel vedere i figli che si perdono? Una Mamma è gioiosa nell'accogliere nel proprio cuore i figli che tornano a casa ma è triste nel vedere i figli che rinnegano Gesù e lo calpestano! ..E una Mamma piange come piange la Piccola Cocciuta quando vede i suoi figli che escono un poco fuori dal Solco! Le sue lacrime tu non le vedi, ma Io si, come Sacerdozio vivo ed eterno!(*) Vedi, si sente ancora di più al microfono battere la tua mano!  (Telesfore) si sente, si sente!(*) (Piccolo Giovanni) cosa mi dici ancora?(*) (Telesfore) nel mio cuore c'è che vorrei tanto far sorridere la Mamma, almeno per un attimo! (Piccolo Giovanni)vorrei”(*) (Telesfore)Padre, sia fatta la tua volontà”?(*) (Piccolo Giovanni) continua!(*) (Telesfore) quando la Mamma piange e versa lacrime, le lacrime che la Mamma versa sono grazie per l'umanità? (Piccolo Giovanni) per chi le sa raccogliere! Voi le sapete raccogliere e le portate al Cuore del Padre, ma l'umanità le lascia cadere per terra(*).. almeno voi caricatevi, portate i vostri fratelli sulle spalle e raccogliete per loro le lacrime di Maria! E non scandalizzatevi di come mi sono presentato: è nuovo! (Telesfore) è nuovo, si! (Piccolo Giovanni) ..ma per il fratello Domenico(*).. sta soffrendo in questi giorni, e in questi giorni ricorre la sua nascita (Telesfore) è per questo che soffre?, perché viene usato? (Piccolo Giovanni) voi festeggiate la sua nascita come viene messa nel Cuore della Cocciuta: vi dirà cosa dovete fare in quel giorno! (Telesfore) in quel giorno?, ché il cuore ci arde aspettando.. (Piccolo Giovanni) ..ma ascoltatela, sapete bene che nel suo petto c'è il mio Cuore ed Io quando dico una cosa la voglio così come la dico, come Sacerdozio vivo ed eterno. Non cercate di cambiare nulla di ciò che vi dice! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) è chiaro anche per voi? (Tutti) sì! (Telesfore) dobbiamo stare molto attenti e quello che dice! (Piccolo Giovanni) si arrabbierà lei e mi arrabbierò anch'Io!(*) Ricordate che Io vengo in mezzo a voi in ubbidienza al Padre a portare l'unica Verità: il santo Vangelo, e vi invito sempre a tenerlo alto e a viverlo nei vostri cuori, e ciò che avviene nella Stanza dell'Amore è volere del Padre, non della Cocciuta! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) volevo dire: se il Padre vuole, alla fine della preghiera.. alla fine.. si, esatto.. alla fine della preghiera, fare un’Ave Maria secondo le intenzioni di Domenico.. (Piccolo Giovanni) ..si.. (Telesfore) ..per consolare il suo Cuore! (Piccolo Giovanni) ora cosa vuoi fare? (Telesfore) ora consoliamo il Cuore di Maria! <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un'Ave Maria insieme a Giovanni> (Piccolo Giovanni) figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre: MORIRE È VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO!(*) Vi invito ancora, figliuoli, a pregare per la pace affinché lo Shalom di Dio scenda sull'umanità intera. Pregate, pregate e combattete con lo scudo del santo Vangelo che il Padre ha messo nelle vostre mani. Amatevi gli uni gli altri, stringete la vostra mano alla mano di Dio prendendo la propria Croce e salendo il Monte! Figliuoli del mio Cuore, combattete il nemico con l'amore e non giudicate i vostri figli, i vostri fratelli, ma amate e aspettate col cuore aperto il giudizio di Dio. Non spegnete la lucerna, figliuoli, ma sia sempre accesa e camminate sulla Via Stretta perché il Parto è pieno e in mezzo a voi: non dimenticatelo, figli del mio Cuore! Ed ora ritorno all'ubbidienza del Padre lasciando ad ognuno di voi il Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figlioli del mio Cuore! E nell'Amore e nella Misericordia Infinita del Padre, come Sacerdozio vivo ed eterno, Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Crescente e moltiplicatevi nel nome della Santissima Trinità! La Via che porta al Cuore di Dio è stretta, figlioli miei, ricordatelo! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli! (Giulia) Giovanni, donami un po' di il tuo respiro!(*) (Piccolo Giovanni) figlia mia, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero! Figli del Cuore della Croce, andate nella Pace di Dio portandola a tutti i figli: non lasciate nessuno fuori della santa preghiera! Grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure! Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, siano benedetti i vostri nomi ora e sempre, figli del mio Cuore!(*) Il Padre sta facendo scendere i Petali del suo Amore su di voi!(*) (Giulia) Giovanni, ma i petali stanno diventando un manto su tutti quelli che sono qui riuniti e i figli che si sono uniti… <si finisce la cassetta e si perdono le ultime parole prima della fine del messaggio>

 

 

       8. Giov 20/11/2003, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*). Gioisci, figlia mia, nell'accogliere con amore i Dolori del Parto vivo della Croce che è in mezzo a voi ed è la Croce del Gesù che è morto ed è risorto per donarvi la vita eterna, figliuoli del mio Cuore. Immolati ancora per l'umanità tutta;  immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre. Consola il Cuore di Maria, che gronda Sangue per l'umanità intera, come tu sai fare nel silenzio dell'abbraccio della Croce! Figlia del mio Cuore, prega come in questo giorno e fai pregare i tuoi figli, l'umanità intera, per la pace! Ti invito ancora a pregare per l'uomo vestito di bianco e per tutti i miei Figli Ministri, per coloro che mi donano ai fratelli nel camminare lungo la via senza avere vergogna di presentarsi come Ministri del Cuore della Croce! Figlia mia, in questo tempo vi invito ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici. Come Padre, Figlio e Spirito Santo, vi invito a convertire i vostri cuori: parlo a voi che siete qui riuniti, parlo al mondo intero, ai figli che si uniscono a questa santa preghiera, a tutti coloro che mi avete portato nei vostri cuori, figli miei! E in questo giorno vi invito a stare attenti al nemico, a combatterlo con l'amore, e vi dico ancora figliuoli: abbiate fede, rimanete saldi sulla Roccia Viva del mio Amore! Chiedo al tuo Cuore, Piccola Cocciuta, di abbracciare ancora la Croce..  (Giulia) ..eccomi, Gesù.. (Gesù) .. e di guardare! Guarda, figlia, ma non spaventarti di ciò che vedi!(*) (Giulia) Gesù, tienimi per mano!(*) Gesù, posso dire ciò che vedo? (Gesù) una parte, figlia!(*) (Giulia) vedo quattro chiese vicine, una attaccata all'altra, ma nelle quattro chiese non vedo gli altari!(*) Gesù, al posto degli altari c'è un Agnello, e l'Agnello è bagnato di Sangue e le chiese sono vuote! L'Agnello è poggiato sulla Croce ed è solo e il Sangue scorre fino alla porta uscendo fuori(*), e fuori c'è solo del buio non c'è luce! L'unica luce che io vedo è l'Agnello e la Croce, fuori è tutto buio ma scorre il Sangue! (Gesù) ora fermati, figlia, ma guarda ancora e chiudi nel tuo Cuore ciò che vedi! (Giulia) sì, Gesù!(*) (Gesù) non chinare il capo, guarda! (Giulia) sì, Gesù! non potrei dire questo? (Gesù) no, figlia! Prega come tu sai fare nel silenzio e nell'abbraccio della Croce e fai pregare i tuoi figli! (Giulia) sì! (Gesù) ora, figlia mia, vuoi abbracciare ancora una volta con me i Chiodi divini per i flagelli che scendono ancora sull'umanità? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) unisci le tue mani alle mie! <1º grido>(*) sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù! Gesù! Quanto Sangue scorre dalle tue mani, Gesù!  (Gesù) anche dalle tue mani, figlia! Io vengo a visitare i miei figli e a portare il mio Sangue ma l'umanità è sorda ed è cieca, non vuole accogliere il mio Amore e il mio Cuore gronda Sangue! Vi invito a pregare affinché lo Shalom del Cuore di Dio scenda sull'umanità; chiedete a Dio la pace, ma chiedetela con la fede salda come figli! L'umanità è in pericolo perché non c'è amore. Amate almeno voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Figliuoli, Io vi ho donato il mio Cuore, vi ho redenti col mio Sangue, ma chiedo con amore ad ognuno di voi: “distaccatevi dalle cose del mondo, lasciate la via larga e camminate sulla Via Stretta abbracciando la santa sofferenza”, perché solo abbracciando la Croce potete arrivare a gioire e a vivere nel Paradiso che il Padre ha preparato per ognuno di voi, figliuoli, Discepoli, Colonne e Suorine della Croce, senza fare alcuna distinzione! Io chino il capo e guardo l'umanità aspettando i miei figli che tornino a casa per fare festa al Banchetto Nuziale. Pregate, figliuoli, pregate, pregate e combattete il nemico amando, ma sia il vostro amore poggiato sulla Croce, sia il vostro amore come il mio che scende in pienezza su di ognuno di voi e sull'umanità intera! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi! Io vengo a portarvi la Parola, la Via, la Verità e la vita! Come Padre, come Figlio e come Spirito Santo vi invito a camminare nel Solco; figliuoli miei, il Parto è vivo, è in mezzo a voi ed è pieno: fate presto a convertire i vostri cuori e a riconoscere l'unico Dio: il Dio della Croce, il Dio che vi ha donato e vi dona il suo Sangue e la sua Carne come vera bevanda e vero cibo che vi dona la vita eterna. Figliuoli del mio Cuore, prostratevi sempre solo dinanzi alla Croce allontanando il nemico amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici! E chiedo ai vostri cuori ancora una volta: abbiate fede, ma sia salda la vostra fede; avendo la fede salda potete fermare i flagelli e le guerre, ma devono essere aperti i vostri cuori all'Amore Pieno di Dio: parlo voi e parlo mondo intero! Figli, il mio Cuore gronda Sangue perché l'umanità non mi accoglie, l'umanità non cerca il mio Amore, l'umanità non cerca la mia pace ed Io allargo le braccia aspettando i miei figli! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) in questo tempo dovrai soffrire ancora! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) il Padre poggerà su di te un peso più grande: sei pronta? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) grazie, figlia del mio Cuore, ma mi poggerò su di ognuno di voi! Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, ho bisogno del vostro aiuto, ho bisogno dei miei soldati per combattere la battaglia dell'amore; gli Angeli stanno combattendo in cielo e voi dovete combattere sulla terra tenendo alto lo scudo del Cuore Immacolato di Maria! Ma ricordate sempre di camminare nel Solco e di tenere alto il santo Vangelo usando sempre il perdono! Non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati! Figliuoli del mio Cuore, vi invito solo ad essere coscienti del mistero vivo e reale che è in mezzo a voi! Figli miei, vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico e a pregare in questo ultimo tempo per tutti i miei Figli Ministri perché Io chino il capo guardando la mia Casa! Pregate, pregate, pregate, figli del mio Cuore! Ora vi chiedo con amore: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) sono pronti i vostri cuori per accogliere il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella verità, nell'amore, nella luce e nella quiete del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi! Come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito sempre a tenerlo alto e a viverlo facendo accendere i vostri cuori dell'Amore pieno e misericordioso di Dio, quell'amore che solo il Padre può donare all'umanità intera, ai figli! E Dio in questo tempo sta bussando ai cuori dell'umanità intera, alla famiglia che siete tutti voi e l'umanità, e bussando alla porta dei propri cuori accende la fiammella dicendo “figlio, Io vengo a scaldare il tuo cuore: non fare spegnere la fiammella, vivi nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo distaccandoti dalle cose del mondo e vivendo solo per Dio perché i tempi sono pieni e non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui i Cieli si apriranno e il Padre scenderà”, ricordandovi sempre “aspettatemi, Io verrò”! E la Parola di Dio non viene cancellata, Dio è Roccia, Dio è Verità, Dio è Amore Infinito! E come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito ad allontanare il nemico e ad aprire in pienezza i vostri cuori a Dio! Il fiume è in mezzo a voi e Dio vi ama lasciando scendere su di voi e sull'umanità intera le gocce divine del suo Amore, ma il mio Cuore gronda Sangue! Come Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto, guardo l'umanità che chiude sempre di più la porta a Dio! Figliuoli miei, apritela col vostro sì pieno al Padre; aprite la porta aiutando i fratelli che non conoscono l'Amore di Dio, che non vogliono accogliere Dio nei propri cuori; fatelo voi, Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore! In questo giorno, Io Sacerdozio vivo, unito al fratello Domenico abbiamo gettato il seme: il Seme della Croce, ma i nostri Cuori grondano Sangue, ma gioiosi di raccogliere i frutti che ci avete presentato: i frutti del vostro sì, i frutti dei vostri cuori; uniti al Cuore di Maria gli Angeli stanno coronando i vostri capi, figli miei, ma con amore vi chiedo: avete vissuto il santo Vangelo di questo giorno? <giov. 33° sett. T.O./B Lc. 19,41-44> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo, cosa è rimasto nel tuo cuore del santo Vangelo di questo giorno divino? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi! <4 colpi di tosse con doppia alitazione> lascio scendere la fiammella dello Spirito Santo su di voi e sul mondo intero! (Paolo) grazie! (Piccolo Giovanni) è al Padre che dovete dire grazie, perché Io sono all'ubbidienza di Dio a portare i Dolori e le gioie ad ognuno di voi e al mondo intero! Ma dimmi, è pieno il Vangelo di questo giorno? (Paolo) si! C'è l'amarezza di Gesù che vede i propri figli smarrirsi! Riferendosi a Gerusalemme.. (Piccolo Giovanni) ..ma riferendosi al mondo intero! (Paolo) al mondo intero, si. Si, perché a quei tempi non lo hanno saputo accogliere e nei tempi odierni non è che si stiano verificando dei fatti molto diversi da allora! Sembra che tutti si siano dimenticati delle parole che Gesù ha detto “Io verrò”! (Piccolo Giovanni)Io verrò: aspettatemi”! (Paolo) io ho questa percezione, Giovanni, che.. (Piccolo Giovanni) ..ma nessuno aspetta Gesù! (Paolo) si, tutti siamo coscienti di questo fatto, ma nello stesso tempo in noi c'è come una sorta di assuefazione nel senso di dire “ma chissà quando sarà”, ma nel frattempo però non si aspetta col cuore aperto il Signore, ma si rincorrono.. (Piccolo Giovanni) ..nessuno conosce né l'ora e né il giorno.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma si deve essere pronti e preparati! (Paolo) e invece non si fa altro che rincorrere i beni materiali i beni terreni! (Piccolo Giovanni) le cose del mondo! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) correre dietro al nemico che vi porta alla morte e alla perdizione allontanandovi dall'Amore di Dio, allontanandovi dalla Parola, dall'unica Verità! E in questo tempo vi invito col Cuore grondante di Sangue di pregare per tutti i miei confratelli, per tutti i sacerdoti, e di non lasciare solo l'uomo vestito di bianco che curvo porta la Croce sulle spalle per l'umanità intera!(*) (Paolo) si sono verificati ultimamente questi fatti gravi, questi atti terroristici.. (Piccolo Giovanni) ..i flagelli! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) perché nel mondo intero non c'è amore, non c'è l'ascolto della Parola e i figli non si stringono la mano perché non chiedono la Pace di Dio! (Paolo) Gesù poco fa ha detto che china il capo sulla sua Chiesa! (Piccolo Giovanni) e anch'Io(*), ma invitandovi a pregare! (Paolo) e noi possiamo fare questo, Giovanni! (Piccolo Giovanni) è la preghiera che il Padre chiede ai cuori aperti nel donare il sì pieno di Dio, e come servi inutili prostrarvi solo dinanzi alla Croce! Vi rimane altro? ......(Paolo) non c'è altro, Giovanni! (Piccolo Giovanni) chi può donarvi la vita?: solo Gesù!(*) Bussate al Cuore di Dio avendo fede, figli! Ma dimmi ancora: cosa ti ha suggerito il Vangelo di oggi nel cuore? (Paolo) mi ha indotto a delle riflessioni, Giovanni: c'è veramente bisogno di pregare e di rimanere uniti a Gesù perché i messaggi che noi recepiamo non sono incoraggianti. Io ho ascoltato esponenti di rilievo della Casa del Padre, e ciò che hanno detto.. mi hanno lasciato veramente male, perché sebbene siano stati un po' più morbidi dei politici, sotto tanti aspetti sono rimasti a(con) loro in alcune valutazioni importanti nei confronti di questi terroristi, così chiamati!(*) (Piccolo Giovanni) Io alzo le mani come Sacerdozio vivo ed eterno: solo il Padre può giudicare, e quando sento il giudizio degli uomini Io mi inchino dinanzi alla volontà di Dio perché solo Dio può donare un giudizio! (Paolo) si! Giovanni, io ho pensato una cosa.. non so se posso dirla(*) .. stanno succedendo tutti questi fatti di sangue, ci sono fratelli che muoiono da una parte e dall'altra e siamo tutti fratelli.. (Piccolo Giovanni) ..tutti figli dell'unico Padre.. (Paolo) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..senza fare alcuna distinzione.. (Paolo) ..distinzione, quindi anche queste persone che sono state oggetto di tante critiche, chiamiamole così, negative, sono nostri fratelli, e allora bisognerebbe darsi la mano e pregare il Padre, ma da una parte e dall'altra questo non avviene e si spianano le armi (Piccolo Giovanni) e non può scendere la Pace! (Paolo) si! Ognuno piange i propri morti; ci sono morti anche in Iraq, ci sono morti dappertutto, non ci sono solo gli italiani.. e gli altri sono fratelli.. (Piccolo Giovanni) ..e figli.. (Paolo) ..e figli, si! (Piccolo Giovanni) pregate, figliuoli, pregate perché... <si perde qualche parola al cambio cassetta> ... il cuore aperto a Dio che bussa: “fate presto a convertire i vostri cuori”! E come Sacerdozio vivo ed eterno lo grido al mondo: Dio è vivo, Dio è in mezzo a voi: accogliete le ultime grazie che il Padre lascia scendere sull'umanità intera  portando il suo Amore e il Parto vivo, i Dolori della Croce!(*) Come può gioire il mio Cuore?, come può gioire il Cuore di Maria?, come può gioire il Cuore del fratello Domenico nel vedere l'umanità che chiude la porta a Dio aprendola alle armi per far scendere la Pace? (Paolo) si, la Pace che si cerca col fucile in mano! (Piccolo Giovanni) Dio non ha mandato suo Figlio col fucile in mano: povero, nudo in mezzo alla paglia con l'arma dell'amore e del perdono. È quello che deve crescere nei cuori dell'umanità intera; come il bambino che sta per nascere che porta gioia, così deve nascere nei cuori dei Grandi.. (Paolo) ..ti posso.. (Piccolo Giovanni) ..la gioia di donare la mano e la pace al fratello. Questo.. (Paolo) ..volevo chiederti una cosa se è possibile saperla: Gesù ha fatto vedere alla Cocciuta quattro chiese, una attaccata all'altra, e volevo sapere se queste chiese avevano un nome, se la Cocciuta sa dove si trovano oppure se sono delle chiese di cui lei non conosce la collocazione! (Piccolo Giovanni) la Cocciuta conosce ma non può parlare! (Paolo) quindi sono quattro chiese che lei sa dove si trovano? (Piccolo Giovanni) una parte l'avete ascoltata.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..l'altra è racchiusa ed è più tagliente di una spada: questo posso dirlo! (Paolo) no, perché io ho pensato una cosa.. adesso non so se la devo dire oppure.. (Piccolo Giovanni) ..se non è giusta ti fermo! (Paolo) ho pensato alle quattro chiese dove la Cocciuta è andata in missione!(*) (Piccolo Giovanni) alzo le mani e stringo le spalle, ma ancora non ha scritto le ultime due! (Paolo) ma le scriverà? (Piccolo Giovanni) si, anche se per lei è molto doloroso scrivere ciò che gli è stato detto! (Paolo) credo di aver capito! (Piccolo Giovanni) Io parlo di ciò che il Padre mi lascia dire nell'ubbidienza e attraverso lo Strumento che è rimasto sottile, più piccolo della corda di una chitarra! (Paolo) ah! (Piccolo Giovanni) ma il suo Amore arde sempre di più per il Padre, per l'umanità intera e per ognuno di voi, piccoli bocciuoli del mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno! (Paolo) io sto imparando, Giovanni, ad ascoltare quello che lei dice senza rifletterci sopra! (Piccolo Giovanni) la santa ubbidienza è quella che amo di più, e mi sono fermato sull'ubbidienza che ho trovato nel suo Cuore! (Paolo) si, l'hai detto tante volte questo! (Piccolo Giovanni) e lo ripeto ancora come Sacerdozio vivo ed eterno! (Paolo) per me.. (Piccolo Giovanni) ..è bello parlare del fratello Domenico: ha sempre alzato le mani e chinato il capo dinanzi all'ubbidienza, ma ha ubbidito solo ad essere Sacerdote. Come me: “non ti ubbidisco perché ti amo e ti voglio salvo”! (Paolo) si, questo è quello che hai detto al tuo confratello! (Piccolo Giovanni) ma anche lui l'ha gridato molte volte! (Paolo) ai confratelli? (Piccolo Giovanni) perché era immerso nell'Amore di Dio e non vedeva altro che Dio nel fratello, e camminare con la Croce in mano per far capire al popolo, ai figli, ai fratelli, che solo Gesù è l'unica Fonte dove ognuno di noi può attingere e vivere, e ubbidire all'unico Padre che è Dio! Io ho donato il mio sì come Sacerdote, e vivere il sacerdote è camminare in mezzo ai fratelli nel donare la Parola di Dio, il Cuore di Dio, l'Amore di Dio, è lavorare come Gesù in mezzo ai discepoli, in mezzo alla folla, non stare fuori nel chiudere la porta a chi bussa “Io sono il parroco”: “Io sono il servo inutile”! E questo giorno è bello, nella sua nascita, nel suo battesimo, perché è stato battezzato nello stesso giorno che è nato. “Ecco mio figlio: te lo offro come tu me l'hai donato”: quanta fede in quel cuore di mamma e di papà! “Prendilo come tuo sacerdote e così sia”, per questo vi ho chiesto di fare ciò che lui amava: in questo giorno donare tutto di voi in quel piccolo gesto! <3 colpi di tosse con una alitazione> sei rimasto abbagliato? (Paolo) si, hai detto delle cose veramente belle, Giovanni! (Piccolo Giovanni) è il Padre che parla, ed Io come servo inutile sono all'ubbidienza di Dio. Mi riferisco a ciò che la Cocciuta vi ha detto di fare! (Paolo) ma gli spinaci.. perché, c'è un motivo? (Piccolo Giovanni) era l'erba che piaceva a Domenico, ma aveva ed ha un significato che rimane nel Cuore della Cocciuta (Paolo) quindi ce l'ha un significato? (Piccolo Giovanni) nulla scende dal cielo se non ha un significato: neanche una foglia si muove se non è Dio a farla muovere! (Paolo) lo sai cosa mi hai fatto pensare, Giovanni?, tu ci hai detto di donare delle monetine oggi ai poverelli per la strada.. (Piccolo Giovanni) ..i poverelli.. (Paolo) ..ebbene, io di questo non me ne sono ricordato perché.. (Piccolo Giovanni) ..puoi farlo ancora.. (Paolo) ..sì certo, lo farò senz'altro! Quello che mi stupisce è proprio questo: il fatto di non essermene ricordato, anche perché stamattina sono stato impegnato con la scuola e il pomeriggio tu sai quello che ho fatto! (Piccolo Giovanni) la Piccola Cocciuta te l'ha suggerito col cuore quando l'hai chiamata, ma ancora il cammino è lungo.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..c'è la notte, l'alba, e non è passato il tempo!  (Paolo) si! E poi un'altra cosa: a proposito degli spinaci.. è un'altra cosa che mi lascia riflettere.. nemmeno questo ho pensato oggi quando li ho mangiati.. io e mio figlio li abbiamo mangiati, oggi, ma.. (Piccolo Giovanni) ..ma non sono.. (Paolo) ..quelli, si che.. quelli che mangeremo stasera! Cioè, io, inconsapevolmente dentro di me ho mangiato gli spinaci con mio figlio ma non pensavo a Domenico! (Piccolo Giovanni) dovevi pensarlo in questo attimo! (Paolo)dovevo pensarlo”? (Piccolo Giovanni) in questo attimo! Dio fa muovere le foglie quando vuole Lui! (Paolo) è questo che io stavo pensando adesso, perché con quel canto.. quel canto l'ho rimuginato tutto ieri e oggi tutta la giornata, quindi non è che posso dire di non aver pensato a Lui, e anche nel canto il fatto degli spinaci, eppure li ho mangiati senza pensare a questa.. a questa cosa importante.. (Piccolo Giovanni) ..lasciamo a Dio le cose di Dio! <3 colpi di tosse con doppia alitazione> chiaro? (Paolo) eh, si! ............(Piccolo Giovanni) eccomi, sono ancora in mezzo a voi nella gioia della famiglia e nel dolore del mondo! ............ Dio bacia l'umanità intera.. ..ma l'umanità chiude la porta al bacio di Dio ed Io mi poggio su di voi Discepoli, Colonne e Suorine, per aiutare i figli che non vogliono vedere e non vogliono ascoltare! ............ pregate, pregate! ............ ..il nemico non si odora: si combatte con l'amore! <3 colpi di tosse con una alitazione> e lasciando scendere lo Spirito Santo su di voi e sui vostri fratelli! Non dategli spazio, avete l'arma in mano che è l'amore e la Parola! Combattete con Maria: pellegrina cammina nel mondo intero portando nelle braccia Gesù vivo e reale facendolo crescere nel cuore di ognuno di noi come mamme; ma state attenti, non abortite Gesù!  ............ siate vigilanti, figli miei: state attenti al nemico, non spegnete la lucerna dei vostri cuori e ricordate sempre “non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre scenderà a chiedere conto di ciò che avete operato”! Figli, non temete l'uomo ma temete Dio: chiaro? ............! <3 colpi di tosse> ardete per Dio distaccandovi dalle cose del mondo, figli! Telesfore! (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi, Giovanni è ancora in mezzo a voi per volere del Padre e per amore dello Strumento! <3 colpi di tosse con un'alitazione> È rimasto turbato il tuo cuore di queste parole? (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni) e cosa è rimasto nel tuo cuore? (Telesfore) il mio cuore è rimasto in questo giorno pensando a Domenico! Domenico per noi è stata la nostra luce che tu ci hai naturalmente fatto conoscere! Domenico portava avanti il suo cammino.. (Piccolo Giovanni) ..il cammino di Dio! (Telesfore) eh, facendo conoscere l'amore per la Croce, l'amore per Maria. Tu hai ripreso a farlo ancora conoscere ricordando in ognuno di noi il giorno nel mese di fare quello che.. ogni singola persona di fare quello che Lui.. (Piccolo Giovanni) ..consolare il Cuore dell'Addolorata.. (Telesfore) ..consolare Cuore dell'Addolorata.. (Piccolo Giovanni) ..mettendosi al sicuro le anime per andare dritti nel Cuore di Dio. Un piccolo gesto semplice: oggi lo fai tu a consolare Maria delle offese di tutto il mondo e domani un'altra creatura; piccoli gesti d'amore: semplici! Trenta anime per consolare ogni giorno il Cuore dell'Addolorata: che gesto d'amore, come un bambino dire “oggi vengo a casa tua per farti compagnia” e sussurrare l'Ave Maria, il santo Rosario!(*) Ecco i gesti! Quando sentite bestemmiare chiudete la porta, chiudete la finestra ma fate un’Ave Maria. Sembrano gesti di un bambino ma uscivano dal Cuore di don Domenico: del sacerdote, che con umiltà e semplicità di un bimbo apriva la porta a chi bussava per chiedere un pezzo di pane! “Don Domenico, nella mia casa non c'è pace: vieni, porta la Croce”; lasciando tutto, correva a portare Gesù! E chi poteva portare abbracciando nelle sue mani il Crocifisso? si presentava “ecco, ecco Gesù, ecco chi può donarvi la Pace” e non si fermava di parlare dell'Amore di Gesù, dell'Amore di Dio, immergendosi Lui stesso in quell'Amore che scorreva nel suo Cuore! Sacerdote: Sacerdote di Dio, come arde il mio Cuore di vedere ognuno di voi camminare per le strade con la Croce in mano come faceva Domenico; e quante volte ho camminato queste vie con la Croce che lui ha tenuto in mano innalzandola! Ne abbiamo fatto di cammino alzando e benedicendo come Lui, nella semplicità! “Il Padre ha detto di andare in quel luogo: prendiamo la Croce e andiamo”, senza avere vergogna di niente e di nessuno perché è la nostra unica salvezza, è il nostro tesoro: la Croce! Chiaro? <3 colpi di tosse con un'alitazione> (Telesfore) mi hai fatto ricordare quando si andava a benedire per la.. (Piccolo Giovanni) ..e tu avevi paura! (Telesfore) eh, mi tremavano le gambe, ma tu non avevi vergogna.. (Piccolo Giovanni) ..e perché dovevo avere vergogna della Croce? (Telesfore) anche in mezzo alle persone tu alzavi ..veramente non è che alzavi, benedicevi continuatamente tutto.. tutto il cammino..  (Piccolo Giovanni) ..la mia mano si era attaccata alla Croce, ed era la Croce che benediceva non Io! (Telesfore) però tu dovevi tenerla alzata! (Piccolo Giovanni) uniti nell'unico abbraccio!(*) Cosa mi dici?(*) (Telesfore) ora quella Croce la portano le Suorine e va nel mondo.. (Piccolo Giovanni) ..cammina.. (Telesfore) ..cammina! (Piccolo Giovanni) ma non abbiate vergogna di alzarla e di rimanere come me attaccato all'unico abbraccio! (Telesfore) eh, portano la Croce.. e seminando anche i Dolori di Maria! (Piccolo Giovanni) il Parto! <3 colpi di tosse con un'alitazione> Me l'abbracci Marì.. (Telesfore) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..alla fine della preghiera? (Telesfore) si, cosa gli devo dire? (Piccolo Giovanni) che gli mando il bacio della buonanotte, e digli di essere vigilante: capirà! (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) ora cosa c'è ancora nel tuo cuore? (Telesfore) eh, ti abbracciano tutte le anime che si sono raccomandate a me: abbracciano te e tutta la Corte Celeste!  (Piccolo Giovanni) l'abbraccio della Croce accoglie ognuno dei figli, ma vi ripeto ancora una volta sia la vostra fede salda come la roccia perché Dio è Roccia, chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) cosa mi racconti ancora? (Telesfore) Domenico quando predicava gridava anche come te o era più dolce?, dolce e gridava? (Piccolo Giovanni) gridava! (Telesfore) gridava anche? (Piccolo Giovanni) e usciva fuori dalla chiesa con la Croce in mano predicando per le strade e tutto il popolo dietro! (Telesfore) dietro!(*) che bello, eh? (Piccolo Giovanni) ma quando doveva combattere tra i due paesi in lotta “venite, andiamo con Gesù” e alzando la Croce ritornava la Quiete; mentre i Grandi del mondo gettano le bombe per far ritornare la quiete e la pace! Ecco l'arma che dona la Pace!(*) Quanto poco si crede in quell'arma, e quant'è grande il credere nel donare la pace sparando!(*) Sono forti queste parole? ......... e il Dio che voi pregate è il dio delle armi o il Dio del Pane? (Paolo) non certo il dio delle armi! (Piccolo Giovanni) ma il Dio del Pane che scende dai cieli! Dio Pane vivo che si spezza e si dona attimo per attimo! Il Pane dei poverelli che Domenico donava: “don Domenico, ho fame”, pronto a spogliarsi di tutto quello che aveva per donarlo ai poveri!(*) Gesù si è spogliato di tutto, e imitando il Maestro donava e dona tutto! Don Domenico quante volte ha flagellato il suo corpo per amore ma nel silenzio, nel nascondimento! (Paolo) posso chiederti una cosa, Giovanni? (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) com'era visto Domenico a quei tempi dei suoi confratelli? (Piccolo Giovanni) come me! (Paolo) l'avevo immaginato! <si ride un po'>(*) È triste però, eh! (Piccolo Giovanni) ma è pieno di gioia perché si deve donare conto a Dio, non agli uomini! Io cammino sulla strada del Vangelo e ho portato e porto ognuno di voi nel Solco, non guardando chi ha sorriso, chi ha parlato male: Io alzo la destra come Sacerdozio vivo ed eterno perché il giudizio lo dona solo il Padre. Ho gridato, ho scritto, grido ancora attraverso lo Strumento, ma non mi sono fermato dinanzi al giudizio degli uomini! (Paolo) ti posso chiedere un'altra cosa? Domenico quando era ancora in vita era a conoscenza del Progetto di Dio su questo Luogo? (Piccolo Giovanni) si, ha camminato queste vie! (Telesfore) ha camminato queste vie? (Piccolo Giovanni) si! Cosa stai pensando? (Paolo) ehm, cosa vuoi che pensi, Giovanni? ehm.. (Piccolo Giovanni) ..il mistero.. (Paolo) ..si fa sempre più grande.. (Piccolo Giovanni) ..si fa sempre più grande, ma aspettiamo i tempi del Padre: non doniamo spazio al nemico ma combattiamolo amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare i nostri nemici dinanzi alla Croce e all'Altare di Dio, e l'altare di Dio è nei nostri cuori se amiamo: chiaro? (Paolo) si! <8 colpi di tosse con un'alitazione> (Piccolo Giovanni) cosa stai pensando tu? (Telesfore) sto pensando che è scesa un'altra goccia! (Piccolo Giovanni) le gocce scendono dall'inizio alla fine della preghiera: dovete solo raccoglierle! (Telesfore) ehm.. se non ricordo male, la Cocciuta ha avuto una visione all'inizio dell'apparizione, e c'era questo sacerdote che.. (Piccolo Giovanni) ..in ginocchio era alla sua destra!(*) (Telesfore) ma io.. (Piccolo Giovanni) ..quando Io gli ho mostrato l'immagine: “eh, ma Io lo conosco: era sempre in ginocchio alla mia destra!(Telesfore) si, questo si, ma anche in un'altra visione che.. non so, non volevano fare passare la Cocciuta e questo sacerdote con un altro.. (Piccolo Giovanni) ..era col Papa! (Telesfore) ah, era col Papa? (Piccolo Giovanni) con spade e bastoni, e lo troverai.. (Telesfore) ..questo è stato scritto.. (Piccolo Giovanni) ..scritto, chiaro? Ora cosa vuoi dirmi ancora?(*) (Telesfore) io ringrazio il Padre per avermi fatto conoscere te e per averci fatto conoscere l'Amore di Domenico! (Piccolo Giovanni) ed era tutto scritto nel libro di Dio, Io, come servo inutile ho portato il seme che il Padre ha messo nella mia bisaccia come servo inutile, e come servo inutile vi invito sempre a camminare nel Solco e a tenere alto il santo Vangelo perché Io vengo in ubbidienza al Padre a portarvi la Parola, il suo Amore e il suo Alito <4 colpi di tosse con un'alitazione> (Telesfore) e ci porti anche sulle spalle (Piccolo Giovanni) come Sacerdozio vivo ed eterno. Ora vi invito a preparare i vostri cuori per il Banchetto che è vivo, è reale ed è in mezzo a voi e nel mondo intero(*).. e per i figli che si uniscono a questa santa preghiera! (Telesfore) posso chiederti una cosa? I figli che non sono presenti in questa serata, si possono anche unire successivamente alla.. <questa sera all'apparizione mancavano tutti i fedeli provenienti dalla Puglia a causa del blocco stradale organizzato dai manifestanti per impedire la realizzazione di una discarica di rifiuti tossici radioattivi nella Basilicata> (Piccolo Giovanni) ..basta aprire il cuore e mettersi a disposizione!(*) Il Padre lascia scendere il suo Amore! Ora preparate i vostri cuori distaccandovi dalle cose del mondo e unendovi sempre al Cuore di Dio che è nelle mani della Piccola Cocciuta! Figliuoli miei, Dio vi dona il suo Cuore: accoglietelo e fate festa perché il Banchetto è qui, è in mezzo a voi; venite tutti, figliuoli, a bere e a mangiare! Sposa, preparati per lo Sposo!(*) (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) ecco lo Sposo che avanza! Venite tutti, Io ho sete e fame: venite a mangiare e a bere del Nuovo, figli miei! Ecco lo Sposo che avanza! Sposo, accompagna la Sposa!(*) (Giulia) come sei bello(*) e com'è grande il tuo Cuore! (Piccolo Giovanni) bevi il Sangue(*) e dona il Cuore ai fratelli!(*) Ora vieni! (Giulia) Gesù, il Cuore è ancora nelle mie mani! (Piccolo Giovanni) non temere, vieni! ........... Paolo! ............Telesfore!(Paolo e Telesfore) eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare?  (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ...., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ..., Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) siete coscienti? (Paolo, ..., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) volete prendere parte al Sacrificio? (Paolo, ..., Telesfore) sì!(*) (Piccolo Giovanni) volete donare ai fratelli e al mondo intero i Dolori del Parto? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) Io mi poggerò ancora su di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, ma vi chiedo di pregare in questo istante per il flagello che sta scendendo sull'umanità! Figli miei, siete coscienti di unirvi? (Paolo, ..., Telesfore) sì!(*) (Paolo, Telesfore .... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui) Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti, fate questo ricordandovi della mia Amicizia!(**) Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(***) <2º grido> (Giulia) tu sei veramente Dio vivo in mezzo a noi!(***) (Piccolo Giovanni) avete fame e sete o siete stanchi della mia lunga presenza in mezzo a voi? (Paolo, ....., Telesfore) abbiamo fame e sete! (Telesfore) e non siamo stanchi!(*) (Piccolo Giovanni) devo alzare lo sguardo di ciò che avete risposto o devo tenerlo abbassato? ............(Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e cosa vedete nei miei occhi?(*) (Paolo) che ci vedi stanchi? (Piccolo Giovanni) non solo stanchi! (Paolo) non di te, però: stanchi fisicamente! (Piccolo Giovanni) addormentati! (Paolo) e gioiosi di essere qua!(*) (Piccolo Giovanni) si può essere gioiosi quando il cuore è a letto mentre il Banchetto è pronto e lo Sposo è in mezzo a voi?(*) Paolo della Croce, ....... e Telesfore di Chiodi, ricordate che Dio vede i cuori di ognuno di voi, i cuori del mondo intero! Io parlo a voi e parlo al mondo intero: siete coscienti di questo? (Paolo ....) sì!(*) (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dire? (Paolo) pensavo che tu dicendo quelle cose ti riferissi a.. (Piccolo Giovanni) ..a voi e al mondo intero! (Paolo) ecco, l'hai chiarito tu adesso! (Piccolo Giovanni) cosa vedete?(*) cosa vedete?(*) (Telesfore) io vedo un'ancora! (Piccolo Giovanni) chi e l’ancora? ............ volete legarvi all'ancora di Gesù? (Paolo, ...., Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) quale pezzo volete?(**) cosa è rimasto?(*) ............(Telesfore) io vedo una Croce!(*) (Piccolo Giovanni) Io vedo l’ancora di Dio!(*) (Paolo) io vedo come una loggia che si affaccia sull'universo! (Piccolo Giovanni) l’ancora di Dio! (Paolo) eh? (Piccolo Giovanni) l’ancora di Dio! Ora volete donarmi ai vostri fratelli? (Paolo, ...., Telesfore) sì!(*) (Piccolo Giovanni) voi avete mangiato l’ancora, ma ai fratelli.. ..la doniamo anche! <versa le briciole del piattino nel Calice del Sangue> preparate la Via Stretta per le Spose e donatemi! Tu che rimani sempre legato alla Croce, tu che rimani legato il Vangelo e tu che rimani legato ai Chiodi: nelle vostre mani metto il mio Sangue e la mia Carne: donatemi, siete coscienti di queste parole.. (Paolo, ...., Telesfore) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..figliuoli?(*) Padre, Io busso ancora una volta alla Porta del tuo Cuore: ascolta la mia preghiera, Padre mio!(***) Padre! Padre! Padre, grazie per avere ascoltato ancora una volta la mia preghiera! Sia benedetto il tuo Nome, Padre!(*) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi, a coloro che mi hanno accolto nei propri cuori, ai figli che si sono uniti a questa santa preghiera e a tutti coloro che mi avete portato. La mia Pasqua è piena ed è risorta;  nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figliuoli del mio Cuore!(*) Vuoi sollevare la Croce? (Telesfore) sì, col tuo aiuto!(*) (Piccolo Giovanni) la Croce diventa leggera quando si bussa al Cuore di Dio e si porta con amore! “Chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”, figliuoli del mio Cuore, e questo è il tempo di prendere la Croce e di camminare dietro la Gesù, di salire il Monte! Figliuoli del mio Cuore, Io sono vivo nei cuori di ognuno di voi, mi sono donato perché vi amo: vi voglio salvi, vi voglio santi per gioire nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, ma quando uscite fuori non abortitemi! Non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma amate, amate e perdonate! Come il Padre perdona i vostri errori, voi perdonateli ai vostri fratelli portandoli sulla Via del santo Vangelo, invitandoli a camminare nel Solco dell'Amore di Dio, figliuoli del mio Cuore! Paolo, dimmi cosa c'è nel tuo cuore! (Paolo) stavo pensando che per noi è difficile perdonare i nemici, però tu a noi perdoni tutto! (Piccolo Giovanni) guardando gli occhi di Dio che lascia scendere sempre di più il suo Amore Infinito non è difficile!(*) Guardate sempre gli occhi di Dio, guardate la Croce che allarga sempre di più le braccia per accogliere ognuno di voi, l'umanità intera, nel suo Amore Misericordioso; e così anche voi donate il vostro amore misericordioso a coloro che trafiggono i vostri cuori! Figli, sia in pace gli uni gli altri donandovi la Pace di Dio e camminando nel Solco del Padre!(*) Voi siete i tabernacoli vivi che Dio ha scelto uno per uno: crescete, moltiplicatevi e donate al mondo l'Amore di Dio che vive dentro di voi: è Dio che vi ha scelti, è Dio che vi ha sigillati, è Dio che vi manda a portare la buona novella ai fratelli! Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, sappiate che l'unica arma è la Croce: stringetela al vostro cuore e andate nel mondo intero gridando “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla donandoci il suo Amore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo” unito al Cuore di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi e del mondo intero! E nell'abbraccio di Dio che è l'unica Verità, Io vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Andate in pace e portate a tutti la Pace che Dio ha lasciato scendere nei vostri cuori, figliuoli miei! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle i tuoi figli e l'umanità intera e gioisci nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi! Figliuoli del mio Cuore, siate coscienti, non temete, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, figliuoli del mio Cuore!(*) Voglio riposare nei cuori di ognuno di voi, voglio essere cullato perché Io cullo ognuno di voi portandovi sulle mie spalle e accarezzandovi, fasciando le vostre ferite e curando i vostri dolori! Volete accarezzare il mio Cuore? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete cantarmi la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore. Grazie per tutte le gioie che mi avete offerto e che mi offrirete ancora! Siano benedetti i vostri nomi, figli miei, ma ricordate sempre: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera! Figliuoli del mio Cuore, Dio vi ama e lascia scendere il suo Amore: accoglietelo e donatelo all'umanità! E nel suo Amore uniamo la Catena santa!(*) Uniti nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, col cuore aperto, chiediamo al Padre: “donaci il tuo Amore per poterlo donare ai fratelli”.  (Giulia) Padre, io busso alla porta del tuo Cuore chiedendoti Misericordia per me, misera peccatrice, per l'umanità intera e per questa famiglia riunita nel tuo Nome! Padre, insegnaci a camminare sulla via dei dolori; insegnaci a pregare come tu vuoi, Padre! <Recita del Padre Nostro: lentamente. Giovanni con noi:  “non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen. (2 volte)”> (Piccolo Giovanni) Figliuoli del mio Cuore, ricordate sempre “non ci indurre in tentazione ma liberaci dal male. Amen!”, “liberaci dal male. Amen!(Tutti insieme al Piccolo Giovanni) liberaci dal male. Amen! Liberaci dal male. Amen! (Giulia) Padre, facci vivere nel tuo Cuore e allontana da noi il peccato; allontana da noi l'odio; allontana da noi la guerra e donaci la tua Pace, Padre!(*) (Piccolo Giovanni) ecco il mio Cuore! Io vi dono la scala per salire: fate presto, non tardate! Figli miei, la scala è il Rosario di Maria: pregate, pregate, pregate, figliuoli, e quando uscite fuori dalla mia Stanza non abortitemi ma fatemi vivere! Ora andate in pace, portate la Quiete e il mio Amore! Figli, grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure, figliuoli del mio Cuore! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) fate gioire il mio Cuore: vi amo anch'Io! Figliuoli, grazie per tutte le gioie che mi offrite; grazie perché riparate tutte le offese, Pargoli del mio Cuore!(*) (Giulia) Papà!(*)

 

 

         9. Dom 23/11/2003, ore 15.25, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola il Cuore di Gesù come tu sai fare, figlia mia, nel silenzio dell'abbraccio della Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, in questo giorno Gesù viene ad abitare nei vostri cuori, Gesù viene a costruire la capanna del suo Amore dentro di voi chiedendovi di essere Mamme del Cuore di Dio. Figliuoli del mio Cuore, Io sono in mezzo a voi in ubbidienza al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Inchinandomi dinanzi al Legno vivo dell'unica Verità vengo ad invitare i vostri cuori ad essere pacifici, ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici e non lasciare nessuno fuori della santa preghiera. Come Mamma dell'Amore e Mamma dei Dolori invito ognuno di voi e l'umanità intera a chiedere al Padre la Pace, lo Shalom del suo Cuore, invitandovi a non affannarvi per le cose del mondo! Tutto passa, ma la Parola di Dio rimane viva nei vostri cuori come Dio è vivo in mezzo a voi; Dio che viene come Re a visitare le vostre anime e a donare la Quiete, la Pace, che solo il Padre può donare ai figli che ascoltano la Parola di Dio, ai figli che vivono della Parola di Dio camminando nel Solco portando sulle proprie spalle la Croce che Gesù ci ha donato per raggiungere il suo Regno di Pace! Figliuoli miei, siate coscienti, camminate nel Vangelo, camminate e seguite le orme del mio Cuore Immacolato e addolorato. Allontanate il nemico dei vostri cuori, dalle nostre case, amando, amando, amando: solo con l'amore potete combatterlo, figliuoli miei, accogliendo nelle vostre braccia il fratello emarginato, il fratello carcerato, il fratello drogato, e abbracciando in pienezza la santa sofferenza; dove c'è la sofferenza c'è Gesù vivo che dona l'Amore, la Quiete e la Pace del suo Cuore, figli miei! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi! (l'Immacolata) figlia mia, dovrai ancora soffrire a causa del nome di Gesù e portare sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera! Sarai perseguitata a causa del nome di Gesù, ma non temere, il Padre ti offre un altro dono in questo giorno: sei pronta? (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) un'altra spada trafiggerà il tuo Cuore: vuoi accoglierla e poggiarti sui figli della perdizione? (Giulia) eccomi, Mamma! <1º grido>(*) Grazie, Mamma! (l'Immacolata) figlia mia, cammina dietro Gesù! (Giulia) eccomi! (l'Immacolata) dona l'amore che Dio ti ha donato ai figli, ai fratelli, e consola sempre il Cuore di Gesù come tu sai fare nell'Abbraccio divino del Cuore di Dio! Vi invito ancora ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici. Figliuoli del mio Cuore, come Mamma conosco i cuori di ognuno di voi, raccolgo le vostre lacrime e i vostri sussurri e li depongo dinanzi al Trono del Padre. Abbiate fede chiedendo al Padre di guarire le vostre anime perché tutto passa ma in Cielo il Padre ha costruito per ognuno di voi il piano verde dell'amore! Figli, non temete niente e nessuno ma camminate nell'Abbraccio divino di Dio. Io come Mamma, vengo ad accarezzare i cuori di ognuno di voi, vengo a guarire le vostre ferite, ma rimanete sempre nel Solco di Dio perché Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, e vivere il Vangelo è donare il cuore a Dio, figli miei! Ora, come Mamma, vi chiedo ancora una volta col Cuore grondante di Sangue: volete ardere? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell'Amore e nell'ubbidienza del Padre, mi siedo un po'!(*) La Pace e l'Amore del Cristo Risorto, sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo, per volere del Padre e per amore dello Strumento sono ancora qui in mezzo a voi, figliuoli del mio Cuore, a portare ad ognuno di voi l'abbraccio di Dio, a portare ad ognuno di voi la Verità di Dio! E come Sacerdozio vivo ed eterno vengo a portarvi lo Shalom invitando ad ognuno di voi, invitando i vostri cuori ad essere vivi e accesi nell'unica Verità, nell'unica via del Solco santo che è il Vangelo! Figliuoli, Io come Sacerdozio vivo ed eterno, vi ho insegnato ad amare, ad avere fede e a bussare al Cuore del Padre; a non affannarvi per le cose del mondo; a non giudicare, a non puntare il dito verso il fratello, ma mettere tutto nel Cuore di Dio. Un servo inutile si deve presentare dinanzi alla Croce dicendo “Padre, eccomi, Io busso al tuo Cuore ma non sono degno neanche di avvicinarmi con la mano a te. Non guardare i miei errori ma ti dono tutto, ti dono il mio cuore: prendilo, è tuo, e fammi vivere attimo per attimo nella tua luce, nella tua via”. È questo che chiedo in questo tempo ad ognuno di voi Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce: il mondo sta andando alla perdizione, ma la vostra fede non deve crollare; non permettete al nemico di farvi cadere nella sua falsa luce, figli miei, ma come Sacerdozi vivi ed eterni camminate con Gesù gridando al mondo intero “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla, e parlando ci dona la sua Parola, ci dona la vita, ci dona il suo Cuore”, perché Dio è Padre e conosce i cuori di ognuno di voi lasciando scendere la Rugiada viva senza fare alcuna distinzione. Figli del mio Cuore, vi invito in questo giorno ad essere coscienti: cosa volete fare, vivere Dio, camminare sulla Via Stretta portando la Croce o vivere nel mondo dove c'è morte e perdizione? Sappiate che Gesù è sceso in mezzo a voi come Re di pace, Re di amore, non re di potere! Dio vi lascia liberi di camminare, di amare, di accogliere la sua Parola, ma il mio Cuore arde nel vedervi tutti salvi e santi nell'amore e nella quiete del Cuore del Padre, figliuoli miei! E vivere il Vangelo è camminare; vivere il Vangelo non è condannare ma amare! Gesù ha tanto amato l'umanità intera di(da) abbracciare la Croce e donare il suo Sangue e la sua Carne. Voi non affannatevi per le briciole del mondo, ma vivete in pienezza come Gesù vive donando attimo per attimo il suo respiro. Figli miei, vi invito ancora a pregare per tutti i miei Figli Ministri e l'uomo vestito di bianco; pregate, pregate, figliuoli, e abbiate fede perché Dio verrà come ha promesso, nell'amore, nella quiete e nella pace consolando i cuori di ognuno di voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Dio guarda e ascolta il grido dei propri figli, ed Io come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito a stare attenti al nemico. Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici! Figliuoli del mio Cuore, pregate affinché il Padre mi lasci parlare ancora attraverso lo Strumento! Figliuoli miei, il mio Cuore gronda Sangue nel vedere i flagelli che scendono sull'umanità intera. Vi chiedo ancora: abbiate fede, abbiate fede, abbiate fede poggiandovi sulla Roccia di Dio. Solo se la vostra fede è salda potete operare miracoli e dire alla montagna “spostati” e la montagna si sposta. Ma Io vi chiedo ancora una volta, come Sacerdozio vivo ed eterno, di rimanere nel Solco che Io vi ho segnato e di tenerlo alto! Anche negli attimi di smarrimento rimanete nel Solco perché i tempi che stanno scendendo sono pesanti e solo la Parola vi tiene nel Solco. Figliuoli miei, come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito a consolare il Cuore di Maria, Mamma Addolorata. Pregate, perché la promessa del Cuore Immacolato di Maria viene da Fatima, si adempirà nel mondo intero e in questo Luogo! Ognuno di voi vedrà il Cuore Immacolato di Maria trionfare:(*) il cielo che si apre e Dio che scende ad abbracciare i figli senza fare alcuna distinzione! Ma vi chiedo ancora una volta: ABBIATE FEDE E I VOSTRI MALI SARANNO ANNIENTATI! Figli miei, la fede porta a Dio, e il mondo è malato, l'umanità è malata perché non c'è fede, non c'è amore verso Dio e verso i fratelli: siate coscienti di tutto questo! Figliuoli del mio Cuore, ora in ubbidienza al Padre Io vi lascio sigillandovi uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figlioli, ma vi ripeto ancora una volta: tenete alto il santo Vangelo e camminate nel Solco che Io vi ho segnato come Sacerdozio vivo ed eterno, figliuoli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, accogli nel tuo Cuore ciò che sto per dire, ma stai attenta a non dirlo subito! (Giulia) eccomi, Giovanni!(**)  (Piccolo Giovanni) figlia mia, il tuo Cuore gronda Sangue come il Cuore di Dio, ma abbraccia con amore ciò che ho messo nel tuo Cuore! (Giulia) eccomi, Giovanni: sia fatta la volontà di Dio non la mia!  (Piccolo Giovanni) come Sacerdozio vivo ed eterno benedico i cuori di ognuno di voi Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, invitandovi ancora ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici. E nell'Amore Misericordioso di Dio vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Portate la Pace e la Quiete di Dio ovunque andate! Non temete, ho raccolto i sussurri dei cuori di ognuno di voi portandoli nel Cuore del Padre, figli! Tu, Piccola Cocciuta, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero! Figli del Cuore della Croce, andate in pace portando la Pace e la Quiete di Dio che avete ricevuto nei vostri cuori! Figliuoli, grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure! Pargoli del mio Cuore, preparate un posto dentro di voi per il Dio Bambino che sta per scendere portando lo Shalom, figli!

 

 

         10. Lun 24/11/2003, Stanza more solito

Messaggi dell'Immacolata e del Giovanni di oggi (ore 16.09)

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù(*), i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce di Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Consola il Cuore del tuo Gesù come tu sai fare nel silenzio della Croce. Figlia del mio Cuore, in questo giorno vengo a portare i miei Dolori, vengo a portare il Parto vivo in mezzo a voi e nell'umanità intera invitandovi sempre a pregare affinché lo Shalom del Cuore di Dio abbracci l'umanità intera. Figliuoli miei, pregate ancora col cuore aperto per tutti i miei Figli Ministri, per l'uomo vestito di bianco e per la Chiesa tutta! Figliuoli, è in grave pericolo il mondo intero e la Chiesa tutta, e come Mamma dei Dolori, Mamma della Croce, Io mi inchino dinanzi al Legno vivo tenendo fermo il braccio del Padre, invitando ognuno di voi che siete qui riuniti e i figli che si uniscono a questa santa preghiera, invitando l'umanità intera a guardare solo Dio chinando il capo e implorando “Misericordia, Misericordia, Misericordia”. Figliuoli del mio Cuore, il Parto è pieno, è in mezzo a voi, è vivo; pregate affinché l'umanità riconosca il mio Gesù e apra le porte per farlo entrare. Dio è vivo, è mezzo a voi e parla nel suo Amore Infinito, nella sua Misericordia che scende su di voi e sull'umanità intera attimo per attimo, Figliuoli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce. Ma in questo giorno il mio Cuore di Mamma gronda Sangue, figli, nel vedere i flagelli che scendono sempre di più e nel vedere l'umanità che si perde! Pregate almeno voi col cuore aperto, donatevi tutto per Dio camminando sempre sulla Via Stretta. E il Padre chiede ad ognuno di voi e all'umanità intera “decidete cosa volete fare: abbracciare la Croce di Gesù e camminare dietro di Lui accogliendo i Dolori che il Padre vuole poggiare sul vostri cuori o camminare sulla Via larga?”. Il Padre vi ama, figli miei, il Padre vi dona il suo Alito d'amore invitandovi a camminare e a vivere nel suo Cuore di Misericordia Infinita; ma come Mamma vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico: è l'ultimo spazio che rimane del suo tempo e sta confondendo molti Figli Ministri, sta confondendo molti Piccolo Giovanni! Pregate, figliuoli miei, pregate, solo pregando, amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici(??). Io vi ho messo nelle vostre mani lo scudo della preghiera, il santo Rosario: l'ascensore per arrivare al Cuore di Dio; non gettatelo, non calpestatelo, ma tenetelo alto sigillandolo nei vostri cuori ma portandolo sempre con voi perché è l'arma per combattere il nemico. Siate vigilanti, figliuoli, perché i tempi sono pieni e in mezzo a voi! Ricordate sempre che non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre aprirà i Cieli per chiedere conto ad ognuno di voi del vostro operato. Sia la fiammella dei vostri cuori sempre accesa: non spegnetela, nell'amore, nella carità e nell'ascolto della Parola di Dio che è viva ed è in mezzo a voi! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) figlia mia, nel tuo Cuore trafitto di Dolori come il mio, il Padre ha lasciato un'altra spada, ma questa spada per te sarà più pesante delle altre! (Giulia) Mamma, amo Gesù e mi inchino dinanzi alla sua volontà! <Giulia si getta a terra in ginocchio con tutto il suo peso> eccomi, sia fatta la volontà di Dio, non la mia, Mamma! (l'Immacolata) figlia mia, dovrai soffrire ancora: altre spade trafiggeranno il tuo Cuore e altre persecuzioni scenderanno perché i tempi sono pieni e il Parto è in mezzo a voi! Prega sempre come tu sai fare nell'abbraccio della Croce di Gesù, figlia mia! (Giulia) Mamma, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, e quando le mie forze non ci sono più, perdonami se mi aggrappo al tuo Cuore! Mamma, guarda con Misericordia Infinita i figli che sono qui riuniti e accoglici come siamo: miseri peccatori dinanzi al Legno della Croce, Mamma! (l'Immacolata) figlia mia, Io ti invito a portare sempre sulle tue spalle i tuoi figli e l'umanità intera e a tenere nelle mani il Cuore di Dio e bere il suo Sangue(*) e a donarlo sempre ai tuoi figli e all'umanità intera; ma in questo giorno dovrai dire ciò che ti è stato consegnato, e la spada trafiggerà il tuo Cuore e il cuore dei tuoi figli! Ma non avete sbagliato niente voi: è scritto nel Libro del Padre, e ubbidienza è ciò che vuole Dio; figlia mia, accogli l'altra spada! (Giulia) eccomi, Mamma! <1º grido>(*) (l'Immacolata) ora parla, figlia, non temere: dì ciò che ti è stato consegnato nella giornata che è passata!(*) È l'umanità che è sorda ed è cieca e Dio ha deciso questo perché era già scritto!(*) (Giulia) il Padre scenderà in questo Luogo solo il giorno 24 di ogni mese e tutti i santi giovedì a portare il Pane vivo dei Cieli, togliendo le domeniche. (l'Immacolata) Ma non temete, non siete stati voi a fare alcun errore né la Piccola Cocciuta. Figliuoli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, Dio lascerà scendere lo Strumento di Giovanni a parlare e a donarvi il suo Amore, la sua Quiete, ma vi chiedo, figliuoli miei: “in questo santo giorno non disperdetevi, ma a due a due camminate nel mondo intero a portare la Parola viva” gridando “Dio è vivo, è mezzo a noi e parla, perché il Parto è vivo, è pieno ed è in mezzo a noi”. Ed Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, figli del mio Cuore(*). In questo giorno di luce che scende dal Cuore del Padre, vi invito ancora, figliuoli: consolate il mio Gesù, camminate dietro Gesù nel Solco santo dell'amore amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! Figli miei, lavorate nella vigna di Dio nell'ubbidienza, nella carità e nell'amore e non temete niente e nessuno perché nessun cappello del vostro capo sarà toccato! Siete stati sigillati col sigillo del Cuore di Dio e niente e nessuno vi farà dal male, ma in questo tempo pregate, pregate, pregate col cuore aperto donandolo a Dio. Distaccatevi delle cose del mondo, figli miei, unendovi all'unica catena che è il santo Rosario che vi porta al Cuore del Padre. Vi invito ancora a pregare per lo Strumento affinché il suo Cuore rimanga in mezzo a voi nell'amore e nella quiete del Cuore di Dio. Ricordate sempre che il mio Gesù è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Figli del mio Cuore, voi non vedete ciò che Io vedo: vi invito a pregare per i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità perché siete in pochi nel mondo intero a pregare! Almeno voi, figli, pregate unendovi al mio Cuore Immacolato e Addolorato di Mamma che vede i suoi figli cadere nella rete del nemico. Non dategli spazio ma amate, amate, amate col mio sussurro di Mamma Immacolata e Addolorata. Figli del mio Cuore, ora vi chiedo ancora in ubbidienza al Padre: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell'amore e nell'ubbidienza di Dio mi siedo un po'!(*) La Pace e l'Amore del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella pace, nella quiete e nella Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi, figli del mio Cuore, a portare l'abbraccio, il sorriso del Sacerdozio vivo ed eterno, a portare l'unica Verità: la Parola di Dio, che deve ardere e bruciare i cuori di ognuno di voi, i cuori del mondo intero! Figliuoli, Io vi invito sempre alla preghiera costante, vi invito a camminare nel Solco della sofferenza, il Solco che Io ho camminato come Sacerdozio vivo ed eterno, e voi che siete i miei sacerdoti vivi dell'amore del Cuore di Dio, combattete in questo tempo perché non conoscete ciò che è scritto nel Libro del Padre. Siete stati chiamati per lavorare e portare il peso sulle vostre spalle per aiutare i figli, i fratelli e l'umanità intera come Io ho fatto nell'ubbidienza, nel silenzio e nel Dolore della Croce, ma quel dolore porta alla vita, alla risurrezione, alla pace, a vivere con Dio. Figliuoli miei, camminate sempre: Dio vi dona attimo per attimo il Pane vivo e il Solco per portare l'umanità, i fratelli, nel Cuore del Padre. Non disperdetevi ma vivete in pienezza ciò che Dio chiede ai vostri cuori. Io ho vissuto in mezzo a voi, il Padre mi ha mandato per donarvi il mio Cuore ed Io ho donato tutto per amore ma il mondo non mi ha riconosciuto! Ora vi chiedo, figliuoli, “aspettatemi, Io verrò come ho promesso e i vostri occhi vedranno e i vostri cuori saranno pieni di gioia nell'abbracciare il Maestro che viene a portare lo Shalom, la Pace piena”, ma ricordate sempre “non conoscete l'ora e neanche il giorno”: solo il Padre conosce questi tempi! Io come Sacerdozio vivo vi invito a pregare, ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! Figli miei, vi chiedo di pregare per lo Strumento: non conoscete il peso che porta, figli del mio Cuore, perché non avete conosciuto il mio peso! Ero in mezzo a voi ma non vedevate ciò che Io portavo sulle spalle per tutti voi, per l'umanità intera! E il mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno vi invita a pregare per l'uomo vestito di bianco: non lasciatelo solo, pregate, pregate e con lui camminate curvi nel portare la Croce perché è la vostra unica salvezza, figli miei! E in questo giorno chiedo ai vostri cuori: avete vissuto il santo Vangelo? <Lun. della 34° sett./B Lc. 21,1-4> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) l'avete accolto nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo, cosa è rimasto nel tuo cuore, figlio mio? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, nell'Amore di Dio e nell'ubbidienza sono ancora qui a gioire con la mia famiglia, con i miei Pargoli che mi donano sempre i frutti d'amore accarezzando il Cuore di Maria! Cosa c'è nel tuo cuore del santo Vangelo di questo giorno? <4 colpi di tosse con un'alitazione> il mio respiro è sempre in mezzo a voi: l'Alito dello Spirito Santo non vi abbandonerà mai perché siete stati rapiti e sigillati! Dimmi! (Paolo) il Vangelo di oggi nel mio cuore ha portato una conferma, un messaggio: il Signore vuole che noi nel donare agli altri, i più bisognosi, togliamo qualcosa che a noi è necessaria, quindi vuole la nostra sofferenza! Non è sufficiente dare agli altri i pochi spiccioli superflui, quelli che non servono a niente e che non causano la sofferenza.. (Piccolo Giovanni) ..donare tutto.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..il cuore anche se si deve camminare con le ginocchia sulle spine! (Paolo) si, donare tutto ai fratelli! (Piccolo Giovanni) è questo che vuole il Padre, perché donarlo ai fratelli è donarlo a Dio, e Dio ci dona tutto: allargando le braccia lascia scendere il suo Cuore, e il mistero è grande, è vivo in mezzo a voi e non potete ancora comprendere perché Dio è vivo, Dio è mezzo a voi e i misteri di Dio si possono comprendere solo col cuore e quando il Padre decide(*), e Dio dona sempre il suo sorriso! Voi non state sbagliando nulla, come servi, curvi, state lavorando, e il mio Cuore di questo è gioioso ma gronda Sangue, figliuoli miei, nel vedere i flagelli che sono pronti a scendere perché l'umanità è sorda e cieca alla Parola di Dio. Tu accogli con amore e stringi al tuo cuore quel libro, mentre l'umanità lo calpesta sotto i piedi! Ed Io vi invito a pregare affinché l'umanità si svegli a riconoscere Dio come Padre: è il compito più grande sulle vostre spalle, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Per questo vi invito sempre a stare attenti al nemico, è astuto e usa ogni mezzo per allontanarvi dal Cuore di Dio: non permettetegli questo ma fatemi vivere nei vostri cuori! Parlo a voi che siete qui riuniti e parlo al mondo intero appoggiandomi su di ognuno di voi che siete stati sigillati e i figli che si sono uniti in questo santo giorno! Dimmi! (Paolo) sono.. sono triste, Giovanni! (Piccolo Giovanni) anche il mio Cuore è triste ma pieno d'amore.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..accogliendo la volontà di Dio e rimanendo sempre nell'ubbidienza al Padre! <3 colpi di tosse con un'alitazione> perché è triste il tuo cuore?  (Paolo) per la preghiera alla Stanza della domenica che non ci sarà più! (Piccolo Giovanni) avete il Pane vivo che il Padre non vi farà mancare.. (Paolo) ..vedi.. (Piccolo Giovanni) ..ma ora è tempo del Padre! Maria ha segnato la Via per Gesù, ma in questo tempo dovete accogliere Gesù e mangiare il Pane e bere il Sangue perché è tempo di combattere; da questo capirete i tempi della venuta di Dio in mezzo a voi e nel mondo intero, e dovete essere gioiosi non tristi! Vieni presto perché Io ho sete e fame”: l'ho gridato da questo Altare:.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..“vieni presto”! (Paolo) adesso comincio a comprendere! (Piccolo Giovanni) accendete… <si perde qualche parola al cambio cassetta> pensare la Corona di Maria come ascensore per venire nel Cuore del Padre! Ciò che Dio chiede ai vostri cuori non è di essere tristi, ma gioiosi! Quella che soffrirà di più sarà la Cocciuta, ma nel silenzio come lei ha sempre fatto! (Paolo) io.. (Piccolo Giovanni) ..camminate, camminate e non fermatevi! Mi sono mai fermato dinanzi a qualche ostacolo? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) Io mi fermo solo dinanzi alla Croce e anche voi dovete fermarvi dinanzi alla Croce perché così è scritto nel Grande Libro di Dio! (Paolo) quindi la Mamma ci ha presi per mano e ci ha portati davanti alla Croce e adesso.. (Piccolo Giovanni) ..tu lo canti sempre: l'hai dimenticato?(*) non è che Maria non c'è più! (Paolo) questo no! (Piccolo Giovanni) dove c'è Dio c'è Maria! Aspetterete.. al disegno che ho fatto: lo ricordi? (Rosetta) quando l'hai fatto eravamo con te? (Piccolo Giovanni) il “24”! (Rosetta) la Madonna.. (Piccolo Giovanni) ..Maria.. (Rosetta) ..davanti alla Croce.. (Piccolo Giovanni) ..dinanzi alla Croce che aspetta l'umanità! E quando sarete qui riuniti ogni giovedì e il giorno del 2, del 4 e della Croce, Maria abbraccerà i vostri cuori, ma il mistero diventa sempre più grande, e con la mente non si può arrivare, ma siate gioiosi perché Dio vi ama e vi sta dando le gocce più grandi, figli del mio Cuore! Cosa vuoi dire ancora? (Paolo) volevo dire che io ieri, in un primo momento sono rimasto molto male e avevo intuito qualcosa. Ho chiamato subito la Cocciuta perché pensavo di avere sbagliato, pensavo che Gesù volesse lanciarci un messaggio.. farci capire che dobbiamo cambiare atteggiamento verso qualcosa che io non riuscivo a capire cosa. E allora poi ho chiamato la Cocciuta e mi ha tranquillizzato, dice “non c'è niente di tutto questo, ma”.. (Piccolo Giovanni) ..ma nel suo Cuore c'era quello che vi era stato messo.. (Paolo) ..si, si, si, adesso.. poi ho collegato oggi: lei lo sapeva già da ieri, questo! (Piccolo Giovanni) ma non poteva parlare! (Paolo) ma non poteva parlare, si! (Piccolo Giovanni) e tu riesci ad immaginare quanto era grande il dolore e quanto lo è? (Paolo)quanto”? (Piccolo Giovanni) riesci ad immaginare quanto è grande il dolore? (Paolo) e non lo so, quello suo io non.. (Piccolo Giovanni) ..è come il dolore di Maria nel vedere l'umanità che si perde perché lo Strumento è in ubbidienza al Padre!(*) (Paolo) oggi, dopo quello che ci hai detto, penso che abbiamo camminato ancora un poco nel Solco! (Piccolo Giovanni) avete salito altri gradini! (Paolo) altri gradini, si, e che quindi.. (Piccolo Giovanni) ..voi pensate che vi viene tolto un giorno mentre il Padre vi fa salire altri gradini per portare la Parola e donarla.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ma col cuore, a due a due senza avere timore di niente e di nessuno! <3 colpi di tosse> chiaro? (Tutti) si! ............(Piccolo Giovanni) ..siete ubriachi? <si ride un po'> ............e allora quando finite la preghiera fate fondo!............ così vi farò ubriacare, ma state attenti, in quel vino che bevete il Padre farà scendere una goccia! ............sei pronto per donarlo dopo la preghiera? (Telesfore) il vino? (Piccolo Giovanni) o se non hai vino facciamo acqua e vino? (Telesfore) oh, si può anche fare: il Padre può tutto! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) sono capriccioso come sempre! Sono il vostro don Mario, se mi volete ancora! (Tutti) ti vogliamo sempre! (Piccolo Giovanni)............ ed Io dico “Amen” perché il Padre conosce ciò che è scritto nel libro! ............ e nessuno di noi può comandare Dio, nessuno di noi può prendere il posto di Dio! ............ ..ma come la Cocciuta si è inchinata dinanzi alla volontà del Padre, così ognuno di voi lo faccia col cuore!............ e se il Padre poggia su di voi la Croce e voi dite che state male, pensate di portarla? ............chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”, perché la vostra è piccola così! ............ la grande la porto io! ............può un padre abbandonare i propri figli? ............e quale Padre volete? ............ed Io vengo in ubbidienza a Dio a portare l'unica Verità: il santo Vangelo. Come Sacerdozio vivo ed eterno cammino nel Solco portando ognuno di voi, sigillati, scelti uno ad uno e battezzati con l'Acqua dell'Amore. Chiaro? ............ <4 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Piccolo Giovanni) vi è mancato il mio respiro ieri? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) sono stato capriccioso: ho voluto guardare i vostri cuori e lasciarvi una piccola ferita come regalo! Sapete bene che Dio alle Spose fa questi regali: le spine! Non vi ho donato quelle della Piccola Cocciuta perché non avreste sorretto, ma la piccola spina di non avere l’Alito(*), e lei porta le spade per voi e per l'umanità intera per amore! Non l'ho mai messa sul piedistallo e non la metterò mai, il Padre gli dona i doni del suo Cuore: la sofferenza, e lei la tiene stretta; ogni tanto ne lascia uscire un po' poggiandola su di voi: sappiatela accogliere, figli, perché è Dio che si poggia, lei è solo uno Strumento che china il capo dinanzi alla volontà del Padre! Chiaro? ............ <inizia a battere la sua mano sulla mano di Telesfore> (Piccolo Giovanni) Telesfore, il tuo cuore piange o gioisce? (Telesfore) il mio cuore arde! (Piccolo Giovanni) è rimasto acceso? <si ride un po'> dimmi!(*) arde o piange? (Telesfore) veramente io il mio cuore non lo conosco! (Piccolo Giovanni) è come fai a dire che arde? (Telesfore) perché arde nel sentire te che soffri.. (Piccolo Giovanni) ..come fai a conoscere il tuo cuore: solo Dio può conoscere il tuo cuore! Conoscete i vostri cuori? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) non hai sbagliato! Arde perché il Bimbo cresce e parla. Tu non puoi conoscerlo, lo devi solo aprire all'ubbidienza del Padre! Parla! (Telesfore) quello che per noi è difficile.. non è che è difficile, è che non piace l'ubbidienza! (Piccolo Giovanni) e lì vi voglio: nel Solco dell'ubbidienza, nel Solco del sì pieno a Dio, nel Solco del Vangelo che è lo scudo per combattere il nemico: la santa ubbidienza; (ecco)perché sono rimasto in mezzo a voi, perché ho trovato e trovo l'ubbidienza nella Cocciuta!(*) Voi vi arrabbiate un po' quando grida e lo fa poco, ma nel gridare è all'ubbidienza del Padre per farvi camminare nel Solco e allontanare il nemico che vorrebbe far suo il progetto dell'amore! (Telesfore) quindi se io non ho capito male, noi siamo.. ehm.. cioè, il nemico ci tiene sotto.. che ogni.. cerca sempre di infilarsi per farci.. (Piccolo Giovanni) ..cadere.. (Telesfore) ..per farci cadere.. (Piccolo Giovanni) ..nella sua falsa luce! (Telesfore) e attraverso l'ubbidienza lui.. (Piccolo Giovanni) ..ma la Cocciuta lavora nel tenervi sempre nel Solco portandovi sulle sue spalle e usando la cordicella. Lo dico Io, non è lei a dirlo; non l'avete ancora trovata e non la troverete! (Telesfore) e nemmeno la cerchiamo (Piccolo Giovanni) quando i Cieli si apriranno la troverete, e i vostri occhi vedranno il suo corpo flagellato! E vi ho donato un'altra goccia!(*) Quando hanno visto il fratello Domenico flagellarsi, Lui si è messo le mani sul cuore “figlio, non dire niente di ciò che hai visto”(*). Ma come poteva non parlare di ciò che aveva visto?(*) Quando Gesù operava i miracoli diceva “non dite nulla”, ma il Cuore esplodeva nel gridare “ho incontrato il Maestro e ha guarito il mio cuore ed io cammino dietro di Lui”! CHI VUOLE INTENDERE INTENDA!(*) ..ma non con la mente!(*) Cosa vuoi dire ancora? (Telesfore) voglio dire che.. ehm.. mi sono ricordato.. cioè, parlando delle sofferenze della Cocciuta e delle tue sofferenze, mi sono ricordato l'ultimo anno: il 2000, che sei stato qui presente fisicamente, che hai fatto il Battesimo con l'Acqua dell'Amore! (Piccolo Giovanni) e che dicevo alla Cocciuta “Io da solo non ce la faccio”, e la Cocciuta mi diceva “ma il Padre non ti lascerà da solo(Telesfore) ehm.. (Piccolo Giovanni) .. e mi ripeteva sempre “ce la farai, ce la farai” perché vedeva quello che il Padre lasciava scendere! (Telesfore) e io pensavo.. (Piccolo Giovanni) ..la mia fretta di finire tutto! (Telesfore) il tuo Cuore era straziato. Cioè, non si vedeva però tu.. la Cocciuta sapeva! E in questo tempo.. (Piccolo Giovanni) ..è vivo nel tuo cuore! (Telesfore) è vivo ma anche il Cuore della Cocciuta.. (Piccolo Giovanni) ..in questo tempo.. (Telesfore) ..sta attraversando gli stessi dolori che tu.. (Piccolo Giovanni) ..ancora più grandi! (Telesfore) ancora più grandi?(*) (Piccolo Giovanni) ma il Padre aspetta il tuo e la goccia scenderà: conosci bene il dolore della Piccola Cocciuta! (Telesfore) il dolore è uno solo, quello che c'ha la Cocciuta! (Piccolo Giovanni) e aspetta che scende.. (Telesfore) ..dev'essere il Padre a farlo scendere? (Piccolo Giovanni) deve essere il tuo cuore a donarsi! Vedi, il Cuore di Dio è sempre aperto: aspetta!(*) ho turbato il tuo cuore? (Telesfore) no!  (Piccolo Giovanni) e cammina nel Solco del Padre, nell'ubbidienza a Dio! Chiaro? (Telesfore) chiaro! <4 colpi di tosse con 2 alitazioni>(*) (Piccolo Giovanni) dove sono gli altri? <a causa del blocco stradale per protestare contro la realizzazione di una discarica di rifiuti radioattivi, tutti i fedeli della Basilicata e della Puglia non hanno potuto raggiungere la Stanza> (Telesfore) eh, hanno fatto marcia indietro! (Piccolo Giovanni) la fede si è spezzata?(*) Dio si ferma dinanzi ad un ostacolo? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) quanta poca fede. Non prepararti col giudizio! (Paolo) no! <si ride un po'> non lo dico proprio, l'hai detto già tu! Io non dico niente! (Piccolo Giovanni) non ho giudicato.. (Paolo) ..no.. (Piccolo Giovanni) ..ho detto ciò che è luce! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) se si avesse fede, si direbbe alla montagna “spostati” e la montagna si sposterebbe! (Paolo) figuriamoci un camion di traverso sulla strada <si ride un po'> se si sposta una montagna!(*) o no? (Piccolo Giovanni) si!(*) che stai pensando? (Paolo) sto pensando.. ho pensato per un attimo a cosa avrei fatto io se mi fossi trovato nella stessa situazione, ma non lo dico! (Piccolo Giovanni) avresti scavalcato il camion! (Paolo) questo.. tu lo dici! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) Io lo dico? Io l'ho detto! (Paolo) si, mi hai ricordato il Vangelo di ieri! <2 colpi di tosse> (Piccolo Giovanni) figliuoli miei, lascio scendere su di voi sempre l'Alito dello Spirito Santo invitandovi sempre a pregare, ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici!(*) E come Sacerdozio vivo ed eterno(*): il Vangelo sia sempre nei vostri cuori perché voi dovete vivere solo della Parola di Dio e donarla come Discepoli, come Colonne e come Suorine del Cuore della Croce! E Dio non ripete sempre le stesse cose: Dio viene ad accenderle perché sono scritte ma vengono lette col cuore spento, e Dio viene ad accendere la lucerna al mondo intero, perché le vostre sono accese nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, perché siete qui riuniti nel suo Amore! Chiaro? (Tutti) si! (Paolo) adesso hai detto una cosa che deve.. lascia riflettere veramente tanto: “SONO SCRITTE MA VENGONO LETTE COL CUORE SPENTO” e questa è una cosa veramente.. (Piccolo Giovanni) ..un gocciolone! (Paolo) si, si, si! Tanti dovranno prendere insegnamento! (Piccolo Giovanni) tanti dovremo prendere insegnamento! (Paolo) si, anche noi, si! (Piccolo Giovanni) tutti! (Paolo) tutti!(*) (Piccolo Giovanni) perché sorridi, Telesfore? <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Telesfore) perché tutti quanti abbiamo bisogno di.. (Piccolo Giovanni) ..di una lavata di capo! (Telesfore) eh! <si ride un po'> (Piccolo Giovanni) Io vengo solo a portare la Parola del Padre come Verità e scuola di Dio, tenendolo sempre alto, e così anche voi dovete farlo! Ma vi invito ancora a pregare per il giglio bianco: lo dovete ancora scoprire nei petali! (Telesfore) e quello scappa sempre!(*) (Piccolo Giovanni) dovete raccoglierli voi i petali!(*) chiaro? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) ora cosa vuoi fare? perché Io sono all'ubbidienza del Padre! (Telesfore) oggi consoliamo il Cuore di Maria grondante Sangue (Piccolo Giovanni) e consolando il Cuore di Maria pregate per il flagello che sta scendendo in questo istante!(*) <rispettosamente, tutti in piedi per la recita di un'Ave Maria insieme a Giovanni> (Piccolo Giovanni) figliuoli miei, ricordate sempre: MORIRE È VIVERE E NASCERE NEL CUORE DI DIO!(*) E nell'ubbidienza al Padre Io vi porto tutti nel Cuore di Dio sigillandovi uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo, figlioli del mio Cuore! E nell’Amore e nell’ubbidienza del Padre Io abbraccio ognuno di voi con l'abbraccio materno di Maria, donandovi la santa benedizione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Crescete e camminate sempre con Maria, figli del mio Cuore! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi nel gridare: ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero! Figli del Cuore della Croce, andate in pace portando ovunque la Pace che Dio ha lasciato scendere nei vostri cuori! Vi chiedo ancora, figliuoli: aspettatemi, Io verrò ancora a portare il Pane vivo dei Cieli! Grazie per il tempo che avete speso e spenderete ancora: vi sarà donato a larghe misure perché la misura di Dio è una sola e non fa alcuna distinzione! Alzate le vostre maniche e lavorate nella vigna di Dio come servi inutili, perché siete i miei discepoli! Figliuoli del mio Cuore, Dio lascia scendere su di voi i Petali del suo Amore: accoglieteli e donateli ai fratelli!

 

Estasi Vigile (ore 18.10)

[Oggi la Processione si è svolta nella Stanza e i fedeli sono stati invitati a formare un Cuore al centro della Stanza. ]

(Gesù)  <Si perdono alcune parole all’inizio di questa estasi> ...le rose dei nostri cuori aperti. In questo tempo Maria sta soffrendo, soffre per ognuno di noi e per il mondo intero. La processione che faremo stasera sarà “il Cuore di Maria unito in mezzo a noi e nel mondo intero”, formando noi stessi i fiori da deporre nel Cuore di Maria, e donandoci come fiori ci doniamo ai fratelli. Io inizierò la via Crucis e a voi il dono di offrire a Maria i vostri cuori e i cuori del mondo intero, come fiori, perché Maria ha bisogno del nostro aiuto e ci chiama a combattere con l’amore, e solo dal nostro cuore può partire l’amore e farlo arrivare ai cuori di tutti. Prepariamo questo Cuore? (Qualcuna) si! (Giulia) con le lucerne accese dentro di noi e portando la candela!(*) Maria ci guarda come prepariamo il Cuore ed io vi guardo con Maria.

 

Estasi nella Stanza (ore 18.52)

(Gesù) Paolo, cosa stai vedendo? (Paolo) cosa? (Gesù) cosa stai vedendo? (Paolo) Gesù! (Gesù) e cosa senti nel tuo cuore? (Paolo) sento tanto amore per Gesù e lo sto cercando impedendo al nemico di prendere il sopravvento nei miei pensieri!(*) (Gesù) e le rose le avete donate.. (Paolo) ..si(*).. sento la presenza della Mamma tra di noi!(*) (Gesù) vuoi portarla al mondo? (Paolo) sì, con tutto il cuore! (Gesù) e voi? (Tutti) sì! (Gesù) e cosa avete visto guardando la Piccola Cocciuta poggiata alla Croce? (Luisa e Anna) la sofferenza! (Paolo) abbiamo visto la Mamma che abbraccia il proprio Figlio! (Rosetta) le gocce di sofferenza.. di sofferenza di Gesù per i suoi figli!(*) .......... (Gesù) dinanzi a voi avete Gesù vivo nel momento che ha gridato Paolo! Nelle tue mani consegno il mio spirito!(*) Siete gioiosi? (Paolo) molto, si! (gli Altri) sì! (Gesù) Dio vi ama e chiede ad ognuno di voi di amare con la stessa misura! Cosa hai trovato leggendo i Dolori? (Telesfore) Amore! (Gesù)  è quello che Maria dona all'umanità intera abbracciandovi ancora dinanzi ai piedi della Croce! Cosa vedi nei miei occhi, Paolo? (Paolo) vedo l'Amore che Gesù dona a tutti noi!(*) ..e non lo meritiamo!(*) (Gesù) ma il Padre vi ha scelti!(*) ricordate sempre: “Dio è vivo, è in mezzo a voi, parla e si dona nella pienezza”, e nella pienezza dell'Amore vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Andate nella Pace che Dio ha lasciato scendere nei vostri cuori in questo giorno beato, figli miei! Ora la Piccola Cocciuta è ritornata tra di voi perché il Padre così ha deciso in questo giorno: per tutta la preghiera non è stata con voi; vedevate il suo corpo poggiato alla Croce che dondolava, ma ora è qui in mezzo a voi!(*) Dimmi cosa stai pensando! (Paolo) stavo pensando che adesso è qui come Strumento perché sei tu che stai parlando. Quando tu dici che non era in mezzo a noi, tra di noi c'eri tu, non lo Strumento! (Gesù) poggiato con i Chiodi vivi per amore!............ed Io chiedo ai vostri cuori: siate Croce viva nel mondo intero tra i fratelli! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!