LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 45

 

BERE E MANGIARE CON DIO E' ASCOLTARE LA SUA PAROLA

(dal messaggio del 27/05/2004)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

         1. Giov 27/05/2004, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia mia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora, per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre dell'umanità intera, Madre di ognuno di voi, Madre della Croce! Figli, vi chiedo col Cuore grondante di Sangue di pregare per la pace! Pregate per l'unità della Chiesa! Pregate per l'Uomo vestito di bianco! Pregate per le tue Mura di Roma che cadono, in questo tempo che Maria lascia scendere sull'umanità il suo Amore materno! Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, oggi, con il mio grido di giubilo, vi invito a pregare: pregate per la pace, fate scendere lo Shalom del Cuore del Padre, perché nelle vostre mani Io ho messo l'umanità intera. Siete stati sigillati col Sigillo dell'amore, con l'acqua che ha lavato i vostri capi; pregate e combattete il nemico col mio Amore, l'amore che scende dal Padre, dal Figlio e dello Spirito Santo! Non disperdetevi nei tempi che scenderanno sull'umanità, ma pregate, pregate, pregate. L'unica salvezza è la preghiera che Maria in questo tempo vi sta donando: il santo Rosario, la medicina per combattere i mali del mondo. Figli miei, la promessa viene da Fatima: “pregate per le anime che non conoscono e non amano il mio Figliuolo Gesù”! Apritevi in pienezza al Cuore di Maria, figli miei, e camminate sulla Via che vi sta segnando: la Via dei dolori, la Via della Croce, la Via della santa sofferenza, perché solo attraverso la sofferenza si arriva a gioire nel Cuore del Padre, ed Io mi poggio sempre di più su di voi, figli miei, perché vi amo: siate rocce vive dinanzi all'Amore Misericordioso del Cuore di Maria, figli! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) quanto Sangue! quanto Sangue scende, Gesù! (Gesù) vedi? (Giulia) si, Gesù, tu cammini ma non ti bagni di Sangue! (Gesù) prega per il Sangue che vedi, prega per tutti i figli che non vogliono riconoscere il mio Amore! (Giulia) Gesù, il Sangue che vedo non si unisce al tuo fiume! (Gesù) Prega, figlia mia, e fai pregare i tuoi figli e l'umanità intera. Grida i Dolori del mio Parto che è vivo e reale e in mezzo a voi, e chiedo ad ognuno di voi e al mondo intero di essere coscienti che Io sono vivo e reale in mezzo a voi e parlo, perché Io non vi ho mai lasciati soli, figli miei, ma aspetto il vostro si pieno al mio Amore che scende attimo per attimo su di voi e sull'umanità intera! (Giulia) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere; metto nel tuo Cuore tutti i sacerdoti, guidali tu, falli ardere e camminare nel tuo Amore, nella tua Pace, nella tua Quiete! Come sempre metto nel tuo Cuore il figlio Vincenzo e il giglio che deve aprire i suoi petali, ma in questo giorno tieni stretto al tuo Cuore Paolo, prendi per mano il tuo figlio Francesco e poggia sulle mie spalle ancora di più la Croce! Padre, trafiggi ancora il mio Cuore, ma come Maria ha preso nelle tue(sue) braccia, prendi anche tu nelle tue braccia i figli che ti ho messo nel Cuore! Gesù, perdonami, ma ti chiedo questo come misera peccatrice!(*) (Gesù) e Io ti rispondo Amen, Amen, Amen, Amen, e ti chiedo ancora una volta, figlia, che Io e Maria portiamo ognuno di voi e l'umanità intera nelle braccia! Vuoi ancora unire le tue mani alle mie mani? (Giulia) eccomi, Gesù!(*) Gesù, falli diventare più grandi i Chiodi, per abbracciare tutti i figli! (Gesù) coprono le tue mani, figlia: accoglili secondo le mie intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Abbraccia la Croce con me! (Giulia) eccomi, Gesù! <1º grido>(*) (Gesù) sollevati, anima mia!(*) (Giulia) grazie, Gesù, per i Chiodi! (Gesù) non c'è più spazio nelle tue mani, figlia! (Giulia) Gesù, dove trovi spazio fai entrare i Chiodi!(*) (Gesù) Cocciuta Divina del Cuore della Croce, il tuo Amore fa gioire il Cuore del Padre: invita i tuoi figli ad accogliere i Chiodi in questo tempo! (Giulia) Gesù, sono deboli: donali a me, li porto io per loro perché ti amo e amo tutti i miei figli e l'umanità intera. Tu mi hai scelta, mi hai mandata ad abbracciare la Croce per i miei figli e per l'umanità! Gesù, non solo le mani e in piedi, ma inchiodami tutta: eccomi! Eccomi! Eccomi come straccio dinanzi ai tuoi piedi. Dove trovi spazio metti un Chiodo, Gesù, ma sia fatta la tua non la mia volontà. Perdonami se ti chiedo questo, ma voglio gioire nell'abbraccio della sofferenza solo con te, mio unico Amore, mio unico Bene, mio Dio e mio Signore! (Gesù) figlia, ecco i Chiodi che hai chiesto: guardali(*) e accoglili tutti! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) <Giulia riceve i Chiodi ma non grida> (Gesù) sollevati, anima mia!(*) Eccoti accontentata, figlia, ma hai tenuto per te i Dolori! (Giulia) Gesù, erano troppo pochi per gridare! (Gesù) figlia, figlia mia, se tutte le anime accogliessero i Chiodi, l'umanità sarebbe salva: accoglieteli anche voi, Discepoli, Colonne e Suorine della Croce, i piccoli Chiodi quotidiani, le piccole croci che si poggiano su di voi, ma con amore e col sorriso sulle labbra, perché Io vi ho amato e vi amo abbracciando attimo per attimo i Dolori che mi offrite nel mio Cuore! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi! Figli del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, sia sempre viva nei vostri cuori e la fiammella del mio Amore, e ricordatevi che Io sono il vostro Papà ed essendo il vostro Papà non vi lascio nelle lacrime, non vi lascio per terra, ma vi sollevo! Figli, nel dolore imparate a camminare la mia Via! Nel dolore imparate a conoscere l'amore di Maria, la Mamma che vi tiene in braccio! Nel dolore guardate il mio Cuore trafitto dall'umanità sorda e cieca! Nel dolore diventate più grandi perché Io vi ho messo in mezzo ai lupi, figli, ma niente e nessuno vi farà del male perché Io vi ho scelti uno ad uno per camminare e portare la mia Parola viva e salvare l'umanità! Abbiate fede, crescete nell’Amore amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici e coloro che trafiggono i vostri cuori dicendo: “Padre, perdona loro perché non hanno visto ciò che hanno fatto”, “Padre, perdona i nostri errori, perdona le nostre mancanze, perdona noi che siamo servi inutili dinanzi al tuo Amore che non ha limiti ma si allarga sempre di più”. Il Padre è pronto ad accogliere i cuori di ognuno di voi per fare festa! Figli miei, il suo Cuore è sempre aperto e aspetta, aspetta l'umanità e ognuno di voi! Nel momento dello smarrimento, Papà aspetta i propri figli per stringerli al suo Cuore “venite tutti, figli miei, perché Io non faccio alcuna distinzione perché Io Sono”! Tu, Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) figlia mia, dovrai soffrire ancora; sarai perseguitata a causa del mio Nome in questo tempo! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) sii sempre roccia! (Giulia) Eccomi, Gesù! Ti amo, Gesù, e voglio stare abbracciata alla tua Croce perché è lì, dove tu mi hai messa, (che)io voglio portare tutti i miei figli sul Legno della Croce per gioire e vivere il tuo Amore, Gesù! (Gesù) portali tutti, figlia, ma state attenti al nemico, è astuto e usa ogni in mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo con l'amore tenendo sempre alto il santo Vangelo, figli! Ora vi chiedo con amore: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella Verità, nella gioia e nella Luce del santo Vangelo, sono ancora qui in mezzo a voi a portare il Cuore del Padre, a donare ad ognuno di voi e al mondo intero il suo Amore, la sua Parola viva, l'Acqua Zampillante dell'unica Sorgente della Parola! Venite tutti a dissetarvi alla Parola di Dio, perché Dio è vivo in mezzo a voi e parla, e il mistero che stiamo vivendo è così grande, figli, da non poterlo comprendere: Dio vivo che parla in mezzo ai suoi amici, e gli amici che ha scelti siete voi. ................. Dio si presenta dicendo “pace a voi, figli miei” e la Pace di Dio regna nei vostri cuori, rimane, cresce, ma le cose del mondo vi affannano, siete stanchi. Lasciate tutto nelle mani di Dio! Siate coscienti ancora una volta che Dio è Padre e conosce i vostri cuori: nulla si muove senza il suo volere; non c'è foglia che cada, non c'è albero che cresca senza la sua volontà! Di questo dovete essere coscienti, figli: comprendere che Dio non vi lascia per terra, Dio poggia le croci su di voi perché vi ama e la Croce è la vostra salvezza, la Croce è il sigillo che ognuno di voi è figlio di Dio, e senza la Croce non potete gioire, non potete vivere, figliuoli. Ed Io che sono Sacerdozio vivo ed eterno, l'ho abbracciata in pieno, l'ho portata e la porto ancora! Quante volte sono caduto sotto il peso, ma il Padre mi ha sollevato! Quante volte per ognuno di voi, per il mondo intero, le mie ginocchia si piegavano: portarvi in braccio! Perché vi affannate per un piccolo peso, per un piccolo dolore?(*) offritelo al Cuore di Maria in questo tempo; vivete questi ultimi giorni consolando la Mamma del Cielo e della terra e grande sarà la vostra ricompensa! Figli miei, sapete bene (che) quando parlo di Maria il mio Cuore arde, così anche il vostro fatelo ardere! Abbiate fede! Abbiate fede e non gettate la santa sofferenza che è la Via stretta per arrivare al Cuore del Padre, figli miei! Ma ancora una volta vi invito a pregare per l'Uomo vestito di bianco e per tutti i sacerdoti in questo tempo! Figliuoli del mio Cuore, il Padre vi ha mandato il figlio Vincenzo per prendere nelle proprie braccia ognuno di voi come agnellini e portarli sulla Croce! Non spaventatevi di questo! Il sigillo che Io ho lasciato è sigillo di Croce e lui la porta per ognuno di voi, per il mondo intero! La Cocciuta si è lasciata inchiodare per amore, voi lasciatevi inchiodare per i vostri fratelli pregando e invocando il Nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo e del Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Giov. 7° sett. dopo Pasqua/C Gv. 17,20-26> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio mio! Hai vissuto il santo Vangelo di questo giorno? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) l'hai vissuto nel dolore.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nella sofferenza, ma quel dolore, quella sofferenza, ha salvato tante anime! Il tuo cuore gronda Sangue, ma quel Sangue serve per salvare i tuoi fratelli, i tuoi figli e l'umanità! Apri il tuo cuore dinanzi al tuo papà! Dimmi, cosa è rimasto del santo Vangelo? <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Paolo) da questo passo del Vangelo, come anche da tanti altri, si evince il grande Amore di Dio per i propri figli.. (Piccolo Giovanni) ..senza fare alcuna distinzione! (Paolo) si, e infatti nell'ultima cena Gesù invita il Padre a guardare nel futuro fino ai nostri giorni! (Piccolo Giovanni) fino a questo istante! (Paolo) si, guardando come attraverso una finestra tutti i figli.. (Piccolo Giovanni) ..è sempre aperta.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..la finestra del Cuore! (Paolo) esortando il Padre di tenerli sempre uniti nel suo Amore! (Piccolo Giovanni) è quello che vi ripete sempre la Piccola Cocciuta! (Paolo) si, finché loro possano anche riconoscere Lui: Gesù, come suo Figlio, perché il Padre ama il Figlio e il Figlio vuole che lo stesso amore sia elargito all'umanità intera (Piccolo Giovanni) e tu ami il tuo papà? (Paolo) io amo il mio papà! (Piccolo Giovanni) anche nel dolore e nella sofferenza che trafigge il tuo cuore.. (Paolo) ..io penso che.. (Piccolo Giovanni) ..e il cuore della tua mamma? (Paolo) sì, Giovanni, io penso di amarlo anche i queste situazioni difficili, però.. (Piccolo Giovanni) ..lo ami così tanto da volerlo aiutare.. (Paolo) ..eh, è proprio questo il punto! (Piccolo Giovanni) ma l'aiuto devi chiederlo al Cielo: bussare ancora di più alla porta del Cuore del Padre! È questo che devi fare, figlio! Non diventi triste il tuo cuore: ti ho sempre detto che su mamma Elvira c'è il Progetto di Dio, si deve compiere la volontà del Padre, è nel dolore e nella sofferenza che Io sono più vicino: in quegli attimi Io non vi lascio un istante, e la Piccola Cocciuta vive attimo per attimo i dolori di tutti i figli come li vivo Io, figlio mio! Parlo a Paolo, parlo ad ognuno di voi che ha il cuore trafitto! E come Sacerdozio vivo ed eterno allargo le mie braccia: come la Cocciuta “non solo le mani e i piedi, ma inchiodami tutto per amore”! Paolo, cosa stai pensando? <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Paolo) sto pensando che tu.. e diversamente non potresti essere, hai sempre la risposta a tutto! (Piccolo Giovanni) è il Padre, perché Io vengo in mezzo a voi in ubbidienza al Padre e per amore dello Strumento che chiede sempre di più i Dolori della Croce perché vi ama come Io vi ho amati e vi amo attimo per attimo! Paolo, i tuoi occhi sono come gli occhi di Maria quando ha incontrato il suo Figliuolo flagellato e sanguinante, ma gioisci, figlio mio, gioisci, perché nel dolore c'è la gioia e la resurrezione! Dimmi ancora qualcosa! (Paolo) tu hai sempre parole di conforto ed io alcune volte non mi sento nemmeno degno di metterci piede qui dentro! (Piccolo Giovanni) ma il Padre ti apre la porta del Cuore! (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) perché come ama te ama tutti i figli, e non siete.. in questo Luogo baciato da Dio non venite per conto vostro ma portati, attirati dall'Amore e dalla Verità del santo Vangelo che è vivo e reale in mezzo a voi:  Gesù, la Parola! Avete ascoltato le parole del figliuolo Vincenzo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) avete vissuto l'amore che arde nel suo cuore per ognuno di voi e per questo Luogo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è il Padre che l'ha mandato! Io sono sempre con voi, parlo attraverso la Cocciuta, non vi lascerò mai, ma il giglio deve vivere in mezzo a voi e tenervi per mano: ascoltate la sua voce che è la voce del Padre e la mia, e il mistero diventa sempre più grande, il mistero diventa sempre più vivo perché sarete perseguitati a causa della Croce perché siete figli della Croce, scelti uno ad uno; e il vostro compito nella vigna è grande, e i tempi che verranno saranno ancora più pesanti, figli miei! Il figlio Vincenzo soffrirà molto e voi dovete sostenerlo nell'amore, nella pace e nella quiete, nella Verità del santo Vangelo, e voi che siete le Colonne: Paolo, ..... Telesfore e la Cocciuta, dovete sostenerlo perché lui è l'Albero che si poggia sulle Colonne!(*) Un'altra goccia scende su di voi: è grande, e per questo sarete perseguitati ancora di più, ma Io sono sempre con voi, non vi lascio! Paolo, cosa stai pensando? (Paolo) che cosa significa quando tu dici che siamo stati scelti uno ad uno! (Piccolo Giovanni) significa che il Padre vi ha scelti perché ha trovato grazia nei vostri cuori e si è fermato per farvi lavorare come ha fatto con i discepoli! (Paolo) mo' non ti arrabbiare se ti dico un'altra cosa: ma questo che vuol dire? che non ce ne sono altri migliori di noi? (Piccolo Giovanni) siete i peggiori, per questo.. (Paolo) ..sì, vabbè, mettiamolo..  (Piccolo Giovanni) ..siete stati scelti!(*) Dio guarda: nulla gli è nascosto, e sceglie i piccoli per confondere i Grandi ed i sapienti! Sono stato chiaro? (Paolo) ma il concetto base è chiaro, però a me rimane sempre un.. cioè, anche perché altri se lo sono.. se lo sono chiesto, questo “perché proprio me?(Piccolo Giovanni) la Piccola Cocciuta, quando è stata chiamata ha detto anche lei “perché io?”, ma ha allargato le braccia dicendo “eccomi!(Paolo) e non si è chiesta più niente? (Piccolo Giovanni) no!(*) ha pianto solo un po' quando le sue mani sono state bucate e voleva lavare il Sangue sotto l'acqua, e quando me l'ha raccontato Io mi sono messo a ridere e ora lo fai anche tu! “Perché proprio io? non c'è un altro migliore di me?”: Dio non guarda perché Dio non fa nessuna distinzione! Non c'è uno più grande e l'altro più piccolo: i figli sono tutti uguali dinanzi a Dio! Dio non guarda né la bellezza,  né l'altezza e neanche il colore della pelle, Dio poggia il suo dito sui figli e poggia la Croce! “Chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”!  (Paolo) ma, Giovanni, il.. il fatto che Dio abbia scelto Thurio per il suo progetto, che cosa.. che cosa significa? che qui ha trovato qualcosa rispetto ad altri posti? (Piccolo Giovanni) ha trovato “l'eccomi”! (Paolo) compreso noi? (Piccolo Giovanni) si, perché siete la famiglia, i miei amici(*) nel camminare e nel vedere il Cuore Immacolato di Maria trionfare: il Sole che si accende, e quando vedrai il Sole i tuoi occhi non smetteranno di piangere e quelle lacrime si uniranno all'Acqua Zampillante del Cuore di Dio! (Paolo) e quando è nato a Betlemme, perché proprio Betlemme? (Piccolo Giovanni) perché così era scritto.. (Paolo) ..ma c'era un motivo? oppure.. (Piccolo Giovanni) ..come era scritto questo Luogo! È nel progetto: si doveva adempiere la scrittura.. (Paolo) ..perché.. (Piccolo Giovanni) ..come si adempirà questa! (Paolo) perché prima, diceva Gesù, che noi siamo stati messi in mezzo ai lupi (Piccolo Giovanni) si, e quei lupi diventeranno agnelli per il vostro lavoro, la vostra sofferenza! Voi siete seduti ma state lavorando nella vigna del Padre! (Paolo) e pensare, Giovanni, che all'inizio, quando venivo qua, parlando anche con altri fratelli, si veniva per trovare sollievo, ma parlo del sollievo terreno, per le guarigioni facili, per stare meglio fisicamente insomma.. (Piccolo Giovanni) ..ho sempre.. (Paolo) ..per vivere meglio la vita terrena! (Piccolo Giovanni) ho sempre gridato “non venite qui a chiedere miracoli..(Paolo) ..una cosa.. (Piccolo Giovanni)..ma tenete stretta la santa sofferenza(Paolo) eh, però per metabolizzare questi concetti, c'è voluto! (Piccolo Giovanni) perché si pensava tutto.. (Paolo) ..con la testa.. con la mente.. (Piccolo Giovanni) ..con la mente! E pensare col cuore è più leggero perché passa l'amore, e l'amore rende leggeri come una piuma e vi fa sollevare e arrivare al Cuore del Padre per essere un tutt'uno col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo, abbracciando il Cuore Immacolato di Maria! In questi pochi giorni fatela gioire e Lei vi metterà nel Cuore del Padre perché è Mamma! Chiaro? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) si è sollevato il tuo cuore? (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) il Sangue l'ho asciugato Io, figlio! (Paolo) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sono Io che devo dire grazie perché porti la Croce per i tuoi fratelli e per l'umanità intera! Lavorando portate tutti la Croce, figli, ma state attenti al nemico, è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere, e quel Chiodo gli dà fastidio!(*) <si riferisce al chiodo di legno che sta realizzando Paolo, che è simile a quello che entra nelle mani di Gesù e di Giulia> hai capito? quel chiodo gli dà fastidio! (Paolo) quello che devo fare? (Piccolo Giovanni) sii forte, allarga le braccia e stringilo al tuo cuore! Io non ti lascio solo, figlio, ma sappi che quel chiodo gli dà fastidio!(*) Ora non pensare cinquanta cose in un istante, vai avanti! Cosa vuoi dire? (Paolo) niente, stavo pensando.. (Piccolo Giovanni) ..50 cose.. (Paolo) ..50 cose! .................(Piccolo Giovanni) e il figlio Vincenzo invita la Cocciuta ad amare sempre! ................. non vuole ancora parlare ma parlerà: è Dio che lo manda! ................. ..il Sigillo è Dio!................. ..quante sofferenze porta nel suo cuore, ma il suo volto è sempre raggiante e il suo sorriso sempre acceso come il mio! ................. <= lo sgabello di Giovanni> .................non l'avrei donato a nessun altro ma a chi il Padre ha mandato! ................. è la pienezza di Dio: Amen! ................. ..ed Io sono lì abbracciato alla Croce! ................. ..come l'Alito che Io mando su di voi, perché non conoscete i tempi che stanno per scendere! È per questo la Cocciuta ha dovuto leggere il 2° messaggio! Per voi è sembrato nulla, ma non avete compreso ciò che contiene, e presto ne dovrà leggere altri perché il Parto è pieno ma non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre scenderà a chiedere ad ognuno di voi il vostro operato, e all'umanità intera, perché Io parlo nella dimora del Padre ma parlo al mondo intero! Il mio grido non si ferma ma corre veloce! ................. nel cuore di tutti gli uomini! ................. Io non vi lascio: vi carico di Croce ma non vi lascio perché vi amo! ................. è bello quando chiede alla Cocciuta “dimmi qualcosa: cosa ti è rimasto? voglio saperlo subito!”, come facevo Io quando non ero presente. “Ma è possibile che non ricordi? tu che hai parlato non ricordi le tue parole?”, e la Cocciuta, poverina, “ma non sono Io a parlare, è il Padre che parla!” ................. “raccontami, dimmi quello che è successo”! ................. Telesfore! (Telesfore) eccomi, Mammà! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Lo fermo se no quello va avanti nello scoprire i misteri! <si ride un po'> tu cosa mi dici? (Telesfore) a me quello che amo.. <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> ..di più di don Vincenzo è il suo sorriso.. quando parla con te!(*) (Piccolo Giovanni) non è uguale al mio? (Telesfore) eh, è uguale al tuo!(*) E sono gioioso perché camminate sullo stesso binario! (Piccolo Giovanni) la linea del Vangelo è una sola! (Telesfore) però è misterioso come lo sei.. come lo sei tu, perché nasconde la sofferenza!(*) (Piccolo Giovanni) perché, tu vedi quella della Piccola Cocciuta?: le piccole! (Telesfore) le piccole le vedo!(*) (Piccolo Giovanni) cosa sentivi quando l'hai vista piangere ieri? (Telesfore) eh(*), cosa sentivo? che il cuore si spezzava, però quando vede che un.. un figlio sta per perdersi non resta che piangere e pregare.. forse quel pianto.. (Piccolo Giovanni) ..e il suo pianto era preghiera.. (Telesfore) ..servirà a salvare quella.. (Piccolo Giovanni) ..era portarla nel Cuore del Padre! Non solo lei, ma tutti i figli che ha incontrato! <si riferisce ad una donna e un gruppo di persone incontrate ieri che hanno rifiutato nel loro cuore la misericordia divina> e il suo dolore è diventato più grande: bussava forte al Cuore del Padre dicendo “Padre, sia fatta la tua non la mia volontà”!(*) Ma non è riuscita a trattenere le lacrime: le ha lasciate scendere per terra! (Telesfore) per benedire? (Piccolo Giovanni) si!(*) ma dimmi: cosa c'è ancora nel tuo cuore? oggi che giorno è? (Telesfore) eh, oggi è 27!(*) (Piccolo Giovanni) sto aspettando! (Telesfore) non so come.. pensavo poco fa “chissà come sarà il Cuore del mio papà?”(*) (Piccolo Giovanni) gioioso con gli Angeli!(*) (Telesfore) con gli Angeli, si, so che è gioioso, però non so se per noi è anche gioioso! (Piccolo Giovanni) nel vedere il tuo cuore, si, nel vedere il Cuore della Cocciuta e nel vedere il cuore della famiglia che è qui riunita, ma mi fermo! (Telesfore) io gli raccomando quella piccola creatura che è nata in questi giorni! .. di metterla.. (Piccolo Giovanni) ..io chino il capo.. (Telesfore) ..nel Cuore del Padre sempre secondo la sua volontà! (Piccolo Giovanni) chino il capo dinanzi a questo, figlio! Ma dimmi qualcos'altro!  (Telesfore) mi ci dai un abbraccio insieme alla Corte Celeste?(**) <Giovanni abbraccia Telesfore e lo bacia> (Piccolo Giovanni) è il bacio di papà! (Telesfore) era il suo! (Piccolo Giovanni) diceva “benedetto, figlio”! (Telesfore) si! Si usava in quei tempi! Io non capivo che significava quella parola: oggi capisco.. (Piccolo Giovanni) ..tu gli baciavi la mano e lui ti baciava la fronte dicendo “benedetto, figlio”! (Telesfore) eh, questa è un'altra goccia che è scesa? (Piccolo Giovanni) Dio lascia scendere le gocce: dovete raccoglierle! (Telesfore) o meglio dire la benedizione è scesa? (Piccolo Giovanni) le gocce di Dio sono tutte benedizioni e grazie, ma bisogna aprire i vostri cuori.. (Telesfore) ..ma io.. (Piccolo Giovanni) ..perché scende su di ognuno di voi, su tutti voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! (Telesfore) io da bambino.. forse nemmeno da grande, quando era il periodo di Natale.. che si baciava la mano a papà, alla mamma, gli zii, si usava dire questa parola. Cioè, in dialetto diciamo “Benedittu” che significa “Benedetto”, però io.. è una parola forse che si dice, non.. oggi capisco che quella parola significa “benedizione”! (Piccolo Giovanni) e come era gioiosa la Cocciuta: quando la riceveva il suo Cuore esplodeva perché quella benedizione la donava non tenendola per se!(*) Cosa mi dici ancora? stai pregando per i due gigli? (Telesfore) si, sto pregando per i due gigli, ma io.. (Piccolo Giovanni) ..non siete gelosi dei due gigli?  (Telesfore) no, io veramente pensavo che i gigli ci dovrebbero.. cioè, noi li carichiamo ancora di più di Croce perché ci devono portare sulle spalle, invece oggi ci hai detto che dobbiamo anche sostenerli! (Piccolo Giovanni) con la preghiera.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..il vostro amore! Se Dio vi ha scelti per lavorare dovete pregare per tutti i Figli Ministri: il nemico vuole distruggere il Progetto dell'Amore, per questo dovete pregare e sostenerli col vostro eccomi! (Telesfore) in ginocchio ai piedi della Croce? (Piccolo Giovanni) come stracci e servi inutili come Io dicevo e dico “sono un povero uomo”, la stessa cosa la ripete lui “Io non sono niente”! (Telesfore) a volte.. noi siamo uomini sulla terra, e quando tu ci dici qualcosa e noi non la comprendiamo, non l'accettiamo.. perché.. non l'accettiamo perché non comprendiamo, ma se noi accettiamo e aspettiamo i tempi, col tempo poi.. (Piccolo Giovanni) ..i tempi di Dio non sono i vostri tempi: vorreste capire tutto subito ma non è così che lavora il Padre! (Telesfore) io ricordo quando tu eri presente fisicamente, e la Madonna o Gesù diceva qualcosa che sembrava che era contro.. contraddittorio, diciamo, alla.. che sembrava al Vangelo qualche cosa che doveva.. tu stringevi le spalle e a tenevi tutto nascosto anche se.. (Piccolo Giovanni) ..ma alla Cocciuta dicevo “quello che hanno lasciato scendere è pesante! (Telesfore) eh, è pesante, però aspettavi i tempi! (Piccolo Giovanni) non potevo dire subito: un passo alla volta! Ma se avete capito bene, Vincenzo vi ha detto tutto subito, spiegandovi i canti c'è tutto! (Telesfore) in quei canti c'è tutto, c'è! Basta soltanto aprire il cuore e farli entrare! (Piccolo Giovanni) sono scesi dal Cielo e dicono tutto! Se vi fermate a leggerli o l'innalzate come lode capirete di più il mistero che è vivo e reale ed è in mezzo a voi e non vi chiederete più “perché Io e non un altro?”. Ci sei, Paolo? (Paolo) sì!(*) (Piccolo Giovanni) ma direte “eccomi”! La Dimora di Dio in mezzo a voi! Dio vivo in mezzo a voi!(*) Cosa potete chiedere di più? (Paolo) non c'è niente di più che possa.. <Paolo dice qualche altra cosa ma è lontano dai microfoni e non si capisce> (Piccolo Giovanni) ma pregare, amare, perdonare, usare carità verso tutti e al primo posto portare tutti i vostri nemici e far festa al Banchetto Nuziale che è pronto in mezzo a voi! Dio ha sete e fame e vuole bere e mangiare con ognuno di voi! Preparate i vostri cuori e venite a fare festa perché lo Sposo è pronto, è in mezzo a voi, figli! Preparate i vostri cuori distaccandovi dalle cose del mondo e venite, venite tutti, figli miei, perché il Banchetto è pronto per ognuno di voi! Ecco lo Sposo che avanza!(*) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Sposa, preparati per lo Sposo! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) ecco il Cuore del Padre: prendilo nelle tue mani, bevi il suo Sangue e donalo ai tuoi figli!(*) (Giulia) come sei bello! Come sei bello!  (Piccolo Giovanni) vieni, figlia!................. Paolo! (Paolo) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! Telesfore!(Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, ..... Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, .... Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) chi siete venuti a cercare? (Paolo, .... Telesfore) Gesù! (Piccolo Giovanni) siete coscienti che Gesù è vivo e reale in mezzo a voi? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) lo amate? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) lo amate? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) lo amate? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) anche quando si poggia nella sofferenza?  (Paolo, ..... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e volete prendere parte al Sacrificio? (Paolo, .... Telesfore) sì!(*) (Piccolo Giovanni) mi poggerò di più perché vi amo e mi poggerò su di ognuno di voi, in modo particolare sui colombi: Mario e la tua sposa, poggerò in pieno la mia Croce su di voi, ma non abbiate timore! < sono presenti alla Stanza gli sposi, Mario e Maria Elena .> camminate sulla Via del Vangelo abbracciando tutti i vostri fratelli nell'amore, nella pace e nella quiete che solo Dio può donare, unendovi al suo Cuore amando, perdonando, usando carità verso tutti, figli!(*) Siete gioiosi nel prendere parte al Sacrificio? (Paolo, ..... Telesfore) sì! <questa sera è stato inaugurato un nuovo ed unico Calice che contiene sia il Pane che il Vino> (Piccolo Giovanni) non meravigliatevi di ciò che vedete, viene dal Cuore di Dio, e la Cocciuta cammina sulla Linea del Vangelo ed Io la amo per la sua ubbidienza e mi fermo dove trovo ubbidienza, così anche voi fermatevi quando trovate la Parola viva che è Gesù e la santa ubbidienza che Dio ama ed elargisce sempre di più il suo Cuore! Siete pronti? (Paolo, .... Telesfore) sì!(*) (Paolo, Telesfore .... insieme al Piccolo Giovanni, ripetendo dopo di Lui) Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti. Fate questo ricordandovi della mia Amicizia!(**) Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo!(***) <2º grido> (Giulia) tu sei veramente Dio vivo in mezzo a noi!(**) (Piccolo Giovanni) cosa vedete?(*) (Paolo) un astro! .................(Telesfore) io vedo una scala con delle luci! (Piccolo Giovanni) Io vedo il Cuore del Padre che batte e si apre sempre di più per ognuno di voi e per l'umanità intera! Riuscite a vederlo.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..il Cuore del Padre?(*) si allarga e arde!(**) Ora è aperto ancora di più! Gustate il suo amore!(**) Cosa vedete? ................. (Paolo) io vedo una scala! (Telesfore) io vedo una scala e una Croce! (Piccolo Giovanni) il Rosario di Maria e la Croce: curva prega affinché l'umanità salga i gradini del santo Rosario, l'ascensore per arrivare al Padre e per far scendere la pace, perché il mondo non è in pace con Dio, e Maria fa scendere sempre di più il suo Rosario! Quale pezzo volete?(**) Cosa è rimasto? .................volete abbracciarla? ................. portarla sulle vostre spalle? (Paolo, ..... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e donarla ai fratelli e ai figli che non conoscono l'amore di Gesù? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e volete donarmi ai vostri fratelli? (Paolo, ....Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) volete preparare il triangolo? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e far passare i figli attraverso il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo? (Paolo, .... Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) preparatevi!  <Paolo, Telesfore ...... si dispongono in ginocchio davanti all'altare centrale formando un triangolo, mentre Giovanni procede alla distribuzione del Corpo e del Sangue di Gesù> Preparate la Via Stretta per le Spose e venite tutti a bere e a mangiare! Voi avete sete e fame? (Paolo, .... Telesfore) sì!(*) <distribuisce nuovamente a Paolo, .... Telesfore un pezzo di Pane imbevuto nel Vino> (Piccolo Giovanni) Sangue e Corpo di Cristo! ................. Sangue e Corpo di Cristo! (Paolo) Amen! (Piccolo Giovanni) Sangue e Corpo di Cristo! (Telesfore) Amen! <ad uno ad uno, prima i Nomi Nuovi ed i Pii e poi le Suorine ricevono il Corpo e il Sangue di Cristo inginocchiandosi nel triangolo. Giovanni ripete per ognuno la formula “Sangue e Corpo di Cristo” e ognuno risponde “Amen”> (***) (Piccolo Giovanni) non abortitemi quando uscite fuori ma fatemi vivere. Non giudicate ma amate e perdonate perché Io sono venuto ad abitare nei vostri cuori: sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna; e la mia Pasqua è piena ed è risorta: risorgete anche voi nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) la gioia sia piena nei vostri cuori! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) perché nel mio è piena nel venire ad abitare dentro di voi, figli miei!(*) Potete alzarvi, e tu puoi abbracciare la tua Croce!(**) Dì quello che stai pensando! (Paolo) il firmamento, vedo(*).. <= le briciole rimaste sul piattino> (Piccolo Giovanni) e quella cos'è? (Paolo) un granellino di sabbia! (Piccolo Giovanni) voi siete un granellino di sabbia.. (Paolo) ..ma piccolo piccolo.. (Piccolo Giovanni e) ..ma quel granellino di sabbia cresce e si moltiplica perché si dona nella sofferenza e nell'amore! Quanti misteri in questo giorno! Avete visto tutto nuovo: Dio fa tutte le cose nuove perché è vivo, è reale, è in mezzo a voi e non viene a cambiare nulla di ciò che è antico perché Dio è antico, ma si dona nelle cose nuove perché la Pasqua è viva ed è risorta per chi crede nel suo Amore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Per voi sembra nuovo, ma è antico! ................. Lo spezzare il Pane, ma il Sacrificio.. ..era pronto ad abbracciare la Croce! ................. crescete nell'amore e siate il fiume di Dio che scorre sempre portando il suo Amore all'umanità intera!(**) questo è per la Chiesa di Roma, ma lo prenderà la Piccola Cocciuta!(**) <Giulia viene crocifissa ma non emette il grido> è la seconda volta, figlia, che tieni i Dolori! (Giulia) perdonami, Padre!(**) (Piccolo Giovanni) Dio vuole rimanere lasciando la scia del suo Amore e della sua Luce!(**) <nonostante abbia versato l'acqua nel Calice, è rimasta nel Calice una scia di molliche> sono pieni i vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo! (Paolo) dimmi! (Piccolo Giovanni) cosa stai pensando? (Paolo) sto pensando al contrasto netto che c'è tra le vie del mondo e quella di Gesù! (Piccolo Giovanni) tu quale vuole? (Paolo) quella di Gesù, ma c'è da combattere tanto! (Piccolo Giovanni) chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua! Hanno perseguitato me, sarete perseguitati anche voi! Hanno Crocifisso me, crocifiggeranno anche voi, ma i Chiodi li porta la Cocciuta per ognuno di voi perché è lo Strumento scelto e mandato dal Padre per accogliere e abbracciare la Croce, e accogliere e abbracciare la Croce è abbracciare ognuno di voi e l'umanità intera; e i Dolori sono forti: vuoi sentirli?(*) <offre la sua mano prima a Paolo ......> riesci a sentirli?(*) riesci a sentirli?(*) una piccolissima.. .parte! Cadreste a terra se ve li farei sentire tutti! Avete sentito soltanto una carezza del Chiodo perché la Cocciuta vi ama così tanto da non donarveli in pienezza, figli!(*) Dimmi cosa pensi ancora!(*) Avete visto il gesto del figliuolo Vincenzo? gli ha stretto la sua mano ma poi se l'è portata al cuore, aperta.. ..per far penetrare il Chiodo nel suo cuore! Voleva alleggerire i Dolori della Cocciuta: “tu soffri così tanto per noi e noi non possiamo fare nulla?”, ma la Cocciuta risponde “per Gesù è poco quello che Io riesco ad offrire”. È l'amore il mistero: amate ancora di più; amate i vostri nemici e portateli dinanzi all'altare a far festa col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Sai, la Cocciuta è venuta a gridare per accorciare i messaggi ................. ma poi gli è stato ordinato di venire a chiedere scusa al Padre! <= ordine di don Vincenzo> accorciare il messaggio è come accorciare il Vangelo! ................. (Piccolo Giovanni) Io allargo le braccia e stringo le spalle! ................. il Padre vi ha scelti uno ad uno per lavorare nella vigna, e ognuno di voi ha il proprio compito! ................. E col Nome della Croce, Io ora vi saluto col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce sempre di più in mezzo a voi. Andate nella Pace di Dio e portatela all'umanità, ai vostri fratelli, ai figli che si sono affidati a questa santa preghiera, ai figli che mi avete portato nei vostri cuori; non lasciate nessuno fuori della santa preghiera, figliuoli del mio Cuore! Dio vuole riposare nei vostri cuori per lasciare ancora di più la quiete e il suo amore, e voi avete aperto la porta facendolo entrare e gli avete preparato la culla: ora, gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore di Maria! Grazie per tutto l'amore perché siete qui riuniti nella Stanza del Cuore di Dio a lavorare nella sua vigna, a far festa, a bere e a mangiare con Dio! Bere e mangiare con Dio è ascoltare la sua Parola: beati voi, figli, beati voi che siete qui riuniti col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria, gli Angeli e i Santi tutti! ................. Siete coscienti di questa gioia.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..che il Padre vi dona? siete coscienti? (Tutti) sì! (Mosè) siamo pieni di gioia! (Piccolo Giovanni) non siano tristi i vostri cuori, non siano turbati ma carichi di amore per donarlo ai fratelli e all'umanità intera. Io metto nel Cuore del Padre i vostri cuori bussando(*), e benedico e lodo i vostri cuori, figli miei, perché siete venuti a farmi compagnia in quest'ora, ma vi chiedo di pregare e di fermare i flagelli che scendono ancora sull'umanità! Abbiate fede, figli, abbiate fede e andate in pace portando la pace e la quiete di Dio, ma non abortitemi, figliuoli! E nell'amore e nella quiete, vogliamo unire la catena? (Alcuni) si! (Piccolo Giovanni) la catena del Cuore del Padre e pregare con la preghiera che il Padre ci ha donato, col canto! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> Padre! Padre! Padre, non ci abbandonare ma liberaci dal male! Liberaci dal male! Liberaci dal male! Padre Misericordioso, guarda benigno la tua famiglia e liberaci dal male, Amen, Amen, Amen! I vostri cuori sono gioiosi? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) e chiamate sempre il vostro Papà negli attimi di debolezza, abbracciando in pieno il suo amore! La Cocciuta lo sta donando e passa attraverso ognuno di voi! ................. Telesfore, tu cosa senti? (Telesfore) io sento l'amore e la forza della Croce! (Piccolo Giovanni) e falla passare avanti, e donatela all'umanità e ai vostri fratelli! Non lasciate nessuno, non dimenticate i figli carcerati, i figli drogati, i figli emarginati, donate ad ognuno di loro l'Amore che il Padre lascia scendere su di voi, figli! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel portare sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli, e abbraccia con amore la tua Spina Preferita e tutti i tuoi Cari! (Giulia) Amen, Gesù! Amen! Amen!(*) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Andate in pace e donate al mondo il mio Cuore come lo dono a voi, figli! (Giulia) grazie, Papà!

 

 

         2. Dom 30/05/2004, ore 11.30, giorno di Pentecoste, messaggio orale

   Oggi è il giorno di Pentecoste e lo Spirito Santo da' il proprio messaggio.

Giulia scrive il messaggio orale e dice: "Vedevo un Globo luminoso e una Colomba in centro". Ecco il messaggio:

(lo Spirito Santo) sono Io, lo Spirito Santo. Figlia, ascolta ciò che ti dico. Tu sei la Sposa e Dio ha trovato grazia in te. Vai avanti e fa tutto ciò che ti viene annunciato. Non temere, il Padre è con te, Giovanni e il giglio ti guideranno. Figlia, porta ancora i Segni del Crocifisso per la Chiesa tutta <oggi si apre il costato e sanguina>. Ti benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Amen, Amen, Amen, Amen!

 

 

         3. Mar 01/06/2004, ore 06.30, mese di Gesù, messaggio orale

    Con oggi inizia il mese dedicato al Cuore di Gesù, e come tutti gli anni, lo Spirito Santo è venuto ad onorare nostro Signore.

(lo Spirito Paraclito) vieni, figlia mia, sono lo Spirito Paraclito! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre! (lo Spirito Paraclito) Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen. Ora scrivi per Gesù:

 

O Cuore Divino del mio Signore,

dove troverò Amore se non guardo te?

te solo io amo,

solo le tue mani io posso stringere

e sentire i Chiodi del Divino Amore

 

Un Pater secondo le Intenzioni di Dio.

 

(lo Spirito Paraclito) Figlia, ti benedico e benedico il mondo. Vai avanti nell'amore e nella quiete, Giovanni e il giglio ti guideranno, non temere! Amen, Amen, Amen, Amen! Sia benedetto Colui che E'!

 

 

         4. Giov 03/06/2004, ore 21.07, Stanza more solito

don Vincenzo ha annunciato che anche la liturgia della Stanza deve conformarsi ai dettami della Chiesa, ed in particolare a quanto contenuto nella lettera apostolica che lo Spirito Santo ha ispirato al Papa, la REDEMPTIONIS SACRAMENTUM, in materia di istruzioni su alcune cose che si devono osservare ed evitare circa la Santissima Eucaristia. Don Vincenzo ha invitato Giulia a chiedere a Gesù la conferma dal Cielo. La risposta di Gesù, oggi, non si è fatta attendere. Per questo motivo, in ubbidienza a don Vincenzo, Giulia ha proceduto a informare i fedeli della Stanza circa le nuove disposizioni volute dal Papa e riportate nella REDEMPTIONIS SACRAMENTUM, prima che avvenisse l'apparizione di oggi. 

(parla Giulia:) vi chiedo scusa se sono un po'.. non un po', molto emozionata, perché ho avuto l'ordine dal sacerdote di fare una piccola catechesi, ma non so se ci riuscirò: chiedo aiuto allo Spirito Santo!(*) Devo mostrarvi questo libretto! <la REDEMPTIONIS SACRAMENTUM> Noi siamo cristiani e in questo tempo che Gesù ha voluto usarmi, e vuole usarmi ancora come Strumento, noi dobbiamo camminare secondo la Parola del Papa, essendo un'unica Chiesa, perché non ci sono altre chiese. E quindi Gesù ci vuole uniti al Papa, ci vuole nel Solco non fuori il Solco, e con spirito di umiltà e di carità, io vi dico adesso queste parole ma poi verrà il sacerdote a spiegarvi meglio il contenuto. Mentre prima si poteva camminare con più elasticità, il Papa, illuminato dallo Spirito Santo, ora ha messo dei “paletti”. Essendo un'unica Chiesa noi dobbiamo camminare sempre col Papa, senza rimanere “scandalizzati” se ci saranno novità, perché Gesù ci ripete sempre “vi porterò del Nuovo”!(*) Portandoci del Nuovo, ci ha dato già delle parole stupende nel messaggio del 27(*) <Giulia è molto emozionata e si aiuta leggendo alcuni appunti che gli sono stati dettati per telefono da don Vincenzo, relativi ad alcuni punti del messaggio del 27 maggio scorso> dove subito dopo la Ninna Nanna, c’è una frase importantissima:Dio ci invita a far festa, a mangiare e a bere con Lui, e mangiare e bere con Dio è ascoltare la sua Parola: beati voi, figli che siete qui riuniti”!(*) C’è un’altra frase importantissima che è questa:  “dobbiamo tenere sempre alto il Vangelo, la vera Acqua Zampillante dell'unica Sorgente che è la Parola di Dio: venite tutti a dissetarvi a questa Parola perché Dio è vivo, è in mezzo a voi e vi parla. Beati voi che siete qui riuniti!”(*) Lo scorso anno, nel 2003, il Papa ha scritto una enciclica sul sacramento dell'Eucaristia. Ora ha scritto un altro libretto, sempre sul sacramento dell'Eucaristia, dove dà delle istruzioni precise sia ai vescovi, sia ai sacerdoti, sia ai fedeli, su che cosa si deve osservare e su che cosa si deve evitare a riguardo dell'Eucaristia. Gesù non viene a cambiare nulla; noi abbiamo un unico Dio che ci invita a tenere alto il Vangelo e la Croce: le uniche due Luci che dobbiamo accogliere nei nostri cuori. Perciò se verranno dei cambiamenti non ci dobbiamo meravigliare perché il Cielo è unito al Papa e anche noi, di conseguenza dobbiamo essere sempre uniti al Papa. Se usciamo dalla linea del Papa andiamo a finire tra i protestanti che si sono divisi da noi cattolici proprio perché non hanno voluto più ubbidire a Pietro. Invece in questo Luogo il Cielo ci invita a pregare sempre per l'Uomo vestito di bianco, e noi lo abbiamo fatto lo facciamo e lo faremo sempre. Spero che tutti avete capito quello che ho voluto dirvi. Auguri, figli miei, e non abbandoniamo Gesù! ....... (Tutti) Amen!

 

Ecco i messaggi: 

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora, per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nel silenzio, nell'abbraccio della mia Croce, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, figliuoli del mio Cuore! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) Gesù, il tuo abito è ancora macchiato di Sangue e intorno a te c'è un mare di Sangue! (Gesù) bevi il Sangue che vedi!(*) (Giulia) Gesù, è così tanto! Perché c'è tutto questo Sangue? e tu cammini sempre su questo mare che non è acqua ma Sangue? (Gesù) vedi, figlia, Io lascio scendere sull'umanità la Divina Misericordia, ma l'umanità è sorda ed è cieca, l'umanità non accoglie la mia Parola, l'umanità non accoglie il mio Parto vivo e reale in mezzo a voi! Ma Io vengo a donarvi il mio Sangue e la mia Carne, vengo a portare il grido del dolore del Parto che è la mia Croce, e in questo giorno vi porto l'Alito del mio Amore <5 colpi di tosse con un'alitazione> donandolo ad ognuno di voi, al mondo intero, ai figli che avete portato nei vostri cuori, ai figli che si uniscono a questa santa preghiera, e l'Alito del mio Amore è il Parto vivo, pieno, ed è in mezzo a voi e nel mondo intero! Figliuoli del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito sempre ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici per fare festa al Banchetto del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, figli miei! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) il Sangue cresce! (Gesù) perché il mio Amore si elargisce sempre di più sull'umanità intera, su di ognuno di voi! Io vengo in ubbidienza al Padre a portare il Pane vivo dei Cieli e a donarlo ad ognuno di voi, all'umanità intera. Ma vi invito sempre, figli, a stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per confondervi e farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo con l'amore tenendo sempre alta la spada che vi è stata consegnata. Figliuoli del mio Cuore, Io vi ho scelti uno ad uno per lavorare nella mia vigna, per donare i frutti dell'Amore di Dio ai vostri figli, ai vostri fratelli, e gustare la delizia di Dio che scende su di voi, figliuoli del mio Cuore! Vi invito ancora, figli miei, a pregare per l'Uomo vestito di bianco, per tutti i miei Figli Ministri: pregate, pregate, pregate, figli, perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre scenderà a chiedervi il vostro operato. Non vi affaticate per le cose del mondo, ma aprite i vostri cuori come è aperto il mio e donate ai vostri fratelli il Sangue e la mia Carne come Io la dono ad ognuno di voi attraverso il Pane vivo dei Cieli. Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) dovrai soffrire ancora, figlia mia, a causa del mio Nome, ma vai avanti, non fermarti, l'amore e la grazia del Padre è su di te: allarga le braccia e dona ai tuoi figli e all'umanità intera, ma un'altra spada trafiggerà il tuo Cuore! Figlia mia, il Padre ti ha mandata per questo!   (Giulia) eccomi, Gesù! Come misera peccatrice dinanzi ai tuoi piedi, straccio dinanzi alla Croce: eccomi, ma metto nel tuo Cuore come bussa sempre il tuo figlio Vincenzo e il mio giglio! Metto nel tuo Cuore tutti i figli che sono qui riuniti nel tuo Nome, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Gesù, donaci sempre la tua luce, guidaci secondo la tua volontà perché io busso al tuo Cuore, e in questo giorno busso al tuo Cuore, busso al Cuore di Giovanni! (Gesù) figlia, Io ti rispondo: Amen! Amen! Amen! Amen! e ti chiedo ancora una volta: mi ami? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) mi ami? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) mi ami? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) unisci le tue mani alle mie mani! Abbraccia i Chiodi divini secondo la mia intenzione di questo giorno! (Giulia) eccomi, Papà! (Gesù) guarda chi mette i Chiodi, figlia!(*) <1º grido>(*) sollevati, anima mia!(*) vedi, i Chiodi toccano per terra! (Giulia) Gesù, il Sangue sta scorrendo per terra: gli Angeli non lo raccolgono! (Gesù) è il mio Amore che scende e bagna ognuno di voi che siete qui riuniti, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce!(*) (Giulia) com'è grande il tuo amore, Gesù! (Gesù) è anche il tuo Sangue che scende, figlia! (Giulia) Gesù, io sono solo uno straccio! (Gesù) figlia, tu sei lo Strumento che suona la musica nell'unica Verità: la Parola, ed Io ti uso a mio piacimento donando all'umanità intera, a tutti i figli, il Pane vivo dei Cieli. Siate coscienti di tutto questo, figliuoli del mio Cuore! Amatevi gli uni gli altri, amatevi con lo stesso amore che scende dal Legno vivo della Croce e siate croci vive abbracciati alla mia Croce, all'unica Verità, all'unico Amore, all'unico Pane che è il mio Cuore che arde d'amore per ognuno di voi e per l'umanità intera! Figlia, vuoi ancora abbracciare i Chiodi? vuoi unire ancora le tue mani alle mie per il flagello che stai vedendo in questo istante? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) unisci le tue mani alle mie! (Giulia) Gesù, posso dire ciò che vedo?(*) (Gesù) si, figlia!(*) (Giulia) Gesù, vedo l'umanità secca; gli uomini sono diventati rami secchi; non c'è più vita: tutto cade come polvere; non c'è vita che rimane in piedi(*), ma in mezzo ai rami c'è una luce talmente grande che fa sbocciare delle pianticelle verdi e crescono così in fretta da cancellare i rami secchi, e la polvere diventa fiore, un fiore mai visto sulla terra. Gesù, sei tu quella Luce, e quel Fiore è Maria! (Gesù) ora unisci le tue mani alle mie, figlia! (Giulia) eccomi, Gesù! <2º grido>(*) (Gesù) sollevati, anima mia, e prega; fai pregare i tuoi figli, l'umanità intera. Pregate per la pace, bussate al Cuore del Padre chiedendo lo Shalom di Dio e ardete come arde il mio Cuore per ognuno di voi e per l'umanità intera! Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nei vostri cuori e a camminare sempre nel Solco che porta a gioire nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! E nella gioia piena, figliuoli, vi invito ad amare! Amate, amate, siate la famiglia di Dio e donate i frutti dell'Amore di Dio. Crescete e moltiplicatevi nell'unica Verità, nell'unico amore del santo Vangelo e gridate sempre “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla, e la sua Parola è Parola di giubilo, è Pane vivo che scende dai Cieli, il Pane che fa crescere le vostre anime, il Pane che vi dona la vita eterna, il Pane che la Cocciuta vi darà attraverso il suo Cuore perché lo Strumento porta il Cuore di Dio all'umanità. E un'altra goccia scende su di voi, figli miei, ma vi chiedo ancora: siate coscienti, siate coscienti che tutto ciò viene dal Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Il Parto è sempre pieno ed è in mezzo a voi perché il mio Banchetto è in mezzo a voi! Lo Sposo cammina e accarezza i cuori di ognuno di voi raccogliendo i sussurri, i vostri affanni, portandoli nel Cuore del Padre, figli del mio Cuore! (Giulia) Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) tu conosci ciò che è dentro di me? (Gesù) si, figlia, e dico Amen, Amen, Amen, Amen! (Giulia) Gesù, non lasciarci ma tienici stretti al tuo Cuore; donaci sempre il Pane vivo del tuo amore! (Gesù) sei sempre più Cocciuta, figlia mia! (Giulia) eccomi, sono qui! (Gesù) lascio scorrere il mio e il tuo Sangue per donarvi il Pane della vita! Ora ascolta nel tuo Cuore! (Giulia) sì, Gesù!(**) (Gesù) quest'altro messaggio lo scriverai il terzo giorno! (Giulia) Gesù, dovrò leggerlo il terzo giorno? (Gesù) no, figlia, lo scriverai il terzo giorno! (Giulia) mi dirai tu quando dovrò leggerlo come l'altro? (Gesù) si, figlia mia! Ora tienilo stretto nel tuo Cuore, ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, è astuto e usa ogni mezzo per confondervi, figli. L'amore: combattetelo con l'amore tenendo sempre alto il santo Vangelo e prostratevi sempre dinanzi alla Croce perché non c'è altra Verità all’infuori della Croce, figli del mio Cuore! Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore, ora vi chiedo ancora: volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella gioia e nella Verità dell'unica Parola viva che è il santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a portare la gioia viva del Pane dei Cieli, a portare l'unica Verità della Croce del Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, per donare ad ognuno di voi e al mondo intero il Sangue e la Carne! Guardate il Cuore della Croce, immergetevi nel Cuore di Gesù che vi ama così tanto da far scorrere il suo Sangue da accarezzare ognuno di voi e l'umanità intera. Ma come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito a stare attenti al nemico. Vi invito a non abortire Gesù quando uscite fuori dalla Dimora di Dio, dalla Stanza che il Padre, il Figlio e allo Spirito Santo vi hanno portato dal Cielo! Figli miei, grazie su grazie scendono su di voi perché lavorate nella vigna del Padre, e lavorando nella vigna di Dio portate i frutti dell'amore. Figli, non sia turbato il vostro cuore, Io sono sempre con voi, non vi lascerò mai. Il Padre mi manda a donare la Luce, la Pace e la Letizia, ed Io vi porto la sua Parola, il suo Amore, per farvi camminare nel Solco divino di Dio. Ma portatemi a tutti, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera. Amate i vostri nemici, perdonate, usate carità con tutti come Dio la usa con ognuno di voi, figliuoli del mio Cuore! Piccola Cocciuta, Cuore di Dio sulla terra! (Giulia) Giovanni, non sono degna: io sono solo uno straccio! (Piccolo Giovanni) Dio ti ha mandata per donare all'umanità il suo Amore e il suo Cuore che batte dentro di te! (Giulia) Giovanni, metto nel tuo Cuore tutti i tuoi figli, i figli che ti sei scelto uno ad uno, ma usatemi solo come straccio dinanzi alla Croce! (Piccolo Giovanni) è il Padre che decide, non tu! Hai donato il tuo “”, vuoi ancora andare avanti? (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) vuoi portare i tuoi figli sempre sulle tue spalle e l'umanità intera? (Giulia) eccomi, Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) e accogliete in pieno il Pane Nuovo che vi sarà donato! Io vengo a fare nuove tutte le cose, vengo a bere e a mangiare con voi, figli del mio Cuore! (Giulia) Giovanni, tienici stretti al tuo Cuore; facci camminare sempre secondo la volontà di Dio! (Piccolo Giovanni) Io ho messo il mio Sigillo di Sacerdozio vivo ed eterno, e niente e nessuno può cancellarlo! Dio viene ad abitare nei cuori di ognuno di voi e la vostra forza sarà grande! I tempi del Parto sono pieni e il Sole di Fatima avvolgerà ognuno di voi unendovi al Cuore Immacolato di Maria, unendovi al Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Lavorate e crescete nella vigna del Padre. Figliuoli del mio Cuore, Dio vi dona i suoi doni per poter camminare e gridare al mondo intero “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla, e la sua Parola è Parola di vita eterna”. Ma in questo giorno, figliuoli, avete vissuto il santo Vangelo? <Giov. 9° sett. T.O./C Mc. 12,28-34> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) l'avete accolto nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è pieno? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo, hai vissuto il santo Vangelo di questo giorno? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Cosa è rimasto nel tuo cuore del santo Vangelo di questo giorno? anche se la Cocciuta non sa leggere! <3 colpi di tosse con 2 alitazioni. Oggi ha letto Giulia il Vangelo> (Paolo) non è importante saper leggere per accogliere nel cuore il Vangelo! (Piccolo Giovanni) se lo crea lei questo problema.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..tremando un po', ma rimanendo all'ubbidienza: è la cosa che Io amo! (Paolo) ciò che mi è rimasto nel cuore sono due cose che sono vecchie e nuove per quanto è vecchio e nuovo Dio! Noi abbiamo un solo Dio che dobbiamo amare e accogliere nel nostro cuore, e in più, con questo amore per Dio, noi dobbiamo anche accogliere nel nostro cuore.. (Piccolo Giovanni) ..ciò che il Padre vuole donarvi nel nuovo tempo.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..che sta crescendo.. (Paolo) ..e tutti.. (Piccolo Giovanni) ..in mezzo a voi.. (Paolo) ..e tutti i nostri fratelli! (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) e queste sono due cose attorno alle quali ruota l'Amore di Dio! (Piccolo Giovanni) l'ubbidienza.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..è accogliere la sua Parola come Pane vivo che scende dai Cieli! (Paolo) sì! (Piccolo Giovanni) la mia Parola è amore e vita! (Paolo)l'ubbidienza”, Giovanni, questa è una cosa.. (Piccolo Giovanni) ..lo spirito di ubbidienza, lo spirito di umiltà! (Paolo) ubbidire.. (Piccolo Giovanni) ..io mi sono fermato perché ho trovato l'ubbidienza nella Cocciuta, e mi fermerò sempre in mezzo a voi. E vedi, figlio, come il Padre vi ha mandato Vincenzo? ma Io non vi lascerò un istante perché parlo attraverso di lui come parlo attraverso lo Strumento che Dio vi lascia ancora, anche se lei bussa sempre per tornare a casa!(*) Parla! (Paolo) stavo dicendo: l'ubbidienza è una cosa molto importante perché si deve mettere in opera al di là di quello che può pensare la nostra mente. Questa è una cosa molto difficile, ed io non sempre ci riesco, Giovanni, perché sovente.. (Piccolo Giovanni) ..ci riuscirai perché sei qui.. (Paolo) ..sovente prende il sopravvento la mente, quella che noi chiamiamo “la ragione”, che ci porta fuori dal Solco! Per esempio io.. questo te lo devo dire stasera perché mi gira dentro (Piccolo Giovanni) ascolto! (Paolo) ehm.. tu dici sempre che sei in mezzo a noi.. (Piccolo Giovanni) ..si.. (Paolo) ..vivo, reale; Gesù dice sempre ugualmente che è vivo e reale in mezzo a noi.. ecco, forse sbaglio perché anche in questo caso prende il sopravvento la ragione, io mi chiedo come mai visto che questa sera.. (Piccolo Giovanni) ..come mai questa sera non mi guardi? (Paolo) no, non è.. non è una cosa, questa, che.. <si ride un po'> ..guardavo il.. la base di quel.. (Piccolo Giovanni) ..guardavi il tabernacolo aperto? (Paolo) uh! E stavo dicendo, siccome io questa sera ho percepito che noi abbiamo una guida.. almeno.. quello che ho capito io che è sopraggiunta adesso, allora io mi chiedo “se noi abbiamo qui Gesù sempre vivo, se abbiamo qui Giovanni sempre vivo, che cos'è questa guida di cui noi abbiamo bisogno?(Piccolo Giovanni) Dio.. (Paolo) ..cioè, io posso capire.. posso capire che un.. un sacerdote o qualunque altro fratello venga alla Stanza col cuore aperto per.. (Piccolo Giovanni) ..la guida che è.. (Paolo) ..fare la volontà di Dio.. (Piccolo Giovanni) ..in mezzo a voi è Dio, vuoi cambiare la volontà di Dio? (Paolo) no, Giovanni, io ripeto.. io ho premesso che sono io il primo a non riuscire ad ubbidire perché mi.. mi girano sempre in testa i meccanismi che sono comuni ai.. ai.. a noi terreni, e quello che.. quello che volevo dire io.. siccome noi la guida di Dio ce l'abbiamo sempre, se è sempre vivo in mezzo a noi Dio, tu sei sempre vivo in mezzo a noi, questo è quello che io non riesco a spiegarmi! (Piccolo Giovanni) è Dio che sta venendo a portare le cose nuove, le vecchie sono passate, ora Dio viene a portarvi il Nuovo perché il Parto è pieno, è pronto ed è in mezzo a voi; e i tempi sono cresciuti, i vostri cuori sono cresciuti, pronti per accogliere Dio!(*) Il Padre ha mandato Giovanni, usa lo Strumento e vi manda il Figlio Vincenzo e il giglio che si sta aprendo un po' alla volta. Altri gigli verranno in mezzo a voi perché i tempi sono pieni e il Sole di Fatima scende sempre di più in mezzo a voi! Figli, avete seminato, seminerete ancora e Dio raccoglierà ancora i vostri frutti, il vostro amore. Volete Dio in mezzo a voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e accoglietelo perché ciò che sta avvenendo è opera di Dio, non è opera né del mondo e neanche nella Cocciuta, ma opera di Dio che si fa Pane vivo e viene ad abitare nei vostri cuori per poterlo donare sempre di più ai fratelli; e non dovete usare la mente.. (Paolo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..ma il cuore. Un passo alla volta il Padre farà comprendere ciò che avverrà in questo giorno e nel camminare sempre nel Solco con Dio. Chiaro? (Paolo) è chiaro, se non devo usare la mente è chiaro, se poi devo usare la mente non c'è niente di chiaro! <Paolo ride> (Piccolo Giovanni) la mente non si usa con Dio.. (Paolo) ..e allora è chiaro.. (Piccolo Giovanni) ..ma il cuore, figlio, perché Dio parla al cuore, Dio viene ad abitare nel tuo cuore, nel cuore di ognuno di voi, nel cuore dell'umanità intera, ma aspetta che i cuori dell'umanità intera siano aperti per far festa all'unico Banchetto, al Banchetto del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo e del Cuore Immacolato di Maria! (Paolo) se ho ben capito c'è una svolta notevole! (Piccolo Giovanni) una svolta d'amore.. (Paolo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..piena, per voi che siete la famiglia, Discepoli, Colonne e Suorine, e per l'umanità intera, ma dovete pregare molto: il nemico è astuto e vorrebbe far suo il Progetto dell'Amore. Voi sapete come combatterlo: amando, tenendo alto il santo Vangelo e la Croce, l'unica Verità, l'unico Pane vivo che Dio dona alle proprie Spose, perché tutti siete Spose dell'Unico Padre! Cosa c'è ancora nel tuo cuore? <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Paolo) volevo dirti un'altra cosa in merito ai canti. Come tu sai.. che io le cose le devo togliere fuori altrimenti sbando e vado fuoristrada (Piccolo Giovanni) ed Io ti lascio parlare (Paolo) ehm.. tu hai detto che quei canti li hai fatti tu: quelli che ho fatto io ......... cioè, adesso.. (Piccolo Giovanni) ..non li abbiamo gettati! (Paolo) lo so questo, Giovanni, che non li abbiamo gettati, lo so. Ehm.. ora.. cioè, questi nuovi canti che ha portato Dio.. cioè, quelli di prima non li ha fatti pure Dio? (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) e allora non capisco perché Dio non abbia fatto quei canti con noi prima, oppure prima non era necessario farli? questo non lo capisco.. i canti che.. come quelli che abbiamo fatto stasera! (Piccolo Giovanni) perché adesso ci sono le cose nuove! Dio ha portato il Pane fresco, non è che quel Pane non sia più Pane di Dio! (Paolo) uh! (Piccolo Giovanni) oggi avete ascoltato il Vangelo di questo giorno! (Paolo) si, ho capito, ho capito! (Piccolo Giovanni) nulla viene gettato di ciò che Dio vi ha donato! Tutto rimane nella storia e tutto cammina nel Solco di Dio, ciò che è stato donato ai vostri cuori e ciò che è stato portato in questo tempo, nella preparazione alla venuta di Dio, ma non conoscete né l'ora e neanche il giorno, dovete solo tenere la lucerna accesa; Dio non ha scartato nessuno di voi, ma ha messo un'altra luce in mezzo a voi per camminare ancora di più! Io parlo attraverso lo Strumento, il figlio Vincenzo porta la sua figura dinanzi a voi ma porta anche il peso della Croce e voi dovete sostenerlo; non conoscete i suoi dolori, ma presto vedrete il suo amore che scende su di ognuno di voi che siete la famiglia di Dio! (Paolo) ma adesso quello che non ho capito io.. noi dobbiamo continuare a farne oppure dobbiamo smettere? visto che sono delle cose che sono vecchie e adesso c'è il nuovo? (Piccolo Giovanni) per adesso imparerete il nuovo! Dio è antico e rimane sempre! (ne)Farete ancora quando Dio li metterà nei vostri cuori! (Paolo) ho capito! (Piccolo Giovanni) è chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) è tranquillo il tuo cuore? (Paolo) ehm.. affinché io capisca questo ho bisogno di riposare un po'.. (Piccolo Giovanni) ..di fare la ninna nanna.. (Paolo) ..dopo, a mente fresca si può.. (Piccolo Giovanni) ..di fare la ninna nanna! <Paolo ride> Io ti cullo nel mio Cuore! (Paolo) perché adesso c'è un.. un miscuglio di.. di sentimenti e di opinioni contrastanti in me stesso.. (Piccolo Giovanni) ..è la mente.. (Paolo) ..e che.. è la mente.. (Piccolo Giovanni) ..è la mente! (Paolo) purtroppo io non riesco a liberarmi di questo.. (Piccolo Giovanni) ..e devi far lavorare il cuore, ma non temere: l'Alito scende <2 colpi di tosse> su di te come scenderà su di ognuno di voi e sull'umanità intera perché il Parto è pieno, è vivo ed è in mezzo a voi! (Paolo) comunque, visto che ci siamo, ti voglio dire anche un'altra cosa: a me quei canti non piacciono! (Piccolo Giovanni) è Vangelo, come non.. (Paolo) eh, lo so, ma.. cioè no.. non nel contenuto, Giovanni, non fraintendiamo eh! (Piccolo Giovanni) come non può piacerti.. (Paolo) ..non fraintendiamo, non il contenuto, a me non piace il.. la musica di quei canti! (Piccolo Giovanni) è quella la musica: Dio l'ha donata.. (Paolo) ..siccome tu conosci i cuori e sai che io nel cuore c’ho questo, non riesco a cantarli come musica, proprio! (Piccolo Giovanni) Dio ha donato quello! (Paolo) e allora Dio mi deve illuminare affinché io li possa cantare.. (Piccolo Giovanni) ..ad accoglierli, lo farai.. (Paolo) ..altrimenti io non ci riesco proprio! (Piccolo Giovanni) lo farai, figlio, non temere lo farai perché Dio è Padre, e come hai detto: l'ubbidienza! (Paolo) eh, si! Ma l'ubbidienza in questo caso è una cosa.. cioè un canto se non è un qualcosa che è ispirato dentro, ubbidienza o non ubbidienza, uno non riesce a farlo! (Piccolo Giovanni) è Dio che ha donato il canto, e ora, come Giovanni, ti metto all'ubbidienza! (Paolo) si, ehm..  (Piccolo Giovanni) ..perché il Padre è Verità e Vita, e ciò che dona il Padre è ubbidienza! Chiaro? (Paolo) sì, è chiaro! (Piccolo Giovanni) Amen, figlio! (Paolo) Amen! (Piccolo Giovanni) Amen! <3 brevi colpi di tosse e una alitazione> ................. ..li ha donati Dio nel cuore di Vincenzo! ................. ho detto che non vi lascerò mai soli e parlo attraverso di lui.. ..come parlo attraverso lo Strumento. Vi amo e accolgo ogni cosa che dite.. ..non mi offendo! ................. ..il lievito cresce sempre! ................. ..la Piccola Cocciuta ha fatto del suo meglio, ma gli tremavano le gambe! <si riferisce alla breve catechesi chiestale da don Vincenzo ad inizio preghiera, durante la quale Giulia tremava per l’emozione> ................. ..aveva paura di cadere a terra! ................. ..e ciò che avverrà in questo giorno camminerà finché il Padre scenderà in mezzo a voi.. ..e dovete essere gioiosi, non tristi, ma gioiosi perché Dio scende sempre di più facendovi crescere sempre di più col Pane vivo che viene ad abitare nei vostri cuori. Farà discutere, ma la vostra forza è la Croce, perché non c'è altro Dio all'infuori della Croce e del santo Vangelo! ................. ..piano piano comprenderete, ma noi siamo un'unica Chiesa! ................. un'unica Roccia, e la Roccia è Dio! Volete il mondo o Dio? (Tutti) Dio! (Piccolo Giovanni) e rimanere saldi, abbiate fede, camminate gridando al mondo intero “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla e la sua Parola è Pane vivo che abita dentro di noi”! Chiaro? ................. Tommaso! (Tommaso) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Perché sono tristi i tuoi occhi? (Tommaso) non so a cosa ti riferisci della mia tristezza, posso dire che il mio cuore.. (Piccolo Giovanni) ..io ho chiesto “perché sono tristi i tuoi occhi?”, e tu lo sai come lo so anch'io, ma aspetto! (Tommaso) bè, ci sono un po' di cose che volevo dirti, però se tu dici che devo parlare, parlo! (Piccolo Giovanni) Amen! (Tommaso) allora, intanto comincio per dire una cosa bella, perché Simone, questa sera mi ha fatto vedere lo strumento che il Padre ha voluto, quasi al completo <= il forno> dove il Fuoco di Dio è già in mezzo a noi; poi volevo dire che ti abbraccia <2 colpi di tosse con un'alitazione> Rocco che è venuto a pregare in processione al Rosario, l'ho visto, l'ho chiamato e mi ha detto di salutarti ché lui è sempre presente in mezzo a noi spiritualmente.. (Piccolo Giovanni) ..ed Io ho mandato l'Alito! (Tommaso) si.. e saluta tutti i fratelli e le sorelle! (Piccolo Giovanni) Io lo saluto con l'Amen del Cuore della Croce! (Tommaso) grazie!(*) (Piccolo Giovanni) continua! (Tommaso) poi volevo dire altre due cose: la prima, sono un po' triste, forse l'avrei dovuto già dire qualche altra volta tempo fa, che ho rivisto ancora esposto il solito libro nello stesso luogo! <trattasi di un libro di diffamazioni contro don Mario e Giulia> (Piccolo Giovanni) non preoccupatevi, Io sono nel Cuore del Padre, parlo.. (Tommaso) ..ma a noi.. ma a noi fa male.. quelle calunnie! (Piccolo Giovanni) parlo per volere del Padre: chi abita nel Cuore di Dio vive della Parola di Dio, chi abita nel mondo deve donare conto a Dio! Pregate per questi miei figli, perché tutti siete figli miei: anche coloro che trafiggono il mio Cuore e il Cuore di Maria! Lasciate a Dio il giudizio, voi pregate, amate, perdonate e usate carità; così vi riconosceranno che siete figli di Dio! Chiaro? (Tommaso) si! (Piccolo Giovanni) la Croce porta gioie e dolori, ed Io l'ho poggiata su di voi: Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, non fermatevi su questo ma fermatevi sul Pane vivo che scende dai Cieli! Chiaro? (Tommaso) si! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora? (Tommaso) ecco, senza dirlo anche se io l'avevo messo già da parte questo punto, cioè, devo dire che i canti di don Vincenzo, al contrario di quello che si diceva prima, a me piacciono, li sento volentieri, li canto, mi piace ascoltarli! (Piccolo Giovanni) ma non è che a Paolo non gli piacciono! (Tommaso) no, senz'altro, senz'altro! (Piccolo Giovanni) è che deve programmarli nel suo cuore! (Tommaso) ecco, l'unica cosa che volevo fare il punto è questo: che al primo istante.. con dispiacere mi sono un po' sbandato perché nella dimora del Padre, qualche tempo fa ho detto e che mi ha trafitto il cuore quando ho sentito di cambiare il Vangelo.. di cambiare il Padre Nostro, e poi ho sottolineato proprio.. (Piccolo Giovanni) ..Dio non cambia.. (Tommaso) .. “non ci indurre in tentazione”! (Piccolo Giovanni) Dio non cambia nulla! (Tommaso) si, infatti, però dato che io avevo sottolineato il discorso che questa preghiera “non ci indurre in tentazione”, l’abbiamo proprio cantata col Padre nella Stanza in ginocchio per due volte, quindi davo troppa importanza a questa cosa.. non perché sia cambiata qualche cosa.. e allora mi sono un po' sbandato perché don Vincenzo, proprio nella Stanza, anzi.. tu proprio nella Stanza, no, ci hai fatto dire durante la preghiera.. (Piccolo Giovanni) ..se è il Cielo a fare questo, perché vi sbandate? dove camminate? nel Solco o fuori il Solco? (Tommaso) no, è proprio perché cammino nel Solco.. (Piccolo Giovanni) ..Dio può farli sbagliare i suoi figli? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) e se Dio permette, perché voi vi sbandate? (Tommaso) e vabbè.. perché è stata una cosa così.. che ho collegato a quello che avevo detto io, no, però l'ho messo subito da parte il pensiero proprio perché credo che Dio è vivo in mezzo a noi, è presente, quindi dobbiamo stare all'ubbidienza (Piccolo Giovanni) e stare attenti al nemico che è astuto e usa ogni mezzo per confondervi e farvi cadere nella sua falsa luce. Dio viene a portare il Nuovo, non cambia; Dio viene ad accendere i cuori; Dio viene a portare il suo Amore Vivo: il Fuoco di Pentecoste che fa ardere e parlare del suo Amore: la lingua dell'amore! Chiaro? (Tommaso) si! (Piccolo Giovanni) andate avanti e non fermatevi! Un figlio vi è stato donato, un giglio aperto che lascia scendere i frutti dell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Se non accogliete Vincenzo non accogliete Me! (Tommaso) l'abbiamo accolto Vincenzo con tutto l'amore (Piccolo Giovanni) e sia pieno il vostro amore, figli miei! <3 colpi di tosse con un'alitazione> dove sei, Paolo? (Paolo) stavo pensando un'altra cosa: io stavo facendo dei lavori nella mia soffitta, la stavo coibentando.. sono ancora all'inizio però.. (Piccolo Giovanni) ..non fermarti! (Paolo) ma se non ci devo cantare più cosa ci devo fare con quei.. quelle cose li? (Piccolo Giovanni) non ho detto che vi fermo, figli, non ho detto che vi fermo! (Paolo) ma per il momento, si! (Piccolo Giovanni) un momento di Dio.. (Paolo) ..quindi devo continuare a fare quei lavori? (Piccolo Giovanni) si! (Paolo) solo questo volevo chiederti! (Piccolo Giovanni) non ti devi fermare, Dio non ha fermato nulla, Dio ha solo aggiunto.. (Paolo) ..ho capito.. (Piccolo Giovanni) ..a ciò che mancava! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) ma ricordate: rimarrà tutto nella storia! Consolate il cuore del figliuolo Vincenzo: rimarrà male sentendo ciò che state dicendo, come il mio Cuore, perché Io parlo attraverso il suo cuore e il suo cuore parla attraverso il mio! Dio è un tutt'uno! (Paolo) si, Giovanni, però se noi dobbiamo dire ciò che c'è nel nostro cuore, e allora, eh, lo dobbiamo dire; io, almeno, mi sento di dirlo e di non.. se poi, insomma, non lo devo dire, non lo devo dire, insomma, se non lo devo dire.. (Piccolo Giovanni) ..hai parlato.. (Paolo) ..per non far rimanere quello male.. quello male, allora sto zitto e non dico quello che sento dentro, e allora vado fuori sicuramente: in quel caso vado fuori sicuramente.. (Piccolo Giovanni) ..Dio.. (Paolo) ..così qualche speranza che non ci vado c'è.. (Piccolo Giovanni) ..Dio.. (Paolo) ..ma se non lo dico ci vado sicuramente! (Piccolo Giovanni) Dio ti ha messo nella sua rete.. (Paolo) ..eh, quindi.. (Piccolo Giovanni) ..e la rete non ha buchi! (Paolo) quindi, chi ascolta deve avere anche.. deve anche capire i sentimenti degli altri, insomma.. ehm.. non lo so! (Piccolo Giovanni) tu stai parlando con Dio, figlio! (Paolo) e lo so, ehm.. (Piccolo Giovanni) ..e con Dio.. (Paolo) ..però se Dio conosce il mio cuore e sa che io me lo tengo dentro e non lo dico.. (Piccolo Giovanni) ..e con Dio si usa l'umiltà e l'amore e l'ubbidienza! Vuoi ubbidire.. (Paolo) ..io.. (Piccolo Giovanni) ..a ciò che il Padre.. (Paolo) ..certo, si.. (Piccolo Giovanni) ..ti offrirà in questo giorno.. (Paolo) ..si, certo, questo si.. (Piccolo Giovanni) ..e nel camminare nel Solco? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) e vai avanti come ognuno di voi andate avanti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Chiaro? (Paolo) si! (Piccolo Giovanni) Telesfore! (Telesfore) eccomi, Mamma! (Piccolo Giovanni) eccomi, Figlio! Cosa c'è nel tuo cuore? (Telesfore) nel mio cuore c'è che.. <3 colpi di tosse con un'alitazione> non riesco a capire.. mi sento ubriaco di tutto ciò che sta avvenendo e di tutto ciò che deve avvenire! Sono gioioso e aspetto con amore tutto ciò che deve avvenire in questo giorno del Nuovo, e forse all'inizio anch'io come Paolo, ......... o come Tommaso.. (Piccolo Giovanni) ..ci sarete tutti quando Io verrò? (Telesfore) eh! (Anna) si! (Piccolo Giovanni) no, perché in ognuno di voi è scattata la gelosia!(*) Ci sarete tutti quando Io verrò? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) ci sarete tutti quando Io verrò? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) Io ci sono, sono sempre con voi, non vi ho mai lasciati e non vi lascerò mai, ma aspetto, aspetto i vostri cuori che si accendano sempre di più, e quello che Io amo è l'ubbidienza, e dinanzi all'ubbidienza si deve rispondere solo “eccomi”, non ce né “ma” né “perché”; “Eccomi, come Maria ha risposto “eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”! È questo che voglio ricordare ai cuori di ognuno di voi: accettare Dio quando viene a bussare ai cuori di ognuno di voi anche attraverso il Vangelo, perché questo è Vangelo!(*) parla! (Telesfore) ehm.. stavo dicendo che mi sono reso conto già che questa preparazione tu ce la stavi già dando da un.. (Piccolo Giovanni) ..l'avevo annunciato.. (Telesfore) ..l'avevi già annunciato da.. (Piccolo Giovanni) ..molto tempo!  (Telesfore) però a noi quando ascoltiamo la Parola.. (Piccolo Giovanni) ..rispondete sempre “sì, abbiamo compreso” ma non avete compreso nulla perché il mistero è così grande da non poterlo comprendere! Quando i vostri occhi si apriranno, lì comprenderete l'Amore che il Padre ha lasciato scendere in mezzo a voi! Il sigillo! (Telesfore) quando il figliuolo Vincenzo ha portato questi canti.. i primi, cioè, io avevo notato che c'era qualcosa di.. di misterioso in questi canti, che pulsavano nel cuore, almeno nel mio, però non riuscivo ancora a comprendere. Poi, l'ultimo aggiunto, quello di Giovanni.. (Piccolo Giovanni) ..Vangelo secondo Giovanni! (Telesfore) oggi, per lo meno almeno per quanto sono riuscito a comprendere, che questi canti sono stati preparati per quello che deve avvenire in questo giorno e che deve.. (Piccolo Giovanni) ..camminare.. (Telesfore) ..camminare.. (Piccolo Giovanni) ..nel Solco! (Telesfore) Pane fresco? (Piccolo Giovanni) Pane fresco come avverrà ancora nei cuori di ognuno di voi, e nessuno si deve fermare dei lavori che Dio ha messo nei vostri cuori, perché non è stato Paolo a iniziare il lavoro ma il Padre, e il Padre non lascia a metà ciò che inizia, tutto si compie ma nel tempo di Dio non nel vostro tempo, figli! Chiaro? (Paolo) sì! (Telesfore) sì, è chiaro! (Piccolo Giovanni) i tempi di Dio non sono i vostri tempi, le Vie di Dio non sono le vostre vie e voi non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre scenderà! Ma vi ripeto ancora una volta: siate vigilanti, non spegnete le lucerne dei vostri cuori; e state attenti al nemico, è astuto e non vuole il figlio Vincenzo!(*) Combattete con l'amore e abbracciate il figliuolo Vincenzo come abbracciate la Croce! Chiaro? (Tutti) sì!(*) (Piccolo Giovanni) cosa c'è ancora nel tuo cuore? nel mio ci sono lacrime di Sangue! (Telesfore) io chiedo solo perdono.. cioè, chiedo perdono dei miei errori e anche da parte dei miei fratelli, se non riusciamo a comprendere quale è la volontà di Dio! (Piccolo Giovanni) la volontà del Padre è ascoltare la sua Parola e viverla(*), perché la volontà del Padre è il Pane vivo che viene ad abitare nei vostri cuori, figli! (Telesfore) Pane fresco? (Piccolo Giovanni) Pane fresco! Dimmi ancora: cosa c'è nel tuo cuore? (Telesfore) nel mio cuore c'è che molte volte sogno spesso.. che almeno sembrano.. il tetto della Stanza, però apparentemente sembra un altro posto.. che entra acqua dalle tegole! (Piccolo Giovanni) la Divina Misericordia.. (Telesfore) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..che scende su di voi e sull'umanità intera. Cosa può scendere dalla Dimora di Dio? (Anna) la Divina Misericordia! (Piccolo Giovanni)la Divina Misericordia”! (Telesfore) grazie di avermi illuminato! (Piccolo Giovanni)illuminato”! Si era preoccupato perché il tetto era bucato. Raccontando alla Piccola Cocciuta “vedevo il tetto della Stanza rotto”, e la Cocciuta che sorrideva! Dio vi ama così tanto da donarvi sempre il suo amore ad ognuno di voi che siete qui riuniti, ai figli che sono uniti a questa santa preghiera, ai figli che ognuno ha portato nei propri cuori! La quiete scenderà nel tuo cuore, Paolo, non temere, perché il Padre ti ama e non fa alcuna distinzione: siete tutti uniti al Cuore di Dio perché il Padre vi ha scelti uno ad uno per lavorare nella sua vigna e i vostri Nomi brillano nei Cieli! Ma vi invito ancora a pregare. Pregate, pregate, pregate, figli, perché ciò che sta avvenendo è opera di Dio e Dio si dona come Lui vuole! Chiaro? (Tutti) è chiaro, si! (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dirmi ancora?(*) (Telesfore) ringrazio il Padre di averci donato.. io lo chiamo Giovanni, come te, mi perdoni se(*).. (Piccolo Giovanni) Io parlo attraverso lo Strumento, parlo attraverso il figliuolo Vincenzo; Dio è un'unica cosa, non vi sono altri dei! (Telesfore) ho.. io per quanto sono riuscito a capire.. che mangia il Pane fresco come lo mangiavi tu, appena sfornato? (Piccolo Giovanni) si! (Telesfore) a.. (Piccolo Giovanni) ..e arde.. (Telesfore) ..arde per.. (Piccolo Giovanni) ..come ardo Io per ognuno di voi, per l'umanità intera!(*) più di questo non so cosa dirvi! (Telesfore) hai detto tutto! (Piccolo Giovanni) chi vuole intendere intenda! Sarete perseguitati.. sarà perseguitato ma non si fermerà perché la sua meta è la Croce, e la sua Parola è il Vangelo! Accoglietelo, figli! (Telesfore) noi siamo la sua famiglia, come la tua!(*) (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Cosa c'è ancora nel tuo cuore? (Telesfore) arde! (Piccolo Giovanni) e fatelo ardere tutti quanti, accendete i vostri cuori: in questo giorno non siano spenti, figli, perché il Nuovo è sceso in mezzo a voi e state camminando. Dio vi sta portando tra le sue braccia uno ad uno e non vi lascia perché vi ama! E in questo giorno verrà ad abitare nei vostri cuori spiritualmente, come verrà ad abitare nel Cuore della Cocciuta! Non siano tristi i vostri cuori: mi mangerete e mi berrete spiritualmente, nell'amore, nella pace e nella quiete del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Chiaro? (Telesfore) è chiaro! (Piccolo Giovanni) preparate i vostri cuori, distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi al Cuore di Dio perché lo Sposo è qui, è in mezzo a voi e si dona nell'amore, nella pace e nella quiete, e il Banchetto è sempre pronto in mezzo a voi, figli! Aprite i vostri cuori e lasciatemi entrare, figli miei!(**)  (Giulia) Padre Misericordioso, io mi inchino dinanzi alla tua volontà! Come serva inutile ti chiedo perdono dei miei errori, degli errori dei miei figli, ma tu conosci i cuori di ognuno di noi! Il mio Cuore è aperto e sono pronta per riceverti, e allargando le braccia, in umiltà, apro i cuori dei figli che sono qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Vieni ad abitare dentro di noi! Gesù, abbiamo sete e fame, vieni a dissetarci, vieni a donarci il Pane del tuo Amore!(*) (Piccolo Giovanni) preparatevi a ricevermi spiritualmente! <questa sera non avviene la distribuzione del Corpo e del Sangue di Gesù> (**) Ecco, Io sono venuto ad abitare in ognuno di voi, la mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo risorgete anche voi, figliuoli del mio Cuore!(*) Ciò che avete ricevuto è il mio Sangue e la mia Carne nei vostri cuori! Non abortitemi quando uscite fuori, ma fatemi vivere! Crescete sempre di più nell'amore, nella pace e nella quiete del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Non sia(siano) turbato(turbati) i vostri cuori! Figli miei, state attenti al nemico: è astuto, combattetelo con l’amore, pregando e accogliendo l’ora che il Padre ha lasciato scendere su di voi. Ricordate sempre che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, figli del mio Cuore! Nell'amore che avete ricevuto, nella gioia piena del Pane vivo di Cieli, figli, Io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi. Andate in pace e portate a tutti la Pace che avete ricevuto nei vostri cuori! Figli, non temete, Io sono venuto ad abitare dentro di voi come mi avete sempre ricevuto: non è cambiato nulla, è cresciuto di più il lievito dell'Amore di Dio perché i tempi sono pieni ed Io sono vivo e reale in mezzo a voi e mi sono donato! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figli miei. Ma ora Io ho sonno, voglio riposare nei vostri cuori: mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che avete offerto al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria!(*) Non siate tristi ma gioiosi: d'ora innanzi Io mi darò a voi nella pienezza del Cuore e i vostri cuori si accenderanno da ardere e da donare al mondo intero il mio Sangue e la mia Carne. E nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, uniamo la Catena santa(*), e unendo la Catena di Dio siamo un'unica famiglia: la famiglia che ha ricevuto Gesù vivo nei propri cuori! È grande il mistero, figli, e non potete comprenderlo con la mente. Non affannatevi: comprenderete e i vostri cuori saranno raggianti com'è raggiante il volto di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera! Siete pronti.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..per cantare “il Padre”? (Tutti) sì! <canto del Padre Nostro di Timparelle> (Piccolo Giovanni) figli miei, Io non vi abbandonerò mai perché siete il Pane vivo sceso dal Cielo! Siate gioiosi per questa goccia che è scesa in questo giorno: Pane vivo nei vostri cuori per salvare l'umanità intera! Sia sempre fresco il Pane che abita dentro di voi perché ognuno di voi è Dio!(*) Se Dio abita nei vostri cuori, voi chi siete? ......... Paolo, chi sei? (Paolo) tutti siamo Dio! (Piccolo Giovanni) Amen, figlio mio, Amen, perché Dio abita, e in pienezza in questo giorno abita dentro di voi per donarlo all'umanità intera, ai figli della perdizione! Ma voi non lasciate nessuno fuori della santa preghiera! È questo il miracolo vivo in mezzo a voi: il Pane Vivo di Dio, e voi siete appena usciti dal forno per donarvi all'umanità!Siano in pace i vostri cuori per donarli ai fratelli e all'umanità intera! Andate nella quiete e nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, ma state attenti al nemico: è astuto, e in questo tempo sarete perseguitati ancora di più! La vostra arma è la Croce e il santo Vangelo e l'amore che Dio ha acceso nei vostri cuori! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Figli, Sposi, Mamme e Amici del mio Cuore!(*) Portate la gioia e l'amore che avete ricevuto, ovunque andate! Siate benedetti, Pargoli, rimanete sempre piccoli Giovanni nell'Amore della Croce e all'ultimo posto perché Io sono sempre con voi attimo per attimo, figli! (Giulia) Giovanni! Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, Sposa del mio Cuore! (Giulia) ascolta il sussurro e portalo al Padre!(*) grazie! (Piccolo Giovanni) Amen, figlia, Amen, Amen, Amen!

 

 

         5. Giov 10/06/2004, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nell'accogliere ancora una volta i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia del mio Cuore, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati, figlia, per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Nel silenzio e nell'abbraccio della Croce prega come tu sai fare! Figlia, prega per l'Uomo vestito di bianco; prega per la Chiesa tutta; figlia mia, prega affinché le Mura che stanno cadendo si sollevino abbracciando l'unica Verità che è la Parola, l'unica Verità che è la mia Croce! (Giulia) Gesù! Gesù, anche in questo giorno cammini su un mare di Sangue! (Gesù) prendi del Sangue e bevilo!(*) (Giulia) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere. Come misera peccatrice, metto nel tuo Cuore tutti i sacerdoti che io amo ardentemente, e come sempre, attimo per attimo, metto nel tuo Cuore, anche se vive dentro di te, il tuo figliuolo Vincenzo e il mio giglio! Gesù, metto nel tuo Cuore i figli che in questo istante trafiggono il tuo Cuore e il Cuore di Maria. Perdonami se mi permetto di dire questo! Come misera peccatrice, mi inchino dinanzi alla tua volontà perché tu sei il mio tutto. Eccomi! Grido il mio “eccomi” al tuo Cuore, Gesù! (Gesù) figlia, ed Io rispondo Amen innalzando la lode al Padre! Ma ora ti chiedo, figlia, di guardare ancora! (Giulia) eccomi, Gesù!(*)  (Gesù) non spaventarti di ciò che vedi!(*) (Giulia) tienimi stretta, Gesù! Gesù, posso dire ciò che vedo? (Gesù) dì solo “l'Angelo ha nelle mani il Calice”: Vincenzo capirà! (Giulia) e il resto, Gesù? (Gesù) tienilo nel tuo Cuore! (Giulia) potrò dirlo? (Gesù) si, figlia, ma non in questo momento! (Giulia) Gesù! (Gesù) prega, figlia mia, e fai pregare i tuoi figli, l'umanità intera, i tuoi Discepoli, le tue Colonne, tue Suorine segnate col segno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! (Giulia) Gesù, perché c'è tutto questo Sangue? (Gesù) è il mio Amore che scende e bagna l'umanità. Crescete sempre nell'amore, nella pace e nella quiete del santo Vangelo, figliuoli del mio Cuore! (Giulia) Gesù, il mio Cuore è tuo e lo conosci: sai bene che non lo voglio più per me ma che sia tuo per donarlo ai figli che hanno sete e fame del tuo amore. Gesù, ascolta il grido del mio Cuore: ascoltalo anche se sono una misera peccatrice e mi inchino dinanzi alla Croce come straccio per assaporare il profumo del tuo amore. Gesù, ti offro i cuori di tutti i figli: falli ardere perché io amo solo te e desidero che l'umanità intera ti accolga e ti ami! Mio unico Tesoro, tu mi hai regalato la Croce ed io la tengo stretta al mio Cuore; tu mi hai regalato le spade ed io le accarezzo per assaporare il tuo amore. Gesù, dona all'umanità la spada del tuo amore, dona all'umanità la tua Croce affinché siamo un unico abbraccio nel tuo abbraccio, Gesù! (Gesù) Cuore della Croce, ti amo, figlia mia, e amando te amo l'umanità, i figli che bussano alla porta del mio Cuore e dico “venite a me voi che siete stanchi! Venite a me voi che avete fame e sete della mia Parola”! (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) figlia, vuoi unire ancora una volta le tue mani alle mie? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi abbracciare i Chiodi divini secondo le mie intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda, figlia, chi mette i Chiodi! (Giulia) si, Gesù! <1º grido>(*) (Gesù) sollevati, anima mia!(*) guarda i Chiodi!(*)  (Giulia) Gesù, il Sangue cade di nuovo per terra? (Gesù) si, figlia, viene a visitare le vostre anime e a dissetare ognuno di voi e l'umanità intera, i figli che si sono uniti a questa santa preghiera e i figli che mi avete portato nei vostri cuori. Ma come Padre, Figlio e Spirito Santo, vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico, è astuto e usa ogni in mezzo per confondervi e farvi cadere nella sua falsa luce, Io vengo a portarvi l'amore, combattetelo amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto, dinanzi all'altare, portare tutti i vostri nemici e far festa col Pane vivo che scende dai Cieli, figli del mio Cuore! (Giulia) Gesù, nel mare di Sangue che è sotto i tuoi piedi ci sono tante barche, sono tutte vuote, ma ce n'è una che è piena: c'è Maria, c'è Giovanni, c'è il Papa, c'è il Figlio Domenico.. posso dirlo? <Gesù annuisce> c'è anche Vincenzo! Ma vedo un angelo dal volto raggiante che porta la barca! (Gesù) non dire il Nome dell'angelo, figlia! (Giulia) si, Gesù! Gesù, perché le altre barche sono vuote? tu mi dici sempre di non chiedere troppi perché: perdonami se in questo giorno l'ho fatto! (Gesù) tu le vedi vuote ma sono piene, figlia, perché ancora non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre scenderà, ma vi chiedo ancora una volta di essere vigilanti nell'amore, nella pace e nella quiete, e di tenere sempre la lucerna accesa: non spegnetela mai; Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, siate coscienti di tutto questo! Io verrò come ho promesso, e la mia Promessa non viene meno perché è fondata sulla Roccia! Figlia, dovrai soffrire ancora; a causa del mio Nome sarai perseguitata, lo sarete tutti, perché Io vi ho sigillati col mio Amore, figli, ma non temete, Io sono sempre con voi invitandovi sempre a camminare nel Solco e a vivere in pienezza la Parola, figli! (Giulia) Gesù! (Gesù) eccomi, Sposa del mio Cuore!(*) (Giulia) Gesù, poggiati ancora su di me con la tua Croce; usami come vuoi, ma in questo giorno, io come Croce ti offro il tuo figlio Paolo! <Paolo, a seguito di quanto ha proferito durante il messaggio del 3 giugno scorso, questa sera, tra l'altro, ha preferito non partecipare alla preghiera per meglio approfondire il proprio argomento di fede>(*) inchiodalo al tuo Cuore, fallo tuo, ma sia fatta la tua non la mia volontà, Gesù! (Gesù) figlia, chino il capo rispondendo Amen, Amen, Amen, Amen! (Giulia) sia benedetto il tuo Nome, Gesù! (Gesù) ecco, figlia, preparati, un'altra spada entrerà nel tuo Cuore: vuoi accoglierla? (Giulia) eccomi, Gesù! <Giulia viene crocifissa ma non emette alcun grido, poi sviene per qualche attimo>(*) (Gesù) sollevati, anima mia! (Giulia) Gesù! Gesù, com'è grande il tuo Amore: io che non so donarti nulla e tu che mi offri i regali più belli! (Gesù) e tu mi doni i sussurri più dolci; hai tenuto il grido offrendolo al Padre!(*) (Giulia) Gesù, è bello farlo arrivare nel Cuore del Padre, perché Lui sa a chi donarlo mentre io inciampo sempre e non so offrire nulla, Gesù! (Gesù) Cuore del mio Cuore! Croce della mia Croce, allarga le tue braccia e dona il mio Amore all'umanità intera perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, nei cuori dell'umanità intera, perché Io sono Padre e non faccio alcuna distinzione: amo con la stessa misura l'umanità intera e ognuno di voi che siete qui riuniti nella Stanza dell'Amore nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, unendo il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera, che curva prega tenendo fermo il braccio del Padre, e ricordando ad ognuno di voi che la promessa viene da Fatima: si adempirà nel mondo intero e in questo Luogo baciato da Dio e il suo bacio è Amore che arde e unisce i figli! Ed Io vi chiamo: figli miei, amici del mio Cuore, venite ancora a bere e a mangiare con me, venite a fare festa, venite a mangiare la mia Parola viva in mezzo a voi: il Pane che è il santo Vangelo, l'unica Verità, l'unica Via, l'unica Croce che vi porta al Cuore del Padre! Figli miei, ora con amore vi chiedo ancora una volta: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo in mezzo a voi a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi per volere del Padre e per amore dello Strumento che si lascia usare suonando solo la musica del Vangelo, il Pane vivo che scende dai Cieli, l'Amore che il Padre viene a donare all'umanità intera! Ma l'umanità è ancora sorda e cieca, non vuole vedere il Volto raggiante di Dio, non vuole amare con l'Amore che Dio lascia scendere attimo per attimo. Figliuoli del mio Cuore, Io abito nel Cuore di Dio.. ..perché amo, e chiedo ad ognuno di voi di imparare ad amare con “l'eccomi” di Maria. Molte volte chiedevo alla Piccola Cocciuta “quanto ami Gesù?”, e lei mi rispondeva “all'infinito!”, ed Io chiedevo ancora “che significato ha - all'infinito? -”, e lei, poverina, rispondeva “non so misurare l'Infinito di Dio perché non c'è misura”. E come sacerdote “quanto ami me?”, e lei mi diceva la stessa risposta “all'infinito, perché tu rappresenti Gesù sulla terra, sei consacrato e ci doni il suo Amore: ci doni il suo Sangue e la sua Carne”. Come non potevo mettere il Sigillo Sacerdotale? e come non può continuare Vincenzo a metterlo dinanzi alla Parola viva del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo? Il Padre ve l'ha mandato, lo usa come usa me perché siamo un'unica cosa col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo: uniti nell'Amore, nella Pace e nella Quiete del Vangelo e della Croce, figli! Ma ditemi, in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Giov. 10° sett. T.O./C Mt. 5,20-26> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Vincenzo, il tuo sorriso è il mio: posso chiederti se hai vissuto il Vangelo, tu che sei la Parola viva di Dio? (don Vincenzo) il Vangelo mi si apre sempre più e vorrei viverlo, ma mi accorgo come sono lontanissimo, solo.. <2 colpi di tosse con un'alitazione> solo che oggi stavo sul treno e mi si è creata proprio la possibilità quando, al Vangelo Gesù diceva che prima di fare l'offerta, se hai qualcosa contro qualcuno, devi prima rinunciare all'offerta e andare a riconciliarti, o se qualcuno ha qualcosa contro di te. Allora stavo pensando a Paolo che.. che questa sera non veniva, e allora dicevo dentro di me “oggi devo metterlo in pratica questo Vangelo, perché può darsi che.. che lui, magari, è stato deluso da me e allora voglio chiamarlo”. Ho fatto anche fatica a trovare i numeri, ma poi la provvidenza, proprio, ha fatto sì che lui rispondesse, e quindi per la prima volta ho applicato il Vangelo, perché per la prima volta ho fatto io la prima mossa, anche se potevo aspettare, anche se poteva essere lui a farla, invece ho voluto proprio applicarlo il Vangelo alla lettera; e sono rimasto talmente felice che quando ho parlato con lui, proprio, lo volevo abbracciare e gli volevo dire “quando è bello..”, proprio, “..vivere il Vangelo”; solo che siamo deboli, siamo.. io sono debole, e allora tante volte non tiro fuori il meglio di me, il bello di me, mentre Gesù questo proprio vuole nel Vangelo: vuole elevarci, proprio, all'amore puro, pulito, vero, al servizio disinteressato! Ringrazio oggi Gesù proprio perché  con questa piccola mossa.. che è una goccia, mi ha fatto capire come in realtà sono terreno arido, terreno secco. Eppure sono stato felice lo stesso perché una goccia.. una goccia di Vangelo, una goccia di luce mi ha dissetato, e spero che ogni giorno queste gocce si ripeteranno! (Piccolo Giovanni) che esempio di umiltà e di amore! Lui che si dona attimo per attimo; lui che non tiene nulla per se ma dona tutto; lui che si spoglia dei suoi abiti per donarli, viene a dire che è la prima volta! Imparate a camminare sullo stesso Solco! Quello che Io vi ho sempre donato, oggi è nelle sue mani perché il Padre questo aveva scritto “verranno tempi in cui ci saranno altri sacerdoti e non vi fermerete ma camminerete sempre nel Solco di Dio”. Io vi ho donato tutto il mio Amore e ve lo dono attimo per attimo, perché con Vincenzo siamo un'unica Croce: la Croce di quel Gesù che è morto ed è risorto per donarci la vita eterna! Figlio, fratello, amico, cosa c'è ancora nel tuo cuore? <2 colpi di tosse con 2 alitazioni> l'Alito del Cuore del Padre riempie i luoghi dove poggi i tuoi piedi, oggi e sempre! (don Vincenzo) grazie, sei troppo buono! Ecco, vedo.. vedo questo gruppo che mi fa tenerezza, proprio.. me lo sento vicino, ogni giorno lo immergo nella preghiera, e vorrei che loro capissero di più il miracolo di cui sono portatori, di cui sono artefici anche loro perché, diciamo, da tanti anni sono oggetto di questa grazia. Forse, ecco, chiederò proprio a te, a Gesù, alla Madonna, la grazia al Padre, la grazia proprio di.. di insegnarci di più a pregare, di insegnarci di più ad amare, di farci crescere, proprio, nell'ubbidienza alla Chiesa che è la verifica. Mi sento proprio fortunato a stare qui, graziato, e così vorrei che loro volassero; ecco, questo ti chiedo anche a te, di farci fare un passo di qualità, un salto di qualità, di farci capire che non è solo il giovedì sera ma che ogni giorno, ogni ora, dobbiamo proprio mangiare questo pane fresco; farci capire come questo che avviene in questa liturgia della Parola.. che avviene dalle 9,00.. dalle 21,00 alla mezzanotte.. quattro ore di liturgia della Parola celestiali. È  l’ora, proprio di.. di.. di mangiare, mangiare con il foglio ...... uello che è avvenuto! Ma di mangiarci, proprio, questo pane fresco miracoloso, masticarlo, masticarlo sabato, domenica, lunedì, martedì, mercoledì, fino a quando il prossimo giovedì poi nuovamente ci sarà altro pane fresco, altra grazia del Cielo. Allora questo dovrebbe essere per loro un.. uno stimolo, proprio, questo stampare i fogli entro 2 - 3 giorni e finalmente avere in mano.. è come se avessimo.. è come se andassimo in Israele al tempo di Gesù e avessimo poi la possibilità di scrivere quello che Gesù ha detto. Dovremo divorarcelo quel Vangelino, quel pezzo di.. quel foglio.. quei fogli, perché ogni giorno quei fogli rappresentano ancora la presenza di Gesù, il Pane quotidiano. E allora questo, proprio, vorrei.. da loro, proprio questa.. questo impegno, proprio, a nutrirci di questa Parola ogni giorno; e quindi questo è fondamentale nella misura in cui tutto quello che si dice qua dentro, il giovedì notte, fuori si mette su uno scritto; e prima questo scritto arriva e prima abbiamo pane fresco! (Piccolo Giovanni) e prima arriva il Padre a donarvi tutto il suo Amore! Io dico Amen alle tue richieste e li porto nel Cuore del Padre.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..ma ho già gridato: falli volare come il vento ................. (don Vincenzo) ma vorrei che tutta la sala, tutti quanti i partecipanti sentissero l'importanza di questi scritti: dovrebbero masticarli, proprio.. (Piccolo Giovanni) ..è quello che gridavo sempre “non fermatevi sulla Cocciuta ma fermatevi sulla Parola che viene offerta su un vassoio d'oro”! (don Vincenzo) sì, troppo importante! (Piccolo Giovanni) riempite i vostri cuori, fate crescere il Pane dentro di voi per poterlo donare ai fratelli,.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..all'umanità intera, in modo particolare ai vostri nemici (don Vincenzo) si (Piccolo Giovanni) e far festa con loro! (don Vincenzo) sì, è bello questo: oggi l'ho sperimentato quando.. sono.. leggevo quelle parole e allora andavo un po' col pensiero, con lo spirito, ad abbracciare Paolo, ad abbracciare un po'.. (Piccolo Giovanni) ..vuoi abbracciare Paolo?(*) puoi abbracciare Paolo? (don Vincenzo) sì! <Giovanni si alza e gli da l'abbraccio di Paolo> grazie, si! (Piccolo Giovanni) perché la Cocciuta l'ha messo.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nelle braccia di Dio! (don Vincenzo) si. E proprio nelle canzoni che abbiamo portato oggi “ognuno è mio Signore”, “in ognuno c’è Gesù”! (Piccolo Giovanni) cosa posso dire.. (don Vincenzo) ..Paolo è Gesù.. (Piccolo Giovanni) ..di quei sussurri d'Amore che il Padre ha messo nel tuo cuore? Io sono un servo dinanzi al Padre.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..ed è opera di Dio ciò che è stato messo nel tuo cuore! (don Vincenzo) sicuramente, si! (Piccolo Giovanni) fiori preziosi da far crescere e piantare in ogni cuore! (don Vincenzo) si, si! (Piccolo Giovanni) fateli crescere, figli miei, ricordandovi sempre di stare attenti.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..al nemico: è astuto e vuol far suo il Progetto dell'Amore. Sapete bene come combatterlo usando l'Amore di Dio.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..che abita nei vostri cuori e donarlo all'umanità intera, figli! (don Vincenzo) grazie, Giovanni, grazie di questo abbraccio! (Piccolo Giovanni) Spose del mio Cuore.. è il Padre che ti ha abbracciato! (don Vincenzo) grazie, perché questo abbraccio ha un valore incalcolabile! (Piccolo Giovanni) perché è vivo dentro di Lui, e non è la Cocciuta ma Dio a donare ad ognuno di voi il suo abbraccio di Padre Misericordioso! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) ma dico grazie a te.. (don Vincenzo) ..no, grazie, Giovanni, perché hai dato una lezione con questo abbraccio.. (Piccolo Giovanni) ..per quello.. (don Vincenzo) ..di valore incalcolabile.. (Piccolo Giovanni) ..che mi hai portato: i tesori che Dio ha messo nel tuo cuore: le lodi che fanno gioire Maria! (don Vincenzo) oggi mi si è illuminato adesso il Vangelo con questo tuo abbraccio, perché tu.. è come se mi hai detto “Paolo lo abbracci nella misura in cui abbracci Gesù” e quindi nella misura in cui oggi io abbracciavo Paolo, mentre parlavo per telefono, mi sentivo.. me lo sentivo vicino; invece, però, adesso questa sera.. ecco, tu mi hai dato, proprio, l'ammaestramento vero, e cioè che Paolo è Gesù, e quindi abbracciare Paolo è abbracciare Gesù; e quando ti sei alzato ora, e mi hai stretto a te, tutto mi è sembrato chiaro! Spero che domani il Signore me lo faccia avere sempre presente questo tuo abbraccio e cambi la mia vita: che nell'altro veda sempre Gesù, sempre! (Piccolo Giovanni) è rimasto e non andrà via, lo porterai ovunque andrai! (don Vincenzo) tu aiutami! (Piccolo Giovanni) ecco la catena di Dio che non si spezza! (don Vincenzo) Amen! ................. (Piccolo Giovanni) .. è lì che c'è il Pane vivo, il Pane fresco che grida sempre Vincenzo! ................. ..“voglio quel Pane fresco!” ................. dove andrete senza il Pane fresco? chi vi darà il Pane fresco? ................. vivete e crescete in quel Pane fresco che scende dal Cuore di Dio che viene ad abitare dentro di voi, nell'amore, nella pace, nella quiete e nella letizia di Dio, figliuoli del mio Cuore! Ecco il giglio che si è aperto! Ecco l'Amore del Padre che è venuto a dissetare ognuno di voi perché Io non vi ho mai lasciati, siamo un'unica cosa perché suoniamo un unico strumento: il Vangelo, e siamo abbracciati all'unica Croce del Gesù Crocifisso; e vi chiedo di non prostrarvi ad altri dei perché non ce ne sono!Camminate sempre nel Solco che Io vi ho lasciato e Vincenzo continuerà, uniti col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi, figli! ................. è il Padre che vi ama e vi fa ardere! Ma vi chiedo di accendere ancora di più la fiammella che è stata posta sul vostro capo: accendetela e donate la luce di Dio e l'amore all'umanità intera amandovi gli uni gli altri dell'unico Amore che Dio lascia scendere su di voi e sull'umanità intera! Chiaro? ................. <2 colpi di tosse con un'alitazione> ...... Tommaso! (Tommaso) eccomi, Papà! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Cosa c'è nel tuo cuore? è vivo il Vangelo? (Tommaso) il Vangelo di questa sera.. (Piccolo Giovanni) ..è fresco quel Pane? (Tommaso) è freschissimo, anche perché, da poco tempo, il modo con cui si è inserito.. che tu hai mandato in mezzo a noi il sacerdote eterno, Vincenzo.. ce ne vorrebbero tantissimi come lui! (Piccolo Giovanni) che porta sulle sue spalle.. (Tommaso) ..ci fa sentire.. (Piccolo Giovanni) ..la Croce! (Tommaso) si.. ci fa sentire meno orfani e ce ne vorrebbero tanti affinché molti figli dispersi rientrerebbero nel suo gregge.. di Dio! (Piccolo Giovanni) raccoglieteli col vostro amore e con le vostre preghiere! Ho donato a voi il compito di raccogliere i Figli Ministri: fatelo! (Tommaso) col tuo aiuto! (Piccolo Giovanni) Amen! (Tommaso) Amen, Giovanni! (Piccolo Giovanni) dì! (Tommaso) ecco, ciononostante ti vorrei sentire sempre più vicino perché in molte cose abbiamo ancora da capire! (Piccolo Giovanni) non lo sono? abito dentro di voi! (Tommaso) questo, si! (Piccolo Giovanni) e Vincenzo vi sta donando i fiori per farvi capire ancora di più! (Tommaso) il suo Pane e veramente profumato: c'ha una fragranza unica! (Piccolo Giovanni) è quella di Dio! (Tommaso) si, e quindi tutto fila come l'olio: liscio, però, mi rendo conto che abbiamo molto ma molto da camminare ancora e.. (Piccolo Giovanni) ..il Solco è lungo ed è profondo! Né Io, né Vincenzo e neanche la Cocciuta, vi lasceremo mai: aprite i vostri cuori e amate tenendo sempre alto il santo Vangelo, l'unico ed infinito tesoro.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..figli miei!(*) L'unico ed infinito tesoro che solo Dio può donare: accoglietelo, accoglietelo. Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, il Giglio è sbocciato in mezzo a voi, ora sta a voi farlo vivere e non abortirlo. Non giudicate ma amate, amate, amate, figli! È acceso il tuo cuore? (Tommaso) il mio cuore è acceso, Giovanni, però una piccola tristezza scende nel mio cuore vedendo quel seggiolino lì in fondo.. di fronte, vuoto! <si riferisce al posto di Paolo> (Piccolo Giovanni) non è vuoto! (Tommaso) anche questo è un mistero da capire! (Piccolo Giovanni) guardatelo con gli occhi di Dio! (Tommaso) per noi era una Colonna molto valida.. (Piccolo Giovanni) ..e lo è.. (Tommaso) ..però ha bisogno di essere sostenuta anche da noi! (Piccolo Giovanni) lo è ancora, ma lasciamo a Dio i suoi tempi perché non conoscete i tempi del Padre! (Tommaso) sia fatta la volontà del Padre! (Piccolo Giovanni) Amen! (Tommaso) Amen, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Telesfore! (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Cosa c'è nel tuo cuore? <3 colpi di tosse con 2 alitazioni>(*) (Telesfore) il mio cuore questa sera si è ancora di più riempito del Vangelo che Vincenzo ha portato fresco!(*) (Piccolo Giovanni) continua! (Telesfore) io mi devo solo.. (Piccolo Giovanni) ..mi hai mai chiamato “Mario”? (Telesfore) Mario?(*) (Piccolo Giovanni) e ora perché chiami il confratello “Vincenzo”, non “don Vincenzo”? (Telesfore) io, veramente, lo vorrei chiamare “Giovanni”! (Piccolo Giovanni) e lui “Giuseppe” a te! (Telesfore) chiedo perdono.. (Piccolo Giovanni) ..dinanzi al Sacerdozio c'è Gesù, non dimenticatelo! Lo chiamo Io “Vincenzo”, non la Cocciuta, ma voi dovete usare “don Vincenzo” e inchinarvi dinanzi a lui come vi dicevano “inchinatevi dinanzi a Giovanni! Chiaro? (Anna e qualcun altro) si! (Telesfore) è chiaro, si! (Piccolo Giovanni) e dimmi, cosa c'è ancora nel tuo cuore? <2 colpi di tosse con un'alitazione> per farti parlare devo far scendere l'Alito! (Telesfore) nel mio cuore c'è che dinanzi a Dio bisogna prima ascoltare e poi parlare! (Piccolo Giovanni) è così, Vincenzo? (don Vincenzo) si, ascoltare molto e parlare poco: l’ascolto è la grazia più grande! Anche a volte.. (Piccolo Giovanni) ..il dono dell'ascolto! (don Vincenzo) un dono grande! (Piccolo Giovanni) la grazia di saper ascoltare, la grazia di saper ubbidire! (don Vincenzo) sì, questa dovrebbe essere la preghiera, questa immersione, proprio, nei silenzi d'Amore di Dio e nel suo Cuore: immergersi, ascoltare! (Piccolo Giovanni) ora ti dico una piccola cosa: la Cocciuta, i suoi silenzi li viene a portare dinanzi all'altare.. (don Vincenzo) ..bellissimo.. (Piccolo Giovanni) ..prostrandosi per terra come quando si viene ordinati! (don Vincenzo) bellissimo! (Piccolo Giovanni) ma non glielo dite subito, quella viene a gridare ma nel giusto del Vangelo! (don Vincenzo) abbiamo (da)imparare tutti da lei! (Piccolo Giovanni) e quando la prima volta mi disse “don Mario, posso pregare in questo modo?”, ed Io gli chiesi “ma anche quando c'è freddo tu ti metti sul pavimento?”, e lei rispose “sì, ma togliendo anche gli abiti per assaporare in pieno l'Amore del Padre, se starei coperta non saprei gustare ciò che Dio desidera dal mio Cuore!”  (don Vincenzo) bellissimo! (Piccolo Giovanni) vi ho dato un'altra goccia della Piccola Cocciuta! (don Vincenzo) e questo è bello, quello che avviene qui dentro, ché.. ché tante cose che fuori sono teoria, che capiamo, sappiamo, poi invece qui dentro diventano vita! Queste tre ore, proprio, il Vangelo acquista proprio una.. una forza, una fluidità, come un fiume che scorre! (Piccolo Giovanni) il fiume di Dio che scorre e non si ferma mai! (don Vincenzo) che grazia poter restare qui: se capissimo come gusteremmo questi ricordi.. domani, dopodomani, fino al prossimo giovedì, di ora in ora! (Piccolo Giovanni) crescete in questo Amore che Dio vi dona, figli! (don Vincenzo) tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare, ecco, questo, proprio questo avviene.. (Piccolo Giovanni) ..ma il mare è Dio.. (don Vincenzo) ..si, proprio questo avviene qua dentro.. (Piccolo Giovanni) ..e vi ha rapiti nelle sue Acque! (don Vincenzo) le Acque si muovono come nella piscina di Betzatà, e guariscono queste tre ore! Acque.. (Piccolo Giovanni) ..dovete solo aprire i cuori! (don Vincenzo) grazie, Giovanni, grazie di quello che ci dai! (Piccolo Giovanni) grazie al tuo cuore! (don Vincenzo) e grazie di averci scelto uno ad uno! Che gioia stare qui dentro! (Piccolo Giovanni) Amen! Amen! Amen! Amen! Dimmi ancora, Telesfore!(*) i tuoi occhi brillano..  (Telesfore) ..tu.. (Piccolo Giovanni) ..non sai trattenere le lacrime, ma sono lacrime di gioia! (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni)tu” cosa stavi dicendo? (Telesfore) io sto dicendo che sono anch'io geloso! (Piccolo Giovanni) lo sei sempre stato! <si ride un po'> non gli donavi un respiro alla Cocciuta! (Telesfore) eh, hai dato l'abbraccio a don Vincenzo.. (Piccolo Giovanni) ..e adesso è geloso di non riceverlo lui! <dice rivolgendosi ai presenti> (Telesfore) eh, si! (Piccolo Giovanni) abbracciando Vincenzo, abbracciando Elia, ho abbracciato tutti voi, e aspettavo la tua gelosia! Ecco perché non imparate a camminare, non imparate ad amare, perché siete legati alle cose esterne! L'abbraccio a Vincenzo, l'abbraccio ad Elia, è sceso dal Cuore del Padre, la Cocciuta non può donarvelo se non lo dona Dio! È chiaro per te, questo? (Telesfore) sì, è chiaro, ma io, forse non ho capito che l'abbraccio che hai dato a don Vincenzo.. (Piccolo Giovanni) ..Vincenzo.. (Telesfore) ..e era di Paolo! (Piccolo Giovanni) era di Paolo! (Telesfore) eh! Questo.. anch'io.. allora anch'io ho abbracciato Paolo! (Piccolo Giovanni) tutti voi.. (Telesfore) ..eh, questo.. (Piccolo Giovanni) ..l'avete abbracciato e lo portate sulle vostre spalle come la Cocciuta porta ognuno di voi e l'umanità intera per volere del Padre! Chiaro? (Telesfore) chiaro! <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Piccolo Giovanni) cosa vuoi dire.. (Telesfore) ..il Paolo.. (Piccolo Giovanni) ..ancora? (Telesfore) il Paolo di ieri, cosa.. (Piccolo Giovanni) ..non fermiamoci su queste cose! Il Solco è lungo ed è profondo: camminate nell'Amore che Dio lascia scendere oggi! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) non provarci a scoprire il mistero: aspetta i tempi di Dio! Non è un rimprovero, figlio! (Telesfore) è una correzione? (Piccolo Giovanni) è una correzione! Ma dimmi ancora cosa arde nel tuo cuore! (Telesfore) il mio cuore arde, sono gioioso di tutte le grazie che il Padre ci sta donando! Io mi sento ubriaco! (Piccolo Giovanni) ubriaco d'amore! (Telesfore)ubriaco d'amore”! (Piccolo Giovanni) e donalo, fallo crescere sempre di più l'Amore che Dio ti dona attraverso il suo Sangue e la sua Carne che è Pane, Parola viva del suo Amore Infinito! Chiaro? (Telesfore) chiaro! (Piccolo Giovanni) Vincenzo! (don Vincenzo) volevo chiederti, proprio.. volevo ringraziarti di quello che hai fatto stasera, anche di quell'abbraccio che ha un valore incalcolabile, anche di quando mi hai lavato i piedi: anche quello ha un valore incalcolabile! Speriamo che queste due grazie il Signore me le tenga sempre vive. E allora avevo pensato di dedicarti qualche canzone: un paio di canzoni, come se volessimo questa sera riconfermarti, proprio, tra la nostra miseria, anche la nostra amicizia e il bene che ti vogliamo. Ecco, questa del “Solco - di Thurio”, Solco lungo e Solco profondo, ma è Solco anche stretto, non è facile. Occorre un grosso impegno, occorre grossa buona volontà, occorre la preghiera, ecco perché io in queste canzoni ho messo sempre questi titoli.. ecco, pure “Fede, Speranza e Carità”, questo trittico, questa “Preghiera”, questa “Perfetta Letizia”! <“il Solco - di Timparelle”, “la Fede - di Timparelle”, “la Speranza - di Timparelle”, “la Carità - di Timparelle”, “Pregare - di Timparelle”, “Perfetta Letizia - di Timparelle” sono tutti i titoli di canti di don Vincenzo. Il canto “la Speranza - di Timparelle”, poi, è stata dedicata a Giulia> (Piccolo Giovanni) è forte quello che hai messo per la Cocciuta! (don Vincenzo) è una canzone che volevo proprio dare a Giulia come se li ci fosse proprio un Solco in cui lei deve.. deve stare, e dentro sicuramente già ci sta! (Piccolo Giovanni) Io allargo le braccia e stringo le spalle! (don Vincenzo) ecco, vogliamo cantarti proprio questa, ti vogliamo dedicare sta’ canzone: il Solco - di Thurio!  (Piccolo Giovanni) ascolto con amore! (don Vincenzo) chi è che lo canta? lo deve cantare Giulia!(*) E un po' qui c'è tutto.. proprio il Vangelo! <canto del “il Solco - di Timparelle”> (don Vincenzo) grazie!(*) (Piccolo Giovanni) Vincenzo ha fatto gioire il mio Cuore che gronda Sangue per l'umanità intera, gronda Sangue per il mio popolo. Vi chiedo ancora una volta “NON FATECI USARE”, ma portateci nei vostri cuori con la semplicità del Crocifisso, di quel Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarci la vita eterna, di quel Gesù che è venuto a nascere in una stalla; è così che voglio camminare nei vostri cuori: nella povertà e nell'Amore di Dio! Hai capito queste parole? (don Vincenzo) sì! Tu mi devi dare la forza, proprio, di viverle! (Piccolo Giovanni) ecco la forza: viene dalla Croce, è il letto che lo Sposo offre alle Spose ed Io ve lo sto offrendo! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) appoggiatevi su quel letto! Amate quel letto, stringetelo ai vostri cuori! Il Letto del Legno che Io ho abbracciato e anche voi abbraccerete.. (don Vincenzo) ..Amen.. (Piccolo Giovanni) ..perché sarete perseguitati a causa del Nome di Gesù. Ma non temete niente e nessuno, andate avanti perché dinanzi a voi c'è Dio,.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..figli! (don Vincenzo) Amen! Amen! (Piccolo Giovanni) Amen! Amen! Amen! Amen! (Telesfore) Amen! (Piccolo Giovanni) cosa c'è ancora nel tuo cuore? (Telesfore) che nonostante il tuo Cuore è trafitto, tu sei sempre gioioso! (Piccolo Giovanni) è l'amore che mi fa gioire! (Telesfore) però nei tuoi occhi non puoi nascondere le lacrime! (Piccolo Giovanni) quando la Cocciuta mi chiedeva “perché piangi?”, Io gli rispondevo “sono vecchierello e mi scendono le lacrime”, ma lei sorrideva perché non era così!(*) Dio quando vede i suoi figli che si perdono piange perché è Padre, ma nel suo pianto lascia scendere sempre di più il suo Amore: lacrime d’amore che bagnano l'umanità! Raccoglietele, figli! Ora siete pronti.. (Telesfore) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..per accogliere il Pane vivo nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) preparatevi perché lo Sposo è in mezzo a voi e ha sete e fame e vuole bere e mangiare con voi: viene ad abitare nei vostri cuori spiritualmente! Distaccatevi dalle cose del mondo per un solo istante e accogliete Gesù che viene ad abitare dentro di voi, figli del mio Cuore!(**) Ecco lo Sposo; ecco il Banchetto pronto, venite tutti a fare festa! Unite le vostre mani alle mie(*) e accoglietemi nei vostri cuori!(**) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi; figli, la mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo risorgete anche voi, Angeli del mio Paradiso!(*)  (Giulia) Gesù, o mio Unico Bene, Sposo Diletto dell'anima mia, ardi nel mio Cuore, ardi nel cuore dei tuoi figli! (Piccolo Giovanni) Sposa, eccomi! (Giulia) dinanzi a te mi inchino mio Unico Tesoro!(*) Dinanzi a te io ti offro l'umanità intera, Gesù!(*) (Piccolo Giovanni) figlia mia, il tuo amore ha rapito il Cuore del Padre! (Giulia) sono solo uno straccio, ma se servo usatemi ancora!(*) Grazie, Gesù! Grazie, Gesù! (Piccolo Giovanni) figliuoli miei, l'Amore di Dio arde dentro di voi perché Io sono vivo, ma quando uscite fuori non abortitemi: fate crescere. Amate sempre e perdonate, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera, figliuoli del mio Cuore! Con le tue mani sacerdotali benedici l'umanità, figlio! (don Vincenzo) per intercessione di Maria Immacolata e Addolorata, Dio benedica tutti nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo! (Tutti) Amen! (don Vincenzo) glorificate Dio con la vostra vita: andate in pace! (Tutti) rendiamo grazie a Dio! (Piccolo Giovanni) ecco l'Amore di Dio che scorre nel fiume, figli, ma Io vi chiedo ancora: voglio riposare nei vostri cuori, mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Crescete ancora nell'Amore, nella Pace e nella Quiete! E nell'Amore, nella Pace nella Quiete, stringetevi alla Catena santa pregando con la preghiera del Padre!(*) <canto del Padre Nostro - di TTimparelle> (Giulia) Padre, non ci hai mai abbandonati: siamo noi ad allontanarci dal tuo Infinito Amore! Tienici stretti, fa che viviamo sempre nell'unica preghiera e nell'unico ovile che hai preparato per ognuno di noi! (Piccolo Giovanni) Amen! (Tutti) Amen!(*) (Piccolo Giovanni) Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figli del mio Cuore. Ora andate in pace portando all'umanità intera, a tutti i figli, ai vostri nemici, la pace che è scesa dal Cuore di Dio!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore!(*) Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo! Rimanga in voi la mia Quiete, figli! (Giulia) grazie, Papà!

 

 

         6. Giov 17/06/2004, ore 21.04, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nel silenzio e nell'abbraccio dell'unica Croce! Figlia, a causa del mio Nome dovrai soffrire ancora! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) Gesù, mettono tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere. Metto nel tuo Cuore tutti i figli che sono qui riuniti nel tuo Nome. Metto nel tuo Cuore tutti i sacerdoti, il tuo figlio Vincenzo che si affida al tuo Cuore e il giglio. Gesù, in questo giorno busso al tuo Cuore chiedendoti un'altra volta: voglio tornare a casa! Chino il capo chiedendoti questo, ma sia fatta la tua non la mia volontà, Gesù! (Gesù) figlia, la mia volontà è di lasciarti e in mezzo ai tuoi Discepoli, alle Colonne, alle Suorine, per portare in pieno la mia Croce, la mia Parola e la mia Luce! (Giulia) eccomi, Gesù, serva inutile dinanzi ai tuoi piedi, dinanzi ai piedi della Croce! Gesù, usami come vuoi fino all'ultimo respiro! (Gesù) figlia, guarda!(*) (Giulia) Gesù, cammini ancora sul mare di Sangue!(*) ..diventa sempre più grande e vedo tutti i Discepoli, e le Suorine, e le Colonne che ti seguono, e anche loro camminano senza affondare, Gesù! (Gesù) rimanete nella mia quiete, rimanete nella mia fede poggiandovi sempre sulla Roccia viva del mio Cuore, figli, perché Io sono il vostro Papà: vi amo senza fare alcuna distinzione, ma vi invito a pregare, ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare tutti i vostri nemici per fare festa all'unico Banchetto del mio Sangue e della mia Carne, figli! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) posso chiederti una cosa nel Cuore? (Gesù) si!(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) ti chiedo ancora di guardare, figlia(*), ma tieni nel tuo Cuore ciò che vedi! (Giulia) sì, Gesù!(**) (Gesù) questo te lo chiederò nell'anniversario della mia Stanza! Ora custodiscilo nel tuo Cuore! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) vedi, figlia mia, invita l'umanità, invita i tuoi figli a pregare per i flagelli: scendono sempre di più sull'umanità! Pregate, figliuoli, pregate, ma la vostra preghiera sia salda, sia fatta col cuore! Aprite i vostri cuori all'Amore Misericordioso del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Avete un Papà e avete la chiave per aprire il Cuore ed entrare, e Maria ve l'ha donata lasciando scendere il santo Rosario: è la chiave per il Cuore di Dio, ed entrare e far parte della famiglia, perché voi tutti siete figli ed Io vi ho scelti uno ad uno e ho messo su di voi il mio Sigillo. Figliuoli, vi chiedo ancora di stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per confondervi e farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo con l'amore. Pregate, figli, fate salire la vostra preghiera al Cuore del Padre, nel silenzio, del nascondimento, nell'Amore di Dio, quell'Amore che il Padre lascia scendere su di voi e sull'umanità intera! Cocciuta del mio Cuore, vuoi unire ancora una volta le tue mani alle mie? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi abbracciare con me i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) abbracciali secondo le mie intenzioni! <1º grido>(*) sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù, i Chiodi poggiano ancora per terra e il Sangue cade per terra ancora una volta! (Gesù) è il Sangue del mio Amore che vi bagna e vi dona la forza perché il Parto è pieno, è vivo ed è in mezzo a voi, Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! (Giulia) Gesù, è bello vedere il tuo Sangue che bagna i Discepoli! (Gesù) non è solo il mio, è anche il tuo Sangue, figlia, perché siamo un tutt'uno col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Giulia) Gesù, io non sono degna di questo! Lascia scendere il tuo Sangue perché l'umanità è secca e ha bisogno di essere bagnata; l'umanità è sorda e ha bisogno di sentire scorrere il tuo Sangue, Gesù, ma se io servo come straccio, usami pure, mio Unico Bene, mio Unico Tesoro, mio Unico Sposo! (Gesù) eccomi, Sposa del mio Cuore, uniti nell'amore dell'unica Verità dell'unica Croce!(*) Scenda sull'umanità il mio e il tuo Sangue!(*) (Giulia) Gesù, tu sei tutto e tutto puoi: sia fatta la tua volontà, Gesù mio! (Gesù) ecco, figliuoli, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, e vivere il Vangelo è camminare nel Solco donando la pace, la quiete e la letizia del mio Cuore! Figliuoli, vi invito ancora una volta a stare attenti al nemico; e quando uscite fuori non abortitemi: non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma combattete il nemico amando e lasciando nei vostri cuori la quiete dell'unica Verità che è la Parola viva e reale in mezzo a voi, perché Io sono vivo e reale in mezzo a voi! Ho sete e fame del vostro amore, figli, e il mio Banchetto è sempre pronto, ma siate coscienti del mistero vivo e reale della Stanza dell'Amore che cresce sempre di più: non fermatevi a capirlo con la mente, ma aprite i vostri cuori! Figliuoli, verranno tempi nuovi e nuove gocce scenderanno su di voi: petali che Maria lascia scendere in questo Luogo e nel mondo intero, perché il mio fiume scorre e non si ferma di donare l'amore e la pace all'umanità intera. Ma vi chiedo ancora di pregare per l'Uomo vestito di bianco. Pregate affinché le Mura che stanno cadendo si alzino, figliuoli del mio Cuore. Non lasciate solo l'Uomo vestito di bianco, ma portatelo in braccio come Lui porta ognuno di voi e l'umanità intera sulle sue spalle, figli del mio Cuore! Piccola Cocciuta! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) sei pronta per accogliere nel tuo Cuore un'altra spada? (Giulia) eccomi, Gesù!(*) <Giulia prova intenso dolore, geme, ma non emette il grido> (**) (Gesù) sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) non hai neanche sospirato: l'hai accolta! (Giulia) Gesù, tu lo fai attimo per attimo, io non sono capace di tenerla! (Gesù) il tuo corpo è un flagello, figlia, ma sai dire solo sì! (Giulia) sì, Gesù, perché non mi viene un'altra parola! Aiuta i miei figli a saper dire solo sì negli attimi di prova, nei momenti della sofferenza. Gesù, prendi la mano di ognuno di loro e tienili stretti al tuo “”, al “” che ha abbracciato la Croce e la tiene sempre. Aiutami a stare attaccata a questo “”, Gesù! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen, Amen!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) vedo ancora i Discepoli, le Colonne e le Suorine che camminano dietro di te! Come sono belli, Gesù! (Gesù) è l'amore che li rende belli! Amate, amate, amate e sarete raggianti come è il Volto di Maria! Figli miei, ora vi chiedo ancora una volta: volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nella Pace e nella Quiete, nella Verità del santo Vangelo, sono ancora qui in mezzo a voi. In ubbidienza al Padre e per amore dello Strumento, vengo ad indicarvi il Solco che porta al Cuore di Dio, alla Parola viva, all'Acqua Zampillante del Cuore di Dio, del Cuore del Padre, e voi siete la famiglia riunita nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, ad innalzare la lode a Maria, a consolare il suo Cuore che arde per ognuno di voi, a consolare il Cuore di Gesù che, con Misericordia Infinita, lascia scendere il suo Sangue sull'umanità: vera Bevanda dell'unica Fonte dell'unico Crocifisso, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, per donarvi la gioia di essere figli e amici del mio Cuore! Ed è bello vivere l'amicizia del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e camminare nell'unica Verità che è il Vangelo, la Parola; “Padre”, abbiamo un Papà che allarga le braccia e accoglie tutti senza fare alcuna distinzione! Imparate ad accogliere tutti i figli, tutti i fratelli, e venite a fare festa al Banchetto del Padre, figli miei! Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Giov. 11° sett. T.O./C Mt. 6,7-15> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Paolo, è acceso nei vostri cuori? (Paolo) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! È acceso nel tuo cuore il santo Vangelo di questo giorno? (Paolo) il Vangelo è acceso, Giovanni, però.. <2 colpi di tosse con 2 alitazioni> ..è difficile.. è difficile metterlo in pratica! Sarei falso se io dicessi “sì, è acceso e lo seguo”, perché io non sono capace! (Piccolo Giovanni) anche la Cocciuta lo ripete sempre! È uno straccio e vuole essere usata come uno straccio! (Paolo) il Vangelo dice delle Verità grandissime che sono troppo lontane da quello che è il nostro vivere quotidiano! (Piccolo Giovanni) ma siete qui riuniti nella mia Stanza, e voi non vedete i passi che fate ma Io, si! È il cuore che Dio guarda, e dai vostri cuori sboccia sempre di più l'amore donandolo ai fratelli, ai piccoli, i poveri, agli emarginati, ai figli drogati, ai figli carcerati! Quando fate questo ad uno di questi figli, lo fate a Gesù, e lo stai facendo! (Paolo) se tu dici che lo sto facendo, Giovanni, è vero, ma io non me ne rendo conto! (Piccolo Giovanni) ma il tuo cuore è aperto perché sei qui a vivere e ad accogliere la Parola del Padre! (Paolo) Lui si accontenta di pochissimo! (Piccolo Giovanni) è l'umanità che non si accontenta di tutto l'Amore che il Padre lascia scendere, ma Dio si accontenta anche del tuo sorriso: di essere tornato a casa! <si riferisce al fatto che la settimana scorsa Paolo aveva deciso di meditare meglio le sue opinioni sulla fede, decidendo di non partecipare più alla preghiera per un po’ di tempo> (Paolo) sì, ma io vado e vengo, però, eh! (Piccolo Giovanni) anche i discepoli di quei tempi.. (Paolo) ..e che ti devo dire, io.. (Piccolo Giovanni) ..è tutto nel progetto del Padre, devi solo far prendere la tua mano e dire “eccomi” negli attimi delle cadute! (Paolo) il fatto è che.. <2 colpi di tosse con 2 alitazioni> ..come dicevo prima, vedo un distacco, un abisso proprio, tra quello che è il mio comportamento vero, terreno, e ciò che si dice qua dentro: questo è il punto. Cioè, io me li chiedo questi “perché”! (Piccolo Giovanni) li vedi con la mente.. (Paolo) ..eh, lo so, ehm.. non so come li dovrei vedere.. (Piccolo Giovanni) ..ma non col cuore! Col cuore sei legato alla Croce.. (Paolo) ..e comunque io sono così.. (Piccolo Giovanni) ..e il Padre, quello cerca: il tuo cuore non la tua mente! Donati così come sei stato catturato nella rete e vai avanti, figlio, amico del mio Cuore! (Paolo) e io non sto facendo niente, Giovanni! (Piccolo Giovanni) servo inutile dinanzi alla Croce! Ma Dio lavora e vi fa lavorare, e devi dire sempre “Io non sto facendo niente”! (Paolo) si, ma è la verità, è quello che io percepisco realmente, questo.. con la mente! (Piccolo Giovanni) dillo sempre “Io non sto facendo niente”, e ognuno di voi, i piccoli Giovanni, sempre all'ultimo posto come servi inutili dinanzi alla Croce! Figli, voi donatevi a Gesù, è Lui che vi usa, chiaro? <2 colpi di tosse con un'alitazione> ................. .tutto deve passare attraverso il Cuore della Croce! ................. perché siamo fatti a Immagine e Somiglianza di Dio e della Croce! ................. .. <2 colpi di tosse con 2 alitazioni> ................. il Maestro è uno solo.. ..e la Parola è una sola! ................. ..la Piccola Cocciuta rimane mortificata ma deve ubbidire nel leggere la Parola. Nel suo Cuore arde, è viva, è accesa e la dona attimo per attimo come Gesù si dona attimo per attimo! ................. non è venuto per essere re, ma amico, e donare la sua vita per i propri amici nell'umiltà e nella semplicità; e così dovete fare anche voi: donare la vostra vita per i vostri amici, e in modo particolare raccogliere e portare dinanzi all'altare i vostri nemici e far festa con ognuno di loro! Figliuoli, è questo che vi chiede il Padre: fare festa, chiaro? ................. Telesfore! (Telesfore) eccomi! <3 colpi di tosse con un'alitazione> (Piccolo Giovanni) cosa c'è nel tuo cuore? (Telesfore)grazie, Padre!(Piccolo Giovanni)grazie, Padre!”(*) in una parola ha detto tutto: “grazie, Padre!”(*) (Telesfore) grazie, Padre, per essere: dì quello che tu vuoi!(*) <Telesfore voleva dire “Grazie, Padre perché ci sei: dici tutto quello che tu vuoi”> (Piccolo Giovanni)grazie, Padre, per essere: dì quello che tu vuoi” è mettersi in pienezza nelle mani di Dio! “Eccomi, sono il tuo servo: fa di me quello che vuoi”. Non c'è altro da chiedere al Padre!(*) Dov’è Vincenzo? (Telesfore) Vincenzo.. don Vincenzo, ehm.. eh, si trova nel luogo dove noi siamo stati! <= Medjugorje> (Piccolo Giovanni) vi abbraccia tutti e sta pregando per tutti! Che mistero: Dio che parla attraverso di lui; Dio che ha lasciato il mio Cuore nel petto della Cocciuta; usandolo attraverso il cuore del figliuolo Vincenzo è un mistero ancora più grande che si apre dinanzi ai vostri occhi; il fiume scorre e non si può fermare; Io sono sempre con voi, non vi ho mai lasciati e non vi lascerò mai perché sono vivo come tu mi hai visto!(*)  (Telesfore) come io ti ho visto.. però stavi male! (Piccolo Giovanni) non stavo male Io, ma la Cocciuta! (Telesfore) eh, perché io non distinguevo se era la Cocciuta o tu che stavi male! (Piccolo Giovanni) pregate! (Telesfore) posso chiederti una cosa? (Piccolo Giovanni) si! (Telesfore) la Cocciuta stava male per ciò che stava avvenendo in quella notte? <si tratta del furto di alcune attrezzature da lavoro subito da una persona cara> (Piccolo Giovanni) si!(*) ma Dio fa sorgere tutto: abbiate fede e andate avanti nel Solco del santo Vangelo! Figli del mio Cuore, ricordate sempre: lo Strumento viene usato da Dio, è un tutt'uno col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Telesfore) lo Strumento, quando uno di.. un discepolo sta male, lei si prende le nostre sofferenze? (Piccolo Giovanni) come Gesù, perché il suo compito è questo! Dio l'ha mandata a raccogliere ognuno di voi e l'umanità intera, ma come me, vuole tornare a casa portando ognuno di voi nel Cuore del Padre! Ma gioite e fate festa perché il Padre la lascia in mezzo a voi ad accogliere le spade dell'Amore di Dio, ma vi invito a pregare e a stare attenti al nemico: è astuto e si serve di tutti per confondervi! Tenete sempre alto il santo Vangelo e la Croce da amate, amate, amate, figliuoli del mio Cuore! Chiaro? (Telesfore) chiaro! <3 colpi di tosse con un'alitazione> (Piccolo Giovanni) ora sono pronti i vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete far festa? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete bere e mangiare al Banchetto di Dio.. (Tutti) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..che è pronto ed in mezzo a voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi all'unica Fonte viva, all'unico Pane, all'unica Parola fresca che scende dal Cuore di Dio! Preparatevi, figliuoli, ad accogliere Gesù nei vostri cuori spiritualmente!(*) Ecco lo Sposo che avanza, venite tutti a far festa, venite tutti a mangiare, Io mi unisco alle vostre mani, e unendo alle vostre mani, vengo ad abitare nei vostri cuori. Siate coscienti di accogliermi!(*) Ecco lo Sposo: ecco il mio Sangue, ecco la mia Carne!(*) Sposa, vieni a far festa!(**) siate coscienti, Io sono venuto ad abitare nei cuori di ognuno di voi; la mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo risorgete anche voi, figliuoli del mio Cuore!(*)  (Giulia) mio Signore e mio Dio! Delizia dell'anima mia! Cosa posso desiderare di più? Cosa può chiedere di più il mio Cuore? Ho ricevuto lo Sposo dentro di me e tutto è Quiete, tutto è Amore, e il mondo non mi appartiene, solo tu sei la mia gioia(*), mio Diletto!(*) (Piccolo Giovanni) lodate e benedite il Padre per tutto quello che vi dona e fate crescere Gesù nei vostri cuori donandolo all'umanità intera perché Dio si è donato, figliuoli! Ma il Dio Bambino ora ha sonno e vuole dormire nei vostri cuori: mi fate riposare? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera! Vi invito ancora a pregare per i figli che non sanno che Gesù si può avere nel cuore come l'avete ricevuto voi, per volere del Padre e per amore dello Strumento che si lascia usare con la sola verità che viene dal Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! E con questa verità uniamo la Catena santa(*), e nell'unire la Catena santa, uniamoci ai figli emarginati, ai figli drogati, ai figli carcerati; ai figli che non hanno un pezzo di pane, donatevi voi come Pane vivo, perché Dio l'ha messo nei vostri cuori. E con questa verità, con questo amore, preghiamo con la preghiera del Padre cantata! <canto del Padre Nostro - di Timparelle> (Giulia) Padre, tu sei misericordioso, non lasciarci ma cammina sempre dinanzi a noi indicandoci il Solco per arrivare al tuo Cuore, Padre Nostro! (Piccolo Giovanni) nell'amore e nella misericordia del Padre che ha lasciato scendere la Pianticella verde nei cuori di ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, andate avanti, ma quando uscite fuori non abortitemi: fatemi vivere, fate crescere sempre di più il Pane vivo che è la Parola! E nel Nome del Pane Io vi benedico col Padre, col Figlio, con lo Spirito Santo, col Cuore Immacolato di Maria e il Bimbo che cresce in mezzo a voi! Andate nella Pace di Dio donandola ai vostri fratelli e all'umanità intera! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figli del mio Cuore. Io vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo sempre nei vostri cuori perché Io non vi lascerò ma vivo in ognuno di voi perché siete il mio Popolo, la mia Famiglia, i miei Amici, figli miei!(*) (Giulia) Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, Sposa del mio Cuore!(*) <Giulia gli dice qualcosa nel Cuore> (Giulia) Giovanni, tu sai cosa c'è nel mio Cuore che è il tuo!(*) (Piccolo Giovanni) dovrai soffrire ancora, figlia mia!(*) (Giulia) sia fatta la volontà del Padre! Prendete tutto ma lasciatemi la santa sofferenza!(*) (Piccolo Giovanni) Amen, figlia, Amen, Amen, Amen! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Andate in pace portando ad ognuno dei vostri figli e fratelli il mio Cuore che è nelle mani della Cocciuta e lo dona ad ognuno di voi! (Giulia) grazie, Papà!

 

 

         7. Giov 24/06/2004, Stanza more solito

Messaggi dell'Immacolata e del Santo Giovanni di oggi (ore 16.42)

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù. Figlia mia, bevi ancora una volta i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*), e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta con i santi Dolori del Parto vivo della Croce di Gesù che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati sempre per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per le Mura di Roma; prega come tu sai fare unendoti alla Croce Divina del mio Figliuolo Gesù. Figlia mia, abbraccia ancora il Parto vivo che porti dentro di te; abbraccialo, figlia, e donalo all'umanità intera raccogliendo i figli della perdizione, coloro che trafiggono il Cuore di Gesù! (Giulia) Mamma, è così candido il tuo abito in questo giorno e il tuo Volto è così raggiante: come sei bella! (l'Immacolata) sono bella perché amo! Vi invito ad essere figli dell'Amore e così sarete anche voi raggianti com'è il mio Volto, e tutti sarete Mamme di Gesù e Spose dell'unico Sposo che è Gesù, ed Io vengo a portarlo ad ognuno di voi e all'umanità intera invitandovi sempre a pregare. Ecco la scala che vi ho regalato: salite i gradini uno ad uno e venite ad accarezzare il Cuore di Dio; è Padre e aspetta ognuno di voi, perché tutti siete figli, senza fare alcuna distinzione. Figliuoli del mio Cuore, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare l’unica Verità: il santo Vangelo,  la Parola, invitandovi sempre a tenerla alta e a viverla nei vostri cuori, a farla crescere, a farla amare, a mangiarla come Pane vivo di Dio, perché è Dio che parla in mezzo a voi e Dio vuole essere mangiato e gustato dai suoi figli. Crescete nell'unico Amore, nell'unica Verità, ma state attenti al nemico: è astuto, figli, e usa ogni in mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici. E in questo giorno vi invito ad essere piccoli Giovanni nella Luce e nella Verità del santo Vangelo, e i miei piccoli Giovanni sempre all'ultimo posto dinanzi alla Croce ad innalzare lode al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, ma quando uscite fuori non abortite il mio Gesù, fatelo vivere, fatelo crescere e pregate; pregate, figli, abbiate fede e fermate i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità intera perché l'umanità è sorda ed è cieca e non vuole accogliere il grido del Parto che è vivo, è reale e in mezzo a voi, passa attraverso Giovanni e attraverso lo Strumento: per amore e per ubbidienza si lascia usare flagellando il suo corpo per amore di Gesù e vivere solo del Pane vivo che scende dai Cieli. Imparate a donare i primi passi, a camminare nel Solco stretto di Dio: non prendete la via larga ma accogliete con amore il Solco di Dio. Come Mamma ve l'ho segnato e ve lo segnerò ancora! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) un'altra spada entrerà nel tuo Cuore: vuoi accoglierla per amore di Gesù? (Giulia) eccomi, Mamma! <Giulia soffre, sospira, ma non emette gridi> (**) (l'Immacolata) figlia, portala per tutti i Figli Ministri! (Giulia) eccomi, Mamma! Io li affido sempre al tuo Cuore come affido tutti i figli che sono qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Tu conosci i cuori di ognuno di loro: dona la Quiete di Gesù, dona l'Amore di Gesù, dona la carità di Gesù, così impareremo ad amarti e ad amare Gesù. Come sempre, anche se abita nel tuo Cuore, metto nel tuo Cuore e nel Cuore del Padre il mio e il tuo figliuolo Vincenzo e il mio giglio, Mamma! (l'Immacolata) Amen, figlia, Amen, Amen, Amen, ma ti chiedo ancora di soffrire e di consolare Gesù in questo giorno, figlia mia! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) ora vi chiedo con amore: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) in ubbidienza al Padre mi siedo un po'!(*) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi, figliuoli del mio Cuore, invitandovi sempre a tenere alta la Parola di Dio, a mangiare, a masticare il Vangelo, a viverlo nei vostri cuori come Io l'ho vissuto con ognuno di voi, con la mia famiglia, col mio popolo. L'ho sempre portato alto e vi ho indicato la via per arrivare alla Parola: il Cuore di Maria, il Tabernacolo vivo che ha accolto Gesù nel suo Grembo materno per donarlo all'umanità intera e ad ognuno di voi, figli del mio Cuore, e oggi vivo nel Cuore del Padre donandovi la gioia del santo Vangelo, donandovi quell'amore che solo nel Cuore di Dio potete trovare vivendo nella Pasqua viva e risorta, e la Pasqua è Gesù che si dona attimo per attimo, si dona attraverso la Parola, si dona attraverso il Pane vivo, quel Pane che è il Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. E come Giovanni di oggi vi invito ad essere discepoli, a donare la propria vita per amore di Gesù, ad abbracciare ognuno la propria Croce sulle spalle; “chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”: è così che sarete riconosciuti come figli di Dio! Non gettate la santa sofferenza, amatela e abbracciatela! Figli, Io sono qui in mezzo a voi per volere del Padre e per amore dello Strumento dove ho messo il Sigillo di Sacerdozio vivo ed eterno perché ho trovato l'ubbidienza, l'amore e la carità di Dio, e mi sono fermato ad accogliere il Padre e a donarlo ad ognuno di voi! Grande festa in Cielo, e gioite anche voi sulla terra come Giovanni e con Giovanni, vivendo sempre l'unica Verità: il Solco che è la Parola di Dio, figli miei! Cocciuta del mio Cuore! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) il tuo Cuore gronda Sangue, Cocciuta: perché? (Giulia) tu conosci il perché: tienilo nel Cuore del Padre! Anche se gronda Sangue è gioioso perché amo Gesù! Fatelo grondare ancora di più affinché io possa dare sempre l'Amore vivo che solo Gesù può donare! Giovanni, ti faccio gli auguri da parte di tutti: sii gioioso nel Cuore del Padre e lascia scendere il tuo Amore sull'umanità come hai sempre fatto! (Piccolo Giovanni) Amen, Cocciuta del Cuore della Croce, Amen, Amen, Amen! Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Giov. della 12° sett. T.O./C Natività di S.Giovanni Battista Lc. 1,57-66.80> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) confratello Vincenzo, il tuo posto è qua: te l'ho consegnato! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) posso chiederti a te se hai vissuto il Vangelo? tu che sei un libro aperto? il Pane vivo di Dio? Lascio parlare il tuo cuore! (don Vincenzo) è che dovevamo preparare due appuntamenti: quello di oggi alle 15,00 e quello di stasera alle 21,00, e non c'è stato un attimo di pausa, non c'è stato un attimo di tregua! (Piccolo Giovanni) anche per me era così: dovevo essere perfetto come lo sei tu! (don Vincenzo) era.. diciamo, una giornata, quella di oggi.. ero venuto proprio per vivere in preghiera e non immaginavo invece che non c'è stato un secondo.. e non abbiamo offerto (Piccolo Giovanni) e non avete pregato lavorando? non è preghiera.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..quello che avete fatto? e che preghiera gradita!: è salita al Padre! (don Vincenzo) grazie a Dio che ci siamo alzati presto e quindi abbiamo.. con un rosario e con la messa abbiamo iniziato la giornata.. poi con una benedizione speciale da parte del nostro.. e quindi tutta la giornata..  (Piccolo Giovanni) ..“dedicata al Signore”! (don Vincenzo) sì! È stata bella per questo! (Piccolo Giovanni) e dimmi: cosa hai trovato nel Cuore della Cocciuta? (don Vincenzo) ehm.. <don Vincenzo sorride> (Piccolo Giovanni) qui ti voglio! (don Vincenzo) è forte: è un Cuore forte; ha un po' di altalene ma poi.. poi.. (Piccolo Giovanni) ..quelle altalene le crea lei per soffrire ancora di più! (don Vincenzo) ma poi rientra sempre nel Solco in modo, proprio forte, quindi è una grazia (Piccolo Giovanni) si va cercando le altalene! (don Vincenzo) ma poi è come una bambina ché dopo subito gli passa e tutto torna sereno! (Piccolo Giovanni) è la Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (don Vincenzo) si, e quello che mi piace in Lei è che ha tanta umiltà, anche se è difficile nel ruolo che ha essere umile! Ma Lei, questo dono lo usa, ed è una grazia, perché alla fine di fronte all'umiltà, le altalene non contano più!  (Piccolo Giovanni) gli è stato ordinato dal Padre di “gridare quando è nel giusto del Vangelo”: di alzare la voce come Giovanni e con Giovanni, ma i muri sono duri da rompersi, e i muri sono i cuori che non si aprono, i cuori che non ascoltano, i cuori che non sanno amare! Non tutti hanno il tuo cuore, figlio, fratello e amico! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) vedi? hai visto? anche nella sofferenza la Cocciuta non si è fermata.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..in questi giorni!(*) Io ho provato ad immaginare i suoi dolori ma me li ha fatti assaporare asciugando le sue lacrime! Ora è nelle tue mani: l'abbiamo sigillata, Io come Sacerdozio vivo ed eterno e tu come Sacerdozio vivo ed eterno.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..unendola al Cuore dell'unica Croce: il Cristo Risorto, nella Pasqua che si dona attimo per attimo! Ma dimmi ancora: cosa c'è nel tuo cuore? <don Vincenzo sorride> (don Vincenzo) volevo chiederti se ti avremo.. oggi era la festa tua, volevamo prepararti qualcosa, ma francamente, proprio, siamo.. ci siamo fermati alle 14,50, proprio quando la gente era già arrivata, e vedi un po' tu qualcosa se.. di questa preghiera, se non gradisci, la togliamo, la cambiamo.. com'è impostata, perché mi sembrava proprio questo un po'.. <sono state preparate e organizzate nei raccoglitori le fotocopie delle liturgie della Stanza da seguire nei giorni di giovedì e quelli del 24 di ogni mese> (Piccolo Giovanni) se è scesa dal Cielo, può il Cielo cambiare? (don Vincenzo) no, no, anche perché, diciamo.. (Piccolo Giovanni) ..sei capriccioso come me! Anch'io.. (don Vincenzo) ..forse sono un po’.. (Piccolo Giovanni) ..dopo aver scritto dal Cielo chiedevo alla Cocciuta “vedi se Gesù vuole che cambi qualcosa”, e lei mi rispondeva “ma se il Padre te l'ha messa nel Cuore, adesso te la fa cambiare? Dio non cambia le cose come noi cambiamo i vestiti!(don Vincenzo) si (Piccolo Giovanni) l'unico vestito è la Croce, e rimane sempre, non si divide, rimane sempre unita! Cosa dovrei cambiare di quel Pane che hai offerto? (don Vincenzo) tu l'hai offerto! Quello che.. quello che.. (Piccolo Giovanni) ..ci scambiamo a vicenda, Io e tu! (don Vincenzo) quello che mi piace, proprio, è lo spirito di questa preghiera, quindi questo.. anche questa gente che viene con questo caldo, quanta tenerezza mi fa, vorrei proprio amarli.. (Piccolo Giovanni) ..cosa si deve offrire a Gesù? Anche questo.. (don Vincenzo) ..è un cuore.. un cuore nuovo.. (Piccolo Giovanni) ..è un cuore nuovo:.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..fare una piccola penitenza per Gesù! (don Vincenzo) si, anche.. (Piccolo Giovanni) ..il caldo, il freddo, l'acqua, il vento.. è offrirli a Gesù! (don Vincenzo) si, tutto, anche quelle situazioni un po' con le ferite aperte del passato come.. come col Vangelo diventa bello! Proprio, ecco, l'altro giorno “non giudicate”, “la strada stretta non prendete quella larga”, come diventa “non guardate la trave.. se avete un’altra trave interna”. Quante “travi” abbiamo! Se imparassimo a vedere nei nostri cuori queste travi, come.. come agli altri li ameremmo di più! Anche quando, magari, sbagliano, anche quando, come in tante situazioni qui che tu conosci: attacchi a questo..  (Piccolo Giovanni) ..la Piccola Cocciuta ha perdonato.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..dal primo istante come l'ho fatto anch'Io! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) ma è un ricordo: il parlare non è un giudicare.. (don Vincenzo) ..eh.. (Piccolo Giovanni) ..da parte della Cocciuta.. (don Vincenzo) ..certo.. (Piccolo Giovanni) ..è vivere la storia della Croce! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) i Dolori della Croce, il sanguinare di quel Gesù che viene Crocifisso attimo per attimo, perché non è la Piccola Cocciuta ad essere giudicata, ma è Gesù che viene giudicato! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) è Gesù che viene Crocifisso! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) è Gesù che viene trafitto ancora.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..al Cuore con la lancia, ma Gesù ci regala la Divina Misericordia.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..come la Piccola Cocciuta.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..lascia scendere il Sangue e l'Acqua.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..dal suo costato per amore! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) è così che voglio ognuno di voi:.. (don Vincenzo) ..grazie, grazie.. (Piccolo Giovanni) ..Rocce Vive come la Cocciuta! (don Vincenzo) e qui, non è che.. diciamo, la situazione.. ehm.. anzi ti chiedo, proprio, consiglio come gestirla, andare avanti in questo modo pur sapendo.. offrendo tutto in silenzio, se fare qualche mossa, perché quello che mi dispiace, mi dà dolore è proprio questo.. queste persone che giudicano senza amare, perché uno che ama non giudica più, uno che ama guarda se stesso, guarda le travi.. quindi cerca la positività in una situazione e legge sempre con amore quella situazione, invece quando cominciano le sentenze, quando cominciano i giudizi “questo è falso”, “questo non è vero”, ma con quale.. con quale.. con quale potere tu dici di una cosa falsa? che ne sai come Dio gestisce? che ne sai come Dio usa i suoi strumenti? Metterci in questo amore, in questa positività, invece ci mettiamo nella chiusura, e quindi nella chiusura non c'è più possibilità di leggere l'azione di Dio, che diventa.. e in Nome di Dio si danno delle sentenze assurde, perché tu come puoi, in Nome di Dio che è amore, dire “no, Dio non è..(Piccolo Giovanni) ..hai letto.. (don Vincenzo)..quella persona non ama; quella persona è falsa; quella persona è bugiarda; quella persona è indemoniata”, ma se ama? ma se perdona? ma quando mai il diavolo ha amato e perdonato? o quando mai il diavolo ha glorificato Dio? ha accettato la Croce? Dice “no, ma il diavolo, siccome è un angelo perfetto è abituato a queste cose”, ma come? è un angelo perfetto ma decaduto, che è ostile, che è nemico! (Piccolo Giovanni) se era così come hanno scritto si sarebbe salvato il mondo!(*) (don Vincenzo) vedi un po' tu.. (Piccolo Giovanni) ..vedi.. (don Vincenzo) ..se hai qualche suggerimento da darmi, qualche cosa che vuoi che io faccia! (Piccolo Giovanni) pregare per loro come ho fatto e faccio ancora, ma Io usavo scrivere la verità! (don Vincenzo) io ce l'ho nel cuore la verità, quindi non è che.. sono all'inizio ma è tutto chiaro, cioè mi sembra tutta una cosa così bella che uno se leggesse con gli occhi della bontà non farebbe fatica ad accettare. È che noi siamo già premuniti, andiamo già coi  pregiudizi e quindi con le paure, ed è chiaro che così non leggi bene, non leggi bene, ecco perché Dio.. ma ecco, la Madonna prima ha detto “io sono bella perché amo”, perché è positiva! Vedi un po' tu! Aiutaci tu! (Piccolo Giovanni) e ci insegna ad amare e a perdonare! (don Vincenzo) si, solo che la verità, tante volte, viene ostacolata, ritardata, forse, chissà.. (Piccolo Giovanni) ..le Vie del Signore sono strette e camminano lente! la falsità vola perché il nemico usa la via larga! Gesù usa la Via stretta e i frutti si raccoglieranno quando è il suo tempo, ché nessuno di voi conosce i tempi del Padre!dovete attendere, di pregare e rispondere sempre “eccomi”, ma la Cocciuta nel suo Cuore ha qualcosa da dirti in privato, figlio! (don Vincenzo) grazie! Grazie, Dio ti benedica, tienimi sempre vicino! (Piccolo Giovanni) Dio benedice coloro che lo benedicono, e come abito nel Cuore della Cocciuta abito anche nel tuo!  (don Vincenzo) grazie, grazie perché è sempre.. è vero proprio che a noi.. il maligno è sempre in agguato, perché basta un attimo che tu puoi.. puoi scivolare! E allora tu chiedimi sempre.. la tua protezione, chiedimi.. (Piccolo Giovanni) ..non temere! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) la Cocciuta ti porterà sulle spalle come tutti i figli e l'umanità intera, perché il suo compito è portare la Croce sulle sue spalle, l'umanità intera e ognuno di voi, e in modo particolare i Figli Ministri sono le sue Pietruzze Preziose che custodisce gelosamente.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..nell'Amore di Dio! (don Vincenzo) quanto lo facciamo soffrire! Quanto lo facciamo soffrire! (Piccolo Giovanni) lei si cerca la sofferenza usando la cordicella!(*) usando la cordicella!(*) ho detto un suo segreto, ma tutti lo conoscono, solo che Telesfore va cercando questa cordicella ma non riesce a trovarla!(*) Verrà a rimproverarmi ancora la Cocciuta! Ma hai visto cosa hai fatto oggi? hai fatto venire la mia Marì, ma non ti ha ubbidito, è venuto anche Nicolè,Nicola”, come l'hai chiamato tu! (don Vincenzo) eh! (Piccolo Giovanni) si! (don Vincenzo) grazie! Sono due.. una coppia meravigliosa, gli voglio bene, proprio dall'inizio, specialmente a tua nipote, praticamente, perché ha paura di passare sotto le gallerie, ha paura di guidare da sola. Ho detto “ma come? oggi è san Giovanni! c’hai..(Piccolo Giovanni) ..è sempre stata così la mia Marì! (don Vincenzo)c'hai Gesù a fianco, c'hai san Giovanni a fianco” e “lo devo dire a mio marito”? “ma tu lascialo stare a tuo marito, quello è andato a lavorare: vieni tu da sola, c'hai Gesù a fianco”, dice “no, ci sono le gallerie e poi questa sera è notte(Piccolo Giovanni) è la mia piccola fifona! (don Vincenzo) però ha detto “io voglio fare all'ubbidienza”, si vedeva che nel suo cuore c'era questo desiderio, e poi mi sa che si è messa pure a piangere! (Piccolo Giovanni) arde per venire! (don Vincenzo) perché lei voleva, desiderava, ma si vede che la paura la blocca! (Piccolo Giovanni) si! (don Vincenzo) speriamo che oggi guarirà! (Piccolo Giovanni) vedeva in ogni angolo il diavoletto, e, arrabbiato, gli dicevo sempre “Marì, non vedere il diavolo da per tutto ma usa l'Amore di Dio”! (don Vincenzo) e non ancora ce la fa, si vede, speriamo che guarirà così si rende indipendente con la macchina e può andare dove vuole! (Piccolo Giovanni) è più piccola della Piccola Cocciuta: deve crescere ancora! (don Vincenzo) comunque è una donna eccezionale: tanto buona, tanto dolce! Oggi era preoccupata per la figlia che stava a fare gli esami a Napoli, e allora ho detto “fai un fioretto così tu stasera..”, “eh, ma le gallerie.. le gallerie..(Piccolo Giovanni) è fatta così: Io gli dicevo di fare una cosa e lei mi diceva sempre “ma”, metteva sempre il “ma” dinanzi! Crescerà, crescerà! (don Vincenzo) sicuramente! (Piccolo Giovanni) figli, cosa mi regalate oggi? (don Vincenzo) ti regaliamo una canzone: quella tua! Io volevo.. volevo parlarne con Giulia, ma poi da stamattina non abbiamo avuto un attimo di.. di tregua, perché dovevamo dire “facciamo un.. regaliamo qualcosa mo' che arriva don Mario” e.. almeno questa canzone! (Piccolo Giovanni) il canto è la cosa più bella: ma Io desidero un'altra cosa! (don Vincenzo) dimmi! (Piccolo Giovanni) I VOSTRI CUORI! (don Vincenzo) quelli soprattutto, si! (Piccolo Giovanni) per portarli al Padre! (don Vincenzo) certo: prendili, prendi i nostri cuori, le nostre menti, i nostri spiriti! (Piccolo Giovanni) chiedo ai cuori di ognuno di voi! <si rivolge poi a Telesfore> Nell'ubbidienza, ancora non l’hai imparata: hai fatto soffrire me, farai soffrire anche Vincenzo! Apri il tuo cuore in pienezza, piccolo giglio del Cuore di Dio, lo Strumento suona solo la musica di Dio! Impara a conoscerla e ad amarla, figlio mio! Non è un rimprovero, ti porto nel Solco per farti spezzare le catene del mondo e unirti in pienezza alla Catena del Vangelo, alla Catena del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Mi fai gli auguri? (Telesfore) io, veramente nel mio cuore.. cioè, farti gli auguri, però recitando un'Ave Maria! (Piccolo Giovanni) alla fine della preghiera la innalzerai al Cuore di Maria! (Telesfore) si! (Piccolo Giovanni) ora vi faccio Io un regalo: vi sigillo col Sigillo del Piccolo Giovanni!(*) <dà il bacio del Piccolo Giovanni a Telesfore e a don Vincenzo> (don Vincenzo) grazie! Auguri! (Piccolo Giovanni) sigillando Telesfore e don Vincenzo, sigillo ognuno di voi e l'umanità intera! Ed Io vi faccio gli auguri di camminare e di vivere come il Battista! (don Vincenzo) grazie, magari: metà, metà della metà! (Piccolo Giovanni) Io vi faccio gli auguri in pienezza, popolo del mio Cuore!  (don Vincenzo) grazie, grazie! (Piccolo Giovanni) e con questo augurio Io vi saluto lasciando nei vostri cuori la Pace e la Quiete del santo Vangelo! Ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, è astuto e usa ogni mezzo per confondervi! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) crescete nell'unica Verità che è il Pane vivo che scende dal Cuore di Dio! Andate in pace, figliuoli, ma aspettatemi: verrò ancora in mezzo a voi per amore dello Strumento e per volere del Padre!(*) Vivete questo santo giorno pregando secondo le intenzioni del Padre!(*) Vi lascio il mio Cuore, figli!

 

Messaggi di Gesù e del Santo Giovanni di oggi (ore 21.37)

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figliuoli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere i miei Calici Misti(*), i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa nell'accogliere ancora una volta il Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te, Sposa del mio Cuore. Immolati ancora, figlia, immolati per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per cuori spenti; immolati per i flagelli che cadono, e siete in pochi a pregare, figlia! Abbraccia con amore ciò che il Padre vuole donarti, figlia! (Giulia) Gesù, cammini ancora sul mare di Sangue(*), e ci sono le barche! Ma vedo delle anime che si affondano! Gesù, perché quelle barche affondano? (Gesù) sono i figli: pur essendo nel mio mare non accolgono la mia Parola!(*) (Giulia) Gesù, non capisco! (Gesù) vedi, figlia, ognuna delle barche viene portata dall'angelo; dove non vedi l'angelo, lì non viene ascoltata la mia Parola! (Giulia) cosa posso fare io, Gesù? (Gesù) prega e immolati sempre, figlia del mio Cuore! (Giulia) Gesù, ma tu puoi far rialzare le barche, quelle che si affondano? (Gesù) chi ascolta la mia Parola si alza e cammina dietro di me nell'amore, nella pace e nella quiete! Tu vuoi ascoltarla ancora? vuoi donarmi ancora il tuo “eccomi”! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) vai avanti, Sposa del mio Cuore! Vuoi unire le tue mani alle mie? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda, i Chiodi sono ancora più grandi: vuoi abbracciarli? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda chi li mette, figlia! Ora unisci le tue mani alle mie!(*) (Giulia) Gesù, offrendoti le mie mani ti offro l'umanità e tutti i figli che sono qui riuniti. Posso portare anche le mani del tuo figliuolo Vincenzo e del giglio? (Gesù) si, ma i Dolori abbracciali tu per loro! (Giulia) sì, Gesù!(*) <1º grido straziante>(*) (Gesù) sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù, i Chiodi poggiano ancora per terra e il Sangue scende! (Gesù) visitando ognuno di voi, figlia! (Giulia) Gesù, perché gli Angeli non lo raccolgono più il Sangue? (Gesù) perché il Parto è pieno, è vivo e reale e in mezzo a voi, e bagna ognuno di voi perché i tempi del Padre sono pieni. Ma siate vigilanti, tenete le lucerne sempre accese! State attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per confondervi! Figli miei, pregate, pregate, pregate e combattete il nemico con l'amore stringendovi al Cuore di Maria, Mamma di ognuno di voi e dell'umanità intera! Figli, Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, dandovi l'invito di tenerlo alto, di viverlo e di amarlo in pienezza, mangiando il Pane vivo che scende dal Cuore di Dio, quel piccolo chicco di grano che morendo cresce e diventa un Albero, e dall'Albero di Dio vi dona il Pane, dall'Albero Dio vi dona il Sangue; e il Banchetto è vivo e in mezzo a voi; Dio che mangia e beve con voi del Nuovo! Fate crescere il Lievito Nuovo nei vostri cuori e donatelo ai fratelli. Ma state attenti al nemico: è astuto. Figli, voi pregate, amate, perdonate, usate carità verso tutti, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera; siete riuniti nel Cuore della Dimora di Dio per far festa e gioire, ma la Dimora di Dio è la sua Parola: vivetela, non spegnete quella fiammella che è nei vostri cuori! Figli, crescete nell'amore, crescete nella carità, crescete nella fede, siate rocce vive come è vivo il Padre che è l'Unica Roccia, figli del mio Cuore! Tu, Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda, figlia, cosa il Padre ha preparato per te!(*) (Giulia) posso dirlo, Gesù? (Gesù) tienilo nel tuo Cuore! (Giulia) sì, Gesù!(*) grazie, Gesù! (Gesù) ora prega ancora per l'Uomo vestito di bianco! Vedi, è curvo e porta la Croce per ognuno di voi, ma è solo nell'Orto degli Ulivi: non lasciatelo, fategli compagnia! (Giulia) Gesù, sta cadendo a terra! (Gesù) alzalo, figlia!(*) (Giulia) posso toccarlo? (Gesù) alzalo!(*) vedi? (Giulia) si è alzato, Gesù, ma le sue mani sono bagnate di Sangue! (Gesù) è nell'Orto degli Ulivi a pregare, e, come sono bagnate le tue sono bagnate anche le sue! (Giulia) Gesù, donagli il tuo respiro. Lascia me senza respiro: donaglielo a Lui! (Gesù) quante gioie mi offre il tuo Cuore, Sposa! (Giulia) sono solo uno straccio dinanzi ai piedi della Croce, Gesù! (Gesù) quello “straccio” che tu dici di essere è una perla! (Giulia) non merito questo, Gesù! (Gesù) sono Io a decidere, perché Io Sono! (Giulia) perdonami, Gesù! (Gesù) ora vi chiedo ancora una volta: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore, la Pace, la Gioia, la Letizia del Cuore Immacolato di Maria regni sempre nei cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'unico faro del Vangelo vivo, sono ancora qui in mezzo a voi a portare il sorriso della Parola del Padre, l'abbraccio del Cuore del Padre ad ognuno di voi e all'umanità intera, invitandovi a far festa, a riempire i vostri cuori nel sussurro dell'Amore del Padre che scende in mezzo a voi vivo e reale, perché siamo vivi e reali in mezzo a voi. Figli, il Pane è appena sfornato perché esce dal Cuore di Dio e si dona: CHI VUOLE INTENDERE INTENDA, figli, ma chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua nell'unica Verità viva in mezzo a voi: il Solco che vi porta al Cuore di Dio. Ci siete tutti nel mio Solco! In questo giorno avete camminato.. (Anna e qualcun altro) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nel mio Solco! Vincenzo, tu che leggi i cuori come Io li leggo! (don Vincenzo) tu li leggi! (Piccolo Giovanni) avete camminato! avete vissuto! (don Vincenzo) per me è stata una giornata indimenticabile: il regalo di questa mattina, il regalo di pomeriggio, ora questo regalo! Una giornata del genere.. da Paradiso! (Piccolo Giovanni) quanti petali lascia scendere Maria! (don Vincenzo) che grazia! (Piccolo Giovanni) quale mamma sulla terra ha il Cuore di Maria? non vi è perla più grande! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) non vi è stella più grande.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..del Cuore Immacolato di Maria! (don Vincenzo) si, è la nostra ancora di salvezza! (Piccolo Giovanni)l’ancora di salvezza”! Legatevi tutti a quell’ancora! (don Vincenzo) è sempre pronta, ci rialza sempre: più sbagliamo e più ci vuole bene! (Piccolo Giovanni) Io la chiamavo “la mia fidanzata”.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..perché mi ero attaccato alla sua ancora del suo Amore, quell'amore che non si spegne mai, quell'amore che sulla terra si può comprendere solo distaccandosi dalle cose del mondo! E come ai piedi della Croce ci ha abbracciati, così non ci lascerà mai, ma dobbiamo pregare.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..e vivere! (don Vincenzo) tu aiutami: tu che sei così innamorato di Maria e lo sei sempre stato, che parli sempre di Lei, aiutaci proprio ad amarla di più, ogni giorno di più, a consegnarle i nostri cuori, a offrirle le nostre cose più belle; dovremmo vivere per Lei e invece.. come il maligno ci distrae, ci distoglie! Com'è furbo! E invece dovremmo essere.. (Piccolo Giovanni) ..accesi.. (don Vincenzo) ..“accesi”, si, accesi.. (Piccolo Giovanni) ..e bruciare d'amore! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) vedi? quando la Piccola Cocciuta manda i baci.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..li manda col Cuore di Maria, e quando abbraccia usa le sue braccia! Che grazia! Ma adesso chi si fermerà ad abbracciare la Piccola Cocciuta?(*) ho detto un'altra goccia!(*) (don Vincenzo) si, grazie che ci sveli i piccoli segreti.. goccia.. ogni volta.. goccia su goccia! (Piccolo Giovanni) lei è gioiosa di donare l'abbraccio di Maria e l'abbraccio del Padre a tutti i figli.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..anche donando una piccola carezza e alzando un po’ la voce! (don Vincenzo) quello che mi piace dirti è che Dio non si smentisce, siamo 30, 40, 50 massimo, tutta gente umile, tutta gente semplice! (Piccolo Giovanni) siete stati scelti uno ad uno! (don Vincenzo) e questa.. prestazione così grande che è in mezzo a noi, poveretti, com’è la logica proprio di Dio, quella di scegliere sempre i piccoli, gli ultimi, i poveri. Beati! Beati! Beati! (Piccolo Giovanni) per confondere i Grandi e i sapienti! (don Vincenzo) com'è bello! (Piccolo Giovanni) beati voi che ascoltate e fate festa! (don Vincenzo) ecco, forse dovremmo prendere consapevolezza, proprio, da questa umiltà di Dio che non si smentisce mai: basta pensare alla Croce di Gesù per capire dove arriva l'umiltà del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Quindi, proprio, prendere coscienza di questo per innamorarci sempre più; e invece, quante volte, forse, la nostra lettura è un po' al contrario, quasi che preferiremmo le cose grosse, le cose.. diciamo, evidenti, invece Dio usa sempre il suo cliché, la sua.. il suo stile non si smentisce: lo stile è sempre dei piccoli.. (Piccolo Giovanni) ..dei poveri, perché Lui è venuto non per essere re ma per vivere e donare la vita per i propri amici! (don Vincenzo) si! Che bello! (Piccolo Giovanni) voi riuscite a donare la vita.. (don Vincenzo) ..magari.. (Piccolo Giovanni) ..per i vostri amici? (don Vincenzo) magari potessi diventare santo per amare di più; i santi, ecco, erano quelli che amavano di più! (Piccolo Giovanni) e quanto amore sei venuto a portare! (don Vincenzo) io sono venuto solo a ricevere qui, io sono un poveretto più di tutti! È così bello questo atteggiamento così umile, povero; è divino, proprio, è divino! (Piccolo Giovanni) usi le stesse mie parole: mi stai copiando un po'? <si ride un po'> (don Vincenzo) e meno male! meno male, almeno non sbaglio! (Piccolo Giovanni)Io sono un povero uomo: cosa volete da me?(don Vincenzo) io vorrei solo questo.. che questa sera ti chiedo una grazia e che questo giorno santo, il tuo onomastico, proprio di farci capire sempre più che significa stare qui, che significa questa serata! (Piccolo Giovanni) e lo faccio capire con l'Alito! <3 colpi di tosse con 3 alitazioni> (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) perché oggi non ve l'ho dato, ma l'avete ricevuto in silenzio.. (don Vincenzo) ..grazie.. (Piccolo Giovanni) ..nell'abbraccio della Croce. È lì che si trova l'Alito del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, figli miei! Vuoi dirmi ancora qualche altra cosa? (don Vincenzo) questa.. questa gioia, proprio.. di come.. di come Gesù sceglie sempre, questa situazione così.. così semplice, una cosa.. (Piccolo Giovanni) ..Gesù è sempre con voi! (don Vincenzo) è una cosa così grossa che forse stentano proprio a credere, proprio perché è così piccola, mentre invece nello stile di Dio, proprio quello che dovrebbe essere un criterio di riconoscimento, e invece diventa un criterio di condanna da tanti anni.. da 17, 18 anni voi vi riunite qui a pregare.. a prendere solo.. (Piccolo Giovanni) ..è bello! (don Vincenzo) è bello, si, ma a prendere esternamente solo parole, parolacce, solo accuse, e voi che continuate invece in umiltà a pregare.. (Piccolo Giovanni) ..e cosa prende Gesù attimo per attimo? (don Vincenzo) e come potrebbe essere facile leggerla questa situazione, invece con gli occhi proprio di Dio, e invece ci si accosta, forse, con gli occhi del mondo ed è chiaro, quindi, sfugge la meraviglia di Dio, l'azione di Dio! Se si leggesse, invece, con una fede distaccata.. (Piccolo Giovanni) ..verranno i tempi, verranno i tempi e tu.. (don Vincenzo) ..la speranza nostra è questa.. (Piccolo Giovanni) ..ce l'hai nel Cuore! (don Vincenzo) che Dio vinca, che Dio vinca, che da parte nostra non ci sia nessun ostacolo, che a volte l'ostacolo maggiore siamo noi che gli creiamo problemi al Signore, e questo rallenta la sua azione a prescindere poi dagli uomini che la rallentano di per se, ma noi che abbiamo questo privilegio dovremmo volare, e invece quante volte facciamo fatica anche a capire.. (Piccolo Giovanni) ..togliere tutte le gelosie, perché dinanzi agli occhi di Dio non c'è alcuna distinzione: siete tutti figli! La gelosia vi fa allontanare dal Cuore di Dio! (don Vincenzo) è bello invece amare, si, amare tutti, amare con gli occhi di Dio, quindi senza fare differenza! Grazie.. (Piccolo Giovanni) ..con gli occhi e col cuore e darsi.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..come Lui si dona attimo per attimo! (don Vincenzo) si! (Piccolo Giovanni) e ardere col suo Amore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Ma vi invito ancora a stare attenti al nemico, figli del mio Cuore! (don Vincenzo) si, tu aiutami sempre che è così facile scivolare! Ora mi sento più forte con te! (Piccolo Giovanni) perché la Cocciuta vi sta portando sulle sue spalle e non vi lascerà mai! (don Vincenzo) grazie! (Piccolo Giovanni) ora volete preparare i vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete venire tutti a mangiare e a bere? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) avete fame e sete di Dio? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete riceverlo spiritualmente nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) disponetevi, figli!(*) preparate i vostri cuori, distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi al Cuore di Dio!(*) Ecco lo Sposo che avanza! Siate coscienti di ricevere nei vostri cuori Gesù!(**) ecco la mia Carne!(*) ecco il mio Sangue!(*) Venite e mangiate tutti! Venite e bevete tutti!(*) Gustate com'è buono il Signore!(**) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi; la mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo risorgete anche voi, figliuoli del mio Cuore!(*) Fatemi vivere, non abortitemi: quando uscite fuori non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati! Non puntate il dito verso il fratello, ma donate il Gesù che è venuto ad abitare nei vostri cuori, figli!(*) Contemplate l'Amore di Dio!(*) Fate compagnia a Gesù e gioite, figli miei!(*) Il Dio Bambino ora ha sonno: volete farlo riposare.. (Alcuni) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete cantarmi ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figliuoli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Vincenzo, alla fine della preghiera darai tu la benedizione! Ora Io devo ritornare al Padre ma vi chiedo di recitare la preghiera che il Padre ci ha donato, nell'amore, nella pace e nella quiete: cantata! <i presenti iniziano il canto del Padre Nostro - di Timparelle e dopo poche parole Giovanni interrompe il canto> avete sbagliato: deve iniziare per prima il sacerdote! Dovete imparare ad ascoltare la voce di Dio: quando in mezzo a voi c'è il sacerdote, è lui che prende la parola per prima, quando siete soli è lo Strumento che vi porta a Gesù! <canto del Padre Nostro - di Timparelle, iniziato da don Vincenzo> non ci abbandonare ma liberaci dal male, Amen! (don Vincenzo) sì, è vero! (Piccolo Giovanni) Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi. Figlioli, Io lascio scendere la rugiada dell'Amore di Dio.. (don Vincenzo) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..sui vostri capi! Portatela ovunque andate, ma fatemi compagnia ancora con la preghiera, figli! (don Vincenzo) si!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto i vostri cuori: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli benedetti! Siate lucerne per il mondo: brillate come brilla il Rosario di Maria!