LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 51

 

SE AMATE, IL NEMICO VIENE ANNIENTATO E LE LUCERNE SI ACCENDONO

(dal messaggio del 02/12/2004)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

 

         1. Giov 25/11/2004, ore 21.11, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere in pienezza i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati ancora per i Grandi del mondo; immolati ancora per i Grandi della Casa del Padre! Corona il Cuore di Maria come tu sai fare, gioiendo, abbracciando i Dolori del Parto della Croce, unita al suo Cuore Immacolato di Mamma dell'umanità intera e di ognuno di voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Figlioli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, piegate le vostre ginocchia e pregate col cuore aperto per la pace: ve lo chiedo in questo giorno. Figli miei, vi invito ancora a stare attenti al nemico: è dietro l'angolo; fate ardere i vostri cuori con l'Amore che il Padre lascia scendere su di voi e combattetelo: potete farlo perché siete stati scelti e sigillati uno ad uno, e il Padre vi ha chiamati per combattere con la spada del santo Vangelo la battaglia del Cuore Immacolato di Maria! Siano gioiosi i vostri cuori perché il Padre ha abbassato lo sguardo su di voi, popolo di Dio! Siete rocce vive come è roccia viva il mio figliolo Vincenzo. La roccia non vola via col vento, e neanche voi volerete via col vento, ma vedrete il mio Amore e il Sole di Fatima brillare; ora brilla nel Cuore e nelle mani del mio figliolo Vincenzo, ma presto brillerà nel mondo intero ed in ognuno di voi; ma ricordate sempre: il “presto di Dio” lo conosce solo Lui! Non affaticatevi con la mente perché ancora non potete comprendere! Gioite quando sentite parlare: “presto Io verrò!”, ma ricordate: Io non vi ho mai lasciati, sono sempre con voi e rimarrò sempre, figli miei, finché troverò la porta nei vostri cuori aperta; e vi invito a portare sulle vostre spalle i figli che non riescono ad aprire la porta; vi invito a pregare e a pregare col cuore, figli miei! (Giulia) Gesù, tu sei ancora nel mare di Sangue e dietro di te ci sono sempre i 24 sacerdoti. In questo giorno il tuo abito è bagnato di Sangue! (Gesù) anche il tuo figlia! (Giulia) Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) tu conosci ciò che è nel mio Cuore; fa, Gesù, che non solo il mio abito sia bagnato di Sangue, ma poggiati sempre di più con la Croce sulle mie spalle! (Gesù) ti invito a guardare figlia!(*) non chinare il capo!(*) (Giulia) Gesù, vedo ancora anime cariche di peccati e il tuo Sangue non le bagna! Gesù! (Gesù) vuoi pulirli? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) aspetta, non toccarli subito!(*) ora puoi farlo!(**) ..ma non spaventarti di ciò che vedi, ora che hai pulito!(*) (Giulia) Gesù, posso dire ciò che vedo? (Gesù) si, figlia mia! Non chinare il capo! (Giulia) Perdonatemi, Gesù! Vedo un Altare così grande e dietro l'altare ci sono tanti sacerdoti(*) che sporcano le anime togliendo i loro abiti(*) e l'altare viene bagnato di Sangue! Gesù, quelle anime sono tutti bambini(*): non posso far nulla, Gesù? (Gesù) prega come tu sai fare e fai pregare i tuoi figli: QUESTO È UN ALTRO GRANDE FLAGELLO! (Giulia) Gesù!(*) (Gesù) Prega, figlia mia, prega, e invita i tuoi figli, i tuoi Discepoli, le tue Colonne e le tue Suorine a pregare col cuore! Vi invito ancora a pregare per l'Uomo vestito di bianco: non lasciatelo solo nell'Orto degli Ulivi! (Giulia) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti i figli che si sono affidati alle mie preghiere; metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze: i sacerdoti, e come sempre il tuo figliolo Vincenzo; abita già nel tuo Cuore perché si è donato da sempre, ma chiedo di metterlo ancora! Gesù, fa che tutti i sacerdoti diventino gigli candidi come è candido il suo Cuore! (Gesù) figlia i tuoi gigli si stanno aprendo sempre di più e stanno abbracciando la Croce con me come l'hai abbracciata tu, figlia! Vi invito ancora a pregare, ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare tutti i vostri nemici, figli, ma vi invito sempre a combattere il nemico con l'amore! Amate, amate, amate e sarete raggianti come è raggiante il Cuore Immacolato di Maria, figli! Cocciuta Divina del mio Cuore! (Giulia) eccomi, io sono solo uno straccio, Gesù! (Gesù) lo straccio candido del mio Cuore! Vuoi unire ancora una volta le tue mani alle mie? vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini per le Mura di Roma? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) unite alle tue mani, in questo giorno, unisco anche le mani del figliolo Vincenzo e dell’Uomo vestito di bianco: vuoi questo, figlia? (Giulia) Gesù, eccomi! (Gesù) ma guarda i Chiodi, e guarda in questo giorno chi li mette e lo dirai al figliolo Vincenzo! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) ora venite! <1º grido>(*) sollevati anima mia!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) anche in questo giorno i Chiodi saranno messi e tolti: guarda bene chi li  mette e chi li toglie! (Giulia) sì, Gesù!(*) Gesù, il Sangue viene tutto sul tuo abito e gli Angeli lo raccolgono per versarlo in una grande coppa, ma non è d'oro ma è fatta di pietra  ed ha il colore dei tuoi occhi, Gesù! (Gesù) i Dolori del Parto, per te, figlia, saranno sempre più forti in questo tempo! (Giulia) se il vostro Cuore gioisce, fateli crescere sempre di più, Gesù, e usatemi come desidera il vostro Cuore! (Gesù) ti accontento, figlia, ma mi poggio anche sul cuore dei tuoi figli: del popolo che ho scelto uno ad uno! Siate gioiosi quando rideranno di voi e quando le persecuzioni cresceranno, figli miei, perché Io sono qui in mezzo a voi, con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi, e con la Cocciuta sono inchiodati al Legno della Croce, l'Uomo vestito di bianco e il figliolo Vincenzo, nell'Amore e nella Verità del santo Vangelo, perché veniamo a portare l'unica verità, invitandovi a viverla nella pienezza dei vostri cuori e a tenerla alta; a mangiare il Pane fresco e a donarlo ai vostri nemici e all'umanità intera, perché il Padre si serve di ognuno di voi, e di questo siate gioiosi e lavorate sempre nella vigna; e ricordate che il mio Solco è lungo ed è profondo, e tutti voi camminate nel mio Solco per amore dello Strumento e per il Cuore aperto del mio e del vostro figliolo Vincenzo! Dio l'ha mandato e niente e nessuno può cancellare ciò che è nel Cuore di Dio, ma sarete perseguitati a causa del mio Nome, e quando soffrirete, i vostri occhi alzateli al Cielo e fateli brillare con la luce e l'Amore che Dio lascia scendere su di voi! Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore del Parto della mia Croce, vedete, il Parto è vivo ed è in mezzo a voi perché siete riuniti nella Dimora di Dio nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. I vostri cuori sono uniti al Cuore di Maria, perché Maria lascia scendere in mezzo a voi la corona del suo Rosario, e ognuno di voi fa accendere le pietruzze che sono spente venendo a farmi compagnia, perché l'umanità mi ha lasciato solo e ognuno di voi fa accendere una pietruzza e il mio Cuore gioisce; ma vi chiedo ancora di pregare e di sconfiggere il nemico, amando, usando il mio Amore e impastando la farina con Maria per donare il Pane fresco: la Parola, all'umanità e a tutti i miei Figli Ministri, popolo del mio Cuore! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) stai guardando chi mette e chi toglie i Chiodi? (Giulia) sì, Gesù, e li amo, Gesù! Gesù, fa che anche i figli che sono qui riuniti, e i figli che si uniscono a questa santa preghiera e a coloro che portano nei loro cuori, sappiano apprezzare il tesoro della sofferenza, il tesoro di sapere abbracciare i Chiodi e di stringerli forte ai propri cuori! Non toglierci, Gesù, la santa Sofferenza! Fa che sappiamo sempre di più accoglierla e amarla come ci ami tu, perché solo con la sofferenza possiamo vedere il tuo Volto e stare dinanzi alla tua presenza; Gesù, consola i cuori che soffrono e dona la tua quiete, Gesù! (Gesù) donala tu, figlia, guardando ancora chi mette e chi toglie i Chiodi dalle tue mani, dalle mani dell'Uomo vestito di bianco e dalle mani del figliolo Vincenzo! Ora sta lavorando per abbracciare i cuori di ognuno di voi, come sta lavorando l'Uomo vestito di bianco per portare in pieno l'umanità che sta andando alla perdizione! Figli, pregate e tenete sempre alto il santo Vangelo! Ora chiedo ai vostri cuori: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amèn! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Sono ancora in mezzo a voi nella gioia del santo Vangelo, nella gioia della Parola di Dio, nella gioia di vivere e di donare sempre ad ognuno di voi e al mondo intero il Pane fresco di Dio: il suo Cuore, quel Pane che Maria ha portato nel suo grembo per salvare l'umanità. E con l’eccomi di Maria, quel Pane è diventato Croce, abbracciando l'umanità intera e  abbracciando ognuno di voi! E la Croce e non si divide, rimane sempre unita, e così anche Io sono sempre unito ai vostri cuori, ad ognuno di voi, a coloro che trafiggono il Cuore di Dio e il cuore di ognuno di voi, perché trafiggendo Dio venite trafitti anche voi, figli, come è trafitto il Cuore del confratello Vincenzo; ma è gioioso perché il Padre l'ha piantato nella Dimora e la Pianticella cresce e darà al Padre Frutti succulenti, come anche voi darete frutti succulenti nel portare nei vostri cuori la Parola, nel camminare nella Via stretta e caricarvi della piccola Croce quotidiana e venire dietro Gesù a salire il Monte. Oggi il mio Cuore gronda Sangue ed è gioioso: gioioso nel vedervi saldi nell'amore, saldi nella fede, saldi nell'amare Gesù, perché siete qui riuniti a farmi compagnia. Ma vi invito sempre a stare attenti al nemico e a combatterlo con l'amore, e vi chiedo ancora: non abortite Gesù! Quando il peso sulle vostre spalle diventerà ancora più grande, non scoraggiatevi: sappiate che Gesù in quell'istante vi fa lavorare per salvare l'umanità. E l'umanità è nelle vostre mani perché Dio l'ha messa nelle vostre mani, come ha portato in questo Luogo il confratello Vincenzo! Ti invito ancora, confratello, ad accogliere in pieno il Parto che la Cocciuta vive nelle sue carni, perché ama il Padre e l'umanità intera! Ti aspetto, confratello, a combattere con la Spada del Vangelo e a donare il tuo Cuore a Maria nella Dimora di Dio! Ora chiedo ad ognuno di voi: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? <Giov. 34° sett. T.O. /C  Lc. 21, 20-28> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e siete pronti ad accogliere ciò che avete ascoltato? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ricordate che Io conosco i cuori di ognuno di voi: nulla mi è nascosto per volere del Padre! Avete ascoltato bene il Vangelo? avete ascoltato bene la Parola? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e siete pronti ad aprire i vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e quando tutto ciò che avete ascoltato scenderà, ci sarete ancora? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Io ci sarò ad aspettarvi! (Mosè) non possiamo scappare! (Piccolo Giovanni) questo è pure vero perché siete nella rete senza buchi, ma quando verranno i tempi che conosce solo il Padre, Io sarò sempre qui ad aspettarvi e a tenere sempre alto il santo Vangelo, ad indicarvi sempre il solco; fissate nei vostri cuori il Vangelo di questo giorno, tenendolo acceso e donatelo ai vostri fratelli, ai vostri nemici, perché vi chiedo sempre di portarli dinanzi all'altare e fare festa con loro al Banchetto del Cuore di Dio! Mi arde così tanto il Cuore da portarvi tutti a far festa, ma ora la faremo qui la festa del Banchetto! Ma siete coscienti cosa significa “far festa al Banchetto di Dio”? riuscite a comprendere la grazia che Dio opera in mezzo a voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e riuscite a comprendere la grazia di avervi donato il figliolo Vincenzo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) il mistero è grande e ancora i vostri occhi e i vostri cuori non possono comprendere! Siete gioiosi e diventate tristi.. (Alcuni) ..no.. (Piccolo Giovanni)  ..ad una piccola spina che arriva! ..se mi lasciate parlare comprenderete cosa voglio dire! Ma dovete sapere che tutte queste cose devono accadere! Avrete spine! Avrete ancora croci poggiate sulle vostre spalle! Sarete perseguitati ancora a causa del Nome di Gesù, ma dovete ricordare sempre che i vostri nomi sono scritti in Cielo con lettere d'oro e brillano sempre di più perché state salendo il Monte dietro Gesù portando la Croce sulle vostre spalle, anche se è la Piccola Cocciuta a portare ognuno di voi, a portare tutti i sacerdoti e l'umanità intera; ma il Padre ha mandato il Giglio: il confratello Vincenzo! Soffrirà ma il suo soffrire farà sbocciare il Pane, Ggigli da coprire l'umanità intera, figli miei, ed Io ora copro ognuno di voi con l'Alito del Giglio del Padre! <3 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo ai figli emarginati, ai figli carcerati, non lasciate nessuno senza l'Alito che Dio dona ad ognuno di voi nella sua Dimora. Gioite quando i vostri cuori grondano Sangue perché grande sarà la vostra ricompensa, figli miei, e come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito sempre di più ad amare coloro che trafiggono i vostri cuori! Ma pregate e fermate i flagelli col vostro “Eccomi pieno” a Dio! (Giulia) Giovanni, devo chiederti un’altra cosa nel Cuore: posso farlo? (Piccolo Giovanni) eccomi, Cocciuta del Cuore della Croce!(*) (Giulia) grazie, Giovanni! Ora posso chiederti perché il tuo abito diventa sempre più luminoso? (Piccolo Giovanni) è l'Amore che lo rende luminoso, Cocciuta, e più cresce l'amore nei cuori di ognuno di voi e più vedi il mio abito luminoso: è il Sole di Fatima che brilla nel tuo Cuore e nelle mani e nel Cuore del confratello Vincenzo, e brillerà nei cuori di ognuno di voi e nel mondo intero, dove porterete il Pane di Dio, perché ora non siete qui, ma Dio vi sta facendo lavorare! Siete coscienti che non siete sulla terra? (Alcuni) sì! (Piccolo Giovanni) ma Dio vi ha portati a lavorare! ..ma sento rispondere pochi “”. Siete coscienti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) fateli diventare più caldi i vostri “”! (Tutti) SÌ! (Piccolo Giovanni) ora ve lo faccio sentire dal Cuore della Cocciuta!(*) (Giulia) SÌ! (Tutti) SÌ! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Amén!(*) (Piccolo Giovanni) ora chiedo ad ognuno di voi: siete pronti per ricevere nei vostri cuori Gesù spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) disponetevi e distaccatevi dalle cose del mondo per accogliere Gesù che viene ad abitare nei vostri cuori!(*) Il Banchetto è pronto per ognuno di voi e lo Sposo avanza: liberatevi dalle cose del mondo ed accogliete Gesù che viene a portare il suo Amore!(**) Ecco il Calice del mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi: sono venuto ad abitare nei vostri cuori. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figli del mio Cuore!(*) Avete mangiato e bevuto al Banchetto del Cuore di Dio.. (Alcuni) ..si.. (Piccolo Giovanni) ..non abortite Gesù che abita nei vostri cuori, ma fatelo vivere e donatelo perché siete il popolo che Dio ha messo in cammino per salvare l'umanità, e il Gesù che è venuto ad abitare nei vostri cuori è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donare la vita eterna, e non vi sono altri dei che possano donare la vita eterna, figli!(*)  (Giulia) mio Signore e Dio mio! Mio Signore e Dio mio! Mio Signore e Dio mio, non permettere che io mi allontani dal tuo amore ma fa che, come te, io diventi amore per l'umanità! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Piccolo Giovanni) ora il Dio Bambino ha sonno: gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) aspetto: <canto della Ninna Nanna> è dolce dormire nei vostri cuori! Grazie, figli, per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera! E questa creatura: Maria, vi offre ancora Gesù attraverso il Parto della Croce! Preparate i vostri cuori all'Avvento della Croce di Maria! È grande questa parola “preparate i vostri cuori all'Avvento della Croce di Maria” e non separatevi da Essa! Figli, volete innalzare la preghiera che il Padre ci ha insegnato? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) con i Dolori del Parto della Cocciuta? (Tutti) sì! <canto del Padre Nostro - di Timparelle. Giulia cade in ginocchio in posizione di crocifissione> (Piccolo Giovanni)  (Giulia) Padre, il Calice del tuo Parto(*) è dolce(*) perché nel tuo Amore vi è il mio Cuore(*) (Gesù) offrilo ai figli(*) è amaro per i figli che mi abortiscono! (Giulia) Gesù, aumentami ancora il dolore affinché nessuno ti abortisca!(*) (Gesù) Sposa del mio Cuore, gioisci con i Dolori che Dio ti ha offerto in questo giorno!(*) (Giulia) perdonatemi!(*) (Gesù) dona all'umanità ciò che il Padre ha donato al tuo Cuore, figlia! (Giulia) eccomi!(**) (Piccolo Giovanni) Io ora vi invito ad abbracciare la Croce e ad andare in pace!(*) Sigillo i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Andate in pace, figli miei, e portate nel mondo intero la Pace del Cuore di Dio! Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci sempre nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figli, ma quando uscite fuori dalla Dimora di Dio non permetterete al nemico di confondervi e di abortire Gesù, ma combattetelo con l'amore! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore!  <4 colpi di tosse con un'alitazione> l'Alito del mio Amore rimanga sempre con voi, figli!

 

 

         2. Giov 02/12/2004, ore 21.10, Stanza more solito

            Oggi Giulia è a letto con la febbre.  

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre;  (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nell'unico abbraccio della Croce. Figlia del mio Cuore, ora ti invito a guardare ma non spaventarti, figlia! (Giulia) Gesù! Gesù, tu che cammini ancora sul mare di Sangue e dietro di te ci sono sempre i 24 sacerdoti, e il Sangue non è vivo, il Sangue è diventato roccia: non scorre, Gesù, e i tuoi occhi piangono lacrime di Sangue! (Gesù) guarda ancora, figlia! (Giulia) tutto è di pietra, Gesù, non c'è più vita! (Gesù) guarda il tuo gregge! (Giulia) Gesù, com'è piccolo: dov'è l'umanità intera?(*) Gesù, posso dire ciò che vedo ancora? (Gesù) si, figlia! (Giulia) dietro di te e dietro i 24 sacerdoti c'è solo la Croce e un numero piccolo di persone, mentre l'umanità intera è diventata tutta di pietra: non c'è più vita! Gesù, dimmi: cosa posso fare? usatemi ancora, poggiatevi su di me, Gesù! (Gesù) Io mi poggio sempre su di te e tu mi offri sempre i giorni preziosi e il tuo “eccomi”! (Giulia) Gesù, non so offrire nulla: usatemi almeno come straccio, e se servo a ciò che ho visto: eccomi, Gesù! (Gesù) ti invito a pregare, figlia, per l'Uomo vestito di bianco. Prega e fai pregare i tuoi Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce. Pregate e sia la vostra preghiera costante. Fate da corona a Maria in questo tempo, aggrappandovi al suo Cuore di Mamma, e come Lei, portatemi nel vostro grembo e donatemi al mondo intero così con “l'eccomi” di Maria! (Giulia) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che si uniscono e tutti coloro che hanno portato nei propri cuori; metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze: i sacerdoti, e come sempre metto nel tuo Cuore i Gigli che io porto sulle mie spalle! Gesù, ascolta il mio Cuore!(*) Grazie, Gesù! (Gesù) guarda ancora, figlia!(*) (Giulia) vedo un Calice, Gesù! (Gesù) prendilo!(*) Questo è il Calice che il Padre ti ha offerto! Guarda nel Calice, figlia!(*) (Giulia) Gesù, non è mio questo Calice: lo consegno nelle tue mani perché appartiene a te, Gesù! (Gesù) gioisci, anima mia e immolati sempre! Il Calice.. e il Fiore è tuo perché abita nel Cuore del Padre! (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) vi invito ancora, figlioli del mio Cuore, a pregare per le Mura di Roma e invito te, figlio Vincenzo, ad alzare quelle Mura abbracciando la Croce che il Padre ti ha consegnato nella Dimora! Ha piantato l'Albero, e ciò che Dio pianta, l'uomo non porta via! Come Mosè, porterai il tuo gregge, perché il Sole del Cuore Immacolato di Maria è nelle tue mani! Figlio, devi solo alzare la Spada del mio Vangelo e andare avanti, combattendo con Maria l'Ultima Battaglia del suo Cuore Immacolato e Addolorato! Ma non dimenticare: sarai perseguitato, ma Io sono sempre con te e niente e nessuno ti farà del male. Figlio, l'Abito che hai indossato nella Dimora del Padre è l'Abito della Croce, e chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua! Il Monte è ancora alto, figlio, e il progetto che state vivendo nella Dimora è il Progetto del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo, del Cuore Immacolato di Maria e del Bimbo che cresce in mezzo a voi! E la Croce è stata consegnata nelle tue mani: abbracciala, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna, e al Padre dovete rendere conto, perché Io ho promesso: “ASPETTATEMI, IO VERRO’”! Sia sempre accesa la lucerna del vostro cuore e non lasciatevi confondere dal nemico ma combattetelo con l'amore! Se amate, il nemico viene annientato e le lucerne si accendono! Amate, amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, figli! Cocciuta Divina del Cuore della Croce! (Giulia)Cocciuta”, si, ma “Divina” non lo sono, perchè solo tu lo sei! (Gesù) lascia che sia il Padre a parlare! (Giulia) perdonatemi, Gesù! Eccomi! (Gesù) Cocciuta Divina del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi unire ancora una volta le tue mani alle mie? vuoi abbracciare i Chiodi divini secondo le mie intenzioni? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) anche se il tuo Cuore gronda Sangue sai rispondere solo: “eccomi”! (Giulia) Gesù, lo rispondo anche male, ma il Cuore gronda da solo e non riesco a fermarlo! (Gesù) vieni, figlia, lascia che il tuo Cuore grondi Sangue: donalo all'umanità! Ora unisci le tue mani alle mie! (Giulia) eccomi! (Gesù) guarda i Chiodi e guarda chi li mette, perché anche in questo giorno saranno messi e tolti fino alla fine della preghiera! (Giulia) Gesù, ti amo! Gesù, ti amo! <1º grido>(*) (Gesù) sollevati, anima mia!(*) Guarda le tue mani e i tuoi piedi e guarda chi toglie i Chiodi e chi li mette! (Giulia) Gesù, sono così lunghi!(*) Gesù, quanto Sangue esce dalle tue mani! (Gesù) anche dalle tue e dai tuoi piedi! (Giulia) Gesù, gli angeli lo stanno raccogliendo! (Gesù) si, figlia! (Giulia) e viene messo in un grande Calice! (Gesù) vuoi che lo versi? (Giulia) no, Gesù, no! (Gesù) guarda ancora chi mette i Chiodi! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) ma invito ognuno di voi che siete qui riuniti a pregare per la pace; pregate per i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità intera e state attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce! Amate, amate col mio amore, amate come Io amo ognuno di voi e allargo le braccia per abbracciare i Chiodi e donarvi il mio Sangue, figli, ma ricordate sempre che Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori, figli, e vi ricordo ancora una volta: per arrivare a gioire nel Cuore del Padre dovete abbracciare la Santa Sofferenza e passare per la Porta Stretta: chi diventa piccolo come un bambino arriverà a gioire nel Cuore di Dio! Sii gioiosa, Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) vi invito ancora a combattere il male con l'amore, ad essere pronti e preparati per i tempi che scenderanno sull'umanità intera! Altre guerre si accenderanno, ma non temete, tutto questo deve avvenire ma il Sole di Fatima brillerà perché la mia promessa non viene cancellata e non vola via col vento, ma è salda perché è Roccia, e Dio è Roccia Viva e la Dimora di Dio è costruita sulla Roccia. Ma pregate, pregate, pregate, figli del mio Cuore! Figliolo Vincenzo, lascia che il tuo Cuore grondi Sangue come gronda Sangue il Cuore della Cocciuta; chi prende l'aratro in mano non lo lascia, ma cammina e segna il Solco del Padre portando tutti i figli, perché è Dio che lo chiede, e dinanzi a Dio la porta si apre perché Dio non l'ha chiusa a nessuno dei figli! (Giulia) Gesù, posso chiederti una cosa nel Cuore? (Gesù) si, figlia!(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) ora vi invito ancora a vivere il Vangelo e a tenerlo alto, e non dimenticate che il Solco è lungo ed è profondo! Figli, chiedo ai vostri cuori: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno, come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo, sono ancora in mezzo a voi abbracciato al Cuore della Croce e abbracciato al Cuore di ognuno di voi, Pargoli del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore del Vangelo, perché siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Siete riuniti nel Nome della Parola: del Pane fresco che Dio lascia scendere attimo per attimo per ognuno di voi, e quel Pane Io vengo a portarlo nella Verità e nell'Amore del Padre; ma vengo ad accarezzare i cuori di ognuno di voi invitandovi ad aspettare Gesù che viene, perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno; solo il Padre conosce l'ora e il giorno, ed Io vi invito a vivere e a crescere nella Parola, e a mangiarla e a donarla ai fratelli! Io sono vivo per volere del Padre, perché Io ho gustato, ho mangiato e ho donato da mangiare la Parola del Padre! Figlioli, state attenti al nemico, vuole cancellare quel Pane: combattetelo con l’amore e pregate che ci siano sempre sacerdoti a donare il Pane: ora che il confratello Vincenzo, per ubbidire al suo vescovo non viene più qui, il suo Cuore tuttavia è sempre qui nella Dimora, e ora sono in mezzo a voi per volere di Dio e per amore dello Strumento che si lascia usare anche se il suo corpo è un flagello, non c'è più spazio, ma risponde solo “eccomi” a Dio! Figlio, fratello e amico Vincenzo, abbraccia la Parola di Dio e tienila stretta nel tuo Cuore per poter abbracciare i tuoi figli e il popolo che Dio ha messo nelle tue mani! Un calice è pronto anche per te come l'hanno consegnato a Me: bevilo fino in fondo e non temere niente e nessuno, figlio, fratello e amico! Ma ditemi: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? <Giov.  della 1° sett. di Avvento /A, Mt. 7, 21.24-27> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e come l'avete vissuto? avete udito la Parola? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è pesante questa Parola di oggi? (Rosetta) è Roccia! (Piccolo Giovanni) è Roccia, si,  perché è Parola di Dio! Ciò che non era costruito sulla Roccia è volato via col vento, è andato via con l'acqua, con la pioggia! Ma vedo che voi non siete andati via né col vento e neanche con la pioggia e di questo sono gioioso! Quanta pioggia su di voi! Quanta pioggia su di me! E  quanto vento, ma siamo rimasti saldi sulla Parola di Dio e tutto questo è bello! Tutto questo viene da Dio; tutto questo viene dal Legno della Croce, perché chi costruisce sulla Roccia rimane, chi costruisce sulla sabbia il vento lo porta via e l'acqua lo distrugge! Io sono rimasto in mezzo a voi perché vi ho segnato il Solco e vi ho indicato sempre il Vangelo e la Santa Sofferenza! Ma sarete perseguitati ancora a causa del Nome di Gesù, ma niente e nessuno vi farà del male: il Cuore Immacolato trionferà nel mondo intero e in questo Luogo! E voi, amici del mio Cuore, non fermatevi dinanzi a niente e a nessuno, ma amate i vostri nemici e donate loro il Pane che Dio lascia scendere attimo per attimo in mezzo a voi! (Giulia) Giovanni, donami il tuo respiro perché le mie forze non ci sono più!(*) (Piccolo Giovanni) hai donato tutto al Padre: ora il Padre lascerà scendere l'Alito del suo Amore sui suoi figli e su di te! <3 colpi di tosse con 2 alitazioni> (Giulia) grazie, Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) ma ditemi: volete camminare e vivere sulla Parola che avete ascoltato? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e ci sarete tutti quando Io verrò? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Io ci sarò perché sono poggiato sulla Roccia e ho costruito sulla Roccia! Vi invito sempre a mangiare il Pane: il Pane fresco che Dio vi dona attimo per attimo! Pregate in questo giorno; pregate per il mio popolo; pregate per l'Uomo vestito di bianco! Le misure sono uguali: nel Cuore di Vincenzo e nel Cuore della Cocciuta, e come grondano Sangue per l'umanità intera e per ognuno di voi, ma quel Sangue è Pane: Pane di Dio che si dona! Crescete, figli, e camminate sempre sulla Via che Maria ha segnato per ognuno di voi, e la Via di Maria è fatta di spine, perché solo attraverso la santa Sofferenza si arriva gioire nel Cuore del Padre! Cocciuta Divina, un altro Fiore è nato nel Cuore di Dio!(*) (Giulia) Giovanni: dico “Amen” al Padre! (Piccolo Giovanni) gioisci anima mia, gioisci! (Giulia) amo Gesù e chiedo solo di stare dinanzi ai piedi della Croce perché sono una misera peccatrice, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sei il Candido Lino che avvolge il Cuore della Croce! (Giulia) devo rispondere “eccomi”? (Piccolo Giovanni) si! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) vi invito a preparare i vostri cuori al Dio Bambino che viene a nascere; ma non dimenticate e non lasciate nessuno fuori della santa preghiera in questo tempo! Come Gesù viene a nascere nei vostri cuori, così voi fatelo nascere nei Cuori spenti, perché Dio vi ha scelti uno ad uno: “Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce”! Ora preparate i vostri cuori: disponetevi per ricevere Gesù spiritualmente nei vostri cuori(*). Volete accogliere Gesù nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) distaccatevi dalle cose del mondo e preparate i vostri cuori a Gesù che viene ad abitare spiritualmente dentro di voi, figli!(*) Ecco il Banchetto che è pronto per ognuno di voi! Ecco lo Sposo che avanza: preparate i vostri cuori e in questo giorno non lasciate nessuno fuori, ma lasciate entrare tutti al Banchetto Nuziale! Ora preparatevi!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi! La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figlioli del mio Cuore! (Giulia) mio Signore e mio Dio, ora che tu sei venuto ad abitare dentro di me, non ho più paura, perché tu sei il mio Dio, il mio Bambino, il Bambino che arde e cresce nel mio Cuore! Rimani sempre! (Piccolo Giovanni) ecco la Luce del mondo che arde nel Cuore di ognuno di voi, e la Luce è solo Dio che illumina l'umanità intera e i cuori di ognuno di voi e i quattro Amen che brillano! (Giulia) mio Signore e Dio mio! (Piccolo Giovanni) rimanete saldi nella preghiera e non abortite Gesù quando uscite fuori dalla Dimora del Padre, ma amate, amate e combattete il male con l'amore di Gesù, figli! Ora il Dio Bambino ha sonno: gli cantate la Ninna Nanna? (Tutti) Sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figlioli del mio Cuore! Grazie, perché cullando me cullate il Padre e consolate il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Grazie per tutte le gioie! Siano benedetti ora e sempre i vostri Nomi! Hanno perseguitato Gesù lo faranno anche con voi, ma ricordate sempre: il Gesù che viene ad abbracciare ognuno di voi e ad abitare nei vostri cuori, è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna; e quel Gesù ora vi chiede di pregare con la preghiera del Padre, uniti al Cuore Immacolato di Maria e al Bimbo che cresce! Volete innalzare la preghiera al Padre? (Tutti) sì! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre, Padre, Padre, non ci abbandonare, guarda benigno i tuoi figli che sono riuniti nel tuo Nome! Tu sei il Papà nei nostri cuori, sei il Papà della Croce, sei il Papà che allarghi le braccia e aspetti ognuno di noi! E col Cuore che gronda Sangue e per il tuo Amore, io grido “l'eccomi” di tutti i figli! Papà, aspettaci! Se siamo lenti a rispondere, aspettaci con la porta aperta! Se siamo distanti da te un passo e non riusciamo a decidere se abbracciare la Croce o restare nel mondo, Papà: aspettaci, e fa che il mio Cuore non si stacchi da te, Papà! (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen! Come posso chiudere la porta dinanzi a questo amore, figlia? <il Padre dice queste parole con commozione e singhiozzando> (Giulia) Papà, non guardare me, ma ti offro coloro che trafiggono il mio Cuore: falli gioire al Banchetto, Papà! (Piccolo Giovanni) pregate, pregate, figli miei!(*) Nell'abbraccio e nel saluto della Croce, benedico ognuno di voi e l'umanità intera, col Padre, col Figlio, e con lo Spirito Santo. Andate nella pace di Dio e portatela ai vostri fratelli! E vi benedico col Cuore del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo, del Cuore Immacolato di Maria e del Bimbo che cresce nei cuori di ognuno di voi! Ma state attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per confondervi, figli! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo.  Nella gioia piena fatelo anche voi, figli! (Giulia) Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! Ti amo Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Rimanga la mia Pace, ora e sempre nei vostri cuori! (Giulia) Papà(*).. (Piccolo Giovanni) Amen, figlia! Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni)Amén” rimanga sempre, figli!

 

 

         3. Mer 08/12/2004, ore 15.29, Festività dell'Immacolata, Stanza more solito

(Giulia) se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi in questo giorno che il Padre ha benedetto con la pioggia dello Spirito Santo, i Calici Misti del Cuore di Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*), e immolati, nell'amore fecondo del Cuore della Croce, per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati di per i Grandi della Casa del Padre; consola sempre il Cuore di Gesù, unito all'unico segno che passa attraverso Giovanni e attraverso di te, figlia: il segno della Croce! Immolati ancora e porta sul Legno che Gesù ha tanto amato e ama, l'umanità intera, l'umanità che ha dimenticato i Dolori del mio Parto di Mamma Immacolata e Addolorata; addolorata nel vedere l'umanità cieca, nel vedere l'umanità sorda all'invito di Gesù: “venite dietro di me: chi mi ama, prenda la propria Croce e mi segua”! E per prima, la Croce l'ho abbracciata nell'annuncio dell'Angelo, l'ho partorita nel donarvi Gesù, e attimo per attimo partorisco ognuno di voi e l'umanità intera, e i Dolori sono sempre uguali, perché i dolori di una Mamma non possono cambiare, figli! In questo tempo, Cocciuta Divina, i Dolori del Parto li stai gridando tu all'umanità intera, ma l'umanità è ancora sorda, è ancora cieca; ma non temere, figlia, grida sempre, e quando sei nel giusto del Vangelo, grida ancora di più i miei Dolori, figlia! (Giulia) Mamma, fammeli gridare nel silenzio e nello stare sempre unita alla Croce!(*) Oggi il tuo Cuore è fuori l'abito e gronda Sangue perché anche in questo giorno trafiggiamo il tuo Cuore! Mammina, ti faccio gli Auguri da parte di tutti, e tu che puoi vedere i nostri cuori, raccogli gli auguri che sappiamo offrirti! Da parte mia ti offro gli auguri che Gesù ha messo nel mio Cuore, e tu sai cosa! Mamma, metto sempre nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze che sono i sacerdoti. I miei gigli tienili stretti al tuo Cuore e conducili sempre sulla Via stretta; hanno bisogno di te, della tua mano, come ognuno di noi ha bisogno della tua mano materna, e sono sicura che tu non lascerai nessuno di noi! Come ci hai raccolti ai piedi della Croce, ci raccogli ancora, perché il tuo Parto non può finire: il Parto di Dio è l'Eternità! Mamma, ma perdonami se parlo sempre!(*) (l'Immacolata) figlia del mio Cuore Immacolato e Addolorato, ma non sei tu ad addolorare il mio Cuore! Non chinare il capo! (Giulia) eccomi, Mamma!  (l'Immacolata) quando parli fai accendere le stelle che sono spente e doni gioia al Cuore di Gesù che viene a nascere, e quando trova i cuori aperti, Dio nasce dentro di voi, nei cuori che lo cercano, nei cuori che hanno preparato la capanna; ma nasce per abbracciare anche i figli che lo trafiggono, i figli che lo mettono in Croce attimo per attimo, perché Gesù col mio “” è venuto a portare la Croce, perché il mio “” ha donato la Croce all'umanità intera e “l'eccomi” che gridi dal tuo Cuore, Cocciuta Divina, è l’eccomi che ognuno di voi innalza come lode al Padre! E mi rivolgo al Giglio: è “l'Eccomi” che chiedo al tuo Cuore come l'ho risposto Io: “ecco la Serva del Signore, fa di me quello che hai detto”! E così ho partorito la Croce : nel dolore, ma camminando nel Solco di Dio e donando all'umanità Dio! Giglio, Dio ti ha chiamato e Dio vuole il tuo Parto! Non temere niente e nessuno, Giglio del mio Cuore, e fai crescere sempre di più le radici abbracciando l'umanità e il Peso che il Padre ha messo sulle tue spalle! Siete stati inchiodati, e quando Dio inchioda l'uomo non può cancellare! Eccomi, Io sono la Mamma del Cielo e della terra, solo l’Immacolata concepita senza peccato e desidero ognuno di voi che siate Mamme, riflettendo nell'immagine della Croce, Figlioli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, ma ricordate ancora di stare attenti al nemico: è astuto, è dietro l'angolo e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce! Usate il mio Amore e combattetelo! Usate la maternità del Cuore di Dio e combattete il nemico, figli! Anche se sarete perseguitati ancora a causa del nome di Gesù, venite a rifugiarvi nel mio Amore materno, figli! Tu, Cocciuta Divina, soffrirai ancora! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) Dio ha preparato altre spade: vuoi accoglierle tutte? (Giulia) eccomi, Mamma!(*)  <Giulia riceve le  spade ma non grida> grazie! (l'Immacolata) sono sette le spade che sono entrate nel tuo Cuore! (Giulia) grazie, Mamma!(**) (l'Immacolata) prega ancora, figlia, e fai pregare i tuoi figli per la pace! Fermate i flagelli che scendono copiosi sull'umanità.  Almeno voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, pregate e i vostri cuori saranno consolati perché Io sto raccogliendo ciò che è dentro di voi! E come la Cocciuta ha raccolto le spade nel suo Cuore, il Padre accoglierà i sussurri di ognuno di voi in questo giorno, perché Io sono qui col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo! Invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, e a donarlo perché è Pane fresco: Pane di Dio: è il Cuore di Dio che si dona ad ognuno di voi e all'umanità intera, ma state attenti: non gettate via il Dio Bambino, non abortitelo, ma amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici! Figlioli del mio Cuore, col mio Parto vi ho donato la Via che è Gesù: fate tutto quello che vi dirà e non temete niente e nessuno! Anche tu, Giglio, fai tutto quello che Dio ti dice attraverso lo Strumento che è segnato dalla Luce dello Spirito Santo rispondendo “Eccomi” nella Pienezza! Figli, vi invito ancora a vivere e ad accogliere Gesù che vi viene consegnato! Vivete la sua Parola! Camminate sulle sue orme e ricordate sempre che il Solco è lungo ed è profondo e Gesù è vivo e reale ed è in mezzo a voi e parla, e l'uomo non può cancellare la Parola di Dio! Immolatevi in questo tempo e preparate i vostri cuori a ciò che Dio farà scendere sull'umanità! Siate vigilanti perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno,  solo il Padre conosce i tempi: voi aprite i vostri cuori a Dio che viene in mezzo a voi e nel mondo intero! Ora vi chiedo con materna bontà: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell'amore e nell'ubbidienza a Dio mi siedo un po'(*) donando ad ognuno di voi l'amore e la Pace del Cristo Risorto! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen, Amen!  (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Nell'Amore di Dio vengo in mezzo a voi a portare l'unica Verità e a tenerla sempre alta: la Parola, il Sole che sorge, il Pane che si dona per donare la Vita del santo Vangelo, invitando i cuori di ognuno di voi di vivere.. siete vivi perché Gesù  è vivo, vivete perché Gesù vive e mangiate perché Gesù si lascia far mangiare da ognuno di voi e dall’umanità intera; e mangiare Dio è vivere, mangiare Dio è far parte della famiglia di Dio, e quando si mangia Dio non si ha fame delle cose del mondo ma si cerca solo Dio, e non si ha paura di chi uccide il corpo ma si teme solo di chi può uccidere l'anima! Giglio del mio Cuore, mi rivolgo ancora al tuo Cuore: non temere l'uomo, sii forte come lo sei sempre stato nell'abbracciare la Croce e nel gridare la Verità di quel Pane! E la Verità di quel Pane non si può cancellare e non può diventare piccola, perché «DIO E’» e non ci sono misure per misurare Dio e per camminare e dietro di Lui! Giglio, non spegnere il tuo Cuore ma fallo ardere nella Luce di Dio Bambino che nasce! Ora chiedo a ognuno di voi: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? <Merc.  della 2° sett. di Avvento /A  Lc. 1, 26-38> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e i vostri cuori sono accesi? come avete vissuto? avreste risposto come Maria? (Mosè) sì! (Piccolo Giovanni) è facile dire “”, ma vedete, una creatura cosi piccola(*), con un mistero così grande: il mistero di Dio! Quella creatura già mandata da Dio per far nascere Gesù e donarlo nel mondo, le viene chiesto di portare nel suo grembo il figlio di Dio, ma quel Bambino non era per sé! Quel Bambino era la Croce, era Gesù Crocifisso nel grembo di Maria per donarlo all'umanità, per salvare l'umanità! E chi meglio di Maria poteva donare Gesù all'umanità? chi poteva rispondere: “eccomi, fa di me quello che vuoi”, accertandosi “non conosco uomo: come è possibile?”, avendo avuto la conferma che sarebbe stato Dio, lo Spirito Santo avrebbe agito, e piena di Spirito Santo e piena dell'Amore di Dio: “eccomi”! È l'Eccomi che l'umanità dovrebbe gridare! È la Croce che dovrebbe essere accolta! Siamo tutti pronti a dire “”, ma il “” di Maria dobbiamo farlo nostro e risponderlo in pieno: ECCOMI! Quando ci sono i Dolori del Parto e quando ci sono le sofferenze, non dobbiamo abortire Gesù, ma gridare sempre più forte quell’ECCOMI! È così che riusciamo a comprendere il Vangelo, a viverlo e a donarlo come l'ha donato e lo dona Maria, attimo per attimo! E “l'eccomi” della Cocciuta è uguale a quello di Maria:.. (Telesfore) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..non si volta indietro; e dal primo istante che l'ho incontrata, guardandola negli occhi: “tutte le altre si fermeranno, ma tu porterai in pieno la Croce di Gesù”! E lei, pur sapendo tutto, ha chinato il capo dicendo “se lo dici tu: sei sacerdote”, ma non si lasciava scoprire; nel silenzio ha camminato e cammina, perché è Dio che l'ha mandata per sconfiggere il Male e donare Gesù all'umanità intera, abbracciando sempre la Croce e portandola sulle sue spalle! Ma anche tu la dovrai portare, e non dovete essere tristi quando la Cocciuta sarà chiamata! Non temete, non sarà oggi, ma solo il Padre e il Cuore della Cocciuta conoscono il giorno! Dovete gioire come ha gioito Maria nel vedere Gesù morto nelle sue braccia! Ma Gesù non è morto: Gesù è vivo, perché c'è la Resurrezione e non dovete dimenticarlo! Sono un po' difficili queste parole, ma se si ascoltano col cuore riuscite a comprenderle! Ora do un po' d'aria fresca ai vostri cuori: l'Alito dello Spirito Santo! <3 colpi di tosse con 2 alitazioni>(*)accoglietelo nei vostri cuori e in questo tempo donatelo a tutti: non lasciate nessuno fuori dell'Alito dello Spirito Santo! Vedete, Maria, come augurio, in questo giorno desidera i vostri cuori: è il dono più grande che potete farle; e dona gli auguri ad ognuno di voi di sapere abbracciare la Croce e di camminare dietro Gesù! Al solo pronunciare la parola “Maria” il mio Cuore impazziva d'amore e impazzisce tutt'ora! Innamorato di Maria così tanto da fare innamorare tutti, da portare questa fanciulla nei cuori dell'umanità intera, nei cuori di ognuno di voi, e sapete bene che quando parlavo e parlo di Maria il mio Cuore non si vorrebbe mai fermare ma dire tutte le meraviglie di quella Mamma che non ce ne sono altre: Mamma! Mamma! Mamma! Mamma della Croce! Mamma del Vangelo! Mamma di quel Figlio che hai partorito per donare la Vita Eterna ai tuoi figli e all'umanità intera! E questa piccola Creatura avrebbe schiacciato il capo del nemico! E si può interrompere il Progetto di Dio? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) il Cuore di Fatima brillerà perché il nemico sarà annientato dall'Amore e Maria è Mamma dell'Amore! E ognuno di voi può e deve imitare Maria nell'amore per combattere il male! E sarete tutti come Maria combattendo il male e facendo brillare il Cuore della Croce, il Cuore del Vangelo, nel camminare nel Solco che Io, come Sacerdozio vivo ed eterno, vi ho sempre segnato! Tenete sempre alto il santo Vangelo, rimanendo piccoli! “I piccoli Giovanni sempre all'ultimo posto”, ma pieni d'amore per combattere il male! Non carichi dell'Io del mondo, ma rimanendo nella misura che ha solo Dio: la Croce, il Vangelo, il Pane fresco, che hanno un'unica misura! Ricordatelo in questo giorno, e ricordalo anche tu, Giglio: “il Pane di Dio si spezza e si dona tutti, ma non si può cancellare, non si può chiudere, ma va gridato! Come i quattro Vangeli vengono gridati nell'Amore di Dio e nella Verità, così anche il Pane che Dio porta nella Dimora va gridato e non va tenuto chiuso! Oggi che Maria accoglie l'umanità e chiede a ognuno di voi di fermare i flagelli, rispondendo “l'eccomi” del suo Cuore, oggi fate festa perché Maria ha piantato l'Albero della Croce in mezzo a voi e nei vostri cuori, e anche nel Cuore del Giglio! Ma vi chiedo di pregare: pregate, pregate, pregate, figlioli del mio Cuore! (Giulia) Giovanni, posso chiederti una cosa nel Cuore? (Piccolo Giovanni) eccomi, figlia!(*) (Giulia) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Cocciuta Divina del Cuore del Padre! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) dovrai soffrire ancora! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) delle spade che oggi hai ricevuto conosci bene il significato! (Giulia) per volere del Padre: sì, Giovanni, ma chiedo il vostro respiro! (Piccolo Giovanni) Dio ti tiene per mano, non temere, ed Io abito nel tuo Cuore! Sei stata inchiodata alla Croce col Giglio e niente e nessuno cancellerà ciò che Dio ha scritto! Sarai perseguitata ancora com'è perseguitato Gesù, ma il Cuore Immacolato di Maria trionferà e il mistero di Fatima si adempirà in questo Luogo e nel mondo intero! Figli, dovete solo pregare e aspettare i tempi del Padre! Ci sarete tutti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ci sarete tutti? (Tutti) sì! (Mosè) è una promessa, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ed Io rispondo: Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) perché Io ci sarò ad aspettarvi con la Croce, perché il Gesù che è in mezzo a voi è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donare ad ognuno di voi e all'umanità intera la Vita Eterna!(*) Vi lascio il mio Cuore come sempre e vi invito a far nascere Gesù e a stare attenti al nemico. Guardate gli occhi di Maria e combattetelo col suo Amore, perché attraverso gli occhi di Maria c'è la Luce del Cuore di Dio e dell'Amore dello Spirito Santo! Io ora devo ritornare all'ubbidienza del Padre! Sigillo i cuori di ognuno di voi col Bacio del Piccolo Giovanni(*): custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera! Figlioli del mio Cuore, alla fine della preghiera innalzate in un unico Cuore un'Ave Maria alla Mamma Celeste secondo le mie intenzioni! Ringrazio ognuno di voi di essere venuti a consolare il Cuore di Dio, perché se siete venuti a salutare Maria, salutate Dio, salutate Gesù, salutate lo Spirito Santo, perché il progetto è tutt'uno! Dove c'è Dio, c'è Gesù! Dove c'è Gesù, c'è lo Spirito Santo! Dove c'è lo Spirito Santo, c'è Maria che abbraccia l'umanità e la copre col suo Manto Materno! E con questa Luce che è il Vangelo Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) crescete nell'unica Verità della Parola di Dio e non temete niente e nessuno! Ora andate in pace portando il sorriso di Maria dove c'è il dolore! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera, e gioisci, figlia mia, nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena, fatelo anche voi.. e non sia triste il tuo Cuore, Sposa del Cuore della Croce! (Giulia) Giovanni!(**) grazie!(**) Mamma, come siete belli: vedere il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo, Maria(*) e tutti i Santi! Rimanete sempre così come vi vedo! Rimanete sempre in mezzo a noi! (l'Immacolata) presto gioiremo tutti nel Cuore di Dio!(*) Ora vi lascio il mio Cuore e vi lascio nel Cuore della preghiera! Lode.. (Tutti, insieme all’Immacolata, ripetendo dopo di Lei) ..Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, lodato sempre sia il Santissimo nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (l'Immacolata) Amen pieno scenda su di voi e sul mondo intero! (Tutti) Amen! Amén! (l'Immacolata) Amén!

 

Oggi una creatura innamorata ha offerto alla Madonna un dono. La statua della Madonna di Fatima custodita nella Stanza è stata poggiata sull'altare centrale per la consegna del dono.

(Giulia) c'è un dono offerto alla Mamma di un'anima candida, bella, pura, che ringrazia la Mamma per aver ricevuto il dono della rinascita di una creatura a lei molto cara. Quindi la ringrazia con un fiore. Penso che Maria questo fiore all'accetta non come un fiore d'oro, ma come quel fiore che Dio ha messo nel suo grembo, perché questa creatura era morta ed è rinata, quindi.. mi commuovo a dire ciò che è nel cuore.. essendo rinata, è questo fiore, ma non il fiore d'oro, il fiore che Dio ha regalato a questa mamma, che era morto ed è rinato! Ora noi glielo diamo d'oro ma la vita non ha il prezzo dell’oro!

Poi la giornata di preghiera prosegue. Col sottofondo musicale di un brano che piaceva molto a don Mario ma anche a Giulia dal titolo “Regina del Cielo” di Silvano Marchese di Lauria, la Mamma Celeste è stata onorata con un affettuoso saluto e il bacio finale dei suoi piedi da parte dei fedeli. 

(Giulia) Facciamo un applauso a Maria! <lungo applauso alla Madonna e Giulia molto emozionata che a stento riesce a profferire queste parole> dovremmo consumare le nostre mani e non basterebbero: chiediamo a Lei che consumi i nostri cuori nel farli ardere sempre col nostro amore verso Gesù! Io ho voluto mettere le due musiche che adorava Giovanni. La prima riempiva il suo Cuore, la seconda riempiva il mio, e mi chiedeva sempre “ma cosa ci trovi? cosa senti in questa musica?”, ed io rispondevo “l'Abbraccio di Dio!(*) “E come si balla?” mi ha chiesto, ed io “te lo faccio vedere come si abbraccia Dio in Croce”, e ha voluto provare anche il ballo di questa musica! Chiediamo anche a Lui di non lasciarci perché le prove che scenderanno su di noi saranno sempre più pesanti, ma sono scese su Maria e su Gesù prima di noi, e, con il loro intervento e con il loro aiuto, le supereremo anche noi, perché c'è la Forza di Dio a guidarci, se no la prima non ero io qui e non c'eravate neanche voi!(*) Sono sicura di quel Gesù che mi usa, anche se sono una corda scordata! Gesù, usami quanto vuoi! Gesù, usaci quanto vuoi per la tua gloria! (Tutti) Amen!

 

 

         4. Giov 09/12/2004, ore 21.11, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre  (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce, che passano attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, come tu sai fare, nell'abbraccio della Croce, figlia!  (Giulia) Gesù, donami il tuo respiro!(*) grazie! (Gesù) i Dolori sono grandi: figlia, in questo tempo il Parto diventa sempre più forte! (Giulia) Gesù, eccomi! Ma tu cammini ancora sul Sangue che è di pietra e dietro di te ci sono sempre i 24 sacerdoti, Gesù! (Gesù) ma ci sei anche tu a sudare Sangue per fermare i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità e ad alzare le Mura! (Giulia) Gesù, sei tu che fai tutto questo! (Gesù) Io uso te che sei lo Strumento del mio Amore, della mia Pace, della mia Quiete! Ora guarda ancora, figlia mia!(*) (Giulia) Gesù, posso dire ciò che vedo? (Gesù) dì solo una parte! (Giulia) vedo le tue Case spogliate dalla tua Croce, e al posto della Croce c'è un volto che non è il tuo! Gesù.. (Gesù) ..vai avanti!(*) (Giulia) vedo i sacerdoti che calpestano il tuo Corpo, e tutti sono in atteggiamento di festa, cacciando fuori la Croce! (Gesù) ora fermati, e ciò che rimane nel tuo Cuore lo scriverai nel giorno ultimo di questo mese e lo consegnerai al Giglio! (Giulia) Gesù, non posso far nulla per ciò che ho visto? (Gesù) prega e fai pregare i tuoi figli, i tuoi Discepoli, le tue Colonne, le tue Suorine del Cuore della mia Croce! (Giulia) Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere, tutti i figli che sono qui riuniti, coloro che si uniscono alla tua visitazione, coloro che portano nei loro cuori. Metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze che sono i sacerdoti! E come sempre metto nel tuo Cuore i due Gigli! Fa soffrire me, ma alita col tuo Soffio su di loro affinché gridino la tua Verità, la tua presenza e il tuo Amore, Gesù! (Gesù) sei un flagello: non c'è più spazio, ma mi poggio, perché alle Spose in dono Io offro la santa Sofferenza! (Giulia) poggiati, Gesù, poggiati! (Gesù) vi invito ancora a stare attenti al nemico; in questo tempo, figli, è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere! Innalzate sempre di più il vostro amore e combattete il male con l'amore, figli miei! Cocciuta Divina del mio Cuore, vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) in questo giorno, guarda per chi li abbracci e guarda chi mette e chi toglie i Chiodi e lo dirai al Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) vieni, unisci le tue mani alle mie mani! Abbracciamoci, figlia! (Giulia) è bello abbracciarti! Gesù, è bello rimanere sempre abbracciati! (Gesù) lo siamo sempre! Figlia, guarda! <1º grido>(*) sollevati anima mia!(*)  (Giulia) Gesù, il Sangue sta scendendo dalle tue mani e dai tuoi piedi! (Gesù) anche dalle tue mani e dai tuoi piedi, figlia! (Giulia) c'è un piccolo angioletto che sta raccogliendo il Sangue, Gesù, portandolo nel Calice che tu tieni in mano, e come è bello quel Calice! (Gesù) prendilo nelle tue mani!(*) non temere, i Chiodi non romperanno il Calice! (Giulia) Gesù, non lo sporco? (Gesù) hai le mani bagnate dello stesso Sangue che è nel Calice! Prendilo!(*) Ora bevi! (Giulia) eccomi, Gesù!(**) (Gesù) bevi ancora!(*) (Giulia) Gesù, il Calice è ritornato di nuovo pieno!(*) (Gesù) ora donami il Calice!(*) (Giulia) Gesù, come sei bello! In questo giorno com'è candido il tuo abito e gli abiti dei 24 sacerdoti: nessuna macchia, Gesù! (Gesù) hai pulito abbracciando i Chiodi, figlia! (Giulia) io sono solo una misera peccatrice, dinanzi ai piedi della Croce, come posso pulire? fammi rimanere straccio, Gesù, così posso pulire! (Gesù) sei il candido lino del mio abito! (Giulia) non capisco questa parola, Gesù, e non sono degna di stare dinanzi alla tua presenza! (Gesù) non solo sei dinanzi alla mia presenza, Io mi servo di te per parlare all'umanità intera; sei lo Strumento che suona la musica del mio Vangelo e la mia Verità, e in questo tempo il Vangelo va gridato! La mia Parola portatela ovunque andate, perché il Parto è pieno, è in mezzo a voi ed è vivo, come sono vivo Io! E Mi rivolgo ancora al Giglio, invitandoti ad allargare le braccia, Giglio del mio Cuore, e allargandole, abbraccia l'umanità come l'ho abbracciata Io e non ho lasciato nessuno e non sono sceso da quel Legno! Giglio, non scendere dal Legno della Croce che Dio ti ha consegnato nella Dimora! Apri il tuo cuore, aprilo al grido del Padre che chiama i suoi figli a lavorare nella sua vigna, non nella vigna del mondo. Ricorda e tieni accese queste parole, Giglio, perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi. Siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Ma vi invito sempre a camminare nel Solco e a non dimenticare che la Porta è stretta: “chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”! Il Monte è ancora alto: se volete seguirmi dovete salire e camminare dietro di me, perché Io vi segno la via per arrivare al Cuore del Padre, ma vi invito a pregare per l'Uomo vestito di bianco. Immolati per lui, Cocciuta del Cuore della Croce! Il peso dei dolori ti renderanno più forte per abbracciare le persecuzioni che verranno ancora, figlia mia! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ma chiedo ad ognuno di voi di essere pronti e preparati, perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno, ma Io verrò come ho promesso. Anche se l'umanità ha dimenticato la mia promessa e i miei ministri hanno dimenticato la mia promessa, pregate, pregate, pregate voi. Figli che siete stati sigillati col Sigillo della Croce, vi ho segnati uno ad uno e il Sigillo di Dio non viene cancellato, né con la pioggia e neanche con la spugna che usano i Grandi della Casa del Padre! Dio rimane, perché “Dio È”, ed Io ho abbracciato il Legno della Croce di mia volontà per donarvi la Vita Eterna! Ma mi rivolgo ancora al Giglio: sigilla nel tuo Cuore il Vangelo di questo giorno! <Giov.  della 2° sett. di Avvento/A  Mt. 11, 11-15> CHI VUOLE INTENDERE, INTENDA! E chi di voi vuole vivere la Parola? (Anna) tutti! (Gesù) immolatevi, figlioli, e abbracciatela. Rispondere con le labbra è facile, dovete rispondere col cuore perché i tempi sono pieni! E anche i miei discepoli che passo per passo hanno ascoltato la mia Parola e hanno visto i miracoli, sono scappati e mi hanno lasciato solo! Maria li ha raccolti, e, nel momento che lo Spirito Santo è sceso, ha donato la forza di dire “tutti” e di donare a tutti la mia Parola, ciò che avevo insegnato, ciò che hanno vissuto, lasciando tutto e vedendo dietro di me! È questo che chiedo al Giglio: lascia il mondo e cammina dietro la mia Parola viva!(*) Sto usando il tuo Cuore da sempre: non fermarti dinanzi ad un albero spoglio, ma vieni dinanzi all'Albero della Croce, Giglio del mio Cuore!(*) Non scandalizzatevi di queste parole, figli miei, ma pregate, pregate e non lasciate nessuno fuori della santa preghiera. Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici per far festa e camminare sempre nel solco, tenendo alto il santo Vangelo: la mia Parola, figli miei! (Giulia) Gesù, dimmi cosa devo fare col Giglio; tu conosci il suo Cuore e per tuo volere lo conosco anch'io, ma chiedo la tua luce! (Gesù) figlia mia, nel tuo Cuore c'è già tutto! (Giulia) devo fare ciò che è nel mio Cuore, Gesù? (Gesù) si, Croce Divina del Cuore del Padre! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) Gesù, tieni per mano tutte le mie pietruzze: da questo istante li consegno tutti nelle tue mani!  (Gesù) è grande il peso, figlia!  (Giulia) se il tuo Cuore desidera questo, io rispondo “Eccomi, Gesù”! (Gesù) non temere, il Padre ti ha mandata per questo! (Giulia) Gesù, perdonami se ti chiedo “come farò?(Gesù) nel tuo Cuore c'è già tutto e il Padre ti darà l'Alito per soffiare su di ognuno di loro, perché il Parto di Maria sta per compiersi, e i Dolori per te sono vivi, ed Io ti amo perché li tieni stretti, donandoli all'umanità nel silenzio del tuo Amore che è l'Amore di Dio! (Giulia) Gesù! Gesù, io non sono degna di fare questo! (Gesù) lascia che sia il Padre a decidere! (Giulia) eccomi! eccomi, Gesù! Sia fatta la tua, non la mia volontà: usami come vuoi!(*) (Gesù) i Dolori sono enormi, ma tu ti fermi solo a donare un piccolo respiro! (Giulia) Gesù, se vuoi prenditi anche questo piccolo respiro! (Gesù) figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito a pregare! In questo istante, offritemi i vostri cuori e fermate il flagello che sta per scendere sull'umanità! Così accoglierete il Dio Bambino che viene a nascere nei vostri cuori! Ora vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno, come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei cuori di ognuno di voi! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen.. (Tutti) ..Amén.. (Piccolo Giovanni) ..Amen! Eccomi! Nella gioia, nella Luce e nella Verità del santo Vangelo, sono ancora qui in mezzo a voi, in mezzo al mio popolo, alla mia famiglia! E quanta gioia raccolgo nei vostri cuori quando mi offrite i dolori e le vostre sofferenze, i vostri Carichi e le vostre giornate. Sono un Papà gioioso di avere dei figli! Figli miei, donandomi i vostri carichi, Io li consegno al Padre e il Padre è gioioso di raccogliere i vostri frutti, i frutti del vostro amore, perché state lavorando nella vigna! E quanti frutti d'amore mi state offrendo! Non fermatevi e non lasciatevi confondere dal nemico. Usate i vostri sorrisi e il vostro amore per combatterlo, e fermatevi sempre a mangiare quel Pane fresco che Io vi ho sempre donato e sempre vi dono per volere del Padre! Ricordate che Io sono Sacerdozio vivo ed eterno e il Sacerdozio è Dio, e se Dio parla in mezzo a voi è perché ha trovato grazia nei vostri cuori! Figli, Pargoli del mio Cuore, non fermatevi dinanzi a niente e a nessuno, come non mi sono fermato Io, ma camminando sempre nell'ubbidienza, nella Verità e nella Luce di Dio, perché se vivo nel suo Cuore come ultimo dei servi, Dio ha trovato il suo Amore nel mio Cuore e abito nel Cuore di Dio, e ardo per portare ognuno di voi! Ma non abortite Gesù quando uscite fuori dalla Dimora di Dio! Vivete in pieno la Parola, e come è gioioso il mio Cuore nel vedervi qui riuniti a mangiare la Parola, ad essere così affamati di quella Parola che viene dal Cuore di Dio! Voi vedete dinanzi a voi la Cocciuta, ma non è lei a parlare: non è farina del suo sacco, ma è la farina che scende dal Cuore di Dio per farsi mangiare, per raccogliere i figli che si sono smarriti e non riescono più a trovare la strada! Ma in questo giorno, avete vissuto il santo Vangelo? <Giov.  della 2° sett. di Avvento/A  Mt. 11, 11-15> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e avete accolto quel Giovanni? e avete capito chi è in mezzo a voi? (Tommaso) sì! (Piccolo Giovanni) e tu, Giglio, hai capito chi ti chiama? CHI VUOLE INTENDERE, INTENDA!(*) E come vivete il Vangelo di questo giorno? (Mosè) amando, perdonando e facendo la volontà del Padre! (Piccolo Giovanni)amando, perdonando e facendo la volontà del Padre”!(*) L'Elia che è in mezzo a voi portatelo nel mondo! E anche tu Giglio, portalo nel mondo, perché è nel tuo Cuore, come è nel Cuore della Cocciuta! Ma vedete, figlioli, questa serata è un può difficile da comprendere per chi vuole capire con la mente, ma se lasciate liberi i vostri cuori, capirete! Il Vangelo è Pane fresco e va tenuto sempre alto, va mangiato, e ditemi se quello che sto dicendo è fuori il Vangelo! (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) Ah, come arde il mio Cuore, ma devo dirvi ancora: sarete perseguitati! Ma Io dinanzi alle persecuzioni non mi sono fermato: non fermatevi neanche voi e non fermarti neanche tu, Giglio!(*) La Cocciuta, in questo istante, ha consegnato anche il mio Cuore al Padre, ma non temete per le sue pietruzze e per i Gigli, non tiene nulla per sé, ma Io abito sempre nel suo petto, perché Dio vuole questo! Dio ha deciso da sempre, lei non appartiene a questo mondo: è in mezzo a voi mandata da Dio per donare le cose di Dio e per portare il peso della sofferenza come l'ho portato Io! Ho donato la mia vita per amore e anche lei: con “l'eccomi” ha donato la sua vita per amore! Così anche voi, donate la vostra vita per salvare i vostri fratelli, i vostri figli, i vostri nemici! Questo Pane fresco che state ricevendo in questo giorno è la preparazione del Natale che sta per sorgere! Ma siate sempre vigilanti con le lucerne accese, perché il nemico è sempre dietro l'angolo! E beati voi che state vivendo questi attimi di amore! Ma nulla sarà tolto ai figli che si sono uniti a questa santa preghiera! Sapete bene che nulla mi è nascosto, vedo e sento il cuore di ognuno di voi e il Padre, che solo Lui è buono, lascia scendere su di ognuno di voi la Rugiada che mi state chiedendo! Io vi do l'Alito! <3 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo ai miei confratelli e all'umanità intera! Anche tu, Giglio, dona l'Alito ai tuoi figli e prega, prega, perché un altro peso sarà poggiato sulle tue spalle, Giglio del mio Cuore!(*) Cocciuta! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) non chinare il capo! (Giulia) Giovanni, non sono degna di guardare i tuoi occhi! (Piccolo Giovanni) solleva il tuo capo!(*) (Giulia) non sono degna! (Piccolo Giovanni) questo porterai d'ora in avanti! (Giulia) posso dirlo, Giovanni? (Piccolo Giovanni) lo vedranno tutti quando Dio(*).. (Giulia) Giovanni! (Piccolo Giovanni) Dio ha deciso questo, non temere! L'ora e il giorno li conosce solo il Padre! Il tuo “eccomi” è quello che chiedo! (Giulia) ECCOMI!(*) Giovanni, non lasciarci mai! (Piccolo Giovanni) diventi sempre più Cocciuta, abito nel tuo Cuore, e vi chiedo ancora di non cercare di capire con la mente ciò che state vivendo in questo giorno, ma di aprire sempre di più i vostri cuori! È bello stare con voi! Voi siete gioiosi di stare con me? (Tutti) sì! (Mosè) con tanto amore, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e volete vivere abbracciando la Parola? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) non lasciatevi confondere dal nemico, figli! “L'Eccomi” che ha risposto la Cocciuta è grande! E quando i vostri occhi incontreranno ciò che Dio ha lasciato scendere in questo giorno, i vostri occhi non si fermeranno di far scendere un fiume di lacrime, e quel fiume sarà la salvezza dell'umanità intera, e da quell'acqua sorgeranno molte pietruzze che vi condurranno nel giardino di Dio! Io parlo a voi e parla l'umanità intera, ma voi siete già nel giardino di Dio! È grande questo mistero! È grande ciò che state ascoltando in questo giorno, figli miei, ma è grande anche il peso che la Cocciuta deve portare! Alla fine della preghiera, col cuore aperto, fate un'Ave Maria per i Gigli, unendo anche la Cocciuta! Figli, ma ditemi, ho turbato il Cuore di ognuno di voi.. (Tutti) ..no.. (Piccolo Giovanni) ..in questo giorno? (Tutti) no! (Tommaso) ci siamo persi nel mistero! (Piccolo Giovanni) è grande perché è “Mistero di Dio”! Il mare è grande? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e il mistero di Dio è all'infinito, ma non si può perdersi! (Tommaso) ce l'ha spiegato già sant'Agostino, questo! (Piccolo Giovanni) bravo! Puoi perderti nel mistero? potete perdervi? (Tutti) no! (Mosè) un giorno lo capiremo in pienezza! (Piccolo Giovanni) e Agostino cosa ti ha spiegato? (Tommaso) che non possiamo mettere tutta quella bontà, quell’acqua, in un nostro piccolo bicchiere, quindi dobbiamo solo aprire il cuore e affidarci al suo Amore Infinito! (Piccolo Giovanni) prendere con un cucchiaino e metterlo in una buca.. (Mosè) ..è impossibile far entrare quell'acqua.. (Piccolo Giovanni) ..ma non poteva entrarci, ma aprendo i cuori entra il mare e tutto, ma con la mente non si può! Nel cuore di ognuno di noi abita Dio, e il mistero è Dio, il mistero è l'amore che Maria ci dona, e solo amando e lasciandoci guidare da quel Pane fresco che è la Parola, potete arrivare, perché Io ci sono già nel mistero; è questo che dovete vivere come famiglia: amandovi gli uni gli altri e donare la mano al fratello, ma col cuore, non donare la mano e neanche donare il bacio di Giuda, ma donare il bacio che Gesù donava ai suoi discepoli e che Io dono ad ognuno di voi: il Bacio del Piccolo Giovanni! È quel accarezzare di sussurri, di baciare le labbra quando si pronuncia: “Mamma”! E Dio è Padre ed è Mamma e il “Mare” è Dio, e si baciano di nuovo le labbra! Un altro mistero! Ma ora non voglio perdervi ma voglio tenervi stretti al Cuore della Croce, come chiedo al Giglio di pronunciare sempre la Parola: “Pane fresco” e “Cuore di Mamma”!(*) Siate gioiosi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e donate questa gioia a coloro che trafiggono i vostri cuori! Io vi do ancora l'Alito! <4 colpi di tosse con un'alitazione> (Tutti) Amen!(*) Amén! (Piccolo Giovanni) sia questo “Amen” il Pane fresco del Cuore del Vangelo, per ognuno di voi e per l'umanità intera! Ora chiedo ad ognuno di voi: siete pronti per accogliere Gesù.. (qualcuno) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..che viene ad abitare nei vostri cuori.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) siete disposti a distaccarvi dalle cose del mondo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) siete disposti a portare anche voi il peso delle pietruzze, come ha risposto “l'eccomi” la Cocciuta? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) la mia gioia è piena! Padre, la mia famiglia è riunita nel tuo Nome!(*) Disponetevi per accogliere Gesù nei vostri cuori!(*) Preparate i vostri cuori per incontrare lo Sposo, perché il Banchetto è pronto e lo Sposo avanza per ognuno di voi! Disponete i vostri cuori!(*) Ecco il Banchetto! Ecco lo Sposo che avanza!(*) Fate spazio a Gesù nei vostri cuori!(*) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi! La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio, dello Spirito Santo e del Cuore Immacolato di Maria, risorgete anche voi, figlioli del mio Cuore, perché Io sono venuto ad abitare nei vostri cuori, ma non abortitemi. Quando uscite fuori dalla Dimora, non giudicate, perché allo stesso modo sarete giudicati, ma amate, amate, amate chi trafigge i vostri cuori, figli miei! (Giulia) Gesù, tu ti sei degnato di venire ad abitare nel mio Cuore! Gesù, fa che io non cerchi più nulla! Fa che questo Amore che ora arde nel mio Cuore rimanga sempre, e la fiamma falla crescere sempre di più! Gesù, fa che la mia fame sia solo il cercare te, mio Unico Bene! (Piccolo Giovanni) Amen, figlia! Amen, Amen! Ora il Dio Bambino ha sonno: mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) è dolce riposare nei vostri cuori! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato di Maria! Ma in questo tempo crescete ancora di più e vivete come Maria il Parto di Dio, Spose del mio Cuore, e vivendo il Parto diventate Mamme, Mamme della Croce, Mamme di Gesù! Ma Gesù vuole essere partorito, non abortito, e ha scelto ognuno di voi per farlo nascere! Sia grande la gioia: “Dio ha scelto ognuno di voi per farlo nascere”! Oggi è la giornata dei misteri! Ma Avete ascoltato bene il Vangelo di questo giorno, e ogni parola è un mistero! Non siate turbati, ma gioiosi di questo giorno, figli miei, perché nei cuori di ognuno di voi il mistero è Dio Bambino che è venuto ad abitare e parla ai cuori di ognuno di voi, e arde così tanto da uscire fuori e gridare il suo Amore! Fatelo, come hanno fatto i discepoli ricevendo la forza di Maria! Ma piena di Spirito Santo, e nella pienezza dello Spirito Santo, innalziamo al Padre la sua preghiera! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli, non lasciarci soli, ma liberaci dai mali! Padre Nostro che sei nei Cieli e nei cuori di ognuno di noi, non lasciarci, noi vogliamo che rimani sempre nei nostri cuori e nei cuori spenti! Accendi la tua Luce perché tu solo sei “Pane”, Padre Buono! Cibo per la nostra anima, io ti voglio nel mio Cuore e per tutti i miei figli ti chiedo: rimani sempre nei nostri cuori! (il Padre) come non posso ascoltare questo grido? Amen, figli, Amen! Siate sale è luce del mondo perché io sono sempre con voi!  (Giulia) grazie, Papà!(*)  (Piccolo Giovanni) il mio Bacio del Piccolo Giovanni accarezza i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! Io ora devo ritornare all'ubbidienza del Padre! Vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) andate in pace, portando la Pace di Dio all'umanità intera, ma state attenti al nemico! Combattetelo con l'amore e il Sole di Fatima che è nelle mani del Giglio, brillerà: non temete è Parola di Dio! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ (Piccolo Giovanni) Grazie, Pargoli del mio Cuore! Cocciuta Divina, gioisci ancora nella sofferenza! Gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi, figli! Andate in pace e raccogliete ancora la farina di Maria: impastatela e donatela ai Figli Ministri!

 

 

        5. Giov 16/12/2004, ore 21.10, Stanza more solito

 (Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre;  (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, come tu sai fare nell'unico abbraccio del letto della Croce, figlia del mio Cuore!  (Giulia) Gesù, eccomi!(*) Eccomi, Gesù! Tu cammini ancora nel mare di Sangue, ma questo mare ora è diventato di pietra, Gesù, e dietro di te ci sono sempre i 24 sacerdoti! (Gesù) il mare di pietra turba il tuo Cuore, figlia? (Giulia) sì, Gesù, non lo vedo più scorrere ma è cresciuto come pietra! (Gesù) non temere, tutto questo deve avvenire, ora è tempo di attesa! Ma Io non vi ho lasciati, sono sempre con voi e il mare c'è sempre. Figlia, vedi, guarda ancora! (Giulia) c'è Maria ed è seduta sulla pietra di Sangue! Com'è bella con la pancia, Gesù! Ma i suoi occhi grondano Sangue. Gesù, posso asciugare le sue lacrime? (Gesù) fallo!(**) (Giulia) grazie, Gesù! Ma ancora piange: Gesù, sono io a farla piangere? (Gesù) no, figlia, è l'umanità che non cerca me; è l'umanità che ha dimenticato che Maria sta per partorire, e cerca le cose del mondo; nessuno ricorda di pregare in questi giorni! Pregate, figli, pregate Voi e alzate le Mura delle mie Case! (Giulia) Gesù, ma tutti i sacerdoti che sono uniti e preparano la tua nascita.. (Gesù) ..chino il capo, figlia e ti invito a pregare nel silenzio come tu sai fare! (Giulia) Gesù, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si affidano alle mie preghiere; i figli che sono qui riuniti nel tuo Nome e tutti coloro che hanno portato nei loro cuori! Metto nel tuo Cuore i miei Gigli, le mie Pietruzze: aiutami ad aiutare ognuno di loro! Gesù, aiutami a non farti abortire; poggiati ancora sulle mie spalle, Gesù! (Gesù) mi poggio sulle tue spalle, figlia, e mi poggio su di ognuno di voi invitandovi a vivere questo Avvento, ad aspettarlo nei vostri cuori, ma lontano dalle cose del mondo, figli miei! E invito te, Giglio del mio Cuore, a farmi nascere; invito il tuo Cuore a battere e a gridare la verità che bussa, bussa, bussa nel tuo Cuore! Giglio, sei il candido fiore che Maria ha accarezzato nel grembo materno; ti ha innaffiato col suo Amore di Mamma, ti ha fatto crescere per lavorare nella vigna; ora la vigna aspetta i tuoi frutti nella Dimora di Dio! Giglio, il tuo Cuore gronda Sangue, ma quel Sangue si unisce al Cuore della Cocciuta che è nel Cuore del Padre, e Dio, quando sigilla, niente e nessuno può cancellare il suo Sigillo! Ti invito ancora a far battere il tuo Cuore, Giglio, e invito ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, ad ascoltare i battiti del Dio Bambino che viene: viene a nascere se si lascia la porta del cuore aperta, e voi siete qui riuniti pronti a diventare Mamme, ed Io dico: Amén! (Tutti) Amén! (Gesù) perché siete qui, non per vostro volere, ma per volere del Padre che vi fa camminare e crescere nel suo Amore! Ma state attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce! Figli miei, ricordatelo sempre, e in questo tempo vigilate, vigilate, vigilate! Ma ricordate sempre di amare, di perdonare, di usare carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! E in questo tempo abbracciateli ai vostri cuori, perché Io vengo per abbracciarvi e per abbracciare la Croce per ognuno di voi e per donarvi la Vita Eterna. Figli del mio Cuore, ma ricordate ancora: sarete perseguitati a causa del mio Nome, e anche tu, Giglio, sarai perseguitato, ma il Sole di Fatima brillerà nel mondo intero e in questo Luogo baciato da Dio! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda per chi li abbracci!(*) vuoi farlo? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda chi mette i Chiodi e lo dirai al Giglio! (Giulia) eccomi! (Gesù) vieni anima mia! <1º grido>(*) sollevati anima mia!(*)  (Giulia) Gesù.. (Gesù) ..guarda ancora chi mette e chi toglie i Chiodi! (Giulia) sì, Gesù!(*) (Gesù) i Dolori del Parto sono vivi, figlia! (Giulia) donatemi il vostro respiro!(*) Gesù, appoggiatevi ancora! (Gesù) Io mi poggio, ma ti chiedo di guardare e non spaventarti di ciò che vedi! Guarda, anima mia!(*) (Giulia) Gesù, posso dire ciò che sto vedendo? (Gesù) no, figlia! (Giulia) Gesù, non reggo! <bevute mistiche>(*) (Gesù) sollevati e prega per ciò che stai vedendo e invita i tuoi figli a pregare! (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, sono sempre sul mare! (Giulia) Gesù, non ci lasci? (Gesù) diventi sempre più Cocciuta! Sono qui in mezzo a voi a chiedere ad ognuno di voi di diventare le mie Mamme, e tu mi chiedi se vi lascio? (Giulia) perdonami, Gesù! (Gesù) vengo a portare la Rugiada del Cuore del Padre e vi invito ad accoglierla perché siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e allargo le braccia per accogliere ognuno di voi e l'umanità intera, per fare festa, perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce, e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori, così come Io vivo nei cuori di ognuno di voi, col Pane fresco, la Parola viva che il Padre viene a portare in mezzo a voi e nel mondo intero! Quale dono più grande? quale miracolo più grande Dio poteva donarvi? L'unica verità: la Parola! Se accolta e se viene accolta nel cuore, i cuori ardono e si accendono le pietruzze che sono spente, e la capanna di Betlemme è nei vostri cuori, nei cuori di chi è piccolo, di chi cerca l'ultimo posto per far festa con gli ultimi: i poveri, gli emarginati, i figli drogati, i figli carcerati! Vedete il Padre vi ha donato la Dimora, come l'ha donata anche a te, Giglio; ha costruito per voi la capanna di Betlemme, ma Maria non ha trovato posto: c'era solo una piccola stalla per Maria, ma quella stalla è diventata la Dimora: il Tabernacolo di Dio in mezzo a voi e nell'umanità intera. Per chi sa abbracciarla e per chi sa ascoltare, il mistero diventa sempre più grande, figli miei, ma non scandalizzatevi perché è Dio a parlare! È Dio a fare scendere il suo Amore: il Pane fresco, e in questo tempo vi invito a pregare per tutti i miei Figli Ministri! Il nemico è astuto e ha lasciato scendere un altro velo sui miei Figli Ministri! Pregate, e immolatevi! Con la vostra preghiera salda e sulla roccia potete combatterlo usando l'amore che Io lascio scendere nei vostri cuori! Figli, Discepoli e Colonne, Suorine del Cuore della Croce, unite il vostro amore, stringetelo al Cuore di Maria in questo tempo, e Maria, come Mamma, soffierà su di voi l'Alito del Padre, per farvi crescere e camminare sempre nel Solco di Dio che ha segnato e segna con le sante Spine! Solo con la sofferenza potete arrivare a gioire, e Maria vi offre i Dolori del Parto, ad ognuno di voi e a tutti i Figli Ministri; portateli sulle vostre spalle perché il mondo è stato consegnato a voi che siete sigillati col Sigillo di Dio; ma non lasciate nessuno, figli del mio Cuore, e ricordate sempre che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! Eccomi, come misera peccatrice, ai piedi della tua Croce! (Gesù) candido lino del mio Cuore, dovrai soffrire ancora: per te il tempo del Parto è vicino e il Padre si porgerà su di te! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ma non temete, la Cocciuta dovrà soffrire ancora, ma solo Dio e il suo Cuore conosce l'ora e il giorno, ma sarà con voi, perché i tempi di Dio non sono i vostri tempi, figli! Ora fate gioire i vostri cuori perché la Cocciuta sta gioiendo nel vedere le spade che stanno per entrare nel suo Cuore! Vuoi accoglierle? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) queste sono le spade che mi sono state offerte in questo giorno! (Giulia) eccomi!(*) <Giulia riceve le spade, poi, senza emettere gridi, si accascia sulla poltrona> (Gesù) sollevati, anima mia! (Giulia) grazie, Gesù!(*) (Gesù) grazie al tuo “Eccomi”! Non ti basta che entrino nel tuo Cuore, le stringi ancora per farle entrare di più! (Giulia) Gesù, le stringo perché le amo e perché le avete toccate con le vostre mani; e dal vostro Cuore sono passate al mio che non è degno, e come non posso non accarezzarle, Gesù? (Gesù) Amene, anima mia! Prega, prega per la pace e prega per l'Uomo vestito di bianco e fai pregare i tuoi figli! Ora vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno, come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Amén! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Nel Dio Bambino che viene a nascere ancora nel cuore di ognuno di voi e dell'umanità intera, Io vengo a portarvi quel Pane candido e fresco, l'unica verità: il santo Vangelo, la Parola! La Parola viva di Dio che si fa Pane e si lascia mangiare; e Maria che abbraccia la Croce, la porta nel suo grembo per donarla all'umanità! Quel Pane, quel Figlio che nasce, ma quel Figlio non appartiene a Lei, quel Figlio lo dona ad ognuno di noi per farci assaporare il suo “”, il suo “Eccomi”, il suo rinunciare ad essere una fanciulla come tutte le altre, a distaccarsi dalle cose del mondo e a vivere per Dio e a donarci Dio! Con quale amore Dio ha scelto questa creatura per donarci la Vita, per farci camminare e gioire nel suo Paradiso! Quel Prato verde costruito per ognuno di voi ed è stato il Figlio di Maria! Ecco il Natale! Ecco l'Avvento che deve crescere nei vostri cuori, non il natale che trovate fuori quando uscite! Il “natale” del mondo vi porta far morire il Gesù che viene a nascere, quel Bambinello che cerca solo un po' di paglia e il calore dei vostri cuori: l’eccomi, figli miei, l'Eccomi del Solco, l'Eccomi di Maria, l'Eccomi di abbracciare la Croce! “sono pronta, Gesù, ma non per il mondo, ma per la tua Festa”: la Festa dell'Amore, la Festa della Croce, quella Croce che Maria ha portato nel suo grembo per donarla e per donarci la Vita: la “Vita Eterna”! Ma oggi l'avete vissuto il santo Vangelo? <Giov.  della 3° sett. di Avvento/A  Lc. 7, 24 - 30> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e come l'avete vissuto? come avete accolto Giovanni? come viene accolto? cosa siete venuti a vedere? e tu, Giglio, cosa sei venuto a vedere? avete trovato il Vangelo?  (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) vivete il Vangelo?  (Alcuni) sì!  (Piccolo Giovanni) è facile rispondere “”! Venendo avete visto qualche canna mossa dal vento? (Qualcuno) no! (Tommaso) abbiamo visto la tua Roccia! (Piccolo Giovanni) ed Io che conosco i vostri cuori.. e il Padre mi manda, perché Dio è Roccia e il Sacerdozio è Dio, e avete visto la Roccia, la Roccia che non si muove come una canna col vento, ma rimane salda anche quando ci sono le tempeste, le persecuzioni, e con i vostri occhi e con le vostre mani avete visto e toccato le mie persecuzioni e quelle che sta abbracciando la Cocciuta e ognuno di voi; ma le state abbracciando per Amore del Padre o le state abbracciando per me o per la Cocciuta? (Tutti) per Amore del Padre! (Piccolo Giovanni) Amén! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) vi ho sempre gridato: “non venite in questo Luogo, né per don Mario e neanche per Giulia, ma per Dio, perché se il mio Sigillo di Sacerdozio vivo ed eterno, si è poggiato su questo Luogo, è perché ho trovato il Padre”! Sarei stato Io il primo ad andare via, ma Dio mi ha lasciato ancora nel Cuore della Cocciuta e, per suo volere e per amore dello Strumento, Io parlo ancora e parlerò, perché non si può fermare Dio di parlare! Nessuno può fermare Dio, e Dio non deve chiedere l'ordine a nessuno di poter sfornare il suo Pane e sfamare i suoi figli e l'umanità intera! Di sua volontà si è donato, e di sua volontà si dona ancora! Volete ancora il Pane di Dio? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) mangiatelo sempre e non cercate altro; e non prostratevi a dei sconosciuti, ma prostratevi solo dinanzi alla Legno della Croce che è il Pane fresco; e non affannatevi per le vostre sofferenze: chiedetene sempre di più al Padre perché solo con la sofferenza potete gioire e per far festa! Senza la sofferenza non avete Dio nei vostri cuori, ma abbracciandola, portate Dio Bambino nelle vostre braccia! E quale gioia cercate ancora: “Dio nelle vostre braccia”, “Dio nei vostri cuori”, “Dio mio, Figlio mio”! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Dio mio, Figlio mio! (Piccolo Giovanni) è bello pronunciare queste parole: “Dio mio, Figlio mio”! E il Padre che ascolta, vi chiama “figli del mio Cuore, venite a fare festa! Venite a fare festa perché Io non faccio alcuna distinzione! Tutti siete figli del mio Cuore, perché Io non guardo l'esteriore, ma guardo i cuori di ognuno di voi e guardando i cuori, conosco il vostro amore”! Nessuno di voi è capace di uccidere una formica, e, se non siete capaci di schiacciare una formica mi offrite i vostri cuori: è la gioia più grande che offrite a Maria in questo tempo, figli! Ma Mi rivolgo ancora al Giglio: Giglio del mio Cuore, ricordati che la misura che offre ad ognuno di voi la Piccola Cocciuta è la misura di Dio, e tu conosci bene qual’è la misura di Dio! Figlio mio, sei stato chiamato e mandato da Dio: dona anche tu la misura che ha solo il Padre, e la misura è la Parola che non ha limiti; ma non cercate di comprendere con la mente ciò che sto dicendo, ma ascoltate i vostri cuori e, ascoltandoli, capirete! .............. Paolo ha detto alla Cocciuta di salutarmi ..... e donandogli il Bacio, lascio scendere su di lui la Rugiada! “Più cresce la sofferenza e più cresce l'amore ” ...... Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) e anche nei vostri cuori “più cresce la sofferenza, più cresce l'amore e più siete nel solco e il nemico non può toccarvi”, ma voi potete combattere lui col vostro “Eccomi”: col vostro Amore, perché abbracciate la sofferenza; e il nemico si combatte con l'amore e abbracciando i Dolori di Gesù! Siate coscienti di tutto questo, figlioli del mio Cuore!(*) Parlo al vostro cuore, Marì e Nicolè: sappiate ascoltare ciò che vi sto dicendo!(*) E mando l'Alito ad ognuno di voi! <3 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo ai vostri fratelli, e in modo particolare ai Figli Ministri, e fate da culla a Gesù! A quel Bambino che non ha trovato una culla, non ha trovato una casa, offrite i vostri cuori come culla e come casa! Siete disposti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) sono dolci vostri “”, ma siate anche pronti alle persecuzioni, perché è stato perseguitato quel Bimbo appena nato e sarete perseguitati anche voi che gli date una casa e portate il suo Pane fresco ovunque andate; ma non temete, il Padre non vi lascerà ed Io non lascerò nessuno di voi, figli miei, come non lascerò il Giglio del mio Cuore che è piantato nella Dimora del Padre e le radici sono profonde, e niente e nessuno può tagliare quelle radici, figli! (Giulia) Giovanni, posso dirti una cosa nel Cuore? (Piccolo Giovanni) sì, ma non chinare il capo: sollevalo! (Giulia) tu sai bene che quando parlavo con te lo chinavo sempre! (Piccolo Giovanni) ora ti chiedo di sollevarlo! (Giulia) eccomi, ora ascolti quello che ti devo dire nel Cuore? (Piccolo Giovanni) sì, figlia!(**) ora non chinare il capo! (Giulia) eccomi, grazie! Grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) vi invito ancora, figli, a tenere alto il Vangelo, a mangiarlo e a farlo mangiare, ma vi invito ancora a stare attenti al nemico, è astuto, non farlo giocare, ma rispondi sempre: “Eccomi”! Chiaro? (Telesfore) Eccomi! (Piccolo Giovanni) e anche voi! (Tutti) Eccomi! (Piccolo Giovanni) eccomi! Per volere del Padre starò sempre con voi! Ora chiedo: siete pronti per accogliere Gesù.. (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..che viene ad abitare nei vostri cuori spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e in questo tempo avete preparato la copertina bianca? (Qualcuno) sì! (Piccolo Giovanni) e qua vi voglio! Preparatela ed avvolgete quel Bimbo che sta per nascere! Ma ora disponete i vostri cuori: distaccatevi dalle cose del mondo e accogliete Gesù che viene! Io mando ancora l'Alito dell'Amore del Padre! <4 colpi di tosse con un'alitazione> preparate i vostri cuori!(*) (Giulia) eccomi, Gesù! Sono dinanzi a te per aprire la porta del mio Cuore(*) e aspetto ardentemente che tu vieni! Gesù, col tuo Amore tu cancelli ogni mio errore, ogni mio peccato, ma vieni, perché io ti desidero e voglio essere solo tua! (Piccolo Giovanni) Ecco lo Sposo che avanza! Ecco il Banchetto pronto per ognuno di voi e per l'umanità intera!(**) Ecco la mia Carne, prendete mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue, prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) Oh, mio Signore, ora che abiti dentro di me, fa che io non mi separi mai più da te! Mio Tutto! Mio Tutto, tu sei!(*) Mio Tutto!(**) (Piccolo Giovanni) ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, perché Io sono venuto ad abitare nei vostri cuori spiritualmente, figli del mio Cuore! La vostra gioia sia piena, figli, perché il Padre ha guardato i cuori di ognuno di voi, dei figli che si sono uniti a questa santa preghiera e ha lasciato scendere il suo Amore ancora. Pregate, pregate secondo le mie intenzioni che sono quelle del Padre! Ora il Dio Bambino ha sonno: lo fate riposare nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) Sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) Io dormo e veglio nei vostri cuori! Com' è dolce riposare nelle culle che aprite: non permettete al nemico di farle chiudere e non abortite quel Bimbo quando uscite fuori dalla Dimora di Dio, ma fatelo nascere, amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici!  <si rivolge ad una nipote di Rosetta> Nel Cuore della creatura nuova ho messo un fiore che crescerà e diventerà albero per cantare le Lodi al Padre! Non spaventarti, creatura del mio Cuore: la Rugiada del Padre scenderà su di te e sui tuoi cari: è Parola di Dio! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) il mio Cuore è sempre nel Cuore di Dio, ma abita nel Cuore della Cocciuta perché così il Padre ha deciso! Un altro mistero scende su di voi e sui Figli Ministri: Cuore di Dio, Cuore di Gesù, Cuore dello Spirito Santo, Cuore di Maria e Cuore della Cocciuta! ........ questo mistero ......... è inchiodato al Cuore del Giglio! Ma non affannatevi: comprenderete quando il Sole di Fatima scenderà! Sono stato in mezzo a voi e non mi avete riconosciuto! La Cocciuta e il Giglio sono in mezzo a voi e non riuscite a riconoscerli! Pregate affinché gli occhi dell'umanità intera si aprano, perché il mistero che state vivendo è mistero di Dio, e la misura di Dio non ha limiti! Volete innalzare al Padre la preghiera? (Tutti) sì! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli! Padre Nostro che sei nei Cieli, non lasciarci, ma guida i nostri passi sui tuoi passi! Fa che sia una sola(*).. il tuo camminare sia il nostro, Padre! (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) avete imparato “l'Amén” del Giglio che dona Frutti di Dio ed è Pane fresco! Ricordate: i quattro “Amen” sono il Sigillo di Dio; sigillateli sempre nei vostri cuori! Io ora devo ritornare all'ubbidienza del Padre e vi sigillo col mio Cuore che è nel petto della Cocciuta, e col bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo al mondo intero! Ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, è sempre dietro l'angolo; combattetelo con l'amore, e quando uscite fuori non abortite Gesù, figli! Tu Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) porta ancora sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli e gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi, figli miei, ed Io vi benedico col Padre col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) andate in pace portando l'Amore del Dio Bambino all'umanità intera! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ (Piccolo Giovanni) Grazie, Pargoli del mio Cuore! Rimanete sempre piccoli e all'ultimo posto per gioire nel Cuore Immacolato di Maria! Figli miei, ora rimanete uniti con la preghiera perché Io sono con voi a pregare per la pace e a fermare il flagello che sta scendendo sull'umanità!

 

 

         6. Ven 17/12/2004, ore 07.30, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

(l'Immacolata) vieni, figlia mia, sono Io la tua Mamma! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Figlia, non temere, Dio vuole poggiarsi su di te: vuoi ubbidirlo? (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) accetta questa Piaga per tutti i sacerdoti! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) e prega, figlia! Ti benedico! Amen, Amen, Amen, Amen!

Anticipatamente a quanto avvenuto in passato, oggi viene consegnata a Giulia la 1° Stigmata della quaresima 2005: LA PIAGA DEL COSTATO!

 

 

         7. Giov 23/12/2004, ore 21.07, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, come tu sai fare nell'unico abbraccio della Croce, figlia del mio Cuore!  (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) sei ancora nel mare di Sangue ma sempre di pietra, e dietro di te c'è ancora la schiera dei 24 sacerdoti! Gesù, tu piangi e sono io la prima a farti piangere: i tuoi occhi sono bagnati di Sangue! (Gesù) non sei tu a farmi piangere, ma ti chiedo di guardare!(*) Ma non dire ciò che vedi, lo scriverai e lo consegnerai al Giglio! (Giulia) subito, Gesù? (Gesù) nel 4° giorno! (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) ti invito a pregare e invito a pregare i tuoi figli e l'umanità intera! (Giulia) Gesù, ma il mare rimarrà sempre di pietra così com'è adesso? non camminerà più il mare di Sangue? (Gesù) vi invito alla preghiera e ad aprire i cuori, figliuoli, in questo tempo! Vedi, figlia mia, guarda Maria!(*) (Giulia) è bella e ha la pancia! (Gesù) e i Dolori sono vivi come sono vivi i tuoi! Figlia mia, non chinare il capo! (Giulia) Gesù, non sono capace di sopportare nulla! (Gesù) hai il Cuore squarciato e dici che non sei capace di sopportare nulla?(*) (Giulia) Gesù, è poco! Il tuo lo trafiggo attimo per attimo! Insegnami, Gesù, a non trafiggerti! Poggiati ancora quanto vuoi, e in questo tempo, Gesù, poggiati sulla tua famiglia! E ora ti offro tutti quelli che sono qui riuniti e i figli che si sono affidati alle mie preghiere. Ti offro tutte le pietruzze che sono i sacerdoti, e come sempre, metto nel tuo Cuore i miei Gigli. Poggiati, poggiati con la tua Croce, Gesù! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) Amén! Ti invito ancora a guardare, ma ciò che vedi è un flagello che sta scendendo in questo istante!(*) (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) prega e immolati come tu sai fare, nel silenzio e nell'abbraccio della mia Croce, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce e vi invito sempre a stare attenti al nemico. Combattetelo con l'amore, amando e amandovi gli uni gli altri: così i vostri cuori cresceranno, figli miei! Cocciuta Divina, vuoi unire ancora le tue mani alle mie? vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi abbracciarli per l'Uomo vestito di bianco e per le Mura che stanno crollando? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda ancora chi mette i Chiodi!(*) guarda, figlia! <1º grido>(*) sollevati, anima mia!(*) (Giulia) Gesù! (Gesù) il Parto è pieno ed è in mezzo a voi! I Dolori sono sempre più forti, figlia, ma guarda chi mette e chi toglie i Chiodi! (Giulia) Gesù, sono così lunghi, e quanto Sangue scende dalle tue mani e dai tuoi piedi! (Gesù) anche dalle tue mani e da i tuoi piedi, figlia! (Giulia) Gesù, questo Sangue ora ha formato un Solco ed è così lungo, e, alla fine nel Solco, c'è Maria che lo raccoglie e lo versa in tanti Calici, Gesù! (Gesù) riesci a contare i Calici? (Giulia) sì, sono 24 e sono tutti pieni, Gesù! (Gesù) vuoi che li versi o vuoi consegnarli al Giglio? (Giulia) il mio Cuore desidera di consegnarli al Giglio, ma sia fatta la tua volontà! (Gesù) vuoi vedere se li verso? (Giulia) sì, Gesù! Consegnali al Giglio! (Gesù) il tuo Cuore desidera questo? (Giulia) sì, Gesù! (Gesù) Giglio, un altro carico sulle tue spalle, ma non temere, Io sono sempre con te e i Calici ti daranno la forza di gridare ancora di più la Parola. Ma altri 24 Calici sono pronti anche per te, Cocciuta del Cuore della Croce, perché i Dolori sono sempre più vivi! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) Gesù! Gesù, in questo giorno so che guardi i cuori dei figli che sono qui riuniti.. (Gesù) ..dei miei Discepoli, delle mie Colonne e delle mie Suorine! (Giulia) Gesù, accarezza i cuori feriti, i cuori tristi. Tu stai per nascere: accendi la tua Luce, facci vivere la gioia della capanna, facci sentire i Dolori di Maria, così i cuori spenti, i cuori tristi, gioiranno, perché nel dolore c'è la tua Gioia, nella sofferenza c'è il tuo Amore! Gesù, allontana da noi le gioie del mondo ma donaci la gioia dei Dolori che Maria sta abbracciando per ognuno di noi e per l'umanità intera! (Gesù) tu li porti già: allarga le braccia e donali ai tuoi figli! Dona al Giglio il Dolore del Parto!(*) (Giulia) Gesù, lo sta portando in pieno: fa che sia io a portarlo per lui in questo tempo! (Gesù) il tuo Cuore e il Cuore del Giglio sono inchiodati alla Croce, e l’Amen della capanna è sceso su di voi che siete qui riuniti e sul Giglio che sta donando il profumo dell'Amore del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce, e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi. Figli miei, il Pane che il Padre viene a portarvi è il Pane della vita; non temete per chi uccide il corpo ma vivete in pieno la Parola, vivete in pieno il santo Vangelo e siate Roccia: Roccia viva del mio Cuore. Siano gioiosi i vostri cuori perché i vostri Nomi sono scritti in Cielo, e il Parto cresce sempre di più in mezzo a voi: è la linea diritta che Maria ha segnato e segna nella dimora del Padre e nel mondo intero, perché Io parlo a voi e parlo al mondo intero. Ma vi invito sempre a stare attenti al nemico, figliuoli del mio Cuore!(*) Ma mi rivolgo ancora al Giglio, invitandoti a gridare la Verità del mio Vangelo, la Verità che Maria vi sta donando come Mamma della Croce. Vivi il Vangelo di questo giorno, Giglio del mio Cuore, e fallo vivere ai tuoi fratelli donando i tuoi dolori, e, donando i tuoi dolori, offri ad ognuno di loro la mia Croce e la linea diritta, la Porta Stretta per arrivare a gioire nel Cuore di Dio, figlio! Ma mi rivolgo ancora ad ognuno di voi, chiedendo ai vostri cuori di accogliere i piccoli, i poveri, gli emarginati, i figli drogati, i figli carcerati e di amare, di perdonare, di usare carità verso tutti e al primo posto portare coloro che trafiggono i vostri cuori, e far festa, perché così potete farmi nascere e crescere quel Figlio che Maria ha donato e dona all'umanità intera; e non affannatevi per le piccole croci che portate, la grande la porto Io per ognuno di voi. Siate gioiosi e accendete i vostri occhi guardando Maria che sta per partorire e donarvi un Figlio, e quel Figlio è la Croce, la Croce che vi dona la vita eterna. Figliuoli del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, i vostri cuori sono spenti: accendeteli guardando l'Amore che il Padre lascia scendere in mezzo a voi, la grazia di donarvi un Figlio e di diventare Mamme: Mamme della Roccia, Mamme del Vangelo, Mamme dell'unica Verità, dell'unico Pane fresco che è Dio! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) i Dolori cresceranno ancora di più: sii forte, figlia mia! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù, in questo istante posso chiederti di raccogliere i Dolori di tutti i miei figli che sono qui riuniti e i figli che si sono uniti a questa santa preghiera? (Gesù) figlia, figlia mia! (Giulia) perdonatemi se ho chiesto, ma se volete, Gesù, fatemeli raccogliere e portarli nel Cuore squarciato! (Gesù) ti dico Amen! (Giulia) grazie, Gesù, grazie! (Gesù) allargo le braccia dinanzi al tuo amore, figlia! (Giulia) Gesù, io sono solo una misera peccatrice, ma il mio Cuore arde, brucia d'amore per l'umanità intera e per tutti i miei figli! (Gesù) hai acceso le lucerne che erano spente, figlia mia! (Giulia) Gesù, è il tuo Amore che le ha accese, non io! Fa che cresca un pochettino così posso aiutarti, Gesù! (Gesù) se l'umanità intera mi offrisse il tuo amore, la pace regnerebbe! Vi chiedo di pregare, figli miei! Ora vi chiedo con amore: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno, come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Amén! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Nell'unica Verità della Parola viva del Cuore di Dio, sono ancora qui in mezzo a voi a gioire ancora con i Dolori del Parto, a portare la gioia di Maria all'umanità intera, ad indicarvi quella Porta Stretta per arrivare al Cuore del Parto, al Cuore di Dio, e a vivere come Maria nel silenzio e nella sofferenza della Croce. È bello portare la Parola! È bello vivere crescendo nella Parola! E oggi la Parola è piena,  <Giov.  della 4° sett. di Avvento/A  Lc. 1, 57-66> è piena come quel Pane che si spezza e si dona, si dona ai figli che hanno fame, ai figli che cercano, ai figli che aprono le braccia dicendo “eccomi: usami come vuoi”! Per Elisabetta era arrivato il tempo di donare a Dio il suo unico figlio. È la fede così grande di Elisabetta, già avanzata nell'età ed è la fede di Zaccaria. Sembra una contraddizione quel suo stare senza parlare, <il mutismo di Zaccaria> ma il suo “” è stato pieno, e così anche per voi deve essere pieno! Nel silenzio ha accolto questo figlio donatogli da Dio per camminare dinanzi a Gesù, per preparare la via e appianare! Sono pronti i vostri cuori per accogliere il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e come sono pronti? È bello sentirvi rispondere “” perché è “eccomi”, e dire “eccomi” è tutto, come Maria; ma siete pronti come Zaccaria? ....... Giuseppe, tu sei pronto nel tuo dolore, come Zaccaria?(*) <don Giuseppe abbassa gli occhi e rimane in silenzio> si chiamerà Giovanni”!(*) Il tuo cuore è pronto perché Io lo leggo! Anche se le tue labbra non si aprono il tuo cuore grida! Non temere, figlio mio, Dio è con te, Dio sta nascendo dentro di te e griderai le Lodi dell'Amore! Non sia triste il tuo cuore, ma gioioso, figlio! Ora vi chiedo ancora: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e come l'avete vissuto? (Mosè) dovremmo serbare nei nostri cuori le parole di Gesù: “non sono venuto per essere servito ma per servire”! Dovremmo servire tutti i nostri fratelli!(*) (Piccolo Giovanni) imitare Elisabetta e Zaccaria nel cammino della Via che Maria vi sta segnando, e sapete bene che la Via che segna Maria è fatta di Dolori e di Croce, e dove non c'è la Croce non c'è neanche Maria!(*) Volete una Croce con Maria? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) rimanete sempre dinanzi ai piedi della Croce, nei momenti bui, nei momenti che la vostra voce non esce fuori, ma i vostri cuori gridano di gioia; e raccogliete tutti i figli che hanno lasciato la Via di Maria; e con la fede di Elisabetta fate crescere i cuori spenti e fateli sbocciare come quel Bambino che sta per sbocciare in ognuno di voi, figli del mio Cuore! Ma vi invito sempre a stare attenti al nemico: vorrebbe far suo il Progetto dell'Amore e usa ogni mezzo! Combattetelo con l'amore! È l'amore che fa partorire ognuno di voi: la Croce, e diventare Mamme della Croce! È grande il mistero, figli! È grande partorire la Croce, e la Cocciuta la porta nel suo Cuore! E mi rivolgo ancora al Giglio: i Dolori del Parto, per te, sono grandi, ma sai bene che il Parto deve abbracciare l'umanità e Dio ti ha chiamato in questo Luogo. Non fermarti dinanzi a niente e a nessuno: il Sole di Fatima è nelle tue mani e l'umanità intera verrà ad accendere i propri cuori dal tuo Cuore, figlio, ma sarai perseguitato ancora. E anche tu, Cocciuta, sarai perseguitata, ma l'amore e la grazia di Dio sono su di voi! E sarete perseguitati anche voi che abbracciate la Croce e siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Siano gioiosi i vostri cuori!  <si rivolge a Tommaso al quale, qualche giorno fa, è venuto a mancare il cognato di 39 anni. > E sia gioioso il tuo cuore e il cuore della tua Anna, perché un figlio è nato nel Cuore di Dio e prega per ognuno di voi! Abbraccia quel Bimbo che sta venendo nel tuo cuore, perché il Padre lo manderà nel tuo cuore! (Tommaso) grazie, Giovanni! Lo sento vivo nel cuore e la fiducia e la speranza è tanta, l'amore è tanto: per tutti, soprattutto per tutti i familiari! (Piccolo Giovanni) Amen! (Tommaso) è la mia ferita più grande! (Piccolo Giovanni) stringila al tuo cuore e sii gioioso perché un figlio è nato nel Cuore di Dio e nel tuo cuore! Sia piena la gioia! (Tommaso) per me non è morto, Giovanni, perché lo sento veramente vivo nel cuore! Solo che è difficile dirlo agli altri! (Piccolo Giovanni) gridalo come lo sto dicendo Io! (Tommaso) ho messo i manifesti e gioivo perché vedevo Gesù.. e sul manifesto l'ho cambiato: ho messo il Volto di Gesù perché sapevo che l'aveva già accolto nel suo Cuore: sicuro! (Piccolo Giovanni) Amen per il tuo amore! Amen per la tua fede: falla crescere ancora e allarga le braccia e donala ai tuoi Cari e non temere niente e nessuno! È Parola di Dio, figlio! (Tommaso) Amén! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Amén! (Piccolo Giovanni) e ora vi do l'Alito dell’Amen dello Spirito Santo! <4 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, figli miei, ma vi invito ancora a pregare per l'Uomo vestito di bianco e per la pace! E accogliete quel Bimbo che Maria vi consegnerà, perché lo consegnerà ad ognuno di voi e all'umanità intera! Non abortitelo, ma sappiate che il Bimbo porta la Croce e la santa Sofferenza, e, con la santa Sofferenza, potete arrivare a gioire e a rimanere sempre nel Solco di Dio! Dove non c'è sofferenza non c'è la grazia di Dio; dove c'è la sofferenza c'è Dio che cresce! È bello tutto questo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ma non dimenticate di tenere sempre alto il santo Vangelo e di viverlo in pieno; e oggi l'avete ascoltato: è pieno ed è Roccia, e la Roccia non vola via col vento!(*) Ricordalo, Giglio del mio Cuore: la Cocciuta è stata mandata dal Padre e il vento del mondo non la porterà via perché è salda nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, come lo sei anche tu! Ma dovrete soffrire ancora a causa del Nome di Gesù! Ti invio l'Alito del mio Amore! <3 colpi di tosse con un'alitazione> sii forte, Giglio del mio Cuore, e siate forti anche voi perché i tempi che il Padre ha preparato non li conoscete e non conoscete neanche l'ora e il giorno, ma, come i bimbi che crescono e ascoltano la voce della mamma, siate anche voi attenti come i bimbi!  <si rivolge a Telesfore> Ti do l'Alito! <3 colpi di tosse con un'alitazione> (Telesfore) Amén! (Piccolo Giovanni) perché il cuore lo desiderava! (Telesfore) eh! (Piccolo Giovanni) ma dovrai portare sulle tue spalle anche tu il tuo peso e gioire. Il peso diventerà più grande perché i dolori della Cocciuta saranno ancora più grandi e il suo “” è pieno, figlio del mio Cuore! Ma non temete, Dio la lascerà ancora: non spaventatevi, dovrà soffrire per l'umanità che sta andando alla perdizione e per i Figli Ministri che sono le pietruzze del suo Cuore, e ama, e ogni suo “” che gli viene chiesto, Dio si poggia, e il “” che dona è per i Figli Ministri!(*) (Giulia) Giovanni, posso chiederti una cosa nel Cuore? (Piccolo Giovanni) eccomi!(*) (Giulia) Grazie! Grazie, Giovanni!(*) Grazie! (Piccolo Giovanni) ricordate che Io non faccio distinzioni: siete tutti miei figli e guardo i cuori di ognuno di voi e li porto dinanzi al Cuore del Padre per gioire e fare festa con quel Bimbo che sta per nascere! Vi chiedo solo di essere lucerne accese e di tenere alto il santo Vangelo! Io vi ho insegnato a tenerlo alto e a viverlo, e vivere il Vangelo è abbracciare la Parola di Dio, è abbracciare la Croce, è dire “eccomi” ora e per l'eternità, come è “l'eccomi” di Maria!(*) Nei suoi Dolori non ha rifiutato “l'eccomi”, ma ha partorito la Croce e la partorisce attimo per attimo nei Dolori nel vedere l'umanità morta! Fatela vivere accogliendo i Dolori e vivendo nell'Amore della Croce! Figli miei, ho turbato il cuore di ognuno di voi? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) volete ancora accogliere il Bimbo che sta per nascere? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) camminate nella Via stretta perché il Solco è lungo ed è profondo e Maria si prepara a donarvi ancora la Croce. Se siete qui riuniti non è di vostra volontà ma è Dio che vi prende in braccio come quel Bambino e vi usa per salvare l'umanità intera; e i piccoli Giovanni sempre all'ultimo posto, perché non c'era posto ma c'era solo una stalla; e così anche voi, non cercate i primi vostri, ma rimanete sempre agli ultimi: piccoli, poveri, ma “Giovanni! Chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) anche tu, Giglio: piccolo, povero, ma “Giovanni”, all'ultimo posto nella Dimora di Dio(*) e nell'abbracciare in pieno la Croce! Ora lascio scendere ancora l'Alito dei dolori che la Cocciuta porta sulle sue carni! <4 colpi di tosse con 4 alitazioni> è l'Alito del Cuore squarciato: accoglietelo e abbracciate l'umanità che è sorda ed è cieca, e non vuole vedere e non vuole ascoltare il Parto di Dio! Vi invito ancora, figli, come Sacerdozio vivo ed eterno, a preparare la culla dei vostri cuori per far entrare Gesù che viene. Ma vi invito a stare attenti al nemico. Usate l'Amore di Maria per combatterlo, perché Dio ve lo offre attimo per attimo! Ora siete pronti? i vostri cuori sono pronti per accogliere Gesù che viene ad abitare dentro di voi spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) distaccatevi dalle cose del mondo e disponetevi per Gesù che viene per amore!(*) (Giulia) eccomi, Gesù, sono piena di peccati ma solo tu puoi cancellarli col tuo Amore! Io m'inchino dinanzi a te, Gesù, e solo tu conosci il mio Cuore! Ora, Gesù, io te lo offro: vieni ad abitare dentro di me, e da questo istante non permettere che io mi separi da te! Voglio vivere come Maria che ti ha portato nel suo grembo come Tabernacolo. Fa che il mio Cuore sia sempre il tuo Tabernacolo: Gesù, te lo chiedo in questo istante da parte mia e per tutti i miei figli e l'umanità intera! (Piccolo Giovanni) Ecco il Banchetto in mezzo a voi! Ecco lo Sposo che avanza! Ecco “l'Amen” del tuo Cuore, Cocciuta Divina! Disponetevi per accogliere Gesù che viene!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi! (Giulia) mio Diletto! Sposo dell'anima mia! Quiete e unica Fonte viva dell'Amore del Cuore di Dio, ora che sei nel mio Cuore bussa forte: bussa affinché io mi desti dal sonno e innalzi a te la lode del mio amore, oh Diletto dell'anima mia! (Gesù) Amen, Amen! (Tutti) Amén!(*) (Piccolo Giovanni) la gioia è piena nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) non abortite Gesù, ma, come Maria, fatelo a nascere, Pargoli del mio Cuore! Ora il Dio Bambino ha sonno e vuole riposare nei vostri cuori: gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) Sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) è dolce dormire nei vostri cuori! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera!(*) Fatela gioire in questo tempo unendovi al suo Cuore e salendo il Monte, figliuoli, e, salendo il Monte, portate sulle vostre spalle il Legno della Croce! “Chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”! Maria ha seguito “l'eccomi” del Padre per accendere la Luce e donare la vita eterna ad ognuno di voi e all'umanità intera! Vogliamo innalzare al Padre la preghiera? (Tutti) sì! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre! Padre! Padre, guarda l’Amen dei cuori della tua famiglia e fai scendere la Rugiada, e non lasciarci quando cadiamo per terra: siamo deboli, ma i nostri cuori sono rivolti al tuo! Padre, tu sei sempre pronto a sollevare ognuno di noi; a volte siamo noi che non vogliamo alzarci, ma col tuo Amore accendi la Luce nei nostri cuori e fa che sia sempre la tua Alba; fa che possiamo vedere sempre la tua Luce e destarci dal sonno e alzare gli occhi e guardare i tuoi che sono sempre accesi per ognuno di noi, Padre! (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) è gradito al Cuore del Padre il vostro “Amén”!(*) Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre. Come Piccolo Giovanni, vi sigillo uno ad uno, e sigillo anche il Giglio invitandolo a crescere! Crescete anche voi e donate al Padre il vostro “eccomi”! Vi amo, figliuoli del mio Cuore, e vi invito sempre a stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce! Dio vi ha donato tutto il suo Amore: combattete amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici. E nell'Amore del Padre, Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) crescete nell’Amen di Dio e portatelo all'umanità intera, figliuoli del mio Cuore! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera e gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi, figlioli del mio Cuore! Ora andate nella Pace di Dio facendo ardere il Bambinello nei vostri cuori!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ (Piccolo Giovanni) Grazie, Pargoli del mio Cuore!(*) Portate nel mondo il mio Lievito! Figli, Io rimango con voi a pregare! (Giulia) grazie, Papà!

 

         8a. Ven 24/12/2004, ore 07.30, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

(l'Immacolata) vieni, figlia mia, sono Io la tua Mamma! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Figlia mia, vuoi consolare ancora Gesù? (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) vuoi che Lui si poggi ancora su di te? vedi, figlia come soffre? (Giulia) Mamma, fatelo poggiare, eccomi! (l'Immacolata) accetta quest'altra Piaga per i Figli Ministri! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) ti benedico con l’Amen del Padre! Amen, Amen, Amen, Amen!

Oggi viene consegnata a Giulia la 2° Stigmata della quaresima 2005: LA PIAGA DELLA SPALLA!

 

         8b. Ven 24/12/2004, Stanza more solito

 

Messaggi di Maria e del santo Giovanni di oggi (ore 16.20)

(Giulia) se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*).Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù, Sposa del mio Divino Figliuolo, in questo giorno illuminato dal Cuore di Dio, unisciti ai Calici di Gesù. Bevi per il suo Amore i Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*) e, nel tuo amore di mamma, accogli ancora una volta i Dolori del Parto vivo del Cuore di Dio che passano attraverso Giovanni e attraverso di te, figlia del mio Cuore, e nella Misericordia Infinita del Padre, prega per l'umanità tutta, donando il tuo “eccomi” al Padre per i Grandi del mondo e donando il tuo “eccomi” al Figlio per i Grandi della Casa del Padre. Immolati, figlia, e abbraccia i dolori dell'umanità intera come l'ha abbracciati Gesù sul letto della Croce, e come Io ho abbracciato dinanzi all'Angelo “eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto” e, come Mamma, vi ho donato Gesù. Nell’“Eccomi” del mio Cuore ho partorito la Croce, e nell'Eccomi del mio Cuore vi invito in questo giorno ad essere cuori vivi, cuori accesi, cuori che ardono per Dio, cuori che partoriscono Dio nell'amore e invocando la pace per l'umanità intera, e cercando la pace nei vostri cuori, perché Dio regna, Dio è vivo se voi lo chiamate, e aspetta “l'eccomi” per nascere. Dio è nei vostri cuori, ma dovete farlo nascere e farlo vivere. La pace scenderà come quel Bimbo che nasce aspettando ognuno di voi, aspettando “il Parto del vostro sì”, ed Io parlo a voi e parlo al mondo intero: PROSTRATEVI DINANZI AL DIO BAMBINO. Prostratevi dinanzi al Parto vivo del Cuore di Dio che allarga le braccia e aspetta ognuno di voi. E, come Umile Ancella, Mamma del Cuore di Dio, vi invito a pregare e ad essere coscienti: è la Luce del mondo che viene a visitarvi e a liberarvi dalla schiavitù! Ecco, un Figlio vi è stato donato: non abortitelo! Fatelo crescere nei vostri cuori! Fatelo vivere e camminate con Lui nella sua Luce, nel suo Amore e nella sua Pace, figli del mio Cuore. Ma come Mamma vi invito sempre a stare attenti al nemico: non fatevi rubare quel Bimbo! Stringetelo ai vostri cuori e camminate nel Solco della santa sofferenza abbracciando con me i Dolori del Parto che in questo istante sono vivi in mezzo a voi attraverso lo Strumento che Dio usa per donare la sua Parola all'umanità intera e ad ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! (Giulia) Mamma, come sei bella! Come sei bella in questo giorno! (l'Immacolata) sono bella perché amo! Amate anche voi e sarete raggianti e partorirete il Figlio di Dio nell'amore e nell'abbraccio del Cuore del Padre! (Giulia) Mamma, in questo giorno lasciami chinare il capo e mettere nel tuo Cuore l'umanità intera, mettere nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, e mettere nel tuo Cuore tutte le pietruzze: i sacerdoti; e come sempre, metto nel tuo Cuore i miei due gigli: fa che crescano sempre nel tuo Amore Materno! Se c'è posto, fa che io possa rimanere come misera peccatrice accanto al tuo Cuore per riscaldare il Cuore di Gesù con le mie lacrime, Mamma! (l'Immacolata) Amen, figlia mia, Amen! Ora ti invito a guardare e a gioire!(*) Allarga le braccia(*) e accogli nelle tue braccia il Figlio che vi è stato donato!(*) <le consegna Gesù Bambino> è sul letto della Croce!(**) (Giulia) Mamma, così piccolo ed è già inchiodato sul suo lettuccio della Croce?(*) ma i suoi occhi sono delle stelle accese che danno luce all'umanità! Dio mio, Figlio mio, quante volte con le mie mani ti ho inchiodato su questa Croce! Non sono degna di tenerti in braccio! Oh, piccolo Pargolo, oh, Agnello che ti immoli per donare la vita a noi miseri peccatori! Oh, come vorrei donare i miei occhi per far vedere a tutti la tua tenera bellezza, il tuo amore infinito, Gesù!(*) Mamma!(*) Mamma! (l'Immacolata) dona Gesù! Dona il Figlio di Dio ai cuori spenti, all'umanità intera! (Giulia) sì, Mamma! Ora so come donarlo: col mio Sangue: fino all'ultima goccia del mio Sangue come l'ha versato Gesù!(*) È questo che vuole il Padre, ed io sono pronta a donare il mio “eccomi”!(*) <Giulia avvicina il Bambino alle sue labbra e lo bacia> (l'Immacolata) accogliete Gesù nell'abbracciare la santa sofferenza e la Croce!(*) <si rivolge a Telesfore> Accogli Gesù nello stringere la mano che l'ha accarezzato! Destati dal sonno e grida l'Amore di Dio; dona l'Amore di Dio nel tuo “eccomi” al Padre, figlio! (Telesfore) Eccomi! (Tutti) Eccomi! (l'Immacolata) un Figlio vi è stato donato: non permettete al nemico di rubarvi Gesù dal cuore distraendovi con le cose del mondo! Figli miei, il mio Cuore è gioioso nel vedervi uniti a lodare il Padre, ma vi chiedo ancora di pregare per la pace e di essere sempre rocce e fermare i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità intera, perché l'umanità ha dimenticato che un Figlio è nato in mezzo a voi e chiede il vostro amore, i vostri doni che sono i vostri cuori! È questo che chiede il Dio Bambino: il Parto vivo che è in mezzo a voi, figli! Cocciuta Divina, porterai ancora i Dolori del Parto perché Dio ti sta usando per accendere i cuori dei Figli Ministri e portarli nel Solco del Cuore di Dio! Prega come tu sai fare! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) Giglio del mio Cuore, vengo ad accarezzare il tuo Cuore ferito e raccogliere il Sangue, quel Sangue che farà scendere la Rugiada sull'umanità! Dio ti sta usando, Dio sta usando il tuo Cuore per portare nel mondo la pace e ha inchiodato il tuo Cuore al Cuore della Cocciuta! Non temere, figlio mio, soffrirai ancora, ma abbraccia con amore la sofferenza che il Padre ha poggiato sul tuo Cuore. Dio ha sigillato il tuo Cuore nella Dimora e niente e nessuno cancellerà ciò che Dio ha scritto! Presto innalzerai il Calice del Padre e allargherai le braccia per accogliere il tuo popolo, il popolo che Dio ti ha donato, e, col Bastone in mano, camminerai innanzi e porterai i tuoi figli a bere all'Acqua Zampillante! E anche tu, Cocciuta, alzerai il bastone che Dio ha messo nelle tue mani per sconfiggere il male! (Giulia) eccomi: usatemi come volete! (l'Immacolata) Amen, figlia, Amen! Nell’Amen di Dio, Io sono in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi. Figliuoli del mio Cuore, vi invito, come Mamma, a pregare ancora per la pace, per l'Uomo vestito di bianco, e alzate le Mura con la vostra fede; fatela crescere e rimanete sempre poggiati sulla Roccia che è Dio, quel Dio Bambino che vi è stato consegnato nei vostri cuori. Figli miei, vi chiedo ancora: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate tutti i vostri nemici, e, con i cuori di bimbi amatevi gli uni gli altri ma con quell'amore duraturo, con l'Amore che Dio lascia scendere nei vostri cuori; non fermatevi all'amore che si poggia solo sulle labbra e vola via col vento, fermatevi e donate l'amore che bussa nei vostri cuori, figli miei. E ora lascio scendere in mezzo a voi l'Amore di Dio: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Bimbo nato in mezzo a voi sia nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Nell'Amore del Padre e nell'ubbidienza piena mi siedo un po'(*) portandovi la Luce e la Verità del santo Vangelo ed indicandovi sempre la via per arrivare al Vangelo. Non si arriva a capire il Vangelo con la mente, si arriva a capire il Vangelo lasciando passare nel cuore la Croce, la santa sofferenza. Gesù è nato attraverso i Dolori di Maria, e Maria ha accolto Gesù accogliendo la Croce. Nell'annuncio dell'Angelo “partorirai un Figlio e sarà Figlio dell'Altissimo. Quel Figlio non sarà per te, ma per l'umanità intera, e tu dovrai abbracciare la Croce e portarla prima di Lui e donarla nel tuo - eccomi - all'umanità intera”. Ed ecco pronta Maria “Eccomi”, e quell’Eccomi ci ha donato un Figlio, quel Figlio che col suo Sangue ci ha donato la vita eterna: ha preparato un posto per ognuno di noi per gioire nel Cuore di Dio, il Paradiso, la gioia che non finisce, la gioia che non ha misure, la gioia che non ha un tempo, ma il tempo è tutto di Dio perché staremo tutti alla presenza di Dio e all'ubbidienza, al suo amore. Ma Dio aspetta “l'eccomi” e non fa alcuna distinzione perché non guarda l'esteriore, ma guarda i cuori di ognuno di noi. Ed Io vivo nel Cuore del Padre per sua grazia: ha guardato il mio Cuore, e, nella sua Misericordia Infinita, mi lascia venire in mezzo a voi per amore dello Strumento che si lascia usare abbracciando i Chiodi, abbracciando la Croce e accogliendo i Dolori di Dio e portando i segni sul suo corpo. “Eccomi”, “eccomi, Papà”! Come vorrei che l'umanità intera gridasse “eccomi”, “eccomi, Papà”! Pregate, figli, pregate, e col vostro amore fermate i flagelli. Ma state attenti al nemico: è sempre pronto per farvi cadere! Accendete l'Amore di Dio guardando quel Figlio che vi è stato donato!(*) Ma oggi avete vissuto il santo Vangelo? <Vigilia di Natale, vangelo della messa della notte Lc. 2, 1-14> (Tutti) sì!(*) (Piccolo Giovanni) e come Maria che era pronta ed è pronta a donarvi Gesù, voi siete pronti a partorire? Per Maria il tempo si era compiuto; ma voi avete un tetto, Maria non l'ha trovato e neanche Giuseppe, e neanche Dio: c'era solo una piccola stalla, una piccola capanna. Voi siete disposti a lasciare tutto ed andare in quella stalla per partorire il Figlio che Dio ha messo nei vostri cuori? (Qualcuno) sì!(*) (Piccolo Giovanni) eh, si, è facile rispondere “”! È facile dire “il mio dolore è più grande dell'altra sorella” e non si guarda il dolore di Maria! Non si guarda il Parto! Non si sentono i dolori perché si pensa ai propri, non pensando il dolore di Dio nel vedere l'umanità che si perde! È così che oggi avete vissuto il Vangelo? pensando ai propri dolori? pensando ai propri affanni? pensando ai banchetti del mondo?(*) “Vado a fare un po' di compagnia ma dopo devo correre perché devo preparare il - banchetto del mondo -”, mentre Maria ha trovato soltanto una mangiatoia dove poggiare il Re dei Re. E avete mai pensato a quale banchetto ha pensato Maria in quell'istante?(*) Voi vi affannate a preparare le cose del mondo, le apparenze del mondo, ma non vi chiedete “cosa pensava Maria quando ha deposto quel Bimbo nella mangiatoia?”: il pranzo delle vostre anime: la Carne e il Sangue di Gesù: il Banchetto Nuziale! Che mistero! Non siete mai arrivati a pensare questo?(*) “Andiamo ad ascoltare la messa di Natale, andiamo a baciare il piede di Gesù Bambino, ma nei nostri cuori cosa portiamo a quel Gesù Bambino?”: la fretta, il correre, l'essere pieno delle cose del mondo! Andiamo a portare il nostro “di più”, a baciare quel piede col nostro “di più” e nel correre a riempirci ancora delle cose del mondo!(*) “È tardi, non so se potrò baciare quel piede perché mi aspetta altro”: gli amici, gli ospiti, il natale del mondo e non guardando il nostro vero Cibo!(*) Parlo a voi e parlo al mondo intero! Se voi siete qui, almeno siete venuti a baciare quel piede che è il vostro Cibo e la vostra Bevanda! Basta con l’evangelo di questo giorno ciò che ho detto? (Alcuni) sì! (Piccolo Giovanni) vorrei ancora andare avanti ma mi fermo solo a dire al Giglio: ecco il Cibo che Dio ti ha conservato nella Dimora! Non temere: alza la Spada e combatti come ho fatto Io!(*) Il tuo Cuore gronda Sangue, ma quel Sangue è Prezioso perché porterà l'Unione della Chiesa del Figlio di Dio! E ora vi chiedo di gridare “Amén”! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) invitandovi a camminare sempre nel Solco che vi ho indicato e a tenere alto il santo Vangelo, figli miei! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) sarai ancora perseguitata e soffrirai ancora! I Dolori del Parto aumenteranno sempre di più: sii sempre Cocciuta come ti ho scelta, figlia mia! Sposa del mio Cuore, abbraccia tutti i sacerdoti: tienili stretti e portali sulla Via di Dio! Sali il Monte! (Giulia) eccomi, Giovanni, ma dammi sempre il tuo respiro! (Piccolo Giovanni) ora lo do a te, ai tuoi figli e all'umanità intera! <3 colpi di tosse con un'alitazione> accogliete l'Alito del Padre e non temete niente e nessuno! Donatelo sempre a tutti i vostri figli e non siano turbati i vostri cuori perché il Padre non guarda l'esteriore ma guarda la fiammella accesa dentro di voi, e, col suo Soffio, la fa crescere sempre di più, figli miei! Giglio, accendi il Fuoco dello Spirito Santo e sia gioioso il tuo Cuore perché Dio ha scelto te per lavorare nella Dimora! Io ho risposto per te “l'Eccomi” al Padre e l’Amen è sceso, Giglio del mio Cuore. Vi chiedo ancora di pregare secondo le mie intenzioni di Sacerdozio vivo ed eterno, figliuoli!(*) (Giulia) Giovanni, posso dirti una cosa nel Cuore? (Piccolo Giovanni) eccomi, figlia!(**) (Giulia) grazie!(*)  (Piccolo Giovanni) donagli il mio Bacio!(*) (Giulia) grazie!(*) (Piccolo Giovanni) vi invito ancora a tenere alto il santo Vangelo e a camminare nell'Amore del Padre e a vivere col Cuore del Figlio che vi è stato donato! Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre!(*) Lodate e benedite Dio per tutto l'amore che lascia scendere nei vostri cuori! E come Sacerdozio vivo ed eterno, Io lascio scendere su di voi la benedizione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! (Tutti) Amen! (Piccolo Giovanni) l'Alito di Dio scenda ancora su di voi! <5 colpi di tosse con un'alitazione> andate in pace e portate il Cuore di Dio nell'umanità intera con “l'eccomi” del mio Cuore! Tu, Cocciuta Divina, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera e gioisci, figlia mia, nel vedere ancora la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi, figliuoli!(*) (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) lode, lode, lode, lode, lode, lode, lode, lode, lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria! Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amen pieno scenda nei vostri cuori e nei cuori dell'umanità intera, figli del mio Cuore!(**) Dio è con voi: non temete niente e nessuno! <un’alitazione> ora sentirai i Dolori ancora più forti!(*) <Giulia ansima ma non grida>(*) è il peso dell'umanità!(**) (Giulia) eccomi, Gesù! Eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) portali ovunque vai! (Giulia) Eccomi! Eccomi! Eccomi!