LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 53

 

 

IL MONDO NON HA PACE PERCHÉ NON È IN PACE CON DIO E COL FRATELLO, E LA PACE

SCENDERÀ QUANDO SI BUSSERÀ E TUTTI INNALZERETE LE MANI AL PADRE

(dal messaggio del 03/02/2005)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

 

         1. Giov 27/01/2005, ore 21.06, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci ancora nel bere i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, come tu sai fare nel silenzio e  nell'abbracciare il Letto della Croce, figlia del mio Cuore!  (Giulia) Gesù, tu cammini ancora nel mare di Sangue ed è sempre di pietra, e dietro di te ci sono sempre i 24 sacerdoti, ma i loro abiti diventano sempre più di pietra! Gesù, tu piangi Sangue, e il Sangue sta bagnando il tuo abito! Gesù, cosa ho sbagliato oggi? (Gesù) non hai sbagliato tu, figlia, Io piango perché un altro flagello sta scendendo sull'umanità! Guarda figlia, ma non spaventarti!(*) Non toccare ciò che vedi! (Giulia) Gesù, cosa posso fare? (Gesù) allarga le braccia e invita i tuoi figli, i Discepoli, le Colonne e le Suorine a pregare e a ricordare che Dio è vivo, è in mezzo a voi e aspetta l’eccomi! (Giulia) Gesù, non posso dire ciò che vedo? (Gesù) al 4° giorno lo scriverai e lo consegnerai al Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù! Ma tu piangi ancora! (Gesù) sono Padre, e, nel guardare i miei figli, i miei occhi grondano lacrime di Sangue! (Giulia) Gesù, insegnaci ad amare come ami tu! Insegnaci a saper portare la Croce come la porti tu per noi attimo per attimo! Insegnaci ad essere Luce, come i tuoi occhi, per poter accendere tutti i cuori e cercare solo te, Gesù! (Gesù) chino il capo, figlia, perché Io vengo solo a portare la Luce del Padre in mezzo a voi e nel mondo intero, ma l'umanità non cerca la Via Stretta, l'umanità abbraccia la via larga dove Io non ci sono, dove Io vengo sputato, calpestato e cacciato fuori! Prega, figlia, e immolati come tu sai fare! (Giulia) eccomi come straccio dinanzi ai piedi della tua Croce! Gesù, usami come vuoi! Gesù, anche in questo giorno metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti, coloro che si uniscono a questa santa preghiera nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e tutti coloro che hanno portato nei propri cuori! Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore le mie pietruzze che sono i sacerdoti, e, in modo particolare, metto i due Gigli come sempre! Gesù, tu conosci il nome di questo tuo Figlio Ministro che il nemico ha fatto cadere: NON LASCIARLO GESÙ, prendilo per mano, e, se volete, poggiatevi ancora sulle mie spalle! Gesù, perdonami se chiedo questo, ma voi conoscete il mio Cuore: arde per tutti i sacerdoti! (Gesù) figlia mia, affido nelle tue mani questo mio Figlio: PREGA! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ora vi invito ancora a stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce! Combattetelo con l'amore e usate l'Amore della Croce perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, figlioli del mio Cuore! Ora ti invito ancora a guardare e ad accogliere i Dolori del Parto vivo della mia Croce, figlia! (Giulia) Gesù, vedo tante anime cariche di peccati!(*) Gesù! (Gesù) accogli ancora i Dolori!(*) <Giulia soffre senza emettere alcun grido> (Giulia) Gesù, poggiate la vostra mano su quelle anime: potete farlo se volete, Gesù! (Gesù) tu abbraccia ancora i santi Dolori! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) ora guarda le anime! (Giulia) sono candide, Gesù! Com'è grande il vostro Amore, Gesù, ma ancora il mare di pietra non si scioglie! (Gesù) non temere, figlia mia, tu prega e fai pregare sempre i tuoi figli! Pregate per la pace! Chiedete al Padre lo Shalom del suo Cuore! Prega per l'Uomo vestito di bianco! Vedi, figlia, è sotto il peso della Croce che porta per l'umanità! (Giulia) Gesù, sta sanguinando ma nessuno lo alza! (Gesù) sollevalo, alzalo tu, figlia!(*) Prendi tu la Croce e portala sulle tue spalle! E chi di voi mi ama prenda la propria Croce e mi segua, perché Io sto salendo il Monte: venite dietro di me, figli del mio Cuore! Ora, figlia, vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) li vuoi abbracciare per le Mura che stanno cadendo? vedi, sono tutte frantumate a terra! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) vieni, unisci le tue mani alle mie, anche se portano già i Segni del mio Amore!(*) <= le Stigmate di questa Pasqua> guarda i Chiodi e guarda chi li mette, e lo dirai al Giglio! (Giulia) Gesù! Gesù! <1º grido>(*) (Gesù) sollevati anima mia!(*) Guarda ancora i Chiodi nelle tue mani e sui tuoi piedi! (Giulia) oh, Gesù, sono così grandi e il Sangue scende dalle vostre mani, Gesù, ma viene raccolto in un grande Calice! (Gesù) vuoi che versi questo Calice? ma guarda cosa succederebbe!(*) (Giulia) no, Gesù, no! (Gesù) vuoi berlo per l'unione della Chiesa? (Giulia) sì, Gesù, sì! (Gesù) è amaro figlia!(*) l'ultima goccia, bevila!(*) <si percepisce l'amarezza di questo Calice che Giulia a sorsi riesce a bere> (Giulia) Gesù!(*) (Gesù) guarda ancora, figlia mia! (Giulia) scende ancora Sangue dalle vostre mani! (Gesù) anche dalle tue, figlia! (Giulia) ma il Sangue, Gesù, sta andando nel fiume, nel Solco segnato da Maria, Gesù, e Maria è ancora nella barca e tiene ancora nelle mani le “lettere”! (Gesù) quelle che hai scritto e consegnerai al Giglio! (Giulia) Gesù, ditemi se le ho scritte giuste perché io non capisco che significato hanno! (Gesù) sì, figlia, ma il Giglio capirà, non temere! Invito ognuno di voi a pregare e ad essere vigilanti i questo tempo. Figli miei, Io allargo sempre le braccia per portarvi nel Cuore del Padre, ma vi chiedo, figli miei, di stare attenti al nemico: è sempre dietro l'angolo! Non dategli spazio, combattetelo con l'amore e col segno del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. E ricordate sempre che Io sono vivo e reale in mezzo a voi, con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi! E vivere il Vangelo è mangiare il Pane fresco e donarlo all'umanità intera, figli miei, e chi vuole intendere, intenda, la luce che scende in mezzo a voi e nel mondo intero, figli del mio Cuore! Giglio, mi rivolgo ancora al tuo Cuore invitandoti a portare il Pane e a mangiarlo col tuo popolo, il popolo che il Padre ha consegnato nelle tue mani nella Dimora viva! Allarga le tue braccia sul Letto della Croce perché il tuo Cuore è inchiodato al Cuore della Cocciuta! Giglio, grida la Verità del Padre e non temere niente e nessuno, perché nulla può rimanere nascosto! La Verità e la Luce di Dio brillerà nel mondo intero e ciò che il Padre ha messo nelle tue mani è Verità ed è Luce! Il Solco è lungo ed è profondo, figlio, ed è segnato dai Dolori del Parto di Maria che sono i Dolori della Croce! Sarete perseguitati ancora a causa del mio Nome, e sulle tue spalle, Giglio, poserò ancora di più la mia Croce, ma non temere, non ti lascerò solo! Figlio, vedi, Io uso lo Strumento che è la Cocciuta per donare all'umanità i Dolori del Parto vivo e accendere i cuori spenti, ma è Dio ad usare lo Strumento a suo piacimento perché l'Eccomi è pieno. Rispondete anche voi,.. (Tutti) ..eccomi.. (Gesù) ..figli Ministri, l'Eccomi del Cuore della Croce! E anche voi, Discepoli, Colonne e Suorine del mio Cuore: lo so che ardete e rispondete prima che Io finisca di parlare! Ma è bello il gesto nel rispondere per tutti i Figli Ministri che sono Parte Eletta del mio Cuore, figli miei! Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi ancora aiutarmi? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) mi poggerò ancora su di te, figlia! (Giulia) eccomi! (Gesù) e mi poggerò sempre per i Figli Ministri! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù, sono così buoni, perché soffri così quando parli dei Figli Ministri? (Gesù) prega e soffri con me nel silenzio! (Giulia) perdonatemi, Gesù! Eccomi!(*) (Gesù) mi rivolgo ancora al Cuore del Giglio chiedendo a lui di prepararmi la “lucerna” e di tenerla accesa in questo tempo! (Giulia) che significa, Gesù? (Gesù) capirà, figlia, e anche tu tieni accesa la lucerna perché il Parto è vivo, è in mezzo a voi ed è pronto, e altre spade trafiggeranno il tuo Cuore! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vi invito sempre a tenere alto il Vangelo, a mangiarlo e a donarlo ai fratelli, amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate tutti i vostri nemici, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera! Ora vi chiedo ancora: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il  Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi; in ubbidienza al Padre vengo a portarvi sempre la Parola viva del Cuore di Dio, indicandovi sempre il Solco che porta ognuno di noi a gioire nel Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, del Cuore Immacolato di Maria, figlioli! E il mio sguardo è sempre rivolto al Vangelo e alla Croce, e, come Sacerdozio vivo ed eterno per volere di Dio, invito ognuno di voi a crescere e a mangiare sempre il Pane, a vivere dell'unica Parola che Gesù lascia scendere per ognuno di voi e per l'umanità intera! E la Parola di questo giorno è Luce, è Verità, è Vita, e per Amore del Padre e per l'Eccomi del Cuore della Cocciuta, Io sono ancora qui in mezzo a voi a gioire con la mia famiglia: i miei Discepoli, le mie Colonne e le mie Suorine! Figli miei, state attenti al nemico; combattetelo col vostro amore, col vostro “Eccomi” innalzato al Cuore di Dio! Usate sempre l'Amore che il Padre lascia scendere nei vostri cuori e accendete la Luce ovunque andate: perdonando e amando e abbracciando la Croce che Gesù poggia sulle spalle di ognuno di voi, figli miei, perché siete stati scelti uno ad uno e sigillati col Sigillo della Croce: l'unica Verità, perché Gesù che è in mezzo a voi è il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! E non prostratevi a dei sconosciuti, chinate i vostri capi solo dinanzi al Legno della Croce, e, come servi inutili, dopo le vostre fatiche, rimanete sempre all'ultimo posto dicendo: “Padre, sono un servo che non so fare nulla, ma se tu vuoi fammi rimanere a pulire la Croce come straccio, Gesù”! Ma in questo giorno avete vissuto il santo Vangelo? <Giov. 3° sett. T.O. /A Mc. 4,21-25> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e ditemi: come avete vissuto il santo Vangelo?(*) e qua vi voglio! Come avete mangiato il Pane in questo giorno?(*) Ricordate il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì!  (Piccolo Giovanni) e cosa avete fatto in questo giorno della Parola? (Tommaso) l'abbiamo accesa nei nostri cuori, pronti per metterla, appunto, davanti agli occhi di tutti: che non sia più nascosta; ritirarla solo per chi rifiuta, e pregando affinché si possa ravvedere ed è lui stesso a cercare la Luce che ha rinnegato! (Piccolo Giovanni) Amen, figlio, Amen! CHI VUOLE INTENDERE, INTENDA! È bello il Pane che il Padre vi ha donato in questo giorno, ma state attenti a non abortirlo; questo Pane fatelo crescere e accendetelo sempre di più nei vostri cuori per poterlo donare all'umanità e ai fratelli. Ai cuori che non conoscono ancora la Luce di Dio, fatevi Luce e donatevi sempre; donatevi con la misura di Dio che non ha limiti e si dona per tutti i figli senza fare alcuna distinzione! Così anche voi, non guardate il colore della pelle, non guardate se il fratello è a terra o è sporco, guardate con gli occhi di Gesù che è sempre pronto ad alzare ognuno di noi. E non temete di sporcarvi le mani nel lavorare per Dio, nell'accogliere il fratello emarginato, il figlio drogato, il figlio carcerato: se accogliete uno di questi, accogliete Dio nei vostri cuori, e la Luce si accende sempre di più e cresce! Vedete, Maria porta un Rosario e molti grani sono spenti, ma non che Maria non preghi, sono i figli che non accettano la Via stretta e quelle pietruzze non si accendono: fatele accendere voi col vostro amore, col vostro “eccomi”, nel vivere in pieno il Vangelo di questo giorno e nel mangiare il Pane di Dio che si dona attimo per attimo; ma vi ripeto sempre di stare attenti al nemico: è astuto ed è sempre pronto a farvi cadere nella sua falsa luce! L'amore: l'amore della Croce, usatelo sempre, figlioli del mio Cuore! <si rivolge poi a Telesfore> destati dal sonno e ascolta la Parola di Dio! Figlio mio, hai il compito di donare al Giglio l'Alito e il Bacio, ma devi dirgli di essere pronto per i tempi che Dio ha preparato per lui! Presto si accenderà il Sole di Fatima; si accenderà nel mondo intero e nella Dimora, e Dio, il Sole, l'ha consegnato nelle sue mani. Digli di non temere anche se sarà perseguitato e il suo Cuore sarà ancora trafitto, come verrà trafitto il Cuore dello Strumento che Dio usa! Il Padre ve la lascerà ancora per compiere la Sua volontà: la volontà di Dio, figli miei! Ma vi invito a pregare ancora per la pace, perché il mondo non ha pace perché non cerca Dio! L'umanità è legata alle cose del mondo e ha dimenticato di avere un Papà che aspetta tutti con le braccia aperte dicendo: “venite, figli del mio Cuore, venite tutti a fare festa al mio Banchetto che è sempre pronto per le mie Spose! Non tardate figlioli del mio Cuore”! Ora vi do l'Alito: accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera! <4 colpi di tosse con un'alitazione> non temete, è l'Alito del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. E con l'Alito lascio scendere i quattro Amen: Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Siate coscienti di tutto questo, figlioli, e ricordate che il mistero che stiamo vivendo è Mistero di Dio, e non cercate di comprendere con la mente ma aprite la porta dei vostri cuori e lasciate entrare Gesù che è vivo, è reale, è in mezzo a voi, e Dio non vi ho mai lasciati soli! Quando i vostri cuori sono tiepidi, non è Dio a lasciarvi, ma siete voi che vi allontanate dal suo Cuore che arde d'amore per ognuno di voi e per l'umanità intera! Ora, figlioli, preparate vostri cuori per ricevere Gesù che viene ad abitare dentro di voi spiritualmente! Siate coscienti di tutto questo perché a Dio nulla è impossibile! Dio sta guardando e ascoltando i cuori di ognuno di voi e lascia scendere la Rugiada del suo Amore! Chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso in questo istante! Figli del mio Cuore, ora disponetevi e distaccatevi dalle cose del mondo per unirvi al Cuore di Dio che è vivo, è reale ed è in mezzo a voi, e il Banchetto è pronto; venite tutti a fare festa! Ecco lo Sposo che avanza: disponete i vostri cuori, figli miei!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**)  (Giulia) oh, Agnello, che ti sei lasciato immolare per venire ad abitare nel mio Cuore! Oh, Gesù, fa che io non mi allontani più dal tuo Amore; fa che io ardi sempre di più e fa crescere la mia fame e la mia sete solo per te, mio Diletto! (Gesù) Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Gesù) Amen, figlia mia!  (Piccolo Giovanni) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi: sono venuto ad abitare nei vostri cuori spiritualmente! La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi! Figlioli del mio Cuore, in questo istante il Giglio sta facendo festa col Padre: è unito al Cuore di ognuno di voi. Sia piena la vostra Gioia come è piena la mia nel vedervi, famiglia di Dio! Ma crescete e lavorate nella vigna del Padre! Le pianticelle che sono dentro di voi, non fatele seccare: fatele crescere donando l'Amore di Dio ai vostri nemici, figli miei, e donando l’eccomi dei vostri cuori; ma state attenti quando uscite fuori dalla Dimora di Dio, non abortite Gesù puntando il dito verso il fratello; e non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati! Vivete in pienezza il santo Vangelo di questo giorno, figli miei! Ora il Dio Bambino ha sonno: lo fate riposare? (Tutti) sì!  (Piccolo Giovanni) nei vostri cuori? (Tutti) sì!  (Piccolo Giovanni) cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì!  <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) Grazie, Pargoli del mio Cuore! Grazie per tutto l'amore che offrite al Cuore di Maria! Come Lei, rimanete curvi dinanzi alla Croce implorando sempre Misericordia al Padre, e, dopo aver lavorato, dite sempre “eccomi, sono un servo inutile, accoglietemi così dinanzi ai piedi della Croce, Gesù”! Innalziamo il nostro amore al Padre con la preghiera che ci ha insegnato! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli, non abbandonarci nell'attimo della nostra debolezza, ma liberaci dal male! Guarda benigno i cuori di ognuno di noi e i cuori dell'umanità intera, e fa, oh Gesù, che diventiamo un unico Cuore, come è il tuo: senza misura, per donarci ai fratelli! (Piccolo Giovanni) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) L’Amén del Giglio rimanga sempre nei vostri cuori, come rimane il Sigillo della Croce, figli miei!(*) Accogli ciò che sto mettendo nel tuo Cuore, Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù!(**) (Piccolo Giovanni) (figlia) ciò che hai ricevuto nel tuo Cuore lo scriverai il giorno dell'Angelo e lo consegnerai al Giglio!  (Giulia) donatemi la forza, Gesù! (Piccolo Giovanni) sai bene dove prendere la forza: poggiati sul Letto della Croce come tu sai fare! (Giulia) eccomi, Gesù! (Piccolo Giovanni) ora devo ritornare all'ubbidienza del Padre e rimarrò in mezzo a voi fino alla fine della preghiera; e la Cocciuta abbraccerà in pieno i Dolori della Croce! Vi invito sempre a rimanere nel Solco e a tenere alto il santo Vangelo! Figli miei, vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera. E nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, Io vi saluto. Andate nella pace di Dio e portatela all'umanità intera; ma quando uscite fuori, non abortite Gesù; state attenti al nemico, figlioli del mio Cuore! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera e gioisci, figlia mia, nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena, fatelo anche voi, Pargoli del mio Cuore! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, figlioli del mio Cuore! Scenda il mio Alito su di ognuno di voi <un’alitazione>(*): siate Luce e Sale del mondo, figli del mio Cuore!

 

 

        2. Ven 28/01/2005, ore 07.30, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

(l'Immacolata) vieni, figlia mia, sono Io la tua Mamma! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre! (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Figlia, prega in questo giorno ed immolati per le Mura di Roma. Vedi? Gesù piange: vuoi ancora aiutarlo? (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) Gesù si poggia ancora su di te. Figlia, porta questo per suo amore! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) Ti benedico! Amen, Amen, Amen, Amen!

Oggi viene consegnata a Giulia la 5° Stigmata della quaresima 2005: IL VOLTO DI GESU' SUL GINOCCHIO DESTRO!

 

 

         3. Giov 03/02/2005, ore 21.05, Stanza more solito

 (Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell’umanità intera!  (Giulia) Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) Gesù, il tuo abito è bagnato di Sangue e grondi Sangue; cammini sempre nel mare di Sangue ma ancora non si scioglie: è di pietra, e dietro di te ci sono sempre i 24 sacerdoti ma fatti di pietra! Gesù, perché grondi Sangue? chi ha sporcato il tuo abito, Gesù? (Gesù) guarda, figlia!(*) (Giulia) Gesù, posso dire ciò che vedo? (Gesù) dì perché il mio abito è bagnato di Sangue, ma non chinare il capo, guarda!(*) (Giulia) Gesù, il tuo abito è bagnato di Sangue perché alcune anime hanno poggiato le mani e hanno sporcato col peccato il tuo abito! Ma tu piangi! (Gesù) vedi, le mie lacrime lo stanno lavando: vuoi aiutarmi anche tu? (Giulia) sì, Gesù! Cosa devo fare, Gesù? (Gesù) accarezza le anime cariche di peccati: puliscile con le tue mani! (Giulia) Gesù.. (Gesù) ..fallo, figlia!(*) (Giulia) Gesù, ora il tuo abito è bianco e anche le anime sono candide, ma i tuoi occhi sono pieni di Sangue! (Gesù) non temere, è il Sangue della Divina Misericordia che scende sull'umanità e su di ognuno di voi! Figli, vedete, il nemico sta preparando la festa e l'umanità cade nella sua rete andando sulla via larga, abbracciando le cose del mondo! E in questi giorni il Cuore di Maria viene trafitto: immolatevi, pregate e combattete il nemico amando, perdonando, usando carità verso tutti! Figli del mio Cuore, preparate i vostri cuori alla penitenza e al digiuno, offrite fioretti al Cuore del Padre secondo le vostre forze, perché anche se mi alzate gli occhi e mi sorridete chiamandomi “Papà” consolate il mio Cuore, figli, e portate nelle vostre braccia, offrendoli alle braccia del Padre, i figli che non mi conoscono, i figli che camminano sulla via larga; abbracciateli e portateli dinanzi all'Altare per fare festa e mangiare e bere al Banchetto dell'Amore, non al banchetto del mondo! Figli miei, pregate in questo tempo, pregate, pregate e chiedete lo Shalom del Cuore di Dio, perché il mondo non ha pace perché non è in pace con Dio, non è in pace col fratello e la pace scenderà quando si busserà e tutti innalzerete le mani al Padre! Parlo a voi e parlo al mondo intero che è sordo ed è cieco e non ascolta i Dolori del mio Parto, figli! (Giulia) Gesù, quanto ci ami per venire a visitarci! Quanto è grande il tuo Amore! Non sono degna di guardare i tuoi occhi, ma il mio “eccomi” cresce sempre di più! Eccomi, Gesù, usami come vuoi! Gesù, come sempre, metto nel tuo Cuore tutti i figli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti nel tuo Nome, coloro che si uniscono e tutti quelli che hanno portato nei loro cuori! Metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze: Gesù, in questo tempo tienili stretti, e come sempre metto nel tuo Cuore i miei Gigli, Gesù! (Gesù) figlia, ti invito a pregare e ad immolarti per le tue pietruzze e per i tuoi Gigli! Immolati per l'Uomo vestito di bianco! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ora ti chiedo di guardare! Non spaventarti, ma tieni nel tuo Cuore ciò che vedi!(**) (Giulia) Gesù, devo scrivere questo? (Gesù) tienilo nel tuo Cuore! (Giulia) donatemi la costanza e la forza! Gesù, non devo dirlo neanche al Giglio? (Gesù) quando sarà il momento te lo dirò! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ora figlia, vuoi unire le tue mani alle mie? vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini per ciò che hai visto? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda chi mette i Chiodi, figlia!(*) guarda chi mette i Chiodi! (Giulia) oh, Gesù! (Gesù) vieni, abbraccia con me il Legno della Croce, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna!(*) (Giulia) Gesù! <1º grido straziante>(*) (Gesù) sollevati anima mia!(*)  (Giulia) Gesù! (Gesù) i Chiodi in questo giorno vengono messi e tolti attimo per attimo! (Giulia) quanto Sangue! quanto Sangue scorre dalle tue mani e dai tuoi piedi, Gesù! (Gesù) anche dalle tue, e viene raccolto! (Giulia) ci sono degli angioletti piccoli che lo stanno raccogliendo: sono due, Gesù! Il Calice è troppo grande per portarlo uno solo, e lo stanno portando in due! Come sono belli: vanno a consegnare il Calice a Maria che è seduta nella barca e in mano tiene ancora le “lettere”! (Gesù) sì, figlia! (Giulia) ma ora, Gesù, non vedo più il Sangue:  il Calice è vuoto! (Gesù) non temere, non è stato versato: figlia, non spaventarti! (Giulia) no, Gesù, ci siete voi! Tu non lasci un' istante il mare, ma sei sempre distaccato dai sacerdoti: ci sono sempre i tre passi che vi dividono(*), e Maria ora scende dalla barca e prende per mano i due Angeli! (Gesù) guarda cosa fa Maria!(*) (Giulia) si mette curva dinanzi alla Croce, e, con i due Angeli, ferma un altro velo che sta scendendo! (Gesù) aiutala anche tu(*), ma pregate, figli, perché altri flagelli scenderanno sull'umanità! Giglio, mi rivolgo ancora al Tuo Cuore: chiedo la tua preghiera costante! Prega e ferma anche tu i flagelli, figlio mio! Come il primo giorno che ti sei inginocchiato dinanzi al mio Cuore, inginocchiati ancora e batti il tuo petto come tu sai fare per fermare i flagelli! Solleva le Mura che sono già a terra, figlio mio! Vedi? il Padre ti ha mandato nella Dimora e il Giglio cresce sempre di più! Tieni alto il Vangelo e non temere, figlio, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, ma il mio Cuore gronda Sangue, Giglio, perché busso, busso e non mi aprono più  la porta; e sono fermo dinanzi alla porta dei cuori dei Grandi della Casa del Padre: chino il capo e aspetto le tue mani, figlio mio, nella Dimora, che vengano innalzate al Cuore del Padre per far scendere lo Shalom del suo Cuore sull'umanità! Il Sole di Fatima è stato consegnato nelle tue mani, figlio mio, e il Parto è pieno ed è vivo in mezzo a voi! Vi invito ancora stare attenti al nemico: è astuto; e in questo tempo siate vigilanti e combattetelo con l'Amore, quell'Amore che Maria ha segnato e segna con i Dolori vivi, e segnando la Via fatta di spine, figlioli del mio Cuore! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi ancora unire le tue mani alle mie? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ma guarda ancora!(*) (Giulia) Gesù, un altro flagello!(*) <Giulia ansima dal dolore e cerca di tenerlo tutto per sé>  <2º grido straziante>(*) (Gesù) sollevati anima mia! Volevi tenere dentro di te i Dolori? (Giulia) Gesù, ai miei figli non è che non voglio dargli i Dolori, non volevo straziare col grido i cuori, ma poggiarmi su di loro e, per un solo istante, far sentire il tuo Parto! (Gesù) ora dona il grido! Figlia, quando sarà il tempo sentiranno anche loro ciò che porti tu: il costato aperto, la spalla, le tue mani e i tuoi ginocchi! (Giulia) oh, Gesù, è così poco nel vedere i tuoi occhi e nel vederti solo! È così poco quello che so accogliere, Gesù! (Gesù) ora vi invito ancora ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare tutti i vostri nemici, perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nei vostri cuori in pienezza, figli miei, e a mangiare sempre quel Pane fresco che il Padre lascia scendere dal suo Cuore, per ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce e per l'umanità intera! Pregate e donate a tutti l'Amore che il Padre dona ad ognuno di voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Gesù) Amén! “L'Amén” del Giglio riempie i Cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! Quando “l'Amén” sarà accolto, l'umanità gioirà; quando “l’Amén” sarà capito, i vostri occhi non smetteranno di piangere! Crescete! Sia salda la vostra fede! Figli, rimanete Roccia perché Dio è Roccia e voi siete stati sigillati; non permettete al nemico di farvi abortire il Pane che scende dai Cieli, figli miei, ma pregate e rimanete sempre nel Solco del mio Amore! Tu, Cocciuta, dovrai ancora portare sulle tue spalle il peso della Croce e dovrai soffrire ancora a causa del tuo “”! Quanto  ti costa quel “”, figlia! (Giulia) ti amo Gesù! ti amo Gesù! (Gesù) sarai trafitta e perseguitata, figlia mia; e anche il Giglio sarà perseguitato perché siete inchiodati all'unica Croce, che è la mia! (Giulia) oh, Gesù, non solo le mani e i piedi, ma inchioda tutto di noi alla Croce! (Gesù) Amen, figlia, Amen! Mi poggerò ancora su di te, anima mia! (Giulia) eccomi, Gesù, eccomi!(*) Gesù, posso dirti una cosa nel Cuore? (Gesù) sì, figlia!(**) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) ora vi invito a vivere questi giorni nella preghiera uniti al Cuore di Maria! Figli miei, ecco Maria che vi offre il suo Rosario come scala per salire nel Cuore del Padre, e, con la preghiera costante, potete farlo offrendo i vostri “eccomi” ad ogni “AVE MARIA” che innalzate! Fallo anche tu, Giglio! Ora vi chiedo volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere ancora una volta il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen,.. (Tutti) ..Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo, sono ancora qui in mezzo a voi per volere del Padre e per amore dello Strumento che offre ancora “l’eccomi” a Dio nell'ubbidienza e nell'abbracciare i Dolori del Parto vivo: i Dolori di Gesù! E se Io parlo non è per metterla sul piedistallo, ma per offrire all'umanità intera l'Amore vivo di Dio che si dona con i Segni del Crocifisso, per accogliere i figli! Come una mamma stringe al proprio cuore il suo piccino, così il Padre, alle proprie Spose, offre i Dolori per stringere sempre di più l'umanità al suo Cuore. Ed Io, come Sacerdozio vivo ed eterno, ho vissuto, ho abbracciato e ho accarezzato i Dolori della Cocciuta! Figlioli, Gesù è vivo! Gesù è in mezzo a voi e parla, parla attraverso il Vangelo, attraverso la Parola viva e parla attraverso i Dolori della Croce, del Parto che è vivo, e aspetta l’“eccomi” dell'umanità intera! Ed Io sono in mezzo a voi nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, perché ho vissuto in pieno la Parola e la vivo ancora portandola ad ognuno di voi, e segnandovi sempre l'unico Solco: il Pane vivo che scende dai Cieli! Ma in questo giorno l'avete vissuto il Pane? l'avete mangiato? e come l'avete vissuto questo santo Vangelo?(*) cosa avete messo nella bisaccia durante il viaggio? <Giov. 4° sett. T.O. /A Mc. 6, 7-13> (Giacomo 1) la Parola!  (Piccolo Giovanni) è facile rispondere! È facile dire che “nella bisaccia, durante il viaggio, ho messo la Parola”! È facile dire “Io non ho messo due tuniche, fuori c'è freddo, ne ho messe tre”! È facile, quando si entra in una casa e non si viene ascoltati, a volte si punta il dito verso il fratello! Ma avete ascoltato la Parola? (Alcuni) sì!  (Piccolo Giovanni) e cosa avete capito della Parola di questo giorno? (Giuda Taddeo) a spogliarci dalle cose del mondo e mettere al primo posto Dio!  (Piccolo Giovanni) Amen! È facile fare questo? è difficile? (Giuda Taddeo) se si apre il Cuore è senz'altro facile! (Piccolo Giovanni) se si apre il Cuore è facile, ma le cose del mondo vi trascinano e si cade facilmente; ma è bello mangiare e rimangiare questa Parola! <Giovanni sposta il ciuffo di capelli che cadeva davanti agli occhi di Giulia> So che vi dà fastidio non vedere gli occhi della Cocciuta: vi ho accontentati;(*) qualcuno dei figli bussava, ma lei si vorrebbe nascondere tutta e donare solo il Pane, la Parola viva, perché arde, e il forno è pronto da sfornare quel Pane fresco che Dio vi dona attimo per attimo ad ognuno di voi e all'umanità intera! Non vorrebbe, la Cocciuta, fare il gesto di scuotere la polvere quando entra nelle case, ma ha dovuto fare anche questo, e il suo Cuore si straziava ancora di più, si apriva di più di come è aperto in questo istante, ma “l'eccomi” significa ubbidire in pieno alla Parola di Dio! Figli miei, vi invito a stare attenti al nemico in questo tempo! “L'amore”: combattete con l'amore e fatelo sbocciare sempre di più! Fatelo crescere sempre di più nei vostri cuori, e in modo particolare con i vostri nemici; amate, amate e non fateci usare! In questo tempo pregate e consolate il Cuore del confratello Domenico; pregate per il mio popolo che è frantumato e diviso! Figli, Io posso solo versare le mie lacrime e chinare il capo! Marì, è questo che posso fare! Tu bussi al Cuore della Cocciuta, ma il suo Cuore gronda Sangue perché conosce, ma il suo dolore è che non può parlare ma flagellarsi come il confratello Domenico! Giglio, mi rivolgo ancora tuo Cuore: aspetto il tuo “eccomi”, non tardare a rispondere, ma immolati come mi sono immolato Io per il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna!  <si rivolge a Telesfore> Figlio mio, Giglio del mio Cuore, dona sempre il mio Alito e il mio Bacio al Giglio, e dì che “il Cuore della Cocciuta ogni giorno lascia scendere una goccia di Sangue e quel Sangue viene raccolto per lui”! Capirà queste parole!(*) Hai capito? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) sei sveglio? ti sei svegliato dal Mistero che il Padre ti ha fatto vivere? (Telesfore) ancora sto dormendo! (Piccolo Giovanni) ora ti sveglierai accogliendo nel tuo cuore e nei cuori di ognuno di voi, l'Alito dell'Amore di Dio! <4 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, figli miei, ma vi ripeto ancora una volta: vivete in pieno il Vangelo di questo giorno distaccandovi dalle cose del mondo e inginocchiandovi solo dinanzi al Legno della Croce e non trafiggete Gesù. Almeno voi, in questi giorni, riparate le offese dell'umanità intera nel donarvi voi a Gesù, nel donare “l'eccomi” dei vostri cuori! Figli, è pesante questa Parola?  (Tutti) no!  (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! Amen! (Tutti) Amén!  (Piccolo Giovanni) Amen!(*) È bello vedervi riuniti! È bello vedere la mia famiglia, i miei Pargoli cresciuti! Avete salito i gradini che il Padre ha preparato per voi! Siete arrivati a buon punto: voi non li vedete, ma Io li vedo, e sono gioioso per questo, figli, sono gioioso nel vedere i vostri cuori saldi verso la Croce, l'unica Fonte viva: il Gesù Crocifisso, il Gesù dove la Cocciuta si è inchiodata e, inchiodandosi lei, ha inchiodato ognuno di voi per amore! Ma il Padre non ha inchiodato solo me al suo Cuore, ha inchiodato anche il Giglio, quel Giglio che verserà il suo Sangue come l'ho versato Io per amore! Vi chiedo di pregare e di essere coscienti che Dio è vivo, è in mezzo a voi e vi ama e vi dona sempre l'Alito! <4 colpi di tosse con un'alitazione> abbracciato all'unica Croce, a quell'Albero che svetta e dona la vita eterna! Non ci sono altri alberi, e non prostratevi ad alberi sconosciuti che non portano il Segno della Croce! Figli miei, vi invito ad accogliere il Fuoco dello Spirito Santo, a farlo ardere nei vostri cuori e a donarlo all'umanità intera; e anche tu, Giglio, dona all'umanità il Fuoco dello Spirito Santo! Vuoi donarlo anche tu il Bacio e l'Alito al Giglio? ........ digli che il “Libro  è aperto”! ...... lavorate tutti nella vigna del Padre, ma vi chiedo di pregare per i flagelli! Pregate, figli, e state attenti al nemico: è astuto! In questo tempo accendete di più la fiammella della fede rimanendo sempre Rocce come è Roccia Dio, e il Solco che Io vi ho sempre segnato: il Vangelo, tenetelo sempre alto e abbracciatelo poggiandolo sui vostri cuori! Figli miei, ora disponete i vostri cuori: preparatevi per ricevere Gesù che viene ad abitare spiritualmente nei cuori di ognuno di voi! La Cocciuta soffrirà molto in questo tempo, ma Gesù viene a donare tutto il suo Amore ad ognuno di voi e all'umanità intera! Disponetevi ancora per ricevere l'Alito! <6 colpi di tosse con un'alitazione> ora unitevi e distaccatevi dalle cose del mondo per accogliere Gesù! Ecco il Banchetto pronto in mezzo a voi! Ecco lo Sposo che avanza! Ecco il Giglio in ginocchio che prega! Disponete i vostri cuori, perché, come Sacerdozio vivo ed eterno in ubbidienza al Padre, Io lascio scendere dal costato la Divina Misericordia! Ora preparate i vostri cuori!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) mio Signore, mio Dio! Mio Signore, Figlio mio! Ora che sono unita al tuo Corpo e al tuo Sangue, non permettere che io mi allontani da te! Tu sei il mio Cibo! Tu sei la mia Bevanda! Gesù, fa che io rimanga sempre unita al tuo Amore! Mio Dio, Figlio mio!(**) (Piccolo Giovanni) ora che Gesù arde nei cuori di ognuno di voi, è come un Bimbo che cresce: non abortite quel Bimbo quando uscite fuori, figli, ma con l’amore che avete ricevuto, donatelo all'umanità intera e crescete nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo; e in questo istante pregate affinché scenda lo Shalom sull'umanità! Pregate per l'Uomo vestito di Bianco e portate sulle vostre spalle i due Gigli: figli miei, ve lo chiedo ora che sono nei vostri cuori! Ma il Dio Bambino ora ha sonno: vuole riposare nei cuori di ognuno di voi, vuole far festa nei vostri cuori e far sentire i battiti del suo Amore! Non spaventatevi se li sentirete non solo in questo istante, ma per un bel po'! Volete cantarmi la Ninna Nanna? (Tutti) sì!  <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie Pargoli del mio Cuore. Grazie per tutto l'amore che offrite al Cuore Immacolato di Maria! Grazie per avere accolto i battiti! (Telesfore) Grazie a te di averceli donati! (Piccolo Giovanni) è il Padre chi li lascia scendere per amore dello Strumento che si lascia usare attimo per attimo! E uniti al Cuore della Croce, ora innalziamo al Padre l'unica preghiera che accende i cuori dell'umanità intera! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli, non abbandonarci ma liberaci da tutti i mali che ci allontanano dal tuo Cuore e facci ardere nel cantare sempre le Lodi del tuo Amore! Padre Nostro che sei nei Cieli, non abbandonarci, ma guarda benigno i figli che sono qui riuniti e l'umanità intera! (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) L’Amèn del Giglio” cresca sempre di più nei vostri cuori perché è “l'Amen di Dio”, “l’Amèn della Rocciache non vola via col vento, ma arde come arde l'amore che passa attraverso i battiti in ciascuno di voi! Mi servo delle vostre mani per farlo passare, a voi che siete qui riuniti e all'umanità intera, figli miei! Non spaventatevi se rimarrà ancora, figli! Ora Io vi saluto, ma i Dolori vivi della Croce rimangono in mezzo a voi attraverso lo Strumento! Vi invito ancora, figli, a stare attenti al nemico: quando uscite fuori non abortite Gesù! Vi dono il Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera! Ed Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti insieme Giovanni) Amén, Amén, Amén, Amén, Amén! (Piccolo Giovanni) l'Amen pieno di Dio rimanga nei vostri cuori ora e per l'eternità! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) e col cuore aperto, donatelo a tutti, figli miei! Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli, e gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figli del mio Cuore!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà!  (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) Grazie! Figlioli del mio Cuore, vi abbraccio tutti e vi stringo al mio Cuore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Rimanete nella Quiete del mio Cuore! Anche tu Giglio, rimani nella mia Quiete!(*)  (Giulia) è dolce abbracciare il tuo Cuore!(*) Grazie, Papà! (Piccolo Giovanni) porta ancora i Dolori! (Giulia) eccomi!

 

 

        4. Ven 04/02/2005, ore 07.30, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

(l'Immacolata) vieni, figlia mia, sono Io la tua Mamma! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre! (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Figlia, oggi prega per l'unità delle Mura della Casa di Roma e consola Gesù che è solo. Figlia mia, accogli con amore ciò che Dio vuole da te! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) ora Gesù si poggerà ancora su di te: lo vuoi, figlia? (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) Ti benedico, figlia! Amen, Amen, Amen, Amen!

Oggi viene consegnata a Giulia la 6° Stigmata della quaresima 2005: UN'OMEGA SUL GINOCCHIO SINISTRO!

 

 

 

         5. Sab 05/02/2005, ore 19.10 circa, Dimora del Padre, in cucina

Parla Telesfore: Questa sera a cena insieme a Giulia e me ci sono Iolanda di Cosenza, Marina e Maria Achiropita di Rossano perché abbiamo fatto un po’ di pulizia nella Dimora del Padre. Alle ore 19,10 circa, verso la fine della cena Giulia va in estasi per l’apparizione di Gesù. Le prime parole dell’apparizione non vengono registrate perché il registratore non era a portata di mano. Giulia chiede a Gesù “Se sei tu glorifica il Padre” due o tre volte, poi Gesù glorifica.

(Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato in mezzo a voi, che si dona attimo per attimo. Sono venuto, e mi rivolgo a voi che siete qui riuniti e all'umanità intera, a chiedervi di pregare secondo le mie intenzioni. Figliuoli del mio Cuore: pace a voi, pace a voi, pace a voi! <un’ alitazione> L'Alito del mio Amore riempia i vostri cuori, e, uscendo dalla Dimora di Dio, portate lo Shalom e guarite con me l'umanità malata. Pregate per tutti i miei Figli Ministri e pregate per l'unione delle Mura che sono divise, creature del mio Cuore! Accarezzo i cuori di ognuno di voi che siete qui riuniti alla mensa del Padre, a gioire e a fare festa in questo giorno, e accarezzo il tuo Cuore, Giglio, nel donarti l'Alito del mio Amore e nel far festa perché abiterai nella dimora! Il tuo Cuore e il Cuore della Cocciuta grondano Sangue, ma quel Sangue salverà l'umanità perché siete stati inchiodati alla mia Croce, e il Padre vi ha scelti per portare l'umanità nel Solco: nella Via stretta che conduce al Cuore di Dio! Sarete perseguitati, ma non temete niente e nessuno! In questo giorno, Giglio, il tuo Cuore arderà sempre di più ed Io allargo le braccia ancora una volta per abbracciare il Legno Santo della Croce, e con me allargale anche tu come la Cocciuta, e non temere niente e nessuno, Giglio del mio Cuore! Tu, “Giuseppe<= Telesfore> , come ti chiama il Giglio, dona il mio Alito e il Bacio <un’ alitazione> al Giglio, alla fine della preghiera: della visitazione! I vostri cuori hanno bussato ed Io sono venuto a far festa al Banchetto dell'amore, e accarezzo ognuno di voi, accarezzo i vostri cuori e vi porto i saluti dei vostri Cari che vivono nella Dimora di Dio! Siano gioiosi i vostri cuori, figli! Siano gioiosi quando Io mi poggio con la Croce su di ognuno di voi! Accarezzate il Cuore del Giglio piccolo e cullatelo sul letto della Croce!(*) Figlioli miei, vi invito sempre a pregare per tutti i Figli Ministri e per l'Uomo vestito di bianco! Consolate sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Ma non dimenticate di stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni in mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce; combattetelo con l'amore e tenendo alto il santo Vangelo, figliuoli del mio Cuore! E ora vi spiego il “sorriso della Cocciuta”: vedere i suoi occhi sorridere è donare la Croce all'umanità, e la gioia che arde nel suo Cuore è abbracciare sempre di più la santa sofferenza, e l'amore della Croce passa attraverso il sorriso della Sofferenza: è questo che vedete, figliuoli del mio Cuore! Ma mi rivolgo ancora al Giglio: la mia dimora è pronta e la porta è aperta: aspetto il tuo Cuore, non tardare, Giglio mio!(*) Fai aprire sempre di più i petali e dona il profumo all'umanità intera, figlio del mio Cuore!(*) Ora unisco il mio Cuore al cuore di ognuno di voi, ma ho sete: mi offrite da bere? <i presenti gli versano del vino, ma Gesù aspettava prima la risposta>  mi offrite da bere? (i presenti) sì! (Gesù) e bevete anche voi con me il mio Sangue!(*) Padre!(*) Padre!(*) Padre!(**) Nell'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, il Banchetto è venuto nei vostri cuori e anche nel tuo Cuore, Giglio! Ma ora vi lascio l'Amore di Giovanni: ascoltate le sue parole!(*) (Piccolo Giovanni) nell'amore e nell'ubbidienza al Padre, porto la mia Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno, invitandovi ancora una volta a vivere la Parola, a camminare nel Solco e ad essere figli della Croce e della Sofferenza, perché Dio così vi ha scelti e vi ha chiamati uno ad uno, per farvi abbracciare la Croce di Gesù: del Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donare all'umanità la vita eterna. Ma in questi giorni vi chiedo: NON FATECI USARE! Figliuoli, fate penitenza per i banchetti del mondo, per i figli che in questi giorni sporcano il Cuore di Maria, offendendo Dio! Preparatevi alla Pasqua! Preparate i vostri cuori alla penitenza e vivete il “flagellare di Gesù” nei vostri cuori! Preparatevi alla sofferenza che Gesù ha abbracciato per ognuno di voi in questo tempo! Figliuoli, ricordate che siete un soffio di polvere: non dimenticatelo! Come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito a ricordare ai vostri cuori che siete cenere, e ciò che Dio vi dona è il miracolo più grande! Non sporcate i vostri corpi ma teneteli puri per Gesù, donandovi in pienezza sul letto della Croce! E tu, Giglio, abbraccia il letto della Croce, abbraccia tutto quello che il Padre ti chiede attraverso lo Strumento di Dio che suona una sola musica: la musica del santo Vangelo, e il Vangelo viene solo dal Cuore di Dio! Ma vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, e fate festa in questo giorno! Giglio, fai festa perché il Padre ti ha piantato come Croce nella sua Dimora, e da quella Croce sbocceranno i fiori preziosi, Giglio del mio Cuore!(*) Unite la catena!(*) Nell’Amore del Padre vengo ad abitare nei vostri cuori! ..anche nel tuo Cuore, Giglio!(*) Vi chiedo di pregare per il mio piccolo fiorellino: per la Cocciuta che il Padre ha consegnato nelle mie mani ed Io ho consegnato nelle mani del Giglio!(*) Dovrà soffrire molto a causa della Croce! Pregate, pregate, perché Io vi ho scelto per stare dinanzi ai piedi della Croce! Figliuoli, sono venuto a consolare i cuori di ognuno di voi;  <si rivolge a Iolanda perché oggi è il 18° anniversario della salita al Padre della sua mamma> e a consolare anche il tuo cuore: la tua mamma sta bene! (Iolanda) ed io le mando un bacio.. anche da parte mia, Papà! <si scambiano un bacio portando la mano alla bocca> (Piccolo Giovanni) è così che lo donavo sempre da lontano! (Iolanda) grazie! (Piccolo Giovanni) e amo ognuno di voi! (Iolanda) perdonami! Perdonami perché ti amo! Perdonami perché sono una brontolona e non riesco.. perdonami! (Piccolo Giovanni) Dio vi ama così come siete:..  (Iolanda) ..anche io vi amo: grazie.. (Piccolo Giovanni) ..nell’umiltà, nella semplicità e nel gioire nel portare la Croce! (Iolanda) sì, Papà! <si rivolge a Telesfore> (Piccolo Giovanni) ora di' al Giglio che in questo istante manderò nel suo Cuore una piccola Spina che porterà fino a quando non entrerà nella dimora! Ma digli di non temere perché sono Io, col volere del Padre, a far sentire questa piccola Spina! Riesci a ricordare questo? (Telesfore) se non riesco lo risento, quindi glielo dirò! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (i presenti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Dona anche il mio Alito e il mio Bacio.. (Telesfore) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..e digli che la veste bianca è pronta: capirà! Ora vi stringo tutti al mio Cuore! ..ma non mi offrite da bere? (i presenti) sì! (Telesfore) un altro bicchiere o lo stesso? (Piccolo Giovanni) non si può gettare il Sangue di Dio! <c'era ancora del vino nel bicchiere dove aveva bevuto Gesù> volete far festa con me? (i presenti) sì! (Piccolo Giovanni) Io facevo fondo: riuscite a fare fondo con me? (i presenti) sì! (Piccolo Giovanni) Amén! (i presenti) Amén!(*) (Piccolo Giovanni) fondo! (i presenti) fondo! (Piccolo Giovanni) e nel fondo vi mando il mio Bacio: il Bacio del Piccolo Giovanni, ma so che ognuno di voi lo desidera! (i presenti) sì! (Piccolo Giovanni) avvicinatevi!(*) <dà il Bacio del Piccolo Giovanni ad ognuno dei presenti> (Marina) grazie! (Piccolo Giovanni) non tenetelo solo per voi: donatelo all'umanità intera! E con l'Amore del Padre ora Io vi benedico portando i vostri cuori dinanzi al Trono del Padre! Vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (i presenti) Amen! (Piccolo Giovanni) la grazia di Dio sia sempre con voi! (i presenti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (i presenti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Rimanete nella quiete e nella Pace del Padre! (Telesfore e poi tutti gli altri) Amen! (Piccolo Giovanni) e mangiate bevete ancora con me donando all'umanità il Pane di Dio, figliuoli! <qualcuno dice qualcosa ma l'audio non è intelligibile> ma Dio guarda i cuori e viene a visitare i propri figli!(*) Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Giovanni!(*) (Piccolo Giovanni) dovrai soffrire ancora! (Giulia) eccomi, Giovanni!(*) Giovanni, donami il tuo respiro come facevi sempre! Mi manchi!(*) Donami la forza di sapere abbracciare ancora ciò che il Padre vuole da me! (Piccolo Giovanni) il tuo corpo è flagellato, figlia!(*) (Giulia) poggiatevi ancora quanto volete! Ma in questo istante ti chiedo, Giovanni, abbraccia i miei Angeli e tienili stretti al tuo Cuore, tu che poi vederli ogni istante e donami la forza di saper accettare la volontà del Padre perché so che sono nel suo Cuore! Giovanni, busso ancora al tuo Cuore e tu bussa ancora al Cuore del Padre e fa che scenda sul tuo popolo la Misericordia di Dio. Non sono degna di chiedere questo, ma guarda il cuore della tua Marì, e, se il Padre vuole, consola il suo Cuore! Giovanni, non lasciarmi e fa che il Giglio non ci lasci.. e fai crescere il Giglio piccolo come tu volevi: nel tuo Cuore, e tutte le mie pietruzze che amo! Il mio Cuore ce l'ha il Padre, ma prendete tutto di me e fate sbocciare tanti Gigli! Te lo chiedo oggi, Giovanni, il tuo Cuore abita nel mio petto e non finirò mai di dire al Padre “Amen” per il dono che io non merito, ma ti chiedo ancora di donarmi il tuo respiro, come facevi al telefono, nei momenti della mia angoscia!(*) Ti supplico: fa che il Giglio rimanga vivo come il primo giorno! Poggia sulle mie spalle le sue sofferenze e fa che nascano tanti Gigli come lui, Sposo Diletto del mio Cuore! (Piccolo Giovanni) sei sempre più Cocciuta! Anima mia, non temere, Dio non ti abbandonerà! Porterai i suoi Dolori e il sorriso della Croce all'umanità! Vai avanti perché il Giglio camminerà e griderà come Giovanni e con Giovanni la Parola di Dio! (Giulia) grazie e perdonami, ma ti amo, Sacerdozio vivo ed eterno del Cuore del Padre! (Piccolo Giovanni) ti amo anch'Io, Sposa del mio Cuore! (Giulia) grazie! (Piccolo Giovanni) e amo tutti voi!(*) E tu vuoi sentire le mie carezze? (Telesfore) sì!(*) grazie del tuo amore! <dopo aver accarezzato Telesfore accarezza anche gli altri> (Piccolo Giovanni) grazie del vostro amore! (Iolanda) grazie, don Mario, grazie! (Maria Achiropita) grazie di tutto! (Marina) grazie di tutto.. di tutto.. tutto ..tutto! (Piccolo Giovanni) siete le mie perle preferite unite alle altre! Fate brillare questa luce che è accesa in questo istante, per l'eternità! Ora vi saluto, ma bevete ancora per me; e non temete non vi accadrà nulla perché è il Sangue di Dio che bevete, anche se la Cocciuta soffrirà! <si riferisce al timore dei presenti di ubriacarsi col vino di Dio. Giulia, poi, inizia a soffrire e ansima in modo vistoso>

Parla Telesfore: dopo l'apparizione, per Giulia continua la sofferenza con i Dolori del Parto e i Dolori delle Piaghe per circa due ore, poi si alleggeriscono un po'.

 

 

         6. Giov 10/02/2005, ore 21.05, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell’umanità intera! Figlia del mio Cuore! (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) Gesù, sei ancora nel mare di Sangue, ma è sempre di pietra! I 24 sacerdoti sono dietro di te, ma anche loro sono sempre di pietra! Gesù, l'abito che porti in questo giorno non ha cuciture: è tutto intero ma è bagnato di Sangue, Gesù! (Gesù) sono solo, figlia, e piango in questo tempo! Vedi? nessuno mi cerca! (Giulia) Gesù, squarcia ancora il mio Cuore! (Gesù) non posso aprirlo di più di come ce l'hai aperto, figlia! Vi chiedo di rimanere saldi e di preparare i vostri cuori a questo inizio di cammino e a portare sulle vostre spalle i fratelli che non riescono a trovare la via per accendere la lucerna! Iniziate, figli, a salire il Monte con me; iniziate ad abbracciare i vostri nemici; iniziate a formare la famiglia e a camminare sempre nel Solco e nella santa Sofferenza! Iniziate ad aprire i cuori della pace, perché la pace scende aprendo i cuori al Padre e gridando l'Eccomi come servi inutili dinanzi alla Croce, per abbracciare e portare la piccola Croce che vi viene donata sulle spalle! Figlioli del mio Cuore, il mio Cuore è triste e gronda Sangue nel vedere l'umanità lontana, dispersa e spenta! Figli miei, almeno voi che siete qui riuniti nella Dimora del Padre, voi Discepoli, voi Colonne e voi, Suorine del Cuore della Croce, aggrappatevi al Cuore del Padre e pregate! In questo tempo pregate col cuore aperto come è aperto il mio per ognuno di voi! Pregate nell'unione; pregate nella famiglia per far famiglia con Dio, ma non muovete solo le labbra, figli, squarciate vostri cuori. In questo tempo amate, perdonate, usate carità verso tutti; e non potete iniziare il tempo della Quaresima se non abbracciate i nemici, se non perdonate, se non riuscite ad amare; non si può iniziare il digiuno se il cuore non è in pace col fratello, perché non è in pace neanche con Dio, e non potete camminare, non potete salire il Monte e non potete portare la Croce se i vostri cuori non sono in pace! Se i vostri cuori hanno il peso dell'odio e della gelosia, come si può camminare? come potete salire il Monte? come potete dire “Gesù ti amo” se non imparate ad amare? se non imparate a perdonare? se non riuscite a sollevare il fratello che è a terra? Non si può vivere questa Quaresima, questo cammino di rinnovare i cuori e di ricevere il Battesimo dell'Amore e il Battesimo della Croce! Figlioli, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna: ma con le braccia aperte, col Cuore squarciato, donandovi tutto senza tenere nulla per me! È così che dovete iniziare: spogliandovi delle cose del mondo e vestirvi d’amore, di quell'Amore che solo la Croce può riempire i vostri cuori, e donarlo ai fratelli senza fare alcuna distinzione, figlioli! Giglio, mi rivolgo ancora una volta al tuo Cuore, bussando! Conosco il dolore e il peso perché sono Io a poggiarlo, ma non fermarti, figlio, cammina e segna col Sangue che sgorga dal Cuore della Cocciuta, il tuo popolo! Sarai perseguitato ancora a causa del tuo “” e a causa del mio Nome, ma la tua gioia è piena perché è poggiata sul letto della Croce dove il Padre ti ha inchiodato, unito al Cuore della Cocciuta! Abbraccia questo tempo di Amore pieno di Dio! Giglio del mio Cuore, stringiti forte e rimani sempre Roccia, e dalla Roccia fai sbocciare il “Giglio” che è dentro il tuo Cuore! Figlio mio, fratello, amico, Giglio della Dimora del Padre, insegna all'umanità a conoscere la Croce e a tenerla alta! Ora guarda, Cocciuta del mio Cuore!(*) (Giulia) Gesù!(*) Gesù!(*) Gesù, posso dire ciò che vedo? (Gesù) dì solo che vedi un flagello che è già sceso sull'umanità! (Giulia) vedo un mare di Sangue, Gesù!(*) Gesù! Oh, Gesù, non posso far nulla? (Gesù) Prega, figlia! (Giulia) Gesù, quei corpi.. (Gesù) ..non toccare, ma prega!(*) (Giulia) eccomi! (Gesù) invita i tuoi figli alla preghiera costante! (Giulia) Gesù, tu conosci i cuori di ognuno di loro, ed io, come sempre, metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che si uniscono e tutti quelli che hanno portato nei loro cuori. E come sempre metto tutte le mie pietruzze e i miei Gigli! Ah, Gesù, poggia la tua Croce in questo tempo e non lasciarli! Tu conosci il mio Cuore: sai cosa desidera! (Gesù) allarga le braccia, figlia, e abbraccia tutti i Figli Ministri! In questo tempo li metto nel tuo Cuore e le gocce di Sangue che scendono accarezzano ognuno delle tue pietruzze! (Giulia) fanne scendere tante, Gesù, fanne scendere tante! (Gesù) eccoti accontentata!(*) Ora sei pronta? vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini con me? (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) guarda chi mette i Chiodi e unisci le tue mani alle mie secondo la mia volontà di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Vieni, Sposa del mio Cuore! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda i Chiodi! <1º grido>(*) sollevati anima mia!  (Giulia) Gesù, ci sono ancora i due Angioletti che raccolgono il Sangue che esce dalle tue mani e dai tuoi piedi! (Gesù) unito anche al tuo, figlia! (Giulia) e lo vanno a versare nella Coppa che tiene Maria, Gesù! (Gesù) vedi, figlia, Maria è sempre curva dinanzi alla Croce, dinanzi a quel Sangue! (Giulia) oh, Gesù! (Gesù) ma Io sono solo: fatemi compagnia, rimanete uniti, famiglia, Popolo del mio Cuore, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto, a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi, di mangiarlo e di donarlo ai vostri fratelli e ai figli che non conoscono la mia Parola e la calpestano sotto i piedi! Pregate, e, chi mi ama, prenda la propria Croce e mi segua! Figlioli, non gettate le vostre anime per le cose del mondo: quando il Padre vi chiamerà non porterete nulla dietro di voi, figli del mio Cuore! Giglio, insegna questo all'umanità; insegna a costruire tesori nei Cieli come il tuo Cuore sa fare! Dona sempre la luce che il Padre dona ai tuoi occhi e al tuo Cuore! All'umanità, ai Figli Ministri, a coloro che trafiggono il tuo Cuore, dona la luce della Dimora del Padre, Giglio raccolto dal seno materno e piantato alla Croce, quella Croce che ha accolto il mio Sangue, i battiti del mio Amore. Ora accoglieranno i battiti dei vostri Cuori inchiodati e di chi si lascia inchiodare per amore, per farmi compagnia e far scendere lo Shalom del Cuore di Dio! Rimanete sempre nel Solco e state attenti al nemico: in questo tempo è astuto e dietro l'angolo! Combattetelo con l'amore, figli, e spezzate la sua catena che è “la catena del mondo”, “la catena dell'odio”, “la catena della gelosia”! Unitevi alla Catena della Croce, figli del mio Cuore, e in questo tempo fate crescere sempre di più il vostro amore, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Vivete in pieno il Vangelo e mangiate quel Pane fresco attimo per attimo! Tu, Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi accogliere quest'altra spada nel tuo Cuore per l'Uomo vestito di bianco? (Giulia) eccomi, Gesù! Ma lo vedo per terra! (Gesù) vuoi accogliere la spada? (Giulia) eccomi! Gesù, posso metterla io? (Gesù) guarda chi la mette, figlia!(*)  <Giulia soffre senza emettere il grido> sollevati, Cocciuta!(*) (Giulia) ne è rimasta un po' di fuori, Gesù!(*) <= la spada non era entrata tutta> (Gesù) anima mia!(*) (Giulia) Gesù, perché l'Uomo vestito di bianco è per terra ed è solo? (Gesù) come Io sono solo, anche lui è solo, e come tu sei sola! (Giulia) Gesù! (Gesù) vieni con me, vieni nell'Orto e preghiamo, figlia! (Giulia) Gesù, posso portare i miei figli? tu conosci i cuori! (Gesù) si, perché anche tu conosci i cuori di ognuno di loro! (Giulia) anche se siamo stracci, Gesù, possiamo farti compagnia. Ma non farci addormentare: tienici svegli, Gesù! (Gesù) Amen, figlia, Amen, ma vi invito sempre a rimanere nel Solco, a vivere e a tenere alto il Vangelo di questo giorno, Cuori del mio Cuore! Cuori della Croce, vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico: combattetelo con l'amore! E ora vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) la Pace e l'Amore del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) L’Amén del Giglio vivo in mezzo a voi, l’Amen della Parola piena del Padre! E nella Verità del Padre, Io vi porto il Pane, il Pane di Dio, il Pane fresco; e vi invito a mangiarlo, vi invito a donarlo ai fratelli e all'umanità intera! E vi invito a consolare il Cuore di Maria nel rimanere nel Solco, nel vivere e nell'assaporare la Parola! La Porta è stretta e la Via segnata da Maria è fatta di spine, nel camminare dietro Gesù portando la propria Croce sulle spalle e stando sempre attenti al nemico che è sempre pronto per farvi cadere nella sua falsa luce! Figlioli, come Sacerdozio vivo ed eterno, vi invito a combatterlo amando e rimanendo nelle braccia della Croce, distaccandovi dalle cose del mondo e vivendo in pieno il santo Vangelo: la Parola di questo giorno, figli del mio Cuore! Oggi, in questo istante, state vivendo il santo Vangelo. Avete mangiato il Pane? avete vissuto il santo Vangelo in questo giorno? <Giov. della 5° sett. T.O. /A Lc. 9,22-25> (Giacomo 1 e qualcun altro) sì!  (Piccolo Giovanni) come sono freddi questi “”, come sono tiepidi e come sono pochi!(*) Come hai vissuto il Vangelo, lo ricordi? lo ricordi il Vangelo di questo giorno? (Tommaso) sì! Cercando di offrire quelle piccole croci, insignificanti, al Signore, anche le nostre lamentele, ma pensando che Lui porta la Croce grossa per noi, e ci facciamo coraggio per amore! (Piccolo Giovanni) e per Amore, chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua! Siete pronti per prendere la piccola Croce e salire il Monte con Gesù? (Tutti) Sì!  (Piccolo Giovanni) ora ho sentito qualche “” in più!(*) ma volete la vita o la volete perdere? (Tutti) la vita! (Piccolo Giovanni) e sapete bene il prezzo qual'è?  (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e qual'è il prezzo della vita? (Giacomo 1) amare la sofferenza! <si accavallano molte risposte e l’audio risulta poco intelligibile> (Piccolo Giovanni) se rispondete tutti insieme non si capisce niente, e nella storia rimane soltanto un boato ed Io voglio il boato della Croce! Chi sa rispondere? (Natanaele) morire è rinascere! (Elia) dire “eccomi”! (Mosè) tendere la mano al debole, ai nostri fratelli più deboli: amare e perdonare e seguire la strada della sofferenza assieme a Gesù! (qualcuno) la vita! (Piccolo Giovanni) salire il Monte e portare la Croce sulle spalle: è quella la Via della resurrezione e della vita! È bello il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) è piccolo ma è Grande, come è Grande il Cuore del Padre! “Chi perde la propria vita per Gesù..(Giacomo 1)..la salverà..(Piccolo Giovanni)..la salverà! Chi vuole salvarla..(Giacomo 1)..la perderà”! (Piccolo Giovanni) è un buon alunno: sa ripetere! “La salverà”.. ma chi salverà la propria anima in questo tempo? (Anna) chi porta la Croce! (Piccolo Giovanni) è facile dire “chi porta la Croce”! Non chi dice “Signore, Signore” entra nel Regno dei Cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio! E oggi, in questo tempo, costa fare la volontà del Padre! “Non posso lasciare i campi”! “Non posso lasciare i miei beni”! “Non ho tempo per prendere la Croce”! “È pesante per me quella Croce”! “Gesù, perché mi hai dato questa Croce? io non ho fatto nulla, non la merito io quella Croce: toglila a me e dalla a qualcun altro, perché io ti sto servendo”! “io ti sto servendo”: L’IO DEL MONDO! Ciò che fa la destra non deve conoscere la sinistra! Stracci e servi inutili dinanzi alla Croce! Dopo aver lavorato nella vigna “Eccomi, Gesù, eccomi ai piedi della Croce”! “Eccomi come servo inutile, ma se tu vuoi, donami sempre la sofferenza, perché Io quella cerco, perché solo la sofferenza mi fa vedere il tuo Amore, i tuoi occhi, e posso mangiare quel Pane che solo tu puoi donarmi dopo aver lavorato nella tua vigna come un servo inutile! E anche se sono venuto all'ultima ora, il tuo Amore è sempre lo stesso”, non cambia di misura perché la misura di Dio è una sola! Come quella Particola spezzata in tanti piccoli pezzi: pesandoli hanno tutti la stessa misura! E Gesù oggi ci invita a prendere la Croce, a portarla sulle spalle e a seguirlo: “chi mi ama, prenda la propria Croce e mi segua”, perché solo così potete salvarvi, non rimanendo nel mondo ma camminando dietro a Gesù! È bello tutto questo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) sempre tiepidi i vostri “”: i piccoli Giovanni all'ultimo posto e col Sì pieno! (Tutti) SÌ! (Piccolo Giovanni)” alla Croce, “” alla sofferenza, “” al Vangelo che è Pane di vita eterna! Avete un altro cibo che può sostituire il Pane di Dio? (Tutti) NO! (Mosè) è l'unico Pane che ci dà la vita! (Piccolo Giovanni) l'unico Pane è il Cuore di Dio, che è vivo e reale in mezzo a voi e si dona attimo per attimo, come si dona attimo per attimo il Giglio per ognuno di voi e per l'umanità intera! <Giovanni si rivolge a Telesfore> dona sempre l’Alito e il Bacio al Giglio e digli che “il Fiore sta per sbocciare”: lui capirà! Dona l'Alito ad ognuno di voi, ai vostri fratelli e ai vostri nemici! In questo tempo accoglietelo, figlioli del mio Cuore! <5 colpi di tosse con un'alitazione> ma non fatevi rubare l'Alito dal nemico! Non abortite Gesù! Quando uscite fuori dalla Dimora di Dio non lasciatevi prendere dai rumori del mondo, ma camminate e vivete questa Quaresima con lo Spirito di Pace, e solo Dio può donare lo Spirito di Pace, lo Spirito d'Amore! Non fermatevi ad aspettare la mano dei Grandi del mondo, ma pregate e soffiate su di loro lo Spirito che Dio viene a portarvi, vivo e reale! Figli miei, Dio vi ha scelti, Dio vi ha sigillati col Sigillo della Croce ed Io vi invito a tenere alta la spada del santo Vangelo e a combattere con Maria la battaglia del suo Cuore Immacolato! Il trionfo lo vedrete, perché il Sole di Fatima è nelle mani del Giglio! Figlioli del mio Cuore, sono stato in mezzo a voi e ho donato ai vostri cuori il Sole di Fatima, ma i vostri occhi erano chiusi! Ora preparatevi ad accogliere il Giglio e a prostrarvi dinanzi ai suoi piedi; non lasciatevi confondere dal nemico: sappiate che Dio ha messo nelle sue mani il Sole di Fatima, ma il mistero che state vivendo è Grande, ve l'ho sempre detto e lo ripeto ancora: NON POTETE CAPIRLO,  dovete aprire i vostri cuori, e, quando non sentirete più la tosse della Cocciuta, ma non quella dell'Alito ma la tosse iniziale, i vostri occhi e i vostri cuori sono veramente aperti e rivolti a Dio! Finché sentirete la tosse della Cocciuta, l'umanità ancora non è guarita, è malata e ha bisogno di preghiera, di conversione e di mangiare quel Pane vivo che scende dai Cieli! E il Giglio e la Cocciuta stanno impastando la Farina per farla crescere sempre di più e donarla l'umanità intera! Il Padre ed Io ci fermiamo a parlare del Giglio: dovete scoprire il mistero e riconoscerlo! Non fate lo stesso errore che avete fatto con me: sono stato in mezzo a voi e non mi avete accolto, non mi avete riconosciuto! State attenti, ascoltate ogni parola che il Giglio dirà: ciò che il Padre ha messo e metterà nel suo Cuore, ciò che avete vissuto nella giornata di ieri! Voi che eravate uniti dopo aver ricevuto quella piccola polvere che il Giglio ha messo sui vostri capi, ricordandovi che siete solo un soffio di polvere e nient'altro! <ieri è stata la commemorazione delle Ceneri> (Mosè) non sempre ce lo ricordiamo, Giovanni, questo! (Piccolo Giovanni) viene messo da parte: viene gettato via con “l’io del mondo”; “l'Io del mondo” vi fa diventare carboni! Ma se attimo per attimo, come il confratello Domenico, abbracciando la sorella morte, non dimenticava di essere polvere, così anche voi, guardate in questo tempo, in questo camminare, quella polvere, ma non lasciate la Croce, portatela sempre sulle vostre spalle! E quando sentirete il peso, non lamentatevi perché quello grande lo porta Gesù, ma siate gioiosi: se sentite il peso siete nel solco; se non sentite il peso, siete sulla via larga, perché siete stati voi a scegliere di allontanarvi da Gesù! Ma Gesù non si allontana dai propri figli! <4 colpi di tosse con un'alitazione> vuoi lasciare la Via stretta? (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni) e spezzerai ancora il filo come hai fatto ieri?  (Telesfore) aiutami a non farlo più!  (Piccolo Giovanni) Io ti aiuto sempre.. (Telesfore) ..lo so che mi aiuti sempre.. (Piccolo Giovanni) ..stringendo la tua mano. Ma ricordati che lo Strumento suona la musica di Dio non quella del mondo! Volete suonarla anche voi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e come potete suonarla? come potete suonare la musica di Dio? (qualcuno) amando! (Giacomo 1) parlando del Vangelo, parlando della Parola di Gesù! ......... (dicendo “ECCOMI” e abbracciando in pieno i vostri nemici, come Gesù l’ha abbracciati sul Legno della Croce! Questo è l'Amore di Dio! Amatevi gli uni gli altri, ma quell'Amore sia l'Amore della Croce, non un muovere di labbra! Chiaro? (Tutti) sì! <Giovanni si rivolge a Telesfore> (Piccolo Giovanni) dì ancora al Giglio che lo amo e mi poggerò ancora sulle sue spalle in questo tempo! Ora vi do ancora una volta il mio Alito! <7 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno in cui il Padre verrà a chiedervi il vostro operato: i frutti che avete messo nei vostri cuori per donarli al Padre! Siate vigilanti, state attenti al nemico e non puntate il dito verso il fratello! Non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, e non pesate il fratello perché allo stesso modo sarete pesati! Togliete prima la trave del vostro occhio, non guardate la pagliuzza dell'occhio del fratello, perché chi guarda la pagliuzza ha la trave nell'occhio e punta il dito verso il fratello! Siate miti e siate docili com'è mite il Padre vostro che è nei Cieli! <vicino ai piedi di Telesfore cade a terra la corona del rosario di Giulia, e Telesfore non se ne accorge> Raccogli la Croce!(*) Siate con i cuori accesi per poter donare la Fiamma dello Spirito Santo che Dio versa su di voi a larghe misure. Donatela all'umanità perché il Padre vi ha scelti e vi ama! E i vostri “” non siano tiepidi, ma pieni d'amore, dell'unico Amore del Pane fresco della Croce di Gesù, che è ancora pronto ad allargare le braccia, anche se viene sputato, rinnegato, bestemmiato, cacciato fuori! “Non mi servi, ho il mio potere”: ricordate sempre quel pizzico di polvere: NON AVETE NESSUN POTERE SE NON È DIO A DONARVELO! E come Sacerdozio vivo ed eterno, vi invito ancora a vivere il Vangelo di questo giorno, ma viverlo col cuore, non come maestri, ma come servi inutili dinanzi ai piedi della Croce! “Eccomi, sono il tuo straccio, Gesù, se tu vuoi fammi pulire: usami, ma come servo inutile”, figli! Cocciuta! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) il Padre ti ha consegnato un'altra spada ed Io lascio nel tuo Cuore una spada ancora più tagliente: dovrai scrivere ciò che lascio nel tuo Cuore e consegnarlo al Giglio il quarto giorno!(*) (Giulia) eccomi!(*) Giovanni, donami il tuo respiro!(*) (Piccolo Giovanni) non temere, Sposa del mio Cuore! (Giulia) sia fatta la volontà del Padre, non la mia, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ora preparate i vostri cuori per ricevere Gesù che viene ad abitare dentro di voi spiritualmente! Siete pronti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete accogliere Gesù? (Tutti) sì!  (Piccolo Giovanni) distaccatevi dalle cose del mondo e disponetevi nell'Amore e nella Quiete! Disponete i vostri cuori perché il Banchetto è qui, è in mezzo a voi ed è pronto, come il Parto è pronto ed è vivo in mezzo a voi, figli del mio Cuore! Ecco lo Sposo che avanza! Distaccatevi dalle cose del mondo e preparatevi a ricevere Gesù. E non abortite quel Gesù che viene ad abitare nei vostri cuori, ma come Mamme, fatelo nascere e crescere, figli!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Nel ricordarvi della mia amicizia, fate festa, perché Io sono venuto nei vostri cuori. Non dimenticate il mio Amore, ma nella Quiete, nella Pace e nella Letizia del Padre, gioite, e la vostra Gioia sia piena per donarla all'umanità intera! (Giulia) mio Diletto! Dolce Sospiro dell'anima mia! Agnello Immolato per salvare me, misero peccatore! Mio Signore, Sposo del mio Cuore, non permettere che io mi allontani da te, ma guarda, guarda nel fondo del mio Cuore e se una piccola briciola è rivolta a te, mio Diletto, fa che diventi una pianticella dove io possa ospitarti, Gesù, e cullarti! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figlioli del mio Cuore! Ora il Dio Bambino ha sonno e vuol essere cullato dalle sue Mamme: mi cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) mi lasciate dormire nei vostri cuori? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figlioli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore di Maria! Grazie per il tempo che spendete, perché vi sarà donato a larghe misure! Grazie, perché fate compagnia a Gesù che è solo nell'Orto degli Ulivi! Grazie perché in questo istante avete lasciato il mondo e vi siete prostrati dinanzi ai piedi della Croce! Ricordate: l'unica salvezza delle vostre anime è la Croce, e solo Gesù ha allargato le braccia, il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna. Non cercate altro, ma chinate i vostri capi solo dinanzi al Legno vivo della Croce! Figli del mio Cuore, state attenti al nemico: combattetelo con l'amore e camminando sempre nel Solco del santo Vangelo. E col Pane fresco innalziamo al Padre la preghiera del suo Cuore che unisce l'umanità intera, se accolta con amore!  <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli! Padre Nostro che sei nei Cieli, tu che conosci e accarezzi i cuori di ognuno di noi e dell'umanità intera, non abbandonarci quando non sappiamo riconoscerti negli occhi del fratello che tende la mano per chiederci il tuo sorriso! Padre, non abbandonarci quando non sappiamo donare il nostro cuore al fratello che ha il suo che gronda Sangue, ma donaci sempre il tuo Amore e la tua Grazia per poterlo abbracciare! (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (il Padre) Amén! (Piccolo Giovanni) nella gioia e nella Pace del Cuore di Dio, vi invito ancora camminare nel Solco e a tenere alto il santo Vangelo, figli! Tu, Piccola Cocciuta del Cuore della Croce, gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena, fatelo anche voi, figli, ma state attenti: quando uscite fuori non abortitemi ma fatemi vivere! E nell'amore e nell'ubbidienza del Padre, Io vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni! Il Bacio del Cuore di Dio scenda su di voi e sui vostri cari, sui figli che avete portato nei vostri cuori. E nell'Amore di Dio: del Pane vivo, Io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! La Pace di Dio regni sempre in mezzo a voi! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, figli, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) andate in pace e portate ovunque andate il sorriso della Croce e fatela svettare, figli del mio Cuore!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà!  (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Rimanete nella Quiete e nella Pace di Dio! Io sono sempre con voi e la Cocciuta abbraccerà ancora, fino alla fine della preghiera, i Dolori del Crocifisso!(**) (Giulia) Gesù, perché piangi?(*) Gesù, perché piangi?(*) Gesù, perché piangi?(**)

Dopo la mezzanotte, alle ore 00.11 circa, a metà del canto finale della Via Crucis “ti saluto o Croce santa”, Giulia va di nuovo in estasi accasciandosi per terra in posizione di crocifissione. Ecco il messaggio:

(Gesù) non piangete su di me ma piangete sui vostri errori! Guardate la Croce che ha svettato, guardate con i vostri occhi, con gli occhi del cuore, la vittoria del Legno santo, e accogliete con amore il mio Dolore per la salvezza delle vostre anime! Ecco l'Agnello che si immola! Ecco la Croce che si innalza! Mura che siete cadute, alzatevi dinanzi al Figlio di Dio che abbraccia ancora la Croce per i vostri peccati! Sollevatevi, Porte Antiche, ed entri il Re della Gloria! Ecco l'Agnello di Dio che toglie i peccati del mondo! Ecco la Croce dinanzi a voi! Ecco il Sangue di Gesù vivo e reale! Portatelo oggi nel mondo intero: Dio vivo è in mezzo a voi e parla! Ecco la Croce che vi dona la vita! Ecco il Giglio che sboccia nel deserto per accendere le anime e farle pascolare nella Dimora di Dio! Soffri, anima mia, e rimani con me a farmi compagnia! Unisci le tue lacrime alle mie! (Giulia) Oh, Gesù! Oh, Gesù! Gesù!(*) Gesù… <audio non intelligibile> …chiedo, Gesù!  (Gesù) col mio ultimo respiro!(**) Non temete, ve la ridarò: rimarrà un poco (con me) la Cocciuta!(***) <Giulia rimane in estasi nella posizione di crocifissione fino alla fine della serata di preghiera> cantate il canto di Giovanni, e la creatura che ha portato il dono a Maria, nella fede viva e vera, consegni il dono col canto di Giovanni! La Cocciuta rimarrà ancora con me a salvare anime! <si prende la statua della Madonna di Fatima custodita nella Stanza e si mette in posizione per ricevere in dono le fedi nuziali che la creatura ha offerto per l'anniversario del 25º del suo matrimonio. Segue il canto «Piccolo Giovanni - di Timparelle» e la consegna del dono a Maria> (***) “Eccomi”: iniziate il canto! Iniziate il canto “Eccomi”! (Telesfore)Eccomi”!(*) <Segue il canto «Eccomi - di Timparelle»> (Gesù)lo Straccio”! (Telesfore)lo Straccio”!(*) <Segue il canto «lo Straccio - di Timparelle». > (Giulia) Gesù! Gesù!  (Gesù) destati dal sonno, figlia, e ritorna in mezzo al tuo popolo: al gregge che il Padre ti ha consegnato, unito al Cuore del Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù!

 

 

         7. Ven 11/02/2005, ore 07.30, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

(l'Immacolata) vieni, figlia mia, sono Io la tua Mamma! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre! (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Figlia mia, guarda ancora Gesù come soffre! In questo giorno vuoi ancora aiutarlo? (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) prega, figlia mia, affinché le Mura si rialzino e Gesù venga accettato! Figlia, Gesù si poggia ancora su di te! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) Ti benedico! Amen, Amen, Amen, Amen!

Oggi vengono consegnate a Giulia la 7° e l'8° Stigmata della quaresima 2005: IL BUCO DEI CHIODI ALLE CAVIGLIE DEI PIEDI!

 

 

 

         8. Giov 17/02/2005, ore 21.04, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa ancora nel bere i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Abbraccia e consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell’umanità intera, figlia! (Giulia) Gesù! Gesù, questa sera sei solo nel mare di Sangue che è sempre di pietra! (Gesù) guarda, figlia! (Giulia) come sono distanti i 24 sacerdoti! Gesù, il Sangue non si scioglie e tu sei sempre più triste, e i tuoi occhi bagnati! Gesù, dimmi se sono io a farti piangere? (Gesù) no, figlia, non sei tu a farmi piangere: guarda!(*) non chinare il capo ma avvicinati e apri la porta che è dinanzi a te, non spaventarti!(*) Ora guarda, figlia mia! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) posso dire ciò che vedo, Gesù? (Gesù) scrivi tutto quello che vedi e il 4° giorno consegnalo al Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) prega e fai pregare i tuoi figli, i tuoi Discepoli, le tue Colonne e le tue Suorine! (Giulia) Gesù, questo mare di pietra che è sotto i tuoi piedi, diventa sempre più grande e le pietre sono di tutte le misure! (Gesù) nel tuo Cuore c'è scritto cosa sono le pietre e cos'è il Sangue! (Giulia) Gesù, datemi la costanza e la forza, vorrei gridare ciò che è nel mio Cuore: vorrei gridarlo ai sacerdoti e accendere quelle lucerne che sono spente! In questo tempo vi chiedo il respiro! Gesù, poggiatevi sempre di più con la Croce, ma non lasciatemi sola! (Gesù) diventi sempre più Cocciuta, figlia mia; Io ti uso: come posso lasciarti? (Giulia) perdonatemi, Gesù! Ma come sempre metto nel vostro Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti nel tuo Nome e tutto ciò che hanno portato nei loro cuori! E come sempre metto le mie pietruzze che sono i sacerdoti, e i miei Gigli! Gesù, ascolta il grido del mio Cuore in questo istante, anche se sono una misera peccatrice! Mi inchino solo dinanzi a te, dinanzi alla tua Croce e ti amo, ti amo Gesù, ma ho paura di sporcare anche con le parole, Gesù! (Gesù) figlia, Sposa del mio Cuore, vieni nelle mie braccia!(*) (Giulia) Gesù, come sei solo! Gesù! (Gesù) vedi, figlia, l'umanità mi ha lasciato solo: fatemi compagnia, rimanete con me almeno voi! Io sono solo e sto salendo il Monte: venite dietro di me, figlioli, ma ricordate sempre di stare attenti al nemico, è sempre dietro l'angolo; combattetelo con l'amore, figlioli del mio Cuore, e rimanete nel solco della mia Pace e della mia Quiete! Figlia, vuoi unire le tue mani alle mie? vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) abbracciali secondo le mie intenzioni e guarda sempre chi mette i Chiodi!(*) unisci le tue mani alle mie!(*) (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, Sposa del mio Cuore! <1º grido>(*) sollevati anima mia!(*)  (Giulia) Gesù! (Gesù) anche in questo giorno i Chiodi saranno messi e tolti e sentirai i Dolori fino alla fine della preghiera! Ti invito a pregare per l'Uomo vestito di bianco: portalo ancora sulle tue spalle, e solleva le Mura! Prega per “L'UNIONE”, perché non c'è unione nella mia Casa!  (Giulia) Gesù, tu sei sempre “UNITO”: come non può esserci unione della tua Casa? (Gesù) ah, figlia, Io sono unito al Padre, allo Spirito Santo e al Cuore Immacolato di Maria, ma le Mura della Casa di Roma si sono frantumate! Prega ancora, immolati ancora, figlia mia, e fai pregare i tuoi figli! Bussate, chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, ma i vostri cuori devono essere aperti e distaccati dalle cose del mondo! Non aspettate che la pace scenda dagli uomini: chiedete a Dio, chiedete al Padre la pace, chiedete lo Shalom che scende dal suo Cuore, figli miei! (Giulia) Gesù, insegnaci a chiederti “la tua Pace”, la pace che ora sento nel mio Cuore e che solo tu puoi donarla! Gesù, squarcia ancora di più il mio Cuore e dona a tutti la pace che io sento; fa che tutti cercano questo amore che arde dentro di me, Gesù! (Gesù) vedi, figlia, il Sangue scende e Maria lo raccoglie sempre; ma chiedo al tuo Cuore: vuoi che lo versi? (Giulia) no, Gesù! No, Gesù, ma io busso ancora: squarcia ancora di più il mio Cuore, Gesù! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) Amén! Guarda ancora figlia, vedi come i Chiodi vengano tolti? (Giulia) sì, Gesù! Quanto Sangue scende dalle vostre mani, Gesù! (Gesù) ti chiedo ancora: vuoi che versi questi Calici? (Giulia) no, Gesù, ma non sia fatta la mia volontà, ma la tua, Gesù! (Gesù) per ora non li verso: accontento il tuo Cuore! (Giulia) grazie, Gesù!(*) grazie, Gesù! (Gesù) Io sono in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori. E vivere il Vangelo di questo giorno è camminare nel Solco di Dio, è il mangiare il Pane fresco che Dio vi dona attimo per attimo; è scendere nella profondità della Sapienza di Dio per salire i gradini della Corona di Maria, per arrivare nella gioia e nella pace! Dove trovate la Pace, se non cercate il Cuore di Dio? Figlioli, cercate prima Dio e bussate alla sua porta e gustate con amore le delizie del suo Cuore! Vivete in pieno la Parola viva e donatela ai vostri fratelli e donate i vostri cuori; ciò che cercate voi,  donatelo agli altri! La Via di Dio è stretta e se voi la camminate, invitate anche il fratello a camminarla, a non uscire fuori da quel Solco che è stretto ed è fatto di Dolori, ma porta alla gioia eterna, alla gioia del Padre, figli miei, e questo tempo di Quaresima fatela diventare ancora più piccola la viuzza: così entrerete prima portando l'umanità sorda e cieca. Ma non dimenticate mai di tenere alto il santo Vangelo: accoglietelo con amore, vivetelo con amore e fatelo vivere con amore ai figli e ai fratelli! Ai vostri nemici donate il mio Pane, quel Pane fresco che viene partorito attimo per attimo dal Cuore di Dio per accendere l'amore nei vostri cuori e nei cuori dell'umanità intera, perché Io sono qui in mezzo a voi, vivo e reale, e come Padre, offro ad ognuno di voi il mio Cuore; e voi offrite i vostri cuori ai vostri figli, ai vostri fratelli, ai vostri nemici, perché come il Padre vostro che offre ad ognuno di voi l'Amore pieno, così anche voi offrite l'amore; e combattete con l'amore la battaglia del Cuore Immacolato di Maria, e il Sole di Fatima che è nelle mani del Giglio, brillerà, si accenderà nel mondo intero e nella Dimora del Padre, perché la mia promessa viene da Fatima: si adempirà nel mondo intero e in questo Luogo dove il Padre ha piantato le sue radici! Ricordalo, Giglio, e ricorda bene il Vangelo di questo giorno: non dimenticarlo, fissalo nel tuo Cuore sempre di più e donalo all'umanità intera! Oggi è questo che ti chiedo, Giglio del mio Cuore! (Giulia) Gesù, posso farti una domanda nel Cuore? (Gesù) eccomi, figlia!(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) ora, immolati ancora e prega! Prega ancora per tutti i miei Figli Ministri! Vuoi abbracciare questa spada per tutti i sacerdoti? (Giulia) sì, Gesù, eccomi!(*) <Giulia ansima dal dolore ma non grida. Poi si accascia esamine> (Gesù) sollevati anima mia!(*) (Giulia) grazie, Gesù! (Gesù) non temere, il Sangue viene raccolto, non cade per terra: quella piccola benda non lo può contenere tutto! (Giulia) Gesù!(*) (Gesù) conosco l'amore che cresce sempre di più per le tue pietruzze: in questo tempo, figlia, poggia le tue mani sui loro capi! (Giulia) Gesù, come faccio? come posso mettere le mie mani? (Gesù) non temere: farò poggiare le tue mani su ogni capo! (Giulia) ora capisco, Gesù! Eccomi! (Gesù) ma invita ancora l'umanità a pregare e a vivere e a mangiare il Pane fresco! La Parola che Io vengo a portarvi è segnata dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo, ed è Pienezza del Parto di Dio che è vivo e reale in mezzo a voi, figli del mio Cuore, ma vi invito ancora a stare attenti al nemico; combattetelo con l'amore; combattetelo col mio Amore, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! E ora chiedo ai vostri cuori: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) la Pace e l'Amore del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen.. (Tutti) ..Amén.. (Piccolo Giovanni) Amén! Eccomi! Nella Pace, nell'Amore e nell'unica Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi. In ubbidienza al Padre, vengo a portare il saluto della Parola viva: Shalom, figli del mio Cuore! E vi invito nel cammino della Quaresima a fare penitenza, a pulire i vostri cuori, a cercare dentro di voi ciò che non appartiene a Dio e cacciarlo per preparare la stanza dove ospitare Gesù! Come Maria ha preparato le sue braccia quando è stato schiodato dai Chiodi, così voi preparate i vostri cuori per inchiodare Gesù nei vostri cuori e farlo rimanere sempre inchiodato per amore dentro di voi. E fissando nei vostri cuori il Chiodo di Gesù, potete guardare e abbracciare il fratello, e chiedere e vi sarà concesso! E voi che non siete perfetti e potete dare cose buone, il Padre farà scendere copiosa su di voi e nei vostri cuori, la Letizia del suo Amore e vivere nella gioia, vivere nella pace viva e vera che può donare solo Dio attraverso la Croce. Ma state attenti al nemico, ai suoi falsi giochi! Guardate bene in questo tempo e prostratevi solo dinanzi al Legno della Croce, figli miei, come servi inutili: i piccoli Giovanni sempre più piccoli e sempre all'ultimo posto! Lo ricordo anche a te, Giglio: “i piccoli Giovanni sempre più piccoli e all'ultimo posto”! Io sto bussando alla porta del tuo Cuore e aspetto: non tardare, figlio, fratello e amico! Non dimenticare che Dio ti ha portato nella sua Dimora: accendi sempre di più la fiamma che arde e non dimenticare l'olio! Giglio, oggi il mio Cuore è triste perché è triste il Cuore di Maria nel vedere altre guerre che si accendono; ma il suo Cuore Immacolato trionferà: LA PROMESSA NON VIENE CANCELLATA! Siate vigilanti, siate pronti e preparati perché non conoscete né l'ora e neanche il giorno, ma nell'attesa: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici, figli del mio Cuore!(*) Non dimenticate, in questo tempo, i vostri nemici, ma dinanzi all'altare fate festa, come fa festa il Padre con ognuno di voi! Bussate e vi sarà aperto, chiedete e vi sarà donato! Ma avete vissuto il Vangelo di questo giorno? <Giov. 1° sett. di Quaresima /A  Mt. 7, 7-12> l'avete vissuto? (Elia e Tommaso,) sì!  (Piccolo Giovanni) come l'hai vissuto, Tommaso? (Tommaso) l'ho vissuto meravigliosamente, perché è qualcosa di grande chiedere al Padre, come una Mamma, di accudire i propri figlioli, perché è vero che già il Padre provvede a tutto, però questo Padre che è anche Mamma, vuole sentire gridare dal proprio figlio.. quell'abbraccio, quella tenerezza per sentirsi saldo, per sentirsi forte ed andare avanti e quindi il Padre si commuove sempre per ogni figlio che lo invoca! (Piccolo Giovanni) ha bisogno di essere chiamato “Papà”!  (Tommaso) sì!  (Piccolo Giovanni) perché nessuno lo ricorda più: “di avere un Papà che è anche Mamma”, come dici tu, e al posto del Pane non da’ la pietra, al posto del pesce non da’ una serpe, ma dona il suo Cuore pieno ai suoi figli e all'umanità intera! Mentre l'umanità è sorda ed è cieca e non sa raccogliere né il Pane e neanche il pesce e rimane pietra dinanzi alla Misericordia di Dio, che in questo tempo dona a braccia aperte! La Chiesa annuncia “l'anno Eucaristico”, ma quanti cercano quel Pane? e in quanti vanno a mangiare? c'è qualcuno che ha fame di Dio in questo tempo? si possono contare sulle dita di una sola mano: si ha fame del mondo, ma non si cerca più quel Pane fresco che Dio dona! (Tommaso) si è dimenticati, Giovanni, anche di fare la doppia genuflessione davanti all'Eucaristia, come una volta! Comunque molti vescovi e molti sacerdoti, stanno organizzando, appunto, nell'anno dell'Eucaristia, a richiamare molte persone, affinché il Cristo sia adorato nel profondo del cuore! Maria sta lavorando! (Piccolo Giovanni) sia adorato e ringraziato ogni momento.. (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) ..il Santissimo e Divinissimo Sacramento!  (Piccolo Giovanni) gridatelo dal profondo del cuore! Figli, non dimenticate di avere un Papà! Non permettete al nemico di abortire quel Gesù che è Vivo ed è Risorto per Amore, sul Legno della Croce! La Cocciuta è rimasta gioiosa nel vedere il Giglio dinanzi a Gesù in ginocchio e il suo Cuore ardeva forte come arde il Cuore di una Sposa per lo Sposo! E in quell'attimo ha messo l'umanità intera, e Dio ha fatto scendere dal suo Cuore tre gocce di Sangue per accontentarla! É l'Amore Infinito che Dio dona attimo per attimo, e quelle tre gocce le poggerai con l'Alito e col Bacio sul Cuore del Giglio! <3 colpi di tosse con un'alitazione> e sul cuore di ognuno di voi: accogliete il mio Alito e donatelo ai vostri fratelli e all'umanità intera! Ma il mio Cuore deve dirvi che la Cocciuta dovrà soffrire ancora. A causa del Nome di Gesù sarà perseguitata ancora e i suoi Dolori saranno così forti da gridare al mondo intero: DIO È VIVO, È IN MEZZO A VOI E PARLA! Griderà solo queste parole abbracciando nel silenzio il Parto vivo della Croce! Ma non dimenticate di tenere alto il santo Vangelo e di viverlo, perché è profondo il Vangelo di questo giorno: arde nei cuori di ognuno di voi che siete qui riuniti; ma non lo fate spegnere per i rumori del mondo! Camminate questo tempo di Quaresima nella preparazione della Pasqua: nel silenzio, nella penitenza e nella preghiera, ma la preghiera fatta col cuore! E mangiate quel Pane vivo e fresco che Dio vi dona attimo per attimo, figli del mio Cuore! Io parlo a voi che siete qui riuniti e parlo al mondo intero: ascoltate la Parola di Dio: vivetela e non cercate altro perché Io vengo a portare l'unica Verità: il santo Vangelo, e come Sacerdozio vivo ed eterno l'ho mangiato, lo mangerò ancora e lo farò mangiare ad ognuno di voi, in ubbidienza al Padre e per amore dello Strumento! È questo che Io vengo a portare: il Vangelo: il Cuore di Dio! <Giovanni si rivolge a Telesfore> diglielo al Giglio: “figlio mio, Io vengo a portare il Vangelo vivo che è il Cuore di Dio: l'Alito pieno del suo Amore”! <4 colpi di tosse con un'alitazione> l'avete vissuto ora..  (Tutti) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..il Vangelo di questo giorno?  (Tutti) sì!  (Piccolo Giovanni) non gettate via il Pane, non abortitelo e non permettete al nemico di farvi cadere nella sua falsa luce, ma combattetelo con l'amore. E stringendovi forte al Legno della Croce, come l’ha abbracciata Gesù e non è sceso, così anche voi abbracciatela e non scendete finché non sarete schiodati e deposti nel Cuore di Dio! Ci sarete tutti, quando tutto questo accadrà?(*) E qua vi voglio! Ci sarete tutti quando Gesù verrà a chiedervi il vostro operato? e qua vi voglio! Ci sarete tutti quando sarà preparato il vostro Letto della Croce? (Giacomo1) se lo vorrai, Gesù, noi ci saremo! <Giovanni alza la mano e ferma Giacomo1 di parlare> (Piccolo Giovanni) Ci sarete tutti quando il peso sulle vostre spalle vi farà camminare curvi come Maria?(*) <si rivolge a Giacomo1> DIO VUOLE TUTTI I FIGLI! Non venirmi a rispondere “se tu lo vorrai!”! Aspettate prima di rispondere, così non cadete nell'errore! Io sono qui per indicarvi il Solco, non per farvi sbagliare! Io lo voglio, chiedo ai vostri cuori, perché Dio vi vuole tutti salvi e santi per gioire nel suo Cuore! È chiaro? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e fuori il Vangelo ciò che ho detto?  (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) e camminate sempre nel Solco dell'Amore di Dio! Avete appena ascoltato il santo Vangelo: “chiedete e vi sarà donato”, non ditemi “se tu vuoi…”! Mi rivolgo ancora una volta al Giglio: vuoi abitare nella Dimora del Padre, Giglio?  <Giovanni si rivolge a Telesfore> chiediglielo, perché Io l'aspetto!  (Giulia) Giovanni, posso chiederti una cosa nel Cuore?  (Piccolo Giovanni) eccomi!(*) (Giulia) eccomi, Giovanni, grazie!(*) (Piccolo Giovanni) Figli, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito ancora ad amare e a perdonare, a vivere in pieno il Mistero che Dio porta in mezzo a voi nella pienezza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Aprite i vostri cuori e fate entrare solo Gesù in questo tempo, e non pensate di capire con la mente ciò che state vivendo, perché “è Mistero di Dio”, e quando i vostri occhi si apriranno, comprenderete e vedrete il Sole di Fatima che è nelle mani del Giglio! Figli miei, ora pregate, pregate, pregate per la pace; abbiate fede perché il Padre ha messo nelle vostre mani l'umanità, e, se avete fede, potete fermare le guerre, i flagelli e far spostare le montagne, ma dovete liberarvi dalle cose del mondo e unirvi alla Croce di Gesù tenendo alto il santo Vangelo in questo tempo, figli del mio Cuore! Come Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto, vi invito a pregare per il mio popolo e vi chiedo ancora: NON FATECI USARE! Consolate il Cuore del fratello Domenico, in questo tempo, figli, e pregate per l'Uomo vestito di bianco, figli! E non cercate Dio lontano, ma guardate nei vostri cuori, ché è dinanzi alla porta e aspetta per entrare: aprite la porticina nei vostri cuori! Figli, Dio non fa alcuna distinzione e vi ama, e aspetta che voi lo chiamate “Papà”! Figlioli del mio Cuore, Dio vi chiede “l'Amen”! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Amen, Amen! Preparate i vostri cuori per ricevere Gesù spiritualmente ché viene ad abitare con “l’Amen pieno” dentro di voi! Volete accoglierlo?  (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) disponetevi e liberate i vostri cuori dalle cose del mondo, figli miei, in questo tempo di preparazione, di penitenza e di raccoglimento per abbracciare Gesù che muore sul Legno della Croce e risorge per donare a tutti la vita eterna, preparatevi all'incontro dello Sposo che viene, perché il Banchetto è pronto per ognuno di voi per fare festa, e lo Sposo avanza per abbracciare le sue Spose! Preparate i vostri cuori: disponetevi per accogliere Gesù spiritualmente!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) quale cibo può saziare l'anima mia? quale bevanda può dissetare l'anima mia? Tu solo sei il mio cibo! Tu solo sei la mia bevanda! Oh, mio Diletto! Oh, Sposo dell'anima mia! Neanche il mare può dissetarmi e tutta la terra non può saziare la mia fame! Tu solo sei il Pane e l'Acqua che può dissetami e saziami! Rimani sempre e non permettere che io mi distacchi da te, Gesù, Pane vivo che discendi dai Cieli! (Gesù) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén, figli! Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi! Figlioli del mio Cuore, Dio Bambino abita dentro di voi, non abortitelo quando uscite fuori; e quando la Croce sarà più pesante sulle vostre spalle, camminate dietro a Gesù e salite il Monte con Gesù: “chi mi ama, prenda la propria Croce e mi segua”, e in questo tempo non gettate via la santa Sofferenza ma abbracciatela, perché Gesù abbraccia ognuno di voi! Ora Dio Bambino ha sonno: gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato di Maria!(*) Grazie anche al tuo Cuore, Giglio, perché mi poggerò ancora con la Croce sulle tue spalle e sarai perseguitato ancora a causa del Nome di Gesù; ma il Padre ti ama e ti ha piantato nella Dimora, unendo il Cuore della Cocciuta al tuo Cuore e al Cuore di tutte le pietruzze, per essere uniti tutti all'unica Croce che è la Croce del Gesù che è morto ed è risorto per donare la vita eterna! E nel Nome della Croce, innalziamo al Padre la preghiera che ci ha insegnato! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli! Padre Nostro che sei nei Cieli! Padre Nostro che abiti nei cuori di ognuno di noi e aspetti il nostro amore, aspetti la porta dei nostri cuori che rimanga sempre aperta alla tua Misericordia, al tuo Amore che lasci scendere copioso nei nostri cuori e sull'umanità intera! Padre Nostro, insegnaci a ricordare sempre il tuo Nome! Insegnaci ad essere figli come tu ci vuoi: nel camminare nel Solco, nell'abbracciare il fratello emarginato, nel donare i nostri cuori come tu hai donato il tuo! Padre Nostro! Papà mio! Papà del mio Cuore!(*) Grazie perché mi fai rimanere straccio per pulire: usami come servo inutile! (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (il Padre) Amén! (Piccolo Giovanni) L'Amén del Cuore del Giglio cresca sempre di più! Rimanete nel Solco e state attenti al nemico: combattetelo con l'amore! ....... Paolo: cosa sente il tuo cuore in questo giorno? (Paolo) non riesco a decifrarlo! (Piccolo Giovanni) senti il Bimbo battere? (Paolo) non lo so! (Piccolo Giovanni) lo sento Io: ascoltalo, perché non si è allontanato da te! Telesfore! (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) il tuo cuore cosa fa? (Telesfore) il mio cuore arde, ma allo stesso modo, non lo so nemmeno io spiegare: forse è triste!  (Piccolo Giovanni) anche il mio è triste nel vedere l'umanità sorda e cieca! Almeno voi, ascoltate la Parola di Dio che è viva e reale ed è in mezzo a voi! E ripeto ancora una volta al Giglio: il Sole di Fatima è nelle sue mani e brillerà nel mondo intero e nella Dimora dove Dio l'ha portato: È PAROLA DI DIO! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Cocciuta Divina del Cuore della Croce, dovrai soffrire ancora a causa del Nome di Gesù! Porta sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli, e gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi! La Cocciuta sentirà i Dolori fino alla fine della preghiera! Io ora ritorno all'ubbidienza del Padre e vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo. Andate nella pace di Dio! (Tutti) rendiamo grazie a Dio! (Piccolo Giovanni) portate a tutti l'Amore e la Pace del Cristo Risorto, figli miei, ma quando uscite fuori non abortite Gesù!(*) (Giulia) Ti amo, Papà, ! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Accogliete il mio Bacio e portatelo all'umanità intera!  

Alle ore 23.58 circa, a metà del canto finale della Via Crucis “ti saluto o Croce santa”, Giulia va di nuovo in estasi accasciandosi per terra in posizione di crocifissione. Ecco il messaggio:

(**) (Giulia) Gesù!(*) Gesù!(*) Gesù!(*) (Gesù) ho sete, figlia, ho sete! (Giulia) Gesù, non ho nulla da darti!(*) (Gesù) ho sete di anime: portami anime!(*) Va, esci fuori: va per le vie e portami anime! (Giulia) Gesù, accompagnami!(**) Gesù, sulla via ho trovato solo un corpo senza vita!(*) È questa la tua sete, Gesù! (Gesù) vai avanti!(*) (Giulia) Gesù, non c'è solo un corpo, c'è un mare di corpi spenti!(*) È questa la tua sete!(*) (Gesù) vai avanti ancora, anima mia!(*) (Giulia) Gesù, oh, che ho trovato: i figli che non ti conoscono! È questa la tua vera sete!(*) (Gesù) bevi il Calice con me(*), perché quelli che hai visto sono miei consacrati!(*) <bevute amare e sospiri di Giulia> la Cocciuta rimarrà con me, ma ve la riporterò!(***) Ora ritorna, nell’Amore e nella Pace che il Padre ha donato al tuo Cuore! Ritorna in mezzo ai tuoi! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) porta la mia sete… <audio non intelligibile> (Giulia) Gesù, hai ancora sete? (Gesù) ho sempre sete di anime, figlia!(*) (Giulia) Gesù, prendi la mia e dissetati! (Gesù) ora torna nella tua famiglia e dona l'Acqua del mio Amore, figlia, che esce dal tuo costato unito al Sangue della Divina Misericordia!

 

 

 

         9. Ven 18/02/2005, ore 07.30, stanza del venerdì, in crocifissione, orale

(l'Immacolata) vieni, figlia mia, sono Io la tua Mamma! (Giulia) se sei tu glorifica il Padre! (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen. Figlia mia, vedi quanti flagelli stanno per cadere? vuoi fermarli? (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) consola Gesù: fagli compagnia e prega per l’unione della Chiesa! (Giulia) sì, Mamma! (l'Immacolata) Ti benedico! Amen, Amen, Amen, Amen!

 

 

 

         10. Giov 24/02/2005, Stanza more solito

Messaggi di Maria e del santo Giovanni di oggi (ore 16.10)

(Giulia) se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù! Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*), e immolati, figlia mia, ancora una volta per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre. Consola sempre il Cuore di Gesù come tu sai fare nell'unico abbraccio della Croce Divina che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore di Mamma Immacolata e Addolorata, in questo tempo addolorata nel vedere Gesù flagellato e solo. Figlia mia, prega come tu sai fare e fai pregare i tuoi figli e l'umanità intera, perché il Parto è vivo ed è in mezzo a voi: non cacciate via il Parto che Dio sta portando nell'umanità intera e in questo Luogo! Figliuoli, preparate i vostri cuori a questa Quaresima, ma preparateli con Gesù: col Gesù che ha abbracciato la Croce ed è morto ed è risorto per amore e per donarvi la vita eterna, per donarvi l'unico Amore che solo Dio può donare. Figli, vi ripeto ancora una volta: state attenti al nemico, è astuto e indossa tanti abiti per farvi cadere nella sua falsa luce. Amate e combattetelo con l'amore! Non usate “l’Io”, figliuoli, ma l'amore, l'Amore che Dio ha messo nei cuori di ognuno di voi lasciandosi inchiodare sul Legno della Croce: è il grido di una Mamma che nelle braccia porta il suo Figliuolo, e portando Gesù porto ognuno di voi! Lasciatevi salvare, figli, donatemi le vostre mani e uniamole alle mani di Dio che viene a liberarvi e a donare l'unico Amore, l'unica Pace, l'unica Letizia che è il suo Cuore Immacolato che trionferà nel Sole di Fatima che è consegnato nelle mani del Giglio; e il Giglio sboccerà e darà alla luce altri Gigli, perché il mio Cuore Immacolato di Mamma partorisce attimo per attimo, e Dio non si ferma di donare la Luce ai suoi figli, all'umanità intera e ad ognuno di voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce! Amate e perdonate in questo tempo se volete camminare e vivere con Gesù questa salita sul Monte! Portate i vostri nemici dinanzi all'altare: non potete vivere e non potete pronunciare il Nome di Gesù se non vi amate gli uni gli altri! Non potete formare la famiglia di Dio e non potete portare la Parola di Dio se non abita nei vostri cuori e se non la sigillate nei vostri cuori! Figli miei, è questo vivere con Gesù; è camminare con Gesù; è donare la propria vita per i fratelli; è far festa all'unico Banchetto che è Dio, e Dio vi ama tutti con la stessa misura senza fare alcuna distinzione, figliuoli del mio Cuore! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) i tuoi Dolori sono i Dolori del Parto e sono sempre vivi! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) dovrai soffrire ancora, figlia! (Giulia) eccomi! (l'Immacolata) ma ora ti chiedo di guardare!(*) (Giulia) Mamma, i tuoi occhi sono bagnati! (l'Immacolata) anche i tuoi, figlia! (Giulia) Mamma, posso dire ciò che vedo? (l'Immacolata) di solo che Io sto piangendo e le mie lacrime sono lacrime di uno flagello! È un altro flagello che sta scendendo sull'umanità, ma a parte fermerai, come l'altro!(*) <= «fNella serata di lunedì 21 scorso, Giulia è entrata in estasi chiamata da Gesù per limitare i danni di un terribile flagello che si stava abbattendo sull’umanità. Giulia è stata invitata a sopportare insieme a Gesù dei dolori lancinanti alle Stigmate, ma il messaggio non si è potuto registrare. Telesfore riferisce: «nonostante abbia regolarmente messo in funzione sia il registratore che la telecamera, il messaggio non si è registrato né sull’uno e né sull’altra. In particolare il registratore, poco dopo l’accensione si è spento da solo. Mi è sembrato come se Dio non avesse voluto che ciò avvenisse»> (Giulia) Mamma, non posso dire altro di ciò che vedo? (l'Immacolata) lo scriverai e al 4º giorno lo consegnerai al Giglio! (Giulia) eccomi! Eccomi, Mamma!(*) (l'Immacolata) ora è tutto nel tuo Cuore! E stai attenta, figlia! (Giulia) Mamma, vorrei gridarlo! (l'Immacolata) stai attenta al nemico: è astuto e usa ogni in mezzo! Sai bene come combatterlo! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) figli miei, vi invito a vivere e a camminare nel Solco di Dio, ad abbracciare la Croce che è l'unica Fonte viva e vera: il letto per le Spose che Gesù ha preparato. Vi invito a pregare per l'Uomo vestito di bianco. Cocciuta, portalo sulle tue spalle! (Giulia) eccomi, Mamma! Come sempre metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, tutti i figli che sono qui riuniti, i figli che si sono uniti alla mensa del Padre che viene a portarci. E come sempre metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze e i miei Gigli(*).. ti saluta e abbraccia il tuo Cuore, Mamma! Donali a tutti i sacerdoti i tuoi occhi, per poter vedere Gesù, Mammina, perché anche se piangi i tuoi occhi sono così belli!(*) Oh, come sei bella! Mamma, come sei bella! (l'Immacolata) sono bella perché amo! Amate anche voi e avrete i miei occhi e gioirete nel vedere Gesù che aspetta ognuno di voi. Ma in questo tempo pregate, pregate e rimanete vicino a Gesù. Fatelo conoscere, fatelo amare e non abortitelo giudicando il fratello. Non siate gelosi: togliete dai vostri cuori l'odio e fate sbocciare l'amore perché Dio è Amore e voi siete fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Non sporcate i tabernacoli che il Padre vi ha regalato, figliuoli del mio Cuore!(*) Giglio, ti invito ad accogliere il mio Cuore e a donarlo all'umanità intera! Sono Mamma, e nell'abbracciare e nel partorire la Croce, ho partorito anche te. Ora il Padre ti chiama nella Dimora per partorire la Croce: sei inchiodato com'è inchiodato il Cuore della Cocciuta al Legno vivo, e aspetto! Fate scendere lo Shalom: dai vostri Cuori scenderà latte e miele! Dio ha preparato questo Banchetto nella Dimora, non scandalizzatevi di ciò che sto dicendo, Giglio, ma vivi con amore ciò che esce dalla bocca di Dio perché lo Strumento parla con la Parola del Padre e suona una sola musica! Ed Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nei vostri cuori, e camminare, in questo tempo di quaresima, nella pienezza del Cuore del Padre nell'unica famiglia della Croce del mio Figliuolo Gesù! Figli miei, i tempi che scenderanno saranno ancora pesanti, ma il mio Cuore Immacolato trionferà perché il Sole di Fatima è nelle mani del Giglio! Altre guerre si accenderanno ma abbiate fede, figli, solo la fede nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. E non cercate e non prostratevi a dei sconosciuti ma guardate ed inginocchiatevi solo dinanzi al Legno della Croce, al Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donare la vita eterna; e accogliete sempre quel Pane vivo che Dio sforna dal suo Cuore per donarlo ad ognuno di voi e all'umanità intera! Vivete il Vangelo, vivete la Parola, vivete quel Pane che è Dio! Questo è il messaggio che il Padre vi dona: “vivete quel Pane che è Dio”!(*) Come Mamma vi chiedo ancora: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (l'Immacolata) volete accogliere con amore il santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (l'Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia! (Piccolo Giovanni) nell’amore e nell'ubbidienza a Dio, mi siedo un po'!(*) La Pace e l'Amore del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni)l’Amen del Giglio” rimanga sempre nei vostri cuori! Figli miei, eccomi! Nella gioia, nella Pace e nella Quiete dell’unica Verità del santo Vangelo sono ancora in mezzo a voi a portare il saluto, il profumo e l'amore del Pane di Dio e a visitare i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! Quanto è grande l'Amore del Padre nel donarvi tutte queste grazie, ma non viene compreso, non viene ascoltato, e quella Farina che Dio fa scendere viene gettata via! Ma benedetti i figli che sanno raccogliere quella Farina che è la Parola, è il Pane, è Dio che parla, è Dio che si dona! E con quanto amore, oggi, si è donato nel Vangelo ai figli, all'umanità intera e ad ognuno di voi! Ma avete ascoltato il Vangelo? avete vissuto la Parola? <Giov. della 2° sett. di Quaresima T.O. /A Lc. 16, 19-31> Dio parla ancora! Dio non si ferma di parlare ai propri figli! Fermarsi Dio è morire! Dio non è morte, Dio è vita, Dio è vivo, è quel Pane sempre vivo e viene sfornato attimo per attimo per l'umanità intera, per tutti i suoi figli! Se Dio si fermerebbe di parlare, quel Pane non crescerebbe più, non sarebbe più sfornato, ma il forno di Dio non si spegne perché è sempre acceso com'è acceso il suo Amore per l'umanità! Voi mi calpestate ed Io vi dono il mio Cuore! Voi mi uccidete ed Io vi dono il mio Cuore!  Voi mi cacciate ed Io vi dono il mio Cuore!  Voi mi sputate ed Io vi dono il mio Cuore!  Voi non mi riconoscete ed Io vi offro da mangiare il mio Cuore che è il Pane vivo che scende dai Cieli!(*) Avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e come l'avete vissuto, come il “ricco” o come il “povero”? (Alcuni) come il povero! (Piccolo Giovanni) ah.. ah.. ah.. non mettiamoci al primo posto, guardiamoci bene dentro prima di rispondere “come il povero”! Tu l'hai vissuto come il povero?(*) e non metterci una vita a rispondere! <si ride un po'> (Telesfore) io l'ho vissuto come il “piccolo” perché sono piccolo! (Piccolo Giovanni) i piccoli Giovanni all'ultimo posto! Ma Io guardo, guardo, e vedo sempre “l’Io”, e “l’Io” sapete bene che non viene dal Cuore di Dio ma viene dal “ricco”!(*) “Io voglio quel miracolo”! “Cocciuta, tu devi bussare al Cuore del Padre perché sei più vicina e devi chiedere quel miracolo” ! “Io voglio questo”, e questo non ci porta al Vangelo di questo giorno, ma ci porta lontani tra quell'abisso che non si può raggiungere! “Io ho operato quel miracolo”, e siamo di nuovo dinanzi all'abisso dove si potrebbe dire “Padre, manda Lazzaro a bagnare la punta del suo dito affinché spenga la fiamma che mi sta ardendo”! ..l’ho cambiata a mio piacimento per volere di Dio, ma è sempre il Vangelo che metto dinanzi a voi, da camminare e da seguire non con “l’Io” ma come stracci, come servi inutili dinanzi ai piedi della Croce! Non hanno ascoltato i profeti e non ascolteranno neanche se adesso vedreste al posto della Cocciuta il mio volto! “Ma è un fantasma?: scappiamo!” Ma Dio parla e l'umanità si meraviglia anche di questo! “Ha parlato, ci basta il Vangelo, non ci servono le altre cose: non ci serve la Stanza, non ci serve Fatima, non ci serve Lourdes, abbiamo il Vangelo”! Ma Io, come Sacerdozio vivo ed eterno, non mi fermo: PARLO ANCORA, e parlo con i Dolori del fratello Domenico! <domani, 25 febbraio, Lauria si appresta a festeggiare l’anniversario della morte del Beato Lentini> Non ci serve, stai sporcando l'immagine pulita”, ma dal suo Cuore, dal suo flagellarsi, è sceso un Miracolo che Dio ha voluto attraverso il flagellarsi di don Mario e della Cocciuta! <Giovanni fa riferimento alla guarigione istantanea da fibroma maligno irreversibile ricevuta dalla signora Anna Voria di Napoli avvenuta il 21 settembre 1988 all'Ospedale Cardarelli di Napoli, ottenuta per l'intercessione dell’allora Venerabile Servo di Dio don Domenico Lentini di Lauria, che, su esame positivo della Plenaria Cardinalizia, il 17/12/1996 sfociò nel decreto da parte del Papa di beatificazione del Ven. Lentini> Dio ha guardato questo e il suo Cuore si è aperto, ma è Dio che ha aperto il Cuore, è Dio che ha lasciato scendere il fiume e ha preso per mano la creatura. I confratelli ora dicono “non ci serve, ma usiamo”! Non fateci usare, ma innalzate solo a Dio la Lode del suo Amore alla Misericordia Infinita! Sono parole pesanti che sto usando sul mio popolo, e mi rimane solo di piangere perché non è stato accolto Domenico e non sarò accolto neanche Io, ma griderò con la voce della Croce che è l'unica Fonte viva e vera; e il Vangelo non viene cancellato da niente e da nessuno perché “Dio È” e l'uomo non può cancellare Dio, e i flagelli scendono sempre di più sull'umanità intera, perché Dio non viene accolto, come Padre, quando usa misericordia per salvare un'anima, ma viene usato per i poteri del mondo e per le ricchezze, che non sono Dio. È per questo il mio Cuore e il Cuore del confratello grondano Sangue! È come dire di nuovo “manda dai miei fratelli che non vengano anche loro in questo tormento”. Ma quante volte Dio si mette in ginocchio e supplica l'umanità? “Distaccatevi dalle cose del mondo e legatevi all'unica Fonte che è la Croce”, “non costruite tesori sulla terra ma costruiteli nei Cieli: lì dove è il vostro cuore c'è anche il vostro amore che vi aspetta, che è Dio”! È bello questo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e cosa volete? cosa volete essere? il povero o il ricco? (Tutti) il povero! (Piccolo Giovanni) e come potete farlo? <Anna dice qualcosa ma l'audio non è intelligibile> morire all’Io e crescere nell'unica Parola che è il Pane vivo di Dio: il Tesoro che è nei Cieli!(*) Dì al Giglio di crescere come Pane vivo di Dio e di donarsi nella dimora come Io mi sono donato!(*) Amate il Giglio? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e fatelo crescere con le vostre preghiere e col vostro “eccomi”(*). Non dimenticarti di donargli l'Alito e il Bacio! (Telesfore) devo farlo subito dopo la preghiera? (Piccolo Giovanni) si! <3 colpi di tosse con un'alitazione> e lo dono anche a voi! <3 colpi di tosse con un'alitazione> accoglietelo in pieno l'Alito del Padre e portatelo all'umanità,  ai vostri figli e a coloro che hanno i cuori feriti, e il Padre, con la sua Misericordia Infinita, li guarirà, ma i tempi li conosce solo Dio! Siate vigilanti e state attenti al nemico: è astuto e usa ogni in mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce! In questo tempo di quaresima, fate come faceva Domenico, fate come facevo Io: il silenzio, la preghiera, e, nel nascondimento, il flagellarsi per essere candidi dinanzi a Gesù! Oggi non va più di moda fare penitenza; non va più di moda fare digiuni, o se si fa si grida ai quattro venti; non va più di moda fare carità, e se si fa viene messo sui manifesti: “abbiamo raccolto la tale cifra”, e fare carità significa “ciò che fa la destra non lo deve sapere la sinistra”: nel silenzio dare il Pane che è Dio, ai piccoli, ai poveri, gli emarginati, ai figli drogati, a coloro che non hanno né un tetto e neanche un pezzo di pane, ma fatevi pane voi nel silenzio e donatevi come quel Gesù che, silenzioso, viene ad abitare nei vostri cuori in quella piccola ostia, trasparente e silenzioso senza fare alcuno rumore, ma si dona, e quel Sacrificio è così grande e gradito al Padre! “Fate questo in memoria di me”, non solo oggi ma per l'eternità perché Dio si dona sempre e non si è mai fermato di parlare e non si fermerà mai!(*) E neanche il Giglio si deve fermare di parlare, ma deve gridare come Io ho gridato e come griderò ancora per volere del Padre e per amore dello Strumento che Dio usa! Ora, figliuoli, vi invito ancora a vivere e a camminare nel Solco del Vangelo, a tenerlo alto, ad essere pronti per questa quaresima come il Padre ci vuole: candidi e carichi solo di Croce! “Chi mi ama prenda la propria Croce e mi segua”, e non si può dire “sto digiunando”, “mi sto preparando a questa quaresima”, “sto partecipando alle funzioni” ma scarto il fratello! Non è camminare dietro Dio ma dietro il nemico che è astuto e fa tenere sempre alto “l’Io”!(*) Liberatevi “dell’Io” e prendetevi per mano nell'abbracciare Dio tutti uniti come vera famiglia di Dio, e la famiglia di Dio è ricca d'amore, è ricca di perdono, è ricca di carità ed è ricca di quel Pane che Dio dona copioso, basta solo aprire il cuore e dire “eccomi”, non alzare il “dito dell’Io”! Non si può alzare il “dito dell’Io” e dire “eccomi”: è come andare incontro a Gesù e donare il bacio di Giuda! È grande ciò che state ascoltando in questo giorno: è mistero di Dio perché è Parola di Dio, e ciò che esce dalla bocca di Dio non potete comprenderlo con la mente ma aprendo i cuori e lasciar operare Gesù che viene con un piccolo coltellino a tagliuzzare i vostri cuori per svegliarvi e dire “vedete? Io sono qui, sono vivo e aspetto: volete mangiarmi? perché Io vi amerò così tanto da consumare i vostri cuori”!(*) Cosa rispondete? (una parte dei presenti) Amen! (l'altra parte dei presenti) Eccomi! (Piccolo Giovanni) sia pieno “l’Amen” e “l'Eccomi”! Figli miei, vi invito ancora a pregare per l'Uomo vestito di bianco, innalzando al Padre la sua volontà. Ma invito ancora la Cocciuta a portarlo sulle sue spalle: vuoi farlo, Cocciuta? (Giulia) sì, eccomi! (Piccolo Giovanni) ora ascolta ciò che dico al tuo Cuore, figlia e Sposa! (Giulia) eccomi!(**) (Piccolo Giovanni) questo l'aggiungerai al tuo primo messaggio, non a quello che conoscono, ma al primo!(*) (Giulia) dovrò dirlo? (Piccolo Giovanni) dì al Giglio che quando sarà l'ora del Padre gli consegnerai questo e gli altri che sono stati nelle mie mani! <= i messaggi segreti> (Giulia) Giovanni.. (Piccolo Giovanni) ..non temere, guiderò la tua mano per scrivere! (Giulia) mi dirai tu quando? (Piccolo Giovanni) si, perché l'ora la conosce solo il Padre! (Giulia) e come posso fare io a scrivere? (Piccolo Giovanni) non temere: Dio ha messo nel tuo Cuore anche questo! (Giulia) Giovanni, fa che tutti i sacerdoti abbiano il tuo Cuore!(*) (Piccolo Giovanni) donaglielo tu perché abita nel tuo petto!(*) (Giulia) aiutami a donarlo e tienimi per mano! Non lasciarmi! (Piccolo Giovanni) non vi ho mai lasciati, figli miei, amici del mio Cuore, famiglia di Dio! Andate avanti e non dimenticate che l'unica Verità è il Vangelo! Io l'ho sempre tenuta alta (=la verità) e la terrò ancora fino a quando il Cuore Immacolato di Maria trionferà! Ora, nella misericordia del Padre, vi saluto! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità! Cocciuta Divina, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera, e gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo! Nella gioia piena fatelo anche voi! Figlioli del mio Cuore, vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) l’Amen del Giglio rimanga con voi perché Dio rimane con voi in questo giorno a donarvi l'Amore e la Letizia del suo Cuore! Rimanete con Gesù e con Maria, gli Angeli, i Santi tutti e fate festa, figliuoli del mio Cuore. Ma ricordate: non abortite Gesù quando uscite fuori dalla Dimora! (Tutti insieme al Piccolo Giovanni) Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lode, Lodato sempre sia il Santissimo Nome di Gesù, di Giuseppe e di Maria, Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! L'abbraccio del Cuore di Dio vi unisca per l'eternità.. nel suo Cuore! (Giulia) rimani, rimani con noi! (Piccolo Giovanni) lo sono sempre, figlia!

 

Oggi è capitato contemporaneamente di 24 e di giovedì, per cui, oltre alla preghiera solita di questo giorno, alle 21,11 c’è stata anche l'apparizione col messaggio di Gesù. Ecco i messaggi:

 

Messaggi di Gesù e del santo Giovanni di oggi (ore 21.11)

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre; se sei tu glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te. Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare, figlia del Cuore della Croce! (Giulia) Gesù! Gesù, sei vestito con un abito tutto stracciato e bagnato di Sangue e cammini ancora nel mare che è sempre fatto di pietra! Gesù, quelle pietre diventano sempre più grandi e distanti, distanti da te! Sono rimasti i sacerdoti: i 24!(*) Gesù, ci abbandoni? (Gesù) no, figlia, non vi lascio, non temere! (Giulia) Gesù, solo sul tuo abito il Sangue scorre ed è vivo, mentre il mare è diventato di pietra e ogni volta è sempre più grande e tu sei sempre più solo! (Gesù) guarda bene! (Giulia) c'è Maria in una barca e sulle braccia di Maria c'è l'Uomo vestito di bianco e l'abito è macchiato di Sangue, Gesù! (Gesù) prega e portalo ancora sulle tue spalle! Solleva le Mura! (Giulia) sono bagnate di Sangue, Gesù! (Gesù) è il Sangue dei flagelli che scenderanno! Guangue scorre; sta camminando la barca, Gesù! (Gesù) guarda ancora, figlia! (Giulia) narda ancora, figlia mia!(*) (Giulia) Gesù, non reggo!(*) posso dire ciò che vedo? (Gesù) una sola parte! (Giulia) vedo tante armi nelle mani di tanti fanciulli; sono così piccoli, Gesù, e vedo tanti corpi senza vita; ma vedo anche tanti sacerdoti che si uccidono tra di loro! Non reggo, Gesù! Vedo tante chiese che rimangono senza Tabernacoli: vengono strappati e rimane solo buio! (Gesù) ora fermati, il resto lo scriverai e all'8° giorno lo consegnerai al Giglio! (Giulia) oh, Gesù, donami il tuo respiro! (Gesù) ora vi invito a pregare e a far crescere la vostra fede, ma vi ripeto ancora: state attenti al nemico. Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici; e ricordate sempre che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la Vita Eterna! Figlioli, preparate i vostri cuori e alla nuova alba che si accende, e camminate e salite il Monte con me, figli del mio Cuore! Ora figlia, ti chiedo ancora una volta: vuoi abbracciare tutto quello che il Padre vuole donarti in questo tempo? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) questa Pasqua è diversa dalle altre: figlia, sei pronta? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) Amen, figlia! Vuoi unire le tue mani alle mie? vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda chi mette i Chiodi, e anche in questo giorno li porterai fino alla fine della preghiera! Abbracciali secondo le mie intenzioni! Figlia, vieni sul letto della Croce con me!(*) guarda ancora i Chiodi e chi li mette! <1º grido>(*) sollevati anima mia!(*)  (Giulia) ah, Gesù, quanto male ti facciamo! Gesù, quanto male ti faccio: non so neanche sopportare i Dolori!(*) (Gesù) figlia, se tutti mi amassero come mi amate voi, i flagelli si fermerebbero e anche le guerre! I vostri cuori mi danno gioie ed Io mi poggio su di voi; e voi state lavorando affinché la pace scenda! Vi ho consegnato la vigna e non avete rubato, ma mi state offrendo i frutti; non mi avete ucciso, ma mi fate nascere nei vostri cuori a costo di perdere la vostra Vita; mi offrite il vostro “”, il vostro “Eccomi”! Hanno perseguitato me e anche voi siete perseguitati a causa del mio Nome; hanno chiamato “pazzo” me e lo stanno facendo anche con voi, ma siete qui vicini al mio Cuore offrendomi gioie! Oh, se l'umanità intera aprisse gli occhi! Figli, lavorate ancora, abbracciate i figli e i fratelli che non riescono a vedermi e che non riescono ad amare. Amate voi per loro! Lasciatevi inchiodare voi per l'umanità sorda e cieca! E tu Cocciuta, sai rispondere solo “eccomi”! (Giulia) Gesù, mi lamento e l'eccomi lo spezzo! (Gesù) come viene spezzato il Pane per donarlo all'umanità. Figlia, non lo getti via “l’eccomi” spezzato dai lamenti, che sono i baci che mandi al Cuore di Maria, nel gridare i Dolori del Parto all'umanità! (Giulia) Gesù, non merito nulla, non merito questo! (Gesù) sono Io a dirlo, non tu! (Giulia) perdonatemi, Gesù! (Gesù) Amen, figlia, Amen! (Giulia) Gesù, i Chiodi entrano ed escono e il Sangue viene sempre raccolto e portato dagli Angeli nel Calice di Maria! (Gesù) arde il tuo Cuore, ma quando il Padre vorrà lo verserai tu sull'umanità! (Giulia) non capisco, Gesù! (Gesù) gli Angeli ti offriranno il Calice, e tu verserai sull'umanità il Calice della nuova alba! (Giulia) Gesù! (Gesù) non temere, il Sole di Fatima è sempre nelle mani del Giglio, e inchiodati alla mia Croce sono i vostri cuori! (Giulia) Gesù, sia fatta la tua volontà! Usami come vuoi, ma fammi rimanere sempre straccio dinanzi ai tuoi piedi, Gesù! (Gesù) non temere, i piccoli Giovanni sempre all'ultimo posto, figlia! (Giulia) oh, Gesù, metto ancora nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere e i figli che si uniscono ancora a questa santa preghiera e tutti quelli che hanno portato nei loro cuori; e non mi fermo mai, Gesù, di mettere nel tuo Cuore tutte le pietruzze e i miei Gigli: aiutali, aiutali Gesù! (Gesù) li accarezzo con i Chiodi che sono nelle mie e nelle tue mani! (Giulia) Gesù, grazie! (Gesù) ora vi invito ancora a pregare. Pregate per la pace in questo tempo! Pregate per la pace! Pregate per la pace in questo tempo di quaresima, figli! E vi invito sempre a stare attenti al nemico: amate, amate, amate, fate ardere i vostri cuori perché solo l'Amore combatte il male! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo santo della Croce e il santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a farlo sbocciare nei vostri cuori, figli!(*) Giglio, fallo sbocciare nel cuore del figlio Francesco! Accarezzalo con i Chiodi della mia Croce. Segna con la tua mano santa il figlio Francesco e digli che aspetto il suo cuore per far festa al mio Banchetto, non temere niente e nessuno! Giglio, la Luce dello Spirito Santo è dentro di te, parla con la mia Parola, e le radici che Dio ha piantato nella Dimora stanno crescendo! Ora parlo a voi, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce: i tempi del Padre sono pieni, ma non spaventatevi; vi ricordo ancora una volta i tre giorni di buio: non dimenticateli: scenderanno, ma non conoscete né l'ora e neanche il giorno! Siate sempre vigilanti con la lucerna accesa; sia sempre alta la vostra fede e salda come la Roccia che è Dio! Sia sempre fisso nei vostri cuori l'Amore del Padre che scende copioso su di voi, e non temete niente e nessuno perché neanche un capello dei vostri capi sarà toccato! Dio è con voi, non temete l'uomo, figlioli, ma camminate sempre nel Solco tenendo sempre alto il santo Vangelo, figlioli del mio Cuore! Tu, Cocciuta Divina, dovrai ancora soffrire! (Giulia) eccomi, Gesù, eccomi! (Gesù) Amen, figlia, Amen! Ecco le chiavi: prendile nelle tue mani, figlia mia, e quando il Padre ti chiamerà, apri la Porta! Non chinare il capo, sai bene che il Padre ti ha mandata per questo! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ora vi invito ancora a vivere il Vangelo di questo giorno e a tenerlo alto, figli, ma non lasciatemi solo nell'Orto degli Ulivi, rimanete con me a farmi compagnia! E con amore vi chiedo ancora: volete ardere un po'? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere ancora il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio Vivo ed Eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia l'unica Lucerna viva dei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! L'Amen del Vangelo vivo sia sempre l'unica Roccia dei vostri cuori, figli miei! Come Sacerdozio vivo ed eterno nel Cuore del Padre, vengo a portarvi l'Amore che in questo giorno Dio ha stretto al mio Cuore, ed è il Calice della sua Letizia, il Calice vivo che offre ogni giorno alle proprie Spose. Io vengo a portarlo ad ognuno di voi: al mio popolo, alla mia famiglia, ai miei piccoli angeli sulla terra che ho scelto uno ad uno, gli angeli del Paradiso che state crescendo quel “Piano Verde” che un pezzettino per uno fate nascere nell'Amore e nella Letizia di Dio! Dio vi ha sigillati ed Io vi ho catturati nella rete! Quanto vi amo, figli! Quanto siete cari al mio Cuore! Attimo per attimo cresce sempre di più l'amore, e sono gioioso di trovarvi nelle visitazioni per volere del Padre e per amore dello Strumento! Oggi è vivo il Vangelo, è acceso e arde: arde nel mio Cuore, arde nel cuore di ognuno di voi, e sono gioioso di essere ancora unito a voi, di far festa con voi, di vivere ancora il Vangelo di questo giorno con voi! Sono state pesanti le parole di questo giorno, ma la Roccia è Roccia e non si muove; non si lascia portare via dal vento! Erano sante le parole di questo giorno?  (Tutti) sì!  (Piccolo Giovanni) ed è vero Pane ciò che avete mangiato oggi? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete cambiarlo con le ricchezze del mondo? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) bene, ora sì: ora siete all'ultimo posto per far festa al Banchetto di Dio. “Venite, figli, venite al primo posto a fare festa con me”! Come “Lazzaro”, siete gioiosi nel sentire questa Parola? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ma volete portare sulle vostre spalle i figli che non sono “Lazzaro”? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) fatelo nell'Amore pieno, nella semplicità e nel silenzio! Come Sacerdozio vivo ed eterno vi invito sempre a camminare nel Solco; mando ancora una volta l'Alito e il Bacio al Giglio! <4 colpi di tosse con un'alitazione> e non rimanete male se ve lo do dopo a voi! <3 colpi di tosse con un'alitazione> ma accoglietelo e portatelo ovunque andate, non temete angioletti miei, non vi ho abbandonati, sono sempre con voi! Ho bisogno del vostro amore e delle vostre carezze: fatemeli sempre come usavamo! Sai bene come farli, piccola Marì e piccolo Nicolè! <Giovanni si rivolge a i suoi nipoti, Maria e Nicoletto> Non dimenticatevi che siete stati sigillati e la vostra capanna è sigillata dal mio Amore. In questo tempo portate la piccola Croce sulle vostre spalle, ma da quella Croce, presto, sboccerà un fiore, figli miei, perché vi amo e amo ognuno di voi, perché ognuno di voi sta portando una piccola Croce in questo tempo, che sboccerà per tutti. Figli, ma non dimenticate il Vangelo di questo giorno: l'abbiamo già spiegato ma mi arde ancora il Cuore! ........ vi guardo uno ad uno: chi sa distaccarsi dalle cose del mondo? siete qui, siete uniti al Cuore di Dio, lavorate nella vigna di Dio, ma una piccola parte è ancora legata al mondo! È difficile distaccarvi dalle cose del mondo, ma sono gioioso nel vedervi ancora uniti, ancora famiglia di Dio, ed è grazie al vostro “eccomi” e grazie a quell'Eccomi che vi tiene uniti al Cuore della Croce, a quel Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donare la Vita Eterna! È bello avervi come figli, ed è bello vedervi lottare per rimanere saldi e fare allontanare da voi le cose del mondo; almeno non vi siete tirati indietro, non avete abbandonato le barche che Gesù ha preparato per ognuno di voi! È questo che rispondo! ...... è il Padre che dice grazie per la disposizione dei vostri cuori, perché l'umanità è sorda ed è cieca al suo grido d'amore! Grazie, figli miei, grazie per essere qui; grazie perché fate compagnia a Gesù; grazie perché consolate il Cuore di Maria mentre l'umanità va sempre di più alla perdizione! Grazie, figli benedetti dal Cuore della Croce! <si gira verso Telesfore che nel frattempo prende appunti> dì grazie anche al Giglio perché sarà perseguitato ancora! Digli grazie da parte mia, figlio!(*) Volete ancora l'Alito? (Tutti) sì! <5 colpi di tosse con un'alitazione> (Piccolo Giovanni) prendetelo adesso che Dio lo lascia scendere perché il Parto è vivo ed è in mezzo a voi! Figli, stringetelo ai vostri cuori e donatelo all'umanità intera! Ora che il fiume scorre venite tutti a dissetarvi all'unica Acqua Zampillante, così non avrete sete quando verrà a mancare l'acqua! Ma non spaventatevi di questo, chiaro? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) Avvicinati!(*) A te do l'Alito in modo particolare, non temere! <Giovanni prende tra le mani il viso di Telesfore e gli alita sulla testa, poi lo segna col segno della Croce sulla fronte>  <6 colpi di tosse con un'alitazione> sii Roccia nei tempi che scenderanno, Telesfore, e accogli il Giglio con l'Alito come l'hai ricevuto tu in questo istante! Cos'hai sentito? (Telesfore) ho sentito il Vento! (Piccolo Giovanni) era forte? (Telesfore) non era forte, ma penetrava! (Piccolo Giovanni) e se non era forte, com’è penetrato? (Telesfore) l'Alito di Dio penetra sempre! (Piccolo Giovanni) anche quando è tiepido? (Telesfore) anche quando è tiepido! (Piccolo Giovanni) e Dio è tiepido? (Telesfore) Dio è pieno! (Piccolo Giovanni) meno male che lo sai dire che Dio è pieno e non può essere tiepido!(*) Scenderà anche su di voi ciò che ha ricevuto Telesfore, non temete! Figli del mio Cuore, ora volete far festa? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete disporvi per ricevere Gesù nei vostri cuori spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) avete fame e sete? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) Preparate i vostri cuori: disponetevi per ricevere Gesù spiritualmente nei vostri cuori!(*) Ecco il Banchetto pronto in mezzo a voi: venite tutti a fare festa! Ecco lo Sposo che avanza per donarsi alle proprie Spose! Distaccatevi dalle cose del mondo almeno per un solo istante, ma state attenti al nemico! Figli, preparate i vostri cuori per Gesù!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) mia Gioia! mia Letizia! dolce Sospiro dell'anima mia! dove andrò a cercare cibo? dove andrò a dissetarmi? tu sei il mio Cibo! tu sei la mia Bevanda! La mia fame e la mia sete è solo di te, mio Diletto! (Gesù) eccomi, Sposa del mio Cuore! Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) Amén, figli!  (Piccolo Giovanni) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figlioli, perché Io abito nei cuori di ognuno di voi. Non abortitemi quando uscite fuori, figli miei! Ora il Dio Bambino ha sonno: gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figlioli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! La Piccola Cocciuta si poggiava sul mio petto: Io mi poggio sui cuori di ognuno di voi quando cantate la Ninna Nanna! È dolce il peso? sentite il mio Cuore ardere nei vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) non fate spegnerlo, tenetelo sempre acceso come è acceso il mio per Maria, per il Padre, per lo Spirito Santo e per Gesù! Lo conoscete Gesù? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) lo amate? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e Gesù vi ama perché è vivo, è reale, è in mezzo a voi e ora abita nei vostri cuori e non vi ha mai lasciati e non vi lascerà mai! Figli, non lasciate Gesù da solo in questo tempo! E nell'Amore pieno che lascia scendere su di voi e sull'umanità, innalziamo al Padre la preghiera del suo Cuore! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro che sei nei Cieli! Padre Nostro che sei nei Cieli, non abbandonarci, ma col tuo Amore Infinito, aiuta ognuno di noi ad allontanarci dal male e stringici sempre di più al tuo Cuore che è Amore e Misericordia! Padre Nostro, Padre mio, guarda benigno i figli che sono dinanzi al Legno della Croce in questo istante!(*) Ascolta il grido del mio Cuore, Padre!(*) (il Padre) Amen, figlia, Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (il Padre) Amen!(*) (Piccolo Giovanni) rimanete sempre uniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e grazie per il tempo che avete speso in questo giorno: vi sarà donato a larghe misure! Figli del mio Cuore, Io ora vi saluto col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera! Piccola Cocciuta del Cuore della Croce! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) abbraccia con amore ciò che il Padre offrirà al tuo Cuore!  (Giulia) eccomi, Giovanni, ma tu non lasciarmi!  (Piccolo Giovanni) diventi sempre più Cocciuta: abito nel tuo Cuore e Dio ti usa, non ti lascio, non temere!(*)  (Giulia) mi manchi, ma dammi sempre il tuo respiro!(*) Posso stringerti?(*) voglio baciare la tua fronte!(*) grazie!(*)  (Piccolo Giovanni) vai avanti, figlia, e porta l'umanità e i tuoi figli sulle tue spalle e gioisci ancora nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, ma quando uscite fuori non abortite Gesù e state attenti al nemico! Ora vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! Portate la Pace di Dio ovunque andate. Figli, Io rimango ancora con voi perché la Cocciuta sentirà ancora i Dolori vivi!  (Giulia) Ti amo, Papà, ! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io, e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Rimanete sempre nel Solco che Io vi ho segnato! Anima mia, soffri ancora per l'umanità! (Giulia) eccomi!

Alle ore 23.19, durante la seconda stazione della via Crucis, Giulia va in estasi e cade a terra in posizione di crocifissione, rimanendovi per tutta la durata della preghiera. Poi il messaggio alle ore 23.43 durante il canto “ti saluto o Croce Santa”

Messaggio di Gesù (ore 23.43)

(Gesù) ecco il Legno della Croce! Ecco il Legno che ha svettato la Vittoria! Amate e accogliete il Legno, figli! Ecco il Gesù che per Amore ha svettato il Legno! Ecco il Cuore che arde e dona all'umanità l'Albero della vita eterna! Pregate e innalzate i vostri cuori al Gesù che si è lasciato inchiodare per Amore! Ecco la Croce che svetta la Vittoria! Figlioli, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Amate, amate la mia Croce e non abbiate timore di essere inchiodati per amor mio sul Letto vivo dello Sposo adorato! Ardete d'amore e come agnelli abbracciate la Croce! Figli, la Cocciuta è rimasta per tutto il tempo sul Letto della Croce a salvare anime e a portarle nel mio Cuore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo! Ora, figlia, destati dal sonno e ritorna ad abbracciare i tuoi figli, e dona l'abbraccio della Croce al Giglio!