LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, n. 59

 

IL NEMICO VUOLE DISTRUGGERE I SACERDOTI PER NON FAR

DONARE PIU' GESU', MA L'AMORE VINCE SEMPRE

(dal messaggio del 24/08/2005)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

         1. Giov 28/07/2005, ore 21.03, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre! (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te! Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nell’unico abbraccio della mia Croce, figlia, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul legno della Croce per donarvi la vita Eterna! Figli miei, non prostratevi a dei sconosciuti ma chinate i vostri capi solo dinanzi al Legno della Croce, e in questo tempo state attenti al nemico: è astuto e usa tutti gli abiti possibili per farvi cadere nella sua falsa luce. Combattetelo con l’amore: amate, amate, amate, perdonate e usate carità verso tutti, e al primo posto, dinanzi all'Altare del Padre, portate i vostri nemici! Fate famiglia con Dio, figlioli del mio Cuore! (Giulia) Gesù, tu sei ancora nel Mare di Sangue e il tuo abito è tutto bagnato di Sangue, Gesù! E i sacerdoti sono sempre distanti, ma dietro di te c'è una folla enorme di bimbi e anche loro portano gli abiti macchiati di Sangue, Gesù! (Gesù) sì, figlia! (Giulia) Gesù! (Gesù) guarda ancora, figlia! (Giulia) dinanzi a te, nel mare di Sangue, c'è Maria, c'è Giovanni, c'è Carlo e il Giglio, e gli abiti sono bagnati di Sangue e piangono lacrime di Sangue, Gesù! Oh, Gesù, sono io a farli piangere con i miei errori? (Gesù) se tutti mi donassero la gioia che mi dona il tuo Cuore, l'umanità intera sarebbe salva! (Giulia) Gesù, io non sono niente e non so fare nulla; non so cogliere neanche i piccoli dolori! (Gesù) non sei tu a far piangere il Cuore di Maria! Guarda, figlia, un altro flagello scenderà sull'umanità ma non spaventarti! (Giulia) Gesù, non posso.. non posso far nulla? (Gesù) puoi pregare, e fai pregare i tuoi figli, i Discepoli, le Colonne, le Suorine del Cuore della Croce, ma invita tutti i sacerdoti a pregare e a non nascondersi dinanzi alla Luce che il Padre porta nella Dimora! Ricordatevi che Dio vede e sente ogni cosa, nulla gli è nascosto e nessuno di voi può nascondersi dinanzi a Dio, figli! (Giulia) Gesù, puoi poggiarlo sulle mie spalle il flagello? (Gesù) figlia, prega come il tuo Cuore sa fare! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) vieni anche tu nella barca! (Giulia) posso portare i figli che sono qui riuniti? (Gesù) il tuo compito è portare i tuoi figli e l'umanità intera: fallo! (Giulia) grazie, Gesù! Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti nella Dimora del Padre, i figli che si uniscono e tutti quelli che portano nei loro cuori! E come sempre, Gesù, metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze che sono i sacerdoti, e il Giglio chiede di metterlo nel tuo Cuore e nel Cuore di Maria, forte forte! Gesù, io uso un'altra parola: lo tuffo nel tuo Cuore e nel Cuore di Maria e tuffo tutti i sacerdoti! Gesù, fallo diventare come sei tu buono e con gli abiti candidi come è il tuo! Gesù, poggia la tua Croce così il peso li porta dritti al Padre e ci portano anche a noi e l'umanità intera! Gesù, ti chiedo perdono se parlo in questo modo, ma in questi ultimi tempi vedo che i sacerdoti soffrono e sono smarriti, e anche noi ci sentiamo un po' smarriti! So che tu non ci lasci, Gesù, ci tieni per mano e ci porti sempre da bere la tua Acqua! E come è bella l'Acqua del Dolore, l'Acqua della Sofferenza, Gesù: com'è limpida! Gesù, toglimi tutto ma non togliermi mai della sofferenza e donala sempre di più ai miei figli, ai figli che mi hai donato, così possiamo vederti e amarti sempre di più e amare il Cuore di Maria! Ti chiedo perdono se ho parlato di più, Gesù, ma il mio Cuore in questo giorno sembra un fiume in piena e ha tanta sete di te, Gesù! (Gesù) bevi la mia Acqua, figlia e donala all'umanità intera! Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) l’Amen del Cuore del Padre, che è l'Amen del Cuore del Giglio, cresca sempre di più nei cuori di ognuno di voi, figli miei! <si rivolge a Telesfore> Giglio, mi rivolgo ancora una volta al tuo Cuore: NON TARDARE , fai sbocciare l'amore che arde dentro di te nella Dimora del Padre! Io ti dono il mio ECCOMI, aspetto il tuo, figlio! Cocciuta Divina del Cuore della Croce, sarai ancora perseguitata a causa del mio Nome, ma non temere niente e nessuno, figlia! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) figlia mia, vuoi ancora abbracciare i Chiodi divini secondo le mie intenzioni di Padre, di Figlio e di Spirito Santo? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) figlia, vieni sul letto della Croce: vieni e abbraccia il tuo Sposo! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) figlia mia, guarda i Chiodi e guarda ancora chi li mette, e anche in questo giorno verranno messi e tolti fino alla fine della preghiera! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vieni, anima mia!(*)  <Giulia soffre in silenzio senza gridare, poi sviene> sollevati anima mia!(*) guarda le tue mani e i tuoi piedi! (Giulia) Gesù, come sono lunghi i Chiodi! Gesù, quanto Sangue esce dalle tue mani e dai tuoi piedi, e il Sangue in questo giorno non si unisce al mare, ma entra.. (Gesù) ..non dire in nome della chiesa, ma dillo al Giglio! (Giulia) Gesù, anche questa chiesa si riempie tutta e non rimane nulla; si vede solo il Sangue, Gesù! (Gesù) è anche il tuo Sangue che si unisce al mio! (Giulia) Gesù, io sono solo uno straccio dinanzi ai piedi della Croce: lo straccio che Dio usa! (Gesù) lasciati usare, figlia, e non temere niente e nessuno e invita ancora tutti i Figli Ministri a pregare per la pace e a gridare: Dio è vivo, Dio è in mezzo a noi e parla e la sua promessa è duratura! La Roccia non si rompe né col vento e neanche con la pioggia e neanche la tempesta la distrugge! «DIO È» e la Parola rimane, ma il mondo passa! Pregate e convertite i vostri cuori all'Amore di Dio, figlioli, ma state attenti al nemico, combattetelo con l'amore: è l'unico scudo l'amore: il mistero pieno del Cuore di Dio! Ed Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori! Figli miei, Dio vi dona il suo Pane: il Pane fresco, mangiatelo e donatelo da mangiare ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai figli carcerati, non lasciate nessuno senza il Pane di Dio, quel Pane fresco che il Padre lascia scendere in mezzo a voi vivo! Figli, siate coscienti che Dio parla, siate coscienti che Dio è vivo e nessuno può fermare Dio di parlare e di fare scendere il suo Amore ovunque! Non c'è un luogo dove Dio non lascia scendere la sua Parola, ma state attenti ai rumori: dove c'è rumore non c'è Dio! Dio scende nella Quiete, nella Pace e nella Letizia della Croce, dove c'è la Via stretta, dove abita la santa Sofferenza! Figli, quella è la via di Gesù: la Croce e i Dolori, i Dolori vivi del Parto di Maria che per prima ha accolto la Croce accogliendo il Figlio di Dio dentro di sé per donarlo all'umanità intera! Vi invito ancora a pregare e a tenere sempre alto il santo Vangelo, figli miei! Ora ti invito ancora a guardare, e, ciò che vedi, uniscilo al rotolo! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) Eccomi!(*) Eccomi!(*) Eccomi!(*) (Gesù) figlia, è giunta l'ora che dovrai scrivere col Sangue dell'Agnello Immolato e consegnare al Giglio! (Giulia) donatemi la forza, Gesù!(*) (Gesù) sai dove prenderla: allarga le braccia sul letto della Croce, figlia mia! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) Giglio, presto la Cocciuta ti consegnerà ciò che il Padre le farà scrivere col Sangue! Non spaventarti ma rimani inchiodato anche tu sulla Croce, e risponderai “4 Amen” quando ti sarà consegnato! Lo Strumento ti dirà cosa fare perché tutto è il nel suo Cuore! Non temere le persecuzioni ma vai avanti, figlio! E voi Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, preparatevi ai tempi di Dio perché il Parto è vivo, è in mezzo a voi ed è pronto! Non spegnete la lucerna della fede, ma state attenti al nemico! Amate, amate, amate con l'Amen pieno: Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Gesù) Ora vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere ancora una volta il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Piccolo Giovanni) L’Amen pieno rimanga sempre nei vostri cuori! (Anna e qualcun’altro) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Nella gioia e nella Pace del santo Vangelo, sono ancora qui in mezzo a voi a portare la rete che raccoglie, a portare la Parola, a portare il Pane vivo, il Pane fresco di Dio, e, come Sacerdozio vivo ed eterno, ve lo offro sempre fresco e vi invito a riempire i vostri cuori della Parola di Dio, a farli crescere con la Parola di Dio e a pregare affinché l'umanità intera accolga il Pane, accolga Dio che bussa alla porta di ognuno, alla porta dei cuori, perché Dio è presente, è vivo dinanzi alla porta dei cuori dell'umanità intera e aspetta, aspetta l'amore perché Dio è Amore, e donando il suo Amore chiede all'umanità di essere amato, di essere accolto, di essere quel Pane vivo e fresco che tutti possono mangiare per crescere nella gioia e nella Letizia e camminare nell'unico Mare stretto che porta alla gioia; e solo Dio può donare quella gioia, solo Dio ha quella rete senza buchi che cattura le creature, l'umanità intera, perché Dio vuole l'umanità salva e santa per gioire all'unico Banchetto, il Banchetto del suo Cuore! Figli, gioite con Dio, gioite con la Parola e non affannatevi con le cose del mondo, non disperdetevi con le cose del mondo ma tenete alto il santo Vangelo: l'unica Verità che vi ho sempre dato e sempre vengo a portarvi in ubbidienza al Padre e per amore dello Strumento che si lascia usare da Dio! Ma vi invito ancora a stare attenti al nemico e a non abortire Gesù! Non giudicate, non puntate il dito verso il fratello, ma guardate Gesù Crocifisso, quel Gesù che si immola attimo per attimo per far crescere i vostri cuori, per far crescere la fede dentro di voi e poter dire “Papà, eccomi! Papà sono dinanzi alla porta del tuo Cuore: fammi entrare perché voglio essere tuo figlio! Ho peccato, Papà, ma ora voglio tornare a vivere nel tuo Cuore e ad accoglierti nel mio e a non cacciarti mai più! Eccomi!” Ecco il Pane vivo, ecco il Pane che si sforna, ecco la rete senza buchi! Figli del mio Cuore, ma ditemi: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! <Giov. della 17° sett. T.O. /A Mt. 13, 47-53> (Piccolo Giovanni) e come l'avete vissuto? quanti buchi c'erano nella vostra rete? Tommaso! (Tommaso) eccomi, Papà! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Cosa ricordi della Parola viva di questo giorno? (Tommaso) Giovanni, la Parola di questo giorno, praticamente,  è immensa come sempre! (Piccolo Giovanni) come il Mare che è Dio!  (Tommaso) il Mare, l'immensità dell'Amore di Dio, sì! E ancora una volta Lui ci invita, a farci capire, a farci entrare attraverso la sua porta, per capire.. (Piccolo Giovanni) ..che è stretta..  (Tommaso) ..sì, è stretta e piena di sofferenza, ma col suo Amore possiamo affrontarli e andare avanti! Dicevo, ancora una volta si esprime in parabole; ancora una volta vuole indicare ai suoi figli questa Porta per entrare a capire il suo Regno, il Regno che ci spetta, il Regno che ci attende: il Regno di Dio! Ma l'uomo, purtroppo, è molto radicato alle cose del mondo, alle cose terrene.. (Piccolo Giovanni) ..e getta la rete del mondo per accogliere le ricchezze, le cose del mondo che non appartengono a Dio, e l'umanità affonda sempre di più lasciando Dio! Parla!  (Tommaso) e, purtroppo, Dio ce lo spiega sempre, semplicemente, rappresentando questa rete senza buchi che raccoglie ogni qualità di pesce, proprio per farci capire che non ci dobbiamo arrendere anche se siamo sopraffatti da questa gramigna velenosa che cerca di soffocarci; soprattutto i figli di Maria questa gramigna tende di fermare ad ogni costo, ma noi col tuo santo aiuto dobbiamo andare avanti, non scoraggiarci, gridarlo sempre che “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla” e portare la Parola a tutti, anche quando sembra che il campo è molto difficile.. (Piccolo Giovanni) ..fino al Sangue devo soffrire per amore di Gesù.. (Tommaso) ..che è morto per noi..  (Piccolo Giovanni) ..e per i fratelli che non riescono a portare il peso della Croce, e in questo tempo, in modo particolare, per tutti i sacerdoti, per tutti i Figli Ministri, che il nemico vorrebbe annientarli per non far donare più Gesù! Pregate affinché tutti i sacerdoti rimangano nella rete di Dio! Figli, pregate voi che siete qui riuniti nella Dimora del Padre! Il mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno gronda Sangue perché Io vedo ciò che non vedete voi, e la Cocciuta, per volere del Padre, vede anche lei e si immola attimo per attimo abbracciando ogni figlio ministro e lo porta sulla Via dei Dolori, la Via che Maria ha segnato e segna da Fatima! “Ecco la mia Corona”!  <la corona del rosario > Pregate affinché il Sole di Fatima, che è nelle mani del Giglio, brilli del mondo intero e in questo Luogo! Ma vi chiedo di pregare forte forte per il Giglio: il suo Cuore gronda Sangue! Non temere, Giglio, la Cocciuta asciuga con i suoi Dolori il Sangue e fa sbocciare i Gigli! Vai avanti e porta tutti i sacerdoti nel Solco della Dimora del Padre! Niente e nessuno fermerà il Progetto di Dio, perché Dio È, figlio!(*) Dimmi ancora! (Tommaso) Giovanni, stavo riflettendo, sempre rimanendo nel Vangelo di oggi, che Dio nonostante è Amore, è Padre e quindi con quest'Amore immenso raccoglie tutti i figli senza alcuna distinzione, perché Lui è venuto proprio per i piccoli, gli ultimi, i peccatori! (Piccolo Giovanni) Dio è Padre e non scarta nessuno!  (Tommaso) però, di questi tempi soprattutto, Giovanni, noto che non c'è più persona timorata di Dio, e questo mi fa piangere dentro di me, perché Dio ci viene anche a ricordare..  (Piccolo Giovanni) ..per questo i flagelli scendono sempre di più sull'umanità, ma potete fermarli col vostro amore, col vostro “Eccomi”, perché Dio vi ha scelti! Parla! (Tommaso) in virtù di questo, Giovanni, dobbiamo sempre ricordarci che Dio è anche un Dio di giustizia, quindi quando il Pescatore, come dicevo l'altra volta, farà la cernita dei pesci, dobbiamo solo pregare che anche noi ci troviamo nella cernita buona di Dio, alla sua destra e dobbiamo pregarlo ogni momento! (Piccolo Giovanni) e Io dico: Amen, Amen Amen!  (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) è il grido del mio Cuore “l'Amen” in quell'istante della cernita! Ma vi invito a pregare e a non spegnere la lucerna della fede, perché verranno tempi dove sarete perseguitati a causa del Nome di Gesù, ma non dovete spaventarti: hanno perseguitato Gesù, lo fanno ancora e lo faranno anche con voi, perché siete stati sigillati col Sigillo della Croce e del Vangelo! Figli miei, non fermatevi: siate un fiume in pieno che grida la Parola di Dio che è l'unico Pane vivo e vero, figli! <si rivolge a Telesfore> Dona al Giglio il Bacio e l'Alito del mio Amore! <un'alitazione> e lo offro ad ognuno di voi, il Bacio del Piccolo Giovanni e l'Alito dello Spirito Santo! <un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, ai vostri fratelli, in modo particolare ai vostri nemici e fate festa con loro! Figli miei, vi invito ancora a pregare per il mio popolo e pregate anche per il popolo del Giglio, perché grondo Sangue su ognuno dei due! Pregate e fate compagnia a Gesù: non lasciatelo solo nell'orto degli ulivi! Non chiudete la porta dei vostri cuori, figli, perché Io parlo a voi e parlo al mondo intero, ma invito ognuno di voi a lavorare nella vigna del Padre e vi chiedo sempre di pregare per tutti i sacerdoti in questo tempo, perché voi non conoscete ciò che è scritto nel Libro di Dio, figli! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) il Calice è pronto da bere, figlia! (Giulia) Giovanni, tienimi per mano! (Piccolo Giovanni) non temere e non spaventarti quando il Padre ti userà per scrivere col Sangue e consegnare al Giglio! (Giulia) eccomi, Giovanni! Mi direte quando? (Piccolo Giovanni) non temere, Gesù sarà al tuo fianco! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) Ora, figlia mia, accogli ancora i Dolori che il Padre vuole donarti! (Giulia) eccomi, Giovanni! <Giovanni si rivolge a Telesfore> (Piccolo Giovanni) e ricorda sempre al Giglio che è inchiodato alla Croce con lo Strumento, e lo Strumento suona solo una musica: la musica del Vangelo! Figli miei, vi invito ancora a rimanere saldi, a rimanere Rocce nella Roccia di Dio! E non temete, figli, Io raccolgo i sussurri dei cuori di ognuno di voi e li porto nel Cuore del Padre e non vi lascio mai soli, sono sempre con voi: abito nei cuori di ognuno di voi, figli, e vi indico sempre la Via che porta al Cuore del Padre! Quando cadete ci sono Io a sollevarvi, e lo Strumento vi porta sulle sue spalle perché il Padre l'ha mandata per questo! Vi invito ancora a stare attenti al nemico: non abortite Gesù, figli! Ora siate pronti per accogliere Gesù che viene ad abitare dentro di voi spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete disporre i vostri cuori.. (qualcuno) ..sì.. (Piccolo Giovanni) ..e distaccarvi dalle cose del mondo? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) e unirvi all'unico Cuore della Croce che è l'unica Fonte viva e vera? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) disponete i vostri cuori, figli miei! Il Banchetto è pronto, è in mezzo a voi e lo Sposo avanza! Preparatevi tutti per lo Sposo che viene, ma distaccatevi dalle cose del mondo!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) Oh, mio dolce Sposo, ora tu sei nella mia anima e ardi nel mio Cuore! Quanta sete ho, Gesù! Tu vivi dentro di me ed io vivo dentro di te: com’è dolce questo incontro! Gesù, non lo fare finire: fa che duri sempre! Oh, mio Diletto! Il mio Cuore è una fornace e arde del tuo Amore, non farmi cercare l'amore del mondo: Gesù, io desidero solo il tuo, rimani sempre con me come lo sei adesso! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Piccolo Giovanni) Ecco, figli, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi! Figlioli del mio Cuore, ricordate sempre che Io sono vivo e reale in mezzo a voi e nei vostri cuori, nei cuori di ognuno di voi che siete qui riuniti, dei figli che si sono uniti a questa santa preghiera e tutti quelli che avete portato nei vostri cuori! Dio si dona perché è Amore e non lascia senza Pane i propri figli che aprono i cuori! (Giulia) Gesù, vedo dei cuori chiusi! (Gesù) vai, entra e porta il Pane!  (Giulia) ah, grazie, Gesù!(*) (Piccolo Giovanni) diventi sempre più Cocciuta, ma rimani così come il Padre ti ha scelta, figlia! Ora il Dio Bambino ha sonno: gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figlioli del mio Cuore! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Rimanete sempre nel Solco che Maria segna per ognuno di voi per portarvi al Cuore del Padre e farvi gustare le delizie della sofferenza! Soffrire è raggiungere il Cuore del Padre per gioire nell'Amore Pieno! Figli, volete gioire ancora?  (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) innalziamo al Padre la preghiera che ci ha insegnato:  <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro, Padre mio, Papà dell'umanità intera, Papà Buono che sei solo tu! Oggi io sono caduto a terra, ma tu pronto sei venuto ad alzarmi! Ero ferito e tu hai fasciato la mia ferita! Oggi mio fratello è caduto a terra e tu hai portato il tuo Pane per farlo mangiare e si è rialzato! In quest'istante, Papà, guarda l'umanità, e, tu che sei buono, e solo tu sei buono, aiutaci ad alzare l'umanità! Poggiati sulle nostre spalle: io te lo chiedo per tutti i miei figli! Papà, tu che ci hai sollevati venendo ad abitare dentro di noi, fa che possiamo sollevare anche noi chi cade, perché non ti conosce! (il Padre) Amen, anima mia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén!(*) (Piccolo Giovanni) L'Amen del Giglio cresca sempre di più!  <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio che lo amo! (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) ma dovrà soffrire ancora! Figli miei, quando uscite fuori non abortite Gesù ma fatelo vivere e combattete il nemico, amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portate tutti i vostri nemici! Vivete sempre nell'amore e donate l'Amore di Dio, così sarete un'unica famiglia col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo; e pregate per fermare i flagelli, figli miei; pregate affinché la Chiesa sia unita al Cuore di Dio! Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre! Vi invito, figli miei, ad essere Luce viva nel mondo intero, e allargo le braccia e vi chiedo ancora: pregate, pregate, pregate! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, figli! Tu Cocciuta Divina del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli e gioisci, figlia mia, nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo; nella gioia piena, fatelo anche voi, figli del mio Cuore! Vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Piccolo Giovanni) Rimanete nella quiete e nella pace della preghiera, uniti a Gesù che gronda Sangue per ognuno di voi e per l'umanità intera! Vi chiedo ancora di pregare per tutti i sacerdoti, figli! (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Rimanete tutti nella mia gioia, figli!(*) (Giulia) grazie, Papà!

 

 

        2. Giov 04/08/2005, ore 21.10, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci ancora, figlia, nel bere i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te! Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nell’unico abbraccio della mia Croce, figlia del mio Cuore! (Giulia) Gesù, la Croce in questo giorno gronda Sangue ed è dinanzi a te, e tu cammini sempre nel mare di Sangue! Gesù, distanti sono sempre i sacerdoti: sembra che ci sia un altro mare che li divide, ma dietro di te ci sono sempre dei bimbi con gli abiti bagnati di Sangue com'è bagnato il tuo, Gesù! Il mare ora che è sciolto, è sempre più grande, Gesù! (Gesù) si, figlia, il mare cresce perché Dio È! Ma vedi, Io sono solo e l'umanità mi ha abbandonato, ha dimenticato di avere un Gesù: l'umanità ha gettato la Croce e abbraccia e innalza il mondo come Croce! (Giulia) Gesù! (Gesù) vedi? tu vedi queste anime dietro di me con gli abiti bagnati di Sangue, ma guarda, figlia, guarda ancora ma non spaventarti!(*) ogni creatura che tu vedi è un flagello che scende sull'umanità!(*) (Giulia) Gesù! Gesù, misericordia!(*) Gesù, poggiatevi ancora sulle mie spalle! (Gesù) non spaventarti, non sono questi fanciulli, ma i flagelli che scendono è perché l'umanità è sorda ed è cieca, non vuole vedere, non vuole ascoltare il mio grido e non chiede al Padre lo Shalom! Pregate per la pace, chiedete a Dio la pace, siate in pace gli uni gli altri, figli miei, e pregate per i Grandi del mondo, pregate perché la Chiesa rimanga unita nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, figli miei! (Giulia) Gesù, come misera peccatrice dinanzi ai piedi della Croce, ti chiedo ancora una volta: poggiati sulle mie spalle! Gesù, usami come vuoi! Se il Padre ascolta il grido del mio Cuore: se puoi fermare quel flagello, usami! (Gesù) fai pregare i tuoi figli, i tuoi Discepoli, le tue Colonne, le tue Suorine del Cuore della Croce, figlia, perché Io ho scelto voi: siete sigillati! Ognuno di voi porta Sigillo della Croce e l'umanità è nelle vostre mani! Aiutatemi a pregare e state attenti al nemico: combattetelo con l'amore! Amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto dinanzi all'altare portate i vostri nemici, figli, e fate festa col Padre! Unite i vostri cuori al Cuore della Croce, e in questi tempi, figlioli miei, perché Io sono qui in mezzo a voi vivo e reale e il Parto è pieno e il nemico vorrebbe far suo il Progetto dell'Amore! Pregate, figli, pregate! (Giulia) Gesù, metto nel tuo Cuore, come sempre, tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti, i figli che si uniscono a questa santa preghiera e a tutti quelli che hanno portato nei loro cuori! Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze che sono i sacerdoti, e come sempre, forte forte metto nel tuo Cuore il Giglio: aiutalo a prendere il volo con le ali del tuo Amore, Gesù! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Gesù) Amén!  (Giulia) Gesù, ascolta il mio Cuore in questo giorno, anche se è sempre nelle tue mani, perché io da sempre te l'ho offerto, ma in questo giorno ascoltalo, Gesù!(*) grazie! (Gesù) figlia mia, dovrai ancora soffrire a causa del mio Nome, e tu hai visto i Calici che sono pronti per te: vuoi berli ancora? mi ami ancora? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda, figlia, guarda i Calici che dovrai bere per l'umanità intera e per tutti i Figli Ministri! (Giulia) sia fatta la volontà del Padre, Gesù! (Gesù) ti invito a guardare ancora, figlia, ma unisci al rotolo ciò che vedi!(*) (Giulia) Gesù, Gesù!(*) (Gesù) <si rivolge a Telesfore> dì al Giglio che il Calice è pieno: lui capirà! Digli del mio Amore non ha limiti; digli ancora che aspetto il suo amore e digli che la pianticella ha bisogno dell'Acqua; e ad ognuno di voi vi invito a pregare, ad essere coscienti che Dio è vivo, è in mezzo a voi e aspetta i vostri cuori aperti! Io parlo a voi e parlo all'umanità intera! Vi invito sempre a pregare per tutti i Figli Ministri: portateli nelle braccia come Maria ha portato me! Figli, combattete sempre il nemico con l'amore: è l'unica arma! Amate, amate, amate, figlioli del mio Cuore! Cocciuta Divina, vuoi abbracciare ancora una volta la Croce? vuoi unire le tue mani alle mie? vuoi essere inchiodata sul letto della Croce? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vieni, Sposa del mio Cuore!(*) <Giulia si accascia senza gridare> lascia che la Croce cada per terra!(*) <dice a Telesfore che ha cercato di trattenere Giulia per non farla cadere> sollevati anima mia!(*) hai guardato i Chiodi? (Giulia) sì, Gesù, sono così lunghi! (Gesù) guarda le tue mani e guarda i tuoi piedi, figlia! (Giulia) Gesù, non li vedo, vedo solo un mare di Sangue che scende dalle tue mani e dai tuoi piedi e si unisce al tuo. Gesù, si unisce al mare ed entra in un'altra Chiesa coprendola tutta! (Gesù) dì al Giglio il nome della Chiesa, figlia! (Giulia) sì, Gesù! Ma il Sangue.. il Sangue non si ferma! (Gesù) non temere, io lo lascio scendere sempre perché mi dono attimo per attimo, perché vi amo, figlioli del mio Cuore, e vi invito ad amare, perché solo amando potete salvarvi e gioire nel Cuore del Padre! Io alle mie Spose offro sempre la santa Sofferenza, perché attraverso la Sofferenza gioirete nel Cuore del Padre! La Porta è stretta, figli, e per entrare per la Porta Stretta dovete accogliere i santi Dolori della santa Sofferenza per arrivare alla Santità del Padre, perché il Padre vi vuole salvi e santi nel suo Cuore! Non temete, figli, chi uccide i vostri corpi: abbiate timore di chi può uccidere le vostre anime! Camminate sempre sulla Via che Maria ha segnato e segna per ognuno di voi, e Maria la Via l'ha segnata e la segna con i Dolori del Parto vivo della Croce, perché io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna, figli! Ma vi invito ancora a pregare e a distaccarvi dalle cose del mondo! Figlioli del mio Cuore, io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori! Figli miei, Dio vi dona tutto il suo Amore e il suo Amore è il Pane fresco, la Parola viva che viene a portarvi, e la Parola viene dal suo Cuore invitandovi sempre ad amare, a donare tutto l'amore che lascia scendere su di voi ai vostri fratelli, ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai figli drogati, ai figli carcerati, senza lasciare nessuno fuori della santa preghiera! Dio si fa piccolo piccolo: un pezzetto di Pane, per donarsi ad ognuno di voi e all'umanità intera! Fatevi Pane e donatevi, figli, perché il Parto è vivo, è in mezzo a voi, e Dio io vi ha scelti per farvi Pane e donarvi; ma sarete perseguitati a causa del mio Nome, ma non temete niente e nessuno: neanche un capello del vostro capo sarà toccato, ma vivete in pieno il Vangelo vivo di questo giorno! Figlioli, ascoltate la mia Parola: non rispondetemi come Pietro, ma accogliete tutto quello che il Padre vi chiede e allargate le braccia sul letto della Croce: “Eccomi! Eccomi! Eccomi!” ed io vi rispondo: Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Gesù) Amén! Vi ripeto ancora una volta, figli: state attenti al nemico, combattetelo con l'amore tenendo sempre alto il santo Vangelo, figli! Giglio, in questo giorno hai tenuto alto il santo Vangelo? l'hai vissuto? ti invito a far crescere foglie dell'Albero nella Dimora del Padre e a bere con me il Calice! Ricorda ancora che il tuo Cuore è inchiodato al mio e allo Strumento sul Legno della Croce! Abbraccia con amore le persecuzioni che verranno ancora, e Io metto ancora nelle tue mani lo Strumento, come hanno messo nelle mani di Maria, Madre mia e Madre vostra, il mio Corpo! Figlio, ascolta questo grido che viene dal Cuore del Crocifisso; e invito ancora ognuno di voi a pregare per i flagelli che stanno scendendo in questo istante! Pregate, figli! (Giulia) Gesù, Gesù! (Gesù) prega, figlia mia e immolati come tu sai fare! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) ora vi chiedo con amore: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con Amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo e reale come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! L’Amen del Cuore del Padre che è l'Amen del Cuore del Giglio riempia i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera, figli miei! Eccomi! Nella Pace, nella Gioia, nella Letizia e nella Verità del santo Vangelo sono qui in mezzo a voi a spezzare il Pane vivo dei Cieli e a donarlo ad ognuno di voi e all'umanità intera! Figli del mio Cuore, sono qui ad indicarvi la Via e il Solco che conduce al Padre, e voi sapete che la Via che conduce al Padre è fatta di Dolori, ma è anche quel Pane fresco che viene accolto, mangiato e donato ai fratelli che non conoscono e non amano Gesù! Il Pane vivo di questo giorno fa riflettere i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! “Chi dite che Io sia?”, “Cosa siete venuti a fare?”. Chi siete venuti a cercare? il Pane? Chi può donarvi Pane? E il Forno? chi è il Forno?(*) è Maria che con amore impasta la Farina e dice: “fate tutto quello che vi dice!” Ma l'umanità dov'è? l'umanità cerca quel Pane? l'umanità si ricorda quando viene chiesto: “chi pensate che Io sia?”, e quanti come Pietro: “no, Signore, questo non deve succedere: Io non permetterò!..” Gesù per amore ha abbracciato la Croce! Gesù per amore ha lasciato il Padre per accogliere l'umanità dispersa; ma oggi è ancora più dispersa! Vi invito a stare attenti al nemico, ad usare quell'amore che Gesù usa sempre, e a pregare per tutti i Figli Ministri! Vedete, tutti si nascondono dietro l'albero pensando che Dio non li vede! Ah, figli miei! ah, confratelli, ascoltate il grido del Padre, ascoltate e assaporate il Parto vivo e vivete in pieno la Parola! Ricordate sempre che Dio è antico; DIO È, e ciò che Dio ha scritto non viene cancellato, la Roccia non si frantuma, figli miei! <si rivolge a Telesfore> dì al Giglio che lo Strumento è Roccia di Dio e non si frantuma, ma il Padre dovrà farla soffrire ancora per l'umanità sorda e cieca. Ma vi chiedo: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! <Giov. 18° sett. T.O. /A Mt. 16, 13-23> (Piccolo Giovanni) come Pietro?(*) Come l'avete vissuto, Tommaso? (Tommaso) eccomi, Papà! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Non siate gelosi se mi fermo solo su Tommaso; mi poggio su di ognuno di voi, ma capirete perché mi fermo su Tommaso! Come hai vissuto e cosa ricordi del Vangelo di questo giorno? (Tommaso) c'è l'hai fatto già rivivere, anche tu, Giovanni, però il Vangelo di questa sera è veramente pieno perché ci sono.. (Piccolo Giovanni) ..è Pane!  (Tommaso) Sì.. ci sono veramente diverse.. <il microfono di Tommaso comincia a fare i capricci e lo costringe a parlare temporaneamente con quello del leggìo> (Piccolo Giovanni) devo aspettare anche il microfono: come sempre, e sono capriccioso!  (Tommaso) dicevo, Giovanni, ci sono veramente delle verità rivelate molto profonde, a cominciare da questa prima parte dove Dio si fa uomo, e viene rivelato attraverso Pietro, attraverso questo piccolo uomo umile che non sapeva neppure cosa dicesse, e ha detto una cosa grandissima attraverso lo Spirito Santo, cioè.. (Piccolo Giovanni) ..perché non veniva che dallo Spirito Santo la conoscenza di essere Dio!  (Tommaso)proprio il figlio di quel falegname?”, “proprio il figlio di quella piccola fanciulla?(Piccolo Giovanni)da una piccola creatura come Maria, come può essere il figlio di Dio?”  (Tommaso)proprio attraverso il Parto recente di questa Piccola Cocciuta..”  (Piccolo Giovanni) ..un Seme piccolo che partorisce Dio, e la Cocciuta, attimo per attimo, partorisce la Croce per volere del Padre attraverso i Dolori dell'umanità intera e di ognuno di voi! E qui il Mistero diventa sempre più grande, ma lo Strumento dovrà soffrire ancora: sarà perseguitato dai Grandi della Casa del Padre, ma il suo “Eccomi” è nato con lei! Può la Croce finire? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) così non finirà mai, ma risponderà sempre: ECCOMI! E così anche voi, nei Dolori, nelle piccole croci quotidiane, dovete rispondere sempre: ECCOMI! Il Padre non vi abbandona, il Padre vi ama e quando si poggia sulle vostre spalle, in quell'attimo lo Sposo si unisce alla propria Sposa, e lì l'amore si fonde e diventa un tutt'uno con Dio, perché Dio si incontra attraverso i Dolori, attraverso la Sofferenza, per gioire nel suo Cuore! È Vangelo ciò che sto dicendo? (Tutti) si! (Piccolo Giovanni) è fresco il Pane che vi sto donando per riempire i vostri cuori? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) mangiatelo e donatelo all'umanità intera! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio di mangiare il Pane di questo giorno e di stringere al suo Cuore i Dolori dello Strumento, figlio, ma stringili anche al tuo perché mi poggerò ancora sul tuo cuore!(*) Tommaso! (Tommaso) eccomi, Papà!  (Piccolo Giovanni) cosa c'è ancora nel tuo cuore?  (Tommaso) ecco, quest'altra verità, quella fondata proprio su Pietro, cioè la vera fede, non esiste altro Dio! La Roccia di Pietro è l'unica verità di chi si rifugia, che è collegato, ovviamente, con la completezza, quando su di loro si posò lo Spirito Santo e completò..- (Piccolo Giovanni) ..l'opera di Dio! (Tommaso) sì, “a chiunque rimetterete i peccati saranno rimessi, e a chi li riterrete saranno loro ritenuti!” Ecco la verità di fede, per cui è affidata a tutti i sacerdoti, e non confessarsi all'aria, come dicono tanti: “tanto Dio.. Dio è Dio, chi è più..(Piccolo Giovanni) Io vi invito ancora una volta a pregare in questi ultimi tempi per tutti i sacerdoti, affinché la Chiesa rimane unita nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Il mio Cuore gronda Sangue perché voi non vedete ciò che Io vedo e non conoscete il dolore dello Strumento perché il Padre le lascia vedere, e il suo dolore è che non può parlare! Pregate, pregate, pregate per tutti i sacerdoti e allontanate il nemico con l'amore: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici! Chi di voi vede una pecorella nel roveto e non la va a liberare? chi di voi la lascerebbe ferita a morire? ...... Paolo, tu lo faresti? (Paolo) no! (Piccolo Giovanni) Telesfore, tu lo faresti? (Telesfore) no! (Piccolo Giovanni) e voi? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) non lasciate nessuno, figli, Dio vi dona l'amore per amare tutti, come il Padre ama tutti senza fare alcuna distinzione! Il Parto è pieno, è vivo, è in mezzo a voi e il Sole di Fatima è nelle mani del Giglio: brillerà nel mondo intero, ma il Padre ha scelto questo Luogo! Gioirete tutti nell'amore pieno, ma il Padre conosce i cuore di ognuno di voi e guarisce tutte le ferite! Non affannatevi per le cose del mondo: il mondo passa, tutto passa, è l'Amore di Dio che arde nei vostri cuori e nessuno ve lo può togliere! Figli, rimanete legati alla Croce e abbracciate con amore tutti i Dolori che Gesù poggerà sulle vostre spalle, ma non lasciate le pecorelle nel roveto! ......... Sto toccando ....... il cuore di ognuno di voi, perché vi amo! Dico grazie alle due creature che con amore sono venuti a visitarmi! Vi abbraccio, grazie per essere rimaste legate alla Croce! <Lucrezia di Reggio Calabria ed una sua amica> (Lucrezia) grazie al Padre che mi ha concesso questa grazia! (Piccolo Giovanni) il Padre vi benedice! (Lucrezia) grazie! (Piccolo Giovanni) porta ovunque vai la benedizione di Dio! (Lucrezia) Papà, posso inginocchiarmi e chiedere grazie? (Piccolo Giovanni) rimani così come sei: dinanzi a Dio è il cuore che si inginocchia! (Lucrezia) voglio inginocchiarmi, posso? (Piccolo Giovanni) dovete prostrarvi solo dinanzi alla Croce, figli miei! Quando sarà il momento della preghiera ti inginocchierai! (Lucrezia) grazie! (Piccolo Giovanni) ora rimani così: piccola, semplice, e i piccoli Giovanni sempre all'ultimo posto! (Lucrezia) perdona i miei peccati, non sono meritevole! (Piccolo Giovanni) lascia che sia Dio a parlare ora! Lasciate parlare Dio, figli! <si rivolge a Telesfore> dona sempre l'Alito e il Bacio al Giglio! <un'alitazione> volete ancora l'Alito e il Bacio? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ecco il bacio del Piccolo Giovanni e l'Alito del mio Amore! <un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera! Figli miei, vi invito ancora a pregare secondo l'intenzione del Padre; figli, Dio conosce i cuori di ognuno di voi ed Io raccolgo i sussurri dei vostri cuori e li porto al Cuore del Padre; ma vi chiedo ancora, figli: fermate i flagelli col vostro amore! Amate, amate, amate e bussate al Cuore del Padre chiedendo lo Shalom! Figli del mio Cuore, ora siete pronti? volete accogliere Gesù che viene ad abitare nei vostri cuori spiritualmente? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) volete disporvi? ..... disponetevi per accogliere Gesù!(*) Distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi al Cuore di Dio che è vivo e reale ed è in mezzo a voi. Il Banchetto del Padre è pronto per ognuno di voi: è pronto per le sue Spose! Ecco lo Sposo che avanza: venite tutti, distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi al Cuore del Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Figlioli, ora preparate i vostri cuori!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) Di mia volontà.. l'Agnello si è fatto immolare e si è donato per amore! Così anche voi, per amore, donatevi per tutti i figli Ministri! L'amore unisce e lega al Cuore della Croce e voi siete uniti al Cuore di Dio e in quest'istante Io sono vivo dentro di voi: il Gesù che si è Immolato e si immola attimo per attimo! (Giulia) Gesù, non hai guardato i miei errori e sei venuto ad abitare dentro di me! Gesù, rimani sempre nel mio Cuore: fa che io non mi distacchi mai da te, Gesù, e quando cado, Gesù, tu mi hai già alzato, non mi lasci neanche arrivare per terra! Gesù, il letto della tua Croce sia sempre il mio letto! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén, figlioli del mio Cuore! Eccomi, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figlioli del mio Cuore, ma state attenti: quando uscite fuori non abortite Gesù; non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma amate, amate, amate, figli miei! Ora il Dio Bambino ha sonno: volete cantargli ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) Grazie! Figlioli del mio Cuore, grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria! Dio ha un'unica misura, e, ad ognuno di voi, ad ogni vostro piccolo sacrificio, il Padre offre a tutti la stessa paga! Dio vi dona il suo Amore! Grazie, figli, per essere venuti a far compagnia a Gesù che è solo nell'orto degli ulivi! Ed ora, uniti al suo Cuore come suo popolo, come famiglia di Dio, innalziamo al Padre la preghiera che ci ha insegnato! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre Nostro, Padre mio, ecco il mio Cuore: è tuo! In questo giorno, Padre, voglio squarciarlo com'è squarciato quello di Gesù, per far dissetare i figli che non conoscono la tua Acqua! Padre, non guardare i nostri errori, ma se c'è qualche briciola di buono nei nostri cuori, raccoglila, e prendila, Papà mio, Papà Buono, perché solo tu sei buono, e se guardiamo te, se cerchiamo il tuo Cuore e se lo vogliamo, possiamo diventare come te: Luce e Sale del mondo! (il Padre) Amen ancora, figlia, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) ecco l'Amore della Croce! Ecco Dio che guarda l'umanità ed ognuno di voi che siete qui riuniti nel suo Nome! Rimanete lucerne accese e non spegnetele! Portate con voi l’olio perché il tempo è pieno, figli, e combattete sempre il nemico con l'amore: amate, amate, amate, figli miei! Cocciuta Divina! (Giulia) Giovanni, è più bello se mi chiami straccio! (Piccolo Giovanni) lascia che sia il Padre a decidere! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) ricordati ancora il tuo primo messaggio, figlia: il tuo Cuore sarà trafitto ancora! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) come Sposo, e come regalo, ti offro questo Calice! È amaro, figlia, ma lo Sposo offre i Calici amari alla propria Sposa! (Giulia) eccomi, sono pronta! (Piccolo Giovanni) lo berrai domani, figlia! (Giulia) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ora guarda e non spaventarti di ciò che vedi, l'hai già visto nel primo giorno del tuo primo messaggio!(**) Ricordati sempre che il Cuore Immacolato di Maria trionferà e invita sempre i tuoi figli a tenere alto il Vangelo! (Giulia) Sì: eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) il Respiro e l'Alito di Dio è su di te: donalo sempre all'umanità, figlia mia! Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre, voi rimanete nella Quiete e nella Pace della preghiera! Figlia mia, porta ancora i Dolori del Parto fino alla fine della preghiera! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) porta sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli e gioisci, figlia mia, nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi, figlioli del mio Cuore! Ed Io vi saluto col Padre, col Figlio e con Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Piccolo Giovanni) Rimanete nella Quiete di Dio, figli miei, e non abortite Gesù quando uscite fuori! Pregate col mio Cuore in questo giorno ché gronda Sangue per l'umanità intera, figli miei! Anche tu, Giglio, prega col mio Cuore!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io e aspetto! (Tutti) TI AMO PAPÀ! (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli benedetti al Cuore del Padre! Il Bacio del Piccolo Giovanni accarezzi i cuori di ognuno di voi! Donate la gioia che Dio ha lasciato scendere su di voi, figli del mio Cuore! Sposa del mio Cuore, abbraccia sempre la Croce! (Giulia) eccomi, Giovanni!

 

 

          3. Giov 11/08/2005, ore 21.10, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te! Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nell’unico abbraccio della mia Croce, figlia del mio Cuore! (Giulia) Gesù! Gesù! Gesù! (Gesù) eccomi, figlia! (Giulia) sei nel mare di Sangue e sei tutto coperto di Sangue in questo giorno! Gesù, dietro di te ci sono sempre dei bimbi; i sacerdoti sono così lontani e anche i bimbi sono coperti di Sangue nel mare, Gesù! (Gesù) guarda, figlia, anche tu sei coperta di Sangue nel mare alla mia destra! (Giulia) Gesù, com'è grande il mare, ma vedo delle barche vuote: non c'è nessuno nelle barche! (Gesù) guarda!(*) (Giulia) c'è una barca dove c'è Maria, un Bimbo, Giovanni e il Giglio, e ci sono delle “lettere” che non riesco a leggere, Gesù! (Gesù) guardale bene: scrivi quelle lettere e consegnale al Giglio! (Giulia) sì, Gesù, eccomi! (Gesù) guarda ancora: in questo giorno(*).. non spaventarti, figlia, sono altri flagelli che stanno scendendo sull'umanità! (Giulia) Gesù! Gesù! (Gesù) prega, figlia e fai pregare i tuoi figli, i Discepoli, le Colonne e le Suorine del Cuore della Croce! (Giulia) Gesù, non posso far nulla per ciò che sto vedendo? non vuoi poggiarti più, Gesù? (Gesù) sono già appoggiato, figlia, sulle tue spalle, ma ciò che vedi è già sceso! (Giulia) Gesù! (Gesù) raccogli nelle tue braccia le anime e portale al Padre! (Giulia) Gesù, sono una misera peccatrice, uno straccio: non sono degna di prendere nelle mie mani le anime! (Gesù) vuoi lasciarle? (Giulia) no, Gesù! (Gesù) fai ciò che il Padre ti chiede! (Giulia) perdonami, Gesù: Eccomi!(*) Gesù, ora sono nel Cuore del Padre! (Gesù) ti invito ancora a pregare! State attenti al nemico, e in questi tempi, figli, combattetelo con l'amore: amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate i vostri nemici. Non lasciate nessuno fuori! Guarda la porta del Cuore di Dio: è sempre aperta! Figli, siano le porte dei vostri cuori sempre aperte per accogliere l'umanità intera e i vostri fratelli, ma amate, amate, amate, perché è l'amore che combatte il male e vi fa gioire nel Cuore del Padre! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio di donare tutto l'amore che ha nel suo Cuore ai propri nemici! Digli di ricordarsi che è inchiodato alla Croce, unito allo Strumento, e l'amore si dona ancora di più perché la Croce sboccia sempre e fa crescere i candidi Gigli dell'Amore del Padre! Digli di non temere niente e nessuno: abito nel suo Cuore!(*) Figli miei, pregate e consolate il Cuore di Maria, unitevi al suo Cuore e abbracciate il suo Rosario pregando secondo le sue intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata! (Giulia) Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti, i figli che si uniscono e tutti quelli che hanno portato nei loro cuori! Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore tutte le mie pietruzze che sono i sacerdoti, e in questo giorno tuffo nel tuo Cuore e nel Cuore di Maria il Giglio: tenetelo forte forte! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) Amén!  (Giulia) Gesù, ascolta il mio Cuore in quest'istante!(*) Grazie, Gesù! (Gesù) vi invito ancora a pregare, figli, secondo le mie intenzioni e a combattere il nemico con l'amore: amate, amate, amate, amate, figli del mio Cuore! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vuoi abbracciare ancora i Chiodi divini? vuoi salire sul letto della Croce ed unire le tue mani alle mie in questo giorno? (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vieni, Sposa del mio Cuore! (Giulia) eccomi! (Gesù) guarda i Chiodi e unisci le tue mani alle mie. Guarda chi mette i Chiodi, figlia!  (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) abbraccia il tuo Sposo!(*) <Giulia si accascia esanime senza gridare> Sollevati, anima mia!(*) Guarda le tue mani e i tuoi piedi: i Chiodi verranno messi e tolti attimo per attimo in questo giorno! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù, quanto Sangue! C'è un altro mare che scende dalle tue mani e dai tuoi piedi!(*) Gesù, si unisce al mare dove sei tu!(*) Gesù, sei ancora più coperto di Sangue!  (Gesù) e anche tu lo sei, perché c'è anche il tuo Sangue, figlia! (Giulia) Gesù, il mare entra in un'altra chiesa.. (Gesù) ..non dire il nome, ma dillo solo al Giglio! (Giulia) sì, Gesù! Ma il Sangue non si ferma, Gesù? (Gesù) guarda, figlia, guarda perché non si ferma, ma non dirlo: aggiungilo al rotolo! (Giulia) sì, Gesù, ma donatemi la costanza e la forza! (Gesù) hai nelle tue mani i Chiodi e anche nei tuoi piedi: la costanza e la forza prendili dai Chiodi, figlia mia! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vi invito ancora a combattere il male con l'amore! Figli miei, Discepoli del mio Cuore, Colonne e Suorine del Cuore della mia Croce, distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi al Cuore di Maria: fatele questo regalo in questo tempo! Figli miei, come la Cocciuta abbraccia i Chiodi, voi abbracciate la santa Sofferenza, abbracciate la piccola Croce quotidiana sulle vostre spalle e camminate sulla Via segnata dal Cuore di Maria, che è fatta di spine, è piena col dolore del Parto e vi porta al Cuore del Padre, figli miei! (Giulia) Gesù, tutto questo Sangue e questi due mari che si sono uniti e non si fermano in questo giorno.. (Gesù) ..è nel tuo Cuore il significato, figlia! (Giulia) non lo posso dire, Gesù? (Gesù) quando il Padre aprirà il rotolo che è nel tuo Cuore! (Giulia) Gesù, come sei bello, anche così coperto di Sangue! (Gesù) ora guardati tu, coperta di Sangue!(*) Non chinare il capo!(*) (Giulia) Gesù, sia fatta la volontà del Padre: eccomi! (Gesù) vedi, figlia, come l’Amore rende belli? (Giulia) Gesù! (Gesù) anche i tuoi figli lo sono! (Giulia) grazie, Gesù, grazie! ..e quelli che non ti conoscono, Gesù? (Gesù) prega, figlia mia, prega, perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei cuori di ognuno di voi. Figli miei, il Padre vi ama e vi offre il Pane dei Cieli: siate coscienti di ciò che state vivendo uniti al Cuore di Dio! Ricordatevi sempre che Io sono il Gesù che è morto ed è risorto nel Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Vi aspetto con le braccia aperte per perdonare ogni vostro errore! Ricordatevi che sono salito sul Legno della Croce per amore e per donarvi la mia Carne e il mio Sangue. Figlioli, pregate per tutti i sacerdoti, pregate e non lasciateli soli: il nemico vuole far suo il progetto dell'Amore! Tenete sempre alto il santo Vangelo e vivetelo abbracciandovi alla Croce, figli miei, perché è l'unica salvezza! (Giulia) Gesù, vedo delle anime cariche di peccati, sono ..sono dei sacerdoti!(*) Posso togliere quei serpenti che li avvolgono, Gesù? (Gesù) non toccarli, non avvicinare le tue mani, ma prega!(*) (Giulia) non posso? non posso toccarli? (Gesù) prega, figlia mia! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) invita a pregare i tuoi figli affinché la Chiesa rimanga unita a Pietro! (Giulia) eccomi, Gesù, eccomi! <Gesù si rivolge a Telesfore> (Gesù) Dì al Giglio di iniziare un'altra novena secondo il mio Cuore che gronda Sangue per l'umanità! Digli di pregare per la pace e di unire i Figli Ministri alla Croce! Il suo Cuore è inchiodato nella Dimora del Padre, gronda Sangue come il mio, ma il Cuore dello Strumento gronda ancora di più perché dovrà soffrire ancora a causa del mio Nome; ma metto ancora nelle sue mani il Peso che dovrà abbracciare ancora: è grande e poggiato sulla Roccia di Dio! Invito anche voi, figli, a pregare oggi e per l'eternità! Ora vi invito ancora una volta a tenere alto il Vangelo e a viverlo nei vostri cuori! Figli miei, ora vi chiedo con amore: volete ardere un po'? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) volete accogliere, ancora una volta, il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) ve lo lascio!(*)  (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Piccolo Giovanni) Eccomi! Nella Gioia, nell'Amore e nel fiume della Letizia del Padre, sono ancora qui in mezzo a voi a portare l'unica Verità: il Pane fresco che scende dai Cieli, il santo Vangelo, l'unica Parola che esce dalla bocca di Dio e si dona ad ognuno di voi e al mondo intero! Il Pane che Dio dona ad ognuno di voi è il suo Cuore: lo dona a voi che siete qui riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e all'umanità intera, ma l'umanità è sorda ed è cieca, e in questo tempo l'umanità sta calpestando sotto i piedi il Vangelo e Gesù, e getta il Pane! E come soffre il mio Cuore di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! Come soffre il Cuore dello Strumento: gronda Sangue! Figli, pregate almeno voi! Rimanete uniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo e combattete sempre il nemico con l'amore: amate, amate, amate, figli miei, e vivete in pieno il Vangelo di questo giorno, figli! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio di unirsi alla mia preghiera e di vivere, come Io sto vivendo, nel Cuore dello Strumento e di gioire portando la Croce sulle spalle! Digli ancora che Io lo amo come Sacerdozio vivo ed eterno! Digli di donare il suo Cuore come l'ho donato Io nell'Amore pieno! Figli miei, Discepoli, Colonne e Suorine del Cuore della Croce, vi invito ancora a consolare Maria! Distaccatevi dalle cose del mondo e abbracciatevi al suo Cuore: è curva e prega nel vedere l'umanità che si perde, l'umanità che si frantuma per le cose del mondo! Tutto passa, solo il Pane rimane: la Parola, il Vangelo vivo e la Croce di Gesù! Cocciuta! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) quanto ti costa quel “”, figlia! Guarda cosa il Padre ha preparato per te!(*) (Giulia) eccomi, Giovanni! Tienimi sempre per mano e donami il tuo respiro come hai sempre fatto!  (Piccolo Giovanni) sei pronta, figlia? (Giulia) eccomi!(*) (Piccolo Giovanni) tieni alto il Vangelo, figlia, e non dimenticare il tuo primo messaggio! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) ma ricordati, figlia: il Cuore Immacolato di Maria trionferà! Non dimenticare che indossi l'Abito(Giulia) come posso dimenticarlo, Giovanni? (Piccolo Giovanni) non abortite Gesù! Figli, non giudicate, ma amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici! Preparate i vostri cuori per il giorno dell’Assunta in Cielo, e tu preparati, anima mia! (Giulia) eccomi! (Piccolo Giovanni) ora vi chiedo con amore: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! <giov. della 19° sett. T.O. /A Mt. 18,21 - 19,1> (Piccolo Giovanni) e come l'avete vissuto?(*) ..e qua vi voglio! Tommaso! (Tommaso) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Ricordate qualche parola? tu ricordi? è rimasto il Pane? (Tommaso) è rimasto il Pane vivo, Giovanni! Con la domanda fatta da Pietro.. fa riflettere ognuno di noi; parla del perdono, una parola piccola ma è così grande che lede profondamente i nostri cuori! E alla domanda di Pietro sembrerebbe che ci sia una regola che dobbiamo rispettare per essere o per sentirci a posto, invece per seguire Gesù bisogna sentire i battiti che provengono dal centro del cuore della nostra anima, che è un pezzo di Dio! Ed è solo se seguiamo questa strada che possiamo dire di essere nel Solco di Dio, altrimenti siamo fasulli, non basta dire “ecco”, come il ricco, “io ho osservato nella mia vita tutti i comandamenti, ho dato le mie offerte e sono a posto”, e poi sappiamo la risposta di Gesù e come si è rattristato (il ricco) per la risposta che gli ha dato (Gesù)! ........ Non prendere il fratello per ucciderlo, ma perdonare come il Padre ha abbracciato il figlio che si è gettato ai piedi: “abbi pazienza con me!”, così anche voi dovete aver pazienza con i vostri nemici e abbracciarli come vi abbraccia Gesù, attimo per attimo! Vi siete rivolti a Gesù e non ha ascoltato le vostre suppliche? l'ha fatto?  (Mosè) sono state sempre accolte le nostre suppliche!  (Piccolo Giovanni) e quale Padre ascolta le suppliche?: DIO! Conoscete un altro dio che è paziente e buono con ognuno di voi e l'umanità intera? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) e voi cosa fate con i vostri nemici? usate l'amore che usa il Padre? usate il perdono che usa il Padre? e in questo tempo state pensando al Cuore di Maria?: è vivo nei vostri cuori! arde nei vostri cuori! È una Mamma che è curva sull'umanità diventata sabbia, non più roccia! Non costruisce l'amore sulla Roccia del Cuore di Maria ma costruisce sulla sabbia, e i flagelli scendono sempre di più! Ma poi si grida “dov'è Dio? dov’era Dio? dov’era Maria?” Maria è presente attimo per attimo! Dio ha le braccia spalancate e aspetta, ma non viene chiamato “Papà”! “Dov'è Dio quando succede tutto questo”?(*) È Dio a far scendere i flagelli? (Tutti) no! (Piccolo Giovanni) è l'umanità che ha dimenticato di avere un Papà, di bussare al suo Cuore, non quando i flagelli sono già a  terra, ma attimo per attimo! Ricordatelo, figli, e pregate per coloro che non sanno pregare e chiamare Dio “Papà”! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio di insegnare al suo popolo a chiamare Dio, “Papà”! Donagli il Bacio e l'Alito! <un'alitazione> e lo dono ad ognuno di voi il Bacio e l'Alito del Cuore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! <un'alitazione> Accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, figli! Tommaso, vedo i tuoi occhi tristi: cosa c'è ancora nel tuo cuore? (Tommaso) sono un po' triste, Giovanni, perché vorrei amarti più di quello che forse mi è consentito ed io ardo e forse non so dare abbastanza di quello che tento di dare; e molte volte mi viene voglia, veramente di tirare, non la spada del Vangelo, ma come fece Pietro, la spada per tagliare l'orecchio! (Piccolo Giovanni) no, perché Io sarei pronto ad attaccarlo!  (Tommaso) eh, questo lo so, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e il tuo cuore non solo arde, brucia d'amore..  (Tommaso) ..eh, quello, si.. (Piccolo Giovanni) ..come bruciano i cuori di ognuno di voi! Il tuo brucia, Telesfore? (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) e cosa c'è in quest'istante nel tuo cuore?  (Telesfore) i tuoi occhi sono.. (Piccolo Giovanni) ..guardali per descrivere come sono!  (Telesfore) sono.. non si può descrivere, Giovanni, come sono i tuoi occhi! Sono troppo belli: penetranti! (Piccolo Giovanni) è l'amore che rende belli, e vi invito ad amare sempre e a combattere il male con l'amore, come la Cocciuta vi ripete sempre “amare è sapere ascoltare la Parola di Dio”! Figlio, ti offro la mia carezza in questo giorno!  (Telesfore) grazie!  (Piccolo Giovanni) e ti benedico, ma donandoti il segno della Croce metto sulle tue spalle un altro peso! La Cocciuta dovrà soffrire ancora a causa del Nome di Gesù: il suo “Eccomi” è pieno, figlio, ma non temere, è Roccia viva del Padre e deve fare la volontà di Dio! <si rivolge poi a Fabio> come anche tu dovrai fare la volontà del Padre! È tutto scritto nel tuo cuore, non temere, figlio, devi rispondere solo “Eccomi, Papà”! (Fabio) eccomi, Papà!  (Piccolo Giovanni) grazie, figlio! (Fabio) sono troppo emozionato per parlare, Papà!  (Piccolo Giovanni) non temere, conosco il tuo cuore e mi basta “l'Eccomi” che hai risposto! Alla fine della preghiera la Cocciuta ti abbraccerà, ma sarà il mio abbraccio! (Fabio) grazie, Papà!  (Piccolo Giovanni) grazie, figlio! Non siate gelosi, abbraccio ognuno di voi; vi stringo forte forte al mio Cuore che è nel petto della Cocciuta e gronda Sangue per l'umanità intera! Vi invito ancora a pregare per tutti i sacerdoti: non lasciate nessuno. In questo tempo, figli, pregate, pregate, pregate e combattete il male con l'amore, ma non dimenticate mai di tenere sempre alto il santo Vangelo! Figli del mio Cuore, vi invito a vivere con Maria, nel giorno dell'Assunta, tutto quello che il Padre lascia scendere in quella santa giornata! Accogliete con amore il dono che Dio vi offre: abbracciate i Dolori del Parto e le Gioie! Come servi inutili, gustate il Latte del suo Seno e abbracciate la Croce di Gesù! Ora non potete capire, ma in quel giorno comprenderete! Tenete sempre alto il santo Vangelo: è la Luce che illumina il vostro cammino e riempie i vostri cuori, figli miei, ma bussate ancora al Cuore del Padre chiedendo lo Shalom perché il mondo non è in pace! Solo Dio può far scendere la pace e annientare le armi del nemico che portano morte e distruzione! Non abortite Gesù, figli; non abortite Gesù; non abortite Gesù: amatevi gli uni gli altri e fatelo vivere nei vostri cuori! <si rivolge a Telesfore> Dì ancora al Giglio che lo amo, e la pianticella e i Calici sono pronti perché il Parto è vivo e reale ed è in mezzo a voi nella Dimora del Padre! Digli questo! Ora chiedo ad ognuno di voi: siete pronti? siete disposti ad accogliere Gesù che viene ad abitare nei vostri cuori spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) disponetevi, figli, per accogliere Gesù vivo che viene ad abitare dentro di voi, figli miei, ma distaccatevi dalle cose del mondo. Indossate l'abito bianco e venite a fare festa perché il Banchetto è pronto per ognuno di voi, e lo Sposo avanza: venite tutti! Spose del mio Cuore, disponete i vostri cuori: distaccatevi dalle cose del mondo, figli, e unitevi al Cuore della Croce!(**) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) il mio Cuore arde! Mio Diletto, ora sì che l'anima mia non cerca altro che te! Ora sì che la Quiete bussa forte alla porta del mio Cuore! Il mio Sposo! Il mio Diletto! Oh, come arde il mio Cuore! Oh, quanto Amore: è così tanto da far esplodere il mio Cuore! Oh, Diletto dell'anima mia! Oh, quante culle hai preparato nel mio Cuore! Gesù, fa che io rimanga sempre così come in questo istante: brucio d'amore e vorrei che l'umanità si accendesse tutta così come in quest'istante è acceso il mio piccolo e povero Cuore! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Giulia) Amén! (Piccolo Giovanni) L'Amen della Roccia di Dio che è l'Amen della Roccia del Giglio, rimanga sempre nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) eccomi, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figlioli del mio Cuore. Ma ora il Dio Bambino ha sonno: lo volete tenere nei vostri cuori e cantargli ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) lo volete cullare? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) è dolce riposare nei cuori di ognuno di voi! Figli, non distruggete la culla ma fatela crescere con vostro amore e fate sempre la Ninna Nanna al Dio Bambino che abita nei vostri cuori! Grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato di Maria! Siate benedetti, figli del mio Cuore: la vostra ricompensa sarà grande nei Cieli! Figli, grazie per essere qui riuniti a far compagnia a Gesù che soffre ed è solo, ma gioisce con ognuno di voi! Figli miei, fate gioire ancora il Padre innalzando al suo Cuore la preghiera che ci ha insegnato! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre, Padre, con le mani innalzate al tuo Cuore, ti chiedo ancora “guarda la tua famiglia qui riunita nel tuo Nome”! Padre, abbiamo fame: abbiamo tanta fame! Padre Buono, solo tu puoi saziarci! (il Padre) fatevi Pane e donatevi come Dio è venuto ad abitare nei vostri cuori! (Giulia) grazie, Papà, grazie! (Piccolo Giovanni) Amen, figlia, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Giulia) Amén!  (Piccolo Giovanni) L’Amen rimanga sempre nei vostri cuori, figli!  <si rivolge a Telesfore> Dona l'Amen anche al Giglio: il mio, quello di Sacerdozio vivo ed eterno, perché il Sacerdozio è Dio! Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre! Vi invito ancora ad amare, vi invito a non abortire Gesù quando uscite fuori dalla Dimora del Padre e a combattere il nemico con l'amore, figli! Rimanete nella pace della preghiera, figli miei, perché Io sono sempre con voi! Vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo sempre nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, figli! Cocciuta Divina del Cuore della Croce, porta ancora sulle tue spalle l'umanità intera e tutti i tuoi figli, e gioisci, figlia mia, nel vedere ancora la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell’Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena, fatelo anche voi, figlioli! Ed Io vi saluto col Padre, col Figlio e con Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) l'Amén sia pieno nei vostri cuori.. .per abbracciare l'umanità intera, figlioli miei!(*) Lo spirito del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo riempia ancora i vostri cuori per poter camminare nel Solco e far brillare i vostri passi ovunque andate e bere sempre alla Sorgente zampillante che è Dio!(*) (Giulia) grazie, Gesù, grazie!(*) (Piccolo Giovanni) l'abbraccio della Croce sia con tutti voi! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ!(*) (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Raccogli le gocce che scendono e bevile, figlia!(*) Queste gocce ti preparano al Calice che dovrai bere ancora e al Sangue dell'Agnello Immolato, che dovrai scrivere e consegnare al Giglio! (Giulia) Eccomi!(*) Eccomi!

La preghiera continua come sempre con la recita del Rosario e della via Crucis. Durante le litanie del Rosario, Giulia va in estasi e risponde alle invocazioni con “prega per noi”.

 

 

         4. Lun 15/08/2005, festività dell'Assunzione della Beata Vergine Maria

 

Messaggio di Maria nella Stanza (ore 11.04)

(Giulia) Se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre, se sei tu glorifica il Padre; (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù; figlia mia, bevi anche in questo giorno di gloria, i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*) e immolati ancora, figlia, con i Santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che ho portato nel grembo, e passa traverso Giovanni, che abita nel Cuore del Padre, e attraverso di te che sei scesa dal Seno del Padre per compiere la volontà del Padre nell'umanità intera! Ecco, figlia, sei salita e sei corsa anche tu sul monte quando Dio ti ha chiamata, e hai ricevuto il saluto della Croce abbracciando i Chiodi: i Chiodi che sono del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! E oggi vengo a portarvi il saluto, vi invito a salire con me, a correre sul monte per aiutare i figli, per accogliere i figli che cadono ed escono fuori il Solco di Dio per le gelosie, per le invidie, a causa dell'ascolto del grido del mondo! Oggi, come Mamma, vi invito ad essere l'unica famiglia di Dio all'ascolto della Parola, all'unico Banchetto del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Vi invito alla preghiera! È questo l'augurio che il mio Cuore aspetta da ognuno di voi e dal mondo intero: che le mani si uniscano in preghiera invocando la Misericordia del Padre! Figli miei, Io sono in mezzo a voi per volere del Padre, e vi invito sempre a combattere il nemico con l'amore: amate, amate, come Io amo ognuno di voi e l'umanità intera, e fermate i flagelli che scendono sempre di più perché non c'è amore; l'umanità ha dimenticato di amare; l'umanità ha dimenticato che Dio è Amore, e tutto si guarisce con l'Amore, tutto si rinnova con l'Amore e sboccia Dio nei cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! Ecco il miracolo che Dio ha fatto scendere dentro di me, nel mio grembo e nel grembo di Elisabetta, per donare la Pace, per donare la Quiete nel mondo intero, ma il mondo ha dimenticato tutto questo; il mondo si allarga sempre di più, allarga sempre di più le braccia al nemico e calpestando sotto i piedi il mio Gesù: il Gesù della vita, il Gesù che porta la Pace, l'Amore, la Quiete e la Letizia! Fatevi chicchi di grano per diventare poi Pane e voi stessi donarvi ai vostri nemici, figli miei, rimanendo nel Solco della Pace, nel Solco dell'Amore di Dio che, copioso, scorre e si dona all'umanità intera! Ecco, figli! Dì al Giglio di rimanere sempre fiume in piena e scorrere nei cuori dell'umanità perché il Padre l'ha sigillato nella Dimora! Digli che lo amo e lo tengo stretto al mio Cuore, perché il Giglio dovrà far nascere altri Gigli per mandare il profumo a Dio e far crescere sempre di più l'Amore nei cuori spenti! Cocciuta Divina, il tuo “”, il tuo “Eccomi”, ti costa: dovrai soffrire ancora e sentire ancora i Dolori del Parto perché l'umanità è sorda ed è cieca! L'umanità è in frantumi, figlia: dovrai raccoglierla perché sei inchiodata alla Croce e il Giglio è inchiodato alla Croce con te! Prega, figlia mia, come tu sai fare e accogli ancora tutti i Dolori che Gesù poggerà sulle tue spalle! Ora guarda in questo giorno!(*) (Giulia) Mamma! Mamma! Mamma!(*) Mamma!(*) Mamma!(*) (l'Immacolata) vedi questi Calici? (Giulia) sì, Mamma, gli angeli li stanno versando sull'umanità!(*) Mamma, il velo.. il velo è pieno di Sangue! ..sta cadendo! Non devo aiutarti a sollevarlo, Mamma? (l'Immacolata) non toccarlo con le mani, lascia che si adempia ciò che il Padre vuole in questo giorno!(*) (Giulia) Mamma, sento che non scorre più il Sangue dentro di me! Mamma! (l'Immacolata) non temere, figlia, prega!  (Giulia) Ecco, il braccio del Padre.. (l'Immacolata) ..non dire ciò che vedi, figlia, ma aggiungilo al rotolo! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) prega ancora come tu sai fare e fai pregare i tuoi figli, i tuoi Discepoli, le tue Colonne e le tue Suorine del Cuore della Croce! Vi invito ancora a combattere il male, ma con l'Amore! Amate, amate, amate, e vivete in pieno il Vangelo vivo di questo giorno! <Lun. Assunzione della B.V.M. /A Lc. 1, 39-56> Tutta la Corte Celeste è unita a voi, e in questo giorno verremo a visitarvi con gli Angeli e i Santi, col mio Gesù, col Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi, e Dio vi darà il Pane, ma voi pregate, figlioli, pregate secondo le mie intenzioni di Mamma Immacolata e Addolorata, Addolorata anche in questo giorno nel vedere tutti i miei figli fuori il Solco! Beati voi che avete accolto la Parola di Dio e siete riuniti nel suo Nome! I vostri cuori sbocceranno e daranno il grano all'umanità per diventare Pane, perché il mio Cuore Immacolato trionferà! Il Sole di Fatima è nelle mani del Giglio, non temete, e non temere niente e nessuno, Giglio: con le ali dello Spirito Santo porterai l'Amore del Padre ovunque poggerai i tuoi piedi, e il roveto del mio Cuore sboccerà, figlio! E anche i vostri roveti sbocceranno perché siete stati sigillati col Padre, col Figlio e con Spirito Santo! Accogliete con Amore le piccole croci quotidiane e camminate ancora con me, in fretta a salire il Monte, figli! Cocciuta, in questo giorno Dio userà il tuo Cuore e si poggerà sulle tue spalle e sui cuori dei tuoi figli: portali ancora nel Fiume dell'Amore! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) aspettateci, verremo ancora! E ora vi benedico, col Padre, col Figlio e con Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Immacolata) crescete nel Cuore di Gesù, figli miei! (Giulia) Mamma! (Immacolata) non temere, ecco Giovanni: verremo ancora a visitarvi! (Giulia) grazie! Mamma, ascolta il mio Cuore!(*) grazie, Mamma!

 

Messaggio di Gesù nella Stanza (ore 11.50)

<alle ore 11:50, dopo le litanie del Rosario, Telesfore e Paolo cercano di sollevare Giulia, ma Giulia era ancora in estasi e non riescono a smuoverla minimamente> (Gesù) provate a sollevare la Croce! È questo il peso che portate sulle vostre spalle? (Telesfore, Paolo) no! (Gesù) no, se era questo l'avreste già sollevato! Ora vi faccio vedere qual'è il vostro peso: alzate la Croce! È pesante? (Telesfore, Paolo) è leggera! (Gesù) Amen, figli, ma in questi giorni il Padre si poggerà ancora di più: non sarà come quello che avete sentito, ma più grande!

 

1° Estasi vigile nella Stanza(ore 12.35)

<alla fine della preghiera, dopo il canto nuovo “vieni Santo Spirito” alle ore 12.35 prima estasi vigile di Giulia> (Giulia) credo che riempiano tutti gli altri canti! Ora ci mettiamo sempre con lo spirito di preghiera, perché non è un girovagare, un festeggiare del mondo, ma un festeggiare con la Croce e la Croce porta sempre il suo peso, i Dolori, la Sofferenza, e noi ci facciamo peso di tutti quelli che oggi.. non diamo un giudizio.. non do un giudizio.. tutti quelli che oggi offendono ancora Gesù e Maria! Don Mario mi ha sempre insegnato prima il pregare, servire Dio, servire i fratelli e poi sedersi a tavola, ma mentre noi ci sediamo a tavola, con noi si siede anche Gesù e Maria perché se ci hanno chiamati a lavorare, oggi ci saranno ancora una volta e dobbiamo essere pronti a non perdere il treno, a prenderlo al volo e dire subito: “Eccomi”! “Eccomi Gesù, Eccomi Maria, come servi inutili siamo qui e come servi inutili vogliamo rimanere, rimanere in quel Solco che Giovanni, don Mario, il piccolo Capriccioso, ci ha insegnato”! Ha insegnato a tutti noi di prenderci per mano e di essere un'unica famiglia: così Lui ci voleva! Così cerchiamo di rimanere ancora e nello spirito di preghiera e facciamoci piccoli chicchi di grano! Facciamoci spezzare e doniamoci ai fratelli! Un gesto bello, oggi, l'ha fatto Rosetta, ha portato un piccolo vaso pieno di chicchi di grano dicendo che “inizia la Grande Chiesa”! Questi piccoli chicchi di grano che diventano Ostie per l'umanità intera e, come da Fatima, porta questo chicco di grano per diventare Ostia e donarsi! Vediamo che in questi ultimi tempi, il nemico sta combattendo per far spezzare i sacerdoti, gettandoli a terra per non donare più Gesù, ma noi, con l'aiuto di Dio e con l'aiuto e la forza dello Spirito Santo, cerchiamo sempre di essere più chicchi di grano per far nascere tante, tante, tante Ostie e riempire il mondo e riempirci tutti di Gesù ed essere tutti come Lui col cuore aperto e accogliere tutti i nemici e far sbocciare la Pace che il Cuore di Maria fa sbocciare nel Sole di Fatima! E sappiamo in quali mani è il Sole di Fatima; aspettiamo solo i tempi! Ora vi faccio gli auguri di essere chicchi di grano, cadere a terra, lasciarsi morire per poi nascere! Auguri, figli! (Tutti) grazie!

 

2° Estasi vigile nel Padiglione (ore 13.10)

<Seconda estasi vigile di Giulia prima di iniziare il Pranzo con la Corte Celeste> (Giulia) siamo di nuovo riuniti nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, sappiamo che questo giorno si può parlare, ma non uscire fuori i limiti del Vangelo! Ci mettiamo di nuovo a disposizione di quello che vuole il Padre da ognuno di noi, io per prima e indegnamente, mi metto ai piedi di Gesù! Tutti quanti voi farete la stessa cosa, ché sarebbe falso e inutile venir a fare tutto questo viaggio per poi festeggiare un Ferragosto di strada.. non nel cattivo senso: di mondo! Non sappiamo cosa ci aspetta oggi, mi avevano fatto la domanda: “ma io non ci sono, non posso venire, poi capirò, cosa succederà?” Non lo so neanch'io cosa succederà, quindi non posso spiegarlo! Giovedì era stato detto che oggi ci sarebbe stato qualcosa, ma io non lo so, solo Dio la può sapere, solo Dio decide se vuole darla oggi o quando! Quindi, oggi, in questo istante ci mettiamo a mangiare con chi non ne ha, con Gesù che ha tanto da donarci e Maria anche. Ed io vi faccio di nuovo gli auguri, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Buon appetito col Pane di Dio! (Tutti) Amén!

 

Messaggio di Gesù nel Padiglione (ore 14.49)

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre! (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi! Uniti al Cuore di Maria, siamo venuti a far festa ancora una volta, uniti ai vostri cuori, uniti al vostro lavorare per Dio, al vostro camminare nel Solco dell'Amore del Padre, dello Spirito Santo e del Cuore Immacolato di Maria! Il vostro Gesù è vivo in mezzo a voi con la Corte Celeste! Figli, vi invito ancora all'unione dei vostri cuori, vi invito ad essere in pace gli uni gli altri per poter donare la mia Pace all'umanità e a combattere il male con l'Amore che il Padre lascia scendere nei vostri cuori! Vi invito in questo giorno, figli, a pregare per tutti i sacerdoti! Oggi i vostri cuori devono ardere e pregare per la Chiesa affinché rimanga unita nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Figli miei, voi che siete le Colonne, i Discepoli e le Suorine del Cuore della Croce, non distaccatevi dai Dolori, non distaccatevi dai pesi, ma rimanete Rocce e la Roccia è sostanziosa, non è leggera come la sabbia che vola via; e, vedete, le cose costruite sulla sabbia volano, la casa costruita solida sulla Roccia, rimane, figli! Così nei vostri cuori rimane la Parola se sapete accoglierla e tenerla stretta nei vostri cuori e donarla all'umanità intera! Il mio Cuore è triste nel vedere il mondo che vola via col vento, ma è gioioso nel vedere ognuno di voi seduti sulla Roccia! Figli miei, rimanete sempre così, non lasciate il Cuore di Maria per il mondo, neanche un solo istante, perché non conoscete i tempi che scenderanno. Figli miei, il mondo passa, tutto passa, la mia Parola rimane perché Dio È! Ricordatelo e ricordate di vivere il Vangelo di questo giorno nella pienezza, figli miei. Ma ora ho sete, mi offrite da bere?(*) Io ho sete di anime: bevete con me e offritemi i vostri nemici per far festa, figli!(*) Io vi offro il mio Amore: bevetene un sorso per uno! Vi invito ancora, figli, a combattere il male amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) guarda, figlia mia!(*) (Giulia) Gesù!(*) Gesù! (Gesù) non dire ciò che vedi! (Giulia) posso.. (Gesù) ..metti le tue mani, ma non dire ciò che vedi!(*) Lo scriverai e lo darai al Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù, metto ancora una volta nel tuo Cuore e nel Cuore della Mamma tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere in questo giorno. Raccolgo i cuori dei figli che sono qui riuniti, perché col tuo volere, posso farlo, e li offro a te e alla Mamma, e metto nei vostri Cuori le mie pietruzze ancora una volta: i sacerdoti! E ancora metto il Giglio! Gesù, tu conosci il mio Cuore! (Gesù) sì, figlia, grida sempre i Dolori del Parto che è l'Amore di Maria e il mio Amore per l'umanità! (Giulia) Gesù, siamo qui riuniti ad aspettare ciò che ci chiedi: usaci come vuoi! (Gesù) guarda, figlia, cosa state facendo in quest'istante!(*) (Giulia) Gesù, tutto quello? non siamo poi tanti! (Gesù) ma guarda ancora quanto lavoro c'è da fare: mancano anime che si offrono come vi siete offerti voi! (Giulia) Gesù, tienici fino all'alba! Se possiamo lavorare fino all'alba, faremo ancora di più! (Gesù) ah, figlia! Oh, com'è dolce il tuo Cuore: sa rispondere per tutti! (Giulia) non so se i figli che sono qui hanno la forza! (Gesù) la conosci bene la forza: tu rispondi “Eccomi” e il tuo Eccomi sostiene tutti! (Giulia) non ho le forze, Gesù, in quest'istante, ma quello che mi rimane è tuo: prendilo! (Gesù) ed Io ti chiedo ancora da bere, ho sete ancora!(*) Bevete ancora con me!(*) Questo Calice lo dividete voi che siete qui vicino alla Cocciuta, <Eliseo,venuto da Dublino, Paolo, Telesfore e Tommaso> diventerà amaro e pesante, ma non temete, Io mi poggio su di voi, ma mi poggio su tutti i Discepoli e le Suorine del Cuore della Croce, invitandovi in questo giorno a rimanere nella mia Quiete, nella mia Pace e nel mio Amore, ed invitandovi a far festa alla mia Mensa! Ricordate sempre che il Banchetto del Padre è sempre pronto e il Padre si dona come si dona il Figlio e lo Spirito Santo! Vi invito sempre, figli, a combattere il male con l'Amore, e mi poggio su di te ancora, Cocciuta Divina del mio Cuore! (Giulia) eccomi, Sposo dell'anima mia! <Gesù si rivolge a Telesfore> (Gesù) Dì ancora al Giglio che il Calice trabocca! Digli che dovrà soffrire ancora e sarà perseguitato ancora a causa del mio Nome, ma il suo Nome brilla nei Cieli con lettere d'oro e il Sole di Fatima è nelle sue mani! Non sono un Gesù ripetitivo, ma la Parola di Dio È e rimane! Niente e nessuno può cancellare la Parola e il Pane cresce sempre di più e si dona a tutti! Ricordalo, figlio! Ora vi invito ancora a rimanere nella Quiete e a mangiare e a bere con gli Angeli e i Santi! Lavorate, figli, noi verremo ancora a portare la Luce:  ALLELUIA(Tutti) Alleluia!(*)

 

Messaggi di Gesù e del Santo Giovanni nel Padiglione (ore 16.18)

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre! (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: il Gesù che ha abbracciato la Croce per ognuno di voi e per l'umanità intera! Siamo venuti ancora a portare la Pace e la Quiete! Siamo venuti a portare la Rugiada dell'Amore per ognuno di voi e per l'umanità! Il mio Cuore, il Cuore di mia Madre, il Cuore di Giovanni e il Cuore della Cocciuta, in quest'istante gronda Sangue per l'umanità intera, l'umanità persa, l'umanità che non vuole accogliere i Dolori del Parto, i Dolori di Maria, la Croce viva che porta nel suo Grembo! Figli miei, pregate affinché l'umanità trovi pace nei propri cuori! Pregate affinché l'umanità riconosca il Padre! E il Sangue scende e va nel Mare, entra in un'altra chiesa.. non dire in nome, Cocciuta Divina del mio Cuore! (Giulia) oh, Gesù! (Gesù) dillo solo al Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) vedi? vedi quanto Sangue scende dal tuo Cuore, anima mia? (Giulia) Gesù, anche dal tuo, anche dal Cuore di Giovanni e da quello della Mamma! Gesù, ho sbagliato? abbiamo sbagliato qualcosa? (Gesù) no, anima mia, voi state lavorando: sono i figli della perdizione! (Giulia) Gesù, poggiati ancora: poggiali sulle mie spalle!(*) (Gesù) figlia, sei inchiodata alla Croce! (Giulia) Gesù, cerca ancora un po' di spazio: se posso raccogliere ancora i figli che non ti conoscono, mettili dove trovi spazio! (Gesù) anima mia, mi poggio ancora su di te e mi poggio sui tuoi figli, ma vi invito ancora a pregare, ad amare e a combattere il nemico con la sola Arma dell'Amore e a tenere sempre alto il santo Vangelo! Non  dimenticatelo e gridatelo sempre all'umanità intera: “Dio è vivo, è in mezzo a voi e parla, e nel parlare lascia scendere il suo Amore”! Figli miei, ora, nella Quiete, nella Pace, nella Letizia e nell'Amore vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Gesù) volete accogliere con Amore, il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Gesù) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) L'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori!  (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen!  (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! L'Amen del Cuore del Padre, che è l'Amen del Cuore del Giglio, sia nei cuori di ognuno di voi!  (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) uniti al Cuore Immacolato di Maria: la Gemma di questo giorno, la Gemma che sboccia e sale sempre di più in alto per portare l'umanità al Cuore del Padre! E in questo giorno la Gemma, che è Maria, raccoglie sotto le sue ali i propri figli: voi che siete qui riuniti; i figli che si sono uniti a questo giorno radioso di luce, e coloro che avete portato nei vostri cuori! Oggi descrivo Maria come “Gemma, la Gemma preziosa che il Padre ha scelto per donare all'umanità l'unico Figliolo: Gesù! Ha preparato questa Croce per Maria, l'ha preparata così perfetta e ha scelto Maria nella sua piccolezza, nella piccolezza di una Gemma, piccola ma grande dinanzi agli occhi del Padre, agli occhi di ognuno di noi, Sacerdozi vivi ed eterni, agli occhi di ognuno di voi, figli, nel vedere la Gemma di una Mamma, quella Mamma che come Gemma riempie i cuori e abbraccia l'umanità! Ecco Maria: Gemma che fa crescere Gesù dentro di sé! E Gemma è Elisabetta che accoglie Maria col saluto, e il Bimbo gioisce! E voi cosa fate quando ascoltate la Parola? cosa dite di Maria nel parlare tra di voi? come Elisabetta aspettate il suo saluto? come Elisabetta: “la Madre del mio Signore che viene a visitarmi!” Forse è poco, non vi fermate a pensare questo nelle visitazioni di Dio in mezzo a voi, ma come Sacerdozio vivo ed eterno devo svegliare i cuori di ognuno di voi, devo svegliare i cuori dei confratelli e dei figli Ministri! Maria, la Perla, la Gemma, il Fiore che non appassisce mai! Ecco il mistero! Ecco cosa oggi il Padre vuole farvi capire: Gesù si fa spezzare, Gesù si fa spezzare attraverso Maria: la Gemma che si è aperta all'invito del Padre per far nascere Gesù! E aprendosi, Maria si è spezzata come quella Particola che si spezza attimo per attimo, nella pienezza e nell'Amore! E il Vangelo di oggi cosa vi ha detto? cosa è rimasto nei vostri cuori? “Maria si affretta ad andare a visitare la propria parente”! Oggi non c'è più questo! Oggi non c'è più famiglia, e, non essendoci famiglia, la Gemma non c'è, non c'è perché non l'accettiamo, non c'è perché l'abbiamo messa all'ultimo posto, ma la Gemma è viva, la Gemma cresce sempre di più nei cuori aperti! Ed Io vi invito, figli, ad aprire i vostri cuori, e a farli aprire ai Figli Ministri, a gridare: “la Gemma ci invita a tornare a Gesù: a tornare al Padre”, perché l'umanità è morta senza Dio! L'umanità deve ritornare a Dio! L'umanità deve ritornare al Vangelo! L'umanità si deve inginocchiare dinanzi al Vangelo! E oggi Maria ve lo dice con semplicità: nel Vangelo, nella Parola, in quel Pane che non possiamo gettare via, non possiamo spezzare, ma nutrirci, mangiarlo e farlo mangiare! Vi affannate, vi affaticate per le cose del mondo, vi distruggete pensando “cosa dobbiamo fare domani?”, “cosa dobbiamo dire ai nostri figli?”, “cosa dobbiamo donare ai nostri figli”?(*) Dio al primo posto! Dio donare ai propri figli! Avendo donato Dio, avete tutto: i figli hanno tutto! Ma se donate le cose del mondo i vostri figli sono già morti: polvere che vola via col vento! Non accumulate tesori sulla terra, costruite i vostri tesori, portate i vostri cuori nel Cuore del Padre e tutto vi sarà donato! Tutto scenderà come Rugiada viva dal Cielo! Il mistero da scoprire è Maria: è tutto racchiuso nel suo Cuore! Una Mamma.. una Mamma che ha aperto la Gemma del suo Cuore per abbracciare l'umanità! Voi siete pronti a diventare “Gemme”? e qua vi voglio! Una piccola spina e si getta via Maria! Un'altra piccola spina e si calpesta Gesù! Un'altra piccola spina e il Padre non esiste più!(*) Parlo all'umanità intera come Sacerdozio vivo ed eterno e parlo anche a te, Giglio: la Gemma che il Padre ha messo nelle tue mani nella Dimora di Dio, è Grande! Il tuo Cuore conosce il mistero: come Maria, affrettati a salire il Monte per incontrare Elisabetta e per donare il tuo Cuore, figlio, ma ricorda ancora: il Calice è pieno e trabocca! Figli, vi invito ancora a pregare e a stare attenti al nemico: è astuto e usa ogni mezzo per farvi cadere nella sua falsa luce; ogni mezzo per portarvi via dal Cuore del Padre! La Parola, il Vangelo, figli, non dimenticatelo e non dimenticate che Dio è il “Dio Antico” e la sua Parola è duratura perché è Roccia e la Roccia non si rompe! Ecco, Io mi sono fermato sullo Strumento perché ho trovato la Roccia di Dio! E non mi fermo mai di mettere il mio Sigillo di Sacerdozio vivo ed eterno che è Dio, per l'umiltà e per l'ubbidienza! Figli, siate piccoli, siate poveri, siate umili! Ubbidite alla Parola del Padre e camminate sempre nel suo Solco, il Solco che Io vi ho indicato e vi indico sempre: il Vangelo! Non ci sono altre vie, non c'è un'altra Parola all'infuori del Pane dei Cieli, il Pane vivo che è Dio, il Pane vivo che è la sua Parola, ed in ubbidienza al Padre Io vengo a portarla, e, per amore dello Strumento, viene sfornata e donata ad ognuno di voi e all'umanità intera! Ma il mio Cuore gronda Sangue sul mio popolo! Ah, come gronda Sangue! Ah, come ci usano, ma non per arrivare nel Cuore del Padre, e il mio Cuore gronda ancora di più! Pregate, figli, e pregate anche per il popolo del Giglio! Tu, Cocciuta Divina, sai bene ciò che il Padre vuole da te! (Giulia) eccomi, Giovanni! (Piccolo Giovanni) il Padre ti vuole spezzare come Ostia! (Giulia) Giovanni, non sono degna di questo! (Piccolo Giovanni) non chinare il capo, anima mia! Sarai perseguitata per queste parole, ma non temere niente e nessuno! (Giulia) Giovanni, mi manca il respiro!(*) (Piccolo Giovanni) guarda perché ti manca il respiro!(*) (Giulia) sia fatta la volontà di Dio! (Piccolo Giovanni) non temere, anima mia!(*) (Giulia) Giovanni, come sei bello! (Piccolo Giovanni) è l'Eccomi al Padre ed è l'amore che rende belli, figlia! (Giulia) Giovanni, perdo sempre di più il respiro!(**) (Piccolo Giovanni) guarda, figlia!(*) (Giulia) non posso far nulla per aiutarlo? (Piccolo Giovanni) è il Padre a decidere, non tu!(*) (Giulia) Giovanni, donami un po' del tuo respiro, ma se il Padre vuole, io..(*) grazie Giovanni! (Piccolo Giovanni) vi invito ancora, figli, a gridare e a parlare di Maria! In questo giorno portate la Gemma ovunque andate, ma ricordate: la Gemma che Io vi offro in questo giorno è Maria, il Fiore di Dio, il Fiore del suo Cuore, il Fiore che ha abbracciato e abbraccia ancora la Croce, perché prima di Gesù l'ha abbracciata Maria e l'ha portata! Ora è la Cocciuta a portarla per ognuno di voi e per l'umanità intera! E la porta anche per te, Giglio: vivi questi attimi, vivi questi giorni nell'attesa di sbocciare nel Cuore di Maria come Gemma nella Dimora del Padre, figlio! E voi, gioite perché un figlio vi è stato donato, figli miei, ma pregate, pregate, pregate secondo l'intenzione del Cuore del Padre. Non lasciate nessuno fuori della santa preghiera e indicate a tutti la Via del Vangelo e con il vostro Amore, fermate i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità intera!  <si rivolge ad Eliseo> Sono gioioso di vedere Eliseo: sei tornato a casa per abbracciare il Cuore di Giovanni, e l'abbraccio che mi hai donato era pieno di Spirito Santo, pieno d'Amore! Porta quell'Amore, figlio, nella tua capanna, e presto sboccerà anche per te la Gemma che Io ho sempre desiderato! Sii forte perché anche sulle tue spalle il Padre poggerà il peso, ma non temere, Io sono sempre con te, piccolo Fiore del mio Cuore! (Eliseo) grazie, Giovanni! (Piccolo Giovanni) grazie al tuo amore che è solido come la Roccia! Grazie ad ognuno di voi, figli miei, ma state attenti al nemico, combattetelo sempre con l’amore e rimanete saldi, figli! È presto per capire ciò che avete ascoltato: piano piano comprenderete! Il mistero che stiamo vivendo è grande: ve l'ho sempre detto, figli miei, ma quando il Sole di Fatima si aprirà, lo comprenderete! Delle piccole gocce qualcuno di voi le ha raccolte subito, anche adesso, ma è pesante da capire! “Com'è possibile”? anche Maria ha detto così, ma Lei, col Cuore aperto ha compreso: “Eccomi, sono la serva del Signore, fa di me quello che hai detto!” Figli, vi invito a vivere nella Pace, nella Quiete e nell'Amore del Padre! E ora, capriccioso come sono, dopo aver tanto parlato, ho sete! Cosa mi offrite da bere? mi offrite acqua? (Telesfore) vino! (Piccolo Giovanni) e voi cosa bevete? (Telesfore) lo stesso! (Piccolo Giovanni) ed Io cosa facevo?  (Telesfore)fondo”! (Piccolo Giovanni) facciamo fondo dopo aver lavorato nella vigna del Padre, dopo aver donato ad ognuno di voi il Pane vivo di Dio! Vi invito, figli, a non gettarlo, vi invito a non abortire Gesù, ma vivere questo giorno con la gioia nel cuore per aver servito il Padre! Come servi inutili avete lavorato e servi inutili dovete rimanere sempre: i piccoli Giovanni sempre all'ultimo posto per far gioire il Cuore di Maria, il Cuore di Dio! Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, facciamo fondo!(*) e dopo aver fatto fondo col Cuore del Padre, vi sigillo uno ad uno col Sigillo del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori, donatelo all'umanità intera e pregate ancora secondo l'intenzione del Cuore di Maria! Ma vi ripeto ancora una volta: non abortite Gesù quando uscite fuori dalla Dimora di Dio in questo giorno, figli! Ora il Cuore di Dio, gli Angeli, i Santi, la Corte Celeste, uniti al mio Cuore, vi salutano, invitandovi sempre ad amare: amate, amate, amate, perdonate, usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre i vostri nemici, figli del mio Cuore, e ricordate: la Gemma è Maria! Ed Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Andate nella pace di Dio con l’Amen, Amen, Amen (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) ecco l'Amén del Cuore del Giglio che arde per ognuno di voi: ardete come lui, perché arde come arde il mio Cuore per ognuno di voi! Non vi lascio, figli, non lasciatemi neanche voi! Rimanete uniti alla Croce, perché lì Io sono: dove c'è la Croce c'è il mio Cuore e il mio Amore! Piccola Gemma, Piccola Cocciuta del mio Cuore, dovrai portare ancora sulle tue spalle l'umanità e tutti i tuoi figli e gioire nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figlioli del mio Cuore! Il tuo Cuore sarà ancora trafitto, anima mia: sii pronta! (Giulia) tienimi per mano, Giovanni! (Piccolo Giovanni) diventi sempre più Cocciuta: abito nel tuo Cuore! (Giulia) ah, lo so, ma desidero che tu mi tieni per mano!(*) Giovanni, tieni per mano tutti i sacerdoti: falli diventare come te e abbraccia i tuoi piccoli colombini che sono qui: conosci i loro cuori!(*) <i nipoti, Maria e Nicoletto> (Piccolo Giovanni) figlia, fanno parte della famiglia qui riunita che siete tutti voi! Voi siete la mia unica famiglia: rimanete ancora al Banchetto. Anche se vi ho salutati, Io sono sempre nel Cuore della Cocciuta, non dimenticatelo, e, abitando Io nel Cuore della Cocciuta, abita anche il Padre con gli Angeli, i Santi e la Corte Celeste! Il mistero diventa sempre più grande, figli, e diventerà grande anche per te, Giglio, ma non temere, è Dio che parla! (Giulia) Giovanni, in questo giorno, voglio, se il Padre lo permette, il Bacio del Piccolo Giovanni! (Piccolo Giovanni) vieni!(*) (Giulia) grazie! (Piccolo Giovanni) ricevendo il Bacio del Piccolo Giovanni, sentirai ancora di più i Dolori della Croce! (Giulia) grazie! (Piccolo Giovanni) ma le tue forze non ci sono!(*) figli, sostenete con le vostre forze lo Strumento, perché ora è nelle vostre mani. Io vi ho già salutato!(**) <Tommaso cerca di far capire agli altri le ultime parole che ha detto Giovanni, ma si rimane tutti attoniti> (Piccolo Giovanni) si affida alle vostre forze: lo Strumento è nelle vostre mani, non ha più le sue forze!(**) <Giulia si accasciata a terra senza dare apparenti segni di vita per alcuni minuti. Poi i presenti cominciano a pregare fino a quando Giulia ritorna in forze>

 

 

         5. Giov 18/08/2005, ore 21.05, Stanza more solito

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre! (Gesù) Sia gloria al Padre Altissimo com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Pace a voi, figlioli del mio Cuore, sono Io il vostro Gesù: l'Agnello Immolato è qui in mezzo a voi. Gioite e fate festa, Spose amate dal mio Cuore. Tu, Cocciuta Divina del Cuore della Croce, gioisci e fai festa, figlia mia, nel bere ancora una volta i miei Calici Misti, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*). Gioisci e fai festa, figlia, nell'accogliere ancora una volta i santi Dolori del Parto vivo della mia Croce che passa attraverso Giovanni e attraverso di te! Figlia del mio Cuore, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati, figlia, per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore Immacolato e Addolorato di Maria come tu sai fare nell’unico abbraccio della mia Croce, figlia del mio Cuore! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù, tu sei ancora nel mare di Sangue e grondi Sangue! I tuoi occhi grondano Sangue, Gesù, ma il Sangue dei tuoi occhi viene raccolto in un Calice! Ci sono due bimbi: due Angeli, che lo raccolgono, e dietro di te, in questo giorno, vedo solo degli abiti bianchi, ma non c'è nessuno ad indossarli e non vedo neanche i sacerdoti! Gesù, sei solo, ma il mare è sempre più grande! (Gesù) sì, figlia! Ma guarda ancora, guarda quegli abiti bianchi, figlia!(*) non dire chi li indossa! (Giulia) posso dire solo, quattro sono indossati di tutti quelli che vedo dietro di te, Gesù!  (Gesù) non dire i nomi, ma li dirai al Giglio! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù! (Gesù) guarda ancora, ma non spaventarti, Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Ora guarda, figlia mia!(*) (Giulia) Gesù!(*) Gesù! (Gesù) non dire ciò che vedi! non toccare con le tue mani! (Giulia) Gesù, non reggo! Il mio Cuore non regge, Gesù! (Gesù) prega, figlia mia, e immolati come tu sai fare! Aggiungi alla rotolo ciò che hai visto! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) invita i tuoi figli, i tuoi Discepoli, le Colonne e le Suorine del Cuore della Croce a pregare, figlia, in questo tempo, e combattete il nemico con l'Amore: amate, perdonate e usate carità verso tutti e al primo posto portate sempre vostri nemici! Figli del mio Cuore, vi invito ancora a pregare per tutti i sacerdoti: non lasciateli! Pregate affinché la Chiesa sia unita al mio Cuore, figli! Vedi, le Mura sono per terra, figlia mia, e il mondo è nelle vostre mani: sollevatelo con le vostre preghiere perché il Padre vi ha scelti uno ad uno, figli del mio Cuore! Guarda ancora, figlia, e non spaventarti!(*) non chinare il capo! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) vedo ancora un cuscino con un abito bianco sopra e un altro flagello che scende sull'umanità, Gesù!(*) (Gesù) immolati figlia, prega, il flagello è già sceso!(*) raccogli le anime e portale nel Cuore del Padre! (Giulia) Gesù! Gesù, Gesù, Gesù! (Gesù) raccoglile, figlia!(*) Prega ancora per tutti i Figli Ministri che non vogliono accogliere il Parto del Cuore della Croce e invitali ad uscire e a non nascondersi dietro un dito! Ricordate, figli, che nulla mi è nascosto: vedo e sento ogni cosa! Figli del mio Cuore di Padre, di Figlio e di Spirito Santo, vi invito ancora ad unire la Chiesa al mio Cuore, figli! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio di pregare secondo le mie intenzioni, di essere pronto e preparato ai Chiodi e di amare col mio Cuore! Invito ancora ognuno di voi a pregare e a chiedere al Padre lo Shalom! Chiedete a Dio la Pace, figli! Cocciuta Divina del mio Cuore! (Giulia) eccomi, Gesù! (Gesù) dovrai soffrire ancora: figlia mia, sarai perseguitata dai Grandi della Casa del Padre! (Giulia) eccomi, Gesù! Gesù, come sempre metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere in questo giorno, i figli che sono qui riuniti, i figli che si uniscono a questa santa preghiera e tutti quelli che hanno portato nei propri cuori! Gesù, metto nel tuo Cuore sempre sempre tutte le mie pietruzze che sono i sacerdoti! E come sempre metto nel tuo Cuore il Giglio! oh, Gesù, è inchiodato alla Croce, ma inchiodalo ancora di più! (Gesù) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) L’Amen del Cuore del Padre, che è il Cuore del Giglio, rimanga sempre dentro di voi, Pargoli miei! Figlia, sei pronta per accogliere i Chiodi divini anche in questo giorno? vuoi venire a far festa sul letto della Croce? (Giulia) eccomi, Gesù, sono pronta se tu lo vuoi! (Gesù) Io lo voglio, figlia, vieni, ma guarda i Chiodi e guarda chi li mette, figlia! (Giulia) eccomi, Gesù!(*) (Gesù) guarda ancora una volta i Chiodi!(*) <Giulia si accascia esanime senza gridare> Sollevati, anima mia!(*) Guarda le tue mani e guarda i tuoi piedi!(*) (Giulia) Gesù, le tue mani e i tuoi piedi grondano Sangue, e il Sangue si unisce al mare ma entra in un'altra chiesa! (Gesù) Dì al Giglio il nome della chiesa, perché è il mio e il tuo Sangue! (Giulia) Gesù, posso unire le mie mani bagnate col tuo Sangue e sollevare le Mura che sono per terra? (Gesù) non in quest'istante, figlia, prega, ma ora non toccare col Sangue! (Giulia) perdonami, Gesù!(*) (Gesù) immolati ancora, figlia, e prega per tutti i sacerdoti che si nascondono e non vogliono ascoltare il grido del mio Parto e non vogliono vedere la Via che Maria ha segnato e segna ancora! Prega, anima mia! (Giulia) come misera peccatrice, Gesù, eccomi ai piedi della Croce! (Gesù) unisciti a Maria! Vedi, è curva e prega per l'umanità, ma siate pronti con le lucerne accese per i tempi che verranno, perché Io sono qui in mezzo a voi con gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un'unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori! Figli miei, vivete la Parola, camminate sempre nel Solco, mangiate il Pane fresco e donatelo ai piccoli, ai poveri, agli emarginati, ai figli carcerati, non lasciate nessuno fuori della santa preghiera! Figli, il Vangelo di questo giorno <Giov. 20° sett. T.O /A Mt. 22, 1-14> vi insegna a capire, vi insegna ad indossare l'abito bianco! Distaccatevi dalle cose del mondo e unitevi al Cuore della Croce! Figli, l'umanità è ormai persa: non perdetevi per le cose del mondo, ancora non riuscite a comprendere il tesoro che il Padre vi porta nella Dimora! Vi affannate per le cose del mondo abbandonando il Banchetto del Padre: parlo a voi e parlo al mondo intero! Figli miei, Dio è vivo, è in mezzo a voi, Dio ha preparato il Banchetto e chiama tutti, ma in pochi siete a rispondere! Siete troppo pesanti perché siete carichi delle cose del mondo! Gettate via ciò che non appartiene al mio Cuore! Gettate via anche gli abiti che indossate in quest'istante e indossate l'abito dell'Amore, indossate l'abito della Croce, della povertà, figlioli, perché tutto passa, solo la Parola rimane! E questo lo dico anche a voi Figli Ministri:  in questo tempo distaccatevi dalle cose del mondo e accogliete i piccoli, i poveri, gli emarginati, i figli carcerati; non lasciate nessuno, accoglieteli col cuore come vi ho indicato Io! Non  dimenticatelo, perché Io sono un Dio Antico, figli, e non vi sono altri dei all'infuori di me, perché Io sono il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Dillo anche ai tuoi figli, Giglio, di indossare l'abito dell'Amore e della Croce, e di camminare col cuore nel Solco di Maria! Prega ancora, figlio, ma ricorda: il tuo Cuore è inchiodato al Cuore della Croce e dello Strumento, e ciò che Dio ha operato non lo può cancellare nessuno! Vi invito ancora a combattere il nemico con l'amore: amate, amate, amate! Figli miei, ora vi chiedo: volete ardere un po'? (Tutti) Sì! (Gesù) volete accogliere con amore il Santo Giovanni di oggi? (Tutti) Sì! (Gesù) ve lo lascio!(*)  (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre, vengo a portare la mia Santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto!  ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) l'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) l'Amen pieno del Cuore di Dio, che è l'Amen del Cuore del Giglio, sia sempre acceso nei vostri cuori e nei cuori dell'umanità intera, figli miei! Eccomi! Nella Luce, nella Pace e nella Letizia del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a portare l'unica Gioia, l'unica Parola: il Pane vivo che scende dai Cieli, quel Pane che è Gesù, quel Pane che si spezza e si dona l'umanità intera e ad ognuno di voi! E Dio ha preparato un Banchetto, è ricco ed è pronto per tutti, ma in pochi sono ad ascoltare, in pochi ascoltano la Parola del Padre! E chi arriva a questo Banchetto? voi siete pronti? Io mi fermo un po' a pensare e fermandomi a pensare invito anche al Giglio a pensare il Vangelo di questo giorno! In quanti saremo, Giglio, a questo Banchetto? e chi dobbiamo invitare? chi dobbiamo chiamare? a chi dobbiamo raccogliere? Faccio a te questa domanda, Giglio, e chiedo al tuo Cuore di rispondermi; ma il tuo Cuore arde come il mio e la risposta è già pronta! Ma ti invito, figlio, a pregare e a camminare sui passi che Maria ha segnato per te nella Dimora! Vedete, figlioli, la Parola viva di questo giorno ci fa riflettere un po'; ci fa chinare il capo e pensare: “perché gli invitati non sono andati? perché hanno ucciso i servi? perché chi è andato al campo o chi è andato a fare i propri lavori o le proprie cose del mondo? e chi sono i figli dei crocicchi? e chi era il figlio che non indossava l'abito”? Dobbiamo fermarci e riflettere; dobbiamo guardare dentro i nostri cuori,  cercare e togliere ancora tutto quello che non appartiene al Padre e gettarlo via e riempire i nostri cuori col Pane vivo, con la Parola, con quel Pane che Dio viene a portarci e vi invita a pregare ancora per i sacerdoti! Vi invito ancora a farvi Pane: fatevi Pane e donatevi, figli miei, ma combattete sempre il male con l'amore: l'unica arma, tenendo sempre alto il santo Vangelo! Ma ditemi, figli: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tutti) sì! <Giov. XX sett. T.O A./ Mt. 22, 1-14> (Piccolo Giovanni) come, Tommaso? (Tommaso) eccomi, Papà! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Come avete vissuto il Vangelo di questo giorno? (Tommaso) meditando, proprio, come tu ci hai detto poco fa! E’ un Vangelo dove ci lascia il cuore amaro, considerando anche il fatto del grande lavoro che tu hai cominciato, hai perseverato fino in fondo! Hai mandato a chiamare in tutto il mondo, vescovi e sacerdoti; hai donato doni di Gesù col suo Sangue, ma non ti hanno ascoltato: alcuni ti hanno risposto, altri no! Qualcuno lo ha ritornato indietro, e questo è grave! (Piccolo Giovanni) è come è scritto! È la Parola di questo giorno!  (Tommaso) sì! E la cosa su cui mi soffermo.. su cui mi sono soffermato un po', sono proprio questi “crocicchi”, come tu ci stavi spiegando! Questa parola mi è grande perché mi fa pensare a tutti gli angoli che ancora Gesù, come allora, si fermava a parlare, a mangiare con i beoni, con le prostitute, con i peccatori! E i figli prediletti dove sono? e allora questi crocicchi ci stanno ad indicare, proprio, gli storpi, gli ultimi, i lontani da Dio, i pagani, è di loro il Banchetto che è già pronto e nessuno si fa ancora sentire! E poi, anche per noi che siamo qui, non penso che qualcuno di noi possa dire abbia l'abito nuziale, però.. (Piccolo Giovanni) ..posso dirvi solo che la Cocciuta, per volere del Padre, vede chi indossa l'abito nuziale!  (Tommaso) noi, Giovanni, cerchiamo di indossarlo, ma più lo indossiamo e più ci sembra stretto, ci devi sempre guidare e aiutarci a farlo entrare! (Piccolo Giovanni) non vi ho mai lasciati e non vi lascerò mai! Ma chiedo a voi: ci sarete tutti quando il Sole di Fatima brillerà? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ci sarete tutti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ci sarete tutti? (Tutti) Sì! (Piccolo Giovanni) Io ci sarò!  (Mosè) l'abbiamo promesso, Giovanni!  (Piccolo Giovanni) perché non vi ho mai lasciati! Anche Pietro ha rinnegato tre volte, ma conosco il tuo cuore, non temere, è per far capire ai figli che il Solco è lungo ed è profondo! Verranno tempi che solo il Cuore della Cocciuta conosce, ma il suo dolore è che non può parlare! Il rotolo si sta riempiendo e quando sarà il tempo dovrà aprirlo e consegnare tutto al Giglio, e il Parto è pieno e vi invito a pregare, figli miei, pregare in modo particolare per i sacerdoti: che siano sempre uniti al Cuore della Croce! Io vi ho indicato e vi indico sempre il Vangelo e vi indico sempre di non lasciare nessuno fuori della preghiera: Dio non fa alcuna distinzione! Figli miei, non cacciate nessuno fuori, perché la Porta di Dio è sempre aperta! Piango per i figli che dicevano di amarmi: era solo un battere di labbra, pronti con la spada a trafiggere! Pregate affinché rimangano nel Solco! Ma dimmi ancora: cosa c'è nel tuo cuore? (Tommaso) Giovanni, io molto spesso mi arrabbio, perché..  (Piccolo Giovanni) ..anche la Cocciuta grida, e come, perché diventa sempre più Cocciuta! (Tommaso) perché ardo di vedere il Banchetto pieno! (Piccolo Giovanni) lasciamo al Padre questo tempo, ché sapete bene che i tempi li conosce solo il Padre! Voi dovete essere solo pronti, preparati, indossare l'abito bianco e portare tutti i vostri nemici per far festa! E in questo tempo, ripeto, vi invito a pregare per tutti i sacerdoti forte forte, senza lasciarli! Cosa vuoi dire ancora? sai bene che Dio legge il tuo cuore! (Tommaso) siamo in attesa di poter proseguire appieno quello che tu vuoi, perché so che tu hai avuto sempre fretta e noi aspettiamo di vedere qualcosa di più concreto! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Cosa vuoi vedere di più concreto? (Tommaso) perché all'apparenza.. (Piccolo Giovanni) ..cosa c'è di più dell'Amen? (Tommaso) niente, però i nostri occhi vedono solo all'apparenza, non penso che ci si sia fermati, i tempi vanno avanti, il Progetto di Dio va avanti! Però,  per concreto intendo di vedere qualcosa anche con gli occhi! (Piccolo Giovanni) aprili e vedi, perché Dio è in mezzo a voi e cosa c'è più di Dio? Dio è in mezzo a voi! Dio è vivo e parla e la sua Parola è concretezza in pieno, come quel Pane che scende dai Cieli! Se vi aspettate il miracolo, vedete solo il Sole di Fatima, e quando avete visto il Sole di Fatima i vostri occhi non si fermeranno di lacrimare, di piangere, perché è già in mezzo a voi e non lo vedete, come Io lo ero e lo sono ancora, ma i vostri occhi non hanno visto, e quante volte l'ho gridato! Ora mi chiedi di vedere qualcosa di concreto? non è un rimprovero! (Tommaso) no, era qualcosa di gioire di più! (Piccolo Giovanni) la gioia è la Croce, è la sofferenza, figlio, non lo dimenticare! Non dimenticatelo! Ricordate sempre che gridavo: “non venite per miracoli, ma chiedete solo e accogliete i santi Dolori, la santa Sofferenza”! I tempi li conosce il Padre anche se la Cocciuta vorrebbe gridare e dire tutto come volevo farlo Io: ero e sono ancora frettoloso e lo è anche la Cocciuta, e quando deve fare una cosa, la vuole subito, come facevo Io! Se abito nel suo Cuore, è frettolosa anche lei! <Giovanni volge il suo sguardo su Paolo> Mi fermo a guardare gli occhi che vorrebbero gridare, ma non ti faccio parlare in questo giorno, faccio il capriccioso perché conosco il tuo cuore! Ma invito ognuno di voi ad essere coscienti di ciò che state vivendo: la pienezza di Dio è in mezzo a voi! Non chiedete altri segni, figli, ma chiedete al Padre: “Padre, poggiati su di me, poggiati sulle mie spalle con la tua Croce, così sono sicuro di camminare dietro di te e di non cadere nel buio del nemico”! Il nemico usa tutti i mezzi per farvi cadere nella sua falsa luce, e ricordatevi che ci sono anche i falsi miracoli! L'unico miracolo è il Cuore della Croce; è Dio vivo e reale in mezzo a voi che si poggia; è quel Pane che si spezza e si dona! State attenti al nemico, figli! Vi chiedo ancora una volta: ci sarete tutti? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) ci sarete tutti ai piedi della Croce? e qua vi voglio! Io ci sarò perché vi amo, figli miei! <si rivolge a Telesfore> Dona sempre il Bacio e l'Alito al Giglio! Digli ancora che il Calice trabocca e la pianticella ha le foglie verdi; e digli ancora che consegno nelle sue mani lo Strumento perché dovrà soffrire ancora a causa del Nome di Gesù! <un'alitazione> dono ad ognuno di voi il Bacio del Piccolo Giovanni e l'Alito del mio Amore!  <un'alitazione> accoglietelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera! Figli miei, vi invito sempre ad essere piccoli Giovanni e sempre all'ultimo posto! Figli, vi invito ancora a pregare: non fateci usare! Figli, pregate, e col vostro amore fermate ancora i flagelli che scendono sempre di più sull'umanità! Ora guarda, figlia!(*) (Giulia) Giovanni, posso dire ciò che vedo? (Piccolo Giovanni) dì solo che vedi una data, ma la scriverai e la consegnerai al Giglio! (Giulia) e il resto?  (Piccolo Giovanni) il resto aggiungilo ancora al rotolo!  (Giulia) Giovanni, vorrei gridare tutto!  (Piccolo Giovanni) quante volte volevo farlo Io e mi hai fermato! ora sono Io a fermarti! Vedi? ancora i tuoi figli non possono comprendere!  (Giulia) sì, Giovanni, ma donami sempre il tuo respiro! Poter tenere tutto nel mio Cuore, che è il tuo.. (Piccolo Giovanni) ..sai bene dove prendere la forza! Hai nelle mani i Chiodi e porterai i Dolori del Parto fino alla fine della preghiera, figlia! Dì ai tuoi figli, all'umanità intera e a tutti i sacerdoti di non abortire Gesù, ma di farlo vivere! Figlia mia, gridalo forte e non temere niente e nessuno: tu vedi il Sole di Fatima! (Giulia) per volere del Padre, sì!(*) (Piccolo Giovanni) dì ancora al Giglio di essere forte e di abbracciare la Croce come l'ho abbracciata Io, perché abito nel suo Cuore! Vi invito ancora una volta a tenere alto il santo Vangelo, figlioli miei! Ora siete pronti? i vostri cuori sono pronti per ricevere Gesù spiritualmente? (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) distaccatevi dalle cose del mondo e disponetevi per Gesù che viene ad abitare spiritualmente nei vostri cuori!(*) Lasciate i pesi del mondo, non abbiate timore, sono Io il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! E il Banchetto è pronto, è qui in mezzo a voi! Beati voi che avete risposto alla chiamata! Ecco lo Sposo che avanza: venite a gioire, Spose del mio Cuore! Disponetevi, disponete i vostri cuori, figli miei!(*) Ecco la mia Carne: prendete e mangiatene tutti!(**) Ecco il mio Sangue: prendete e bevetene tutti!(**) (Giulia) oh, Gesù, come gioisce il mio Cuore nel vedere tutti gli abiti bianchi indossati al tuo Banchetto! Oh, Gesù, il mio Cuore grida solo “grazie, Gesù!(Gesù) in questo giorno sei stata accontentata! (Giulia) il mio Cuore batte forte forte e le uniche parole che so dire sono: “ti amo, ti amo, ti amo”! (Piccolo Giovanni) ed Io rispondo Amen, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (Gesù) Amén rimanga sempre pieno come in questo giorno, figli miei!  (Piccolo Giovanni) Ecco, Io mi sono donato ad ognuno di voi. La mia Pasqua è piena ed è risorta: nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, risorgete anche voi, figlioli del mio Cuore! <si rivolge a Telesfore> dì al Giglio che il Banchetto è pronto! Ora il Dio Bambino ha sonno: gli cantate ancora la Ninna Nanna? (Tutti) sì! <canto della Ninna Nanna> (Piccolo Giovanni) grazie, figlioli del mio Cuore, grazie per tutte le gioie che offrite al Cuore Immacolato e Addolorato di Maria, Madre mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera!(*) Ricordate che la misura del Padre è una sola: grande sarà la vostra ricompensa perché Dio guarda i cuori di ognuno di voi! Dio non guarda l'esteriore, Dio guarda i vostri cuori, e la Cocciuta, per volere del Padre, li conosce uno ad uno e porta il peso di ognuno di voi sulle spalle, figli miei, invitandovi sempre ad amare, a perdonare, ad usare carità verso tutti e al primo posto portare i vostri nemici! Ma ricordate che grida con la Parola del Padre: è Roccia viva e la Roccia non si frantuma, figli! E abbracciando la Roccia innalziamo la preghiera che il Padre ci ha insegnato! <Canto del Padre Nostro di Timparelle> (Giulia) Padre, Padre mio, Padre Nostro che sei nei Cieli, Padre che abiti nei cuori di ognuno di noi, hai radunato la tua famiglia attorno al tuo Banchetto e ci hai donato il Pane vivo del tuo Cuore! Padre, aiutaci a non gettare via il tuo Pane, aiutaci a rimanere sempre attorno al tuo Banchetto, all'unico miracolo vivo, il miracolo che non muore mai perché sulla Croce tu non sei morto, sei risorto per Amore, e se noi crediamo in quest'Amore, possiamo anche noi sorgere nel tuo Nome ed essere “Banchetti vivi” come lo sei tu! Papà, Padre Nostro che sei nei Cieli, Padre Nostro che abiti dentro di noi, donaci l'Amen per poter camminare, donaci l'Amen per poter vivere, donaci l'Amen per poter amare, donaci l'Amen per saper perdonare come tu ci perdoni! (il Padre) Amén, Amen, Amen!  (Tutti) Amén! (il Padre) Amén, figli miei!  (Giulia) Papà, com'è dolce il tuo Amen!  (il Padre) quando scoprirete il significato dell’Amen, sarà ancora più dolce, figlia mia!(*) (Piccolo Giovanni) Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre. Vi invito a rimanere nella quiete della preghiera; vi invito ancora a stare attenti al nemico; non abortite Gesù quando uscite fuori dalla Dimora del Padre ma amate, amate, amate, figlioli miei, e camminate sempre nel Solco di Dio; ma ricordate: è lungo ed è profondo! Ricordate ancora in pienezza il Vangelo di questo giorno e tenetelo alto, figli! Tu, Cocciuta Divina, porta ancora sulle tue spalle  l'umanità intera e tutti i tuoi figli e gioisci nel vedere la tua Spina Preferita e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Nella gioia piena fatelo anche voi, figlioli del mio Cuore! Ed Io vi benedico col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amén!  (Piccolo Giovanni) Amén, Amén, Amén.. (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! L'Amen di Dio sia sempre con tutti voi! (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) andate nella Pace e nella Quiete, portandole ovunque poggiate i vostri piedi, ma SE NON ACCOLGONO VOI NON RICEVERANNO NEANCHE LA PACE!(*) Pregate, figli, pregate, perché Io sono nei vostri cuori: non vi ho mai lasciati soli! L'Amore dello Spirito Santo vi accompagni, Pargoli del mio Cuore, col Bacio del Piccolo Giovanni! Ardete per ricevere gli auguri?: faccio gli auguri a coloro che portano il nome di “Elena” e le abbraccio al mio Cuore!  <oggi è S.Elena> Rimanete nel mio Solco perché Io non vi ho mai abbandonati, ma amate, amate, figli!(*) (Giulia) Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! Ti amo, Papà! (Piccolo Giovanni) vi amo anch'Io e aspetto: (Tutti) TI AMO PAPÀ!(*) (Piccolo Giovanni) grazie, Pargoli del mio Cuore! Rimanete sempre piccoli e uniti alla Croce! (Giulia) eccomi, Papà!(*) Col tuo ordine abbraccio i miei figli e l'umanità intera e li unisco alla Croce perché non trovo altro dove far riposare il mio Cuore e i cuori dei miei figli e dell'umanità!(*) (Piccolo Giovanni) grazie, anima mia!(*) (Giulia) grazie, Papà!

 

 

        6. Mer 24/08/2005, Stanza more solito

 

Messaggi di Maria e del Santo Giovanni di oggi (ore 16.18)

(Giulia) Se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; se sei tu, glorifica il Padre; (l'Immacolata) sia gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Croce Divina del Cuore Immacolato di Gesù! Figlia mia, bevi anche in questo santo giorno i Calici Misti del tuo Gesù, i Calici Verdi(*) e i Calici Rossi(*) e immolati, figlia mia, ancora una volta, con i santi Dolori della Croce viva del mio Gesù, con i Dolori del Parto, figlia, che passano attraverso Giovanni e attraverso di te! Figlia del Cuore della Croce, immolati ancora per l'umanità tutta; immolati per i Grandi del mondo; immolati per i Grandi della Casa del Padre! Consola sempre il Cuore di Gesù con l'unico abbraccio della Croce, figlia, come tu sai fare, nell'umiltà, nell'ubbidienza e nell'amare col Cuore del Padre!  (Giulia) Mamma, io so solo sussurrare “Eccomi”! (l'Immacolata) non temere, figlia, invita i tuoi figli, i Discepoli, le Colonne e le Suorine a pregare, ad amare e ad accogliere la Parola di Dio che è viva e reale in mezzo a voi, come Io sono viva e reale, per volere del Padre, in mezzo a voi e vengo a portarvi l'annuncio del Padre! Elargite i vostri cuori alla Misericordia di Dio, figlioli! (Giulia) Mamma, i tuoi occhi grondano Sangue e il mio Cuore gronda Sangue nel vederti piangere, Mammina! (l'Immacolata) figlia, vi invito a combattere il nemico! In questo tempo, destatevi dal sonno, dalle cose del mondo, e combattete il nemico con l'amore! Amatevi gli uni gli altri, e quando stringete nelle mani la corona del santo Rosario, guardate Gesù che è sul letto della Croce per ognuno di voi e per l'umanità intera! Guardate l'Amore di Gesù e donate anche il vostro, ma in pienezza, figli miei! Io parlo a voi e al mondo intero, in ubbidienza al Padre, ma vi ripeto ancora una volta: combattete il nemico amando, perdonando, usando carità verso tutti e al primo posto portare sempre i vostri nemici! Figli, il mio Cuore di Mamma vi invita a pregare, vi invita all'ascolto della Parola e vi invita ad accogliere Gesù: il mio Gesù, il Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per donarvi la vita eterna! Figli, il mondo è morto: siete tutti rami secchi! Se guardate fuori vedete solo morte e flagelli che scendono sempre di più! Pregate, figli, e cercate solo Dio, ma la vostra preghiera non sia distratta ma fatta col cuore! Il nemico vuole distruggere il Progetto dell'Amore: fatelo sbocciare sempre di più rimanendo uniti alla Croce di Gesù, rimanendo uniti alla santa Sofferenza! Non sono le gioie del mondo che vi portano a Gesù, ma i Chiodi, i Dolori del Parto, vivi e accolti nei vostri cuori e portati nel silenzio, in quell'unico abbraccio della Croce! Incontratevi con lo Sposo nell'intimo dei vostri cuori e abbracciatelo rimanendo legati al mio Gesù: allo Sposo che viene incontro per abbracciare e accogliere ognuno di voi, figli miei!(*) Giglio, vieni incontro ad abbracciare la tua Mamma e porta i tuoi figli sul Legno della Croce per consolare il Cuore di Gesù! Cocciuta Divina! (Giulia) eccomi! (l'Immacolata) figlia mia, guarda ancora in questo giorno!(*) (Giulia) altri flagelli! ..ancora flagelli, Mamma? (l'Immacolata) sono già scesi, figlia! (Giulia) Mamma, dì a Gesù di poggiarsi ancora sulle mie spalle, e rispondo io per tutti i figli: anche se cadiamo per terra, poggiatevi, poggiatevi con la Croce su tutti noi, e, se il Padre vuole, fateci fermare i flagelli perché ne vedo altri che stanno scendendo! (l'Immacolata) figlia mia, Io ti rispondo “Amen”! Disponete i vostri cuori perché Dio vi chiama uno ad uno a lavorare nella vigna, e, se la vostra fede cresce, i flagelli e le guerre si fermeranno, ma siate pronti e preparati! Figlioli del mio Cuore, ricordatevi: non sono le cose del mondo che vi fanno fermare i flagelli, ma l'amore! Fatelo crescere sempre di più nei vostri cuori e donatelo ai vostri fratelli! Se non c'è amore e se non c'è pace tra di voi non potete fermare i flagelli e non potete vedere gli occhi di Gesù che vi guardano! Pregate ancora, figlioli del mio Cuore, pregate ancora affinché la Chiesa sia unita al Cuore di Gesù e le Mura si rialzino perché sono a terra, figlioli miei! (Giulia) Mamma, come sempre metto nel tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i figli che sono qui riuniti, quelli che si uniscono e tutti quelli che hanno portati nei loro cuori! Metto nel tuo Cuore tutte le pietruzze che sono i sacerdoti! E come sempre, come lui mi chiede, metto nel tuo Cuore il Giglio: fallo diventare Navicella che conduce al Cuore del Padre! (l'Immacolata) Amen, figlia, Amen, Amen! (Tutti) Amén! (l'Immacolata) Amén! L'Amen del Cuore di Dio che è l'Amen del Cuore del Giglio, vi porti alla Navicella del mio Cuore di Mamma Immacolata e Addolorata, addolorata nel vedere l'umanità morta, l'umanità senza Gesù! Pregate ancora, figlioli miei, perché Io sono Mamma e conosco i cuori di ognuno di voi! Chiedete nel giusto del Vangelo e vi sarà concesso, figli! Cocciuta Divina, dovrai soffrire ancora a causa del Nome di Gesù! Guarda ancora, figlia! (Giulia) eccomi, Mamma!(*) posso dire ciò che vedo? (l'Immacolata) dì solo che vedi un cuscino camminare sul Sangue e un abito bianco, il resto lo scriverai e lo consegnerai al Giglio! (Giulia) eccomi, Mamma! (l'Immacolata) sentirai sempre di più i Dolori del Parto, figlia mia! (Giulia) eccomi!(*) (l'Immacolata) prega come tu sai fare! (Giulia) eccomi, come serva inutile dinanzi ai piedi della Croce, Mammina del mio Cuore! <la Madonna si rivolge a Telesfore> (l'Immacolata) dì ancora al Giglio che il mio Cuore di Mamma è aperto! Digli di portare il Sole di Fatima che è chiuso nel suo Cuore! Digli di fare presto! Il Peso della Croce sarà grande, ma lo Spirito Santo è su di lui! L'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo l'accompagneranno nella Dimora di Dio per donare all'umanità la Luce che si è spenta, perché il Padre ha baciato questo Luogo e ha lasciato il Sigillo, e nel mondo intero brillerà perché “Dio È”! Non temere, Giglio, Io sono la Mamma del Crocifisso; e non temete neanche voi, figlioli, di ciò che avete udito, ma sarete perseguitati a causa del Nome di Gesù! Siano gioiosi i vostri cuori perché Io sono qui in mezzo a voi col mio Gesù, gli Angeli, i Santi tutti, il Servo Santo della Croce e il Santo Giovanni di oggi; siamo vivi e reali e siamo venuti a portare un’unica Verità: il santo Vangelo, invitandovi sempre a tenerlo alto e a viverlo nella pienezza dei vostri cuori! Figli miei, vi invito ancora ad allontanare il nemico amando, amando, amando, figli miei! E con l'Alito dello Spirito Santo vi chiedo ancora una volta: volete ardere un po'? (Tutti) sì! (Immacolata) volete accogliere con amore il santo Giovanni di oggi? (Tutti) sì! (Immacolata) ve lo lascio!(*) (Piccolo Giovanni) Con ubbidienza a Dio Padre vengo a portare la mia santa Benedizione di Sacerdozio vivo ed eterno come il Padre ha scritto! ALLELUIA! (Tutti) Alleluia!(*) (Piccolo Giovanni) con ubbidienza al Padre mi siedo un po'!(*) L'Amore e la Pace del Cristo Risorto sia sempre viva nei vostri cuori!  (Tutti) e con il tuo Spirito! (Piccolo Giovanni) Amen, Amen, Amen!  (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Eccomi! Nell'unica Verità del santo Vangelo sono ancora qui in mezzo a voi a portare il Cuore del Padre, quel Cuore che diventa Pane e Parola per donarsi ad ognuno di voi e all'umanità intera! Quel Pane che in questo giorno si dona con tutta la forza, si dona con tutto l'amore e con la semplicità di Gesù nel parlare ai propri discepoli, come ora Io parlo ad ognuno di voi e al mondo intero indicando il Vangelo, indicando il Solco, chiedendovi di vivere in pienezza il Vangelo, di vivere come figli di Dio, l'unica famiglia che porta il segno della Croce, ma quella Croce non dobbiamo portarla solo per apparenza, per bellezza, quella Croce si deve portare nei propri cuori, nel silenzio, nel nascondimento, ma non vergognarsi di portare il peso, non accasciatevi per terra, non mostratevi alla gente di avere i Dolori di Gesù! Ma ciò che fa la destra non lo deve conoscere la sinistra! Donate solo l'amore, la gioia, il sorriso, e quando vi fermate a parlare con i vostri fratelli, non scappate come ladri, ma lasciate la Pace, il sorriso e la Parola di Gesù, quella Parola che accende i cuori, quella Parola che arde dentro i cuori! E così il nido cresce, e nel nido rimane Gesù, rimane quel Pane fresco: la Parola, l'Amore di Dio che si dona a tutti senza fare alcuna distinzione! Figli, vi invito ancora a combattere il male con l'amore! Vedete, figlioli, come Sacerdozio vivo ed eterno ho sempre gridato “l'amore è ciò che unisce”; “l'amore fa crescere”; “l'amore ci fa arrivare al Cuore di Dio”; “l'amore ci fa capire che la famiglia rimane salda solo se c'è l'amore”, e senza l'amore non possiamo raggiungere Gesù, non possiamo neanche dire “amo Gesù”, perché non c'è l'amore; ma quando c'è l'amore, Gesù è dentro di noi, quel Pane vivo è dentro di noi e cresce, e noi possiamo donarlo! E i flagelli come li combattiamo? con l'amore! Le guerre non possiamo combatterle con le armi, perché non hanno l'amore, hanno la distruzione, e nella distruzione non c'è amore, non c'è Dio! Per raggiungere il Cuore di Dio si deve esplodere d'amore, quell’Amore che Maria porta nel suo Cuore: viene a donarci il suo Amore vivo di Mamma! E ritorniamo al Vangelo: cosa devo dire del Vangelo di questo giorno? Io mi fermo a guardare i vostri cuori. Cerco un albero, guardo di qua e di là, ma non ne vedo; vedo solo l'Albero del Vangelo e ve lo indico ancora, figli miei! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio che l'Albero è piantato nella Dimora del Padre ed è così grande da dare frescura all'umanità intera e il Calice trabocca, figlio! E chiedo ad ognuno di voi, in questo giorno: avete vissuto il Vangelo di questo giorno? <Merc. Della 21° sett. T.O. /A. Gv. 1, 45-51> (Tutti) sì! (Piccolo Giovanni) volete che Dio non conosca i vostri cuori? Tommaso!  (Tommaso) eccomi, Papà! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlio! Ricordi qualche parola del Vangelo di questo giorno? (Tommaso) sì, Giovanni! (Piccolo Giovanni) e tu come l'hai vissuto?  (Tommaso) bellissimo: vedere Filippo che arde d'amore per annunciare la buona novella al mondo intero! E in questo caso si rivolge a Natanaele con tutto l'ardore, con tutto l'amore che ha nel cuore, che vive dentro, ma non trova l'appoggio che lui può darsi che pensava; come ognuno di noi, ha voluto seminare senza vedere, tanto è vero che la risposta che gli ha dato Natanaele, sono le stesse risposte che riceviamo noi tutti quando annunciamo che “Dio è vivo, è in mezzo a noi e parla”! E allora il Cuore di Filippo avrebbe dovuto essere triste a quella risposta, invece ha letto il cuore! (Piccolo Giovanni) ardeva! (Tommaso) ardeva molto forte! Tanto è vero che Natanaele, per non scoprirsi, perché era uomo grande, potente e ricco, gli dice “ma come mai? da Nazareth può nascere qualcosa di buono? proprio da quella catapecchia abbandonata? da quelle quattro case? (Piccolo Giovanni)cosa può nascere da Timparelle”? (Tommaso) appunto, era questo che volevo dire, Giovanni! (Piccolo Giovanni)può uscire fuori qualche miracolo o qualche evento grande”? Ma chi è più grande di Dio? È Dio che fa nascere i miracoli come fa nascere il Pane, come ha fatto nascere la Croce nel grembo di Maria! Parla ancora! (Tommaso) allora, Filippo insiste ancora, perché.. proprio perché ardeva tanto, gli dice “guarda che è quel Messia che ci hanno indicati i nostri Padri; è quel Messia di cui le scritture parlano”, ma che nessuno accoglie, come in questo momento! E ancora, noi tutti, “questa generazione perversa” come ci dice Gesù, “aspetta solo segni e miracoli che non ci saranno”, perché il tempo del Padre è conversione, è amore ed è la preparazione per il suo grande evento! L'umanità ha gli occhi chiusi.. (Piccolo Giovanni) ..dove ci sarà il “Grande Miracolo”, ma (soltanto) quando l'amore sarà pieno! (Tommaso) cioè, tutti aspettiamo, tutto il mondo aspetta chissà quale miracolo, però.. (Piccolo Giovanni) ..come aspettavano Gesù: Re, Potere! Visto Gesù salire sul Legno della Croce, si sono visti perdenti, non hanno visto un Gesù Re! “Ha predicato tanto, ha fatto tanti miracoli, adesso muore sul Legno: è finita, non abbiamo più il Re”, non guardando quel Legno, quella ricchezza così grande da riempire ed attirare l'umanità intera! Ma ancora non si arriva a capire la grandezza della Croce, il mistero della Croce! Ancora si cercano i “miracoli dei re”: la ricchezza, il potere! E lì si cade nel fosso del nemico, dove non si trova né ricchezza e neanche miracoli: si trova la morte! Parla ancora! (Tommaso) Giovanni, il vero miracolo è quella della fede, cioè far entrare Gesù nel proprio cuore! Dire sempre, come la Cocciuta, “Eccomi” e poi lasciar lavorare Dio; non ci farà mancare nulla, anche nelle cose materiali, senz'altro, ma il vero miracolo è proprio quello! Invece si ripete, come si era ripetuto, d'altronde, con Tommaso, Gesù dice ancora “tu Natanaele hai creduto perché io ti ho detto che ti ho visto sul fico quando tu ti nascondevi: pensavi che io non lo sapessi”, ma Dio sa tutto, vede ogni cosa e sente ogni cosa! (Piccolo Giovanni) cosa si può nascondere a Dio? Anche i sacerdoti si nascondono dietro un dito, ma Dio quel  dito lo vede e passa anche oltre il dito! Ma voi pregate per tutti i sacerdoti, perché quando dico che “si nascondono dietro un dito”, non voglio puntare il dito contro di loro, ma vi invito alla preghiera perché hanno bisogno del vostro aiuto, del vostro sostegno! Il nemico vuole distruggere i sacerdoti per non far donare più Gesù, ma l’Amore vince sempre! «Dio È» e niente e nessuno può cancellarlo! Pregate per tutti i sacerdoti e teneteli stretti ai vostri cuori! Parla ancora! (Tommaso) volevo dire, Giovanni, che proprio.. ne abbiamo avuto prova anche in questo Luogo, proprio chi ha avuto il miracolo si allontana! Questo per dimostrare che chi dice: “se io non vedo, non crederò”, è un falso, perché la storia ci insegna.. (Piccolo Giovanni) ..beati coloro.. (Tommaso) ..beati coloro che credono pur non avendo visto nulla! (Piccolo Giovanni) Amen! (Tommaso) perché coloro  <=quelli che hanno visto> hanno già avuto la loro ricompensa, Giovanni! (Piccolo Giovanni) Ripeto ancora: Amen, Amen.. (Tutti insieme a Giovanni) Amén! (Piccolo Giovanni) non dimenticate questo “Amen” perché ancora non conoscete il significato dell’Amén, figli miei! <si rivolge a Telesfore> Dì al Giglio, lui che conosce il significato dell’Amen, di farlo crescere sempre di più, di donarlo e di preparare sul suo Cuore “l’Amen di Maria”, perché il Parto è pronto ed è in mezzo a voi! Vuoi dire qualcos'altro? (Tommaso) volevo solo ringraziarti, Giovanni, che come tu vedi, la tua “bambina” è qui: ardeva! <Tommaso si riferisce a sua madre che è la suora laica più anziana, che ultimamente è stata ricoverata per molti giorni in ospedale> e quando mi ha detto “verrò alla Stanza solo se lo vorrà Giovanni”, il mio cuore era sicuro.. (Piccolo Giovanni) ..e l'ho portata col Cuore della Cocciuta! (Tommaso) grazie! (Piccolo Giovanni) è al Padre che dovete dire “grazie”: lo Strumento si lascia solo usare nel silenzio e nell'ubbidienza al Padre! Così anche voi, figli miei, lasciatevi usare! Non ci siano gelosie tra di voi! Sapete bene che Dio vi ama tutti con la stessa misura, non cambia di misura per nessuno! E la misura della Croce è la misura di una Particola che, spezzata in tanti pezzi piccoli, hanno tutti i pezzi la stessa misura, e in ogni piccolo pezzo c'è sempre Gesù che si dona in pienezza ad ognuno di voi!  <Giovanni volge il suo sguardo a Telesfore che è sempre pronto a prendere appunti per il Giglio> ..non ti ho chiesto di scrivere! Non vuoi essere guardato?.. <si ride un po’> ..e questa misura non cambia mai! Potete cambiare tutte le bilance del mondo, ma Dio rimane sempre un'unica misura! < si rivolge a Paolo> e non ti faccio parlare neanche oggi, perché conosco il tuo cuore. Non uscirebbe una parola perché Dio ha programmato così: il tempo del silenzio e poi ci sarà il tempo del gridare dell’Amore di Dio, di far accendere tanti e tanti cuori, e abbracciare tanti e tanti sacerdoti che portano Gesù nel mondo intero! E Dio ha scelto questo Luogo, ha baciato questo Luogo, e quante volte l'ho gridato e quante volte lo griderò ancora, ma saremo sempre più perseguitati! Ma è bello essere perseguitati nel Nome di Gesù; è bello essere Discepoli di Gesù e camminare con Lui, camminare con la Croce, camminare nel Solco dell'Amore, nel Solco del Vangelo, che è l'unica Fonte viva, l'unica Roccia che non si distrugge! Pregate, figli, non distoglietevi dalla preghiera e in questo tempo non lasciate Gesù per le cose del mondo! Non calpestate sotto i piedi il Vangelo! Non baciate solo le labbra, ma fate baciare i cuori parlando di Gesù, nel Nome di Gesù e solo con Gesù unito al Cuore di Maria, perché Maria è sempre legata al suo Figliolo Gesù, ad ognuno di voi e all'umanità intera! Non c'è una Mamma che si divide dal proprio figlio, e quel Figlio, Maria ce l'ha donato per Amore! È grande quest'Amore, è grande Maria, ma nello stesso tempo è una fragile creatura, pronta a donare “l'Eccomi” al Padre, e così anche voi dovete essere pronti a donare “l'Eccomi”! “Eccomi, sono un servo inutile pronto per stare dinanzi ai piedi della Croce; pronto per abbracciare il povero; pronto per abbracciare il nemico; pronto per abbracciare l'umanità intera, così come l'ha abbracciata Gesù, allargando le braccia sul Legno della Croce”! E questo è vivere in pieno il Vangelo di questo giorno! Figli miei, cari fratelli, cara amici del mio Cuore, non mi fermerò di indicarvi il Vangelo, ma non mi fermerò neanche di dirvi “combattete il male con l'amore; combattete il nemico che viene per rubare l'amore”, mostrategli la Croce e state attenti: quando uscite fuori non giudicate perché allo stesso modo sarete giudicati, ma amate, amate, amate, figli del mio Cuore! <si rivolge a Telesfore> Ora puoi scrivere!  (Telesfore) eccomi! (Piccolo Giovanni) Dona il Bacio e l'Alito al Giglio! Digli che il Bacio glielo manda il Padre, ed Io mando il Bacio e l'Alito ad ognuno di voi! <un'alitazione> vuoi l'Alito? (Telesfore) sì! <un'alitazione> donalo anche al Giglio! (Telesfore) sì! (Piccolo Giovanni) ricordati: gli devi donare l'Alito e il Bacio quando lo senti <un’alitazione e un Bacio con lo schiocco>  così si dona l'Alito e il Bacio! La Parola fa lo schiocco! Il Pane quando si spezza, si sente, no? lo sentite spezzare? (qualcuno) sì! (Piccolo Giovanni) e quando sentite che Gesù viene spezzato, i vostri cuori cosa sentono? non sentite nulla? (Anna) un brivido d'Amore! (Piccolo Giovanni) quell'Amore non si deve fermare, deve crescere e si deve donare sempre di più! Non fermatevi, figli miei, siate un fiume in piena e pregate, pregate affinché la Chiesa sia unita al Cuore di Gesù. Come Sacerdozio vivo ed eterno, Io vi invito sempre a pregare, e l'Amore è la rosa che Maria porta nel suo Cuore: il Sole di Fatima che sboccerà e brillerà nel Cuore del Giglio, perché così il Padre ha scritto! Cocciuta Divina, dovrai soffrire ancora e portare ancora i Dolori del Parto! (Giulia) eccomi, Giovanni: sia fatta la volontà del Padre! (Piccolo Giovanni) eccomi, figlia! Il mio Cuore arde sempre di più nel tuo petto: abbraccia l'umanità intera, figlia mia, e ricorda sempre al Giglio che il suo Cuore è inchiodato alla Croce e allo Strumento: È PAROLA DI DIO! Ora, figlioli, vi invito a pregare ancora per la pace; vi invito ancora ad amare e a tenere alto il santo Vangelo: l'unica Verità! Ora Io devo ritornare all'ubbidienza del Padre: rimanete nella Quiete e nella Pace della preghiera! Figli, Io vi amo e raccolgo i sussurri di ognuno di voi portandoli nel Cuore del Padre! Ora saluto ognuno di voi col Bacio del Piccolo Giovanni: custoditelo nei vostri cuori e donatelo all'umanità intera, figli! Cocciuta Divina, porta ancora sulle tue spalle tutti i tuoi figli e l'umanità intera e gioisci ancora, figlia mia, nel vedere la tua Spina Preferita(*) e i tuoi Cari che cantano le Lodi dell'Amore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo: nella gioia piena fatelo anche voi, figlioli del mio Cuore! Ed Io vi saluto col Padre, col Figlio e con lo Spirito Santo! (Tutti) Amén! (Piccolo Giovanni) Amén! Andate nella Pace di Dio, figli, rimanendo uniti al Vangelo di Gesù che è morto ed è risorto sul Legno della Croce per Amore e per far crescere sempre di più l'Amore nei vostri cuori!  (Giulia) Giovanni, ascolta il sussurro del mio Cuore!(*) Grazie!