LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 155

 

 

VOI SIETE STATI SCELTI E SARETE PERSEGUITATI COME LO È IL MIO

FIGLIOLO GESÙ, MA NON DOVETE TEMERE GLI UOMINI, DOVETE TEMERE IL PADRE,

FIGLI MIEI, PER I TEMPI CHE VERRANNO ANCORA

(dal messaggio del 11/08/2013)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 01/08/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi!(*) Ci sono i Sigilli...! Sono Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette e sono fatti di Scudi Romani e gli Scudi sono accompagnati da Spade e Catene e ogni Catena ha una enorme Palla e tutto viene lanciato......! Tutto parte ancora dalla Cupola......! I Sette Sigilli si sono moltiplicati e arrivano a Settanta e il numero è fatto di ferro......! Gesù, abbi pietà di noi miseri peccatori......! Sii Misericordioso con i figli che hanno preparato tutto questo......!

*******************

(Don Vincenzo): Questi Sigilli sono qualcosa di terribile e di agghiacciante e partono sempre dalla Cupola......! E c'è sempre la Cocciuta che si Inzuppa e si Beve! (Gesù): Quello lo fa attimo dopo attimo! E voi state tutti bene? (Tutti): Eccomi! (Gesù): Eh, Eccomi! (Don Vincenzo): Quando deve fare una cosa difficile la Cocciuta si Inzuppa e si Beve......! (Gesù): Lo Strumento deve fare una cosa difficile? Eh, tu la chiami una cosa difficile fare la Volontà del Padre? Quando si risponde: "Eccomi" come l'ha risposto Maria, non è una cosa difficile, è rispondere al Papà nel dire: "Eccomi, vado a Lavorare nella Vigna!" Quando sono stato Mandato non è stato difficile dire: "Eccomi"! E quando la Cocciuta si Inzuppa e si Beve lo fa per Amore! Tu quando ti Inzuppi e ti Bevi, è difficile? Sei il Calice Vivente! (Don Vincenzo): C'è sempre un Gesto d'Amore per vincere l'io! (Gesù): Lo Strumento non conosce l'io, come non conosce la parola: "no"! Conosce l'Eccomi! E così ognuno di voi, quando risponde "Eccomi", non conosce la parola "no"! "Eccomi, sono pronto", ma l'Eccomi deve partire dal cuore e non dalle labbra! Vigilate, il veleno scorre ancora e i falsi profeti avanzano ancora e i farisei di ieri e di oggi hanno preparato una guerra, ma voi avete l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale e avete la Destra!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: ...Rimango seduta!(*) <Alla Glorificazione Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> Ma se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Mio Cuore Spalancato Segna i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera con l'Abbraccio di Mio Padre nel Donare ad ognuno di voi la Dimora Preparata da Sempre nel Libro dell'Amore, nel Libro del Pane Vivo, nel Libro dove i Nomi di ognuno di voi Sono Scritti in Lettere d'Oro! Dio non fa alcuna distinzione per i propri figli e nel Libro ha scritto da sempre in Lettere d'Oro i nomi dell'umanità intera, ma china il Capo per i figli che hanno cancellato il Nome scritto in Lettere d'Oro! Dio l'ha fatto da sempre, ma i figli l'hanno cancellato dimenticandosi e allontanandosi dal Segno Tremendo della Croce! <Gesù Benedice ancora col Segno della Croce> Ed Eccomi nel Fare Festa, attimo dopo attimo, con ognuno di voi, con la Famiglia, con l'Arca e con i Remi, nel Fare Festa col Nocciolo Scorticato, nel Gioire Abbracciando e Tenendo Stretto il Legno della Croce, l'Unica Verità, l'Unico Pane Spezzato per Amore! Ed Eccomi ancora, attimo dopo attimo, con tutti i Servi Inutili, con i Cari, col Banchetto Preparato dal Padre, nell'Essere Uniti nell'Unico Amore Vivo, nell'Unica Verità che è Dio, figli, fratelli e amici del Mio Cuore, e attimo dopo attimo Maria e le Schiere sono in mezzo a voi! "Un Altro Gradino" è stato sceso dal Figlio che è rimasto solo a combattere, ma scende "Gradino dopo Gradino" e il Tempo è nel Tempo e tutto il Cielo è nel Tempo del Padre in mezzo a voi! E tutto rimarrà come il Padre ha Scritto e nulla sarà cancellato dall'uomo, Figli, Fratelli e Amici, ma rimarrà l'Unica Chiesa chiamata dal Padre: Maria! L'Unico Tabernacolo costruito da Dio: Maria, Madre Mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera! Ma Vigilate e Combattete con la Destra del Padre i falsi profeti e pregate ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Si presentano come agnelli, ma sono lupi: alzate la Destra e Combattete con la Croce, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! ..................Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Gesù, perché da quel Sole scendono Pezzi di Carne?(*) Bracci di bimbi......, Cuori...... e tutto il Resto del Corpo a Pezzi! Non è un Sole Buono......, cos'è?(*) ...E cosa posso fare oltre ad Inzupparmi e a Bermi? Vedi, Gesù, non è bello a vederlo e dimmi: cosa devo fare? Posso berlo? Posso cancellare quel Sole? Mi Inzuppo e mi Bevo? Gesù: Vedi, Anima Mia, cosa stanno facendo i Grandi del mondo? Altri Soli cadranno e altri pezzi di Carne vedrai scendere! Giulia: Non posso fare niente? Non mi lasci fare nulla? Gesù: Fai le Cose del Padre! Giulia: Eccomi nel Fare le Cose del Padre, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Dove vanno tutti quei figli?(*) Gesù, perché hanno quella corda? Sono tutti uniti a tirare una corda! Dove lo portano quel missile...?(*) Non posso fare niente...? Mi Inzuppo e mi Bevo! Posso andare a toccare "con la destra" i figli che stanno tirando la corda e mettere la mano su quel missile e farlo diventare Croce e non distruzione? Posso andare, Gesù?(*) Io vado! Se decidi di fermarmi, tira il Filicino: io vado, mi Inzuppo e mi Bevo! Visto che non mi rispondi, io vado...... e Te l'ho detto! Gesù: Ora Fermati...... e dopo farai ciò che Mi hai chiesto...! Giulia: Eccomi! Tu Hai Parole di Vita Eterna e ciò che dici è Veritiero: aspetto...... ma quello non lo fare......!(*) Eccomi, Gesù!(*) Senti, Gesù... Gesù: ...Certo che sento! Giulia: No, volevo dire: senti, Gesù, visto che di quei missili ce ne sono un pochino, non è che Te lo devo chiedere ogni volta? Posso pure andare a fare la stessa cosa con gli altri, visto che stiamo nel discorso?(*) Ne parliamo dopo? Perché ti giri di lato e ridi?(*) Allora ne parliamo dopo se stai ridendo adesso......? Lì ci sono tante cose da fare, così Te l'ho chiesto adesso, poi posso andare un po', alzo la Destra e metto la mano lì, su quelle cose, Gesù, e sugli altri missili...... va bene? Allora aspetto Tue Notizie... quando ci vediamo dopo..., quando ci vediamo... quando vengo a Casa! ......Va bene così? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: E visto che ci siamo ancora, Ti dono tutto quello che ho raccolto nella Giornata... tieni ancora tutti i cuori, tieni ancora tutti i figli che si sono dimenticati di tutto quello che ci doni! Tieni ancora tutte le Pietruzze e tieni ancora il nostro "niente"... e il mio, se lo trovi, prendilo! Così ho messo tutta la Famiglia al sicuro nel Tuo Cuore! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi!(*) Ci sono i Sigilli...! Sono Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette e sono fatti di Scudi Romani e gli Scudi sono accompagnati da Spade e Catene e ogni Catena ha una enorme Palla e tutto viene lanciato......! Tutto parte ancora dalla Cupola......! I Sette Sigilli si sono moltiplicati e arrivano a Settanta e il numero è fatto di ferro......! Gesù, abbi pietà di noi miseri peccatori......! Sii Misericordioso con i figli che hanno preparato tutto questo......! Posso andare ad Inzupparmi e a Bermi e tenerli ancora come gli altri? Posso Berli? Gesù: Inzuppati e Beviti e tienili come gli altri... ma questo non te lo lascio bere......! Giulia: Eccomi! Posso tenerlo e posso Inzupparmi e Bermi?(*) ......Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù! Gesù: Guarda ancora, Anima Mia, e ciò che Vedi aggiungilo al Rotolo Vivo! ......Questo lo Aprirai nel Giorno di Mia Madre! Giulia: Eccomi!(*) Eccomi!(*) Eccomi nel Fare le Cose del Padre! Gesù, trova spazio e scortica ancora il Tuo Nocciolo: Eccomi nell'Essere Piantata sull'Albero della Croce! Gesù: Non sciogliere quello che faccio Io......! Giulia: Gesù...! Gesù: L'Albero della Croce......... guarda...! Giulia: Ho raccolto i frutti, quelli che i figli mi hanno consegnato...... portali dinanzi al Banchetto del Padre...... Gesù, è quello che ho trovato in questo Giorno! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Ed Eccomi ancora con le Schiere, con Maria, con tutti i Servi Inutili, col Banchetto preparato dal Padre, con le Spose che hai portato, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, con i Pargoli, Vittorio, Natanaele, Rossella e le Bimbe nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Padre, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Tutto è Preparato dal Padre e Tutto Scende dall'Albero della Croce! Gioite e Fate Festa finché Io Sono in Mezzo a voi! Gioite e Fate Festa finché il Nocciolo Scorticato è in Mezzo a voi! Rimanete sulla Viuzza Stretta e Amatevi gli uni gli altri nell'Amore della Croce, nell'Amore del Pane Intero che Dio vi Dona nei Tempi del Suo Amore, figli! Giulia: Eccoci, Gesù, nel Fare la Volontà del Padre! Eccoci ancora! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Com'è stato Intenso questo Colloquio! Gesù: Hai sentito il Messaggio dei Sigilli, non ti dice niente? Don Vincenzo: Sì, sono Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette e sono fatti di Scudi Romani e gli Scudi sono accompagnati da Spade e Catene e ogni Catena ha una enorme Palla e tutto viene lanciato......! E tutto parte dalla Cupola.........! Gesù: ......State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E non ti dice niente ciò che hai sentito? Don Vincenzo: Questi Sigilli sono qualcosa di terribile e di agghiacciante e partono sempre dalla Cupola......! E c'è sempre la Cocciuta che si Inzuppa e si Beve! Gesù: Quello lo fa attimo dopo attimo! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, Eccomi! Don Vincenzo: Quando deve fare una cosa difficile la Cocciuta si Inzuppa e si Beve......! Gesù: Lo Strumento deve fare una cosa difficile? Eh, tu la chiami una cosa difficile fare la Volontà del Padre? Quando si risponde: "Eccomi" come l'ha risposto Maria, non è una cosa difficile, è rispondere al Papà nel dire: "Eccomi, vado a Lavorare nella Vigna!" Quando sono stato Mandato non è stato difficile dire: "Eccomi"! E quando la Cocciuta si Inzuppa e si Beve lo fa per Amore! Tu quando ti Inzuppi e ti Bevi, è difficile? Sei il Calice Vivente! Don Vincenzo: C'è sempre un Gesto d'Amore per vincere l'io! Gesù: Lo Strumento non conosce l'io, come non conosce la parola: "no"! Conosce "l'Eccomi"! E così ognuno di voi, quando risponde "Eccomi", non conosce la parola "no"! "Eccomi, sono pronto", ma l'Eccomi deve partire dal cuore e non dalle labbra! Vigilate, il veleno scorre ancora e i falsi profeti avanzano ancora e i farisei di ieri e di oggi hanno preparato una guerra, ma voi avete l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale e avete la Destra! <Gesù Benedice> Tu, Calice Vivente, puoi alzare e abbassare la mano, non dimenticarlo e anche lo Strumento può alzare e abbassare la mano! Il Banchetto il Padre ve L'ha Donato ancora, ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quanto Bene di Dio! Gesù: Quanto Bene di Dio, Quanto Bene Dio ci Dona ancora nel Donarsi e lo Strumento rimane Crocifissa per Amore! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane, Gesù ne toglie un Pezzettino e Lo dona a Don Vincenzo e Mangiano> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questa è la Mia Carne! Gesù: La Mia Gioia è la vostra Gioia nel riceverMi, nel venire ad Abitare dentro di voi e nel trovare la porta spalancata e nel rimanere Uniti, Figli! Io Mi Dono, tu Donati! Don Vincenzo: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto e dice:> Gesù: Padre Misericordioso, Ti consegno i cuori! Padre Divino, Ti consegno le fatiche di questo giorno! Padre Buono, Mi consegno ancora sull'Albero della Croce! ...Io Mi Sono Donato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu ti sei Donato e la Pasqua è Viva: quella del Padre, e il Banchetto è Pieno: il Banchetto della Pasqua del Padre, e lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore nella Pasqua del Padre per l'Umanità Intera! <Raffaele porge a Gesù un Regalo> È Mio? Raffaele: Eccomi! Gesù: Prendiamolo! Questo prendilo tu come sempre, questo lo apro Io, eh eh eh, ehi, tieni, vicepa'! Raffaele: Eccomi! Gesù: Chi Me lo manda? Don Vincenzo: Alzi la mano chi ha mandato questo! Iole: Io! Don Vincenzo: Chi? Raffaele: Iole! Iole: Iole! Gesù: Ehi... Don Vincenzo: "Un piccolo pensiero dalla Sicilia che io dono a voi!" Gesù: Sei venuta col carretto? Iole: Eccomi! Don Vincenzo: "...Vi amo tanto, vostra figlia Iole!" Gesù: Io non smetto mai di Amare i Figli! Eh, bello, eccolo, grazie! Vedi, nei momenti difficili, Io vi porto nel Carrettino del Mio Cuore a tutti quanti, attimo dopo attimo, senza lasciare nessuno! ......Prendiamo ora parte al Banchetto del Padre? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Vi Amo tutti! Tutti: Anche noi, Gesù! Gesù: Come siete deboli, non avete più voce? Tutti: ECCOMI! Gesù: Eccomi! Vuoi prendere parte al Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Cosa vuoi mangiare? Eh, Eccomi, eh, Eccomi, Eccomi, tie', tieni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allo Strumento gli diamo questa? L'erbetta, così la pianterà e nascerà l'Albero! Eh, no, quello è tuo e questo è Mio, ecco, e poi tutti......, ti aiuto, ecco, basta così! Eccomi! Eh, ti portano via il piatto! Allora, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, eh, , facciamo i pezzettini, tutti Mi rubano il piatto, eccolo! Don Vincenzo: Un po' d'acqua! Gesù: Il Calice Vivente vuole un po' d'acqua, Giuseppe......! Allora, non hai niente da dirmi? <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Io sto bene quando Mi lasciate entrare nei vostri cuori: prendiamo parte ancora al Banchetto del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Lo Strumento è andato ad Inzupparsi e a Bersi per tutto quello che ha visto! Tu non dici niente? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Lo sapete che è importante il Giorno di Mia Madre? Ma dovete essere pronti e preparati perchè molte cose vi verranno dette! Cosa c'è, che hai perso, non Mi senti? Cosa Mi stavi dicendo? Mi sa che devo intervenire come fa lo Strumento! Ecco, Mi alzo e intervengo! Lei lo fa meglio, Io lo faccio alla buona! <A Don Vincenzo si è staccato l'apparecchio acustico e Gesù lo rimette a posto> Mi senti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, Mi tocca fare il lavoro che fa la Cocciuta! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quando si mangia col cuore, si mangia con gusto e tutto diventa gradevole e tutto questo Banchetto che è di Dio e che viene dal Padre "tutto diventa Dio"! Gesù: No, non diventa Dio, è Dio! Voi lo vedete come cibo del mondo, ma ve lo sto dicendo da sempre: quando le Spose si presentano dinanzi al Padre, il Padre si fa Cibo e si Dona alle proprie Spose......! Vai, viceparroco......! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a: Giuseppe, Elena e Luca e testa e coda del pane-pesce a: Maria, Sara, Tiziana, Mario e Maria Elena> E quello che voi avete è Dio e Dio si gusta con Amore e Dio si Mangia e da sempre il Padre si Dona ai propri Figli e da sempre Io Mi Dono perché il Padre Mi ha Donato tutto quello che è Suo e ciò che è Suo è Mio e nell'Unico Amore ci Doniamo! Hai capito? Don Vincenzo: Sì, quindi c'è una Comunione Inscindibile tra Te e il Padre e tra il Padre e Te? Gesù: ! Tra di voi c'è la Comunione? Don Vincenzo: Tra di noi? Gesù: Lo sto chiedendo a te! Don Vincenzo: Dovrebbe esserci! Gesù: E' da sempre che Mi Dono, è da sempre che il Padre si Dona e voi che siete stati Scelti, com'è che non vi Donate? Com'è che non vi Amate? Com'è che non c'è Pace? L'Arca e i Remi vi sono stati consegnati, non dovete temere gli uomini ma il Padre e Fare Tutte le Cose del Padre, e non dovete fare le cose degli uomini! Dio vi Dona il Cibo, Dio vi Dona la Giornata, ma dovete Viverla nell'Amore Pieno, nell'Amicizia Piena col Padre e con i vostri nemici! Dovete Amare, dovete Benedire, dovete Donare il vostro sangue così come Io Lo Dono attimo dopo attimo, così come Lo Dona Mario, così come lo dona Giuseppe...... <Gesù si rivolge ai due presenti nel Padiglione> ...Ma non per gli uomini, ma per il Padre: siete nella Vigna del Padre a Lavorare, non nella vigna degli uomini! Ogni cosa viene preparata dal Padre, Figli Miei! Non pensate che avete fatto tutto voi, è il Padre che fa ogni cosa per ognuno di voi, e senza il Suo Soffio non potete fare nulla! ......Ho ancora fame! Don Vincenzo: Che vuoi? Che desideri? Gesù: ...Vicepa', ti raccomando, eh, eh, Sei Delegato e ti raccomando a quei due! <Mario e Maria Elena> E poi a tutti gli altri: divertiti nel Donare ciò che il Padre ha Donato, ma mangia e prendi parte al Banchetto del Padre!(*) BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ciao, papà... ciao, mamma... ciao, papà... ciao, mamma... che avete oggi, siete scuri? Mario: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: Si, perché siete scuri? Mario: Siamo abbronzati! Bimbi di Mario e Maria Elena: No, non siete scuri perché siete abbronzati, siete scuri! Noi invece siamo infarinati, siamo sempre bianchi nell'Impastare, siamo bianchi nel Donare l'Amore che il Padre ci ha Donato! Papà, ci hai visti quando siamo venuti? Mario: Si! Bimbi di Mario e Maria Elena: E quando è arrivato il venticello l'hai sentito? Mario: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! Tu l'hai sentito, mamma, il venticello? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! Hai sentito caldo, eh, e il venticello dove l'hai messo? E quando la finite di fare i capricci e fate un altro bimbetto? Eh, che ho detto adesso? Sono la femminuccia, eh, il maschietto non lo so cosa vuole, io voglio una bimbetta, eh, finite di fare i capricci, questo è il capriccio: vogliamo una bimbetta! Adesso non ti mettere a piangere se no, non ho un sacco a disposizione, c'è ancora la farina dentro e quelli vuoti li stanno riempiendo! Non vi è piaciuto questo, cuginetti? E nonni? Voi due quando Me lo fate un bimbo? ......E meglio che non faccio i nomi, così nessuno ha capito niente! Come sta la "Pancia"? La "Pancia" come sta? Filomena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! Eh, vuoi avvicinarti e prenderti quello che la pancia desidera? Filomena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! ...Ciao, mamma e papà... togliti davanti zio, zietto! <A Giuseppe> Prenditi tutto quello che vuoi! ...Mamma e papà, vi vogliamo tanto bene! Mario e Maria Elena: Anche noi! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora ci incontriamo poi più tardi? Noi veniamo! Mario: Vi aspettiamo! <Mandano baci> Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao a tutti! Tutti: Ciao! <Si salutano con Don Vincenzo battendo il ''cinque'' con le mani> Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, eh! Don Vincenzo: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao!(*) Gesù: Eccomi! Quanto Amore Dona il Padre! Venite col "niente"! Eccomi! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Ti raccomando, eh, divertiti! <A Raffaele> Dopo che hai fatto il "niente" prendi un piattino e portalo al dottore Franco, ...no, questo, questo e quello, eh! ......Ha finito di mangiare? Don Vincenzo: Qua non si finisce mai, ed è sempre più buono...... Gesù: ......Il Banchetto del Padre! Ma ora parla tu un po'! Don Vincenzo: Quando ci mettiamo addosso l'Abito del Risveglio dovremmo farlo, Gesù, come la cosa principale......! Gesù: Non come la cosa principale: lo è la cosa principale! Se non avete il Soffio, dove andate? La Giornata si inizia col Soffio! Don Vincenzo: Ringraziando il Padre per il Soffio si prende coscienza del nuovo dono ricevuto! Gesù: Vedi, non si deve ringraziare il Padre ma si deve dire: "Eccomi" al Padre! Il Padre non vi ha chiamato: "Figli" per dirvi di ringraziarLo, ma per fare i "Figli"! Il Padre non ha Creato un Giardino per essere ringraziato, ma per essere Amato e Lavorare nel Proprio Giardino come "Figli"! L'Eredità di ogni Figlio è rimanere nel Giardino e fare le Cose del Padre, così come Maria è rimasta nel Giardino nel fare le Cose del Padre non temendo gli uomini! ...Dopo li sistemi un altro poco! <A Mario e Maria Elena>Non vi hanno sistemato, non gli hai dato niente? Ehi, donagli tre di quelli a lei e, dopo tre, un bicchiere di vino! <Ad Alessandra panini e vino> ...Quattro panini e due bicchieri di vino! <A Chiara> ......Cinque panini e un bicchiere di vino! <A Roberta> Quattro panini e un bicchiere di vino! <A Marina> Raffaele: Mi sa che non bastano! Gesù: Dividili se non bastano! Eh, eh, come si divertono i Servi Inutili! Non pensate che siano capricci: ciò che vi viene Donato è per prepararvi ai Tempi che stanno arrivando! Ad ognuno di voi viene donato ciò che serve nei Tempi che verranno! ......Cosa c'è? Don Vincenzo: Questi Tempi che verranno come sono, Gesù? Gesù: Quando verranno li vedrete e nel Giorno della Festa di Mia Madre vi saranno dette molte cose! Non temete, è Dio che mangiate ed è Dio che dovete accogliere nei Tempi che verranno...! ......Salute...! Non hai niente altro da dirMi? Ciò che viene nel tuo cuore, fallo...... viene messo da Me, non temere! <A Raffaele> Parla, il Padre ascolta! ......Eh due bicchieri non uno! Raffaele: Va bene! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...E allora sai cosa devi fare, viceparroco? Prendi due piatti... li hai presi? Raffaele: Eccomi! Gesù: Prendi un po' di questi, basta, un po' di quello, quello con l'uovo, ora vallo a portare alla dottoressa ! Teresa : Eccomi! Gesù: Eccomi! E anche un bicchieruccio di vino! ...Ora parla! Poi con gli altri divertiti! Raffaele: Eccomi! Gesù: Sei delegato e tutto quello che viene nel cuore, fallo perchè viene dal Padre! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù, Tu dici sempre che la risposta dell'Eccomi di tutta l'assemblea non è forte! Gesù: E' tiepida! Non è calda! E quando si è tiepidi nel Grido d'Amore è segno che si ha il timore degli uomini e non si ha il Timore del Padre! Don Vincenzo: Perciò il Grido d'Amore per essere riconosciuto tale, deve essere forte, grande più di tutto e di tutti! Gesù: Deve essere pieno d'Amore e così si ha il Timore del Padre mentre quando è tiepido si ha timore degli uomini! .........Hai perso qualcosa......ma non hai perso niente! Mi portano via il piatto! Cosa fate dietro le Mie Spalle, c'è la Croce! <Giuseppe e Don Vincenzo vorrebbero riempire il bicchiere con l'acqua> Allora? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: C'è la Croce? Gesù: Si, non L'ho mai lasciata! Don Vincenzo: C'è stata sempre la Croce e ci sarà sempre? Gesù: Si! Don Vincenzo: Ci sarà un periodo senza Croce? Gesù: Se finisce la Croce, Dio non è mai esistito! Voi pensate che la Croce sia una disgrazia, ma la Croce non finirà! Don Vincenzo: Perché Tu Sei Croce! Gesù: Si! Don Vincenzo: E quindi essendo Tu Croce, il Padre è Croce, la Madonna che ha Partorito la Croce è Croce, voi siete Tutti Croce, , siamo Croce e dovremmo prendere coscienza piena di questa Realtà Divina! Gesù: Prendervi e portarvi! Se aspettate la fine della Croce andrete sulla via larga! Nell'Arca c'è la Croce e ognuno di voi è Croce! Se pensi che finirà il Tempo della Croce, non siete sulla Via Stretta! Fate la Volontà del Padre! Ognuno di voi: Fate la Volontà del Padre! I Tempi che verranno sono stati preparati dal Padre, ma i Flagelli sono stati preparati dagli uomini, come anche i Sigilli, ma ci sono i Sigilli del Padre che si Apriranno nel Libro e la Chiave è in mano allo Strumento, ma Li Aprirà quando il Padre decide! Don Vincenzo: E Lo dirà! ...Gesù... Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tra i Sigilli e le Gocce c'è una somiglianza? Gesù: Te l'ho già detto! Don Vincenzo: Si! Gesù: Si! ...Hanno finito i Figli? Ciò che mangiate è il Cibo del Banchetto del Padre, ed è il Padre che si fa Cibo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: La stessa cosa dovremmo fare e dovremmo sentire e percepire quando ci mettiamo a tavola nelle nostre case! Anche lì è il Banchetto del Padre? Gesù: Si! Don Vincenzo: E anche lì il Padre ci sta dando da Mangiare! Gesù: È lì che Mi sono Spezzato e Mi Spezzo attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Perché mangiamo le Cose del Padre! Gesù: Nella Semplicità: Questo è il Mio Sangue! Questo è il Mio Corpo! Ma le cose del mondo non vi devono distogliere dal Banchetto...! Don Vincenzo: Quindi durante il Banchetto dobbiamo stare attenti a quello che stiamo facendo e a quello che significa! Gesù: Vigilate, il veleno cammina ancora!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce e schioccando qualche bacio> Don Vincenzo: Giovanni, Benvenuto! Piccolo Giovanni: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! ...Come state tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vi voglio a tutti bene! Tutti: Anche noi, Giovanni! Piccolo Giovanni: Cos'hai combinato, Maria? Ehi..., il Mio caffè! Eccoti..., ne vuoi ancora? ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai combinato, Mari'? Eh... eh... Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Nicola: Eccomi! Bene! Piccolo Giovanni: Dottoressa ? Teresa : Eccomi! ....... Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ti sei ripresa, Maria? Maria: Si, Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'hai combinato? Maria: Sempre rinfresco la Tua memoria, ma ci sono state pure un po' di cose... Piccolo Giovanni: Sai come si dice? "A lavare la testa all'asino ci si perde anche il sapone..." Maria: Eh... infatti...! Piccolo Giovanni: Ti ricordi che lo dicevo sempre? Maria: Ma certe volte non se ne può fare a meno... Piccolo Giovanni: E allora, compra il sapone che costa di meno... <Si ride un po'> A buon intenditore poche parole! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come va l'orto, Nicò? Nicola: Bene! Eccomi! Piccolo Giovanni: Dottoré...? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che dobbiamo fare? Questo Mi porta via la tazza, ma è vuota e gliela dò...! <Raffaele> ..... Piccolo Giovanni: Ah... Mari'-Mari'... "...che ho a che fare con te, o donna?" Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Lo ricordi? Maria: Eccomi! Sì, sempre! Piccolo Giovanni: E come mai non Mi hai chiesto perché ti ho detto queste parole? Maria: Perché dopo che me le hai dette, io Ti ho guardato e avevi cambiato volto! Piccolo Giovanni: Aspettavo che Mi chiedessi perché avevo detto questo..., come mai non Mi hai riconosciuto? Maria: Quando mi dicevi questa frase io rimanevo senza fiato e non sapevo aggiungere altro...! Piccolo Giovanni: Ora hai preso la spada in mano? Maria: Sei Tu che me la dai... Piccolo Giovanni: Allora combattiamo! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Ci sta Tatina che Ti sta ancora aspettando per il baccalà... Piccolo Giovanni: La devo tatinare? Don Vincenzo: Eh... quella si è impaurita..., Tu hai detto che per due anni... Piccolo Giovanni: La tatino per due anni... e facciamo quattro...! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Quella si mette a piangere... Tatina: No..., Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: Tatinare non significa dare le palate! Tatinare significa tatinare...! Don Vincenzo: E allora va' bene... Piccolo Giovanni: Non significa questo tatinare...! Ma a Me non Mi date nulla da mangiare? Don Vincenzo: Come no? Tutto questo Bene di Dio! Piccolo Giovanni: No, è Dio! Si..., ma non prendetevi il gusto di darmelo piccante! Ecco..., tu ne vuoi? Don Vincenzo: Uno! Piccolo Giovanni: Uno... Ehi..., sono buoni pure questi, ma se non l'abbassi un poco, non posso prenderli! E poi cosa Mi donate ancora? Questi te li mangi tu...; no, ho già preso questa...! Non ne avete fatte più di quelle dure..., da farvene mangiare 10? Chiara: L'ultima volta l'hai detto e l'hai fatto, però! Piccolo Giovanni: E così ve ne faccio mangiare 50! No, voglio quello..., eccolo! Tu lo vuoi uno? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Eccolo! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora... prendine uno e dallo al dottore Franco..., gli altri lo state prendendo... a lui Me lo coccolo Io! Chiedigli a Maria cosa facevo quando mangiavo col boccone pieno..., chiediglielo! Maria: Mangiavi con la bocca aperta? Piccolo Giovanni: Si! Mangiavo con la bocca aperta..., mangiavo con la bocca aperta! Vedrai che non te ne accorgerai... ahmm... ahmm...! Perché è triste il tuo cuore, dottore Franco? Franco: È di meno... è sempre di meno! Piccolo Giovanni: È sempre di meno? Ma tu lo ami il Crocifisso? Franco: Per quello che rappresenta, sì! Piccolo Giovanni: E cosa rappresenta per te il Crocifisso? Franco: L'Amore! Piccolo Giovanni: E tra gli uomini lo trovi l'Amore? Franco: È raro, ma c'è! Piccolo Giovanni: "È raro, ma c'è"! E cosa deve fare il Padre ancora, visto che è raro? Franco: Deve farci comprendere che senza l'Amore non si va da nessuna parte! Piccolo Giovanni: E il Padre ha scelto voi come Famiglia d'Amore, ed ha scelto il tuo cuore per aprirlo ovunque vai, così come ha scelto il cuore di tutti i figli... ma il tuo lo ha scelto in un altro modo! Accoglilo così come lo ha scelto Lui e semina.........! Franco: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ad ogni figlio dà il proprio Seme da seminare, ma non dovete temere gli uomini, ma il Padre! ...Cosa c'è, Calice Vivente? Don Vincenzo: Dovremmo essere noi della Famiglia, qui, ad essere i primi testimoni dell'Amore! Piccolo Giovanni: Eh, si, il Padre vi ha scelti... Don Vincenzo: ...Per essere testimoni dell'Amore... Piccolo Giovanni: ...Ma vedo che ancora fate fatica, o Mi sbaglio? Don Vincenzo: Si fa fatica a prendere e a portare la Croce, mentre invece è la Chiave di verifica e di riconoscimento di ogni Vero Figlio di Dio! Piccolo Giovanni: SI FA FATICA AD AMARE E A PERDONARE I NEMICI! SI FA FATICA A TOGLIERE L'IO! MA I PICCOLI GIOVANNI SONO SEMPRE PIU' PICCOLI, POVERI E ALL'ULTIMO POSTO, MA NON È LI' DIETRO L'ULTIMO POSTO, L'ULTIMO POSTO È METTERSI AL SERVIZIO E NON È ANDARSI A SEDERE IN FONDO! Andandosi a sedere lì dietro, si tiene alto l'io e si allontana la Comunione tra i fratelli e Dio! Ed essendo una Famiglia... ed essendo la Famiglia che Dio ha scelto, si deve essere in Comunione, per spezzarsi e donarsi... l'uno si spezza e si dona al nemico, l'altro si spezza e si dona al nemico E SI DIVENTA UN UNICO PANE ED UN'UNICA CARNE ED UN UNICO SANGUE CHE È LA CROCE DEL FIGLIO DI DIO!(*) ...Tu perché sei triste? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Temi gli uomini? Nunziatina: No! Piccolo Giovanni: E allora cammina a testa alta Temendo il Padre e Facendo le Cose del Padre! Dio ha costruito la Capanna e solo Dio può farla cadere, gli uomini no! Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ti ho preso per Mano dal primo istante e non ti lascerò! Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Nunziatina: Ti voglio bene! <Giovanni schiocca un bacio a Nunziatina> Piccolo Giovanni: Anch'Io, Stella del Firmamento del Padre! Ma adesso non commuoverti perché non abbiamo un sacco a disposizione per metterci le lacrime, perché i sacchi sono tutti pieni di farina! Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: E voi non siate gelosi perché l'Amore non scarseggia ma è Pieno per tutti! ...Parla un po' tu, figlio, perché Io ho parlato un bel poco! ...Ehi, sei contento della "Pancia"? Marito di Filomena: Si, tanto! Piccolo Giovanni: Eh eh eh... anch'Io sono gioioso! ...Preparate le "Pance"! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh, cosa c'è? Don Vincenzo: Negli ultimi messaggi, ed anche in questo, si parla sempre di quell'Uno che sta in Cielo e che è sceso al Terzo Gradino... Piccolo Giovanni: ...Eh... ma sei sicuro che è al Terzo e non al Quarto? Don Vincenzo: Ci potrebbe arrivare! Piccolo Giovanni: No, c'è già arrivato! ...Eh, se ti fai bene i conti...! Don Vincenzo: È un Solista? Piccolo Giovanni: No, non posso dire altro di quello che è stato già detto! ...Dimmi qualche altra cosa! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: ...Io cosa devo mangiare ancora? Visto che ho fame... ehi...! Mi dai una di quelle? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu ne vuoi? ...Ehi Auguri alla "Pancia" e alle "Pance" che verranno! <Tutti applaudono per Filomena che è incinta e per tutte le altre donne che lo rimarranno> ...Parla tu un poco! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: La vuoi una di queste? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: È buona, prendine un'altra! Don Vincenzo: Si, grazie! Queste che cosa sono, ciliege? Piccolo Giovanni: Mangia, mangia!(*) ...Com'è? Don Vincenzo: Sono buone!(*) Piccolo Giovanni: ...Salute!(*) ...È buono anche questo Miscuglietto! È gustoso! Ed Io sono capriccioso... e Maria, prima di parlare, si fa venire la tremarella! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...E se ti lascio sola e non vengo ad aiutarti? Maria: Eccomi! ...Ma era un veleno? Piccolo Giovanni: Si! Maria: Che mistero! Piccolo Giovanni: E quanti ne incontrerai ancora di misteri! ...E quanti ne incontrerete tutti quanti quando avanzeranno i farisei di ieri e di oggi! ...Cosa c'è, viceparroco? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni, gli devi dare una Mano al viceparroco che sta un po' in difficoltà! Piccolo Giovanni: No, Io non gli ho lasciato neanche un capello! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po' perché Raffaele è calvo> Non solo, ma non ha nessuna difficoltà! Don Vincenzo: Bravo! Piccolo Giovanni: Eh... perché cammina sulla Viuzza Stretta senza spostarsi, e chi cammina sulla Viuzza Stretta non ha nessuna difficoltà!(*) ...Buono questo Miscuglietto! ...Ora parla tu un poco perchè stiamo parlando sempre Noi! ...Buono! ...Hai mangiato, figlia? Nunziatina: Poco! Piccolo Giovanni: Hai mangiato poco? ...Viceparroco! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Prendi un piattino e mettici questo! ...Ora portalo alla Stella del Firmamento! <Riferito ad Annunziata> ...Ecco! ...Mangialo! ...Tu vuoi parlare un pochino? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Anch'Io sto bene con voi! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quello che mi ha fatto riflettere la settimana scorsa, è che l'azione dei falsi profeti mirava proprio alla condanna di Gesù ed è stata lucidissima perché loro sapevano e conoscevano Gesù e la Sua Missione, e quindi volutamente L'hanno rinnegato e L'hanno ucciso crocifiggendoLo! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E quindi sono proprio autentici traditori! Piccolo Giovanni:Si! Don Vincenzo: Che lucidamente hanno operato seguendo i farisei di ieri e di oggi! Bastava affidarsi al Padre per seguire la Via Stretta, l'Unica Via della Verità e della Luce, ed invece hanno fatto tutto il contrario...! Piccolo Giovanni: E Gesù Era Sempre ed È Unito al Padre, e il Padre non l'ha mandato sprovveduto! Dio conosce ogni cosa e il Figlio non è sceso sprovveduto e Maria neanche! Don Vincenzo: Si, Gesù non è sceso sprovveduto e Maria neanche, ma questi traditori sapevano e operavano nell'andare contro Gesù e perciò contro Dio! Piccolo Giovanni: Lo fanno ancora attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Si, ed è proprio a questo che volevo arrivare, perché la stessa cosa stanno facendo oggi e quindi non sono cambiati: i farisei di ieri e di oggi non sono minimamente cambiati! Piccolo Giovanni: No! Don Vincenzo: Non entrano e non fanno entrare! Piccolo Giovanni: No! Don Vincenzo: E vogliono essere "i grandi", mentre Gesù ci invita ad essere Piccoli, Poveri ed Ultimi! Piccolo Giovanni: Ma voi siate Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Chi vuole essere il primo... Don Vincenzo: ...È un traditore! Piccolo Giovanni: Non solo...... e non avrà il posto! E non è il Padre a cancellarlo il posto, ma è lui che lo cancella! Don Vincenzo: Si auto-cancella? Piccolo Giovanni: Si, perché Dio ha preparato il primo posto per tutti, ma è Dio che è Padre, e solo a Dio si deve chinare il capo, non ai grandi del mondo! Il Padre ha donato ad ogni Figlio l'Eredità, da custodire nei propri cuori, non da sperperare e neanche da accumulare, e neanche si devono portare borse e bisacce, ma da dividere con i figli tutto quello che il Padre ci dona! ...Sei raffreddato, figlio? Don Vincenzo: Si, un po'! Piccolo Giovanni: Siete rimasti anche in questo giorno nell'Arca e con i Remi, ed avete fatto anche in questo giorno la Giornata del Padre! Al Banchetto del Padre si fa la Giornata del Padre, mentre quando siete fuori dovete vigilare! Ma lo Strumento non lascia cadere uno solo dei propri figli, neanche quelli che hanno preso la via larga perché li porta tutti, portando l'umanità sulle spalle, e nella Domandina Finale ha chiesto di rispondere anche lei! ...Tu che dici, che il Padre l'accontenterà? Don Vincenzo: Ha chiesto di rispondere alla Domandina Finale? Piccolo Giovanni: Si, e tu che dici, il Padre l'accontenterà? Don Vincenzo: Sicuramente! Piccolo Giovanni: Si, sicuramente! ...Io ancora vi accontento lasciando il Filicino e lasciando ancora lo Strumento alla Destra del Padre! ...Il Filicino è sempre sciolto in questi giorni e la Cocciuta non l'ha lasciato legare! Don Vincenzo: Ci pensa Serafina, la mamma di Giulia? Piccolo Giovanni: No, in questi giorni sta rimanendo sempre sciolto il Filicino e la Cocciuta non l'ha lasciato legare perché deve preparare l'umanità ed i propri figli ai Tempi che stanno arrivando, e ha chiesto al Padre di tenerlo un po' sciolto, e il Padre l'accontenta sempre! ...Ma vigilate e pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Padre Nostro" e "Ave Maria"! Amate e perdonate i nemici! Amate e perdonate coloro che trafiggono i vostri cuori, ma alzate la Destra nella Misura del Padre, Figli! <Giovanni schiocca verso i presenti un bacio che viene ricambiato> ...Vi lascio il Filicino aperto!(*) Don Vincenzo: ...Gesù! Gesù: ...Con la Croce e col Pane, figlio! Don Vincenzo: Gesù, Giovanni ci ha detto che la Cocciuta ha ancora il Filicino aperto! Gesù: Si, Me l'ha chiesto e l'ho accontentata! Rimarrà ancora aperto: ha i figli allo sbaraglio, ha l'umanità allo sbaraglio, ha le pietruzze che hanno perso la via! Ma pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro", e non dimenticate di avere un Papà e una Mamma che partoriscono la Croce attimo dopo attimo per ognuno di voi e per l'umanità intera! PartoriteLa anche voi, figli! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Anch'Io sto bene nei vostri cuori! ...E rimaniamo così fino al Giorno di Maria, figli! ...Tu Saluta con l'Albero Verde, mentre Io vi lascio il Cuore Spalancato, Figli Miei! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni...!(*) ...Si, eccomi, sono pronta!(*) ...No, lascialo ancora sciolto, non Ti preoccupare che ci sono ancora altri posti dove devo andare!(*) ...Posso prendere anche i Sigilli col Filicino aperto!(*) ...Poi quando si fa più tardi, quando passano ancora un po' di Giorni, poi lo lascio legare!(*) ...Mi serve ancora un po' di tempo, e visto che di Giorni ce ne sono, lo lasciamo aperto!(*) ...Si, eccomi, sono pronta nel vedere gli altri Sigilli e a prendere tutti quelli nel Giorno che verrà!(*) ...Giovanni, prepara i cuori dei figli perché sono ancora tiepidi, ed io busso sempre nello stringere e nel donare ancora le Cose Piccole, ma sia fatta la Volontà del Padre non ciò che chiedo io!(*) ...Vai a preparare gli altri che dopo vengo a vederli! <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Eccoci, Papà! Il Padre: Vuoi tenere ancora il Filicino sciolto? Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Non c'è bisogno che io Ti dica di non preoccuparti, tanto Tu conosci ogni cosa! Vedi, Papà, cosa stanno facendo?(*) ...Il Filicino serve, e se rimane sciolto serve ancora di più!(*) ...I Giorni ci sono e il Giorno di Maria sta arrivando, e poi ci saranno gli altri Tempi... e poi Tu che Sei Padre Buono ed hai la Misura Giusta e conosci tutti i Tuoi figli, farai quello che è scritto nel Libro!(*) ...Io Ti dico "Eccomi" in tutto quello che farai!(*) ...Eccomi ancora per l'Eternità!(*) ...Eccomi per i Servi Inutili che sono in mezzo a noi! Eccomi per Maria con le Schiere che è in mezzo a noi! Eccomi per tutti i Cari che sono in mezzo a noi! Eccomi per il Figlio che è sceso di un altro gradino! Eccomi per coloro che non sanno dire "Eccomi"! Eccomi per chi non sa amare! Eccomi per chi non sa riconoscerTi! Eccomi per coloro che temono gli uomini e non il Tuo Amore! ...Eccomi, Padre, per ciò che devi fare!(*) ...Eccomi per l'Eternità!(*) ...Eccomi per i Figli che possiamo salutare nel rimanere al Banchetto!(*) ...Ciao Schiere!(*) ...Ciao, Maria, Mamma e Madre dell'umanità e di tutti!(*) ...Ciao, Servi Inutili, che avete donato tutto al Padre come tutto vi ha donato!(*) ...Ciao, Fiorellini!(*) ...Ciao, Mamma, fai quello che devi fare!(*) ...Ci vediamo dopo! <Giulia schiocca un bacio> ...Non temere per il Filo, conosci ogni cosa...!(*) ...Ci vediamo dopo!

 

 

 

 

2. Giov. 08/08/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., ci sono altri Sette Sigilli! Sono Sette Occhi, non hanno né volto, né corpo, camminano e nel camminare di qua e di là diventano fiamme di fuoco... e cadono sull'umanità intera! Quando cadono sulla terra, non sono più né occhi e nè fiamme di fuoco, ma sono abiti sacerdotali che camminano senza i corpi dentro, cancellando ogni cosa che si presenta dinanzi a loro! Misericordia, Gesù, per i figli che non Ti conoscono! Misericordia per i figli che non Ti ascoltano! Posso tenerli ancora?

*******************

(Don Vincenzo): Quello che dovremmo capire è che fra di noi ci dobbiamo amare di più! (Gesù): Eccomi! (Don Vincenzo): Ha detto Giovanni Giovedì scorso, che a volte qualcuno si mette giù in fondo al Padiglione per gonfiare ancora di più il proprio io......! Ma non è lì dietro l'ultimo posto, perchè l'ultimo posto è mettersi al Servizio e non è andarsi a sedere in fondo! Andandosi a sedere lì dietro purtroppo si tiene alto l'io e si allontana la Comunione tra i fratelli e Dio! Ma essendo qui una Famiglia, la Famiglia che Dio ha scelto, si deve essere in Comunione e spezzarsi e donarsi......! (Gesù): Sì! Ognuno di voi ha il Posto al Banchetto del Padre e ognuno di voi deve Far Festa e ognuno di voi si deve Amare e deve Amare! Se non vi amate voi, non potete amare neanche i vostri fratelli: prima dovete amarvi e dopo amare! Se non imparate ad amarvi voi, non potete neanche amare i fratelli e non potete amare i nemici!

*******************

(Don Vincenzo): Sì, Gesù, pensavo al Crocifisso! (Gesù): Allora pensavi a Me! (Don Vincenzo): Sì e proprio a questo mi volevo agganciare: questo riconoscerci Figli nel Crocifisso, a Immagine e Somiglianza del Crocifisso! Tu, Gesù, hai dato fino all'Ultima Goccia di Sangue e Ti Sei Immolato per i nostri peccati e quindi ecco perché siamo Croce, perché Tu Sei Croce, ed essendo Tu Croce...... (Gesù): ...Sì, Lo Sono sempre stato! ......Parla, parla, Io non perdo il filo! (Don Vincenzo): ...Dio è Croce! Essendo Tu Croce, il Padre è Croce, il Figlio è Croce, la Madonna è Croce, tutti siamo Croce e dobbiamo, quindi, accogliere qualunque Croce, qualunque situazione ci si presenta, perché tutto è Regolato dal Padre e, quindi, guardare il Crocifisso significa capire Tutto, perché siamo fatti a Immagine e Somiglianza del Crocifisso, cioè della Croce, e dobbiamo solo abbracciarLa con gioia, perché solo allora ci sentiamo veramente simili al Crocifisso, certamente con le Proporzioni dovute! E questo essere Croce ci deve spingere proprio alla Somiglianza con Dio! (Gesù): Voi non dovete spingervi ma dovete camminare essendo Croce! Io non Mi sono spinto ma ho camminato e cammino...! Se voi vi spingete fate fatica a riconoscervi come Croce, come siete fatti!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: ...Rimango seduta!(*) <Alla Glorificazione, Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> Ma se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Nell'Alba del Padre preparata per Maria Allargo le Braccia, le Unisco e Dono l'Eccomi di Maria ad ognuno di voi e all'umanità intera! Quell'Eccomi del Padre Segnato dall'Incontro dell'Eccomi del Cuore Immacolato di Mia Madre dal primo istante all'ultimo istante del Libro che Dio ha preparato da sempre! Quel Libro è stato preparato con l'Albero Vivo, con l'Eccomi di Maria, con l'Eccomi di una Fanciulla che porta ancora l'umanità al Padre! Quell'umanità dispersa da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, Figli Miei, Fratelli Miei, Amici Miei! <Gesù ancora una volta Benedice col Segno della Croce> ...Ma nell'essere uniti all'Albero preghiamo ancora chiedendo al Padre così come fa lo Strumento: "Aspetta ancora, Padre, c'è ancora tempo! Padre ci sono ancora i Giorni!" Figli Miei, la Bilancia del Padre non si è ancora piegata, rimane, ma la Sua Mano si è Abbassata e lo Strumento chiede al Padre: "fammi tenere tutto quello che attimo dopo attimo mi fai vedere!" Figli, fratelli e amici, Dio è Padre, Dio ha tutto nelle Sue Mani, Dio È, non dimenticatelo e non fatelo dimenticare ai vostri figli e non fatelo dimenticare ai vostri nemici e tenete la Lucerna accesa: Dio È da sempre! Tutto ciò che è del mondo passa, ma ciò che è di Dio non passa e rimane, perché Dio È! Non dimenticate l'Arca, non dimenticate i Remi, non dimenticate lo Strumento, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! .........Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù Gesù: GUARDA......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Gesù: Non sei già appoggiata sulla Croce? Giulia: Eh, sì..., Eccomi!(*) Posso dire quello che vedo, Gesù? Gesù: GUARDA BENE, ANIMA MIA......! Giulia: Vedo con la Luce del Tuo Amore! Vedo con la Luce della Croce e quello che vedo non è bello! Gesù, mi Inzuppo e mi bevo, senza dirlo ai figli..., sono deboli!(*) Gesù: Dimmi quello che vedi! Giulia: Eccomi!(*) Vedo dei Missili Verdi, ma non è il ferro che è verde, ma è ciò che contengono......! Non vanno alti, sono già posizionati sotto terra... e non hanno bisogno di uscire fuori perchè agiscono anche stando sotto...! Gesù, non posso andarli a Bere? Non dovresti farmi un Altro Regalo? Non dovresti fare un Altro Regalo al Calice Vivente? <Sabato 10 Agosto è il 38° Anniversario di Matrimonio di Giulia e Pasquale e Lunedì 12 Agosto, invece, è il 64° Compleanno di Don Vincenzo> Così vado a Bere io... e il Regalo glielo dò a lui..., lui i Sigilli non li può Bere...! Allora, il Regalo lo fai a lui e quello che ho visto vado a Berlo io...! E l'Altro Piccolo lo fai pure a me...! Gesù: Quanti ne stai bevendo......! Giulia: Ciò che si dona al Padre non si conta...! Tu non hai mai contato quello che hai Donato e Doni a Tuo Padre... e io come faccio a contarlo? Poi... non so contare tanto..., arrivo fino a un numero e dopo non so più andare avanti......! Gesù: ......La sai lunga! Giulia: La so lunga fino a quanto so contare: Eccomi! Facciamo presto, posso andare a Inzupparmi e a Bermi......? Vado ad Inzupparmi e a Bermi..., ma quelli? Me lo fai e glielo fai il Regalo al Calice Vivente? Perché Ti giri dall'altra parte? Lo so che ancora ci sono altre cose da vedere, ma questo è un Regalo...! Lo so che i Regali non si chiedono, si fanno..., ma io te lo sto chiedendo...! Li posso Bere adesso... o li Bevo dopo, ma questi Regali me li devi fare...! Allora facciamo così: Tu me li fai Bere quando decidi Tu, il Regalo Te l'ho chiesto e non puoi dirmi di no, perché quando è una Festa un Regalo si deve fare! Allora facciamo così: metti da parte quello che ho visto, dopo decidi quando me li fai Bere e così consegnamo il Regalo al Calice Vivente e il mio me lo doni quando vuoi, ma quello lo vado a Bere quando hai deciso...... ma... decidi! ...Va bene? Gesù: Se lo dici tu...! Giulia: Sì, come Straccio Stracciato e con la confidenza di figlia! Allora, facciamo così: io quelli li bevo dopo... così va bene? Cosa devo fare ora? Prima di farmi vedere le altre cose, io consegno nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai donato, consegno nel Tuo Cuore tutti i cuori Spezzati, anche se quando si è sulla Viuzza Stretta e si è abbracciata la Croce, i cuori non dovrebbero essere Spezzati, ma Te li consegno! Poi Ti consegno le Pietre che diventano sempre più scure: lavale Tu, Gesù! Ti consegno chi non è riuscito a chiedermi di pregare, e si è dimenticato di ricordarsi del Tuo Amore! Ti consegno tutto, così Maria lo consegnerà al Padre e con il Suo Eccomi Allargherà ancora le Braccia, Gesù......! Gesù: Quante volte le hai Allargate in questo giorno? Giulia: Eccomi, Gesù...: ogni qualvolta il Padre ha bisogno! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Ciò che mi hai donato da aprire nel Giorno di Maria non possiamo metterlo da parte e lasciarlo nel Rotolo Vivo? Me lo dirai quando verrò a Bere per i Missili: Eccomi! Gesù: ORA GUARDA............! Giulia: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., ci sono altri Sette Sigilli! Sono Sette Occhi, non hanno né volto, né corpo, camminano e nel camminare di qua e di là diventano fiamme di fuoco... e cadono sull'umanità intera! Quando cadono sulla terra, non sono più né occhi e nè fiamme di fuoco, ma sono abiti sacerdotali che camminano senza i corpi dentro, cancellando ogni cosa che si presenta dinanzi a loro! Misericordia, Gesù, per i figli che non Ti conoscono! Misericordia per i figli che non Ti ascoltano! Posso tenerli ancora? Il Giorno di Maria è oramai arrivato: posso tenere anche questi e Inzupparmi e Bermi? Gesù: Tienili, Inzuppati e Beviti! Giulia: Quando ci sarà il Giorno di Maria mi dirai se posso tenerli ancora? Gesù: Pregate "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" Giulia: Eccoci, Gesù! Eccomi nel farlo attimo dopo attimo e nel raccogliere ancora i cuori e consegnarli al Tuo Cuore, Gesù! Eccomi nel Fare le Cose del Padre e nel tenere i figli nell'Arca e nel Remare...! Gesù: Guarda ancora, ma non dire ciò che vedi e aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) ...Eccomi nel fare le Cose del Padre! Gesù, visto che Tu Sei Buono da Sempre e ancora noi non abbiamo imparato ad essere buoni come lo Sei Tu, anche se siamo fatti a Tua Immagine e Somiglianza, Gesù, l'essere Buoni significa essere Pieni d'Amore e noi l'Amore ce l'abbiamo perché Tu ci hai lavati e ci hai comprati a Prezzo di Sangue! Ma quando non vogliamo fare le Cose del Padre quell'essere Buono e quell'Amore lo mettiamo da parte! E quando vediamo un ostacolo lo tiriamo fuori dicendo: "ma io ho lavorato! Io ho fatto questo...! Io ho fatto quell'altro..." e subito tiriamo fuori che siamo perfetti, ma questo lo facciamo quando ci fa comodo e quando abbiamo un po' di spazio Ti mettiamo subito da parte e dimentichiamo quel Prezzo di Sangue... e quella Croce che siamo...! Ma Tu sei Buono sempre... e noi ancora non lo abbiamo imparato e non vogliamo capirlo e ci perdiamo dietro alle cose del mondo...! Cosa gli possiamo donare a Maria? Tu mi rispondi "Eccomi" quando Ti chiedo qualche Regalo! Dov'è il Regalo nostro da donare a Maria? Dov'è il mio? Non ho imparato ancora nulla...! E dov'è quello della Famiglia? Gesù, il Regalo che posso donare a Maria io, è il Filicino! Tenetelo per un po', accoglilo: questo è il Regalo, io posso fare le Cose del Padre col Filicino Aperto senza Legarlo! È questo il Regalo per l'umanità intera e per tutti i figli e per la Famiglia! .........Perché mi guardi così? Gesù: Non ti basta bere quello che hai visto? Giulia: E a Maria che Le Regaliamo? Il Filicino solo per la Sua Festa, poi ce lo metti di nuovo legato... e per tutta la Famiglia e per l'umanità intera e in modo particolare per tutti i figli che hanno tradito e tradiscono ancora! Ecco il Regalo, da questo istante fino al Giorno di Maria il Filicino rimane sciolto ............e Tu lo sai.........! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Come fai? Giulia: Non lo so! Anche se lo so... non lo so! Gesù: Rimani Roccia, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi ancora nel donarvi il Banchetto! Eccomi ancora con tutti i Servi Inutili, con Maria e le Schiere! Eccomi ancora con i vostri Cari! Ed Eccomi ancora con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Ed Eccomi ancora con Natanaele, Rossella, Vittorio e le Bimbe e i Pargoli, nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli Miei! Giulia: Eccomi, Gesù, nell'Inzupparmi e nel Bermi, nel Donare all'umanità intera tutto quello che mi Doni, attimo dopo attimo, Gesù! Gesù: Vigilate, figli! Combattete i falsi profeti... <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce> ...Amandovi gli uni gli altri e alzando la Destra del Padre! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: ......PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Hai ascoltato i Sigilli? Don Vincenzo: Come no! Questi Sette Occhi che non hanno né volto e né corpo e camminano e nel camminare di qua e di là diventano fiamme di fuoco... e cadono sull'umanità intera! Quando cadono sulla terra sono abiti sacerdotali che camminano senza i corpi dentro, cancellando ogni cosa che si presenta dinanzi a loro! Gesù: ! ...Mi ha chiesto se li può Bere... dopo glielo dico, ma vuole prendere tutto: cosa devo fare? Don Vincenzo: Assecondarla, di fronte a questo Eroismo d'Amore! Gesù: Di fronte a questo Amore! Don Vincenzo: Lei si Inzuppa e si Beve! Gesù: E dice che non sa ancora amare! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Imparate ad Amare, imparate a Perdonare, usate il Mio Amore dinanzi ai nemici e rimanete Roccia, Figli Miei: Roccia Viva del Padre! Gli uomini fanno cadere i muri, Dio li alza...... gli uomini pensano di innalzare castelli, Dio li fa cadere......! Lo tieni Alto il Castello della Croce? Annunziata: Eccomi! Gesù: E non temere gli uomini, Stella del Firmamento! Annunziata: Eccomi! Gesù: Eccomi! Così fate tutti... ma non dovete temere gli uomini...! Abbiate il Santo Timore del Padre in questi Tempi! Maria con le Schiere e con tutti i Servi Inutili sono in mezzo a voi, ma voi ancora non avete la Pienezza di Credere a ciò che vi viene detto! Non dubitate, Figli! Tutte le Schiere... e il Figlio che è rimasto ha sceso un altro Gradino! Pregate ancora per la Cupola: tutto parte dalla Cupola nel cancellare il Progetto del Padre, ma l'uomo non può cancellare il Progetto di Dio! Pregate per coloro che si fanno chiamare: "Grandi" e pregate per chi dice: "è tutto nelle nostre mani!" Pregate dicendo: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro"! <Gesù stringe la mano a Don Vincenzo> Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Vuoi dire qualcosa? Don Vincenzo: Questa frase, Gesù, che hai detto poco fa: non siamo ancora capaci di intendere in Pienezza le Tue Parole, e ancora non abbiamo la Pienezza di Credere a ciò che ci viene detto dal Cielo! Gesù: Ma parlo a voi e all'Umanità Intera! Don Vincenzo: Sì! Gesù: ! Don Vincenzo: Anche noi facciamo fatica a credere, quando invece dovremo credere di più nell'Amore Tuo, e dovremmo manifestarLo di più il Tuo Amore...... e invece facciamo fatica! Gesù: Non fate fatica: non vi amate, non fate crescere l'Amore, puntate il dito verso i fratelli, non perdonate, ma Parlo a voi e Parlo all'Umanità Intera! L'Eccomi per ognuno di voi e per l'Umanità Intera Lo risponde lo Strumento! L'Amore e il Perdono Lo risponde per voi lo Strumento! La Fiamma che Arde L'accende e La consegna al Padre lo Strumento! Le Pietruzze Me le consegna scure per farle diventare candide! <Gesù stringe la mano a Don Vincenzo> Don Vincenzo: Ci stiamo avvicinando, Gesù, alla Festa...! Gesù: La Cocciuta Mi ha chiesto di farti un Regalo, posso dirgli di no? Ci stiamo avvicinando... ma voi siete pronti? Lo siete pronti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Dove sono gli altri: "Eccomi"? Tutti: Eccomi! Gesù: Sono un po' deboli e quando lo Strumento sente gli "Eccomi" deboli, mi dirà: "Gesù, non aprire quello che devi aprire, aspettiamo!" Hai qualche altra cosa da dirMi? Don Vincenzo: Avevi detto prima del Regalo? Gesù: E l'hai sentito qual'è il Regalo che la Cocciuta ha chiesto per te? Non lo ricordi più? Don Vincenzo: Quello di tenere ancora i Sigilli, lei vuole tenerli tutti! Gesù: No, vuole Berli...... e non tenerli......! Don Vincenzo: È diverso il Berli dal Ternerli...... o è la stessa cosa? Gesù: Berli significa cancellarli......... mentre tenerli significa che possono anche aprirsi e scendere......! Quando lei chiede di Berli, chiede di cancellarli! <Gesù anticipa l'espressione che è solito dire Don Vincenzo> "......Mamma mia!" Sai cosa facciamo? Io Mi Dono e tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E allora il Banchetto è pronto! Don Vincenzo: Facciamo l'Eucarestia? Gesù: Facciamo l'Eucarestia, ma è meglio dire: Doniamoci! Io ho Donato e Dono il Mio Sangue e la Mia Carne e Mi Sono Donato e Mi Dono per Amore, non quello che fanno gli uomini! Doniamoci, così lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e prega ancora per quelle Mura Insanguinate di Sangue Innocente! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve......... e Gesù dà il Suo Bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne Dona un Pezzettino a Don Vincenzo e Mangiano> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Questa è la Mia Carne! Eccomi! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ora Doniamoci nell'Amore Pieno del Padre! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto e fa una sequenza di gesti con entrambe le mani: unisce pollice e indice: Padre e Figlio; pollice e medio: Padre e Cuore Immacolato di Maria; pollice e anulare: Padre e Spirito Santo; pollice e mignolo: Padre e Bimbo; pollice e indice: Padre e Figlio; poi con la mano destra fa il Segno Trinitario e a sinistra resta con pollice e indice uniti: Padre e Figlio; infine ''impone'' entrambe le mani, ''punta'' entrambe le mani e unisce pollici con indici; ''punta'' la mano destra e rimane con pollice e indice uniti nella sinistra e, man mano, la Destra si abbassa fino all'altezza del bracciolo della poltrona, mentre la mano sinistra rimane Alzata con il pollice unito al mignolo> Giulia: Padre, Solleva... Padre, Solleva ancora... Padre, Solleva ancora! <Giulia con la sinistra Solleva il Braccio Destro del Padre che rimane con pollice e indice uniti a sinistra e con la Destra in alto e abbassata> Perdona, L'ho Sollevata! <Il Padre fa il Segno Trinitario con la Destra e rimane con pollice e indice uniti a sinistra> IL PADRE: Eccomi, Figlia! Giulia: Eccomi! <Gesù con entrambe le mani unisce pollice e indice: Padre e Figlio; pollice e anulare: Padre e Spirito Santo; pollice e indice: Padre e Figlio ......e le porta così al petto> Gesù: Ci siamo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Non solo lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Anch'io mi sono Donato! Gesù: Ha Alzato la Mano del Padre: si era Abbassata un po'! Ci siamo Donati e il Banchetto è Pieno! Don Vincenzo: È Pieno di Ben di Dio, è Pieno di Tante Pietanze! Gesù: No! Don Vincenzo: È Pieno di Dio! Gesù: È Pieno di Dio e il Banchetto è Dio! Prendiamo dell'Amore del Padre.........: vuoi prendere ancora dell'Amore del Padre? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Cosa vuoi prendere? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Un po' di pesce e un po' di formaggio! Gesù: Eccomi, tutto si unisce nell'Amore Pieno del Padre! Eccomi! Eccomi! Io prendo dell'Amore Pieno del Padre attimo dopo attimo e così anche lo Strumento attimo dopo attimo prende il Tutto dell'Amore del Padre per DonarLo per prima ai nemici e poi dividerLo per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Ecco, ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Perché hai abbassato lo sguardo? Stai bene? Maria Elena: Eccomi! Gesù: Eccomi! E anch'Io sto bene, e anch'Io sto bene con ognuno di voi! Prendiamo parte al Tutto del Padre? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Questa la dò allo Strumento! <L'erbetta> Sarà nella Gioia Piena la Cocciuta nel Bere e nel Cancellare ciò che ha visto! ...Ora parla tu un po'! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Non è il Padre che costruisce le vostre case, come costruisce le case per gli uccelli e i gigli dei campi? Abbiate il Timore del Padre e non quello degli uomini! ...Manca un coltello, eccolo! Prepariamo le Armi fatte con l'Amore: vuoi prepararle con Me? Mario: Eccomi! Gesù: Allora le prepariamo! Quando verrà l'Ora ti chiamerò! Mario: Eccomi! Gesù: Ma non te lo porto via! <Gesù si rivolge scherzosamente a Maria Elena> Ognuno di voi ha un compito da fare nel preparare "le Armi" dell'Amore per combattere il Male: è il Lavoro di un Servo Inutile! ......Vai! <Gesù si rivolge a Raffaele che si organizza per donare i bicchieri con l'Avanzo a: Imma e Annunziata e testa e coda del pane-pesce a: Mario, Maria Elena, Sara, Maria, Clelia> Mario: Eccomi! Gesù: Eccomi! Preparatevi anche voi! Ognuno di voi ha un compito e così come Maria avanza con le Schiere, anche voi avanzerete nel fare il proprio Lavoro e gli uomini non potranno far nulla per togliervi il Lavoro della Vigna, Figli Miei! ...Cosa c'è? Tu Sei il Calice Vivente, non dimenticarlo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Quello che dovremmo capire è che fra di noi ci dobbiamo amare di più! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ha detto Giovanni Giovedì scorso, che a volte qualcuno si mette giù in fondo al Padiglione per gonfiare ancora di più il proprio io......! Ma non è lì dietro l'ultimo posto, perchè l'ultimo posto è mettersi al Servizio e non è andarsi a sedere in fondo! Andandosi a sedere lì dietro purtroppo si tiene alto l'io e si allontana la Comunione tra i fratelli e Dio! Ma essendo qui una Famiglia, la Famiglia che Dio ha scelto, si deve essere in Comunione e spezzarsi e donarsi......! Gesù: ! Ognuno di voi ha il Posto al Banchetto del Padre e ognuno di voi deve Far Festa e ognuno di voi si deve Amare e deve Amare! Se non vi amate voi, non potete amare neanche i vostri fratelli: prima dovete amarvi e dopo amare! Se non imparate ad amarvi voi, non potete neanche amare i fratelli e non potete amare i nemici! ............Brava, ha capito che la pancia deve venire senza essere chiamata! Eccomi! ...............Vicepa'! Raffaele: Eccomi! Gesù: Sei delegato, ti raccomando, eh, assistimi quei due e assistimi un po' tutti, ma assistiti anche tu! Raffaele: Eccomi! Gesù: Dolce, dolce, scarsetto, scarsetto! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ciao, papà... ciao, mamma... ciao, papà... ciao, mamma...... come state? Mario e Maria Elena: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: Siete un po' ammaccati? Mario e Maria Elena: No, no! Bimbi di Mario e Maria Elena: Vi è caduta addosso una montagna? Noi ne abbiamo costruita una con la farina, eh! E se vi facciamo uno scherzetto? Ma la farina non la possiamo sprecare, abbiamo costruito una montagnella e adesso dobbiamo Impastare tanto tanto in questi giorni! Ci aiutate anche voi? Mario e Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora siate gioiosi, così se voi siete gioiosi e vi amate tanto-tanto, ci aiutate ad Impastare tanta Farina e facciamo tanto Pane perchè in questo Tempo ce ne vuole tanta tanta! ...Papà, ti voglio tanto bene! ...Papà, ti voglio tanto bene! Mamma ti voglio tanto bene! Mamma ti voglio tanto bene! Mangiate, così quando mangiate vi riempite di Dio e Dio vi fa riempire l'Umanità del Suo Amore! ...Vi vogliamo bene! Tutti: Anche noi! <I Bimbi mandano baci a tutti e accarezzano Don Vincenzo> Don Vincenzo: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Impastate le montagnelle, noi ve le prepariamo! Mario e Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ehi, non rompetele le montagne! <A Maria e Caterina che servono> ...Ciao, papà... ciao, mamma! <I Bimbi mandano baci> Ci sentiamo fra pochi giorni, ciao! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! Don Vincenzo: Ciao! Gesù: Cosa c'è? E i Pargoli hanno tanto Lavoro da fare, come tutti i Servi Inutili e i vostri Cari! ...Parla un po', dimmi qualcosa? Don Vincenzo: Sì, Gesù, pensavo al Crocifisso! Gesù: Allora pensavi a Me! Don Vincenzo: Sì e proprio a questo mi volevo agganciare: questo riconoscerci Figli nel Crocifisso, a Immagine e Somiglianza del Crocifisso! Tu, Gesù, hai dato fino all'ultima Goccia di Sangue e Ti Sei Immolato per i nostri peccati e quindi ecco perché siamo Croce, perché Tu Sei Croce, ed essendo Tu Croce...... Gesù: ..., Lo Sono sempre stato! ......Parla, parla, Io non perdo il filo! Don Vincenzo: ...Dio è Croce! Gesù: ! Don Vincenzo: Essendo Tu Croce, il Padre è Croce, il Figlio è Croce...! Gesù: ! Don Vincenzo: ...La Madonna è Croce, tutti siamo Croce e dobbiamo, quindi, accogliere qualunque Croce, qualunque situazione ci si presenta, perché tutto è Regolato dal Padre e, quindi, guardare il Crocifisso significa capire Tutto, perché siamo fatti a Immagine e Somiglianza del Crocifisso cioè della Croce e dobbiamo solo abbracciarLa con gioia, perché solo allora ci sentiamo veramente simili al Crocifisso, certamente con le Proporzioni dovute! E questo essere Croce ci deve spingere proprio alla Somiglianza con Dio! Gesù: Voi non dovete spingervi ma dovete camminare essendo Croce! Io non Mi sono spinto ma ho camminato e cammino...! Se voi vi spingete fate fatica a riconoscervi come Croce, come siete fatti! Hai capito? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Perché ti sei fermata? Caterina: Si deve servire il viceparroco! Gesù: Si deve servire il viceparroco, ma si serve scarsino scarsino! E ora portateMi il "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! ...Vicepa', ti raccomando, eh! Tu parla, è dolce ascoltarti! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! <Gesù si rivolge a Giacomo1 che non prende il bicchiere in cui c'era l'Avanzo che gli porge Imma> Gesù: Puoi anche prenderlo tu e portarlo! Non devi trattare i figli così, i servi fanno i servi! Ora sto parlando d'Amore, ma vedo che ancora non ascolti! .........Cosa c'è? Don Vincenzo: Gesù, siamo Figli e siamo Croce ma siamo più Figli o siamo più Croce? ...Quando abbracciamo la Croce...... Gesù: ...Siete sempre Croce e Immagine e Somiglianza di Dio...! Guai se La gettate......! Don Vincenzo: Gesù, siamo a Immagine e Somiglianza Tua o del Padre? Gesù: Del Padre! Don Vincenzo: E quindi sempre Immagine e Somiglianza di Dio! Gesù: Ciò che è di Mio Padre è Mio, e ciò che è Mio è di Mio Padre! Don Vincenzo: Sempre siete inscindibili! Gesù: ! Don Vincenzo: Tutt'Uno! Gesù: , nel prendervi e nel portarvi......... e quando vi gettate, c'è lo Strumento che vi raccoglie e vi porta sulle spalle! Don Vincenzo: Così forte è lo Strumento, Gesù? Gesù: Non è forte, Lei Ama! Don Vincenzo: Ama al punto da Amare tutta l'Umanità?! Gesù: Dio è Forte perché Ama e ognuno di voi è forte quando ama! ............Imma, cosa hai fatto col braccio legato? <Immacolata è arrivata oggi dalla Florida> Imma: Sono caduta! Gesù: Anch'Io Sono caduto e poi Mi Sono Alzato, e tu che fai, rimani caduta? Imma: Non posso alzarlo! Gesù: Io Mi sono Alzato e anche tu ti alzi! Imma: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, Io ho fame ancora del Banchetto del Padre, tu no? Don Vincenzo: Sì, come no! Gesù: Del Banchetto del Padre......! No, non ci sono arrivato ancora alla frutta, , ecco, eh, ma queste non sono patane......! Raffaele: Cosa sono? Gesù: Non sono patane! Dategli da mangiare cinquantamila patane al posto delle mani, aspetta..., dagli tre di questi, così non metterà le mani nella bocca, sono belle dure vero? <A Chiara> Dove sono le altre due che hanno fatto? Invece a lei dagli quello, così pure è bello duro, , uno di quelli e uno di questo, , ma dategli qualcosa che possa mangiarlo! <Ad Alessandra> Ehi, agli altri due dagli quello col bastoncino, poi fai tu! <A Marina e Roberta> Ehi, mangi una frittella? <Maria Elena fa cenno di si> Ecco, dagliene due! Io ho fame ancora, no, , cos'è, , ma se è dura poi te la faccio mangiare! <A Giuseppe> Basta così! Tu non hai fame? Don Vincenzo: Si! Gesù: E sembra una nuvoletta! <La focaccina> Ehi, parla un po'! L'hai sistemata, hai sistemato a tutti quanti? Raffaele: Più o meno! Gesù: E tu non mangi? Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Essere "Figli" significa essere "Eredi"! Gesù: ! Don Vincenzo: Questa Eredità è una Felicità senza fine! Gesù: ! Don Vincenzo: Non c'è Amore più Grande di questo Progetto Salvifico del Padre! Gesù: Solo il Padre ha il Progetto per ogni Figlio, non ce ne sono altri "Grandi"! Don Vincenzo: E quindi dovremmo amarLo continuamente il Padre per la Sua Bontà e Amare Te che Sei Stato Mandato dal Padre proprio per dimostrarci il Suo Amore attraverso il Tuo, attraverso la Croce! Gesù: Io e il Padre abbiamo scelto una Famiglia, la Famiglia è stata portata nell'Arca e nei Remi e, avendo i Remi, si rimane e non si affonda! Ciò che rimane senza i Remi e senza l'Arca, affonda! Don Vincenzo: Perciò Tu ci raccomandi sempre di restare sull'Arca? Gesù: ! Don Vincenzo: Come l'Unico Luogo Protetto! Gesù: Il Padre ha consegnato a voi la Vigna da Lavorare e tu sei il Calice Vivente! Lo Strumento sta a Lavorare e sta Bevendo ciò che ha visto! ...Ehi, non scappare! Don Vincenzo: Ecco! Gesù: E ora Mi sa che è a posto, ma ci vuole lo Strumento......! Parla, parla! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Perché siete tristi? Tutti: No! Gesù: Ehi, , , ! <Gesù imita il piccolo Giulio che si è messo a piangere> Si è calmato! ...Sono buoni? Chiara: Eccomi! Gesù: Hai il raffreddore? <Gesù imita Don Vincenzo che si sta soffiando il naso> Io aspetto, parla, anche se l'Umanità dice: "ma questo Gesù non fa niente? Questo Gesù parla di Banchetto! Questo Gesù non è preoccupato di tutto quello che sta succedendo?" Dio non è preoccupato, Dio aspetta! I rumori li fanno gli uomini non il Padre e Dio, che conosce ogni cosa, aspetta tutti i Figli! È forse Dio a costruire le armi? No! È forse il Padre a chiedere soldi? No! È forse il Padre che mette nei cuori l'odio? No! È forse il Padre a far mancare il cibo? No! Ai Figli che rimarranno nell'Arca non mancherà il cibo! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro" e aspettate il Giorno di Maria e ciò che il Padre deve Donare lo darà a tutta la Famiglia, non temete! ......Bevo un po', salute!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce schioccando qualche bacio> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: ECCOMI! Piccolo Giovanni: Che gridate..., non è che sono sordo...! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'>Mari'...! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nicò...! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Teresa...! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come state? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh... li hai sentiti? "Eccomi"! ...M'hanno portato il caffè, ne vuoi un goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Com'è? È buono? Don Vincenzo: Ottimo! Piccolo Giovanni: Ottimo! Mari'...! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che hai combinato ancora? Maria: Sembravo una raffica... Piccolo Giovanni: Ma..., hai intenzione di fare la guerra? Maria: Se la vuoi...... Piccolo Giovanni: Nicò...! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Tutto va bene? I lavori vanno bene? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Dottoressa Teresuccia..., perché piange il tuo cuore? ...E come stiamo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Che devo fare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Allora..., ci mettiamo a lavorare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi... allora stiamo tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ho sistemato la Mia Capanna, mo' sistemo tutta l'altra Capanna! ...State bene tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non ti hanno dato niente da mangiare? <A Chiara> Allora... se non gli hanno dato niente da mangiare... gli diamo... cosa gli diamo? Questo te lo mangi tu! Tutto lo devi mangiare; a lei gli diamo un po' di patatine e un pezzo di quella e poi alle altre... decidi tu, visto che sei delegato! È poco... e poi... si... eh, ma anche a quei due... <A Maria Elena e Mario> ...Non quella, questa! Non si possono mangiare le patate col cocomero...! Tu non mangi niente? E a Me cosa Mi donate da mangiare? Rimanete senza mangiare? ...Ciao, Stellina, come stai? Nunziatina: Bene, Eccomi! Piccolo Giovanni: Ti sei spaventata? Nunziatina: Un pochino... Piccolo Giovanni: Adesso si è tutto messo a posto? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma quando grida la Cocciuta, grida eh? L'hai sentita? Meno male che era all'altro capo del telefono! Le uova te le mangi tu..., tu che mangi? Don Vincenzo: Quello rosso... Piccolo Giovanni: Vuole quello rosso... Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: E... togli il tovagliolo..., di solito il tovagliolo si mette nel piatto! No, gli devi dare il piatto, non il tovagliolo! Ehi... ciao, Immacolata, come stai? Immacolata: Eccomi! Piccolo Giovanni: Bentornata! Ma Io vengo a trovarti... ma adesso sei venuta tu, bello! <Giovanni schiocca qualche bacio ad Immacolata che è venuta dalla Florida e ha un avambraccio fasciato> Quell'aggeggio lo dobbiamo togliere... mo' vediamo come passa la nottata e l'alba che viene... Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: No, se Me lo offri lo mangio uno..., ma vorrei mangiare qualche altra cosina......! Aspetta... tieni, ancora non ho finito di mangiare! Passo subito alla frutta? No, Io preferisco qualche altra cosa...! No, preferisco un po' di salsiccia, ma non fate gli scherzetti... se "piccano" poi vi tatino! Vi tatino, vi tatino se è piccante..., vi tatino, vi tatino a tutti quanti se è piccante! Solo con questo Mi fa andare avanti...? Allora è buono? Anche questo avete arrostito? Bravo! Non parli? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Non vi hanno più donato nulla da mangiare? Ma tu ti mangi anche il tovagliolo? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: E perché l'hai messo nel piatto? Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Parla un po'... Don Vincenzo: Abbiamo sentito i Sigilli di oggi... Piccolo Giovanni: , ve li ho preparati... Don Vincenzo: Quei Sette Occhi che diventano fiamme di fuoco e cadono sull'umanità intera, e quando cadono sulla terra non sono più nè occhi e nè fiamme di fuoco, ma sono abiti sacerdotali che camminano senza i corpi dentro cancellando ogni cosa che si presenta dinanzi a loro......! Piccolo Giovanni: Quello che è stato detto è stato detto... non posso dire altro! Non posso risponderti niente altro di quello che hai sentito...! Don Vincenzo: Ho capito! Piccolo Giovanni: ! Dovete prepararvi per i giorni che stanno arrivando... Don Vincenzo: E quel Filicino...? Piccolo Giovanni: La Cocciuta ha chiesto di lasciarlo aperto fino al Giorno di Maria: è il Regalo che vuole offrire alla Mamma, ma siate vigilanti..., il Filicino rimarrà aperto......! Don Vincenzo: E quindi è rischiosissimo? Piccolo Giovanni: Rimanete vigilanti, figli! Ma ora non dimenticate di prepararvi, è un Invito a Nozze! Quando si è Invitati a un Matrimonio si porta l'Abito e il Banchetto viene preparato dal Padre! E quando il Banchetto viene preparato dal Padre ci sono le Pietanze del Padre e il Padre ha preparato le Pietanze per ognuno di voi! Lo Strumento bussa nel dire: "Padre preparane di meno..., visto che i figli non sono pronti nel mangiare il Cibo!" Vi ama così tanto da far rimanere il Filicino sciolto da regalare a Maria e da tenere sulle spalle l'umanità intera e ognuno di voi! Non è un Giorno da essere curiosi ma è un giorno da essere preparati e pronti con l'Abito Nuziale e l'Anello al Dito nell'Ascoltare ciò che il Padre Vuole Donare alla Famiglia Intera! Ma a nessuno sarà tolto il Pane...... e a tutti sarà donato...... ma siate pronti e preparati! .........State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora ci vuole un bicchieruccio di vino...! Ehi... è andato bene Giovedì scorso? E allora se è andato bene quanti ve ne ho dati? Chiara: Due! Piccolo Giovanni: Due! E a te quanti? Roberta: Uno! Piccolo Giovanni: Uno! E a te? Marina: Uno! Piccolo Giovanni: Uno! Quanti gliene diamo? Mario: Cinque! Piccolo Giovanni: Cinque? Sei un po' esagerato... <Si ride un po'> Facciamo due per uno e poi preparate il Miscuglietto! Tu ne vuoi cinque? Mario: Eccomi! Piccolo Giovanni: Poi fanno così...... con la paletta...! Tu ne vuoi tre? Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Per te la paletta non c'è e allora due! Due e mezzo... tre! A lei tre! Ne facciamo bere tre? E allora tre e un paninello con la carne dentro! Chi glielo prepara? La mortadella l'hai già mangiata... e allora ci mettiamo la carne dentro! Un paninello con la carne dentro e le patatine e il vino! Tu lo vuoi un bicchiere? Qualcuna: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Hai sentito, viceparroco? Perché sei triste, viceparroco? Raffaele: No! Piccolo Giovanni: Nel paninello ci metti la carne dentro e le patatine e cacci quello che hai mangiato prima... che fa anche rima! Ciao, hai mangiato? Qualcuno: Eccomi! Piccolo Giovanni: Avete mangiato tutti quanti? Perché siete tristi? Qualcuno: No... No...! Piccolo Giovanni: No... no...! ........................................... Beh, non Mi date più nulla da mangiare? Ho fame! Ehi... un paninello con la mortadella? Tu lo vuoi un paninello con la mortadella? Don Vincenzo: Metà ciascuno... Piccolo Giovanni: No, Io lo voglio intero! Don Vincenzo: Ah, si? Piccolo Giovanni: Si! Qua c'è la cocciovata... a quelli dell'altro lato c'è la mortadella..., se vai di là..., questo vi fa cadere il vino addosso! Tu come lo vuoi con la mortadella o col prosciutto? Don Vincenzo: Col prosciutto! Piccolo Giovanni: Lo vuole col prosciutto lui... ecco! Che fai, adesso li apri tutti quanti? <Rivolto a Giuseppe alla ricerca dei panini con la mortadella e col prosciutto> Ecco, questo è col prosciutto! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Stai attento ai denti...; e questa è con la mortadella...! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Salute! È buona la mortadella, Mari', che dici? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: È Buono il Banchetto del Padre! Non dimenticate il Padre! Il Padre non vi farà mancare mai il Cibo se rimanete sulla Via Stretta e se vi portate come Croce! Prendi il bicchiere, vediamo cos'hanno combinato... <Bevono il Miscuglietto> Cin-cin! Buono! I servi inutili diventano sempre più servi al Banchetto del Padre! ......Mari? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora, cosa vuoi combinare ancora? Maria: Andiamo avanti! Piccolo Giovanni: Andiamo avanti? Mi sono mai tirato indietro? Maria: No, mai! Piccolo Giovanni: Allora andiamo avanti!(*) ...Hai mangiato? ...Quello va bevuto tutto! ...Parla un po' tu! ...È buono il vino? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: È buono il panino? Chiara: Si! Piccolo Giovanni: Vuoi parlare un po'? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Sì che avremo tante cose da dire nel Giorno di Maria, ma adesso puoi parlare! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Una volta, mi sembra che hai fatto una Riunione dei Quaranta! Piccolo Giovanni: Non l'ho fatta Io ma è Gesù che l'ha chiesta! Don Vincenzo: Ah, l'ha chiesta Lui? ...Forse vi voleva preparare alla Processione Successiva? Piccolo Giovanni: No, era la Pasqua dei Quaranta! Don Vincenzo: Ora saremo un centinaio nel Padiglione! Giovanni: No, hai dimenticato tutti i Servi Inutili e le Schiere! Don Vincenzo: Parteciperanno? Piccolo Giovanni: Anche adesso sono in mezzo a voi, come sempre! Dovete imparare ad ascoltare che tutti sono in mezzo a voi! Don Vincenzo: Oggi è la Festa di San Domenico... Domenico Lentini! Piccolo Giovanni: Oggi Domenico è triste: Pregate e Consolate il Suo Cuore dicendo "Ave Maria-Padre Nostro"! La Festa la farà con voi quando sarà la Festa di Maria! Il Cielo gliel'ha preparata, ma il Suo Cuore è triste, ma non per il Cielo e neanche per voi, ma per coloro che hanno tradito le tradiscono ancora! ............Tu che ne dici di mangiare uno di quelli? Don Vincenzo:Si! Piccolo Giovanni: Tu quale vuoi? Don Vincenzo: Questa! Piccolo Giovanni: Ed Io quale voglio? Don Vincenzo: Vuoi questa? Piccolo Giovanni: Si, anch'Io voglio questa! ...Tu mangiati questa che Io Mi mangio quest'altra! Don Vincenzo: Si, cin-cin! Piccolo Giovanni: Brindiamo all'Amore Infinito della Croce del Servo Inutile Domenico Lentini, quel Servo Inutile che nel mangiare assaporava Dio! Non gustava il cibo del mondo, ma gustava il Cibo di Dio e gustava tutte le amarezze che venivano donate a Dio! Non rifiutava il cibo e conosceva bene che tutto quello che Dio gli donava era Suo, ma lo gustava nelle amarezze che venivano offerte al Padre! ...L'hai già mangiato? Don Vincenzo: Si! Giovanni, hai detto cose bellissime! ...Quindi, tutte le amarezze diventavano dolcezze? Piccolo Giovanni: Tutto ciò che è Dio, è dolcezza! È l'uomo che dona l'amarezza al Padre... e Lui, Domenico, gustava il Cibo con l'amarezza che veniva donata dagli uomini al Padre! ...Perché siete tutti tristi? Alcuni: No, non lo siamo! Piccolo Giovanni: "Uh... uhm..." hai sentito qualcosa tu? Io ho chiesto "perché siete tutti tristi?" e loro hanno risposto "Uh... Uhm..."! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Raffaele: Stiamo piangendo tutti! Eh... Eh... Eh...! Piccolo Giovanni: Dottoressa, Mi sa che devi visitare a tutti quanti... Eh... Eh... Eh... Io gli chiedo "perché siete tutti tristi?" E loro... "Uh... Uhm..."! Don Vincenzo: Giovanni, hai ancora da dirci tante cose! Piccolo Giovanni: Si, Io ve ne dico tante di cose... <Giovanni schiocca un bacio e viene ricambiato> ...Posso dirvi che vi lascio alla Destra del Padre lo Strumento e il Filicino Aperto... <Giovanni schiocca un altro bacio e viene ricambiato> ...E vi aspetto! ...Ve lo lascio aperto: è così che ha chiesto lei, ed è così che il Padre l'accontenta! Ma vigilate fino al Giorno di Maria! <Poi Giovanni schiocca un altro bacio ancora e viene ricambiato> Gesù: ...Con la Croce e col Pane! ...Dove vai? Don Vincenzo: Sei Gesù? Gesù: Si! Dove vai senza di Me? Don Vincenzo: Difatti, ho fatto marcia indietro! Gesù: Eh, si! ...Ma com'è? Fai marcia indietro e poi ti rialzi? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Qua Mi sa che non hai capito che ancora devo parlare! Don Vincenzo: Meno male, così abbiamo altre Cose Divine ancora da ascoltare! Gesù: Giovanni vi ha Salutato, Io Sono Venuto e ancora rimango un pochino! Don Vincenzo:Eh, si, senza di Te che facciamo? Gesù: Non vi ho mai lasciati! Don Vincenzo: Eh, difatti! Gesù: È l'umanità che Mi lascia! E se qualcuno di voi Mi lascia un pochino, la Cocciuta vi raccoglie! ...Quanto vi amo! Tutti: Anche noi Ti Amiamo, Gesù! Gesù: Ma in pochi avete risposto! Si può tacere quando le pietre gridano l'Amore? Tutti: No! Gesù: E voi che Mi avete in mezzo a voi non Mi dite neanche "Ti amo, Gesù"? Don Vincenzo: Diciamo tutti "Ti amo, Gesù"! Tutti: TI AMO, GESÙ! Gesù: Lo avete detto col cuore? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Ridiciamo tutti in coro: "Ti amo, Gesù"! Tutti: TI AMO, GESÙ! Gesù: Devo chiedervelo Io l'Amore? Vi costa così tanto? Alcuni: No! Gesù: Perché rispondete a mezze voci quando ve lo chiedo? Non bisogna dirlo con le labbra, bisogna dirlo col cuore tanto da farlo sentire! Io ve lo dico senza vergognarMi "vi amo", mentre voi vi vergognate degli uomini a dirMi che Mi amate! È il Padre che si deve temere e non gli uomini! Figli Miei, Io Parlo a voi e Parlo al mondo intero! ......Mi ami tu, Raffaele? Raffaele: Eccomi! Gesù: Mi ami tu, Raffaele? Raffaele: Si! Gesù: Mi ami tu, Raffaele? Raffaele: Si! Gesù: Mi ami tu, Raffaele? Raffaele: Si! Gesù: Mi ami tu, Raffaele? Raffaele: Si! Gesù: Quante volte l'hai risposto? Raffaele: Cinque volte! Gesù: Perché sei triste? Raffaele: Tu lo sai bene! Gesù: Perché i tuoi occhi sono bagnati? Raffaele: ......Perché aspetto da tanto tempo......! Gesù: Il Padre ti lascia senza il Pane? Raffaele: No! Gesù: E asciugherà anche i tuoi occhi, come asciugherà gli occhi di ognuno di voi! ...E aspettate il Giorno di Maria, Figli Miei! ...Tu aspetti il Giorno di Maria dormendo? Qualcuno: No, no! Gesù: Rimanete legati alla Schiera di Maria ed allo Strumento, Figli Miei! ...Calice Vivente, Saluta i figli con l'Albero Vivo, mentre Io vi Saluto lasciandovi ancora la Porta del Mio Cuore Spalancata, Figli Miei! <Gesù schiocca un bacio e viene ricambiato, poi Don Vincenzo da' la Benedizione> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Giulia: Giovanni... Sei Capriccioso come sempre!(*) ...Si, sono gioiosa di quello che il Padre mi ha donato!(*) ...No, non stare a preoccuparti!(*) ...Tanto un poco rimane sciolto!(*) ...Tu vai a preparare gli altri Sigilli!(*) ...Nel Giorno di Maria il Padre dovrà decidere... tutti quelli che mi ha consegnato se farmeli tenere fino alla Nascita o cosa fare!(*) Piccolo Giovanni: Non stai chiedendo troppo? Giulia: Tu cosa facevi? Cosa mi hai insegnato a fare?(*) ...Quando veniva qualcuno a dirti qualcosa, Ti fermavi? No! E non l'hai insegnato pure a me a non fermarmi? Si! Ed ora cosa vuoi?(*) ...Quello che mi hai imparato, faccio!(*) Piccolo Giovanni: Sei sempre la solita Cocciuta così come il Padre ha cercato, ma rimanilo ancora! Giulia: Eccomi, Giovanni!(*) ...Giovanni, prepara i figli! Io non so più se gridare, ridere o suonare la tromba, come non lo sapevi Tu cosa dovevi fare! Aiutami a prepararli!(*) ...Ora vai che c'è tanto lavoro da fare! ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Il Padre: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, lo so che ci hai donato il Tutto del Tuo Amore nel donarci il Banchetto, ma Ti chiedo ancora un po' di Paghetta per preparare l'umanità intera e i figli nei Giorni che verranno! Nel Giorno di Maria, Fa Scendere la Tua Rugiada sulla Famiglia e fa scendere ancora il Tuo Manto per coprirli!(*) Il Padre: Il Mio Manto Lo Porti tu! Donalo ai tuoi figli e rimanete nell'Arca e Remate! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Visto che le Schiere combattono con Maria e tutti i Servi Inutili, i Pargoli e i Cari stanno prendendo parte al Banchetto... e nel prendere parte al Banchetto impastano, ora vengo anch'io nel portare i figli! ...Salutiamo i Cari!(*) <Tutti salutano i propri Cari Beati in Paradiso> ...Ciao, Mamma!(*) ...Fategli la Festa ora che è con voi!(*) ...Ciao, Zio, che porti l'Abito e l'Anello!(*) ...Ciao, Mammina mia, dopo verrai a cucirlo, non Ti preoccupare! <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, ci vediamo più tardi!

 

 

 

 

3. Dom. 11/08/2013, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Ci sono i Sigilli! Ma questi vengono dal Tuo Cuore, Mamma! E finalmente questi Sigilli sono pieni d'Amore, di Vita e di Gioia......! (La Madonna): Dì solo questo ai figli e non aggiungere altro! (Giulia): Eccomi! (La Madonna): QUESTO È IL DONO PER IL CALICE VIVENTE NEI SUOI ANNI DONATI AL PADRE! È IL DONO PER ESSERE RIMASTO CONSACRATO AL MATRIMONIO DI DIO! (Giulia): Mammina, non puoi dire tutto ai figli? (La Madonna): Non temere, presto vedranno! Questi Sigilli sono sette..., sette..., sette...!

*******************

(La Madonna): , ora iniziano ad arrivare i Sigilli della Gioia del Padre...... ma ci saranno ancora altri Sigilli Negativi...... e lì lo Strumento chiede attimo dopo attimo al Padre di poterli Bere tutti quanti o di poterli Tenere fino al Giorno della Sua Nascita! Quando ci sarà il Giorno della Festa che hanno deciso gli uomini, parleremo e parleranno tutti! Ma pregate, pregate per lo Strumento, non si ferma un istante e solo Io e Gesù e il Padre possiamo dirvi queste cose! Lo Strumento dice: "NON HO FATTO NULLA, SE TROVI IL MIO NIENTE PRENDILO!" E' questa la preghiera che dovete Innalzare dopo quella del Padre Nostro e dell'Ave Maria: "NON ABBIAMO FATTO NULLA, SE LO TROVATE PRENDETELO!" Non fate come i falsi profeti che gridano nel dire: "siamo stati dall'alba al tramonto nel fare tante preghiere!" Stolti! A Dio non si conta ciò che si offre, ma nel silenzio dei propri cuori si Innalza il "niente" dell'alba fino al tramonto! Se fate questo, fate quello che fanno i falsi profeti e i farisei di ieri e di oggi! E' Dio che dovete temere e non gli uomini! E' Dio che vi Dona il Soffio e non gli uomini! E' Dio che vi ha Scelto e vi porta nell'Arca e i Remi sono stati consegnati ad ognuno di voi! Ecco, in questo giorno lo Strumento ha detto ciò che ha visto, cioè ha visto la Pancia del Parto di Dio...! Ha visto la Creatura Scelta dal Padre con la Pancia nel Partorire...... ma ha chiesto di aspettare ancora...! L'umanità e i suoi figli non sono ancora pronti... e così, quando lei chiede di aspettare, si Inzuppa, si Beve e si Scortica ancora!

*******************

(La Madonna): Gesù non diventava triste quando Lo sputavano in faccia, non diventava triste quando Lo cacciavano fuori, non diventava triste quando Gli tiravano le pietre, non diventava triste quando Gli dicevano: "sei il diavolo!" E neanche voi dovete diventare tristi quando parlano male, ma dovete gioire! Io Ero Gioiosa e lo Sono ancora! Sono triste nel vedere i figli che voltano le spalle alla Croce e si gettano come Croce! Ma non diventavo triste quando parlavano male della Pancia di Dio e del Frutto del Padre! Quante cose cattive Mi sono state dette e Io crescevo sempre di più nell'Amore di Dio! Fatelo anche voi! Lo Strumento viene Perseguitato, viene usato, e quando non serve più viene gettato, ma non lascia nessuno dei figli cadere a terra! E' la Promessa che ha fatto al Padre! Più la usano e la calpestano, più lei Ama e raccoglie i propri figli!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: ...Rimango ancora seduta così com'è seduto il Padre al Banchetto: Eccomi! ......Allora: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) <Alla Glorificazione, Giulia voleva alzarsi in piedi come al solito, ma in questi ultimi tempi viene invitata a non farlo......!> LA MADONNA: Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen! <La Madonna Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Nel Fuoco d'Amore che Arde nel Cuore del Padre, nel Cuore del Figlio e nel Cuore di una Mamma Amata da Dio, la Croce si accende nei Cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera, Figli Miei! <La Madonna Benedice col Segno della Croce> La Pienezza del Padre è in mezzo a voi e tutto quello che il Padre ha fatto da sempre è in mezzo a voi nel compiersi il Parto Pieno, la Luce che Illumina l'umanità intera e la Famiglia Scelta da Dio! E da sempre Dio Ha Pensato ogni cosa e il Tempo della Famiglia Pensata da Dio si è Compiuto, il Parto è aperto e Io Cammino col Parto del Padre, con le Schiere dei Servi Inutili Partoriti dalla Croce di Dio e Raccolti dal Sangue del Mio Figliolo Gesù! Ed Eccoci ancora uniti ai Figli...! Ed Eccoci ancora nel combattere...! Ed Ecco ancora il Mio Cuore Immacolato in mezzo a voi, Mamma dell'Amore, Mamma dei Dolori, Donando ad ognuno di voi l'Amore Pieno di Dio! <La Madonna Benedice nuovamente col Segno della Croce> .........Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Mamma! Tu Sei Splendente più che mai! Mammina, porti la Pancia? Come quando ci Doni ancora Tuo Figlio? La Madonna: Non eri pronta a vederMi in questo modo? Giulia: I Tempi sono nei Tempi, ma ancora ci sono i Giorni e Tu Porti già la Pancia nel Parto Pieno di Dio, nel Partorire tutto quello che il Padre ha preparato da sempre e nel rendere tutto nuovo! È bello vederTi così, Mamma! Non posso dirTi ancora di tenere i Giorni del Parto, Tu che puoi tutto, e far nascere il Tutto del Padre, ma quando finisco nel fare tutto quello che il Padre vuole da me... e non partorire prima con l'amicizia e con l'essere figlia.........! La Madonna: Il parto dura nove mesi...... ma quello di Dio non dura nove mesi...... non temere, Anima Mia! Giulia: Di questo ne ero sicura, ma "i Conti di Dio" non sono i nostri, perchè può essere fra un istante o può essere fra tanto tanto tempo! Quell'istante Tu lo tieni tanto tanto? La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: So che conoscono l'Ora e il Giorno, so..., ma devo rimanere all'ubbidienza, e se i figli sentono che c'è un Parto si fanno un conto di nove mesi, ora però stanno tranquilli visto che io non posso rispondere quando mi chiedono il Significato......! E allora la Pancia rimarrà con i Giorni tanti tanti? La Madonna: Eccomi, Anima Mia......! ORA GUARDA ANCORA.........! Giulia: Mamma, Tu tieni il Parto... La Madonna: Non chinare il capo! Giulia: Eccomi! I farisei di ieri e di oggi hanno interrotto la Gravidanza del Padre! Cosa posso fare? Inzupparmi e Bermi? Unire ciò che è stato interrotto? La Madonna: Prega e fai pregare i tuoi figli dicendo "Padre Nostro-Ave Maria!" Giulia: Eccomi, Mamma! Non posso fare altro di ciò che vedo? La Madonna: No! Giulia: Posso Alzare la mano? La Madonna: Prega, Anima Mia......! Giulia: Eccomi nel Fare le Cose del Padre! Mamma, metto nel Tuo Cuore tutto quello che Dio mi ha donato e mi dona attimo dopo attimo! Metto nel Tuo Cuore le mura insanguinate! Metto nel Tuo Cuore le Pietre che sono diventate nere! Metto nel Tuo Cuore la Famiglia! E in questo tempo dove il veleno cammina, il posto più sicuro è il Tuo Cuore, Mamma! Oggi ho solo "il mio niente" da donarTi: prendilo! La Madonna: Il Padre non ti ha donato il Tutto da portare, da far germogliare e da far crescere? Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: Fai cucire il Filicino! Giulia: Mammina, i Regali si fanno interi, non a metà! Ancora deve arrivare il Tuo Giorno e quando arriverà il Tuo Giorno me lo fai legare Tu, ma prima raccogli questo piccolo dono! Tu, il Padre e Gesù i Regali li fate interi, non a metà! La Madonna: Cosa devo risponderti? Giulia: Quello che desideri, ma penso che non sia sbagliato quello che ho risposto: fare un Regalo a metà, non è da Dio! Il Padre non mi ha insegnato a fare i Regali a metà...... così accoglilo intero! La Madonna: Eccomi, Anima Mia, ma pregate, figli! Giulia: Non temere, Mamma, quando è stato aperto il Tuo Cuore il Filo è rimasto aperto per tanto tempo e non avevi nessuno, tranne che Dio... e anch'io ho Dio! La Madonna: Come fai? Giulia: Eccomi, Mamma! Eccomi! Eccomi! Guarda i cuori della Tua Famiglia, accogli il mio e dona ad ognuno di loro la Pienezza del Padre! Ancora non sono pronti, dona loro gli Eccomi che Tu, Mamma, hai donato al Padre per poter camminare ancora, e raccogli le Pietruzze che Ti ho consegnato, visto che ancora i Giorni non sono terminati, Mamma! La Madonna: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Ci sono i Sigilli! Ma questi vengono dal Tuo Cuore, Mamma! E finalmente questi Sigilli sono pieni d'Amore, di Vita e di Gioia......! La Madonna: Dì solo questo ai figli e non aggiungere altro! Giulia: Eccomi! La Madonna: QUESTO È IL DONO PER IL CALICE VIVENTE NEI SUOI ANNI DONATI AL PADRE! È IL DONO PER ESSERE RIMASTO CONSACRATO AL MATRIMONIO DI DIO! Giulia: Mammina, non puoi dire tutto ai figli? La Madonna: Non temere, presto vedranno! Questi Sigilli sono sette..., sette..., sette...! Giulia: Eccomi! La Madonna: In Questo Giorno non devi né Berli e né Inzupparti...... e né Berli per i Sigilli che hai visto...... ma Immolati come sai fare tu per la Barca che è affondata e per le mura bagnate di Sangue Innocente! Giulia: Eccomi, Mamma! Come sei Bella nel vederTi con la Pancia! Il Tuo Abito è così Luminoso da far perdere la vista! La Madonna: Apri gli occhi! Giulia: ......È ancora più bella la Creatura che vedo! La Madonna: Non si perde la vista nel guardare la Luce del Padre! La vista si perde nel guardare le cose del mondo, Anima Mia...... ed è ciò che i figli ancora non riescono a comprendere! Giulia: Mamma, doniamo a tutti quanti i miei occhi? La Madonna: Prega, Anima Mia, e fai pregare i tuoi figli: "Padre Nostro-Ave Maria!" E tieni tutti nell'Arca e Rema, con l'Eccomi del Parto Vivo! Giulia: Eccomi, Mamma! Tienici sempre per mano! La Madonna: Non hai la mano Scorticata per prendere i tuoi figli? Giulia: Eccomi! È legata alla Tua, Mamma! La Madonna: E porta ancora l'umanità e i tuoi Figli sulla Viuzza Stretta! Giulia: Eccomi! La Madonna: Ed Eccomi ancora col Banchetto del Padre, con tutti i Servi Inutili, con tutti i Cari, con tutti i Pargoli, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, con Natanaele, Vittorio, Rossella e le Bimbe, nel Portare l'Unica Verità della Croce... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Eccomi, figlia, Io Sono dinanzi alla Schiera, vieni anche tu! Giulia: Eccomi, Mamma! Dobbiamo combattere e tutti i Servi Inutili devono Impastare per il Tuo Giorno......! La Madonna: Eccomi! Porta anche i tuoi figli e fai Impastare anche a loro! Giulia: Eccomi! La Madonna: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Mammina! La Madonna: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuta in mezzo a noi! La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Calice Vivente, stai bene? Don Vincenzo: Sì, ma soprattutto perchè ho finalmente sentito non più Sigilli Negativi ma anche Sigilli Positivi! La Madonna: E voi state bene? Tutti: Eccomi! <La Madonna manda baci e viene ricambiata> La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Soprattutto quando ho sentito che i Sigilli vengono dal Tuo Cuore Pieno d'Amore e di Gioia! Mamma, da tanto tempo aspettavamo questa Lieta Notizia! La Madonna: , ora iniziano ad arrivare i Sigilli della Gioia del Padre...... ma ci saranno ancora altri Sigilli Negativi...... e lì lo Strumento chiede attimo dopo attimo al Padre di poterli Bere tutti quanti o di poterli Tenere fino al Giorno della Sua Nascita! Quando ci sarà il Giorno della Festa che hanno deciso gli uomini, parleremo e parleranno tutti! Ma pregate, pregate per lo Strumento, non si ferma un istante e solo Io e Gesù e il Padre possiamo dirvi queste cose! Lo Strumento dice: "NON HO FATTO NULLA, SE TROVI IL MIO NIENTE PRENDILO!" E' questa la preghiera che dovete Innalzare dopo quella del Padre Nostro e dell'Ave Maria: "NON ABBIAMO FATTO NULLA, SE LO TROVATE PRENDETELO!" Non fate come i falsi profeti che gridano nel dire: "siamo stati dall'alba al tramonto nel fare tante preghiere!" Stolti! A Dio non si conta ciò che si offre, ma nel silenzio dei propri cuori si Innalza il "niente" dell'alba fino al tramonto! Se fate questo, fate quello che fanno i falsi profeti e i farisei di ieri e di oggi! E' Dio che dovete temere e non gli uomini! E' Dio che vi Dona il Soffio e non gli uomini! E' Dio che vi ha Scelto e vi porta nell'Arca e i Remi sono stati consegnati ad ognuno di voi! Ecco, in questo giorno lo Strumento ha detto ciò che ha visto, cioè ha visto la Pancia del Parto di Dio...! Ha visto la Creatura Scelta dal Padre con la Pancia nel Partorire...... ma ha chiesto di aspettare ancora...! L'umanità e i suoi figli non sono ancora pronti... e così, quando lei chiede di aspettare, si Inzuppa, si Beve e si Scortica ancora! <La Madonna Alita su Don Vincenzo> Don Vincenzo: Mamma, Eccomi! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ancora, Mammina! La Madonna: Ancora...... Sono Venuta per Rimanere un po' con voi, ..., attimo dopo attimo sono in mezzo a voi......ma Sono Venuta per farMi sentir Parlare......! Don Vincenzo: Ma com'è questo Parto di Dio? La Madonna: Quello che hai sentito! Se il Padre voleva dirvi di più, l'avrebbe fatto! Devi avere la Santa Pazienza di aspettare, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: E anche ognuno di voi deve pazientare! Tutti: Eccomi! La Madonna: Io ho saputo aspettare e, come Mamma, aspetto ancora ciò che Dio ha voluto e vuole ancora, e così anche lo Strumento sa aspettare...! Non dovete correre! Se Dio si fosse messo a correre, dove vi avrebbe lasciato? Don Vincenzo: Nessuno Gli può andare dietro......! La Madonna: Nessuno! Ma Dio aspetta e non corre e aspetta i Suoi Figli! ......Ma voi pregate per quella Barca affondata...... pregate per quelle mura insanguinate di Sangue Innocente...... pregate per i Grandi del mondo, così come si fanno chiamare! Solo "uno" può Salvare! Pregate per "l'uno" che può Salvare, Figli! Don Vincenzo: Pregate per "l'uno" che può Salvare? La Madonna: , "uno" può Salvare! Don Vincenzo: Quello che sta in Cielo? La Madonna: No, quello sta scendendo l'altro Gradino! Voi ascoltate ciò che dico, ciò che il Padre Mi fa dire e Mangiate il Pane che Dio vi Dona attimo dopo attimo attraverso lo Strumento...... Calice Vivente e Figli del Mio Cuore......! <Ora la Madonna si rivolge a Giuseppe che si è assopito> Vuoi dormire Figlio, o vuoi ascoltare? Dinanzi a Dio si rimane svegli, si prende il Pane e si Mangia! Svegliati e Ascolta Dio che Parla! E anche voi destatevi dal sonno delle cose del mondo, Figlioli del Mio Cuore, e non rimanete legati nel veleno, ma destatevi dal sonno di coloro che non sono entrati e non fanno entrare e pregate per i vostri nemici, pregate per coloro che vi maledicono, pregate per coloro che trafiggono i vostri cuori perché, trafiggendo i vostri cuori, trafiggono il Cuore del Padre, il Mio Cuore di Mamma Immacolata e Addolorata e il Cuore del Mio Figliolo Gesù! VOI SIETE STATI SCELTI E SARETE PERSEGUITATI COME LO È IL MIO FIGLIOLO GESÙ, MA NON DOVETE TEMERE GLI UOMINI, DOVETE TEMERE IL PADRE, FIGLI MIEI, PER I TEMPI CHE VERRANNO ANCORA! E' Tutto preparato da Dio da sempre, e Dio, come ha detto lo Strumento: "i Regali li fa tutti Interi!" E non posso non accettare il Regalo che lei vuole farMi: lasciare il "Filicino" slegato fino al Giorno della Mia Festa! Don Vincenzo: Non è pericoloso? La Madonna: Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria"! Quando un Figlio vuole donare un dono al Padre, il Padre Allarga le Braccia! ......Ora parla tu un po', Io vi bacio ancora! <La Madonna manda baci e viene ricambiata> E vi voglio bene nel vedervi sulla Viuzza Stretta! Tutti: Anche noi Ti vogliamo bene! La Madonna: Eccomi, Figli! Don Vincenzo: Facciamo un applauso alla Mamma! <Tutti offrono alla Madonna un caloroso applauso> La Madonna: E tutti i Servi Inutili, i vostri Cari, i Pargoli e le Schiere che sono pronte nel Combattere e nell'Impastare lo fanno ad ognuno di voi lasciando Scendere il Pane appena Sfornato! <La Madonna con le Mani giunte alza gli Occhi in Alto> E' Sceso su di ognuno di voi! ...Voi avete fatto l'applauso alla Mamma...... e il Cielo e i Servi Inutili hanno lasciato Scendere l'Applauso del Pane su di voi! Don Vincenzo: Che bella questa parola: "l'Applauso del Pane" su di ognuno di noi per essere nutriti "dal Pane......"! La Madonna: ! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ripensavo a Giovedì Scorso, in merito ai Sigilli Negativi, quando la Cocciuta dice che li vuole cancellare, cioè li vuole Bere perché bevendoli li cancella e li azzera...! La Madonna: ! Don Vincenzo: Mentre invece se li tiene, sono ancora in posizione, pronti a nuocere......! La Madonna: ! Don Vincenzo: La Cocciuta è eroica nelle sue Immolazioni Salvifiche......! La Madonna: Ne sta Bevendo tanti di Sigilli, non sono solo quelli del Giovedì ma attimo dopo attimo Giovanni prepara i Sigilli da fargli vedere, e attimo dopo attimo lei riesce a toccare il Cuore del Padre nel Berli, ma ce ne sono ancora...! Ci sono quelli Positivi che vengono dal Cuore del Padre e dal Mio Cuore, ma ci sono anche quelli negativi, tremendi, che vengono dalla Cupola e dagli uomini......! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Calice Vivente! Don Vincenzo: Era quello il Regalo che mi dovevi fare, cioè che iniziano a scendere anche i Sigilli Positivi come questi che oggi sono scesi? La Madonna: ......Era quello il Regalo...! Don Vincenzo: Ancora, Mammina! La Madonna: Ancora...! Non è stato gradito dal tuo cuore? Don Vincenzo: Sì, quello che viene dal Cielo è sempre una Grazia Immensa! Ancora, Mammina! La Madonna: "Ancora, Mammina"! Ancora, Figlio! Don Vincenzo: Prima, quell'Uno che sta in Cielo stava scendendo un altro gradino......! La Madonna: , ha sceso un altro Gradino...... ma è un altro quello che deve salvare......! Quando leggi, poi capirai......! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Quindi quando leggiamo capiremo pure il fatto Tuo della Pancia? La Madonna: Quando sarà la Mia Festa parleremo tutti quanti, parleranno i vostri Cari e parlerà anche Lucia, parlerà anche Carlo, Pio e Domenico! Faremo Festa nel rimanere Uniti al Cuore del Padre, ma dovete preparare i vostri cuori......! Don Vincenzo: Sì, Mammina, Giovanni già ci ha avvisati e ci ha detto che non è una curiosità quella che ci deve guidare a questo incontro col Cielo......! La Madonna: , tutti i Figli si devono preparare a questo Incontro del Cielo...... e nessuno rimarrà senza il Pane perchè Dio non lascia la Famiglia senza il Pane, non temete! ......Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Ancora! La Madonna: Ciò che il Padre Mi ha Donato da darvi, l'ho già fatto, ma come Mamma vi invito ancora a rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e gioire! Gesù non diventava triste quando Lo sputavano in faccia, non diventava triste quando Lo cacciavano fuori, non diventava triste quando Gli tiravano le pietre, non diventava triste quando Gli dicevano: "sei il diavolo!" E neanche voi dovete diventare tristi quando parlano male ma dovete gioire! Io Ero Gioiosa e lo Sono ancora! Sono triste nel vedere i figli che voltano le spalle alla Croce e si gettano come Croce! Ma non diventavo triste quando parlavano male della Pancia di Dio e del Frutto del Padre! Quante cose cattive Mi sono state dette... ma Io crescevo sempre di più nell'Amore di Dio! Fatelo anche voi...! Lo Strumento viene Perseguitato, viene usato, e quando non serve più viene gettato, ma non lascia nessuno dei figli cadere a terra! E' la Promessa che ha fatto al Padre! Più la usano e la calpestano, più lei Ama e raccoglie i propri figli! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Dio è Croce! La Madonna: L'ho detto prima! Don Vincenzo: Il Padre è Croce! La Madonna: Se Dio è Croce, Dio è Padre! Don Vincenzo: Il Figlio è Croce! La Madonna: E ognuno di voi lo siete! Don Vincenzo: E anche Tu, Mamma, che hai Partorito la Croce! Tutto questo, tutto questo è Dio...... tutto questo Amore...... l'Amore è Croce... ed essendo tutto Amore è tutto Croce...... e quindi è lì che dobbiamo imparare ad Amare......! La Madonna: E lì che dovete Amarvi e, se vi Amate, imparate ad Amare anche i nemici per prima... e poi gli altri...! Don Vincenzo: Quindi, Mamma, dobbiamo Amarci! La Madonna: Dio si è Amato per poi Donarsi! Si è Amato, ha Amato il Figlio, ha Amato Me e ha Amato e Ama ognuno di voi perché è Amore e solo l'Amore può Donare Amore e il Soffio! Se Dio non fosse stato Amore non avrebbe Mandato il Suo Figlio nel DonarmeLo nell'Amore e nel DonarLo ad ognuno di voi nell'Amore, per far diventare ognuno di voi Amore e Croce! Cosa pensate che sia Dio? Un Padre che uccide i propri figli? Tutti: No! La Madonna: Ma in molti libri è stato scritto così, ma Dio non è quello che è stato scritto nei libri! Dio è Amore e Partorisce attimo dopo attimo Amore per i Propri Figli, per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ecco perché lo Strumento dice: "aspettiamo ancora, non hanno capito!" Il Padre l'accontenta, ma c'è l'Ultima Domanda: l'accontenterà nel farla rispondere......? Ma Dio è Padre ed è Giudice e accoglierà i Frutti che lo Strumento raccoglie......! Per coloro che non daranno la mano, sarà il Padre a decidere e a giudicare......! Don Vincenzo: ......Mammina! La Madonna: Eccomi! Non dico tutto questo per farvi spaventare ma per prepararvi a ciò che vi è stato nascosto! Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: Mammina...... La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: La Forza Amorosa e Salvifica della Cocciuta è perché lei si tuffa nell'Amore del Padre, praticamente prende tutto dall'Amore del Padre e, prendendo dall'Amore del Padre è sempre Piena di Amore anche lei! La Madonna: Tutto il Padre le ha Donato...... e lei prende e dona... e anche quando rimprovera i propri figli è per farli camminare sulla Via Stretta donando tutto l'Amore del Padre! Don Vincenzo:Mammina! La Madonna: Eccomi, Calice Vivente! Don Vincenzo: E così come fa col Padre, la Cocciuta fa con Te, perché lei attinge anche da Te... e quando vede Te, vede Tutto, perchè si immerge in Te! La Madonna: Vedi, Calice Vivente, voi vedete lo Strumento in mezzo a voi, ma lo Strumento viene da Dio! Vedete lo Strumento fare le cose di tutti i giorni, ma lo Strumento Lavora per Dio! E' Dio che l'ha Mandata dal Grembo Materno! Lo Strumento Conosce il Tutto del Padre, ma rimane all'Ubbidienza del Tutto del Padre, Piccola, Fragile, ma Croce, nel Silenzio e nell'aspettare il Parto di Dio! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Hai perso la voce, Figlio? Don Vincenzo: Visto che domani è la Festa mia essendo nato il 12 Agosto 1949, pure io sono stato...... La Madonna: ...Scelto... Don Vincenzo: ...Dal Grembo Materno? La Madonna: ..., dal Grembo Materno! E' bello il Regalo dello Strumento chiesto al Padre o no? Tutti: Eccomi! La Madonna: Hai capito che Regalo ha chiesto lo Strumento per te? Don Vincenzo: No! La Madonna: Non l'hai capito? Don Vincenzo: Non ho sentito bene! La Madonna: Chi l'ha sentito? Nessuno ha capito il Regalo che lo Strumento ha chiesto per il Calice Vivente? E' grave! Mosè: I Sigilli del Padre! La Madonna: Quando leggerai, lo troverai! Poi chiami lo Strumento e lei ti farà capire! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Dovete essere più attenti ad ascoltare la Parola del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: .......Ma il Padre vi Ama e vi tiene nell'Arca e vi Dona ancora i Remi! Don Vincenzo: Mammina! <Don Vincenzo fa segno che non sente bene e la Madonna Alita sull'orecchio di Don Vincenzo e si ride un po'> E' tutto buono perché tutto va nel Calice! La Madonna: ! Allora Parla, Calice Vivente! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Solo quando ci amiamo poi possiamo amare: lì c'è la Chiave dell'Amore! Questo volevo chiederTi, Mammina: ma nell'amarci ci potrebbe essere un'autostima di noi stessi? <La Madonna fa cenno di no> O forse scaturisce dalla Figliolanza quella di amarmi perché sono Figlio di Dio? <La Madonna fa cenno di no> Mi amo perché sono Croce? La Madonna: No, quando leggi, ti ho già donato la risposta e non posso donarne una di un modo ed una di un altro! Quella che è stata donata, è! Don Vincenzo: C'è tutto! La Madonna: , c'è tutto! Lo so che sei un Calice Vivente ripetitivo! <Si ride un po'> Ma il Padre ti ha già Donato quello che basta! Parla ancora, poi dopo i Figli devono portare a casa quello che gli è stato Donato! ......Ora parla ancora! Don Vincenzo: Sì, Mammina, quello che mi fa apprezzare e stimare la Cocciuta è questa sua dedizione incondizionata e disinteressata e questa sua umiltà profonda e io vorrei proprio questo imparare da lei......! La Madonna: Non devi dimenticare che Sei il Calice Vivente e che nella tua umiltà dici di imparare...... ma il Calice Vivente è Pieno, così com'è Pieno il Padre! Don Vincenzo: E proprio a questo volevo riferirmi, Mammina... La Madonna: Fa finta di non capire! <Si ride un po'> Chi è il Calice Vivente? Don Vincenzo: Dillo Tu, Mammina! La Madonna: No, lo devi dire tu! Don Vincenzo: E' troppo Grande! Non sono degno di dirLo! La Madonna: È Dio, e ciò che Dio Dona è la Misura Sua! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: C'è il Soffio, c'è la Figliolanza, c'è l'Eredità, c'è la Felicità Eterna e quando ci svegliamo la mattina, la Giornata la dobbiamo vivere cantando di gioia per tutte queste potenzialità con cui il Padre ci riveste giorno per giorno, ora per ora, minuto dopo minuto, secondo dopo secondo...! Siamo ricchi, ma ricchi di Dio e questo ci dovrebbe proiettare durante la giornata alla gioia e al sorriso e invece tante volte le nostre giornate scivolano via col volto triste, arrabbiati, senza perdono, duri di cuore, senza essere umili, sempre più avvelenati dalle cose del mondo caduche e passeggere, quando invece dovremmo fare festa ogni momento cantando per la gioia di avere un Padre così Buono, così Amorevole e così sempre pronto ad aiutare i figli! ......Tu cantavi, Mamma? La Madonna: ! Don Vincenzo: Sempre? La Madonna: ! E avendo incontrato il Padre e il Mio Gesù, camminando e parlando con gli uomini dicevo a loro tutte le Cose del Padre, ma gli uomini non raccoglievano le Cose del Padre, ma raccoglievano le cose del mondo! Avevano scambiato Gesù, nel fare di Lui l'uomo che poteva donare a loro ciò che serviva per le cose del mondo! Ma Mio Figlio era stato Mandato e lo è ancora per le Cose del Padre, per l'Eredità di Dio e tutt'ora viene venduto e comprato per le cose del mondo e non per le Cose del Padre! I farisei di ieri e di oggi hanno tradito e tradiscono ancora e vi rubano anche l'Anima, ma voi non vedete e non sentite! Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria"! Non sono entrati e non lasciano entrare attraverso la Porta di Dio! E una Mamma Gronda Sangue nel vedere tutto questo! Io l'ho visto dal primo istante, da quando Dio Mi ha Scelta nel portare il Suo Figliolo Gesù per donarLo e, nel donarLo, Lui vi ha Comprato a Prezzo di Sangue: non vi ha venduti ma vi ha Comprati e vi porta nel Suo Cuore! Vigilate, il veleno cammina ancora, ma voi avete la Destra che Dio vi ha Donato! <La Madonna Benedice> Combattete! Gli uomini non possono togliervi la Destra del Padre, Figli Miei! ...Ora tu Saluterai i tuoi Figli con l'Albero Verde, Io vi Saluto col Magnificat! Vi invito ancora a preparare i vostri cuori nel Giorno della Festa che è stata scritta dagli uomini ma, quando il Padre decide, vi dirà qual'è il Giorno! Don Vincenzo: Mammina, un'ultima cosa...! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Possiamo chiamarci: "Figli nel Figlio"? La Madonna: ! Don Vincenzo: Possiamo chiamarci "Crocifissi nel Crocifisso"? La Madonna: ... ma chiamatevi: Croce! Don Vincenzo: Croce! E' questo il nostro Nome? La Madonna: , Dio è Croce, Io Sono Croce, Mio Figlio è Croce e ognuno di voi lo è, fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Don Vincenzo: E quindi del Crocifisso? La Madonna: Fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Che facciamo? La Madonna: Saluta con l'Albero Verde, Calice Vivente! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) ...Ora recitiamo il Magnificat! Don Vincenzo: Si! <Tutti recitano il canto del Magnificat > La Madonna: L'Anima Mia Magnifica il Mio Figliolo Gesù! L'Anima Mia Magnifica lo Sposo che Sei Tu, Dio! L'Anima Mia Magnifica tutti i Figli Sposi dello Sposo della Croce! L'Anima Mia Magnifica il Sangue che lasci scendere! L'Anima Mia aspetta il Parto preparato da sempre! Giulia: Mammina, l'Anima Mia Magnifica il Tutto che Dio mi ha donato, e non sono degna, ma eccomi nel Fare la Volontà del Padre!(*) ...Essendo ancora nell'Amicizia e nella Confidenza, tienimi il Parto!(*) ...Se volete, fatemi raccogliere tutti i figli dispersi per portarli nel Parto del Padre!(*) ...E ora che Tu andrai a Lavorare con le Schiere, io posso andare a bere gli altri Sigilli preparati da Giovanni?(*) La Madonna: Non ti sono bastati? Giulia: Non ho nulla da fare!(*) ...Posso andare? La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Mamma, perdonami se Ti chiedo un'altra cosa: Tu stai vedendo i Tempi e quelli che arriveranno ancora, e la Famiglia nell'Arca è al sicuro ma...... dona a loro la Forza di sentire e di vedere i Tempi che stanno arrivando!(**) La Madonna: Io ho lasciato scendere la Mia, ora dona la tua! Stendi il Velo! Giulia: Quale? Quello del Padre, quello di Gesù o il Tuo? La Madonna: Il Mio!(*) Giulia: Ecco, Mamma!(*) ...È aperto ma non temere!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, accoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Papà! La Mamma ha donato... io ho donato il Manto... e Tu dona un altro Chicco di Grano a tutti i figli così diventa una Montagna di Farina e possono impastare! Il Padre: Non stai chiedendo un po' troppo? Giulia: No, nella Tua Casa c'è Grande Abbondanza: un Chicco per ogni figlio lo lasci scendere? Il Padre: Eccomi! Giulia:Allora porteranno anche il Chicco così diventerà una Montagna e impasteranno il Tuo Amore!(*) ...Ci vediamo dopo! ...E visto che siete tutti al Banchetto in mezzo a noi, Vi salutiamo! <Tutti salutano il Cielo e i propri Cari> ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Pargoli!(*) ...Ciao, Papà Dio Bambino, che tieni sempre il Cuore Spalancato!(*) ...Ciao, Mammina!(*) ...Grazie per il Regalo!(*) ...Preparate altri Vestitini ed altri Anelli perché ci sono altre Spose e dopo vengo a portarle!(*) ...Ciao, Fiorellino! VIOLETTA: ...Ciao, figlio Mio! Don Vincenzo: Eccomi! Violetta: Auguri per gli anni che hai donato al Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Violetta: Sono la tua Mamma! Don Vincenzo: Mamma, auguri anche a Te per tutto quello che hai fatto per me! Violetta: Auguri, Croce di Dio! Auguri, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! Violetta: Nel tuo Battesimo ti ho messo il nome di "Croce di Calice Vivente", offrendoti a Dio! Don Vincenzo: Mammina! Violetta: Eccomi! Don Vincenzo: Il Battesimo mi è stato fatto lo stesso giorno che sono nato? Violetta: Eccomi! Dio Mi ha chiesto e Mi ha donato il Suo Amore ed Io gliel'ho ridonato di nuovo! Don Vincenzo: Eccomi, Mamma! Violetta: Lavora e auguri ancora, figlio Mio! <Parte un forte applauso> Grazie ad ognuno di voi! Grazie per l'Amore che donate a Mio figlio! Dio non poteva donargli una Famiglia come lo siete voi: Io gli ho donato il Latte del Padre, gli ho donato l'Amore che il Padre ha donato a Me, mentre voi lo state crescendo come mamme donandogli tutto l'Amore! ...Cresci anche tu e fai da Mamma al Mio figlio! ...Eccomi nell'Amore di Dio e nell'impastare nella Gioia e nell'aspettare il Parto! ...Dì a tuo padre Renato di crescere ancora nella fede, figlio Mio, e dillo anche a tuo fratello Franco di accendere la Luce nel suo cuore e di mangiare il Pane di Dio! Don Vincenzo: Eccomi! Violetta: Eccomi! ...Ora vi saluto!(*) <Violetta schiocca un bacio verso i presenti e viene ricambiata> Giulia: ...Ciao, Servi Inutili, ci vediamo dopo!(*) ...Ora vengo a portare le Spose...!

 

 

 

 

4. Giov. 22/08/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Gesù): LA MIA GIOIA È PIENA, E NELL'ESSERE PIENA LA DONO AD OGNUNO DI VOI INDICANDOVI CIO' CHE SIETE: FIGLI DELLA CROCE, AMICI E FRATELLI DEL MIO CUORE! ......SONO IO, IL VOSTRO GESU', L'AMICO DI SEMPRE, IL FRATELLO DI SEMPRE, IL PADRE DI SEMPRE RIMASTO SEMPRE SULL'ALBERO DELLA CROCE AD INDICARE AD OGNUNO DI VOI LA VIA STRETTA, IL CAMMINARE E L'ABRACCIO NELL'ESSERE FIGLI DI DIO, FATTI A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA, CROCE NELLA CROCE PER DONARE AI VOSTRI NEMICI L'ALBERO CHE È DIO! ANCORA UNA VOLTA, FIGLI, FRATELLI E AMICI DEL MIO CUORE, SIETE ENTRATI PER LA PORTA STRETTA? AVETE AMATO I VOSTRI NEMICI? AVETE PERDONATO COLORO CHE HANNO TRAFITTO I VOSTRI CUORI? AVETE SPEZZATO IL PANE? AVETE LAVORATO NELLA VIGNA? VI SIETE RICORDATI DI AVERE UN PAPA'? FIGLI, FRATELLI E AMICI, ECCOMI ANCORA CON LE BRACCIA SPALANCATE SUL LEGNO VERDE DELLA CROCE PER OGNUNO DI VOI, PER FAR SCENDERE IL MIO SANGUE NEL DONARVI IL SOFFIO ANCORA...! VI HO PAGATI A PREZZO DI SANGUE... VI HO PARTORITI... E NON VOGLIO PERDERE NESSUNO DEI MIEI FIGLI!

*******************

(Gesù): GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! (Giulia): Eccomi, Gesù! CI SONO I SIGILLI, GESU', SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE... E I SETTE SIGILLI, GESU', SONO FATTI DI SETTE MONTAGNE DI UOMINI CHE BRUCIANO...... E TUTTO PARTE ANCORA DALLA CUPOLA! E IL FUMO COPRE L'UMANITA' INTERA PORTANDO VIA MOLTISSIMI PARGOLI......! Posso Berlo, Gesù? (Gesù): Non puoi Berlo, ma puoi tenerlo!

*******************

<GESU' OFFRE LA SEGUENTE PREGHIERA AL PADRE E TUTTI I PRESENTI, GUIDATI DA LUI, LA RIPETONO:> (Gesù): ORA INVECE DICO ANCORA E DITELO ANCHE VOI: "PADRE PERDONA LORO PERCHÈ SANNO QUELLO CHE FANNO...... E NOI SIAMO I TUOI FIGLI! COSI COME TU PERDONI I NOSTRI ERRORI, NOI PERDONIAMO COLORO CHE TRAFIGGONO I NOSTRI CUORI, E TUTTO DIVENTA LUCE, E TUTTO DIVENTA CROCE, PERCHÈ TU SEI CROCE E NOI LO SIAMO PERCHÈ TU LO SEI DA SEMPRE!"

*******************

(Don Vincenzo): Stare con Te è una Grazia Immensa, Parlare con Te, Gesù, Figlio di Dio, Ascoltare Te, è il Massimo dei Massimi... che bello! (Gesù): Non è solo bello, Io Sono più Gioioso di voi! Ovunque vado Mi vendono e Mi comprano, voi non Mi vendete e non Mi comprate: voi Mi amate e Mi aspettate e venite al Banchetto Preparato dal Padre! In altri posti vengo venduto, vengo comprato, vengo bestemmiato, vengo sputato, Mi hanno cacciato fuori! E la Gioia è Grande per Me Rimanere a Parlare in mezzo a voi, Figli Miei!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) ...È la Chiave che mi dai e io la uso!(*) GESÙ: Non dimenticarlo, usala sempre! Giulia: Eccomi! Gesù: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> LA MIA GIOIA È PIENA, E NELL'ESSERE PIENA LA DONO AD OGNUNO DI VOI INDICANDOVI CIO' CHE SIETE: FIGLI DELLA CROCE, AMICI E FRATELLI DEL MIO CUORE! ......SONO IO, IL VOSTRO GESU', L'AMICO DI SEMPRE, IL FRATELLO DI SEMPRE, IL PADRE DI SEMPRE RIMASTO SEMPRE SULL'ALBERO DELLA CROCE AD INDICARE AD OGNUNO DI VOI LA VIA STRETTA, IL CAMMINARE E L'ABRACCIO NELL'ESSERE FIGLI DI DIO, FATTI A SUA IMMAGINE E SOMIGLIANZA, CROCE NELLA CROCE PER DONARE AI VOSTRI NEMICI L'ALBERO CHE È DIO! ANCORA UNA VOLTA, FIGLI, FRATELLI E AMICI DEL MIO CUORE, SIETE ENTRATI PER LA PORTA STRETTA? AVETE AMATO I VOSTRI NEMICI? AVETE PERDONATO COLORO CHE HANNO TRAFITTO I VOSTRI CUORI? AVETE SPEZZATO IL PANE? AVETE LAVORATO NELLA VIGNA? VI SIETE RICORDATI DI AVERE UN PAPA'? FIGLI, FRATELLI E AMICI, ECCOMI ANCORA CON LE BRACCIA SPALANCATE SUL LEGNO VERDE DELLA CROCE PER OGNUNO DI VOI, PER FAR SCENDERE IL MIO SANGUE NEL DONARVI IL SOFFIO ANCORA...! VI HO PAGATI A PREZZO DI SANGUE... VI HO PARTORITI... E NON VOGLIO PERDERE NESSUNO DEI MIEI FIGLI! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi!(*) Posso parlare, Gesù?(*) Chi è quella Sposa? Porta un Abito Bianco, ma trascina dietro i figli non sulla via di Gesù, non sulla Tua Via, Gesù, ma lontano da Te! Non è una Sposa, ma è un Flagello! E l'Abito non è più bianco, ma è nero! Gesù, non posso fare nulla per fermarlo?(*) Posso Inzupparmi e Bermi?(*) Tu mi hai donato ancora i Giorni, posso tenerne ancora una metà dei Sigilli......? Cosa posso fare per questo Flagello? Sta trascinando molti figli sul Velo dell'Abito..., posso fermarlo? Posso Inzupparmi e Bermi, Gesù? Gesù: Vedi, Anima Mia, una parte puoi tenerla... ma le altre parti devono scendere! Giulia: E questo non posso fermarlo? Gesù: È già Sceso! Giulia: Tu che puoi tutto, non puoi farmi andare ad Inzupparmi e a Bermi e portarlo?(*) Eccomi! Facciamo le Cose del Padre! Posso andare a prendere i figli che si prepareranno a donarmi la mano...? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Gesù, ancora Giorni ci sono... e gli altri Sigilli e gli altri Flagelli li posso tenere? Non possiamo dire al Padre di fermare un po' tutto quello che sta scendendo, tutto quello che vedo? Lui è Buono da sempre, ci ha Amati e ci Ama ancora e ci perdona ancora......! Gesù: Non dimenticare che il Tempo è nel Tempo e tutti i Servi Inutili sono in mezzo a voi e il "Figlio" ha sceso un altro gradino...! Giulia: Eccomi, Gesù, Facciamo ancora le Cose del Padre!(*) <Gesù per un po' è in silenzio e alza le Braccia in alto e poi in avanti......!> Eccomi! Gesù, metto ancora nelle Tue Mani tutto quello che mi hai donato in tutti questi anni dal Grembo Materno, metto l'umanità intera e tutti i figli che si sono affidati alle mie preghiere......! Io non so fare niente, ma Tu Prendi il niente della Giornata...... e Ti raccomando ancora le Pietruzze che sono diventate scure, ma Tu puoi farle diventare candide e accoglierle ancora......! Ci hai Donato l'Arca e i Remi e i figli li ho messi nell'Arca...... e nel Remare io..., ma se posso ancora Inzupparmi e Bermi, fa scendere tanta acqua dove io posso Inzupparmi e Bermi...! Gesù: Anima Mia, tu non ti Inzuppi nell'acqua ma tu ti Inzuppi nei Flagelli e nei Sigilli......! Giulia: Eccomi, Gesù! Mi poggio ancora sul Cuore di Maria, così Lei Va dal Padre e Gli chiede ancora se mi dona Giorni... e dopo vengo a portare le Spose, Gesù...! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi, Gesù! CI SONO I SIGILLI, GESU', SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE... E I SETTE SIGILLI, GESU', SONO FATTI DI SETTE MONTAGNE DI UOMINI CHE BRUCIANO...... E TUTTO PARTE ANCORA DALLA CUPOLA! E IL FUMO COPRE L'UMANITA' INTERA PORTANDO VIA MOLTISSIMI PARGOLI......! Posso Berlo, Gesù? Gesù: Non puoi Berlo, ma puoi tenerlo! Giulia: Ma posso Inzupparmi e Bermi? Gesù: Fallo, ma puoi solo tenerlo unito agli altri! Giulia: Eccomi, Gesù! Ma visto che i Tempi corrono, Tu hai accorciato i giorni, le ore e le notti e tutto il resto......! Il Tuo Compleanno fra poco arriverà..., ci ragioniamo un po' sopra nell'allungarlo, così gli Altri Sigilli posso tenerli ancora di più... o quando Tu decidi me li fai Bere tutti quanti come gli altri! Lo so, è presto ancora, ma Tu ricordatelo! Gesù: Posso dimenticarlo? Giulia: No, Gesù, Tu non dimentichi niente, ma io intanto te l'ho detto, così Tu lo tieni presente al Padre! Gesù: Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Ti Consegno ancora la Famiglia, l'umanità intera e ancora i figli che sono venuti perché Tu ci hai chiamati...... dona a loro quello che hai preparato da sempre per ognuno di noi e per l'umanità intera, Gesù...! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Ecco tutti i Servi Inutili! Ecco le Schiere! Ecco Maria che Cammina nel Combattere la Battaglia dell'Amore! Ecco i Cari nel Lavorare e nell'Impastare! Ecco i Pargoli ed ecco i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...L'Unica Verità del Pane, <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce> ......Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli Miei! Ed ecco Natanaele, ed ecco Vittorio, Rossella, le Bimbe e i Pargoli, nell'impastare il Pane! Ed ecco il Banchetto del Padre preparato per le Spose! Ed ecco il Banchetto che Dio ha Donato ad ognuno di voi! Siate vigilanti, i falsi profeti avanzano: combatteteli con la Destra, figli Miei... <Gesù ripete il Segno della Croce> ...E pregate per la Mura Insanguinate, pregate per la barca affondata e pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Giulia: Gesù, Scortica ancora il Tuo Nocciolo e perdona ancora coloro che hanno tradito e tradiscono ancora......! Gesù: Guarda le Mura...! Giulia: Eccomi, Gesù! Posso andare ad Inzupparmi e a Bermi? Gesù: No! Giulia: Eccomi nel Fare le Cose del Padre, Gesù! Gesù: ...Pace al tuo cuore, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Io sto bene con ognuno di voi nell'Amore Pieno del Padre! ...Cosa c'è, hai sentito i Sigilli? Don Vincenzo: Sì, e ancora una volta parlano di Morte, di Fuoco e ancora una volta tutto parte dalla Cupola......! Purtroppo tornano ad essere negativi...... mentre l'altra volta erano positivi! Gesù: Dovete aspettare, il Padre vi Dona Tutto il Suo Amore...... i Tempi sono nel Tempo e ciò che deve avvenire, deve avvenire: è Scritto nel Libro...! Maria sta Combattendo con la Schiera e i Cari stanno Impastando! Ce n'è uno di Sigilli Positivi e ne verranno altri Gioiosi, ma ce ne sono tanti altri non Gioiosi......... di Sigilli... e di Flagelli! Dovete pregare: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Il Padre e il Cielo hanno Parlato nel Giorno di Maria e vi hanno detto tante cose, tenetele nei vostri cuori, ma non dimenticate di pregare: "Ave Maria-Padre Nostro!" Quando il Padre Vorrà, vi dirà altro su Lucia! La Cocciuta l'abbiamo accontentata...... dovete crescere ancora per poter capire ciò che il Padre viene a Donarvi: la Verità Tutta Intera, Figli! ......Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Stare con Te è una Grazia Immensa, Parlare con Te, Gesù, Figlio di Dio, Ascoltare Te, è il Massimo dei Massimi... che bello! Gesù: Non è solo bello, Io Sono più Gioioso di voi! Ovunque vado Mi vendono e Mi comprano, voi non Mi vendete e non Mi comprate: voi Mi amate e Mi aspettate e venite al Banchetto Preparato dal Padre! In altri posti vengo venduto, vengo comprato, vengo bestemmiato, vengo sputato, Mi hanno cacciato fuori! E la Gioia è Grande per Me Rimanere a Parlare in mezzo a voi, Figli Miei! <Gesù, commosso, con lo sguardo accarezza ognuno dei presenti> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: I vostri cuori hanno Abbracciato la Croce? Qualcuno: Eccomi! Gesù: AbbracciateLa, Figli! E ricordate: avete un Papà che ha preparato ogni cosa per ognuno di voi che siete nell'Arca e avete i Remi! I Tempi che verranno non porteranno via l'Arca, non porteranno via la Grazia che Dio vi ha Donato e l'Ultima Grazia che il Padre vi ha Donato è Maria perché è il Primo Tabernacolo, la Prima Chiesa e rimarrà e non sarà portata via dagli uomini! Ma pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro" e al primo posto mettete sempre i vostri nemici, coloro che trafiggono il Mio Cuore e, trafiggendo il Mio, trafiggono il vostro, essendo fatti a Immagine e Somiglianza del Padre! ...Cosa c'è ancora, Calice Vivente? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Parla tu un po'! Don Vincenzo: Certo che amare i nemici non è facile, Gesù, perchè Ti hanno tradito, Ti tradiscono e Ti continueranno a tradire e questo complica un po' il nostro cuore, perché dovrebbe essere aperto anche ai nemici! Gesù: Il Mio è Spalancato, anche il vostro lo deve essere! Ho detto: "Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno!" <GESU' OFFRE LA SEGUENTE PREGHIERA AL PADRE E TUTTI I PRESENTI, GUIDATI DA LUI, LA RIPETONO:> ORA INVECE DICO ANCORA E DITELO ANCHE VOI: "PADRE PERDONA LORO PERCHÈ SANNO QUELLO CHE FANNO...... E NOI SIAMO I TUOI FIGLI! COSI COME TU PERDONI I NOSTRI ERRORI, NOI PERDONIAMO COLORO CHE TRAFIGGONO I NOSTRI CUORI, E TUTTO DIVENTA LUCE, E TUTTO DIVENTA CROCE, PERCHÈ TU SEI CROCE E NOI LO SIAMO PERCHÈ TU LO SEI DA SEMPRE!" Don Vincenzo: Che bello, Gesù! Gesù: Non è difficile perdonare i nemici! Don Vincenzo: Dopo queste Tue Frasi, Gesù, sembra davvero che è più facile perdonare e che è più facile tenere il cuore acceso......! Gesù: Essendo Figli di Dio il cuore è sempre acceso! Dio non L'ha mai spento e non Lo spegnerà! Don Vincenzo: Non solo, Gesù ma mentre dicevamo quelle frasi meravigliose, è come se il cuore si fosse acceso nell'Amare i nemici, perché Tu ci hai detto e ci hai fatto dire: "siete stati perdonati, i vostri peccati sono stati Lavati dal Mio Sangue e quindi come potete non perdonare e come potete non amare i nemici quando voi siete stati pure miei nemici?" Gesù: Ma pregate "Ave Maria-Padre Nostro" per coloro che Mi sputano in faccia! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro!" Gesù: Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Correggimi, se sbaglio! Gesù: , come ha detto Carlo: "se sbaglio, Mi corriggerete!" Don Vincenzo: Tante volte uso queste due parole, questa preghiera: "Padre Nostro-Ave Maria", ma tante volte preferisco dire solo: "Papà! Papà! Papà!", perché mi sembra più corta e più incisiva e poi tante volte ci aggiungo: "Mammà! Mammà! Mammà!"! Gesù: E' la stessa cosa......! Don Vincenzo: Ecco, questo volevo sapere! Gesù: Nel dire: "Padre Nostro-Ave Maria", "Padre e Madre!" Don Vincenzo: E' la stessa cosa...... quindi vale lo stesso......! Gesù: Ma non dimenticate che nei momenti di pericolo o quando siete nella Quiete Maria vi ha Donato il Rosario! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Nei momenti di pericolo dite: "Papà, Mamma"...... e il Padre Spalanca il Cuore... e la Mamma Lo Spalanca pure perché ce l'ha sempre Spalancato... e non lascia i Propri Figli! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E il "Nocciolo Scorticato" vi prende e vi porta sulle sue spalle camminando sulla Viuzza Stretta! Tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono! Allora ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Eccomi nel Fare l'Eucarestia! Gesù: Ci Doniamo così come il Padre ha voluto da sempre, ci Doniamo per i propri nemici e lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele Dona a Gesù il Bicchiere col Vino, Gesù Beve e poi lo Dà a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane che ne prende un po' e l'Altro Lo Dona a Don Vincenzo e insieme Mangiano> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Doniamoci! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù Rimane Seduto, Unisce Pollice e Indice di entrambe le Mani e dice:> Nell'accoglierMi accogliete i propri nemici, Figli! <Gesù unisce il pollice con l'anulare ad entrambe le mani, poi a lungo con la Destra fa il Segno Trinitario e a sinistra unisce pollice e indice, poi unisce il pollice con l'indice ad entrambe le mani e prima le ''punta'', poi le alza in alto, poi le unisce come nel gesto di raccogliere e Beve> Ti sei Donato? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Anch'Io Mi Sono Donato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Lo Strumento è Rimasta ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! E Io ho Bevuto il Calice delle Amarezze che Mi hanno consegnato ancora, Figli Miei! ......Cosa c'è, viceparroco? Raffaele:Non si sentiva bene! <Raffaele sistema il microfono> Gesù: Ora Mi sentite? Tutti: Eccomi! Gesù: Il Banchetto del Padre è tutto Intero per ognuno di voi e per le Spose: vuoi prendere parte? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Che Grazia partecipare a questo Banchetto del Padre, Dio che si Dona...! Gesù: Dio che si Dona......! È la Famiglia Scelta dal Padre...... e non si tira indietro...... e non ha altri impegni...... ma l'Unico Impegno è Prendere Parte al Banchetto del Suo Cuore! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Posso fare ciò? Don Vincenzo: Per me? Prima per Te! Gesù: No, Io Sono Venuto per Servire! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Servo attraverso ognuno di voi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Questa la Doniamo al "Nocciolo Scorticato"? <L'erbetta> È andata ad Inzupparsi e ha Bevuto ed è andata a portare le Spose dinanzi al Banchetto del Padre! ......Volete imitare la Cocciuta? Qualcuno: Eccomi! Gesù: Adesso assaporiamo! Eccomi nel prendere parte al Banchetto del Padre! Così gli Invitati sono venuti! Don Vincenzo: Ne vuoi un po', Gesù? Gesù: , Me lo offri tu......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ma tutto viene dal Banchetto del Padre! ...Basta così, Figlio! Don Vincenzo: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Gesù: Eccomi... pronti nel prendere parte a ciò che è di Dio, non a ciò che è del mondo! Tutto viene Donato ad ognuno di voi dal Padre, nulla viene fatto da voi se non è Dio! ...Ehi, viceparroco, c'è la Rosa sulla Torta che si sta staccando... sistemala... ecco......! Non fate gli Auguri a coloro che festeggiano il Compleanno? <Ci sono le Torte per il Compleanno di Rita e di Alessandra> Don Vincenzo: Sì! <Tutti applaudono> Dobbiamo dire i nomi? Gesù: , ma come sempre c'è qualcuno che parte dinanzi......! Don Vincenzo: Partono in anticipo...... e la Cocciuta vi rimprovera...... ma continuate ancora a sbagliare......! <Come succede pure con i canti......!> Se non c'è il nome della festeggiata, come fate a battere le mani? A chi battete le mani? Alessandra e Rita: queste due sono le festeggiate? Rita e Alessandra: Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù fa partire l'applauso> Ora prendiamo parte al Banchetto dell'Amore! ...Vuoi dire qualcos'altro? Non dovete scandalizzarvi dell'Amore Pieno del Padre: quando vi invita a Lavorare nella Vigna si Lavora e, quando invita i Propri Figli al Banchetto, il Banchetto è fatto per essere Mangiato e Gustato di tutte le Delizie del Padre! Il Padre Amando ognuno dei Propri Figli Dona la Paghetta dall'Inizio della Giornata fino alla Fine della Giornata! Ma vigilate, Figli, i falsi profeti avanzano ancora e il veleno cammina ma voi avete la Destra: quella che il Padre ha Donato ad ognuno di voi, non dimenticatelo, Figli Miei! ...Viceparroco, non dimenticare che sei Delegato......! Raffaele: Eccomi! Gesù: Fai quello che devi fare! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele si è organizzato per donare il bicchiere con l'Avanzo a Roberto, poi taglia il pane-pesce e dona la testa e la coda a Mario e Maria Elena, Tiziana, Roberto, Francesca e altri pezzi ad alcuni dei presenti> Ti raccomando a quei due! <Mario e Maria Elena> Ma state tutti bene voi? Tutti: Eccomi! Gesù: E Io sto bene...! Che facciamo? Alle festeggiate le lasciamo senza mangiare o gli doniamo il Tutto del Padre? Tu cosa rispondi...? Don Vincenzo: Gli doniamo il Tutto del Padre... è così Gradevole ed è così Buono...! Gesù: E il Padre avrebbe lasciato senza Donargli il Tutto del Suo Amore? Don Vincenzo: Certamente no! Gesù: Certamente no! Don Vincenzo: È Padre! Gesù: È Padre! Don Vincenzo: E pensa sempre ai Figli! Gesù: ! Don Vincenzo: Sono i Figli che si dimenticano del Padre, sono i Figli che voltano le spalle al Padre, sono i Figli che non gradiscono le Cose del Padre! Gesù: Da sempre! Don Vincenzo: E vanno dietro alle cose caduche e passeggere del mondo, e vanno dietro alla Via Larga, quando sanno benissimo che la Via Larga conduce alla morte! Gesù: ! Lo sanno, l'ho detto prima! Don Vincenzo: Che stoltezza, Gesù, da parte dei Figli di Dio..., Creati dal Padre a Sua Immagine e Somiglianza, i Figli di Dio che dovrebbero sempre più abbellire questo Giardino del mondo, i Figli di Dio che dovrebbero ringraziare ogni momento il Padre, si dimenticano di Lui, si dimenticano di essere Eredi, si dimenticano del Soffio! Gesù: Ma il Padre non ha dimenticato l'Eredità, non ha tolto il Soffio ai Propri Figli, Lo Dona e Lo Dona in Abbondanza al Banchetto del Suo Amore! Tutti avevano un impegno per il Banchetto, ma voi siete venuti e state crescendo nell'Abbondanza del Padre e dovete solo ricordare: non è un Banchetto del mondo! Ma Io l'ho detto da sempre: "Verrò, Mangerò e Berrò del Nuovo con i Miei Figli, con la Famiglia Scelta dal Padre!" ...Vuoi il piatto? Eccomi! <Raffaele, come usa fare sempre, pulisce ogni tanto il piatto dove mangia Gesù o il piatto di Don Vincenzo> Raffaele: Eccomi! Gesù: Avete preso il Cibo del Padre? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! È Gustoso, è Buono, è fatto per ognuno di voi e per l'Umanità Intera, ma l'Umanità Intera volta le spalle al Banchetto di Dio! E Maria, con tutti i Servi Inutili e con tutte le Schiere, Combatte la Battaglia del Suo Cuore Immacolato! ...Parla tu un po', Calice Vivente! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quello che mi sta illuminando sempre più è questo rendermi conto di come tutte la Creazione ha il Suo Creatore, ha il Suo Papà e non c'è cosa che ci circondi che non sia stata Creata dal Padre e questo essere Creature del Padre ci rende Perfetti, ci rende "Figli", ci rende Saggi, e dovrebbe essere la nostra Vita un Canto di Lode al Padre, al Creatore, dalla mattina che ci svegliamo alla sera quando andiamo a letto, e un Canto di Lode a Te, Gesù, Salvatore e Redentore di tutto e di tutti......! Gesù: È il Padre che Mi ha Mandato! Don Vincenzo: Il Padre Ti ha Mandato...... Gesù: ......È Lui che Mi ha Creato come ogni Creatura, come ognuno di voi, e Io non sono Venuto per fare l'eroe ma Io Sono Venuto per Fare le Cose del Padre! Don Vincenzo: Per Fare le Cose del Padre sulla Croce! Gesù: Nella Semplicità e nell'Umiltà! Don Vincenzo: Ma sulla Croce Fare le Cose del Padre non era facile e non è facile...! Gesù: Vedi, Calice Vivente, quando si pensa come gli uomini, quando si fanno le cose degli uomini non è facile... ma quando si fanno le Cose di Dio... Don Vincenzo: ...Diventa facile! Gesù: ...E' Amore! Don Vincenzo: Sì! Gesù: È il Massimo dell'Amore, è una Massima di Amore, non è un atto eroico! ............Ecco, venite col "niente"! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando: il "niente" scarsetto scarsetto! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Non è un atto eroico? Gesù: No! Don Vincenzo: È Solo Amore! Gesù: Amore, l'Amore Pieno di Dio! Se Dio voleva mandare il Proprio Figlio per fare l'eroe, non sarebbe stato Dio! Dio Mi ha Mandato per Amare, Perdonare e Insegnare a tutti e Donare a tutti la Verità Tutta Intera così come La stò Donando a voi! Non hanno avuto tempo per ascoltare la Verità Tutta Intera, non hanno avuto tempo per fare le Cose del Padre, avevano altri impegni e hanno rifiutato il Banchetto dell'Agnello Immolato......! Ma voi l'avete accolto...... e il Padre non vi fa mancare nulla e tutti ci prendete parte...... e avete lasciato le altre cose...... e siete venuti al Banchetto di Dio nell'ascoltare e nel prendere parte all'Amore Pieno! Io Mi Sono Donato, tu ti sei Donato e il Padre ci Dona ancora il Suo Amore! .........State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Io non solo sto bene con ognuno di voi, ma Sono Gioioso: Mi avete accolto ancora una volta! Don Vincenzo: Gesù, stare con Te e accoglierTi, è accogliere Dio, è accogliere il Creatore, è accogliere Papà, è accogliere il Salvatore...! Gesù: Voi Mi accogliete... ma fuori, sulla via larga, Mi sputano in faccia e Mi bestemmiano... e non sono neanche all'ultimo posto..., neanche quello Mi hanno lasciato...! Ma pregate: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ciao, papà! Mario: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: ...Ciao, mamma! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Avete fatto i capricci? Mamma, sei bella e anche tu papà sei bello! Dovete fare una cosa, ci fate una Torta con la scritta sopra: "Siamo i Servi Inutili"? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Metà rosa e metà celeste? Poi lo chiedete allo Strumento quando dovete farla, così lo Strumento ve lo dirà! Mamma, mamma, perché i tuoi occhietti sono bagnati? Noi stiamo Impastando il Pane e dobbiamo Combattere con la Schiera di Maria! Papà, tu con quale Schiera vuoi Combattere? Mario: Con la vostra! Bimbi di Mario e Maria Elena: Allora devi prepararti! Mario: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non ti portiamo via, non ti devi spaventare, devi solo Combattere! Mario: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! Mamma, papà, vi vogliamo tanto-tanto bene e anche a tutti voi! Tutti: Anche noi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Nonna addolorata, perché il tuo cuore piange? Noi vogliamo la gioia e non dimenticare: sei Figlia di Dio e lo sai quello che stiamo dicendo... ed essendo Figlia di Dio, non devi essere addolorata, ma gioiosa! Dov'è il palloncino del nonno? ...Ciao, cuginetti! Cuginetti Davide Mario e Domenico Lentini: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: ...Ciao, zii, vi vogliamo bene! ...Ciao, palloncino, non fare diventare triste il cuore della nonna! ...No, nonna, non devi essere addolorata, ma gioiosa: Combattiamo Noi la Battaglia! <Mandano baci> ...Ciao! ...Ciao! ...Venite, dopo vi facciamo Impastare...... e venite anche voi! <Si rivolgono ai genitori e ai cuginetti> Cè tanto Pane da Impastare per le Spose che sono arrivate...... e ne arriveranno tante tante con tutti i Flagelli che cadranno! ...Ciao, veniamo dopo a fare i capricci con voi! <Mandano baci ai genitori che ricambiano> Ciao a tutti! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! <Mandano un bacio ad Alessandra> Alessandra: Ciao! Gesù: ...Eeeh, ho lasciato parlare i Pargoli! ...Tu non hai niente altro da dirMi? Don Vincenzo: Noi che frequentiamo questo posto...... Gesù: ...No, non lo frequentate voi il posto, è il Padre che vi ha Invitati! Don Vincenzo: Noi che siamo stati Invitati dal Padre qui, dovremmo vivere nella Gioia continuamente, dovremmo vivere nell'Umiltà, nell'essere Servi Inutili...... solo così... Gesù: ......Mi porti via? Eccomi! ......"Solo così"......? Don Vincenzo: ......Solo così questa nostra partecipazione, questa Chiamata del Padre porterà Frutto! Guai a sciupare tutta questa potenzialità, siamo nella Vigna del Padre! Gesù: Siete nella Vigna! Don Vincenzo: Ed essendo nella Vigna, il Padre poi ci chiederà i Frutti e se la nostra Cesta è vuota, come ci potremmo difendere o giustificare? Gesù: Avete dimenticato lo Strumento: non consegna mai la Cesta vuota al Padre! Ha chiesto ancora di Scorticarsi, di Inzupparsi e non lascia nessun figlio...... e la Cesta al Padre lei glieLa Dona sempre Piena e in Abbondanza, portando ognuno di voi e l'Umanità Intera sulle proprie spalle! Don Vincenzo: Quindi si mette a tutti sulle spalle? Gesù: È il Suo Compito...... quello di portare l'Umanità Intera e ognuno di voi! Il suo Compito è di fermare i Flagelli, di fermare i Sigilli e di portare le Spose dinanzi al Trono del Padre, dinanzi al Banchetto del Padre e Donare a loro l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale e non lasciare i nemici e coloro che trafiggono il suo cuore! E il "Filicino" è ancora aperto...... e lei ha chiesto di aprirlo ancora...... e l'abbiamo accontentata! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: L'ha chiesto in questo giorno per i Figli Ministri, per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, per coloro che hanno lasciato affondare la Barca, per coloro che hanno fatto Scendere il Sangue Innocente............! Eccomi, ho fame ancora, non Mi donate nulla? Questo mangialo tu! <A Giuseppe che gli offre un ovetto> , lo devi mangiare! Eccomi, va bene così: è buono il vostro "niente"? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Gesù: Eccomi! Così mangiate il "niente" di Dio: l'Abbondanza del Suo Amore! Quando tutto verrà a mancare, i "Grandi della Casa del Padre" rimaranno a mani vuote, busseranno e così anche i "Grandi del mondo" busseranno! Tieni! Raffaele: Posso, Gesù? Gesù: Eccomi! Cosa farà il Padre quando i figli busseranno? Gli ha Donato in mano ogni cosa nel rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, senza riempire le bisacce, ma nel camminare nell'Amore e rimanendo "Figli"! Non hanno ascoltato! Hanno gettato il Seme del Padre e hanno preso il seme del mondo distruggendo la Pianticella, distruggendo l'Orto! Ma ciò che è Dio non viene cancellato dall'uomo! Sono sordi e ciechi e non vogliono vedere e non vogliono ascoltare ancora ciò che Dio chiede ai Propri Figli: "rimanete Piccoli e rimanete Poveri, i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, così potete prendere il Primo!" E' quello che il Padre vi ha Donato! Hanno rifiutato ancora l'Invito! ...Parla tu un po'! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Come si concilia: la Cocciuta che continua a portare sulle spalle i traditori... e i traditori continuano a essere traditori? La Cocciuta li vuole Salvare tutti con il suo Amore.........! Gesù: La Cocciuta Fa le Cose del Padre! Don Vincenzo: E i traditori invece no! Gesù: Tieni! Don Vincenzo: Si, è in un dilemma......! Gesù: Dinanzi al Padre non c'è nessun dilemma: gli uomini non riescono a risolvere le cose ma il Padre le ha preparate da sempre Candide per ogni Figlio! I figli però non vogliono vedere e non vogliono sentire! ...Eccomi, viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ma tu Mi porti via l'ossetto, eh...: Io ho imparato da Giovanni a mangiare così......! ......Piove? Don Vincenzo: No! Gesù: Hai fretta? Don Vincenzo: No, anzi! Gesù: Io non ho fretta! Sto gustando il Banchetto del Padre e poi verrà Giovanni e quanto meno ve l'aspettate, verrà a parlare ancora Lucia! E non devi dire nulla di quello che è stato detto! Don Vincenzo: Riguardo alla Domandina finale, Gesù...? Gesù: Verrà fatta! Don Vincenzo: Verrà fatta dal Padre? Gesù: Quando l'Ultimo Figlio si unirà alla Schiera dello Strumento e quando il Sole si Aprirà e Maria nel Donare tutto il Suo Amore terminerà la Battaglia del Suo Cuore Immacolato! Don Vincenzo: Quindi già sappiamo una cosa, che Maria Vincerà? Gesù: Dio ha già Vinto, ma sono gli uomini che non vogliono posare le armi! Tu hai il compito di fargliele posare! Mario: Eccomi! Gesù: E hai il compito di fermare i missili! Mario: Eccomi! Gesù: E i tuoi Pargoli verranno e li fermerete! Mario: Eccomi! Gesù: E lo Strumento camminerà dinanzi a voi: è questa la Battaglia che devi Combattere, Figlio! Ma non temere! <A Maria Elena> Non ti sarà portato via e non combatterà come tu pensi, ma Combatterà con tutti i Servi Inutili! ............Visto che Giovanni fa così, ci faccio anch'Io! <Prende l'osso del pollo con le mani e mangia> Vi scandalizzate? Tutti: No! Gesù: Io non Mi scandalizzo! E' buono quello che fa Giovanni! ......Parla ancora! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi, sto ascoltando! Don Vincenzo: Tutto parte dall'Umiltà, dall'Ultimo Posto! Gesù: ! Don Vincenzo: Il Padre... Gesù: ......Come Maria...... Don Vincenzo: ...Ha Mandato Te, Gesù, a Servire! E tutti i Servi Inutili sono proprio quelli che hanno Servito e Serviranno ancora......! Gesù: Tutti i vostri Cari sono al Banchetto, così come lo sono tutti i Servi Inutili...... sono al Banchetto...... e Combattono......! Don Vincenzo: Allora dovrebbe essere per noi una Gioia, una Festa, Servire, metterci a disposizione come Servi Inutili...! Gesù: Lo siete, siete venuti! Don Vincenzo: Sì, lo Siamo... Gesù: ...Ma nel rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Dovete imparare ad Amare, dovete imparare ad usare Carità verso tutti e la Carità deve essere Silenziosa! Quando non si usa Carità verso i fratelli, al Padre il Cesto viene donato vuoto e lo Strumento Lo riempie facendosi Scorticare ancora! Dovete Amarvi gli uni gli altri...... e nell'Arca dove il Padre ha preparato un Posto per ognuno di voi deve sbocciare l'Amore...... deve crescere la Carità......... deve crescere l'Umiltà......... amandovi gli uni gli altri, Figli, Fratelli e Amici! <Giovanni Manda un bacio> Don Vincenzo: ......Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane nel venire a portare ciò che il Padre Mi dona! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce e schioccando qualche bacio> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi... Eccomi... Eccomi... Io sto bene con voi! La Mia Capanna come sta? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E... aspettate è arrivato il caffè, tu ne vuoi? Don Vincenzo: Un goccio! Piccolo Giovanni: Un goccio..., tieni, va bene così? L'altro goccio lo bevo Io? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Salute! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'hai combinato ancora? Maria: Ho ingranato un po' la marcia... Piccolo Giovanni: L'hai fermata? Maria: Ho ingranato...... Piccolo Giovanni: Avete sentito cosa ha detto? Don Vincenzo: Che ha detto? Piccolo Giovanni: Io gli ho detto se l'ha fermata mentre lei ha detto che l'ha ingranata......! ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu che fai? Ma non l'aveva fermata la macchina? Nicola: Tu accelleri... e io non ho proprio frenato... Piccolo Giovanni: Io accellero...? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: E che facciamo? Tu vuoi fermarti o vuoi camminare? Teresa: Voglio camminare! Piccolo Giovanni: Vuoi camminare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sei sicura? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora camminiamo! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma come vuoi camminare? Teresa: Come vuoi Tu... e come vuole il Padre! Piccolo Giovanni: E allora vuoi camminare col Padre o con il mondo? Teresa: Col Padre! Piccolo Giovanni: E allora ci dobbiamo fermare... o camminiamo ancora? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi, cammina! Si deve Servire ed essendo Servi Inutili... Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dottoressa... cosa vuoi fare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Dove sono arrivate le lacrime? Alla fine, quando tutti quanti andremo ad Impastare e a lavorare...parla con lo Strumento! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora... state tutti bene? Tutti: Eccomi! <Giovanni schiocca qualche bacio> Piccolo Giovanni: Auguri ai festeggiati! Alessandra e Rita: Eccomi! Piccolo Giovanni: Il Mio Augurio è mandare su di voi il Fuoco dell'Amore anche a quelli che non festeggiano! Il compleanno è attimo dopo attimo: festeggiamo col Padre! ...Come stai, Giovanni? A Me non date nulla da mangiare? Don Vincenzo: Con tutto questo Ben di Dio..., hai solo l'imbarazzo della scelta...! Piccolo Giovanni: Tutto è preparato dal Padre! Eh...... ecco... aspetta, prendo anche un po' di questo...! Non Mi donate più nulla? E tu non hai niente pronto da dirmi? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Li hai sentiti i Sigilli? Don Vincenzo: Sì, sono negativi negativi ma la Cocciuta come sempre, li vuole Bere! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Perché così li azzera e li annienta! Piccolo Giovanni: Io i Sigilli ho il compito di farli vedere allo Strumento, specialmente quelli negativi! Don Vincenzo: E partono sempre dalla Cupola! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: La Cocciuta desidera di Berli o quanto meno chiede al Padre il permesso di tenerli! Piccolo Giovanni: Una Sposa quando si presenta dinanzi al Padre nel dire "l'Eccomi" come Maria, si dona tutta per il Padre, si dona tutta per lo Sposo, nell'essere Sposa in Pienezza, nel Gioire, Inzuppandosi e Bevendosi nel Lavorare nella Vigna e nel Portare nel Cuore del Padre i Frutti dell'Amore! È questo che il Padre vuole dalle proprie Spose: l'Eccomi al Suo Amore! Eccomi! ...............Tu non mangi più nulla? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: ...Ora devo dirvi questo: Io sono stato lasciato da tutti, ma una Capanna non Mi ha lasciato e neanche la Famiglia! E così il Padre Mi lascia parlare! Ho sempre fatto le Cose del Padre ed in Ubbidienza al Padre vengo ancora! Lasciate l'acqua sporca scorrere e prendete l'Acqua di Dio, figli! ...Ecco! ...Nico'! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come va l'orto? Cresce? Nicoletto: Si, va bene! Piccolo Giovanni: Nell'Abbondanza del Padre? Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Nell'orto ci mette l'Amore che Dio gli ha donato, ed è per questo che cresce! Vedi, dove non mettono l'Amore del Padre l'orto secca... e non devi preoccuparti, Mari', l'Amore lo porta lo Strumento ai nemici per portarli a Casa nell'Ultima Domanda! ...Come stai dottoressa? Ci vuole il medico per visitarti? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Allora vengo Io! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Parla! Dimmi qualcosa, Giovanni! ...Ehi, Me lo dai uno di quelli, viceparroco? Raffaele: Eccomi! <Raffaele gli porge un grissino avvolto col prosciutto, ma scherzosamente Giovanni lo mette in bocca e fa finta di fumare, e si ride un po'> Piccolo Giovanni:Io ho fumato fino all'ultimo istante... ma questo non si accende, si mangia! Eh... Eh... Eh... Ora preparate il Miscuglietto con tutto quello che c'è! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: È bella questa Tua Presenza così... amichevole... così da fratello! Piccolo Giovanni: Ma Io sono un fratello! Sono un Servo Inutile dopo aver fatto le Cose del Padre, e così ognuno di voi deve fare! Fare le Cose del Padre è rimanere Servi Inutili! Don Vincenzo: È bello anche questo rapporto che hai con la Capanna! Piccolo Giovanni: È l'unica Capanna che è rimasta spalancata nella Mia bella Lauria! Altre non ce ne sono! Ci siete voi! Tutti Mi hanno tradito, tutti Mi hanno voltato le spalle, ed ora dicono alla Mia Capanna di essere stati traditori! Don Vincenzo: Secondo gli uomini, ma non secondo Dio... anzi, proprio l'essere stati traditi li inserisce sempre più nel Vangelo, perché chi segue Gesù è perseguitato, ed allora questo deve essere un momento di Gioia e di Festa! Piccolo Giovanni: Si, Maria invece diventa triste! ...Mari', non devi diventare triste! ...Nico'! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu lo sei diventato triste? Nicoletto: No, quando si ha a che fare con Te non si diventa mai triste! Piccolo Giovanni: ...Eccomi! ...E tu, Nunziatina, sei triste? Nunziatina: No! Piccolo Giovanni: Sei gioiosa? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Anch'Io lo Sono! Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Tutti gioiosi nell'Amore del Padre e al Banchetto del Padre! ...Cin-cin, salute! Don Vincenzo: Cin-cin! Piccolo Giovanni: Ora vediamo cos'hanno combinato! ...È buono? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: È buono come sempre! ...Allora, dimmi qualche altra cosa! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Dimmi qualche altra cosa che dopo devo andare a preparare gli altri Sigilli ed aiutare lo Strumento a vestire le Spose perché ce ne sono tante! Don Vincenzo: Giovanni, hai detto che Ti è rimasta solo la Capanna e che Ti hanno tradito tutti? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Ma questi tradimenti sono avvenuti nel corso degli anni oppure magari solo negli ultimi momenti? Piccolo Giovanni: È meglio non parlarne...! Mi hanno tradito così come hanno tradito Gesù: da sempre! ...Chiedimi qualche altra cosa! Don Vincenzo: Si! ...Ti preoccupa sempre la posizione di Teresa, di Maria e di Nicola per motivi diversi? Piccolo Giovanni: No, non Mi preoccupa, tanto ci sono Io... non li ho mai lasciati e non li lascio! Don Vincenzo: Questo ci fa stare contenti! Piccolo Giovanni: Vi ho mai lasciati? Maria, Nicoletto e Teresa: No! Piccolo Giovanni: E allora... non ho nessuna intenzione... se voi volete lasciarMi, Io no! Maria, Nicoletto e Teresa: Neanche noi! Piccolo Giovanni: E voi volete lasciarMi? Tutti: No! Piccolo Giovanni: Ehi, hai visto che sono venuto? Mi hai visto arrivare? Qualcuno: No! Piccolo Giovanni: Come no? Sono arrivato e ho spalancato la porta, e spalancando la porta Mi hai visto! ...Posso lasciare i Miei Figli? Tutti: No! Piccolo Giovanni: No! ...E allora ricordatevi ancora che il Filicino è sciolto e lo Strumento ha chiesto ancora di lasciarlo sciolto! ...E pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro" per i vostri nemici... "Ave Maria" e "Padre Nostro" e rimanete all'Ultimo Posto, Piccoli e Poveri! Non vendete e non comprate Gesù, ma DonateLo per Amore! Così come si è Donato Lui, DonateLo anche voi! Eccomi! ...Ora vi lascio il Filicino aperto, Figli Miei! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Don Vincenzo: Eccomi!(*) ...Gesù! Gesù: ...Eccomi ancora con la Croce e col Pane! ...Cosa c'è? Don Vincenzo: ...Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Avere Dio qui dentro, avere Dio davanti a noi... Gesù: ...Dio prima di tutto abita nel cuore di ognuno di voi, nei cuori spalancati! Dio viene come ospite, senza violentare, e quando trova la porta aperta prima bussa anche se la porta è aperta e dopo entra! E quando trova l'Eccomi Fa Festa e gioisce con i propri Figli e con la propria Famiglia! ...Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: È così bello guardarTi, Gesù! Gesù: Anch'Io vi guardo attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Eh, difatti... e questa è la nostra Forza! Gesù: Ma voi guardate i vostri nemici attimo dopo attimo? Pregate per coloro che trafiggono i vostri cuori e il Mio? Così il Padre guarda l'umanità intera ed ognuno di voi! Così lo Strumento guarda i propri figli, i figli che il Padre le ha donato! Don Vincenzo: Quanto Amore ci viene dal Padre! E quanto Amore ci viene da Te, Gesù! Gesù: Dio è Amore da sempre e vi ha creati nell'Amore per essere Amore e donare Amore! Don Vincenzo: Siamo immersi e sommersi da questo Amore, e questo Amore cresce sempre di più! Gesù: Quando si è pieni di Dio, l'Amore cresce sempre di più! Donatelo, perché Dio ve lo dona senza chiedervi nulla, ma chiede solo di essere chiamato "Papà"! Fatelo: "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Mamma" e "Papà"! Dio non vi ha mai lasciati soli e non vi lascerà soli, Figli Miei! Amici del Mio Cuore, abbiate sempre il Santo Timore del Padre! Non temete gli uomini, perché è Dio che dovete temere! È Lui che vi dona il Soffio! Gli uomini non possono donarvi il Soffio ma Dio soltanto può donarlo! Presto parleranno ancora i Cari e la Piccola Lucia di Fatima di Maria! Il Rotolo dello Strumento si aprirà nell'Ora del Padre e tutto vi verrà detto e tutto vedrete nella Luce di Dio! Ma vigilate perché i falsi profeti avanzano ancora e il veleno cammina dinanzi a loro! Alzate la Destra del Padre e combatteteli, figli! ...Ora tu saluta con l'Albero Verde, mentre Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato, Figli! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni, devi preparare altri Sigilli!(*) ...So che ce ne sono tanti tanti!(*) ...Devo ubbidire al Padre come sempre!(*) ...Si, mi sono andata ad inzuppare e a bermi, ed il Filicino è rimasto ancora aperto!(*) ...Un pochino ancora, non lo fare chiudere perché ci sono i figli che hanno bisogno, ed il Filicino deve rimanere aperto!(*) ...Giovanni, Tu vedi in tutti i cuori come sempre: Te li consegno i cuori della Famiglia!(*) ...Fa quello che devi fare, così anch'io faccio quello che devo fare: le Cose del Padre!(*) ...PoggiaTi ancora sul Cuore di Maria! Tu vedi, i figli non sono pronti! ...Se il Padre aspetta ancora un poco nel far dire le cose più grandi...! Piccolo Giovanni: Prega ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Giulia: Eccomi, Giovanni!(*) ...Te le dono anche a Te le pietruzze: portale ancora nel Cuore del Padre!(*) ...Ora vai... dopo ci vediamo... vai a preparare gli altri Sigilli! <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> ...Ciao, Giovanni!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, la Paghetta che Tu hai lasciato scendere la posso portare via e donarla a coloro che trafiggono il Cuore di Maria e il Tuo e quello di Gesù? Posso portarla lì dove non Vi conoscono ancora e non vedono la Luce?(*) ...Ai figli dono il Manto che mi hai donato! Il Padre: Fallo, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà Dio!(*) Papà Dio, lo so che altri fuochi di guerra si dovranno accendere e altre mamme piangeranno: posso andare a raccogliere le lacrime?(*) ...Posso inzupparmi e bermi?(*) ...Non Sei Tu ad accendere le guerre, ma coloro che non ascoltano! Il Padre: Inzuppati e beviti, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...I Cari sono in mezzo a noi con tutti i Servi Inutili: possiamo salutarli? <Il Padre da' l'assenso e tutti salutano i propri Cari> ...Ciao, Cielo in mezzo a noi!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Pargoli!(*) ...Ciao, Mammina mia!(*) ...Non legarlo ancora, ma aspetta ancora un poco!(*) ...Ci sono i figli col cuore spezzato e il Filicino serve!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Ci vediamo dopo!

 

 

 

 

 

5. Giov. 29/08/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Gesù): GUARDA ANCORA, ANIMA MIA...! (Giulia): CI SONO I FLAGELLI... SONO SETTE..., SETTE..., SETTE..., MA QUESTI SONO DEL PADRE E PERCIO' SONO POSITIVI! GESU', COSA ABBIAMO FATTO PER MERITARLI? SONO SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SONO LE SETTE LETTERE CHE HA SCRITTO GIOVANNI E INIZIANO CON L'ALFA E CON L'OMEGA! NELLE SETTE LETTERE C'È UNA PARTE DEL ROTOLO DEL LIBRO DEL PADRE, E UNA PARTE DEL FIGLIO CHE STA SCENDENDO I GRADINI PER UNIRSI ALLA SCHIERA CHE TU MI HAI DONATO, LA SCHIERA VINCENTE CHE PORTERA' L'UMANITA' AD APRIRE IL SOLE DI DIO E RIEMPIRE ANCORA DI PIU' IL CALICE VIVENTE DI TUTTO IL TESORO DEL PADRE, L'EREDITA'! È BELLO AVERE I SIGILLI DEL PADRE......

*******************

(Bimbi di Mario e Maria Elena): Non ci stacchiamo un istante e il Fiocco unisce! E uniamo anche il cuore della nonna Filomena e dei cuginetti e degli zii e del palloncino del nonno! Ma col Fiocco siamo legati al Calice Vivente e, quando si Aprirà il Sole, il Fiocco verrà Aperto...! Ma quello che verrà Aperto non è questo, ma ve l'abbiamo fatto fare per dirvelo che sarà Sciolto il Fiocco dell'Arca e dei Remi e tutto diventerà Nuovo così come il Padre l'ha preparato da Sempre! Mamma, papà... mamma, papà, ci siamo poggiati su di voi per dire queste cose e ci poggiamo su di voi e sul Calice Vivente nel dire che: la nonna che tu ami tanto tanto ti ha donato un Dono nelle tue mani! ...Quando Lo sentirai, alzale...!

*******************

(Piccolo Giovanni): Ci sono le Suorine e ci sono i Sacerdoti! Ognuno di voi è una Suorina, ognuno di voi è un Sacerdote nella Battaglia che si sta combattendo...! Non abbiate fretta, quando taglierete il "Fiocco" avrete i doni! (Mario e Maria Elena): Eccomi! (Don Vincenzo): Basta così, grazie! (Piccolo Giovanni): Devi fare Festa con le Cose del Padre... ed anche tutti voi dovete Fare Festa con le Cose del Padre! La Cocciuta vedeva Gesù Vestito di Croce e il Suo Abito nel Riparare, e lei Vestita di Croce e i Suoi Abiti nel Riparare! Ha preso gli abiti di ognuno di voi per Riparare i Flagelli e i Sigilli, ma ne sono caduti e ne cadranno ancora! È questo il Tempo che Dio ha preparato per combattere, per amare, per perdonare e per usare Carità verso tutti! Gesù ci ha Vestiti di Croce col Suo Sangue! ...Lo abbiamo gettato e Gesù l'ha raccolto! Lo abbiamo rigettato ancora e Gesù lo ha raccolto ancora! Ha mandato lo Strumento e lo raccoglie attimo dopo attimo per farlo indossare ancora! E verrà gettato ancora e verrà raccolto ancora fino al Giorno nel quale si Aprirà il Sole! E quando arriverà il Figlio dei Gradini e si unirà, non potrà più raccoglierlo, ma si combatterà, e la Battaglia di Dio è vinta da sempre! Ecco il Regalo di Giovanni: la Torta Spezzata e Mangiata con ognuno di voi attraverso la Croce, Figli!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Lo vuoi Glorificare il Padre?(*) Devo fare la domanda intera? Eccomi! Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Mio Amore, la Mia Gioia Piena, il Mio Tutto, è Donare ad ognuno di voi il Saluto del Cuore di Mio Padre! <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce> È Donare ad ognuno di voi l'Amicizia che Dio Ha Lasciato Scendere sull'umanità intera e su di ognuno di voi, nell'Avervi Invitati ad essere Figli, Fratelli e Amici al Banchetto preparato nel Libro del Suo Amore da sempre per l'umanità intera e per ognuno di voi! E nell'Amore Pieno e nell'Amicizia Piena Siamo Tutti Invitati dal Padre per Gioire e per Fare Festa! E quando si Fa Festa Dio è nella Pienezza dei Suoi Tempi, dei Tempi Antichi, preparati per l'umanità intera e per tutti i figli! <Gesù Benedice col Segno della Croce> Ed Eccomi ancora UnendoMi al Saluto del Padre, al Saluto del Figlio e al Saluto dello Spirito Santo che è Maria, al Saluto di ognuno di voi che è Fatto ad Immagine e Somiglianza del Saluto del Padre! E i Tempi Sono Pieni e Dio è Sceso con tutti i Servi Inutili, con le Schiere e con Maria... e il Figlio che si unirà alla Schiera dello Strumento è sceso ad un altro gradino per Fare la Volontà del Padre, per Fare ciò che lo Strumento deve consegnare nelle Mani del Padre! Gioiamo e Facciamo Festa nella Festa Piena di Dio con la propria Famiglia, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! ............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Cosa hai indossato in questo giorno, Gesù? Gesù: Quello che indosso sempre, Anima Mia! Giulia: Di solito Ti vedo con l'Abito Lungo, con la Tunica......! Ora Ti Sei Vestito solo con la Croce! Gesù: Non Mi Vedi? Giulia: Si, ma adesso Sei Vestito solo con la Croce, dove hai lasciato la Tunica? Gesù: Tu quando ti vesti di Croce, dove lasci l'Abito? Giulia: Tu non mi hai risposto, io non Ti rispondo neanche, ...lo sai! Gesù: E anche tu lo sai! Giulia: E va bene, l'Abito Tu lo lasci dove ci sono i Flagelli Grandi! Gesù: E Tu dove lo lasci? Giulia: Anch'io dove ci sono i Flagelli Grandi, così con l'Abito si Coprono! Gesù: Ed ecco perché Mi Sono Vestito Solo di Croce! Giulia: Gesù, e se tutti i figli si vestissero solo di Croce e i propri abiti coprirebbero tutti i Flagelli e tutti i mali che ci sono? Gesù: Lo So, la Croce Viene Gettata e nessuno lo Indossa l'Abito della Croce... Giulia: Poco poco Ti bastiamo noi? Un po' di Flagelli possiamo coprirli? Se indossiamo solo l'Abito della Croce posso togliere i vestiti dei Figli quando loro non mi vedono e li lascio solo con i vestiti di Croce? Gesù: Cosa vuoi fare ancora? Giulia: La Volontà del Padre: Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù, nient'altro! ...Tanto loro non se ne accorgono! Posso farlo? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Ti Consegno tutti, Consegno ancora nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai donato, tutti i figli, tutte le Pietruzze, tutto quello che Ti è stato donato "di brutto" e che Tu non meriti in questo giorno! Gesù, niente di buono abbiamo fatto, ma quel niente di buono lo doniamo al Tuo Cuore per purificarlo e portarlo al Cuore del Padre così viene portato dinanzi al Banchetto...! Tu conosci i cuori: consegno tutti i cuori spezzati, cucili..., ma il mio lascialo legato ancora, Gesù! Gesù: Non lo può stare sempre...! Giulia: Un altro poco...! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA...! Giulia: CI SONO I FLAGELLI... SONO SETTE..., SETTE..., SETTE..., MA QUESTI SONO DEL PADRE E PERCIO' SONO POSITIVI! GESU', COSA ABBIAMO FATTO PER MERITARLI? SONO SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SETTE..., SONO LE SETTE LETTERE CHE HA SCRITTO GIOVANNI E INIZIANO CON L'ALFA E CON L'OMEGA! NELLE SETTE LETTERE C'È UNA PARTE DEL ROTOLO DEL LIBRO DEL PADRE, E UNA PARTE DEL FIGLIO CHE STA SCENDENDO I GRADINI PER UNIRSI ALLA SCHIERA CHE TU MI HAI DONATO, LA SCHIERA VINCENTE CHE PORTERA' L'UMANITA' AD APRIRE IL SOLE DI DIO E RIEMPIRE ANCORA DI PIU' IL CALICE VIVENTE DI TUTTO IL TESORO DEL PADRE, L'EREDITA'! È BELLO AVERE I SIGILLI DEL PADRE...... ma io dove mi Inzuppo e mi Bevo questa sera? Gesù: Non ti è bastato Inzupparti e Berti dall'alba fino a quest'istante? Non ti sono bastati i Sigilli che hai bevuto dall'alba fino a quest'istante? Giulia: Eccomi, Gesù! Ma adesso posso andare ad Inzupparmi e a Bermi per quei Sigilli che sono caduti? Tutte le Spose le ho portate Tutte Belle Vestite e con l'Anello Nuziale e sono tutte pronte al Banchetto...! Posso andare ancora, visto che ci hai Donato i Sigilli del Padre in questo giorno? Gesù: Eccomi, ma guarda ancora e ciò che vedi aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Allora... non posso dirlo questo......? Gesù: No! Guarda......!(*) Giulia: Eccomi!(*) Eccomi!(*) Eccomi! Gesù: Eccomi con tutti i Servi Inutili... Giulia: Eccomi! Gesù: ...Con le Schiere di Maria... Giulia: Eccomi! Gesù: Con i Pargoli... Giulia: Eccomi! Gesù: Con i Cari... Giulia: Eccomi! Gesù: Con i Due Giovanni... Giulia: Eccomi! Gesù: Con Carlo, Pio e Domenico... Giulia: Eccomi! Gesù: Con i Pargoli nell'Impastare e nello Spezzare il Pane! Giulia: Eccomi! Gesù: Con Natanaele, Vittorio, Rossella e le Bimbe... Giulia: Eccomi! Gesù: Con l'Amore Pieno della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Giulia: Eccoci, Gesù, Vestiti di Croce tutti quanti! E accoglieteci... anche se non sappiamo indossarla bene la Croce come Abito, Gesù! Gesù: L'hai fatto! Giulia: Eccomi..., Straccio Stracciato! Ti ho donato tutti gli Stracci Stracciati! Se c'è un altro poco di spazio faccio altri buchi se Tu me li fai fare! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Gesù, prendi tutti gli Abiti e copri...! Gesù: Fallo tu! Giulia: Eccomi! Così portando gli Abiti posso Inzupparmi e Bermi! Gesù: Non sei mai contenta? Giulia: Visto che devo portare gli Abiti, faccio anche quello...! Gesù: Fallo! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ......PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, eh, il pargolo piange, non sta bene? Non piange più, sta bene! <C'è il piccolo Giulio che si mette a piangere e poi smette e poi riprende> Don Vincenzo: Ti sta parlando, Gesù? Gesù: , Mi sta parlando! Don Vincenzo: E che Ti dice? Gesù: Cosa Mi sta dicendo? Mi sta dicendo che l'Abito della Croce L'ha indossato tutto Intero e vuole prenderne un altro più grande! Ancora è piccolino e si unisce agli altri fratellini, così può indossarLo ancora più grande: è questo che Mi diceva! Tu cosa Mi dici? Hai sentito? Don Vincenzo: E' bello averTi qui con noi, Gesù! Gesù: Ma li hai sentiti i Sigilli di questo giorno? Non li hai sentiti? Fatteli dire dal viceparroco! Don Vincenzo: Sì! <Si ride un po'> Raffaele: Sono i Sigilli del Padre e perciò sono Positivi! Sono le Sette Lettere che ha scritto Giovanni e iniziano con l'Alfa e con l'Omega......! Gesù: Sono questi i Sigilli di questo giorno? Poi li leggerete......! Allora, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, hai qualcosa da dirMi? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ci stai Rivelando la Verità Tutta Intera! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: E non c'è Grazia più grande di questa, quella di conoscere questa Verità Tutta Intera! Gesù: ! Don Vincenzo: E questa Verità Tutta Intera ci fa capire ancora di più l'importanza di essere qui a Timparelle, in questo Luogo Scelto da Dio! Gesù: , dove il Padre ha Piantato l'Albero Verde... e dove c'è l'Arca... e i Remi...! Don Vincenzo: E proprio perchè qui c'è l'Arca che siamo protetti e siamo al sicuro......! Gesù: , ma non dimenticate i falsi profeti e non dimenticate il veleno e non dimenticate coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Avete la Destra...... non dovete dimenticarlo... e ovunque andate siete Croce... e non dovete dimenticarlo! Non dovete temere gli uomini ma dovete avere sempre il Santo Timore del Padre e camminare sulla Viuzza, quella Stretta! Lo Strumento è in mezzo a voi, ma è alla Destra del Padre e vi porta... ma dovete imparare anche a camminare da soli sulla Viuzza Stretta! Lo Strumento non vi lascia, ma nel momento che Lei si Inzuppa e si Beve, vi lascia un istante: è lì che non dovete perdervi...! Don Vincenzo: Allora è molto pericoloso quell'istante che ci lascia? Gesù: , perchè incontrate subito la Via Larga e incontrate subito le cose del mondo! È il Padre che vi Dona Tutto, e il Padre ha Donato Tutto allo Strumento per Donarlo ad ognuno di voi: non dovete dubitare perchè è Dio che Parla attraverso di lei... non è lo Strumento! Don Vincenzo: E questo, Gesù, ci solleva tanto tanto nel sentire che la Voce di Giulia è la Voce del Padre! Gesù: Vi solleva... ma lo Strumento nessuno l'ascolta, così come nessuno ascolta la Voce del Padre, e così come nessuno ascolta il Mio Grido d'Amore all'Umanità Intera e ai Propri Figli, a coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...! I vostri occhi non vogliono vedere e le vostre orecchie non vogliono sentire... e Parlo a voi e Parlo all'Umanità Intera! Don Vincenzo: L'importante è che Parli a noi, Gesù, perché noi siamo la Tua Famiglia e dobbiamo essere noi i primi a Ubbidire a questa Parola del Padre che ci arriva attraverso la Voce di Giulia! Gesù: L'ascoltate la Voce dello Strumento o ci sono i "ma", i "se" o i "perché"? <Gesù tamburrella a lungo con le mani sui braccioli della poltrona su cui è Seduto> Faccio come fa Giovanni! Don Vincenzo: Dobbiamo batterci il petto, Gesù, perché avere un Dono del genere che è lo Strumento e non apprezzare il Padre che attraverso di lei ci Parla, è proprio da stolti e da ciechi, quando invece abbiamo Tutto, perché il Padre la usa attimo per attimo per la nostra salvezza! Gesù: Il Padre vi Dona Tutto, ma voi andate alla ricerca delle cose del mondo e non vi fermate alla ricerca di ciò che il Padre vi Dona: la Pienezza! E non ha niente altro da Donarvi: il Suo Tutto, l'Eredità, il Banchetto, quello preparato per le Spose, quello preparato per ognuno di voi, l'Arca e i Remi, il Pane Tutto Intero! Don Vincenzo: E perciò: la Verità Tutta Intera! Gesù: ...Ma state bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Tutti quanti? Tutti: Eccomi! Gesù: Era un po' tiepida la vostra risposta! Quando si sta bene, si è un unico coro...... ma non lo sento! Tutti: Eccomi! Gesù: L'avete sentito un unico coro? Tutti: No! Gesù: Neanche Io, ma vi Amo, eeeh! ...Com'è, Calice Vivente, la barba la Cocciuta non te l'ha tagliata? Don Vincenzo: Era impegnata oggi! Gesù: E neanche i capelli! Li ha fatti a Me... per questo era impegnata......! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: Come Te li ha tagliati? Gesù: Eh, un pochino, i Miei sono più lunghi di come ce li ha la Cocciuta, ma adesso li ha nascosti...! Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Ha fatto pure qualche altro taglio oltre a Te? Gesù: , essendo la Festa di Giovanni Battista ha dovuto preparare tutti per la Festa... eh, si, è la Sua Nascita...! Don Vincenzo: La Sua Nascita in Cielo! Gesù: Il Banchetto è bello e preparato...... questi sono belli......! <Sulla Tavola c'è la maxi-Torta per i Bimbi di Mario e Maria Elena e quella degli Sposi Cinzia e Vito> Ma quella che è stata preparata per Giovanni è un po' più grandicella perchè devono prenderla tutti i Servi Inutili e tutte le Spose! ...Calice Vivente, vogliamo Donarci? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono! Don Vincenzo: E io pure! Gesù: Eccomi! Così lo Strumento va ad Inzupparsi e a Bersi e a rimanere ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma voi pregate ancora per quelle Mura Insanguinate e pregate ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora: pregate, Figli...! Ora ci Doniamo nell'Amore Pieno del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e poi lo dà a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! ...Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane che Lo divide e ne dona l'altra metà a Don Vincenzo e insieme Mangiano!> Questa è la Mia Carne! ...Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Questo è il Mio Sangue! Gesù: Ora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Io Mi Dono in Pienezza! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto a lungo con le braccia incrociate al petto poi, verso la fine, le Allarga, ''impone le mani'' e poi le ''punta'' e riporta le braccia incrociate al petto> Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu ti sei Donato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io Mi sono Donato! Ci siamo Donati nella Pienezza del Padre e lo Strumento si è Inzuppata e si è Bevuta nel Salvare ancora e nel Portare ancora le Pietruzze nel Cuore del Padre, Rimanendo ancora Crocifissa per Amore! Prendiamo ancora parte al Banchetto del Padre: è pronto per ognuno di voi, così com'è pronto per le Spose, così com'è pronto per tutti i Servi Inutili, così com'è pronto per tutte le Schiere! Prendiamo parte ancora al Banchetto di Dio! Don Vincenzo: Eccomi! ...Servi prima a Gesù, viceparroco! Gesù: No, mettine al Calice Vivente che è Dio! Raffaele: Sì! Posso, Gesù? Gesù: Aspetta che ti aiuto! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Va bene così! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, Pronto nel Prendere Parte al Banchetto del Padre preparato per ogni figlio e per il Figlio, così Mi Dono nell'Abbondanza che il Padre Dona all'Umanità Intera e ad ognuno di voi! Eccomi, Eccomi! Te lo porta via......? <Il piatto> Eccomi! Non dici nulla? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Non ho sentito niente, state tutti bene? Tutti: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Gesù: Eh, Me l'hanno portato via! ..., vai...! <Raffaele dona i bicchieri con l'Avanzo agli Sposi Vito e Cinzia> Non dici nulla? Don Vincenzo: Sì, Gesù! Gesù: E non ti sento! Don Vincenzo: Volevo riferirmi a Giulia......! Gesù: Cosa volevi dire? Don Vincenzo: Che Grazia, Gesù, è avere la Cocciuta in mezzo a noi! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: Perché attraverso di lei abbiamo sicuramente la Verità Piena, la Verità del Padre! Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi, ascoltare lei significa essere sicuri della Verità del Padre...! Guai quando si usano: i "se", i "ma", i "però" e i "perché": sono proprio quelli che vogliono rifiutarla la Verità! Gesù: ! Don Vincenzo: E vogliono appoggiarsi al loro io invece che a Dio e quindi, non si rendono conto che stanno imboccando sempre più la via larga, la via del veleno! Gesù: Si stanno togliendo l'Abito della Croce, ma la Cocciuta è pronta a rimetterLo ancora portandoli ancora sulle spalle! ......Prendiamo parte al Banchetto! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io gliela dò l'erbetta, ma con la Gioia che ha ricevuto in questo giorno! ......Brava "pancia"! Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Non parli? ...Vicepa'! Raffaele:Eccomi! Gesù: Sei delegato, ti raccomando, eh, ti raccomando un po' tutti, fai tu! Dopo che hai fatto questo, preparaMi un piatto: uno per il dottore Franco e l'altro per la dottoressa Teresa! Raffaele: Eccomi! Gesù: Quello che è nel tuo cuore, mettilo! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele si organizza e dona il pane-pesce a: Mario, Maria Elena, Vito, Cinzia ed altri pezzi ad alcuni dei presenti> Non Mi dici niente? Raffaele: Grazie per i doni! Gesù: Eccomi! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ma non dovete dirMi Grazie ma dovete dirMi: Eccomi! ............State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Perché sei triste, Marinella? Marina: Eccomi! Gesù: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Marina: Sì, Eccomi sì! Gesù: Eccomi sì, e allora non devi temere niente, il Padre interviene sempre! Marina: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Ciao, ho Lavorato? Annunziata: Eccomi, sono felice! Gesù: Ho saputo Lavorare? Annunziata: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora, le Cose del Padre sono Buone e Gustose, accoglieteLe, Figli! Tu di solito quando mangi non parli, no? Che faccio, ti aspetto quando finisci di mangiare o Mi dici qualcosina? Don Vincenzo: Sì! <Gesù gioca con il microfono> Gesù: Eh, ma tu dici sempre che parli, ma mai parli? Dì qualcos'altro! Don Vincenzo: Sì! ...Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tu come Figlio di Dio quando dovevi incontrare il Padre in un Rapporto d'Amore, come ci Parlavi, come Lo affrontavi? Gesù: Voi avete paura a parlare col Padre, Io no! Ci parlavo e ci parlo così come adesso parlo con ognuno di voi e non ci siamo mai divisi: quando c'è l'Amore Pieno tra Padre e Figli non ci sono difficoltà a parlare! Don Vincenzo: Questo dovrebbe essere l'approccio quotidiano tra il Padre e il figlio......! Gesù: ! Don Vincenzo: Ma questo tante volte non avviene! Gesù: Non tante volte, non avviene mai! Don Vincenzo: Perché corriamo sempre dietro alle cose del mondo! Gesù: Quando i Figli si rivolgono al Padre è solo per bestemmiarLo e per sputarLo: "ti avevo chiesto questo e non me l'hai fatto; ti avevo chiesto quell'altra cosa e non me l'hai fatta, quindi Ti meriti di essere bestemmiato e di essere sputato e cacciato fuori!" Questo riceve Mio Padre, questo ricevo Io, questo ricevono i Servi Inutili, questo riceve Mia Madre, quando non gli viene donato ciò che chiedono delle cose del mondo! Tutto è nelle Mani del Padre, Tutto il Padre vi ha Donato, Tutto appartiene al Padre e il Padre ha Scritto da Sempre ciò che deve avvenire! Voi siete abituati a chiedere le cose del mondo e non le Cose del Padre Vostro! Don Vincenzo: Insegnacelo, Gesù, a Viverlo questo Rapporto d'Amore tra Padre e Figlio! Gesù: "Eccomi, fai Tu quello che hai Scritto da Sempre, non fare quello che ti chiedo io perché non è giusto! Io Ti chiedo le cose del mondo mentre io devo chiederTi le Tue Cose, quelle che hai Scritto da Sempre, perchè solo quelle sono Giuste!" Don Vincenzo: "Devo chiedere le Tue Cose"? Gesù: "Quelle Cose Scritte da Sempre, quelle sono quelle Giuste!" Don Vincenzo: Perché Tutto il Padre già ha Scritto! Gesù: , da Sempre! Don Vincenzo: Per ognuno di noi! Gesù: , da Sempre! Don Vincenzo: Quindi ognuno di noi trova già quello che l'aspetta! Gesù: Il Padre ha Scritto da Sempre e non siete voi a preparare la Giornata, ma è Lui che l'ha preparata! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...Salute! Don Vincenzo: Gesù, tutti questi venti di guerra in Medio Oriente......! Gesù: Eh, , i Flagelli ce ne saranno ancora e Fuochi di guerra se ne accenderanno ancora e molte mamme piangeranno i propri figli! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro!" Gesù: Altre Catastrofi, altri Sigilli, altri Flagelli scenderanno, ma il Figlio sta Scendendo e si unirà alla Schiera dello Strumento! ...Venite col "niente", Figlie! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Ti raccomando, eh! Raffaele: Scarsetto! Gesù: Scarsetto, scarsetto, scarsetto! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, ciao, papà... ciao, mamma! Mario e Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Come l'avete fatto il fiocco, chi l'ha fatto? Non l'hai fatto tu? Maria Elena: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: E' bello! Papà, papà? Mario: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Come stai, siamo tutt'e due, uno grida di più e l'altro grida: papà, mamma! Lo sapete perché vi abbiamo chiesto il fiocchetto Rosa e Celeste? Mario: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non lo sapete? E perché avete messo il Bianco? Non vi avevamo detto di farlo rosa e celeste? Avete aggiunto due colori, ma non vi picchiamo, vi vogliamo bene...... e adesso si sono aggiunti altri tre cuori! <Li ha donati Filomena> Eh, è bello il Fiocchettino e ve l'abbiamo chiesto per legare l'Umanità Intera e ve l'abbiamo chiesto anche per legare un altro fratellino e un'altra sorellina e ve l'abbiamo chiesto per offrirlo al Padre il Fiocco! Nell'Arca ce n'è uno Grande Grande e L'ha fatto lo Strumento per legare la Famiglia e legare i Remi e portare tutte le Pietruzze! ...Papà, papà? Mario: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Mamma-mamma? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Cosa volete chiederci? Mario e Maria Elena: Di starci sempre vicini! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non ci stacchiamo un istante e il Fiocco unisce! E uniamo anche il cuore della nonna Filomena e dei cuginetti e degli zii e del palloncino del nonno! Ma col Fiocco siamo legati al Calice Vivente e, quando si Aprirà il Sole, il Fiocco verrà Aperto...! Ma quello che verrà Aperto non è questo, ma ve l'abbiamo fatto fare per dirvelo che sarà Sciolto il Fiocco dell'Arca e dei Remi e tutto diventerà Nuovo così come il Padre l'ha preparato da Sempre! Mamma, papà... mamma, papà, ci siamo poggiati su di voi per dire queste cose e ci poggiamo su di voi e sul Calice Vivente nel dire che: la nonna che tu ami tanto tanto ti ha donato un Dono nelle tue mani! ...Quando Lo sentirai, alzale...! Mario: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: E anche a te la nonna ti ha donato un Dono: tu dovrai solo soffiare il tuo alito! <A Maria Elena> Non dimenticatelo! Per questo vi abbiamo chiesto il Fiocco Rosa e Celeste! Tu, Calice Vivente, Hai il Tutto del Padre! Col Fiocco accarezzeremo il tuo cuore! La Cocciuta lo vuole slegato ancora... e così glielo lascia il Padre! Ma pregate: "Padre Nostro-Ave Maria!" Mammina, papino... mammina, papino, vi raccomando: non è uno scherzo il Fiocco, è sul Banchetto del Padre e ve l'abbiamo chiesto per donarvi quello che il Padre vi ha Donato, non dimenticatelo! I Tempi del Padre sono Vicini e sono Pieni, Lavorate, così come stiamo Lavorando noi nell'Impastare e siamo Inzuppati di Farina e il Sale è il Padre! Vi vogliamo bene a tutti quanti! <Mandano baci> Tutti: Eccomi, anche noi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, papà... ciao, papà... ciao, mamma... ciao, mamma, quando rompete il Fiocco inizierà il Dono del Padre, non spaventatevi! Mario e Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! ...Ciao! ...Ciao, ciao, ciao! <Accarezzano Don Vincenzo> Don Vincenzo: Ciao! Gesù: Hai sentito? ...Cosa fai, viceparroco? Raffaele: Dò i cuori a Domenico Lentini, Davide Mario e Antonio? Gesù: Eccomi! Raffaele: Eccomi! Gesù: Chiedi a chi li ha portati che intenzioni aveva? Filomena: Quella di donare il mio cuore... Gesù: L'avete sentita? Filomena: L'intenzione di donare il mio cuore! Gesù: L'intenzione di donare...... e li abbiamo donati! Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Non ti devi preoccupare per la pancia! Filomena: Eccomi! Gesù: Ci Sono Io... nella Pancia! ............Eh, ho fame ancora! .........Voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Eccomi, ehi, Eccomi! Tu ne vuoi? Eccomi! Gliela rubo a Giovanni! Tu cosa vuoi? Don Vincenzo: Prendo questo! Gesù: Prendi questo? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ehi-ehi-ehi, è da molto tempo che non lo facevo: ehi-ehi-ehi, adesso è arrivato di sorpresa! Allora, ehi-ehi-ehi, c'è da fare gli Auguri e l'applauso agli Sposi, cosa aspettate? <Si Applaude> Io chiedo l'Applauso degli sposi...... e Mi viene portato via il piatto......! Quando lo preparate un Fiocchetto Rosa e Celeste? Avete sentito qualcosa? Tutti: No! Gesù: Perché Mi guardi così? Crescete e Moltiplicatevi nell'Amore del Padre! Siete rimasti scandalizzati? Tutti: No! Gesù: Nessuno dice niente! Ma tu hai intenzione di parlare in questo giorno? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E' impegnato: sta parlando col cibo che il Padre gli ha donato! ............Ora dimmi qualcosa! ......Hai preparato il piatto per il Dottore e la Dottoressa? Raffaele: Eccomi! Gesù: L'hanno gradito? Teresa e Franco: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Chiedo un esame di coscienza, cioè ognuno di noi dovrebbe farsi l'esame di coscienza per valutare la sua Fede e poi prenderne atto, e questo esame di coscienza parte da una realtà, cioè ognuno di noi qui dentro viene grazie alla Cocciuta, da ventotto anni intrepida: è grazie a lei che il Padre ci Parla, che Tu, Gesù, ci Parli, che la Mamma ci Parla, che i Servi Inutili ci Parlano! Ed è grazie a lei che il Cielo non si stanca mai, perché se fosse per noi probabilmente Questa Visitazione non sarebbe durata questi ventotto anni! Allora volevo proprio che ognuno di noi facesse l'esame di coscienza e dicesse: "ma stò ascoltando Giulia come Voce del Padre o no?" Gesù: No, non è la Cocciuta che Parla! Voi vedete lo Strumento ma non è lo Strumento a parlare attimo dopo attimo: è il Padre, perché è il Padre che l'ha Mandata e il Padre la Usa in Pienezza, attimo dopo attimo, anche quando grida! Don Vincenzo: E allora non dobbiamo metterci i "se", i "ma" e i "però", perché sarebbe proprio prendere in giro il Padre, non prendere in giro la Cocciuta! Gesù: Quando si dice alla Cocciuta: "in questa cosa non ti ubbidisco!", lo si dice al Padre! Don Vincenzo: Aaah! Gesù: Fate un po' fatica! Don Vincenzo: E questo è una mancanza di Fede e, mancando la Fede, crolla Tutto! Gesù: , crolla Tutto! Don Vincenzo: È inutile che veniamo allora......! Gesù: È il Padre che vi Chiama...! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E la Cocciuta vi porta e vi mette...: cosa si è messo? <Il Vestito della Cocciuta> Don Vincenzo: Il Padre ci Chiama, ci Invita... Gesù: Nell'Arca... Don Vincenzo: Il Padre ci sta dando questa Grazia Immensa! Gesù: E non si deve dubitare della Grazia Immensa del Padre! Se si dubita della Grazia Immensa del Padre, siete voi che chiudete la porta al Padre, non è il Padre a chiuderLa ad ognuno di voi! Don Vincenzo: Per Grazia di Dio il Cielo ha Pazienza e ci Sopporta! Gesù: Il Padre vuole tutti i Figli e il Banchetto è pronto ed è preparato per tutti! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Se vuoi rispondere! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quello di cui parlavi prima è Sceso un altro Gradino! Gesù: Eccomi, si unirà alla Schiera dello Strumento! Don Vincenzo: Ha un Ruolo importante? Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Decisivo? Gesù: Eccomi! Ciò che fa il Padre è tutto importante ed è tutto decisivo! Don Vincenzo: Lui si muove sotto gli Ordini del Padre? Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quindi sotto gli ordini anche Tuoi... Gesù: Eccomi! E lo Strumento si muove nell'Ubbidire al Padre e nel Fare le Cose del Padre e non quelle degli uomini! Giulia fa solo le Cose del Padre e non fa mai le cose che gli chiedete voi, ma solo le Cose che gli chiede il Padre! Don Vincenzo: E questo Sole tra le mie mani? Gesù: Si Aprirà quando il Padre ha Scritto! Tutto è stato preparato da Sempre, tutti siete stati Partoriti dal Cuore del Padre e tutte le vostre fatiche sono state preparate dal Cuore del Padre lasciando quelle del mondo! Don Vincenzo: "Tutte le vostre fatiche"? Gesù: , venite perseguitati perché Amate il Padre e questa è una "Fatica" preparata da Lui perché è stato perseguitato Lui, sono stato perseguitato Io, è stata perseguitata Maria nel Lavorare solo le "Fatiche" del Padre! Vi scandalizzate di questo? Tutti: No! Gesù: E allora camminate a testa alta, Figli!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce schioccando qualche bacio> Don Vincenzo: Amen! Piccolo Giovanni: Sono venuto a fare le Mie Fatiche...! Come state tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E... c'è il caffè pronto..., aspettate Capanna...! Ne vuoi un goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! <Giovanni scherza un po' con Don Vincenzo: il caffè glielo dà e non glielo dà>Tieni! È bello giocare nell'amicizia del Padre! È buono, è bello caldo e anche bello dolce! È gustoso..., è buono... ecco! ......Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Cos'hai combinato ancora? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Maria: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: E che hai combinato? Maria: Quanta sete e fame c'è di Dio...... e questi giovani lasciati così soli...! Piccolo Giovanni: Dio non ha lasciato solo a nessuno; sono i figli che hanno lasciato solo Dio... e anche a Me, o Mi sbaglio? Maria: Eccomi! Ci posso andare? Piccolo Giovanni: Vai a combinare guai? Maria: No lo so... vado con Te? Piccolo Giovanni: No! Maria: Meglio di no? Piccolo Giovanni: No! Poi ne parli con lo strumento..., se lo Strumento ti dirà di sì, lo farai...; Io ti sto dicendo di no...! ...Nicò! Nicola: Sì, Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Nicola: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: Sei un po' ammaccato? Perché sei ammaccato? Nicola: Ho un po' di raffreddore... Piccolo Giovanni: Sei sicuro? Nicola: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: Dottoressa Teresa! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Le ali si sono liberate? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Vuoi tenere le Ali del Padre? Teresa:Eccomi! Piccolo Giovanni: O vuoi prendere quelle del mondo? Teresa: Quelle del Padre! Piccolo Giovanni: Come mai il tuo cuoricino gronda? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dottoressa Teresa, vieni ho bisogno di un controllo! <Sottovoce:> ...Gli faccio uno scherzetto...... Vieni, Io non ho bisogno di nessun controllo! Ecco il tuo controllo eh eh! <Gli versa sul capo un po' di confetti e i presenti applaudono> Gliel'abbiamo fatto il controllo..., ciao! Perché piangi? Il controllo l'ho fatto Io, ti è piaciuto? Alza le ali e vola! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ah! Abbiamo liberato la colomba del Padre che era rimasta impigliata nella rete! Stai bene, dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Chi raccoglie questi confetti che sono stati gettati? Vieni... raccoglili: ne tieni uno per te..., e prendili tutti! Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! No, è lei che li deve prendere! <Qualcuno voleva aiutare Chiara a raccogliere i confetti> Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! No, li devi prendere tu: uno lo tieni per te, uno lo doni a Marinella e uno per uno alle Spose! <Alessandra, Roberta e Marina> Uno lo doni ad Immacolata, uno lo doni a Luisa e uno lo doni ad Annunziata e uno lo doni a Tiziana e uno lo doni a Elena, uno lo doni alla Sposa-Cinzia, uno lo doni a Francesca... è qui davanti, è lì! Quanti ne sono rimasti? Chiara: Ventuno! Piccolo Giovanni: Ora scegli tu a chi vuoi donarli...! Nulla fa il Padre che non abbia un significato......! E anche la figlia che è stata chiamata, Chiara, ora che sta donando, e quanto ha raccolto, ha ricevuto "il dono di guardare i cuori"! Hai sentito? Quanto hai raccolto e ora che stai donando hai ricevuto "il dono di guardare i cuori"! Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ognuno di voi è una Suorina, anche se non portate la Croce! Nell'attimo che il Padre decide indosserete la Croce! ...Chi vuole portare la Croce? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Chi vuole portare "Questa" Croce? <Giovanni indica la Croce del Lentini che porta al petto la Cocciuta> Alcuni: Eccomi! Piccolo Giovanni: Raccogli il numero..., dopo aver raccolto il numero prenderai le Croci! Il Tempo è nel Tempo e tutte le Spose devono essere pronte! Tu la porti già... Taddeo: Eccomi! Quelli che l'hanno già ricevuta? Piccolo Giovanni: La portate già...! ...Di quelli che non ce l'hanno hai raccolto il numero? Allora..., chi vuole portare la Croce alzi la mano alta alta..., ma chi ce l'ha già non la alzi! Tu ce l'hai già la Croce? , c'hai questa? Tu ce l'hai già..., Tu ce l'hai già... questa... questa devi avere, ce l'hai? Sì e Io sto dicendo questa...! Sei gioioso? Raffaele: Sono ventisei! Piccolo Giovanni: Vai e prendi le Croci, Giuseppe! Tu parlami nel tempo che va a prendere le Croci, Io intanto ho fame: non Mi date niente da mangiare? Sto lavorando, Mi merito un po' di cibo...! ...Dottoressa! Ehi..., tu ce l'hai i denti? E allora lo mangio Io se non ce l'hai tu...! Solo questo Mi dai? Eh, , è buona..., sì per adesso va bene! Vediamo cos'è? È buona la barchetta...... Allora, altre Gocce vi sono state aperte in questo giorno, nel Giorno della Festa di Giovanni! ...Non hai niente da dire? Don Vincenzo: Sì, queste Croci che Giuseppe è andato a prendere e tutte le altre Croci di ognuno di noi appese al collo, devono farci riflettere proprio sulla Festa di oggi: Giovanni decapitato! Allora, questa Croce che va portata appesa al collo, non è un atto simbolico soltanto, è un modo di ricordarci continuamente che Gesù si aspetta da noi di abbracciare la Croce qualunque essa sia...! Piccolo Giovanni: Non solo questo! Le Suorine devono essere pronte nell'Amore e nel Servire il Padre, nel rimanere nell'Arca e nel Remare! Voi non appartenete al mondo ma appartenete al Padre! Siete nella Vigna, siete nell'Orto, siete nell'Arca, avete i Remi, ma dovete Lavorare: i Tempi sono nel Tempo...! Vieni ancora, vieni non temere! <Giovanni chiama nuovamente Chiara> Quando ti chiamo Io non devi avere paura! ORA ANDRAI DAI FIGLI E DIRAI A LORO: "VUOI AMARE GESÙ E IL FRATELLO?" GLI FARAI BACIARE LA CROCE E GLIELA METTERAI AL COLLO! Ma visto che tremi un po'... fatti aiutare! Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Questo è Mio..., chi Me l'ha rubato? Io mangio e nel silenzio...... Tu vuoi dire qualcosa? Non vuoi dire nulla? Don Vincenzo: Sì..., c'è stato questo gesto così importante ma deve essere poi concretizzato nei fatti! Piccolo Giovanni: Il Tempo è nel Tempo! Don Vincenzo: Solo le donne lo stanno ricevendo il Crocifisso? Solo le donne? Piccolo Giovanni: Chi ha alzato la mano! Don Vincenzo: Solo le donne hanno alzato la mano? Piccolo Giovanni: Chiedilo! Don Vincenzo: Solo le donne hanno alzato la mano o ci stanno pure gli uomini? Alcuni: Pure gli uomini! Don Vincenzo: Ah! Bene..., bene...! Piccolo Giovanni: CI SONO LE SUORINE E CI SONO I SACERDOTI! OGNUNO DI VOI È UNA SUORINA, OGNUNO DI VOI È UN SACERDOTE NELLA BATTAGLIA CHE SI STA COMBATTENDO...! NON ABBIATE FRETTA, QUANDO TAGLIERETE IL "FIOCCO" AVRETE I DONI! Mario e Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Parla... è buona, ma non è la tua! Nunziatina: Eccomi! ...È molto dolce! Piccolo Giovanni: Dobbiamo fare Festa con le Cose del Padre! Nunziatina: Eccomi! Don Vincenzo: Basta così, grazie! Piccolo Giovanni: Devi fare Festa con le Cose del Padre... ed anche tutti voi dovete Fare Festa con le Cose del Padre! La Cocciuta vedeva Gesù Vestito di Croce e il Suo Abito nel Riparare, e lei Vestita di Croce e i Suoi Abiti nel Riparare! Ha preso gli abiti di ognuno di voi per Riparare i Flagelli e i Sigilli, ma ne sono caduti e ne cadranno ancora! È questo il Tempo che Dio ha preparato per combattere, per amare, per perdonare e per usare Carità verso tutti! Gesù ci ha Vestiti di Croce col Suo Sangue! ...Lo abbiamo gettato e Gesù l'ha raccolto! Lo abbiamo rigettato ancora e Gesù lo ha raccolto ancora! Ha mandato lo Strumento e lo raccoglie attimo dopo attimo per farlo indossare ancora! E verrà gettato ancora e verrà raccolto ancora fino al Giorno nel quale si Aprirà il Sole! E quando arriverà il Figlio dei Gradini e si unirà, non potrà più raccoglierlo, ma si combatterà, e la Battaglia di Dio è vinta da sempre! Ecco il Regalo di Giovanni Battista: la Torta Spezzata e Mangiata con ognuno di voi attraverso la Croce, Figli! ...Ora dimmi qualcosa tu! Don Vincenzo: Eccomi! Ancora di più... Piccolo Giovanni: ...Tienilo caro e tenetelo caro tutti quanti quello che avete ricevuto! Quel Nocciolo toglie tutti i noccioli del mondo e lascia il Nocciolo Scorticato di Dio! Don Vincenzo: Siamo Croce, e quindi essendo Croce, ognuno di noi deve mettere in pratica questo Segno d'Amore! È di un valore incalcolabile! È bello quello che ci è stato donato questa sera, Giovanni! Piccolo Giovanni: È il regalo di Giovanni Battista per il Suo Compleanno! <La Ricorrenza della Sua Decapitazione e la Sua Nascita al Cielo> Raffaele: ...Dovremmo fare alzare le mani perché abbiamo sbagliato a contare! Piccolo Giovanni: Si! Raffaele: Volete alzare le mani quelli che lo vogliono ancora? Piccolo Giovanni: ...Il sacchettino di custodia può rimanere ad ognuno di loro! ...Ma Mi sa che non hai contato bene! Raffaele: Anche a Domenico Lentini glielo possiamo dare oppure no? Piccolo Giovanni: Eh, si, se ha alzato la mano, donateglielo! ...Se mancano... Giuseppe, vai a prenderne altri! Giuseppe: Eccomi! Piccolo Giovanni: E nel frattempo che aspettiamo, Io bevo un po' d'acqua...! ...Ora datemi una palettina per tagliare il Dono di Dio! <La Torta del Fiocco> ...Alzati anche tu! ...Ecco! ...Benedici! ...Segnatevi! ...Mettila... e mettete anche le vostre! Ricevete il Dono che Dio ha lasciato scendere su di voi... e Lavorate...: ora taglio Io!(*) ...Croce della Croce! ...Ecco! <Si stava per applaudire> ...FERMI, NON APPLAUDITE, NON VI HO DETTO DI BATTERE LE MANI! QUESTO È UN DONO DI DIO, NON È UN DONO DEL MONDO, E NON FATE CIÒ CHE È NELLE VOSTRE MENTI, MA CIÒ CHE DIO VI DICE!(*) ...ORA AVETE RICEVUTO QUELLO CHE IL PADRE VI HA DONATO: NON DIMENTICATELO, FIGLI! QUANDO LA MANGERETE LA TORTA, OGNUNO DI VOI RICEVERÀ UN PICCOLO DONO DONATO DAL SOFFIO DEL CUORE DEI VOSTRI PARGOLI! ORA POTETE SEDERVI! Gli sposi: ECCOMI! Piccolo Giovanni: ECCOMI! ...CONTINUA, PARLA! ...DOV'È IL MIO BICCHIERE? ...ECCO! Don Vincenzo: HO PERSO IL FILO, GIOVANNI! Piccolo Giovanni: E PARLA, TROVA UN ALTRO FILO! Don Vincenzo: SI! ...QUELLO CHE TU HAI PROMESSO ADESSO, QUANDO ENTRERÀ IN AZIONE? Piccolo Giovanni: È GIÀ ENTRATO IN AZIONE! Don Vincenzo: CON IL TAGLIO DELLA TORTA? Piccolo Giovanni: SI! QUANDO IL PADRE PARLA, NON GIOCA MA OPERA! BISOGNA SPALANCARE I CUORI, LASCIARE IL MONDO E LAVORARE NELLA VIGNA, NELL'ARCA E CON I REMI! Don Vincenzo: Questa è la Vigna del Padre, questa Famiglia, e quindi con questa Famiglia, Tu, Giovanni, sei stato quello che ha iniziato il Solco...! Piccolo Giovanni: ...E tu lo devi terminare, ma ti aiuterò e non ti lascerò così come non ho lasciato nessuno dei figli! Maria sta impastando, deve fare il Pane Grande che servirà in questi giorni! Tutti i Servi Inutili sono al Forno nel lavorare nei giorni che verranno, ad impastare, a cucinare e a tagliare! Siate pronti e preparati, Figli, a tutto quello che vorrà il Padre! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: È un avvertimento quello che ci hai dato? Piccolo Giovanni: Siate pronti e preparati a tutto quello che vorrà il Padre! Il Pane si impasta, lievita e cresce...! Don Vincenzo: E ne abbiamo avuto la prova: non è tanto Giuseppe che sbagliava, ma perché c'erano delle adesioni continue in più, e c'era il lievito che ha fatto crescere il numero dei richiedenti... Piccolo Giovanni: ...Si, era il lievito che cresceva! Don Vincenzo: Altri che all'inizio non avevano detto si, poi dopo il lievito crescente hanno detto sì anche loro! Piccolo Giovanni: Ma vigilate: non gettate la Croce, ma portateLa, e non temete gli uomini ma il Padre, Figli! ...Ehi, nel frattempo non Mi date nulla da mangiare? Me lo doni uno di quei fichi d'India? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quello giallo! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Si... Raffaele: Lo gradisci tagliato? Piccolo Giovanni: Si! Intanto bevo... Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Maria: Bene! Piccolo Giovanni: Nico', come stai? Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tere', come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi"... adesso, si! Hai visto dai tuoi confetti cos'è nato? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sei gioiosa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sai distinguere un occhio dalla lingua? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Li sai distinguere in questi giorni? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Uno di questi giorni verrò e Mi farò visitare! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vediamo se Mi riconosci! Teresa: Eccomi! Ti aspetto! Piccolo Giovanni: E poi ritorno e Mi farò visitare ancora! ...Che Giardino sbocciato! ...Ehi... è bello questo Giardino sbocciato, è profumato e c'ha il Profumo del Padre! ...Chiara, mettiti il Crocifisso da sola: fatti la domanda e mettitelo, e non temere gli uomini ma il Padre! Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ora che le Spose sono tutte belle e adornate e il Giardino è tutto bello e sbocciato, non si fanno applausi, ma si fa la Volontà del Padre! <Giovanni prende il sacchetto con i Confetti e li lancia sui presenti, i quali cercano di raccoglierli> ...Vai e finisci di fare la Volontà del Padre! È questo l'Applauso del Cuore di Dio! ...Non hai niente da dirmi? Don Vincenzo: È bella questa Festa! Piccolo Giovanni: È particolare questo giorno: è fatto di Giovanni Battista ed è fatto del Suo Amore! ...Dì qualcosa! Don Vincenzo: Una volta Tu hai detto che non volevi fare la morte di Giovanni Battista! Piccolo Giovanni: No, ma questo è meglio non dirlo! Don Vincenzo: Si, lasciamo stare... allora diciamolo in positivo! Piccolo Giovanni: Si... perché dovrei parlare pesante! È bello quello che il Padre vi ha donato e quello che vi ha donato Giovanni Battista in questo Giorno! ...Come stai, dottore Franco? Il tuo cuore è gioioso? Franco: Diciamo di si! Piccolo Giovanni: Sei in ansia? Stai tranquillo: Dio è Padre e dona ai propri Figli tutto quello che necessita loro! Ora, va'! Franco: Eccomi! Don Vincenzo: Il Miscuglietto! Piccolo Giovanni: Ehi, il Miscuglietto! Giuseppe: ...SONO STATI DISTRIBUITI QUARANTUNO CROCIFISSI! Per chi l'ha ricevuto, come facciamo? Piccolo Giovanni: Dovete fare come si è fatto sempre! Giuseppe: Eccomi! ...Si devono segnare e si devono fare la fotografia come sempre? Piccolo Giovanni: Si, come si è fatto sempre! ...Ma mentre preparano, tu di' qualcosa perchè hai parlato pochino pochino in questo giorno! Don Vincenzo: Che cosa Ti ha detto Giuseppe? Piccolo Giovanni: Si deve procedere con l'annotazione sul registro e si devono fare le fotografie come sempre! È stato fatto sempre così! Don Vincenzo: Ah... si! E quindi la fotografia la fanno subito? Piccolo Giovanni: No, quando sarà il momento! Ora c'è il Cielo e c'è il Banchetto! Quando il Banchetto si fermerà, ma non andrà via perché è sempre con voi, farete quello che dovete fare! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Beh, dimmi qualcosa! Don Vincenzo: Si! Sempre in merito a quelle preghiere "Ave Maria" e "Padre Nostro"... Piccolo Giovanni: ...Si, ma vediamo come lo hanno preparato questo Miscuglietto! ...È buono? Don Vincenzo: È fresco! Piccolo Giovanni: Ma è solo fresco, non è buono? Don Vincenzo: Si che è buono! Piccolo Giovanni: Ah... eh, si, è proprio buono! Don Vincenzo: Ah... è ottimo! Piccolo Giovanni: È proprio buono, viceparroco! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Si... cosa c'è? Don Vincenzo: È fresco! Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: È buono! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Un po' di curiosità! Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Adesso che risali, che fai? Qual'è la cosa prioritaria? Piccolo Giovanni: Ma Io non risalgo... siamo in mezzo a voi! Don Vincenzo: E che fate? Piccolo Giovanni: Io preparo gli altri Sigilli, aiuto lo Strumento a portare le Spose e a mettere l'Abito e l'Anello... e ci inzuppiamo e ci beviamo... e rimaniamo al Banchetto del Padre nell'accogliere le Spose, ma devi ricordarti che il Cielo è in mezzo a voi! Don Vincenzo: E le Spose hanno sempre l'Abito Bianco? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Hanno l'Anello al Dito? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E hanno pure sulla testa la Fiammella... Piccolo Giovanni: Si, quella si, ma non la Corona! Don Vincenzo: Quindi ce l'hanno tutti la Fiammella? Piccolo Giovanni: Si, ce l'abbiamo tutti quanti ed anche voi! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Aiutami a capire bene cosa significa "Giovincello"! Piccolo Giovanni: Significa Giovincello! Quando lo vedrai lo capirai perché non ci sono parole per spiegarlo! Don Vincenzo: ...Chiuso! Piccolo Giovanni: Dovrai vederlo perché non ci sono le parole adatte......! Don Vincenzo: Si...! Piccolo Giovanni: ...Cosa c'è ancora? ...QUANTO BENE DI DIO! ...QUANTO BANCHETTO DEL PADRE! ...QUANTA FESTA PER LE SPOSE! ...ECCO IL FIOCCO... COSA PENSAVI DI FARE COL FIOCCO? NON TE L'ASPETTAVI QUELLO CHE IL PADRE TI HA DONATO? ...NON DIMENTICATELO, FIGLI, E NON DIMENTICATE CIÒ CHE RAPPRESENTA IL FIOCCO!(*) ...E dimmi qualcosa tu... poi devo andarmene e viene Gesù...!(*) ...Sei contenta? Una donna: Eccomi! Piccolo Giovanni: Lo siete tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...E allora adesso possiamo iniziare a combattere! ...Ecco! Don Vincenzo: ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Che cosa significa "iniziare a combattere"? Piccolo Giovanni: Significa iniziare a combattere! Maria e le Schiere combattono e lo Strumento combatte per ognuno di voi! Ora iniziamo a combattere nei Tempi che verranno! Don Vincenzo: Ma combattere contro chi? Piccolo Giovanni: Ci sono i falsi profeti, ci sono i farisei di ieri e di oggi e c'è il veleno!(*) ...Il Filicino ve lo lascio aperto perché così lo vuole la Cocciuta... ma a Giulia la lascio alla Destra del Padre! <Giovanni schiocca un bacio che viene ricambiato> Io vi lascio il Mio Amore! Don Vincenzo: E noi Ti lasciamo anche il nostro!(*) ...Gesù! Gesù: Eccomi con la Croce e col Pane ancora! Don Vincenzo: Benvenuto ancora una volta! Gesù: Eccomi, non Mi sono spostato! Don Vincenzo: Abbiamo preso i Crocifissi! Gesù: Giovanni fa tutto quello che Gli viene detto dal Padre, dal Mio Cuore, dai Servi Inutili, dai Pargoli, dai Cari e da tutti quelli che sono all'Ubbidienza del Padre, che, uniti nella Catena dell'Amore, si uniscono alla Volontà del Padre nel gioire e nel fare Festa! Ed oggi si è fatto Festa così come si andrà avanti nel fare Festa! NON DIMENTICATE IL SIGNIFICATO DI CIÒ CHE VI È STATO DETTO NEL FIOCCO...! Lascio il Mio Sguardo sulla Torta degli Sposi donando la Quiete, la Pace, l'Amore ed il Perdono ai nemici! Lascio la Luce del Cuore di Maria per unire la Catena che gli uomini vogliono sciogliere! Non sciogliete ciò che Dio ha unito! E MENTRE TAGLIERETE LA TORTA, DIO SI POSERÀ SU DI VOI, FIGLI! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: ECCO IL GIORNO PIENO DI DIO! ECCO L'ALBA CHE INIZIERÀ, E QUANDO INIZIERÀ SENTIRETE IL PROFUMO DI TUTTO QUELLO CHE AVETE RICEVUTO IN QUESTO GIORNO! ...Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato! Tu, Calice Vivente, saluta con l'Albero Verde i tuoi figli, la tua Famiglia e l'umanità intera! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Cosa avete fatto?(*) Giovanni...! Piccolo Giovanni: Piccola Cocciuta della Croce del Padre, i Tempi sono nel Tempo! Giulia: Capiranno i figli? ...Non voglio comandare Dio, ma non sono pronti i figli!(*) ...Tienimi per mano ancora così io posso tenere per mano loro e portarli ancora! Piccolo Giovanni: Non ti ho mai lasciato la mano ed il Padre te la stringe attimo dopo attimo! Giulia: Eccomi, Giovanni, ma Tu che vedi tutto, vedi come sono smarriti? Piccolo Giovanni:La Catena che ti è stata consegnata non viene rotta dalle mani degli uomini perché è stata costruita da Dio! Giulia: Eccomi, mia Forza, mio Sollievo e mia Quiete...!(*) Piccolo Giovanni: Perché non hai voluto far sentire ciò che hai detto ancora? Giulia: Ecco...... ma l'hai ascoltato e il Padre l'ha ascoltato pure!(*) ...Fammi legare il Filicino!(*) ...Più tardi vieni... ora lascialo sciolto un altro pochino!(*) ...Lega quello di Teresa, quello di Nicola e quello di Maria, l'altro è più forte...!(*) ...Giovanni, fa sbocciare i Pargoli dove il Padre vuole!(*) ...Ora vai e prepara gli altri Sigilli! Dopo ci inzuppiamo e ci beviamo! <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, posso prendere un'altra spugna ed inzupparmi ancora un pochino? Il Padre: Non ti è bastato? Giulia: ...Un'altra spugna...!(*) ...Devo raccogliere i nemici e portarli a Casa!(*) Il Padre: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà! ...Dopo vado! ...E visto che siete tutti al Banchetto... Ciao, Papà!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Pargoli!(*) ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Ciao, Pargoli del mio cuore!(*) ...Rimanete alla Schiera ed impastate... ma non temete per il Filicino: devo fare le Cose del Padre così come le state facendo Voi, Bimbi miei!(*) ...Ciao, Cuore di Mamma!(*) ...Ciao, Fiorellino Spezzato e nato nel Cuore del Padre!(*) ...Sì, il Vestito... sì, l'ha preparato... vagli vicino ed aiutala! <Giulia schiocca un bacio> ...Ci vediamo dopo!(*) ...Ciao!(*) ...Ciao, Papà Dio, ti voglio tanto tanto bene!(*) ...Lascialo aperto il Filo, ci sono i figli che non vogliono donare la mano e se rimane aperto posso prenderli...!