LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 159

 

 

QUANDO PREGATE NON FATE COME FANNO COLORO CHE SI METTONO IN MOSTRA,

PERCHÈ CIÒ CHE FA LA DESTRA NON LO DEVE SAPERE LA SINISTRA,

E NON AGGIUNGETE E NON TOGLIETE CIÒ CHE IL PADRE VI DONA

(dal messaggio del 05/12/2013)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 05/12/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle (Corigliano Calabro - Cosenza)

(Giulia): I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù...! (Gesù): Non chinare il capo! (Giulia): Eccomi, Gesù! Non lo posso bere questo Sigillo?(*) Gesù, Tu che vedi tutto, io Ti dico: hai visto che i Grandi ci copiano? Se non glielo facciamo sentire non lo copiano e non parlano, facendo loro quello che non vogliono sentire, coloro che dicono di AmarTi, i farisei di ieri e di oggi! Se gli facevo sentire questo Sigillo......(*) me lo fai Bere senza dirlo neanche ai figli? Stanno copiando tutto dicendo che è Parola Tua, ma non è giusto copiare, non è così, Gesù? Quando uno copia significa che non ha imparato alla Tua Scuola, ma prende del Tuo, ma poi non Ti ama, non Ti cerca e Ti vende e Ti compra! Il copiato è bello quando viene preso tutto intero, accolto, amato e non venduto e comprato! Lo posso bere o tenerlo fermo.........?

*******************

(Gesù): Ma quando pregate non fate come fanno coloro che si mettono in mostra, perchè ciò che fa la destra non lo deve sapere la sinistra, e non aggiungete e non togliete ciò che il Padre vi dona! E non dimenticate che il Padre vi ha Donato uno Strumento e lei suona sempre la Musica del Padre e non ascoltate altre musiche prendendo un po' di qua e un po' di là! Dovete vigilare nel prendere il Pane Intero, quello che Dio ha preparato per ognuno di voi e non quello che preparano gli uomini......!

*******************

(Don Vincenzo): Tutto il Padre ha preparato per i Suoi Figli e giorno per giorno, ora per ora ci spezzetta questa Sua Giornata d'Amore e ce la dona......! Il Padre ci Ama in una Misura Straordinaria e ha Mandato Te, Gesù, a darci questo Segno di Amore Impareggiabile, perché mettersi sulla Croce e pagare per tutta l'Umanità ha proprio dell'incredibile......! Chi mai avrebbe potuto immaginare una cosa del genere? Questo Amore Straripante, questo Amore Infinito...... vincente e apparentemente perdente, perché da un lato sembra che ci sia la sconfitta quando si muore in Croce, e invece... (Gesù): Io non Sono morto...... (Don Vincenzo): ...E invece è la più grande Vittoria, la più grande delle Vittorie perchè Tu al posto di ognuno hai pagato...... (Gesù): ......Io non ho pagato, Io vi ho Comprato a Prezzo di Sangue! (Don Vincenzo): Ci hai Comprato a Prezzo di Sangue! (Gesù): Non solo ma vi ho Amato e vi Amo ancora! (Don Vincenzo): E questo ci riempie di Gioia...... e ci dà tanta Pace......! (Gesù): Il Padre non Mi ha Mandato per pagarvi! Tu non devi dire che ho pagato! Io non ho pagato nulla, ma di Mia Volontà vi ho Amati e vi Amo! Vi hanno insegnato a dire che Io ho pagato, ma non ho pagato, è l'Amore del Padre che si è Donato e si Dona attimo dopo attimo! Mio Padre non Mi ha Mandato a pagare ma ad Amare e a Donare a tutti il Pane Intero e a chiamare tutti: "Figli"! (Don Vincenzo): Che Amore Smisurato! (Gesù): Vedi quante cose sbagliate vi hanno insegnato...? Per questo Io vengo a dire la Verità Tutta Intera e questo Amore dovete farlo crescere anche voi amandovi gli uni gli altri e rimanere Capanna Unita! Gli uomini, coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, separano l'Amore del Padre che ha Unito ma voi non dovete separarLo e dovete farLo crescere e moltiplicarLo! Loro Lo dividono, pagando, sì: Mi vendono e Mi comprano!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Nel Pane Intero vi Dono il Mio Abbraccio d'Amore, prendendo la mano di ognuno di voi e dell'umanità intera per Condurvi nel Cuore del Padre e nel Ripararvi dalle Onde del Male! Figli Miei, Vigna Fatta Nascere dal Padre, Arca Creata da Dio: vigilate e unite la Catena del Mio Cuore ai cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! Figli Miei, vigilate, i falsi profeti crescono ancora e il Veleno scorre......! Non fermatevi, avete la Destra, combattete in Questo Tempo Amandovi gli uni gli altri! Il Gregge di Dio non si disperde, poggiate il capo sul Cuscino della Croce! Poggiate i vostri cuori sul Legno Verde del Mio Amore! Siate in pace gli uni gli altri, Io Sono in mezzo a voi così come Lo è tutto il Cielo! Il Figlio non ha sceso neanche oggi un Gradino e non ha Aperto......! Amatevi e Rimanete nell'Amore del Padre! Siate in pace gli uni gli altri, quando finiranno i Gradini, l'Amore deve essere Pieno! Figli Miei, non dimenticatelo: tutte le ginocchia si inginocchieranno, ma non tutti si alzeranno! Non lasciate la Via Stretta per prendere quella larga! Non affannatevi per le cose del mondo in Questo Tempo......, ci saranno figli che rimarranno di pietra......, non dimenticate tutte queste cose! Vedete, Figli Miei, lo Strumento vi Porta, lo Strumento Beve i fiumi, lo Strumento Beve il mare, lo Strumento ferma i missili, ma ora un Flagello può prenderLo e uno Lo deve lasciare! Sulle sue spalle il Padre non ha tolto il peso ma lo ha aumentato! Voi siate vigilanti, ciò che il Padre vi chiede è solo l'Amore! Con l'Amore Io Ho Vinto e con l'Amore dovete vincere e sconfiggere il Veleno e i Falsi Profeti che avanzano ancora di più! Dio ha Costruito la Sua Casa nel Cuore di Maria, nel cuore di ognuno di voi: ognuno è una Piccola Chiesa e ognuno di voi è un Tabernacolo! Non chiedo altro, vigilate, in molti verranno a dire: "Gesù è qui! Gesù è li! Gesù ha chiesto un palazzo! Gesù ha chiesto una reggia!" Non sono Io, non andate e non fermatevi in quelle case, Figli Miei! Voi Rimanete nell'Arca, lo Strumento Remerà per ognuno di voi e per l'umanità intera, Figli Miei! ..................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Ecco i Miei figli! Ecco i Miei amici! Ecco i Miei fratelli! Giulia: Eccomi! Gesù: Il Padre te li ha donati! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) C'è un vento forte...!(*) Perché cammini in quell'Erba Verde? Non Ti sporchi il Vestito?(*) È così bella, ma il vento la porta di qua e di là..., non si spezza? Cos'è quell'Erba Verde, Gesù? Ci sono dei pezzi di ferro..., sono grandi......! Gesù, c'è un Campo dove la terra si sta aprendo! Quel Verde......, è diventato grande lo Spazio dell'Apertura e ora scende dell'acqua, ma è sporca...: è un Flagello! .....................Posso fermarlo? Gesù: Questo no! Giulia: Questo deve cadere?(*) Eccomi nel Fare le Cose del Padre! Gesù, Eccomi nell'essere pronta... se decidi di volerlo fermare! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi! Gesù, ora cammini sul mare......! Questo lo posso fermare?(*) Le acque sono tante... e sono cresciute......!(*) Lo posso fermare? Non è bello per niente......! Gesù: Alza la Destra! Giulia: Eccomi! <Giulia Alza la Destra e contemporaneamente inizia a Bere fermando ogni cosa col Segno Trinitario> Non si Aprirà......, è fermo per sempre......? Gesù: Eccomi! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA......! Giulia: I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù...! Gesù: Non chinare il capo! Giulia: Eccomi, Gesù! Non lo posso bere questo Sigillo?(*) Gesù, Tu che vedi tutto, io Ti dico: hai visto che i Grandi ci copiano? Se non glielo facciamo sentire non lo copiano e non parlano, facendo loro quello che non vogliono sentire, coloro che dicono di AmarTi, i farisei di ieri e di oggi! Se gli facevo sentire questo Sigillo......(*) me lo fai Bere senza dirlo neanche ai figli? Stanno copiando tutto dicendo che è Parola Tua, ma non è giusto copiare, non è così, Gesù? Quando uno copia significa che non ha imparato alla Tua Scuola, ma prende del Tuo, ma poi non Ti ama, non Ti cerca e Ti vende e Ti compra! Il copiato è bello quando viene preso tutto intero, accolto, amato e non venduto e comprato! Lo posso bere o tenerlo fermo.........?(*) Come vuoi decidere Tu! Gesù: Tienilo! Giulia: Facciamo allungare i Giorni visto che ce ne sono ancora..., e poi me lo dici: Eccomi! Gesù, allora lo posso tenere senza dirlo così nessuno copia?(*) No, quando andavo a scuola, non copiavo...... e non rispondevo anche se lo sapevo...... Gesù, Tu lo Sai, prima lo cantavo e poi non parlavo più...... e adesso facciamo la stessa cosa visto che me lo fai tenere: non lo diciamo...... come facevo con le tabelline e le altre cose... facciamo così? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Eccomi, Strumento che Suona la Musica del Padre che è la Parola! Giulia: E... fermaTi, io non so fare niente... e devo metterTi nel Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, i cuori di tutti i figli, la Famiglia, coloro che sono nati li ho già portati e tutte le Pietruzze! Gesù: Sei brava a cambiare discorso! Giulia: No, non sto cambiando discorso... poi mi dimentico di metterTi nel Cuore tutti quanti! Gesù: Non fai altro che metterli attimo dopo attimo nel Mio Cuore e non fai altro che portare le Spose attimo dopo attimo......! Giulia: È la Giornata da Lavorare, è quella... Eccomi! Gesù, devo mettere nel Tuo Cuore anche quelli che non hanno la forza, anche quelli che hanno dimenticato di avere un Papà, anche quelli che non vedono i Tempi che stanno arrivando, e metto nel Tuo Cuore il niente della mia Giornata! Eccomi, Gesù, Straccio Stracciato nel portare tutti i figli Stracci Stracciati nel Tuo Cuore, ai Piedi della Croce! E facci rimanere sempre così: Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, nascosti nel Tuo Cuore dove nessuno può rubarli! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi con il Banchetto Preparato, con tutte le Spose, tutti i Servi Inutili e tutti i Pargoli! Ecco il Banchetto Preparato per ognuno di voi! Ecco il Cuore di Maria spalancato! Ecco la Schiere che aspettano! Giulia: Non possono aspettare me, è Maria che è dinanzi......! Gesù: Rimani all'Ubbidienza del Padre! Giulia: Eccomi nel camminare e nel combattere! Gesù: Ecco i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Ecco Rossella, Natanaele, Vittorio, le Bimbe e i Pargoli! Ecco l'Amore del Padre e la Verità Tutta Intera della Croce e del Pane...... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, nel Rimanere nell'Ubbidienza al Tuo Amore! Eccoci nello spogliarci delle cose del mondo: lo faccio io e ogni figlio...... e rispondo io per ognuno di loro e per l'umanità intera! Ed eccoci nel rispondere ancora alla Domanda Finale! Ed ecco nel rimanere Crocifissa per Amore: ci sono i Giorni, aspettiamo ancora! Non hanno capito..., perdona i Figli della Cupola e dona tempo ancora a loro! Metto nel Tuo Cuore e nelle Tue Mani tutto quello che mi hai donato fino a quest'istante, e perdona ancora chi Ti vende e chi Ti compra, perché Tu Sei il Perdono da sempre, Gesù......! Gesù: Conosci ogni cosa, Anima Mia, Immolati come tu sai fare! Giulia: Eccomi, Gesù! Quel Fiore che hai in Mano Piantalo, Gesù...... ma non farlo cadere!(*) Piantalo nei Chiodi! <Giulia tende le mani> Gesù: Non posso! Giulia: Si che puoi, puoi tutto! Ora crescerà! Eccomi! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! ...Come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Anch'Io sto bene! Hai sentito tutto? Don Vincenzo: Poco! C'è l'apparecchio auricolare che non funziona bene......! Gesù: E come facciamo se non Mi senti? Don Vincenzo: Un po' sì! Gesù: Un po' sì......! Io sento che vi Amo e vi voglio bene! Tutti: Anche noi, Gesù! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: Cosa hai sentito di quello che ho detto? Don Vincenzo: Poco! <Don Vincenzo allude all'apparecchio acustico che porta e questa sera è difettoso> Gesù: Ieri la Cocciuta l'ha cambiato! Mosè: Gesù, hai invitato a pregare per i Figli della Cupola......! Gesù: Non ho detto solo questo ma ho detto tante altre cose! Maria Rosaria: La Cocciuta si Immola sempre, Beve... e lei si Immola per tutto..., e ferma Tutto! Gesù: Parla un po' tu, Io ho parlato...... dimmi qualcosa! Come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: Almeno hai detto una cosa! <Si ride un po'> Eh, questa è bella stasera! Non hai niente da dirMi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E parla...... così dopo ci Doniamo! Don Vincenzo: Gesù, ma forse è meglio che prima ci Doniamo e poi parliamo! Gesù: Io ubbidisco a ciò che dici, sei il Calice Vivente! Doniamoci! Don Vincenzo: Doniamoci! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E la Cocciuta rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma in questo Tempo, i Sigilli uno deve Berlo e uno deve lasciarlo cadere, ma lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per i Tempi che stanno arrivando......! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino e Dona il resto del Pane a Don Vincenzo...... ed entrambi Mangiano e Bevono.> Questa è la Mia Carne! Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù:Eccomi! È bello MangiarMi e DonarMi così come ti Mangi e ti Doni anche tu! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Doniamoci ai Figli! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta.> Tu ti sei Donato? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Anch'Io Mi sono Donato! La Pasqua è Piena ed è Risorta nell'Amore del Padre e nell'Amore della Croce! <Gesù Benedice> E lo Strumento è rimasto Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! .........Pregate ancora! Don Vincenzo: Soffia un po', Gesù! <Don Vincenzo indica il suo orecchio> Mi dispiace di non aver sentito quasi niente...... pensavo di chiederTi aiuto...... ma poi lo leggo con calma il messaggio! Gesù: ......Il Pane va Mangiato e non solo una volta......! Prendiamo parte al Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: È pronto per ognuno di voi così com'è pronto per le Spose! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Prendiamo parte al Banchetto! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Il Padre è il Banchetto! Don Vincenzo: E anche Tu Sei il Banchetto, Gesù! Gesù: Il Padre si Dona: la Primizia è il Padre nel DonarMi a Maria e ad ognuno di voi...... e il Padre si è Donato e si Dona ancora......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Questa è dolce......! <Gesù indica l'Erbetta che Raffaele Gli sta servendo> Ma presto dovrete mangiare "un'Erba Amara" per aiutare coloro che vogliono rimanere nel Buio, per aiutare i figli che Mi Vendono e Mi Comprano! I Tempi sono Pieni...... e il Figlio neanche oggi è Sceso il Gradino e neanche oggi si è Aperto......... e lo Strumento deve Combattere e portare avanti la Schiera! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Siate vigilanti perchè molti falsi profeti avanzeranno: non disperdetevi, Figli! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> PRENDIAMO DA MANGIARE L'AMORE DEL PADRE! LA COCCIUTA LA STA MANGIANDO L'ERBA AMARA...... È ANDATA A LAVORARE E A PRENDERE LE SPOSE E NE HA PORTATE TANTE DALL'ALBA FINO A QUESTO ISTANTE! ......E AD OGNUNO DI LORO HA DONATO L'ABITO E L'ANELLO! ......COLORO CHE NON HANNO DONATO LA MANO SONO RIMASTI LI' AD ASPETTARE L'ULTIMA DOMANDA...... PERCHÈ ORA UN FLAGELLO VERRA' PRESO E L'ALTRO VERRA' LASCIATO......, UN FIGLIO VIENE PRESO E L'ALTRO CHE NON HA DONATO LA MANO VERRA' LASCIATO......... NELL'ASPETTARE LA DOMANDA FINALE..................! Vicepa', vai avanti, non ti preoccupare! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ciò che fai ti viene detto nel cuore! Non essere triste in questi giorni e non preoccuparti perchè il Padre Provvede e fa crescere l'erba anche dove non c'è il terreno! Raffaele: Eccomi! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'avanzo a Leonardo e a Maria Elena, poi taglia il pane-pesce e dona la testa e la coda a Maria Elena, Mario, Anna, Clelia e altri pezzi ad alcuni dei presenti.> Gesù: E così ognuno di voi che abita nell'Arca non deve essere legato alle cose del mondo e non dovete preoccuparvi perchè il Padre vostro ha preparato tutto per ognuno di voi e non dovete perdere la Fede ma farLa Crescere...... parlo a voi e parlo al mondo intero, Figli! Ma voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ora vuoi parlare tu un po', Calice Vivente? <Ma Gesù si rivolge improvvisamente ad Anna> Chi serve si siede a quel posto, perchè tu ti vai a sedere da quell'altra parte? Alzati e mettiti al posto tuo perchè ognuno ha il proprio posto nell'Arca, e non dovete cambiare i propri posti perchè chi serve ha un posto mentre chi viene servito ne ha un altro......! E non dovete essere tristi ma gioiosi quando vi viene detto cosa dovete fare, Figli, perché ognuno di voi ha un compito ed è nascosto nei vostri cuori! Ma dovete essere vigilanti ad ascoltare...... ed essere pronti e preparati nel pregare......! Ma QUANDO PREGATE NON FATE COME FANNO COLORO CHE SI METTONO IN MOSTRA, PERCHÈ CIÒ CHE FA LA DESTRA NON LO DEVE SAPERE LA SINISTRA, E NON AGGIUNGETE E NON TOGLIETE CIÒ CHE IL PADRE VI DONA! E non dimenticate che il Padre vi ha Donato uno Strumento e lei suona sempre la Musica del Padre e non ascoltate altre musiche prendendo un po' di qua e un po' di là! Dovete vigilare nel prendere il Pane Intero, quello che Dio ha preparato per ognuno di voi e non quello che preparano gli uomini......! Ora parla tu un po'......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: A prescindere da questo apparecchio che questa sera non ha funzionato......! Gesù: Mi sa che Devo Fare il Lavoro che fa lo Strumento cioè Mi Alzo e Faccio quello che vedo fare allo Strumento! Visto che tu ancora non l'hai imparato, lo Faccio Io! <Gesù sistema l'apparecchio acustico di Don Vincenzo> Don Vincenzo: Questo non funziona per niente, quest'altro invece così così! Gesù: Eh... ora Mi senti? <Gesù grida e si ride> Don Vincenzo: Eccomi! Avevo prima accennato che la Nostra Giornata...... Gesù: ......È la Giornata che il Padre vi ha donato! Don Vincenzo: Sì, la Nostra Giornata è la Giornata che il Padre ci ha donato e guai se non la riconosciamo la Giornata che il Padre ci ha donato e guai se non diamo spazio al Padre, perché è la Giornata del Padre che noi abbiamo ricevuto e che stiamo gustando e quindi è grazie a Lui che Questa Giornata la viviamo da "Figli"! Tu, Gesù, non fai altro che raccomandarci di non andare dietro alle cose del mondo perché passano e allora questo Grido d'Amore è pieno di Saggezza, è pieno di Luce perché essendo le cose del mondo caduche, passeggere e frivole, dovremmo attaccarci solo alle Cose Vere ed Eterne del Padre......! Gesù: ...Ecco il "niente"! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Ti raccomando, vicepa', eh, scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Tutto il Padre ha preparato per i Suoi Figli e giorno per giorno, ora per ora ci spezzetta questa Sua Giornata d'Amore e ce la dona......! Il Padre ci Ama in una Misura Straordinaria e ha Mandato Te, Gesù, a darci questo Segno di Amore Impareggiabile, perché mettersi sulla Croce e pagare per tutta l'Umanità ha proprio dell'incredibile......! Chi mai avrebbe potuto immaginare una cosa del genere? Questo Amore Straripante, questo Amore Infinito...... vincente e apparentemente perdente, perché da un lato sembra che ci sia la sconfitta quando si muore in Croce, e invece... Gesù: Io non Sono morto...... Don Vincenzo: ...E invece è la più grande Vittoria, la più grande delle Vittorie perchè Tu al posto di ognuno hai pagato...... Gesù: ......Io non ho pagato, Io vi ho Comprato a Prezzo di Sangue! Don Vincenzo: Ci hai Comprato a Prezzo di Sangue! Gesù: Non solo ma vi ho Amato e vi Amo ancora! Don Vincenzo: E questo ci riempie di Gioia...... e ci dà tanta Pace......! Gesù: Il Padre non Mi ha Mandato per pagarvi! Tu non devi dire che ho pagato! Io non ho pagato nulla, ma di Mia Volontà vi ho Amati e vi Amo! Vi hanno insegnato a dire che Io ho pagato, ma non ho pagato, è l'Amore del Padre che si è Donato e si Dona attimo dopo attimo! Mio Padre non Mi ha Mandato a pagare ma ad Amare e a Donare a tutti il Pane Intero e a chiamare tutti: "Figli"! Don Vincenzo: Che Amore Smisurato! Gesù: Vedi quante cose sbagliate vi hanno insegnato...? Per questo Io vengo a dire la Verità Tutta Intera, e questo Amore dovete farlo crescere anche voi amandovi gli uni gli altri e rimanere Capanna Unita! Gli uomini, coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, separano l'Amore del Padre che ha Unito ma voi non dovete separarLo e dovete farLo crescere e moltiplicarLo! Loro Lo dividono, pagando, ...: Mi vendono e Mi comprano! Nella Famiglia che siete voi deve sbocciare solo l'Amore, deve crescere il Pane, deve crescere la Carità, deve crescere il Perdono, deve crescere la Misericordia! Così com'è Misericordioso il Padre vostro, dovete esserlo anche voi, Figli! Dovete usare la Destra che Dio vi ha Donato, Sacerdozi Vivi ed Eterni, e il Padre è Eterno e ognuno di voi lo è se vive nel Padre! Vigilate, i falsi profeti avanzano, avete la Destra, Combattete! <Gesù Benedice> BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ciao, papà... ciao, papà... ciao, mamma... ciao, mamma, state mangiando? State bene? Mario e Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Papà, cosa c'hai nel cuoricino? ...Papà, cosa c'hai nel cuoricino? <Mario scuote un po' la testa e i Bimbi lo imitano> E cosa dobbiamo fare? ...Cosa dobbiamo fare? Mario: Venite! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, veniamo! Mamma, mamma, hai fatto la coperta? Maria Elena: Ancora no! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non l'hai preparata la coperta, non hai freddo? Maria Elena: Sì! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora preparala! Papà, ti vogliamo bene... papà, ti vogliamo bene, eh, perché ridete? ...Perché ridete? Stiamo preparando una Coperta per coprire l'Umanità Intera e verranno dei Tempi freddi e dei Tempi caldi e noi dobbiamo preparare una Coperta per il freddo e una Coperta per il caldo... e dobbiamo Impastare... e poi dobbiamo stare anche nel Combattere nella Schiera della Cocciuta, il Figlio non ha Sceso il Gradino e perciò non l'ha Aperto ma dobbiamo Combattere......! Voi Combattete con il Padre Nostro e con l'Ave Maria, non dimenticatelo! Eh, pallina nonna, nonna Filomena, anche nonno Franco, tessete la copertina dell'Amicizia! E voi tutti quanti tessete la copertina della Quiete! Ehi, vi vogliamo bene! Tutti: Anche noi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! Ciao, mamma... ciao, mamma... ciao, papà... ciao, papà... ciao a tutti! Tutti: Ciao! <Mandano baci> Bimbi di Mario e Maria Elena: Dobbiamo andare a Lavorare... Ciao! <Accarezzano Don Vincenzo> Ciao, Calice Vivente! ...Ciao! Gesù: Ecco i Frutti dell'Amore, ecco i Servi Inutili nel Lavorare nella Vigna! ......Cosa c'è? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tutto quello che il Padre Ha Fatto, il Creatore di Tutto e di Tutti, si potrebbe racchiudere in una parola sola......! Gesù: Amore! Don Vincenzo: Amore e anche in un'altra: Dono! Perché Dono? Gesù: Perché Dono? Don Vincenzo: Perché se ognuno di noi facesse una semplice riflessione scoprirebbe che ogni cosa che abbiamo è un Dono, sia all'esterno di noi stessi e sia all'interno di noi stessi, e quindi, ricevendo noi un Dono, cioè una serie di Doni che diventano un Dono Totale e Globale, non dovremmo fare altro che dire: "Grazie"...... e Gioire! Gesù: No, al Padre non si risponde "Grazie", al Padre si risponde "Eccomi"! Don Vincenzo: Eccomi, ma la parola ringraziamento ci entra perché tutto appartiene al Padre e tutto riceviamo da Lui! Gesù: Maria non ha risposto "Grazie": è Lei l'Unica Chiesa, è Lei l'Unico Tabernacolo e ha risposto e risponde "Eccomi!" Don Vincenzo: Sì, questo "Eccomi" è la risposta principale, è la risposta privilegiata per eccellenza......! Essendo "Eccomi" la Risposta Principale di Maria...... ma anche dei Servi Inutili......, e pronunziando questa risposta, Maria ha insegnato a tutti cosa rispondere e come rispondere! Gesù: Eccomi! Eccomi! Don Vincenzo: Ognuno di noi scopre di essere un Dono e quindi, se scopriamo di essere un Dono, dovremmo trovare subito il Donatore nel Padre, e quindi dovremmo subito ricambiare quello che ci ha dato con questo "Eccomi" che è stato di Maria e che deve essere di ognuno di noi! E allora scopriamo di valere, perché se il Padre ci ha Creati è perché ci vuole bene e quindi diventiamo e rimaniamo "Figli" in Te Figlio, Gesù! E tutto questo Amore diventa momento di riflessione: se tutto di me è un Dono datomi dal Padre Buono, io non devo far altro che tuffarmi nel Padre Buono, abbracciarLo il Padre Buono, perché tutto di me appartiene a Lui e tutto nella Sua Generosità l'ha messo a disposizione di me e di ogni Figlio! Quindi la Giornata la dovremmo vivere con questo ringraziamento perenne sgorgante dal nostro cuore......, la Giornata la dovremmo vivere misurando tutti i Doni del Padre...... e offrendo ad ogni Dono un "Grazie" Divino e Speciale! Ecco dove l'Eccomi ridiventa nuovamente vero, perché noi ogni momento dobbiamo dire: "Eccomi, Eccomi", ma "Eccomi" ai Doni del Padre, perché ogni momento, dovunque i nostri occhi poggiano, dovunque le nostre riflessioni pensano, in ogni momento deve scaturire sempre la parola "Eccomi" messa al primo posto, "Eccomi, Papà! Eccomi, Papà! ...Questi occhi... queste orecchie... questa persona... questo Figlio Tuo... Eccomi, Papà!" Chi poteva mai immaginare di essere Figli di Dio? Tutto abbiamo ricevuto per Grazia, tutto per quell'Eccomi di Maria......... che ora diventa l'Eccomi di ognuno di noi.........! Che Grazia essere Figli del Padre Eterno! Dovremmo vivere durante tutta la Giornata con questa Riconoscenza verso il Padre e dovremmo trovare degli spazi per riflettere su questo Dono che "è ognuno di noi", ed essendo noi Dono, è chiaro che c'è un Donatore e se questo Donatore è il Padre Nostro, la preghiera scaturisce proprio come fonte di gioia e di gratitudine! "Sono Figlio di Papà, Sono Figlio di Dio, Sono Figlio del Creatore, Sono Figlio in Te Figlio, Gesù!" Prendere coscienza di questo significa inginocchiarsi di fronte a questo spettacolo che è la Creazione, di fronte a questo Papà Buono che ai Suoi Figli li arricchisce di tutti i Doni! È Immenso Questo Dono per cui, se ci mettiamo a spezzettarLo, diventa sempre più Grande Questo Dono, diventa sempre più Divino Questo Dono e diventa sempre più evidente che il Donatore è Buono, perché tutto dal Donatore parte, tutto dal Donatore scende come Cascata di Grazia su Grazia, di Grazia su Grazia! E tutto per questo Papà Buono, così Buono che non vediamo l'ora di conoscerLo ancora più a fondo nell'essere Creature Create da Dio e perciò appartenenti a Dio e perciò Figli del Padre! Questa scoperta dovremmo farla noi fruttificare minuto per minuto e allora diventa meravigliosa la preghiera, perché diventa una preghiera costantemente di gratitudine: "Papà, Papà, Papà, Papà" proprio come ci hai insegnato Tu, Gesù: "Padre Nostro-Ave Maria"! Bisogna farla questa preghiera giorno e notte, e usare queste Parole che sono la Sintesi di Tutto e di Tutti: "Padre Nostro-Ave Maria, Padre Nostro-Ave Maria"...! Gesù: ...Mi sa che è finita la batteria del mondo! <Tommaso interviene per sostituire la batteria del microfono di Don Vincenzo> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Anch'Io sto bene con voi! E parla ancora......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ancora più signorile...... permettimi di usare questa parola: signore, signorile, quando si è signorili, cioè facendo un'azione da signore, il Padre è il Signore per eccellenza, perché è Signorile in ogni Sua Azione... Gesù: Ehi, qui c'è qualcosa, chi Me lo dona, non c'è il bigliettino? Michela: Sì, Eccomi! Gesù: Eccomi! Tu leggi il bigliettino! Ricordati quello che stavi dicendo! Io tiro fuori questo! Ehi, questo è Mio, Me lo porto a casa: è per ognuno di voi! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Leggi! Don Vincenzo: "Zaccagnino", che sarebbe: Zaccagnino? Gesù: È un paesino! Don Vincenzo: "Caro Gesù, dolcissimo Amore della Vita mia, è grande la mia emozione per avere l'onore e la gioia di poterTi scrivere una letterina! Eccomi per questi due mesi che mi hai regalato per assistere a questa grande Grazia della Visitazione! Vorrei che tutto il mondo fosse qui ai tuoi piedi! Eccomi per tutto quello che mi doni e perdonami per il poco Amore che so offrire! Gesù, Ti amo tantissimo! Un grande Eccomi di tutto e per tutto e metto tutti e tutto nel Tuo Cuore! Se è possibile, vorrei tornare Domenica! Tanti, tanti baci a Te, Gesù, Dolcezza Infinita! Eccomi col niente, Michela! Totus Tuus"! Gesù: Eh, , Eccomi! Eccomi! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Vai avanti...... è bello sentire parlare il Calice Vivente, così poi rispondo! ...Tu ne vuoi? Ma parla, non ti fermare! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Uno solo, eh, tu ne vuoi? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Tu ne vuoi? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Don Vincenzo: "Eccomi sì", Ti faccio compagnia! Gesù: Mi fa compagnia! ...Parla...! Don Vincenzo: Nella Sua Sapienza Onnipotente, nella Sua Bontà Infinita, il Padre Buono ha scelto Te, Gesù, come Figlio Visibile del Suo Amore Infinito, ha scelto Te Figlio altrettanto Buono come Lui, ha scelto Te uguale a noi, uomo come noi, per non spaventarci, quasi quasi a metterTi allo stesso piano nostro con delicatezza, con signorilità, con umiltà......! E Tu, Gesù, hai fatto il falegname per tanti anni e tutta la Tua Vita parla sempre d'Amore nei confronti del Padre e nei confronti di tutta l'umanità, ma quello che è bello è che figuri Tu, perché il Padre non ancora Lo conosciamo in modo visibile, ma conosciamo Te che Sei l'Immagine del Padre e sei l'Amore del Padre, perché non fai altro che portare Lui a noi, attraverso i Tuoi Miracoli, attraverso le Tue Parole, attraverso soprattutto la Croce, questo Stendardo Sempre Vincente! E allora è vero che conoscendo Te conosciamo sempre più il Padre, sì, perchè il Padre lo conosciamo attraverso di Te! Prima ho usato questa parola "Signorile" non per dire che il Padre è venuto nell'essere Signore nel senso di essere salutato come i falsi profeti e come i farisei di ieri e di oggi che aspettano i grandi saluti! Gesù: Dio quando parla, parla da Padre Umile e non dice ai Figli: "inginocchiatevi davanti ai Miei Piedi" come fanno coloro che Mi vendono e Mi comprano! Il Padre è Padre e un Padre Buono non chiede ai propri Figli: "mettetevi in ginocchio, così se vi mettete in ginocchio vi dò quello che ho preparato da sempre!" Il Padre quello che è preparato da sempre l'ha Donato e l'ha Donato attraverso il Suo Amore! Il Sangue che vi ho Donato è il Prezzo dell'Amore per chiamarvi "Figli", nell'indicarvi l'Unico Amore, ma nel rimanere Piccoli e Poveri e all'Ultimo Posto...... e Lo è il Padre all'Ultimo Posto e Lo Sono anch'Io! Così hanno deciso i farisei di ieri e di oggi, vendono e comprano il Padre, vendono e comprano il Figlio, prendendo i Primi Posti e diventando sempre più alti! Questi non sono i Figli di Dio, questi non insegnano il Vangelo del Padre ma questi insegnano le cose del mondo! ......E se non è Verità Intera tutta questa......! Per caso Sono venuto a dirvi di indossare abiti lussuosi? Tutti: No! Gesù: Sono venuto a dire: "costruiteMi case lussuose"? Tutti: No! Gesù: Dove ho Spezzato il Pane era un luogo semplice, camminavo in mezzo a tutti e non Mi facevo accompagnare con i cammelli, che a quei tempi erano quelle le cose più lussuose! Non usavo l'asinello, camminavo a piedi perché i paesini erano lì tutti vicini, l'uno attaccato all'altro! , c'erano i cammelli, se il Padre ha Creato tutti gli animali, com'è, li ha Creati in ritardo o ci ha pensato dopo? Don Vincenzo: No! Gesù: Ha Creato Tutto il Creatore, anche l'asinello ha Creato! Il Servo Inutile Francesco d'Assisi l'ha messo nel Presepe, ma qualcuno l'ha tolto! Quando Maria ha risposto l'Eccomi non l'ha risposto solo perché veniva chiamata: "Mamma del Creato", ma ha risposto perché è l'Unica Chiesa, l'Unico Tabernacolo, è Colei che Spalancherà il Suo Cuore e la Promessa del Trionfo del Suo Cuore Immacolato si compirà...... e si è fermata nelle tue mani, Calice Vivente......! Anche se gli uomini ridono, hanno fatto così anche con Me, si sono messi a ridere quando dicevo: "Sono il Figlio di Dio e Sono Venuto a Liberarvi dalla schiavitù delle cose del mondo!" Non l'hanno voluta lasciare la schiavitù e i primi sono stati i farisei di ieri e di oggi, confondendo tutti gli altri! E la Storia si ripete ancora! Non vi lasciate confondere perchè avanzeranno ancora, ma Io Sono in mezzo a voi da sempre, rimanendo Piccolo, Povero...... Don Vincenzo: ......Crocifisso...... Gesù: ......E all'Ultimo Posto! Ognuno di voi è Crocifisso, fatto a Immagine e Somiglianza! Don Vincenzo: Perché siamo Croce! ...Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: I farisei di ieri e di oggi...... Gesù: Vi hanno ingannato da sempre! Don Vincenzo: I farisei di ieri e di oggi a prima vista sembrano solo che sono quegli Ebrei di Gerusalemme, ma in realtà i farisei di ieri e di oggi stanno in tutte le parti, e in tutte le parti sono i farisei di ieri e di oggi..., sono i falsi profeti......! Gesù: "Rimanete Piccoli, rimanete Poveri, Amatevi gli uni gli altri, Spezzate il Pane così come L'ho spezzato Io e non create case lussuose ma Amatevi! La Capanna non dividetela ma unitela e il Pane che vi ho Donato non Lo gettate......! Così L'ho Spezzato Io e così SpezzateLo anche voi in ogni casa, ovunque vi trovate, ma non costruite palazzi d'oro!" Don Vincenzo: Gesù, in nessun'altra parte del mondo si Consacra ma solo qui a Timparelle! Gesù: ! Don Vincenzo: E solo qui Tu Scendi sull'Altare perchè i Grandi della Chiesa hanno fatto e continuano a fare della Messa una fonte di guadagno e di mercato! Gesù: Ho tolto la Vigna ai Vignaioli, non L'hanno saputa coltivare e a loro è stata tolta! Camminano, ma camminano sulle cose del mondo vendendoMi e comprandoMi......! Parlano nel Mio Nome ma non operano nel Mio Nome! Ma pregate così come dice lo Strumento: "ci sono ancora Giorni, sono Figli, non lasciarli!" Ma la Vigna è stata tolta ai Vignaioli che non hanno ascoltato e non ascoltano......! Quando ci sarà la Festa parleremo ancora!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine e saluta tutti schioccando qualche bacio!> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mari', che hai combinato ancora? Maria: Eccomi! Sono iniziati gli inviti per la Festa! Piccolo Giovanni: La Mia Festa la sai qual'è? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi, è arrivato il caffè! Ne vuoi un goccio? Anzi tre gocci! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Uno..., due..., e tre e mezzo, perché prima non l'hai bevuto! E questo è Mio...... e chi lo vuole se lo prende......! Allora, cosa hai combinato ancora, Mari'? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che ha combinato Maria? Nicola: È stata tranquilla! Piccolo Giovanni: Tu dici? ...Dottoressa Teresa! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: È stata tranquilla? Teresa: Insomma...! Piccolo Giovanni: Dietro c'eri tu? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tu come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Cosa devo fare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vengo ancora? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vengo ancora? Nicola: Sì, vieni! Piccolo Giovanni: ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che devo fare con te? Maria: Vieni! Piccolo Giovanni: Vengo! Maria: Ma stanotte eri tu che giravi nel corridoio? Piccolo Giovanni: Non devo girare? Maria: No..., come no? E che io sono una fifona! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Che bella novità! Mi hai sentito girare nel corridoio... e non le hai messe le telecamere...? Buono..., , proprio buono questo caffè! Grazie! Non rompermi la tazza...! Allora, andiamo avanti... dottoressa Teresa! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh... Mari', ti raccomando, eh? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tieni la bocca tappata! Alza le antenne e registra..., ma non parlare...! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu fai il controllore! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu fai il medico con Maria! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora..., state tutti bene? Tutti: Eccomi! <Giovanni schiocca qualche bacio> Piccolo Giovanni: Com'è? Dimmi qualcosa... Poi parlo Io...! Ma ho fame, non ho avuto tempo di fermarmi, ho dovuto far vedere allo Strumento ciò che cadeva e ciò che veniva fermato! <Raffaele offre qualcosa del Banchetto a Giovanni> No! Voglio quello che ha fatto Assunta..., Tu lo vuoi? Don Vincenzo: Ti faccio compagnia... Piccolo Giovanni: Mi fa compagnia e poi voglio..., poi ti chiedo qualcos'altro...! No, uno intero se ne prende... non metà! Il Pane si prende intero, non a metà! Ecco..., bravo! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni:.......Sono buone, Assuntina! Tanto se non Mi sente poi lo legge! Me li porti sempre via? <Raffaele gli cambia il piatto poi si rivolge a Roberta che ha festeggiato la sua Laurea> Ti fa male la pancia? Hai mangiato troppo ieri sera...! Ehi, Giova'..., Calice Vivente, parla un altro poco..., è bello sentirti...... poi rispondo! Don Vincenzo: Quello che volevo approfondire, Giovanni, è che durante tutte le Giornate che il Padre ci dona, il Padre ce le dona proprio per... Piccolo Giovanni: ......Per Campare alla Giornata! Don Vincenzo: Sì, Campare alla Giornata! Ma il Padre ce le dona tutte le Giornate disegnate già da Lui! Piccolo Giovanni: No... No... No...! Il Padre non ha fatto un disegno ma il Padre le ha fatte! Il disegno si cancella mentre la Giornata è fatta piena per Lavorare e non è un disegno! Gli uomini fanno i disegni e poi li cancellano così come hanno cancellato Gesù, così come hanno cancellato di avere un Padre, così come hanno cancellato il Pane Intero e così come vanno avanti con le cose del mondo dicendo: "i tempi sono cambiati, adesso dobbiamo cambiare anche le cose che ha detto Gesù e che ha fatto Gesù... e dobbiamo camminare con le macchine lussuose...... e dobbiamo indossare gli abiti lussuosi...... e dobbiamo prendere potere!" Quale potere ha il mondo? E quale potere ha il Padre? Dio ha l'Amore! Dio È! I poteri degli uomini sono i soldi, è il cibo che viene tolto ai Poveri, è il Sangue Innocente che scorre ancora, e tutto parte dalla Cupola! Dio rimane Piccolo e Povero ma la Cupola cresce sempre di più! I Poveri chiedono il Pane ma la Cupola chiude la porta! Cosa è venuto ad insegnarci Gesù? "Costruite palazzi lussuosi e riempiteli d'oro? Cacciate i poveri fuori? Non date da mangiare a chi bussa alla porta? Fate guerre?" O "Amatevi gli uni gli altri...... e rimanete all'ultimo posto...... e Fate le Cose del Padre...?" Cosa insegnano i farisei di ieri e di oggi? Il Perdono e la Carità Silenziosa, o l'accumulare? "Non portate nulla con voi: se avete due tuniche, toglietene una! Non portate bisacce!" Gesù non ha detto: "riempite le vostre Banche!" I Tempi del Padre sono in mezzo a voi e la Vigna è stata tolta ai Vignaioli che non hanno saputo raccogliere i Figli! Ora parla tu un po', Io ho mangiato solo il dolce, non Mi date nulla da mangiare? ...Eeeh, è salato o ci sono le spine? Raffaele: Spero di no! Piccolo Giovanni:State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dottore', come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tre pezzi Mi dai? ...Eccomi! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Chi l'ha cucinato? Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: L'hai fatto di nuovo salato? Tatina: Non lo so! Piccolo Giovanni: ! Tatina: Sì? Piccolo Giovanni: Ma a te piace il sale perché è la Sapienza del Padre o Me lo fai apposta? Tatina: No! Piccolo Giovanni: E quando lo cucini perché non lo assaggi? Tatina: L'ho assaggiato, ma io mangio veramente anche un pochino saporita! Piccolo Giovanni: Tu mangi saporita, ma Io no! Tatina: Lo so! Perdonami Giovanni! Piccolo Giovanni: Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che ti stavo dicendo, cosa ti stavo dicendo? Maria: Di drizzare le antenne e di stare zitta e di registrare! Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma tu non parli più? Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh, cosa c'è? Don Vincenzo: Il Cielo è qui... Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: In mezzo a noi... Piccolo Giovanni: , sta mangiando all'Altro Banchetto con i Servi Inutili e con tutte le Spose che sono arrivate e c'è anche Nicola! <Il fratello di Leonardo che è ''Nato'' nel Cuore del Padre!> Sta mangiando e ha incominciato ad impastare il Pane e il suo compito è quello di riempire il Calice ad ogni Sposa che arriva e consegnarlo! Hai sentito, hai sentito? Leonardo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Il Lavoro viene Donato subito, è stato accolto con l'Abito Bianco e con l'Anello e portato dallo Strumento! Ma il Padre dona il Lavoro ad ogni Figlio essendo tutti in mezzo a voi e i Tempi sono Pieni e ogni Sposa che Dona la mano ha subito il Lavoro pronto! E il Figlio non è Sceso neanche oggi e non si è Aperto neanche un Gradino e lo Strumento ha bisogno dei Figli che Lavorano nel Combattere e nel mettersi a Lavorare tutti al Forno nel Servire! ...Perché Mi guardi così? Perché Mi guardi e non parli? Don Vincenzo: Stai mangiando! Piccolo Giovanni: Io mangio e Parlo, non preoccuparti! Don Vincenzo: Dobbiamo Gustare il Cibo! Piccolo Giovanni: Io lo Gusto! Don Vincenzo: È il Cibo del Banchetto del Padre! È Buono il Cibo del Banchetto del Padre! Piccolo Giovanni: , tutto è Buono! Ma tu puoi parlare, anche la tua parola è Buona perché è Pane e va masticata! Parla! Don Vincenzo: Ci viene dato il Pane della Verità Tutta Intera di settimana in settimana e questo avviene da Ventotto Anni Consecutivi e ogni volta il Cielo viene in mezzo a noi! Piccolo Giovanni: Non viene, il Cielo è Sceso da un bel po' e solo un Figlio deve Scendere ma, visto che i Tempi non vengono ascoltati, il Figlio si è fermato di Scendere! Don Vincenzo: Come? Piccolo Giovanni: Visto che i Tempi non vengono ascoltati il Figlio si è fermato di Scendere, perché lo Strumento gliel'ha chiesto di fermarsi! L'Umanità ancora è sorda e cieca e l'Umanità non vuole vedere il Volto del Padre, ma l'Umanità si ferma a guardare il volto degli uomini, e si compra e si vende ancora Gesù! Non è stato Giuda a venderlo ma sono stati i farisei di ieri e di oggi e lo saranno ancora! Don Vincenzo: Il veleno? Piccolo Giovanni: Cammina! Don Vincenzo: E sono sempre i farisei di ieri e di oggi? Piccolo Giovanni: ! Gabriele è tornato nel Cuore del Padre, ai Piedi della Croce! Il veleno sono i Figli che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: E perciò non vogliono dare la mano alla Cocciuta, o no? Piccolo Giovanni: Quelli sono i Figli che hanno deciso di aspettare l'Ultima Domanda! La Cocciuta ha il compito di prendere i Figli quando si addormentano prima di svegliarsi, ma loro vogliono rimanere nel sonno ad aspettare l'Ultima Domanda, anche se sanno che lo Strumento può risponderla, ma sarà il Padre a decidere! Il Padre le dà Tutto e la lascia fare ogni cosa perchè è Padre! Voi vi guardate gli uni gli altri nel dire: "chi è che parla? Giovanni? Lo Strumento?" Lo Strumento in questo istante sta Bevendo altri Fiumi, sta portando altre Spose, sta Fermando altri Flagelli e si poggia sul Cuore di Maria e sul Cuore del Padre nel chiedere ancora Altri Giorni e di pregare per quella Barca affondata e di portare sulle spalle le sue Pietruzze! Cosa c'è ancora? ...Parla un po'! , vai avanti! <Raffaele e gli altri si organizzano per preparare e donare il Miscuglietto> Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Il cosiddetto "Cielo"..., a prescindere se sia qui o se sia lassù... Piccolo Giovanni: Il Cielo è in mezzo a voi...Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Maria con tutte le Schiere, il Padre, Gesù, i Servi Inutili...! Don Vincenzo: Che rapporto c'è tra il Padre e tutto il resto? Cioè, c'è un rapporto..., c'è una festa continua..., c'è un ringraziamento continuo, perché lassù prendiamo coscienza in pieno? Piccolo Giovanni: C'è una Famiglia unita nell'Amore, nella Carità, nell'Umiltà, nell'Eccomi a Dio! Don Vincenzo: Quindi, tutto viene racchiuso in un'unione, in una comunione gioiosa... Piccolo Giovanni: Quello che è del Padre, è del Figlio! Don Vincenzo: C'è una comunione completa? Piccolo Giovanni: Eccomi! Quella che non c'è nell'umanità intera! Dio ha creato un Giardino Completo, gli uomini, per primi i farisei, non l'hanno accolto e non l'hanno fatto accogliere! Sarete perseguitati così come lo è ancora il Padre nella Verità Tutta Intera! Sarete Perseguitati, ma non dovete temere gli uomini, dovete temere il Padre, è Lui che vi apre la porta, non sono gli uomini ad aprirvi la porta! Don Vincenzo: Dobbiamo usare di più la Destra? Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Voi vi dimenticate di avere la Destra del Padre e pensate alle cose del mondo! Non dovete pensare alle cose del mondo ma dovete essere Spose pronte all'Eccomi del Padre e Sacerdozi Vivi ed Eterni, così come il Padre vi chiama, figli! ......Come stai? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! È bello questo "Eccomi"! Me l'hai donato da sempre! Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non dimenticatelo l'Eccomi, Io non ho dimenticato nessuno! Non disperdetevi, siate uniti! Il Padre non si è mai diviso e si Spezza e si Dona! Non ha mai lasciato nessun Figlio, così come Io non ho lasciato nessuno di voi! Sono stato lasciato, ma Io non ho lasciato nessuno, perché il Padre non lascia i figli! Parla tu un po'...! Buono è il Miscuglietto......! Sì! Don Vincenzo: Ma Ti piace come intenditore? Piccolo Giovanni: Mari', rispondigli tu! Maria: Eh, ma Tu non eri uno che bevevi... semmai assaggiavi! Piccolo Giovanni: E adesso ho assaggiato! ...Io ero uno che inzuppava tutto dappertutto, ti sei scordata? Maria: No! Piccolo Giovanni: Mettevo il dolce nella coca-cola, bevevo il limone bollito e ci inzuppavo la fresella... perché era quella la colazione che sapevo fare! Poi la Cocciuta Mi ha insegnato a fare il caffè, e col caffè ci inzuppavo i biscottini e la fresella... poi la bagnavo e ci mettevo l'olio... immaginate la fresella con l'olio e il caffè! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Bella, no? ...Tu la sai fare la fresella? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Sei più imbranato di Me! Don Vincenzo: Sicuramente! Eh... Eh... Eh... Piccolo Giovanni: Eh, si, perché ancora non l'hai imparato a fare il caffè! ...Quand'è che Me lo prepari un caffè? Don Vincenzo: Eh... Eh... Eh... non Te lo consiglio! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Si, Io l'aspetto! Don Vincenzo: Mi devo far fare ripetizioni dalla Cocciuta! Piccolo Giovanni: Eh, si, così ho fatto Io! Ho chiesto alla Cocciuta di farmi vedere come si prepara prima la macchinetta, poi come si mette il caffè dentro e poi come si fa... e poi come si mette nel termos e poi come si mette nella tazza... Eh... Eh... Eh...! <Si ride un po'> ...E lei Mi ha insegnato a fare tutto! Subito sono corso a comprare tutto quello che Mi occorreva e poi l'ho imparato e bevevo il caffè a qualsiasi ora che decidevo Io!(*) ...Cosa c'è? Me ne devo andare? Don Vincenzo: Eh... Eh... Eh... Piccolo Giovanni: ...Eh, visto che tu non parli più! Don Vincenzo: C'hai il fiuto! Piccolo Giovanni: Io ho il fiuto? Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Giuseppe si era addormentato, si è svegliato ed ora si è spostato, Giovanni! ...Si è messo sulla difensiva perché teme qualche Tuo agguato! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Un agguato scherzoso? Giuseppe: Eh, non si sa mai! Piccolo Giovanni: E tu, viceparroco, non parli? Raffaele: Qual'è la più grande bugia? Piccolo Giovanni: Secondo te qual'è la più grande bugia? Mosè: Sono tutte uguali le bugie perché non corrispondono a Verità! Piccolo Giovanni: No! ...Giova', secondo te qual'è la più grande bugia? Don Vincenzo: Secondo me la più grande bugia è quella di dire che Dio non c'è! Piccolo Giovanni: Ecco! Don Vincenzo: È proprio uno schiaffo alla Verità! Piccolo Giovanni: La più grande bugia è dire che Dio non c'è e che è tutto finito dopo la morte dell'ultimo apostolo! Anche quando prendono i soldi nel fare "i Santi" e nel dividere il matrimonio fatto dal Padre, è la più grande bugia! Ma coloro che hanno tradito e tradiscono ancora dicono "i tempi sono cambiati, siamo diventati moderni e ciò che ha detto Dio non esiste più ed esistono le cose che diciamo noi"! Raffaele: Giovanni! Piccolo Giovanni: Parla che il Padre ti ascolta! Raffaele: Eccomi! ...Giovedì scorso avete fatto notare che le cose nuove stanno passando e le vecchie stanno ritornando: è sbagliato il benessere? Piccolo Giovanni: Dio non è vecchio, Dio è un Bimbo, ma non ha cambiato il vecchio col nuovo! Dio è un Dio Antico, e ha creato ogni cosa buona per i figli! Ma i figli hanno sporcato il Giardino e il Padre deve pulirlo! È giusta la risposta? Raffaele: Eccomi! ...Ma quindi è sbagliato il benessere? Cioè essere cresciuti, creare cose nuove... etc? Piccolo Giovanni: No, NON È SBAGLIATO IL BENESSERE, MA È SBAGLIATO LEGARE I CUORI AL BENESSERE! I cuori devono essere legati al Padre! Quando si vive nel benessere non si deve dimenticare Dio e non si devono dimenticare i Poveri, ma dividere con i Poveri ciò che il Padre ha donato! Non accumulare, pensando "così passerò i miei giorni nell'abbondanza" - "stolto, ti sarà tolta ogni cosa"! Avere l'abbondanza con i propri sudori è dividerla con i Poveri, è spezzare il Pane col Padre! Raffaele: Ehm... chiedo una una cosa più complicata... ma a un cinese, per esempio, lo si aiuta di più comprando le sue robe oppure non comprandole? Questo perché spesso si sente dire che sfruttano i bambini o perché usano violenza... Piccolo Giovanni: ...Non sono loro a sfruttare, sono loro che vengono sfruttati! Raffaele: Uh? E come si fa ad aiutarli? ...Dato che se non compri, li fai morire di fame... se compri, pensano di essere ricchi, ma sfruttano i bimbi... Piccolo Giovanni: No, non sono loro a sfruttare! Vi fanno vedere che sfruttano loro, ma non sono loro a sfruttare! Raffaele: Siamo noi? Piccolo Giovanni: No! ...E tutto parte dallo stesso punto!(*) ...Eccomi! ...Ti stanno aspettando! ...Eccomi! Raffaele: I Flagelli possono cadere anche qui? Piccolo Giovanni: Non posso risponderti! Raffaele: E sulle nostre case? Piccolo Giovanni: Lo Strumento veglia! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi!(*) <Giuseppe nel frattempo si è addormentato e Giovanni scherzosamente gli poggia sulla testa un piattino di carta con del cibo e si ride un po'> ...Gliel'avete fatta la foto? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Giacomo1: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh, hai visto? Lo dovevo fare addormentare così gli ho messo il piattino sulla testa... ma l'ha fatto cadere e adesso se lo mangia! <Si ride un po'> Nico'... Mari'... Tere'...! Maria, Nicoletto e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mi raccomando, eh... e raccomando anche ognuno di voi a pregare "Ave Maria-Padre Nostro", "Padre Nostro-Ave Maria"! ...Io Sono Capriccioso, ma nell'essere Capriccioso, sono il vostro Don Mario, il vostro Giovanni che vi ha indicato la Croce e ve la indica ancora! Non dimenticatelo, figli! ...Ora vi lascio il Filicino del quale non vi dico la misura: è tutto vostro, ma è alla Destra del Padre! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Gesù: ...Con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Gesù... Gesù: ...Eccomi... Don Vincenzo: ...Sei ancora Benvenuto! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù, con quest'orecchio sento un pochino meglio! <Gesù fa un fischio vicino all'orecchio di Don Vincenzo> Grazie...... Eccomi! Gesù:Eccomi! ...Vi ho Spezzato il Pane della Giornata, e voi Spezzatelo ai vostri nemici Amandovi gli uni gli altri e Rimanendo nell'Umiltà e Rimanendo all'Ultimo Posto... i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere chiamati al primo! Figli Miei, non dimenticatelo!(*) ...Vi lascio il Mio Cuore Spalancato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu saluta con l'Albero Verde, mentre Io vi lascio la Porta Aperta così come lo è stata da sempre, Figli Miei!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni, non è sceso neanche oggi il Figlio!(*) ...Te lo chiedo ancora di tenerlo fermo perché i figli non sono pronti e l'umanità è allo sbaraglio!(*) ...Quando cadono, quelli che mi donano la mano, li porto al Banchetto! Quelli che rimangono nel dormire, li tengo sotto controllo!(*) ...L'ho risposto già per loro e aspetto che il Padre fa quello che deve fare!(*) ...So che Tu devi preparare e farmi vedere ogni cosa!(*) ...Con la Tua Forza, quella che mi hai donato da sempre, il Filo ce la fa!(*) ...No, non fargli vedere la misura! Teresina sta cercando ancora, ma questo basta!(*) ...Aiuta Francesco! ...Aiuta Teresa! ...Dona la mano ai figli così come l'hai fatto da sempre!(*) ...Non temere... ma eccomi ancora per l'Eternità! Piccolo Giovanni: Parleranno i Cari nel Giorno della Festa e dovrai dire... Giulia: ...Dirò quello che il Padre vuole da me!(*) ...Eccomi, Giovanni!(*) ...Aspettami che dopo vengo a portare le Spose, quelle che hanno donato la mano! Ora vai...!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà!(*) IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli!(*) Giulia: Padre Buono, quanti nemici che hai! Il Padre: Anche voi ne avete, ma Amate e Perdonate così come Amo e Perdono Io! Giulia: Eccoci!(*) ...Mi poggio ancora sul Tuo Cuore e sul Cuore della Mamma!(*) ...Datemi ancora un po' di tempo! Non fategli scendere altri Gradini, aspettate ancora un poco!(*) ...E Tu che Sei Padre Buono, perdona chi Ti tradisce ancora!(*) Il Padre: Non togliere il Filo che era rimasto! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Avete preso dal Banchetto nostro, quello che Tu ci hai donato!(*) ...Sì, io ne ho preso e ne ho donato ai figli e sono andata ad accarezzare i cuori... adesso vai Tu!(*) ...Salutiamo il Cielo che è in mezzo a noi, insieme ai Cari e ai Pargoli!(*) ...Mamma, cos'hai fatto? La Festa per i figli che sono appena arrivati?(*) ...La Bimba? Che ha fatto la Bimba?(*) ...Ha fatto un Canto Nuovo per accompagnare le Spose?(*) ...Bimba Capricciosa, ti vogliamo tutti bene! Aiuta i tuoi figli!(*) ...Tanti auguri!(*) ...Mammina mia, visto che sei vicina a quell'Albero di Rose, fa scendere un po' di Petali!(*) ...Dove la trovo?(*) ...Non riesco a distinguere i colori di quei Petali... sono così belli... non si trovano qui!(*) ...Li hai messi nel Giardino ma ancora non li trovo... io lo so dove sono!(*) ...Vado a prenderli, ma Voi fateli crescere!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Mammina del mio cuore!(*) ...Non temere, sono in mezzo alla Famiglia che il Padre mi ha donato e devo rimanere anche alla Destra del Padre! <Giulia schiocca un bacio alla sua mamma Serafina> ...Ciao...!

 

 

 

2. Dom. 08/12/2013, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Quello che sto vedendo è un Flagello che sta scendendo e un Sole che sta cadendo! Non posso fermarlo, Mamma? (La Madonna): Cosa vuoi fermare il Flagello o il Sigillo? (Giulia): Se è possibile tutt'e due, se Tu tocchi il Cuore del Padre! Fermare questo e poi anche i Sigilli, ......ma io non sono brava a fare nulla! Guarda la Famiglia, Mamma, i loro cuori li ho portati nel Cuore del Padre, come sempre, attimo dopo attimo! Voi siete sempre in mezzo a noi, ma non abbiamo imparato ancora a camminare......! Si pensa di pregare ma è solo per mettersi in mostra e quando ci si mette in mostra, Gesù diventa triste! La preghiera fatta col cuore, la preghiera semplice, pulita, quella viene accolta, ma quando ci si esalta, non è gradita al Padre, non è gradita al Tuo Cuore e non è gradita neanche al Cuore di Gesù! Quando Tu, Mamma, preghi per ognuno di noi lo fai o col Rosario o con le mani e nel silenzio e Ti poggi sul Cuore del Padre! Io non lo so come lo faccio, perché non si conta a Dio quello che si fa! Lui nel segreto del cuore vede ogni cosa e visto che per il Volere del Padre vedo i Flagelli, i Sigilli e tutto quello che succede, Mammina, se la preghiera è stata gradita e i cuori che vi ho Donato sono i cuori della Famiglia, fatemi bere o fermare sia l'uno che l'altro, sia il Sigillo che il Flagello! Non trovo altre parole, quelle che Voi mi fate dire dico, perché di mie non ne ho, sono tutte sbagliate! Mamma, se le trovi sbagliate prendile e puliscile e poi le offri al Padre, Tu che Sei la Mamma Immacolata dell'Eccomi e dell'Amore!

*******************

(Giulia): Eccomi!(*) I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Mamma, devo dirlo che me li fai bere in questo giorno? (La Madonna): Devi dirlo! (Giulia): E poi li posso tenere? Non li fai cadere? (La Madonna): Puoi tenerli! ......Dì quello che Vedi...!(*) (Giulia): Sette Stelle che cadono! Cadendo si aprono e diventano di Fuoco......! Cadono sull'umanità intera..., portano via molti figli e il mare si gonfia non lasciando nulla di quello che trova dinanzi! Molte donne piangeranno e le Sette Stelle Accenderanno Altre Guerre! E il Veleno si gonfierà ancora di più... e i Falsi Profeti cresceranno ancora... e tutto viene dalla Cupola! Posso tenerli fino alla Festa e poi Gesù mi dirà se posso Berli tutti quanti, Mammina? (La Madonna): Ora tienili, Anima Mia! (Giulia): Eccomi, Mammina! (La Madonna): E Rimanete nell'Arca...... e Rema... e porta tutti i tuoi figli! Chi Rimane nell'Arca Rimane Salvo! E nell'Amore del Padre il Sole si Apre! Vigilate perchè molti falsi profeti avanzeranno ma non ascoltateli: l'Arca è l'Unica Salvezza! ......Tu Rema, Figlia!

*******************

(Don Vincenzo): Sì, non mi aspettavo oggi questi Sigilli, è la Festa Tua...... invece...! (La Madonna): Non è Dio a prepararli ma sono gli uomini e il Cuore del Mio Figliolo Gesù e il Mio Cuore vengono trafitti di più in questi giorni attimo dopo attimo! Ma in questi giorni ancora di più il Mio Gesù viene venduto e comprato e anch'Io vengo venduta e comprata e i Cuori vengono trafitti......! I Sigilli li preparano gli uomini, mentre il Padre ha preparato un Giardino per ognuno di voi e non ha preparato né Flagelli e neanche Sigilli e non ha preparato malattie per i Figli...... ma gli uomini sì! Il Padre ha preparato Gioia e Amore ma gli uomini hanno sporcato il Giardino e, sporcando il Giardino, arrivano le malattie e arrivano anche i Flagelli e i Sigilli......! Per questo dovete pregare: "Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria!"

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) LA MADONNA: Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen! <La Madonna è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Ecco la Luce di Dio che Accende i Cuori dell'umanità intera! Ecco le Mani Allargate del Mio Figliolo Gesù! Ecco i Chiodi Donati ad ognuno di voi e all'umanità intera nel chiamarvi Figli e nell'Indicarvi la Via del Suo Amore! Figli Miei, Sono la Mamma e Vengo a Portare il Banchetto Vivo di Dio! Vengo a Portare i Frutti del Padre! Vengo a Portare l'Albero Verde nel dire ad ognuno di voi e all'umanità intera: Prendetevi come Croce e Camminate, le Ceste sono pronte, sono nel Cuore dello Strumento, nel Piccolo Filicino, pronte e preparate per ognuno di voi......! ......Nell'attesa preparate ciò che il Padre Vuole da ognuno di voi! Dio Chiede il Cuore, Dio Chiede l'Amore, Dio Chiede la Famiglia così come l'ha donata nel Mio Eccomi! Questo è il Cuore Immacolato, questo è il Sole che si Aprirà nelle Mani del Calice Vivente, questo è il Segno di Dio che vedrete ognuno di voi e l'umanità intera! <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ......Ma vigilate perchè il Veleno cammina...... e i Falsi Profeti avanzano...... e non dimenticate la Destra, Figlioli del Mio Cuore......! Le Schiere sono tutte ferme e l'Unica Schiera che cammina è quella che porta lo Strumento...e le Ceste sono nel suo cuore ma voi dovete riempirle...! I Tempi si stanno accorciando e Dio ha fermato ancora il Figlio di Scendere il Gradino e di Aprirlo! Pregate, figlioli, per la Mura Crollate! Pregate per quelle Mura Insanguinate di Sangue Innocente! Io Chino il Capo dinanzi ai Piedi del Mio Figliolo Gesù e vi invito ancora ad Amare, a Perdonare, ad Usare Carità verso tutti Rimanendo all'Ultimo Posto per essere Invitati al Primo dal Padre, Figli Miei! ...............Cocciuta Divina......! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: GUARDA, ANIMA MIA......! Giulia: Mammina, la Tua Festa è attimo dopo attimo, com'è il Tuo Cuore Immacolato che Trionferà! E avere il Cuore Immacolato significa donare tutto al Padre, mentre gli uomini hanno fatto di questa Giornata una festa del mondo e non ricordano che una Piccola Creatura ha risposto: Eccomi! È quello che si dovrebbe rispondere attimo dopo attimo così il cuore diventa candido, non come il Tuo, Mammina, e possiamo dire al Padre: "siamo i Tuoi Figli, così come ci Hai Fatto Tu ad Immagine e Somiglianza della Croce! E se ci Amiamo come Maria ha Amato nel dire quell'Eccomi, anche noi possiamo partorire Gesù e non abortirLo! Anche noi possiamo avvicinarci e toccare i Tuoi Piedi..." ......e se non facciamo tutto questo, Mammina......! La Madonna: Vedi, Anima Mia, cos'hanno fatto in questo giorno? Giulia: Hanno macchiato il Tuo Abito e nessuno ha donato da mangiare ai poverelli! Ma Gesù si dona come Pane......, Gesù sazia i Cuori......, Gesù si Spezza......! La Madonna: Tu non ti sei Spezzata in questo giorno?(*) Giulia: Eccomi! Ho fatto quello che dovevo fare, nient'altro, Mamma! La Madonna: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Anche in quest'istante stanno sporcando il Mio Abito! Anche in questo attimo stanno trafiggendo Gesù! .........Guarda......!(*) Giulia: Mamma, un Flagello lo devo prendere ed un altro lo devo lasciare? È così che il Padre vuole? Io rimango nell'Ubbidienza del Padre per l'Eternità, ma oggi è la Tua Festa, come lo è attimo dopo attimo! Quello che sto vedendo è un Flagello che sta scendendo e un Sole che sta cadendo! Non posso fermarlo, Mamma? La Madonna: Cosa vuoi fermare il Flagello o il Sigillo? Giulia: Se è possibile tutt'e due, se Tu tocchi il Cuore del Padre! Fermare questo e poi anche i Sigilli, ......ma io non sono brava a fare nulla! Guarda la Famiglia, Mamma, i loro cuori li ho portati nel Cuore del Padre, come sempre, attimo dopo attimo! Voi siete sempre in mezzo a noi, ma non abbiamo imparato ancora a camminare......! Si pensa di pregare ma è solo per mettersi in mostra e quando ci si mette in mostra, Gesù diventa triste! La preghiera fatta col cuore, la preghiera semplice, pulita, quella viene accolta, ma quando ci si esalta, non è gradita al Padre, non è gradita al Tuo Cuore e non è gradita neanche al Cuore di Gesù! Quando Tu, Mamma, preghi per ognuno di noi lo fai o col Rosario o con le mani e nel silenzio e Ti poggi sul Cuore del Padre! Io non lo so come lo faccio, perché non si conta a Dio quello che si fa! Lui nel segreto del cuore vede ogni cosa e visto che per il Volere del Padre vedo i Flagelli, i Sigilli e tutto quello che succede, Mammina, se la preghiera è stata gradita e i cuori che vi ho Donato sono i cuori della Famiglia, fatemi bere o fermare sia l'uno che l'altro, sia il Sigillo che il Flagello! Non trovo altre parole, quelle che Voi mi fate dire dico, perché di mie non ne ho, sono tutte sbagliate! Mamma, se le trovi sbagliate prendile e puliscile e poi le offri al Padre, Tu che Sei la Mamma Immacolata dell'Eccomi e dell'Amore! La Madonna: Ora Ferma il Flagello alzando la tua Destra! Giulia: Eccomi!(*) <Giulia alza la Destra e col Segno Trinitario Ferma il Flagello che ha visto> Non scenderà più? La Madonna: No, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Mamma! Mammina, Devo Mettere nel Tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, quelli che non hanno avuto la forza di farlo, quelli che pensano di farlo, ma non chiedono e non bussano......! Metto nel Tuo Cuore tutte le Pietruzze, la Famiglia, come ho fatto dall'alba fino a quest'istante! Metto nel Tuo Cuore e nel Cuore del Padre tutto quello che mi avete donato da sempre! Metto nel Tuo Cuore il mio niente, Mamma Immacolata dell'Eccomi dell'Amore! La Madonna: ...ECCOMI, ANIMA MIA! ...GUARDA ANCORA......! Giulia: Eccomi, Mammina!(*) Cos'è quello?(*) Non è il Banchetto del Padre? Non è il Banchetto che preparate per ognuno di noi? Sta bruciando! Non c'è cibo, Mamma, cos'è? Posso spegnerlo? La Madonna: No, non toccarlo! Giulia: Mi dici cos'è, Mamma? La Madonna: È ciò che hanno costruito coloro che si fanno chiamare "i Grandi della Casa del Padre"! Giulia: Lo lasciamo bruciare? Ci sono ancora Giorni e sono figli......, non possiamo aiutarli? La Madonna: Vendono e Comprano il Mio Figliolo Gesù! Giulia: Mamma, facciamo bruciare il Banchetto della Vendita e del Comprare, ma lasciami prendere loro e portarli sulla Via della Croce se mi donano la mano...... visto che ancora ci sono i Giorni e c'è il Tempo della Festa...... La Madonna: Questo deve bruciare con tutto quello che c'è! Giulia: Eccomi nel Fare le Cose del Padre, Mammina! La Madonna: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi!(*) I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Mamma, devo dirlo che me li fai bere in questo giorno? La Madonna: Devi dirlo! Giulia: E poi li posso tenere? Non li fai cadere? La Madonna: Puoi tenerli! ......Dì quello che Vedi...!(*) Giulia: Sette Stelle che cadono! Cadendo si aprono e diventano di Fuoco......! Cadono sull'umanità intera..., portano via molti figli e il mare si gonfia non lasciando nulla di quello che trova dinanzi! Molte donne piangeranno e le Sette Stelle Accenderanno Altre Guerre! E il Veleno si gonfierà ancora di più... e i Falsi Profeti cresceranno ancora... e tutto viene dalla Cupola! Posso tenerli fino alla Festa e poi Gesù mi dirà se posso Berli tutti quanti, Mammina? La Madonna: Ora tienili, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Mammina! La Madonna: E Rimanete nell'Arca...... e Rema... e porta tutti i tuoi figli! Chi Rimane nell'Arca Rimane Salvo! E nell'Amore del Padre il Sole si Apre! Vigilate perchè molti falsi profeti avanzeranno ma non ascoltateli: l'Arca è l'Unica Salvezza! ......Tu Rema, Figlia! Giulia: Eccomi! Ma Donatemi sempre la Costanza e la Forza di Rimanere sulla Via Stretta! La Madonna: Dio ti ha Donato ogni cosa: non dimenticarlo, Anima Mia! Giulia: No, Mammina, non l'ho dimenticato, ma fatemi rimanere Straccio Stracciato! Lo Strumento che avete scelto risponde solo "Eccomi" e porta sulle spalle l'umanità intera e tutto quello che il Padre vuole poggiare ancora......! Tutti pensano di portarTi gli Auguri, ma gli Auguri che io Ti dono da parte di tutti, da parte dell'umanità intera, è l'Eccomi, Mamma: Eccomi nel Fare le Cose del Padre! Eccomi nel Rimanere Straccio Stracciato, Unito al Cuore di Dio nel RiconoscerLo e nell'AmarLo! Questo è l'Augurio del mio cuore e del cuore di tutti i Figli nel rispondere io......... Mamma Immacolata e Addolorata! La Madonna: Eccoci nel Raccogliere la tua preghiera, Anima Mia! Giulia: Non dimenticare le Pietruzze, Tu non dimentichi niente, Mamma, ma io te li affido ancora!(*) Vedo quello che stanno preparando...... Allarga il Tuo Manto e Raccoglili, sono figli, Mamma, così come ci hai raccolti da sempre......! La Madonna: Allarga anche il tuo manto che ti è stato donato! Giulia: Eccoci, Mamma!(*) La Madonna: ...ECCOMI, GIOVANNI GESU'-DIO! Don Vincenzo: Benvenuta, Mammina, Shalom! La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi alla Croce del Mio Figliolo Gesù! <La Madonna stringe la mano a Don Vincenzo> Tu stai bene, Figlio? Don Vincenzo: Eccomi, Mammina! La Madonna: E voi state tutti bene, Figli? Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Hai ascoltato? Don Vincenzo: Sì, non mi aspettavo oggi questi Sigilli, è la Festa Tua...... invece...! La Madonna: Non è Dio a prepararli ma sono gli uomini e il Cuore del Mio Figliolo Gesù e il Mio Cuore vengono trafitti di più in questi giorni attimo dopo attimo! Ma in questi giorni ancora di più il Mio Gesù viene venduto e comprato e anch'Io vengo venduta e comprata e i Cuori vengono trafitti......! I SIGILLI LI PREPARANO GLI UOMINI, MENTRE IL PADRE HA PEPARATO UN GIARDINO PER OGNUNO DI VOI E NON HA PREPARATO NÈ FLAGELLI E NEANCHE SIGILLI E NON HA PREPARATO MALATTIE PER I FIGLI......... MA GLI UOMINI SI! IL PADRE HA PREPARATO GIOIA E AMORE MA GLI UOMINI HANNO SPORCATO IL GIARDINO E COSI' ARRIVANO LE MALATTIE......... E COSI' ARRIVANO ANCHE I FLAGELLI E I SIGILLI......! Per questo dovete pregare: "Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria!" <I presenti si uniscono alla Mamma nella Preghiera> "Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria!" Ma dovete usare anche la Corona! <La Madonna indica la Corona del Rosario che ha tra le Mani> , dovete usare anche la Corona nei Tempi che verranno, ma vi verrà tolta... così come vi verrà tolto Gesù...! Ma Scende attraverso le Tue Mani... e nel silenzio Scenderà! Nei Tempi che verranno rimanete nell'Arca! Vigilate, Figlioli del Mio Cuore, sono Mamma Immacolata e Addolorata nel vedere l'Umanità sempre più lontana da Dio, non riconoscendoLo e non vedendo il Padre che ha preparato il Giardino! Ma non vi affannate per le cose del mondo perchè Dio ha preparato Tutto da sempre! Amatevi gli uni gli altri così come Sono Rimasta nell'Amore del Padre con Giuseppe nel crescere il Figlio di Dio! Nulla ci ha fatto mancare Dio! Quando si vive nel Suo Amore, tutto Cresce, tutto è Abbondanza, tutto è Quiete, tutto è Carità Silenziosa! Fatela nel Silenzio e non gonfiatela e quando pregate fatelo col cuore senza mettervi in mostra......, ma Io Parlo a voi e parlo all'Umanità Intera, Figli Miei! ............Parla un po' tu, Calice Vivente! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ho un po' l'auricolare difettoso...... ma prima hai parlato del Rosario...... Mammina, com'è? La Madonna: Io ve l'ho Donato! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: Ma gli uomini ve lo toglieranno! Don Vincenzo: Addirittura? La Madonna: Ma voi pregate! I falsi profeti avanzano...... e cancelleranno ogni cosa del Mio Cuore Immacolato...... e ogni cosa del Mio Figliolo Gesù......! Ci saranno Tempi Bui: potete pregare solo nel cuore......! Ma l'Arca Rimarrà e i Remi Remeranno...! Ma non uscite fuori dall'Arca! Don Vincenzo: Possiamo pregare anche con le mani il Rosario, senza usare la corona e possiamo pregarlo giorno e notte sia il Rosario e sia "Padre Nostro-Ave Maria..."! La Madonna: Quando verranno i Tempi vi sarà detto come dovete pregare, Figlio! L'Unica Salvezza è l'Arca e l'Unica Grazia che il Padre vi ha lasciato sono Io: Figlia, Mamma e Sposa di Dio! Don Vincenzo: Sei l'Unica Grazia per ognuno di noi...... La Madonna: ......E dell'Umanità Intera! Parla... è bello sentire la Voce del Calice Vivente, è bello sentire i sussurri del tuo cuore...! Ed è bello sentire anche i sussurri di ognuno di voi perché sono Mamma e li ascolto...... e lo Strumento Me li ha già portati aprendo i vostri cuori e donandoli a Dio, come fa attimo dopo attimo! Eccomi! Don Vincenzo: Mamma, cercavo una Canzone e mi sono imbattuto in questa intitolata: "Chi Sono Io?" <Don Vincenzo fa riferimento all'inizio della preghiera quando fa la Catechesi in cui inserisce anche qualche canzone> Com'è meravigliosa, Mammina, questa canzone intitolata "Chi Sono io?" Perché rispondere a questa domanda significa proprio capire ciò che si è: Figli di Dio! La Madonna: Ognuno è Croce, fatto a Immagine e Somiglianza della Croce! Ma l'Umanità e gli uomini non hanno Tempo di capire e di vedere che c'è un Padre che aspetta di essere chiamato: "Papà", non di essere sputato, bestemmiato, ma di essere chiamato: "Papà"! Il Giardino è stato sporcato e tutte le Schiere sono ferme ma la Schiera dello Strumento sta Combattendo... e il Figlio non è Sceso neanche oggi e non si è Aperto il Gradino! Pregate per tutti i Figli Ministri, pregate per la Barca Affondata, pregate per quelle Mura Insanguinate di Sangue Innocente, Figli Miei, e Pregate per i Sigilli che lo Strumento deve tenere......! Don Vincenzo: Li Berrà? La Madonna: Lo deciderà il Padre il Giorno della Festa! Altre cose vi verranno dette nel Giorno della Festa! Crescete ancora, siate forti, Figli, e non dimenticate che Dio ha preparato il Banchetto per voi e per tutti i Servi Inutili, dove ci sono i Due Giovanni, Carlo, Pio, Domenico, dove ci sono le Bimbe, Rossella, Vittorio, Natanaele, dove ci sono tutti i Pargoli e le Spose che lo Strumento porta attimo dopo attimo! Il Banchetto rimarrà: quello preparato per ognuno di voi, per la Famiglia e per i Servi Inutili, ma gli altri cadranno! E lo Strumento ha poggiato già il capo sul Mio Cuore e sul Cuore del Padre! Nessun Banchetto rimarrà, solo quello di Dio! E Noi siamo in mezzo a voi: Vivi e Reali e la Schiera dello Strumento Combatterà nel Fare Aprire il Sole! Don Vincenzo: Ah...! ......Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Si Aprirà qui il Sole, nelle mie mani? La Madonna: ! In Questo Luogo di Timparelle, lasciato dagli uomini ma non dal Padre! Don Vincenzo: E vedremo tutti il Padre? La Madonna: , l'umanità Intera vedrà il Padre...... e l'umanità intera vedrà il Sole......! Ma il Mio Cuore Immacolato e Addolorato Gronda Sangue per i figli che non vogliono vedere e non vogliono ascoltare, così come hanno fatto quando ho detto: "Nel Mio Grembo c'è il Figlio di Dio!" Don Vincenzo: Ti hanno perseguitato sempre i falsi profeti, sia a Te, sia a Gesù e sia a Papà! La Madonna: E lo faranno ancora! Vigilate, Figli Miei, vigilate! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Dobbiamo usare di più la Destra, perché è l'Arma che il Padre ci ha dato! La Madonna: Il Padre ve L'ha Donata, ma la dovete usare nell'Umiltà, nell'essere Piccoli e Poveri, così come dice lo Strumento, nel rimanere Stracci Stracciati ai Piedi della Croce! Figli, non diventate Grandi, ma Piccoli, sempre più Piccoli! E non dovete preoccuparvi per le cose del mondo...... perchè il Padre ha preparato da sempre il Giardino per ognuno di voi...... e nel Giardino non manca nulla......! Voi vi affannate per le cose del mondo, ma non dovete affannarvi, e dovete rispondere solo al Padre: "Eccomi, Padre!" E in quell'Eccomi c'è tutto l'Amore di Dio di ognuno di voi! Don Vincenzo: Mamma! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: I falsi profeti avanzano......! La Madonna: Avete la Destra! <La Madonna Benedice> Combattete nel Silenzio e nell'Umiltà...... il Mio Eccomi era nel Silenzio e nell'Umiltà...... e lo è ancora......! Don Vincenzo: I farisei di ieri e di oggi attaccano......! La Madonna: Avete la Destra, non dimenticatelo! E avete l'Arca e i Remi! Non lasciate la Viuzza che Giovanni vi ha indicato da sempre, ma quella Viuzza si cammina solo nell'Umiltà, nella Carità, ma quella Silenziosa......! Tutto potete Combattere con la Destra! Non dimenticate: Dio ha Scelto una Famiglia, Dio ha Donato la Vigna ai Vignaioli della Famiglia! Rimanete uniti in questi Tempi, nessuno vi può salvare se non vi amate gli uni gli altri! Molti verranno dicendo: "Io sono il Salvatore, venite!" Non seguiteli! Dio È, e rimarrà l'Unico Salvatore perché è rimasto Servo per Servire! I figli che avanzano non servono ma si fanno servire...... e non possono salvare...! Vigilate, Figli Miei, Vigilate e Pregate...! Il "Filicino" è piccolo! Teresina ne sta cercando ancora! Voi Pregate con la Preghiera del Cuore di Dio: "Padre Nostro-Ave Maria": questa è l'Arma! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: E il veleno? I figli del veleno sono pericolosi! La Madonna: Vi ho già detto di pregare e di usare la Destra! Dio E', e voi siete fatti a Immagine e Somiglianza di Dio, e la Vigna è stata consegnata nelle vostre mani, così come l'Arca, non dimenticatelo! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Eccomi! ......Parla ancora, Calice Vivente! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Calice Vivente! Don Vincenzo: L'umanità intera potrebbe essere pienamente felice e potrebbe essere infinitamente gioiosa avendo avuto questa immensa Grazia di essere stati Creati tutti dal Padre, dal Padre Eterno, da un Papà così Buono e così Generoso che per il Suo Amore Infinito lascia stupefatti e sbalorditi... e invece non si fa altro che sputarLo, ignorarLo, eliminarLo e di tutto si parla tranne che di Lui......! Ogni cosa invece dovrebbe essere fatta insieme nell'Amore, ubbidendo ai Consigli del Padre...... e dovremmo farla ogni cosa per Piacere a Lui...... e invece ogni cosa si fa per andare dietro all'io e al dio quattrino e perciò tutti i valori vengono capovolti......! Com'è bella questa Presenza del Padre nel cuore di Ognuno, questo Soffio dentro ogni persona, perchè ognuno è Figlio e perciò caro al Padre Buono, e come Figli siamo anche Eredi di una Felicità Eterna che non finirà mai, come Eterno è il Padre nel Suo Amore Infinito! La Madonna: Vedi, Calice Vivente, hanno scritto dicendo: "Giuda ha tradito...", ma quanti Giuda ci sono nell'Umanità Intera? È tutta l'Umanità traditrice, e non è Giuda che ha tradito Dio, il Figlio di Dio e la Mamma di Dio! Dio ha preparato un Giardino ma i figli L'hanno calpestato! Giuda non ha tradito, Giuda è rimasto ai Piedi della Croce! È l'Umanità che è Giuda-traditore, per volere le cose del mondo, per accumulare, per crescere senza Dio, per camminare allo sbaraglio e per costruire palazzi lussuosi! ......Ma Io rimango nella Piccola Capanna! Don Vincenzo: Costruiscono chiese lussuose e grandi......! La Madonna: , palazzi lussuosi: è quello che sto dicendo! Don Vincenzo: Come se Tu e Gesù raccomandaste il lusso, mentre voi invitate tutti ad essere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto......! La Madonna: Il Padre è Venuto nell'Umiltà e nell'Amore e non ha chiesto a nessuno: "costruite palazzi lussuosi!" Ha Creato Lui il Paradiso per ognuno di voi e ha Donato ad ognuno di voi il Tabernacolo dove Fare Abitare Gesù: il vostro cuore! E ha Donato ad ognuno di voi la Capanna dove Spezzare il Pane! <La Madonna fa il gesto dello Spezzare il Pane ripetendo le Parole di Gesù:> "Ecco, questo vi Dono, il Mio Sangue e la Mia Carne!" Don Vincenzo: Sì, perchè solo qui a Timparelle si Consacra! Solo qui Gesù Scende sull'Altare e Si Dona, mentre in tutte le altri parti del mondo Gesù non Scende affatto in nessun Altare perchè la Messa è diventata solo un guadagno, un mercato, un'azione di potere, in cui si parla di Gesù ma non si seguono le Orme di Gesù......! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Lo stesso ragionamento che abbiamo fatto con Giuda lo possiamo fare pure con Gabriele? La Madonna: Gabriele è tornato ai Piedi della Croce ed è da un bel po' che c'è tornato! Don Vincenzo: Che bella questa Conversione dell'ex-diavolo, come lo chiamavamo prima pure noi......! La Madonna: Vigilate, sono i Grandi che camminano col veleno...... e i falsi profeti aumenteranno, Figli, perciò dovete pregare e combatterli con la Destra perchè cresceranno e avanzeranno sempre di più! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Gabriele, l'ex-diavolo, ha portato un bel gruppetto alla Conversione......! La Madonna: Te l'ho già detto! <La Madonna accarezza il volto di Don Vincenzo> Don Vincenzo: Che bella questa figura di Gabriele, prima nell'estremo male...... e ora ai Piedi della Croce! La Madonna: La carezza che ho fatto al Calice Vivente la Dono ad ognuno di voi! Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: Essere Figli di Dio è il Massimo, è la Grazia delle Grazie, è la Gioia più Grande che si possa ricevere! E come se non bastasse siamo inseriti in tutto questo Giardino d'Amore......! La Madonna: Dio ha preparato Tutto per ognuno di voi, Dio vi ha pensato da sempre e vi ha Partoriti e vi Partorisce attimo dopo attimo, e non siete voi a creare ma il Creatore, e nulla appartiene a voi ma Tutto appartiene al Padre! Don Vincenzo: E ancora di più Lo dovremmo amare questo Padre così Buono, questo Padre Eterno......! La Madonna: No, l'umanità Lo bestemmia! L'umanità L'ha cancellato e Lo cancellerà ancora di più nei Tempi che verranno! Voi siete la Famiglia e la Vigna è stata consegnata nelle vostre mani: non disperdetela, Figli Miei! ...Cosa c'è ancora? Dopo i figli devono portare l'Abbondanza del Padre nelle loro case e ovunque andranno...... ma nel Silenzio, nell'Amore, nell'Umiltà e nella Carità! Don Vincenzo: Ecco, proprio quello Ti volevo chiedere, Mammina, questa sera, qui, con la Tua Presenza Tenera e Dolce! La Madonna: ...La Mia Presenza è Viva attimo dopo attimo nei cuori di ognuno di voi! Dio non lascia i propri figli! Don Vincenzo: Ognuno di noi è Croce e dovremmo essere tutti dei messaggeri di Gesù Crocifisso, Salvatore, Redentore e Liberatore e ognuno di noi deve farsi messaggero dell'Amore del Padre! La Madonna: Giovanni diceva ad ognuno dei figli: "fatevi postini di Maria e portate la Posta del Cielo all'umanità intera"! Sarete perseguitati, ma non dovete temere gli uomini, ma il Padre! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Eccomi! E temendo il Padre, siete dei soldati che combattono, così come combatte la Schiera dello Strumento nel Remare e nel Portare i figli nell'Arca! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! ...Preparatevi...... e in questi Giorni non abortite Gesù e non abortite il Suo Amore! Amatevi gli uni gli altri, e se nelle Vostre Capanne c'è divisione, fate nascere il Bambinello che porterà l'Amore e la Gioia, se Lo fate nascere! E se nelle Vostre Capanne manca il Pane, fate nascere il Bambinello perché vi darà l'Abbondanza! E se nelle vostre case c'è il dolore, fate nascere il Bambinello perché porterà il Miracolo di Dio! Non disperdetevi per le cose del mondo ma preparate il Banchetto del Padre e prendete del Banchetto del Padre, ma non distraetevi dietro ai rumori del mondo, Figli Miei! Pregate ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e Portatevi come Croce così come Lo è il Mio Gesù, Figli! ...Ora tu Saluterai con l'Albero Verde! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Io vi Saluterò col Magnificat Donandovi il Mio Cuore come Rifugio, Figli Miei!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) ...L'Anima Mia Magnifica il Signore...!(*) <Ora tutti recitano il Canto del Magnificat > L'Anima Mia Magnifica il Signore!(*) Il Mio Cuore Immacolato e Addolorato è il Rifugio di ognuno di voi, Figli Miei!(*) Giulia: Mammina, non chiudere mai la Porta del Tuo Cuore! TieniLa spalancata anche per quelli che non credono anche in questo istante!(*) Tu mi indichi nome per nome, ma sono figli!(*) Fammi rimanere ancora Straccio Stracciato e stendi ancora il Tuo Manto per chi fa fatica ad ascoltare la Parola del Padre! La Madonna: Potresti indicarli uno ad uno!(*) Giulia: Tu Sei Mamma... e mi hai reso mamma: raccogli ancora i loro sussurri! Accoglici così come siamo e perdona ancora, Mamma!(*) ...Poggia il peso di ognuno di loro sulle mie spalle e dona il Soffio ai figli che chiedono incessantemente il Tuo Intervento nelle loro Fatiche, Mamma delle mamme!(*) La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Mamma!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Papà Buono, accogli i sussurri, accogli tutto quello che Ti ho consegnato e perdona coloro che non credono nella Tua Parola! Donatemi sempre la Costanza e la Forza! Il Padre: Sei l'Arca e Hai i Remi! Giulia: Eccomi, Papà! Il Padre: Aspetta i Giorni che verranno e sii pronta nell'accogliere la Festa del Mio Figliolo Gesù! Giulia: Eccomi! Il Padre: Le Ceste sono nel tuo cuore! Giulia: Eccomi!(*) ...Me lo dirai Tu quando dovrò dargliele?(*) ...E visto che siete tutti in mezzo a noi, vi salutiamo!(*) ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Pargoli!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Voi Spose che siete al Banchetto!(*) ...Essendo la Festa del Tuo Cuore Immacolato, tutti i Servi Inutili hanno Coronato il Tuo Cuore!(*) ...Eccomi ancora per l'Eternità!(*) ...Eccomi! ...Ciao, Mammina mia!(*) ...Ciao, Servi, nel Servire la Croce e nel Rimanere al Forno!(*) ...Ci vediamo dopo quando vengo a portare le Spose!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Mammina!(*)

 

 

 

3. Giov. 12/12/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): I Sigilli!(*) Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi posso tenerli? Posso berli senza dirlo? (Gesù): Vedi, Anima Mia, una parte l'ho bevuto Io al posto tuo! (Giulia): Perché, Gesù? Tu ne bevi già tanti, io no! (Gesù): E dall'alba al tramonto cosa hai fatto? (Giulia): Le Cose del Padre! E allora questa parte la bevo io senza dirlo? (Gesù): Non la puoi bere! (Giulia): E allora la posso tenere fino alla Festa? Poi decidi Tu...? (Gesù): Dì ciò che Vedi!(*) (Giulia): Vedo il numero da non poter contare di bimbi e bimbe......, tutti vestiti di bianco, ma su ogni vestito bianco c'è il Sangue... e camminano senza poter trovare la via!(*) Mentre camminano cadono e non si alzano!(*) Quelli che non si alzano vengono schiacciati da armi e fuochi di guerra! Gli altri che vanno allo sbaraglio si riempiono ancora di più di Sangue e tutto parte ancora dalla Cupola! I pargoli che vengono schiacciati vengono gettati di qua e di là e il grido delle mamme arriva al Cuore di Dio! E Dio ha abbassato la Mano! Gesù, io rimango all'ubbidienza nel Tenerlo, ma busso e mi poggio al Cuore di Maria e al Cuore del Padre nel chiedere di Bere questo che vedo! (Gesù): Ora tienilo, Anima Mia!

*******************

(Don Vincenzo): Volevo parlarTi ancora in merito a quelle malattie a cui ha fatto riferimento la Madonna quando è venuta Domenica Pomeriggio, Festa della Immacolata Concezione! "Il Padre ha preparato un Giardino e non ha preparato nè Flagelli e nè Sigilli e non ha preparato Malattie per i figli, ma gli uomini sì.........! Il Padre ha preparato Gioia e Amore ma gli uomini hanno sporcato il Giardino...... e così arrivano le Malattie e anche i Flagelli e i Sigilli"! ......E DI TUTTO QUESTO SI DA' LA COLPA A DIO? (Gesù): Ve l'ho già detto! Il Padre ha preparato un Giardino Bello con tutto quello che vi necessita, ma non ha Creato il Giardino Bello con tutto quello che vi necessita per farvi stare male, ma per farvi Gioire del Suo Amore e prendere parte al Banchetto preparato per tutte le Spose! E ora c'è la Schiera dello Strumento e anch'Io Mi avvicino e nel pulire Bevo! E quando lo Strumento non trova quello che aveva lasciato, Mi guarda e abbassa gli occhi nell'inchinarsi e nel dire: "Eccomi, Gesù!" ...Cosa c'è ancora? (Don Vincenzo): Eccomi! Questo Giardino che abbiamo sporcato, Lo stiamo sporcando ancora di più e, quindi, le malattie aumenteranno...... (Gesù): Pregate per la Cupola! Pregate per le Mura Insanguinate ancora di Sangue Innocente! Così come lo Strumento Mi dona tutto donandoMi le Pietruzze, Io vi invito a pregare: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro" per i farisei di ieri e di oggi che avanzeranno ancora e per i falsi profeti che inganneranno ancora......! Vigilate, Figli, i Tempi che verranno non sono belli, sono Amari...... e sono ancora più Amari di quel Calice che Io ho dovuto Bere......! Nessuno di voi avrà la Forza di Berlo il Calice che vi verrà presentato, ma lo Berrà lo Strumento, Goccia dopo Goccia!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(**) <Gesù è in Silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e La Tiene Alta!> Il Mio Braccio Alzo nel Segnarvi nell'Amore Infinito del Padre! Lo Alzo ancora nel Donare ad ognuno di voi l'Ultima Grazia che è Maria e nel Fermare ciò che stava per Scendere, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Il Filicino è piccolo, la Cocciuta vede ogni cosa, ma molte gliele nascondo bevendole Io al posto suo! Allargo le Braccia ancora nel Donarvi il Tutto del Padre e i Banchetti Preparati per tutti i Servi Inutili e per ognuno di voi! <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce> E il Padre Buono e Misericordioso Abbraccia ancora l'umanità intera e ognuno di voi......! Figli Miei, Chino il Capo nel camminare sulle vie del mondo, Chino il Capo nel pulire il Giardino...! Anch'Io Mi Sono Unito alla Schiera dello Strumento, passo per passo nel combattere e nel pulire ciò che viene sporcato attimo dopo attimo! Vedete, figli, ho Comprato per Amore ognuno di voi e l'umanità intera! Tutto ciò che il Padre ha pensato da sempre l'ho Comprato a Prezzo di Sangue, pulendo ogni cosa, ma Chino ancora il Capo nel guardare coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma Uno Strumento Mi dice: "aspettiamo, mi hai Donato i Giorni" e Io Chino il Capo nell'Accontentare il suo cuore, ma ciò che è Scritto nel Libro del Padre Scenderà! Maria con le Schiere è ferma, e l'Unica Schiera che Cammina è quella che guida lo Strumento! E il Cuore di Maria Trionferà così come ogni Promessa donata ad ognuno di voi: I Cari Parleranno, il Sole si Aprirà, i Flagelli Cadranno ancora! Vedete, Figli Miei, ancora gli uomini non vedono Dio, eppure Dio è in mezzo a voi......! Dio è invisibile ai vostri occhi e agli occhi dell'umanità intera, ma l'umanità intera corre dietro ai miracoli! Ve lo ripeto ancora: "non andate!" Quando sentite: "Gesù è lì, e opera miracoli! ...Maria è lì, e opera miracoli", è frutto dei falsi profeti per allontanarvi dal Mio Cuore, dalla Via che Vi Ho Segnata da sempre! Il Miracolo Sono Io, così come Sono il Pane che si Spezza e si Dona, così come Sono Cibo per chi ha fame! Vigilate ancora, i falsi profeti avanzano, ma voi avete la Destra dell'Umiltà, della Povertà e della Croce che il Padre vi ha Donato, così come l'ha Donato a tutti i figli......! Ma i figli sono sordi e ciechi e non vogliono ascoltare e non vogliono accogliere l'Invito al Banchetto Vivo e Reale in mezzo a voi, Figli Miei! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Dove hai messo il Filo? Giulia: È lì nel posto suo! Gesù: E quello che ti ha portato Teresina? Giulia: Sì... e il Filo l'ho messo dove serviva, Gesù! C'era qualcosa da aggiustare e l'ho usato e ho lasciato quello che bastava... come sempre basterà...... ma quello serviva e Tu lo sai! E se Teresina non lo trova più, lo troverai Tu quando serve, perchè non potevo tenerlo tutto io, Gesù! Forse Tu hai tenuto qualcosa per Te? Gesù: No, ho tenuto per Me ognuno di voi e l'umanità intera! Giulia: E io ho tenuto sulle spalle quello che Tu hai messo e il Padre mette...... ma sei sempre Tu a portarmi! Gesù: Sei Poggiata sull'Albero della Croce, ma porti tu sulle tue spalle ciò che il Padre ti ha donato......! Giulia: Eccomi, Gesù! Eccomi nel Fare sempre quello che il Padre Vuole! Gesù, Ti dò tutto quello che mi hai donato ancora......! Gesù, metto nel Tuo Cuore tutti i Figli..., la Famiglia...... tutti quelli che si sono affidati......, quelli che non hanno avuto la Forza di farlo e tutte le Pietruzze! E guarda quello che c'è nel Filicino e prendilo! Gesù: ECCOMI, ANIMA MIA! ORA GUARDA.........! Giulia: Eccomi, Gesù! Cosa sono?(*) Non sono aerei quelli che volano! Non sono neanche missili! Gesù, cos'è quella nave? Ha un colore strano, e non è come tutte le altre! E da lì escono questi oggetti che non sono nè aerei e nè missili...... ma cadono sulla terra... e vanno sotto terra e anche dentro il mare! Cos'è, Gesù? È un Grande Flagello? E cosa posso Fare?(*) Non mi piace! Lo posso tenere questo? Lo posso bere? Gesù: Questo, no! Giulia: Eccomi! Gesù: GUARDA ANCORA.........!(*) Giulia: I Sigilli!(*) Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi posso tenerli? Posso berli senza dirlo? Gesù: Vedi, Anima Mia, una parte l'ho bevuto Io al posto tuo! Giulia: Perché, Gesù? Tu ne bevi già tanti, io no! Gesù: E dall'alba al tramonto cosa hai fatto? Giulia: Le Cose del Padre! E allora questa parte la bevo io senza dirlo? Gesù: Non la puoi bere! Giulia: E allora la posso tenere fino alla Festa? Poi decidi Tu...? Gesù: Dì ciò che Vedi!(*) Giulia: Vedo il numero da non poter contare di bimbi e bimbe......, tutti vestiti di bianco, ma su ogni vestito bianco c'è il Sangue... e camminano senza poter trovare la via!(*) Mentre camminano cadono e non si alzano!(*) Quelli che non si alzano vengono schiacciati da armi e fuochi di guerra! Gli altri che vanno allo sbaraglio si riempiono ancora di più di Sangue e tutto parte ancora dalla Cupola! I pargoli che vengono schiacciati vengono gettati di qua e di là e il grido delle mamme arriva al Cuore di Dio! E Dio ha abbassato la Mano! Gesù, io rimango all'ubbidienza nel Tenerlo, ma busso e mi poggio al Cuore di Maria e al Cuore del Padre nel chiedere di Bere questo che vedo! Gesù: Ora tienilo, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Ora Guarda, ma ciò che Vedi aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Eccomi!(*) ...Basterà il Filo! Eccomi!(*) Eccomi! Gesù: Eccomi ancora nell'essere in mezzo a voi col Banchetto dei Servi Inutili, delle Spose e dei Pargoli, tutti pronti a Lavorare......! Ed ecco il Banchetto preparato per ognuno di voi! Ed ecco i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Ed ecco Vittorio! Ed ecco Rossella! Ed ecco Natanaele, le Bimbe e tutti i Pargoli, pronti nell'Impastare, pronti nel Preparare il Banchetto! Ed ecco l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......E l'Unica Verità del Pane Donati ad ognuno di voi, Invitandovi a Tenerli Alti, a Farli Crescere e a Farli Vivere nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, nel DonarTi il Tutto di tutti i figli, il Tutto della Famiglia! Ed Eccoci... ed Eccomi nel Rispondere e nel Pregare come Tu ci hai Insegnato per tutti i figli e per l'umanità intera! Accoglici come siamo anche in questo Giorno: non pronti e non preparati! , siamo venuti al Banchetto ma abbiamo risposto all'Invito distratti...... e lontani......!Ma Eccomi nel PortarTi tutti i cuori, Gesù! Gesù: Eccomi, Anima Mia!(*) ......PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Come stai? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Come stai? Don Vincenzo: Un po' raffreddato! Gesù: Eh, ti dico la parolina di prima? No, non te la dico, eh, eh! Sei stato scoperto...... e ti sei raffreddato......! Don Vincenzo: Un po'! Gesù: Un po'! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Tutti-tutti? Tutti: Eccomi! Gesù: E allora Io sto bene al caldo dei cuori di ognuno di voi! Don Vincenzo: Che bello questo Colloquio d'Amore......! Gesù: È più bello per Me avere un Calore, una Famiglia, dei Figli, degli Amici e dei Fratelli, eeeh! Ma dimmi, hai sentito i Sigilli? Hai sentito i Sigilli di questo giorno? Don Vincenzo: No! Gesù: Dov'eri? Dietro al raffreddore? Don Vincenzo: Pure! Gesù: Come mai non li hai sentiti come le altre volte quando prendevi pure appunti......? Don Vincenzo: Eh, difatti, poi me li leggo con calma perchè si tratta di innumerevoli bambini vestiti di bianco, col sangue sui vestiti, che cadono e non si alzano più......! Gesù: Poi li leggi con calma! ...Non vuoi dirmi niente? Sei malato? Don Vincenzo: Malatuccio! Gesù: Malatuccio? E quando si è malatucci, non si parla? Don Vincenzo: Sì, si parla! Gesù: E dimmi qualcosa! Don Vincenzo: Di fronte a Te è sempre bello parlare, avere la Grazia di stare insieme a dialogare è il Massimo dei Regali che Dio fa......! Gesù: E senti un po': ma tu sei come Giovanni che, quando aveva 36 e mezzo, aveva 40 e non parlava? La senti a Maria che ride? Mi sa che i Due Giovanni sono uguali in tutto! La Cocciuta gli ha misurato la febbre ed è 36 e 9! Lui ha detto che non era febbre, ma intanto......! Eh, si, deve anche scherzare un po'......! Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: E adesso parla, poi dopo ci Doniamo! Don Vincenzo: Sì! ...Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ho parlato prima con la Cocciuta... Gesù: ...Eh, si, ho sentito! Don Vincenzo: E nella sua umiltà e nella sua mitezza sempre più diventa protagonista perché sa amarTi in una maniera profondissima......! Dovremmo anche noi imparare un pochettino da lei, invece tante volte la critichiamo, a volte non la capiamo, quando invece è lo Strumento del Padre, è la Tua Sposa Preferita, è la Tua Portavoce......! Gesù: È Mamma! È Mamma come Maria, e Maria il Suo Amore Lo Dona così, nell'essere Mamma, e nel guidare passo per passo i Propri Figli, così com'è Mamma il Padre nel guidare passo per passo i Propri Figli............ ma i Figli non cercano né il Padre e neanche Maria e non si fanno guidare! E così come veniamo rimproverati Noi, viene rimproverata anche lei dai Figli......! Quando parlavo, come parlo adesso con ognuno di voi, Mi rimproveravano e Mi dicevano: "Chi sei Tu per dire questo? Da dove vieni? Dove hai preso tutta questa Sapienza? Non sei andato neanche a scuola, chi Ti ha insegnato queste cose?" E la stessa cosa lo dicono allo Strumento: "Chi sei Tu per dire questo? Dove l'hai imparato? Noi siamo più Grandi di te, abbiamo studiato, noi conosciamo il Vangelo, tu no!" E così anche tra i figli viene rimproverata e non ascoltata: "Ma non è così come dici tu!" E così rispondevano a Me, così rispondevano a Maria e così rispondono al Padre! Don Vincenzo: Gesù, perdonaci! Gesù: Io Parlo a voi e Parlo al mondo intero! Una Famiglia è unita perché lo Strumento vi porta nell'Arca... e Rema! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Volevo parlarTi ancora in merito a quelle malattie a cui ha fatto riferimento la Madonna quando è venuta Domenica Pomeriggio, Festa della Immacolata Concezione! "Il Padre ha preparato un Giardino e non ha preparato nè Flagelli e nè Sigilli e non ha preparato Malattie per i figli, ma gli uomini sì.........! Il Padre ha preparato Gioia e Amore ma gli uomini hanno sporcato il Giardino......e così arrivano le Malattie e anche i Flagelli e i Sigilli"! ......E DI TUTTO QUESTO SI DA' LA COLPA A DIO? Gesù: Ve l'ho già detto! Il Padre ha preparato un Giardino Bello con tutto quello che vi necessita, ma non ha Creato il Giardino Bello con tutto quello che vi necessita per farvi stare male, ma per farvi Gioire del Suo Amore e prendere parte al Banchetto preparato per tutte le Spose! E ora c'è la Schiera dello Strumento e anch'Io Mi avvicino e nel pulire Bevo! E quando lo Strumento non trova quello che aveva lasciato, Mi guarda e abbassa gli occhi nell'inchinarsi e nel dire: "Eccomi, Gesù!" ...Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Questo Giardino che abbiamo sporcato, Lo stiamo sporcando ancora di più e, quindi, le malattie aumenteranno...... Gesù: Pregate per la Cupola! Pregate per le Mura Insanguinate ancora di Sangue Innocente! Così come lo Strumento Mi dona tutto donandoMi le Pietruzze, Io vi invito a pregare: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro" per i farisei di ieri e di oggi che avanzeranno ancora e per i falsi profeti che inganneranno ancora......! Vigilate, Figli, i Tempi che verranno non sono belli, sono Amari...... e sono ancora più Amari di quel Calice che Io ho dovuto Bere......! Nessuno di voi avrà la Forza di Berlo il Calice che vi verrà presentato, ma lo Berrà lo Strumento, Goccia dopo Goccia! Teresina le aveva donato un altro Rotolo...... e lei L'ha consumato per riparare, lasciandone solo così.........! <Gesù indica un piccolo spazio tra pollice e indice.........> Lo Strumento vi Ama con l'Amore che gli Dono...! Don Vincenzo: È colpa degli uomini quindi tutti questi Flagelli, tutti questi Sigilli, tutte queste Malattie...... altro che dare colpa a Dio......! Gesù: L'Umanità è sorda e cieca e va dietro ai "Grandi del Mondo", ai "Grandi della Chiesa", a coloro che si fanno chiamare: "Grandi delle Case" non costruite per Me...... perchè non le ho mai chieste e neanche Mia Madre! Pregate ancora, i falsi profeti avanzano così, nel rubare i cuori e nel costruire Case dove né Io e né Mia Madre ci abitiamo, ma sono fatte per far scorrere altro Sangue Innocente e per far Scendere altri Sigilli e altri Flagelli e per far scendere altre Malattie......: Pregate! Figli, pregate voi che siete stati chiamati al Banchetto del Padre! ...Eccomi, Calice Vivente! ...Eccomi, Figli tutti! <Gesù accarezza con lo sguardo ognuno dei presenti> Vi Dono i Miei Occhi, guardatevi gli uni gli altri nell'Amarvi e nel Rimanere Uniti in questi Tempi, Figli Miei! ......Tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io Mi Dono anche! Allora ci Doniamo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora nel Rimanere nell'Eccomi del Padre e nell'Andare ancora a Bere i Calici Taglienti, nel Fermare i Sigilli, nel Fermare i Flagelli e nel Portare nell'Arca tutti i Figli! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù ne Beve un po' e poi dona il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane che divide a metà e ne Dona una parte a Don Vincenzo, poi Mangia e fa lo stesso Don Vincenzo......> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questa è la Mia Carne! Amen! .........Mangiare con voi il "Nuovo" del Padre è Fare Festa con ognuno di voi, così come ho Promesso da sempre: "Mangerò e Berrò del Nuovo dove il Padre ha Piantato da sempre l'Albero Verde!" Siate gioiosi, Figli Miei, di tutto quello che il Padre vi Dona! Nulla vi mancherà se amate e se aprite i vostri cuori! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta.> Questo è il Mio Sangue, Questa è la Mia Carne: l'Eredità del Padre Donata a Me...... e Io L'ho Donata e La Dono ad ognuno di voi e all'Umanità Intera! ......Ci siamo Donati nell'Unico Abbraccio della Croce e nell'Unico Abbraccio del Padre! Eccomi! E nell'Unico Abbraccio del Padre ci Doniamo ancora! <Gesù stringe la mano a Don Vincenzo> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Il Banchetto è preparato......! Tu vuoi prenderci parte? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Mangiamo del Padre......, mangiamo il Pane della Parola che Sei Tu Gesù......! Gesù: ! Don Vincenzo: , Mangiamo di Te, Gesù, mangiamo Te, Gesù! Gesù: Non dimenticate: Mangiare Dio è Mangiare al Banchetto di Dio, quello preparato per tutti i Servi Inutili, quello preparato per ognuno di voi nel Lavorare e nel rispondere: "Eccomi" al Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Eccomi nel mangiare con ognuno di voi del "Nuovo" di Dio! Eccomi! Eccomi! <Raffaele serve Gesù e Don Vincenzo> I Frutti del Mare, i Frutti della Terra! Sul Banchetto del Padre rimarranno......, ma sul Banchetto degli uomini verranno a mancare......! Tutto è stato sporcato......! E il Figlio che è rimasto nel Cielo neanche oggi è Sceso e neanche oggi ha Aperto il Gradino......! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro"! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> E ciò che prendete nella Misura di Dio DonateLo al Padre! Così come quando fate i vostri lavori, offriteli al Padre senza accumulare nel pensare: "riempirò la bisaccia e non mi mancherà nulla!" Non siate stolti, ma giusti com'è Giusto il Padre vostro......e vi invita al Banchetto del Suo Amore, Figli! .........Vai! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a Clelia ed Egidio , poi taglia il pane-pesce e dona la testa e la coda a: Clelia, Egidio, Anna, Saverio e altri pezzi ad alcuni dei presenti.> Gesù: Eccomi! ...Parla un po'! Don Vincenzo: Gesù, fammelo gustare questo Banchetto! Gesù: Sei il Calice Vivente, non solo lo gusti, ma ti Doni! Don Vincenzo: Che Grazia Mangiare del Padre! Gesù: , è una Grazia Grande! Don Vincenzo: Che Grazia Mangiare anche del Figlio! Gesù: Dov'è Mio Padre lì Sono anch'Io e lì è anche Maria e lì Sono tutti i Servi Inutili e lì Sono i vostri Cari portati dallo Strumento! ......Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù si rivolge a Chiara> Perché è triste il tuo cuore? Ehi, facciamo a pugni, eh, eh? Facciamo a pugni? , con "Padre Nostro e Ave Maria"! E allora lo facciamo! I Pargoli stanno a Lavorare ma non ci sono mamma e papà! <Stasera non ci sono Mario e Maria Elena> Hanno un po' di Lavoro da fare tutti i Pargoli...... non solo devono preparare il Pane! ...Eh, cosa c'è? Giuseppe: Ho dimenticato l'acqua! Gesù: Ha dimenticato l'acqua e lo dice a Me, Io che Sono l'Acqua Zampillante! I Pargoli devono preparare la Festa e devono preparare tutto quello che verrà detto dai Servi Inutili, da Carlo, da Pio, da Domenico, da Lucia, da tutti i vostri Cari! Ma non dimenticate: ci saranno Calici Amari! Voi Indossate gli Abiti della Festa per incontrare lo Sposo! Lo Sposo deciderà se allungare o accorciare i Giorni che sono stati consegnati allo Strumento! Voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" ......Ora parla tu un po'! <Gesù si rivolge a Chiara> Vuoi parlare tu? Non vuole parlare, ma sta parlando nel cuore gridando forte-forte: abbassa il volume, sento! ......Ora parla tu! È gustoso mangiare del Padre! Mosè: Eccomi, Gesù! Gesù: Gustatelo, ma non pensate che sia cibo del mondo......! Don Vincenzo: Proprio perché è Cibo del Padre, proprio perché è il Padre che si Dona, il nostro mangiare deve diventare una Preghiera e la stessa cosa dobbiamo imparare a fare nelle nostre case: trasformare anche lì il pranzo e la cena in un Piccolo e Intimo Banchetto d'Amore, in una Preghiera Divina......! Gesù: Eccomi! Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando, eh! Raffaele: Scarsetto! Gesù: Scarsetto, scarsetto, scarsetto in una Preghiera d'Amore! Don Vincenzo: Imparare a Donarsi, perché questo il Padre fa e questo fai Tu, Gesù: vi Donate in continuazione mettendovi di fronte alla "porta di ogni cuore", momento per momento, aspettando che la Vostra Immolazione sia gradita e sia accolta! Adesso Tu dicevi, riguardo a Chiara, che sentivi un bombardamento di parole in lei...... ma noi non sentivamo nulla, Tu sì! Gesù: Ma Io sì! Don Vincenzo: Ma Tu sì, perché Tu percepisci tutto! Gesù: No, Io non percepisco...... Io Sento! Don Vincenzo: È la stessa cosa, Gesù? Gesù: No, non è la stessa cosa! Nel sentire il "grido" dei cuori tutti i figli dicono che Io sono sordo come fa la Cocciuta quando Mi chiede una cosa...... e Io non rispondo subito e lei Mi dice: "Ma sei diventato sordo per caso, non mi stai ascoltando? Muoviti!" - "Eccomi"! E Io Mi muovo, così come si muovono tutti i Servi Inutili e come si muovono tutti i Pargoli! .....................Ehi, è arrivato un Castello, chi Me lo manda? Filomena: Io! Gesù: Io chi? Filomena: Filomena! Gesù: Filomena! Li devo aprire tutti? Filomena: Tutti, tutti! Gesù: Tutti, tutti? Mi aiuti, viceparroco? Raffaele: Eccomi, Gesù! Gesù: Mi sa che ci vuole il coltello, ehi, uno, due, tre e quattro: la Croce, il Letto più Bello che il Padre ha potuto Donare all'Umanità Intera! Raffaele: Partiamo dalla piccola Scatola a quella più grande, Gesù? Gesù: Iniziamo dalla più piccola Scatolina! <Filomena, che è incinta, ha donato a Gesù quattro Scatole-Regalo di grandezza diversa e contenenti rispettivamente i seguenti doni di un corredino tutto in Celeste: due bavette, un ciuccetto, un cappellino, delle bavette, una tutina, un pantaloncino con maglietta e il lenzuolino.> Ecco, ehi, ma questi li doni a Me o Io li devo donare a te? Filomena: Li dono a Te, Gesù! Gesù: Ehi, guarda, il Dio Bambino, questi vanno bene sia per Me che per Mio Padre, e sì! Eh, vediamo quest'altro, e questo lo doniamo al Calice Vivente, , Eccomi! Chiedetele perché Mi ha portato questi! Aspetta, questo lo dobbiamo mettere dentro! Chiedeteglielo! Filomena: Gesù ho portato questo Regalo per la Tua Nascita! Gesù: "Per la Tua Nascita"! Eccomi! Ha pensato a farMi stare caldo! Eccomi! Eh, eh, ! Nessuno Mi ha portato questo, c'era solo un piccolo lino bianco, eh! Non l'avevo questo, avevo solo il lino bianco, un po' di paglia e poi c'era il bue e l'asinello che col respiro Mi riscaldavano! Questi adesso riscaldano bene, così scaldandoMi scaldandoMi, faccio scendere ancora di più il Mio Amore! Raffaele: C'era l'asinello allora? Gesù: Sì che c'era! ......E questo Lenzuolino, magari avessi avuto questo Lenzuolino...... ma con l'Amore anche Mia Madre Mi ha Donato il Suo Respiro! Ora questo lo porteremo nel Giorno della Nascita! Eccomi, Filomena! Eccomi! Per il Soffio del tuo Amore! Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...E cosa vuoi dire ancora? Don Vincenzo: Per ognuno di noi stare qui insieme a Te è un Regalo che non ha Misura, perchè la Grazia più Grande è ascoltarTi! E quello che è ancora più Grande è il Padre...... che Ti Manda......! Gesù: No, non c'è differenza tra Me e il Padre, siamo un Tutt'Uno sul Letto della Croce! <Gesù indica il Crocifisso che indossa sul collo la Cocciuta.........> Don Vincenzo: Sì, ognuno è Croce! Gesù: Ciò che è del Padre è Mio, e ciò che è Mio è del Padre, e Tutto messo insieme è tutto vostro, perché è l'Eredità, non dimenticatelo! È bello il gesto del corredino per il Figlio di Dio che Nasce ed è bella anche la copertina che è stata chiesta: fatta di pane! <È stata chiesta a Maria Elena> Ogni cosa che viene chiesta o offerta al Padre è Dio che la Sussurra! Don Vincenzo: Gesù, siete uguali Tu e il Padre, però Tu Sei diventato Visibile! Gesù: Anche il Padre è Visibile! Senza l'Ordine del Padre Io non potrei parlare e così il Padre è Visibile come Lo Sono Io! È in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili, con tutte le Spose, con tutte le Schiere e con Maria! Dio è in mezzo a voi e il Figlio è rimasto ancora e non ha Sceso nessun Gradino e non si è Aperto neanche un Gradino! Don Vincenzo: Anche perché la Cocciuta l'ha bloccato chiedendogli di fermarsi perché lei vede i figli non ancora pronti e ancora impreparati......! Gesù: Eccomi! Perciò chiede altri Giorni al Padre...... anche perché chiede di Bere e di aspettare ancora! ...Non Mi donate più nulla da mangiare? Mangio un altro pochino, c'è un paninello, visto che non c'è chi doveva mangiarlo, campa cavallo che l'erba cresce, eh, eh......... tu ne vuoi? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Mi sa che ce ne vogliono altri due! Don Vincenzo: Dove vai Tu, Gesù, io vengo sempre dietro a Te! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Perché mettere i miei piedi sulle Tue Orme è la cosa più luminosa e saggia che io possa fare...! Gesù: Amen, così sia! Don Vincenzo: Abbiamo fatto pure la rima! Gesù: Eccomi, abbiamo fatto pure la rima! Eccomi! Ma parla un po', dopo viene Giovanni e non so cosa combina......! Mari', forse è meglio se ti vai a nascondere, o Mi sbaglio? Maria: Eccomi! Gesù: Questo non è Mio, questo è tuo, eh! Mò che viene Giovanni non so se ti devi andare a nascondere, Io Mi tappo le orecchie quando Lui parla! Maria: Aiutami, Gesù! <Si ride un po'> Gesù: Hai sentito? No, non l'hai sentito! Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Mosè: Se è possibile vorrei farTi una domanda, Gesù? Gesù: Sentiamo! Mosè: Le malattie scendono a causa dell'inquinamento atmosferico o dell'inquinamento dei nostri cuori? Gesù: Non hai capito niente di quello che Io ho detto e di quello che ha detto Mia Madre! Leggi ancora, così capirai! Facevi così anche con Giovanni: lui te lo spiegava ma tu non lo capivi! È stato detto da Mia Madre, è stato scritto, ma ancora non hai capito...... è stato detto ancora, ma ancora nessuno ha capito......! Mangiate il Pane, così lo capite! Mosè: Eccomi! Gesù: Eccomi! Mi sono sbagliato? Alcuni: No! Gesù: Meno male! Devo fare in fretta a mangiare perchè Giovanni sta per arrivare e Me lo porterà via! Don Vincenzo: Da dove viene Giovanni? Gesù: È in mezzo a voi al Banchetto delle Spose e con tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Sono tanti, tanti, tanti i Banchetti, Gesù? Gesù: Il vostro è quello delle Spose e dei Servi Inutili! Don Vincenzo: Solo quello delle Spose e dei Servi Inutili? Gesù: Il vostro comprende quello delle Spose, quello di tutti i Servi Inutili e quello delle Schiere! Il vostro è così, ma quello che è in mezzo a voi è un po' più grandicello! Don Vincenzo: È un po' più grandicello? Gesù: , è un po' più grandicello! Don Vincenzo: Parecchio, parecchio, parecchio più grandicello, perchè miriadi e miriadi di persone sono in Cielo come Servi Inutili......! Gesù: No, il Cielo è in mezzo a voi! Don Vincenzo: Sì, essendo tutti Servi Inutili il Banchetto è Grande Grande! Gesù: Anche il vostro è Grande! Don Vincenzo: Anche il nostro? Gesù: Tu cosa dici, crescerà o diventerà più piccolo? Don Vincenzo: Speriamo che crescerà! Gesù: Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro"!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi... il Mio caffè...! Tre gocce...Don Vincenzo: Tre gocce! <Giovanni offre a Don Vincenzo tre gocce di caffè con tre colpi di tosse> Piccolo Giovanni: Una..., due... e tre! Ecco! Gli ho dato tre gocce di caffè e tre colpi di tosse, così fai andare via il raffreddore! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mo' lo bevo Io...: buono, gustoso...! ...Mari! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che hai fatto? Maria: Ti sei arrabbiato per i quadri? Piccolo Giovanni: No! Che hai fatto? Maria: Sono andata in giro qua e là, ma non lo risolvo il problema! Piccolo Giovanni: ...Teré, tu c'eri? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'ha combinato? Teresa: È stata abbastanza brava..., ma ogni tanto mi sfugge...! Piccolo Giovanni: E quando ti sfugge è il guaio...! Andiamo avanti: ma tu cosa hai combinato ancora? Maria: Mi sono lamentata per i capelli così lunghi... Piccolo Giovanni: No, devono crescere ancora di più, serviranno per i Tempi che verranno! Maria: Sicuramente è così: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non ho sempre detto a tutti voi figli: "ricordiamoci che siamo in una casa privata e dobbiamo rispettare......"! E ve lo ripeto ancora: ricordiamo che è del Padre la Dimora, ma è anche dello Strumento e dobbiamo rispettare e rimanere nell'Ubbidienza! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vi voglio bene, Figli Miei! Tutti: Anche noi, Giovanni, Ti vogliamo bene! Piccolo Giovanni: Voglio bene a tutti senza scartarne uno! <Giovanni schiocca qualche bacio mentre Raffaele Gli propone da mangiare il piatto del baccalà> Non c'è niente per Me da mangiare? Ehi, se ci sono le spine o è salato, questa sera Mi alzo e cammino e tatino! Don Vincenzo: È evidente, Giovanni, che Ti piace il baccalà! Piccolo Giovanni: , ma non sono un "baccalà"! ......Tatina, sei fortunata, non è salato...... ma adesso vediamo se trovo le spine! <Si ride un po'> Ho combinato un bel pasticcio a far parlare Maria? Ma Tu parla...! Tu non vuoi dire niente? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Di solito fa così...<Giovanni imita il gesto del ditino di Raffaele quando chiede la parola> Raffaele: Ma Quello che deve portare la Pace non c'è più? Piccolo Giovanni: Sì che c'è! Raffaele: Ma cammina..., sta fermo? Piccolo Giovanni: Per adesso sta fermo, ma anche stando fermo lavora! Raffaele: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Noi siamo nell'Arca... Piccolo Giovanni: Sì! Raffaele: Grazie a Dio! Piccolo Giovanni: No, grazie allo Strumento che ascolta la Voce del Padre! Raffaele: Cosa dobbiamo fare per non uscire dall'Arca? Piccolo Giovanni: Amarvi! Amarvi gli uni gli altri, rimanere Piccoli, Poveri e Ultimi, e usare la Carità Silenziosa! Raffaele: Ci sono gli eletti dagli uomini in questo periodo? Piccolo Giovanni: Tu che dici? Raffaele: Sono gli eletti del male? Piccolo Giovanni: Se lo dici tu..., lo dico anch'Io! Raffaele: Ti vorrei fare una domanda cattiva: cos'è il tradimento? Piccolo Giovanni: Rinnegare l'Amore del Padre! Raffaele: E tra noi? Piccolo Giovanni: Lo stesso! ...Perché Mi guardi e sorridi? Raffaele: Perché per i soldi ci si muove su tutto, quindi si tradisce per poco e per niente! Piccolo Giovanni: Non sapendo che il Padre non fa mancare nulla! I RICCHI PENSANO DI AVERE TUTTO E RINNEGANO DIO! Raffaele: Ma non è che stiamo sporcando il Giardino noi, no? Piccolo Giovanni: Guardati intorno, Lo vedi sporco? C'è lo Strumento che Lo pulisce! Vi Ama così tanto! Hai finito? Raffaele: L'ultima! Piccolo Giovanni: L'ultima! Raffaele: Anche quando gli uomini chiudono le porte, Dio le apre sempre? Piccolo Giovanni: Dio rimane sempre dinanzi alla porta dei cuori di ognuno dei Figli! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Aspetta! ...Eh, cosa c'è? State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Dottoressa Teresa! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! <Giovanni imita la vocina di Teresa e si ride un po'> Perché guardi l'ora? Ancora non Me ne vado! Teresa: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Teresa: Anche quella cosa di stamattina è una loro azione? Piccolo Giovanni: ! Teresa: Eccomi! ...E cosa devo fare? Piccolo Giovanni: Tu cosa vuoi fare? Teresa: Quello che vuole il Padre! Piccolo Giovanni: E dillo allo Strumento, così ti dice quello che vuole il Padre! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Visto che è "la Voce del Padre"! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E il Padre la usa attimo dopo attimo! Teresa: Lei prima mi aveva detto cosa fare, ora le dirò il resto! Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Tu non Mi chiedi nulla? Don Vincenzo: Dobbiamo sempre più fidarci e affidarci alla Cocciuta, perché è lei lo Strumento Scelto dal Padre, ci piaccia o non ci piaccia, ma quello che è bello è che quando lei ci piace significa che siamo in Comunione con Dio! Quando non ci piace, vuol dire che abbiamo torto perchè lei è, certamente, sempre dalla parte di Dio! E quindi dobbiamo mettere in discussione noi stessi, il nostro io, altrimenti non riusciamo ad essere in sintonia con Dio e quindi non facciamo progressi! Quando invece c'è questa Comunione con la Cocciuta allora possiamo mettere, diciamo, i piedi sulle Orme di Dio, sicuramente sapendo che la Cocciuta sa essere lo Strumento di Dio fino in fondo! Piccolo Giovanni: Ma tutti la mettono da parte! Così come non hanno riconosciuto Me, non riconoscono neanche lei! Don Vincenzo: Devono però capire che hanno torto perché la Cocciuta è la Portavoce di Dio e quindi non può uscire dal Solco della Verità perchè Dio è Verità e lei è lo Strumento della Verità! Anche in questo periodo in cui arriveranno i Tempi Bui, anche in questo Periodo Amaro dobbiamo prepararci a fare Comunione con lei, perché potrebbe dirci delle cose che magari a noi non ci piacciono, ma che poi, dopo, si avverano! Piccolo Giovanni: Dovete essere pronti e preparati! Don Vincenzo: E questo deve essere il Segno che noi crediamo in Dio attraverso il Suo Strumento, e questo deve essere anche il Segno che noi, chi fa parte della Famiglia, dobbiamo essere verso la Cocciuta sempre più generosi, e fidarsi della Cocciuta, e capire anche che la Cocciuta vive in una casa privata, e non è solo una casa privata ma qui è tutto privato e quindi qui ognuno si deve comportare prima di tutto in modo educato, sapendo che può fare del bene alla Cocciuta e quindi essere generosi nell'aiutare la Cocciuta, nell'aiutare questa Famiglia che non fa pesare mai nulla, neanche uno spicciolo, ma che fa tanti sacrifici e io ne sono testimone perché sono ospite, diciamo da otto anni e quindi vedo con gli occhi della Verità! E invece questo non avviene e non riusciamo ad essere generosi, e non riusciamo a donare, e non riusciamo a dare e magari ci facciamo prendere ancora dall'egoismo, dall'io, facendo solo i calcoli su noi stessi! Qui siamo nella Casa di Dio, qui siamo in un Pezzettino di Paradiso, qui siamo già nell'anticamera della Luce Eterna e quindi, non essere buoni con la Cocciuta, non essere generosi con lei sia con le parole che con i fatti, significa che non abbiamo capito la preziosità della Cocciuta, perché un'occasione per dire "grazie" a Dio la si ha proprio attraverso l'ubbidienza alla Cocciuta! Allora se io voglio bene a Dio, non mi tiro indietro e vado dalla Cocciuta...... e sarà la Cocciuta a risolvere e a gestire quelle situazioni difficili, quelle situazioni anche che richiedono sacrifici! E invece noi facciamo finta di nulla e ognuno pensa a se stesso! Qui non dobbiamo pensare a noi stessi ma qui ognuno deve fare Comunione, qui ognuno deve pensare alla Famiglia di Dio e qui ognuno deve pensare alla Cocciuta e a Giuseppe come gli Strumenti con cui Dio si serve per indicarci la Sua Viuzza Stretta! Piccolo Giovanni: Non dimenticarti che sei il Calice Vivente! Don Vincenzo: E allora dobbiamo essere proprio Strumenti di Verità! Fino a quando questo non avviene, saremo fuori da Dio, perché Dio misura la generosità di ognuno! È con i fatti che si fanno le Vie Strette e le vie larghe! È con i fatti che si mette al Primo Posto Dio e non con le parole e nemmeno con le chiacchiere! Se non arriviamo tutti alla Carità, siamo solo egoisti e abbiamo solo paura del domani! Ma se la Cocciuta qui ci garantisce il domani, perché ci garantisce che stiamo nella Via Stretta, non dobbiamo temere nulla, anzi dobbiamo essere ancora più generosi di oggi perché il domani non ci fa paura e Dio ce lo ripete continuamente: "L'Arca è la Vostra Unica Salvezza!" Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: "Non uscite dall'Arca!" Ripete il Padre alla Cocciuta: "Tu sei l'Arca e hai i Remi"! Che ci deve dire di più il Padre? È come se dicesse: "Io Sono Dio e vi proteggo e Remo!" Quindi ognuno dovrebbe seguire continuamente questo nostro Strumento d'Amore e invece questo non avviene e si è ancora egoisti facendo primeggiare il nostro io! Noi dobbiamo pensare agli altri per fare Carità, perché se non pensiamo agli altri, non facciamo mai Carità e penseremo solo a noi! Non si deve aver paura perchè siamo già in Dio e siamo già graziati da Dio perché ci ha chiamati, ci ha invitati, ci ha fatto entrare qui! È da 28 anni che la Sua Verità attraverso il Pane viene masticata sempre più, masticata sempre più e non solo una volta i Messaggi vanno letti, perché il Pane più Lo si mastica e più è Buono! Piccolo Giovanni: L'ho sempre detto e lo ripeto ancora: "non una sola volta mangiatelo, ma più volte!" E ho sempre detto ai Figli: "Attenti ai Tempi Bui che verranno...!" Ho sempre parlato e la Cocciuta Mi fermava nel volere dire tutto! Se avessi detto tutto, avrei perso tutti i Figli, perché non Mi hanno riconosciuto e tutt'ora non riconoscono lo Strumento e non riconoscono neanche te, Calice Vivente! E si fa fatica a sentire la Parola e a Mangiare il Pane! Vigilate, Figli, Io ho parlato da sempre e ho scritto da sempre tutto quello che sta per arrivare! ...È vero, Mari'? Maria: Sì, è vero! Piccolo Giovanni: Il Pane bello masticato ve l'ho donato come il cuore del pellicano e Me lo sono strappato e l'ho donato ad ognuno di voi, ......ma non Mi avete capito! Così ora lo Strumento taglia il Filicino e lo dona ad ognuno di voi, ma non lo capite......! Don Vincenzo: Ognuno capirà, Giovanni, nella misura in cui saremo umili e saremo caritatevoli! Piccolo Giovanni: Capirete quando vi Amerete gli uni gli altri! È l'Amore che rende umili e quando imparerete ad amarvi gli uni gli altri sarete anche umili! Avete ascoltato i Sigilli, ma non avete capito! ...Parleremo nel Giorno della Festa..., vorrei dirvi ancora tante cose, ma aspettiamo il Giorno della Festa! ...Ora bevo quello che preparavo e poi vi lascio il Filicino Aperto! Tuffatevi e venite nel cuore dello Strumento che ha lasciato al Padre, Figli Miei...... e dopo vi lascio a Gesù! Io vi Amo tutti! Tutti: Pure noi! Piccolo Giovanni: Nella stessa misura così come vi ho Amato da sempre! ...Nicò, ti raccomando l'Orto! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mari', ti raccomando...! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Teré, anche a te! Teresa: Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: E ad ognuno di voi......Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Rimanete vigilanti, figli! Tu non dici niente? Don Vincenzo: Ho ascoltato...! Piccolo Giovanni: E non parli? Ascolti, ma non parli? Don Vincenzo: Ho parlato! Piccolo Giovanni: E non hai più niente da dire? Don Vincenzo: Sì, devo bere il Miscuglietto! Piccolo Giovanni: , questo lo sapevo già... che dobbiamo bere il Miscuglietto, ma Io ti avevo chiesto di parlare...: Eccomi! Beviamo il Miscuglietto: salute! Don Vincenzo: Cin-cin! Piccolo Giovanni: Cin-cin! Buono il Miscuglietto...! <Giovanni schiocca qualche bacio> Io vi lascio il Filicino dello Strumento: è alla porta del cuore dello Strumento che è nelle Mani Spalancate del Padre!(*) Don Vincenzo: Gesù...... Gesù: .........Con la Croce e con il Pane! <Gesù Benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Eccomi, Gesù! Gesù: I Giorni sono pieni e il Padre fa parlare, ma vigilate perchè i falsi profeti crescono ancora! Il Veleno cammina, siate vigilanti, Figli Miei! Don Vincenzo: Si avvicina il Natale, però è sempre Natale per noi nella misura in cui... Gesù: ...Mi Fate Nascere attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Guai se Ti abortiamo, perché ci può essere sia l'aborto che la nascita! Guai quando c'è l'aborto! E tante volte quello che è anche peggio è che non ce ne accorgiamo di abortirTi, Gesù, nei nostri cuori......! Solo se facciamo atti d'Amore è veramente Natale! Quando non si fanno atti d'Amore si abortisce nel puntare il dito, nello sbandierare la carità fatta, nel vantarci di aver pregato come se a Dio si potesse contare le preghiere......! Quindi c'è tutta una serie di nascite ma c'è anche tutta una serie di aborti che impediscono di far natale! Gesù: Il Padre non vi ha mai contato quello che vi dona attimo dopo attimo, e voi non potete contare a Dio ciò che Gli offrite! Nel silenzio si dona al Padre! Don Vincenzo: Il Padre gradisce il nascondimento..., il silenzio del cuore...! Allora questo ci deve spingere a farTi nascere, Gesù, a farTi nascere ogni momento, attimo per attimo! Gesù: FateMi nascere i Figli, FateMi nascere la Chiesa Nuova, FateMi nascere Mamme Marie e non abortiteMi in Questo Tempo! Maria Mi porta nel Suo Grembo, portateMi anche voi! Non fate insanguinare i Vestiti dei Bimbi, Figli Miei, Vigna Nuova! ...Ora tu Saluta con l'Albero Verde, mentre Io Spalanco ancora le Braccia e il Mio Cuore!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni, a volte vorrei lasciare tutto, ma Tu donami la Costanza e la Forza! Vorrei fare come hai fatto Tu..., ma dove lascio i miei figli? Io so quello che stai preparando...! Uno lo devo lasciare e l'altro lo dovrò tenere o Bere... secondo quello che deciderà il Padre! Cosa ne sarà? Mi alzo e vado a poggiarmi sul cuore di Maria e sul Cuore del Padre ancora! Non basterà una notte e neanche un giorno per Bere tutto quello! Tu conservalo, non lo Bere Tu, perché ne hai già bevuti troppi! Porto i figli sulle spalle, ma non posso fargli bere quello...! L'erba amara, , ma quello no! Ora Vai, io vengo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà!(*) IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici! Sono anche i Miei, perché trafiggendo Voi trafiggono il Mio Cuore, Figli fatti ad Immagine e Somiglianza del Mio Amore!(*) Giulia: Papà, Tu che hai Amato così tanto da farci così come Sei Tu e Tu Sei stato perseguitato, così come lo è stato e ancora lo è il Tuo Figliolo e così come lo siamo anche noi, ma donaci sempre la Forza di prenderci e di camminare e di non voltarci indietro! Tu hai superato ogni cosa con l'Amore, fallo crescere dentro di noi, così rimaniamo sulla Via Stretta e superiamo ogni ostacolo, quello del Veleno e quello dei Falsi Profeti! E se cresciamo nel Tuo Amore rimaniamo sempre figli: donaceLo ancora il Tuo Amore, Papà!(*) <Il Padre Soffia col Suo Alito> Il Padre: Vigilate, l'Ora del Pane è Piena, Figli! Giulia: Nessuno potrà toglierci il Tuo Pane! Il Padre: Vigilate e Porta ancora nell'Arca i Figli e Rema, Anima Mia! Giulia: Eccomi! Falla crescere l'Arca, Papà, e visto che Siete tutti quanti al Banchetto a Fare Festa salutiamo a tutti i Servi Inutili, a tutte le Spose, a tutti i Pargoli e a tutti i nostri Cari!(*) ...Mamma, cosa stai facendo?(*) ...No, non mi sono dimenticata, ma falla Tu la Festa!(*) ...Non vi preoccupate..., fagliela Tu la Festa alla Tua nipotina, io la posso baciare, ma Tu stringila forte forte!(*) ...Ciao, Pargoli del mio cuore!(*) ...Ciao, Mamma, un'Altra Capanna che si unisce!(*) <Giulia schiocca un bacio>

 

 

 

4. Giov. 19/12/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi!(*) Ci Sono i Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, posso berli senza dire niente? O se me li fai tenere, fammeli tenere fino alla Festa......, ma se li Bevo è meglio! Gesù..., Grembo di Mamma Immacolata, fammeli bere......!(*) (Gesù): Non puoi berli... ma puoi tenerli! Uno sarà Bevuto e l'Altro sarà lasciato! (Giulia): Eccomi, Gesù! Posso tenerlo fino alla Festa? Ma devo dirlo?(*) Vedo Maria come l'Ultima Grazia! Si allontana dalle Schiere... e le Schiere si disperdono! Dal Cielo scendono dei Colombi Neri... e coprono ogni cosa e dopo scende del Fumo Grigio e Bianco! La Cupola si apre ed esce del Fumo Nero, tanto tanto da non vedersi più nulla, e dalla Cupola esce un grido che dice al Padre di andarsene e di lasciare agire il Fumo Nero......!

*******************

(Gesù): .........È GIOIA PIENA MANGIARE E BERE "DEL NUOVO" AL BANCHETTO DEL PADRE! È IL PARTO DI DIO: SI APRE E SI DONA AD OGNUNO DI VOI! È IL PARTO DELLA VITA: QUELLO DELLA VITA ETERNA! DIO HA AMATO E AMA COSI' TANTO L'UMANITA' DA PARTORIRE ANCORA! VOI NON LO VEDETE IL PARTO, MA SI COMPIE IN PIENEZZA! .........DONIAMOCI......!

*******************

(Gesù): E il Vulcano chi l'ha spento? (Giulia): No..., non chino il capo...: Tu, Gesù! (Gesù): No! (Giulia): Ha fatto un po' di tosse... così...... <Tre colpi di Tosse> E si è spento! La Tosse viene da Te e dal Padre e l'avete spento! (Gesù): Solo così hai fatto: <Gesù imita i tre colpi di tosse> (Giulia): Eccomi, Gesù! Ho fatto la "Tosse" e si è spento...... e per questo c'è tutta questa Festa, tutta questa Gioia e tutto questo Amore? Allora posso andare dove sono gli altri Vulcani, portare un po' di Tosse e spegnerli tutti? (Gesù): Non stai allungando un po' troppo la mano? (Giulia): Di solito quando si deve donare la mano ci si deve allungare, ma io sono piccola e quindi mi alzo e allungo la mano......!(Gesù): ORA GUARDA......! (Giulia): Ma dopo posso farlo?

*******************

(Gesù): Amatevi gli uni gli altri, Amatevi così come Maria ha Amato ciò che il Padre Le ha consegnato! E partorite, attimo dopo attimo, Figli Miei! Ecco il Banchetto dell'Amore! Ecco il Banchetto Preparato dal Padre e il Suo Amore è Pieno per ognuno di voi!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(**) <Gesù è in silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> La Potenza del Padre e il Cuore di Maria PoggiaTi sul Legno Vivo scendano in Abbondanza su ognuno di voi e sull'umanità intera, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! Eccomi nell'InchinarMi dinanzi al Grembo di Mia Madre! Eccomi nel DonarMi come Frutto di Primizia per ognuno di voi e per l'umanità intera! Ecco Dio attraverso Maria nel Donare agli uomini il Grido e la Gioia del Suo Amore! Ecco il Pane Intero che Scende dai Cieli e si Dona nel Giardino Preparato dal Padre per ognuno di voi e per l'umanità intera! Ecco ancora il Mio Grido d'Amore: Mamme, FateMi Nascere! Mamme, non abortitemi! Mamme vivete nell'Amore di Dio Spezzato e Donato ad ognuno di voi! Ecco l'Eccomi di Maria! Ecco il Mio Eccomi al Padre e ad ognuno di voi, figli! ...............Eccomi, Cocciuta, Guarda......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Come posso dire quello che vedo, Gesù? Nel Giardino del Padre ci sono tutti i Servi Inutili e tutte le Spose, i fiori, gli uccelli, tutto ciò che il Padre ha Creato da sempre...... e c'è Gioia Piena, c'è Amore, c'è il Tutto del Padre e non c'è un Servo Inutile che non ha il Pane in Mano e Intero e pronto a Spezzarlo e a Dividerlo con l'Altro Fratello, con l'altro Servo Inutile, con l'Ultimo Arrivato......! Gesù, ogni qualvolta che porto le Spose è così...! Ma oggi il Giardino è Gioioso! Oggi il Giardino è diverso!(*) Cosa devi dirmi, Gesù, visto che è diverso in Questo Giorno? Gesù: Cosa hai fatto dall'alba fino adesso? Giulia: Le Cose del Padre come tutti i giorni, nient'altro! Gesù: Non hai fatto nient'altro? Giulia: Tu conosci ogni cosa..., ho fatto quello che dovevo fare, ho portato le Spose e mi hanno donato la mano e ho bevuto quello che ho trovato ed è quello che faccio sempre! Gesù: E il Vulcano chi l'ha spento? Giulia: No..., non chino il capo...: Tu, Gesù! Gesù: No! Giulia: Ha fatto un po' di tosse... così...... <Tre colpi di Tosse> E si è spento! La Tosse viene da Te e dal Padre e l'avete spento! Gesù: Solo così hai fatto: <Gesù imita i tre colpi di tosse> Giulia: Eccomi, Gesù! Ho fatto la "Tosse" e si è spento...... e per questo c'è tutta questa Festa, tutta questa Gioia e tutto questo Amore? Allora posso andare dove sono gli altri Vulcani, portare un po' di Tosse e spegnerli tutti? Gesù: Non stai allungando un po' troppo la mano? Giulia: Di solito quando si deve donare la mano ci si deve allungare, ma io sono piccola e quindi mi alzo e allungo la mano......! Gesù: ORA GUARDA......! Giulia: Ma dopo posso farlo? E visto che si avvicina la Festa..., poi me lo dici dopo..., sì, ora guardo......! Eh, si, li ho visti...... ma non hanno voluto donare ancora la mano e sono lì fermi, un po' al buio......! Dopo vado di nuovo e se non me la daranno, non posso più andare, ma posso solo aspettare a Te, Gesù! Il Posto era Preparato e anche il Vestito e l'Anello..., dopo vado di nuovo: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi!(*) Ci Sono i Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, posso berli senza dire niente? O se me li fai tenere, fammeli tenere fino alla Festa......, ma se li Bevo è meglio! Gesù..., Grembo di Mamma Immacolata, fammeli bere......!(*) Gesù: Non puoi berli... ma puoi tenerli! Uno sarà Bevuto e l'Altro sarà lasciato! Giulia: Eccomi, Gesù! Posso tenerlo fino alla Festa? Ma devo dirlo?(*) Vedo Maria come l'Ultima Grazia! Si allontana dalle Schiere... e le Schiere si disperdono! Dal Cielo scendono dei Colombi Neri... e coprono ogni cosa e dopo scende del Fumo Grigio e Bianco! La Cupola si apre ed esce del Fumo Nero, tanto tanto da non vedersi più nulla, e dalla Cupola esce un grido che dice al Padre di andarsene e di lasciare agire il Fumo Nero......! Gesù.........! Gesù: Puoi tenerlo! Giulia: Non posso fare nient'altro? Gesù: Tienilo! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda ancora, Anima Mia......, ma aggiungi al Rotolo Vivo ciò che vedi... e Lo dirai nel Giorno della Festa! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Gesù, metto nel Tuo Cuore Tutto quello che mi hai Donato e metto la Giornata... e metto i Figli e la Famiglia... e l'Umanità che ha avuto la Forza di chiamare il Tuo Nome per essere aiutata......! Metto le Pietruzze, i Sacerdoti e i Gigli...... metto la Cupola Spaccata...... e metto il mio niente! I cuori che Ti ho raccolto Te li ho consegnati e Te li offro ancora......! Gesù: Dona all'Umanità e ai tuoi Figli il Parto Vivo! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Amatevi gli uni gli altri, Amatevi così come Maria ha Amato ciò che il Padre Le ha consegnato! E partorite, attimo dopo attimo, Figli Miei! Ecco il Banchetto dell'Amore! Ecco il Banchetto Preparato dal Padre e il Suo Amore è Pieno per ognuno di voi! Ecco tutti i Servi Inutili! Ecco la Schiera dello Strumento! Ecco il Figlio che non ha sceso neanche oggi il Gradino e non si è aperto! Ecco i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Ecco Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli pronti nel dire al Padre: "Eccomi, per Iniziare il Tempo nel Camminare per le Vie e nel Combattere"! Ed ecco il Volto di Dio in mezzo a voi nel dire ai Figli: "non Tardate, il Banchetto è pronto, Venite, Figli Miei"! ......Immolati ancora come tu sai fare per il Legno Affondato e Prega ancora per coloro che trafiggono il Mio e il Cuore di ognuno di voi, nell'essere perseguitati a Causa del Mio Nome e a Causa dell'Amore che il Padre ha lasciato scendere da sempre! Pregate ancora nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro", figli Miei, e Rimanete nell'Arca e Remate......! Porta ancora l'umanità......! Poggio un altro peso sulle tue spalle......? Lo Vuoi, Anima Mia......? Giulia: Eccomi, Gesù!(*) <Giulia riceve di colpo il peso sulle spalle e barcolla...... chinandosi in avanti e indietro col capo e col corpo......!> Eccomi ancora per l'Eternità! Gesù: L'hai visto "il Peso"? Giulia: Eccomi!(*) Eccomi! Gesù: Ecco la Croce! <Gesù Benedice col Segno della Croce> Ecco il Pane Vivo in mezzo a voi! Giulia: Eccoci Vivi nel Vivente! Eccoci Pane nel Pane! Eccoci Croce nella Croce, Gesù! Gesù: Eccomi!(*) ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Benvenuto, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Mi hai sentito? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Hai ascoltato i Sigilli? ......E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: Anch'Io sto bene con voi! Che ne pensi di tutto quello che ho detto? ...Eh, , le cose del mondo finiscono ma la "Batteria" che il Padre ha donato ad ognuno di voi non finisce e dura sempre......! Quando qualcuno dice: "si è spenta la candela, è morto!", la "candela" non si spegne, si addormenta, ma poi si accende di nuovo ed è Luce Piena, è Gioia Piena quando si Risponde l'Eccomi e si Dona la Mano e si Arriva al Banchetto del Padre......! Parla tu......, Io ho Parlato un po' con lo Strumento e con ognuno di voi! Tu non hai niente da dirMi? State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: Non hai niente da dirMi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E cosa ne pensi dei Sigilli? Don Vincenzo: Sono Visioni Terrificanti......! Dal Cielo Scendono Colombi Neri e coprono ogni cosa e dopo scende del Fumo Grigio e Bianco! La Cupola si Apre ed Esce del Fumo Nero da non vedersi più nulla......! Gesù: Ho poggiato "una cosina" sulle spalle dello Strumento! Don Vincenzo: Sì, si è visto la Cocciuta che "traballava" davanti e di dietro......! Gesù: Eeeh! Don Vincenzo: Certamente quel "Carico" sulle sue spalle era pesantissimo al punto da farla ondulare davanti e di dietro......! Gesù: È un bel po' il Peso......, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto! E lei ha risposto: "Eccomi"! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù, dà la Forza sempre più allo Strumento perché lei si "tuffa" sempre nel Tuo Amore Sconfinato e non indietreggia mai......! Gesù: Hai visto che oggi era un po' giù, un po' triste? Ma non gliel'hai chiesto perché era triste? Don Vincenzo: No! Gesù: Come mai? Don Vincenzo: Perché era triste? Gesù: Glielo dovevi chiedere a lei! Don Vincenzo: Sicuramente per qualche "Peso Straordinario......" che lei si è caricata sulle spalle! Gesù: No, lei non diventa triste quando le viene detto: "vuoi portare questo, vuoi fare quell'altro?" Non è triste per questo! Don Vincenzo: Forse qualcuno l'ha fatta arrabbiare? Gesù: No, ha accarezzato la Creatura e l'ha portata nel Cuore del Padre......! Lo devi chiedere a lei, senza nessun ordine suo, Io non Lo dico......! Lei ubbidisce e Io pure! Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Parla, Io ho Parlato! Don Vincenzo: Ci "tuffiamo" nel Banchetto? Gesù: Ci "Tuffiamo" nel Banchetto e poi parliamo dopo? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora "Tuffandoci" nel Banchetto, Io Mi Dono e tu ti Doni e nel Donarci lo Strumento si "Tuffa" ancora nel Fermare i Flagelli e nel Rimanere Crocifissa per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino: Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Ecco: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino e Dona il Resto del Pane a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: ......È GIOIA PIENA MANGIARE E BERE "DEL NUOVO" AL BANCHETTO DEL PADRE! È IL PARTO DI DIO: SI APRE E SI DONA AD OGNUNO DI VOI! È IL PARTO DELLA VITA: QUELLO DELLA VITA ETERNA! DIO HA AMATO E AMA COSI' TANTO L'UMANITA' DA PARTORIRE ANCORA! VOI NON LO VEDETE IL PARTO, MA SI COMPIE IN PIENEZZA! .........DONIAMOCI......! Don Vincenzo: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per Ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù Rimane Seduto in Raccoglimento e Offerta> Gesù: Ci siamo Donati nella Gioia Piena del Padre e la Cocciuta è rimasta ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...... e Rimane sul Legno nell'Allargare le Braccia e nel Raccogliere l'Umanità Intera e nel Portare i Figli nel Cuore del Padre! Ma il Banchetto è Vivo perchè Dio è Vivo e ha Fame e Sete di Donare ancora il Suo Amore e di prendere l'Amore di ognuno di voi! Vuoi prendere parte ancora al Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Mangiare del Padre! Mangiare del Figlio! Mangiare il Padre! Mangiare il Figlio! Che Banchetto Speciale! È proprio Divino! Gesù: E il Parto e il Mistero di Dio è Maria! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: QUANDO VEDRETE IL PARTO, QUANDO VEDRETE TUTTO QUELLO CHE DIO HA PREPARATO, CON GLI OCCHI DELLA FEDE, ALLORA GIOIRETE! Ora vedete il Giardino, ma ancora non c'è la Pienezza della Luce e non c'è la Pienezza della Fede e l'Umanità è sorda e cieca......! Coloro che hanno preso la Vigna in consegna e L'hanno fatta seccare non vedono ancora......! Ma a chi è stata donata dal Padre La vede nella Luce Piena...! E così anche voi dovete guardarvi nella Luce Piena e vedere il Volto di Dio nel far crescere l'Amore, nel far crescere la Carità Silenziosa, nel far crescere il Perdono per coloro che vi trafiggono e nel Donarvi...! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Vai, non temere, non sbagli.........! Raffaele: Eccomi! Gesù: Nessuno di voi sbaglia se ascolta il cuore, lì dove Abito Io! <Raffaele dona il bicchiere con l'Avanzo a Doriana e Luigi. Poi Gesù si rivolge a Silvana> Quando dovrai preparare la Bevanda Amara dovrai portare l'Anello Nuziale, ma non temere...... non ti porterò via! Silvana: Eccomi! Gesù: Dovrai mettere delle foglie di ulivo e, dopo aver messo le foglie di ulivo, dovrai mettere l'alloro e dopo dovrai aggiungere il mirtillo e dopo dovrai mettere un'altra erba che ti dirà lo Strumento! Quando tutto sarà caldo, lo filtrerai! Deve essere per tutta la Famiglia e lo dovrai portare il Giorno che ti dirà lo Strumento! E tutti ne dovrete bere e, quando lo berrete, sentirete ciò che Dio ha da dirvi......! <Gesù ora si rivolge a Raffaele> Tu con tutti i Sacerdoti della Famiglia ne darete da bere e, quando avrete bevuto, vi dirò cosa fare! Raffaele: Anche i Pargoli o no? Gesù: , tutti! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ora dò l'erbetta allo Strumento, ma non la vedrà e non la sentirà perchè ha altro da fare......! Lei è Gioiosa nel prendere le Spose ed è Gioiosa nel portare ciò che è stato messo sulle sue spalle! ...Parla tu un po', Calice Vivente! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Si avvicina la Tua Festa e Tu hai detto che i nostri Cari parleranno......! Gesù: ! Don Vincenzo: E il Sole si aprirà? Gesù: Ciò che il Padre dice Lo mantiene! Il Sole ancora non si Aprirà, ma quando si Aprirà, si Aprirà nelle tue mani e l'Umanità Intera vedrà......! Don Vincenzo: Il Padre è in mezzo a noi! Gesù: Tutti siamo in mezzo a voi da sempre! Don Vincenzo: Il Figlio è l'Unico che non ancora Scende il Gradino......! Gesù: Non è Sceso neanche oggi perchè lo Strumento glielo sta chiedendo di non scendere, e il Padre l'accontenta......! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù si rivolge a Marina che sta chiamando Chiara> Eh, , deve scrivere e non può rispondere, se no perde il filo: maestra non interrompere! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino. Raffaele taglia il pane-pesce e dona la testa e la coda a: Egidio, Clelia, Antonietta, Saverio, Anna e altri pezzi ad alcuni dei presenti> Non parli? Tu sei sveglio? Giuseppe: Non ne sono sicuro! Gesù: , non è tanto sicuro, perché quando la Cocciuta gli dice se è sveglio, lui risponde: "sono le sette!" <Si ride un po'> Perché è l'ora che fa svegliare lo Strumento e la Cocciuta gli ha detto: "sei sveglio?" - ", sono le sette!" Ma poi si è addormentato di nuovo perché non erano le sette ma era un'altra ora! Lo ricordi? È bello dire anche questo, fa parte della Giornata del Padre perché tutto è preparato dal Padre! Vi voglio bene, Figli! Tutti: Anche noi, Gesù, Ti vogliamo tanto tanto bene! Gesù: È così lento il Respiro, non ve L'ho tolto ancora! ...Parla, Figlio, parla, Calice Vivente! Don Vincenzo: Sì! Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Prima la Cocciuta ha subito quel piegamento ondulatorio cioè davanti e di dietro, davanti e di dietro......! Gesù: Eh, , l'ho detto! Don Vincenzo: Sicuramente aveva ricevuto sulle sue spalle un Peso Enorme! Gesù: , te l'ho già detto! Don Vincenzo: Ce lo puoi quantificare questo Peso Enorme? Gesù: No, non lo reggereste! Lei vede e sente tutto ciò che il Padre gli ha fatto vedere da sempre e lo regge, ma voi no! Don Vincenzo: Durante la Giornata abbraccia ancora questi Pesi Enormi? Gesù: , perchè l'Eccomi è per l'Eternità! Don Vincenzo: Quindi durante ogni giorno si ripete questo sforzo sovrumano......? Gesù: Il Mio Eccomi non è durato un giorno solo e neanche l'Eccomi di Maria! <Caterina e Maria Rosaria si avvicinano a Gesù per donare il ''niente''> ...Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! ...Ti raccomando, eh! Raffaele: Scarsetto? Gesù: Scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto! Raffaele: Eccomi! Gesù: L'Eccomi non si ferma dinanzi ai Pesi e non si ferma dinanzi ai Flagelli e non si ferma dinanzi ai Sigilli......: è Eccomi sempre! Don Vincenzo: Quindi non ha limiti? Gesù: No, le Cose del Padre non hanno limiti da preparare! .........Preparate la Culletta, donateMi il vostro Calore così come Io vi dò il Mio! Facciamo accendere un'Altra Alba! Ma Vigilate: c'è il veleno e ci sono i falsi profeti! ......Voi Alzate la Destra e Combattete! <Benedice> ...Ehi, ci sono i Doni, chi Me li manda? <C'è un Angioletto col cuore in mano......!> Gesù: Eccolo! <Gesù mostra a tutti l'Angioletto! Gesù fa finta di lanciare sui presenti il pacco dei cioccolatini e poi lo lancia a Raffaele e si ride> Ah, eh, eh, sono un Bambinello e quello è per i Pargoli! Bello Questo Gesto! Ehi, ancora doni......! Ehi, eh, eh! Don Vincenzo: Nunziata! "Gesù, fai sbocciare il Tuo Amore, la Tua Dolcezza, la Tua Umiltà, la Tua Quiete, la Tua Amicizia dove non Ti conoscono e in tutte le Capanne del mondo! Umilmente, Nunziata, Eccomi!"! Gesù: Eccomi! Mi ha regalato una Capanna, quella del suo cuore! Nuziata: Eccomi! Gesù: È bella e ci Abito da sempre, Nunziata! <Gesù Invita ad applaudire> Gesù: Cosa c'è ancora......? Raffaele: C'è un Calice! Don Vincenzo: "Eccomi, Gesù, accendi il mio cuore d'Amore! Ti amo, tua figlia Rosalia!" Gesù: Arderà, arderà! Sono finiti i doni? Raffaele: Sì! Gesù: Eh! Io ho fame ancora! Raffaele: Eccomi, Gesù! Gesù: Poi viene Giovanni! Tu parla! Eh, e sì, Giovanni dice che questa è buona... eh, Mi sa che ci vuole un po' di pane, ecco, eh, penso che questo basta! Chi Mi toglie la buccia? Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Tu non parli, non mangi? Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Parla, Calice Vivente! Don Vincenzo: Di fronte a questo Bene di Dio c'è solo l'imbarazzo della scelta......! Gesù: Io mangio e parlo, non è che mangio soltanto! Tu ne vuoi o vuoi risponderMi? Don Vincenzo: Ti faccio compagnia! Gesù: Eh, , lui Mi fa compagnia col formaggio, Io invece mangio questa: è buona e Me la mangio, ecco, adesso faccio il paninello, eh, eh, vedi, lo sai, che è buona? <La salsiccia in mezzo al pane> Quando ti decidi a parlare un po'? Non t'ho detto di lasciare di mangiare! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi, che c'è? Don Vincenzo: Quante volte, Gesù, durante la Giornata cerco sempre di mettermi di fronte alla Croce, di fronte a Te, Crocifisso per Amore, e quello che Mi insegni Tu dall'Alto di quella Cattedra dove Tu Sei l'Unico Maestro non ha eguali ed è talmente originale che non ha paragoni perché solo Tu Lassù, su quella Cattedra, insegni a parlare sempre di Amore, di Perdono, di Umiltà, di Carità, tutte cose che invece durante la Giornata non facciamo perché non sappiamo essere caritatevoli, non sappiamo essere umili, non sappiamo essere poveri, non sappiamo essere ultimi, non sappiamo essere dolci, teneri e misericordiosi! Ma quando poi mi metto di fronte a Te, tutte le cose positive vengono fuori e tutte queste cose positive mi fanno volare verso il Tuo Cuore, perché tutto da lì scaturisce l'Amore! Gesù: Quando la Cocciuta vede che prendi il volo, ti fa scendere a terra! Don Vincenzo: Quando la Cocciuta mi vede in preghiera? Gesù: Lei vede che hai Preso il Volo e ti fa scendere a terra dicendoti: "eh, cosa stai facendo lì? C'è freddo, vieni da questa parte...!" Don Vincenzo: È Gustoso questo Banchetto che va assaporato lentamente lentamente! Gesù: Dio si Dona e si fa gustare! Ma tu non perdere il filo! Don Vincenzo: Quello che è ancora più bello, Gesù, è che di fronte alla Tua Croce, di fronte a Te Crocifisso, non abbiamo più fretta! Tante volte facciamo tante preghiere e magari sono sempre frettolose o comunque non ci gratificano e non ci piacciono! Ma quando invece siamo lì, di fronte alla Tua Croce, la Preghiera acquista un'altra dimensione e si fa: "Grido d'Amore"! Ma "Grido d'Amore" in due corsie che poi si uniscono in un'unica Via: quella della Verità, quella della Luce, quella dell'Amore! Si uniscono in due corsie e confluiscono in due corsie: quella di Papà e quella della Mamma! Perché? Perché Tu, Gesù, dall'Alto di quella Cattedra che è la Croce non fai altro che dire: "Papà, Eccomi! Papà, Eccomi! Papà, Eccomi!" E Ti fai Tu portavoce del Papà e della Mamma! Quindi siete in Tre, con tutta l'Umanità sotto quella Cattedra che unificate la preghiera in due parole: "Papà, Eccomi!" E Sei Tu, Gesù, l'Artefice anche di quella preghiera, e Sei Tu, Gesù, che Ti fai Voce di tutta la Creazione, di tutte la Creature, in modo che la Tua Preghiera d'Amore è Universale, ed ecco perché vai direttamente dal Padre: "Papà, Eccomi"! E ogni volta questo "Grido d'Amore" è Fresco, è Spontaneo, è Vero! "Papà!" E sotto Tua Mamma: "Eccomi! Papà, Eccomi! Papà, Eccomi!" E questa preghiera diventa sempre più profonda e, nonostante che sia ripetitiva, in realtà non lo è affatto perché è sempre Nuova, perché queste due parole compendiano tutto e tutti......! Gesù: È un Parto attimo dopo attimo, Vecchio e Nuovo! Don Vincenzo: Sì, perché Sono Tre i Protagonisti Della Salvezza Universale, Tu che Ti Immoli Sulla Croce e Il Padre che Ti Ascolta e Ti Benedice perché Ti Sei Immolato sulla stessa falsariga della Sua Immolazione essendo anche Lui Croce e la Mamma che per prima ha Partorito la Croce col Suo Eccomi d'Amore e per prima si è lasciata crocifiggere assaporando i Chiodi nel vedere il Figlio Crocifisso per Amore! Gesù: Crocifissa per Amore! Don Vincenzo: Quindi questi Tre Protagonisti formano proprio un Triangolo Equilatero di Salvezza Universale: "Papà, Eccomi! Papà, Eccomi! Papà, Eccomi!" E come comincia a diventare bella questa preghiera! È profonda e non ripetitiva e sempre più diventa profonda......! Gesù: È quello che Tu, Calice Vivente, fai attimo dopo attimo! Don Vincenzo: L'ho voluto dire questo perché ognuno possa...... Gesù: ...Aggiungere: "Ave Maria e Padre Nostro" a: "Papà Eccomi!" Don Vincenzo: "Ave Maria e Padre Nostro" già sono inseriti perché: "Papà" è il "Grido" Tuo e: "Eccomi" è il "Grido" della Mamma, quindi è un "Doppio Grido d'Amore", è una "Risposta d'Amore Piena" da parte del Padre Buono e da parte della Mamma che Sono lì a fianco a Te! Gesù: Dio è in Mezzo a voi attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Che bello! Gesù: Che bello quando alla Cocciuta si dice: "Mamma!" E lei risponde: "Eccomi, Tesoro di Mamma!" Ma l'Eccomi dello Strumento è Pieno, ......riempite anche i vostri Eccomi......! Ed Eccomi il Pane, ed Eccomi l'Amore, ed Eccomi la Pace tra di voi! Ecco, Maria ha risposto l'Eccomi e l'Amore si è Acceso e non si è spento più e neanche tra di voi si deve spegnere neanche per un solo istante! Dovete combattere, siete rimasti una Schiera, Maria non è andata via e la Schiera di Maria con le altre non si sono disperse! Si è dispersa una Schiera Nuova, quella dei falsi profeti, perchè è andata dietro al veleno! Ma lo Strumento sta combattendo e combatte raccogliendo la Giornata e dicendo ad ognuno dei Figli: "Beato tu che sei stato invitato ed hai risposto! Beato tu che sei caduto e ti sei lasciato prendere e rialzare! Beato tu che ti eri allontanato e sei tornato! Beato tu che hai raccolto la Croce e ti sei rimesso in cammino! Beato tu che avevi spento il sorriso e l'hai riacceso! Beato tu che ogni giorno rispondi al Padre: Eccomi!" E quell'Eccomi rimane Inchiodato perché lo Strumento lo Inchioda! La Festa sta per arrivare e la Promessa del Padre non viene meno! Ma vigilate e crescete nell'Amore, nella Carità, quella Silenziosa, nell'essere Piccoli, nell'essere Poveri, nel Rimanere sempre all'Ultimo Posto, Figli Miei! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Gesù, mi hanno suggerito di scrivere una lettera a Gesù Bambino per diventare tutti più buoni! ......Scherzavo, Gesù, scherzavo! Gesù: , scherza ancora! Raffaele: Lo stanno dicendo a tutti che bisogna essere più buoni perché Nasci Tu! Gesù: Dov'è la lettera? <Raffaele indica il suo cuore> ! "Caro Gesù Bambino, prometto di essere buono!" Queste sono le parole dei Pargoli, ma non sento le parole dei Figli! ...Perché Mi guardi così? Parlo a voi e parlo all'Umanità Intera! Raffaele: Quante lettere buone hai ricevute? Gesù: Oggi, in questo istante? Tante, ma fuori ho ricevuto sputi, bestemmie e pietre da coloro che stanno preparando la Mia Festa! Pregate per i Grandi del mondo, pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Sono Io a Parlare, non è lo Strumento! Per AmarMi a tal punto è stata scartata, così come sono stato scartato Io per Amarvi! E se Amate, sarete scartati dagli uomini, ma non dal Padre! Amate, così gli uomini vi scartano e il Padre no! Vi Allarga le Braccia, tutto per Amore! Sono stato condannato perché ho Amato e Amo, ma sono Vivo! Chi non Ama è morto! Raffaele: Posso, Gesù? Gesù: Eccomi! Raffaele: È un Natale triste per la crisi, mancano i soldi, e i Tempi diventano sempre più duri e più difficili e i ricchi continuano ad arricchirsi e a sorridere... Gesù: ......Ve lo dirò nel Giorno della Festa chi sorride e chi piange! Raffaele: Eccomi! Gesù, il Padre non ha dato i Comandamenti, ma ha dato delle Leggi di Comportamento? Gesù: "Amatevi come Io Amo voi!" Il Padre non è un politico e neanche un dittatore, è Amore, il Padre è Amore! "Ecco il Giardino, amatevi gli uni gli altri e non accumulate tesori perché lì dov'è il vostro cuore c'è anche il Tesoro, perché è tutto vostro! Quello che invece accumulate non è vostro!" ...Parleremo meglio nel Giorno della Festa! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Bevo un po' d'acqua...!(*) Don Vincenzo: ...Giovanni! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! Eccomi! State tutti bene? <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Anch'Io sto bene con voi! Prima il caffè...... Mari', Nicò, Teré, tutti voi, state bene? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dò tre goccettine di caffè al Calice Vivente...Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Uno... due... e tre...! Ma l'hai bevuti tutti e tre? Don Vincenzo: Buono! Piccolo Giovanni: Buono! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Buono... bello, caldo, zuccherato, come piace a Me...! Allora..., stiamo tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! L'hai lasciata sola, Teresa? Teresa: Uhm... non proprio... Piccolo Giovanni: Uhm..., Mari', che hai combinato ancora? Maria: Sono stata un po' nevrotica in questi giorni e ancora lo sono... Piccolo Giovanni: Perché? Maria: La situazione è come Tu sai... Piccolo Giovanni: Ma la tua casa è la Casa del Padre o la casa del mondo? Maria: È del Padre! Piccolo Giovanni: E... perché sei lontana dal Padre? Maria: No! Piccolo Giovanni: E allora perché ti lamenti? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai combinato ancora oltre questo? Maria: Sono stata alla recita delle mie nipotine...! <Ironicamente Giovanni batte le mani> Ho incontrato Alessandro...... ti è piaciuto? <Ironicamente Giovanni riprende a battere le mani> Piccolo Giovanni: Sei stata alla recita delle cose del mondo? Maria: Non ci dovevo andare? Piccolo Giovanni: E Mi chiedi pure se Mi è piaciuto? Maria: No? Alessandro..., Ti è piaciuto Alessandro...? Piccolo Giovanni: Tu che dici? Maria: Io dico di sì! Piccolo Giovanni: Tu dici di sì? Io invece dico di no! Maria: In effetti erano molto tristi... Piccolo Giovanni: Per finta...... Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu che pensi di quello che dice Maria?(*) Sorridi? Quando sorridi ci capiamo, no? ...Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu non lasciarla a tua madre! Teresa: Eccomi! Ogni tanto, per forza... Piccolo Giovanni: Legala ad una cordicella...! <Si ride un po'> Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai dottoressa Teresa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ma "Eccomi sì" o "Eccomi no" ? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì"! Ma dimmi: come stai quando sei vicino allo Strumento? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mi senti, sì o no? Teresa: Si! Piccolo Giovanni: E quando mi senti, perché non parli con Me? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Teresa: In silenzio lo faccio, ma lo devo fare anche non col silenzio? Piccolo Giovanni: Cosa ha detto? Alessandra: Ha detto: "in silenzio lo fa, lo deve fare anche non col silenzio?" Piccolo Giovanni: Io non è che sono morto, sono Vivo! Se parli nel silenzio si riesce a sentire la risposta, ma se parli quando Io parlo ti dò la risposta! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E... parla tu, Io ho fame..., come stai? Don Vincenzo: C'è la salsiccia che ti piace... Piccolo Giovanni: C'è la salsiccia? Raffaele: C'è la salsiccia e il formaggio... Piccolo Giovanni: Le fette della mortadella non ci sono? <Giovanni schiocca qualche bacio> Un bacio da parte di Zio Mario e un bacio da parte dei Pargoli che stanno lavorando! Hanno tanto lavoro da fare...! Che mangio? Un pezzo di salsiccia..., un pezzo di pane... ecco! Attento che scappa, e poi... cosa mangio ancora? Il formaggio dallo a lui, ma a Me piace pure questo... chi ce li ha fatti i buchi, la trivella? <Giovanni allude alla groviera> Dov'è il Mio piatto? Questo non è il Mio piatto... Raffaele: Scusa... questo è di Don Vincenzo! Piccolo Giovanni: Tu lo vuoi? Don Vincenzo: Un pezzettino... Piccolo Giovanni: Questa la vuoi? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Eccola! Raffaele: Taglio? Piccolo Giovanni: , grazie! ...Parla, dopo parlo Io! ...Nicò, l'orto va bene? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Vuoi parlare? Quella è per Me? <La Torta> L'hai fatta tu? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: La mangio Io? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Una Torta Gigante! Piccolo Giovanni: Me la nascondo sotto il tavolo......! <Si ride un po'> Ecco l'ho nascosta! Don Vincenzo: Giovanni, sicuramente qua vicino a noi ci stanno altri banchetti... Piccolo Giovanni: C'è il Banchetto delle Spose, di tutti i Servi Inutili, di tutti i Pargoli...Don Vincenzo: Se Tu Ti dovessi portare dietro tutta questa Torta... Piccolo Giovanni: , Me la mangio solo Io! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Basterebbe per tutti? No? Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: Sono tanti tanti tanti i Servi Inutili e le Spose? Piccolo Giovanni: Dinanzi al Padre cresce ogni cosa quando si ha fede! Vedi quando cucina lo Strumento? Quando cucina lo Strumento cresce ogni cosa, perché ha fede! E quando mangiate voi non siete soltanto voi a mangiare...Don Vincenzo: C'è anche il Cielo con miliardi e miliardi di persone! Piccolo Giovanni: Il numero non si sa! Parla ancora... Voi contate a miliardi... e a milioni, il Padre conta i figli! ...Cosa c'è? Raffaele: È finita la salsiccia! Piccolo Giovanni: No, non e' finita, parla ancora, non portatemelo via, ehi, aspetta, mo' ne prendo una, parla, ! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non hai nient'altro da dirmi! Maria: Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Maria: Sono giorni e giorni in cui ricordo molto l'ultimo Anno, il 2000 con la novena di Natale, con l'esorcismo che hai fatto, con le visite che hai fatto presso tante case e tanti luoghi! Come devo rispondere in questi giorni? Piccolo Giovanni: Col silenzio come facevo Io! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi, il baffo non si tocca, eh! <Si rivolge a Raffaele> ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non me ne vado ancora, di' qualcosa, devo mangiare uno di questi, ecco, ehi, eh, poi uno di quello: tu ne vuoi uno? Don Vincenzo: Sì, piccolo! Piccolo Giovanni: Tie', quale vuoi: questo o quello? Uno e uno, ehi, c'è il miele, buono, tu non guardare di traverso dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Gliene dò solo un pezzettino allo Strumento! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: L'altro me lo mangio Io! Don Vincenzo: Dove sta adesso la Cocciuta? Piccolo Giovanni: Adesso la Cocciuta sta fermando un ghiaccio enorme che si sta sciogliendo e lo sta riattaccando e, nello stesso tempo, sta fermando dei missili e, nello stesso tempo, sta donando la mano alle Spose! Don Vincenzo: Simultaneamente può agire in più parti? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Chiede sempre il permesso al Padre? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: E il Padre le concede sempre tutto! Piccolo Giovanni: Eccomi! Salute! <A Marinella che ha starnutito> Don Vincenzo: Tu stai sempre insieme a lei, Giovanni, o hai altri compiti? Piccolo Giovanni: Tutti i Servi Inutili siamo uniti nel Lavorare! Don Vincenzo: In Comunione! Piccolo Giovanni: , quando si Lavora al Forno e quando si Lavora nel Cucire, quando si Lavora per il Banchetto, quando si fermano i Flagelli, siamo sempre tutti uniti! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Ogni tanto ripeti sempre: "il Forno, il Forno, il Forno", è importante il Forno? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Ma nella misura in cui è importante anche qui sulla terra? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Ma Lassù in Cielo si mangia? Piccolo Giovanni: Eccomi! Cosa hai detto? Don Vincenzo: Avete appetito Lassù nel Cielo? Piccolo Giovanni: Tu hai appetito del Padre? Don Vincenzo: Del Padre sì! Piccolo Giovanni: E anche Noi! Don Vincenzo: Il Padre ci offre Lui da mangiare! Piccolo Giovanni: Eccomi!(*) Quello che state mangiando è il Padre, e quello che mangiamo Noi è il Padre!(*) Questo non è un Banchetto del mondo ma è il Banchetto di Dio, e non vi verrà tolto! Don Vincenzo: ...Ma il banchetto del mondo, quello verrà tolto! Piccolo Giovanni: Ma per chi rimane nell'Arca e Rema non gli mancherà nulla! Vigilate! Il Padre ha Piantato l'Albero Verde e gli uomini non Lo possono sradicare! ...MA LO STRUMENTO È ANCORA IN PERICOLO, NON DIMENTICATELO! Pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Ave Maria" e "Padre Nostro"! ...Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Vieni a trovarMi? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non ti faccio morire, non ti spaventare! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Lo sai dove abito, no? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Svegliati, Giuseppe! <Mette un frutto sulla testa di Giuseppe e si ride un po'> ...Così stai dritto! Eh... Eh... Eh... eccolo! Così non ti addormenti! ...Hai visto? Don Vincenzo: Ma che cos'è? È una noce? Piccolo Giovanni: No, non è una noce! ...E così non puoi dormire, Giuseppe! ...Parla! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ricordo che una cosa... la dicevo sempre e la dico ancora: "uomo avvisato è mezzo salvato"! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: "A buoni intenditori poche parole"! Don Vincenzo: Vuoi spiegare meglio cosa hai detto? Piccolo Giovanni: Lei mi ha capito! È vero che hai capito, Mari'? Maria: Si! Piccolo Giovanni: ...E vale anche per ognuno di voi: "uomo avvisato è mezzo salvato! Non venite poi a dirMi in Paradiso che non vi avevo avvisato"! ...Parla un poco che poi Me ne vado! ...Ma parleremo tanto nel Giorno della Festa, e dobbiamo preparare il tutto per la Festa! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù è venuto a portarci la Verità Tutta Intera... Piccolo Giovanni: ...Si... Don Vincenzo: ...Ed è proprio grazie a questa Verità, a questa Luce... Piccolo Giovanni: ...Si... che tutti stanno copiando! Don Vincenzo: ...Grazie a questo Amore, la Verità diventa sempre più Splendente! Perciò noi dobbiamo essere i Difensori della Verità e dobbiamo sempre mettere la Verità al primo posto! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: A volte la Verità è Tagliente, a volte la Verità va al di là delle nostre aspettative, ed è proprio per questo che la Verità va messa sempre davanti a tutto e a tutti, perché la Verità è Dio, ed è Gesù la Via, la Verità e la Vita! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E Gesù la Sua Vita l'ha donata proprio per la Verità al Padre, facendosi Testimone della Verità del Padre! Guai quando si ha paura della Verità! Guai quando la Verità viene messa da parte per i tornaconti personali o familiari! ...Essere difensori della Verità nel piccolo di ogni cuore, significa già accendere la Luce della Verità, significa già mettersi dalla parte della Verità! Quando invece questo non avviene, la Verità viene scartata e messa da parte! Piccolo Giovanni: La Verità viene scartata come viene scartato Dio! Vigilate, combattete con la Destra e non temete gli uomini ma il Padre, così rimanete nella Sua Verità nell'avere il Santo Timore del Suo Cuore! Don Vincenzo: Si, bisogna fare sempre riferimento al Padre, perché se non si fa riferimento al Padre si scivola dietro ai nostri ragionamenti, dietro ai nostri punti di vista e dietro alle nostre convenienze mettendo la Verità di Dio all'ultimo posto! Quando si dice: "io voglio bene a Dio, io voglio bene alla Cocciuta", ma non si mette la Verità al Primo Posto, quella è una verità "falsa", quella è una verità "bugiarda"! Voler bene a Dio significa volere bene alla Verità che è proprio Dio e che perciò va difesa e messa al di sopra di tutto e di tutti! Guai quando non abbiamo il Timore del Padre che è proprio la Verità in Persona, allora seguiremo la verità degli uomini, ma quella verità degli uomini non viene da Dio e perciò non splende e non porta alla testimonianza, e non porta alla gioia di mettere Dio al Primo Posto! Com'è bello mettere Dio davanti a tutti! È Padre e vuole la Verità dai Suoi Figli! Piccolo Giovanni: ...Dio È, e lo Strumento risponde ad ogni figlio "io prego secondo la Volontà del Padre nel dire: io mi rivolgo al Padre perché Lui è il Tutto, e Lui può tutto e busso solo al Suo Cuore e al Cuore di Maria! I Servi Inutili devono bussare al Cuore del Padre, ma visto che il Padre li fa entrare nella porticina, vado a bussare lì!" Rimanete uniti e bussate alla Porta del Cuore del Padre! ...Vi lascio lo Strumento ma lo lascio alla Destra del Padre! Non vi parlo del Filo ma vi dico: Pregate "Ave Maria-Padre Nostro"!(*) <Giovanni schiocca un bacio che viene ricambiato> Gesù: ...Con la Croce e col Pane! ...Sono Io, il tuo Gesù, Calice Vivente! Il Banchetto è ancora pronto e il Banchetto del Padre lo è pure! Preparatevi per i Giorni che verranno perché faremo Festa e Parleremo......! Svuotate i Cuori dalle cose del mondo per riempirli delle Cose del Padre, quelle che Lui vi dirà! ......Non vi dovete scandalizzare di ciò che sentirete, figli! ...Ora vi lascio il Mio Cuore......, ma non posso dirvi in anticipo ciò che sarà nel Giorno della Festa, Figli Miei! ...Tu Saluta con l'Albero Verde, mentre Io spalanco le Mie Braccia!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni...!(*) ...No, non è pesante!(*) ...Lo so che ne verranno altri!(*) ...E altri Sigilli ancora!(*) ...Preparali tutti che dopo vengo!(*) ...Basta quello che c'è!(*) ...Giovanni, tienimi per mano come hai sempre fatto!(*) ...L'Arca diventa più grande ed i Remi pure!(*) ...Eccomi ancora per l'Eternità! ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, tutti gli uomini dicono che è difficile perdonare i nemici, ma per Te non lo è stato e così neanche per noi deve essere difficile! ...Ma l'umanità è in guerra perché non Ti conosce! FatTi vedere da tutti! Anche se Sei in mezzo a noi, l'umanità non Ti vede e non Ti cerca!(*) Il Padre: L'umanità non vuole vederMi e non vuole cercarMi!(*) Giulia: È così...!(*) ...Facciamo ancora le Tue Cose!(*) ...Eccomi, Papà!(*) ...Tutti stanno al Banchetto! Tutti stanno a lavorare! Eccomi pronta nel portare i figli e nel salutare i Cari e tutti i Servi Inutili!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Pargoli!(*) ...Eccoci pronti nel rispondere io per tutti: Eccomi, Mamma!(*) ...Ci vediamo dopo!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Cuore Mio!

 

 

 

 

5. Giov. 26/12/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): I Sigilli! ......Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi ora me li farai tenere o me li farai bere? (Gesù): Puoi tenerli! (Giulia): Fino alla Tua Festa e dopo ne parliamo? (Gesù): Eccomi! (Giulia): Ci Sono Sette Navi da Guerra pieni di figli, guardano lontano, ma dove guardano non c'è vita......! E in mezzo alle Sette Navi scende il Cordone di Maria, quello che porta sopra l'Abito e si posiziona come Croce, ma dal Cordone scende Sangue......! Ci sono tanti uomini "Vestiti di Ferro" e passano attraverso il Sangue del Cordone, ma non si inchinano e vanno avanti...... e tutto esce dalla Cupola! (Gesù): Pregate per la Cupola, figli, voi che avete la Grazia di Maria! (Giulia): Gesù, il Cordone di Maria...... (Gesù): ......Rimane! (Giulia): Questo lo posso tenere...... e se ci pensi un po', poi mi dici se lo posso Bere? (Gesù): Lo potrai tenere, ma non lo puoi bere!

*******************

(Gesù): Eccomi! È Dio che si è Spezzato e si Dona, .........ma Vigilate, Figli! <Gesù offre il piatto a Don Vincenzo e dice:> È Dio......! (Don Vincenzo): Eccomi! (Gesù): Eccomi! "E Io Verrò e Mangerò e Berrò del ''Nuovo'' in mezzo ai Miei Figli nel portarli sulla Via dell'Amore!" Ho camminato, cammino ancora e condurrò i Figli al Padre! E il Padre usa una "Formichina Operaia" per Donare il Cibo dell'Amore: il Pane Spezzato ma Intero e la Famiglia Spezzata e Intera al Padre! E il Cielo è in mezzo a voi e i Servi Inutili sono al Banchetto e le Spose sono state accolte dal Padre!

*******************

(Gesù): ...È Buono il Padre? (Don Vincenzo): È buonissimo il Nostro Papà......! (Gesù): Si lascia Mangiare in abbondanza! Pregate per coloro che hanno cambiato il Mio Compleanno! Pregate per tutti i Servi Inutili che vengono venduti e comprati! Pregate per coloro che Mi vendono, Mi comprano e poi Mi gettano! Pregate per quelle mamme che abortiscono il Padre e abortiscono anche Me! Pregate per quelle Mure Insanguinate dove Mi uccidono attimo dopo attimo! Pregate voi Famiglia: vi è stata consegnata la Vigna! Pregate per chi vi nasconde la Verità del Cuore del Padre perché siano un Tutt'Uno col Padre! Pregate per chi ha diviso la Croce abbracciandosi ai tesori del mondo! Pregate per chi fa del male ai Pargoli e a tutti voi dicendo false parole...... e allo stesso tempo pregate per la Cupola, Figli Miei! Quando vedete i Tempi che sembrano fatti di Quiete e di Pace, Vigilate: è pronta la guerra e lontana è la Pace! Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro!"

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(**) <Gesù è in Silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Eccola Luce di Tutte le Genti! Ecco il Segno dell'Amore del Padre! Ecco il Cuore Spalancato del Giardino di Dio! Eccomi Donato ad ognuno di voi nell'Amore del Padre! Ed Eccomi a Gioire e a Fare Festa con ognuno di voi e con l'umanità intera, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! Ecco l'Arca! Ecco la Croce! Ecco i Remi! Ecco il Seno di Maria pronto a Donare da Bere all'Umanità Assetata! Ecco l'Ultima Grazia che Dio Dona all'Umanità, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! Ecco i Banchetti Preparati! Ecco le Spose Pronte per lo Sposo! Ed Eccomi Vivo e Reale in Mezzo a voi dal Seno di Mio Padre! ............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Dove sono le tue forze? Giulia: Sul Letto della Croce le ho appoggiate...... e sono rimaste lì...... e servono nei Tempi che stanno Scendendo! Gesù: E tu come cammini? Giulia: Con i Remi e con l'Arca e col Pane Spezzato! Gesù: E il Filo dov'è? Giulia: Eccomi, Gesù! Lo sai: Eccomi! Gesù: GUARDA ANCORA.........! Giulia: Gesù......! Gesù: Un Flagello lo puoi prendere e l'Altro lo devi lasciare! Giulia: No, non chino il capo: Eccomi! Se questo Flagello lo devo lasciare, mi fai tenere l'altro?(*) Non è bello vederlo, ma Eccomi nel Fare la Tua Volontà......! Gesù, non dico ai figli quello che vedo......! Gesù: Dí che è un Flagello Grande ed è sceso! Giulia: Eccomi! Posso andare a prendere le Spose? Gesù: In quest'istante? Giulia: Eccomi! Gesù, metto tutto quello che mi hai donato nelle Tue Mani e nel Tuo Cuore, la Famiglia, tutti i Sacerdoti e i Gigli, le Pietruzze, coloro che non hanno la Forza di guardarTi e di amarTi! Metto tutta la Giornata, metto i Cuori e "il mio niente"! Eccomi, Gesù! Se Vuoi Regalarci un'Altra Alba: Eccoci ancora! Gesù: Eccomi, Anima Mia......, ORA GUARDA......! Giulia: I Sigilli! ......Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi ora me li farai tenere o me li farai bere? Gesù: Puoi tenerli! Giulia: Fino alla Tua Festa e dopo ne parliamo? Gesù: Eccomi! Giulia: Ci Sono Sette Navi da Guerra pieni di figli e guardano lontano, ma dove guardano non c'è vita......! E in mezzo alle Sette Navi scende il Cordone di Maria, quello che porta sopra l'Abito, e si posiziona come Croce, ma dal Cordone scende Sangue......! Ci sono tanti uomini "Vestiti di Ferro" che passano attraverso il Sangue del Cordone, ma non si inchinano e vanno avanti...... e tutto esce dalla Cupola! Gesù: Pregate per la Cupola, figli, voi che avete la Grazia di Maria! Giulia: Gesù, il Cordone di Maria...... Gesù: ......Rimane! Giulia: Questo lo posso tenere...... e se ci pensi un po', poi mi dici se lo posso Bere? Gesù: Lo potrai tenere, ma non lo puoi bere! Giulia: Eccomi, Gesù! Eccomi nel donarTi ancora la Famiglia! Eccomi nel donarTi "il mio niente"! Gesù: Vedi il niente? Giulia: Eccomi, Gesù! Lo vedo come "un Prato Verde" dove ci sono tanti Fiori! Gesù: Lo vedi quel Fiore di colore giallo? Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Raccoglilo! Giulia: Eccomi, Gesù! <Giulia allunga le mani e raccoglie il Fiore Giallo>Eccomi! Tutto quello che decidi lo devo mettere nel Rotolo Vivo, anche il Fiore Giallo?(*) Eccomi! Gesù, il Calice Vivente non si è sentito tanto bene, metti la Tua Mano...... io ho messo la mia, ma Tu metti la Tua, è il Calice Vivente......! So che non c'è bisogno di dirTelo, ma Eccomi! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Ed Eccomi con i Banchetti preparati per le Spose e per ognuno di voi! Eccomi con tutti i Servi Inutili! Eccomi con tutti i vostri Cari! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Eccomi con Vittorio, Natanaele, Rossella e le Bimbe! Eccomi con i Pargoli pronti a preparare il Banchetto dell'Amore! Eccomi pronto a preparare il Battesimo dell'Amore! Ed Ecco il Cielo Squarciato e Preparato da sempre in mezzo a voi dal Padre! Giulia: Gesù, tutto questo il Padre l'ha preparato da sempre! Maria è ferma con la Schiera mentre io cammino per Volere del Padre! Gesù, facciamo quello che dobbiamo fare e nel Giorno della Tua Festa donami ancora la Costanza e la Forza di far vedere ciò che il Padre Vuole......! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Cammina con la Schiera, cammina con l'Arca, cammina con la Croce, cammina con i Remi! Giulia: Eccomi, Gesù, ho consegnato tutto nelle Tue Mani! Gesù: Porta tutto quello che il Padre ti ha donato da sempre! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Come stai? Don Vincenzo: Adesso, insieme a Te, sto meglio! Gesù: Adesso stai meglio? <Gesù accarezza il braccio di Don Vincenzo> ......Ma sei un po' freddolino! Eeeh, c'hai anche la punta del naso ghiacciata, eh! Don Vincenzo: Gesù, la Cocciuta ha fatto una preghiera per la mia guarigione, e Tu, Gesù, l'hai ascoltata e l'hai subito esaudita! Gesù: E posso non ascoltarla alla Mia Cocciuta? Lei è la Mia Portavoce! ......E tutti voi come state? State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: Allora che dici, li hai sentiti i Sigilli......? Don Vincenzo: Ci sono Sette Navi da Guerra e in mezzo alle Sette Navi scende il Cordone di Maria, quello che porta sopra l'Abito, e si posiziona come Croce, ma dal Cordone esce Sangue......! Gesù: Per il momento la Cocciuta può tenerlo..., e poi vediamo! E a vederlo non è bello...... e neanche a sentirlo... ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: Sì! Gesù: E pregate sempre per tutti i Figli Ministri, pregate per la Cupola, pregate per quelle Mura Insanguinate e non fermatevi, Figli! La Festa sta arrivando e lo Strumento dovrà Lavorare e ognuno di voi dovrà Lavorare! ......Siete pronti? Tutti: Eccomi! Gesù: Per Lavorare? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: E Io Sto super-bene con voi! ......Tu non stai bene? <Raffaele fa il gesto di: così e così> Don Vincenzo: Sì che sta in forma, Gesù......! Gesù: Sta in forma? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Allora, visto che il Tempo della Festa è vicino, vi Invito ad essere tutte Spose "in quel giorno", pronte per lo Sposo e, quando sentirete lo Sposo che chiama le Spose, non spaventatevi! Tutti parleranno...... e dovete essere pronti e preparati ad ascoltare, Figli! Questa è un'Alba diversa dalle altre e non è come tutti gli altri anni perchè questa è l'Alba della Verità Intera, l'Alba dove Maria parlerà, l'Alba dove tutti parleranno, l'Alba dove parlerà anche lo Strumento che è alla Destra del Padre! , parlerà anche lei in quest'Alba! ......Hai sonno? Don Vincenzo: No, tutt'altro! Gesù: Sei sveglio? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora, se sei sveglio, ci Doniamo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Sì, Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora Doniamoci! Io Mi Dono e tu ti Doni...... e il Dono è del Padre...... e il Padre si fa Dono per Amore nel DonarMi e Io Mi Dono a tutti voi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: La Pasqua è Piena ed è Risorta, e lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per Questa Alba, per i Grandi della Chiesa, per i Grandi del mondo, per coloro che dicono di essere Grandi di una Casa che Io non ho mai lasciato a nessuno! La Casa che Io ho lasciato è il Mio Cuore...... e la Croce è stata gettata...... e la Croce è stata rifiutata...... e ogni cosa è stata distrutta......! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e poi dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! ..................Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne dà un Pezzettino a Don Vincenzo> Gesù: Questa è la Mia Carne! ............Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! <Gesù ''Innalza'' il Pane e dice:> Gesù: Questa è la Grazia di Maria, l'Eccomi del Suo Cuore Donato all'Umanità e ad ognuno di voi, Figli! <Entrambi Mangiano e Bevono> Doniamoci! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta> Gesù: Nella Quiete e nell'Amore del Padre ci siamo Donati all'Umanità Intera e ad ognuno di voi e lo Strumento è rimasto ancora sul Letto della Croce per Abbracciare tutti i Figli e portare la Famiglia al Padre! È rimasta Crocifissa sul Letto della Croce per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma voi pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro!" È Maria la Grazia di Dio, e l'Amore Infinito del Padre Rimarrà ancora come Grazia Divina nel Far Scendere l'Abbondanza di Dio! <Raffaele dona i bicchieri con l'Avanzo a Mario e Maria Elena> Ma vigilate: i falsi profeti camminano ancora e il Veleno cammina più forte! Alzate la Destra e combattete con Amore! <Gesù Benedice> Ora il Banchetto del Padre è Vivo e si è Spezzato, così come si è Spezzato per le Spose! ......Vuoi prender parte ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Di fronte a tutto questo Bene di Dio...! Gesù: Eccomi! È Dio che si è Spezzato e si Dona, .........ma Vigilate, Figli! <Gesù offre il piatto a Don Vincenzo e dice:> È Dio......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Io Verrò e Mangerò e Berrò del "Nuovo" in mezzo ai Miei Figli nel portarli sulla Via dell'Amore! Ho camminato, cammino ancora e condurrò i Figli al Padre! E il Padre usa una "Formichina Operaia" per Donare il Cibo dell'Amore: il Pane Spezzato ma Intero e la Famiglia Spezzata e Intera al Padre! E il Cielo è in mezzo a voi e i Servi Inutili sono al Banchetto e le Spose sono state accolte dal Padre! ...Vuoi parlare o vuoi mangiare? Ora mangiamo! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Facciamo una pausa! ...Voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E anch'Io sto bene! ...Dopo parli, ora Mangiamo! L'Erbetta la Mangio Io, la Cocciuta Me l'ha Donata, lei sta Bevendo i Calici e sta fermando i Flagelli uno si e uno no, ma i Calici li Beve tutti! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> È Buono il Padre? Don Vincenzo: È buonissimo il Nostro Papà......! Gesù: Si lascia Mangiare in abbondanza! Pregate per coloro che hanno cambiato il Mio Compleanno! Pregate per tutti i Servi Inutili che vengono venduti e comprati! Pregate per coloro che Mi vendono, Mi comprano e poi Mi gettano! Pregate per quelle mamme che abortiscono il Padre e abortiscono anche Me! Pregate per quelle Mure Insanguinate dove Mi uccidono attimo dopo attimo! Pregate voi Famiglia: vi è stata consegnata la Vigna! Pregate per chi vi nasconde la Verità del Cuore del Padre perché siano un Tutt'Uno col Padre! Pregate per chi ha diviso la Croce abbracciandosi ai tesori del mondo! Pregate per chi fa del male ai Pargoli e a tutti voi dicendo false parole...... e allo stesso tempo pregate per la Cupola, Figli Miei! Quando vedete i Tempi che sembrano fatti di Quiete e di Pace, Vigilate: è pronta la guerra e lontana è la Pace! Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro!" ...Vuoi parlare tu un po'? Che fai, Mi riempi il bicchiere pieno? <A Giuseppe che sta per versare altra acqua a Gesù>Ehi, ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: I Grandi della Chiesa il Natale l'hanno festeggiato ieri, mercoledì 25 dicembre! Gesù: Io non sono Nato ieri, ancora il Mio compleanno deve venire! Don Vincenzo: In realtà...... Gesù: ...Hanno aggiustato le cose alla meglio, alla meglio buona e alla meglio peggio! Don Vincenzo: ...In realtà Natale è ogni giorno! Gesù: ! Don Vincenzo: Natale è ogni momento! Gesù: Anche la vostra Nascita è ogni momento! Il vostro Natale, la vostra "Natività del Padre", Nati, Pensati, Pensati e Nati! Ecco la "Natività del Padre"! Il Padre l'ha fatto da sempre! Don Vincenzo: È che non riusciamo ancora a capire l'importanza di farTi Nascere nelle Nostre Giornate, perché Tu, Gesù, vieni a portare Ogni Giorno l'Umiltà, la Carità, il Perdono, la Misericordia, la Pace, la Luce, l'Amore e dovremmo essere noi attenti a ricevere la Giornata del Padre, perché è dentro quella Giornata del Padre che si può Nascere o si può abortire, è dentro quella Giornata del Padre Spezzettata in mille occasioni e in mille situazioni che ognuno di noi deve far Nascere Te, Gesù, perché solo allora costruiamo una Giornata da Figli e costruiamo una Giornata per il Padre: Lui ce la dà e noi la riempiamo con tante, tante, tante Azioni d'Amore rioffrendogliele! Gesù: Così come fa lo Strumento: le è stato consegnato ogni cosa e lei la consegna tutta al Padre! Don Vincenzo: Sì, è così! Gesù: "Padre Mi hai Donato questa Giornata Piena del Tuo Amore, eccola, Te la ridò, ma non so se l'ho fatta la Giornata!" Don Vincenzo: E questo è l'abbinamento tra la Nascita e la Giornata: è Natale Ogni Giorno solo se si riempie la giornata di Azioni Luminose e Ricche di Amore! Se invece questo non avviene, nessuno fa Natale e ogni giornata scivola via di corsa senza essere accolta come Dono del Padre e si è "in tutt'altre faccende affaccendati" cioè dietro le faccende del mondo, dietro le faccende dell'io, dietro le faccende che creano solo aborti, uccidendo Te, Gesù, e quindi l'Amore! Gesù: Sì! Don Vincenzo: Gesù, Ti abortiscono, non Ti fanno Nascere e non permettono in quelle situazioni, fatte di tanti, tanti, tanti segmenti quotidiani, di fare Luce nei nostri fatti e nelle nostre parole! Le Giornate vanno riempite solo con l'Amore, in ogni ora, in ogni minuto, in ogni secondo, ma se manca questo obiettivo ecco che si corre soltanto......! Se invece ogni mattina ci si alza per fare "i figli", ecco che c'è sempre un Colloquio col Padre per rendere ogni momento pieno di Amore...... pieno di Fede...... pieno di Gioia...... pieno di Dio! Gesù: ...Venite col "niente", figlie! ...Eccomi! Don Vincenzo: Ma invece di far regnare l'Amore il mondo va dietro all'io e lo fa regnare sempre......! Ecco perchè nelle nostre ore, nei nostri minuti, nei nostri secondi non c'è mai posto per l'Amore, quello vero, quello di Dio! Gesù: Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando, eh, scarsetto, scarsetto, scarsetto, eeeh! Ehi, Calice Vivente, che fai, hai paura del caldo? , così fanno: "accì, accì, accì" e tu fai così...... <Gesù Benedice...> ...E passa "l'accì"! Don Vincenzo: E difatti non si è sentito tanto "l'acci..." Gesù: E quello viene dopo che si prende il freddo, eh, adesso il freddo si raffredda e poi fa: "accì!"... BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Eh, ciao, papà... ciao, papà... ciao, mamma... ciao, mamma, come state? Mario e Maria Elena: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: Come state? Mario e Maria Elena: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: No, non state bene! Tu non stai bene per niente papino... tu non stai bene per niente papino! Mario: No? Bimbi di Mario e Maria Elena: Mamma, che hai fatto? Niente! Quelli di chi sono? Sono nostri? <Due Panettoni: uno rosa e uno celeste> Maria Elena: Sì! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora li portiamo a casa e poi ce li mangiamo! Papà, come stai? Mario: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: No, non stai bene, papà... papà non stai bene, eh! Mamma, tu hai fatto il naso rosso... tu hai fatto il naso rosso! Papà, cosa mi racconti dopo quando veniamo? La favoletta? E quale? Mario: Poi vediamo! Bimbi di Mario e Maria Elena: Quella più lunga o quella più corta? Mario: Quella più lunga! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi, allora veniamo! ...Ciao, mamma... ciao, papà! <I Bimbi Mandano baci> Ciao, nonno cicciottone, eh... ciao, nonna triste! Sorridi! E sorridete tutti voi... ciao... ciao! <I Bimbi mandano baci a tutti e accarezzano Don Vincenzo> Ciao, bello Calice Vivente del Padre! ...E quelli ce li mangiamo a casa tutti e quattro, eh, eh! ...Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: Eccomi, stanno Lavorando! Tutti i vostri Cari si stanno preparando per la Festa! ......E quando inizierà, ti raccomando con i figli, sei libero di fare quello che vuoi! <A Raffaele che va a servire Mario e Maria Elena> Vedi, Calice Vivente, vedi, Giovanni... Giovanni è in prima fila con tutti i Servi Inutili, con tutte le Schiere nel preparare il Tutto della Festa! Tutti verranno a parlare, anche lo Strumento come vi ho detto prima parlerà! Preparatevi! La giornata di Festa che ci aspetta è diversa da tutte le Altre Albe! ...Sei preoccupato? Perché Mi guardi così? Hai sonno? Don Vincenzo: No, stando con Te, come si può avere sonno? Gesù: La sentite la pioggia? La sentite la pioggia? Tutti: Eccomi! Gesù: Questa non è pioggia! Don Vincenzo: E che cos'è? Gesù: Questa è l'Acqua Zampillante! Queste sono le Lacrime di Maria, queste sono le Lacrime di tutti i Servi Inutili, ma non sono Lacrime di Dolore che gli avete donato voi ma sono Lacrime che ha offerto la Cupola! Il Padre Le Dona a voi perché siete l'Arca, i Remi e la Vigna dove Lavorate nell'Amore del Padre! E lo Strumento dice al Padre: "Aspettiamo ancora, sono Figli!" E il Padre Le dona a voi le Lacrime per trasformarle in Gocce d'Amore......! <Gesù accarezza Don Vincenzo e gli impone la mano sul capo> Calice Vivente, Ombra di Domenico e Gocce d'Amore di Giovanni! ...Cosa c'è, perché ti commuovi? Don Vincenzo: È troppo bello averTi al mio fianco! Gesù: Siete voi che venite quando vi invito, Io ci sono sempre...... ma l'Umanità non Mi dice così, che è troppo bello averMi a fianco, ma Mi scarta e Mi getta via! Voi non Mi scartate e non Mi gettate via! Don Vincenzo: Sei il nostro Tesoro, Sei la nostra Gioia, Sei il nostro Amore, Sei il nostro Perdono, Sei la nostra Salvezza, Sei la nostra Umiltà! Gesù: E voi siete le Pianticelle Piantate dal Padre, cresciute, e avete donato i Frutti e il Padre Li ha raccolti! Don Vincenzo: Hai dato il Sangue per noi, per tutti, Sei il Salvatore, sei il Redentore, Sei il Liberatore con quel Sangue d'Amore! Gesù: Sono il vostro Amico e Fratello, Reale, in mezzo a voi! Don Vincenzo: Col Tuo Sangue Effuso per tutti hai raggiunto proprio il massimo dell'Amore! Gesù: Quel Sangue L'abbiamo Donato: Io Mi Sono Donato e tu ti Sei Donato! Don Vincenzo: E quello che è bello è che Tu ti Sei Donato dicendo: "Questo è il Mio Sangue... Questo è il Mio Sangue!" Gesù: E questo è il Mio Sangue: voi, la Famiglia della Vigna! <Gesù indica i presenti> Don Vincenzo: CHE BELLO, GESU', TU E IL PADRE DA SEMPRE AVETE SCELTO TIMPARELLE, QUI VI SIETE ATTENDATI E QUI L'ALBERO VERDE È STATO PIANTATO! Gesù: IL PADRE L'HA PIANTATO! Don Vincenzo: E NESSUNO LO POTRA' TAGLIARE! Gesù: No! ......Tu vuoi dirMi qualcosa? Dopo viene Giovanni, Io devo andare a raccogliere le Spose! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Cos'è la maledizione da uomo a uomo? Gesù: Qualcuno ti ha fatto una maledizione? Raffaele: Volevo capire quando la gente dice: "ah, spero che ti succeda questo...", "spero che ti avvenga quest'altro...!" Può accadere? Hanno questa capacità? Gesù: No! Raffaele: Molte volte si avverano......, come se fosse un risultato...... Gesù: ...Ne parleremo nel Giorno della Festa! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Noi dovremmo pregare per i falsi profeti, per i farisei di ieri e di oggi e non è che risulti molto facile...! Gesù: Pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...... hanno tradito Me e tradiscono anche voi...... chi Mi Segue ha lo stesso trattamento che hanno fatto a Me, perché vi meravigliate? Raffaele: E con la preghiera li aiutiamo? Gesù: Voi pregate così come ho fatto Io nel dire: "Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno!" Ma ora dico: "Padre, perdona loro, perché sanno quello che fanno, ma perdonali ancora!" Come Fa lo Strumento: "Sono Tuoi Figli, aspettiamo ancora!" Anche se lei conosce ogni cosa! Raffaele:Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Hai notato che c'è molto da fare? Te ne sei accorto, sì? Gesù: Eh... eh... eh... eh... non l'ho visto, ero impegnato in altre cose...<Si ride un po'> Dopo guardo! Raffaele: Se vuoi ce lo dici...? Gesù: Sono impegnato, dopo guardo! Raffaele: Giusto una curiosità...... questo è l'Unico Banchetto o quello di tanti anni fa era identico? C'era il Padre, c'erano i Servi Inutili, c'erano tutti? Gesù: Anche adesso ci siamo tutti! Raffaele: Era uguale? Gesù: , Dio è Antico, è sempre uguale, ma non è vecchio, è un Bimbo e il Banchetto del Padre è uguale da sempre come quello delle Spose! Perché Dio si è Spezzato e si è Fatto Banchetto e per questo è sempre uguale! ...Eccomi! Ora ho fretta, dopo vengo di nuovo! <Gesù manda baci e viene ricambiato> PICCOLO GIOVANNI: Ehi... Don Vincenzo: ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Con la Croce e col Pane! ......Come stai? <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> Don Vincenzo: Adesso più sì che no; prima più no che sì...! Piccolo Giovanni: "Adesso più sì che no; prima più no che sì...!" È bella questa! Ehi... il caffeuccio Mio! ...Capanna Mia... Mari, Nicò, Teré... dottore'! Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Poi ci sentiamo, mo' prendo il caffè...! Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu vuoi un goccino di caffè? Don Vincenzo: Un goccino... Piccolo Giovanni: Tre goccini: uno, due e tre! Ecco buono, vero? E mo' questo Me lo bevo Io..., chi ne vuole se lo può prendere... bello e saporito, caldo e gustoso! ...Mari! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che hai combinato ancora? ...Teré, l'hai lasciata sola? Teresa: No! Piccolo Giovanni: Ma perché non l'hai fermata? Cos'ha combinato? Non ha combinato niente? Teresa: È stata abbastanza brava... almeno... Piccolo Giovanni: Almeno... Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che hai combinato? Maria: Eccomi, ...niente! L'altra sera eri Tu in cucina? Piccolo Giovanni: ...Che ti è mancato un pezzo di pane? <Si ride un po'> Che vuoi? Ti ho dato fastidio? Maria: No, è stato bello! Piccolo Giovanni: Meno male! Maria: Non mi è sembrato vero..., sono tornata indietro due o tre volte, ho detto: "Teresa, com'è strano...!" E Teresa mi guardava... Piccolo Giovanni: Dottoressaaa..., non Mi hai studiato ancora? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Come stai, Nicò? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tutto bene? L'Orto procede bene? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ......Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu cosa stai facendo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora andiamo avanti con l'Eccomi? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tutti quanti state bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E allora, Io non mangio niente? Cosa Mi date? Il baccalà? Don Vincenzo: Forse gradisci la salsiccia! Piccolo Giovanni: La salsiccia...? Non è che è salato il baccalà? ......Prima il baccalà........., e se ci sono le spine...? O se è salato......? ......Tu non dici niente? Io posso dirvi...Don Vincenzo: Che vuoi dire, Giovanni? Piccolo Giovanni: Che vi voglio bene! Tutti: Anche noi, Giovanni! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Poi posso dirvi che i Tempi che stanno venendo non sono belli! Don Vincenzo: Com'è... com'è, Giovanni? Piccolo Giovanni: Che i Tempi che stanno venendo non sono belli! .........Posso dirvi ancora che cammineranno veloci veloci! Don Vincenzo: I Tempi cammineranno veloci? Piccolo Giovanni: ! E non troverete neanche più il Tempo di vedere la Luce! Don Vincenzo: E quindi saremo al buio? Piccolo Giovanni: No! Non rimarrete al buio! Io parlo a voi e parlo al mondo intero! Don Vincenzo: E se non faremo in tempo a vedere la Luce? Piccolo Giovanni: Non troverete il Tempo di vedere la Luce, ma lo capirete quando parleremo il Giorno della Festa! ...Tu non mangi più? Don Vincenzo: Il Giorno della Festa del "fine anno?" Piccolo Giovanni: È l'ultimo giorno di questo mese per accendere l'Alba Nuova! Don Vincenzo: Il Giorno della Festa inizia la sera prima: alle otto... come questa sera che siamo venuti sempre allo stesso orario "cioè alle 20.00"! Piccolo Giovanni: Mi hai donato una spina... <Nel baccalà preparato da Tatina, e Giovanni tossisce> ...È scesa la spina......! Adesso bevo l'acqua e non ti tatino...! Mi sono mangiato la spina...! Tatina: Eccomi! <Giovanni continua a tossire> Piccolo Giovanni: Quella Mi vuole affogare...! Tatina: No! Ti voglio bene, Giovanni, perché Ti devo affogare? Ti voglio tanto bene: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma non sei tu, è la spina! Adesso se n'è andata..., se n'è andata nel piatto...! E allora? State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dimmi qualcosa tu...! Dov'è la salsiccia? ...No, voglio quella e un Pezzettino di questa...! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni:Eccomi! ... ah! Don Vincenzo: Hai parlato di Tempi Rapidi...! Piccolo Giovanni: , Volano! Don Vincenzo: E ciò dovrebbe far riflettere ancora di più! Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: Ma questo può avvenire se ci accorgiamo di questa velocità del Tempo......! Il mondo corre dietro ad altre "velocità", ad altri "idoli"... come quelli del potere e dell'avere... e tutti hanno sempre fretta affannandosi di qua di là! Piccolo Giovanni: Ma voi siete nella Vigna, siete nell'Arca e lo Strumento vi fa conoscere i Tempi, se l'ascoltate! Quando non viene ascoltata, non riconoscete niente... e per questo parlerà anche lei nel Giorno della Festa! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Non dimenticate che Giulia è in mezzo a voi, ma è... alla Destra del Padre! Don Vincenzo: L'ALTRA VOLTA È STATO DETTO ANCHE CHE LA COCCIUTA È SEMPRE IN GRAVE PERICOLO...! Piccolo Giovanni: SÌ! Don Vincenzo: CIOÈ? Piccolo Giovanni: CIOÈ... DOVETE PREGARE! Ora il Filicino l'ha Donato Tutto, è rimasto sciolto e Lo tiene così per ognuno di voi nel rispondere l'Eccomi per ognuno di voi! Don Vincenzo: In tanti dicono di voler bene alla Cocciuta, ma poi... ma poi non è così, perché fanno il contrario di quello che la Cocciuta dice! Piccolo Giovanni: Eh, , come in tanti dicono e dicevano di voler bene a Me e invece poi tutti quanti Mi hanno lasciato! È vero, Mari'? Maria: È vero! Piccolo Giovanni: Ma ho una piccola Capanna per combattere... e poi Maria adesso ha imparato a combattere ancora di più e la dottoressa fa tutto quello che le dico Io: ascolta il Mio Cuore e va a fare tutto quello che le dico Io! Don Vincenzo: Così è sicura di non sbagliare! Piccolo Giovanni:E anche Nicola! Già lo faceva prima, adesso lo fa ancora di più! Don Vincenzo: Eh, sì, perché fa riferimento sempre alla Cocciuta! E quando si fa riferimento allo Strumento, si è sempre dalla parte di Dio, si è sempre nella Verità di Dio! Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: Questo è il segreto: fare i fatti e non le chiacchiere! Piccolo Giovanni: Dinanzi a Me non ci sono né i "se", nè i "ma", nè i "però" e neanche le giustificazioni che neanche la Cocciuta le accetta! Lo senti quando grida e non accetta giustificazioni? Gliel'ho insegnato Io! ......Parla, visto che siamo un po' impegnati...! Don Vincenzo: Giovanni, il guaio è che il nostro "Io" vuole sempre dominare! Ecco, prima parlavamo della Giornata che Dio ci prepara, che Dio ci dona, che Dio ci offre, e noi dobbiamo riconoscerla quella Giornata per viverla da figli! Piccolo Giovanni: Io Campo alla Giornata! Don Vincenzo: Proprio così! Piccolo Giovanni: È così che si riconosce la Giornata di un Figlio, nel campare alla Giornata! Don Vincenzo: ...E tutto questo, sempre nell'Ottica della Cocciuta, perché è lei il Dono di Dio per ognuno di noi, è lei la Chiave di Lettura di ogni situazione, perché è lo Strumento di Dio... e il Padre non poteva farci un regalo più grande di Giulia, perché attraverso di lei sappiamo qual'è la Direzione Giusta, altrimenti non riconosceremmo qual'è la Direzione Divina e qual'è quella umana! E nonostante questo Dono della Cocciuta non si è ancora nell'umiltà, non si è ancora nella mitezza, non si è ancora nell'ubbidienza e ognuno fa di testa sua! Piccolo Giovanni: ...Tu hai trovato metà Solco fatto! Se eri arrivato prima, ne avresti viste ancora di più......! Il Solco è stato fatto a Metà... Don Vincenzo: ...Da Te? Piccolo Giovanni: ... e l'altra Metà la devi fare tu............ ed alzare la voce! Don Vincenzo: Eh, si, quando ci vuole, ci vuole! Piccolo Giovanni: Eh, si, quando ci vuole, ci vuole! Don Vincenzo: Tu lo Dici sempre! Piccolo Giovanni: Eh, si, lo dico Io e anche tu! Eh, siamo i Due Giovanni e quando ci vuole, ci vuole! ...Ehi, chi Mi dà un ovetto? ...Tu non mangi più niente? ...Cosa vuoi, l'ovetto? ...Lo prendi un ovetto? O cosa prendi? Don Vincenzo: Prendiamo un po' di olive! ...Grazie... Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma voi cosa vi aspettate nel Giorno della Festa? Don Vincenzo: Francamente, io mi aspetto parecchio, perché il Cielo ha detto che Parlerà, Parlerà in Abbondanza.........! Piccolo Giovanni: ...Si... Don Vincenzo: ...Quindi se ci saranno tutti questi Discorsi e tutte queste Parole... che poi sono tutte Rivelazioni, dobbiamo quindi fare la massima attenzione e prepararci già! ...Manca quasi una settimana, quindi i nostri cuori li dobbiamo allenare ad accogliere queste Parole che il Cielo ci donerà perchè sicuramente sono tutte Parole Divine! Piccolo Giovanni: ...Ecco, viceparroco, tieni, te lo dò! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Chissà quante cose belle riceveremo! Piccolo Giovanni: Ma sei sicuro che saranno cose belle? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Ti stai preparando, Giovanni? Tra una settimana arriveranno le Feste Tue! Piccolo Giovanni: Eh, si... Don Vincenzo: ...Il Tuo Compleanno, la Tua Salita in Cielo... Piccolo Giovanni: ...Eh, si, i Miei Due Compleanni... ma la Mia Festa Me la stanno preparando! Sempre viene preparata dai Servi Inutili, e quando è la Festa di un altro Servo Inutile la preparo Io, ma la Mia la preparano gli Altri! È bello... è grande... è per tutti i Servi Inutili... e stanno preparando tutte le Cose Buone in mezzo a voi! Don Vincenzo: ...Il Cielo non può che preparare Cose Buone! Piccolo Giovanni: Poi vediamo cosa Mi preparate voi! ...Non vi siete mai dimenticati! Vi dimenticherete di Me? Tutti: No! Piccolo Giovanni: Ed Io non Mi dimentico di ognuno di voi, Figli Miei! ...Allora, prepariamoci, perché la Festa è vicina e sarà diversa da tutte le altre! Vigilate, perché i falsi profeti avanzano e il veleno avanza pure, ma voi avete la Destra: alzateLa, perché il Giorno del Padre è vicino! ...Ora vi lascio quello che rimane del Filicino!(*) <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Gesù: ...Con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: ...Gesù! Gesù: Eccomi! ...Anche se Giovanni è andato via, il Miscuglietto viene a berlo, viceparroco, non ti preoccupare, tu prepara! Io dico qualche altra cosina e tu ne dici qualche altra! ...Sono Gesù! Don Vincenzo: Si, lo so! Gesù: Meno male! Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: ...Questo fatto della Festa che oramai è vicinissima... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Riserverà cose brutte o no? Gesù: È meglio aspettare, non posso dirvelo prima!(*) Don Vincenzo: Sembra che c'è aria di tempesta! Gesù: Non lo so!(*) ...Non posso dirvi prima quello che ci sarà! Dovete aspettare!(*) ...Che mangio ancora? ...No, un po' di salsiccia! Giovanni l'ha mangiata, mentre Io no! ...Ehi, va bene così... eh, si, il paninello... si, questo... e questo... vanno bene! Don Vincenzo: Io voglio un po' di formaggio! Gesù: Tu vuoi un po' di formaggio? ...Ehi, attento che ti cade a terra il microfono, Calice Vivente! ...Vuole il formaggio... chi glielo dà il formaggio al Calice Vivente? Raffaele: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Vi meravigliate che mangio? Tutti: No! Gesù: Voi non mangiate? Tutti: Eccomi! Gesù: E allora mangio anch'Io!(*) ...Che c'è? ...Cosa Mi dici? Don Vincenzo: Continuano a copiarci? Gesù: Si, continuano a copiarci! Don Vincenzo: Eppure vedono...... ma è proprio il fatto della copiatura che li smaschera perchè pur vedendo, pur sapendo, pur leggendo... e pur scrivendo, continuano ancora a prendersi loro il merito......! Gesù: No! Vedi, lo Strumento dice "io rimango Straccio Stracciato nel Fare le Cose del Padre", e chi può prendere il merito delle Cose del Padre? Nessuno! Don Vincenzo: Parte tutto da Lui! Gesù: Lo Strumento dice "Sei Tu, Padre, a Fare Tutto e io ho fatto solo quello che dovevo fare" e nessuno può prendersi il merito di ciò che è di Dio! Don Vincenzo: Perché tanto Dio dopo li smantella perché Lui è la Verità! Gesù: Dio è Venuto a smantellare! Lasciate che rubano e che copiano! Don Vincenzo: Alla fine si fanno i conti, no? Gesù: Si!(*) ...Ma Dio fa i Conti di un Padre Buono..., e Maria è l'Ultima Grazia...! E se Maria è l'Ultima Grazia, come Mamma, cosa farà? Don Vincenzo: Cosa farà? Gesù: Come Mamma, cosa farà? Don Vincenzo: Pregherà per i figli? Gesù: Pregherà per i figli, ma è l'Ultima Grazia!(*) Don Vincenzo: ...Gesù, sento un po' di fastidio qua...! Gesù: Dove? Don Vincenzo: Alla pancia! ...Mi alzo? Gesù: Perché ti alzi? Don Vincenzo: Così digerisco meglio!(*) <Gesù poggia le Sue Mani sulla pancia di Don Vincenzo> Gesù: Stai meglio adesso? Don Vincenzo: Un po' meglio, si! Gesù: ...Ma adesso vi saluto! Don Vincenzo: Te ne vai? Gesù: Si, adesso Me ne vado perché dobbiamo preparare il tutto! Tutti i Servi Inutili sono al lavoro ed Io devo raccogliere le Spose che lo Strumento sta portando! ...Allora, Figli, Vigilate! ...E tu, Mosè, togliti quella cravatta nera: se la figlia è nata in Cielo, è vestita di bianco e non è vestita di nero! Eh, si, la Sposa è nata! ...Quella la devi togliere: lei porta l'Abito Bianco e tu porti la cravatta nera? Mosè:La tolgo subito, Gesù! Gesù: Quando si nasce si è vestiti con l'Abito Bianco e con l'Anello Nuziale e non con quello nero! .........O Mi sbaglio? Tutti: Non Ti sbagli! Eccomi! Gesù: Figli, preparatevi perché nel Giorno della Festa sentirete le Cose Nuove! Liberate i vostri cuori, perché li dovete riempire di ciò che il Padre e tutti i Servi Inutili vi diranno! <Gesù schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Ora Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato! Venite tutti quanti e non temete di ciò che ascolterete! ...Tu, Calice Vivente, ora saluta i figli con l'Albero Verde, mentre Io vi Spalanco ancora il Mio Cuore, Figli Miei! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni...!(*) Piccolo Giovanni: Come fai senza Filo? Giulia: Non Ti preoccupare: Eccomi!(*) ...Lo so che Teresina non ne può trovare, ma rimarrà aperto fino a quando il Padre vuole! A Lui nulla Gli manca, e neanche a me manca nulla!(*) ...Faccio il lavoro che devo fare... Tu preparami i Calici e io vengo a portarTi le Spose!(*) ...Gli Anelli sono pronti e i Vestiti anche!(*) ...Giovanni, bussa al Cuore del Padre nel Giorno della Festa che sta per arrivare!(*) ...Bussa Tu! Piccolo Giovanni: Eccomi, Anima Mia!(*) Giulia: Porta tutti i figli nel Cuore del Padre! Porta i loro sussurri, porta i loro dolori e porta i loro cuori!(*) ...Eccomi ancora per l'Eternità! ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, tutto Quello che hai preparato da sempre è sceso ormai sull'umanità intera, è in mezzo a noi, ma gli uomini non vogliono vedere e non vogliono sentire!(*) ...Il Tuo Cuore viene tradito ancora, ma aspetta ancora, Padre Buono, e donami la Costanza e la Forza nel sapere aspettare e nel tenere i Rotoli! Il Padre: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà! ...I Cari ed ognuno di Voi siete al Banchetto dell'Amore, al Banchetto Preparato da sempre perché Sei Tu il Banchetto!(*) ...Ora salutiamo i Cari, i Servi Inutili e tutti i Pargoli!(*) ...Eccoci, Servi Inutili!(*) ...Eccoci, Pargoli!(*) ...Eccoci, Cari!(*) ...Eccomi, Mamma!(*) ...No, non cucirlo e lascialo così! Non preoccuparTi...!(*) ...Dopo vengo!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Eccoci, Padre! Rispondo per tutti i figli: "eccoci pronti nel Giorno della Festa"!(*) ......Ci vediamo dopo!(*) <Giulia schiocca un altro bacio>