LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 149

 

 

GESÙ NON È MORTO,GESÙ VI HA DONATO IL SUO AMORE, HA VERSATO IL

SUO SANGUE E QUANDO VENITE PENSATI NEL CUORE DEL PADRE GIÀ

NASCETE LAVATI DAL SANGUE E NON C'È ALCUN PECCATO

(dal messaggio del 10/02/2013)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 07/02/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Don Vincenzo): Riflettevo prima, Gesù, quando mi hai incaricato di distribuire il Tuo Sangue......... (Gesù): ......E il tuo no? (Don Vincenzo): Sì, anche! Gesù, ma è possibile che alcuni possano ricevere la comunione e altri no? Esistono forse divisioni nel Tuo Amore e nel Tuo Nome? Ci sono dei peccati che il Tuo Sangue non è riuscito a Lavare? Dei divieti ecclesiastici farebbero pensare di si, promuovendo sfacciatamente questa divisione! Ecco perchè Tu hai detto, Gesù, che solo qui a Timparelle si Consacra perchè hai voluto spezzare questo potere degli uomini di Chiesa che sono arrivati perfino a mettersi al di sopra del Tuo Sangue trasformando anche l'Eucarestia in una ulteriore bestemmia nei Tuoi confronti! Invece a Timparelle, Gesù, giustamente, Tu inviti chiunque al Tuo Banchetto senza minimamente creare separazioni e divisioni, non potendo essere diversamente perchè il Tuo Sangue Salvifico lavando tutti i peccati ha fatto diventare tutti Figli nel Figlio......! (Gesù): Ma questa divisione chi l'ha inventata? Perché Io non l'ho inventata! (Don Vincenzo): E invece com'è bello quando chiunque liberamente e senza alcun divieto può andare a Bere il Tuo Sangue e a Mangiare la Tua Carne! (Gesù): Eh, sì! (Don Vincenzo): Perché con quel Sangue Tu hai perdonato tutto e tutti! (Gesù): Io l'ho Versato per tutti......  e come fanno adesso a dire: "tu puoi venire e tu non puoi venire?" (Don Vincenzo): Che assurdità! (Gesù): Eh, sì! (Don Vincenzo): Che cattiveria! (Gesù): Che cattiveria studiata a tavolino! Io Verso il Mio Sangue per tutti, vi ho Comprato tutti a Prezzo di Sangue e arriva, ...arriva chi arriva e dice: "no!" (Don Vincenzo): No, "ti devi prima confessare"...! (Gesù): No, neanche con quella...  "sei divorziato..., non c'è l'assoluzione per te", ...non si Dona e basta......! (Don Vincenzo): Gesù, Tu Sei il Liberatore, Tu hai perdonato ogni persona e non esiste peccato che non possa essere Lavato dal Tuo Sangue! Gli uomini di Chiesa, invece, hanno ideato delle menzogne per impedire che il Tuo Amore Salvifico raggiungesse tutti i cuori, facendo si che tutto invece passasse attraverso di loro e creando il mercato più meschino che si possa immaginare nell'usare Dio per i loro sporchi e lucrosi interessi ignorando e facendo ignorare il Tuo Infinito Amore, Gesù!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Rimani seduta......!(*) Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). ...È piaciuto fino adesso il Ritornello? Giulia: Sì, è quello che Tu mi hai detto di fare! E adesso non lo farai più? Gesù: Certo che lo Farò, Sono sempre Io! Giulia: E cosa vuoi dire? Gesù: Sono sempre Io, Colui che Porta Questo...! Giulia: Sei Gesù, che Porta il Sigillo Santo! Gesù: Questo...... <Gesù Alza la Destra e col Segno Trinitario Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce.> ......Il Sigillo della Croce che Sono Io, il Sigillo della Croce che siete ognuno di voi, Figlioletti Cari! Giulia: Gesù, non ci stai prendendo in giro chiamandoci "Figlioletti Cari"? Gesù: Perché...?(*) Forse che non siete Cari? Non vi ho Comprati a Prezzo di Sangue? ......E il Mio Sangue ha un prezzo? Giulia: No, Gesù, il Tuo Sangue non ha Prezzo! Eh, sì, siamo i Tuoi Figlioletti Cari! Eh, sì, quanto Ti costeremo ancora... non sappiamo fare niente niente, e Ti costeremo ancora tanto tanto tanto...! Gesù, ma visto che ci hai chiamati..., visto che ci hai scelti..., sai cosa dovremmo fare, Gesù? Dovremmo imparare ad Amare...... non lo sappiamo fare per niente per niente! Poi ...di umiltà non ne parliamo proprio... io non so cosa dirTi, io non la conosco l'umiltà, non so impararla e non so darla a nessuno! Tu Vieni sempre così... <Giulia fa il Segno della Croce> ...Io questa forse forse la so donare, ma non so se so Amarla e non so neanche se so Portarla! Poco poco..., un pochettino di qua, un pochettino di là riesco a mettere insieme il Tuo Segno... <Giulia continua con il Segno della Croce> ...È il Segno di ognuno di noi...... e tutti Te li tuffo nel Tuo Cuore, così mettiamo tutto a posto, Gesù! Gesù: Eccomi! Hai già acceso il Fuoco, hai già Impastato il Pane, l'hai già Infornato ed è già Cotto, pronto per SpezzarLo e per DonarLo a tutti i tuoi nemici e a tutti i tuoi figli: hai fatto già tutto! Giulia: Eccomi, Gesù! Se lo dici Tu, le Tue Parole Sono Parole di Vita Eterna... devo solo fermarmi ad usare le mani e mettere ancora tutto nel Tuo Cuore dall'alba fino adesso, da adesso alla prossima alba e al prossimo tramontare del sole! Gesù: Eccomi, Figlia Mia, Sono Venuto ancora con altri Sette Sigilli! Sono Venuto a Portare Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette......! Giulia: Gesù, Tu Vieni sempre Unito al Cielo, il Cielo è ormai in mezzo a noi! Gesù: Sono Unito al Cielo, a tutti i Servi Inutili: Carlo, Pio, Domenico e i Due Giovanni! Non solo tu sei alla Destra del Padre ma tutto il Cielo è alla Destra del Padre e i Due Giovanni Hanno il compito più grande di tutti gli altri Servi Inutili, di tutti gli altri figli chiamati......! Giulia: Gesù! Gesù: Quanto Lavoro hai fatto, Figlia! Giulia: Quello che Ti ho consegnato, Gesù! Quello che ho messo nel Tuo Cuore da quando mi doni di aprire gli occhi! Gesù: E quando li tieni chiusi cosa fai? Giulia: Le Tue Cose, Gesù, quelle del Padre: ho messo tutti e tutto nel Tuo Cuore......, visto che non Mi fate uscire tanto......, Gesù, Tu non lasci mai nessuno, come non mi fai lasciare nessuno......! I Figli che sono "nell'attesa" e i Calici che sono ormai versati non posso berli, ma posso bere quello che Tu conosci! Non togliere nessuno dalle mie spalle e tutto quello che ci ho messo lascialo... e il Nocciolo se Lo vuoi Scorticare un altro pochino, fallo...! Mio Diletto e Mio Amato Bene...... quanti Sette...... quanti Sigilli! Tu mi hai donato sempre tutta la Forza e me ne darai ancora! Ma quanti Sette...! Quanti Sigilli......! Tutti da "quel luogo" e tutti "da quei figli"! Mio Amato Bene, dimmi cosa devo fare ancora? Gesù: Guarda.........! <Giulia stringe le mani a pugno> Giulia: Mio Amato Bene......, o Mio Gesù......, Gesù di tutti i miei figli......, cos'è quel Sigillo? Cos'è quel Fuoco che scende nel fiume di Sangue? Gesù: Ecco il Sigillo della Cupola! Giulia: Come faccio a dirlo? Gesù: Per adesso lo dirai solo al Calice Vivente! Giulia: Ma questo......? Gesù: Fermati!(*) Giulia: Donami Tu la Forza......, prendimi Tu come Croce, ora, in quest'istante......! <Giulia è con le Braccia Aperte come in Crocifissione> Gesù, e l'altro......? Gesù: Guardalo......! <Gesù Alza la Destra e con l'Indice Lo Indica...!> Giulia: ......Tutti..., non ne resterà nessuno..., nessuno dei Sacerdoti! Gesù: Lo sai bene chi è la Chiesa Nuova! E gli altri sono tutti "fogli bianchi" e li consegnerai al Calice Vivente! Giulia: Eccomi, Mio Diletto! Cosa devo fare ancora? Dimmi! Gesù: Pregherai, come ti è stato insegnato dal Padre tuo! Giulia: Cosa devo donare ai figli, alla Famiglia che Tu hai chiamato e chiami? Le Gocce? Quelle Grandi Grandi? Non è che sono piccole......, quelle sono......, e come faccio a donarle ai figli? Ci Sarai Sempre Tu? Gesù: E tu sarai sempre alla Destra del Padre! Giulia: Eccomi, Gesù! Metto ancora nel Tuo Cuore tutti i Figli, l'Umanità intera e i Calici versati...... vado come una spugna, mi inzuppo e mi bevo, questo posso farlo, Gesù......! Mio Amato Bene, Mio Diletto, il Cielo è con noi, tutto ci hai donato...... non ci manca nulla...... dobbiamo solo imparare ad AmarTi e a ConoscerTi! Gesù: Rimanete nell'Amore, nella Quiete e nella Pace! I Piccoli Giovanni, sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto nell'Amore Pieno che il Padre lascia scendere, attimo dopo attimo! Siamo tutti Uniti, eccoci Uniti nell'Unica Verità della Croce...... <Gesù alza la Destra e Benedice col Segno della Croce> ......E nell'Unica Verità del Pane, col Cielo in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! I Cari sono sempre con voi, attimo dopo attimo, Figli Miei! ...............Pace al Tuo Cuore.........! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Pace al tuo cuore! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Il Banchetto è Tutto Pronto, deve essere Sempre Pronto il Banchetto, non dimenticatelo, perché Io Sono Sempre Pronto in mezzo a voi, eh, ecco, eh, eh, eh! <Gesù posa la Corona del Rosario sul Bracciolo della Poltrona> Come state? State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi, anch'Io sto bene...... Don Vincenzo: Eeeh! <Le Spose Portano le Pietanze tra cui una grande Torta portata da Carolina e un'altra da Tatina> Gesù: Ehi! Don Vincenzo: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Che bella! Gesù: Eh! <Gesù invita tutti ad applaudire> Eh, , è tutto bello il Banchetto, così com'è, tutto pronto, ......e possiamo prima Banchettare nel BerMi e nel MangiarMi! <Gesù Indica il Pane e il Vino> E poi......Banchettare con gli altri cibi! <E Gesù Indica le Pietanze sulla Tavola> Così Tutto è un Banchetto d'Amore! Don Vincenzo: C'è pure una Barca...... <Sulla Torta di Tatina> Gesù: ...Eh, , noi Lo Siamo nella Barca, Siamo nell'Arca, Siamo con i Remi e Tutto ormai è Sceso e non c'è nulla che non debba più Scendere! Don Vincenzo: Ecco, ci sta pure un bigliettino sopra la Torta di Tatina! Gesù: Eh eh... leggi, leggi, leggi il bigliettino, eh, eh, ehi, ehi! Don Vincenzo: "Padre, Figlio, Fratello, Amico mio e dell'Umanità, ti presento i miei anni, i miei affanni, la mia fragilità, la mia miseria, il mio dolore trasformato in Amore per i miei cari, per i miei amici, per i miei nemici e per il mio io che a volte non lo sopporto e per questo Ti chiedo, o mio Buon Gesù, insieme alla Mamma Celeste e al Padre, di starmi vicino nelle prove che in questo mondo tanto amato dal Padre stiamo distruggendo con le nostre mani! Non mi sopporto più, perdonami se non sono perfetta come Tu mi vorresti... Tu conosci i miei limiti, la mia sopportazione, la mia superbia, il mio peccato! Per questo, Gesù, perdonami e amami perché io, Tatina, non so amare" Gesù: Ma perché ti sei messo in testa questo, adesso? Tatina, adesso ti tatino...... e ti tatino perché non è vero che non Mi sai Amare, non è vero che non sai portarti come Croce...sei arrivata, sei venuta fino ad abbracciarMi...e adesso ti tatino, ...eh! <Si applaude> Non sto applaudendo, ...ma la tatino...... ti tatino, , ti tatino, eh! <Gesù indica scherzosamente che le dà schiaffi, ma poi le manda un bacio> Eh, vediamo se la finisci mo'! Chi viene chiamato, viene toccato! <Gesù indica il cuore> ...... è bello questo suo umiliarsi..., a Me piace, ......tu Mi Ami e Io ti Amo! Tatina: Eccomi! Gesù: E tutti i figli ti Amano perché è lo Strumento l'Amore! Imparatelo! <Gesù manda baci> Don Vincenzo: Bello! Gesù: Mò vi tatino a tutti, , , , , , , , , , ! <Si applaude> Siete tutti...tatinati, eh, eh! <Si ride un po'> Si è messa nella Barchetta lei, eh.........! Allora, visto che tutto il Banchetto è pronto, vogliamo Banchettare? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Chi Banchetta Stasera? Io Sono sempre Nuovo! Chi banchetta Stasera? Tu, Giovanni, vuoi Banchettare? ......Banchetti tu o Banchetto Io? Chi Banchetta? Il primo Banchetto da fare siamo "Noi"! Don Vincenzo: Dobbiamo allora alzarci per distribuire l'Eucarestia...! Gesù: Mi devo alzare pure Io? Don Vincenzo: Tu non vuoi alzarTi, Gesù? Gesù: Io Sono già Alzato sulla Croce! Don Vincenzo: Allora mi alzo anch'io......! Gesù: Eh, e allora Banchettate e andate: devi andare di là perchè il Banchetto si fa dall'altra parte, eh! <A Giuseppe!> Voi venite al Banchetto! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col Vino e Gesù Beve> Eh, Me Lo dai prima a Me? Ecco, Questo è il Mio Sangue! <Gesù da il Suo bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane, Gesù ne da' un Pezzettino a Don Vincenzo che Lo Mangia> Gesù: Questa è la Mia Carne! <Gesù benedice ''innalzando'' il Pezzettino di Pane e poi Mangia> Ecco, ora Banchettate, perché Io Sono il Banchetto! Uno si deve mettere a donare la Carne e un altro dona il Sangue, così Io vi Guardo dall'Alto! Eh, è bello questo Banchetto! Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, così Io ho sempre fatto, così adesso dovete incominciare ad imparare e vedere le Cose che Io ho fatto e non quelle che hanno fatto gli uomini! Siete Gioiosi? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, anch'Io Lo Sono Gioioso...... Siamo tutti Gioiosi nell'Amore, figli, eh...! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù osserva rimanendo seduto e battendo dolcemente le Mani> Gesù: Ecco, eeeh, ci siamo donati tutti quanti e la Cocciuta è rimasta sempre Crocifissa per Amore per il Crocifisso! , così come Io Sono sempre Vivo in mezzo a voi e Sono sempre Nuovo perché il Banchetto adesso è Tutto Nuovo, Tutto Preparato da Sempre! Eh, ...... versa, versa! <Raffaele versa l'Avanzo> Tutto quello che si deve fare: le Cose del Padre! Le hai prese le Cose del Padre? <Giuseppe annuisce> E visto che il Banchetto continua, Tu, Calice Vivente, cosa vuoi fare? Vuoi mangiare e continuare al Banchetto Nuovo del Padre, a quello Preparato da Sempre......? Don Vincenzo: Eccomi! C'è solo l'imbarazzo della scelta! Gesù: C'è solo l'imbarazzo della scelta! Tu puoi fare quello che devi fare! <Raffaele dona l'Avanzo a Lucia e Luisa e poi inizia a distribuire il pane-pesce> Tu intanto nell'imbarazzo della scelta, scegli quello che vuoi fare......! Vuoi parlare un poco? Visto che è Tutto Banchetto, iniziamo......! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Anche voi... fi-gliee? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Gesù: Cosa vuoi? Don Vincenzo: Prendo un po' di formaggio! Gesù: Prendi quello? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E questo lo prendi tu? <A Giuseppe> E non la vuole quella lui, deve prendere le cose che desidera...! Io posso mangiare una cosina, così se la mangio Io la mangia anche la Cocciuta, e la devo pur far mangiare un pochettino sta' figlia o la lasciamo all'asciutto? E allora sai cosa posso donare alla Cocciuta? Un ovetto, eh, eh, mo' iniziamo con quello..., poi vediamo, eh, così gli diamo l'ovetto alla Cocciuta e poi se mangio qualcosina in più Io, poi gliela devo far mangiare pure a lei, eh, ah......! Adesso sai cosa gli diamo alla Cocciuta? Quello che dice sempre Francesco, il dottore: la verdura, eccola, così non prendo il rimprovero dal medico! Tu che dici: Mi rimprovera il medico? <Raffaele fa segno di no> E quando gliene devo donare? Ditemelo voi! Raffaele: Un altro pochino! Gesù: Un altro pochino, siete sicuri, Io non voglio essere rimproverato dal medico, penso che questo va bene, così, allora Io Mi mangio l'ovetto e alla Cocciuta le dò la verdura! <Si ride un po'> È bello così? Tutti:Eccomi! Gesù: E allora buon appetito! Don Vincenzo: Anche a Te! Gesù: Anche a Me? E a Me, Mi devo accontentare dell'ovetto se no poi devo far mangiare la Cocciuta! Questo si taglia o salta in aria? <Si ride un po'> Eehi, tagliate l'ovetto, Vicepa' fai tu, fai, ecco, eh, fallo, fallo, così vediamo se le posso far mangiare la verdurina alla Cocciuta, adesso ne ha fin sopra i capelli, eh, eh, mo' che vede che le dò la verdura, ...mo' ti voglio... se ne va! Che dite voi, se ne va? Tutti: No! Gesù: No, non se ne va, è brava, eh......! E' tutto a posto? Allora state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Io vi voglio tanto tanto bene! Tutti: Anche noi! Gesù: Se voi Me ne volete... adesso Io non lo so! Tu lo sai? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi sì o Eccomi no?  Don Vincenzo: C'è solo il sì dopo Ogni Eccomi!! Gesù: Eccomi, ! E allora Io provo a farle mangiare questo alla Cocciuta, vediamo che espressione Mi fa, eh! Cocciutella, c'è questa, la vuoi? Eccola, mangiala, mangiala, bella di Papà, dai, ...ammete e ammete......! Giulia: Uh, uh, uh! <Fa l'espressione di quando un cibo non piace troppo> Don Vincenzo: Che c'è? Gesù: Ha visto che le ho dato quello che deve mangiare sempre e ha fatto una boccaccia...... ma sta mangiando......! Poi vediamo se le faccio assaggiare pure un po' di questo, eh! Giulia: Uuuh! <Gesù le ha fatto assaggiare l'ovetto e la Cocciuta fa l'espressione di quando un cibo è gradito> Gesù: Ehi, taglia, taglia, taglia il pesciolino e fallo bello bello! <A Raffaele che sta tagliando il pane pesce> Bella di Papà, mangia! Giulia: Uh, uh, uh! <Giulia fa la boccaccia> Gesù: Dopo, vicepa', sei Delegato, eh, sei Delegato nel fare i capricetti! Bella di Papà, mangia! Giulia: Uh, uh, uh! <Giulia fa la boccaccia> Gesù: L'ovetto Me lo tengo per ultimo, così poi vediamo se gliene posso fare assaggiare un pochino, eh! Che dici, tu come stai, va tutto bene? Don Vincenzo: Ottimo! Gesù: Ottimo! E Io alla Cocciuta le devo dare questa! Mi sa che qualche giorno, quando le portate la verdura, ve la semina sulla testa, eh, eh, così poi nascono le piantine e quando ha voglia di prenderla, la prende direttamente dalla testa di ognuno di voi, eh, eh! <Si ride un po'> Giulia: Uh, uh, uh! <Giulia fa la boccaccia>Gesù: Allora, visto che Io faccio mangiare la Cocciuta, Mangio e Parlo...! Tu che vuoi fare? Non fai niente? Hai qualcosa da dire? Li hai sentiti i Sigilli, li hai sentiti? Giulia: Uh, uh, uh! <Giulia fa la boccaccia perché ancora non è finita la verdura> Don Vincenzo: Riflettevo prima, Gesù, quando mi sono messo a distribuire il Tuo Sangue... Gesù: ...E il tuo no? Don Vincenzo: Sì, anche! Gesù, ma è possibile che alcuni possano ricevere la comunione e altri no? Esistono forse divisioni nel Tuo Amore e nel Tuo Nome? Ci sono dei peccati che il Tuo Sangue non è riuscito a Lavare? Dei divieti ecclesiastici farebbero pensare di si, promuovendo sfacciatamente questa divisione! Ecco perchè Tu hai detto, Gesù, che solo qui a Timparelle si Consacra perchè hai voluto spezzare questo potere degli uomini di Chiesa che sono arrivati perfino a mettersi al di sopra del Tuo Sangue trasformando anche l'Eucarestia in una ulteriore bestemmia nei Tuoi confronti! Invece a Timparelle, Gesù, giustamente, Tu inviti chiunque al Tuo Banchetto senza minimamente creare separazioni e divisioni, non potendo essere diversamente perchè il Tuo Sangue Salvifico lavando tutti i peccati ha fatto diventare tutti Figli nel Figlio......! Gesù: Ma questa divisione chi l'ha inventata? Perché Io non l'ho inventata! Don Vincenzo: E invece com'è bello quando chiunque liberamente e senza alcun divieto può andare a Bere il Tuo Sangue e a Mangiare la Tua Carne! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: Perché con quel Sangue Tu hai perdonato tutto e tutti! Gesù: Io l'ho Versato per tutti...... e come fanno adesso a dire: "tu puoi venire e tu non puoi venire?" Don Vincenzo: Che assurdità! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: Che cattiveria! Gesù: Che cattiveria studiata a tavolino! Io Verso il Mio Sangue per tutti, vi ho Comprato tutti a Prezzo di Sangue e arriva, ...arriva chi arriva e dice: "no!" Don Vincenzo: No, "ti devi prima confessare"...! Gesù: No, neanche con quella... "sei divorziato..., non c'è l'assoluzione per te", ...non si Dona e basta......! Don Vincenzo: Gesù, Tu Sei il Liberatore, Tu hai perdonato ogni persona e non esiste peccato che non possa essere Lavato dal Tuo Sangue! Gli uomini di Chiesa invece, hanno ideato delle menzogne per impedire che il Tuo Amore Salvifico raggiungesse tutti i cuori, facendo si che tutto invece passasse attraverso di loro e creando il mercato più meschino che si possa immaginare nell'usare Dio per i loro sporchi e lucrosi interessi ignorando e facendo ignorare il Tuo Infinito Amore, Gesù! Gesù: E adesso che dite: glielo dò un pochettino di questo alla Cocciuta? <L'ovetto> Tutti: Eccomi! Gesù: Poco poco? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, glien'ho dato tre pezzettini, bastano? Tutti: Eccomi! Gesù: Quello lo mangio Io! Ehi, buon appetito col Banchetto Nuovo, eeeh... state mangiando tutti quanti? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora, hai finito, non c'è più niente? Ma diteMi un po', che ne pensate dei Sigilli? Ehi! Don Vincenzo: Rispetto a quelli della settimana scorsa, eeeh, sono tutto fumo e niente arrosto! Gesù: Eh! Ma te l'ho detto che i Fogli Bianchi sono quelli che sono più pesanti e non è tutto fumo i Fogli Bianchi! E poi hai capito il Primo qual'è? Don Vincenzo: Che i Grandi non hanno niente... Gesù: Questo era di Giovedì Scorso! Quello che è stato detto per prima l'hai capito cos'è? Mi sa che ancora non l'hai capito: "tutti da quel luogo e tutti da quei figli, ecco il Sigillo della Cupola!" <Si avvicinano Caterina e Maria Rosaria col ''niente''> Ecco, Eccomi! Vicepa'? Eccomi, "niente", lo "scarsetto scarsetto" fallo scarsetto scarsetto! Il "niente" Io glielo dò di Mio! Raffaele: Eccomi! Gesù: Tu fai lo scarsetto scarsetto, eh! Ecco, Mi pulisco o meglio pulisco la verdura che ha mangiato la Cocciuta, eh! Poi vediamo, Io mangerei tutto, ma alla Cocciuta cosa le faccio mangiare? Ancora verdura, poi Me la semina sulla testa......, non gliene posso donare più, non è che non gliene dò più perché è tanta ma Me la semina sulla testa! ......Allora? Don Vincenzo: Che fa la Cocciuta, Gesù...? Gesù: La Cocciuta semina l'Amore e semina la Croce...... Don Vincenzo: ......E la Verità! Gesù: E la Verità che è l'Amore e la Croce! .........Allora, tu hai mangiato? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non hai niente da dire sui Sigilli? Don Vincenzo: "In quel tempo"... Gesù: Non hai niente da dire sui Sigilli? Don Vincenzo: Sui Sigilli? Vanno scaglionati! Gesù: Vanno scaglionati! Don Vincenzo: Tu che dici, Gesù? Gesù: Tu cosa dici, Io l'ho chiesto a te e tu lo chiedi a Me? Eh, se vuoi dire qualcos'altro dillo pure, visto che i Sigilli, fra sette giorni vi verranno detti gli altri, perché ce ne sono sette, sette, sette, sette, sette e, quando arrivano quelli Grandi, la Cocciuta si metterà le mani tra i capelli, eh, ! Don Vincenzo: Perché, un po' somigliano alle Gocce? Si ingrandiscono sempre più? Gesù: , si ingrandiscono sempre più, ! Adesso stiamo prendendo i più Piccoli, come la Cocciuta desidera sempre: "aspettiamo, aspettiamo!" Ormai è tutto Sceso! Lei vede ogni cosa e sente ogni cosa, ha detto quello che fa: come una spugna si Inzuppa e si Beve! E' quello che può fare! Ormai è tutto sceso! Guarda, guarda i suoi figli, guarda l'Umanità, li guarda uno ad uno! Si Inzuppa come una spugna e si Beve e non lascia nessuno! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi, Giovanni! Don Vincenzo: Prima si nominava più spesso che il Sole si sarebbe Aperto qui a Timparelle nelle Mie Mani......! Gesù: , quello si Aprirà! Don Vincenzo: E Aprendosi il Sole si ha la possibilità di vedere il Padre? Gesù: Ancora? Se il Cielo è in mezzo a voi, ancora vuoi vedere il Padre? Don Vincenzo: Lo vedranno tutti? Gesù: , quando si Aprirà il Sole! Ma vedi, visto che tanti falsi profeti ci stanno copiando, è meglio che non lo diciamo............ lo diciamo quando i falsi profeti non ci saranno più, o meglio, anche se ci saranno, non potranno più fare nulla, non potranno né copiare, nè dire: "sono io!" e né presentarsi, perché non avranno più il tempo per convertirsi! Ora Lasciamo scorrere il fiume con l'acqua sporca! Hanno imparato a copiare Dio, ma Dio non si può copiare perché è Uno Solo! E si farà vedere da tutti, ma è Uno Solo e ha Scelto solo un Luogo da Sempre, non da adesso o da pochi anni, ma da Sempre! E questo non lo può copiare nessuno perché solo Dio Lo conosce e se glielo diciamo......! ......Adesso non lo diciamo più! Il Sole si Aprirà, come da Sempre il Padre L'ha preparato e ha Scelto il Luogo! L'Ora e il Giorno non lo sa nessuno, o meglio, lo sa solo lo Strumento e il Padre! Ma lo Strumento non lo dirà a nessuno, né tre giorni prima, né quattro dopo, né una settimana prima! Don Vincenzo: Uh! Gesù: Lo dirà quando il Padre lo dirà, perché ce l'ha nel Rotolo! <Gesù indica il cuore> ...Cosa c'è? Don Vincenzo: E questa è la Goccia più Grande! Gesù: , questa è la Cosa più Grande che la Cocciuta ha nel Rotolo e non lo ha mai detto e non lo dirà fino a quando non sarà il Padre a farglielo dire! E anche se la mettiamo all'Ubbidienza, solo dal Padre si fa mettere all'Ubbidienza, ma con quello non ti ubbidirà e ti dirà: "è cancellato, non lo so, non lo conosco!", perché deve Ubbidire al Padre! Per questo Giovanni ha messo il Sigillo, , perché Lui lo conosceva, ma la Cocciuta non gliel'ha mai detto! E' nel Rotolo da Sempre! Questo significa Servire Dio e fare le Cose di Dio, non servire gli uomini e fare le cose degli uomini per i propri tornaconti! Dio non li chiede i soldini! Vi ha mai chiesto soldini? Tutti: No! Gesù: No, non ne ha bisogno, gli uomini sì, per i propri tornaconti si vendono, si stravendono, vendono Dio! E invece la Cocciuta dice: "il Mio Gesù né si vende, né si compra ma si dona per Amore!" , perché Io Mi Sono Donato e Mi Dono per Amore attimo dopo attimo senza venderMi e senza ComprarMi, eh! ..............................Hai mangiato? Avete mangiato, Figli? Tutti: Eccomi! Gesù: E adesso fate un po' di riposo! Poi riprendete daccapo? Tutti: Eccomi! Gesù: Così vediamo se Io posso trovare qualcosa! Tu parla, parla! Il guaio è che se viene Giovanni come fa a mangiare? Mo vediamo! Tu non hai niente? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Vicepa', hai mangiato? Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi, hai mangiato un pesciolino? "Tatina, Tatina, Tatina, vi intatino" a tutti quanti, Io! Non gli hai dato niente: ...due, eh, eh! Giuseppe: Questo? Gesù: , due te li mandano... <Si riferisce ai bimbi di Mario e Maria Elena> Poi se ce la fai mangi il terzo per Mariuccio Mio, .........l'ho sistemata! ......Tu divertiti ogni tanto, eh! <Al viceparroco> Parla! Don Vincenzo: Il Vangelo di oggi, il cosiddetto Vangelo...... Gesù: E che dice? Don Vincenzo: Eh, "In quel tempo" Gesù: "In quel tempo" Don Vincenzo: Sempre...... Gesù: "In quel tempo" Don Vincenzo: Il Sigillo, c'è proprio il Sigillo! Gesù: No, questo non è nessun Sigillo, è un Sigillo non Sigillo, non è neanche Bianco, eh eh eh! Don Vincenzo: "Gesù chiamò i dodici" Gesù: Eh! Don Vincenzo: "E incominciò a mandarli a due a due e diede loro potere sugli spiriti maligni" Gesù: Uh! Don Vincenzo: "E ordinò loro che oltre al bastone non portassero nulla per il viaggio" Gesù: Uh! Don Vincenzo: "Né pane, né bisaccia, né denaro nella borsa" Gesù: Uh! Don Vincenzo: "Ma calzati solo i sandali non indossassero due tuniche e diceva loro" Gesù: Quante ne portano? Don Vincenzo: Come? Gesù: Quante tuniche portano? Don Vincenzo: Ah! "E diceva loro: entrati in una casa rimanetevi finchè ve ne andiate da quel luogo e se in qualche luogo non vi riceveranno e non vi ascolteranno, andandovene scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi a testimonianza per loro! E partiti predicavano che la gente si convertisse, scacciavano molti demoni, ungevano di olio molti infermi e li guarivano" Gesù: Mo' cosa vuoi sapere? <Si rivolge a Maria Elena> E' buono vero, le piace tanto tanto, mangia mangia, se no incominciano a scendere le lacrime! E poi vediamo se Zio Mario oggi viene... mo' vediamo, intanto vi saluta! <Giovanni manda baci> Che vuoi sapere? Don Vincenzo: Dicci qualcosa, Gesù! Gesù: No, tu cosa vuoi sapere? Io che ti devo dire? Don Vincenzo:Magari i "cosiddetti dodici" fossero rimasti in questa Povertà...... Gesù: No, non ci sono né Piccoli, né Poveri, né Ultimi, non ci sono proprio! Don Vincenzo: Difatti sanno solo essere Grandi, Potenti, per gonfiare il loro io! Gesù: No, di Grande c'è n'è uno solo ed è il Padre Mio che è in mezzo a voi come uno di voi: Piccolo! Hai visto quando ieri sera hai pianto, lo ricordi? Perché hai pianto, cosa ti ha detto la Cocciuta? "Dio è un Bambino, Piccolo!" E dopo lo ricordi cosa ti ha detto? "Perché è Grande, ma è Piccolo ed è Ricco d'Amore!" Tu ti sei messo a piangere, tenero tenero! "E' un Bambino Piccolo e Ama le cose piccole, perché è Piccolo ma è anche Grande e nella sua Grandezza è Piccolo!" Ma tu l'hai guardata quando la Cocciuta ti diceva queste Parole: era lei? Don Vincenzo: No, c'era qualcosa di Splendente! Gesù: Non era lei! Don Vincenzo: Difatti, aveva il Volto Luminoso, Sorridente! Gesù: Chi era quel Volto Luminoso? Don Vincenzo: Eri Tu? Gesù: Era il Padre! Don Vincenzo: Era il Padre? Gesù: , te lo stava dicendo... Don Vincenzo: ...Però non me lo ha detto! Gesù: Sì che te l'ha detto: "Dio è Piccolo perché è Grande e Ama le Cose Piccole!" E il Suo Volto era così Chiaro e Limpido! Don Vincenzo:Radioso, Trasfigurato! Gesù: Trasfigurato... da Dio... Piccolo Bambino che Ama le Cose Piccole ed è in mezzo a voi: Piccoli, Fanciulli e Poveri e all'Ultimo Posto, per chi Ama! Ma a Me non Mi fanno stare neanche all'Ultimo Posto, Mi hanno cancellato del tutto, ma NON SI PUÒ CANCELLARE DIO E NESSUNO PUÒ CANCELLARLO! .....................Cosa c'è ancora? I bimbi di Mario e Maria Elena: Buono, mangia mangia, bella di mamma! <Baci a Maria Elena> Don Vincenzo: C'è un vangelo...... Gesù: Che c'è? Don Vincenzo: Ed è Lungo... Gesù: C'è qualcosa di lungo? Don Vincenzo: "Si recò da Lui uno dei capi della sinagoga, di nome Giairo, il quale vedutolo gli si gettò ai piedi e lo pregava con insistenza: La mia figlioletta è agli estremi, vieni a imporle le mani, perché sia guarita e viva. Gesù andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno. Ora una donna che da dodici anni era affetta da emorragia e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando" Gesù: Ehi, ...... dottoressa, non è che ti viene in mente di fare le stesse cose? Teresa : No! Gesù: Meno male, se no poi che facciamo, eh? La medicina l'avete, no? Teresa: Eccomi! Gesù: La sai qual'è? Teresa: Eccomi! Gesù: Qual'è? Teresa: Il Tuo Amore! Gesù: Dov'è? Teresa: Nel mio cuore! Gesù: Brava! <Gesù applaude> ..... Gesù: E tutti gli altri medici cosa pensano? Tutti: Eccomi! <Un altro applauso> Gesù: E poi, per che cosa? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Lo facciamo un applauso? Gesù: Per che cosa? Don Vincenzo: Per Francesco, il dottore di Rossano, e per le sue intenzioni...! <Un altro applauso> Gesù: Eeeeh! Non c'è più niente? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Vicepa'! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: "Questa donna..." Gesù: Mi serve un cocciovatino, un cocciovatino, un cocciovatino, un cocciovatino, hai capito quale cocciovatino Mi serve? Me lo devi donare a quella! <Ad Alessandra> Ehi, mo' vediamo se è quello giusto, sì quello giusto, , , tanto il cocciovatino mo' arriva, eh! <Gesù manda un bacio> No, non è questo il cocciovatino che voglio Io! Alessandra: Quello con la panna dentro, quello con la panna dentro! Gesù: Ecco! <Gesù invita ad applaudire> Quello gli piaceva a Lui, eh! <Indica il viceparroco e si ride> , ora puoi parlare, così ogni tanto ci riposiamo, no? Intanto Io non riesco a trovare niente che posso far mangiare alla Cocciuta...... e se vado con la verdura Mi battezza! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Ma dov'è andato a finire Pallino, il cagnolino? È da una settimana che è scomparso! Gesù: Se ti sente la Cocciuta si mette a piangere......... non lo so, non ne ho idea... Mi sta chiedendo, sta cercando e Io non la sto rispondendo! Don Vincenzo: Quindi l'hanno ucciso? Gesù: Non lo so, ti sto dicendo che alla Cocciuta non le posso fare sentire nulla...... non è fuori a Lavorare, si va a inzuppare come spugna ma non è fuori a Lavorare, eeeh! ...Vai avanti! Don Vincenzo: "Ora una donna che da dodici anni era affetta da emorragia e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza nessun vantaggio, anzi peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla, alle sue spalle, e toccò il mantello. Diceva infatti: Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò guarita. E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era stata guarita da quel male. Ma Gesù, avvertita la Potenza che era uscita da Lui, si voltò alla folla dicendo: Chi Mi ha toccato il mantello? I discepoli gli dissero: Tu vedi tutta la folla che ti si stringe attorno e dici: Chi Mi ha toccato? Gesù intanto guardava intorno per vedere" Gesù: Sai perché ti sto facendo leggere? Perché l'altra volta ci sei rimasto male! Adesso ti faccio leggere, ma cosa vuoi che ti risponda? Queste le hanno scritte! Per adesso li leggiamo, li ascoltiamo, poi dopo......! Don Vincenzo: Sono storielle! Gesù: ...Verrà la Verità Tutta Intera! Dobbiamo leggere per il momento! Tutto quello che il Padre Ha Fatto e quello che Farà ancora, sono tutte le Cose che Io Ho Compiuto col Suo Amore, e il Padre le Ha Compiute e continua ancora a Compierle! ......Di queste cose che sono scritte non ce n'è nessuna! Don Vincenzo: Allora lasciamo perdere! Gesù: Quello che vuoi tu... se poi ci rimani male... ma lo devi dire che non sono queste le cose che Io ho fatto e ho detto; se ancora non hanno capito, piano piano lo capiranno! Voi cosa dite? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Hanno detto: Eccomi! Eeeh! Vediamo cosa dicono i medici: è tutto questo quello che ho fatto Io, non è un po' pochino, eh? ........., non parli più? Don Vincenzo: E' tutta una storiella! Gesù: Eh, , per adesso dobbiamo andare avanti così, poi piano piano arrivano i Sigilli, arrivano le Gocce e arriva tutto quello che il Padre ha preparato da sempre: la Verità Tutta Intera, quello che hanno messo da parte! E' che, quando la Verità viene messa da parte, poi si Aprono! E visto che il Cielo è tutto in mezzo a voi, tutti i Servi Inutili, tutti i Cari, tutti i Pargoletti, ormai è tutto Sceso! Hai, voglia che dicono: "questo è così e questo è così", e tutti i falsi profeti che se ne inventano una ogni secondo, eeeh, lasciamoli camminare! Don Vincenzo: Allora proseguiamo? Gesù: ! Don Vincenzo: "E la donna, impaurita e tremantevedendo ciò che era accaduto, venne Gli si gettò davanti e Gli disse tutta la verità; Gesù rispose: figlia la tua Fede ti ha salvata, vai in pace e sii guarita. Mentre ancora parlava della casa del capo della sinagoga vennero a dirgli: tua figlia è morta perché disturbi ancora il Maestro?Ma Gesù udito quanto dicevano disse al capo della sinagoga:non temere, continua solo ad avere Fede e non permise a nessuno di seguirlo fuorchè a Pietro, Giacomo e Giovanni." Gesù: E aspetta, eh, dammi questo eh, e anche questo, eh, eh, ecco, eh, tieni! <A Maria Elena> Ecco, vicepa', fai qualche altro scherzetto! E poi? Don Vincenzo: "Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed Egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava; entrando disse loro: perché fate tanto strepito e piangete? La bambina non è morta ma dorme, ed essi lo deridevano!" Gesù: Eh, e mo' che cosa fanno, non fanno la stessa cosa? Don Vincenzo: Purtroppo sì! Gesù: Purtroppo sì! Don Vincenzo: Qua ci deridono continuamente da 28 anni! Gesù: E lasciateli fare! Don Vincenzo: Deridono Te! Gesù: E lasciateli fare! Tutto deve camminare come sta camminando, poi quando arriva l'Ora......! Don Vincenzo: Quando arriva l'Ora del Padre! Gesù: Non Mi metto a ridere come fanno loro, Io Guardo...... <Gesù Abbassa la Destra> Don Vincenzo: ...E Abbassi la Mano! Gesù: , eeeh! ...Cosa c'è, hai finito di mangiare? <A Maria Elena> Hai finito di mangiare tu? Hai finito di mangiare? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non mangi più? Don Vincenzo: Non tanto! Gesù: Non tanto! Don Vincenzo: Possiamo pure mangiare! Gesù: Non c'è niente che ti piace del Banchetto? Don Vincenzo: Tutto è speciale! Gesù: Tutto è speciale! Don Vincenzo: Possiamo prendere quello lì! Gesù: Vuole quello morbido morbido, ......no, non glielo posso donare alla Cocciuta! Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: No quello non glielo posso donare alla Cocciuta! Chi Mi dà una mela? Don Vincenzo: La mela? Gesù: , così gliela faccio mangiare alla Cocciuta, eh, eh, così come ha fatto con l'erbetta Mi fa con la mela! Il medico ha suggerito che deve mangiare quella, eh Io glielo suggerisco così Me lo faccio amico! O no? Don Vincenzo: Ha suggerito la mela! Gesù: Mi conviene di farmelo amico, voi che dite? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi, eh, ehDon Vincenzo: C'è pure quello! Gesù: Cosa vuoi? Io non posso mangiare niente se no glielo devo dare alla Cocciuta...... ho mangiato l'ovetto, mo' vediamo se trovo qualche altra cosa, ma quello alla Cocciuta non glielo posso donare per niente, per niente, per niente! Se lo mangio Io, poi glielo dò pure a lei! ...Hai finito? Non vuoi più niente? Maria Elena: Eccomi! Gesù: Eccomi! E allora muoviti, e tu adesso se non lo mangi si scioglie! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Così mangia, parla, e Io bevo un sorsetto d'acqua, ma la Cocciuta non vuole neanche l'acqua, Io la bevo intanto un pochino! Ecco, così un pochino pochino gliela dò, visto che lei non la vuole! Eh eh, è bello il Continuo Banchetto, quello da sempre, quello preparato...... quello si mangia pure, è la frutta... eh, eh, quante quante gliene hai portate? Giuseppe: Bianca o rossa? Gesù: E scegli tu, Mi chiede bianca o rossa? Voi avete visto per caso una mela bianca? Chi ha mai visto una mela bianca? Don Vincenzo: ...Gialla! Gesù: E lui ha detto bianca o rossa? Io ve l'ho chiesto, no? Non dici più niente? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eh, eh, non la guardi più quella cosa che gira? Don Vincenzo: Gira troppo.........! Gesù: Gira troppo! Don Vincenzo: E invece devi stare qua con noi! Gesù: Mò rimango, ma poi vediamo se può venire Giovanni, ma c'è tanto Lavoro con i Sigilli e tutto quello che si deve preparare......... vediamo se dopo può venire......! <Gesù manda baci> Vi salutano ancora come vi salutano i Cari che sono in mezzo a voi attimo dopo attimo e voi non dimenticate di salutarli sempre...... salutateli che aspettano! Ehi, che c'è? Don Vincenzo: C'è questo pezzo......! Gesù: C'è un altro pezzo......! Cos'è, c'è la mela bianca, la vuoi mangiare? Giulia Mi stà facendo di nuovo il muso brutto! Don Vincenzo: Gliel'ha ordinata il medico la mela! Gesù: Eh, eh, quando il medico dice di mangiare una cosa, non è che i pazienti sono tutti contenti, è vero? Non sono tanto contenti! Cocciutella, eccola la meluccia bianca, mangia, mangia! Don Vincenzo: Forse lei preferiva il kiwi! Gesù: E' questa, ahm, ahm, ahm, ...parla parla... così non se ne accorge, così Io gliela dò da mangiare! Don Vincenzo: "In quel tempo Gesù e i suoi discepoli giunsero all'altra riva del mare, nella regione dei Gerasei. Come scesero dalla barca gli venne incontro un uomo posseduto da uno spirito maligno! Egli aveva la sua dimora nei sepolcri e nessuno riusciva più a tenerlo legato, neanche con catene, perché più volte era stato legato con catene" Gesù: Ma perché parli di questo? Don Vincenzo: E' il cosiddetto Vangelo di lunedì! Gesù: Vuoi andare avanti? Don Vincenzo: Se Tu lo ritieni utile, altrimenti no! Gesù: Voi lo ritenete utile? Tutti: No! Don Vincenzo: E allora lasciamolo! Gesù: Ti ho detto che per il momento si può andare avanti, ma se si può evitare è meglio o Mi sbaglio? Tutti: No! Gesù: Meno male! Che c'è? Il viceparroco, vuole dire una cosa, così la Cocciuta non se ne accorge! Raffaele: Posso? Gesù: ! Raffaele: Le Gocce sono del Padre: ma tutte le Gocce sono del Padre insieme ai Sigilli? Gesù: Anche! Raffaele: Tutti? Gesù: Sì e ve li dirà! Raffaele: I Sigilli sono superiori alle Gocce o sono uguali? Gesù: Un po' superiori e un po' sono uguali! Raffaele: Ha tanta pazienza il Padre? Gesù: , tanta tanta! , per questo vi ha scelto, ma ha scelto anche la Cocciuta che ne ha più di voi! Raffaele: Infatti...... noi non siamo pazienti......? Gesù: Così e così! Ma c'è lei, c'è la Piccola Cocciutella! Raffaele: Adesso è fuori pericolo? Gesù: No! Dovete pregare! Raffaele: Bisogna pregare! C'è tanto da cambiare! Gesù: Non è né la Torta e né le altre cose che la fanno stare male! Raffaele: Perché non ci dici quello che dovremmo fare così eviteremmo di farla soffrire? Gesù: Perché, qualcuno Mi ha mai ascoltato? E mai qualcuno ha ascoltato le Cose del Padre? Raffaele: Pochi! Gesù: , facciamo un passettino alla volta, la Cocciuta ha pazienza come ne stà avendo mangiando la mela! Avete mangiato tutti? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Io dovevo fargliela finire buona buona, cara cara, gliela faccio finire la meluccia, era contenta che stasera l'aveva saltata e mò gliela stò facendo mangiare! ...Che c'è ancora? Raffaele: Da tanti anni, Gesù, si parla di tutto ma, si è perso proprio Dio! Di tutto si parla, si riesce a parlare delle cose più assurde, tranne che di Dio! Gesù: Io non Mi sono perso, è che Mi hanno messo da parte ma sono sempre stato al Mio Posto: i figli hanno deciso di non volerMi più, Io sto al Mio posto e aspetto facendo tutto quello che devo fare, tutto quello che è stato scritto da sempre ma i figli hanno deciso di tenerMi lontano e Io sto lontano ma non Mi stacco da nessuno fino all'ultimo pezzo! Raffaele: Eccomi! Gesù: Tu che dici? Don Vincenzo: Che sei l'Angelo Custode di ognuno di noi, di ogni persona! Gesù: ! Don Vincenzo: Il Vero Angelo Custode! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché gli Angeli non esistono! Gesù: No, sono Io l'Angelo di Dio! Don Vincenzo: L'Angelo di Dio, l'Angelo di tutti! L'Angelo per tutti! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: E' che non Ti chiamiamo mai! Gesù: No! Don Vincenzo: Dovremmo bussare attimo per attimo al Tuo Cuore! Gesù: Non Mi chiamate mai! Don Vincenzo: Eppure Tu stai sempre affianco a noi, dentro di noi! Gesù: ! PICCOLO GIOVANNI: ...Ehi, ciao! Con la Croce... <Benedice col Segno della Croce> ...E con il Pane! Mi Sono Liberato un attimino...... Ciao, belle di Zio Mario! Ciao, bella di Zio Mario! Ciao, belle di Zio Mario! Ciao! <Giovanni Saluta tutti, in modo particolare a Chiara e poi nuovamente a tutti schioccando alcuni baci> Tutti: Ciao! Don Vincenzo: Dove eri impegnato? Giovanni: Ehi... Dove sono impegnato? Ciao, Nicó! Ciao, Capanna! Ciao, Mari'! Ciao, Teresa! Don Vincenzo: Gesù ha detto che avevi un sacco da fare... Gesù: , ci sono tante cose da fare..., e vi sono tutti i Sigilli, tutte le cose da preparare...... Eh... quello... <Il caffè> Lo vorrei tanto bere... Eh... bevilo tu al posto Mio che alla Cocciuta non glielo posso donare, sennò poi il medico Mi viene a battezzare...! <Si ride un po'> Chi lo vuole se Lo va a prendere! Salute! Com'è buono! <Giovanni schiocca un bacio> Ah! Così l'hai bevuto tu e l'ho potuto bere, se lo bevete anche voi lo Bevo anch'Io, così lo bevo un po' di caffeuccio! Se lo diamo alla Cocciuta...! No, poi, non si può... Allora, ci sono tante cose da fare..., tutte quelle cose preparate, le Gocce, i Sigilli... tutte quelle cose che vi vengono dette: Sette per Sette e tutti quelli che prende la Cocciuta senza che voi lo vedete, ce ne sono tante e c'è tanto lavoro! Il Cielo è in mezzo a voi a Lavorare, ma la Cocciuta vi porta! Vi dona anche a voi il compituccio da fare, portandovi sempre sulle sue spalle! Siete deboli e cadete di qua e cadete di là, ma dovete rinforzarvi perché i Tempi sono scesi e la Battaglia è già iniziata! , è già iniziata la Battaglia...! Perché Mi guardi così?(*) Tu non l'hai mai preso un po' di caffeuccio? Donateglielo un goccio, lui lo può prendere... ecco! Vorrei mangiare tanto una di quelle... <Una delle gustosissime ''chiacchiere''> Ma Me ne dai un pezzettino piccolo piccolo, così cerco di non donargliela alla Cocciuta...! Piccolo piccolo, ti ho detto... così, vedi? Che se Mi prendo uno di quelli..., poi gliene devo dare un pezzettino alla Cocciuta e se ne prendo questo..., Lo mangio Io... detto, dritto... e alla Cocciuta non gliene dò... ecco! L'avete visto voi? Neanche Io l'ho visto! Tu invece Lo puoi mangiare! <A Maria Elena> Mangia..., mangia...! Tu ne vuoi uno? Don Vincenzo: Eccomi! Giovanni: Ne vuole uno... Don Vincenzo: No, piccolo... Piccolo Giovanni: Non lo vuoi piccolo? Lo vuole grande. Don Vincenzo: Va bene, va bene... Piccolo Giovanni: Va bene? Ecco! Allora..., cosa vuoi chiederMi? Hai bevuto il caffeuccio? Sennò poi si fa freddo... Don Vincenzo: Non ancora..., prima mangio... Piccolo Giovanni: Ma prima mangi e poi dopo bevi...... Allora...! <Giovanni schiocca un bacio> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ciao, belle di Zio Mario! Ciao, Bella di Zio Mario..., ciao! Quando Ti dico cosa significa...... Quando vi dico a tutti quanti cosa significa "Ciao belle di Zio Mario" poi voglio vedere... <Si ride un po'> Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: L'altra volta hai detto che... Piccolo Giovanni: Cos'ho fatto l'altra volta? Ho parlato poco l'altra volta! Mi sono inserito... adesso invece Mi sono inserito un po' di più! Ti sei sporcato? La Cocciuta ti battezza, che ti sei sporcato tutto quanto......! Che ho detto l'altra volta? Don Vincenzo: Mi è scivolato quello che Ti volevo chiedere! Piccolo Giovanni: Ehi... Figlieee... Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Donate da mangiare il Banchetto! <Si rivolge daccapo a Don Vincenzo> No, trovalo! Non è scivolato! Dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Teresa: Eccomi, molto bene! Piccolo Giovanni: Eccomi sì o Eccomi, no? Teresa: Eccomi nì! Piccolo Giovanni: Questa Mi è nuova! ...... Piccolo Giovanni: E Maria come sta? Maria: Eccomi, sì! Piccolo Giovanni: ...Un Eccomi-sì che non significa né sì e né no! <Si ride un po'> E Nicola? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: E Io che faccio? Guarda che Io sto bevendo...! Non è che Io non sto bevendo ed ho tanto lavoro da fare, ma trovo anche il tempo per venire! Quindi, vengo? Nicola, Maria, Teresa : Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora vengo! Che c'è? Ti sei scordato quello che Mi dovevi chiedere? Eh, no, Tu hai detto che l'altra volta... Mi sono inserito..., mo' che volevi dirMi? Don Vincenzo: Ti sei inserito Tu? Piccolo Giovanni: Eh! Mi sa che Mi sono inserito un pochino, adesso Mi sono inserito di più! ..... Non hai più niente altro da chiederMi? Dopo Me ne devo andare..., c'è tanto lavoro da fare...! Ciao, belle di Zio Mario! Ciao! <Schioccano 4 baci in ripetizione, poi Giovanni si rivolge a Nicola> Quanti bicchieri ti hanno donato? <Si ride un po'> Ma vuoi parlare? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Sennò Me ne vado! Don Vincenzo: No...! Piccolo Giovanni: E allora parla! Don Vincenzo: L'altra volta hai detto che non bisogna convertire gli altri! Piccolo Giovanni: Ancora? Non c'è bisogno che lo ripeti, è stato detto! Don Vincenzo: È importante questo! Piccolo Giovanni: No, c'è il tempo..., è stato donato tutto il tempo, adesso il Cielo è tutto Sceso! Don Vincenzo: E la Chiesa Nuova, Giovanni, partirà da qui? Piccolo Giovanni: ...! Don Vincenzo:Partirà col Sole che si Aprirà qui? Piccolo Giovanni: ! È già partita! Don Vincenzo: È già partita? Piccolo Giovanni: ! Il Cielo è in mezzo a voi, tutto il Cielo è sceso! Se il Cielo è Sceso... avete già combattuto la Battaglia, poi quando si aprirà non lo so... non si deve dire..., si dirà quando si aprirà! Tutti vedranno sì, nessuno potrà dire: "Io lo conoscevo già...!", come i falsi profeti! Quando si adempiono le Cose del Padre si vedono, e tutti quanti le vedono! Quando si viene detto prima, non sono le Cose del Padre! Il Padre Mi ha Mandato, l'ha detto prima che sono arrivato, non lo ha detto dopo. L'ha detto prima, perché era già stato scritto, così come quelli che porta nel Rotolo la Cocciuta, sono stati già detti prima ma sono fermi nel Rotolo! Se vengono detti tre giorni prima, non sono dati da Dio! La Cocciuta, quando le dicono una cosa, la dice nel momento in cui le viene detta, così come quando le sono stati consegnati tutti i segreti! Le sono stati consegnati e li ha consegnati! Quelli che sono nel Rotolo li sta dicendo quando le viene detto di dirli, sono fermi da sempre, perché il Padre li ha preparati da sempre. Ma c'è un momento in cui dirli, e non è tre giorni prima, né tre giorni dopo, né una settimana prima..., troppo comodo! Non si deve digiunare quando c'è il Banchetto e quando c'è lo Sposo! Verrà il tempo dove non ci sarà più il cibo, ma ai figli non mancherà cibo! A coloro che rimangono fuori mancherà il Cibo. Non c'è bisogno né di stare una settimana digiuni, né di fare penitenza, perché per chi rimarrà fuori poi ci sarà il digiuno...! Non ci sarà penitenza, ci sarà Dolore per quello che non si è ascoltato, per quello che non si è fatto, perché è stato gridato da sopra i tetti e non è stato ascoltato! ...Adesso devo andare, c'è lavoro da fare...! Sempre con la Croce... <Benedice col Segno della Croce e poi schioccando qualche bacio> ...E sempre col Pane! Ciao, belle di Zio Mario! Ciao... Ciao...! Ah! Tutti: Ciao! Gesù: Eccomi! Ve l'ho fatto venire un po'... e chi lo teneva più fermo? Con tutto il lavoro che ha da fare e con tutto il lavoro che avete da fare anche voi e tutti i Servi Inutili..., la Battaglia è iniziata! Don Vincenzo: Gesù... Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Siamo tutti Servi Inutili? Gesù: ! Don Vincenzo: Siamo tutti Calici Viventi? Gesù: ! Ma di Calice Vivente Ce n'è uno solo! Siete tutti Calici Viventi, siete tutti Servi Inutili, tutti i figli, ma di Calice Vivente ce n'è uno solo! Lo è stato Giovanni, sei stato tu e lo sei e di Calice Vivente ce n'è Uno Solo! Dovete essere pronti e preparati e dovete pregare! Non vi dico di pregare per quelle Mura Insanguinate, non è che l'abbia messe da parte, vi dico solo di pregare per tutto quello che il Padre vi chiede, ma fatelo col cuore, fatelo da Servi così come siete, fatelo da Figli, fatelo da Croce, perché Croce siete, ma pregate col compito che il Padre ha donato a ognuno di voi: Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, questo è il vostro compito e Dio è un Bimbo Piccolo, Grande in mezzo a voi, come i vostri Cari e tutti i Servi Inutili! Cosa c'è ancora? Dopo vi devo salutare......! Vuoi parlare ancora? Ho detto: Dopo devo salutare... Don Vincenzo: Giovedì scorso... Gesù: ......Cos'è successo? Cosa abbiamo fatto? Don Vincenzo: Hai detto: "ognuno di voi sta lavorando e per questo siete stati chiamati ad essere la Nuova Chiesa Figli, e quanti Sigilli verranno ancora: Sette dopo Sette...!" Gesù: , Sette dopo Sette! Don Vincenzo: "...E di Papa ne ha scelto uno la Cocciuta!" Gesù: ! Don Vincenzo: "...Ma adesso deve scegliere anche i Sacerdoti!" Gesù: ! Don Vincenzo: "...E siamo già una Bella Famiglia..." Gesù: ! Don Vincenzo: "...Ma Gesù ne deve trovare altri..." Gesù: Ma già l'ha fatto la Cocciuta, ma non possiamo dirlo, lei l'ha già fatto perché le sono stati indicati! Don Vincenzo: Quindi, questa è la Chiesa Nuova? Gesù: ! Don Vincenzo: Siamo noi di Timparelle? Piccolo Giovanni: ! Siamo noi! Don Vincenzo: Con le Gocce e con i Sigilli...! Gesù: Ma Prima c'è Maria! Don Vincenzo: Con Maria? Gesù: ! Don Vincenzo: Con l'Arca e con i Remi... Gesù: La Fanciulla Scelta dal Padre, Chiamata, Amata e Donata ad ognuno di voi, così come Sono Stato Donato Io. Lei ha Versato il Suo Sangue e Io ho Versato il Mio Sangue e continuiamo a versarlo, perché la Battaglia è iniziata e si sta combattendo e adesso non si fermerà più! Si combatte, ! Il viceparroco vuole parlare... Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Avevi detto ai Tuoi discepoli che salivi un attimo dal Padre e poi scendevi dalla Croce... Gesù? Piccolo Giovanni: ! Raffaele: E poi non Ti hanno più visto? Gesù: , Mi hanno visto, ma non Mi hanno riconosciuto, come non Mi riconoscete adesso......! Sono sempre stato in mezzo a loro, ma per il loro diventare grandi non c'era spazio per vederMi e non ce n'è ancora! Raffaele: Quindi era solo una questione di umiltà...? Gesù: ! Raffaele: Gesù... Gesù: Eccomi! Raffaele: Qual'è il compito della Nuova Chiesa? Perché l'altra è sbagliata...! Gesù: Bisogna Fare le Cose del Padre! Don Vincenzo: Quindi bisogna portare i figli sulla Strada Stretta? Gesù: , ma c'è la Cocciuta che vi porta, ormai è tutto sulla terra! Prima vi portava nel Mare, nell'Orto e nella Vigna, ora ci siete già, perché il Banchetto è sempre pronto! Vi ha portato la Cocciuta, vi ha portato nel Mare, nell'Orto, nella Vigna e nel Forno, dove c'è il Pane che si è Spezzato, attimo dopo attimo, e Tutti i Servi Inutili sempre ad Impastare, a Cucinarlo, a Donarlo, a Spezzarlo! Il Cielo in Mezzo a Voi, Tutto è Sceso e per quello non sentite più "vengo nel Mare, vengo nell'Orto, vengo nella Vigna", ma ha affidato e affida i figli perchè sa che tutto è sceso! Non dovete scandalizzarvi se non sentite più le cose di prima, ormai tutto è sceso e lei, come spugna, si inzuppa e si beve! I Calici sono stati tutti versati e la terra non si può assorbire quei Calici ma li assorbe la Cocciuta come spugna e fa da madre-terra che assorbe e porta ancora tutti i suoi figli e l'umanità intera! La Madre-Terra: Piccola, Cocciuta, Formichina e Sposa che si inzuppa e si beve! Tutto questo Io lo posso dire e lei rimane sempre Piccola e invita ognuno di voi a rimanere Piccoli, Poveri e non vi fa inzuppare ancora come spugna, perché non potete farlo ma lo fa lei al posto di ognuno di voi! Vi Ama col Mio Amore! Eccomi, ti ho intenerito un poco? Raffaele: Tutto quello che è stato scritto, tutte queste Catechesi e quello che verrà scritto, è quello che rimane......! Gesù: , ma ci sarà il dopo......! Raffaele: Quando scendera l'ultima parte?(*) Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù schiocca un bacio> Ora, Tu saluterai con l'Albero Verde e Io vi Saluto... <Gesù schiocca un altro bacio> ...Col Mio Amore, Rimanendo qui! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Quanto lavoro, Giovanni! Io posso fare solo da spugna, ma poggiatevi su di me!(*) ...Sì, ho visto quanti Sigilli ci sono, donami Tu la Forza, come me la sai Donare sempre, così come me la dona il Calice Vivente! So che il Padre non me la fa mancare!(*) ...Ora vai, io vengo ad inzupparmi e poi mi bevo! Il Cielo possiamo salutarlo sempre, sono sempre stati qui in mezzo a noi!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io e aspetto il vostro Amore!: Tutti: TI AMO PAPÀ! <Il Padre schiocca un bacio> Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Eccoci, Papà! Eccomi come Sposa, mi vado a Bagnare e poi mi bevo! Tu fai tutto quello che devi fare! Ecco il Tuo Nocciolo Scorticato, Scortica, Scortica ancora, Scortica ancora, Scortica ancora...... tutto quello che trovi! Ci vediamo dopo, ciao!(*) ...Lavorate Fiorellini!(*) ...Lavorate Cari, Impastate il Pane, Infornatelo, Cucinatelo, Spezzatelo! Così facciamo anche noi al Banchetto che ci avete donato!(*) <Giulia schiocca un bacio>

 

 

 

 

2. Dom. 10/02/2013, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Don Vincenzo): Siamo tutti Servi Inutili! (La Madonna): Eh, sì! (Don Vincenzo): Siamo tutti Calici Viventi! (La Madonna): Sì, ma il Calice Vivente è Uno Solo! Siete Tutti Calici Viventi, ma di Calice Vivente ce n'è Uno Solo! Siete tutti Servi Inutili, siete tutti Figli, ma di Calice Vivente ce n'è Uno Solo: Lo È Stato Giovanni e ora Lo Sei Tu! (Don Vincenzo): Sì! (La Madonna): Ma tu svegliati...... <La Madonna si rivolge a Giuseppe il marito di Giulia> ......Se no non ti mangi nè le Paroline e nanche il Pane e rimani digiuno, e quando si rimane digiuni poi si ha Fame, e quando si ha Fame poi si deve cercare da mangiare! ......Invece il Banchetto qui è Sempre Pronto! (Don Vincenzo): Mammina! (La Madonna): Eccomi! (Don Vincenzo): Bisogna essere sempre pronti, preparati e pregare! (La Madonna): Sì! ...Non vi dico di pregare per quelle Mura Insanguinate......! ......Non è che le abbia messe da parte, ma vi dico solo di pregare per tutto quello che il Padre vi chiede! ...............Il Sangue scende sempre di più, è sempre Sangue Innocente di bimbi, di pargoli, di figli! Per questo dovete pregare perché il Sangue non si fermerà di bagnare quelle Mura! Dovete pregare anche per "i Grandi" perché non si fermeranno di accendere Fuochi di Guerra! Ce n'è solo uno...... come la Cocciuta ha preso solo un Papa...... ce n'è solo uno che può salvare...... e dovete pregare per tutto questo, solo pregare, guardando dritto nel Cuore del Padre! E non dovete fermarvi a convertirli! Dovete pregare convertendo i vostri cuori così potete guarire e salvare altri figli, ma non potete dire null'altro: pregate! Quando dovete pregare non cercate paroloni grossi! La Cocciuta Mi guarda e Mi dice: "Mamma, Eccomi!" E quell'Eccomi significa la Preghiera più Grande! "Oh Mamma, Eccomi, sono Tua Figlia e voglio rimanere Tua Figlia! ...Rimanere e non cambiare Viuzza!" È questa e solo questa la Preghiera più Grande! Sì, vi è stata insegnata l'Ave Maria, ma la Cocciuta si ferma dopo aver detto solo: "Ave, o Maria!" Vi è stato insegnato il Padre Nostro ma la Cocciuta si ferma dopo aver detto solo: "Padre Nostro!" E non va più avanti! Dicendo questo è Pieno il "Padre Nostro" ed è Piena anche l'"Ave Maria"! È una Preghiera di una figlia che si rivolge a una Mamma e una Mamma dona Tutto quando sente queste parole, eeeh!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) LA MADONNA: Rimani seduta! Giulia: Eccomi! La Madonna: Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(**). Giulia: Se Tu vuoi, posso alzarmi, Mammina! La Madonna: Ti ho detto di rimanere seduta...... rimani all'Ubbidienza! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: Nel Mio Amore Infinito che è la Misericordia Eterna di Dio...... <La Madonna fa scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> ......Vi Saluto col Suo Cuore che è la Croce, Figli Miei, e vi Invito a Camminare sulla Via che il Padre vi ha donato da sempre, quella Stretta...... <La Madonna Benedice ancora col Segno della Croce> ......Quella preparata da Lui, fatta con tutti i Sigilli e fatta dal Suo Amore, perché è Segnata dal Segno Tremendo della Croce, Figlioli Miei! <La Madonna Ripete nuovamente il Segno della Croce> Giulia: Mammina, vedo il Tuo Cuore che Gronda Lacrime! Di solito le lacrime portano un po' di tristezza ma quelle che vedo non sono di tristezza perchè sono Lacrime d'Amore e Lacrime di Gioia! Cos'è che è avvenuto e che non ho visto in Questo Giorno? La Madonna: Guarda.........!(*) Giulia: Eccomi, Mamma! Quelle non sono né le Tue Lacrime e neanche la Pioggia... ma quello è Sangue che sta lavando... e Tu Sei Gioiosa perché il Sangue sta lavando quei figli che ancora non volevano guardare Gesù e non l'avevano conosciuto! Sono Gioiosa anch'io tanto tanto......! La Madonna: Quello è il Lavoro che hai fatto, Portando l'Umanità sulle tue spalle! Giulia: Io non faccio nulla, ......Sei Tu e Gesù e il Padre......! Eccomi! Se voi dite così è la Verità Tutta Intera, perché Dio è Verità Tutta Intera! ......Sei così bella nel vederTi Raggiante, Mamma! La Madonna: Fateci Gioire ancora rimanendo Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto nel Lavorare nella Vigna che il Padre vi ha Consegnato nelle vostre mani, Figli Miei! Giulia: Mammina, visto che ci sono "i Sette-Sette" e ci sono anche i Sigilli che ci avete donato Giovedì...... pure oggi ce ne saranno......? La Madonna: Non temere, Anima Mia! Giulia: Ti consegno ancora il Tutto, così come Mi è stato donato nelle mie mani, nelle Tue, in quelle del Padre, in quelle di Gesù...... e Voi Sapete Cosa Dovete Fare! La Madonna: Il Padre ha messo "Tutto" sulle tue spalle, non dimenticartelo...! Giulia: Non è che io non voglio portarli, li porto, come il Padre vuole, ma li consegno nelle Vostre Mani, così siamo sicuri...... perché non c'è niente altro al di fuori di ciò che Dio ci ha donato e ci dona da sempre! Mammina, metto nel Tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati a Te...... quelli che si affidano...... pregando ancora per coloro che trafiggono i vostri cuori e anche i nostri...... e visto che Siamo un'Unica Famiglia accoglieteci ancora così come siamo! Nel camminare con Voi il Cielo è Tutto Sceso, è in mezzo a noi e siamo un'Unica Famiglia, quella che Dio ha chiamato da sempre "Figli"! La Madonna: Eccoci, Anima Mia, nell'Unica Famiglia della Croce...... <La Madonna Benedice nuovamente col Segno della Croce> .........E nell'Unica Famiglia del Pane Vivo in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili, con i Due Giovanni, col Cielo Riverso, con tutti i vostri Cari...... è ormai tutto Sceso: i Calici, i Sigilli e il Cielo Vivo in mezzo a voi......... <La Madonna Ripete il Segno della Croce> ......Nel Donarvi ancora l'Unica Verità della Croce e l'Unica Verità del Pane, Figlioli del Mio Cuore......! Giulia: Mammina, mi sono usata ancora come spugna, per inzuppare i Calici e mi sono bevuta......: è quello che mi Fate Fare...... ed Eccomi ancora per l'Eternità! La Madonna: Pregate, Figli...... il vostro compito è pregare per l'Intenzione di Vostro Padre che è Dio! Vigilate...... e state attenti ai falsi profeti perchè cresceranno sempre di più! Voi siete Sigillati con il Sigillo della Croce e vi Portate e vi Donate come Croce per i vostri nemici e per il lavoro che dovete compiere nella Vigna del Padre! Non temete gli uomini, Figli Miei, ma abbiate solo il Santo Timore del Padre! Giulia: Eccoci, Mamma, rispondo per tutti i figli! Ho raccolto ancora i cuori e Te li ho consegnati, così, anche se scenderà la pioggia e anche se scenderanno le lacrime, si bagneranno solo del vostro Amore e di niente altro: Eccoci! La Madonna: Guarda, Anima Mia.........! Giulia: Eccomi!(*) Altri Sigilli! La Madonna: QUESTI SONO I SIGILLI DELLE VENTOTTO CHIESE! Queste sono le Ferite che l'Umanità Porta! Il Cielo è Sceso a Curare le Ferite e a Fasciarle! ......Vedi il compito che dovete fare......!(*) Giulia: MAMMA...... VENTOTTO? La Madonna: , Anima Mia! Ma non dire altro! Giulia: Eccomi! La Madonna: Dopo aver curato tutte le Ferite, ......nelle vostre mani c'è il Fuoco di Dio......! Giulia: Come possiamo meritare tutto questo? La Madonna: È Dio a Parlare, non temere, Anima Mia! <La Madonna riprende a Benedire col Segno della Croce> Giulia: Eccomi, Mammina, non dubito che sia Dio a Parlare! Dio ha trovato così tanta grazia dentro di noi da farci curare i mali degli uomini che non Amano Dio! La Madonna: , Anima Mia, Dio ha cercato la Sua Famiglia e ha donato ad ognuno di voi il Suo Amore! .........Dio non cerca altro, Dio Cerca Solo l'Amore e quando Lo Trova Dona il Suo Amore, così cura...... e avrete tutte le ferite curate e fasciate col Fuoco dell'Amore e niente e nessuno potrà fermarvi! ......Dopo aver fatto questo...... arriveranno altri Fuochi di Guerra, Popolo contro Popolo, Nazione contro Nazione, Paese contro Paese, Casa per Casa......... ma non dovete temere perchè la Famiglia di Dio Camminerà col Fuoco dell'Amore del Padre e le Ferite verranno Cancellate...... e Cancellando le ferite molti Flagelli si fermeranno! .........Ma altri Sigilli: Sette-Sette-Sette... da Giovedì a Giovedì saranno sempre Sigilli...... fino a quando il Calice Vivente si Alzerá e Parlerà delle Cose del Padre Suo! Giulia: Eccoci, Sia Fatta la Volontà del Padre, Mammina! La Madonna: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI! Don Vincenzo: Benvenuta, Mammina! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Mammina, com'è bello ascoltarTi! La Madonna: E' bello ascoltare i vostri cuori, è bello vedere il Fuoco del vostro Amore Ardere verso il Mio Figliolo Gesù! FateLo Amare ancora, FateLo Conoscere ancora nell'Umiltà e nel Rimanere Piccoli e Poveri così come lo è il Padre: Bimbo, Piccolo, Povero, ma Ricco di Dio! E così dovete essere anche voi: Piccoli, Poveri e Ricchi dell'Eredità del Padre Vostro che è Grande! .........State tutti bene, figli? Tutti: Eccomi! La Madonna: Vi Amo! Don Vincenzo: Anche noi Ti amiamo, Mammina, tanto tanto! La Madonna: Lo vedo! Don Vincenzo: Che bello stare qui, insieme a Te ......e Quanta Tenerezza Tu Sprigioni! La Madonna: Quanta Gioia nel Mio Cuore......! Anche voi potete donare Tanta Gioia e Tanta Tenerezza se Fate la Mamma così come La Faccio Io! E' il Padre che Mi ha chiesto di essere Mamma e il Padre lo chiede ad ognuno di voi: siate Mamme...... Piccole......, Povere...... e all'Ultimo Posto......... così si è Ricchi di Dio! Questo chiede Dio ai Propri Figli e niente altro! Don Vincenzo: Facci diventare Piccoli, Mammina! La Madonna: Piccoli! Ci pensa la Cocciuta con le sue "Palate d'Amore" come dici tu! Le "palate" che dona la Cocciuta è l'Amore e il Perdono! .....................Non Mi racconti nulla? Don Vincenzo: In che senso? La Madonna: Ci siamo appena salutati! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: Io ho parlato un poco, la Cocciuta pure, Tu come Calice Vivente non hai niente da dirMi? Il Cielo ve L'Ho Portato Tutto Quanto perché ormai Abita sempre con voi e i Doni del Padre anche...... tu non hai niente? Don Vincenzo: Questo......... questi nuovi Sigilli, Mammina! La Madonna: Li hai sentiti? E adesso dovete Lavorare e la Cocciuta vi farà Curare, Fasciare e Guarire! Don Vincenzo: Praticamente queste Ventotto Chiese rappresentano i malati che ci sono in tutte le Chiese, perchè tutta la Chiesa è malata e va curata...... partendo dai "cosiddetti grandi della Chiesa"! La Madonna: ......Poi la Cocciuta ti dirà! ......La Cocciuta, in privato, ti dirà Cosa Rappresentano e Cosa Sono! L'ho fatta fermare nel Parlare! Quello che potete udire ve lo faccio sentire! Tra i Sigilli più Grandi e le Gocce più Grandi ci vuole un po' di Tempo! Dovete crescere ancora, se no rischiate di perdervi e, come il Padre, neanche la Cocciuta vuole perdere nessuno dei Suoi Figlioli! I bimbi imparano un passettino alla volta perchè se ne imparano due poi cadono col musino per terra e si fanno male! Invece facendo un passettino alla volta, non si cade, e così dovete fare anche voi: un passettino alla volta così non cadete... ma se cadete, la Cocciuta è pronta ad alzarvi! Ma sapete già che lei è solo un "Nocciolo Scorticato", non è niente altro, ma chiede ancora spazio dicendo: "se trovate ancora qualcosa, Eccomi!" Dimmi cosa si può trovare di fronte a un "Nocciolo Scorticato"? Un "Nocciolo Scorticato"! Don Vincenzo: Pieno d'Amore! La Madonna: Ma lei non si ferma di chiedere ancora! Vedete com'è Grande l'Amore? Così dovete imparare sempre di più ad Amare i propri nemici! Amando i propri nemici vi è facile Amare coloro che vi trafiggono il cuore, , così come fa il Padre! .........Vuoi dirMi qualcosa? Don Vincenzo: Sì, Mammina! La Madonna: Ma se ti è stato già detto, Io non Ti posso rispondere niente........., però se è una cosa nuova Me la puoi dire! Ma se è una cosa che ti ha detto già il Mio Figliolo Gesù, non posso aggiungere e né togliere! Vediamo! Don Vincenzo: Questa......: Ecco qua, la Battaglia è Iniziata! La Madonna: ! Don Vincenzo: Siamo tutti Servi Inutili! La Madonna: Eh, ! Don Vincenzo: Siamo tutti Calici Viventi! La Madonna: , ma il Calice Vivente è Uno Solo! Siete Tutti Calici Viventi, ma di Calice Vivente ce n'è Uno Solo! Siete tutti Servi Inutili, siete tutti Figli, ma di Calice Vivente ce n'è Uno Solo: Lo È Stato Giovanni e ora Lo Sei Tu! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: Ma tu svegliati...... <La Madonna si rivolge a Giuseppe il marito di Giulia> ......Se no non ti mangi nè le Paroline e nanche il Pane e rimani digiuno, e quando si rimane digiuni poi si ha Fame, e quando si ha Fame poi si deve cercare da mangiare! ......Invece il Banchetto qui è Sempre Pronto! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Bisogna essere sempre pronti, preparati e pregare! La Madonna: ! ...Non vi dico di pregare per quelle Mura Insanguinate......! ......Non è che le abbia messe da parte, ma vi dico solo di pregare per tutto quello che il Padre vi chiede! ...............Il Sangue scende sempre di più, è sempre Sangue Innocente di bimbi, di pargoli, di figli! Per questo dovete pregare perché il Sangue non si fermerà di bagnare quelle Mura! Dovete pregare anche per "i Grandi" perché non si fermeranno di accendere Fuochi di Guerra! Ce n'è solo uno...... come la Cocciuta ha preso solo un Papa...... ce n'è solo uno che può salvare...... e dovete pregare per tutto questo, solo pregare, guardando dritto nel Cuore del Padre! E non dovete fermarvi a convertirli! Dovete pregare convertendo i vostri cuori così potete guarire e salvare altri figli, ma non potete dire null'altro: pregate! Quando dovete pregare non cercate paroloni grossi! La Cocciuta Mi guarda e Mi dice: "Mamma, Eccomi!" E quell'Eccomi significa la Preghiera più Grande! "Oh, Mamma, Eccomi, sono Tua Figlia e voglio rimanere Tua Figlia! ...Rimanere e non cambiare Viuzza!" È questa e solo questa la Preghiera più Grande! , vi è stata insegnata l'Ave Maria, ma la Cocciuta si ferma dopo aver detto solo: "Ave, o Maria!" Vi è stato insegnato il Padre Nostro ma la Cocciuta si ferma dopo aver detto solo: "Padre Nostro!" E non va più avanti! Dicendo questo è Pieno il "Padre Nostro" ed è Piena anche l'"Ave Maria"! È una Preghiera di una figlia che si rivolge a una Mamma e una Mamma dona Tutto quando sente queste parole, eeeh! Don Vincenzo: Com'è bello, Mammina, parlando sempre in merito alla Preghiera: "Bisogna pregare per tutto quello che il Padre vi chiede, ma fatelo col cuore, fatelo da servi così come siete, fatelo da figli, fatelo da Croce perché lo siete...!" La Madonna: Perché il Padre Viene a Servirvi! Il Padre non indossa "gli abiti d'oro" , il Padre usa l'Abito da Servo e da Figlio e da Padre per donare ad ognuno ciò che è già stato Scritto! Se Dio si veste da Servo, perché non dovete indossarlo pure voi l'Abito da Servo e Servire così come Serve il Padre al Banchetto? Il Banchetto è sempre Pronto per tutti i figli, senza scartarne uno! Hai detto bene all'inizio: il Mio Figliolo Gesù ha Versato e Versa il Suo Sangue per tutti e se voleva scartare ce n'erano da scartare! Don Vincenzo: Eh! La Madonna: Ma non ne ha scartato nessuno! Il Sangue Lo Ha Versato e Lo Versa ancora per tutti perché è Cibo e si Dona! Senza il Cibo di Dio non si vive! Come si può camminare, Fare le Cose del Padre senza il Cibo che è Dio? Si è fuori, si cammina allo sbaraglio! E Dio non si vende a nessuno e si Dona sempre più in abbondanza! Mangiate il Cibo che il Padre ha preparato al Banchetto da Sempre: "Questo è il Mio Sangue e questa è la Mia Carne!" È il Suo Cibo e tutti ne dovete prendere in abbondanza attimo dopo attimo! Don Vincenzo: È il Suo Banchetto! La Madonna: ! Don Vincenzo: L'Unico, perché racchiude Tutti e Tutto! La Madonna: , il Banchetto che è Dio è Pronto, e il Cielo è Riverso, è in mezzo a voi, con tutti i vostri Cari e con tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Quindi possiamo dire continuamente: "Questa è la Mia Carne...... e Questo è il Mio Sangue"? La Madonna: È quello che il Padre fa attimo dopo attimo nel donarvi il Suo Tutto! Don Vincenzo: Mammina, scusami, ancora! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Mamma, devo riferire ogni volta che si tratta anche del nostro sangue e della nostra carne o basta dire "Questa è la Mia Carne e Questo è il Mio Sangue?" La Madonna: Essendo fatti a Immagine e Somiglianza di Dio, siamo un Tutt'Uno! Don Vincenzo: E quindi? La Madonna: "Questa è la Mia Carne", perché siamo fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Don Vincenzo: Sì, perché siamo un Tutt'Uno, siamo in Comunione, siamo Uniti! La Madonna: ! Don Vincenzo: Quindi: "Questa è la Mia Carne e questo è il Mio Sangue"? La Madonna: Volete dividervi da Dio? Don Vincenzo: No! Tutti: No! La Madonna: E allora: "Questa è la Mia Carne e Questo è il Mio Sangue!" Don Vincenzo: Mamma, volevo fare un riferimento a tutti i Messaggi con cui il Padre Sfama noi, i Suoi Figli.........! Quanto Pane il Padre Buono ci Spezza e ci Dona......! La Madonna: Ma dovete prenderne ancora! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: Non è che dovete lasciarLo...... Don Vincenzo: No, non possiamo lasciarLo, è la nostra Via, la Nostra Verità e la Nostra Vita! La Madonna: ...E' un Pane che viene Donato dal Padre e come è Morbido e come è Fragrante......! È il Pane di Dio e non diventa mai duro e lo potete mangiare attimo dopo attimo ed è sempre Fresco e Profumato! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: E come è Delizioso! .........Cosa c'è, non Mi racconti nient'altro? Giovanni e tutti i Servi Inutili stanno preparando gli altri Sigilli e fra pochi giorni ne avrete Sette-Sette-Sette-Sette! E stanno facendo tanto tanto Lavoro, ma dovete Lavorare anche voi! ......Cosa c'è? Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Giovedi Sera 31 Gennaio, è stato detto che per la Chiesa Nuova occorrono nuovi Sacerdoti e non è facile trovarli......! La Madonna: , ma quello ce l'ha già la Cocciuta ma non può dirlo! Don Vincenzo: Mamma, Tu Sei la Nuova Chiesa! La Madonna: ! Don Vincenzo: Mamma, Tu Sei la Vera Chiesa! La Madonna: ! Don Vincenzo: Mamma, Tu Sei l'Unica Chiesa! La Madonna: Il Padre Mi ha Chiamata: Sono l'Umile Ancella dinanzi ad ognuno di voi! Il Padre Mi ha detto di donarGli il Figlio e glieL'ho donato! E così Lo Porto sempre nel Mio Cuore, SpezzandoLo e DonandoLo ad ognuno di voi! Sono l'Unica Chiesa che Dio ha Scelto e rimarrò perché il Padre Una Sola ne ha Scelto di Chiesa: Sono Io, il Tabernacolo che Dio ha Mandato e che Porta il Suo Figliolo Gesù, e Sono Io Quel Tabernacolo Aperto a tutti e che si dona a tutti e non si chiude mai con la chiave: è aperto sempre ed è pronto a donarsi a tutti i figli, all'Umanità intera! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Prima hai detto che solo qui a Timparelle si Consacra! La Madonna: ! Don Vincenzo: Ci puoi spiegare questo? La Madonna: , una parte la posso spiegare: Gesù si Dona a tutti i figli, così come ha Versato il Sangue per l'Umanità intera e per tutti i figli e non si è rifiutato a nessuno col Suo Amore Infinito! GESÙ NON È MORTO, GESÙ VI HA DONATO IL SUO AMORE, HA VERSATO IL SUO SANGUE E QUANDO VENITE PENSATI NEL CUORE DEL PADRE GIÀ NASCETE LAVATI DAL SANGUE E NON C'È ALCUN PECCATO! Una Mamma non parla male dei propri figli e Io non sto parlando male dei Sacerdoti, ma loro non stanno dicendo le Cose che Ha Detto Gesù! Non c'è nessun peccato da cancellare perché è Dio che è stato a cancellarli Mandando il Figliolo e chiedendo: "vuoi diventare la Mamma, vuoi diventare l'Unica Chiesa che Lava e Cancella ogni macchia e ogni errore?" E Io ho risposto: "Eccomi", pur essendo una bimba, una fanciulla! <La Madonna si rivolge a una Fanciulla seduta in prima fila> Ancora più piccolina di te ho risposto il Mio "Eccomi" e, donando il Mio "Eccomi", la Chiesa si è spalancata ed è rimasta e rimarrà sempre così come il Padre L'ha voluta! Vi chiedo di pregare per tutti i Sacerdoti che sono stati ingannati nel dire: "questo l'ha detto Gesù, questo l'ha detto Gesù", ma non è quello che ha detto Gesù! Gesù Ha Detto Tutte Altre Cose.........! Gesù vi ha Lavati col Suo Sangue e non c'è alcun peccato! Sono gli uomini che stanno commettendo peccati, errori su errori e i Mali cadono su paesi e su nazioni, su città e su villaggi! Quando gli uomini si fermeranno di offendere Dio, tutto questo si fermerà, ma ancora non vogliono riconoscerLo! Un Piccolo Gregge è stato Salvato da tutto il Lavoro che sta facendo lo Strumento! Molti Sigilli verranno fermati, ma dovete pregare perché lo Strumento ancora è in pericolo, pregate, Figlioli Miei, pregate! Don Vincenzo: Siamo noi questo Piccolo Gregge? La Madonna: , voi siete il Gregge per Salvare l'Umanità Intera, Scelti da Dio: Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Per questo Dio non ha chiesto niente di grande: né palazzi, né chiese lussuose, né vendite! Dovete ridonare l'Amore che Dio dona ad ognuno di voi nei vostri cuori, così come dice la Cocciuta: "il Mio Gesù né si vende e né si compra ma si dona per Amore!" Dove ci sono vendite, dove ci sono palazzi lussuosi, lì non c'è Dio a Parlare, perché Dio conosce i cuori dei Propri Figli e non fa mancare il Cibo a nessuno dei Figli e fa scendere il Pane Quotidiano attimo dopo attimo! Dove vedete vendite e altre cose e palazzi lussuosi... lì Mi fanno dire che ho chiesto questo e ho chiesto quell'altro ma non è vero! Voi Dovete dare da mangiare ai poverelli il Pane che Dio dona ad ognuno di voi e il Cibo è in Abbondanza per tutti! Se si ha Fede ci sarà la Moltiplicazione dell'Amore di Dio per ogni figlio! Ma quando non si ha Fede si mette in bocca a Maria: "ha chiesto un pane, ha chiesto un pesce, ha chiesto i soldi per i poveri...", quando Dio ha tutte le Ricchezze e non deve chiedere niente, ma dona tutto il Suo Amore, dove fa scorrere latte e miele e Dona il Cibo a tutti i figli! Don Vincenzo: Hanno fatto diventare tutte le Cose di Dio tutto un Mercato! La Madonna: , per questo Giovanni non amava camminare nel mercato dove vedeva la vendita di Dio...... e non voleva passeggiare dove vedeva un mercatino......! ...Cosa c'è ancora? Cosa vuoi sapere ancora che non ti abbia risposto? Don Vincenzo: Sempre in merito a questo Sole che è nelle mie mani! La Madonna: Il Sole si aprirà, è nelle tue mani e si aprirà nell'attimo che il Padre ti dirà: "aprilo"! E questo non possiamo dirlo, c'è il veleno e ci sono i figli che ascoltano! Si aprirà quando il Padre ti dirà: "aprilo"! Né tre giorni prima, né quattro dopo, né cinque, né sei, ma nell'Ora che Lui Conosce e la Conosce Solo il Padre e lo Strumento per Volere del Padre, ma rimane e nessuno le potrà strappare ciò che Dio le ha donato da sempre, da quando è stata chiamata per scendere in mezzo a voi, figli! .........Cosa c'è ancora? Siete rimasti scandalizzati? Tutti: No! <La Madonna Schiocca un bacio> La Madonna: Vi voglio bene come Mamma e...come Tabernacolo Vivo in mezzo a voi, l'Unica Chiesa che rimarrà in mezzo ad ognuno di voi! Don Vincenzo: Sei Tu la Vera Chiesa! La Madonna: : è la Chiesa che Dio ha scelto, e ciò che sceglie Dio viene sempre scartato dagli uomini! Ma non dovete temere, è Dio che Regna e Regnerà per sempre! Don Vincenzo: È pesante questa parola che hai detto, Mammina..., l'ultima! La Madonna: Dio Regnerà per Sempre! <Si ride un po'> Don Vincenzo: È pesante questa Parola: "per sempre!" La Madonna: , per sempre! Anche il coro degli uccellini stanno approvando ciò che Dio dice! <Si sente il cinguettio degli uccellini> Don Vincenzo: Ah-ah, sì? Approvano? La Madonna: ! Ascoltano Dio che Parla, come anche gli alberi...! Don Vincenzo: Ah...! La Madonna: Ogni Creatura è creata in modo perfetto dal Creatore! Don Vincenzo: Certo! La Madonna: E non c'è nulla che non è Creato Divinamente dal Creatore......! Tutta l'umanità ascolta, ma non tutti Vogliono Fare le Cose del Padre! Ma una Piccola Famiglia sì, guidata da una Piccola Cocciuta, così come il Padre affettuosamente la chiama: Piccola Cocciuta, che rimane Cocciuta anche quando viene schiacciata! Don Vincenzo: Mammina... La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Nella creazione non solo le persone ma pure gli animali e le piante parlano? La Madonna: Si, tutto è Creato Perfettamente dal Creatore! Don Vincenzo: E tutto Parla? La Madonna: , perché tutti siete vivi e non c'è niente di morto! Don Vincenzo: Pure i Fiori Parlano? La Madonna: Tutti siete vivi e non c'è niente di morto! Quando Dio crea una cosa, la crea viva e non la crea morta! È il Creatore, il Creatore dei viventi, perché non c'è nessun morto! Don Vincenzo: Ogni Creatura, ogni Vivente, da' Gloria al Creatore! La Madonna: , l'hanno fatto anche gli uccellini...... che adesso si sono spostati... Don Vincenzo: Anche gli uccellini? La Madonna: , adesso si sono spostati..., poi torneranno! Tutto loda Dio! Don Vincenzo: Tranne gli uomini! Tranne gli uomini! La Madonna: Tranne gli uomini! Don Vincenzo: Che dispiacere! La Madonna: , è grande il dispiacere! Ma il Padre ha trovato una Piccola Cocciuta che Lavora e non si ferma mai...... e anche se adesso può fare solo la spugna, lei si inzuppa e si beve! Gli piace...... come tutti gli altri lavori che il Padre ha poggiato sulle sue spalle! ...Cosa c'è ancora? Stai mangiando al Banchetto? <Rivolto a Giuseppe> Don Vincenzo: Che ha fatto? La Madonna: Gli ho chiesto se stava mangiando al Banchetto! Don Vincenzo: Sì, lui è misterioso! Partecipa, mangia, dorme, ...non si sa, non si sa che ruolo c'ha. Se gli dici "stai a dormire?" Lui dice: "no, non dormo"! Se invece ha gli occhi aperti: "Eh, , dormo"! È un Mistero: fa parte della Creazione del Padre! <Si ride un po'> La Madonna: Vedi come sono Gioiosi i figli quando li fai sorridere? È bello essere nell'Armonia del Padre: rimanetelo sempre, Figli Miei, nell'Armonia del Padre, perché questa Gioia solo il Padre può donarLa ma gli uomini, no! Dio vi dona tutta la Sua Armonia, tutta la Sua Gioia, tutto il Suo Amore: Fateli crescere sempre di più e preparatevi ai Tempi che verranno! Ma vigilate perchè verranno tanti altri falsi profeti......! Figli, voi avete la Destra per combattere! <La Madonna Alza prima la Destra e poi la mette in posizione orizzontale come per abbassarla> Don Vincenzo: Mamma, possiamo pure abbassarla? La Madonna: , Avete il Pane e Siete Fatti a Immagine e Somiglianza di Dio, non dimenticatelo, ma senza diventare superbi rimanendo Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Se pensate di fare i superbi, non succederà nulla, né facendo così...; e neanche facendo così...! <Né alzando la Destra e neanche abbassandola> Don Vincenzo: Eh, sì! La Madonna: Piccoli e Poveri e all'Ultimo Posto, perché così Dio è da Sempre! Non si è preparato nessun trono, il Trono È e non c'è bisogno di prepararlo! E non preparatevi alcun trono, lo siete voi il Trono di Dio Fatti ad Immagine e Somiglianza Sua, non dimenticatelo mai, ma Piccoli Poveri e all'Ultimo Posto, Figlioletti Miei! ............Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Mammina, come sono Belle e Armoniose le Tue Parole d'Amore! La Madonna: Dio è Armonia e può donare solo l'Armonia e non è tristezza Dio......! Dio è triste quando vede i Figli cadere...... e non allungano la mano per essere alzati: lì è triste! ......Ma è Armonia ed è Amore e aspetta ancora! Don Vincenzo: Mammina... La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: È tutta una Armonia d'Amore il Creatore e la Creazione......! La Madonna: , Dio è tutto un'Armonia d'Amore! Don Vincenzo: Anche quando abbiamo detto di Gesù, che è il Vero e l'Unico Angelo Custode! La Madonna: ! È Dio l'Angelo, non ci sono altri Angeli in Cielo: Dio è l'Angelo! Don Vincenzo: Che continuamente Protegge, Custodisce e Vigila su tutti? La Madonna: ! Se avesse messo qualcun altro al Posto Suo, non c'era bisogno che ci fosse un Dio! Dio È, ci sono i Servi Inutili, come lo siete anche voi, ma è Dio l'Angelo di ognuno di voi! "Dio Tu che Sei l'Angelo...!" E Dio si è presentato a chiederMi che dovevo diventare Mamma! Don Vincenzo: Ah! La Madonna: Quante Storielle vi hanno insegnato! È Dio che vi ha mandato lo Strumento, lei non si è mandata da sola! È il Padre che ve l'ha mandata la Cocciuta dal "Grembo Materno di Dio", così come ognuno di voi viene dal "Grembo Materno di Dio!" Don Vincenzo: Siamo stati scelti dal Grembo Materno? La Madonna: Si! Don Vincenzo: Siamo stati chiamati già da allora? La Madonna: Si! Don Vincenzo: Perché tutto è scritto? La Madonna: , da sempre! Don Vincenzo: E il Servo Inutile Gabriele? La Madonna: Anche lui è stato chiamato da sempre! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: E come mai, di fronte a tutto questo Spettacolo, a quest'Armonia e a questo Amore, la Stragrande Maggioranza delle Persone volta le spalle all'Amore del Padre? La Madonna: È quello che Io Mi chiedo dinanzi ai Miei Figli: Dio che vi dona tutto... non basta il Tutto di Dio e si cerca altro, ma non c'è nulla oltre al Tutto di Dio...... c'è solo la via larga dove si cade! Nella Stretta c'è il Tutto del Padre, mentre su quella larga non c'è niente altro! Tutto è sulla Viuzza Stretta, ma gli uomini non la preferiscono e si avviano su quella larga dove non trovano nulla, dove non c'è Dio e si cade! Don Vincenzo: Nella via larga c'è solo il veleno e lì tutti si avvelenano......! La Madonna: Ma Dio aspetta! ..., dove c'è il veleno, e tutti i figli rimangono avvelenati, ma il Padre aspetta......! E anche lo Strumento aspetta! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: Un'altra domanda ancora! La Madonna: Si, ma fra poco devo mandare i figli a Casa! Porteranno la Pioggia che il Padre ha lasciato scendere e tutto l'Amore! Le Grazie scenderanno copiose in Questo Giorno quando tornerete sulle vostre viuzze e nelle vostre case! È questo il dono del "Nocciolo Scorticato" che Mi sta chiedendo dall'alba! Don Vincenzo: Il dono del Nocciolo Scorticato? La Madonna: , è dall'alba che la Cocciuta Mi sta chiedendo "oggi dovrai donare qualcosina di più... non è che Tu non doni nulla, Tu ci doni già tutto, ma oggi Ti chiedo di donare qualche cosina in più ai figli perché sono partiti col cattivo tempo, sono un po' scoraggiati, sono un po' deboli..."... e hanno bisogno di un Nocciolo Scorticato, e questo Nocciolo Scorticato scortica il Cuore del Padre e il Padre cosa deve fare? Deve accontentarla e l'accontenterà! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Tu non hai più nulla? Don Vincenzo: Si, Mammina, ma mi è scivolata la cosa! <La Madonna, scherzosamente, fa finta di vedere che cos'è caduto e si ride un po'> La Madonna: Non vedo nessuno scivolo! Don Vincenzo: Pure Giovedì Scorso mi è successo! La Madonna: E poi lo hai trovato lo scivolo? <Si ride un po'> Don Vincenzo: Non lo so se l'ho trovato perché dopo... si è voltata pagina! La Madonna: E allora è rimasto dietro all'altra pagina! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Don Vincenzo: È volato? La Madonna: Si! Don Vincenzo: Mammina, ancora... La Madonna: ...Eccomi! Don Vincenzo: Ah, sì! C'è un parcheggio Lassù nel Cielo? C'è una situazione in evoluzione che non è ancora definita? Oppure c'è qualcosa a cui bisogna arrivare ......o sono parcheggiati perchè non hanno fatto quello che dovevano fare? ...Forse non mi sono spiegato? La Madonna: Si che ti sei spiegato, sei stato chiarissimo! , c'è qualcosa, ma non posso dirtelo! Don Vincenzo: Ah! E quindi c'è qualcosa......? La Madonna: Si, c'è! Don Vincenzo: Eccomi, Mammina! La Madonna: Tu ti spieghi sempre bene perché Dio ti fa parlare, e quando tu parli Dio già conosce quello che tu stai per dire! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Così come ascolta i cuori di ognuno di voi in questo istante...! Don Vincenzo: ...Eccomi... La Madonna: ...E sa quello che deve fare e donare per tutti, senza fare alcuna distinzione, perché tutti siete fatti a Immagine e Somiglianza del Padre! Don Vincenzo: I figli devono ripartire! La Madonna: Si, i figli adesso li mando a casa col Nocciolo Scorticato e con tutto quello che lei ha chiesto al Padre! E quando arriverete sulle vostre viuzze e nelle vostre case, nei vostri cuori ci sarà tutto quello che il Nocciolo Scorticato ha chiesto! E allora tu saluterai tutti i tuoi figli e dopo Io vi saluterò col Magnificat! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Ma la Cocciuta la lascio seduta! Don Vincenzo: Si! La Madonna: Ed anch'Io rimango al posto suo! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Don Vincenzo: Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Tutti: Amen! <Ora tutti quanti recitano il canto del Magnificat insieme alla Madonna. Poi quando si è arrivati al versetto ''Ha soccorso Israele Suo Servo, ricordandosi della Sua Misericordia'', la Madonna dice:> La Madonna: Ha soccorso i Figli che Lo Amano, Lo Cercano e Lo Chiamano "Papà"! <Poi quando si è arrivati al versetto ''Come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla Sua Discendenza per sempre'', la Madonna dice:> La Madonna: E la Sua Discendenza non ha né Limiti e nè Misure, non è un Gruppo Piccolo! Non ha né Limiti e né Misure perché è Dio, e la Sua Discendenza non ha Misure! Giulia: Mamma, il Tuo Amore non ha Limiti e nè Misure! L'Amore che ci hai donato in questo giorno, l'Amore che ci doni in questo istante, non si può paragonare a niente perché non c'è qualcosa che possa Misurarlo! Accoglieteci ancora così come siamo e donateci il lavoro da fare! La Madonna: Vi Lascio il Mio Cuore ed il Nocciolo Scorticato! Giulia: Eccoci, Mammina mia! Ti porto tanti Noccioli Scorticati quando verrò dopo!(*) ...Mamma, il Cielo possiamo salutarlo? È sempre qui con noi! <Tutti salutano il Cielo e i propri Cari> Rimanete e Banchettiamo al Banchetto che il Padre ci ha donato da sempre!(*) ...Dopo vengo a bagnarmi come spugna e mi bevo ancora, e porterò quello che raccolgo! <Giulia schiocca un bacio> Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio Scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Papà, nel Lavorare nella Vigna che ci hai donato, nel Rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere Uniti al Tuo Cuore!(*) ...Ciao, Papà Formicone, ci vediamo dopo!

 

 

 

3. Giov. 14/02/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Gesù): ..................Amo l'Umanità Intera col Nome della Croce, Figli e Amici... <Gesù Benedice ancora con il Segno della Croce.> ......E vi invito ancora ad essere vigilanti, a camminare sempre su quella Viuzza piccola piccola e stretta stretta preparata da sempre. Vedete, quando il Padre ha preparato Tutto non ha lasciato nulla, ha preparato Tutto dall'Inizio, vi ha preparato ogni cosa: la Viuzza Stretta Stretta e per prima ha preparato la Croce, l'Albero, quello che ha le Radici Profonde e quelle Radici Profonde non si spezzano e nessuno può spezzare l'Albero Verde! Non dimenticatelo...... gli uomini l'hanno dimenticato......, ma voi non potete dimenticare che siete stati fatti da sempre, fatti con la Croce da sempre per essere Vignaioli nella Vigna da sempre! E altri Sette Sigilli sono pronti in questo giorno nell'essere vigilanti, Sette Sigilli senza alcun Sigillo, ma sono Sette e sono i più tremendi: i Sette Sigilli senza alcun Sigillo! (Giulia): Perdonami, Gesù, ma se sono Sette e non hanno alcun Sigillo, cosa devo fare io? (Gesù): Tu i Sigilli li vedi e li conosci e sono Sette! (Giulia): Non posso dirli? (Gesù): Sono i più tremendi! (Giulia): ......ALMENO UNO SOLO? (Gesù): È IL SANGUE CRESCENTE, NON VERSATO DAL MIO AMORE MA VERSATO DAL VELENO! ......ORA SEI CONTENTA......? (Giulia): Almeno uno ne conosciamo......! (Gesù): Vedi, le tue lacrime scendono e si uniscono all'Amore! (Giulia): Gesù, ce ne sono Sette...... e conoscere che sono tutti tremendi ci vuole poco a ingoiarlo...... e da un po' di giorni mi fa male la gola...... e non riesco ad ingoiare bene! Eh, sì, la spugna imbevuta asciuga un poco..., ma prendiamo tutto con le Gocce del Tuo Amore così la gola funziona bene......! (Gesù): Ma guarda ancora, Anima Mia......! Vedi, il Cielo è sempre in mezzo a voi, così come è pronto il Banchetto: quello del Mio Sangue e della Mia Carne, quello preparato da sempre dal Padre!

*******************

(Don Vincenzo): La Cocciuta porta tutti quanti sulle spalle, inzuppandosi come Spugna e Bevendosi! E non solo sono 28 le chiese come è stato detto nel messaggio di Domenica 10 Febbraio, ma adesso ce ne sono 1.600 che sono gravemente malate e in fin di vita! Sono tutti i falsi profeti quelli che stanno avanzando, e la Cocciuta ha questo lavoro da fare sconfiggendoli!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Fermati!(*) <Come al solito alla Glorificazione Giulia stava per alzarsi, nonostante sia ancora debilitata> Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Siamo ancora vivi tutti quanti?(*) Tutti: Eccomi! Gesù: E ci vuole tanto per rispondere? Siamo Vivi e Io Sono Sempre Vivo in mezzo a voi nel Portarvi l'Unico Segno Vivo: il Segno di noi Croce e di noi Pane!...... <Gesù Alza la Destra e col Segno Trinitario Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce>......È l'Amicizia più Grande del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo ed è arrivato "un Altro Sette", nel Sette di tutti i Sette del Padre! Siamo Uniti da sempre e nell'Amore e nell'Abbondanza vi Amo Tutti Quanti! Amo l'Umanità Intera col Nome della Croce, Figli e Amici... <Gesù Benedice ancora con il Segno della Croce.> ......E vi invito ancora ad essere vigilanti, a camminare sempre su quella Viuzza piccola piccola e stretta stretta preparata da sempre. Vedete, quando il Padre ha preparato Tutto non ha lasciato nulla, ha preparato Tutto dall'Inizio, vi ha preparato ogni cosa: la Viuzza Stretta Stretta e per prima ha preparato la Croce, l'Albero, quello che ha le Radici Profonde e quelle Radici Profonde non si spezzano e nessuno può spezzare l'Albero Verde! Non dimenticatelo...... gli uomini l'hanno dimenticato......, ma voi non potete dimenticare che siete stati fatti da sempre, fatti con la Croce da sempre per essere Vignaioli nella Vigna da sempre! E altri Sette Sigilli sono pronti in questo giorno nell'essere vigilanti, Sette Sigilli senza alcun Sigillo, ma sono Sette e sono i più tremendi: i Sette Sigilli senza alcun Sigillo! Giulia: Perdonami, Gesù, ma se sono Sette e non hanno alcun Sigillo, cosa devo fare io? Gesù: Tu i Sigilli li vedi e li conosci e sono Sette! Giulia: Non posso dirli? Gesù: Sono i più tremendi! Giulia: ......ALMENO UNO SOLO? Gesù: È IL SANGUE CRESCENTE, NON VERSATO DAL MIO AMORE MA VERSATO DAL VELENO! ......ORA SEI CONTENTA......? Giulia: Almeno uno ne conosciamo......! Gesù: Vedi, le tue lacrime scendono e si uniscono all'Amore! Giulia: Gesù, ce ne sono Sette...... e conoscere che sono tutti tremendi ci vuole poco a ingoiarlo...... e da un po' di giorni mi fa male la gola...... e non riesco ad ingoiare bene! Eh, sì, la spugna imbevuta asciuga un poco..., ma prendiamo tutto con le Gocce del Tuo Amore così la gola funziona bene......! Gesù: Ma guarda ancora, Anima Mia......! Vedi, il Cielo è sempre in mezzo a voi, così come è pronto il Banchetto: quello del Mio Sangue e della Mia Carne, quello preparato da sempre dal Padre! Giulia: Lo vedo, Gesù, e vedo tutto il Cielo Riverso, i Cari, ......e com'è bella questa Armonia d'Amore! Com'è bello rimanere al Banchetto Tuo...... non quello preparato dal mondo e dagli uomini...! È Dio che Prepara ogni Cosa, e Dio ha fatto tutto giusto da sempre! La Giustizia del Padre Arde nei Cuori di chi sa riconoscerLo, Gesù, e noi ancora stiamo incominciando ad imparare! Gesù: Tu stai incominciando ad imparare adesso? Giulia: Eccomi! Gesù, tieni sempre sulle mie spalle ciò che hai messo da sempre e tieni fermi i Sigilli e i Rotoli, quelli che ancora non si devono Aprire, ma dammi sempre la Costanza e la Forza di poter camminare! Gesù: Perché tu cammini male? Giulia: Sì, eccomi, ancora devo imparare! Devo imparare l'Umiltà, l'Amore e la Carità! Gesù: E imparalo, Figlia Mia, imparalo! Giulia: Perché sorridi così, Gesù? Gesù: Perché non sai fare nulla..., lo dici tu! Giulia: Eccomi, Gesù: "Straccio Stracciato ai Piedi della Croce!" Questa è la Parola Giusta, così non Ti metti a ridere quando dico che non so fare nulla: "Straccio Stracciato ai Piedi della Croce!" E così, tra la Spugna e lo Straccio Stracciato..., mi bagno e mi bevo! E passa anche il mal di gola un po' a tutti quanti! <Più di qualcuno tossisce e schiocca qualche Bacio> Gesù: Ma guarda ancora.........!(*) Giulia: Il Cielo è tutto Pronto e Preparato...... è Preparato a Festa, ed è Preparato anche a Combattere......! Ci sono tutti tutti tutti tutti, tutti i Servi Inutili, i Due Giovanni, Carlo, Pio, Domenico, Vittorio, Natanaele, Rossella tutti gli altri, le Bimbe, i Pargoli, tutti pronti nel Fare Festa e tutti pronti nel Combattere! Eh, sì, Gesù abbiamo un bel po' da fare con i Sigilli! Gesù: Sette ci sono già stati, altri ve ne darò e quando verrà Giovanni, se riesce a liberarsi, vi dirà altro! Giulia: E visto che è Tutto Versato, che è Tutto in Azione, che è Tutto da Combattere, che è Tutto da Lavorare......... ora cosa facciamo, Gesù? Gesù: Guarda, Anima Mia.........! Giulia: Eccomi! E io, come sempre, verso Tutto nel Tuo Cuore...! È già Tutto Pronto ed è Tutto Preparato e Io lo metto Tutto nelle Tue Mani, Gesù, e Tutto quello che mi hai consegnato Te lo riconsegno......! Dall'alba fino al tramonto Tutto quello che mi hai donato da lavorare lo rimetto nelle Tue Mani, e se c'è qualcosa che non ho fatto, dimmelo! Gesù: Non hai lasciato niente! Giulia: Vado di nuovo ad inzupparmi e poi mi bevo, e nel rimanere così, Porto i miei figli come sempre a Lavorare e a Combattere, perché è Tempo di Combattere! Gesù: Combattiamo con l'Unica Verità della Croce e...... <Gesù Alza la Destra e Benedice col Segno della Croce> ......Con l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Vivere nella Pienezza dei vostri cuori la Vigna che il Padre vi ha donato! Ma vigilate, i falsi profeti stanno crescendo, vigilate, Figli Miei, e combattete... <Gesù Benedice ancora col Segno della Croce> ...Con la Croce e con il Pane, il Segno del Mio Amore e dell'Unione nella Vigna che Dio vi ha donato! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: ...Eccomi, Giovanni, Calice Vivente! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! ......Come state, tutti bene, figli? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu stai bene? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Abbiamo messo sopra il Tavolo tutte le Pietanze! Gesù: , tutto è preparato...... com'è preparato da Sempre! <Gesù si rivolge a Giuseppe dandogli la Corona del Rosario> Tieni, se no cade... e poggialo qua! <Raffaele porge un Mazzo di Fiori composto da una Rosa e quattro boccioli di Tulipani> Ehi, è per Me, eeeeh: , uno, due, tre e quattro, eh, siete tutti quanti! Questo che è? ...Apri il Bigliettino......, ma lo sai di che colore sono questi tulipani? Non li avete guardati quando li avete comprati? ......Qualsiasi colore è, vi siete impegnati per Tutta la Vita! "Il Tulipano Impegna", ma Io vi avevo già scelti...... è inutile che vi impegnate da soli, eh! ............E cosa dice il Bigliettino? Don Vincenzo: "Eccomi"! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: "Sono il Frutto del Padre: mi chiamo Giovanni, per il Cielo, dal Piccolo Giovanni...... Piera e Vito!" Gesù: Eh! L'hanno capito cosa hanno fatto? Qualcuno: Auguri! <Tutti applaudono a Giovanni che è nato oggi, il figlio di Piera e di Vito> Vicepa', metteli nell'acqua i Fiori! <Raffaele porge un altro Regalo a Gesù> Eh, un altro...... e mo' vediamo che c'è scritto anche a questo, eh eh......... ehi, c'è un cuore grande grande...... e mo' Leggi questa Letteruccia qua, Mi sa che questa è del viceparroco... chissà se indovino, Io non so giocare agli indovinelli, ......ma tu apri la Letteruccia che Io apro questo...... e ci sono i cuoricini, ecco......, leggi, leggi che Io ascolto! Don Vincenzo: "Gesù, non so dirTi con le parole quanto Ti Amo, anche se spesse volte non mi comporto da vera figlia come Tu desideri, ma Ti dono il mio Eccomi"! Gesù: Eh... Don Vincenzo: "Maria"! Gesù: Qua c'è Scritto: "il mio cuore è solo Tuo" <È un Orsacchiotto di Peluche> Eh, ciao! <Si applaude> Questo è Mio...... e questi cioccolatini li puoi mangiare tu tranquillamente, tieni! Raffaele: Chi è Maria? Gesù: Chi è Maria? Eccola, eh! Questo Me Lo Porto poi a Casa! <Raffaele porge un Altro Regalo> Un Altro Regalo...... questo non lo so di chi è, vediamo, ehi, leggi, leggi, leggi! Don Vincenzo: "Caro Amato, ti doniamo i nostri cuori racchiusi in uno: Ti Amiamo!" Gesù: Eh..., leggi! Don Vincenzo: "Raffaele, Alessandra, Chiara, Antonio..." Gesù: E... Don Vincenzo: "...Caterina"! Gesù: E quando sentiranno quelli cosa gli ho detto, mò vediamo se si impegnano come tulipani, eh! ......Ehi, ehi, ehi, guarda...... <C'è un grande cuore di Peluche con scritto:> "...Ti amo"! <Si applaude> Anch'Io vi amo, e adesso Me lo ruba la Cocciuta, perché? Sai perché? Quello che si era comprato lei, glielo ha rubato Giovanni e lo ha portato ai piedi della culla......, no, questi Me li porto Io a Casa Mia quando Me ne vado, ma Io non Me ne vado mai, sto in mezzo a voi sempre! Sentite, visto che i Due Banchetti sono pronti, che ne dite di fare il primo Banchetto col Mio Sangue e la Mia Carne? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora, tu sei pronto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Anch'Io Sono Pronto, in Piedi, sulla Croce a Guardarvi dall'Alto! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Andate, , ma poi ognuno si alza e Mi Prende! <Raffaele porge a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> E Io Prendo Me: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele porge a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù dona il Bicchiere a Don Vincenzo> Tieni, Questo è il Mio Sangue! <Gesù Mangia un po' di pane e il resto Lo dona a Don Vincenzo che a sua volta Beve e Mangia> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! Questa è la Mia Carne! Gesù: Ora tutti quanti, dopo aver preso del Banchetto dell'Amore del Padre...... sempre dal Banchetto dell'Amore del Padre prendete tutte le Pietanze! <Gesù Indica la Tavola con le Pietanze> Eh, preparatevi per il Banchetto e così, nell'attesa, Io Mi Gusto tutte le Pietanze eh, ! <Gesù si rivolge a Maria Elena per far sistemare meglio una Composizione di Fiori> Ehi, sistema quella, mettila così, il Verde sotto e i Fiori sopra..., hanno sbagliato, ecco, e così è più bella, eh! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù Osserva Rimanendo Seduto> Eh, eh! Questo è il Mio Sangue! ............E state attenti al pallone, Me l'hanno Regalato e l'accolgo come tutti i Regali, ma se lo rompete poi fa "bummete", eh! <È un maxi palloncino rosso con tanti cuori donato da Assunta> Il delegato fa sempre il delegato, eh, eh! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Il Banchetto è tutto bello e pronto: il Primo Banchetto dell'Amore del Padre è stato Mangiato...... adesso si può mangiare anche del Secondo Banchetto! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: E poi... la Parola? Gesù: La Parola vi è stata donata dall'inizio, adesso continuiamo a donarLa, ma Io Mi Sono già Donato! La Parola Principale del Padre è: "il Mio Sangue e la Mia Carne"!E la Cocciuta rimane sempre Spugna che si Inzuppa e si Beve per tutti i mali del mondo, eh! Tu adesso cosa vuoi fare, vuoi mangiare o vuoi parlare? Visto che avete mangiato del Primo Banchetto, adesso mangi dell'altro? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Cosa vuoi mangiare? Vicepa'? Don Vincenzo: ......Con tutta questa Grazia di Dio......! Gesù: Dagli tutto, ehi! Don Vincenzo: Ecco qua! Gesù: Quante Torte......, Quanti Dolci...... e ce n'è una che è la più grande, eh! Don Vincenzo: Quale, Gesù? Gesù: Questa... eccola... questa, Io Me la mangerei tutta quanta intera, ma il guaio è che non la posso far mangiare alla Cocciuta perciò Me la conservo......, come faccio a mangiarla? <Gesù poi si rivolge a Mario e Maria Elena che hanno portato una Piccola Torta a Cuoricino> O la porto ai Due Piccoli Servi Inutili che stanno Impastando il Pane e poi se la mangiano? ............No, ne facciamo poi un Pezzettino per uno, per tutti quanti! I BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Eh, figurati se te la facevo mangiare tutta, mamma, papà, eh, eh? Gesù: Se la Cocciuta potesse fare così......! <Mettere il Dito nella Panna> Ammh, la prenderebbe tutta e la mangerebbe tutta! ...Buon Appetito e Tanti Auguri, Innammorati del Mio Cuore! <Si applaude...... e Gesù manda baci> E Tanti Auguri a tutti i Servi Inutili, tanti Auguri a Valentino Servo Inutile che ha saputo Amare e sa Amare ancora...... ma tutti l'hanno preso in giro, altro che hanno detto che aveva fatto quello che non doveva fare e poi l'hanno ucciso......, eh, non hanno ucciso niente, è rimasto Vivo e Continua a Fare Tutte le Cose del Padre! E Io cosa posso prendere per far mangiare qualcosina alla Cocciuta? E un altro di questo, eh, , , eh, fallo fallo, eh, eh, eh! I Bimbi di Mario e Maria Elena: Questa Torta la devi dividere tu: un Pezzettino per tutti quanti, mamma, e anche tu, papà! Noi possiamo parlare... ci fanno parlare! Non è che siamo né morti, né muti, ma siamo Vivi e Parliamo! Don Vincenzo: Quindi possiamo racchiudere tutto in tre Banchetti? Quello del "Sangue e della Carne", quello della Parola e quello delle Pietanze? Gesù: La Mia Carne è un Banchetto solo! Per fare questo Mi Sono Fatto a tre, ma invece sono diventato Quattro perché il Quarto Banchetto è che Sono Spalancato sulla Croce e la Porta è Aperta Sempre! Eh, , ma adesso che avete finito, lo sapete cosa dovete fare? Il Primo Banchetto Lo avete mangiato, adesso iniziate anche col Secondo! Caterina e Maria: Eccomi! Gesù: Che è sempre l'Unico Banchetto! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Buon appetito! Vai, vai, sei delegato! <Raffaele porta i bicchieri con l'Avanzo a Franco, Luisa e Lucia> E... solo questo? Mi dai una patana, così gliela faccio assaggiare alla Cocciuta, una patana, e se no sai dove sono le patane! ...Il Viceparroco non riconosce le patane...! <Giuseppe> Sei sicuro che quelle sono patane? Raffaele: Sì! Gesù: Basta che non sbagliate..., queste sono patane di riso, figli, visto che non riconoscete le patane? Ci vogliono le donne per riconoscere le patane! Raffaele: Sicuramente! Gesù: Ecco, eh, forse questa è una patana, ecco, così Io ne mangio un pezzettino più grande e alla Cocciuta le faccio assaggiare un pezzettino! Buon appetito! Così dopo possiamo parlare, ne hai cose da dire tu? Don Vincenzo: Poi vediamo! Gesù: Poi vediamo? Questa sì che è bella, poi vediamo, eh, poi vediamo, è proprio bella! Figli, state tutti bene, vi voglio a tutti bene, tanti auguri ancora! Tutti: Eccomi! Gesù: Ma alle Spose............, quando si è alla Festa degli Innamorati, lo si può essere da Figli, ma visto che oggi è la Festa degli Innamorati, Spose Mie, Tanti Auguri......! Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, eh, , Tanti Auguri! Ehi, che bello! <Il Pane-Pesce> Ne avete di fame, sì o no? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E tu per metterMi l'acqua ti sei dovuto mettere la giacca? Giuseppe: Devo andare di la! Gesù: Ah, devi andare di là! Tu avevi fame? No, sì o no? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora buon appetito! Don Vincenzo: Grazie, anche a Te! Gesù: Eccomi, Io Mi mangio un Pezzettino, dobbiamo mangiare un Pezzettino uguale, perché lo stesso pezzo che mangio Io, dopo glielo devo donare alla Cocciuta! E lei ancora deve mangiare solo quello che il Padre ha preparato per lei! ...Vicepa', ti raccomando, eh, divertiti, è piccola quella cosa...... ti pare? Non ti pare piccola......? <Raffaele taglia il Pane-Pesce> Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Sei rimasta dispiaciuta? <A Maria Elena> La volevi mangiare tutta tu..., ma un pezzettino per uno, lo devo mangiare anch'Io il pezzettino Mio e poi lo dobbiamo far assaggiare anche alla Cocciuta se no poi i Servi Inutili vi battezzano se non fate assaggiare alla Cocciuta un pochettino di Torta! Vai, vai, sei delegato! <Raffaele porta la coda e la testa del Pane- Pesce a Lucia e Luisa> Che c'è? Don Vincenzo: Quanto Bene di Dio, Gesù! Gesù: Quanto Bene di Dio......! Avete visto quanto Bene vi vuole Dio? Vi dona Tutto! Ma dovete imparare anche voi a donare Tutto a Dio, tanto non vi fa mancare nulla! Mosè: Eccomi! Gesù: L'Eccomi con la bocca......, ma quando si deve poi donare Tutto, si ritorna indietro......, quello con la bocca non va bene...... è il Tutto che si deve donare al Banchetto del Padre! ......O ho detto qualcosa che è sbagliato? Tutti: No! Gesù: Meno male! Eh, eh, vicepa'? Raffaele: Eccomi! Gesù: E' grande il pesce da tagliare? Raffaele: Eccomi! Gesù: Ma è buono......... così, adesso si è messo pure a fischiare! <Il microfono> Quando poi si mangia, eh, sì quando fischia gli fanno male le orecchie! <Si riferisce agli auricolari di Don Vincenzo. Gesù fischia imitando il microfono> Avete sentito qualcosa? Qualcuno: No! Gesù: Io non ho sentito niente! Com'è, adesso cosa le diamo alla Cocciuta? ......Che le diamo alla Cocciuta? Un pochettino alla volta, eh, eh, sai cosa le devi donare alla Cocciuta: la verdura! Don Vincenzo: Uh? Gesù: E così poi ce la semina sulla testa di nuovo! , adesso gliela doniamo la verdura alla Cocciuta, eh, aspetta che gliela dò Io, gliene dò un pochino se no quella poi Me la semina sulla testa, ecco qua, speriamo che non gliene ho donata tanta, tie', conservala, conservala, se no quella ce la semina sulla testa a tutti quanti! Voi che dite, così nascendo tanta verdura poi l'orticello è bello da sistemare e se la Cocciuta vede tanta verdura, poi sapete che fa? Va solo ad inzupparsi come Spugna e si Beve, eh, ecco! Beh, ti raccomando divertiti, eh! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eh, , è delegato! <Si rivolge a Mario e Maria Elena> Eh, pensate che ve la passate liscia così, dopo si viene a divertire il viceparroco e poi qualcun altro si diverte pure! ...Tu non hai niente da chiedere sui Sigilli, li hai sentiti i primi sette? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non hai niente da dire? Don Vincenzo: Si è parlato dei Sette Sigilli che senza alcun Sigillo sono i più tremendi! La Cocciuta li conosce e un Sigillo Tu, Gesù, grazie a lei, ce l'hai rivelato, quello che riguarda il Sangue Crescente, non versato dal Tuo Amore, Gesù, ma versato dal Veleno......! Gesù, ogni nome e ogni numero hanno un significato......! Gesù: , se non avevano significato, Dio non si sarebbe scomodato a venire a dirlo! Dio non si scomoda mai, ma non dice più niente se non ha un significato! Tutto quello che è Parola va detta da Dio, ha un significato che Lui gli ha donato da Sempre! Don Vincenzo: Ha un significato positivo? Gesù: Ha un significato! Se ti dico: positivo o negativo, ho svelato tutto quello che c'è sotto! ...Venite col "niente"... Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Gesù: ......Allora, vuoi chiedere qualcosa? Ehi, che bel palloncione, eh..., grazie a tutti i figli che Mi hanno portato il Regalo dell'Amore e grazie per i Regalini dell'Innammorato, eh, eh! Beh! Don Vincenzo: Ancora, Gesù! Gesù: ......Ancora! Hai finito di mangiare, non mangi più? Dopo mangiamo di nuovo, così alla Cocciuta gli diamo un fruttino, la verdura gliel'ho fatta mangiare e gliene diamo un poco, se no poi ce la semina sulla testa, e l'ovetto gliel'ho fatto mangiare, la patana gliel'ho fatta mangiare pure......e ancora deve Mangiare le Cose del Padre! Don Vincenzo: L'ha gradita la Cocciuta, però, quella verdura? Gesù: , gliene ho data un pochettino e meno male che ne ha visto poco di verdura, se ne vedeva un altro pochettino di più, come l'ha vista ha fatto: "uuuh!" Perciò stasera voleva rinunciare, ma poi gliel'hanno fatta mangiare, poi ne ha dovuto mangiare ancora, e quando la vede fa: "uuuh!"! Don Vincenzo: Ah! <Si ride un po'> Gesù: Cosa c'è? Ma ancora non hai capito che Mi devi chiedere qualcosa sui Sigilli Nuovi? Don Vincenzo: ...Tu, Gesù, ci Inviti sempre a pregare! Gesù: , dovete pregare secondo l'Intenzione del Padre, non pregate così, allo sbaraglio, ma fermatevi e ascoltate l'Intenzione del Padre......, Lui la mette nei Cuori di ognuno di voi la Sua Intenzione, e adesso che il Cielo è in mezzo a voi e la Battaglia è già iniziata, tutti i Servi Inutili stanno combattendo e anche voi state combattendo! Dovete pregare per questa Intenzione, per il Cielo che è Sceso e per tutto l'Intervento di Dio che da Sempre ha fatto e gli uomini hanno nascosto...... ma ora è venuto a farlo Lui e ha chiamato la Famiglia a Lavorare......... e i Vignaioli che non hanno saputo fare la Volontà del Padre sono stati già tolti! Ma pregate ancora per quelle Mura...... il Sangue non si ferma di scendere e aumenterà sempre di più! Don Vincenzo: Si parla sempre di Sangue Innocente? Gesù: , sempre di Sangue Innocente! Don Vincenzo: Quindi è Sangue di bambini? Gesù: E' Sangue Innocente! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! La Cocciuta non è che non li porta più, porta tutti quanti, solo che è Tutto Sceso e ce n'ha di Lavoro da fare, ce n'ha figli da raccogliere e da mettere sulle spalle, ce n'ha figli da portare nel Mare, nell'Orto e nella Vigna, Inzuppandosi come Spugna e Bevendosi! Eh, , non solo adesso sono 28 le Chiese, 28 sono state dette, ma adesso ce ne sono 1.600 oltre alle 28! Sono Tutti i falsi profeti quelli che stanno avanzando, e la Cocciuta ha questo Lavoro da fare! Don Vincenzo: Stanno avanzando questi falsi profeti? Gesù: ! Don Vincenzo: E la Cocciuta li deve combattere? Gesù: ! Don Vincenzo: Insieme al Cielo? Gesù: Sì e anche con ognuno di voi! Ehi, Me ne dai uno? <Un ciuccetto di zucchero> Eh, eh, eccolo, bello, bello di papà, bello di mamma, tie', eh, eh! <Gesù lo mette in bocca a Don Vincenzo e si ride> Me ne dai un altro? Eh, eh, bello di papà, bello di mamma, tie', eccolo, eh, eh! <Gesù fa la stessa cosa con Giuseppe> Eh, eh, Mi diverto, eh, a chi lo dai quello e tu niente, tu niente? Raffaele: Adesso? Gesù: Adesso, eh, eh, eccolo, bello di papà, bello di mamma! <Raffaele lo prende per sé e poi dona i ciuccetti a Mario e Maria Elena> I Bimbi di Mario e Maria Elena: Ah, bello di mamma, eh, Eccomi, eh, eh, eh, ah! <Si ride perché si sente ''ciucciare'' come fanno i neonati> Gesù: Eh, eh, com'è, com'è? DiteMi qualcosa! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Quindi ognuna di queste 1600 chiese sono le chiese dei falsi profeti che stanno avanzando? Gesù: Tu Mi tocchi, se Mi tagli esce pure il sangue, perché sono Vivo! Don Vincenzo: Gesù, eh! Gesù: Scusa, perché Mi hai toccato? Don Vincenzo: Perché? Gesù: Perché Mi hai toccato? Don Vincenzo: Perché c'ho un po' di allergia! Gesù: Così tu ti impari a non toccare quello e poi non devi fare quello che stai facendo! Per fare andare via l'allergia si sta versando un barattolo di schiuma sulle mani, quando la Cocciuta ti ha detto che l'acqua calda e la schiuma ti fanno male! Tu non l'ascolti mai, , gli ha portato due barattoli vuoti! Ha versato tutta la schiuma sulle mani, , eh, poi l'hai fatto ma lei ti ha detto che non lo dovevi fare, devi pure ascoltare...... bastava che ti metteva la cremuccia la Cocciuta! Così ti impari a toccare quello che non devi toccare...... eh, dovete ubbidire! La Cocciuta quando vi dice le cose, vi dice le Cose del Padre e se non ubbidite, non ubbidite neanche al Padre! E adesso ti bruciano le mani, hai messo il sapone, ne hai messi due barattoli interi... te l'aveva già detto la Cocciuta ieri, ma tu non l'hai voluta sentire: "guarda che quella non la devi mettere!" La stai mettendo da tre giorni, eh, , ne hai consumati due barattoli interi, e adesso stai per finire anche il terzo! Che pensi che Io non ti veda? Io vedo e sento ogni cosa, ma tu come tutti gli altri, pensate che non vi vedo e non vi sento, ma non c'è nulla che Io non veda e senta! Mi stai ad ascoltare, Calice Vivente? E da Calice Vivente lo sai che vedo e sento, perché lo Sai pure tu e Senti pure tu! Non ti sto rimproverando, sto dicendo quello che stai facendo! ...Beh, ora parla! Poi gli diamo qualcosina da mangiare alla Cocciuta! Don Vincenzo: Queste 1.600 Chiese, da dove sono uscite? Gesù: Eh, sono uscite perché come escono i Sigilli, escono pure le cose che devo dirvi Ogni Sette Giorni! Don Vincenzo: E sono sempre malate queste Chiese? Gesù: Gravi, non malate......, sono in fin di vita! Che c'è, che vuoi sapere ancora? Parla, parla, Io ti rispondo! Don Vincenzo: Essendo in fin di vita richiedono le cure! Gesù: Già sono iniziate le cure e le fasciature, è già iniziata la Battaglia! Don Vincenzo: Ma la Battaglia fa sì che queste Chiese perdano o vincano? Gesù: La Cocciuta deve combattere i falsi profeti che avanzano e per combattere i falsi profeti non è che si devono farli vincere......! Se vincono i falsi profeti che succede dopo? Dio va sottosopra? Dio non è mai andato sottosopra e non ci andrà mai, i falsi profeti sì e si deve Combattere e ognuno di voi deve Lavorare nella Vigna, perché la Cocciuta vi porta a tutti quanti, ma sulle sue spalle, e poi lei come Spugna si Inzuppa e si Beve! Don Vincenzo: Gesù, in che cosa consiste questa Battaglia? Gesù: Combattere! Don Vincenzo: Questo combattimento come avviene? Gesù: Nel Silenzio e nel Nascondimento! Don Vincenzo: Quindi nella Preghiera al Padre......! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché faccia vincere il Suo Esercito! Gesù: ! Voi dovete pregare! Dovete pregare secondo le Intenzioni del Padre: bussate al Suo Cuore e chiedete: "Eccoci, siamo venuti per Lavorare, ci hai chiamati alla Giornata e siamo venuti a farlo!" E' questo che dovete dire! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh... Zio Mario è in giro e vi saluta! PICCOLO GIOVANNI: ...Ciao, belle di Zio Mario! Tutti: Ciao! Piccolo Giovanni: Ciao, belle di Zio Mario! Tutti: Ciao! Piccolo Giovanni: Ciao, belle di Zio Mario... ciao, belle di Zio Mario... ciao, belle di Zio Mario! Gesù: Ahhm! <Indica il ciuccetto che mangia Don Vincenzo poi Gesù lo lecca di nuovo e si ride> Mangialo tu, non glielo posso donare alla Cocciuta! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: E queste 28 Chiese che fine hanno fatto? Gesù: E sono lì! Don Vincenzo: Sono lì insieme alle 1.600? Gesù: ! Preparati a farMi qualche altra domandina, così Io ti rispondo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Pregare significa anche dire: "Questo è il Mio Sangue! Questa è la Mia Carne"! Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi Offrire questa Tua Frase, questa Tua Preghiera al Padre? Gesù: ! È Offrire Me stesso per ognuno di voi e voi lo Offrite anche per i vostri nemici quando la dite! Don Vincenzo: E quindi la possiamo dire in continuazione...? Gesù: , attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Racchiude tutto questa Preghiera! Gesù: ! Un altro, così uno lo mangia lei e un altro lo mangio Io, tu mangiati questo, visto che tu puoi mangiare, la Cocciuta invece deve mangiare le Cose del Padre, e di più la Spugna Imbevuta, la Inzuppa e poi si Beve! E' quello il Cibo che il Padre ha preparato per lei in questi Tempi: la Spugna che si Inzuppa! Il Cibo per lei, preparatogli da Sempre! Ecco, e adesso mangiamo quello e uno lo mangio Io e un altro lo mangia la Cocciuta! ...Buon appetito! ...Figlie, riprendete daccapo! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Gesù: Grazie, viceparroco sei molto gentile......! Tu non mangi più niente oltre a quello, voi l'avete mangiato? <A Mario e Maria Elena> , beh, tu non vuoi mangiare niente? Don Vincenzo: Sì, Gesù, voglio il formaggio! Gesù: Mangia il formaggio e vuoi anche quello? Don Vincenzo: Grazie! Gesù: Bravo, non ne hai preso né uno e né due, quando sono due se ne prendono due! Don Vincenzo: Mi si è rotto, ecco qua, basta! Gesù: No, erano uniti! Don Vincenzo: Uh! Gesù: E quando si è Uniti, non si divide! Che c'è, ecco, adesso Io ho mangiato il Mio e l'altro lo dò alla Cocciuta! Che c'è, siete tutti tristi? Tutti: No! Gesù: Non vi piacciono i Sigilli? E ancora ce ne sono sette, sette, sette, sette, per un bel po' di mesi ci saranno sempre Sigilli, poi il resto dei Sigilli che si Apriranno del tutto e Scenderanno anche, ! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: I Sigilli sono anche il risultato della Guerra dei Servi inutili? Gesù: Voi fate solo le Cose del Padre, i Servi Inutili fanno solo le Cose del Padre, i Sigilli non sono stati preparati dal Padre! Raffaele: E gli Ultimi Sette Sigilli senza alcun Sigillo sono i più tremendi? Gesù: Sono i più Tremendi...... e il Padre non prepara cose Tremende per i propri figli! Raffaele: Mi leveresti una curiosità? Gesù: , se è possibile! Raffaele: Hanno scritto tutta la Tua storia, ma nessuno c'è l'ha mai raccontata quella Vera! Gesù: E ve la sto venendo a raccontare Io! Don Vincenzo: Da quando eri piccolo? Gesù: , dal Grembo di Mio Padre, vi racconterò ogni cosa, , e riguardo a quello che è stato scritto sui cosiddetti...quattro vangeli non c'è niente di Mio e nessuno ve l'ha mai detto! Fermiamoci! Raffaele: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Il Padre in tutti questi anni, ha mai abbassato la Mano? Gesù: , lo sta facendo anche in questo istante! Raffaele: Gesù, ma se ne sono accorti i falsi profeti? Gesù: Ancora no! Raffaele: E le altre volte? Gesù: No! Raffaele: No? Gesù: No! Erano troppo impegnati come lo sono adesso......, se ne sono accorti dopo e, anche se se ne sono accorti, hanno continuato a fare i falsi profeti e non si sono pentiti! Raffaele: Eccomi! Gesù: Perché Dio guarda anche i cuori pentiti, ma loro non si sono pentiti! Eccomi! Raffaele: Eccomi! Gesù: E neanche adesso si pentiranno di quello che hanno fatto e continueranno a fare, ......e per questo siamo Scesi per Combattere e la Battaglia è iniziata! Raffaele: Eccomi! Gesù: Che c'è, non dici più: "quella cosa gira", ehi, quanto tempo è passato, dov'è andato? Don Vincenzo: Chissà, bisogna corrergli dietro! Gesù: Eh, bisogna corrergli dietro? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E poi se corriamo dietro, che facciamo? Don Vincenzo: Saliamo! Gesù: Lasciamo il Banchetto? Don Vincenzo: Saliamo sul treno! Gesù: Saliamo sul treno! No, si è fermato! Don Vincenzo: Ah! Gesù: , quando il treno si prende, si ferma! Così viene preso! ...............Eh, state tutti bene? <Gesù manda baci e viene ricambiato> Tutti: Eccomi! Gesù: Ciao, Cielo, siamo tutti qua, possiamo salutarvi attimo dopo attimo, ciao Cielo, ciao Cari! I Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, ciao! Don Vincenzo: Ciao! Gesù: Parla, di' qualcosa...... non hai niente? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora di' qualcosa, se hai qualcosa da dire, se no non parli mai! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Questo invito alla preghiera profonda, questo invito alla preghiera vera ci dovrebbe far crescere nella Fede, nella Pace, nel Fare la Tua Volontà, nel Fare la Volontà del Padre! Gesù: ! Don Vincenzo: Nell'essere Piccoli, Poveri, Ultimi! Quindi c'è tutto un Bagaglio Spirituale per una crescita se la facciamo proprio con Amore! Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi... Gesù: Quindi? Don Vincenzo: Quando Tu dici di Pregare, quella sola parola, contiene una serie di corsie...... di un'unica Strada, che è quella della Preghiera fatta di amore! Gesù: ! Don Vincenzo: E fatta di tante corsie e quindi di tante opportunità! Gesù: ! Don Vincenzo: E di Tanta Luce e di Tanta Grazia! Gesù: ! Don Vincenzo: Questo dobbiamo fare durante la giornata: entrare in Comunione con Te e col Padre e rimanerci il più a lungo possibile! Gesù: Voi che siete nella Vigna, nell'Arca, e avete i Remi, dovete fare tutto questo! Don Vincenzo: Uhm! Perché questo ci fa crescere spiritualmente! Gesù: Non dovete scoraggiarvi nell'Amore, non dovete neanche scoraggiarvi negli affanni, dovete andare sempre avanti e guardare la Giornata del Padre e Lavorare nella Vigna, perché siete stati Scelti, e se il Padre vi ha Scelti non vi lascerà giustamente da soli! E' Lui che vi porta in braccio! Voi invece pensate di fare tutto voi, di avere tutti i pesi e le fatiche sulle spalle, quando invece è il Padre che vi porta e fa tutte le fatiche per ognuno di voi! ...Ma c'è anche lo Strumento! Don Vincenzo: Che è sottoposta a una Guerra Continua! Gesù: , a una Guerra continua! E non si ferma un istante! Don Vincenzo: Scegliendo sempre la parte più dura cioè quella di portare sulle spalle tutta l'Umanità! Gesù: Scegliendo solo e sempre ciò che fa gioire il Padre! È quello che ogni figlio dovrebbe scegliere: ciò che fa felice il Padre! Don Vincenzo: Sì!(*) Piccolo Giovanni: ...Ehi, ciao! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Come state? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Con la Croce... <Benedice col Segno della Croce> ...E con il Pane Io vengo sempre! Ehi... c'è un Regalo anche per Me? Chi Me lo manda? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi... aspetta... non c'è più niente? C'è rimasta quella là...! Eh... uhei... Allora, stasera facciamo un liquorino? Grazie, cuoricini Miei...! <Giovanni schiocca alcuni baci> Che ci facevo con questo, Mari'? Maria: Lo mettevi nel vino! Piccolo Giovanni: Solo? Dappertutto: nel vino, nel caffè...... Adesso che il caffè la Cocciuta non lo può bere, bevetelo voi un goccino, così facciamo il Miscuglietto in anticipo! Eh e... alzatevi... alzatevi mettete un goccino di vino, un goccino di caffè... e il cuore e datemelo a Me..., dammi, dammi il cuore che Me lo porto a casa... ecco! , mettilo nella borsa, tanto con Gesù non litighiamo... eh... eh... eh...! <Si ride un po'> Avete visto che così facciamo il liquorino..., ma lo potete bere voi Io non lo posso bere... neanche la Cocciuta..., glielo fate solo assaggiare un goccino dal tuo, va bene? E se no, poi il Padre ci battezza..., perchè lei deve prendere solo le Cose del Padre, quello che..., la spugna che si inzuppa e si beve. Ma faglieli donare a lui, così Me lo fa assaggiare... ecco! Che buono! Bevi... Beh......! Dicono che Io non so fare niente..., ma poi quando l'assaggiate......... è vero che è buono? È vero che è buono? È buonissimo! Don Vincenzo: C'ha il colore del caffè... Gesù: , perché c'è il caffè dentro...! Eh, ... c'è il caffè, c'è il vino e c'è il liquoruccio! Meno male che te l'ho detto, quello si doveva mettere dentro......! Se l'era dimenticato! Be'... come facciamo con questi Sigilli? Hai sentito anche il numero delle chiese! Don Vincenzo: Giovanni... Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Ma da dove escono fuori...? Piccolo Giovanni: Da tutto quello che è stato fatto! Don Vincenzo: Ah ah ah..., quindi sono tutte le conseguenze negative? Piccolo Giovanni: Eh, ! Ma poi ci sono i Sigilli Positivi alla fine..., quelli buoni, quelli che rimarranno! Don Vincenzo: E che compito ci doni a noi? Piccolo Giovanni: Eh questo non lo so..., questo si vedrà dopo! Non si dice prima quello che viene dopo, c'è il veleno che cammina...! Posso dirti di altri Sette Sigilli che sono fatti con Sette Rose: una bianca, una verde, una rossa, una gialla, una nera, una viola e l'altra... cielo! Sono Sette Sigilli fatti con Sette Rose! Posso dirti solo questo e sono i Sette che dovevo consegnarvi Io! Don Vincenzo: E pure la rosa nera? Piccolo Giovanni: Si, non è brutta, è bellissima! C'è la rosa nera! Don Vincenzo: E queste sette rose... Piccolo Giovanni: Io ti ho detto solo questo, il Mio compito e donarti i Miei Sette Sigilli e i Colori non li dimenticherete di sicuro, saranno sempre lì sigillati! I Miei Sette Sigilli te li ho consegnati! .........Ciao, belle di Zio Mario! <Giovanni schiocca una serie di baci intervallati dalle parole> ...Ciao, belle di Zio Mario!(*) ...Ciao, belle di Zio Mario!(*) ...Ciao, bella di Zio Mario...! Ciao, bella di Zio Mario...! Ciao! I Bimbi di Maria Elena e Mario: Ciao, mamma e papà! <Schioccano un bacio> Ciao, è Bella la Torta, ma senza che vi offendete, lì dove c'è il Banchetto del Padre, ce n'hanno fatta una più grandicella, e la devono mangiare tutti quanti i Servi Inutili... e anche qui la mangeremo tutti quanti, basterà per Tutti anche questa! ......È un tesoruccio, come siamo noi! Ma non dovete essere tristi, noi siamo Vivi e siamo sempre vicini, vicini, vicini! Dovete aspettare... Piccolo Giovanni: ...Che c'è? Non dici niente? Io devo stare attento ai Pargoli che Impastano il Pane e poi sbucano a parlare; poi devo stare attento a quelli che stanno combattendo..., devo parlare anche, poi devo andare anch'Io a combattere! Parla..., parla... di' qualcosa! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: In che cosa consiste realmente questa battaglia? Piccolo Giovanni: Te l'hanno già detto! Non posso risponderti più! Dovete combattere, pregare e Fare le Cose del Padre! Don Vincenzo: Il nostro combattimento è questa preghiera? Piccolo Giovanni: Si! ...Ciao, ciao, Nico! Stai bene? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: È buono il liquoruccio che ho fatto? ...Ciao, dottoressa! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Ciao, Mari', tu non ti fermi mai di fare battaglie, vero? Maria: No! Piccolo Giovanni: Non Ti sei mai fermata e non basta tutta la battaglia che c'è da fare adesso......, devo pure venire a riparare quello che hai combinato? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora vengo? Maria e Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: L'orto va sempre bene..., tutto tranquillo... la verdura è sempre profumata e fresca, quindi a Me che la verdura non Mi piace per niente...: mangiatevela voi! Eh... vi ho sistemato a tutta la famiglia, un bacio a tutte le altre capanne Mie... quelle che Mi sono rimaste... Eh! Ho detto tutto! <Giovanni schiocca un paio di baci> ...Ciao, belle di Zio Mario!(*) ...Ciao, belle di Zio Mario!(*) ...Ciao, belle di Zio Mario! ...Se non dici niente, Io vado a Lavorare! ...Ciao! Don Vincenzo: Buon Lavoro... Piccolo Giovanni: Con la Croce... <Giovanni Benedice col Segno della Croce> ...E col Pane! La Battaglia Questa è: tu la conosci, vero? La conosci la Battaglia Militare? Mario: Eccomi! Piccolo Giovanni: Un poco puoi parlare..., poi... corri, scappa... boom, baam, buum! Gesù: Che c'è? Don Vincenzo: È una guerra a tutti gli effetti! Gesù: Eh, si, Giovanni aveva fretta ed è scappato... prima non poteva scappare e adesso è scappato... vi ha detto tutto quello che vi doveva dire...! Don Vincenzo: ...Eh, si, e ci ha dato anche una Ricetta! Gesù: Eh, si, quelli Gli hanno portato il liquoruccio che a Lui piaceva e che metteva sempre nel caffè, e dopo averci messo quello, ci metteva pure un chicco di caffè! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Così era più saporito ancora! ...Che c'è? Non hai niente da dirmi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: ...Figli, Io non lascio nessuno, né morire perché non si muore, e non lascio nessuno solo nel pianto e nel dolore, ma Io porto tutti nella Gioia dove c'è sempre Vita Eterna! Lo dico ad ognuno di voi per farvi capire che Dio non è tristezza ma Dio è Amore, e non vi ha mai lasciati soli e non vi lascerà mai soli! ...Adesso parla tu perché da quando sono arrivato sto parlando sempre Io! ...Ehhh... Don Vincenzo: Si... quello che volevo chiederTi, Gesù, è questa preghiera con cui noi dobbiamo cercare Te, aspettare Te, incontrare Te, e quindi durante la giornata dobbiamo sempre evitare le distrazioni, evitare di non metterci in preghiera, perché se riusciamo a metterci in preghiera Vera e Profonda, quello è il momento del Vero Amore... Gesù: ...Questa "Ave Maria" e questo "Padre Nostro"... è quello che ci è stato detto! Don Vincenzo: Quello che ci ha detto la Cocciuta? Gesù: No, quello che le è stato detto di dire! La Cocciuta non dice niente di suo se non è il Padre a farla parlare! Don Vincenzo: Eh, si, perché si entra proprio nel cuore della preghiera... Gesù: ...Ehi, hai fatto i Miscuglietti che dovevi fare sempre? Qualcuno: Eccomi! Gesù: Bravo! ...Figlie! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Gesù: Riprendete daccapo! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Cosa c'è? Don Vincenzo: ...Ecco, questa Torta... Gesù: ...La vuoi aprire adesso? Don Vincenzo: C'è scritto sul biglietto "Eccoci con il Pane e con la Croce! Che gioia è essere con Te"! ...Bella! Gesù: Eh, si! Don Vincenzo: È bella pure quella Croce! Gesù: Eh, si... si sta inclinando perché... non è che sta cadendo perché è Croce, ma c'è la frutta che si sta sciogliendo...! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: ! Don Vincenzo: L'altra volta Tu hai detto che ci sarà la Moltiplicazione dell'Amore quando la Preghiera viene fatta col cuore! Gesù: ! Don Vincenzo: E subito dopo hai detto pure che ci si abitua a dire il falso se non c'è questa preghiera vera e profonda! Gesù: Si! Don Vincenzo: E quanti farisei di ieri e di oggi scrivono e dicono cose false mettendole in bocca o a Te o alla Madonna...! Gesù: ...No, a Me non Mi mettono in bocca niente, ma sono loro che dicono cose che Io non ho detto! Dio non si lascia far mettere in bocca niente! Dio solo l'Amore dona! Don Vincenzo: Però può darsi che questo loro parlare falsamente possa ingannare i figli! Gesù: No, ingannano solo a quelli che vanno dove c'è il veleno! Dove ci sono Io non c'è inganno, mentre dove c'è il veleno c'è l'inganno, perché l'inganno nasce dal veleno! Dove c'è l'Amore nasce l'Amore! Don Vincenzo: E c'è la Moltiplicazione dell'Amore! Gesù: Si! E dove vedete miracoli, non fermatevi, perché lì non ci Sono per niente! Il miracolo lo farò quando si aprirà il Sole! ...E pregate per quelle Mura, pregate! Mi fermo solo a dire questo: pregate Figli Miei, Famiglia Mia, Arca, Remi e Servi Inutili, che avete in mano l'Amore del Padre! ...Calice Vivente, Calice Vivente, quanto Tempo ti ho aspettato! ...Eh, si, quanto Tempo ti ho aspettato... e Mi fai aspettare ancora... Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: Eh... Eh... Eh... Gesù: ...Perchè non puoi ancora né parlare e né aprire i Rotoli, ma presto, nel "Presto" del Padre si apriranno! Don Vincenzo: Gesù, quando si apriranno ci sarà detta la Verità Tutta Intera? Gesù: , e questo lo sai già! Don Vincenzo: Ci saranno quindi dette Cose Nuove? Gesù: , e questo lo sai già! ...I Cari salutateli in ogni momento quando volete, il Cielo è tutto in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili... <Ognuno saluta i propri Cari Beati e il Cielo> ...E non c'è più bisogno, lo sapete già! Don Vincenzo: C'è n'ha tanti di Rotoli la Cocciuta? Gesù: Si! Don Vincenzo: E sono corti o sono lunghi? Gesù: Sono lunghi! Don Vincenzo: E sono i cosiddetti "Segreti"? Gesù: , i cosiddetti "Sigilli" !(*) ...Che c'è? Non parli più? Devo andare via? Don Vincenzo: No, non devi andare via! Gesù: , adesso c'è il viceparroco che parla! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Ognuno di noi, da quando nasce, fa la scuola... Gesù: ...Da quando nasce nel Cuore del Padre... Raffaele: ...Poi fa tanti lavori... Gesù: ...Si... Raffaele: ...E molte volte si cambia strada, si cambia lavoro... Gesù: ...Si... Raffaele: ...E come si fa ad arrivare a Te? ...Cioè hai detto prima "da quanto tempo aspettavo il Calice"... Gesù: ...Si... ma Io lo aspettavo... Raffaele: ...Ma poteva venire prima? Gesù: Sì che poteva venire prima, ma era impegnato sulle cose sbagliate! Raffaele: Quindi ognuno di noi... poteva venire prima ognuno di noi? Gesù: , ma è il Padre che chiama, non siete voi che chiamate il Padre! Lui poteva venire prima come Calice Vivente, ma era impegnato a togliere un po' di veleno! Raffaele: Ah, sì? Gesù: Era impegnato sulle cose sbagliate a togliere un po' di veleno il Calice Vivente! Raffaele: Eh, giustamente! Gesù:E i figli...... voi fate tanti lavori, ma poi è il Padre a chiamarvi! Raffaele: Quindi non importa l'età? Gesù: No, nessuno di voi ha un'età, ma ve la siete donata voi! Dio non ha un'età, e neanche Io! Voi vi date gli anni, mentre il Padre no, perché Dio È da sempre, e tutti i figli che sono nel Cuore del Padre sono da sempre! Raffaele: Solo che noi non sappiamo né il prima e né il dopo! Gesù: No, ma il Padre si! Voi pensate di fare tutto voi, ma è il Padre a fare tutto! Non fate tutto voi! Raffaele: A proposito, dobbiamo andare avanti, si? Gesù: Si, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Raffaele: Eccomi! Gesù: Sempre avanti! ...Ciao! ...Che c'è, ci senti? ...Beh, che facciamo? Don Vincenzo: Sono trascorse quasi due ore! Gesù: Sono trascorse quasi due ore? E se sono trascorse due ore cosa facciamo? Tu se vuoi dire qualche altra cosa, dilla, così poi Io vi saluto! La Cocciuta va sempre ad inzupparsi e poi si beve, e poi c'è da combattere! C'è tanto lavoro, ci sono gli altri Sigilli da preparare! ...È il lavoro che deve fare Giovanni, che devono fare tutti gli altri Servi Inutili e la Cocciuta che vi porta sempre sulle spalle, ed ognuno di voi! Adesso è Tempo di questo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Si è sempre parlato di guerre, di guerre... Gesù: ...Eh, si, quelle non mancheranno: aspettate e pregate sempre per i Grandi! Aspettate, ci saranno, non sono state tolte: devono avvenire prima di tutte le altre cose! ...Che pensavi, che erano state tolte? No, non sono state tolte! Don Vincenzo: ...Perchè prima è stato detto che con la preghiera certi Flagelli vengono tolti! Gesù: Si, ma li conosce il Padre quali e non potete conoscerli voi! Il Padre li conosce! La Cocciuta sta lavorando per fermarli, ma non tutti saranno fermati i Flagelli! Ma voi pensate pure "se ci saranno tutte queste cose, come faremo a crescere e a camminare e a moltiplicarci?" Non dovete pensare a questo ma dovete pensare solo a rispondere "Eccomi" al Padre, e il Padre sa cosa ha già preparato per ognuno di voi! Don Vincenzo: Dobbiamo pensare solo a convertirci? Gesù: Si, a convertire i vostri cuori! Don Vincenzo: E a pregare secondo la Volontà del Padre? Gesù: Si, a pregare secondo la Volontà del Padre! È questo quello che dovete fare! Ma dovete combattere sempre i falsi profeti che crescono sempre di più e avanzano sempre di più nel fare mercato delle Cose di Dio, e Dio non è un mercato! Dio è Amore che si dona senza vendersi e senza comprarsi, ma si dona! ...È questo! ...E con questo tu saluterai tutti i tuoi figli con l'Albero Verde, mentre Io vi saluto col Mio Amore! <Gesù schiocca un bacio ai presenti che Lo ricambiano> Vi voglio bene a tutti, innamorati del Mio Cuore! ...Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: Auguri! Tutti: Auguri! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici... su tutti... e su tutta l'umanità! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Don Vincenzo: Glorificate Dio con la vostra vita! Amen! Tutti: Amen! Giulia: Dobbiamo lavorare... i figli stanno perdendo un po' di terreno: dona loro Tu la Forza!(*) ...Sì, io li porto sempre! Giovanni, Tu tieni sempre per Mano tutti quanti!(*) ...So il lavoro che hai da fare, ma tieni tutti quanti... io non li lascio!(*) ...Eccomi! Adesso vado di nuovo come spugna a inzupparmi e poi mi bevo!(*) ...Ci vediamo dopo! ...Ciao, Cielo, e ciao, Cari, ci vediamo dopo!(*) ...Ciao, Cielo, e ciao, Cari, rimanete! Dobbiamo lavorare! Quando è finito il Banchetto, ci fermiamo un istante e poi riprendiamo a prepararlo e poi lavoriamo ancora! ...Ecco, metto ancora tutto nelle Tue Mani come Tu lo hai messo sulle mie spalle!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Papà, quando gli altri Sigilli si apriranno, visto che da Sette a Sette venite a portarne tanti, i figli si stanno indebolendo: donatemi un po' di Forza in modo da farli crescere!(*) ...Lo so che non cadranno, ma hanno paura dei Sigilli!(*) ...Donami un po' di Forza così io posso donarla... e tieni la Mano ferma sui Sigilli che ancora non si devono aprire, come Tu hai detto da sempre: si apriranno quando sarà l'ora che Tu mi darai! ...Ciao, Papà Formicone! Ora andiamo a lavorare ed io mi inzuppo ancora! <Giulia schiocca un bacio al Padre> Ti Amo, Papà, nello spezzarmi, nell'inzupparmi e nel bermi! <Giulia schiocca un altro bacio> ...Ciao, Cielo! ...Ciao, Mammina... tra poco è la Tua Festa(*)... so che Ti vestirai bella bella ma dovrai lavorare! Lavoreremo e faremo anche Festa! ...Ti voglio tanto bene!(*) ...Ciao, Papà Formicone...!

 

 

 

 

4. Giov. 21/02/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Gesù): Sì! Questo "Nocciolo Scorticato" si offre sempre di fermare, ma ciò che deve avvenire, deve avvenire! (Don Vincenzo): Ti ha detto di trovare Spazio ancora! (Gesù): Sì, Mi ha detto "...di trovare Spazio!" ......Ma dove Lo Trovo lo Spazio sopra un "Nocciolo Scorticato"? La Cocciuta vuole essere Scorticata ancora dicendo queste parole! (Don Vincenzo): Da Te Vuole Ricevere ancora Piaghe......! (Gesù): È già Tutta una Piaga...  e dove le metto le Piaghe se "il Nocciolo è Tutto Scorticato"? Mi sta chiedendo di Scorticarlo ancora! (Don Vincenzo): Gesù, la Cocciuta Ti chiede ancora Spazio sul suo corpo...! (Gesù): Tu Mi chiedi di mettere le Piaghe quando non c'è più neanche l'osso...! Cosa vuoi ancora? (Don Vincenzo): Chissà come soffre! (Gesù): Ama! Il Massimo dell'Amore! È quello che gli ho donato Io e lei Me lo sta ridonando! (Don Vincenzo): Prima si è un po' arrabbiata......  nel giusto! (Gesù): La Cocciuta vede la Famiglia che non cresce nell'Amore del Padre e lei che vi porta sulle spalle desidera che il Padre venga Amato, Onorato e Rispettato, così come un figlio deve Amare e quando non vede questa crescita lei diventa triste e alza la voce e si arrabbia, ma nel giusto! Vi Ama così tanto... e non vuole perdervi, così come neanch'Io voglio perdere nessuno dei figli! Ancora non avete capito che nei Tempi che stanno venendo...... e sono i Tempi in cui siete già...... si perderà la Fede, si perderà tutto e non vi riconoscerete gli uni con gli altri! È questo che vuole dirvi, ma nessuno la ascolta! I Frutti che il Padre Ha Donato Sono i Suoi Frutti e Li Fa Crescere e Li Fa Diventare Alberi e Daranno ancora Frutti! Dovete imparare a comprendere i Tempi che Sono già Scesi, perché il Cielo è in mezzo a voi e la Battaglia è iniziata... e si sta combattendo......: questo devono fare i figli, le Cose del Padre in questo Tempo! ...Ormai è tutto Aperto, il Libro di Dio è Aperto e ciò che è Scritto è Sceso! Dovete destarvi dal sonno e comprendere che non ci sono più Grazie......  perchè le Grazie Sono Scese e ora inizia il Tempo della Battaglia e nessuno guarderà in faccia né la propria mamma, né il proprio papà, né i propri parenti perchè è il Tempo di Combattere, è il Tempo del Combattimento! (Don Vincenzo): Come possiamo fare per essere combattenti Veri e Fedeli? (Gesù): Amando, Perdonando e Facendo le Cose del Padre! State già combattendo perché la Cocciuta vi porta sulle spalle......! Da quando è Iniziata la Battaglia è lei che combatte per ognuno di voi...  e non si fermerà perchè ha risposto "Eccomi" al Padre......  e lei non Lo delude mai il Padre e continuerà a Fare le Sue Cose! Per questo ha parlato: per farvelo ascoltare a tutti quanti che lei rimarrà sempre alla Destra del Padre, così come il Padre l'ha Mandata da Sempre e rimarrà nel portarvi sulle spalle!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Rimani seduta!(*) Giulia: Eccomi! Gesù: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Gesù: La Mia Gioia è in mezzo a voi... <Gesù Alza la Destra e col Segno Trinitario Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce.> ...Io Lo Sono da sempre nella Gioia Piena di Essere il Figlio di Dio! Voi Lo siete? Tutti: Eccomi! Gesù: No, non Lo siete! Quando si ha Gioia, si Arde, ma non vedo Ardere! La Mia Gioia è Piena di Essere il Figlio di Dio e di Donarvi il Mio Saluto Pieno! <Gesù Alza la Destra e col Segno Trinitario Fa Scendere ancora una volta la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il vostro saluto non è né caldo, né freddo e neanche tiepido ma lo porta sulle spalle lo Strumento e dà il Calore dell'Amore! Per questo voi siete venuti, vi Ho Invitati come sempre e Lo Strumento vi porta come sempre sulle sue spalle e lo farà fino a quando il Padre glielo chiederà! Ed Io Vengo ancora... <Gesù continua col Segno della Croce> ...Nel Segno del Padre, nel Segno del Figlio, nel Segno dello Spirito Santo, nel Segno che siete ognuno di voi, Figli Miei! ............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Il Cielo è Tutto in Mezzo a noi, con tutti i Servi Inutili, con tutti i Cari e il Banchetto e già pronto, come è pronto anche il nostro, ma il primo Banchetto Sei Tu, Gesù, nell'essere sempre Presente a DornarTi e a SpezzarTi, attimo dopo attimo! Gesù......! Gesù: Eccomi, Sposa del Mio Cuore: Mi Sono già Spezzato! Giulia: Aiutaci a Spezzarci, Gesù! Aiutami a Spezzarmi ancora così come il Padre Vuole! Gesù: Ora guarda......! Giulia: Il Cielo ancora si sta affollando ed è tutto pronto! Ci sono Altri Sette Sigilli, Sette, Sette, un Altro Sette, Gesù! Gesù: ......E altri ancora, Anima Mia! Giulia: Dimmi, Mio Amato Bene, cosa devo fare ancora? Gesù: Guarda i Sette Sigilli!(*) Giulia: Sono Sette e sono aperti! Ed essendo aperti, il Sangue Sta scendendo! Ma non è sangue di salvezza! Tutti i Sette Sigilli sono sulla Cupola e vengono da Sette Chiese! Unito al Sangue c'è "il Nero", che è il Veleno! Oh, Mio Diletto, non posso fermarne qualcuno? Gesù: Sei una spugna che ti inzuppi e che ti bevi, non dimenticarlo! Giulia: Tra questi Sette, Mio Diletto, non posso togliere qualcuno? Gesù: Sette Sigilli di Sangue...... Sette Chiese...... e la Cupola...... e tutto inizia dalla Cupola! Giulia: Mio Diletto, vado come spugna a bagnarmi e mi bevo...... così quelle Mura li asciugo un poco perchè si stanno bagnando ancora di Sangue Innocente! Gesù: Prega e fai pregare i figli che il Padre ti ha donato! Giulia: Sono di qua e di là, raccoglili Tu! La Voce del Padre non la sentono e così non sentono neanche la mia! Gesù: Ma li porti sulle tue spalle! Giulia: Eccomi per l'Eternità al Tuo Amore, Gesù! Gesù: Guarda ancora.........! Giulia: Cosa sta facendo Giovanni?(*) Quanto lavoro stanno facendo i Servi Inutili! È tutto pronto, ma c'è tanto lavoro da fare! ......Giovanni cosa fai? PICCOLO GIOVANNI: Guarda......! Giulia: Sei triste?(*) Sei stanco?(*) Piccolo Giovanni: No...... sono Giovanni sempre nel dire: "sì-sì, no-no" e "nel Campare alla Giornata!" Tu Fallo come l'hai fatto da sempre! Giulia: Eccomi! Piccolo Giovanni: Il Banchetto è pronto e i Sigilli Sono Sette, ma ce ne sono 7-7-7-7...... e dureranno ancora da oggi all'Altro Giovedì! Giulia: Tu Ne hai? Ne vedo tanti, Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ora continuo il Mio Lavoro e il Cielo è in Mezzo a voi con tutti i Servi Inutili pronti a Lavorare e a Fare le Cose del Padre con l'Unica Verità della Croce... <Benedice col Segno della Croce> ...E con l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, a Spezzarli e a Donarli ai nemici, a coloro che Trafiggono ancora il Cuore del Padre! Giulia: Dimmi, Mio Diletto! Gesù: Ecco, l'Inizio e la Fine: l'Alfa e l'Omega! Giulia: Gesù, la Battaglia è Iniziata e il Cielo è sulla terra e tutti state combattendo! Gesù: ......Ora fermati! Giulia: Eccomi, Gesù! Metti la Tua Mano sui Rotoli! Gesù: Non temere, la Mia Mano è sempre poggiata e i Rotoli si apriranno nell'Ora del Padre! Ora dovete pregare per la Chiesa di Maria, quella che vi è stata donata da sempre! Giulia: Eccomi, Mio Amato Bene! Visto che "il Nocciolo è Scorticato", Gesù trova ancora Spazio per Scorticarlo e Poggiati! Gesù: Mi Poggio ancora nel Salutarvi e nel dirvi: Eccomi come Croce! Eccomi Croce, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! ........................Pace al tuo cuore, Giovanni-Calice Vivente! Don Vincenzo: Gesù! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano innanzi ai Piedi della Croce! ...Mi bacio...... <Gesù bacia la Corona del Rosario> ...Visto che nessuno Mi bacia......! ......Avete sentito gli Altri Sigilli? Don Vincenzo: Sì, abbiamo sentito gli Altri Sigilli! Gesù: Li hai sentiti? Don Vincenzo: E poi quel veleno che è dentro al sangue? Gesù: ! Don Vincenzo: C'è un miscuglio di sangue unito "al Nero" che è il veleno! Gesù: ! Don Vincenzo: ...E continua a bagnare quelle Mura......! Gesù: ! Questo "Nocciolo Scorticato" si offre sempre di fermare, ma ciò che deve avvenire, deve avvenire! Don Vincenzo: Ti ha detto di trovare Spazio ancora! Gesù: , Mi ha detto "...di trovare Spazio!"......Ma dove Lo Trovo lo Spazio sopra un "Nocciolo Scorticato"? La Cocciuta vuole essere Scorticata ancora dicendo queste parole! Don Vincenzo: Da Te Vuole Ricevere ancora Piaghe......! Gesù: È già Tutta una Piaga... e dove le metto le Piaghe se "il Nocciolo è Tutto Scorticato"? Mi sta chiedendo di Scorticarlo ancora! Don Vincenzo: Gesù, la Cocciuta Ti chiede ancora Spazio sul suo corpo...! Gesù: Tu Mi chiedi di mettere le Piaghe quando non c'è più neanche l'osso...! Cosa vuoi ancora? Don Vincenzo: Chissà come soffre! Gesù: Ama! Il Massimo dell'Amore! È quello che gli ho donato Io e lei Me lo sta ridonando! Don Vincenzo: Prima si è un po' arrabbiata...... nel giusto! Gesù: La Cocciuta vede la Famiglia che non cresce nell'Amore del Padre e lei che vi porta sulle spalle desidera che il Padre venga Amato, Onorato e Rispettato, così come un figlio deve Amare e quando non vede questa crescita lei diventa triste e alza la voce e si arrabbia, ma nel giusto! Vi Ama così tanto... e non vuole perdervi, così come neanch'Io voglio perdere nessuno dei figli! Ancora non avete capito che nei Tempi che stanno venendo...... e sono i Tempi in cui siete già...... si perderà la Fede, si perderà tutto e non vi riconoscerete gli uni con gli altri! È questo che vuole dirvi, ma nessuno la ascolta! I Frutti che il Padre Ha Donato Sono i Suoi Frutti e Li Fa Crescere e Li Fa Diventare Alberi e Daranno ancora Frutti! Dovete imparare a comprendere i Tempi che Sono già Scesi, perché il Cielo è in mezzo a voi e la Battaglia è iniziata... e si sta combattendo......: questo devono fare i figli, le Cose del Padre in questo Tempo! ...Ormai è tutto Aperto, il Libro di Dio è Aperto e ciò che è Scritto è Sceso! Dovete destarvi dal sonno e comprendere che non ci sono più Grazie...... perchè le Grazie Sono Scese e ora inizia il Tempo della Battaglia e nessuno guarderà in faccia né la propria mamma, né il proprio papà, né i propri parenti perchè è il Tempo di Combattere, è il Tempo del Combattimento! Don Vincenzo: Come possiamo fare per essere combattenti Veri e Fedeli? Gesù: Amando, Perdonando e Facendo le Cose del Padre! State già combattendo perché la Cocciuta vi porta sulle spalle......! Da quando è Iniziata la Battaglia è lei che combatte per ognuno di voi... e non si fermerà perchè ha risposto "Eccomi" al Padre...... e lei non Lo delude mai il Padre e continuerà a Fare le Sue Cose! Per questo ha parlato: per farvelo ascoltare a tutti quanti che lei rimarrà sempre alla Destra del Padre, così come il Padre l'ha Mandata da Sempre e rimarrà nel portarvi sulle spalle! Ma visto che il Banchetto è tutto bello e pronto...... e Giuseppe dorme, non mangia, non ascolta e non prende la Paghetta......, iniziamo col Primo Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E dopo ancora il Banchetto che è sempre l'Inizio di Dio! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu sei pronto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Anch'Io Lo Sono, e visto che Sono Pronto da Sempre...... Don Vincenzo: ......Facciamo l'Eucarestia? Gesù: DonaMi... donate! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele porge a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Ecco! Questo è il Mio Sangue! <Gesù dona il bicchiere col vino a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! <Raffaele porge a Gesù un Pezzettino di Pane> Questa è la Mia Carne! <Gesù invita Don Vincenzo a fare lo stesso> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! Gesù: Questo è il Mio Sangue Unito al Tuo! Ora DonateMi ai figli che hanno Fame! Venite e mangiate! Io vi Guardo da Sempre e Mi Dono, Mi Sono Spezzato e Mi Spezzo ancora! <Gesù, che rimane seduto, invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen!> Questo è il Mio Sangue! Mi Sono Spezzato ancora e Mi Sono Donato ancora e la Mia Pasqua è Piena così come lo è stata da Sempre e lo Strumento, essendo un "Nocciolo Scorticato", si è Donato anche e si Dona e rimane ancora "Nocciolo Scorticato" nel pregare per le Cose del Padre e nel Rimanere Crocifissa per Amore! Ci siamo Donati ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E il Banchetto è ancora Pronto dove il Cielo è in mezzo a voi...... e anche il Banchetto vostro che avete preparato per il Padre e per il Cielo...............! Ehi, c'è un Regalo per Me, ehi...... e c'è anche Giulietto! <C'è la Torta e un Regalo per la nascita di Giulio, il figlio di Rita e di Gimmi> Apri, Leggi questo e Io Apro questo! Mo' mangiamo! Ehi, eh, guarda che bello, guardate, è bello no? <È un cuore con le Rose sopra> Questo Me lo porto a Casa Mia...... ma dov'è la Mia Casa? Don Vincenzo: In Ogni Cuore Che Ti Accoglie! Gesù: Eh...! , Me lo porto! Leggi, leggi, vediamo cosa dice? Don Vincenzo: "Eccomi, Amore Mio, ancora una volta sento il bisogno di scriverTi anche se so che le parole non servono a niente!" Gesù: Servono, servono, quando escono dal cuore! Don Vincenzo: "Quanti Eccomi detti soltanto con le labbra, che forse neanche ascolti, che attimo per attimo Ti offriamo! Il vero Eccomi è quello dentro, nel profondo del cuore! Ma ancora non abbiamo capito niente perchè vogliamo tutto e subito senza fermarci mai a riflettere che tutto ciò che ci doni da quando apriamo gli occhi al mattino a quando ci addormentiamo, dipende da Te!" Gesù: , e avete il Dono della Vita Eterna! Don Vincenzo: "Ancora una volta mi hai reso mamma del piccolo Giulio! E ora sono quattro i bimbi da crescere! Donaci la forza e la pazienza per farli crescere nel giusto, nell'amore e nel perdono" Gesù: , per questo l'ho fatto nascere! Don Vincenzo: "Ho tante altre cose da dirTi, ma non trovo le parole giuste e le metto nel Tuo Cuore...!" Gesù: Le ho già lette tutte quante! Don Vincenzo: "...Eccomi, Gesù, sia fatta la Tua Volontà! ......Tua Rita!" Gesù: Facciamo un abbraccio e un applauso...! <Si applaude> E Innalziamo Giulietto alla Croce! Don Vincenzo: Giulietto! Gesù: Portatelo, lo dobbiamo Innalzare alla Croce! Don Vincenzo: Eccomi sì! Gesù: Lo devi Innalzare tu, Calice Vivente, alla Croce..., e stai attento perchè è piccolo! <Rita si avvicina col piccolo Giulio> Eh, prendilo, Calice Vivente, eh, eh! Innalziamolo alla Croce...! <Gesù e Don Vincenzo lo Innalzano al Grande Crocifisso presente nel Padiglione> Ora è Innalzato alla Croce! Don Vincenzo:Eccomi! Gesù: Eccolo! Don Vincenzo: Eccolo! Gesù: Ehi, ciao, Giulietto! <Gesù gli manda un bacio> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: L'abbiamo Innalzato lì dove si doveva Innalzare! .........Un altro applauso! <Si applaude ancora a Giulio> E' stato Innalzato Giulio: , è il Frutto di Dio, è il Frutto del Padre! Voi pensate che è un Frutto vostro......? Ma è il Frutto del Padre, l'Albero che diventerà Grande! ......Vuoi mangiare qualcosa? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Cosa vuoi mangiare visto che il Banchetto è Tutto-Continuo? Cosa vuoi mangiare, questi? Don Vincenzo: Anche! Gesù: Anche! <Gesù si rivolge a Raffaele> E lo fai tu, Sei il Delegato...... il Delegato dal Padre e non dagli uomini! Ecco, bastano così? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Cosa vuoi mangiare ancora? Don Vincenzo: Un po' di formaggio! Gesù: Quello là......! Don Vincenzo: Tu che prendi, Gesù? Gesù: Mò vediamo cosa posso prendere per far mangiare la Cocciuta, visto che la Cocciuta deve mangiare solo Cose del Padre......, dobbiamo decidere col Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, tie', buon appetito! Don Vincenzo: Grazie! Gesù: Cosa possiamo farle mangiare alla Cocciuta? L'Erbetta... così poi ce la semina sulla testa, prima la semina a Me sulla testa e dopo ad ognuno di voi, così vi fa nascere come Erba! Eh, un altro poco e poi basta se no poi ve la semina veramente! E dopo cosa le diamo alla Cocciuta, cosa le diamo dopo? Sempre ovetti le dobbiamo donare? Le diamo una fettina di prosciutto, eh, così, se no poi Mi dice che: "Tu prendi l'ovetto perché a Te piace......! E Io?" Basta così...... non le possiamo dare altro...... Queste Sono le Cose del Padre! "Eh, piace a Te l'ovetto, te lo mangi Tu e poi dici che me ne dai un pochino!" Questo Mi ha detto l'altra volta! , a Me piacciano gli ovetti! E Giovanni quando mangiava l'ovetto se lo metteva in bocca e poi faceva il palloncino...... te lo ricordi, Mari'? Maria: Sì, Eccomi! Gesù: E allora, Figlie? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Buon appetito, buon appetito, poi dopo parliamo un poco... ma adesso dobbiamo mangiare! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Vicepa', tu vai avanti, Sei Delegato e fai quello che devi fare! Raffaele: Sì! <Raffaele porta i bicchieri con l'Avanzo a Lucia e Marina> Gesù: E poi divertiti un poco, eh, come sempre, eh, eh! ............Tu dove vai a dormire? Giuseppe: Porto il cibo a Cosimo e ad Assunta! Gesù: Sì vai! E mo' vediamo se Io posso far mangiare la Cocciuta... le dò un po' di questo e così le faccio cambiare un po' il gusto, se no se lei mangia un altro ovetto poi Mi dice di nuovo la stessa cosa e così Io ho cambiato un po' il menù, eh, eh! Ehi, guarda se posso mangiare così adesso Io! <È grande la Fetta di Prosciutto> E come fa a mangiare la Cocciuta con questa fetta di prosciutto? Vedete? ......Eh, , taglia, taglia, se no questa sembra un prosciutto intero, bravo, così, così, ecco, eh...... se lo tenevo in quel modo sembrava un prosciutto intero che scendeva! Cos'è, è tutto buono? Allora che gli do' prima? L'erbetta? No questo alla Cocciuta no perchè se lo mangio Io poi se lo mangia anche la Cocciuta e non posso donarle questo...... le dò l'erbetta! Non è nel programma del Padre quello che tu hai preso, se no le faccio mangiare tutto...... e se poi le faccio mangiare tutto non sono le Cose del Padre......! Se le dò l'Erbetta, farà un po' il musino storto, ma la mangia: "uuuh!" ........................La "pancia" non ha fame? Carmela: Eccomi! Gesù: E vieni avanti......! È bella e cresciuta la pancetta, eccola, hai visto com'è cresciuta la pancia? "E ci vuole un altro poco di mangiare dentro...... abbiamo fame ancora e si deve mangiare!" Tu l'hai vista la Pancia com'è? <Don Vincenzo Benedice la Pancia di Carmela> Eh, te l'ha Benedetta la Pancia, eh..., e quante volte l'ho accarezzata, poi l'accarezzo dopo! Com'è? Lo vediamo dopo cosa Mi dice la Cocciuta visto che le ho cambiato un mezzo menù...... ma l'Erbetta c'è sempre, "uuuh"...... ci ho messo solo un poco di prosciutto! Raffaele: Posso? Gesù: , vai avanti, perché, vuoi fermarti? <Raffaele taglia il pane-pesce> Raffaele: Non voglio sbagliare! Gesù: Bravo! <Raffaele porta la testa e la coda del pane- pesce a Lucia, Gimmi e a Luisa> E tu non dici niente? Mangi soltanto? Avevi fame? Don Vincenzo: Finiamo! Gesù: Finiamo? E dopo che finiamo parliamo? Giovanni un pochino già ha parlato, ma dopo vediamo... se non è troppo pesante il Lavoro verrà a parlare di nuovo! .........Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Visto che mangiate, state tutti bene! <Gesù manda un bacio e viene ricambiato> E' giusto chiedere: "figli state bene", quando mangiano? Penso di sì, eh, se no i figli pensano che li ho dimenticati! Poi Giovanni verrà nel dire: "ciao, belle di Zio Mario", ma adesso Sono Io, non è Lui! Poi verrà! Perché Mi guardi con gli occhi delle marachelle, eh, eh? <A Chiara> Si pensa che il Padre non vede le marachelle......: Giovanni le vede tutte, immaginiamoci il Padre! .........Ehi, hai mangiato, sei sveglio? <Gesù si rivolge a Giuseppe il marito di Giulia> Ancora non lo sa né se ha mangiato e né se è sveglio...... eh, mo' vediamo! La Cocciuta ancora non Mi ha detto niente del prosciutto e del pane! Quello te lo mangi tu, è tuo......! Ma non è che ti mangi pure i denti?..."Uuuh!" La Cocciuta guarda l'Erbetta e fa: "uuuh!" Eppure il prato verde dove ci sono tante erbette e tanti fiorellini le piace tanto, ma quando la deve mangiare la verdura non tanto gli piace......: la cura, la innaffia, ma quando poi la deve mangiare fa: "uuh!" Per adesso non le dò più nulla, poi vediamo dopo......, ecco qua, c'è un Filicino che non vuole prenderlo, ecco l'ho preso, mo' vediamo! Tu hai finito di mangiare? Hai qualche domandina? Gli dò un po' d'acqua visto che lei non ne sta bevendo più ma essendo un "Nocciolo Scorticato", poi l'acqua scende! Mò gliela dò un pochino! ...Cosa c'è, vediamo cosa c'è! Don Vincenzo: Abbiamo letto all'inizio il Vangelo, il cosiddetto Vangelo di giovedì 21 febbraio! Gesù: , oggi è giovedì 21 febbraio! Don Vincenzo: E c'è un Vangelo che inizia proprio così: "Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto..." Gesù: , questo è un po' giusto, ma cosa vi hanno insegnato a chiedere? Avete mai chiesto le Cose del Padre? Don Vincenzo: Ah! Gesù: Avete mai chiesto: Siete Croce e vi dovete Portare? Avete mai chiesto di Amare i Nemici? Avete mai chiesto: "Padre io Ti appartengo e rimarrò sempre con Te perché Tu mi hai donato il Soffio?" No, non l'ho mai sentito! "Chiedete e bussate" e si chiede di tutto, ma non si chiedono le Cose del Padre! Don Vincenzo: La Figliolanza! Gesù: Non l'hanno mai chiesta e non la chiede mai nessuno......! Don Vincenzo: Fare sempre la Sua Volontà! Gesù: , è quello che dovete fare per piacere al Padre! Don Vincenzo: Mettere sempre al primo posto le Cose del Padre! Gesù: ! Don Vincenzo: Quando ci facciamo l'esame di coscienza! Gesù: Per essere nel giusto delle Cose del Padre si deve dire: "Padre, Eccomi nel Fare le Tue Cose!" Quando si fa un esame di coscienza si guarda...... e si vede tutto quello che si desidera...... ma non si deve chiedere questo perchè si deve chiedere: "Padre, Sia Fatta la Tua Volontà non la mia!" Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Perché se si guarda la coscienza, ci sono le cose del mondo......! DateMi il "niente", così... Caterina: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi con il "niente", ......vicepa', ti raccomando! Raffaele: Eccomi! Gesù: Scarsetto, scarsetto............ poi mangi qualcosina...... e poi incominci a divertirti......! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ce ne sono cosicine da combinare? Combinale! Allora, cosa stavamo dicendo? Don Vincenzo: Che tante volte chiediamo, chiediamo al Padre e ci accorgiamo che il Padre già ci dà quello di cui abbiamo bisogno! Gesù: Il Padre vi ha Donato Tutto da Sempre, ma voi quando chiedete, chiedete sempre le cose sbagliate e non chiedete: "Padre, donami le Tue Cose!" "Quello mi serve, quello mi servirebbe, se poi mi dai pure quell'altro starò meglio"! E non si guarda la coscienza così, ma si guardano le cose che non giovano alla coscienza! Don Vincenzo: Ancora! Gesù: Ancora! Don Vincenzo: La Cocciuta dice: "Io campo di quello che il Padre mi dona!" Gesù: , la Cocciuta dice: "Io campo di quello che il Padre mi dona!" Don Vincenzo: E' una preghiera meravigliosa! Gesù: , è meravigliosa! Don Vincenzo: Come pure quella di Giovanni: "Io Campo alla Giornata!" Gesù: "Io Campo alla Giornata", e anche questa è meravigliosa! Campare alla Giornata è Campare delle Cose che il Padre dona e la Cocciuta dice la stessa cosa: "Io campo di quello che il Padre mi dona!" Don Vincenzo: Quello che è ancora più bello, Gesù, è quando preghiamo secondo l'Intenzione del Padre! Gesù: Eh, sì quello fa sempre la Cocciuta! Quando qualcuno bussa e: "io ho bisogno di questo, io ho bisogno di questo", lei risponde: "io metto l'Intenzione del Padre, metto tutto nel Cuore del Padre!" Ve l'ha già detto stasera che fa solo le Cose del Padre! Don Vincenzo: Quando bussiamo al Cuore del Padre dobbiamo chiedere: "Papà, Eccomi, siamo venuti a Lavorare nella Tua Vigna, siamo venuti a fare la Tua Volontà!" Gesù: È lei che vi porta sempre anche se non sentite più il Mare e la Vigna e l'Orto ma ci siamo già e siamo tutti quanti nel Mare, nella Vigna e nell'Orto! Don Vincenzo: "Siamo venuti a fare"... Gesù: Ormai è tutto Sceso e anche le Grazie sono finite, perchè anche quelle sono Scese...... ora ci sono le Battaglie! Don Vincenzo: Ecco la preghiera di un figlio al Padre: "siamo venuti a Lavorare nella Tua Vigna, Padre, Tu ci hai chiamati alla giornata e noi siamo venuti a farla questa giornata"! Gesù: , e c'è la Grazia di Maria! Don Vincenzo: Come diventa bella questa preghiera, perché ci insegna a regolarci, ci insegna a misurare il Tempo e capiamo che attimo dopo attimo, respiro dopo respiro sono doni del Padre! Gesù: ! Don Vincenzo: Non è nostro il Soffio......! Appartiene al Padre! Gesù: Come Maria è la Piena di Grazia e la Grazia non è finita, c'è Lei, l'Unica Chiesa, l'Unico Tabernacolo, l'Unica Grazia ed è Lei a combattere per prima! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: In che consiste questo combattimento? Gesù: Combattere significa combattere il veleno che sta scorrendo veloce! È una Guerra che si deve combattere e le Schiere sono tutte pronte! State combattendo perché le Ultime Grazie sono finite, sono scese...... c'è la Grazia di Maria! Don Vincenzo: E queste Schiere sono composte dai Servi Inutili? Gesù: , solo i Servi Inutili possono combattere, ma c'è anche il veleno da combattere! Don Vincenzo: E lo scontro è tra il Bene e il male, tra i pochi Sigilli Positivi e quelli velenosi, brutti e negativi? Gesù: ! Don Vincenzo: Quindi c'è uno scontro tra il veleno e i Servi Inutili? Gesù: ! Don Vincenzo: E la stessa cosa vale per noi? Gesù: Voi chi siete? Don Vincenzo: I Tuoi Servi Inutili! Gesù: E allora, se siete Servi Inutili, state combattendo già, ve l'ho già detto prima: la Cocciuta vi fa Lavorare! ......Che c'è ancora? Don Vincenzo: C'è il cosiddetto Vangelo di oggi! Gesù: Il Cielo è in mezzo a voi, e come lo è il Cielo lo è anche il Padre...... se non lo è Lui in Mezzo a voi non c'è nessuno! ......I Sigilli li hai sentiti? Don Vincenzo: Quello, sì, quello brutto! Gesù: Perché ce n'è uno bello? Don Vincenzo: No! Gesù:Quello bello lo vedrete quando si Aprirà il Sole......, lì invece si potrà perdere la Fede! Don Vincenzo: Sì, Gesù, questo Sigillo è proprio brutto perchè unito al sangue c'è "il Nero" che è il Veleno! Gesù, Tu ci hai raccomandato...... Gesù: ......Cosa vi ho raccomandato? Don Vincenzo: Che dobbiamo fare la massima attenzione perché si può perdere anche la Fede? Gesù: Eh, ! ..................Bello, Mi piace il piatto che ha preparato il viceparroco, eh, eh, eh, eh, un gamberetto con niente, eh, eh! <Raffaele ha preparato un piatto per Elena> Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: La settimana scorsa...... Gesù: Cosa è successo? Don Vincenzo: Parlando nuovamente dei Sigilli...! Gesù: ! Don Vincenzo: Ci hai detto che certi Sigilli sono fatti con Sette Rose! Gesù: ! Don Vincenzo: E ci hai dato pure i Colori! Gesù: ! Don Vincenzo: Ecco su questo volevo un chiarimento! Gesù: ! Di solito la Cocciuta ti chiarisce sempre tutto, vediamo se hai capito! Qual'è il chiarimento? Don Vincenzo: Questi Sigilli, queste Sette Rose, tra cui ce n'è "una Nera" che è bellissima, come ha detto Giovanni e poi ce n'è "una Bianca", "una Verde", "una Rossa", "una Gialla", "una Viola" e "una Color Cielo"...... Gesù: ! Don Vincenzo: Queste Sette Rose sono Sette Sigilli! Gesù: Sono sette Sigilli! Don Vincenzo: Sono sette Chiese? Gesù: Sono sette Sigilli! E a quello che è stato detto, adesso non si può aggiungere niente altro! Don Vincenzo: Sì, ......ancora! Gesù: Ancora! Don Vincenzo: Questo veleno è ammagliante? Gesù: ! Don Vincenzo: Perché ci inganna! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché ci tiene legati alla via larga! Gesù: ! Don Vincenzo: Facendo credere che la via larga possa essere buona, invece la via larga sfocia nel niente e nel veleno, perché non porta a niente di buono! Gesù: La via larga non è niente e non porta a niente ma serve solo a farvi cadere! Don Vincenzo: Mentre invece nella Via Stretta c'è Tutto? Gesù: ! Don Vincenzo: Eppure voltiamo le spalle alla Via Stretta di Dio! Gesù: ! Don Vincenzo: Ancora, Gesù! Gesù: Ancora! ......I Servi Inutili ci sono tutti quanti, eh..., eh...... Natanaele, Rossella, Vittorio, le Bimbe e come tutti gli altri stanno combattendo e c'è molto Lavoro da fare! E' bello nel vedervi sereni, nel vedervi parlare, nel vedervi scherzare, ma figli, la Battaglia è iniziata e loro devono Lavorare, come anche voi! Don Vincenzo: Quando ci si scontra con i farisei di ieri e di oggi...... Gesù: ! Don Vincenzo: Ci stanno i Servi Inutili che li contrastano e li sconfiggono! Gesù: ! Don Vincenzo: E li vincono! Gesù: ! Don Vincenzo: Ma i falsi profeti fanno mercato con le Cose di Dio e non vogliono affatto indietreggiare usando le Cose di Dio per fare sempre i loro interessi, ma vengono sconfitti dai Servi Inutili......! Gesù: Fermiamoci! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non hai niente altro? Don Vincenzo: Sì! Gesù: ! Ora la Battaglia è iniziata! Don Vincenzo: Eh! Gesù:Ora la Battaglia è iniziata e tutto quello che deve venire fuori, verrà fuori, nel momento giusto! Don Vincenzo: Ah! Questo mi serviva! Gesù: E questo ti ho detto! Don Vincenzo: Eh, sì, a buon intenditore poche parole! Gesù: Poche parole! Don Vincenzo: Perché questo è il momento non delle parole ma della guerra contro i falsi profeti! Gesù: , è giunto il momento della guerra e ora si deve combattere, si deve Lavorare e si devono Fare Tutte le Cose del Padre, , tutte le Cose del Padre! ...Eh, eh, vicepa', Mi sa che a quei due non gli possiamo mandare niente? <A Mario e Maria Elena> Poi la Cocciuta prepara loro qualcosa per quando ci sono la prossima volta! Adesso quello che doveva mandar loro gliel'ha mandato! Tu che fai? Divertiti un altro poco! Tu hai finito di mangiare? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non mangi più nulla? Don Vincenzo: No! Gesù: Sei sicuro che al Banchetto del Padre non mangerai più nulla? Don Vincenzo: Sì, che mangio! Gesù: Bravo, adesso così va meglio! E poi vediamo se alla Cocciuta le posso far mangiare qualche altra cosina! Don Vincenzo: Eh, sì, tranne la verdura! Gesù: Se le dò di nuovo la Verdura quella Mi corre dietro per tutta la nottata, per tutta la giornata e anche il secondo giorno: dove lei vede la Verdura, scappa! Beh, parla ancora che poi vediamo se Giovanni viene...! Gli diamo la verdura alla Cocciuta, la patana? E dagli, dagli la patana, e così gliene dò poco poco, la mangio Io la patana con la mortadella! Tu la vuoi la patana con la mortadella? Don Vincenzo: Eh? Gesù: La vuoi la patana con la mortadella? Ecco, mo' gliela diamo! Io Mi mangio più mortadella e più patana e a lei gli dò un pezzettino di patana, gli dò solo questo, vedi, così quando Mi vede, poi Mi viene dietro per tre giorni! Don Vincenzo: Eh, questa patana è buona! Gesù: , ma Me la mangio Io, a lei ho dato solo il pezzettino che ho preso, e adesso Me lo mangio Io, ehi: è bello quel piattino, sì è proprio gustoso! Tu preparati qualche altra domandina da farMi che dopo viene Giovanni, poi vediamo le "belle di Zio Mario" che fanno! State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: Certo che è buona sta' patata e la Cocciuta ne ha preso solo un pezzettino! Hai visto quanta verdura ha mangiato oggi? E adesso, per tutta quella verdura che ha mangiato oggi, Mi correrà dietro per un po'! Io non l'ho cucinata, ma l'ha cucinata lei, Beh, beviamo un altro pochettino d'acqua... poi chiediMi qualche altra cosa! Don Vincenzo: Riflettevo, Gesù su quelle due preghiere che fa la Cocciuta, in merito al "Padre Nostro" e all'"Ave Maria"! Gesù: ! Don Vincenzo: Praticamente lei si ferma sempre sulle prime due parole! Gesù: ! Don Vincenzo: Proprio perchè se la gusta quella preghiera! Gesù: No, perché c'è Tutto, non perché se la gusta! Quando si Ferma dinanzi a: "Padre Nostro" e quando si Ferma dinanzi a: "Ave Maria", si Tuffa nel Cuore del Padre e della Madre! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Si Tuffa nel Cuore, ed essendosi Tuffata, prende tutto quello che deve prendere: il Tutto del Padre! Quando si getta per pescare si fa solo un gesto: "Padre Nostro" e si prende Tutto, "Ave Maria" e si prende Tutto...... e lì è stato gettato bene per pescare! Don Vincenzo: Gesù, cosa significa il "Filicino"? Gesù: Il Tutto del Padre, e il "Filicino" regge ancora, perchè si è gettato e ha pescato il Tutto del Padre e il Tutto di Maria, eeeh! Don Vincenzo: Anche la Madonna combatte? Gesù: , sta combattendo! Don Vincenzo: Insieme a Giulia...... Gesù: Giulia va in guerra come una Spugna e si Inzuppa e si Beve e...... Combatte! Don Vincenzo: E pesca pure? Gesù: , pesca...! Il suo desiderio è togliere i Flagelli... ma deve fare le Cose del Padre e rimane all'Ubbidienza! Don Vincenzo: Stai parlando della Cocciuta? Gesù: , della Cocciuta! Don Vincenzo: La Cocciuta vorrebbe togliere i Flagelli? Gesù: , ma deve fare le Cose del Padre e rimanere sempre all'Ubbidienza del Padre! , lei chiede sempre......! , va come Spugna, si Inzuppa e si Beve, ma chiede sempre al Padre......! Don Vincenzo: In questi combattimenti tra i falsi profeti e i Servi Inutili c'è qualcuno dei Grandi della Chiesa che si converte? Gesù: Questo non posso dirlo ancora, la Cocciuta sta Lavorando! Don Vincenzo: L'altra volta si parlava... ma forse è meglio che non lo dico questo......! Gesù: Bravo! Don Vincenzo: Lascialo stare! Gesù: Eh, sì non c'è nulla che Io non sappia! Don Vincenzo: Meglio aspettare......! Gesù: , è meglio metterlo da parte......! Vedi, fai sorridere anche il viceparroco, anche se lui adesso fa finta di non ridere! Don Vincenzo: Ah...! Gesù: Ma sta ridendo, sta ridendo a crepa-pancia! Don Vincenzo: Vedi come fa? Gesù: , per non farsi vedere che ride fa così! <Si ride un po'> Si solletica così e poi ride ancora di più, eh! Piccolo Giovanni: ...Beh..., ciao! Don Vincenzo: Giovanni! Giovanni: Come state? Don Vincenzo: Bene! Piccolo Giovanni: Io Sono Venuto sempre con la Croce... <Giovanni Benedice col Segno della Croce poi schiocca qualche Bacio>...E con il Pane! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi...... Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, bella di Zio Mario! <Giovanni continua a schioccare altri tre Baci> ...Ciao, Nicò! ...Ciao, Mari'! C'è un altro regalo per Me? ...Ciao, dottoressa! Teresa: Eccomi! Giovanni: Stai bene? Che Marachellata hai fatto tu? Tu leggi questa... e Io Mi prendo questa! <Si ride un po'> Eh, , Io Mi prendo i pacchettini e tu ti prendi le letterine! Ehi, un'altra...! E questo Me lo porto pure a Casa! È Casa Mia, eccolo! Me lo porto a Casa Mia! <Si ride un po'. Poi tutti applaudono. Rita e Gimmi ripetono a Giovanni lo stesso dono fatto a Gesù> Tu leggi la letterina..., tieni, questa l'accartuccio! <L'involucro> Sentiamo cosa c'è scritto nella letterina... Don Vincenzo: "Eccomi, per tutto l'aiuto che ci dai! Il Tuo Cuore è sempre con noi, Ti vogliamo tanto tanto tanto bene! Per Giovanni..." Piccolo Giovanni: Chi lo manda? Lo stesso di prima! Per quello... era già firmato! Don Vincenzo: Lo stesso di prima... Piccolo Giovanni: Si! Uno per Gesù e un altro per Giovanni! Don Vincenzo: Ah-ah, perciò erano accoppiati...! Piccolo Giovanni: Eh, , ed era firmato con una sola firma! Essendo due regali uguali...... è sufficiente una firma soltanto! Don Vincenzo: È la lettera che ha scritto Rita? Piccolo Giovanni:Si, quella che ha scritto la lettera si chiama Rita, con la sua famiglia e c'è anche Giulietto! Dottoressa, cos'hai combinato tu? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi sì, o Eccomi no? Teresa: Eccomi sì! ....... Piccolo Giovanni: Eccomi, poi vengo a trovarvi o non devo venire più? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Maria ha fatto altre battaglie o no? Battaglia su battaglia..., adesso è tempo di combattere! Quindi, sei libera! Se prima eri liberissima, adesso sei... liberata...! <Si ride un po'> Allora..., ciao, belle di Zio Mario! <Giovanni schiocca un bacio> Ciao, bella di Zio Mario..., quando dirò che significa "belle di Zio Mario"...! Che c'è? Com'è? Come è? ..., raccontami qualcosa..., perché Io con tutto il da fare che c'ho..., vorrei raccontarvi tutto, ma vi posso raccontare solo che ci sono altri Sette Sigilli e gli altri Sette Sigilli ce l'ho Io, sono i più... brutti! Sono quelli che fanno scendere dal cielo il Sangue che cade sulla terra e quando arriva sulla terra, non c'è più ombra di Vita! La prima parte cadrà sulla cupola e la seconda sull'umanità intera! Ma voi siete sull'Arca, avete i Remi: Remate e Pregate, perché il vostro compito è questo ora che le Grazie sono scese... ma l'Unica Grazia è Maria! Non fermatevi di pregare, come fa Lo Strumento: Padre Nostro...! Ave Maria...! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Io vi ho donato gli altri Sette e gli altri Sette e ce ne saranno ancora! Don Vincenzo: Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Piccolo Giovanni: Sette..., Sette..., Sette...! Don Vincenzo: Ma il Sigillo Vero, quello per eccellenza, è il Sigillo Eterno della Croce? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Quindi, è questo Sigillo della Croce che vincerà e farà Aprire il Sole qui a Timparelle nelle Mani del Calice Vivente! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Questo Sigillo Eterno della Croce è il Sigillo Vincente! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E su questo Sigillo Vincente si Baserà la Vittoria delle nostre Schiere? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Dei nostri... combattenti? Piccolo Giovanni: ! Piccolo Giovanni: Ma quando si combatte si deve aspettare......per la vittoria! Non si può dire prima che si è vittoriosi! Don Vincenzo: ......Ma la Croce Vince, però! Piccolo Giovanni: La Croce Vince e ha già vinto......! Don Vincenzo: Sì, ha già vinto! Piccolo Giovanni: Non lo dimenticate! ........................Adesso prepariamo un liquorino... Don Vincenzo: La Ricetta...? Piccolo Giovanni: Eh, ..., alla Cocciuta non glielo posso dare nemmeno un goccio...! Don Vincenzo: Sto Miscuglio? Piccolo Giovanni: Il Miscuglio lo posso bere Io e a lei gliene dò un goccio...! Quello gli voleva dare la tazzina di caffè..., poi chi vuole caffè, se lo va a prendere! Ma adesso prepariamo...! Mo', cosa stai facendo? <Il viceparroco Raffaele è intento a preparare altri piatti...> , dopo prepariamo il Miscuglietto! È bello essere gioiosi dopo aver sentito tutto quello che deve succedere, Fiduciosi nel Padre, Rimanendo Saldi nel Suo Amore, nel Lavorare, nel Combattere e Temere Solo Dio e non gli uomini! Quando si teme Dio e non gli uomini si è forti...... anche quando si sente tutto il Rumore dei Flagelli e dei Sigilli......! ...Ciao, bella di Zio Mario! <Schioccano baci in sequenza> Ciao belle di Zio Mario! Ciao belle di Zio Mario...! Don Vincenzo: Giovanni...! Piccolo Giovanni: Eh? Devo accarezzare una Pancia......! Pancia, vieni che ti Accarezzo! Ehi... Ciao, Pancia! Ti Accarezzo Io, Giovanni! Rossella Sta Lavorando, ma ti accarezza tanto, tanto! Accarezza Tu tutti gli altri...! Ecco, l'ho accarezzata! <Giovanni schiocca un bacio> Eh... per il momento Pance non ce ne sono più? Sennò poi devo accarezzare ancora Pance...! Per il momento Pance non ce ne sono più...! Allora..., parla! Don Vincenzo: Quando dici...: "Io campo alla giornata..." quindi Ti riferisci alla Giornata di Dio? Piccolo Giovanni: ! Quella degli uomini, no! Don Vincenzo: E quindi... praticamente, non Ti preoccupavi di nulla? No, perché faceva tutto Dio! E Ti prendevi tutto quello che Dio Ti dava attimo dopo attimo! Piccolo Giovanni: ! E Mi divertivo quando Mi dicevano: "adesso guiderà quello..., adesso guiderà quello..." Eh io lasciavo la macchina in mano a loro...! Quando si ha fiducia, quando si ha la Vera Fede, Dio dice: "questa non è una forchetta, ma è un cucchiaio!" Questo è un cucchiaio! Invece se Tu dici: "quello non è un cucchiaio, ma è una forchetta" lì non si ha credito verso Dio! <Allude un po' all'omelia fatta all'inizio dalla preghiera dalla Cocciuta> Io sto dicendo: "questo è un cucchiaio!" E questo è un cucchiaio! Così sono le Cose del Padre, se vengono raccolte! Don Vincenzo: E perciò non Ti preoccupavi di nulla? Piccolo Giovanni: No! Don Vincenzo: Come pure Domenico, perché pure Domenico innalzava sempre la Croce, sapendo che a tutto il resto e a tutte le Sue Cose pensava continuamente il Padre! Piccolo Giovanni: ! Perché in quell'azione c'è Dio, ed è Azione di Fede! Poi, quando c'è l'azione e non c'è la fede...: quello non è un cucchiaio, ma una forchetta! Don Vincenzo: Che bello avere Fede! Piccolo Giovanni: ! Crescete ancora, la Cocciuta vi fa crescere portandovi sulle spalle! Questa Cocciuta è alla Destra del Padre, non dimenticatelo! Vi porta a Lavorare, vi porta a combattere, ma è sempre alla Destra del Padre, ! <Giovanni schiocca qualche altro bacio> Ciao, belle di Zio Mario! Eh... riprendete daccapo...; preparatevi per il Miscuglietto...! Allora..., facciamo un po' di questo..., un po' di questo... e un po' di... che dici? Quello? È un po' di quello! E aggiungeteci pure un po' di coca-cola e così è tutto completo! Perché per quello che era stato preparato ci vuole anche la coca-cola! Tu non hai più niente? Dopo il Miscuglietto, poi Io Me ne devo andare..., poi rimane di nuovo Gesù...! C'è tanto lavoro.........! Cosa c'è? Cos'è l'altra cosa? Don Vincenzo: Riguardo all'età...! Piccolo Giovanni: ......No, non c'è un'età, perché si è sempre Eterni! Si è sempre Giovincelli! Voi vi date gli anni...: "sono nato il 5 Aprile..." ta... ta... ta... ta..., ma tu te lo sei messo in mente quando sei nato nel seno del Padre e quando il Padre ti farà stare ancora? Per questo non c'è un età, perché voi vi date l'età... di quando nascete, ma Dio vi ha fatto già nascere nel Suo Seno! E quando vi riporterà a Casa, rimarrete ancora vivi per l'Eternità! Ora hai capito perché non c'è un'età? Don Vincenzo: Eccomi! ......Il 5 Aprile è San Vincenzo Ferrer! Piccolo Giovanni: , Lo so che San Vincenzo si festeggia il 5 aprile e adesso vi sta dicendo: preparate il regalo per l'Onomastico di San Vincenzo! <Si ride un po'> E questo..., vediamo come è questo Miscuglio......: salute! Se poi non è buono, andatevi a lamentare da Gesù...! Don Vincenzo: È buono...! È buono! Piccolo Giovanni: Io lo devo bere tutto e alla Cocciuta gliene faccio assaggiare solo un Goccino! Don Vincenzo: Quello che sta sul Banchetto è tutto buono! Piccolo Giovanni: Su questo non ci sono dubbi! , ma questo l'ho preparato Io e per questo potete andare a reclamare...! È ottimo, è proprio buono! Mi viene sempre bene..., non ce n'è stato nessuno cattivo...! Buono, proprio buono! , allora... Nicò, l'orto va sempre bene? Nicola: Sì! Piccolo Giovanni: Sì le marachelle che vengo a fare vanno bene pure...... e quello che combina la dottoressa vanno bene pure... e quello che combina Maria... eh... adesso è libera... la battaglia puoi battagliarla ancora di più! Datti da fare, Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E allora..., tu hai qualche altra cosa da chiederMi? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Io avrei un po' di lavoro da sbrigare... Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Si devono preparare gli Altri Sigilli..., ma no... fermati che ancora... poi viene Gesù! Me ne vado Io, perché devo andare a preparare gli altri Sigilli per la prossima settimana! Poi c'è da combattere...! C'è da sistemare un bel po' di cosine. Quando le vedrete......, poi direte: Mamma mia! <Giovanni schiocca un bacio> Ciao, belle di Zio Mario! Ciao, belle di Zio Mario! Ciao, Bella di Zio Mario! Eh, Io gli faccio così..., perché lei lo sa perché gli faccio così......! Faccio un giochino di parole...... Io Vi Saluto... <Giovanni schiocca un altro bacio e la Benedizione> ...Con la Croce e col Pane! E ci vediamo...! Gesù: ...Sono Tornato! Cos'ha combinato Giovanni? Don Vincenzo: Ha fatto un Miscuglietto che era speciale! Gesù: Eh, si, Me l'aveva preparato prima... eh, si, è buono, e tutti quelli che fa sono tutti buoni! A voi vi è piaciuto? ...Chi l'ha già bevuto dirà di si, mentre chi ancora non l'ha bevuto dirà "non lo so"...! Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Queste Tue Braccia Allargate Sono il Sigillo della Croce? Gesù: Si! Don Vincenzo: Questa Vittoria Eterna che Tu Riporti Fedele al Padre... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...A Gloria del Padre... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: Quindi la Battaglia, trova questa Croce sempre Vincente...! Gesù: ...Si, però si deve combattere, non è che avendo la Croce non si deve combattere! Le Schiere sono tutte pronte, così come pure i Servi Inutili, e le Battaglie diventano sempre più grandi! Il veleno scende e la Cocciuta va ad inzupparsi e si beve! La Croce ha vinto e vincerà, ma le Battaglie ci devono essere anche con tutti i Fuochi di Guerra che si sono accesi ed altri si accenderanno!(*) Come si va avanti con la Battaglia, si va avanti con l'accendersi dei Fuochi di Guerra! Don Vincenzo: Ah, sì? Gesù: Si! Don Vincenzo: Cresce la battaglia e crescono i Fuochi di Guerra? Gesù: Si! Deve avvenire tutto quello che è Scritto! Tutto quello che il Padre aveva già Scritto deve aprirsi! Don Vincenzo: E i nemici sono sempre i falsi profeti? Gesù: , e dovete vigilare!(*) ...Cosa c'è? Ti sei fermato? Don Vincenzo: Questi falsi profeti non fanno altro che mercanteggiare con le Cose di Dio! Gesù: , ma ora fermati! Vai avanti con altro! Don Vincenzo: Si! Gesù: Ma pregate come fa la Cocciuta: "Padre Nostro" e "Ave Maria"! Don Vincenzo: Dobbiamo convertire noi stessi invece di convertire gli altri! Gesù: Si, e il Padre ha già fatto tutto! Le Grazie sono scese e c'è solo la Grazia di Maria! Ha detto che erano le Ultime Grazie e le Ultime Grazie sono scese, ora c'è solo la Grazia di Maria! Don Vincenzo: Ah, le Ultime Grazie......! Gesù: ......È tutto sceso! Ancora non siete svegli, voi dovete destarvi da soli! Come il Cielo è sulla terra in mezzo a voi ed è sceso tutto! La Cocciuta non beve più i Calici e va come spugna ad inzupparsi ed a bersi! Dovete destarvi da soli! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Quando la Cocciuta come spugna si inzuppa e si beve... Gesù: ..., lo fa attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Questo bersi... Gesù: ...È più tagliente dei Calici che beveva! Don Vincenzo: Però ancora una volta lei trova un antidoto a questa azione dei nemici... Gesù: ...... Don Vincenzo: ...Diventando lei spugna, diventando lei madre terra... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Come una mamma che si beve questo veleno... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Per far sì che non si allarghi... dicci com'è? Gesù: È un po' complicato! La Cocciuta si beve... grazie, viceparroco, Me lo hanno già donato! Parlavo col viceparroco che Mi stava dando quello... ma era stato già preparato dal Cielo che è in mezzo a voi e non si sa se è sopra o dov'è! Il vostro è pure qua e adesso l'ho fatto pure a voi... e quindi è buono! Don Vincenzo: Ah, quindi hai fatto già un "antipasto"? Gesù: Eh, si, come lo preparo a voi... e come vengono preparate le sorpresine per voi, vengono preparate anche quelle, e c'è anche un altro Delegato che lo fa! Don Vincenzo: Ah, sì? Gesù: Eh, si! In mezzo a voi c'è il viceparroco, mentre lì nel Banchetto dove c'è il Cielo, dove non sapete dov'è il Cielo, c'è un altro viceparroco che fa il Delegato e prepara i piatti e tutto ciò che serve... e poi vengono anche da soli a prenderseli, ma ci sono anche le marachellate! Don Vincenzo: Ed un'altra marachellata, Gesù, è che Giuseppe sta mangiando! Gesù: E buon appetito! Don Vincenzo: Questa è una bella marachella! Gesù: Eh, si, così sta sveglio! Quando è impegnato sta sveglio, mentre se sta fermo si mette a dormire e poi viene battezzato dalla Cocciuta, viene battezzato da Me, viene battezzato da Giovanni e da tutti quanti! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: In questa situazione qua in questo preciso momento... Gesù: ...Quale situazione? Io Sono Seduto! Don Vincenzo: In questo preciso momento, la Cocciuta dove sta? Gesù: Si è andata ad inzuppare e si sta bevendo! Don Vincenzo: Sempre quella famosa madre terra con lei che diventa una spugna......! Gesù: ...Eh, si, perché c'è tanto lavoro e la Cocciuta, visto che non la faccio più andare in giro a prendere i Calici, va in giro come spugna, si inzuppa e si beve! E gli altri lavoretti più pesanti non glieli sto facendo fare da un poco e rimane da inzupparsi, da bersi e da farvi lavorare nel combattere... che poi non è tanto poco, no? ...Devo bere un goccino d'acqua così la Cocciuta poi si inzuppa, si beve e... ed Io Mi bevo un po' d'acqua! ...Beh, che c'è? Don Vincenzo: Gesù, quando la Cocciuta all'inizio ha detto quelle cose ed era un po' arrabbiata... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Però erano cose sacrosante... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Ed io ho raccontato di quando Tu hai detto che bisogna piacere al Padre... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...E la Cocciuta piace al Padre! Gesù: ...Si, ognuno di voi deve piacere al Padre, non si deve piacere a se stessi o agli altri, ma al Padre! Don Vincenzo: E fare le Cose del Padre, e la Cocciuta questo lo sta facendo in Pienezza... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Anche prima all'inizio...... Gesù: ...Se non faceva le Cose del Padre, Io non ero venuto a parlare, e Giovanni non avrebbe messo il Sigillo di Giovanni e neanche Lui sarebbe venuto a parlare! Don Vincenzo: Uh! Gesù: Quando si fanno le Cose del Padre, il Cielo si apre e parla e dona ai figli... Don Vincenzo: ...La Verità Tutta Intera? Gesù: Si, la Verità Tutta Intera e tutte le Cose del Padre! Don Vincenzo: E come si capisce che lei è nella Verità! Proprio quel grido d'Amore che ha fatto all'inizio lo attesta e lo conferma! Gesù: ...La prima cosa che Mi ha chiesto quando Io le ho detto dei Chiodi e quanto altro, "io conosco Gesù e voglio fare le Sue Cose", ed Io le ho detto "Io Sono Gesù: Fai le Cose di tuo Padre"! E lei ha risposto "Eccomi... Eccomi per l'Eternità"! ...Eh, giratevi e parlate dinanzi ad una cosa del genere: "io conosco Gesù...", ed Io le ho detto "Io sono Gesù...", e lei "...E voglio fare le Cose del Padre"! Dinanzi a questo, cosa avreste fatto voi? Valle a dare una risposta ad una Formichina del genere! ...Si, Io la conoscevo e sapevo bene la risposta, ma se uno non la conosce che risposta le da'? C'è da rimanere col "sangue ghiacciato", come si suol dire, dinanzi a queste parole! ...Eh... "io conosco Gesù e Tu chi sei? Mi sei venuta a dire che qua ci sono i Chiodi e qua c'è questo... ma io conosco Gesù: Tu chi sei? Io sono una Formichina...", ma una Formichina mandata dal Padre! Ma per avere un coraggio del genere... "Io Sono Gesù e tu chi sei?", "Io voglio fare le Cose del Padre che Mi ha mandato! Tu mi stai donando i Chiodi, si, ma di chi sono?" ...Guardate che è da rimanere senza respiro, eh! ...Mandata dal Padre nel conoscere tutto e... "Tu mi stai dicendo che vuoi essere aiutato... vuoi fare entrare i Chiodi... e devo poi soffrire tanto e fare questo e quello, ma Tu chi sei? Io conosco Gesù!" ...E vatti a girare! Valle a dare una risposta! Per questo quando Io le dicevo "rimango senza parole", lei Mi rispondeva "Dio è la Parola e non può rimanere senza parole", e dinanzi a questo si rimane senza parole! ...Avete capito quanto è Cocciuta questa Cocciuta fatta di Pietra... La Roccia, e vuole ogni figlio fatto di Roccia, perché la Roccia è Dio e né si rompe e né vola via! ...E si arrabbia quando i figli vogliono fare la sabbia al posto della Roccia... diventa cattiva, e quando diventa cattiva poi ama ancora di più... ma diventa cattiva nell'Amore! <Parte un forte applauso> ...Le Torte poi si rompono, no? Don Vincenzo: Eh, si, le rompiamo! Gesù: ...Cosa c'è? <Don Vincenzo legge il messaggio scritto sulla Torta per il piccolo Giulio, figlio di Rita e Gimmi> Don Vincenzo: "Eccomi, ti do' il mio cuore, piccolo Giulio"! Gesù: Si, e il piccolo Giulio lo abbiamo già donato al Cuore della Croce! Leggi, leggi, che c'è scritto li dentro? Don Vincenzo: "Natanaele!" Gesù: Eh, si! Don Vincenzo: "Il mio Eccomi a Te, Papà Buono, che nell'Infinito Tuo Amore lasci vivere Natanaele nel mio cuore"! Gesù: ...Leggi più forte che così sentono tutti! Don Vincenzo: Si... "Il mio Eccomi a Te, Papà Buono, che nell'Infinito Tuo Amore lasci vivere Natanaele nel mio cuore"! Gesù: Eh! Chiedile perché ha scritto questo! Don Vincenzo: Marisa, perché hai scritto questo? Marisa: Perché l'ho sentito nel cuore! Gesù: Eh, perché l'ha sentito nel cuore! C'è attimo dopo attimo? Marisa: Si! Gesù: Meno male! Allora è Vivo! Eh... Eh... Eh... <Parte un caloroso applauso> E adesso chiedo a Maria se lo sente attimo dopo attimo il sussurro di Rossella! Maria: Eccomi! Gesù: E perché lo dici piano piano? Maria: ECCOMI! Gesù: Eccomi! E tutti voi lo sentite? ...Lucia lo sente? <Lucia risponde qualcosa ma l'audio non è intelligibile> ...Lo senti o non lo senti? Lucia: Ehm... Gesù: ...Hai perso anche l'udito? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> E tutti voi li sentite? La Cocciuta lo sente e fra poco farà il compleanno il Fiorellino! ...Tu lo senti papà Natale? E li senti i tuoi Servi Inutili? Giuseppe: Eh... Gesù: ...Non li senti? Non rispondi? ...Eh, si, è diventato sordo! ...Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: ...Non riesco a leggere... Gesù: ...E i due Bimbi stanno lavorando, stanno impastando tanto Pane per donarlo ai Servi Inutili che stanno facendo la guerra... eh, si... i due Bimbetti devono impastare il Pane, devono impastare tanta farina, tanto lievito e devono infornarli e poi... c'è Zio Vittorio e ci sono tutti gli altri che li aiutano, ma sono loro ad impastare perché c'è il lavoro da fare, e stanno lavorando, e la Schiera è tanto grande e la Battaglia è pesante! ...Cosa c'è? Don Vincenzo: Gesù...! Gesù: ...Che c'è? ...Per combattere è fatto apposta, per questo si chiama Calice Vivente, perché la Battaglia la vince sempre! Il Calice Vivente non si arrende mai! ...Il Calice Vivente è il Calice Vivente, non lo dimenticare sennò ti rimprovero! Il Calice Vivente è il Calice Vivente e non si arrende mai! Non sono mai sceso dalla Croce e non scenderò, e neanche il Calice Vivente è mai sceso e mai scenderà dalla Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Cosa c'è ancora? Poi devo salutarvi che c'è tanto da lavorare! ...Non dimenticatelo, perché si devono preparare altri Sette Sigilli e la Cocciuta si deve preparare ancora per inzupparsi e bersi! ...Domenico, Pio e tutti gli altri Servi Inutili hanno tanto lavoro da fare: aiutateLi dicendo solo "Ave Maria" e "Padre Nostro"! È questa la Spada del Vangelo, e con questa Spada si vince: non dimenticatelo, Figli Miei! Siamo arrivati a combattere, ma dovete essere pronti per tutte le altre cose che scenderanno ancora: non dimenticatelo! ...E tu, Giuseppe, svegliati e ascolta e mettiti dritto dinanzi a Dio! ...Non dimenticate che siete stati scelti come Famiglia, e non dimenticate che siete nell'Arca e avete i Remi! È tutto nelle vostre mani, ma il veleno cammina e vi avvolgerà, ma avete la Spugna che si inzuppa e si beve, ma tutto è nelle vostre mani! È Dio che Parla e non è uno scherzo! Io gioco per non farvi pesare quello che deve avvenire, Parlo con voi e rido, ma la Battaglia è iniziata e voi siete Figli, voi siete la Famiglia che il Padre ha dato a Maria che è l'Unica Chiesa, l'Unico Tabernacolo, l'Unica Grazia che è rimasta! ...Devi chiederMi qualche altra cosa? Don Vincenzo: È la Piena di Grazia... Gesù: ...Si, è l'Unica Grazia... Don Vincenzo: ...E perciò può trarne sempre di Grazie... Gesù: ...Si, perché tutte le altre sono scese! Ora c'è solo Lei: la Grazia! Don Vincenzo: Si... Lei ne è Piena di Grazia e perciò può donarla! Gesù: Si, Lei è la Grazia che Dio ha scelto! ...Ora tu saluterai i figli con l'Albero Verde, ed Io ti saluto col Mio Cuore rimanendo Croce!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen!(*) Giulia: ...Cosa dobbiamo fare, Giovanni?(*) ...Sì, io vado ad inzupparmi ancora attimo dopo attimo e mi bevo!(*) ...I figli sono stanchi!(*) ...Sì, li porto sempre io, ma posso farli riposare un poco?(*) ...Non c'è Tempo?(*) ...Eccomi, li porterò ancora di più stretti!(*) ...Vai, vai a lavorare!(*) ...No, sono lacrime di gioia nel vedere l'Amore del Padre, mentre nel vedere i figli che non si avvicinano sono lacrime di dolore, ma è più grande l'Amore del Padre!(*) ...Ora vai che io vengo dopo ad inzupparmi!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Cielo, voi che siete qui(*)... Cari(*)... Mamma, è bella la Festa che Ti stanno preparando anche in questo momento, ed è bello anche il Vestito!(*) ...Mammina mia, aiutaci anche Tu a combattere e strappa al Padre un Regalo per tutto quello che sta scendendo!(*) ...Glieli hai saputi sempre strappare: fallo ancora!(*) <Giulia schiocca un altro bacio> ...Ciao, ci vediamo dopo!(*) ...Si, quando vengo ad inzupparmi: non temere, non c'è più dolce di questo amaro!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccomi, Papà, e aspetto gli altri Sette-Sette-Sette-Sette!(*) ...Donami sempre la Costanza e la Forza! Il Padre: Eccola!(*) Giulia: Un Altro Rotolo? Il Padre: Questo è la Costanza e la Forza!(*) Giulia: Eccomi, Papà!

 

 

 

 

 

5. Giov. 28/02/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Piccolo Giovanni): Eh! ...Che cosa c'è ancora? Preparati qualche altra domandina da fare perché Io devo consegnarti i Sette Sigilli di Sangue! Ci sono Quelli che sono usciti dal Cuore di Maria e altri Sette te li devo consegnare Io che sono fatti di Sangue e cadono sull'umanità, e questi la Cocciuta non li può fermare! Sono Sette Sigilli tutti fatti di Sangue e stanno scendendo! Partono dalla Cupola e vanno sull'umanità intera e faranno un po' male! (Don Vincenzo): E quindi, Giovanni... (Piccolo Giovanni): ...Ed altri Sette-Sette-Sette-Sette verranno preparati per ancora un po' di tempo! Sono fatti di Sangue, cadono sull'umanità intera e partono sempre dalla Cupola! (Don Vincenzo): E quindi seminano morte? (Piccolo Giovanni): Seminano morte, si! (Don Vincenzo): E come e chi decide queste situazioni così catastrofiche? I grandi della chiesa? (Piccolo Giovanni): Gli uni e gli altri! (Don Vincenzo): Quindi sono i grandi della chiesa ed i grandi della politica? (Piccolo Giovanni): Si!(*) Tutti i vostri Cari stanno combattendo, e Natanaele, Vittorio, Rossella e le Bimbe sono ad impastare il Pane! C'è molto lavoro da fare e voi dovete lavorare nella Vigna, e la Cocciuta vi porterà ancora sulle spalle, ma rimarrà sempre alla Destra del Padre e il Nocciolo verrà Scorticato sempre di più, perché lei bussa al Cuore del Padre vedendo l'umanità! (Don Vincenzo): L'umanità allo sbaraglio? (Piccolo Giovanni): Lontana da Dio è allo sbaraglio! ...Ma oggi non ne avete avuto solo Sette, ma Sette da Maria e Sette da Me di Sigilli! (Don Vincenzo): Ma quelli di Maria avevano pure le Spade! (Piccolo Giovanni): Erano Sette Spade di Sigilli! Ma ora non chiederMi più nulla perché è la Cocciuta che deve poi dirteli! Ma uno lo tiene per un giorno! È riuscita a prenderli, a toccare il Cuore del Padre e fermare... meno uno... per un giorno! È così gioiosa, e quando si inzuppa, si rotola e poi si beve! È gioiosa quando il Padre le dona il Lavoro da fare! (Don Vincenzo): Quindi Sei Sigilli ce l'ha... e uno... (Piccolo Giovanni): ...No, Sei sono aperti ed uno ce l'ha la Cocciuta! (Don Vincenzo): Ah, e perciò era contenta? (Piccolo Giovanni): Si!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Fermati!(*) <Alla Glorificazione, Giulia stava per alzarsi in piedi come al solito> Giulia: Eccomi! Gesù: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio...... poi Alza la Destra e col Segno Trinitario Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> ...Il Mio Amore è Pieno e ve lo dò così: donandoMi come Croce e prendendo ognuno di voi come Croce, perché il Mio Amore Pieno è Vivo e Cammina in mezzo a voi! Siamo un Tutt'Uno, Siamo la Famiglia, Quella Preparata da sempre dal Padre e il Padre l'ha Preparata così... <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce.> ...Per rimanere sempre nel Segno del Suo Amore Pieno, Figli, Fratelli e Amici! E il Cielo è sempre con voi perché lo è sempre stato! Dio non ha mai lasciato i Suoi Figli Fatti così... <Gesù Ripete la Sua Benedizione col Segno della Croce> ...Dal Suo Amore! E se il Cielo è Tutto con voi, anche il Padre, e lo è da sempre, col Cielo, con tutti i Servi Inutili, con i propri Cari Vivi nel Salutare... <Gesù continua a Benedire col Suo Segno> ...E nell'Amare e nel Lodare Dio che è il Papà, il Nonno di ognuno e della Propria Famiglia! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda.........! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Si, sono rimasto ancora per Inzupparmi e Bermi ancora! Ma tutto quello che vedo non lo posso dire?(*) Gesù, Tu Piangi e Ridi! Vedo perché Piangi......... e vedo anche perché Sei Gioioso! Ci sono anche altre Schiere Pronte, posso solo Inzupparmi e Bermi, questo è il mio lavoro! Ora che le Schiere Sono Tutte Pronte, ora che il Cielo è Sceso, la Battaglia è Iniziata! ...Ce ne saranno altre, Gesù? Gesù: Guarda ancora.........!(*) Giulia: Cosa stanno facendo a Carlo?(*) Cosa stanno facendo a Giovanni?(*) Cosa stanno facendo a Domenico?(*) Gesù: Fermati! Guarda ancora.........!(*) Giulia: ...Ancora la Cupola!(*) ......Quella è troppo piccola...... altro Sangue Innocente! Gesù, perché Sei così Buono? Gesù: Lo sai: perché Amo e anche tu ami! Giulia: È quello che Mi hai insegnato! E perdonami se Ti ho chiesto "perché Sei così buono?", dopo quello che Mi hai detto e con gli occhi che mi hai donato..., lo so che oltre alla spugna, non posso fare altro! Ma dimmi, Mio Amato Bene, i Calici sono versati, li posso prendere solo con la spugna e bere...... ma cosa facciamo con il Sangue che sta scendendo? O meglio, cosa posso fare oltre ad Inzupparmi e Bermi? Gesù, Mio Amato Bene, cosa gli lascerai fare ancora? La Battaglia è iniziata, ...con tutte le Schiere! Gesù: Vedi cosa sta scendendo sulla Cupola?(*) Giulia: Un Velo Nero! E dell'altro Sangue Innocente!(*) Tante Spade..., ma c'è una Spada fatta di "polvere" e ci sono anche dei "Missili"! Cosa faccio, Mio Diletto, Mio Amato Bene? Dimmi, cosa devo fare? Gesù: Conosci l'Ora e il Giorno! Giulia: Non posso fare nulla prima? Gesù: Inzupparti e Berti: è il tuo lavoro! Giulia: Eccomi! Mio Diletto, sono altri Sette: Eccomi! Visto che il Cielo è tutto in mezzo a noi, Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! I Due Giovanni sono sempre uniti e anche Carlo, Pio e Domenico con tutti i Servi Inutili! Gesù: Non dire ciò che hai visto ora! Giulia: Eccomi! Gesù: Il Cielo è Riverso ed è in mezzo a voi, Figli, ......manca solo una Piccola Parte! Giulia: Gesù, quella Piccola Parte che manca... Gesù: ...Fermati e non parlare! Giulia: Eccomi, Gesù, nel guardare e nel mettere tutto nel Rotolo e aprirlo quando Tu Lo desideri! Gesù: Ed ecco il Cielo che viene con l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E con l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù! Mio Diletto, dall'Alba fino ad Ora, a questo Respiro che sta per uscire! Metto ancora nel Tuo Cuore tutti i figli, coloro che bussano, e li consegno ancora sul Letto della Croce per donarli al Tuo Cuore! Ma Tu PoggiaTi sempre......, guarda......, cerca ancora Spazio......! Gesù: Non hai mai gettato nessuno dei tuoi figli..., il Nocciolo Scorticato Io l'ho Pulito bene bene, e non c'è più nulla! Giulia: Se guardi bene, trovi qualche altra cosa! Mentre pulivi dovevi fare altro! Guarda, Gesù...... guarda dove trovi un po' di Spazio......! Fai quello che devi Fare! Gesù: Porta ancora ciò che il Padre ti ha consegnato da sempre! Giulia: Eccomi, Gesù, nel Fare le Cose del Padre nella Pienezza della Croce e nella Pienezza del Tuo Amore, così come Tu Sei da sempre! Gesù, il Cielo è Tutto con noi......, ma noi ancora non sappiamo camminare come cammina il Cielo e non sappiamo fare quello che Fa il Cielo e Tutti i Servi Inutili! Gesù: Lo siete anche voi Servi Inutili e avete la Vigna, l'Arca e i Remi! Giulia: Insegnami a Fare le Tue Cose...... così posso insegnare a farle! Gesù: Sei a Capo della Schiera e hai portato ancora tutti i tuoi figli! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda ancora......!(*) Giulia: Gesù, vedo del Fuoco sulla Terra...! Tanti che si trafiggono a vicenda......!(*) ...E tutto viene dalla Cupola! Gesù: Vai, Inzuppati e Beviti! Giulia: Eccomi, Gesù! Metto ancora tutto quello che Tu mi hai donato nelle Tue Mani e nel Tuo Cuore! Gesù: Ecco, ecco i Sette Sigilli! Giulia: Mio Diletto...!(*) ...Escono dal Cuore di Maria!(*) ...Sono Sette Spade! Gesù: Rappresentano Altre Sette Chiese! Giulia: Non posso fare nulla?(*) ...E la Mamma non sentirà Dolore? Gesù: È Mamma!(*) Giulia: La Prima Spada si è Aperta e anche le Altre! Come sono brutti questi Sigilli...... e la Madonna li ha portati nel Suo Cuore! Gesù: Sono le Sette Spade che hanno consegnato a Lei... e Lei, come Mamma, le ha portate! Ora è Tempo di aprirle!(*) Giulia: Sette Chiese...! Gesù: Fermati! Giulia: Eccomi! Gesù: Non puoi prenderli quei Sigilli! Giulia: ...Cosa ne sarà? Sono figli! Gesù, tutto parte dalla Cupola...... e il Sangue Innocente scende ancora! Gesù: E ora scenderà più abbondante! Giulia: Cosa devo fare, Gesù, per far chiudere quelle Spade e farle entrare dentro di me......? Sono un Nocciolo Scorticato e c'è ancora un po' di Tempo......, dimmi cosa devo fare? Gesù: Guardarle mentre si aprono e le hai già viste... e bagnarti come spugna e berti ancora! Giulia: O Mio Amato Bene, perdonami se insisto per un altro pochino... infilale a me Nocciolo Scorticato almeno per un altro giorno!(*) Fai quello che devi fare!(*) <Giulia emette un grido dal forte dolore dando un colpo di schiena all'indietro: una di quelle Sette Spade le penetra nel Cuore> Gesù: Solo una! Giulia: Eccomi, mi basta! Gesù: Come fai, Anima Mia?! Giulia: Come Fai Tu e come Fa Maria! Gesù: Guarda ancora.........! Giulia: Ma al Calice Vivente posso dirgli come erano i Sigilli nel silenzio, in privato? Forse un poco si spaventerà? Gesù: Tu sai come dirglielo! Giulia: Eccomi! E se Lui vuole può anche spiegarlo ai figli? Gesù: ! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Visto che un Sigillo è fermo, il Calice Vivente può anche spiegarlo quando si sentirà forte! .........Ma tu come fai ad essere sempre Gioiosa? Giulia: Ti Amo! E ora che il Cielo è in mezzo a noi, Ti Amo ancora "di più"! Ma non so come si fa a Misurare l'Amore, non c'è Bilancia per Misurare "di più", è Amore senza Misure, così come ce l'hai Tu: Smisurato! Amore Smisurato, quello che il Padre ha donato da sempre! Gesù: Sei gioiosa nell'avere la Spada? Giulia: Sì: Eccomi, così la tengo un poco! Ma Quei Sigilli? Gesù: Altri ne verranno! Giulia: Ma donami sempre la Costanza e la Forza di poterLi guardare... di Inzupparmi e di Bermi: Eccomi! ............Eccomi, Gesù, li metto ancora nelle Tue Mani tutti i figli! Mio Amato Bene, non c'è Altro Posto! Ora che tutto è iniziato: Eccomi! Gesù: ...Pace al tuo cuore, Giovanni! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Pace al tuo cuore, Giovanni! Don Vincenzo: Benvenuto! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Shalom! Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! ............Come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: E voi come state? Tutti: Eccomi! Gesù: Tutti bene? Io Sono Venuto sempre con la Croce e col Pane! <Gesù Benedice>Voi lo siete rimasti! Don Vincenzo: Come è stato Intenso il Colloquio d'Amore tra Te, Gesù, e la Cocciuta! Gesù: E... tra Me... Gesù e la Cocciuta... Io Sono Gesù! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E la Cocciuta è la Cocciuta! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E il Calice Vivente è il Calice Vivente! Voi siete Servi Inutili e il Cielo è tutto in mezzo a voi! Don Vincenzo: Gesù, come è stato forte e doloroso quel Grido della Cocciuta......! Gesù: Ha voluto la Spada......, ha voluto un Flagello...... e gli Altri Sigilli erano tutti aperti......, e uno l'ha voluto prendere lei......, li ha visti uscire dal Cuore di Maria! Don Vincenzo: Li ha visti uscire? Gesù: Dal Cuore di Maria! E poi nel silenzio ti dirà come sono fatti e poi, se lo ritieni, potrai spiegarli, se lo desideri! Don Vincenzo: Come no! Gesù: E adesso non te lo posso dire, te lo dirà la Cocciuta nel silenzio! ......Ciao, Figli, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Il Cielo è Tutto al Lavoro, ci sono Sei Flagelli, Sei Sigilli che si sono aperti, uno l'ha preso la Cocciuta e lo vuole tenere un po' fermo! Don Vincenzo: E quando ha Parlato della Cupola? Gesù: E l'hai sentito quello che ha detto! Tutto parte dalla Cupola! .........Tu come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: Bene! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Visto che il Banchetto è tutto pronto, tu sei pronto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Per il Primo Banchetto, per donare il Mio e il Tuo Sangue? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora il Banchetto è bello e preparato...! Il Primo è Mio, ehi, che Mi fai, anzi che gli fai alla Cocciuta? <Giuseppe stava aggiustando il filo del microfono della Cocciuta> Don Vincenzo: Facciamo l'Eucarestia? Gesù: , Dona il Mio e il tuo Sangue! Io Mi Sono già Donato e Rimango a guardarvi! Ecco: Questo è il Mio Sangue! Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! Gesù: E Questa è la Mia Carne! DonateMi, e tu Donati con Me, perché è Tempo di Donarti! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! Gesù: Questo è il Mio Sangue e i figli vengono a Inzupparsi come fa la Cocciuta, ma voi vi Inzuppate nel Mio Sangue, lei si Inzuppa come Spugna per Salvare! Venite, figli, prendete parte al Banchetto che il Padre ha preparato da Sempre per ognuno di voi e Facciamo Festa ancora! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen> E ai pargoli glieLo danno i loro genitori: Siete Sacerdozi Vivi, non dovete temere!(*) <Si era avvicinato Gimmi con in braccio il piccolo Giulio> E dov'è andato? Giuseppe: È andato dall'altra figlia che è di là! <Assunta che accudisce gli ammalati> Gesù: E' venuta a prenderMi! Giuseppe: Ah ah, è venuta a prenderTi? Don Vincenzo: È già venuta! Gesù: ! Don Vincenzo: Assunta è stata una delle prime! Gesù: E l'ha già preso e mo' se lo riporterà indietro! ...E mo', non possiamo iniziare l'altro Banchetto, ma la Cocciuta si è Inzuppata ancora, si è Bevuta ed è rimasta ancora nell'Amore della Croce per tutti i figli e per l'Umanità intera! E Mi hai donato due volte alla figlia? E adesso sei rimasto senza, eh, eh, ecco, e fai quello che devi fare e poi la Cocciuta si va a Inzuppare ancora! E visto che l'altro Banchetto continua, tu cosa vuoi fare? Vuoi continuare al Banchetto? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E continuando al Banchetto Parli pure? Don Vincenzo: Vediamo! Gesù: Vediamo! Cosa vuoi, vuoi mangiare, eh, eh, vuoi mangiare questi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E poi cosa più? Don Vincenzo: Poi... Gesù: Poi quelli e quelli, eh......! Vuole mangiare questi e vuole mangiare quelli eh! Don Vincenzo: Basta! Gesù: Va bene così? Buon appetito, tie'! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E mo' vediamo cosa gli posso far mangiare alla Cocciuta perché un po' di erbetta, gliela dobbiamo donare...! La verdurina ce la semina sulla testa e una volta seminata poi nasce e dopo che è nata poi gliela dò da mangiare di nuovo o Mi sbaglio? No, non Mi sbaglio! E no, dopo, se no poi qua questa ce la semina in pienezza! E allora che gli doniamo, perché un pochettino lo mangio Io e un pochettino, no: gli doniamo un ovetto? Tu cosa dici, scegli tu, che gliene dò poco poco e l'altro me lo mangio Io, eh, eh, eh, diamogli questo! Eh, , un ovetto intero se no quella è metà! ...E allora buon appetito! Poi vediamo se decido di mangiare Io e lo devo donare pure a lei un pochettino, mo' vediamo! ...Figlie, lo sapete cosa dovete fare, eh? <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> E allora tu puoi iniziare a mangiare! Tu, viceparroco, sei Delegato, sai cosa devi fare, vai avanti, eh, però poi divertiti un poco, eh, visto che sei il Delegato! ............Tu preparati qualcosa da chiedere e adesso incomincerai a pensare ai Sigilli che ho detto, ma quelli non te li posso dire, poi te li dirà la Cocciuta, ma hai tante domandine da fare! .........Allora questo pezzettino piccolino lo dò alla Cocciuta e un altro poi Me lo mangio Io e a lei gli dò tutta l'erbetta, e un filo lo mangio anch'Io! ...Come state, figli, tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Giovanni è talmente impegnato, ma verrà un pochino! Con i Sigilli che ho donato in questo giorno ha dovuto Lavorare tanto tanto, con Giovanni, Carlo, Pio e Domenico e adesso col carico che dovranno preparare, ce n'è Lavoro da fare! C'è tanto Lavoro e i Sigilli sono sempre più Grandi come sono Grandi le Gocce! E di tutto quello che sta avvenendo, ancora non vi siete resi conto di nulla! E' meglio così, così rimanete nell'Arca con i Remi e potete Salvare, ! Quando viene Giovanni poi dirà: "ciao, bella di Zio Mario... ciao, belle di Zio Mario!" Eh! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ciao, mamma e papà, eh, come state? ......E poi gli prepari qualcosa a mamma e papà? Gesù: Eh, sto mangiando già, vuoi mangiare? Sono Io che sto mangiando, l'ovetto gliene ho dato poco poco alla Cocciuta, eccolo! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ehi, potete prenderlo anche voi un ciuccetto, mamma e papà? Poi a donare qualcosa di poco poco ci pensa il viceparroco o no? Gesù: Eh, com'è, com'è, sono tristi i vostri cuori? Sono tristi? Tutti: No! Gesù: Meno male! Vedete, dovete essere gioiosi, tutte le Schiere sono pronte e tutti i Sigilli si stanno aprendo, perché è così che era scritto da Sempre! Non vi ho mai lasciati soli e col Mio Sangue Versato vi ho liberato dalla Schiavitù, ma coloro che vi hanno tenuto schiavi ora non possono più farlo! E' il Tempo che il Padre aveva stabilito! Don Vincenzo: Gesù...! Gesù: Eccomi! Hai mangiato? Don Vincenzo: Sì, ho mangiato..., tre grissini! Gesù: Non hai più fame? Don Vincenzo: Sì, ma volevo farTi una domanda! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Il Padre ci ha liberati con la Tua Croce? Gesù: ! Don Vincenzo: E col Tuo Sangue? Gesù: , ma coloro che vi hanno tenuti schiavi fino adesso hanno finito il tempo! Il Cielo è Sceso e la Battaglia è iniziata! Don Vincenzo: Quindi c'è stata una seconda liberazione: dalla Croce a quella dei cosiddetti Grandi? Gesù: ! Don Vincenzo: Ti riferivi a questo? Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi eravamo schiavi? Gesù: E' capibile: schiavi di cose che Io non ho mai detto! Don Vincenzo: La loro era una imposizione tremenda e schiavizzante! Gesù: ! Eh, la Cocciuta è talmente impegnata ad Inzupparsi che non ha fatto la faccia storta nel mangiare la verdurina! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Le verdurine e l'ovetto bisogna dare alla Cocciuta? Gesù: Dobbiamo donarle le Cose del Padre, quello che ha deciso Lui! Io Potrei anche mangiare tutto senza fargli mangiare nulla, ma lo debbo far mangiare anche a lei...! Adesso le doniamo anche uno di quello, eh, uno solo, ma metà Me lo mangio Io e metà lo dò a lei, eh, eh, eh! ...Ehi, mo' divertiti un poco! ...Che c'è? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Quando i Sigilli si aprono fuoriesce il sangue dall'interno? Gesù: No! Don Vincenzo: Non necessariamente? Gesù: Quello l'ha visto sulla Cupola! I Sigilli, poi te lo dirà la Cocciuta quello che ha visto! Ora non puoi chiederMelo............ poi te lo dirà in privato...! Don Vincenzo: Aaah! Gesù: Il sangue l'ha visto scendere sulle Mura Insanguinate! Don Vincenzo: E non è sangue di Salvezza! Gesù: No! Quando la Cocciuta vede il Sangue della Salvezza è gioiosa, non è triste! Don Vincenzo: Che poi per essere Sangue della Salvezza è il Sangue Tuo, Gesù, o di qualche Vittima Innocente! Gesù: , e il Banchetto l'abbiamo già fatto! Don Vincenzo: Uh! Gesù: Tu Mi hai Donato e ti sei Donato! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E adesso c'è il Banchetto che continua ancora, il Banchetto del Padre, così come è stato preparato da Maria! E se ne mangio un altro Io poi devo farne mangiare un'altra metà alla Cocciuta! Don Vincenzo: Ah! Gesù: E ne mangiamo un altro, metà la Cocciuta e metà Io! Lei Lavora come una Spugna che si Inzuppa e...Combatte! Don Vincenzo: E si Beve! Gesù: , si Beve e Combatte insieme ai Servi Inutili che sono Scesi, Combatte con Maria, e questa è la Battaglia di Maria! Eh, con la Schiera! Quelli sono i Sigilli, non posso dirti niente altro! Te l'ho già detto..., e sono usciti dal Suo Cuore! Non posso dirti niente sui Sigilli, non lo vuoi ancora capire? Te lo dirà in privato la Cocciuta! Quello che la Cocciuta ha potuto dire ha detto, adesso non può parlare e Io non posso dirti niente, ma tu se mi devi fare qualche domanda, falla! ...State mangiando? Tutti: Eccomi! Gesù: Buon appetito! Tutti: Altrettanto! Gesù: Grazie! Dò un po' d'acqua alla Cocciuta e un pochettino la bevo Io! Ecco, donateMi il "niente", così Io vi dò lo scarsetto scarsetto, ...vicepa', ti raccomando, eh, uno scarsetto scarsetto e poi l'hai sistemati? Poi sistemali! Eh, poi fai qualche altro scherzetto, là ci sono i pesciolini! Don Vincenzo: Che stai cercando, Gesù? Gesù: Ho visto un coniglio sulla moto! Don Vincenzo: Hai visto un coniglio sulla moto? Gesù: , eccolo! <Il coniglietto di cioccolato offerto al Banchetto. Gesù Come al solito scherza con i suoi figli alludendo a un coniglio arrostito al forno> Don Vincenzo: Ah, eh! Gesù: Vedi, è sulla moto......! Ma non doveva essere nel forno? Don Vincenzo: La sua è stata una fuga saggia! Gesù: E Mi sa che in mezzo a voi non è stata per niente saggia la fuga perchè verrà mangiato ugualmente! Don Vincenzo: Ah, sì! Gesù: Eh! Che c'è, ehi, adesso, se poi viene Giovanni la farà mangiare ancora un poco, Io mo' non la posso far mangiare più, perché si sta Inzuppando e poi si Beve! ...Eh, non hai niente tu? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non hai niente da dirMi, eh, eh! Al Calice Vivente ogni tanto va fatto così! Don Vincenzo: Come? Gesù: Che vuoi fare "Nocciolo Scorticato"? Non ci provare, no! Don Vincenzo: La Cocciuta non fa altro che chiedere di trovare Spazio! Gesù: Sì e Io l'ho accontentata la Cocciuta e lei va sempre a Inzupparsi e a Bere e l'ho accontentata un poco: ho trovato lo Spazio che lei desidera e le ho donato un Flagello da tenere un poco! Don Vincenzo: Grande grande? Gesù: , Grande Grande...... così è gioiosa! Don Vincenzo: Così lei lo tiene a bada questo Flagello? Gesù: ............: lei fa tutto per Amore! Don Vincenzo: Che Potenza, che Forza! Gesù: Eh, , c'ha la Forza dell'Amore... e voi dovete pregare, perché questo è solo il Tempo di pregare! Don Vincenzo: Sì, ce lo raccomandi sempre! Gesù: Con l'"Ave Maria" e col "Padre Nostro"! Don Vincenzo: Pregare, Convertirci e Fare la Volontà del Padre! Gesù: Siete voi della Famiglia di Giulia che dovete convertirvi e Fare la Volontà del Padre e Lavorare nella Vigna perché siete nell'Arca e avete i Remi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Siete i Vignaioli che il Padre ha scelto e dovete Lavorare! Don Vincenzo: Questo fare secondo l'Intenzione del Padre...... Gesù: ......È Fare tutto quello che il Padre mette nei vostri cuori, che ha messo da Sempre: fare i Lavori della Vigna, i Lavori del Suo Amore! Don Vincenzo: Fare le Sue Cose ogni momento! Gesù: , le Cose del Padre! Don Vincenzo: E vivere da figli di un Papà Infinitamente Buono ed Eternamente Buono! Gesù: , quando ha visto tutto quello che le ho fatto vedere, Mi ha chiesto perché ero Buono, ma lei lo sa perché sono Buono! Don Vincenzo: Perché Ami! Gesù: ! Don Vincenzo: E quando si ama... Gesù: Si Ama con un Amore Senza Misura e Senza Limiti! Don Vincenzo: Un Amore smisurato! Gesù: , smisurato! Don Vincenzo: Cioè quello che Scaturisce Solo dalla Croce! Che bello! Gesù: Che bello! Don Vincenzo: Vedere la Cocciuta che attimo per attimo fa sempre la Volontà del Padre ci riempie di gioia, Gesù, perchè lei non fa altro che sprigionare verso tutti il Tuo Amore Crocifisso, e non c'è altro modo che imitarlo e riviverlo questo Tuo Amore Divino per farlo assaporare a tutti i figli! E l'Amore che Lei ha verso di Te, Gesù, è così Grande da non avere nè limiti e nè misure al punto da permettere al Tuo Amore Divino di Ardere in lei in Pienezza rivelando così a ognuno il Piano Salvifico del Padre! CHE GRANDE DONO IL PADRE HA VOLUTO FARE ALL'UMANITÀ DONANDO IL "NOCCIOLO SCORTICATO" CHE È LA COCCIUTA! LE MIGLIAIA DI PIAGHE SUL SUO CORPO TESTIMONIANO CHE QUI A TIMPARELLE STA ACCADENDO QUALCOSA MAI AVVENUTO NELLA STORIA PERCHÈ MAI DIO SI È DATO TANTO E CI HA DATO TANTO! IL PADRE HA DETTO CHE QUESTE DI TIMPARELLE SONO LE ULTIME GRAZIE: IL SOLE SI APRIRÀ NELLE MANI DEL CALICE VIVENTE E TUTTI LO VEDRANNO E IL CUORE IMMACOLATO DI MARIA TRIONFERÀ! Gesù: ! Ehi, siete tutti digiuni o avete mangiato qualcosina? Tutti: Abbiamo mangiato! Gesù: Tu lo vuoi uno? Don Vincenzo: È un ciuccetto? Gesù: E daglielo uno, eh, eh! No, Io non lo voglio! Ehi! <Per il ciuccetto donato a Don Vincenzo Gesù invita ad applaudire> Don Vincenzo: Aaah! Gesù: Aaah! Che gusto ha? Don Vincenzo: Aranciata! Gesù: Di aranciata! Eh, adesso sì, dallo pure a lui, ehi, eh, eh, eh! <Gesù invita ancora ad applaudire per il ciuccetto donato a Giuseppe e poi se lo dona lo stesso Raffaele> Eh, bravo, eh, a quello glielo devi dare uno, eh, eh, eh, lui stava ridendo e adesso glielo diamo uno, eh, mo' vediamo a chi lo porta, eh, bravo, ecco! <Gesù invita ad applaudire perché è la volta di Vito e poi Giacomo1, la piccola Veronica e ancora di Maria Elena e Mario> Dovete essere sempre gioiosi quando si è nell'Amore del Padre e non dovete temere le cose degli uomini, ma dovete temere le Cose del Padre e non dovete diventare tristi perchè il Padre non fa mancare il pane a nessuno dei figli...! Dovete gioire, il Padre Buono ha preparato tutto per ognuno di voi e ha preparato la Vigna e vi ha donato l'Arca e i Remi e non vi lascerà soli e neanche Io vi lascerò soli! Siete la Famiglia che porterà avanti la Vigna del Padre e non dovete temere i rumori del mondo......... avete tutta la Grazia del Padre, siate gioiosi! E i vostri cuori devono essere gioiosi nell'Armonia del Padre e non dovete cadere nella trappola della tristezza che vi dona il mondo, ma nella gioia che vi dona il Padre! Il Padre ve ne sta donando di Gioia parlando in mezzo a voi! .....................Che fai? Don Vincenzo: Questi capelli? Gesù: I Miei o quelli della Cocciuta? Don Vincenzo: Mah, chissà! Gesù: Chissà! Don Vincenzo: Somigliano? Somigliano ai Tuoi? Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi li tieni così? Gesù: Sono un po' più lunghi i Miei! Don Vincenzo: Pure? Gesù: ! Don Vincenzo: Hanno lo stesso colore? Gesù: Sono un po' più ricci! Don Vincenzo: Ah, il colore è uguale? Gesù: ! Don Vincenzo: E in più ci sono i ricci? Gesù: ! Don Vincenzo: E chi Te li aggiusta? Gesù: La Cocciuta......! Ma visto che lei ha un po' di Lavoro da fare come Spugna che si Inzuppa, noi abbiamo un po' di Lavoro da fare per tutti i Sigilli che ci sono e dato che la Battaglia è iniziata, non abbiamo avuto il Tempo di farli ma, come c'ha un po' di tempo, la Cocciuta viene a farli, perché voi la vedete ferma, ma ha tanto Lavoro da fare, con i Sigilli e con tutte le volte che si va a Inzuppare...... e non si ferma un istante! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: I Sigilli da dove partono, dal Cielo o no? O sono un po' di qua e un po' di là? Gesù: E diciamo che sono un po' di qua e un po' di là! Don Vincenzo: Diciamo così! Gesù: Diciamo così! Ehi, attento che quella moto parte! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Eh! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Non è che la vuoi provare? Gesù: No, Io no! Eh, il coniglietto, a Me piace arrostito! Don Vincenzo: Come? Gesù: Sulla brace, come faccio con i pesci! Don Vincenzo: Il coniglio? Gesù: , quello è di cioccolato, non è di carne! Don Vincenzo:Eh! Gesù: Beh, non hai più niente da dirMi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E quello lo mangi? Don Vincenzo: Quale? Gesù: Questo che hai in mano! Tu l'hai già mangiato? Tu non vuoi più nulla da mangiare? Don Vincenzo: Sì, lo vuoi pure Tu? Gesù: E no, Io non li mangio se poi ne devo far mangiare metà alla Cocciuta, mangialo tu, Calice Vivente, così se lo mangi tu, lo mangi tu! Io invece dò un altro goccio d'acqua alla Cocciuta e un altro goccio lo bevo Io! Ehi, gliela diamo un po' di frutta alla Cocciuta, così poi la mangio anch'Io? No, diamole questo, eccolo, eh, eh, le diamo questo? Eh, eccolo, e poi le diamo anche un po' di questo, una metà, ecco e l'altra metà Me la mangio Io, ecco, a posto! Tu ne vuoi? No, lui non ne vuole! Lo vuoi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Lo vuole un poco, eh, aspetta, questo va bene? Ne vuoi un altro, vuoi questo? Don Vincenzo: Che roba è? Gesù: E chiedilo al viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Mi sa che è una pesca! Don Vincenzo: Ottimo! Gesù: Ottimo, sì ma quello non lo devi gettare! Don Vincenzo: No! Gesù: Lo devi mangiare pure! Don Vincenzo: Sì, Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, adesso puoi! Raffaele: Gesù! Gesù: Eh! Raffaele: Ci potrebbe essere qualcuno sulla Terra che può far cambiare idea al Padre? Gesù: Solo la Cocciuta quando gli strappa il Cuore e Gli ha chiesto la Spada e l'ha accontentata! Raffaele: Nessun altro ci riesce? Gesù: No! E' solo l'Amore che tocca il Cuore del Padre e, dinanzi all'Amore di un "Nocciolo Scorticato", il Padre si intenerisce! Ma quella Spada gli ha promesso che gliela fa tenere solo per un giorno, ma non è il Giorno del Cielo il giorno che avete voi! E lei è contenta anche così perchè ne ha fermato uno! Raffaele: Si è pentito? Gesù: C'è una Famiglia che Lavora! Raffaele: Sembrava pentito? Gesù: No! Raffaele: Non era pentito! Gesù: Non è! L'ha solo accontentata! Quando Gli chiede qualcosa di fermare i Flagelli o di fermare i Sigilli un pochino, quel pochino non è! Prima era un pochino del Cielo, ma il Cielo ora è sulla terra, è in mezzo a voi! Raffaele: Mi aiuti a capire una cosa? Gesù: ! Raffaele: Hai detto prima che non bisogna essere tristi! Gesù: ! Raffaele: E per quanto ci sforziamo noi siamo qui! Gesù: ! Raffaele: E le vediamo le cose negative! Gesù: ! Raffaele: È difficile, Gesù, non essere amareggiati, tristi, preoccupati? Gesù: No, non è difficile! Dovete essere gioiosi perchè siete nell'Arca, siete i Vignaioli che il Padre ha scelto e dovete essere nella Gioia del Padre! , fuori c'è il Buio, nel mondo c'è il Peso, ma se si guarda tutto quello che il Padre vi sta donando, come si può rimanere tristi? Si può gioire, si deve gioire perchè con la vostra gioia il Padre Salva e voi Salvate......! Se voi che avete Dio e abitate nell'Arca e siete la Vigna Nuova, siete tristi, come potete donare gioia agli altri? Raffaele: Aiutami a capire! Gesù: Eccomi! Raffaele: E quando vedi la gente che ha bisogno, puoi far finta di niente? Gesù: No, dovete solo pregare come vi è stato detto! Raffaele: E magari noi pensiamo di essere crudeli ed egoisti nel non aiutarli? Gesù: No, con la preghiera il Padre fa scendere copioso il Pane e tutto quello che necessita! E con la vostra gioia fa scendere tutto quello che necessita e a nessun figlio manca niente. I figli che non amano e non accolgono ciò che il Padre lascia scendere, rimangono senza il Pane, perché sono loro a rifiutarLo e non siete voi che non glieLo date! Il Padre si dona attimo dopo attimo ma viene cacciato, non viene accolto, non viene ascoltato e non viene amato e rimane lì ad aspettare...... ma non lascia i figli! Raffaele: Mi aiuti a capire un'altra cosa? Gesù: Eccomi! Raffaele: Nell'altro Messaggio ci hai avvisato che il veleno ci avvolgerà sempre di più! Gesù:! Raffaele: Che vuol dire? Gesù: C'è la Cocciuta! Vuol dire che quella Cupola farà scendere altro veleno e quelli che dicono che sono "Grandi" faranno scendere altro veleno! Ce n'è uno solo che può Salvare! Raffaele: Non ce lo puoi dire......? Gesù: No, per adesso non posso! Sto tagliando! Raffaele: Posso tagliare? Gesù: No, l'ho tagliato Io! Per adesso non posso dirvelo perché sto tagliando, ecco, eh, eh, chi taglia prima, Io o tu? Eh, visto, eh, ... mangia, mangia! Cosa non hai capito ancora? Raffaele: Gesù! Gesù: Eh! Raffaele: E... basta: "Padre Nostro" e "Ave Maria"? Gesù: ! Raffaele: Ma fatto così? <Gesù Fa un Segno di Croce> Gesù: , anche così! Non dovete mai dimenticare la Destra, tutte le altre parole non servono! La Cocciuta si ferma: "Padre Nostro" e "Ave Maria" e col suo Amore riesce a far intenerire il Cuore del Padre, da vedere un "Nocciolo Scorticato" e far entrare una Spada! Raffaele: Certo che non riusciamo neanche a riscaldare appena appena il Tuo Cuore, Gesù! Gesù: Voi state Lavorando, perché la Cocciuta vi porta a Lavorare! Raffaele: Ma di nostro non c'è niente! Gesù: E quello che vi chiede di fare... lo fa lei! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! E adesso faccio mangiare un po' di questo alla Cocciuta e un po' di questo e poi l'altro Me lo mangio Io! ...Tu te lo sei già Mangiato? Don Vincenzo: Gesù, questo è un kiwi...! Pure questo tagli? Gesù: , Io l'ho tagliato a pezzettini, vedi, insomma... la Cocciuta gradisce il cioccolato bianco, poi gradisce la frittatina e poi gradisce tutto il Bene di Dio perché il Banchetto è preparato dal Padre ed è preparato da ognuno di voi, ma quando poi deve mangiare la verdurina: "uuuh!" Don Vincenzo: Sempre, sempre, sempre verdura, si è un po' stancata! Gesù: , ma vedi la Cocciuta non si è stancata fino adesso a portare l'Umanità e non si stancherà neanche a mangiare la verdurina, eh! Don Vincenzo: Certamente! Gesù: E, figlie, riprendete daccapo! Avete mangiato lo scarsetto scarsetto? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Gesù: Gliel'hai combinato uno scherzetto, poi dopo gliene combini un altro! Tu l'hai mangiati i pesciolini... e divertiti! Ehi, ci sono due Torte! Don Vincenzo: E... Gesù: Eh, Buon Compleanno! Don Vincenzo: e 61! Gesù: Eh, e non fate loro un applauso! <Si applaude per il compleanno di Achiropita e di Maria moglie di Giacomo1> Don Vincenzo: Chi è Maria? Maria: Eccomi! Don Vincenzo: Maria, ah, lei! Primo marzo, quindi a mezzanotte iniziamo i festeggiamenti......! Gesù: Ehi! Don Vincenzo: Invece... Achiropita! Achiropita: Eccomi...! Bimbi di Mario e Maria Elena: ...Ciao, mamma e ciao, papà, mangiatevi l'altro regalino, eh, eh, eh! Don Vincenzo: Facciamo un applauso pure ad Achiropita? Gesù: , eh! <Si applaude> Ehi, quello lo devi mangiare, non si getta, ehi, attento al dente, attento al dente! ...E' sveglio Giuseppe? Come mai, come mai è sveglio, eh? Don Vincenzo: Ha fatto progressi? Gesù: Mo' vediamo se ha fatto progressi! Eh, così ti dona da mangiare e rimani sveglio! ...Ehi, tu Mi devi dire qualche altra cosa perché Giovanni ha un attimino di tempo! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora facciamo venire Giovanni? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Poi Me la dici dopo? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora, ecco...! PICCOLO GIOVANNI: ...Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: ...Eccomi con la Croce e col Pane! <Giovanni Benedice col Segno della Croce, poi manda baci ai presenti> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Eh... Eh... Eh... ciao, bella di Zio Mario... ciao, belle di Zio Mario... ciao! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E Maria è rimasta a casa! ...E a quella birbantella, mò che la vado a trovare, gliela faccio prendere Io la colichetta! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Poi le vado a portare qualcosa da mangiare! Don Vincenzo: Eh, si, ed anche Teresa manca! Piccolo Giovanni: Eh, si! Don Vincenzo: Perché lei poteva anche arrangiarsi! Piccolo Giovanni: Eh, no, come faceva ad arrangiarsi? Quella stava male... e poi Maria è una fifona... e la Cocciuta le ha detto "fermati, stai lì buona buona a letto e non ti muovere, sennò poi mi combini qualche disastro..."! E le mando due pizzicotti e poi vado a trovarli! ...Che c'è, che c'è? ...Ciao... <Manda baci ai presenti> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ciao! ...E stanno impastando... hanno tanto lavoro da fare che c'è la guerra in atto! ...E tu non ti mettere in mezzo quando parlo o a guardare qualcuno! Giuseppe: Scusami! Piccolo Giovanni: Eh... che fai? ...Si, a Mario posso vederlo anche attraverso di te, ma è meglio se vi vedo così... così impastano un bel poco tutti! E i Pargoletti impastano perché la Battaglia è forte! ...E voi mangiate, mangiate! Maria Elena e Mario: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu hai mangiato? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Ed Io che Mi mangio? ...Eh, se mangio Io devo far mangiare pure la Cocciuta! ...Mò vediamo cosa posso mangiare Io, e così lo possiamo dare anche alla Cocciuta! ...No, viceparroco, la verdurina basta... che le diamo? A Me non tanto piacevano le melanzane, ma per farle mangiare a lei, Me le mangio anche Io due... no, questa no... e neanche questa... allora, due le dò a lei e mezza Me la mangio Io... Eh... Eh... Eh... a Me proprio le melenzane, così come non le mangi tu... no, viceparroco, il pane non lo voglio... ehm... che le diamo? Ecco, le diamo un pezzettino di questa pizzetta... Raffaele: ...Questa? Piccolo Giovanni: , questa va bene... ehi, il pane no e la pizzetta si perché la pizzetta a Me piace, così un pezzettino piccolo piccolo lo dò a lei e l'altro Me lo mangio Io! ...E tu che mangi, questo? Intanto Io Mi mangio un pezzettino piccolo di questo, poi l'altro lo faccio mangiare a lei e alla fine Mi mangio la pizzetta... mah... a voi vi piacciono? A Me le melenzane non Mi sono mai piaciute tanto! E a te? Don Vincenzo: Non tanto! Piccolo Giovanni: Eh, non tanto... eh, siamo i Due Giovanni e che ci possiamo fare? Forse siamo uguali! Ma quando la Cocciuta ti dice di non cucinarti le mani, tu te le cucini ugualmente: le fai belle arrostite! Don Vincenzo: Eh, si, mi capita quando metto qualcosa sul fuoco del caminetto! Piccolo Giovanni: Vedi come sono arrostite queste? E lì lei ti dice di non cucinare! ...La Cocciuta cucina nel forno e sui fornelli, mentre tu ti cucini nel caminetto... Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: Ma il caminetto lo hai fatto Tu, Giovanni? Piccolo Giovanni: Si, ma non per cucinarmi, ma per vedere la fiamma! Don Vincenzo: Ti piaceva vedere la fiamma? Piccolo Giovanni: Si, e Mi piace tuttora perché Io non sono morto ma sono Vivo! Don Vincenzo: E ce l'hai la Fiammella sopra la testa? Piccolo Giovanni: , non Me l'ha tolta nessuno! ...E ce l'avete anche voi...... ma i figli che sono rimasti saldi e vengono a prendere la Paghetta! Ma la Cocciuta porta l'umanità intera! ...Cosa c'è, viceparroco? Raffaele: Sto sistemando il Banchetto! Piccolo Giovanni: Sta sistemando il Banchetto? E sistema, sistema! Don Vincenzo: E quella che roba è? Piccolo Giovanni: È roba da mangiare: è Banchetto! Ne vuoi un poco? Quella... vicepa', fagli vedere che roba è quella! Raffaele: Eccomi! ...E stai attento ai denti! Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: Si... Si... ecco qua! Piccolo Giovanni: Io ti ho dato il pezzettino piccolo, ma adesso l'altro pezzo lo mangio Io! ...Ecco! Don Vincenzo: È friabile! Piccolo Giovanni: Eh, si, è friabile! ...Allora se è friabile non ti fa male ai denti! Don Vincenzo: Eh, si, questo è morbido! Piccolo Giovanni: Eh! ...Che cosa c'è ancora? PREPARATI QUALCHE ALTRA DOMANDINA DA FARE PERCHÉ IO DEVO CONSEGNARTI I SETTE SIGILLI DI SANGUE! CI SONO QUELLI CHE SONO USCITI DAL CUORE DI MARIA E ALTRI SETTE TE LI DEVO CONSEGNARE IO CHE SONO FATTI DI SANGUE E CADONO SULL'UMANITÀ, E QUESTI LA COCCIUTA NON LI PUÒ FERMARE! SONO SETTE SIGILLI TUTTI FATTI DI SANGUE E STANNO SCENDENDO! PARTONO DALLA CUPOLA E VANNO SULL'UMANITÀ INTERA E FARANNO UN PO' MALE! Don Vincenzo: E QUINDI, GIOVANNI... Piccolo Giovanni: ...ED ALTRI SETTE-SETTE-SETTE-SETTE VERRANNO PREPARATI PER ANCORA UN PO' DI TEMPO! SONO FATTI DI SANGUE, CADONO SULL'UMANITÀ INTERA E PARTONO SEMPRE DALLA CUPOLA! Don Vincenzo: E QUINDI SEMINANO MORTE? Piccolo Giovanni: SEMINANO MORTE, SI! Don Vincenzo: E COME E CHI DECIDE QUESTE SITUAZIONI COSÌ CATASTROFICHE? I GRANDI DELLA CHIESA? Piccolo Giovanni: GLI UNI E GLI ALTRI! Don Vincenzo: QUINDI SONO I GRANDI DELLA CHIESA ED I GRANDI DELLA POLITICA? Piccolo Giovanni: SI!(*) TUTTI I VOSTRI CARI STANNO COMBATTENDO, E NATANAELE, VITTORIO, ROSSELLA E LE BIMBE SONO AD IMPASTARE IL PANE! C'È MOLTO LAVORO DA FARE E VOI DOVETE LAVORARE NELLA VIGNA, E LA COCCIUTA VI PORTERÀ ANCORA SULLE SPALLE, MA RIMARRÀ SEMPRE ALLA DESTRA DEL PADRE E IL NOCCIOLO VERRÀ SCORTICATO SEMPRE DI PIÙ, PERCHÉ LEI BUSSA AL CUORE DEL PADRE VEDENDO L'UMANITÀ! Don Vincenzo: L'UMANITÀ ALLO SBARAGLIO? Piccolo Giovanni: LONTANA DA DIO È ALLO SBARAGLIO! ...MA OGGI NON NE AVETE AVUTO SOLO SETTE, MA SETTE DA MARIA E SETTE DA ME DI SIGILLI! Don Vincenzo: MA QUELLI DI MARIA AVEVANO PURE LE SPADE! Piccolo Giovanni: ERANO SETTE SPADE DI SIGILLI! MA ORA NON CHIEDERMI PIÙ NULLA PERCHÉ È LA COCCIUTA CHE DEVE POI DIRTELI! MA UNO LO TIENE PER UN GIORNO! È RIUSCITA A PRENDERLI, A TOCCARE IL CUORE DEL PADRE E FERMARE... MENO UNO... PER UN GIORNO! È COSÌ GIOIOSA, E QUANDO SI INZUPPA, SI ROTOLA E POI SI BEVE! È GIOIOSA QUANDO IL PADRE LE DONA IL LAVORO DA FARE! Don Vincenzo: QUINDI SEI SIGILLI CE L'HA... E UNO... Piccolo Giovanni: ...NO, SEI SONO APERTI ED UNO CE L'HA LA COCCIUTA! Don Vincenzo: AH, E PER CIÒ ERA CONTENTA? Piccolo Giovanni: SI! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quando Tu dici sempre "Io campo alla Giornata di Dio..." Piccolo Giovanni: ..., Io campo alla Giornata di Dio! ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, belle di Zio Mario! <Manda tanti baci ai presenti> ...Ciao, belle di Zio Mario! Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ora parla! Don Vincenzo: Quando Tu dici "Eccomi, Campo alla Giornata..." Piccolo Giovanni: ..., "Campo alla Giornata"! Don Vincenzo: "Campo alla Giornata di Dio, non alla giornata degli uomini"! Piccolo Giovanni: Eh, si, a quella di Dio! A quella degli uomini, no! Don Vincenzo: Quella preparata da Dio! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo:Ed in questa Giornata, Ti metti Tu a fare i Sigilli? O com'è? Piccolo Giovanni: No, i Sigilli sono da preparare e vengono preparati da tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Altri Servi Inutili? Piccolo Giovanni: Ma non è che li facciamo Noi, ma sono da preparare! Don Vincenzo: Sono i risultati velenosi e mortali di questi farisei di ieri e di oggi, di questi "cosiddetti" Grandi della Chiesa? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E perciò tutto parte sempre dal Cupolone? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Quindi non hai un momento di tregua? Piccolo Giovanni: No, c'è tanto lavoro da fare, e così pure per tutti i Servi Inutili! La Battaglia è iniziata e si deve combattere, perché quando si inizia, non è che si ferma! Ma quando si aprirà il Sole... Don Vincenzo: ...Allora ci sarà il Sigillo per eccellenza! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Il Sigillo della Croce che vince! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E questo Sole quando si aprirà? Piccolo Giovanni: Quando il Padre ha deciso: tutto è nelle Sue Mani, non dimenticarlo! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: ...Eh, sei il Calice Vivente! ...Bevo un altro sorsettino d'acqua Io e un altro sorsettino lo dò alla Cocciuta! ...VISTO CHE DOPO ME NE DEVO ANDARE, LO PREPARIAMO UN ALTRO MISCUGLIETTO? Don Vincenzo: La prepariamo un'altra Ricetta? Piccolo Giovanni: ! ...Figli, preparatevi! ...E allora, un po' di vino, un po' di coca-cola, e mettete poi tutti i liquorini che avete lì! ...Ecco! ...Poi il caffè, chi lo vuole, se lo va a prendere! Io non lo bevo... la Cocciuta lo sta bevendo, ma Io non lo bevo perché con i Sigilli che ci sono è meglio non berlo! Don Vincenzo: Perché è meglio non berlo, Giovanni? Piccolo Giovanni:Perché la Cocciuta l'ha bevuto per Me oggi, non l'ha bevuto per lei... ed Io non lo bevo per i Sigilli, ma lo bevete voi! ...Vediamo come viene! ...Ciao... ciao, belle di Zio Mario... ciao, bella di Zio Mario... e vediamo com'è venuto questo Miscuglietto! Questo Me lo bevo: salute! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Salute! ......Giuseppe, svegliati, c'è il Miscuglietto! ...Ma non avevate detto che non dormiva? Don Vincenzo: Eh, Giuseppe fa le altalene! Piccolo Giovanni: Allora possiamo fare il dondolo se fa le altalene! Eh... Eh... Eh... toc, toc, toc... Eh... Eh... Eh... com'è il Miscuglietto? Don Vincenzo: Lo proviamo! Piccolo Giovanni: Ah, non l'hai provato ancora? ...È venuto buono anche questa volta! Don Vincenzo: Ottimo! Piccolo Giovanni: , ottimo! Giuseppe, com'è? Giuseppe: È molto buono! Piccolo Giovanni: È buono! ..., è proprio buono! Raffaele: Posso? Piccolo Giovanni: Sì che puoi! Raffaele: Eccomi! ...Che se no poi mi sfugge... Giovanni, quando si dice che bisogna andare avanti... Piccolo Giovanni: ...Si, bisogna andare avanti! Raffaele: ...Eccomi... Piccolo Giovanni: ...E quando si dice che "bisogna andare avanti", si dice che bisogna andare avanti! Eh... Eh... Eh... Raffaele: ...Eh... Eh... Eh... e ci siamo capiti! Piccolo Giovanni: Eh! Raffaele: In questo caso ti affidi a Dio per non sbagliare, giusto? Piccolo Giovanni: ! Raffaele: E come fai ad avere il riscontro, data la tua esperienza, che non stai sbagliando? Molte volte si è spinti... Piccolo Giovanni: ...Perché campo alla Giornata, e quando si campa alla Giornata, è mettere tutto nel Cuore del Padre... e non si sbaglia mai! La Cocciuta quando dice... "beh, ho lavorato! Ora metto ancora nelle Tue Mani il Tuo farmi svegliare, perché mi hai fatto svegliare! Io metto ancora nelle Tue Mani il Giorno che mi hai donato e campo alla Giornata, perché sei Tu che me l'hai preparata, e se l'hai preparata sbagliata... ma Tu non prepari mai cose sbagliate! Quello che devo fare è buono perché l'hai preparato Tu"! Raffaele: Ma bisogna avere paura di sbagliare? Piccolo Giovanni: No, bisogna sempre avere il Santo Timore del Padre! Ma non guardare ciò che fanno gli uomini! Quando si guarda il Santo Timore del Padre è sempre giusto, e la Cocciuta prima guarda quello, e non teme gli uomini perché c'è il Padre che ha preparato la Giornata! ...Tu hai paura? Raffaele: No! Piccolo Giovanni: E neanche Io! Raffaele: Ma di sbagliare, si! Piccolo Giovanni: Quando hai paura di sbagliare, ti rivolgi a Tuo Padre dicendo "Tu mi hai preparato la Giornata, e se l'hai preparata Tu, è giusta"! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Salute! Raffaele: Cin-cin! Piccolo Giovanni: Ah... è proprio buono, si... ne abbiamo fatto un altro! ...E a Marinella non le hai dato niente? Raffaele: Ora vediamo cosa darle! Piccolo Giovanni: Mah, vicepa', stasera Mi sa che non ti stai divertendo! ...Allora, tu Mi devi chiedere qualche altra cosa? ...No, sai perché? Perché si è fatto tardi e quella cosa gira, eh! Don Vincenzo: Eh, si... gira! Piccolo Giovanni: ...Eh, si, ed Io devo andarmene! Don Vincenzo: Due ore sono trascorse! Piccolo Giovanni: Sono andate via due ore? Ed allora Io Me ne devo andare, così Io vi saluto! <Giovanni schiocca baci ai presenti> ...Ciao, bella di Zio Mario... ciao, belle di Zio Mario... ciao... ciao... ciao... con la Croce e col Pane! <Giovanni benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Ciao e buoni Sigilli! Piccolo Giovanni: Eh, si, ma da preparare! ...Ciao... Ciao!(*) Gesù: Ehi, bè Mi dovevi chiedere una cosa prima, te lo sei ricordato o te lo sei dimenticato? Quando ho detto che doveva venire Giovanni, che aveva un po' di tempo, tu Mi hai detto che Mi dovevi dire qualcosa! Don Vincenzo: Sempre in merito ai Sigilli, quando hai detto che Tu li devi preparare......! Gesù: Eh, , e quindi? Don Vincenzo: Ci sono Sigilli Buoni e quelli non buoni, quelli velenosi, che partono tutti della Cupola...! Gesù: Tu che dici? Eh! Don Vincenzo: Sì, partono tutti dalla Cupola e accompagnati da un fuoco che porta sempre morte......! Gesù: , ma voi siete sempre vigilanti, Figli, e rimanete nell'Arca e nel portare i Remi! Il Padre vi ha consegnato la Vigna e la Vigna deve portare i Frutti Buoni! Don Vincenzo: Giovanni... Gesù: No, Io sono Gesù, Giovanni è andato a lavorare! Don Vincenzo: Quando siamo nell'Arca... Gesù: ! Don Vincenzo: ......Significa che siamo nella Volontà del Padre? Gesù: Siete nell'Arca e avete i Remi in mano, perché la Cocciuta vi porta ancora nel Mare, nell'Orto e nella Vigna e voi siete nell'Arca, siete nella Vigna Nuova, quella che il Padre ha scelto, i Vignaioli che porteranno avanti la Schiera e la Battaglia! Lavorate, Figli Miei, lavorate e non temete gli uomini e neanche i rumori che si stanno aprendo, ma abbiate sempre il Santo Timore del Padre, Figli Miei! Don Vincenzo: Gesù... Gesù: Eh...! Ehi, sveglia! Se non ti svegli, ti metto una mela sulla testa! <Si rivolge a Giuseppe che poi si alza e porta il liquorino ad Assunta> E va a portare il liquorino alla figlia! Eh, , poi quando viene, vi saluto! Tu hai qualche altra cosa da dire? Perché il lavoro è tanto che la Cocciuta deve Inzupparsi tanto...! Don Vincenzo: E bersi! Gesù: ...E bersi, perché ha una Spada e deve tenerla per un giorno! Raffaele: Gesù... Gesù: Eccomi! Raffaele: Ma pure il Padre Combatte? Gesù: Si, tutto il Cielo è in mezzo a voi, qui non si scherza... e qui è rimasta solo la Grazia di Maria, tutto quello che doveva Sendere è Sceso e il Padre Combatte con i figli e con Tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Anche la Madonna combatte! Gesù: , CON TUTTI I SERVI INUTILI! ANCHE LEI HA RISPOSTO "ECCOMI" E NEL DIRE "ECCOMI" L'HA DETTO COME SERVA! ALTRO CHE SANTI CHE STANNO ATTACCATI AL MURO...... I SERVI INUTILI LAVORANO E IN QUESTO TEMPO IL LAVORO PIÙ STA E PIÙ CRESCE E VOI STATE LAVORANDO, PERCHÉ LA COCCIUTA VI FA LAVORARE! E NON DOVETE PERDERE TEMPO CON LE GELOSIE E CON TUTTE LE ALTRE COSE! DOVETE AMARVI GLI UNI GLI ALTRI...... CHI SI FERMA DINANZI ALLE GELOSIE O ALLE ALTRE COSE, CAMMINA NEL VELENO E SI PERDE NEL TEMPO...! E QUANDO SI È NELLA VIGNA, SI DEVE LAVORARE E LE GELOSIE NON SI DEVONO GUARDARE! ...COSA C'È? TANTI FIGLI SI SONO FERMATI CON LE GELOSIE E CAMMINANO NEL VELENO, MA LA COCCIUTA PORTA L'UMANITÀ SULLE SPALLE, È IL PADRE CHE POI DECIDE SUL VELENO......, LEI PORTA L'UMANITÀ SULLE SPALLE! Raffaele: Possiamo aiutarli? Gesù: Con l'Ave Maria e il Padre Nostro! Raffaele: Senza fare i discorsetti? Gesù: No, le parole non servono: con l'Ave Maria e con il Padre Nostro bisogna convertire i cuori al Padre! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Tu hai qualche altra cosa da dire? Don Vincenzo: No! Gesù: Eh, , "no!" Il lavoro e tanto..., allora, visto che vi Amo... <Gesù schiocca un bacio> ...A tutti quanti, Tu saluta con l'Albero Verde e Io vi Saluto con il Mio Cuore!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen!(*) Gesù: Amen! Giulia: Cosa facciamo, Giovanni?(*) ...Un giorno lo posso tenere..., me l'ha donato Gesù!(*) ...Sì, e quando dovrò lasciarlo, vieni ad aiutarmi, come fai sempre!(*) ...Eh, sì, lo Vedo che ce ne sono tanti altri...! In questo tempo mi inzupperò ancora e Mi berrò! Gesù troverà ancora Spazio sopra un Nocciolo Scorticato: attimo dopo attimo Glielo chiedo......, devo lavorare e fare pure qualcosa perchè non faccio mai nulla! E inzuppandomi e chiedendo al Suo Cuore di Guardare e di trovare Spazio, scorticarmi ancora...... così potrò lavorare per Amore... e Tu insegnamelo ancora! Ora vai, Tu vai a lavorare e a preparare gli altri Sigilli! Io vado ad inzupparmi ancora(*)..., no, non fa male la Spada quando si amano i figli! Ci vediamo dopo! ...Ciao, Giovanni!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani, mentre Don Vincenzo lo fa successivamente> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Padre, se poi guardi ancora il Nocciolo, allunga il Giorno della Spada..., ma sia fatta sempre la Tua Volontà......: Tu che ascolti sempre, ascolta il grido del Filicino! I Cari sono sempre con noi, hanno tanto lavoro da fare, ma ci salutano e noi salutiamo a Loro! Papà Formicone, Tu ci hai donato l'Arca, ci hai donato i Remi, ci hai donato la Vigna da tenere pulita! Il Padre: Tu rimani alla Mia Destra e porta la Schiera!(*) Giulia: Eccomi, Papà! <Giulia schiocca un bacio> Ci vediamo dopo!(*)