LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 153

 

 

PREGATE PER COLORO CHE, USANDO IL MIO NOME, USANO OGNUNO DI VOI NEL PORTARVI SULLA VIA LARGA

(dal messaggio del 06/06/2013)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 06/06/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

<Giulia inorridita porta le mani al viso> (Giulia): Altri Sette Sigilli! (Gesù): SONO I SETTE ANGELI DELLA MORTE E PORTANO OGNUNO SETTE CALICI! (Giulia): Gesù, quello che è nel Calice non deve essere versato!(*) (Gesù): VENGONO DALLA CUPOLA, ANIMA MIA! (Giulia): Dove andranno? Dove porteranno quei Calici?(*) Posso andare a prenderli e a tenerli come gli altri?(*) Gesù, Sono Sette..., Sette..., Sette..., Sette... e verranno versati sui Sette Nomi dei Grandi del mondo! Gesù, fammeli tenere come gli altri! Scortica ancora il Tuo Nocciolo! Quei Sette Angeli della Morte possono diventare Servi Inutili se me li fai tenere! Me li hai consegnati tutti, ora consegnami anche questi, poi deciderai...... ma per un poco dammeli! (Gesù): Tieni anche questi per un poco! (Giulia): Eccomi, ma quel poco poi lo decidiamo dopo...! ...Non farli scorrere subito questi Sette Calici... è bello Amare, Gesù, e Tu Sei l'Amore Infinito, ed essendo l'Amore Infinito, se mi lasci andare a portare un po' del Tuo Amore, cambieranno i cuori......! Mi vado ad Inzuppare e mi Bevo ancora per tutto quello che mi hai fatto vedere! (Gesù): Cosa vuoi fare ancora, Nocciolo Scorticato? (Giulia): La Giornata del Padre...... e poi prendere la Paghetta, SpezzarLa e DonarLa ai nemici! "Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù!"

*******************

(Gesù): .........E non temete gli uomini ma abbiate il Santo Timore del Padre! Figli Miei, non fermatevi ad affannarvi per le Cose del mondo perchè il Padre Buono prepara i vostri giorni e non sono gli uomini che preparano i vostri giorni, ma il Padre, e ciò che nasce nell'Orto del Padre è buono! Non dovete gettare via i frutti che Dio vi dona! Ogni frutto che incontrate non è un male donato dal Padre, ma è l'Eredità, e dovete raccoglierla e custodirla, e non gettarla via, e non affannarvi, ma farla crescere in abbondanza per consegnarla nelle Mani del Padre! Vi affannate per la Croce? No, figli! Dovete affannarvi quando non la trovate, ma quando la trovate prendetela, prendetevi, camminate e gioite perché siete diventati Eredi e Ricchi delle Cose del Padre! ...Ora che siete diventati Ricchi nell'avere incontrato la Croce......... perché Io Sono Venuto con la Croce e col Pane, e ritorno al Padre con la Croce e con il Pane per farlo crescere ancora in abbondanza e donarvelo ancora...... così anche voi dovete tornare nelle vostre Capanne con la Croce e col Pane e farLo crescere e donarLo in abbondanza, figli! ...Io vi lascio ancora il Mio Cuore Spalancato e non Lo chiudo né a mezzanotte e né all'una, ma rimane Spalancato attimo dopo attimo, perché nel Cuore di Dio non c'è quella cosa che cammina! Gli uomini hanno le porte e le chiudono, mentre Dio la Porta non La chiude mai perché è Padre e aspetta fino all'ultima ora ogni figlio!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) <Alla Glorificazione, Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a restare seduta......!> Non Ti preoccupare, non mi alzo..., se Tu Vuoi così......!(*) GESÙ: È quello che Voglio! Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel Principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio...... poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Nell'Amicizia Piena di Mio Padre Allargo ancora le Braccia per Abbracciare ognuno di voi e l'umanità intera nella Gioia Piena di Mio Padre e nello Stendere il Manto di Maria, Madre Mia e Madre di ognuno di voi e dell'umanità sorda e cieca! È in quest'Amore che Ho Portato il Cielo e in questa Amicizia tutti i Servi Inutili stanno combattendo, uniti al Cuore di Mia Madre, uniti ai cuori di ognuno di voi Servi Inutili dopo aver fatto le Cose del Padre!...... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......È nel Segno Tremendo dell'Amore Infinito che bacio i cuori di ognuno di voi, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Ancora Dio Guarda, ancora Dio Fa Sfogliare il Suo Libro Soffiando con l'Alito del Suo Amore nel Far Passare ciò che è Scritto da sempre, nel Far Correre i Giorni per tutti i Servi che hanno preso in Mano il Pane e non l'hanno gettato... così come hanno fatto la Giornata......! Giulia: Gesù, ci sono tante Giornate che non sono state fatte in questo giorno e sono rimaste vuote! Posso andare io a pulirle e donare la Paghetta per chi non ha compiuto il Lavoro? Gesù: Vedi, Figlia Mia, chi non ha compiuto la Giornata del Padre......! Giulia: Non possiamo lasciarli indietro, Gesù! Tu la Paghetta la doni intera anche se all'ultimo istante si presentano e se si sono dimenticati, ora vengo a compierla io, così gli doniamo la Paghetta tutta intera! Perché mi guardi così...? Gesù: Non puoi fare tutto Tu! Giulia: Non ho niente da fare adesso... non posso dire di non aver fatto la Giornata... ma vedi, hanno dimenticato... e ora io posso andare a finirLa anche nell'ultima ora e donarLa! Vado, Gesù?(*) Ora La lasci scendere sui figli che avevano dimenticato, perché è tutta l'umanità intera che ha dimenticato di fare la Giornata! Gesù, Maria è dinanzi alla Schiera: io rimango dinanzi ai figli che mi hai donato e tutte le altre Schiere sono pronte e tutti i Servi Inutili stanno combattendo e anche i nostri Cari e coloro che hanno donato la mano si sono messi già ad Impastare e a Combattere per tutto quello che il Padre ha Scritto da sempre! Gesù, Tu hai permesso a Giovanni di lasciare il Filo, prendine un altro Pezzo per chi Serve e aggiungilo lì dove i figli non ascoltano il Grido del Tuo Amore! E Giovanni sarà gioioso e potrà camminare nel portare altre Spose al Banchetto, quello preparato da tutti i Servi Inutili e quello preparato e Donato ad ognuno di voi dal Padre! Cosa fa Natanaele? Cosa fa Vittorio? Cosa fa Rossella? E voi Bimbe e Pargoli, cosa state facendo in questo Giorno? Perché camminate nel fiume e prendete tanta acqua? Gesù, cosa stanno facendo? Il Pane l'hanno già Impastato e di Combattere, stanno Combattendo! Cosa fanno nel fiume dove ci sono tanti Pesci e tanta Erba Verde? Gesù: Vedi quel fiume? Vedi i pesci? Vedi l'erba verde? Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Quelli sono i pesci che sono rimasti, e quella è l'erba che è rimasta, e quella è l'acqua! Giulia: E le altre acque? E gli altri pesci? E l'altra erbetta? Gesù: Questi Sono i Frutti che Dio ha conservato! Giulia: Non ne scenderanno......?(*) Gesù, il Miracolo Vivo Sei Tu e tutto quello che ho visto basterà quando tutto verrà a mancare! Gesù: Pregate ancora "Ave Maria!" e "Padre Nostro!" Giulia: Eccoci, Gesù! Mio Amato Bene, Mio Diletto, potrò prendere quell'acqua, quei pesci e di quell'erba e portarLi nell'Ora che Tu Hai Scritto, quando rimarranno senza i figli che hanno chiuso la porta? Gesù: Quando passerà per ogni via l'Ora del Padre, non potrai portare nulla......! Giulia: Tu che Sei l'Amore Infinito, lasciami piantare una Pianticella! Lasciami portare un Goccio d'Acqua! Lasciami portare un Pesce in ogni Viuzza, dove hanno dimenticato il Tuo Amore! Ma Eccomi nel Fare la Tua Giornata, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Questo hai fatto dall'alba fino a quest'istante......! Giulia: Tu Sei troppo buono, Gesù, Tu hai Lavorato e doni a me la Paghetta Doppia......! Posso spenderla per coloro che hanno trafitto e trafiggono ancora il Tuo Cuore? Gesù: E così trafiggono anche il tuo......? E così che tu vuoi spendere anche la Paghetta......? Giulia: Perché, Tu non la spendi per coloro che Ti trafiggono ancora? Gesù, aspettiamo ancora...... il Tempo del Padre non è ancora finito e ci sono i Giorni...... e Tu Sei il Mio Amato Bene e il Mio Diletto...... aspettiamo ancora......! Nell'aspettare io Ti Consegno tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, l'umanità intera, i sordi e i ciechi, i nemici, i figli che hanno offerto i cuori, le Pietruzze che hanno dimenticato di unirsi alla Tua Luce! Gesù, Ti Consegno ancora la Famiglia che mi hai consegnato, ho dovuto fasciare i cuori e bagnare le ferite con l'Acqua del Tuo Amore! Ma ora li offro a Te, Tu che Sei l'Acqua Zampillante! Gesù: Dona l'Acqua che il Padre ti ha donato, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Ho visto che l'Arca e i Remi li hai fatti crescere, così posso portare ancora i figli......! Gesù: Rimanete nell'Arca e Remate...... e porta coloro che aprono il cuore, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA......!(*) <Giulia inorridita porta le mani al viso> Giulia: Altri Sette Sigilli! Gesù: SONO I SETTE ANGELI DELLA MORTE E PORTANO OGNUNO SETTE CALICI! Giulia: Gesù, quello che è nel Calice non deve essere versato!(*) Gesù: VENGONO DALLA CUPOLA, ANIMA MIA! Giulia: Dove andranno? Dove porteranno quei Calici?(*) Posso andare a prenderli e a tenerli come gli altri?(*) Gesù, Sono Sette..., Sette..., Sette..., Sette... e verranno versati sui Sette Nomi dei Grandi del mondo! Gesù, fammeli tenere come gli altri! Scortica ancora il Tuo Nocciolo! Quei Sette Angeli della Morte possono diventare Servi Inutili se me li fai tenere! Me li hai consegnati tutti, ora consegnami anche questi, poi deciderai...... ma per un poco dammeli! Gesù: Tieni anche questi per un poco! Giulia: Eccomi, ma quel poco poi lo decidiamo dopo...! ...Non farli scorrere subito questi Sette Calici... è bello Amare, Gesù, e Tu Sei l'Amore Infinito, ed essendo l'Amore Infinito, se mi lasci andare a portare un po' del Tuo Amore, cambieranno i cuori......! Mi vado ad Inzuppare e mi Bevo ancora per tutto quello che mi hai fatto vedere! Gesù: Cosa vuoi fare ancora, Nocciolo Scorticato? Giulia: La Giornata del Padre...... e poi prendere la Paghetta, SpezzarLa e DonarLa ai nemici! "Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù!" Gesù: Eccomi, Anima Mia......, Lavora e Fa la Giornata e Falla Fare ai tuoi figli nel pregare ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono! Pregate ancora per coloro che hanno bagnato le Mura col Sangue Innocente, figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Eccomi col Cielo in mezzo a voi! Eccomi con i Servi Inutili! Eccomi con i vostri Cari! Eccomi con i Due Giovanni nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Benedice col Segno della Croce> ...E nel Portare l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli, fratelli e amici! Giulia: Eccoci, Gesù, Vero Cibo e Vera Bevanda per le nostre Anime, te li dono tutti in questo giorno, tienili Tu nel Tuo Cuore e donaci ancora di poterTi chiamare: Padre Buono, Figlio, Fratello, Amico e Albero Vivo Piantato dal Padre dove il Pane non viene mai a mancare! Gesù: Amen, Così Sia, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Scortica ancora il Tuo Nocciolo e Donami i Giorni per poter portare tutte le Spose al Banchetto del Padre! In molti non hanno donato la mano, ma tante sono venute e sono diventate Spose......! Quelli che sono rimasti non vogliono girarsi...... ma aspettiamo ancora, Gesù! Gesù: Rimanete nell'Arca e Remate! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: ...Pace al tuo cuore, Giovanni, Gesù-Dio! Don Vincenzo: Eccomi! Shalom, Gesù! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Che bello questo Dialogo così Intenso! Gesù: Altri Fiori sono Sbocciati dinanzi ai Piedi della Croce! , è bello, ma dimmi: cosa devo fare? Il Nocciolo è Scorticato! Don Vincenzo: Si offre sempre Immolandosi come Vittima d'Amore! Gesù: E il Padre offre a lei il Banchetto per ognuno di voi e per l'Umanità Intera: tutto è pronto, tutti i Servi Inutili hanno preparato il Banchetto dove le Spose sono venute, e il Padre L'ha preparato per ognuno di voi nel gioire e nel Fare Festa! Ma tu stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Che bello averTi qui in mezzo a noi! Gesù: E anch'Io sto bene quando sto con voi! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non Mi cacciate fuori! Don Vincenzo: Mai! Gesù: Mi accogliete! Don Vincenzo: Sempre! Tutti: Eccomi! Gesù: "Ciao, belle di Gesù!", "Ciao, bella di Gesù!" Come state? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E allora, se avete risposto: "Eccomi", state bene, siete rimasti sull'Albero e avete Allargato le Braccia e Io Le Ho Allargate anche! Cosa Mi dici, non hai niente da dirMi? Don Vincenzo: Sì, Gesù! Gesù: Il Banchetto il Padre ve L'ha Donato! Don Vincenzo: GuardandoTi con tutta la profondità del cuore...... potresti farTi vedere ora, qui? Gesù: Stai dicendo di guardarMi e poi Mi chiedi di farMi vedere? Don Vincenzo: C'è la Tua Presenza Divina qui......! Gesù: ! Don Vincenzo: Rendila visibile ora, qui...... per la Tua Famiglia! Gesù: Si deve prima Aprire il Sole, non dimenticarlo! Il Padre ha preparato ogni cosa e il Padre Buono Fa le Cose Giuste: ogni cosa a Suo Tempo! Tu dici che Mi stai guardando e Mi stai vedendo e se Mi stai guardando e Mi stai vedendo anche i figli Mi stanno guardando e Mi stanno vedendo perché la Cocciuta è andata a Inzupparsi e a Bersi ed è andata a vedere se ci sono altri che tendono la mano...... per portarli al Banchetto! .........Hai sentito i Sigilli? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Il Padre glieli fa tenere ancora e lei si Inzuppa e si Beve! E voi pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro"! E non vi affannate per le cose piccole... non dovete affannarvi! Quando arriveranno i Tempi e i Sigilli più Grandi e avanzeranno i falsi profeti, allora vi dovete affannare, ma non per le cose piccole, Figli Miei! L'acqua, i pesci e l'erba il Padre ve li ha conservati mentre voi vi affannate per le cose piccole! Vigilate Figli, Vigilate! Così come avete sentito nei Sigilli degli Angeli della Morte, sentirete ancora i falsi profeti che avanzeranno e hanno la falce in mano, ma non è quella del Padre e mieteranno e porteranno via molti figli della Luce! Voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro..." e vigilate: lo Strumento è ancora in pericolo, si Inzuppa e si Beve per Combattere i veleni della Cupola! ...............Cosa vuoi fare? Don Vincenzo: FACCIAMO L'EUCARESTIA? Gesù: Ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccoci, Eccomi! Gesù: Io Mi Dono! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu vuoi Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Il Banchetto è tutto Preparato ed è Pronto...! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E così Io Mi Dono e tu ti Doni e lo Strumento rimane Crocifissa e, rimanendo Crocifissa, si Inzuppa e si Beve per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino> Gesù: Questa è la Mia Carne! <Gesù dona il resto del Pane a Don Vincenzo che Mangia> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Vero Cibo, Vera Bevanda: Ora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Io Vengo, AccoglieteMi, Figli Miei! Così come il Padre si Dona nell'Abbondanza anche voi Donatevi a coloro che vi trafiggono, Figli! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto e fa i seguenti gesti: unisce pollice e indice di entrambe le mani, poi ''impone'' a lungo le mani sui presenti, poi fa con la mano destra il Segno Trinitario e ''impone'' ancora la mano sinistra poi, mentre continua a fare con la mano destra il Segno Trinitario, con la sinistra unisce prima pollice e anulare e poi pollice e mignolo, poi Allarga le Braccia e le chiude incrociandole al petto> Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Fino all'Ultima Goccia! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Il "Nocciolo Scorticato" si sta Scorticando ancora nell'Amicizia del Padre per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Quanto Bene di Dio sopra questa Tavola......! Gesù: Il Banchetto è Preparato dal Padre per ognuno di voi, per Fare Festa! Perciò prendiamo ancora del Banchetto del Padre nell'Amore e nell'Amicizia Viva perchè è Vivo il Banchetto in mezzo a voi, Figli! ......Cosa vuoi mangiare? "Ciao, belle di Gesù"! Tutti: Ciao! Gesù: ..."Ciao, bella di Gesù"! ...Cosa vuoi da mangiare? Questo? Ecco, la pesca è abbondante! Don Vincenzo: Questo è per me? Gesù: , te l'ho chiesto cosa volevi...... e ti ho detto se volevi ancora del Banchetto del Padre...! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Cosa gli dò allo Strumento? Mi vedrà quando gli darò da mangiare? Il Mio Volto Lo vedrà, non so se vedrà, o meglio, non vedrà il cibo, perché vedrà la Spugna che si Inzuppa per Amore! , Io questo lo vedo e lo mangio, ma anche lei mangia nell'Inzupparsi per ognuno di voi e per l'Umanità Intera! Eccomi! ............Figlie, lo sapete cosa dovete fare? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Vai! Eccomi! <Raffaele dona i bicchieri con l'Avanzo a Fabio, Silvia, Mario e Maria Elena> Tu non mangi? Don Vincenzo: Sì, dopo di Te! Gesù: Dopo di Me? Questo sta così! <Giuseppe è pronto per tagliare il cibo nel piatto di Gesù e di Don Vincenzo> Don Vincenzo: Io ce la faccio a tagliare! Gesù: "Ciao, belle di Gesù, Ciao, bella di Gesù!" ...Ehi, viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ti ha rubato il lavoro? <Gesù indica Don Vincenzo intento a tagliare il cibo e si ride un po'> Eh, la Spugna si sta Inzuppando e si sta Bevendo, eeeh! E' bello vedervi Lavorare al Banchetto del Padre: ogni cosa, ogni piccolo gesto è un Lavoro nella Vigna! Eh, dopo Innalzi al Padre e alla Croce la Creatura che Dio ha Donato! <Gesù si riferisce al piccolo neonato Antonio, figlio di Pietro e di Tiziana> Buon appetito! Buon appetito ad ognuno di voi del Cibo che il Padre vi ha Donato: crescete nell'Abbondanza, crescete nell'Amore, crescete nella Letizia, con Quella del Padre e, quando siete cresciuti, donatevi, perché tutto quello che il Padre vi ha donato non è vostro.........! <Raffaele si organizza per tagliare il pane-pesce e dona testa e coda a Fabio, Silvia, Angela, Antonietta, poi dona gli altri pezzi ad alcuni dei presenti> ......Ma dovete donarlo ai vostri nemici il Banchetto, e nella Misura che il Padre Lo dona a voi, voi donateLo, Figli! Adesso dò l'erbetta alla Cocciuta e lei la prende ma la dona perchè non tiene nulla per sé! ...Cosa c'è? Vicepa', ti raccomando, eh, prepara un piattino, prendi un pesce e portalo al mio medico Franco! <Gesù si rivolge a Franco> Prenderai altri pesci e li porterai al Cuore del Padre e formeranno un fiume e cresceranno...... e, dopo che sono cresciuti, si inchineranno dinanzi alla Misericordia di Dio Amandolo e Lodandolo, Figlio Mio! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ciao, papà... ciao, mamma! Mario e Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Papà, ti vogliamo bene! Mario: Anch'io! Bimbi di Mario e Maria Elena: Mamma, ti vogliamo bene! Maria Elena: Anch'io! Bimbi di Mario e Maria Elena: Noi abbiamo fame, voi no? <Raffaele offre un panino ciascuno> Uno soltanto? ...E dopo uno scarsetto scarsetto! ...Papà, ci hai visti? <Mario annuisce> Siamo venuti e abbiamo Lavorato, ma abbiamo ancora tante cose da fare e saranno ancora più pesanti, ma tu non ti devi preoccupare perchè ci siamo noi! Mamma, cosa fai al ditino? <Maria Elena usa sfilare e reinfilare l'anello al dito> Mi stai facendo male, non stringerlo troppo! Sapete cosa dovete fare? La Volontà del Padre in Pieno! E ve lo dirà la Cocciuta cos'è la Volontà del Padre in Pieno......! Vi vogliamo tanto tanto bene, ora dobbiamo andare a Impastare, ci sono le Spose che la Cocciuta ha preso e stanno per arrivare! <I figli di Mario e di Maria Elena mandano baci e vengono ricambiati!> Bacini, bacini, bacini... ci vediamo! Bacini bacini a tutti! ...Ciao! Don Vincenzo: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Bacini bacini! Don Vincenzo: Contraccambio! Bimbi di Mario e Maria Elena: Contraccambi? E noi, il tuo "contraccambio" di Calice Vivente lo Doniamo a chi è rimasto solo......... ciao! Gesù: ...Ecco l'Amore Pieno che il Padre Dona! Ora Dò ancora l'Erbetta alla Cocciuta ma, visto che ho Parlato tanto, ora parla tu un po'! Ti stai divertendo, viceparroco? Hai donato i pesciolini? Raffaele: Eccomi! Gesù: Vuoi dirMi qualcosa? Don Vincenzo: Quella Torta è a forma di cuore? Gesù: ! Don Vincenzo: Domani è la Festa del Sacro Cuore, ma è una Festa che hanno messo gli uomini......! Gesù: La Festa...... perché voi Lo vedete solo domani il Mio Cuore? Tutti: No! Gesù: Gli altri giorni non Lo vedete? Don Vincenzo: Come no! Gesù: Se vi guardassi un giorno solo... non so se il vostro alito ci sarebbe negli altri giorni......! , quante cose hanno inventato gli uomini che il Padre non ha scritto nel Suo Libro! Ma voi pregate per quei figli, PREGATE PER COLORO CHE, USANDO IL MIO NOME, USANO OGNUNO DI VOI NEL PORTARVI SULLA VIA LARGA! Avete lo Strumento e la Viuzza Stretta, quella che il Padre vi ha Donato: rimanete nell'Arca e Remate, Figli Miei! ...Venite col "niente", figlie! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando, vicepa', come sempre: scarsetto scarsetto! ..................Ehi, Fabio, hai fatto la treccia a Mia Madre? <Fabio è un parrucchiere amico della Cocciuta, venuto da Milano insieme a Silvia, la sua sposa, per assistere alla Visitazione> Fabio: Eccomi! Gesù: A volte Mia Madre li portava sciolti, a volte li portava così come li hai fatti tu, sotto il velo! Ma non ti sei accorto che li hai fatti anche a Me? Perché anch'Io a volte li tenevo sciolti e a volte legati, sotto il Mantello! <Gesù si rivolge anche a Silvia, la Sposa di Fabio> E tu, Silvia, non ti sei accorta di averMi sfiorato e di avere sfiorato il Cuore di Mia Madre? Mi poggio ancora su di voi, Figli, e Mi poggio sulla vostra Capanna, camminate sulla Viuzza e non fermatevi perchè i Tempi che verranno saranno pesanti, ma voi siete nell'Arca e avete i Remi: Remate, Figli, Remate, eeeh! .........Tu, Calice Vivente, dicevi di farMi vedere...: perché non Mi hai visto mentre venivo pettinato? Avevi chinato il capo nel leggere e nello scrivere...... e non Mi hai visto mentre leggevi e scrivevi? Io sì, perché Mi guardavi e Io ti guardavo! Don Vincenzo: Come adesso? Gesù: ! Don Vincenzo: Come adesso! Gesù: Come prima, come adesso, così nel guardare i vostri cuori e nell'accarezzarli uno ad uno...... ma non affannatevi, Figli, il Padre non vi lascia...... e così neanch'Io vi lascio! Il Giardino Piantato cresce e porta Frutti in Abbondanza......, e non temete gli uomini ma il Padre, Figli Miei! ......Innalza il Frutto alla Croce e al Padre, Calice Vivente! Don Vincenzo: Il Frutto chi sarebbe? Gesù: Eccolo! Il piccolo Antonio! <Tiziana e Pietro portano il neonato a Don Vincenzo> Innalzalo alla Croce e al Padre! Prendilo e Innalzalo alla Croce! <Don Vincenzo prende il piccolo e lo Innalza al Grande Crocifisso che è nel Padiglione> Ehi, sei in pericolo, Anto'......! Eh... eh... eh! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Ah, ah, "questo qua non ha paura di niente!" <Tutti ridono per la battuta di Gesù......! Poi Gesù posa la Sua Mano Destra sul capo di Antonio> Gesù: Eccolo, ora puoi ridonarlo alla mamma! Don Vincenzo: Ecco qua, ecco qua: è forte Antonio! Gesù: , potete andare ora... è stato Innalzato alla Croce e al Padre e il Calice Vivente ha aggiunto: "questo qua non ha paura di niente!" Don Vincenzo: Eh! Gesù: Ora parla tu un po'! Don Vincenzo: Dobbiamo festeggiarla la Festa del Tuo Cuore perchè è quasi mezzanotte! Gesù: Quale Festa dovete festeggiare? Don Vincenzo: Quella del Sacratissimo Cuore, ma deve essere festeggiato il Tuo Cuore attimo per attimo, non è che si può festeggiare in un giorno solo......! Gesù: Ve l'ho già detto prima! Il Mio Cuore non si ferma un attimo di Donare il Sangue e il Soffio ad ognuno di voi............ e gli altri giorni? Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù:E' giusto......... Tutti: Eccomi! Gesù: .........Festeggiarlo? Se prima non sentite cosa dico, come fate a risponderMi: "Eccomi"? Camminate sempre senza la Luce Accesa, ma non potete rispondere se non avete ascoltato la domanda: è giusto festeggiarlo domani? E gli altri giorni? È giusto? Tutti: No! Gesù: Ho mai detto: "in questo giorno fateMi festa e negli altri no?" oppure "In questo giorno ricordatevi e negli altri no"? Nella Vigna si Lavora attimo dopo attimo e il Banchetto del Padre è pronto attimo dopo attimo per Fare Festa e per Rimanere Uniti! Non solo un giorno...... e poi aspettare un anno per rifesteggiare ancora, eeeh? Il vostro compleanno non è nei giorni che è segnato, è attimo dopo attimo, e il Soffio vi viene donato attimo dopo attimo e il Mio Cuore è aperto attimo dopo attimo e non dovete aspettare che venga aperto in un giorno solo, perchè Io non L'ho mai chiuso e non Lo chiuderò mai, è Spalancato e così desidero i vostri cuori: sempre spalancati! ......Me lo porti via il piatto? Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi, non Mi doni più nulla? ...Prendo un po' d'acqua! Giovanni sta preparando gli altri Sigilli, ma ora Lo lascio venire...... e mangio quando mangia Lui!(*) PICCOLO GIOVANNI: ...Eccomi con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Stai bene? Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Giovanni! <Giovanni schiocca qualche bacio e si rivolge a Maria Elena e a Chiara> Piccolo Giovanni: ..."Ciao, bella di Zio Mario!" ..."Ciao, bella di Zio Mario!" ... "Ciao, brutte di Zio Mario!" <Si ride un po'> È bella questo "...brutte"! ...Ne vuoi un poco di caffè? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Io sono Capriccioso, eh? Ne vuoi un altro goccio di caffè?(*) Vuoi un altro goccio? Ah...! Ecco... ora lo bevo Io......! Vediamo se è gustoso...: , è gustoso! ...Ciao, Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ciao, Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ciao, Terè! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Certo che voi ne combinate una dietro l'altra... eh, Mari'? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai fatto? Maria: Sono andata un po' di qua e di là! Piccolo Giovanni: È andata un po' di qua e di là..., come sempre! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: E cosa hai combinato andando un po' di qua e di là? L'hai combinata grossa? <Si ride un po'> Quando Maria ride, l'ha combinata bella grossa! Nicò, tu cos'hai combinato? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora..., è più grande ancora, Dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu cosa hai combinato? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi, sì"! Piccolo Giovanni: Che devo Fare? Dimmelo tu...! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Devo andare avanti, o rimango dietro di te? Teresa: Avanti! Piccolo Giovanni: E se vai avanti tu e Io rimango dietro e poi faccio: "cucù!" <Si ride un po'> Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora facciamo così...! Eccomi! La Mia Capanna non Mi fa mai stare fermo..., Mi fa lavorare, ma è bello così...! Ho una Capanna, ho anche una Famiglia e Sono gioioso anche quando diventate tristi! Ma Io divento sempre più Capriccioso e vengo a farvi i Capriccetti! Ma vi porto il Capriccio più bello: la Croce e i Chiodi! , così rimanete nell'Arca e Remate! .........Li hai sentiti i Sigilli? E ce ne sono tanti, tanti, tanti, tanti! Don Vincenzo: Tu li hai preparati già per farli vedere alla Cocciuta? Piccolo Giovanni: , li ho preparati già! ......Prego, puoi prenderla perchè è vuota......! Raffaele: Eccomi! <La tazzina del caffè> Don Vincenzo: Giovanni, si parlava prima del Sacro Cuore... e c'è questa Torta a forma di cuore! Piccolo Giovanni: Io sono stato sempre contrario alle processioni, è vero, Nicò? Non hai sentito? Nicola: Non sento...! Piccolo Giovanni: Devo gridare? ......Io sono stato sempre contrario alle processioni? Nicola: Sì, Eccomi! Piccolo Giovanni: Meno male! Ora Mi hai sentito...! Mari', tu che ne pensi? Maria: Eh, sì..., l'hai scritto pure! Piccolo Giovanni: Eh, meno male, l'ho scritto pure...! Maria: Ma poi dovevi farle quando eri parroco... e l'hai dovute pur fare... Piccolo Giovanni: Eh, ...! Maria: Ti donari mentre portavi il Santissimo? Piccolo Giovanni: Eh, ! Domenico si flagellava...! Io cosa dovevo fare, Mari'? Maria: Che dovevi fare? Già gridavi e non venivi ascoltato! Piccolo Giovanni: Già gridavo e non venivo ascoltato! Rimanere all'obbedienza del Padre..., ma dovevo fare anche le parate per gli uomini! Don Vincenzo: Come mai eri contrario? Per questo fatto delle parate o c'erano altri motivi? Piccolo Giovanni: Eh, ! Non Mi è mai piaciuto portare in giro Dio a chiedere soldi...! Dio non è venuto a chiedere soldi ma è venuto a comprarci a Prezzo di Sangue! Gli uomini hanno tolto il Sangue Salvifico e hanno messo i pezzi di carta per salvare...! Ma i figli non si salvano con i pezzi di carta...... perchè è il Sangue e la Croce che Salvano! .........Non Mi date nulla da mangiare? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ..."Ciao, belle di Zio Mario!" - "Ciao, bella di Zio Mario!" Ancora il baccalà? Ci sono le spine? No! Allora dammene tre pezzi..., il numero giusto! Se trovo una spina... ti "Tatino"! <Si ride un po'> Tre pezzi..., no la cipolla a Me non piace! Alla Cocciuta piace la cipolla..., adesso sta lavorando. Tu dammene uno..., così cammina..., Mi ha rubato il piatto...! Ehi, a quei due non gli hai dato niente? <Mario e Maria Elena> ...Figlie, avete mangiato? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Piccolo Giovanni: E riprendete daccapo...! Così Io parlo un poco......! Ehi... buono! Non Mi dici nulla? Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quando facevano gli altri le processioni, Tu spiegavi poi questi motivi? Piccolo Giovanni: No, Io Me ne andavo via! Quando potevo svignarmela, Me la svignavo..., è vero, Mari'? Maria: Sì, è vero! Piccolo Giovanni: Quando dovevo cantare, cantavo, e le Mie cantate le hai lette e ti sono piaciute! Non si può portare Dio a passeggio per VenderLo e ComprarLo! Non si può portare Dio al mercato e dire: "viene Venduto, così i bimbi hanno da mangiare!" Non lo vedono mai il cibo degli uomini...... è il Padre che dona loro il cibo e non gli uomini......! Ma pregate per coloro che Vendono e Comprano Dio ingannando i Piccoli, i Poveri e gli Emarginati! ..................È buono il baccalà, ma ho trovato una spina..., mò la devo Tatinare!(*) Ne ho trovata un'altra! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: E mo' ti Tatino di nuovo! Ho detto che la Tatinavo... Tu parla...! Don Vincenzo: SÌ, GIOVANNI..., PROPRIO IN MERITO ALLA CUPOLA..., TU CHE PREPARI QUESTI SIGILLI E LI FAI VEDERE ALLA COCCIUTA... Piccolo Giovanni: IO LI PREPARO SOLO PER FARLI VEDERE ALLA COCCIUTA, MA NON È CHE LI FACCIO IO I SIGILLI! Don Vincenzo: NO..., NO..., CERTAMENTE NO. QUELLO CHE TI VOLEVO DIRE È QUESTO: C'È UNA SITUAZIONE CHE PUÒ RIBALTARE LA NEGATIVITÀ DI QUESTI SIGILLI O LI DOBBIAMO SOPPORTARE FINO ALLA FINE? Piccolo Giovanni: LI DOVETE SENTIRE FINO ALLA FINE...! Don Vincenzo: ALLORA CI DOBBIAMO CONVIVERE? Piccolo Giovanni: SI, MA LO STRUMENTO SI INZUPPA E SI BEVE, CHIEDENDO AL PADRE DI POTERLI TENERE E COSÌ NON LI FA SCENDERE...! VI SEMBRA POCO? ANCORA NON AVETE CAPITO CHE È LEI CHE NON LI FA SCENDERE? SE LO STRUMENTO NON LI TENESSE.........! Don Vincenzo: C'È UNA AZIONE PARALLELA TRA LA COCCIUTA CHE SI BEVE E DIVENTA SPUGNA E CHE QUINDI TRATTIENE QUESTI SIGILLI E NON LI FA CADERE E NON LI FA SCENDERE, E QUELL'AZIONE DI GABRIELE, L'EX DIAVOLO ORA CONVERTITO, CHE HA TRASFORMATO IL VELENO IN FIGLI, CHE STA COLLABORANDO IN MODO ECCEZIONALE PER FAR TRIONFARE IL BENE E NON PIÙ IL MALE! Piccolo Giovanni: LA COCCIUTA NON SI È MAI STACCATA DAL PADRE...... MA GABRIELE SI ERA STACCATO DAL PADRE...! Don Vincenzo: PERÒ, ADESSO STA RECUPERANDO IN PIENO..., ADDIRITTURA STA SCONFIGGENDO IL VELENO..., O QUELLI CHE AVVELENANO, PERCHÉ IL VELENO HA FATTO NON SOLO DEGLI "AVVELENATI" MA PROPRIO DEGLI AVVELENATORI! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: DIFATTI, CI SONO I FALSI PROFETI, I COSIDDETTI GRANDI DELLA CHIESA CHE PUR DI PRIMEGGIARE A TUTTI I COSTI, QUANTI NE AVVELENANO......! Piccolo Giovanni: LA PRIMIZIA È IL PADRE, È IL FIGLIO, È IL CUORE DI MARIA! LA PRIMIZIA SONO I SERVI INUTILI CHE HANNO FATTO E FANNO LE COSE DEL PADRE! MA NESSUN ALTRO PUÒ PRIMEGGIARE SE NON SI AMA! NESSUN ALTRO PUÒ PRIMEGGIARE SE NON SI FANNO LE COSE DEL PADRE! Don Vincenzo: PERÒ, QUESTI DELLA CUPOLA AUMENTANO SEMPRE PIÙ DI POTERE! Piccolo Giovanni: IL POTERE CE L'HA SOLO IL PADRE, GLI UOMINI NON HANNO ALCUN POTERE! VOI LI VEDETE AVANZARE... MA QUELLI INDIETREGGIANO, NON AVANZANO! I PICCOLI, I POVERI, CHI RIMANE ALL'ULTIMO POSTO AVANZA, MA CHI SI METTE AL PRIMO, NON AVANZA! Don Vincenzo: QUINDI, NON PRIMEGGIANO PER NIENTE? Piccolo Giovanni: CHI FA LE COSE DEL PADRE VINCE LA BATTAGLIA, NON CHI PRIMEGGIA NELLE COSE DEL MONDO! LE PARATE NON FANNO LE COSE DEL PADRE E QUANDO PARLERANNO PIO, CARLO, DOMENICO, I CARI E LUCIA, VI DIRANNO LE COSE DEL PADRE, COSÌ COME VE LE DICO IO! NON DOVETE GUARDARE IL FUMO, DOVETE GUARDARE LA CROCE CHE RIMANE FERMA E CON LE BRACCIA SPALANCATE NEL SILENZIO E NON NEL RUMORE DEL MONDO! PER QUESTO A ME NON PIACEVANO LE PROCESSIONI: "FACEVANO RUMORE" E NON PORTAVANO I FRUTTI! È VERO, MARI'? Maria: SÌ, È VERO! Piccolo Giovanni: I FRUTTI CAMMINANO IN SILENZIO E NEL NASCONDIMENTO, COSÌ COME LA CARITÀ, SILENZIOSA E NASCOSTA...... Don Vincenzo: ......E LA MANO SINISTRA NON DEVE SAPERE QUELLO CHE FA LA MANO DESTRA! Piccolo Giovanni: Si! ...Bevo un po' d'acqua!(*) ...Vicepa'! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mi ci porti un po' di ciliegie a Francesco? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: E poi gli dici che gli voglio bene e Mi poggio sulle sue spalle? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma te lo dice anche il viceparroco! E poi Mi poggio sulle spalle di ognuno di voi! Ho deciso in questi giorni di non camminare e di poggiarmi sulle spalle di ognuno di voi, ma lo faccio nel silenzio, così, poggiandomi sulle vostre spalle, formiamo un Cuore che arde, batte sempre e si dona attimo dopo attimo! Questa è la Mia Processione: vi piace? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ..."Ciao, bella di Zio Mario"! ..."Ciao, belle di Zio Mario"! ...C'è rimasta una cosa in sospeso, ma ve la dico la prossima volta! <Raffaele scherzosamente prende con le mani alcune ciliegie presentandosi davanti a Giovanni ''come un albero'', e si ride un po'> ...Ma queste ciliegie non sono attaccate all'albero! Eh... Eh... Eh... ehi, è bello rubare dall'albero..., aspetta... eh, no, tieni, l'albero non si fa rubare i frutti subito..., si ruba uno alla volta! Don Vincenzo: Parli da esperto......! Piccolo Giovanni: È un albero buono! A volte mangiavo anche i noccioli! Don Vincenzo: No? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Mamma mia! Eri affamato? Piccolo Giovanni: No, non ero affamato! Don Vincenzo: E i tuoi denti? Piccolo Giovanni: I denti? Chiedilo a Maria che è andata a fare il giro per raccogliere tutte le carte che ho lasciato dal dentista! Don Vincenzo: Eri un buon cliente? Piccolo Giovanni: Eh, , anche i Miei soldi erano un cliente! <Si ride un po'> Eh! Che facciamo? Ci fermiamo o andiamo avanti? Come andiamo avanti con i pugni o con i calci? Annunziata: Come vuoi Tu! Piccolo Giovanni: "Padre Nostro-Ave Maria!" Questi sono più forti dei pugni e dei calci! E fanno centro! ......Eh, , sono buoni, ma Mi dite se quel fiore si può mangiare? È bello, ma non si mangia! Chi Me l'ha portato? E come faccio a mangiarlo? Don Vincenzo: Chi ha portato quel fiore? Maria Rosaria: Eccomi, l'ho portato io! Don Vincenzo: Come faccio a mangiarlo? È immangiabile e non posso mangiare la plastica..., lo lasciamo! Se la prossima volta lo fa mangiabile, Me lo mangio! ......Ehi...! <C'è una Pergamena scritta sulla Torta a forma di cuore per la Festa del Sacro Cuore di Gesù> Don Vincenzo: "Cuore di Gesù, non i Chiodi Ti hanno tenuto fermo sulla Croce, ma il Tuo Cuore, per contenere i cuori dell'umanità intera. Sacro Cuore di Gesù spalanca i nostri cuori e dacci lacrime di vero pentimento, per inchinarci dinanzi al Cuore del Padre Nostro." Piccolo Giovanni: Io non dò lacrime ma dò Amore! E poi...? Don Vincenzo: "Sacro Cuore di Gesù spalanca i nostri cuori e dacci lacrime di vero pentimento, per inchinarci dinanzi al Cuore del Padre Nostro che sei Tu Cuore di Gesù." Piccolo Giovanni: Stavolta non l'hai azzeccata tanto giusta! Mosè: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non ti devi offendere! Le lacrime, il Padre le raccoglie, non le dona ai figli, ma ai figli il Padre dona il Cuore sempre Spalancato... e il vostro lo è anche! La Cocciuta lo spalanca inzuppandosi e bevendosi e portandovi nell'Arca con i Remi! Ancora non avete capito ciò che fa lo Strumento che Dio vi ha donato: spalanca il cuore di ognuno di voi e risponde al Padre per ognuno di voi! Si immola per ognuno di voi! Don Vincenzo: Quindi quando si inzuppa e quando si beve è sempre per quest'azione amorosa, per questa azione riparatrice? Piccolo Giovanni: Si, per ognuno di voi e per l'umanità intera! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ma possono rimanere queste quattro ciliegie nel piatto? No, Me le mangio! Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: ...Ed io ti dò una mano! <Don Vincenzo scherzosamente prende due ciliegie dal piatto e gliene lascia solamente due a Giovanni, e si ride un po'> Piccolo Giovanni: Ehi, ma tu non Mi hai dato la mano, Mi hai rubato le ciliegie! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Non esagerare, eh... e voi preparate qualcosa di vostro piacimento! ...Lui si prende le ciliegie col piatto, non con la mano! ...Beh, state bene, figli? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi", come se Io non vedessi e non sentissi! ...Si, state tutti bene! ...Ho trovato l'albero... aspetta... tie'... eh, adesso te li sto offrendo! Don Vincenzo: Uhm... sono buoni! Piccolo Giovanni: E se sono buoni, mangiamo! ...Ecco! ...Ma ora dimmi qualcosa perchè devo andare via............... e poi Gesù viene a salutarvi! Don Vincenzo: Come sono belle queste ciliegie, Giovanni! Piccolo Giovanni: Lo so, ma dimmi qualcos'altro! ...Ne vuoi ancora? Don Vincenzo: Si! ...Ancora! Piccolo Giovanni: Ancora! Don Vincenzo: Ecco... dimmi... ma ci stanno le piante in Paradiso? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Tutti i frutti? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Ma tutto, in linea di massima, è uguale a quaggiù? ...Diciamo, in perfezione, cioè, per esempio, ruscelli, animali, fiori... Piccolo Giovanni: ...Si... Don Vincenzo: ...Tutto? Piccolo Giovanni: Si! Noi siamo Vivi e tu non sai ancora dov'è il Paradiso! Don Vincenzo: "Siamo Vivi" in un contesto paradisiaco, diciamo? Tutto è buono Lassù? Piccolo Giovanni: Ma perché dici "Lassù"? Don Vincenzo: Ci siamo abituati un po' a questa parola! Piccolo Giovanni: E vi dovete abituare a dire che il Cielo è in mezzo a voi! Te lo ripete sempre Gesù e te lo ripeto sempre Io che il Cielo è sceso in mezzo a voi e sta combattendo, e Maria sta combattendo con le Sue Schiere! Poi si aprirà il Sole e voi dovete pregare per quella barca che si è affondata! Tu dici che stanno andando avanti, ma la barca è affondata! Don Vincenzo: E nelle mie mani si aprirà il Sole? Piccolo Giovanni: Si, nelle tue mani, Calice Vivente! Don Vincenzo: E tutti vedremo il Padre, Gesù, la Madonna? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: L'altro giovedì... dicevi sempre "e non solo... vedremo il Padre"! Piccolo Giovanni: Si! ...Ma ora non possiamo ripetere quello che abbiamo già detto giovedì scorso! ...Salute! ...Vediamo cos'hanno fatto come Miscuglietto! ...Buono! ...È buono? Eh, si, è gustoso! ...Ma l'hai vista quella cosa che gira? Don Vincenzo: Due ore e mezza sono volate! Piccolo Giovanni: Le avete legate al palloncino che poi avete sciolto se sono volate? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Il piccolo Antonio, il Frutto del Padre, è stato Innalzato alla Croce e al Padre! ...Ed ora, visto che ho bevuto e ho mangiato, devo andare a preparare gli Altri Sigilli e poi devo portare al Banchetto Nuziale le Spose che la Cocciuta è andata a prendere! ...E Vittorio, Natanaele, Rossella e le Bimbe, sono impegnate, per questo le vado a portare Io... così le presento al Padre, prenderanno il Cibo e faranno Festa! ...Voi, vigilate, perché altri falsi profeti avanzeranno e arriveranno con una falsa luce, ma non andranno avanti! Combatteteli con la Croce e col Pane! <Giovanni esorcizza col Segno della Croce, poi schiocca un bacio che viene ricambiato dai presenti> ...Ciao, belle di Zio Mario! ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, belli di Zio Mario! <Giovanni schiocca un altro bacio che viene ricambiato> ...Ciao, belli! Tutti: Ciao! Piccolo Giovanni: Vado a preparare ciò che il Padre desidera! Don Vincenzo: Buon lavoro, Giovanni!(*) Gesù: ...Eccomi, Sono Io con la Croce e col Pane! ...Avete fame e sete? Tutti: Eccomi! Gesù: Avete anche il Banchetto e avete il Cibo che il Padre vi ha donato: Fate Festa ancora e gioite, e non temete gli uomini ma abbiate il Santo Timore del Padre! Figli Miei, non fermatevi ad affannarvi per le cose del mondo perchè il Padre Buono prepara i vostri giorni e non sono gli uomini che preparano i vostri giorni, ma il Padre, e ciò che nasce nell'Orto del Padre è buono! Non dovete gettare via i frutti che Dio vi dona! Ogni frutto che incontrate non è un male donato dal Padre, ma è l'Eredità, e dovete raccoglierla e custodirla, e non gettarla via, e non affannarvi, ma farla crescere in abbondanza per consegnarla nelle Mani del Padre! Vi affannate per la Croce? No, figli! Dovete affannarvi quando non la trovate, ma quando la trovate prendetela, prendetevi, camminate e gioite perché siete diventati Eredi e Ricchi delle Cose del Padre! ...Ora che siete diventati Ricchi nell'avere incontrato la Croce......... perché Io Sono Venuto con la Croce e col Pane, e ritorno al Padre con la Croce e con il Pane per farlo crescere ancora in abbondanza e donarvelo ancora...... così anche voi dovete tornare nelle vostre Capanne con la Croce e col Pane e farLo crescere e donarLo in abbondanza, figli! ...Io vi lascio ancora il Mio Cuore Spalancato e non Lo chiudo né a mezzanotte e né all'una, ma rimane Spalancato attimo dopo attimo, perché nel Cuore di Dio non c'è quella cosa che cammina! Gli uomini hanno le porte e le chiudono, mentre Dio la Porta non La chiude mai perché è Padre e aspetta fino all'ultima ora ogni figlio! ...Tu saluta con l'Albero Verde che rimane sempre aperto, mentre Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni!(*) ...Questi quali sono?(*) ...Li farai scendere, Gesù?(*) ...Me li conservi dopo?(*) ...Sono quelli della giornata che sta per nascere?(*) ...E sono Sette, Sette, Sette, Sette?(*) ...Posso venire già a prenderli?(*) ...E se glielo dici Tu al Padre?(*) ...Ed io mi poggio sempre sul Cuore di Maria, così viene Lei... e se sono quelli della Giornata che sta per nascere, finisco di fare il lavoro che devo fare e poi vengo a prenderli così li tengo insieme agli altri......! Se li prendo prima... lo so che alcuni cadono, ma lasciamo cadere quelli più piccoli... che quelli più grandi li prendo io!(*) ...Giovanni, hai visto quanti cuori feriti ci sono in questo giorno? Ne ho incontrati tanti anche quando sono uscita ieri!(*) ...Guariscili! Piccolo Giovanni: Tu non li hai guariti inzuppandoti e bevendoti? Giulia: È il Padre che guarisce...!(*) ...Passa la Tua Mano come facevi sempre: fallo ancora!(*) ...Io passo dopo di Te! ...Ci vediamo dopo! ...Ora vai e portati tutti i Pargoli..., impastate che dopo vengo a prendere il Pane, Lo spezzo e Lo porto lì dove non conoscono Gesù! <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, quei fuochi di guerra(*)... quei missili(*)... non li posso inzuppare e bere anche quelli?(*) ...Lo so, si dovrebbero accendere...!(*) ...Ma se me li fai bere... visto che il Cielo è sceso e le Schiere sono tutte pronte nel combattere, il Cuore di Maria trionferà!(*) ...Non possiamo togliere le guerre?(*) ...E tutti vedranno il Tuo Volto, Papà, senza quelle guerre e quei missili brutti!(*) ...Tutto deve avvenire, si, ma se mi inzuppo io e li bevo?(*) ...Ma avvengono ugualmente?(*) ...Mi inzuppo e mi bevo!(*) ...Non è che voglio correggerTi, ma pensaci un po', mi inzuppo e mi bevo così passano prima, e Maria, che è l'Unica ed Eterna Chiesa e Lo è da sempre e Lo rimarrà ed i Pargoli non vedranno i fuochi di guerra!(*) ...Mi inzuppo e mi bevo io se Tu lo vuoi!(*) ...Non devi rispondermi subito, puoi rispondere quando vuoi!(*) ...Dopo vengo e parliamo ancora! Io intanto vado ad inzupparmi e a Bermi! Poi Tu mi dici se devo andare avanti o fermarmi!(*) ...Ciao, Papà Formicone!(*) ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Cielo in mezzo a noi!(*) ...Ciao, Mammina!(*) ...Ciao, Cuore che batti attimo dopo attimo!

 

 

 

 

2. Dom. 09/06/2013, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(La Madonna): Dove sono i petali? Non vi è stato detto di offrirli? (Don Vincenzo): Ecco... (La Madonna): Donateli! (Don Vincenzo): Giuseppe, prendiamo i petali? (La Madonna): Stanno provvedendo, così ogni figlio porterà a casa un altro petalo, Io lo bagno col Mio Amore e col Mio Sangue e ognuno di voi lo bagnerà col proprio Amore e col proprio Sangue! Aspetto! <Tatina Fa Scendere i Petali di Rosa sul Capo della Madonna che poi alza gli Occhi in alto e dice:> Al Tuo Cuore sono stati consegnati i petali, Sposo, Figlio, ora lascia scendere la Grazia che hai lasciato scendere da sempre sul Mio Cuore e donaLa a tutti i figli! Li ho consegnati al Cuore del Padre, così il Padre li dona ad ognuno di voi! ...............Ora puoi parlare, Calice Vivente! (Don Vincenzo): Mamma, questi Petali che sono caduti, poi li possiamo raccogliere come "Perle Preziose"! (La Madonna): Li ho appena consegnati al Padre...... (Don Vincenzo): ......Così poi li diamo uno ad uno ai presenti...! (La Madonna): Ho appena detto che Lasciavo Scendere l'Amore che il Padre Mi Ha Donato e la Grazia che Dio ha Donato al Mio Cuore è il Sangue del Parto della Croce! Teneteli per i Tempi che verranno, ma voi siete nell'Arca e avete i Remi, non dimenticatelo, mentre nei Tempi che verranno tanti tanti figli rimarranno fuori dall'Arca, dove ci sono i figli che non vogliono sentire e che non vogliono vedere e che rimangono in mezzo ai "rumori del mondo"! Hai sentito i Sigilli? Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria"! Andando più avanti vi dirò come dovete pregare non dicendo più: "Ave...", ma dicendo le Parole che il Padre Mi ha detto quando Mi ha Chiamata per ConsegnarMi il Frutto della Croce, Figli Miei, la Verità Tutta Intera, non quella che è scritta dagli uomini, ma quella Detta da Dio! A voi viene consegnato il Testamento di Dio, quello che è nel Suo Cuore: la Verità Tutta Intera!

*******************

(La Madonna): Nessuno ha pensato a fare la Corona di Fiori al Calice Vivente? Il Calice Vivente è Dio, non dimenticatelo! Se si incorona la Mamma si deve incoronare anche il Papà! (Don Vincenzo): Mammina! (La Madonna): Eccomi! Io ti incorono così, ecco! <La Madonna mette dei petali sul capo di Don Vincenzo che Le manda un bacio e Lei ricambia. Poi Don Vincenzo prende il petalo dal suo capo, lo bacia e lo porge alla Madonna per farglielo baciare a sua volta>

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) Mi alzo e rimango in piedi?(*) <Alla Glorificazione, Giulia voleva alzarsi in piedi come al solito, ma in questi ultimi tempi viene invitata a non farlo e a restare seduta......!> Allora rimango seduta!(*) Mamma, devo aspettare che Tu parli? Don Vincenzo: Mamma, c'è una sorpresa...! Giulia: ...Ti devono mettere qualcosa...?(*) E va bene, aspetto quello che devi fare Tu...! Don Vincenzo: Mammina, può venire Assunta? LA MADONNA: Fatemi prima donare il Legno della Croce, così siete tranquilli! ......Vi Porto il Saluto di Mio Figlio... <La Madonna Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> La Madonna: ...Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, Amen! ......Ora potete fare quello che desiderate......! Don Vincenzo: ......Mamma, c'è una sorpresa per Te! <Assunta si avvicina alla Madonna mettendo sul Capo di Lei una Corona di Orchidee> Assunta: Mammina mia, Corono il Tuo Capo e quello del Padre e quello del Tuo Diletto Figlio! Abbracciami mamma.........! Ti voglio bene, Mammina! La Madonna: Anch'Io! ......Ora vado avanti! Giulia: Dove sei stata, Mammina?(*) Cosa Ti hanno messo in Testa? Una Corona fatta di Fiori? L'umanità intera Ti dona tanti Dolori...... ma ora è bella quella Corona che porti! Mammina, dopo Te la posso portare via e incoronare coloro che trafiggono il Tuo Cuore? La Madonna: Fallo, Anima Mia! Giulia: Mammina, inizia pure a parlare come tutte le altre volte! ......Io ti offro l'Umanità Intera...... e tutti quelli che mi hai donato ancora...... e tutto quello che il Padre mi ha donato attimo dopo attimo...... i Calici, il Nocciolo Scorticato, i Sigilli, le Spose, e la Giornata Fatta attimo dopo attimo la metto ancora nel Tuo Cuore...... prendili e uniscili tutti al Cuore della Croce! La Madonna: Eccomi ancora nel Venire! Eccomi ancora nel Lavorare! Eccomi ancora nel Combattere e Portare ancora ad ognuno di voi il Saluto del Mio Figliolo Gesù, che è l'Albero Piantato dal Padre!... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ......AMATEVI ANCORA GLI UNI GLI ALTRI, Vivete l'Amicizia del Padre, non contate i Giorni ma contate il Respiro che Dio vi dona attimo dopo attimo, perché quelli sono "i giorni" fatti da Dio e Dio Solo può portarveli via, non gli uomini! Voi vi fermate a contare i giorni e dimenticate il Respiro Donato da Vostro Padre! Figlioli, Vigilate e Ricordate il Pane Spezzato dal Padre e non fermatevi sul pane spezzato dai falsi profeti e dai farisei di ieri e di oggi! Hanno trafitto il Mio Cuore, hanno trafitto il Cuore di Dio, hanno trafitto il Cuore di Mio Figlio, hanno trafitto e trafiggono ancora i vostri cuori! Unite i vostri cuori col Cuore del Padre e imparate: "Padre Nostro-Ave Maria", ma andando più avanti vi dirò come dovrete chiamarMi nel pregare, figli del Mio Cuore Immacolato e Addolorato! Giulia: Mammina, Sei così bella! Tutti i figli Ti vedono con una Corona di Stelle, ma Tu Porti sul Capo una Corona di Spine, come quella di Gesù! Tutti vedono sul Tuo Cuore una Corona di Rose, fatta dagli uomini, ma sul Tuo Cuore non c'è una Corona di Rose ma c'è una Corona di Dolore, perché Tu li vedi i Dolori e li senti ancora i Dolori del Parto dell'umanità sorda e cieca! È bella questa Corona semplice che porti! Mamma, Fa che l'umanità intera Ti sappia offrire i Cuori come Corona togliendo tutti gli errori e riconoscendoTi e riconoscendo il Padre e riconoscendo Tuo Figlio come Unica Fonte dove ognuno di noi può prendere da bere e da mangiare, così non cerchiamo altro che il Bene di Dio...! Mamma, Mamma dell'Amore e Mamma del Dolore, Tu che Lo tieni sempre stretto, insegna ad ognuno di noi a tenere stretto il Dono e l'Eredità della Croce! La Madonna: Imparate ad essere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, ed è lì che troverete l'Eredità della Croce, Figli Miei! Giulia: Mammina, Ti riconsegno ancora la Giornata, la Famiglia e tutto quello che portano nei loro cuori! Sì, come li vedi Tu, li vedo anch'io, ma Facciamo le Cose del Padre! La Madonna: Non ti sei mai fermata...... e non ti fermerai......! Giulia: Donami la Costanza e la Forza di camminare ancora nel Fare le Cose del Padre! Mammina, insegnaci a diventare belli come lo Sei Tu, perché Tu lo Sei nel Tuo Amare e nel Tuo Amore Infinito! Facci Amare e insegnaci a donare il Tuo Amore così come fai Tu nella semplicità più piccola, più povera e più silenziosa, senza far alcun rumore, Mammina! La Madonna: GUARDA, ANIMA MIA......!(*) Giulia: Tutti i Servi Inutili e il Cielo che è Sceso hanno preparato Altre Corone con i Fiori! Dove li portano? La Madonna: Benedico il cuore e le mani di chi ha poggiato la Corona sul Mio Capo! <Assunta> Benedico tutti i figli! Giulia: Mammina, le Corone che sono state preparate dai Pargoli, dai Servi Inutili, da Natanaele, Rossella, Vittorio, le Bimbe, i Pargoli e tutti gli Altri, dove andranno? La Madonna: L'hai dimenticato il Lavoro fatto dall'alba fino a quest'istante? Giulia: No, Mammina, non l'ho dimenticato! Hai una Corona fatta... La Madonna: Quella fatta dai Pargoli! Giulia: Non La fare cadere..., ancora non hanno capito...... non hanno capito neanche i capricci: Aspetta ancora! Neanche gli altri hanno capito, non sono pronti! Mamma, fammeli tenere come mi fai tenere i Flagelli e i Sigilli e le Gocce! Io aspetto, anche se non mi rispondi in quest'istante! La Madonna: Ogni Mamma porta una Spina nel cuore, ma non deve dimenticarla, deve accarezzarLa e gioire: ricordatelo, Figli Miei! Io Sono Mamma dell'Amore e Mamma del Dolore e ognuno di voi è Mamma dell'Amore e Mamma del Dolore, ma accarezzate la Spina così come L'accarezzo Io! Giulia: Mammina, l'umanità intera ha dimenticato di farlo...... vado io e l'accarezzo io la Spina, e la porto nel mio Filicino se il Padre vuole e se Tu lo vuoi......! La Madonna: Ti vedi che Sei Scorticata? Giulia: Eccomi, Mamma! Ma il Filicino c'è ancora e anche se è piccolo e sono Scorticata, posso fare anche questo se Voi lo Volete......! La Madonna: Eccomi, figlia! Giulia: Eccomi, Mamma! Eccomi, Papà! Eccomi, Gesù! Eccomi, Servi Inutili! La Madonna: Eccomi, voi che Gioite nel Giardino preparato dal Padre: Lavorate e Combattete, Impastate e Donate il Pane! Eccomi, voi che avete donato la mano per donarla al Padre! Guarda ancora, Anima Mia!(*) Solleva il capo! Accarezza la Corona! Giulia: Perché l'hai messa sul mio capo? La Madonna: Perché Tu vedi Me, ma i figli ancora non Mi vedono ed è stata poggiata sul tuo capo! Giulia: Ma io non sono degna di portare la Corona... La Madonna: Portala! Giulia: Eccomi! La Madonna: ORA GUARDA ANCORA.........! Giulia: Mamma..., Mamma mia! Mamma di Dio! I Sigilli!(*) Sette Mari: sono Misti, Neri e di Sangue! ......Mamma, ci sono solo questi Sette Mari che coprono ogni cosa..., non c'è più vita!(*) Non c'è più nulla! C'è solo un'Arca e ci sono solo i Remi! ......Posso dire il resto?(*) Nell'Arca c'è solo la Famiglia, i Remi, le Schiere e tutti i Servi Inutili! Quelli che sono rimasti sulla via larga sono coperti......! Mamma, non posso tenere anche questi Sigilli come tutti gli Altri? Non posso tenere anche questi Sigilli per un po' di Giorni......? E poi decidi Tu se posso tenerli nella Data che il Padre mi ha promesso! Mammina, Eccomi Poggiata sul Tuo Cuore! Posso tenerli per un po' di Giorni e poi mi rispondete: ...e vengono ancora dalla Cupola! La Madonna: Tienili, il Padre ti risponderà se puoi tenerli ancora! Giulia: Eccomi! La Madonna: Ora guarda, ma non dire ciò che vedi e aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Eccomi!(*) Ma Eccomi Straccio Stracciato ai Piedi della Croce nel Fare le Cose del Padre! La Madonna: Eccomi ancora con tutti i Servi Inutili, col Cielo in mezzo a voi, con i Pargoli, Rossella, Natanaele, Vittorio e le Bimbe! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico nel Portare l'Unica Verità della Croce... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori! Figli Miei, Vigilate ancora, i falsi profeti avanzeranno ancora, combatteteli con la Destra... <Benedice col Segno della Croce> ...e Pregate ancora per la barca affondata, e Pregate per le Mura Insanguinate, e Pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo che è il Mio Cuore, Figli Miei! Pregate "Padre Nostro-Ave Maria" e spalancate i vostri cuori così come è Spalancato da sempre il Cuore di Dio! Giulia: Eccoci, Mammina, nel Fare il Pane, così come lo Impasti Tu con il Lievito dell'Amore, e il Lievito dell'Amore è un Crescente Continuo......! La Madonna: Fatelo anche voi, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Mammina! La Madonna: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Mammina! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> La Madonna: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuta! La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano ai Piedi della Croce, Calice Vivente! <La Madonna Fa una Carezza a Don Vincenzo> Don Vincenzo: Che sorpresa hai avuto oggi, Mammina! La Madonna: Il Mio Cuore di Mamma Immacolata Trionferà! , è bella, e la Cocciuta vuole portarla per Salvare ancora! Mentre gli uomini Mi offrono corone di guerre, di missili, di odore di morte, a Me è stata donata una Corona di Orchidee! <La Madonna manda baci ai presenti e viene ricambiata> Vi voglio bene, Figli miei! Tutti: Anche noi Te ne vogliamo, Mamma! La Madonna: E lascerò Lavorare lo Strumento nel Salvare con la Corona che Mi è stata donata dalla figlia Assunta e da ognuno di voi! Non hai niente da dirMi? Don Vincenzo: Sì, Mammina, la Tua Presenza è sempre Portatrice di Tenerezza, di Verità e di Dolcezza...! La Madonna: Voi state bene, figli? Tutti: Eccomi! La Madonna: Una Mamma si preoccupa! Voi non vedete e non sentite il cuore dei vostri figli e pensate di conoscerli...... e vi affannate...... ma Io li vedo e li conosco: qual'è il dolore più grande, il vostro o il Mio? Qualcuno: Il Tuo, Mamma! La Madonna:E se lo uniamo e lo offriamo al Padre cosa ne farà il Padre? È Padre Buono e farà Scendere ancora le Grazie! Dove sono i petali? Non vi è stato detto di offrirli? Don Vincenzo: Ecco... La Madonna: Donateli! Don Vincenzo: Giuseppe, prendiamo i petali? La Madonna: Stanno provvedendo, così ogni figlio porterà a casa un altro petalo, Io lo bagno col Mio Amore e col Mio Sangue e ognuno di voi lo bagnerà col proprio Amore e col proprio Sangue! Aspetto! <Tatina Fa Scendere i Petali di Rosa sul Capo della Madonna che poi alza gli Occhi in alto e dice:> Al Tuo Cuore sono stati consegnati i petali, Sposo, Figlio, ora lascia scendere la Grazia che hai lasciato scendere da sempre sul Mio Cuore e donaLa a tutti i figli! Li ho consegnati al Cuore del Padre, così il Padre li dona ad ognuno di voi! ...............Ora puoi parlare, Calice Vivente! Don Vincenzo: Mamma, questi Petali che sono caduti, poi li possiamo raccogliere come "Perle Preziose"! La Madonna: Li ho appena consegnati al Padre...... Don Vincenzo: ......Così poi li diamo uno ad uno ai presenti...! La Madonna: Ho appena detto che Lasciavo Scendere l'Amore che il Padre Mi Ha Donato e la Grazia che Dio ha Donato al Mio Cuore è il Sangue del Parto della Croce! Teneteli per i Tempi che verranno, ma voi siete nell'Arca e avete i Remi, non dimenticatelo, mentre nei Tempi che verranno tanti tanti figli rimarranno fuori dall'Arca, dove ci sono i figli che non vogliono sentire e che non vogliono vedere e che rimangono in mezzo ai "rumori del mondo"! Hai sentito i Sigilli? Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria"! Andando più avanti vi dirò come dovete pregare non dicendo più: "Ave...", ma dicendo le Parole che il Padre Mi ha detto quando Mi ha Chiamata per ConsegnarMi il Frutto della Croce, Figli Miei, la Verità Tutta Intera, non quella che è scritta dagli uomini, ma quella Detta da Dio! A voi viene consegnato il Testamento di Dio, quello che è nel Suo Cuore: la Verità Tutta Intera! ......Sono gioiosi i vostri cuori? Tutti: Eccomi! <La Madonna manda baci ai presenti e viene ricambiata> La Madonna: Il Mio è Gioioso quando vedo ognuno di voi sulla Viuzza Stretta, Figli! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Ora parla tu un po'! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Nessuno ha pensato a fare la Corona di Fiori al Calice Vivente? Don Vincenzo: Ah! <Si ride un po'> La Madonna: Il Calice Vivente è Dio, non dimenticatelo! Se si incorona la Mamma si deve incoronare anche il Papà! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Io ti incorono così, ecco! <La Madonna mette dei petali sul capo di Don Vincenzo che Le manda un bacio e Lei ricambia. Poi Don Vincenzo prende il petalo dal suo capo, lo bacia e lo porge alla Madonna per farglielo baciare a sua volta> E perché Me li fai baciare a Me? Perché li togli? Ti ho incoronato! Eccomi! Stai attento, non farli cadere! ...Ho lasciato cadere un Petalo Rosso! Don Vincenzo: Hai lasciato cadere il rosso? La Madonna: ! Don Vincenzo: Ah! Questi li metto qua, così non si perdono! <Don Vincenzo indica il taschino della maglietta e la Madonna sorride insieme ai presenti> La Madonna: E' un figlio capriccioso! <Si ride un po'> Mettiglieli tra i capelli, viceparroco, così non gli cadono! Raffaele: Eccomi! La Madonna: Mettiglieli tra i capelli, così non li perde... ecco! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eh! Don Vincenzo: Ci facciamo una risata? La Madonna: Perché? Don Vincenzo: Perché è meglio che li mette pure il viceparroco sulla sua testa! <Don Vincenzo si riferisce a Raffaele e si ride> La Madonna: ! Don Vincenzo: C'ha un sacco di capelli! <Raffaele è calvo e si ride un po'> La Madonna: Eh, vieni, te li metto, ma voi non diventate gelosi! Tutti: No! La Madonna: Ecco, rimarranno fermi! Don Vincenzo: Ci mettiamo la colla! <Si ride un po'> La Madonna: Eh, Eccomi! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: E dove sono...... il sacco di risate? Don Vincenzo: Eh, il sacco non ci sta......! La Madonna: Ma le risate sì! Don Vincenzo: Le risate le abbiamo fatte! La Madonna: Eccomi! .........Cosa c'è? Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Ma non vi siete spaventati nel sentire i Sigilli? Don Vincenzo: Eh, sì, non solo, ma già due sere fa, Giovedì scorso 6 giugno, c'è stato questo Dialogo Intenso tra la Cocciuta e Gesù! La Madonna: ! Don Vincenzo: E si è ripetuto oggi con la Tua Presenza di Madre di Dio! La Madonna: Lo Strumento c'è sempre, attimo dopo attimo! Voi sentite i Sigilli del Giovedì Sera e quelli del Pomeriggio della Seconda Domenica di Ogni Mese, ma attimo dopo attimo lei li deve prendere gli altri Sigilli, ma voi non li sentite! Così lo Strumento attimo dopo attimo Lavora nella Vigna del Padre e porta la Famiglia che è nell'Arca con i Remi, ma porta anche l'Umanità sorda e cieca che pur vedendo non si ferma e pur vedendo non guarda Dio e cammina ancora sulla via Larga! .........Ora parla tu! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: C'è stato un pezzo in cui Gesù diceva, Giovedì scorso: "...Vedi quel fiume? Vedi i pesci? Vedi l'erba verde?" E Giulia: "Eccomi, Gesù!" E Gesù: "Quelli sono i pesci che sono rimasti e quella è l'erba che è rimasta...!" La Madonna: Quando Mio Figlio Parla con lo Strumento ci sono anch'Io e ci sono anche i Servi Inutili, ci sono le Schiere e ci sono anche adesso in mezzo a voi, e tutto il Cielo è in mezzo a voi e così Io ho sentito quello che Gesù ha Risposto......! Don Vincenzo: "Quelli sono i Pesci che sono rimasti e quella è l'Acqua e quella è l'Erbetta!" E Gesù ha risposto: "Questi Sono i Frutti che Dio ha conservato!" La Madonna: Ma tu non sai la quantità......! Lo Strumento sa la quantità dell'acqua, dei pesci e dell'erbetta......! Don Vincenzo: Ma è una quantità "striminzita...?" Perché da come si evince sembra che ci sono rimasti solo pochi pesci, poca acqua e poca erbetta......! La Madonna: Tutto quello che dice Dio è Vero! È rimasto quello che serve ai figli che rimarranno nell'Arca e Remeranno! Don Vincenzo: Quindi noi dell'Arca siamo al sicuro! La Madonna: La Famiglia lo è, ma lo Strumento non si ferma, così vuole portare tutti i figli al Padre! Ma vedete, Figlioli, non è Dio che distrugge l'uomo, è l'uomo che si distrugge da solo dimenticando di avere un Padre, di avere una Famiglia, di avere un Paradiso, il Giardino Creato per ogni figlio, di avere l'Eredità! E' l'uomo che si sta distruggendo, non è Dio che vi sta distruggendo! Gabriele si è convertito e ha portato i suoi figli nel Cuore del Padre! I falsi profeti avanzano e i farisei di ieri e di oggi tradiscono ancora: pregate per loro, Io Sono Mamma, ma lo siete anche voi, Figli Miei! Non preoccupatevi se venite scartati o perseguitati, l'hanno fatto a Me, l'hanno fatto al Padre, l'hanno fatto al Mio Gesù, lo faranno ad ognuno di voi, ma rimanete nel Solco di Dio e crescete nella Verità Tutta Intera del Padre che viene a donarLa! ......Dimmi tu qualche altra cosa! Don Vincenzo: "Quando passerà per ogni via l'Ora del Padre, non potrai portare più nulla!" La Madonna: , quando passerà per ogni via "l'Ora del Padre" lo Strumento rimarrà nell'Arca e alla Destra del Padre e non si potrà portare più nulla! Don Vincenzo: E questi Sette Angeli della Morte che portano ognuno Sette Calici e che continuano a venire sempre dalla Cupola? La Madonna: ......Voi pregate......! Voi che siete mamme e Mamme della Croce e del Crocifisso vi prendete e vi portate così come si prende e si porta il Padre da sempre e rimane Servo per Servire i Propri Figli! Anche voi servite nel rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e nel prendere parte al Banchetto del Padre come tutte le Spose che porta lo Strumento attimo dopo attimo, Figli Miei! Don Vincenzo: Mammina, posso chiederTi una cosa soltanto? La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Giulia dice in merito ai Sette Sigilli che sono Sette, Sette, Sette, Sette e i Sette Angeli della Morte portano ognuno Sette Calici...... e li verseranno sopra i Sette Nomi dei Grandi del mondo! Sono quindi i Grandi della Chiesa e i Grandi del Mondo a far scendere queste catastrofi...! La Madonna: ! Voi Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria", "Padre Nostro-Ave Maria"! <La Madonna Alza la Corona del Rosario> "Padre Nostro-Ave Maria"! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Perché hai fatto questo gesto? La Madonna: Pregate, figli! Don Vincenzo: Ah, ci inviti di nuovo a pregare! <La Madonna Alza di nuovo la Corona del Rosario invitando tutti alla preghiera......> La Madonna: ......"Padre Nostro-Ave Maria"! Don Vincenzo: Ancora, Mammina! La Madonna: Ancora! Don Vincenzo: Spesso in questi ultimi giovedì, Gesù ha più volte raccomandato di non affannarci per le cose del mondo......! La Madonna: Figli, non dovete affannarvi per le cose del mondo perchè il Padre vostro ha preparato Tutto da sempre e questo lo conoscete da sempre......! Ma un Padre Buono non lascia i figli senza il Pane e non lascia i figli da soli ed è Tutto Pronto: i vostri Nomi, la vostra Eredità, la vostra Figliolanza e il Pane viene Impastato attimo dopo attimo......! Il Padre non lascia nessun figlio senza il Pane, ma sono i figli che lasciano il Pane preparato dal Padre e per questo vi invito a non affannarvi......! Voi vi affannate per le cose del mondo, ma Io Parlo a voi e all'Umanità Intera! DIO HA PREPARATO TUTTO DA SEMPRE PER NON FARE AFFANNARE I FIGLI, MA I FIGLI SONO SORDI E CIECHI E NON ASCOLTANO: NON HANNO ASCOLTATO E NON HANNO FATTO ASCOLTARE E VI HANNO LASCIATO SULLA VIA LARGA......! Ma il Padre da Sempre vi ha preparato la Via Stretta! Giovanni vi ha portato, ha fatto il pezzo del Suo Solco, l'altro Lo stai facendo tu e lo Strumento vi porta sulla Viuzza portandovi sulle sue spalle, sul "Nocciolo Scorticato", Figli Miei! MA SENTIRETE ANCORA PIANTI E LAMENTI DI MAMME PERCHÈ CI SARANNO ANCORA FUOCHI DI GUERRA PRIMA CHE IL SOLE SI APRE, PERCHÈ SONO GLI UOMINI A VOLERE LA GUERRA, NON DIO! Nel Suo Progetto d'Amore, Dio non ha preparato niente per una guerra, ma il Giardino è preparato con la Pace e per la Pace, con l'Amore e per l'Amore! Pregate ancora: "Padre Nostro-Ave Maria"! Lo Strumento si Inzuppa e si Beve chiedendo al Padre: "posso Inzupparmi e Bermi per togliere le guerre?" .........E aspetta la risposta del Padre! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ancora un chiarimento sulla "Giornata del Padre"! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni dice sempre: "Io Campo alla Giornata di Dio" e non a quella fatta dagli uomini, per Fare la Volontà di Dio e non quella degli uomini! La Madonna: , Giovanni "Campa alla Giornata di Dio", non a quella degli uomini! Don Vincenzo: Mentre tante volte noi ci prepariamo la nostra giornata secondo i nostri schemi egoistici, quella Giornata che poi ci fa affaticare, ci fa correre, ci fa arrabbiare, ci fa essere tristi! La Madonna: Quella che preparate voi non vi è stata preparata dal Padre, ma se vi fermate e ascoltate i vostri cuori troverete la Giornata preparata dal Padre da sempre! Don Vincenzo: La Giornata del Padre è quella che poi ci fa essere sereni e ci fa Fare solo le Cose che Piacciono a Lui e ci fa essere veramente Suoi "Figli" che fanno la Sua Volontà e perciò Suoi Eredi! La Madonna: ! Don Vincenzo: Ci fa fare tutte le Cose Gradite da Dio e non dall'io! La Madonna: ! Il Giardino è quello che il Padre ha preparato per ogni figlio, per rimanere Unito ai figli da sempre, perché Dio È, e niente e nessuno può cancellarLo, e non passa di moda, e Dio non diventa mai vecchio, perché È! È un Dio Antico ma non vecchio! Antico significa: Buono e Saggio, ed è Bimbo, così come Lo sono tutti i Servi Inutili: Bimbi, Buoni e Saggi nel donare la mano e nel rimanere nel Giardino a Fare le Cose del Padre, così come sono stati Pensati da Sempre! Don Vincenzo: Qualunque Pensiero del Padre è Perfetto, quindi da sempre c'è la Perfezione in ogni creatura pensata e Creata dal Padre! La Madonna: ! Don Vincenzo: Il Padre Fa sempre le Cose Buone... La Madonna: Ma ci sono i Figli che hanno preso la via larga e non fanno le Cose del Padre! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Una cosuccia! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ma stò Paradiso dove sta? <Si ride un po'> La Madonna: E' in mezzo a voi, come Lo Sono Io Seduta al Posto della Cocciuta! Perché Mi guardi così? Da sempre il Cielo è in mezzo a voi...... e Dio non lascia i Propri figli...... e le Schiere stanno combattendo, come tutti i Servi Inutili e ne rimane Uno Solo...... e Verrà! Don Vincenzo: Quest'uno... La Madonna: ...Combatterà e Aprirà il Sole! Don Vincenzo: Ma prima hai detto che il Sole L'Aprivo io? <Si ride un po'> La Madonna: E' nelle tue mani, Calice Vivente! Don Vincenzo: E quando Lo Aprirò...? La Madonna: Ora non puoi chiederMi più nulla: il Sole è nelle tue mani e si aprirà! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: E non "torturare" lo Strumento perchè non ti risponderà: è all'Ubbidienza del Padre e Fa le Cose del Padre! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Proprio questo volevo chiederTi adesso: Giulia dove trova tutta questa Forza? Perchè è eroica nella sua Generosità e nella sua Immolazione! La Madonna: La Forza si trova solo Amando e facendo le Cose del Padre e rimanendo sulla Croce "Nocciolo Scorticato"! E' lì che troverete la Forza quando siete stanchi, e lei la Forza la prende Inchiodandosi ancora sul Letto della Croce e rimanendo Crocifissa nell'Amare e nel Perdonare i propri nemici: "Padre, perdona loro perché ora sanno quello che fanno, ma perdonali!" .........Cosa c'è? Don Vincenzo: Mammina, Giulia è una umile Serva di Dio che mette sempre Dio al Primo Posto! Una umile donna che fa sempre la Volontà di Dio in ogni cosa che dice e in ogni cosa che compie! Come lo eri anche Tu, una Umile Donna che aveva solo un obiettivo: piacere a Dio attimo per attimo durante tutta la giornata! La Madonna: Lei dice al Padre: "hai girato, non hai trovato un'altra più stupida e Ti sei fermato chiedendomi: vuoi abbracciare i Chiodi?" - "Eccomi!" Ma benedetta stupida nel rispondere: "Eccomi" al Padre e nel Fare le Cose del Padre! Don Vincenzo: E fa questo da ventotto anni di seguito, notte e giorno! La Madonna: Dal Grembo Materno fa questo, non da ventotto anni, ma dal Grembo Materno, Calice Vivente, così come anche tu dal Grembo Materno hai risposto: "Eccomi"! Don Vincenzo: Aaah! La Madonna: Il Padre ha chiamato ognuno di voi a Lavorare nel Paradiso Preparato e nel Rimanere nell'Arca e Remare: Remate, Figli Miei, e Rimanete nell'Arca e Ascoltate la Parola del Padre! Non si può dormire quando si viene a prendere il Pane...... ma Rimanete svegli, Prendete il Pane, SpezzateLo e MangiateLo e DateLo da mangiare, Figli! ......Hai altro da chiedere? Don Vincenzo: Sì, Mammina! La Madonna: I Figli devono portare i petali delle Grazie e portarsi come Grazie Partorite dal Cuore del Padre! Don Vincenzo: Un'ultima domanda, Mammina, sulla Cocciuta che non viene capita neanche da parecchie persone qui dentro, quando invece lei proprio è eroica nella sua generosità e fa di tutto per prenderci e portarci sulle spalle specialmente quelli della Famiglia! Ma noi tante volte queste cose non le capiamo e ci dimentichiamo che lei è la Voce del Padre, è la Tua Voce, è la Voce di Gesù, e tutto quello che esce dalla Sua Bocca è Divino, è Perfetto, è voluto ed è detto dal Padre! Ecco perchè lei non può sbagliare e non si può sbagliare! È Piena di Luce di Dio! La Madonna: Dio viene scartato, il Mio Figliolo Gesù viene scartato, il Mio Cuore di Mamma viene scartato ed anche lo Strumento viene scartato! L'UMANITÀ INTERA E COLORO CHE DICONO DI FARE LA VOLONTÀ DEL PADRE VENDONO E COMPRANO IL MIO GESÙ E TUTTI I SERVI INUTILI, MA NON FANNO LA VOLONTÀ DEL PADRE! Dio si dona per Amore e non si vende, mentre i farisei di ieri e di oggi vendono e comprano Dio per i propri interessi! È un Cuore di Mamma Grondante, è la Voce di Dio ed è la Voce dei Servi Inutili che gridano queste parole! Ma tutti i Servi Inutili, Dio, il Mio Cuore ed il Cuore di Gesù, gridiamo in un'Unica Voce "NON VENDETECI E NON COMPRATECI, MA DONATECI, FIGLI, E DONATEVI ANCHE VOI, COSÌ NEL RIMANERE PICCOLI, POVERI E ALL'ULTIMO POSTO, PER ESSERE INVITATI AL BANCHETTO DI DIO NEL PRENDERE IL PRIMO POSTO, MA NON COMPRATO, MA DONATO DA DIO"! ...Ora tu saluterai con l'Albero Verde, mentre Io Saluterò i Miei Figli col Magnificat! Vi dono ancora i Petali del Mio Amore! Portatevi come Grazie ovunque andate nel fare la Volontà del Padre, nel lavorare nella Vigna, Figli Miei! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) ...Inizia il Magnificat, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! <Ora tutti quanti recitano il Canto del Magnificat > La Madonna: L'Anima Mia magnifica il Signore! Il Mio Cuore Aperto di Mamma innalza al Padre il Grido della Misericordia Infinita su tutte le Genti!(*) ...Sposo Diletto, stendi ancora il Tuo Manto, raccogli l'umanità dispersa!(*) ...Il Cuore che hai spalancato da sempre! Giulia: Mamma, unisci anche il mio Filicino al Tuo quando chiedi al Padre!(*) ...Mamma, Magnifica il Signore!(*) ...Così, avvicinandomi al Tuo Amore Infinito, Mammina, io mi poggio ancora sul Tuo Cuore: dillo Tu al Padre di farmi tenere tutto quello che ho visto! La Madonna: Aspetta, Anima Mia! Giulia: Eccomi ancora per l'Eternità!(*) ...Eccomi pronta ad essere Scorticata ancora nel fare le Tue Cose, Padre Buono!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Pregate ancora per la barca affondata e Rimanete nell'Arca e Remate, Figli! Giulia: Eccoci, Papà, nel Remare! Ma Tu aspetta ancora perché non ti hanno riconosciuto!(*) ...E visto che ci sono ancora i Giorni, aspettiamo ancora un po'!(*) ...Lo so quando verrà e passerà ciò che hai preparato... toccherò solo il Tuo Cuore senza chiederTi altro, Padre Buono!(*) ...Il Cielo sta combattendo, sta Lavorando, sta Impastando e sta Spezzando il Pane......: possiamo salutare? <Il Padre dà l'assenso e tutti salutano il Cielo e i propri Cari> ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Cielo in mezzo a noi!(*) ...Ciao, Giovanni, prepara ancora tutto quello che devi preparare!(*) ...Ciao, Pargoli, impastate ancora e non fermatevi!(*) ...Ciao, Fiorellini!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Si, mi servono ancora altri Vestitini: preparateli che dopo vengo! ...Ciao! <Giulia schiocca un bacio>

 

 

 

3. Giov. 13/06/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

GIOVEDI' 13 GIUGNO 2013

*******************

(Don Vincenzo): La Mamma ci ha detto, Domenica scorsa 9 Giugno, che non dobbiamo contare le nostre giornate ma i respiri, il Soffio......! (Gesù): Eh, sì, quelli sono i vostri giorni! (Don Vincenzo): Perché attimo per attimo sperimentiamo la Presenza del Padre, sperimentiamo la Tua Presenza, Gesù, e quindi Divinizziamo tutti quegli attimi, tutti quei secondi, tutti quei minuti che altrimenti andrebbero sperperati! Invece così tutto acquista Divinità, tutto acquista Santità, tutto acquista Verità, specialmente poi quando incontriamo veramente il Soffio del Padre in noi e quando Lo sentiamo! Altre volte invece non riusciamo a fermare il tempo e quindi non riusciamo a gustare la Presenza del Padre in noi: quando invece ci riusciamo perché quella preghiera è proprio quella vera e fatta con Amore e col cuore, allora tutto acquista bellezza e gioia! Specialmente quando gridiamo al Padre: "Papà, Papà"! (Gesù): Sì! Io ho detto: "quando volete stare vicini al Mio Cuore e al Cuore di Mio Padre, non mettetevi in mezzo alle piazze a fare rumore"! (Don Vincenzo): Eh, sì! (Gesù): "Ma fatelo nel vostro cuore!" (Don Vincenzo): Uh! (Gesù): Ma nessuno Mi ha ascoltato, tutti si mettono in mezzo alle piazze a fare rumore, ma nessuno fa la Volontà del Padre! (Don Vincenzo): E la preghiera non è più bella! (Gesù): Vedi, noi siamo uniti al Banchetto e stiamo parlando tra amici, fratelli e figli, senza uscire nelle piazze a fare rumore e stiamo gustando la Parola del Padre! Stiamo mangiando il Suo Pane e, mangiando il Suo Pane, Facciamo la Sua Volontà nel rimanere nel silenzio, nel nascondimento e ciò che fa la destra non lo deve sapere la sinistra! Così dovete imparare a tenere nei vostri cuori ciò che il Padre vi Dona nell'Arca! E non dovete far cadere i Remi e non dovete gettare le perle ai porci perchè il Padre Le Dona a voi! .........Perché Mi guardi così? (Don Vincenzo): Che bello essere in Comunione col Padre e sentirLo respirare in noi! E sentire il Suo Soffio e la Sua Presenza in noi non ha eguali, è una gioia incontenibile, Dio che ci è così Vicino......! (Gesù): Ma dovete donarLa, dovete farLa brillare dinanzi ai vostri volti la gioia che dite di sentire...... Io non la vedo! Ricevete tanta Grazia dalla Grazia che è rimasta in mezzo a voi, che è Mia Madre, ma i vostri volti sono ancora tristi guardando le cose del mondo e portandovi dietro le cose del mondo! Voi dovete portare dinanzi ai vostri cuori e dinanzi ai vostri volti la Gioia che il Padre vi Dona e dovete dare Luce ovunque andate: è questo che dovete fare e così aiutate Maria a Combattere la Battaglia! E la Cocciuta si Inzuppa e si Beve nel far fermare le guerre e i Sigilli!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) <Alla Glorificazione, Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> Sì, rimango seduta...: Eccomi!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio...... poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> La Mia Amicizia, il Mio Amore ve L'Ho Donato da sempre e ve Lo Dono ancora! Non sperpero i Miei Beni, Li Dono ad ognuno di voi e all'umanità intera! Quando ci sarà l'"UltimaDomandina" Mieteró e Raccoglierò tutto quello che vi ho donato da sempre, perché il Padre Mi Ha Donato la Falce in Mano per Mietere Tutto quello che di buono vi è stato donato! Ma l'umanità intera e i figli che camminano sulla via larga hanno sperperato......! E visto che Dio non lascia niente...... e nessuno...... e neanche Io...... abbiamo mandato uno Strumento per Raccogliere quello che viene gettato, e quando Viene Raccolto Viene Donato ancora, e Tutto Cresce nell'Abbondanza del Padre e tutto Rimane come Eredità del Padre!...... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...Gioiamo ancora, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore: il Cuore della Croce! Così Rimaniamo nell'Arca e così Remiamo ancora! Giulia: Gesù, hai visto? Tu vedi sempre..., ma un Remo era caduto......!(*) Sì, l'ho alzato e l'ho messo al posto dov'era prima, non ti sei arrabbiato? Gesù: No, Anima Mia, e ti sei Scorticata ancora per prenderlo......! Giulia: Gesù, io non ho fatto nulla: l'ho preso, l'ho messo al suo posto Scorticandomi... era caduto..., si è lasciato cadere...... ho fatto quello che dovevo fare, nient'altro! Ora non cadrà più, l'ho sistemato bene bene: l'ho messo nel Tuo Cuore! Gesù, visto che ogni tanto i Remi possono cadere, non posso mettere due Chiodi come sono qui..., dove sono dappertutto? I miei non li togliamo, stanno bene, me li doni Tu: ho un poco da metterli sui Remi e sui Figli, Impareranno a poco a poco! I Tempi sono nel Tempo e tutto si sta preparando, anche se il Tuo Tempo non è quello che abbiamo...... Tu lo tieni in un Tempo di Cuore...... mentre l'umanità intera lo tiene in un tempo che vola via! ...Allora, mi dai un po' di Chiodi? Gesù: Posso risponderti di no? Giulia: Tu puoi rispondermi tutto quello che Vuoi, ma io come figlia Te Lo Chiedo, quindi non mi puoi rispondere di no..., devo metterli per non farli cadere......! Allora, hai detto di sì? Perlomeno ho capito così, hai detto che non puoi rispondermi di no...! Gesù: Così tu ti Scortichi ancora... Giulia: C'è tanto da Scorticare: Eccomi! Gesù, che stai facendo?(*) Dove vai?(*) Perché cammini passo dietro passo? Dove cammini Tu, passo dopo passo, viene fuori......, ma non è acqua quella! Gesù, è del Liquido Scuro..., Ti stai Sporcando i Piedi e anche l'Abito! Cosa hanno fatto......? Gesù: Anche questo verrà a mancare! Giulia: E non lo devo dire?(*) ...È un Liquido Scuro...: Eccomi! Ma Tu lo farai crescere per la Famiglia?(*) Eccomi! Sì, dopo tutto quello che mi state concedendo per l'umanità intera e per tutti i figli, io oso chiederTi ancora di far crescere pure questo...: serve! Giusto quello che serve, né di più e né di meno..., quello che necessita! Tra figlia e Papà si può parlare così...: "il Giusto" del Pane Quotidiano! Gesù: Come fai a parlare così? Giulia: Tu mi fai parlare così, è la Tua Volontà...... ed è tutto quello che Tu Hai Fatto da sempre! Io parlo come Tu mi fai parlare... e se è sbagliato dimmelo così mi correggo! Così sono e così parlo, così come Tu mi hai fatto, così parlo... e anche la Mamma mi fa parlare così......! Allora, continua a camminare passo dopo passo così quello cresce e serve, ma gli altri non possiamo lasciarli senza niente! Eccomi! Ora non Ti chiedo più nulla..., per il momento...! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: I SETTE SIGILLI......! SONO SETTE CARDINALI...! Gesù: Non dire il nome! Giulia: Eccomi!(*) HANNO SETTE CUORI......, I CUORI SONO APERTI...... MA NON SONO APERTI PER AMARE, SONO INVECE APERTI PER VERSARE DEL VELENO......! E IL VELENO SCENDE SUI PARGOLI...... E SCORRE...... E FORMA UN FIUME...... DOVE CADONO ANCHE GLI UOMINI...... E IL FIUME CRESCE......! Gesù: Ora Fermati! Giulia: Questi Sette Sigilli me li devi donare... come gli altri! Non posso parlare... ma questi fammeli tenere! Gesù, non un giorno, due o tre..., ma questi fammeli tenere fino "al Giorno" che abbiamo stabilito, e poi si possono Bere così non scendono più! Mi vado ad Inzupparmi e mi Bevo! ......Ora fammeli tenere! Gesù: Sono Sette... Sette... Sette... Sette... Sette... e ancora ne avrete per un bel po': come puoi tenere tutto questo? Giulia: Con tutto l'Amore che mi donate posso tenerlo, perché la Croce può tenere tutti i Flagelli, Gesù: Ecco come li tengo! Gesù: Anima Mia! Figlia Mia! Sposa Mia! Giulia: Eccomi! Si, mi vuoi chiamare così: Eccomi! Ma dalla Croce non cade mai nulla, così posso tenere "Tutto", visto che scende solo il Tuo Amore e il Tuo Sangue e Tu me li hai donati da sempre! Ed Eccomi ancora per l'Eternità nel Rimanere sul Letto della Croce! Tutto viene ancora dalla Cupola, ma aspettiamo ancora, Gesù......! Ti hanno tradito e Ti tradiranno ancora, ma aspettiamo ancora......! E nell'aspettare io metto nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai donato, i figli che si sono affidati, coloro che non l'hanno fatto e quelli che Ti hanno sputato e bestemmiato e trafitto ancora......! Le Pietruzze le metto tutte nel Tuo Cuore, Gesù! I cuori dei figli Te li ho già donati dall'alba fino a quest'istante, Accarezzali ancora, visto che il Soffio lo donate attimo dopo attimo! Gesù: Cosa devo fare ancora? Giulia: Gesù, Tu le Braccia le Tieni sempre Spalancate: facci un Abbraccio forte forte..., così tutti quanti lo sentiamo, o meglio, Fallo sentire ai Figli, alla Tua Famiglia e alla Famiglia che mi hai donato! Gesù, per adesso basta così, poi vediamo se mi viene qualche altra cosa! Gesù, stringi i cuori che grondano: fallo! Ora sto zitta e non Ti dico più niente! Gesù: Cosa devo fare? Giulia: Quello che Tu Vuoi...: alzo i Chiodi..., o meglio dire... non lo so...... le mani... o il Nocciolo Scorticato...? ...Quello che piace a Te, Gesù...! Eccomi! Gesù: Eccomi! Il Cielo, tutti i Servi Inutili, Maria e le Schiere stanno combattendo nell'Amore e nella Verità del Padre per portare avanti il Progetto del Suo Cuore! Giulia: Eccoci! Gesù: I Due Giovanni, Carlo, Pio, Domenico e Noi uniti ai vostri cuori Portiamo ancora la Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E la Verità del Pane, Invitandovi a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Rossella, Natanaele, Vittorio, le Bimbe e i Pargoli hanno acceso il Forno, hanno Impastato e stanno Sfornando e sono pronti a Tagliare e a Spezzare il Pane! Giulia: Eccoci, siamo pronti così come è pronto il Banchetto...... Gesù: ......Quello che Dio ha preparato per le Spose e per ognuno di voi nel Gioire e nel Fare Festa, e la Festa di Dio è la Croce e il Pane! Pregate ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Pregate ancora per quelle Mura Insanguinate e vigilate, figli, perchè altri falsi profeti stanno avanzando...! <Gesù Benedice col Segno della Croce> Figli, combatteteli con la Croce e con la Destra che il Padre ha Donato ad ognuno di voi nella Sua Pienezza......! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESÙ-DIO! Don Vincenzo: Benvenuto, Gesù! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Eccomi! Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Che bello averTi qui in mezzo a noi! Gesù: È bello anche per Me avervi......, ehi, ciao, state bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi, eh, Eccomi! Don Vincenzo: "Calice Vivente" c'è una lettera indirizzata a te! Gesù: Questa la leggi tu, quella la prendo Io! Mi aiuta il viceparroco: cos'è, cos'è questa? Chi le manda queste due Corone di Fiori? Don Vincenzo: "Vostra figlia: Maria!" Gesù: Eh, ehi, ehi, sono belle, ma prima lo dovevate chiedere alla Cocciuta, è un errore che fate sempre! Leggi, leggi! Non vi offendete, ma non si scavalca lo Strumento o Mi sbaglio? E ora leggi! Don Vincenzo: "Il Mistero di Dio è grande ma non ci è più nascosto perchè il Calice Vivente ci è stato donato per riempirci d'Amore, di Luce e di Verità: ''ero in mezzo a voi e non mi avete riconosciuto'' ma ora Lo sappiamo e Lo ascoltiamo...... e non possiamo più sbagliare! Il carissimo Calice Vivente in questi anni ci accompagna nella crescita con le sue continue Omelie e ci fa gustare l'Amore del Padre, innamorato delle sue creature e dei Suoi figli e ci fa già assaporare la Sua Eredità Eterna! Il Calice Vivente con quanta delicatezza entra nei nostri cuori nel raccomandarci di vivere ogni nostro attimo tuffati in Dio, noi e Lui in un Unico Soffio d'Amore, e lo fa con la mano sul cuore come a volerLo cogliere come un fiore per donarLo ad ognuno di noi! Molte volte per farci crescere chiede e richiede a Gesù cose di già scontata comprensione tanto da indurre a dire a Gesù: ''ancora me lo chiedi''? E lui: ''com'è bello riascoltarTi, Gesù''......! Può un Sacerdote di così grande levatura scivolare così nel banale? Sicuramente lo fa per farci crescere! Chissà negli Incontri Privati Quotidiani con Gesù di quante Cose Profonde e sconosciute allo scibile umano discutono e sicuramente anche della nostra Famiglia che qui a Timparelle, pur con difficoltà, cresce e si sforza di tuffarsi nel Cuore del Mistero del Padre che ci ha donato e ci sta donando la Sua Verità Tutta Intera, non quella dei quattro vangeli scritti dagli uomini, ma quella Detta da Dio e che Gesù ci sta Rivelando da Ventotto Anni Consecutivi......! In questo Amore perfetto va a rilento purtroppo un piccolissimo ingranaggio, quello della nostra volontà, ma lo Strumento in quanto tale Lavora e la fa muovere per noi perché è lei, la Cocciuta, l'Amore Perfetto! Don Vincenzo, come Calice Vivente, guidaci ancora ai desideri del Padre, a fare solo le Cose del Padre, a fare ciò che piace solo a Lui, con la semplicità delle vostre parole perchè Dio è un Bimbo, così che non dobbiamo dire: ''non lo abbiamo capito!'' Donateci di imitare il vostro ubbidire umile di un servo che non cerca il primo posto perché l'Eredità non ha una scala ma è uguale per tutti e che nei vostri sentimenti non ci sono ''corsie preferenziali'', ma siamo ''parte di un tutto!'' Calice Vivente, fateci guardare lo Strumento come lo vedete voi, da figlio ubbidiente che impara in silenzio a camminare nella corsia giusta, prendendo ogni volontà e certezza dal Padre! Immagino la tenerezza che provate quando lei soffre facendosi carico di ogni nostro dolore! Quanto Amore sprigionano le Vostre Omelie nel parlare di Lei: siete come un bimbo che non ha occhi se non per la sua mamma! Donateci il Vostro immergervi nel Creato con gli occhi del cuore per respirarne i profumi, i colori, i suoni e imparare anche dalle più piccole creature a non dare nulla per scontato, ma a lodare e ringraziare il Nostro Creatore per ogni Sua Meraviglia Creata! Quante volte meritiamo i rimproveri per le nostre testardaggini, per i nostri egoismi, per le nostre logiche che mettono sempre l'io al posto di Dio, riducendo così il Divino all'umano, ma il vostro correggerci è sempre amorevole perché siete buono......! Bussate al cuore della Mamma, l'Unica e Ultima Grazia Rimasta, affinchè impariamo a non scartarci tra di noi, ma ad accoglierci in quanto scartati! Fate di noi ''briciole'' un Pane Intero che appena sfornato dal Cuore del Padre si dona per chi ha fame e per i nemici! Gesù, non so cosa vogliano significare precisamente i tulipani, ma so che di impegno si tratta e Tu Ti Sei Impegnato sulla Croce perdonando tutti! Perdonami se i miei errori li ho fatti sembrare quelli di tutti, ma così li metto ai Piedi della Croce come Fiori che Sbocciano! Come vorrei cominciando da me che quel ''ti amo, Papà'', non rimanga solo una frase, ma crescendo diventi un'Esplosione di Amore e di Luce che ogni cuore desidera da sempre! ......Vostra figlia Maria!" <Applauso dei presenti> Gesù: È tutto bello! Don Vincenzo: Chi sarebbe Maria? ...Maria, ah! Maria: Eccomi! Gesù: Solo che si doveva chiedere il consiglio alla Cocciuta! È tutto bello, ma rimane sempre il non chiedere nel fare le cose! Eh, hai visto cosa hanno fatto? Eh, eh, due di queste Corone, ma non hanno chiesto l'ordine alla Cocciuta, come sempre! Vi voglio bene e adesso che facciamo, vuoi mangiare, eh? <Si ride un po'> Don Vincenzo: Mangiamo? Raffaele: Le poggio là queste Due Corone di Fiori? Gesù: , e poi ne discutiamo con calma! Dovete imparare a chiedere sempre allo Strumento o Mi sbaglio? Tutti: Eccomi! Gesù: Perché avete tanta paura? Non vi ha mai picchiato e non vi picchierà mai: vi picchierà Amandovi e Scorticandosi, ma dovete imparare a bussare al suo cuore, ad entrare e a chiedere: "possiamo fare questo"? ...Ciao, belle di Gesù! ...Ciao, bella di Gesù! <Schiocca qualche bacio di qua e di là> Tutti: Ciao! Gesù: ..."Ciao, belle di Gesù", state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu perché non c'hai la voce? Hai fatto la serenata? Don Vincenzo: No! Gesù: Perché non l'hai fatta? Don Vincenzo: C'era quel venticello che mi ha pizzicato un po', speriamo che passi questo mal di gola! Gesù: Ti ha pizzicato un po'! Don Vincenzo: Il venticello era fresco ma il sole era caldo! Gesù: Perché non ti sei coperto? Neanche tu ascolti la Cocciuta quando ti dice: "vai e poi vedi se si può stare fuori se no copriti!" Come mai questa Cocciuta non si ascolta mai? Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: Lei ha sempre ragione, in qualsiasi situazione! Gesù: Il Padre dice sempre le Cose Giuste e lei dice quello che dice il Padre! L'hai detto pure tu o Mi sbaglio? Tutti: No! Don Vincenzo: No! Gesù: Ehi, hai cambiato posto? ...Ciao...ciao, ..."ciao, belle di Gesù", ..."ciao, bella di Gesù", ... "ciao, belle di Zio Mario", quando viene poi ve lo dirà e adesso chissà che ha combinato quella "bella di Zio Mario": Maria, la fifona! Beh, ora dimmi, hai sentito i Sigilli? Don Vincenzo: ......Stì Cardinali! Gesù: ..."Stì Cardinali"! Se ti sentono...! Tu dici che ci sentono? Ehi, sto facendo ridere il viceparroco! Don Vincenzo: Uh? Gesù: Sto facendo ridere il viceparroco! ......Stì Cardinali! Dove sono? Don Vincenzo: Eh, Sono Sette! Gesù: Eh, , eh, , adesso vi faccio ridere così non vi ci fermate, ma dovete fermarvi a pregare: "Ave Maria e Padre Nostro", "Ave Maria e Padre Nostro", eeeh! Don Vincenzo: HANNO SETTE CUORI I CARDINALI......, I CUORI SONO APERTI...... MA NON SONO APERTI PER AMARE, SONO INVECE APERTI PER VERSARE DEL VELENO......! E IL VELENO SCENDE SUI PARGOLI...... E SCORRE...... E FORMA UN FIUME...... DOVE CADONO ANCHE GLI UOMINI...... E IL FIUME CRESCE......! ............Gesù, una cosa Ti volevo dire...... Gesù: Una sola...... e poi Me ne devo andare? Don Vincenzo: No! Gesù: Ehi, ricordi questo anello? Don Vincenzo: No! Gesù: Come no? La Cocciuta è salita sulla Mia Spalla...! Don Vincenzo: Ah, sì, sì! Gesù: E poi questo Anello vi ha donato un po' di Raggi! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E adesso ve ne dona ancora! E cosa Mi dovevi chiedere...... una cosa sola......? Adesso è scivolata? Don Vincenzo: È scivolata! Gesù: E trovala! Eh, era una cosa sola, trovala! ..."Ciao, bella di Gesù!", ..."ciao, belle di Gesù!" <Schiocca ancora qualche bacio> Tutti: Ciao! Don Vincenzo: Ah... Gesù... Nella Seconda Domenica del Mese, nel Pomeriggio di Domenica 9 Giugno...... Gesù: ......Mia Madre ha detto...... Don Vincenzo: ......Sì! Ha detto che ci sarebbe da fare un cambiamento in merito alla parola: "Ave"! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: E poi ci avrebbe detto le Parole Nuove da usare! Gesù: , e adesso Io non te lo posso dire se non te lo dice Lei! Don Vincenzo: Aspettiamo che ce lo dice lei? Gesù: ! <Don Vincenzo tossisce e Gesù lo imita> Don Vincenzo: Effettivamente quell'Ave è una parola latina, romana......! Gesù: Poi Lei vi dirà quello che dovete fare! Don Vincenzo: La Madonna poi ci dirà tutto? Gesù: , Tutto! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: È stato bello... Gesù: ...Cos'è che è stato bello? Don Vincenzo: Quanta Umiltà sprigiona la Cocciuta! Domenica Pomeriggio, il 9 Giugno, ha raccontato il primo incontro col Padre, Lunedì 5 agosto 1985 quando è "stata trovata" per la prima volta! Gesù: Io veramente l'ho trovata da sempre! Don Vincenzo: Lei ha risposto a Dio dicendo: "hai girato e non hai trovato un'altra più stupida e Ti sei fermato chiedendomi: vuoi abbracciare i Chiodi? Eccomi!" Gesù: Eccomi, ha risposto la Cocciuta! Ma benedetta stupida nel rispondere: "Eccomi al Padre, e nel Fare le Cose del Padre!" Don Vincenzo: Come a dire: ", lo so che sono stupida"! Gesù: Perché glielo chiedevano anche gli altri: "ma come mai sei stata scelta tu?", "Figli..." rispondeva anche agli altri: "...forse non ne hanno trovata un'altra più stupida e hanno scelto me!" Don Vincenzo: Però dopo ha rivelato il suo coraggio e la sua generosità...... Gesù: ............ Don Vincenzo: ......"Vuoi abbracciare i Chiodi?" Gesù: "Eccomi!" Don Vincenzo: "Eccomi!" Gesù: Non li aveva ancora visti quando ha risposto: "Eccomi!" E quando Li ha visti e sono entrati nelle sue mani e nei suoi piedi non ha detto: "sono grandi" ma ha detto ancora: "Eccomi!" Nel rispondere non Li aveva ancora visti e poteva dire: "ma sono troppo grandi! Eccomi!" E poi è stato detto: "c'è anche la Corona e c'e' altro" e lei ha risposto: "Eccomi a tutto!" Don Vincenzo: Anche questa sera ha chiesto i Chiodi! Gesù: Attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Chiede sempre i Chiodi...... Gesù: ......Anche quando voi non la sentite! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Quando un figlio "bussa" e lei chiede i Chiodi, chiede di essere Scorticata, chiede di Inzupparsi e di Bersi! Don Vincenzo: E anche quando vede dei Fuochi di Guerre chiede i Chiodi! Gesù: Così, col sorriso! Quando voi la vedete rispondere: ", pronto?" in quel ", pronto?" Lei si lascia Scorticare, si Inzuppa e si Beve! Voi non vedete nulla, vedete solo il sorriso...... e la tristezza dei figli che non capiscono che il Padre può Tutto! Don Vincenzo: Anche in merito alle guerre! Gesù: "Eccomi!" Don Vincenzo: Si Inzuppa! Gesù: ! Don Vincenzo: Ha chiesto proprio di Inzupparsi come una Spugna, di Bersi così il Padre le fa finire le guerre! Gesù: ! Don Vincenzo: Ma far finire una guerra non è facile perché lei deve raggiungere l'eroismo nel Bersi e nell'Inzupparsi come una Spugna! Gesù: Lei si Mortifica e si Beve! E Io questo posso dirLo! Lei dice sempre: "Io non ho fatto niente, non so fare nulla", per Rimanere Straccio Stracciato e Fa Rimanere i Figli Stracci Stracciati, Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e lei Rimane Straccio Stracciato ai Piedi della Croce per Inzupparsi ancora di più e per Inzuppare i propri Figli! Rimanete Piccoli e Poveri, Stracci Stracciati, così ci incontriamo e possiamo Gioire! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Figli Miei! Eccomi! Don Vincenzo: Mi chiedo sempre come sia possibile che quando Tu parli di questi Grandi della Chiesa che Ti hanno tradito, Ti tradiscono e Ti tradiranno ancora, loro restano imperterriti di fronte a Timparelle, di fronte a queste Parole di Verità Tutta Intera, di Verità Piena dove da 28 Anni Consecutivi il Padre Buono ci dona il Suo Pane d'Amore e attraverso Te ce Lo fa assaporare e ce Lo fa gustare e ce Lo fa masticare e ce lo fa spezzettare, ed è sempre più Buono questo Pane, ed è sempre più Fresco, ed è sempre più Divino, ed è sempre più Vero e loro ostinati al massimo proseguono come se nulla avvenisse qui! Gesù: Non dimenticare l'Arca e i Remi e non dimenticare che il Padre ha cercato una Famiglia! Ha bussato e non è stato aperto, ma ha cercato una Famiglia, ha bussato, hanno aperto e siamo entrati e siete entrati per rimanere, ma dovete vigilare, Figli, nel Prendere il Pane e SpezzarLo e nel DonarLo così come il Padre Lo Dona a voi! Ora il Remo è caduto e lei l'ha preso, si è Scorticata e ha chiesto ancora dei Chiodi per inchiodare altri Remi! Pregate ancora: "Ave Maria e Padre Nostro" per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Tu vuoi Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono! Allora ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi e lo Strumento rimane ancora Inchiodata per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Il Banchetto il Padre l'ha Preparato per le Spose che sono Entrate e per ognuno di voi: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Eccomi! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! <Gesù dona il resto del Pane a Don Vincenzo che Mangia> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questa è la Mia Carne! Gesù: Vero Cibo, Vera Bevanda per ognuno di voi! Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto> Gesù: Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Abbiamo Fatto le Cose del Padre! Io Mi Sono Donato, Tu ti Sei Donato! Questa è la Pasqua, quella fatta attimo dopo attimo e si Dona, e lo Strumento è rimasto ancora sul Letto della Croce per ognuno di voi e per l'Umanità Intera, per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma il Banchetto è ancora Pieno, vuoi prendere parte ancora al Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Cosa vuoi? Don Vincenzo: Un po di cotoletta! Gesù: Ti devo donare Io il piatto, ecco eh, ecco... Don Vincenzo: Basta! Gesù: Basta così? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eh, eh, ecco, ecco, basta così? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ecco, tie', il Banchetto continua, eh, ecco, eh, l'erbetta la doniamo alla Cocciuta così Gioisce: non la vede, è Gioiosa e anche queste sì, ecco, eh, e Io che mangio, l'erbetta? Ecco mangio questa, ehi, ehi, ehi! Raffaele: Va bene così? Gesù: ! , vai, Mi porti via il piatto? Taglia la carne! ...Figlie, lo sapete cosa dovete fare? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Se lo sapete perché ve lo devo dire Io? ..."Ciao, belle di Gesù!" Tutti: Ciao! Gesù: "Ciao, belli di Gesù!" Tutti: Ciao! Gesù: Hanno detto che lo sanno cosa devono fare, ma glielo devo dire sempre Io: adesso vediamo se incominciano a farlo da sole, eh! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Ciao, ciao, ciao, eh, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, Eccomi! Eh, allora, Io l'erbetta la dò alla Cocciuta, ma Gioiosa com'è non la vedrà! Tu non mangi? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io questa la dò a lei, ma poi vai a pescare quello che Mi devi dire, una cosa sola! Auguri a tutti i Servi che si chiamano col nome di Antonio! I presenti col nome di Antonio: Eccomi! Gesù: Come siete mosci! I presenti col nome di Antonio: Eccomi! Gesù: Vai! <Raffaele porta la coda del Pane-Pesce e l'Avanzo col bicchiere di legno a Franco e ad Elena, mentre la testa e l'avanzo piccolo a Maria Elena> Nella Casa del Padre, dove c'è il Banchetto preparato dal Padre c'è tanta Gioia e tanta Armonia e anche il vostro è fatto di Gioia e di Armonia: perché siete così tristi? Me lo spieghi tu? Io faccio gli auguri a coloro che portano il nome di Servi Inutili e non c'è né Gioia e neanche Amore: è giusto questo? Don Vincenzo: E' tutta roba buona, Gesù, si vede che stanno mangiando tutti quanti! Gesù: Vi sembra una risposta giusta? Anche la Mia Parola è buona da mangiare, se è buona da mangiare è buona anche da rispondere: ciò che ho detto è buono, cosa c'è? Se continuate ad essere tristi così, Io non vengo più! Don Vincenzo: No! Tutti: No! Don Vincenzo: Non possiamo essere tristi, Gesù, ci Sei Tu, c'è lo Sposo! Gesù: Ma non vedo Gioia e non vedo Armonia! Tommaso: Facciamo un applauso, Gesù? Gesù: A chi? Tommaso: A tutti i Servi Inutili di nome Antonio, per la loro festa in questo giorno! Gesù: No, Io l'ho chiesto a quelli che sono in questo luogo e non hanno risposto! Non voglio un applauso, dovevate rispondere quando vi è stato chiesto! Non dovete rispondere con la tristezza del mondo, ma con la Gioia: il Cielo è Riverso, è Sceso, è in mezzo a voi e voi non siete Gioiosi! Maria ha le Schiere e sta Combattendo e voi non siete Gioiosi! L'Arca vi è stata donata, il Remo che è caduto è stato preso e voi non siete Gioiosi! Siete affannati per le cose del mondo! Don Vincenzo: No! Gesù: ! Cosa trovo quando vengo in mezzo a voi, Gioia? Musi lunghi, tristezza, affanni: questo trovo! Don Vincenzo: Quando vieni Tu, Gesù... Gesù: ...Non trovo la Gioia! Don Vincenzo: Quando arrivi Tu, Gesù, è tutta una Gioia, una Festa, perchè arrivi! Gesù: Lo dici Tu, ma Io non la vedo! Don Vincenzo: È il massimo, la Tua Presenza! Gesù: Stiamo parlando di due cose diverse, tu dici che è il massimo, ma Io non lo vedo, non vedo Armonia... e vi portate dietro gli affanni! Non dovete portarli, la Cocciuta vi mette attimo dopo attimo nel Mio Cuore e nel Cuore del Padre! Dov'è la Festa? Dov'è la Gioia? Dov'è la Festa che Mi fate quando arrivo? Ma parlo a voi e parlo all'Umanità Intera! Mi sto sbagliando? Tutti: No! Don Vincenzo: Tu non Ti sbagli mai! Gesù: Ehi, ho trovato due fili, non sono quelli della Cocciuta, li vuoi tu, tie' te li dò! Che c'è ancora? ......Non vi ho rimproverato, vi sto dicendo come dovete comportarvi! Don Vincenzo: Ne vuoi uno? Gesù: Me ne offri uno? Don Vincenzo: Se lo vuoi! Gesù: , lo voglio! Ecco, ora siete ancora più tristi? Tutti: No! Gesù: Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: ...Ciao, belle di Gesù! ...Ciao, bella di Gesù! Tutti: Ciao! Gesù: Ora parla tu un po', quando viene Giovanni vi farà qualche cantatina, eh! ..."Ciao, bella di Gesù! ...Ciao, belle di Gesù! ...Ciao, belli di Gesù!" Don Vincenzo: Ne vuoi uno? Gesù: No, per adesso no, poi dopo! Don Vincenzo: Come, non ho sentito? Gesù: Per adesso no, poi dopo... dammene uno, così ti togli il peso! <Si ride un po'> Don Vincenzo: E' leggero! Gesù: Ecco e tu non lo mangi? Tu non lo mangi? ...Ecco!(*) BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ciao, mamma... ciao, mamma! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, cuginetto... ciao, cuginetto! ...Ciao papà... glielo dai poi il "ciao" a papà? I capricci li fai ancora? Maria Elena: Uhm! Bimbi di Mario e Maria Elena: "Uhm"! Eh, mamma sei bella e anche tu cuginetto sei bello e anche papà e anche nonna Elena e nonno cicciottello Francesco! Eh, ma le caramelle c'è l'ha portate, ne vogliamo ancora! Mamma, dici a papà che andiamo ad aiutarlo e allora poi diglielo, bacini, bacini, bacini, ciao, ciao a tutti! <Mandano baci i figli di Mario e di Maria Elena> Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao!(*) Gesù: Ho lasciato parlare i Pargoli, adesso devono andare a Impastare un Pane Grande Grande per le Spose che stanno per Entrare! ...Ciao! Maria Elena: Ciao! Gesù: Eh, dov'è il viceparroco, è scappato? Raffaele: Eccomi! Gesù: Eh, Mi porti quei due cioccovati a lei? <Alessandra> Don Vincenzo: Grazie! Gesù: , questi grandi e belli! Eh, adesso finisco un poco! I pesciolini li hai consegnati? Raffaele: Eccomi! Gesù: I pesciolini li hai consegnati? Raffaele: E ancora no! Gesù: Tu Mi rispondi: Eccomi! Raffaele: Ho tagliato il pesce grande! Gesù: I pesciolini; il pesce grande è un pesce grande, i pesci piccoli sono pesci piccoli! ...Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando, eh, ma tu mangia pure scarsetto scarsetto, eh! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! E a quella sistemala, eh! <Elena> Sistema un po' a tutti! ...Ora parla tu visto che hai finito di mangiare! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh, che c'è? Don Vincenzo: La Mamma ci ha detto, Domenica scorsa 9 Giugno, che non dobbiamo contare le nostre giornate ma i respiri, il Soffio......! Gesù: E, , quelli sono i vostri giorni! Don Vincenzo: Perché attimo per attimo sperimentiamo la Presenza del Padre, sperimentiamo la Tua Presenza, Gesù, e quindi Divinizziamo tutti quegli attimi, tutti quei secondi, tutti quei minuti che altrimenti andrebbero sperperati! Invece così tutto acquista Divinità, tutto acquista Santità, tutto acquista Verità, specialmente poi quando incontriamo veramente il Soffio del Padre in noi e quando Lo sentiamo! Altre volte invece non riusciamo a fermare il tempo e quindi non riusciamo a gustare la Presenza del Padre in noi: quando invece ci riusciamo perché quella preghiera è proprio quella vera e fatta con Amore e col cuore, allora tutto acquista bellezza e gioia! Specialmente quando gridiamo al Padre: "Papà, Papà"! Gesù: ! Io ho detto: "quando volete stare vicini al Mio Cuore e al Cuore di Mio Padre, non mettetevi in mezzo alle piazze a fare rumore" Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: "Ma fatelo nel vostro cuore!" Don Vincenzo: Uh! Gesù: Ma nessuno Mi ha ascoltato, tutti si mettono in mezzo alle piazze a fare rumore, ma nessuno fa la Volontà del Padre! Don Vincenzo: E la preghiera non è più bella! Gesù: Vedi, noi siamo uniti al Banchetto e stiamo parlando tra amici, fratelli e figli, senza uscire nelle piazze a fare rumore e stiamo gustando la Parola del Padre! Stiamo mangiando il Suo Pane e, mangiando il Suo Pane, Facciamo la Sua Volontà nel rimanere nel silenzio, nel nascondimento e ciò che fa la destra non lo deve sapere la sinistra! Così dovete imparare a tenere nei vostri cuori ciò che il Padre vi Dona nell'Arca! E non dovete far cadere i Remi e non dovete gettare le perle ai porci perchè il Padre Le Dona a voi! .........Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Che bello essere in Comunione col Padre e sentirLo respirare in noi! E sentire il Suo Soffio e la Sua Presenza in noi non ha eguali, è una gioia incontenibile, Dio che ci è così Vicino......! Gesù: Ma dovete donarLa, dovete farLa brillare dinanzi ai vostri volti la gioia che dite di sentire...... Io non la vedo! Ricevete tanta Grazia dalla Grazia che è rimasta in mezzo a voi, che è Mia Madre, ma i vostri volti sono ancora tristi guardando le cose del mondo e portandovi dietro le cose del mondo! Voi dovete portare dinanzi ai vostri cuori e dinanzi ai vostri volti la Gioia che il Padre vi Dona e dovete dare Luce ovunque andate: è questo che dovete fare e così aiutate Maria a Combattere la Battaglia! E la Cocciuta si Inzuppa e si Beve nel far fermare le guerre e i Sigilli! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: ..."Ciao, belli di Gesù!" ... "Ciao, bella di Gesù!" Tutti: Ciao! Gesù: Che c'è? Bevo un po' d'acqua! Don Vincenzo: Gesù, ci saranno ancora Fuochi di Guerra? Gesù: ! Don Vincenzo: Fuochi Grandi? Gesù: , ma lei si Inzuppa e si Beve nel toccare il Cuore del Padre! ...Eh, quella cosa gira... e Giovanni ha un attimino di tempo!(*) PICCOLO GIOVANNI: Ehi..., ciao! Don Vincenzo: Ciao, Giovanni! Piccolo Giovanni: Vengo con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Ciao, Giovanni! Piccolo Giovanni: Ciao! Altri Fiori che Sbocciano ai piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Io Sono Venuto a Portare la Croce e il Pane, voi avete fame e sete? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Avete mangiato... della Croce? Ehi... ne vuoi? <Il caffè> Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ne vuoi un altro goccino? Tie'... è bello caldo! Ehi... <Giovanni schiocca qualche bacio e si rivolge a Maria Elena e Chiara e poi a tutti> Piccolo Giovanni: ..."Ciao, belle di Zio Mario!" ... "Ciao, bella di Zio Mario!" ... "Ciao, bella di Zio Mario!" ... "Ciao, belle di Zio Mario!" <Si ride un po'> Tutti: Ciao! Piccolo Giovanni: Ciao! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non c'è l'imbranata di Maria? Si è tuffata nel letto? Mo' vado a fargli uno scherzetto...... Fifona che non sei altra! Che gli posso fare? Don Vincenzo: Se non è venuta, è proprio perché è malata! Piccolo Giovanni: La Cocciuta gli ha detto: "rimani a letto..., non muoverti"! Don Vincenzo:Sta proprio male male..., altrimenti sarebbe venuta! Piccolo Giovanni: Tu, Mia nipote, non la conosci......; se è un petalo, dice che è un albero intero...! Se poi è un albero intero, dice che è un petalo...! Ma mò la vado a sistemare Io... ecco...! ..."Ciao, belle di Zio Mario!" ... "Ciao, bella di Zio Mario!" ...Ciao! Tutti: Ciao! Piccolo Giovanni: Ciao! Allora..., non devi dirmi niente? ...Ciao, viceparroco! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Vuoi mangiare qualcosa, Giovanni? Piccolo Giovanni: Eh..., perché Mi volete lasciare digiuno? Che bella domanda...! Don Vincenzo: Un po' di formaggio? Piccolo Giovanni: Ehi... ci sono le spine? <Riferito al baccalà> Non ci sono le spine? Non lo sai? E allora, se poi la trovo che faccio ti tatino? Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi... non è che Mi fai lo scherzetto che è piccante? <Si riferisce alla salsiccia che Giuseppe gli presenta in un piatto> Giuseppe: La mangio io prima? Piccolo Giovanni: Eh, ..., Mangiala tu! <Si ride un po'> E allora, ne prendo tre... se poi la trovo piccante... ti battezzo! Tu cosa vuoi? Don Vincenzo: Un po' di formaggio... <Giuseppe gli indica un piatto> Piccolo Giovanni: No, quella gli fa male..., c'ha il raffreddore...! Avete finito di mangiare? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Riprendete daccapo! ...Che c'è, viceparroco? Raffaele: Mi chiedevo se Don Vincenzo voleva qualcos'altro...! Piccolo Giovanni: Ehi... Calice Vivente, vuoi qualche altra cosa? Vediamo se trovo la spina...! ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, belle di Zio Mario! ...Ciao, bello di Zio Mario! <Al piccolo Domenico> Ehi... tanti Auguri! Antonio..., Antonio... Antonio... <Tutti applaudono> Che fate, vi battete le mani da soli? Quando si fanno gli Auguri, si risponde: Grazie! Ma visto che ci sono i dolcini......! Non ho trovato ancora spine..., mo' vediamo..., ma parla un poco, Io devo stare attento se trovo le spine...! L'hai sentiti i Sigilli? Don Vincenzo: Quelli dei Sette Cardinali...? Piccolo Giovanni: Eh, ..., quelli dei Cardinali! ...Hai mangiato, viceparroco? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Avete mangiato, figli? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni..., dicevo prima a Gesù... Piccolo Giovanni: ...Cosa Gli dicevi? Don Vincenzo: Questa... testardaggine che hanno i cosiddetti Grandi della Chiesa, i cosiddetti Grandi del mondo...! Questa testardaggine nel tradire Dio, nel tradire la Verità Tutta Intera! Piccolo Giovanni: La Verità Tutta Intera non la può tradire nessuno, perché è Dio! Don Vincenzo: Eppure la rifiutano ostinatamente! Piccolo Giovanni: Il Padre la sta donando a voi, siete voi che dovete andare avanti! Dio ha trovato una famiglia qui, vi ha consegnato la Vigna, e sta a voi non farla seccare e a farla crescere! Ha chiamato l'umanità intera...... ma avevano da fare...! Ha chiamato a voi e voi avete lasciato il lavoro e siete venuti......! Lavorate, così come stanno facendo tutti i Servi Inutili! Lavorate con Maria e con le Schiere, come fa lo Strumento nell'Inzupparsi e nel Bersi e a rimanere Crocifissa per Amore! ........................Non ne ho trovata nessuna fino adesso, non ti posso tatinare! <Allude alle eventuali spine del baccalà e si ride un po'> Devo mangiare? Giuseppe: La salsiccia va bene questa? Piccolo Giovanni: "La salsiccia va bene questa?" E allora facciamo così: ecco! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Se vuoi puoi anche non rispondere...! Quell'Uno è rimasto solo nei Cieli come Servo Inutile? Piccolo Giovanni: È sempre che aspetta! Don Vincenzo: Sta combattendo solo? Piccolo Giovanni: È rimasto ad aspettare! ..................Non lo potevi trovare più duro? <La fetta di pane che Giuseppe gli ha donato> Don Vincenzo: Vuoi qualche altra cosa, Giovanni? Piccolo Giovanni: Io ho detto: parla! Sto mangiando questo! ..."Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, belli di Zio Mario!" Tutti: Ciao! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: ...? Don Vincenzo: Quando cercavi l'intimità per una preghiera profonda, come facevi? Riuscivi a concentrarti, a trovare spazio nel silenzio e nella solitudine o no? Piccolo Giovanni: Lo trovavo nella Mio Cuore, e lo trovavo quando facevo la passeggiata, e poi lo trovavo quando andavo in casa chiudendo la porta e accendendo la candela! Don Vincenzo: Come mai accendevi la candela? Piccolo Giovanni: Fermati, lascia quello per terra, non facciamo pagliacciate! <Giovanni era solito prendere le ciliegie dall'albero e qualcuno ha pensato male di prendere una pianta con delle ciliegie appese per scherzare un po'> L'albero deve essere Vivo e non morto! Don Vincenzo: Come mai accendevi la candela? Piccolo Giovanni: L'accendevo per donare, non la Luce a Maria, ma per consegnarGli la Giornata! Quello che avevo fatto lo mettevo nel Suo Cuore spegnendo la luce del mondo e accendendo la candela, così Io consegnavo la Giornata nel Suo Cuore e Lei la portava nel Cuore del Padre! ...Io quando andavo a prendere le ciliegie, andavo sotto l'albero e non da un albero finto...! Non dovete offendervi! Non create confusione al Banchetto del Padre: non dimenticate che è il Banchetto di Dio, non è il Banchetto delle pagliacciate, questo è Dio! Questo non dovete mai dimenticarlo, Dio scherza con ognuno di voi, come anch'Io scherzo, ma "nel giusto" del Vangelo del Padre! E quando c'è l'albero, vado sotto l'albero a prendere i frutti, ma non dobbiamo creare confusione al Banchetto! Ricordatelo: Dio non sta scherzando, Dio vi sta donando le Ultime Grazie anche attraverso il Banchetto dell'Amore e sul Banchetto ci deve essere il Cibo del Padre! Non dovete portare ciò che non si mangia...! Se c'è un Banchetto è per mangiare! Don Vincenzo: Se c'è un Banchetto è per mangiare e non per portare cose di plastica..., cose finte...! Piccolo Giovanni: No! Il Banchetto del Padre è cibo che si mangia, perché è Dio che si dona ad ognuno di voi nel continuare il Banchetto del Sangue e della Carne, figli! Non scherza Dio, è Dio che vi dona il Cibo della vita eterna, non dimenticatelo, figlioli! Voi pensate che è un banchetto del mondo e si fa come al banchetto del mondo! Dovete prepararlo il più semplice possibile, così come è quello preparato da Dio per le Spose! Il cibo da mangiare nella semplicità e nell'Amore Pieno...: Dio non guarda le cose esteriori, Dio guarda i cuori e vuole le Spose Adornate per il proprio Sposo così come si presentano con l'Abito Bianco, con l'Abito Celeste, con l'Abito Rosa, con un Abito di Luce e l'Anello Nuziale! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Questi colori, hanno delle diversità... oppure il celeste è per gli uomini......! Piccolo Giovanni: No, non hanno diversità! L'uomo e la donna si distinguono, ma non dall'Abito......! Mangio questi, tu ne vuoi? Don Vincenzo: Sì, sono "dei giganti" queste ciliegie...! Piccolo Giovanni: , sono "dei giganti"! Non ne vuoi? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Ehi... ne ho preso una gigante...! Ehi quello è il piatto Mio...! Com'è? Tu li mangi e Io faccio la figura di averne mangiato di più? Don Vincenzo: Sono ciliegie giganti! Piccolo Giovanni: Chi ne ha mangiati di più? Don Vincenzo: Due..., quattro..., sei..., otto..., dieci...: cinque e cinque! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Sei sicuro? Don Vincenzo: Forse... Piccolo Giovanni: "Forse".........! Dimmi qualcos'altro, Io ho parlato...! Sono capriccioso e vi ho rimproverati, ma quando vi rimprovero, vi amo ancora di più nel farvi crescere! ...Ciao, belle di Zio Mario! Tutti: Ciao! Piccolo Giovanni: ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Ciao, bella di Zio Mario! ...Avete dimenticato la prima parte di "Ciao, bella di Zio Mario?" E qual'è? Io l'ho dimenticata! Qual'è la prima parte? Chi se lo ricorda? Don Vincenzo: "Non mi hanno riconosciuto...!" Chiara: Ogni volta che ci dici "bella di Zio Mario!" ci doni un pezzo del Filicino della Cocciuta! Piccolo Giovanni: Hai sentito tu cosa ha detto? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Grida, così sentono tutti! Chiara: Ogni volta che ci dici "bella di Zio Mario" ci doni un pezzo del Filicino della Cocciuta! Piccolo Giovanni: ! Ogni volta che dico questo, vi dò un pezzo...! E la seconda qual'è? Don Vincenzo: "Ero in mezzo a voi non mi avete riconosciuto!" Piccolo Giovanni: No, lo Sono ancora... e ancora non Mi avete riconosciuto...! No, ce n'era una seconda da dire...! Quando dico: "ciao, bella di Zio Mario! Ciao, belle di Zio Mario...! Ciao, bella di Zio Mario...!" Don Vincenzo: Era perché ricordavi il saluto della Cocciuta? Piccolo Giovanni: No, devo dirla ancora l'altra! Ne ho detto una metà, e ce n'è un'altra metà che devo dire! Ma ancora non siete pronti per niente per niente per niente! Aspettiamo ancora un altro pochino, come dice lo Strumento al Padre "aspettiamo ancora un poco... se porto qualcosina forse Ti vedranno", e così dico anch'Io "aspettiamo ancora un poco così forse Mi riconoscete", perché ancora non Mi avete riconosciuto! ...Voi preparate una cosa di tutte quelle cose, senza dirlo, così Io Mi mangio un dolcino! Tu lo vuoi un dolcino! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: ...No, Io voglio quello! ...Quello dallo a lei! ...Due! Giuseppe: Così? Piccolo Giovanni: Si, Io voglio questo! Tu quale vuoi? Don Vincenzo: Questo! Piccolo Giovanni: Si, e lo mettiamo nel piatto! ...Ed altri due a lei! ...No, si mette nel piatto e non ti cade per terra! ...Voi, figli, preparate il Miscuglietto! ...Lo mangiamo? Di solito, quando mangiavo il dolcino prendevo la pillola del diabete, ma ora non ne ho più bisogno... ma se la prende la Cocciuta adesso! ...Ma adesso gliene dò un pochino pochino anche alla Cocciuta, l'altro invece Me lo mangio Io! ...Si fa così, vero? ...Buono! ...Chi ha fatto quel dolce con tanti cuoricini? Maria Rosaria: Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: ...Ehi... Ciao, bella di Zio Mario, c'è un ovetto... vieni a prenderlo! <Si ride un po'> Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: È verde questo, ed è il colore che piace a Domenico ed anche a Me! ...Adesso devi riempire il bicchiere vuoto, non lo devi riempire quand'è pieno! ...Ecco, visto che non porta gli occhiali lo fa a metà! ...Ecco, adesso è Pieno, è la misura giusta! ...Dimmi qualche altra cosa! ...Ecco, vediamo com'è venuto! ...Salute!(*) ...Vediamo cos'hanno fatto! ...Buono! ...L'ho preso quello che è nel cuore! Annunziata: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E mo' cosa ti mando? ...Eh... aspetta! ...Portagli uno di quelli: quello giallo, che è il colore della Luce che porta dinanzi a lei! ...Ecco, si, questo: portaglielo! ...Non ti preoccupare, non cade! ...È buono? Don Vincenzo: Si, sempre! Piccolo Giovanni: E si vede, lo hai già bevuto! Don Vincenzo: Ogni volta è sempre più buono! Piccolo Giovanni: Si, ogni volta è sempre più buono, così come ogni volta che vi inchinate dinanzi alla Croce, è sempre più buono! Il Padre vede: vi inchinate e vi portate! Ma dovete lasciare gli affanni, le cose del mondo, e portarvi ed inchinarvi dinanzi alle Meraviglie del Padre! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: C'è proprio una cecità da parte dell'umanità nel rovinare questo Giardino e nel creare sempre contrasti e guerre! C'è proprio una volontà di autodistruzione da parte dell'uomo, mentre Dio, il Vivente ci dona sempre Amore, ci dona sempre Luce, ci dona sempre Verità! Piccolo Giovanni: Si, è l'uomo che sta distruggendo il Creato e non Dio! Dio viene a costruire ancora ciò che ha costruito da sempre! E così Maria combatte insieme alle Schiere, insieme a tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Creare queste armi di distruzione totale, è stoltezza, è cattiveria, perché sono numerosi i paesi che hanno la bomba atomica e quindi ci potrebbe essere una guerra nucleare devastante, mentre Dio ha fatto tutto per la pace e per l'Amore! Piccolo Giovanni: La bomba atomica che fa piangere il Cuore del Padre è nel vedere i farisei di ieri e di oggi lontani dal Suo Cuore! Quella è la bomba atomica che fa piangere il Padre! Quella costruita dagli uomini, il Padre col Soffio del Suo Amore la può spegnere! La bomba atomica creata dai farisei di ieri e di oggi, non è che Lui non la possa spegnere... questo è un Mistero, e una parte vi verrà detta nella Giornata di Maria dai vostri Cari, da Me, da Domenico, da Piuccio, da Carlo, da Maria... Don Vincenzo: ...Da tutti i Servi Inutili? Piccolo Giovanni: Si, da tutti i Servi Inutili! ...Ora devo salutarvi perché ci sono gli altri Sigilli da preparare, e c'è da allacciare ancora il Filicino che si è spezzato ancora! ...Mi ha donato un altro pezzetto ed ora lo facciamo aggiustare... ed Io vi saluto! <Giovanni schiocca un bacio sui presenti che viene ricambiato> ...Ciao, belle di Zio Mario! ...Dove vai, figlio? Deve venire Gesù! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: ...Ciao, con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Amen! <Giovanni schiocca un altro bacio sui presenti che viene ricambiato> Piccolo Giovanni: Io vi lascio il Filicino... quel poco che è rimasto, e lascio lo Strumento alla Destra del Padre! ...Vi voglio bene a tutti! Tutti: Anche noi, Giovanni! Don Vincenzo: Eccoci! Piccolo Giovanni: Vigilate... <Giovanni schiocca un altro bacio che viene ancora ricambiato> ...I falsi profeti avanzano: alzate la Destra e combatteteli, Figli! Gesù: ...Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuto! Gesù: Non Me n'ero andato, stavo ascoltando quello che diceva Giovanni! Don Vincenzo: Abbiamo parlato della bomba atomica! Gesù: Ho sentito! Tu hai sentito quello che Lui ha detto? Don Vincenzo: Si! Gesù: Così quando ci sarà la Festa, parleremo! ...Non la uccidere la formica! Don Vincenzo: No, no! Gesù: ...Ciao, belle di Gesù! ...Ciao, bella di Gesù! ...Ciao, belli di Gesù! ...Ciao! Don Vincenzo: È una formica operaia! Gesù: Ma tu non la uccidere la formica operaia! La formica operaia va a lavorare e voi dovete fare anche le formiche operaie: dovete lavorare, e così quando si lavora nella Vigna del Padre non si deve essere tristi ma gioiosi! ......E tu cosa fai, tieni la porta? Eh... Eh... Eh... ti viene il sonno, bella di Papà? Marina: Ho caldo! Gesù: "Ha caldo"... Eh... Eh... Eh... accendete il fresco... fiuuuu... sennò la bimba Mi cade per terra, e poi se cade per terra tutti dicono "Gesù le ha fatto male", ma Io non vengo a farvi del male, Io vengo a donarvi il Soffio dell'Amore! ...Ecco! ...Chi ha suggerito di spegnere il fresco ed aprire le finestre? Raffaele: Mi ero preoccupato perchè vedevo la Cocciuta sudata e si raffredda... Gesù: No, non si raffredda perché la Cocciuta non c'è, ci Sono Io! Se Mi raffreddo Io poi ve lo dico! ...Atcì... Eh... Eh... Eh... Mi sono raffreddato! <Si ride un po'> ...Eh, si, vi porto il Pane Spezzato, vi porto i Sigilli e vi porto anche le battute per sorridere un po', così come facevo da sempre con tutti i Miei Figli... Mi ascoltavano ma poi Mi hanno abbandonato, hanno preferito Barabba, ma il "Barabba" dei farisei di ieri e di oggi! ...Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Questa figura di Barabba... Gesù: ...Si, quello dei farisei di ieri e di oggi, perché i farisei di ieri e di oggi Mi hanno cacciato fuori, non Barabba! ...Ehi, la formica sta tornando! Don Vincenzo: Sta passeggiando? Gesù: Si, prendila ma non ucciderla! ...Bella... questa non è una formica, questa ti mangia! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Vai, formica, passeggia, cammina nel giardino e nell'Arca! Don Vincenzo: Eh... Eh... Eh... come è svelta! Gesù: È operaia! ...E vedi quella? Non è dolce come tutte le altre, è un po' cattivella! Don Vincenzo: Ah, si? Questa? Gesù: Si! Don Vincenzo: Ma ci stanno anche le formiche cattivelle? Gesù: Si, ma lasciale camminare per la loro strada! ...Eh, si, ci sono anche le formiche cattivelle! ...Ora bevo un po' d'acqua!(*) ...Ah... quella cosa gira! Tu hai qualcos'altro da dirMi? Don Vincenzo: Ehm... Gesù: ...Io, si! ...Ciao, belli di Gesù! ...Ciao, belle di Gesù! ...Si è tranquillizzato il tuo cuore? Nunziatina: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Ti è passato il raffreddore? Don Vincenzo: Forse! Gesù: Forse? Don Vincenzo: Con tutto quello che abbiamo mangiato di Dio, perché qui è tutto di Dio! Gesù: ...Eh, con tutto quello che avete mangiato di Dio...... ma visto che quei due figli sono ancora tristi, vicepa', prendi il Cinzano mettiglielo nel bicchiere e donaglielo da bere! ...Hai capito chi sono quei due? ...Si, uno e due! ...E a te niente... Eh... Eh... Eh... a te ti do'... visto che Natanaele stava sotto la pianta dei fichi, donagliene uno! Eh... Eh... Eh... salute! Don Vincenzo: I fichi? Gesù: Si! Don Vincenzo: Se li vedeva Giovanni, se li mangiava! Gesù: Li ha già visti Giovanni, Ma Giovanni li va a prendere sulla pianta! ...Poi vediamo... quando Me ne vado Io, il Cielo che è già in mezzo a voi rimane ancora, perché deve mangiare al Banchetto che il Padre ha preparato per le Spose che sono entrate! ...E si mangia anche al Banchetto che il Padre ha preparato per ognuno di voi, perché Siamo Vivi e rimaniamo in mezzo a voi perché Siamo già scesi... e non torniamo, siamo già scesi e rimaniamo... è rimasto uno solo e poi verrà! Don Vincenzo: E poi verrà? Gesù: Si, quando è l'ora, così come tutti quanti! Don Vincenzo: Gesù, posso dirTi un Nome? Gesù: Si! Don Vincenzo: Mi viene in mente che è San Giuseppe Lui! Gesù: Non posso risponderti! Don Vincenzo: È perché? Gesù: Perché non lo so! Eh... Eh... Eh... Don Vincenzo: Mi è tanto simpatica la figura di San Giuseppe! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Fa da custode per tutto il Cielo! Gesù: Ed il Cielo è in mezzo a voi! Don Vincenzo: E beh, ma Lassù c'è anche una parte di Cielo! Gesù: Ma chi te l'ha detto che Lassù c'è il Cielo? Don Vincenzo: Eh... Eh... Eh... e come fa? Sta da solo, allora? Gesù: Si, sta da solo ad aspettare! ...Allora, visto che tutte le Spose hanno donato la Mano e sono entrate, e lo Strumento si sta inzuppando e si sta bevendo e aspetta per andare a prendere altre Spose e a prendere gli altri Sigilli, Io vi saluto e vi lascio il Mio Cuore! ...Tu, formichina, passeggia: cammina, cammina! ...Tu saluta con l'Albero Verde! Io vi lascio ancora il Mio Cuore Spalancato da sempre!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni(*)... quella barca(*)... non possiamo ripararla?(*) ...Tutti i pezzettini sono staccati, e se prendiamo un altro poco di Chiodi e la ripariamo?(*) ...Lo so che Maria è l'Unica Barca da sempre!(*) ...E se quei pezzettini li uniamo al Cuore di Maria?(*) ...Così si uniscono alle Schiere!(*) ...Mi inzuppo e mi bevo... mi Scortico un altro poco!(*) ...Giovanni!(*) ..."Ave Maria e Padre Nostro", facciamo le Cose del Padre! ...Ora vai a trovare i Tuoi cari... hai visto che non sono venuti?(*) ...Prendi per mano Teresa ed anche gli altri nella Tua Capanna! Piccolo Giovanni: Guarda i Sigilli, Anima Mia!(*) Giulia: Eccomi! ...Dopo vengo, ma ora mi inzuppo e mi bevo! Piccolo Giovanni: Il Filicino è aperto! Giulia: Non Ti preoccupare che adesso lo cucirà...!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, lo so che devo fare le Tue Cose e sono Buone e Giuste(*)... ehm... non puoi farmi inzuppare e bermi ancora di più per cancellare tutto quello che ho visto?(*) ...Si, tutti i Servi Inutili, Maria e le Schiere stanno combattendo!(*) ...Si, anch'io mi unisco con la Schiera che mi hai donato(*)... eh, si, se facciamo Piccoli Pezzettini di spugna, ne posso inzuppare ancora di più per cancellare!(*) ...Papà i Tuoi Figli e l'umanità intera non sono pronti: doniamogli ancora un po' di tempo!(*) ...Tutti quelli che mi hanno donato la mano li ho portati tutti quanti, ma ce ne sono altri!(*) ...Donami ancora Giorni e fammi inzuppare ancora di più! ...Papà, ci vediamo dopo!(*) ...Ciao, Servi Inutili che siete in mezzo a noi!(*) ...Ciao, Fiorellini!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Mamma, ci vediamo dopo nel lavorare!(*) ...Ciao a tutti! <Giulia schiocca un altro bacio>

 

 

 

 

4. Giov. 20/06/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

GIOVEDI' SERA 20 GIUGNO 2013

*******************

(Gesù): Ora guarda......! (Giulia): Eccomi!(*) I SETTE SIGILLI! ALTRI SETTE......, SETTE......, SETTE......! SONO SETTE MONETE DI FERRO E NON HANNO ALCUNA LUCE! CI SONO SETTE NOMI...... SETTE FALSI PROFETI MANDATI DALLA CUPOLA......! ENTRERANNO IN UNA CHIESA E FARANNO SCENDERE TANTO SANGUE...... E IL SANGUE SCENDERA' SOLO DAI PARGOLI............! (Gesù): Non dire il Nome della Chiesa! (Giulia): Il Nome dei "falsi profeti" hanno un Unico Grido...! (Gesù): Solleva il capo! (Giulia): Eccomi, Gesù!(*) Stefano è il Nome! (Gesù): Ora Fermati! (Giulia): Eccomi, Gesù! Ma posso Inzupparmi e Bermi? Posso tenere anche questi come gli altri?(*) Eccomi! Sollevo il capo! (Gesù): Il Tempo è nel Tempo, avete l'Arca, porta i figli e Rema......! (Giulia): Li porto sulle spalle, li porto nell'Arca e Remo, ma posso tenere anche quello che ho visto come gli altri...! Mio Amato Bene, Mio Diletto, visto che l'umanità è sorda ed è cieca, Gesù...? (Gesù): Io Allargo le Braccia ancora...!

*******************

(Gesù): ......CARLO, DOMENICO E PIO HANNO PREPARATO UNA TENDA DOVE FERMARSI CON LA SCHIERA E DEVONO IMPASTARE IL PANE DEI "TRE GIORNI"......... ma non sono i "tre giorni" che vi preparano al Buio...... e non sono neanche i "tre giorni" che vi preparano a dire che Dio cancella o punisce l'Umanità......... come annunciano i falsi profeti......, ma preparano il Pane per i "tre giorni", quelli del Padre, quelli del Figlio che Sono Io e quelli dello Spirito Santo che è il Cuore di Maria! Dopo di questo si Aprirà il Cielo, ma non il cielo che vi hanno indicato dicendo che lì c'è "la Casa" per ognuno di voi, perchè la Casa per ognuno di voi è dov'è il Regno di Dio e il Regno di Dio è in mezzo a voi e il Cielo che avete su di voi si Aprirà! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro", e la Tenda è pronta! Parla un po', Io vi sto dicendo un po' di cosine! E poi viene Giovanni! (Don Vincenzo): Gesù, ci hai detto poco fa...... (Gesù): Sì, sono le Piccole Gocce...... (Don Vincenzo): ......E si Apriranno! (Gesù): I Piccoli Flagelli Buoni, i Piccoli Flagelli un po' Pesanti...... (Don Vincenzo): ......E si Apriranno...... (Gesù): ......Nel Tempo del Padre! (Don Vincenzo): Adesso? (Gesù): Nel Tempo del Padre! Loro hanno preparato la Tenda, e nel Tempo del Padre Dio non ha l'orologio come l'avete voi, ha il Suo, quello preparato da sempre, ma il Tempo è nel Tempo!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: ......Mi posso alzare poco poco? <Alla Glorificazione Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> Eccomi! Se Sei Tu, Glorifica il Padre...! Visto che Sei Tu, Glorifichi? ...E allora Glorifica! GESÙ: Io Sono... e Glorifico... e tu rimani seduta nell'Ubbidienza al Padre! Giulia: Eccomi! Gesù: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio...... poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Mio Tutto è Allargare le Braccia e Donarvi l'Abbraccio del Padre......! Il Mio Tutto è Donarvi il Mio Sangue, è Donarvi la Mia Carne......! Il Mio Tutto è Donarvi la Gioia e la Pace, quella che il Padre ha Donato al Mio Cuore nell'Eccomi di Maria, Madre Mia, Madre di ognuno di voi, Madre dell'umanità intera, figli, fratelli e amici del Mio Cuore......! Nella Gioia Piena del Padre il Cielo è Rimasto ancora in mezzo a voi nella Famiglia che Rimane nell'Arca e Rema avendo i Remi in mano, Servi Inutili... e Maria con le Schiere Rimangono ancora nel Combattere, nell'Impastare il Pane e nel Gioire, Rimanendo Alberi Piantati dal Padre......! Rimanete anche voi Alberi Piantati dal Padre, perché così siete stati Chiamati, così siete stati Invitati al Banchetto Vivo di Dio, Preparato per le Spose, Preparato per ognuno di voi che Ha Sete e Fame della Parola......! LA PAROLA VI VIENE SPEZZATA E DONATA VIVA ESSENDO IL CIELO UNITO AD OGNUNO DI VOI, FIGLI, FRATELLI E AMICI DEL MIO CUORE, NEL CUORE DEL CROCIFISSO...... NEL CUORE DELLA CROCE PIANTATA DAL PADRE......! Giulia: Gesù, dove hai messo il Tuo Vestito?(*) Perché hai messo questo? Non è quello che porTi sempre......, ed è sporco......! Questo colore non Te l'avevo mai visto..., cos'hai fatto? Dove hai messo il Vestito che portavi sempre? Gesù: Guardalo bene...! Giulia: Non è quello che porti sempre...... questo colore non mi piace, Gesù! Chi Ti Ha Sporcato l'Abito che portavi prima? Nessuno l'ha lavato? È un colore che non mi piace: è misto di tanti colori! Gesù: Guardalo bene...! Giulia: Lo sto guardando..., posso toglierteLo? Mi Inzuppo e mi Bevo così lo pulisco! È quello che Ti hanno offerto in questo giorno i falsi profeti...... Gesù, mi Inzuppo e mi Bevo e Ti pulisco l'Abito......! Gesù: Fermati! Non puoi...! Giulia: Lo voglio e posso Farlo, non temere, Gesù!(*) <Giulia si Inzuppa e si Beve> EccoTi l'Abito Pulito! Cosa ne facciamo dei falsi profeti? Aspettiamo ancora? Ora che è pulito il Tuo Abito, possono pulirsi anche loro se gli doniamo un altro poco di tempo! Gesù... Gesù: ...Guarda ancora......, hai visto il Mio Abito e ti sei Inzuppata e ti sei Bevuta e l'hai pulito! ......Guarda ancora, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) C'è la Schiera del Veleno..., cosa faccio, Gesù? Gesù: Lasciala camminare.........! Giulia: Non posso fermarla? Non posso Inzupparmi e Bermi? Gesù: Questa deve camminare......! Vedi, Maria con la Schiera e tutte le altre Schiere stanno camminando e i Servi Inutili stanno combattendo! Giulia: Eccomi, Gesù, Facciamo le Cose del Padre! Se quella "schiera del veleno" deve camminare: Eccomi, nel rimanere nell'Ubbidienza del Tuo Amore e della Tua Croce! Metto nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai Donato: lo metto nel Tuo Cuore! Gesù: Porta i tuoi figli sulle tue spalle nell'Arca e Remate, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Ora guarda......! Giulia:Eccomi!(*) I SETTE SIGILLI! ALTRI SETTE......, SETTE......, SETTE......! SONO SETTE MONETE DI FERRO E NON HANNO ALCUNA LUCE! CI SONO SETTE NOMI...... SETTE FALSI PROFETI MANDATI DALLA CUPOLA......! ENTRERANNO IN UNA CHIESA E FARANNO SCENDERE TANTO SANGUE...... E IL SANGUE SCENDERA' SOLO DAI PARGOLI............! Gesù: Non dire il Nome della Chiesa! Giulia: Il Nome dei "falsi profeti" hanno un Unico Grido...! Gesù: Solleva il capo! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Stefano è il Nome! Gesù: Ora Fermati! Giulia: Eccomi, Gesù! Ma posso Inzupparmi e Bermi? Posso tenere anche questi come gli altri?(*) Eccomi! Sollevo il capo! Gesù: Il Tempo è nel Tempo, avete l'Arca, porta i figli e Rema......! Giulia: Li porto sulle spalle, li porto nell'Arca e Remo, ma posso tenere anche quello che ho visto come gli altri...! Mio Amato Bene, Mio Diletto, visto che l'umanità è sorda ed è cieca, Gesù...? Gesù: Io Allargo le Braccia ancora...! Giulia: Allora mi risponderai? Quando...? Io aspetto..., quando Tu poi me lo dici...... se me li fai tenere ancora...! Gesù: Guarda ancora, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Questo non fa parte dei Sigilli? Questo..., posso andare a prenderli se mi donano la mano per portarli al Banchetto del Padre, visto che è sceso, Gesù......? Gesù: È un Calice versato non dal Padre e non dal Mio Cuore! Giulia: Posso andare a Inzupparmi a Bermi e prenderli? Qualcuno è pronto a donare la mano! Sono stati i Grandi della Casa coloro che hanno tradito e tradiscono ancora..., vado a prenderli, Gesù? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Preparate i Vestiti e l'Anello Nuziale, stanno per arrivare... non temere...! <Giulia si Inzuppa e si Beve> Gesù: Tu dici a Me di non temere? Giulia: Con l'Amicizia che c'è, Gesù, non temere se il Filicino si è aperto ancora......! E Adesso verranno a cucirlo, non Ti preoccupare! ...Cosa ho fatto? Quello che faccio attimo dopo attimo, Gesù! Non ho fatto niente di particolare... il Filicino si scioglie attimo dopo attimo e poi dopo lo rimettono a posto! Per questo Ti dico di non preoccuparTi..., tanto lo vedi sempre che poi viene ricucito...! Gesù: ......E tanto tu Mi dici sempre: "lo aggiusteranno...!" Giulia: Eh, sì, è così, vengono ad aggiustarlo, Eccomi! Ti raccomando le Pietruzze e tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere e tutta la Famiglia, Gesù! Gesù: Eccomi ancora nel risponderTi col Pane Spezzato che Dio vi Dona, attimo dopo attimo, Anima Mia! Ed Eccoci con tutti i Servi Inutili, con tutti i Pargoli, con i Due Giovanni, Pio, Domenico e Carlo nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane Impastato da Rossella e dai Pargoli, dalle Spose appena entrate, pronte nell'Impastare e nello Spezzare e nel Tagliare il Pane! Giulia: Anche i Pargoli piccoli piccoli impastano e combattono? Gesù: , sono pronti nel preparare il Banchetto e combattere con le Schiere! Giulia: Gesù, se le spose appena arrivate, i Pargoli piccoli piccoli stanno Impastando e Rossella li porta... è il Tempo? Gesù: Il Tempo è nel Tempo... e ognuno si prepari! Giulia: L'Arca incomincia ad alzarsi..., e i Remi... Gesù: ......Prendili tu! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda ancora......! Giulia: Dinanzi a Maria c'è una Schiera di Pargoli..., dovranno combattere! Gesù: Andate, Pargoli del Mio Cuore! Andate, Pargoli del Cuore del Padre, perché da lì siete venuti! Io Rimango indietro, dopo vi raggiungo..., prendete un Pezzettino di Filo, a Me basta quello che c'è e Combattete! Giulia: E il Tempo è nel Tempo ma l'Umanità non vede e non sente: lasciami inzuppare e Bermi, Gesù! Gesù: Il Nocciolo è Scorticato! Giulia: Posso inzupparmi...... ancora ho Tempo... quello che mi avete donato da sempre! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Benvenuto, Gesù! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh? Don Vincenzo: Abbiamo visto...! Gesù: Cosa hai visto? Don Vincenzo: I Sigilli...... un'altra volta! Gesù: Li hai sentiti i Sigilli? <Gesù alza la Destra col Segno Trinitario> Don Vincenzo: Che fai, li fermi i cani? <Da fuori si sente un abbaiare di cani> Gesù: ......Alzo la Mia Mano...... Don Vincenzo: ......Per i cani che stanno abbaiando? Gesù: Io Alzo la Mia Mano......... tu no? Don Vincenzo: Sì! <Gesù e Don Vincenzo Benedicono entrambi> Gesù: Ecco! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu stai bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Tu stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi e i Sigilli li hai sentiti? Don Vincenzo: C'è sempre un crescendo che parte ogni volta dalla Cupola......! Gesù: Il "Crescente" è il Padre, ma ciò che la Cocciuta vede non l'ha preparato il Padre! L'hanno preparato i farisei di ieri e di oggi, ma voi pregate...... per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, pregate......per i figli affondati perché il Legno non è rimasto, pregate......per i figli affondati, sono affondati perché non vedono e non sentono, pregate...... per i figli affondati perché hanno girato le spalle alla Croce e al Crocifisso, ma voi pregate...... "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro", Figli, e rimanete nell'Arca e la Cocciuta Remerà e vi porterà......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quel cambiamento che doveva fare la Madonna sulla parola: "...Ave"? Gesù: Ve lo dirà Lei quando è l'ora, ogni cosa ha il suo tempo! ......Non hai niente da dire sui Sigilli e su ciò che hai sentito? ...Ti ha colpito qualcosa? Don Vincenzo: Mi addolora questa negatività continua...! Gesù: Ehi...! Don Vincenzo: Che c'è? Gesù: C'è una Formichina! Don Vincenzo: Ah, si? Gesù: Non la schiacciare! Don Vincenzo: No, no, è piccola piccola! Gesù: Eh, si, non la cacciate fuori, lasciatela andare, sta passeggiando......! Don Vincenzo: Eh! Gesù: Cos'è che ti addolora? Don Vincenzo: Questa Cupola che sprigiona sempre Sigilli negativi al massimo! Gesù: Eh, si! Il Pane viene gettato e anche la Croce viene gettata e il Veleno esce fuori......! GABRIELE PORTA LA LUCE E LA PACE E NON PORTA PIÙ IL VELENO! I FARISEI DI IERI E DI OGGI INVECE PORTANO IL VELENO E LA GUERRA, MA VOI POTETE COMBATTERLI! <Gesù alza la Destra e Benedice e lo fa anche Don Vincenzo> Rimanete nell'Arca......! Tutto il Padre ha donato nelle mani dello Strumento e il Tempo è Compiuto! Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro"! Natanaele, Vittorio, Rossella, le Bimbe, Carlo, Pio, Domenico, i Due Giovanni hanno la Spada in mano e tutti i Servi Inutili sono in mezzo a voi con la Schiera di Maria pronti per ciò che il Padre ha Scritto in questi Tempi! Ma non dovete spaventarvi perchè ciò che il Padre ha messo nelle mani dello Strumento non cadrà a terra ma Lo terrà in Alto, Scorticato, anche se non c'è più nulla da scorticare e non ha più nulla per Inzupparsi e Bersi...... ma lei lo fa ugualmente! Quando bagnate un Nocciolo Scorticato rimane inzuppato? No! Prendi un Nocciolo, bagnalo e vedi se rimane inzuppato! Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro", perché lei si Inzuppa e si Beve e per formare "una Goccia" con un Nocciolo Scorticato ci vuole un po'! ...Cosa c'è ancora? Parla tu, il Banchetto del Padre è pronto con le Spose ed è pronto anche il vostro! Don Vincenzo: Vogliamo fare l'Eucarestia? Gesù: Vuoi parlare adesso o dopo? Don Vincenzo: Dopo! Gesù: E allora Io Sono Pronto per DonarMi e tu sei pronto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E allora Doniamoci! Don Vincenzo: Sì, Eccomi! Gesù: Così la Cocciuta rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! <Gesù Dona il Resto del Pane a Don Vincenzo che Mangia> Gesù: Questa è la Mia Carne! Ora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: QUESTO È IL MIO SANGUE mentre Giuseppe: QUESTA È LA MIA CARNE! E tutti rispondono: AMEN! .........E GESU' RIMANE A LUNGO UNENDO IL POLLICE CON L'INDICE DI ENTRAMBE LE MANI, POI FA IL GESTO DI BERE UN CALICE E DOPO LO POGGIA SULLA TAVOLA> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Il Banchetto è Pieno con tutti gli invitati e ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Il Banchetto del Padre è Pieno della Sua Abbondanza e lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore nell'Inzupparsi e nel Bersi come "Nocciolo Scorticato"! Prendiamo parte ancora al Banchetto del Padre? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, e cosa vuoi prendere del Banchetto del Padre? Ecco! Don Vincenzo: Prendo questo ...e ancora... e prendo pure quello lì! Gesù: La tua Rete pesca i Frutti del Banchetto del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Questi li doniamo allo Strumento, il suo cuore o meglio il suo "Filicino aperto" che è gioioso e che allo stesso tempo aspetta perchè conosce la risposta del Padre, ma nell'Ubbidienza aspetta: "mi dirà di tenere ancora quello che ho visto?" Lei nell'Ubbidienza aspetta! E voi cosa aspettate? Caterina e Maria Rosaria: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> ...Io uno di quello? E alla Cocciuta gli doniamo l'erbetta? E non Mi donate niente altro? Don Vincenzo: Sì, quello che vuoi......! Vuoi del formaggio? Raffaele: Lo prendiamo, Gesù? Gesù: ! Buon appetito! Don Vincenzo: Anche a Te! Gesù: E anche a te... e anche a te! Vai! <Raffaele porta i bicchieri a Mario e a Maria Elena, e a Franco ed Elena> Eh, e buon appetito! Mi vuoi rubare il piatto? <Giuseppe taglia la carne a Gesù> Mi hanno portato via il piatto! Eh, tu non mangi? Don Vincenzo: Ti aspetto! Gesù: E aspettando aspettando, non hai niente da dire? Don Vincenzo: Sì! Giuseppe: Ecco qua! Gesù: Ecco qua, eh, eh, buon appettito! Don Vincenzo: Grazie, anche a Te! Gesù: Anche a Me e buon appettito anche a tutti voi! Tutti: Eccomi! Gesù: Ma parla un po'! Mi sembri un coniglietto! <Gesù scherza imitando il modo di mangiare di Don Vincenzo e lo fa anche Lui col prosciutto> Don Vincenzo: Se n'è uscito! Gesù: Non hai niente da dire? Io e lo Strumento abbiamo parlato un bel poco! Don Vincenzo: Si! Gesù: Di tutte le Cose del Padre, dei Tempi, dell'Arca e dei Remi! E' Tempo di preparare "il nido" dove sono le Case ed è Tempo di rispondere "Eccomi" alla Chiamata del Padre! .........Marinella, non devi girarti indietro, Io Sono dinanzi, Sono anche indietro, ma quando Parlo Mi Faccio Sentire! Marina: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: ...Parlavo con Marinella! ...............Vicepa', ti raccomando sistema a quei due! <Mario e Maria Elena> E sistema un po' a tutti gli altri: sei delegato! Raffaele: Eccomi! <Raffaele si organizza per fare qualche piattino e per tagliare il pane-pesce di cui dona la testa e la coda a Luisa, Angela, Mario e Maria Elena e gli altri pezzi ad alcuni dei presenti> Gesù: Cosa c'è, cosa c'era prima che ora non c'è? Don Vincenzo: Gesù, questa Cocciuta...... Gesù: ...È Cocciuta! Don Vincenzo: E come Strumento è proprio...... Gesù: ......Uno Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Perché vive proprio di atti di Eroismo Quotidiano! Gesù: La Cocciuta vive nel... rimanere Straccio Stracciato ai Piedi della Croce, ed è lì che si fa la "Giornata" di ogni Servo Inutile nel rispondere "Eccomi" al Padre ed è lì che Maria è rimasta nel rispondere "Eccomi" e così ognuno di voi deve rimanere nel rispondere "Eccomi": ecco cosa Fa la Cocciuta! Don Vincenzo: Però mi ha colpito...... Gesù: ...E ti sei fatto male? <Si ride un po'> Don Vincenzo: .........Quando lei viene nominata "stupida"! Gesù: Quello lo dice lei: "non potevi trovare una più stupida di me!" Don Vincenzo: Difatti...... ma poi, quando si passa al livello dei Chiodi......, perché si può pure essere chiamati stupidi, ma quando poi ci sono di mezzo i Chiodi Grandi e lei continua sempre a dire: "Eccomi, Eccomi" e questi Chiodi aumentano di numero e di spessore sempre più e lei continua a dire: "Eccomi, Eccomi", e questo essere Scorticata che aumenta sempre più da non trovare più posto sul suo corpo...... e sempre più altri Chiodi e sempre più viene Scorticata dicendo sempre "Eccomi, Eccomi, Eccomi!" E poi la Corona di Spine...... e poi altre cose ancora, sempre più Dolorose! Gesù: Quando si risponde "Eccomi" al Padre, l'"Eccomi" è per le Cose del Padre, e quando il Padre non trova la Sposa si poggia su di lei e lei risponde "Eccomi" per portare la Sposa al Banchetto del Padre! Don Vincenzo: PERO' LEI POTREBBE ANCHE DIRE: "QUESTO CHIODO È GRANDE GRANDE, QUESTO CHIODO MI FA MALE E IL DOLORE È INSOPPORTABILE........." Gesù: No! Don Vincenzo:Mai! Gesù: QUANDO SI RISPONDE "ECCOMI" AL PADRE NON SI DICE POI: "QUESTO CHIODO È GRANDE E FA MALE"! QUANDO SI ARRIVA DINANZI ALLA LUCE DI DIO NON SI VEDE PIU' IL CHIODO GRANDE MA SI VEDE L'AMORE! È COSI' CHE MIA MADRE HA RISPOSTO ECCOMI: HA VISTO LA LUCE DEL PADRE E DINANZI A QUELLA LUCE SI RISPONDE SOLO ECCOMI! PUR VEDENDO OGNI COSA CHE GLI UOMINI PREPARANO, SI GUARDA LA LUCE DI DIO DOVE C'È L'AMORE E LA VERITA' E CIO' CHE PREPARANO GLI UOMINI NON FA PAURA......! Don Vincenzo: Prima c'è stato l'intervento sul "Nocciolo Scorticato"... Gesù: Prova a bagnare un nocciolo! Don Vincenzo: Tu hai detto che non c'era più posto! Gesù: Ma lei si rotola nella Farina, si Inzuppa e si Beve e così il "Nocciolo" può Inzupparsi meglio! Don Vincenzo: ANCHE QUESTA CONTINUA DISPONIBILITA' QUOTIDIANA DI GIULIA È UN ATTO EROICO, GESU', PERCHÈ NON È FACILE ESSERE SEMPRE PRONTI NEL DIRE INCONTRANDO OGNI DOLORE: "SÌ, SÌ, ECCOMI, ECCOMI!" Gesù: QUANDO SI ARRIVA AL MASSIMO DELL'AMORE LA COCCIUTA RISPONDE SEMPRE "ECCOMI" NELL'INZUPPARSI, NELLO SCORTICARSI E NEL BERSI PER LA SALVEZZA DELL'UMANITA' INTERA, DEI PROPRI NEMICI E DELLA FAMIGLIA CHE LE È STATA CONSEGNATA! .........CHI RIMANE CROCE E RIMANE STRACCIO STRACCIATO FA LE COSE DEL PADRE......! <Caterina e Maria Rosaria portano il ''niente''> Eccomi! Eccomi! ...Ti raccomando, viceparroco, eh, come sempre! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Eccomi! Eccomi! Eccomi! Eccomi! <Gesù lo ripete guardando alcuni dei presenti> Nel Fare le Cose del Padre, nel Mio Camminare, l'Eccomi era il Saluto che Donavo e Dono ai Figli! Don Vincenzo: Qual'è il Saluto che Donavi ai figli? Gesù: "Eccomi!" L'ha Donato Mia Madre per DonarMi ad ognuno di voi e all'Umanità Intera, L'ho Donato e Lo Dono a coloro che Mi aprono la porta perché la Mia e quella di Mio Padre è sempre Spalancata! .....................Non mangi più nulla del Banchetto del Padre? Mi sa che ci vuole il viceparroco! Come Calice Vivente si Beve e si Dona ma come cuoco no! <Si ride un po'> ...Viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Mi prepari un piatto per il Mio Caro Amato dottore Franco? Metti un po' di questi, poi metti un po' di questi e poi metti un po' di questi e poi metti quella, , ecco, ora va bene e poi portagli un bel bicchiere d'acqua e nel bicchiere d'acqua gli Mando il Mio Soffio! <Gesù Alita sull'acqua del bicchiere> Ora glielo potete portare, buon appettito! Franco: Eccomi!(*) BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA:............Che fame che hai, papà! Mamma, perché tu sei ferma? Come state, mamma, papà, visto che il nonno non ci compra le caramelle buone, ce le comprate voi? Mario e Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: A Noi ci piacciono quelle che ci ha preso il nonno... ma voglio le caramelle al cioccolato e al latte e così poi li mangiamo tutti insieme! Papà, perché è triste il tuo cuoricino? Papà perché è triste il tuo cuoricino, perché? Eh, eh, Impastiamo, papà? <Mario annuisce> Allora Impastiamo...... e ancora bacini, bacini, bacini...... e poi veniamo a trovarvi! <Mandano baci> Bacini, bacini, bacini, bacini! <Accarezzano Don Vincenzo> Don Vincenzo: ...Thank you! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, eh, thank you, bacini, bacini...... e allora facciamo Impastando un thank you, sì, così lo portiamo a Combattere! Ciao, dopo veniamo, ciao! Don Vincenzo: Ciao! Gesù: Sono Io...... i Pargoli sono già andati ad Impastare e a Lavorare per Portare Pane in Abbondanza! CARLO, DOMENICO E PIO HANNO PREPARATO UNA TENDA DOVE FERMARSI CON LA SCHIERA E DEVONO IMPASTARE IL PANE DEI "TRE GIORNI"......... ma non sono i "tre giorni" che vi preparano al Buio...... e non sono neanche i "tre giorni" che vi preparano a dire che Dio cancella o punisce l'Umanità......... come annunciano i falsi profeti......, ma preparano il Pane per i "tre giorni", quelli del Padre, quelli del Figlio che Sono Io e quelli dello Spirito Santo che è il Cuore di Maria! Dopo di questo si Aprirà il Cielo, ma non il cielo che vi hanno indicato dicendo che lì c'è "la Casa" per ognuno di voi, perchè la Casa per ognuno di voi è dov'è il Regno di Dio e il Regno di Dio è in mezzo a voi e il Cielo che avete su di voi si Aprirà! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro", e la Tenda è pronta! Parla un po', Io vi sto dicendo un po' di cosine! E poi viene Giovanni! Don Vincenzo: Gesù, ci hai detto poco fa...... Gesù: , sono le Piccole Gocce...... Don Vincenzo: ......E si Apriranno! Gesù: I Piccoli Flagelli Buoni, i Piccoli Flagelli un po' Pesanti...... Don Vincenzo:......E si Apriranno...... Gesù: ......Nel Tempo del Padre! Don Vincenzo: Adesso? Gesù: Nel Tempo del Padre! Loro hanno preparato la Tenda, e nel Tempo del Padre, Dio non ha l'orologio come l'avete voi, ha il Suo, quello preparato da sempre, ma il Tempo è nel Tempo e tutto questo devo dirvelo! ...Non Mi date più nulla da mangiare? Dopo viene Giovanni! ..., tu non vuoi più niente? Giuseppe: È buono il fico? Gesù: ...... sbuccialo! Mia Madre li preparava sempre, o meglio, li preparava quando portavo i Miei amici! ...Eh... Eh... Mi hanno rubato di nuovo il piatto! Hai già mangiato? Sei veloce nel mangiare! Don Vincenzo: Si! Gesù: Non Mi hai neanche aspettato? Visto che hai mangiato veloce, parla! Tu hai mangiato, viceparroco? Raffaele: Un po' sì! Gesù: Non parli? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quello che ci hai detto poco fa... Gesù: ! Don Vincenzo: ...Succederà a breve scadenza o no? Gesù: Nei Tempi del Padre......! Te l'ho detto che non sono come l'orologio che avete voi! Giovanni diceva e dice: "Io non dò i numeri" e neanche Io li dò! Don Vincenzo: Si parlava di Gocce, adesso si parla solo di Sigilli, com'è? Gesù: No, ho appena detto che ho dato un po' di Goccine Buone e un po' di Goccine Pesanti, un po' di Flagelli Buoni e un po' di Flagelli Pesanti! Don Vincenzo: Più Pesanti che Buoni! Gesù: Come fai a dire che sono più Pesanti che Buoni? Don Vincenzo: Perché gli ultimi sono stati quasi tutti negativi! Gesù: Perché sono negativi? Volete uscire dall'Arca? Don Vincenzo: No, anzi...... l'Arca è la nostra Salvezza! Gesù: Volete uscire da: "Ave Maria-Padre Nostro"? Tutti: No! Don Vincenzo: No, è la nostra Salvezza questa preghiera breve ma incisiva... Gesù: E allora perché dici che sono negativi? L'Amore Cresce e il "Nocciolo Scorticato" chiede al Padre: "Padre, guarda, non hanno capito nulla, Padre, l'umanità è sorda ed è cieca, aspettiamo ancora!" E il Padre non ascolta? Il Padre non vede il Cuoricino che è un "Filicino" che si Spezza e si Dona sempre di più? Preoccupatevi quando il "Filicino" dirà: "Padre, non Lo spezzare", ma state gioiosi quando dice: "Padre, prendine un altro pezzettino!" E imparate a Spezzare i vostri cuori per i vostri nemici, per coloro che trafiggono il Mio e il vostro Cuore, perché trafiggendo il vostro trafiggono il Mio, e trafiggendo il Mio trafiggono il vostro e quello di Maria e quello del Padre e quello di tutti i Servi Inutili! PICCOLO GIOVANNI: Ehi...! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: Come state tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Altri Fiori che Sbocciano ai Piedi della Croce! Ehi... il Mio caffè! Ne vuoi un po'? Don Vincenzo: Un goccio! Piccolo Giovanni: Un goccio..., ahh! È buono? Ne vuoi un altro goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Così fai due "...gocci" tu e una mezza tazza Io! <Si ride un po'> Ah! <Giovanni continua a bere il caffè> , è proprio buono! Ehi, come sta la Mia Capanna? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Maria: Eccomi è solo sì! Piccolo Giovanni: Eccomi è solo sì? ...Ehi, che ha combinato Maria? ......Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che hai combinato? Maria: Sono stata un poco ferma...! Piccolo Giovanni: Il petalo l'hai fatto diventare un albero? Maria:Se non c'era il petalo... Piccolo Giovanni: Non c'era neanche l'albero? Maria: Eh eh...! Piccolo Giovanni:......Teré? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che ha fatto la... papera? Teresa: È stata un po' a letto... Piccolo Giovanni: Ma ce l'hai messa tu? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: L'hai fatto apposta? Teresa: No! Piccolo Giovanni: Sei sicura? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E tu che hai combinato? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi si" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi si"! Piccolo Giovanni: E che facciamo? Andiamo avanti? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora andiamo avanti! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che facciamo: vai avanti tu, o vado avanti io? Teresa: Tu! Piccolo Giovanni: E tu vieni dietro? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Guarda che Io correvo, eh eh! Nicò, è vero? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora cerca di correre! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Perché correvo sia nello sciare, sia nel nuotare e sia... nel correre e anche a scalare le montagne! Deciditi, cosa vuoi fare? Tutti quanti? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! A te non ti porto a fare la scalata... e neanche a correre... e neanche a nuotare... e neanche a sciare! A te ti porto a spezzare il pane e a bere il Calice! Don Vincenzo: Bellissimo! Piccolo Giovanni: Eh, si, sei il Calice Vivente! Don Vincenzo: Ottimo..., ottimo...! Piccolo Giovanni: Eh... eh... eh... eh... ma a Me non Mi pensa nessuno come mangiare? ...Ci sono le spine? Tatina: No! Don Vincenzo: E allora, se non ci sono le spine..., Mi mangio il baccalà! Tre è il Numero Giusto! Non è salsiccia..., mangialo tu! <Si ride un po'> Tu che fai? Don Vincenzo: Voglio vedere se ci stanno le spine... Piccolo Giovanni: Vuoi vedere se ci sono le spine? Don Vincenzo: Mi sa di sì! Piccolo Giovanni: No! Mo' vediamo... in questo pezzettino, non c'è né e Me lo mangio! Tu ne vuoi un po'? Don Vincenzo: Ottimo! Piccolo Giovanni: Tié! Ecco! Don Vincenzo: Buono! Piccolo Giovanni: Ne vuoi un altro pezzettino? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tié! ...Ammete! Buono così? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu Nicò, ne hai combinati di guai? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai fatto nell'orto? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tu dici "Eccomi"..., c'era una piccola spina..., ma ho mangiato tutto! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Faccio finta di non averla sentita la spina piccola...! Che c'è? Cosa devo fare, Nicò? Nicola: Quello che fai sempre...! Piccolo Giovanni: Va bene... ma Maria non ha esagerato un pochino? Che dici dottore'? Teresa: No! Piccolo Giovanni: Sei sicura sicura? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Io direi che ha esagerato un bel poco... <Si ride un po'> Conoscendola e standole vicino......! Beh... adesso non facciamo arrabbiare a Maria! Maria: Non mi arrabbio! Piccolo Giovanni: No! Mi prendi a calci! Maria: Vieni sempre! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: E come fai a farla arrabbiare? Piccolo Giovanni: Quando dico che esagera...! Beh, ora parla tu! Ma a quelli li hai sistemati? Siete belli sistemati? Don Vincenzo: Giovanni, mi è rimasto impresso Giovedì Scorso 13 Giugno quando hai toccato "il tasto" della candela...! Tornavi a casa e accendevi la candela...! Piccolo Giovanni: Perché, tu non te lo ricordi? Don Vincenzo: Passavi in rassegna la giornata! Piccolo Giovanni: Facciamo finta che la spina non c'era... era piccolina... tie'! Don Vincenzo: E facciamo finta pure che la spina non c'era quando stavi a casa... perciò accendevi la candela? Piccolo Giovanni: No, c'era la spina...! Don Vincenzo: Avevi bisogno di luce? Piccolo Giovanni: C'era la luce, ma io la spegnevo e accendevo la candela e stavamo lì con la Mia Fidanzata che è Maria! Non Maria, Mia nipote, ma Maria la Madre di Dio! Si parlava delle Cose del Padre e si faceva il resoconto della giornata: così si Campa alla Giornata di Dio e non a quella degli uomini! Don Vincenzo: E facevi tutto il riepilogo della giornata! E poi spegnevi la candela? Piccolo Giovanni: Si, dopo che avevo consegnato la giornata, la spegnevo e poi Mi mettevo nel Mio lettuccio! Don Vincenzo: E questo avveniva ogni sera? Piccolo Giovanni: Si, campavo alla giornata e la giornata si doveva consegnare attimo per attimo e la chiudevo col dormire! Don Vincenzo: Facevi qualcosa pure al mattino, quando Ti svegliavi, o no? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: E al mattino come facevi? Piccolo Giovanni: Non accendevo la candela, la candela l'accendevo solo la sera..., ma al mattino aprivo la finestrella... e poi guardavo fuori... e poi Benedicevo e iniziavo la Giornata! Cosa vuoi sapere ancora? Voi come l'iniziate la giornata? Vi ricordate di fare così...? <Giovanni Benedice col segno della Croce> Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come fate a rispondere "Eccomi", quando lo dimenticate? Come fate a rispondere "Eccomi" quando pensate alle cose del mondo e non alle Cose del Padre? Come fate a prendere in giro Dio, quando Dio conosce ogni vostro sussurro? Come fate a prendere in giro lo Strumento, quando lei conosce tutte le Cose del Padre e le cose di ognuno di voi? Non potete rispondere "Eccomi", quando dimenticate Dio e correte di qua e di là senza neanche ricordarvi di questo Segno d'Amore! <Giovanni Benedice col Segno della Croce> Con chi pensate di parlare? Queste sono le piccole carezze..., i rimproveri più Grandi li ricordate? Eh, , figli Miei! Figli Miei, quante volte ancora devo accompagnarvi sulla Viuzza? Don Vincenzo: Fallo sempre Giovanni! Piccolo Giovanni: Io non Mi dimentico di farlo..., ma voi lo dimenticate e poi Mi rispondete anche ", Eccomi"! Può il Cielo non vedere? Eh, ! Gli uomini pensano che Dio è sordo ed è cieco, ma Dio non è né sordo e neanche cieco ed è un Padre Buono e mette la Mano così... facendo finta di non vedere e non sentire, ma vede e sente e la porta è da sempre spalancata anche per i figli che sono sordi e ciechi! <Giovanni schiocca qualche bacio> Vi Saluto e vi lascio ancora il Filicino e lo Strumento lo lascio alla Destra del Padre sempre con la Croce e sempre con il Pane!(*) PADRE PIO: Eccomi ancora con la Croce e ancora con il Pane! Cosa c'è? Preparate... <Il miscuglietto> Giovanni non si è dimenticato ma ha lasciato Me: prendete tutto quello che trovate! Tu hai capito? Hanno preparato la Tenda, ma tu dovrai prepararne un'altra, quella dove poi si Aprirà il Sole, perché è nelle tue mani! E quando ti sarà detto, dovrai preparare una Tenda e la Cocciuta ti dirà qual'è la Tenda che devi preparare! E ognuno di voi deve preparare la propria Tenda! Don Vincenzo: Ah, si? Padre Pio: ! Don Vincenzo: Qui dentro o fuori? Padre Pio: Quando è l'ora la Cocciuta vi dirà! Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Una tenda piccola? Padre Pio: Non devi chiedere le misure, non ha i numeri! Non è a questo che devi pensare! ...Cosa c'è, sei preoccupato? Don Vincenzo: No! Con Dio non ci si preoccupa! Padre Pio: Con Dio non si deve essere spaventati nel rispondere "Eccomi"! Don Vincenzo: Per niente, per niente, perché Dio fa sempre Cose Buone! Padre Pio: , il Padre Fa Sempre le Cose Buone, perché da sempre le ha preparate! Ecco e questo è il Miscuglietto preparato, così ne porto un po' a Giovanni e poi lo bevo Io e un po' lo dò alla Cocciuta! Don Vincenzo: Ahh! Padre Pio: E buono come sempre! , è buono come sempre! Perché guardi sempre a quella cosa che gira? ...Eh, ma a Tommaso la febbre gliela devo far passare... Don Vincenzo: Eh, sì! Padre Pio: ...O gliela devo fare aumentare? Don Vincenzo: Eh, no! <Si ride un po'> Fagliela passare, così domattina può scrivere! Padre Pio: Mò vediamo! Don Vincenzo: Guariscilo! Guariscilo! Padre Pio: Questi giocano un poco...: un poco manca Maria; un poco manca Tommaso! Don Vincenzo: Guariscilo! Padre Pio: È Buono il miscuglietto! , è ottimo! .........Parla ancora un po', Io vi dico: vi voglio bene, figli! Tutti: Anche noi! Padre Pio: E rimango sempre con le "...sbraccia" spalancate! Con le "...sbraccia" spalancate rimango! ...Chi ha parlato adesso? Don Vincenzo: Tu, Padre Pio! Padre Pio: Sei sicuro? Don Vincenzo: Sicuro, no! Padre Pio: , ha parlato Piuccio! Don Vincenzo: Ah, sì? Ciao, Pio! Padre Pio: Ciao! Con le "...sbraccia" spalancate... Don Vincenzo: Hanno combinato un mezzo macello i Tuoi frati! Padre Pio: ...Aspetta, l'altro lo sto preparando Io, voi pregate: "Padre nostro-Ave Maria!" Io rimango con le "...sbraccia" spalancate! Qualcuno ricorderà quando dicevo così! Don Vincenzo: Dicevi "le...sbraccia spalancate"? Padre Pio: ! Adesso vado a terminare la Tenda! Non hai sentito prima che stavamo preparando la Tenda? Noi l'abbiamo già preparata, ma si deve completare! Don Vincenzo: La nostra e la vostra sono uguali, o sono differenti? Padre Pio: La nostra è differente! La vostra ve la dirà la Cocciuta, la Mia Sorellina! È così che l'ho chiamata da sempre: la Mia Sorellina! ...Adesso vado!(*) Gesù: ...Hai sentito? Io Sono Gesù! ...Quando Pio diceva "Sorellina", si riferiva alla Cocciuta: la chiama sempre Sorellina! Don Vincenzo: Ah! Gesù: ...Le "...sbraccia spalancate"... eh, si... ehi! Mi è venuta addosso una sorellina mosca! Don Vincenzo: Ah, si? Gesù: Si, ad accarezzarMi... ma non ucciderla! Don Vincenzo: Ma è verde... pensavo fosse un po' scura! Gesù: Ma non l'ammazzare! Don Vincenzo: Tanto Tu puoi fare tutto, Gesù! Gesù: Ora puoi toglierla... ma non l'ammazzare! ...Si, Io posso fare tutto... vola qua e vola là... ma non ucciderla! Don Vincenzo: ...Ecco, è volata! Questa è un missile! Gesù: No, non è un missile, è una sorellina che vola! I missili non volano come la sorellina... i missili volano ma uccidono, mentre la sorellina vola e non uccide! Don Vincenzo: Ok! Gesù: Eh... non hai niente altro da chiederMi? Don Vincenzo: Pensavo alla sorellina... e Ti riferivi alla Tenda! Gesù: No, "la Sorellina", Piuccio ci chiama la Cocciuta, ed Io ho chiamato sorellina quella che vola! ...Io vi Saluto e vi Lascio ancora il Mio Cuore, tutto il Mio Amore e le Braccia Spalancate, così come le tiene Mia Madre che ha accolto la Parola del Padre ed ha risposto "Eccomi", ed Io, nell'accogliere ognuno di voi come Figli, Fratelli e Amici! Don Vincenzo: Gesù, com'è Bello averTi qui in mezzo a noi! È la cosa più Meravigliosa che ci possa essere! Gesù: È bello fare la Volontà del Padre nel rispondere "Eccomi", ma l'Eccomi col Cuore, non l'Eccomi con le labbra! ...Ora Io vi Saluto e vi Lascio il Mio Cuore e le Mie Braccia Spalancate! Tu saluta con l'Albero Verde! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni!(*) ...Si, le ho viste le Tende!(*) ...Anche se sono pronte, non c'è ancora il Tempo che mi è stato donato?(*) ...Tu non puoi dire di fermarsi un pochino?(*) ...Finitele, ma poi aspettiamo! ...Poi dopo ci posso andare a parlare io con Piuccio e gli Altri?(*) ...Col Padre ci vado a parlare pure!(*) ...Giova', quelli si devono fermare un poco! O ci vai a parlare Tu o ci vado a parlare io!(*) ...Ci andiamo a parlare tutt'e due! Visto che(*)... eh, si, rimango sempre all'Ubbidienza: Eccomi!(*) ...Lo so che a Te non piacciono i "ma", i "se" e i "però", ma visto che adesso siamo in Famiglia, non possiamo poi andarci dopo?(*) ...Va bene, adesso vai a preparare gli altri Sigilli... Sette... Sette... Sette... quando dopo io vengo a portare le Spose, andiamo a parlare un poco con Piuccio, Carlo e tutta la Famiglia che si trova al Banchetto, perché rimarrete, poi, fino a quando arriveranno le altre Spose!(*) ...Va bene, ci vediamo dopo!(*) ...Eccomi nel fare le Cose del Padre!(*) ...Dopo le sistemano... c'è ancora Tempo, non vi preoccupate!(*) ...Eccomi!(*) <Giulia schiocca un bacio> Ciao, Giovanni, Ti voglio bene!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, prendo quel Pane Grande, Lo spezzo e lo porto lì dove ci sono i falsi profeti! Lasciamelo prendere!(*) Il Padre: Cosa vuoi fare? Giulia: Le Tue Cose, Papà: unire la Famiglia per farla brillare nel Tuo Amore così come vuoi Tu, non lasciando nessuno fuori ma facendo rimanere tutti i figli Grano per poi diventare Farina e Pane per spezzarsi e donarsi! E se prendo quel Pane e lo spezzo, lo mangeranno! Il Padre: No, conosci ogni cosa...! Giulia: Eccomi! ...Ma ci sono ancora i Giorni e c'è il Pane, perché Tu ci Sei da sempre e non vieni a mancare mai!(*) Il Padre: Donami, Anima Mia! Giulia: Eccomi! ...E visto che siete tutti qui in mezzo a noi... Ciao, Servi Inutili! ...Ciao, Fiorellini! ...Ciao, Papà Dio! ...Ciao, Figlio Gesù! ...Ciao, Mamma Maria!(*) ...Ciao, Mammina mia!(*) ...Si, dovete ancora cucire i Vestitini... e rimanete al Banchetto perché ci sono le altre Spose!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ci vediamo dopo!(*) ...Mamma, cuci un altro Vestitino così come Nocciolo mi posso bagnare e prendere ancora più Gocce!(*) ...Fanne uno in più!(*) ...Non posso prendere tanta Farina, col Vestitino ne prendo di più di Gocce: fallo! <Giulia schiocca un altro bacio> ...Ci vediamo dopo!

 

 

 

5. Giov. 27/06/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

GIOVEDI' SERA 27 GIUGNO 2013

*******************

(Giulia): I Sigilli!(*) Ce ne sono altri Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, sono Sette Aquile..., portano Sette Anelli..., e gli Anelli si aprono e scendono su Sette Nazioni e dagli Anelli scendono Sette Fiamme! Ogni Fiamma porta un Nome e uno dei Nomi è Giovanni! (Gesù): Non chinare il capo, guarda......! (Giulia): ......Non è il Capriccioso!(*) Non è neanche il Battista! E non è neanche l'altro Giovanni: chi è, Gesù? (Gesù): Guarda chi è! ............Ora Fermati! (Giulia): Eccomi, Gesù!(*) Ma posso tenere anche questi come gli altri? Non possiamo lasciarli così! Ora li teniamo fino al Giorno della Mamma, Giovedì 15 Agosto e poi deciderai Tu: io mi Inzuppo e mi Bevo! Non è bello quello che ho visto, posso tenere anche questi? Vengono dalla Cupola...... ma aspettiamo ancora! (Gesù): Pregate ancora: "Padre Nostro-Ave Maria!" (Giulia): Allora, li posso tenere? (Gesù): Eccomi, Anima Mia!

*******************

(Don Vincenzo): Giovedì scorso, Gesù, tante volte ci hai raccomandato di pregare: "...pregate, pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono", "......pregate, pregate per coloro che hanno girato le spalle alla Croce e al Crocifisso......, pregate, pregate", e questo dobbiamo imparare a farlo durante la giornata......! Insegnacelo...! (Gesù): Voi fate tante cantilene e il cuore si distoglie! La Preghiera Vera è che dovete imparare a pregare nel Silenzio, dovete imparare a pregare col Cuore e vostro Padre deve conoscere ciò che voi dite! Quando si è Innamorati, al proprio Innamorato i baci più belli si donano nel Silenzio, nel Nascondimento e la Preghiera più bella al Padre si dona nel silenzio...... e così si Ama e si è Innamorati! Dovete imparare ad essere Innamorati nascondendovi nei propri cuori e lì trovate il vostro Amore se aprite la Porta e Mi fate entrare e fate entrare il Padre! L'Amore diventa Grande e la preghiera è gradita al Padre perché viene donata solo a Lui e non viene messa in mostra sulle piazze ma l'Amore Silenzioso è solo per Dio! Così dovete imparare a pregare, come fa lo Strumento nel silenzio......: nessuno vede, nessuno sente ciò che lei Dona al Padre!

*******************

(Don Vincenzo): Tanti non si fanno neanche il Segno di Croce quando ci si sveglia al mattino mentre invece questa è la prima cosa fondamentale da fare! Noi della Famiglia lo diamo per scontato ma forse non ce lo facciamo neanche noi il Segno della Croce! Tante volte siamo così ingarbugliati nel risveglio che ci dimentichiamo di Dio! E come si fa a rispondere "Eccomi" quando ci si scorda di Dio? Tu, Giovanni, ci hai fatto una serie di raccomandazioni con cui ci dimostravi che in realtà questo modo di risveglio con la preghiera non si fa......! "In tante altre faccende siamo affaccendati al mattino...!" Quando invece l'unica cosa era di iniziare la giornata nel fare la Volontà del Padre, nel fare le Cose del Padre, perché tanto il Padre Sà, Vede e Conosce tutto e tutti...!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Lo so che devo stare seduta... <Alla Glorificazione Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> ...Ma se Sei Tu, Glorifica il Padre, se Sei Tu, Glorifica il Padre, se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel Principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio...... poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Io Mi Sono Unito al Segno della Croce per Unire ognuno di voi e l'umanità intera! E il Mio Abbraccio è un Abbraccio d'Amore che Ho Donato alla Croce, che Ho Donato ad ognuno di voi nell'essere figli, fratelli e amici! E quando Ho Allargato le Braccia e le Allargo ancora è l'Amore Pieno che il Padre Mi Ha Donato per Donarlo ad ognuno di voi......! E quell'Amore Pieno il Padre l'Ha Donato a Maria nel rispondere l'Eccomi e con l'Eccomi risposto da Maria la Pace è scesa...! Ma gli uomini non l'hanno accolta, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! ACCOGLIETE LA PACE DI DIO! ACCOGLIETE L'AMORE DI DIO! Accogliete il Pane Vivo che Viene Donato ad ognuno di voi Intero, attimo dopo attimo! E Dio Porta la Verità Tutta Intera nel Segno... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...Dell'Amore, col Cielo in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili nel Lavorare e nel Combattere con Maria, la Mamma dell'Amore, la Mamma del Dolore, Figli Miei......! Giulia: Gesù, vedo il Tuo Dolore e vedo che non mi fai alzare e mi fai rimanere seduta! Gesù, vedo il Tuo Cuore che Gronda Sangue in questo giorno e non si ferma un istante e io mi sto Inzuppando e Bevendomi...... ho incontrato tanti Calici...... e tanti Pozzi...... e tanti Fiumi......! Gesù, il Tuo Cuore non si ferma, cosa posso fare? Gesù: Ciò che stai facendo: Inzupparti e Berti! Giulia: Non posso fare nient'altro? Gesù: Hai visto cosa stanno preparando i Grandi della Casa e i Grandi del mondo? Giulia: Eccomi, Gesù! Ma non possiamo aspettare ancora e donargli un po' di tempo? Gesù: Hai guardato bene? Giulia: Eccomi, Gesù! Ho guardato con gli occhi del Tuo Amore... sono figli...... e non possiamo perderli......! Lo so, sono loro che si perdono, non Sei Tu a cacciarli fuori...... e sono loro che hanno dimenticato......! Ma visto che Mi posso Inzuppare e posso Bermi, aspettiamo ancora un poco, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, a cosa servono tutti quei missili? Dove vanno quei figli? Gesù, il fuoco è stato acceso da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora!(*) Posso prendere quei missili? Gesù, posso spegnere il fuoco Inzuppandomi e Bevendomi e prendere le Pietruzze e metterle nel Tuo Cuore? Ancora non hanno visto il Tuo Volto e non hanno visto la Tua Luce, Gesù! Gesù: Cosa vuoi fare ancora, Nocciolo Scorticato? Giulia: Le Cose del Padre! Aspettiamo ancora un poco, io mi Inzuppo e mi Bevo e poggio sulle mie spalle tutto quello che vedo! In ultimo, metto nel Tuo Cuore le Pietruzze...... dona a loro un altro poco di Tempo......! Di Giorni ce ne sono ancora, il Padre me li ha donati......! Io mi Inzuppo e mi Bevo e Tu poggia tutto sulle mie spalle e prendi nel Tuo Cuore le Pietruzze! Gesù: Non posso donarti tutto il peso......! Giulia: Sì che lo puoi: c'è spazio! Fallo quando vuoi, io aspetto! Non dimenticarTi...... e se Ti dimentichi poi io Te lo ricordo...... no, Tu non lo dimenticherai......! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA!(*) Giulia: I Sigilli!(*) Ce ne sono altri Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, sono Sette Aquile..., portano Sette Anelli..., e gli Anelli si aprono e scendono su Sette Nazioni e dagli Anelli scendono Sette Fiamme! Ogni Fiamma porta un Nome e uno dei Nomi è Giovanni! Gesù: Non chinare il capo, guarda......! Giulia: ......Non è il Capriccioso!(*) Non è neanche il Battista! E non è neanche l'altro Giovanni: chi è, Gesù? Gesù: Guarda chi è! ............Ora Fermati! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Ma posso tenere anche questi come gli altri? Non possiamo lasciarli così! Ora li teniamo fino al Giorno della Mamma, Giovedì 15 Agosto e poi deciderai Tu: io mi Inzuppo e mi Bevo! Non è bello quello che ho visto, posso tenere anche questi? Vengono dalla Cupola...... ma aspettiamo ancora! Gesù: Pregate ancora: "Padre Nostro-Ave Maria!" Giulia: Allora, li posso tenere? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Vado ad Inzupparmi e a Bermi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA........., ma ciò che vedi aggiungiLo al Rotolo Vivo......Sposa del Mio Cuore! Giulia: Eccomi, Gesù! Non posso dire nulla? Gesù: AggiungiLo al Rotolo Vivo! ......Quando il Padre prenderà il Rotolo, lo dirai! Giulia: Eccomi! Gesù, Tu vedi la Famiglia, non è ancora pronta......, e l'umanità è sorda ed è cieca! Lascia dire solo le Gocce e i Flagelli più piccoli...! Aspetta ancora un po' e fa crescere i Tuoi Pargoli e la Famiglia che mi hai donata, ma sia fatta la Tua e non la mia volontà! Come figlia Te lo chiedo: Tu Sei Dio! E quello che hai scritto, è scritto da sempre e Tu hai i Tempi nelle Tue Mani! Fai quello che devi fare, io continuo ad Inzupparmi e a Bermi, Gesù! E metto nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai Donato: la Famiglia, l'Umanità Intera, le Pietruzze e tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere! Donami ancora la Costanza e la Forza di risponderTi: "Eccomi per l'Eternità!" <Si sente un forte rumore per la rottura di una sedia: Vito cade per terra> Gesù: ...Non temere, ci Sono Io...! Figli Miei, non temete! Il Cielo è in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili, con le Schiere di Maria, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico e tutti stiamo combattendo...... e il Cielo è Riverso e i Servi Inutili stanno Impastando il Pane del Padre, nell'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E nell'Unica Verità del Pane Vivo e Intero che il Padre Spezza e Dona ad ognuno di voi! ......Natanaele, Vittorio, Rossella, le Bimbe e i Pargoli... Giulia: ...Cosa stanno facendo, Gesù? Gesù: Impastano il Pane e Camminano dinanzi alla Schiera delle Spose! Giulia: Perché portano l'Abito Rosso in questo giorno? Gesù, anche i Pargoli? Gesù: È il Pane... e la Grazia che è Maria! Giulia: Eccomi, Gesù! Vado ad Inzupparmi e Bermi, così Maria dona ancora più Grazie! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Gesù, Benvenuto in mezzo a noi! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Come stai? Don Vincenzo: Bene! Quando ci Sei Tu, Gesù, in Mezzo a noi, c'è il Massimo della Gioia! Gesù: Tutti voi state bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Li hai sentiti i Sigilli? Don Vincenzo: Sì, ......Sette Aquile, Sette Anelli, Sette Fiamme, Sette Nomi di cui uno è Giovanni! Gesù: Sì e lo Strumento si è andata ad Inzuppare e a Bere ancora! Ma tu stai bene? <Don Vincenzo indica il suo occhio> Hai sbagliato occhio! Don Vincenzo: Gesù! <Gesù alita due volte verso l'occhio di Don Vincenzo> Si, Gesù, c'era bisogno di Te! <Gesù Alita> Gesù: ! Don Vincenzo: Se no la Cocciuta si preoccupava! Gesù: Lei si preoccupa per tutti i figli! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ma nessuno l'ascolta! Don Vincenzo: Purtroppo...! Gesù: Ma lei si Inzuppa e si Beve! ......Come state tutti quanti? Sì che Io vedo e sento ogni cosa, ma voglio sentirlo anche da voi! Io vi dico che stando vicino a voi stò bene e voi? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù, stare insieme a Te "...è Tutto"! Gesù: Per voi, mentre l'Umanità Intera non Mi vuole! Don Vincenzo: Gesù, ci sta una coppia di sposi! Gesù: Lo sai che quando tremavano tutt'e due, Io ero lì vicino a loro? ...! Don Vincenzo: Filomena e Giuseppe! Gesù: E li ho conosciuti prima di te...... e ho detto che tremavano nel dire: ""! Don Vincenzo: Che bello! Gesù: Che bello "questi due pargoli!" Eh, , ho preparato una tenda, una capanna, ed è pronta un'altra capanna preparata dal Padre per i Miei Figli! Ma adesso non gli diciamo altro, se no papà Leonardo incomincia a tremare...! E pure lui va cercando la capanna di qua e di là! Don Vincenzo: Ci penserai pure Tu per papà Leonardo? Gesù: Perché l'ho mai lasciato? Don Vincenzo: Mai, e lo hai portato qui dentro...... e se non lo portavi qui...... Gesù: Leonardo dove saresti andato? Eeeh...! <......Gesù strofina le mani......!> Don Vincenzo: Che fai, stai a Impastare? Gesù: Tà-tà! <Gesù Benedice nel fare il gesto di tagliare la Maxi-Torta offerta dagli sposi> Tà-tà! Don Vincenzo: Che significa ...tà-tà? Gesù: Ho fatto così perché se prima dicevo: "gnam-gnam", Mi criticavano......... mentre adesso se faccio: "...tà-tà" col Segno della Croce......... <......Gesù ripete la Benedizione......> .........Mi criticheranno ugualmente e diranno che c'è un Gesù, che ha fame! E sì, Io Ho Fame e Sete e voglio Mangiare con la Mia Famiglia e la Mia Famiglia siete voi e dovete Rimanere nell'Arca e Remare... ma Remerà lo Strumento per ognuno di voi! Voi pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e pregate per tutto quello che lo Strumento ha visto! Non conoscete né l'Ora e neanche il Giorno, ma lo Strumento per Volere del Padre conosce l'Ora e anche il Giorno e prepara i propri figli a rimanere Piccoli e Poveri, i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere poi invitati dal Padre al Primo Posto......! E voi lo siete perché il Banchetto è pronto...... e così come è pronto per le Spose e per tutti i Servi Inutili, è pronto anche per ognuno di voi e avete già il Primo Posto, quello del Padre...... ma non lo vedete......! Vigilate, il veleno cammina ancora, Figli Miei......ma voi avete la Destra...... <Gesù Benedice...> ......E potete combatterlo il veleno e rimanere Piccoli e Poveri, rimanendo l'Unica Famiglia del Padre! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ti volevo chiedere una cosa, Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Giovedì scorso hai nominato Gabriele, l'ex-diavolo, che ultimamente si è convertito facendosi "portatore di Luce e di Pace" e non porta più il veleno! Gesù: No, lui non avvelena più! Don Vincenzo: Invece il veleno viene ora portato dai falsi profeti...... Gesù: ......Da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Per questi farisei di ieri e di oggi dovete pregare! La Cocciuta porta sulle spalle le "Pietruzze" e ora vuole portare anche ciò che ha visto sulle sue spalle......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ma ciò che la Cocciuta ha visto sulle sue spalle potrebbe essere anche una guerra o un terremoto devastante? Gesù: Altro non posso aggiungere...... e ciò che il Padre Mi Dona Io lo Dono ad ognuno di voi e lo Strumento come Spugna si Inzuppa e si Beve e lo porta sulle sue spalle......! Ora è andata a Lavorare, a Inzupparsi e a Bersi...... e Io nella Quiete poggerò sulle sue spalle ciò che ha chiesto! Don Vincenzo: Portando Gabriele la Luce e la Pace è chiaro che ora "il suo posto" l'hanno preso i farisei di ieri e di oggi che portano ogni sorta di veleno! Gesù: Il posto non l'hanno preso adesso, è da sempre, perché da sempre hanno rinnegato Dio e, rinnegando Dio, hanno rinnegato Me e Mia Madre! Ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro"! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: È corta questa preghiera, ma com'è incisiva! Gesù: No, non è corta, "Ave Maria-Padre Nostro"! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: E quando sarà l'Ora, Maria vi dirà come pregare! Aspettate i Tempi del Padre, il Cielo è in mezzo a voi e tutti i Servi Inutili e i vostri Cari combattono, impastano e pregano nel donarvi il Pane, nel donarvi tutto quello che il Padre ha donato ad ognuno di loro nel rimanere Servi Inutili dopo aver fatto quello che si doveva fare: rimanere Stracci Stracciati ai Piedi della Croce! Anch'Io Lo Sono...... ho fatto le Cose del Padre...... e Lo Sono con ognuno di voi: Straccio Stracciato nel rispondere l'Eccomi al Padre! ......Il Banchetto è pronto! Don Vincenzo: GESU', VOGLIAMO FARE L'EUCARESTIA? Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e si Inzuppa e si Beve nel rispondere: "Eccomi alla Volontà del Padre"! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo Bicchiere a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino> Questa è la Mia Carne! <Don Vincenzo Beve> Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! <Gesù dona il Resto del Pane a Don Vincenzo che Mangia> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questa è la Mia Carne! Questo è il Mio Sangue! Gesù: Ora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! ......Gesù rimane seduto> Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Sono Donato e tu ti sei Donato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma voi pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro"! Dio vi ha Donato ancora il Banchetto... siate vigilanti perchè il veleno cammina...... non dimenticatelo, Figli Miei! Ma voi Rimanete nell'Arca e Remate! La Barca è affondata e non tornerà, e l'Unica Barca è Maria e Rimarrà e Porterà i Figli lungo la Schiera dove si bagneranno con le Sue Lacrime! .........Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro"! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: Il Banchetto del Padre è a disposizione...... Gesù: ......Il Banchetto del Padre è pronto per ognuno di voi, come è pronto per le Spose che sono entrate! ......Partecipiamo al Banchetto del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Tu cosa vuoi? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Prendere parte al Banchetto del Padre è rimanere nel Suo Amore, nella Sua Pace, nella Sua Quiete e Rimanere Croce nel Prendersi e nel Portarsi! Raffaele: Posso tagliare la cotoletta, Don Vince'? Don Vincenzo: A me? Gesù: , è tua! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Che prendi, Gesù? Gesù: ...Diamo l'erbetta allo Strumento, ma gioiosa com'è vedrà solo la Spugna per Inzupparsi e Bersi! ...E a Me non Mi dai nulla? Raffaele: Sì, Eccomi! Gesù: , Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino. Giuseppe indica a Gesù se vuole qualche altra Pietanza.> Mò vediamo! Tu non hai niente da dire? Io Mi Sono Donato e tu ti sei Donato......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ma nel Silenzio Ho Raccolto tutti gli Sputi e tutte le Bestemmie che sono state Offerte al Mio Cuore attimo dopo attimo in questo giorno! Visto che lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore li ho Donati a lei......! Lei è andata dal Padre, si è Inzuppata e si è Bevuta chiedendo al Padre di trasformare gli Sputi e le Bestemmie in Grazie, per farle Scendere sui figli: "...non avevano capito...!" Così si è Inzuppata e si è Bevuta ancora, Visto che il Cielo e le Spose hanno preso parte al Banchetto! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Prendiamo Parte al Banchetto dell'Amore Infinito del Padre! Vai, non temere! <Raffaele dona i bicchieri con l'Avanzo agli Sposi Giuseppe e Filomena. In seguito taglia il Pane-Pesce e dona Testa e Coda a: Franco, Elena, Marina e Vitulia> ECCOMI! TUTTI STANNO LAVORANDO, TUTTI SONO UNITI AL CUORE DI MARIA CHE È "L'ULTIMA GRAZIA", E LO STRUMENTO VI PORTA AL SUO CUORE, AL CUORE DELLA "MAMMA DELL'ECCOMI!" MA VIGILATE PERCHÈ I FALSI PROFETI AVANZANO! RIMANETE PICCOLI E POVERI DONANDO AL PADRE LA RICCHEZZA DEL VOSTRO "ECCOMI": È QUELLA CHE IL PADRE CHIEDE AD OGNUNO DI VOI NEL LAVORARE NELLA VIGNA CHE VI HA CONSEGNATO, L'ECCOMI NEL RIMANERE SERVI INUTILI DOPO AVER FATTO QUELLO CHE SI DOVEVA FARE! ......Ora parla tu un po'! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: QUESTO DOBBIAMO FARE: RIMANERE SERVI INUTILI! Gesù: EH SI, QUESTO DOVETE FARE! Don Vincenzo: È QUESTO CHE DOBBIAMO IMPARARE TUTTI, ESSERE PICCOLI, POVERI E ULTIMI, STRACCI STRACCIATI......! Gesù: È DA SEMPRE CHE IL PADRE CHIEDE AD OGNUNO DI VOI DI RIMANERE PICCOLI E POVERI! COSI' HA MANDATO ME CON L'ECCOMI DI MARIA, PICCOLO E POVERO MA ECCOMI! E NEL MIO ECCOMI ALLA CROCE SONO RIMASTO PICCOLO E POVERO NELLA PIENEZZA DELL'AMORE DEL PADRE AVENDO TUTTA LA SUA RICCHEZZA, QUELLA DI PADRE E QUELLA DI PANE CHE SI SPEZZA! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Eh, ciao mamma, ciao mamma! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Bacini, bacini, bacini! Perché le scarpette sono piene di acqua, le hai innaffiate? Dov'è papà? Maria Elena: Al lavoro! Bimbi di Mario e Maria Elena: Andiamo anche noi? <Maria Elena annuisce> Mamma, poi te lo dice la Cocciuta cosa vogliamo dirti! Bacini, bacini, bacini, adesso andiamo da papà, ciao! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: ...Ciao,Ciao! Gesù: Adesso vanno prima ad Impastare, dopo a Spezzare e dopo a Lavorare: c'è un po' di Lavoro da fare! ...Hai già finito? E allora parla! Don Vincenzo: Sì! Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Giovedì scorso, Gesù, tante volte ci hai raccomandato di pregare: "...pregate, pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono", "......pregate, pregate per coloro che hanno girato le spalle alla Croce e al Crocifisso......, pregate, pregate", e questo dobbiamo imparare a farlo durante la giornata......! Insegnacelo...! Gesù: Voi fate tante cantilene e il cuore si distoglie! La Preghiera Vera è che dovete imparare a pregare nel Silenzio, dovete imparare a pregare col Cuore e vostro Padre deve conoscere ciò che voi dite! Quando si è Innamorati, al proprio innamorato i baci più belli si donano nel Silenzio, nel Nascondimento e la preghiera più bella al Padre si dona nel silenzio...... e così si Ama e si è Innamorati! Dovete imparare ad essere Innamorati nascondendovi nei propri cuori e lì trovate il vostro Amore se aprite la Porta e Mi fate entrare e fate entrare il Padre! L'Amore diventa Grande e la preghiera è gradita al Padre perché viene donata solo a Lui e non viene messa in mostra sulle piazze ma l'Amore Silenzioso è solo per Dio! Così dovete imparare a pregare, come fa lo Strumento nel silenzio......: nessuno vede, nessuno sente ciò che lei Dona al Padre! .........Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando, scarsetto scarsetto, e poi ti raccomando, sei Delegato! Raffaele: Eccomi! Gesù: Scarsetto scarsetto! Raffaele: Per quanti? Gesù: Per quattro! <Raffaele prepara il piattino anche per Maria Elena> Che c'è ancora? Ehi, sulla Torta ci sono i "nuneti"! <Chiara chiama così le formiche> La stanno accarezzando e la stanno baciando! Don Vincenzo: Ci sono alcune formiche operaie... e come sono veloci! Gesù: Ma hai poggiato le tue mani sul capo degli sposi, Calice Vivente? Don Vincenzo: E lo facciamo adesso o no? Gesù: Lo vogliono? Giuseppe e Filomena: Eccomi! Gesù: Allora poggia le tue mani, Calice Vivente! Don Vincenzo: Sì! Mettetevi qua, vieni! Facciamo una bella preghiera? Gesù: Fallo tu, Calice Vivente, dove Sei tu Sono Io! <Don Vincenzo impone a lungo le mani sugli sposi> Eh! <Gesù guarda Filomena e dice:> La Tua Gioia è Piena ed è Grande! Don Vincenzo: Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo! Tutti: Amen! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! <Filomena bacia Gesù> Ma Io te l'ho già Donato! Vieni, lo dono anche a te, anche se ve l'ho già Donato! <A Giuseppe> Eccomi! Don Vincenzo: Auguri! Gesù: Allora innalzate un Grido di Lode! <Si applaude, Gesù Benedice e dice:> Lode al Padre, Lode al Figlio che Sono Io, Lode allo Spirito Santo che è Maria! Innalzate! <Si applaude......! Ma Gesù fa segno di no e invita a Lodare soltanto e non ad applaudire> Tutti: Lode al Padre, Lode al Figlio, Lode allo Spirito Santo che è Maria! Gesù: Ora potete andare! Quando vi dico di "Innalzare Lode" non significa di "applaudire"! ...Ecco, non ti scandalizzare, Giuseppe..., questa è la Famiglia del Padre: Piccola, Povera e Straccio Stracciato, eh! Don Vincenzo: Com'è bella, Gesù, questa semplicità! Gesù: Io Sono Venuto così: Piccolo, Povero, portando il Pane Intero del Padre! Tu non mangi più nulla? ......Il Banchetto è tutto vostro! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non parli? Don Vincenzo: Stavo tagliando la cotoletta! Gesù: Eccomi! <Raffaele porta un piattino a Franco e Tiziana> Gliel'hai donati i pesci a Elena, quella che fa il compleanno? Faccio anch'Io il capriccioso come il Capriccioso, eh! ...Ci siamo un po' regolati? Annunziata: Eccomi! Gesù: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Annunziata: Aiutami! Gesù: Ma hai detto: Eccomi! Annunziata: Eccomi! Gesù: Ti ho mai lasciata sola? E allora che facciamo? Annunziata: Eccomi! Gesù: Eccomi! Annunziata:Eccomi! Gesù: Eccomi! Così: Inchiodati sulla Croce per Amore! È questo che si deve fare per i propri nemici: rimanere Inchiodati con il Cuore della Croce! Mi ha chiesto di aiutarla e Io l'aiuto Spalancando le Braccia: , anche a Me Mi hanno legato sulla Croce nonostante i Chiodi, pensavano che scappavo, ma di Mia Volontà L'ho Abbracciata e di tua volontà AbbracciaLa! Annunziata: Eccomi! Gesù: E portaLa! Non temere, Anima Mia! Annunziata: Eccomi! Gesù: Eccomi! Un altro secchiello di Lacrime si riempie, così viene consegnato al Cuore del Padre! Tu non hai niente da dire? Io ho parlato un bel poco! ......Quella cosa gira!(*) Don Vincenzo: ...Giovanni! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! State tutti bene? <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stanno le mie Capannelle? Maria e Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: E dov'è l'altra voce? <Allude a Teresa la dottoressa> Maria e Nicola: Sta lavorando...! Piccolo Giovanni: Eh... ma l'ho sentita anche dal lavoro...! Che ha combinato? E Maria, cosa combina? Maria: Eh... ti è piaciuta? Piccolo Giovanni: Sempre guerra fai tu? <Si ride un po'> Maria: Ci voleva! Piccolo Giovanni: Eh beh! Maria: Che faccia tosta! Piccolo Giovanni: Eh, che faccia tosta...... Non era come il muro? O più pesante del muro? Mari'? Non era più pesante del muro? Maria: Si, ma col Tuo Aiuto... Piccolo Giovanni: L'hai ammaccata? Maria: Uhm... Piccolo Giovanni: Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu che hai fatto? Nicola: Tu lo sai! Piccolo Giovanni: Eh, ... Nicola: Ti sono piaciute tutte queste cose? Piccolo Giovanni: Eh... tu che dici? Nicola: Vediamo... Piccolo Giovanni: Vediamo... tu lo vuoi un po' di caffè? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ne vuoi un altro goccino? ...Basta così? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora Salute! Beh lo bevo Io......: buono! È buona anche la Torta e anche l'altra... <La Torta degli sposi Filomena e Giuseppe e quella del compleanno di Elena> Ehi... ne vuoi ancora? Lo bevo Io! ...Allora, Mari'? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che devo fare? Maria: Eh... vieni sempre! Piccolo Giovanni: Io non Mi sono mai mosso e fin quando Mi accogliete vengo sempre! È l'unica capanna che Mi è rimasta in quel luogo! Le altre sono vuote, spente e chiuse...! La vostra è Piena, Accesa e Aperta e Io Vengo, ma non Mi combinate troppe marachelle, Se no poi devo lavorare...! Ma Io non Mi sono mai fermato e non Mi fermerò mai: Eccomi! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: Dimmi qualcosa...... A Me non Mi date niente? Don Vincenzo:Hai solo da scegliere... Piccolo Giovanni: Me lo porto tutto il piatto col baccalà? <Si ride un po'> Ehi... ma c'è un'altra spina? ......Se c'è un'altra spina ti tatino! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu lo vuoi il baccalà? ...Un pochino? Don Vincenzo: Un pochettino..., così Ti faccio compagnia! Piccolo Giovanni: Mi fai compagnia? Ma stai attento alle spine... tieni! L'hai trovata la spina? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Ne vuoi ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Così mangi tu per prima! Se trovi la spina... te la mangi! <Si ride un po'> E non si rompe... ecco! Tieni! L'hai portato via... eh... perché piangi, piccola mia? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Che è successo? Tieni..., ti dò un altro pezzetto così se trovi le spine te le mangi tu per prima...! Cosa c'ha la mia bimba? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non ti preoccupare..., c'è Zio Mario..., c'è anche il Padre! E quando c'è il Padre e c'è Zio Mario...; perché bagni i tuoi occhietti? Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! La devo tatinare: o trovo le spine o trovo il sale...! In un modo, o in un altro, ti devo tatinare sempre! Ecco..., è buono! Ne vuoi ancora? Don Vincenzo: No..., Ti volevo fare una domanda, mentre Tu continui a mangiare... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Giovedì scorso, parlavamo della candela che accendevi la sera e poi al mattino aprivi la finestrella Benedicendo la giornata! Quindi iniziavi la giornata con la Tua Benedizione! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Tanti non si fanno neanche il Segno di Croce quando ci si sveglia al mattino mentre invece questa è la prima cosa fondamentale da fare! Noi della Famiglia lo diamo per scontato ma forse non ce lo facciamo neanche noi il Segno della Croce! Tante volte siamo così ingarbugliati nel risveglio che ci dimentichiamo di Dio! E come si fa a rispondere "Eccomi" quando ci si scorda di Dio? Tu, Giovanni, ci hai fatto una serie di raccomandazioni con cui ci dimostravi che in realtà questo modo di risveglio con la preghiera non si fa......! "In tante altre faccende siamo affaccendati al mattino...!" Quando invece l'unica cosa era di iniziare la giornata nel fare la Volontà del Padre, nel fare le Cose del Padre, perché tanto il Padre Sà, Vede e Conosce tutto e tutti...! Piccolo Giovanni: Non è che il Padre sà e vede..., il Padre ha già programmato per ognuno di voi..., l'ha già scritto da sempre... e nello scrivere da sempre ha scritto anche che un figlio deve Amare il Padre e l'Amore si incontra quando si fa così in Pieno...... <Giovanni Benedice col Segno della Croce> ...Fermandosi e per prima donando l'Amore al Padre, donando il Risveglio al Padre dinanzi a Maria nel consegnarLe la giornata e aprendo gli occhi donandoLe quell'abbraccio di Croce chinando il capo e guardando quel Cuore di Mamma, nel vederlo Grondare per i propri figli, per l'umanità intera, per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! E dicevo a quel Cuore: "Mi hai donato un altro giorno così come l'hai Donato all'umanità intera e a tutti i figli, anche a quelli che hanno donato la mano! In quanti figli sono venuti dinanzi al Tuo Cuore a dire: Eccomi"? Hai acceso e hai donato il Soffio ancora ad ognuno di noi......? Ma in quanti dicono: "mi sono svegliato, vado di qua e di là perché mi sono svegliato" dimenticando che Solo il Padre ha il Potere del Risveglio dell'umanità intera e di ognuno di voi? Don Vincenzo: Così, non solo si prende in giro a Dio, ma si prende in giro anche lo Strumento, perché lo Strumento sa...! Piccolo Giovanni: Lei per Volere del Padre, conosce ogni cosa...... e nel silenzio opera, nel silenzio si Inzuppa e si Beve per ognuno di voi, per l'umanità intera! Eccomi, ma si Inzuppa ancora di più per coloro che trafiggono il Cuore di Gesù, e trafiggendo il Cuore di Gesù, si trafigge anche il Suo, perché c'è il Mio Filicino che si Spezza e si cuce! Si Spezza e si cuce...! Ne ha spezzato un altro pezzettino..., serviva in questo giorno..., ancora è rimasto aperto...! Adesso..., tu Mi porti via tutto? Verranno tua madre Iolanda e il Fiorellino Serafina a sistemarlo, ma lei ha detto già di preparare i Vestitini e poi pensare dopo al Filicino! Ci sono tante Spose che hanno donato la mano e devono essere pronte: vestite e con l'anello al dito e portate al Banchetto, ma dovete vigilare e pregare: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro" per i Sigilli che avete sentito, perché ancora non avete capito...... e per gli altri che verranno detti ancora...! E lo Strumento si Inzuppa e si Beve per donare ai propri figli le Gocce più piccole e i Sigilli più piccoli, quando parleranno i Cari vedendo la Famiglia non pronta ad ascoltare ciò che lei vede, attimo dopo attimo e sente attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Una domanda: quando tocchi il tasto dei Sigilli... Piccolo Giovanni: ...Dove sono i tasti? <Si ride un po'> Don Vincenzo: Parli sempre di sentire... i Sigilli...! A volte dici invece di aprire......! Piccolo Giovanni: Sentire..., aprire e vedere...! Don Vincenzo: È la stessa cosa? Piccolo Giovanni: ! Ti rispondo così..., perché non potete capire...! Solo lo Strumento che vede e sente..., ma voi ancora non potete capire...! Per quello la Cocciuta dice al Padre: "fa dire solo i Sigilli più piccoli, gli altri aspettiamo ancora..., o meglio gli altri li bevo tutti io, così i figli non li vedono e non li sentono!" Si arriva a una massima d'Amore di questa...! Io, come Sacerdozio Vivo ed Eterno che è Dio, Mi devo inchinare dinanzi ad un Amore così smisurato! Non c'è una massima più grande, si trova solo nel Cuore del Padre e Lei si tuffa per prendere tutto l'Amore rimanendo Crocifissa e rimanendo col Filicino aperto! Non si può rimanere col Filicino aperto... ma lei ci rimane per Amore, rimanendo sempre Straccio Stracciato, ma non vende e non compra il suo Gesù e lo dona per Amore! Ehi... non Mi date più nulla? Se Mi fate lo scherzetto che è piccante..., vi battezzo...! Il Battesimo dell'Amore..., lo vogliamo ripetere? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: No..., Me ne dai solo tre! ...Sì che è il Numero Giusto..., ma adesso basta! Lo vogliamo ripetere il Battesimo dell'Amore? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora, se vogliamo ripeterlo... Tu lo vuoi ripetere il Battesimo dell'Amore? Non è che Io non l'abbia fatto buono..., ma è tempo di ripeterlo ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh... questo è bello..., guardalo! Non ve lo do', questo è Mio...! Io Sono Giovanni, non Sono Gesù! Don Vincenzo: Sì, Tu l'hai fatto questo Battesimo dell'Amore circa 15 anni fa, io non c'ero, quindi non l'ho visto se non nelle foto! Piccolo Giovanni: Tu che ci sei sempre..., come fai a dire che non c'eri? È tutto scritto così lo ripeterai! Quando lo vuoi ripetere? Adesso, no! Don Vincenzo: Eh... poi, dopo ci mettiamo d'accordo con la Cocciuta... Piccolo Giovanni: È meglio di sì..., se no poi Mi battezza lei...! <Si ride un po'> Tu non mangi più nulla? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Ma... Me l'hai fatto lo scherzetto? ...Nicò? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! No, non è questo..., è questo! Avete mangiato tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: A quella che ha fatto 5-6-7 anni, non diciamo quanti, glieli avete donati i pesci? <Elena compie gli anni> Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Abbastanza? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sei sicuro? Hai sistemato un poco a tutti? A quella l'hai sistemata per quattro? <Maria Elena, poi si rivolge ad Alessandra> A te non ti hanno sistemata? Non gli hai dato niente alla bimba? Vediamo cosa ti porta......! Ma la mortadella c'è ancora? Allora, non l'hai sistemata...! Parli tu? Mi fai qualche altra domanda? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Tutto il Pane del Padre ve lo sto donando: e voi siete pronti a donarlo il Pane che il Padre vi dona? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: E ai vostri nemici? E a coloro che hanno tradito e tradiscono ancora? ......Filomè? Filomena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai sentito quando eri dinanzi all'altare? Filomena: Ho ringraziato la Croce e ho detto: Eccomi! Piccolo Giovanni: E non hai sentito i Miei capricci? Filomena: Sì! Piccolo Giovanni: Tra poco te ne combinerò qualcun altro...! Filomena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Aspettami, eh? Filomena: Eccomi! Piccolo Giovanni: E tu non essere geloso, sposo..., tanto ve ne combinerò a tutt'e due, essendo il Capriccioso! Non vi ingelosite...! Don Vincenzo: Gli fai qualche capriccio all'improvviso? Piccolo Giovanni: Un capriccio incapricciato come lo Sono Io, è vero Mari'? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quando venivano e poi Mi portavano le colombe per farci il brodino... Io le facevo volare! Così, poi, si inchinavano dinanzi alla Croce! Quando poi ero costretto a portarli..., non trovavo più neanche le...... penne e diventavo triste...! Ma quando li potevo far volare, gli dicevo: "correte, andate dinanzi alla Croce...", è vero Mari'? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: E quando si presentavano e vedevo nei Cuori che non c'era l'Eccomi Pieno, Io li guardavo e mentre li guardavo si accendeva l'Eccomi Pieno e l'Amore sbocciava e cresceva nel Lodare il Padre e nel Rimanere Capanna! E questo dico ad ognuno di voi: Rimanete Capanna, così come è rimasta Capanna Maria nel Suo Eccomi! ......Salute! ......Cosa c'è, viceparroco? Raffaele: Posso andare... <Per il Miscuglietto> Piccolo Giovanni: , vai! Sei delegato e siete delegati...! Ecco..., cosa vuoi chiedermi ancora? Ehi... come è buona quella mortadella...! Me ne dai un pezzettino? <Maria Elena dona un pezzettino di mortadella nel suo piatto> Quella Mangiala tu..., un pezzettino solo...: hammete! È buona! Mangia..., Mangia... se ci metti un pezzettino di pane, scende di più...! Così l'aiuto un poco ad incicciottarsi! Ehi..., il profumo del miscuglietto è buono: cin-cin! Mo' vediamo cos'hanno fatto...! <Bevono il miscuglietto> È buono! Tu non hai nient'altro da dirmi? Don Vincenzo:Sì! Sul Sigillo di oggi... Piccolo Giovanni: ...Si... Don Vincenzo: ...Queste Sette Aquile, questi Sette Anelli e dagli Anelli scendono Sette Fiamme e ogni fiamma porta un nome ed uno dei Nomi è Giovanni... ma non sei né Tu il Capriccioso, né il Battista...! Piccolo Giovanni: E neanche tu! Don Vincenzo: Neanche io!...E sempre partono dalla cupola? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Tu, Giovanni, ci inviti sempre a pregare "Ave Maria-Padre Nostro"! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Ma su questi che stanno nella Cupola, su questi falsi profeti, su questi farisei di ieri e di oggi, il Padre prima o dopo interverrà? Piccolo Giovanni: Il Padre l'intervento l'ha fatto! La barca è affondata! ...Ha tolto la Vigna ai vignaioli! Dovete solo aspettare! Don Vincenzo: Si, eccomi! Piccolo Giovanni: Le Schiere di Maria avanzano e sono tutte qui in mezzo a voi! Le schiere degli uomini non avanzano! ...Cosa c'è ancora? ...Dopo che hanno bevuto, Me ne vado così viene Gesù e vi lascia il Cuore Spalancato! Il Mio lo avete sempre con voi anche se rimane alla Destra del Padre, ed il Filicino rimane ancora sciolto! ...Non hai più niente da dirmi? ...Io vi dico che vi voglio tanto bene e vi amo! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quando amiamo scopriamo la Grandezza di Dio Padre Creatore di Tutto e di Tutti! Come non rimanere stupiti di fronte a tanta bellezza...? Basta pensare a tutti i minerali, a tutti i vegetali, a tutti gli animali, al fuoco, all'aria, ai monti, alla neve, all'acqua, ai fiumi, ai laghi, al mare, ai pesci, ai fiori, ai frutti, alla luce, al cielo, alle nuvole...... Tutto Rimanda al Padre Buono, Tutto Rimanda al Creatore: Ogni Creatura ha una sua originalità, ha una sua bontà, ha una sua perfezione da lasciare ognuno sbalordito per arrivare poi agli uccelli che volano a forma di Croce......! Che Meraviglia vedere Dio in Tutto e in Tutti! Piccolo Giovanni: Eh, si, quella è una creatura del Padre che vola! ...Tutte le Cose il Padre ha fatto buone! È l'uomo che le ha rese cattive mentre il Padre ha fatto tutte le creature buone! L'uomo ha reso quasi tutto cattivo! Il Padre con le Schiere di Maria combatte nel fare accendere il Sole, e quando il Sole si accenderà tutto ritornerà del Padre, tutto ritornerà buono e la Pace regnerà e l'Amore regnerà! Don Vincenzo:Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Questo Filicino, questo Filo Spezzato... arrivano subito a ripararlo! Piccolo Giovanni: Ma la Cocciuta dice: "preparate prima i Vestitini e gli Anelli per le Spose che hanno donato la mano! C'è Tempo per aggiustare il Filicino, non preoccupatevi!" Don Vincenzo: Ma c'è tempo veramente oppure no? Piccolo Giovanni: Il Padre sa, ed anche la Cocciuta sa! Un Filo Spezzato a volte può anche cadere o volare via col vento! Don Vincenzo: Quindi rischia la Cocciuta? Piccolo Giovanni: Quando si ama si rimane nell'Amore! ...Ed Io rimango nell'Amore lasciandovi il Filicino e salutandovi con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Amen! ...Ciao, Giovanni! Piccolo Giovanni: Amen! Don Vincenzo: ...Gesù! Gesù: ...Eccomi! Giovanni è ritornato a preparare gli altri Sigilli! Carlo, Pio, Domenico e tutti gli altri Servi Inutili con i vostri Cari e i Pargoli, stanno preparando tutto per il Giorno di Maria, per il Giorno di ognuno di voi! Pregate "Ave Maria-Padre Nostro" per quel Giorno che arriva! Non fate trovare i vostri cuori chiusi in quel Giorno! Ci sia la Pace tra ognuno voi! Ci sia l'Amicizia e l'Amore! Ci siano le Braccia Spalancate nel prendervi e nel portarvi come Croce, Figli Miei, perché il Tempo è nel Tempo e voi non conoscete né l'ora e neanche il giorno! Ma vigilate, siate pronti e preparati, Figli Miei! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ma siate pronti e preparati......... in ogni momento? Gesù: Si...... in ogni momento, visto che ti piacciono i puntini... ma è bello vederli, perché quei puntini formano i Grani del Rosario di Maria, quelli fatti del Silenzio del Cuore! ...Ora tu alzerai il Puntino Verde: l'Albero della Croce! Io invece Spalanco, come è sempre Spalancato, il Cuore, per ognuno di voi, Figli Miei! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...No, Giovanni, lascia che preparano i Vestitini!(*) ...Dopo verranno a legarlo il Filicino perché c'è ancora Tempo!(*) Vedi, ci sono ancora tante Spose: devo prenderle e portarle! Piccolo Giovanni: Il tuo Filo va legato! Giulia: Eccomi! Fallo legare! Dopo vado a prendere le Spose!(*) ...L'hanno legato! Senti, Giovanni, viste tutte quelle cose che hanno messo nel Rotolo e tutte le altre cose che ho visto...!(*) ...Si, Tu puoi donarmi adesso quegli altri Sigilli che stai preparando? Piccolo Giovanni: Ma tu non ti accontenti mai? Giulia: Giovanni, con tutto quello che c'è, e tutto quello che verrà ancora, Tu Ti saresti fermato?(*) ...O Ti saresti accontentato?(*) Tu non Ti saresti né fermato e né accontentato, e così lavoriamo! Tu vai a preparare e poi portameli!(*) ...Io vado a spezzarmi e a donarmi e a bere qualche altro Calice... e a fermare qualche altro Flagello! Portami tutto quello della Giornata che viene! <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, ci vediamo dopo!(*) ...Non vi preoccupate per il Filicino!(*) ...Eccomi!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Ecco, Papà, il Filicino è stato aggiustato!(*) ...Papà, poi fai scendere una Rugiada d'Amore su tutta la Famiglia? Sono un po' tiepidi... per non dire freddi... riscaldali un poco con una Rugiada d'Amore! Si dovrebbe gioire, si dovrebbe essere un Fuoco acceso d'Amore, ma fuori c'è il vento cattivo ed il veleno che cammina!(*) ...Veniamo a tuffarci nel Tuo Cuore, Papà, ma lascia scendere la Rugiada, quella che arde! Il Padre: Non ti serve niente altro? Giulia: Ce ne sarebbero tante altre cose da chiedere, ma poi Te le chiedo dopo!(*) ...Visto che i Cari stanno lavorando e possiamo salutarli... Maria è con le Schiere, con i Pargoli e con i Servi Inutili... ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Schiere che combattete!(*) ...Ciao, Cielo in mezzo a noi!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Ciao, Mammina mia!(*) ...Non temere, il Filicino è di Giovanni e Tu lo conosci!(*) ...Ci vediamo dopo! ...Ciao!