LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 154

 

 

QUANDO SENTITE PARLARE DI MIRACOLI NON ANDATECI PERCHÈ LÌ CI SONO SOLO I

FALSI PROFETI CHE VENDONO E COMPRANO E VI PORTANO VIA ANCHE L'ANIMA

(dal messaggio del 14/07/2013)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 04/07/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): ...Sette mamme... uccidono sette figli..., prendendo il loro sangue e bevendolo......! Lo sputano su sette nazioni..., sette città..., sette paesi! Lo sputano casa per casa...: sono sette mamme miste..., escono dalla Cupola e trascinano i corpi dei figli che non hanno più sangue lasciando cadere i corpi su sette chiese! .........Donami il Tuo Respiro, Gesù......! <Giulia inspira profondamente>

*******************

(Don Vincenzo): È stato bello giovedì scorso 27 Giugno quando ci hai detto che per pregare veramente occorre che ognuno entri nel proprio cuore! (Gesù): Eh, sì! (Don Vincenzo): E nascondersi lì...... nella stanza più profonda e più segreta! (Gesù): Sì! (Don Vincenzo): Perché lì, nel profondo di ogni cuore, ci Sei Tu, Gesù, e c'è il Padre! (Gesù): Sì! (Don Vincenzo): E c'è la Mamma! (Gesù): ......Sì, e si deve pregare nel silenzio e nel nascondimento! (Don Vincenzo): QUELLO CHE È BELLO, GESU', È QUANDO TU CI INVITI AD ENTRARE NEL PROFONDO DEL CUORE PER FAR DIVENTARE OGNI COLLOQUIO D'AMORE "CALDO" E GRADITO AL PADRE! (Gesù): IO QUANDO PARLAVO DICEVO LE COSE DEL PADRE MA NON MI ASCOLTAVANO! ......E QUANDO DOVEVO PARLARE CON MIO PADRE LO FACEVO IN SILENZIO! (Don Vincenzo): GESU', SOLO QUESTA INTIMITA' E QUESTA PROFONDITA' FA DIVENTARE VERA OGNI PREGHIERA! ALTRIMENTI CI SI DISTRAE E INVECE DI UNA PREGHIERA PROFONDA DIVENTA UNA CANTILENA E IL CUORE SI DISTOGLIE......! (Gesù): QUANDO SI VA DI QUA E DI LA' SI VA SOLO PER VENDERMI E PER COMPRARMI E NON SI POSSONO FARE LE PREGHIERE PROFONDE NEL CHIASSO E NELLA CONFUSIONE......: LI' MI VENDONO E MI COMPRANO SOLTANTO......! MA IL GESU' DELLA COCCIUTA NÈ SI VENDE E NÈ SI COMPRA MA SI DONA, E LEI DONA IL GESU' CHE SI È DONATO PER AMORE SUL LEGNO DELLA CROCE PER COMPRARE OGNUNO DEI PROPRI FIGLIOLI A PREZZO DI SANGUE, A PREZZO D'AMORE E COSI', AVENDOVI COMPRATI, SIETE DI MIA PROPRIETA'! IO NON VI LASCIO SE NON MI LASCIATE VOI! MA LA COCCIUTA NON LASCIA NESSUN FIGLIO E VI PORTA ANCORA SULLE SPALLE!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Sto seduta...:(*) <Alla Glorificazione, Giulia è Solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> ...Glorifica il Padre se Sei Tu, Glorifica il Padre se Sei Tu, Glorifica il Padre se Sei Tu......! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio...... poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Mio DonarMi è nel Nome del Padre, del Figlio che Sono Io e dello Spirito Santo che è Maria, Madre Mia, Madre di ognuno di voi e Madre dell'umanità intera! È la Croce il Gesto più grande, il Gesto Pieno del Padre, e l'ha Donato a Maria e Maria l'ha Donato a Me ed Io l'ho Donato ad ognuno di voi e all'umanità intera! Nell'Abbracciare la Croce, nell'Abbracciare i Chiodi e nel dire: "Padre perdona loro, perché non sanno quello che fanno", Ho Donato il Mio Cuore Spalancato ad ognuno di voi e all'umanità intera! E spalancando il Mio Cuore, vi ho chiamati "Figli", e chiamandovi "Figli" siamo diventati una Famiglia, la Famiglia che Dio ha Amato da sempre, l'umanità intera ed ognuno di voi, nati dal Suo Cuore, partoriti dal Cuore della Croce......ma non tutti i figli hanno accolto il Parto! E non accogliendo il Parto, non si è accolta neanche la Croce! Ed essendo Maria la Croce Viva che il Padre ha chiamato, ognuno di noi lo è! Io Sono con le Braccia Spalancate e anche voi lo Siete, ma aspetto il vostro abbraccio, l'abbraccio dell'umanità intera, l'abbraccio Pieno di ognuno di voi nel Rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Avete l'Arca e avete i Remi e avete lo Strumento che vi porta nell'Arca e Rema con i Remi in mano rimanendo Nocciolo Scorticato! E lo Strumento si Inzuppa e si Beve per donare ad ogni Figlio ciò che il Padre dona a lei! Ed ecco la Nostra Amicizia, ed ecco il Nostro Amore, ed ecco il Nostro Tutto: il Tutto di Dio che viene versato sull'umanità intera, su ogni Figlio! Gioiamo e Facciamo Festa ancora, un'altra Alba si è maturata e si porta al Padre, così il Padre la Spezza e la Dona lasciando scendere la Pienezza del Suo Amore ancora una volta sui propri figli! .........GUARDA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi, Gesù! Ho raccolto le Spose che mi hanno donato la mano! Gesù, ho portato al Tuo Cuore e al Banchetto i figli che avevano smarrito la Viuzza! È bello vederli ora con l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale! Falli Gioire nel Tuo Cuore! <Gesù Alza la Destra Trinitaria e Vi Rimane un po', e poi Scende la Sua Benedizione> Falli Festeggiare nella Misericordia Infinita! ...Perché stai piangendo, Gesù?(*) ...E perché rimani con i piedi nell'acqua?(*) ...Hai caldo?(*) Ti bagni i piedi?(*) Perché piangi?(*) Cosa Ti hanno fatto? Ti ho fatto arrabbiare io?(*) Rispondimi! Gesù: GUARDA......!(*) Giulia: ......Perdoniamoli, anche se sanno quello che fanno! Poggia la Tua Mano, Accarezza i loro cuori e Falli Ritornare nella Quiete, sono figli e ci sono i Giorni, Gesù............! Gesù: Piango perché il Nocciolo Scorticato è in pericolo! Giulia: Non temere, Gesù, quando ci Sei Tu..., e Tu Sei ovunque: Eccomi! Ora io sono dinanzi a Te ed è il Tempo di Rimanere alla Destra del Padre: Eccomi! Gesù: Tu Lo sei sempre...... e sei in mezzo alla Tua Famiglia nell'Arca e con i Remi! Giulia: Eccomi, Gesù..., quello che Tu vuoi! Ma vedi, Gesù, nel Camminare e nel Lavorare nell'Orto e nella Vigna e Restando nell'Arca ho incontrato un Figlio che non portava l'Abito e allora ne ho fatto cucire uno e gliel'ho fatto indossare e ho preso un Anello e gliel'ho messo al Dito! Non Ti sei arrabbiato? Non aveva ancora indossato l'Abito..., non mi aveva ancora Donato la mano...... ma era entrato...... e visto che era entrato, gli ho dato subito l'Abito...! Ha avuto la forza di entrare, ma non ha avuto il coraggio di donare la mano...... ma è bello riportarlo a Casa! Non Ti sei arrabbiato? Gesù: No, Anima Mia! Giulia: Vedi...... hanno incominciato ad entrare e così si devono tenere pronti gli Abiti e l'Anello da mettere al Dito! Ti stanno Vedendo e Ti stanno Amando! Gesù, visto che ci sono ancora i Giorni e visto che Tu mi lasci tenere ancora tutto quello che il Padre poggia sulle mie spalle, aspettiamo ancora un po'? Così tutti i figli tornano a Casa! Gesù: Guarda ancora, Anima Mia! ............Tu conosci ogni cosa! Giulia: Per Volere del Padre: Eccomi! Gesù: ORA GUARDA.........!(*) Giulia: Vedo Altri Flagelli!(*) Vedo Altri Fuochi di Guerra!(*) Vedo Fumo di Morte! Non posso fare nulla? Mi Inzuppo e mi Bevo, Gesù! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Porto a Casa i figli! Gesù: ORA GUARDA ANCORA............!(*) Giulia: C'è una montagna grande......, è fatta di ghiaccio... e sta cadendo! Non posso Inzupparmi e Bermi? Così diventa più piccola e non gonfia il mare! Gesù: Immolati come tu sai fare, Nocciolo Scorticato! Giulia: Eccomi, Gesù! Facciamo le Cose del Padre! Gesù: GUARDA ANCORA.........! Giulia: I Sette Sigilli!(*) Gesù: Solleva il capo! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Gesù...! Come faccio a dire quello che guardavo, Gesù? Gesù: GUARDA......! Giulia: ...Sette mamme... uccidono sette figli..., prendendo il loro sangue e bevendolo...... lo sputano su sette nazioni..., sette città..., sette paesi! Lo sputano casa per casa...: sono sette mamme miste..., escono dalla Cupola e trascinano i corpi dei figli che non hanno più sangue lasciando cadere i corpi su sette chiese! .........Donami il Tuo Respiro, Gesù......! <Giulia inspira profondamente> Eccomi, Gesù: posso Inzupparmi e Bermi? Posso tenere anche questi? Gesù, c'è ancora Tempo..., ci sono ancora i Giorni..., il Tuo Nocciolo, Gesù, è Tutto Scorticato, ma c'è ancora spazio sul mio corpo: fammi avvicinare a quelle mamme, Gesù......! Mi Inzuppo e mi Bevo e tengo anche questi! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Gesù, come viene trafitto il Tuo Cuore......! Ma quanto Amore esce...... e noi non lo sappiamo raccogliere: insegnaci a raccogliere il Tuo Amore e il Tuo Perdono! Gesù: Io Sono Venuto e Vengo per Allargare le Braccia e Indicarvi la Via Stretta, e Portare ad ognuno di voi la Verità Tutta Intera, così come il Padre l'Ha Donata a Me! Figli, pregate ancora per coloro che hanno tradito e continuano a tradire! Pregate ancora per la Barca affondata! Vigilate...... altri falsi profeti avanzeranno portando un pane che non viene da Dio...! Alzate la Destra...... ! <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E Combattete con Maria la Battaglia del Suo Cuore Immacolato: Maria Trionferà e il Sole si aprirà nelle Mani del Calice Vivente! Figli Miei, il Cielo è in mezzo a voi e Maria Combatte con le Schiere! Il Banchetto di Dio è pronto per le Spose ed è pronto per ognuno di voi......! Spalancate i vostri cuori e Amatevi gli uni gli altri......! Rimanete nella Pace del Padre......! IL CIELO È IN MEZZO A VOI...... CON I DUE GIOVANNI, CARLO, PIO E DOMENICO......NEL PORTARE L'UNICA VERITA' DELLA CROCE...... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E L'UNICA VERITA' DEL PANE......, nel tenerli Alti e Viverli nella Pienezza dei vostri cuori! Figli Miei, tutti i Servi Inutili e tutti i vostri Cari sono pronti per prendere parte al Banchetto: Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli......e nel Giorno del Padre Impastano il Pane per Donarlo e Spezzarlo per i propri nemici, nel Fare Festa e nel Gioire nell'Unico Amore che il Padre Dona all'umanità intera e ad ognuno di voi, figli Miei! ...Anima Mia! <Gesù Benedice col Segno della Croce> Giulia: Eccomi! Gesù: Prendi ancora un po' di respiro! Giulia: Eccomi! <Giulia inspira ancora una volta profondamente> Gesù: E ora guarda, ma non dire ciò che vedi......! Giulia: Dio mio! Figlio mio! Dio mio! Figlio mio! ......Ecco il Rotolo, metti anche questo...! Gesù: Prendi ancora un po' di respiro......! Giulia: Eccomi, Gesù! <Per la terza volta Giulia inspira ancora profondamente......> Gesù: Vedi, Maria cammina dinanzi alle Schiere, camminaci anche tu e rimani alla Destra del Padre... rimani in mezzo alla tua Famiglia...! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ......Pace al tuo cuore, Giovanni, Gesù-Dio! Don Vincenzo: Gesù, Benvenuto in mezzo a noi! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E voi tutti state bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Cosa c'è? Cosa hai sentito? Eccomi! Don Vincenzo: Questi Sigilli! Gesù: La Cocciuta li vuole tenere ancora, che dici, glieli lascio? Don Vincenzo: Ce la fa? Sono Pesantissimi tutti questi Sigilli! Gesù: Non li hai sentiti? Don Vincenzo: Lei intanto si Tuffa, si Inzuppa e finisce per farcela sempre......! Gesù: ! Don Vincenzo: Sì, ce la fa! Gesù: Ma tu che dici, glieli devo lasciare? Avete fatto il conto di quanti Sigilli sta prendendo? Don Vincenzo: Tanti, tanti...! Gesù: E ce ne sono ancora: sette, sette, sette, sette, sette! Ma voi Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro" - "Ave Maria-Padre Nostro" e pregate per quella Barca affondata, pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, pregate per i vostri nemici, così il "Nocciolo Scorticato" sarà Gioiosa e si Inzuppa e si Beve e porterà tutti i Sigilli! Don Vincenzo: Tutti? Gesù: Tutti! Don Vincenzo: E come fa? È così forte! Gesù: Quando si Ama si è forti perchè è l'Amore che vi rende forti ed è l'Amore che vi dona la Pace! Quando non c'è l'Amore non c'è neanche la Pace! Vedi, i Grandi del mondo non amano il proprio fratello...... e non c'è Pace, non si donano la mano l'un l'altro...... e non c'è Pace! Solo uno può portare la Pace! Don Vincenzo: Gesù, è quello che è rimasto in Cielo? Gesù: No, Lui ha un altro compito! Quando i Grandi, così come si fanno chiamare, diventeranno Piccoli e si Ameranno e si daranno la mano, ci sarà la Pace! E così anche tra di voi: quando diventerete Piccoli e vi Amerete gli uni gli altri, ci sarà la Pace! .........Cos'hai? <Don Vincenzo ha un'allergia alle mani> Sei sempre il solito capriccioso perchè vai a toccare sempre quello che non devi toccare! <Gesù accarezza le mani di Don Vincenzo e ''alita'' due volte su di esse e una volta sull'occhio sinistro> Ti basta? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Si ride un po'> Gesù: È bello rimanere nella Famiglia, è bello essere Accolto e non cacciato fuori! Don Vincenzo: Anche per noi è bello averTi, Gesù, qui dentro ad ammaestrarci! Gesù: Ovunque vado Mi cacciano tutti fuori, voi ancora non Me l'avete detto: "Vattene, ci dai fastidio!" Don Vincenzo: I farisei di ieri e di oggi così Ti dicono? Gesù: ! Innalzano le Case dicendo che sono fatte per Me o per Mia Madre e poi Ci cacciano fuori! Ma l'Ora del Padre è Scesa e i Vignaioli sono stati già cacciati perchè L'hanno fatta seccare la Vigna e hanno fatto disperdere i figli e hanno confuso le menti e i cuori imponendo ai propri figli ciò che è nei loro cuori... ma ciò che è nei loro cuori non viene dal Padre......! Pregate! Lo Strumento ha messo nel Mio Cuore dall'Alba fino a questo istante tutte le Pietruzze, tutti i Figli e l'Umanità Intera Scorticandosi ancora e Inzuppandosi per ognuno di loro e per la Famiglia che gli è stata Consegnata! Tu Mi hai chiesto: "ce la farà la Cocciuta? Da dove prende tutta la sua forza?" Ama così come il Padre Ama lei! Tutto dipende dall'Amore! Il Padre è Amore e Dona Amore, Maria è Amore e Dona Amore, Io ho Allargato le Braccia Donandovi Amore attimo dopo attimo e lo Strumento Dona Amore attimo dopo attimo, si Inzuppa e si Beve! Eeeh, ma allo Strumento gli ho dovuto donare il Respiro per tutto quello che ha visto e per tutto quello che ha dovuto aggiungere nel Rotolo Vivo.........! Io ho Donato a lei il Respiro perché nel guardare e nel vedere, lei è rimasta senza fiato......! Don Vincenzo: Quindi lei ha visto qualcosa di gravissimo? Gesù: È nel Rotolo Vivo e se avete ascoltato i Flagelli, non sono pochi......! Don Vincenzo: Poi, Gesù, Tu hai detto a lei: "non dire ciò che vedi!" Gesù: È nel Rotolo Vivo e gli ho Donato ancora il Respiro......! Don Vincenzo: Sì, per più volte l'hai "rinforzata", Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: La utilizzi sempre in questo modo? Gesù: Mi risponde sempre: "Eccomi!" Don Vincenzo: Sono Eroiche queste sue risposte in cui si Immola come Vittima d'Amore e lo fa sempre nella gioia......! Gesù: È uno Straccio Stracciato e porta ognuno di voi come Stracci Stracciati ai Piedi della Croce, i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, per essere poi tutti allo stesso posto al Banchetto Nuziale! Così è rimasta da sempre e così porta i suoi figli: Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, Stracci Stracciati...... e così si Inzuppa meglio e rimane ai Piedi della Croce......, ed è questa la sua Gioia......! Don Vincenzo: Sì, perchè ai Piedi della Croce sicuramente si fa la Giornata del Padre e si rimane in pienezza sulla Viuzza Stretta! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché è lì, ai Piedi della Croce che si Lavora facendo solo le Cose del Padre, ed è Lì ai Piedi della Croce che si conosce sempre più l'Amore di Dio, ed è Lì che si lavora come Straccio Stracciato nella Massima Umiltà, nella Massima Mitezza e nella Massima Fedeltà! Gesù: Ed è lì che Lei porta tutti sulle sue spalle! Don Vincenzo: Ed è li, ai Piedi della Croce che lei si Immola in pienezza riconoscendosi come Croce, prendendosi come Croce e portando tutti come Croce! Gesù: Lo Strumento fa le Cose del Padre rimanendo Piccolo e Povero, avendo l'Eredità del Padre, ma viene dimenticata l'Eredità del Padre e si cerca l'eredità del mondo! Dove la portate quando dovrete preparare le Tende? A cosa vi servirà l'eredità del mondo quando il Padre ha preparato per ognuno di voi il Tutto da sempre? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Siamo proprio stolti quando non mettiamo al primo posto questa Eredità Eterna, questa Felicità senza fine! Dovremmo cantare di gioia ogni momento e invece...... non facciamo altro che correre tristi e nervosi dietro al dio quattrino......! Gesù: È quello che lo Strumento dice sempre ad ognuno di voi: "non temete, mettete tutto nel Cuore del Padre, è Lui il nostro Papà e non ci ha mai abbandonati e non ci abbandona!" Ma nessuno ascolta...... e cosa fa lo Strumento quando non viene ascoltata? Si Scortica ancora, si Inzuppa e si Beve......! Don Vincenzo: Che Grazia essere qui a Timparelle, Gesù, e ascoltare queste Tue Meravigliose Parole... e che Grazia avere la Cocciuta come Strumento! Gesù: La Cocciuta è in grave pericolo! Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro", non dimenticatelo: "Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: Si può fare qualcosa? Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro", te lo sto dicendo! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: Lei Rimane alla Destra del Padre, rimane nell'Arca e rimane in mezzo a voi, ma è in grave pericolo! Vigilate, i falsi profeti stanno avanzando ancora di più, disperdendo ancora di più i Figli della Luce! Promettono ma non mantengono perchè donano un pane che non è il Pane di Dio! Pregate, Figli Miei! Io Mi Dono...... e tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi, facciamo l'Eucarestia? Gesù: Eccomi, facciamo l'Eucarestia! Io Mi Dono e tu ti Doni e lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Voi spalancate i vostri cuori, Amate e Perdonate così come il Padre Ama e Perdona ognuno di voi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino> Gesù: Questa è la Mia Carne! <Gesù dona il Resto del Pane a Don Vincenzo che Mangia> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questa è la Mia Carne! Gesù: Ora Doniamoci! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù Rimane Seduto con le Braccia Allargate e il pollice unito con l'indice ad entrambe le Mani> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi sono Donato e tu ti sei Donato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Il Banchetto è Pieno e il Padre è Gioioso nel Fare Festa con ognuno di voi e con tutti i Servi Inutili! Vuoi prendere ancora parte al Banchetto Nuziale? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Di fronte a tutta questa meraviglia......! Gesù: Cosa vuoi? Don Vincenzo: È Tutto un Ben di Dio! Gesù: È Tutto Bene di Dio! Il Padre L'ha preparato per ognuno di voi, come L'ha preparato per le Spose che sono arrivate! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Hanno indossato l'Abito e l'Anello Nuziale e sono pronte per Fare Festa e rimanere sempre nella Gioia del Padre! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Cosa Mi donate? Questo è per la Cocciuta, e a Me che Mi donate? ..., quello che prende il Calice Vivente lo prendo anch'Io! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Buon appetito! Don Vincenzo: Anche a Te! Gesù: E anche a Me......! Ora dò da mangiare alla Cocciuta, vediamo, Io gli dò da mangiare, ma lei si sta Inzuppando e si sta Bevendo perchè ha visto un Flagello che è caduto! Gli dò l'erbetta, vediamo..., non la vede, è troppo presa nel salvare...... ma Io gliela dono! ......Dimmi qualcosa tu! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: È stato bello giovedì scorso 27 Giugno quando ci hai detto che per pregare veramente occorre che ognuno entri nel proprio cuore! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: E nascondersi lì...... nella stanza più profonda e più segreta! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché lì, nel profondo di ogni cuore, ci Sei Tu, Gesù, e c'è il Padre! Gesù: ! Don Vincenzo:E c'è la Mamma! Gesù: , e si deve pregare nel silenzio e nel nascondimento! Don Vincenzo: QUELLO CHE È BELLO, GESU', È QUANDO TU CI INVITI AD ENTRARE NEL PROFONDO DEL CUORE PER FAR DIVENTARE OGNI COLLOQUIO D'AMORE "CALDO" E GRADITO AL PADRE! Gesù: IO QUANDO PARLAVO DICEVO LE COSE DEL PADRE MA NON MI ASCOLTAVANO! ......E QUANDO DOVEVO PARLARE CON MIO PADRE LO FACEVO IN SILENZIO! Don Vincenzo: GESU', SOLO QUESTA INTIMITA' E QUESTA PROFONDITA' FA DIVENTARE VERA OGNI PREGHIERA! ALTRIMENTI CI SI DISTRAE E INVECE DI UNA PREGHIERA PROFONDA DIVENTA UNA CANTILENA E IL CUORE SI DISTOGLIE......! Gesù: QUANDO SI VA DI QUA E DI LA' SI VA SOLO PER VENDERMI E PER COMPRARMI E NON SI POSSONO FARE LE PREGHIERE PROFONDE NEL CHIASSO E NELLA CONFUSIONE......: LI' MI VENDONO E MI COMPRANO SOLTANTO......! MA IL GESU' DELLA COCCIUTA NÈ SI VENDE E NÈ SI COMPRA MA SI DONA, E LEI DONA IL GESU' CHE SI È DONATO PER AMORE SUL LEGNO DELLA CROCE PER COMPRARE OGNUNO DEI PROPRI FIGLIOLI A PREZZO DI SANGUE, A PREZZO D'AMORE E COSI', AVENDOVI COMPRATI, SIETE DI MIA PROPRIETA'! IO NON VI LASCIO SE NON MI LASCIATE VOI! MA LA COCCIUTA NON LASCIA NESSUN FIGLIO E VI PORTA ANCORA SULLE SPALLE! .........State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State mangiando tutti quanti? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Il Banchetto del Padre è pronto e preparato da tutti i Servi Inutili e dai Pargoli che stanno Impastando! ...Cosa c'è, cosa hai fatto? Vicepa', ti raccomando, eh, divertiti! Raffaele: Eccomi! Gesù: Non ti preoccupare, non sbagli! Ehi, un altro "nuneto", vedi? Don Vincenzo: Com'è Piccolo, Gesù, ma com'è Perfetto...... e vola pure......! Gesù: Me lo porti via? E tu vai avanti col pesce e non ti fermare! Ma Io ho fame ancora: non Mi Donate niente altro? Don Vincenzo: Sì! Gesù: ...Dov'è andato il "nuneto"? Eh, eh! Don Vincenzo: Sta sicuramente attorno a Te! Gesù: ...No, voglio uno di quelli......! Raffaele: Eccomi! Gesù: ......Dimmi qualche altra cosa! Don Vincenzo: Torniamo al discorso sulla preghiera che è la cosa principale perché se impariamo a tuffarci dentro il nostro cuore incontriamo il Padre che ci aspetta sempre e impariamo così a pregare veramente e ad amare veramente! Gesù: Se imparate a pregare, prima dovete imparare ad amare! Se pregate senza amare, non vi tuffate in nessun posto......! Don Vincenzo: Difatti! Gesù: Ehi, ma tu Mi senti? Quello è uscito fuori, e non Mi senti! Don Vincenzo: Se n'era uscita......! <La Protesi Acustica> Gesù! Gesù: Eh, Mi sa che devo intervenire Io come lo fa la Cocciuta: devo intervenire Io? Attento che lo rompi e poi se lo rompi, che fai? Intervengo Io? La guardo sempre la Cocciuta quando fa quel lavoro e ora lo faccio anch'Io! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Chiedo scusa, devo fare il medico, eh, ecco, eh, eh, Mi sa che ci vuole un po' di lavoro per fare il medico! La dottoressa non so se questo l'ha studiato, eh, eh...... ecco, Mi sa che la Cocciuta fa così, ora va bene? Don Vincenzo: Ok! Gesù: Ok! Se la prossima volta chiamo la dottoressa non so se poi si mette a tremare! Teresa: Eccomi! Gesù: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: Eccomi sì! Gesù: E allora non ti chiamo! Teresa: Eccomi! Don Vincenzo: Ora riprendiamo il discorso sulla preghiera! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché è fondamentale mettersi durante la giornata in Comunione col Padre, altrimenti la giornata ci scivola via e viviamo da uomini e donne e non da figli di Dio, e arriviamo a sera che non abbiamo fatto neanche una preghiera vera, perchè tante volte le nostre preghiere sono proprio ripetitive, aride, superficiali, frettolose! Gesù: Devo prenderMi il "niente"! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: E il "niente" è fatto di una preghiera silenziosa! ...Ti raccomando...! Raffaele: Eccomi! Gesù: Scarsetto, scarsetto, scarsetto! ......E tu non dimenticare la preghiera!(*) BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ciao, mamma, come stai? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, mamma, come stai? Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sei bella col vestitino bianco: anche noi ce l'abbiamo e poi quando mettiamo quello colorato, lo inzuppiamo di farina e diventa bianco pure quello colorato! Eh, siamo andati ad aiutare papà, aveva un po' da fare, per quello abbiamo ritardato! Adesso dobbiamo andare ad Impastare il Pane Grande-Grande! Sai perché, mammina? Sai perché, mammina? Perché c'è un Banchetto da preparare e la Cocciuta ha portato tanti bimbi e dobbiamo preparare un Pane Grande-Grande per i bimbi! Ma tu che fai, ti metti davanti? <È rivolto a Giuseppe il marito della Cocciuta> E saluta e dona bacini, bacini, bacini, bacini a papi, papino! Mamma, non fare i capricci, se no veniamo a farti i capricci! <Mandano baci a tutti> Ciao! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, nonna palloncina, ciao nonno pallone, ciao zia stecchino, ciao cuginetti! Davide Mario e Domenico Lentini: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, fiammifero! <Si ride un po'> Vi piace questo nome? Poi ve ne dò altri, a papà chiamalo: grissino, eh, eh! Mammina, a te come ti dobbiamo chiamare? Formichina? Formichina! No: ulivo secco, eh, eh! <Si ride un po'> Vi piace? <Mandano baci> Ciao, ci vediamo, poi veniamo a fare i capricci! Ciao a tutti! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! <Accarezzano Don Vincenzo> Don Vincenzo: Te ne vai? Bimbi di Mario e Maria Elena: A te non ti posso chiamare, non ti possiamo chiamare "stecchino"! <Si ride un po'> "Fico d'India"! <Si ride un po'> Ciao, prete bello! Quando potremo parlare di più, anche noi possiamo dire le Cose di Lucia e adesso abbiamo donato solo i saluti! <Mandano baci...... e torna a Parlare Gesù> Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: Me ne devo andare? Don Vincenzo: No! Gesù: Mi hai fatto così! Don Vincenzo: Ho salutato! Gesù: I Pargoli sono andati a Lavorare, devono fare un Pane Grande......! E la Cocciuta è andata a prendere tanti Pargoli e il Padre ha preparato per loro un Pane Grande e Lo devono Spezzare e portarLo a coloro che hanno tradito! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Riprendiamo il tasto della preghiera! Gesù: , ti ho detto di tenerlo fermo, ora riprendiamolo! Don Vincenzo: Tante volte le preghiere diventano delle cantilene ripetitive e ci si distrae e restano superficiali e perciò svuotate di ogni Amore! Quando sono aride il cuore si distoglie e si raffredda e la preghiera non ha efficacia per niente! Gesù: No! Don Vincenzo: E non diventa neanche gradita! Gesù: Non arriva! Don Vincenzo: Quando invece è calda, è profonda ed è piena d'Amore, tutto è gradevole, specialmente quando ci si immerge nel Soffio del Padre e, attraverso quel Soffio, il Padre si Rivela, Tu, Gesù, Ti Rilevi, la Mamma si Rivela e si costruisce così un Nido... proprio d'Amore tra Padre, Mamma e Figli, e questa preghiera diventa gustosa, diventa profonda e vera! E quando è così, più volte la possiamo ripetere durante la giornata, più volte ci possiamo immergere nei nostri cuori dove il Padre ci sta aspettando, dove Tu, Gesù, ci stai aspettando perché la Porta è sempre Spalancata, è sempre Aperta e non si fa che aspettare proprio questa Comunione di cuori, questa Comunione d'Amore! ......Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quando poi si passa ad essere lungimiranti, si comincia a parlare di Eredità e si comincia a parlare di Figli in Te Figlio, Gesù, e si comincia a capire che il Padre ci sta aspettando per una Comunione che non finirà mai...... Gesù: Tutto quello che ha preparato è Eterno e non finirà mai, e tutto è in mezzo a voi! Don Vincenzo: Mentre noi quaggiù andiamo dietro alle cose caduche, alle cose effimere che non valgono nulla...... e che non ci porteremo dietro! Gesù: Ancora non avete capito, ma Io parlo a voi e parlo all'Umanità Intera......, voi vi preoccupate, vi affannate e dimenticate di avere un Papà, e dimenticate di avere tutti i Servi Inutili e i vostri Cari che stanno Combattendo con Maria e con le Schiere! Non vi servirà nient'altro, avete il Tutto del Padre! , servono anche i soldi così come dice Giovanni: "ma non dovete legare i vostri cuori e non dovete affannarvi", ma nel Tutto del Padre, nell'Arca, dove ci sono i Remi, c'è il Padre e il Padre vi Dona tutto quello che vi necessita! .........Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: C'è che tante volte, Gesù, le nostre giornate non trovano neanche una preghiera fatta col cuore, fatta con l'Amore, quando noi dovremmo pregare ogni momento perché questo ci fa essere sempre più figli! Gesù: "Padre Nostro-Ave Maria!" Don Vincenzo: Sì, questo dà senso alla Vita e noi siamo Tuoi, e noi apparteniamo al Padre e la dobbiamo fare sempre più spesso questa Preghiera d'Amore e allora non possiamo trovare solo dei ritagli, quasi a dire: "ora mi avanza questo piccolo spazio di tempo e mi faccio cinque minuti di preghiera!" Dovremmo essere immersi invece, durante la giornata nella Preghiera, di continuo......, per un Incontro d'Amore col Padre sempre più profondo perchè solo questo dà valore e significato alla Giornata! Gesù: Prima dovete imparare ad Amare e a Perdonare, ad essere in pace gli uni gli altri e dopo iniziate a dire: "Padre Nostro!" Hai capito? Se non imparate ad Amare e a Perdonare, non potete fare nulla e l'Eredità del Padre dove va? Ma avete lo Strumento, c'è l'Arca e ci sono i Remi e lo Strumento non vi lascia così come non vi lascio Io! E i vostri Cari stanno camminando in mezzo a voi! <Gesù indica il Padiglione> I Pargoli, tutte le Spose e tutte le Schiere hanno il Banchetto pronto, prendono del loro e prendono anche del vostro e vengono a portare tutto quello che il Padre ha donato ad ognuno di loro: quando ricevono l'Abito e l'Anello sono gioiosi di averLi ricevuti, ma sono pronti per donarLi ai fratelli che stanno con la mano metà donata e metà non donata! Loro L'hanno già ricevuto e possono toglierseLo per donarLo! Ma la Cocciuta è pronta a donare l'Abito e l'Anello a chi la guarda, ed è pronta ad Immolarsi per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e aspetta chiedendo ancora al Padre di donare solo le Gocce Piccole vedendo i figli non pronti! Imparate ad amare, imparate a perdonare, imparate ad essere in pace gli uni gli altri, è l'Amore che deve crescere nei vostri cuori per poterLo donare! E quando si Arde d'Amore si è Croce Viva! Ardete, Figli, e rimanete Croce Viva, l'Albero Piantato è Verde, non secca mai e così ognuno di voi deve rimanere l'Albero Piantato e Verde e non seccare mai e portare sempre i Frutti e il Padre viene con la cesta e raccoglie i Frutti e, dopo averLi raccolti, vede che sono Buoni e la Sua Gioia è Grande, Arde d'Amore e Dona, così come il Padre l'ha donata a te! <Si gira verso Chiara> Ardete, Figli, il Padre Arde per ognuno di voi, voi ardete nell'Amare! Ehi, dove hai messo le pietre? <Si rivolge a Tommaso che da un po' di giorni lotta con le coliche> Eh, eh, donategli un litro d'acqua, eh, eh...... non un litro...... un bicchiere, eh, eh!(*) Don Vincenzo: ...Giovanni! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! Come state, tutti bene? <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi... ho sentito un "Eccomi"..., è stato un po' più forticello...! Ti hanno sistemata? <A Maria Elena> Vicepa', ehi... il Mio caffeuccio! Ehi... a chi hai donato il bicchiere d'acqua? A lui..., o a lui? L'hai sistemata? Eh... come sta la Mia Capanna? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: Mari'..., ma è mai possibile che tu fai sempre guerre? Maria: Ti è piaciuta? Piccolo Giovanni: Eh... eh... eh... tu che fai? La battaglia del 15-18? <Si ride un po'> Mari', tu non hai fatto quella del 15-18, ma l'hai superata! Come sta la dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: Ehi... Eccomi, che devo fare, Nicó? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Vengo ancora? Nicola: Si, vieni! Piccolo Giovanni: E vengo! ...Ne vuoi un po' di caffeuccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tie'!(*) Un altro poco? Don Vincenzo: È buono! Piccolo Giovanni: È buono? E prendilo se è buono...! Adesso Me lo bevo Io... Don Vincenzo: Grazie! Piccolo Giovanni: Ehi, Ciao! ...Ciao! ...Ciao! Salute! Mi gusto il caffeuccio! Poi, Mi donate qualcosa da mangiare? Mari'... allora, che facciamo, superiamo il 15-18? Maria: È il caso di avvisare anche l'altra persona? Piccolo Giovanni: Tu che dici? Maria: Credo di sì! Piccolo Giovanni: Io ti dico di sì, ma tu dillo anche alla Cocciuta! Tanto, quando fai qualcosa ci sono sempre Io! Maria: Eccomi..., Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: E se poi piove, bagna... <Si ride un po'> Allora..., tu guardi quella cosa che gira mentre Io devo mangiare qualcosina...: che Mi donate? Don Vincenzo: Ci sta...... Piccolo Giovanni: ......Il Mio baccalà! Ci sono le spine? Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Se ci sono le Spine... questa volta ti tatino...! Eh... il Mio baccalà! Ne vuoi un pezzettino? Don Vincenzo: Poco poco...! Piccolo Giovanni: Tieni..., così vedi tu..., se c'è la prima spina te la mangi tu! <Si ride un po'> È giusto o no? I dottori di solito..., quando fanno un intervento, lo fanno sempre sugli altri così... <Si ride un po'> ...Se lo fanno male, poi lo provano su se stessi! ...Cos'hai, Calice Vivente? Don Vincenzo: Già me li ha toccati Gesù... <Le mani, per l'allergia> Piccolo Giovanni: Ne vuoi un altro poco? Don Vincenzo: È buono! Piccolo Giovanni: Visto che non ne ho trovate ancora di spine... ecco! Don Vincenzo: Non ci stanno le spine... Piccolo Giovanni: Non ci stanno le spine..., ma se ne trovo una... Mi alzo e... la tatino! Be', dimmi qualcosa... Cosa hai toccato? Don Vincenzo: Chissà...? Piccolo Giovanni: Come mai? Non la ascolti mai la Cocciuta! Vai lì a poggiarti al ferro..., vai a prendere le pietruzze... e poi... Don Vincenzo: Poi le mani pizzicano un po'...! Piccolo Giovanni: E poi la Cocciuta ti battezza...! Lo stai preparando il Miscuglietto? Mettici un po' di tutto... Don Vincenzo: Giovanni...! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non ne ho trovate Spine..., non ti tatino! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che c'è? Don Vincenzo: Ha dato il Sigillo Gesù... Piccolo Giovanni: L'ho preparato Io per farlo vedere alla Cocciuta...! Don Vincenzo: Ci sono sette mamme che uccidono sette figli prendendo il loro sangue e bevendolo! Piccolo Giovanni: ! È stato un po' straziante nel vederlo...! Difatti la Cocciuta ha dovuto prendere un po' di respiro da Gesù..., e prendendo il respiro ha trovato la forza di guardarlo! Non che non aveva la forza di portarlo sulle spalle... ma non aveva la forza di guardarlo...! Quando farete compagnia a Maria, a Gesù e a tutti i Servi Inutili che verranno, ci sarà una sorpresa per ognuno di voi...! Voi pregate: "Ave Maria" e "Padre Nostro" e indossate l'Abito delle Spose! Ci sarà tutto il Cielo e ci sarà Festa e ci sarà una sorpresa...! Perché Mi guardi così? Cosa c'è? Che è? Mari', stai mangiando? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nicò, l'orto va bene? Nicola: Eccomi!....... Che c'è? Si, vanno bene... e dimmi qualche altra cosa... <Raffaele stappa una bottiglia di spumante e tutti applaudono> Stappa... ma come sta il dottore? Lo vedo un po' triste..., il cuoricino è un po' bagnato! Vengo ad asciugarlo? Franco: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora, vengo..., aspettami e quando Mi senti non Ti preoccupare... sono Io! Eh... che c'è? Giova'... che dici, la mangiamo una di quelle? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Io voglio una di quelle...! Prima al Calice Vivente..., ma mentre lo taglia tu dimmi qualche altra cosa! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Prima abbiamo parlato con Gesù... Piccolo Giovanni: ...Eh, si, c'ero anch'Io... Don Vincenzo: ...Abbiamo parlato della preghiera... Piccolo Giovanni: ...Eh... Don Vincenzo: ...Ecco, Tu come Ti prepararvi alla preghiera? Erano lunghe le Tue preghiere? Erano calde? Oppure no? Piccolo Giovanni: Mo' vediamo com'è questo Miscuglio e poi te lo dico! ...Ma te l'ho detto già l'altra volta! Don Vincenzo: ...Cin-cin! Piccolo Giovanni: Cin-cin! Il profumo è buono... ah, ed anche il sapore è buono! ...Si!(*) ...È proprio buono! Don Vincenzo: Ah! Piccolo Giovanni: È gradevole, proprio come dici sempre tu! ...Come vanno i dolorini, Tommaso? <Giovanni alita su Tommaso> Tommaso: Ci voleva la Tua Mano! Piccolo Giovanni: Ti sto mandando il Mio Soffio! In tutti questi giorni Mi stai facendo andare avanti e indietro... Eh... Eh... Eh... Tommaso: Mi hai messo a lavorare... Piccolo Giovanni: ...Si... Tommaso:...E speriamo che abbia fatto il Servo Inutile! Piccolo Giovanni: Che cosa ti do'? ...Viceparroco, dammi un bicchiere d'acqua! ...Eccolo!(*) <Giovanni alita sul bicchiere d'acqua che poi dà a Tommaso, mentre Giacomo1 cercava di immortalare con la sua macchina fotografica la scena> ...Lo sai, Antonio, che quando non voglio non te le faccio venire le foto? Eh... Eh... Eh... ora, viceparroco, vaglielo a portare! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...E allora cosa stavi preparando tu?....... Don Vincenzo: Perché la preghiera diventi profonda... Piccolo Giovanni: ...Ve l'ho detto che Io pregavo nel silenzio! Dovevo pregare insieme a tutti, ma quando Mi dovevo unire al Padre, lo facevo nel silenzio! ...Amando e perdonando... ecco! ...Ora soffiaci sopra, Tommaso, e non temere!(*) ...Ehi......Me li conservo! ...Dimmi qualche altra cosa che poi Me ne devo andare! Devo andare a preparare gli altri Sigilli, e ce ne sono tanti altri, e la Cocciuta dovrà chiedere altro respiro per poterli guardare! Ora sta lavorando e sta portando a Casa altre Spose, ma poi dovrà guardare gli altri Sigilli, e non solo questi! Durante il giorno ne deve prendere Sette... Sette... Sette..., e voi non la vedete quando lei chiede il respiro al Padre per poterli guardare! Ma pregate, figli, per i Grandi della Casa del Padre, così come si fanno chiamare, e pregate per i Grandi del mondo, così come si fanno chiamare anche loro! Ma pregate per l'uomo che può portare la Pace, e non è quello che è rimasto......! L'uomo che è rimasto verrà quando si aprirà il Sole e la Pace che verrà quando si aprirà il Sole è la Pace che Dio ha mandato da sempre e gli uomini non l'hanno accolta, Figli Miei! .......... Tere'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Lavora col dono che ti ho lasciato Io! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nico'! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Fallo anche tu! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Combatti con... la Guerra dell'Amore che ho lasciato nel tuo cuore! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ed anche voi, figli, lavorate e combattete col Fuoco che ho lasciato dentro di voi quando sono salito nel Cuore del Padre! Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Giovanni, Calice Vivente, dovrai iniziare a combattere col Battesimo, e quando combatterai, tieni la mano ferma e cammina nel Solco! Il Primo Pezzo l'ho fatto Io e tu dovrai chiuderlo! E non temere gli uomini! ......Adesso Me ne vado Io e poi viene Gesù, e poi fai la preghiera! ...Vi lascio ancora il Filicino, vi lascio la Porta Aperta e vi amo a tutti nella stessa Misura, Figli Miei! <Giovanni schiocca un bacio e viene ricambiato> Don Vincenzo:Eccomi, nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo......! Gesù: ...Con la Croce e con il Pane sono arrivato Io, e con la Croce e con il Pane è arrivato Giovanni, e la Croce e il Pane consegno ancora ad ognuno di voi! ...Ma tu hai mangiato, vicepa'? Raffaele: Eccomi! Gesù:Ma "eccomi", così così? Raffaele: Eccomi! Gesù: ...Questi se li è conservati, ma Io gliene rubo uno, tanto non Mi dirà niente... eccolo, un pezzettino piccolo! ...Ne vuoi un po'? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tie'! Don Vincenzo:Grazie! Gesù: Ti ho donato il Mio! ...Il Pane Impastato si deve spezzare, donare e mangiare! Impastate anche voi uniti a tutti i Servi Inutili, ai vostri Cari ed ai Pargoli! ...Il Padre questo fa: si impasta e si dona nell'Amore Pieno! ...Hai qualcosa da dirMi? Don Vincenzo: Quelle diverse volte che alla Cocciuta le mancava quasi il respiro, e Tu l'hai aiutata dandole più respiro... Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...Praticamente lei, di fronte a quella visione raccapricciante, era rimasta proprio scioccata...! Gesù: ...Si... Don Vincenzo: ...E questa visione raccapricciante erano Sette Mamme con Sette Figli? ...Com'è? Gesù: Si! Quello che è stato detto è stato detto e non posso dirti altro! Don Vincenzo: Si! Gesù: Pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro"! Quando viene detto un Sigillo, è quello che viene detto ed altro non si può aggiungere! Don Vincenzo: E quindi la Cocciuta come sempre si è inzuppata e si è bevuta? Gesù: Si! Don Vincenzo: Per chiedere poi "tengo questo altro Sigillo"? Gesù: Si! Don Vincenzo: E questo lo fa sempre? Gesù: Attimo dopo attimo! Don Vincenzo: E questa forza nel bersi e nell'inzupparsi è eroica? Gesù: No è Amore: te l'ho già detto all'inizio! Don Vincenzo: È un Amore, ma un Amore straripante! Gesù: ...È l'Amore del Padre, e quello che dovete imparare ognuno di voi è amare come il Padre ama ognuno di voi, e così combattere come combatte Maria con la Schiera e con le Schiere che Le stanno vicino! Combattere la Battaglia dell'Amore è quella che il Padre ha preparato da sempre, perché Dio non combatte con la spada ma Dio combatte con l'Amore! Gli uomini combattono con la spada e si distruggono ma non è Dio che distrugge l'uomo, ma è l'uomo che si distrugge da solo! Dio combatte con l'Amore per far crescere i propri figli e donare l'Eredità, la Capanna e la Tenda ad ogni figlio! ...Ora tu Saluta con l'Albero Verde! <Gesù Schiocca un bacio e viene ricambiato> Io vi Saluto col Mio Amore!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni!(*) ...Si, Quattro sono caduti di Sigilli e Flagelli!(*) ...I Sigilli li ho presi, i Flagelli invece, no!(*) ...Mi sono inzuppata e mi sono bevuta e li ho portati a casa!(*) ...Sono già vestiti ed hanno anche l'Anello!(*) ...Si, sono le Bimbe che li stanno portando!(*) ...Si, ho visto che ce ne sono tanti altri che stanno per cadere!(*) ...Io mi inzuppo e mi bevo ancora, ma in questo tempo ce ne sono tanti che cadranno, ed io devo fare solo le Cose del Padre e non posso fare altro! ...Tu non potresti mandare qualche Pargolo a prenderli?(*) ...Glielo dici tu al Padre?(*) ...Lo so, il compito è mio e ci sono i Flagelli e i Sigilli che devono cadere, ed io devo fare solo le Cose del Padre!(*) ...Devo accontentarmi di quelli che mi fa tenere!(*) ...Chiederò il respiro quando dovrò guardare gli altri!(*) ...Il Filicino è così e così!(*) Piccolo Giovanni: Figlia Mia e Anima Mia, guarda quanti Sigilli e quanti Flagelli! Guarda le Gocce!(*) Giulia: Tu non mi lascerai, vero?(*) ...Il Padre non mi lascia, e tutti quelli me li farà portare! Me l'ha promesso e me li farà tenere! Ogni tanto gli chiedo solo un po' di respiro!(*) ...Giovanni, alza la Tua Mano e abbassala come hai sempre fatto!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, mi sono poggiata sul Cuore della Mamma e adesso mi poggio anche sul Tuo! Quello che è stato messo nel Rotolo e tutti gli altri(*)... che facciamo?(*) ...So che devo fare le Tue Cose, ma Tu non Ti sei mai dimenticato di avere i figli e Sei sempre Papà di tutti, e Sei sempre pronto a cancellare ogni errore che noi facciamo attimo dopo attimo(*)... Tu lo puoi: cancellali!(*) ...E ho trovato una spugna grande grande e se vuoi li cancello io... ma forse è meglio se li cancelli Tu!(*) ...Dopo la prendo e vedo se riesco a cancellarli, così Ti aiuto!(*) Il Padre: Anima Mia e Figlia Mia! Giulia: Eccomi! ...Se Ti faccio arrabbiare, dimmelo! Prendi la spugna e cancella me! Il Padre: Posso cancellare l'Amore? Giulia: Non lo so, Papà! Penso che non si cancella!(*) ...Fai quello che devi fare... io Ti voglio tanto tanto bene! Il Padre: Anch'Io ti amo! Giulia: Allora se il Tuo Amore è grande grande, fai crescere anche il nostro!(*) ...Ora salutiamo i Cari... tutti i Servi Inutili... tutti i Pargoli e Maria con le Schiere che stanno combattendo!(*) ...Mammina, Ti voglio tanto bene!(*) ...Impastate ancora e cucite ancora i Vestitini che vengo a portare le altre Spose, quelle dei Flagelli e dei Sigilli! <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Cielo sceso in mezzo a noi!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Ci vediamo dopo...!

 

 

 

 

2. Giov. 11/07/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): CI SONO I SIGILLI......! ECCOMI, NON CHINO IL CAPO! SONO SETTE MONTAGNE CHE SI APRONO......! DALLE SETTE MONTAGNE ESCONO SETTE FIGLI, MA NON SONO FIGLI DEL PADRE! SONO FATTI DI MISSILI, MA HANNO LE GAMBE E LE BRACCIA! NON HANNO VOLTO E SI ALZANO PER ARRIVARE ALLA CROCE E SONO STATI COSTRUITI DAI SAPIENTI DEL MONDO...  DONANDO LA MANO ALLA CUPOLA! ......GESU'...! (Gesù): Cosa vuoi fare? (Giulia): Tenerli come tutti gli Altri, Gesù, nell'Inzupparmi e Bermi: non posso? Stringiamo quelle montagne, così si chiudono! Posso tenerli come gli Altri fino al Giorno della Mamma? Poi decidiamo...! Non posso dirti che non l'hanno capito o che non sanno...; hanno capito e sanno, ma dobbiamo aspettarli, visto che tutti i Cari e tutto il Cielo è con noi e il Figlio che è rimasto da solo è sceso un gradino......! Aspettiamo ancora, Scortica quanto puoi...: Eccomi...  ma aspettiamo ancora, Gesù!

*******************

(Gesù): .........Quei Sigilli sono Pesantucci...  e con tutto quello che ha visto......! Ma voi Pregate: "Ave Maria e Padre Nostro" e non dimenticate l'Arca e non dimenticate i Remi, non lasciatevi far prendere dalle cose del mondo in questo Tempo, il Mare l'avete sempre con voi: è Dio! Il mare del mondo può anche scomparire, ma Dio non scompare, Dio rimane! Vi affannate per le cose del mondo! Non dimenticate che il Cielo è in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili e Maria con le Schiere nel Combattere! Siate vigilanti, il veleno è rimasto e cresce con i falsi profeti, con i farisei di ieri e di oggi! Avete la Destra, non dimenticatelo in questo Tempo, non andate di qua e di là, portatevi come Croce e rimanete Croce, Figli! Ve lo ripeto: il mare del mondo può scomparire, così come il cibo e l'acqua e tutte le altre cose, ma Dio rimane! Pregate per i farisei di ieri e di oggi, hanno trascinato e trascinano ancora i figli nel veleno donando il pane che non è Pane e confondendo i figli, donando la via larga e non quella Stretta! Pregate : "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro"!

*******************

(Gesù): ...Si rifiuta l'Amore Pieno lasciando quella Viuzza Stretta coperta di fiori e di tutto l'Amore che il Padre ha preparato da sempre! È una Viuzza fatta com'è fatto il Banchetto dove non manca nulla, ma viene scartata, viene abbandonata e si prende quella larga dove ci sono le cose del mondo che passano così come ho detto prima: il mare può passare, ma Dio no! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro"! È quello che Mi chiede attimo dopo attimo lo Strumento: "non puoi abbandonarci, non ci puoi lasciare, non Sei mai Sceso dalla Croce, ci Hai Donato il Tuo Amore e ci Hai Chiamato ''Figli'' e il Tuo Eccomi è l'Eccomi di Maria e non ci puoi lasciare!"

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu Glorifica il Padre; se Sei Tu Glorifica il Padre; se Sei Tu Glorifica il Padre!(*) So che non mi devo alzare...! Gesù, Tu lo Glorifichi il Padre anche se hai deciso di farmi stare seduta......! <Alla Glorificazione, Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Non sei forse seduta sul Letto della Croce e rimani in piedi? Giulia: Eccomi! Gesù: E anch'Io Lo Sono e Allargo le Braccia nel donarvi il Mio Amore...  <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> ...quello di Mio Padre e l'Abbraccio del Cuore Immacolato di Maria, Madre Mia, Madre di ognuno di voi e Madre dell'umanità intera! Ed Eccomi ancora nell'Essere Disteso sulla Croce per Guardarvi, per Amarvi e per Donarvi ancora il Mio Sangue! Amarvi nella Pienezza di quell'Amore con cui il Padre ha riempito il Mio Cuore per riempire il cuore di ognuno di voi e il cuore dell'umanità intera! Ed ecco la Festa, ed ecco il Banchetto che si prepara, ed ecco il Padre nel preparare il Tutto, nel Fare Festa con i propri Figli e con l'umanità intera! Ed ecco Dio che spalanca il Suo Cuore per comprare a Prezzo di Sangue i figli, coloro a cui ha donato il Soffio e rinnegandoLo l'hanno spento e rinnegando il Mio Amore l'hanno spento ancora...... e rinnegando il Pane che viene Spezzato lo spengono ancora! E così Mi vendono e Mi comprano, ma non accolgono l'Amore e non accolgono la Croce! Vigilate Figli, Vigilate Anime Mie! ...GUARDA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Cosa stanno facendo? Gesù...! Gesù: Non dire ciò che vedi e aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Ma posso Inzupparmi e Bermi? Gesù: Puoi farlo! Giulia: Mettilo Tu nel Rotolo Vivo quello che sto vedendo...  ma non ho le forze di prenderlo..., no..., non dico nulla, non temere..., ma mettilo Tu! , le forze per Inzupparmi e Bermi ce l'ho, le prendo poggiandomi sul Letto della Croce! Gesù, dove vai? Dove lo porti quel Rotolo? L'hai lasciato? Questo è un altro? No, non lo fare cadere, Gesù, mi vado ad Inzuppare e mi Bevo, ma quello non è giusto che cade per terra, è troppo lungo! Lo so che ti stanno trafiggendo in questi giorni, ma lasciami Inzuppare e Bermi per "quello"...... non capisco ciò che c'è scritto, fammelo vedere meglio! Gesù, quella scrittura io non la capisco! ......Ora sì! E allora, mi Inzuppo e mi Bevo più volte, così si può cancellare! Facciamo così, Gesù, io mi vado ad Inzuppare, poi passo sopra il Rotolo e poi mi Bevo, così si cancella! Non capisco ancora, non l'hanno visto, se aspettiamo un altro poco e se cancelliamo quel Rotolo lo vedranno tutto bianco: aspettiamo, Gesù, e perdoniamo ancora! Tu Sei il Perdono, Tu Sei l'Amore: aspettiamo! Gesù: Tu sei la figlia "dell'aspettare"! Giulia: Come lo Sei Tu, e come lo è il Padre...  da sempre, anche se il Cielo è Sceso, aspettiamo! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Non possiamo fermare tutta quella pioggia e tutti quei fulmini? Arde anche l'acqua...! E quei figli...  dove cadranno tutte quelle cose......  non sono preparati per niente per niente, Gesù! Sono troppi quei fulmini e anche l'acqua......! Gesù: Guarda cosa fanno della Croce e del Crocifisso! Giulia: Gesù, Tu ci Sei abituato da sempre e anch'io! Se il Padre Vuole, fermiamo quell'acqua e quei fulmini, Scortica ancora e fermiamo tutto quello! Gesù: Facciamo le Cose del Padre, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA ANCORA...!(*)  Giulia: Ci sono i Sigilli!(*) Eccomi, non chino il capo!(*) Sono sette montagne CHE si aprono......! Dalle sette montagne escono sette figli, ma non sono figli del Padre! Sono fatti di missili, ma hanno le gambe e le braccia! Non hanno volto E si alzano per arrivare alla Croce E sono stati costruiti dai sapienti del mondo... donando la mano alla Cupola! ......Gesù..!  Gesù: Cosa vuoi fare? Giulia: Tenerli come tutti gli Altri, Gesù, nell'Inzupparmi e Bermi, non posso? stringiamo quelle montagne, così si chiudono! Posso tenerli come gli Altri fino al giorno della Mamma? Poi decidiamo..! Non posso dirti di che non l'hanno capito o che non sanno...; hanno capito e sanno, ma dobbiamo aspettarli, visto che tutti i Cari e tutto il Cielo è con noi e il Figlio che è rimasto, è sceso un gradino! Aspettiamo ancora, Scortica quanto puoi...: Eccomi, ma aspettiamo ancora, Gesù! Gesù: Dove devo Scorticare? Giulia: Il Nocciolo! Trova..., togli il sangue che si è seccato, così trovi spazio per Scorticare! Fai così, Gesù, così io mi Inzuppo e mi Bevo! Aspettiamo ancora i Giorni che ci sono così facciamo crescere l'Amore ancora di più: il Tuo! Gesù: Cosa devo fare? Giulia: Scorticare...  e nient'altro! Se poi trovi qualche altra cosa da fare, falla: Eccomi! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Allora inizia a Scorticare! Gesù: Eccomi ancora con il Banchetto preparato dal Padre! Eccomi ancora con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, nel Portare l'Unica Verità della Croce...  <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...e l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Ed Eccomi ancora con tutti i Servi Inutili, Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli, nel Lavorare nella Vigna, nel Rimanere nell'Arca, nel Preparare il Banchetto per le Spose che sono entrate! Giulia: ...Gesù, ce ne Sono un poco che non vogliono donare la mano, ma se aspetto un altro poco, la donano...! E poi devo metterTi nel Cuore tutti quanti...! Non ti scordare le Pietruzze..., tutti i cuori che ho preso prima e ho messo nel Tuo Cuore: Accarezzali, Amali! Vedi che Giovanni c'ha la febbre..., fagliela passare! Lo so che l'hai visto, vedilo ancora un poco...! Sì, Tu Scorticami ed io mi Inzuppo e mi Bevo! Scortica tanto, così quando scenderà il Sangue poi si indurisce un po'...  e poi ci va l'altro...  e poi ci va l'altro...  e poi ci va l'altro e se Scortichi trovi qualcosina...  trovi un po' di Spazio! Gesù, Se non puoi Scorticare, Mangiami, così il Nocciolo si Scortica meglio! E poi..., dopo..., dopo che si Mangia, il Nocciolo se si toglie rimane pulito...! Se tu lo mangi rimane pulito e poi si ribagna di nuovo...! Gesù: Cosa devo fare con Te, Anima Mia? Giulia: Un'oliva si mangia e rimane il Nocciolo: è quello che devi fare! Non è che devo insegnarTi io come devi pulire un'oliva! Fai quello che devi Fare..., l'importante è che mi fai Inzuppare e mi fai Bere e aspetti ancora per tutto quello che ho visto...! Gesù, accarezza i cuori che Ti ho donato prima, ne hanno bisogno! Gesù, il mio Tu lo guardi, ma non temere se il Filicino si è staccato, dopo si aggiusta! Eccomi, Gesù, Facciamo le Cose del Padre! Gesù: ......PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Come stai? Don Vincenzo: Un po' raffreddato! Gesù: Sei un po' raffreddato? <Gesù Alita su Don Vincenzo> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ora stò a posto! Gesù: Stai a posto? Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: Ma stai seduto sul tuo posto o...... stai a posto? Don Vincenzo: Tutt'e due......, Sei Intervenuto Tu! Gesù: E voi come state? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi con la Croce o Eccomi senza Croce? Tutti: Eccomi con la Croce! Gesù: Eeehi, stavolta c'è stato un coro, eh! E dimmi, dimmi qualcosa! <Gesù accarezza il braccio di Don Vincenzo> Se n'è andata la febbre? Don Vincenzo: Se Mi tocchi Tu, sì! <Gesù, con fare scherzoso, accarezza più forte il braccio> Gesù: Eh! Don Vincenzo: Mò se ne va! Gesù: E dove hai messo la voce? Don Vincenzo: E mò torna, torna...! Gesù: Hai fatto una serenata? Don Vincenzo: Ahahah! Gesù: Ti sei fatto una cantata? Don Vincenzo: No, no! Gesù: No! E allora state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E cosa Mi racconti? Don Vincenzo: Ho sentito quel Sigillo! Gesù: Eh, che ne pensi...? E hai sentito la Cocciuta cosa vuole fare? Ha detto di prenderlo, poi di mangiarlo e poi lasciare il "Nocciolo pulito"! Cosa devo fare? La devo accontentare sempre! Si Inzuppa e si Beve, Ama e Perdona coloro che trafiggono il suo cuore, Mi porta le Pietruzze...: gli posso dire di no? Don Vincenzo: E' eroica! Gesù: No, è uno Straccio Stracciato Inzuppato ai Piedi della Croce! Eh, Giovanni sta Facendo Festa ancora, ma è bella anche quella che Gli avete preparato! <Sulla Tavola c'è una maxi-Torta per il 52° Anniversario dell'Ordinazione Sacerdotale di Giovanni> L'ha guardata un attimino! Ma visto che ancora stanno Festeggiando, dopo quando viene non so cosa farà! Eh, , ci fermiamo su Quei Sigilli sono Pesantucci... e con tutto quello che ha visto......! Ma voi Pregate: "Ave Maria e Padre Nostro" e non dimenticate l'Arca e non dimenticate i Remi, non lasciatevi far prendere dalle cose del mondo in questo Tempo, il Mare l'avete sempre con voi: è Dio! Il mare del mondo può anche scomparire, ma Dio non scompare, Dio rimane! Vi affannate per le cose del mondo! Non dimenticate che il Cielo è in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili e Maria con le Schiere nel Combattere! Siate vigilanti, il veleno è rimasto e cresce con i falsi profeti, con i farisei di ieri e di oggi! Avete la Destra, non dimenticatelo in questo Tempo, non andate di qua e di là, portatevi come Croce e rimanete Croce, Figli! Ve lo ripeto: il mare del mondo può scomparire, così come il cibo e l'acqua e tutte le altre cose, ma Dio rimane! PREGATE PER I FARISEI DI IERI E DI OGGI, HANNO TRASCINATO E TRASCINANO ANCORA I FIGLI NEL VELENO DONANDO IL PANE CHE NON È PANE E CONFONDENDO I FIGLI, DONANDO LA VIA LARGA E NON QUELLA STRETTA! Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro"! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: Cosa c'è, Giovanni? Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro"! Don Vincenzo: Questa è l'Unica Cosa da Fare! Gesù: Maria è l'Unica Grazia che il Padre ha lasciato all'Umanità Intera, ma viene venduta e comprata e non viene accolta e amata! Rimanete nell'Arca e il "Nocciolo Scorticato" Rema ancora e vi porta sulle spalle! ...Stai bene, state bene tutti, Figli? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E' andata via la febbre? Don Vincenzo: Sicuramente sì! Gesù: Sicuramente sì! Cosa c'è, cosa vuoi dirMi? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...Dopo ci Doniamo! Don Vincenzo: Essere Figli, Vivere la Figliolanza è la Grazia più Grande che ci possa essere! Gesù: Per chi chiama o Papà o Padre, ma per chi non Lo chiama, dove mette la Grazia più Grande? Don Vincenzo: Che stoltezza, Gesù! Gesù: Eh, , che stoltezza! Don Vincenzo: Si rifiuta così la Grazia più Grande che c'è, perchè ognuno dimentica di avere un Padre infinitamente Buono al punto da Abitare dentro ogni cuore......! Gesù: Si rifiuta l'Amore Pieno lasciando quella Viuzza Stretta coperta di fiori e di tutto l'Amore che il Padre ha preparato da sempre! È una Viuzza fatta com'è fatto il Banchetto dove non manca nulla, ma viene scartata, viene abbandonata e si prende quella larga dove ci sono le cose del mondo che passano così come ho detto prima: il mare può passare, ma Dio no! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro"! È quello che Mi chiede attimo dopo attimo lo Strumento: "non puoi abbandonarci, non ci puoi lasciare, non Sei mai Sceso dalla Croce, ci Hai Donato il Tuo Amore e ci Hai Chiamato ''Figli'' e il Tuo Eccomi è l'Eccomi di Maria e non ci puoi lasciare!" Don Vincenzo: E quello che è ancora più bello è che questo Soffio, cioè la Presenza del Padre dentro di noi, la possiamo sentire sotto forma di Respiro e di Alito! Gesù: Il Soffio vi viene donato attimo dopo attimo e così col Soffio sentite e vedete la Presenza del Padre e così potete vedervi e, vedendovi, vedete il Padre che vi dona ancora il Soffio, vi dona ancora il Suo Amore, vi dona ancora la Figliolanza, quella Piena, quella Vera, non quella che vi donano coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma voi pregate, pregate, Figli, pregate per la Cupola che è ancora insanguinata e pregate ancora per quel Sangue Innocente che Scende! ......Io Mi Dono! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E allora ci Doniamo! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Stai bene, Giovanni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora ci Doniamo! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo Bicchiere a Don Vincenzo che Beve> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino> Gesù: Questa è la Mia Carne! <Gesù dona il Resto del Pane a Don Vincenzo che Mangia> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Doniamoci nella Pienezza del Padre, così lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e per coloro che hanno gettato l'Amore del Padre! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto unendo il pollice con l'indice di entrambe le mani> Cosa fai Giovanni? Don Vincenzo: Bevo un po' d'acqua! Aaah! <Gesù Alita verso Don Vincenzo> Gesù: Ecco! Don Vincenzo: Eccomi, Gesù! Gesù: Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Che bella questa Eucarestia! Gesù: Io Mi Sono Donato e tu ti Sei Donato e tutto l'Amore del Padre è Sceso, è Entrato nei cuori, è Sceso dall'Albero Verde che è Vivo, è in mezzo a voi, così come tutti i Servi Inutili e le Schiere e Maria! Lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore nel lasciarsi Scorticare ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, ma è Scesa e si Dona nel lasciarsi Scorticare e si è Donata per i propri nemici! Il Banchetto continua nell'Amore del Padre! Don Vincenzo: Nella massima semplicità! Gesù: Il Padre è da sempre Piccolo, è da sempre Semplice, è un Padre Buono che si è Donato e si Dona nel Fare Festa con i Figli, chiedendo solo di essere chiamato: Papà e di Fare Festa nella Gioia, nel rimanere Piccoli e Poveri, Amici di Colui che chiama: "Amici" tutti i Figli e l'Umanità Intera! Prendiamo parte ancora al Banchetto, cosa vuoi? Don Vincenzo: Una cotoletta! Gesù: Una cotoletta vuole...... ma stai attento, come sta il tuo pancino? <Gesù accarezza la pancia di Don Vincenzo> Ci entra questo nel tuo pancino? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Fai un'altra "toccata"! <Gesù accarezza la pancia di Don Vincenzo> Perché la pancia deve tornare indietro! <Si ride un po'> Gesù: Per tornare indietro non ci devi mettere la cotoletta eh, eh, ecco! Quella la dai alla Cocciuta...... <Insieme all'erbetta> Eh, , ma dopo tutto quello che ha visto, è gioiosa...! È gioiosa ma allo stesso momento è triste, eh, per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma la mangio pure Io e questa basta! Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle Porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino!> Me l'hanno portata via, prima Me la danno la cotoletta e poi Me la portano via! <Giuseppe e Raffaele tagliano la cotoletta nel piatto di Gesù e di Don Vincenzo> Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ma dov'è andata la cotoletta? Gesù: Eh, mò vediamo se ritorna...... eh, è ritornata! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù:Eh, Eccomi! Don Vincenzo: Sì, è ritornata! Gesù: Allora, se è tornata, buon appetito! Don Vincenzo: Anche a Te! Gesù: E anche a tutti voi! Il "Buon Appetito" del Banchetto del Padre non è poco, significa Fare Festa e rimanere uniti con le Cose del Padre, nell'Amicizia Piena! Quando le Spose tornano a Casa e prendono parte al Banchetto del Padre, la Gioia è Piena, la Gioia è Grande e anche voi dovete essere gioiosi nel prendere parte al Banchetto! Così come il Cielo è Sceso ormai in mezzo a voi ed è gioioso di prendervi parte, è gioioso di donare ciò che il Padre ha preparato, così anche voi dovete essere gioiosi nel preparare il Banchetto, nel rimanere al Banchetto, nel prendere ciò che il Padre ha Donato e Dona ancora ad ognuno di voi! .........Cosa c'è, vuoi dirMi qualcosa? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Vivere il Tuo Sangue, Vivere la Tua Amicizia, Vivere la Figliolanza, Immergersi in una Felicità Senza Fine! Gesù: Ma tu stai bene? <Don Vincenzo annuisce> E dove hai messo la tua voce, l'hai mangiata? Don Vincenzo: No! Gesù: Si è mangiata la sua voce, era buona nel mangiare? Don Vincenzo: Uuuh! Gesù: Uuuh! <Gesù guarda la Torta> Quella che Gli è stata preparata è buona, questa mentre la facevano l'ho assaggiata pure ed è anche buona! Cosa vuoi, l'acqua? ...Eccola! <Mario porge l'acqua a Don Vincenzo e Gesù scherza come se volesse mordere il braccio di Mario> Ahmm! Don Vincenzo: La vuoi pure Tu? Gesù: Dopo, bevi, bevi! Visto che Mi è passato un braccio davanti da mangiare, gli ho dato un morso! ......C'è ancora il braccio? <...Tutti ridono...!> Tutto quello che il Padre Mi Dona appartiene al Padre e il Padre prende ciò che è buono, lo gusta e lo ridona in abbondanza! Cosa c'è, cosa c'è, perché siete tristi? Qualcuno: No! Gesù: Non lo siete? Cosa c'è, dimmi qualcosa? Don Vincenzo: Sì! Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quello che attira la mia attenzione è che il Cielo si Presenta Sempre Pieno di Bontà, Pieno di Umiltà, Pieno di Tenerezza, Pieno di Amore e queste Grazie permettono a ognuno di noi di assaporare Questa Figliolanza...! Dovremmo essere saggi quando ci svegliamo e invece tante volte non lo siamo, pronti a seguire le cose del mondo invece che di piacere al Padre e scegliere solo le Sue Cose...! Invece di offrire al Padre le prime preghiere del mattino, tante volte siamo già "......in tante faccende affaccendati!" Dovremmo essere lungimiranti nell'accogliere con gioia un nuovo giorno del Padre, Scritto da sempre per farci comportare da Figli, Eredi di una Eternità d'Amore...! Si è stolti quando si rinuncia alla Via Stretta e si imbocca la via larga, perchè così si vive secondo la logica del mondo, non da Figli ma da maschi e femmine......! Gesù: Stai bene? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Vicepa', ti stai divertendo? Ti raccomando, eh, e anche agli altri! <Raffaele dona la testa e la coda del pane-pesce a Franco, Gimmi, Maria Elena e Mario, poi dona il resto e fa qualche piattino> Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh? Don Vincenzo: La cosa più bella è proprio il Risveglio Mattutino se è fatto con Amore, se è fatto da Figli, se è fatto da Amici, se è fatto mettendo il Padre al Primo Posto! Gesù: Ma voi, quando andate a dormire, siete sicuri che dormite? Don Vincenzo: Siamo sicuri se dormiamo? Gesù: ! Don Vincenzo: Perché abbiamo paura di non svegliarci oppure perché il nostro sonno non è come ci aspettiamo? Gesù: No, Io ho chiesto se siete sicuri che dormite! Don Vincenzo: Penso...  penso di sì! Gesù: Tu pensi di sì? E vi siete mai chiesti cos'è il sonno? Tu dici: "è una piccola morte", ma Dio quando dorme, muore? <Don Vincenzo fa segno di no> Dio non è mai morto e non morirà mai! Questo fa parte di un Sigillo e di una Goccia, visto che è la Festa di Giovanni: se Dio non è mai morto e non morirà mai e Dio dorme come dormite voi e si sveglia come vi svegliate voi, ma siete sicuri che è un dormire? Cos'è il dormire per i Figli di Dio? E' una piccola morte? Don Vincenzo: Circa sette ore di riposo! Gesù: Sette ore di riposo...! Vedi quelle rose, stanno dormendo o sono sveglie? Stanno dormendo o sono sveglie? Don Vincenzo: Sono sveglie! Gesù: E sono tutte alzate, stanno diritte, quando poi si piegano voi dite: "è morta, si è seccata!" Può morire ciò che Crea il Padre? Don Vincenzo: No! Gesù: Può finire ciò che il Padre ha Creato? Don Vincenzo: No! Gesù: Le cose del mondo passano ma le Cose del Padre non passano e così non passa neanche il sonno e quando voi dite di dormire non dormite! ...Venite! Ecco il "niente", ecco il "niente"! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Vicepa', ti raccomando! Raffaele: Eccomi! Gesù: Voi non dormite, ma fate le Cose del Padre! Ci sono due medici e dicono: "ma noi abbiamo studiato, c'è un sonno!" Ma il Padre ha studiato prima di voi donandovi il Lavoro da fare! Dio veglia a tutte le ore e anche i Figli vegliano a tutte le ore e in quelle piccole ore voi dite di dormire, altri dicono: "è una piccola morte e viene tolto il respiro"! Dio il Respiro non Lo toglie a nessuno perché è Lui il Respiro e se Lo toglie ai Figli se Lo toglie anche Lui.........! Il Padre non Abita dentro di voi? Non Abito Io dentro di voi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Il dormire è Lavorare nella Vigna del Padre, il dormire è stare svegli e stare alla Presenza del Soffio di Dio! Giovanni ha detto di farvi un regalo e così Io ve l'ho fatto, ma rideranno anche di questo...... ma voi lasciateli ridere! Quando ci sarà il Giorno di Mia Madre e parleranno i Cari e parleremo tutti noi, vi diremo altre cose sul dormire! Don Vincenzo: Com'è bello quello che ci stai dicendo, Gesù! Gesù: Com'è bello......! Don Vincenzo: Noi avevamo tutta un'altra risposta e pensavamo che il sonno fosse solo riposo! Gesù: Il sonno non è riposarsi... il riposarsi è vivere nella Verità del Padre, nella Quiete del Padre e nel Pane Intero! Aspettate il Giorno di Mia Madre e vi diremo altre cose, ma preparate i vostri cuori! È il Giorno di Maria preparato dagli uomini, ma è il Giovedì del Banchetto preparato dal Padre, non dimenticatelo, Figli! BIMBI DI MARIO E DI MARIA ELENA: ......Ciao, papino, sei bello...  ciao, papino, sei bello...  ciao, mammina, sei super bella! Come state? Mario e Maria Elena: Bene! Bimbi di Mario e di Maria Elena: Papino, tu non stai tanto tanto bene! Mario: Sì! Bimbi di Mario e di Maria Elena: Papino, tu non stai tanto tanto bene! A Noi non ci puoi dire la bugia, lo sappiamo, eh, eh, ma veniamo sempre nell'aiutarti! Mammina, perché sei tremolosa, eh, mammina perché sei tremolosa? Avete perso la lingua tutt'e due, ce la siamo mangiata come caramelle visto che il nonno non ce li porta! Eh, papà, cosa facciamo? Mario: Andiamo avanti? Bimbi di Mario e di Maria Elena: Andiamo al mare? <Si ride un po'> Avete sentito cosa ha detto Gesù: "...Non lasciatevi far prendere dalle cose del mondo in questo Tempo, il Mare l'avete sempre con voi: è Dio! Il mare del mondo può anche scomparire, ma Dio non scompare, Dio rimane! Voi vi affannate per le cose del mondo! ......Il mare può passare ma Dio no!"......  Cosa facciamo, andiamo avanti, perché volevi andare indietro? Mario: No! Bimbi di Mario e di Maria Elena: Papà, volevi andare indietro? Mamma, tu che vuoi fare? Maria Elena: Andiamo avanti! Bimbi di Mario e di Maria Elena: Andiamo avanti, , il Mare di Dio va sempre avanti e dobbiamo andare avanti......! Tutto il Cielo è qui e lo siamo anche Noi e se era sù il Cielo non eravamo Scesi neanche noi! Dobbiamo andare ad Impastare, la Cocciuta ha preso altre Spose, quelle che non volevano donare la mano......  e adesso dobbiamo Impastare e ci Inzuppiamo sempre più nella farina e dobbiamo lavare sempre i vestitini...  sappiamo lavare, mamma, sappiamo lavare, papà, anche tu li lavi ogni tanto, eh! <Mandano baci> Adesso dobbiamo andare a Lavorare, fate i buoni, se no veniamo e poi vi Impastiamo, eh! Ciao, mamma, ciao, papà, non ti preoccupare, veniamo a curarti! Eh, ciao a tutti! Tutti: Ciao! <I Bimbi accarezzano Don Vincenzo> Bimbi di Mario e di Maria Elena: Ciao! Don Vincenzo: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! <Mandano baci> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Stai bene? Non mangi niente altro e allora non stai bene! <Don Vincenzo fa segno: così e così> Fai il vento? <Si ride un po', poi Gesù tocca la pancia di Don Vincenzo battendo su due dita> Di solito i medici fanno così, eh, poi dopo ti controllano: mò ti ho controllato Io, eeeh!(*) Don Vincenzo: ...Giovanni! Benvenuto! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Tanti auguri! <C'è un continuo e caloroso applauso, si festeggia il 52° anniversario di Sacerdozio di Don Mario Ordinato il 9 Luglio 1961> Piccolo Giovanni: Fermatevi...! Se non vi fermate Mi commuovo! Ciao a tutti! Grazie a tutti! Te ne dò un goccino? Non stai bene, Giovanni? E allora lo bevo Io! Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vi voglio bene a tutti quanti! Tutti: Anche noi! Piccolo Giovanni: E la Mia Capanna come sta? Maria, Nicola, Teresa : Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Maria, Nicola, Teresa : Eccomi sì! Piccolo Giovanni: Come stai, Nicò? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mari'..., ne hai combinata un'altra? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi sì? Maria: Eccomi sì! Piccolo Giovanni:Tu ne combini sempre di più grandi! E...Teré? Teresa: Eccomi! .... Piccolo Giovanni: Fatemi bere il caffè..., poi parlo... si! È buono! La Cocciuta l'ha fatto... e chi ci ha messo lo zucchero, doveva mettercene un altro pochino..., ma è buono ugualmente o meglio, doveva girare un altro pochettino... Eccomi, Viceparroco...! ..... Voi Mi fate commuovere sempre di più..., anche un regalo, una rosellina...... e cosa c'è dentro? Eh, , ma ha aperto per vedere cosa c'è dentro..., <Giovanni schiocca qualche bacio> Piccolo Giovanni: Allora... è bella la Torta che Mi avete preparato! È bello l'Amore, Mi Amate ancora...! Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dopo tutto il tempo che sono andato a lavorare... non vi ho lasciati, sono andato a lavorare, a preparare l'altra Viuzza Stretta, a preparare i Sigilli..., a far scendere il Cielo in mezzo a voi! Ho fatto metà del Solco e tu devi fare l'altra metà! Sapevo che nessuno Mi avrebbe dimenticato della Mia Famiglia, gli altri sì, si sono dimenticati: "......è morto...!" Hanno dimenticato che Dio non muore mai e anche i figli che credono alla Verità Tutta Intera! Non si muore, sempre si è vivi e Mi ricordate sempre ed Io come posso dimenticarmi di voi? La Festa che il Padre ha preparato per il Sacerdozio Vivo ed Eterno è bella e anche la Festa che avete preparato voi è bella! Ma la Cocciuta Mi ha regalato un'Altra Festa: si è inzuppata e si è Bevuta ancora per i nemici, offrendosi ancora a Tenere il Sigillo! ...Cosa Mi avete preparato da mangiare? Dormite tutti quanti? Tu non vuoi mangiare nulla? Ehi sì, le patatine! Le patatine, Me le prendo Io e ne prendo una...! Tu non vuoi mangiare? Vi fa male il pancino? C'hai la febbruccia? Io quando avevo la misura che hai tu..., Mi mettevo a letto! Tu sei rimasto in piedi... Eccomi, Giovanni! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tutto si sistemerà..., non ti preoccupare...! Come state, figli? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! <Si ride un po'> Come state tutti quanti? Eccomi! Avete perso la lingua? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Io Mi mangio la Mia patatina e l'agnellino..., voi non lo mangiate? Mario e Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: È buono, ma se era caldo era ancora più buono! Non c'è il fornellino? <Si ride un po'> Io sono Capriccioso eh? Beh, non dici niente? Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Hai regalato prima, una meditazione... Piccolo Giovanni: ..., visto che il Sacerdozio Vivo ed Eterno aveva detto di farvi un regalo: voi l'avete fatto a Me, e Io l'ho fatto a voi! Chi Mi dà un tovagliolo per favore? Giuseppe: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi...... viceparroco! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non era giusto farvi un regalo? Don Vincenzo:Giovanni... Piccolo Giovanni: Ma hai sonno? Don Vincenzo: No...! Piccolo Giovanni: Un pochino, si! Don Vincenzo: Un pochino si! Piccolo Giovanni: Non puoi dirmi di no... ehi... glielo dai un po' d'agnello? Così gli faccio il regalo! <A Maria Elena e poi a Mario> E buono si! Mangialo, mangialo, vedrai che lo troverai gustoso, ma senza le lacrime! , anche a lui...! Dimmi cosa stavi dicendo? Don Vincenzo: Stavo dicendo che quando si ha questo rapporto col Padre, tutto è Luminoso, tutto è Pieno d'Amore, come la Verità Tutta Intera! All'inizio sembra un po' difficile, ed invece, col passare del tempo... Piccolo Giovanni: ...Le Cose del Padre non sono difficili! Don Vincenzo: Eh, difatti! Piccolo Giovanni: Le Cose del Padre è la Verità Tutta Intera! ...Cosa Mi doni, viceparroco? ...Ehi, il baccalà... ma ci sono le spine?(*) ...Cosa Mi stavi dicendo ancora? Che tutto è facile? Don Vincenzo: Quando si parlava del sonno...  quando si toccava questo tasto, sembrava che il sonno fosse un riposo, ed invece Gesù ha detto... Piccolo Giovanni: ...Eh, ho detto a Gesù di farvi un regalo e Lui ve l'ha fatto! Se aspettate ancora un po' vi sarà detto altro! Io vi regalo la Croce, vi regalo le Spine e vi regalo i Chiodi in questo giorno! Siete gioiosi? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Il Sacerdozio Vivo ed Eterno è la Croce, le Spine e i Chiodi, non un vendersi e un comprarsi! La Croce, quella che ha partorito Maria, né si vende e né si compra, e Le è stata donata perché ha risposto "Eccomi"! Gli uomini, invece, la vendono e la comprano, e quella non è quella donata dal Padre ma è quella fatta dagli uomini! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora, cos'hai combinato questa volta? ...Non rispondi? Maria: Ogni tanto bisogna rinfrescare la memoria a chi Ti ha dimenticato! Piccolo Giovanni: Eh, si, hai ragione che ogni tanto bisogna rinfrescarla, e solo la Mia Capanna può fare questo! ...Nico'! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu che ne pensi? Nicoletto: Tu lo sai! Piccolo Giovanni: Si, Io lo so ma gli altri, no! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Tere'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa facciamo con questi due vecchietti? Teresa: Eh...  Eh...  Eh... Piccolo Giovanni: Ma poi non sono tanto vecchietti, sono invece due croci che si portano e si donano e combattono! ...Così ti faccio riposare, o no? ...Si donano e combattono, Teresa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E combattete anche voi! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Non ne ho trovate spine, e così, Tatina, non ti posso tatinare! ...Ehi, ti è passata la febbre? Giuseppe: Così e così... Piccolo Giovanni: E a te ti è passata la febbre? Don Vincenzo: Forse! Piccolo Giovanni: "Forse"! Eh... Eh... Eh... te l'ho detto che quando avevo la febbre nella misura che hai tu, Io ero nel Mio lettuccio al caldo! ...Ma adesso dimmi qualche altra cosa! ...Eh... fiuuuuù...! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: E tu, vieni, vieni! Giuseppe: Io? Piccolo Giovanni: Si! ......Fiuuuuuu...... ora raccontami qualcosa! ...Stai mangiando, viceparroco? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Buon appetito! Ed Io devo mangiare la bruschetta... eh, Me le hanno fatte... dammene una! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi, la bruschetta con la salsiccia! ...Mi hanno preparato le bruschette e poi ci hanno messo sopra le patane! Voi le avete mai fatte le bruschette con le patane? Io ve le consiglio che sono buone! ...Ehi, ma qui Mi si rompe la dentiera! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Chi l'ha fatta questa bruschetta? ...Mangio prima la salsiccia e poi la bruschetta!(*) ...Per mangiarle, ci vuole che ci passiamo sopra col carro armato! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Raffaele: La bagniamo, Giovanni? Piccolo Giovanni: Ma una bruschetta bagnata non è più una bruschetta ma è pane bagnato! ...Si, i Miei denti sono buoni, ma questa bruschetta è dura come un carro armato! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Chi l'ha fatta questa bruschetta? Chiara: Io! Piccolo Giovanni: Tu? Chiara: Eh...  Eh...  Eh...  non pensavo mai che si facesse così dura! Piccolo Giovanni: E allora mangiane tre così poi ci penserai! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Ma sono buone!(*) ...Parla un po'! ...Lo so che hai sonno... e tu, Chiara, ora assaggiale e mangiale tutt'e tre! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Non pensare a bagnarle con l'acqua e mangiale tutt'e tre... che è il Numero Giusto! Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: E a chi ride gliene faccio mangiare una! ...Tu, Domenico Lentini, ce li hai i dentini buoni? Domenico: Si! Piccolo Giovanni: E vieni a prenderne una di bruschetta! ...Io la Mia l'ho mangiata! ...Eh, che c'è? ...La vuoi assaggiare una di queste? Don Vincenzo: Si, un poco! Piccolo Giovanni: E allora stai attento ai denti!(*) ...È buona? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: La mangio pure Io... visto che è la Mia Festa! ...Ma non stai parlando e non dici niente! Del Sacerdozio Vivo ed Eterno non dici nulla? Don Vincenzo: Si! ...Quindi la Tua Ordinazione è avvenuta il 9 luglio di 52 anni fa... Piccolo Giovanni: ...Si! È giusto, Mari'? Li ha fatti bene i conti? Maria: Si! Eccomi! Don Vincenzo: E la prima messa l'hai detta il 16 luglio, Festa della Madonna del Carmelo... Piccolo Giovanni: ...Si... Don Vincenzo: ...E quindi questo anniversario è il 52° della Tua Ordinazione Sacerdotale! Piccolo Giovanni: Si! Cosa ne pensi? Don Vincenzo: Stavo riflettendo sulla mia Ordinazione che è avvenuta il 1° Ottobre 1983... quindi Tu sei stato ordinato più di 20 anni prima! Piccolo Giovanni: Eh, si, sono un po' più grandicello di te! Don Vincenzo: Ma com'è, Giovanni, questo fatto che Tu andavi sempre in giro? Era pura curiosità o era approfondimento? Piccolo Giovanni: No! Don Vincenzo: Anche per il fatto che eri giornalista! Piccolo Giovanni: No, Io non sono stato mai curioso! Quando andavo in un posto, ci andavo perché ero mandato dal Padre a smantellare o a mettere il Sigillo! Don Vincenzo: Cioè, andavi o a smantellare o a mettere i Sigilli? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E il più delle volte smantellavi? Piccolo Giovanni: Si, ma nessuno Mi ascoltava! E nessuno Mi ascoltava quando mettevo il Sigillo! Voi vi meravigliate? Non dovete meravigliarvi, il Padre non si è meravigliato quando ha mandato il Suo Figliolo e quando ha chiamato Maria per essere l'Unica Chiesa: lo sapeva già che tutti i figli l'avrebbero tradito! Ha trovato Maria e ha trovato una Famiglia, poi ha trovato uno Strumento... puoi andare avanti! ...Ed ora... ehi, auguri, Sacerdozi Vivi ed Eterni! Tutti:Eccomi! <Parte un caloroso applauso> Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ed ora che ha trovato lo Strumento, il Padre vi darà la Verità Tutta Intera così come ve la sta donando! E l'Unica Chiesa rimarrà sempre Maria: il Suo Cuore si aprirà e brillerà nelle tue mani! Ma gli uomini rideranno sempre di più, cadranno sempre di più nel veleno ed i Flagelli cresceranno! Ma lo Strumento si inzupperà e si berrà ancora, Sacerdozio Vivo ed Eterno! Quando Mi sono allungato, nell'allungarmi il Padre Mi ha fatto vedere tutto quello che sarebbe poi avvenuto! ...Se non ce la fai fermati! Don Vincenzo: Si, è gradevole! Piccolo Giovanni: ...Dicevo... e nel vedere c'era la gioia e c'era anche il dolore: c'era la gioia di vedere la Mia Capanna e il dolore di vedere coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! La gioia di vedere la Mia Famiglia con tutte le battaglie da combattere avanti, perché è fondata sulla Roccia di Dio e non cade, e il vento non la porta via ma rimane salda! Ma ci saranno altri venti ed altri temporali: rimanete saldi!(*) ...Si è fatto tardi? E allora se si è fatto tardi, Me ne vado! Sei stanco? ...Giovanni non può essere stanco!(*) ...È buono questo Miscuglietto!(*) ...È gradevole, così come dici tu!(*) ...Perché non Mi dici una parolina? Don Vincenzo: Si! Quando hai scelto la data dell'ordinazione, e la settimana successiva, il 16 luglio, hai celebrato la prima messa! ......Ti eri preparato prima? Sei andato fuori da qualche parte oppure no? Piccolo Giovanni: Si, Mi ero nascosto nel Cuore del Padre! Don Vincenzo: Ma Tu in queste 2 giornate di Ordinazione e della Prima Messa già avevi un Colloquio d'Amore Privilegiato col Padre? Piccolo Giovanni: Si, da sempre! Don Vincenzo: Dalla nascita? Piccolo Giovanni: Si, come ce l'avevi tu! Don Vincenzo: Quindi, tutte le Cose che facevi, le facevi per Ubbidienza al Padre? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E sembravano strane agli altri tutte quelle Cose che facevi oppure no? Piccolo Giovanni: Per gli uomini, camminare sulla Viuzza Stretta è sempre strano, ma chi la cammina, la ama e non è strano ma è fare le Cose del Padre! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Ti sentivi un privilegiato nel parlare con Dio? Giovanni: Ognuno di noi è Figlio, e Dio non fa alcuna particolarità perché è Padre di ogni Figlio, e quando un Figlio risponde "Eccomi"... La Cocciuta non si sente privilegiata e la Cocciuta fa le Cose del Padre rimanendo Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! Perché dovevo essere privilegiato? Ho risposto "Eccomi" alla Volontà del Padre! ...Tu ti senti privilegiato? Per caso non hai risposto "Eccomi" alla Volontà del Padre? Don Vincenzo: Stare qui in questa Visitazione, per ognuno di noi, mi sembra un privilegio! Piccolo Giovanni: Era tutto preparato: così com'era tutto preparato per Me, era tutto preparato anche per te! E Gesù e Maria non si sentivano privilegiati ma Figli nell'avere fatto la Volontà del Padre, e nel fare la Volontà del Padre attimo dopo attimo! Dio ama tutti i Figli con la stessa Misura, non fa alcuna distinzione, così come fa lo Strumento: ama tutti i figli con la stessa Misura che è quella del Padre, nel rispondere "Eccomi" e rimanere crocifissa per Amore, ed in modo particolare per i nemici, ma non è un privilegio! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Eccomi! ...Eccomi! ...Ora Io vado ad incontrare e a finire la Festa al Banchetto del Padre, ma rimango anche in mezzo a voi nel finire la Festa con voi! ...Vi lascio il Filicino aperto...... e lascio la Cocciuta alla Destra del Padre! ...Vi lascio il Mio Amore e la Porta Spalancata! Eccomi per tutto quello che fate! <Giovanni schiocca tre Baci di seguito che vengono ricambiati> Gesù: ...Ciao, Giovanni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: ...Con la Croce e con il Pane! Come stai, figlio? Sono Io, il tuo Gesù! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Cosa c'è? Stiamo preparando il Banchetto per la Festa di Mia Madre! La stiamo preparando anche per voi! Don Vincenzo: Si festeggia pure il 16 Luglio Tua Madre, Gesù? Gesù: Si, gli uomini hanno deciso anche così, ma attimo dopo attimo si entra nel Cuore della Chiesa Viva che è Maria e si Fa Festa, non dimenticatelo! Il Padre Ha Donato il Soffio a tutti i Giorni, e Donando il Soffio a tutti i Giorni, a voi l'ha Donato e lo Dona attimo dopo attimo per essere sempre dinanzi alla Croce, prendere l'Alito e donarlo! Questi sono i Giorni del Padre: "attimo dopo attimo"! E la Festa del Padre è avere i propri figli attimo dopo attimo nel Suo Cuore e sentirsi chiamare "Papà"! Questa è la Festa di Dio: avere la Famiglia nella Vigna a prendere l'Eredità del Suo Amore! ...Ora tu prendi l'Eredità della Croce e la doni ai tuoi figli Salutandoli, mentre Io vi Saluto con l'Eredità che il Padre Mi Ha Donato: il Banchetto della Croce! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi Benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni!(*) ...Com'è Luminoso il Tuo Vestito, e quanto Pane Scende!(**) ...Dove porti tutti quei Pargoli?(*) ...Sono tutti Sacerdozi Vivi ed Eterni!(*) ...Giovanni, i cuori li ho raccolti tutti: consegnali a Maria, come hai consegnato il Tuo Sacerdozio e lo fai scendere ancora come Pane!(*) ...Prendi un altro pezzettino di Filo e cuci ciò che è rotto!(*) ...Non temere, a me mi basta!(*) ...Tanti auguri, Capriccioso! ...Ora vengo a prendere gli altri Sigilli! ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, tutti i Sigilli leghiamoli al Filicino!(*) ...Si, e quel pezzettino...!(*) ...Fallo, Papà, donami questo regalo!(*) ...Devi farmi un regalo per la mia Festa! Fammi questo!(*) ...E visto il Banchetto e tutti i Cari che sono in mezzo a noi, fa venire i Pargoli, e con i Pargoli lega i Flagelli al Filo!(*) ...Ora salutiamo i Cari! Salutiamo Maria con le Schiere e tutti i Servi Inutili che prendono parte al Banchetto che ci hai donato!(*) ...Visita ancora a Giovanni e visita tutti i cuori!(*) ...Ciao, Cielo!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Pargoli!(*) ...Mammina...  ci vediamo dopo!

 

 

 

 

3. Dom. 14/07/2013, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Don Vincenzo): Quindi così come hanno cambiato la Data del Natale, hanno cambiato pure la Data Tua dell'Assunta? (La Madonna): Tutte le Date hanno cambiato! Gli uomini non ascoltano la Voce di Dio ma vendono e comprano e per questo i Flagelli e i Sigilli Scendono, ma un "Nocciolo Scorticato" si Inzuppa e si Beve! Avete sentito cosa ha detto? Aspetta di essere "rotolato dalle formiche" e poi di essere mangiato nel Fare la Volontà del Padre! <La Madonna si rivolge ora ad Annunziata> Vuoi farla ancora la Volontà del Padre? (Annunziata): Eccomi! (La Madonna): Eccomi e non temere gli uomini ma rimani ancora con il Santo Timore del Padre! (Annunziata): Eccomi! (La Madonna): ......Rimanete nel Fare la Volontà del Padre e non fermatevi a fare la volontà degli uomini, Figli, ...loro non sono entrati e non fanno neanche entrare......! Ma pregate così come bussa sempre al Cuore della Mamma, che Sono Io, la Cocciuta nel dire: "portiamo ancora le Pietruzze, preghiamo ancora, c'è ancora tempo!" ......Vigilate, Figli, i farisei di ieri e di oggi hanno tradito e tradiscono ancora, ma pregate, pregate: "Padre Nostro, Ave Maria"! Andando più avanti vi dirò ciò che ho detto nel pregare il Padre! Carlo, Pio e Domenico stanno grondando Sangue, vengono venduti e comprati, vengono svenduti e gettati, vengono sputati e trafitti! Rimanete vicino a loro! Voi non potete immaginare cosa fanno i farisei di ieri e di oggi! Ogni Figlio è Santo, Servo Inutile così come lo è Dio e non sono gli uomini ma è Dio a chiamare i Propri Figli: Servi Inutili! Invece i falsi profeti, i cosiddetti "Grandi", vendono... e comprano..., svendono... e trafiggono...! Pregate ancora per la Barca affondata, pregate ancora per quelle Mura Insanguinate di Sangue Innocente, Figli Miei, e non temete gli uomini ma il Padre! Una Mamma dona ai Propri Figli il Pane, non la serpe da mangiare e indica la Via Stretta che porta alla Croce e non quella larga dove c'è il grano senza chicco! E dove c'è la spiga vuota lì c'è la via larga non c'è quella Via Stretta dove il chicco cade e porta frutti e germoglia e cresce nell'Amore del Padre e cancella ogni macchia, ogni errore e i vostri cuori vengono consolati e i vostri mali vengono cancellati, ma da Dio non dagli uomini! Vigilate, molti altri falsi profeti avanzeranno dicendovi: "io posso togliere il male!" E' Dio che toglie ogni errore e ogni male perché Lui è la Vita Eterna e L'ha Donata ad ognuno di voi, lasciandovi liberi di camminare la Viuzza Stretta o di prendere quella larga!

Mosè guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) Lo so che devo stare seduta...! <Alla Glorificazione, Giulia voleva alzarsi in piedi come al solito, ma in questi ultimi tempi viene invitata a non farlo......!> LA MADONNA: Ubbidisci alla Volontà del Padre, Anima Mia! Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen! <La Madonna Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Cuore del Pane Divino del Mio Figliolo Gesù Regna nei Cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera, Alzandovi e Segnandovi col Segno Tremendo della Croce... così come si Alza il Padre... e così come si Alza il Figlio...... e così come si Alza il Mio Cuore Immacolato di Mamma...... e così come vi Alzate ognuno di voi... nel Segnarvi, nel Prendervi e nel Portarvi nell'Amore e nell'Umiltà, così come il Padre ha chiamato Me nell'Amore e nell'Umiltà a Visitare ognuno di voi, a Visitare i vostri cuori, a Portare la Quiete del Padre, a Portare la Croce e il Pane Spezzato che è Dio in mezzo a voi, così come Lo è il Cielo, così come Lo Sono i Servi Inutili, così com'è l'umanità intera...... ma è sorda e cieca a non accogliere il Pane di Dio! Eccomi ancora......così come ho risposto al Padre! Eccomi ancora come Mamma Fanciulla nel Diventare Fanciulla ancora una volta nell'Accogliere e nel Donarvi il Mio Gesù Vivo e Reale in mezzo a voi, come Lo è il Padre, il Figlio e Lo Spirito Santo che è il Mio Cuore Immacolato e Addolorato, Addolorato nel vedere i figli sordi e ciechi dinanzi al Pane Spezzato che è Dio! ............Anima Mia! Giulia: Eccomi, Mammina! Sei Sempre Bella, ma il Tuo Vestito è Bagnato ancora una volta! La Madonna: GUARDA, ANIMA MIA.........! Giulia: ......Dove l'hai sporcato? La Madonna: Sono andata a raccogliere gli sputi che hanno donato al Mio Figliolo Gesù i farisei di ieri e di oggi! Giulia: Mammina, vado ad Inzupparmi e a Bermi io...... perdoniamoli ancora, non hanno ancora capito! E ci sono ancora i Giorni e il Tuo Vestito l'hai sporcato per pulire, lo ripulisco ancora una volta io, Inzuppandomi e Bevendomi! Diamogli ancora un po' di tempo, sono figli, e il Tuo Gesù, Te li ha donati tutti quanti e non ne dobbiamo perdere nessuno! Il Padre ha fatto chiamare i Figli, ma la Figliolanza l'abbiamo dimenticata! E Tu che Sei la Mamma dell'Amore e la Mamma del Dolore di' al Padre di aspettare ancora un pochino......! La Madonna: Lo Sa il Padre... è tutto Scritto...: il Padre Conosce Ogni Cosa, Anima Mia! Giulia: Per Volere del Padre: Eccomi! Anch'io conosco ogni cosa! Quel Filicino che è rimasto a volte vorrebbe esplodere nel dire tutto quello che il Padre mi ha donato, ma devo rimanere all'Ubbidienza e aspetto ancora! E i figli cadono di qua e di là e li poggio ancora sul Nocciolo Scorticato, sulle mie spalle! ......Mammina, Tu non smetti mai di guardare i nostri cuori e non smetti mai di pulire ciò che viene sporcato! E se vedi i nostri cuori che sono sporchi puliscili ancora col Tuo Amore Materno, come fai, attimo dopo attimo...! La Madonna: Non li hai già puliti tu prima di entrare? Ti Sei Inzuppata e ti sei Bevuta! Mi hai donato i Cuori dell'umanità intera e della Tua Famiglia! Ma rimanete ancora nell'Arca e Remate, Figli Miei, e Pregate ancora per la Cupola, Pregate per quella Barca che è affondata! Prendi il Legno, Anima Mia, e portalo nel Cuore del Padre! Giulia: Mamma, il Legno si è spezzato, è rimasto solo un piccolo frammento: è quello che posso portare nel Cuore del Padre! Il resto è tutto affondato! La Madonna: Pregate ancora "Padre Nostro-Ave Maria!" - "Padre Nostro-Ave Maria!" Giulia: Eccoci, Mamma! Mammina, metto nel Cuore del Padre la Preghiera che Tu ci hai Donato, che il Cielo ci ha Donato, e il Cielo è in mezzo a noi: "Padre Nostro-Ave Maria" e so che devi donarci anche l'Ave Maria che Tu Hai Innalzato al Padre! L'umanità è sorda ed è cieca e coloro che dovrebbero guidare i figli li hanno dispersi e li disperdono ancora, e hanno capovolto il Pane che Dio ci ha Donato da sempre! I figli non vogliono vedere la Verità del Padre e si lasciano cadere e si lasciano trascinare sulla via larga......! La Madonna: Inzuppati e Beviti ancora! Giulia: Non posso fare nient'altro? La Madonna: GUARDA, ANIMA MIA......! Giulia: Mamma! Mammina, non possiamo lasciarli così...... sono figli! La Madonna: Il Padre aveva consegnato loro la Vigna ma ora gli è stata tolta! Giulia: Visto che ci sono ancora i Giorni, non possiamo lasciarli ancora un po' a Lavorare? Non posso prenderli per mano e farli Inzuppare e farli Bere? Sentendo il "Sapore dell'Amore", vedranno Dio!(*) Eccomi, Facciamo le Cose del Padre! Mammina, devo mettere nel Tuo Cuore l'umanità intera e tutti i figli, tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, le Pietruzze e i cuori che hai visto quando Te li ho consegnati! Tu Sei la Mamma dell'Amore e la Mamma del Dolore e ognuno di noi Ti dona Dolore attimo dopo attimo, ma accoglieteci così ancora per un po'! Io mi Inzuppo e mi Bevo nel portare i figli a Casa quando si lasciano prendere la mano! La Madonna: VEDI, ANIMA MIA......! Giulia: Altri Flagelli!(*) Altri Sigilli! La Madonna: Aggiungi al Rotolo Vivo ciò che vedi! Giulia: Eccomi, Mammina! La Madonna: ORA GUARDA......! Giulia: CI SONO I SETTE SIGILLI! SONO SETTE SPIGHE DI GRANO...... SONO VUOTE, NON HANNO I CHICCHI E NON AVENDO I CHICCHI LE SPIGHE VUOTE CADONO PER TERRA MA NON MUOIONO E DIVENTANO COSÌ TANTE DA COPRIRE L'UMANITÀ INTERA! E DALLE SPIGHE VUOTE ESCE ANCORA VELENO DALLA CUPOLA E SI MOLTIPLICANO COME LA ZIZZANIA, CONFONDENDO I FIGLI DELLA PACE E RIMANENDO "SOLO TRE SPIGHE", MA SEMPRE VUOTE! MAMMA, QUESTO SIGILLO È IL PIÙ BRUTTO DI QUELLI CHE HO VISTO FINORA, POSSO INZUPPARMI E BERMI? POSSO TENERE ANCHE QUESTI FINO ALLA TUA FESTA? POI IL PADRE DECIDERÀ SE FARMELI TENERE ANCORA, SE LUI LO VUOLE! ......PERCHÉ MI GUARDI COSÌ? La Madonna: GUARDA COSA FANNO "LE TRE SPIGHE......!" Giulia: Scortica ancora il Tuo Nocciolo, fammi Inzuppare e fammi Bere ancora! E visto che il Padre mi ha donato ancora Giorni, fammeli tenere! Io busso al Tuo Cuore, Tu bussa al Cuore del Padre! Mi avete detto che me li fate tenere tutti quanti e ciò che dite è Verità, perché solo Tu Sei la Verità nell'aver risposto l'Eccomi a Dio! E Tu Sei l'Unica Grazia che il Padre ci ha lasciato, l'Unica Chiesa, perché non ce ne sono altre: è quella che Dio ha voluto da sempre! .........Mammina, fatemeli tenere! La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Mammina! La Madonna: MA GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Posso dire quello che vedo?(*) Eccomi! Stanno cadendo tante stelle ma sono spente, non danno luce e quelle stelle sono tanti Soli che si spengono......! La Madonna: Non chinare il capo! Giulia: Eccomi! Cadono "sui Grandi" della Casa del Padre, così come si fanno chiamare! Non posso fare niente? Posso Inzupparmi e Bermi e donare la mano anche a loro se me la danno? La Madonna: Hanno offeso il Padre! Giulia: Mammina, non possiamo donare loro la mano anche se hanno offeso il Padre? La Madonna: Offendono Dio, attimo dopo attimo! Giulia: Lo so, mi Inzuppo e mi Bevo! Aspettiamo ancora un po', Tu che sai aspettare...... Tu hai saputo aspettare tutto quello che conoscevi del Tuo Figliolo Gesù: aspettiamo anche questi figli! La Madonna: Come fai? Giulia: Come fa un Nocciolo Scorticato quando viene catturato dalle formiche: si fa portare nella propria casa e aspetta poi di essere mangiato! Ora posso Inzupparmi e Bermi nell'accogliere e portare questi figli a Casa? La Madonna: Dinanzi a queste parole chino il capo...... dinanzi alla Croce del Mio Figliolo Gesù! Giulia: Anch'io mi poggio ai Piedi della Croce nell'Aspettare quello che il Padre Vuole! Eccomi ancora per l'Eternità, Mammina! La Madonna: Eccomi ancora, col Cielo in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con le Schiere che combattono, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, nel Portare l'Unica Verità della Croce... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Mamma, Gesù sta camminando in un Fiumicello piccolo piccolo, ma è Solo! È stato lasciato ancora Solo! Noi Siamo così, quelli che siamo......, possiamo farGli Compagnia e dire "Padre Nostro-Ave Maria! Ave Maria-Padre Nostro"? Così Gli Doniamo il Respiro che Lui ci Ha Donato e così Consoliamo il Suo Cuore! La Madonna: Fatelo, Figli Miei! Giulia: Mamma, Ti consegno ancora tutto quello che mi hai donato e quando siete stanchi di me, gettatemi in un angoletto perchè ancora non ho imparato a fare nulla...! Perché mi guardi e ridi? Cosa ho detto? Ti faccio ridere così tanto? Ma se Ti piace, se Sei Gioiosa Sorridi..., Tu Sei Sempre Bella..., ma quando Sorridi la Tua Bellezza sconvolge il Cielo e la terra! Mammina...... e quando tutti Ti vedranno..., lo so, non si può resistere alla Tua Bellezza e al Tuo Sorriso! È un'Esplosione d'Amore..., non lo so dire, Mamma, ma si deve vedere! Si, io lo vedo...... ma l'umanità continua ad offendere il Padre... e il Padre Buono aspetterà ancora...! Ti raccomando le Pietruzze e tutta la Tua Famiglia! La Madonna: Portali ancora nell'Arca e Rema per ognuno di loro, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Mammina! <Don Vincenzo, con umiltà, segna le mani dello Strumento col Segno della Croce> La Madonna: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuta! La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Come stai, Sacerdozio Vivo ed Eterno? <La Madonna bacia il palmo delle mani di Don Vincenzo> Io Mi inchino solo dinanzi al Sacerdozio e dinanzi alla Croce e così Ho Baciato le tue mani di Sacerdozio Vivo ed Eterno! Don Vincenzo: Non ne sono degno, Mamma! La Madonna: Se l'ho fatto ne Sei degno! Non dimenticare: Sei il Calice Vivente e le Mani che ho Baciato Portano il Sole che deve Aprirsi e Dio L'ha Messo nelle Tue Mani! <La Madonna Benedice e si inchina> Solo dinanzi alla Croce Io Mi inchino e solo dinanzi al Sacerdozio Vivo ed Eterno bacio le mani! ............State bene, Figli? Tutti: Eccomi! La Madonna: Il Mio Cuore di Mamma Consola i cuori di ognuno di voi nell'indicarvi ancora la Croce e il Crocifisso, il Mio Figliolo Gesù Vivo e Reale in mezzo a voi, Figli Miei! ......Hai ascoltato i Sigilli? Don Vincenzo: Mamma, quelle spighe vuote da cui fuoriesce il veleno...! La Cocciuta ha traballato di fronte a queste visioni dicendo che tra tutti i Sigilli, questo è quello più brutto che ha visto! La Madonna: ! Don Vincenzo: Così dure! La Madonna: Il suo cuore di mamma guarda i figli che cadono dinanzi ai Sigilli e dinanzi ai Flagelli e lei non vuole perdere nessuno dei suoi figli e li prende per mano e li porta al Banchetto del Padre! Non dovete scandalizzarvi del Banchetto che Dio prepara per ognuno di voi e per le Spose! Quando Dio Spezza il Pane Lo dona a tutti senza scartare nessuno dei figli, è il Banchetto Pieno e in Abbondanza per tutti, ma i farisei di ieri e di oggi vi hanno tolto il Banchetto di Dio e vi hanno messo un altro Banchetto che non viene da Dio! Vigilate, altri falsi profeti avanzeranno, alzate la Destra...... <La Madonna Benedice> ......E Combattete col la Croce, quella che ha Abbracciato il Mio Figliolo Gesù! In quei tempi si usava mettere in croce chi aveva fatto degli errori, ma la Croce che ha Abbracciato Gesù è la Croce del Padre, quella Salvifica! Mentre i farisei di ieri e di oggi vi hanno indicato la croce della punizione, mentre la Croce di Gesù è la Croce della Vita Eterna, dove non c'è morte ma Vita, dove c'è Nascita, cioè Nascere con Dio e camminare e prendersi come Croce e rimanere svegli e non addormentarsi! Il Mio Gesù non è morto, è Vivo, perché Dio è Vivo da sempre...... e non dimenticatelo, Figli! ......Ora parla tu un po'! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ti Sei riallacciata ancora una volta al sonno! La Madonna: ! Don Vincenzo: Giovedi scorso Gesù ci ha detto che il sonno non è nè una piccola morte, perchè Dio non può morire, e nemmeno è un riposarsi...... ma il riposarsi è Vivere nella Verità del Padre, nella Quiete del Padre e nel Pane Intero! Il dormire è Lavorare nella Vigna del Padre e stare alla Presenza del Soffio di Dio......! La Madonna: E Gesù ve ne parlerà ancora nel Giorno dell'Invito, ma non è "in quel giorno" che Io sono Tornata nel Cuore del Padre! Gli uomini hanno cambiato ogni Giorno e ogni Data...... ma ora fermiamoci così! Quando il Padre vuole, vi dirà il Giorno e la Data di quando sono Tornata a Casa, ma Sono Rimasta sempre in mezzo a voi così com'è rimasto il Padre e così com'è rimasto il Mio Gesù, nel Giardino che Dio ha preparato da sempre per la Sua Famiglia, per i Figli Comprati a Prezzo di Sangue, a Prezzo d'Amore! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Calice Vivente! Don Vincenzo: Quindi così come hanno cambiato la Data del Natale, hanno cambiato pure la Data Tua dell'Assunta? La Madonna: Tutte le Date hanno cambiato! Gli uomini non ascoltano la Voce di Dio ma vendono e comprano e per questo i Flagelli e i Sigilli Scendono, ma un "Nocciolo Scorticato" si Inzuppa e si Beve! Avete sentito cosa ha detto? Aspetta di essere "rotolato dalle formiche" e poi di essere mangiato nel Fare la Volontà del Padre! <La Madonna ora si rivolge ad Annunziata> Vuoi farla ancora la Volontà del Padre? Annunziata: Eccomi! La Madonna: Eccomi e non temere gli uomini ma rimani ancora con il Santo Timore del Padre! Annunziata: Eccomi! La Madonna: ......Rimanete nel Fare la Volontà del Padre e non fermatevi a fare la volontà degli uomini, Figli, ...loro non sono entrati e non fanno neanche entrare......! Ma pregate così come bussa sempre al Cuore della Mamma, che Sono Io, la Cocciuta nel dire: "portiamo ancora le Pietruzze, preghiamo ancora, c'è ancora tempo!" ......Vigilate, Figli, i farisei di ieri e di oggi hanno tradito e tradiscono ancora, ma pregate, pregate: "Padre Nostro, Ave Maria"! Andando più avanti vi dirò ciò che ho detto nel pregare il Padre! Carlo, Pio e Domenico stanno grondando sangue, vengono venduti e comprati, vengono svenduti e gettati, vengono sputati e trafitti! Rimanete vicino a loro! Voi non potete immaginare cosa fanno i farisei di ieri e di oggi! Ogni Figlio è Santo, Servo Inutile così come lo è Dio e non sono gli uomini ma è Dio a chiamare i Propri Figli: Servi Inutili! Invece i falsi profeti, i cosiddetti "Grandi", vendono... e comprano..., svendono... e trafiggono...! Pregate ancora per la Barca affondata, pregate ancora per quelle Mura Insanguinate di Sangue Innocente, Figli Miei, e non temete gli uomini ma il Padre! Una Mamma dona ai Propri Figli il Pane, non la serpe da mangiare e indica la Via Stretta che porta alla Croce e non quella larga dove c'è il grano senza chicco! E dove c'è la spiga vuota lì c'è la via larga non c'è quella Via Stretta dove il chicco cade e porta frutti e germoglia e cresce nell'Amore del Padre e cancella ogni macchia, ogni errore e i vostri cuori vengono consolati e i vostri mali vengono cancellati, ma da Dio non dagli uomini! Vigilate, molti altri falsi profeti avanzeranno dicendovi: "io posso togliere il male!" È Dio che toglie ogni errore e ogni male perché Lui è la Vita Eterna e L'ha Donata ad ognuno di voi, lasciandovi liberi di camminare la Viuzza Stretta o di prendere quella larga! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: Mamma, nel Messaggio di Giovedi scorso Gesù ci ha raccomandato di non affannarci per le cose del mondo! La Madonna: No, non dovete affannarvi per le cose del mondo, il Padre vi ha Donato un Giardino preparato per ognuno di voi, una Eredità preparata per ognuno di voi, mentre voi vi affannate per il cibo e per i vestiti e vi affannate per ciò che dovete fare! Ma la Giornata è preparata da sempre dal Padre per ognuno di voi, e non siete voi che avete scelto Dio, ma è Dio che ha Scelto voi chiamandovi "Figli", ed è Dio che vi Ama e non siete voi ad amare, perché Lui è l'Amore! Voi camminate, vi portate, ma al primo ostacolo dimenticate l'Amore e la Figliolanza...! Ma Io parlo a voi e all'Umanità intera, quando cadete al primo ostacolo il Padre vi ha Donato un "Nocciolo Scorticato" per raccogliervi e portarvi sulle spalle! Non preoccupatevi se gli uomini ridono, Voi fate la Volontà del Padre perchè è a Lui che dovete rendere conto e non agli uomini e dovete temere solo il Padre e non gli uomini, perché è Dio che accende il Sole ed è Dio che lo spegne, ma non sono gli uomini ad accendere il Sole e a spegnerlo! Vigilate, Figli, vigilate! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ancora ci avverte Gesù: "non andate di qua, non andate di là!" La Madonna: Dove c'è "il rumore" non c'è né il Padre, né il Mio Gesù e neanche Io, perchè lì ci vendono e ci comprano e Noi non ci siamo! Nei luoghi Piccoli, Poveri e Nascosti, lì siamo, così come Dio ha preparato la Stalla dove fare Nascere il Suo Figliolo: Piccolo, Povero e Nascosto ai Grandi e ai Sapienti, ma Aperto ai Piccoli e ai Poveri! Don Vincenzo: Così come avviene qui a Timparelle: Piccolo, Povero e Nascosto! La Madonna: Il Luogo Scelto dal Padre, Nascosto ai Sapienti, ma Aperto ai Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere Invitati al Banchetto di Dio! I Grandi non hanno tempo per vedere la Luce di Dio! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: Quanta Forza la Cocciuta sprigiona e quanto Amore fuoriesce da lei! La Madonna: La Cocciuta si lascia Scorticare per coloro che trafiggono il suo cuore! Il "Filicino" che Giovanni ha lasciato si Inzuppa e si Beve nel Fare le Cose del Padre e non le cose degli uomini! È a Dio che si deve l'Ubbidienza! Se Io avessi ascoltato ciò che gli uomini Mi hanno detto, avrei fatto la volontà degli uomini e non quella di Dio, ma il Mio Eccomi "è stato risposto" solo a Dio e non agli uomini! Don Vincenzo: E la stessa cosa fa la Cocciuta! La Madonna: "Eccomi!" Don Vincenzo: Anche quando non viene capita a volte da quelli che la circondano! La Madonna: E lei si Inzuppa e si Beve quando non viene capita! Dovete guardarla quando parla con le Parole del Padre perché non parla con le sue parole, ma parla la Lingua dell'Amore che è la Parola del Padre: il Pane Spezzato! Ma voi vi fermate ancora a guardare le cose del mondo e non vedete il Pane che si Spezza e si Dona attimo dopo attimo! Io posso dirlo ma lei rimane "Straccio Stracciato" ai Piedi della Croce nel dire: "Eccomi" al Padre attimo dopo attimo! Il Padre la usa, dona la Sua Potenza nelle sue mani, nel suo Respiro; ovunque cammina lascia solo il Solco di Dio e il Sangue dell'Albero Verde! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Non per fare una graduatoria ma, dopo di Te, Mamma, la Cocciuta è quella che maggiormente fa felice Gesù in mezzo a tutti gli altri figli o no? La Madonna: È il "Nocciolo Scorticato", e il "Nocciolo Scorticato" si mette da parte e presenta al Padre l'Umanità Intera e ognuno di voi, così come Mi ha detto: "quando vi stancate di me, mettetemi in un angoletto!" Ma porta i Figli nel Cuore del Padre e i propri nemici! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Questa è la Croce: si mette da parte e Compra i Figli a Prezzo di Sangue! È quello che ha fatto il Mio Gesù: si è messo da parte e ha Comprato i Figli a Prezzo di Sangue per prepararvi il Banchetto, ma non quello che fanno gli uomini ma quello che ha preparato il Padre e quello che vi prepara tutti i Santi Giovedì! Gli uomini si scandalizzano sentendo il Banchetto ma Dio no, perché è Lui a prepararLo così come L'ha preparato per il Mio Figliolo! Ma non c'è Giuda a tradire, ma ci sono i farisei di ieri e di oggi che hanno scartato il Banchetto di Dio e hanno preparato quello che si vende e si compra! Sono Mamma e invito i Figli a non tradire ancora il Mio Gesù, ma ad AmarLo e ad AccoglierLo! Il Cielo è in mezzo a voi e rimarremo nel Combattere la Battaglia Finale con le Schiere e col Figlio che è Sceso di un altro gradino! Vigilate, vigilate, Figli Miei! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Figlio! Don Vincenzo: Dio gradiva il Banchetto Vero, Semplice, Umile e Familiare, e invece con la cosiddetta Eucarestia tutto è diventato un commercio, tutto è diventato una offerta di soldi, e i cosiddetti "Grandi" sono riusciti a far credere che Dio scende in ogni Messa solo tra le loro mani illudendo tutti......! Quindi hanno scartato il Banchetto Vero e Familiare per farlo diventare Eucarestia? La Madonna: È quello che ti sto dicendo! Don Vincenzo: Pur di guadagnare soldi......! Ed è questo che volevi farci capire, Mamma? La Madonna: Eccomi! Dio viene a Donarvi la Verità Tutta Intera, la Semplicità di ciò che ha Detto e ha Fatto il Mio Gesù, ma gli uomini l'hanno trasformato nel vendere e nel comprare, in un commercio, mentre Gesù si Dona a Prezzo d'Amore! Don Vincenzo: ECCO PERCHÈ SI CONSACRA SOLO QUI A TIMPARELLE! La Madonna: Eccomi! Ma gli uomini si scandalizzeranno e rideranno ancora come hanno fatto col Mio Figliolo Gesù, ma voi non temete gli uomini e abbiate il Santo Timore del Padre, Figli Miei! Altre Gocce, altri Sigilli, altra Verità Tutta Intera vi sarà detta e quando parleranno i vostri Cari di ciò che ha lasciato Lucia, tutto quello che non hanno fatto, tutto quello che non hanno detto, tutto quello che hanno fatto tacere a Carlo, tutto sarà detto! E lo Strumento è in grave pericolo ma pregate: "Padre Nostro-Ave Maria, Padre Nostro-Ave Maria"! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ma questo grave pericolo dello Strumento dipende anche da queste rivelazioni che saranno fatte o no, o è già in grave pericolo? La Madonna: Lo è già, ma ciò che sarà detto ancora, aumenterà il pericolo! Don Vincenzo: E perciò Tu ci consigli, come ci ha consigliato Gesù: "Padre Nostro-Ave Maria" e basta, perché già questa preghiera è profonda ed è potente se fatta con amore! E "non è poca", e "non è piccola"! La Madonna: Non è poco...... è spalancare le porte e entrare nel Cuore del Padre... e non è piccolo......! Quando vi dirò ciò che dite ora: "Ave Maria", i vostri occhi non si fermeranno di far scendere lacrime e di far accendere i vostri cuori di quella Luce che ha solo Dio! ...Cosa c'è ancora? I Figli devono portare "Padre Nostro e Ave Maria" nelle loro case! Ovunque poggeranno le mani e i piedi e ovunque si poggeranno come Croce, porteranno il Pane di Dio, porterete la Grazia che Dio vi ha lasciato, e la Grazia che Dio vi ha lasciato Sono Io: la Mamma dell'Amore e la Mamma del Dolore, l'Umile Ancella che si è Inchinata e si Inchina solo dinanzi alla Volontà di Dio! Non inchinatevi dinanzi alla volontà degli uomini, Figli, ma inchinatevi solo dinanzi alla Volontà del Padre nel rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Tu sei la Piena di Grazia, perciò il Padre Ti ha lasciato come Ultima Grazia, perché Tu già ne sei Piena di Grazia e perciò puoi distribuire continuamente la Grazia di Dio! La Madonna: Nel rispondere: "Eccomi!" al Padre, Mi ha coperta col Suo Amore! Non è l'uomo che dona lo Spirito Santo ma è Dio! Vigilate Figli, Vigilate! Dio Mi ha riempito d'Amore ed ecco lo Spirito di Dio nel Mio Cuore di Mamma nell'accogliere il Proprio Figlio e i Figli! Lasciatevi riempire dell'Amore del Padre, Figli, e non andate di qua e di là, e non andate dove c'è "il rumore", e non andate dove ci vendono e ci comprano! Gesù ve lo ripete ancora: "QUANDO SENTITE PARLARE DI MIRACOLI NON ANDATECI PERCHÈ LÌ CI SONO SOLO I FALSI PROFETI CHE VENDONO E COMPRANO E VI PORTANO VIA ANCHE L'ANIMA!" Vigilate, Figli Miei, vigilate, il veleno cammina ancora..., Gabriele è tornato a Casa con la sua Schiera e combatte alla Destra del Padre! Don Vincenzo: Che bella questa conversione di Gabriele! Quindi, Mammina, essendo noi Croce, ci dobbiamo portare come Croce e dobbiamo rimanere Croce e perciò tutta la nostra giornata la dobbiamo vivere con questo compito: "essendo io Croce, mi devo prendere come Croce, mi devo portare come Croce e ci devo rimanere Croce perché solo così entro in Comunione con la Croce Salvifica di Dio!" La Madonna: Dovete ricordare di avere un Papà e chiamarLo: è così che si rimane Figli, portatevi come Croce e rimanete Croce! Don Vincenzo: Si! La Madonna: ...Ora cosa posso donarvi ancora che Dio non vi abbia donato in questo giorno? Vi lascio ancora il Mio Cuore! Venite e rifugiatevi nel Tabernacolo che Dio ha chiamato, ed Io ho risposto "Eccomi"! Ecco il Tabernacolo Vivo di Dio, spalancato a tutti! Dio non chiude la Porta come la chiudono gli uomini! Il Mio Cuore è Spalancato nel rispondere "Eccomi" al Padre! Venite tutti, entrate nel Cuore dell'"Eccomi" e donate il vostro al Padre! ...Tu Saluta i tuoi figli con l'Albero Verde, mentre Io vi Saluto col Magnificat! Don Vincenzo: Mamma, tienilo questo mio Cuore, Ti appartiene! La Madonna: Non dimenticare che Sei il Calice Vivente! Don Vincenzo: Mamma, tienilo questo "Calice Vivente" che è Pieno della Tua Grazia! La Madonna: Non dimenticarlo che sei il Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Eccomi!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) <Tutti quanti recitano il Canto del Magnificat > L'Anima Mia Magnifica il Signore!(*) La Fanciulla che il Padre ha chiamato ha Magnificato il Suo Amore nella tenera età, e nella tenera età Ha Rivelato l'Amore di Dio nel dire: "Dio è Venuto a VisitarMi! Dio Mi ha Donato Suo Figlio! Dio Abita in Me!" Magnifico il Tuo Amore, Padre! Magnifico il Tuo Essere Dio, ma pur essendo Dio, Sei un Fanciullo! Cresci dentro di Me, ma nel crescere, cresce il Tuo Amore per donarsi all'umanità intera! Dio Figlio, Dio Padre, che lascia il Fuoco del Suo Amore in una Piccola Creatura! Lasciatevi ardere, Figli Miei! ...Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Dona ciò che il Padre ha messo nelle tue mani!(**) <Don Vincenzo per qualche minuto prega in silenzio con le mani protese verso i presenti> ...Il Calice Vivente è Dio, e Dio non teme gli uomini ma si dona per Amore, e tu hai donato l'Amore del Suo Cuore! È questo che devi donare all'umanità intera e ai tuoi figli!(*) Giulia: ...Mamma, le Pietruzze sono rimaste indietro: prendile per Mano!(*) ...Eccomi nel Fare la Volontà del Padre!(*) ...Io vado ad inzupparmi e a bermi! Tu vai dal Padre e diGli ancora se posso tenere tutti i Sigilli fino alla Nascita!(*) ...Lo so che lo ripeto attimo dopo attimo, ma visto che si nasce attimo dopo attimo, io Te lo ripeto ogni volta che nasco!(*) ...È bello il Tuo Sorriso! Tienici sempre per Mano come hai tenuto Gesù appena è nato e non Lo hai lasciato mai e Lo tieni ancora per Mano!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste e la Paghetta della Divina Misericordia, l'Amore Pieno che Viene dal Cuore di Maria che è Tabernacolo Vivo e Chiesa Viva!(*) Giulia: ...Tutto questo ci hai donato?(*) ...E cosa abbiamo fatto?(*) ...Posso prendere un po' di quello che hai donato per portarlo lì dove ancora non Ti vedono?(*) Il Padre: Non ti sei inzuppata? E non ti sei bevuta? Giulia: Non meritiamo tutto quello che ci hai donato, ma ne prendo un poco poco per ognuno e lo porto dove non Ti hanno visto e non hanno visto né Gesù e neanche Maria!(*) ...Dai, Tu Sei Buono!(*) ...Io lo faccio come Straccio Stracciato... e visto che siete tutti quanti al Banchetto e che ci sono tutti quanti i Cari, possiamo salutarli?(*) <Il Padre dà l'assenso e tutti salutano il Cielo e i propri Cari> ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ci vediamo dopo!(*) ...Ciao, Mammina mia!(*) ...Ora lo so come si dice il Tuo nome: tanti auguri, zia Carmela... Ti stanno preparando la Festa?(*) ...E chi te la sta preparando?(*) ...Come Sposa, il Padre... poi il Capriccioso, Giorgio, Piuccio, Carlo e Domenico!(*) ...Rimanete uniti così come lo Siete sempre e insegnate anche a noi a rimanere uniti!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Ciao, Mammina Carmela!(*) ...Ciao! <Giulia schiocca un bacio>

 

 

 

 

4. Giov. 18/07/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi! Gesù, hai di nuovo l'Abito Sporco......! Cosa Sei Andato a Fare, Gesù? Hai Lavorato nella Vigna e nell'Orto? (Gesù): No, ho camminato sulle vie dell'umanità sorda e cieca e ho sporcato il Mio Abito, perché le vie sono sporche e camminate dai falsi profeti! (Giulia): Posso andarle a pulire io, ad Inzupparmi e a Bermi? (Gesù): Non l'hai fatto con Me? (Giulia): Eccomi, Gesù! (Gesù): Anche tu hai sporcato il tuo abito! (Giulia): Gesù, Lavorare nella Vigna e Fare le Cose del Padre è il Compito di ogni Figlio quando Tu ci doni l'Abito del Risveglio, quello che dobbiamo fare tutti quanti: pulire gli angoli sporchi, togliere quello che non appartiene al Tuo Cuore, piantare le pianticelle verdi, farle crescere e non farle seccare! Quando seccano poi si deve pulire e tagliarle...! Gesù, visto che l'umanità ancora non fa tutto questo, aspettiamo ancora un poco, e se da qualche pianticella stanno cadendo le foglie e sta seccando, gli diamo un po' d'acqua così se si riprende poi Innalza le Lodi e Ti Riconosce! (Gesù): Hai visto i Tempi? (Giulia): Eccomi, Gesù! Ma ancora ci sono i Giorni che il Padre mi ha consegnato e non sono finiti! E me ne avete donato anche altri per tenere i Sigilli, e un po' d'acqua in più è l'Amore che Tu mi doni e lo spezzettiamo e lo doniamo a tutti, in modo particolare ai nemici e a coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...! E io li metto tutti nel Tuo Cuore e metto tutta la Giornata, tutti i figli, tutte le Pietruzze e tutto quello che mi hai consegnato da sempre! Gesù, Soffia ancora su di loro! Soffia ancora su tutta la Famiglia, perché Tu il Soffio ce lo doni attimo dopo attimo......! (Gesù): ECCOMI! GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! (Giulia): Dove stanno andando Giovanni, Carlo, Pio e Domenico? Lui è dinanzi, gli altri sono dietro...... cosa sono andati a prendere?(*) È un Velo Lungo Lungo, ma è Rosso......, dove lo portano?(*) Cos'è Quel Velo Rosso, Gesù?(*) Non lo getteranno, vero, Gesù? Posso andare ad aiutarli, ad Inzupparmi e a Bermi per quel Velo? È un Misto: di un Flagello e di un Sigillo! Non posso fare niente? Non posso aiutarli, Gesù?........................ (Gesù): GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! (Giulia): Eccomi, Gesù!(*) I Sigilli!(*) Altri Sette!(*) Li posso bere, Gesù?(*) Sono Sette Fulmini..., scendono dal cielo e...... sono stati preparati dalla Cupola! Li fanno scendere e salire, e scendendo e salendo si moltiplicano Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Quando si aprono non si vede più nulla, né rimane traccia di uomini......! Gesù, io questi li devo bere...! Fammi questo regalo, Gesù...... tutti gli Altri fammeli tenere fin quando Tu decidi, ma questi li voglio bere: è il Regalo che Ti chiedo e non puoi dirmi di no...! Mi sono Consacrata al Tuo Cuore rispondendo l'Eccomi del mio matrimonio e ora devi farmi un Regalo...!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Non mi posso alzare?(*) E va bene, come Hai Deciso Tu! Allora facciamo sempre la stessa cosa... quella che mi hai chiesto da sempre, è la Chiave, quella sicura: se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) <Alla Glorificazione, Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen(*). Ed Eccomi ancora con la Croce... <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> ...E con la Chiave sicura, così come ha detto lo Strumento nell'aprire e nel far entrare l'umanità intera nel Mio Cuore: Cuore di Padre, Cuore di Figlio, Cuore di Spirito Santo che è Maria, Madre Mia, Madre di ognuno di voi e Madre dell'umanità intera! Quell'umanità Creata dal Padre! Quell'umanità Partorita dal Cuore di Dio, Figli nel Figlio! Nel donare il Mio Eccomi e nel donare il Mio Sangue vi ho fatti Figli nel Figlio nel comprarvi ancora una volta nel Cuore del Padre: quell'Arca che non si rompe, quell'Arca che non affonda, quell'Arca che è Maria, quell'Arca che è lo Strumento, e quei Remi che indicano il Segno Tremendo della Croce e il Nocciolo Scorticato per Amore! Ed Eccomi ancora nei Tempi che il Padre ha Scritto da Sempre nel Suo Libro a portarli ad ognuno di voi, a riempire i vostri cuori, a donare ancora ad ognuno di voi la Viuzza Stretta! Quella Viuzza preparata dal Padre, quei Sigilli preparati da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...... ma dopo quei Sigilli ci saranno i Sigilli del Padre, le Gocce dell'Amore, l'Amore Pieno di Dio che si è Donato e si Dona all'umanità intera! Ed ecco Maria con le Sue Schiere! Ed ecco i Servi Inutili nel portare "il Progetto di Lucia" che è nel cuore, in quel Filicino fatto a piccoli pezzettini del Nocciolo Scorticato! Si aprirà Uniti alle Schiere, Uniti ai Servi Inutili, Uniti a Pio, a Domenico e a Carlo, Uniti ai Due Giovanni, Uniti al Calice Vivente...... <Gesù con la Mano Destra Fa il Segno Trinitario e la Sinistra la Impone sull'umanità> ......Che ha il potere di alzare e abbassare la mano sull'umanità intera e su coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, ed è Parola di Dio, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Il Cielo è in mezzo a voi, il Banchetto è preparato per voi ed è preparato per le Spose che sono entrate! I Tempi sono Pieni, Vigilate e non temete gli uomini, ma abbiate il Santo Timore del Padre! Tutto è pronto, non mancate all'Invito del Banchetto preparato figli, fratelli e amici del Mio Cuore! ............Nocciolo Scorticato! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA......! Giulia: Eccomi! Gesù, hai di nuovo l'Abito Sporco......! Cosa Sei Andato a Fare, Gesù? Hai Lavorato nella Vigna e nell'Orto? Gesù: No, ho camminato sulle vie dell'umanità sorda e cieca e ho sporcato il Mio Abito, perché le vie sono sporche e camminate dai falsi profeti! Giulia: Posso andarle a pulire io, ad Inzupparmi e a Bermi? Gesù: Non l'hai fatto con Me? Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Anche tu hai sporcato il tuo abito! Giulia: Gesù, Lavorare nella Vigna e Fare le Cose del Padre è il Compito di ogni Figlio quando Tu ci doni l'Abito del Risveglio, quello che dobbiamo fare tutti quanti: pulire gli angoli sporchi, togliere quello che non appartiene al Tuo Cuore, piantare le pianticelle verdi, farle crescere e non farle seccare! Quando seccano poi si deve pulire e tagliarle...! Gesù, visto che l'umanità ancora non fa tutto questo, aspettiamo ancora un poco, e se da qualche pianticella stanno cadendo le foglie e sta seccando, gli diamo un po' d'acqua così se si riprende poi Innalza le Lodi e Ti Riconosce! Gesù: Hai visto i Tempi? Giulia: Eccomi, Gesù! Ma ancora ci sono i Giorni che il Padre mi ha consegnato e non sono finiti! E me ne avete donato anche altri per tenere i Sigilli, e un po' d'acqua in più è l'Amore che Tu mi doni e lo spezzettiamo e lo doniamo a tutti, in modo particolare ai nemici e a coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...! E io li metto tutti nel Tuo Cuore e metto tutta la Giornata, tutti i figli, tutte le Pietruzze e tutto quello che mi hai consegnato da sempre! Gesù, Soffia ancora su di loro! Soffia ancora su tutta la Famiglia, perché Tu il Soffio ce lo doni attimo dopo attimo......! Gesù: ECCOMI! GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Dove stanno andando Giovanni, Carlo, Pio e Domenico? Lui è dinanzi, gli altri sono dietro...... cosa sono andati a prendere?(*) È un Velo Lungo Lungo, ma è Rosso......, dove lo portano?(*) Cos'è Quel Velo Rosso, Gesù?(*) Non lo getteranno, vero, Gesù? Posso andare ad aiutarli, ad Inzupparmi e a Bermi per quel Velo? È un Misto: di un Flagello e di un Sigillo! Non posso fare niente? Non posso aiutarli, Gesù? Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro", è nelle loro mani! Giulia: Fratellini non lasciatelo cadere! Se vi serve aiuto, chiamatemi, ma non lasciatelo cadere! Io vado ad Inzupparmi e a Bermi, nel Fare la Volontà del Padre! "Ave Maria-Padre Nostro!"; "Padre Nostro-Ave Maria!" Mi raccomando, fratellini..., io mi Inzuppo e mi Bevo! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) I Sigilli!(*) Altri Sette!(*) Li posso bere, Gesù?(*) Sono Sette Fulmini..., scendono dal cielo e......sono stati preparati dalla Cupola! Li fanno scendere e salire, e scendendo e salendo si moltiplicano Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Quando si aprono non si vede più nulla, né rimane traccia di uomini......! Gesù, io questi li devo bere...! Fammi questo regalo, Gesù...... tutti gli Altri fammeli tenere fin quando Tu decidi, ma questi li voglio bere: è il Regalo che Ti chiedo e non puoi dirmi di no...! Mi sono Consacrata al Tuo Cuore rispondendo l'Eccomi del mio matrimonio e ora devi farmi un Regalo...! <Il 5 Agosto è l'Anniversario della Prima Visitazione avvenuta 28 anni fa, precisamente nel Pomeriggio di Lunedì 5 Agosto 1985> Tu lo sai..., lo pretendo come Nocciolo Scorticato e come Figlia Tua: fammelo bere! Gesù: Vuoi berlo ora? Giulia: Quando decidi Tu, ma lo voglio bere, è il Regalo che Ti chiedo! Gesù: Il Filo si è aperto, vuoi berlo? Giulia: Eccomi! Gesù: Anche col Filo aperto? Giulia: ECCOMI! Gesù: Non hai paura? Giulia: Quando ci sei Tu no e Tu ci Sei sempre! Posso berlo questo? Per gli altri decidi Tu fino a quando tenerli! Ma le Tue Promesse non vengono meno! Gesù: Bevi! Giulia: Eccomi!(*) <Giulia comincia a bere un po' alla volta con Sofferenza e Dolore, ma è così Amaro e Pesante quello che beve, che alla fine sviene......!> Gesù: Puoi fermarti...! Giulia: No! Ne è rimasta solo una goccia! Gesù: Il Filo è aperto! Giulia: Non temere, devo bere solo quest'altra goccia!(*) <Giulia è stremata ma continua a bere anche l'ultima goccia trattenendo anche il vomito...!> Eccomi! Gesù, l'ho bevuto! Gesù: ......Un altro pezzo si è spezzato! Giulia: Tanto poi verranno a cucirlo, non Ti devi preoccupare! Ora stanno lavorando, l'importante è aver ricevuto il Regalo: Eccomi, Gesù! Gesù: Dategli un sorso d'acqua al Nocciolo Scorticato! Giulia: Ma... Gesù, non è meglio tenere quello che ho bevuto? Gesù: Ubbidisci! Giulia: Eccomi!(*) <Giuseppe gli porge dell'acqua e Giulia la beve tutta l'acqua......!> Eccomi, la bevo tutta l'acqua......!(*) Sei Contento, Gesù? Io sono contenta del Regalo che ho ricevuto! Gesù: GUARDA ANCORA......! Giulia: Mi dai un altro Regalo? Cos'è? Gesù: Un Pezzetto di Filo che unisco all'altro che è rimasto! Giulia: Eccomi! Eccomi nel Fare le Cose del Padre! Gesù, Sei Tu a Legarlo questa volta, e quello che Voi fate è giusto, ma bastava anche quello che era rimasto......! Gesù: Ti sei resa conto di quello che hai fatto? Giulia: Ho bevuto un Flagello: Eccomi! Dovevi farmi un Regalo: è questo che desideravo......! E visto che Tu mi hai fatto una promessa, gli altri Sigilli me li farai tenere fino al Giorno della Mamma e poi decidiamo......! Le Tue promesse non sono come quelle degli uomini... Gesù: Rimani Cocciuta così come il Padre che ti ha cercata...! Giulia: Non avere dubbi..., Tu non hai mai dubbi! Fammi diventare più Cocciuta ancora! Gesù: Lo sei già abbastanza! Giulia: E se ce ne aggiungo un altro poco di "cocciutaggine"..., così la so dire..., così l'ho detta, ...non va bene? Gesù: Cresci nell'essere Cocciuta, Anima Mia! Giulia: Ecco nell'incocciarmi ancora di più! Così va bene? Prendi le parole così come mi vengono, così sono, belle, piccole, povere e all'ultimo posto, ma non alla portata dei Sapienti, ma alla portata dei piccoli, quelli che Tu ami e che hai amato da sempre, Gesù! Gesù: Eccomi nell'essere Piccolo, Povero e all'Ultimo Posto, così come lo Sono i Due Giovanni, Pio, Carlo e Domenico nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce>......E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi sempre a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Il Banchetto è pronto, preparato per le Spose e preparato per ognuno di voi! Prendete parte al Banchetto del Padre con i vostri Cari, Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli, nel Fare Festa e nel Rimanere nell'Arca e nel Remare e nel Vigilare: i falsi profeti avanzano ancora, ma voi avete la Destra... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...Combatteteli, Figli Miei! Giulia: Gesù, Ti consegno ancora le Pietruzze e tutti i cuori della Famiglia e tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere: Portali al Cuore del Padre! Gesù: Eccomi, Sposa del Mio Cuore! ............PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Ancora... Gesù: Altri Fiori che Sbocciano Dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Sono rimasto colpito da tutto "quel Flagello" che la Cocciuta si è bevuto al punto da svenire......, tutta piena di sudore nel bersi quei Sigilli......! Gesù: L'hai sentito cosa ha voluto in Regalo? E Io gliel'ho fatto! Quando le prometto un Regalo, poi Me lo chiede e non posso dirle di no! Don Vincenzo: Ma quel Regalo era speciale, di una "sofferenza micidiale e devastante!" Gesù: E lei lo desiderava! .........Come state, tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: E quando si promette un Regalo, come faccio a dirle no a questa Cocciuta? Chiede ancora di essere Cocciuta! Ma poi gliene ho fatto un altro, le ho dato un altro pezzettino, era rimasto piccolo piccolo ed era anche aperto! E lei ha detto che bastava quello che aveva e ne era rimasto così, vedete: <Gesù indica l'unghia del suo dito medio> Le poteva bastare un pezzettino così? E le ho donato un altro pezzo così: <Gesù allarga le braccia di almeno un metro> Avete preso la misura, eh? <Si ride un po'> Cosa hai sentito ancora? ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù, vale sempre quella situazione di pericolo grave in cui la Cocciuta si trova? Gesù: Eh, si... e più si va avanti con i Sigilli e la Verità Tutta Intera e più il pericolo aumenta... ma non preoccupatevi, la Cocciuta deve Fare le Cose del Padre...! ......Ehi, Domenico Lentini, svegliati! Domenico Lentini, Domenico Lentini? Non fare finta di dormire, apri gli occhi, eh, eh, apri! Se non apri gli occhi, arrivo e ti metto in bocca un pezzo di melone: eccoti, hai visto, hai sentito il pezzo di melone che ha fatto così? <Gesù schiocca le dita> Ehi, Domenico Lentini, se non ti svegliavi, venivo a metterti un pezzo di melone in bocca........., eh, eh, facendo così si è svegliato! Non hai mangiato oggi...... non t'hanno fatto mangiare, hai mangiato i pesciolini che passavano nell'acqua, non Mi hai visto? Mi hai visto passare nell'acqua? ...E tu? <Gesù si rivolge anche a Davide Mario> Eri impegnato a stare sotto, eh, eh, ma Mi hanno visto tutt'e due! Don Vincenzo: Gesù, quando è svenuta la Cocciuta, mamma che paura.........! Gesù: Vi siete spaventati? Don Vincenzo: Eh, sì! È caduta come un sasso...! Gesù: E non era tanto leggero quel Flagello che ha bevuto! Don Vincenzo: Eh, mi sa che era tanto tanto Pesante! Gesù: Eh, si! Don Vincenzo: E si vedeva da come soffriva......! Gesù: Ma adesso l'ha Bevuto, è il Regalo che le ho fatto...... e quel Sigillo non esiste più...... e lei l'ha fatto per ognuno di voi e per l'Umanità intera! Eh, si... eh...! Dopo la dottoressa va a controllare se il "Filo" si è allungato! Teresa: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Era un Flagello Grande? Gesù: No, era un Sigillo, l'hai sentito? Don Vincenzo: Gesù, i Sigilli e i Flagelli li hai abbinati o no? Gesù: Dipende dai colori eh, eh... <Si ride un po'> ...Se si abbinano! Così vi faccio ridere e vi sollevate un po'! Ci sono colori che si abbinano e colori che non si abbinano! Don Vincenzo: Difatti! Gesù: Ma la Cocciuta questo Sigillo l'ha voluto Bere, ma pregate ancora voi: "Ave Maria-Padre Nostro" per quelle Mura Insanguinate, pregate per quella Barca affondata e pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Lei li mette nel Mio Cuore, Io li metto nelle vostre preghiere: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro"! ...Eeeh, cosa c'è, non vuoi dirmi niente? Don Vincenzo: Si! Gesù: Abbiamo parlato un bel poco Io e la Cocciuta e poi ho dovuto mettere l'altro "filicino"! ......Ora parla tu! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Eccomi! Eccomi! Eccomi! Don Vincenzo: Hai detto prima che molti altri falsi profeti stanno avanzando! Gesù: ! Don Vincenzo: E Domenica pomeriggio, 14 Luglio, la Mamma ci aveva detto che proprio questi falsi profeti si sarebbero pure vantati nel dire: "io posso togliere il male!" Gesù: Si! Don Vincenzo: Mentre invece solo Dio può togliere il male e ogni errore! Gesù: Si! Don Vincenzo: Perché solo Lui è la Vita Eterna e L'ha Donata ad ognuno, lasciandoci liberi di camminare per la Viuzza Stretta o per quella larga! Gesù: Ma tu hai il Potere di alzare e di abbassare la mano e anche lo Strumento, e lo Strumento, quando vede un falso profeta, te lo indica subito e lo vedi anche tu per Volere del Padre! Ma non temete se gli uomini ridono quando sentono la Verità Tutta Intera che viene detta e che attimo dopo attimo cresce sempre di più...! Lo Strumento ha il compito di dire la Verità Tutta Intera e il Padre l'ha Mandata per questo! ......Rideranno, ma il loro ridere diventerà pianto per loro, perché rimarranno senza occhi e senza udito! E rimarranno senza Pane perché i "Grandi" andranno alla Giornata per un Pane, mentre coloro che soffrono saranno saziati in abbondanza e Carlo, Pio, Domenico e i Due Giovanni daranno il Pane, quello che il Padre ha preparato da sempre! .........Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Che bello, Gesù, questo essere fedeli al Padre, e che bella questa Figliolanza Divina! Gesù: Rimanete nella Figliolanza del Padre! L'Arca il Padre l'ha preparata per ognuno di voi, ma l'Arca è lo Strumento, l'Arca è Mia Madre, l'Arca sono i Remi, l'Arca è Dio in mezzo a voi e chi rimane fuori dall'Arca rimarrà come la spiga vuota: non crescerà ma verrà bruciata e gettata via! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro" e non temete gli uomini ma abbiate il Santo Timore del Padre, Figli! ...Io Mi dono, tu ti doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Allora Doniamoci nel Fare Festa col Padre che si Dona in Abbondanza e nel Fare Festa con lo Strumento che rimane ancora Crocifissa per Amore dopo il Flagello che ha Bevuto e rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo. Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino e dice:> Gesù: Questa è la Mia Carne! <Gesù dona il resto del Pane a Don Vincenzo che Beve e Mangia> Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! Questo è il Mio Sangue! Gesù: Ora Doniamoci nell'Amore! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto> Ecco, Io Mi sono Donato e tu ti sei Donato! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Il Banchetto del Padre è Pronto, è Pieno per le Spose che sono Entrate e per ognuno di voi! Lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore, ad Inzupparsi e a Bersi! Prendiamo ancora parte al Banchetto del Padre? Don Vincenzo: Con tutto questo Ben di Dio! Gesù: Prendiamo parte? ...Ehi, è un regalo per Me? Don Vincenzo: Si! Gesù: Tu leggi e Io apro! Ehi, Mi hanno portato un cuore, eh, è bello! Cosa c'è scritto? Don Vincenzo: "Manuel e Miriana" Gesù: Eh eh! Don Vincenzo: "E' meraviglioso Amarti, Gesù" Gesù: Eh...! Don Vincenzo: "Manuel e Miriana" Gesù: Eh, e anch'Io vi amo, eh! C'è un Fiocco Celeste sul cuore, Io come glielo devo donare il Fiocco? Don Vincenzo: Tu lo sai! Gesù: Celeste o Rosa? "Mò vediamo", dice Giovanni, eh! <Gesù manda un bacio a Manuel e Miriana> Don Vincenzo: Leggiamo? Gesù: Leggi! Don Vincenzo: "Gesù, da quando Ti seguiamo, tutto è molto più semplice! Aiutaci sempre a farci rimanere sulla Via Stretta che è l'Unica Via della Salvezza! Ti amiamo! Manuel e Miriana!" Gesù: E anch'Io vi Amo e vi porto per mano sulla Viuzza Stretta, bimbi Miei! <Gesù manda un altro bacio e poi si applaude> Ma non vi ingelosite, vi amo a tutti quanti! ...State bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Ehi, Eccomi! Eh, tu mangi? Don Vincenzo: Ora che mangiamo staremo ancora meglio! <Si ride un po'> Gesù: Si, è il Banchetto del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E al Banchetto del Padre si sta bene quando si prende il Cibo del Suo Amore, eh! ............C'hai la tosse, Paolo? Paolo: No! Gesù: Allora stai ingoiando perché vuoi mangiare, è così? Paolo: Si, è così! Gesù: Hai appetito e l'appetito del Padre è buono! Se sentite appetito del Padre, è meraviglioso! Paolo: Eccomi! Gesù: E allora Io devo mangiare pure......! Buon Appetito del Padre...... Me la dai una forchetta, grazie! Eh, si, questa la doniamo alla Cocciuta come sempre, ma volete che vede l'erbetta dopo tutta la Gioia che ha ricevuto, eeeh? ...Si, Eccomi...... ora ti rubi il piatto come sempre? <Raffaele taglia la carne che è nel piatto di Gesù e Giuseppe aiuta nel servire. Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Ehi, tu ci doni l'acqua? Eh, si, l'Acqua, l'Acqua Zampillante, quella che non vi fa avere sete di niente altro e il Cibo del Padre non vi fa avere fame di niente altro! ...Vai, non ti preoccupare! <Gesù si rivolge a Raffaele che dona i bicchieri con l'Avanzo a Manuel e Miriana> E buon appetito! Don Vincenzo: Anche a Te! Gesù: Anche a Me, col Cibo preparato dal Padre, con il Banchetto pronto preparato da tutti i Servi Inutili e anche da Carlo, Pio, Domenico e i Due Giovanni, si! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ciao, mamma... ciao, mamma, come stai? Maria Elena: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: Come sta papà'? Maria Elena: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: Siamo andati a trovarlo... eh, si, l'abbiamo aiutato! Mammina, lo sai che ti vogliamo tanto tanto bene? Ma tu non ti devi scoraggiare e non devi fare il muso lungo e non devi piangere, eh, eh! Mammina, mammina, non devi fare così! E sai quando battiamo i piedi in quel modo noi? Quando mangiamo le caramelle che il nonno non c'ha portato e ce l'ha comprate la Cocciuta e ce le siamo mangiate, eh! ...Parla, non parli? E se non parli, donagli tre razioni più quella di papà, quattro, eh! Mammina, mammina, c'hanno regalato un vestitino nuovo e adesso, poi te lo facciamo vedere, hai capito? Eh, parla, vogliamo sentire la tua voce: mammina, non ci vuoi più bene? Maria Elena: Sììì! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sììì, eh, eh! <Si ride un po'> Ciao, mammina, saluta a papà, andiamo ancora ad aiutarlo, ha bisogno di aiuto! <I pargoli mandano baci> Bacini, bacini! <I Bimbi accarezzano il volto di Don Vincenzo> Ciao! Don Vincenzo: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ora dobbiamo andare ad Impastare, così sporchiamo ancora i vestitini con la farina! ...Ciao! Tutti: Ciao! <Raffaele porge in regalo delle maxi caramelle tipo chupa-chups> Bimbi di Mario e Maria Elena: Queste sono bombe! Io al nonno gli avevo detto di portare le caramelle latte e cioccolato! Sono latte e cioccolato? Se no gliela tiro in testa una! Sono uguali? Teresa: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Chi Me l'ha portate? Teresa: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Me le hai portate tu al posto del nonno? Teresa: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Allora gliela dobbiamo tirare in testa e visto che tu sei medico, tiragliela in testa, così poi lo guarisci! Ehi, non si apre vicepa', taglia, voglio vedere cos'è, ehi, ce la facciamo? Raffaele: Si, Gesù! Bimbi di Mario e Maria Elena: Io sono Emanuela la femminuccia, non sono Gesù! Dobbiamo vedere le caramelle... ehi, dentro sono cioccolato e latte? Mi sa di no, sono alla frutta, allora tirale in testa al nonno, vai, tirale in testa al nonno! Tieni, mamma, poi gieli tiri in testa a tutt'e due! Ciao, adesso dobbiamo andare ad Impastare, così alla testa crescono i capelli, eh, è giusto? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Gesù: I Due Servi Inutili sono andati ad Impastare come tutti gli altri Servi Inutili e stanno preparando il Pane per il Giorno di Maria e devono iniziare da adesso, il Pane che poi mangerete in quel Giorno e loro Lo iniziano per prima ad ImpastarLo! .........Cosa c'è, cosa c'è? Don Vincenzo: È tutta contenta la Cocciuta che ha potuto tenere i Sigilli! Gesù: Non la vede neanche l'erbetta e si sta Inzuppando e si sta Bevendo......! <Gesù si rivolge a Raffaele che ha tagliato il pane-pesce di cui dona coda e testa a: Angela, Franco, Miriana e Manuel> Si, è tutta contenta, ma il "Filicino" è arrivato così piccolo, ma adesso è cresciuto! ...Vicepa', tanto sei delegato, divertiti! Non dici nulla? Don Vincenzo: Quale preferisce la Cocciuta: l'erbetta o la carne? Gesù: L'erbetta la sta mangiando lei, la carne la sto mangiando Io, ma in questo istante lei non vede né l'una e né l'altra, ed è così Gioiosa di Inzupparsi e di Bersi nel portare al Padre le Spose che hanno donato la mano che assapora il Cibo del Banchetto del Padre e Lo dona ai nemici......! <Giuseppe serve l'acqua> Gesù: Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Quando la Cocciuta si Inzuppa e si Beve è il momento in cui lei Soffre e si Offre......! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché è il momento dell'Offerta! Gesù: ! Don Vincenzo: Questa Sete di Immolarsi, questo Amore Salvifico, ce l'ha sempre durante la Giornata? Gesù: ! Don Vincenzo: Perché è la molla con cui lei risolve ogni problema, specialmente quelli più dolorosi e più difficili......! Gesù: ! Don Vincenzo: Praticamente più si Beve, più si Inzuppa e più Soffre, e più Espia! Gesù: , ma Soffrire per lei significa: Amare! Don Vincenzo: È quello il Momento dell'Amore Massimo! Gesù: ! Don Vincenzo: E con quella Offerta lei strappa a Te e al Padre quelle Grazie che magari nessun altro penserebbe di strappare! Gesù: ! ...Venite col "niente", figlie... Eccomi! ...Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Ti raccomando, eh, vicepa', cosa sussura il tuo cuore? Raffaele: Che non va bene! Gesù: Non ho sentito! Tu hai sentito? Don Vincenzo: Mi sembra che ha detto: "non va bene"! Gesù: Vuoi un bicchiere di vino o un bicchiere d'acqua? Raffaele: Quello che dici Tu! Gesù: Tutt'e due! Raffaele: Eccomi! Gesù: Bevi un bicchiere di vino e un bicchiere d'acqua! Cosa significa per te bere un bicchiere di vino e un bicchiere d'acqua? Raffaele: Significa Fare la Volontà del Padre! Gesù: "Fare la Volontà del Padre"! Io l'ho risposto, se avete capito, avete capito! ...Che Mi mangio? Ehi, ehi, sei sveglio adesso che si mangia, ehi, Domenico Lentini e Davide Mario, ! ...Mi rubi il piatto e, dopo che Mi rubi il piatto, cosa Mi doni ancora da mangiare? Raffaele: Posso, Gesù? Gesù: Non Mi sono fermato al Banchetto delle Spose a mangiare, adesso Mi sono fermato al vostro, quello che il Padre vi ha Donato e così sono dovuto andare a "pulire" un poco e non avevo avuto il tempo di mangiare! ...Solo questo? ...Tu non mangi? ...Eh, ciao! Chiara: Ciao! Gesù: Ma questi sono quelli che ha mangiato Giovanni e li ha preparati di nuovo la stessa creatura? <Gesù si riferisce alle bruschette, come c'erano Giovedi scorso> Raffaele: Eh, non lo so! Gesù: Le hai preparate tu? Alessandra: Io! Caterina: Alessandra! Gesù: Mi sa che te ne faccio mangiare dieci! <Si ride un po'> Dove sono, dove sono andate? Falle mangiare tre, aspetta, metteci un pesce sopra! Tu ti sei risparmiato il pesce! <Gesù si rivolge a Chiara> ...Ehi, era bella la Torta di Giovanni, ma tu Gli hai offerto la febbre come regalo, ma la Torta era bella o no? Tutti: Eccomi! Gesù: Parla un po', dimmi qualcosa! ...Avete mangiato tutti quanti? Tutti: Eccomi! Gesù: È tutto buono? Tutti: Eccomi! Gesù: Il Banchetto del Padre è sempre Buono! ...Dimmi qualcosa? Don Vincenzo: Sì, oggi eravamo seduti sotto l'ulivo io e Giuseppe, il marito di Giulia, e quello che è stato bello è che Giuseppe si è messo a fare il poeta e mi diceva: "senti questa Musica? Senti questa Pace che c'è in tutto il Giardino?" E lui come in un crescendo andava avanti sempre più e si immergeva in questa contemplazione e sempre più coglieva tutto lo scenario che avevamo intorno: i fiori, i frutti, l'acqua, l'aria, il sole, gli uccelli, le formiche, le foglie verdi, gli alberi, il venticello, l'erba...... tutta una musica che rimandava al Creatore, al Direttore d'Orchestra......! Gesù: Perché tu non lo facevi e non lo fai quando ti siedi a guardarMi? Don Vincenzo: Però da lui, Gesù, non me lo aspettavo, perché di solito è sempre indaffarato al lavoro e invece di colpo si è messo a fare il poeta, il musicista, il cantore......! Gesù: Faceva così: <Gesù schiarisce la gola......... e si ride un po'> Don Vincenzo: E faceva pure così...... e rovinava tutto! Gesù: Co-co-cò! Don Vincenzo: Sembrava una cornacchia! <Gesù schiarisce la gola e tossisce> Gesù: Ih, ih, ih! .........Come Faceva la Musica del Giardino di Dio! Don Vincenzo: Fuoriusciva da lui una profondissima pace in uno scenario in cui ogni creatura faceva la sua parte ed erano migliaia le creature che partecipavano a questa sinfonia! Gesù: Ancora non l'avete capito che ognuno di voi fa il proprio Lavoro nella Vigna del Padre? E così anche gli uccelli fanno il proprio Lavoro nella Vigna del Padre! Don Vincenzo: I fiori, i frutti, tutto sprigiona una Melodia d'Amore! Gesù: , tutti al Servizio del Padre, tutti ad inchinarsi dinanzi alla Volontà del Padre...... ma gli uomini non lo fanno! Don Vincenzo: Siamo proprio ciechi e sordi! Gesù: , ciechi e sordi! Don Vincenzo: Quante riflessioni fuoriuscivano in quei pochi minuti! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Si sentiva tanta Pace! Gesù: Non avete notato che lo Strumento veniva a dirvi: "perché rimanete seduti? Lavorate anche voi!" Don Vincenzo: Ah, sì! Gesù: Per ben tre volte è venuta a dirvi: "Lavorate anche voi!" Don Vincenzo: Difatti, ci ha invitati ad alzarci! Gesù: ! Don Vincenzo: E a metterci in un Atteggiamento di Comunione Fraterna riconoscendo in ogni creatura il Padre Creatore e con la Cocciuta che insisteva a dirci: "fate qualcosa anche voi...!" E lo stavamo facendo senza accorgercene perché stavamo ascoltando tutta quella musica paradisiaca e c'eravamo inseriti in questo Scenario Divino! Gesù: ...Ma non in Pienezza lo facevate......! Don Vincenzo: Che bello, Gesù, quando c'è la Pienezza! Gesù: , al Padre va donata la Pienezza, così come Lui vi Dona il Pane Tutto Intero! Don Vincenzo: ...Giovanni! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! State bene? <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce> Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi e anch'Io sto bene con voi! Ehi... è arrivato subito subito il caffè...! Ne vuoi un goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ne vuoi un altro goccio? No? Don Vincenzo: È bollente! Piccolo Giovanni: È bollente? <Giovanni soffia sul caffè> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mari'...! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nicò...? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Teré...? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa avete combinato ancora? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Nicola, Maria e Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Mari', ma cosa ti sei messa in testa? <Si ride un po'> Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nicò, tu che fai? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Nicola: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Cosa devo fare, dottoressa Teresa? Cosa devo fare con questi due? Eccomi! ...Mari'...! Chiedilo a Maria dove ho Celebrato! Don Vincenzo: Giovanni raccontami cosa hai combinato nel giorno della Tua Prima Messa il 16 Luglio Festa della Madonna del Carmelo! Piccolo Giovanni: Chiedilo a Maria dove ho Celebrato! Don Vincenzo: Maria dove ha Celebrato la Prima Messa Giovanni? Maria: A Lauria, nella chiesa di San Giacomo, la Sua Parrocchia! Piccolo Giovanni: , nella Parrocchia...! Chi l'ha inventata la Parrocchia? L'ha forse detto Gesù? Gesù ha spezzato il Pane in una casa umile, piccola mentre hanno detto: andate dove ci sono i tappeti e dove tutto è allestito in rosso! Io sono venuto Piccolo e Povero e poi, Gesù avrebbe detto di andare a preparare in una sala tutta lussuosa? Che ne pensate? Quante cose ancora dovrete sentire di ciò che è la Verità Tutta Intera...! Non temere, Capanna Mia e non temere neanche tu, dottoressa, c'è Zio Mario! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: C'è per tutti quanti..., ma non prendetevi il dito con tutta la mano...... lasciate un pochettino di braccio... poi ve lo dò dopo...... Ci sono le spine? E se ne trovo una la tatiniamo? La tatiniamo! ...Tu lo vuoi questo? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: E se trovi una spina che fai, la mangi? Vediamo... ma il sale non l'hai tolto? Tatina: No! Piccolo Giovanni: Perché non l'hai tolto? Tatina: Diciamo che non l'ho tolto..., la manina è andata un po' più giù: l'ho messo io il sale... Piccolo Giovanni: Si può mettere il sale al baccalà? Si può mettere il sale dove il Padre l'ha messo in abbondanza? Tutti: No! Piccolo Giovanni: Questa Mi combina sempre guai: o Mi lascia le spine, o Mi mette il sale! Che devo fare dottore'? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh, , col sale ci vuole l'acqua poco a poco... Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eh? Don Vincenzo: Quando vedevi Dio o vedevi la Madonna, lo dicevi a qualcuno? Ti consigliavi con qualcuno? Piccolo Giovanni: No..., Me l'hai già fatta questa domanda...! Don Vincenzo: Era, quindi racchiuso tutto nel segreto? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Ah, quindi..., non facevi trapelare nulla? Piccolo Giovanni: No! Solo la Cocciuta l'ha visto e l'ha sentito...! Don Vincenzo: Oltre alla Cocciuta nessun altro sapeva...... Piccolo Giovanni: ! L'hai sentita Maria cosa ha detto? "I cuori sono chiusi...!" Lo sono sempre stati! Don Vincenzo: Erano frequenti gli incontri che avevi con Dio? Piccolo Giovanni: Attimo dopo attimo! Così come lo Strumento: attimo dopo attimo! Quando si presentavano i figli dovevo chiedere al Padre cosa fare! Don Vincenzo: E venivi guidato in tutto? Piccolo Giovanni: Non dimenticarti: come lo sei tu Calice Vivente, lo sono anch'Io! Io ho fatto quello che dovevo fare e non ti lascio e non lascio nessuno di voi, ma devi terminarla tu la seconda parte del Solco! ...Mi sa che stasera la tatino... non ci sono le spine, ma c'è il sale! E così la devo tatinare! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: C'è stato qualche momento in questi Tuoi anni in cui hai visto e hai parlato con qualcun altro, tipo Padre Pio, tipo Carlo, tipo la Cocciuta...? Tu con la Cocciuta avevi Visitazioni Quotidiane, Continue? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: C'era pure qualcun altro con cui avevi Queste Visitazioni? Piccolo Giovanni: ! Quando la Cocciuta parla col Cielo, parla con tutti e così anche Io! .........Ehi... è verde! <Raffaele gli porge il tovagliolo verde con cui Giovanni si pulisce la bocca lasciando l'impronta delle labbra> Ehi, c'è rimasto... il Mio Musino...! Perché Mi guardi, non parli? State tutti in silenzio? Don Vincenzo: Quindi, Giovanni, Tu parlavi con la Cocciuta e la Cocciuta parlava con te? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Ma era quotidiano questo rapporto? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Quindi, non c'era bisogno che Tu venissi con la macchina da Lauria a Timparelle? Piccolo Giovanni: Venivo con la macchina quando dovevo incontrare tutti i figli! Don Vincenzo: Ma qualcuno si è accorto di qualcosa? Piccolo Giovanni: Lo Strumento! Don Vincenzo: E oltre lo Strumento? Piccolo Giovanni: Maria non se n'è accorta! Chiediglielo! Maria: Io no, ma forse Peter, si! Piccolo Giovanni: Un poco si! Mi ha seguito dal primo istante e non Mi ha mollato! Ha visto la Luce del Padre! Eh, si! Don Vincenzo: Ha avuto questo dono? Piccolo Giovanni: Si, ha avuto questo dono e ce l'ha ancora perché dice sempre alla Cocciuta "ti amo, Amore mio", e questo si dice solo al Padre, "ti amo, Papà, sono innamorato di Te", e questo si dice quando c'è la Luce di Dio! ......Nico'! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu non gridi per niente? Nicoletto: Un po' si! Piccolo Giovanni: Vai avanti!(*) ...E allora come state? Don Vincenzo: Bene! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh, si, tutti bene! ...Devo venire a scavare le pietre? Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora c'ho da lavorare perché ci sono le montagnette! Eh... Eh... Eh... Ehi, ma Io cosa ho mangiato solo il baccalà? Non Mi date niente altro? ...A voi sembra un chiacchierare, ma Io non sto chiacchierando! ...Ehi, è arrivato prima il Miscuglietto che il mangiare! Giuseppe, se ci pensi un altro poco per portarmi da mangiare ci vuole l'altro Giovedì... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Tu non lo prendi? Don Vincenzo: Preferisco di no! Piccolo Giovanni: Preferisci di no? Allora bevilo tu, Chiara! Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cin-cin! ...Ah, è buono! ...È buono il Miscuglietto? Qualcuno: È buono, si! Piccolo Giovanni: Figli, Ogni Parola che viene detta esce dal Cuore del Padre! Voi pensate che i Servi Inutili sono lì attaccati al muro come li mettono gli uomini, ma i Servi Inutili non rimangono attaccati al muro perchè i Servi Inutili fanno le Cose del Padre e facendo le Cose del Padre e rimanendo nella Famiglia del Padre, ci sono gli attimi dove si combatte e si lavora e ci sono gli attimi dove si gioca col Bimbo Dio, e così anch'Io gioco con i bimbi che siete tutti voi, ma il Gioco di Dio è fatto sempre d'Amore e di Verità Tutta Intera! ...Gli uomini dicono "ma Dio questo non lo fa, non ha tempo", ma Dio Viene, si è Fermato ed è Sceso nella Famiglia, si combatte ma si rimane uniti nel dire ai propri figli "guardate, Sono Vivo e Sono un Padre, e un Padre con i propri figli gioca per donare l'Amore Pieno! C'è il Tempo del lavoro ed il Tempo di giocare!" E visto che si è nell'Arca, quando sentite qualche parola che può scandalizzare coloro che dicono che queste parole Dio non le può dire, allora chiedo: chi è che può vietare al Padre di giocare con i propri figli?(*) Chi può dirlo? È libero il Padre di fare le Sue Cose? E allora fatele anche voi: giocate col Padre perché è Bimbo ma vuole essere chiamato Papà, Dio Bambino nel giocare con i propri figli! ...Hai capito? ...Bravi, fate sempre le Cose del Padre! ...Non hai niente da dirmi? ...Sono un Giovanni scocciatore? Tutti: No! Don Vincenzo: Sei Giovanni Capriccioso! Piccolo Giovanni: Si, sono Giovanni Capriccioso e faccio i capricci! ...Cosa c'è, Famiglia di Dio? Sono tristi i vostri cuori? Tutti: No! Piccolo Giovanni: E allora vigilate e combattete con la Schiera di Maria, combattete con tutti i Servi Inutili, combattete con i vostri Cari, perché Loro lo stanno facendo per voi, e voi aiutateli e non fermatevi, Figli Miei!(*) ...Domenico Lentini, il Padre ti ha donato un compito: gliela vuoi donare la tua mano al Padre? <Domenico annuisce> E tu, Davide Mario, tu che porti il Mio Nome, la doni la tua mano? Davide Mario: Si! Piccolo Giovanni: Si risponde "Eccomi"! Davide Mario: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora sono sicuro di poter combattere! ...Tu cosa Mi doni? Antonio figlio di Raffaele: Il mio cuore! Piccolo Giovanni: Il tuo cuore Me lo hai già donato! ...Aspetto i cuori spalancati di ognuno di voi, Figli Miei, così avendo i cuori spalancati, posso far scendere ancora di più le Grazie di Maria! Lo Strumento viene a poggiarsi sul Mio Cuore ed Io Mi vado a poggiare sul Cuore di Maria per far scendere le Grazie, e Dio fa scendere le Grazie a chi spalanca i cuori, mentre a chi offre le pugnalate, gli sputi e le bestemmie al Cuore del Padre, non scendono le Grazie, ma cade su di loro la Mano del Padre... ma rimangono sempre figli! Lo Strumento si inzuppa e si beve... l'umanità è sorda ed è cieca ma lei si inzuppa e si beve! Ma vigilate: quando Io dico "chi si mette contro di Me gli succede qualcosa di brutto o muore", allo stesso modo per chi si mette contro Dio che cosa gli succede? Don Vincenzo: Certamente qualcosa di negativo! Piccolo Giovanni: Si, certamente qualcosa di negativo! Dio è Amore Infinito ma abbassa anche la Mano, e lo Strumento dice "aspettiamo ancora, non abbassarla fino a terra ma tienila sollevata ancora un po' "! Teniamola sollevata la Mano del Padre dicendo "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro"! ...Vi lascio il Filicino un po' allungato! Vi lascio ancora il Mio Cuore, ma lascio il Filicino alla Destra del Padre! ...Mari', Nico', Tere'! Maria, Nicoletto e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Capanna che è rimasta, vi voglio tanto bene! Maria, Nicoletto e Teresa: Anche noi! Piccolo Giovanni: Non fermatevi dinanzi ai temporali che arriveranno ancora! Maria, Nicoletto e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E non fermatevi neanche voi, Famiglia Mia! Tutti: Eccomi! <Giovanni schiocca un bacio che viene ricambiato> Piccolo Giovanni: Il Filicino è con voi e col Padre!(*) Don Vincenzo: Gesù...! Gesù: ...Con la Croce e col Pane! ...Giovanni è andato a lavorare, a preparare gli altri Sigilli! Voi volete ancora il Mio Pane? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: È l'Unico che c'è! Gesù: Allora devo andare ad impastare anch'Io il Pane Grande nel Giorno della Festa di Mia Madre insieme ai Pargoli uniti a tutti i Servi Inutili! È un Pane Grande che vi verrà donato nel Giorno della Festa di Mia Madre, la Festa preparata per ognuno di voi, mentre quella che è scritta sul Calendario è scritta dagli uomini! ...Ora Io vado! Tu, Calice Vivente, Saluta con l'Albero Verde, mentre Io spalanco ancora le Braccia sull'Albero dell'Amore, Figli Miei! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni, lo so che devi andare ad aiutare anche Tu ad impastare e a preparare gli altri Sigilli! Sei rimasto contento anche Tu? Il Padre me l'ha fatto bere uno! ...Gli altri, mi hanno promesso che posso tenerli, e adesso ci sono gli altri che Tu preparerai e se qualcun altro lo posso bere... Piccolo Giovanni: ...Ora non chiedere troppo! Giulia: Tu pensaci un poco, ce ne sono tanti, e se qualcuno lo bevo e gli altri li posso tenere... le pietruzze torneranno a Casa!(*) ...Eccomi!(*) ...Ora vai, dopo ci vediamo!(*) <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> ...Ciao, Capriccioso!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, eccomi per il Regalo: è stato bellissimo!(*) ...Lo so che ce ne sono tanti altri!(*) ...Eccomi per il Filicino Aggiunto!(*) ...Papà, ho visto che l'Arca può crescere ancora un poco, ed anche i Remi!(*) ...Portiamo pure la Cupola a salvarsi? Il Padre: Dove prendi tutto questo Amore, Anima Mia? Giulia: Dal Tuo Cuore, dal Cuore della Croce!(*) Il Padre: Conosci ogni cosa e...il Sangue Innocente bagna ancora le Mura di Roma, Anima Mia!(*) Giulia: Non posso andare a bere come ho bevuto il Flagello?(*) Il Padre: Ora accontentati di ciò che ti è stato Regalato! Giulia: Eccomi, Papà! Ma dopo posso venire a bussare ancora al Tuo Cuore e al Cuore della Mamma?(*) ...Io vengo, e visto che i Cari e il Cielo stanno Lavorando nel combattere, li salutiamo... con tutti i Cari! ...Ciao, Cielo Riverso! ...Ciao, Cielo Sceso! ...Ciao, Cari! ...Ciao, Figlio che sei sceso al Terzo Gradino!(*) ...Ci vediamo! ...Ciao, Mamma, che prepari il Tappeto della Scala del Terzo Gradino!(*) ...Ciao, ci vediamo dopo!

 

 

 

 

 

5. Giov. 25/07/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): ......Gesù, tutte le Spose Te le ho consegnate e sono Gioiose al Banchetto! Ti consegno i cuori che si sono affidati alle mie preghiere, Ti consegno i cuori che ho raccolto in quest'istante, Ti dono le Pietruzze, sono un po' scure... ma le ho lavate e le porto ancora nel Tuo Cuore! Tutto quello che mi hai consegnato, Te lo consegno attimo dopo attimo...! (Gesù): Non hai la Via che il Padre ti ha donato da sempre? (Giulia): Eccomi! La Via Porta all'Arca e ai Remi, Sto Remando per tutti quanti: per l'umanità intera...... e per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...! Gesù, il Tuo Abito oggi è Candido, l'hanno lavato le Spose che sono arrivate... hanno donato la mano... e hanno risposto l'Eccomi! Gesù, dona il Soffio a tutti i Figli, non è che l'hanno dimenticato ma sono un po' smarriti dai "rumori del mondo"......! Bevo ancora io...... e li porto ancora! (Gesù): GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! (Giulia): Eccomi! CI SONO I SIGILLI, SONO ANCORA SETTE, E SONO FATTI DI ACQUA E DI GHACCIO E CADONO A TERRA COME CHIODI ENORMI... E CADONO SULL'UMANITA' INTERA! CI SONO SOLO GRIDA E LAMENTI E IL GHIACCIO DIVENTA FUOCO! LA CUPOLA È COINVOLTA! C'È TUTTO UN GRIDARE E C'È TUTTO UNO SCORRERE DI SANGUE...... E NEL SANGUE SI UNISCE UN COLORE, VERDE E GIALLO, E POI C'È L'ALFA E L'OMEGA!

*******************

(Don Vincenzo): Un Grido d'Amore dev'essere più forte di tutti e di tutto! (Gesù): Si! Se non vi amate gli uni gli altri, com'è quello che Innalzate a Me? Vi Amate gli uni gli altri? (Don Vincenzo): Si, Eccomi! (Gesù): Sei sicuro? Non ho sentito nulla...! E tu, Antonia, dove hai messo i tuoi gioielli? Te li hanno rubati? (Antonia): No, li ho conservati! (Gesù): Li hai conservati? Ti eri fatta bella per Me, perché li hai conservati? Quando vi fate belle per lo Sposo, non dovete poi conservarli i gioielli! (Antonia): Li rimetto! (Gesù): Si, mettili, devi farti bella per Me e non devi ascoltare chi mormora, eh, eh! (Antonia): No, assolutamente no! (Gesù): Ora mettili...! Le Spose si preparano per lo Sposo, non si preparano per il mondo ma per lo Sposo e lo Sposo Sono Io, e le Spose devono essere tutte adornate per Fare Festa con lo Sposo! ............Cosa pensi dei Sigilli, li hai sentiti? Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette! E Giovanni ne sta preparando ancora!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: ...E rimango ancora seduta: Eccomi!(*) <Alla Glorificazione, Giulia è solita alzarsi in piedi, ma Gesù in questi ultimi Giovedì la sta Invitando a non farlo......!> Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> La Croce è Dio! E Io Sono il Figlio di Dio Mandato,...... <Gesù Benedice ancora col Segno della Croce> ...ma prima di Mandare Me, Dio Ha Piantato l'Albero... <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce> ...e Vedendo il Frutto Buono, nel Portare i Frutti del Padre, Mi Ha Donato dei Figli e Ho Versato il Mio Sangue Tutto Intero per Portarvi nel Cuore del Padre, per essere Gioiosi, per essere Famiglia, e quando si è Famiglia, si Spezza il Pane! E il Pane Cresce in Abbondanza... e il Padre Buono Ha Piantato l'Albero e dall'Albero Buono Crescono i Frutti Buoni, Figli, Fratelli e Amici dell'Albero della Croce! Amatevi gli uni gli altri, così come il Padre ha lasciato scendere il Suo Amore, così come il Padre ha Donato il Respiro ad ognuno di voi, così come il Padre, attimo dopo attimo, dona il Soffio, così come il Padre, attimo dopo attimo, vi Pianta come Croce per Far Nascere i Frutti Buoni, quelli del Suo Amore! Vigilate e non seccate......, l'Albero di Dio non secca mai e Ha Sete dell'Amore! .........Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Eccomi!(*) Gesù: Perché stai in silenzio? Giulia: Ho risposto "Eccomi", non sono rimasta in silenzio! Gesù: Non parli? Giulia: Non è che non voglio parlare con Te, Gesù... ma anche la Tua Famiglia è sorda ed è cieca! Cosa devo fare? Dall'alba sino adesso l'ho portata nel Tuo Cuore, Te la consegno... e basta! Cosa Facciamo, Gesù? Gesù: Lasceresti cadere uno dei tuoi nemici? Giulia: No, Gesù! Gesù: E cosa vuoi fare? Giulia: Remare e Portare tutti nell'Arca e nel Tuo Cuore! ......E Scortica ancora, Gesù! Gesù: Allora non Mi lasci? Giulia: No! ......Eccomi ancora per l'Eternità! Gesù: GUARDA, ANIMA MIA......! Mentre vedevo la folla e conoscevo come conosci tu, non solo dicevo al Padre: "Padre Buono, Tu che conosci ogni cosa e Mi hai donato ogni conoscenza, cosa devo fare? ...Piantare l'Albero e Far Crescere i Frutti? Eccomi!" L'Albero è Piantato e i Frutti sono stati Raccolti ed ora è Tempo di Combattere, Anima Mia......! Maria è dinanzi, e anche Tu, Giulia, sei dinanzi alle Schiere... ma i falsi profeti avanzano ancora! Giulia: Gesù, lo so che il Padre e Tu Siete Buoni da sempre, ma quanto Amore ancora lasciate scendere......! Gesù: Conosci la Misura... e la Stessa ce l'hai tu! Giulia: Eccomi, Gesù, mi sa che un Altro Pezzettino si è accorciato, ma il Filo lascialo adesso così...! Gesù: Guarda ancora, Anima Mia......! Giulia: Eccomi, Gesù! Non posso fare nulla? Altri Flagelli stanno scendendo......! Mi Inzuppo e mi Bevo! Gesù: Sono già caduti! Giulia: La mano non l'hanno donata... ma aspetta ancora un poco così mi Inzuppo e mi Bevo, Gesù! Gesù: ...Questi Flagelli devono scendere! Giulia: Ma posso aspettare che mi donano la mano, così li porto? Gesù: ...Questo tipo di Flagello non puoi prenderlo! Giulia: Allora Facciamo le Cose del Padre... ma poi, nell'Ultima Domanda, posso prenderli?(*) Facciamo le Cose del Padre: Eccomi, Gesù! ...Gesù tutte le Spose Te le ho consegnate e sono Gioiose al Banchetto! Ti consegno i cuori che si sono affidati alle mie preghiere, Ti consegno i cuori che ho raccolto in quest'istante, Ti dono le Pietruzze, sono un po' scure... ma le ho lavate e le porto ancora nel Tuo Cuore! Tutto quello che mi hai consegnato, Te lo consegno attimo dopo attimo...! Gesù: Non hai la Via che il Padre ti ha donato da sempre? Giulia: Eccomi! La Via Porta all'Arca e ai Remi, Sto Remando per tutti quanti: per l'umanità intera...... e per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...! Gesù, il Tuo Abito oggi è Candido, l'hanno lavato le Spose che sono arrivate... hanno donato la mano... e hanno risposto l'Eccomi! Gesù, dona il Soffio a tutti i Figli, non è che l'hanno dimenticato ma sono un po' smarriti dai "rumori del mondo"......! Bevo ancora io...... e li porto ancora! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi! CI SONO I SIGILLI, SONO ANCORA SETTE, E SONO FATTI DI ACQUA E DI GHACCIO E CADONO A TERRA COME CHIODI ENORMI... E CADONO SULL'UMANITA' INTERA! CI SONO SOLO GRIDA E LAMENTI E IL GHIACCIO DIVENTA FUOCO! LA CUPOLA È COINVOLTA! C'È TUTTO UN GRIDARE E C'È TUTTO UNO SCORRERE DI SANGUE...... E NEL SANGUE SI UNISCE UN COLORE, VERDE E GIALLO, E POI C'È L'ALFA E L'OMEGA! Gesù: Ora non parlare e non dire ciò che vedi... e Aggiungilo al Rotolo......! Giulia: Eccomi, Gesù! Ma posso bere anche questo? Gesù: No, berlo no, ma puoi tenerlo unito agli altri! Giulia: E allora mi Inzuppo e mi Bevo! Se non me lo fai bere, Eccomi nel tenerlo insieme agli altri, Gesù! Gesù: Porta i tuoi figli nell'Arca e Rema...... e Immolati ancora come tu sai fare! Giulia: Eccomi, Gesù! Poi parliamo, visto che sta arrivando il Giorno della Mamma...! Gesù, i "rumori del mondo" crescono nell'umanità intera e coloro che hanno tradito e tradiscono ancora seminano ancora zizzania: Tu la toglierai o posso andare io a toglierla? ......Perché sorridi? Gesù:Non sai quando è l'Ora? Giulia: Eccomi! ......Allora la lasciamo fino a quell'Ora... Gesù: ...E prenderai la falce in mano e la taglierai...! Giulia: Eccomi! Gesù, vedo che il Tuo Cuore Gronda Sangue! Gesù: Guarda il Grande Flagello della Cupola! Giulia: Cosa faccio, Gesù? Gesù: Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Giulia: Mi Inzuppo e mi Bevo pure? Lo faccio, Gesù...... sono figli! Gesù: Eccomi! Poggiati sulla Croce e prendi il Respiro! Giulia: Eccomi, Gesù! <Giulia inspira profondamente> Gesù: Ecco il Banchetto di Dio! Ecco i Servi Inutili! Ecco i vostri Cari! Ecco i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Ecco i Pargoli pronti a Lavorare nella Vigna e a Preparare il Banchetto per ognuno di voi, per tutte le Spose! Ed Ecco la Verità Tutta Intera della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E la Verità Tutta Intera del Pane Donato ad ognuno di voi, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccomi, Gesù, il Banchetto per le Spose, il Banchetto per ognuno di noi! Ed ecco tutti i nostri cari, Natanaele, Vittorio, Rossella, le Bimbe, i Pargoli, tutti a Lavorare e a Combattere con Maria e con le Schiere! Il Pane è sempre pronto ad ogni istante per accogliere le Spose, ma perdonaci se ancora non abbiamo capito il significato del Banchetto che ci doni! Gesù: Il Filo si è sciolto......! Giulia: Non Ti preoccupare, Gesù, quando avrete tempo lo aggiustate, ora abbiamo da Lavorare! Gesù: Come fai? Giulia: Come fai Tu, Gesù! Io non faccio niente, fai tutto Tu! Gesù: Pregate ancora per "le Mura Insanguinate!" Pregate ancora per il Legno Affondato! Giulia: Eccomi, Gesù! Ma metto ancora nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai Donato... e Scortica il Tuo Nocciolo! Gesù: Eccomi!(*) ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESÙ-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Che bello questo Colloquio tra Te e la Cocciuta! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Com'è stato Intenso e Profondo...! Gesù: Si! Don Vincenzo: La Cocciuta come sempre vuole Salvare tutti! Gesù: Vede l'Umanità... e vede tutto quello che il Padre le ha consegnato da sempre...! .........State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: ...Viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Dove vai? ......State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Ma questi Miei Figli ce l'hanno la voce? Don Vincenzo: Si, ce l'hanno e ora hanno gridato...! Gesù: Perché, tu li hai sentiti? Don Vincenzo: Si! Gesù: Io no! Don Vincenzo: Eppure hanno gridato forte! Gesù: Sei sicuro? E che ne pensi di un Grido d'Amore? Don Vincenzo: Un Grido d'Amore dev'essere più forte di tutti e di tutto! Gesù: Si! Se non vi amate gli uni gli altri, com'è quello che Innalzate a Me? Vi Amate gli uni gli altri? Don Vincenzo: Si, Eccomi! Gesù: Sei sicuro? Non ho sentito nulla...! E tu, Antonia, dove hai messo i tuoi gioielli? Te li hanno rubati? Antonia: No, li ho conservati! Gesù: Li hai conservati? Ti eri fatta bella per Me, perché li hai conservati? Quando vi fate belle per lo Sposo, non dovete poi conservarli i gioielli! Antonia: Li rimetto! Gesù: Si, mettili, devi farti bella per Me e non devi ascoltare chi mormora, eh, eh! Antonia: No, assolutamente no! Gesù: Ora mettili...! Le Spose si preparano per lo Sposo, non si preparano per il mondo ma per lo Sposo e lo Sposo Sono Io, e le Spose devono essere tutte adornate per Fare Festa con lo Sposo! ............Cosa pensi dei Sigilli, li hai sentiti? Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette, Sette! E Giovanni ne sta preparando ancora! Non sei preoccupato? Don Vincenzo: Eh, si! I Sigilli fatti di Ghiaccio che cadono a terra come Chiodi e c'è tutto uno scorrere di sangue......! Gesù: Ma non siete gioiosi di averMi con voi? Tutti: Eccomi! <Gesù si rivolge a Maria Elena> Gesù: L'hai sentito tu l'Eccomi? Don Vincenzo: E' stato forte! Gesù: Io sono diventato sordo! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Allora, Mi volete? Tutti: Eccomi! Gesù: E allora si fa Festa! Don Vincenzo: Eh, si! Gesù: Se lo Sposo è in mezzo a voi, si fa Festa! Don Vincenzo: E come no! Gesù: Tu quando prepari una Festa che fai? Raffaele: Mi vesto bene! Gesù: Eh, l'Abito Candido, , l'Abito Candido per incontrare lo Sposo, per gioire e Fare Festa! La volete la Festa del Padre? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu la conosci qual'è la Festa del Padre? Don Vincenzo: La conosco? Gesù: Si! Don Vincenzo: Essere Amato dai Figli! Gesù: Si, anche! Tu Sei il Calice Vivente, cosa c'è dentro il Calice? Don Vincenzo: Il Sole di Dio! Gesù: No, il Sole è nelle tue mani! Quando si fa Festa al Banchetto, cosa c'è nel Calice? Don Vincenzo: Il Sangue: il Tuo e il mio! Gesù: Io Mi Dono! Don Vincenzo: Anch'io! Gesù: Tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E questo è Fare Festa, questo è il Banchetto! Ma ancora non l'avete capito! Io Mi Dono e tu ti Doni, vuoi Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Allora inizia la Festa! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Doniamoci! Don Vincenzo: Doniamoci! Gesù: Così lo Strumento si Inzuppa e si Beve, si Spezza e si Dona, ma rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino e Gesù Beve> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Gesù dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù ne mangia un Pezzettino e dona il Resto del Pane a Don Vincenzo che Beve e Mangia.> Gesù: Questa è la Mia Carne! Ora la Festa del Padre è iniziata! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ma dovete Gioire e vedere Dio nei propri nemici! Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E il Nocciolo si lascia Scorticare ancora e Io Scortico i cuori di ognuno di voi, Figli! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù Rimane Seduto> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ne è rimasto? L'ho Versato tutto e tu L'hai Versato tutto? Don Vincenzo: L'hanno bevuto tutti! Gesù: Vi siete saziati in Abbondanza di tutto quello che il Padre vi ha Donato? Don Vincenzo: Eccomi, tutto in Abbondanza, tutto Buono! Gesù: È tutto in Abbondanza ancora! Don Vincenzo: Tutto Buono! Gesù: Tutto del Padre! Don Vincenzo: Tutto Gradevole! Gesù: E il "Nocciolo Scorticato" si è Scorticato ancora, si è Inzuppato e si è BevutoDon Vincenzo: Che Forza d'Amore Sprigiona la Cocciuta! Gesù: E si Dona ancora per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Il Banchetto è pronto! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Volete prendere parte ancora al Banchetto? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: È sempre Buono! Gesù: È sempre Buono ciò che il Padre dona ad ognuno di voi! Don Vincenzo:E' sempre in Abbondanza! Gesù: Prendiamo Parte al Banchetto! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Cosa vuoi prendere? Don Vincenzo: Prendo questi, ecco qua! Gesù: Ecco! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Mi sa che ti porteranno via il piatto...! Don Vincenzo: Eh! <Si ride un po'> Gesù: Eh, eh, e Io cosa prendo? Questo lo doniamo allo Strumento! <L'erbetta> È Gioiosa nel tenere i Sigilli! Raffaele: Eccomi! Gesù: I Sette Sigilli: Sette, Sette, Sette, ma questa volta non li ha potuti Bere! Eccomi! E non è che non sia Gioiosa, ma lo sarebbe stata ancora di più se glieli avessi fatti Bere... ma Io conosco l'Amaro e il Dolore dei Sigilli! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Figli, imparate a conoscere le Cose del Padre! .........Vai, sei delegato, divertiti! <Raffaele Dona i bicchieri con l'Avanzo a Tiziana e Maria Elena.> Imparate a Conoscere le Cose del Padre: capirete i Tempi, quelli che stanno Scendendo sull'Umanità e imparerete a vedere Maria con le Schiere e i vostri Cari e tutti i Servi Inutili nel Combattere la Battaglia del Cuore Immacolato di Maria, Mia Madre, la Madre di ognuno di voi, la Madre dell'Umanità Intera, l'Eccomi della Vittoria della Croce, l'Eccomi del Trionfo, l'Eccomi che vi ha Donato e vi Dona la Vita Eterna, Figli del Mio Cuore! Prendere parte al Banchetto è prendere parte all'Amore del Padre, a tutto ciò che Dio vi Dona attimo dopo attimo, ma dovete essere Vigilanti: il Banchetto è di Dio e non è degli uomini e non è del mondo e, quando ci si siede al Banchetto, è Dio che viene mangiato......! .........Vai! <Raffaele ha tagliato il pane-pesce e ne dona a Maria, Sara e ad altri> Non dimenticatelo, Figli Miei! Ora parla tu un po'! Don Vincenzo: Tu prima hai detto, Gesù, che è Dio che si mangia, è Dio che viene mangiato...! Gesù: Eh, Si! Don Vincenzo: Quindi partecipare al Banchetto significa partecipare alla Comunione col Padre, essere in Comunione col Padre! Gesù: Si! Don Vincenzo: E con Te e con la Mamma! Gesù: Senza pensare al Banchetto del mondo, ma prendere parte al Banchetto di Dio nella Misura di Figli, nel Donare al Padre l'Amore dei Propri Figli e Gioire Unendovi alla Gioia Piena del Padre! Vedi, Calice Vivente, Dio viene a portare la Verità Tutta Intera, viene a dire ai Propri Figli i Tempi, viene a dire ai Propri Figli che il Cielo è in mezzo a voi! Tutto ciò che il Padre aveva Scritto si è adempiuto, così come il Pane scende attimo dopo attimo! Voi Lo mangiate ma fate ancora fatica a SpezzarLo e a DonarLo ai propri nemici! Coloro che hanno tradito e tradiscono ancora Lo gettano! Lo gettano nel venderMi e nel comprarMi ancora, Lo gettano nel portare via l'Anima ai Figli, strappando ai loro cuori l'Amore che è Spezzato per ognuno di loro! Non solo chiudono la porta e Mi cacciano fuori ma chiudono la porta ai figli che hanno Fame e Sete! Mi vendono e Mi comprano anche in questo istante coloro che dicono di portare la Pace! ......Pregate: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Gesù: Ora parla un po' con Me, dimmi qualcosa? Don Vincenzo: Si! Gesù: State mangiando? Tutti: Eccomi! Gesù: Allora avete preso parte al Banchetto! Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Tutto è Buono del Banchetto......tutto è sempre più Buono! Gesù: Tutto è del Padre e ciò che viene dal Padre è Buono, quando viene gustato col cuore! Don Vincenzo: E' ancora più Buono! Gesù: Le Cose del Padre devono essere gustate col cuore e il Banchetto è il Padre! Questo non si mangia, questo si! Eccomi, donateMi il "niente", Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Che c'è, fai rumore? Gesù: Si, faccio rumore! Ti raccomando: niente scarsetto scarsetto e poi divertiti e ti raccomando, quella mangia per quattro! <Maria Elena> Mi finisco il Mio ossetto, ecco, vi meravigliate? Alcuni: No! Gesù: E' Mio! <Si ride perchè Raffaele fa il gesto di prendere l'osso del pollo> Ora puoi prenderlo, l'ho pulito! ......Tutte le Cose del Padre hanno un sapore! Don Vincenzo: Ah, Gesù, all'inizio ho fatto una riflessione sul Risveglio, sull'Abito del Risveglio da indossare come ringraziamento al Padre per il dono di un'altra Giornata! Gesù: E' bello l'Abito da indossare nel Risveglio e com'è bello donare il cuore al Padre! Don Vincenzo: È bellissimo! Gesù: Si! Don Vincenzo:OffrirGli tutta la Giornata e offrirGli tutti gli attimi! Gesù: Si, così come fa lo Strumento: gli dona tutto quello che gli è stato donato da sempre! All'inizio aveva detto: "prendi tutto", ma non vi lascia un solo istante, eeeh! Don Vincenzo: E noi dobbiamo fare altrettanto......! Gesù: Il "Filicino" L'ha donato tutto intero ed è rimasto piccolo così! <Gesù indica un piccolo spazio tra pollice e indice> Quando verrà a consegnare le altre Spose glieLo cucio di nuovo! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Adesso è piccolo così il "Filicino", ma non si ferma di Inzupparsi e di Bersi e di tenere tutti i Sigilli! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ehi, ciao mamma, ciao mamma! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non mangi, mamma, stai bene? Maria Elena: Adesso mangio! Bimbi di Mario e Maria Elena: Che fai? Maria Elena: Voglio un abbraccio! Bimbi di Mario e Maria Elena: Vuole un abbraccio, vieni: perché non sei venuta anche Giovedì Scorso? Maria Elena: Eh! Bimbi di Mario e Maria Elena: Perché ne volevi due? Adesso te ne doniamo quattro! Mamma, qui c'è un osso, e io come faccio ad abbracciare un osso? Eh, eh, vedi! Mammina, io sono il maschietto e io sono la femminuccia, eh, eh, eh, eh! <Mentre Emanuele accarezza la mamma sulle spalle, Emanuela lo fa sul sedere e sulla testa> Mamma, "pacca- pacca- pacca- pacca", e fai "pacca- pacca- pacca- pacca" a papino <Accarezzano le guance della mamma> Anche lui è un ossetto, eh, eh! Dobbiamo farli di pane incicciottati, eh, come il nonno vecchio, eh, eh, e come la nonna, eh, Filomena incicciottata, e così quando facciamo pacca-pacca... tocchiamo la ciccia, si, incicciottata! Così quando facciamo: "pacca-pacca-pacca", tocchiamo la ciccia! Adesso non è che ti metti a piangere, mamma, così la ciccia si incicciotta e: "pacca-pacca-pacca-pacca"! <Accarezzano il braccio della mamma, poi mandano baci> Saluta papà, ma tanto andiamo noi ad aiutarlo! Le hai comprate tu, non le ha comprate il nonno? <Le caramelle> Maria Elena: Le ha comprate lui! Bimbi di Mario e Maria Elena: Dopo che tu hai fatto: bum, bum e bum! Ciao, cuginetti! Davide Mario e Domenico Lentini: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Mangiateli un po', ma quelli sono duri e li mangia solo il nonno perchè i nostri dentini mangiano il pane morbido! Eh, Si, donagli quella dura al nonno e quelle morbide ai cuginetti! Raffaele: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: No quella, ......ma questi al nonno, ecco! Giuseppe: Questa qua! Bimbi di Mario e Maria Elena: E si quella, non tutti, uno solo, eh, e alla nonna e a mamma quelli che sono nella busta, sì, una, gli altri ce li mangiamo noi! Tu ne vuoi una? Don Vincenzo: Si! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, una di quelle che è nella busta non quella dura, quella dura è per il nonno, eh, e alla nonna quella morbida, ecco, questa, tie'! Don Vincenzo: Grazie! <Ma uno dei bimbi si riprende la caramella dalla mano di Don Vincenzo> Bimbi di Mario e Maria Elena: No, a te ti dò questa, tie', ecco! Don Vincenzo: "Mao-mao!" Bimbi di Mario e Maria Elena: "Mao-mao!" Io sono Emanuele e io sono Emanuela e, visto che siamo gemelli, le mangiamo tutt'e due uguali! Hai mangiato? Ma quella la puoi mangiare, due, meglio: quattro! Maria Elena: Quattro? Bimbi di Mario e Maria Elena: Si! ...Eccomi, viceparroco! ...Ciao! Tutti: Ciao! <Mandano baci> Bimbi di Mario e Maria Elena: Il nonno la sta mangiando quella dura? Mò vediamo come la rompe, donategli un martello! Ciao! Don Vincenzo: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! <Accarezzano Don Vincenzo e mandano altri baci> Gesù: Ora sono andati ad Impastare e a Combattere con Maria! E le Schiere stanno avanzando e il Figlio che è rimasto ad aspettare è sceso di un altro Gradino! Tutto è pronto, ma l'umanità intera non è pronta per accogliere l'Amore del Padre: tutti corrono di qua e di là ma nessuno si vuole fermare e nessuno vede l'Arca e nessuno vede i Remi! I farisei di ieri e di oggi conoscono l'Arca e i Remi e prendono il Pane ma Mi vendono e Mi comprano ancora, eeeh! Non Mi date più nulla? No, no, si, ecco, eh, Giovanni mangia quella e poi Me ne dai un po'? <Salsiccia> Tu non mangi più niente? Ecco eh, eh, eh, e basta così, eeeh, parla! Don Vincenzo: Gesù! Gesù:...L'hai sistemata, vicepa'? E gli altri li hai sistemati pure? Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Poco fa hai detto che i farisei di ieri e di oggi si affannano dietro alle cose del mondo e cercano sempre la via larga e non si rendono conto che è proprio Ubbidendo a Te trovano la Verità e la Luce! Gesù: Non è che non si rendono conto, loro conoscono e Mi vendono e Mi comprano! ...Ehi, aspetta che devo fare il panino, ecco, di solito Giovanni fa così, vediamo, eh, eh, è bello incicciottato! <Gesù mette la salsiccia tra due pezzetti di pane> Don Vincenzo: Gesù, stavi dicendo che loro Ti conoscono e quindi è ancora più grave il loro tradimento...! Gesù: Si! E ancora più grave è che non vogliono accoglierMi, così come Mi hanno rifiutato, così come hanno gettato il Pane che il Padre ha Donato a tutti i Figli! Vedi, Calice Vivente, I FARISEI DI IERI E DI OGGI CONOSCONO LA VERITÀ, HANNO MESSO IN CROCE COLUI CHE È STATO MANDATO DA DIO PENSANDO DI PRENDERE L'EREDITÀ, MA IL PADRE GLIEL'HA TOLTA E MI VENDONO E MI COMPRANO ANCORA! Ma Dio non lascia nelle mani di coloro che hanno tradito e tradiscono ancora le Sue Cose! Non vi scandalizzate, Figli! Dio è Padre Buono e chiede ad ognuno di voi di pregare: "Ave Maria-Padre Nostro" per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! E lo Strumento gli dona le Pietruzze e si Immola per ognuno di loro! Ma voi neanche potete immaginare quanto Sangue scorre su quelle Mura: Sangue Innocente! Pregate ancora: "Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Gesù: Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Se è Sangue Innocente, quindi, è Sangue anche di fanciulli? Gesù: Si! Ma pregate! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro!" Gesù: Ecco! Don Vincenzo: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Gesù: È buono il Banchetto del Padre! Don Vincenzo: È sempre Buono! Gesù: Così com'è Buono il Padre con tutti i Figli! Don Vincenzo: Si, e vuole la Famiglia riunita! Gesù: Ma i farisei di ieri e di oggi la dividono la Famiglia e portano via la Piccola Chiesa strappando ciò che Dio ha Donato ai Propri Figli, e portano via l'Eredità dicendo di donargliela poi loro......! Quando si è Piccoli e Poveri si è nell'Eredità del Padre...... e non quando si va dai poveri e non si porta il Pane di Dio...! I Piccoli e i Poveri vengono ancora cacciati dal Banchetto e non viene donato loro il Pane Intero, ma il vendere e il comprare...! Dio si Dona e non si vende e non si compra! Ovunque sono andato non ho mai portato né borsa e né bisaccia! Guardatevi da chi porta borsa e bisaccia, Figli! ............Parla tu un po', Io bevo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Salute, viceparroco, questa è l'acqua, il vino l'hai già bevuto! Raffaele: Eccomi! Don Vincenzo: Se mi correggi... Gesù: ..."Se Mi sbaglio, Mi corrigerete", l'ha detto Carletto! Don Vincenzo: Poco fa hai detto: "guardatevi da quelli che portano borsa e bisaccia!" Gesù: Si......, ma ora fermati, non dire altro......! Don Vincenzo: A buoni intenditori poche parole! Gesù: Si! Don Vincenzo: Ancora! Gesù: Ancora! ...Perché è triste il tuo cuore? Così ci fanno gli uccelli quando prendono il volo: ci siamo messi a volare? Chiara: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Sto imitando Giovanni! ...Cosa c'è? Tu pure sei triste? <Roberta> Tu sei pure triste? <Alessandra> Tu sei pure triste? <Maria Elena> Siamo tutti intristati? Don Vincenzo: Eh, eh, no, siamo tutti felici, Gesù, nell'averTi qui in mezzo a noi! Gesù: Siete sicuri di volerMi ancora? Tutti: Eccomi! Mosè: Siamo venuti apposta, Gesù! Gesù: No! Mosè: Siamo stati portati! Gesù: Non siete venuti voi, ma vi ho portato Io, perché non siete stati voi a scegliere di venire, ma Io sono stato a scegliere voi e a chiamarvi e ad invitarvi! ............Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Quello che è ancora più bello, Gesù, è questo Invito che Tu ci fai...! Gesù: Tu dove vai? Eh... Eh... Eh... <A Vito> Vai e poi torna! ......Si è spaventato! <Si ride un po'> E' bello prendere di sorpresa i figli: "tu dove vai?" Eh, eh, scherzo con tutti voi! Per caso hai intenzione di uscire anche tu? <Ad Annunziata> Annunziata: No! Don Vincenzo: Eh! <Si ride un po'> Gesù: Debbo giocare... e un Papà gioca con i Propri Figli! Tu dove vuoi andare? Don Vincenzo: Da quando Sei qua, Gesù, non c'è Grazia più Grande di essere al Tuo Fianco! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: E non devo andare da nessuna parte! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Sto già nel Cuore del Tuo Cuore! Gesù: È il Calice Vivente, e il Calice Vivente è Dio! Don Vincenzo: Gesù, e questo Sole che dovrà aprirsi qui a Timparelle? Gesù: ...Non Lo conosco, quando si Aprirà Lo vedrete!.................. Don Vincenzo: ...Giovanni! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce schioccando qualche bacio> Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai piedi della Croce! ...Come state tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Come stai, Nicò? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come sta Maria? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come sta la dottoressa? Sta dormendo? È assonnata? Maria: È uscita...! Piccolo Giovanni: Eh, si..., perché gli veniva sonno...: eccola! ...Ciao. dottoré, come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ti è passato il sonno? Perché non hai messo la testa nell'acqua? <Si ride un po'> Mari', che hai combinato ancora? Maria: Ti ho portato con me...! Piccolo Giovanni: Sei sicura che non ti ho portato Io? Maria: Infatti..., lo stavo dicendo... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Mi ha portato con lei... ne vuoi un goccino? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Abbiamo fatto battaglia di nuovo? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma tu non ne fai battaglia? Nicola: Mi difendo...! Piccolo Giovanni: Tu ti difendi sempre e Io combatto...! Teré, che dobbiamo fare? Se batto ancora la tazza, si rompe..., tu che dici? Dopo ne parliamo... Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Buono sto caffè, si! Allora, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Che vuoi il mio caffè? Ne vuoi un goccino? Tie' bevi... è rimasto giusto giusto il tuo goccino! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ah... assaporalo! Beh... ti hanno lasciato digiuna? Maria Elena: No, già fatto! Piccolo Giovanni: Io non ho visto nulla..., se te lo dona Zio Mario uno che gli piace a Lui, lo mangi? Tié... eccolo! Questo... quando ero a Napoli erano quelle grandi grandi e ne mangiavo tante, è vero, Marí? Ma le hai viste quali sono? Quelle che sono... girate! Quando vanno sotto i denti, fanno proprio così...! Quindi, hai capito quali sono? Ehi, tu ne vuoi una? Uguale..., aspetta che... te la piglia Zio Mario, ma mò non vi ingelosite eh? A te ti dò questa, tie', vieni a prendere, e a te ti dò quest'altro colore... tieni... e tu? Tu sei maschietto, a te ti dò questo...... e anche sulla mano va bene... <I dolcetti vengono donati ad Alessandra, Chiara, Roberta e al piccolo Antonio. Poi il Piccolo Giovanni si rivolge ai piccoli Davide Mario e Domenico Lentini> E voi due cosa volete? I maschietti si mangiano questi... ecco qua! Ora non vi ingelosite..., tu che vuoi? <Raffaele gli porge del baccalà> No, il sale non lo voglio più...! Mi ha salato per tutto l'anno! <Si ride un po'> Tatina: Non è salato, Giovanni! Piccolo Giovanni: Mangialo tu adesso! Mi hai salato per tutto l'anno... Tatina: Va bene... Piccolo Giovanni: Poi lo mangio... Don Vincenzo: Mangiamo quel cocomero rosso? Piccolo Giovanni: Vuoi il cocomero rosso? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Vicepá... vuole il cocomero rosso...Don Vincenzo: Più sostanzioso di questo! Piccolo Giovanni: Io devo mangià..., tu sei arrivato alla frutta..., Io non ho mangiato niente...! Don Vincenzo: Allora, organizziamoci... Piccolo Giovanni: Eh, si, organizziamoci... Don Vincenzo: Hai solo l'imbarazzo della scelta... Piccolo Giovanni: Quella Mi ha salato per tutto l'anno e mo' la tatino! Eh, ... se non me ne prendo una fetta, mò si mette a piangere... Prega "Ave Maria!-Padre Nostro!" ...Meno male che ha detto che non era salato! Adesso non Mi ha salato per tutto l'anno, ma per due anni! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: E Io ti tatino per due anni! Tatina: Eccomi, come vuoi! Piccolo Giovanni: Garantito, come voglio e quando voglio...! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Il sale l'ho trovato..., la spina ancora no...! Ti è andata bene..., è buona! Ma li hai sentiti i Sigilli? Ehi, ma tu mi Senti? Quell'apparecchio è fuori... e quando è fuori non mi sente! <Giovanni allude all'apparecchio uditivo di Don Vincenzo che di solito lo sistema la Cocciuta> Devo intervenire come la Cocciuta? Intervieni tu, Vicepá...! Ehi... di quelle ne mangiavo un po' a quintali... e ora ne rubo un poco..., ti va bene? Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Si, sono proprio quelli che mangiavo..., ma hanno cambiato un po' la carta! Tieni..., Io mangio questa..., a te ti dò la carta! Ma vuoi parlare o ancora stai combattendo con questo cocomero? Non lo mangi più? Don Vincenzo: Sì, come no? .........Quando eri Piccolo, Giovanni, pure Tu mangiavi i mao-mao? Piccolo Giovanni: Non solo quando ero piccolo, lo mangio sempre..., lo mangio ancora...! Tu quanto ne hai mangiato? Don Vincenzo: Mi ricordo che quando andavo alla scuola elementare, c'era il commercio di questi... mao-mao... Non so neanche se si chiamano proprio mao-mao...! Piccolo Giovanni: Ma lo sai come si chiamano o non lo sai? Don Vincenzo: Dicevamo sempre mao-mao, o forse perché... era più cinese... <Si ride un po' mentre Don Vincenzo continua con una serie di parole ad imitazione cinese> Scusa, Giovanni, ci sei andato in Cina? Piccolo Giovanni: Volevo andare, ma i Grandi non Mi ci hanno fatto andare..., ho fatto un piccolo corso di cinese...! <A sua volta anche Giovanni imita alcune parole in cinese e si ride un po'> Te lo ricordi, Mari'? Maria: Si, c'è la registrazione... Piccolo Giovanni: Si, la Cocciuta ce l'ha, gliel'ha donata Maria! È lungo da finire questo cocomero..., e visto che tu non finisci di mangiare..., Vicepa', Mi dai una di queste? ...Ehi, il cocciovato! Chi le ha fatte queste? Perché se l'avevi fatte tu, te ne avrei fatte mangiare 10! Per caso le hai fatte tu? Chiara: No! Piccolo Giovanni: Questa è Mia..., sto aspettando che finisci di mangiare il cocomero così parli un poco...! Don Vincenzo: Allora... mi devo affrettare......! Piccolo Giovanni: Finisci, finisci..., ce n'è un altro pezzettino...! No, devi prendere un uovo e glielo metti sulla testa! Se gli metti l'uovo sulla testa, rimane sveglio! <Allude a Giuseppe per tenerlo sveglio> Don Vincenzo: Giova'... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Sento dire che i Sigilli li vai a preparare Tu? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Ecco, questo volevo sapere! Piccolo Giovanni: Vediamo quante volte lo vuoi sapere... Don Vincenzo: Questa Tua Preparazione permette poi di portare questi Sigilli alla Cocciuta per farglieli vedere...? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Per prenderne conoscenza? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Ma questa preparazione è una... fabbricazione o no? Piccolo Giovanni: Non sono Io a fabbricare i Sigilli! Don Vincenzo: Non sei Tu? Quindi la Tua è solo un'azione di controllo, di verifica... Piccolo Giovanni: Neanche... Don Vincenzo: Ne prendi solo conoscenza? Piccolo Giovanni: Sono così crudi... e devo coprirli un po' e poi farli vedere allo Strumento! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Aspetta... Mi pulisco un po'... Don Vincenzo: Correggimi se sbaglio...... Piccolo Giovanni: Non ti preoccupare! Ecco, te li consegno tutti... tieni! <Giovanni porge i tovaglioli usati a Raffaele> Don Vincenzo: Dire come hai detto poco fa che sono crudi, è solo un modo benevolo... per non dire di peggio! Perché, altro che crudi, sono micidiali questi Sigilli! Piccolo Giovanni: E come li dice la Cocciuta, sono un po' coperti, lei li vede tutti crudi e li copre un po' per ognuno di voi! Non devi dimenticare: quando il Padre gli ha Donato i Chiodi, gli ha Donato tutto e a coprirli è per voi, non per lei! Non riuscite ancora a sostenere il crudo che vede lei, ma dovete essere pronti e preparati per il Giorno di Maria, quando parleranno i Cari, quando Parlerà il Padre, quando parleremo tutti quanti! Non dimenticate: è Giovedì! E questo Giovedì di Maria è Giovedì Santo che Dio ha preparato per la Sua Famiglia! E il Giovedì Santo che Dio ha preparato per l'umanità intera! Vigilate, tutte le Spose devono essere Adornate per incontrare lo Sposo e le Spose siete tutti: uomini e donne! Adornati per incontrare lo Sposo! Pregate ancora: "Ave Maria!-Padre Nostro!"; "Ave Maria!-Padre Nostro!" .........Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Maria come stai? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: E ognuno di voi, come state? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Siete pronti...? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Se non Mi fate dire quello che devo dire, non potete dire "Eccomi"! Siete pronti per il Giovedì Santo di Maria? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Siete pronti per il Giovedì Santo di Maria? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu lo sai? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'è per te il Giovedì Santo di Maria Madre di Dio? Don Vincenzo: È un Giorno in cui il Padre apre i cosiddetti Sigilli e le cosiddette Gocce...! È un Giorno in cui il Padre ci Rivela la Verità Piena, la Verità Tutta Intera, e ci Fa Conoscere le Cose che non avremmo mai potuto conoscere! Piccolo Giovanni: Sei sicuro che è questo? Don Vincenzo: È questo e quant'altro pure, perché il Padre, in questo Giovedì Santo, sicuramente avrà altre Cose da dirci e da darci! Piccolo Giovanni: Sicuramente! Rinforzatevi, figli, perché il Giovedì Santo di Maria si sta avvicinando! Lasciate che gli uomini ridano! Molti dei farisei di ieri e di oggi in quel Giorno si perderanno! Pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Ave Maria" e "Padre Nostro"! Don Vincenzo: "Ave Maria" e "Padre Nostro"! Piccolo Giovanni: Preparatevi! ...Tu non hai niente altro da chiedermi? Io ho detto tutto quello che il Padre Mi ha lasciato dire! Vi dico ancora: vi voglio bene! Tutti: Anche noi! Don Vincenzo: Anche noi! Piccolo Giovanni: E sono gioioso di avervi qui! Non cadete, lo Strumento vi alza: ma voi rinforzatevi e non cadete, Figli Miei! ...Cosa c'è? È bella questa Torta Verde: Auguri, Croce! <Rivolto a Ciccio che compie 73 anni> ...Non parli più? Non dici nulla? Don Vincenzo: Si... prima hai accennato alla Torta... Piccolo Giovanni: Si, ho fatto gli Auguri alla Croce, ma la Croce si prende e si porta e si dona con Amore! Ciccio: Eccomi! Piccolo Giovanni: La Capanna è tutta a posto? Maria, Nicoletto e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Com'è questo Miscuglietto? Don Vincenzo: Ah... è buono! Piccolo Giovanni: ...Ah... buono! ...Cosa c'è, vicepa'? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Perché non parli? Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh, dimmi qualcosa! Don Vincenzo: È gradevole come sempre! Piccolo Giovanni: Si, è ancora gradevole! ...Mari', è buono? Maria: È ottimo! Piccolo Giovanni: Si, è ottimo! ...Che c'è? ...Cosa vuoi chiedermi? Don Vincenzo: La settimana scorsa c'era scritto che la Madonna aveva da aggiungere altre parole all'Ave Maria! Piccolo Giovanni: Si, quando sarà l'ora, ve lo dirà! Ancora non è giunta l'ora! Non vi darà solo questo, ma vi dirà anche altre cose! ...E parlerà anche Lucia, e parleranno anche i Cari... Don Vincenzo: E parlerai anche Tu? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E pure Carlo parlerà? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Deve dire qualcosa che non gliel'hanno fatta dire? Piccolo Giovanni: Si! Per questo dovete essere pronti per incontrare lo Sposo! E il Banchetto dello Sposo è il Giovedì Santo di Maria! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Lo Sposo sarebbe il Padre o Gesù? Piccolo Giovanni: Quando Lo incontrerete vedrete chi è lo Sposo! Don Vincenzo: Giovanni, prima è stato detto che il Servo Inutile che sta in Cielo è sceso di Tre Gradini... Piccolo Giovanni: ...Si, è arrivato al Terzo Gradino! Vigilate e combattete i falsi profeti che avanzano ancora, Figli Miei! Il Padre è Buono con tutti i figli ed è Misericordioso con l'umanità intera, ma è Padre, non dimenticatelo! I "grandi", così come si fanno chiamare, lo dicono con le labbra, ma Lo hanno dimenticato e cacciato fuori, e Lo usano solo per venderLo e comprarLo! Ma Dio né si vende e né si compra ma si dona! E la Vigna è stata tolta ed è stata donata ad altri Vignaioli, e la Barca che voi vedete camminare a Gonfie Vele, è affondata! Pregate ancora "Padre Nostro" e "Ave Maria", "Ave Maria" e "Padre Nostro"! <Giovanni schiocca un bacio che viene ricambiato> Il Mio Cuore è in mezzo a voi nel Pezzettino che è rimasto! Vi aspetto ancora sulla Viuzza Stretta! Porto lo Strumento alla Destra del Padre, ma lo lascio in mezzo a voi, così come rimango Io, così come rimangono tutti i Servi Inutili ed i Pargoli! ...Col Pane e la Croce, Io vi lascio ancora il Mio Amore! <Giovanni schiocca un altro bacio che viene ricambiato> Don Vincenzo: Eccomi!(*) Gesù: ...Eccomi, con la Croce e col Pane! ...Dove vai? Sono ancora Io, Gesù! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Giovanni se n'è andato, Io ancora no! ...Non hai niente da chiederMi di ciò che è versato nel Calice? Sono il tuo Gesù... hai mangiato? Don Vincenzo: Si, ho mangiato una cotoletta! Gesù: Era buona? Don Vincenzo: Eh, si! Gesù: Eh, si, è il Cibo del Banchetto! Don Vincenzo: Tutto è Buono del Banchetto di Dio! Gesù: Ciò che il Padre vi farà preparare nel Giorno di Maria, verrà consumato nel corso della giornata, così come mangerete tutto quello che il Padre vi darà nel Giovedì Santo di Maria! Ognuno di voi preparerà ciò che il Servo Inutile Gabriele verrà a dire nei vostri cuori! Così quando passerà ciò che deve passare fuori della Dimora di Dio, voi consumerete tutto quello che il Padre darà ad ognuno di voi! Chi rimarrà fuori non mangerà e non berrà nell'Ora del Padre, Figli! ...Io lascio ancora la porta del Mio Cuore spalancata, tu Saluta con l'Albero Verde, Calice Pieno di Dio! Don Vincenzo: Eccomi! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni, non potete tenerli ancora le Gocce ed i Sigilli Grandi? Vedo che sono già pronti!(*) ...Vedo i Servi Inutili...!(*) ...Mi inzuppo e mi bevo ancora! ...Mi poggio sul Cuore della Mamma!(*) ...Ma non sono pronti i figli!(*) ...Io vado ancora ad inzupparmi ed a bermi, e vado ancora a poggiarmi sul Cuore della Mamma! ...Fallo anche Tu!(*) ...Ancora ci sono i Giorni, e ancora posso tenere quello che mi è stato donato!(*) ...Vai a preparare che dopo vengo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Grazie, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia! AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, Tu che Sei Misericordioso e Buono, Tu che hai tanta Pazienza, aspetta ancora un poco ad aprire i Sigilli e le Gocce!(*) ...Prenditi il Pezzettino di Filo che era rimasto!(*) ...Ti servirà per tenerlo fermo... ma sia fatta la Tua Volontà e non quello che chiedo io!(*) Padre: Il Tempo è nel Tempo, Anima Mia!(*) Giulia: Io mi poggio ancora, mi inzuppo ancora e mi bevo ancora!(*) ...Tre Gradini sono stati scesi!(*) ...Posso bere il quarto così non lo scenderà per un po'?(*) ...Faccio ciò che è Tuo, Padre!(*) ...Salutiamo i Cari, tutti i Servi Inutili, tutti i Pargoli, il Cielo e Colui che è sceso di tre gradini!(*) ...Donami il Tuo Respiro per portare avanti il Tuo Progetto, Padre mio!(*) ...Ciao, Cielo!(*) ...Ciao, Mamma!