LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 158

 

 

COLORO CHE HANNO TRADITO E TRADISCONO ANCORA VI TOLGONO LA LUCE DI DIO,

E VOI NON VEDETE E NON UDITE MA DIO È VIVO ED È IN MEZZO A VOI ANCHE SE VOI NON LO VEDETE!

(dal messaggio del 10/11/2013)

Messaggi Tramite Giulia

 

              

1. Giov. 07/11/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

 

(Giulia): Ci sono i Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., sono Foglie di Palma che cadono e coprono l'umanità, ma non sono per camminarci sopra! Scendono per cancellare e vengono gettati dalla Cupola e dal Veleno che è rimasto! Gesù, posso tenerli come gli altri? O posso Berli? Non devi temere per il Filicino, è aperto, ma aperto al Tuo Amore, aperto all'Amore dell'umanità sorda e cieca: fammeli bere, Gesù! (Gesù): Puoi tenerli unendoli agli altri! Dall'alba fino adesso ne hai già bevuti! (Giulia): Eccomi! Se posso tenerli fino al giorno della Tua Festa e poi se ci pensi ancora un po' mi fai Bere anche questi! (Gesù): Ora tienili, Anima Mia!

*******************

(Gesù): Eh, devo dire come ti sei raffreddato? (Don Vincenzo): No, non c'è bisogno! (Gesù): Sì, perché tu non lo sai, ma Io lo So e lo Strumento lo sa! Quando la Cocciuta entra in una casa lì fa scendere il Mio Sangue e quando ti dice: "se senti caldo, togli...", e come vogliamo chiamarlo: mantello o giacca? Lo chiamiamo giacca, ma quello che indossi è il Mantello e dal Mantello non scende l'Acqua dei Sudori, così come dallo Strumento non scende l'Acqua ma scende il Sangue! Si è raffreddato nel Donare all'Umanità l'Acqua Zampillante e ciò che era rimasto lo Strumento l'ha avvicinato alla Luce del Padre per Donarlo ancora all'Umanità Intera: "dammi la giacca, la metto al sole, così si asciuga!" Ma nell'asciugarsi L'ha consegnato al Padre per farLo Scendere ancora! Hai capito? Tu dicevi: "non c'è bisogno di dirlo", eri preoccupato, ma i Figli devono vedere i tuoi Sudori come i Miei, mentre guardavo l'Umanità sorda e cieca che andava via e Io lasciavo Scendere il Mio Amore! ...Ora parla tu! (Don Vincenzo): Gesù! (Gesù): Eccomi! ...State tutti bene? (Tutti): Eccomi! (Gesù): Eccomi! Cosa c'è, Calice Vivente? Vi ho detto un altro segreto del Calice Vivente!

*******************

(Gesù): Padre, la Tua Ora si è Donata e il Calice del Tuo Amore L'ho Bevuto ancora e Te Lo consegno! Eccomi, ci siamo Donati......! (Don Vincenzo): Eccomi! (Gesù): La Pasqua è Viva, è Piena ed è Risorta nel Nome della Pace, e lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Il Banchetto del Padre è Vivo ed è in mezzo a voi e ognuno può prendere parte ancora al Banchetto del Padre! (Don Vincenzo): Eccomi! (Gesù): Eccomi! Io Prendo Parte all'Amore Pieno del Padre, così come prendono parte tutte le Spose che sono arrivate e lo Strumento è andato e ha portato le Spose!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Volto Vivo e Reale di Mio Padre Segna i cuori di ognuno di voi e dell'umanità intera! Innalzo il Volto al Padre per Segnare ognuno di voi col Segno Tremendo della Croce, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! <Gesù Benedice col Segno della Croce> Mi Inchino dinanzi al Trono nel Banchetto del Padre! Mi Inchino dinanzi ai Servi Inutili e alle Schiere ed ai Cari di ognuno di voi! Mi Inchino dinanzi all'Amore che Arde e Accende coloro che hanno donato l'Eccomi Pieno all'Amore del Padre! Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore, Sono Io, il vostro Gesù, il Gesù, che ha Allargato le Braccia e le Allarga attimo dopo attimo nel Donarsi nell'Amore Pieno, nell'Amore di Figlio, così come Ho Chiamato Figli ognuno di voi Comprandovi a Prezzo di Sangue...... e quel Sangue Mi è Stato Donato da Mio Padre attraverso Maria, l'Umile Ancella, l'Umile Creatura dell'Eccomi dell'umanità intera! Mi Inchino ancora dinanzi all'Amore e alla Misericordia di Mio Padre, Padre di ognuno di voi, Chiedendo al Suo Cuore Misericordia per l'umanità sorda e cieca e Chiedendo a Mio Padre, così come fa lo Strumento: "Aspetta ancora ad Abbassare la Tua Mano"! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Cosa stai facendo, Gesù?(*) Hai preparato un Terreno... e cosa c'hai piantato, Gesù? Gesù: GUARDA BENE, ANIMA MIA......! Giulia: Non c'hai piantato nulla e c'è del Sangue......! Gesù, quel Sangue è un Altro Flagello...... e non l'hai piantato Tu......! Da dove viene quel Sangue, Gesù? Gesù: GUARDA, ANIMA MIA......! Giulia: ......I Grandi del mondo......! Gesù, visto che il Flagello ancora non è sceso ed è rimasto e non si è assorbito, posso fermarlo......? E posso Inzupparmi e Bermi? Possiamo ancora Salvare quei figli? Ci sono ancora i Giorni, Gesù...... se... mi fai Inzuppare e mi fai Bere......? O mi fai Alzare la mano? Gesù: GUARDA BENE, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi, Gesù, sto guardando!(*) Non posso fermarlo......? Non posso portarli al Banchetto? Gesù, sono Figli Tuoi......! Gesù: Il Flagello è già sceso! Giulia: Lo so, ma se Tu vuoi posso ancora Inzupparmi e Bermi! Dai, Gesù, basta Una Tua Parola! Gesù: Immolati come tu sai fare, il Flagello è sceso, Fai le Cose del Padre! Giulia: Eccomi, Gesù! Ma mi fai uscire per andare a prendere la mano? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, metto nel Tuo Cuore Tutto quello che mi hai donato e metto nel Tuo Cuore coloro che si sono affidati alle mie preghiere! Ho raccolti i cuori dei miei figli e Te li offro e dona ad ognuno di loro ciò che è giusto della Tua Parola Viva! E metti ancora nel Tuo Cuore tutti i Sacerdoti, le Pietruzze, non lasciarli, Gesù......! Gesù: Portali ancora sulle tue spalle, come porti l'umanità intera! Giulia: Eccomi, Gesù! Ma io Ti Consegno tutto quello che mi hai donato da sempre! Gesù, Tu Sei Buono e Sei Giusto, l'Eccomi è quello che mi avete insegnato ed è l'Eccomi di Maria! Se Dici una Sola Parola, posso fermare ancora quel Flagello rimanendo nell'Ubbidienza del Padre! Ancora non hanno imparato a conoscere il Tuo Volto e il Volto del Padre e se aspettiamo ancora un poco, visto che i Giorni ci sono...... Gesù: Rimani all'Ubbidienza del Padre! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Gesù...!(*) Gesù...!(*) Dove stanno portando quei missili? E cosa sono quelle macchine? Non vedo bene..., c'è fumo...! Cosa posso Fare? Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro!" Giulia: Gesù, Eccoci nell'"Ave Maria e Padre Nostro!" Ma "quelle macchine" sono degli uomini che camminano fatti di ferro...... e avanzano distruggendo ogni cosa che passa sotto di loro......, non puoi farmeli fermare, Gesù? Con l'Amicizia e la Confidenza, io alzo la mano!(*) <Giulia Alza la Destra e col Segno Trinitario Ferma Ogni Cosa> ......Perdonami, Gesù! Per un po' li teniamo fermi, ma Sia Fatta la Tua Volontà e non la mia! La Destra me l'avete donata per poter fermare! Ed Eccomi ancora come Straccio Stracciato nel Fare le Cose del Padre! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Tu mi chiami "Anima Tua", ma io non ho imparato ancora a fare nulla! Prendimi per mano e guidami nel Solco per poterci portare l'umanità! Gesù: Il Solco è Pieno e l'umanità è sulle tue spalle...... porta i Figli nell'Arca e Rema ancora, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, rimetto ancora nel Tuo Cuore tutta la Famiglia che mi avete donato! Gesù: Tu dove vai? Giulia: Rimango nel Tuo Cuore come sempre, alla Destra del Padre, Facendo ancora le Cose del Padre e Portando ognuno dei Figli ai Piedi della Croce, rimanendo Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere chiamati a prendere parte al Banchetto, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Ci sono i Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., sono Foglie di Palma che cadono e coprono l'umanità, ma non sono per camminarci sopra! Scendono per cancellare e vengono gettati dalla Cupola e dal Veleno che è rimasto! Gesù, posso tenerli come gli altri? O posso Berli? Non devi temere per il Filicino, è aperto, ma aperto al Tuo Amore, aperto all'Amore dell'umanità sorda e cieca: fammeli bere, Gesù! Gesù: Puoi tenerli unendoli agli altri! Dall'alba fino adesso ne hai già bevuti! Giulia: Eccomi! Se posso tenerli fino al giorno della Tua Festa e poi se ci pensi ancora un po' mi fai Bere anche questi! Gesù: Ora tienili, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Me li lasci tenere? Gesù: Non temere, non te li porto via! Giulia: Eccomi! Gesù, visto che tutto parte dalla Cupola e visto che c'è ancora Sangue Innocente e i Giorni ancora ci sono, posso andare a toccare i cuori alzando il Dito, così come fai Tu? <Giulia Alza la Destra e il Dito indice> Gesù: Anima Mia, hanno tradito e tradiscono ancora...... invocate il Nome di Maria nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" Il Padre ve L'Ha Lasciata come Ultima Grazia, come Tabernacolo Vivo e come l'Unica Chiesa che il Padre ha donato all'umanità intera e ad ognuno di voi! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Tutte le Schiere aspettano..., e la Schiera che cammina e combatte è la Schiera che conduci tu! Giulia: Gesù, visto che il Figlio ha ancora Altri Gradini da scendere e ne sono tanti, in questo giorno ne ha sceso uno solo e se ne è aperto uno solo! Gesù: Vedi perché ne ha aperto uno solo e ne è sceso uno solo!(*) Giulia: Cosa devo fare? Gesù: Le Cose del Padre, Anima Mia! Il Banchetto dove tutte le Spose sono dinanzi al Cuore del Padre è pronto e il Banchetto per ognuno di voi vi è stato donato: non fermatevi a guardarLo come banchetto del mondo, figli Miei, ma Rendete Grazie al Padre di tutto ciò che prendete......! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: Eccoci con tutti i Servi Inutili! Eccoci con tutti i vostri Cari! Eccoci con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Eccoci con Rossella, Vittorio, Natanaele, le Bimbe e i Pargoli! Eccoci nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! E Ricordatevi ancora: il Padre Viene a Portare il Pane Intero ad ognuno di voi! Rimanete nell'Arca e Remate e porta ancora l'umanità intera sulla Via Stretta, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Donami la Costanza e la Forza! Gesù: Sai dove prendere la Forza: rimani ancora Inchiodata sulla Croce! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Come stai? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi tutti come state? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Hai sentito? Don Vincenzo: Ancora Sigilli! Gesù: Cosa pensi tu che sei il Calice Vivente? Don Vincenzo: Gesù, la parte principale la svolge la Cocciuta perché Ti chiede di Tenerli i Sigilli e Ti chiede addirittura di Berli! Gesù: È dall'Alba che li Beve! Don Vincenzo: E chissà quante volte, ogni giorno, fa così......! Gesù: Lo Strumento che viene Mandato dal Padre Fa le Cose del Padre, così come l'Eccomi Donato da Maria è Rimasto Eccomi! Ad ognuno di voi viene chiesto l'Eccomi e voi lo rispondete, ma lo Strumento che vede e sente, raccoglie i cuori e li porta nel Cuore del Padre! Don Vincenzo: Quello che mi sorprende, Gesù, è che quando si Bevono i Sigilli chissà come sono Amari e Giovedi Scorso 31 Ottobre ne abbiamo pure parlato, ...sono proprio Amarissimi! Gesù: Non sono solo Amari! Don Vincenzo: E Giulia, lo Strumento di Dio, continua invece dall'alba al tramonto a Berli sempre: come fa a resistere? Gesù: L'Eccomi e l'Amore, questo il Padre Dona ad ognuno dei Figli: l'Eccomi e l'Amore! Non vi chiede niente altro, se non di Rimanere Piccoli e Poveri e all'Ultimo Posto per essere Invitati al Banchetto Nuziale! E voi siete stati Invitati e il Padre è in mezzo a voi Vivo e Reale e Io Sono in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con i Pargoli che rispondono l'Eccomi Impastando il Pane e rispondono l'Eccomi nel Portare le Spose e rispondono l'Eccomi nel Rimanere con le Schiere dove Solo un Figlio può Salvare e dove Solo un Figlio è rimasto nello Scendere i Gradini e oggi Uno Solo ne è stato Sceso e Uno Solo ne è stato Aperto! Ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro", pregate per le Mura Insanguinate, pregate per il Legno che è rimasto e non dimenticate: Maria è l'Ultima Grazia che vi è rimasta e l'Unica Chiesa è il Suo Cuore Spalancato, Figli Miei! ...Ma voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Parla, Calice Vivente! Don Vincenzo: Sempre dalla Cupola partono questi Sigilli, è lì praticamente "il covo......!" Gesù: È lì che lo Strumento si Inzuppa e si Beve per Portare i Figli a Casa! È lì dove Io Mi fermavo e Mi fermo! Non Mi hanno ascoltato, non Mi ascoltano ancora e vengo cacciato fuori e vengo bestemmiato e vengo sputato! Ma lo Strumento si Inzuppa e si Beve e si poggia sul Cuore del Padre nel dire: "sono Figli, aspettiamo ancora, doniamo la mano e portiamoli nell'Arca e doniamo a loro i Remi!" È questo l'Amore del Padre che Arde dentro di lei, è questo che dona ad ognuno attimo dopo attimo dicendo: "Amatevi gli uni gli altri, rimanete Figli nella Quiete, rimanete Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e il Padre non vi farà mancare nulla, ma tra di voi ci sia Pace perché il Dio che è in mezzo a noi è il Dio dell'Amore e il Dio della Pace e dobbiamo crescere nell'Abbondanza che il Padre ci Dona: non temete, Dio non ci lascia!" Oggi tu non l'hai sentita mentre parlava col figlio quando diceva: "vedi, i Passi del Padre sono lenti, tu volevi correre ma, pur essendo lenti, sono arrivati e il tuo cuore è stato Acceso dal Suo Amore: cammina ancora con i passi lenti e fai tutto quello che il Padre ha preparato per te!" Imparate a riempire i vostri cuori delle Cose del Padre e non affannatevi per le cose del mondo, passano! Ma ciò che Dio ha preparato per ognuno di voi rimane! La Roccia non cade, rimane in piedi così come Dio Rimane! Gli uomini passano, ma lo Strumento è pronto a Prendere la mano e a Portare i Figli nella Dimora del Padre dove c'è l'Eredità di ognuno di voi e dell'Umanità Intera! ......Calice Vivente, parla ancora, dopo ci Doniamo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ci sono delle Parole che sono speciali, specialmente la Figliolanza, cioè essere Figli di Dio a tutti gli effetti, essere Figli del Padre Eterno......! Gesù: Il Padre Eterno Mi ha Mandato per Comprarvi a Prezzo di Sangue e di Mia Volontà Ho Risposto: "Eccomi" e Siamo Figli, Fratelli e Amici! Don Vincenzo: È proprio questo a cui volevo arrivare perchè questa Figliolanza genera poi l'Eredità perché ogni Padre lascia tutto ai Figli! Gesù: Il Padre non lascia tutto, il Padre Si Dona attimo dopo attimo perché è Vivo e non è morto e ciò che è del Padre è Mio e ciò che è Mio è vostro perché siete Figli, Fratelli e Amici! Tutto il Padre ha preparato da sempre e Tutto è per l'Umanità Intera e per ognuno di noi! Ma l'Umanità è sorda, l'Umanità è cieca e non vuole vedere e non vuole sentire! E conoscete già lo Strumento che chiede attimo dopo attimo: "Padre, fammi rispondere per ognuno di loro quando ci sarà l'Ultima Domanda! Padre, aspettiamo ancora, ci sono ancora i Giorni!" E il Padre ascolta il "grido" del suo cuore, così come ascolta il "grido" di ognuno di voi nel chiedere nel Giusto del Pane Intero che il Padre vi Dona, Figli Miei! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Non siete tristi? Tutti: No! Don Vincenzo: Ci Sei Tu in mezzo a noi, come si fa a essere tristi, Gesù? Tu Sei la nostra Gioia e la nostra Vita ha senso solo perché Tu gli dai il senso e noi Ti seguiamo passo passo! Gesù: Siete sicuri? Don Vincenzo: Sì, Gesù, tantissimo! Gesù: Tantissimo? Don Vincenzo: Sì, perché c'è Gioia nello stare insieme a Te! Gesù: Ma tu lo sai che Io Vedo e Sento ogni cosa? Don Vincenzo: Certo! Gesù: Dov'è il "tantissimo"? Non l'ho sentito! Don Vincenzo: Per me è tantissimo, Gesù! Gesù: Ma Io non lo sento! Don Vincenzo: Che cosa dobbiamo fare per farTelo sentire? Gesù: "Ave Maria e Padre Nostro"! Don Vincenzo: Eh, sì, "Ave Maria e Padre Nostro"! Gesù: Ma non la sento questa Preghiera! Don Vincenzo: Forse manca, forse non la facciamo......! Gesù: Non sento che dite: "Ave Maria e Padre Nostro"! Tutti: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: E il cuore dove l'avete lasciato? Quando si dice: "Ave Maria-Padre Nostro", il cuore si deve spalancare, si deve accendere e tutto è un'Armonia di Amore! Vedete, quando Maria ha sentito la Voce del Padre, non solo il Suo Volto è diventato come il Volto di Dio: Raggiante di Luce, e non solo il Suo Cuore si è Spalancato a rispondere: "Eccomi", ma Maria è diventata la Porta dove tutto l'Amore di Dio ha Acceso, ha Infiammato d'Amore il Suo Cuore nel dire: "Eccomi, sono la Serva!" E nel dire: "sono la Serva!", ha chinato il capo nell'Ubbidienza a Dio e ha annientato il suo essere fanciulla nel donare la Fanciullezza al Padre per Donare il Figlio di Dio all'Umanità Intera e ad ognuno di voi! E come lo Strumento ha consegnato il cuore nel dire: "Eccomi, Padre Nostro e Umile Ancella" e l'ha "gridato" e lo "grida" ancora attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Questo dobbiamo fare anche noi! Gesù: Attimo dopo attimo, così come fa lo Strumento: "non ho fatto nulla, ma fammi rimanere Straccio Stracciato così porto i miei Figli, la Famiglia che Mi hai Donato, come Stracci Stracciati per Rimanere ai Piedi della Croce e, dopo che abbiamo fatto quello che dovevamo fare, usaci come vuoi!" E il Padre risponde: "venite, avete l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale, prendete parte al Banchetto, Figli!" ...Tu vuoi Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Allora ci Doniamo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io voglio DonarMi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Doniamoci nell'Abbondanza del Padre e lo Strumento rimane ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù ne Beve un po' e poi dona il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Eccomi! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane che divide a metà e ne dona una parte a Don Vincenzo, poi Mangia e fa lo stesso Don Vincenzo.> Gesù: Questa è la Mia Carne! Questa è la Mia Carne! Quello è tuo, Io L'ho già Bevuto! Questa è la Mia Carne e Mangio del Nuovo con ognuno di voi nel Fare Festa, nel Gioire e nell'Aspettare l'Ora del Padre, Figli! Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue! Mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta e fa i seguenti gesti: ''Impone entrambe le Mani, poi con la Mano Destra Fa il Segno Trinitario e prima ''Impone'' la Mano Sinistra e poi ne unisce il Pollice con l'Indice, poi a Destra unisce Pollice e Anulare e a Sinistra prima Pollice e Indice e poi Pollice e Anulare e a Destra Pollice e Medio e a Sinistra Pollice e Indice, poi ad entrambe le Mani Pollice e Mignolo, poi a lungo con la Mano Destra Fa il Segno Trinitario e a Sinistra Pollice e Indice, poi Allarga a lungo le Braccia e infine ''Innalza'' le Mani dicendo:> Padre, la Tua Ora si è Donata e il Calice del Tuo Amore L'ho Bevuto ancora e Te Lo consegno! Eccomi, ci siamo Donati......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: La Pasqua è Viva, è Piena ed è Risorta nel Nome della Pace, e lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Il Banchetto del Padre è Vivo ed è in mezzo a voi e ognuno può prendere parte ancora al Banchetto del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Io Prendo Parte all'Amore Pieno del Padre, così come prendono parte tutte le Spose che sono arrivate e lo Strumento è andato e ha portato le Spose! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E tutti hanno l'Abito Bianco, e tutti hanno l'Anello al dito, e tutti hanno accolto l'Amore del Padre! Eccomi! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Anch'Io sto bene con ognuno di voi! Vedi, Figlio, lo Strumento prenderà l'erbetta ma la consegnerà: un altro Flagello sta Scendendo sull'Umanità in questo istante! Voi pregate nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro" e lei darà un altro pezzetto di "Filo": non temete, Teresa ne darà ancora! Tutto quello che le ha consegnato l'ha Donato, e Teresa ne farà Scendere ancora per legare ancora l'Umanità sorda e cieca! Eccomi! Don Vincenzo: Ti riferisci alla Serva Inutile Teresina? Gesù: , Mi riferisco alla Serva Inutile Teresina! Don Vincenzo: Ha già avuto diversi Rotoli? Gesù: , ne ha avuti tanti, ma lei Li Spezza e Li Dona alla Famiglia e a coloro che hanno tradito e tradiscono ancora: non lascia i Figli! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Lo Strumento li lega al Cuore del Padre e li porta ancora sulle sue spalle! Tutti i Servi Inutili stanno Lavorando, tutti i Servi Inutili stanno Impastando con i Pargoli e il Tempo del Padre è in mezzo a voi, dove c'è l'Albero Verde Piantato! Ma vigilate, il veleno non è finito, cammina ancora, così come avanzano i falsi profeti, non dimenticatelo, ma pregate ancora nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro!" ...State tutti bene, Figli? Tutti: Eccomi! Gesù: Io sto bene con ognuno di voi quando vi amate gli uni gli altri, quando rimanete nella Pace del Padre, quando rimanete Famiglia così come il Padre vi ha Scelti uno ad uno! Prendo parte! Vai, non temere ciò che il Padre ti mette nel cuore, vai, viceparroco, sei Delegato da Dio e non devi temere gli uomini ma il Padre! Mangio con ognuno di voi del Nuovo che il Padre ha preparato da sempre e non scandalizzatevi se vedete Gesù mangiare: sono Vivo, porto ad ognuno di voi l'Abito del Padre che è il Vivente e voi siete viventi nel Vivente e non dovete temere gli uomini, ma dovete temere il Padre! ...Ti raccomando, viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Vuoi parlare un po' o aspetti a Zio Mario? Cosa vuoi dire? Chiara: Che dobbiamo fare? Gesù: Le Cose del Padre, le sai, quelle che ti ha detto lo Strumento! Ma lo sapete che vi voglio bene? Tutti: Anche noi, Gesù, Ti vogliamo bene! Gesù: Non è un po' tiepido? Tutti: Eccomi! Gesù: Meno male! Io quando dico che vi voglio bene, lo dico caldo-caldo, non da bruciarvi ma da scaldare i vostri cuori e voi li dovete scaldare anche! Se dite: "Eccomi" <Gesù imita la voce flebile dei presenti e si ride> È tiepido! ...Perché Mi guardi così? <Gesù si rivolge a Chiara> Eccomi a tutto, non dimenticare quello che ti è stato Donato! Chiara: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Com'è bello stare con Te! Gesù: Lo Sono attimo dopo attimo attraverso lo Strumento, Abitando nei vostri cuori! Quando vi amate gli uni gli altri Io Abito in Pieno nei vostri cuori, ma quando chiudete la Porta e non vi amate rimango fuori ad aspettare, ma non vi lascio! Ma è bello vedere la Porta Aperta, così posso rimanere e prendere del vostro per donarlo, così come prendo del Mio e lo Dono! Il Padre Mi ha Donato Tutto ma non per tenerlo per Me, ma per donarlo! E anche voi dovete donare tutto quello che il Padre vi dona, Figli, nel rimanere nella Quiete e nel Suo Amore, nel rimanere nell'Unica Grazia che è Maria! <Gesù si rivolge a Raffaele che sta continuando a distribuire ''cibo''> Fai tutto quello che è nel tuo cuore, non temere, è il Padre che te lo mette e, quando si fanno le Cose del Padre, si è sulla Via Stretta! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ora parla tu un po', Calice Vivente, Io ti aspetto! Perché Mi guardi così? Non correre, tanto non Me ne vado! Mi sa tanto che ci serve il medico, si è raffreddato il Calice Vivente! Teresa: Eccomi! Gesù: Eccomi! Devo dire come ti sei raffredato? Venite col "niente", dopo vi dico come si è raffredato! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Don Vincenzo: Come Mi sono raffreddato, Gesù? Gesù: Eccomi! Ti raccomando, viceparroco! Raffaele: Scarsetto, scarsetto! Gesù: ...Come ti sei raffreddato? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh, devo dire come ti sei raffreddato? Don Vincenzo: No, non c'è bisogno! Gesù: , perché tu non lo sai, ma Io lo So e lo Strumento lo sa! Quando la Cocciuta entra in una casa lì fa scendere il Mio Sangue e quando ti dice: "se senti caldo, togli...", e come vogliamo chiamarlo: mantello o giacca? Lo chiamiamo giacca, ma quello che indossi è il Mantello e dal Mantello non scende l'Acqua dei Sudori, così come dallo Strumento non scende l'Acqua ma scende il Sangue! Si è raffreddato nel Donare all'Umanità l'Acqua Zampillante e ciò che era rimasto lo Strumento l'ha avvicinato alla Luce del Padre per Donarlo ancora all'Umanità Intera: "dammi la giacca, la metto al sole, così si asciuga!" Ma nell'asciugarsi L'ha consegnato al Padre per farLo Scendere ancora! Hai capito? Tu dicevi: "non c'è bisogno di dirlo", eri preoccupato, ma i Figli devono vedere i tuoi Sudori come i Miei, mentre guardavo l'Umanità sorda e cieca che andava via e Io lasciavo Scendere il Mio Amore! ...Ora parla tu! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Cosa c'è, Calice Vivente? Vi ho detto un altro segreto del Calice Vivente! ........................Aspetto! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Oltre ai Sigilli che stanno arrivando settimana per settimana...... Gesù: ......No, voi sentite quelli del Giovedì, ma la Cocciuta ne Beve attimo dopo attimo! Don Vincenzo: ......E sono Amari, negativi, brutti.........! Gesù: ! Don Vincenzo: Tranne qualcuno...! Gesù: Ci sono quelli del Cuore di Maria! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Hai detto anche che ci avresti dato delle Gocce! Gesù: Le Gocce ve le dò quando ci sarà la Mia Festa...... quando Mi farete compagnia......... e lì parleranno ancora i vostri Cari, parlerà Carlo, Pio e Domenico, parlerà ancora Lucia, parlerà ancora Teresina e racconterà come il Padre vi ha Donato lo Strumento e parlerà, se crescerete, del Primo Messaggio che ha nel Rotolo Chiuso! Don Vincenzo: Quello che è segreto? Gesù: È nel Rotolo Chiuso! Don Vincenzo: E questo Primo Messaggio gliel'hai detto Tu, Gesù, oppure il Padre? Gesù: Quando è stata Mandata il Padre gli ha Donato un Primo Messaggio da tenere nel suo cuoricino! Quando gli è stato chiesto se voleva accogliere i Chiodi<Lunedi pomeriggio 5 agosto 1985, Festa della Madonna della Neve, nella Prima Visitazione Pubblica> Le è stato Donato questo Segreto! Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: È un Segreto positivo o negativo? Gesù: I Segreti non si dicono, se si dice: "positivo o negativo" non è più un segreto! Quando i Servi Inutili parleranno, nell'Ubbidienza del Padre, lo diranno, ma se ti rispondo, non è più un segreto! Don Vincenzo: Eccomi! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, ciao, mammina! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao, mammina! Maria Elena: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Stiamo Lavorando con papino, tu con chi stai Lavorando? Maria Elena: Con voi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non ti ho visto, non ti ho visto, mamma! Stai mangiando adesso, ma prima no! Che devo fare? ...Io sono la femminuccia, ma stò con papà! ...E Io sono il maschietto, che dobbiamo fare quando mamma non mangia? Che fai con le scarpette? Perché non parli, mamma, ti hanno tagliato la lingua? Eh, eh! <I Bimbi cacciano la lingua> C'è! Papà sta Lavorando e lo Strumento è andato ad aiutarlo! Tu devi Lavorare nel dire: "Ave Maria- Padre Nostro" e poi devi fare un giro e devi prendere i confetti: di chi sono i confetti? Doriana: Eccomi! <Doriana si è Laureata> Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! E li devi portare a tutti quanti! Prima finisci di mangiare e dopo ti fai aiutare da lei! <I Bimbi indicano Sara> Così a tutt'e due, se donate i confetti, vi facciamo un regalino e lei ne ha bisogno di un bel regalino grande! Tu hai Noi e lei invece ha bisogno di un regalo grande! E poi dopo che avete donato i confetti, lo riceverà nel cuore! ......Vuoi farlo, mamma? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora bacini, bacini e a papà glieli doniamo Noi e a te! <Mandano baci, poi accarezzano Don Vincenzo> ...E ad ognuno di voi! Bacini, bacini, Calice Vivente! ............E sbrigati a mangiare, poi devi donare i confetti! Mamma, non devi stare triste, noi siamo gioiosi! Cosa vuoi? ...Mangia!(*) Gesù: Eccomi! Io avrei ancora fame, Sono Gesù, che ha Fame e Sete di Anime, ma Ha Fame anche del Banchetto del Padre! Sì lo prendo, sì dammelo tu, eh, basta, voglio quello, , ecco! Ehi, Me la canti una canzone? Eh, Me l'avevi promesso, tanto la sai bene! Eh, , con questo ci vuole il paninello! Ti sei scandalizzata che Gesù mangia? Sara: No! Gesù: Eh, meno male, tanto se ti eri scandalizzata, mangiavo ugualmente, eh! <Si ride un po'> Ora parla tu un pochino, parla un po'! ......Vicepa', stai bene? Raffaele: Eccomi! Gesù: Hai mangiato? Raffaele: Un po'! Gesù: Un po'! Don Vincenzo: Devi fare una domanda? No? Raffaele: Sì, la devo fare! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Deve fare una domanda il viceparroco! Gesù: ! Raffaele: Esistono le tenebre o è tutta un'invenzione? Gesù: Vedi, figlio, se il Padre ha Creato i Figli e ha Donato l'Eredità, non Dona ai Figli le tenebre, ma il Padre è Luce! Gli uomini donano le tenebre! Gabriele ha portato tutti i figli a Casa, ma una parte è rimasta fuori, però Lui sta pregando per quella parte non ancora convertita, così come sta pregando anche lo Strumento poggiandosi sul Cuore del Padre e sul Cuore di Maria! Raffaele: Chi cammina nel Buio? Gesù: Quando si è sulla Via Larga non sì è nel Buio, ma se si lascia quella Stretta ed essendo sulla Larga si è sulle cose del mondo! Voi pensate di avere un Papà così cattivo da donare le tenebre ai Figli? Tutti: No! Gesù: Dio è Amore e, quando ci sarà la Domandina, non sarà nel Buio ma nella Luce Piena! Saranno i Figli a rispondere! Lo Strumento ha già chiesto al Padre: "posso rispondere per chi non vuole farlo?" Dio non ha Creato le tenebre, ma la Luce e il Giardino per tutti i Figli! Sono i Figli che spengono la Luce del Cuore quando vanno sulla Via Larga e il Padre con la Sua Ombra che è Amore, fa Luce ancora di più! Raffaele: Posso fare un'altra domanda? Gesù: Eccomi! Raffaele: Dio dà le Croci? Gesù: No, Dio non dà le Croci, vi ha fatto a Sua Immagine e Somiglianza e Lui, essendo Croce, anche voi lo siete, ma non è una Croce come pensate voi! Raffaele: E gli uomini? Gesù: Gli uomini fanno del Male! Per questo Io vi dico: "Amatevi gli uni gli altri, Rimanete nell'Arca e Remate e Rimanete nella Quiete del Padre"! Quelli che danno gli uomini non sono Croci, quelli che danno gli uomini sono le offese fatte ad ognuno di voi e fatte al Padre perché siete Figli e vi ho chiamati "Figli" e vi ho consegnati a Maria e Maria vi ha consegnati al Padre! Vi ho Pagati a Prezzo di Sangue, siete di Mia Proprietà e niente e nessuno vi può fare del male se rimanete nella Dimora, nell'Arca e Remate! Raffaele: Gesù non voglio prolungarmi ulteriormente! Che cosa bisogna fare adesso? Gesù: Aspettare i Tempi del Padre e pregare! Le Schiere sono tutte ferme e solo quella dello Strumento deve aspettare il Figlio, e solo quella dello Strumento Combatte! Raffaele: Ma materialmente noi cosa possiamo fare oltre a pregare? Gesù: Di materiale ora non vi sarà detto, vi sarà detto quando il Padre lo dirà allo Strumento e sceglierà Lui il Giorno! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Ora si è raffreddato, mangio! Voi avete mangiato tutti? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù si rivolge a Caterina> Perché ti tieni alla sedia? Caterina: Perché mi sto alzando per servire! Gesù: Eccomi, per quello ti ho detto: "Eccomi!" <Caterina e Maria Rosaria si organizzano di nuovo per la distribuzione delle Pietanze> Hai finito? Tu sei pronta? Andate! <Maria Elena e Sara donano i confetti della Laurea di Doriana ai presenti> Potete mangiarli i confetti, non dovete conservarli! Tutti: Eccomi! Gesù: ...Parla, sono pronto ad ascoltarti! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Posso fare io un'altra domanda, Gesù? Gesù: Eccomi! Tu quando vedi che lui non parla, parli tu: eh, parla! Raffaele: Ma nella Famiglia è scomparsa l'invidia? Gesù: Guardati intorno, Io non ti rispondo! Raffaele: Io non so leggere il cuore! Gesù: Sì che lo sai leggere! Raffaele: Sono diventato cieco! Gesù: No, con Me non ci provare! Raffaele: Ma stiamo migliorando? Gesù: Guarda e vedi! ...Ecco, il paninello è bello pronto! Giuda, che dici, che state migliorando? Giuda: Penso di no! Gesù: Ha detto di no! State migliorando? Tutti: No! Gesù: Non ho sentito, ho il raffreddore e non ci sento! State migliorando? Tutti: No! Eccomi! Gesù: Mi sa che avete preso il raffreddore tutti quanti! Tu che dici? Don Vincenzo: Dico, Gesù, che da come si fa arrabbiare la Cocciuta, non si migliora affatto perché fare arrabbiare la Cocciuta significa proprio andare dietro al veleno, perché è impossibile che la Cocciuta sbagli perché lei è la Voce del Padre e rappresenta Dio! Eppure viene ripetutamente non capita, sia con le telefonate, sia quando si parla a quattr'occhi, sia quando si parla in generale! Gesù: Ecco, ! Don Vincenzo: E allora questo fa capire che non c'è affatto miglioramento, perché se ci fosse miglioramento, avremmo un altro comportamento verso la Cocciuta, sotto tutti i punti di vista! Gesù: Vedi, le stesse cose le facevano con Me e tutt'ora la Storia si ripete! Ma voi siete arrivati e il Cielo è in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili, con i Cari, con i Pargoli ed è rimasta solo una Schiera! .........Cosa c'è? Don Vincenzo: Sempre per riallacciarmi a prima, quando si vuole bene alla Cocciuta si gioisce nell'ubbidirla; quando non si vuole bene alla Cocciuta o si vuole poco bene invece, non si ubbidisce o si ubbidisce a malincuore, dimenticandoci che la Cocciuta è la Voce del Padre, è la Tua Voce, la Tua Portavoce, Gesù! Gesù: Voi vedete la Cocciuta, ma durante il giorno e durante la notte non sapete se ci Sono Io, se c'è il Padre, se c'è Mia Madre o se c'è qualche Servo Inutile! Lei va a Lavorare e rimane poco con voi, tanto poco che neanche ve ne accorgete quando c'è lei e vedete il suo corpo, ma non dimenticate che il Padre la usa attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Nel messaggio di giovedì scorso, rifacendomi a quello che ho detto prima, per due volte, tre volte, Giovanni dice: "il Padre poteva donarli solo a te questi figli, se no nessun altro al mondo li avrebbe mai accolti!" e sette, otto righi dopo: "stì figli solo alla Cocciuta poteva donarli perché nessun altro al mondo li avrebbe mai accolti!" Gesù: Ciò che ha detto e ciò che dice Giovanni è il Pane Intero del Padre! Don Vincenzo: Ha detto queste Due Frasi a distanza così breve una dall'altra che Giovanni è come se ci avesse avvertiti: "Attenti...! Fino a quando non mettete la Cocciuta al primo posto, andate dietro al vostro io!" Noi dobbiamo invece andare dietro a Dio e la Cocciuta è la Voce di Dio! Gesù: Sì e per questo che il Padre l'ha Mandata dal Grembo Materno! Don Vincenzo: E grazie a lei possiamo camminare sulla Via Stretta! Gesù: Ma lei, tu puoi parlare, sei il Calice Vivente, lei vuole rimanere Straccio Stracciato così può raccogliere ancora i Figli! Visto che ha detto che, se avessi donato i confetti, ti avrebbe fatto un dono nel cuore, il Padre l'ha già fatto scendere, è nel tuo cuore! E vuoi che si dica davanti a tutti o la Cocciuta poi te lo dirà in privato? Sara: Anche davanti a tutti! Gesù: Anche davanti a tutti? È bello non tenere nascosto ciò che il Padre dona! <Gesù si rivolge a Doriana> I confetti sono i tuoi sudori e le tue lacrime! Doriana: Eccomi! Gesù: Eccomi! Doriana: Ma la Croce ha vinto... ed è tutto grazie a Te! Gesù: , perché ti ho Comprato e sei tutta per Me! Loro invece hanno donato i confetti! Non è che tu non hai un Dono, ce l'hai già, ne hai diversi o Mi sbaglio? Maria Elena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Tu sei Sara! Sara: Eccomi! Gesù: E il Dono che ti è stato Donato dal Padre è portare le lacrime e i dolori della figlia, ......glielo dico! <Gesù si rivolge a Don Vincenzo e poi prende un confetto rosso e lo strofina su un tovagliolino> Vedi, asciugandolo lascia il segno, sta sudando! In questo istante hai ricevuto il Dono di portare nel tuo cuore le Mie Piaghe e, quando Li darai attraverso il tuo cuore, Mi vedrai! Lascia la Via Larga, poggiati sulla Mia Croce, Sara! Nel deserto porterai l'Acqua e farai sbocciare i Frutti del Mio Amore! E ora Mi farai la canzoncina...! Sara: Una qualsiasi? Gesù: Non temere! <Sara canta così, parafrasando la canzone: una lunga storia d'amore, di Gino Paoli e alla fine si applaude> Sara: "Quando Ti ho visto arrivare, Bello così come Sei, non mi sembrava possibile che, fra tanta gente, che Tu Ti accorgessi di me!" Gesù: Avete visto che l'aveva pronta la canzoncina? Mosè: Gli è uscita dal cuore! Gesù: No, Me l'aveva già promessa! E tu vuoi che il Padre non si accorgeva di te? Ti conosce da sempre! ......Parla, ti ascolto! Sara: Mi sono chiesta tante volte, visto che lavoro dalla mattina alla sera...... Gesù: ......E non ti fermi? Sara: ......E non mi fermo mai! Gesù: Ti devi fermare un attimino! Sara: Perché il Signore mi ha dato come Dono......? Gesù: Dinanzi al Padre non c'è né "ma", "se" e né "perché"! Sara: Giusto, allora, perchè? Gesù: Brava! <Gesù scherzando applaude e si ride> Sara: Per quale motivo mi ha donato il dono della voce, ma non riesco a vivere solo con questo dono? Gesù: Perché ti devi fermare! Sara: E poi... Gesù: Se ti fermi, il Padre ti aprirà la porta! Tu l'hai chiusa perché non ti fermi e, se tu parli con lo Strumento, lo Strumento ti aprirà la porta di far sentire le Lodi grandi-grandi al Padre! Sara: Quindi solo in quel momento mi sarà chiaro qual'è il Progetto per me, perché io l'avevo chiesto anche alla Cocciuta tante volte e continuavo a chiedere! Gesù: Ma non ti sei fermata, come adesso a parlare con Me! Sara: No! Gesù: Adesso sei venuta! Sara: Sì! Gesù: E adesso ti ho detto cosa devi fare e nel cuore è stato messo quello che il Padre ti ha detto! Sara: Grazie! Gesù: Anche alla mamma è stato chiesto di fermarsi un poco, ma non si vuole fermare e non ascolta tanto lo Strumento o l'ascolta un pochino pochino e poi lo mette da parte e la nonna ha detto anche di fermarsi, ma non l'ha ascoltata nemmeno e si è dimenticata, eh! Anche la nonna ti dice di fermarti un po' e di poggiarti un pochettino sul Letto della Croce che sei tu stessa! <Gesù manda un bacio a Sara> Sara: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ho parlato un poco con Sara, mò parla tu un poco! Giovanni sta finendo di fare la Festa al Fiorellino, ci sono gli ospiti e stanno finendo la Torta, poi verrà......! Don Vincenzo: Ieri è stato l'Anniversario del Fiorellino! Gesù: È stata la Nascita! Don Vincenzo: La Nascita, sì, l'Anniversario della Nascita! Gesù: È il Compleanno non l'Anniversario, quando si Nasce non è un Anniversario ma è un Compleanno o Mi sbaglio? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Sette anni fa! Gesù: ! <Il giorno del 6 Novembre: la ''Nascita in Cielo'' di mamma Serafina> Don Vincenzo: Quando è nata la Cocciuta, Serafina sarà stata sicuramente speciale e anche vorrei spezzare una lancia al papà di Giulia, Damiano! Gesù: Non tocchiamo questo tasto, tocchiamone un altro! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Sì, sì, tocchiamone un altro! ...Ah, Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Facciamo gli auguri per ieri a Leonardo, è stato il compleanno...... Gesù: ...E anche a Doriana! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora dillo forte! Don Vincenzo: Allora facciamo un applauso a Doriana! <Si ride un po'> Gesù: Ci sono i confetti rossi! Don Vincenzo: E quindi? Gesù: Di solito quando si portano i confetti rossi? Don Vincenzo: Quando c'è di mezzo una Laurea! Gesù: E chiedile cosa ha fatto? Don Vincenzo: Che cosa hai fatto, Doriana? Doriana: Ho preso la Laurea in Infermieristica! Don Vincenzo: Ah, infermiera! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Bene, facciamo un applauso! <Si applaude> Gesù: E poi cosa volevi fare ancora? Don Vincenzo: E poi ieri è stato il Compleanno, l'Onomastico del professore Leonardo, facciamo un applauso...... ieri si è festeggiato San Leonardo! <Si applaude> Gesù: Al Servo Inutile! Don Vincenzo: Servo Inutile! Gesù: Siete abituati a dire: i Santi, ma i Santi vengono fatti con i soldi! Don Vincenzo: Uh! Gesù: I Servi Inutili vengono dal Padre e il Padre non chiede soldi a nessuno, eeeh! Don Vincenzo: Mentre con i santi ci si fa proprio un commercio......!(*) PICCOLO GIOVANNI: Lasciamo stare...... Sono Io, Giovanni, con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Ciao, Giovanni! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...E la Capanna come sta? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'ha combinato ancora Maria? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai fatto ancora? C'hai la testolina un bel po' dura eh? Maria: Sono stata attenta... attenta... Piccolo Giovanni: Sicuro che sei stata attenta... attenta? <Si ride un po'> E allora è stata attenta... attenta, poi hai versato la torta e il caffè, è vero? Maria: Giovanni, non capisco... Piccolo Giovanni: Quando non vuoi capire, non capisci...! ...Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai tu? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che devo fare con Maria? Nicola: Quello che fai sempre! Piccolo Giovanni: Quello che faccio sempre? Allora, la devo rimproverare? Nicola: No! Piccolo Giovanni: , non Mi ascolta..., Io gli dico di non parlare e lei parla...! O Mi sbaglio, Mari'? Maria: Giovanni..., io non so dove ho sbagliato questa volta... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Te lo dico Io dove hai sbagliato..., ma te lo vengo a dire dopo...! Ne vuoi un goccino? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Te ne dò tre goccine...: uno... Don Vincenzo: Basta...! Piccolo Giovanni: ...Due e tre! Don Vincenzo: Il Numero Tuo! Piccolo Giovanni: Eh, , è il numero che preferisco! Questo Me lo bevo Io...! Don Vincenzo: Ottimo! Piccolo Giovanni: Ottimo! Di solito la Cocciuta lo fa sempre ottimo il caffè, adesso lo bevo, se no diventa freddo e a Me piace bello caldo e dolce..., ecco! Allora..., Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Dove sei stata attenta... attenta? Quando parlo Io sono sempre chiaro, Lo sono sempre stato e Lo sono ancora! Cosa ti ho detto? Di stare lontano da tutti, ma tu ancora non hai capito che devi stare lontano da tutti! Hai visto dove hai sbagliato? ......Ora lo capisci? Maria: Sì! Giovanni, com'è difficile però, c'era un incidente di mezzo! Piccolo Giovanni: Non sto dicendo questo...! Tu ci giri intorno, ma non vuoi capire! Pensaci bene, stare lontani... Maria: Col cuore? Piccolo Giovanni: ...Significa un'altra cosa... non col cuore! Il cuore non sei tu a gestirlo ma lo gestisce il Padre...! Teré, Tu hai capito? Teresa: No! Piccolo Giovanni: Brava! La dottoressa deve conoscere il dentro e il fuori...! Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu hai capito? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Bravo! Poi glielo dici tu? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Adesso Maria incomincia a saltare nel cuore... Maria: No, è sempre bello quando Tu mi hai ripreso e mi riprendi, è che... Piccolo Giovanni: È che...? Maria: Poi non ci arrivo evidentemente...! Piccolo Giovanni: Non è che non ci arrivi... non ci vuoi arrivare...! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E a Me non Mi date nulla da mangiare? E Tu, Giova', non parli? Che ne pensi di tutto quello che ha detto e ha fermato lo Strumento? Ehi..., prima di mangiare e dopo il dolce, non si fa così o Mi sbaglio? No..., si..., ecco! Prendo tre di questi... e poi cosa prendo? ... e voi avete mangiato? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E Me lo dai un Pezzettino di Pane? Ecco... ne prendo due...; tu non mangi niente? Ah... tu mangi il formaggio... Don Vincenzo: Anche! Piccolo Giovanni: Anche... e allora, mi racconti qualcosa? Ma vi siete annoiati? Tutti: No! Don Vincenzo: No, ci mancherebbe......! Col Cielo in mezzo a noi! Piccolo Giovanni:Siete sicuri? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Teré, come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: E allora sei in forma? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tu che dici, che Teresa è in forma? Don Vincenzo: Non credo...! Piccolo Giovanni: Non credo... Tu non Me la canti la canzoncina? Anche lei canta le canzoncine: Me la canti a Zio Mario? Dai! Chiara: Non so quale canzoncina fare... Piccolo Giovanni: Quella che ti viene nel cuore... e dategli il microfono! No, sta facendo così perché sta sudando sette camice... <Si ride un po'> Dai, ne sai tante..., non Mi dire che adesso non te ne viene una... Chiara: Non mi viene...! Piccolo Giovanni: Sì che ti viene! Dai, canta quella di Giò... ti viene così bene......! <Chiara intona le prime frasi del canto: ''Tra luna e Sole...'' e alla fine tutti applaudono> Chiara: "Tra luna e Sole sei il mio Papà, Tu mi salverai per l'Eternità..." Eccomi! Piccolo Giovanni: Ecco! Tra tutt'e due, non sono andate avanti più di tre parole... <Si ride un po'> Hanno trovato il Numero Giusto! Avete visto? Le ho fatte cantare..., non faccio cantare più nessuno...! Allora, parla un po' tu, intanto Io Mi mangio il paninello e poi vi racconto qualcosa...! Mo' parla tu, che vuoi cantare pure Tu? <Si ride un po'> ......Parla.........! Don Vincenzo: Ho detto che prima di mezzanotte potevo cantare, dopo mezzanotte no! Ora sono le dodici e un minuto..., e perciò non posso più cantare... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Chi l'ha detto? Don Vincenzo: Stavo scherzando... Giova'! Piccolo Giovanni: Adesso Io alzo Io il dito... Don Vincenzo: Come? Piccolo Giovanni: Lo alzo Io il Dito..., Mi hai detto che era passata mezzanotte, perché dici che Me ne devo andare...? Don Vincenzo: No, no, ma tanto Tu... Piccolo Giovanni: ...Non Me ne vado! Don Vincenzo: Ma tanto Tu rispondi sempre che ci aiuti, quindi non c'è problema! Piccolo Giovanni: C'è stata una volta che non vi ho aiutati? Maria, Tommaso : No! Don Vincenzo: No, mai! Questo bisogna testimoniarlo, Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Ma si sta preparando in Cielo una Festa? Piccolo Giovanni: Tu ancora non hai capito che il Cielo è in mezzo a voi! Don Vincenzo: Sì, è qui..., si sta festeggiando che cosa? Serafina? Ieri era anche san Leonardo! <Settimo compleanno della salita al Padre di Serafina, la mamma di Giulia, e l'onomastico di Leonardo, il professore> E pure oggi c'è qualche altra Festa? Piccolo Giovanni: Al Banchetto del Padre c'è sempre Festa: arrivano le Spose, ma ancora c'è il Compleanno del Fiorellino che è Nato e si sta festeggiando, si deve finire la Torta! Ci sono tutte le Spose Nuove che sono arrivate e la Cocciuta ne sta portando altre che hanno donato la mano! Tanti figli...... voi dite: "sono morti, poverini..." ma lo Strumento va a prendere la mano e li porta dal Padre e quando sono dinanzi al Padre sono Vivi e non sono più morti e si Fa Festa nel Gioire al Banchetto! Il nonno ti manda un bacio...! Sara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Anche a te! Luisa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quando arrivano le Spose nuove, quelle che ci sono da un po' festeggiano pure! Vengono accolti tutti e si fa Festa! Voi state facendo Festa al Banchetto che il Padre vi ha Donato e le Spose nuove fanno Festa e prendono tutto l'Amore in Eredità! Don Vincenzo: Giova'! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Tutte le Spose, quando entrano, quando arrivano lassù indossano il Vestito Bianco! Piccolo Giovanni: , è la Cocciuta che gli mette l'Abito Bianco e poi c'è il Fiorellino e la tua Mamma Iolanda con le Bimbe che l'aiutano a Vestire! ...Salute! E la Bimba l'accompagna con le Lodi e li porta lì dove c'è il Banchetto pronto, dove tutte le Spose prendono parte al Banchetto e dove tutte le altre vengono accolte! Don Vincenzo: Quindi c'è un Cerimoniale, c'è un Ingresso Solenne? Piccolo Giovanni: ! Tutti stanno ad accogliere le Spose che arrivano e i Pargoli fanno le Corone e i Fiorellini da portare allo Sposo! Don Vincenzo: Ah! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Lo Sposo è Gesù? Piccolo Giovanni: Lo Sposo è il Padre! Don Vincenzo: Il Padre! Piccolo Giovanni: Giovanni! Don Vincenzo: L'Azione della Cocciuta, in quel frangente in cui si decide la sorte di quella persona è un'azione di convincimento o no? Cioè cosa fa per far sì che quella persona entri? Gli fa un discorso? Gli fa vedere qualcosa? Piccolo Giovanni: No! Don Vincenzo: Come avviene questo trapasso...... che può traghettare quella persona nella Luce del Padre o in una zona d'ombra senza Luce? Piccolo Giovanni: Se non accetta di donare la mano allo Strumento rimane lì dove c'è poi la Domandina da fare, ma lo Strumento gli fa vedere il Volto del Padre attraverso i suoi occhi! Don Vincenzo: Ah! Piccolo Giovanni: Ma anche guardando il Volto del Padre non tutti danno la mano! Don Vincenzo: Addirittura! Piccolo Giovanni: Ma la Cocciuta non si ferma e prende la mano di chi vede il Volto del Padre e aspetta...... guardando ancora gli Occhi del Padre...... e così poi gli donano la mano e si mette l'Abito Bianco, l'Anello Nuziale e viene portato davanti al Padre! ......Ora fermati, una cosa alla volta! Don Vincenzo: Ancora! Piccolo Giovanni: Ancora! Don Vincenzo: Mia Mamma Iolanda ha fatto la sarta quaggiù come pure il Fiorellino! Piccolo Giovanni: , anche il Fiorellino, così loro preparano i vestitini, ma ci sono anche i Servi Inutili della Cocciuta che aiutano a cucire i vestitini! Don Vincenzo: Giova', scusa... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Poco fa hai parlato dei Servi Inutili della Cocciuta......! Piccolo Giovanni: , sono i suoi Bimbi......! Don Vincenzo: Ah! Piccolo Giovanni: ......Le sue Bimbe! Don Vincenzo: I suoi Figli! Piccolo Giovanni: , sono Nati e sono cresciuti! Don Vincenzo: Ne sono tanti? Piccolo Giovanni: Sì e aiutano a cucire e aiutano a vestire e Impastano! Don Vincenzo: Giovanni, scusa, sono Nati, sono cresciuti e adesso sono a grandezza di Giovincelli? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Poi si fermano di crescere? Piccolo Giovanni: , si rimane Giovincelli! Ma voi ancora non potete capire cosa significa: "Giovincelli", quando si Aprirà il Sole poi lo vedrete! Don Vincenzo: Ancora, Giovanni! Piccolo Giovanni: Ancora! Don Vincenzo: Quando si Aprirà il Sole...... Piccolo Giovanni: Si Aprirà nelle tue mani! Don Vincenzo: Tutti lo vedremo......? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Tutti! Piccolo Giovanni: L'Umanità Intera, ma non tutte le ginocchia si alzeranno, perchè ci saranno ancora quelli che, dopo aver visto il Cuore Immacolato di Maria, rimarrano di pietra e non si alzeranno! Don Vincenzo: E cosa devono vedere ancora? Quando c'è il Cuore Immacolato di Maria e quando c'è la Visione del Padre, c'è tutto: cosa vogliono vedere ancora? Piccolo Giovanni: Cosa hanno visto quando Gesù li ha Amati fino a Donare il Suo Sangue? Sono rimasti fermi, sono rimasti di pietra, sono andati per la loro strada a fare festa lasciando Gesù e così sarà ancora! Ma c'è una Cocciuta che non si ferma e risponderà per tutta l'Umanità Intera! È così che il Padre l'ha fatta, è così che stenderà il Velo che le è stato regalato, è così che Spalancherà il Cuore, è così che rimarrà Crocifissa e, rimanendo Crocifissa, rimarrà in mezzo a voi e rimarrà alla Destra del Padre! È così che la sua Schiera Combatte ancora, fin quando il Figlio non avrà sceso l'Ultimo Gradino e non si sarà Aperto! Ma voi dovete pregare per quelle Mura Insanguinate ancora di Sangue Innocente e per quel Legno che si è affondato! Lo Strumento non vuole lasciare neanche quello e lo vuole portare nel Cuore del Padre! Dio vi Ama così tanto da aspettare tutti i Figli e Donare a tutti l'Eredità preparata da sempre! Vedi, avete detto che farete compagnia a Gesù e lo Strumento darà a tutti il "Filo" che Teresina gli sta Donando! È così che gliene è rimasto ancora: Teresina lo manda, lei Lo Spezza, Lo Dona alla Famiglia e Lo porta all'Umanità Intera! Con ogni Rotolo che scende, fa sempre la stessa cosa! Don Vincenzo: Cioè? Piccolo Giovanni: Rimane sempre con la stessa Misura! <Giovanni indica un piccolo spazio tra indice e pollice> Pregate! Teresina deve Ubbidire anche al Padre e di Rotoli ne sono Scesi tanti e a lei le rimane sempre la stessa Misura! Don Vincenzo: È un miracolo? Piccolo Giovanni: No, lo dona ad ognuno di voi e all'umanità intera! Lo tiene aperto e la misura è questa: piccola... piccola! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quelli che non risponderanno, dove andranno? Piccolo Giovanni: È la Cocciuta che risponderà per loro! Ma il Padre è anche Giudice! Lo vedrete, perché nulla sarà nascosto: il Padre ha piantato l'Albero Verde in questo luogo, ma tutti vedranno quando si aprirà il Sole! Tutti vedranno l'Amore del Padre! Don Vincenzo: Quando si Aprirà il Sole vedremo Dio? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Il Padre? Piccolo Giovanni: , e non solo il Padre, ma vedrete il Giardino Preparato e avrete l'Eredità, perchè Dio non è morto ma è Vivo come tutti i Servi Inutili! Dio ha vinto la morte e chi rimane nella Viuzza Stretta, nella Dimora e nell'Arca e con i Remi, non morirà! ......Cosa c'è, viceparroco? Raffaele: Tu insegnavi, Giovanni? Piccolo Giovanni: , insegnavo lettere! Raffaele: E davi i compiti? Piccolo Giovanni: , ma non ho bocciato nessuno dei miei alunni: tutti promossi! .........Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa dicevo? Posso Fare particolarità? Posso dire: "tu non sei bravo e tu sei bravo?" Posso mettere il voto cattivo a uno dei figli? Non potevo bocciare, se il Padre non Mi ha bocciato, Mi ha dato la Figliolanza, Mi ha chiamato "Figlio", Mi ha dato la Gioia di vedere il Suo Volto e di prendere tutto quello che era Suo, Io non potevo togliere ai Miei alunni ciò che il Padre Mi aveva donato e Mi dona! Posso bocciare qualcuno di voi? Alcuni: No! Piccolo Giovanni: Non vi ho bocciati, però ho detto alla Cocciuta: "solo a te il Padre poteva donare questi figli, perché nessun altro al mondo li avrebbe mai accolti!" E la Cocciuta ha detto: Eccomi! E vi porta ancora, anzi vi porta ancora sulle spalle, anche quando fate Grondare di Sangue il suo cuoricino piccolino... piccolino! Eh, si, dovevo lottare Io per farvi capire una cosa; lei deve lottare ancora di più! Lei dice tre, che è il numero del Padre e voi dite quattro! Ma lei ripete: "il tre che sto dicendo, non è quattro"! - "Ma io non avevo capito! Ma io non avevo sentito! Ma io non c'ero!" E qua..., e là... e la Cocciuta...! Don Vincenzo: ......Si arrabbia! Piccolo Giovanni: Gronda Sangue! Eh, , vedete a che punto vi vuole bene? Tutto il Filo che le viene donato, lo dona ad ognuno di voi! ...Ehi, ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...E allora hai conosciuto anche Zio Mario! ...Si, prepara prepara, viceparroco, così Io vi dico qualche altra cosina e poi vi lascio a Gesù! ...Ma cosa Mi avete donato da mangiare? ...Non Mi date più nulla da mangiare? Don Vincenzo: Vuoi il formaggio? Piccolo Giovanni: Quello te lo mangi tu! ...Io voglio uno di quelli! ...Si! Eccolo! Raffaele: Posso prendertelo? Piccolo Giovanni: Certo che puoi... eh, te l'ho chiesto! ...Tu non lo vuoi uno? Sara: Anche? Piccolo Giovanni: Eh, si, devi fare Festa! Prendilo! Alzati e prendilo da sola! Sara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...E tu non lo vuoi? Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora prendilo! ...Tu l'hai mangiato? Alessandra: No! Piccolo Giovanni: E prendilo pure tu! Alessandra: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Daglielo a lei!(*) ...Ehi, Giova', parla un po'! Tanto dopo quando viene Gesù vi saluta e se ne va, quindi puoi parlare un po' con Me! ...Cin-cin! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Dai! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Sara, lo devi mangiare tutto! ...Non ci provare a nasconderlo! ...No, adesso bevi il Miscuglietto perché l'acqua non va bene! Poi vedrai che ti piacerà! ...Non ti devi preoccupare perché quando mangi dal Banchetto è tutto del Padre ed è il Padre che mangi, non è il cibo del mondo, ma è il Padre che stai mangiando! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quando si arriva lì, di fronte al Padre, nel Giudizio Finale, è il Padre che dice si o no ad una "promozione" o a una bocciatura? Cioè è il Padre che ha sempre l'Ultima Parola in merito alla Salvezza o no? Piccolo Giovanni: Quando si è donata la Mano, la Salvezza è già arrivata! Se non si dona la mano, la Cocciuta non si ferma e va' a prendere gli altri figli! Don Vincenzo: Ed è sempre quindi in movimento? Piccolo Giovanni: Ve l'ho detto che quando voi vedete il suo corpo, non sapete chi c'è al posto suo! Don Vincenzo: E c'è qualcun altro che ha questo compito di Salvatrice? Piccolo Giovanni: No, solo la Cocciuta! Quello di prendere la mano, ce l'ha la Cocciuta, mentre quello di aiutarli a vestire ci sono le altre Spose! ...Cosa stavi dicendo ancora? Don Vincenzo: Il Cuore Immacolato di Maria trionferà... Piccolo Giovanni: ...Si! Don Vincenzo: E la Madonna è sempre a fianco del Padre? Piccolo Giovanni: Maria è con le Schiere! ......Maria è sempre con voi, ed il Padre è sempre con voi! Don Vincenzo: ...Ma Maria è con le Schiere che stanno combattendo o no? Piccolo Giovanni: Maria è con le Schiere che sono ferme...... e quella che sta combattendo è solo la Schiera dello Strumento! Don Vincenzo: Giovanni, ancora un'altra cosa in merito ai Servi Inutili, a quelli che, praticamente, Lavorano sia tutta la Giornata e sia invece in una minima parte della Giornata... la Paghetta è identica? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Quindi, qualunque persona che entra va al Banchetto? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E quindi questo Banchetto è continuo e perenne? Piccolo Giovanni: Si, le Spose entrano attimo dopo attimo! Don Vincenzo: E quindi il Padre si fa sempre trovare ad accoglierle? Piccolo Giovanni: Il Padre è sempre con voi! Don Vincenzo: Come pure Gesù? Piccolo Giovanni: Si, come pure Maria e come pure tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Ed il Cielo vive qua? Piccolo Giovanni: È in mezzo a voi! Don Vincenzo: Tranne quell'unico Servo Inutile che scende i Gradini? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Scusa, Giovanni, ma Ti posso chiedere perché a volte viene nominato Servo Inutile, a volte viene nominato Figlio, e a volte... Piccolo Giovanni: ...Figlio o Servo Inutile è sempre la stessa cosa! Tu sei figlio, sei Servo Inutile e sei Calice Vivente, come Dio è Padre e serve! ...Voi avete imparato a fare i Servi! Don Vincenzo: Il Padre serve? Piccolo Giovanni: Si, il Padre serve! Don Vincenzo: Prima di Gesù e prima della Croce c'era solo il Padre Crocifisso? Piccolo Giovanni: Dio vi ha creato da sempre! Don Vincenzo: E siamo stati pensati da sempre dal Padre? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: E quando siamo stati pensati siamo nati pure, o no? Piccolo Giovanni: Si! Dio ha fatto tutto da sempre!(*) ...Ed ora vi lascio con la Croce e col Pane! <Giovanni fa il Segno della Croce e schiocca un bacio ai presenti che viene ricambiato> ...Vi lascio il Filicino che è il Mio Cuore che è nel cuore dello Strumento e che è nel Cuore del Padre... così vi ho ingarbugliato un poco! Venite, vi amo tutti quanti! <Giovanni schiocca un altro bacio ai presenti e viene ricambiato> Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Vi raccomando, Mari', Nico', Dottore'... Maria, Nicoletto e Teresa: ...Eccomi! Piccolo Giovanni: Tere', falle una punturina a Maria per farla stare zitta... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh, si, perché Io le facevo una punturina di cantata...! Per un po' stava zitta ma poi riprendeva daccapo! ...Eh... ce la teniamo così com'è o no? Teresa: Eccomi! <Giovanni schiocca un altro bacio ai presenti e viene ricambiato> Piccolo Giovanni: ...Ci vediamo...!(*) Don Vincenzo: Gesù...! Gesù: Eccomi! ...Con la Croce e col Pane! Visto che Giovanni è rimasto un po' a parlare, Io vi dico di pregare ancora "Ave Maria-Padre Nostro" e di prepararvi e di preparare le vostre Capanne! I Tempi sono nel Tempo ed ognuno deve preparare la Capanna! Vigilate, la Cocciuta vi dirà...... ed il Padre non vi lascerà senza dirvi quando è l'Ora e il Momento di abitare nella Dimora......! Vigilate, i falsi profeti avanzano ancora ed il veleno cammina ancora! Non rimanete fuori dall'Arca e non li lasciate i Remi, figli!(*) ...Io ora vi saluto lasciandovi il Mio Cuore Spalancato! Tu saluta con l'Albero Verde!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni!(*) ...Non hai preso la mano di quei figli?(*) ...Si, una parte me l'hanno donata la mano!(*) ...E quelli che erano rimasti a guardare? Non hanno voluto prendere la mano?(*) ...Ti hanno sputato?(*) ...Ti pulisco io, non Ti preoccupare, ed adesso vado io...!(*) ...Non temere se mi sputano, mi pulisco e poi vado di nuovo!(*) ...Sono figli e non possiamo lasciarli!(*) ...Lo so che in questi giorni Ti hanno sempre sputato in faccia!(*) ...Non piangere! Tu mi dicevi sempre che non volevi vedere i miei occhi con le lacrime... e perdonami se ieri li ho bagnati... ed ora non voglio vedere i Tuoi bagnati di lacrime!(*) ...Vado a prendere quelli che mi danno la mano e Tu vai a preparare ciò che il Padre Ti ha donato: i Sigilli e i Flagelli! Dopo passo e li bevo se il Padre vuole!(*) <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> ...Ci vediamo dopo, Giovanni!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, i nemici stanno crescendo come il veleno e come i falsi profeti! Il Padre: Non temete, avete la Spada del Vangelo, quella del Pane Intero: AlzateLa e Combattete! Giulia: Papà, per combattere è rimasta solo la Schiera che mi hai donato! Il Padre: Non temere...!(*) Giulia: Eccomi! Papà, Te la posso chiedere un'altra cosa?(*) Le pietruzze che stanno cadendo le posso raccogliere e portare nel Tuo Cuore?(*) Il Padre: Lasciali a terra!(*) Giulia: Ma si perderanno! Il Padre: Lasciali a terra!(*) Giulia: Perdonami se insisto...!(*) ...Posso andare a prenderli inzuppandomi e bevendomi?(*) ...Se rimangono a terra passa il veleno! Il Padre: Rimani all'Ubbidienza! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Io rimango all'Ubbidienza, ma l'Ultima Domanda posso risponderla io per loro nella Tua Ubbidienza?(*) ...Poggio il capo sul Tuo Cuore nell'Ubbidienza!(**) ...Io vado a prenderli rimanendo nell'Ubbidienza del Tuo Cuore! Il Padre: Eccomi, Roccia Viva! Giulia: Eccomi, Papà! ...Ora posso salutare... e possiamo salutare tutti i Cari, tutte le Spose, tutti i Servi Inutili e tutti i Pargoli? <Il Padre dà l'assenso e tutti salutano il Cielo e i propri Cari> ...Mamma, sei bella con l'Abito che Ti hanno regalato! Perdonami se non sono riuscita a farti il "cuore", <Un regalo a forma di Cuore> Ma come ho tempo Te lo faccio... e perdonami se ho pianto!(*) ...Ti voglio bene!(*) ...Mammina del mio cuore, lo so che i Nipotini Ti hanno fatto la Festa e Ti hanno portato tanti regali, ed io come regalo Ti ho portato il grido del mio cuore e le lacrime!(*) ...Poi Ti farò il "cuore"!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Spose!(*) ...Ciao, Mamma!

 

 

 

 

2. Dom. 10/11/2013, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi!(*) Sono Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., sono i Sigilli, ma non so come descriverli! Questi non sono "cattivi", Mamma, come devo descriverli? Come devo spiegarli? Non trovo le parole......! Donamele Tu perché quello che vedo non lo so descrivere!(*) Non lo so dire, Mammina!(*) Posso dire che c'è un Amore Grande Grande Grande Grande? Perché quello che vedo non lo so spiegare! Dio ha fatto tutto in Perfezione, ma quello che vedo, Mamma..., fammi dire solo che è un Amore Grande Grande! Non devo fermare niente..., non devo tenere nulla e non devo Inzupparmi e non devo Bermi! È un Amore Grande Grande e un Giorno di attesa! (La Madonna): Eccomi, Anima Mia! È tutto quello che il Padre ha preparato da sempre! (Giulia): Mammina, l'avete fatto così perché il veleno non lo copia......? (La Madonna): Eccomi, Anima Mia! Vigilate, i falsi profeti avanzano...... e il veleno avanza con ognuno di loro! Alzate la Destra e Combattetelo, Figli!

*******************

(Don Vincenzo): Ogni preghiera deve partire dal Cuore e dall'Amore...! (La Madonna): E non va misurata, ma donata per Amore! (Don Vincenzo): Allora diventa Preghiera Vera, perchè c'è l'Amore! (La Madonna): E allora arriva al Padre...... mentre quella misurata non arriva al Padre! "...Oggi ho fatto cinquanta rosari!" Quelli cadono per terra perché sono stati contati e misurati! "...Io oggi ho fatto cinquanta comunioni spirituali!" Anche queste cadono per terra perché sono state contate e misurate! Bisogna fare tutto nel massimo nascondimento, perché la destra non deve sapere ciò che fa la sinistra, così come la Carità non si deve gonfiare e non si deve dire, ma va tenuta tutta nel silenzio così il Padre vede e fa crescere ancora di più quel silenzio, quella Carità donata...... ed è Lui a donarsi...... e non siete voi a fare Carità, ma Dio! .........Dio si ferma solo in un Luogo e ha scelto proprio Timparelle e solo qui si Consacra e solo qui Gesù ci Dona il Suo Corpo e il Suo Sangue.........! In nessun altra celebrazione eucaristica avviene questo e tutte le altre celebrazioni sono inutili e ingannano i figli perchè vengono fatte solo per ricevere le offerte e in funzione del potere, arrivando perfino a stabilire chi può confessarsi e chi no e chi può ricevere la comunione e chi no! Che falsità! Che ipocrisia! Dio non allontana i figli dal Suo Banchetto, ma li aspetta e li accoglie Pieno di Gioia!

*******************

(Don Vincenzo): .........Siamo Croce! (La Madonna): Fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Quando si Aprirà il Sole e l'Umanità intera vedrà la Potenza del Padre e l'Amore, non finirete di piangere e di versare lacrime nell'aver visto ciò che Dio vi ha Donato da sempre e ciò che i Grandi della Casa del Padre vi hanno tolto da sempre! Nel "segreto" di Lucia c'è anche questo e, quando parlerà ancora, ve lo dirà!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) LA MADONNA: Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen! <La Madonna è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Nel Cuore di Dio vi Porto il Mio Cuore e il Cuore del Mio Figliolo Gesù nell'Indicarvi il Segno Tremendo della Croce e nel dire: Pace a voi, Figli, Donati dal Cuore di Dio, Figli Partoriti dal Cuore del Legno Santo del Padre, Grembo Materno dell'umanità intera e di ognuno di voi! Sono Io, la Mamma, la Sposa e la Figlia del Padre Mandata dal Suo Cuore a Portare la Buona Novella, la Parola di Dio, il Pane Tutto Intero all'umanità e ad ognuno di voi! E come Mamma, Allargo le Braccia e Stendo il Mio Velo nel Raccogliere i figli dispersi da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, da coloro che volevano aprire il Mio Grembo Materno per portare via il Frutto di Dio! Come Mamma e come Donna lo dico ad ognuno di voi: "È questo che Volevano: Aprire il Mio Grembo Materno e Togliere il Frutto del Padre!" Ma Dio non l'Ha Permesso, Dio Ha Mantenuto la Sua Promessa: "Da una Piccola Creatura Manderò Mio Figlio e dopo averLo Mandato, Manderò il Pane in abbondanza...... ma lo getteranno il Pane...... e Mi Fermerò e Costruirò un'Arca dove Poggiare il Pane Tutto Intero, dove Mettere un Piccolo Strumento e Accogliere il Gregge Raccolto e Farlo crescere... e quando sarà cresciuto l'Arca si Aprirà nel Camminare!" E quando l'Arca Camminerà, il Sole si Aprirà......e il Mio Cuore Immacolato Trionferà...... perché Dio Abbasserà la Mano e Abbassandosi la Sua Mano Scenderà non l'Ira di Dio, ma l'Amore Pieno per l'umanità intera e per ognuno di voi! ......Figli Miei, Sono sempre Io...... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ......La Mamma della Croce e del Crocifisso, la Mamma del Figlio di Dio, la Mamma di ognuno di voi e dell'umanità intera! E così Mio Figlio vi ha chiamati Figli di Colei che Ha Abbracciato la Croce e l'Ha Partorita, e ognuno di voi l'Ha Partorita per Volontà del Padre, e ognuno di voi Lo È Croce, come Lo È Dio, così come Lo Sono Io, così come Lo È il Mio Figliolo Gesù! Pregate per le Mura Insanguinate! Pregate ancora per il Legno che è rimasto! Pregate per i vostri nemici! Innalzate la Croce, Innalzate ognuno di voi nel Donare al Padre i Frutti del Suo Amore, Figli del Mio Cuore di Mamma Immacolata e Addolorata, Piccola Fanciulla nell'Accogliere la Volontà del Padre! .....................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: Ora devo raccogliere Io il tuo cuore che Gronda Sangue! Giulia: No, Mammina, non posso dirTi che non Gronda Sangue, ma lascialo scendere, così quando il Sangue bagna il terreno è il Pane da poter Spezzare ai figli......! La Madonna: Non vedi che di Filicino ne è rimasto poco? Giulia: E crescerà il Pane per andare avanti e fare tutto ciò che vuole fare il Padre e basterà! ...Mammina, il Tuo Cuore Gronda Sangue nel vedere ancora l'umanità sorda e cieca...... nel vedere i figli che offendono Tuo Figlio......! La Madonna: Lascia scorrere anche il Mio, così unito al Cuore del Padre, unito al Cuore del Mio Figliolo, unito al tuo, diventa un Fiume! Giulia: Così è il Fiume della Salvezza, Mamma: lasciamolo scorrere......! La Madonna: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi, mamma!(*) Dietro di Te non si vede più nulla, Ti vedi solo Tu che Sei Piena di Luce, con l'Abito Macchiato, ma dietro e in lontananza si vedono solo dei pezzi di muri e tanta polvere bianca! Non si vede niente altro, come faccio a vedere? Vedo solo questo! Che significato ha? È un Altro Flagello?(*) Posso andare ad Inzupparmi e a Bermi? Posso Fermarlo?(*) La Madonna: È stato preparato dagli uomini! Giulia: E non posso fermarlo? Non posso andare a toccare i loro cuori? Mammina, sono figli! La Madonna: Vai, Inzuppati ma lascia la Spugna senza berla! Giulia: Se la lasciamo senza berla incomincia a gocciolare e poi cade......! La Madonna: Dio ti ha donato tutto... inzuppa la Spugna! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: GUARDA ANCORA.........! Giulia: Mamma...!! La Madonna: Non dire ciò che vedi e aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Eccomi! Mammina, metto nel Tuo Cuore tutto quello che il Padre mi ha donato da sempre! Mammina, metto nel Tuo Cuore tutti i Tuoi Figli, l'umanità intera e la Famiglia che mi hai donato! Mammina, metto nel Tuo Cuore tutti quelli che non hanno avuto la forza di avvicinarsi al Tuo Amore e alla Tua Luce! Mammina, metto nel Tuo Cuore tutti quelli che trafiggono i nostri cuori e il Cuore del Padre! Mammina, raccolgo le Pietruzze una ad una e Te le consegno! Mammina, i sussurri della famiglia Te li ho già consegnati dall'alba, come ho già consegnato le Spose che hanno donato la mano! Mammina, Ti consegno "il mio niente" della Giornata: accoglilo! La Madonna: Se il "tuo niente" è quello che hai portato... Giulia: Eccomi ancora per l'Eternità, "nel niente" che il Padre mi fa donare, Mammina! La Madonna: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi!(*) Sono Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., sono i Sigilli, ma non so come descriverli! Questi non sono "cattivi", Mamma, come devo descriverli? Come devo spiegarli? Non trovo le parole......! Donamele Tu perché quello che vedo non lo so descrivere!(*) Non lo so dire, Mammina!(*) Posso dire che c'è un Amore Grande Grande Grande Grande? Perché quello che vedo non lo so spiegare! La Madonna: Dì questo: che c'è un Amore Grande Grande e "un Giorno di Attesa"! Giulia: Dio ha fatto tutto in Perfezione, ma quello che vedo, Mamma..., fammi dire solo che è un Amore Grande Grande! La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Non devo fermare niente..., non devo tenere nulla e non devo Inzupparmi e non devo Bermi! È un Amore Grande Grande e "un Giorno di Attesa"! La Madonna: Eccomi, Anima Mia! È tutto quello che il Padre ha preparato da sempre! Giulia: Mammina, l'avete fatto così perché il veleno non lo copia......? La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Vigilate, i falsi profeti avanzano...... e il veleno avanza con ognuno di loro! Alzate la Destra e Combattetelo, Figli! <La Madonna Benedice col Segno della Croce> Giulia: Eccoci, Mamma! Visto che un altro poco si avvicina la Festa di Gesù, quei Sigilli poi ci pensate un poco a farmeli Bere o a tenerli un po' di più? Ormai il compleanno di Gesù si sta avvicinando..., poi me lo dite, tanto ci sono le Spose pronte per venire a portarli! Stanno ancora lì a guardare la mano e fra poco la donano! E poi dinanzi al Trono, dinanzi al Banchetto del Padre, quando vuole..., me lo dice Lui, oppure Gesù o anche Tu, Mammina! La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Pregate ancora nel dire: "Padre Nostro-Ave Maria" ;"Padre Nostro-Ave Maria" e Amatevi gli uni gli altri, figli! I Tempi sono Pieni e il Figlio è sceso solo un Altro Gradino e uno solo se n'è aperto! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: Eccomi col Banchetto del Padre in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con tutti i Pargoli, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico nel Portare l'Unica Verità della Croce... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ......E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Ecco Vittorio pronto al Forno! Ecco Rossella, ecco Natanaele, ecco le Bimbe, ecco i Pargoli, tutti pronti! Ecco il Pane che è impastato dall'alba fino a quest'istante, Anima Mia! Giulia: Eccomi... nell'inchinarmi e nel baciare i Tuoi Piedi! <Giulia bacia per due volte i Piedi della Mamma> Mamma, hai tolto le Rose? La Madonna: No, le ho fatte scendere su di ognuno di voi...... Sono l'Ultima Grazia che il Padre dona ad ognuno di voi e all'umanità intera! Io ho preso le Rose, le ho aperte e le ho fatte scendere! Giulia: Non meritiamo nulla! Mammina, non posso prendere un po' di Filicino e far scendere Teresina e fare Due Rose e poi ne farai quello che vuoi...? La Madonna: Ne è rimasto già poco! Giulia: Allora, posso bagnare il Dito del Filicino Grondante per FarTi Due Rose, visto che le hai donate a noi? Io non so disegnare bene, ma cerco di fare una Piccola Rosellina!(*) <Giulia disegna una Rosa> Faccio solo la Rosellina, le Foglie e il Gambetto no! Ora, Mamma, fanne quello che vuoi! La Madonna: Anima Mia! Giulia: Ecco! La Madonna: Invita i tuoi figli e l'umanità intera nel pregare: "Padre Nostro-Ave Maria! Padre Nostro-Ave Maria!" Giulia: Eccoci, Mamma! Quando non Ti arriva dagli altri: Eccomi...... Te lo dono io! La Madonna: Eccomi!(*) ......PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuta in mezzo a noi! La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Che Grazia quando arrivi Tu e che Tenerezza Sprigioni quando ci Parli......! La Madonna: È l'Unica Grazia che il Padre vi ha lasciato, sappiateLa accogliere, sappiateLa custodire nei vostri cuori, spezzateLa e donateLa ai nemici amandovi gli uni gli altri, così come il Padre Ama ognuno dei Figli! ......Cosa c'è, Calice Vivente? Don Vincenzo: Finalmente non più Sigilli "brutti" ma belli! E quanta Festa la Cocciuta ha fatto nel vederli......! La Madonna: E che Gioia hanno donato al cuore dello Strumento! Don Vincenzo: Dopo tanti Sigilli negativi finalmente sono arrivati i Sigilli positivi! La Madonna: Ma vigilate, ancora ci sono quelli negativi e ce ne sono tanti tanti! Pregate per lo Strumento che si deve Inzuppare e si deve Bere, perchè solo attraverso di lei vengono cancellati! Pregate dicendo: "Padre Nostro- Piccola Ancella che hai Donato l'Eccomi al Padre!" Don Vincenzo: E come costa quest'Eccomi allo Strumento! Così come costava e così come costa il Tuo Eccomi, Mamma! La Madonna: No, quando si Ama non costa! Bisogna Amare! E al Padre, quando Mi ha chiamata, Io ho risposto subito: "Eccomi" e anche lo Strumento ha risposto: "Eccomi"! È l'Amore che rende tutto leggero......! È questo che dovete imparare, perchè siete stati Scelti dal Padre e dovete prendere la Barchetta dell'Amore, così come L'ho Presa Io, e Remare e non temere gli uomini, ma Temere il Padre che può prendere quella Barchetta e farLa affondare o farLa rimanere a galla! Dovete deciderlo voi......! <La Madonna manda baci a tutti e viene ricambiata> ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Vi voglio bene! Tutti: Anche noi! La Madonna: Eccomi! L'Eccomi è una Piccola Barchetta dove si sale e si risponde sempre: "Eccomi" al Padre! Quando non si risponde: "Eccomi", la Barchetta un po' affonda perché vengono lasciati i Remi......! E lo Strumento non solo porta l'Umanità intera ma porta ognuno di voi, e prende anche quelle Barchette che stanno lasciando i Remi, e li tiene a galla donando ad ognuno Amore......! Don Vincenzo: Mammina, come dobbiamo fare? La Cocciuta viene sempre fraintesa, viene sempre scartata, lei che è la Voce del Padre, lei che è la Verità e ha la Verità e ce la dice la Verità Tutta Intera......! La Madonna: Vedi, Figlio, è quello che hanno fatto a Me, è quello che hanno fatto al Mio Gesù, è quello che fanno al Padre attimo dopo attimo! Dovete vigilare, COLORO CHE HANNO TRADITO E TRADISCONO ANCORA VI TOLGONO LA LUCE DI DIO, E VOI NON VEDETE E NON UDITE MA DIO È VIVO ED È IN MEZZO A VOI ANCHE SE VOI NON LO VEDETE! Giovanni lo gridava, lo Strumento lo grida, ma ancora non vedete Dio Vivo e in mezzo a voi e non volete ascoltare la Parola del Padre, ma Parlo a voi e Parlo all'Umanità intera! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Se Io fossi andata a presentarMi dinanzi ai Sacerdoti, Gesù...... Don Vincenzo: ......Non sarebbe Nato! La Madonna: Non sarebbe Nato! Ma non si sono fermati: Mi hanno perseguitato, così come hanno fatto con Gesù, così come hanno fatto col Padre, così come fanno con ognuno di voi togliendovi ciò che Dio mette nei vostri cuori! Ma pregate! Lo Strumento Mi affida le Pietruzze, Mi chiede di tenere in piedi il Legno che è rimasto e va a Bere il Sangue di quelle Mura nel portare tutti i Figli a Casa! Vigilate, guardate i Tempi, Figli Miei, e Ascoltate la Voce del Padre che Parla, Figli! Ad ognuno viene Donato il Pane Intero: prendeteLo, Figli Miei! I Tempi Sono Pieni e lo Strumento conosce l'Ora e il Giorno! ............Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Mamma, Tu e Giulia vi Somigliate perché col vostro "Eccomi" non fate altro che fare sempre le Cose del Padre! La Madonna: Hai visto il Mio Volto? La Cocciuta te L'ha fatto vedere dinanzi ai Piedi del Figliolo Mio poggiato in terra...... e gli uomini che calpestano Mio Figlio e Lo bestemmiano e Lo sputano......! Don Vincenzo: Mamma, siamo noi l'Unica Famiglia che risponde all'Amore con l'Amore? La Madonna: , perchè l'Umanità Intera è sorda ed è cieca...... e solo lo Strumento vi Porta! Don Vincenzo: Mammina, purtroppo non sempre dentro questa nostra Famiglia la Cocciuta viene capita e accettata, perchè invece di ubbidirla ciecamente, essendo lei la "Portavoce di Dio", alcuni vanno dietro al loro io e lo fanno primeggiare invece che schiacciarlo! Aiutaci Tu, Mammina, a far sì che ognuno di noi dia il meglio! La Madonna: Cosa deve fare ancora il Padre per aiutarvi? Vi dona il Pane Intero...... vi dona il Banchetto...... si fa vostro Servo...... e diventa Cibo per ognuno di voi......! Cosa deve fare ancora Dio per far tornare i Figli a Casa? Vigilate ancora, i falsi profeti avanzano e il veleno avanza e sarete ancora allontanati dal Cuore del Padre, ma avete la Destra... combattete! L'Arca e i Remi ce Li avete e lo Strumento non si ferma di Remare e di Portarvi, così come non si ferma il Padre, Figli! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ma Ti riferivi a noi quando poco fa hai detto: saremo allontanati? La Madonna: Parlo a voi e parlo all'Umanità intera, Figlio! ......Cosa c'è ancora? ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Anch'Io sto bene quando vedo i cuori aperti! Don Vincenzo: Che Grazia averTi in mezzo a noi, Mammina, non c'è Regalo più Grande che il Padre poteva darci! Gesù ogni Giovedì sera ci dà la Verità Tutta Intera e Tu, Mamma, Ogni Pomeriggio della Seconda Domenica di Ogni Mese Ti Degni di Venirci a Visitare......! La Madonna: Sono l'Ultima Grazia che il Padre vi Dona! Don Vincenzo: Mammina, questa Ultima Grazia è fatta di tante Grazie? La Madonna: No! Don Vincenzo: No? La Madonna: Sono Io l'Ultima Grazia e il Tempo è nel Tempo e, se guardate fuori, vedete i Tempi del Padre! Don Vincenzo: Ma quest'Ultima Grazia è proprio l'Ultima, l'Ultima? La Madonna: ! Non lasciateLa Figli! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: A fianco a quest' Ultima Grazia ci sta sempre: "Padre Nostro-Ave Maria"? La Madonna: La Grazia Sono Io, "il Padre Nostro e l'Ave Maria" dovete pregare quando vedete i Tempi che sono fuori! ......Quando vedete un figlio che sta per perdersi: "Padre Nostro-Ave Maria!" ...Cosa c'è? Io vi ho Donato anche questo...... <La Madonna indica la Corona del Rosario> ......Ma, se lo fate secondo le vostre intenzioni, non arriva al Padre! Dovete togliere le vostre intenzioni e mettere le Intenzioni del Padre e il Padre ha preparato Tutto per ognuno di voi! Il Giardino è stato sporcato e deve essere ripulito, ed è stato sporcato dai Grandi del mondo, da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, ed è stato sporcato dai Grandi della Cupola che hanno tradito e tradiscono ancora! Ma voi pregate! Non vendete e comprate il Mio Gesù! Lui si Dona per Amore, mentre i farisei di ieri e di oggi Lo vendono e Lo comprano! Vendono e comprano anche le vostre Anime! Ascoltate la Voce del Padre, Figli: così come vendono e comprano i Servi Inutili, vendono e comprano anche le vostre Anime! Siate vigilanti, è la Mamma della Croce a Parlare, non è lo Strumento! Lei è andata a prendere le Spose e a presentarLe con l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale dinanzi al Trono e al Banchetto del Padre! Ma non pensate che il Trono del Padre sia fatto d'oro come il trono degli uomini! Il Trono del Padre è fatto così com'è questo dove ti siedi tu, Calice Vivente: Legno Spoglio, ma Vivo! Legno Spoglio, ma Vivo perché è Piccolo, Povero e all'Ultimo Posto per essere accolto e amato dal Padre, così come i Piccoli Giovanni: Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! .........Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: La Cocciuta dice che il Natale è vicino, ma ci stanno ancora parecchi giorni! La Madonna: Non vi siete accorti che i giorni sono diventati più corti e i mesi ancora più corti dei giorni? Non guardate i Tempi? Don Vincenzo: È che non ce ne accorgiamo e ci sfuggono......! La Madonna: Dovete imparare a guardarli! Che Giorno è oggi e che Data ha oggi? Don Vincenzo: Domenica 10 novembre! La Madonna: E fra poco...... quanti giorni sono rimasti? Don Vincenzo: Per il compleanno di Gesù del 6 Gennaio? ......Quasi due mesi! La Madonna: Fai i conti bene! Don Vincenzo: Sì, sì! La Madonna: Sono rimasti due mesi? Tutti: No! Don Vincenzo: Quasi! La Madonna: Allora oggi è 10 novembre e il prossimo mese? Don Vincenzo: 10 dicembre! La Madonna: Eh! Don Vincenzo: E il Compleanno di Gesù il 6 gennaio! La Madonna: , ma quanto è rimasto al Natale degli uomini? Don Vincenzo: 45 giorni per il Natale degli uomini! La Madonna: Hai guardato che i giorni volano e i mesi volano più dei giorni? Non vi siete fermati a guardare questi Tempi? Tutti: Eccomi! La Madonna: Guardateli, Figli! Don Vincenzo: E come facciamo a sapere se corrono i giorni? La Madonna: Guardateli! Don Vincenzo: Ce ne accorgeremo? La Madonna: , tutti i figli se ne accorgono! Tu ti sei fermato sul Trono della Croce, sei il Calice Vivente! Vigilate, Figli, Dio ha accorciato i Tempi ai Propri Figli, a coloro che sono rimasti nell'Arca, ma i Remi Li porta sempre lo Strumento: "Padre Nostro-Ave Maria", Serva, pronta nel rispondere l'Eccomi al Padre! .........Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Quando ci inviti a pregare "Padre Nostro e Ave Maria", a prescindere che la preghiera vale nella misura in cui è profonda, è calda, ed è sincera, ma quant'è che la dobbiamo far durare: parecchio o poco? La Madonna: Al Padre non si deve misurare......, al Padre si deve donare col cuore la Preghiera......... e farla durare parecchio o poco vuol dire misurarla e questo non piace al Padre......! Don Vincenzo: Infatti! La Madonna: Se il Padre dovesse pesare tutti i vostri errori.........!! Don Vincenzo: Bisogna tuffarci nel Cuore del Padre e rimanerci! La Madonna: Il Padre cosa dovrebbe fare? Far cadere gli errori così come cadono le pietre dal Cielo e fanno rovine? Dio aspetta i Propri Figli e non misura e non fa cadere e non fa rovine! Gli uomini sì e il Padre stende il Suo Mantello, così come anch'Io, così come anche Gesù e così come anche lo Strumento! Don Vincenzo: Ogni preghiera deve partire dal Cuore e dall'Amore...! La Madonna: E non va misurata, ma donata per Amore! Don Vincenzo: Allora diventa Preghiera Vera, perchè c'è l'Amore! La Madonna: E allora arriva al Padre...... mentre quella misurata non arriva al Padre! "...Oggi ho fatto cinquanta rosari!" Quelli cadono per terra perché sono stati contati e misurati! "...Io oggi ho fatto cinquanta comunioni spirituali!" Anche queste cadono per terra perché sono state contate e misurate! Bisogna fare tutto nel massimo nascondimento, perché la destra non deve sapere ciò che fa la sinistra, così come la Carità non si deve gonfiare e non si deve dire, ma va tenuta tutta nel silenzio così il Padre vede e fa crescere ancora di più quel silenzio, quella Carità donata......ed è Lui a donarsi...... e non siete voi a fare Carità, ma Dio! .........Dio si ferma solo in un Luogo e ha scelto proprio Timparelle e solo qui si Consacra e solo qui Gesù ci Dona il Suo Corpo e il Suo Sangue.........! In nessun altra celebrazione eucaristica avviene questo e tutte le altre celebrazioni sono inutili e ingannano i figli perchè vengono fatte solo per ricevere le offerte e in funzione del potere, arrivando perfino a stabilire chi può confessarsi e chi no e chi può ricevere la comunione e chi no! Che falsità! Che ipocrisia! Dio non allontana i figli dal Suo Banchetto, ma li aspetta e li accoglie Pieno di Gioia! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Stare qui di fronte a Te è Tutto! La Madonna: Lo Sono attimo dopo attimo di fronte ad ognuno di voi...... e se vi guardate, siete fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Don Vincenzo: Siamo Croce! La Madonna: Fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Quando si Aprirà il Sole e l'Umanità intera vedrà la Potenza del Padre e l'Amore, non finirete di piangere e di versare lacrime nell'aver visto ciò che Dio vi ha Donato da sempre e ciò che i Grandi della Casa del Padre vi hanno tolto da sempre! Nel "segreto" di Lucia c'è anche questo e, quando parlerà ancora, ve lo dirà! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Gabriele, "l'ex diavolo convertitosi" c'ha un gruppetto che ancora non si converte? La Madonna: Gabriele ha portato i figli che hanno risposto l'Eccomi...... ma quelli che sono rimasti non può prenderli! Don Vincenzo: Ma sono in parecchi quelli che Gli fanno resistenza? La Madonna: ! Don Vincenzo: Lui ci prova ancora a convertirli? La Madonna: C'è lo Strumento per Questo Compito, quello che il Padre le ha Donato da sempre, ed ha portato le Spose, ma guarda la Spugna Inzuppata...... gliel'ho fatta Inzuppare e lei ha paura che qualche Goccia cade e non vuole perdere nessuno! Ma voi pregate rimanendo Mamme Partorite dal Parto del Padre e preparate le culle dei vostri cuori nel festeggiare la Nascita di ognuno di voi nel far Nascere Dio ancora una volta, mentre l'Umanità Intera L'abortisce: voi fateLo Nascere, Figli Miei! <La Madonna guarda intensamente alcuni presenti alla preghiera> Nel Dolore: Nasce, Cresce e Partorisce! Non gettatevi, Figli, ma rimanete in piedi e raccogliete Gesù quando viene gettato a faccia a terra e sputato e bestemmiato! Questo è il Natale: accogliete Gesù che vi ha Donato la Vita e il Soffio del Suo Amore, Figli Miei! Pregate ancora per le Mura Insanguinate dove ancora c'è Sangue Innocente e dove ancora c'è Sangue di Pargoli! Pregate, Figli! Lo Strumento va a BerLo il Sangue e Lo porta nel Calice del Padre! Amate Dio con tutto l'Amore che Lui vi Dona e non fate lamenti verso il Padre e verso la Croce e non bestemmiate il Mio Cuore: una Mamma non tradisce e un Papà neanche! Gli uomini vi hanno portato a tradire i vostri figli! Non è stato Gesù a venire a mettere l'uno contro l'altro, ma i farisei di ieri e di oggi! Pregate e portateli sulle vostre spalle così come fa lo Strumento, voi che siete la Famiglia! Spalanco ancora il Mio Cuore e i Petali delle Rose li ho lasciati già scendere! Lascio scendere il Sangue del Padre, del Mio Figliolo Gesù, il Mio e quello dello Strumento e anche il tuo, Calice Vivente, e vi dò la Grazia che il Padre Mi ha Donato da portare nelle vostre case e ovunque andate,perché siete la Famiglia Scelta dal Padre! ...I Figli devono tornare e portare la Gioia! Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato e tu, Calice Vivente, Saluta con l'Albero Verde......! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Io vi Saluto col Magnificat, Figli Miei! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) <Ora tutti recitano il Canto del Magnificat > L'Anima Mia Magnifica il Signore! Giulia: Mammina, Tu che Sei l'Anima che Dio Ha Scelto per Accendere il Forno dove il Padre Ha Lasciato Scendere il Suo Amore, Tu, Forno Divino, che Hai Sfornato l'Amore di Dio, insegna ad ognuno di noi a saper accendere il Forno dei nostri cuori e ad imparare ad impastare e a cucinare con la Tua Misericordia Infinita e con la Tua Grazia! Mamma della Grazia del Padre, Mamma della Grazia di ognuno di noi e dell'umanità intera, guarda noi figli, guarda l'umanità dispersa e accendiLo Tu il Forno!(*) La Madonna:Non sei tu il Forno mandato da Dio per sfornare il Pane? Non hai risposto l'Eccomi a Dio? Giulia: Eccomi ancora per l'Eternità! ...Ma io non sono degna di tutto questo!(*) ...Cosa devo fare? La Madonna: Le Cose di Tuo Padre! Giulia: Eccomi, Mamma! Ma metti un piccolo legnetto anche Tu per fare accendere il Forno!(*) ...Pensavo che me lo donavi dopo! ...Eccomi!(*) ...Mammina, Ti vogliamo tanto tanto tanto bene! La Madonna: Anch'Io ad ognuno di voi, figli! Giulia: ...Allora ci vediamo dopo! ...Poi mi rispondete su quello che ho chiesto e vengo a portare le Spose! La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Papà, pronti nel prendere la Paghetta e pronti nello SpezzarLa!(*) ...Ma quando cade posso andare a RaccoglierLa e a DonarLa ancora? E posso Spezzarla ancora in Piccoli Pezzettini? Il Padre: Eccomi, Anima Mia! Mi hanno gettato e Mi gettano, ma RaccogliMi e DonaMi ancora! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Lo so che Ti gettano e lo faranno ancora, ma io sono pronta a RaccoglierTi e porto anche i figli sulle spalle, e faccio Raccogliere anche a loro quando Ti gettano!(*) ...Ti voglio tanto tanto bene! Il Padre: Anch'Io, Anima Mia! Giulia: Papà, i nostri Cari sono dinanzi alle Schiere così come tutti i Servi Inutili e tutti i Pargoli, e visto che la Schiera che mi hai donato e che guido io, combatte, donami la Forza...! Un altro Gradino si è aggiunto ed un Altro si è aperto! Donami sempre la Costanza e la Forza! Il Padre: Non temere! Giulia: Allora salutiamo i Servi Inutili, i nostri Cari e i Pargoli! <Il Padre dà l'assenso e tutti salutano il Cielo e i propri Cari> ...Buon rimanere fermi nel Fare le Cose del Padre!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Fiorellini!(*) ...Ciao, Pargoli del mio cuore!(*) ...Ciao, Mammina!(*) ...Si, al più presto Ti faccio il "cuore"! Aiutami a trovare un piccolo spazietto e Te lo faccio grande grande!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Giardino di Dio in mezzo a noi!(*) ...Ci vediamo dopo!(*) ...Raccogliete anche Voi una Rosa e DonateLa a tutti i figli!(*) ...Chiedete l'Ordine al Padre!(*) ...Ciao!

 

 

 

3. Giov. 14/11/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Gesù): GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! (Giulia): Eccomi!(*) Ci Sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Non posso berli senza dirlo ai figli? Ti supplico, Gesù, fammeli bere! Tu Innocente hai bevuto il Calice Amaro! (Gesù): Tu cosa hai commesso... da bere ciò che vedi? (Giulia): Fammeli bere, non sono la Perfezione, ma sono l'Anima Tua, sono lo Strumento che il Padre ha scelto, sono lo Straccio Stracciato...... ma Ti supplico, fammi Bere i Sigilli che vedo senza dirlo ai figli! Non mi piacciono da farglieli sentire, sono deboli, Gesù! (Gesù): Dove prendi la Forza......? (Giulia): Dal Letto della Croce! Posso berli? Se li devo tenere, devo dirlo ma se li Bevo vengono cancellati! Io sto aspettando..., fammi un piccolo regalino: fammeli bere, Gesù! (Gesù): Cosa devo fare con te, figlia? (Giulia): Donarmi quello che vedo e farmelo Bere!

*******************

(Gesù): E prenditi quello che la pancia vuole! Eccomi! Ti sei messo già a mangiare e, quando mangi, tu non parli, no? Mangio anch'Io e dò l'erbetta allo Strumento! Non scandalizzatevi nel vedere Gesù, che Mangia, ve l'avevo già detto: "Rimango in mezzo a voi e Mangerò e Berrò del Nuovo!" E il "Nuovo" il Padre L'ha preparato nel far Scendere il Pane Intero, L'ha preparato da sempre, ma coloro che sono stati invitati a nozze L'hanno rifiutato perchè avevano altre cose da fare: e per prima dovevano cacciare il Figlio di Dio e poi hanno preparato tutto il resto nel togliere il Pane Intero ai Figli e nel donare solo le "briciole" non giuste! Vedi, Giovanni, essendo il Padre Giusto, ha Mandato il Figlio "Giusto" nel portare agli uomini Maria, la Verità, la Vita, quella Eterna! Gli uomini non L'hanno voluta e hanno incominciato a vendere e a comprare! Eppure gli avevo detto di non fare questo, cioè vendere e comprare nella Casa del Padre! ......Sono rimasti scandalizzati per un po' quando ho cacciato fuori chi vendeva e chi comprava...... e poi hanno iniziato a vendere e a comprare anche il Figlio di Dio e così lo fanno ancora adesso e camminano dicendo: "Questa è la Casa del Signore!" ......E per qualunque cosa si deve pagare......! E ancora scorre Sangue Innocente e quelle Mura vengono bagnate e i Pargoli vengono uccisi! E parlano ancora dicendo: "Questa è la Casa del Signore!" Vigilate, i falsi profeti avanzano e i farisei di ieri e di oggi avanzano col veleno! Pregate ancora nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!"

*******************

(Don Vincenzo): ...Altri Sigilli e altri Flagelli? (Gesù): Solo in questo istante ce ne sono mille! (Don Vincenzo): E come fa Giulia? (Gesù): Allargando le Braccia, Amandovi e Amando coloro che trafiggono il Mio Cuore!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Nella Quiete Porto ad ognuno di voi e all'umanità intera l'Abbraccio della Croce, il Segno dell'Eccomi Donato a Mio Padre e Donato per ognuno di voi! Nel Rispondere nella Quiete al Padre Mio: "Eccomi nel Compiere la Giornata del Tuo Cuore..." non solo Ho Chinato il Capo, non solo Ho Detto "Eccomi" e non solo Ho Detto la Verità Tutta Intera, ma l'Eccomi che si deve rispondere al Padre è Prendersi Tutto Intero, è Spezzarsi Tutto Intero e Donarsi Tutto Intero......! Ed ecco la Verità Tutta Intera......! Ed ecco Dio in mezzo a voi Tutto Intero Vivo e Reale nel Chiamarvi ancora Figli, Fratelli e Amici......! Il Paradiso, il Giardino che Dio ha preparato per tutti i figli e per l'umanità intera non l'ha preparato solo per Me, non l'ha preparato per i Servi Inutili Pensati ed Amati da sempre dal Suo Cuore, ma è stato preparato Vivo e Reale, ed è in mezzo a voi, così come lo è il Padre...... ma l'umanità è sorda ed è cieca! Coloro che hanno tradito e tradiscono ancora conoscono la Verità di Dio ma l'hanno scartata da sempre e la scartano ancora per prendere "i primi posti" e cacciare il Figlio di Dio! E cacciando il Figlio di Dio, è Dio che viene messo alla porta! Siamo tutt'Uno col Padre, così come ognuno di voi deve essere un tutt'Uno con Dio, con il Pane Tutto Intero! L'Arca ancora non l'avete capita e quella che Dio ha preparato per ognuno di voi non è l'Arca di Legno! Imparate a Spezzare il Pane...... imparate a Masticarlo...... imparate a Ricordarlo...... e imparandoLo, capite chi è l'Arca! E vedete il Volto del Padre Amandovi gli uni gli altri e camminando sulla Viuzza Stretta che Dio ha preparato da sempre per ognuno di voi, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! ..................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Vedo una Linea Verde..., è dritta, ma cresce! E sulla Linea Verde vedo degli Uomini Armati......, portano delle Tuniche Bianche, ma c'è tanta confusione......! Pur essendoci la Linea, c'è confusione... e si disperdono! Che posso fare?(*) È un'azione contro i figli del Pane Intero, Gesù, e dalla Linea Verde scendono veleni e corde enormi e si fanno a forma di gabbie e catturano coloro che si avvicinano alla Viuzza Stretta! ......È un Flagello, Gesù! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Cosa posso fare, alzare la Destra o Inzupparmi e Bermi? Rispondimi, Gesù...! Gesù: Inzuppati, ma rimani Inzuppata! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA.........! Giulia: Dove vai, Gesù?(*) Cos'è quella Pietra Luminosa?(*) Gesù, è così grande, sembra ghiaccio, ma non lo è..., luccica così tanto!(*) Gesù, non la far cadere......! Gesù: ......Non dire cos'è! Giulia: Eccomi, Gesù, ma fammela fermare!(*) Alzo la Destra!(*) <Giulia alza la Destra e col Segno Trinitario Ferma ogni cosa> E rimarrà ferma? ...E dopo la posso bere? Gesù: Ora tienila! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, metto nel Tuo Cuore Tutto Quello che mi hai donato fino a quest'istante, Tutti Quelli che si sono affidati alle mie preghiere, Tutti Quelli che non hanno avuto la forza di farlo, Tutti Quelli che si nascondono dietro il dito, li vedo..., e Tutta la Famiglia! Gesù, metto nel Tuo Cuore coloro che trafiggono il nostro e il Tuo, e tutte le Pietruzze: i Sacerdoti, i Gigli! Gesù: Eccomi! Giulia: Gesù, li porto ancora sulle spalle, ma li consegno nel Tuo Cuore! Dove posso portarli se non che nel Tuo Cuore? Dove possiamo entrare e trovare la Quiete se non che nel Tuo Cuore? Eccoci ancora...... e rispondo per tutti! Ed Eccoci ancora per l'Eternità! Gesù, donami la Costanza e la Forza, così come il Padre la Dona a Te, attimo dopo attimo, nel Prenderci per mano e nel Guidarci in Questi Tempi, Gesù! Gesù: Eccomi, Anima Mia, nel donare ad ognuno di voi ciò che il Padre Ha Donato da sempre nelle Mie Mani! Giulia: Le mie sono sporche! Gesù: Non lo possono essere, ci sono i Chiodi! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi!(*) Ci Sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Non posso berli senza dirlo ai figli? Ti supplico, Gesù, fammeli bere! Tu Innocente hai bevuto il Calice Amaro! Gesù: Tu cosa hai commesso... da bere ciò che vedi? Giulia: Fammeli bere, non sono la Perfezione, ma sono l'Anima Tua, sono lo Strumento che il Padre ha scelto, sono lo Straccio Stracciato...... ma Ti supplico, fammi Bere i Sigilli che vedo senza dirlo ai figli! Non mi piacciono da farglieli sentire, sono deboli, Gesù! Gesù: Dove prendi la Forza......? Giulia: Dal Letto della Croce! Posso berli? Se li devo tenere, devo dirlo ma se li Bevo vengono cancellati! Io sto aspettando..., fammi un piccolo regalino: fammeli bere, Gesù! Gesù: Cosa devo fare con te, figlia? Giulia: Donarmi quello che vedo e farmelo Bere! Gesù: L'hai visto il Filo? Giulia: Eccomi... è tutto a posto! Me lo doni subito o vengo dopo? Gesù: Vieni dopo! Giulia: Allora me lo fai bere, non lo lasci scendere e i figli rimangono nella Gioia...... lo Bevo io! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Lega il Filicino! Giulia: Eccomi, lo lego subito, ma dopo che bevo il Calice poi lo apro di nuovo! Gesù: Eccomi! Giulia: Gesù, se l'umanità fosse tutta buona, così come Lo Sei Tu... e lo dovremmo essere perché il Padre ci ha fatti così come Sei Tu! E Gabriele, l'ex-diavolo, è tornato a Casa...... ma una parte del veleno è rimasta! L'umanità intera dovrebbe essere così come Sei Tu, ma non lo è! Si è Presa l'Immagine e la Somiglianza, quella che hai Tu, quella che il Padre ci ha donata, ma è stata venduta per le cose del mondo, così come Sei Stato venduto Tu......! Ma Tu non Ti Sei Lasciato vendere, Tu hai lasciato scendere il Tuo Sangue mentre gli uomini non lo lasciano scendere il Sangue perchè non Amano e non Perdonano......! Accendono fuochi di guerra...... e si disperdono sulla via larga...... e si gettano anche se sono figli...... non cercando il Padre...... non cercando quella Vigna...... non cercando quel Pane......! Gesù: Cosa vuoi fare ancora? Giulia: SpezzarLo e Donarmi! Gesù: Lo fai da sempre! Giulia: Spezzarmi e Donarmi e Rimanere alla Destra del Padre! Gesù: Il Tuo Compito è l'Eccomi che hai donato nel Rimanere nella Tua Famiglia e alla Destra del Padre! Giulia: Eccomi, Gesù, nel Rimanere Straccio Stracciato! Gesù: Non hanno compreso Me, ma è Tempo del Sole......! Giulia: E nel Tuo Tempo Eccoci ad aspettare il Tempo! Gesù: Porta i tuoi figli nell'Arca, prendi i Remi e Rema, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi ancora col Banchetto del Padre pronto per tutte le Spose! Eccomi ancora col Banchetto preparato per ognuno di voi! Ecco tutti i Servi Inutili! Ecco la Schiera! Ecco la tua Schiera nel combattere e nel rimanere sulla Viuzza Stretta! Ecco i Pargoli! Ecco i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Ecco Vittorio, Rossella, Natanaele! Ecco le Bimbe! Ed Ecco la Croce...! <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...Ed Ecco il Pane, l'Unica Verità Tutta Intera, Spezzato e Donato ad ognuno di voi e a tutta l'umanità! Vi Invito ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, nel consegnarTi ancora tutto quello che mi hai donato da sempre! Gesù: Accendi i Cuori, Anima Mia......! Giulia: ......Eccoci, Gesù! Vedi, Gesù, quando mi presento dinanzi ai cuori, come Ti presenti Tu, anche Tu Vuoi Accenderli, ma non si lasciano accendere e così faccio anch'io: mi presento e con quelli che non si lasciano Accendere, rimango lì ad aspettare! Non hanno ascoltato il Figlio di Dio e non ascoltano neanche gli Stracci Stracciati...... ma aspettiamo! Gesù: Accendili col Fuoco che Arde nelle tue mani! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom Gesù! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Come stai? Stai bene? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Sei sicuro? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora anch'Io sto bene! Don Vincenzo: Eccoci! Gesù: E allora se lo sei tu, Lo Sono anch'Io! .........E voi come state, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Siete sicuri di stare tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Il viceparroco fa così e così e anch'Io faccio così e così, perché vedo e sento......! Eh..., e Mi bacio, eh...! <Gesù bacia il Crocifisso sulla Corona del Rosario......!> Perché baciandoMi, bacio ognuno di voi! .........Allora, cosa Mi dici di ciò che hai sentito? Don Vincenzo: Si beve i Sigilli......! Gesù: Eh, , l'ho dovuta accontentare, adesso li sta Bevendo! Don Vincenzo: Così vengono cancellati i Sigilli! Gesù: , quando li Beve vengono cancellati, ma visto che è Cocciuta, sta chiedendo di Bere tutti gli altri! Don Vincenzo: Glielo concedi? Gesù: Non lo so! Voi, quando dovete fare qualcosa di importante, chiedete consiglio...... e anche Noi! Che dite? Il Padre glielo concede? Don Vincenzo: È che lei ha un modo di chiedere proprio persuasivo e quindi ottiene quello che chiede quasi sempre! Gesù: Quasi sempre......! Che c'è, vicepa'? Raffaele: Le faccio dopo le domande o le faccio adesso? Don Vincenzo: Adesso, adesso! Gesù: Ha detto adesso! E la Parola del Calice Vivente è Parola Viva! Raffaele: Gesù, perché sono incomprensibili i Sigilli per noi? Perchè sono difficili da interpretare? Gesù:Se non sapete distinguere un pesce da un pane, potete capire i Sigilli, eeeh? Quante volte vi sto dicendo: "amatevi gli uni gli altri", ma non sapete distinguere questo amore......! E se non sapete distinguere questo amore, come potete capire i Sigilli? È facile amarsi, non è difficile! Maria, pur essendo stata scartata da tutti, ha Amato e Ama ancora! Siate "Piccole Marie" nell'imparare ad amare e a perdonare a coloro che trafiggono i vostri cuori! Il Cuore di Maria è stato trafitto dal primo istante: "Dovrai avere un Figlio e questo Figlio è il Figlio di Dio! Gli uomini non Ti capiranno e ti faranno male!" -"Eccomi!" - "Sarai derisa da tutti!" - "Eccomi!" Maria ha capito i Sigilli nel rispondere l'Eccomi e diventare Mamma! Non potete ancora comprendere...... ascoltate...... e dite: "è bello..., è brutto......", ma ancora non potete comprendere ciò che lo Strumento Beve e tiene fermo! E così non potete capire neanche quando lo Strumento parla con la Parola del Padre! Lei parla attimo dopo attimo con la Parola del Padre, ma non la comprendete, eppure da 28 Anni Consecutivi Io vi Dono la Verità Tutta Intera e lei è la Mia Portavoce......! Raffaele: Ma non dovremmo Lavorare tutti per Dio? Gesù: È lo Strumento che vi porta sulle spalle! Raffaele: Se tutti quanti guardassimo a Dio, diminuirebbe l'invidia e la gelosia e si Lavorerebbe tutti per uno scopo, no? Gesù: Eccomi! Ma tra di voi ancora non c'è l'Amore Pieno e così anche nell'Umanità Intera non esiste l'Amore Pieno...... e tutti corrono di qua e di là...... e tutti cercano di accumulare......! Non accumulate, ma siate pronti e preparati ai Tempi che stanno Scendendo! Noi siamo tutti Scesi, tranne il Figlio che non è Sceso di nessun Gradino e nessuno ne è stato Aperto in Questo Giorno! Ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" La Schiera dello Strumento Combatte, ma il Gradino non è stato Sceso e non è stato Aperto! ............Cosa c'è? Raffaele: Dà tanto fastidio la Croce? Gesù: , tanto da gettarMi via, tanto da metterMi neanche all'Ultimo Posto! Raffaele: Eppure non c'è Amore più Grande! Gesù: Non c'è Amore più Grande! Ma da sempre hanno scartato Maria e hanno scartato il Figlio di Dio! Se Mi avessero Amato non Mi avrebbero messo sulla Croce, pur sapendo che la Croce è l'Unico Tesoro del Padre! Ma gli uomini hanno pensato al tesoro materiale e non all'Eredità Piena nel Giardino preparato dal Padre! Gli uomini hanno pensato a farMi Re del mondo mentre il Padre Mi ha Mandato come Re del Suo Giardino a Condurre i Figli nelle Acque Limpide, nel Pascolare il Gregge del Padre! È l'Abbondanza che il Padre ha Donato da sempre... ma gli uomini da sempre L'hanno scartata! Tutto passerà del mondo che hanno creato i farisei di ieri e di oggi...... mentre ciò che ha Creato il Padre non passerà e rimarrà......! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Siamo tutti Figli di Dio? Gesù: , ma non tutti chiamano: "Papà"! Raffaele: Quando la Schiera Combatte...... Gesù: ...È quella dello Strumento che Combatte, le altre sono tutte ferme! Raffaele: ...Cosa combatte? Gesù: Non posso risponderti per adesso! Raffaele: E anche le altre facevano lo stesso? Gesù: , ora è rimasta solo quella dello Strumento! Tutto il Padre ha Donato a lei! Don Vincenzo: È lei l'Arca? Gesù: Ve l'ho già detto......! Non affonderà, ma chiede ogni tanto di Rimanere alla Destra del Padre, così come ha fatto Giovanni! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Ma Tu perchè non ci dai dei suggerimenti? Gesù: Il Padre Mi ha Mandato a portare il Pane Tutto Intero e L'ho Donato Tutto Intero! Raffaele: Ci dai qualche consiglio? Gesù: Non ne stò dando? ...Non allungare il piede, aspetta! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Calice Vivente, cosa c'è? Don Vincenzo: Ci prepariamo all'Eucarestia? Gesù: Eccomi! Io Mi Dono, tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Allora Io Mi Dono e tu ti Doni e lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Non conoscete ancora ciò che il Padre ha Donato da Bere allo Strumento...... ma lei vi Ama così tanto da nasconderli e se li Beve lei......! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino...... Gesù ne Beve un po' e poi Dona il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Questo è il Mio Sangue! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane e Gesù lo divide a metà e se ne mangia un pezzo e l'altra parte lo dona a Don Vincenzo> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Questa è la Mia Carne! Gesù: Questa è la Mia Carne! ......Ora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta.> Questo è il Mio Sangue! Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E nel Donarci abbiamo fatto le Cose del Padre e lo Strumento è rimasto Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! ......Leggi quel biglietto......! Don Vincenzo: "Mio Gesù, averTi incontrato qui a Timparelle è stato come vedere la Luce per la prima volta, e sentire le Tue Parole di Verità è come ascoltare una Dolce Melodia che parla solo d'Amore! Guardare i Tuoi Occhi attraverso questa Piccola e Grande Formichina è come se due fiammelle accendessero il mio cuore! Le Tue Piaghe Divine donano Forza alla Giornata che hai preparato per me e il Tuo Cuore che abita in me, ad ogni battito mi sussurra che non sono sola perchè la Tua Presenza è sempre con Me! Mio Gesù, Ti voglio tanto bene e Ti dono il mio Eccomi e Ti offro il mio niente, Rita!" Gesù: Eccomi! <Gesù invita ad applaudire> Se lei Mi dona il suo "niente", il Padre cosa dona a lei? Mosè: Tutto l'Amore! Gesù: Cosa dona il Padre a lei? Adesso faccio Io le domande a te...... Don Vincenzo: Dona...... Gesù: ......Il Pane Tutto Intero in Abbondanza! ......Il Banchetto del Padre è ancora pronto: prendiamo parte ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, prendiamo parte! Lo Strumento sta Bevendo ancora! Voi pregate nel dire: "Padre Nostro-Ave Maria, Ave Maria-Padre Nostro", così come lei Beve ciò che il Padre le ha fatto vedere......... e voi sostenetela col vostro amore! ...Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Questo lo vuoi prendere Tu, Gesù? Gesù: No, questo è tuo...! Io Sono Venuto per Servire e, quando Servo, uso lo Strumento, uso ognuno di voi nel farvi rimanere Servi Inutili dopo aver fatto quello che si deve fare! Ed è quello che dice sempre lo Strumento: "Facciamo le Cose del Padre, ma Rimaniamo Stracci Stracciati dinanzi ai Piedi della Croce!" <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Ehi, ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Vuoi dire qualcosa, Mi senti? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Vuoi dire qualcosa? Don Vincenzo: Di fronte a questo Bene di Dio! Gesù: Ecco...... è arrivata la "pancia"! Filomena: Eccomi! Gesù: E prenditi quello che la pancia vuole! Eccomi! Ti sei messo già a mangiare e, quando mangi, tu non parli, no? Mangio anch'Io e dò l'erbetta allo Strumento! Non scandalizzatevi nel vedere Gesù che Mangia, ve l'avevo già detto: "Rimango in mezzo a voi e Mangerò e Berrò del Nuovo!" E il "Nuovo" il Padre L'ha preparato nel far Scendere il Pane Intero, L'ha preparato da sempre, ma coloro che sono stati invitati a nozze L'hanno rifiutato perchè avevano altre cose da fare: e per prima dovevano cacciare il Figlio di Dio e poi hanno preparato tutto il resto nel togliere il Pane Intero ai Figli e nel donare solo le "briciole" non giuste! Vedi, Giovanni, essendo il Padre Giusto, ha Mandato il Figlio "Giusto" nel portare agli uomini Maria, la Verità, la Vita, quella Eterna! Gli uomini non L'hanno voluta e hanno incominciato a vendere e a comprare! Eppure gli avevo detto di non fare questo, cioè vendere e comprare nella Casa del Padre! ......Sono rimasti scandalizzati per un po' quando ho cacciato fuori chi vendeva e chi comprava...... e poi hanno iniziato a vendere e a comprare anche il Figlio di Dio e così lo fanno ancora adesso e camminano dicendo: "Questa è la Casa del Signore!" ......E per qualunque cosa si deve pagare......! E ancora scorre Sangue Innocente e quelle Mura vengono bagnate e i Pargoli vengono uccisi! E parlano ancora dicendo: "Questa è la Casa del Signore!" Vigilate, i falsi profeti avanzano e i farisei di ieri e di oggi avanzano col veleno! Pregate ancora nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" ...Ora parla tu un po'! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Si avvicina il Natale, ma Natale è ogni momento se Ti facciamo Nascere nei nostri cuori! Gesù: ! Don Vincenzo: Quindi è lì che noi dobbiamo guardare, lì dove Tu ci Fai Compagnia col Tuo Soffio, col Tuo Amore! Siamo tutti "Mamme" se Ti Partoriamo, se Ti facciamo Nascere e Crescere! Allora questo deve essere il nostro obiettivo primario, questo prepararci al Santo Natale con Te, insieme a Te! È bello questo PartorirTi, perché se Nasci Tu in noi, nasce l'Amore, nasce la Croce, nasce la Carità, l'Umiltà, nasce tutto il Bene e tutta la Verità! Gesù: Io Sono Nato da sempre, Mio Padre Mi ha fatto Nascere, ma è l'Umanità che Mi ha abortito e sono i farisei di ieri e di oggi e i falsi profeti che Mi hanno abortito! Don Vincenzo: E continuano ad abortirTi! Gesù: Ma il Padre ha chiamato una Famiglia! ...Ecco, venite col "niente" ! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! ...Vicepa', ti raccomando, eh, scarsetto, scarsetto, scarsetto! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù, nella riflessione che ho fatto all'inizio ho detto che la nostra Grazia più grande è nel ricevere da 28 Anni Consecutivi il Pane della Tua Verità Tutta Intera ogni Giovedi Sera e ogni Pomeriggio della Seconda Domenica di ogni mese! Gesù: La Grazia che il Padre vi ha donato e vi ha lasciato, è Maria! La Verità Tutta Intera ve L'ho Donata sempre! Gli uomini L'hanno scartata, l'Umanità Intera L'ha scartata! Ma voi avete risposto ancora una volta all'Invito e avete lasciato i campi e avete lasciato le vostre case......, ma i vostri cuori devono rimanere legati al Cuore del Padre e non dovete portarli lontani ma dovete portarli nel Cuore del Padre: è in mezzo a voi! Don Vincenzo: Ecco quello che dobbiamo fare, Gesù, quando Ti vediamo disprezzato, scartato, caduto a terra...... Gesù: Che fate? Don Vincenzo: ......Se Ti facciamo rialzare, se Ti diamo Amore, se Ti facciamo Nascere, facciamo Natale in quell'azione! È questo il Natale: riempire le Giornate di Azioni di Amore...... Gesù: ! Don Vincenzo: ......E farTi Nascere ogni volta! Gesù: È questo Natale: farMi Nascere, aprire la porta dei vostri cuori, ma la Cocciuta li spalanca uno ad uno i cuori quando vede un Figlio che sta per chiuderla la porta...... e si Inzuppa e si Beve e la spalanca ancora......! .........Vicepa'! Raffaele: Eccomi! Gesù: Sei delegato, fai quello che devi fare! Raffaele: Eccomi! Gesù: Non temere, togli i dubbietti che arrivano e fai tutto quello che il Padre ti Dona! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, mamma, stai mangiando, da quanto tempo non mangiavi? Maria Elena: Da oggi a pranzo! Bimbi di Mario e Maria Elena: Oggi a pranzo? Io non ti ho visto... Io non ti ho visto mangiare, eh, eh, hai mangiato il piatto vuoto? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, che c'è, mamma... che c'è. mamma, come stai? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Maria Elena: "Eccomi, sì"! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, allora vuol dire: Eccomi no, eh, eh, perché tu parli al contrario, ma noi lo sappiamo! Mamma... mamma, non temere, papà sta bene, ci siamo noi e c'è anche la Cocciuta, eh! Mammina... mammina, quella è nostra? <Sulla tavola ci sono due barattoli di nutella> Maria Elena: Non li ho portati io! Bimbi di Mario e Maria Elena: E anche se non li hai portati tu, sono nostri......! Eh..., te lo vuoi fare un giro dopo che finisci di mangiare? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Con tutt'e due, eh, aspetta...... a chi ti dò, eh, ti dò a lei... tu l'aiuti? Rosa: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Poi fate un giro, così ne donate un po' per uno e, dopo che ne avete donato un po' per uno, Noi l'andiamo a portare a papà e poi gli portiamo i bacini-bacini tuoi, i bacini-bacini del nonno pallone e della nonna pallina, eh! Non ti preoccupare, mammina! <Mandano baci> Vieni, ti abbracciamo, ma che dobbiamo abbracciare, dove sei? Non ci sei, sei diventata piccola! <I Bimbi abbracciano e baciano la mamma e poi mandano baci a tutti e accarezzano Don Vincenzo> E questi sono quelli che ti dona papà, noi glieli diamo, anche a voi, ma voi ci siete, siete belli e abbondanti, e anche tu! Don Vincenzo: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: ...Cosa c'è? Tu hai mangiato? Don Vincenzo: Sì, ed è Tutto Buono il Banchetto del Padre! Gesù: Tutto Buono! È tutta l'Abbondanza del Padre, è il Banchetto preparato per ognuno di voi, così com'è preparato quello per le Spose che stanno entrando e la Cocciuta ne sta portando tante......! Non solo sta Bevendo i Sigilli...... ma sta portando anche le Spose......! Ho fame ancora, Mi dai un paninello con la mortadella? ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! No, Io voglio quello, Me lo faccio da solo il paninello con la mortadella, eh... Eccomi... tu non ne vuoi? Don Vincenzo: Ti faccio compagnia! Gesù: Mi fa compagnia: lo sai fare il paninello? Quando Mia Madre Mi preparava i paninelli a volte li faceva cicciottelli, altre volte li faceva piatti piatti, ma poi il paninello piegandolo veniva cicciottello ed era buono! Mangiavo con coloro che Mi hanno tradito e si sentiva il sapore del tradimento, ma Io li Amavo e li Amo ancora, così come dice lo Strumento: "Aspettiamo ancora, Spezziamo il Pane come facevi da sempre e glieLo doniamo!" ...Cosa c'è, viceparroco? Raffaele: Gesù, di quelli che hanno tradito, nessuno ha testimoniato per Te? Gesù: No! Raffaele: Tutti si sono dileguati? Gesù: , sono rimasti quelli che vi ho detto: Maria con le altre donne e con gli altri Nomi che vi ho Donati e Giuda........., gli altri sono andati a festeggiare! Il Banchetto di Dio non gli serviva, gli serviva quello del mondo! Diventi triste...... eppure è stato così: hanno bevuto e hanno mangiato quando Mia Madre preparava, hanno bevuto e hanno mangiato quando ho Spezzato il Pane, gli ho detto cosa dovevano fare, ma poi sono andati via e Mi hanno lasciato solo! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Quanti anni sono stati con Te? Gesù: Non li ho contati! Raffaele: Dopo tanti anni che Ti hanno seguito, si sono resi conto dopo o gli hai fatto vedere che avevano sbagliato? Gesù: Lo vedevano attimo dopo attimo, vedevano le Opere del Padre ma loro le prendevano per opere del mondo: vedevano Dio ma non lo vedevano perchè vedevano le opere del mondo! Raffaele: Ed è andato tutto liscio, Gesù, per loro? Avranno avuto degli intoppi? Gesù: Tu cosa dici? Raffaele: Avranno avuto intoppi! Gesù: Se lo dici tu...... e tu cosa dici, Calice Vivente? Don Vincenzo: Non credo abbiano avuto intoppi, perché hanno seguito il mondo, quindi hanno seguito la logica del mondo e si sono adattati al mondo! Chi segue Te, invece, deve andare contro il mondo e questo crea fastidio! Gesù: A voi vi crea fastidio? Alcuni: No, tutt'altro, è in gioco la nostra Salvezza Eterna! Don Vincenzo: A noi no, ma agli altri che stanno fuori crea fastidio, perché non hanno Fede e vanno solo dietro al potere, all'avere, al piacere e al dio denaro! Gesù: E chi va dietro al dio denaro, non ha intoppi? Il dio denaro finisce e quando finisce si hanno gli intoppi! Don Vincenzo: Sì! Gesù: , o Mi sbaglio? Tutti: No! Gesù: Il Tesoro è l'Eredità del Padre e non finisce mai............! Ehi, hai finito di mangiare? Lo sapete come dovete fare, no? Vieni! <Rosa e Maria Elena distribuiscono un cucchiaio di nutella a tutti i presenti> Parla! Dimmi qualche altra cosa, eeeh! ...Anche voi dovete mangiarne uno ciascuno: eh, eh, per prima voi! Maria Elena: Prima noi? Gesù: ! ...Parla! ...Hammete, eh, eh! Don Vincenzo: Gesù, ripensavo ai Sigilli che la Cocciuta Beve... Gesù: Li sta Bevendo e oltre a berli, porta pure le Spose al Banchetto del Padre......! Don Vincenzo: Sì, fa più cose contemporaneamente! Gesù: , così come le faccio Io, così come fanno i Servi Inutili! ......State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Perché stare qui con Te è il Massimo, averTi vicino e sentire la Tua Voce...... non c'è Grazia più Grande! Gesù: ! E non lo sono attimo dopo attimo vicino ad ognuno di voi? Don Vincenzo: Sì! Raffaele: Gesù, in questi Ultimi Tempi c'è bisogno che Tu ci dai una mano per mettere a posto un po' di cose, un bel po' di cose che si stanno rimandando..., e dobbiamo dare una bella sistemata! Gesù: Dobbiamo accendere la stufa? <Si ride un po'> Raffaele: Anche! Gesù: Le Mie Mani Le ho consegnate ad ognuno di voi nell'AllargarLe, nel chiamarvi: "Figli", nel donarvi una Vigna e sistemarla e pulirla e ve L'ho donata da sempre......! ...Ecco, è caduta una briciola! ......Eccomi! Mi sono Donato fino all'Ultima Goccia e Mi Dono ancora! ..................Come mai sei sveglio? Giuseppe: Ho mangiato! Gesù: Deve mangiare per non dormire...!(*) Don Vincenzo: Giovanni......! PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: Altri Fiori che sbocciano dinanzi ai piedi della Croce! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi... il Mio caffè...! Mari'...! Nicò...! ...Dottoré! Come state? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no" ? Nicola, Maria e Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: E allora aspettate un attimo e poi vediamo se l'Eccomi è "" o è "no"..., così bevo il caffeuccio... tieni! Uno... e due... e tre... e questo è il Numero Giusto: salute! Chi lo vuole può andarlo anche a prendere..., , è bello caldo..., è bello zuccherato! Ah! Ecco... Viceparroco! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Io la metto qua la tazzina, ma è meglio che la prendi tu...Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora, Mari', cos'hai combinato ancora? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi capatosta? ......Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che devo fare con la capatosta? Nicola: Quello che fai sempre! Piccolo Giovanni: Quello che faccio sempre...! Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no" ? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: E che dobbiamo fare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tu stai bene? Non sento nulla...... Dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Stai bene? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Lo vuoi dire cos'hai combinato ancora? ...Ehi... Io voglio quello bianco...! Ehi...... tanto Io il Formaggio lo mettevo insieme al Dolce! Giuseppe: Ci sono pure le patane...! Piccolo Giovanni: Ci sono pure le patane? E questo è rimasto per noi? Allora ce lo prendiamo...! Ecco, lo metto qua! Vuoi vedere quello che faccio Io? Guarda... ecco! Buono! Una cosa alla volta...! ...Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Raccontami qualcosa...Teresa: Quando mi chiama come stamattina, che devo fare? ......Ho fatto bene? Piccolo Giovanni: ! Tu non te ne eri accorta che avevi fatto bene? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sei rimasta delusa? Teresa: No, se lo sa già, perchè chiama? Piccolo Giovanni: Eh..., vedi, Stella del Mio Cuore, quando volevano mettermi alla prova, facevano come stanno facendo con te! Io stavo al gioco..., Tu stacci pure..., tanto Sai Alzare Bene la Destra... o Mi sbaglio? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Non ti è piaciuto quello che ti ho detto?...Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma stai piangendo... o stai mangiando? Teresa: Tutt'e due! Piccolo Giovanni: E... perché piangi? Teresa: Lo sai! Piccolo Giovanni: Sei sicura? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ha detto "Eccomi"! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora, adesso parla tu un po'...! Io che devo mangiare? Cosa c'è dentro? No, ci mettono due patane... non è che ci avete messo il piccante? ...Tu parla, dimmi qualcosa, poi parlo Io! Don Vincenzo: Gesù prima ci ha raccomandato... Piccolo Giovanni: ...Cosa vi ha raccomandato? Don Vincenzo: Di fare attenzione ai falsi profeti... Piccolo Giovanni: , ve lo raccomando anch'Io! Don Vincenzo: ...E ai farisei di ieri e di oggi! Piccolo Giovanni: Eh, sì! Don Vincenzo: Ci ha invitati a rimanere nell'Arca... Piccolo Giovanni: Eh, ..., vuoi un paninello come il Mio? Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Gielo prepari? Con il salame e le patane...... parla! Don Vincenzo: Dicevo prima, nella Catechesi Iniziale, che bisogna far nascere Gesù nei nostri Cuori e bisogna masticare meglio la Verità Tutta Intera perché lì, tutta lì sta la Luce di Dio, la Grazia di Dio, la Gioia di Dio, la Verità di Dio! E allora guai a non capire che, essendoci qui Dio che si è Attendato proprio a Timparelle, non ci può essere un'altra Verità altrove, perché non è che Dio gioca: una volta qua o una volta là, ma Dio è Sceso qui e si è Attendato qui e da 28 anni, giorno dopo giorno, ci dona qui la Sua Verità Tutta Intera attraverso lo Strumento della Cocciuta! Piccolo Giovanni: A dire la Verità ci sta da quando lo Strumento era nel Grembo del Padre e poi il Padre l'ha lasciato Scendere e, quando Io l'ho incontrata, ho messo il Sigillo di Sacerdozio Vivo ed Eterno! Don Vincenzo: Gesù ci ha raccomandato di rimanere nell'Arca! Piccolo Giovanni: , anch'Io ve lo raccomando di rimanere nell'Arca! Don Vincenzo: Gesù è qui a Timparelle, e da 28 anni ci Parla attraverso la Cocciuta giorno e notte, perciò il Regno di Dio è in mezzo a noi! Piccolo Giovanni: , e tutti i Frutti che nasceranno rimarranno nell'Arca, ma il Padre Li raccoglierà! Don Vincenzo: Ancora! Piccolo Giovanni: Ancora! Don Vincenzo: I falsi profeti, i traditori di ieri e di oggi, il veleno, quelli della Cupola, non fanno altro che ostacolare Dio! Piccolo Giovanni: No, Dio non Lo può ostacolare nessuno... si ostacolano da soli! Chi può ostacolare Dio? Tutti: Nessuno! Piccolo Giovanni: Tutti pensano di aver messo da parte il Padre, di aver messo da parte il Figlio, di aver messo da parte i Servi Inutili e Li hanno sistemati sugli altari, Li vendono e Li comprano e pensano di avere in mano tutta la situazione......, voi che dite? Mosè: Sono degli illusi! Piccolo Giovanni: Ce l'hanno in mano tutta la situazione? Alcuni: Certamente no! Piccolo Giovanni: Pensano anche di aver cancellato Don Mario e Domenico Lentini! Non ci siamo fatti cancellare! Vendono e comprano Domenico, non hanno potuto ancora vendere Don Mario e non Lo venderanno! Tu che dici, Mi faccio vendere, Nicò? Nicola: No, non Ti sei mai fatto vendere! Piccolo Giovanni: Eh, , Mi Dono per Amore, ma ho sempre alzato la Destra e La alzo ancora e non Mi fermo! Voi vi siete fermati? Don Vincenzo: No! Tutti: No! Piccolo Giovanni: No! <Giovanni imita la voce flebile dei presenti> Gimmi: Ci porta la Cocciuta! Piccolo Giovanni: Cosa hai detto, Gimmi? Gimmi: Che anche se ci fermiamo, la Cocciuta ci porta sempre sulle spalle! Piccolo Giovanni: , ma tu non essere troppo comodo! <Si ride un po'> Devi Lavorare nella Vigna! Gimmi: Eccomi! Piccolo Giovanni: La Cocciuta vi porta e non lascia nessuno dei Figli, ma voi siete nella Vigna e dovete Lavorare e preparare il Tutto! Quando sarete chiamati, se non Lavorate, cosa fate? E la Vigna deve essere pronta per i Tempi che sono già Scesi e per quel Figlio che deve Scendere, ma oggi è rimasto, non è Sceso e non ha Aperto! ...Parla tu un po'! Non ti preoccupare, tanto poi li aiuto sempre Io! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Questo Figlio, questo Servo Inutile che Scende, oggi non è Sceso neanche un Gradino! Piccolo Giovanni: No, non è Sceso! Don Vincenzo: Viene chiamato quasi sempre: "Figlio"! Piccolo Giovanni: È Figlio! Don Vincenzo: Ma chi è? Piccolo Giovanni: Non lo so, non ci provate! Se Gesù non ve lo dice, Io non lo posso dire neanche! È un Figlio! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Raffaele: Che significa: "accorciare i mesi e i giorni"? Piccolo Giovanni: ...Accorciarli! Se il pantalone ti va lungo, tu non l'accorci? Raffaele: Eh, anche i capelli! <Si ride un po' perché Raffaele è calvo> Piccolo Giovanni: Eh, l'ho visto! Raffaele: Ma è per anticipare i Tempi di Dio? Piccolo Giovanni: Anche! Ma c'è un'altra cosa che non posso dire! Raffaele: Se tutto quello che sta fermando la Cocciuta fosse sceso, cosa sarebbe rimasto? Piccolo Giovanni: Se la Cocciuta beve i Sigilli per non farli sentire come sono, Io non posso dirti neanche cosa sarebbe successo! Vincenzo: "Un macello" come quello delle Filippine? Piccolo Giovanni: Quello è solo uno "stuzzicadenti"! Don Vincenzo: Pure? Piccolo Giovanni: Eh, si, in confronto a quello che la Cocciuta sta bevendo! Raffaele: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Come mai non ci rendiamo conto della potenza di Giulia? Piccolo Giovanni: Come mai non vi siete resi conto che Io ero in mezzo a voi e non Mi avete riconosciuto? Come mai tutti quanti sono andati via? La Storia si ripete: si sono serviti di Gesù e dopo ognuno ha aperto bottega a proprio tornaconto! La Bottega di Gesù si dona per Amore invece quella che hanno aperto gli uomini non si dona per Amore ma si dona per i soldi! Hanno bagnato il Pane nello stesso piatto, ma poi hanno tradito come hanno fatto con Gesù! E la Storia si ripete! Raffaele: Ma noi......? Piccolo Giovanni: ...Io non sto dicendo a voi ma sto dicendo a quelli che hanno tradito! E voi cosa aspettate a riconoscere lo Strumento? Raffaele: Per noi la Cocciuta è lo Strumento che ci fa da tramite verso Dio e attraverso di lei, il Padre, Gesù, la Madonna, tutti i Servi Inutili e "il Cielo" ci avvicinano a Dio e ci fanno ascoltare Dio che ci Parla......! Piccolo Giovanni: Dio Abita nel cuore di ognuno e lo Strumento è la Voce del Padre e viene usata dal Padre attimo dopo attimo! ...Sai cos'è? Alcuni della Famiglia si sono presi un po' troppa confidenza, e la Cocciuta si lascia prendere e si dona a tutti......! Io la tenevo un po' più nascosta, ma Giovanni la tiene un po' più aperta! ...Quando si prende un po' di confidenza poi non si riconosce...... ma si disconosce! Hanno conosciuto Gesù con tutto il Suo Amore e L'hanno disconosciuto quando ha iniziato a dire "questi sono i Tempi...", "questo Io vi insegno...", "questa è l'Eredità del Padre..."! Avevano scambiato Gesù per uno che donava tutto quello che serviva a loro, ma Lui era venuto per donare tutto quello che serviva, ma non quello che chiedevano loro! Volevano fare di Gesù uno che combatteva con la spada, e Gesù invece è venuto e viene ancora a combattere con l'Amore! Ecco perché i Grandi del mondo ancora tengono in piedi le spade e preparano azioni di guerra! Gesù è venuto a togliere le azioni di guerra e a portare le azioni di Pace! ...E da dove partono le azioni di guerra? Dalla Cupola! Sono sempre partiti dalla Cupola! Coloro che dovrebbero portare la pace, donano le armi e non donano la pace ma accendono i Fuochi di Guerra! Raffaele: Giovanni, posso? Piccolo Giovanni: Sì che puoi! Raffaele: Ma a tutti verrà tolta la poltrona? Piccolo Giovanni: Si! Raffaele: Ma sarà una scivolata o si accappotteranno? <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Sarà un "inciampatone"... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Si, un "inciampatone"! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Lo conosci l'inciampatone, tu? Maria: Eh... Piccolo Giovanni: Maria lo conosce ed anche Nicola lo conosce! ...Tu lo conosci o non lo conosci l'inciampatone? Don Vincenzo: Eh, insomma... Piccolo Giovanni: E quando giocavi non sei inciampato mai? Don Vincenzo: Si, quasi sempre! Piccolo Giovanni: Eh, più o meno è quello! Don Vincenzo: Praticamente l'inciampatone è qualcosa che ti fa inciampare......! Piccolo Giovanni: Si, è qualcosa che ti fa inciampare! Quando non c'è la Croce si inciampa perché si è sulla via larga! Quando si è invece sulla Via Stretta, non si inciampa! ...Che c'è ancora? Raffaele: Preparo il Miscuglietto? Piccolo Giovanni: Si! ...Tu parla che loro preparano il Miscuglietto ed Io bevo un altro po' di acqua! Don Vincenzo: Ne approfitto perché adesso non c'è la Cocciuta... Piccolo Giovanni: ...Eh... Don Vincenzo: ...Per dire che la Cocciuta vive una situazione di fede, diciamo, tremenda, perché c'ha solo dei piccoli spazi... o per riposare o per dormire o per pregare, e se in quegli spazi lei viene distratta o viene disturbata ripetutamente... Piccolo Giovanni: ...Deve lasciare anche il lavoro che sta facendo! Don Vincenzo: Quindi, a volte, quel lavoro che sta facendo che è quasi sempre la preghiera fatta nel nascondimento, necessita a tutta l'umanità! Piccolo Giovanni: ...No, lei non dorme... Lei lavora! Don Vincenzo: Allora, ci sono delle situazioni in cui in orari inopportuni, il telefono suona...... ed a volte suona proprio quando lei sta pregando......! Piccolo Giovanni: ...Eh, nel lavoro pieno dello Strumento... Don Vincenzo: Ci sono delle situazioni in cui queste telefonate potrebbero essere evitate...! A volte ci sono delle situazioni in cui la Cocciuta...... Piccolo Giovanni: ...Sta lavorando nella Vigna del Padre! Don Vincenzo: Allora noi dobbiamo fare molta molta attenzione! Piccolo Giovanni: La Cocciuta va chiamata, non è che non va chiamata... ma quando la cosa è seria ed è grave......! Don Vincenzo: Bisogna stare attenti a fare queste telefonate in orari non opportuni! Ci sono situazioni che viste dal di fuori sembrano piccole ma invece non lo sono per la Cocciuta, perché lei ha bisogno di intimità, di riposo e di preghiera! Piccolo Giovanni: La Cocciuta, attimo dopo attimo, deve portare l'umanità sulle spalle, deve portare ognuno di voi, deve poggiare la mano sul capo di ognuno di voi, deve portare le Spose, e quando tu la vedi che sta dormendo, non sta dormendo! E quando suona il telefono lei sta facendo il lavoro più grande nella Vigna, per ognuno di voi e per l'umanità intera! Don Vincenzo: Ancora non capiamo la fortuna che abbiamo di avere questa Cocciuta, questo Strumento, perché se avessimo questa consapevolezza, la tratteremmo meglio, ed invece non avviene così! Piccolo Giovanni: ...Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che dobbiamo fare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Cosa dobbiamo fare con la situazione che hai sentito? Teresa: Della Cocciuta? Piccolo Giovanni: Si! Teresa: Abbiamo la testa dura! Piccolo Giovanni: Eh, e quando è dura, di solito il medico cosa fa? Teresa: Eh... Eh... Eh... la rompe! Piccolo Giovanni: Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> E allora, non è più un medico se la rompe! Teresa: Poi la aggiusta! Piccolo Giovanni: Eh, adesso ci siamo! Se prima la rompe, poi la aggiusta! .........Nico'! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu cosa ne pensi? Nicoletto: Che bisogna sempre stare sulla Via Stretta! Piccolo Giovanni: Volete rimanere sulla Via Stretta? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Io ve l'ho sempre indicata, lo ricordate? ...E ve la indico ancora, e lo Strumento ve la indica ancora di più dicendovi "siate Piccoli, siate Poveri, siate all'Ultimo Posto per poi essere Piccoli Giovanni chiamati al Primo Posto dal Padre! Non è che non dovete chiamarmi quando avete bisogno, chiamatemi, perché anche se lo fate spiritualmente io vi sento e vengo, ma rispettate un pochettino la Cocciuta!" Ed Io dicevo sempre "ricordiamoci che siamo in una casa privata e dobbiamo camminare in punta di piedi", ve lo ricordate? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! "Anche essendo nella Casa del Padre, siamo in una casa privata!" È di tutti, e Papà è Bimbo, dorme ma è sveglio il Dio Bambino... e Lui quando dorme, dorme... e si cammina in punta di piedi per non far rumore! E il Giardino non si deve calpestare, ma si deve tenere in ordine, perché se si calpesta, si rovina! O Mi sbaglio? Tutti: No! Piccolo Giovanni: E allora siamo vigilanti! ...Così dicevo e così dico ancora: Stiamo attenti a non sporcarLo ancora il Giardino! La Vigna è stata donata ad ognuno di voi e spetta a voi tenerLa pulita, coltivarLa e far crescere i Frutti Sani! <Giuseppe ha un momento di tosse e Giovanni gli alita> ...Lo sapete che vi voglio bene? Tutti: Anche noi! Piccolo Giovanni: Siete i Miei Cuori Uniti al Filicino, Figli!(*) ...Vi voglio bene!(*) ...E adesso, prima di emozionarMi, Me ne vado! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Don Vincenzo: ...Gesù! Gesù: ...Con la Croce e con il Pane! Giovanni vi ha parlato per un bel po', ma non vi ha detto quello che sta bevendo lo Strumento e non vi ha detto quello che sta preparando ancora, e lo Strumento andrà e berrà tutto quello che Giovanni sta preparando! Pregate "Ave Maria-Padre Nostro", perché in questi giorni lo Strumento dovrà bere tutto quello che Giovanni preparerà! Don Vincenzo: Altri Sigilli? Gesù: Tanti Sigilli e tanti Flagelli sono pronti! Don Vincenzo: Altri Sigilli e altri Flagelli? Gesù: Solo in questo istante ce ne sono Mille! Don Vincenzo: E come fa Giulia? Gesù: Allarga le Braccia, Amandovi e Amando coloro che trafiggono il Mio Cuore ed il cuore di ognuno di voi, e Ama e perdona i farisei di ieri e di oggi portandoli ancora sulle spalle! ...E dopo aver finito i Mille Sigilli e i Mille Flagelli ce ne saranno altri e non sono quelli che sentite il Giovedì! Se fossero solo quelli... ma invece ce ne sono tanti tanti! Pregate ancora "Ave Maria-Padre Nostro"! Tutti insieme a Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: E così la Cocciuta beve ancora! Don Vincenzo: Dovremmo starci attenti alla Cocciuta, come la cosa più preziosa che abbiamo! Essere delicati, dolci e umili con lei, ed invece quante volte la facciamo arrabbiare! Gesù: In pochi erano umili e dolci con Mia Madre ed in pochi lo erano con Me, ed in pochi lo erano con tutti i Servi Inutili, e in pochi lo erano anche con te e con Giovanni, e in pochi lo sono anche con lo Strumento, e la Storia si ripete! ...Ora vi lascio la Storia del Mio Cuore Spalancato per ognuno di voi! Venite, perché Io non la chiudo mai la Porta ed è sempre Spalancata! ...Figli, vi lascio il Mio Cuore! Tu, lascia il Cuore dell'Albero Verde ai tuoi figli!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni, non Ti fermare...!(*) ...PreparaLi!(*) ...Perché adesso vuoi berli Tu? Sono miei, e Tu li devi preparare!(*) ...Ne hai già bevuti tanti!(*) ...Si, ho dovuto berlo quello! Ne è rimasto ancora un pochino, ma non potevo dirlo ai figli!(*) ...Hai pianto anche Tu nel prepararLo, ed io come potevo dirlo ai figli?(*) ...Il Padre Buono me l'ha fatto bere, così... sì, lo vedranno quando ci sarà il Sole, ma poi si gioirà e si piangerà!(*) ...Hai già bevuto?(*) ...Non gli sarà nascosto nulla?(*) ...Ma adesso gliela nascondiamo qualcosa perché devono crescere!(*) ...Sono rimasti così come li hai lasciati!(*) ...Eh, si, fanno sempre le stesse domande e chiedono sempre le stesse cose!(*) ...Come li hai lasciati, sono, anche quelli che sono rimasti nascosti dietro il dito... si fanno sempre le stesse domande... tanto Tu li vedi così come li vedo io per volere del Padre!(*) ...L'Arca... è l'Arca... Tu lo sai, e i Remi... sono i Remi!(*) ...Giovanni...!(*) ...Non Ti sei arrabbiato?(*) ...Un po' si?(*) ...Tu lo sai che quando mi arrabbio ogni tanto vengo lì dinanzi al Trono, ma poi ci mettiamo a ridere tutt'e due!(*) ...Eccomi nel fare le Cose del Padre! ...Ma volevo chiederTi una cosina: quelli che stai preparando, non è che sono tanto belli da dire ai figli... non si potrebbe fare così come ho fatto questa sera che li ho bevuti senza dirli? ...Poi gli diciamo quelli più piccoli!(*) ...Se glielo dici Tu... io vado a poggiarmi sul Cuore della Mamma e sul Cuore di Papà, ma se glielo dici anche Tu... Piccolo Giovanni: ...Non stai chiedendo troppo? Giulia: Lo so che chiedo sempre un po' troppo con l'amicizia che c'è, ma dato che c'è l'amicizia si può chiedere un po' troppo!(*) ...Vedi cosa puoi fare Tu! ...Guardali!(*) ...Ora piano piano finisco il primo e poi comincio con tutti gli altri!(*) ...Ci vediamo dopo!(*) <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> Piccolo Giovanni: ...Dove vai, Calice Vivente? Siediti che devo lasciarti ancora Gesù... ci sono Io, Giovanni! Giulia: Con chi parlavi, Giovanni?(*) ...Ah, col Calice Vivente? Non sentivo più parlare e mi ero preoccupata! ...Allora ci vediamo dopo! <Giulia schiocca un altro bacio a Giovanni> ...Ciao!(*) Don Vincenzo: ...Gesù! Gesù: ...Con la Croce e col Pane! Sono venuto a dirti che il Padre ha spalancato un altro Sigillo Grande! Don Vincenzo: Ma un altro Sigillo cattivo? Gesù: Si, e lo Strumento vuole berlo subito! Don Vincenzo: E senza dirlo agli altri! Gesù: Ed Io ve lo dico a voi! Sostenetela... Lei non sta ascoltando ma sta aspettando di salutarMi! Pregate perché è Grande il Sigillo e parte dalla Cupola! Don Vincenzo: Eh, tanto per cambiare! Gesù: Aiutatela!(*) Giulia: Dov'eri andato? Giovanni è andato via e Tu non c'eri!(*) ...Papà, devo finire quello e poi devo iniziare con gli altri: Li devo bere tutti!(*) ...No, non Ti preoccupare... non glielo dire ai figli come sono fatti i Sigilli!(*) ...Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Papà!(*) ...Papà, tutto quello che doni a me, tutta la Paghetta e tutto l'Amore Misericordioso, fammeli usare per coloro che stanno preparando Azioni di Guerra! Fammeli usare per la Cupola! Fammeli usare per quelle mamme che piangeranno ancora!(*) ...Rimango Straccio Stracciato ai Piedi della Croce perché io non merito neanche di stare alla Tua Destra!(**) ...Fa di me quello che Vuoi, ma fammi bere tutto quello che è pronto! Il Padre: Cammina dinanzi alla Schiera! Giulia: Eccomi!(*) ...I Servi Inutili e i Pargoli sono tutti lì ad impastare e al Banchetto per raccogliere le Spose!(*) ...Eccoci, Servi Inutili!(*) ...Eccoci, Pargoli!(*) ...Eccomi, Mamma... non sono brava a fare la mamma per il Tuo Cosimino ma accarezzalo nel Giorno del suo compleanno perché Ti cerca sempre guardando la Tua Foto!(*) ...Fagli gli Auguri più belli perché io non glieli so fare, Mamma! SERAFINA: Ti ho lasciato come figlia, ed ora fai la mamma così come porti l'umanità! Giulia: Eccomi! <Giulia schiocca un bacio a Serafina> ...Ci vediamo dopo!(*) ...Preparate i Vestiti!(*) ...Eccomi!

 

 

 

4. Giov. 21/11/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle (Corigliano Calabro - Cosenza)

(Giulia): I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Posso chiederTi di non dirlo? (Gesù): Ora devi dirlo......! (Giulia): Ah... ah... Eccomi!(*) Aiutami Gesù! C'è il Filicino ma non vuole parlare! Non puoi prenderTi tutto il Filo e farmi Bere quello che vedo? Eccomi nel Rimanere all'Ubbidienza!(*) Padre... ascoltami! Padre Poggio il Capo sul Tuo Cuore..., Fammi Bere ciò che vedo!(*) Rimango sempre nella Tua Ubbidienza, ma il cuore non vuole dire ciò che vedo...! Domenico, i Due Giovanni, tutti i Servi Inutili, i Pargoli, Mamma dell'Amore e Mamma del Dolore, fatemi Bere ciò che sto vedendo......! Non posso dire "non devi...", ma non Ti manco di rispetto Padre perchè rimango sempre alla Tua Obbedienza: mi poggio ai Tuoi Piedi, mi poggio sul Tuo Cuore, ma fammi Bere quello che vedo! Cancelliamolo, gli Altri poi li puoi far scendere ma questo no! Te lo chiedo spezzando l'ultimo pezzo di Filo che c'è! Padre, se vuoi accontentarmi, puoi farlo! Dopo ti lascio gli altri, ma Tu me l'hai promesso di poterli tenere! ......Rispondimi...! (Gesù): Bevilo, ma il Filo non lo togliere! (Giulia): Ne ho cacciato un Pezzettino, ma basta quello che è rimasto: Eccomi per avermi ascoltato! (Gesù): Un Sigillo cadrà e l'altro lo berrai! D'ora in poi sarà così......!

*******************

(Gesù): Come fate a dire. "Eccomi!" se non vi amate gli uni gli altri? (Mosè): La Buona Volontà ce l'abbiamo, Gesù, solo che poi ci facciamo prendere dalle cose del mondo. (Gesù): No, non c'è neanche quella, c'è il puntare il dito! Eppure siete Invitati al Banchetto del Padre come lo sono tutti i Servi Inutili e tutti i vostri Cari! State tutti bene? (Tutti): Eccomi! (Gesù): Eccomi! Vedete, Figli, quando sono stato tradito, Io non Mi sono offeso come fate voi e, quando sono stato sputato in faccia, non Mi sono vendicato come fate voi; quando Mi hanno deriso ho accolto, quando deridono voi non accogliete, cercate di difendervi, trovare le parole per poter uccidere o condannare! Venite col "niente"! Eccomi! (Caterina e Maria Rosaria): Eccomi, Gesù! (Gesù): Avete conosciuto un Dio che si vendica? (Tutti): No! (Gesù): Avete conosciuto un Dio che è Amore? (Tutti): Sì! (Gesù): E voi cosa fate? Cosa pensate? Cosa fate scorrere nel vostro cuore: l'Amore o la vendetta? Nel Mio Cuore c'è sempre stato l'Amore e ci sarà sempre l'Amore...... ma nei vostri cuori, parlo a voi e parlo al mondo intero, cosa passa? (Don Vincenzo): Dobbiamo farci passare l'Amore!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Mio Tutto è la Croce! E il Tutto che il Padre Mi ha Donato è la Croce! <Gesù Benedice nuovamente col Segno della Croce> Mi Sono Donato ad ognuno di voi e all'umanità intera col Tutto del Mio Papà, il Dio di ognuno di voi, il Dio dell'umanità intera, il Dio Antico, il Dio che È e Rimarrà, il Dio del Pane Intero, il Dio che Dona il Grano e il Grano Porta Frutto e i Frutti sono i Chicchi Partoriti dal Suo Cuore......! E come Lo Sono Stato Io Partorito e come Lo Sono Stato Io Pensato, così Lo siete stati anche voi nell'Amore Pieno, nella Misericordia Piena, nella Carità Silenziosa, nella Croce Intera così come Lo è il Padre, così come Lo Sono Io, così come Lo siete ognuno di voi se non vi lasciate cadere...! Vedete, figli, Dio è Buono sempre, Dio è Misericordioso da sempre, Dio è con la Bilancia, ma non La lascia scendere e La tiene così... <.........Gesù mette le mani a bilancia> E nell'Amare e nel Donare il Tutto per i propri figli Dona ancora il Pane, Dona ancora la Croce nel Donare la Vita e nel Dire ai propri figli ancora: "Crescete e Moltiplicatevi nel Mio Amore! Amatevi così come vi Amo Io", e nel dire queste Parole è Dio che Parla! Amatevi così come vi Amo Io e non "come vi ho Amati" ma "così come vi Amo Io"! Siamo Vivi e Reali e Dio è da sempre, e Io Figlio Sono da sempre, Maria, tutti i Servi Inutili, tutti i Pargoli, tutti i vostri Cari......ma l'umanità ancora è sorda e cieca e non guarda i Tempi del Padre, eppure si vedono, si sentono, ma l'umanità non cerca Dio......! L'umanità non si inginocchia dinanzi al Padre...! L'umanità si inginocchia dinanzi agli uomini...! E Io Chino il Capo, Figli Miei, nell'aspettare...! Almeno voi ascoltate il Padre, voi che siete stati scelti da Dio e dai Due Giovanni chiamati dal Padre! Fermatevi, non cercate le cose del mondo...... passano...... li state vedendo...... e cresceranno ancora i Flagelli......! Fermatevi e poggiate i vostri piedi sulle Orme del Padre, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! I Banchetti Sono Pronti e Tutto è Preparato dal Padre! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) ...Cosa c'è, Gesù?(*) ...Gesù, cos'è?(*) Vedo una Foresta così fitta! Ci sono degli animali e degli uomini, ma precipitano......! Ci sono anche i soldati...... ma della Foresta rimane solo un fango! C'è un Solco Grande e quel Solco avanza sempre di più e non rimane più il Verde ma solo un Fiume e tanta terra......! Dov'è, Gesù? Non posso fare nulla? Non posso fare più da spugna e Inzupparmi e Bermi? Gesù: GUARDA BENE, ANIMA MIA! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Fermati e non dire ciò che vedi! Giulia: Allora posso Inzupparmi e posso Bermi? Posso fare qualcosa? Gesù: Questo Flagello cadrà! Giulia: Gesù...!(*) Gesù: D'ora in poi un Flagello cadrà e l'altro lo fermerai! Giulia: Ci Sono ancora i Giorni, non sono finiti, ma i figli non sono pronti......! Gesù, fammi Inzuppare e fammi Bere!(*) Mi Inzuppo e mi Bevo......, i figli non sono pronti e Tu mi hai donato i Giorni e ancora ce ne sono tanti......! Gesù: ......Questo Flagello cadrà! Giulia: Eccomi nel Fare la Volontà del Padre! Gesù, neanche oggi il Figlio ha sceso i Gradini...... e neanche oggi si è aperto...! Tutte le Schiere sono ferme...... solo la Mia Combatte... ma mancano i Gradini, Gesù......! Gesù: L'Arca Cresce...... porta i figli e prendi i Remi......! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA......! Giulia: Gesù...!(*) Gesù: Non toccare! Giulia: Eccomi!(*) Non mi donano la mano...... non posso prenderli? Gesù: Quello è il veleno! Giulia: Non posso portarli a Casa? Gesù: No! Vedi...! Giulia: Mi lasciano fuori... Tu che Sei Misericordioso e sei così Buono......! Gesù: Quelli sono "i falsi profeti" che avanzano nel portare i figli fuori dal Mio Amore...... e non vogliono donare la mano per ritornare a Casa......! Giulia: E se io gliela dono la mano nel Tuo Nome? Gesù:No, Anima Mia! Giulia: Non posso fare nient'altro? Gesù: "Ave Maria!-Padre Nostro!" Giulia: Non posso Inzupparmi e Bermi? Gesù: Vedi il Pozzo? Giulia: Eccomi, Gesù!(*) È Pieno di Sangue! Gesù: Quello non lo puoi bere! Giulia: Eccomi nel Fare le Cose del Padre! Gesù: GUARDA ANCORA.........! Giulia: I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Posso chiederTi di non dirlo? Gesù: Ora devi dirlo......! Giulia: Ah... ah... Eccomi!(*) Aiutami, Gesù! C'è il Filicino ma non vuole parlare! Non puoi prenderTi tutto il Filo e farmi Bere quello che vedo? Eccomi nel Rimanere all'Ubbidienza!(*) Padre... ascoltami! Padre Poggio il Capo sul Tuo Cuore..., Fammi Bere ciò che vedo!(*) Rimango sempre nella Tua Ubbidienza, ma il cuore non vuole dire ciò che vedo...! Domenico, i Due Giovanni, tutti i Servi Inutili, i Pargoli, Mamma dell'Amore e Mamma del Dolore, fatemi Bere ciò che sto vedendo......! Non posso dire "non devi...", ma non Ti manco di rispetto Padre perchè rimango sempre alla Tua Obbedienza: mi poggio ai Tuoi Piedi, mi poggio sul Tuo Cuore, ma fammi Bere quello che vedo! Cancelliamolo, gli Altri poi li puoi far scendere ma questo no! Te lo chiedo spezzando l'ultimo pezzo di Filo che c'è! Padre, se vuoi accontentarmi, puoi farlo! Dopo Ti lascio gli altri, ma Tu me l'hai promesso di poterli tenere! ......Rispondimi...! IL PADRE: Bevilo, ma il Filo non lo togliere! Giulia: Ne ho cacciato un Pezzettino, ma basta quello che è rimasto: Eccomi per avermi ascoltato! Il Padre: Un Sigillo cadrà e l'altro lo berrai! D'ora in poi sarà così......! Giulia: Eccomi! Gesù: GUARDA......! Giulia: Quello che cade, Gesù...... posso andare subito a prendere la mano......? E a chi me la dona portarlo al Banchetto......? Gesù: Vedi, Anima Mia, in Questi Tempi ce ne saranno poche di Spose che daranno la mano...! Giulia: Si, l'ho visto, ma io posso aspettare! Gesù: Puoi aspettare l'Ultima Domanda...! Giulia: Eccomi......! Gesù, devo mettere nel Tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere......... dall'alba fino adesso Ti ho consegnato i cuori della Famiglia...... ho portato al Banchetto tutta la Famiglia... e ho raccolto le Pietruzze...... e mi sono raccolta anch'io dopo essermi Bagnata e Bevuta...! Gesù, donami la Costanza e la Forza......! Gesù: Porta tutta l'umanità nell'Arca e Rema, Anima Mia......! Giulia: Eccomi, Gesù, nel Fare la Tua Volontà! Ti consegno ancora tutto quello che mi hai donato......! Gesù: Fallo brillare! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Teresina ha un altro Rotolo...! Gesù: Prendilo perchè ti servirà in questi Giorni! Giulia: Eccomi! Gesù: E quando lo devi spezzare non diventare triste! Giulia: Facciamo la Volontà del Padre! Gesù: Fatela sempre, Anime Mie! Eccoci con i Banchetti pronti, con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con tutti i vostri Pargoli, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, nel Fare le Cose del Padre..., con Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe, i Pargoli...nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Gesù, Sei il Banchetto, il Padre è il Banchetto, e i Servi Inutili hanno preso il posto essendo rimasti Servi! Per noi il Padre ha preparato il Banchetto, ma ancora non abbiamo imparato a rimanere Servi nel Tuo Amore! Gesù: Vi ho Invitati e siete venuti: prendete parte al Banchetto! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: Non spezzare tutto il Filo! Giulia: Girati dall'altra parte, così non vedi, in qualsiasi parte mi giro......!(*) Ecco, adesso mi fermo! Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù! Tutto quello che dovevo donarTi Te l'ho donato, ora Eccomi come Straccio Stracciato...... donami un Lavoro da Fare! Gesù: Non hai fatto niente? Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Invita i tuoi figli a Pregare...... e Pregate ancora per le Mura Insanguinate: tutto parte dalla Cupola! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E tu come stai? Don Vincenzo: Altri Sigilli... Gesù: Eh, si, l'hai sentita? Cosa devo fare? Don Vincenzo: Certo che la Cocciuta...... Gesù: ......È Cocciuta! Don Vincenzo: Riesce a strappare sempre le Grazie......! Gesù: Ma d'ora in poi un Sigillo cadrà e un altro lo Berrà, dall'Alba al Tramonto! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ......Ma voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Siamo pronti per il Banchetto? Gesù: Eh, si, è pronto il Banchetto, così com'è pronto quello dei Servi Inutili, dei vostri Cari, dei Pargoli...! Hanno tanto Lavoro da fare in questo Tempo, tanto Pane da Impastare, tanto Forno da Accendere...! Tu Sei pronto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E allora ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E lo Strumento rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, per le Mura Bagnate di Sangue Innocente, nel pregare e nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro!" <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù ne Beve un po' e poi dona il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! <Raffaele Dona a Gesù un Pezzettino di Pane che divide a metà e ne dona una parte a Don Vincenzo e poi Mangia e fa lo stesso Don Vincenzo.> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Amen! Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Mangiare il Padre, Mangiare il Figlio, Mangiare lo Spirito Santo che è Maria, è il Cibo per le vostre Anime, ma è il Cibo che prepara ognuno di voi ai Tempi che il Padre Ha Portato già in questo Luogo e nell'Umanità Intera... ma l'Umanità Intera è sorda ed è cieca! Pregate, Figli! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù Rimane Seduto in Raccoglimento, poi Poggia a lungo il Capo sulle Mani Giunte e ''innalzate'' poi, rimanendo capo chino, apre le mani affiancate, con pollice e indici uniti, dicendo:> Il Calice che Mi hai Donato L'ho Donato Tutto Intero! Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Prendiamo ancora parte al Banchetto del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! È pronto per ognuno di voi, è pronto per tutti i Servi Inutili, è pronto per coloro che hanno donato la mano, è pronto per voi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Hai detto che volevi prendere parte al Banchetto! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Così come ognuno di voi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Servo nel Servire, Servo nel Servire il Padre, Servi nel Servire i vostri nemici! Tutti: Eccomi! Gesù: Servi nel Fare le Cose del Padre! Ecco cosa dovete fare in questo Tempi: Servi Inutili, dopo aver fatto quello che si deve fare! Eccomi! Di solito Me lo portate via! Non vengo a spaventarvi, vengo a dirvi le cose dei Tempi che sono in mezzo a voi! <Gesù si rivolge a Giuseppe che, nel tagliare il cibo nel piatto di Gesù, lo fa cadere a terra> Non si fa cadere il Banchetto, sii vigilante, Figlio! Hai fatto cadere un Flagello e la Cocciuta non può raccoglierlo! Il Banchetto è di Dio, non è degli uomini! Non gettatelo......! <A Raffaele che sta riordinando> Se lo getti, getti un altro Flagello! Raffaele: Eccomi! <Gesù si rivolge ancora a Giuseppe> Gesù: Non devi pensare alle cose del mondo ma il tuo cuore lo devi lasciare libero per il Banchetto del Padre: sii vigilante! Ogni qualvolta che prendete le Cose del Padre e Le usate come cose del mondo, lasciate cadere un Flagello e lo Strumento d'ora in poi uno Lo può prendere e l'altro Lo deve lasciare e quello che hai fatto cadere non puoi più prenderlo! Siate vigilanti, Figli Miei, il Figlio non ha Sceso e il Gradino non si è Aperto e lo Strumento deve Combattere con la Schiera! ............Ce l'ho già, tu ce l'hai? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eccomi! Andiamo avanti! Don Vincenzo: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa e mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino, Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a Maria Elena e a Sara, poi taglia il pane-pesce e dona la testa e la coda a Saverio, Maria, Antonietta, Anna, Angela...... e altri pezzi ad alcuni dei presenti.> Gesù: Cosa c'è, vuoi dire qualcosa? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non ti sento! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Gliela dò, tanto non la vede e non la sente......! <L'erbetta> È gioiosa per quello che può fermare, ma il "Filicino" Gronda Sangue, ma non si ferma, si poggia sul Cuore del Padre e accarezza i Suoi Piedi nel chiedere ancora: "mi hai donato i Giorni, mi hai donato la Famiglia, non farmi lasciare nessuno!" Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Giovedi scorso ci hai detto che tutti cercano di accumulare, tutti corrono di qua, tutti corrono di là......! Gesù: ! Don Vincenzo: Mentre noi dovremmo essere come delle: "Piccole Marie"! Gesù: ! Eccola la "Piccola Maria"! Don Vincenzo: Ah! <Gesù indica Maria Elena che si è alzata per donare l'acqua> Gesù: ......Sta versando l'acqua! Hai versato l'acqua al Calice Vivente, hai versato l'acqua a Gesù! Maria la versava sempre quando eravamo a casa a mangiare, ma poi dopo Mi hanno lasciato tutti soli...... e dopo il Padre ha trovato tutti voi e non Sono Rimasto più Solo! Non lasciateMi perché Io Abito in voi e voi Abitate in Me! ...Mi senti, devo gridare? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ci Inviti al Banchetto...... e ci fai anche riflettere sui Tempi...... e ce lo stai dicendo più volte! Gesù: ! Ho Fame ancora! È da sempre che vi sto preparando ai Tempi del Padre, ma voi ancora volete rimanere nelle cose del mondo! ......Mi Amate? Alcuni: Eccomi! Gesù: E dove sono gli altri? Tutti: Eccomi! Gesù: Eeeh! Com'è difficile lasciare le cose del mondo e rispondere l'Eccomi col cuore! ...Ehi, Io Mi sono fatto un paninello, eccolo! State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Don Vincenzo: Siamo tutti Figli di Dio, Gesù! Gesù: ! Don Vincenzo: Però non tutti dicono: "Papà", anzi sono pochissimi a dirlo, quando invece è il "grido" più bello che un Figlio può inviare al Padre! Gesù: L'avete ascoltata la Cocciuta? Tutti: Eccomi! Gesù: Cosa ha detto ad ognuno di voi? L'avete già dimenticato? Alcuni: No! Mosè: Che ci dobbiamo amare l'un l'altro! Gesù: Lo fate? Alcuni: No! Gesù: E se non vi amate gli uni gli altri, Mi Amate? Alcuni: No! ......Eccomi! Gesù: Come fate a dire "Eccomi!" se non vi amate gli uni gli altri? Mosè: La Buona Volontà ce l'abbiamo, Gesù, solo che poi ci facciamo prendere dalle cose del mondo! Gesù: No, non c'è neanche quella, c'è il puntare il dito! Eppure siete Invitati al Banchetto del Padre come lo sono tutti i Servi Inutili e tutti i vostri Cari! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Vedete, Figli, quando sono stato tradito, Io non Mi sono offeso come fate voi e, quando sono stato sputato in faccia, non Mi sono vendicato come fate voi; quando Mi hanno deriso ho accolto, quando deridono voi non accogliete, cercate di difendervi, trovare le parole per poter uccidere o condannare! ...Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Avete conosciuto un Dio che si vendica? Tutti: No! Gesù: Avete conosciuto un Dio che è Amore? Tutti: Sì! Gesù: E voi cosa fate? Cosa pensate? Cosa fate scorrere nel vostro cuore: l'Amore o la vendetta? Nel Mio Cuore c'è sempre stato l'Amore e ci sarà sempre l'Amore...... ma nei vostri cuori, parlo a voi e parlo al mondo intero, cosa passa? Don Vincenzo: Dobbiamo farci passare l'Amore! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: Altrimenti ci comportiamo come dei figli...... Gesù: ...Stolti! Don Vincenzo: Cioè quelli che fanno come i falsi profeti, come i figli del veleno che si sono rifiutati di dare la mano e si sono ribellati......! Gesù: Eppure avete tutto l'Amore del Padre e abitate nella Dimora! Don Vincenzo: E sono un bel gruppetto hai detto Tu! Gesù: E voi cosa volete fare, ribellarvi? Alcuni: No! Gesù: Perché, ogni qualvolta puntate il dito verso lo Strumento, lo puntate verso il Padre e vi ribellate verso il Padre! Lo Strumento accoglie, il Padre Guarda e aspetta, essendo Amore Infinito, Figli! Maria è l'Ultima Grazia, non dimenticatelo! E non dimenticate: il veleno cammina e i falsi profeti avanzano! Non dimenticate la Destra, alzateLa durante la giornata che il Padre vi Dona nello svegliarvi! .........State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, mamma, vieni... mamma, vieni, eh, eh, tanti auguri, mamma... tanti auguri mamma! <I Bimbi si baciano e si abbracciano con la loro mamma> Anche a papino! Ehi, che hai fatto? Che hai fatto, mamma? Maria Elena: E oggi ogni tanto è scesa una lacrimuccia! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora hai bagnato il compleanno? Di solito si bagna il compleanno, si apre la bottiglia e poi si bagna, no? Tu che hai aperto, gli occhietti? E dove l'hai messa la bottiglia? Dove l'hai messa la bottiglia? Maria Elena: Senza bottiglia! Bimbi di Mario e Maria Elena: Io sono la femminuccia e grido un po' di più, eh, dov'è la bottiglia? ...Dov'è la bottiglia, mamma? Maria Elena: Non c'è la bottiglia! Bimbi di Mario e Maria Elena: Non abbiamo la bottiglia, eh, e quando l'apriamo? ...Eh, ciao, mamma... ciao, mamma... <I Bimbi accarezzano la loro mamma> Tanti auguri ancora, poi ti facciamo una sorpresa, tu bacia a papino, tanto noi lo andiamo a baciare! Lo stiamo aiutando, il lavoro è pesante tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, tanto, sì! ...Ciao, mamma, ciao nonno pallone, ciao pallina, ciao a tutti... ciao! <I Bimbi mandano baci e accarezzano Don Vincenzo> Gesù: Io ho Fame ancora, non Mi date niente? Eh, vicepa', devo mangiare la carta? Raffaele: Dobbiamo aprire il pacchetto, Gesù! Gesù: E chi Me li manda? Tu leggi! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Eh, eh, eh, ehi, una farfalla, eh, è bella, eh, qui cosa c'è, il farfallone? Eh, eh, prendi la stellina, ehi, una chiave, c'è il chicchirichì, quello che ti sveglia, eccolo, eh, eh, e tieni la stellina, eh, eh, ehi, c'è un altro chicchirichì, eh, eh! Eh, perché hai scritto che non Mi hai sentito? Non ti parlavo attimo dopo attimo? Tatina: Sì! Gesù: E allora? Il Pane ve Lo Spezzo attimo dopo attimo e dove siete voi Lo Sono anch'Io! Tatina: Eccomi! Gesù: Eccomi! Io ho Fame! Raffaele: Eccomi! Gesù: Voi non avete fame? Tutti: Eccomi! Gesù: Avete mangiato? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...E Mi faccio un paninello? Tu non mangi più? Don Vincenzo: Mangio insieme a Te, Gesù! Gesù: E cosa vuoi, un paninello? Don Vincenzo: Una cosa piccola! Gesù: E cos'è questo, le patane? Non sono le patane: ne prendo uno ma non sono le patane! Mi devo fare il paninello, tu te lo fai pure il paninello? ......Hai fatto quello che dovevi fare tu? Raffaele: Eccomi! Gesù: Sei delegato! Eh, ecco, eh, vediamo se ci basta o ci vuole altro pane......! Tu l'hai mangiata la mortadella? <Gesù si rivolge a Maria Elena> Eh, Mi sa che ci vuole un altro paninello! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Ma diteMi un po', come state, bene? <Si ride un po'> Raffaele: Gesù, Tu come ci vedi? <Si ride un po'> Gesù: Eh, eh! Raffaele: È più facile! Gesù: La domanda l'ho fatta Io! <Si ride un po'> Mosè: In Paradiso si sta bene, Gesù, e qui, al Banchetto del Padre, è il massimo che possiamo ricevere! Gesù: Salute! Silvana: Eccomi! Gesù: Come si può stare bene al Banchetto del Padre e in Paradiso se non si ama il fratello e se si punta il dito? Si può stare bene? Alcuni: No! Gesù: Hai visto che ti ho risposto? Raffaele: Eccomi! Gesù: Tu come ci vedi? Voi come Mi vedete? Vivo e Reale in mezzo a voi! Tutti: Eccomi! Gesù: Mangio, Bevo con voi e Bevo del "Nuovo", ma voi ancora non Lo vedete, ma parlo a voi e parlo al mondo intero! Quante volte Giovanni vi ha detto queste cose: l'avete ascoltato, l'avete riconosciuto? Tutti: No! Gesù: E il Giovanni che è qui in mezzo a voi, l'avete riconosciuto...... e lo ascoltate? No! E il Calice Vivente dove lo mettete? ...Eh, , all'Ultimo Posto, dove Sono Io! Pregate ancora per le Mura Insanguinate! Pregate ancora per il Sangue Innocente! Pregate perché ancora non avete capito ciò che il Padre vuole da ognuno di voi, Figli! ............Ora parla tu un po', che ti sei messo la borsetta, eh? Don Vincenzo: Chi la teneva la borsetta? Raffaele: Maria! Don Vincenzo: Chi? Maria? E che ci mettevi dentro, la Befana? <Si ride un po'> Maria: La macchina fotografica! Don Vincenzo: Ah, mò te la devo sequestrare la macchina! Maria: Eccomi! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Abbiamo Maria, la Madonna come Ultima Grazia! Gesù: ! Don Vincenzo: È Lei l'Ultima Grazia e dobbiamo imparare da Lei! Certo non c'è paragone, ma imitandola, possiamo far sì che i nostri cuori si aprano all'Amore, perché tutto da lì dipende, mettere l'Amore in ogni azione che facciamo, ed è proprio questo il Natale! Fare Natale significa amare in ogni momento: non è che dobbiamo aspettare quel giorno preciso ma ogni momento Nasce l'Amore e perciò Nasce Gesù: sì, Nasci Tu, Gesù, attimo per attimo se Amiamo! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: E se Nasci Tu, è Natale ogni momento, ogni ora e ogni secondo ma se ogni momento non sfocia nell'Amore non è affatto Natale! Gesù: Quando questo non avviene Mi abortite, ma ripeto: Parlo a voi e Parlo al mondo intero! Quando non Amate il fratello, lì vengo abortito! Quando puntate il dito, lì vengo abortito! Quando non usate Carità, lì vengo abortito! Quando lasciate la Viuzza Stretta e prendete quella larga, lì vengo abortito! Quando i vostri cuori si legano alle cose del mondo, lì vengo abortito! Don Vincenzo: Quando non facciamo la Carità nascosta e silenziosa, anche lì vieni abortito! Quando non siamo umili, anche lì vieni abortito! Quando misuriamo le preghiere, anche lì vieni abortito! Gesù: Quando non Rendete Grazie della Giornata che vi ho Donato, anche lì Mi abortite! Il Padre ve la Dona, ma l'Eccomi non viene donato! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Eeeh, cosa c'è? Don Vincenzo: Gesù, una domanda! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Quando muore un animale qualsiasi...... Gesù: È la prima volta che Me la fai questa domanda? Don Vincenzo: No, pure un'altra volta, però oggi è diverso! Gesù: Oggi è diverso? Don Vincenzo: Oggi volevo una conferma! Ho visto i colombi che abbiamo e tanti tipi di uccelli e pensavo che con l'arrivo del freddo e la neve, forse moriranno! Gesù: Quelli che hanno freddo sono andati nei paesi caldi! Don Vincenzo: Ah! E quelli che resistono? Gesù: E quelli che resistono, resistono, perchè sono venuti dove c'è il freddo e Io gli ho dato il mantello per coprirsi e non muoiono, eh, e anche i tuoi pulcini! <Si riferisce a Chiara che ha a cuore i pulcini del piccolo Antonio> Ce li mangiamo, eh, eh? Don Vincenzo: Se qualcuno muore, lo prendi Tu? Gesù: Certo che lo prendo Io, è Mio! Don Vincenzo: Quindi li fai entrare nel Giardino che il Padre ha preparato? E quindi non ci dobbiamo preoccupare quando muoiono? Gesù: No, non vi dovete preoccupare! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Il pettirosso, con quel rosso che ha nel cuore è unico e originale! Gesù: ! Don Vincenzo: È perché quell'uccellino si riconosca o no? Gesù: Per che cosa si deve riconoscere? Don Vincenzo: Perché è diverso dagli altri! Gesù: Ognuno è diverso dall'altro e ognuno ha le Braccia Spalancate! Ognuno ha il proprio Vestito, ma ognuno ha le Braccia Spalancate! Don Vincenzo: Eh, sì, ognuno è a Forma di Croce! Gesù: ! Don Vincenzo: Ognuno è Croce? Anche loro come noi? Gesù: , tutte le Creature sono state Create dal Padre e non sono state create dagli uomini ma dal Padre! ......Cosa sono quelli? <C'è un vaso con dei maxi lecca-lecca e cioccolatini> Ehi, , cosa c'è scritto? Raffaele: Giulia! Gesù: Si mangia Giulia? Raffaele: Il cuore di Giulia... Gesù: Eh? Raffaele: Il cuore di Giulia! Gesù: Eh, eh, ehi, hamm, hamm, chi Me li ha portati? Alessandra, Chiara, Doriana, Marina, Roberta: Eccomi! Gesù: Me li porto a casa, no, ne prendo uno di questi: tu lo vuoi uno di questi? Don Vincenzo: Ti faccio compagnia! Gesù: Fammi compagnia! .........Parla un po', è bello sentire la Voce del Calice Vivente! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: ...Ciao, state tutti bene? Don Vincenzo: Pensavo che fosse arrivato Giovanni! Gesù: Sta finendo di aiutare Domenico a tagliare la Torta! Don Vincenzo: Per la Festa di ieri? Gesù: Non è stata ieri! Don Vincenzo: Ah, già, è oggi, 21 Novembre che si festeggia la nascita e il battesimo di Domenico Lentini! <Ci sono Due Torte a forma di cuore, una Celeste e una Rosa> Loro l'hanno Impastata Grande-Grande per Domenico! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi, eeeh! Don Vincenzo: Faccio un riferimento globale, universale... Gesù: ! Don Vincenzo: La Cocciuta porta tutta l'umanità sulle Sue Spalle ma è anche la mamma di questa Famiglia e la Sua Azione ha Ripercussioni Universali! Gesù: È la Parola del Padre che ha il Primato! Don Vincenzo: E Lei è la Parola del Padre...... e Lei è anche la Portavoce del Figlio che è Dio...... e Lei è la mamma di questa Famiglia...... e perciò ha un'importanza immensa la Sua Azione perché è l'Unica nel mondo che fa da tramite tra Dio e noi da 28 anni consecutivi, notte e giorno! Avere questo Regalo da parte del Padre e da parte Tua, Gesù, ha un valore incalcolabile per noi! Dovremmo essere tutti felici quando la incontriamo e quando parliamo con lei......! Se ci accorgessimo quante volte dietro al suo volto parliamo in realtà con Te, Gesù, parliamo col Padre, parliamo con la Madonna, parliamo con i Servi Inutili......! Lei vive sempre in Comunione col Padre e quindi usa sempre le Parole del Padre...... è la Portavoce del Padre...... com'è la Tua Portavoce......! E quindi, incontrare lei significa tante volte incontrare il Padre, incontrare lei significa tante volte incontrare Te, Gesù, e non ce ne accorgiamo......! Incontrare lei significa tante volte incontrare la Madonna e non ce ne accorgiamo......! Incontrare lei significa tante volte incontrare i Servi Inutili: Domenico Lentini, il Piccolo Giovanni, Padre Pio, Carlo! Dovremmo riconoscere Dio in Lei e perciò dovremmo stare tutti attenti a ogni sua parola perché sono Parole di Dio e potrebbe essere Dio lì, in lei, in qualsiasi momento, e questo ci deve procurare la massima attenzione quando la incontriamo! E invece tante volte non la si riconosce...... e tante volte la Cocciuta viene rimproverata...... e tante volte la Cocciuta viene messa da parte...... e tante volte la Cocciuta non viene capita per niente......! Tante volte viene derisa e scartata......! Tante volte arrivano le telefonate negli orari più impensati......! Tante volte ci sono situazioni in cui dovremmo chiedere scusa inginocchiandoci e invece non lo facciamo......! Anzi, pensiamo di aver ragione......! È Tutta Piena di una "Misura d'Amore" che non è quantificabile perché si tratta di parlare con Dio, si tratta di riconoscerla come questa sera, quando ha parlato con te all'inizio della Visitazione! ...Gesù, ora dove sta la Cocciuta? Gesù: Sta Lavorando! Don Vincenzo: Sta Lavorando! Sempre lei Lavora, notte e giorno? Gesù: ! Don Vincenzo: E non si ferma mai! È stato bello l'altro Giovedì, Gesù, quando ci hai detto di sostenere la Cocciuta con l'amore e con la preghiera dovendo bere in ogni istante, secondo dopo secondo, mille Sigilli e mille Flagelli! Gesù: ! Don Vincenzo: Ci hai detto, Gesù: "Sono venuto a dirti che il Padre ha Spalancato un altro Sigillo Grande e lo Strumento vuole Berlo subito! E senza dirlo agli altri! ...E Io ve lo dico a voi!" Gesù, Intervieni Tu adesso: "sostenetela, lei non sta ascoltando adesso, ma sta aspettando di salutarMi! Pregate perché è Grande il Sigillo e parte sempre dalla Cupola: sostenetela ed aiutatela!" Gesù: Come fate ad aiutarla? Nel farla arrabbiare? Don Vincenzo: Quello che Mi sconcerta, Gesù, è che dovremmo tutti capire con chi abbiamo a che fare, perché qui dentro da anni lei è la mamma di questa Famiglia e come mamma può rimproverare e come mamma può correggere, l'ha detto prima! <Giulia ha parlato all'inizio della preghiera> Come mamma deve fare così, altrimenti non è una mamma brava! Una mamma non li deve solo viziare i figli, ma li deve guidare sulla Via Stretta! Gesù: Mia Madre non Mi ha viziato, Mia Madre Mi rimproverava! Don Vincenzo: Gesù, la Tua Presenza Costante attraverso di lei è meravigliosa perchè attimo dopo attimo abbiamo questa possibilità e questa opportunità di incontrarTi e di ascoltarTi ma nella Verità Tutta Intera! Gesù: ! Don Vincenzo: E questo non ha paragoni nella Storia, perchè mai un fatto del genere è avvenuto, Gesù! Gesù: No, ho chiesto a molte Anime di Lavorare nella Vigna del Padre e hanno Lavorato, ma questo è il Lavoro Definitivo! Don Vincenzo: Addirittura? Gesù: , ciò che il Padre ha Donato ad ognuno di voi è il Sole che si Aprirà! Don Vincenzo: Quindi, quando si Aprirà il Sole ci sarà una specie di "resa dei conti", in un certo senso? Gesù: Maria è l'Ultima Grazia e il Sole è il Suo Cuore Immacolato e Maria è l'Unica Chiesa, l'Unico Tabernacolo! Don Vincenzo: L'Unica Chiesa Viva! Gesù: , nessuno di Noi è morto! Don Vincenzo: Di noi, no, ma dell'altra Chiesa... Gesù: Nessuno di Noi è morto! Maria non è morta, è Viva e la Chiesa rimarrà sempre Lei così come il Padre L'ha chiamata! Don Vincenzo: E l'altra Chiesa? Gesù: Pregate! Don Vincenzo: È affondata? Gesù: ! Don Vincenzo:Per forza! Gesù: Rideranno di voi, ma l'hanno fatto anche con Me e lo fanno ancora! Don Vincenzo: Ti Vendono e Ti comprano! Gesù: ! Don Vincenzo: Fanno quello che vogliono e dicono poi: "Questa è la Casa del Signore!" ...Ma quale Casa del Signore! E quale Signore può abitare in quella Casa? Gesù: Gli uomini con gli abiti lussuosi! Io non l'ho portato! Sono Venuto con l'Abito della Croce, così come un Figlio, come tutti i Figli, ma ci sono quelli che mettono gli abiti lussuosi! Come possono entrare a prendere parte al Banchetto con gli abiti del mondo, con gli abiti bagnati del Sangue Innocente? Don Vincenzo: Ogni cosa la fanno per i soldi e non c'è cosa che non si paghi: comprano e vendono, vendono e comprano! Gesù: Comprano e vendono! Don Vincenzo: E lo fanno pensando così di soddisfare la loro Fede, senza sapere che invece proprio la affossano! Gesù: Quale Fede? La Fede è Piccola, Povera e all'Ultimo Posto! I Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere chiamati al Primo, ma dal Padre non dagli uomini! Gli uomini cercano i primi posti! Eeeh, gli uomini cercano i primi posti ma cosa ne faranno dei primi posti se a sedere non c'è il Padre dinanzi a loro? Cercano i primi posti, ma a sedere non c'è il Padre dinanzi a loro! Don Vincenzo: E per arrivare a quei primi posti si vendono pure l'Anima! Gesù: , si vendono pure l'Anima! Don Vincenzo: E continuano ancora ad usare la parola "diavolo", quando Gabriele si è convertito! Gesù: Lascia scorrere l'acqua, eeeh!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e col Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Anch'Io sto bene quando Mi arriva il caffè...! ...Mari'! ...Nicò! ...Teré! Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come state? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ne vuoi tre gocce di caffè? Don Vincenzo: Tre gocce? Piccolo Giovanni: Eh, ! Ecco... uno...... e due... e tre...: Numero Perfetto! Questo Me lo bevo Io! Chi lo vuole se lo può prendere...! Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai fatto ancora? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no" ? Maria: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Racconta: cosa hai fatto? Maria: Sono stata piuttosto ritirata in questi giorni! Piccolo Giovanni: Sei stata piuttosto ritirata? Sei sicura? Maria: Mi hai visto... Piccolo Giovanni: Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...... Piccolo Giovanni: Vicepa'... tu non dici nulla stasera? Raffaele: Eccomi! Posso...? Piccolo Giovanni: Sì che puoi...! ...Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Togli la nuvoletta che sta passando... Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Buon appetito! Don Vincenzo: A Te! Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: "Il Figlio" si è fermato per colpa nostra di scendere i gradini? Piccolo Giovanni: No! Raffaele:E noi possiamo aiutarLo? Piccolo Giovanni: "Ave Maria!-Padre Nostro!" No! Non siete stati voi, è il Padre che l'ha fermato! Raffaele: Ma i Flagelli stanno scendendo... Piccolo Giovanni: ...Raffaele: E a quanto pare stanno aumentando... Piccolo Giovanni: ...Raffaele: Dovremmo essere indifferenti? Piccolo Giovanni: Cosa vuoi fare? Raffaele: Non è uno spettacolo bello..., o meglio..., è pauroso...! Piccolo Giovanni: Quelle che state vedendo sono le briciole... ecco... questa... ecco qua...! <Giovanni prende un po' di zucchero a velo dei dolci e lo mostra> Ancora si è solo all'inizio..., ma ancora non avete capito...: tutti i vostri Cari, le Schiere, siamo tutti in mezzo a voi, ma manca Uno e tutti i Sigilli e tutti i Flagelli...Raffaele: Bisogna essere fiduciosi? Piccolo Giovanni: Se non vi fidate del Padre..., dove potete andare? Don Vincenzo: Dio ha già vinto! Piccolo Giovanni: Quello che state vedendo sono quelle poche briciole che vi ho fatto vedere ma di tutto quello che verrà non potete neanche immaginarlo...! Ma ancora non volete fermarvi, parlo a voi e parlo al mondo intero: DISTACCATEVI DALLE COSE DEL MONDO! Il mio cuore è sempre stato legato al cuore del Padre e non l'ho legato alle cose del mondo! E così anche il vostro dev'essere legato solo al Cuore del Padre ma voi vi affannate...Don Vincenzo: E continuiamo a dire: "abbiamo perso tutto...! Abbiamo perso tutto...!" Quando ci sono le interviste in seguito all'alluvione della Sardegna non fanno altro che dire sempre... "ho perso tutto..., ho perso tutto..."! Ce ne fosse stato uno che avesse detto: "C'ho fiducia Solo nel Padre Eterno, c'ho fiducia in Dio, c'è Dio che ci aiuterà!" Nessuno! Tutti a dire: "ho perso tutto...! Ho proprio perso tutto...! .........Non ho più la fede in Dio!" È proprio vero che si è perso tutto! Raffaele: È un discorso complicato..., però mi devi aiutare: "quando uno si Ama?" Piccolo Giovanni: Quando uno si Ama? Quando si rinnega! Raffaele: Però sulla terra è tutto il contrario! Quando uno si ama si convince che è bravo, si convince che può fare tutto e sale sul piedistallo! Piccolo Giovanni: No, quando si rinnega! Vedi, lo Strumento ha donato tutto al Padre: "Io non sono più mia, sono Tua!" È quello che dovete fare ognuno di voi: "io non appartengo al mondo, appartengo a Dio!" E bisogna togliere l'io, rinnegarsi... e non apparire... ma donarsi! Raffaele: Se io mi mettessi l'orecchino, cosa penseresti? Piccolo Giovanni: Niente, non è quello, puoi rinnegarti anche mettendoti quello! Anche ai Tempi di Gesù si portava e pur portandolo...... anche Giuda lo portava...... ma non l'ha tradito, l'ha amato e si è rinnegato! E ai Tempi di Gesù si portavano più di ora! Raffaele: Quindi non è l'apparire! Piccolo Giovanni: Dio non guarda le cose esteriori, Dio guarda il cuore! Gli uomini si fermano a guardare le cose esteriori, l'io, l'apparire, la Carità gonfiata! Quando ci sarà la Festa parleremo di altre cose, perchè ora non posso farvi togliere tutto... e non posso parlare!(*) DOMENICO LENTINI: ...Tanti Auguri, sono Domenico! Don Vincenzo: Auguri! Tutti: Auguri! <Si applaude> Domenico Lentini: Ora li accetto questi! Don Vincenzo: Nascita e Battesimo lo stesso giorno! Domenico Lentini: , come hanno fatto anche a te, Nascita e Battesimo! ...Giovanni è andato un attimino a parlare con quelli che sono venuti a farmi la Festa, con tutti i Servi Inutili, finchè arrivano tutti quanti e Io sono sceso un attimino dalla Stanza del Giardino! Don Vincenzo: "In tutto si cerchi Dio!" Domenico Lentini: , in tutto si cerchi Dio, il Mio Tutto è la Croce! Don Vincenzo: "Il Mio Tutto è la Croce"! Domenico Lentini: E il vostro Tutto deve essere anche la Croce! Don Vincenzo: Sì! Domenico Lentini: Perché siete anche voi Croce! Don Vincenzo: Sì! Domenico Lentini: E siete anche voi Tutto per il Padre: vi ha fatto Figli! ...E svegliati, benedetto Figlio, alzati in piedi così stai sveglio! <Giuseppe si addormenta e Maria Elena lo scuote> Sono Domenico! Don Vincenzo: L'Ombra! Domenico Lentini: ! Don Vincenzo:La Mia Ombra! Domenico Lentini: La tua Ombra e porto l'Ombra della Croce, l'Ombra dell'Umiltà, l'Ombra della Carità! La paura di tenere in mano i soldi... e donarli ai poverelli! Ma vigilate, molti figli che dicono di essere poverelli, non lo sono......... come i falsi profeti e come il veleno......! Dovete essere vigilanti in questi Tempi...... si presenteranno, avanzeranno sempre di più e diranno: "ho fame! Anche Gesù aveva detto che aveva fame e sete, ma non siete andati a visitarlo!" ......Vigilate, ci sono i lupi nascosti dietro al veleno! Don Vincenzo: Dietro? Domenico Lentini: ......Dietro al Veleno e a coloro che avanzano dicendo: "Gesù ha detto di visitare i poveri!" Ma dietro ai poveri si nascondono anche i falsi profeti! Raffaele: Basta il Segno della Croce per riconoscerli? Domenico Lentini: ! Vedete, Figli: "il Mio Tutto è la Croce" perché Io sono Croce e ognuno di voi lo è, ma non vi guardate......! Voi guardate le cose del mondo, ma così come vi dice Gesù e ve lo dice Giovanni e ve lo dico anch'Io: cosa dovete fare? Raffaele: Alzare la Destra! Domenico Lentini: Alzare la Destra e poi cosa ancora dovete fare? Raffaele: "Padre Nostro- Ave Maria"! Domenico Lentini: "Padre Nostro-Ave Maria!" Amarvi! Ombra della Mia Ombra, cosa dobbiamo fare? Tenerci Alti perché siamo Croce, Prenderci, Camminare! Com'è diventata la Mia bella Lauria? Sempre più divisa, sempre più agguerrita! Povera Lauria! Io l'ho lasciata, e Giovanni pure! C'è rimasta una Capanna, ma vigilate e non gettate le perle ai porci! Ti ho fatto Strumento d'Amore, medico per i Poveri, così come Teresina: non fermarti! Teresa: Eccomi! Domenico Lentini: Ti ho Donato e ti Dono il Latte del Seno di Maria! Non temete, non ve la porto via! Ti uso come usavo e uso quella Croce alzata! <Domenico alza alto il braccio come quando ''innalzava'' il Crocifisso> Teresa: Eccomi! Domenico Lentini: Ma uso ognuno di voi in questi Tempi! Ombra della Mia Ombra! Don Vincenzo: In tutto dobbiamo cercare Dio! Domenico Lentini: , in tutto bisogna cercare Dio! Ma nei Tempi che verranno dovete essere vigilanti......: c'è il veleno e ci sono i falsi profeti! ...Ora devo andare! Don Vincenzo: Eccomi! Domenico Lentini: Ombra della mia Ombra!(*) <Domenico Benedice> Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh! Non ha mangiato nulla, , perché ha già mangiato dall'alba fino adesso, ma Io mangerei qualche altra cosa! <Giovanni versa l'acqua sulla testa di Giuseppe che sta dormendo> Ha piovuto? Allora bisogna aggiustare il tetto! <Si ride un po'> ...Che Mi mangio? Avete ascoltato Domenico? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu l'hai ascoltato? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ombra della Tua Ombra! Don Vincenzo: In ogni cosa bisogna cercare Dio! Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: Com'è sintetica questa frase ma com'è bella! Piccolo Giovanni: Vi dico di essere vigilanti, in ogni cosa cercare Dio, ma nei Tempi che verranno ancora vi diranno: "Ecco, sono io, venite! Ecco sono io, venite!" Non ascoltateli! Don Vincenzo: Arriveranno a questa presunzione? Piccolo Giovanni: ! ......Voi Avete la Destra, avete il Pane Intero, non dimenticatelo! Don Vincenzo: E che vestiti indossano questi falsi profeti? Sotto quale abito? Piccolo Giovanni: Sotto tutti gli abiti, eh! Don Vincenzo: Sono velenosi? Piccolo Giovanni: ! È il veleno! Vigilate! ...Tu hai mangiato? Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi, eh, vediamo com'è? <Il Miscuglietto> Perché sei triste, stai bene? <A Chiara> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora perché sei triste? ...Salute! È buono anche questo! Ehi, statevi attenti che la Cocciuta adesso incomincia a fare come Piuccio! ...Ma non hai niente da dirmi? Don Vincenzo: Oramai... Piccolo Giovanni: ...Oramai! Don Vincenzo: Buono stò Miscuglietto! Piccolo Giovanni: , oramai Me ne devo andare? <Si ride un po'> ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mi vogliono mandare via! Maria: No, resta ancora! Piccolo Giovanni: ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Oramai...! ...Terè! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quanto dura la visita di un medico? Teresa: Dipende, un minuto, due minuti, un'ora, due ore, quindi puoi stare anche altre due ore! Piccolo Giovanni: Questa è durata due ore? Teresa: Non lo so... no, di più! Don Vincenzo: Di più! Piccolo Giovanni: Ma Io sono venuto a fare la visita di un medico? Teresa: Sì! Piccolo Giovanni: Allora non ho visitato ancora nessuno, eh, devo iniziare! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Ma due ore devi visitare? Piccolo Giovanni: Altre due ore di visita, eh! Don Vincenzo: Un po' troppo! Piccolo Giovanni: Per visitare i vostri cuori bastano pochi secondi e la Cocciuta Me li ha presentati subito! È il Banchetto del Padre ed è tutto buono! Don Vincenzo: Quanto Ben di Dio! Piccolo Giovanni: Quanto Ben di Dio! ...Era buona la tazzina? Chi l'ha fatta? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Un altro? Per non farmi parlare Mi dà da mangiare, così Mi tappa la bocca, ma Io parlo anche con la bocca piena! Don Vincenzo: Tu puoi stare quanto vuoi, tanto poi ci aiuti sempre e noi confidiamo in Te domani sera! Piccolo Giovanni: ......Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ti ricordi se qualcuno si sbarazzava facilmente di Me? Maria: Eh, no! Piccolo Giovanni: Non ti ricordi? Maria: Eh, no, no, non si sbarazzavano facilmente di Te! Piccolo Giovanni: Eh, quello ti stavo chiedendo......! Maria: Andavi fino in fondo! Piccolo Giovanni: Eh, ! Posso andare fino in fondo, fino all'alba! ......Cosa sono quelli? Raffaele: Dovrebbe essere il baccalà! Piccolo Giovanni: Dovrebbe essere baccalà..., ci sono le spine? Dammi un po' di baccalà..., ecco..., basta così, perché se trovo qualche spina......! Beh, parla un altro poco... Don Vincenzo: Devo parlare un altro poco? Piccolo Giovanni: , così Io finisco il baccalà, poi ti lascio a Gesù! Don Vincenzo: Giovanni, Lauria è divisa? Piccolo Giovanni: , molto più di prima..., va sempre più dividendosi e perdendosi...! Don Vincenzo: Hanno fatto la Festa di ieri a Domenico Lentini... Piccolo Giovanni: Chiedilo a Maria che Gli hanno combinato! Don Vincenzo: Hanno fatto Festa ieri per Domenico? Maria: Non ci sono andata! Piccolo Giovanni: Ma lo sai cos'hanno combinato? Don Vincenzo: Mi sa che pioveva, hanno avuto brutto tempo! Piccolo Giovanni: Mari', pioveva? Maria: Sì, molto! Avranno detto la solita Messa; stanno organizzando un presepe vivente in un quartiere! Ci sono interviste di tre pagine nei giornali del luogo e tutti si riempiono la bocca! Piccolo Giovanni: E il Cuore? Maria: Non c'è niente! Don Vincenzo: I conti si fanno alla fine... Piccolo Giovanni: Ma si fanno anche adesso..., presto sentirai i conti fatti...! Ti raccomando, Mari'..., ti raccomando, Nicò..., ti raccomando, Teré... e all'altra capannella ci penso Io! Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E ad ognuno di voi vi lascio il Filicino che la Cocciuta Spezza attimo dopo attimo! Non riesce a tenerlo più di così e lo divide per tutti! <Giovanni schiocca qualche bacio> ...Ve lo lascio!(*) Gesù: Con la Croce e col Pane...<Gesù Benedice col Segno della Croce> ...Calice Vivente! Don Vincenzo: Sei Gesù? Gesù: , Giovanni è andato a salutare Domenico! Don Vincenzo: Diamo la Benedizione Finale? Gesù: Io rimango all'Obbedienza del Calice Vivente: doniamo la Benedizione Finale! Don Vincenzo: Perché domani quando ci sarà il Messaggio... Gesù: Che succederà? Don Vincenzo: Che è lungo... <Si ride un po'> Gesù: Calice Vivente, non contare le ore al Padre perché Dio ve le dona, ma non ve le conta! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Vi lascio il Mio Cuore Spalancato! Tu, Calice Vivente, Saluta con l'Albero Verde! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Che c'è, Giovanni?(*) ...Perché sei triste?(*) ...I Flagelli?(*) ...Uno cadrà e l'altro lo posso prendere: è quello che il Padre ha deciso! Io vado a poggiarmi sul Suo Cuore, mi ascolterà, Tu aiutami!(*) ...Cosa c'è ancora?(*) ...Giovanni, tutto quello che vedo ora cadrà, aspettami, dopo vengo!(*) ...Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Il Padre: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Papino del mio cuore, la Paghetta non basta più, me ne devi donare ancora: mi devo poggiare ancora sul Tuo Cuore e sui Tuoi Piedi! Quei Flagelli non possono cadere tutti quanti!(*) Lo so che i Tempi sono nei Tempi, ma l'umanità è sorda e cieca! I falsi profeti avanzano, il veleno pure...!(*) Tu mi hai Donato i Giorni!(*) ...Papà, dopo ci pensi a non far cadere tutti quei... Flagelli?(*) Puoi rispondermi quando vuoi, tanto poi vengo...: aspetto che Tu mi rispondi!(*) ...Eccomi nel Fare le Tue Cose! Salutiamo i Servi Inutili e tutti i figli!(*) ...Ciao, Servi Inutili, che state prendendo parte al Banchetto del Padre! Eccoci nell'unirci a lavorare!(*) ...Ciao, Mamma, porta i Pargoli ad impastare!(*) ...No, non ti preoccupare, c'è un altro pezzettino di Filo!(*) ...Ciao, Servi Inutili, ci vediamo dopo...!

 

 

 

 

5. Giov. 28/11/2013, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Ci sono i Sigilli e sono Positivi! Sono Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! C'è Maria e ci sono tutte le Spose che sono entrate in questo Giorno: ogni Sposa ha una Cesta e in ogni Cesta c'è un Pane Intero, ma il Pane è bagnato col Sangue! Questi sono quelli di Maria? (Gesù): Questi sono i Sigilli della Tua Schiera! (Giulia): Io non ho fatto quel lavoro, Gesù......! (Gesù): Non chinare il capo......! (Giulia): Allora, visto che i Sigilli sono della Schiera che la Mamma mi ha donato, non scenderà nient'altro......! Questi sono buoni, è dell'Amore di Maria! Gesù, nelle Ceste c'è il Pane e c'è il Vino! (Gesù): Questo lo si vedrà nel giorno dopo di questo che passerà! (Giulia): Cosa devo Fare, Gesù? (Gesù): Preparate le Ceste e riempitele! (Giulia): Il Pane rimarrà col Vino... e le Ceste quando devo farle preparare? Gesù, me lo dici ora? (Gesù): Incominciate a preparare la Cesta dei vostri cuori...... e il Tempo è Pieno!

*******************

(Gesù): Io Sono la vostra Gioia, ma l'Umanità Intera non La vede la Gioia, non La sente la Gioia perchè l'Umanità Intera è presa dalle cose del mondo! Eppure le cose del mondo le vedete passare...... non ve ne siete accorti? Le cose del mondo stanno passando mentre quelle del Padre non passano ma rimangono! Ma i Grandi, coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, non vogliono vederLe! E "il Figlio" non è Sceso neanche in questo giorno e il Gradino non si è Aperto! Ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro" nel dire: "Piccola Creatura Impastata dal Cuore del Padre, Tu Tabernacolo e Chiesa Vivente da sempre, Tu non hai tolto lo Sguardo da ogni creatura che il Padre ti ha Donato, Tu che Partorisci la Nascita di Dio nell'Umanità Intera, Tu che Sei la Grazia Viva che Dio ha lasciato all'Umanità Intera, Tu, Madre Mia e Madre dell'Umanità, Tu Madre nell'OffrirTi, Tu Madre dei Poveri, Tu Madre dei Miseri, Tu Madre dei Figli abortiti dall'Umanità, Tu Grazia Piena nel compiere il Mistero del Tuo Cuore Immacolato, Dona a tutte le Genti il Volto della Croce!" ...Perché Mi guardi così? (Don Vincenzo): Qual'è il Volto della Croce, Gesù? (Gesù): Il Tuo...... quello di ognuno di voi...... e il Mio l'ho Donato ad ognuno di voi e all'Umanità Intera chiamandovi: "Figli"! Ma ciò che avete appena ascoltato non dimenticatelo, Figli! (Don Vincenzo): È il Volto di tutti noi perché ognuno di noi è Croce, perciò ci hai detto: "il Volto della Croce!" (Gesù): Sì, ma non dimenticate ciò che avete ascoltato! Quando leggerete le Parole che ho sussurrato ai vostri cuori, ricordatevi che i Tempi sono vicini! (Don Vincenzo): I Tempi sono vicini...... ma vicini vicini? (Gesù): Le Ceste si devono preparare e lo Strumento vi dirà cosa dovete mettere nelle Ceste e il Pane Vivo Scenderà dal Banchetto del Padre e non dal banchetto degli uomini!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Pane del Mio Amore Dono ai Figli Unendomi all'Amore di Maria, ad una Piccola Creatura che si prepara nel Partorire l'umanità intera, perché prima ha Partorito la Croce e dopo ha Partorito il Crocifisso! E così per prima è stata partorita l'umanità, quell'umanità sorda e cieca, quell'umanità che ancora non vede e che Maria ha partorito......! Rumori di qua e di là, folle che gridano, ma nessuno Mi cerca in quei rumori, in quelle folle che Maria si prepara ancora a partorire Chinando sempre il Capo nell'Ubbidienza a Dio, nell'Allargare le Braccia così come le Allargo Io, portando in mano lo Scettro Regale e dicendo ad ognuno dei Figli: Questa è l'Eredità del Padre, è per ognuno di voi, perché è fatta così come siete fatti voi: Piccoli, Poveri e a Forma di Croce! Non è lo Scettro che portano i Re, non è quello che portano i Grandi del Mondo, non è quello che portano i Grandi della Barca Affondata ma è l'Eredità Piena del Padre, è il Pane Tutto Intero, è la Parola Spezzata nel Sangue con tutto l'Amore! Quando c'è l'Amore Pieno, il Sangue scende...! Ed ecco Maria, nell'Amore Pieno ha donato e dona il Suo Sangue nel rimanere Mamma, nel rimanere Figlia, nel rimanere Sposa, nel rimanere l'Ultima Grazia e nel dire all'umanità intera e ad ognuno di voi: "è l'Amore che Mi ha fatto partorire la Croce, e l'Amore Mi ha donato e vi ha donato il Mio Figliolo Gesù"......! E Maria cammina ancora, e Maria si ferma...... e quante volte si è fermata nel camminare portandoMi nel Grembo, e dal Grembo Io le indicavo cosa doveva fare, cosa doveva rispondere nello Spezzare il Pane e nel dire: "è il Figlio di Dio che Porto nel Grembo! È Lui che è Venuto a Liberarci! È Lui che dobbiamo ascoltare! È Lui il Salvatore! È Lui che vi chiamerà uno ad uno, figli! Gli uomini lo guarderanno, lo seguiranno, ma Lui non Mi appartiene perchè appartiene al Padre! E il Padre l'ha Mandato per ognuno di voi e per l'umanità intera nell'Amore Pieno! Attraverso l'Amore è arrivato, attraverso l'Amore si dona, attraverso l'Amore dona il Soffio, perché è Amore, essendo Croce!" Il Padre ha fatto partorire prima la Croce e poi il Crocifisso per rendere ognuno di voi a Sua Immagine e Somiglianza, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! E il Banchetto è pronto, quello dei Servi Inutili, quello di ognuno di voi preparato dal Padre nell'Amore e nell'essere Famiglia! Quando le Spose entrano si siedono alla Destra del Padre e si è Famiglia! Voi avete il Banchetto, Sedetevi alla Destra, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! ........................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Gesù, dov'è l'Abito che portavi poco innanzi? Ne hai messo un altro? Dove l'hai messo? So che non devo dirtelo, ma perché l'hai tolto? L'ho visto che era bagnato di Sangue, ma dov'è adesso? Se lo devo bere, lo bevo Io o se lo devo lavare, ma dimmi dove l'hai messo? Hai intenzione di farlo cadere? Gesù, rispondimi! Mi guardi così con quegli occhi che non si possono descrivere, ma non mi rispondi...... sono entrati nel Filicino e parlano......! Gesù: Vedi dov'è l'Abito? Giulia: Non posso prenderlo io, Gesù? Se lo fai cadere il sangue che non è bagnato col Tuo Sangue si bagna col sangue di popoli in guerra... Gesù: ......Le guerre cresceranno, lo sai già! Giulia: Ma ci sono i Giorni e se mi doni l'Abito lo Bevo! Gesù: Un Flagello lo prendi e un altro devi lasciarlo......! Giulia: ......Lasciamo cadere questo... "Eccomi nel Fare le Cose del Padre!" Gesù: Le guerre cresceranno casa per casa, paese per paese e via dicendo... Giulia: Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA, ANIMA MIA......! Giulia:Eccomi, Gesù! Non lo fare scendere.........! E anche in questo giorno "il Figlio" non scende nessun Gradino e nessuno si apre! Gesù: Vedi, Anima Mia, tutte le Schiere sono pronte, ma sono ferme! Giulia: Cosa posso fare io, Gesù? Solo rimanere Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! Gesù: Vuoi lasciare la Schiera? Giulia: No, Gesù, ma dinanzi a tutto quello che vedo...... Gesù: La Potenza del Padre è nelle tue mani! ......Solleva il capo......! Giulia: Eccomi, Gesù! Tu me l'hai Donato e io consegno tutto nelle Tue Mani, rimanendo Straccio Stracciato ai Piedi della Croce per portare tutti i Figli e la Famiglia che mi hai donato! Gesù: Portali nell'Arca e Rema......! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA ANCORA......! Giulia: Ci sono i Sigilli e sono Positivi! Sono Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! C'è Maria e ci sono tutte le Spose che sono entrate in questo Giorno: ogni Sposa ha una Cesta e in ogni Cesta c'è un Pane Intero, ma il Pane è bagnato col Sangue! Questi sono quelli di Maria? Gesù: Questi sono i Sigilli della Tua Schiera! Giulia: Io non ho fatto quel lavoro, Gesù......! Gesù: Non chinare il capo......! Giulia: Allora, visto che i Sigilli sono della Schiera che la Mamma mi ha donato, non scenderà nient'altro......! Questi sono buoni, è dell'Amore di Maria! Gesù, nelle Ceste c'è il Pane e c'è il Vino! Gesù: Questo lo si vedrà nel giorno dopo di questo che passerà! Giulia: Cosa devo Fare, Gesù? Gesù: Preparate le Ceste e riempitele! Giulia: Il Pane rimarrà col Vino... e le Ceste quando devo farle preparare? Gesù, me lo dici ora? Gesù: Incominciate a preparare la Cesta dei vostri cuori...... e il Tempo è Pieno! Giulia: Eccoci, Gesù! Me lo direte quando dovrò dirlo? Devono essere in quel modo le Ceste, Gesù? Come quelle che porta Maria con le Spose? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Ora che uno è caduto, l'altro che sto vedendo, posso andare a prenderlo? Gesù: Dopo! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, metto tutta la Giornata nelle Tue Mani...... e tutti i Figli che si sono affidati alle mie preghiere...... quelli che non l'hanno fatto...... quelli che l'hanno fatto a metà...... metto il cuore di ognuno di loro...... e metto i cuori dei nemici... coloro che hanno trafitto i vostri Cuori e anche i nostri: prendili per mano! Metto le Pietruzze, i Sacerdoti, i Gigli... e metto l'umanità intera! Io mi metto dinanzi ai Tuoi Piedi ad Inzupparmi e a Bermi ancora, Gesù, ma accoglici ancora così come siamo......! Gesù: L'Arca cresce e i Remi camminano...... pregate ancora per le Mura Insanguinate di Sangue Innocente! Pregate per coloro che dicono di avere il potere in mano, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, nello spalancare le braccia e nel rimanere Crocifissa per Amore! Gesù: Eccomi nell'unirMi all'Amore del Padre...! Eccomi al Banchetto delle Spose...! Eccomi al Banchetto Donatomi da ognuno di voi...! Eccomi con le Schiere......! Eccomi con tutti i Servi Inutili......! Eccomi con tutti i Pargoli...! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico......! Eccomi con Rossella, Natanaele, Vittorio, le Bimbe e i Pargoli nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, nel "Candido Lino" dove Maria Ti ha avvolto, mi permetto di avvolgere coloro che Ti hanno tradito e Ti tradiscono ancora...! Ci sono i Giorni e il Candido Lino lo riprendo ancora per avvolgere l'umanità intera...... e lo riprendo ancora per avvolgere tutti i nemici...! E dopo averTelo donato lo riprendo ancora per avvolgere i figli che sono stati dispersi e metterli lì su quella poca paglia, dove Tu puoi donare il Tuo Calore e cancellare ogni errore, Gesù! È piccolo il Lino, ma diventa Grande dinanzi a Te...! Perdonami se l'ho preso per raccogliere...... ma Tu Sei Venuto per Questo......! Gesù: Eccomi, Anima Mia!(*) ......PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ora che Ti Metti a Parlare con noi è Festa Grande Grande, Gesù! Gesù: Perché, prima dov'ero? E tu dove sei andato, in vacanza? Don Vincenzo: Ti ho ascoltato col cuore aperto quando hai dialogato con la Cocciuta......! ..................Gesù, sono arrivati i Sigilli, quelli di Maria, quelli Buoni......! Gesù: ! Don Vincenzo: Ed è Festa Grande per la Cocciuta! Gesù: , quando ci sono i Sigilli Buoni lei non è che non è gioiosa...... ma vede quelli che devono Scendere......, il suo cuore vede il "Filicino" che è rimasto...... è gioioso ma incomincia a Spezzarsi nel vedere quello che Scende......! Siete tristi in questo giorno? Tutti: No! Don Vincenzo: Ci Sei Tu con noi ed è Grande questa Grazia! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tu Sei la nostra Gioia, Gesù, e averTi qui tra noi è il Regalo più Grande che il Padre poteva Donarci......! Gesù: Io Sono la vostra Gioia, ma l'Umanità Intera non La vede la Gioia, non La sente la Gioia perchè l'Umanità Intera è presa dalle cose del mondo! Eppure le cose del mondo le vedete passare...... non ve ne siete accorti? Le cose del mondo stanno passando mentre quelle del Padre non passano ma rimangono! Ma i Grandi, coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, non vogliono vederLe! E "il Figlio" non è Sceso neanche in questo giorno e il Gradino non si è Aperto! Ma voi pregate: "Ave Maria-Padre Nostro" nel dire: "Piccola Creatura Impastata dal Cuore del Padre, Tu Tabernacolo e Chiesa Vivente da sempre, Tu non hai tolto lo Sguardo da ogni creatura che il Padre ti ha Donato, Tu che Partorisci la Nascita di Dio nell'Umanità Intera, Tu che Sei la Grazia Viva che Dio ha lasciato all'Umanità Intera, Tu, Madre Mia e Madre dell'Umanità, Tu Madre nell'OffrirTi, Tu Madre dei Poveri, Tu Madre dei Miseri, Tu Madre dei Figli abortiti dall'Umanità, Tu Grazia Piena nel compiere il Mistero del Tuo Cuore Immacolato, Dona a tutte le Genti il Volto della Croce!" ...Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Qual'è il Volto della Croce, Gesù? Gesù: Il Tuo...... quello di ognuno di voi...... e il Mio l'ho Donato ad ognuno di voi e all'Umanità Intera chiamandovi: "Figli"! Ma ciò che avete appena ascoltato non dimenticatelo, Figli! Don Vincenzo: È il Volto di tutti noi perché ognuno di noi è Croce, perciò ci hai detto: "il Volto della Croce!" Gesù: , ma non dimenticate ciò che avete ascoltato! Quando leggerete le Parole che ho sussurrato ai vostri cuori, ricordatevi che i Tempi sono vicini! Don Vincenzo: I Tempi sono vicini...... ma vicini vicini? Gesù: Le Ceste si devono preparare e lo Strumento vi dirà cosa dovete mettere nelle Ceste e il Pane Vivo Scenderà dal Banchetto del Padre e non dal banchetto degli uomini! L'Albero è Piantato e non viene sradicato dagli uomini...... ma rimane il veleno e rimangono i falsi profeti che crescono...... e avanzeranno......! Avete la Destra! <Gesù Benedice> Ma la Destra funziona quando vi amate gli uni gli altri e quando rimanete nella Pace del Padre, Figli Miei......! Lo Strumento cammina passo per passo portandovi sulle spalle, alzando la Destra per ognuno di voi e per l'Umanità Intera: è questo che il Padre gli dona nel Lavorare durante la Giornata! Un Sigillo cadrà e l'altro lo Berrà, un Flagello cade e l'altro lo Beve, un Fuoco di Guerra si accende e l'altro lo spegne, fin quando non si Aprirà il Sole nelle tue mani, Calice Vivente! Tutte le Schiere sono ferme, solo quella che conduce lei Combatte......! Come state, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Ma Mi senti? Ehi, cos'è un missile? Don Vincenzo: No, un piccolo microfono! <Gesù ''alita'' sul microfono di Don Vincenzo> Benedicilo Gesù e Benedici queste mie orecchie! <Gesù ''alita'' ancora> ...Aaah! Gesù: Tu sei pronto per Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Sono Pronto e il Banchetto è pronto! È pronto per le Spose, per tutti i Servi Inutili, ed è pronto per ognuno di voi......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io Sono pronto per DonarMi e anche tu sei pronto per Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Lo Strumento è pronto nel Lavorare, nel portare le Spose, e nel fermare ciò che il Padre gli fa fermare......: ora sta fermando un Fuoco di Guerra! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù ne Beve un po' e poi dona il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzettino di Pane che divide a metà e ne dona una parte a Don Vincenzo, poi Mangia...... e fa lo stesso Don Vincenzo> Gesù: Questa è la Mia Carne!(*) Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Vedete come si Dona il Figlio di Dio? Vedete come si Dona Maria? Vedete come il Banchetto del Padre è pronto per ognuno di voi e per l'Umanità Intera? Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mangio con voi e Bevo con voi del "Nuovo", con tutti i Servi Inutili, con tutte le Spose, con tutti i Pargoli, nell'Amore Pieno del Padre...... e lo Strumento si Dona ancora nel rimanere Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Doniamoci! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta e poi fa i seguenti gesti: china il capo sulle mani giunte che poi apre, le ''innalza'' unendo il pollice con l'indice di entrambe, poi le alza nel gesto di prendere qualcosa in alto e rimane con la sinistra con pollice e indice uniti e con la destra fa il gesto di raccogliere dall'alto un qualcosa che tira giù, salendo e scendendo più volte con la mano (9 volte), poi raccoglie quello che ha ''tirato'' dall'alto e lo porta al cuore per 6 volte, poi lega 5 nodi intrecciati in modo particolare.> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Ne è Sceso un po' del Tuo Sangue......! <Sul pavimento> Gesù: Lascialo Scendere! Don Vincenzo: E c'è un Flagello che cade adesso? <Gesù col capo fa segno di no>Gesù: Teresina ha fatto Scendere un altro Rotolo e l'ha legato bene bene! Per quel Flagello che lo Strumento ha dovuto fermare non c'era rimasto più altro "filo"! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Sì, Eccomi! Gesù: È bello Donarsi per Amore! Don Vincenzo: Eh, sì, è il Banchetto del Padre! Gesù: E lo Strumento è rimasto Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e per le Mura Insanguinate dal Sangue Innocente! Ma voi pregate "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro!" ...............Vai, Figlio! <Raffaele dona i bicchieri con l'Avanzo a Vito, Cinzia e a Maria Elena> Il Banchetto del Padre è pronto, vuoi prendere parte ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Di fronte a Tutto questo Ben di Dio......! Gesù: È il Banchetto del Padre: è Dio che si Dona ancora! Don Vincenzo: Mangiamo il Padre e mangiamo Te, Gesù! Gesù: Il Padre si Dona nel Suo Amore Infinito, così come si Dona per tutte le Spose che hanno donato la mano e Io Mi Dono! Eccomi! Quando guardate con gli occhi del cuore vedete Dio che si Dona, Dio che viene ad Abitare nei cuori! Nel cibo che Spezzavo Mi Donavo, ma chi Mi era vicino non Mi vedeva e non Mi vede neanche ora! Non dovete guardare il Banchetto come cibo del mondo! Ma Beati i vostri occhi che vedono il Cibo che è Dio, Pezzetto dopo Pezzetto! Beate le tue mani che tagliano Dio.........! <Gesù si rivolge a Raffaele che ''serve''!> Beate le vostre mani che L'Accolgono! Beati voi che siete derisi e cacciati da tutti! Beati voi ultimi che sarete primi nel portare le Ceste e l'Amore Pieno del Padre! .........Come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Beati i Figli che cresceranno nell'Arca del Padre! Beati i Frutti dell'Amore che nasceranno nell'Arca del Padre! Beati voi che rimarrete all'Ultimo Posto: Piccoli e Poveri, i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Ma amatevi gli uni gli altri in questo Tempo... perchè non ce ne saranno altri, Figli Miei......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! La Croce si divide ma rimane Intera! ...Non hai nulla da dirMi? Non temete, non ci sarà la fine del mondo ma ci sarà la fine del male! E nelle Ceste che dovete preparare, lo Strumento vi dirà cosa mettere! ......State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Non parli? Io ho parlato un bel po', adesso devi parlare tu! .........Ti raccomando, Viceparroco, sei delegato, riempi le Ceste! Raffaele: Eccomi! Gesù: Quelle di questo giorno! <Raffaele si è organizzato per tagliare il pane-pesce e dona la testa e la coda a: Vito, Cinzia, Anna, Angela, Saverio e altri pezzi ad alcuni dei presenti> È bello stare con voi! Qualcuno: Anche per noi, e che Grazia è stare in Comunione con Te, Gesù, nell'Amore Vero! Gesù: È bello ciò che il Padre sta Donando alla Sua Famiglia e all'Umanità Intera! .........Parla un po' tu! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Fammi finire di mangiare, così me lo gusto questo "Cibo del Padre"! Gesù: È bello ciò che hai detto: "Gesù, fammi finire di mangiare, così me lo gusto!!" Gustare Dio...! Gustate Dio nel Suo Amore, Figli Miei! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Ehi, ciao, mamma... ciao, mamma, come stai? ...Come stai? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: "Eccomi!" Giovanni dice: ""Eccomi sì"o "Eccomi no"?" Maria Elena: Eccomi sì! Bimbi di Mario e Maria Elena: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Papi sta bene, sta Lavorando e anche noi stiamo Lavorando! ...Il pallone che fa? ...E la pallina? Vuoi che facciamo qualcosa per il pallone? <Maria Elena annuisce> E se poi ci vede? Ci dobbiamo far vedere, mamma? Maria Elena: Sì! Bimbi di Mario e Maria Elena: E allora ci facciamo vedere! Ma adesso starà sveglio giorno e notte, eh! ...Mamma! Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sai cosa devi fare? ...Mamma, sai cosa devi fare? Devi fare un pane a copertina e, quando l'hai fatto a copertina, poi ci fai il risvoltino sopra e sul risvoltino ci devi scrivere sopra: "Ecco il Calice Vivente!" Tu sei brava, lo devi fare quando c'è la Festa e lo sai quando è la Festa? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! E allora incomincia a preparare! ...Ehi, mamma, ti voglio bene e dai i pizzicotti a papino? Maria Elena: Sicuro! Bimbi di Mario e Maria Elena: Noi glieli abbiamo già donati! Maria Elena: Li sta aspettando! Bimbi di Mario e Maria Elena: E poi glieli dai? Maria Elena: Sì! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, e allora bacini, bacini, bacini, bacini, bacini, bacini, bacini, bacini! Bacini, bacini, bacini, bacini, bacini, bacini a nonno palloncino! Ciao a tutti! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! <I Bimbi accarezzano Don Vincenzo> Don Vincenzo: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Palloncino, eh, eh! Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: Hai finito di gustare Dio? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ora puoi parlare! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Io Gusto l'Amore del Padre e Parlo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Se imparassimo a scoprire il Padre giorno dopo giorno, se imparassimo a renderci conto di che significa essere Figli di Dio, se imparassimo a sperimentare questa Figliolanza rivolgendoci sempre al Papà Buono, se imparassimo a capire che cos'è la Vera Ricchezza, se imparassimo ad approfondire quella frase di Domenico Lentini: "in ogni cosa cercate Dio, in tutto cercate Dio, il Mio Tutto è la Croce!", se imparassimo a capire che anche il Padre ha un "Tutto" e sono i Figli...! Sì, siamo noi il "Tutto" del Padre, Sei Tu, Gesù, prima di tutto e di tutti e poi ci siamo noi come figli......! Sperimentare questa Figliolanza Divina è il Massimo......! Gesù: Continua, ti ascolto, è bello sentirti! Don Vincenzo: Se imparassimo che significa dire: "Papà, Papà" rivolgendoci al Padre Eterno, al Creatore di tutto e di tutti, rivolgendoci a Lui che ci ha pensati, che ci ha voluti e che ci ha creati e ci ha fatto Dono di questo Banchetto di Dio, di questa Comunione d'Amore dandoci la Cocciuta come Guida, come Strumento, come Mamma! Quanto diventerebbe bella la preghiera se la facessimo partendo da questa Paternità e invece noi tante volte la giornata la viviamo correndo a destra e a sinistra, attaccandoci alle cose di quaggiù, quando tutto dovremo lasciare......! Tutto è caduco, tutto è passeggero quaggiù, mentre Lassù tutto è Eterno come il Padre......! Gesù: Lassù dove? Don Vincenzo: "Lassù" per dire il Cielo...... che è Venuto qui in mezzo a noi......! Tutto è Eterno, tutto il Padre Fa a Sua Immagine e Somiglianza, perfino gli uccelli! Gesù: Ancora! Don Vincenzo: Perché scopro sempre più che essendo Lui il Creatore ed essendo il Padre Croce a tutti ha dato questa opportunità, questa Figliolanza...! Gesù: , il Padre a tutti ha Donato la Figliolanza da sempre! È Tutto del Padre, da sempre! .........Eh, ne vuoi? Don Vincenzo: No, preferisco parlare! Gesù: Parla, Io mangio il "Tutto" del Padre! Ecco, Mi sa che ci vuole un altro paninello! Parla, Io ti ascolto e, nell'ascoltarti, mangio il Padre! Don Vincenzo: Che bello, Gesù! Gesù: ! Don Vincenzo: Gridare: "Papà!" Chiamarlo: "Papà!" Che bello, Gesù, sapere che abbiamo il Padre Eterno come Papà di ognuno di noi! Già questo ci dovrebbe fare inginocchiare, già questo ci dovrebbe riempire di gioia, già questo dovrebbe fare di ognuno di noi un Figlio Vero, un Figlio di Dio, e noi invece quante volte le giornate le viviamo tristi, arrabbiati, spenti! Gesù: No, "quante volte", attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Quella Giornata è invece disegnata dal Padre in ogni momento, in ogni particolare, attimo dopo attimo...! Quella Giornata diventa un Dono del Padre e non la capiamo e non la riconosciamo questa Grazia...! Gesù...! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tu che Sei stato Partorito dal Padre... Gesù: ...Ognuno di voi lo è stato! ............Alza un po' la voce, fai come ha fatto la Cocciuta questa mattina! Don Vincenzo: Ah, la facciamo sempre arrabbiare! Gesù: Quando la fate arrabbiare lei alza la voce! Don Vincenzo: Io stavo qui dentro al Padiglione mentre lei era fuori e non vedeva e non sentiva, quindi si è arrabbiata! Gesù: Ma non vedeva e non sentiva? Mi sembra strano che la Cocciuta non vedeva e non sentiva, Lei che vede tutto e sente tutto! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non vedeva e non sentiva...? Don Vincenzo: Lei vede e sente tutto! Gesù: Ehi, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tornando al Padre... dovremmo Pregare di più, molto di più, perché solo quando Preghiamo scopriamo la Presenza del Padre in ogni momento e solo quando preghiamo scopriamo la Tua Presenza, Gesù, Crocifisso per Amore che hai dato il Sangue per Salvare Tutti! Gesù: Se non Mi ascoltate quando Parlo e non Mi vedete quando Parlo che è la Preghiera Piena, Mi vedete quando recitate il Rosario? Tutti i Rosari che Mi vengono donati, Mi vengono contati e in tutti, al posto di essere il filo diretto col Cuore del Padre e di Maria, ci sono tutte le cose del mondo! Vedi, Calice Vivente "...insegnaci a pregare..." "Padre Nostro-Ave Maria......" e detto col cuore e detto nel silenzio, non pensando alle cose del mondo, arriva! Non sto togliendo questo...... <......Gesù indica la Corona del Rosario......> Ma si può fare anche con le mani, come vi ho già detto! A Maria, quando Le hanno chiesto come si doveva pregare e come potevano incontrarMi, Lei ha risposto: "ogni Azione Fatta con Amore è incontrare Mio Figlio e ogni qualvolta che donate un bicchiere d'acqua, Lo donate a Mio Figlio......!" Don Vincenzo: ......E facciamo Natale attimo dopo attimo perché solo quando ci sta l'Amore...... Gesù: ...Si fa Natale! Don Vincenzo: Gesù, Ti facciamo Nascere... Gesù: ...Io Nasco...... Don Vincenzo: ...In Ogni Azione d'Amore che Compiamo! Gesù: Io Abito da sempre nei vostri cuori e nei cuori dell'Umanità Intera! .........Vediamo cosa c'è qui dentro, tu leggi......! Don Vincenzo: "Dei fiori per Te!" Gesù: Eh, questo lo metto qua! Don Vincenzo: "Mio Caro Gesù, milioni di scuse non bastano per farmi perdonare! Ti ringrazio per il rimprovero d'Amore che mi hai donato......" Gesù: Ehi! <Gesù mostra il regalino che è una chiave> Don Vincenzo: "...Attraverso lo Strumento, perché grazie alle sue parole e alla Tua Presenza nel mio cuore, sono tornata sulla giusta via ed ho capito quanto ho sbagliato! Gesù, Ti ho offeso ma colgo l'occasione per ringraziarTi della Tua Mano sempre tesa e pronta a farmi rialzare ad ogni mia caduta! Gesù, com'è bello il Tuo continuo Abbraccio d'Amore, sento che mi avvolge come l'aria, come il sole, come tutto! Ti dono il mio Eccomi insieme al mio niente! Grazie, Gesù, Ti amo tanto, tua Cinzia!" Gesù: E qui ce n'è un altro! Don Vincenzo: "Gesù, Ti dono la chiave del mio cuore affinchè possa entrare solo l'Amore di Dio e non il veleno dell'io! Eccomi, tua Cinzia"! Gesù: Eccomi! Ma si è avvicinata al Banchetto! <Come usano fare le ''pance''> Cinzia: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ora sì, ha capito, eh! Che gli devo rispondere? Don Vincenzo: Che hai accettato le sue scuse...! Gesù: Dovrei prendere una forbice grande grande per scucire tutti quanti, ma Io vi ho "cuciti" tutti quanti Inchiodandovi alla Croce, eeeh, da sempre......! Ma un Papà Buono cosa Dona ai Propri Figli? Don Vincenzo: Un Papà Buono ai Propri Figli Dona la Figliolanza! Gesù: E la Croce! Don Vincenzo: Il Tutto della Croce e l'Eternità come Eredità! Gesù: L'Eredità è pronta per ognuno di voi da sempre! Il Padre L'ha preparata da sempre, non dimenticatelo! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Eccomi! Eccomi! ...Che c'è, viceparroco? Raffaele: Gesù, sei triste stasera? Gesù: No, non sono triste! Mi vedi triste? Raffaele: In fondo al cuore... Gesù: Un Papà, pur sapendo ciò che è pronto da sempre, è triste nel vedere i Figli lontani, ma la Cocciuta dice ancora di aspettare! Ma le Ceste si devono preparare ed è il Secondo Giovedi che "il Figlio" non è Sceso e non ha Aperto il Gradino! Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria; Padre Nostro-Ave Maria; Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria- Padre Nostro", durante il giorno, fatelo! E anche durante la notte, nel silenzio dei vostri cuori, Figli Miei!(*) PICCOLO GIOVANNI: Ehi... con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Giovanni! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> Piccolo Giovanni: State bene? State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cosa hai combinato ancora? Ehi... il Mio caffè! Un attimo..., poi arrivo...! Nicò... Teré... Dottoré...... state tutti bene? Nicola e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ne vuoi un po'? Don Vincenzo: Un goccino... Piccolo Giovanni: Un goccino: tre goccini ti ho detto...Don Vincenzo: Ah... tre? Piccolo Giovanni: Tre... ecco! ......Cosa hai combinato ancora, Mari'? Maria: Sembra tutto tranquillo... Piccolo Giovanni: Tu dici? Maria: Sembra... Piccolo Giovanni: "Sembra..." cosa stai aspettando? Maria: Giovanni, che devo dire? Piccolo Giovanni: Che devi dire? Quello che senti...Maria: Sono uscita solo una volta da sola e sempre con Teresa che mi controlla..., non mi fa parlare più! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Quello aspettavo che dicevi..., la Teresina fa le Cose del Padre! ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu cosa fai, stai bene? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no" ? Nicola: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: L'orto va bene ancora? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mi hai visto? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che dobbiamo fare? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi cosa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Facciamo Festa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora Facciamo Festa...? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Tu cosa ne dici? Hai sentito i Sigilli? Don Vincenzo: Sono i Sigilli Buoni della Madonna... Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: E la Cocciuta è tutta contenta! Piccolo Giovanni: , ma ci sono le altre cose... poi quando le leggi! ..................Giuseppe, tu sei sveglio? Giuseppe: Mezzo e mezzo... Piccolo Giovanni: Mezzo e mezzo......! A Me non Mi date nulla da mangiare? Ehi... e perché non gliele togliete le scarpe alla Cocciuta? Chiara: Eccomi! Piccolo Giovanni: Chi l'ha portato il baccalà? Raffaele: Assunta! Piccolo Giovanni: L'ha salato? Raffaele: Non lo so! Piccolo Giovanni: Tre pezzi..., ma se l'ha salato..., poi la salo con tre pezzi di sale...! Anche tre patatine...Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E poi lo dico Io che gliel'hai tolte, sennò quando torna va cercando le scarpe...! Tu non vuoi niente? È bello prendere parte al Banchetto del Padre! Vuoi tagliarlo? Tieni...! Eh... Mi sa che non è quello che piace a te...Don Vincenzo: Ti faccio compagnia... Piccolo Giovanni: Mi fa compagnia..., quella che piace a te è da quella parte... <Si ride un po'> Don Vincenzo: È uguale...! Piccolo Giovanni: Allora, prendere parte al Banchetto del Padre è spalancare il cuore! Prendere parte al Banchetto del Padre è spalancare il cuore e dire: "Eccomi Padre, ho lasciato tutte le cose del mondo e sono venuto! L'Invito è l'Invito dello Sposo e Tu mi hai chiamato, hai visto che avevo l'Abito e sono potuto entrare e non sono stato cacciato fuori! " Questo è il significato di prendere parte al Banchetto: nel vederlo così! Non nel guardarlo come il banchetto del mondo! L'Abito che indossiamo è l'Abito della Croce e non si deve togliere...... e non si deve gettare......! Quando ci si sente un po' più pesanti... non si deve essere affannati...... e non si deve correre......! Io Campo alla Giornata! Vedi, molti figli dicono: "la Giornata è Corta e non sono riuscito a fare nulla"! La Giornata che il Padre ci prepara non corre......... ma siamo noi a correre......! La Giornata del Padre è Completa di Tutto e ci fermiamo, e ci guardiamo come Croce......? O no? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Il Padre ha accorciato i Tempi per la Famiglia, ma non fa correre ciò che è preparato! È l'umanità che corre e non trova Dio... corre e non vede il fratello...... corre e non vede l'emarginato...... corre e non vede il figlio carcerato...... corre e non vede il Volto di Dio......! Io ho parlato un po'..., adesso parla un po' tu...! Don Vincenzo: Sì, Giovanni! Piccolo Giovanni: ...Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ti raccomando Maria......! Teresa: Eccomi! Non è che ci riesco proprio sempre...... però mi dispiace quando la sgrido! Piccolo Giovanni: La devi sgridare! Vedi, quando la Croce è spalancata, grida, grida l'Amore! Gridatelo anche voi l'Amore della Croce! .........Parla un po' tu... Io bevo un po' d'acqua! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Parla! Don Vincenzo: Giovanni..., Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Se imparassimo a mettere dentro al nostro Cuore un'Atmosfera di Preghiera, di Cielo, di Grazia, di Presenza Divina, di Amore..., se imparassimo...... Piccolo Giovanni: ......Se imparassimo...... Don Vincenzo: ......A stabilire questo Colloquio Interiore, Continuo con Dio......! Piccolo Giovanni: Ma voi non dovete imparare, voi dovete Fare le Cose del Padre! Il Padre non ha imparato ma ha fatto! Don Vincenzo: E anche noi dobbiamo Fare! Piccolo Giovanni: Dovete fare, non dovete imparare! Don Vincenzo: Dobbiamo fare questo Colloquio Interiore nel più profondo del cuore! Piccolo Giovanni: Quando una cosa viene imparata a memoria, ripetendo, ripetendo, poi si dimentica! E' così? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quando si fa rimane il segno e il segno non si cancella, eeeh! Don Vincenzo: Se facciamo le Cose del Padre... Piccolo Giovanni:...Sì le Cose del Padre si devono fare...... Don Vincenzo: E dobbiamo farLe sempre più e sempre meglio! Piccolo Giovanni: Fate le Cose del Padre nel rispondere: "Eccomi", come fa lo Strumento: "Eccomi per l'Eternità! Eccomi quando mi fai fermare! Eccomi quando deve cadere un Flagello......! Eccomi quando mi doni ancora la Paghetta! Eccomi quando mi doni ancora i Giorni!" ......Ma non Mi date più nulla da mangiare? Ho accompagnato le Spose......, no, ancora il dolce non lo voglio, ......e non ho mangiato o meglio, ho preparato gli altri Sigilli...! No, questa l'ho già mangiata... no, ho preso un Pezzettino da Gesù...... e anche questo l'ho già mangiato! Don Vincenzo: Hai preparato altri Sigilli? Ancora una volta sono Positivi? Piccolo Giovanni: E non lo posso dire! E dammi un po' di quello, ecco, lo prendo così, uno, due e tre e aspetto è un po' grandicello, e questo, che avete fatto, un mezzo chilo per uno? Non si dicono se sono Positivi o Negativi, si dice poi......! Don Vincenzo: Ah, si! Piccolo Giovanni: Poi si dice dopo...... quando lo Strumento li vede...... e il Padre gli fa dire come sono, eeeh! .........Me ne devo andare? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Sei sicuro? Don Vincenzo: Sì, dobbiamo parlare ancora di questa Preghiera, soprattutto dobbiamo imparare a iniziarla, a farla al Risveglio, perché proprio al Risveglio il Padre ci presenta la Giornata che ha preparato per noi...... e allora la Giornata acquista tutta una Pedagogia d'Amore perché già dal risveglio sappiamo quello che dobbiamo fare e come lo dobbiamo fare e se lo vogliamo fare! Giovanni, solo con questa impostazione mattutina e con questi santi propositi la Giornata può diventare di Dio, altrimenti la giornata rimane in mano al nostro io e ci ritroviamo poi la sera che non abbiamo avuto tempo di fare questo e che non abbiamo avuto tempo di fare quest'altro...... e che non abbiamo avuto tempo di Pregare! Quando invece dall'inizio si capisce che ogni giornata è un Dono del Padre e ci si deve mettere in condizione di accogliere questo Dono......! Piccolo Giovanni: Quando all'inizio si dice: "Io Campo alla Giornata", si inizia con la Giornata del Padre! Don Vincenzo: Sì, certo, si inizia con la Giornata del Padre e lì dobbiamo essere attenti nel ricoscerla questa Giornata, passo passo, secondo dopo secondo, minuto dopo minuto, ora dopo ora, altrimenti rischiamo di farcela scivolare senza averla santificata per niente! Piccolo Giovanni: La riconoscete quando rimanete Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Parla, Io ti ascolto! Don Vincenzo: Solo così la Giornata la facciamo nostra e la rioffriamo al Padre, altrimenti non ci riusciamo a farla nostra! Quando invece la facciamo nostra, ecco che la Giornata la riconsegnamo a Dio e non più al nostro io e non più alle nostre cose mondane da fare, ma alle nostre cose cristiane da fare nel Nome di Dio e, quindi, la Giornata diventa Divina, altrimenti resta umana! Per farla nostra dobbiamo imparare a fermarci nella Preghiera il più spesso possibile, perché bastano pochi momenti per dare a quella situazione il Timbro della Divinità e dell'Amore e lì riconosciamo il Padre proprio in quel minuto che ci dà, in quella mezz'ora che ci dà, in quell'ora che ci dà, donando a Dio il primo posto......! E se riusciamo a pregare in quelle situazioni, tutto ridiventa del Padre e tutto ridiventa bello perché tutto ridiventa Divino avendo ripetutamente schiacciato le schiavitù dell'io! Aiutaci Tu, Giovanni, a farcele Divinizzare le Giornate, altrimenti diventeranno brutte e le Giornate non diventeranno del Padre ma dell'io e ci ritroviamo la sera a mani vuote! Quando invece la Giornata è del Padre ora dopo ora, minuto dopo minuto, troviamo il tempo e lo spazio per rioffriglierla......! E proprio lì, quando ci fermiamo, quella Giornata è Salva, perché lì, quella Giornata ridiventa del Padre così come era nata e ci era stata donata dal Padre! Se invece la riconosciamo e l'accogliamo come Dono del Padre momento dopo momento, minuto dopo minuto, lì diventiamo padroni della Giornata a Nome del Padre, e così quella Giornata acquista preziosità e diventa bella e in quei momenti in cui ci fermiamo, ancora di più diventano preziosi, perché non vogliamo più fermarci dietro le cose del mondo, ma dietro a Dio, come se il tempo lo bloccassimo, e tutto acquista una Dimensione Divina! Quando questo non avviene la Giornata ci scivola e alla sera nel resoconto finale quando andiamo a dormire, ci accorgiamo che al Padre non gli abbiamo ridato nulla! Il Padre invece ci aveva donato 24 ore perché le facessimo fruttare vivendo da figli di Dio e non da figli del mondo dietro all'avere, al piacere e al potere! Quello che è ancora più brutto è quando ci attacchiamo alle cose nostre! Piccolo Giovanni: Quali sono le cose vostre? Don Vincenzo: Le cose nostre sono quei momenti in cui Dio non è il Padrone e non viene chiamato Papà e non viene nominato mai! Le cose nostre quando ore e ore le dedichiamo all'io e la Giornata così si abbruttisce e si spegne perchè la Luce del Padre non ci guida più! Piccolo Giovanni: C'è qualcosa che è vostro? Don Vincenzo: No, tutto è del Padre, ed è proprio questo che ci dovrebbe spingere a lasciare le cose caduche, le cose passeggere e le cose transitorie, perchè nulla ci porteremo dietro! Se fossimo saggi ci arricchiremmo solo delle Cose di Dio e non delle altre cose mondane! Se capissimo questo tutto diventerebbe Gioioso e Luminoso! Piccolo Giovanni: Il Padre ha preparato un Giardino per ognuno di voi e per l'Umanità intera e nel Giardino c'è tutto e non ci manca nulla! Quando si Aprirà il Sole quel tutto che il Padre ha preparato non verrà tolto a nessuno! E il Padre Buono il Giardino l'ha preparato per tutti, ma voi pensate ad accumulare e a far crescere...! Ma cosa volete far crescere? Il Crescente è Dio che ha fatto Lievitare col Suo Lievito ogni cosa! E torniamo di nuovo a correre e a lasciare dietro Gesù, il Padre e ad andare avanti noi, ma con che cosa? Lasciamo dietro il Giardino dove c'è il Tutto di Dio e ci si prende il giardino del mondo! Che stoltezza! Quelle cose passano, ma il Giardino della Giornata del Padre non passa e i Frutti dell'Albero del Padre non cadono e rimangono attaccati, mentre quelli del mondo, cadono! Vivere la Giornata da figli è viverla nell'amicizia e nell'Amore, Amandovi gli uni gli altri e tenendosi per mano! A volte quando lo Strumento viene nel silenzio a parlare e dice a Gesù, al Padre e anche a Me: "facciamo un cerchio grande grande, prendiamo tutti quanti per mano e così nessuno dei figli si perde! Facciamo un girotondo così come lo facevano i bimbi!" Adesso i bimbi non lo fanno più il girotondo perchè hanno le cose del mondo! Quando si prendevano per mano...... anche se Io ero Capriccioso e facevo i carrettini... ma facevo anche il girotondo prendendo per mano tutti i bimbi! ...Lo ricordi, Maria? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Facevo il girotondo? Maria: Sì, quando eravamo in estate ci facevi giocare sempre! Piccolo Giovanni: E si faceva il girotondo e ci si teneva tutti per mano! E lei (la Cocciuta) viene a chiedercelo: "ci prendiamo per mano tutti quanti? Così tutti quanti legati rimaniamo nel Giardino", ma non sa che per mano e sulle sue spalle, porta il Giardino! Avete sentito delle Ceste? Dovete prepararle ed essere pronti! Coloro che portano gli abiti di agnelli, presto si scopriranno e saranno lupi! Voi, piccolo gregge, sarete circondati e con quale Arma vi difenderete? Don Vincenzo: Con la Croce! Piccolo Giovanni: Con la Croce, l'Arma Vincente! Don Vincenzo: Il nostro Tutto! Piccolo Giovanni: Ma c'è Pace tra di voi? E se non c'è Pace tra di voi, come potete combattere? Se alzate la Croce e non c'è pace tra di voi come potete combattere? La Famiglia deve rimanere unita: dovete Amarvi ed è quello che ho Gridato sempre e Grido ancora: amatevi gli uni gli altri e non ci siano divisioni tra di voi! Siamo arrivati ai Tempi dei Cesti e presto arriveranno altri tempi! E non dovete fermarvi perchè lo Strumento camminerà sempre dinanzi a voi: così ho camminato Io e cammino ancora! Quando ci sarà la Festa parleremo ancora e diremo altre cose! Ora ci sono i falsi profeti che avanzano e c'è il Veleno: vigilate, figli! ......Parla Tu un altro poco! Beviamo quello e poi ti lascio di nuovo a Gesù! Don Vincenzo: Quello del veleno, Giovanni, è preoccupante perché, praticamente, sono quei figli che hanno rifiutato la mano alla Cocciuta e non sono voluti entrare: hanno rifiutato la salvezza, e vivono insieme ai falsi profeti nella ribellione, e quindi avanzano perché nel fare il male trovano spazio, perché trovano un'umanità buia, tenebrosa, che ha perso la Luce di Dio! E allora questo veleno... come pure quello dei falsi profeti che è sempre veleno e le loro azioni sono sempre velenose... questo veleno ci deve far stare attenti e vigilanti! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: E dobbiamo imparare ad usare spesso la Destra perché è l'Arma nostra e il Padre ce l'ha affidata... Piccolo Giovanni: ...E la Destra si deve usare con la Fede Piena, con l'Amore Pieno, nel Rimanere Uniti! Don Vincenzo: Eh, si, rimanendo uniti, perché l'unione fa la forza, perché l'unione crea comunione e specialmente noi che siamo la Famiglia di Gesù e di Giulia, dobbiamo essere ancora più uniti! Guai se ci perdiamo in divisioni, gelosie ed invidie! La Cocciuta ci è stata data come guida, e tutto quello che la Cocciuta fa e dice è per noi e il Padre lo ha donato a noi questo Strumento Divino! È da 28 anni che ci ammaestra, che ci stimola, che ci rimprovera e ci corregge, e meno male che lo fa... guai se non lo facesse! ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh... adesso prendiamo il Miscuglietto e brindiamo! ...Cin-cin!(*) ...Ah... buono!(*) ...È buono? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Eh, si!(*) ...È proprio buono! È tutto buono! Don Vincenzo: Eh, si, è tutto il Banchetto del Padre! Piccolo Giovanni: Eh, è tutto il Banchetto del Padre! Don Vincenzo: ...E mangiamo il Padre! Piccolo Giovanni:...Eh, si, mangiamo il Padre! Don Vincenzo: ...E mangiamo Gesù! Piccolo Giovanni: ...Eh, si, mangiamo Gesù! Don Vincenzo: Che Grazia è cibarsi di Dio! Piccolo Giovanni: Eh, si, che Grazia! ...È buono cibarsi di Dio!(*) ...Ti sei fermato?(*) ...Quante Cose vorrei dirvi!(*) ...Ma devo aspettare ancora! Eh, si, Mi ha fatto aspettare lo Strumento, e adesso dobbiamo aspettare ancora! ...Cosa c'è? Non parli? Don Vincenzo: Si! ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Correggimi se sbaglio! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: L'errore che non dobbiamo fare e tante volte ci caschiamo, è che quando andiamo a letto dovremmo fare un resoconto della giornata, perché facendo il resoconto della giornata scopriamo le nostre debolezze e scopriamo i nostri errori! E la stessa cosa dobbiamo ripetere al mattino quando ci svegliamo, con i propositi, per far si che la giornata diventi di Dio...! E quando ci mettiamo a dormire, tutto deve essere passato al setaccio di tutto quello che ci è stato dato, perché non è stata una Giornata nostra ma è una Giornata del Padre, e quindi è il Dono che il Padre dona a un Suo figlio......! E questo figlio non deve farsi distrarre dalle cose del mondo perché è un Figlio di Dio, e scopre questa Figliolanza proprio quando la Giornata la misura con l'Amore del Padre se questo Amore è stato usato! Piccolo Giovanni: ...Ma tu l'hai dimenticato che l'umanità è sorda ed è cieca? Don Vincenzo: Però noi qui dentro, che siamo la Famiglia di Giulia, possiamo fare questo discernimento! ...Aiutaci Tu! La nuova regola è che un Flagello viene bevuto dalla Cocciuta ed un Flagello scende? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Così come un Sigillo viene bevuto e l'altro Sigillo scende? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: È tremendo questo, sapendo che la Cocciuta ne beve tanti tanti! Piccolo Giovanni: Non è tremendo questo, ma è più che tremendo! Don Vincenzo: È più che tremendo sia per la Cocciuta che per le conseguenze del Flagello o del Sigillo che sono una rovina enorme? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Aiutala la Cocciuta, Giovanni! Piccolo Giovanni: Il lavoro che deve fare, lo deve fare lei, così come ognuno di voi! Il Padre ad ognuno di voi ha donato un Dono ed un Compito! Per prima cosa dovete amarvi gli uni gli altri, e facendo questo scoprirete il Giardino, e dopo averlo scoperto, non lo lascerete! ...E ora vi lascio il Filicino e vi lascio anche il Mio Amore... <Giovanni schiocca un bacio ai presenti che viene ricambiato> ...È la Via Stretta, quella che vi ho indicato da sempre! CamminateLa, Figli Miei!(*) Gesù: ...Con la Croce e col Pane! <Gesù benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi!(*) ...Preparate la Cesta! Don Vincenzo: Ognuno? Gesù: Si, ognuno! Don Vincenzo: E la raccoglierà pure la Cocciuta? Gesù: Vi raccoglierà con tutte le Ceste, figli! ...Ma ora pregate "Ave Maria-Padre Nostro", "Ave Maria-Padre Nostro", perché lo Strumento deve fermare un Fuoco di Guerra e col Filicino che si è fermato... chiamate Teresa perché il Filo l'ha consumato tutto!(***) <Giulia si accascia esanime sulla poltrona e in tale stato rimarrà fino alla fine della Visitazione. Teresa si avvicina ed offre il suo supporto medico> Giulia: ...Tutto quello che mi era stato donato l'ho consumato nel fermare... Gesù: ...Ama così tanto da non ubbidire!(*) ...Quello che sta fermando è la guerra dei Grandi del mondo! Don Vincenzo: Mamma mia, sta spegnendo un Fuoco di Guerra? Gesù: Il suo Filicino è fermo, ma il Mio può parlare!(*) ...Altri Tempi verranno, Figli Miei, durante i quali vi confonderanno coloro che dicono di AmarMi! Altri falsi profeti verranno e diranno a voi, in nome di Dio: "veniamo ad indicarvi la via"! Ma voi non prendetela e non ascoltateli!(**) ...La Cocciuta non vuole ora fermarsi di bere tutto il Sangue che scorre! Pregate "Ave Maria-Padre Nostro"! Tutti insieme a Gesù: "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: Ciò che hai trovato, Teresa, sono il Sangue ed i Flagelli che sta bevendo... soccorretela, figli! Teresa: Eccomi! ...Posso mandare Chiara a prendere una cosa sopra? Gesù: Eccomi, e può andare anche Giuseppe! Teresa: La grande o la piccola, Gesù? <Alcune medicine> Gesù: Due piccole! Teresa: Eccomi! Gesù: Eccomi!(*) ...Lo Strumento lavora ed Io parlo! Ciò che sta vedendo non lo vuole lasciare, ed Io la lascio lavorare!(*) ...Ha riempito le Ceste e beve ancora il Sangue! Molti Pargoli vengono straziati in questo istante!(*) ...E lei scioglie il legame: quello del Sangue! ...Figli, pregate ancora! Tutti: "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! "Ave Maria-Padre Nostro"! Gesù: ...Fate quello che dovete fare allo Strumento! Teresa: Eccomi! Gesù: ...Glielo porto Io, ma non si fermerà di bere il Sangue, figli! ...Voi non potete berlo!(**) Giulia: ...Ancora Bimbi, Gesù!(*) ...Non togliermi il Sangue da bere!(*) ...Ancora altri Pargoli uniscono il loro Sangue col Sangue dei Pargoli!(*) ...Fammelo bere ancora! Rimango nella Tua Ubbidienza, ma non togliermi quello!(*) Gesù: Eccomi, Anima Mia! Bevilo tutto! Giulia: Eh, Teresina... non Ti affrettare di trovare il Filo!(*) ...Stendi il Tuo Velo e spargi le Tue Rose e così fermerai anche Tu il Sangue che si unisce...!(*) ...Dopo metti il Filo!(*) ...Non Ti preoccupare!(**) SANTA TERESINA: ...Sorellina Mia, devi fermarti un po'! Giulia: Non c'è tempo! ...Però, vedi? Le Ceste sono pronte... ed altro sta per arrivare!(*) ...Il mio respiro(*)... non fa niente(*)... quando ho finito poi Ti servo, e vedrai che il respiro poi tornerà!(*) ...Tu avrai trovato l'altro piccolo pezzettino di Filo!(*) ...Le catastrofi aumentano, Teresina...!(*) Santa Teresina: ...Tutti i Servi Inutili e la Schiera che conduci!(*) Giulia: Ma loro non possono bere, lo devo bere io! Loro devono combattere!(*) ...Gesù, diglielo Tu che il Sangue lo devo sciogliere io!(*) Gesù: Ora devi ubbidirMi: bevi quest'altro Fiume e poi fermati! Giulia: Eccomi, Gesù!(**) ...Io il Fiume l'ho bevuto, Gesù!(*) ...Ferma ora i Grandi per un istante che dopo vado di nuovo! Gesù: Eccomi, Anima Mia!(*) ...Eccomi, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! Ma hai bevuto tutto il Fiume? Gesù: Io no, l'ha bevuto lo Strumento! Don Vincenzo: Tutto il fiume ha bevuto? Gesù: , è Sangue degli Innocenti! Adesso lo Strumento è senza Filicino e Teresina lo deve trovare e metterlo!(*) ...Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato! ...E non temete per lo Strumento: rimarrà un po' debole... Don Vincenzo: ...Eccomi... Gesù: ...Ma tornerà... Don Vincenzo: ...Eccomi, questo volevo sentire! Gesù: Tu saluta con l'Albero Verde... Don Vincenzo: ...Eccomi! Gesù: Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato! <Gesù schiocca un bacio ai presenti che viene ricambiato> ...La troverete debole ma non vi preoccupate! ...Ora saluta con l'Albero Verde, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni, cosa fai? Piccolo Giovanni: Figlia Mia! Giulia: ...Niente... hai visto cos'hanno fatto?(*) ...Dovevo fermarlo, ma dopo vado di nuovo! Gesù ha detto che posso andare dopo di nuovo!(*) ...Si, ho preparato anche le Ceste, ma la cosa finale la deve mettere poi il Padre!(*) ...Io ho messo tutto quello che mi è stato detto!(*) ...Eh, lo so che quello che devi preparare è grande grande grande grande più di tutti gli altri!(*) Se mi date solo un po' di respiro, vengo a bere anche quello!(*) ...Non fa niente se si alza tutto, tanto poi si abbassa!(*) ...Ci sei Tu e ci sono tutti i Servi Inutili!(*) ...Tu cosa facevi? Non facevi alzare tutto mentre bevevi tutto quello che vedevi?(*) ...Non posso farlo bere ai figli perché sono deboli e Tu lo sai!(*) ...Continueranno ancora con i Pargoli? ...Ora vai a preparare che dopo ci vediamo!(*) ...Accarezza i cuori dei figli e di' ad ognuno di loro di riempire i loro cuori con l'Amore che Tu ci hai donato da sempre e ci doni ancora, perché non Ti hanno riconosciuto come Dio in mezzo a noi! Lo hai detto in tanti modi, ma non Ti hanno riconosciuto!(*) ...Ora vai, così poi Io vengo a bere! Piccolo Giovanni: Non hai più Filo, Anima Mia! Giulia: Ma adesso arriverà!(*) ...Ciao, Giovanni!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà!(*) ...Devo andare a bere?(*) ...Devo andare a bere il Sangue che vedo!(*) ...Perdonatemi, ma non posso fermarmi! IL PADRE: Vi Amo e ti amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente del Mio Amore! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli!(*) Giulia: Papà, La raccolgo tutta per fermare quel Sangue!(*) ...Fammelo fermare, perché non ce n'è un Fiume solo ma sono tanti Fiumi!(*) ...Donami questo regalo che farà sbocciare quei Pargoli dove hanno tolto tutto il Sangue!(*) Tu che sei Padre Buono... Il Padre: ...Fermati e prendi respiro: dopo verrai! Giulia: E mi darai tutta la Paghetta? Il Padre: Eccomi, Anima Mia! Giulia: La Tua Parola è Verità! Il Padre: Ora vai dinanzi alla Schiera! Giulia: Eccomi!(*) ...Stanno prendendo ancora Pargoli!(*) Il Padre: Non temere, dopo andrai a slegare il Sangue! Giulia: Allora salutiamo i Cari!(*) ...Voi che siete al Banchetto, prendete il Cibo del Padre e aiutate i Pargoli!(*) ...Mamma, non temere, prepara i vestiti che dopo vengo!(*) ...Mamma!(*) ...Eccomi nel fare le Tue Cose, Padre! <Giulia rimane esanime sulla poltrona per molto tempo...!>