LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 161

 

 

L'EREDITÀ DI DIO NON È QUELLA DEI FARISEI DI IERI E DI OGGI,

L'EREDITÀ DI DIO È L'AMORE PER TUTTI I FIGLI

(dal messaggio del 27/02/2014)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 06/02/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Ci Sono i Sigilli...: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., questi li posso bere tutti? (Gesù): Come mai scegli quelli più grandi? (Giulia): ......Anche quella era grande..., e questo è poco poco......! Io non ho mai misurato niente e neanche Tu, Gesù, perchè hai preso tutto quello che Ti hanno offerto! Come si può misurare, Gesù? Ma ciò che vedo lo devo dire, Gesù? I figli si spaventano! Visto che lo devo bere, non lo diciamo, Gesù? (Gesù): Dì solo che vedi una Colonna Alta, e dalla Colonna Alta scendono tanti falsi profeti e arrivano per terra e diventano come cavallette, avvolgendo ogni cosa! (Giulia): Fermati, Gesù... lo bevo! (Gesù): Eccomi, Anima Mia, ma invita l'umanità, invita i tuoi figli ad essere pronti e preparati ai Fuochi di Guerra, pronti e preparati alla Chiesa che ha tradito e tradisce ancora! Vigilate, l'Unica Vigna, l'Unica Chiesa è Maria ed è Unita alla Schiera nell'aspettare il Figlio: non è sceso ancora di un Gradino...... e non se n'è aperto...... ma il Figlio che Salva è in mezzo a voi......! (Giulia): Eccoci, Gesù, nel Fare le Cose che Tu ci chiedi, ma accoglici così come siamo: non siamo né Piccoli, né Poveri e neanche all'Ultimo Posto, e non siamo neanche come il Piccolo Giovanni, ma insegnami ad Amare...... così posso insegnarlo anch'io! (Gesù): Il Padre ti ha mandata Piena d'Amore!

*******************

(Don Vincenzo): E Giorno dopo Giorno tocco con mano tutte le ferite che riceve la Cocciuta, tutte le pugnalate......! (Gesù): Lei li fa diventare Candidi Fiori e li Dona al Padre! Così come faceva Maria e fa ancora, così come faccio Io e come fa il Padre e tutti i Servi Inutili e tutti i vostri Cari! Quante volte i vostri Cari li bestemmiate nel dire: "eh, cosa mi hai lasciato... eh, cosa mi hai fatto... eh, a quel figlio gli hai donato di più, a me mi hai donato di meno!" E anche lì i vostri Cari vengono trattati male, bestemmiati, calpestati, ma loro lasciano scendere l'Amore e le Grazie, essendo Maria l'Ultima Grazia...... e vanno dinanzi al Suo Cuore......! Così si gioisce nel Paradiso che il Padre ha preparato dove c'è il Banchetto per tutte le Spose e per tutti i Servi Inutili e per tutti i Pargoli e per tutti i vostri Cari! C'è la Gioia, c'è la Pace, c'è la Luce Piena di Dio! Voi ancora rimanete nelle ombre e Io Parlo a voi e all'Umanità Intera! Imparate ad Innalzare un Unico Grido di Amore e di Pace verso ognuno di voi e verso i nemici, così come ho fatto Io Allargando le Braccia, lasciandoMi Inchiodare per Amore, di Mia Volontà! Un Amore così dovete Accendere nei vostri cuori, una Pace così, una Gioia così Grande: Allargare le Braccia per i propri amici! Allargare le Braccia per i nemici! Allargare le Braccia per i Figli! Allargare le Braccia per coloro che tradiscono! Questo è il Massimo dell'Amore! E così potete sconfiggere il veleno, Alzando la Destra e Operando nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che è Maria!

*******************

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel Principio, Ora e Sempre nei Secoli dei Secoli, Amen(*). <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Sono Venuto e Vengo ancora per l'Eternità con la Croce, così come Mio Padre Me l'ha Spalancata! E nello Spalancare la Croce Ha Donato la Vita Eterna ad ognuno di voi e all'umanità intera! Tutto ha Creato, Tutto ha Fatto Giusto, Tutto ha Fatto Buono e Tutto ciò che Ha Creato l'ha Fatto per ognuno di voi e per l'umanità intera! E il Creato è il Pane e il Creatore è il Pane Vivo che si dona attimo dopo attimo all'Umanità, ai Figli e alla Famiglia! Il Creatore è quel Pane Buono, quel Pane col Sale, quel Pane con la Sapienza, quel Pane-Dio che ha Amato e Ama tutti i figli......! Ma il Pane-Dio è stato tradito e viene tradito ancora dagli Eredi, da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, dai falsi profeti, dai farisei di ieri e di oggi...... ma l'umanità intera è sorda e cieca! Giovanni ha camminato in mezzo a voi e non l'avete riconosciuto! Giovanni si è Spezzato e non L'avete mangiato! Giovanni si Spezza ancora e viene calpestato e gettato via! Figli, fratelli e amici del Mio Cuore, ancora non riuscite a guardare i Tempi, ancora non vedete i Tempi che ci sono fuori e ancora non vedete e non riconoscete i Tempi del Padre! Il Padre vi Spezzetta attimo dopo attimo i Giorni che stanno arrivando, ma voi e l'umanità intera non volete nè vedere e nè sentire......! Cosa deve donarvi ancora Dio? Si è spogliato Vestendo ognuno di voi con l'Abito Nuziale, con l'Anello al Dito, con l'Arca e i Remi, ma voi non vedete e non ascoltate......! Lo Strumento ha il Potere del Padre di aprire e di chiudere, così come l'Alfa e l'Omega, e Io non Vengo a spaventarvi ma Vengo a dirvi ciò che è Scritto nel Libro da sempre, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Rimanete sulla Viuzza, così come Giovanni ve l'ha sempre indicata e non cadete......, lo Strumento è alla Destra del Padre......, non cadete, Figli! ............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda, Anima Mia......! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Perché hai sciolto il Filo? Giulia: Eccomi, Gesù! C'erano figli da sollevare e ho sciolto il Filo! Non lo legare ancora, c'è bisogno ancora di sollevare i figli e di tenerli nell'Arca e di tenerli con i Remi e non fa niente se rimane sciolto......! Gesù: Ma non ti avevo detto di non scioglierlo? Giulia: Eccomi! Ma Tu vedi...: ho dovuto scioglierlo! Fammelo tenere sciolto per un Altro Giorno nell'aiutare la Famiglia e nel sollevare i Figli che cadono e l'umanità intera, Gesù! Se poi non si può più legare non fa nulla, il lavoro che dovevo fare l'ho fatto, ma "Eccomi ancora per l'Eternità", nel fare ancora la Tua Volontà! Gesù: Non può rimanere sciolto! Giulia: Solo per questa sera..., me lo fai questo Regalo, Gesù? Gesù: Dopo lo lego...... ma non dovrai scioglierlo! Giulia: Io Ti rispondo: Eccomi! Ma così nell'amicizia se c'è necessità di scioglierlo..., non Ti arrabbiare, Gesù..., quando il carico è pesante sciolgo il Filo, così diventa più leggero per loro...... per me non fa niente: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda ancora, Cocciuta del Cuore della Croce......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Quello dovrà cadere?(*) Ma è quella che si è già spezzata o è un'altra?(*) E nessuno l'ha vista quando era andata a fondo?(*) Gesù, deve per forza rimanere giù..., non la posso prendere? Gesù: Una viene presa e l'altra viene lasciata! Giulia: Ma non l'hanno vista, Gesù...... era così grande e l'hanno fatta andare giù! .........Posso andare a prendere coloro che mi danno la mano? Gesù: Dopo! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Guarda ancora......!(*) Giulia: Ci Sono i Sigilli...: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., questi li posso bere tutti? Gesù: Come mai scegli quelli più grandi? Giulia: ......Anche quella era grande..., e questo è poco poco......! Io non ho mai misurato niente e neanche Tu, Gesù, perchè hai preso tutto quello che Ti hanno offerto! Come si può misurare, Gesù? Ma ciò che vedo lo devo dire, Gesù? I figli si spaventano! Visto che lo devo bere, non lo diciamo, Gesù? Gesù: Dì solo che vedi una Colonna Alta, e dalla Colonna Alta scendono tanti falsi profeti e arrivano per terra e diventano come cavallette, avvolgendo ogni cosa! Giulia: Fermati, Gesù... lo bevo! Gesù: Eccomi, Anima Mia, ma invita l'umanità, invita i tuoi figli ad essere pronti e preparati ai Fuochi di Guerra, pronti e preparati alla Chiesa che ha tradito e tradisce ancora! Vigilate, l'Unica Vigna, l'Unica Chiesa è Maria ed è Unita alla Schiera nell'aspettare il Figlio: non è sceso ancora di un Gradino...... e non se n'è aperto...... ma il Figlio che Salva è in mezzo a voi......! Giulia: Eccoci, Gesù, nel Fare le Cose che Tu ci chiedi, ma accoglici così come siamo: non siamo né Piccoli, né Poveri e neanche all'Ultimo Posto, e non siamo neanche come il Piccolo Giovanni, ma insegnami ad Amare...... così posso insegnarlo anch'io! Gesù: Il Padre ti ha mandata Piena d'Amore! Giulia: Ciò che dici Tu è Verità e Vita! Ed Eccomi ancora nel mettere nel Tuo Cuore tutto quello che mi avete donato da sempre! Ed Eccomi ancora nel mettere nel Tuo Cuore tutti i figli, attimo dopo attimo, e rapire i loro cuori e portarli nel Tuo, così sono al sicuro! Gesù, Ti affido tutti coloro che si sono affidati alle mie preghiere: i Sacerdoti, le Pietruzze e i Figli, ma raccoglili Tu nel Tuo Cuore! Gesù: Portali ancora! Giulia: Eccomi, ma li consegno al Tuo Cuore! Gesù, il Filo è aperto e visto che sono alla Destra del Padre, non puoi far guidare la Famiglia al Calice Vivente? Gesù: Vuoi dire al Padre di non lavorare? Giulia: No..., Eccomi! ......Leggi ciò che è nel Filo, cioè ciò che Ti sto dicendo attraverso il mio cuore...... ed Eccomi ancora per l'Eternità! Gesù: Io Amo i Pargoli, ma nel momento che Io Parlo dovrebbero ascoltare e non parlare! <Qualche bimbo fa i capricci> Li ho chiamati: lasciate i Pargoli venire a Me, ma nel silenzio e nell'ascolto, figli! Così il Padre educa i figli nell'ascoltare: Io Ascoltavo pur essendo Pargolo la Parola Spezzata! Ed è da Pargoli che si Spezza il Pane! Ed è da Pargoli che si inizia a Lavorare nella Vigna del Padre! Ciò che è nel Frutto della Pancia sta già Lavorando nella Vigna del Padre, nell'Arca e con i Remi! Imparate a Lavorare, imparate ad Ascoltare, imparate ad Ascoltare e a Far Ascoltare ai Pargoli la Voce di Dio e non la voce del mondo! Non Scherzate con Dio, Figli......! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: Guarda ancora, ma aggiungi al Rotolo Vivo ciò che vedi! Giulia: Ahh!(*) Eccomi, l'ho aggiunto! Gesù: Eccomi ancora con tutti i Servi Inutili, con tutti i Pargoli, con i due Banchetti, con tutti i vostri Cari, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, con Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli nel Portare l'Unica Verità della Croce e l'Unica Verità del Pane e Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! <Qualche bimbo continua a disturbare> Ancora non avete ascoltato a fare ascoltare la Parola di Dio ai Pargoli......! Vigilate, figli, vigilate! Giulia: Gesù...!(*) Il Tuo Cuore Gronda Sangue! Gesù: Non è il Mio Cuore ma è il tuo! Il tuo cuore gronda sangue...... e tu sei gioiosa......? Giulia: Eccomi!(*) Eccomi!(*) Eccomi!(*) <Giulia sorride> Gesù: ...Pace al tuo cuore, Giovanni, Gesù-Dio! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Come stai? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E voi come state? Tutti: Eccomi! Gesù: Ho chiesto: "come state?" Avete risposto tutti: "Eccomi"! Che pensate che Io sia cieco e sordo? Don Vincenzo: No, questo no! Gesù: Cosa si è messa questa? <Gesù guarda cosa indossa la Cocciuta> Don Vincenzo: È che la Cocciuta è sempre sottoposta a pressioni a destra e a sinistra, sotto e sopra, e non ha mai un attimo di tregua e di riposo! Gesù: La Cocciuta ha il suo Compito che è quello di Lavorare per i Figli e di portarli nell'Arca e Remare! Questo è il suo Compito: portare l'Umanità e tutto quello che le è stato messo sulle spalle! Ma quello che le fa male non è questo, e non è Lavorare, ma quello che le fa male è quando vede che Trafiggono il Mio Cuore e non vede la Famiglia di Maria, di Giuseppe e Mia, la Famiglia Innamorata che Arde......... ed è quello che le fa male! Non avete ancora capito che l'Unica Chiesa, l'Unico Tabernacolo e l'Unica Vigna è stata Donata nelle vostre mani e siete stati Scelti, ma ancora fate fatica a capirlo......! E Io Sono Stato tradito, Mi hanno cacciato, Mi hanno rinnegato, ma i Figli che sono rimasti, e i Nomi vi sono stati detti e altri ancora devovo essere detti, non Mi hanno tradito ma Mi hanno Amato e sono rimasti Chiesa, la Vera Chiesa! E voi siete stati Chiamati come quei Figli nel coltivarLa e nel farLa Crescere perché è nelle vostre mani e i Vignaioli devono rimanere uniti nell'Amore del Padre, nella Gioia, nella Pace e crescere e donare Frutti: è questo il vostro Lavoro! Il Padre chiede solo l'Amore che vi Dona e chiede di donarLo ancora ai nemici e di ridonarlo poi al Padre, così Lo Spezza ancora e Lo lascia Scendere ancora......! .........Tu stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: Eccomi! Cosa vuoi dire? Eh, auguri, eh, anche se te li ho fatti ieri, adesso te li faccio apertamente! <Giovedi sera 5 Febbraio 2004 Don Vincenzo assistette per la prima volta alla Visitazione a Timparelle dopo aver percorso 500 chilometri da Pescara> Don Vincenzo: Sono volati questi dieci anni! Gesù: Io le ali non le ho messe, come hanno fatto a volare senza le ali? <Si ride un po'> Non sono volati i dieci anni ma è il Padre che ha accorciato i Tempi ai Propri Figli e i figli hanno camminato nella Misura del Padre e cammineranno ancora nella Misura del Padre, per questo vi dico di vigilare, Figli......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Il Mio Dolore è proprio quello della Cocciuta che vive sempre scartata, emarginata e non capita, ma lei si offre sempre a Dio, senza temere niente e nessuno......! Gesù: E ciò che il Padre ha chiesto a lei è: "Vuoi aiutarMi? Io sono stato cacciato, sputato, bestemmiato, calunniato, più ce n'erano e più Me ne hanno dette, vuoi aiutarMi"? - "Eccomi!" Dio non è stato accolto, Dio è stato cacciato, ma Dio È e rimane! Don Vincenzo: Gesù, una cosa mi addolora......! Gesù: Cos'è che ti addolora? Don Vincenzo: È che tutto quanto la Cocciuta fa, e lo fa dalla mattina alla sera, è sempre impegnata a fare la Tua Volontà, ma nonostante tutto questo, non viene capita neanche dai suoi......! Gesù: Te lo sto dicendo! Don Vincenzo: Sì, e questo anche con Te l'hanno fatto, col Padre, e con Maria: essere scartati e rifiutati! Gesù: L'importante è piacere a Dio ed essere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Non dovete dimostrare niente agli uomini ma dovete donare i vostri cuori e l'Eccomi al Padre e non agli uomini! ......Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: "Eccomi!" Don Vincenzo: Gesù, da dieci anni ho fatto residenza qui e vivo qui a fianco della Cocciuta e a fianco di Giuseppe! Gesù: Giuseppe, Pasquale, Telesfore! Don Vincenzo: E Giorno dopo Giorno tocco con mano tutte le ferite che riceve la Cocciuta, tutte le pugnalate......! Gesù: Lei li fa diventare Candidi Fiori e li Dona al Padre! Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: Così come faceva Maria e fa ancora, così come faccio Io e come fa il Padre e tutti i Servi Inutili e tutti i vostri Cari! Quante volte i vostri Cari li bestemmiate nel dire: "eh, cosa mi hai lasciato... eh, cosa mi hai fatto... eh, a quel figlio gli hai donato di più, a me mi hai donato di meno!" E anche lì i vostri Cari vengono trattati male, bestemmiati, calpestati, ma loro lasciano scendere l'Amore e le Grazie, essendo Maria l'Ultima Grazia...... e vanno dinanzi al Suo Cuore......! Così si gioisce nel Paradiso che il Padre ha preparato dove c'è il Banchetto per tutte le Spose e per tutti i Servi Inutili e per tutti i Pargoli e per tutti i vostri Cari! C'è la Gioia, c'è la Pace, c'è la Luce Piena di Dio! Voi ancora rimanete nelle ombre e Io Parlo a voi e all'Umanità Intera! Imparate ad Innalzare un Unico Grido di Amore e di Pace verso ognuno di voi e verso i nemici, così come ho fatto Io Allargando le Braccia, lasciandoMi Inchiodare per Amore, di Mia Volontà! Un Amore così dovete Accendere nei vostri cuori, una Pace così, una Gioia così Grande: Allargare le Braccia per i propri amici! Allargare le Braccia per i nemici! Allargare le Braccia per i Figli! Allargare le Braccia per coloro che tradiscono! Questo è il Massimo dell'Amore! E così potete sconfiggere il veleno, Alzando la Destra e Operando nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che è Maria! .....................Adesso tu ti vuoi Donare? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E allora Ci Doniamo per Amore e lo Strumento rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e per l'Umanità Intera sorda e cieca! Lasciamola Crocifissa e lasciamola Bere ciò che ha visto, è Amaro ed è Tagliente, e col "Filo" Aperto è in pericolo, ma lei Lo vuole così e Io l'accontento! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono.> Gesù: Questa è la Mia Carne! Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Mangio e Bevo del Nuovo al Banchetto delle Spose e al Banchetto di ognuno di voi! Doniamoci nell'Amore Pieno del Padre! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue! Mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento, con Sofferenze e con Bevute> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: La Pasqua è Piena ed è Risorta nell'Amore e nell'Amicizia del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E lo Strumento è rimasto col "Filo" Aperto...! Ma il Banchetto del Padre è Pieno ed è Pronto per ognuno di voi! Don Vincenzo: C'è solo l'imbarazzo della scelta......! Gesù: Prendiamo parte e ci Doniamo ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Prendere parte è Donarsi ancora nell'Amore e nell'Amicizia del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Io prendo parte e Mi Dono ancora nell'Amore e nell'Amicizia del Padre con ognuno di voi e con l'Umanità Intera......! Così fa Dio e il Banchetto è Amore ed è Amicizia e si Mangia per farsi Mangiare e si Spezza per far Spezzare i Figli fatti a Immagine e Somiglianza della Croce! Tutto è Gioia! Tutto è Dio! Tutto è Famiglia! <Gesù manda baci> Ma state tutti bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E adesso possiamo iniziare a mangiare e a Donarci! ..., vai! <Raffaele si è organizzato per donare il bicchiere con l'Avanzo a: Franco che oggi ha ricevuto il Crocifisso. Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Eccomi nel MangiarMi e nel DonarMi! ...Cosa c'è, vuoi dire qualcosa? Don Vincenzo: Eccomi! Mangiare Dio è il Massimo perché Dio si Offre! Gesù: No, si Dona! Don Vincenzo: Si Dona e si fa Mangiare e si fa Gustare! Gesù: Ma come fate a GustarLo se non vi amate gli uni gli altri? Quando c'è l'Amore Pieno si può Gustare l'Amore ma, se non c'è, come fate a GustarLo? Maria Gustava Dio nell'Amore Pieno e nel Donare l'Amore, quello che Dio Le Donava! Voi siete nella Vigna, avete l'Arca e i Remi e ancora non avete imparato a Gustare, ad Amare e a Donare Amore! ......Parlo a voi e parlo all'Umanità Intera! Lo Strumento dice al Padre: "Aspettiamo ancora, ci sono i Giorni, me Li hai Donati, mi hai promesso di poterli Prendere i figli e di Salvarli e di Portarli a Casa!" E voi cosa fate? Non perdonate i Fratelli che trafiggono i vostri cuori? Non avete imparato da una Piccola Formichina Operaia? Non ascoltate Dio che dice ad ognuno di voi: "Siete la Famiglia Scelta e vi ho consegnato la Vigna e siete la Chiesa Nuova? È Maria l'Unico Tabernacolo, l'Unica Grazia per ognuno di voi e per l'Umanità Intera!" Non arde il cuore di ognuno di voi quando sentite questo? "Mio Padre ha preparato tutto questo per me...... e io lascio mio Padre e vado a pascolare nelle cose del mondo......?" Ora parla tu un poco, Io Mangio, Gusto il Padre, Lo Spezzo ancora e Lo Dono......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: ...Cosa c'è? Don Vincenzo: C'è che dobbiamo Amare di più il Padre! Gesù: Prima dovete amarvi voi per amare il Padre! Se non imparate a vedervi a Immagine e Somiglianza di Dio e amarvi, come potete amare il Padre e i nemici? Vi odiate, vi vedete sporchi, ma non siete voi a decidere se siete sporchi......, la Cocciuta risponde: "Forse il Padre mi ha Donato il Dono di vedere e di sentire e se io vi dico che non lo siete......?" Imparate ad ascoltare la Voce di Dio, ma imparate ad amarvi per poter Amare! Vedi, eh, la "pancia" si è amata! È Mio! E amandosi ha Amato e Ama Dio! È il gesto dell'Amore di unire la sua Capanna con Dio e unire un'altra Capanna con Dio! ......Sei gioiosa? Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Quanto hai Lavorato nella Vigna per fare unire la Capanna! Filomena: Ora lavora lei perché si sta muovendo tanto, Gesù! Gesù: Avete sentito cosa ha detto? Filomena: Ho detto che si sta muovendo tanto nella pancia! Gesù: Non ti preoccupare! Filomena: Lavora lei? Gesù: ! Filomena: Eccomi! Gesù: Ma hai preso quello che vuoi? Filomena: Eccomi, sì! Gesù: Sei sicura che non vuole qualche altra cosa? Filomena: Eccomi, arrivo! Gesù: Guarda bene, forse hai dimenticato qualcosa! Eccomi! <Caterina e Maria Rosaria offrono il ''niente'' a Gesù> Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Ti raccomando, eh, scarsetto, scarsetto, scarsetto! Hai visto che hai dimenticato qualcosa? Eh, , hai dimenticato questo e poi hai dimenticato quello! Filomena: Bellissimo! <È una mozzarella a forma di ciuccetto> Gesù: Hai visto? Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, eh, prendete in primo piano la Mia Pancia e il Ciuccetto, eh, eh! Filomena: Eccomi! Gesù: Avevi dimenticato, per quello: tù-tù-tù! <Gesù scherza e fa il gesto della bimba che si muove nella pancia> Sei sveglio? <A Giuseppe che è sveglio> Eh, parla! Ah! Ho fame ancora! , non vi pigliate gioco, non è che è piccante? E così te ne sei mangiato uno, eh, eh, non lo so, eh, basta così! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tu non parli? Don Vincenzo: Sì! Partecipare a questo Banchetto è proprio il Massimo dell'Amore perché si impara a Mangiare Dio, si impara cioè a mettere Dio al Primo Posto! E questo ci dovrebbe spingere durante la Giornata ad avere Fame di Dio e a sentirLo Presente e Vivo nei nostri cuori! Gesù: Ma quanta poca Fame si ha di Dio e quanta molta fame si ha delle cose del mondo! ...Eh, ho tolto il Filo, non vi preoccupate, Figli! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Ora che hai nominato il "Filo", ma com'è? Gesù: È Aperto! Don Vincenzo: La Cocciuta rischia qualcosa? Gesù: Le ho promesso che Lo lasciavo Aperto e devo mantenergli la Promessa! , poi se viene la dottoressa, si spaventa! Teresa: Eccomi! Gesù: Eccomi! Un po' si ferma e un po' cammina, un po' galoppa e un po' non c'è: è Sciolto e lei ha deciso così e Io l'accontento! Adesso sta Bevendo, poi deve prendere le Spose, poi continua a Bere, poi va a Fermare e poi lavora, ancora! Ma parla ancora.........! Che c'è, si è fermata la "pancia" di muoversi? Filomena: Sì! Gesù: Hai visto? Don Vincenzo: Le cose più belle, Gesù, le dobbiamo proprio fare nel Silenzio, nel nostro cuore, perchè è lì che dobbiamo costruire un Rapporto d'Amore tra Padre e Figlio! Se avviene questo, c'è sintonia, c'è rispetto del Padre nel Fare la Sua Volontà ma se non avviene questo, la Giornata la comanda ancora il nostro io e, quando è comandata dal nostro io, si fanno le scelte del mondo! Quando invece è Dio a dirigerla la Giornata, ogni ora, ogni minuto e ogni secondo, allora avvengono le scelte più belle perché sono le scelte della Fede, le scelte della Luce, le scelte dell'Amore, le scelte della Carità, le scelte dell'Umiltà, le scelte del Servizio, le Scelte della Povertà! Tutto cambia, tutto acquista valore perché misuriamo col Metro di Dio e non più col metro del mondo e sempre più poi viene voglia di questa Intimità col Padre Presente nel nostro Cuore, perchè tutto deve avvenire nel segreto, tutto deve avvenire nel nascondimento, tutto deve avvenire nel silenzio, dentro questo cuoricino che è la Casa di Dio e la Casa nostra nella misura in cui stabiliamo tra Padre e Figlio un Rapporto d'Amore! Gesù: Tu sei la Casa essendo Calice Vivente! E la Grazia del Padre Scende quando si risponde l'Eccomi e l'Eccomi l'hai Donato da sempre! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Sono dieci anni che sto qui! Gesù: La Cocciuta ieri ti ha fatto la Festa! Don Vincenzo: Sì, ieri è stata una giornata meravigliosa perché la Cocciuta l'ha preparata proprio come sa fare lei! Gesù: Nel silenzio e nel nascondimento! Don Vincenzo: E allora tutto acquista valore, perché non c'è stato giorno qui in cui non ci sia stata una crescita d'Amore e di Fede e dieci anni sono volati! Gesù: Non gli ho messo le ali! .........Come state, tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: Bravi! ...Che vuoi, viceparroco? Raffaele: Posso? Gesù: , Eccomi! Raffaele: Ci siamo presi troppa confidenza? Gesù: No, il Padre è Amore Infinito, Allarga le Braccia e Accoglie tutti, ma aspetta i Sussurri dei Figli e anche lo Strumento aspetta i Sussurri così come lo fa il Padre! Il Padre è triste quando non sente i Sussurri e anche lo Strumento! Io camminavo e cammino in mezzo agli uomini ma in pochi Mi hanno Amato perchè in tanti Mi hanno scartato, ma chi Mi ha Amato Mi è rimasto vicino nel parlare attimo dopo attimo delle Meraviglie del Padre! Chi Mi ha tradito invece ha scritto ciò che Io non ho detto e non ho fatto! Hai ascoltato il Grido dello Strumento nella giornata di ieri? Il suo cuore si era fermato! Non ha detto niente a nessuno, l'ha lasciato fermo e solo dopo gli ha detto di farlo camminare, ma l'ha lasciato Aperto e Mi ha ubbidita perchè non è che l'ha Aperto per giocare ma l'ha Aperto per Salvare! .........Eccomi! Raffaele: Gli puoi far abbassare la pressione? Gesù: Gli ho promesso che per questa sera il "Filicino" rimarrà Aperto: è la Mia Promessa! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Posso fare un'altra domanda? Gesù: Eccomi! Raffaele: Le donne che si sposano devono lavorare in casa o avere un lavoro fuori? Gesù: Adesso c'è il modernismo ma ai Tempi di Maria, no! E i Tempi che il Padre sta preparando per ognuno di voi sono i Tempi di Maria! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Gesù, come dici le preghiere al Padre? Gesù: Io o lo Strumento? Raffaele: Anche! Gesù: Come dico le Preghiere al Padre? A volte "gridando" così come fa lo Strumento, nell'Amicizia, essendo Padre e Figlia! Come si possono dire le Preghiere ad un Padre Buono? Così come fa lo Strumento: "ci sono i Giorni, sono Figli, non hanno sentito, non hanno capito!" "Padre Nostro e Ave Maria, Ave Maria e Padre Nostro!" Siamo un tutt'Uno: ciò che vede il Padre, vedo Io, lo Strumento, Maria, tutti i vostri Cari, tutti i Servi Inutili e ci poggiamo sul Cuore di Maria per arrivare al Cuore del Padre o andare così come va lo Strumento nel poggiarsi sul Suo Cuore e dire: "Aspettiamo, l'Umanità è sorda, l'Umanità è cieca e i Figli non sono pronti!" E dinanzi a questo, il Padre si Spezza e si Dona! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Raffaele: Sulla Terra ci sono dei posti abitabili e altri che non lo sono? Chi vive al Polo Nord è perché Dio ha dato posto a tutti o perché hanno sfidato Dio? Come chi vive nel deserto......! Gesù: Nessuno ha sfidato, non c'è nessuno che può sfidare Dio! Raffaele: Ma non è comodo, perchè è difficile come vita! Gesù: No! Raffaele: Come habitat, è una scelta? Gesù: Ognuno ha preso il Pezzettino di Giardino preparato dal Padre! Raffaele: Quindi non ci dovrebbero essere le città ma ci dovrebbe essere una casa col pezzettino di terra o ci devono essere anche le città? Quindi deve essere tutto abitato? Gesù: Ciò che Dio ha Creato è stato sporcato e va pulito e le Schiere stanno facendo questo! Ora c'è solo quella dello Strumento nel Lavorare e nel Pulire! Tutto viene a galla, i farisei di ieri e di oggi "coprono", ma Io Smantello e Sono Venuto per Smantellare! Eccomi! Raffaele: L'ultima domanda! Gesù: Mò vediamo! Raffaele: Gesù, ma i potenti, i ricchi, i politici, sembra che stiano arraffando tutto! Gesù: Dopo vanno dove? Sulla luna? Raffaele: O sotto l'acqua? Gesù: Dove ci sono i vulcani e poi fanno bumbete! Non c'è niente e nessuno che non viene guardato dall'Occhio di Dio! Non devi preoccuparti! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Beh, prima che viene Giovanni donateMi qualche altra cosina da mangiare, così Me la mangio! Cos'è quello, il pollastro, alla Cocciuta piace l'ossetto, a Me piace questo, eccola, la patana lasciala così, mangio questa poi! Tu parla, o vuoi mangiare? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Lo vuoi, Chiaruccia? Non parli più tu? Io vi ho parlato d'Amore dall'inizio fino adesso! Quando viene Giovanni non lo so, sta preparando una Festa con tutti i Servi Inutili, con tutti i Cari e con tutti i Pargoli! Stanno tutti Impastando, sono tutti al Forno, ma devono accogliere anche le Spose che arrivano! I Pargoli sono carichi di lavoro per la Festa...... ma non è ancora quella di Domenico, è un'altra Festa......! Che c'è? Chi di voi crede alla Vita Eterna? Alcuni: Eccomi! Gesù: Gli altri non hanno più voce, c'è l'avete l'Alito? Tutti: Eccomi! Gesù: C'è l'avete l'Alito? Tutti: Eccomi! Gesù: E se avete l'Alito, come mai non rispondete tutti? Ehi, Mi ha portato l'acqua, eh, , si usava portare l'acqua per lavare le mani e per lavare i piedi e il profumo per profumare dopo aver camminato!(*) GIOVANNI: ...Ehi... Don Vincenzo: ...Giovanni! Piccolo Giovanni: ...Con la Croce e con il Pane! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Tutti: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Come stai, Nico'? Nicoletto: Eccomi... bene! Piccolo Giovanni: E come stai, dottoressa Teresa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E come stai, Mari'? Maria: Qui, bene! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Ti ho fatto lavorare un po'! Piccolo Giovanni: Ma sei diventata una gallina o una papera? <Si ride un po'> Maria: Eh... Eh... Eh... Eh, ci siamo quasi! Piccolo Giovanni: ...Tu lo vuoi un goccino di caffè, Calice Vivente? Che poi devo parlare con Mia nipote Maria! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma "Eccomi no"? Don Vincenzo: "Eccomi sì"! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: ...Lei non può stare in quella posizione! Annunziata: Eccomi! Piccolo Giovanni: Lei sta bene come si mette...! Mettiti comoda, figlia, e non ti preoccupare! Annunziata: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Ah... buono! Certo che la Cocciuta il caffè lo fa sempre buono allo stesso modo! ...E chi lo vuole se lo può prendere! ...Allora, Mari', hai detto alla Cocciuta che stai male... e poi che ti ha detto la Cocciuta? Maria: "Fai una punturina e vieni e stai tranquilla"! Piccolo Giovanni: E l'hai fatta la punturina? Maria: Si! Piccolo Giovanni: E che hai mangiato di nascosto? Maria: Niente, Giovanni, tranne i frù-frù di domenica... Piccolo Giovanni: E allora porta solo un po' di quella... si... e un po' di verdurina... e senza caffè! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...E a Me cosa Mi donate da mangiare? ...Io voglio quello... è la... ma se ci sono le spine e il sale poi ti tatino... ma nel tatinare voglio bene a tutti quanti! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Non posso mangiare tutti i giovedi il baccalà! Tatina: Quando vuoi, Giovanni! Piccolo Giovanni: Si, Me lo mangio domani! Tatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu non parli? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: ...Nico', devi far crescere l'Orto! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Allora, avete sentito tutto quello che ha visto lo Strumento? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E state preparando le vostre capanne?(*) Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Perché rispondete in ritardo? Non ci sentite per caso? Gimmi: Facciamo finta, Giovanni... ci sentiamo! Piccolo Giovanni: Beh, complementi, fai finta di non sentire Dio? Certo che quando parli tu uccidi un asino! ...Fai finta di non sentire ciò che dice Dio? È giusto? Gimmi: Non è giusto! Piccolo Giovanni: E se sai che non è giusto, perché dici che fai finta? Gimmi: Infatti non sto preparando neanche io la mia Capanna!(*) Raffaele: Forse glielo dovresTi spiegare, Giovanni! Piccolo Giovanni: Il Padre e Gesù hanno spiegato che chi non ha la Capanna, non si deve preoccupare perché ci penserà il Padre! Ma Io ho chiesto a coloro che ce l'hanno, se la stanno preparando......! È chiaro? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Dicci qualcosa! Piccolo Giovanni: No, dilla tu qualcosa, Io sto parlando... poi parlo Io, e quando parlo Io poi vi dico di non scrivere se dico cose riservate!(*) ...Ehi, ci sta bene uno di quelli dopo la salsiccia? Tu che dici? ...No, quello dallo a lui che gli piace... a Me piace quello! Giuseppe: Questo? Piccolo Giovanni: Si... e ci sta bene dopo la salsiccia? Qualcuno: Si! Piccolo Giovanni: Siete sicuri? ...Ci proviamo? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Se ci provi Tu, sicuramente va bene... uhm... Piccolo Giovanni: Io bagnavo tutto in mezzo al vino, in mezzo alla coca-cola, con la salsiccia e con le patane, quindi ci sono abituato! Raffaele: Ci metto un goccio di questo? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Ah, quindi pure Tu chiami le patate, "patane"? Piccolo Giovanni: Io le chiamo patane...!(*) ...Adesso parla tu un poco che dopo parlo Io! Don Vincenzo: Oggi c'è stato un servizio al telegiornale... Piccolo Giovanni: ...Non l'ho visto perché ero impegnato... Eh... Eh... Eh... meglio parlare d'altro... ora parla tu un poco, che Io mangio qualche altra cosina! ...Che hai? La tosse? Giuda: Eccomi! Piccolo Giovanni: Per la tosse ci vuole un po' di caffè caldo... lo hai preso già? Prendine un altro pochettino e dentro mettici anche un po' di quello... dell'altro, si! ...E poi col caldo ci vuole un cuore, così sboccia! Don Vincenzo: Ah, si? ...Giovanni...! Piccolo Giovanni: ...Tu ce l'hai pure la tosse? E lo vuoi il cuore? Qualcuno: Eccomi! Piccolo Giovanni: E allora daglielo! ...Per voi due che vi siete bisticciati lì in fondo... porta loro un cuore da parte Mia... Eh... Eh... Eh...! ...Che stavi dicendo tu? Don Vincenzo: Se gradivi uno di questo... Piccolo Giovanni: No, a Me piace l'altra! ...Hai capito a chi li devi portare i due cuori? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Invece non c'è niente da poter lanciare! Non posso gettarvi niente, figli! ...Prima questi! ...Tu parla che Io faccio qualcosina!(*) ...I Pargoli sono i Pargoli! Il Pargolo sarà gioioso ed anche la Pargolina, nell'Amore del Padre! Don Vincenzo: E chi sarebbe la Pargolina? Piccolo Giovanni: La Madre del Pargoletto! Don Vincenzo: Ah! Piccolo Giovanni: Eh... Eh... Eh... si, prepara!(*) Don Vincenzo: Cosa cerchi? Piccolo Giovanni: Guardo cosa si è messo lo Strumento... e allora... di' qualcos'altro... dimmi qualcos'altro, chiedimi qualche altra cosa, così tu Mi chiedi qualche altra cosa ed Io mangio qualche altra cosina prima di andarmene! ...Che Mi mangio? ...Ehi, si, due patatine! Tu ne vuoi? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: E dammi il piatto che ti do' due patane! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tere', vuoi una patana? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E vieni! ...Te ne devo donare tre? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...L'ho fatta meno grossa... di solito quando cacciavo la lingua, la cacciavo col mangiare... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...È vero, Nico'? Nicoletto: Eccomi! Raffaele: Possiamo fare un applauso a Don Vincenzo? <Si fa un forte e lungo applauso per il 10° anniversario della venuta di Don Vincenzo a Timparelle per la prima volta> Don Vincenzo: ...Sono 10 anni, Giovanni... Piccolo Giovanni: ...Si, sono 10 anni... Don Vincenzo: ...10 anni uno più bello dell'altro... Piccolo Giovanni: ...Si... 10 anni di battersi il petto e camminare sulle spine, non avendo riconosciuto Me e non avendo riconosciuto lui! Ma le spine si trovano sulla Viuzza Stretta dove Maria le semina, e camminando con i piedi scalzi si raccolgono, e raccogliendo le spine, salvate! ...Non dici nulla? Hai sentito cos'ho detto? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Ma non fare come Gimmi che dice che fa finta di non sentire! Eh... Eh... Eh... buono questo... guarda, Nico'... Eh... Eh... Eh... volete bagnare la patana? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: E andatevela a prendere, così vedete com'è gustoso quello che faccio Io!(*) ...Ehi, prendi una di quella e portala a quella... Eh... Eh... Eh...! ...Salute! Don Vincenzo: ...Ah, buono! Piccolo Giovanni: ...Ah... abbiamo fatto la Festa! ...Figli, quello che vi raccomando in questi Tempi è di rimanere uniti nell'Arca e con i Remi! ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Li faccio Io i buchini? Maria: Si, eccomi! Piccolo Giovanni: E se poi li faccio troppo grossi? Maria: Quello che fai Tu è sempre buono! Piccolo Giovanni: E se poi tiri fuori il cocciovato? Eh... Eh... Eh... Maria: Eh... Eh... Eh... Eccomi! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Dottore', che facciamo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Nico', che facciamo? Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ora devo lasciarvi... e visto che tutti hanno detto "Eccomi", "l'Eccomi" lo dico anch'Io ad ognuno di voi, lasciandovi il Filicino Aperto! Vi amo tutti quanti! Tutti: Anche noi! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Piccolo Giovanni: La Cocciuta lo vuole così: glielo lasciamo aperto fin quando il Padre gliel'ha promesso! Io vi Saluto così! <Giovanni Benedice col Segno della Croce> Don Vincenzo: ...Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi!(*) Gesù: ...Con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Sono Io... Giovanni è andato via, è andato a preparare la Festa, è andato a preparare gli altri Sigilli e gli altri Flagelli, e a portare i Pargoli al Banchetto del Padre, quelli che sono stati uccisi nel cuore in questo istante! Don Vincenzo: Vengono uccisi in questo istante? Gesù: Si, nel cuore... dai grandi, da quelli che indossano gli abiti lussuosi! Pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Ave Maria" e "Padre Nostro", Figli! Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato: tuffatevi tutti perché non scarto nessuno dei figli, e se ascoltate il Sussurro del Mio Cuore, vi darò la Luce per illuminare tutte le Genti! ...Tu Saluta con l'Albero Verde, mentre Io spalanco ancora di più il Mio Cuore, Figli Miei!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni, il Filo è sciolto... e il Filo è messo da parte un altro pochino... perché c'è da salvare! Piccolo Giovanni: Non ti basta tutto quello che fai? Giulia: Questo l'aggiungiamo alle altre cose che faccio, e poi Tu me l'hai lasciato così... non puoi dire di no! ...Adesso viene legato solo un po': è così che me l'hai lasciato! ...Ma adesso Facciamo le Cose del Padre perché c'è tanto lavoro da fare: preparare i figli(*)...! I Tempi(*)... si, il Padre ancora non fa scendere e né aprire... mi ha donato ancora un po' di Tempo... e la Schiera sta combattendo... Maria è ferma con le altre, ma lavora...! Tu prepara i Sigilli e i Flagelli... e mi aiuti a portare le Spose, e così facciamo le Cose del Padre, Giovanni!(*) ......Ci vediamo dopo! Ora vai a lavorare... <Giulia schiocca un bacio a Giovanni> ...Ciao!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: ...Papà, tutto quello che ci doni Tu è super-abbondante, ma visto i Tempi, non puoi abbondare ancora di più nel darmi più Paghetta, nel darmi ancora Giorni e nel tenere fermo il Figlio nel non scendere e non aprire i Gradini?(*) Il Padre: Non vuoi niente altro? Giulia: Eh, ci sono tante altre cose, ma mi accontento di questo per adesso... e poi dopo Te li chiedo! ...Ora puoi fare questo?(*) Il Padre: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà! E se dopo vengo a bussare e a poggiarmi sul Tuo Cuore, non Ti offendi?(*) ...Perchè c'è tanto altro da chiederTi... posso venire?(*) ...E allora, dato che Siete tutti al Banchetto e ci sono tutte le Spose con tutti i Cari e i Pargoli...!(*) ...Mamma, tra poco è il Tuo Compleanno...!(*) ...Stanno preparando la Tua Festa?(*) ...Ti vedo attimo dopo attimo, ma mi manchi! ...Lavorate con Violetta perché ci sono tante Spose e ci vogliono tanti Vestitini e tanti Anelli!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Spose accolte dal Padre!(*) ...Lavorate, Pargoli, ed impastate per il Giorno del Padre...!

 

 

 

2. Dom. 09/02/2014, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi!(*) I Sette Sigilli...: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., questi li posso bere tutti? (La Madonna): Un po' alla volta, ma non tutti in una volta come fai tu! (Giulia): Ce ne sono tanti...! Eccomi, ne bevo un po' alla volta! Devo dirli i Sigilli?(*) Mamma, non farmeli dire tutti, ci sono i bimbi che si spaventano...! Lo so che i fanciulli devono essere preparati a tutto...! (La Madonna): Dì solo che vedi una croce spezzata dai Grandi della Casa del Padre... e messa sottosopra... e vedi anche la Cupola da cui esce del fuoco e il fuoco forma delle frecce che cadono sui figli che Amano il Gesù Vivo della Croce, il Gesù che ha Spalancato e Spalanca le Braccia per ognuno di voi e per l'umanità intera, Figli Miei! (Giulia): Mammina, tutto il resto lo bevo...... ma non farmeli dire......! (La Madonna): In Questo Giorno ti accontento, ma gli Altri Sigilli dovrai dirli tutti...... perchè i Tempi sono aperti e in mezzo a voi, Figli Miei! (Giulia): Posso iniziare a berli? (La Madonna): Un sorso alla volta......!

*******************

(La Madonna): Pregate per le maschere che offenderanno ancora il Cuore del Padre! Proteggete i Pargoli e non fateli sfilare col Veleno! Insegnate loro a Vestirsi di Croce e non delle cose del mondo! Non dite: "sono bimbi e devono divertirsi...!" Nei Tempi che scenderanno verrà a mancare ogni cosa: proteggete i Pargoli dal Veleno......! Figli Miei, imparate a dire ai Figli Ministri: "I Pargoli devono Vestirsi di Croce e non di maschere! ......Maria è l'Unica Chiesa ed è l'Unico Tabernacolo, e Maria non ha mai portato maschere ma la Luce di Dio", Figli del Mio Cuore......! Imparate ancora a dire ai Sacerdoti che Dio non è fatto di cenere, ma è Vivo e Reale ed è Pane e così si Dona: Pane Spezzato, Cibo per tutte le Genti! E preparatevi ad accogliere Gesù, il Mio Figliolo Vivo, non in una sfilata di una bara, ma vivo in mezzo a voi, così come lo è Dio da sempre, Figli del Mio Cuore Immacolato e Addolorato! Ed eccoci in mezzo a voi da sempre con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con tutti i vostri Pargoli, Dio al Banchetto con le Spose e con ognuno di voi, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, con i Servi Inutili: Rossella, Vittorio, Natanaele, le Bimbe e i Pargoli, nell'Unica Verità della Croce...<La Madonna Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane!

*******************

Mosè guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) LA MADONNA: Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen!(*) <La Madonna è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Il Mio Cuore di Mamma Fatto ad Immagine e Somiglianza della Croce del Mio Figliolo Gesù si spalanca dinanzi ad ognuno di voi e all'umanità intera per raccogliere ancora tutti i figli e portarli sul Letto della Croce! Il Mio Cuore Immacolato Trionferà nella Parola del Padre che È da sempre! L'umanità intera vedrà il Volto di Dio attraverso il Mio Cuore Immacolato e attraverso il Sole che si Aprirà nelle Mani del Calice Vivente! Come Mamma e Umile Ancella di Dio, chiedo ad ognuno di voi e all'umanità intera di "Guardare i Tempi del Padre" e di Aprire gli Occhi e di Alzare la Destra nel Combattere i Falsi Profeti che Avanzeranno, Cresceranno e si Moltiplicheranno......! Ma Dio Ha Donato ad ognuno di voi il Potere del Suo Amore, essendo Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto per essere chiamati al Primo, al Banchetto Nuziale di Dio, e Combattere......! Figli Miei, sono Mamma Immacolata e Mamma Addolorata nel Vedere ancora l'umanità lontana da Dio, nel Vedere l'umanità ancora sorda e cieca e nel Riconoscere la Povertà di Dio in mezzo a voi: Semplice e Piccola......! Dove vedete Grandezza, lì non c'è né Dio e neanche il Mio Figliolo Gesù! Dio si è spogliato per coprire i figli e non indossa abiti lussuosi......! Vigilate...... i falsi profeti si presentano a voi come Agnelli, ma dietro c'è il Veleno: Vigilate, Figli, nei Tempi che sono già scesi e nei Tempi che scenderanno ancora e rimanete nella Vigna, rimanete nell'Arca e Remate con i Remi, Figli Miei! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Mamma! Perché il Tuo Vestito è macchiato? Sono stata io a sporcarTi, Mammina? I cuori dei Figli Te li ho donati puliti..., Ti ho sporcata io? La Madonna: No, Anima Mia! ......GUARDA......!(*) Giulia: Mamma, non posso fare niente? La Madonna: Uno cade e l'altro lo puoi bere! Giulia: In Questo Flagello ci sono tanti bimbi e anche mamme e papà...... non posso fare niente? La Madonna: ...Non dire cosa vedi......! Giulia: Ho detto solo "...i bimbi e mamme e papà...!" Non è che non è bello portarli a casa..., se posso fermare anche questo Flagello..., lo so che uno deve cadere e gli altri li posso bere, ma non può farmi un Regalino il Padre e farmi fermare anche questo Flagello per un po'? Ce ne sono tanti che stanno cadendo...! Tanti, tanti, tanti...! Mammina, diGlielo Tu, io aspetto......! E nell'aspettare metto nel Tuo Cuore tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, coloro che non hanno il coraggio di farlo, il mio niente, le Pietruzze, i Sacerdoti e i Gigli......! La Barca che si è affondata e tutto quello che mi avete donato da sempre li metto nel Tuo Cuore e Tu, Mamma, portali nel Cuore del Padre......! Mamma, ho raccolto i Sussurri della Famiglia Riunita, io li consegno a Te...... e Tu purificali e portali nel Cuore del Padre! ............Come Mamma comprendi ogni cosa......! La Madonna: Eccomi, Anima Mia! Giulia: E visto che non ho fatto niente, donatemi qualche altra cosa da fare......! La Madonna: Il niente è tutto quello che hai fatto? Giulia: Niente ho fatto, Mamma! Voi vedete tanto..., io non ho fatto nulla...! La Madonna: Rimani così Cocciuta come il Padre ti ha mandata da sempre! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: ORA GUARDA ANCORA......! Giulia: Eccomi!(*) I Sette Sigilli...: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., questi li posso bere tutti? La Madonna: Un po' alla volta, ma non tutti in una volta come fai tu! Giulia: Ce ne sono tanti...! Eccomi, ne bevo un po' alla volta! Devo dirli i Sigilli?(*) Mamma, non farmeli dire tutti, ci sono i bimbi che si spaventano...! Lo so che i fanciulli devono essere preparati a tutto...! La Madonna: Dì solo che vedi una croce spezzata dai Grandi della Casa del Padre... e messa sottosopra... e vedi anche la Cupola da cui esce del fuoco e il fuoco forma delle frecce che cadono sui figli che Amano il Gesù Vivo della Croce, il Gesù che ha Spalancato e Spalanca le Braccia per ognuno di voi e per l'umanità intera, Figli Miei! Giulia: Mammina, tutto il resto lo bevo...... ma non farmeli dire......! La Madonna: In Questo Giorno ti accontento, ma gli Altri Sigilli dovrai dirli tutti...... perchè i Tempi sono aperti e in mezzo a voi, Figli Miei! Giulia: Posso iniziare a berli? La Madonna: Un sorso alla volta......! Giulia: Eccomi! ......Mamma, Ti affido ancora tutti i Figli Ministri e Ti chiedo ancora di aspettare......! Il Figlio non è Sceso e non si è aperto ancora il Gradino...... ma il Figlio che Salva è in mezzo a noi...... e se aspettiamo ancora coloro che non hanno visto e che non hanno imparato ad Amare Gesù impareranno, se si fermeranno a guardare i Tempi...... ma se mi doni ancora il Tuo Amore posso andare ad accarezzare i loro cuori...... così forse si avvicineranno......! La Madonna: Conosci ogni cosa, Anima Mia.........! Giulia: Ma Voi Siete Buoni da sempre e da sempre aspettate tutti i figli...... Mamma! La Madonna: Vedi quelle onde? Vedi quell'acqua nera? Giulia: Eccomi, Mamma!(*) Ci sono ancora i Giorni, il Padre me li ha donati e possiamo ancora aspettare...... e posso agire con la Destra del Padre e Fermare le Onde Agitate dal Veleno...! La Madonna: Impara ai tuoi figli a pregare: "Padre Nostro-Ave Maria!" -"Padre Nostro-Ave Maria", e come Via Stretta che vi Conduce al Padre Guardate..., Amate... e Pregate col Cuore... così da masticare lentamente il Pane che Dio vi Dona! Non Fate del Pane una Cantilena, ma "Gustate il Sale" e Guardate la Luce che è Dio e che Siete ognuno di voi fatti ad Immagine e a Somiglianza di Dio, Figli! Giulia: Eccoci, Mamma! La Madonna: Pregate per le maschere che offenderanno ancora il Cuore del Padre! Proteggete i Pargoli e non fateli sfilare col Veleno! Insegnate loro a Vestirsi di Croce e non delle cose del mondo! Non dite: "sono bimbi e devono divertirsi...!" Nei Tempi che scenderanno verrà a mancare ogni cosa: proteggete i Pargoli dal Veleno......! Figli Miei, imparate a dire ai Figli Ministri: "I Pargoli devono Vestirsi di Croce e non di maschere! ......Maria è l'Unica Chiesa ed è l'Unico Tabernacolo, e Maria non ha mai portato maschere ma la Luce di Dio", Figli del Mio Cuore......! Imparate ancora a dire ai Sacerdoti che Dio non è fatto di cenere, ma è Vivo e Reale ed è Pane e così si Dona: Pane Spezzato, Cibo per tutte le Genti! E preparatevi ad accogliere Gesù, il Mio Figliolo Vivo, non in una sfilata di una bara, ma vivo in mezzo a voi, così come lo è Dio da sempre, Figli del Mio Cuore Immacolato e Addolorato! Ed eccoci in mezzo a voi da sempre con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con tutti i vostri Pargoli, Dio al Banchetto con le Spose e con ognuno di voi, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, con i Servi Inutili: Rossella, Vittorio, Natanaele, le Bimbe e i Pargoli, nell'Unica Verità della Croce... <La Madonna Benedice col Segno della Croce!> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Mammina, Tu sai che le maschere cammineranno..., dimmi come posso andare a pulire ciò che verrà sporcato? La Madonna: Immolati come tu sai fare da sempre! Giulia: Eccomi! ......Ora vado a bere? La Madonna: Eccomi, figlia! ............PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! <La Madonna porge le Sue Mani a Don Vincenzo che Le ''segna'' e poi la Madonna gli stringe la mano> Don Vincenzo: Pace, Mammina! La Madonna: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: E voi state tutti bene, Figli? <La Madonna manda un bacio e viene ricambiata> Tutti: Eccomi! La Madonna: Vi dò il Dolce Bacio di una Mamma ai Propri Figli e vi chiedo di portarLo lì dove non c'è Pace, lì dove non c'è Pane, ma il Bacio di una Mamma, così come Lo Dona il Padre: "dalle pietre sboccerà il Pane e dove non c'è la Pace sboccerà la Pace!" E nelle vostre case, ovunque camminate, donate il Mio Bacio, Figli......! <La Madonna manda un altro bacio e viene ricambiata> Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: State tutti bene? Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Mammina? La Madonna: Non hai niente da dirMi? Don Vincenzo: Mamma, vedo che sei molto preoccupata per il Carnevale e, francamente, solo adesso mi rendo conto pienamente di come il veleno di queste maschere inganni tanti figli in tutto il mondo, e ho capito la gravità di questa "messa in scena" che ridicolizza con le maschere sia Dio che l'umanità fatta ad Immagine e Somiglianza di Dio! La Madonna: Viene offeso Dio, vengono usati i Pargoli e il Mio Cuore di Mamma diventa triste, Figli! Don Vincenzo: Vengono usati i Pargoli ma per far divertire anche i grandi! La Madonna: I Pargoli vengono usati e i grandi offendono ancora di più il Cuore di Dio! La Maschera è il veleno che confonde ancora di più i Figli! Don Vincenzo: Eh, si, perché dicono sempre: "che male c'è? Ci si diverte soltanto!" E in realtà c'è la trappola del veleno dietro a queste "mascherate", dietro a queste "carnevalate"! La Madonna: Cosa vuoi chiederMi ancora? Don Vincenzo: All'inizio si è parlato di onde agitate dal veleno......! La Madonna: Ciò che la Cocciuta ha chiesto di Bere... e ciò che dico è quello che il Padre Mi fa dire...... non posso andare oltre......! Don Vincenzo: ...Ancora, Mammina... insegnaci ad essere dei Figli Veri, Fedeli al Padre Buono, Testimoni con una Vita Cristiana Autentica, Luce del Mondo, Sale della Terra, perché la nostra Ricchezza e la nostra Felicità è proprio questa, Dare Gloria al Padre e ciò va assaporato proprio in Pienezza: essere Figli di Dio e perciò Eredi...... e di una Eredità Eterna, Senza Fine......! La Madonna: Dovete amarvi gli uni gli altri! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: E rimanere Famiglia! Don Vincenzo: E usare la Destra! La Madonna: E usare la Destra! <Raffaele aggiusta il microfono di Don Vincenzo> Le cose del mondo non si sentono ma hanno una misura mentre quelle del Padre non hanno misure: si Donano sempre e non finiscono mai! È bello avere un Papà e una Mamma, è bello accogliere l'Amore del Mio Figliolo che si Dona senza Misura e si Dona per Amore! Ma siete sicuri che non si sta bruciando niente? Don Vincenzo: Qualche cosa brucia se lo dici Tu, Mamma......! La Madonna: Guardate......! Don Vincenzo: Vedete un po'! La Madonna: Vi faccio spaventare? Don Vincenzo: No, Tu non fai spaventare! Sei Tu qui con noi! La Madonna: Non muovetevi tutti, state tranquilli! Tu continua a parlare! Don Vincenzo: Si, Mammina, questa Figliolanza è il nostro Tesoro e se la usassimo più spesso......! La Madonna: Come non potete usare la Figliolanza? Vi viene Donata da Dio! Don Vincenzo: E questa è la Gioia, cioè che questa Figliolanza sfocia poi nell'Eredità che il Padre Dona ai Figli e sfocia ancora di più in una Eredità che è Eterna! Sì, l'Eternità è il Dono più Grande perchè Gesù sulla Croce donandoci fino all'Ultima Goccia del Suo Sangue, ci ha fatti Figli nel Figlio, e non c'è Grazia più Grande di Questa, Amare Tutto e Tutti per l'Eternità! La Madonna: Dovete riempirvi di Gioia perchè dovete essere coscienti che il Padre Buono vi ha Donato l'Eredità da sempre e vi ha Donato la Vita Eterna da sempre! Siete voi che La calpestate, siete voi che vi violentate e non è Dio a violentarvi! Vi violentate anche con le maschere e con le cose del mondo! Dovete dirlo ai Figli Ministri! ...Non ascolteranno, come non hanno ascoltato Gesù, come non hanno ascoltato il Padre! Dio è Antico...... non è il modernismo che stanno creando......! Dio rimane sempre Antico ma Dio Bambino! E i Pargoli non si devono scandalizzare...... e non si devono usare...... e non deve scorrere ancora Sangue Innocente, Figli......! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Bisogna abbassare più spesso la Mano Destra perchè si è in guerra e bisogna combattere! La Madonna: Gesù vi ha Battezzati col Suo Sangue e vi ha Donato il Potere del Padre e ciò che il Padre ha Donato a Lui, Lui Lo ha Donato a tutta l'Umanità Intera: "Fate questo in semplicità e rimanete Piccoli e Poveri, all'Ultimo Posto!" Per i Tempi che verranno, vi invito a prepararvi...... ma non vengo a spaventarvi......! Dio non Mi ha fatto mancare nulla nei Tempi che non Mi hanno Accolta, nei Tempi che ridevano quando dicevo: "Aspetto il Figlio di Dio!" Il Pane non è venuto mai a mancare e l'Abbondanza di Dio cresceva e crescerà per i Figli che ascolteranno e mangeranno Dio che è Vivo e Reale...... e si Spezza e si Dona! Ma non gettate le perle ai porci perchè il Pane si Dona a chi ha Fame! Non dimenticarlo, Calice Vivente: il Pane si Dona a chi ha Fame e a chi Lo Mangia, mentre le perle non si gettano ai porci! Questo ti posso dire che l'ha detto Gesù! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Non è che Ti riferivi a quello che ho detto prima? <Don Vincenzo aveva invitato tutti i presenti a prendere la copia dei Messaggi, tra l'altro offerti gratis> La Madonna: ! Lo Strumento te lo ripete attimo dopo attimo: "Il Pane si Dona a chi lo chiede e a chi ha Fame!" Dio non impone niente a nessuno ma lascia liberi e aspetta da sempre i Propri Figli e non fa alcuna distinzione, ma è fermo dinanzi "alla Porta del Cuore" ad aspettare, così come lo è anche lo Strumento nel prendere la mano se le viene donata! Don Vincenzo: Quindi, Mammina, i Messaggi, se uno li vuole prendere li prende, altrimenti si è liberi di lasciarli! La Madonna: Il Pane è sulla Mensa: chi ha Fame, Mangia! Chi non ha Fame, getta le perle! ...Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Cosa c'è... Mammina! La Madonna: State tutti bene? Tutti: Eccomi! La Madonna: Vedo che il Calice Vivente si è fatto un sorriso! Non avete trovato niente "di bruciato"? Raffaele: No! La Madonna: Ma dopo che è finito, ve lo dico! Don Vincenzo: Mamma, ci sono tante, tante, tante cose da dirTi! La Madonna: Cosa sono le tante, tante, tante cose? Don Vincenzo: Sono le Gioie che il Padre ci Dona ma l'umanità è stolta e cieca e corre dietro agli idoli del mondo: il potere, l'avere, il piacere e soprattutto i soldi! La Madonna: Lascia stare queste cose, chiediMi altro! Don Vincenzo: Questo volevo chiederTi, Mammina, questa Felicità che scaturisce dal cuore quando ci mettiamo di fronte alla Croce, quando ci mettiamo di fronte al Crocifisso! La Madonna: Prima dovete mettervi di fronte a voi! Don Vincenzo: Di fronte a noi stessi amandoci! La Madonna: Siete voi fatti a Immagine e Somiglianza della Croce e vi dovete prendere come Croce e vi dovete amare vicendevolmente! Se non vi amate gli uni gli altri come potete guardare il Mio Figliolo Gesù? Come potete guardare la Croce se non vi guardate tra di voi e non siete in Pace? Così Gesù Lo prendete in giro e L'offendete! La Pace deve Regnare nei vostri cuori e tra di voi! Se Regna nei vostri cuori e nelle vostre famiglie, potete guardare Gesù e dire: "mi amo, amo il nemico e mi sono avvicinato al Tuo Amore nel guardarTi!" Ma se nel cuore c'è il temporale, non si può andare dinanzi a Gesù...... o Mi sbaglio? Don Vincenzo: Tu non Ti sbagli mai, Mammina, perchè Sei la Madre di Dio! La Madonna: Non dovete rivolgervi a Gesù dicendo: "Voglio bene a Te, ma quel fratello lo scarto!" Così scartate Gesù! Amatevi e Crescete nella Famiglia perchè il Padre vi ha Chiamati uno ad uno per Consegnarvi la Vigna! Ma dovete ancora imparare ad amare e a pregare per la Barca affondata, così come dice lo Strumento: pregare per le Pietruzze, i Sacerdoti e i Gigli e Mi chiede ancora di aspettare per ognuno di loro! Hanno tradito ancora, tradiranno ancora, ma lei chiede di aspettare: "sono Figli!" Pregate: "Padre Nostro-Ave Maria, Padre Nostro-Ave Maria!" ......Parla ora tu, Calice Vivente! Don Vincenzo: Quello che ho appena detto, Mammina, cioè bisogna amare, bisogna amarsi per amare, ma a volte è difficile! La Madonna: È difficile amare l'altro? Ma l'altro è fatto a Immagine e Somiglianza di Dio, a Immagine e Somiglianza del Crocifisso! Don Vincenzo: L'altro è Gesù e ogni cosa che facciamo all'altro la facciamo a Gesù! Siamo Croce e dobbiamo sempre prenderci la Croce, amarla e camminare......! La Madonna: Bisogna amare i nemici per avvicinarsi a guardare Gesù e la Croce, e così potete guardarvi e vedere l'Immagine di Gesù che Brilla dentro di voi! Gesù per questo ha Donato il Suo Sangue: per Amore! Ma Gesù è Vivo e Reale come tutti i vostri Cari, come tutti i Servi Inutili, come tutti i Pargoli ed è in mezzo a voi da sempre! Don Vincenzo: E per sempre! La Madonna: Dio non muore mai: se muore Dio venite cancellati anche voi! Ma Dio non uccide e non cancella ciò che ha Creato: l'uomo, , ma Dio no! Il Giardino L'ha creato Lui e non Lo cancella! Avete la Destra, il veleno cancella e sporca ma voi Alzate la Destra... <La Madonna Benedice> ...E combattete! Lo Strumento ha la Schiera e combatte con l'Amore e con il Pane Spezzato del Padre! ...Ora parla tu un po'! Dopo i Figli devono tornare a casa e portare il Pane, portare la Sapienza e portare la Luce, ma quella di Dio e non quella degli uomini e il Padre La Dona in abbondanza! .........Parla! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Scoppio di Gioia! La Madonna: Non farti male con lo scoppio......! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Mamma, che gioia stare affianco a Te, Sei la Mamma nostra, la Mamma di Dio, la Mamma di Gesù, la Mamma di tutti! La Madonna: Sono la Mamma dell'Umanità intera e di ognuno di voi! Don Vincenzo: Scoppio di Gioia nel vedere come il Padre ha preparato un Progetto d'Amore così Pieno, così Completo, così Perfetto: c'è da inginocchiarsi ogni momento, c'è da sorridere ogni momento, perché la Felicità nasce proprio da questo Padre così Buono da farci Figli Suoi! La Madonna: Il Padre vuole che vi amiate e non vuole che vi mettete per terra ma il Padre vuole i cuori spalancati! Il Padre desidera che guardate i vostri cuori e li aprite: è così che vengono i Miracoli...... e non fissando gli occhi......! <La Madonna alza gli Occhi in alto> ......E poi potete perderci anche la vista! Dio è in mezzo a voi e Abita dentro di voi...... ma voi Lo cercate lontano! Lo Strumento guarda solo in alto, perché se guarda per terra voi dite: "sta guardando il tappeto!" Ma Dio non poggia con i Piedi per terra, è solo sollevato poco-poco e lo Strumento fa così quando vede la Luce Scendere! <Alza gli occhi in alto come fa la Cocciuta> Ma Io sono a un passo dai suoi occhi, a questa altezza...... <La Madonna si abbassa nell'indicare uno spazio non più di 5 cm da terra> ......Ecco, l'avete vista? ......E tutti i Servi Inutili non poggiano i Piedi per terra, e quando vi dicono: "Ho visto Gesù che camminava per terra! Ho visto Maria che poggiava con le scarpe! Ho visto un Servo Inutile!", non ci andate! Ognuno di voi, tutti i vostri Cari, quando hanno donato l'Eccomi e la mano, sono a quell'altezza che avete visto perché hanno raggiunto l'Amore Pieno, Figli! Ma pregate per il Figlio Domenico, pregate per Carlo: verranno venduti e comprati! Consolate i Loro Cuori! Loro sono Piccoli e Poveri nell'avere risposto l'Eccomi a Dio! ...Hai qualche altra cosa da chiedere? Don Vincenzo: Si, Mammina! La Madonna: Dopo i Figli devono portare a casa il Pane Vivo ed Intero e poi Lo Spezzano, ma rimane sempre Intero perché è Dio! E, dopo aver finito, controllate questo...... <Il filo del microfono della Cocciuta> ......Perché è questo che è caldo e dona odore di bruciato! Don Vincenzo: Ah! <Si ride un po'> La Madonna: Vi avevo avvertito che ve lo avrei detto! ......Hai qualche altra cosa da chiedere, Calice Vivente? Don Vincenzo: Si, di trovare sempre il tempo durante la giornata di pregare, mettendoci sempre difronte alla Croce e al Crocifisso! Ma proprio questo manca, cioè a volte non riusciamo a trovare il tempo, invece dobbiamo essere saggi e metterci a pregare con intensità! La Madonna: Ovunque vi trovate dite "Padre Nostro-Ave Maria!", ma dovete dirli col cuore! <La Madonna mostra la Corona del Rosario> Ma questa va detta col cuore! Se non la dite col cuore, rimane per terra! Non correte dinanzi all'Amore Infinito di Dio che aspetta, come dire: è fermo da sempre ad aspettare! Voi invece correte, ma se lo masticate e l'assaporate, il Padre l'accoglie! E se dite: "Padre Nostro-Ave Maria!" Masticandolo e gustandolo, il Padre l'ascolta! Non dite tante parole: "Padre Nostro che Sei nei Cieli!" Dite "Padre Nostro che Sei nei Cieli" e la Preghiera che Gesù ha detto e vi dice ancora: "Padre Nostro-Ave Maria"! ...Ora tu saluta i tuoi Figli con l'Albero Verde: Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato e vi Saluto col Magnificat! Don Vincenzo: Si! ......Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo... La Madonna: ...Fai prima il Saluto con l'Albero Verde! Don Vincenzo: Si! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) Don Vincenzo: Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo! Tutti: Amen!(**) <Ora tutti recitano il Canto del Magnificat > Giulia: Mamma, hai portato ancora la Parola e il Pane del Padre! Guidaci ancora sul Cammino che dobbiamo fare e sui Tempi che il Padre sta lasciando scendere! Tu ci hai detto di preparare le Capanne: eccoci nella Volontà del Padre! Ma Tu Sei Mamma da sempre: aspettiamo ancora i figli che non vedono la Luce di Gesù e rimangono fuori sulla via larga!(*) ...Scorticate ancora il vostro Nocciolo Scorticato!(*) La Madonna: Non ti basta ciò che bevi? Giulia: Il Lavoro è nella Vigna, e se scorticate ancora posso fare qualche altra cosa, ma sia fatta la Volontà del Padre e non la mia!(*) ...Eccomi ancora per l'Eternità!(*) La Madonna: Dona il Calore di Dio ai tuoi figli! Giulia: Eccomi, Mamma!(*) ...Ma avvolgili anche nel Tuo Manto e donami la Forza e la Costanza di Fare le Cose del Padre, Mamma! La Madonna: Eccomi, Anima Mia!(*) Giulia: Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, non c'è bisogno di dirTi di guardare e di prendere i cuori di tutti i figli perchè Io li ho consegnati a Maria e Maria Te li ha donati! Lascia scendere la Rugiada del Tuo Amore! Dona ad ognuno di loro ciò che è Giusto del Tuo Pane, perché sono figli e sono i Tuoi, di nessun altro, perché Tu Sei l'Unico Padre di ognuno di noi! Il Padre: Amen, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà! ...Tutti i Cari, tutti i Servi Inutili e tutti i Pargoli sono qui in mezzo a noi, sono tutti a lavorare nel preparare il Pane del Tuo Giorno! ...Eccoci, Cari, nell'unirci al Vostro Lavoro nell'impastare il Pane di Dio!(*) ...Eccomi, Mamma!(*) ...Si, avete tanto lavoro da fare, ma fermatevi un istante e preparate i Vestitini e l'Anello Nuziale per le Spose che devono entrare!(*) ...Prepareranno anche la Tua Festa, il Tuo Compleanno, e La preparerò anch'io!(*) <Giulia schiocca un bacio> Vi voglio bene a tutti! ...Mammina, gioisci col Padre, gioisci con tutti i Cari, gioisci con tutti i Servi Inutili............ ma mi manchi, Mamma! SERAFINA: Mi vedi attimo dopo attimo! Giulia: Eccomi!(*) ...Eccomi, Papà!

 

 

 

 

3. Giov. 13/02/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle (Corigliano Calabro - Cosenza)

(Giulia): Ci Sono i Sigilli...: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, questi li devo bere tutti e devi farmeli bere tutti in una volta! È secondo la Tua Volontà di non farmeli dire, ma come Tu vuoi...!(*) Gesù...! (Gesù): Te lo sto dicendo da sempre: i falsi profeti avanzano! (Giulia): Me li fai Bere subito? (Gesù): Un po' alla volta! (Giulia): Metà ora e l'altra metà dopo......? (Gesù): Dì quello che Vedi......! (Giulia): Ma dammi la Forza e la Costanza, Gesù!(*) I falsi profeti che avanzano hanno preparato le croci, crocifiggendo coloro che si presentano nel Nome di Dio! Tra di loro ce n'è uno che vuole fare il primo crocifiggendo tutti gli altri, e dopo aver fatto questo hanno preparato le croci più piccole per crocifiggere sia i bimbi che le bimbe nel far scorrere il Sangue Innocente! Tutto questo lo stanno preparando i falsi profeti e tutto viene ancora dalla Cupola! Altri Veli si stanno aprendo e altro Sangue Innocente sta bagnando le Mura! Gesù, ora fammi fermare di parlare nel dire ciò che vedo ancora......! (Gesù): Fermati, Anima Mia! (Giulia): Allora, metà lo posso Bere e l'altra metà lo Bevo dopo come desideri Tu, Gesù? (Gesù): Basta che non Sleghi il Filicino!

*******************

(Gesù): Dimmi qualcos'altro! (Don Vincenzo): Dobbiamo gridarlo a tutti che dobbiamo amare noi stessi, perché nell'amarci scopriamo proprio questa Somiglianza Divina, questo Essere Fatti a Sua Immagine e a Sua Somiglianza! E quindi dobbiamo amarci proprio per scoprire la nostra Vera Identità e per capire ancora di più come il Padre ci ha fatti a Sua Immagine e Somiglianza, Croce, perché ognuno di noi è Croce da sempre! E non solo, ma questo amarci ci fa prendere coscienza di come siamo preziosi agli Occhi del Padre e perciò è il Padre Stesso che ci Invita a riflettere su noi stessi, specchiandoci e scoprendo proprio la nostra Vera Identità, cioè quella di essere Figli di Dio e perciò Suoi Eredi!

*******************

(Don Vincenzo): Domenica scorsa, nel Pomeriggio del 9 Febbraio, Seconda Domenica del Mese, la Mamma ha detto che ognuno è libero di prenderlo o di lasciarlo il Messaggio: il Pane è sulla Mensa e chi ha fame mangia, ma chi non ha fame getta le Perle! (Piccolo Giovanni): ...Si, lo so, l'ho sentito quello che ha detto! (Don Vincenzo): "Qui è la Mensa... e chi vuole mangiare, mangi: i Messaggi sono Pane..." (Piccolo Giovanni): "...Ma non si devono gettare le perle ai porci...!" ............Guardate Dio, guardate i Tempi e non siate più sordi ma ascoltate!

*******************

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Il Segno Vivo del Mio Amore si Allarga e si Dona nell'Abbondanza del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che è Maria! In quest'Alba, nell'Alba che verrà e nell'Alba ancora, il Padre farà accendere in queste Albe il Fuoco del Suo Amore e poggerà le Fiammelle sulle Capanne dei Figli e poggerà le Fiammelle sulle Capanne dell'umanità intera! Ma il vento soffierà e si spegneranno per i figli che hanno chiuso la porta, per coloro che non vogliono ascoltare ciò che Dio viene a dire attimo dopo attimo! E le Fiammelle verranno accese ancora dallo Strumento, ma il vento le spegnerà ancora: vigilate, figli...... e non scherzate con Dio! I Tempi sono Pieni e il Padre ha sempre Amato e Ama i figli senza lasciarli! Da sempre ha preparato l'Eredità, la Vigna, l'Arca e i Remi! E da sempre lascia scendere il Suo Amore nel Segno Tremendo della Croce, nell'Abbraccio Vivo di Dio in mezzo a voi Vivo e Reale, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! ........................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi! Gesù, si è abbassata un pochino la mia vocina, ma Tu mi senti ugualmente... Gesù: Eccomi, figlia! Giulia: Cosa c'è, Gesù? ......Vedo tanto movimento! Gesù: GUARDA......! Giulia: Un Flagello verrà preso e l'altro verrà lasciato come sempre! Vedo ancora Confusione di Popoli..., Sangue che Scorre..., i Mezzi di Guerra..., Missili..., Armi di tutte le "Taglie"! I Popoli non si muovono, la Gente non scappa e c'è solo tanta Confusione! Nessuno cerca di scappare, neanche quando vedono il Sangue che scorre! Non posso fare nulla? Gesù: Un Flagello verrà preso e l'altro verrà lasciato......! Giulia: Eccomi, Gesù! Tutto è scritto da sempre e tutto è detto, ma nessuno Ti Ha Ascoltato! Eccomi, Gesù! "Eccomi ancora per l'Eternità!" Gesù, Tu vedi che molte Spose non donano la mano e rimangono lì ad aspettare! Quelli che danno la mano vengono Vestiti e viene messo l'Anello al Dito e portati al Banchetto! Anche se non danno la mano, Gesù, posso andare ogni tanto a visitarli e a stendergli il Manto o devo aspettare......? Gesù: Vedi, figlia, il tuo compito è Fare la Volontà del Padre! Giulia: Eccomi! Quelli che vengono portati, vivono nella Gioia e quelli che aspettano la vedono da lontano, ma rimangono fermi! Ed Eccomi nel Fare la Volontà del Padre! Se Tu Vuoi, se il Padre Vuole, posso poggiare sui Figli solo poco poco il Mantello che mi avete donato? Non hanno ancora capito e non vedono......! Gesù: L'umanità intera è sorda ed è cieca, Anima Mia! Giulia: Se Lo Vuoi, poi me lo dici! Ma Eccomi ancora nel Fare la Volontà del Padre! Ed Eccomi ancora nel ConsegnarTi tutto quello che mi hai donato da sempre: la Famiglia, i Cuori, coloro che si sono Affidati, la Tua Bimba Francesca, quelli che non hanno la forza di farlo e i figli che non si vogliono abbassare al Tuo Amore e pensano di camminare sulla via giusta! Se non ci abbassiamo dinanzi ai Tuoi Piedi non possiamo camminare la via giusta! Ma ecco il "Mio Niente" della Giornata, i Figli, i Sacerdoti, le Pietruzze...... li consegno nel Tuo Cuore, così stanno al sicuro! Gesù: Porta i tuoi figli, la Vigna, l'Arca con i Remi......! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Ora Guarda Ancora.........!(*) Giulia: Ci Sono i Sigilli...: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, questi li devo bere tutti e devi farmeli bere tutti in una volta! È secondo la Tua Volontà di non farmeli dire, ma come Tu vuoi...!(*) Gesù...! Gesù: Te lo sto dicendo da sempre: i falsi profeti avanzano! Giulia: Me li fai Bere subito? Gesù: Un po' alla volta! Giulia: Metà ora e l'altra metà dopo......? Gesù: Dì quello che Vedi......! Giulia: Ma dammi la Forza e la Costanza, Gesù!(*) I falsi profeti che avanzano hanno preparato le croci, crocifiggendo coloro che si presentano nel Nome di Dio! Tra di loro ce n'è uno che vuole fare il primo crocifiggendo tutti gli altri, e dopo aver fatto questo hanno preparato le croci più piccole per crocifiggere sia i bimbi che le bimbe nel far scorrere il Sangue Innocente! Tutto questo lo stanno preparando i falsi profeti e tutto viene ancora dalla Cupola! Altri Veli si stanno aprendo e altro Sangue Innocente sta bagnando le Mura! Gesù, ora fammi fermare di parlare nel dire ciò che vedo ancora......! Gesù: Fermati, Anima Mia! Giulia: Allora, metà lo posso Bere e l'altra metà lo Bevo dopo come desideri Tu, Gesù? Gesù: Basta che non Sleghi il Filicino! Giulia: Eccomi! Ma non lo Slego(*)... Gesù: Perché...? Giulia: Non hai visto niente, vero? Tu Vedi Tutto! È Legato e c'è anche il Fiocco e non c'è niente altro! È così come l'hai lasciato: bello! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Ti rimetto ancora nelle Tue Mani tutto quello che mi hai donato: la Famiglia! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Eccomi con tutte le Spose! Eccomi con tutti i Servi Inutili! Eccomi con tutti i vostri Cari! Eccomi con i Banchetti del Padre! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Eccomi con i Pargoli! Eccomi con Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe, pronti nel Combattere, nell'Impastare e nello Spezzare il Pane! Ed Eccomi in mezzo a voi con l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, nel Mistero Vivo di Dio, Uniti al Banchetto delle Spose, Uniti al Banchetto che Tu ci Hai Donato nel Tuo Amore Pieno! Ma posso chiederTi un Regalo? Lo Sposo fa sempre Regali alle Spose! Gesù: Cosa vuoi chiedere ancora? Giulia: Gesù, prima di dirtelo io, Tu già lo conosci: non possiamo spegnere quei vulcani accesi? E spegnere quelle armi che stanno preparando? Gesù: Non è un po' troppo come Regalo? Giulia: Il Regalo alla Sposa si fa grande o non si fa, così come la Sposa lo fa allo Sposo! Io non Ti ho portato niente...! Hai tutto il Tempo per pensarci, poi me lo dici! È bello quando il Regalo viene detto nel silenzio e viene donato nel silenzio! Gesù: Cocciuta dell'Anima Mia! Giulia: Eccomi, se Tu vuoi chiamarmi così: Eccomi! Aspetto...!(*) Gesù: ...Pace al tuo cuore, Giovanni, Gesù-Dio! Don Vincenzo: Benvenuto, Gesù! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Come stai? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi state tutti bene, Figli? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, eh, eh, Eccomi! Allora, raccontaMi qualcosa! State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: "Eccomi!" <Gesù imita scherzosamente la voce flebile dei presenti> E anche tu stai male? Don Vincenzo: Così e così! Gesù: Il Calice Vivente sta così e così? Don Vincenzo: Sto bene, sto bene! Gesù: Sta bene! Hai sonno? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E dategli un caffè, così si sveglia... <Si ride un po'> ...Visto che ha sonno...: Vuoi il caffè? Don Vincenzo: No! Gesù: Allora non hai sonno...! Parla un po' tu! Che ne pensi di quello che hai sentito? Se hai sentito i Sigilli cosa dicono? Don Vincenzo: Questo binomio: "uno verrà preso e uno verrà lasciato" fa diventare la Cocciuta ancora più Unica, ancora più eroica nel Bere questi Sigilli così Amari! Gesù: Li hai assaggiati? Don Vincenzo: Assaggiati no, ma l'altra volta è stato detto che questi Sigilli Bevuti erano "i più amari degli amari!" Lei si è messa a disposizione di Dio per Fare la Volontà del Padre pagando un Prezzo Altissimo......! Gesù: Io non ho Pagato e neanche lei Paga! L'ho fatto e lo faccio per Amore e anche lei l'ha fatto e lo fa per Amore! Don Vincenzo: Il suo, quindi, deve essere un Amore Straripante......! Gesù: Se si deve Pagare, si stanno facendo le cose del mondo, invece le Cose del Padre si fanno per Amore e solo per Amore! Le cose del mondo si fanno pagando...... e dopo aver pagato non si è ottenuto nulla! Quando il Padre chiama, ciò che si è pagato viene messo da parte! Don Vincenzo: Partendo sempre dalla Cupola il Veleno aumenta sempre di più! Gesù: Pregate per tutti i Figli Ministri e pregate per quella Tavola Affondata che è rimasta! Pregate nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro!" Non lasciate mai di pregare per tutti i Figli Ministri così come dice la Cocciuta: "le Pietruzze, i Gigli" e pregate per la Cupola, voi che camminate sulla Via Stretta, voi che rimenete nell'Arca e Remate! Don Vincenzo: Quello che è bello, Gesù, è proprio questo partecipare al Banchetto del Padre Mangiando il Padre, Gustando il Padre! Gesù: Il Padre Si Dona, Si è Donato da sempre e non smette mai di Donarsi, di Amare e di aspettare i Figli! Don Vincenzo: Quanta Pazienza ha questo Padre Buono! Gesù: Dio ha un Amore Infinito e l'Amore Infinito è Paziente nell'aspettare i Figli Creati dal Creatore, Fatti a Sua Immagine e Somiglianza, nell'aver preparato il Giardino e, senza fare alcuna distinzione, aspetta con Amore, col Banchetto pronto...... e senza scartare nessuno......! Don Vincenzo: C'è posto per tutti! Gesù: Il Creatore ha Creato Tutto per Tutti, sono Figli Suoi! Don Vincenzo: Ma quello che è ancora peggio è che siamo noi a voltarGli le spalle, perchè Lui è sempre disponibile ad Aspettare e ad Amare per l'Eternità! Gesù: Ma c'è il veleno che scorre nel confondere e ci sono i falsi profeti nel confondere e all'ultimo posto si mette Dio! "Ora cammino su questa strada, se non mi va bene poi alla fine Lo chiamo, tanto il Padre mi perdona! Adesso prendo questo!" Così fa l'Umanità Intera e il Padre Buono aspetta! ...............Ma state tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Ma state male o state bene? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Di fronte a tutto questo Bene di Dio che è sulla Tavolata, stiamo benissimo! Gesù: E allora che facciamo? Don Vincenzo: Ci Doniamo! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Allora Ci Doniamo per Amore! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E lo Strumento rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e, nel fare questo, va a visitare le Spose che si sono fermate e va a Bere ciò che ha visto! Lasciamola gioire nel rimanere Crocifissa per Amore! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: L'Amaro che diventa Dolce! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono> Gesù: Questa è la Mia Carne! È Dolce, ma ha Bevuto e Beve l'Amaro, e ai Figli Dona solo il Dolce del Suo Amore! Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Mi Gusto l'Amore del Padre così Lo Gustate anche voi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta> Nell'Amore Infinito Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Nell'Amore Infinito lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiranno ancora! La Pasqua è Piena, è Risorta e il Risorto è in mezzo a voi e si Dona per Amore! Don Vincenzo: Che bello averTi con noi, Gesù! Gesù: Prendiamo parte all'Amore Infinito del Padre che è Vivo ed è Reale, con tutti i Servi Inutili, con tutti i vostri Cari, con tutti i Pargoli! Cos'è che è bello, Calice Vivente? Don Vincenzo: AverTi al mio fianco, Gesù! Gesù: Lo sono attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Tu Ti Sei Donato e ci hai insegnato a donarci! Ti Sei Offerto e ci hai insegnato ad Offrirci! Gesù: Mio Padre Mi ha Donato per Donare e Io ho Lavato e ho Battezzato ognuno di voi per Donarvi ed essere Famiglia di Dio nel Suo Amore Pieno e nella Sua Amicizia! Don Vincenzo: E quello che è ancora più bello, Gesù, è che Tu ci hai insegnato a Mangiare Dio perchè Ti Sei Fatto Cibo d'Amore! Gesù: "Verrò e Mangerò del Nuovo con la Mia Famiglia!" Don Vincenzo: E non solo Ti Sei fatto Cibo Tu, ma si è fatto Cibo anche il Padre che si è Donato! Gesù: Da sempre! Se il Padre non Si Donava neanche Io potevo DonarMi! E così i Figli si Donano nell'Amore, nell'essere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Prendiamo parte! Don Vincenzo: Eccomi! Dio ci aspetta...... e tutto parla di Dio! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tutto Parla del Padre e Tutto è il Padre! Gesù: Tutto Parla nel Silenzio dell'Amore! Eh, è Grande il Padre nel Suo Amore Infinito ed Eterno! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi, eh, eh, Eccomi! Con la Gioia di Bere e di poter fare il Lavoro del Padre dovrò mangiarla Io l'erbetta al posto suo! Eh, eh, eh, è Gustoso Mangiare Dio, ma Mi viene portato via! Don Vincenzo: Eh, ma poi Ti viene restituito! <Raffaele e Giuseppe, come usano fare sempre, tagliano le pietanze che sono nel piatto di Gesù e di Don Vincenzo!> Gesù: La prossima volta... anzi vi faccio vedere come si Mangia! <Gesù prende la cotoletta con le mani e ne mangia un po'> È Gustoso! Don Vincenzo: È Gustoso ed è Gradevole! Gesù: È il Padre! È il Suo Cibo di Amore Divino! Don Vincenzo: È squisito! Gesù: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Ma dimmi, in quanti sono i Figli che dicono che il Padre è Gustoso? Quando c'è un dolore o quando c'è una disgrazia forse che dicono che il Padre è Gustoso? ......O dicono: "Perché mi hai fatto questo? Dov'eri?" E via dicendo.........! Lei non la vede questa...... <......Erbetta......> Sta Bevendo e sta Gioiendo, ma la mangio Io e gliene porto un po'! ............Eh, vicepa' ti raccomando, eh! Raffaele: Eccomi! Gesù: Lo sai quello che devi fare, lo sto mettendo adesso nel tuo cuore! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a un gruppetto di presenti> Io Parlo a voi e a tutti i Figli, ma non tutti Mi ascoltate! Ognuno cammina per la sua via! Lo dimenticate? Tutti quanti dovete venire dinanzi al Volto di Dio e nessuno può dire: "io faccio quello che dico io, è giusto, l'ho pensato io!" Dimenticate la cosa più importante: tutti dovete venire dinanzi al Volto del Padre! ......State mangiando tutti? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, vicepa', Mi devi fare una cosa, devi preparare un piattino per il Mio caro Francesco...... lo sai chi è? Raffaele: Eccomi! Gesù: Aspetta, allora, la frutta sì, e dopo mettici un po' di quelle, , e poi un po' di verdura, un'altra di verdura, ecco, per adesso va bene così, poi ne fai un altro per la dottoressa! Teresa: Eccomi! Gesù: Stasera gli faccio un Regalo particolare a tutt'e due! ...No, questi no, alla dottoressa, se vai a dare questo! Cosa le diamo alla dottoressa? No, il dolce si mangia alla fine, l'ovetto, le patane, un po' di questo, , e un po' di quella e ti raccomando a quella! <Maria Elena> Poi fa tu, sei delegato! ...Dimmi qualcosa! Questo è un Regalo Speciale, ma non vi ingelosite anche voi, avete i vostri Regali! Teresa: Eccomi! Gesù: Sono Speciali: è Dio! ...Che c'è? Ho fame ancora, non Me lo portare via! Parla e di' qualcosa? Eh, si, col paninello, non ti preoccupare, mangia Figlio, non ho fretta! <A Giuseppe> Tu non vuoi parlare? Don Vincenzo: Voglio farTi compagnia! Gesù: Certamente che Mi devi fare compagnia...... aspetta che ti metto un'altra cotoletta, va bene così? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ne vuoi un'altra ancora? Don Vincenzo: No, metto sempre i miei piedi sulle Tue Orme! Gesù: Aspetta, prendiamo il pane, eh, eh, Eccomi, no, non la mangiare senza il pane! Don Vincenzo: Ah! Gesù: È più Gustosa! Don Vincenzo: Sì! Gesù: E poi mangiamo anche la salsiccia, se no poi se la mangia tutta Giovanni, eh! Don Vincenzo: Gesù... è per Te! Gesù: Anche per te, Calice Vivente, ecco, e poi questo lo teniamo per la salsiccia! Dottore, è buono il piattino? ......Dottore e dottoressa! Franco e Teresa: Eccomi! Gesù: Eccomi! Facciamo il paninello gigante, ecco, dai, e dopo parli tu......! Vi piace? Eccolo! Giovanni è impegnato ma troverà il Tempo di venire con tutti i Servi Inutili, con tutti i Pargoli e con tutti i vostri Cari! ...Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Ti raccomando, eh! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eh! Stanno preparando tutto quello che il Padre dovrà dire quando Gli farete compagnia e stanno preparando il Pane del Giorno quando Mi farete compagnia! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ma non solo questo, stanno preparando anche altre cose! Don Vincenzo: Le stai preparando Tu? Gesù: No, Giovanni con tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Ah! Gesù: E poi stanno preparando gli Alberi Verdi! ...Ecco, portaMi via anche questo! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, ciao, mamma... ciao, mamma, hai fame? Maria Elena: Tanto! Bimbi di Mario e Maria Elena: Tanto tanto? <Mandano baci> Mangia! Quando prepareremo i Tempi della Festa si mangerà, si berrà e si parlerà e parleremo, ma nel tutto che stiamo preparando c'è un Mistero: il Mistero del Figlio che è in mezzo a voi e il Mistero del Figlio che è fermo nello Scendere i Gradini e nell'Aprirli! ...Ehi, mamma, papà dov'è? ...Mamma, papà dov'è? Maria Elena: Dovrebbe arrivare! Bimbi di Mario e Maria Elena: Tenetevi pronti per ciò che dovete impastare! <Mandano baci e accarezzano Don Vincenzo> Don Vincenzo: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ciao! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: Ci vediamo, andiamo a Lavorare... ciao! <Mandano baci> Don Vincenzo: Ciao! Gesù: ...Dì qualcosa, parla tu, così Io mangio un po' di salsiccia prima che viene Giovanni! Tu ne vuoi? Don Vincenzo: Sì! Gesù: ! Don Vincenzo: Sempre insieme a Te! Gesù: E questa è Mia......! Prendi il pane, no, prendilo tu, ecco, questo lo prendo Io, basta così! ......Allora parliamo d'altro! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Dimmi qualcos'altro! Don Vincenzo: Dobbiamo gridarlo a tutti che dobbiamo amare noi stessi, perché nell'amarci scopriamo proprio questa Somiglianza Divina, questo Essere Fatti a Sua Immagine e a Sua Somiglianza! E quindi dobbiamo amarci proprio per scoprire la nostra Vera Identità e per capire ancora di più come il Padre ci ha fatti a Sua Immagine e Somiglianza, Croce, perché ognuno di noi è Croce da sempre! E non solo, ma questo amarci ci fa prendere coscienza di come siamo preziosi agli Occhi del Padre e perciò è il Padre Stesso che ci Invita a riflettere su noi stessi, specchiandoci e scoprendo proprio la nostra Vera Identità, cioè quella di essere Figli di Dio e perciò Suoi Eredi! <Raffaele si è fatto anche lui un paninello grande e si ride> Gesù: Un po' ti sei mangiato la salsiccia e hai lasciato il pane! Don Vincenzo: Lo vuoi, facciamo metà ciascuno? Gesù: Io mangio questo! ......Non parli più? Don Vincenzo: Sì! Raffaele: Posso? Gesù: Eccomi! Raffaele: Gesù, tanti anni fa hanno fatto tante opere d'arte per Te: la Cappella Sistina, la Pietà, ma sono state fatte per Te? Gesù: No, Io non le ho chieste! Raffaele: Sono bellissime, delle grandi opere, ma sono per loro? Gesù: ! Raffaele: Gesù, c'è un quadro che ti assomiglia? Gesù: No! Raffaele: È il Quadro dell'Ultima Cena... ma manca una persona a fianco a Te? Gesù: Chi manca? Raffaele: Non lo so! Ma è giusto come quadro? Gesù: Neanch'Io lo so! Raffaele: C'è uno spazio vuoto! Gesù: Che vuoi? Raffaele: La Maddalena non c'è lì! Gesù: Sono belli quei dolci, eh, eh......! <Gesù cambia discorso indicando i dolci e si ride> Raffaele: Eccomi! Gesù: Ogni cosa a suo tempo e Giovanni con i Pargoli e tutti gli altri Servi Inutili stanno preparando quello che si deve dire quando c'è la Festa...... e Mi farete compagnia......! Raffaele: Gesù! Gesù: Eh! Raffaele: Tutti quanti dovremmo essere come delle foglie secche e dove Soffia il Padre ci dovremmo poggiare? Gesù: Ma il Padre non è secco! Raffaele: No! Gesù: E se il Padre non è secco, neanche i Figli sono secchi, solo che vi fate spostare dal vento e pensate che nè Io e neanche il Padre vi vediamo e pensate che nè Io e neanche il Padre vi sentiamo......! Ma fate tutto con le vostre forze: Io Parlo a voi e al mondo intero, ma se non c'è il Soffio e se non si ascolta il Padre, si cade e poi, se si cade, ci si fa male e lo Strumento una cosa può prenderla e un'altra la deve lasciare, anche se bussa-bussa per prendere tutto! Don Vincenzo: Bussa, Gesù, perché sono tanti i Flagelli e i Sigilli che scendono in continuazione! Gesù: E tanti ancora cresceranno! Don Vincenzo: Anche questi Sigilli, lei vuole dirli......! Gesù: Ne ha detto solo metà ed è gioiosa nel poterli Bere...... ma li voleva Bere tutti in una volta e Io gli ho detto: metà e metà! Raffaele: L'ultima domanda! Gesù: Sei sicuro che è l'ultima? Raffaele: Adesso la Cocciuta è la più "Giusta" sulla Terra? Gesù: Non lo so, eh, eh, eh, lei rimane Straccio Stracciato e fa rimanere Stracci Stracciati ad ognuno di voi! Raffaele: Dovremmo ascoltarla molto molto molto di più! Gesù: , perchè è la Voce del Padre! Raffaele: Perchè è la Tua Portavoce, Gesù...! E se è "Giusto" il Padre, è "Giusta" lei! Perché allora pensiamo di essere superiori a lei? Gesù: Dimmelo tu, ditemelo voi se pensate di essere superiori al Padre e di non aver bisogno del Padre! Raffaele: Noi non saremo mai capaci di fare quello che fa lei, senza ombra di dubbio, eppure pensiamo di essere superiori a lei, pensiamo di poterla guardare dall'alto in basso e pensiamo di essere più intelligenti di lei, più sapienti di lei, più saggi di lei, più aggiornati di lei......! Gesù: L'umanità non Mi ha messo al Primo Posto...... e non Mi ha messo neanche all'ultimo...... e la Cocciuta vi raccoglie e vi porta sulle spalle, nell'Arca e con i Remi, nella Vigna...... a Lavorare, anche se viene sputata in faccia, come Lo Sono Io! È bello ricordarsi del Servo Inutile Valentino, non poteva che insegnarci ad amare ma ancora non lo si fa perchè non si ama, non si perdona e non si usa Carità! Lui l'ha fatto tutto per il Suo Gesù e per il Suo Padre Celeste e ha insegnato l'Amore, ma quello di Dio e non quello della Terra! Incominciate anche voi a fare i primi passetti dell'Amore, della Carità e del Perdono! I Tempi che stanno arrivando li dovete combattere con l'Albero Verde, con l'Amore, con la Carità, con la Pace, perchè non avete altre Armi, queste soltanto con il Pane che il Padre Spezza, con la Schiera che Combatte e con Maria che Aspetta......!(*) Don Vincenzo: ...Giovanni, Benvenuto...... PICCOLO GIOVANNI: ...Con la Croce e con il Pane...... Invitandovi sempre a Tenerli Alti! ......Stai bene tu? <Giovanni saluta con la Croce e schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nico', come andiamo? Nicoletto: Eccomi...! Piccolo Giovanni: Tere', come andiamo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Mari'! Maria: "Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì"...... Eh... il caffeuccio, tieni! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Un altro goccino... ecco, è buono? Don Vincenzo: Eccomi! Ah! Piccolo Giovanni: Mo' vediamo se è buono! ......Si, è il caffè fatto dalla Cocciuta! Chi lo vuole se lo va a prendere, Io Mi bevo il Mio! Ehi, ma state tutti bene? <Giovanni schiocca qualche altro bacio> Allora, Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che hai combinato? Maria: Dieta sopra dieta... Piccolo Giovanni: Eh... eh... Dottore', tu che dici? Teresa: Dico di sì! Piccolo Giovanni: Sei sicura, sicura, sicura? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nico'..., tu cosa ne pensi della dieta? Nicola: Eccomi! La sta facendo! Piccolo Giovanni: E cosa stai combinando ancora? Maria: ...Qualche visita inopportuna ho ricevuto! Piccolo Giovanni: E cosa hai fatto dopo? Maria: Purtroppo ho girato tutta la casa buttando acqua benedetta come mi avevi insegnato Tu! Piccolo Giovanni: Eccomi! E cosa vuoi dirmi? Maria: Eccomi! Sono quattro giorni che sto proprio proprio bene: Eccomi! Piccolo Giovanni: Il tuo stomaco è vuoto? Don Vincenzo: Sì, però va bene così! Piccolo Giovanni: La furbacchiona sa che così Io gli mando qualcosa...! Cosa gli mandiamo? Eh... per prima un po' di verdurine... eh, si... queste sì! E poi ho visto che c'è la festa e gli diamo... Maria: ...Auguri alla Mamma! Piccolo Giovanni: Vediamo cosa c'è nel paninello! Vediamo se Mi piace...; si, diamogli questo... niente caffè..., niente vino e niente liquore! Gli mandiamo un dolcino! Quello..., ecco! ...Dottori, con tutto il rispetto adesso lo faccio Io il medico...! <Si ride un po'> E Io non mangio niente stasera? Non Mi donate nulla? Don Vincenzo: Vuoi una di queste? Piccolo Giovanni: Mi devo mangiare questa? Don Vincenzo: No, la salsiccia! Piccolo Giovanni: , la salsiccia, così Mi faccio il paninello con la salsiccia...... e dopo che Mi faccio... ehi è buono! , così si mangia meglio, ma non romperti i denti... eh! È dolce mangiare Dio! È dolce gustare il Suo Amore! Quale Padre si sarebbe fatto mangiare dai propri figli? Tutti pensano a crescere nelle cose del mondo, nel curare i propri interessi..., mentre Dio, Padre Buono, si Spezza e si fa mangiare attimo dopo attimo dai propri figli...... e i figli cosa fanno? Lo gettano, Lo calpestano, Lo sputano e Lo cacciano fuori! "Sei vecchio, vattene! Abbiamo le cose moderne, non ci servi!" È questo che viene detto ad un Padre, o Mi sbaglio? ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti male? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Dottore'! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Teresa: Un po' mi fa male la testa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Se ti fa male la testa... che facciamo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Faccio arrivare un Soffio? Teresa: Eccomi! <Giovanni emette un Soffio> Piccolo Giovanni: Nico', come va l'orto? Nicola: Eccomi, bene! Piccolo Giovanni: Eccomi, bene! ...Tu non hai nient'altro da dirmi, Maria? Maria: Che vuoi sapere, Giovanni? Piccolo Giovanni: Cosa vuoi dire tu? Maria: Da giorni a Lauria si stanno preparando per la Festa del Lentini...... sono giorni particolari...! Oggi è la Festa di Don Mario, perché gli piaceva tanto......! Piccolo Giovanni: Sei sicura? Don Vincenzo: Gli piaceva perché si riferiva alla Mamma e non perché è la festa degli innamorati! Piccolo Giovanni: Brava! Maria: Giovanni, ma il Servo Inutile Valentino era un monaco? Piccolo Giovanni: Si! Maria: I resti sono in quella chiesa dove siamo andati io e Nicoletto? Piccolo Giovanni: Forse! Don Vincenzo: Viceparroco che c'è ancora? Mortadella? Piccolo Giovanni: ...La mortadella? Devo mangiare le stesse cose che ha mangiato Gesù? ...La salsiccia! ...Lui copia Me ed Io copio Lui: ci siamo sempre copiati! ...Mangio quello che ha mangiato Lui! ...Tu preparati a dirMi qualcosa! ...Ecco, basta così! Eh, si, deve copiare pure Me... <Rivolto a Raffaele che imita Giovanni nel mangiare il pane con la mortadella> Tu l'hai mangiata la mortadella? Maria Elena: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma voi cosa pensate che il Cielo viene a scomodarsi per dire: "ho mangiato questo...mangio questo... mangio quest'altro...", ma lo sapete che state mangiando Dio.........? E lo sapete che la Grazia che è rimasta in mezzo a voi è Maria? ......Ma mangiando Dio e accogliendo la Grazia che è Maria, Tabernacolo Vivo, neanche riuscite ad immaginare cosa vi sta donando Dio, a cosa vi sta preparando Dio, a ciò che Dio vi farà fare nel Suo Nome! .........Mi state seguendo? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quante volte ancora devo ripetervelo di rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e di far sbocciare sempre di più l'Amore fra di voi e di riconoscere i Tempi del Padre? ......Ma voi sbagliate ancora......! Ora parla tu un poco che Io ascolto! Don Vincenzo: Giovanni, Ti Sei prima riferito al Servo Inutile Valentino, a questo monaco che ha amato tutti e sempre, amici e nemici...! Il suo è un Amore Universale, quello che piace al Padre, che è poi quello che state assaporando Voi del Cielo...! Piccolo Giovanni: ...Lo state assaporando anche voi se non lo gettate via! Io non L'ho gettato, ma L'ho spezzettato e Lo spezzo ancora per farveLo assaporare! Don Vincenzo: Volevo riferirmi anche alla Cocciuta, perché nei suoi 29 anni di Visitazioni... e comunque dal Grembo Materno... è vissuta sempre come "una martire", fedele sempre a Dio, Nocciolo Scorticato da tutti, col Sangue che fuoriesce dalle Sue Piaghe visibili e invisibili, e noi qui continuiamo ancora a metterla in dubbio, continuiamo ancora a voltarle le spalle, continuiamo ancora ad usare i "se...", i "ma...", i "perché...", i "come......" di fronte ad uno Strumento di Dio, di fronte ad un Dono del Padre che ci ha mandato Lei, proprio perché non smarrissimo la via, proprio perché non ci sbagliassimo a imboccare non la stradetta larga ma quella piccola, stretta ed in salita! ...E noi continuiamo ancora a dire "se...", "ma...", "però...", "perché..." e continuiamo ancora a difendere il nostro io, e a difendere i nostri ragionamenti, quando invece questo Strumento ci è stato mandato dal Padre... e dovremmo solo inginocchiarci di fronte a Lei e dire "Eccomi!" ......E invece continuiamo a dire "la nostra versione", come se il nostro punto di vista contasse qualcosa! È lei lo Strumento Divino! Dio a lei ha mandato per guidarci sulla Via della Luce e non delle tenebre...! Piccolo Giovanni: ...Io Mi sono fermato e ho messo il Mio Sigillo di Sacerdozio Vivo ed Eterno nel trovare Dio Piccolo e Povero e nel dire la Verità Tutta Intera! Don Vincenzo: Proprio quello che stai dicendo "Piccolo, Povero, Ultimo", questo è il nostro posto! Il nostro posto è questo soltanto di fronte alla Cocciuta, perché solo Lei è la Voce del Padre, e quando parla Lei, Parla il Padre! Piccolo Giovanni: Io dinanzi a lei non lo dicevo, ma con gli altri, si! E adesso che Parlo nel Giardino in mezzo a voi dove ci sono tutti i Servi Inutili, tutti i Cari, le Schiere, ed è tutto pronto, posso dirlo! Mi sono mostrato come Dio dinanzi ai suoi occhi nel TrasfigurarMi, e l'Immagine di Dio Brillava dentro di lei e anche fuori!(*) ...E dicendovi questo, pur vedendoMi vestito e con la Luce del Padre, non si degnava di toccarMi! Vedeva il Volto, vedeva Dio dinanzi a lei e dentro di lei e diceva "non posso toccarTi! Non posso io segnare Dio col Segno della Croce!" ...E Dio che le diceva "fallo perché lo sei anche tu", e ha ascoltato e Mi ha segnato Dio sulla fronte guardandosi dentro e fuori e dicendo "lo stesso sono io! Nulla è impossibile a Te, Papà Dio"! E così dovete fare anche voi, Piccoli e Semplici, vedervi e vedere Dio nella Semplicità dei Piccoli, dei Poveri, degli Emarginati, dei Figli Drogati, dei Figli Carcerati e dei Nemici!(*) ...Il Padre l'ha mandata... ma nel mostrarMi a Lei... Don Vincenzo: ...Anche Tu Ti Sei Trasfigurato...... Piccolo Giovanni: Dinanzi ai suoi occhi! Il suo cuore non solo batte e si ferma ed è come lo senti tu, ma in quell'attimo è esploso!(*) ...Non temete se gli uomini rideranno, ma lo Strumento Mi ha visto così: Dio che si inchinava dinanzi al Cuore di Maria e al Cuore del Figlio! E lei che diceva "non posso farTi così... e non posso neanche metterTi al collo lo scapolare dei Due Cuori...", ma poi l'ha fatto! "Ma come posso mettere al collo di Dio un'immagine e segnarlo sulla fronte?" E Dio le rispondeva "fallo"! ...Preparati ai Tempi del Battesimo, Giova'!(*) ...Dovrà scendere un altro Battesimo, e come Arde il Mio Cuore fin quando non scende! Don Vincenzo: Scendono le Gocce dell'Amore! Piccolo Giovanni: È il Battesimo!(*) ...Io ho parlato, ora parla tu un poco! ...Ehi, salute! ...Ciao! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sei bello fresco fresco! Donategli da mangiare... e parla! Raffaele: In tutti gli anni che sei stato vicino alla Cocciuta, c'è una cosa che Ti rimproveri? Piccolo Giovanni: Negli anni che sono stato vicino alla Cocciuta... una cosa che devo rimproverarMi? Raffaele: Specie all'inizio quando l'hai conosciuta, eri diffidente? Piccolo Giovanni: No, quando ci siamo incontrati, i nostri occhi hanno parlato e i nostri cuori anche, dal primo istante... se vuoi sapere altro Me lo dici in privato... Eh... Eh... Eh...! <Si ride un po'> Raffaele: Eh... Eh... Eh... eh, si, era quell'altra cosa che volevo sapere! ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Ma Tu come ci vedi? Non siamo migliorati per niente? Piccolo Giovanni: Tu che dici, Nico'? ...Sei sveglio? Nicoletto: Si, sono sveglio... ma non penso che siamo migliorati, perché l'hai già detto Tu che Dio ci ha scelto... e solo la Cocciuta poteva sceglierci e sopportarci......! Piccolo Giovanni: Ho detto che solo la Cocciuta poteva portarvi sulle spalle! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: I Pargoli sono super-impegnati ma ti hanno lasciato i saluti, è vero? Mario: Eccomi! <Giovanni schiocca un bacio> Piccolo Giovanni: Stanno preparando il "Tutto" della Festa! Raffaele: ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Ma ai Tempi di Gesù... Piccolo Giovanni: ...E quali sono i Tempi di Gesù? Raffaele: Tanti anni fa! Piccolo Giovanni: No, i Tempi di Gesù sono attimo dopo attimo, non possono passare! Raffaele: Ma quale terra ha calpestato? Piccolo Giovanni: Non lo so! Raffaele: Ha attraversato i mari? Piccolo Giovanni: Io nuotavo e nuoto ancora! Raffaele: Ma Gesù li ha attraversati? Piccolo Giovanni: Non lo so, non gliel'ho chiesto! Eh... Eh... Eh... Io sono capriccioso, eh? È vero Mari', Giova', Nico' e Tere'? Maria, Nicoletto e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Giova', ma sei sveglio? Don Vincenzo: Prego? Piccolo Giovanni: Ho chiesto a te: è vero che sono capriccioso? Don Vincenzo: Quando vuoi! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Quando voglio? ...Eh! E quando non voglio? Don Vincenzo: Sei serio, specialmente quando dici "non voglio giustificazioni"! Piccolo Giovanni: No, e non ne accetto! "se...", "ma...", "però..." e neanche giustificazioni! ...Cosa c'è, viceparroco? Raffaele: Non Te la vorrei fare questa domanda... però Te la devo fare! Piccolo Giovanni: E vediamo... se non ti arriva qualche palata in testa... Eh... Eh... Eh... Raffaele: Te la faccio o non Te la faccio? Piccolo Giovanni: E vediamo... tanto Io ti so rispondere! Raffaele: Ti aspetti dei tradimenti? Piccolo Giovanni: Si! Raffaele: Tanti? Piccolo Giovanni: Non li ho contati, Io non do' i numeri! Lo dicevo sempre e lo dico ancora che Io non do' i numeri! Raffaele: Si fa fatica, eh? ...Molta? Piccolo Giovanni: A fare cosa? Raffaele: A credere nella Cocciuta è proprio difficile? Piccolo Giovanni: Calice Vivente, rispondi tu al posto Mio! Don Vincenzo: Come si fa a non credere alla Cocciuta? Dopo 29 anni di Visitazioni, si può mettere ancora in dubbio la Cocciuta... tra "Chi ci crede..." o "chi non ci crede..."? ...Si è sordi e ciechi se non si crede alla Cocciuta! Mettere in dubbio la Cocciuta significa proprio bestemmiare, perché i Messaggi di Gesù, che Questa Visitazione ci Dona sono oltre Centomila pagine, sono oltre Centomila "Pani", sono oltre Centomila Apparizioni che Gesù viene a fare qui a Timparelle, e come si puo' non riconoscere Gesù? È così Vero ed è così Umile nel Suo venire, che non c'è un minimo di dubbio! ...E guai anche a farle queste domande...! Piccolo Giovanni: ...No, ha fatto bene a farla! Don Vincenzo: ...Perchè entrare nel mondo della Cocciuta significa entrare in Dio, perché Lei è un Pezzo di Dio, è lo Strumento di Dio, è la Voce di Dio e non ha Eguali nella Storia! E noi dovremmo baciarle i piedi perché è un Nocciolo che si fa continuamente Scorticare! Piccolo Giovanni: In tanti hanno cercato di cacciarMi, di mandarMi via, di non ascoltare... e tanti Figli Ministri Mi hanno detto di rovinare l'Immagine Pulita di Domenico...! Don Vincenzo: ...È un Nocciolo Scorticato che ha i Chiodi Divini Vivi...... invisibili ma Vivi...! Entrare nel Mistero della Cocciuta è scoprire che la Cocciuta è proprio un Mistero... e sta sia alla Destra del Padre e sia in mezzo a noi a combattere! Piccolo Giovanni: ...Si, devo dirvelo: è un Mistero! Don Vincenzo: Sta alla Destra di Dio e sta in mezzo a noi...! Piccolo Giovanni: ...Come un Mistero è il Calice Vivente, e come un Mistero Sono Io in mezzo a voi! Siete i figli scelti uno ad uno dal Padre, per inserirvi nella Vigna che è stata Tolta ai Vignaioli e Donata ad ognuno di voi! Siete i figli che abitate nell'Arca e avete i Remi! I Tempi sono scesi: non dimenticatelo! ...Calice Vivente, Calice Vivente... il Solco non dimenticarlo di completarlo! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quando si aprirà il Sole nelle Mie Mani? Piccolo Giovanni: Il Sole si aprirà quando Vorrà il Padre! ...Cosa vuoi sapere ancora? Raffaele: Il Padre ha scritto tutto... Piccolo Giovanni: ...Si... Raffaele: ...E deciderà tutto? Piccolo Giovanni: Ha già deciso tutto... eh, se ha scritto tutto! Raffaele: Ma si può sempre fermare un attimo prima se la Cocciuta lo chiede? Piccolo Giovanni: Non posso risponderti! La Cocciuta bussa, bussa, ma su questo non posso risponderti! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Ma non Mi date più niente da mangiare? Don Vincenzo: Vuoi un altro po' di salsiccia o di mortadella? Piccolo Giovanni: L'ho già mangiata la salsiccia e la mortadella! Don Vincenzo: Allora dobbiamo scegliere altre cose! Piccolo Giovanni: Che Mi date ancora da mangiare? Don Vincenzo: Eh, vedi Tu! Piccolo Giovanni: ...Si! Tu lo vuoi uno? È la Festa! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Non mangi più? ...No? ...Non gli avete dato più niente da mangiare? ...Si, e mettici la mortadella dentro! ...Ti basta? Qualcuno: Si! Piccolo Giovanni: Ne vuoi uno, Teresa? Teresa: Come vuoi Tu! Piccolo Giovanni: Eh, si! ...Portagli quello a Teresa! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Dimmi qualcos'altro che si è fatto tardi! Don Vincenzo: È mezzanotte! Piccolo Giovanni: Ancora è presto! Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: ...Cin-cin! ...Salute! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Si, è proprio buono il Miscuglietto! ...Allora, vuoi chiederMi qualche altra cosa? Sono Capriccioso, sono Giocherellone ma sono sempre Don Mario... Mi avete conosciuto tutti! Don Vincenzo: Domenica scorsa, nel Pomeriggio del 9 Febbraio, Seconda Domenica del Mese, la Mamma ha detto che ognuno è libero di prenderlo o di lasciarlo il Messaggio: il Pane è sulla Mensa e chi ha fame mangia, ma chi non ha fame getta le Perle! Piccolo Giovanni: ...Si, lo so, l'ho sentito quello che ha detto! Don Vincenzo: "Qui è la Mensa... e chi vuole mangiare, mangi: i Messaggi sono Pane..." Piccolo Giovanni: "...Ma non si devono gettare le perle ai porci...!" ...Io vi dico a tutti voi, figli, in semplicità così come lo sono sempre stato, "è semplice ma pepato"! Ma adesso ve lo dico così senza essere pepato: guardate Dio, guardate i Tempi e non siate più sordi ma ascoltate! Togliete l'io e al posto dell'io metteteci Dio, figli!(*) ...E avendovi detto questo ho detto tutto! ...Ma tu la vuoi la Croce? Dora: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! E come mai prima non hai risposto quando la Cocciuta ti ha chiesto se volevi la Croce? Non hai visto i suoi occhi di Croce? ...È pronta! Donagliela Tu, Calice Vivente, dicendo "vuoi amare Dio e il fratello?" Poi fagliela baciare e mettigliela al collo!(*) Don Vincenzo: Vuoi amare Dio e il fratello? Dora: Si, Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi!(*) Piccolo Giovanni: Ecco... <Giovanni schiocca un bacio a Dora> ...L'Esercito deve crescere! ...Ora puoi andare! Ma non dimenticate che dovete combattere perché è Tempo di combattere!(*) ...Perché Mi guardi così? Raffaele: Aspetto delle risposte! Piccolo Giovanni: Quando c'è la Festa... adesso Io devo andare a preparare ancora insieme ai Pargoli e a tutti i Servi Inutili! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> I Bimbi di Mario e Maria Elena: ...Ciao, papino... ciao, papino... possiamo dirti solo ciao e scappare... ciao, poi veniamo a raccontarti una favoletta... ciao! Piccolo Giovanni: Hanno da fare, hanno da lavorare... i Tempi sono tutti scesi! È lo Strumento che si poggia sul Cuore del Padre nel fermare i Gradini! Pregate "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Ave Maria" e "Padre Nostro" e fermate anche voi i Gradini, figli!(*) ...Lascio ancora in mezzo a voi il Filicino un po' chiuso e un po' aperto... ma la Cocciuta adesso deve rimanere all'Ubbidienza e Lo deve tenere legato, e quando va a poggiarsi sul Cuore del Padre e Gli chiede di aprirlo, il Padre non sa cosa risponderle!(*) ...Io ve lo lascio così com'è in questo istante!(*) <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Gesù: ...Eccomi, con la Croce e col Pane! Don Vincenzo: Bentornato, Gesù! <Gesù soffia sui presenti> Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Non Mi sono mai allontanato! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: C'è mai stata nella Storia una Visitazione così in qualità e in quantità? Gesù: No, e non ce ne saranno altre! Tutti i falsi profeti verranno smantellati! Don Vincenzo: Tu ci hai detto che ci farai vedere il Padre... e tutti lo vedranno......! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: E il Sole che è nelle mie mani si aprirà e tutti lo vedranno! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Nell'ultimo messaggio si parla di una scadenza che sembra alludere ad un'imminenza......! Gesù: I Tempi del Padre... Don Vincenzo: ...Sono del Padre... Gesù: ...Si, sono del Padre! Voi dovete essere pronti e preparati, ma i Tempi del Padre sono i Tempi del Padre!(*) Don Vincenzo: Può darsi pure che il Padre anticipi? Gesù: Io non lo so! Tu di solito quando la Cocciuta ti dice qualcosa, fai così... e lo faccio anch'Io! ........................Ora devo andare! Tu Saluta con l'Albero Verde! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io vi Lascio il Mio Cuore Spalancato: venite tutti, Figli Miei!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e lo Spirito Santo che è Maria! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Guardo in alto per non guardare in basso, se no poi vedono dove Sei...!(*) ...C'è ancora tanto movimento, Giovanni!(*) ...È da adesso che vi siete messi a preparare per il Giorno dell'Invito della Festa?(*) ...Non si stancheranno i Pargoli? Posso venire ad aiutarli?(*) ...Ma Tu non Ti stanchi mai?(*) ...Perché Tu lo fai...?(*) ...Giovanni, i Tempi vogliono saperli, ma io ancora non ho l'Ordine di dirli, ma ho solo l'Ordine di dire di preparare le Capanne!(*) ...Li hai già visti gli altri Flagelli ed i Sigilli!(*) ...Tienimi sempre per mano... e donatemi sempre la Costanza e la Forza! Il Filicino c'ha anche il Fiocco(*)... si, si può sciogliere facilmente, ma per il momento non lo posso fare...!(*) ...Non posso aprirlo tutto tutto perché ci sono i Rotoli!(*) ...Guarda i Tuoi Figli!(*) ...Guarda la Tua Famiglia!(*) ......Ci vediamo dopo!(*) ...Eccomi per l'Eternità!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, non far scendere i Gradini e non farli aprire, ma sia Fatta la Tua Volontà e non la mia!(*) ...Ci sono i Giorni ed i figli ancora non hanno capito: aspetta ancora un po', Padre Buono!(*) ...Non Ti chiedo niente, Ti chiedo solo di Aspettare e di Donarmi la Costanza e la Forza!(*) Il Padre: Hai il Tutto del Mio Cuore!(*) Giulia: Eccomi!(*) ...E visto che siete tutti al Banchetto ma nello stesso Tempo state Lavorando, mi unisco con tutti i figli al Banchetto e con tutti i figli al Lavoro! Li porto sulle mie spalle! Adesso Salutiamo tutti i Servi Inutili, tutti i Cari, tutti i Pargoli e tutte le Spose che sono entrate! ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Figli e Fratelli dell'Unico Padre!(*) ...Mamma Serafina e Violetta, chiedete aiuto e cucite i Vestiti perchè ce n'è bisogno......!(*) ...Dopo vengo a prenderli perché devo vestire le Spose che hanno donato la mano!(*) ...Ci vediamo! <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Dio Spalancato in mezzo a noi!

 

 

 

 

4. Giov. 20/02/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in silenzio, poi alza la Destra col Segno Trinitario e fa scendere la Sua Benedizione> Il Cuore dell'Arca e della Chiesa Nuova brillerà e si aprirà col Segno Tremendo della Croce di Dio nel Luogo del Seno di Maria, nel Luogo scelto dal Padre, ma brillerà e tutte le Genti vedranno ciò che Dio ha creato e ha scritto da sempre nel Libro del Suo Cuore, nel Libro che mostrerà a tutte le Genti! Tutto si fermerà, ma Tutto camminerà sulla Via di Dio! Tutti gli uomini sentiranno, ma non tutti si fermeranno a prendere ciò che è di Dio e dei Figli! Ma vigilate, il Veleno cammina, i falsi profeti avanzano.........: figli non cadete, ma preparate le vostre Capanne nel Segno Tremendo della Croce! <Gesù Benedice col Segno della Croce> E nel prepararLe Amatevi gli uni gli altri rimanendo Famiglia, la Famiglia di Giuseppe, di Maria e del Figlio che Sono Io, Gesù, il vostro Gesù da sempre, Figlio, Fratello e Amico......! E nell'Ubbidienza al Padre e nell'Amore Pieno Mi Sono Donato e Mi Dono......! Donatevi anche voi nell'Amore, nell'Ubbidienza, nell'essere Piccoli e Poveri e all'Ultimo Posto, così quando si rimane all'Ultimo Posto e quando vi girate vedete solo la Croce che è il Tutto dell'Amore, Figli Miei! ...Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Perché sospiri? Giulia: Eccomi, Gesù... Tu lo sai! Eccomi! Gesù: Guarda, Anima Mia......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Questo Flagello scende......! Gesù: Lo sai già! ......Vuoi bere questo e far scendere l'altro? Giulia: No, aspettiamo, Gesù! Visto che posso scegliere, io sceglierei di bere tutti quanti..., ma l'Ubbidienza è quella che Amo di più, Gesù! Gesù: Guarda.........! Giulia: Tutti, tutti cadranno?(*) Gesù: ......Dì tutto quello che vedi! Giulia: Tu mi chiedi perché sospiro? Vedo una pioggia che non è pioggia..., non è acqua..., non è ghiaccio... ma sono dei lenzuoli e dei fazzoletti bagnati di Sangue... e scendono come pioggia, e uniti a questo..., devo dirlo?(*) ...Ci sono tanti pezzi di persone e cadono anche loro come pioggia! E cadendo a terra ci sono ancora altri Flagelli e continua a cadere il Sangue e continuano a cadere i resti delle persone, e il Flagello diventa ancora più grande! Dio dell'Amore! Padre della Misericordia! Mamma del Dolore! Gesù: Ma tutto questo deve avvenire......... e dopo ci sarà il Trionfo! Giulia: Gesù, non posso fare niente, niente? Gesù: La Volontà del Padre! Giulia: "Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù!" E per l'Eternità metto nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai Donato; tutti i figli; la Famiglia, anche se ancora non hanno capito ciò che stai facendo e ciò che ci stai donando, ma accoglici ancora......! Gesù: Tu portali sulle spalle, così come il Padre te li ha consegnati! Giulia: Eccomi! ......Metto i Cuori, metto i Sussurri, metto coloro che si sono affidati alle mie preghiere, tutte le Pietruzze, tutti i Sacerdoti, coloro che Ti hanno tradito e Ti tradiscono ancora e il "mio niente" della giornata! Gesù: Eccomi! Ora Guarda.........! Giulia: Questo Flagello potrò Berlo? Faccio come l'altra volta e ne bevo un po' alla volta? Gesù: E tutti gli altri come li Bevi? Giulia: Come Tu vuoi...... perché c'è da lavorare...: Eccomi! Gesù: Guarda, Anima Mia.........! Giulia: Eccomi, Gesù! Sono gioiosa e lo devo Bere.........! Gesù: Come fai? Giulia: Prendo il bicchiere e Bevo! Gesù, devo proprio dirlo? Posso Berlo? Ci sono i Pargoli..., "c'è la pancia"......... non è meglio che lo Bevo zitta zitta senza dire niente? Gesù: Di' solo che "è così grande questo Sigillo!" Giulia: Ma mi piace.........: e anche se è grande lo bevo, basta che i bimbi, la pancia e tutti gli altri non sentono............! Gesù: E se sentissero il Dolore............? Giulia: No, Gesù, donalo solo a me! Non possono sentire il Dolore: è un Sigillo grande grande e non è bello! Basta questo......... perché è così brutto da berlo solo io.........! Lo Bevo, Gesù?(*) Si, se devo farlo lo faccio, ma non lo dico neanche al Calice Vivente in privato, altrimenti poi quello lo scrive! Va bene così, Gesù? Inizio a berlo dopo......... e non Ti preoccupare...... perchè faccio piano piano! Gesù: Anima Mia............! Giulia: "Anima Mia!", Ti posso chiamare anch'io così? Se mi chiami Tu "Anima Mia", Tu che sei l'Anima Mia e mi doni il Respiro, è bello se tutti quanti Ti potessero mettere al primo Posto e chiamarTi: Anima Mia, come riflesso dell'Amore e come riflesso della Croce! Gesù: L'Anima che brilla nel tuo Amore! Giulia: Ma nessuno Ti chiama così! Gesù: "Anima Mia!" Guarda ancora, Anima Mia, ma aggiungilo al Rotolo Vivo ciò che vedi! Giulia: Eccomi! Lo devi slegare il Filicino e poi legalo Tu per aggiungerlo perchè mi hai detto di non scioglierlo: Eccomi! Gesù: Quando ci sarà la Festa ne apriremo un po'... Giulia: Il Filo ce l'hai in mano Tu: Tu puoi scioglierlo e Tu puoi chiuderlo! Ora è così che vuoi ed Eccomi ancora per l'Eternità.........! Gesù: Rimanete nella Vigna e nell'Arca......... e Remate......... e porta sulle tue spalle ciò che il Padre ti ha donato da sempre............! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Ed Eccomi con i Due Banchetti preparati per tutte le Spose! Eccomi con tutti i Servi Inutili! Eccomi con tutti i vostri Cari! Eccomi con i Due Giovanni, Eccomi con Carlo, Pio e Domenico nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Tutti i Cari e tutti i Pargoli sono Uniti alle Schiere! Quelle di Maria sono fermi nell'Impastare, mentre la Schiera dello Strumento Cammina e Lavora nell'aspettare! Il Figlio che Salva è in mezzo a voi! Il Figlio non ha Sceso nessun Gradino e non ha aperto nessun Gradino! Tutti i Servi Inutili, tutti i Cari sono pronti nel Giorno del Padre nel Lavorare, nell'Impastare e nel rispondere: "Eccomi" a Dio! Fatelo anche voi, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Giulia: Eccoci, Gesù, rispondo per tutti! Ti ho consegnato i cuori e rispondo per l'umanità intera e per tutta la famiglia! Gesù: ...Pace al tuo cuore, Giovanni, Gesù-Dio! Don Vincenzo: Eccomi, Gesù! Gesù: Altri Fiori che sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Benvenuto Gesù! Gesù: Come stai? Eccomi! .........E voi come state, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora, cosa Mi dici? Stai bene? Don Vincenzo: Sì, Eccomi! Gesù: State male? Alcuni: No! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Com'è, non rispondete più? <Si ride un po'> Don Vincenzo: Quando ci sei Tu in mezzo a noi si sta sempre bene! Gesù: Sei sicuro che state tutti bene quando Io sono in mezzo a voi? Don Vincenzo: Sì, speriamo di sì! Gesù: Eh, hai detto bene: "speriamo di sì!" Tu cosa Mi racconti? Tutti stanno a Lavorare, tutti sono impegnati e metà si sono fermati con Maria e l'altra metà con la Schiera dello Strumento nel preparare......! Tu non hai niente da dirmi? Don Vincenzo: Sì, stiamo partecipando a tutto questo Ben di Dio che è sul Tavolo......... Gesù: Eh, si.........! Don Vincenzo: Stiamo Gustando il Padre......... com'è Buono.........! Tutto è Buono del Padre! Gesù: Il Banchetto è preparato per le Spose e per i Servi Inutili e per tutti quelli che lo Strumento ha portato e sta portando e anche per ognuno di voi! Don Vincenzo: È il Banchetto del Padre...... e si mangia e si beve...... e il Cibo è il Padre! E poi ci sei anche Tu, Gesù, come Cibo Divino, come Cibo d'Amore! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tu sei il Pane Vivo...... il Pane di Vita! Gesù: Eccomi! Consolate Domenico Lentini e pregate...... ed immolatevi......! FateGli compagnia e ognuno prepari nelle proprie case ciò che a Lui piace tanto: l'Umiltà e la Preghiera Silenziosa......! Sapete qual'è il piatto preferito di Domenico? Caterina: Gli spinaci! Gesù: Ognuno lo prepari, una porzione per uno e, dopo aver preparato quello, prendete anche del vino e prendete anche del pane, così Lo fate gioire nel Celebrare la Sua Festa! Non dimenticatelo! Don Vincenzo: E quand'è la Festa, il 25 Febbraio? <Gesù annuisce> Gesù: Ma in quel giorno è anche il Compleanno della Mamma della Cocciuta! Don Vincenzo: Serafina! Gesù: Eh, si, così la Cocciuta farà la Festa a Domenico e preparerà anche la Festa per la sua Dolce e Celeste Mammina...... il Fiorellino Spezzato ma Intero nel Mio Amore......! Ora parla tu un po', eeeh! Don Vincenzo: Avevo iniziato... Gesù: ...A fare i conti? Don Vincenzo: No, ......ma avevo iniziato la Catechesi proprio con la parola amarsi, amarci perchè ci dobbiamo amare gli uni gli altri e prendere coscienza che il Padre ci ha creati per essere un'unica Famiglia e per amarci l'un l'altro...! Gesù: Ma vi amate voi gli uni gli altri? Mosè: Poco e niente! Gesù: Forse più niente che poco......! Non dovrebbe essere un Giardino Fiorito il vostro cuore e il vostro vivere? E la vostra giornata non dovrebbe essere una Lode che sale al Padre? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ma non c'è nessuna Lode! Vi ho lasciati Piccoli, Poveri e non vi ho fatto come gli altri luoghi dove Mi vendono e Mi comprano, ma non c'è l'Amore! Voi dite di amare, ma se non amate i vostri fratelli non c'è pace tra di voi! ...............Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? L'Amore Lo porta attimo dopo attimo lo Strumento amandosi e amando ognuno di voi, Bevendo i Calici Amari, Bevendo i Fiumi e i Pozzi, Bevendo i Flagelli e non dicendovi neanche quello che Beve e così raccoglie le Piccole Gocce d'Amore che trova per far gioire il Cuore del Padre: "Ecco la Famiglia, questo è il Raccolto......... Ti basterà Padre.........?" Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Dobbiamo imparare a pensare secondo Dio, e se non facciamo questo, penseremo sempre secondo gli uomini e faremo le cose del mondo! Quando invece impareremo a pensare secondo Dio, allora entreremo nella Viuzza Stretta! Gesù: Dovete fare...... e non pensare...... perchè il pensiero cammina e va sulle cose del mondo e non fa le Cose del Padre! Don Vincenzo: Per fare le Cose del Padre bisogna amarci l'un l'altro, anzi bisogna amare noi stessi prima di tutto! Gesù: Se non vi amate voi, non potete amare né gli altri e neanche Dio! Don Vincenzo: Gesù, siamo fatti a Immagine e Somiglianza Tua e siamo Croce.........! Gesù: Lo sappiamo già questo, e dovreste averlo imparato ma da quando sto dicendo di preparare le Capanne, ancora non l'avete imparato, eeeh......! Don Vincenzo: Siamo Figli! Gesù: , ed essendo Figli... Don Vincenzo: ...Siamo Eredi! Gesù: Ed essendo Eredi... Don Vincenzo: ...Il Padre ci ha Donato Tutto! Gesù: E adesso il Padre ci Dona ancora Tutto! ...............Io Mi Dono, tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E allora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Così lo Strumento rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e pregherà e inviterà anche voi a pregare per quel Legno che si è Affondato e per quelle Mura che sono ancora bagnate di Sangue Innocente! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E rimarrà Crocifissa per ognuno di voi e per l'Umanità intera nel guardare Lontano così come guardo Io! Don Vincenzo: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono> Gesù: Questa è la Mia Carne! Questa è la Mia Carne: la Linea Dritta dell'Amore! Doniamoci nell'Amore Pieno del Padre! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto e ''punta'' a lungo la Destra alzata col Segno Trinitario e poi rimane in Raccoglimento e Offerta> ...Ecco, ci siamo Donati! La Pasqua è Risorta nella Gioia Piena del Padre e lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, ed è rimasta Crocifissa per le Mura Insanguinate e per il Legno che si è Affondato! ......Ma pregate, Figli! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Pregate per coloro che trafiggono i vostri cuori e fate sbocciare l'Amore dalle pietre ovunque poggiate i vostri piedi! Io non ho detto di scuotere la polvere ma di sanare e di poggiare! Io non ho camminato e sbattuto i Miei sandali nel lasciare la polvere ma ho lasciato il Mio Sangue e il Mio Amore! Il Padre Mi ha Mandato a portare l'Amore e non a scuotere la polvere, e Mi ha Mandato ad Amare! Don Vincenzo: Il Banchetto che è Dio non finisce mai! Gesù: No, non finisce, perchè Dio si Dona in Abbondanza! ...Vogliamo prendere parte al Banchetto così Mangiamo il Padre? Hai Fame di Dio? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Può sfuggire Dio a chi Lo cerca e Lo Ama? Tutti: No! Gesù: Eccoti! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ma adesso te lo ruberanno, tieni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Mi avete scambiato per una caprettina: Mi date l'erbetta? La Cocciuta non la vede neanche! Don Vincenzo: Perché, la caprettina che fa? Gesù: Mangia l'erbetta! Eh, , l'Agnello Immolato! Allora, come state? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Gesù: Eccomi! Ehi, cosa vuole la pancia impanciata? Eh, prenditi tutto quello che vuoi......! Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Allora tu che fai, mangi soltanto o parli? ...Vai! <Si rivolge a Raffaele che dona i bicchieri con l'Avanzo> Mangi soltanto? Salute! <A Marina che sta male> E allora non state tutti bene ma state tutti male! Mangiando al Banchetto del Padre si parla così come fanno tutte le Spose quando incontrano il Suo Amore: si Mangia Dio, ma si parla del Suo Amore! È l'Eredità Pensata per ognuno dei Figli, ma i Figli non guardano e non Mi cercano e non Amano l'Eredità di Dio preparata da sempre: è un Giardino così Grande dove non manca nulla, ma sporcato! E Maria con tutte le Spose ora è ferma con le Schiere e deve aspettare, ma non può finire di pulire il Giardino fin quando il Figlio non Scenderà e non Aprirà i Gradini! Lo Strumento con la sua Schiera Pulisce, Beve, Ferma e Porta le Spose! Vai, non temere........., non sbagli......! Don Vincenzo: Vorrei rifarmi a quella frase che conclude il Vangelo di oggi, quando Tu rimproveri Pietro dicendogli: "Satana, tu non pensi secondo Dio ma secondo gli uomini!" Gesù: Eh, , e questo è quando l'Umanità Intera Mi rimprovera: "Eeeh, se eri veramente Gesù a quest'ora chissà quante cose avresti fatto! Ehi, se andiamo in quel luogo, in quel luogo troviamo i Miracoli!" Ma Io l'ho detto e quello che ho detto ve lo ripeto: "non andate quando sentite parlare di Miracoli perchè lì ci sono i falsi profeti e non ci sono Io ma c'è il Veleno che cammina!" IO VENGO A PORTARVI IL PANE, LA VERITÀ TUTTA INTERA E, QUANDO AVRETE RICEVUTO LA VERITÀ TUTTA INTERA, VEDRETE IL MIRACOLO DI DIO! MA DOVE CI SONO I MIRACOLI NON CI SONO IO! DOVE MI VENDONO E MI COMPRANO CI SONO GLI UOMINI NEL LAVORARE PER LE COSE DEL MONDO! ...Ehi, state tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Vi amate tutti quanti? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, eh, ! Mosè: Questa è una domanda da "novanta", Gesù! Gesù: Cosa pensate, che Io non veda e non senta? Se era da novanta era già un Miracolo o Mi sbaglio? Quello che rispondete voi, non quello che ho detto Io! Lui ha detto che è una domanda da novanta, quale? Quella che dite voi o quella che dico Io? Mosè: Quella che dici Tu, Gesù! Gesù: Qui non stiamo giocando ai giochi che fanno nella scatoletta! Qui è Dio che parla e non esiste la risposta da novanta o da cento o Mi sbaglio? E se Mi sbaglio, "Mi corriggerete"! Don Vincenzo: Tu non Ti sbagli mai, Gesù, perchè Tu sei Dio! Gesù: ...Parla tu un po'! ...Eh, state mangiando tutti quanti? Tutti: Eccomi! Gesù: Com'è Buono Dio! Tutti: Eccomi! Gesù: MangiateLo! Me lo porti via, ho fame ancora, cosa c'è? Parla! Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Io Ti ridò il piatto! Eccomi! Gesù: Io te ne dò due a te, eh, ti raccomando eh, scarsetto, scarsetto, scarsetto! Eccomi! ......Parla ora! Don Vincenzo: Sì, volevo riferirmi alla Giornata............! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Il Padre ci dona ogni giorno ventiquattro ore e dovremmo dedicarle tutte a Lui perché il Padre ce l'ha già preparata la Giornata e aspetta dai Figli il contraccambio amoroso.........! Invece i Figli, trascinati dalle cose del mondo, finiscono la Giornata senza averla vissuta minimamente con la Fede, ma facendosi trascinare dal piacere, dall'avere e dal potere! Così non si fa altro che togliere alla Giornata la parte Divina, quella che invece dovrebbe abbellirla perchè preparata dal Padre attimo per attimo! E allora ognuno dovrebbe chiedersi: "Ma sto pregando in questa Giornata? Sto offrendo al Signore queste Sue ore? Sto ricevendo dal Padre queste situazioni perché così io le possa rioffrirgliele o no?" Mi riferivo all'ultima frase del Vangelo di oggi: "Lungi da Me, Satana, tu non pensi secondo Dio ma secondo gli uomini!" E se non si pensa secondo Dio la Giornata scivola via come quella del mondo, quando invece dovremmo essere proprio noi i protagonisti di una Giornata Divina, di una Giornata Meravigliosa, di una Giornata in cui c'è continuamente spazio per dare Lode al Padre e per fare sempre Carità! E allora: "Lungi da Me, Satana, tu non pensi secondo Dio" mi ha fatto riflettere proprio tanto, tanto! Ecco, questo volevo sottolineare: chissà quante Giornate abbiamo sprecato senza pensare minimamente a Dio, chissà quante ore abbiamo sprecato senza offrirle minimamente al Padre, chissà quante volte durante la giornata potevamo essere Cristiani veri e non lo siamo stati, potevamo essere Cristiani umili e non lo siamo stati, potevamo essere Cristiani Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e non lo siamo stati, potevamo essere dei Servi Inutili e non lo siamo stati, quindi praticamente la Giornata l'abbiamo dedicata al mondo e una Giornata dedicata al mondo è una Giornata sprecata, persa, buia perché non c'è affatto la Luce di Dio a illuminarLa! Gesù: Se ne va sulla Via Larga la giornata! Ma vedi, il Padre vi ha Donato lo Strumento, una Formichina che raccoglie tutte le "briciole" di ciò che voi fate cadere... ma parlo a voi e all'Umanità Intera! Io posso parlare, ma lei rimane sempre Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! Non lascia nessuna "briciola" a terra: la raccoglie, la ama, le dona il Soffio e la consegna al Padre! È questo che dovete fare: raccogliervi, amarvi e consegnarvi nelle Mani del Padre! Don Vincenzo: Ed è proprio questo che fa la Cocciuta dalla mattina alla sera! Gesù: La Cocciuta, si......, ma l'Umanità Intera, no! L'Umanità Intera grida verso Dio: "Quello è mio e me l'hanno rubato; quell'altro mi apparteneva e se lo sono preso!" Si fanno le guerre con le parole, si fanno le guerre riempiendo i cuori di odio e di veleno, cacciandoMi fuori! Quando c'è l'odio e il veleno non c'è spazio, ma Io Mi fermo dinanzi alla porta! Il Mio Amore non ha né Misure e nè Limiti...... e Io aspetto! Così come fa lo Strumento: aspetta i Figli! E quando li rimprovera li ama ancora di più! Ma i Figli non si lasciano neanche rimproverare e scappano! Io ho fame ancora......, ma poi Me ne devo andare a raccogliere le Spose e a preparare la Festa, e poi viene Giovanni! Giovanni ha buon gusto! ......Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, eh, eh, Eccomi, e adesso posso mangiare! Tu parla e Io mangio! Don Vincenzo: Gesù, quello che dobbiamo imparare è metterci di fronte a Te, di fronte al Crocifisso......! Gesù: No, quello che dovete imparare è prendervi e portarvi perché siete Crocifissi: questo dovete imparare! Dinanzi al Padre ci verrete quando si Aprirà il Sole e ci siete già e Lo state Mangiando, ma ancora non Lo vedete! ...Perché Mi guardi, Calice Vivente? Don Vincenzo: Siamo Croce e quindi siamo Crocifissi, fatti a Immagine e Somiglianza di Dio! Gesù: Eccomi! Raffaele: Gesù, perché non sei come Ti vogliamo noi? Gesù: Eh, eh, no, voi dovete essere come il Padre vi ha fatto...... ma avete cambiato Immagine! Raffaele: Gesù, quanto dura l'Ora del Padre? Gesù: Non c'è l'orologio! Raffaele: E il giorno È da alba a alba? Gesù: , voi vedete da alba a alba, ma l'Alba di Dio non ha Tempo! ..................Un paninello con la mortadella, poi Me ne vado e poi ritorno! Che c'è? Don Vincenzo: Ti prendi la mortadella? Gesù: Tu ne vuoi? Don Vincenzo: Sì, se la vuoi Tu! Gesù: Io sì, ho fame, ho preparato il Tutto e non ho mangiato per mangiare con voi! È bello mangiare con le Spose, con la Mia Famiglia al Banchetto che è Dio! Raffaele: Gesù, voi dite sempre di pregare per gli Emarginati e i Drogati......, tanti anni fa avevo il mio migliore amico che iniziò a frequentare altre amicizie e più volte mi pregava di andare con lui, anche se io non mi rendevo conto che iniziava a bucarsi; forse c'era qualcosa nel cuore che mi faceva fermare, non lo so, ma anche perché pensavo alla mia famiglia, alle delusioni che avrei potuto dare... Gesù: Non l'avresti fermato, saresti caduto anche tu! Raffaele: Era troppo determinato? Eppure io gli ho teso la mano parecchie volte, ho cercato di dissuaderlo ma non mi ha pensato proprio! Gesù: Ha preferito il mondo! Raffaele: E quando dite di pregare, oltre a questo, non si può fare più niente? Gesù: No, cosa c'è di più Grande della Preghiera nel dire: "Ave Maria- Padre Nostro"? Maria cosa vi ha consigliato di fare? A Me Mi hanno chiesto: "Insegnaci a pregare!" Gli ho insegnato a pregare e non Mi hanno ascoltato! Se voi aprite ancora di più il cuore e pregate per i Figli Drogati, per i Figli Emarginati, fate la Volontà del Padre, spalancate i cuori chiusi e li fate tornare "Figli" sulla Via Stretta...... e a Casa! Raffaele: Gesù, ma questo mio amico sta con Te o no? Gesù: Eccomi! Raffaele: Eccomi! Perché: "Ave Maria"? Gesù: Quando sarà il Tempo Maria vi dirà......, anche se qualcosa vi è stato già detto........., ma ogni cosa a suo tempo......! Raffaele: Gesù, ci sono tante persone che sono rinchiuse, che sono cosiddette: "malate di mente", che hanno altre patologie, è giusto che stiano lì? Gesù: Non c'è nessuno che li ama e li allontanano così come hanno allontanato Me: "è fuori di testa, cacciamolo!" Raffaele: Bisogna avere grande rispetto per il malato.........! Gesù: Amarli......, hanno solo bisogno di essere amati! E non dovete vergognarvi perchè molti si vergognano! Amarli, rispettarli e adorarli come il Padre! Ciccio: Quando ti hanno chiesto: "Insegnaci a pregare", i Tuoi discepoli l'hanno fatto? Gesù: No! Ciccio: Allora è stata soltanto una curiosità? Tutti sono andati via? Gesù: , non gli è convenuto, hanno pensato di fare altro! Venivano a prendere il pane del corpo ma finita la giornata se ne tornavano a casa e i luoghi erano vicini vicini! Ciccio: Per quanto riguarda quei luoghi dove si riuniscono, dove ci sono i falsi profeti, lì fanno i miracoli? Gesù: No! Io ho detto: "non andateci perché non ci sono! Gli uomini non possono fare i Miracoli!" Ciccio: E com'è che la gente, pur non vedendo niente, continua ad andarci? Gesù: Il veleno cammina! Ciccio: E li avvolge e li inganna! Gesù: Eccomi! ...Adesso devo andare!(*) PICCOLO GIOVANNI: ...Ehi... Don Vincenzo: ...Giovanni......... Piccolo Giovanni: ...Con la Croce e con il Pane! <Giovanni saluta con la Croce e schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: State tutti male? <Nessuno risponde> Siete caduti nel buco? ...Mari! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nico'! <Nicola è fuori> Anche se era dentro, non avrebbe sentito! ......Aspetta... prima beviamo il caffè...: bevi un goccettino!(*) Non ne hai bevuto neanche un sorso... ecco! ...Dottoressa Teresa, come stai? Teresa: Eccomi...! Piccolo Giovanni: Mari', come stai? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'hai combinato ancora? Maria: Mi sono ricordata di quella frase che mi hai detto... Piccolo Giovanni: Quale? Maria: Il Mistero del Corpo di Cristo! Piccolo Giovanni: E adesso cosa vuoi sapere? Maria: Mi volevi dire che eri Tu? Poi, pensavo ancora ad oggi: ma Tu dove andavi segnavi sempre col Sangue.........? Piccolo Giovanni: Come la Cocciuta! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ma come la Cocciuta, non tutti i luoghi venivano segnati e quando Mi diceva: "sono entrata in quella casa, ma Gesù non ha lasciato scendere il Sangue", diventava triste! Io le dicevo: "non preoccuparti!", ma il suo cuore era triste, perché sapeva il significato! ...Ehi, Nico', sei andato a prendere una boccata d'aria fresca? Non Mi hai sentito che ti ho chiamato? L'orto come va? Mi sa che stasera non ti senti tanto bene... sei un po' fiacco! Dottore'.........! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eh, si..., vai a sentire un po' il cuoricino, ma non allarmatevi...! Mari', non cominciare a tremare! ...Ehi, che Mi mangio? Voi avete mangiato? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tu non hai mangiato? Ehi... prima si mangia e dopo c'è il dolce! Ehi, la salsiccia è buona! La salsiccia e una coscetta...! Tu non mangi più? Don Vincenzo: Sì, la salsiccia! Piccolo Giovanni: La salsiccia la vuoi? Ecco! Allora... Dottore', stai visitando? Non stai tremando, no? Teresa: No! Piccolo Giovanni: Fa: boom..., boom...? Teresa: Tutto ok! Piccolo Giovanni: Stai bene, Mari'? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tere', stai bene? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Nico', stai bene? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Allora, stiamo tutti bene! Parla, di' qualcosa... Raffaele: Che mettiamo a Maria? Piccolo Giovanni: Facciamo scegliere a lei..., vediamo cosa fa... Mari', cosa vuoi mangiare? Maria: Tutto, Giovanni! Don Vincenzo: Sì! Prima avevo accennato al fatto che hai visto il Padre, e hai visto Dio! In quell'episodio hai visto anche la Cocciuta penetrata da Dio, praticamente penetrata dalla Luce Divina! Eravate tutt'e due in quella Situazione Luminosa? Piccolo Giovanni: Io non ho visto Dio! Quando la Cocciuta Mi ha visto trasformato da Dio, ero Dio, non L'ho visto! Don Vincenzo: Scusa un attimo..., fammi capire bene..., cioè, non l'hai visto...? Era pure la Cocciuta trasformata da Dio? Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quindi, Tu eri trasformato, la Cocciuta Ti vedeva anche lei trasfigurata..., quindi c'è stato uno scambio... quindi eravate tutt'e due Divinizzati? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Giovanni, non è che vogliamo essere curiosi, ma visto che adesso abbiamo toccato questo tasto..., Tu in quella situazione e nelle altre che hai avuto, quando Ti Divinizzavi e Ti Trasfiguravi..., eri sempre Tu o eri diverso? Piccolo Giovanni: No lo so...! Don Vincenzo: Ancora..., quando la Cocciuta si trasfigurava, rimaneva "Cocciuta" a livello di Luce, oppure veniva totalmente Trasfigurata? Piccolo Giovanni: No lo so... dico solo quello che posso risponderti... Don Vincenzo: Tu Ti sei mostrato come Dio: Eri Divinizzato? Piccolo Giovanni: Tu devi sempre chiedere alla Cocciuta quando scrivi... e se non capisci, ancora di più devi chiedere alla Cocciuta! Don Vincenzo: Ci ho provato un po', però quel "come Dio..." mi ha meravigliato! Piccolo Giovanni: Ah! ...Mari', che hai combinato ancora? Maria: Ho cercato di evitare un paio di visite, una non ci sono riuscita! Piccolo Giovanni: Tu che riesci a tutto... Don Vincenzo: Oramai siamo circondati... Piccolo Giovanni: No, non siamo circondati..., ci vuole un po' di forza, vero dottore'? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: È vero, Nico'? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ci vuole un po' di forza...... ma quando si è circondati: si taglia il filo! Teresa: Io me ne sono scappata! Piccolo Giovanni: Ma tu devi tagliare il filo e non devi scappare! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Cosa c'è? Ehi... state tutti male? <Nessuno risponde> Non ve la faccio più la domanda... Don Vincenzo: Giovanni, aiutami a capire meglio quella parola "Amarci", ci dobbiamo Amare per Amarci! Piccolo Giovanni: Ed è così difficile da capire? Don Vincenzo: È che dobbiamo Amare prima noi stessi... Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: ...Per poter amare gli altri... Piccolo Giovanni: Se non ci Amiamo non possiamo amare né il nemico e neanche Dio! Lo ripetiamo ogni volta! Parla un altro poco..., c'è Marinella che ha mal di testa ed ha la febbruccia! <Giovanni le manda l'alito per ben tre volte poi chiama Taddeo> Alzati, poggia le tue mani sul capo e fallo col cuore!(*) Basta così! Cosa c'è? Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Avete la libertà piena in Cielo? Mi spiego meglio... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Stai qui..., stai altrove... avete questa libertà di movimenti? Piccolo Giovanni: Stiamo all'Obbedienza del Padre! Don Vincenzo: Sempre all'obbedienza del Padre? Piccolo Giovanni: Si, così come lo è anche lo Strumento! ...Ogni tanto bussa di più per chiedere se può fare questo o può fare quell'altro: Bere di più o Bere di meno......... Don Vincenzo: Con quello che Beve di amaro... Piccolo Giovanni: Con quello che Beve lei ne chiede ancora.........! Don Vincenzo: ...Beve l'Amaro più Amaro che ci sia e poi non vuole neanche che si dica ai figli! Quindi anche quel fatto che un Flagello cade e uno resta... L'altra volta Gesù disse che aumenteranno l'intensità dei Flagelli! Piccolo Giovanni: ! In questi tempi aumenteranno per questo dovete rimanere uniti, come famiglia che cammina sulla Viuzza Stretta e Amarvi gli uni gli altri per combattere il veleno e i falsi profeti, i farisei di ieri e di oggi! ...Mari', che stai pensando? Quello che hai raccontato prima?! Maria: Sto pensando sempre a quello che hai detto! Arrivano a tanto! Piccolo Giovanni: Eccomi! Eccomi! Questa sera non vi lancio niente! ...Ehi, una polpetta? Tu la vuoi una polpetta? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Tieni... ecco! Una polpettina, dopo la polpettina vi saluto e Me ne vado! Cosa c'è? Don Vincenzo: Il Miscuglietto è buono sempre più! Piccolo Giovanni: Mi bevo il Miscuglietto e poi vi saluto e vi lascio Gesù: devo andare a lavorare con i Pargoli e con tutti i Servi Inutili! Don Vincenzo: Vuoi un fru-fru? Piccolo Giovanni: ! ...Prendilo! Caterina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cin-cin... ah! Solo Io? Buono! , un altro e un altro è di là...Raffaele: Di questi tempi è meglio l'abbondanza! Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Non ci devi dare nessun consiglio? Nessun suggerimento? Piccolo Giovanni: No! Salute! Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma tu dai da mangiare anche agli occhiali? Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Cosa c'è? Don Vincenzo: Visto che Te ne stai per andare, voglio approfittare ancora che stai qui: il Padre ha qualcosa in più di tutti gli Altri oppure è uguale a Te, uguale a Gesù? Piccolo Giovanni: Uguale a Gesù, uguale ad ognuno di voi fatti a Sua Immagine e Somiglianza! Don Vincenzo: Quindi, non c'è uno scalino in più che ha Lui? Si è in comunione totale..., pari pari compreso anche noi? Piccolo Giovanni: Perché Ama e se voi Amate Gli Somigliate e vi Somigliate... Don Vincenzo: Compreso allora tutti i Servi Inutili, tutti? Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: Tutto è uguaglianza? Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: Però, hai detto prima che bisogna Ubbidire al Padre! Piccolo Giovanni: Sì! Don Vincenzo: C'è anche una specie di limite... Piccolo Giovanni: L'Amore! Don Vincenzo: L'Amore! Quante cose belle questa sera ci sono state donate! Il Padre è Padre...... Piccolo Giovanni: È Amore! Dio è Amore e i figli Amore! Fate fatica ad Amarvi, e facendo fatica ad Amarvi voi, fate fatica ad Amare i nemici e il Padre! ...Ora Io devo andare a Lavorare! Vi lascio il Filicino e adesso deve obbedire perchè è stato sciolto per mettere i Rotoli e poi legato di nuovo, ma è in pericolo! Pregate "Ave Maria- Padre Nostro!", "Ave Maria- Padre Nostro!" ...E ora vi lascio il Filicino e il Mio Bacio!(*) Gesù: Eccomi...Don Vincenzo: Eccomi, grazie di tutto quello che ci doni! Gesù: ...Con la Croce e con il Pane! "Eccomi" si dice e non "grazie" ! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Sono Io, Gesù! Giovanni è andato a lavorare e Io sono venuto a portarvi ancora tutto il Mio Amore e il Cuore spalancato! Non dimenticate: siete fatti ad Immagine e Somiglianza di Dio! Fatevi ad Immagine e Somiglianza dell'Amore, Amandovi gli uni gli altri, e preparatevi ai Tempi e preparate le Capanne! Silvana: Posso fare una domanda? Gesù: Eccomi! ...Datele il microfono! Silvana: Quando ci dici di preparare le Capanne a cosa Ti riferisci, ai nostri cuori? Gesù: No! Silvana: Alle Capanne... cioè alle nostre case? Gesù: No! Silvana: E a cosa? <Gesù indica le Roulotte che sono fuori> Ahh! Proprio le roulotte? Ah... Eccomi! Gesù: Eccomi! Ve lo sto dicendo da sempre! Vi ho detto anche che chi non le ha di non preoccuparsi! Come fate a non capire e a farmi di nuovo la stessa domanda? Silvana: Volevo esserne certa, Gesù! Gesù: Si è certi quando parla di Dio! Silvana: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Ti sei cucinato? Volevi mangiarti? Non avevi niente da mangiare? Quando lo Strumento ti dice: "stai attento a non bruciarti"... Don Vincenzo: Lo Strumento ha sempre ragione! Eccomi! Gesù: Eccomi! Ed Eccomi, c'è tanto lavoro da fare...! Non dimenticate: i Tempi sono pieni, preparate le vostre Capanne! Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato! Tu Saluta con l'Albero Verde e non temete gli uomini, ma il Padre!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni... non diventare triste, c'è tanto da Lavorare e da Preparare!(*) ...Quelli che mi fanno portare a Casa, li porto a Casa!(*) ...Lo so quello che devi preparare, e quando sarà pronto lo berrò, non Ti devi preoccupare...!(*) Giovanni, lo so che gliela stai preparando Tu la Festa al Fiorellino, ma vai a visitare Francesca, la tua Francesca, e mentre visiti lei, dai uno sguardo ai cuori di tutti i figli! Io vado ad Impastare con i Pargoli, con tutti i Servi Inutili e dopo vado a prendere le Spose e a Bere!(*) ...Ci vediamo dopo!(*) <Giulia schiocca qualche bacio> Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli del Mio Cuore!(*) Giulia: Padre Buono, ci sono ancora Giorni, non far scendere il Figlio e non far aprire i Gradini!(*) Aspetta ancora un poco..., ancora nessuno dei figli ha capito il significato di preparare le Capanne! Tu sei la Luce Piena, quella Luce ancora puoi donarci......, aspetta ancora un po', così tutti capiranno.........!(*) Il Padre: Tu, Giulia, conosci ogni cosa! Giulia: Eccomi!(*) ...Aspetta ancora un po', Papà Buono...! Tutti state mangiando, tutti state Lavorando... doniamo il bacio e salutiamo i Cari! I Cari fanno scendere i Petali su di ognuno dei Figli e il Petalo più grande che scende è Maria come Ultima Grazia!(*) ...Eccoci nel Fare la Tua Volontà!(*) ...Ciao, Cari!(*) ...Ciao, Fiorellini!(*) ...Ciao, Mamma!

 

 

 

 

 

5. Giov. 27/02/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GesÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo, com'era nel principio, ora e sempre, nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in silenzio, poi alza la Destra col Segno Trinitario e fa scendere la Sua Benedizione> Nel Mio Cuore acceso d'Amore Glorifico il Padre Altissimo, ora, in quest'istante e per tutta l'Eternità, di tutto ciò che il Padre ha Creato: Amen! E nell'Amore Infinito del Creatore e del Creato, Benedico il Suo Amore, Benedico ognuno di voi e l'umanità intera, figli, fratelli e amici del Mio Cuore, Cuore del Padre, Cuore della Croce, Cuore di ognuno di voi Spalancato, aspettando gli Eredi dell'Amore, gli Innamorati della Croce, i Servi Inutili, gli Stracci Stracciati, Ardenti di Ardere col Figlio di Dio! Gioite e fate Festa, il Banchetto è Dio, per ognuno di voi, per l'umanità intera, per tutti i Servi Inutili, per tutte le Spose, uniti allo Sposo in testa, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! ...............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Mi fa male un po' la gola e c'è un po' di tossicina, ma Eccomi! Gesù: Non hai niente altro? Giulia: Solo questo! Mi fa male la gola e ho un po' di tosse e si sono un po' chiuse anche le orecchie e sento solo un pochino ma se gridi un po' sento meglio! Gesù, che stai facendo?(*) Cosa stai nascondendo?(*) Rispondimi...! Gesù: GUARDA ORA............! Giulia: Sì, adesso guardo, ma Tu cosa hai nascosto prima? Lo sai bene, il Padre mi fa vedere tutto anche se tu me lo nascondi! Hai nascosto qualche Flagello..., qualche Calice..............., non devo dire più niente? Qualche Sigillo lo hai nascosto un pochino ma tanto se Tu li nascondi poi io vado a trovarli! Con la confidenza che c'è, posso dirlo,o no? Come ti sto dicendo da ieri sera di nascondere quello che hai fatto uscire......... non basta che lo vedo solo io? C'è l'amicizia..., eravamo rimasti così...; lo so che quello che ho dovuto fare è stato un po' pesante, ma adesso nascondilo.........! Ma fai quello che Vuoi, sia fatta la Tua Volontà e non la mia! Dico solo che avevamo detto di non farli vedere......! E visto che ce ne saranno tanti tanti tanti altri pesanti, Tu mettici la mano davanti e non farli vedere! ......Ecco, ora guardo......!(*) Questo......? Gesù: Questo deve cadere! Giulia: Nella Chiesa che è grande grande ci sono tante suore che corrono e lasciano i bimbi di qua e di là! I sacerdoti hanno degli abiti neri e bianchi e in mezzo al nero c'è una Croce Rossa! È talmente grande la Chiesa che non sanno da che parte uscire! Non c'è né fuoco e né acqua ma ci sono dei soldati che entrano con i cavalli e tagliano tutto quello che trovano! I Sacerdoti non hanno il capo scoperto ma portano la stessa cosa che porta il Papa! Gesù, che posso fare? Gesù: Questo deve scendere e non potrai berlo...... e l'altro dovrai lasciarlo! Giulia: E dopo posso andare? Gesù: Aspetta! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, fammi andare quando lo decidi Tu......!Ora metto nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai donato, la Famiglia, i Figli che si sono affidati alle mie preghiere, quelli che non hanno il coraggio di farlo ma lo sussurrano nel cuore e metto nel Tuo Cuore sempre la bimba Francesca, la sua famiglia, i cuori raccolti, i sussurri, le Pietruzze, i Sacerdoti, i Gigli, coloro che trafiggono il Tuo Cuore attraverso il nostro......... e metto il mio niente della giornata......... e accontentati di quello che sappiamo donarTi che è anche il niente......! Eccoci, Gesù, Servi Inutili, ma non so se abbiamo fatto la Giornata, ma Tu prendila e Lavala col Tuo Amore e Donala al Padre! Gesù: Eccomi, Anima Mia! ORA GUARDA............! Giulia: Eccomi!(*) Eccomi! Ci sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi li posso bere..., ma non farmeli dire.........!(*) Ti supplico, non farmeli dire, per il Tuo Amore Te lo chiedo, Gesù.........! Gesù: Eccomi, ma aspetta a berli! Giulia: Eccomi! Ma non Ti preoccupare, non sono stanca e aspetto quando Tu mi chiami per andare a Lavorare! E dopo aver Lavorato mi poggio come Straccio Stracciato ai Piedi della Croce, così posso poggiare anche tutti i figli e Tu, Gesù, Consolerai i cuori di tutti quanti perché "Sei Padre Buono"! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Ma Guarda ancora...... e non dire ciò che vedi......... e aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Lo devi aprire Tu il Rotolo, io non lo posso toccare... sono all'ubbidienza! Gesù: ORA GUARDA.........! Giulia: Eccomi!(*) Gesù: L'ho aperto il Filicino e l'ho legato di nuovo, mettendo tutto ciò che hai visto......! Giulia: Eccomi, Gesù! Come si può non AmarTi e non RiconoscerTi? Come si può rinnegare un fratello nel vedere il Chiaro dei Tuoi Occhi? Fai presto nel farTi vedere da tutti, Gesù.........! Gesù: Il Figlio che Salva è in mezzo a voi e non ha sceso nessun Gradino e non ha Aperto nessun Gradino.........! Giulia: Questo va bene così per adesso,......... le Schiere sono ferme,......... la mia sta combattendo, ma come si può essere ciechi così da non vedere il Chiaro dei Tuoi Occhi? È un Amore che Arde e Parla: è Dio nella Sua Pienezza! E come possiamo rimanere così senza AscoltarTi, senza Guardare i Tuoi Occhi, senza assaporare il Tuo Amore? Gesù: È da sempre che non Sono Stato Amato: AmateMi voi, Famiglia di Dio, voi che abitate nella Vigna, voi che abitate nell'Arca e avete i Remi, AmateMi......! Giulia: Eccoci, Gesù! Gesù: Eccomi in mezzo a voi da sempre, con tutti i Servi Inutili, con tutte le Spose, con tutti i vostri Cari, con tutti i Pargoli, col Banchetto preparato dal Padre, con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, nel Portare l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, pronti per il Banchetto di Dio! Eccoci, Gesù, pronti nel Fare la Volontà del Padre! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Altri Fiori che sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Ma tu come stai? Don Vincenzo: Bene! <Gesù stringe la mano di Don Vincenzo usando prima solo la punta delle dita perché nelle due mani di Giulia da ieri sono comparse le due Piaghe del Chiodo Sinistro e del Chiodo Destro .........!> Gesù: Non ti posso donare la mano dello Strumento ma ti dò la Mia, Eccomi, che è uguale a quella dello Strumento.........! Don Vincenzo: Ti fa male? Gesù: Allo Strumento o a Me? Don Vincenzo: A tutt'e due! Gesù: L'Amore a volte fa male quando non si guarda come Amore ma quando si guarda come Amore è Amore e non fa male...........................! Ma voi come state, tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Don Vincenzo: Gesù, quanto Ben di Dio in questo Banchetto............! Gesù: È il Padre che L'ha preparato! Ma state tutti male? Qualcuno: No! Gesù: E si sono imparati un po' a essere furbacchionelli, eh, eh! State state tutti bene-male? Qualcuno c'è cascato.........! E tu non hai niente da dire? Don Vincenzo: Di fronte a questa tavolata............! Gesù: No, perchè Qui siamo di fronte al Banchetto del Padre e non è una tavolata, perchè le tavolate sono quelle che fanno fuori,......... ma questo è il Banchetto di Dio! Che facciamo? Tu non hai niente da dire? Lo Strumento non ha voluto dire i Sigilli......... e se li è andati a Bere.........! Don Vincenzo: Non ha voluto che si dicessero! Gesù: No, ha guardato i cuori dei pargoli e la "pancia" e non li ha voluti dire! ...Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Ci Doniamo? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora Io Mi Dono e tu ti Doni? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! ......E lo Strumento Beve e Rimane Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e Rimane Crocifissa per Amore per tutto quello che deve Scendere e Rimane Crocifissa per Amore per le Capanne che si devono preparare! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ma pregate per le Mura Insanguinate e per il Legno che è Affondato! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo Bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono> Gesù: Questa è la Mia Carne!(*) Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questo è l'Amore Donato ad ognuno di voi e Lo Bevo e Lo Mangio con voi del "Nuovo" di Dio! ..................Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto ed ''impone'' le Due Mani con le Piaghe prima con la Destra Alzata nel Segno Trinitario e poi in Raccoglimento e Offerta> Gesù: Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: La Mia Pasqua è Piena ed è Risorta nell'Amore del Padre! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Rimanetelo anche voi......! È la Pasqua Risorta nell'Amore del Padre......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Calice Vivente, il Padre è pronto.........! <Gesù indica il Banchetto> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Voi lo siete anche? Tutti: Eccomi! Gesù: Prendiamo parte allora.........? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Lo Strumento ha preso parte nel Bere e nel Fermare e prenderà parte nel gioire col Padre! .....................Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eh, Eccomi, eh, eh, eh, come si suol dire: "che Ben di Dio!", ehi, tie'! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Per non dire: "che sventola!", eh, eh! Ma stai attento a non romperti i denti, Calice Vivente! ..................Ehi, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: State tutti male? Eh, eh, vi sistemo Io per le Feste! Calice Vivente, non dici niente, non hai niente da raccontarMi? Don Vincenzo: Sì! Perchè Qui c'è una Realtà Divina che non ha eguali e non è "una favoletta"! Gesù: No, tu non Mi racconti "la favoletta"! Dio è Vivo da sempre in mezzo a voi, è Reale, come tutti i Servi Inutili, tutti i vostri Cari e i Pargoli.........! Don Vincenzo: Ecco qua! Gesù: Ecco qua! È buona! È Buono il Padre? Don Vincenzo: Ottimo! Gesù: E non dici niente tu, Viceparroco? ..., vai! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo. Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Don Vincenzo: Gesù, com'è bello partecipare a questo Banchetto e nutrirsi del Padre! Gesù: È l'Unico Banchetto quello vostro, quello delle Spose, quello di tutti i Servi Inutili, quello di tutti i vostri Cari, quello dei Pargoli e in questo Tempo hanno tanto da Lavorare e tanto da preparare............così come voi dovete preparare le Capanne......! Ma voi potete dire anche: "Dio ha preparato Tutto da sempre!" , il Padre per ognuno di voi e per l'Umanità Intera ha preparato Tutto da sempre, ma ora la Verità Tutta Intera La vedrete e La sentirete tutti, anche i sordi, anche i ciechi, anche coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Gesù, è talmente Profondo il Mistero del Padre, il Mistero di Dio, che ci commuove......! Com'è Grande l'Amore del Padre! Com'è Grande il Tuo Amore sulla Croce! Com'è Grande quello della Mamma di Tutti, Mamma dell'Amore e Mamma del Dolore.........! E Tutto Questo per Amore, Tutto in Funzione dell'Amore, Tutto Grazie all'Amore...............! Gesù: ...Vai! <Raffaele taglia il pane-pesce e lo dona> Don Vincenzo: C'è da piangere di Gioia per questo Progetto Salvifico che non ha eguali: Essere Figli di Dio, Essere Figli del Padre Eterno, e, come Figli, essere Eredi di Tutto senza averlo mai pensato............ Gesù: L'ha Pensato il Padre da sempre! Don Vincenzo: Solo il Padre poteva arrivare a tanto da sempre e per sempre! Gesù: Ma l'Umanità è sorda ed è cieca, da sempre! Don Vincenzo: Che Grazia Far diventare la Croce il Centro di Tutti e di Tutto, Piantare la Croce qui a Timparelle per Salvare Tutto e Tutti............| Gesù: Far diventare Tutti i Figli Croce, così come lo è Dio! Don Vincenzo: Si! Gesù: ...Vicepa'! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ti raccomando, c'è quella della mortadella.........! <Maria Elena> State tutti male? Non Mi rispondono! State tutti male? Don Vincenzo: Stanno tutti bene quando ci sei Tu qui con noi! Gesù: State tutti male? Qualcuno: No! Don Vincenzo: Avere Dio in mezzo a noi ci rende Tutti Felici! Gesù: Perché non Mi rispondete? Don Vincenzo: Perché non stanno male! Gesù: E se Mi rispondete che state tutti bene e poi nei vostri cuori Io vedo che state tutti male, come la mettiamo? Don Vincenzo: I nostri cuori devono addolcirsi! Gesù: Con lo zucchero? ...Ehi, Me lo fai un paninello, eh, eh? Raffaele: Eccomi, faccio io, Gesù? Gesù: , tieni, Io Mi tengo il fazzoletto! Allora, tu, Calice Vivente, parla ancora.........! Don Vincenzo: Gesù, essere Figli di Dio è veramente il Massimo perché scaturisce da questa Figliolanza l'Eredità e, quando si va a guardare questa Eredità, ci si accorge che è una Eredità Eterna, senza fine, preparata dal Padre per ogni Figlio.........! Gesù: E tu lo vuoi il paninello? Don Vincenzo: Gesù, Quello che Fai Tu lo faccio anche io, e Quello che Vuoi Tu lo voglio pure io! Gesù: Eccomi! E l'Eredità com'è? Don Vincenzo: Senza fine! Che Miracolo d'Amore! Gesù: E te lo sta già preparando il paninello, lo vedi, è più grande di te! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: È buono! È Buono Dio? Tutti: Eccomi! Gesù: E se Dio è Buono perchè l'Umanità Lo getta? Don Vincenzo: Come mai l'Umanità è così stolta? Gesù: Ditemelo voi, ditemelo voi perché l'Umanità è così stolta!? Don Vincenzo: Forse perché l'Umanità si lascia abbagliare dalle cose caduche e dalle cose passeggere di quaggiù e non si rende conto di essere Erede invece di tutta la Creazione e di tutte le Creature perchè Figli di Un Unico Padre e perciò felici per sempre............! Gesù: ! <Gesù guarda i cerotti con cui la Cocciuta protegge le Piaghe nelle due Mani> Venite col "niente"! ............C'è un Unico Padre! ............Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! L'Umanità intera ha un Unico Padre, un Unico Amore, un'Eredità che si Spezza attimo dopo attimo ed è preparata da sempre per ognuno di voi......... e per Sempre......! Don Vincenzo: Quello che mi meraviglia, Gesù, è che tutta l'Umanità è attaccata al possesso delle cose frivole e passeggere di quaggiù, quando Dio offre una Felicità Eterna e senza Fine! Gesù: Cosa c'è più di Dio? Don Vincenzo: Niente, non ci può essere niente! Gesù: E allora come si può essere attaccati al niente? Don Vincenzo: Dio Offre Tutto e Offre a tutti e Offre un'Eternità di Amore per sempre! Gesù: E se più di Dio non c'è niente, chi vi ha portato sulla via larga nel far credere che più di Dio c'è altro? Chi vi ci ha portato? Mosè: La nostra superbia e i farisei di ieri e di oggi! Gesù: No, dici sempre cose sbagliate, Figlio! Devo correggerti e non ti devi offendere! Mosè: No, Eccomi! Gesù: Eccomi! Prima di rispondere si deve pensare a Dio e al Suo Amore, eeeh!(*) BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, ciao, mamma... ciao, mamma... ciao, mamma, dov'è papino? ...Dov'è papino? Maria Elena: Lavora! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sta lavorando? No, non è un lavoro: sì, lui sta Lavorando ma chi lo fa lavorare non lo fa lavorare per il Progetto del Padre! ......E andiamo con i Panicelli che abbiamo fatto, andiamo a mettere il Pane dinanzi a quel lavoro! ...È piccolo quello! Maria Elena: Un altro l'ho già finito ed era grande! Bimbi di Mario e Maria Elena: Io non l'ho visto... io non l'ho visto! Adesso dobbiamo andare a fare tanti Panicelli e poi i Pani Grandi Grandi e poi un Pane Grande com'è Grande il Padre per preparare i Tempi che Scenderanno! ...............Tu aiutaci con l'Ave Maria e il Padre Nostro ad Impastare e noi andiamo a portare i Panicelli davanti al lavoro di papi: allora andiamo? ...Mamma, sei bella... mamma, sei bella e ti vogliamo tanto tanto bene! Maria Elena: Anch'io! <Mandano più volte baci a tutti e accarezzano Don Vincenzo> Bimbi di Mario e Maria Elena: Adesso dobbiamo andare! .........Aiutateci, Impastate il Pane dell'Amore e dell'Amicizia Amandovi gli uni gli altri! ...Ciao! ...Ciao! Gesù: Ehi, cos'è questo? Raffaele: Un Regalo! Gesù: Tu prendi il bigliettino, Eccomi, è bello! Chi Me lo manda? Leggi, leggi! Don Vincenzo: "Gina e Fabiola!" Gesù: Mando i dolci e i baci a tutti quanti! ...Allora, ho fame ancora,......... eh, eh, eh, tu cosa vuoi? Don Vincenzo: Cè il tonno in mezzo a questi triangolini di pane? Gesù: E oltre al tonno se ci mettiamo un po' di salsiccia dentro? Don Vincenzo: Facciamo meglio ancora! Gesù: Non è che questa è piccante? Io la posso mangiare ma è Giovanni che non la vuole,.........! Poi viene Giovanni, Io devo andare a prendere le Spose............... e anche la Cocciuta è andata a prenderle! A Me niente paninello col tonno e la salsiccia? Raffaele: Eccomi! Gesù: Eh, dopo...... la "pancia" si è preso tutto quello che voleva? Filomena: Eccomi! Gesù: Non ti manca niente...... ma sei sicura che hai preso tutto? Fai un altro giro e vedrai che troverai qualcosa che hai lasciato! Eccomi! ...Poi... vicepa'! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Hai trovato quello che avevi lasciato? Solo quello? Hai paura di ingrassare di più, eh, eh? <Si ride un po'> Filomena: Fra un po' scoppio! Gesù: No, non scoppi, vedi, vedi che c'è qualche altra cosa che ti piace! ...Viceparroco! Raffaele: Eccomi! Gesù: Prepara un piattino per il dottore Francesco, uno di quelli, , e poi questi e poi un po' di quella frittatina, ecco, va bene così e poi con la dottoressa fai tu! Ma voi cosa vi aspettate nei Tempi che verranno? Come state immaginando nel preparare le Capanne? Don Vincenzo: Cose belle e cose brutte! Gesù: Ma Dio non è Amore? E non ha preparato da sempre l'Amore per chi Mi ascolta e chi fa la Volontà del Padre? Ma l'Umanità non ascolta! Risponderanno tutti i Figli alla Chiamata? Don Vincenzo: Speriamo, ma da come si vede le previsioni non mi sembrano positive! Gesù: E cosa farà lo Strumento? Don Vincenzo: Lo Strumento si mette tutti sulle spalle ed è eroica nella sua Generosità Immolandosi per Tutti! Gesù: È uno Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! ..................Adesso Pesco... ho Pescato! E rimane sempre Straccio Stracciato! Ho Pescato i pesci! Don Vincenzo: Tu sì che Sai Pescare! Gesù: E voi sapete Pescare essendo Croce? ......Ma state tutti male? Don Vincenzo: No! Gesù: Non Mi risponde nessuno, eh, eh! Allora, gliel'hai preparato il piatto alla dottoressa? Teresa: Eccomi! Gesù: Dottore e dottoressa, è di vostro gradimento? Franco e Teresa: Eccomi! Gesù: Eccomi! E Dio è di vostro gradimento? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Anche voi siete Cari al Padre! Ma siate vigilanti perchè i falsi profeti avanzano e il veleno anche, ma voi Avete la Destra, non dimenticateLa! <Gesù Benedice> Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi!(*) PICCOLO GIOVANNI: ...Eccomi......... con la Croce e con il Pane! <Giovanni saluta con la Croce e schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Don Vincenzo: ...Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuto! Piccolo Giovanni: State tutti bene-male? Eccomi! Ehi... il Mio caffè..., ne vuoi un goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Come stai, Nico'? Nicola: Eccomi, bene! Piccolo Giovanni: Come stai, dottoressa Teresa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Come stai, Maria? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ti è caduto un mattone sulla testa? Maria: No! Semmai è caduto sul piede di Nicoletto! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: E a te cosa ti è caduto sulla testa? Maria: Niente! Piccolo Giovanni: Sei sicura? Maria: C'è stata la Festa di Domenico Lentini a Lauria! Piccolo Giovanni: Non sapete quante lacrime ha versato, ma è stato consolato! Chi ha fatto la Festa con Lui? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tutti quanti? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: L'avete fatta sia lunedì 24 che martedì 25? Alcuni: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Quanti pochi "Eccomi" ci sono...! Come Sacerdozio Vivo ed Eterno che è Dio e come professore, se non Mi rispondevano tutti, c'era un bel po' da... grattarsi il capo...! Come mai non rispondete? ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: C'è da grattarsi il capo, vero? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma cos'hai combinato ancora? Cos'hai fatto? Maria: Domenico si fermava a predicare fino a Castrovillari o è venuto pure da queste parti? Piccolo Giovanni: Anche da queste parti! Maria: E come ci arrivava? Piccolo Giovanni: Con un "ciucciariello" o a piedi! ..................Marinella perché c'hai quest'aria cattiva? C'hai lo sguardo cattivo e arrabbiato! Ah..., non le abbiamo donato i datteri col cioccolato perciò dagliene un poco, per quello è arrabbiata.........! <Si ride un po'> Giovanni, che c'è? Dimmi qualcosa, Io posso dire solo che abbiamo tanto lavoro e ci dobbiamo preparare perchè i Tempi del Padre sono in mezzo a voi e le Capanne............! Carlo sta lavorando pure nel portare le Schiere, ogni Servo Inutile, ogni vostro Caro...... e non dovete temere se non vengono detti i nomi: ci sono e stanno lavorando! ...E a Maria che gli diamo? Un po' di verdurina... e dopo la verdurina? Dottoré...Teresa: Diamogli un dolcetto, perchè è un po' amara in questi giorni... Piccolo Giovanni: E allora, se la dobbiamo addolcire poco poco... che le doniamo? Visto che a lei la frittata gli piace, gliela doniamo un po'? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Un po' di frittata, e dopo un po' di frittata gli doniamo un paninello, così il suo sorriso diventa grande grande: è vero, dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Il vino no..., e il caffè neanche......... ma così va bene! Faccio anche il medico! ...............Ora parla tu un po': cosa vuoi sapere? Ma Io non ho mangiato ancora... Don Vincenzo: E allora, dobbiamo mangiare... Piccolo Giovanni: Tu intanto parla... Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Prima la assaggi tu la salsiccia e vedi se è piccante e poi Me la doni a Me! ...E metti un po' di mortadella col paninello e poi parliamo! ...Sei sicuro che quella è salsiccia? Sei sicuro che non è piccante? Me lo devo fare Io il paninello? No, fallo fare al Calice Vivente! E nel preparare il paninello vi faccio vedere come il Padre prepara il Suo Amore per ognuno di voi e per l'umanità intera, facendosi Pane Vivo per tutte le genti e Donandosi! ............Dov'è il viceparroco? È andato via? Portami una di quelle a Nunziatina e ricordale che Io ho messo il Mio piedino nella sua casa e c'è rimasto! A buon intenditore poche parole...! Ma state tutti male e bene? Voglio vedere quando Mi rispondete...... Eh... Eh... Eh...! ...Allora, Mari', cos'hai fatto ancora? Mari': Giovanni, Ti volevo chiedere una cosa... Piccolo Giovanni: Eccomi! Maria: A volte, sul cellulare, arrivano dei messaggi che ti invitano a mandare quel messaggio ad altre persone! Piccolo Giovanni: E tu che fai? Maria: Io mi sono ricordata che Tu dicevi che non si fanno le catene, e quindi bisogna bloccarle! Piccolo Giovanni: Non è che ti è venuto in mente di farla? Maria: No, no, anzi a volte mi dà fastidio pure leggerli questi messaggi, perché lo capisco subito che sono una cosa del genere! Piccolo Giovanni: E tu non li devi neanche leggere! Maria: No, no, non lo faccio, e lo dico a tutti, perché io ho avuto la grazia che Tu me lo hai detto e quindi dico agli altri che non lo sanno di non mandarli avanti! Piccolo Giovanni: Dovete mandare avanti la Croce che siete voi! Così come avanza il Padre, avanzate anche voi! Avete capito? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non lasciatevi trascinare dal veleno! Oggi la Cocciuta è stata molto tagliente come la Spada del Padre nel dire a qualcuno che ha fatto questa catena, rivolgendosi non a Dio ma agli uomini... ed è così tagliente come la Spada, quando parla... "io conosco solo un Dio, solo un Gesù e solo una Maria, e poi mi poggio su di Loro! Se vi volete poggiare sulle cose del mondo, non vi aprirò più il mio telefono"...! È bella e tagliente come una Spada, o Mi sbaglio? Don Vincenzo: No, non Ti sbagli affatto! Piccolo Giovanni: , è così bella e tagliente come una Spada e anche voi lo dovete essere nel portare la Verità Tutta Intera e nel portarvi e nel rimanere Croce! ...Nico', come va l'Orto? Nicola: Eccomi, bene! Piccolo Giovanni: "Eccomi, bene"! Nicola: Ti sto facendo lavorare in questi giorni, eh? Piccolo Giovanni: Uh! Ed Io sto facendo lavorare a te! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Nicola: Ti sei divertito stamattina, eh? Piccolo Giovanni: Eh, si, Io Mi diverto sempre! Mi sono sempre divertito! Ti è piaciuto? Digli cosa ho combinato! ...Ma è meglio che non lo dici! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Nicola: Eh... Eh... Eh... Piccolo Giovanni: ...Parla tu un poco! ...Te lo sei fatto pure tu il paninello? ...Cosa vuoi sapere? Don Vincenzo: Quando diciamo che il Padre dona l'Eredità ai figli, ci tocca riflettere anche sulla parola "Eredità", perché è una parola che ha una valenza eterna, e allora capisco dove trova la Forza la Cocciuta per mettersi l'umanità sulle spalle... Piccolo Giovanni: ...Ce l'ha già! Don Vincenzo: La trova pensando al rischio che corrono quelli che non sono pronti, perché il Padre è anche Giudice... Piccolo Giovanni: ...Eh, si... Don Vincenzo: ...Ed essendo Giudice può anche "condannare", col Suo Amore... Piccolo Giovanni: ...Ed essendo Giudice c'è la Domandina Finale............ Don Vincenzo: .........Anche se Conosciamo la Sua Bontà che è immensa ............ ma comunque è Giudice! Piccolo Giovanni: Non è bella la parola "condanna"! Dio fa la Domandina Finale e lo Strumento ha detto al Padre se può rispondere lei......... ma a decidere alla fine sarà il Padre! ...Dottoressa Teresa! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Stai bene? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che facciamo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non dobbiamo fare niente? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Teresa: Va bene così? Piccolo Giovanni: Tu che dici, ci vedi chiaro? Teresa: Più o meno! Piccolo Giovanni: Allora ci vuole il "vedo chiaro"? Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Eh, se è "più o meno" ci vuole il "vedo chiaro"! Poi vediamo! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ma sei diventata triste? Teresa: No! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti male? Eh... Eh... Eh... Tutti: Eccomi! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: Voi pensate: "ma Dio può scherzare con tutto quello che sta per arrivare?" Si, Dio può scherzare perché sa aspettare! Ama da sempre e dona a tutti i figli la libertà di rispondere o di non rispondere, ma aspetta..................! Don Vincenzo: Era questo a cui mi volevo riferire, Giovanni, cioè a questa responsabilità enorme che ogni figlio ha e anche alla Domandina Finale... perchè c'è sempre la parte libera di ognuno che potrebbe "rovinare tutto"! Ecco perchè le Giornate le dobbiamo vivere proprio da figli, ed invece noi sottovalutiamo Dio e diamo importanza solo al nostro io dimenticando la "morte", che in ogni momento è in agguato! Piccolo Giovanni: ...Nessuno muore... Don Vincenzo: ...Eh, in realtà nessuno muore! Piccolo Giovanni: Non è morto Dio, e se non è morto Dio, non muore nessuno! Don Vincenzo: E quindi c'è da essere super-attenti e prepararsi al giudizio, perché ogni giorno dobbiamo riempire la Cesta, e se la Cesta rimane sempre vuota... Piccolo Giovanni: ...Eh, no, le Ceste ancora non vi sono state donate! Don Vincenzo: La Cocciuta è sempre pronta a intervenire... Piccolo Giovanni: ...Eh, si... Don Vincenzo: ...Ma anche per lei, gestire sette miliardi di persone, non è facile! Piccolo Giovanni: Lei non le gestisce, le porta sulle spalle! Don Vincenzo: Peggio ancora per lei... per il peso enorme............ Piccolo Giovanni: No, non è peggio! Beato il figlio che si lascia portare! Don Vincenzo: Perché, pure lì ci sta di mezzo chi dà la mano e chi non dà la mano? <Giovanni annuisce> E quindi la nostra libertà è rischiosa, ... Piccolo Giovanni: ...Viceparroco, perché ti stai torcendo i baffi? Raffaele: Posso? Piccolo Giovanni: Se fai così ti rovini il baffo! Eh... Eh... Eh... Raffaele: Prima Gesù ha detto che i figli che stanno qui stanno bene, e gli altri? Piccolo Giovanni: Sei sicuro che state tutti bene? Raffaele: Eccomi! Alcuni: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non rispondete? ...State tutti male? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Posso ancora? Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Tutti gli altri sono sulle spalle dello Strumento, e poi c'è la Domandina e poi c'è la risposta! Raffaele: Eccomi! ...Il Padre aspetta... Piccolo Giovanni: ...Eccomi... Raffaele: ...Ma c'è tanta gente che ride: qual'è il limite alla cattiveria? Piccolo Giovanni: Diglielo tu, Calice Vivente! Don Vincenzo: Quando si va a scuola, il maestro vuole la promozione di tutti, ma ci sta invece chi, purtroppo, non studia... e non studiando, chiaramente viene bocciato... ma se viene bocciato, non è che ti boccia il maestro......... il maestro ci rimane male perché vorrebbe la promozione di tutti............, ma ognuno di noi è libero di prendere 8 o di prendere 3! Con 3 sei bocciato, mentre con 8 sei promosso, e quindi ognuno di noi deve fare la massima attenzione... si, la massima attenzione...! Dobbiamo essere più attenti perché di vita ne abbiamo una sola! Piccolo Giovanni: No, non è così: non si muore! Il Dio che è Vivo e Reale in mezzo a voi, è il Dio della Vita e non il Dio della morte! Don Vincenzo: È il Vivente! Piccolo Giovanni: Si, è il Vivente, ed essendo Vivente, anche l'umanità intera ed ognuno di voi è Vivente! Don Vincenzo: Si, siamo tutti Viventi anche se molto spesso giriamo le spalle al Padre... Piccolo Giovanni: ...Non "a volte", ma sempre! Ma voi siete i vignaioli che abitate nell'Arca e avete i Remi! Raffaele: Posso? Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Se non ci fossero stati i farisei di ieri di oggi, la vita sarebbe stata senza sofferenze e senza malattie? Sarebbe stato pulito il Giardino? ...A me non piaceva molto la scuola, Giovanni, e facevo un sacco di filoni... e quando mi mandavano le cartoline, dicevo a mio padre "me le mandano perché mi avvisano che vado bene a scuola"... <Si ride un po'> ...E andavo nove giorni a giocare e un giorno a scuola... e poi studiavo alla fine dell'anno! Però mi volevo collegare a un'altra cosa... Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Quale scusa può trovare uno a non venire? Quale giustificazione? ...A me non piaceva la scuola... Piccolo Giovanni: Vedi, sono stati pescati, sono stati cucinati e sono buoni da mangiare... ma sono stati venduti, e quando una cosa si vende, si deve pagare... non ci arrivi? Raffaele: Non c'è giustificazione! Piccolo Giovanni: Ma per quello che è stato detto c'è un'altra giustificazione... i farisei di ieri e di oggi vanno avanti nel vendere e nel comprare, ma nell'Orto, nella Vigna, nell'Arca e nei Remi non c'è né vendere e né comprare, e il Gesù dello Strumento né si vende e né si compra ma si dona per Amore, e dove non c'è il commercio, per loro non c'è Dio! ...Sono stato chiaro? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E dove c'è il commercio e dove vendono Gesù, c'è... Don Vincenzo: ...C'è il dio quattrino! Piccolo Giovanni: Si, c'è il dio quattrino! Dove c'è il Dio che si dona, Gesù è venuto a donarsi per Amore e non ha chiesto niente a nessuno! Ha detto "venite, c'è Dio come Pane, il Cibo Vero che non verrà mai a mancare", ma tutti hanno pensato "andiamo, lo vendiamo e così prendiamo l'Eredità", ma L'EREDITÀ DI DIO NON È QUELLA DEI FARISEI DI IERI E DI OGGI, L'EREDITÀ DI DIO È L'AMORE PER TUTTI I FIGLI! Figli, rimanete nella Vigna, rimanete nell'Arca e remate, e non dimenticate "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Ave Maria" e "Padre Nostro"! E non dimenticate ciò che ha detto lo Strumento: "imparare a pregare senza conoscere Dio, non è pregare! Prima si impara a conoscere il Padre, e, quando si è conosciuto, la preghiera è Dio che arde e fa ardere! Io L'ho conosciuto e ha fatto ardere il mio cuore e il cuore di chi ha saputo far tesoro di ciò che ho detto"!(*) Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Hai qualche altra cosa da dirmi?(*) ...Si, eccomi! ...Imparate a conoscere Dio ed incontrerete l'Amore, quello che non si spegne ma rimane sempre acceso, Figli Miei! ...Io pesco... ecco... vuoi pescare anche tu? Don Vincenzo: Pesco un frù-frù! Piccolo Giovanni: Pesca un frù-frù!(*) ...Vuoi dire qualche altra cosa? ...Poi dopo Me ne vado! Don Vincenzo: Li ci sono i datteri... Piccolo Giovanni: Io ti ho chiesto di parlare, ma se poi vuoi mangiare, mangia! Don Vincenzo: No, volevo... Piccolo Giovanni: ...Cin-cin! <Giovanni fa alcuni colpi di Tosse> Vi state chiedendo "cos'è questo"? <Giovanni fa altri colpi di Tosse ritmati> ...Vi preparo ai giorni che faranno soffrire Gesù nel carnevale, e faranno pure soffrire Domenico e tutti i Servi Inutili e offenderanno ancora il Padre! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Questa festa del carnevale è una trappola gigantesca, perché si presenta così in modo semplice... Piccolo Giovanni: ...Ma non è una festa, è un'offesa al Padre! Don Vincenzo: Eh, si, è un'offesa al Padre perché Dio ci ha fatti a Sua Immagine e Somiglianza, non ci ha mascherati, perché ci sono proprio le carnevalate e le mascherate, mentre il Padre ha dato il Sangue per ognuno di noi, e questa è la trappola grande! Piccolo Giovanni: Io vi ho dato la Tosse! Don Vincenzo: È una trappola grande perché mettono avanti sempre i bambini, ma in realtà poi sono sia gli adulti che i bambini a fare le sfilate e ad offendere Dio! Piccolo Giovanni: Non scandalizzate i Piccoli! Don Vincenzo: Tant'è che Domenico Lentini piangeva! Piccolo Giovanni: E non solo, Domenico si flagellava! Don Vincenzo: Si, si flagellava! ...Loro dicono "ma che male c'è?", eh, c'è che è un male nascosto, c'è il veleno, e il veleno tante volte non si vede! Piccolo Giovanni: Non è nascosto, è visibile! Don Vincenzo: Oramai, si, in tutto il mondo! Dovrebbero essere i sacerdoti ad avvertire di questo, invece sono proprio i sacerdoti i primi a mascherarsi... portano le maschere da sempre, le maschere che sono tutto il contrario di quello che loro dovrebbero rappresentare e perciò portare! Piccolo Giovanni: Preghiamo "Ave Maria" e "Padre Nostro", "Ave Maria" e "Padre Nostro"! Don Vincenzo: Con quanta abilità il veleno si inserisce, e con quanta furbizia avvelena! Piccolo Giovanni: ...Ora vi lascio ancora il Filicino legato col Nodo e col Fiocco, ma non dimenticate che lo Strumento è in mezzo a voi ed è alla Destra del Padre!(*) <Schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Gesù: ...Dove vai? Don Vincenzo: Deve venire ancora Gesù! Gesù: Eh... Eh... Eh... Sono Io Gesù: vuoi mandarMi via? Giovanni è andato via... Io rimango un altro poco poco chè c'è tanto lavoro da fare! ...State tutti bene-male? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Stati tutti male? Eh... Eh... Eh... Tutti: Eccomi! <Si ride un po'> Gesù: Così faccio gioire un po' i vostri cuori nell'attesa dei giorni! Ma voi siete nella Vigna, siete nell'Arca e avete i Remi, non dimenticatelo, Figli! ...Calice Vivente Giovanni, cosa c'è nel tuo cuore? Don Vincenzo: Speriamo che questi giorni che ci separano dal carnevale arrivino... proprio con una preghiera assidua, una preghiera silenziosa ma umile... Gesù: ...Vi do' il Mio Amore... Don Vincenzo: ...Dietro il Tuo Amore! Gesù: EccoLo: non gettateLo!(*) Don Vincenzo: Eccomi!(*) Eccomi!(*) Gesù: Ecco! ...Ora tu saluta con l'Albero Verde, mentre Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato e i Chiodi!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Giovanni, quanto buio vedo sulle vie del mondo!(*) Nessuno cerca la Luce, eppure il Padre è Vivo e Reale ed è Luce!(*) Quante volte viene scartato e quante volte viene gettato!(*) ...Giovanni, i Giorni ci sono ancora...! Piccolo Giovanni: ...Si, ma verranno dimezzati! Giulia: Il Padre me l'ha donati! Piccolo Giovanni: Non li toglierà! Giulia: Ma Tu hai detto che verranno dimezzati! Piccolo Giovanni: Si, Anima Mia! Giulia: E cosa faranno i figli?(*) Piccolo Giovanni: Hai l'Arca, hai i Remi, hai la Vigna, hai il Lievito da impastare e il Lievito è crescente! Giulia: Ho capito perché i Giorni verranno dimezzati!(*) Piccolo Giovanni: Tutti i Servi Inutili, tutti Pargoli e tutti i Cari stanno impastando... ed anche le Spose, quelle che hai appena portato, sono tutte a lavoro! Giulia: Giovanni, posso rispondere io di lavorare per i figli che ancora non hanno capito? Piccolo Giovanni: Solleva le mani!(*) Giulia: ...Non preoccuparTi: posso impastare e lavorare!(*) Piccolo Giovanni: ...Ora vado a preparare i Sigilli e i Flagelli, ma tu bevi piano piano, Anima Mia! Giulia: Eccomi! <Giulia schiocca un bacio> ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli del Mio Cuore!(*) Giulia: Papà, anche se hai dimezzato i Giorni, eccomi nel fare le Tue Cose, Padre Buono!(*) ...Metto ancora nel Tuo Cuore tutto quello che mi hai donato! Il Padre: Porta l'umanità sorda e cieca sulle tue spalle! Giulia: Eccomi! Il Banchetto delle Spose e il Banchetto che hai donato a noi, Sei Tu, Vivo e Reale! ...Tutti state lavorando... ma salutiamo il Cielo in mezzo a noi: le Spose, i Servi Inutili e i nostri Cari! Eccoci nel fare le Cose del Padre così come le fate voi!(*) ...Eccomi, Mamma... è bella la Festa che Ti hanno preparato, ed anche noi Te l'abbiamo fatta piccola e povera ma piena d'Amore! Auguri ancora, Mammina del mio cuore!(*) SERAFINA: Eccomi a coloro che si sono ricordati di farmi gli auguri! Lascio scendere i Petali sulla Famiglia!(*) Giulia: Eccomi, Mamma!(*) ...Sono belli i regali che Ti hanno fatto i Tuoi Nipotini, i Pargoli che sono in Cielo!(*) ...Gioisci con Loro!(*) ...Tu puoi accarezzarli più di me, e i Fiori che ti hanno regalato li stai regalando ad ognuno di noi!(*) ...Eccoci! <Giulia schiocca un bacio> Eccomi, Cuore di Mamma!(*) ...Eccomi, Dio Bambino!