ANNO 2014

 

LA CROCE E' IN MEZZO A NOI

 

Notizie dalla Stanza di Gesù, N. 160

 

IN TANTI LUOGHI NON C'È MIA MADRE A PARLARE, MA SONO GLI UOMINI

CHE PARLANO AL POSTO DI DIO PER ACCUMULARE ANCORA......!

(dal messaggio del 09/01/2014)

Messaggi Tramite Giulia

 

 

              

1. Giov. 02/01/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Gesù): ORA GUARDA ANCORA.........! (Giulia): Eccomi!(*) Ci sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Eccomi per avermi lasciato ancora tutti gli Altri! Me lo fai un regalo, Gesù? Li posso bere questi senza dirlo ai figli? (Gesù): Puoi berli...... e il regalo te lo faccio...... ma dillo! (Giulia): Se Tu lo vuoi, sì, Eccomi, visto che me li fai bere!(*) Il Sole rotola e cade a terra e anche tutte le stelle cadono......! Ogni cosa che si vede luminosa posizionata sul piano sopra di noi non si vede più...... e rimane un buco talmente grande......! Ma ora posso berlo? (Gesù): Te l'ho promesso! (Giulia): Lo faccio subito? (Gesù): No dopo! (Giulia): Eccomi! E tutti gli altri..., aspettiamo alla Tua Festa di Berli o di Tenerli?(*) Allunghiamo un po' di Giorni? Me lo dirai dopo: Eccomi, Gesù! (Gesù): Quando berrai tutto quello(*)... (Giulia): Non temere, con l'Amore, con la Costanza e con la Forza che Tu, Gesù, mi doni, non sentirò niente! (Gesù): Tutto quello viene dalla Cupola......! (Giulia): Ma dobbiamo pregare, Gesù...... dobbiamo farli ritornare i figli......, dobbiamo aspettare ancora...! (Gesù): Come fai ad Amare così? (Giulia): Io non so neanche amare e se Tu dici che Amo, lo prendo l'Amore quando mi poggio sul Letto della Croce......, ed è lì che lo trovo......, e non ci sono altri posti dove trovare l'Amore se non sulla Croce, lì dove Sei Tu...!

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(**) <Gesù è in Silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> La Mia Amicizia è la Croce! Il Mio Amore è il Pane! La Mia Gioia è il Mio Sangue versato sull'umanità intera e su ognuno di voi, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! Il Banchetto che vi dona il Padre è il Suo Tutto! E avendo il Tutto del Padre e rimanendo nel Suo Amore e crescendo camminando sulla Via Stretta mediante il Suo Sole, vedrete la Sua Promessa, ciò che ha lasciato nel Cuore di Maria, ciò che ancora i vostri occhi e i vostri cuori non sentono e non vedono......! Dio Parla ai cuori, ma le cose che si sentono non vengono raccolte...... e nei cuori passano...... così come tutto passa...... ma rimane il Giardino, rimane l'Albero Piantato, rimane il Seme di Dio......! E il Seme di Dio sono i Figli, e i figli siete ognuno di voi e l'umanità intera: Chicchi di Grano che Germogliano, ma il Chicco Germoglia quando ascolta col cuore e quando si lascia innaffiare! Una spiga non taglia l'altra spiga......, ma è l'erba cattiva che il Padre taglia......, così come lo Strumento taglia l'erba cattiva e lascia quella buona nell'indicarvi la Viuzza Stretta e nel parlare con la Parola del Padre! L'AVETE SENTITA? HA RIPETUTO LE MIE PAROLE, HA RIPETUTO LE PAROLE DI GIOVANNI: "SONO TRISTE FINO ALLA MORTE..." NEL GUARDARE L'UMANITA', NEL GUARDARE I FIGLI SORDI E CIECHI, MA NEL FARE LA VOLONTA' DEL PADRE! NON DIMENTICATE CHE SIETE STATI CHIAMATI E SCELTI UNO AD UNO E VI È STATA CONSEGNATA LA VIGNA, siete nell'Arca, avete i Remi ed è lo Strumento a Remare per ognuno di voi e per l'umanità intera! Non lasciatevi trascinare dai rumori del mondo quando uscite fuori! Guardatevi, siete fatti ad Immagine e Somiglianza di Dio, non sporcatevi, non violentatevi, ma rimanete figli, fratelli e amici! È a voi che è stata consegnata la Vigna! ............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Perdonami, non volevo dirlo, ma l'ho detto!(*) Cosa fai?(*) Perché stai scavando quel terreno nell'Orto che il Padre ha preparato? Cosa cerchi, Gesù? Di acqua ce n'è in abbondanza e il terreno non ha bisogno di essere zappato! Cosa stai cercando?(*) Gesù: Un Anello perduto!(*) Giulia: Non posso trovarlo io? È una sposa che ha gettato l'anello ed è voluta tornare indietro! Gesù, non cercarlo, dopo la vado a prendere, si è fermata lì di nuovo e aspetta......! Gesù: No, non andrai! Giulia: Eccomi! Aspettiamo la Domanda Finale...! Tu, Gesù, l'Anello lo sai dov'è......! Gesù: GUARDA ANCORA......! Giulia: Eccomi, Gesù! Cos'è quell'albero che svetta? È così alto, ma ha pochi rami ed è alto alto! Gesù: Non è un albero! Giulia: È un Flagello......! Gesù: Uno lo puoi prendere e l'altro lo devi lasciare! Giulia: Eccomi! Eccomi nel Fare la Volontà del Padre! Gesù, Ti ho consegnato l'Alba Vecchia e Tu hai visto come si è accesa l'Alba Nuova......! Le Ceste ancora sono nel mio cuore e non posso aprirle...... e non posso parlare...... perchè non sono ancora pronti i figli......! L'Alba che è iniziata ha un sapore amaro, Gesù, ma non è che sei Tu amaro, perchè il Tuo Amore è dolce, ma l'Alba è amara ed è piena......, è piena di quello che Tu sai...... ma Eccomi nel Fare la Volontà del Padre! Eccomi nel mettere ancora nel Tuo Cuore tutta la Famiglia, coloro che si sono affidati alle mie preghiere, quelli che non lo fanno, tutte le Pietruzze, la Cupola e tutti i cuori raccolti...... metto tutto nelle Tue Mani e nel Tuo Cuore! Gesù: Perché hai sciolto il Filicino? Giulia: C'era bisogno di scioglierlo! Gesù: Ora lo lego Io! Giulia: Eccomi, legalo! Gesù: Non lo sciogliere! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA ANCORA.........! Giulia: Eccomi!(*) Ci sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Eccomi per avermi lasciato ancora tutti gli Altri! Me lo fai un regalo, Gesù? Li posso bere questi senza dirlo ai figli? Gesù: Puoi berli...... e il regalo te lo faccio...... ma dillo! Giulia: Se tu lo vuoi, sì, Eccomi, visto che me li fai bere!(*) Il Sole rotola e cade a terra e anche tutte le stelle cadono......! Ogni cosa che si vede luminosa posizionata sul piano sopra di noi non si vede più...... e rimane un buco talmente grande......! Anche le nuvole cadono a terra...... tutto scompare......! Ma ora posso berlo? Gesù: Te l'ho promesso! Giulia: Lo faccio subito? Gesù: No dopo! Giulia: Eccomi! E tutti gli altri..., aspettiamo alla Tua Festa di Berli o di Tenerli?(*) Allunghiamo un po' di giorni? Me lo dirai dopo: Eccomi, Gesù! Gesù: Quando berrai tutto quello(*)... Giulia: Non temere, con l'Amore, con la Costanza e con la Forza che Tu, Gesù, mi doni, non sentirò niente! Gesù: Tutto quello viene dalla Cupola......! Giulia: Ma dobbiamo pregare, Gesù...... dobbiamo farli ritornare i Figli......, dobbiamo aspettare ancora...! Gesù: Come fai ad Amare così? Giulia: Io non so neanche amare e se Tu dici che Amo, lo prendo l'Amore quando mi poggio sul Letto della Croce......, ed è lì che lo trovo......, e non ci sono altri posti dove trovare l'Amore se non sulla Croce, lì dove Sei Tu......! Gesù: È lì, dove Sono Io in mezzo a voi! Ecco il Banchetto del Padre per le Spose! Il Banchetto preparato per ognuno di voi, tutti i Servi Inutili, tutte le Schiere, i Due Giovanni, Carlo, Pio, Domenico, Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli, pronti a Fare le Cose del Padre! Pronti nell'Impastare il Pane dell'Amore! Pronti nel venire con l'Unica Verità della Croce e del Pane...... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, col nostro niente a vivere nella Pienezza dell'Amore e nel prendere la Croce e nel prendere il Pane! Eccoci nel Fare le Tue Cose, Padre Buono, ed Eccomi nel rispondere per tutti i figli ancora... e per l'Eternità...! Gesù: Non slegare il Filo! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! .........Come stai? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi come state? State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: E allora se state bene voi, sto bene anch'Io nel calduccio dei vostri cuori! Cosa avete sentito? La Cocciuta adesso sta andando a Lavorare e a Bere ciò che avete ascoltato! Don Vincenzo: Li vuole Bere senza dirlo ai Figli! Gesù: No, lo ha detto......! Don Vincenzo: Sì, ma dopo, quando Sei intervenuto Tu......! Gesù: È che non li voleva far sentire......! Tutto si fa nel Silenzio del Cuore, ma lei aveva slegato il "Filicino" e adesso gliel'ho legato Io e le ho detto di non slegarLo... e lei Mi ubbidisce, ma quando vede i Flagelli Grandi e i Figli che stanno per cadere, Lo scioglie......! ......Che c'è, state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Giovanni è super-impegnato, ......, questa Torta è bellissima...! <Sulla Tavola c'è una Maxi-Torta per il 13° Anniversario della Nascita di Giovanni nel Cuore del Padre e per il suo 79° compleanno terreno> Ma quella che Gli hanno preparato è un po' più grandicella ed è fatta con i colori! Quali colori gli piacevano, Maria? <La nipote di Don Mario> Maria: Il bianco, il rosso, l'oro...... Gesù: E quale altro? ......Il verde! Maria: Si, il verde! Gesù: Eh, eh, è un Miscuglio di tutti questi colori, ma la Torta è tutta fatta di fiori......! Chi ci riesce a farGli una Torta tutta di fiori? Don Vincenzo: Ma fiori reali o fiori di zucchero? Gesù: No, la Torta è fatta come questa! Don Vincenzo: Aaah! Chissà come sarà buona......! Gesù: È fatta tutta di fiori con tutti i colori che piacciono a Lui e gliel'hanno preparata le Spose e tutti i Servi Inutili e tutti i Pargoli e tutti i Cari, e adesso, al posto di tagliare, prende un fiore e lo offre a chi va a portare i doni! Voi gli avete portato i doni? ...Nessuno...! Eh, Lui vi porta il Suo Amore come Dono e la Sua Benedizione quando poi viene..., ma adesso è impegnato! Quando si deve accogliere chi viene a portare i doni, si è impegnati poi nell'offrire il dolce...! Don Vincenzo: Ci sono i Sigilli e ancora una volta sono tremendi......! Gesù: ......Cosa vi ho detto? Don Vincenzo: Che perfino le nuvole cadono a terra e tutto scompare......! Gesù: Eh, ma adesso la Cocciuta sta iniziando a Bere uno dei Sigilli! Don Vincenzo: È grande ed è pesante? Gesù: Molto! Don Vincenzo: E poi distrugge tutto e tutto scompare? Gesù: La Cocciuta lo sta Bevendo......, e Mi ha chiesto se le facevo un Regalo! Don Vincenzo: Meno male che c'è lei! Gesù: Ma ce ne sono tanti altri di Sigilli, non è che sono finiti, e quando si dice Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., è per dire che i Sigilli non solo non sono finiti, ma che ce ne sono tanti tanti altri ancora...... e più Grandi di Questi......! <Don Vincenzo scuotendo la mano destra sotto e sopra sottolinea la ''pesantezza'' di quello che ha detto Gesù sui Sigilli......!> Stai suonando la chitarra, Calice Vivente...? Don Vincenzo: No... Gesù: E allora chi la suona la chitarra? Qualcuno: ...Paolo! Gesù: Quando Me la fate una suonata? Non avete organizzato nient'altro per Giovanni? Così si accoglie lo Sposo? Il Banchetto ve L'ha Donato il Padre, ma nessuno ha pensato a Questo Giorno! Eppure dite che Gli volete bene e che L'amate... eeeh...... dopo ci Doniamo......! Don Vincenzo: Gesù, dal Pomeriggio di Lunedì 5 Agosto 1985, Festa della Madonna della Neve, siamo da ieri entrati nel Ventinovesimo anno in cui Giulia giorno e notte riceve queste Visitazioni dal Cielo, ma detto da Te, Gesù, Giovedì Scorso 26 Dicembre 2013, questa Alba Nuova iniziata ieri nel 2014 è diversa da tutte le altre perchè è l'Alba che Rivelerà Pienamente la Verità Tutta Intera e tutto il Progetto Salvifico Finale del Padre! Ma nonostante questo, ancora non si capisce lo straordinario Ruolo della Cocciuta......... Gesù: ......E ancora non avete capito il Mio...... che è uguale a quello della Cocciuta! Don Vincenzo: Sì, Gesù, non si capisce ancora la Grazia che abbiamo ricevuto nel Partecipare a Queste Visitazioni, perché entrando qui si Ascolta Te, Gesù, si Ascolta Dio Padre, si Ascolta la Madonna, si Ascoltano i Servi Inutili e si Ascolta in Pienezza la Verità Tutta Intera! Tutto il Cielo è qui in Mezzo a noi in ogni Visitazione, e questo dovrebbe far cambiare la vita di tutti e dovrebbe convertire tutti! Ma purtroppo non è così......! Gesù: Questo vi dovrebbe far brillare di Gioia, come il "Campare alla Giornata" nella Vigna del Padre, ma il veleno vi trascina e neanche ve ne rendete conto......... e lo Strumento vi carica ancora sulle spalle e vi porta......! Don Vincenzo: Sì, la Cocciuta porta tutti sopra di sè, ma a Quale Prezzo......! È una Sofferenza Continua la Sua che dura oramai da Ventinove Anni! Gesù: A Prezzo d'Amore! Don Vincenzo: Ed è continuo anche questo Amore Doloroso...! Gesù: L'Amore non è doloroso, l'Amore è Amore! Il Dolore è nel vedere che i Figli cadono, ma lei, pronta, li alza! E così ognuno di voi dovete alzarvi e amarvi gli uni gli altri ed essere la Famiglia che Dio ha Scelto per il Progetto Finale! Don Vincenzo: E questo amarci gli uni gli altri dovrebbe essere la gioia di tutti e invece si cade ancora in errori madornali, in invidie, in bugie, in presunzioni, nell'apparire, nel giudicare, nel puntare il dito, nel seguire gli idoli del mondo, il piacere, il potere, l'avere......! È come se la Cocciuta avesse un ruolo minimo, quando tutto, tutto dipende da lei e siamo qui solo grazie a lei che con il suo "Eccomi" continuo al Padre, "gli strappa" tutte le Grazie! Gesù: Lei rimane Straccio Stracciato ai Piedi della Croce e porta tutta la Famiglia come Straccio Stracciato ai Piedi della Croce, Rimanendo nell'Arca e Remando, Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto nel supplicare il Padre... e lo Strumento...... nel togliere quel "Pezzettino di Filo"...... Alba dopo Alba! L'Alba dello Strumento è ogni Respiro! Così sia anche per voi l'Alba: ogni vostro Respiro, Figli! ............Ma state tutti bene? Tutti:Eccomi! Gesù: Eccomi! E allora se state tutti bene, Ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni? Don Vincenzo: Con tutto il cuore! Gesù: Perchè, tu ti sei mai Donato senza il cuore? E allora, se ci Doniamo con tutto il cuore, lo Strumento rimane col cuore nel pregare e nel rimanere Immolata sul Letto della Croce per tutti i Figli Ministri, per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e per le Mura della Cupola! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Un attimo soltanto... Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Spiegaci bene questo fatto del "Filicino", questo "Filo"! Gesù: Non potete comprenderLo! Don Vincenzo: Ah, ecco! Gesù: È un "Filo"! Don Vincenzo: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono> Gesù: Questa è la Mia Carne! Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Lo devo Bere? Gesù: Come vuoi tu! Questa è la Mia Carne! Ora Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta> Gesù: Ci siamo Donati nell'Amore Pieno! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E nell'Amore Pieno lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...... e rimane Crocifisso nel Bere i Sigilli per Amore e nel portare per Amore i Figli a Casa! La Pasqua è Piena, è Risorta e ci siamo Donati ancora.........! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Vuoi prendere parte ancora al Banchetto? Tu dove lo lasci il cuore, Calice Vivente? Don Vincenzo: In mano a Te, è tutto Tuo! Gesù: Tutti i cuori sono Miei e tutti i cuori devono Ardere dentro di voi nell'aspettare i Tempi che vengono! .........Allora, prendiamo parte! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Io Prendo Parte nella Parte del Padre, così il Padre Mi ha Donato Tutto e Io dò Tutto ad ognuno di voi e prendo ancora del Padre per DonarLo! E lo Porto allo Strumento che è Gioioso d'aver Bevuto i Sigilli e li Beve ancora...... e ci vuole un po' di giorni per finire di Bere! Voi pensate che in un istante Beve i Sigilli...... ma ci vogliono un po' di mesi! Don Vincenzo: Così Amari sono? Gesù: Non sono Amari soltanto, sono Grandi e non possono essere Bevuti in un solo istante......... e poi lei ha tanto altro Lavoro da fare......! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Eccomi! ...E dov'è l'altra "pancia"? ...Ehi, sono due le pance! <Filomena e Miriana> Che c'è ancora? Don Vincenzo: Questi Sigilli hanno bisogno di due o tre mesi per essere smaltiti! .........Sono quindi Grandi, Grandi, Grandi? Gesù: Sono Grandi, Grandi, Grandi! Don Vincenzo: E lei da sempre li Beve! Gesù: , da sempre! Don Vincenzo: Da quel Pomeriggio di Lunedì 5 Agosto 1985, Festa della Madonna della Neve! Gesù: Dal Grembo Materno! Da quando il Padre l'ha mandata, lei fa le Cose del Padre, eeeh, e chiede ad ognuno di voi di Fare le Cose del Padre! ...Prendiamo ora parte al Banchetto e poi parliamo! E poi parlerà Giovanni e prenderò Io il Posto Suo nell'accogliere gli invitati! .........Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Con Te al nostro fianco si può stare solo bene, anzi benissimo! Gesù: Con Me al vostro fianco! Ma chi Me lo dona il fianco dove poggiarMi? Don Vincenzo: La Tua Famiglia! E Beato quel petto che Ti offre "il seno" dove poggiarTi! Gesù: ...Ehi, vicepa'! <Si ride un po'> Raffaele: Eccomi! Gesù: ...Vicecapo... eh, eh... vicecapo-parroco, sistema un po' tu! Raffaele: Eccomi! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a Miriana e Manuel, poi taglia il pane-pesce e dona la testa e la coda a: Marino, Silvia, Anna, Clelia e altri pezzi ad alcuni dei presenti. Gesù intanto si rivolge a Maria Elena> Gesù: Hai la tremarella? Perché hai la tremarella? Hai freddo, hai caldo, sei tiepida? Accendete il fuoco, eh, eh! ...C'è un altro poco di mortadella... è piccolo quello! ......Ma Tu Parla, Calice Vivente, perchè il Padre ti ascolta! Don Vincenzo: Sì, Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Volevo proprio approfittare di questo Tuo Intervento e mi stavo ponendo il problema se si è fatto veramente Natale, perché con tutti questi familiari e parenti che si radunano una volta all'anno, da un lato è bello, ma dall'altro bisogna vedere se c'è un pizzico di Fede nelle "loro mangiate", altrimenti è solo una riunione tradizionale dove certamente non si parla di Gesù! Invece Tu, Gesù, in quel giorno Ti fai Bambinello ed è tutta un'altra situazione perché come Bambinello Sei pure Crocifisso e quindi sei capace di Donare la Vita a ognuno di noi per la nostra Salvezza! Quindi avremmo tanti spunti natalizi meravigliosi se fossimo veramente pieni di Fede! E invece mi sa solo che queste feste natalizie sono solo una riunione di famiglia, un pranzo che non ha nulla a che fare con la Fede e chissà pure se ci si è fatto il Segno di Croce......! O forse solo il Segno di Croce fa sì che questo pranzo acquisti una dimensione cristiana, ma non è che con un Segno di Croce si fa il pranzo natalizio......! Il pranzo natalizio dovrebbe essere invece approfondito da un'omelia, da una riflessione, e invece questo non avviene sicuramente! E quindi tutto si riduce a mangiare e Tu, Gesù, vieni scartato e dimenticato! Gesù: Quando Mio Padre Mi ha Mandato nel Grembo di Maria e quando non c'era posto e sono Nato, Maria non ha fatto nessun pranzo! Don Vincenzo: Uuuh! Gesù: Ma il pranzo che il Padre Mi ha Mandato a fare per ognuno di voi è Lavarvi e Comprarvi a Prezzo di Sangue! Gli uomini l'hanno trasformato a pranzo di Natale mentre il Cibo che il Padre ha Donato è il Mio Corpo e il Mio Sangue! La Capanna della Famiglia deve rimanere unita nel farMi Nascere! Don Vincenzo: Mi sa tanto, Gesù, che Sei Nato in pochi cuori visto "l'andazzo" tradizionale del Natale... Gesù: Nessuno Mi vuole! Don Vincenzo: Il Natale è stato fatto proprio come un giorno di festa, ma di festa pagana, con un Bambinello che sta lì ad attendere una meditazione, una preghiera, e invece rimane solo e dimenticato...... ed è chiaro che viene abortito... Gesù: ! Don Vincenzo: Come può non essere abortito in un pranzo o in una cena del genere? Gesù: Io sono abortito attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Certamente, perché questi pranzi non possono minimamente Partorire e Far Nascere il Bambinello! Gesù: Il Bambinello Nasce quando accogliete i Piccoli, i Poveri e gli Emarginati! Don Vincenzo: Non può nascere il Bambinello, perché tutti nei giorni di festa sono "in tutt'altre faccende affaccendati", e hanno altro a cui pensare e hanno altro di cui discutere e il Bambinello con un bue e con un asinello viene perfino tolto, gli unici due insieme a Giuseppe e Maria che hanno riscaldato il Bambinello e L'hanno "riempito" d'amore! I Pastori sono venuti, ma non era lì il Natale, perchè il Natale è in ogni cuore, e Sei proprio Tu, Gesù, che Ti offri come Bambinello e dici: "Eccomi, vengo a Salvarvi già da ora, Sono il Salvatore, Sono il Redentore, Sono il Liberatore"! Gesù: Ma non c'era posto...... così come non c'è adesso! Don Vincenzo: Proprio così, così come non c'è adesso un posto per Te, Gesù! Gesù: Così come non c'è adesso! Don Vincenzo: Continuano a farsi i pranzi, continuano a farsi le cene, ma di Te, Gesù, non se ne parla neanche! Continuano a farsi i Natali Tradizionali! Gesù: Pregate "Padre Nostro-Ave Maria, Padre Nostro-Ave Maria, Ave Maria-Padre Nostro!" ...Cosa Mi dai? ...Ehi, è per Me! ...Eh, leggi, leggi, e aspetta, tieni questo! ...Chi Me lo manda? Don Vincenzo: Rosa e Annamaria! Chi sono: Rosa e Annamaria? Annamaria e Rosa: Eccomi! Gesù: Eccole! <Gesù manda loro un bacio> Don Vincenzo: Ecco qua! Gesù: Aspetta che Io Mi prendo il regalo e a te ti dò il bigliettino......: eh, tie', leggilo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: È l'asinello? Don Vincenzo: No, questo è un po' più grandicello! Gesù: Cos'è? Mario: Un cammello! Gesù: È un cammello, non un asinello, ma somiglia all'asinello, eh... eh... bello..., questi c'erano anche ma c'era pure l'asinello! C'è anche il campanellino! Leggi, leggi! Don Vincenzo: È forse un dromedario? Gesù: Cos'è? Una tromba d'aria? <Dice scherzosamente Gesù e si ride un po'> Don Vincenzo: No, un dromedario! Gesù: E con questo poi ci vado a passeggio... eh... eh... Leggi! Don Vincenzo: "Ti amiamo, Gesù, Eccoci, Papà, per tutto l'Amore e l'aiuto che Tu ci dai attimo per attimo anche attraverso la mamma Giulia, anche se noi attimo per attimo non viviamo da Figli! Aiuta tutti noi a farlo e Ti preghiamo di aiutarci con i mezzi di trasporto per venire da Te a Timparelle! Ecco il nostro niente... Rosa e Annamaria!" Gesù: E non potete usare il cammello, eh, eh, eh? <Si ride e si applaude> È bello! ...Eccomi! ...Ce n'è un altro? Raffaele: Eccomi! Gesù: Ehi, aspetta, tu leggi il bigliettino, Io apro...: è un cuore e com'è bello! Don Vincenzo: Sì, da parte di chi? Gesù: Leggi chi lo manda! Don Vincenzo: Da parte di Manuel e Miriana! Gesù: È il cuoricino che batte nel grembo di Miriana, eh, eh? <Gesù manda un bacio> Eccomi! Leggi tutto quello che c'è scritto! Don Vincenzo: "Gesù, siamo veramente felici per il grande regalo che ci hai fatto! Abbiamo capito che Tu per noi hai fatto tutto quello che ci serve e per questo, quando indegnamente Ti chiediamo una cosa, non dobbiamo essere impazienti di riceverla, ma aspettare i Tempi del Padre che sono diversi dai nostri! Ti amiamo, Gesù! ...Manuel e Miriana"! <Si applaude> Gesù: Loro hanno capito che si devono aspettare i Tempi del Padre! ...Eccomi! ...Ma Io ho fame ancora: cosa Mi date? Eh, , la prendo... Eccomi, un'altra, se no poi se la mangia tutta Giovanni!(*) BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, ciao, papà, e ciao, mamma... ciao, papà... come state? Mario e Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Mario: "Eccomi sì"! Bimbi di Mario e Maria Elena: E la copertina l'avete finita? Ancora non l'avete finita? Perché? E se non la consumate non può crescere l'altra! Dovete finirla, se no non possiamo coprire l'Umanità! ...Finitela! ...Mamma, come stai? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? <Maria Elena fa il gesto: così e così> Bimbi di Mario e Maria Elena: No, no, no! Papà, tu come stai? ...Papà, come stai? Mario: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: No, non stai bene, no, vediamo una nuvola grande grande nel tuo cuore! Poi la togliamo? <Mario fa cenno di sì> Mamma, mamma, eh, la prossima volta ti facciamo fare il lenzuolino, eh, serve per i Tempi che verranno! ...Ciao, nonna... ciao, nonno, non fare il birbantello, eh, eh! Come sono belle le scarpette, mamma, anche le tue, noi camminiamo a volte con le scarpette, a volte scalzi, e ci inzuppiamo di farina e poi, dopo aver tolto la farina la facciamo cadere sull'Umanità e, quando arriva la farina, diventano Perle di Grazie! RaccoglieteLe e donateLe ai Piccoli e ai Poveri! Avete capito, mamma e papà... mamma e papà? Adesso veniamo tutt'e due con te, la mamma la lasciamo sola, ma la lasciamo col lenzuolino! ...Allora, vi vogliamo bene a tutti quanti! <Mandano baci a tutti e accarezzano Don Vincenzo> ...Ciao! Tutti: Ciao! Gesù: Ecco, avete ascoltato? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Adesso servirà il lenzuolo, prima la coperta e poi il lenzuolo! Non scherzate con le Cose di Dio, ciò che chiedono i Servi Inutili e i Pargoli non sono capricci, ma è il Padre che chiede! ...Parla tu un po'! .........Non lasciare, puoi parlare anche mangiando come faccio Io! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu dovrai fare un cuscino di pane! Alessandra: Eccomi! Gesù: E quando farai il cuscino ci scriverai: "Eccomi"! Alessandra: Eccomi! Gesù: E dopo l'Eccomi ci scriverai: "Alfa e Omega"! Alessandra: Eccomi! Gesù: Poi te lo dirà la Cocciuta, eh,eh! ...Lei, Alessandra lo deve fare, non tu, Caterina! .........Cosa c'è? Don Vincenzo: Gesù, se imparassimo a vivere la Giornata da Figli......! A livello umano ci si alza al mattino, si va a lavorare fino alla sera e quella è la Giornata lavorativa che viene anche retribuita! Ma se quella Giornata a livello umano viene da tutti rispettata, a maggior ragione la Giornata del Cielo dovrebbe essere ancora di più, ancora di più onorata ed amata, perché il Cielo aspetta proprio questo, aspetta che noi facciamo la Giornata di Dio Campando alla Giornata! Allora finire la Giornata come Figli Veri, significa che ogni secondo, ogni minuto devono essere riempiti d'Amore, devono essere riempiti di gesti d'Amore, devono essere riempiti di gesti di Perdono, non puntando il dito, non arrabbiandoci, non correndo dietro alle cose del mondo, ma dietro alle Cose del Padre perché sono quelle, quelle Cose del Padre che rendono la nostra Giornata da Figli e quindi ci fanno vivere santamente questa Giornata attimo per attimo! Se questo non avviene, ancora una volta non è Natale, ancora una volta abortiamo Gesù, ancora una volta andiamo dietro alle cose del mondo e non sappiamo neanche riempire i secondi e i minuti per dire: "Papà, fammi essere Lavoratore nella Tua Vigna fino a questa sera..."! E Tu, Gesù, continui ancora a Donarci il Sangue per dirci: "aiutateMi a pulire questo Giardino sporcato dai peccati del mondo, dai peccati dei Grandi della Chiesa, dai peccati dei Sacerdoti, dai peccati della Cupola!" Tutto diventa bello se dall'inizio dell'Alba fino alla fine della Giornata la possiamo poi riconsegnare al Padre e dirGli: "Papà, ecco, ho lavorato oggi per Te, per la Tua Grazia, per il Tuo Amore, per il Tuo Soffio, per il Tuo Cuore!" Che bello! Gesù: Cosa devo risponderti? Don Vincenzo: Tu la Tua Giornata l'hai fatta in modo meraviglioso da Bambinello a Crocifisso, un Arco di Giorni e di Anni che non ha eguali, Bambinello Crocifisso, Bambinello che Dona il Sangue, Bambinello che la Madonna Offre come Mamma a tutte le mamme per essere la mamma del Bambinello, per essere la mamma del Gesù Bambinello, Falegname e Crocifisso! È troppo Grande per noi, è troppo Grande... Gesù, che onore essere qui a fianco a Te! Gesù: Non è Grande, è ciò che il Padre ha Donato da sempre ai Propri Figli: l'Eredità! Ma come viene spesa? Don Vincenzo: Non viene capita, perché se La capissimo che siamo ricchi, che siamo Figli del Creatore, che siamo Figli del Padre Eterno, che la nostra Eredità significa avere un Posto che ci aspetta lassù, già canteremmo di gioia! Gesù: No, non viene capita! Don Vincenzo: Il Cielo è in mezzo a noi e abbiamo Maria.........! Gesù: La Grazia è Maria, non dimenticatelo e non ci sono altre Grazie! L'Unica Grazia che avete è Maria! E Maria è ferma con le Schiere ma, nel restare ferma, guarda così come si guardava lontano nell'Accendere l'Alba, così come si guarda lontano nell'Impastare il Pane! Tutti i Servi Inutili, Rossella, Natanaele, Vittorio, le Bimbe, i Pargoli, tutte le Spose, quando entrano, incontrano il Padre e, dopo aver incontrato il Padre, incontrano il Forno e iniziano ad Impastare, iniziano a Servire e, dopo aver servito, camminano nel Giardino, entrano nel Cuore del Padre, lì dove c'è la Casa per ogni Figlio, lì dove c'è il lavoro da fare nel guardare l'Umanità sorda e cieca! Quando donano la mano indossano l'Abito e l'Anello Nuziale e lì vedono il Giardino sporco e si vergognano, ma incontrando Dio iniziano a Lavorare nel pulirLo! Voi non dimenticate nel pulirLo di dire: "Ave Maria-Padre Nostro, Ave Maria-Padre Nostro!" Sarete perseguitati in questo Tempo Nuovo, , è un Tempo Nuovo, un Tempo preparato da Dio da sempre ma non dovete fermarvi e non dovete fare i passi indietro ma camminare e andare avanti! .........Cosa c'è, parla tu un po'! Don Vincenzo: Ancora! Gesù: Ancora! Poi viene Giovanni......! Don Vincenzo: Tolgo la giacca! Gesù: Hai caldo? E se ti togli la giacca dove metti il microfono? Don Vincenzo: Ah, già! Gesù: Se hai caldo, toglila! <Gesù Alita su Don Vincenzo> È passato il caldo?(*) <Gesù Alita ancora su Don Vincenzo> Adesso non la togli più la giacca? Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: Stai meglio? Don Vincenzo: Sì! Gesù: ! ...Hai finito le cartucce? Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: ...Ora Io Me vado e lascio venire Giovanni... ho finito anch'Io le cartucce! Don Vincenzo: Tu non le finisci mai! Gesù: ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E allora Io vado ad accogliere gli invitati di Giovanni e Giovanni viene in mezzo a voi! Don Vincenzo: Gesù, Gli dobbiamo dire qualcosa di particolare oggi che è la Sua Festa? Gesù: E non lo so cosa vi dirà Lui!(*) PICCOLO GIOVANNI: ...Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Con la Croce e con il Pane! <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> Come state Figli? Don Vincenzo: Giovanni, Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Siete sicuri di stare bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ehi... la Capanna come sta? ...Nicò, come stai? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Teré, come stai? Dottore'? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mari'... che hai combinato e come stai? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi... il Mio caffè..., ne vuoi un goccino? Don Vincenzo: Oggi bevilo da solo, è la Festa Tua! Piccolo Giovanni: Un goccino solo...!(*) L'hai bevuto? Don Vincenzo: Ok! Piccolo Giovanni: Ne vuoi un altro? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Sei sicuro? Don Vincenzo: È Tuo, è tutto per Te! Piccolo Giovanni: È Mio, tutto per Me...! Don Vincenzo: Facciamo gli Auguri...: Auguri! <È il tredicesimo anniversario della salita al Padre di Giovanni e il settantanovesimo compleanno e tutti calorosamente applaudono> Piccolo Giovanni: È bella la Torta! ...Ecco! ...Eccomi! <Si riprende a battere le mani per un bel po'> Don Vincenzo: È stata grande questa Festa oggi? Scusa, Giovanni..., ma c'è il giorno e c'è la notte lassù, o è tutto giorno? Piccolo Giovanni: E quando dormiamo se è tutto giorno? Don Vincenzo: Ah, dormite pure? Piccolo Giovanni: Lo vuoi un kiwi? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Lo voleva un kiwi...: ti dò il piatto o vieni tu? Io invece voglio mangiare, ho fame, anche se sto mangiando con tutti gli invitati che vengono, ma voglio il Cibo del Banchetto che il Padre ha donato a voi! ...Cosa Mi date? Poi parlo...! Grazie per la Torta e per i Fiori e grazie per chi non si è ricordato della Mia Festa! No, questo è dolce..., Io voglio mangiare..., il dolce si mangia alla fine... eh, si! Vi faccio male quando vi ho detto: per chi non si è ricordato? Che dici, Vicepa'? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Allora..., non Mi chiedi nulla? Hai sentito quanto tempo ci vuole per Bere un Sigillo e un Flagello? Ma voi pensate: quando finirà la Cocciuta? Nel Mistero del Padre vedrete anche questo! Don Vincenzo: Quando verrà il Padre? Piccolo Giovanni: Nel Suo Mistero vedrete anche questo! E quando bevete ciò che si deve preparare lo vedrete anche... Don Vincenzo: Quando la Cocciuta prepara questi Sigilli, Giovanni... Piccolo Giovanni: Non è lei a prepararli, lei li Beve! Don Vincenzo: Li prepari Tu e poi li dai a lei per essere Bevuti? Chiede sempre di non farlo sapere ai figli, per non farli soffrire! Piccolo Giovanni: Eh, ! Conosce i cuori e i figli si spaventano e così chiede al Padre come poterli Bere i Sigilli e i Flagelli senza dirlo! ......Parla ora un po' tu! Don Vincenzo: Si, per tutto quello che hai fatto a Lauria Ti avrebbero dovuto dare un grande riconoscimento! Piccolo Giovanni: Cosa Mi hanno fatto? Don Vincenzo: Ah... non lo so... forse..., comunque si saranno ricordati... Piccolo Giovanni: Cosa hanno fatto, Mari'? Mari': Può darsi che avranno detto una Messa per la Tua Anima come hanno fatto sempre in questi anni... Piccolo Giovanni: Si, Mi hanno detto la messa da morto ma non hanno capito che i morti sono loro, mentre Io sono nato nel Cuore del Padre! È bello che tutti i sacerdoti si affrettano a fare i funerali: "...tanto è morto...!" E la Mia Promessa? Don Vincenzo: La Promessa... l'hai lasciata per iscritto, ce la puoi dire? Piccolo Giovanni:L'ho detta da sempre..., la Promessa di Dio, la Promessa di ogni Sacerdote, la Promessa che non si muore, ma si Vive! I Sacerdoti l'hanno dimenticato? , hanno dimenticato che Gesù è Vivo e se Gesù è Vivo lo è anche il Sacerdozio Vivo ed Eterno e quindi lo siete tutti voi! C'è un piccolo dormire e un risveglio......: si incontra il Padre e si inizia a lavorare! E invece si continuano a celebrare messe di morti! Io parlo a voi parlo all'umanità intera: non vi accorgete ancora di vivere nel Giardino e di vedere il Volto di Dio! Cosa vi aspettavate l'Ultimo Giorno dell'Anno? La Cocciuta si è fermata e lei ha chiesto al Padre di non parlare......! , c'era tanto da dire, ma il suo cuore è diventato triste e il Padre ha accolto la sua richiesta! Quando vedrà un po' di Luce nei cuori della sua famiglia chiederà al Padre di parlare, ma non parlerà quando è in mezzo a voi, parlerà quando è alla Destra del Padre! Ora Sono Io a parlare perchè lei sta lavorando e sta Bevendo! È bello vedervi, è bello Gioire nei vostri cuori se Mi lasciate Gioire! NON DOVETE ESSERE TRISTI, MA GIOIOSI NELL'ASPETTARE TUTTO QUELLO CHE IL PADRE HA PREPARATO DA SEMPRE PER OGNUNO DI VOI, FIGLI! Don Vincenzo: Il Cuore Immacolato di Maria Trionferà! Piccolo Giovanni: ! È la Sua Promessa, è la Promessa della Mia Fidanzata! Ognuno di voi deve essere vigilante, sarete perseguitati, lo sono stato Io, come lo è stato prima di Me Gesù, lo sarete tutti quanti, ma non dovete temere gli uomini ma dovete temere il Padre! In questo giorno vedevo il cuore dello Strumento che Mi portava sulle spalle ed era gioiosa nel vederMi Nato... e Mi ha accompagnato e ha voluto essere sicura dove andavo e così ha chiesto a Maria: "posso venire anch'io, poi scendo?" Ma poi, visto che era bello, voleva rimanere...! E Io le ho detto: "devi scendere, ci sono i figli...!" Allo stesso tempo il suo cuore era spezzato, perché le ho lasciato il Mio e il Mio si era spezzato e per questo c'è il Filicino... che ogni tanto lei apre e non lo vuole chiudere, perché lei in quel giorno il suo l'ha consegnato al Padre e Io gli ho lasciato il Mio spezzato così...! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Spiegaci com'è sto' Filicino...? Piccolo Giovanni: Te l'ho già detto! È un Filicino Spezzato! Don Vincenzo: È un Cuore Spezzato? Piccolo Giovanni: È un Filicino Spezzato! Don Vincenzo: Il Filicino fa pensare a un filo! Piccolo Giovanni: Il Filicino fa pensare al filo! Don Vincenzo: Però fa pensare pure al Cuore... Piccolo Giovanni: È un Filicino Spezzato...! Raffaele: Nel Banchetto Vecchio... chi erano i Giovanni? Piccolo Giovanni: Quale Banchetto Vecchio? Raffaele: Il Primo Banchetto! Chi erano i Giovanni? Piccolo Giovanni: Il Primo è il Padre! Il Secondo è Gesù e poi tutti i Servi Inutili che sono rimasti Piccoli e Poveri! Raffaele: Giovanni, quando si guarda lontano, non si vede sotto ma si vede lontano, e così si perde..., si perde il resto! Piccolo Giovanni: No! Raffaele: Non si perde? Piccolo Giovanni: No! Quando si guarda lontano, si vede Dio! Non si perde! Quando tutti quanti hanno guardato lontano non si sono persi! E se voi guardate lontano, non vi perdete se guardate col cuore! Ma se guardate con gli occhi, vi perdete, se invece guardate col cuore no! Per questo dovete essere uniti in questo Tempo! Nel Tempo di quest'Alba dovete prepararvi, dovete essere forti, dovete alzare la Destra e camminare come camminava Domenico e come camminavo Io con la Croce alzata per combattere! ...Dimmi, vicepa'! Raffaele: Giovanni, Sei triste? Piccolo Giovanni: Un po' si! Raffaele: Per la Festa o per i figli? Piccolo Giovanni: Per l'umanità intera!(*) ...Mi bastano i vostri cuori se li aprite come doni... ma sono triste perché nessuno ha mai preparato una Festa per lo Strumento! ...Così lo Strumento Mi ha preparato la Torta e i Fiori, ma nessun altro Mi ha preparato la Festa, neanche un dono! ...Ma aspetto i vostri cuori come dono! Don Vincenzo: Vedi che qui c'è un dono? Piccolo Giovanni: ...Ehi... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...C'è scritto "per Giovanni..."! Tu leggi questo bustone, ed Io apro quest'altra bustona!(*) ...Ecco, l'ho aperta! ...Ehi... chi Me li ha portati? Rita: Eccomi! <Rita Gli ha regalato una piccola sedia di vimini con due bambini seduti ed una cartolina musicale di auguri> Piccolo Giovanni: ...Questa se si apre suona! ...E se la chiudi non suona più! ...Leggi! Don Vincenzo: "Eccoci, Giovanni, la Tua Presenza e il Tuo Amore sono sempre presenti nella nostra Capanna! Ti vogliamo tanto bene... Rita"! Piccolo Giovanni: Ed anch'Io... e guardate come sono belli questi pupazzi... ma ha finito di suonare! Don Vincenzo: Non credo! Piccolo Giovanni: Si...... ma se la apri, suona ancora! Don Vincenzo: Ah... e perciò... Piccolo Giovanni: Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Don Vincenzo: E quanto dura la batteria? <La batteria della cartolina musicale> Piccolo Giovanni: Dura, dura! ...Adesso però chiudila! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> Ecco! ...Eccomi, figli! È bello ricevere i doni, ma il dono che voglio sono i vostri cuori, la vostra amicizia, la vostra gioia e il vostro essere Famiglia! Crescete in questi Tempi! Don Vincenzo: Facciamo un applauso a Rita? Piccolo Giovanni: Si! <Parte un caloroso applauso per Rita> E questo applauso vale anche per Giulietto! Io a Giulietto gli faccio il dono di Sacerdozio Vivo ed Eterno! ...Non vi preoccupate, figli, non ve lo rubo per metterlo come "capo di pezza" <Cioè come monaco... e si ride un po'> Ma ve lo porto come Sacerdozio Vivo ed Eterno nella Famiglia! Gimmi e Rita: Eccomi, Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Parla tu un poco che Io comincio a commuoverMi... e quando Mi commuovo ho un po' di fame! ...Che Mi donate? Don Vincenzo: Ci vuole qualcosa da mangiare! Piccolo Giovanni: Si, così Io mangio e tu parli! Don Vincenzo: Vedi di scegliere! Piccolo Giovanni: Eh, si...! Tu ne vuoi un altro poco? ...Ne hai mangiata tanta tanta? ...E allora se ne hai mangiata tanta tanta non te ne faccio mangiare più! Ti faccio mangiare i cecini... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Ehi, dov'è... Ehi, ciao, stai bene? Lo vuoi un cestino di cecini? Eh... Eh... Eh... e chi lo vuole un cestinello di cecini? ...Tu pure? ...Chi lo vuole un cestinello di cecini? ...Io Mi devo fare il panino... basta così... ora dona i cecini a lei... e chi li vuole si alza e se li va a prendere!(*) ...Eccomi!(*) ...Tu la vuoi un po' di mortadella? Don Vincenzo: Un po'! Piccolo Giovanni: E prendi un pezzettino di pane... così gli do' un pezzettino di mortadella! ...Ecco, tieni! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Mangiala... così mangiamo la mortadella e poi parliamo un altro poco! Raffaele: Posso? Piccolo Giovanni: Si, comincia comincia! ...Incominciate a distribuire il Miscuglietto, Sacerdozi Vivi ed Eterni, a servire, perché il Padre vi viene a servire, e voi dovete fare lo stesso!(*) ...Vuoi un po' di mortadella? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Alzati e vieni a prendertela!(*) ...L'hai vista dov'è? Teresa: Si! ...Quanta ne posso prendere? Piccolo Giovanni: Quanta ne vuoi! Eh... Eh... Eh... prendi anche il pane! ...È buono il paninello, vero? Teresa:Eccomi! Piccolo Giovanni: Ah... Era buono? Qualcuno: Si! Don Vincenzo: Ci vuole un po' d'acqua! Piccolo Giovanni: Beviamo un po'!(*) ...Vedete, figli, la Cocciuta vede i cuori così come li vedo Io, come li vedono i Pargoli, come tutti i Servi Inutili e come tutti i vostri Cari! Vorrebbe dirvi qualcosina in più ma ha chiesto al Padre di non parlare ancora! ...E nell'ultimo giorno dell'anno che dicono che è passato, si dovevano dire tante cose, ma lei non le ha volute dire! Si è fermata a supplicare, e aspetta i vostri cuori che crescono... aspetta che i cuori siano un tutt'uno col Cuore di Dio, e quel giorno ha preferito bere tanti tanti Flagelli e tanti tanti Sigilli al posto di parlare, e prendere la mano a tante tante Spose e portare i Pargoli ad impastare tutte le altre Copertine per coprire l'umanità! Adesso serve il lenzuolino e il cuscino, ma poi si deve fare un materasso, e quando si farà quello... scenderanno tanti Flagelli e tanti Sigilli...ma deve farlo fare, però ancora non dice chi deve fare un materasso!(*) ...Bussa al Cuore del Padre come ha fatto nel non parlare e non dire ciò che si doveva dire in quel giorno! Eccomi! ...Ora aspetto di mangiare la Torta! ...E cosa devo dirvi? Vi ripeto ancora di non dimenticare che la Famiglia che Dio ha scelto deve salvare l'umanità, deve portare la Pace e deve aprire il Sole unitamente al Calice Vivente: non dimenticatelo, figli! Non vi distraete dietro alle cose del mondo perché il veleno, i falsi profeti e i farisei di ieri e di oggi vogliono distogliervi! Ma voi non permettete loro di fare questo, ma camminate sulla Viuzza che Io vi ho indicato! E non dimenticate che vi voglio bene e vi voglio nel Giardino... e c'è scritto il Nome di ognuno di voi: non fateLo spegnere ma fateLo rimanere acceso! Lo Strumento lo fa rimanere acceso!(*) ...Non dimenticatevi di rimanere nell'Amore e di donare Amore! ...Adesso Io devo andare, così viene Gesù... poi tagliate la Torta e non vi preoccupate che vengo a mangiarla, anche se devo andare a raccogliere tutti gli invitati! ...Vi lascio il Filicino e vi dico che vi amo tutti tutti!(*) <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Piccolo Giovanni: Questa è la Mia di Benedizione, ad ognuno di voi, alle vostre famiglie, ai vostri cuori trafitti e all'umanità intera, figli!(*) <Giovanni schiocca un altro bacio> Gesù: ...E allora tra poco Me ne vado... si, la Festa di Giovanni è grande, e quello che dovevo dire ve l'ho detto! ...Il prossimo giovedì ce ne saranno altri Sette... Sette... Sette... ma poi busso al cuoricino della Cocciuta che ha il Filicino e vediamo se riesco a farla parlare... così vi dirà altre cose! ...Ora Io spalanco il Mio Cuore e tu saluterai con l'Albero Verde! Il Mio Cuore è Aperto: venite tutti a rifugiarvi!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni...!(*) ...Li hai preparati prima?(*) ...Ora devi andare a raccogliere i Figli e le Spose!(*) ...È bello il Compleanno!(*) ...No, l'avevo sciolto per venire, ma Gesù L'ha legato!(*) ...Buon Compleanno, Capriccioso!(*) ......Ci vediamo dopo! Tanti auguri da parte di tutti!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Hai accolto il regalo?(*) Piccolo Giovanni: Rimani Cocciuta così come sei! Giulia: Eccomi!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Papà, donami altri Giorni per tenere o per bere tutto quello che è pronto di Sigilli e di Flagelli!(*) ...L'Unica Chiesa è Maria, ma i figli che hanno tradito e tradiscono ancora, anche loro sono figli e non possiamo lasciarli! Donami altri Giorni!(*) ...Quando vuoi, risponderai... adesso Te lo chiedo... e visto che il Banchetto è pieno di Spose con gli Abiti dell'Amore nel Far Festa per Giovanni, e dove ci sono i Pargoli e i Cari, ci uniamo nel salutarvi e prendiamo parte al Vostro Banchetto, così Voi prendete parte anche al nostro!(*) ...Eccoci, Servi Inutili!(*) ...Eccomi, Mamma!(*) ...Eccoci, Giovanni, nello stringerci al Tuo Filicino d'Amore...!

 

 

 

 

2. Giov. 09/01/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

 (Gesù): Il Faro del Cuore di Dio illumini ognuno di voi e l'umanità intera, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Ecco Dio! Ecco il Banchetto! Ecco le Spose! Ecco tutti i Servi Inutili! Ecco Maria con le Schiere! Ecco lo Strumento nel Camminare sulle Acque delle Schiere del Padre! Ecco i vostri Cari che Camminano nell'Amore di Dio! Ed ecco ancora la Voce di Dio che dice ad ogni Figlio: "preparate i vostri cuori, vigilate e siate pronti"! Figli, fratelli e amici del Mio Cuore, Mi Riconoscete? Sono Io, il vostro Gesù, il Gesù che Ha Allargato le Braccia sul Legno della Croce non per nascondersi e non per ubbidire agli uomini ma per Fare la Volontà del Padre nell'Amare ognuno di voi e nel Donarvi il Posto Preparato da Dio......! Il Posto Preparato dal Padre è stato sporcato dagli uomini, da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, da coloro che indossano i Miei Abiti, ma dentro non ci sono perchè c'è il mondo e ci sono i rumori del mondo......! Vigilate, figli, perchè ciò che hanno fatto nei tempi passati lo stanno facendo ancora......! Non sono stato venduto da Giuda, ma chi non Mi ha accolto sono stati i sacerdoti dei tempi passati, ma non erano sacerdoti, erano coloro che avevano il potere in mano come ce l'hanno adesso......! Questo è un altro mistero......! Il Padre Ha Mandato Me come Sacerdozio Vivo ed Eterno a Portare il Suo Pane e a Spezzarlo...! Se Dio è la Parola e Dio Ha Mandato il Figlio a Far Nascere e a Far Partorire la Parola, quale parola c'era prima? Voi dite: "c'era il Vecchio Testamento!" Dio Parla per due volte...? Dio manda il Figlio per correggere......? No, il Padre manda il Figlio per Amare, per Salvare e per FarLo Diventare Pane per tutte le genti! ......Vigilate, figli, perchè tutto ciò che è nascosto verrà smantellato e tutto quello che non è di Dio verrà cancellato......! Pregate e vigilate......!

*******************

(Giulia): Eccomi!(*) I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi li posso bere come mi hai promesso? (Gesù): GUARDALI.........! (Giulia): Eccomi!! (Gesù): Non ti spaventi? (Giulia): Posso berli? (Gesù): Sei così gioiosa nel vederli? (Giulia): Eccomi, Gesù! Questi non cadranno perchè Tu me l'hai promesso che questi posso berli! Anche se uno cadrà, l'altro lo potrò bere......! (Gesù): Ma devi dirlo! (Giulia): Questo Sigillo mi fa un po' male, ma Eccomi nel Fare la Volontà del Padre!(*) C'è una Via e la Via è fatta di Quattro Colori: nero, grigio, viola e rosso! Il rosso e il viola sono più alti, sembrano dei...  pali alzati, ma hanno la stessa lunghezza degli altri colori! Gli altri due colori, il nero e il grigio, si aprono, e aprendosi escono dei mezzi di guerra ma non sono carrarmati, sono strani..., sono di ferro e sembrano persone che camminano, ma camminano a terra come le formiche, ma sono grandi e dentro ci sono tante persone con gli stessi abiti di ferro! Dentro ci sono degli esseri pieni di liquidi, ma sono enormi e hanno la punta di missili pronti a partire! Ancora escono altri mezzi a forma di navi, ma hanno le ruote...!

*******************

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(**) <Gesù è in Silenzio per un po' di tempo, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Il Faro del Cuore di Dio illumini ognuno di voi e l'umanità intera, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Ecco Dio! Ecco il Banchetto! Ecco le Spose! Ecco tutti i Servi Inutili! Ecco Maria con le Schiere! Ecco lo Strumento nel Camminare sulle Acque delle Schiere del Padre! Ecco i vostri Cari che Camminano nell'Amore di Dio! Ed ecco ancora la Voce di Dio che dice ad ogni Figlio: "preparate i vostri cuori, vigilate e siate pronti"! Figli, fratelli e amici del Mio Cuore, Mi Riconoscete? Sono Io, il vostro Gesù, il Gesù che Ha Allargato le Braccia sul Legno della Croce non per nascondersi e non per ubbidire agli uomini ma per Fare la Volontà del Padre nell'Amare ognuno di voi e nel Donarvi il Posto Preparato da Dio......! Il Posto Preparato dal Padre è stato sporcato dagli uomini, da coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, da coloro che indossano i Miei Abiti, ma dentro non ci sono perchè c'è il mondo e ci sono i rumori del mondo......! Vigilate, figli, perchè ciò che hanno fatto nei tempi passati lo stanno facendo ancora......! Non sono stato venduto da Giuda, ma chi non Mi ha accolto sono stati i sacerdoti dei tempi passati, ma non erano sacerdoti, erano coloro che avevano il potere in mano come ce l'hanno adesso......! Questo è un altro mistero......! Il Padre Ha Mandato Me come Sacerdozio Vivo ed Eterno a Portare il Suo Pane e a Spezzarlo...! Se Dio è la Parola e Dio Ha Mandato il Figlio a Far Nascere e a Far Partorire la Parola, quale parola c'era prima? Voi dite: "c'era il Vecchio Testamento!" Dio Parla per due volte...? Dio manda il Figlio per correggere......? No, il Padre manda il Figlio per Amare, per Salvare e per FarLo Diventare Pane per tutte le genti! ...... VIGILATE, FIGLI, PERCHÈ TUTTO CIÒ CHE È NASCOSTO VERRÀ SMANTELLATO E TUTTO QUELLO CHE NON È DI DIO VERRÀ CANCELLATO......! Pregate e vigilate......! .........Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA......! Giulia: Eccomi, Gesù! Tu mi hai promesso che d'ora in poi un Sigillo sarà preso e l'Altro sarà lasciato...: Eccomi nel Fare la Tua Volontà! Eccomi nell'Obbedire in Pienezza alla Parola del Padre! Gesù: Non sciogliere il Filicino! Giulia: No! Eccomi, non lo faccio più! Ma ogni tanto mi viene voglia di farlo e quando mi viene voglia ci Sei sempre Tu pronto a legarlo..., perdonami! Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA, ANIMA MIA......! Giulia: Eccomi!(*) Dove sei?(*) Cosa fai, Gesù? Cammini nel ruscello basso basso...  e lì non si può affondare!(*) Quel ruscello va al mare, ma quello è un mare di uomini e non è un mare di acqua...: è un Flagello e questo dovrà cadere......! Eccomi! Andrò solo una volta a chiedere se mi danno la mano, così come Tu mi hai detto di fare, e se mi daranno la mano vengo a portarli al Banchetto del Padre! Ma chi non la darà la mano, rimarrà alla Domanda Finale......! Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA ANCORA......... ma ciò che vedi aggiungilo al Rotolo Vivo! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Eccomi! Gesù, Ti consegno tutta la Giornata, la Famiglia, coloro che si sono uniti alle mie preghiere, quelli che nel Cuore non hanno la Forza di farlo: Te li affido......! Coloro che tradiscono e feriscono il Tuo Cuore: Accarezzali......! Poggia la Tua Mano, Gesù, Ti offro tutti i nemici, i cuori che ho raccolto, le Pietruzze e tutti i Sacerdoti! E come sempre, consegno quello che mi hai donato, "il mio niente..." perchè nelle Tue Mani tutto è al sicuro! E accoglici ancora così "a piedi scalzi" e senza aver lavorato! Ma pure senza aver lavorato, Tu doni la Paghetta ugualmente: ora la prendo, la spezzo e la metto nella Cesta, lì dove i figli ancora non Ti conoscono e la porto per mangiarTi e farTi riconoscere! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA.........! Giulia: Eccomi!(*) I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi li posso bere come mi hai promesso? Gesù: GUARDALI.........! Giulia: Eccomi!! Gesù: Non ti spaventi? Giulia: Posso berli? Gesù: Sei così gioiosa nel vederli? Giulia: Eccomi, Gesù! Questi non cadranno perchè Tu me l'hai promesso che questi posso berli! Anche se uno cadrà, l'altro lo potrò bere......! Gesù: Ma devi dirlo! Giulia: Questo Sigillo mi fa un po' male, ma Eccomi nel Fare la Volontà del Padre!(*) C'è una Via e la Via è fatta di Quattro Colori: nero, grigio, viola e rosso! Il rosso e il viola sono più alti, sembrano dei...  pali alzati, ma hanno la stessa lunghezza degli altri colori! Gli altri due colori, il nero e il grigio, si aprono e aprendosi escono dei mezzi di guerra ma non sono carrarmati, sono strani..., sono di ferro e sembrano persone che camminano, ma camminano a terra come le formiche, ma sono grandi e dentro ci sono tante persone con gli stessi abiti di ferro! Dentro ci sono degli esseri pieni di liquidi, ma sono enormi e hanno la punta di missili pronti a partire! Ancora escono altri mezzi a forma di navi, ma hanno le ruote...! Gesù, questo lo posso bere? Gesù: Ti è stato promesso! Giulia: Eccomi! Gesù: Non tutto in una volta......! Giulia: Eccomi, dopo vado! E gli altri Sigilli? Gesù: Uno lo berrai e uno cadrà! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù, Ti ho già consegnato la Famiglia e Te la riconsegno ancora: anche i cuori prendili tutti e falli agire col Tuo Amore! ......Dove vai? Gesù: Ad accogliere le Spose al Banchetto del Padre: ho accolto ognuno di voi e il Padre vi ha Donato il Banchetto! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi con tutti i Servi Inutili! Eccomi con tutti i vostri Cari! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Eccomi con Rossella, Natanaele, Vittorio e le Bimbe! Eccomi con i Pargoli tutti pronti nel Lavorare, nell'Impastare e pronti al Forno nel preparare il Tutto del Padre! Ed Eccomi ancora nel Portare l'Unica Verità della Croce e...... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...L'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù, pronti nel combattere, nel tenere Alta la Croce, nel tenere Alto il Pane e perdonami Se rispondo sempre per ognuno dei Figli! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Benvenuto, Gesù, in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Eccoci! Gesù: Eccoci! Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Gesù: E se voi state tutti bene, anch'Io sto bene! Don Vincenzo: Questi Sigilli sono sempre più negativi! Gesù: La Cocciuta ha iniziato a Berli! Don Vincenzo: Uno lo Beve e uno lo lascia cadere! Gesù: Uno può Berlo e l'altro cade! E così che le ho detto e così deve fare nell'Ubbidire al Padre, nell'Ubbidire alla Parola di Dio, nel Rimanere Straccio Stracciato, Servo Inutile dopo aver Lavorato......! E dopo aver fatto quello che si deve fare, si risponde: "Eccomi ancora, Straccio ai Piedi della Croce"! La Cocciuta ha iniziato a Berli i Sigilli per l'Umanità Intera e per ognuno di voi e tutto viene sempre dalla Cupola! Voi pregate nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro; Ave Maria-Padre Nostro", ma dovete farlo col cuore e non solo con le labbra! .........Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Gesù, all'inizio di ogni Visitazione, faccio sempre una meditazione e questa sera ho invitato tutti a pregare Te che Sei in Croce, a guardare Te che Sei in Croce, ad amare Te che Sei in Croce e a far diventare questa Preghiera la più importante perché è lì, in quel Crocifisso, che c'è tutto l'Amore del Padre, c'è tutto l'Amore del Bambinello, c'è tutto l'Amore della Madonna, con quei Chiodi che "gridano sempre più", con quelle Spine che "pungono sempre più" e tutto questo a causa dei nostri peccati, tutto per i nostri errori! Gesù: Tutto per Amore! Io Mi sono Donato nelle Spine, sul Letto della Croce: Tutto per Amore, ma l'Umanità ancora non ha imparato ad Amare! Don Vincenzo: Non Ti vede e non Ti sente! Gesù: È l'Unica cosa che il Padre chiede: "Amatevi e chiamateMi Papà", ma l'Umanità non vuole sentire! Tanti discorsi, tante preghiere inventate ma l'Unica Preghiera che Dio ha chiesto, nessuno l'ascolta e nessuno la fa! "......Ma alziamo le braccia nel parlare e nel cantare......!" Il Padre non ha chiesto questo! Il Padre, nel silenzio del proprio Cuore aspetta ogni Figlio nel dire: "Padre, insegnami ad essere Tuo Figlio, insegnami ad amare, insegnami ad essere padre come lo sei Tu perché, se Tu sei Padre e mi hai fatto a Tua Immagine e Somiglianza, lo sono anch'Io padre, ma non il padre delle cose del mondo, ma il padre delle Cose del Padre e Tu sei Padre per Amore!" Eeeeh! Don Vincenzo: Che Bello quello che hai detto, Gesù......, è sempre Bello quello che dici Tu! Gesù: Non solo è Bello ma sono le Cose del Padre e il Padre dice le Cose Belle perché il Suo Amore è la Bellezza di ognuno di voi così come la Sua, fatta a Immagine e Somiglianza della Bellezza dell'Amore di Dio, ma l'Umanità ancora è sorda ed è cieca...! Ma voi pregate...... pregate per le Mure Insanguinate...... pregate per il Pezzo di Legno che si è Affondato...... pregate per tutti i Figli Ministri che non ascoltano il "Grido" del Padre e hanno tradito e tradiscono ancora facendo di "Dio uno svenduto"! Don Vincenzo: Uno svenduto? Gesù: ComprateLo chiamandoLo Papà...... e amandovi gli uni gli altri in questo Tempo, Figli......! Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! E volete che non conosca i cuori? Ma non fate un po' i furbacchionelli nel rispondere: Eccomi? Ognuno dovrebbe dire: "io c'ho la tosse..., io c'ho il raffredore..., io c'ho la febbre..., io non mi parlo e non mi saluto col fratello..., io ho spuntato in faccia all'altro..., io ho tirato un cazzotto all'altro fratello..., io ho girato le spalle a chi mi chiedeva un pezzo di pane..., io ho fatto questo..., io ho fatto quell'altro..." e invece voi rispondete: "stiamo tutti bene, Eccomi"! Ma il Cuore e l'Anima la Curo Io insieme con Mio Padre... e anche tutto il resto... e vediamo e sentiamo ogni cosa... e voi ancora Mi rispondete: "Eccomi, stiamo tutti bene!" Don Vincenzo: Perdonaci! Gesù: Tu come stai? Don Vincenzo: Perdonaci, Gesù! Gesù: Sono venuto a Perdonarvi da sempre...... e Io Parlo a voi e al mondo intero! Don Vincenzo: Gesù, la Tua Famiglia qui dovrebbe brillare di più e meglio e fare i fatti non dicendo soltanto "Signore, Signore..."! Gesù: Eh, ...... e Giovanni Lo ha ripetuto da tanto tempo e Io Lo sto ripetendo ancora e lo Strumento ve lo dice attimo dopo attimo: "pregate, non perdete la fiducia e se il Padre sta parlando, non è un Papà bugiardo, ma un Papà che dice la Verità ai Propri Figli! E un Papà, quando Ama, dà i pizzicotti e, quando dà i pizzicotti, è perché Ama!" Don Vincenzo: Gesù, la Cocciuta soffre molto......! Gesù: La Cocciuta rimane Cocciuta e Straccio Stracciato! Don Vincenzo: E si sente poi male perché la sua è una Sofferenza Continua e Profonda! Gesù: La Cocciuta si sente male quando vede che il Cielo non viene ascoltato! Don Vincenzo: Difatti! E tante volte viene pure scartata e viene proprio messa da parte! Gesù: Lo hanno fatto con Me e Lo fanno ancora e Lo fanno anche con lo Strumento e venite scartati anche voi......, ma dovete gioire! Don Vincenzo: Il fatto grave, Gesù, è che la Cocciuta viene scartata dalla sua Famiglia! Ed è proprio questo che la fa soffrire! Gesù: È quello che ha fatto soffrire e fa soffrire anche Me! Non Mi ha scartato Maria, non Mi ha scartato Giuseppe, ma Mi hanno scartato gli altri parenti e, scartandoMi loro, Mi ha scartato l'Umanità Intera! Hanno accolto il mondo con i suoi rumori! Ma Io non vi ho lasciati e vi ho Comprati a Prezzo di Sangue e siete di Mia Proprietà e non vi lascio, fino all'Ultima Domanda, Figli......! ...............Ora ci Doniamo? Don Vincenzo: Si, ci Doniamo! Eccomi! Gesù: Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Non aspettavo altro! Gesù: E lo Strumento rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! La Cocciuta rimane Crocifissa nel Donare al Padre le Spose che hanno donato la Mano! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino......  Gesù Beve......  e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo> Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questa è la Mia Carne! Amen! <Entrambi Mangiano e Bevono> E Tutto l'Amore Pieno che il Padre ha Donato a Me Io lo Dono ad ognuno di voi! Ma vigilate: chi rimane nell'Arca e con i Remi Mangerà e Berrà di Tutto quello che il Padre Mi ha Donato! Chi invece rimane fuori dell'Arca gli verrà a mancare perché sono vicini i Tempi......! , gli verrà a mancare il Tutto del Padre! .........Ora doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E preghiamo ancora che quel "Pezzettino di Filo" dello Strumento che la Mano di Dio tiene, non si abbassi...! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta e alla fine ''Innalza'' le Braccia.> Questo è il Tutto della Croce! Lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora, e questo è il Banchetto del Padre donato ad ognuno di voi per prenderci parte......! <Gesù indica la Tavola con le Pietanze> Tu vuoi prenderci parte? Don Vincenzo: Certamente! Gesù: Anch'Io! "Eccomi" non "certamente"! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, Calice Vivente! <Gesù stringe la mano a Don Vincenzo> ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Eeeh, Eccomi... Don Vincenzo: Eccomi! ............Questo è per me? Gesù: , questo è per te e anche questo è per te! Eccomi, eh, tie', questo è per lo Strumento! <L'erbetta> La sua Gioia è di Bere... e di prendere l'Amaro......! Eccomi! È bello Lavorare nella Vigna del Padre e la Vigna è stata consegnata ad ognuno di voi! È bello gustare tutto ciò che è nella Vigna e assaporare in Pienezza l'Amore del Padre, e poterLo dare ai Figli l'Amore del Padre......! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino. Raffaele si organizza per donare il bicchiere con l'Avanzo ad Angela per tagliare il pane-pesce e donare la testa e la coda a: Antonietta, Maria Elena, Anna, Angela e altri pezzi ad alcuni dei presenti> Vedi, è gioioso lo Strumento ma, nell'essere gioioso, assapora anche l'Amaro... ma lo rende Dolce Lavorando per ognuno dei Figli...! Così come per Me era Amaro nel vedere i Figli andarsene via dopo tutto quel chiasso, dopo averMi seguito nel pensare di FarMi Re e risolvere ogni cosa! Vedi, Calice Vivente, tutt'ora vi affidate al Mio Cuore o al Cuore del Padre nel dire ancora: "ci devi dare questo..., ci devi dare quell'altro..., quello non lo devi fare e questo lo devi fare......"! Ma se il Padre Buono ha preparato il Tutto da sempre e tutto quello che fa il Padre è Buono per ogni Figlio, com'è che il Figlio non vede il Giusto del Padre e cerca il giusto del mondo? Com'è che i Figli non vedono i pericoli che stanno camminando in mezzo a voi e ancora non c'è Pace? Che aspettate, la pace degli uomini? Non sapete che la Pace viene solo da Dio? Perchè aspettate la Giustizia degli uomini quando la Giustizia è solo Dio? Perché vi allontanate e vi avvicinate a coloro che non possono donare la Pace? È il Padre Buono l'Albero della Pace! È il Padre Buono il Pane per ognuno di voi! È il Padre Buono che vi Dona ancora il Soffio...... non sono gli uomini......! Ora parla tu un po'! ...Vicepa'! Raffaele: Eccomi! Gesù: Sistema un po' a tutti! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...È buono? Maria Elena: Eccomi! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: Mamma, mamma è buono? Dov'è Papà? Maria Elena: Al lavoro! Bimbi di Mario e Maria Elena: Anche noi siamo al Lavoro! Ti abbiamo lasciato sola? No, sei tu che ci hai lasciati soli! Perché sei arrabbiata? ...Perché sei arrabbiata? Maria Elena: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sì che lo sei! Mamma, perché sei arrabbiata? Mamma, ti devi preparare a fare il lenzuolino! E tu cosa devi fare? Alessandra: Il cuscino! Bimbi di Mario e Maria Elena: Il cuscino? E chi deve fare il materasso? Ehi, lo devi fare tu il materasso! Roberta: Eccomi! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eccomi! Ma tu, non mamma, eh, e anche tu...  e anche tu! Mamma, ti vogliamo bene...  mamma, ti vogliamo bene e anche a papà e adesso stiamo aiutando papà a fare un lavoro e dopo andiamo ad Impastare...! E dopo che abbiamo Impastato andiamo a tenere la mano allo Strumento: deve Bere i Sigilli......! Mamma...  mamma, non ti arrabbiare, sii dolce, dolce come il miele con tutti! Mamma, noi adesso dobbiamo andare, ma non ti abbiamo lasciato sola, ti abbiamo fatto uno scherzetto e a papà lo baciamo noi, ma tu bacialo pure e poi veniamo a farti uno scherzetto! ...Ciao, nonna Filomena! ...Ciao, nonno Francesco, cosa hai combinato? ...Cos'ha combinato? Maria Elena: Niente! Bimbi di Mario e Maria Elena: Niente? E tu dici che non ha combinato niente? Noi abbiamo visto, eh, eh, ma stiamo zitti, non parliamo! ...Ciao, nonna Filomena! ...Ciao, nonno Francesco! ...Ciao ai cuginetti e ciao alle ziette! <Mandano baci> Un bacio a tutti quanti! ...Ciao, mamma......  e non ti arrabbiare! <Mandano baci e accarezzano Don Vincenzo> ...Ciao, Eccomi, Ciao! Gesù: Eccomi, cosa vuoi dirMi? Don Vincenzo: Tutte queste Visitazioni, Gesù, che durano ormai da ventinove anni non fanno altro che creare un "crescendo" sia in qualità che in quantità e quindi veniamo a conoscenza di tante Cose Nuove......! Gesù: , ma vedi, lo Strumento ha fermato e fermerà ancora e il Padre l'ascolta! Don Vincenzo: E quello che è bello è che il Padre ci sta guidando alla Verità Tutta Intera! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: E quindi di settimana in settimana sempre più c'è questo"crescendo"! Gesù: Dio è un Crescente! Don Vincenzo: E sempre più il Padre ci rivela Cose Nuove, e rivelandoci Cose Nuove ci arricchisce sempre più, perché veniamo a conoscenza di tante Cose che non avevamo mai sentito e ci erano state tenute nascoste! Gesù: Ma il Padre ha Scelto una Famiglia e ha consegnato la Vigna e voi siete i Vignaioli, e l'Unica Chiesa e l'Unica Grazia è Maria, e avete l'Arca e avete i Remi! Ma vedete, Figli, avendo l'Arca e avendo i Remi, avendo Maria come Unica Chiesa e Unica Grazia, può Maria essere Gioiosa? Può una Mamma essere Gioiosa? Tu puoi essere gioiosa se vedi un figlio che cade? <A Silvana> L'Umanità e il mondo intero è in piedi? È caduto! E la Mamma può sorridere? È triste! Come possono dire che la Mamma è Gioiosa dell'operato dell'Umanità intera quando vede i Figli che sono già caduti? Maria è Mamma ed è Triste e chiede di pregare e non batte le mani, nel dire: "bravi, Figli", ma invita a pregare e a risollevare i Figli che sono caduti! E così anche voi sollevatevi gli uni gli altri e Alzate la mano e combattete i falsi profeti e combattete il veleno! Don Vincenzo: E "combattete i farisei di ieri e di oggi"! Gesù: Combattete i farisei di ieri e di oggi! ...Ora parla tu un po'...... Io ho ancora fame, tu no? Lo vuoi uno? Don Vincenzo: Sì, prendo quello che prendi Tu! Gesù: Tieni, non lo vuoi uno? Don Vincenzo: Tu lo vuoi? Gesù: No, Io prendo questo! Don Vincenzo: E anch'io! Gesù: E tu prendilo, mangialo, mangialo, te lo dò Io! Eh, eh, è qua, non ti preoccupare, prendilo, raccoglilo, è Mio, ecco, eh, e adesso ci vuole un Pezzettino di Pane, eh, eh! ............State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Questi vanno bene, mò vediamo, eh, eh! ...Parla, Io ti ascolto! E a Giovanni glielo dovete dire che è piccante...... Io lo mangio, Giovanni no! Non gli fate lo scherzetto...... che poi vi "tatina"! ...È buono? Anche il Mio! Tu non lo mangi il piccante? No, lo mangio Io! Vuoi parlare un pochino? Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...Non glielo date a Giovanni se no vi "tatina" sul serio! Don Vincenzo: Gesù, quando il Padre chiama un Figlio c'è prontamente la Cocciuta che tende la mano per farlo partecipare al Banchetto? Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ma ci sono dei figli che rifiutano la mano? Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi non partecipano al Banchetto, ma partecipano soltanto alla Domanda Finale! Gesù: ...Mi sto affogando, picca veramente! ...Non vi preoccupate, sono Vivo come siete vivi ognuno di voi e anche voi vi affogate quando picca! ...Parla! <Gesù dona alcuni colpi di Tosse> Questo non è il piccare! Questa è un pizzico della Mia Tosse, eh! Vedete come sempre di più capite che sono Vivo e sono in mezzo a voi? Il piccante Mi ha pizzicato qua! Allora cosa stavi dicendo? Don Vincenzo: Stavo dicendo che quando un figlio o una figlia vengono "chiamati" dal Padre per partecipare al Banchetto, la Cocciuta tende subito la mano, perché l'altro afferri la mano e partecipi al Banchetto! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Invece ci sono alcuni, anzi forse parecchi che questa mano della Cocciuta la rifiutano! Gesù: Se fossero solo alcuni non sarebbe grave la situazione! Don Vincenzo: Invece sono tanti! Gesù: ! Don Vincenzo: E quindi non partecipano a questo Banchetto e devono aspettare soltanto la Domandina Finale? Gesù: ! Don Vincenzo: E in questo frattempo dove vivono? Gesù: C'è un Luogo dove si aspetta ma non c'è né il fuoco e né l'acqua e neanche il vento! C'è un Luogo dove si aspetta! Don Vincenzo: C'è pure una "dormizione" di mezzo o no? Gesù: No, un Figlio si addormenta per un solo istante e poi se risponde: "Eccomi" e Dona la mano, si porta dinanzi al Banchetto del Padre......! Ma quando non si risponde l'Eccomi sì rimane lì ad aspettare! ......La "dormizione" l'hanno inventata coloro che alzano le mani e poi cadono per terra......... ciao, ciao! <Gesù si riferisce ai Carismatici> E tu l'hai vista? Don Vincenzo: Non ricordo! Gesù: Sì che l'hai vista la "dormizione"! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Cadono per terra e poi fanno così...... <Gesù imita il movimento delle mani> Don Vincenzo: Ah, sì, ora ricordo! Gesù: Cosa vuoi sapere ancora? ......Io avrei un altro poco di fame, ma non dateMi più il piccante...... ha ragione Giovanni! ...L'ovetto, , questi li mangia Giovanni! Tu parla e Io mangio questo! ......Me lo dona e poi Me lo porta via, eh......! ...Parla! Non mangi più? Don Vincenzo: Questo cosiddetto "luogo di parcheggio"... Gesù: Questo cosiddetto "parcheggio" non lo posso parcheggiare Tutto Intero, è un luogo dove si aspetta! Don Vincenzo: Si partecipa pure? Gesù: Se non viene donata la mano, non si partecipa! Si partecipa quando viene donata la mano e quando viene indossato l'Abito Bianco e l'Anello Nuziale e si arriva dinanzi al Padre e si prende parte al Banchetto e c'è il "Matrimonio" col Padre! Don Vincenzo: Pure con lo Sposo? Gesù: ! Don Vincenzo: Quindi c'è un doppio "Matrimonio", quello col Padre e quello con Te, Gesù, che Sei lo Sposo? Gesù: Qui c'è un altro Mistero...... lo scoprirete! Cosa c'è, il viceparroco vuole dire qualcosa? Don Vincenzo: Sì! Raffaele: Posso, Gesù? Gesù: Eccomi! Raffaele: Si sta scrivendo la Storia stando qui... Gesù: Chi la sta scrivendo, Io? Raffaele: Il Padre! ......Ma nei Luoghi cosiddetti "Santi" non si è scritta pure la Storia come a Fatima o a Lourdes? È sempre un'Apparizione della Madonna! Gesù: Vedi, Figlio, la Storia si scrive quando è scritta Tutta Intera così come Maria L'ha detta, ma se viene travisata, non è più come Maria L'ha detta! Se tu dici al tuo figliolo: "ti voglio bene, figlio" e poi viene detto: "ti dò uno schiaffo", non è la Verità Tutta Intera! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Se in quei Luoghi non ci fosse stato mercato, ci sarebbe stata ancora la Madonna......? O comunque la Storia doveva andare così? Gesù: No, Dio né si vende e né si compra! Dio porta l'Annuncio della Pace, ma non il mercato! Dio dice ai Propri Figli: "Pregate, scenderà la guerra!" Dio, quando manda i Propri Figli nel parlare, non uccide, ma gli uomini torturano e uccidono! Mia Madre ha parlato di Pace, di Amore, di Fratellanza, lasciando ai Figli ciò che dovevano fare, ma gli uomini non l'hanno fatto e hanno pensato: "possiamo accumulare soldi" e continuano ad accumularli, strappando l'Anima ai Figli! ......Eccomi! Raffaele: Che cosa è Immolare? Gesù: Guarda il Crocifisso......! Io Mi Sono Immolato ma i farisei di ieri e di oggi non si sono Immolati e hanno gioito e si sono messi a tavolino a fare i conti come venderMi e come comprarMi e così anche della Parola di Mia Madre...! IN TANTI LUOGHI NON C'È MIA MADRE A PARLARE, MA SONO GLI UOMINI CHE PARLANO AL POSTO DI DIO PER ACCUMULARE ANCORA......! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Il Perdono, quello di Dio, quello della Madonna, quello Tuo, è sempre Totale o può essere anche parziale? Cioè quando dite: "Ti perdono, Figlio!" Gesù: Quando vi ho Comprati a Prezzo di Sangue siete stati tutti Perdonati! Raffaele: Ma se c'è la Domandina Finale? Gesù: Quella è un'altra cosa! Raffaele: Non è un mezzo Perdono? No! Gesù: Quella è una Domandina Finale! Vedi, non siamo Noi, non è il Padre che non perdona, ma sono i Figli che non danno la mano...... e c'è una Domandina Finale......! E la Cocciuta si avvicina e gli chiede la mano ma le viene risposto di no, e non è Dio che non la prende ma sono i Figli che non vogliono incontrare il Padre... e aspettano... e il Padre Buono aspetta...! Raffaele: Gesù! Gesù: Eccomi! Raffaele: Cos'è la morale? Gesù: Cos'è la morale? Don Vincenzo: Vivere educatamente per quanto sia possibile! Raffaele: Per Te cos'è? Noi ce la facciamo a modo nostro la morale! Gesù: Tu come la fai? Così copio...... come fanno gli altri che copiano le Parole che Io dico! Raffaele: Rispetto degli altri sempre! Gesù: Il Rispetto...... e il Padre non vi rispetta? E chi fa la morale rispetta Dio? ......Ti ho spiazzato come sempre, sorrisino! Perché stai sudando? Raffaele: Non è semplice! Gesù: Ti faccio lo shampoo? Raffaele: Così mi bagni i capelli! Eh...  Eh...  Eh... Gesù: Eh... eh... eh! Raffaele: L'ultima domanda...! Gesù: Eccomi! Raffaele: Si è squarciato il Cielo? Gesù: Da un bel po' si è squarciato e il Figlio è rimasto lì e non Scende e non Apre perchè lo Strumento ha chiesto così al Padre e il Padre l'ha accontentata! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! ...Cosa c'è, ti stai addormentando? Don Vincenzo: No, tutt'altro! <Gesù dona alcuni colpi di Tosse> Gesù: Eh, quel piccante è piccante! Allora, tu Mi devi dire qualcos'altro? Don Vincenzo: Se no? Gesù: Se no Io vado ad accogliere le Spose che hanno donato la mano...... e Giovanni viene a parlare un po'! Don Vincenzo: Aspettiamo Giovanni!(*) PICCOLO GIOVANNI: Eccomi! Don Vincenzo: Giovanni..., benvenuto! Piccolo Giovanni: Con la Croce e con il Pane... <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio!> ...Nell'invitarvi ancora a tenerLi Alti e a donarLi a tutti i nemici nel fare un grande Giardino d'Amore e dividerlo con tutti! ..................Ehi, il Mio caffè! ...State bene, Nicola, dottoressa e Maria? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tutti quanti state bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Adesso bevo il caffè..., ne vuoi un goccino goccino? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ne vuoi un altro? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: No... e allora lo bevo Io! Don Vincenzo: Buono come sempre! Piccolo Giovanni: , è buono, gustoso e saporito! Chi ne vuole se lo va a prendere...! Senti, Me ne dai uno? Eccolo! ...Mari', lo sto Inzuppando..., Nicò... Teré... è buono! Non sai che ti perdi..., vuoi assaporarlo? Tieni e... te lo sei mangiato tutto? È buono? Eh, eh... Mi sono fatto la prima zuppetta... ah! Eccomi! Allora... Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Cos'hai combinato ancora? Maria: Sono stata sempre sotto gli occhi di Teresa... <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come si va? L'orto porta i frutti? Nicola: Va bene! Piccolo Giovanni: ...Teré! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Maria ha detto che è sempre stata sotto i tuoi occhi! Teresa: Insomma...... Piccolo Giovanni: Un pochettino non è scomparsa? Cos'ha combinato quando è scomparsa? Teresa: Boh! Piccolo Giovanni: Hai visto che è bugiarda? Ha detto che è stata sempre sotto i tuoi occhi... ma dove sei stata? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: No, dov'è stata lei quando è scomparsa? Maria: Sempre con Teresa...! Piccolo Giovanni: E allora cos'è sta scomparsa? Chi è scomparsa tu o lei? Teresa: Si è assentata solo un po'! Piccolo Giovanni: E tu cos'hai combinato? Non hai combinato niente? ......Non risponde...! Don Vincenzo: Gatta ci cova...! Piccolo Giovanni: Gatta ci cova..., ma di solito le gatte non covano..., covano le galline! Eh... Eh... Eh...<Si ride un po'> ...Come stai dottoressa? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Ma "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Teresa: Eccomi sì! Piccolo Giovanni: Eccomi sì! E allora... Mari', che hai fatto? Maria: Giovanni, non mi ricordo niente di particolare..., sono stata a casa! Piccolo Giovanni: È stata a casa..., poi ti sistemo Io..., ti faccio ricordare quello che hai fatto...! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Adesso si è preoccupata... e poi quando vengo...! Vai! ...Allora Mi hai dato un altro biscotto? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: Ecco, l'omaggio! Abbiamo iniziato col dolce? ...Eh, , ho preso il caffè, l'ho inzuppato, adesso un altro dolcino e poi dopo ci mettiamo il cibo sopra! ...RaccontaMi qualcosa tu...! Don Vincenzo: Abbiamo iniziato l'anno nuovo e sono passati 29 anni e Gesù continua ancora a parlare! E mai una Visitazione è stata così Lunga e così Profonda in Qualità e in Quantità! Piccolo Giovanni: Allora, continua... Don Vincenzo: Siamo entrati nel ventinovesimo anno della Visitazione da quel lunedì, 05/08/1985... Piccolo Giovanni: E poi? Don Vincenzo: Mai Dio ci ha dato tanto e si è dato tanto! Per non parlare poi del rapporto personale con la Cocciuta che è un rapporto straordinario per noi qui quando riceviamo la Visita di Gesù ogni giovedì sera e la Visita della Madonna il pomeriggio della seconda domenica di ogni mese! Grazie su Grazie..., Verità su Verità, quella Tutta Intera, quella Completa, quella Piena! Questo posto è piccolo e sperduto, ma è stato scelto dal Padre che ha Piantato qui l'Albero Verde che nessuno potrà sradicare...! Questa Visitazione non ha eguali! .........Tu, Giovanni, ci venivi spesso? Piccolo Giovanni: Tutti i Giovedì! Don Vincenzo: Pure Tu il Giovedì avevi questo incontro di preghiera...? Piccolo Giovanni: , il Giovedì e il 24 di ogni mese ci incontravamo per dare ai figli la Croce, il Cuore di Gesù e il Cuore di Maria! <Un piccolo Crocifisso di legno e un'Icona dei due Cuori di Gesù e di Maria e la Consacrazione all'Addolorata: ognuno dei consacrati si impegnava a pregare e formare così una catena di preghiera ininterrotta> E dovrai fare anche tu il Battesimo dell'Amore! Don Vincenzo: Oltre il Battesimo dell'Amore, c'è pure questo Banchetto! Piccolo Giovanni: Il Banchetto è Dio! Il Battesimo dell'Amore è stato fatto! Adesso è stato chiesto di farlo ancora! ...Eccomi! E quando il Padre vuole, ti dirà quando farlo e come farlo! Ma tu stai bene? Don Vincenzo: Sì! Mi stai salutando...? Piccolo Giovanni: No, non Me ne vado ancora..., ho appena iniziato a parlare e ho appena iniziato a mangiare qualche cosina e tu... Mi vuoi far andare via...? Don Vincenzo: No...  no...! Piccolo Giovanni: E poi devo parlare anch'Io..., adesso parla tu, raccontaMi qualcosa...Don Vincenzo: Quando venivi qui hai sprecato tante tante energie per costruire la Chiesetta lassù, al terzo piano! Piccolo Giovanni: Ho fatto quello che il Padre ha chiesto! Don Vincenzo: Ma lo hai fatto in modo eccezionale perché è bellissima quella Chiesetta, piccola e carina! Piccolo Giovanni: Non l'ho fatta Io..., l'ha fatta il Padre! È Lui che l'ha chiesta nei minimi particolari! Non sono stato Io, ho eseguito solo gli ordini del Padre: tutto quello che il Padre ha detto Io l'ho fatto! Don Vincenzo: Sei stato Ubbidiente e Bravo...! Piccolo Giovanni: Al Padre si dice "Eccomi", e l'Eccomi deve essere Pieno e non deve essere un Eccomi a proprio piacimento, ma al piacimento del Padre! Don Vincenzo: Com'è bella la Chiesetta così piccola, così raccolta...! Piccolo Giovanni: Ciò che è di Dio è buono ed è giusto! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Quando siete andati nella Chiesa di S.Elia... Piccolo Giovanni: Quella non l'ho fatta io, l'ho sistemata..., ma Me l'hanno rovinata! Ma non parliamo di queste cose..., parla d'altro... chè, Mi lasciate solo con due frù-frù, un caffè e due-tre pezzettini di baccalà? Don Vincenzo: No! Piccolo Giovanni: Ehi, cosa vuoi? Don Vincenzo: Scegliamo! Piccolo Giovanni: Eh, quello che è morbido! Don Vincenzo: Che ci sta là dentro? Raffaele: Il tonno! Piccolo Giovanni: Uh! Allora, parla un po' o vuoi mangiare? Don Vincenzo: È gustoso! Piccolo Giovanni: È gustoso? Anche le patane sono gustose! Don Vincenzo: Questo Banchetto del Padre è sempre più Buono ed è sempre più gustoso! Piccolo Giovanni: Può non essere Gustoso il Padre? Don Vincenzo: Sì, è veramente Gradevole! Piccolo Giovanni: Può non essere Gustoso? Don Vincenzo: È Gustosissimo! Piccolo Giovanni: Gustosissimo e Pieno d'Amore! Ora facciamo una piccola pausa! Eh, ma cosa Gli avete donato a Gesù, sta bevendo l'Acqua Zampillante! Gli avete donato il piccante...! Bravi! RAffaele: Posso? Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Quello che deve portare la Pace, non lo sentiamo più? Piccolo Giovanni: Perché, voi lo conoscete? Raffaele: Dovrebbe stare qui in mezzo! Piccolo Giovanni: Chi l'ha detto? Raffaele: Così si dice! Bisogna avere dei problemi grandi per chiamare Dio, altrimenti ci si dimentica di Lui! Piccolo Giovanni: Neanche quando avete i problemi si ascolta Dio! La Cocciuta dice: "formaggio" e i figli rispondono: "cipolle"! È stato sempre così, cosa volete fare? Raffaele: Facci una raccomandazione! Piccolo Giovanni: Volete ascoltare la Voce del Padre o quella del mondo? Eppure la Cocciuta vi porta nell'Arca e Rema e vi porta sulle spalle e porta anche l'Umanità e porta anche i farisei di ieri e i oggi, eeeh! Raffaele: Può essere che non ci accorgiamo che i Tempi stanno peggiorando? Piccolo Giovanni: Perché, non guardate fuori? Raffaele: Ma tutto sommato si va avanti......! Piccolo Giovanni: Dove? Raffaele: Diciamo che si vivacchia......! Piccolo Giovanni: Ciccio dice di no e fa così......! <Ciccio scuote la testa> Raffaele: Anch'io faccio così! Piccolo Giovanni: State vedendo la scena di un film e guardate sempre lo stesso film e non avete girato né pagina e neanche canale e non vi siete accorti dei Tempi del Padre che corrono! Non sono quelli degli uomini che corrono ma il Padre ha accorciato i Tempi ai Propri Figli......, ma voi neanche ve ne siete accorti! E accorciando i Tempi, i Tempi del Padre sono alle porte! "Dai Tempi capirete quand'è la Mia Venuta!" Ma Dio vi sta dicendo che è in mezzo a voi e neanche quello avete capito, eeeh......! Raffaele: Si scherza con Dio? Piccolo Giovanni: No, non si scherza con Dio! Siate vigilanti! È Buono, è Padre e guarda i Figli, ma non si scherza con Dio! La Cocciuta ve lo dice sempre: "vigilate, non state parlando con me, non sono io a parlare, ma è Dio a parlare!" Eppure quando lei dice qualcosa ai Figli, o per telefono o da vicino, si risponde: "ma..., se..., però..., ma io faccio in questo modo perché è così che è meglio...!" E così si prende in giro Dio e così non si rispetta il Padre e così non si rispetta neanche l'Ultima Grazia che è Maria! , bussano alla porta, ma poi quando la Cocciuta dice: "è così che vuole il Padre!" - "No, non è giusto, non mi conviene, faccio come ho pensato io!" E la Cocciuta allarga le braccia! Raffaele: Che vuol dire: "alle porte!" Piccolo Giovanni: Alle porte! Raffaele: È proprio vicino? Piccolo Giovanni: Il "vicino" di Dio non è come pensi tu, non è come quello che pensate voi...... guardatevi intorno! Ma dovete fermarvi a guardare! Dove vi stanno portando i Grandi del mondo? Dove vi stanno portando coloro che dicono di amare Gesù e solo loro hanno la Verità? Dove vi stanno portando? Raffaele: Alla fame e alla guerra! Piccolo Giovanni: Sotto il dito del miele c'è tanto tanto veleno, e tanti tanti falsi profeti avanzano nel vendere e nel comprare ancora Gesù con tutti i Servi Inutili, eeeh! Raffaele: Ma le Schiere stanno combattendoli? Piccolo Giovanni: C'è solo la Schiera dello Strumento che combatte e le Schiere di Maria sono ferme ad aspettare! Raffaele: Verrebbe voglia di dire: prendiamo un bastone e usiamolo......! No? Piccolo Giovanni: No! Non si combatte col bastone, ma si combatte col: "Padre Nostro- l'Ave Maria" e con "l'Ave Maria-Padre Nostro!" Il veleno non si può prendere a bastonate e neanche i falsi profeti! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eccomi! Don Vincenzo: Cupola e Cupolone sono la stessa cosa? Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: Come mai hanno tutta questa Potenza e tutta questa Forza? Piccolo Giovanni: Non hanno né Potenza e né Forza! .........Si è scaricata la batteria: avete visto che la potenza e la forza delle cose del mondo si finisce? Ma quella di Dio non finisce mai! E allora parla ancora un po'! Raffaele: Un'ultima cosa... Piccolo Giovanni: Eccomi! Raffaele: Il 31 si dovevano dire tante cose ma ci si è bloccati...! Piccolo Giovanni: No, la Cocciuta ha chiesto al Padre di non parlare e di non far parlare i Cari e di non fa parlare neanche lei! Lei doveva parlare dalla Destra del Padre, così come parla quando è in mezzo a voi o quando la telefonate...... doveva parlare dalla Destra del Padre! Si doveva aprire un piccolo Rotolo ma lei ha detto di no e ha chiesto al Padre di non parlare perchè ha visto la Famiglia un po' distante..., un po' assente, un po' presa dalle cose del mondo e così ha chiesto al Padre di non parlare e lo farà ancora! Deve vedere i Figli tutti uniti in un Unico Amore che arde così come l'ho chiesto sempre Io: "Amatevi gli uni gli altri in un'Unica Famiglia, Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! I Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto e noi siamo la Nuova Chiesa!" È quello che dicevo sempre ad ognuno di voi e così dobbiamo andare avanti con Maria, l'Unica Chiesa! La Cocciuta vede questo, perché guarda lontano, così come guarda lontano il Padre! Raffaele: Ma l'Arca deve crescere o è questa? Piccolo Giovanni: L'Arca è un Crescendo, ma non potete comprendere! Sapete chi è l'Arca, ma ancora non potete comprendere cosa significa il Crescere e il Remare! Raffaele: Siamo proprio lontani? Piccolo Giovanni: No! Siete nell'Arca e lo Strumento vi porta sulle spalle, così come porta l'umanità intera! Se vi lasciasse un solo istante......, ma lei non lascia nessuno dei figli anche se viene trafitta attimo dopo attimo, così come viene trafitto Gesù, attimo dopo attimo! ......Allora..., tutto a posto? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Poi facciamo i conti quando vengo a trovarvi! Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: E tu come stai? , prepara..., prepara il Miscuglietto, tanto io devo salutarvi e poi viene Gesù! Dimmi qualcos'altro...! Don Vincenzo: Tu, di solito, quando saluti Ti commuovi! Piccolo Giovanni: Eh, Mi commuovo quando Mi fate la Festa e quando non vi dimenticate di Me! Don Vincenzo: No...  che non Ti dimentichiamo mai! Piccolo Giovanni: Qualcuno sì, e dice di volerMi bene ma cammina controcorrente, e quando si cammina controcorrente non Mi volete bene! Ma voi Mi Amate ed Io non vi lascio un istante così come non vi lascia un istante lo Strumento! ...Tu non Mi dici più niente? Don Vincenzo: Si! Piccolo Giovanni: E cosa Mi dici? Don Vincenzo: Ti dico quello che hai suggerito prima Tu, che sotto un dito di miele ci sta tanto tanto veleno! Piccolo Giovanni: Ma voi potete combatterlo alzando la Destra e rimanendo Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Avete tutta l'Eredità del Padre! Don Vincenzo: Questo dobbiamo fare, Giovanni, combattere di più con la Destra, usarla di più! Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Specialmente se ci armiamo di Umiltà ed anche di Verità, questa Destra è la nostra Arma Vincente! Ciccio: Potrei fare una domanda? Don Vincenzo: Prego! Ciccio: Ma è stato sempre detto di alzare la Destra quando c'è bisogno...  però è stato anche detto che la Destra funziona soltanto se ci amiamo......! Ma se l'Amore qua non c'è come si sta dicendo, allora la Destra non funziona......! Piccolo Giovanni: Ma se la alza lo Strumento per ognuno di voi, così come vi porta sulle spalle, allora funziona......! Ciccio: Si con lo Strumento funziona...  ma se io la alzo e se col fratello non ci amiamo...? Piccolo Giovanni: ...Se tu la alzi nell'Umiltà e nell'essere Piccolo e Povero... Ciccio: ...Funziona? Piccolo Giovanni: Eccomi! Ciccio: Eccomi! Ho capito! Piccolo Giovanni: ...Ehi, cos'ha dimenticato il viceparroco? Don Vincenzo: Cos'ha dimenticato? Piccolo Giovanni: Eh... Eh... Eh... niente! Ciò che viene detto nel segreto non si può gridare ai quattro venti! ...Salute! ...Salute ad ognuno di voi! Don Vincenzo: Che ci sta dentro? Piccolo Giovanni: Eh... Eh... Eh... chiedilo al viceparroco cosa ci sta dentro! Eh... Eh... Eh... Raffaele: Eh...  Eh...  Eh...  il segreto è segreto e me lo sono dimenticato! <Si ride un po'> Piccolo Giovanni: È buono! Raffaele: L'ho fatto leggero! Piccolo Giovanni: Questo Miscuglietto è buono così come tutti gli altri! Ciccio: Posso chiedere un'altra cosa? Piccolo Giovanni: Eccomi! Ciccio: Il Figlio che sta scendendo i Gradini... Piccolo Giovanni: ...No, si è fermato! Ciccio: Eh, si è fermato...  ma perché si è fermato? Perché siamo noi qui che lo fermiamo o è tutta l'umanità che lo ferma? Piccolo Giovanni: È lo Strumento che l'ha fermato, perché vede i figli che ancora non sono pronti! Vede i figli che non sono in pace gli uni con gli altri! Vede i figli lontani! Vede i figli sordi e ciechi! Vede i figli che dicono di amarMi e di amare il Padre, ma non è così! Ciccio: Lo diciamo solo con la bocca, allora? Piccolo Giovanni: Neanche! Ciccio: Ah, neanche? Piccolo Giovanni: ...E la Cocciuta chiede al Padre... "fermiamo", e la Cocciuta chiede ancora al Padre "aspettiamo perché i figli non sono ancora pronti! Aspettiamo i farisei di ieri e di oggi che dicono di avere tutto in mano ma non hanno niente in mano perché non hanno l'Amore, non hanno la Carità, non hanno l'Umiltà e non hanno la Croce... aspettiamo"! Don Vincenzo: Dicci qualcosa, Giovanni! Piccolo Giovanni: No, la Cocciuta Mi ferma! Dico solo: Amatevi gli uni gli altri, crescete nella Famiglia dell'Amore! Più crescete nella Famiglia dell'Amore e più cancellate il veleno e i falsi profeti! Ma se non crescete nell'Amore, non potete farlo! Gesù, Maria e Giuseppe, sono cresciuti nell'Amore, e Gesù ha svettato la Vittoria della Croce e ha donato la Vita nel chiamarvi "figli", e così voi dovete donare la vita nel chiamare "figli" i nemici, amandovi gli uni gli altri e crescendo sempre di più! Don Vincenzo: Quindi Ciccio aveva ragione? Piccolo Giovanni: Eccomi! Crescete nell'Amore amandovi gli uni gli altri, e non pensate di nascondervi dietro un dito, perché Dio vede e sente ogni cosa! ...Cosa c'è, dottoressa, stai bene? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Hai bevuto? È buono? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Anch'Io l'ho bevuto prima di te!(*) ...Io ora devo andare! Il Padre ed anche Gesù hanno detto alla Cocciuta di non sciogliere il Filicino, perché lei ogni tanto vorrebbe scioglierlo ma deve rimanere all'Ubbidienza! ...È stato legato bene, ma pregate, figli! ...Io vi lascio il Mio Amore ed il Filicino! <Si rivolge a Manuel e Miriam> Rossella vi lascia il Pane appena impastato! ...È grande, e grande sarà il Frutto che il Padre vi ha donato! Manuel e Miriam: Eccomi! Piccolo Giovanni: Portatelo, perché grande è il Frutto di Dio, figli! Voi portate il Frutto della Fede, dell'Amore e della Carità Nascosta... e tu, Nunziatì, porta Gesù in braccio! Nunziatina: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ognuno di voi, portate i vostri nemici! Nella Vigna, ognuno ha il proprio compito nel vigilare!(*) ...Natanaele e Vittorio gettano la Farina, accendono il Forno e preparano da sfornare!(*) ...Le Bimbe e i Pargoli tagliano il Pane insieme a tutti i Servi Inutili per preparare il Banchetto delle Spose e per preparare i Tempi che verranno, dove il Pane non mancherà nella Vigna e nell'Arca! Ciccio: E tutto quello che è scritto nel Magnificat si adempirà? Piccolo Giovanni: Il Magnificat, è Maria che ve lo deve finire di dare, perché quello che avete voi è solo una parte scritta, ma quello che vi darà Maria è la Verità Tutta Intera! Una parte vi è stata donata, mentre l'altra parte ve la darà Maria! Il Cuore Immacolato di Maria trionferà, e questa è la parte piena del Magnificat, mentre il resto verrà! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> ...Vi lascio il Filicino che vuole aprirsi e che era rimasto chiuso per Volere del Padre... e vi bacio a tutti quanti! <Giovanni schiocca un altro bacio verso i presenti che ricambiano> Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Ora vi lascio Gesù!(*) Gesù: ...Con la Croce e col Pane! Avete ascoltato Giovanni? Tutti: Eccomi! Gesù: Avete ascoltato la Voce del Padre? Tutti: Eccomi! Gesù: Avete ascoltato la Mia Voce? Tutti: Eccomi! Gesù: Si sono riempiti i vostri cuori? Tutti: Eccomi! Gesù: E quando uscite fuori cosa farete? Tutto quello che vi ha donato il Padre? Don Vincenzo: Ameremo...  ameremo tutto e tutti! Gesù: Sei sicuro? Don Vincenzo: Si, se ci dai Tu la Forza! Gesù: La Forza ve la dono attimo dopo attimo, ma quando uscirete fuori vi ricorderete di amarvi? Vi ricorderete di rimanere uniti come Famiglia? Vi ricorderete di perdonare i nemici o punterete il dito? Don Vincenzo: Ci sforzeremo nell'amare tutti! Gesù: Dinanzi a Dio non ci si deve sforzare ma si deve rispondere "Eccomi"! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E tu sei il Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Ed eccomi in mezzo a voi con tutti i Servi Inutili e con tutte le Schiere, Crocifisso per Amore per ognuno di voi, Figli Miei! ...Vi lascio il Mio Cuore Spalancato! Tu Saluta con l'Albero Verde!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo il: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Giovanni...!(*) ...Si, l'ho finito uno, ma ci sono ancora le Spose e(*)...  si, quelle che hanno dato la mano le ho portate, e alle altre devo fare loro la domanda...  e poi ci sono i Calici e tutte le altre cose!(*) ...E cosa devo fare?(*) ...Giovanni, Tu vai a preparare gli altri Sigilli e dopo... Piccolo Giovanni: ...Dopo vado a Segnare! Giulia: Cosa vai a Segnare?(*) ...I muri col Sangue?(*) ...E cadranno, ed io non posso fare nulla? Piccolo Giovanni: Non dimenticarti che uno lo puoi prendere e l'altro deve cadere!(*) Giulia: ...E quelli che verranno Segnati cadranno, perché non è Sangue di Gesù ma è Sangue degli Innocenti!(*) ...Non possiamo aspettare ancora un po', Giovanni? Piccolo Giovanni: Uno lo dovrai bere e l'altro cadrà! Giulia: Eccomi nel fare le Cose del Padre!(*) ...Eccomi! ...Ora vai! Piccolo Giovanni: Non slegare il Filo! Giulia: Eccomi, Giovanni! ...Ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, la Paghetta che hai donato, l'ho raccolta, l'ho messa in una Cesta e l'ho portata! Ne fai scendere ancora un po'?(*) ...Ma queste non sono le Ceste...  non posso dire ancora ai figli(*)...! Aspettiamo ancora un po', e aspettiamo ancora un po' tutti i Figli Ministri e tutti coloro che Ti sputano in faccia!(*) ...Tu che Sei sempre Misericordioso, Tu che Sei la Bontà Infinita, Tu che Aspetti da sempre...  aspettiamo ancora l'umanità lontana! Aspettiamo che le mamme diventano mamme come Maria per stendere il Manto!(*) Il Padre: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Papà!(*) ...Tutti sono al Banchetto e tutti hanno preso anche del nostro! ...Ora salutiamo i nostri Cari! ...Cari che abitate in mezzo a noi, come vorrei dare i miei occhi così tutti vedrebbero, ma gli occhi sono del Padre ed è Lui a donarli!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ciao, Servi Inutili!(*) ...Ciao, Mamma!(*) ...Non temere, è rimasto col nodo che ha fatto Gesù!(*) ...Ti voglio tanto bene!(*) ...Preparate i Vestitini perché altre Spose hanno donato la mano!(*) ...Aspettatemi!(*) <Giulia schiocca un altro bacio>

 

 

 

3. Dom. 12/01/2014, ore 16, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi!(*) I Sigilli! ........................Vedo delle Tombe Antiche fatte a forma di Piccoli Tunnel..., delle Gallerie..., ma non come quelle che ci sono adesso, sono quadrate e messe vicine una dietro l'altra, e in questo quadrato, c'è ad uno un disegno di pesce, all'altro c'è un leone, all'altro c'è una tigre e poi ci sono tante pecorelle e una è più grande...... e c'è anche un Pastore con il Bastone in mano, ma non è Gesù! E quelle pecore non sono del pascolo di Gesù! E dopo, nel Tunnel, più avanti, ci sono disegnate delle Ruote e ad ogni Ruota c'è "una lettera" che non capisco, Mamma......! (La Madonna): Scrivile e le fai vedere al Calice Vivente! (Giulia): Tu dammi la Tua Mano per saperle scrivere! (La Madonna): Eccomi! .........GUARDA ANCORA.........! (Giulia): Il Tunnel-Galleria, quella che sto vedendo, incomincia a riempirsi d'acqua, ma l'acqua non è né bianca e né scura e ha un Colore Giallo! E quel colore giallo è il Veleno che cammina......! Meno male che devo berlo e non deve scendere, Mamma......! (La Madonna): Dove prendi tutta questa forza? (Giulia): Tu lo sai, Mamma: dal Letto della Croce!

*******************

(Don Vincenzo): Gesù ha detto: "Il Padre ha Mandato Me come Sacerdozio Vivo ed Eterno a Portare il Suo Pane e a SpezzarLo! Se Dio è la Parola e Dio Ha Mandato il Figlio a Far Nascere e a Far Partorire la Parola, quale Parola c'era prima?" (La Madonna): E ditemelo voi! (Don Vincenzo): Non c'era niente perchè la Parola è iniziata con la Nascita di Gesù, e la Parola è Gesù! (La Madonna): Sì, il Pane che si è Spezzato e si è Donato per Amore! E Nessuno si è Spezzato prima del Mio Figliolo Gesù! Conoscete qualcuno che si è Spezzato prima di Gesù? (Tutti): No! (Don Vincenzo): "Uno può dire: "c'era il Vecchio Testamento", ma allora Dio Parla per due volte? Dio manda il Figlio per correggere? ...No, il Padre Manda il Figlio per Amare e per Salvare e per farLo diventare Pane per Tutte le Genti...! Vigilate, Figli, perchè tutto ciò che è nascosto verrà smantellato e tutto quello che non è di Dio verrà cancellato! Pregate e Vigilate!" (La Madonna): Questo ve l'ha detto Gesù già, Io vi sto chiedendo: si è Spezzato qualcuno prima del Figlio di Dio? (Don Vincenzo): Nessuno! (La Madonna): E allora la Parola è Gesù, Tutta Intera, e rimarrà Tutta Intera Unita al Cuore del Padre, Unita al Mio Cuore, così come il Padre Mi ha Scelta come Tabernacolo, come Chiesa e come Ultima Grazia!

*******************

Mosè guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) LA MADONNA: Sia Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen! <La Madonna è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione col Segno della Croce> Dio ha Creato, e nel Suo Creare è così Grande...... e Glorificare il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, è ancora più Grande di ciò che Dio ha Donato a tutte le genti! E il Segno più Grande ancora del Suo Amore è di Donare all'umanità il Sigillo e il Saluto di un Padre che Allarga le Braccia nel dire ai propri figli: "Eccomi, vi Amo e la Mia Porta è Spalancata!" Ed Eccomi come Umile Ancella nello Spalancare il Mio Cuore al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, alla Pienezza di Dio in mezzo a voi e all'umanità intera! Ed Eccomi come Tabernacolo Vivo, così come il Padre Ha Voluto da sempre! Ed Eccomi come Chiesa, Pane Vivo per tutte le genti, Pane Spezzato e Donato a chi ha fame e a chi ha sete nell'Unico Amore e nell'Unica Verità! E così rimango ancora l'Umile Ancella di Dio chiamata in mezzo a tutte le genti, figli del Mio Cuore Immacolato e Addolorato...! Addolorato nel vedere con gli occhi di una Mamma l'umanità caduta, l'umanità persa, l'umanità senza Dio, l'umanità che non cerca Dio! Ed Io come Mamma vi invito col Grido del Mio Cuore: cercate Dio! Amate Dio che Ha Donato Gesù a tutte le genti e fateLo nascere nei vostri cuori ancora una volta, Figli Miei! ..................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: GUARDA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi, Mamma!(*) Cos'è? Ci stanno sempre delle Nuvole Bianche fitte fitte, ma fatte a forma di Piccoli Pargoli e hanno in mano una Colonna Grande Grande! Ce ne sono tante e formano un Corridoio Lungo Lungo, ma non sono nuvole, Mammina...... sembrano i Pilastri di una Chiesa che cade! Quelle nuvole non sono nuvole ma polvere e formano l'Immagine di un Pargolo, cos'è, Mamma?(*) Sì, è tutto bianco e non c'è niente di scuro..., niente di colorato! Queste Colonne Bianche sono l'Immagine dei Pargoli! Si vede una Cupola Rotonda: Mammina, è un Flagello!(*) Devo lasciarlo? Lo so che uno lo devo lasciare e l'altro lo posso prendere, ma quelli sono bimbi! La Madonna: Fai la Volontà del Padre! Giulia: Eccomi! ......Dopo posso andare? La Madonna: Eccomi! Giulia: Eccomi, Mamma!(*) No, non sono triste nel vedere questo, ma sono triste quando posso fare solo una volta la domanda...... e poi devo lasciarli ad aspettare...... avendo tanta Fede nel Padre......! La Madonna: Non slegare il Filicino! Giulia: Eccomi! Mamma, prima di guardare ancora, metto nel Tuo Cuore l'umanità intera, tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, tutti i Sacerdoti, tutte le Pietruzze e tutti coloro che non hanno avuto la forza di rivolgersi al Tuo Cuore e al Cuore del Padre e al Cuore di Gesù! ......Mamma, Ti affido la Famiglia, Ti affido "il niente" di ognuno di noi, e tutto quello che mi hai donato da sempre consegnalo al Cuore del Padre! Accoglietela così com'è colorata la Corona, e com'è la Corona del Tuo Cuore! Lo so che in questo giorno hai tolto i Fiori e hai preso le Spine, ma Tu ci insegni a camminare e a raccogliere le Spine, così non ci perdiamo! Semina ancora, Mammina, e al posto del Filo mettici le Spine, così se pungono le tolgo...! La Madonna: Tu hai paura di pungerti? Giulia: Dirti "Non lo so" sarebbe una bugia: no, non ho paura di pungermi! La Madonna: Non ti fanno male i Chiodi? Giulia: Sarebbe un'altra bugia: "pizzicano!" <Giulia Sorride Gioiosa> È bello sentire "il pizzico" d'Amore del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che è il Tuo Cuore! Cosa avrei fatto senza sentire tutto questo? E come fanno i figli a vivere senza sentire tutto questo? Ma non sono io a puntare il dito! Come sarebbe bello se ognuno dei figli abbracciasse i Chiodi, abbracciasse le Spine senza alcun lamento, ma gioendo e danzando con lo Sposo nell'immergersi nell'Amore Pieno......! Eccoci, Mamma, rispondo per tutti i figli e per l'umanità intera: Eccoci ancora per l'Eternità! Eccomi! La Madonna: ORA GUARDA......! Giulia: Eccomi!(*) I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Questi li posso bere, anche se li devo dire come Gesù mi ha promesso? La Madonna: Eccomi! Giulia: Devo dirli? La Madonna: Eccomi!(*) Giulia: Vedo delle Tombe Antiche fatte a forma di Piccoli Tunnel..., delle Gallerie..., ma non come quelle che ci sono adesso, sono quadrate e messe vicine una dietro l'altra, e in questo quadrato, c'è ad uno un disegno di pesce, all'altro c'è un leone, all'altro c'è una tigre e poi ci sono tante pecorelle e una è più grande...... e c'è anche un Pastore con il Bastone in mano, ma non è Gesù! E quelle pecore non sono del pascolo di Gesù! E dopo, nel Tunnel, più avanti, ci sono disegnate delle Ruote e ad ogni Ruota c'è "una lettera" che non capisco, Mamma......! La Madonna: Scrivile e le fai vedere al Calice Vivente! Giulia: Tu dammi la Tua Mano per saperle scrivere! La Madonna: Eccomi! .........GUARDA ANCORA.........! Giulia: Il Tunnel-Galleria, quella che sto vedendo, incomincia a riempirsi d'acqua, ma l'acqua non è né bianca e né scura e ha un Colore Giallo! E quel colore giallo è il Veleno che cammina......! Meno male che devo berlo e non deve scendere, Mamma......! La Madonna: Dove prendi tutta questa forza? Giulia: Tu lo sai, Mamma: dal Letto della Croce! La Madonna: Dal Letto della Croce! ......Sudi Sangue nel berlo! Giulia: Non si vede! E poi bere questo Sigillo è gioioso, così non cade! Il Flagello, il Sigillo è grande! Posso iniziare subito a berlo? La Madonna: Aspetta un po', dopo andrai a berlo! Giulia: Eccomi, Mamma! Non cadrà niente? La Madonna: Non temere, Gesù l'ha promesso, e la Sua Parola è l'Unico Pane Intero Spezzato e Donato a tutti! Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: GUARDA ANCORA.........! Giulia: Il Figlio non ha sceso neanche in questo giorno il Gradino... e non si è aperto! Le Tue Schiere sono ferme! La Madonna: Vedi il lavoro della Vigna che hai consegnato in questo giorno? Giulia: Ho portato anche i Figli e l'umanità intera...... e non sono stata solo io...... io non ho fatto niente... La Madonna: "Il niente" della Giornata Piena? Giulia: Eccomi, Mamma! La Madonna: Figlia Mia! Giulia: Eccomi, Mammina! La Madonna: Pregate ancora per tutti i nemici! Pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Pregate per la Cupola, perché tutto cammina in quel tunnel-galleria che tu hai visto......! Giulia: Eccomi, Mamma! Ma ci sono ancora i Giorni e possiamo aspettare ancora! Il Padre me lo ha promesso di non far scendere ancora i Gradini al Figlio... e di aspettare ancora un po'... così la Famiglia è tutta al completo, come il Padre vuole......! Mammina, posso chiederTi un'altra cosa? La Madonna: Eccomi!(*) Cosa aspetti? Giulia: Quel "veleno" che è rimasto sono ancora figli...... quei figli che non donano la mano..., e io posso chiederglielo solo una volta! Mamma, non puoi dire al Padre se posso chiederlo due volte? E se quel veleno...... che sono sempre figli...... non risponde, non posso Berlo per far diventare un'Unica Famiglia? Se vuoi mi rispondi dopo, chiedilo Tu al Padre! La Madonna: Io non ho mai visto un Amore così grande! Giulia: Mamma, il Tuo e quello del Padre, non hanno Alcuna Misura, mentre quello che sto chiedendo io, si ferma......! La Madonna: No, Anima Mia! Giulia: Eccomi come Straccio Stracciato ai Piedi della Croce nel Fare le Cose del Padre! La Madonna: Così strappi il Cuore al Padre! Giulia: Ed Eccomi ancora a tenere tutti i figli ai Piedi della Croce, Stracci Stracciati per pulire! Aiutaci a rimanere Piccoli e a non cercare le cose del mondo, ma solo le Cose del Padre, Mamma! La Madonna: Eccomi nel Segno della Croce uniti a tutte le Schiere, uniti a tutti i Servi Inutili, uniti ai vostri Cari, uniti al Banchetto di Dio, uniti ai Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, uniti a Vittorio, Natanaele, Rossella, le Bimbe e i Pargoli nel Portare l'Unica Verità della Croce... <La Madonna Benedice col Segno della Croce> ......E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Vi Dono ancora il Mio Gesù, FateLo conoscere, FateLo Amare, ma così come ve Lo Dono Io Mamma, Tabernacolo, Chiesa e l'Ultima Grazia di Dio, e non come ve lo dona il mondo: è una Mamma che dona il proprio Figlio non venduto e neanche comprato, ma Donato per Amore! Giulia: Eccoci, Mamma, Tu Ti Sei Donata Intera! Insegna ad ognuno di noi un "pizzichino" del Tuo Amore per imparare ad Amare così come Ami Tu! La Madonna: Allarga le Braccia...! Giulia: Eccomi! La Madonna: Dona tutto quello che Dio ti ha donato e fallo vivere! Giulia: No, non lo chino il capo: Eccomi! Tutta quella Luce la riceveranno i figli e l'umanità intera? La Madonna: Eccomi!(*) Giulia: Eccomi! La Madonna: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Eccomi, Mammina! La Madonna: Eccomi! Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Don Vincenzo: Mamma, questo dialogo con Giulia è veramente profondo! Quanto Amore Sprigionate! La Madonna: Tu stai bene, Calice Vivente? Don Vincenzo: Eccomi! La Madonna: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! <La Madonna manda baci e viene ricambiata> La Madonna: Quando Dio Parla, Parla dal Profondo del Cuore e Dona tutto l'Amore! Don Vincenzo: Questi Sigilli, Mammina... La Madonna: Li hai sentiti? Don Vincenzo: Sì! Tunnel, Gallerie, quel Colore Giallo che è il Veleno che cammina...... com'è? La Madonna: È quello cha hai sentito, è quello che hanno sentito tutti i Figli, ma lo Strumento è già andata a Berli! Ma voi dovete essere vigilanti! Una mamma attenta dice sempre ai figli: "vigilate, lì c'è una buca e lì c'è un fosso, state attenti dove poggiate le mani e dove poggiate i piedi!" I Tempi che verranno saranno così: mezzi pieni e mezzi vuoti, ma una Mamma riempie sempre il "mezzo" per i Propri Figli, così l'ha riempito Gesù per l'Umanità Intera Allargando le Braccia e Poggiandosi sul Letto della Croce! Anche voi fatelo in questo Tempo! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Questo Colore Giallo è il Colore del Veleno? La Madonna: La Cocciuta lo sta già Bevendo per ognuno di voi e per l'Umanità Intera! So quanto è Grande il suo Amore, ma vi ripeto: dove Lo prende un Amore così Grande e così Costoso? Molti Servi Inutili hanno Lavorato nella Vigna del Padre, ma un Amore così lo posso dire solo Io: è Silenzioso ed è Nascosto! Nessuno Lo vede, si lamenta un po' per un colpo di tosse, ma non si lamenta per ciò che vede e porta! Imparate ad accogliere nel Silenzio i Pesi che verranno e a Berli nel Silenzio, Figli Miei! ...Cosa c'è, Calice Vivente? ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! La Madonna: Eccomi! Ma sento i sussurri, sento i dolori, sento i lamenti e, come Mamma, li accolgo e li porto nel Cuore del Padre! ...Che fai? Don Vincenzo: Oh! La Madonna: Ti sei mangiato il dito? <Si ride un po'> Don Vincenzo: No, Mammina! La Madonna: Anche Gesù ogni tanto si mangiava le dita quando lavorava come falegname e qualche scheggina andava dentro e poi li mangiava come fai tu e anch'Io facevo così come fa la Cocciuta quando tu li mangi! <La Madonna indica il gesto di un colpettino sulla mano per non far mangiare le unghie> Lo fa anche con gli altri Figli, eccola...... <La Madonna indica Chiara> ......E qualcun altro! È gioioso dire le piccole pecche......! "Le grandi" le portiamo nel Cuore del Padre! <Si ride un po'> Don Vincenzo: Le piccole pecche..., fossero sempre così......! La Madonna: Se si trattasse solo di togliere un pezzettino di legno o di mangiare soltanto un'unghietta........., ma non è sempre così! Don Vincenzo: Continuano ancora quelli della "Cupola", Mammina, a darTi tanto Dolore! La Madonna: Ma voi Consolate il Cuore di Gesù perchè essendo Consolato il Suo Cuore, il Mio Gioisce! AmateLo, FateLo Conoscere, DonateLo a tutti, così l'Umanità diventa una Grande Croce nell'Unirsi all'Unico Crocifisso che è il Mio Figliolo Gesù! ........................Ora parla tu un po', Calice Vivente! Don Vincenzo: Oggi Ti stavo aspettando, Mammina...... La Madonna: Mi stavi aspettando? Perché, non sono sempre con te? Don Vincenzo: Sì, ma desideravo chiederTi alcune cose! La Madonna: ChiediMi, Figlio! Don Vincenzo: Riguardo a questi Tempi che sempre più corrono, sempre più sono veloci......! La Madonna: Dai Tempi capirete che il Padre li abbrevia ogni giorno di più! Ve ne state accorgendo quanto sono veloci? Correranno ancora di più! Il Padre ha accorciato i Tempi ai Propri Figli e ha Donato la Vigna alla Sua Famiglia e dovete Lavorare e raccogliere tutti i Frutti e portarli al Padre! E così, quando il Banchetto è tutto Pieno, lo Sposo Verrà e tutti Lo vedranno e così il Sole si Aprirà e tutti Lo vedranno! Si Aprirà da questo Luogo, ma l'Umanità Intera Lo vedrà e né tre giorni prima, né una settimana prima Verrà l'Ora, quell'Ora che il Padre ha Scritto da sempre......! Lo Strumento ve lo dirà e Lo vedrete nei Tempi che corrono! Eccomi! Don Vincenzo: Mamma, riguardo al Messaggio di Giovedì Scorso 9 Gennaio, se vuoi rispondere... La Madonna: ...Eccomi, non ti preoccupare, tu parla, se Io posso rispondere ti rispondo, sono all'Ubbidienza del Padre! Don Vincenzo: Mi riferisco alle Parole dette da Gesù...... La Madonna: ......Mio Figlio è il Fratello di ognuno di voi! Don Vincenzo: Gesù ha detto: "Il Padre ha Mandato Me come Sacerdozio Vivo ed Eterno a Portare il Suo Pane e a SpezzarLo! Se Dio è la Parola e Dio Ha Mandato il Figlio a Far Nascere e a Far Partorire la Parola, quale Parola c'era prima?" La Madonna: E ditemelo voi! Don Vincenzo: Non c'era niente perchè la Parola è iniziata con la Nascita di Gesù, e la Parola è Gesù! La Madonna: , il Pane che si è Spezzato e si è Donato per Amore! E Nessuno si è Spezzato prima del Mio Figliolo Gesù! Conoscete qualcuno che si è Spezzato prima di Gesù? Tutti: No! Don Vincenzo: "Uno può dire: "c'era il Vecchio Testamento", ma allora Dio Parla per due volte? Dio manda il Figlio per correggere? ...No, il Padre Manda il Figlio per Amare e per Salvare e per farLo diventare Pane per Tutte le Genti...! Vigilate, Figli, perchè tutto ciò che è nascosto verrà smantellato e tutto quello che non è di Dio verrà cancellato! Pregate e Vigilate!" La Madonna: Questo ve l'ha detto Gesù già, Io vi sto chiedendo: si è Spezzato qualcuno prima del Figlio di Dio? Tutti: No! Don Vincenzo: Nessuno! La Madonna: E allora la Parola è Gesù, Tutta Intera, e rimarrà Tutta Intera Unita al Cuore del Padre, Unita al Mio Cuore, così come il Padre Mi ha Scelta come Tabernacolo, come Chiesa e come Ultima Grazia! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Ogni benedizione e ogni Segno di Croce si concludono sempre con la frase "Padre, Figlio e Spirito Santo" oppure con la frase "Padre, Figlio e Spirito Santo che è Maria"! Ma qual'è la versione giusta? La Madonna: La conosci già! Don Vincenzo: Padre, Figlio, Spirito Santo...... La Madonna: ...Che è il Cuore di Maria! Don Vincenzo: Padre, Figlio, Spirito Santo e il Cuore di Maria, perché lo Spirito Santo Sei Tu, Mamma! La Madonna: Così il Padre ha deciso, ed Eccomi a Fare la Sua Volontà nel Rimanere Umile Ancella! Don Vincenzo: Quindi possiamo dire: "Padre, Figlio e Spirito Santo che è Maria"? La Madonna: Aspettate ancora i Tempi del Padre, ma rimanete nella Viuzza Stretta! Non sono finiti ancora i Gradini e non si sono Aperti ed è solo la Schiera dello Strumento a Combattere! È così che la Cocciuta tocca il Cuore del Padre nel dirGli: "Aspettiamo ancora, sono tutti Figli Tuoi, non possiamo perderli!" E un Amore così, cercateLo...... se Lo trovate più Grande......! Don Vincenzo: Quello che è bello, Mammina, è che in tutte le ore lei sprigiona sempre questo Amore verso il Padre e non c'è momento in cui lei non fa le Cose del Padre! La Madonna: Questo Amore lei lo sprigiona anche quando rimprovera! Don Vincenzo: Quando alza la Voce si riconosce nelle sue parole un Amore proprio Addolorato, e specialmente quando a sbagliare sono quelli della sua Famiglia..., lì si sente addirittura tradita, perché pur essendo lei "la Portavoce" di Gesù, viene scartata, non ascoltata e non ubbidita...! La Madonna: Così hanno fatto e fanno ancora con Gesù! Tutti quelli che dicevano di AmarLo e di Donare la Vita per Lui, sono andati via, L'hanno lasciato solo e L'hanno tradito! Don Vincenzo: Sì! La Madonna: Invece coloro che L'hanno amato non L'hanno lasciato solo! Imparate ad amare Dio, imparate ad ascoltare il Suo "Grido" così come viene a DonarveLo e non ascoltate i rumori del mondo perchè quelli sono venduti e comprati, mentre Gesù ve Li Dona per Amore, Figli! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi, Calice Vivente! Don Vincenzo: Mammina, insegnaci ad amare! La Madonna: I Tempi corrono, correte anche voi ad imparare ad amare veramente! Don Vincenzo: Sì, difatti, proprio questo volevo dire: il Padre Ama, Tu Ami, Gesù Ama e noi invece non riusciamo a perseverare nell'amare, neanche nelle cose piccole! La Madonna: Dovete fermarvi a correre per le cose del mondo, e quando vi fermerete di correre per le cose del mondo, allora imparerete ad amare! Don Vincenzo: Il fatto è che tanta volte le cose del mondo ci attirano, Mamma, quando invece dovrebbe essere il contrario nel mettere le Cose di Dio al Primo Posto! La Madonna: Non dovete legare i vostri cuori all'io e al mondo, ma i vostri cuori dovete donarli a Gesù: Lui ve li ha Donati e vi ha Comprati a Prezzo di Sangue e vi ha chiamato: "Figli!" Don Vincenzo: Sì, Mamma, noi dobbiamo Fare le Cose del Padre ogni momento, e invece tante volte ci ingarbugliamo nelle cose effimere e caduche del mondo e diamo a loro il Primato! La Madonna: Cosa fa lo Strumento quando suona il telefono? Prima fa le Cose del Padre e dopo fa le cose degli uomini! Sente quello che gli dice il Padre e, se è importante, risponde, ma se non è importante, non risponde, perché solo le Cose del Padre si devono fare per prima......! E basta mettere i Figli nel Cuore del Padre...... ed è quello che lei fa momento per momento! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Dovremmo essere felici di poter aiutare la Cocciuta e invece quante volte le voltiamo le spalle e facciamo di testa nostra invece di fare le Cose del Padre! La Madonna: E se voltate le spalle a lei le voltate al Padre, a Gesù e a Me, a tutti i Servi Inutili, ai vostri Cari e al Banchetto del Padre! Non dimenticate che è il Banchetto del Padre...... e che è il Padre che mangiate......! Don Vincenzo: Mammina, poter fare una cosa che piace a Dio è il massimo! Mammina, poter fare una cosa che piace a Te, che piace a Gesù, che piace alla Cocciuta, è la cosa più bella, e invece noi tante volte invece di piacere a loro, li deludiamo e li addoloriamo! La Madonna: Fatevi Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto nel rispondere: "Eccomi, Sono la Serva del Padre", nel Servire, pronta nel donarMi, Piccoli Giovanni, Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto, pronta nel Servire così come sono stata pronta Io: "Eccomi, fai di Me quello che hai detto!" "Eccomi, fai di Me quello che hai detto", nel Rimanere Piccoli, Poveri, all'Ultimo Posto, ma tutti nella Vigna a Lavorare e nell'Arca con i Remi! Questo è l'Amore del Padre, non i troni, non i palazzi, non gli abiti lussuosi, ma Poveri e all'Ultimo Posto! Don Vincenzo: Facendo sempre Carità, quella nascosta e silenziosa e non quella gonfiata e sbandierata e mettendo sempre la Verità al Primo Posto e facendo sempre la Volontà del Padre non a parole ma con i fatti, quelli che piacciono al Padre......! La Madonna: La Carità va fatta sempre con discrezione, con delicatezza, nel silenzio così come fa lo Strumento: Beve i Sigilli e voi neanche potete immaginare quanto è Amara ogni bevuta! "Eccomi pronta nell'aiutare coloro che Mi trafiggono e nel portarli nel Cuore del Padre"! Questa è la biografia dello Strumento dettata da Dio e non dagli uomini! Quando guardavano la Piccola Teresina dicevano: "Ma che dobbiamo scrivere di questa, non c'è niente!" Invece c'era tanto nel Silenzio e nel Nascondimento! E così anche della Serva Giulia: per Amore si è lasciata strappare capello dopo capello e si è lasciata Crocifiggere e nella Gioia ha accolto lo Sposo! <La Madonna si riferisce alla Serva Inutile Teresina del Bambin Gesù e alla Serva Inutile Giulia martirizzata a Cartagine nell'anno 436> Imparate ad accogliere le Giornate fatte di Croce perché lo siete ognuno di voi Croce, e se non vi accogliete gettate Gesù e vi gettate anche voi! Ma c'è una Piccola Formichina Operaia: passa, raccoglie la Croce e la mette in piedi! Ma fatelo anche voi, Figli, e non temete gli uomini ma il Padre perchè è il Padre Vostro che Dona la Vita Eterna ma gli uomini no! Vigilate: verrà un'altra Tempesta dei Tempi del mondo! Voi rimanete nell'Arca e, quando sarà preparata la Bevanda, ne berrete tutti e lo Strumento radunerà tutta la Famiglia nel Giorno del Padre! Ma non spaventatevi: nulla vi accadrà se rimarrete nell'Arca e Remate! Ma pregate per coloro che ridono e vi perseguitano, così come fa lo Strumento nel dire: "Padre, aspettiamo ancora!" Se ha fermato il Padre nel non fare Abbassare la Mano, nel mettere il "Pezzettino del suo Filicino", nel dire: "ferma i Gradini", chiederà ancora altro al Padre per raccogliere l'Umanità intera, nel Silenzio e nel Nascondimento! Don Vincenzo: Quel Silenzio e quel Nascondimento che piacciono tanto a Te, Mamma, perché anche Tu vivi nel Nascondimento, nella Quiete, e fai sempre le Cose del Padre nell'Amore! La Madonna: Fate le Cose del Padre e non mettetevi in mostra quando pregate ma rimanete nel silenzio e Alzate la Destra ma sempre nel silenzio e combattete nel silenzio e amate e perdonate e usate Carità nel silenzio e non dimenticate che per prima dovete amare i vostri nemici e così potete amarvi e amare Dio, Figli! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! ...Dopo i Figli devono portare il Mantello della Croce ovunque andranno e il Faro che lo Strumento ha Donato! Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Dobbiamo imparare a Fare la Giornata da "Figli", perché se impariamo a fare la Giornata da "Figli" attimo per attimo, secondo dopo secondo, minuto dopo minuto, ora dopo ora, faremo le Cose del Padre! La Madonna: Non dovete dimenticare che siete Figli, e il Mio Gesù vi ha chiamato "Figli" nel Donarvi al Padre e questo non dovete mai dimenticarlo! L'Umanità è cresciuta nell'essere moderna ma ha dimenticato che Dio è Antico ed è Bimbo, ma è un Dio Antico, e tutto ciò che ha fatto lo ha fatto da sempre nell'essere Papà Antico! E ha raccomandato sempre ai Figli: "non scandalizzate i Pargoli e non versate Sangue Innocente", ma gli uomini stanno scandalizzando i Pargoli e stanno versando Sangue Innocente! Pregate, Figli, e pulite col vostro Amore i Bimbi scandalizzati e il Sangue Innocente versato! ...............Cosa c'è ancora? Don Vincenzo: Mammina! La Madonna: Eccomi! Don Vincenzo: Abbiamo Sporcato questo Giardino Bello , ora Lo dobbiamo Pulire! La Madonna: , è stato sporcato per le cose del mondo! Rimanete Famiglia, lo Strumento vi porterà ancora sulle spalle nel pulire il Giardino e la Schiera dello Strumento Lavorerà e Combatterà ancora! .........Cosa c'è ancora? ...Dopo vado via, e tu, Calice Vivente, saluterai con l'Albero Verde e Io col Magnificat! Don Vincenzo: Giovedì scorso è stato pure detto che bisogna sempre più usare la Destra, perché questa Destra se usata...... La Madonna: ......Nell'Umiltà...... Don Vincenzo: ...Nella Carità e nello Spirito di Servizio...... La Madonna: ......Fa Rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Se la usate così, Tutto quello del Padre, scenderà, ma se non la usate nell'essere Piccoli, non scenderà! Don Vincenzo: Dobbiamo essere attenti allora a non sprecare questa opportunità! La Madonna: Vigilate! La Cocciuta ha chiesto di Bere tutto il veleno e il Padre la risponderà! Don Vincenzo: Mammina, mi sa che la Cocciuta ha chiesto pure di dare due volte la mano, così si è creata un'altra opportunità, se non la danno la prima volta forse la daranno la seconda! La Madonna: Non si ferma, Ama così tanto e conosce l'Amore del Padre da non fermarsi mai ed è come un Bimbo quando si rivolge alla mamma: "Mamma, mi dai un'altra Caramella?" E la Cocciuta dice: "Tu che Sei un Papà Buono, mi puoi far allungare un'altra volta la mano?" Don Vincenzo: Che bello! La Madonna: Impariamo così a rimanere Bimbi e a chiedere al Padre: "Mi dai un'altra caramella?" Così il Dolce rimane di più! Siate Mamme nel donare ai vostri figli il Dolce di Dio e non il dolce del mondo: è quello che si deve imparare! A Gesù, pur essendo Figlio di Dio, Io Gli donavo il Dolce e anche le sculacciate nel farGli capire ciò che il Padre aveva donato alla Mamma chiamata dal Suo Cuore: "È Dio che Mi ha resa Mamma e Tu sei il Figlio di Dio, perché Mi hai fatto questo?" E Lui rispondeva: "Devo Fare le Cose del Padre Mio!" Non è che rimanevo stupita, perchè conoscevo ogni cosa, ma ero una Mamma e lo sono ancora, e una Mamma, quando ama il proprio Bimbo, dona il Dolce e l'Amaro per farlo crescere nella Santità di Dio! È questo che dovete imparare d'ora innanzi quando i Tempi si stringeranno e il Calice è Amaro, perché ancora non conoscete i Tempi che verranno, ma rimanete nel Cuore di Dio, Figli Miei! ...Vi lascio il Mio Cuore Spalancato, venite e rifugiatevi! Avete il Faro, avete il Mantello della Croce, non perdetevi dietro le cose del mondo e prendete il Pane Intero così come Dio ve lo Dona, Figli Miei! ...Ora Tu Saluta con l'Albero Verde, Calice Vivente! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! La Madonna: Amen!(*) ...Ora cantiamo il Magnificat!(*) <Ora tutti recitano il Canto del Magnificat Poi interviene Santa Elisabetta, la Mamma di Giovanni Battista> SANTA ELISABETTA: Mi inchino dinanzi al Figlio di Dio e dinanzi alla Madre di Dio...! Sono Io, Elisabetta... quando i Nostri Occhi si sono incontrati, quando i Frutti del Padre hanno sussurrato nel dire "la Madre di Dio viene a salutare", e il Frutto di Dio nel dire "ecco Colui che è venuto ad Immolarsi! Ecco Colui che vince la morte! Ecco Colui che Sarà Pane!", ecco l'Anima Mia che Magnifica Dio nella Sua Infinita Misericordia! Cibatevi del Frutto di Dio facendovi Grano e impastandovi gli uni gli altri dell'Impasto della Croce!(*) Giulia: Elisabetta...! Santa Elisabetta: Mi unisco al Grembo di ogni mamma!(*) ...Non dire ciò che vedi!(*) Giulia: Eccomi!(*) ...Mamma, è bello quello che ha detto Elisabetta!(*) La Madonna: È bello quando i Grembi si incontreranno!(*) Giulia: Eccoci nel Fare le Cose del Padre! La Madonna: Rifugiatevi nel Mio Cuore, Figli Miei! Giulia: Eccoci ancora!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Papà!(*) ...Ti ho fatto alcune domandine: poi mi risponderai quando vuoi?(*) ...Se posso chiedere due volte(*)... e pensaci pure quanto vuoi, tanto dopo ci vediamo perché devo portarTi le Spose! ...Il Banchetto è pronto e i Vestiti e l'Anello Nuziale sono pronti pure... dopo vengo!(*) ...E visto che siete al Banchetto e ci sono tutti i Cari e tutti i Servi Inutili(*)... cosa sta facendo Vittorio?(*) ...Sta preparando un tetto?(*) ...No, non dico più niente! ...Eccomi!(*) ...Allora salutiamo tutti i Cari, i Servi Inutili e i Pargoli! <Giulia schiocca un bacio> ...Lavorate... il Tempo corre e correrà ancora di più!(*) ...Dovete impastare tanto tanto, ed anch'io porterò tutti i figli!(*) ...Ciao, Mamma!(*) <Giulia schiocca un altro bacio> ...Ciao, Violetta!(*) ...Lo so che dovete cucire tanti Vestitini! Chiamate i Pargoli così verranno ad aiutarvi!(*) ...Rimaniamo uniti nell'Amore del Padre e al Banchetto Nuziale! <Giulia schiocca ancora un altro bacio> ...Ci vediamo dopo...!

 

 

 

4. Giov. 16/01/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

*******************

(Giulia): I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette... Sette! Gesù, li posso Bere subito? (Gesù): Mi hai chiesto del tempo e te l'ho donato, adesso te lo dò Io...... e dopo andrai a berli! (Giulia): Eccomi! (Gesù): Non dici nulla? (Giulia): Li devo bere! Non diciamolo ai figli, tanto li devo bere quando dici Tu...... e non sono belli! (Gesù): Dì quello che vedi! (Giulia): Eccomi!(*) C'è un Corteo che esce dalla Cupola, sono degli uomini armati e indossano delle armature ma non camminano sui cavalli, né sulle macchine, ma sulla Schiera dei Pargoli, tanto da schiacciarli e da lasciare una scia di Sangue! Schiacciandone uno ne prendono altri e continuano a camminare! Non si spogliano dell'armatura, ma entrano in un'Altra Chiesa! C'è un fuoco acceso, arde fino ad arrivare al tetto... e ne esce fuori...... e nel fuoco che arde immolano delle creature... invocando il Veleno...! Devo dire tutto, Gesù? Basta così, tanto lo devo bere!

*******************

(Gesù): Hai dimenticato la Promessa nella Prima Visitazione?<La Prima Visitazione c'è stata il Pomeriggio di Lunedì 5 Agosto 1985, Festa della Madonna della Neve> (Giulia): No, Gesù, non l'ho dimenticata! Eccomi ancora per l'Eternità! (Gesù): Ecco la Mia Mano...... ora donami le tue! (Giulia): Eccomi, Gesù! (Gesù): Pensavi che ti avevo tolto i Chiodi? (Giulia): No, Gesù Li Hai Messi come un Mantello più Grande per Avvolgermi e Avvolgere l'umanità nel Tuo Amore! (Gesù): Ora sì che sto caldo! ...............PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! (Don Vincenzo): Abbiamo sentito i Sigilli! (Gesù): Li hai sentiti? Ma la Cocciuta ha voluto non dirveli tutti! (Don Vincenzo): Ah! (Gesù): Visto che li deve Bere, l'ho accontentata...... perchè ve ne ha detti solo una parte!

*******************

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: ...Sei Tu, vero?(*) Allora, se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) Giulia: Sono scherzi da fare questi? Perché Sei Vestito in quel modo?(*) La Luce è la Tua, ma gli Abiti proprio no! Dove li hai presi? Che fai con quegli Abiti? Non Ti ho mai visto Vestito nel modo in cui Sei adesso...... toglili, non Ti stanno bene! Chi Te li ha donati, Gesù?(*) Aahh...! È entrato un Grande e Ti ha portato questi abiti lussuosi......? E da dov'è entrato......? ......Ma io gliel'ho tolto prima di entrare! ......Hai fatto uno scherzo... hai messo gli abiti lussuosi per non FarTi Riconoscere, ma la Tua Luce si Riconosce, e si Riconosce col Segno della Croce!(*) <Gesù Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Gesù, ora sì, con l'Abito Nuziale stai meglio! ......Ma con gli altri abiti lussuosi no......! Gesù: Eccomi nel Venire Sposo in mezzo alle Spose, nel Venire Piccolo e Povero e nel Portare la Pienezza del Padre ad ognuno di voi e all'umanità intera, Figli Miei! È il Saluto Pieno del Mio Amore nello Spalancare le Braccia, nel Raccogliere l'umanità dispersa, nel Diventare Bambino e nel Nascere in ognuno di voi, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! ............Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA......! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) Questo è quello da lasciare...!(*) Le Tue Domande me le hai donate: sì, una la posso lasciare e una la posso Bere! ......Non posso farTi un'altra domanda? Gesù:Ora devi solo obbedire: uno lo Bevi e uno lo devi lasciare! Giulia: Gesù...! Gesù: Stai guardando? Giulia: Eccomi, Gesù! Sto Guardando e Vedo una Cascata d'Acqua......, Viene dal Cielo e Scende sulle Case e sulle Cose, portandosele via! Gli uomini non trovano il tempo per fuggire, e vengono portati via......! Dopo la Cascata arriva una Tempesta di Sabbia...... e dopo, un Vento Forte che Cancella tutto e non rimane più nulla! Lo so, Gesù, che hai detto che devo ubbidire ed "Eccomi ancora per l'Eternità", ma perdonami se insisto, visto che ci sono ancora un po' di Giorni: non possiamo tenerlo questo?(*) Lo farai cadere un po' più in là..., non Ti chiedo di poterlo Bere, perché uno posso prenderlo e l'altro posso lasciarlo, ma di tenerlo un poco per i Giorni che ci sono......! Gesù: Ma solo un po'! Giulia: Eccomi! Solo un po', il po' che Tu desideri, Gesù...... ma non farlo cadere in quest'istante! Gesù: Ti accontento! Giulia: Eccomi! Ed Eccomi ancora per l'Eternità! Gesù, metto nel Tuo Cuore tutta la Famiglia e tutti quelli che si sono affidati alle mie preghiere, ma oggi ho risposto col cuore perché non ho potuto rispondere per tutti i figli...... perciò Te li affido...... dona loro quello che gli necessita: io gli ho aperto le porte del cuore e li ho messi nel Tuo! Metto nel Tuo Cuore le Pietruzze, i Sacerdoti e tutto quello che mi hai donato da sempre! Ed Eccomi ancora nel Fare le Cose del Padre, Gesù! Gesù: Eccomi, Anima Mia! ......GUARDA ANCORA! Giulia: I Sigilli! Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, li posso Bere subito? Gesù: Mi hai chiesto del tempo e te l'ho donato, adesso te lo dò Io...... e dopo andrai a berli! Giulia: Eccomi! Gesù: Non dici nulla? Giulia: Li devo bere! Non diciamolo ai figli, tanto li devo bere quando dici Tu...... e non sono belli! Gesù: Dì quello che vedi! Giulia: Eccomi!(*) C'è un Corteo che esce dalla Cupola, sono degli uomini armati e indossano delle armature ma non camminano sui cavalli, né sulle macchine, ma sulla Schiera dei Pargoli, tanto da schiacciarli e da lasciare una scia di Sangue! Schiacciandone uno ne prendono altri e continuano a camminare! Non si spogliano dell'armatura, ma entrano in un'Altra Chiesa! C'è un fuoco acceso, arde fino ad arrivare al tetto... e ne esce fuori...... e nel fuoco che arde immolano delle creature... invocando il Veleno...! Devo dire tutto, Gesù? Basta così, tanto lo devo bere! Gesù: Eccomi, Anima Mia, puoi fermarti! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: MA GUARDA ANCORA......! Giulia: Eccomi!(*) La Bevanda..., sì ho donato tutto quello che si deve mettere! E cosa devo fare, radunarli tutti?(*) E dove li trovo i bicchieri che dici Tu?(*) Eccomi! Questo lo posso dire al Calice Vivente nel silenzio? E mi darai anche Tu da dire il Giorno? Gesù: Eccomi! Giulia: Eccomi, Gesù! Metterò tutto nel Rotolo e quando Tu dirai di farlo, rispondo Eccomi da parte di tutti! Gesù, accoglici ancora così come siamo: Figli, come ci hai chiamati! Gesù: Vedi, Anima Mia, il Padre ti accontenta perchè neanche in questo giorno è stato sceso il Gradino e neanche in questo giorno è stato Aperto! Giulia: Eccomi, Gesù! Siete così buoni, la Bontà dell'Amore Infinito! ......E avete tanta pazienza con noi e con l'umanità intera! ......Visto che ci sono i Giorni aspettate anche noi! Gesù: Tu hai la Schiera che cammina e combatte e non sei ferma! Giulia: Neanche il Banchetto è fermo perchè è pronto per tutte le Spose ed è pronto anche per noi...... ma accoglieteci ancora......! Gesù: Eccoci con tutte le Spose, con tutti i Servi Inutili, con tutti i Cari, Uniti ai Due Giovanni, a Carlo, Pio e Domenico, Uniti a Natanaele, Rossella, Vittorio, le Bimbe, i Pargoli, nel Banchetto del Padre, nel Banchetto di ognuno di voi, nel Portare la Verità della Croce e la Verità del Pane Intero, nell'Invitarvi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, figli Miei! Giulia: Ed Eccoci ad accogliere la Croce e il Pane, il nostro essere Piccoli, Poveri, Stracci Stracciati ai Piedi della Croce: Gesù, non farci allontanare......! Gesù: Avete la Vigna, avete l'Arca e avete i Remi: questa è l'Eredità del Padre! Giulia: Gesù! Gesù: Solleva il capo! Giulia: Eccomi! Dio non sbaglia mai, neanche Tu, Gesù, e neanche il Cuore di Mamma, ma siamo stati Scelti per Rimanere nella Vigna e nell'Arca! Gesù: È il Padre che vi ha chiamati, non siete voi! Giulia: Ma Tu vedi ogni cosa e senti ogni cosa e se sono io a sbagliare toglimi l'Arca, toglimi la Vigna...! Gesù: Non chinare il capo! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Hai dimenticato la Promessa nella Prima Visitazione? <La Prima Visitazione c'è stata il Pomeriggio di Lunedì 5 Agosto 1985, Festa della Madonna della Neve> Giulia: No, Gesù, non l'ho dimenticata! Eccomi ancora per l'Eternità! Gesù: Ecco la Mia Mano...... ora donami le tue! Giulia: Eccomi, Gesù! <Giulia tende le mani in avanti e le dona a Gesù> Gesù: Pensavi che ti avevo tolto i Chiodi? Giulia: No, Gesù, Li Hai Messi come un Mantello più Grande per Avvolgermi e Avvolgere l'umanità nel Tuo Amore! Gesù: Ora sì che sto caldo! ...............PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Shalom, Gesù! Gesù: Shalom! Don Vincenzo: Benvenuto in mezzo a noi! Gesù: Altri Fiori che sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! ...Tu stai bene, Calice Vivente? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Com'è? Don Vincenzo: Abbiamo sentito i Sigilli! Gesù: Li hai sentiti? Ma la Cocciuta ha voluto non dirveli tutti! Don Vincenzo: Ah! Gesù: Visto che li deve Bere, l'ho accontentata...... perchè ve ne ha detti solo una parte! Don Vincenzo: Quello che mi meraviglia, Gesù, è che la Cocciuta, quando deve Bere questi Sigilli, sicuramente amarissimi e taglienti, riesce perfino a essere gioiosa! Gesù: ! Don Vincenzo: Come fa? Invece di essere triste, sorride gioiosa......! Gesù: No, non è triste! Hai visto come si è Abbracciata il Mantello dei Chiodi? È gioiosa quando ferma ciò che vede... e può fermarlo nel Berli come ha chiesto prima: "ci sono i Giorni, non farlo cadere subito subito, ma aspetta ancora un po'!" È l'Amore che fa tutto questo, così com'è l'Amore del Padre nel guardare l'Umanità! L'Umanità corre, l'Umanità dimentica di avere un Padre, l'Umanità è dispersa, l'Umanità bestemmia Dio, l'Umanità sputa su Dio, l'Umanità commette tanti errori...... ma il Padre Buono aspetta... e questo è l'Amore......! Don Vincenzo: E che Amore! Gesù: E che Amore! Don Vincenzo: Super-Amore! Gesù: Il Padre aspetta Lo stesso da ognuno di voi e dall'Umanità intera, ma ancora non Lo vede...... ma aspetta e lo Strumento chiede al Padre: "aspettiamo, ci sono i Giorni!" E mentre aspettate non dimenticate di pregare per i vostri nemici, per coloro che Mi trafiggono il Cuore, per coloro che trafiggono il Cuore di Mia Madre, Mamma di ognuno di voi e Mamma dell'Umanità Intera! Pregate ancora per le Mura Insanguinate, pregate ancora per il Legno che si è affondato, pregate ancora per la Cupola, pregate secondo l'Intenzione del Padre, senza fermarvi: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave MariaPadre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro! Ave MariaPadre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" <Tutti i presenti si uniscono e pregano così insieme a Gesù> Eeeeh! ...Cosa c'è ancora, cosa Mi racconti? Io Sono Venuto a Dirvi ciò che il Padre Mi ha Donato! Tu cosa Mi dici? .........Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Sei sicuro di stare bene e di essere sveglio? <Gesù si rivolge a Mario che usa svegliare Giuseppe> Don Vincenzo: È stata male oggi la Cocciuta! Gesù: E c'ero anch'Io con Lei, come sempre! Non dimenticate che Lei è alla Destra del Padre ed è anche in mezzo a voi! Don Vincenzo: Purtroppo la fanno sempre arrabbiare, anche quelli della Famiglia......! Gesù: E lei spalanca la Porta dell'Amore! Vedete che neanche grida? Lo dice dolce dolce quando deve dirvi una cosa! È una Mamma-Chioccia che porta tutti i Pulcini sulle Spalle! Vorrebbe gridare tutto quello che tiene nel cuore: i Rotoli, ma non vi preoccupate perchè poi si ferma e continua ad Amare......! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tutto questo Bene di Dio... che Banchetto Divino......! Gesù: Il Banchetto è pronto perchè è sempre preparato dal Padre...... e c'è una Torta grande, grande, grande, grande...... e poi tante Pietanze! Don Vincenzo: Domenica prossima 19 Gennaio è San Mario! Gesù: Eh, ! Don Vincenzo: San Mario del Piccolo Giovanni! Gesù: Ma la Festa si inizia già prima di Domenica perchè è già pronta la Torta e la Festa si sta per aprire... ma prima c'è da mangiare o viceversa, come vogliono fare le Spose, e dopo gli Invitati, i Servi Inutili e i Cari! Don Vincenzo: Possiamo partecipare al Banchetto? Gesù: ...E questo di chi è, è Mio? Raffaele: Sì! Gesù: Chi Me l'ha portato? Don Vincenzo: Chi l'ha portato? Gesù: Non c'è un bigliettino? Mariangela: Sì, c'è il bigliettino! Eccomi! Gesù: E aprilo! Ecco il bigliettino, dammelo, questo lo apro Io! <E ci sono dei Fiori belli......!> Eccomi! Don Vincenzo: È lungo il bigliettino......! <Si ride un po'> Gesù: Si è messa a scrivere e poi non si è accorta che è diventato lungo: è vero? Mariangela: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: "Caro Gesù, Dolce Mammina, caro Calice Vivente, caro Giovanni......" Gesù: Eh, eh, aspetta, prima tiro fuori questo regalo dal pacchettino e ve lo faccio vedere! <È un candela con un cuore> Gesù: Leggila tu, viceparroco! Raffaele: "Caro Gesù, Dolce Mammina, caro Calice Vivente, caro Giovanni, ho sempre cercato un regalino da farvi ma ogni volta non ci riuscivo perché tutto mi sembrava troppo poco! ..................Vi amo tutti infinitamente e non mi stancherò di gridarlo al mondo intero! Eccomi, tua figlia Mariangela"! Gesù: Eccomi! <Gesù invita ad applaudire> Ti è piaciuta? Don Vincenzo: Bellissima anche se lunga! Gesù: Bellissima! Un Testamento fatto a Papà e al Cielo! .........State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Beh, che facciamo? Tu vuoi Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io pure Voglio DonarMi! ......Allora ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Mentre ci Doniamo lo Strumento va a iniziare a Bere un po'...... e poi piano piano va a portare qualche Sposa......! Allora la lasciamo Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino...... e Gesù Beve ...e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la Metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Amen! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questa è la Mia Carne! ............ È bello Mangiare del Nuovo e Bere del Nuovo nella Vigna del Padre, nella Vigna che è stata consegnata ai Vignaioli Scelti nel Suo Amore! È bello Mangiare e Rimanere Uniti al Padre ed è bello vedere lo Strumento che gioisce quando non perde nessuno dei suoi Figli! ............Il Sapore dell'Amore cresca sempre di più in ognuno di voi e nell'Umanità intera! ...Doniamoci, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccoci! Gesù: Eccoci! <Gesù invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue, mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta, poi alza le Mani Aperte e le ''Punta'' a lungo facendo con la Destra il Segno Trinitario...... e poi le raccoglie al Petto> Nell'Amore ci siamo Donati, la Pasqua è Piena ed è Risorta, ma quella del Padre e non quella del mondo...! E lo Strumento è rimasta Crocifissa per Amore e sta Bevendo ancora e sta portando ancora le Spose al Banchetto Nuziale del Padre! Vogliamo rimanere al Banchetto del Padre e prendere il Suo Amore? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Tutto è Suo! Gesù: Tutto è Suo! Don Vincenzo: Tutto è Gustoso, proprio perché è Suo e proprio perché è del Padre! Gesù: Ma il Gustoso del Padre non dovete assaporarLo come le cose del mondo, ma dovete assaporare l'Amore di Dio nella Pienezza del Suo Cuore! Don Vincenzo: Mangiamo il Padre...... e che Grazia è per noi e che Onore......, come quando si mangia il Tuo Sangue e la Tua Carne, Gesù: mangiamo Te! Gesù: Mangiare il Padre! Don Vincenzo: Mangiare il Figlio! Gesù: Mangiare lo Spirito Santo che è Maria! ...........................Eccomi! Eccomi! Eccomi! I Frutti del Mare! Ancora li hai trovati, ma ci saranno Tempi in cui vi verranno donati, ma non sono più i Frutti del Mare! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Ehi, è arrivata la "pancia"! Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ciao, Frutto di Dio! Filomena: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eeeh, vuoi il Mio Piatto? Giuseppe: Non c'è niente da tagliare! Gesù: Non c'è niente da tagliare? Raffaele: No! Gesù: Lo taglio Io! ...State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a: Mario e Maria Elena.> Tu stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ma se stai bene, vuoi raccontarMi qualcosa? Don Vincenzo: È Gustoso questo Banchetto del Padre, Gesù! Gesù: Vuoi prima mangiare? Don Vincenzo: Eh, sì, è troppo buono Mangiare il Padre! Gesù: Com'è buono Mangiare il Padre! Ma siete coscienti di Mangiare il Padre? Tutti: Eccomi! Gesù: Avete lasciato una spina anche nel pesce! E se siete così coscienti di Mangiare il Padre, come mai cadete sempre? Quando si è coscienti non si cade o Mi sbaglio? Alcuni: Eccomi! Gesù: Eccomi! Qua non c'è risposta o appena appena! È Buono, è Gustoso e dite che siete coscienti, ma la vostra risposta "è fiacca"! <Raffaele si è organizzato per tagliare il pane-pesce e donare la testa e la coda a: Mario e Maria Elena, Anna e Antonietta e altri pezzi ad alcuni dei presenti> Io Sono Cosciente di essere al Banchetto del Padre e al Banchetto preparato per ognuno di voi nel Mangiare e nel Bere del Nuovo, e la Mia Gioia è Piena, e così dovrebbe essere anche la vostra nel vivere nella Famiglia, nella Gioia, nella Pace e nella Quiete! Avere una Vigna consegnata da Dio dove non manca nulla e scartare i Frutti non è essere coscienti! I Frutti sono stati preparati per tutti i Vignaioli e i Vignaioli siete tutti voi e, quando scartate un Frutto, significa scartare per prima Dio e dopo il Fratello! E la Vigna non è più completa, non è più quella di Dio perchè voi scartate alcune Piante e quelle sono i vostri Fratelli! ............Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Chi sono i nostri Fratelli? Gesù: La Vigna che il Padre ha consegnato! I Vignaioli siete voi e, se vi scartate gli uni gli altri, la Vigna rimane senza i Vignaioli o Mi sbaglio? Don Vincenzo: Tu non Ti sbagli mai, Gesù, non Ti puoi sbagliare, Sei Dio! Gesù: Ma gli uomini dicono che Mi sbaglio! Don Vincenzo: Gli uomini dicono che Ti sbagli...... così continuano a mettere l'io "al Posto di Dio!" Gesù: Dio non è fatto di "io", ma d'Amore! E così anche voi che siete fatti a Immagine e Somiglianza e siete i Vignaioli, non siete "io", ma Immagine di Dio! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ehi, ciao, papà... ciao, mamma... ciao, mamma... ciao, papà... è passato un Terremoto! <Il Rumore dei microfoni> Eh, eh, come stai, papà? Mario: Bene! Bimbi di Mario e Maria Elena: E come stai, mamma? Maria Elena: Eccomi! Bimbi di Marie e Maria Elena: Eccomi! Siete sicuri di stare bene? ...Siete sicuri di stare bene? ...Uuuh! Dobbiamo andare a Impastare un Pane? Ne mettiamo uno e uno! ...Che c'è, papà? ...Che c'è, papà? ...Eh, papà, parliamo così, col cuore? <Mario annuisce> E va bene, papà! Mamma, tu non dici niente? ...Mamma, tu non dici niente? <Maria Elena manda un bacio e i Bimbi ricambiano> È la serata di parlare col cuore! Che dobbiamo fare, nonna Filomena e nonno Francesco? Facciamo gli inchini? E allora facciamo gli inchini...... e poi parliamo dopo? ...Poi parliamo dopo! E che gli doniamo a papà e a mamma? Raffaele: Un po' di mortadella fresca! Bimbi di Mario e Maria Elena: Eh, sì, un po' di mortadella fresca, e con la mortadella fresca ci mettiamo anche una fettina di pane e poi ci mettiamo anche un po' di quella, la frittata che a noi piace tanto tanto! <Mandano baci> ...Ciao! ...Ciao a tutti! ...Veniamo a farvi un regalo fra un poco, non adesso ma fra un po' di giorni, quelli del Padre! ......Ciao! Tutti: Ciao! Bimbi di Mario e Maria Elena: E ciao! <I Bimbi donano la mano a Don Vincenzo> Gesù: Eccomi! Ora hai finito di gustare? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Io avrei un po' di fame! Don Vincenzo: Hai solo l'imbarazzo della scelta! Gesù: Cosa voglio scegliere? Don Vincenzo: Di fronte a questa Grazia, Tutto è Buono! Gesù: , un Pezzettino di questo e un Pezzettino di quello, ecco, eh, siamo di fronte alla Grazia del Padre! ...Venite col "niente", Figlie! Eccomi, Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Ti raccomando: scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto, scarsetto, eh! Volete vedere come taglio Io la carne? Mi dai il piatto? Che pensate voi, che ai Miei Tempi non si tagliava? E tutt'ora, quando Mi fermo a mangiare se Mi invitate nel Ringraziare il Padre, Io Mi Fermo a mangiare! Se non volete, non posso fermarMi! Hai visto? Eccomi! Tieni! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Se vi fermate al Banchetto e non avete fretta, Io Mi fermo e Mangio con voi del Nuovo della Giornata del Padre! ............Ora parla tu un po', Io Mangio il Padre! Don Vincenzo: Gesù, nella mia solita Meditazione Iniziale ho parlato un po' del Padre, del Creatore, di come abbia Creato Tutto alla Perfezione! E quando Mi sono messo a riflettere nel profondo, sentivo proprio la Verità pulsare nel Mio Cuore, sentivo la Verità Piena, Luminosa, Perfetta, perché Tutto è stato Creato dal Padre e a Tutto ha Pensato il Padre! Miliardi di Perfezioni su perfezioni! Gesù: E il Padre Tutto ha Pensato per ognuno dei Figli e nulla ha Creato per tenerseLo, ma per Donare ad ogni Figlio l'Eredità Piena e la Verità Intera, così come sta venendo a portarLa attraverso di Me...... e così come sta venendo a smantellare ciò che non è di Dio, ciò che Lui non ha Creato, ciò che Lui non ha Scritto nel Grande Libro, ma l'hanno scritto gli uomini! Dio da Sempre ha Partorito e Partorisce i Propri Figli! E il Padre ha Pensato da sempre all'Eredità e L'ha consegnata, ma gli uomini L'hanno sporcata, L'hanno sperperata......, e non sono tornati a Casa a dire: "Padre ho sbagliato, ho tagliato il Giardino, l'ho sporcato e ho messo altre Piante!" L'hanno lasciato seccare e non sono tornati neanche a guardarLo! Ma il Padre Buono ha bussato e ha chiesto ad altri Vignaioli e il Giardino è stato coltivato e viene pulito attimo dopo attimo! Il Padre vi ha Donato l'Arca, vi ha Donato i Remi e le Piante crescono e vengono zappate e viene messo il concime...... e Amate! ............Ora parla tu! Don Vincenzo: Dove emerge la Bontà Infinita del Padre è proprio in queste Due Parole: Figli ed Eredi! Anzi addirittura in Tre Parole: Figli, perché Tu, Gesù, sulla Croce hai dato fino all'Ultima Goccia di Sangue proprio per farci Figli, Figli nel Figlio! C'è poi l'Eredità e qui, ancora di più va fatta una riflessione, perchè questa Eredità è Eterna e non è un qualcosa come succede sulla terra, in cui il padre lascia ai figli un regalo, una casa, una terra, qualche soldo, ma l'Eredità del Padre è un "qualcosa che non finisce mai!" Gesù: No, con l'eredità del mondo vi uccidete, ma con l'Eredità del Padre non vi uccidete! Don Vincenzo: Non solo, ma qui si parla di Eternità, per sempre! Figli per sempre, Eredi per sempre, per una Eternità senza Fine, Infinita! Qui c'è solo da inginocchiarsi perché avere un Padre così Buono è il Massimo: solo Dio poteva essere così! Gesù: Il Padre non vi chiede di inginocchiarvi ma vi chiede di riconoscerLo e di chiamarLo: Papà! ..................C'è il singhiozzetto! No, quello della Cocciuta non è, perchè Lei sta Bevendo e sta portando le Spose e poi Lei ne fa più di Sette di Singhiozzi, come i Sette Sigilli! Don Vincenzo: Non si ferma a sette? Gesù: A volte! A volte ne fa anche più di sette, ma quando va più avanti sono i Sigilli che Beve! Voi pensate che sono i singhiozzetti del cibo o dell'acqua! ......Non le dite niente, adesso ve l'ho detto Io, ma quando sentite che fa i singhiozzetti, , sta Bevendo i Sigilli e sta Salvando dai Flagelli! Ma non sempre si fa sentire o finge di dire: "quando finisco di mangiare, arrivano i singhiozzetti!" Don Vincenzo: Quindi quando c'è il singhiozzo sta bevendo i Sigilli? Gesù: Anche quando non mangia e tu non la senti, , sta Bevendo i Flagelli ed i Sigilli e tutto quello che trova......! Don Vincenzo: Non sembra! Gesù: Io posso dirlo, lei non lo dice! ............Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Che fai con il piede di fuori tu? Mario: È diventato grande! <Mario si è infortunato al piede> Gesù: È cresciuto il gonfiore del piede? Don Vincenzo: Eh, si! Gesù: E allora ci vuole una scarpa più grande, eh, eh! Don Vincenzo: Si vede che è andato a giocare a pallone e perciò ha un gonfiore alla caviglia! Gesù: ...... lo so Io dove ha giocato, aaah, eeeh! Don Vincenzo: Solo che ora non lo può dire! Gesù: Vuoi lo sgabello col cuscino? , così stai meglio, mettilo, Figlio, mettilo, ecco, ecco, poggialo sullo sgabellino di Papà, eh, eh, così poi diventa piccolo! Eh, lasciamo tutto al Padre! ...Racconta qualche altra cosa, dopo Io devo andare e viene Giovanni...... ma poi ritorno Io! Adesso le Spose hanno tutto preparato e fra poco si inizierà a tagliare la prima fetta di Torta...... ed è gioioso questo! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Don Vincenzo: Ti faccio una domanda? Gesù: Eccomi, Mi devo corazzare? Don Vincenzo: ......E aspetto una risposta! <Gesù, scherzosamente, si fa scudo col piatto e si ride un po'> Gesù: Eh, ma tu Mi hai detto che Mi dovevo corazzare! Don Vincenzo: Posalo il piatto......! Gesù: Lo poso: allora non c'è bisogno? Don Vincenzo: No! Gesù: Meno male! Don Vincenzo: È una risposta che mi rimbalza sempre nella mente! Gesù: Perché tu giochi a pallone anche nel cervello? Don Vincenzo: Eh, purtroppo prima sì e si andava dietro a un pezzo di gomma...... e ti pagavano profumatamente......! ...Ancora, Gesù! Gesù: Ancora! Aspetto! Don Vincenzo: Come fa ad esserci Dio? Lui che è Onnipotente, che è Creatore, com'è che è sbucato fuori? Gesù: Con la Provetta no! <Si ride un po'> E neanche con la Particella! Don Vincenzo: Ah, né con la provetta e né con la particella? Ma come fa allora ad esserci? Gesù: Eeeh...... non è che non voglio risponderti, ma è un po' presticello e poi c'è il veleno che gira! Don Vincenzo: Di sicuro Dio c'è, vista la Perfezione del Creato! Gesù: Dubiti? Don Vincenzo: No, di sicuro c'è, e io darei la vita per Lui, per questo Padre così Buono! Gesù: Gliel'hai già Donata la vita! Don Vincenzo: Di sicuro Dio c'è! Gesù: Ma hai qualche dubbio? Don Vincenzo: No, minimamente, anzi aumentano le mie certezze e sono sempre certezze più certe di prima, solo che volevo trovare un modo per rispondere ad una eventuale domanda se mi venisse fatta! Gesù: Allora ti faccio Io una domanda! Don Vincenzo: Un attimo, Gesù! Gesù: ! Don Vincenzo: Considerando sempre che il Creato per forza ha un Creatore, quindi non c'è dubbio che c'è il Creatore, ma come ci fa a esserci questo Creatore Eterno, com'è possibile la Sua Eternità? Gesù: Chi è che te le fa queste domande? Don Vincenzo: È perché voglio spiegarle meglio e voglio risposte più chiare, se mi venissero fatte queste domande! Gesù: Non hanno capito Me quando le ho spiegate! E non lo state capendo da quando Giovanni ve lo sta dicendo, da quando lo Strumento ve lo sta dicendo e adesso con uno schiocco vuoi farlo capire? Come e da dove è venuto il Creato? Il Creato c'è da sempre perché Dio è da Sempre! Tu vuoi sapere se è stato Partorito? Vi dico solo questo: Tu pensi che il Padre è stato Partorito? Don Vincenzo: No! Gesù: E se non è stato Partorito, da dove è Nato? Don Vincenzo: E questo è "il rebus": non è Nato! Gesù: Perché non è Nato? Io posso risponderti solo poche cose! Don Vincenzo: Questo Papà Buono...... Gesù: ......"Da dov'è Nato? Chi L'ha fatto Nascere? Come ha fatto poi a far Nascere tutti i Figli?" ......C'è l'Eternità che spiega tutto! Don Vincenzo: Perché altrimenti senza l'Eternità non ci sarebbe risposta...... ma proprio perché c'è l'Eternità, c'è questo Creato e c'è questo Spettacolo delle Creature, e ci stiamo noi: Figli, Creature, Eredi! Gesù: Donati dal Padre! Don Vincenzo: Sì, donati dal Padre! Gesù: Partoriti dal Padre! Don Vincenzo: Partoriti dal Padre! Pensati dal Padre e Amati dal Padre! Gesù: ! Don Vincenzo: E perciò Eredi del Padre! Gesù: Ma non posso andare oltre di questo! Posso dirvi ancora che il Padre Partorisce attimo dopo attimo! Don Vincenzo: Eh, sì! Gesù: Eeeh! Don Vincenzo: Scusa, Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Partorisce attimo dopo attimo dando una delega agli uomini o no? Gesù: È il Padre che Partorisce: lì è il Mistero Nascosto! Don Vincenzo: Ma c'è bisogno di una coppia per Partorire o può Partorire senza coppia? Gesù: Qui non posso risponderti! Don Vincenzo: E il "Crescete e Moltiplicatevi?" Gesù: "Crescete e moltiplicatevi!" .........Sei gioiosa, ? Silvana: Eccomi! Gesù: Eccomi! Silvana: Io ci credo, Gesù, in Dio e non mi pongo tante domande! Gesù: Tu credi? Giuda: Eccomi! Gesù: Eccomi! Credi in Dio? Silvana: Sì! Gesù: Eccomi! Tu ci credi a Dio? Giuda: Eccomi! Gesù: E il Padre non vede......? Silvana: Vede! Gesù: Vede le vostre preoccupazioni, e se vede...... Lavora...... e il Lavoro è Pieno......! Silvana: Eccomi! Gesù: Eccomi!(*) Don Vincenzo: Giovanni...... PICCOLO GIOVANNI: ......Con la Croce e con il Pane... <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> ...Ehi... Auguri anticipati! Oggi c'è la Famiglia ma fino a Domenica poi la Torta si incomincia a Dimezzare..., ma ve ne porterò un pezzettino per uno quando state svegli e quando dormite! <Domenica 19 c.m. è l'onomastico di Don Mario> Ehi... il Mio caffè! Ne vuoi un goccino? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Uno o due o tre? ...Uno! Allora, adesso lo bevo Io! Mari', Nicò, Teré, state bene? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi, Mi vuoi portare via la tazza? Raffaele: No! Piccolo Giovanni: Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: State tutti bene? Ci devo dare un Soffio? <Giovanni soffia sul piede di Mario> Gli ho dato un Soffio...! Voi cosa fate, figli? Come vi trovate nella Famiglia? Stiamo crescendo? Don Vincenzo: Non tanto... Piccolo Giovanni: Quanti "San Mario" abbiamo festeggiato? Diciamo: "San Mario"..., ma Servi Inutili! ...Quanti ne abbiamo festeggiati? Don Vincenzo: Ventinove Onomastici! Piccolo Giovanni: Siete gioiosi e con le lacrime agli occhi, vero, Mari'? Maria: Sì! Piccolo Giovanni: Eh... ma qui con voi sono sempre gioioso...! Dinanzi al Banchetto del Padre Lo sono ancora di più, ma anche voi siete i Miei Regali Preferiti, quelli più belli! Rimanete Regali, Figli Miei! Voi siete i Regali che Io "scarto" nel guardare i vostri cuori e così non vengono gettati! Invece i regali del mondo si scartano e poi a volte si gettano anche...! Ma voi siete i Regali che non vengono scartati e vi prendo così, col pacchetto intero, come Siete: è un Regalo della Vigna del Padre che non si scarta!(*) ...Ora non Mi fate commuovere, ma dateMi qualcosa da mangiare...... e tu parla, Calice Vivente...! Don Vincenzo: Questi Ti piacciono? Piccolo Giovanni: , ma prima si mangia il mangiare e dopo il dolce...! La salsiccia..., non è piccante? Raffaele: Non lo so... Piccolo Giovanni: Non lo sai? E se poi è piccante che ti faccio? Raffaele: Mi strappi i capelli! <Raffaele è calvo e si ride un po'> Piccolo Giovanni: ......Mi dai un Pezzettino di Pane? Ehi questo Mi piace perché c'è una specie di grotta, un buco, guarda: , c'è la grotta! Dov'è un'altra grotta? Eccola! E più piccolina..., è bella questa! Eccola è una grotticella che si è rotta! ...Giova', Calice Vivente, parla un po' tu ora! ......Ne vuoi uno? Don Vincenzo: Guardavo i buchi, come delle piccole gallerie! Piccolo Giovanni: Parla, dimmi qualcosa... questo... tienilo fermo, così Io faccio gli Auguri a Mari': Tanti Auguri! Tanti Auguri! .........Dov'è l'altro Mario? .........Così ce li diamo adesso che siamo vicini vicini! ...Ma siamo in tre! Don Vincenzo: Tre? Piccolo Giovanni: , Io e loro due! Don Vincenzo: Ah, sì! Giovanni, ci sono alcune domande un po' "scabrose......"! Piccolo Giovanni: Tu falle e non ti preoccupare perchè poi ci penso Io...Don Vincenzo: Eh, sì, perchè poi alla fine possiamo pure dire di non scriverli nel Messaggio! Piccolo Giovanni: Eh, , ve lo dico Io di non scriverle quando sono domande così così......! Don Vincenzo: Quando tu eri a Lauria eri un prete normale, ma poi è venuta di colpo quest'Apparizione..., questa Visitazione del Padre che ha cambiato la Tua vita, e non eri più uno dei tanti ma eri forse il solo ad avere questo Dono Divino! Piccolo Giovanni: Di chi? Parli dello Strumento o di Me? Don Vincenzo: Di Te come prete..., perché lo Strumento già aveva le Visitazioni dal Grembo Materno...! Piccolo Giovanni: Ma anche Io dal Grembo Materno! Don Vincenzo: Anche Tu? Piccolo Giovanni: Si, dal Grembo Materno! Don Vincenzo: Quando Tu hai incontrato la Cocciuta sapevi già tutto allora, e sapevi già anche di lei, perciò hai detto...: "tu persevererai fino alla fine!" Piccolo Giovanni: ! E lei che faceva finta di non capire, Mi diceva: "cosa significa 'perseverare'?" E Io l'ho guardata negli occhi, come sempre... tanto noi ci capivamo guardandoci negli occhi! E quando Mi fermava perchè Io volevo dire tutto......, lei Mi guardava soltanto...... e bastava! Ma dinanzi ai figli che ci sono e agli altri che mancano, ne ho dette di cose, ma non le hanno capite! Poi a Maria gliene dicevo attimo dopo attimo ma era "addormentata......!" Eppure lei stava attenta a tutte le parole che dicevo e si scriveva ogni cosa! Ma quando le dicevo qualcosa di veramente Mio, non capiva e non l'ha capito neanche quando le ho detto: "che ho a che fare con te o donna?"! E questa è chiara ed è limpida, è vero, Maria? Maria: Sì, è vero! Piccolo Giovanni: Come mai non l'hai capita? Come mai non hai guardato i Miei Occhi in quell'istante? Maria: Sembrava così grande quella frase... e poi la Tua Voce era così profonda..., lo sguardo che avevi... Piccolo Giovanni: Per non guardare i Miei Occhi..., se avessi guardato i Miei Occhi Mi avresti riconosciuto! È il Padre che Mi ha mandato, ma gli uomini non Mi hanno riconosciuto! Domenico Mi ha riconosciuto! Io ho riconosciuto Lui e Lui ha riconosciuto Me e vorrei dirvi tante altre cose, ma non siete pronti! Eh... cosa sono quelle cose rosse? Le Ruote del Carrettino...? Tre è il Numero Giusto..., tu ne vuoi? Don Vincenzo: Sì, per farTi compagnia! Piccolo Giovanni: Bravo..., Eccomi! Così Io vi faccio compagnia... nel dirvi qualcosina senza scriverla! Don Vincenzo: Giovanni... Piccolo Giovanni: Tu le ruote le stai mangiando, Io invece le sto posizionando...! Vedi..., aspetta, tieniti la domanda! Io con le Ruote vi devo dire qualcosa..., ma questo non dovrete scriverlo......!(***) .............................................Figli, è stato bello gioire con voi! ...E visto che è la Mia Festa vi ho detto un po' di cose! Ma siate vigilanti! Nell'avanzare i Giorni, stanno correndo anche i Mesi e gli Anni!(*) ...Voi vigilate! Io non vi lascio e i Frutti che stanno crescendo, voi non li perderete... <Si rivolge a Filomena> E la "pancia" crescerà e gioirà nell'Amore del Padre e il Frutto che nascerà lo vedrete! Verrò Io, e quando sarà presentato a tutta la Famiglia, sarà un Frutto di gioia e riempirà la Vigna! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> ...Ora Me ne vado! Vi lascio il Filicino alla Destra del Padre in mezzo a voi, ed Eccomi per tutto quello che fate per Me nel ricordarvi e nell'accettarMi ancora! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> ...Eccomi, Giovanni! Don Vincenzo: Un Applauso e gli Auguri per Domenica prossima che è il Tuo Onomastico! <Parte un forte applauso> Piccolo Giovanni: Anche a voi! La Mia Festa è la Festa di ognuno di voi, Piccoli Giovanni, nel Rimanere Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Questa è la Mia Festa e la Festa di ognuno di voi! Come Sacerdozio Vivo ed Eterno, vi amo!(*) Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: ...Gesù......! Gesù: ...Con la Croce e col Pane! ...Il Capriccioso rimane sempre Capriccioso nel Rimanere all'Ubbidienza del Padre e nel dire ciò che il Padre Vuole! Siate Vigilanti! Tenete custodito nei vostri cuori ciò che avete ascoltato! Il veleno cammina, ma voi alzate la Destra! E non dimenticate che siete tutti Sacerdozi Vivi ed Eterni, Suorine e Sacerdotesse dell'Unica Verità di Dio! Non dimenticatelo! Non dimenticate di pregare per i vostri nemici "Padre Nostro-Ave Maria", "Ave Maria-Padre Nostro"! ...Perché ti sei commosso? Don Vincenzo: Gesù, stavo pensando a questa frase che hai usato sempre, cioè "Sacerdozio Vivo ed Eterno"... quindi tutti siamo diventati Sacerdoti Vivi ed Eterni sulla Croce mediante il Tuo Sangue? Gesù: Si! Don Vincenzo: Quindi col Tuo Sangue c'è un Sacerdozio Universale? Gesù: Si! Don Vincenzo: Ecco, questo volevo sentir dire! Gesù: Vi ho riscattato a Prezzo di Sangue! Ho perdonato ogni errore a tutta l'umanità intera nel crescere e nel moltiplicarvi! Gli uomini dicono che siete in peccato, ma come si può essere in peccato se il Sangue ha cancellato ogni macchia? Don Vincenzo: Siamo tutti Sacerdozi Vivi... Gesù: ...Ed Eterni! ...Ora tu saluta con l'Albero Verde, mentre Io vi Saluto lasciando la Porta del Mio Cuore sempre aperta!(*) <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ...Cosa stai facendo, Giovanni? Hai seminato cioccolatini di qua e di là?(*) ...Lo so che Sei gioioso, ma Sei anche triste!(*) ...No, non Ti preoccupare, non è poi tanto amaro quello che devo bere... lo è solo un pochino!(*) ...Verrò anche alla Tua Festa, ma prima devo bere un po' e dopo vengo!(*) ...Giovanni, visto che è la Tua Festa, non puoi poggiarTi sul Cuore di Maria e chiederLe se posso bere qualche altra cosa? O fermare qualche altra cosa?(*) ...No, non l'ho sciolto più il Filicino!(*) ...Maria Ti farà un regalo di sicuro!(*) ...Vaglielo a chiedere Tu!(*) ...Così posso fare qualche altro lavoro!(*) ...Si, sono gioiosa che posso bere e fermare qualcosa, ma tanti altri Sigilli cadranno!(*) ...Io rimango all'Ubbidienza, ma è la Tua Festa e Ti faranno qualche regalo!(*) ...Vai, che dopo vengo!(*) <Giulia schiocca un bacio> Auguri ancora, Capriccioso di Dio!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà...!(*) Il Padre: Ora bevi ciò che ti è stato donato!(*) Giulia: E dopo...? Il Padre: Giovanni dice "Io Campo alla Giornata"! Giulia: Eccomi! Anch'io Campo alla Giornata!(*) Eccomi, Papà!(*) ...E visto che la Festa è grande e tutti i Servi Inutili sono al Banchetto ed anche i Cari, porto tutti i figli alla Festa!(*) ...Ciao, Cari!(*) <Giulia schiocca un bacio>

 

 

 

 

5. Giov. 23/01/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Eccomi, Gesù!(*) I Sigilli! Sette..., Sette... Sette... Sette... Sette... Sette... Sette...! Questi li posso bere tutti? E se li devo bere devo dirlo? Così come li vedo?(*) Tu Sei la Parola e la Parola va detta e la Tua Parola è Pane, è Vita, è Verità: Eccomi! Ma la Gioia più grande è Fare la Volontà del Padre e poter bere i Sigilli...... e dire ciò che Dio Vuole! Vedi, Gesù, a volte donare ai figli il dolore e non poterlo prendere tutto io è ancora più tagliente! Un fuoco enorme scende dalla luna! Dietro al fuoco cadono tante pietre..., ma quelle pietre sono "soli" e quando scendono per terra cancellano ogni cosa che trovano! Eccomi, Gesù, nel farmeli bere, per non far vedere questo ai Pargoli, ai Figli! Dopo che "i soli" hanno cancellato ogni cosa, un fuoco ardente cammina casa per casa e ciò che brucia non finisce ma arde sempre! Gesù, visto che devo berli......(*) Eccomi! Il fuoco che arde e rimane acceso giorno e notte consuma...... e si riaccende... da formare tanti pilastri alti da non poterli raggiungere! Gli uomini armati che stanno nella Cupola danzano nel vedere tutto questo...... e con i loro abiti si confondono attraverso il fuoco...... ma non bruciano......! Gesù...! (Gesù): Ora puoi fermarti! (Giulia): Posso iniziare a bere subito i Sigilli? (Gesù): Ora un solo sorso, il resto lo berrai......! (Giulia): Eccomi!(*)<Giulia beve il sorso indicato da Gesù!> (Gesù): Ora ti senti meglio? (Giulia): Sì, Eccomi! Anche se è stato doloroso dirlo ai figli, ma Berlo è Gioioso! (Gesù): Come fai? (Giulia): Quando si può togliere un dolore ai figli è gioioso, Gesù, così come lo hai tolto Tu! Gli uomini l'hanno fatto crescere ma Tu col Tuo Amore l'hai tolto il dolore, invece gli uomini no! Ed è bello Toglierlo e Donare al Padre le Cose Sue! Gesù, Ti affido ancora tutti i cuori della Famiglia: riscaldali, così come Tu ci riscaldi sempre, attimo dopo attimo!

*******************

(Gesù): No, no, mò ti rispondo, eh! Il Padre Mi ha Mandato come Figlio di Dio e Mi ha Mandato a Portare l'Amore, la Pace, l'Amicizia, la Fratellanza e, quando c'era qualcosa da dire, voi avete letto soltanto ciò che hanno scritto e ho detto a Pietro: "Lungi da Me, Satana", ma dietro a quelle parole ce n'erano anche altre! Eh, sì, non mandavo via i Figli quando c'era da rimproverare...... e li rimproveravo! (Don Vincenzo): Hai usato pure la frusticella? (Gesù): Sì, una bella frusticella e non è che era tanto piccola ma era un po' grande...... e dovevo cacciare tutto quello che si vendeva nella Casa del Padre, anche se il Tempio Vivo è sempre stato Maria!

*******************

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre!(*) GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Nella Pienezza dell'Amore di Mio Padre Porto il Saluto Vivo ed Eterno della Croce a voi Famiglia del Mio Cuore e all'umanità sorda e cieca nel fermarsi e non accogliere il Pane Vivo e Spezzato! E ancora in questo giorno Baciato dall'Amore di Dio Dono ad ognuno di voi Famiglia della Vigna, dell'Arca e dei Remi, il Figlio che Salva! ...Viene con un Piccolo Bastone Umile e Semplice e Cammina in mezzo a voi: È Uno di voi! In questo giorno è in mezzo a voi Vivo e Reale: Cammina, Avanza e col Piccolo Legno Tocca e Salva! I Tempi sono Pieni, ma rimane il Figlio del Gradino! E così ancora vi Segno col Segno Tremendo della Croce nell'indicare ad ognuno di voi l'Alfa e l'Omega: Dio che È da sempre, Padre di ognuno di voi e dell'umanità intera! Quel Dio Padre, quel Dio Bambino, quel Dio che da sempre ha Creato l'umanità intera, l'umanità completa, dove non manca nulla, ma che gli uomini hanno sporcato! E Dio con tutti i Servi Inutili Viene, Pulisce, Rimane e si Dona nell'Amore Pieno, nell'Amicizia Piena, nel Tutto del Suo Cuore! Ed Eccomi Ancora, Figli, Fratelli e Amici del Mio Cuore! ............Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Ho la voce un po' piccolina, ma tanto Tu mi senti ugualmente! <Giulia è raffreddata e non riesce a parlare ad alta voce> Gesù: Guarda......! Lo so che è piccolina, ma più si è piccoli e più si è grandi! Giulia: Eccomi, ciò che Dici Tu è Verità Piena! Gesù: ORA GUARDA............! Giulia: Gesù, questo Flagello deve cadere?(*) Gesù, non posso fare niente......?(*) Ma non si vedono tanto in giro le carrozze, perché ce ne sono così tante? Adesso ci sono le macchine in giro, cosa fanno quelle carrozze sulle vie piccole e grandi?(*) E dentro ci sono bimbi, uomini e donne! <Giulia emette alcuni colpi di tosse......> Gesù: ...Ma non è la Tosse dello Strumento! <...Ancora colpi di tosse> Giulia: Gesù, mi viene da rimettere per ciò che vedo nelle carrozze......! Gesù: Ingoialo, figlia! Dì ciò che vedi e non temere......! Giulia: Vedo degli uomini, dei bimbi e delle donne...... e sui loro corpi ci sono dei serpenti e delle bombe! I serpenti servono per donare il veleno e le Armi per far esplodere i Pargoli e le carrozze! E quando esplodono diventano Armi di Guerra e il Sangue scende come il miele! E coloro che fanno questo prendono il Sangue e lo fanno mangiare ai Pargoli che rimangono agonizzanti......! <Durante queste visioni Giulia è come se stesse lì, lì per rimettere......> Dopo che passano le carrozze e tutto ciò che rimane, passa un vento che secca ogni cosa! E viene raccolto anche quello donato da mangiare ad altri figli che camminano sulle vie! Gesù, non posso fare niente? Gesù: Ti ho fatto già bere! Giulia: Ma ne rimane ancora... e quelli danno ancora da mangiare il Sangue......! Gesù: Immolati come tu sai fare, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Questo lo vedrai ancora per molto tempo! Giulia: Eccomi ancora per l'Eternità, Gesù! Ti offro la Giornata, Ti offro tutto quello che mi hai donato, Ti offro questa Tua Famiglia, Ti offro i Tuoi figli e i loro cuori... tieniteli stretti, Gesù! Ti offro le Pietruzze, Ti offro i Sacerdoti, Ti offro i Gigli e coloro che Ti trafiggono il Cuore: prendi il Tutto che mi hai donato da sempre! Gesù: E ciò che è stato donato portalo sulle spalle......! Giulia: Eccomi, Gesù, Te lo dono ancora! Tu sai bene che ciò che hai messo sulle mie spalle rimane e io metto tutto nel Tuo Cuore, così come ci metto l'umanità e tutti i figli! Gesù: Sei lo Strumento mandato da Dio, non dimenticarlo......! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: ORA GUARDA ANCORA.........! Giulia: Eccomi, Gesù!(*) I Sigilli! Sette..., Sette... Sette... Sette... Sette... Sette... Sette...! Questi li posso bere tutti? E se li devo bere devo dirlo? Così come li vedo?(*) Tu Sei la Parola e la Parola va detta e la Tua Parola è Pane, è Vita, è Verità: Eccomi! Ma la Gioia più grande è Fare la Volontà del Padre e poter bere i Sigilli...... e dire ciò che Dio Vuole! Vedi, Gesù, a volte donare ai figli il dolore e non poterlo prendere tutto io è ancora più tagliente! Un fuoco enorme scende dalla luna! Dietro al fuoco cadono tante pietre..., ma quelle pietre sono "soli" e quando scendono per terra cancellano ogni cosa che trovano! Eccomi, Gesù, nel farmeli bere, per non far vedere questo ai Pargoli, ai Figli! Dopo che "i soli" hanno cancellato ogni cosa, un fuoco ardente cammina casa per casa e ciò che brucia non finisce ma arde sempre! Gesù, visto che devo berli......(*) Eccomi! Il fuoco che arde e rimane acceso giorno e notte consuma...... e si riaccende... da formare tanti pilastri alti da non poterli raggiungere! Gli uomini armati che stanno nella Cupola danzano nel vedere tutto questo...... e con i loro abiti si confondono attraverso il fuoco...... ma non bruciano......! Gesù...! Gesù: Ora puoi fermarti! Giulia: Posso iniziare a bere subito i Sigilli? Gesù: Ora un solo sorso, il resto lo berrai......! Giulia: Eccomi!(*) <Giulia beve il sorso indicato da Gesù!> Gesù: Ora ti senti meglio? Giulia: Sì, Eccomi! Anche se è stato doloroso dirlo ai figli, ma Berlo è Gioioso! Gesù: Come fai? Giulia: Quando si può togliere un dolore ai figli è gioioso, Gesù, così come lo hai tolto Tu! Gli uomini l'hanno fatto crescere ma Tu col Tuo Amore l'hai tolto il dolore, invece gli uomini no! Ed è bello Toglierlo e Donare al Padre le Cose Sue! Gesù, Ti affido ancora tutti i cuori della Famiglia: riscaldali, così come Tu ci riscaldi sempre, attimo dopo attimo! Gesù: Porta i tuoi Figli nell'Arca e Rema, Anima Mia......! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi con tutti i Servi Inutili! Eccomi con tutti i vostri Cari! Eccomi con tutti i Pargoli! Eccomi con i Banchetti del Padre, quello delle Spose e quello della Vigna! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico! Eccomi con Rossella, Natanaele, Vittorio e le Bimbe! Eccomi con i Pargoli nel Portare ancora l'Unica Verità della Croce... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......E l'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei, Amici del Mio Cuore, Amici del Banchetto del Padre, Amici dello Sposo che è Vivo e Reale in mezzo a voi, con tutti i Servi Inutili, con tutte le Schiere e con il Figlio che Salva......! Giulia: Eccoci, Gesù, nell'essere Stracci Stracciati al Servizio del Salvatore! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Pace, Gesù! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! E tu stai bene? Don Vincenzo: Sì, Gesù! Gesù: Eccomi! E voi tutti state bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù manda baci e viene ricambiato> Eh? Don Vincenzo: Questi Sigilli...............! Gesù: E quelli che la Cocciuta ha rimesso e ha dovuto Bere...............! Don Vincenzo: Non l'aveva fatto mai prima......! Gesù: Tu non la vedi...... ma Io sì! Don Vincenzo: Quanto soffre la Cocciuta! Gesù: NO, AMA! ......VOI NON AMATE? IMPARATE AD AMARE, imparate a rimanere nell'Arca, imparate a Remare.........ALZANDO LA DESTRA......! <Gesù Benedice col Segno della Croce> ......E COMBATTENDO! Lei vi porta a Combattere con la sua Schiera, imparatelo a fare attimo dopo attimo Alzando la Destra! ......Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Siamo pronti per il Banchetto, il Banchetto del Padre! Gesù: Tu sei pronto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E allora Io Sono Pronto! Io Mi Dono e tu ti Doni! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E poi ci Doniamo a tutti! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E lo Strumento incomincia a Poggiarsi sul Legno della Croce per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora e per l'Umanità intera! Don Vincenzo: La Cocciuta mette tutto sulle spalle! Gesù: Si Immola e va a Bere...... non il Mio Sangue perchè quello Lo Beve attimo dopo attimo...... ma va a Bere i Flagelli e i Sigilli......! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo.> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! <Gesù osserva con Amore il Suo Pezzettino di Pane!> Questa è la Mia Carne: è il Frutto dell'Amore di Mio Padre...... il Regalo più Grande che ha fatto a Maria...... e Maria il Regalo l'ha fatto all'Umanità Intera e ad ognuno di voi......! Il Frutto di Dio che si Spezza... <Gesù Spezza ancora in due il Suo Pezzettino di Pane...> ...E si Dona per Amore e diventa Intero per Amore nel Donarsi ai Figli! <Gesù e Don Vincenzo Mangiano e Bevono.> Gustate com'è Buono l'Amore di Dio, Figli! GustandoLo Gioirete e non vi mancherà nulla! Ciò che l'uomo vi toglie, Dio ve l'ha preparato da sempre: l'Eredità del Suo Amore! Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ora che Mi Fate Nascere e Mi Donate la Culla dei vostri cuori, Aggrappatevi al Mantello di Maria e Camminate sulla Via Segnata dalle Spine! Raccogliete le Spine e Salvate i vostri nemici, coloro che hanno trafitto i vostri cuori, Figli Miei, e così brillerete dinanzi agli Occhi del Padre......! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta.> Gesù: Ci siamo Donati! Don Vincenzo: Ci siamo Donati! Gesù: La Pasqua è Piena! Don Vincenzo: La Pasqua è Piena! Gesù: È Risorta nell'Amore del Padre, nell'Amore di ognuno di voi, nell'Amore dello Strumento che è rimasta Inchiodata sul Legno Vivo nel Far Scendere il Suo Sangue! Don Vincenzo: E il Sigillo che doveva Scendere? Gesù: Il Primo Flagello è Sceso e il Secondo l'ha iniziato a Bere! ......Il Banchetto è Vivo e Dio è Vivo e aspetta di essere Mangiato! Don Vincenzo: Mangiamo il Pane, Mangiamo il Padre, Mangiamo Te, Gesù: questo è il Banchetto di Dio! Gesù: Mangiamo il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo che è il Cuore di Maria, l'Ultima Grazia! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Cosa vuoi mangiare? State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ti aiuto! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Eccomi! Gesù: Eccomi! Eccomi! <Raffaele serve l'erbetta> Questa erbetta è dolce e la fa gioire alla Cocciuta, ma lei non la vede neanche perchè la sua Gioia è Bere ciò che è Amaro per i Figli...... e lo sta facendo......! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino!> Come state tutti quanti? Don Vincenzo: Bene! Tutti: Eccomi! Raffaele: Ho portato il Certificato Medico: sono raffreddato! <Gesù scherza usando un tovagliolino!> Gesù: Non c'è scritto niente, il dottore si è dimenticato di scriverlo! Raffaele: Eccomi! Gesù: Eh, la Cocciuta non Me l'ha donato e lei non è solo raffreddata ma è mezzo inguaiata, eh, eh, con la febbruccia e tutti i dolorini e la tosse, eh, e tutto il resto......! Stai mangiando già? ......Allora Buon Appetito! Don Vincenzo: Anche a Te! Gesù: Anche a Me? Anche a tutti voi! ......Vai! <Raffaele si è organizzato per donare i bicchieri con l'Avanzo a: Giacomo e Silvana> Don Vincenzo: È Gustoso il Padre! Gesù: È Gustoso il Padre! , è Gustoso e mangiarLo è una Gioia! È una Delizia! Cosa trovate di più Gustoso? Trovare Dio, MangiarLo e PoterLo Mangiare attimo dopo attimo e PoterLo Donare, non è solo una Gioia...... ma il Massimo è il Canto del Cuore di Maria quando Lei si è Inchinata dinanzi alla Volontà di Dio! E ciò che ha Cantato Maria l'ascolterete quando il Padre Vorrà......! State tutti bene? ......Vai! <Raffaele si è organizzato nel tagliare il pane-pesce e dona la testa e la coda a: Saverio, Egidio, Angela, Clelia e altri pezzi ad alcuni dei presenti> Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ma come mai siete così silenziosi in questo giorno? Don Vincenzo: È gustoso Mangiare il Pane Vivo! Gesù: È gustoso Mangiare il Padre! Don Vincenzo: È Speciale! Gesù: , è un Padre Speciale, così Speciale da Donarsi ad un Banchetto d'Amore, pronto per le Spose, pronto per ognuno di voi! Tu parli soltanto o mangi soltanto? Don Vincenzo: Di fronte a questo Bene di Dio! Gesù: Non si parla, si mangia solo? Don Vincenzo: La Tavola è proprio Invitante e il Padre si Dona......! Gesù: In questo giorno vi vedo come pulcini smarriti in cerca della mamma-chioccia, ma la Mamma-Chioccia ha già aperto il Mantello...... e ha raccolto...... e non fa mancare nulla ai Propri Figli......! Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Ma vi rendete conto di quello che avviene qui? Tutti: Eccomi! Gesù: Siete tutti acciaccati? Alcuni: Un po'! Gesù: Dovreste rispondere...: "Gesù, abbiamo la febbre!" ......O vuoi portare un altro certificato? Don Vincenzo: Ci sta la salsiccia! Gesù: Vuoi la salsiccia, Calice Vivente? ...Questo ha scoperto il segreto di Giovanni: vuole mangiare la salsiccia! Non l'aveva ancora scoperto ma adesso l'ha scoperto, e quando viene Giovanni la salsiccia è già finita! Lui ha finito la Sua Torta... e adesso devono finire quella del Servo Inutile Vincenzo! ...Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: E poi, sabato 25 gennaio, c'è la Festa della Conversione di San Paolo...! Gesù: Come sarebbe questa storiella visto che hanno scritto tante cose? Com'è avvenuta questa Conversione? Don Vincenzo: Sulla via di Damasco proprio dove stanno facendo ora la guerra......! Gesù: Ehi, ho fatto tre ruttini, uno più piccolino e due più grandicelli eh, eh, così si vede che siamo in Famiglia! <Gesù dona la Tosse> Di chi è questa Tosse? Don Vincenzo: Della Cocciuta? Gesù: Di chi è questa Tosse? Alcuni: È Tua, Gesù! Gesù: No, è di Giovanni! Gesù Sono Io! Quella della Cocciuta se l'è portata dietro! <Gesù dona altra Tosse!> Questa invece è quella Capricciosa di Giovanni! <Gesù dona altra Tosse> Don Vincenzo: Questa di chi è, di Giovanni? Gesù: Di Giovanni! Don Vincenzo: E quella di prima? Gesù: Quella di prima era della Cocciuta quando le facevo vedere i Flagelli e i Sigilli! Adesso Giovanni sta facendo il Capriccioso<Gesù dona altra Tosse> E quella è la Tosse Sua! <Gesù dona altra Tosse!> Chi la sa fare, eh? È meglio che non vi faccio sentire quella della Cocciuta adesso che sta Bevendo! ......Parla, di' qualche altra cosa! Non ci sono quei due della mortadella? Don Vincenzo: Chi sarebbero quelli della mortadella? Gesù: Quelli che si siedono di là! <Mario e Maria Elena> Me lo fai un paninello? Eh, ma avendo avuto il certificato, adesso ti senti meglio? ...Allora sei guarito! Raffaele: Eh, eh! Gesù: Ecco qua! Ma forse la Medicina Sono Io, se la chiedete! ......Non la vuoi la mortadella? Don Vincenzo: Ti faccio compagnia! Gesù: Io ce l'ho già, Sei tu che la devi prendere! Questa è Mia: ecco, ti piace? Don Vincenzo: È gradevole! Gesù: Ti stai mangiando le unghie? <A Chiara> Se ti mangi le unghie, ti dò due cetriolini, daglieli, ti piacciono? Non a Me, a chi si sta mangiando le unghie! Eh, eh, ti piacciono? No, eh, eh, e Io per quello te li ho donati, così impari a mangiare le unghie! Quando ricordi il sapore e mangi di nuovo le unghie, Io vengo a portartene ancora, eh! , vuoi abbassare la febbre? Raffaele: Eh, ci provo! ... Gesù! Gesù: Eh! Raffaele: Gesù...... quando eri giovane...... Gesù: ......Ma giovane lo sono anche adesso! Raffaele: Sì, ma dico un po' di tempo fa...... non hai mai mandato nessuno a quel paese? <Si ride un po'> Cioè non Ti sei mai arrabbiato, non hai mai litigato, hai sempre fatto buon viso a cattivo gioco, hai detto: "fatti più in là", niente? Gesù: Aspetta un po'... Raffaele: Non mi dare le palate però... Gesù: No, no, mò ti rispondo, eh! Il Padre Mi ha Mandato come Figlio di Dio e Mi ha Mandato a Portare l'Amore, la Pace, l'Amicizia, la Fratellanza e, quando c'era qualcosa da dire, voi avete letto soltanto ciò che hanno scritto e ho detto a Pietro: "Lungi da Me, Satana", ma dietro a quelle parole ce n'erano anche altre! Eh, , non mandavo via i Figli quando c'era da rimproverare...... e li rimproveravo! Don Vincenzo: Hai usato pure la frusticella? Gesù: , una bella frusticella e non è che era tanto piccola ma era un po' grande...... e dovevo cacciare tutto quello che si vendeva nella Casa del Padre, anche se il Tempio Vivo è sempre stato Maria! Raffaele: Posso? Gesù: Certo! Raffaele: Come la immagini la Chiesa? Gesù: Io non la immagino, voi cercate di immaginarla! Io l'ho vista da sempre, ci sono stato: Sono Stato nel Grembo del Padre e Sono Stato nel Grembo di Maria, Unica Chiesa Vera, Unico Tabernacolo! Vedete, gli uomini pensano che la Chiesa di Dio siano le mura...... ma la Chiesa di Dio è Maria come Tabernacolo e ognuno di voi: Tabernacoli Vivi, Figli di Dio e Figli di Maria e Io vi ho Comprati a Prezzo di Sangue! E invece gli uomini pensano di costruire le chiese! La Chiesa che si deve costruire è nel cuore...... ma non La costruisce nessuno! E più passa il tempo e più ne costruiscono in Onore di Maria e di Gesù, ma non è né per Maria e neanche per Gesù, ma per i tornaconti! Io non ho chiesto a nessuno di costruire chiese! Eravamo seduti ad un Banchetto, un po' più grandicello di questo, e ho Spezzato il Pane e ho preso il Vino: "Questo è il Mio Sangue! Questa è la Mia Carne!" E dopo di questo non ho detto: "quando Io sarò tradito da ognuno di voi, e voi vi pensate che Me ne vado, incominciate a costruire di qua e a costruire di là!" Non ho detto a nessuno: "lì c'è stato questo e fateci questo..., lì c'è stato quell'altro e fateMi l'altra cosa!" Questo si fa quando si devono fare questi...... <Gesù fa il gesto dei soldi> ......Così poi si attira l'attenzione e i soldini entrano nelle tasche di coloro che hanno avuto questa idea...... o Mi sbaglio? Tutti: No! Gesù: E questo è parlare chiaro, questa è la Chiarezza del Padre! Il Padre ha preparato un Giardino per tutti voi dove non manca nulla, ma gli uomini non si sono accontentati e hanno pensato dopo tanto, tanto, tanto, tanto tempo di costruire queste cose e di scrivere ciò che non è la Mia Storia di Amico e Fratello! In quei luoghi è tutto un tornaconto per fare questi......! <Gesù fa il gesto dei soldi> Invece quando c'è l'Amore si vive in Comunione o Mi sbaglio? Don Vincenzo: No, non Ti sbagli! Gesù: Il Banchetto dove Io Mi Sono Spezzato era Piccolo, Povero...! Il Padre Mi ha fatto Nascere in una mezza stalla, da un lato aperto, da un altro lato scoperto...... e avrebbe potuto trovare un palazzo lussuoso......! Silvana: Quindi non ha chiesto niente? Gesù: , ad ognuno di voi chiede solo di Aprire il cuore e il Banchetto è proprio l'Altare del Cuore, ed è la Chiesa più Bella, così come L'ha Donata Maria! ......Hanno scritto tante cose sbagliate! ......Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Ogni Tua Parola è un Raggio di Sole! Gesù: È la Luce del Padre, è la Verità Tutta Intera! Ma da sempre ha Scelto lo Strumento nel farla parlare e dire la Verità del Padre! Lei adesso non c'è ma ci sono anch'Io che ogni tanto faccio la Tosse di Giovanni...... e poi quando viene non so che Mi combina! <Gesù dona ancora la Tosse> Questa è la tua! <Si rivolge a Nicola che nel frattempo ha tossito. Poi Gesù dona ancora la Tosse> Eccomi! E così vi tengo su di morale visto che stasera siete tutti appassiti......! Ci vuole un po' di vino per innaffiarvi! Raffaele: Gesù! Gesù: Eh! Raffaele: Qual'è il Dono più Grande di Dio? Lo dobbiamo ancora vedere? Gesù: È in mezzo a voi: Eccolo! <Gesù indica Don Vincenzo> ......E c'è il Sole......... e quando si Aprirà......! Raffaele: E quello Tuo? E quello Tuo non è un Grande Dono? Gesù: E quello Mio è uguale al suo! Raffaele: E quello della Mamma? Gesù: Anche! Raffaele: E ne vedremo ancora uno più Grande? Gesù: Cosa vuoi di più del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo che è Maria? ......Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Ma un po' di salsiccia prima che viene Giovanni la mangio! Non è piccante, vero? Don Vincenzo: No, no! Gesù: Se no poi vi battezzo...! Don Vincenzo: È speciale! Gesù: Eh, , un pezzettino di pane ci vuole o due, facciamo due! Raffaele: Gesù, mi togli una curiosità? Gesù: Uh! Raffaele: Quando ero piccolo e avevo i capelli e studiavamo che cinque miliardi eravamo tanti sulla terra e che sarebbe mancato il mangiare, poi siamo arrivati a sei e a sette forse anche di più e il mangiare non finisce: è perché provvede Dio o perché sono abili gli uomini ricchi a togliere ai poveri? Gesù: Ai poveri viene tolta ogni dignità...... avendoti detto questo ti ho risposto......! Raffaele: Dio ha fatto tutto perfetto...... e il cibo sarebbe bastato per tutti...... e avanzerebbe in abbondanza......, anche l'acqua......! Gesù, mi viene la tosse! <Fa qualche colpo di tosse> Gesù: L'ho fatto Io! Se ti viene la tosse bevi un goccio di vino che ti passa! Raffaele: Eccomi! Gesù: Ma tu non hai la tosse, tu hai la febbre! Raffaele: Gesù, l'ultima domanda! Gesù: Ma tu stasera con la macchina non cammini, tu ti fermi e dormi! Raffaele: Si? Gesù: Ninna oh, ninna oh! Raffaele: Faccio guidare Alessandra! Caterina: Ci sono io! Raffaele: Sono stanco! Gesù: Per questo ti ho detto che ti fermi e dormi! Non hai portato il pigiama? <Si ride un po'> Raffaele: Posso fare l'ultima domanda? Gesù: Certo che puoi! Raffaele: Perché il cielo è azzurro? Gesù: Perché il cielo è azzurro? Taddeo: Perché il Padre l'ha creato azzurro! Raffaele: Solo per quello? Gesù: No, perché ha guardato gli Occhi di Maria! Raffaele: Eccomi, quindi siamo coperti? Gesù: , anche quando lo vedete non azzurro è perché Maria è triste e gli Occhi sono pieni di Lacrime, ma poi si accende! Raffaele: Eccomi! Gesù: E anche i Miei sono Azzurri e anche Quelli del Padre! ......Adesso si beve il vino! Tu non parli, tu non Mi devi chiedere niente? Don Vincenzo: Ti devo chiedere tante cose, Gesù, perché Tu Sei la Verità e quindi ogni Tua Risposta è Luminosa, è Raggiante e ci Arricchisci: dette da Te le risposte ci aprono sempre una strada nuova! Non poteva farci un Regalo Più Grande il Padre: MandarTi in mezzo a noi......! E da ventinove anni che sei qui a Timparelle giorno e notte......! Gesù: E veramente ci sono da sempre! Vedi, la Cocciuta è stata Pensata da sempre ed è stata preparata dal Padre per Donare la Verità Tutta Intera e già nel Grembo Materno Donava la Verità: L'ha sempre Donata la Verità di Dio! Don Vincenzo: Nonostante questo, questa Verità non viene accolta per niente e viene continuamente scartata......! Gesù: La Verità deve essere accolta dalla Famiglia che il Padre ha Scelto, farLa Crescere, farLa Moltiplicare e aspettare i Tempi! Il Figlio che Salva è in mezzo a voi, mentre il Figlio che deve Scendere i Gradini ancora è fermo! Non Mi chiedete chi è, perché non posso dirlo, ma è in mezzo a voi......! Don Vincenzo: Quindi ci sono Due Piccoli Salvatori? Gesù: Non sono Piccoli, sono Grandi e ognuno di voi è Grande ed è Piccolo dinanzi al Padre, così come È Dio: Dio-Grande e Dio-Bambino! Don Vincenzo: Quando ho detto poco fa che ci sono due Piccoli Salvatori era per non confonderci con Te, Unico Salvatore, Unico Redentore, Unico Liberatore! Gesù: Siamo un tutt'Uno, fatti a Immagine e Somiglianza: Io Servo e voi Servi! Io Piccolo e voi Piccoli: i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto! Don Vincenzo: Al Servizio di Dio! Gesù: Al Servizio, nell'Ultimo Posto per essere Invitati al Primo Posto! Don Vincenzo: Gesù, sempre più acquista Luminosità la Parola: Servo Inutile! Gesù: State tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù dona la Tosse> Gesù: Eh, eh, eh, Mi diverto a fare la Tosse di Giovanni! Ho chiesto se stavate tutti bene! Don Vincenzo: Ah! Gesù, mi riferivo ai Servi Inutili: due paroline che dicono tutto, al punto da stabilire una superiorità sulla Figliolanza, perché i Servi Inutili Veri sono i Figli e i Figli sono i Servi Inutili......! Perciò questo doppio binario sfocia in questa realtà: bisogna mettersi al Servizio, all'Ultimo Posto! Gesù: ! Don Vincenzo: Perché il Padre Serve, Tu, Gesù, ci Servi e hai dato fino all'Ultima Goccia di Sangue......: più Servitore di Te non esiste! La Mamma ci Serve e ci Serve continuamente perché continuamente veglia su ognuno dei Figli! E allora, quando dobbiamo usare la parola: Servo Inutile, dobbiamo essere attenti...... Gesù: ...Nel Servire! Don Vincenzo: ......Sì, nel Servire con il sì-sì, no-no! Gesù: Sì-sì, no-no! Don Vincenzo: E il di più non viene più dal maligno perché il maligno si è convertito! Gesù: Ma c'è ancora! Don Vincenzo: Sì, c'è il veleno! Gesù: Il veleno! Don Vincenzo: I Figli del Veleno! Gesù: Perciò dovete vigilare... e Alzare continuamente la Destra! <Gesù Benedice!> E combattere nel dire: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" Don Vincenzo: E bisogna pregare secondo le Intenzioni del Padre, perché tante volte facciamo le preghiere lasciandoci guidare dalla nostra convenienza e non secondo le Intenzioni del Padre! Gesù: No! "Padre, Tu conosci la preghiera ''Padre Nostro e Ave Maria, Ave Maria e Padre Nostro'' ma secondo la Tua Volontà, non la mia, ma la Tua! Quella è Giusta perché è Amore per tutti i Figli!" Don Vincenzo: Ancora! <Gesù dona la Tosse> Questa di chi è? Gesù: È quella di Giovanni! <Poi Gesù dona ancora la Tosse!> Don Vincenzo: Questa di chi è? Gesù: Quella di Giovanni! Don Vincenzo: Ancora! Gesù: La Mia, Io non ce l'ho! Volete sentire la Mia? Volete sentire la Mia Tosse? Tutti: Eccomi! Gesù: Quella che vi Dono da sempre? Tutti: Eccomi! <Gesù dona la Tosse> Don Vincenzo: Mamma mia, è la Tosse Salvifica questa......! Gesù: , ve L'ho Donata! <Gesù dona la Tosse> Ora Io non ve ne dò più perchè vi basta e vi avanza! Uuuh, si è spaventato Giulietto! <Gesù Tossendo Alita!> Bello di Gesù, è la Tosse Salvifica, non ti spaventare! Ma lui l'ha presa in pieno, eh! E adesso chiediMi qualche altra cosa, poi viene Giovanni! Don Vincenzo: Sta preparando ancora altre cose Giovanni? Gesù: No, sta finendo di aiutare il Servo Inutile Vincenzo ad accogliere le Spose con i Doni! ............Salute! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eh! Come stai tu? Raffaele: Col certificato stò! Posso? <Si ride un po'> Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Ma sono tanti, tanti, tanti, tanti i Servi Inutili, i Figli che stanno lassù? Gesù: ! Don Vincenzo: Non si possono contare? Gesù: No! Don Vincenzo: Tu li puoi contare perchè hai dato il Sangue per ognuno di loro! Gesù: Sono tutti in mezzo a voi, ma ancora non Mi vedete! Don Vincenzo: Ci sono tutti? Gesù: , in mezzo a voi ci sono tutti, eh! Don Vincenzo: E quando ci sarà il Sole? Gesù: Adesso siami qui! Quando ci sarà il Sole li vedrete! Mamma mia che tosse, e proprio non ce la fa più, dottore' intervieni! Raffaele: Mi è passata! Gesù: Eh, eh! <Si ride un po'> Raffaele: Stò bene, stò un capolavoro! Gesù: Appena sente: "dottoressa!" subito gli passa tutto! Raffaele: Gesù, posso fare un'altra domanda? Gesù: Eccomi! Raffaele: Ma se i figli sono tanti, tanti mangiano dalla Terra? Gesù: Il Banchetto il Padre, come Lo preparate voi, Lo prepara per le Spose, quelle che porta lo Strumento e quelle che ci sono già! Raffaele: E sentono il freddo, la pioggia? Gesù: ! Raffaele: Quindi mio padre e mia madre stanno in casa mia o stanno ovunque? Gesù: Non stanno in casa tua, stanno al Banchetto del Padre! E quando ci si "addormenta" e poi ci si sveglia, si sta dinanzi al Padre! Raffaele: E non è Sceso tutto il Cielo? Gesù: , è in mezzo a voi, ma voi non lo vedete! Si deve Aprire il Sole! Quando il Sole si Aprirà, vedrete tutti e ancora non è il Tempo di vedere! Raffaele: Ma i Servi Inutili ce l'hanno una casa? Gesù: Sì che ce l'hanno una casa, il Padre ha costruito una casa e ha Donato l'Eredità a tutti i Figli che hanno donato la mano! E quelli che ancora non l'hanno donata, aspettano! E poi, se non rispondono alla Domandina Finale, la Cocciuta risponderà per loro, ma ci sarà poi l'Intervento del Padre! Lei è alla Destra del Padre e il Padre lascia prendere le Spose e lascia fare la Domanda Finale......ma poi Interviene il Padre! L'Intervento del Padre è l'Intervento del Padre e quando fa le Cose del Padre le fa sempre Giuste! Che c'è ancora? Raffaele: Gesù, sempre una curiosità! Gesù: Ma tu cammini sempre di curiosità in curiosità? Raffaele: Sì! Gesù: Meno male! Raffaele: Eccomi! Ma in Cielo non vi raffreddate mai? Cioè, se state con l'acqua, col freddo, esistono le malattie? Gesù: No! Raffaele: Non esistono! Gesù: Giovanni fa la Tosse di prendere un po' in giro e di farvi tirare su, se no siete come i salici piangenti, eh, eh! <Si ride un po'> Raffaele: E quindi è tutto pulito? Gesù: ! Raffaele: Chiaramente! Gesù: C'è solo la Medicina dell'Amore! Medico, Mi sbaglio? Teresa: No! Don Vincenzo: Rifacendomi a quello che ha detto Raffaele, quindi praticamente ogni persona ha una casa? Gesù: , preparata da sempre dal Padre! Don Vincenzo: Ma ci entrano pure di mezzo le Famiglie di qua sotto oppure ognuno è indipendente? Gesù: I Figli che donano la mano entrano! Don Vincenzo: I Figli che donano la mano, vivono poi insieme agli altri parenti, ai familiari, oppure vivono indipendenti? Gesù: Tutti si vive in Comunione e tutti hanno una Casa! Ma bisogna vederli, perchè descriverli e dirvi qualcosa è difficile da comprendere! Don Vincenzo: No, volevo solo un chiarimento riguardo a questi nuclei familiari di quaggiù: ce ne sono anche lassù? Gesù: No, la Famiglia che ha Scelto il Padre siete voi e siete la Nuova Chiesa e siete nella Vigna che il Padre vi ha consegnato! E Maria è ferma con le Schiere e l'Unica Schiera che Combatte è quella dello Strumento e porta anche voi: ci sono altri Figli uniti alla sua Schiera, ma ci siete voi sulle sue spalle! Raffaele: Gesù, spesso vediamo le cose con gli occhi nostri! Gesù: Non sono vostri gli occhi, nulla è vostro, perchè tutto appartiene al Padre! Raffaele: Quello che guardiamo, molte volte poi diventa difficile pensare che lo si possa fare perché Dio lo dovrebbe fare, quando poi in realtà appena alzi lo sguardo vedi che Dio è Grande, ha fatto tutto e ha pensato a tutto! Dicevo l'altro giorno a Don Vincenzo che c'era una canzone, un salmo che diceva: "Signore Sei Tu il Mio Pastore, nulla mi può mancare!" E quindi, se uno riflette appena in una qualsiasi cosa, siamo troppo piccoli per pensare quello che Pensa Dio, quello che Fa Dio... Gesù: ...Si deve essere Piccoli per pensare le Cose di Dio e si deve pensare col cuore e non con la mente! Don Vincenzo: Più sei piccolo e più sei grande! Gesù: Più si è Piccoli, ehi, diciamo tutt'e due la stessa cosa? Don Vincenzo: Complimenti! <Si ride un po'> Gesù: , complimenti, Calice Vivente, eh, hai visto come siamo in Sintonia d'Amore, dell'Unica Sintonia d'Amore del Padre? Raffaele: Eccomi! Gesù: Più si è Piccoli e più si Fanno le Cose del Padre! Don Vincenzo: E ci si mette al Servizio del Padre! Perciò più si è piccoli più si è Servi Inutili! Gesù: Servi Inutili! Stracci Stracciati, come dice lo Strumento, ai Piedi della Croce per poter raccogliere tutte le Piccole Gocce, e più si è Inzuppati di queste Gocce e più ci si Apre all'Amore e si Dona Amore! Don Vincenzo: Scusa, Gesù, hai detto: "Piccole Gocce" perché, ai Piedi della Croce, ci sono le Piccole Gocce? Le Gocce non sono quelle che Tu ci stavi rivelando mesi fa? Gesù: Le Gocce di cui parli tu sono una cosa, ma le Gocce a cui fa riferimento la Cocciuta riguardano le Gocce di Sangue che scendono dalla Croce! Don Vincenzo: Allora è tutta un'altra cosa! Gesù: Le Gocce erano e sono i Sigilli e i Flagelli che adesso vi vengono detti apertamente.........! Invece prima c'era una Goccina ogni tanto...... mentre adesso ci sono i Flagelli e i Sigilli e siamo arrivati un po' più avanti......! Don Vincenzo: Sempre, però, ci sta "nel parcheggio" quello che ha detto la Maddalena e quello che ha detto Giuda! Gesù: Quelli lasciamoli "sul parcheggio" e quando ci sarà il Tempo vi vengono dette, eh, eh! ......Eccomi! PICCOLO GIOVANNI: Eccomi, con la Croce e con il Pane... <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio> State tutti bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Gesù mi ha rubato la tosse? <Giovanni fa qualche colpo di tosse!> Don Vincenzo: Giovanni, Benvenuto in mezzo a noi! Piccolo Giovanni: Altri Fiori che sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Ehi, il caffè...! Ehi..., ma come state? Come stai, Nicò? Come stai, Teré, Mari'? Nicola, Maria e Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ehi, lo vuoi un goccino di caffè? Aspetta..., prima beviamo il caffeuccio...! Ne vuoi un altro goccio? Allora, Nicò, come andiamo? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tutto bene? Ehi, dottore'... Teresù... come andiamo? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Che Dobbiamo fare con sta' macchina? Ti è simpatica ancora? <Si ride un po'> Che pensavi? Ti eri montata la testa? Teresa: Mi è simpatica! Piccolo Giovanni: Ti è simpatica... eh mo' vediamo...! Ehi... ma state tutti bene? Don Vincenzo: Sì che stiamo bene! Piccolo Giovanni: Ehi... che è successo? Dottore', vai a vedere! Mamma, stai tranquilla...! <Marianna non sentendosi tanto bene se ne va nella stanza a fianco> A Me non date niente da mangiare? La salsiccia? Un poco di salsiccia! Che Mi date oltre alla salsiccia? Raffaele: Il baccalà! Piccolo Giovanni: Ci sono le spine? Raffaele: Non risponde... Piccolo Giovanni: Non Mi risponde? Tatina: Eccomi! Raffaele: Un altro pezzo di baccalà, Giovanni? Piccolo Giovanni: , un altro, così se trovo una spina le faccio un regalo! Non ci sono le spine, ma è salato......! Tatina: Non ce l'ho messo il sale...! Piccolo Giovanni: Ma è salato, lo vuoi assaggiare? Tatina: L'ho già assaggiato! Piccolo Giovanni: E assaggialo di nuovo! Tatina: Va bene... Piccolo Giovanni: Forse avevi bevuto un po' d'acqua o un po' di vino, quando l'hai assaggiato! ......Che ha Marinella che è triste? Don Vincenzo: Forse ha sonno! <Nel frattempo ritornano al loro posto Chiara e Teresa che erano intervenute in aiuto di Marianna!> Piccolo Giovanni: Tutto a posto? Si! Chiara corre più veloce del medico! Teresa: Mi vuole rubare il posto di lavoro! Piccolo Giovanni: Io sto mangiando il baccalà salato, voi parlate così lo fate dolce, ......e dopo parlo Io! Raffaele: Giovanni, dopo che finisci di mangiare, che dici come ci vedi? Piccolo Giovanni: Come vi vedo? Come salici piangenti, così vi vedo! Raffaele: Perché siamo tristi? Piccolo Giovanni: Ditemelo voi! Don Vincenzo: Siamo tristi perché ci dimentichiamo di amare! Piccolo Giovanni: Beh, vuoi parlare un po'? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Ehi, Mi dai un dolcino di quelli gialli? Tu ne vuoi uno? Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Ne vuole anche lui uno! Raffaele: Ecco, Giovanni! Don Vincenzo: Giovanni, siamo tristi sia perché ci dimentichiamo di amare e sia perchè ci dimentichiamo di comportarci da figli e di vivere la Giornata da Figli come dici Tu, Giovanni... "Io campo alla giornata!" Bisogna vivere la Giornata da Figli partendo dalla mattinata fino alla sera! Questo non lo facciamo e perciò mettiamo le nostre Giornate nelle mani dell'io e non di Dio! Invece la Giornata è nelle Mani del Padre, perché Lui ce la regala e ce la spezzetta in secondi, in minuti e in ore! Allora, fino a quando non impareremo a fare questo, non crescerà la nostra fede, perché staremo a fare sempre i calcoli umani! Quando invece impareremo questo, ci comporteremo da Figli e faremo le Cose da Figli attimo per attimo! E quindi, sarà felice il Padre e saremo felici anche noi, perché stiamo finalmente entrando nella Via Stretta, quella della Figliolanza che sfocia poi nell'Eredità Eterna! Questa è l'Unica Via che il Padre ha tracciato, solo che noi non la percorriamo e praticamente andiamo dietro solo alle cose del mondo! E andando dietro alle cose del mondo, come si fa a non essere tristi? Piccolo Giovanni: Adesso siamo al Banchetto del Padre e la Gioia dev'essere Accesa! Don Vincenzo: Ma ci dobbiamo portare dietro un cuore aperto, perché potremmo essere pure al Banchetto del Padre ed essere tristi! Piccolo Giovanni: Ho detto al medico di intervenire, ma Tu, Calice Vivente, continua a parlare...... o vuoi mandarmi via? Don Vincenzo: No, no, stiamo insieme! Entrare in questa Figliolanza significa vivere già di Fede, perché un Figlio di Dio deve comportarsi da Figlio di Dio, e quindi, amando i fratelli, le sorelle, amando tutto quello che il Padre ci dona! Perciò la Figliolanza è fondamentale per vivere una giornata vera, da figli, non andando più dietro alle cose del mondo, perché solo così si evita il mondo...... altrimenti non facciamo altro che fare le cose che fanno tutti gli altri e alla fine poi siamo tristi e delusi! E quando siamo a letto la sera, se non abbiamo messo al primo posto Dio e se non ci siamo fermati durante la giornata a pregare ecco che ci addormentiamo senza un briciolo di gioia avendo vissuto la giornata a livello mondano e non a livello cristiano! Piccolo Giovanni: Ma state tutti bene? Se state tutti bene aiutate il viceparroco che non sta bene! Allora... la giornata..., LA giornata da figli di Dio inizia nel rispondere: Eccomi al Padre! "Mi hai aperto gli occhi! Mi hai donato la Luce e mi hai donato il lavoro da fare! Il lavoro che mi doni, attimo dopo attimo, è Amare i nemici, e Amando i nemici e coloro che trafiggono il cuore mi rendono forte e mi fanno affrontare la giornata del mondo senza paura... ma quella la devo mettere nel Tuo Cuore perché il Tesoro me l'hai già preparato Tu col Sangue Versato e chiamandomi Figlio e facendomi Tabernacolo così come hai fatto Maria! E quando ho finito la giornata e la metto nel Tuo Cuore riceverò la Mia paghetta, perché ho fatto la Tua giornata e Tu paghi anche all'ultima ora!" Vedete, figli come Sacerdozio Vivo ed Eterno e come Piccolo Giovanni Capriccioso, ho fatto sempre la Giornata del Padre, anche se dovevo stare in mezzo agli uomini nel lavorare! Anch'Io ho lavorato, ma non ho mai legato il Mio Cuore a ciò che Mi veniva Donato dopo il lavoro fatto! Crescevo nell'Amore che Dio ha messo dal Grembo Materno dentro di Me e guardavo la Famiglia che il Padre Mi aveva donato! Mi sono fermato su una Piccola Capanna e li ho seminato il grano, l'ho raccolto ed è uscita la farina ed ho impastato il Pane! Il lievito l'hanno saputo fare e lo sanno fare ancora e cresce in abbondanza! Ad ognuno di voi ho donato sempre il Pane e lo dono tutt'ora! Anche voi avete il lievito e lo fate crescere in abbondanza, ma ciò che dovete imparare è amare i nemici prima di tutto! Gesù rimaneva con Maria e con Giuseppe ma doveva portare all'umanità intera il Pane di Dio! Voi invece vi preoccupate quando vi staccate un po' dai parenti: forse il Padre non vi ha fatti tutti figli? E se perdete uno dei vostri Cari, non avete una famiglia ancora? Gesù veniva scartato... ma i propri Cari non è che li ha lasciati, ma li ha portati sulla Croce! Chi vuole intendere, intenda! Devo aggiungere altro? La via è Stretta: quella di Gesù! Quella del mondo è larga: cosa volete camminare, quella larga o quella Stretta? Tutti: Quella Stretta! Piccolo Giovanni: Quella Stretta! Allora camminate, figli! ...Parla tu un poco! <Ancora qualche colpo di tosse> È così che Mi ha rubato la tosse Gesù? Don Vincenzo: Mi rifaccio ancora a: "Io Campo alla Giornata...!" Piccolo Giovanni: Io Campo alla Giornata! Don Vincenzo: Vivere da figli, specialmente per noi qui di Timparelle che abbiamo questa Grazia giorno e notte da 29 anni consecutivi, significa vivere nella Vigna, cercando di riempire ogni momento di più la Cesta per presentarla al Padre poi alla sera e quando questo avviene..., stiamo già assaporando la Figliolanza, perché è meraviglioso sentirsi Figli di Dio e lavorare nella Vigna del Padre, ma questo può avvenire soltanto se ci fermiamo a pregare continuamente durante la giornata! Se durante la giornata in qualsiasi posto ci troviamo, ci fermiamo a pregare per cinque minuti, per dieci minuti, per venti minuti, per mezz'ora..., tutto acquista valore ed è lì, proprio lì e solo lì che ci sentiamo figli, altrimenti la giornata la viviamo secondo le regole del mondo e non mettendo Dio continuamente al primo posto! Tutti corrono, tutti vanno di qua e di là, tutti vogliono i soldi, il potere, il piacere, l'avere, quando invece la giornata è scandita da queste ore, da questi minuti e va riofferta al Padre che ce l'ha donata! Tutta la giornata deve essere vissuta in funzione del Padre, ringraziandoLo, BenedicendoLo, facendo solo e sempre la Sua Volontà, convertendo noi e non gli altri, perché se non riusciamo a convertire noi stessi, come facciamo a convertire gli altri? Allora, dobbiamo imparare l'umiltà, a essere Servi Inutili piccoli..., perchè più si è piccoli e più si è grandi perché la piccolezza significa Spirito di servizio, di umiltà, di ultimo posto! La piccolezza significa Servo Inutile e non c'è accoppiata più grande di queste due parole, tant'è che in Paradiso entrano i Servi Inutili, i Figli! Quindi accoppiare i Servi Inutili con i Figli, è la più grande Grazia che il Padre poteva e può farci, perché poi tutto è in funzione dell'eredità, perché i figli sono eredi e quindi tutto acquista valore nella misura in cui la giornata la viviamo amando Dio e amando il Prossimo! Ci dobbiamo fermare a pregare cercando gli spazi adatti dovunque ci troviamo, anche quando dobbiamo stare il silenzio in un posto a fare la fila e approfittare subito di quei minuti, di quei secondi, tutti in funzione del Padre...... e allora cominciamo a ServirLo, perché cominciamo a capire che quella giornata se non era per il Padre, l'avremmo sperperata! E difatti io che ho sessantaquattro anni chissà in quante giornate non ho mai Pregato, non ho mai Benedetto il Padre, non l'ho mai Ringraziato...! Sì, facevo qualche preghiera, ma erano preghiere fiacche..., queste invece sono preghiere potenti, potenti nel senso che danno Luce, Verità e Amore! Piccolo Giovanni: Avete visto cosa significa mettersi all'ultimo posto? Piccoli, poveri per poi essere chiamati al primo! Don Vincenzo: Il Cielo si è spostato, il Padre è qui, la Madonna è qui, Gesù è qui, Tu Sei qui Giovanni, Domenico è qui, Carlo è qui, tutto è per noi perchè tutti Voi del Cielo siete in funzione nostra per aiutarci a fare meglio una preghiera, a fare meglio un'azione buona, a fare meglio un servizio, a fare meglio un piccolo fioretto a fare tutto quello che al Padre piace! Piccolo Giovanni: Il Padre ha fatto tutto per i figli e non ha fatto nulla per Se Stesso! Don Vincenzo: Niente ha fatto per se stesso, anzi, riceve proprio dai figli... le delusioni più grandi! Piccolo Giovanni: Allora andiamo avanti..., cosa posso dirvi stasera? Cosa volete sapere? Don Vincenzo: Avrei un pensiero scabroso da proporre! Piccolo Giovanni: E vediamo com'è scabroso questo pensiero! Don Vincenzo: Desidero che il Padre Buono, qui Presente, dia un bacio a tutti quanti, adesso! Piccolo Giovanni: E Mi dovrei alzare? Allora ora ti alzi tu e lo vai a donare tu e così il Padre Buono attraverso di te che Sei il Calice Vivente, dona il bacio! Don Vincenzo: Ubbidisco! Piccolo Giovanni: Ecco, bravo! Aspetta che prima Io te lo dò a te e poi tu lo vai a donare alla Famiglia! Il Padre il bacio lo dona così...<Trattasi del bacio Santo che Giovanni dona all'altro Giovanni> Don Vincenzo: Ah! In Cielo così si bacia? Piccolo Giovanni: Si, il bacio del Piccolo Giovanni che conoscono tutti quanti! Tu hai detto che il Padre donerà un bacio a tutti quanti e adesso lo doni tu a tutti quanti! È bella la scena che state vedendo? Ecco! Il Calice Vivente-Dio che dona il bacio ad ognuno di voi... eh, si! E adesso è tornato e fra poco tornerà anche il Battesimo dell'Amore! Non è che non sia valido quello che ho fatto Io..., ma deve ritornare ancora...! <Chiede la parola Antonietta> Antonietta: Il Battesimo dell'Amore che abbiamo ricevuto lo dobbiamo ricevere un'altra volta? Piccolo Giovanni: Te lo sto già dicendo..., se non Mi ascolti quando parlo..., perché lo ripeti? Antonietta: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! Se Mi ascoltate, non fate la stessa domanda...! Che ho detto che adesso ritornerà di nuovo..., o Mi sbaglio? Se Mi sbaglio, Mi "corriggerete...!" Eh... Eh! Tanto sono Io...! <Giovanni schiocca un bacio> Raffaele: Io c'ho la febbre Stasera... Piccolo Giovanni: Anche lo Strumento! Quello che vi dico che non dovete scrivere, non è che viene nelle prossime settimane... Raffaele: E quando viene? Piccolo Giovanni: Quando il Padre vuole! Cosa vuoi sapere? Raffaele: E cosa bisogna fare noi della Famiglia? Piccolo Giovanni: Lavorare! Raffaele: In termini pratici? Piccolo Giovanni: Lavorare prima, Pregare "Padre Nostro-Ave Maria" e poi Lavorare! Ti sei emozionato? Il Figlio che è venuto per Salvare è in mezzo a voi!(*) Vedete anche i colombini cantano le Lodi a quest'ora... eh! Hai sonno? Si è fatto tardi? ......, c'è mezza parte che non dovete scrivere! E poi, c'è Maria e Nicola, c'è la Dottoressa! , cosa vuoi sapere ancora che non vi faccio scrivere? Cosa vuoi sapere ancora? Don Vincenzo: Il Padre e Gesù si Somigliano? Piccolo Giovanni: , il Padre e Gesù sono Identici! Il Padre Partorisce come Gesù! Calice Vivente, questo già l'hai chiesto! Don Vincenzo: Il Padre è Padre e Madre! Piccolo Giovanni: Non hai niente che vuoi sapere? Don Vincenzo: Si Vive, si Gioisce e si è al Banchetto! E oltre ad essere al Banchetto si vive una vita normale o no? Piccolo Giovanni: Di Comunione! <Si beve il Miscuglietto> La prossima volta vi parlerò ancora di Maddalena e vi dirò altre cose! ...Ora vi lascio il Filicino e vi Amo! <Giovanni schiocca qualche Bacio tra una parola e l'altra> Don Vincenzo: Te ne vai?(*) <Gesù Benedice col Segno della Croce> Gesù: ...Con la Croce e col Pane! Sono Gesù, come stai? Non Mi dici niente? Io ti posso dire ciò che sta facendo lo Strumento! Don Vincenzo: Che sta facendo? Gesù: Sta Bevendo, va un po' a Bere, un po' a prendere le Spose e, dopo che ha Bevuto e porta le Spose, va a guardare le altre che sono rimaste! Don Vincenzo: Sono tante le Spose che tendono la mano? Gesù: , ma tante rimangono senza stendere la mano! Voi Pregate ancora: "Ave Maria- Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro" e preparate gli Abiti Nuziali, Figli! Dimmi tu qualcosa, abbiamo parlato sempre Noi! Don Vincenzo: C'è un'età standard lassù? Gesù: Si è Giovincelli! Don Vincenzo: Eh, questa parola, Gesù, questa parola che significa? Gesù: Giovincelli! Don Vincenzo: Non ha età! Gesù: Così come non ha età Dio! ...Ora Io vi lascio il Mio Cuore Spalancato e vi invito a pregare ancora per i vostri nemici: "Ave Maria-Padre Nostro" e siate pronti e preparati con l'Abito Nuziale, ma non vi porto via, non vi preoccupate, l'Abito Nuziale è l'Abito Nuziale! Vi lascio il Mio Cuore Spalancato, tu saluta con l'Albero Verde! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: Che hai fatto, un po' il Capriccioso? Gesù ha rubato la Tua Tosse e adesso? Tu non c'è l'hai più? C'è l'hai ancora! Giovanni, non potete aspettare ancora un po', i Figli non sono pronti e, visto che ci sono i Giorni, non sono pronti né di capire, né di fare ciò che si deve fare! Io chiedevo a Te di non parlare, adesso Tu chiedilo a Gesù di non farmi parlare e di aspettare ancora! Lo so, allora preparate i Cuori, ci vediamo dopo! Li ho visti già i Flagelli e i Sigilli, dopo vado a finire di Berli! Piccolo Giovanni: Devi riposarti un po'! Giulia: Non c'è tempo, ci sono gli altri pronti, mi riposerò Bevendo, ci vediamo dopo!(*) Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: Papà, ogni Tua Cosa è pronta da sempre, ma i Figli ancora non sono pronti: mi dai ancora un po' di Giorni? Ho finito un altro Sigillo da Bere, lo sto Bevendo, ma c'è n'è tanto altro e tutto quello che Scende, posso solo fare Due Domande! Eccomi ancora per l'Eternità, per tutto quello che Tu mi hai Donato e Mi Doni attimo per attimo! Il Padre: Invita i tuoi Figli e l'Umanità Intera ad Amare e a Perdonare, a usare Carità verso tutti, così si accenderà la Luce! Giulia: Eccomi! Tutti sono al Banchetto e tutti stanno Facendo Festa! Anche noi siamo al Banchetto che ci hai Donato, accogli la nostra Festa! Salutiamo i Cari? <Giulia schiocca qualche bacio e tutti salutano i propri Cari Beati in Paradiso> ...Ciao, Pargoli, Impastate, Impastate i Cuori ad essere teneri! ...Ciao, Mamma! ...Ciao, Spose tutte del Banchetto del Padre! ...Ci vediamo dopo nell'Impastare il Pane, quello dei Tempi...!(*)

 

 

 

 

6. Giov. 30/01/2014, ore 21, Stanza di Gesù a Timparelle

(Giulia): Gesù, eccomi nel guardare.........!(*) Ci sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, devo dirlo per forza, visto che questi posso berli?(*) Ma anche se lo dico a cosa serve? L'umanità è sorda ed è cieca! L'umanità non vede ciò che sta accadendo! I figli sono rimasti e rimarranno sempre legati alle cose del mondo così come hanno fatto sempre con Te...... e non cambierà nulla! Gesù, lasciameli bere senza dire cosa sono...... così non ci copiano... perchè "il tutto" viene sempre dalla Cupola...... ma lasciamelo bere nel silenzio e nel nascondimento, Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! Sì, questo Sigillo sarà lasciato e desidero che rimanga così per un poco, è un Regalo che Ti chiedo!

*******************

(Don Vincenzo): SIAMO CROCE, ED ESSENDO CROCE TUTTA L'UMANITA' È CROCE! (Gesù): SI È TUTTI SULLO STESSO "PIANO"! (Don Vincenzo): TUTTI I FIGLI SONO CROCE...... E QUINDI SONO SULLO STESSO LIVELLO! (Gesù): MA TU NON DEVI DIMENTICARE CHE SEI IL CALICE VIVENTE......... TI VIENE UN PO' DIFFICILE......! A GIOVANNI NON GLI VENIVA DIFFICILE, NEANCHE A CARLO E NEANCHE A PIO E NEANCHE A DOMENICO E NEANCHE A TUTTI I SERVI INUTILI......! MA I DUE GIOVANNI SONO I DUE GIOVANNI! (Don Vincenzo): FORSE IO HO UNA FEDE PIU' PICCOLA......! (Gesù): IL CALICE VIVENTE NON PUO' AVERE UNA FEDE PIU' PICCOLA: È IL CALICE VIVENTE! ......IL CALICE È PIENO FINO ALL'ORLO...... E HA IL SOLE IN MANO......! COSA C'È ANCORA? (Don Vincenzo): QUESTO SOLE CHE IO HO TRA LE MANI È UNA GRANDE RESPONSABILITA'? (Gesù): LA VUOI SCARICARE? (Don Vincenzo): NO TUTT'ALTRO......! (Gesù): È MESSO NELLE TUE MANI COSI' COME SEI IL CALICE VIVENTE...... IL PADRE COSI' HA DECISO! MA LA COCCIUTA HA LA POSSIBILITA' DI CHIUDERE LA PORTA, TU NO! LEI È ALLA DESTRA DEL PADRE ED È IN MEZZO A VOI...... MA È ALLA DESTRA DEL PADRE! TU CAMMINI IN MEZZO AGLI UOMINI, MA LEI RIMANE ALLA DESTRA DEL PADRE E QUANDO VEDETE CAMMINARE LEI NON SAPETE SE È LEI O SE SONO IO O SE È MARIA O SE È CARLO, O SE È PIO, O SE È DOMENICO...... LEI RIMANE ALLA DESTRA DEL PADRE! E QUANDO LA FATE ARRABBIARE NON SAPETE CHI FATE ARRABBIARE! MA NESSUNO DI VOI È COSCIENTE DI TUTTO QUESTO PERCHÈ AVETE OCCHI E NON VEDETE, AVETE ORECCHIE E NON ASCOLTATE: IO PARLO A VOI E AL MONDO INTERO! VI STATE PREPARANDO COME LUCE? NON È LA CANDELA CHE FA LA LUCE MA SIETE VOI LA LUCE DEL PADRE...... O SIETE SPENTI? <CI SI STA PREPARANDO ALLA FESTA DELLA CANDELORA DI DOMENICA 2 FEBBRAIO> MA IO STO DICENDO A VOI SE VI STATE PREPARANDO COME LUCE DINANZI AL PADRE.........! L'UMANITA' INTERA SI PREPARA PER LE COSE DEL MONDO, MA VOI SIETE NELLA VIGNA, NELL'ARCA E CON I REMI! VI STATE PREPARANDO COME LUCE PER ILLUMINARE L'UMANITA' SPENTA......? O RIMANETE NEI RUMORI DEL MONDO...... ?

*******************

Taddeo guida la Preghiera del Santo Rosario e durante la Meditazione dei Misteri, mentre si prega per la Chiesa Tutta, per il Papa, per i Vescovi, per Tutti i Sacerdoti e per il mondo intero, ecco l'Inizio della Visitazione: Giulia: Se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre; se Sei Tu, Glorifica il Padre! GESÙ: Sia Gloria al Padre Altissimo com'era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli, Amen.(*) <Gesù è in Silenzio, poi Alza la Destra col Segno Trinitario e Fa Scendere la Sua Benedizione> Il Mio Volto è la Mia Croce, così come il Volto di ognuno di voi è la vostra Croce! L'Immagine di Dio è Riversa in ognuno di voi e nell'umanità intera nell'essere fatti ad Immagine e Somiglianza di Dio per portare ad ognuno di voi il Pezzetto del Padre che ha preparato da sempre per ognuno di voi e per l'umanità intera! Ed ecco ancora il Cielo, è in mezzo a voi Riverso da sempre, uniti ai Banchetti, uniti all'Amore Spezzato e Donato dal Padre per chi ha occhi da vedere, per chi ha orecchi da ascoltare, per chi ha il Soffio da donare, il Soffio del Padre, figli, fratelli e amici del Mio Cuore! Dio è Vivo, Dio Parla, Dio Ascolta, Dio Raccoglie, Dio Semina ancora...... per Raccogliere ancora i Frutti dell'Amore! ..................Cocciuta Divina! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: GUARDA ANCORA.........! Giulia: Devo proprio guardare, Gesù? Gesù: Vuoi chiudere la Porta?(*) Solleva il capo e rispondiMi! Giulia: Vorrei togliere il Banchetto..., vorrei chiudere la Porta e vorrei rimanere alla Tua Destra! Ma Eccomi nel Fare la Tua Volontà perché la Tua Promessa è Duratura ed io non posso spezzare quello che Ti ho detto, ma aiutami, Gesù! Gesù: GUARDA, ANIMA MIA.........! Giulia: Eccomi!(*) ...Questo Flagello cadrà? Gesù: Cosa vuoi fare tu? Giulia: La Tua Volontà, quello che Tu hai deciso! Gesù: Un Sigillo lo berrai e l'altro cadrà......! Giulia: Non è che questo sia più piccolo dell'altro, ma non voglio dire ciò che vedo......! Gesù: Eccomi, sei accontentata! Giulia: Posso andare a prendere chi mi dona la mano? Gesù: Dopo! Giulia: Gesù, metto nel Tuo Cuore tutta la Famiglia, coloro che si sono affidati, quelli che non hanno il coraggio di farlo e lo fanno nel silenzio e Tu lo senti e io anche, e metto nel Tuo Cuore tutti i Sacerdoti, le Pietruzze e i Gigli, e Ti consegno ancora tutto quello che mi hai donato......! Gesù: Portali ancora sulle tue spalle! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Ora guarda ancora se vuoi..., ma se vuoi chiudere la Porta basta dirmeLo! Giulia: Gesù, eccomi nel guardare.........!(*) Ci sono i Sigilli: Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette..., Sette...! Gesù, devo dirlo per forza, visto che questi posso berli?(*) Ma anche se lo dico a cosa serve? L'umanità è sorda ed è cieca! L'umanità non vede ciò che sta accadendo! I figli sono rimasti e rimarranno sempre legati alle cose del mondo così come hanno fatto sempre con Te...... e non cambierà nulla! Gesù, lasciameli bere senza dire cosa sono...... così non ci copiano... perchè "il tutto" viene sempre dalla Cupola...... ma lasciamelo bere nel silenzio e nel nascondimento, Straccio Stracciato ai Piedi della Croce! Sì, questo Sigillo sarà lasciato e desidero che rimanga così per un poco, è un Regalo che Ti chiedo! Come Sposa, posso chiederTi ogni tanto un Regalo? Gesù: Eccomi, Anima Mia! Bevi e lascia il Filicino solo per un po'! Giulia: Eccomi, Gesù! Posso andare subito a bere......? Ti consegno ancora i Cuori, la Giornata e tutto quello che mi hai donato! Gesù: Eccomi, Anima Mia! Giulia: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi ancora con i Due Banchetti preparati dal Padre, con tutti i Servi Inutili, con tutte le Spose, con tutti i Pargoli, con Rossella, Vittorio, Natanaele e le Bimbe! Eccomi con i Due Giovanni, Carlo, Pio e Domenico, nel Portare l'Unica Verità della Croce e... <Gesù Benedice col Segno della Croce> ...L'Unica Verità del Pane, Invitandovi ancora a Tenerli Alti e a Viverli nella Pienezza dei vostri cuori, Figli Miei! Giulia: Eccoci, Gesù! Io sono pronta per iniziare la Giornata nel bere ciò che il Padre mi dona: Eccomi! Gesù: ...PACE AL TUO CUORE, GIOVANNI, GESU'-DIO! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Altri Fiori che Sbocciano dinanzi ai Piedi della Croce! Come stai? Don Vincenzo: Bene! Gesù: E voi come state, tutti bene? <Gesù manda baci e viene ricambiato> Tutti: Eccomi! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! <Gesù manda di nuovo baci e viene ricambiato> Gesù: Non hai niente da dire? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Io ho parlato un po', tu non hai niente da dire? Don Vincenzo: Gesù, questo Colloquio Iniziale tra Te e la Cocciuta è sempre più profondo......! Gesù: La Cocciuta si sta Bevendo in santa pace quello che deve Bere... e non ve l'ha detto...... e Io devo rispettare la promessa, ma vi dico che questo Sigillo è il più Amaro di tutti gli Amari! Don Vincenzo: Ahia! Gesù: Lei se ne sta buona-buona in silenzio...... ma Io devo rispettare quello che le ho promesso! Don Vincenzo: E questo Amaro, Amarissmo, quanto dura? Gesù: Dura un po', un po' e un po' ancora......! Don Vincenzo: Lei preferisce l'Amaro al Dolce! Gesù: ! Don Vincenzo: Come fa? Di solito tutti quanti scelgono e bevono il Dolce......! Gesù: Lo fa per Amore, e per Amore vi ha lasciato ancora il Banchetto e tutto il resto......! Lei voleva chiudere la Porta, ma non ha il coraggio di farlo nel guardare tutti voi e l'Umanità Intera! ......Cosa devi dirMi? Don Vincenzo: Questo fatto che Beve sempre i Calici più amari, Beve sempre e annulla i Flagelli, Beve sempre e annulla i Sigilli, ......la costringe a pagare un Prezzo Altissimo...! Gesù: No, è l'Amore! Io Non Ho Pagato Niente per Amarvi: vi ho solo Amati e vi ho Donato e vi Dono il Mio Sangue! Il Padre non prende soldi ma Dona l'Amore e si aspetta l'Amore! Don Vincenzo: Possiamo allora iniziare il Banchetto? Gesù: Non hai niente da dire? Don Vincenzo: Sì! Gesù: E allora se hai qualcosa da dire, parla! Don Vincenzo: Non è facile parlare con la Cocciuta......! Gesù: Se non è facile parlare con la Cocciuta è ancora più difficile parlare con Me, ma Io e la Cocciuta siamo sempre Uniti e quando parlate con lei, parlate con Me...... è la stessa cosa! Don Vincenzo: Sì, è la stessa cosa, avete tutt'e due lo stesso Livello! Gesù: Lo stesso "Piano"! <Gesù traccia nell'aria con la mano una linea a poco più di un metro e mezzo da terra> Don Vincenzo: Lo stesso "Piano", lo stesso Amore! Gesù: E anche voi avete lo stesso "Piano" se vi fermate a guardarvi! Don Vincenzo: SIAMO CROCE, ED ESSENDO CROCE TUTTA L'UMANITA' È CROCE! Gesù: SI È TUTTI SULLO STESSO "PIANO"! Don Vincenzo: TUTTI I FIGLI SONO CROCE...... E QUINDI SONO SULLO STESSO LIVELLO! Gesù: MA TU NON DEVI DIMENTICARE CHE SEI IL CALICE VIVENTE......... TI VIENE UN PO' DIFFICILE......! A GIOVANNI NON GLI VENIVA DIFFICILE, NEANCHE A CARLO E NEANCHE A PIO E NEANCHE A DOMENICO E NEANCHE A TUTTI I SERVI INUTILI......! MA I DUE GIOVANNI SONO I DUE GIOVANNI! Don Vincenzo: FORSE IO HO UNA FEDE PIU' PICCOLA......! Gesù: IL CALICE VIVENTE NON PUO' AVERE UNA FEDE PIU' PICCOLA: È IL CALICE VIVENTE! ......IL CALICE È PIENO FINO ALL'ORLO...... E HA IL SOLE IN MANO......! COSA C'È ANCORA? Don Vincenzo: QUESTO SOLE CHE IO HO TRA LE MANI È UNA GRANDE RESPONSABILITA'? Gesù: LA VUOI SCARICARE? Don Vincenzo: NO TUTT'ALTRO......! Gesù: È MESSO NELLE TUE MANI COSI' COME SEI IL CALICE VIVENTE...... IL PADRE COSI' HA DECISO! MA LA COCCIUTA HA LA POSSIBILITA' DI CHIUDERE LA PORTA, TU NO! LEI È ALLA DESTRA DEL PADRE ED È IN MEZZO A VOI...... MA È ALLA DESTRA DEL PADRE! TU CAMMINI IN MEZZO AGLI UOMINI, MA LEI RIMANE ALLA DESTRA DEL PADRE E QUANDO VEDETE CAMMINARE LEI NON SAPETE SE È LEI O SE SONO IO O SE È MARIA O SE È CARLO, O SE È PIO, O SE È DOMENICO...... LEI RIMANE ALLA DESTRA DEL PADRE! E QUANDO LA FATE ARRABBIARE NON SAPETE CHI FATE ARRABBIARE! MA NESSUNO DI VOI È COSCIENTE DI TUTTO QUESTO PERCHÈ AVETE OCCHI E NON VEDETE, AVETE ORECCHIE E NON ASCOLTATE: IO PARLO A VOI E AL MONDO INTERO! VI STATE PREPARANDO COME LUCE? NON È LA CANDELA CHE FA LA LUCE MA SIETE VOI LA LUCE DEL PADRE...... O SIETE SPENTI? <CI SI STA PREPARANDO ALLA FESTA DELLA CANDELORA DI DOMENICA 2 FEBBRAIO> MA IO STO DICENDO A VOI SE VI STATE PREPARANDO COME LUCE DINANZI AL PADRE.........! L'UMANITA' INTERA SI PREPARA PER LE COSE DEL MONDO, MA VOI SIETE NELLA VIGNA, NELL'ARCA E CON I REMI! VI STATE PREPARANDO COME LUCE PER ILLUMINARE L'UMANITA' SPENTA......? O RIMANETE NEI RUMORI DEL MONDO......? Don Vincenzo: No! Gesù: E allora tu sei pronto per Donarti? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io Sono pronto per DonarMi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E allora ci Doniamo? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Se ci Doniamo, lo Strumento non solo Beve l'Amaro ma rimane ancora Crocifissa per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Allora, Ci Doniamo! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Raffaele dona a Gesù il bicchiere col vino, Gesù Beve e dà il Suo bicchiere a Don Vincenzo> Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Amen! Questo è il Mio Sangue! Don Vincenzo: Amen! <Raffaele dona a Gesù un Pezzo di Pane e Gesù ne prende la metà e dona il resto a Don Vincenzo ed entrambi Mangiano e Bevono.> Gesù: Questa è la Mia Carne! Don Vincenzo: Amen! Gesù: Questa è la Mia Carne! Questo è il Frutto Pieno dell'Amore di Mio Padre ed è Bello GustarLo! ...Come Sei Buono, Padre, nel DonarTi e, mentre Tu Ti Doni, Io busso al Tuo Amore e Tu Mi fai Donare il Mio, così nell'Unirci Gustiamo la Tua Delizia per chi ha Fame e Sete del Tuo Amore, Padre! ......Doniamoci! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Gesù Invita i presenti ad avvicinarsi per ricevere il Sangue e la Carne. Don Vincenzo dice: Questo è il Mio Sangue; mentre Giuseppe dice: Questa è la Mia Carne! E tutti rispondono: Amen! Gesù rimane seduto in Raccoglimento e Offerta> Padre, Ti Dono tutto quello che Mi hai Donato perché la Tua Pasqua è Piena ed è Risorta nel Nome del Tuo Amore! <Gesù Benedice> Tu ti sei Donato? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E Io Mi sono Donato e lo Strumento è rimasto ancora Crocifisso per Amore per coloro che hanno tradito e tradiscono ancora! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Vuoi prendere parte al Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Stai bene? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: E voi state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Allora prendiamo parte al Banchetto! Il Padre L'ha preparato per tutte le Spose, quelle che hanno indossato l'Abito e l'Anello Nuziale e L'ha preparato per ognuno di voi! Prendiamo parte! Eccomi! Tu non vuoi prendere parte al Banchetto? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: È così Gustoso il Banchetto del Padre! Gesù: È così Gustoso! Don Vincenzo: È così Gradevole! Gesù: È così Gradevole! Ecco, ti basta? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Tie', Eccomi! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: La Cocciuta non sentirà l'amaro di quest'erbetta......! Lo sentirà dolce perchè l'Amaro è già nel Calice dell'Umanità che lei sta Bevendo! ......State tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eccomi! Siete sicuri? Non tanto...... per niente, eeeh! ......Perché Mi guardi così? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Come al solito Caterina e Maria Rosaria si apprestano per la distribuzione delle porzioni di cibo che sono sulla Mensa, mentre Giuseppe prepara il piatto per Cosimino> Don Vincenzo: Tutto è Bello, tutto è Divino! Gesù: Tutto è Bello e tutto è Divino, se si ascolta, se si ama, se si perdona e se si usa Carità...... o Mi sbaglio? Don Vincenzo: No, Tu non sbagli mai, Gesù! Gesù: E allora iniziamo a prendere parte al Banchetto del Padre preparato per ognuno di voi: le Spose hanno già preso parte al Banchetto del Padre e sono Gioiose! Tu non hai niente da dire? Con questo piccolo amaro la Cocciuta fa dolce i cuori dei Figli! ...............Ehi, ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Tutti: "Eccomi sì"! Raffaele: E Tu ci credi, Gesù, che stiamo bene? Gesù: È bello questo che hai detto! Voi pensate di prendere in giro il Creatore e pensate che il Creatore non vede! È bello: un Papà si lascia prendere in giro quando voi rispondete: "Eccomi sì", ma quella presa in giro cosa diventa quando si Aprirà il Sole? Un'altra Domandina per la Cocciuta: è lo Strumento! Avete sentito? Voleva togliervi il Banchetto, chiudere la Porta e consegnare le chiavi, ma non l'ha fatto neanche questa volta! .........Vai! <Raffaele ha tagliato il pane-pesce e dona la testa e la coda ad alcuni dei presenti> Gesù: Ehi, ciao! Nunziata: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Hai visto come Sboccia il Sole del Padre? Nunziata: Eccomi! Gesù: Eccomi! Nunziata: Dio Mi ha aiutata tante volte, tante volte, non solo oggi! Gesù: Il Padre Interviene e lo Strumento Opera visto che viene Mandata! ..................Dov'è la tua sposa Silvana? Giuda Taddeo: A casa! Gesù: Si è dimenticata dello Sposo? Taddeo: Penso di no! Gesù: Pensi di no? E quando c'è un Invito così Grande si può rimanere a casa? .....................Ma state tutti bene? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, eh! Adesso devi parlare tu, Io ho parlato un bel po'! Ma ho ancora fame, cosa Mi donate? No, quella non la voglio...... e anche questa! Eccomi! E questa Me la prendo da solo, eh, ci vuole un pezzettino di pane, eh! Vicepa', visto che Telesfore è un po' imbranatello, prendi un po' di pane e Me lo dai tu! Raffaele: Eccomi! Gesù: Così Mi faccio un paninello con questo e poi Me ne faccio uno con la mortadella! Hai pensato di là? State mangiando tutti Dio? Tutti: Eccomi! Gesù: Tu hai finito di mangiare Dio? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Non hai più Fame di Dio? Don Vincenzo: Sì, ho tanta tanta fame di Dio! Gesù: ......E parla un po'! Don Vincenzo: Sì! Gesù: Ehi, è caduto un pezzettino! Eccomi! Don Vincenzo: Avevo iniziato prima a parlare della Giornata! Gesù: Eh, eh, eh! Don Vincenzo: È bello quando Giovanni dice: "Io Campo alla Giornata", cioè Giorno per Giorno e soprattutto, quando questa Giornata la dividiamo in secondi, in minuti e ore......! Quando si riesce in questo allora l'Amore diventa Grande perché si dà Gloria al Padre continuamente, in qualsiasi situazione capitiamo, e si dà Gloria al Padre nel restituire a Lui i Suoi Doni, perché ogni secondo della giornata, Gesù, lo dobbiamo vivere mantenendo un rapporto d'Amore con il Padre che è dentro al nostro cuore, che è dentro ogni persona col Suo Soffio Divino! E allora tutta la Giornata diventa Bella perché diventa veramente del Padre e diventa un Dono Grande se la accogliamo e la restituiamo al Padre! Ma se questo non avviene è chiaro che la Giornata ci fa correre tutti quanti, ci fa arrabbiare sempre, ci fa innervosire tutti quanti, e non è affatto Bella, e non è affatto Divina, e non è affatto come il Padre l'aveva preparata per ognuno di noi! Quando invece entriamo proprio nella Luce della Giornata, nel Cuore della Giornata, attimo per attimo, minuto per minuto, ora per ora, ecco che tutto ridiventa Divino perchè ogni Figlio riconosce l'Azione Salvifica del Padre in ogni circostanza quotidiana fosse anche la più strana! Gesù: ...Venite col "niente"! Eccomi! Caterina e Maria Rosaria: Eccomi, Gesù! Gesù: Eccomi! Scarsetto, scarsetto, scarsetto! Raffaele: Eccomi! Gesù: Cosa stavi dicendo ancora? ......Non state per niente bene? Teresa: Eccomi! Gesù: Hanno detto: "Eccomi!", eh, eh, eh! <Si ride un po'> Li ho presi in trappola: "Non state per niente bene?" - "Eccomi!" Don Vincenzo: Uno solo ha risposto Eccomi......! Gesù, li hai presi alla sprovvista! Gesù: Me lo porti via il piatto? Raffaele: Eccomi! Gesù: Siete tutti nella Piena Gioia? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, eh, eh! <Si ride un po'> Dio scherza con i Propri Figli! Dio se lo può permettere, voi no: ve lo potete permettere solo quando i vostri cuori ardono d'Amore! BIMBI DI MARIO E MARIA ELENA: ...Ciao, mamma... ciao, mamma, perché hai il muso lungo? Maria Elena: No! Bimbi di Mario e Maria Elena:Perché sei arrabbiata? Perché hai fatto arrabbiare papà? Perché ci hai fatto arrabbiare? Maria Elena: Non l'ho fatto arrabbiare a papà! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sì che l'hai fatto arrabbiare! Maria Elena: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: Sì, hai fatto arrabbiare a papà! C'hai il muso lungo! Preparati a fare il lenzuolino! Forse te lo sei dimenticato? Maria Elena: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: Papà non sta bene e adesso andiamo noi ad aiutarlo! Tu perché fai i capricci, mammina? Maria Elena: No! Bimbi di Mario e Maria Elena: Stai dicendo la bugia, adesso ti cresce il naso! Noi ti vogliamo bene, ma dobbiamo stare vicino a papà, è in pericolo e dobbiamo aiutarlo! Tu non dimenticare di dire: "Ave Maria-Padre Nostro! Ave Maria-Padre Nostro!" Hai capito, mamma? Adesso andiamo noi e voi pregate: "Padre Nostro-Ave Maria! Padre Nostro-Ave Maria!" <I Pargoli mandano baci e vengono ricambiati> Non dimenticatevi di pregare e rimanete sempre dinanzi al Padre così come lo siamo Noi ad Impastare e a fare tutto quello che il Padre vuole! ...Ciao! <I Pargoli mandano baci e accarezzano Don Vincenzo> ...Ciao! Gesù: Cosa c'è? Don Vincenzo: Questo dividere la Giornata in secondi, minuti e ore è importantissimo! Gesù: ! Don Vincenzo: È il segreto per farla diventare Preghiera quella giornata, perché il Padre questo ci ha dato in Dono, ci ha dato ventiquattro ore e, se noi riusciamo a spezzettarle queste ventiquattro ore, avremo tante opportunità per ringraziare, per benedire, per offrire! Quanti "Fioretti" durante la giornata potremmo offrire al Padre senza che nessuno se ne accorga......! Ma il Padre vede ogni cuore e vede le preghiere che sgorgano da dentro il nostro cuore e come le gradisce quelle preghiere fatte nel silenzio e nel nascondimento......! Gesù: Ma perché dovete spezzarla la giornata e non lasciarla intera così come Padre ve l'ha Donata? Voi vi dovete solo Spezzare come si Spezza il Padre, ma ciò che il Padre vi Dona dovete prenderlo Intero, tenerlo intero, uniti ai fratelli, uniti alla Croce! ...Perché Mi guardi così? Ehi, guarda com'è alto, il Mio è più alto del tuo! Tu non ce l'hai il pane? ......E donateglielo! <A Maria Elena> E mò ti faccio ridere, guarda, vedi, eh, eh, tu lo vuoi un paninello? Lo vuoi un paninello con la mortadella? Don Vincenzo: Sì! Gesù: Il Mio è piccolo piccolo, guardate, eh, eh! <Si ride perché è alto> Tu lo sai fare? Don Vincenzo: No, non come Te! <Raffaele ha urtato i fili della telecamera> Raffaele: Un attentato! Gesù: Tu fai gli attentati col Banchetto? Tu non hai mangiato nulla? Giuda Taddeo: Io? Gesù: Vi piace il Mio paninello? Don Vincenzo: Sembra una casa a tre piani! Gesù: No, è solo una casa riempita, non è a tre piani, ma è riempita di tutto l'Amore del Banchetto e non è a tre piani! Ora parla tu un po'! Dopo Io devo andare a prendere le Spose e poi viene Giovanni! ......Parla! Don Vincenzo: Sì! Raffaele: Posso? Noi che veniamo qui, pensiamo di essere migliori degli altri? Gesù: La Cocciuta si lamentava un po' di voi e dell'Umanità Intera e di coloro che hanno tradito e tradiscono ancora...... ma voi siete nell'Arca e con i Remi e lei risponde per ognuno di voi e vi porta sulle spalle! Raffaele: Ma se la chiude lei la porta, la chiudi anche Tu? Gesù: Non l'ho mai chiusa ma tutto questo ancora non potete capirlo! Raffaele: Gesù, il Cielo è Sceso! Gesù: ! Raffaele: Ma prima dov'era? Quando Nunzia ha alzato gli occhi, chi c'era in Cielo? Gesù: Tu a chi hai visto quando hai alzato gli occhi, hai visto o hai chiamato? Nunziata: Ho chiamato, Ti ho chiamato! Gesù: Mi ha chiamato! Vi è stato indicato che il Cielo è sopra, ma lei ha chiamato e, dal Cielo dove Sono, Io ho Mandato lo Strumento, ma era già andata prima! Raffaele: Gesù, ma dov'era prima il Cielo, sopra le nuvole, più in alto ancora? Gesù: Non lo so, non ho guardato dov'era! Raffaele: E l'ascensore l'avrai preso, Gesù? Gesù: No, non l'ho preso l'ascensore e neanche le scale, ma non c'ho le ali, cammino! Raffaele: Come si fa a vivere in Pienezza Dio... o non è possibile? Gesù: Sì che è possibile! Raffaele: Come si fa? Gesù: Essendo Figli ed essendo Croce ci si deve prendere e camminare! La Pienezza del Padre è Amore e chiede ai Propri Figli di ricambiare l'Amore e niente altro......! Ma tra di voi, Parlo a voi e all'Umanità Intera, è difficile ricambiare l'Amore perchè corre veloce l'odio e l'Amore si ferma e và a passetti lenti! Il Padre chiede solo di essere chiamato "Papà" e di AmarLo! È così difficile? Ma voi, e parlo sempre all'Umanità Intera e ad ognuno di voi, vi fermate nel pensare alle cose del mondo e lì entra l'odio, entra il distacco tra padre e figlio e non c'è spazio per Dio e non c'è spazio per le Cose di Dio ma c'è solo una larga misura per le cose del mondo! Si può rimanere legati alle cose del mondo e non rispondere all'Invito di Dio? RispondiMi! <Rivolto a Giuda Taddeo> Si può rimanere legati alle cose del mondo e non rispondere alle Cose di Dio? Tutti: No! Gesù: E allora perché rispondete alle cose del mondo e non alla Chiamata di Dio? Perché non Lavorate nella Giornata del Padre e vi affannate a lavorare nella giornata del mondo? Raffaele: Più mancano i soldi e più siamo arrabbiati! Gesù: Il Padre ha preparato l'Eredità e non verrà a mancare, ma voi non ascoltate...... Parlo a voi e Parlo all'Umanità Intera! Raffaele: Ci è difficile! Gesù: Vi è difficile? I fiori dei campi crescono, gli uccelli hanno il cibo, i vestiti più belli ce li hanno i gigli dei campi o Mi sbaglio? E voi vi affannate! Forse il Padre vi ha lasciato senza pane? Sono gli uomini che vi lasciano senza il pane! Ma voi non usate la Destra del Padre! Dovete usarla! Il veleno va combattuto con l'Umiltà e la Semplicità! E la Schiera dello Strumento sta Combattendo nel Silenzio e nel Nascondimento! I rumori non vi porteranno né la Pace, né il Pane e né la Luce di Dio, ma porteranno solo rumore e i pezzi di carta che non vengono da Dio! Dove c'è rumore non c'è Dio! E i falsi profeti avanzano ancora...... ma voi avete la Destra, quella che vi è stata Donata dal Padre e non dagli uomini! ......Nella Semplicità Dio Opera.........! <Indica Nunziata> Non nel rumore! Nel Silenzio Dio Opera e lì c'è! Ma quando vi dicono: "Opera Tu!" e mettono i manifesti, Dio non c'è...... ma ci sono gli uomini! Raffaele: Quanti miracoli hai fatto oggi, Gesù? Rimane tra noi, in silenzio: chi Ti ha chiesto aiuto e ha alzato gli occhi? Gesù: Chi ha bussato nel Silenzio! .......................................... Raffaele: Nelle situazioni litigiose è giusto interrompere il Matrimonio? Gesù: No, il Matrimonio non si deve mai interrompere perchè è stato Benedetto da Dio! Perché, vuoi interrompere il Matrimonio? Raffaele: No, perché c'è troppa violenza nelle famiglie! Gesù: E quello è il veleno e i figli non riescono a fare così...... <Gesù Benedice e Indica il Segno della Croce> ......E il veleno opera! Raffaele: Un'altra domanda, Gesù? Gesù: Eccomi! Raffaele: Fino a quando bisogna tenere i figli con sé? Gesù: Vuoi mandarli via? Raffaele: Non mangiano molto, Gesù! <Si ride un po'> Gesù: I figli rimangono fin quando il Padre vuole...... sono il Dono del Padre! Raffaele: Bisogna averne sempre cura! Gesù: Così come il Padre cura ognuno di voi aspettandovi di ritornare a Casa nel Giardino preparato per ognuno di voi e per l'Umanità Intera: siete tutti Figli! ......Perché Mi guardi così? Raffaele: Perché quando ci si ama bisognerebbe avere il coraggio di fermarsi, perché si va oltre, si va oltre, si dà troppo! Gesù: Il Padre non si è mai fermato di darvi l'oltre e il troppo ma il Padre vi dona tutto......! Raffaele: Gesù, ma noi pretendiamo sempre e non ce ne accorgiamo che Dio ci aiuta! Gesù: Dovete guardare! ...Perché la Chiara vuole gli occhiali? Raffaele: Eh, anche... vuole gli occhiali neri! Non è troppo, Gesù......? Gesù: Il troppo ai figli è donare le cose che non servono! Raffaele: Noi facciamo lo stesso con Dio ma non ce ne accorgiamo neanche! Gesù: Voi se chiedete le cose che non servono, il Padre non ve le dona, ma vi dona il Giusto del Vangelo e voi ai figli dovete donare il Giusto del Vangelo e, quando viene chiesto il Giusto del Vangelo, è Giusto! Prendiamo l'esempio di Chiara, si è rivolta alla Mammina: "Mammina, non voglio far spendere i soldi a papà!" E Mammina ha risposto: "quelli servono, non è spendere troppo, il Giusto serve!" Raffaele: Certo! Gesù: E la Mammina li ferma quando non è Giusto, perché ragiona alla Destra del Padre e la Destra del Padre vede qual'è Giusto e quale non è giusto! Ai figli non si deve dare ciò che poi non si può mantenere ma si deve dare lo Straccio Stracciato, quello è il Giusto o Mi sbaglio? Don Vincenzo: Tu non sbagli mai, Gesù! Gesù: "Se Mi sbaglio Mi corriggerete!" Prima che viene Giovanni, Mi date qualche altra cosina? ...Il finocchio te lo mangi tu, alla Cocciuta piace, a Me no, l'ovetto, no, voglio uno di quello, no, , uno solo, tu ne vuoi uno? Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi, tie', Eccomi! Mangia, mangia! Raffaele: Eccomi!(*) Don Vincenzo: ...Giovanni! PICCOLO GIOVANNI: Come stai? ...Con la Croce... Don Vincenzo: ...E con il Pane! Piccolo Giovanni: ...E con il Pane... <Giovanni prima saluta Don Vincenzo porgendogli la mano, poi Benedice col Segno della Croce ed infine saluta tutti schioccando qualche bacio!> Ne vuoi un goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ne vuoi un altro goccio? Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no" ? Don Vincenzo: "Eccomi no"! Piccolo Giovanni: Allora te ne dò un altro! ......Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Nicola:"Eccomi sì"! Piccolo Giovanni: Teré, come andiamo? Teresa: Vedi che devi fare con queste "pietre"! Piccolo Giovanni: Ci facciamo una casa? Teresa: Eccomi, senza che Ti sposti... Piccolo Giovanni: Che ne dici, facciamo un balconcino? Dov'è Maria? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come stai? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: "Eccomi sì" o "Eccomi no"? Maria: "Eccomi sì", mi affido a Te! Piccolo Giovanni: Cos'hai combinato ancora oltre alle "pietre"? Maria: Il solito! Piccolo Giovanni: L'hai tenuta sotto controllo e non ti è scappata? Teresa: Insomma... Piccolo Giovanni: ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Come va l'Orto? Nicola: Eccomi! Bene! Piccolo Giovanni: Mi hai sentito? Nicola: Si, si! Piccolo Giovanni: Mi hai visto? Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: E state tutti male? Don Vincenzo: No! Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Hai visto che dicono "Eccomi!"? State bene? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Decidetevi cosa volete dire! Ma si può stare male dinanzi ad un'opera così grande? Dinanzi a Questa Visitazione? Vuoi dire qualcosa tu? Intanto Io vedo cosa Mi posso mangiare! Gesù ha mangiato, adesso devo mangiare pure Io! <Giuseppe offre dei dolci al Piccolo Giovanni> Il dolce si mangia alla fine, prima c'è il mangiare e dopo c'è il dolce! E poi cosa Mi mangio? Don Vincenzo: C'è il baccalà! Piccolo Giovanni: Ci sono le spine o c'è il sale? Tatina: Non ci sono né le spine e né il sale! Piccolo Giovanni: E se ne trovo una? Tatina: Fa quello che vuoi! Piccolo Giovanni: Meno male! Mettilo qua un poco e poi vediamo se c'è la spina e se c'è il sale! Vedi, ce n'è già una... eccola! Tu hai detto che non ce n'era neanche una, ora te la faccio vedere, vedi com'è bella? Don Vincenzo: Questa è una spada, non una spina! Piccolo Giovanni: Ha detto che non ce n'era neanche una! Tatina: È un errore mio! Piccolo Giovanni: Ecco, adesso ti faccio vedere l'altra, non Me la sono mangiata! Basta una fetta... già ho trovato due spine! ......Parla, Giovanni! Don Vincenzo: Sin dall'inizio ho cercato di mettere a fuoco... Piccolo Giovanni: Perché devi accendere il fuoco? Don Vincenzo: Quando Tu dici: "Io Campo alla Giornata..." è proprio la giornata che va vissuta con la fede, perché se non arriviamo a questo, è chiaro che si va sempre di corsa, si va dietro ai soldi, si va dietro al successo, si va dietro alle apparenze! Quando invece c'è l'umiltà, la piccolezza, i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli e Poveri, ecco che diventa facile poi! Piccolo Giovanni: Io l'ho sempre detto e lo dico ancora: "i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto...", ma voi non Mi volete ascoltare e l'umanità neanche! Don Vincenzo: È questa la chiave: non solo Ti dobbiamo ascoltare, ma Ti dobbiamo ascoltare ripetutamente, perché allora diventa bello pregare secondo le intenzioni del Padre nel segreto del cuore......! La giornata diventa quindi piena di offerte fatte tutte nel silenzio e nel nascondimento, in qualsiasi posto siamo e qualsiasi situazione dobbiamo affrontare! Piccolo Giovanni: Dio non va ascoltato solo quando dico: vieni, ma Dio va ascoltato attimo dopo attimo! Don Vincenzo: È questa la chiave per diventare dei veri figli: far sì che ogni giornata sia scandita proprio da questa frase: "Io campo alla giornata..." e allora tutto diventa dono del Padre, secondo dopo secondo, minuto dopo minuto, ora dopo ora, e questa Offerta Silenziosa va portata avanti fino a sera! E allora la Giornata è Piena di Dio ed è Piena anche da parte nostra perchè l'abbiamo riconsegnata a Lui che ce l'ha donata! Questo ci fa ricchi, perché in qualsiasi parte ci troviamo ogni cosa è buona per essere vissuta a Gloria di Dio! Piccolo Giovanni: Quando Io andavo in certi posti, facevo togliere tutto con un Segno di Croce! È vero, Nicò? Se c'era folla facevo così.........e tutto si calmava! Don Vincenzo: Sì! Piccolo Giovanni: Come fai tu: quando andate in qualche posto che è Pieno, fai così e tutto si calma, ma ci vuole Dio nel cuore! Si fa così..., il Segno della Croce! ......Cosa Mi date ancora? Ora posso mangiare i dolci..., ho mangiato la salsiccia e il baccalà e ora mangio questo, ma non li fate con l'intenzione del carnevale...... non offendete il Padre! Domenico si flagellava, voi fate piccole intenzioni che Dio vi dona, ma non fatele con l'intenzione del carnevale, che offende e fa grondare di Sangue il Cuore di Gesù! Lo avete capito? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Fateli per onorare Dio che vi dona il Pane, ma non fateli per far contenti i Pargoli e anche i Grandi nel festeggiare IL CARNEVALE CHE OFFENDE DIO E OFFENDE OGNUNO DI VOI, FATTI AD IMMAGINE E SOMIGLIANZA DI DIO! E non pensate di far indossare gli abiti ai bimbi dicendo: "tanto sono bambini"! Sono Figli di Dio fatti ad Immagine e Somiglianza di Dio! ......Mari', come stai? Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Sei preoccupata? Maria: Mi sta sorprendendo il fatto che non sono molto preoccupata! Piccolo Giovanni: Teré, tu che dici che Io non faccio niente? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Tu cosa pensi? Don Vincenzo: Quello che ha detto Giuseppe poc'anzi! Piccolo Giovanni: Cosa pensa, Nicola? Nicola: Fare sempre la Volontà del Padre! Piccolo Giovanni: Allora, dottore', che dobbiamo fare? Teresa: Con la mamma? Piccolo Giovanni: Eh! Teresa: Mo' vediamo se se ne vanno così... Piccolo Giovanni: Vediamo... ma tu come dottoressa che dici? Teresa: Io quello che dovevo fare l'ho fatto..., Tu che dici? Piccolo Giovanni: Anch'Io...! Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: Vi piace come mangio lo zucchero? ...Nicò! Nicola: Eccomi! Piccolo Giovanni: Quante volte l'ho mangiato così? Nicola: Sempre! Piccolo Giovanni: Beh, parla tu un po'... ma state tutti male vero? Alcuni: Eccomi! Piccolo Giovanni: Meno male! Parla, parla un poco, Calice Vivente, Io devo finire lo zucchero! Don Vincenzo: "...Io Campo alla Giornata...", e questa nostra giornata che riceviamo è il Padre che ce la dona! È questo che non riusciamo ancora a capire e a fare nostro: che è sempre il Padre a donarcela attimo dopo attimo perchè è Tutta Sua, Gli appartiene, e dobbiamo essere noi a leggere tutte quelle situazioni che dalla mattina alla sera il Padre Buono ci offre e rioffrirgliele! Perciò va spezzettata la giornata, e quante occasioni abbiamo per essere umili, per essere piccoli, per essere poveri, per essere sorridenti, per essere gioiosi, per essere attenti, per ridonarGlieli! Sono doni grandi quelli che il Padre ci fa, attimo per attimo, perché ce li prepara a nostra insaputa! E beato è chi dice: "Io campo alla giornata", perchè così la giornata diventa Piena di Dio facendo le cose preparate già dal Padre, facendo le cose già scritte a tavolino dal Padre Buono, per cui ognuno di noi è facilitato tantissimo nel riconoscere in quella giornata le azioni da fare per renderla Cristiana, per renderla Luminosa, per renderla Divina, per renderla Nascosta, Silenziosa, Umile......! Quante opportunità il Padre ci dà secondo per secondo e le dobbiamo tenere nascoste, perché basta un sorriso, basta un saluto per renderla quell'azione santa e benedetta! Come pure basta un'arrabbiatura, basta una cattiveria per rendere quella situazione negativa, o quanto meno non Divina! Allora dobbiamo stare attenti a trasformare la giornata in piccoli doni di Dio secondo per secondo, minuto per minuto, ora per ora! Piccolo Giovanni: ! Don Vincenzo: La giornata può diventare divina o umana! Piccolo Giovanni: La giornata di Dio è sempre Divina! Don Vincenzo: E proprio perché è di Dio è Divina e dobbiamo renderla ancora di più Divina anche noi da parte nostra facendo ognuno la propria parte, vivendo cioè secondo le intenzioni del Padre! Piccolo Giovanni: No, non si può rendere più Divina del Divino! Bisogna rispondere al Divino del Padre, nel campare alla giornata, nella semplicità e nell'umiltà, nell'essere piccoli e poveri: "i Piccoli Giovanni sempre più Piccoli, Poveri e all'Ultimo Posto!" Don Vincenzo: Eh, sì, proprio così! Piccolo Giovanni: Proprio così...! Vicepa, Mi dai quello e poi Mi dai anche quelli? Guarda, questo è Mio e questo è tuo! <Il Piccolo Giovanni gli offre dei palloncini col colore di diverse squadre ripieni di cioccolato> Con quale maglia giocavi tu? Con questa pure? Questa invece è la Mia...! Quale lanciamo prima? Questa? Tanto anche se chiudo gli occhi vedo ugualmente... <Giovanni comincia a lanciare un po' di cioccolatini prima al piccolo Domenico e poi un po' a tutti> È tuo quello, prendilo! Eh, eh, visto, quando cercate di acchiapparli, non li acchiappate! Don Vincenzo: ...Bello questo cuore! ...Eccomi!(*) Piccolo Giovanni: Ehi... eccolo! ...Tu parla un po'! ...Allora, adesso parliamo un po'! ...Cosa vuoi sapere? ...E tu cosa vuoi sapere? Don Vincenzo: Giovanni, dov'è andato a finire quel cappello dell'altra sera? Piccolo Giovanni: Eh... la capo di pezza? Vi è piaciuto lo scherzetto? Tutti: Eccomi! Piccolo Giovanni: Io Sono Capriccioso e non vi dovete scandalizzare! Anche se il Cielo e Maria grondano Sangue in questi giorni perché si sta offendendo Dio per i preparativi del carnevale, voi pregate "Padre Nostro-Ave Maria", "Padre Nostro-Ave Maria"! Don Vincenzo: Giovanni, Ti volevo chiedere, adesso che arriva la Candelora il 2 febbraio, come ci si deve comportare? Piccolo Giovanni: Accendetevi come luci perché voi siete le Candele di Dio, la Luce che il Padre ha acceso sull'umanità intera! Don Vincenzo: Non è che Gesù, che è Dio, poteva andare al Tempio ad essere purificato......! Piccolo Giovanni: Lasciate scorrere le cose così, ma accendetevi come Luce e donatevi a tutte le genti! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Eccomi! ...Non c'è nient'altro che vuoi chiederMi? Don Vincenzo: Si! La stessa cosa vale per San Biagio? ...La benedizione della gola, o no? Piccolo Giovanni: Ti fa male la gola? Don Vincenzo: No! ...Passiamo avanti! Piccolo Giovanni: Eh, si, passiamo avanti! Don Vincenzo: Ancora, Giovanni! ...Ma questi Tempi che verranno...? Piccolo Giovanni: Sono i Tempi preparati da sempre! Don Vincenzo: E ci puoi dire qualche cosuccia? Piccolo Giovanni: Si, ma c'è una "pancia" e poi si spaventa! ...Posso dire solo che la pancia è bella, è il Frutto del Padre, ed Io Mi metto nel letto con lei quando il Frutto del Padre sboccia! ...Eccomi! ...E cosa dirvi ancora? Io vi avevo promesso di parlarvi ancora... ma visto che ancora non siete pronti, rimandiamo ad un altro giovedì...! Da giovedì a giovedì cresce il Pane e il Lievito, e se lo fate crescere crescete anche voi e potete conoscere...! Vi dico solo un particolare di Maria: quando andava a prendere l'acqua... quando non sempre poteva farlo Giuseppe e non sempre poteva farlo Gesù, e c'era qualcuno che l'aiutava... quando andava Lei a prendere l'acqua con le "bottiglie" che si utilizzavano a quei tempi, Maria prendeva l'acqua col secchiello e quando la metteva nelle bottiglie, chiamiamole così, a volte diventava Sangue e a volte diventava Vino, ma a Lei le serviva l'acqua, e quando passava qualcuno gli diceva "prendi questo... prendi quest'altro", e Lei cercava di prendere l'acqua, ma poche volte Le veniva l'acqua e molte volte Le veniva il Sangue o il Vino... e poi si rivolgeva al Padre dicendo "adesso Mi serve l'acqua, devo impastare, e non posso impastare né col Vino e né col Sangue"! Il Padre guardava... e questa non è una barzelletta, ma è quello che capitava a Maria... e Le diceva "impasta col Sangue e impasta col Vino, l'acqua lasciala scorrere"! Don Vincenzo: Quindi La preparava già in questo modo? Piccolo Giovanni: Il Vino era già pronto, e quando impastava il Pane col Sangue, Gli si avvicinavano coloro che tradivano Gesù, e dava loro da mangiare il Pane impastato col Sangue, impastato col Vino, ma solo Gesù e Maria capivano il significato! Nessuno si accorgeva che era impastato col Vino o col Sangue, ma Lei guardava quei figli con un Amore più grande, e guardava il Suo Gesù nel dire "fai le Cose del Padre così come le sto facendo Io attimo dopo attimo"! Don Vincenzo: Era l'anticipo della Crocifissione? Piccolo Giovanni: Si! Don Vincenzo: Era una preparazione? Piccolo Giovanni: Lei era stata già crocifissa ed ha partorito la Croce! Quante altre storie ci sono da raccontare di Maria! <Giovanni soffia due volte> Maria stava molto in compagnia di Maddalena! Passavano insieme le giornate! A volte rimanevano in casa e a volte andavano dietro a Gesù! Tutti conoscevano Maddalena e tutti conoscevano Maria, e si usava portare il Mantello, ma a volte Maria e Maddalena lo toglievano nel farsi vedere... e Maria, non per essere grande nel dire "sono la Mamma di Gesù" o "sono la figlia prediletta", e tutti si fermavano a chiedere "di' a Tuo Figlio se ci fa questo... di' a Tuo Figlio se ci fa quest'altro... Tu che Gli sei vicina, tocca il Mantello, accarezza i Suoi Capelli", e sia Maria che Maddalena guardavano con tenerezza dicendo "Noi siamo uguali a voi, ma crediamo in ciò che Lui fa e in ciò che Lui dice, e se voi credete, non c'è bisogno che Io dico a Mio Figlio ''guariscimi..."! E così ognuno di voi quando vi dicono "ma in quel luogo non ci dovete andare" o "chiedete se ci sono miracoli così veniamo anche noi", voi dovete rispondere "DOVE C'È SILENZIO C'È DIO CHE OPERA IN PIENEZZA, E GIÀ PRIMA DI CHIEDERE AVETE OTTENUTO"! È così che Maria e Maddalena operavano uniti a Dio e al Figlio di Dio! Il Vangelo di Maddalena parla di tutto questo, di come il Padre e di come il Figlio Le hanno fatto operare miracoli e guarigioni, nella semplicità e nell'essere col capo coperto o nel togliersi il velo, nel mostrare la Croce che brillava nell'essere innamorati del Figlio di Dio! Ma nel Vangelo di Maddalena ci sono anche momenti di Gesù nel fare le Cose del Padre, nel vivere la Giornata di Dio preparata! Crescete ancora e vi verrà detto altro, ma non dimenticate di preparare le vostre Capanne, figli!(*) ...Si, lavorate! ...E tu non dormire che se no ti faccio di nuovo la capo di pezza! Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...Ehm... la bimbetta... vengo a tirarti il dente? ...Eh, no, non te lo tiro! <Giovanni soffia tre volte> ...È buono!(*) ...E tu al posto di parlare, mangi? Don Vincenzo: Ne vuoi un poco? Piccolo Giovanni: No... alla Cocciuta le piace, ma adesso sta bevendo! Io ho mangiato un po' di tutto! Don Vincenzo: E che sta bevendo la Cocciuta? Piccolo Giovanni: Il Flagello, il Sigillo, e tutto quello che il Padre le ha donato nella Giornata!(*) ...Ecco! ...Ehi, Giuseppe, Io ti faccio la capo di pezza se ti metti a dormire di nuovo, e questa volta te la faccio più grande! ...Cosa vuoi sapere ancora? Nel frattempo che tu finisci di mangiare, Io mangio questi! Don Vincenzo: Giovanni! Piccolo Giovanni: Eh! Don Vincenzo: Erano frequenti le Apparizioni che avevi? Piccolo Giovanni: Te l'ho già detto un po' di volte... dal Grembo Materno! Don Vincenzo: Si, ma dopo, man mano... Piccolo Giovanni: ...Sempre più frequenti! Don Vincenzo: Ah, sempre più frequenti? E duravano a lungo? Mezz'ora? Un'ora? Piccolo Giovanni: Non c'è il Tempo quando Parla Dio, e non Mi potevo fermare a guardare l'ora, ma era importante quello che diceva il Padre e non il tempo che passava!(*) ...Tie', così non ti sporchi! Don Vincenzo: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ne vuoi anche tu? Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: Ne vuoi una? Raffaele: Si! Eccomi! Piccolo Giovanni: Tie'... parla e mangia che poi Me ne devo andare! Raffaele: Giovanni, ma la Cocciuta voleva chiudere la Porta perché si fa fatica a credere a lei per i Tempi che stanno arrivando? Piccolo Giovanni: Si! ...Viceparroco, hai finito di fare domande? Raffaele: No! C'è un politico che potrebbe portare la pace? Uno solo in tutto il mondo? Piccolo Giovanni: Non posso rispondere anche se non lo scrivete! Raffaele: Ma ci sarebbe? Piccolo Giovanni: Si! Raffaele: E senza scriverlo... no, eh... e non Te la faccio la domanda! ...In questi Tempi, Giovanni, le persone che mi circondano si perdono per un euro ed anche meno, e lì ci si accorge di come siamo piccoli di fronte al denaro, tanto che calpestiamo la dignità, la moralità, tutto per un euro... "figuriamoci quando sparirà: che succederà? Ci sbraneremo?" Piccolo Giovanni: No! Viceparroco: Ci rivolgeremo a Dio? Piccolo Giovanni: No! Raffaele: E allora che faremo? Piccolo Giovanni: ...Aspettate! ...Ci copiano, e anche se non lo dico, c'è chi lo va a dire! Aspettiamo! Raffaele: Giovanni, ma toglimi una curiosità: ma chi lo va a dire non pensa che Dio lo vede? Piccolo Giovanni: Si! Raffaele: Ah, lo pensa? E non gli interessa? Piccolo Giovanni: No! Raffaele: È convinto di essere nel giusto andando a raccontare tutto a quelli della Cupola? Piccolo Giovanni: Eh... Eh... Eh... solo Dio è nel giusto! Raffaele: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Ora Me ne devo andare! La Cocciuta ha sciolto Due Nodi del Filicino ed è in pericolo! ...Dottore', Teresuccia del Mio Cuore, dopo leghi i Filicini? Teresa: Eccomi! Piccolo Giovanni: ...Mari'! Maria: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non ti preoccupare! ...Nico'! Nicoletto: Eccomi! Piccolo Giovanni: Non vi preoccupate che Zio Mario viene, e viene a trovare a tutti quanti! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> Vi lascio il Filicino aperto! ...Vado a trovare il Mio Figliolo ma vengo anche da te e ti tiro i capelli... Eh... Eh... Eh... <Si ride un po'> ...No, scherzo, te li accarezzo! ...Non dimenticate i compiti che avete: lavorate, figli, perché è Tempo di lavorare! <Giovanni schiocca un bacio verso i presenti che ricambiano> ...Ciao! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: ...Con la Croce e con il Pane! Sono Io! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! ...Avete giocato un poco con Giovanni? Tutti: Eccomi! Gesù: Eh, si, Lui lo fa anche con tutti i Servi Inutili! Lui lo fa nel prepararvi ai Tempi che verranno! Giocherà ancora, anche quando i Tempi saranno duri, perché Lui è così nel Campare alla Giornata... ed anche quando era nel pericolo scherzava, è vero? Maria: Eccomi! Gesù: Visto che Nicola non ci sente, rispondi tu, Mari'? Maria: Eccomi! Gesù: Sono Gesù... e Lui anche quando era nel pericolo scherzava ancora di più... e così scherziamo! Voi siete nel pericolo, ma siete nell'Arca, siete nella Vigna, avete i Remi e avete lo Strumento alla Destra del Padre, figli! Don Vincenzo: Gesù! Gesù: Eccomi! Don Vincenzo: Il ruolo dello Strumento acquista sempre più potenza e più amore? Gesù: No, il compito dello Strumento è Fare la Volontà del Padre da sempre, e non c'è un Tempo che non siete in pericolo, e che l'umanità non sia in pericolo! Pregate ancora per le mura insanguinate! Pregate per coloro che hanno tradito e tradiscono! ...Ora Io vi lascio il Mio Cuore, la Porta Spalancata: venite e rifugiatevi! ...Tu saluta con l'Albero Verde che sei tu, Calice Vivente! Don Vincenzo: Eccomi! Gesù: Eccomi! <Ora Don Vincenzo Sigilla e Benedice> Don Vincenzo: La Bontà del Padre, la Misericordia del Figlio, l'Amore dello Spirito Santo, scendano abbondantemente su tutti voi, sui vostri cuori, sulle vostre famiglie, sui vostri parenti, sui vostri amici, sui vostri nemici, su tutti quelli che si sono uniti a questa Santa Preghiera in tutte le parti del mondo e sull'umanità intera! E vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo! Tutti: Amen! Gesù: Amen!(*) Giulia: ... Giovanni, che stai facendo?(*) ...Quelli, vengo dopo a berli! Piccolo Giovanni: Non puoi berli tutti in una volta! Giulia: Eccomi! ...Però lo posso fare, Giovanni, perché i Tempi stanno diventando più piccoli e devo berli... c'è tutta la notte e l'alba che arriva! Piccolo Giovanni: Non finirai! Giulia: Se Tu mi aiuti un poco... ma non a berli, ma a farmi ridere un po', io non sento l'amaro, perché se vedo i Tuoi Occhi che sorridono, io mi perdo in quello Sguardo e non sento l'amaro, perché non posso dire che non è amaro! ...Allora facciamo così: Tu preparami tutti gli altri, ora Ti vai a fare il giro con le Spose, e poi vieni, accendi i Tuoi Occhi, ed io bevo tutto quello che c'è!(*) ...Eh, lo so, dopo devo preparare gli altri e devo andare ad incontrare le altre Spose(*)... e poi c'ho le Spose da prendere...!(*) Piccolo Giovanni: E cosa vuoi fare ancora? Giulia: Ho le Spose da prendere: mettere loro il Vestito, l'Anello al Dito e portarle... e consegnarle alle Bimbe che le portano Loro, così faccio metà strada, torno indietro e vado a bere ciò che c'è da bere e prendere quello che posso prendere! Non è poi tanto!(*) Piccolo Giovanni: Lo sei sempre stata Cocciuta! Giulia: E Tu non è che lo sei meno di me! Siamo così e così!(*) ...Allora poi vieni, accendi i Tuoi Occhi ed io bevo tutto!(*) <Giulia schiocca un bacio> Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! Ti Amo, Papà! IL PADRE: Vi Amo anch'Io, e aspetto il vostro Amore: Tutti: TI AMO, PAPÀ! Il Padre: Eccomi, Pargoli del Mio Cuore! <Il Padre impone sui presenti le Sue Mani insieme a quelle di Don Vincenzo> Lascio scendere su di voi il Roveto Ardente di Pentecoste! La Paghetta della Divina Misericordia, AccoglieteLa con Amore, SpezzateLa e DonateLa ai vostri nemici, Figli Miei!(*) Giulia: ...Papà, avrei qualcosa da chiederTi: si stanno un po' bisticciando e ci sono un po' di fuochi accesi... e c'è qualche figlio che bussa per essere guarito: puoi andare Tu adesso che io c'ho i Calici? ...Almeno allunga il Dito perché stanno chiedendo aiuto anche se non sono pronti!(*) ...Fallo, Tu che lo puoi!(*) ...E visto che ci sei, stanno per cadere dei Flagelli... Il Padre: ...E cosa devo fare con te? Giulia: Quello che Ti ho chiesto!(*) Il Padre: Eccomi, Sposa del Mio Cuore! <Giulia schiocca un bacio al Padre> Giulia: Eccomi! ...E visto che il Banchetto è Pieno e le Spose stanno mangiando... e si stanno accogliendo le altre che arrivano... e il nostro Banchetto è ancora Pieno di tutto quello che ci hai donato, Eccoci ancora per l'Eternità, ed eccoci a salutare il Cielo in mezzo a noi con i nostri Cari!(*) ...Mamma...!(*) ...Perdonami se ancora non ti ho fatto il cuore! <Un dolce a forma di cuore> SERAFINA: Non Me l'hai fatto? Giulia: Eccolo! ...Si, quello si, ma Te ne devo fare uno in modo che lo vedono tutti! Aspetta un altro pochino!(*) <Giulia schiocca un bacio> ...Ora vai e prepara i Vestitini che ce ne sono tanti ed anche gli Anelli: fateli insieme a Violetta e chiamate anche le Bimbe e tutti i Pargoli, così vi aiuteranno! <Giulia schiocca un altro bacio> ...Eccoci nel Fare le Cose del Padre, Mamma!